close

Enter

Log in using OpenID

1.1 relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo

embedDownload
PIANO per il GOVERNO del TERRITORIO
Comune di Ospedaletto L.
(Provincia di Lodi)
ALLEGATO CONTRODEDUZIONI
relazione di pareri, osservazioni e controdeduzioni
tavola di individuazione pareri e osservazioni
1.1
DOCUMENTO DI PIANO
1 - QUADRO CONOSCITIVO E RICOGNITIVO
1.1 - relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
1.2 - relazione e schede dello stato dei servizi
1.3 - tavola degli usi del suolo
1.4 - tavola dello stato dei servizi
1.5 - tavola delle componenti del paesaggio
1.6 - attuazione del PRG vigente
2 - QUADRO STRATEGICO
2.1 - relazione dello scenario strategico
2.2 - tavola delle previsioni di piano
2.3 - tavola dei vincoli
2.4 - schede degli ambiti di trasformazione
2.5 - norme tecniche degli ambiti di trasformazione
2.6 - allegato indice fogliare
2.7 - allegato dello studio sul traffico
PIANO DEI SERVIZI
1 - relazione e schede di previsioni di piano dei servizi
2 - norme tecniche PdS
3 - tavola di previsioni di piano dei servizi
4 - tavola del sistema del verde e della viabilità dolce
5 - quantificazione dei costi
6 - allegato dello studio idraulico di analisi del sistema delle fognature
7 - allegato P.U.G.S.S. - relazione e tavole
PIANO DELLE REGOLE
1 - norme tecniche PdR
2 - tavola di piano delle regole 1:5000
3 - tavola di piano delle regole 1:2000
4 - tavola ecopaesistica degli ambiti ed elementi sottoposti a disciplina
paesaggistica ed ambientale
5 - tavola della sensibilità paesistica
6 - allegato studio geologico e integrazione componente sismica
Progetto adottato con delibera C.C. n° 13 del 27/07/2013
Pubblicato dal 04/09/2013 al 03/11/2013
Approvato con delibera C.C. n°
del
progettista!
!
!
collaboratori!
sindaco!
segretario!
Arch. Sergio Uggetti - Studio di Architettura ed Urbanistica - Lodi, Via San Francesco n° 1
Tel. 0371/425719 - Fax 0371/422833 - e-mail: [email protected]
P. IVA: 11665310154! C.F. GGTSRG54P06Z110Z
Dott. Arch. Anna Maria Altrocchi - Dott. Arch. Silvia Gallani - Pian. Davide Bassi
Eugenio Ferioli
Dr.ssa Anna Russo
gennaio
2014
approvazione
INDICE
2.2.1.SISTEMA TERRITORIALE .............................................................63
2.2.2.SISTEMA DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITÀ ...................64
1.QUADRO RICOGNITIVO E PROGRAMMATORIO .......................2
1.1.QUADRO GENERALE AMMINISTRATIVO ................................................2
1.2.AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DEL P.G.T. E V.A.S. .....2
1.3.VERIFICA DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEL P.R.G. VIGENTE ..........2
1.4.INDAGINE SUL SISTEMA SOCIO-ECONOMICO ......................................4
1.4.1.POPOLAZIONE RESIDENTE............................................................4
1.4.2.PATRIMONIO RESIDENZIALE ..........................................................9
1.4.3.INSEDIAMENTI PRODUTTIVI .........................................................10
1.5.ATTI DI PARTECIPAZIONE AL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE .........13
1.5.1.LA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI ..............................................13
2.2.3.SISTEMA URBANO ......................................................................64
2.2.4.SISTEMA AGRICOLO ...................................................................66
2.2.5.SISTEMA DEI SERVIZI .................................................................66
2.2.6.AREE E BENI DI PARTICOLARE RILEVANZA ....................................66
2.2.7.CLASSI DI SENSIBILITÀ ...............................................................70
3.ASSETTO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO.........72
3.1.INQUADRAMENTO GEOLOGICO-STRUTTURALE ................................72
3.2.INQUADRAMENTO STRATIGRAFICO .....................................................72
3.3.CARATTERI GEOMORFOLOGICI DEL TERRITORIO COMUNALE .......72
1.5.2.COINVOLGIMENTO DEGLI ATTORI SOCIO-ECONOMICI ....................13
3.3.1.IL “SISTEMA DEI TERRAZZI ALLUVIONALI INCLUSI NELLA FASCIA DI
