close

Enter

Log in using OpenID

cliccando qui - Rassegna Musikè

embedDownload
musik[è]
musica, teatro, danza
3^ edizione 2014
musik[è] musica, teatro, danza
Musica
Teatro
Danza
Musikè
Giovani
Ideazione e coordinamento
Alessandro Zattarin
Gruppo di lavoro
Mario Giovanni Ingrassia
Claudio Ronda
Gabriele Vianelli
Comunicazione
Roberto Fioretto
Supervisione
Alessandra Veronese
Progetto grafico
Metropolis ADV
Ufficio stampa
Studio Pierrepi
[è]
Musica
Teatro
Danza
1
Musikè
Giovani
2
Musica
12 maggio 2014 ore 21
3
19 maggio 2014 ore 21
Bagnoli di Sopra (PD), Teatro Goldoni
ESCLUSIVA NAZIONALE
LINA JOB WERTMÜLLER
Un’allegra fin de siècle
in recital
Musiche di Sergej Rachmaninov
Premiato con il Diapason d’or, il Preis der Deutschen Schallplattenkritik, il Danish Music Award e il
Grammy Award per la miglior esibizione corale (nel 2007 e nel 2014), l’Estonian Philharmonic
Chamber Choir propone ogni anno tra i 60 e i 70 concerti, divisi tra l’Estonia e l’estero, grazie a uno
straordinario repertorio che spazia dal canto gregoriano e barocco fino alla musica del ventunesimo
secolo, con speciale attenzione alle opere di compositori estoni (Arvo Pärt, Veljo Tormis, Erkki-Sven
Tüür, Galina Grigoryeva, Toivo Tulev, Tõnu Kõrvits, Helena Tulve). Fondato nel 1981 da Tõnu Kaljuste,
ha collaborato con orchestre e direttori di assoluto prestigio (Claudio Abbado, Neeme e Paavo Järvi,
Olari Elts, Andrew Lawrence-King, Roland Böer, Stephen Layton, Marc Minkowski, Christoph Poppen,
Sir Colin Davis). Si è esibito nelle sale più prestigiose (Sydney Opera House, Wiener Konzerthaus,
Amsterdam Concertgebouw, Lincoln Center di New York) ed è stato ospite dei più importanti festival, tra
cui il Festival di Salisburgo, il Festival di Aix-en-Provence, il Festival di Edimburgo, i BBC Proms, l’Hong
Kong Arts Festival, il Moscow Easter Festival, il Musikfest di Brema. La direzione del concerto rodigino è
affidata all’olandese Daniel Reuss, formatosi al Conservatorio di Rotterdam, che vanta pluripremiate
registrazioni con compagini corali come Cappella Amsterdam e il RIAS Kammerchor di Berlino, oltre che
con il Coro da Camera della Filarmonica Estone, di cui è direttore principale dal 2008.
Musica
16 maggio 2014 ore 21
Fontaniva (PD), Teatro Palladio
SIMONE SINGS NINA AND MORE
Simone voce
Hervé Samb chitarra
Reggie Washington basso
Sonny Troupé batteria
Ingresso a offerta libera.
Il ricavato sarà devoluto allo IOV – Istituto Oncologico Veneto di Padova
in memoria di Nina Simone
Simone è una cantante, autrice e compositrice e una sorprendente interprete: una somma di talenti
ereditati dalla madre, Nina Simone. Artista tra le più stimate di Broadway, Simone si è esibita sui
palcoscenici del Festival di Montreux, del Lincoln Center a New York, dell’Hollywood Bowl a Los Angeles.
Per l’interpretazione di Aida ha ricevuto il Premio dei teatri di Broadway come miglior attrice.
Dalla morte della madre (deceduta nel 2003 per un cancro al seno) Simone porta avanti una campagna
di sensibilizzazione per la prevenzione dei tumori. Un progetto di vita che diventa professione e missione.
Perché Simone sings Nina and more non è solo il concerto di una grande star: «Questo è il
mio omaggio a mia madre – spiega Simone – ed è un privilegio per me poter interpretare i brani che
amo, nel mio personale modo di sentire la sua musica. È il più importante progetto della mia vita».
Per questo progetto la cantante si è avvalsa della collaborazione di Bob Belden, produttore di Herbie
Hancock, Cassandra Wilson, Sting e Chick Corea. Il concerto è una reinterpretazione originale di classici
come Keeper of the Flame, Je n’ai rien, Feeling Good, Black Is the Color (of My True Love’s Hair), con
l’aggiunta di successi più recenti come Go to Hell e Love Me or Leave Me.
