close

Enter

Log in using OpenID

Bozza 020 Bonifici _2014.07.01_

embedDownload
Foglio Informativo
BONIFICI ESTERI
INFORMAZIONI SULLA BANCA
BANCA TERCAS S.p.a. società per azioni con socio unico
Sede legale in Teramo, Corso San Giorgio n.36, Capitale Sociale € 230.000.000,00, Cod.Fiscale/P.IVA 00075100677, iscrizione nel Registro delle Imprese di
Teramo al n. 00075100677, società facente parte del Gruppo Creditizio Banca Popolare di Bari, iscritto al n. 5424.7 dell’Albo dei Gruppi Creditizi, e soggetta
all’attività di direzione e coordinamento della Banca Popolare di Bari SCpA.
La Banca è iscritta all’Albo delle Banche presso la Banca d’Italia al n.5174 (ABI 6060.8), è autorizzata per le operazioni valutarie e in cambi ed è aderente al
Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e al Fondo Nazionale di Garanzia.
Tel: 0861.3251 - Fax: 0861.243195 - Sito web: www.tercas.it - Info: [email protected]
CHE COS’ È IL BONIFICO
E’ un Servizio di Pagamento con cui un Cliente Pagatore esegue un’Operazione di Pagamento per trasferire una somma di denaro ad un
altro soggetto beneficiario tramite un Prestatore di Servizi di Pagamento.
Per «bonifico SEPA (SCT)» si intende un’operazione di pagamento elaborata elettronicamente disposta dal pagatore oppure dal
beneficiario, o per il suo tramite, quando la Banca del pagatore e la Banca del beneficiario sono situati in un paese
appartenente all’area SEPA e aderiscono alla convenzione Sepa Credit Transfer (SCT).
Per consentire l’esecuzione del «bonifico SEPA» il Cliente deve fornire alla Banca le coordinate IBAN (International Bank Account Number)
del beneficiario.
La Banca è aderente al SEPA Credit Transfer (SCT) e, pertanto, si avvale del canale SEPA per la trasmissione e la ricezione dei Bonifici. Tale
canale è utilizzabile dal Cliente a condizione che il Prestatore di Servizi di Pagamento del soggetto beneficiario dell’Operazione di
Pagamento aderisca al SEPA Credit Transfer Scheme. Il SEPA Credit Transfer (SCT) può essere utilizzato per effettuare Operazioni di
Pagamento singole e di massa (bulk payments) di qualunque importo.
Per «bonifico transfrontaliero» si intende un’operazione di pagamento elaborata elettronicamente disposta dal pagatore oppure dal
beneficiario, o per il suo tramite, quando la Banca del pagatore e la Banca del beneficiario sono situati in due diversi Stati
membri dell’Unione Europea (UE).
I bonifici transfrontalieri disposti in euro sono equiparati, sotto il profilo dei costi e delle commissioni applicate, a quelli dei “corrispondenti”
bonifici SEPA.
Per consentire l’esecuzione del «bonifico transfrontaliero» il Cliente deve fornire alla Banca le coordinate IBAN (International Bank Account
Number) del beneficiario comprensivo del codice BIC (Bank Identification Code) della banca destinataria.
Principali rischi (generici e specifici)
Tra i principali rischi, vanno tenuti presenti:
variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (commissioni e spese del servizio), ove contrattualmente previsto;
rischio di tasso di cambio per disposizioni da effettuarsi in valuta estera.
CONDIZIONI ECONOMICHE
Avvertenze
Le commissioni, i diritti e le spese sotto riportati sono indicati nella misura massima, sono validi sino a nuovo avviso e non tengono conto di
eventuali spese aggiuntive sostenute e/o reclamate da terzi, le quali saranno recuperate integralmente a parte.
