close

Enter

Log in using OpenID

Bas Notizie_04-2014.ai - Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo

embedDownload
Anno XXII - Aprile 2014 - N° 1 - Aut. Trib. Arezzo 16/92 - Direttore responsabile: Marco Maria Gulli
Pe r i o d i c o d i e c o n o m i a , f i n a n z a , c u l t u r a e d i n f o r m a z i o n e d e l l a B a n c a d i A n g h i a r i e S t i a
Giovani soci sempre più attivi!
pag 2. L’Editoriale del Presidente
pag 3. Accordo con la Fondazione Cassa di Risparmio di Città di Castello
pag 3. VII Torneo Banca di Anghiari e Stia
pag 4. Contributi alle aziende artigianali e commerciali di Sansepolcro
pag 5. Stabilimento Tipografico “La Pliniana”
pag 6. Sala dei Grandi gremita per “Insieme per lo sviluppo”
pag 7. Bando “Piccola Impresa”
pag 8. Carta Socio: EL.MA di Merendelli Andrea
L’Editoriale
del Presidente
BANCA DI ANGHIARI E STIA
Consiglio di
Amministrazione
Presidente:
Paolo Sestini
Vice Presidente:
Nilo Venturini
Consiglieri:
Giovanni Fornacini
Stefano Mannelli
Carla Masetti
Vasco Petruccioli
Stefano Rossi
Marco Salvi
Andrea Trapani
Collegio Sindacale
Presidente:
Massimo Meozzi
Sindaci effettivi:
Marina Cianfrani
Paolo Cenciarelli
Sindaci supplenti:
Andrea Cerini
Giuseppe Mauro Della Rina
Collegio dei Probiviri
Presidente:
Paolo Sanchini
Membri effettivi:
Andreina Donati Sarti
Marco Vagnoni
Membri supplenti:
Benito Carletti
Leonardo Giannini
Direzione
Direttore Generale:
Fabio Pecorari
Vice Direttore Generale:
Maurizio Del Barba
Dati costitutivi
Sede legale
e direzione generale:
ANGHIARI - Via Mazzini, 17
Tel. 0575 78761
Anno di Costituzione: 1999
Sportelli: 13
Negozi finanziari: 1
www.bancadianghiariestia.it
aggio è come di consueto il mese
dedicato all’assemblea dei soci.
Momento importante per la
nostra Banca che si appresta a compiere
110 anni di vita (lo farà il prossimo anno,
essendosi costituita nel 1905). Domenica
11 maggio alle ore 10.00, nella sede
oramai tradizionale del palazzetto dello
sport di Anghiari, i soci saranno chiamati
a riunirsi in assemblea ordinaria per
procedere con l’approvazione del bilancio
di esercizio 2013 e con il rinnovo degli
organi sociali. In scaletta anche una
parte straordinaria, nella quale gli stessi
soci saranno chiamati a deliberare la
riduzione
del
numero
degli
amministratori, mediante la modifica
dell’articolo 32 dello Statuto Sociale.
Nel corso dell’anno passato abbiamo
continuato a sostenere le imprese –
artigianali, commerciali e piccole
industrie – e le famiglie nel difficile
contesto economico che si è delineato,
distinguendoci in operazioni volte a
mantenere
l'occupazione
e
a
salvaguardare le aziende storiche e
solide del territorio di riferimento.
Questo comportamento, che si è rivelato
necessario e foriero di opportunità di
crescita, non è stato tuttavia indolore: il
Consiglio di Amministrazione ha
effettuato scelte basate sull’estrema
prudenza, tendenti a mantenere la
solidità dell’istituto di credito, con
comportamenti trasparenti nell'ottica
della continuità aziendale, apportando
consistenti svalutazioni al portafoglio
crediti ad andamento anomalo. In linea
con il difficile andamento dell’economia
locale, e mantenendo sempre la massima
attenzione verso le esigenze dei propri
soci e clienti, abbiamo archiviato
l'esercizio 2013 con una perdita netta
pari a 1.573.000 euro rispetto ai profitti
per 285 mila euro registrati nel corso del
2012. In assemblea verrà proposta la
copertura della perdita mediante
l'utilizzo delle riserve precedentemente
accantonate. I risultati dell'anno 2013
sono il riflesso di un contesto di mercato
difficile e l'attuazione da parte del
Consiglio di Amministrazione e della
M
2
dirigenza di una politica particolarmente
rigorosa e prudenziale nella valutazione
dei crediti.