5
Teatro Musica
Rovigo, Tempio della Beata Vergine del Soccorso (La Rotonda)
CORO DA CAMERA DELLA FILARMONICA ESTONE
Daniel Reuss direttore
4
Testo di Lina Job Wertmüller
Musiche e canzoni di Italo “Lilli” Greco e Lucio Gregoretti
Lina Job Wertmüller voce recitante
Nicoletta Della Corte voce cantante
Francesco Bancalari pianoforte
Produzione Promo Music
Un viaggio attraverso il Novecento, secolo segnato da due guerre mondiali e da brutali dittature,
raccontato con il timbro dissacrante e incontenibile della grande regista Lina Job Wertmüller, qui
impegnata nel ruolo di attrice. Dall’amore cieco di Eva Braun per Hitler al crollo delle Torri Gemelle: un
recital non solo di parole, ma anche di musica, con canzoni nate da un’idea della Wertmüller, arrangiate
da Lucio Gregoretti e Italo “Lilli” Greco e interpretate da Nicoletta Della Corte con
l’accompagnamento di Francesco Bancalari al pianoforte. Un titolo che sa di can-can e giarrettiere,
ma che racconta tutt’altro. Un racconto irresistibilmente divertente, sebbene ripercorra gli eventi di un
secolo che di nefandezze ne ha fatte tante. Ma statene certi: è proprio un’allegra fin de siècle.
Musikè Giovani
31 maggio 2014 ore 21
Rovigo, Auditorium Venezze
SOFIA GARZOTTO
percussioni
con la partecipazione di Art Percussion Ensemble
(Arrigo Axia, Marco Buffetti, Carlo Tosato, Riccardo Nicolin)
Musiche di A. Masson, C. Deane, I. Xenakis, K. Abe
Sofia Garzotto è diplomanda in percussioni al Conservatorio di Padova. Ha iniziato l’attività
orchestrale con l’Orchestra del Conservatorio, suonando in Italia e in Austria. Nel 2011 ha frequentato
il corso di perfezionamento orchestrale tenuto dall’Istituto Internazionale di Attergau sotto il patrocinio
dell’Orchestra Filarmonica di Vienna. Dal 2010 fa parte della Civica Orchestra di Fiati di Padova. Nel
2011 ha vinto il Premio Speciale “Provincia di Udine”, mentre nel 2012 si è aggiudicata il secondo
premio al Concorso Internazionale per giovani strumentisti “Euritmia”. Nel 2013 ha vinto il primo premio
assoluto al Concorso Internazionale “Città di Treviso”, nella sezione Solisti. Ha seguito i seminari di Keiko
Abe a Losanna e a Tokyo.
Teatro Musica
4 giugno 2014 ore 21
Padova, MPX – Sala Petrarca
AMANDA SANDRELLI
Oscar e la dama in rosa
dal libro di Éric-Emmanuel Schmitt
con
Giovanni Mareggini flauto
Cesare Chiacchiaretta fisarmonica
Giampaolo Bandini chitarra
Federico Marchesano contrabbasso
Regia di Lorenzo Gioielli
Musiche di Giacomo Scaramuzza
(con un valzer di P.I. Tchaikovsky)
1 Coro da camera della
Filarmonica Estone
2 Simone
3 Lina Job Wertmüller
4 Sofia Garzotto
6
7
8
Ingresso a offerta libera.
Il ricavato sarà devoluto alla Casa del Bambino – Hospice Pediatrico di Padova
Da un piccolo capolavoro della letteratura un monologo di parole e musica. Amanda Sandrelli
interpreta Oscar, bambino malato terminale di leucemia che, grazie all’amicizia con Nonna Rosa, una
volontaria dell’ospedale in cui è ricoverato, rivive in dodici giorni i dodici anni della sua vita. Una favola
delicata e lucida, come solo i bambini sanno essere. Oscar vive ogni attimo della sua vita come fosse
l’ultimo: come tutti dovremmo fare. Con intensità, attenzione, amore, persino felicità. Amanda Sandrelli
parla con Dio attraverso Oscar, e parla di cose che appartengono a tutti: il confronto con la caducità
della vita, con la malattia, con la morte. I musicisti, personaggi della favola, segnano il passo alle parole,
spezzano la tensione, alzano il ritmo. E giocano, insieme a Oscar.
Éric-Emmanuel Schmitt, romanziere e drammaturgo francese, è il fortunato autore di Monsieur
Ibrahim e i fiori del Corano. Il romanzo Oscar e la dama in rosa è uscito in Italia dopo il clamoroso
successo in Francia e in Germania.
Teatro Musica
7 giugno 2014 ore 21
Cervarese Santa Croce (PD), Castello di San Martino della Vaneza
BENJAMIN BAGBY
Beowulf
«Il poema epico anglosassone Beowulf sopravvive in un unico manoscritto dell’inizio dell’XI secolo
conservato alla British Library di Londra. La storia affonda le sue radici nell’antica arte dei bardi, dei
menestrelli, dei cantastorie: una figura essenziale nella società tribale dell’Inghilterra dell’Alto Medioevo.