BONIFICI IN PARTENZA
TASSI, SPESE E COMMISSIONI
BONIFICI IN PARTENZA - AREA UE/SEE
BONIFICI IN EURO:
“SEPA (SCT)”
“TRANSFRONTALIERO”
Commissione per singolo bonifico
- on-line stessa banca
€ 4,50
- on-line altra banca
€ 4,50
- sportello stessa banca
€ 4,50
- sportello altra banca
€ 4,50
- sportello in contanti
Spese sostenute per il recupero dei fondi trasferiti in base ad un codice IBAN non corretto
Spese per revoca tardiva di ordini di pagamento
FOGLIO INFORMATIVO - BONIFICI ESTERI
€ 15,00
(1)
€ 11,00
€ 10,00
Pagina 1 di 8
SCHEDA N. 02 – 01/12/2014
Spese per la comunicazione di rifiuto legittimo dell’esecuzione di ordini di pagamento
€ 1,00
Penale coordinate errate
€ 5,00
BONIFICI TRANSFRONTALIERI IN DIVISA SEK (CORONA SVEDESE) o in RON (Leu Rumeno)
Commissione per singolo bonifico
- on-line stessa banca
€ 4,50
- on-line altra banca
€ 4,50
- sportello stessa banca
€ 4,50
- sportello altra banca
€ 4,50
- sportello in contanti
€ 15,00
Commissioni di intervento
0,15% (min € 3,50)
Spese sostenute per il recupero dei fondi trasferiti in base ad un codice IBAN non corretto
(1)
€ 11,00
Spese per revoca tardiva di ordini di pagamento
€ 10,00
Spese per la comunicazione di rifiuto legittimo dell’esecuzione di ordini di pagamento
€ 1,00
Commissioni addizionali per disposizioni in divise estere non presenti sul listino della Banca
0,4 ‰ (min. €uro 10,00)
Tasso di cambio
valutario nel durante
Penale coordinate errate
(2)
€ 5,00
BONIFICI TRANSFRONTALIERI IN DIVISA UE/SEE DIVERSA DA EURO E DA SEK (CORONA SVEDESE) o in RON (Leu
Rumeno)
Commissioni di intervento
0,15% (min € 3,50)
Spese trasferimento a mezzo Swift o Rete
€ 15,49
Spese sostenute per il recupero dei fondi trasferiti in base ad un codice IBAN non corretto
(1)
Spese per revoca tardiva di ordini di pagamento
€ 11,00
€ 10,00
Spese per la comunicazione di rifiuto legittimo dell’esecuzione di ordini di pagamento
€ 1,00
Commissioni addizionali per disposizioni in divise estere non presenti sul listino della Banca
0,4 ‰ (min. €uro 10,00)
Tasso di cambio
valutario nel durante
(2)
BONIFICI IN DIVISA DIVERSA DA UE/SEE
Commissioni di intervento
0,15% (min € 3,50)
Spese trasferimento a mezzo Swift o Rete
€ 15,49
Spese sostenute per il recupero dei fondi trasferiti in base ad un codice IBAN non corretto
(1)
€ 11,00
Spese per revoca tardiva di ordini di pagamento
€ 10,00
Spese per la comunicazione di rifiuto legittimo dell’esecuzione di ordini di pagamento
€ 1,00
Commissioni addizionali per disposizioni in divise estere non presenti sul listino della Banca
0,4 ‰ (min. €uro 10,00)
Tasso di cambio
valutario nel durante
(2)
BONIFICI IN PARTENZA - AREA EXTRA UE/SEE
BONIFICI IN QUALSIASI DIVISA
Commissioni di intervento
0,15% (min € 3,50)
Spese trasferimento a mezzo Swift o Rete
€ 15,49
Spese sostenute per il recupero dei fondi trasferiti in base ad un codice IBAN non corretto
(1)
€ 11,00
Spese per revoca tardiva di ordini di pagamento
€ 10,00
Spese per la comunicazione di rifiuto legittimo dell’esecuzione di ordini di pagamento
€ 1,00
Commissioni addizionali per disposizioni in divise estere non presenti sul listino della Banca
Tasso di cambio
0,4 ‰ (min. €uro 10,00)
valutario nel durante
(2)
AVVERTENZA
Nelle disposizioni di pagamento estere il cliente ordinante è tenuto a fornire esplicite istruzioni (opzioni tariffarie) circa l’addebito
delle spese e commissioni secondo lo schema seguente:

Spese e commissioni ripartite: ciascun cliente sopporta unicamente le spese della propria Banca – clausola SHARE

Spese e commissioni interamente a carico dell’ordinante (franco spese per il beneficiario) – clausola OUR

Spese e commissioni interamente a carico del beneficiario (franco spese per l’ordinante) – clausola BEN
In mancanza di tali precisazioni, e in ogni caso per i bonifici rientranti nella normativa PSD, tutte le competenze relative al
bonifico saranno applicate con la clausola SHARE.