Bisogna comunque sottolineare che la
gestione caratteristica della Banca ha
prodotto nel 2013 buoni risultati rispetto
all'esercizio precedente, con volumi
crescenti e aumento del numero di conti
correnti e clienti. I dati dei primi tre mesi
del 2014 vedono inoltre volumi in
crescita sia nel versante della raccolta
che degli impieghi. Prospettive
incoraggianti, quindi, nonché indice di
segnali positivi che stanno giungendo.
Ma il vero intervento in favore
dell’economia consiste nel non aver
cambiato la propria filosofia di base,
quella cioè di banca al servizio del
territorio, che da esso attinge e in esso
investe per venire incontro alle esigenze
di tutte le realtà economiche più
capillarizzate, quelle di piccole e medie
dimensioni ma di grande contributo allo
sviluppo del comprensorio in cui operano.
Pensiamo alle tante aziende agricole e
artigianali, tessuto portante del sistema
economico al quale la Banca sta cercando
di scongiurare lo sfilacciamento delle
proprie maglie in un periodo
storicamente difficile.
La
discussione
assembleare
è
programmata per la mattinata di
domenica,
con
prolungamento
pomeridiano per consentire a tutti i soci
della Banca di esprimere il proprio voto
per l’elezione degli organi sociali.
Pressoché invariato il programma della
giornata, aperto dalla Santa Messa di
commemorazione dei soci defunti nella
chiesa di Santo Stefano alla Stazione alle
ore 8.30. L’assemblea dei soci inizierà alle
10.00 e, nel corso della stessa, intorno alle
ore 15.00, si terrà la cerimonia di
premiazione e consegna delle borse di
studio agli studenti soci e figli di soci che
abbiano conseguito brillanti risultati
scolastici. Una giornata da sempre molto
partecipata e sentita, nella quale i soci si
ritrovano per tirare le somme sull’attività
dell’anno precedente, ma anche per stare
insieme e familiarizzare; in fondo, la
nostra Banca è anche questo.
La Banca di Anghiari e Stia
verso Città di Castello
spandere i propri confini e
diventare
punto
di
riferimento
importante
anche a Città di Castello. E’ uno
degli obiettivi che la Banca di
Anghiari e Stia Credito
Cooperativo ha previsto per
l’immediato futuro. Il progetto è
stato presentato dal Presidente
Paolo Sestini e dal Direttore
Generale Fabio Pecorari durante
la conferenza che si è svolta ad
inizio 2014 presso l’Hotel Tiferno
di Città di Castello. In seguito alla
situazione bancaria che si è venuta
a creare nella cittadina umbra
negli anni scorsi, cioè l’acquisizione
da parte di Intesa San Paolo della
Cassa di Risparmio di Città di
Castello e la conseguente
scomparsa di una banca del
territorio, un Comitato Promotore
(costituito in rappresentanza di un
ampio ventaglio di categorie sociali
del luogo) ha espresso la necessità
di poter contare su un Istituto in
grado di sostenere e di assecondare
le esigenze delle singole famiglie e
del settore imprenditoriale. Su
questo principio la Banca di
Anghiari e Stia ha costruito la sua
storia ed ha sviluppato la sua
E
crescita. La richiesta del comitato
tifernate si sposa in pieno con le
finalità del Credito Cooperativo ed
è diventata base di un concreto
piano d’azione.
Alla conferenza hanno partecipato
anche i coordinatori locali
dell’iniziativa Fabio Nisi e
Alessandro Bartoli che assieme al
Presidente Sestini ed al Direttore
Pecorari hanno illustrato le linee
guida del progetto. Obiettivo primo
è quello di calarsi nel modo
migliore all’interno della complessa
quanto ampia realtà tifernate. Il
punto di partenza è rappresentato
dalla solidità della nostra Banca e
dalla sua peculiarità di essere
prima di tutto banca del territorio.
