close

Enter

Log in using OpenID

%#ws" - Comune di Maleo

embedDownload
a
CAMAIRAGO, CAVACURTA, CORNO GIOVINE, FOMBIO E MALEO
WW
Mffi#
%#ws"
OGGfrITO: \&ABAI^E
trÙ"
1I DEI^LÀ. CONFT,SEIIZJh DEI SIND.*.CI
QUA.DRO Pf,R L^iT GESTIONtr.úSSOCIATÀ. DI
I}EI;LIh CONT&NZIOIqtr,
IUNZIONI E SERVIZI COMUN*.IJ. SEDUTA. DEL
r4/10/2014.
Addì 14 del mese di OTTOBRE deil'anno 2014 alle ore 18,30 presso la Sala Consiglio
del
Municipio di Maleo, si è tenuta la seduta della Conferenza dei Sindaci della Convenzione Quadro
per la Gestione Associata di Funzioni e Servizi Comunali sottoscritta il08l12l2Al3 dai Comuni di
Maleo. Cavacurta, Corno Giovine, Camairago e Fombio per discutere e deliberare sul seguente
ordine del giorno:
ORDINE DEL GIORNO
l) Adozione Convenzione Quadro 2A15-2017:
2) Funzione organizzazione generale dell'amministrazione, gestione finanziaria e conlabile e controllo: adozione
testo convenzione attuativa 20 | 5-2417
;
3) Funzione organizzazione dei servi.zi pubblici di interesse generale di ambito comunal4 ivi compresi í servizi di
trasporto ptLbblico comunale: adozione testo convenzione attuativa 2015-2017;
4) Funzione catasto, ad eccezìone delle funzioni mantenute allo Stato dalla normativa vigente: adozione
5)
6)
7)
8)
testo
convenzione attuativa 20 1 5 -20 17 :
Funzione pìaniJìcazione urbanistica ed edilizia di ambito comunale nonché la partecipazione alla pianificazione
territoriale di livello sovraconxunctle: adozione testo convenzione attuativa 2015-2017;
Funzione attività in ambito comunale di pianfficazione di protezione civile e di coordinamentg dei primi soccorsi'.
adozione testo convenzione attuativa 2015 -2017 ;
Funzione organizzazione e la gestione dei servizi di raccolÍa, avvio e smaltìmento e recupero dei rifiuti ttrbani e
la riscossione dei relativi tributi: adozione testo convenzione attuativa 2015-2017;
Funzione progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed erogazione delle relative prestazioni ai
cittadini, secondo quanto previsto dall'articolo ll8, quarto comma, della Costituzione: adoztone testo
convenzione attuativa 20 I 5 -20 17 ;
9) Funzione edilizia scolastica, organizzazione e gestione dei servizi scolastici: adozione testo convenzione attuativa
2015-2017;
1O)Funzione polizia municipale e polizia amministrativa locale: adozione testo convenzione attuativa 2015-2017;
1l)Funzione Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione'. adozione testo convenzione attuativa 2015-2011'
12)Varie ed eventuali"
Risultano presenti i signori:
- ViceSindaco di Maleo -
Presidente della Conferenza
a
Francesco Bergamaschi
a
Franco Stefanoni - Sindaco di Fombio
Pietro Bernocchi - Sindaco del Comune di Corno Giovine
Giuseppe Gozzini - Sindaco del Comune di Camairago
Francesca Nazzari - Assessore Delegato del Comune di Cavacurta
a
a
a
Partecipano alla seduta, senzà diritto di voto:
o Giorgio Bassi - Consigliere del Comune di Fombio
. 'Iansini Gianpiero - ViceSindaco del Comune di Corno Giovine
. Giuseppe Maggi - Sindaco del Comune di Maleo
. Clerici Renzo - ViceSindaco del Comune di Camairago
r Mario Ghidelli - Sindaco del Comune di San Fiorano
o Manuela Cigolini - Assessore del Comune di San Fiorano
. Fabrizio Grossi - ViceSindaco del Comune di Cornovecchio
o Castaldi Roberto, Responsabile della Funzione Associata di Polizia Locale,
anche la qualità di Segretario verbalizzante della seduta
Constatato che risultano regolarmente convocati e sono presenti
il
quale riveste
i
Sindaci, o Assessori delegati, dei
Comuni convenzionati, così come disposto dalla Convenzione Quadro in essere, il Geom.
