close

Вход

Log in using OpenID

COMUNE DI PALAGIANO

embedDownload
COMUNE DI PALAGIANO
Provincia di Taranto
DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA MUNICIPALE
N. 83 Del reg.
Data
19.06.2014
OGGETTO: PEG PROVVISORIO 2014 – APPROVAZIONE OBIETTIVI E
ASSEGNAZIONE RISORSE.
L'anno duemilaquattordici il giorno diciannove del mese di giugno alle ore 14,50 nella sala
delle adunanze del Comune, regolarmente convocata, si è riunita la Giunta Municipale con la
presenza del Sindaco Dr. Antonio TARASCO e con l'intervento dei sigg.ri:
Presenti Assenti
X
TARASCO Antonio
CERVELLERA Vito
AMATULLI Michele
X
X
Partecipa con funzioni consultive, referenti, di assistenza e verbalizzazione (art. 97
comma 4 lett. a) Del D. Lgs. n. 267 del 18/08/2000) il segretario comunale Dr.ssa Caterina
BINETTI.
Il Sindaco, constatato che gli intervenuti sono in numero legale, dichiara aperta la
riunione ed invita i convocati a deliberare sull'oggetto sopraindicato.
LA GIUNTA MUNICIPALE
Premesso che, ai sensi dell'art. 49 del D. Lgs n. 267 del 18/08/2000, sulla proposta
della presente deliberazione sono stati espressi i seguenti pareri:
- Il responsabile del servizio interessato, Dr.ssa Anna RIZZI, per quanto concerne la
regolarità tecnica: Si esprime parere di regolarità tecnica e si attesta la regolarità e la
correttezza dell’azione amministrativa ai sensi dell’art. 147-bis, comma 1, d.lgs. n.
267/2000: Favorevole.
- Il Responsabile del servizio interessato, Dr.ssa Anna RIZZI, per quanto riguarda la
regolarità contabile e con specifico riferimento all’art. 147-bis, comma 1, d.lgs. n.
267/2000: Favorevole.
LA GIUNTA COMUNALE
VISTO l'art. 169 del decreto legislativo 18.08.2000, n.267 e successive modifiche ed integrazioni (Testo
Unico Enti Locali) ed in particolare il comma 3 bis, aggiunto dall'art.3, comma 1, lettera g-bis della del
decreto legge n. 174/2012, convertito con modificazioni dalla legge n. 213/2012, che recita “ Il piano
esecutivo di gestione è deliberato in coerenza con il bilancio di previsione e con la relazione previsionale e
programmatica. Al fine di semplificare i processi di pianificazione gestionale dell'ente, il piano dettagliato
degli obiettivi di cui all'articolo 108, comma 7, del presente testo unico e il piano della performance di cui
all'articolo 10 del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, sono unificati organicamente nel piano
esecutivo di gestione;
DATO ATTO quindi che, in base a tale ultima previsione legislativa il Piano della Performance di un
Comune non può essere un documento diverso dal Piano Esecutivo di Gestione;
ATTESO che il Piano della Performance è documento programmatico triennale da adottare in coerenza con
i contenuti e il ciclo della programmazione finanziaria e di bilancio, che individua gli indirizzi e gli obiettivi
strategici ed operativi e definisce, con riferimento agli obiettivi finali ed intermedi ed alle risorse, gli
indicatori per la misurazione e la valutazione della performance dell’amministrazione, nonché gli obiettivi
assegnati al personale dirigenziale o in posizione di autonomia e di responsabilità ed i relativi indicatori;
RILEVATO che, differentemente, il Piano Esecutivo di Gestione, sulla base del bilancio di previsione
annuale deliberato dal Consiglio, determina gli obiettivi di gestione ed affida gli stessi, unitamente alle
dotazioni necessarie, ai responsabili dei servizi, personale dirigenziale o in posizione di autonomia e di
responsabilità;
DATO ATTO ancora che il Piano Esecutivo di Gestione è lo strumento mediante il quale, dopo aver
definito il quadro complessivo delle risorse disponibili per l'amministrazione, obiettivi e risorse sono
distribuite nell'organizzazione e che quindi, così come individuato e definito dall'ordinamento, è documento
non immediatamente utile ai fini di un' efficace programmazione perché, seguendo, necessariamente
l'approvazione del bilancio di previsione, può intervenire anche ad anno inoltrato;
RITENUTO quindi che l'unificazione voluta recentemente dal legislatore sia diretta all'elaborazione di uno
strumento preordinato a consentire all’amministrazione comunale di definire gli elementi della propria
