close

Enter

Log in using OpenID

ayout 1 - Opera Santa Maria della Carità

embedDownload
Anno I - numero 4, 2009 - ottobre - dicembre 2009.
Rivista trimestrale - Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% DCB PD
Notiziario dell’Opera Santa Maria della Carità
MATERCARITATIS
Voci dall’opera…
Numero 4, 2009
Fondazione di Religione
Opera Santa Maria della Carità
Presidente: don Corrado Cannizzaro
www.osmc.org
Sede Legale e Amministrativa – San Marco 1830 – 30124 Venezia
Tel. 041 3420511 – Fax 041 3420512 – [email protected]
* SERVIZI SOCIO SANITARI *
MINORI
Comunità Santa Maria di Fatima
Via Castellana, 69 - 30174 Venezia - Zelarino
Tel. 041 980466 - Fax 041 985357
ANZIANI
Residenza Santa Maria del Rosario
Vicolo della Pineta, 32 - 30174 Venezia - Carpenedo
Tel. 041 612237 - Fax 041 5344674
Centro Nazaret
Via Castellana, 69 - 30174 Venezia-Zelarino
Tel. 041 5055988 - Fax 041 5041404
Casa dell’Ospitalità Santa Maria del Mare
S. Pietro in Volta - 30126 Venezia
Tel. 041 5279126 - Fax 041 5279320
MATER CARITATIS - numero 4 - 2009
Centro Santa Maria Immacolata
Via Scaramuzza, 1-5 - 30174 Venezia - Zelarino
DISABILITÀ e SALUTE MENTALE
Casa Madonna Nicopeja - Comunità Airone e Cormorano
Strada della Droma, 72 - 30126 Venezia - Alberoni
Tel. 041 731071 - Fax 041 731351
Centro Diurno Modulare Bellinato-Zorzetto
P.le Giustiniani, 11/e - 30174 Venezia - Mestre
Tel. e Fax 041 2608929
DIPENDENZE
Comunità Emmaus
Via Molino Marcello, 3 - 30174 Venezia - Zelarino
Tel. 041 5461813 - Fax 041 5468144
Comunità Il Gabbiano
S. Maria del Mare - 30126 Venezia - S. Pietro in Volta
Tel. e Fax 041 5277030
MATERCARITATIS
Notiziario dell’Opera Santa Maria della Carità
SOMMARIO
Pag. 2 EDITORIALE
La formazione continua per un servizio di qualità
Pag. 4 PRENDERSI CURA DI DELIZIA
Un nuovo compito per gli ospiti del Centro Diurno Modulare Bellinato Zorzetto
Francesca Mettifogo
Pag. 6 FARE INSIEME E PRODURRE COSE CONCRETE
Esperienze da reinvestire nel futuro per i bambini del Centro Fatima
Cinzia Rossato
Pag. 8 UN COMPITO PER DONARE L’AMORE DI DIO
La testimonianza di un’animatrice
della Casa dell’Ospitalità di Santa Maria del Mare
Maria Busetto
Pag. 9 VITA DELL’OPERA: OTTOBRE-NOVEMBRE 2009
Pag. 11 SPECIALE NATALE 2009
MATER CARITATIS. Anno 1 - Numero 4 - ottobre - dicembre 2009
EDITORE: Fondazione di Religione OPERA SANTA MARIA DELLA CARITÀ.
Aut. Tribunale Venezia n° 1350 del 02/12/1999
Direttore Responsabile: don Sandro Vigani
Direttore Editoriale: don Corrado Cannizzaro
Segreteria di Redazione: Silvia Causin, Annamaria Bajo, Filippo Valenti
Tel. 041 34 20 511 - Fax 041 34 20 512, e-mail: [email protected]
Sede Centrale OSMC: San Marco 1830 - 30124 Venezia
Impaginazione e grafica: Rinaldo Maria Chiesa
Stampa: Grafiche LA PRESS - Fiesso d’Artico (VE)
Coordinamento redazionale e di produzione:
MARCIANUM PRESS, Dorsoduro 1 - 30123 Venezia - www.marcianumpress.it
MATER CARITATIS
Pag. 19 I NOSTRI SOSTENITORI
1
MATER CARITATIS
Editoriale
La formazione continua
per un servizio di qualità
2
La formazione continua degli operatori è l’unica strada da percorrere per offrire un servizio di qualità.