MEANDREGGIAMENTO DEL F. PO”................................................72
1.5.3.VERBALE 1° CONFERENZA DI VAS ..............................................13
3.3.2.IL “LIVELLO FONDAMENTALE DELLA PIANURA”..............................73
1.5.4.VERBALE 2° CONFERENZA DI VAS ..............................................14
3.3.3.FORME DOVUTE ALL’ATTIVITÀ ANTROPICA ....................................73
1.5.5.OSSERVAZIONI ALLA 2° CONFERENZA DI VAS ..............................14
3.4.INDAGINE DI PRIMA CARATTERIZZAZIONE LITOTECNICA E
PEDOLOGICA ......................................................................................................74
1.5.6.LA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI ALLA VAS ...............................18
1.6.ATTI DI PROGRAMMAZIONE SOVRAORDINATA ..................................19
1.6.1.IL PTR E IL PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE ..........................19
1.6.2.PIANO TERRITORIALE REGIONALE ..............................................25
1.6.3.PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE .............34
1.6.4.PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE ADOTTATO ................................................................................48
1.6.5.PIANIFICAZIONI DI SETTORE CORRELATE AL PTCP: PIANO DI
INDIRIZZO FORESTALE – PIF ......................................................52
1.6.6.PIANIFICAZIONI DI SETTORE CORRELATE AL PTCP: PAT 2007-2009
................................................................................................56
1.6.7.PIANIFICAZIONI DI SETTORE CORRELATE AL PTCP: PIANO ITTICO E
CARTA ITTICA PROVINCIALE ........................................................56
1.6.8.PIANIFICAZIONI DI SETTORE CORRELATE AL PTCP: PIANO DI
GESTIONE DEI RIFIUTI ...............................................................57
1.6.9.PIANIFICAZIONI DI SETTORE CORRELATE AL PTCP: PIANO CAVE
PROVINCIALE .............................................................................59
1.7.VINCOLI .....................................................................................................60
1.7.1.VINCOLI PAESAGGISTICI E CULTURALI ..........................................60
3.4.1.CARATTERIZZAZIONE LITOLOGICA ...............................................74
3.4.2.CARATTERIZZAZIONE PEDOLOGICA .............................................74
3.5.RETICOLO IDRICO ...................................................................................74
3.6.IDROGEOLOGIA .......................................................................................74
3.6.1.CARATTERISTICHE IDROGEOLOGICHE GENERALI ..........................74
3.6.2.CARATTERISTICHE IDROGEOLOGICHE DEL TERRITORIO COMUNALE 75
3.6.3.CENSIMENTO E CATALOGAZIONE DEI POZZI ..................................75
3.6.4.INDAGINE PIEZOMETRICA ...........................................................75
3.6.5.VULNERABILITÀ DEGLI ACQUIFERI ...............................................76
3.7.PERICOLOSITA’ SISMICA LOCALE ........................................................76
3.7.1.ZONAZIONE SISMICA NAZIONALE ED INQUADRAMENTO DEL
TERRITORIO DI OSPEDALETTO LODIGIANO ...................................76
3.7.2.DESCRIZIONE DELLA SISMICITÀ ...................................................77
3.7.3.PERICOLOSITÀ SISMICA ..............................................................78
3.8.CARTA DI SINTESI ...................................................................................79
3.9.CARTA DEI VINCOLI GEOLOGICI ...........................................................79
1.7.2.VINCOLI AMMINISTRATIVI ............................................................60
2.QUADRO CONOSCITIVO COMUNALE......................................63
2.1.COORDINAMENTO CON LE PREVISIONI DEI COMUNI CONTERMINI.63
2.2.QUADRO TERRITORIALE ........................................................................63
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
1
1.3. VERIFICA DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEL P.R.G.
VIGENTE
1.