Francesco Bergamaschi, nella sua qualità di Presidente, dichiara aperta la seduta della Conferenza.
1) Adozione Convenzione Quadro 2015-2017: La Conferenza, esaminate le richieste formulate
dai Comuni di San Fiorano e Cornovecchio, esprime parere favorevole alla loro adesione alla
Convenzione. In funzione di tale evento la Conferenzaprocede a esaminarelabozza del nuovo testo
di Convenzione Quadro che avrà validità dal 01/01/2015 aI 3111212011. Su richiesta di alcuni
intervenuti si è passati alla lettura della bozza proposta, per analizzarne meglio ed insieme i
contenuti. Sono state quindi introdotte alcune modifiche che possono essere cosi sintetizzate:
devono esprimere favorevolmente allo scioglimento della Convenzione, eliminando il
discrimine tra Comuni fondatori e aggregati;
essere invitate a partecipare alle sedute della Conferenza;
verbalizzante nelle Conferenze dei Sindaci.
Punti da 2 a 11) Dopo breve riflessione circa l'urgenza, o meno, di addivenfue all'adozione dei testi
delle Convenzioni Attuative. la Conferenza ha deciso di rimandarel'adozione dei testi a successiva
seduta, onde consentire un'analisi piu approfondita.
12) Varie ed eventuali. Il Funzionario Responsabile dell'Ufficio Unico di Polizia Locale presenta
il Conto Economico Definitivo della Gestione Associata anno 2013 della sua funzione dal quale si
evince che la gestione stessa è risultata sostanzialmente in linea con le previsioni del piano annuale
con una economia di spesa di€2.104,56. Awerte che, sulla scofta dello stesso, verranno awiate le
conseguenti procedure di compensazione economica tra i Comuni di Maleo, Corno Giovine,
Cavacufta e Fombio.
I lavori della ConfeÍenza terminano alle ore 20.15 del I4ll0l20I4.
Il Segretario
(Comm" Agg.C
te della
alizzante
fRoberto)
I
GESTIONE ASSOCIATA
CAMAIRAGO, CAVACURTA, CORNO GIOVINE,
CORNOVECCHIO FOMBIO MALEO E SAN FIORANO
CONVENZIONE QUADRO
1 GENNAIO 2015 – 31 DICEMBRE 2017
Programmare e gestire insieme i più opportuni servizi alla
cittadinanza nel rispetto nelle diverse identità comunitarie
Premesse
I comuni sono “organismi naturali”, essi vengono immediatamente dopo la famiglia e sono
il luogo dove si esercita la responsabilità. Il centralismo burocratico amministrativo,
viceversa, “è il freno di un più armonico sviluppo locale” perché impone una uniformità che
non rispetta le peculiarità del territorio.
Il Comune è l’istituzione più vicina alla gente: i cittadini vi si rivolgono naturalmente, è
l’entità in cui ci si riconosce e ci si identifica. Il paese, sotto il campanile, è il luogo dove si
svolge quotidianamente la vita dei cittadini, dove il cittadino ha diritto di vivere bene ed in
tranquillità.
Le elezioni comunali, nel sistema istituzionale, sono i momenti di più alta partecipazione
dei cittadini. Del resto, il Comune è il simbolo, recentemente il più credibile, della
democrazia e della crescita sociale. Il cittadino si identifica nel Comune dove vive e tende
ad interessarsi di ciò che lo riguarda. Matura, quindi, consapevolezza a voler partecipare
direttamente, con il proprio voto, al miglioramento dell’attività amministrativa ed
indirettamente al miglioramento della qualità della vita, propria, dei propri cari e della
comunità.
Le funzioni amministrative dei comuni, che incidono direttamente sulla vita dei cittadini,
oggi possono essere meglio esercitate in presenza di dimensioni sufficienti ad assicurare
un’adeguata capacità organizzativa, di efficienza ed economicità.
Per la sopravvivenza dei Piccoli Comuni, affinché possano continuare opportunamente a
presidiare ed a regolare la loro porzione di territorio, occorre ricorrere alla gestione dei
servizi in forma associata.