È ovvio. Ma non è scontato che si
riesca sempre a dare un seguito –
reale e adeguato – alle pur buone
intenzioni. Le spinte contrarie sono
incredibili: la complessità del quotidiano e le ricorrenti emergenze
che assillano anche le organizzazioni più complesse; la cronica
mancanza di fondi (che in genere
hanno destinazioni più impellenti)
e, soprattutto, la “fatica dell’imparare”, la resistenza a “rimettersi in
gioco”, sono deterrenti di non poco
conto.
Nella seconda parte 2009 l’Opera
S. Maria della Carità ha iniziato a
prendersi cura in modo più strutturato della formazione, dando
vita a eventi e percorsi formativi
interni, rivolti ai propri operatori,
in particolare a coloro che non
sarebbero tenuti dalla normativa
ad acquisire un numero prefissato
di “crediti formativi” (ecm)
annuali.
Con quali obiettivi? Almeno due.
Innanzitutto una ripresa e un
approfondimento delle motivazioni
che hanno spinto a lavorare nell’ambito socio-sanitario. L’attività
assistenziale è spesso sostenuta, in
gran parte, dalla lodevolissima
buona volontà del singolo operatore, dalla sua sensibilità, magari da
esperienze personali pregresse.
Eppure tale base – imprescindibile
– rischia di “erodersi” col tempo,
nel contatto quotidiano con situazioni complesse e logoranti. È così
necessario rinsaldare le proprie
scelte e ricollocare al centro del
servizio alla persona la relazione.
L’assistenza a chi si trova in situazioni di bisogno, di disabilità, di
marginalità, si attua innanzitutto
attraverso la capacità di porre relazioni buone e sananti e, più ancora, con la capacità di stare nella
relazione, anche e soprattutto
quando questa diviene pesante,
tesa, difficile… L’uomo, ogni
uomo, soprattutto se in situazione
di particolare debolezza, non cerca
delle asettiche e frammentarie
“prestazioni”, ma chiede di essere
accompagnato “da persona a persona”. Non ci può essere vero servizio alla persona senza il primato
della relazione. Formazione allora
significa abilitare ciascun operatore a mantenere la relazione, qualsiasi cosa accada.
Partecipanti
al corso
per Operatori
Socio Sanitari
presso
il Centro Nazaret
tecnici mettono a disposizione. È
chiaro che questo lavoro di “progressivo affinamento” si radica
nelle motivazioni personali ed è
sostenuto da esse.
L’Opera ha iniziato un percorso dai
tempi lunghi, che in realtà non si
potrà mai ritenere concluso e
andrà sempre più affinato. Stiamo
cercando di tradurre in percorsi
formativi quel patrimonio di esperienza che è stato acquisito in lunghi decenni di attività, con la certezza che solo la fedeltà alla storia
e l’apertura all’innovazione ci consentiranno di servire nel migliore
dei modi quelle centinaia di persone con cui ogni anno entriamo in
relazione.
Don Corrado Cannizzaro
Presidente di OSMC
MATER CARITATIS
Il secondo obiettivo – strettamente
connesso col primo – è la crescita
della professionalità. Ciò significa
imparare sempre più e sempre
meglio a “fare la cosa giusta alla
persona giusta nel modo giusto”.
