close

Enter

Log in using OpenID

Al Sig. Sindaco del Comune di FAVIGNANA (TP) Al Responsabile

embedDownload
Al Sig. Sindaco del Comune di
FAVIGNANA (TP)
[email protected]
Al Responsabile Unico del Procedimento
Ing. Pietro Vella
Responsabile IV Settore Comune di
FAVIGNANA (TP)
[email protected]
Trasmessa solo via e-mail/PEC
E p.c.
All’Autorità Nazionale Anticorruzione
ROMA
[email protected]
Al Dipartimento Regionale Tecnico
PALERMO
Al Presidente del
Consiglio Nazionale Ingegneri
ROMA
Al Presidente del Centro Studi CNI
ROMA
Al Presidente dell’Ordine
degli Ingegneri della Provincia di
TRAPANI
Ai Presidenti degli
Ordini degli Ingegneri della Sicilia
LORO SEDI
Al Sig. Consigliere Nazionale CNI
Ing. Gaetano Fede
CATANIA
Prot. n. 127/14
Palermo, 22/11/2014
Oggetto: Bando di gara a procedura aperta per l’affidamento di servizi attinenti all'architettura e
all'ingegneria di importo inferiore a 100 mila euro. “Lavori per la riqualificazione
adeguamento e completamento dell'impianto di pubblica illuminazione delle isole di
Favignana Levanzo e Marettimo – CUP F68F13000120005.
Progettazione definitiva/esecutiva e Coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione.
CIG Z8F11534AC - Segnalazione di criticità e richiesta di revoca in autotutela.
Si fa seguito alla nota n. 2842 del 11/11/2014 da parte dell’Ordine degli Ingegneri della
provincia di Trapani, relativa al bando di gara per la procedura aperta indicata in oggetto, si prende
atto positivamente delle rettifiche apportate in data 11/11/2014 e relative rispettivamente al punto
III.1.3 del bando e alla categoria per la partecipazione.
Rimangono tuttavia assolutamente irrisolti gli elementi di criticità del bando già contestati
puntualmente dall’Ordine territoriale, che si ribadiscono con forza come irregolari, e che di seguito si
Consulta degli Ordini degli Ingegneri della Sicilia – Via Crispi, 120 – 90139 Palermo – tel. 091.581421/6112822 – Fax 091.6111492 – C.F.80027710823
www.consutaingegnerisicilia.it – e.mail: [email protected] – pec: [email protected]
riassumono, introducendo anzi un ulteriore elemento di incoerenza e contraddizione quando viene
arbitrariamente modificato, nel corpo dell’avviso, l’oggetto del bando di gara, divenuto “per la
progettazione preliminare, definitiva, esecutiva…” aggiungendo la fase “preliminare”, oggetto di
rilievo:
- II. 1.8) “Natura della prestazione”
per l’individuazione della natura e l’importo dei lavori non si fa riferimento al progetto
preliminare ma alle “risultanze del progetto di livello esecutivo approvato”, con una
contraddizione in termini evidente. Il maldestro tentativo di introdurre, con la citata rettifica, la
fase preliminare nell’oggetto dell’incarico rende ancora più eclatante la carenza del bando.
Pere evitare confusione occorre sottolineare che il “progetto di livello esecutivo” non può essere
approvato né esistente costituendo l’oggetto dell’incarico. Non può di conseguenza essere posto a
base della individuazione della esatta natura né tanto meno dell’importo della prestazione
richiesta.
Si rileva dunque l’assenza di riferimenti su cui verificare la congruità dell’onorario in aderenza
all’articolo 262 del DPR n.207/2010,
- III. 1.2 “Principali modalità di pagamento e/o di finanziamento”
manca qualsiasi indicazione relativa ad eventuali finanziamenti, già ottenuti e/o impegnati in
favore di codesto Comune, lasciando adito al dubbio che la clausola di subordinazione dei
pagamenti risulti in contrasto con l’art. 92 comma 1 del D.Lgs. 163/06;
- III. 2.2) “Requisiti di idoneità Professionale”
In ragione della affermata assenza di riferimento ad una fase preliminare che individuai
esattamente la natura dell’opera, risulta arbitraria l’attribuzione dei requisiti professionali ai sensi
