close

Enter

Log in using OpenID

A.S. 2013/2014 - 5B - Buccari

embedDownload
Certificazione ISO 9001-2008
n. 24857/11/S
Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca
Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna
ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE “BUCCARI – MARCONI”
Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti Marittimi / Logistica
Indirizzi: Elettrotecnica ed Elettronica / Informatica e Telecomunicazioni
========================================
www.itnbuccari.it
I.I.S. “ BUCCARI-MARCONI” CAGLIARI
DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO
Anno scolastico 2013 - 2014
Classe Quinta sezione B A.I.M.
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 1 di 29
PROFILO PROFESSIONALE : Perito per gli Apparati Marittimi
Il perito per gli Apparati e Impianti Marittimi, per i contenuti culturali della sua formazione,
deve possedere conoscenze e metodi di lavoro funzionali alla gestione e alla conduzione
di impianti termici,elettrici, meccanici e fluido - dinamici utilizzati nella trasformazione e
nel controllo dell'energia, con particolare riferimento alla propulsione ed agli impianti navali.
Deve possedere inoltre anche conoscenze tecnico scientifiche sulla teoria e tecnica dei controlli delle macchine e degli impianti e deve essere in grado di occuparsi della gestione degli impianti di tutela e disinquinamento dell'ambiente.
Diploma di supermento Esame di Stato
Titolo
Indirizzo: Perito per gli Apparati e Impianti Marittimi
Prerequisiti
Profilo di indirizzo
Licenza media a conclusione del ciclo di studi obbligatorio
Conoscenze:
° Struttura della nave e apparati di propulsione
° impianti per la produzione e la trasformazione di energia
° terminologia tecnica in lingua inglese
° sistemi di controllo automatico delle macchine e degli impianti
° operazioni di carico e scarico, controllo dell’ assestamento e degli sforzi a cui è
assoggettato lo scafo
° normativa e sistemi di sicurezza della nave
° impianti tecnici di disinquinamento
Competenze:
° sa utilizzare le apparecchiature e gli strumenti per il controllo dei sistemi di
propulsione degli impianti di bordo
° sa leggere e interpretare schemi, disegni manuali d'uso e documenti tecnici
anche in lingua inglese
° sa utilizzare le dotazioni e i sistemi di sicurezza per la salvaguardia della vita
in mare e del mezzo di trasporto
° sa compiere le principali operazioni relative allo stivaggio e alla gestione delle merci trasportate anche utilizzando mezzi informatici
° ha competenza per intervenire con ordinari lavori di manutenzione sugli impianti e sulle strutture
Capacità
° possiede capacità linguistico -espressive
° possiede capacità logico-interpretative
° possiede capacità critiche e sa operare collegamenti e confronti
° sa organizzare il proprio lavoro con consapevolezza e autonomia e sa orientarsi
dinanzi a nuovi problemi
° possiede capacità di lavorare in gruppo
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 2 di 29
Quadro orario settimanale
Religione
1
Italiano e Storia
5
Inglese
3
Elettrotecnica
3
Macchine
4
Impianti
4
Controlli Automatici
3
Matematica
3
Elettrotecnica
3
T SN
4
Educazione Fisica
2
Totale
32
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 3 di 29
Docenti del Consiglio di classe 2012-2013 - 2013-2014
Materia
IV anno
V anno
Religione
Cabras Patrizia
Cabras Patrizia
Italiano e Storia
Piras A. Maria
Piras A. Maria
Inglese
Altana M. Grazia
Altana M. Grazia
Impianti tecnici
Saba Leonardo
Saba Leonardo
Macchine
Sanna Marco
Sanna Marco
Laboratorio di macchine
Meloni Giuseppe
Carreras Antonio
Laboratorio di impianti
Meloni Giuseppe
Cozzolino Umberto
Controlli automatici
Mulas Carlo
Laboratorio di controlli
Pussceddu Gabriella
Elettrotecnica
Conte Sergio
Arceri Pierangela
Laboratorio di elettrotecnica
Pusceddu Gabriella
Pusceddu Gabriella
Matematica
Sconamila Giorgio
Sconamila Giorgio
Teoria e sicurezza
Dessanai Cristiana
Educazione Fisica
Piras Cristiana
Tecnologia meccanica
Lamieri Paolo
Pau Rosi
Come si deduce dalla tabella, la continuità didattica negli ultimi due anni è stata garantita per la
maggior parte delle discipline.
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 4 di 29
Modalità di lavoro e strumenti utilizzati dal Consiglio di Classe
modalità/strumenti
Interrogazione breve
Prova di laboratorio
Componimento
Problema
Prove strutturate a
risposta singola e a
risposta multipla
Discussione guidata
Relazione
Esercizi
Relig Ital.
x
x
x
x
Stor Ingl
x
x
x
X
Mat
x
Mac Imp
x
x
x
x
Elet
x
x
Contr T S N Ed. fis
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
Obiettivi Trasversali
All’inizio dell’a.s. il consiglio di classe ha formulato i seguenti obiettivi comuni a tutte le discipline,
declinati in termini di abilità:
1. stimolare la partecipazione alla vita di gruppo mediante un dialogo costante e costruttivo, sia
come momento di crescita cognitiva, sia come opportunità di maturazione personale e umana;
2. rafforzare l’abitudine a stabilire relazioni tra i vari ambiti disciplinari e a sistemare con ordine e
coerenza le conoscenze acquisite;
3. attivare modalità di apprendimento autonomo sia nella scelta degli strumenti di studio, sia
nell’individuazione di strategie atte a recuperare o a rafforzare le abilità specifiche;
4. accostarsi autonomamente a materiali di ambiti disciplinari diversi, scegliendo le tecniche
operative adeguate allo scopo prefissato;
5. acquisire la padronanza nell’uso delle diverse tecniche compositive usando il registro
appropriato e il linguaggio specifico:
6. essere attenti ai problemi della pace, integrazione dei popoli, giustizia sociale, legalità
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 5 di 29
Profilo della classe
La classe V B è composta da 18 alunni, dei quali 12 provenienti dalla classe IV B, 5 ripetenti e uno dal
liceo scientifico, ammesso a frequentare dopo avere superato l’esame d’idoneità.
Solo otto ragazzi presentano un curriculum regolare mentre gli altri hanno ripetuto una o più volte ed
hanno perciò frequentato negli anni scorsi in diverse sezioni dell’istituto. Quasi tutti gli alunni risiedono
in Comuni del circondario, relativamente vicini, ma i mezzi di trasporto non sempre sono adeguati
all’orario scolastico; tale situazione crea ovi disagi e, oltre alla fatica fisica, comporta l’impossibilità a
partecipare alle attività extrascolastiche e si riflette sul livello di preparazione generale.
La frequenza non è stata sempre regolare ma tutti gli allievi rientrano nei parametri previsti dalla legge.
Dal punto di vista disciplinare la maggior parte degli alunni si è dimostrata affiatata e solidale, creando
un clima sereno e collaborativo, interagendo positivamente anche con gli insegnanti.
Dal punto di vista didattico, nel complesso, la classe ha messo in luce un livello di preparazione quasi
sufficiente. La situazione può essere così riassunta: un piccolo gruppo ha evidenziato dei miglioramenti
sia nel metodo sia sul profitto ottenendo risultati più che sufficienti, una parte della classe manifesta
difficoltà nell’ apprendimento e nella esposizione delle discipline umanistiche e tecniche, evidenziando
una modesta padronanza nella scrittura della lingua italiana, che non ha permesso loro di esporre e
argomentare i dati con sicurezza e completezza. Un terzo gruppo, infine, mostra un impegno
discontinuo e superficiale nello studio, conseguendo risultati non sempre soddisfacenti.
Per far superare alcune difficoltà emerse e fare acquisire competenze specifiche, necessarie per
affrontare la prova finale si è fatto ricorso a continue sollecitazioni e ripetizioni dei concetti, attivando
anche corsi di recupero in itinere, e alcune simulazioni della seconda prova.
La programmazione nel corso dell’anno ha subito rallentamenti soprattutto nel mese di aprile, infatti
nella seconda parte di tale mese si sono concentrate numerose festività e si sono svolti gli stages a
bordo di navi passeggeri , per cui tutti gli argomenti pianificati non potranno essere svolti
integralmente.
Gli stages si sono dimostrati utili ed interessanti dal punto di vista didattico, gli alunni che hanno
partecipato, hanno avuto la possibilità di vedere applicata la teoria alla pratica, utile per un eventuale
esperienza lavorativa.
Per quanto riguarda la terza prova sono state previste due simulazioni ; una somministrata ai primi di
maggio e l’altra sarà proposta alla fine del mese. La tipologia assegnata è la seguente :
due domande a riposta aperta e quattro domande a risposta multipla.
Il consiglio di classe,infine, confida sul fatto che nel corso di quest’ultimo mese tutti gli alunni che
stanno manifestando un impegno e un interesse più adeguato raggiungano una preparazione almeno
accettabile .
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 6 di 29
Storia della classe:
si veda l’allegato prospetto riepilogativo dei crediti
Iniziative integrative
Attività
Visite guidate
Stage lavoro
Conferenze tematiche
Attività extracurricolari
Testimonianze di esperti
Tipologia
L’impianto della SARAS
Bordo navi mercantili ( Tirrenia – Grimaldi Lines )
Stage Grimaldi e Tirrenia – tornei sportivi nuoto
Piloti e Comandanti di navi
Attività di recupero e sostegno
Tutti i docenti hanno effettuato recupero in classe durante le ore di lezione e svolto varie attività di
simulazione delle prove di esame.
Criteri eseguiti nella progettazione delle prove integrate simulate
La terza prova coinvolge potenzialmente tutte la discipline dell’ultimo anno scolastico. Il consiglio di classe ,
tenuto conto del curricolo di studi e degli obiettivi generale e specifici definiti nella propria programmazione
didattica, ha effettuato nel corso dell’anno scolastico diverse verifiche scritte secondo le tipologie scelte ed ha
effettuato due simulazioni della terza prova secondo la seguente tipologia : 2 quesiti a risposta singola e 4
quesiti a risposta multipla Le materie selezionate per i test sono state:

CONTROLLI

INGLESE

MATEMATICA

IMPIANTI

STORIA
Simulazione n.1 svolta il 12 maggio ; la seconda è prevista per il 23 maggio
Indicatori e descrittori della terza prova
Indicatori qualitativi per la valutazione:

padronanza dell’uso dei termini e concetti delle diverse discipline;

conoscenza dei contenuti e pertinenza della risposta;

capacità di sintesi
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 7 di 29
Credito formativo
Criteri generali per l’attribuzione del credito
Il consiglio di classe considera elementi utili per l’attribuzione del credito formativo la partecipazione ad
attività che abbiano rilevanza per la formazione umana, civile e sociale dello studente.
Tipologie di attività per le quali potrà essere assegnato il credito formativo.
• Formazione professionale.
• Lavoro.
• Tutela ambientale.
• Volontariato/solidarietà.
• Sport.
Modalità concordate in merito all’argomento del colloquio scelto dal candidato
x
x
x
Mappa concettuale
Relazione scritta
Presentazione multimediale
Bibliografia
Allegati al documento
 Griglia di valutazione
 Criteri di corrispondenza tra voti decimali e livelli tassonomici
 Criteri per l’attribuzione del credito scolastico
 Criteri per il riconoscimento del credito formativo
 Prospetto riepilogativo dei crediti
6. Programmi relativi alle singole discipline
7. Eventuali integrazioni ed aggiunte al Documento del 15 maggio
Documentazione presentata dagli studenti per il riconoscimento dei crediti formativi
Alunno
Documentazione
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 8 di 29
GRIGLIA
Impegno
DI
VALUTAZIONE
rispettare gli impegni, mostrare volontà, prestare la propria
azione per progetti, assumere e portare a termine iniziative
conoscere
fatti, termologie,sequenze,classificazioni,criteri
metodi,principi,concetti,proprietà, teorie,modelli,uso
strumenti
comprendere
attraverso la trasposizione( tradurre, dire con parole
proprie, spiegare un grafico)
Acquisizione dei
contenuti
attraverso l’interpretazione (spiegare,dimostrare)
attraverso l’estrapolazione (estendere,prevedere,indicare
possibili implicazioni, conseguenze ed effetti)
Elaborazione
dei
contenuti
applicare
leggi, metodi, procedimenti, generalizzare ,astrarre
analizzare
Sapendo ricercare gli elementi e le relazioni di un
Aggregato dei contenuti, di un sistema
Sintetizzare
Dedurre principi di organizzazione, produrre un’opera personale
organizzando il contenuto ed individuando elementi fondanti, elaborare
piani, brevi saggi
valutare
Capacità di esprimere giudizi critici, di valutare, di decidere
autonomamente assumendo un quadro di riferimento
Autonomia critica
Usare la lingua in modo corretto e appropriato, rispettando i legami
logico-sintattici
Abilità linguistiche ed espressive
Possedere un lessico ampio e preciso
Utilizzare i linguaggi settoriali e registri linguistici in modo adeguato
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 9 di 29
CRITERI DI CORRISPONDENZA TRA VOTI DECIMALI E LIVELLI TASSONOMICI
Livello
voto
Impegno
1
2
3
4
5
1-3
4-5
6
7-8
9-10
partecipa
all’attività
didattica e
rispetta gli
impegni
partecipa
attivamente
facendo fronte
agli impegni con
metodo
partecipa
attivamente con
iniziative
personali,
ponendosi come
elemento
trainante per il
gruppo
possiede
conoscenze ampie
ed articolate e
capacità di
comprensione
approfondita
possiede
conoscenze
complete ed
organiche ed una
capacità di
comprensione
pronta e precisa
non partecipa alla partecipa
attività didattica; all’attività
didattica in modo
si distrae;
non continuativo
e non rispetta
non rispetta gli
sempre gli
impegni
impegni
ha conoscenze
molto
frammentarie,
Acquisizione lacunose e
dei
superficiali ed
contenuti
incontra gravi
difficoltà
espressive
ha conoscenze
non approfondite
ed evidenzia una
comprensione
piuttosto
superficiale dei
contenuti
possiede le
conoscenze di
base ed evidenzia
una non
approfondita
non sa applicare le
conoscenze,
commette errori
Elaborazione gravi nella
dei
esecuzione di
contenuti
compiti semplici e
non riesce a
condurre analisi
nell’applicare le
conoscenze e
nell’effettuare
analisi commette
qualche errore
grave
sa applicare le
conoscenze pur
non
rielaborandole e
sa effettuare
analisi in
situazioni semplici
sa applicare le
conoscenze e sa
effettuare analisi
anche in contesti
complessi
sa effettuare
analisi
approfondite e sa
applicare le
conoscenze anche
in ambiti
interdisciplinari
non sa sintetizzare
e rielaborare le
conoscenze,
neppure se
orientato
non ha
autonomia nella
rielaborazione
delle conoscenze
ma sa effettuare
sintesi semplici
sa rielaborare le
proprie
conoscenze e sa
effettuare sintesi
i n situazioni già
note
è capace di
approfondimenti
personali ed è
pienamente
autonomo nella
rielaborazione
si avvale di un
metodo rigoroso e
sa operare
approfondimenti
personali,
offrendo nuovi