Stabilire e mantenere una relazione
buona con la persona assistita
significa, per l’operatore, acquisire
di giorno in giorno la naturalezza
nel porre gli atti tipici dell’assistenza (pulizia, cura, atti sanitari…) in
una modalità tendenzialmente
sempre più perfetta e personalizzata nei confronti di chi gli è affidato. Ciò significa da una parte “correggere” quelle prassi che l’usura
del tempo quasi inevitabilmente
deforma, ma dall’altra anche
apprendere e tradurre in buona
pratica quotidiana ciò che gli studi
scientifici di settore e i progressi
3
PRENDERSI CURA DI DELIZIA
Il gruppo di Ospiti in visita alla scuderia dell’Albanella
MATER CARITATIS
Un nuovo compito
per gli ospiti del
Centro Diurno
Modulare Bellinato
Zorzetto
4
In autunno il Centro Diurno
Modulare Bellinato Zorzetto ha
avviato un nuovo progetto in collaborazione
con
la
scuderia
dell’Albanella di Quarto D’Altino.
L’obiettivo principale è prendersi
cura di Delizia, una cavalla di otto
anni. L’attività coinvolge cinque
Ospiti del centro, che ogni venerdì,
per un’ora o più, a turno, si occupano di lei attraverso alcune semplici
azioni quali: spazzolare la criniera e
la coda, strigliare il corpo, pulire gli
zoccoli e fare tante coccole.
Delizia è una cavalla davvero speciale, mansueta e ben addestrata, che ci
sta permettendo nel tempo non solo
di fare del movimento fisico all’aria
aperta, ma anche di superare qualche piccola difficoltà legata alla
novità della custodia di un animale
tanto bello quanto maestoso e possente. Realizzare un intervento completo di riabilitazione a cavallo rappresenta un obiettivo per noi ancora
lontano, ma la forte spinta emozionale creatasi tra Ospite, cavallo e
terapista sta creando una serie di
presupposti che porteranno nel
tempo a definire dei precisi percorsi
individuali. In particolare: per Silvia
l’esperienza sta rappresentando uno
stimolo a sviluppare la capacità di
adattarsi ad un ambiente nuovo; per
Giuseppe il rapporto con Delizia sta
favorendo un sensibile aumento
della comunicazione, verbale e non,
e delle relazioni in generale (esprime
con chiarezza gioia e serenità); per
Alessandro l’attività rappresenta
uno stimolo sul versante motorio e
della relazione; per Luigi riveste particolare importanza l’ambiente rurale, con situazioni, odori, colori e la
possibilità di collaborare in attività
agricole; per Umberto la relazione
con Delizia favorisce un lavoro sull’autostima e sull’autodeterminazione.
Con l’arrivo della bella stagione il
percorso avrà una nuova iniezione di
vitalità ed energia che favorirà l’evoluzione degli interventi individuali.
Francesca Mettifogo
educatrice del Centro
MATER CARITATIS
Un Ospite spazzola con cura Delizia
5
MATER CARITATIS
FARE INSIEME
E PRODURRE COSE CONCRETE
6
Il 2009 è stato per noi un anno ricco
di incontri che ci hanno aperto la
strada per mettere in piedi vari progetti educativi importanti per i nostri
bambini e ragazzi.
Tali progetti sono pensati, scritti e
operativamente portati avanti dagli
educatori insieme a stagisti o volontari e sono un’occasione importante
per sperimentarsi nella relazione e
nello stare insieme dandosi degli
obiettivi evolutivi.
Uno dei progetti che ci ha accompagnati per alcuni mesi è il “Progetto di
educazione alla multiculturalità: la
diversità come fonte di ricchezza”:
l’idea nasce dalla continua richiesta
di spiegazioni dei bambini e dalla
curiosità che dimostravano nei confronti dei compagni di classe prove-
nienti da paesi stranieri. Abbiamo
così pensato a delle attività che coinvolgessero sia i bambini della comunità sia qualche amichetto, inserendole nella quotidianità. Abbiamo
cercato giochi noti e famosi in tutti i
paesi del mondo ma anche di tipici,
preparato merende e cene etniche,
letto fiabe di altri paesi, immaginato
usi e costumi di altri popoli e costruito con stoffe e materiali vari gli
abiti… Questo progetto ci ha permesso di aiutare i bambini ad accogliere la diversità altrui con curiosità
ed entusiasmo e di promuovere
anche la conoscenza della propria
cultura. C’è stato anche uno spazio
importante di riflessione facilitato
dal fare insieme e produrre cose concrete.