I cittadini devono vedersi garantiti la conoscenza e l’accesso alle prestazioni, nonché la
trasparenza delle decisioni. Nei Piccoli Comuni il dialogo è continuo e permanente con i
cittadini: l’ascolto dei problemi è condizione necessaria ad offrire servizi e risposte.
L’impegno amministrativo è un modo per servire il proprio territorio e la propria comunità.
Attualmente è divenuto obbligatorio l'esercizio in forma associata delle funzioni
fondamentali per tutti i comuni sotto i cinque mila abitanti. L'elenco di tali funzioni
abbraccia gran parte delle funzioni in capo all’Ente e meglio individuate dalla normativa
vigente come segue:
a) organizzazione generale dell’amministrazione, gestione finanziaria e contabile e
controllo;
b) organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di ambito comunale, ivi
compresi i servizi di trasporto pubblico comunale;
c) catasto, ad eccezione delle funzioni mantenute allo Stato dalla normativa vigente;
d) la pianificazione urbanistica ed edilizia di ambito comunale nonché la partecipazione
alla pianificazione territoriale di livello sovracomunale;
e) attività, in ambito comunale, di pianificazione di protezione civile e di coordinamento dei
primi soccorsi;
f) l’organizzazione e la gestione dei servizi di raccolta, avvio e smaltimento e recupero dei
rifiuti urbani e la riscossione dei relativi tributi;
g) progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed erogazione delle
relative prestazioni ai cittadini, secondo quanto previsto dall’articolo 118, quarto comma,
della Costituzione;
h) edilizia scolastica, organizzazione e gestione dei servizi scolastici;
i) polizia municipale e polizia amministrativa locale;
l) tenuta dei registri di stato civile e di popolazione e compiti in materia di servizi anagrafici
nonché in materia di servizi elettorali e statistici, nell’esercizio delle funzioni di competenza
statale.
Occorre addivenire alla gestione associata, tramite convenzione, o unione, per condividere
funzionari e servizi.
La gestione associata delle funzioni comunali, ancorché teoricamente conveniente,
è imposta, per cui conviene cercare di tradurla in opportunità attraverso la quale è
possibile, per gli enti di minore dimensione, svolgere i propri compiti in maniera più
qualificata e razionale, al fine di offrire sempre migliori servizi ai propri cittadini.
I comuni di Cavacurta, Corno Giovine, Fombio e Maleo sono i comuni fondatori
della presente Convenzione Quadro, in vigore dal 1° Gennaio 2013. Il comune di
Camairago ha aderito alla stessa, dal 1 Gennaio 2014. I comuni di Cornovecchio e
San Fiorano hanno chiesto di aderire, con decorrenza 1° Gennaio 2015.
La durata della convenzione viene allungata al 31 dicembre 2017, onde poter
prevedere convenzioni attuative triennali.
SCHEMA DI ATTO CONVENZIONALE QUADRO
PER LA GESTIONE ASSOCIATA DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI
RICHIAMATA la normativa introdotta dal D.L. 78/2010, come modificata dal D.L. 98/2011,
dal D.L. 138/2011, dal D.L. 216/2011 ed infine dal D.L. 95/2012, come convertito nella L.
135/2012, in base alla quale:
- I Comuni con meno di 5.000 abitanti, tra cui Camairago, Cavacurta, Corno Giovine,
Cornovecchio, Fombio, Maleo e San Fiorano, in base al comma 28 dell’art.14 della
L.122/2010, devono obbligatoriamente esercitare in forma associata le prime nove delle
dieci funzioni fondamentali, di cui al comma 27 del medesimo articolo 14 entro dal 1°
gennaio 2015.
- La soglia dimensionale minima è attualmente fissata, per la Lombardia, in 5 mila abitanti
o nel quadruplo del comune più piccolo, come disposto dalla L.R. n. 22 del 28/12/2011;
- I comuni possono soddisfare l’obbligo di gestione associata attraverso Unione dei
Comuni o Convenzione (almeno triennale).
- I comuni non potranno poi svolgere singolarmente le funzioni fondamentali svolte in
forma associata e la medesima funzione non potrà essere svolta da più forme associative.
