close

Enter

Log in using OpenID

adempimenti finali - Ipssar Alberghiero Molfetta

embedDownload
ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO
PER I SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA’ ALBERGHIERA
- ISTITUTO ALBERGHIERO MOLFETTA -
Sede centrale: Corso Fornari, 1 ~ 70056 Molfetta ~ Tel. 080-3345078- Fax 080-3342308
Sede succursale: Via Giovinazzo – s.s. 16 località 1^ cala ~ 70056 Molfetta ~ Tel. 080-3341896- Fax 0803351364
C.F. 93249230728 ~ Cod. Istituto BARH04000D
www.alberghiero.net
e-mail: [email protected] - [email protected]
Istituto accreditato presso la Regione Puglia – settore Formazione Professionale – per la Formazione Superiore, per la Formazione Continua, per
l’Area Svantaggio
Prot. n° 6470/C14
Circolare n.89
Molfetta, 16 maggio 2014
Al personale docente
Ai componenti dei Consigli di classe
e, p.c., DSGA
Personale ATA
ATTI
Oggetto: Adempimenti finali a.s.2013/14 e aggiornamento del calendario e dell’ordine del giorno
delle riunioni degli organi collegiali.
A. Esami di qualifica a.s.2013/14
Com’è noto con la delibera n°145 del 13.02.2014, rettificata con DGR 379 del 4.03.2014, la Giunta
Regionale della Puglia ha approvato le Linee Guida per lo svolgimento degli esami di qualifica
professionale in regime di sussidiarietà integrativa.
Tali Linee Guida superano definitivamente le procedure dettate dagli articoli 25 (requisiti di
ammissione), 26 (modalità di costituzione delle commissioni) e 27 (articolazioni degli esami)
dell’O.M. 90/2001.
1. Ammissione
Entro il 29.05.2014 (termine perentorio a causa della necessità di organizzare le prove di
ammissione) gli alunni delle terze classi che intendono sostenere l’esame di qualifica presentano
alla segreteria didattica (Sig. Michele Troia) l’istanza allegata alla presente circolare.
31 maggio 2014 – ore 8,30-11,30
PROVE DI AMMISSIONE AGLI ESAMI DI QUALIFICA
Gli alunni possono allontanarsi dopo due ore dall’inizio della prova
3 giugno 2014– ore 8,30-11,30
PROVE SUPPLETIVE DI AMMISSIONE AGLI ESAMI DI QUALIFICA
Gli alunni possono allontanarsi dopo due ore dall’inizio della prova
Le prove di ammissione, non previste dalla delibera di Giunta Regionale, sono invece ricomparse
nella nota del Servizio Formazione Professionale regionale, contenente Istruzioni e modalità
organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami di IeFP: circolare esplicativa per l’anno
scolastico 2013/2014, e consistono in questionari a scelta multipla/soluzione di problemi/studio del
caso predisposti dal consiglio di classe. Pertanto, i direttori di dipartimento prepareranno quesiti per
cui dovrà essere prevista una risposta di max 5 righe, secondo il seguente schema:
Area linguistico-espressiva
Area scientifica
Area pratico-professionale
2 di italiano
2 di storia
2 di inglese
2 di francese
2 di matematica
2 di diritto e tecnica
2 di scienze motorie
2 di alimentazione
4 labor. professionalizzante
Il totale dei quesiti sottoposti ai candidati sarà dato dall’assemblaggio di quelli predisposti e
corrispondere ad un totale di 20 (venti). Ciascun alunno sceglierà 10 quesiti e avrà cura di
rispondere ad almeno uno per ciascuna Area. La prova sarà considerata superata se l’alunno avrà
svolto correttamente almeno sei quesiti e le risposte esatte copriranno tutte le tre aree.
Al termine della prova si procederà alla correzione. La proposta di valutazione è affidata ai docenti
della disciplina su cui verte il quesito scelto dal candidato. La valutazione della prova sarà effettuata
collegialmente in sede di scrutinio di ammissione.
Agli esami di qualifica verranno ammessi gli allievi che abbiano concluso il percorso triennale con
la frequenza di almeno il 75% della durata complessiva del percorso triennale.
L’ammissione avviene attraverso un giudizio che rappresenta l’esito di un processo mirato ad una
valutazione complessiva dello studente, basata sia sui risultati delle singole verifiche sia su
possibili apporti significativi di tutte le aree. Essa non si limita ai risultati delle prove dell’ultimo
anno, ma considera tutto quanto l’allievo ha acquisito frequentando l’intero percorso triennale e
quanto è stato rilevato durante l’esperienza di stage. Pertanto non deve avvenire in modo
parcellizzato o per semplice sommatoria dei risultati riportati da ciascun docente/formatore, ma in
maniera globale.
Senza trascurare i principi di valutazione dettati dalle linee guida regionali sopra riportati in corsivo,
il giudizio dovrà procedere a una ponderazione degli elementi che concorrono al giudizio di
ammissione. A tal fine si attribuiranno max.100 punti:
 fino a 60 punti al percorso educativo e formativo
 fino a 20 punti al tirocinio/stage
 fino a 20 punti alle prove di ammissione.
Il punteggio minimo per ottenere l’ammissione sarà di 60/100.
I dati utili alla valutazione, in sede di scrutinio, dell’esperienza degli stage saranno raccolti dai
coordinatori a partire dagli appositi registri consegnati in segreteria (Sigg. Leone e Paglialonga).
Per le terze classi, come nello scorso anno, si procederà a un doppio scrutinio (nota MIURDGOS
1840 del giorno 8 aprile 2013) :
1) il primo finalizzato all’ammissione di ciascun alunno alla classe quarta secondo le norme
contenute nell’art.4 del Regolamento sulla valutazione - DPR 122/09
2) il secondo finalizzato all’ammissione agli esami di qualifica secondo le norme dettate dalle
Linee Guida – DDGR 145/2014 e 379/2014 e qui sopra rapidamente richiamate.
Gli ammessi dovranno versare il contributo previsto e così regolarizzare l’istanza di partecipazione
all’esame entro il 30 giugno (termine perentorio).
Nel corso dei mesi di luglio e agosto la segreteria didattica verificherà i dati di frequenza, procederà
all’istruttoria dell’esame e chiederà la nomina della commissione d’esame.
2. Commissione d’esame
È prevista una commissione per ciascun indirizzo (esterni) con una media di 80 alunni per
commissione, media che può crescere se diventa difficile trovare gli esterni
• Presidente: dirigente scolastico
• Membro pubblica istruzione
• Membro OO. Sindacali
• Membro organizzazioni datoriali
divisa in tante subcommissioni (interni)
 tre docenti interni, variabili da subcommissione a subcommissione, appartenenti ai consigli
di classe coinvolti (sarà cura del dirigente scolastico scegliere docenti che possano essere
interni di più classi per non far lievitare i costi derivanti dai gettoni d’esame).