QUADRO RICOGNITIVO E
PROGRAMMATORIO
1.1. QUADRO GENERALE AMMINISTRATIVO
Stato di attuazione del PRG vigente
Come viene illustrato nella tabella e tavola allegate al presente punto e dalla
tavola del quadro conoscitivo del PGT, lo strumento urbanistico vigente riporta
Azzonamento di PRG vigente
previsioni per un totale di circa 156.004 mc residenziali, pari a un incremento di
popolazione teorica di 1040 abitanti. Di questa cubatura prevista sono stati attuati
o in via di attuazione (in quanto in costruzione o approvati ma non ancora attuati)
Di seguito viene indicata la situazione aggiornata degli strumenti urbanistici
circa 118.847 mc (76%) e non attuati 37.157 mc. In realtà, della cubatura
vigenti:
approvata, buona parte non risulta completata o addirittura costruita al punto che
la popolazione teorica insediabile di circa 792 abitanti risulta invece di 575
Piano Regolatore Generale Vigente
abitanti, con una potenzialità abitativa non ancora sviluppata ma già approvata di
217 abitanti che andranno a insediarsi nei prossimi anni. Ad oggi risultano
Il vigente P.R.G. risulta approvato con delibera di G.R. n° 12941 del 17/09/1991
approvati gran parte dei piani di lottizzazione previsti anche se alcuni di questi
In seguito, il piano è stato oggetto delle seguenti modifiche:
denotano lotti inedificati o come nel caso del PII in Strada del Cimitero Vecchio la
-
-
-
Variante generale di PRG adottata con delibera di C.C. n° 58 del
mancata attuazione in seguito alla approvazione.per quanto riguarda il Piano di
29/11/1994 e approvata con delibera di G.P. n° 469 del 17/09/1997;
recupero in via Grassi l’attuazione rimane bloccata al 50% in seguito a problemi
Variante parziale al PRG adottata con delibera di C.C. n° 15 del
finanziari dell’Impresa di costruzione. Rimane non attuato il piano di lottizzazione
30/03/2000, approvata con delibera di C.C. n°42 del 11/09/2000 e delibera
adiacente situato in via Minoia con potenzialità di circa 14.142 mc pari a 94
di G.P. n° 49 del 07/03/2001;
abitanti teorici.
Variante parziale al PRG adottata con delibera di C.C. n° 18 del
Per quanto riguarda le previsioni di carattere produttivo il PRG prevede 598.675
05/08/2002, approvata con delibera di C.C. n° 3 del 27/01/2003 e delibera
mq di aree destinate ad attività produttive e commerciali di cui risultano attuate
di G.P. n° 57 del 26/03/2003;
circa 489.115 mq (81%) delle quali però 36.438 mq risultano dall’analisi di quadro
Piano Cimiteriale adottato con delibera di C.C. n° 29 del 16/12/2003 ma
conoscitivo come aree industriali dismesse.
non è stato dato seguito all’approvazione definitiva; verrà aggiornato alle
Benchè approvato, rimane programmato ma inattuato il PL situato tra la SP 234 e
normative vigenti attraverso un nuovo procedimento.
la SP 107 con una potenzialità di 33.280 mq e l’area contigua al comparto
Cremonini facente parte del medesimo piano che risulta non attuata per una
1.2. AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DEL P.G.T. E
V.A.S.
quantità pari a mq 91.152. Non ha mai trovato attuazione invece l’area di circa
57.608 mq posizionata lungo la SP 234 e la ferrovia.