spunti
si esprime in
forma corretta e il
suo bagaglio
lessicale è vario;
utilizza linguaggi
specifici con
qualche difficoltà
possiede un
bagaglio lessicale
ampio e vario;
si esprime con
chiarezza ed
utilizza linguaggi
specifici senza
difficoltà
utilizza linguaggi
settoriali e registri
linguistici sempre
appropriati con
stile personale e
creativo
Autonomia
critica
Abilità
linguistiche
ed
espressive
presenta una estrema
povertà lessicale ed
usa impropriamente
termini e legami
logico-sintattici, tanto
si esprime in
forma non sempre
corretta; si sforza
di utilizzare
linguaggi specifici
da compromettere
la comprensione del ma incontra
messaggio
difficoltà
comprensione dei
contenuti
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 10 di 29
Criteri per l’attribuzione del credito scolastico
Nell’ottica della certificazione delle competenze, introdotta dal nuovo esame di stato, si è
resa necessaria la revisione dell’offerta formativa per assicurare una forte coerenza tra le
verifiche e gli obiettivi fissati in termini di conoscenze, competenze e capacità, riferiti al
profilo professionale.
Il credito scolastico viene attribuito nello scrutinio finale di ciascuno degli ultimi 3 anni della
scuola superiore. La somma dei punteggi ottenuti nei tre anni costituisce il credito scolastico
che può raggiungere il punteggio massimo complessivo di 25 punti, inclusi l’eventuale
integrazione. Concorrono a formare il credito scolastico diversi elementi quali:
la valutazione del grado di preparazione complessiva raggiunto
l’assiduità della frequenza
la partecipazione attiva al dialogo educativo
la partecipazione ad attività complementari e integrative
eventuali crediti formativi
E’ stata predisposta una apposita griglia per il calcolo del credito scolastico, che prevede un
peso specifico per ogni indicatore riportato. Nella griglia viene assegnato un rilevante peso
anche agli obiettivi comportamentali, il mancato raggiungimento dei quali comporta
l’assegnazione del minimo del credito previsto per quella fascia. I criteri per l’elaborazione
sono stati deliberati dal Collegio dei Docenti. La griglia viene acclusa al presente documento,
in appendice.
Criteri per il riconoscimento del credito formativo
Sono considerati crediti formativi le esperienze maturate al di fuori della scuola quali: corsi di
lingua, esperienze lavorative, soggiorni in scuole all’estero, attività sportive, ecc., purché
coerenti con il corso di studi e opportunamente documentate.
Il Consiglio di Classe riconosce il credito formativo o, nel caso di alunno privatista all’esame di
stato, la commissione d’esame. Nel nostro istituto il Collegio dei Docenti, attraverso
l’elaborazione della griglia summenzionata, dà indicazione ai Consigli di Classe per evitare
difformità di comportamento. Le tipologie di credito formativo che vengono riconosciute al
Nautico sono le seguenti:
a) attività sportive, al di fuori di quelle praticate nel nostro istituto;
b) volontariato;
c) protezione civile;
d) frequenza di corsi di ampliamento delle competenze nell’ambito informatico o in
lingua straniera (preferibilmente inglese),
e) esperienze di lavoro coerenti col corso di studi
La documentazione relativa all’attestazione del credito formativo deve essere consegnata alla
scuola entro il termine del 15 maggio e deve consistere dell’attestato della società sportiva o
ente interessato, con la specificazione delle ore impiegate, delle attività svolte e delle
competenze specifiche acquisite. Si sottolinea inoltre che il credito verrà riconosciuto solo se
lo studente avrà raggiunto gli obiettivi formativi ed avrà conseguito un profitto almeno
sufficiente.
Cagliari, 15 maggio 2014
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 11 di 29
Docenti del consiglio di classe
Materia
Firme
Religione
Cabras Patrizia
Italiano e Storia
Piras A. Maria
Inglese
Altana M. Grazia
Impianti tecnici
Saba Leonardo
Macchine
Sanna Marco
Laboratorio di macchine
Carreras Antonio
Laboratorio di impianti
Cozzolino Umberto
Controlli automatici
Mulas Carlo
Laboratorio di controlli
Pusceddu Gabriella
Elettrotecnica
Arceri Pierangela
Laboratorio di elettrotecnica
Pusceddu Gabriella
Matematica
Sconamila Giorgio
Teoria e sicurezza
Dessanai Cristiana
Educazione Fisica
Pau Rosi
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 12 di 29
Programmi svolti fino al 15- 05 - 2014
Elettrotecnica ed Elettronica
Docente : Pierangela Arceri
Docente di laboratorio: Maria Gabriella Pusceddu
Ore sett.: 3 (2)
Moduli
7. Macchina sincrona
8. Il motore asincrono
9. Impianti elettrici navali
Modulo 1 . Macchina sincrona
Aspetti costruttivi
1.
2.
3.
4.
Struttura generale del generatore sincrono trifase
Rotore ed avvolgimento rotorico
Statore ed avvolgimento di indotto
Sistemi di eccitazione
Macchina sincrona trifase