3. Prove d’esame
È prevista una sola sessione ordinaria.
La seconda sessione può aver luogo solo in casi documentati e certificati di malattia o impedimento
del candidato ed è convocata dal presidente sentito il dirigente (o loro delegati), che ne danno
comunicazione al Servizio Regionale per la Formazione Professionale. La commissione resta la
stessa. Nella seconda sessione il candidato effettua solo le prove che non ha potuto svolgere in
prima sessione. I risultati delle prove già sostenute in prima sessione sono riportati nelle riquadro
Osservazioni del verbale degli esami a cura della segreteria scolastica.
Le prove d’esame dureranno 3 giorni:
1° giorno. Riunione preliminare/prova scritta/correzione.
La prova scritta (tre proposte) consisterà in un questionario a risposta multipla o studio del
caso/soluzione di problemi sulle competenze di base inerente alla figura professionale. Durerà min
1h/max 4h. L’ alunno sarà libero dopo 2h.
2° giorno. Prova pratica (max 6h – alunno libero dopo 2h)/
eventuale prosecuzione della correzione/ eventuale inizio colloquio.
La prova può essere (meglio) di laboratorio: processi di lavoro/attività di gruppo con compiti
correlati affidati ai candidati in modo da consentirne la valutazione individuale o consistere nella
soluzione di problemi o in uno studio di caso (3 proposte).
Il colloquio individuale verterà sulle competenze chiave (relazionali, espositive, di sintesi e analisi)
anche alla luce dell’esperienza di stage e delle prospettive future del candidato (lavoro o studio). Il
candidato può produrre una tesina o un project work
3° giorno. (Prosec.) Colloquio/Scutinio finale.
Il voto finale sarà espresso in centesimi, secondo la seguente ponderazione:
 prova scritta : max punti 30/100
 prova pratica: max punti 60/100
 colloquio: max punti 10/100.
Il punteggio minimo per ottenere l’idoneità sarà di 60/100.
Al termine delle prove, la commissione procederà allo scrutinio per la valutazione finale. Questa
terrà conto, secondo una ponderazione stabilita dalla commissione in sede di riunione preliminare:
1) dell’esame (le Linee Guida suggeriscono il 60% dell’andamento ponderato)
2) dell’allievo nel triennio formativo (riscontrabile anche dalla valutazione espressa dal consiglio di
classe nell’ammissione agli esami (le Linee Guida suggeriscono il 20% dell’andamento ponderato)
3) dell’allievo nel corso dello stage (le Linee Guida suggeriscono il 20% dell’andamento
ponderato).
Il punteggio minimo per ottenere l’idoneità sarà di 60/100.
3-4-5 settembre 2014
ESAMI DI QUALIFICA
10-11-12 settembre 2014
EVENTUALE SECONDA SESSIONE ESAMI DI QUALIFICA
B. Esami di Stato – Esame preliminare dei candidati esterni.
A questa istituzione scolastica sono stati assegnati dall’MIUR USR Puglia Uff. VIII A:T. Bari i
seguenti candidati privatisti
1. RROQJA Emanuele - associato alla 5 A/tsr
2. RACANIELLO Saverio – associato alla 5 C/tsr.
Entrambi hanno la promozione al quinto anno di corso TSR conseguita presso il nostro istituto. Ai
sensi della C.M. 88 del 18.10.2012, richiamata dalla C.M. 26 del girono 11.10.2013, i candidati
esterni provvisti di idoneità o di promozione all'ultima classe, ovvero di ammissione alla frequenza
di detta classe, ottenuta in precedenti esami di maturità o di abilitazione ovvero di qualifica
professionale quadriennale, dello stesso corso di studio, sostengono l'esame preliminare sulle
materie dell’ultimo anno.
Pertanto, i consigli di classe a cui sono collegati i candidati esterni sopra citati vengono
nominati commissioni per i rispettivi esami preliminari.
Il calendario delle operazioni d’esame è il seguente:
DATA
ORA
DISCIPLINA
SOTTOCOMMISSIONI
Venerdì
16/05/14
15,00
18,00
Prova scritta di aliment.
Alim.- religione- diritto
Lunedì
19/05/14
15,00
19,00
Prova scritta italiano
Italiano – diritto – relig.
Martedì
20/05/14
15,00
18,00
Prova scritta inglese
Inglese – franc – mate.
Mercoledì
21/05/14
15,00
18,00
Prova scritta francese
Francese- ingl.- italian.
Giovedì
22/05/14
15,00
18,00
Prova scritta matematica
Matem.-Ed. fis.-Econ.
Venerdì
23/05/14
15,00
18,00
Prova scritta E.G.A.R.
Econ. – Ed. fis.- alim.
Venerdì
23/05/14
18,30
Valutazione prove scritte
Intera Commissione
Lunedì
26/05/14
16,00
Prove orali
Intera Commissione
Lunedì
26/05/14
Al termine delle prove orali - SCRUTINI
Al termine
Intera Commissione
Le correzioni delle prove scritte si svolgeranno per sottocommissioni al termine delle singole prove.
La valutazione delle prove scritte si svolgerà collegialmente, con la presenza dell’intera
commissione, venerdì 23.05.2014 al termine della prova scritta.
C. Verifica finale PEI alunni diversamente abili con valutazione differenziata.
I consigli di classe sono convocati secondo il seguente calendario per discutere con l’Unità
Multidisciplinare ASL BA Area 1 e con le famiglie degli alunni H. All’o.d.g.:
1. Verifica finale PEI alunni diversamente abili con valutazione differenziata.
ORE
15.00
15.30
15.50
16.10
16.30
16.50
17.10
17.30
27 MAGGIO
Martedì
1E
2Q
1H
1A
2H
2G
5I
2C
28 MAGGIO
Mercoledì
2I
1Q
5D
5Atst
4A s
4Ec
1L
1R
29 MAGGIO
Giovedì
3A past
3Bc
3Fc
5E
5H
3Ac
3 Gc
3 Dc
D. Esami di terza area – sede Apicella (da confermare)
MARTEDI
3- 06- 13
Ore 15.00
MERCOLEDI
4– 06 -13
Ore 15.00
E. Scrutini finali.
1. Modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità e trasparenza della valutazione.
Art.1 c.5 del DPR 122/2009 (Regolamento sulla valutazione degli alunni).
Si rimanda alle seguenti previsioni del P.O.F.
La valutazione sommativa finale accerterà non solo le competenze acquisite, ma anche le
potenzialità, la partecipazione, l'impegno, il metodo di studio, lo stile cognitivo, la frequenza,
insomma il cambiamento, cioè l'apprendimento rilevabile a partire dal curricolo esplicito (i
risultati conseguiti nell'apprendimento di conoscenze, abilità, comportamenti) e da quello implicito
(le influenze esercitate sull'apprendimento da aspetti psico-affettivi e cultura di appartenenza). La
valutazione sommativa finale tiene conto di tutti gli elementi favorevoli all’alunno, che risulteranno
preminenti per il voto. Valutare significherà dunque VALORIZZARE LE RISORSE E LE
POTENZIALITA' DELLO STUDENTE, fornirgli occasioni motivanti, migliorare l'autostima.