- Qualora alla scadenza della presente convenzione non sia comprovato il conseguimento
di significativi livelli di efficacia ed efficienza nella gestione, secondo modalità da stabilirsi
con decreto del Ministro dell’interno, i comuni saranno obbligati ad esercitare le funzioni
fondamentali mediante unione di comuni
PREMESSO CHE
Le Amministrazioni comunali di Camairago Cavacurta, Corno Giovine, Cornovecchio
Fombio, Maleo e San Fiorano, hanno espresso la volontà di gestire in forma associata
una pluralità di servizi e funzioni e, allo scopo, hanno approvato lo schema della presente
Convenzione quadro con le deliberazioni consiliari di seguito indicate, esecutive ai sensi di
legge:
deliberazione del Consiglio comunale di Camairago n. ….. del ......
deliberazione del Consiglio comunale di Cavacurta n. ….. del ......
deliberazione del Consiglio comunale di Corno Giovine n. ….. del ......
deliberazione del Consiglio comunale di Cornovacchio n. ….. del ......
deliberazione del Consiglio comunale di Fombio n. ...... del …...
deliberazione del Consiglio comunale di Maleo n. ...... del …...
deliberazione del Consiglio comunale di San Fiorano n. ...... del …...
L’esercizio in forma associata delle funzioni amministrative e dei servizi, che saranno
progressivamente individuati, è teso ad un effettivo miglioramento dei servizi erogati e ad
una ottimizzazione delle risorse economiche, finanziarie, umane e strumentali dei Comuni.
L’obiettivo che gli enti si propongono è quello della razionalizzazione dei servizi associati,
al fine di accrescere quantità e qualità dei servizi e delle funzioni gestite in forma associata
in relazione ad esigenze di efficienza ed efficacia, oltre che di economicità e di
razionalizzazione della spesa pubblica, di incrementare il grado di specializzazione e di
professionalità del personale, di produzione di servizi aggiuntivi, altrimenti non attivabili, di
ottimizzazione delle risorse produttive, di valorizzare il senso di appartenenza delle
municipalità, anche in relazione alla funzione di presidio del territorio, in armonia con i
principi sanciti dalla legge di riforma del sistema regione autonomie locali.
Tutto ciò premesso, si conviene e si stipula quanto segue:
Art. 1 - Oggetto della Convenzione
La presente Convenzione ha ad oggetto l’impegno dei comuni di Camairago, Cavacurta,
Corno Giovine, Cornovecchio, Fombio, Maleo e San Fiorano a gestire in forma
associata le funzioni fondamentali di cui all’art. 14, comma 27 del D.L. 78/2010, dal
1°gennaio 2015, ferma restando la possibilità, come indicato nella normativa vigente, di
stipulare convenzioni con Enti diversi da quelli sopra indicati. L’adesione di altri Comuni è
subordinata all’unanime volontà dei Comuni sottoscrittori della presente convenzione e
comporta la modifica della presente Convenzione quadro.
Art. 2 - Finalità della convenzione
1. L'Associazione si costituisce per l'esercizio obbligatorio in forma associata delle funzioni
e dei servizi di cui all’art.1.
2. L’attivazione in forma associata di ogni gestione di funzione e servizio richiederà la
stipula di apposita singola convenzione attuativa, di cui all’art. 6.
3. Oltre alle predette funzioni, altre potranno essere individuate ai fini della gestione in
forma associata, previa verifica, attraverso un’analisi di fattibilità tecnico economica, che
ne evidenzi le ricadute positive in termini di efficienza, efficacia ed economicità.
4. L'obiettivo che si intende perseguire è il miglioramento della qualità dei servizi erogati e
l'ottimizzazione dell'utilizzo delle risorse economico-finanziarie, umane e strumentali per:
a) portare a sistema l'insieme delle risorse economiche, sociali, ambientali e culturali
presenti nei Comuni sottoscrittori, al fine della loro piena valorizzazione;
b) promuovere, attraverso i metodi della programmazione con i livelli istituzionali sovra
comunali, uno sviluppo economico equilibrato e sostenibile dal punto di vista ambientale
dell'area interessata;
c) valorizzare il senso di appartenenza delle municipalità, anche in relazione alla funzione
di presidio del territorio;
d) qualificare e ammodernare i servizi offerti dalle singole amministrazioni comunali,
attraverso
innovative
ed
adeguate
politiche
di
formazione,
aggiornamento
e
responsabilizzazione del personale;
e) assicurare l'economicità dei servizi associati attraverso una gestione integrata efficace
ed efficiente degli stessi;
f) armonizzare e integrare l'esercizio delle funzioni e dei servizi associati, perseguendo la
parità di accesso per tutti i cittadini residenti nei Comuni sottoscrittori;
g) assicurare la semplificazione e la razionalizzazione delle procedure concernenti i servizi
svolti in forma associata;
h) favorire l’attivazione di strumenti evoluti a supporto della gestione associata e della
fruibilità degli utenti.