Il Presidente Sestini, il Direttore
Pecorari e i rappresentanti del
Comitato Promotore hanno
espresso la volontà di “incentivare
lo sviluppo economico e sociale delle
comunità appartenenti alle aree
geograficamente contingenti di
operatività”. La Banca di Anghiari
e Stia Credito Cooperativo ha una
propria filiale nella città umbra dal
2001 e ritiene Città di Castello
“una zona particolarmente idonea
per numero e qualità della
potenziale clientela”. Obiettivo del
progetto è di conseguenza “favorire
lo sviluppo e la crescita sia in
termini di raccolta che di impieghi”.
Nella conferenza di presentazione
del progetto è stato ribadito che
“un’impresa cooperativa ha una
responsabilità sociale e quindi deve
sostenere le necessità finanziarie
delle famiglie e delle piccole e
medie imprese, con facilitazione
dell’accesso al credito delle fasce
più deboli”.
La Banca di Anghiari e Stia conta
oltre 5500 soci e 1200 di questi
sonocittadini dell’Alto Tevere
Umbro (e di questi 400 circa
appartengono al comune di Città
di Castello). Essere soci di una
Banca di Credito Cooperativo
significa partecipare attivamente
alla vita della Cooperativa
condividendone i valori e le finalità.
La volontà è quella di raddoppiare
il numero dei soci tifernati.
Tenendo conto che il bacino di
Città di Castello supera i 40000
abitanti
l’obiettivo
pare
assolutamente realistico.
VIII Trofeo
Banca di Anghiari e Stia
Stefano Panichi, Direttore della Succursale di Pistrino, ha
presenziato al VIII Trofeo Banca di Anghiari e Stia svoltosi
domenica 9 febbraio 2014 presso il Bocciodromo di Pistrino.
Al Torneo di bocce hanno partecipato circa 900 iscritti di tutte le
categorie dalla serie A alla serie C. Durante la manifestazione sono
intervenuti tra gli altri il Sindaco del Comune di Citerna Giuliana
Falaschi, il presidente della Bocciofila di Pistrino Paolo Franceschini
ed un esponente della Federazione Regionale.
La manifestazione ha avuto una rilevanza a livello nazionale ed ha
riscosso un importante successo, nella cornice di pubblico e nella
qualità dei partecipanti.
VIII Trofeo Banca di Anghiari e Stia
3
Contributi alle aziende artigianali
e commerciali di Sansepolcro
a Banca di Anghiari e Stia
ha aderito assieme ad altri
Istituti di Credito alla
creazione di un fondo vincolato
alla concessione di contributi
economici in conto interessi in
favore delle locali aziende artigianali e commerciali che sono
esposte in modo particolare alla
crisi finanziaria ed economica in
atto. Il bando è stato presentato
al termine del 2013 presso il
Palazzo delle Laudi del Comune
di Sansepolcro. Alla conferenza
erano presenti il sindaco di Sansepolcro
Daniela
Frullani,
l’assessore al bilancio del
Comune di Sansepolcro Lidia
Dini, l’assessore alle attività
produttive del Comune di Sansepolcro Chiara Andreini, i rappresentati delle categorie economiche di Confcommercio, Confindustria, Confesercenti, Confartigianato e Cna e quelli degli
Istituti di Credito che hanno
aderito al progetto. A rappresentare la Banca di Anghiari e Stia
il responsabile dell’Area Affari
Daniele Cavalli.
L’iniziativa ha la finalità di
trasformare in un’azione concreta la richiesta arrivata direttamente dalle categorie economiche nel corso di un’iniziativa
denominata “Dalla Protesta alla
Proposta” e mette a disposizione
30mila euro in tre anni (10mila
all’anno) in conto interessi per
45 prestiti fino a 10mila euro ad
impresa. L’obbiettivo è quello di
agevolare l’accesso al credito
contando di attivare una liquidità pari a 450mila euro per
rispondere a bisogni immediati
delle imprese quali rifornimenti,
scorte ed investimenti. Il
Comune pagherà quindi il 50%
L
del tasso applicato sui finanziamenti dagli istituti di credito
aderenti all’iniziativa per la
durata massima di un triennio.