La proposta di voto delle singole discipline dovrà tener conto della griglia dei giudizi e delle
valutazioni definita dal P.O.F.:
VOTO 1 - 2 - 3
GRAVEMENTE INSUFFICIENTE:
VOTO 4
INSUFFICIENTE:
VOTO 5
MEDIOCRE:
-conoscenza dei contenuti nulla;
comprensione con gravi errori di concetto e di contenuto;
-elaborazione inesistente, difficoltà nella impostazione,
-conoscenza frammentaria e disorganizzata;
-comprensione con errori frequenti anche su temi semplici, carenze
pregresse;
- elaborazione solo in campi semplici, con errori; tematiche trattate in
termini molto generali e superficiali.
-conoscenza imprecisa, frammentaria, superficiale;
-comprensione con alcuni errori su temi semplici,
applicazione parziale
e imprecisa;
-elaborazione talvolta con errori e temi trattati per linee
generali con qualche imprecisione concettuale.
VOTO 6
VOTO 7
VOTO
8
VOTO
9
VOTO
10
SUFFICIENTE :
-conoscenza corretta e per linee essenziali;
-comprensione senza errori in compiti semplici;
-elaborazione su temi semplici senza errori significativi,
trattazione poco articolata.
DISCRETO :
-conoscenza corretta e completa;
-comprensione adeguata con imprecisioni su temi più
complessi; applicazione consapevole, non sempre precisa;
-elaborazione corretta con capacità di analisi.
BUONO:
-conoscenza completa e ordinata, anche autonoma;
-comprensione corretta anche su temi complessi;
-elaborazione corretta e precisa; capacità di rielaborazione
e correttezza applicativa.
OTTIMO :
-conoscenza completa e approfondita, in forma personale;
-comprensione corretta ed esauriente, capacità logiche sicure;
-elaborazione corretta, personale, creativa.
LODEVOLE:
si evidenziano, oltre alle precedenti competenze e capacità:
apertura mentale ampia e concreta che rivela ricchezza di
interessi ed un impegno serio e responsabile a migliorarsi;
mezzi espressivi sicuri ed incisivi
I voti da assegnare per le verifiche scritte ed orali sono espressi con numeri interi.
La stessa griglia per i giudizi analitici e sintetici sarà utilizzata in Religione ed espressi con
l’aggettivazione corrispondente al voto numerico:
Insufficiente – Mediocre – Sufficiente – Discreto – Buono – Ottimo - Lodevole.
I criteri generali, in corrispondenza con gli obiettivi del P.O.F., sono:
 Maturazione personale intesa come acquisizione di una più approfondita conoscenza di sé,
delle attitudini, delle capacità, della aspirazioni personali;
 Sviluppo del senso critico e delle capacità di operare scelte, rapportato alle varie fasce d’età
e di classe frequentata;
 Rafforzamento del senso di responsabilità come rispetto di sé, degli altri e dell’ambiente:
interiorizzazione delle norme della convivenza civile;
 Socializzazione come capacità di gestire i rapporti interpersonali su modalità di dialogo
costruttive e flessibili, rispettando l’altrui diversità;
 Motivazione allo studio, inteso come arricchimento dei contenuti culturali, dei livelli
dipreparazione, di abilità e competenze acquisite, e partecipazione attiva al dialogo
scolastico.
Nell’ambito dei criteri sopra esposti, ai sensi di quanto previsto dall’art. 4 del DPR 122/2009, in
sede di scrutini finali si procede a giudizio finale nei confronti degli studenti per i quali il Consiglio
di Classe abbia espresso una valutazione positiva, anche a seguito degli interventi di recupero
seguiti. Viceversa, in via ordinaria, qualora il profitto risulti negativo, il Consiglio di Classe dispone
la sospensione del giudizio dopo aver valutato che:
 le insufficienze siano espresse in non più di 2 materie, considerata l’effettiva possibilità da
parte dello/a studente/ssa di recuperare un numero maggiore di insufficienze durante i corsi
di recupero estivi organizzati nel periodo immediatamente seguente allo scrutinio e fino ai
primi giorni di luglio (il periodo individuato per i corsi è determinato dalla esigenza di
attivare tirocini e stage formativi per gli studenti nel periodo estivo)
 ci sia concreta possibilità, da parte dell’alunna/o, di raggiungere gli obiettivi formativi e di
contenuto propri delle discipline con valutazione negativa attraverso lo studio personale
svolto autonomamente o la frequenza degli interventi di recupero
 l’alunna/o abbia mostrato capacità di organizzazione autonoma del lavoro e abbia profuso
impegno individuale durante l’anno
 il comportamento sia risultato almeno sufficiente.
Per gli scrutini di ammissione degli alunni interni agli esami di Stato, il Consiglio di Classe procede
a una valutazione complessiva dello studente che tenga conto delle conoscenze e delle competenze
acquisite dallo studente nell’ultimo anno del corso degli studi, delle sue capacità critiche ed
espressive e degli sforzi compiuti per colmare eventuali lacune e raggiungere una preparazione
idonea a consentirgli di affrontare l’esame, comunque in presenza di valutazioni tutte sufficienti
nelle singole discipline.
Rimane pregiudizievole per l’ammissione agli esami di Stato e alle classi successive il non aver
colmato il debito formativo, considerato elemento preminente di valutazione della crescita
responsabile umana e culturale;
Per gli scrutini di ammissione agli esami di Stato dei candidati esterni si rimanda alle disposizioni
contenute, da ultimo, nella O.M. 13/2013, comprese quelle del credito scolastico.
Per gli studenti delle classi terze, quarte e quinte si procederà durante lo scrutinio a potenziare il
credito scolastico sulla base dei seguenti parametri valutativi:
1. punti 0.5
per eventuali crediti formativi riconosciuti;
2. punti 0.3 / 0.4 per partecipazione proficua alle attività integrative e complementari d’Istituto
rispettivamente senza o con produzione di materiale personale;
3. punti 0.2
per assiduità della frequenza – interesse al dialogo educativo – partecipazione
attiva al rapporto scolastico.
Il credito scolastico sarà potenziato di 1 punto se si cumulerà un punteggio maggiore di 0.5.
La non frequenza della III Area per la formazione teorica e/o pratica oppure la frequenza non
proficua sotto l’aspetto dell’interesse e della partecipazione, indipendentemente da tutti gli altri
elementi, non permetterà né il riconoscimento né l’attribuzione di credito formativo.
Per la regolarità dell’anno scolastico, sia l’art. 2, comma 10, che l’art. 14, comma 7, del d.P.R.