In caso di disposizione ordinata con clausola tariffaria OUR (spese a carico ordinante), saranno recuperate immediatamente le spese della
corrispondente estera nella misura dello 0,15% sull'importo del bonifico min. euro 20 e max euro 150, salvo conguaglio per maggiori oneri richiesti
dalla banca estera
Il bonifico si intende accettato se non viene espressamente rifiutato entro due giorni lavorativi bancari successivi alla data di ricezione.
FOGLIO INFORMATIVO - BONIFICI ESTERI
Pagina 2 di 8
SCHEDA N. 02 – 01/12/2014
VALUTE
BONIFICI IN PARTENZA - AREA UE/SEE
BONIFICI IN EURO:
“SEPA (SCT)”
“TRANSFRONTALIERO”
BONIFICI TRANSFRONTALIERI IN DIVISA UE/SEE DIVERSA DA EURO
Valuta di addebito sul conto dell'ordinante
- per bonifici allo sportello
Data di accredito alla banca del beneficiario
(data regolamento interbancario del bonifico)
- per bonifici on-line
data di ricezione dell'ordine
ovvero data convenuta con l’ordinante per l’esecuzione
dell’ordine
2 giornate operative successive alla data di ricezione
dell'ordine ovvero alla data convenuta con l’ordinante per
l’esecuzione dell’ordine
1 giornata operativa successiva alla data di ricezione
dell'ordine ovvero alla data convenuta con l’ordinante per
l’esecuzione dell’ordine
2 giornate operative solo per bonifici effettuati verso
controparti bancarie svizzere
BONIFICI IN DIVISA DIVERSA DA UE/SEE
Valuta di addebito sul conto dell'ordinante
data di esecuzione dell’operazione
Data di accredito alla banca del beneficiario (data regolamento interbancario del bonifico)
data regolamento forex
(3)
BONIFICI IN PARTENZA - AREA EXTRA UE/SEE
BONIFICI IN QUALSIASI DIVISA
Valuta di addebito sul conto dell'ordinante
data di esecuzione dell’operazione
Data di accredito alla banca del beneficiario (data regolamento interbancario del bonifico)
data regolamento forex
(3)
BONIFICI IN ARRIVO
TASSI, SPESE E COMMISSIONI
BONIFICI IN ARRIVO - AREA UE/SEE
BONIFICI IN EURO:
“SEPA (SCT)”
“TRANSFRONTALIERO”
Commissione per singolo bonifico
€ 1,00
BONIFICI TRANSFRONTALIERI IN DIVISA SEK (CORONA SVEDESE) o in RON (Leu Rumeno)
Commissione per singolo bonifico
€ 1,00
Commissioni di intervento
0,15% (min € 3,50)
Tasso di cambio
valutario nel durante
(2)
BONIFICI TRANSFRONTALIERI IN DIVISA UE/SEE DIVERSA DA EURO E DA SEK (CORONA SVEDESE) o in RON (Leu
Rumeno)
Diritto fisso:
€ 5,50
Commissioni di intervento
0,15% (min € 3,50)
Tasso di cambio
valutario nel durante
(2)
BONIFICI IN DIVISA DIVERSA DA UE/SEE
Diritto fisso:
€ 5,50
Commissioni di intervento
0,15% (min € 3,50)
Tasso di cambio
FOGLIO INFORMATIVO - BONIFICI ESTERI
valutario nel durante
Pagina 3 di 8
(2)
SCHEDA N. 02 – 01/12/2014
BONIFICI IN ARRIVO - AREA EXTRA UE/SEE
BONIFICI IN QUALSIASI DIVISA
Diritto fisso:
€ 5,50
Commissioni di intervento
0,15% (min € 3,50)
Tasso di cambio
valutario nel durante
(2)
VALUTE
BONIFICI IN ARRIVO - AREA UE/SEE
BONIFICI IN EURO:
“SEPA (SCT)”
“TRANSFRONTALIERO”
BONIFICI TRANSFRONTALIERI IN DIVISA UE/SEE DIVERSA DA EURO
Valuta di accredito sul conto del beneficiario stessa divisa
data di ricezione dei fondi da parte della Banca
Valuta di accredito sul conto del beneficiario altra divisa
data regolamento forex
(3)
BONIFICI IN DIVISA DIVERSA DA UE/SEE
1 giorno lavorativo bancario successivo alla data valuta
riconosciuta alla banca o dalladata di ricezione del
bonifico se pervenuto con valuta antergata
Valuta di accredito sul conto del beneficiario stessa divisa
Valuta di accredito sul conto del beneficiario altra divisa
data regolamento forex
(3)
BONIFICI IN ARRIVO - AREA EXTRA UE/SEE
