close

Enter

Log in using OpenID

AUTOFORMAZIONE - NATALIA M. IANNAZZO

embedDownload
ISTITUTO COMPRENSIVO
"VIA ROMA - SPIRITO SANTO“
COSENZA 03 – 05 SETTEMBRE 2014
PERCORSO di
AUTOFORMAZIONE sui BES
AREA STRUMENTI
(strumenti compensativi e dispensativi,
operatività didattica, analisi casi);
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Associazione “Potenziamenti”
Potenziamenti nasce con l’obiettivo di accogliere e indirizzare le crescenti
esigenze delle persone interessate da DSA e delle loro famiglie.
L’attività dell’Associazione mira a diffondere, attraverso i propri volontari,
la cultura dei DSA intesi come neurovarietà, da rispettare e potenziare,
ponendo come valore imprescindibile il diritto all’apprendimento da parte
delle persone interessate da Disturbi Specifici dell’Apprendimento.
L’organizzazione di volontariato ha funzione di raccordo
tra scuola, famiglia e operatori specializzati fornendo informazioni,
assistenza, mediazione e quanto altro occorre per garantire
agli studenti un adeguato percorso formativo.
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Direttiva ministeriale del 27 12 2012
“Strumenti d’intervento per alunni con bisogni
educativi speciali e organizzazione territoriale per
l’inclusione scolastica”.
Documento che stimola l’attività di
personalizzazione didattica ed in
particolare introduce il concetto di
Bisogno Educativo Speciale.
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Definizione di BES
Il bisogno educativo speciale è qualsiasi difficoltà
evolutiva, in ambito educativo e/o apprenditivo, che
consiste in un funzionamento problematico
anche per il soggetto, in termini di danno, ostacolo e
stigma sociale, indipendentemente dall’eziologia, e
che necessita di educazione speciale individualizzata.
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Direttiva ministeriale del 27 12 2012
• Riconosce come ogni alunno, per differenti motivi, transitori
o permanenti, possa necessitare di una modalità di
insegnamento personalizzata.
• Chiarisce e riconosce come le difficoltà scolastiche
possano derivare da DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI, da
SITUAZIONI DI SVANTAGGIO sociale e culturale o da
DIFFICOLTÀ derivanti dalla scarsa conoscenza della
lingua o della cultura italiana.
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI
• DSA
• DEFICIT DEL LINGUAGGIO
• DEFICIT DELLE ABILITA’ NON VERBALI
• DEFICIT DELLA COORDINAZIONE MOTORIA
• DEFICIT DELL’ATTENZIONE E DELL’IPERATTIVITA’
• FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE (FIL)
DISTURBI EVOLUTIVI GLOBALI
• DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO LIEVE
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
SITUAZIONI DI SVANTAGGIO
• SOCIOECONOMICO
• LINGUISTICO (STRANIERI)
• CULTURALE
• DISAGIO COMPORTAMENTALE/RELAZIONALE
• ALTRE DIFFICOLTÀ (MALATTIE, TRAUMI,
DIPENDENZE …)
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Chi sono i BES?
(Direttiva ministeriale 27 dicembre 2012 / Circolare n.8, 6 marzo 2013)
Alunni con disabilità
Alunni con DSA
Alunni con altri BES
(in caso di svantaggio o disagio)
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
ALUNNI CON DISABILITÀ
RIFERIMENTI LEGISLATIVI
STRUMENTI DIDATTICI
• Legge 104/92
• Profilo dinamico funzionale
• DPR 24 febbraio 1994
• PEI – Piano Educativo Individualizzato
• DPCM 185/06
(progetto di vita in età scolare sul quale i
docenti della classe predispongono il piano di
studi personalizzato: tempi più lunghi, uso di
strumenti, prove equipollenti *.)
• Docente specializzato per il sostegno
didattico
* Prove che, anche se differenti nella somministrazione o nei contenuti, devono mettere la commissione in
grado di verificare se l’alunno conosce gli elementi essenziali delle discipline.
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Alunni con DSA
RIFERIMENTI LEGISLATIVI STRUMENTI DIDATTICI
• Legge 170/2010 + DM 12 luglio 2011 • PDP (Piano Didattico Personalizzato)
(Linee Guida)
in presenza di certificazione sanitaria
• Legge Regionale 11 aprile 2012
• Strumenti Compensativi
• Accordo Stato-Regioni 25 luglio
• Misure Dispensative
2012
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Alunni con altri BES
(in caso di svantaggio o disagio)
RIFERIMENTI LEGISLATIVI STRUMENTI DIDATTICI
• Circolare Ministeriale 27 dicembre
• PDP in assenza di certificazione
2012
sanitaria
• Circolare n. 8 del 6 marzo 2013
• Strumenti Compensativi
• Misure Dispensative
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
D.M. 27 dicembre 2012 –
Legge 8 ottobre 2010 n. 170
Agli studenti con BES e DSA le istituzioni
scolastiche garantiscono:
• L’uso si una didattica individualizzata e personalizzata;
• L’introduzione di strumenti compensativi nonché di
misure dispensative;
• Adeguate forme di verifica e valutazione.