122/2009 prevedono esplicitamente, come base di riferimento per la determinazione del limite
minimo di presenza, il monte ore annuale delle lezioni, che consiste nell’orario complessivo di tutte
le discipline e non nella quota oraria annuale di ciascuna disciplina.
classi prime:
classi seconde:
classi terze:
classi quarte:
classi quinte:
32 ore settimanali x 33 settimane=
32 ore settimanali x 33 settimane=
32 ore settimanali x 33 settimane=
32 ore settimanali x 33 settimane=
30 ore settimanali x 33 settimane=
1056 ore annue – limite max assenze:264 ore
1056 ore annue – limite max assenze:264 ore
1056 ore annue – limite max assenze:264 ore
1056 ore annue – limite max assenze:264 ore
990 ore annue – limite max assenze:248 ore
Deroghe
L’articolo 14, comma 7, del Regolamento prevede che “le istituzioni scolastiche possono stabilire,
per casi eccezionali, analogamente a quanto previsto per il primo ciclo, motivate e straordinarie
deroghe al suddetto limite [dei tre quarti di presenza del monte ore annuale]. Tale deroga è
prevista per assenze documentate e continuative, a condizione, comunque, che tali assenze non
pregiudichino, a giudizio del consiglio di classe, la possibilità di procedere alla valutazione degli
alunni interessati”.
Il Collegio dei Docenti ha definito, ai fini delle deroghe previste, le assenze dovute a:
 gravi motivi di salute adeguatamente documentati;
 terapie e/o cure programmate;
 donazioni di sangue;
 partecipazione ad attività sportive e agonistiche organizzate da federazioni riconosciute dal
C.O.N.I.;
 adesione a confessioni religiose per le quali esistono specifiche intese che considerano il sabato
come giorno di riposo (cfr. Legge n. 516/1988 che recepisce l’intesa con la Chiesa Cristiana
Avventista del Settimo Giorno; Legge n. 101/1989 sulla regolazione dei rapporti tra lo Stato e
l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, sulla base dell’intesa stipulata il 27 febbraio 1987);
 altre situazioni contingenti di impossibilità alla frequenza adeguatamente documentate, anche in
relazione a fatti determinati da particolari condizioni economiche e sociali.
Il voto di condotta viene attribuito dall’intero Consiglio di Classe riunito per gli scrutini secondo i
seguenti criteri:
· Frequenza e puntualità;
· Comportamento;
· Partecipazione attiva alle lezioni;
· Rispetto verso il personale della scuola e i compagni;
· Rispetto degli impegni scolastici;
· Rispetto del Regolamento d’Istituto e Disciplinare.
Una valutazione di 5/10 o voto inferiore in sede di scrutinio finale comporterà automaticamente la
non promozione alla classe successiva o la non ammissione di qualifica e all’esame di Stato.
2. Convocazione scrutini finali
I consigli di classe sono convocati per gli scrutini finali secondo il seguente calendario. Sono
evidenziate le variazioni rispetto a quello comunicato con la circolare n°1 del 2.09.2013.
SCRUTINI FINALI - sede Apicella
Tutti i signori docenti devono assicurare la loro presenza a Scuola almeno un’ora prima rispetto
quella indicata per ciascuna classe.
05.06.2014
06.06.2014
ore 14.00 – 14.45
ore 14.45 - 15.30
ore 15.30 - 16.15
ore 16.15 - 17.00
ore 17.00 –17.45
ore 17.45 –18.30
ore 18.30 – 19.45
ore 19.45 – 20.30
10. 06. 2014
ore
ore
ore
ore
ore
ore
ore
ore
08.00 – 08.45
08.45 – 09.30
09.30 – 10.15
10.15 - 11.00
11.00 - 11.45
11.45 - 12.30
12.30 - 13.15
13.15 - 14.00
ore 15.00 - 15.45
ore 15.45 - 16.30
ore 16.30 - 17.15
ore 17.15 - 18.00
ore 18.00 - 18.45
ore 18.45 - 19.30
5A/R
4A/C
3A/C
5B/R
4B/C
3B/C
4A/S
3A/S
5E/R
4E/C
3E/C
5F/R
4F/C
3F/C
4C/S
3C/S
5 I/R
4 I/C
3 I/Cp
5A/T
4A/R
3A/R
ore 14.00 – 14.45
ore 14.45 - 15.30
ore 15.30 - 16.15
ore 16.15 - 17.00
ore 17.00 –17.45
ore 17.45 –18.30
ore 18.30 – 19.45
ore 19.45 – 20.30
11. 06. 2014
ore
ore
ore
ore
ore
ore
ore
ore
08.00 – 08.45
08.45 – 09.30
09.30 – 10.15
10.15 - 11.00
11.00 - 11.45
11.45 - 12.30
12.30 - 13.15
13.15 - 14.00
ore 15.00 - 15.45
ore 15.45 - 16.30
ore 16.30 - 17.15
ore 17.15 - 18.00
ore 18.00 - 18.45
ore 18.45 - 19.30
5C/R
4C/C
3C/C
5D/R
4D/C
3D/C
4B/S
3B/S
5L
5M
5G/R
4G/C
3G/C
5H/R
4H/C
3H/C
1A
2A
1B
2B
1C
2C
12. 06. 2014
13. 06. 2014
ore 08.00 – 08.45
ore 08.45 – 09.30
ore 09.30 – 10.15
ore 10.15 - 11.00
ore 11.00 - 11.45
ore 11.45 - 12.30
ore 12.30 – 13.15
ore 13.15 – 14.00
1D
2D
1E
2E
1F
2F
1G
2G
ore 08.00 – 08.45
ore 08.45 – 09.30
ore 09.30 – 10.15
ore 10.15 - 11.00
ore 11.00 - 11.45
ore 11.45 - 12.30
ore 12.30 – 13.15
ore 13.15 – 14.00
1M
2M
1N
2N
1O
2O
1P
2P
ore
ore
ore
ore
ore
ore
1H
2H
1I
2I
1L
2L
ore 15.00 ore 15.45 ore 16.30 ore 17.15 ore 18.00 ore 18.45 ore 19.30 -
1Q
2Q
1R
2R
1S
2S
1T
15.00 15.45 16.30 17.15 18.00 18.45 -
15.45
16.30
17.15
18.00
18.45
19.30
15.45
16.30
17.15
18.00
18.45
19.30
20.15
F. Collegio docenti
COLLEGIO DEI DOCENTI - sede Apicella
Sabato 14 giugno2014 – ore 9.00-13.00
Ordine del Giorno
1) Approvazione verbale seduta precedente
2) Formazione delle classi per l’a.s. 2014-2015: criteri
3) Relazione e approvazione a consuntivo di tutti i progetti realizzati nel corrente anno
scolastico;
4) Corsi di Recupero Estivi
5) Relazione finale dei docenti con funzioni strumentali al POF
6) Calendario scolastico 2014/15.