Per quanto riguarda i servizi, ad una previsione di mq 273.171 risulta una
Deliberazione G.C. n° 25 del 16/03/2009 “Avvio del procedimento di formazione
attuazione di 112.418 mq ( 41%) , bisogna però sottolineare che la maggior parte
del PGT”.
delle aree previste corrispondono a opere infrastrutturali viabilistiche che
Pubblicazione all’Albo Pretorio Comunale dal19/03/2009 al 02/04/2009
corrispondono alla variante tangenziale della SP 234 ed alla nuova viabilità di
collegamento verso la SP 126.
Delibera di G.C. n° 50 del 08/08/2012 “Avvio del procedimento di Valutazione
Ambientale Strategica“.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
2
PRODUTTIVO COMMERCIALE
RESIDENZIALE
n°
12
mq
mc
abitanti
teorici non
insediati
n°
mq
20
14.926,80
13
1.088,20
18
6.822,70
12.773,00
36
72.832,02
14
4.446,87
23
23.768,76
28.497,00
40
77.768,27
16
9.840,39
27
13.093,26
14.645,00
44
42.168,64
17
2.302,88
47
4.866,14
9.741,00
53
156.987,61
21
1.163,60
24
1.650,15
25
2.985,59
73.174
12.875,30
86
48
1.407,92
1.689,50
11
6.462
14.565
97
19
16.915,14
16.915
18.000,00
120
18.000
120
530,17
39
1.326,59
42
7.104,46
43
6.368,57
45
5.125,66
49
3.342,69
50
8.679,42
51
14.002,42
52
42.460,00
54b
4.429,69
116.847
33
33.280,00
56
91.152,39
124.432
1.661,51
11
35
57.607,99
11
605,13
2
1.647,29
2.470,94
16
41
15.513,22
15
8.029,04
3
716,14
1.074,21
7
26
1.522,40
4
835,45
1.253,18
8
31
24.190,20
5
3.789,69
4.547,63
30
32
29.601,04
6
1.051,98
1.262,38
8
34
8.415,95
7
830,51
996,61
7
37
13.367,15
8
1.470,46
1.764,55
12
38
9.625,68
9
1872,42
2.246,90
15
54a
34.458,56
10
1423,36
1.708,03
11
57
26.508,08
22
2694,75
3.233,70
22
28
661,95
794,34
5
30
5.657,12
14.142,80
94
37.157
248
TOTALE AREE
DISMESSE
73.121
55
19.302,11
58
17.136,26
156.323
36.438
120.310
156.004
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
465
554.705
141.348
1.107,67
23.759
mq
6.462
1
AREE DISMESSE
TOTALE GENERALE
29
364.683
5.053,70
TOTALE
ATTUAZIONE
PROGRAMMATA
TOTALE
NON
ATTUATA
86.282
46
TOTALE IN CORSO
D’ATTUAZIONE
NON ATTUATA
mq
20.626,00
TOTALE
ATTUAZIONE
COMPLETATA
ATTUAZIONE
PROGRAMMATA
n°
24.623,18
ATTUAZIONE
COMPLETATA
IN CORSO
D’ATTUAZIONE
TOTALE
SUPERFICIE
SERVIZI
598.675
253.203
36.438
273.170,6
992.155
3
Verifica del peso insediativo corrispondente ad un abitante teoricamente
Utilizzando il dato della popolazione residente in ogni comparto-tipo e la
insediabile
volumetria esistente in tale comparto si può calcolare lo spazio occupato da ogni
Al fine di verificare la rispondenza tra “numero di abitanti insediati” sul territorio
singolo abitante insediato e cioè:
comunale e “previsione insediativa espressa dal PRG vigente”, nonché funzionalmente alla definizione del Piano dei Servizi - al fine di determinare
111.160 mc / 747 abitanti = 149 mc/abitanti
“l’ingombro” volumetrico espresso da un singolo abitante insediato all’interno del
Comune di Ospedaletto L. (rispetto all’intera volumetria residenziale esistente), è
Considerato che il valore di 149 mc/ab si discosta dal valore di 100 mc/ab definito
stata applicata la seguente metodologia di analisi:
dalla normativa nazionale (in particolare dal D.M. 1444/68) e tenendo conto del
- selezione di 8 comparti-tipo, rappresentativi della tipologia edilizia
residenziale prevalente a scala comunale;
fatto che la l.r. 12/2005 e s.m.i. non determina in modo preordinato un analogo
parametro di riferimento, agli effetti della verifica dello stato di fatto e della
- applicazione, in relazione ai suddetti comparti-tipo, del seguente calcolo:
determinazione di quelle che sono le previsioni di Piano, sia in termini di
“rapporto tra volumetria realizzata (capacità edificatoria esistente) e abitanti
Documento di Piano (previsioni di Piano) che di Piano dei Servizi (verifica dei
realmente insediati all’interno del comparto”.