Il bardo avrebbe dunque raccontato la storia di Beowulf cantando e recitando, accompagnandosi con
un’arpa a sei corde, come sappiamo da resoconti dell’epoca e da strumenti sopravvissuti, di fronte a
un pubblico che conosceva perfettamente la storia; ma ogni bardo apportava le proprie varianti per
dare forma a un racconto unico, diverso da tutti gli altri. Un racconto che poteva durare anche cinque
o sei ore! Per rendere al meglio questo testo, ci siamo rivolti in più direzioni: una ricerca sul campo,
in luoghi dove la tradizione del cantastorie sopravvive intatta (spesso al di fuori dei confini europei);
la collaborazione con costruttori di strumenti che sulla base di preziose iconografie hanno riprodotto
arpe simili a quelle del VII secolo; infine, il colloquio con gli studiosi, per far rivivere le parole dell’antico
manoscritto mettendo in relazione più l’orecchio con lo spirito che l’occhio con il cervello. Ma l’impeto
principale dell’esecuzione viene dalla lingua stessa del poema: una lingua che ha un potere diretto,
magico e incantatorio, e che le traduzioni moderne possono rendere soltanto per approssimazione.»
Benjamin Bagby
Benjamin Bagby discende da un’etnia tedesca che emigrò una prima volta intorno all’anno 630 dallo
Jutland all’Inghilterra settentrionale per poi trasferirsi dopo un millennio in Virginia. Così, dopo 321 anni
di ulteriore peregrinazione della sua famiglia, Benjamin nasce sulle spiagge dei Great Lakes, e dodici
anni più tardi viene incantato da Beowulf. Nel 1974 si trasferisce in Europa e fonda, insieme a Barbara
Thornton, l’ensemble Sequentia, che ha avuto sede a Colonia, in Germania, per più di 25 anni. Oltre
all’attività di cantante, arpista e direttore di Sequentia, Bagby scrive di spettacolo e insegna in Europa
e Nord America. Attualmente è docente all’Università della Sorbona a Parigi, dove tiene un corso sulla
prassi esecutiva della musica medievale.
Musica
26 giugno 2014 ore 21
Rovigo, Chiostro degli Olivetani
PARK STICKNEY TRIO
The Lion, the Wolf and the Donkey
Park Stickney arpa
Dino Contenti contrabbasso
Gigi Biolcati batteria e percussioni
Park Stickney rappresenta lo sviluppo a 360 gradi dell’arpa classica. Con una forte propensione al
jazz, Stickney continua ad aprire nuovi orizzonti al suo affascinante strumento. Sempre in viaggio per
il mondo, si presenta con il suo nuovo trio e con un nuovo CD che dà il titolo al concerto: The Lion,
the Wolf and the Donkey.
Park Stickney ha suonato in tutti i festival di arpa del mondo, tra cui il German Harfentreffen e l’Edinburgh
5
6
7
8
9
10
Amanda Sandrelli
Benjamin Bagby
Park Stickney
Microband
Edoardo Passarotto
Ramin Bahrami
9
10
Harp Festival, e dal 1995 ogni anno partecipa all’International Harpfest. Ha suonato Wagner con i
Berliner Philharmoniker e ha tenuto concerti a New York, a Mosca, in Cisgiordania, Germania, Svizzera,
Sri Lanka, Hong Kong e Giappone. Ha collaborato a lungo con la flautista svizzera Regula Küffer, in un
progetto chiamato Mozart & More, che riunisce opere classiche e jazz in un contesto di improvvisazione.
Ha pubblicato 4 CD come solista: Overdressed Late Guy (1995), Action Harp Play Set (1999), Still Life
with Jazz Harp (2005) e Surprise Corner (2011). Harp Summit è il titolo di un CD realizzato in duo con
l’arpista Rüdiger Oppermann.
Teatro Musica
19 settembre 2014 ore 21
Castelmassa (RO), Teatro Cotogni
MICROBAND
Classica for Dummies
(Musica classica per scriteriati)
La Microband di Luca Domenicali e Danilo Maggio elabora sorprendenti interpretazioni delle
musiche più diverse, dove i violini sono suonati con archetti invisibili, le chitarre si trasformano per incanto
e i flauti compaiono dal nulla. Considerata una delle formazioni di maggior prestigio internazionale nel
campo della music comedy, è popolarissima in Svizzera e in Germania, ma molto amata anche dal
pubblico spagnolo, portoghese e giapponese. Forte di centinaia di repliche nei teatri e nei festival di
tutta Europa e di ben tre tournées in Giappone, Microband saccheggia il mondo delle sette note senza
distinzione di autori, di epoche, di stili: Beethoven e Rossini, Bach e Santana, Astor Piazzolla e Jethro Tull,
Trovajoli e Belafonte, Paolo Conte e Brahms, Julio Iglesias e Bob Dylan. Dopo aver vinto il primo premio
al Festival Internazionale di Lipsia, nel 2000 è stata invitata alla più prestigiosa vetrina internazionale di
teatro, il Festival di Edimburgo.