7) Relazione del Preside
G. Interventi didattici di recupero
Gli studenti per i quali il Consiglio di Classe dispone la sospensione del giudizio sono tenuti alla
frequenza dei corsi programmati dalla scuola nel periodo di sospensione estiva delle lezioni (15 ore
per disciplina) e affidati a docenti interni. I corsi vengono organizzati in due fasce cronologiche per
agevolare la frequenza degli alunni che hanno il giudizio sospeso in due materie. I genitori possono
optare per il recupero individuale come previsto dalla normativa vigente. In tal caso sono tenuti a
darne formale comunicazione alla scuola.
Tutti gli alunni con giudizio sospeso hanno l’obbligo di sottoporsi alle verifiche programmate
dall’Istituto a conclusione degli interventi di recupero. La mancata partecipazione a tali verifiche
comporterà la mancata promozione alla classe successiva.
16 giugno 2014 – 5 luglio 2014
INTERVENTI DIDATTICI DI RECUPERO (10 ORE)
7/8 luglio 2014
VERIFICHE DEL RECUPERO DEGLI ALUNNI
CON GIUDIZIO SOSPESO
9/10 luglio 2014
SCRUTINI DEGLI ALUNNI CON GIUDIZIO SOSPESO
il dettaglio del calendario degli scrutini sarà definito
all’esito della rilevazione dei debiti
Il Collegio Docenti, sia pur nel rispetto delle competenze dei Consigli di Classe in materia di
valutazione, indica i seguenti criteri di svolgimento dello scrutinio di integrazione del giudizio di
ammissione alla classe successiva di cui all’art. 8 dell’O.M. 92/2007 e all’art. 4, comma 5, del
D.P.R. 122/2009, a conclusione degli interventi didattici estivi per il recupero delle carenze rilevate:
1. valutazione complessiva dello/a studente/ssa, che tenga conto dei risultati conseguiti non solo
nell’accertamento finale ma anche nelle varie fasi dell’attività di recupero;
2. accertamento del recupero delle carenze formative e verifica dei risultati complessivamente
conseguiti dall’alunna/o, in termini di possibilità di frequentare con profitto la classe
successiva.
H. Comunicazioni.
Comunicazione di servizio
Tutti i sigg. docenti non impegnati negli esami di Stato e negli esami di idoneità devono assicurare
la loro presenza giornaliera a scuola per l’intera mattinata, anche a disposizione delle commissioni
d’esame per eventuali sostituzioni nelle operazioni di controllo, sorveglianza o altro, dal giorno 18
giugno al giorno 30 giugno 2014. Detto adempimento è ORDINE DI SERVIZIO
.
Comunicazione amministrativa
Tutti i sigg. docenti aventi diritto devono richiedere il periodo di ferie su apposito modulo da ritirare
e restituire in segreteria all’addetto al servizio, ass. amministrativo sig. Leonardo Spadavecchia,
entro e non oltre il 5 giugno 2014.
I. Allegati.
Si allegano alla presente circolare i seguenti moduli:
1.
2.
3.
4.
5.
6.
Istanza di scrutinio ai fini dell’ammissione agli esami di qualifica professionale
Certificazione delle competenze di fine obbligo di istruzione
Certificato delle competenze del quarto anno (Terza Area: Addetto al ricevimento)
Certificato delle competenze del quarto anno (Terza Area: Addetto alla ristorazione ed ai pubblici esercizi)
Certificato delle competenze del quinto anno (Terza Area: Addetto alla ristorazione ed ai pubblici esercizi)
Certificato delle competenze del quinto anno (Terza Area: Addetto al ricevimento)
Il dirigente scolastico
Antonio Natalicchio
Al Dirigente Scolastico
I.P.S.S.A.R. Alberghiero
Molfetta
Il sottoscritto_______________________________________ nato a ________________________
il________________________ e iscritto alla classe______________________________________
CONFERMA
Di voler sostenere gli esami di qualifica professionale in regime di sussidiarietà integrativa di cui
alla Delibera di Giunta Reginale della Regione Puglia n°379 del 4 marzo 2014.
A tal fine si impegna, all’esito dello scrutinio di ammissione all’esame e comunque entro il 30
giugno 2014, a regolare la presente istanza con il versamento di un contributo di euro 50,00
(cinquanta) sul c/c postale numero 18879718 intestato all’ISTITUTO ALBERGHIERO
MOLFETTA con causale: contributo esame di qualifica.
Molfetta, ……………………….
Firma
………………………………………
La presente deve essere consegnata IN SEGRETERIA entro il 29 maggio 2014.
Ai sensi e per gli effetti del Regolamento emanato dal Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca con Decreto n. 139 del 22 agosto 2007, al
termine del biennio bisogna rilasciare a tutti gli studenti un Certificato delle Competenze di Base acquisite nell’assolvimento dell’obbligo scol astico.
Tutti i docenti del 2° anno procederanno, prima degli scrutini, a formulare su appositi moduli le competenze di base e i relativi livelli raggiunti da
tutti gli studenti che, dopo la delibera nello scrutinio, saranno consegnati dal coordinatore di classe alla segreteria didattica, ass. amm. Sig.ra Capraro.
A solo titolo esemplificativo si può prefigurare:
6 = livello di base;
7 = livello intermedio;
8 – 9 – 10 = livello avanzato.
CLASSE……………………
ALUNNO ……………………………………………A.S. 2013-2014
COMPETENZE DI BASE E RELATIVI LIVELLI RAGGIUNTI
(1)
Asse dei linguaggi – (italiano, inglese, francese, lab. Ricevimento)
LIVELLI
Lingua italiana
Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l’interazione
comunicativa verbale in vari contesti
Leggere comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo
Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi
Lingua straniera (inglese)
Utilizzare la lingua inglese per i principali scopi comunicativi ed operativi
Lingua straniera( francese)
Utilizzare la lingua francese per i principali scopi comunicativi ed operativi
Altri linguaggi
Utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e
letterario
Utilizzare e produrre testi multimediali
Asse matematico – (matematica)
LIVELLI
Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche
sotto forma grafica
Confrontare ed analizzare figure geometriche, individuando invarianti e relazioni
Individuare le strategie appropriate per la soluzione dei problemi
Analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con
l’ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le
potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico
Asse scientifico-tecnologico
(scienze integrate, alimentazione,lab. cucina. Lab. Sala-bar, ed. fisica)
Osservare, descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale e
riconoscere nelle varie forme i concetti di sistema e di qualità
Analizzare qualitativamente e quantitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia a
partire dall’esperienza
Essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nel contesto culturale e sociale
in cui vengono applicate
Asse storico-sociale – (storia, diritto, religione)
LIVELLI
LIVELLI
Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica
attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree
geografiche e culturali
Collocare l’esperienza personale in un sistema di regole fondate sul reciproco riconoscimento dei
diritti garantiti dalla Costituzione, a tutela della persona, della collettività e dell’ambiente
Riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio economico per orientarsi nel tessuto
produttivo del proprio territorio
Le competenze di base relative agli assi culturali sopra richiamati sono state acquisite dallo studente con riferimento alle competenze
chiave di cittadinanza di cui all’allegato 2 del regolamento citato in premessa (1. imparare ad imparare; 2. progettare; 3. comunicare; 4.
collaborare e partecipare; 5. agire in modo autonomo e responsabile; 6. risolvere problemi; 7. individuare collegamenti e relazioni; 8.
acquisire e interpretare l’informazione).