Esperienze
da reinvestire
nel futuro per i bambini
del Centro Fatima
assumono significati importanti: i
bambini trovano dei “nonni”, figure
che spesso non sono più presenti
nella loro vita o non lo sono state in
modo positivo. Questa diventa quindi un’esperienza relazionale riparativa importante per loro.
Queste esperienze, anche se brevi,
sono significative per i nostri bambini e ragazzi, dato che permettono
loro di vivere direttamente relazioni
di accudimento, cura, fiducia, rispetto e lealtà che potranno reinvestire
nel loro futuro, sia che ritornino nelle
loro case, sia che vengano accolti da
nuove famiglie.
Cinzia Rossato
Coordinatrice Comunità Fatima
L’acquario
di cui si prendono
cura i bambini
della Casa Fatima
MATER CARITATIS
Un altro progetto che ci accompagna
da un po’ di tempo è il “Progetto
acquarium”, che stiamo cercando di
attivare anche al Centro Modulare
Zorzetto per creare dei momenti di
scambio tra strutture. Anche in questo caso da un lato c’è l’aspetto del
fare insieme costruendo da zero un
acquario e vedendolo poi vivere, dall’altro c’è il “prendersi cura”, fondamentale nell’esperienza di crescita
soprattutto dei nostri piccoli Ospiti.
Anche con la struttura per anziani
che è di fronte a noi, il Centro
Nazaret, abbiamo iniziato a ricavare
momenti in cui bambini e anziani
possano trascorrere del tempo insieme, con attenzione alla relazione e
allo scambio intergenerazionale che
7
UN COMPITO PER DONARE
L’AMORE DI DIO
MATER CARITATIS
La testimonianza
di un’animatrice
della Casa
dell’Ospitalità
di Santa Maria
del Mare
8
Essere animatori significa esprimere
(vale a dire “spremere fuori”, “tirare
fuori” da sé) ciò che si ha e ciò che si
è; occorre essere coscienti del fine del
proprio operato, non solo possedere
una conoscenza tecnico-teorica e
comunicare in modo equilibrato, ma
essere sempre al servizio degli altri.
Per cui ritengo importante valorizzare la persona anziana, facendo emergere dal suo intimo quello che ancora può dare innanzitutto a sé stessa e
quindi agli altri e aiutarla ad inserirsi nella struttura, favorendo i rapporti con gli altri Ospiti e con gli
operatori.
La letizia che trovo nel far divertire e
portare anche un poco di serenità
agli Ospiti è diventata contagiosa
anche per i familiari che si trovano
coinvolti a preparare feste, come per
esempio la “Festa dei Nonni” organizzata a ottobre 2009, l’elezione di
“Miss Nonna” e “Mister Nonno”,
oppure la ricorrenza di San Martino
con la gara delle torte. Abbiamo allestito anche una mostra di merletti,
valorizzando il lavoro che alcuni
Ospiti hanno fatto. Ogni mese poi
festeggiamo i compleanni, i mercoledì giochiamo a tombola e tutti sono
coinvolti nel canto e nel ballo.
Dentro questo clima di serenità e
amicizia ci riscopriamo una grande
famiglia anche con le persone dell’isola, i bambini del catechismo e
delle scuole e con le varie associazioni che nel corso dell’anno ci aiutano
in questo clima festoso.
È proprio vero che il sorriso è la
miglior medicina, soprattutto quando è donato senza interesse perché
l’Ospite si sente amato così com’è.
Sono grata all’Opera Santa Maria
della Carità che mi ha dato l’opportunità di donare tutto l’amore che
Dio ha avuto per me agli Ospiti di
Santa Maria del Mare.