Funzionamento a vuoto
Funzionamento a carico
Circuiti equivalenti e diagrammi vettoriali
Determinazione impedenza sincrona
Bilancio delle potenze e rendimento
Dati di targa della macchina sincrona
Prove sulla macchina sincrona
 Rilievo della caratteristica a vuoto di una macchina
sincrona
Modulo 2. Il motore asincrono
Aspetti costruttivi





Struttura generale della macchina asincrona
Circuito magnetico statorico
Circuito magnetico rotorico
Avvolgimento statorico
Avvolgimento rotorico
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 13 di 29
Macchina asincrona trifase
•
•
•
•
•
•
•
Campo magnetico rotante trifase nella macchina
asincrona trifase
Tensioni indotte nell'avvolgimento statorico e rotorico
Tensioni indotte nell'avvolgimento rotorico a rotore
fermo e con rotore in movimento
Circuito equivalente del motore asincrono trifase
Bilancio energetico e rendimento
Curve caratteristiche e caratteristica meccanica
Dati di targa
Modulo 3. Impianti elettrici navali
Impianti elettrici di bordo
Impianti elettrici navali
Sistemi in corrente continua e in
corrente alternata
f) Classificazione degli impianti elettrici di bordo
g) Struttura degli impianti elettrici di bordo
h) Coefficiente di elettrificazione
1. Caratteristica degli impianti elettrici navali
1. Generalità e confronto tra i due sistemi
Gli Studenti
I Docenti
Pierangela Arceri
M.Gabriella Pusceddu
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 14 di 29
EDUCAZIONE FISICA
5° B
Macromodulo 1 Giochi Sportivi
Calcio a 4 - Basket 5 c 5 / 3 c 3 - Pallavolo – Pallamano.
Conoscenze: conoscere e applicare le principali regole dei giochi sportivi, conoscere e capire le
caratteristiche del gioco, conoscere i fondamentali e gli schemi più semplici di gioco.
Competenze: mirate alla soluzione dl compito tattico e all'acquisizione delle abilità in funzione della
partita didattica. Saper eseguire i giochi proposti con buona padronanza dei fondamentali, saper
applicare elementi strategici per la soluzione di situazioni problematiche, partecipare alla competizione
rispettando le regole.
Capacità: possedere autonomia operativa, possedere capacità organizzativa nel gruppo, saper
partecipare al gioco accettando la competizione. Capacità condizionali e coordinative.
Valutazione: esercitazioni sui fondamentali individuali e di squadra, partite didattiche, situazioni di
gioco.
Modulo 2 Capacità Motorie
Conoscenze: riconoscere gli elementi caratterizzanti le varie capacità motorie senso percettive,
condizionali e coordinative. Conoscere, le principali categorie di esercizi.
Competenze: saper riconoscere nella realizzazione di un movimento o di una abilità gli aspetti
coordinativi e le componenti di tipo condizionale.
Capacità: capacità senso percettive, condizionali e coordinative.
Valutazione: giochi sportivi, partite didattiche.
Il docente
Pau Rosi
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 15 di 29
Programma svolto a.s. 2013/2014
Classe : 5a A
Libro di testo : Bergamini Trifone: LE DERIVATE E LO STUDIO
DELLE FUNZIONI
(Mod. V)
Materia : MATEMATICA
Bergamini Trifone Barozzi: IL CALCOLO INTEGRALE E LE
EQUAZIONI DIFFERENZIALI (Mod. W verde)
Docente : Prof. Giorgio Sconamila
Zanichelli
MODULI di RIPASSO