Musikè Giovani
21 settembre 2014 ore 18
Borgoricco (PD), Teatro Aldo Rossi
EDOARDO PASSAROTTO
pianoforte
Musiche di L. van Beethoven, F. Liszt, J. Brahms, A. Scriabin
Nato nel 1992, Edoardo Passarotto ha iniziato lo studio del pianoforte a 4 anni. Nel 2013 si è
diplomato al Conservatorio di Adria con il massimo dei voti e la lode sotto la guida di Monica Stellin.
Ha frequentato corsi di perfezionamento con Daniel Rivera, Andrea Lucchesini, Konstantin Bogino. È
stato premiato al concorso “Nuova Coppa Pianisti” (2011), al “Città di Treviso” (sezione Musica da
camera) e al Premio Internazionale di Musica “Gaetano Zinetti” (categoria Solisti). Nel 2012 ha suonato
per Radio Vaticana e ha partecipato alla prestigiosa “Aurora Masterclass” a Trollhättan, in Svezia, dove
si è esibito in duo con il grande cornista Michael Thompson. Prosegue attualmente gli studi presso la
Steinway Society di Verona sotto la guida di Federico Gianello.
Musikè Giovani
27 settembre 2014 ore 21
Rovigo, Teatro Sociale
TURKISH NATIONAL YOUTH PHILHARMONIC
Cem Mansur direttore
RAMIN BAHRAMI pianoforte
Musiche di L. van Beethoven, M. Musorgskij
Dopo il trionfo dell’anno scorso a Padova, il Teatro Sociale di Rovigo ospita il gradito ritorno dell’Orchestra
Giovanile Nazionale di Turchia, con un programma dedicato al Concerto n. 1 per pianoforte e orchestra
di Beethoven e alla versione orchestrale dei famosi Quadri di un’esposizione di Musorgskij. Fondata nel
2007 da Cem Mansur, la Turkish National Youth Philharmonic è formata da 80 musicisti di età
Musica
Teatro
Danza
Musikè
Giovani
11
12
13
compresa tra i 16 e i 22 anni. Sono parte integrante del lavoro orchestrale i seminari sulla musica come
forza sociale, tra cui il Laboratory of Democracy, che presenta il perfezionamento in orchestra come
metafora di coesistenza, rispetto e responsabilità. Per il progetto La musica che unisce l’orchestra ha
collaborato con giovani musicisti armeni formando la Turkish-Armenian Youth Orchestra, che ha tenuto
concerti a Istanbul e a Berlino. Oltre ad esibirsi in Turchia, l’orchestra intraprende ogni anno un tour
all’estero e ha suonato al Beethoven Festival di Bonn, all’Accademia di Santa Cecilia di Roma, al Palais
des Beaux Arts di Bruxelles, accompagnando solisti di fama come il pianista Murray Perahia, il violinista
Salvatore Accardo e la violoncellista Natalia Gutman.
tra cui Le Disgrazie d’Amore di Marc’Antonio Cesti, Gli Equivoci nel Sembiante di Alessandro Scarlatti,
l’intermezzo Mirena e Floro di Francesco Gasparini, l’oratorio Giuseppe Riconosciuto di Luigi Boccherini.
Con organici variabili, dal cameristico all’orchestra, l’ensemble si è distinto per l’originale impaginazione
dei programmi, esibendosi in Francia, Germania, Belgio, Croazia, Slovenia, Spagna, Israele, Russia,
Svezia, USA. Le produzioni discografiche e concertistiche del gruppo sono diffuse dalle maggiori
emittenti radiofoniche e televisive europee (Radio France, BBC) e italiane (RAI Radio 3, Radio Vaticana,
Radio Classica). Le registrazioni discografiche sono presenti nei cataloghi di Tactus, Bongiovanni, Agorà,
Symphonia. Oggi il gruppo incide in esclusiva per l’etichetta inglese Hyperion.