fabbisogni pregressi ed insorgenti), il Piano di Governo del Territorio del Comune
di Ospedaletto L. assume come valore di riferimento per la verifica del peso
N.10
insediativo il seguente parametro: 1 abitante teoricamente insediabile ogni 150
7
A
MANTOVAN
VIA
K.16
mc di volume.
S.P.
ANA
MANTOV
N.10
7
VIA
K.35
PAVIA -
K.0
F.S.
F.S.
.
S.P
K.16+286
Rog
A
MANTOVAN
gia
VIA
Somaglia
Roggia
IL CRISTO
Somaglia
Roggia
Ro
gg
ia
RI
PE
ia
GIU
ag
m
E
PP
SE
So
lia
E
IO
DI
FA
A.
LB
DE
I
G.
VE
DI
L’analisi demografica e socio-economica è stata effettuata sulla base dei dati
reperibili nei censimenti ISTAT del 1971, 1981, 1991 e 2001. Per alcune tabelle
del periodo 2002-2012 sono stati utilizzati dati reperibili on-line sul sito ufficiale
dell’Istat; altri valori sono stati forniti dall’ufficio anagrafe del Comune.
La popolazione di Ospedaletto L. ha origini prevalentemente rurali ed il suo
andamento dall'inizio del secolo ha sempre seguito le vicende legate
all'agricoltura che ne determinava il rapporto di lavoro attraverso contratti
stagionali o indeterminati.
Il processo di industrializzazione ha portato ad una forte emigrazione che ha
raggiunto il punto massimo agli inizi degli anni duemila, quando la popolazione ha
raggiunto il valore di 1476 abitanti. Negli ultimi anni l’andamento è portato a
variare principalmente grazie all’offerta di nuove abitazioni, tanto che al
31/12/2012 si contavano 1902 abitanti.
Si nota inoltre che all’interno del Comune è presente una percentuale di stranieri
residenti maggiore rispetto ai dati provinciali e regionali all’anno 2001 (Tabella
0.1). Gli stranieri residenti sono per la maggior parte provenienti dall’Europa (32)
GAR
A
ES
DI
IN
IA
O
M
VIA
AP
RI
LE
DRE
OND
SF
della Provincia e della Regione in cui il numero degli stranieri residenti è in
continuo aumento (Grafico 0.1).
NI
RI
VI
A
R
TE
AL
IB
MA
A
VI
TA
UT
E
.
A
STR
LC
CA
PP
VIC
RI
SE
RO
ITE
L
DE
.
PE
A
OI
GIU
MIN
VIA
GAS
HIO
A
VI
A
VI
SCI
.
G
CC
TO
VIA
BA
G.
