close

Enter

Log in using OpenID

017_gen - Marconi Portal

embedDownload
ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE
Guglielmo Marconi
Verona
Circolare n. 017
GENERALE
Verona,
22 ottobre 2014
All'attenzione ALUNNI
GENITORI (tramite alunni)
Oggetto:
Informativa alle famiglie di minori circa gli interventi previsti per la prevenzione del
disagio - Tacito consenso
Si prega le famiglie di leggere l’allegata informativa con particolare attenzione da parte dei
genitori dei minori.
Il Dirigente Scolastico
Prof.ssa Mariapaola Ceccato
La firma è omessa ai sensi dell'Art. 3, D.Lgs. 12/02/1993, n. 39
017_gen_InformativaInterventiPrevenzioneDisagio.doc
Pagina 1 di 3
Autore etribert
ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE
Guglielmo Marconi
Verona
INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE DI MINORI CIRCA GLI INTERVENTI PREVISTI DALL’ITIS G. MARCONI
PER LA PREVENZIONE DEL DISAGIO-TACITO CONSENSO
OGGETTO: Attivazione sportello d’ascolto ed interventi nelle classi
Nell’ambito delle attività previste dal POF che riguardano la promozione del benessere e la
prevenzione del disagio in età adolescenziale si informano i genitori che nei prossimi giorni verranno
attivate alcune iniziative iniziative:
 uno sportello di consulenza C.I.C. (SI VEDA OLTRE)
 sportello di consulenza individuale (o di gruppo) da parte della dott.ssa Laura Di Bitonto,
councelor tirocinante.
Lo sportello rappresenta un’attività di sostegno alla crescita dei ragazzi, che si realizza mediante
l’ascolto competente, riservato e neutrale (cioè privo di conseguenze dirette sulla carriera scolastica
degli alunni). Sia il CIC, con un’educatrice e uno psicologo, sia la councelor effettueranno l’attività di
ascolto agli alunni, ai genitori e agli operatori scolastici con l’obiettivo di aiutare i ragazzi e gli
adulti coinvolti nella funzione educativa a meglio comprendere e ad affrontare i compiti evolutivi
dell’età, le eventuali crisi di passaggio e i problemi connessi. Non eseguono diagnosi, valutazione,
terapia che sono invece compito di altri servizi con cui gli operatori collaborano in rete.
La consulenza agli alunni si esercita su base volontaria, cioè solo ed esclusivamente su richiesta
dell’alunno; se l’iniziativa parte dalla sollecitazione di un docente o di un genitore, è sempre con il
consenso dell’alunno che lo specialista opera. E’ una libera scelta del ragazzo avvalersi o meno
della possibilità di richiedere un colloquio allo psicologo del C.I.C., all’educatrice o alla councelor,
ed eventualmente di rinunciarvi in qualsiasi momento. Tutti gli operatori sono tenuti alla massima
riservatezza, nell’interesse del minore.
I genitori dei minori che non intendono autorizzare i loro figli a usufruire dello spazio ascolto,
sono invitati a comunicarlo per iscritto al vicario, prof. Bileddo, (con la firma di entrambi i
genitori, anche se separati) entro e non oltre il 27/10/2014.
In caso di mancanza di comunicazioni, si acquisisce il tacito consenso.
CIC
A partire da OTTOBRE 2014 è possibile utilizzare lo sportello C.I.C. (Centro di informazione e
consulenza), attivato dal Dipartimento Dipendenze ULSS 20 di Verona.
Gli operatori dei Centri di Informazione e Consulenza (C.I.C.) nelle scuole secondarie di II grado
previsti dal D.P.R. 309/90, stanno completando le fasi di avvio di contatto con Dirigente e con il
personale scolastico per organizzare i propri interventi presso l’istituto.
Il servizio adotterà un modello organizzativo, presentato nei mesi scorsi, all'U.S.T., al MIUR, a
Dirigenti delle scuole, a Docenti e Operatori (psicologi ed educatori), orientato al riconoscimento e
all’identificazione di stati di vulnerabilità/disagio/comportamenti a rischio (anche predittivi di un
aumentato rischio di uso di sostanze nei giovani o di sviluppo di dipendenza), al fine di poter
procedere quanto prima ad una accoglienza, e ad un intervento precoce per prevenire o
interrompere la situazione riscontrata.
Per ogni problematica, gli studenti, docenti e genitori potranno rivolgersi allo sportello CIC inviando
una mail all’indirizzo [email protected] (assicurarsi di mettere nome/ cognome/ classe e istituto di
appartenenza perché tale mail viene utilizzata da tutti gli istituti superiori di Verona e Provincia
aderenti al progetto C.I.C. - la mail poi verrà processata dalla coordinatrice operativa del servizio
dott.ssa Guadagnini che individuerà, anche in collaborazione con gli operatori C.I.C. presenti a
scuola, le più adeguate modalità di gestione di ogni singolo caso) o contattare gli operatori quando
017_gen_InformativaInterventiPrevenzioneDisagio.doc
Pagina 2 di 3
Autore etribert
ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE
Guglielmo Marconi
Verona
sono presenti in istituto, attraverso una richiesta da inserire nell’apposita cassetta situata vicino
all’ascensore a fianco della segreteria, sempre indicando nome-cognome e classe.
E’ stata prevista la disponibilità di almeno 2 operatori, un educatore e uno psicologo. Gli stessi
operatori presenteranno la nuova attività C.I.C. agli insegnanti, genitori e studenti secondo modalità
concordate con il Dirigente Scolastico.
Per l’A.S. in corso collaborano con il nostro Istituto:
lo psicologo, dott. Vighi Flaviano;
l’educatrice, dott.ssa Vania Munari;
COUNCELOR
Quest’anno l’istituto Marconi ha attivato uno sportello d’ascolto rivolto a voi ragazzi. Lo sportello è
uno spazio dedicato a degli incontri individuali con una counselor (Laura Di Bitonto), ovvero una
persona che si propone di ascoltare senza giudizio, in uno spazio riservato, in tutte le situazioni
disagio scolastico/personale/relazionale che possono avere una ricaduta sull'attenzione o sullo
“stare bene” a scuola.
La durata di un incontro è di un’ora scolastica.
I giorni e gli orari dello sportello sono: MARTEDI’ E VENERDI’ dalle 9.00 alle 13.00
Le modalità per accedere allo sportello sono: inviare una mail all’indirizzo
[email protected] Indicando nome, cognome, classe e sezione. Vi verrà assegnato così
l’orario di appuntamento. Oppure compilare il cedolino prestampato nell’apposita cassetta situata
vicino all’ascensore a fianco della segreteria, sempre indicando nome-cognome e classe e indicando
Di Bitonto Laura come contatto.
Per le problematiche relative al disagio, informiamo che presso l’Ufficio scolastico è disponibile
anche un servizio che opera in raccordo con varie enti ed organismi, tra i quali gli sportelli CIC, la
Questura, la Polizia Postale, … per la lotta al bullismo.
E’ possibile contattare anche il seguente indirizzo mail:
PUNTO ASCOLTO PROVINCIALE PER LA PREVENZIONE DEL DISAGIO SCOLASTICO ED IL
BULLISMO - UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE 12 VERONA [email protected]
Il Dirigente Scolastico
Prof.ssa Mariapaola Ceccato
017_gen_InformativaInterventiPrevenzioneDisagio.doc
Pagina 3 di 3
Autore etribert
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
6
File Size
109 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content