Ripasso: equazioni algebriche razionali – disequazioni razionali: lineari, quadratiche (metodo
grafico), fratte, prodotto – concavità della parabola e intersezioni asse x – andamento della retta
in base a m – segno di un polinomio in una variabile di primo/secondo grado (metodo grafico).
Classificazione delle funzioni matematiche – determinazione del campo di esistenza delle
algebriche e casi semplici di esponenziali e logaritmiche.
Intersezione assi cartesiani.
Calcolo limiti: determinati – da destra/sinistra – indeterminati (0/0 , ∞/∞, +∞−∞) –
corrispondenza limite ↔ grafico.
Asintoti: definizione – equazione: a. verticale, a. orizzontale, a. obliquo.
MODULI CLASSE QUINTA
Derivate: definizione – significato geometrico – derivate fondamentali (escluse le inverse) e
regole di derivazione (esclusa D[f(x)]g(x) ) .
Equazione della retta tangente al grafico di una funzione nel punto x = x0 – teorema di de
L’Hospital – derivate di ordine superiore al primo.
Derivabilità in un punto e in un intervallo – punti di non derivabilità (cuspidi, punti angolosi, flessi
a tangente verticale) come rappresentazione grafica.
Studio del segno ( sgn ) della y ‘ = f ‘(x): funzione crescente / decrescente / stazionaria – punti di
massimo / minimo relativo negli intervalli di derivabilità.
Studio del segno della y “ = f “(x): concavità rivolta verso l’alto / il basso (funzioni convesse /
concave) – punti di flesso (cambio di concavità).
Non è stato trattato il metodo delle derivate successive.
Rappresentazione grafica probabile sulla base dei calcoli suddetti.
Primitiva di una funzione: definizione.
Integrale indefinito: definizione – interpretazione geometrica – proprietà di linearità.
Integrali indefiniti immediati delle funzioni fondamentali:
x


a
dx ; con a   1;
 x dx ;
1
e
x
dx ;
a
x
dx ;
 sen x dx ;  cos x dx ;
Definizione di trapezoide.
Integrale definito: definizione grafica semplificata – scrittura simbolica – proprietà della somma
di funzioni e del prodotto di una costante per una funzione.
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 16 di 29
b