EN
E
ST
TR
I
IE
VIA
RD
Popolazione residente
nelle Tabelle 0.2 - 0.3 - 0.4 - 0.5 - 0.6 - 0.7 - 0.8 - 0.9 è evidente il costante
aumento degli abitanti stranieri nel comune di Ospedaletto L. a fronte di un
aumento della popolazione residente. Questo andamento è in sintonia con quello
F.
G.
VIA
TR
I
OTT
VE
CIM
I
tta
AL
AN
NF
a
Fr
IB
LE
VIA
A
VI
GAR
I
III
IN
XX
A
VI
NI
CC
GRAM
TE
MAT
VIA
MATTEOTTI
GAS
gg
VIALE
TO
IS
PU
AN
OV
GI
IO
XXI LUGL
CR
VIA
UR
FF
GA
GAFFUR
IO
I
TT
EO
TT
MA
I
ZA
VIA
D
ADA
VIA
1.4.1.
e dall’Asia (22), in misura minore dall’Africa (12) e dall’America (3).
Osservando i dati relativi al periodo 2003-2010 (dati non disponibili per il 2002)
A
VI
Ro
VIA
INDIPE
NEGRI
B
VIA
A.
VIA
L
C
A
NDENZ
A.
NDEN
INDIPE
VIA
VIA
VIA
LOCALITA'
MOLINAZZA
VIA
Località
Molinuzza
DE
A.
TA'
LIBER
Stazione
Ospedaletto
Lodigiano
Croce
Rossa
DE
ONA
A
VI
MANZONI
STAZIONE
VIA
PAVIA - CREM
atta
Fr
26
VIA
n.234
N.234
P.
N.1
Somaglia
CREMONA
1.4. INDAGINE SUL SISTEMA SOCIO-ECONOMICO
A.
V
LB
XX
V
RIL
I
DO
E
VIA
I
SS
PADU
G.
A
GR
A
VI
VIA
PADULLO
N
A
VI
VI
A
XX
VIA
BA
AP
gia
TA
COS
Rog
LLA
DE
VIA
LLO
ta
at
Fr
VIA
PIAZZA
ROMA
VIA
G
gi
I
a
OSPEDALETTO
So
m
ag
lia
S.
P.
Isola
Ecologica
LODIGIANO
Tabella 0.1: Popolazione straniera residente per sesso (Censimento 2001)
GAN
VIA
F
PA
Rog
I
ETT
A
A.
CIN
GAN
Monastero
San Pietro e Paolo
A
PER
CAS
Bettolino
NN
PA
SE
VIA
A
VI
CASCINETTA
A.
VIA
S.P
.
N.1
Ro
26
gg
ia
A livello operativo i comparti-tipo selezionati in ambito comunale sono quelli
corrispondenti all’area identificata nello stralcio con il colore grigio. La volumetria
corrispondente ad ogni comparto e la popolazione residente in ogni comparto
(dato fornito dall’ufficio anagrafe del comune) sono illustrati nella seguente
tabella :
comparti
Comparto A
Comparto B
Comparto C
Comparto D
Comparto E
Comparto F
Comparto G
Comparto I
TOTALE
abitanti
100
32
58
40
196
116
67
138
mc
12.773
5.709
13.213
5.956
28.497
14.645
9.741
20.626
mc/abitante
127,7
178,4
227,8
148,9
145,4
126,3
145,4
149,5
747
111.160
149
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Popolazione Totale residente
(% sul Tot. Res.)
Livello
TOTALE Ab.
Maschi Femmine
Totale
Regione:
Ab. 4.400.426 4.679.816 9.080.242
9.080.242
LOMBARDIA
%
48,46% 51,54%
100%
Provincia:
Ab.
96.783 101.516 198.299
198.299
LODI
%
48,81% 51,19%
100%
Comune:
Ab.
780
802
1.582
1.582
OSPED. LOD.
%
49,30% 50,70%
100%
Popolazione straniera residente
(% sul Tot. Res.)