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Didattica Individualizzata e
Personalizzata
•Deve tenere conto:
• dello stile di apprendimento dello studente
• dei suoi punti di forza
• Prevede
• la stesura di un Piano Didattico Personalizzato
• strumenti compensativi e misure dispensative
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Stili di Apprendimento
Gli alunni con DSA incontreranno
maggiori difficoltà con il canale
VISIVO – VERBALE, basato sulla
letto-scrittura, privilegiando invece gli
altri tre canali (Visivo- non verbale;
Uditivo; Cinestetico.)
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
CANALI DI ACCESSO ALLE INFORMAZIONI E
STRATEGIE DA ATTIVARE PER VALORIZZARE LO
STILE DI APPRENDIMENTO
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Strategie per facilitare
l’apprendimento quando gli
studenti hanno difficoltà ad:
1. ACCEDERE E COMPRENDERE LE INFORMAZIONI;
2. SELEZIONARE e RIELABORARE LE INFORMAZIONI;
3. MEMORIZZARE LE INFORMAZIONI;
4. VERIFICARE LA CONOSCENZA DEI CONTENUTI;
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
ACCEDERE E COMPRENDERE
LE INFORMAZIONI
Creare degli indicatori anticipati:
1. PARTIRE DAL LIBRO: titolo, sottotitoli, indici testuali,
parole evidenziate, immagini con didascalie, eventuali box.
2. Fare IPOTESI SUL CONTENUTO del testo e attivare
eventuali CONOSCENZE PREGRESSE.
3. Leggere e spiegare.
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
TITOLO
Linea del
Tempo:
In che
periodo
siamo?
Cartina:
Dove
siamo?
Parola
chiave:
Città-stato
SEMPLIFICARE IL TESTO
• SEGMENTARE IL TESTO;
• INDIVIDUARE PAROLE-CHIAVE E
CERCHIARLE;
• EVIDENZIARE I CONCETTI-CHIAVE;
• ANNOTARE, ACCANTO AD OGNI SEGMENTO,
UNA FRASE CHE NE RIASSUMA IL
CONTENUTO.
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
GRECIA:
PENISOLA DEL
MEDITERRANEO
CON
COMMERCIO
MARITTIMO
NASCONO LE
CITTÀ – STATO
AUTONOME
NELL’AMMINISTRAZIONE,
LIBERE E INDIPENDENTI.
SELEZIONARE E RIELABORARE
LE INFORMAZIONI
PASSAGGIO
DAGLI INDICI AD UN
ORGANIZZATORE GRAFICO
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
ORGANIZZATORI GRAFICI DELLA
CONOSCENZA
(MAPPE, TABELLE, DIAGRAMMI…)
Raccolgono
e
organizzano
le
informazioni, esplicitano relazioni tra
oggetti, eventi o concetti all'interno
di
un
compito
di apprendimento
(Calvani, 2011).
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
MAPPE
FACILITANO:
- L’APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO
- LA CONCETTUALIZZAZIONE
- LA MEMORIZZAZIONE
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
MAPPE
POSSONO ESSERE:
CONCETTUALI:
MENTALI:
RAPPRESENTANO
E ORGANIZZANO
INFORMAZIONI
RAPPRESENTANO
LE ASSOCIAZIONI
TRA CONCETTI
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
MAPPE CONCETTUALI
MAPPE MENTALI
VERIFICARE LA CONOSCENZA DEI
CONTENUTI
• Privilegiare la verifica orale;
• Programmare le interrogazioni;
• Avvisare qualche minuto prima di interrogare,
per dare il tempo all’alunno di prepararsi
psicologicamente e di ripetere.
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Verifiche scritte
• Preparare prove adatte alle capacità
dell’alunno;
• Valutare i contenuti e non la forma:
“tolleranza dell’errore”.
• Accettare risultati parziali e premiare i
miglioramenti di prestazione;
• Diminuire la quantità della prova e dare più
tempo per eseguirla.