Molfetta,………………………..
IL CONSIGLIO DI CLASSE
(1) Livelli relativi all’acquisizione delle competenze di ciascun asse:
Livello base: lo studente svolge compiti semplici in situazione note, mostrando di possedere conoscenze ed abilità essenziali e di saper
applicare regole e procedure fondamentali
Livello intermedio: lo studente svolge compiti e risolve problemi complessi in situazioni note, compie scelte consapevoli, mostrando di
saper utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite
Livello avanzato: lo studente svolge compiti e problemi complessi in situazioni anche non note, mostrando padronanza nell’uso delle
conoscenze e delle abilità. Sa proporre e sostenere le proprie opinioni e assumere autonomamente decisioni consapevoli.
CERTIFICATO DELLE COMPETENZE DEL QUARTO ANNO
Avviso n. BA/15/2010
Azione 2) percorsi biennali di qualifica
(IV classi A.S. 2012/2013 e V classi A.S. 2013/2014)
ALUNNO ___________________________________CLASSE______SEZIONE_____anno scolastico______________
Profilo Professionale di riferimento ADDETTO AL RICEVIMENTO
Percorso Formativo riconosciuto come crediti per attività laboratoriali nell’ambito del cu rricolo scolastico
:
a) Durata complessiva del percorso in ore: 90 ore per attività d’aula e 60 ore per attività laboratoriale
b) Unità Formative Capitalizzabili (UFC):40 ore per competenze di base - 50 ore per competenze tecnico-professionali – 60 ore per attività laboratoriali.
COMPETENZE DI BASE
Attività d’aula
Unità Formativa n. 1
Disciplina: Lingua Italiana
Durata in ore: 20
Contenuti Formativi
Mod. 1 – L’Ottocento: il Romanzo tra Storia e Realtà
u.d. 1 – Il Romanticismo: le idee – la poetica – il Romanzo Storico
u.d. 2 – A. Manzoni: la formazione – la poetica – la biografia – “I Promessi Sposi”
Mod. 2 – La Scrittura
u.d. 1 – La Scrittura specialistica: il saggio breve
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali.
Attività d’aula
Unità Formativa n. 2
Disciplina: Matematica
Durata in ore: 20
Contenuti Formativi
Mod. 1 – I punti e i segmenti nel piano cartesiano
Mod. 2 – La retta e i sistemi lineari. Equazione generale della retta
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali; prove strutturate e semistrutturate.
COMPETENZE TECNICO-PROFESSIONALI
Attività d’aula
Unità Formativa n. 3
Disciplina: Lingua Straniera Inglese
Durata in ore: 20
Disciplina: E.T.A.T.
Durata in ore: 30
Disciplina: Laboratorio dei servizi di
Ricevimento
Durata in ore: 60
Contenuti Formativi
Mod. 1 – serviced accomodation
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali.
Attività d’aula
Unità Formativa n. 4
Contenuti Formativi
Mod. 1 – Il reddito ed il patrimonio nelle imprese
Mod. 2 – La gestione economica
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali.
ATTIVITA’ DI LABORATORIO
Attività di laboratorio di
ricevimento
Unità Formativa n. 5
Contenuti Formativi
Mod. 1 – L’impresa turistica
Mod. 2 – Il fattore lavoro nelle imprese turistiche
Mod. 3 - Il turismo congressuale
Mod. 4 - La gestione del Front Office e del back Office
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali; attività pratica applicata.
c) Competenze acquisite
Unità
Formativa
Disciplina
U.F.C. 1
Lingua Italiana
U.F.C. 2
Matematica
U.F.C. 3
Lingua Straniera: Inglese
U.F.C. 4
E.T.A.T.
U.F.C. 5
Laboratorio dei servizi di
Ricevimento
Descrizione competenze acquisite
Comprendere, interpretare e produrre testi in modo
adeguato
Saper analizzare dati e risultati, rappresentarli
graficamente e interpretarli
Conoscere le varie tipologie di sistemazione alberghiera
e i servizi forniti al cliente;
Saper relazionare in lingua inglese
Comprendere, conoscere e rappresentare la struttura del
patrimonio e la determinazione del risultato economico
Saper ideare pacchetti turistici con itinerari che
valorizzino le località turistiche Nazionali ed
Internazionali
Livello
d) Ore effettivamente frequentate
FORMAZIONE D’AULA
Unità Formativa 1
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…20
Unità Formativa 2
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…20
Unità Formativa 3
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…20
Unità Formativa 4
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…30
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…90
TOTALE
ATTIVITA’ LABORATORIALI
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…60
Unità Formativa 5
e)
Crediti riconosciuti in riferimento alle competenze: n. ……ore di cui:
n. ……… ore da formazione d’aula
n. ……… ore da attività laboratoriali
I DOCENTI DI DISCIPLINA DEL PERCORSO FORMATIVO
IL CONSIGLIO DI CLASSE
Italiano_________________________________________
Matematica_____________________________________
Inglese_________________________________________
E.T.A.T._________________________________________
Laboratorio di Ricevimento_________________________
Molfetta, ______________________
INDICATORI PER I LIVELLI DI ACCERTAMENTO E CERTIFICAZIONE
DELLE COMPETENZE PROGRAMMATE
ECCELLENTE
La competenza programmata è manifestata in
modo positivo con
- Completa autonomia, originalità,
responsabilità
- Buona consapevolezza e padronanza delle
conoscenze e abilità connesse
- Buona integrazione dei diversi saperi
MEDIO
La competenza programmata è
manifestata in modo soddisfacente con
- Buona autonomia
- Discreta consapevolezza e padronanza
delle conoscenze e abilità connesse
- Parziale integrazione dei diversi saperi
ESSENZIALE
La competenza programmata è
dimostrata in forma essenziale con
- Relativa autonomia
- Basilare consapevolezza delle
conoscenze e abilità connesse
CERTIFICATO DELLE COMPETENZE DEL QUARTO ANNO
Avviso n. BA/15/2010
Azione 2) percorsi biennali di qualifica
(IV classi A.S. 2012/2013 e V classi A.S. 2013/2014)
ALUNNO ___________________________________CLASSE____SEZIONE________anno scolastico_________
Profilo Professionale di riferimento ADDETTO ALLA RISTORAZIONE ED AI PUBBLICI ESERCIZI
Percorso Formativo riconosciuto come crediti per attività laboratoriali nell’ambito del curricolo scolastico:
a) Durata complessiva del percorso in ore: 90 ore per attività d’aula e 60 ore per attività laboratoriale
b) Unità Formative Capitalizzabili (UFC):40 ore per competenze di base - 50 ore per competenze tecnico-professionali – 60 ore per attività laboratoriali.