BONIFICI IN DIVISA diversa da divisa PSD
1 giorno lavorativo bancario successivo alla data valuta
riconosciuta alla banca o dalladata di ricezione del
bonifico se pervenuto con valuta antergata
Valuta di accredito sul conto del beneficiario stessa divisa
Valuta di accredito sul conto del beneficiario altra divisa
data regolamento forex
(3)
BONIFICI IN DIVISA PSD
Valuta di accredito sul conto del beneficiario stessa divisa
data di ricezione dei fondi da parte della banca
Valuta di accredito sul conto del beneficiario altra divisa
data regolamento forex
(3)
NOTE
(1)
Se il Cliente ha fornito un codice IBAN inesatto, la Banca non è responsabile per la mancata esecuzione o per l’esecuzione inesatta
dell’Operazione di Pagamento. Tuttavia, in tale caso, la Banca si adopera - per quanto ragionevolmente possibile - per recuperare i fondi
trasferiti in modo inesatto.
(2)
Per le operazioni in cambi viene adottata come base di riferimento la quotazione del valutario nel durante secondo la libera contrattazione sul
mercato (cfr. L. 12/08/1993 n. 312). Il cliente ha diritto di conoscere, su richiesta ed in via preventiva, il cambio applicato all’operazione.
(3)
Data operazione + giorni lavorativi determinati secondo il calendario internazionale Forex.
RECESSO E RECLAMI
Recesso
Il Cliente ha sempre la facoltà di recedere dal Servizio di Pagamento senza penalità e spese di chiusura.
La Banca si riserva la facoltà di recedere dal Servizio dandone preavviso al Cliente con almeno due mesi di anticipo rispetto alla data di
chiusura del servizio stesso. Il predetto termine di preavviso non si applica ai Clienti che non rivestono la qualifica di Consumatore o di
Microimpresa secondo le definizioni di cui alla Legenda, per i quali hanno valenza le singole pattuizioni contenute nel contratto di conto
corrente da questi sottoscritto.
Termini per l’esercizio di facoltà o per l’adempimento di obblighi
La Banca può modificare unilateralmente, qualora sussista un giustificato motivo, le condizioni economiche e/o contrattuali relative al
rapporto. In particolare, la Banca comunica espressamente al Cliente in forma scritta (o mediante altro supporto durevole preventivamente
accettato dal Cliente) qualunque modifica unilaterale delle condizioni economiche e/o contrattuali con preavviso minimo di due mesi di
anticipo rispetto alla data di applicazione della variazione. Sino a quest’ultima data, il Cliente ha diritto di recedere dal rapporto senza
penalità e spese di chiusura e di ottenere, in sede di liquidazione del rapporto, l’applicazione delle condizioni precedentemente praticate.
Decorso il suddetto termine di due mesi senza che il Cliente abbia comunicato alla Banca che non intende accettare le nuove condizioni, la
modifica si intenderà accettata e sarà quindi applicata.
FOGLIO INFORMATIVO - BONIFICI ESTERI
Pagina 4 di 8
SCHEDA N. 02 – 01/12/2014
Reclami e condizioni di procedibilità della domanda giudiziale
I reclami vanno inviati a Ufficio Compliance - Funzione Gestione Reclami - Banca Tercas Direzione Generale Corso San
Giorgio, 36 - 64100 Teramo, che deve rispondere entro 30 giorni dal ricevimento.
Se il cliente non è soddisfatto o non ha ricevuto risposta entro i 30 giorni, può rivolgersi a:
Arbitro Bancario Finanziario (ABF). Per sapere come rivolgersi all’Arbitro si può consultare il sito www.arbitrobancariofinanziario.it,
chiedere presso le Filiali della Banca d'Italia, oppure chiedere alla Banca. La Guida all’ABF è disponibile sul sito della Banca
www.tercas.it e presso tutte le filiali.