Art. 3 - Forma associativa
1. I Comuni riconoscono che, almeno per la fase iniziale del percorso di cooperazione, la
convenzione triennale rappresenta la modalità più snella e facile da definire.
Art. 4 - Principi
L’organizzazione in forma associata deve essere improntata, in particolare, ai seguenti
principi:
• massima attenzione alle esigenze dell’utenza, anche attraverso un adeguato
dislocamento di presidi sul territorio;
• rispetto dei termini previsti dalle singole tipologie di procedimento e, ove possibile,
anticipazione degli stessi;
• rapida risoluzione di contrasti e difficoltà interpretative;
• perseguimento costante della semplificazione del procedimento, con eliminazione di
tutti gli adempimenti non strettamente necessari;
• costante innovazione tecnologica delle dotazioni messe a disposizione tesa alla
semplificazione dei procedimenti e dei collegamenti con l’utenza, per assicurare
tempestività ed efficacia, nonché per migliorare l’attività di programmazione;
• progressiva uniformità tra i Comuni nella adozione di strumenti di hardware e software;
• l’uniformità delle procedure amministrative e della modulistica;
• l’omogeneizzazione dei regolamenti connessi allo svolgimento delle funzioni associate;
• attivazione di un servizio di comunicazione con gli utenti.
Art. 5 - Armonizzazione dei regolamenti comunali
1. Nello svolgimento delle funzioni e dei servizi gestiti in forma associata rimangono in
vigore, se ed in quanto applicabili, i regolamenti dei singoli enti, sino all’adozione di nuove
ed uniformi disposizioni regolamentari afferenti i servizi gestiti.
2. I competenti organi comunali provvedono progressivamente all’adeguamento dei singoli
regolamenti sulla base delle proposte formulate dalla Conferenza dei Sindaci.
3. L’adeguamento di cui al comma precedente viene effettuato sulla base delle seguenti
linee guida: semplificazione, omogeneizzazione, funzionalità, interservizio, comprensibilità.
Art. 6 - Modalità di esercizio delle funzioni e dei servizi – Convenzioni attuative
1. La gestione associata delle funzioni e dei servizi è disciplinata dalle singole convenzioni
attuative tra Comuni aderenti, che devono stabilire e precisare:
a) l’indicazione dettagliata della funzione/servizio oggetto di gestione associata;
b) la durata e la modalità di recesso;
c) le modalità organizzative di gestione con previsione della costituzione di un Ufficio
comune con connessa individuazione della sede, dei beni, delle strutture e del
personale messi a disposizione ovvero della delega all’ufficio di uno dei Comuni;
d) le competenze con rilevanza esterna ed interna dell’Ufficio comune;
e) i criteri e le modalità di individuazione del Responsabile dell’Ufficio comune;
f) i rapporti finanziari tra gli enti ed i reciproci obblighi e garanzie;
g) eventuali ulteriori forme di consultazione tra gli enti.
2. Le convenzioni attuative sono in ogni caso integrate dalle norme contenute nella
presente Convenzione quadro.
3. Le convenzioni attuative potranno essere stipulate da tutti o parte dei Comuni
sottoscrittori della presente convenzione e ciascun Comune potrà recedere dall’esercizio
di un singolo servizio convenzionato senza che ciò comporti automaticamente il recesso
dalla presente convenzione con attenzione al limite dimensionale ottimale.
4. Le convenzioni attuative saranno approvate dai Comuni interessati.
Art. 7 - Comune referente
1. La presente convenzione individua il Comune referente nel Comune di Maleo.
2. Il Comune referente tiene i rapporti amministrativi e funzionali tra i Comuni aderenti ed i
rapporti istituzionali con la Provincia e la Regione Lombardia.