del DPR n. 328/01 e seg. In tal senso è comunque possibile concludere, sulla base del semplice
enunciato del progetto “impianto di pubblica illuminazione”, come contemporaneamente errata la
esclusione degli ingegneri iuniores (sez. B) tout court, i cui eventuali limiti di competenza sono
semmai legati alla tipologia e potenza dell’impianto, e, per contro, la inclusione degli architetti, di
cui è invece espressamente esclusa la competenza per la progettazione di impianti che non siano
strettamente legati all’edilizia.
- III 2.3) “Requisiti di capacità tecnica professionale ed economica – finanziaria”
si richiede il fatturato globale di cui all’art. 263 comma 1 lettera a) del Regolamento, che, oltre ad
essere stimato in misura errata (per come evidenziato dall’Ordine di Trapani), non può essere
introdotto in assenza di una esplicitata congrua motivazione, ai sensi dell’art. 41 comma 2 del
D.Lgs 163/06;
- l’introduzione della PassOE costituisce un ingiustificato appesantimento della procedura,
trattandosi di bando di servizi con corrispettivo è inferiore a € 40.000, e rappresenta dunque una
illegittima limitazione ed una forma di preclusione della libera concorrenza;
- la dichiarazione da rendere ai sensi del protocollo di legalità Carlo Alberto Dalla Chiesa, allegata
al bando, non è attinente alla fase di progettazione ma riguarda la fase di direzione dei lavori;
- il disciplinare tipo per il conferimento dell’incarico fa riferimento a procedure espropriative per
acquisire la disponibilità delle aree che esulano dalle prestazioni elencate nell’elaborato
“determinazione dei corrispettivi”, prevede il lodo arbitrale già escluso nel bando e richiede da
parte del professionista la dichiarazione di avere preso visione di un “documento preliminare alla
progettazione/ progettazione del livello di cui all’art. 1”, come già rilevato in precedenza
inesistente o comunque indeterminato.
Alla luce delle considerazioni esposte e circostanziate, che evidenziano una assoluta
irregolarità nelle procedure di determinazione del corrispettivo, della individuazione dei requisiti
Consulta degli Ordini degli Ingegneri della Sicilia – Via Crispi, 120 – 90139 Palermo – tel. 091.581421/6112822 – Fax 091.6111492 – C.F.80027710823
www.consutaingegnerisicilia.it – e.mail: [email protected] – pec: [email protected]
professionali per l’accesso alla gara per affidamento dell’incarico, e le altre criticità sopra
individuate, per altro puntualmente segnalate dall’Ordine competente per territorio, si rassegnano le
superiori considerazioni nell’interesse dei professionisti concorrenti ma anche della stessa
amministrazione appaltante, per cui
SI CHIEDE
a codesta Amministrazione e al Responsabile unico del procedimento:
la revoca dell’avviso in parola, la pronta rettifica della procedura nel senso indicato e la riapertura dei
termini ancorché scaduti, previo annullamento degli atti presupposti e conseguenti;
SI DIFFIDA
codesta Amministrazione e il Responsabile del procedimento dal procedere all’affidamento dei
servizi tecnici de quo.
Con espressa riserva di agire nelle sedi opportune, ad adiuvandum dell’Ordine territorialmente
competente.
IL SEGRETARIO
Danilo Notarstefano
IL PRESIDENTE
Giuseppe Maria Margiotta
Firme autografe sostituite da indicazione a mezzo stampa,
ai sensi dell’art. 3, comma 2, D.Lgs., n° 39/93.
Consulta degli Ordini degli Ingegneri della Sicilia – Via Crispi, 120 – 90139 Palermo – tel. 091.581421/6112822 – Fax 091.6111492 – C.F.80027710823
www.consutaingegnerisicilia.it – e.mail: [email protected] – pec: [email protected]
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
127 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content