Maria Busetto
S. Maria del Mare
MATER CARITATIS
Un momento di festa
a S. Maria del Mare
9
MATER CARITATIS
Vita dell’Opera
Ottobre - Novembre 2009
UBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBR
10
Ottobre
Casa Nicopeja
In occasione dell’autunno si è
svolta la tradizionale “castagnata” con tutti gli Ospiti e
operatori della comunità
2 Ottobre
Centro Diurno
Visita ad una mostra di pittura allestita presso Villa
Guidini (Mogliano Veneto) a
cui hanno partecipato diversi
Ospiti della comunità.
19 Ottobre
Centro Nazaret
100 candeline per
Irma Scabello!
Auguri!!! E grazie al
“Coro Barcarola” che
è venuto a festeggiare
assieme ad Irma questo grande traguardo!
27 Ottobre
Comunità Cormorano e
Airone
Pranzo autunnale a base di
pesce! Festoso momento di
incontro e condivisione durante il quale gli Ospiti, attraverso la visione di foto, hanno
ripercorso alcuni momenti trascorsi insieme durante l’anno.
7 Novembre
Comunità Santa Maria del
Rosario
La struttura ha festeggiato il
suo XII anno di attività.
RICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICH
11 Novembre
Comunità Fatima
I bambini hanno partecipato
alla festa di San Martino organizzata dalla parrocchia di
Zelarino. Un grazie di cuore
alla Pasticceria Zancanaro che
ha fatto loro omaggio di alcuni
dolci “San Martino”.
12 Novembre
Casa Madonna Nicopeja
Ha avuto inizio la proiezione
di film che proseguirà per
tutta la durata della stagione
invernale.
11 Novembre
Comunità Santa Maria del
Mare
Grande festa di San Martino
per tutti gli Ospiti della struttura.
16 Novembre
Comunità Cormorano e
Airone
In occasione del 93° compleanno dell’Ospite C.B. le
Comunità hanno festeggiato
assieme.
MATER CARITATIS
15 Novembre
Comunità Fatima
I piccoli Ospiti hanno partecipato al momento di animazione organizzato dopo la Messa
dal gruppo “Eccomi” della
parrocchia di Zelarino.
11
Vita dell’Opera
Dicembre 2009
UBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBR
NATALE AL CENTRO NAZARET
Grandi festeggiamenti al Centro Nazaret per il Santo Natale! Gli Ospiti e
gli operatori si sono dati da fare fin dal mese di novembre per celebrare la
nascita di Gesù Cristo nel migliore dei modi.
MATER CARITATIS
Ospiti del Centro Nazaret preparano gli addobbi natalizi
12
È stato attivato un laboratorio di Natale per preparare le decorazioni da
sistemare in tutta la struttura al quale hanno partecipato attivamente
diversi Ospiti, e assieme a molti volontari si è riusciti a creare un’atmosfera di festa all’interno del Centro: un grazie particolare va alla signora
Donatella Fumelli, che ha realizzato all’uncinetto le decorazioni per l’albero di Natale, e a Fernando Withrange, che ha costruito un enorme presepe
il quale ha fatto bella mostra di sé all’interno della nostra chiesa.
Con l’approssimarsi della vigilia poi le occasioni di festa sono state ancora
più numerose: domenica 20 dicembre la struttura ha aperto le porte ai
ragazzi del catechismo della parrocchia di Zelarino, che sono venuti a consegnare dei piccoli doni agli Ospiti del Centro; lunedì 21 invece tutti gli
Ospiti, i loro familiari e gli operatori della struttura hanno partecipato alla
grande festa di Natale, per scambiarsi gli auguri e passare un momento
continua a pagina 14
RICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICH
il presepe allestito dal signor Fernando
MATER CARITATIS
le decorazioni
per l’albero di Natale
preparate dalla signora Donatella
13
Vita dell’Opera
Dicembre 2009
UBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBR
gioioso e conviviale assieme, giornata animata anche dal signor Luciano
Zentilini che, vestito da Babbo Natale, ha distribuito pensierini a tutti i
residenti del Centro. Infine, mercoledì 23 gli allievi dell’Istituto Farina sono
giunti ad allietare gli Ospiti con alcuni canti natalizi.
alcuni bambini della parrocchia
di Zelarino visitano gli Ospiti
in occasione del Natale
Babbo Natale porta
i doni ai nostri Ospiti
MATER CARITATIS
alcuni bambini della parrocchia
di Zelarino visitano gli Ospiti
in occasione del Natale
14
il coro di Natale
dell’Istituto Farina
Un periodo ricco di appuntamenti e gioioso insomma, vissuto intensamente non solo dagli Ospiti e dagli operatori ma anche dai familiari e da diverse realtà della zona che hanno contribuito a creare un clima di festa e letizia.
RICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICH
NATALE AL CENTRO DIURNO
BELLINATO - ZORZETTO
Il tanto atteso pranzo di Natale si è tenuto all’interno del Centro il giorno
22 dicembre, con la partecipazione degli Ospiti, dei loro familiari e di tutti
gli operatori. È stata una giornata di festa all’insegna dell’allegria e della
convivialità.
Pranzo di Natale
al Centro Diurno
Modulare
Bellinato-Zorzetto
NATALE ALLA COMUNITÀ EMMAUS
MATER CARITATIS
Dal 17 al 23 dicembre è stato aperto, all’interno del Centro Nazaret, un
mercatino di Natale nel quale sono stati esposti dei manufatti realizzati
personalmente dagli Ospiti della Comunità Terapeutica Emmaus e della
Casa di Riposo.
Negli stessi giorni è stata allestita
una mostra fotografica curata
dalla Comunità Emmaus e realizzata in collaborazione con il Sert di
Venezia.
Prodotti realizzati a mano
dagli Ospiti per il mercatino di Natale
Alcuni pannelli della mostra fotografica
15
MATER CARITATIS
Vita dell’Opera
Dicembre 2009
UBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBR
16
100 PERSONE IN ARMONIA:
ECCO IL PRANZO DI NATALE IN CASA
MADONNA NICOPEJA
Come avviene ogni anno in occasione del Natale, presso la Casa Madonna
Nicopeja è stato organizzato per il giorno mercoledì 23 dicembre, il pranzo che ha coinvolto tutte le realtà presenti nella struttura (le due comunità
ed il Centro Diurno disabili, le due comunità psichiatriche Cormorano e
Airone, il gruppo appartamento). I preparativi sono cominciati qualche
giorno prima coinvolgendo vari operatori ed Ospiti delle diverse Comunità.
La sala al piano terra è stata allestita con tavole imbandite, addobbi ed
impianto audio. Sono stati curati i particolari quali le tovaglie colorate e i
simpatici segnaposto con la candelina; ogni Ospite aveva infatti il proprio
posto riservato. Tutte attenzioni per dare un tono di formalità ed eleganza
ad una festa importante.
Il menu, a base di ottimo pesce, è stato preparato in modo eccellente da
alcuni operatori con l’aiuto di volontari. Oltre alle diverse portate a base di
pesce, gli Ospiti hanno goduto anche degli squisiti dolci preparati dal
Centro Diurno e del caffè preparato dal gruppo appartamento. Tutti gli
invitati (tra Ospiti e personale dell’Opera S. Maria della Carità erano presenti circa cento persone) hanno gradito il pranzo, che è riuscito a soddisfare anche i palati più fini ed esigenti.
Al pranzo ha partecipato il Presidente don Corrado Cannizzaro che, soffermandosi tra i tavoli, ha salutato personalmente tutti gli Ospiti porgendo
loro gli auguri del Natale. Siamo stati anche lieti di ospitare alcune figure
professionali esterne, quali medici psichiatri del Centro di Salute Mentale
del Lido, lo psicologo supervisore e un infermiere professionale, tutte persone che da parecchi anni collaborano attivamente al nostro lavoro con gli
Ospiti.