Le domande dovevano essere
presentate direttamente alle
banche aderenti entro il 28
febbraio 2014.
I risultati del bando per la nostra
Banca vengono illustrati da
Daniele Cavalli. “L’iniziativa
prevedeva l’attivazione da parte
del Comune di Sansepolcro di un
fondo destinato alla concessione
di contributi economici in conto
interessi in favore delle aziende
artigianali e commerciali locali,
dato il particolare momento di
crisi congiunturale in corso. In
particolare, l’intervento comunale ha assegnato alle aziende
beneficiarie il diritto di acquisire
dal Comune di Sansepolcro un
contributo economico in conto
interessi che viene stabilito nella
misura del 50% del tasso applicato sui finanziamenti dagli
istituti di credito (che hanno
applicato un tasso annuo fisso
pari al 5,00%) aderenti alla Convenzione, per la durata massima
di un triennio.
L’iniziativa ha prodotto i seguenti risultati: 14 richieste, tutte
accolte, per un controvalore
totale di euro 136.000,00. Ma al
di là dei sintetici dati numerici la
Convenzione ha dato la possibilità di rilevare che:
esiste la possibilità di
concrete sinergie fra istituti di
credito ed enti pubblici che possono attivare positive iniziative finalizzate a dare sostegno al tessuto
economico locale (nei limiti delle
rispettive disponibilità).
i richiedenti appartengono ai più diversi settori
4
Daniele Cavalli
Responsabile Area Affari della Banca
(commercio al dettaglio, artigiani, imprese di costruzione,
imprese di servizi ecc.) e anche
con diversificazione delle dimensioni aziendali individuali a
dimostrazione che le difficoltà
del momento sono trasversali a
tutti i settori economici.
pur in un contesto di crisi
congiunturale ormai conclamata
e perdurante, la nostra imprenditoria locale (soprattutto quella
medio-piccola) si dimostra molto
prudente e quindi pienamente
consapevole nell’affrontare decisioni di indebitamento anche in
presenza di agevolazioni pubbliche come quella qui in commento.
Auspichiamo che le volontà
sintetizzate nell’iniziativa in
commento non restino isolate ma
che possano costituire esempio
oggetto di emulazione nel prossimo futuro da parte anche di altri
protagonisti della vita economica
ed istituzionale del nostro territorio”.
Stabilimento Tipografico “Pliniana”:
100 anni di attività
l 12 aprile si sono chiusi i
festeggiamenti del Centenario
di attività un’azienda socia
della
nostra
Banca,
lo
Stabilimento
Tipografico
“Pliniana”, situato in Viale
Francesco Nardi 12 a Selci, nel
comune di San Giustino (PG).
La tipografia fondata nel 1913 da
Don Ruggero Fiordelli come
succursale della tifernate
“Leonardo da Vinci” porta nel
nome il ricordo dell’ antico
patronus di Tifernum Tiberinum:
Caio Plinio Cecilio Secondo (I
sec.), proprietario in loco della
Villa in Tuscis, descritta
dettagliatamente in una lettera
all’amico Apuleio.
“La Pliniana ha attraversato
tutto il Novecento tra momenti
floridi e momenti di ristrettezza –
ha spiegato il Presidente Giorgio
Zangarelli – ed è vissuta e
sopravvissuta a 2 conflitti
mondiali. Nei suoi locali via via
ampliati sono transitate diverse
generazioni e tutte le tecnologie
tipografiche. Fin’ora la catena
umana delle conoscenze e delle
esperienze non si è mai interrotta
da Proto a Proto da Direttore a
Direttore. Naturalmente come
tutte le aziende anche la nostra è
stata governata da diverse
proprietà. Noi, come Stabilimento
Tipografico Piniana Società
cooperativa, ci siamo costituiti l’11
novembre 1989 e siamo subentrati
alla uscente Società l’11 gennaio
1990. La società ultima a cui
siamo subentrati era denominata
Gestisa SRL il cui Socio di
maggioranza era il Commendator
Silvio Nardi. A lui va il più sentito
ringraziamento
per
la
considerazione che ha avuto nei
nostri confronti. Ed ora che siamo
arrivati a cento anni grazie ad una
catena umana che non si è mai
interrotta (penso che forse siamo
I
Il museo della Pliniana
l’unica tipografia in Umbria ad
aver raggiunto questo traguardo)
ci impegneremo, con il contributo
di tutti, per far proseguire il
cammino attraverso le nuove
generazioni a questa piccola ma
importante realtà sita proprio nel
centro di Selci Umbro”.