programmazione in tempo utile a supportare la gestione e dunque entro i primi mesi dell'anno, evitando la
logica del semplice adempimento formale;
RITENUTO quindi che il Piano Esecutivo di Gestione, nella versione unificata, debba cogliere le
opportunità fornite dal Piano della Performance e possa quindi consistere in un documento unico ma
sviluppato in due momenti distinti;
RAVVISATI tali momenti:
dapprima nella definizione di uno schema di riferimento per il PEG-Piano Performance da adottare
entro i primi mesi dell'anno, che preveda almeno le linee strategiche e l'articolazione degli obiettivi strategici
su un orizzonte temporale triennale, schema particolarmente necessario in quegli esercizi nei quali, come
quello in corso per l'anno 2014, la predisposizione e l'approvazione del Bilancio preventivo avverrà oltre il
primo trimestre;
Successivamente nel completamento, dopo l’approvazione del bilancio, della formulazione PEGPDO, mediante la definizione degli obiettivi operativi, la attribuzione delle risorse finanziarie ed umane,
sulla scorta del PEG anno 2013, salvo rilallineamento successivo a s seguito della definitiva
approvazione del bilancio revisionale 2014;
CONSIDERATO che la descritta modalità consente, fra l'altro, di mettere in relazione il documento di
programmazione agli indirizzi di pianificazione strategica, realizzando un collegamento con le linee
approvate dal Consiglio e con la Relazione Previsionale e Programmatica; gli obiettivi strategici saranno
così articolati lungo gli stessi programmi contenuti nella RPP e nel Bilancio di previsione e dovranno essere
provvisti di indicatori che consentano di misurarne il livello di attuazione;
RICHIAMATO il decreto legislativo 27.10.2009, n.150 di riforma del lavoro pubblico e il regolamento
degli uffici e dei servizi, approvato con atto della Giunta Comunale n.273 del 29.12.2010, con cui
l'ordinamento dell'Ente è stato adeguato ai principi del citato decreto legislativo, e che comprende il Piano
Esecutivo di Gestione fra gli atti che contribuiscono a formare il ciclo di gestione della performance di cui al
capo II del titolo II dello stesso decreto legislativo n. 150/2009;
DATO ATTO che con deliberazione di Giunta Municipale n 12 del 30.01.2014 è stato approvato il
Piano triennale delle Performance ,2014-2016, dandosi atto che lo stesso sarebbe stato integrato dal
PEG e dal PDO per la parte relativa agli obiettivi ,da adottarsi successivamente al Bilancio previsionale
2014, al pluriennale 2014-2016 e alla Relazione Previsionale e programmatica, al fine di individuare gli
indirizzi strategici ed operativi, da raggiungere, con indicazione dei parametri e degli indicatori per la
misurazione e la valutazione della per formance organizzativa ed individuale dei dipendenti tutti;
RITENUTO quindi di poter procedere, in considerazione della sua già indicata utilità, prima dell'adozione
del bilancio di previsione 2014, il cui termine finale è stato stabilito al 31.07.2014 dal Decreto del Ministero
dell’Interno del 29.04.2014, all'approvazione di un documento programmatico che abbia i contenuti del
predetto schema di riferimento e che possa definirsi quindi come PEG/Piano Performance provvisorio
triennale 2014/2016 ed annuale 2014, da riallineare dopo l'approvazione del bilancio di previsione annuale
2014 e pluriennale 2014-2016 e del PEG definitivo 2014;
DATO ATTO delle risultanze del PEG 2013 allegato Sub 1) al presente atto per farne parte integrante e
sostanziale
RITENUTO di includervi anche ,oltre alle linee ed agli obiettivi strategici, anche gli obiettivi operativi
annuali al momento individuati sulla base del PEG 2013 ,così da aumentarne fin dove possibile l'efficacia
come supporto gestionale;
RICHIAMATO il Progetto “Valutazione delle Performance - Controlli interni e Ciclo della Performance
alla luce dell'art.3 del D.L. 174/2012” del febbraio 2013 - pubblicato dal Dipartimento della Funzione
Pubblica/Formez PA;
VISTA la deliberazione della CMT n.6/2012, portante “Linee Guida relative al ciclo di gestione della
performance 2013”;
DATO ATTO che sono stati approvati rispettivamente il Piano triennale della Trasparenza, con