Il calcolo dell’integrale definito:
 f  x  dx    x 
b
a
  b   a  .
a

Calcolo di aree di superfici piane: funzione positiva e/o negativa – superficie chiusa tra i grafici di
due funzioni.
Il docente si riserva di integrare il programma, alla fine delle lezioni.
Si allegheranno gli esercizi svolti dalla classe, proposti nelle verifiche scritte.
Cagliari, 15 maggio 2014.
Gli alunni
Il docente
Sconamila Giorgio
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 17 di 29
ANNO SCOLASTICO 2013/2014
PROGRAMMA DI
MACCHINE E DISEGNO
CLASSE QUINTA B
DOCENTI : CARRERAS A. e SANNA M.
PARTE TEORICA.
Generalità sui motori diesel.
I motori a combustione interna alternativi.
Motore ad accensione comandata a quattro tempi.
Il ciclo Otto teorico.
Il ciclo Diesel teorico.
Ciclo limite per motori diesel a quattro tempi.
Ciclo reale per motori diesel a quattro tempi.
I motori diesel a due tempi. Apparecchi indicatori.
Diagrammi indicati.
La potenza nei motori diesel marini.
Potenza indicata. Potenza effettiva.
Rendimenti.
L'iniezione del combustibile.
Generalità.
Iniezione meccanica diretta. La pompa del combustibile.
Consumo di combustibile per ciclo.
Polverizzatori.
La polverizzazione all'intemo dei cilindri.
La combustione all'intemo dei cilindri.
L’iniezione elettronica.
La sovralimentazione.
Generalità.
Evoluzione della sovralimentazione negli anni.
Schemi di sovralimentazione dei motori diesel marini.
Aspetti tecnici delle turbosoffianti a gas di scarico.
II raffreddamento dei motori diesel.
Generalità.
Circuiti di raffreddamento dei cilindri.
Raffreddamento dei pistoni.
La lubrificazione dei motori diesel.
Scopi della lubrificazione.
Lubrificazione generale dei motori diesel a due tempi.
La lubrificazione intema dei motori diesel.
II motore diesel nella propulsione navale.
Cenni storici.
Tipi di navi e loro esigenze di propulsione.
Dati caratteristici di alcuni motori diesel navali.
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 18 di 29
La turbina a gas nella propulsione navale.
Generalità.
Principio di funzionamento e cicli termodinamici.
Formule di calcolo per gli impianti turbogas.
Particolari costruttivi delle turbine a gas. Applicazioni navali delle turbine a gas.
La turbina a gas nella marina militare.
La turbina a gas sulle navi passeggeri.
La turbina a gas sulle navi da carico.
LABORATORIO.
Struttura dei motori diesel marini.
Terminologia in uso per i motori diesel marini.
Misure di viscosità
Calcolo consumo specifico di un M.C.I.
Regolazione punterie di un M.C.I.
Calcolo pressione media indicata.
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 19 di 29
PROGRAMMA SVOLTO
Disciplina Lingua Inglese
a.s. 2013 – 201
Classe Quinta
Docente : Prof.ssa MARIA GRAZIA ALTANA
Classe: 5°
INDIRIZZO: Trasporti e Logistica - Apparati Marittimi
Testi adottati
Abis/Davies"Get on Board"- Il Capitello ( vecchia versione)
PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI
Progetti formativi o UDA Trasversali per le classi del secondo biennio
Ai fini del conseguimento di titoli professionali marittimi la disciplina sarà interpretata nel rispetto
delle normative nazionali e internazionali in materia (STCW78/95 e direttiva 2008/ 106 CE).
Classe 5°B
Piano Didattico svolto
UDA
1.
CONOSCENZE
Obiettivi da conseguire (in termini di conoscenze competenze- capacità)
• Comprendere e usare espressioni specifiche e
tecniche inerenti la microlingua.
• Capacità di interpretare diagrammi tecnici e
saperli riutilizzare nella produzione scritta e
orale.
• Capacità di descrivere esperienze ed
avvenimenti, con linguaggio semplice ma
pertinente.
 Capacità di esprimersi nella lingua straniera
sia nello scritto (saper scrivere brevi testi
articolati in modo semplice, ricomporre brevi
dialoghi, compilare schemi e tabelle) sia
nell’orale.
 Comprendere un interlocutore “ parlante
inglese” senza tradurre quanto detto.
 Capacità di leggere e comprendere un testo di
natura specifica.
 Capacità di descrivere la sequenza di un
processo in un a macchina o di un impianto
davanti ad uno schema grafico.
ABILITA’
VERIFICHE
Verifiche scritte e orali sono state svolte dopo gruppi di una-due
Units, per fornire un controllo del feed-back. Il processo di
verifica seguirà criteri di sistematicità, di pertinenza agli obiettivi
prefissati, di permeabilità alla normale attività didattica e le
prove sono state di tipo oggettivo per lo scritto e soggettivo per
l’orale.
Le modalità, attuate sono state molteplici: oltre alle prove
oggettive (prove strutturate e semi-strutturate con relativo
punteggio) oltre alle tipologie d’esame, ci sono state forme di
verifica informale, mediante la raccolta di osservazioni sugli
alunni impegnati nelle quotidiane attività didattiche. Il
coinvolgimento degli alunni nel processo valutativo è stato
portato avanti attraverso abitudini di autocorrezione e correzioni
collettive per sollecitare il loro spirito di osservazione.
L’organizzazione del piano didattico si è svolto tramite
scansione Modulare.
In ogni modulo breve e flessibile, sono state inserite una serie di
U.U.D.D. ognuna delle quali aveva lo scopo di introdurre degli
argomenti tecnici utilizzando delle attività di tipo comunicativo e
in modo integrato con le quattro abilità di base. Per quanto
riguarda le attrezzature e i sussidi, sono stati utilizzati il libro in
adozione, fotocopie, e nel secondo quadrimestre la Lim anche
per svolgere esercizi e attività usando la piattaforma e/o internet .
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 20 di 29
 Capacità
di riutilizzare le strutture
grammaticali principali senza incorrere in
errori che rendano il messaggio di difficile
comprensione.
Gli studenti hanno lavorato in coppie, individualmente, in base
alle attività da svolgere e col preciso scopo di favorire come
obiettivi trasversali la socializzazione, l’interazione e la
comunicazione.
Per la valutazione delle prove scritte e orali sono state usate delle
griglie di misurazione con relativi descrittori (vedi allegati). I
criteri per valutare le prove orali saranno i seguenti: correttezza
della pronuncia, pertinenza delle risposte in riferimento a quanto
chiesto, uso corretto del lessico e delle strutture linguistiche,