La Pliniana ha sempre ricercato il
rigore formale e l’eleganza della
sua stampa motivo per cui è
divenuta collaboratrice di
numerose Università, Accademie
e prestigiose Case Editrici.
Puntuale
nell’innovazione
tecnologica, la Pliniana ha
conservato con grande cura
strumentazioni,
macchinari,
caratteri tipografici (anche greci e
cirillici), cliché d’epoca: un
patrimonio ricco ed affascinante,
utile a comprendere la bellezza e
la complessità della produzione
del “manufatto” libro, un bene da
valorizzare non solo per la lettura
ma per la complessità dei saperi
(economico, storico, artistico), che
testimonia e riassume. Il museo è
ubicato
all’interno
dello
Stabilimento
Tipografico
“Pliniana”. Al suo interno vengono
conservate tutte le strumentazioni
e i macchinari d'epoca, quali:
caratteri in piombo in casse,
modello francese in lingua Greca,
5
Lituana, Cirillica, segni per la
composizione
di
formule
algebriche e chimiche, clichet in
zinco sia al tratto che a retino,
alcuni dei quali raffiguranti
piantine di intere città. Inoltre
sono esposti, in perfetto stato di
conservazione e di funzionamento,
una tastiera Monotype, una
fonditrice
Monotype,
una
Linotype con relativo corredo di
matrici e strumenti di precisione
per la misurazione dei caratteri
(Micrometro), una macchina da
stampa tipografica Mussano &
Sisto, una perforatrice con cui si
allestivano i bollettini postali, un
tagliafili di ottone e un tirabozze.
Marcello, Giorgio, Bruno, Sergio
Mario e Giuseppe che hanno stampato
a piombo per noi
Sala dei Grandi gremita per
“Insieme per lo sviluppo”
ltre 160 presenze nella mattinata di sabato 25 gennaio
presso la Sala dei Grandi
del Palazzo della Provincia di
Arezzo per la presentazione dei
progetti “Insieme per lo sviluppo”
e “Piccola Impresa”, promossi dal
Comitato Giovani Soci della
nostra Banca. Grande la partecipazione da parte di aziende e associazioni di categoria.
Il Direttore Generale Fabio
Pecorari ha ringraziato pubblicamente il Comitato Giovani
Soci per le importanti iniziative
portate avanti a poco più di un
anno dalla sua costituzione ed
ha sottolineato ancora una
volta il pieno appoggio della
Banca al progetto “Insieme per
lo sviluppo”.
Il Rappresentante del Comitato
Giovani Soci Alessandro Marconi
e Marco Sarrini, membro del
Consiglio
Direttivo,
hanno
illustrato il progetto nei dettagli,
con particolare riferimento al
portale che serve da aggregatore
per tutte le aziende socie che
vogliono usufruire di tutte le
agevolazioni proposte. Le aziende ammesse al progetto vengono
inserite nel suddetto portale web
collegato a quello della Banca,
O
I relatori dell'incontro del 25 gennaio
nel quale possono
esporre i propri dati,
disporre di visibilità e
diffondere gli sconti,
le promozioni e le
agevolazioni offerte.
A ogni azienda e
professionista è dedicato uno specifico
spazio all'interno del
sito web, secondo un
rigido rispetto del
criterio di uguaglianza nella visibilità.