deliberazione di GM N 13 del 30.01.2014 e il Piano triennale della Corruzione e della legalita, con
deliberazione n 14 del 30.01.2014,che sono strumenti programmatici i cui contenuti, per effetto di diverse
previsioni di legge, devono collegarsi o comunque essere coerenti con la pianificazione strategica ed
operativa delle amministrazioni come il Piano di prevenzione della corruzione (art. 1, comma 5, lett.a) della
legge 06.11.2012, n.190, il Programma triennale per la trasparenza e l'integrità (art.10 del decreto legislativo
14.03.2013, n. 33) definito dal comma 2 della legge;
RILEVATO in particolare che, secondo il comma 3, secondo periodo, del richiamato art.10 del decreto
legislativo n.33/2013, la promozione di maggiori livelli di trasparenza costituisce un'area strategica di ogni
amministrazione, che deve tradursi in obiettivi organizzativi ed individuali;
RITENUTO quindi di procedere ad inserire già nel PEG/Piano Performance provvisorio in approvazione
la previsione sia a livello strategico che operativo di attività a garanzia e della trasparenza, integrità e
legalità e di iniziative ad incremento della trasparenza sui cui misurare i risultati dell'organizzazione e del
personale quali contenuti che saranno armonicamente ripresi e sviluppati negli specifici programmi su
richiamati;
RICHIAMATO l'art.48, comma 1, del decreto legislativo 11.04.2006 n.148 e dato atto che, a seguito
dell'emanazione del decreto legislativo n. 150/2009, il Piano triennale per le azioni positive che le
Amministrazioni devono adottare per la promozione delle pari opportunità fra il personale deve discendere
“in maniera coerente ed integrata dal Piano Performance, nell'ambito del più ampio processo di
pianificazione strategica e di programmazione economico-finanziaria; ciò anche in ragione della necessità
di assicurare coerenza... con le risorse finanziarie adeguate, per la concretizzazione degli interventi
programmati’ (così, CIVIT, deliberazione n.22/2011);
RITENUTO pertanto opportuno che il predetto documento provvisorio in approvazione racchiuda anche
scelte strategiche in materia di promozione di obiettivi di pari opportunità sintetizzate in interventi mirati
alla crescita del benessere organizzativo e alla valorizzazione delle differenze di genere per elevare la
qualità del lavoro pubblico e rendere prestazioni più qualificate e rispondenti alla realtà dei bisogni da
soddisfare, cosi come nel Piano delle azioni positive;
PREMESSO tutto ciò e vista la proposta di PEG/Piano Performance provvisorio in conseguenza
predisposta;
VISTO Il vigente Regolamento comunale sull’ordinamento degli uffici e servizi , che dedica il titolo
IV - Capo III al sistema di valutazione e premiante, che indica le fasi da seguire per l’erogazione del
sistema premiante , sebbene le fasi temporali vadano adeguate alle normative succedutesi in materia di
Bilanci comunali ;
VISTO tra l'altro il “Sistema di misurazione e valutazione della performance” (SMVP) che il Comune di
Palagiano ha in proposito approvato con atto della Giunta Comunale n111 del 29.06.2011 ai sensi dell'art.7
del decreto n. 150/2009;
DATO ATTO, in particolare, che la predetta proposta delinea un' ipotesi di PEG/Piano Performance
realizzato in accordo con i contenuti del SMVP, anche per l'associazione agli obiettivi di indicatori e target
utili a consentire in accordo con il detto Sistema la misurazione e la valutazione della performance
organizzativa, riferita all'ente nel suo complesso e alle singole strutture organizzative;
CONSIDERATO, inoltre, che il PEG proposto è stato costruito attraverso l’apporto congiunto:
•
degli organi di indirizzo politico dell'ente che definiscono priorità, piani, programmi, e direttive
generali per l'azione amministrativa e la gestione;
•
dei responsabili dei servizi,titolari Di PP: OO; esattamente individuati nei titolari dei predetti Centri
di responsabilità, che collaborano con l'organo di indirizzo politico/amministrativo nella definizione dei
contenuti e nell’'aggiornamento del Piano. Gli stessi titolari sono inoltre responsabili della declinazione degli