L’evento si è svolto in un clima di festosità ed armonia che già aleggiava nei
giorni precedenti. Tutti gli Ospiti hanno partecipato con entusiasmo ed il
clima di festa è proseguito alla fine del pranzo con balli e canti di gruppo
che hanno coinvolto in particolar modo gli operatori e gli Ospiti del Centro
Diurno. È stato inoltre importante vedere la presenza, alla festa, di tutti gli
Ospiti, compresi coloro che solitamente, in occasioni simili, tendono ad
“isolarsi” evitando i momenti di confusione.
Damiano Bratovich
e Massimo Sassetto
pranzo di Natale con Ospiti e operatori
a Casa Madonna Nicopeja
MATER CARITATIS
RICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICH
17
NATALE A SANTA MARIA DEL ROSARIO
Anche alla struttura di Santa Maria del Rosario è stato festeggiato il Santo
Natale con varie iniziative e momenti di incontro: tra tutti ricordiamo il
mercatino che è stato allestito all’interno del Centro dal 9 al 12 dicembre,
e la visita dei bambini della scuola di Santa Maria Goretti che hanno voluto cantare alcune arie natalizie per augurare buon Natale ai nostri Ospiti.
I PICCOLI OSPITI DELLA COMUNITÀ
FATIMA FESTEGGIANO IL NATALE
All’interno della casa della Comunità Fatima il Natale non poteva certo
arrivare in silenzio. I bambini hanno partecipato attivamente alla preparazione di quella che è probabilmente la loro festa preferita: hanno ideato e
realizzato, con l’aiuto dei loro educatori, i biglietti per gli auguri natalizi
utilizzati poi dall’Opera; inoltre hanno preparato un piccolo regalo per tutti
i volontari che durante l’anno sono riusciti a dedicare un poco di tempo a
loro e alla comunità.
Mercoledì 23 dicembre la comunità ha ricevuto la visita del presidente
dell’Opera, don Corrado, che ha partecipato assieme ai bambini e ai volontari ad una merenda organizzata per scambiarsi gli auguri.
Natale particolare poi per le due bambine rimaste in comunità anche il 25
dicembre: assieme ad una educatrice sono andate alla casa famiglia Sicar
lungo la Riviera del Brenta, per condividere il pranzo assieme agli Ospiti di
questa struttura.
Anche l’ultima sera del 2009 è stata speciale: gli educatori della Comunità
Fatima infatti hanno organizzato nella casa una festa di Capodanno a cui
i bambini hanno partecipato con molto entusiasmo!
MATER CARITATIS
Dicembre 2009
Vita dell’Opera
UBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBR
18
Il bigliettino di Natale
con disegno realizzato
dai bambini della Casa Fatima
Grazie alla generosità di:
Gianna C.
Umberto B. in memoria di Franca S.
Parrocchia S. Maria Assunta (Jesolo)
Alessandra P.
Pasticceria Zancanaro
I nostri Sostenitori
RICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICH
Daniele
C.R.A.L. Veritas
Pasticceria Mion
Castel MAC S.p.a.
Carla M.
Commissaria Costantino Marcorà
Cristina T.
Cristina P.
MATER CARITATIS
Gabriella C
19
I nostri Sostenitori
UBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBRICHE - RUBR
Contribuire
all’Opera Santa Maria
della Carità
Puoi contribuire alle attività
dell’Opera Santa Maria della Carità con la tua offerta:
Fondazione di Religione
Opera Santa Maria della Carità
Conto corrente postale 94898061
Conto corrente bancario:
IT 21 Q 08407 02002 057000087492
MATER CARITATIS
Per le persone giuridiche:
LE OFFERTE SONO DEDUCIBILI FINO
AL LIMITE DEL 2% DEL REDDITO D’IMPRESA
ai sensi dell’art. 65, comma 2, lett. a del T.U.I.R. (DPR 917/86).
20
Opera Santa Maria della Carità
Redazione Rivista Mater Caritatis
San Marco 1830 – 30124 Venezia
[email protected]
Chi non gradisse il ricevimento della
Rivista è pregato di darne comunicazione
ai recapiti su indicati.
MATERCARITATIS
Notiziario dell’Opera Santa Maria della Carità
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
8 330 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content