Ramin Bahrami è considerato uno dei più originali interpreti bachiani del nostro tempo. Nato a
Teheran, dopo la rivoluzione politica del suo Paese trova rifugio in Italia, dove può studiare pianoforte e
diplomarsi con Piero Rattalino al Conservatorio di Milano. Approfondisce gli studi all’Accademia Pianistica
di Imola e alla Hochschule für Musik di Stoccarda. Si perfeziona con Alexis Weissenberg, Charles Rosen,
András Schiff e in particolare con Rosalyn Tureck, l’artista che più di altri ha contribuito a far conoscere la
modernità dell’opera di Bach. Il primo debutto importante avviene nel 1998 al Teatro Bellini di Catania: il
successo è tale che la città etnea gli conferisce la cittadinanza onoraria. Da quel momento si susseguono
i concerti per le maggiori istituzioni musicali in Italia e all’estero. Bahrami si è esibito in importanti festival
pianistici tra cui il Festival de La Roque d’Anthéron, il Festival “Piano aux Jacobins” di Tolosa, il Tallin
Baroque Music Festival in Estonia e il Beijing Piano Festival in Cina. Nel 2008 ha suonato alla Wigmore
Hall di Londra e nel 2009 ha presentato L’Arte della Fuga di Bach al Festival Pianistico Internazionale
“Arturo Benedetti Michelangeli” di Brescia e Bergamo. Nel 2010 ha debuttato a Parigi con le Variazioni
Goldberg e ha poi riportato un grande successo con Riccardo Chailly alla Gewandhaus di Lipsia.
Il programma presentato per Musikè è immaginato come un pastiche (opera scritta a più mani da diversi
compositori) e si avvale della partecipazione della giovanissima Ewa Gubanska, vincitrice dell’edizione
2014 dell’Haendel Singing Competition di Londra.
Teatro Musica
5 ottobre 2014 ore 17
Lendinara (RO), Teatro Ballarin
DOSTO & YEVSKY
Rap-sodia
Musica
24 ottobre 2014 ore 21
Piove di Sacco (PD), Teatro Filarmonico
TERRE DI MEZZO
Danza Gialla
Emiliano Rodriguez sassofoni
Luciano Biondini fisarmonica
Roberto Bartoli contrabbasso
Ettore Fioravanti batteria
Terre di Mezzo è un gruppo formato da musicisti provenienti da esperienze eterogenee (jazz, classica,
etnica). La particolare identità musicale del gruppo deriva dalla fusione di diversi stili: una musica che
attraversa gli innumerevoli colori del Mediterraneo senza mai abbandonare le radici del jazz.
Regia di Pino Ferrara
Dal 1995 Terre di Mezzo ha partecipato a numerose rassegne e festival in Italia (Siena Jazz, Clusone
Jazz Festival, Time in Jazz, Crossroads, Concerti del Quirinale di RAI Radio3, Rossini Opera Festival,
Terni Jazz) e ha tenuto concerti in Austria, Belgio, Olanda, Inghilterra, Slovenia, Croazia, Libano, Tunisia,
Etiopia, riscuotendo ovunque calorosi consensi di critica e pubblico.
Nello stralunato e scoppiettante spettacolo della strana coppia formata da Dosto & Yevski, musica e
comicità si rincorrono grazie a un uso folle e funambolico dell’imprevedibile pianoforte di Dosto e del
pachidermico contrabbasso di Yevski. Mescolando l’opera e il tango, la classica e i ritmi africani, il samba
e le operette, il jazz e le canzonette, Rap-sodia si svolge tra gag e burle basate esclusivamente su
suoni e gesti e arricchite dalla presenza di Donna Olimpia, mezzosoprano che entra improvvisamente in
scena con numeri di irresistibile comicità.
Formazione dai confini volutamente elastici, Terre di Mezzo ha trovato nelle frequenti collaborazioni
con Gianluigi Trovesi un ideale ampliamento della propria ricerca, indirizzata verso la fusione degli stili
popolari con il linguaggio jazzistico. Il gruppo ha pubblicato i CD Terre di Mezzo (Philology) e Faro (Wide
Sound); l’ultimo CD Danza Gialla (Dodicilune) è stato selezionato dalla rivista specializzata Jazzit
come uno dei “Jazzit 100 Greatest Jazz Album” (Jazzit Awards 2012) ed è stato scelto come “disco
della settimana” da Fahrenheit, trasmissione radiofonica di RAI Radio3 (aprile 2013).
con Donna Olimpia
Dosto & Yevski hanno iniziato la loro attività nel 1991 e oggi hanno all’attivo numerose tournées
all’estero (Francia, Svizzera, Lussemburgo, Grecia, Spagna, Argentina, Uruguay, Perù, Corea). Il loro
primo disco, Concert Comique, è uscito nel 1995; nel 2005 è uscito il secondo album, intitolato
Musicomix, mentre nel 2006 è stato pubblicato il dvd dello spettacolo Allegro confuso. Si sono esibiti
al Ravello Festival e al Festival MITO/Settembre Musica e hanno partecipato a svariate trasmissioni
televisive e radiofoniche. Nel 2007 hanno fondato la Musicomix Orchestra e hanno vinto il premio
televisivo Bravo, grazie in onda su RAI Due.