Collaborazione,
cooperazione, mutualità, approccio solidale e valorizzazione del
territorio, dunque, i valori su cui
si fondano questo progetto che
già raccoglie il consenso di numerosi professionisti e aziende che
possono così contare sulla visibilità offerta, una fitta rete di
servizi e l'appoggio della Banca
di Anghiari e Stia.
Sono inoltre intervenuti il Presidente della Camera di Commercio di Arezzo Andrea Sereni,
l’Assessore
alla
formazione,
lavoro e pari opportunità della
Provincia di Arezzo Carla
Borghesi e la Responsabile di
Fidi Toscana Giovani Laura
Innocenti, esprimendo parole di
encomio nei confronti
dei progetti. A seguire
gli interventi di giovani soci della nostra
Banca – Andrea Dini
di Anghiari e Alessandro Bardelli di
Cortona, che hanno
raccontato le proprie
esperienze di start-up
rese possibili anche
grazie
all’appoggio
della Banca e di Fidi
Toscana.
«Il progetto “Insieme
La Sala dei Grandi al completo
per lo sviluppo” – ha dichiarato il
Rappresentante del Comitato
Alessandro Marconi – è un
network, un circuito virtuoso, che
coinvolge Banca, soci, imprese e
professionisti. Un ambiente dove,
attraverso la cooperazione, sarà
possibile creare opportunità lavorative, contribuendo a far crescere le imprese del territorio ed
aumentare il ventaglio di offerte,
servizi, professionalità e competenze fra tutti coloro che aderiranno, siano essi persone fisiche
o imprese. Il progetto “Piccola
Impresa” invece offre la possibilità di trasformare in realtà i sogni
imprenditoriali di chi ha una
buona idea ma non ha la forza
economica per realizzarla. Un
bando specifico al quale gli aspiranti imprenditori possono accedere, affinché idee innovative e di
interesse per il territorio abbiano
la possibilità di nascere, crescere
e trasformarsi in opportunità. Il
tutto avendo a disposizione i
ragazzi del comitato come tutor
che li accompagneranno, qualora
ce ne fosse bisogno, nella predisposizione dei progetti. Invitiamo
tutti gli interessati ad approfondire
i
dettagli
sul
sito
http://giovanisoci.bccas.it».
“Piccola impresa”: un aiuto concreto
per i giovani imprenditori
a Banca di Anghiari e Stia
conferma il suo ruolo a
fianco dei giovani. Con
fatti concreti e non solo a parole.
A ribadire l’impegno il bando
per il progetto “Piccola Impresa”, redatto per valorizzare i
giovani che intendono creare
aziende. Indipendentemente dal
settore di appartenenza o
dall'attività esercitata, con lo
scopo di favorire lo sviluppo
delle imprese locali e la attrattività del territorio per insediamenti di nuove imprese perché
facciano da volano per una
rinnovata crescita dell'imprenditorialità locale. Il Bando “Piccola impresa” ha la finalità di
facilitare l’ingresso dei giovani
nel mondo dell'imprenditoria
valorizzando la creatività e la
potenzialità dei vari progetti.
I giovani devono fare i conti con
le difficoltà di accesso al credito
e con un clima di generale sfiducia che non consente di coltivare
un progetto, anche a causa della
diffidenza che spesso viene
mostrata verso chi non ha i
mezzi. Se a questo uniamo la
disoccupazione giovanile ecco
che il bando della Banca di
Anghiari e Stia lancia il segnale
di una inversione di tendenza,
portando sostegno a chi non ha
un lavoro e vuole realizzare la
propria idea imprenditoriale.
Valorizzare i giovani, sostenendo e stimolando le loro idee, i
loro progetti e le loro capacità e
mettendo a loro disposizione le
esperienze, le competenze, e le
risorse necessarie, significa
perseguire il fine primario che il
nostro Istituto si propone:
mutualità e radicamento sul
territorio.
L
Finalità dell’iniziativa è offrire
l'opportunità di creare la
propria impresa, partendo dalla
valutazione e dallo studio di
fattibilità del progetto, al fine di
stimolare l’imprenditorialità.