indirizzi strategici contenuti nelle direttive generali emanate dall'organo di indirizzo politico/amministrativo
in obiettivi strategici e operativi, in coerenza con il ciclo della programmazione finanziaria e di bilancio e
con la specificazione di indicatori per la misurazione e valutazione della performance;
DATO ATTO che i titolari dei predetti Centri di Responsabilità sono stati nominati dal Sindaco con
appositi decreti adottati ( n prot 6440 del 02.05.2014 , aventi ad oggetto la proroga a tutto il 31.07.2014 dei
precedenti Decreti Sindacali N 1 del 07.01.2014 e N 3 del 27.02.2014; tali decreti sono stati emanati ex
artt.107 e 109 del decreto legislativo n.267/00 con attribuzione a ciascun responsabile di servizio del
correlato incarico di posizione organizzativa ex art.8, comma 1, lett.a), del CCNL del 31.03.1999,
DATO ATTO che, costituisce perfezionamento del decreto stesso anche la determinazione degli obiettivi ,
strategici ed operativi relativi alle unità organizzative di diretta responsabilità in relazione ai quali sarà
valutata la performance del nominato;
RITENUTO quindi che gli obiettivi definiti nel PEG/Piano Performance e con lo stesso assegnati ai vari
Centri di responsabilità divengano quindi gli obiettivi su cui valutare la performance dei titolari
corrispondenti, incaricati di posizione organizzativa e Segretario Generale, con definizione degli obiettivi
individuali (art.9, comma 1, lett.b) del decreto legislativo n. 150/2009);
RICHIAMATO anche il decreto legge 06.07.2012, n.95, convertito dalla legge 07.08.2012, n.135, in
particolare I' art. 5 comma 11 ;
VISTO lo Statuto Comunale;
VISTO il decreto legislativo 30.03.2001, n.165 e successive modifiche ed integrazioni;
VISTO il regolamento sull’ordinamento degli uffici e Servizi del comune di Palagiano;
VISTO il regolamento comunale sui controlli interni, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale
n. 05 del 05.02.2013;
VISTO Il Piano triennale delle Performance 2014-2016 approvato con deliberazione di Giunta
Municipale n 12 del 30.01.2014,
VISTO Il Piano triennale della Lotta alla Corruzione e all’illegalità approvato con delibera di G .M. n.
14 del 30.01.2014, con l’allegato stralcio del Piano Triennale della Trasparenza, ai sensi del D.lgs.
33/2013;
DATO ATTO che ai sensi dell'art. 10, comma 8, lett.b) del decreto legislativo n.33 del 14.03.2013, l'atto
che qui si approva sarà pubblicato sul sito istituzionale dell'Ente nella sezione dedicata alla trasparenza sulla
performance;
VISTO il Decreto Sindale n 4 del 20/02/2014;
RICONOSCIUTA la propria competenza in merito all'adozione di questo atto per effetto degli articoli 48 e
89 del D.L.vo 18.08.2000, n.267 e successive modifiche;
RILEVATO che, ai sensi dell'art.49, comma 1, del decreto legislativo n.267/2000, come sostituito dall'art. 3,
comma 1, lettera b), del decreto legge n. 174/2012, convertito con modificazioni dalla legge n. 213/2012
sulla proposta relativa alla presente deliberazione è stato assunto, il parere favorevole di regolarità tecnica,
nonchè di regolarità contabile ;
Con votazione unanime e palese;
DELIBERA
Per i motivi, i titoli e i riferimenti normativi riportati in premessa che si aggiungono a quelli eventualmente
indicati nel dispositivo, nelle note e negli allegati e che si intendono nel dispositivo stesso in ogni caso
richiamati:
1. Di approvare il Piano Esecutivo di Gestione/Piano dettagliato degli obiettivi/della Performance
provvisorio del Comune di Palagiano per l'annualità 2014 consistente nel PEG 2013 , (aggiornato con i
pagamenti già effettuati e le disponibilità residue) al fine di autorizzare i responsabili alla gestione
provvisoria 2014 e di individuare gli obiettivi strategici e gli obiettivi operativi 2014 riferiti alle strutture
dell'Ente (Centri di Responsabilità) al momento definiti, come in allegato alla presente deliberazione;
2. Di rinviare ad un momento successivo all'approvazione del bilancio di previsione annuale 2014 e
pluriennale 2014-2016, il completamento/'integrazione del predetto documento, ove necessario in particolare
con la previsione e l'attribuzione delle risorse riallineate e preordinate all'attuazione degli obiettivi
definitivamente stabiliti.