Ombudsman-Giurì Bancario. Il Cliente può rivolgersi all’Ombudsman-Giurì Bancario, seguendo le procedure indicate nell’apposito
Regolamento il cui testo è a disposizione sul sito www.conciliatorebancario.it e presso tutte le filiali.
Conciliatore Bancario Finanziario. Per sapere come rivolgersi al Conciliatore Bancario Finanziario si può consultare il sito
www.conciliatorebancario.it.
Ai sensi della vigente normativa in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali ex D. Lgs 4
marzo 2010, n. 28, il Cliente, prima di esercitare in giudizio un’azione relativa ad una controversia in materia di contratti bancari e finanziari,
è tenuto preliminarmente, con assistenza di un avvocato, ad esperire il procedimento di mediazione, ovvero il procedimento di conciliazione
previsto dal decreto legislativo 8 ottobre 2007, n.179, ovvero il procedimento istituito in attuazione dell’art. 128-bis del testo unico delle
leggi in materia bancaria e creditizia di cui al D. Lgs 1° settembre 1993, n. 385.
LEGENDA
Tasso di cambio
(fonte di riferimento)
Valuta / Divisa estera
Data Valuta
Data Disponibilità
Giornata Operativa
Data di ricezione dell’ordine
Data di esecuzione
dell'ordine
Cambio
Negoziazione divisa
IBAN
Indica la fonte di riferimento del tasso di cambio (ad esempio, listino cambi presso la filiale).
Moneta diversa da quella del Paese della Banca negoziatrice (ad esempio: dollari USA).
Indica la data di riferimento utilizzata dalla Banca per il calcolo degli interessi sui fondi addebitati o
accreditati su un Conto di Pagamento.
Indica la data a partire dalla quale il Cliente può utilizzare le somme accreditate sul suo conto.
Indica qualsiasi giorno feriale in cui gli sportelli della Banca o, se del caso della filiale interessata, sono
regolarmente aperti e forniscono servizi alla clientela per l’intero orario lavorativo.
Giornata operativa nella quale l’ordine di pagamento si considera ricevuto dalla Banca perché
pervenuto entro l’orario limite (cut-off) prestabilito.
Data del regolamento interbancario del bonifico. In altri termini, è la data in cui avviene il passaggio
dei fondi dalla banca dell’ordinante alla banca del beneficiario.
Prezzo della moneta di un Paese espresso in termini di un altro Paese.
Trasformazione di una moneta nella moneta di un altro Paese.
Sono le coordinate bancarie europee del cliente, costituite da codici di riferimento per individuare
correttamente ciascun correntista bancario in qualsiasi Paese dell'Unione Europea e della SEPA (Single
Euro Payments Area – Area Unica dei Pagamenti in Euro); il loro corretto utilizzo, oltre che
indispensabile per l’applicazione della normativa comunitaria e degli Accordi Interbancari, consente la
maggiore efficienza e tempestività nell’esecuzione del bonifico.
I codici che costituiscono le coordinate bancarie europee sono i seguenti:
1. due caratteri alfabetici individuano il Paese ove è tenuto il conto (CP =codice Paese)
2. due caratteri numerici di controllo (CD=Check Digit) che consentono il controllo di esattezza
dell’intero IBAN
3. un carattere alfabetico (CIN)
4. il codice ABI della Banca, composto da cinque caratteri numerici
5. il CAB (Codice di Avviamento Bancario) anch’esso costituito da cinque caratteri numerici,
individua lo sportello presso cui è acceso il conto
6. il numero di conto composto da dodici caratteri alfanumerici; se il numero di conto è di
lunghezza inferiore si deve procedere all’allineamento a destra riempiendo i caratteri vuoti a
sinistra con “zero”
ESEMPIO: per un correntista della Banca Popolare di Bari sulla Filiale di Bari Sede il cod. IBAN
sarà:
IT
99
M
05424
04010
000000123456
CP
BIC
Consumatore
Microimpresa
Bonifico transfrontaliero
Bonifico SEPA (SCT)
UE
CD
CIN
ABI
CAB
CONTO
Codice identificativo internazionale delle Banche: deve essere fornito alla banca dell’ordinante
unitamente al codice IBAN; il codice BIC di Banca Tercas è: TERCIT3T
Indica la persona fisica che agisce per fini che non rientrano nell’attività imprenditoriale, commerciale,
artigianale o professionale eventualmente svolta come definito dall’articolo 3, comma 1 lettera a) del
D.Lgs., 6 settembre 2005, 206 (Codice del Consumo) o da qualsiasi altra disposizione che dovesse di
tempo in tempo modificare o integrare tale articolo.