COMPETENZE DI BASE
Unità Formativa n. 1
Attività d’aula
Disciplina: Lingua Italiana
Durata in ore: 20
Contenuti Formativi
Mod. 1 – L’Ottocento: il Romanzo tra Storia e Realtà
u.d. 1 – Il Romanticismo: le idee – la poetica – il Romanzo Storico
u.d. 2 – A. Manzoni: la formazione – la poetica – la biografia – “I Promessi Sposi”
Mod. 2 – La Scrittura
u.d. 1 – La Scrittura specialistica: il saggio breve
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali.
Unità Formativa n. 2
Attività d’aula
Disciplina: Matematica
Durata in ore: 20
Contenuti Formativi
Mod. 1 – I punti e i segmenti nel piano cartesiano
Mod. 2 – La retta e i sistemi lineari. Equazione generale della retta
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali; prove strutturate e semistrutturate.
COMPETENZE TECNICO-PROFESSIONALI
Unità Formativa n. 3
Attività d’aula
Disciplina: Lingua Straniera Inglese
Durata in ore: 20
Disciplina: E.G.A.R.
Durata in ore: 30
Disciplina: L.O.G.S.R.
Durata in ore: 30
Contenuti Formativi
Mod. 1 – Italian food, culture and traditions
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali.
Unità Formativa n. 4
Attività d’aula
Contenuti Formativi
Mod. 1 – Il reddito ed il patrimonio nelle imprese
Mod. 2 – La gestione economica
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali.
ATTIVITA’ DI LABORATORIO
Unità Formativa n. 5
Attività d’aula applicata in
laboratorio di cucina
Contenuti Formativi
Mod. 1 – Struttura e Progettazione della lista delle vivande
Mod. 2 – Dal menu tradizionale al menu programmato
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali; attività pratica applicata.
Unità Formativa n. 6
Attività d’aula applicata in
laboratorio di microbiologia e di
alimentazione
Disciplina: Alimenti e Alimentazione
Contenuti Formativi
Mod. 1 – Le caratteristiche chimiche dei macronutrienti, le loro funzioni ed il loro metabolismo.
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali; attività pratica applicata.
Durata in ore: 30
c) Competenze acquisite
Unità
Formativa
Disciplina
Descrizione competenze acquisite
U.F.C. 1
Lingua Italiana
U.F.C. 2
Matematica
U.F.C. 3
Lingua Straniera: Inglese
U.F.C. 4
E.G.A.R.
U.F.C. 5
L.O.G.S.R.
U.F.C. 6
Alimenti e Alimentazione
Livello
Comprendere, interpretare e produrre testi in modo
adeguato
Saper analizzare dati e risultati, rappresentarli
graficamente e interpretarli
Conoscere e saper descrivere in lingua straniera le
diverse strutture ristorative e ricettive
Comprendere, conoscere e rappresentare la struttura del
patrimonio e la determinazione del risultato economico
Saper applicare le regole tecniche per la stesura e
realizzazione del menu
Consapevolezza chimica e biologica dei macronutrienti
d) Ore effettivamente frequentate
FORMAZIONE D’AULA
Unità Formativa 1
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…20
Unità Formativa 2
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…20
Unità Formativa 3
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…20
Unità Formativa 4
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…30
TOTALE
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…90
ATTIVITA’ LABORATORIALI
Unità Formativa 5
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…30
Unità Formativa 6
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…30
TOTALE
e)
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…60
Crediti riconosciuti in riferimento alle competenze: n. ……ore di cui:
n. ……… ore da formazione d’aula
n. ……… ore da attività laboratoriali
I DOCENTI DI DISCIPLINA DEL PERCORSO FORMATIVO
IL CONSIGLIO DI CLASSE
Italiano_________________________________________
Matematica______________________________________
Inglese_________________________________________
Egar____________________________________________
Logsr___________________________________________
Alimenti e Alimentazione___________________________
Molfetta, ______________________
INDICATORI PER I LIVELLI DI ACCERTAMENTO E CERTIFICAZIONE
DELLE COMPETENZE PROGRAMMATE
ECCELLENTE
La competenza programmata è manifestata in
modo positivo con
- Completa autonomia, originalità,
responsabilità
- Buona consapevolezza e padronanza delle
conoscenze e abilità connesse
- Buona integrazione dei diversi saperi
MEDIO
La competenza programmata è manifestata
in modo soddisfacente con
- Buona autonomia
- Discreta consapevolezza e padronanza
delle conoscenze e abilità connesse
- Parziale integrazione dei diversi saperi
ESSENZIALE
La competenza programmata è
dimostrata in forma essenziale con
- Relativa autonomia
- Basilare consapevolezza delle
conoscenze e abilità connesse
CERTIFICATO DELLE COMPETENZE DEL QUINTO ANNO
Avviso n. BA/15/2010
Azione 2) percorsi biennali di qualifica
(IV classi A.S. 2011/2012 e V classi A.S. 2012/2013)
ALUNNO ___________________________________CLASSE____SEZIONE________anno scolastico_________
Profilo Professionale di riferimento ADDETTO ALLA RISTORAZIONE ED AI PUBBLICI ESERCIZI
Perc orso Formativo riconosciuto come crediti per attività laboratoriali nell’ambito del curricolo scolastico:
a) Durata complessiva del percorso in ore: 90 ore per attività d’aula e 60 ore per attività laboratoriale
b) Unità Formative Capitalizzabili (UFC):40 ore per competenze di base - 50 ore per competenze tecnico-professionali – 60 ore per attività laboratoriali.
COMPETENZE DI BASE
Unità Formativa n. 1
Attività d’aula
Disciplina: Lingua Italiana
Durata in ore: 25
Contenuti Formativi
Mod 1 – Luigi Pirandello
u.d. 1 – la formazione e gli esordi letterari -il Teatro- l’adesione al Fascismo- la fama internazionale;
u.d. 2 - le idee e la poetica: relativismo e umorismo
u.d. 3 - l’itinerario di uno scrittore sperimentale: lettura e analisi di passi scelti
Mod 2 – la Scrittura(trasversale)
u.d. 1 – l’analisi del testo letterario: il saggio breve
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali.
Unità Formativa n. 2
Attività d’aula
Disciplina: Matematica
Durata in ore: 25
Contenuti Formativi
Mod 1 - Le disequazioni lineari in due variabili(modulo trasversale: competenze grafiche)
Mod. 2 – La Ricerca Operativa e la Programmazione Lineare
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali; prove strutturate e semistrutturate.