Con l’intento di accompagnare i
partecipanti al bando, grazie
all’aiuto di tutor a titolo gratuito
scelti all’interno del comitato
giovani soci della Banca, per
scoprire i punti di debolezza e
per valorizzare i punti di forza
del progetto, offrendo consulenze, competenze di supporto e
finanziamenti
a
condizioni
agevolate.
Possono partecipare, indipendentemente dal settore economico di appartenenza:
- Imprese costituite nei 6 mesi
antecedenti l’uscita del bando
con sede legale, direzione,
stabilimenti o altre unità
operative o sede attività nel
territorio di competenza.
- Aspiranti imprenditori con
residenza o sede attività nel
territorio di competenza.
Gli
aspiranti
imprenditori
devono costituire ditte individuali il cui titolare socio abbia
fino a 39 anni, o società in cui la
maggioranza dei soci, o dei
membri del CDA, rientrino nello
stesso limite di età. In caso di
aziende neo costituite, valgono i
medesimi requisiti.
Al progetto più meritevole sarà
assegnato un finanziamento di €
10.000,00 con queste caratteristiche:
- Durata: 36 mesi
- Durata di preammortamento:
6 mesi
- Tasso di interesse: zero
- Spese e commissioni: zero
L'invio delle candidature deve
7
essere effettuato, utilizzando
l'apposita scheda di proposta di
candidatura, entro e non oltre le
ore 12.00 del 30 settembre 2014,
esclusivamente:
- tramite raccomandata con
ricevuta di ritorno, al seguente indirizzo: Segreteria Generale della Banca di Anghiari
e Stia C.C. - Via Mazzini 17 52031 Anghiari AR;
- a mano tramite una delle
filiali del Credito Cooperativo;
- tramite
FAX
al
n.
0575789889
- tramite PEC all'indirizzo
[email protected]
La domanda deve contenere:
- breve relazione sul progetto
contenente ogni informazione utile per la valutazione.
- dichiarazione sostitutiva resa
ai
sensi
del
D.P.R.
28.12.2000 n. 445, che attesti
data di nascita, il possesso
della cittadinanza italiana e
l'assenza di contestazioni di
tipo fiscale.
- il form contenente il progetto
di impresa. In esso vanno
indicati la tipologia di attività, il mercato di riferimento, i
fattori
di
successo,
l’ammontare e la tipologia
degli investimenti necessari
e tutta la documentazione ad
esso inerente.
La Commissione di Valutazione,
determinerà l’idoneità dei vari
progetti d’impresa attraverso
un colloquio e l’esame dei documenti presentati redigendo una
graduatoria.
I risultati del saranno pubblicati sul sito del Comitato Giovani
Soci: http://giovanisoci.bccas.it
Mostra la tua Carta Socio
a EL.MA di Maccarelli Andrea
Via Ospedalicchio, 9 - Selci (PG)
e avrai il 40% di sconto
sui macchinari in pronta consegna!
dalla tua banca
EL.MA
Periodico di economia,
finanza, cultura ed informazione
della Banca di Anghiari e Stia
Via G. Mazzini, 17 52031 Anghiari (Ar)
Direttore
Paolo Sestini
VENDITA
ASSISTENZA
RICAMBI
Direttore responsabile
Marco Maria Gulli
Redattore
Daniele Gigli
Progetto grafico ed Impaginazione
STUDIO DELTA Sansepolcro (Ar)
Stampa
Grafiche Borgo s.r.l.
Iscrizione al Tribunale di Arezzo N° 16/92
Anno XXII - Aprile 2014 - numero 1
IP Cleaning spa
IDROPULITRICI
SPAZZATRICI
LAVAPAVIMENTI
ASPIRATORI
MACCHINE PER PULIZIA
A V V E R T E N Z E
BAS Notizie è stato inviato ai soci della
Banca di Anghiari e Stia raggruppando
le varie componenti familiari; chi
desiderasse riceverne copia ad un diverso
indirizzo, potrà richiederla alla redazione
del notiziario al nr. telefonico
0575/787609 o via mail all’indirizzo
[email protected]
Per informazioni Tel. 0575/787609
[email protected]
8
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 479 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content