3. Di dare atto che costituiscono allegati alla presente deliberazione il PEG provvisorio e le schede
Obiettivo- strategico e d operativo- per ciascun responsabile di Servizio;
4. Di dare atto che il PEG e le schede Obiettivo individuano i limiti delle dotazioni finanziarie e di risorse
umane da affidare ad ogni responsabile di servizio e gli obiettivi strategici ed operativi assegnati a ciascuno
di essi, cosi come desunti :
o
dal Piano Triennale di Lotta alla Corruzione e all’illegalità;
o
dal Piano triennale della Trasparenza ;
o
Dalla relazione Previsionale e Programmatica allegata al bilancio 2013 e dal Bilancio
pluriennale
2013-2015;
5. Di dare atto che le schede obiettivo contengono i risultati attesi e gli indicatori di risultato, conformi al
sistema di valutazione della Performance , in particolare alla parte della valutazione piu’ direttamente
collegata al raggiungimento degli obiettivi , per l’assegnazione di 60 punti dell’area della Performnace
Organizzativa secondo quanto approvato con delibera di GM n12 del 30/01/2014.
6.
Di dare atto che si darà corso al monitoraggio delle attività espletate e dei risultati raggiunti ,
conformemente a quanto indicato nel Piano della Performance , sino a definire l’iter con la Relazione della
Performance, per la validazione da parte dell’OIV e la trasmissione all’organo amministrativo;
7.
Di affidare la gestione del PEG ai Responsabili di Servizio, individuati con P. O e di cui al Decreto
Sindacale ultimo N prot 6440 del 02.05.2014;
8.
Di stabilire quindi che gli obiettivi definiti nel PEG/Piano Performance e con lo stesso assegnati ai
vari Centri di responsabilità siano considerati quindi come obiettivi su cui valutare la performance dei titolari
corrispondenti, incaricati di posizione organizzativa e del Segretario Generale, salva l'integrazione successiva
su ricordata ove necessaria;
9.
Ai sensi dell'art. 10, comma 8, lett.b), del decreto legislativo n.33 del 14.03.2013, il PEG/Piano
Performance qui approvato sarà pubblicato sul sito istituzionale dell'Ente nella sezione dedicata alla
trasparenza sulla performance.
10.
Le note e gli allegati al presente atto ne formano parte integrante e sostanziale;
11.
Il presente atto, con successiva votazione unanime e palese, è dichiarato immediatamente eseguibile
ai sensi dell’art. 134, comma 4, del d.to lgs n. 2167/2000.
Approvato e sottoscritto
IL SINDACO
Dr. Antonio TARASCO
________________________
IL SEGRETARIO COMUNALE
Dr.ssa Caterina BINETTI
_______________________
Il sottoscritto Segretario Comunale, visti gli atti di ufficio
ATTESTA
-
Che la presente deliberazione:
 E' stata affissa all'albo pretorio on line il giorno 20/06/2014 per rimanervi per quindici
giorni consecutivi (art. 124, comma 1 D. Lgs.267 del 18/08/2000)
 E' stata compresa nell'elenco n. 9028 in data 20/06/2014 delle deliberazioni
comunicate ai capigruppo consiliari (art. 125, D. Lgs.267 del 18/08/2000)
Dalla residenza municipale li
20/06/2014
IL SEGRETARIO COMUNALE
Dr.ssa Caterina BINETTI
Il sottoscritto Segretario Comunale, visti gli atti di ufficio
ATTESTA
Che la presente deliberazione è divenuta esecutiva:
 Decorsi 10 giorni dalla pubblicazione (art. 134 comma 3 D. Lgs.267/00);
 E' stata dichiarata immediatamente esecutiva (art. 134 comma 4 D. Lgs.267/00);
Dalla residenza municipale
20/06/2014
IL SEGRETARIO COMUNALE
Dr.ssa Caterina BINETTI
Author
Документ
Category
Без категории
Views
0
File Size
230 Кб
Tags
1/--pages
Пожаловаться на содержимое документа