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Lingue Straniere
Glia alunni con DSA possono usufruire:
• Tempi aggiuntivi per le verifiche;
• Adeguata riduzione del carico di lavoro;
• In caso di disturbo grave è possibile
dispensare
l’alunno
nelle prove scritte.
dalla
valutazione
STRUMENTI COMPENSATIVI
E
MISURE DISPENSATIVE
STRUMENTI COMPENSATIVI
Sono strumenti che permettono di compensare la
debolezza derivante dal disturbo, facilitando
l’esecuzione di compiti automatici
compromessi dal disturbo.
Sono quindi gli strumenti utili ad esprimere
e/o migliorare il potenziale dell’alunno.
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Strumenti compensativi:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Tabelle con regole grammaticali;
Tabella dei segni (+, x, -, :; <, >, =;)
Tabella con le tabelline;
Schede di sintesi con parole-chiave; Mappe
Concettuali/Mentali;
Calcolatrice;
Registratore;
Computer con programmi di video scrittura;
Vocabolario multimediale
… e tutto ciò che aiuta l’alunno a compensare il
suo disturbo.
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Misure Dispensative
Le misure dispensative sono le strategie
didattiche messe in atto per rendere le
richieste della scuola più funzionali al
raggiungimento degli obiettivi scolastici.
Riguardano la dispensa da alcune
prestazioni.
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
lettura ad alta voce
la scrittura sotto dettatura
prendere appunti
copiare dalla lavagna
il rispetto della tempistica per la consegna dei compiti scritti: l’alunno
può usufruire del 30% di tempo in più per lo svolgimento di una
prova ovvero della riduzione, quantitativamente, del carico.
la quantità eccessiva dei compiti a casa
l’effettuazione di più prove valutative in tempi ravvicinati
lo studio mnemonico di formule, tabelle, definizioni
sostituzione della scrittura con linguaggio verbale e/o iconografico
Accordo sulle modalità e i tempi delle verifiche scritte con possibilità
di utilizzare diversi
supporti (pc, correttore ortografico, sintesi vocale)
Parziale sostituzione o completamento delle verifiche scritte con
prove orali consentendo l’uso di schemi e/o mappe durante
l’interrogazione
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Lingue straniere e DSA
• Lingue straniere: Linee Guida p.20: “in caso di disturbo grave è
possibile in corso d’anno dispensare l’alunno dalla valutazione nelle
prove scritte” .
• “… pare opportuno precisare che l’esonero riguarda l’insegnamento
della lingua straniera nel suo complesso, mentre la dispensa
concerne unicamente le prestazioni in forma scritta.”
• Si sconsiglia viceversa la possibilità, prevista in casi di
dislessia molto severa, di essere esonerati dalle lingue
straniere. (Legge 170/2010, art. 5. 2. C)
• L’esonero totale dall’insegnamento della lingua straniera
infatti porta a ricevere solo un attestato, e non un vero
diploma.
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Attenzione!
Tra le lingue straniere non si possono
intendere anche il LATINO e il GRECO,
perciò non si può richiederne la dispensa
dalla forma scritta, ma si devono
personalizzare le prove.
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
CLASSIFICAZIONE DEGLI
INTERVENTI
La tipologia dell’intervento varia in relazione
all’eterogeneità dei profili funzionali
e di sviluppo.
Di conseguenza gli interventi possono essere:
• PREVENTIVI;
• ABILITATIVI.
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
PREVENTIVI:
IDENTIFICAZIONE PRECOCE =>
rafforzamento componenti deficitarie
(soprattutto meta- fonologiche).
(S. INFANZIA- INIZIO PRIMARIA)
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
ABILITATIVI:
RECUPERO delle funzioni o
componenti deficitarie attraverso cicli
di esercizi mirati.