Indica l’impresa che presenta i requisiti tempo per tempo individuati con decreto del Ministro
dell’economia e delle finanze in attuazione alle misure adottate dalla Commissione europea ai sensi
dell’art. 84, lettera b) della direttiva 2007/64/CE.
Operazione di pagamento elaborata elettronicamente disposta dal pagatore oppure dal beneficiario, o
per il suo tramite, quando la Banca del pagatore e la Banca del beneficiario sono situati in due diversi
Stati membri dell’Unione Europea (UE).
Operazione di pagamento elaborata elettronicamente disposta dal pagatore oppure dal beneficiario, o
per il suo tramite, quando la Banca del pagatore e la Banca del beneficiario sono situati in un paese
appartenente all’area SEPA e aderiscono alla convenzione Sepa Credit Transfer (SCT).
Unione Europea. Fanno parte di quest'area i seguenti paesi con relative valute nazionali.
STATI MEMBRI dell'UNIONE EUROPEA - 17 paesi
Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda,
FOGLIO INFORMATIVO - BONIFICI ESTERI
Pagina 5 di 8
SCHEDA N. 02 – 01/12/2014
SEE
EFTA
SEPA
Sepa Credit Transfer (SCT)
DIVISE PSD
Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito,
Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.
TERRITORI D'OLTREMARE DEGLI STATI MEMBRI DELL'UNIONE EUROPEA - 10 paesi
Territori francesi d'oltremare (Guadeloupe, Martinique, Guyana Francese, Reunion), Isole Azzorre,
Madera, Isole Canarie, Ceuta, Melilla e Gibilterra.
Economic European Area (Spazio Economio Europeo). Fanno parte di quest'area i seguenti paesi con
relative valute nazionali - 3 paesi: Norvegia, Islanda, Liechtenstein.
European Free Trade Association: Norvegia, Islanda, Liechtenstein, Svizzera.
SEPA è un area nella quale i consumatori, le imprese, e gli altri operatori economici,
indipendentemente dalla loro ubicazione, possono effettuare e ricevere pagamenti in euro all'interno
di un singolo paese o al di fuori dei confini nazionali, alle stesse condizioni di base e con gli stessi
diritti e doveri. In pratica all'interno di tale area, tutti i pagamenti in Euro diventano 'domestici',
venendo meno la distinzione con i pagamenti nazionali.
Fanno parte della Single Euro Payments Area 32 Paesi:
- i 17 paesi dell'Ue che già hanno adottato l'euro: Austria, Belgio, Cipro, Francia, Estonia, Finlandia,
Grecia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Malta, Olanda, Portogallo, Slovacchia, Slovenia e
Spagna;
- i restanti 10 paesi dell'Ue: Gran Bretagna, Svezia, Danimarca, Repubblica Ceca, Lituania, Lettonia,
Ungheria, Polonia, Romania, e Bulgaria;
- la Norvegia, l'slanda e il Liechtenstein che fanno parte dell'European Economic Area;
- Svizzera e Principato di Monaco.
La Banca è aderente al Sepa Credit Transfer (SCT) e, pertanto, si avvale anche del canale SEPA per la
trasmissione e la ricezione dei Bonifici. Tale canale è utilizzabile dal Cliente a condizione che il
Prestatore di Servizi di Pagamento del soggetto beneficiario dell’Operazione di Pagamento aderisca al
Sepa Credit Transfer Scheme. Il Sepa Credit Transfer (SCT) può essere utilizzato per effettuare
Operazioni di Pagamento singole e di massa (bulk payments) di qualunque importo.
Divise rientranti nell'ambito di applicazione della normativa PSD.
DIVISE DELL'UNIONE EUROPEA (UE)
Euro, BGL (Bulgaria) , DKK (Danimarca), LVL (Lettonia), LTL (Lituania), PLN (Polonia), GBP (Regno
Unito), CZK (Repubblica Ceca), RON (Romania), SEK (Svezia), Huf (Ungheria).
DIVISE DEI PAESI DELLO SPAZIO ECONOMICO EUROPEO EEA (SEE)
ISK (Islanda), CHF (Svizzera), NOK (Norvegia).