esposizione dei contenuti e fluency in relazione all’argomento
trattato. E’ stato anche valutato il grado di coinvolgimento
dell’alunno nelle proposte d’insegnamento, e le capacità
nell’uso delle quattro abilità linguistiche sia individualmente che
in interazione (listening/speaking – reading /writing).
Piano Didattico svolto - Classe 5°B
ARGOMENTI
CONOSCENZE
- Revisione dei tempi e modi dei verbi,
regol. e irregolari.
- Il passivo
- tempo presente, passato, futuro
- tempi composti
- forma impersonale
- Energy sources
- fonti energetiche:rinnovabili – non
rinnovabili
- forza motrice
il petrolio, lavorazione
- i derivati del petrolio
principio della combustione
come e perché avviene
- misurazione del calore
- Fuels - petroleum
- Combustion
componenti principali
- motori a benzina
-motori diesel differenze strutturali
- The engine
COMPETENZE
Essere in grado di:
• individuare i tempi e modi dei verbi
per poi
riutilizzarli in contesti diversi
• utilizzare la forma impersonale per
descrivere
fenomeni, processi
- descrivere le principali fonti di
energia e individuarne caratteristiche e
applicazioni
- descrivere la natura e gli usi di tale
combustibile
principio della combustione
• come e perché avviene
• misurazione del calore
• definire e descrivere il fenomeno e le
applicazioni
descrivere il motore, elencarne i
componenti
- distinguere il tipo di combustione
riconoscere i componenti e le loro
dinamiche
- elencare le differenze strutturali fra i 2
tipi di motore
-scrivere brevi testi organizzati in
semplici paragrafi
Cagliari, 15 Maggio 2014
Docente: Maria Grazia Altana
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 21 di 29
ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014
Disciplina : IMPIANTI TECNICI 5 B
Unità didattiche e contenuti
Docente : SABA LEONARDO - COZZOLINO UMBERTO
Obiettivi
Conoscenze Competenze e
capacità
U. D. 1
Sistemi di misura
Sistema internazionale e sistema
Acquisizione del
significato di mi-
Conoscere le
Saper effettuare
unità di misu
trasformazioni da
Criteri di
tempi
Note
valutazione
Verifiche orali
ripasso 4° anno
e questionari
ra fondamentali un sistema all’altro
sura
tecnico, conversione delle unità,
definizione di massa volumica,
peso specifico, portata massica e
volumetrica.
,
U. D. 2
Acquisizione del Conoscere le
Oleodinamica sulle navi
Saper rappresentare
concetto di circui caratteristiche graficamente le centra -
Verifiche orali
e scritte
Costituzione di un circuito oleodi- to oleodinamico principali delle line con tutti gli accessori
namico : generatori di energia,
delle centraline
fluido intermedio, attuatori, elementi di distribuzione. Centraline
oleodinamiche.
U. D. 3
conoscere i princi conoscere le
saper riconoscere i
Le pompe oleodinamiche :
pio di funziona-
ad ingranaggi, a viti, a palette,
mento delle pompe teristiche costrut delle pompe
principali carat componenti costruttivi
a pistoni assiali
verifiche orali
e scritte
tive e di funz.
U. D. 4
acquisizione del
conoscere le
Saper rappresentare
Cicli frigoriferi a compressione concetto di circui principali cat
graficamente i cicli e
principi teorici e diagrammi
to inverso
termodinamici nel piano T S e
teristiche del
determinare il COP e
l’impianto
i vertici del ciclo
verifiche orali
e scritte
p h , effetto utile,COP.
U. D. 5
cicli per aumentare il coefficiente
acquisizione dei conoscere le
essere in grado di saper
principi fisici
riconoscere attraverso
caratteristiche
di effetto utile: compressione a due alla base del feno di funziona-
i dati principali la tipo-
stadi con refrigerazione intermedia meno e saper rap namento per
logia del frigorifero
verifiche orali
e sottoraffreddamento . Dati che ca presentare grafica poter classifica
ratterizzano un impianto frigorife
mente i cicli
re i cicli
ro
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 22 di 29
U.D. 6
acquisizione dei
Studio dell’infiammabilità
delle miscele aria –vapori di
principi fisici alla
base del fenomeno
Conoscenza del - essere in grado di ripro
verifiche
l’impianto e il suo durre di riprodurre lo
funzionamento
schema e particolari
orali e scritte
dell’impianto
idrocarburi. Impianto di inertiz i principi fisici alla
zazione delle cisterne. Opera-
base del fenomeno.
purging, gas freeing , lavaggio
delle cisterne col greggio . Potenzialità di un generatore di
gas inerte ,volume gas inerte .
generatori autonomi gas I.
generatori gas I. mediante prodoti della comb. dei motori prin
cipale
U. D. 7
acquisizione del
conoscere il ciclo
i compressori nell’impianti
frigoriferi
concetto di compres teorico di funzio gliere il tipo del comsione e compressore namento dei
pressore da inserire
organi di laminazione: valvole
compressori ,
di espansione e termostatiche
le caratteristiche
vaporizzatori,condensatori
acquisizione del
impianti.
conoscere le
essere in grado di ripro-
principali carat-
durre gli schemi e i
orali e
particolari dell’impianto
scritte
terisitche
acquisizione del
impianto porte stagne
del funzionamento
impianti antincendio
dell’impianto.
conoscere le
principali caratteristiche dell’impianto
gli alunni
verifiche
dell’impianto
ne dei carichi liquidi.
U.D.9
nell’impianto
e costruttive
servizio di sentina di incendio, funzionamento degli
di zavorra e di movimentazio-
orali e
scritte
di funzionamento
ricevitore,valvola di sicurezza
U.D. 8
essere in grado di sce- verifiche
essere in grado di
riprodurre gli sche
mi particolari del-
verfiche
orali
e scritte
impianto
I docenti
Saba Leonardo
Cozzolino Umberto
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 23 di 29
Programma di Teoria e Sicurezza della nave
Anno 2013/2014 Classe VB
Docente C.Dessanai
-Elementi geometrici dello scafo
-Piano di costruzione
-Dimensioni lineari dello scafo
-Immersioni e Pescaggi
-Navi a murate parallele, rientrate o svasate
-Rapporti tra dimensioni lineari
-Coefficienti di finezza (Rapporti tra superfici e rapporti tra volumi)
-Legge di Archimede
-Dislocamento
-Portata lordo e netta
-Stazza lorda e netta
-Cenni sulla stazza per il transito nei canali di Suez, Panama e fiume Danubio
-Dislocamento unitario (curva dei dislocamenti unitari)
-Scala di solidità e curva dei dislocamenti
-Bordo libero
-Riserva di spinta