(SCUOLA PRIMARIA)
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
LETTURA
STRUMENTALE
COMPRENSIONE
O
DECODIFICA
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
LETTURA STRUMENTALE
4 STADI NEL PROCESSO
DI APPRENDIMENTO DELLA LETTURA:
1. LOGOGRAFICO
2. ALFABETICO
3. ORTOGRAFICO
4. LESSICALE:
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
PER IMPARARE A LEGGERE
BISOGNA:
SVILUPPARE CAPACITA’ DI RICONOSCIMENTO VISIVO E
DI ANALISI DELLA STRUTTURA DELLA PAROLA:
- IDENTIFICARE LE LETTERE;
- RICONOSCERE IL LORO VALORE SONORO
- RAPPRESENTARE FONOLOGICAMENTE LE PAROLE
- RICONOSCERE IL SIGNIFICATO
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
SI CONSIGLIA QUINDI L’ADOZIONE DEL
METODO FONO –SILLABICO O SILLABICO:
- FONO-SILLABICO (OGNI CONSONANTE DERIVA DALLA FORMA DI UN OGGETTO
emme di mela, effe di fata)
-SINTESI SILLABICA (RICOSTRUIRE UNA PAROLA A PARTIRE DALLA SEQUENZA
DELLE SUE SILLABE “ME – LA = MELA”)
- LAVORO FONOLOGICO ( INDIVIDUZIONE DEL FONEMA INIZIALE DI PAROLA, POI
FINALE E INFINE INTERMEDIO, RAGGRUPPAMENTO DI IMMAGINI IL CUI NOME
COMINCIA O FINISCE CON LO STESSO SUONO…)
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
LINEE GUIDA
PER IL DIRITTO ALLO STUDIO
DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI
CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO
PAG. 13
LINEE GUIDA
PER IL DIRITTO ALLO STUDIO
DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI
CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO
PAG. 14
SCRITTURA
MEGLIO INZIARE CON LO STAMPATO
MAIUSCOLO = FORMA DI SCRITTURA
SEMPLICE PERCHÉ ARTICOLATA SU
UNA SOLA BANDA SPAZIALE DELIMITATA
DA DUE LINEE (BILINEARE): TUTTE LE
LETTERE HANNO LA STESSA ALTEZZA.
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
LO stampato minuscolo o
il corsivo
SI ARTICOLANO SU TRE BANDE
SPAZIALI E LE LINEE DI
DEMARCAZIONE SONO 4 :
aecblpqg
aecblpqg
AECBLPQG
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
PRESENTARE LA STESSA LETTERA IN PIÙ CARATTERI
CREA DIFFICOLTÀ PERCETTIVE
COMPLESSE AGLI STUDENTI.
È OPPORTUNO SOFFERMARSI SU UNA MODALITÀ
FINCHÉ L’ALUNNO
NON ACQUISISCE UNA STABILE RAPPRESENTAZIONE
MENTALE DELLA FORMA DI QUELLA LETTERA.
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
CLASSIFICAZIONE ERRORI DI SCRITTURA
ERRORI FONOLOGICI
L’ANALISI FONOLOGICA DELLA STRINGA
NON è AVVENUTA CORRETTAMENTEE
ERRORI FONETICI
DIFFICOLTà NELL’ANALISI PERCETTIVA DEL
SUONO, DELLE VARIAZIONI DI INTENSITà
SONORA E DI DURATA (PER ES. DOPPIE,
OMISSIONI, ACCENTI)
ERRORI ORTOGRAFICI
MANCATO RISPETTTO DELLE CONVENZIONI
ORTOGRAFICHE DELLA LINGUA (H,
APOSTROFO, FUSIONI, SEPARAZIONI,
SCAMBI DI GRAFEMI OMOFONI NON
OMOGRAFI)
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
TIPOLOGIA DI INTERVENTO
AREA
CONTENUTI
INTEVENTO SU ERRORI
FONOLOGICI
( DAL II QUADRIMESTRE DELLA
CLASSE PRIMA)
SUONI SEMPLICI
PAROLE CON
-BISILLABE SEMPLICI
- TRI/PLURISILLABE SEMPLICI
SUONI NASCOSTI
PAROLE CON
-DITTONGO / IATO
-GRUPPO N + CONSONANTE
- GRUPPO R/L/M +
CONSONANTE
SUONI COMPLESSI
PAROLE CON GRUPPI
CONSONANTICI:
-P+R
-CONSONANTE ù R
-S+P / S+T / S+C/ S+ T+ R
-…
SUONI DIFFICILI
PAROLE CON DIGRAMMI E
TRIGRAMMI:
-CIA/CIO/CIU
-GIA/GIO/GIU
-CHI/CHE - GHI/GHE
-GN
-GLI
-SCI/SCE
-CU /QU(CQU
INTERVENTO SUI SUONI
DIFFICILI E INTERVENTO SUGLI
ERRORI ORTOGRAFICI
( DA FINE CLASSE PRIMA /
INIZIO CLASSE SECONDA)
Dott.ssa Natalia Marianna Iannazzo
Natalia Marianna Iannazzo, Tutor dell’Apprendimento
Natalia Marianna Iannazzo
Tutor dell’Apprendimento
Esperto Didattico sui Disturbi Specifici dell’Apprendimento
Perfezionamento in Strategie e metodologie di innovazione
didattica con i nuovi media. Flipped classroom
Tutor Campus AID
Cell. 338 35 57 481
Email: [email protected]
TERESA D’ANDREA
Associazione PotenziaMenti
Via Adige 16 – 87036 Rende (Cs)
Telefono e fax +39 0984 46 48 36
Tel. 339 38 24 552 – 338 35 75 481
[email protected]
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
2 140 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content