Danza
31 ottobre 2014 ore 21
Rovigo, Teatro Sociale
Musica
7 ottobre 2014 ore 21
Cittadella (PD), Teatro Sociale
AUSER MUSICI
In equilibrio sopra la follia
Ewa Gubanska mezzosoprano
Carlo Ipata traversiere e direzione
Musiche di M.A. Cesti, A. Scarlatti, F. Gasparini, N. Jommelli, A. Vivaldi, G.F. Haendel
L’antico fiume pisano Auser è l’ideale punto di partenza del percorso di Auser Musici, ensemble che
dal 1997 esplora il composito mosaico musicale che fu l’Europa del XVI e XVII secolo. Sotto la direzione
di Carlo Ipata e con la collaborazione di solisti come Maria Grazia Schiavo, Antonio Abete, Furio
Zanasi, Elena Cecchi Fedi e Filippo Mineccia, l’ensemble ha realizzato una lunga serie di preziosi inediti,
ESCLUSIVA REGIONALE
Silvia Azzoni Étoiles e Solisti
HAMBURG BALLETT John Neumeier
NOCTURNES
Coreografia di John Neumeier
Musica di Frédéric Chopin
Michal Bialk pianoforte
Interpreti
1.
2.
3.
4.
5.
6.
Notturno in Si bemolle minore op. 9 n. 1 Tutti
Notturno in Do minore op. postuma n. 8 Silvia Azzoni
Notturno in Do minore op. 48 n. 1 Silvia Azzoni, Alexandre Ryabko
Notturno in La bemolle maggiore op. 32 n. 2 Leslie Heylmann, Alexandr Trusch
Notturno in Sol maggiore op. 37 n. 2 Carolina Agüero, Dario Franconi
Notturno in Mi maggiore op. 62 n. 2 Tutti
11
12
13
14
14
15
Dosto & Yevsky
Auser Musici
Terre di Mezzo
Silvia Azzoni
16
FRAGILE VESSELS
Finalista al Choreographic Competition “Prix Dom Pérignon 2001”
Coreografia di Jiri Bubenicek
Musica di Sergej Rachmaninov
(Adagio sostenuto dal Concerto n. 2 op. 18 per pianoforte e orchestra)
Interpreti Silvia Azzoni, Alexandre Ryabko, Alexandr Trusch
SYLVIA
Coreografia di John Neumeier
Musica di Léo Delibes
Interpreti Carolina Agüero, Dario Franconi
COPPELIA (passo a due)
Coreografia di Marius Petipa
Musica di Léo Delibes
Interpreti Leslie Heylmann, Alexandr Trusch
GUSTAV MAHLER, TERZA SINFONIA
(passo a due dall’ultimo movimento)
Coreografia di John Neumeier
Musica di Gustav Mahler
Interpreti Silvia Azzoni, Alexandre Ryabko
GRAN FINALE Coreografia di Sasha Riva
Musica di Leonard Bernstein (Fancy Free)
Interpreti Tutti
15
16
17
18
Giacomo Cardelli
Marco Saccardin
BalletBoyz®
Paolo Nani
17
18
canto rinascimentale e barocco con Marco Scavazza e, in particolare, lo studio del liuto, frequentando
i seminari d’interpretazione di Rolf Lislevand e Michele Pasotti. Attualmente frequenta il biennio di liuto
all’Istituto “Franco Vittadini” di Pavia sotto la guida di Massimo Lonardi.
Danza
23 novembre 2014 ore 17
Camposampiero (PD), Auditorium Comunale Andrea Ferrari
BALLETBOYZ®
The Talent
Andrea Carrucciu, Simone Donati, Flavien Esmieu, Marc Galvez, Adam Kirkham,
Edward Pearce, Leon Poulton, Matthew Rees, Matthew Sandiford, Bradley Waller
Michael Nunn & William Trevitt direzione artistica
British National Dance Award 2013 come miglior compagnia indipendente
FALLEN
Coreografia di Russell Maliphant
Luci di Michael Hulls
Musica di Armand Amar
British National Dance Award 2013 per la miglior coreografia contemporanea
Ingresso a offerta libera.
Il ricavato sarà devoluto all’Associazione Pianeta Handicap Onlus di Rovigo
NUOVA PRODUZIONE
Titolo in via di definizione
Prima nazionale
Tra le più emozionanti e sensibili ballerine del panorama internazionale, vincitrice del Prix Benois
(l’Oscar del balletto mondiale) per la sua Sirenetta, Silvia Azzoni, prima ballerina dell’Hamburg
Ballett John Neumeier, guida un prestigioso gruppo di stelle e solisti della grande compagnia
a cui appartiene, in uno spettacolo che mette in luce la versatilità, le qualità tecniche e soprattutto le
personalità che rendono leggendaria questa compagnia.