Art. 8 - Durata, adesioni, scioglimento e recesso
1. La convenzione ha scadenza 31/12/2017.
2. Altri Comuni, qualora ricorrano i presupposti di legge, possono aderire alla presente
convenzione, previa adozione di apposita deliberazione consiliare assunta da parte di tutti
i Comuni fondatori.
3. Il recesso di un Comune deve essere comunicato alla Conferenza de Sindaci, con un
preavviso non inferiore a sei mesi, ovvero entro il 30 giugno dell’anno in corso, ed è
ammissibile nella misura in cui non determina il venir meno delle condizioni minime
necessarie per la prosecuzione della gestione associata. Ove il recesso comporti una
maggiore spesa, o una diminuzione di entrata, a carico dei Comuni aderenti, ogni singola
convenzione attuativa prevederà l'obbligo di specifiche compensazioni pecuniarie a carico
del Comune recedente.
4. Il recesso di un Comune è deliberato dal proprio Consiglio Comunale.
5. Il recesso comporta automaticamente la decadenza dalle singole convenzioni attuativa
con decorrenza dal primo gennaio dell'anno successivo, salvo diversa determinazione
della Conferenza dei Sindaci adottata a maggioranza dei componenti.
6. Lo scioglimento della convenzione è deliberato da almeno 4 Comuni con atto assunto
da ciascun Consiglio Comunale. L’atto di scioglimento è sottoscritto da tutti i
Sindaci e contiene la disciplina delle fasi di scioglimento e dei connessi adempimenti.
7. Lo scioglimento della presente convenzione quadro comporta automaticamente la
decadenza dalle singole convenzioni attuative.
Art. 9 - Organismi di coordinamento
Sono organismi di coordinamento:
- la Conferenza dei Sindaci
- il Presidente della Conferenza dei Sindaci
Art. 10 - Conferenza dei Sindaci
1. La Conferenza dei Sindaci è composta da tutti i Sindaci, o loro delegati, dei Comuni
aderenti ed è convocata dal Presidente di turno.
2. La convocazione, effettuata mediante P.E.C., contiene l'ordine del giorno della seduta, il
giorno, l’ora e il luogo della riunione.
3. La Conferenza dei Sindaci può essere convocata presso ciascuna sede dei Comuni
aderenti, è validamente riunita quando sia presente la maggioranza dei membri e decide
all’unanimità.
4. La Conferenza si esprime mediante decisioni costituenti atti di indirizzo politico e
provvede a:
• svolgere funzioni di programmazione ed indirizzo generali sugli uffici comuni che
saranno costituiti;
• esaminare le questioni di interesse comune e verificare la rispondenza dell’azione
dell’ufficio ai programmi delle rispettive amministrazioni;
• incentivare e accelerare il processo di gestione associata di funzioni e servizi;
• favorire la evoluzione della governance territoriale;
• valutare lo stato di attuazione delle norme contenute nella presente Convenzione,
nonché la loro adeguatezza in rapporto alla evoluzione delle esigenze del territorio e alla
dinamica del quadro normativo di riferimento ed approvare le eventuali proposte di
modifica;
• proporre ulteriori servizi e funzioni amministrative da svolgere in forma associata
rispetto a quanto individuato al precedente art. 1;
• esaminare le proposte di articolazione delle funzioni in forma associata presentate dai
singoli enti ed approvare le relative proposte di convenzione da sottoporre alle rispettive
Giunte per l'approvazione finale;
• designare, se del caso, per ciascuna funzione e servizio associato un Sindaco, o suo
delegato, referente circa il funzionamento della gestione associata;
• analizzare l’andamento della gestione associata, al fine di verificarne l’efficienza,
l’efficacia e l’economicità.
5. La Conferenza, inoltre, esamina ogni questione ritenuta d'interesse comune, allo scopo
di adottare linee di orientamento omogenee con le attività dei singoli enti.
6. Possono essere invitati ai lavori della Conferenza dei Sindaci, gli Assessori, i
Consiglieri, i Segretari comunali ed i Funzionari dei Comuni, nonché i Responsabili dei
Servizi e i rappresentanti dei soggetti istituzionali di volta in volta interessati.
7. Le decisioni adottate dalla Conferenza dei Sindaci sono verbalizzate dal responsabile di
un Ufficio Unico della gestione associata e trasmesse ai Comuni associati per l'adozione
degli eventuali provvedimenti conseguenti.