IN CASO DI OFFERTA FUORI SEDE
Da compilare a cura dei “Promotori Finanziari”, del personale di “Società convenzionate” e del personale del “nostro
Istituto”, solo in caso di offerta fuori dai locali della società di appartenenza.
DATI DELLA SOCIETÀ CONVENZIONATA
(compresi gli estremi dell’iscrizione in Albi o Elenchi)
NOME E COGNOME, INDIRIZZO, TELEFONO, E-MAIL DEL SOGGETTO INCARICATO CHE CONSEGNA AL CLIENTE COPIA DEL PRESENTE FOGLIO
INFORMATIVO E DEL DOCUMENTO “PRINCIPALI DIRITTI DEL CLIENTE”
QUALIFICA DEL SOGGETTO INCARICATO
NOME E COGNOME DEL CLIENTE CUI È STATA CONSEGNATA COPIA DEL PRESENTE FOGLIO INFORMATIVO E DEL DOCUMENTO
“PRINCIPALI
DIRITTI DEL CLIENTE”
IL SOTTOSCRITTO DICHIARA DI AVER RICEVUTO DAL SOGGETTO SOPRAINDICATO, PRIMA DELLA CONCLUSIONE DEL CONTRATTO, COPIA DEL
PRESENTE FOGLIO INFORMATIVO E DEL DOCUMENTO “PRINCIPALI DIRITTI DEL CLIENTE”
(DATA)
(FIRMA)
Si precisa che il cliente non è tenuto a riconoscere al soggetto convenzionato costi od oneri aggiuntivi rispetto a quelli indicati nel
presente foglio informativo.
FOGLIO INFORMATIVO - BONIFICI ESTERI
Pagina 6 di 8
SCHEDA N. 02 – 01/12/2014
TABELLE CUT-OFF
Le seguenti Tabelle indicano i “Cut-off” relativi alle operazioni di pagamento.
Per “Cut-off” si intende l’orario limite della Giornata Operativa entro il quale l’ordine di pagamento è considerato
ricevuto dalla Banca. Se pervenuto alla Banca oltre l’orario limite (cut-off) si considera ricevuto nella giornata
operativa successiva.
Bonifici in uscita disposti in Filiale
CUT-OFF
Italia
GIORNATA
OPERATIVA
GIORNO
no SEPA
SEPA
Estero
Bir
Lunedì - Venerdì
Sì
15:35
15:35
15:35
15:35
Semi - festivi
Sì
11:15
11:15
11:15
11:15
Sabato
No
-
-
-
-
Festivi
No
-
-
-
-
Bonifici in uscita disposti da internet
CUT-OFF
Italia
GIORNATA
OPERATIVA
GIORNO
Estero
no SEPA
SEPA
Lunedì - Venerdì
Sì
15:45
15:45
-
Semi - festivi
Sì
11:30
11:30
-
Sabato
No
-
-
-
Festivi
No
-
-
-
Bonifici in uscita disposti da corporate banking
CUT-OFF
GIORNO
Italia
GIORNATA
OPERATIVA
Estero
no SEPA
SEPA
Lunedì - Venerdì
Sì
15:30
15:30
-
Semi - festivi
Sì
11:00
11:00
-
Sabato
No
-
-
-
Festivi
No
-
-
-
Distinte in Filiale
GIORNATA
OPERATIVA
CUT-OFF
Lunedì - Venerdì
Sì
15:35
Semi - festivi
Sì
11:15
Sabato
No
-
GIORNO
FOGLIO INFORMATIVO - BONIFICI ESTERI
Pagina 7 di 8
SCHEDA N. 02 – 01/12/2014
GIORNO
Festivi
GIORNATA
OPERATIVA
CUT-OFF
No
-
NOTA BENE
I cut-off sopra riportati si intendono validi se riferiti agli orari di apertura e chiusura al pubblico “canonici” degli
sportelli della banca:
08:20 - 13:20
14:35 - 15:35
Laddove gli orari di apertura al pubblico osservati dalle singole agenzie siano diversi da quelli canonici di cui
sopra, i cut-off si intenderanno proporzionalmente adeguati a questi ultimi.
FOGLIO INFORMATIVO - BONIFICI ESTERI
Pagina 8 di 8
SCHEDA N. 02 – 01/12/2014
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
515 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content