-Condizione di equilibrio dei corpi totalmente o parzialmente immersi
-Curva dei centri dei galleggiamenti isocarenici
-Piano di carico
-Assetto e variazione d’assetto
-Spostamento dei pesi
-Imbarco e sbarco dei pesi
-Evoluta metacentrica
-Coppia di stabilità (metodo metacentrico)
-Momento di stabilità statico longitudinale
-Prova di stabilità (calcolo di r-a)
-Diagramma di stabilità
-Stabilità di rotta e manovrabilità
-Sollecitazioni dello scafo
-Registri navali e loro compiti
-Classificazioni del R.I.Na
-Organizzazioni Internazionali
-Aspetti generali delle Convenzioni Internazionali
-Convenzione Internazionale SOLAS cap.II :
Costruzione;
Compartimentazione;
Locale Macchine;
Norme per la protezione antincendio (protezione attiva e passiva).
-Sinistri Marittimi:
Nozioni Preliminari sulla prevenzione e estinzione dell’incendio a bordo;
Norme di comportamento in caso d’incendio a bordo;
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 24 di 29
Compartimenti allagati per falla;
Incaglio.
A.S. 2013/2014
PROGRAMMA SVOLTO
Disciplina CONTROLLI E AUTOMAZIONE NAVALE
Classe: 5
Sez. B
INDIRIZZO: Perito per gli Apparati e Impianti Marittimi (A.I.M.)
Docenti :
Teoria: Carlo Mulas
ITP:
Gabriella Pusceddu
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 25 di 29
MODULO 1: Automazione con l’uso del PLC
U.D. 1: Algebra Booleana, sistemi combinatori e cenni ai sistemi sequenziali
1. Sistemi di numerazione:
a. Base decimale, binaria, ottale, esadecimale;
b. Conversione fra base 2, 8, 16 a base 10;
c. Conversione di un numero binario alla base 10;
2. Operazioni logiche di base: NOT, OR, AND
3. Equivalenza circuitale
4. Funzioni complesse di BOOLE
5. Tabelle di verità
6. Costruzione di tabelle della verità a partire dalla funzione logica di BOOLE
7. Mappe di Karnaugh per la semplificazione delle funzioni logiche
U.D. 2: Il PLC
1. Struttura del PLC
2. Utilizzo, programmazione del PLC S7200 Siemens in linguaggio LADDER con l'uso di software dedicato
3. Collegamento con il campo (sensori e attuatori)
4. Esempi di programmazione di un PLC, ingressi uscite, temporizzatori e contatori.
MODULO 2:sensori e trasduttori, regolazione tradizionale
U.D. 3: Sensori e trasduttori
1. Sensori ON-OFF e loro applicazioni (prossimità, magnetici, a induzione, fotocellule)
2. Trasduttori - principali parametri:
a. Range (Campo) di funzionamento
b. Caratteristica di trasferimento
c. Tempo di risposta
d. Sensibilità
e. Linearità
f. Isteresi
g. Risoluzione
h. Off-set di uscita
U.D. 4: cenni sulla regolazione automatica tradizionale
1. Regolazione ON-OFF
2. Regolazione P proporzionale
3. Regolazione I integrale e PI proporzionale e integrale
4. Regolazione D derivativa e PD proporzionale e integrale
5. Regolazione PID proporzionale integrale derivativa
MODULO 3: Automazione e apparati di bordo
U.D. 5: l’automazione di bordo
1. Cenni sull'autopilota
U.D. 6: panoramica sugli apparati e la strumentazione di bordo
1. Nozioni base su:
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 26 di 29
a.
b.
c.
d.
e.
f.
sistemi radar
sistemi di navigazione
strumentazione radio
dispositivi di emergenza
apparecchiature meteo
apparati inmarsat
ESERCITAZIONI DI LABORATORIO
ALGEBRA DI BOOLE
1. Esercitazioni sull’applicazione dell’algebra di Boole nella soluzione di semplici automatismi di tipo
combinatorio
PROGRAMMAZIONE DI UN PLC
1. esempi pratici di programmazione e automatismi vari
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 27 di 29
PROGRAMMA DI RELIGIONE SVOLTO IN V B
A. S. 20013/2014
L’origine della Religione e la divisione in religioni naturali e rivelate
I valori: quali valori vedo intorno a me? che cosa mi realizza? che cos’è un essere umano?
Visione del film “Gattaca” (1997) di Andrew Niccol, tratto da un romanzo di Philip Dick, e
commento sulle tematiche emerse: l’uomo è superiore alla tecnica; la volontà di raggiungere
degli obiettivi nella vita vale più della costruzione scientifica artificiale perché esiste qualcosa di
indefinito dentro ciascuno di noi che va al di là di noi stessi. Cos’è l’uomo: la sua tensione a
voler continuamente superare se stesso è la sua grandezza e la sua debolezza. Dio come
punto di orientamento e fine ultimo della vita.
Visione del film “Il nemico alle porte” (2001) di Jean Jacques Annaud, ispirato ad una vicenda
accaduta in Russia durante la Seconda Guerra Mondiale: come la guerra trasforma l’essere
umano; debolezza delle ideologie che pretendono di creare strutture di pensiero che
definiscono perfettamente l’uomo: la natura umana sfugge ad ogni inquadramento politico e
sociale.
Visione del film “Joyeux Noel” (2005) di Christian Carion, ispirato ad un fatto realmente
accaduto durante la Prima Guerra Mondiale al confine tra Francia e Belgio: solo la pace ha le
risposte che l’uomo cerca; l’essenza del Cristianesimo è la ricerca della pace; l’importanza della
musica per l’animo umano e le reazioni che può suscitare.
Dopo il 15 Maggio: approfondimento sui valori di giustizia sociale. Educazione alla mondialità:
“The dark side of chocolate” (2012) di Miki Mistrati, reportage sullo sfruttamento minorile nella
produzione del cacao.
Metodologia: lezioni frontali e discussione guidata
Strumenti di lavoro: varie fonti scritte, sussidi audiovisivi
Verifiche: orali, durante le discussioni guidate. Qualche riflessione scritta.
Valutazione: la valutazione degli alunni è basata sul comportamento, la partecipazione in
classe, l’assimilazione dei contenuti e l'autonomia nell'organizzarli, oltre al raggiungimento degli
obiettivi individuati negli elementi che stimolano e contribuiscono alla maturazione e alla
crescita umana e religiosa dell’individuo.
Docente
Patrizia Cabras
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 28 di 29
PROGRAMMI D' ITALIANO E STORIA NON PERVENUTI..
*******************************
Viale Colombo 60 – 09125 Cagliari - Uff. Presidenza / Segreteria  070300303 – 070301793  070340742
(Sede di Via Pisano Tel. 070554758 – 070402934 – 070498043 Fax. 070498358) - [email protected]
Codice Fiscale: 92200270921 - Codice Meccanografico: CAIS02300D
Pag. 29 di 29
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 307 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content