8. La Conferenza dei Sindaci può, qualora lo ritenga opportuno, promuovere il confronto e
consultare singolarmente i singoli Comuni, la Regione, l'Amministrazione Provinciale, enti
e aziende pubbliche di interesse locale, Organizzazioni sindacali e di categoria, altre
associazioni, esperti.
Art. 11 - Presidente
1. Il Presidente della Conferenza dei Sindaci è il Sindaco, o suo delegato, del comune di
turno, definito annualmente dalla Conferenza stessa.
2. Il Presidente convoca la Conferenza dei Sindaci fissandone l’ordine del giorno, di sua
iniziativa o entro 10 giorni dalla richiesta di un membro della Conferenza, con preavviso di
5 giorni naturali.
Art. 12 - Coordinamento operativo
I Segretari comunali dei comuni convenzionati assicurano il raccordo ed il coordinamento
tra i Comuni, con particolare riferimento alla attuazione dei programmi e degli obiettivi
stabiliti, con una suddivisione operativa adeguatamente ripartita dalla Conferenza dei
Sindaci.
La responsabilità gestionale è attribuita al Responsabile dell’Ufficio Unico della Gestione
Associata della singola funzione, designato secondo le modalità previste dalle singole
convenzioni attuative
Art. 13 - Organizzazione degli uffici e del personale
1. Il modello di organizzazione degli uffici e del personale dei servizi gestiti in forma
associata è regolata dalle singole convenzioni attuative e sarà improntato a criteri di
autonomia, qualità, funzionalità, economicità di gestione, semplificazione, professionalità
del servizio, con particolare attenzione alla valorizzazione delle professionalità esistenti,
alla integrazione del personale ed alla realizzazione di modelli innovativi nella gestione del
personale.
2. Le convenzioni attuative per la gestione associata di funzioni e servizi disciplinano il
rapporto funzionale del personale incaricato dagli enti associati per la realizzazione degli
obiettivi delle singole convenzioni.
3. La convenzione attuativa disciplina inoltre il sistema delle relazioni sindacali nel rispetto
di quanto previsto dal D.Lgs.150/2009.
4. Il rapporto organico (contratto di lavoro) del singolo lavoratore rimane in essere con
l'ente di appartenenza e trova la sua disciplina nella legge, nei contratti collettivi di lavoro e
nel regolamento sull'ordinamento generale degli uffici e dei servizi del Comune di
appartenenza; il rapporto funzionale sarà disciplinato secondo le disposizioni delle
specifiche convenzioni.
Art. 14 - Modificazioni o abrogazioni della presente convenzione quadro
1. Le proposte di modificazioni della presente convenzione sono decise dalla Conferenza
dei Sindaci a maggioranza qualificata della popolazione rappresentata e sono sottoposte
ai Consigli dei Comuni sottoscrittori, i quali deliberano entro i successivi sessanta giorni.
2. Con periodicità almeno biennale la Conferenza dei Sindaci, sulla base di una relazione
del Presidente, valuta in apposita seduta lo stato di attuazione delle presenti norme
nonché la loro adeguatezza in rapporto alla evoluzione delle esigenze dell'Associazione e
della sue comunità, nonché alla dinamica del quadro normativo di riferimento.
3. Per quanto non espressamente previsto dal presente Convenzione quadro si rinvia alla
normativa vigente.
Art. 15 - Disposizioni finali
1. La presente convenzione, redatta in forma di scrittura privata non autenticata, sarà
soggetta a registrazione solo in caso d’uso ai sensi dell’art. 5, comma 2, del D.P.R. 131/86
e successive modifiche ed integrazioni.
2. Il presente atto è esente da imposta di bollo ai sensi dell'art. 16, Tabella allegata "B" al
D.P.R. 26.10.1972, n. 642.
Letto, confermato e sottoscritto.
Il Sindaco di Camairago
…………………………………………………………………………
Il Sindaco di Cavacurta …………………………………………………………………………….
Il Sindaco di Corno Giovine ………………………………………………………………………..
Il Sindaco di Cornovecchio ………………………………………………………………………..
Il Sindaco di Fombio ………………………………………………………………………………
Il Sindaco di Maleo ………………………………………………………………………………….
Il Sindaco di San Fiorano …………………………………………………………………………..
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
2 177 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content