Michael Nunn e William Trevitt sono i pionieri dell’idea di “una danza per tutti”, in grado di raggiungere il
grande pubblico. Compagnia composta da dieci giovani talenti europei, i BalletBoyz® sono una delle
forze più originali nel panorama della modern dance. Unica compagnia inglese tutta al maschile, ha
raggiunto una vasta popolarità attraverso i documentari su Channel 4 (BalletBoyz I & II, Strictly Bolshoi,
The Royal Ballet in Cuba) e grazie all’innovativo BalletBoyz: The Rite of Spring per il canale BBC Three.
Accanto a Silvia Azzoni si esibiscono fuoriclasse di fama mondiale, per un programma che affianca
alcuni gioielli della produzione di John Neumeier a coreografie di giovani autori già impostisi
all’attenzione internazionale come Jiri Bubenicek. Lo spettacolo è impreziosito dall’esecuzione dal
vivo al pianoforte, da parte di Michal Bialk, dei brani di Chopin che compongono la coreografia di
Nocturnes.
Nata nel 2001, la compagnia ha ricevuto l’Olivier Award, due nominations al South Bank Show Award,
la Rose d’Or, l’International Emmy e il Golden Prague Grand Prix per i documentari televisivi. Si esibisce
regolarmente in Gran Bretagna e all’estero, con un repertorio di oltre 30 coreografie. La nuova creazione,
The Talent, si compone di due coreografie e segna una duplice novità: il ritorno di Russell Maliphant,
già in passato collaboratore della compagnia, e il debutto italiano di una nuova produzione dal titolo
ancora segreto.
Musikè Giovani
15 novembre 2014 ore 17
Teatro
Padova, Sala della Carità
9 dicembre 2014 ore 21
GIACOMO CARDELLI
violoncello
PRIMA REGIONALE
MARCO SACCARDIN
liuto
Musiche di J.S. Bach, P. Hindemith, Francesco da Milano, Marco dall’Aquila,
P.P. Borrono, V. Capirola, F. Spinacino
Neodiplomati al Conservatorio di Rovigo nel 2013, Giacomo Cardelli e Marco Saccardin
si dividono il programma eseguendo musiche tratte dal grande repertorio per violoncello solo e dal
repertorio per liuto, strumento arcano e suggestivo di cui l’interprete fornirà una breve guida all’ascolto.
Nato nel 1994, Giacomo Cardelli si è diplomato in violoncello con lode e menzione speciale nella
classe di Luca Simoncini. Ha seguito i seminari di Enrico Dindo, del Nuovo Quartetto Italiano e del Trio
Tchaikovsky. Vincitore del primo premio al Concorso “Agostini” (2007) e al Concorso per archi “Salieri”
(2011), ha vinto il “Premio Crescendo-Città di Firenze” (2011) e la borsa di studio per i migliori allievi
del Conservatorio di Rovigo nell’a.a. 2010-2011. Come solista e in formazione cameristica si è esibito a
Rovigo, Lucca, Padova, Monaco di Baviera, Ferrara (Teatro Comunale, stagione 2010) e Ravenna (Ravenna
Festival, stagione 2010). Dall’età di 12 anni suona regolarmente in orchestra e ha partecipato, tra l’altro, alla
registrazione della sigla del 65° Festival del Cinema di Venezia (2008) e al Concerto per Telethon (2008).
Nato nel 1990 a Rovigo, Marco Saccardin si è diplomato con lode e menzione speciale in chitarra
classica sotto la guida di Monica Paolini. Parallelamente agli studi di chitarra ha intrapreso lo studio del
Vigonza (PD), Teatro Quirino De Giorgio
PAOLO NANI
Piccole catastrofi
Ideazione di Nullo Facchini e Paolo Nani
Regia di Nullo Facchini
Si ricompone dopo vent’anni la coppia di creativi che ha dato alla luce La lettera, uno dei classici
internazionali del “teatro fisico”. Paolo Nani torna ad affrontare la sfida coraggiosa di raccontare una
storia da solo in scena, e senza parole. Si ripete la magia di un corpo snodato e bislacco e di una mimica
incredibilmente espressiva, che da soli riescono a riempire il palcoscenico.