COMPETENZE TECNICO-PROFESSIONALI
Unità Formativa n. 3
Attività d’aula
Disciplina: Lingua Straniera Inglese
Durata in ore: 20
Contenuti Formativi
Mod 1 (u.d. 6-7) – Food today .
Mod 2 –Menus and catering:specialized forms of catering-function catering.
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali.
Unità Formativa n. 4
Attività d’aula
Disciplina: E.G.A.R.
Durata in ore: 20
Disciplina: L.O.G.S.R.
Durata in ore: 30
Contenuti Formativi
Mod 1 - Le fonti di finanziamento;
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali; prova pratica
ATTIVITA’ DI LABORATORIO
Unità Formativa n. 5
Attività d’aula applicata in
laboratorio di cucina
Contenuti Formativi
Mod 1 – La gestione delle risorse umane;
Mod 2 – Il sistema cook and chill
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali; attività pratica applicata.
Unità Formativa n. 6
Attività d’aula applicata in
laboratorio di microbiologia e di
alimentazione
Disciplina: Alimenti e Alimentazione
Contenuti Formativi
Mod. 1 -conoscere le principali cause di contaminazione chimica e biologica degli alimenti
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali; attività pratica applicata.
Durata in ore: 30
c) Competenze acquisite
Unità
Formativa
Disciplina
Descrizione competenze acquisite
U.F.C. 1
Lingua Italiana
U.F.C. 2
Matematica
U.F.C. 3
Lingua Straniera: Inglese
U.F.C. 4
E.G.A.R.
U.F.C. 5
L.O.G.S.R.
U.F.C. 6
Alimenti e Alimentazione
Livello
comunicare, interpretare e dialogare in modo
adeguato sui temi ad ampio respiro
saper rappresentare graficamente l’andamento dei
costi e dei ricavi di un’azienda
conoscere la struttura di una ricetta gastronomica,
saperla trascrivere, saper relazionare
Comprendere, conoscere le diverse fonti di
finanziamento attraverso l’analisi della loro
convenienza economica ed alle esigenze aziendali
saper programmare i principali metodi di
programmazione per la produzione dei pasti
consapevolezza degli effetti del cibo contaminato
sulla salute
d) Ore effettivamente frequentate
FORMAZIONE D’AULA
Unità Formativa 1
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…25
Unità Formativa 2
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…25
Unità Formativa 3
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…20
Unità Formativa 4
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…20
TOTALE
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…90
ATTIVITA’ LABORATORIALI
Unità Formativa 5
Unità Formativa 6
TOTALE
e)
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…30
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…30
Ore di presenza effettive……….sul totale di ore erogate…60
Crediti riconosciuti in riferimento alle competenze: n. ……ore di cui:
n. ……… ore da formazione d’aula
n. ……… ore da attività laboratoriali
I DOCENTI DI DISCIPLINA DEL PERCORSO FORMATIVO
IL CONSIGLIO DI CLASSE
Italiano_________________________________________
Matematica______________________________________
Inglese_________________________________________
Egar____________________________________________
Logsr___________________________________________
Alimenti e Alimentazione___________________________
Molfetta, ______________________
INDICATORI PER I LIVELLI DI ACCERTAMENTO E CERTIFICAZIONE
DELLE COMPETENZE PROGRAMMATE
ECCELLENTE
La competenza programmata è manifestata in
modo positivo con
- Completa autonomia, originalità,
responsabilità
- Buona consapevolezza e padronanza delle
conoscenze e abilità connesse
- Buona integrazione dei diversi saperi
MEDIO
La competenza programmata è
manifestata in modo soddisfacente con
- Buona autonomia
- Discreta consapevolezza e padronanza
delle conoscenze e abilità connesse
- Parziale integrazione dei diversi saperi
ESSENZIALE
La competenza programmata è
dimostrata in forma essenziale con
- Relativa autonomia
- Basilare consapevolezza delle
conoscenze e abilità connesse
CERTIFICATO DELLE COMPETENZE DEL QUINTO ANNO
Avviso n. BA/15/2010
Azione 2) percorsi biennali di qualifica
(IV classi A.S. 2011/2012 e V classi A.S. 2012/2013)
ALUNNO ___________________________________CLASSE____SEZIONE________anno scolastico_________
Profilo Professionale di riferimento ADDETTO AL RICEVIMENTO
Percorso Formativo riconosciuto come crediti per attività laboratoriali nell’ambito del currico lo scolastico
:
a)Durata complessiva del percorso in ore: 90 ore per attività d’aula e 60 ore per attività laboratoriale
b)Unità Formative Capitalizzabili (UFC):40 ore per competenze di base - 50 ore per competenze tecnico-professionali – 60 ore per attività laboratoriali.
COMPETENZE DI BASE
Unità Formativa n. 1
Attività d’aula
Disciplina: Lingua Italiana
Durata in ore: 25
Contenuti Formativi
Mod 1 – Luigi Pirandello
u.d. 1 – la formazione e gli esordi letterari-il Teatro- l’adesione al Fascismo- la fama internazionale;
u.d. 2 - le idee e la poetica: relativismo e umorismo
u.d. 3 - l’itinerario di uno scrittore sperimentale: lettura e analisi di passi scelti
Mod 2 – la Scrittura(trasversale)
u.d. 1 – l’analisi del testo letterario: il saggio breve
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali.
Unità Formativa n. 2
Attività d’aula
Disciplina: Matematica
Durata in ore: 25
Contenuti Formativi
Mod 1 - Le disequazioni lineari in due variabili(modulo trasversale: competenze grafiche)
Mod. 2 – La Ricerca Operativa e la Programmazione Lineare
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali; prove strutturate e semistrutturate.
COMPETENZE TECNICO-PROFESSIONALI
Unità Formativa n. 3
Attività d’aula
Disciplina: Lingua Straniera Inglese
Durata in ore: 20
Disciplina: E.G.A.R.
Durata in ore: 20
Disciplina: Laboratorio dei servizi di
ricevimento.
Durata in ore: 60
Contenuti Formativi
Mod 1 - Self catering accommodation
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali.
Unità Formativa n. 4
Attività d’aula
Contenuti Formativi
Mod 1 – Le fonti di finanziamento;
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali; prova pratica
ATTIVITA’ DI LABORATORIO
Unità Formativa n. 5
Attività d’aula applicata in
laboratorio di ricevimento
Contenuti Formativi
Mod 1 –Il Marketing e la qualità totale nel settore turistico;
Mod 2 –La normative turistica;
Mod. 3 – La pianificazione nel settore turistico;
Mod. 4 – La gestione del Front Office e del Back Office.
Modalità di valutazione: verifiche scritte ed orali; attività pratica applicata.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
818 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content