A tutti sarà capitato di avere la sensazione che il mondo ce l’abbia con noi, ostacolandoci nei modi
più inattesi. Per esempio, quando la maniglia ti si stacca e cadi in una pozza di fango e in quel preciso
momento inizia a piovere… Paolo Nani, assistito dai gioiosi trucchi del teatro fisico, mette in scena
questa rivolta delle cose per denunciare la nostra limitatezza, ma anche il nostro piccolo eroismo
quotidiano. E quindi si ride, si ride tanto come in tutti i lavori di questo grande attore, ma si viene anche
presi dalla tenerezza per questo sfortunato compagno di (dis)avventure che cerca disperatamente di
incontrare la donna di cui è innamorato, e che per l’intero spettacolo viene ostacolato da tutto e da tutti.
Un crescendo di esilaranti sciagure: piccole, ma catastrofiche per il protagonista come per la piccola
vita di ognuno di noi.
Musica
Teatro
Danza
Musikè
Giovani
[ calendario
12 maggio ore 21
ROVIGO
Tempio della B.V. del Soccorso
(La Rotonda)
CORO DA CAMERA
DELLA FILARMONICA ESTONE
Daniel Reuss direttore
Musiche di Sergej Rachmaninov
16 maggio ore 21
FONTANIVA (PD)
Teatro Palladio
SIMONE
Simone sings Nina and more
OFFERTA LIBERA
BENEFICENZA allo IOV
in memoria di Nina Simone
19 maggio ore 21
BAGNOLI DI SOPRA (PD)
Teatro Goldoni
LINA WERTMÜLLER
Un’allegra fin de siècle
in recital
31 maggio ore 21
ROVIGO
Auditorium Venezze
Musikè Giovani
SOFIA GARZOTTO percussioni
con la partecipazione di Art Percussion Ensemble
Musiche di
A. Masson, C. Deane,
I. Xenakis, K. Abe
4 giugno ore 21
PADOVA
MPX – Sala Petrarca
AMANDA SANDRELLI
Oscar e la dama in rosa
dal libro di Éric-Emmanuel Schmitt
OFFERTA LIBERA
BENEFICENZA all’HOSPICE PEDIATRICO
di PADOVA
7 giugno ore 21
CERVARESE S. CROCE (PD)
Castello di San Martino della Vaneza
BENJAMIN BAGBY
Beowulf
26 giugno ore 21
ROVIGO
Chiostro degli Olivetani
PARK STICKNEY TRIO
The Lion, the Wolf and the Donkey
19 settembre ore 21
CASTELMASSA (RO)
Teatro Cotogni
MICROBAND
Classica for Dummies
(Musica classica per scriteriati)
21 settembre ore 18
BORGORICCO (PD)
Teatro Aldo Rossi
Musikè Giovani
24 ottobre ore 21
PIOVE DI SACCO (PD)
Teatro Filarmonico
TERRE DI MEZZO
Emiliano Rodriguez sassofoni
Luciano Biondini fisarmonica
Roberto Bartoli contrabbasso
Ettore Fioravanti batteria
31 ottobre ore 21
ROVIGO
Teatro Sociale
Silvia Azzoni Étoiles e Solisti
HAMBURG BALLETT
Coreografie di
J. Neumeier, J. Bubenicek
EDOARDO PASSAROTTO pianoforte
Musiche di F. Chopin,
S. Rachmaninov, L. Delibes
Musiche di L. van Beethoven,
F. Liszt, J. Brahms, A. Scriabin
OFFERTA LIBERA
BENEFICENZA a PIANETA HANDICAP ONLUS
di ROVIGO
27 settembre ore 21
ROVIGO
Teatro Sociale
Musikè Giovani
TURKISH NATIONAL
YOUTH PHILHARMONIC
Cem Mansur direttore
RAMIN BAHRAMI pianoforte
Musiche di
L. van Beethoven, M. Musorgskij
5 ottobre ore 17
LENDINARA (RO)
Teatro Ballarin
DOSTO & YEVSKY
Rap-sodia
7 ottobre ore 21
CITTADELLA (PD)
Teatro Sociale
AUSER MUSICI
In equilibrio sopra la follia
Ewa Gubanska mezzosoprano
Carlo Ipata traversiere e direzione
Musiche di
M.A. Cesti, A. Scarlatti,
F. Gasparini, N. Jommelli,
A. Vivaldi, G.F. Haendel
musik[è]
musica, teatro, danza
Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria su www.rassegnamusike.it
[email protected] - www.facebook.com/rassegnamusike - T. 345 7154654
15 novembre ore 17
PADOVA
Sala della Carità
Musikè Giovani
GIACOMO CARDELLI
violoncello
MARCO SACCARDIN
liuto
Musiche di
J.S. Bach, P. Hindemith,
F. da Milano, V. Capirola
23 novembre ore 17
CAMPOSAMPIERO (PD)
Auditorium Comunale Andrea Ferrari
BALLETBOYZ®
The Talent
9 dicembre ore 21
VIGONZA (PD)
Teatro Quirino De Giorgio
PAOLO NANI
Piccole catastrofi
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
2 296 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content