Maschi Femmine
Totale
164.535 155.029 319.564
1,81%
1,71%
3,52%
2.783
2.543
5.326
1,40%
1,28%
2,69%
33
36
69
2,09%
2,28%
4,36%
Tabella 0.2: Popolazione straniera residente per sesso (anno 2003)
Popolazione Totale residente
(% sul Tot. Res.)
Livello
TOTALE Ab.
Maschi Femmine
Totale
Regione:
Ab. 4.497.954 4.748.842 9.246.796
9.246.796
LOMBARDIA
%
48,64% 51,36%
100%
Provincia:
Ab. 100.674 104.775 205.449
205.449
LODI
%
49,00% 51,00%
100%
Comune:
Ab.
827
831
1.658
1.658
OSPED. LOD.
%
49,88% 50,12%
100%
Popolazione straniera residente
(% sul Tot. Res.)
Maschi Femmine
Totale
254.179 222.511 476.690
2,75%
2,41%
5,16%
5.398
4.468
9.866
2,63%
2,17%
4,80%
55
51
106
3,32%
3,08%
6,39%
Tabella 0.3: Popolazione straniera residente per sesso (anno 2004)
Popolazione Totale residente
(% sul Tot. Res.)
Livello
TOTALE Ab.
Maschi Femmine
Totale
Regione:
Ab. 4.579.992 4.813.100 9.393.092
9.393.092
LOMBARDIA
%
48,76% 51,24%
100%
Provincia:
Ab. 102.280 106.378 209.129
209.129
LODI
%
48,91% 50,87%
100%
Comune:
Ab.
847
847
1.694
1.694
OSPED. LOD.
%
50,00% 50,00%
100%
Popolazione straniera residente
(% sul Tot. Res.)
Maschi Femmine
Totale
318.718 275.561 594.279
3,39%
2,93%
6,33%
6.684
5.439
12.123
3,20%
2,60%
5,80%
74
63
137
4,37%
3,72%
8,09%
4
Grafico 0.1
Tabella 0.4: Popolazione straniera residente per sesso (anno 2005)
Popolazione Totale residente
(% sul Tot. Res.)
Livello
TOTALE Ab.
Maschi Femmine
Totale
Regione:
Ab. 4.624.741 4.850.461 9.475.202
9.475.202
LOMBARDIA
%
48,81% 51,19%
100%
Provincia:
Ab. 104.145 107.841 211.986
211.986
LODI
%
49,13% 50,87%
100%
Comune:
Ab.
858
867
1.725
1.725
OSPED. LOD.
%
49,74% 50,26%
100%
Popolazione straniera residente
(% sul Tot. Res.)
Maschi Femmine
Totale
353.453 312.431 665.884
3,73%
3,30%
7,03%
7.438
6.379
13.817
3,51%
3,01%
6,52%
88
77
165
5,10%
4,46%
9,57%
Il confronto con i dati Provinciali e Regionali riferiti all’anno 2010 (31 dicembre Grafico 0.2) evidenzia che nel comune di Ospedaletto L. la popolazione residente
straniera è maggiore rispetto alla media regionale e provinciale.
Grafico 0.2
Tabella 0.5: Popolazione straniera residente per sesso (anno 2006)
Popolazione Totale residente
(% sul Tot. Res.)
Livello
TOTALE Ab.
Maschi Femmine
Totale
Regione:
Ab. 4.660.352 4.885.089 9.545.441
9.545.441
LOMBARDIA
%
48,82% 51,18%
100%
Provincia:
Ab. 105.861 109.525
215.386
215.386
LODI
%
49,15% 50,85%
100%
Comune:
Ab.
893
886
1.779
1.779
OSPED. LOD.
%
50,20% 49,80%
100%
Popolazione straniera residente
(% sul Tot. Res.)
Maschi Femmine
Totale
382.514 346.133 728.647
4,01%
3,63%
7,63%
8.245
7.466
15.711
3,83%
3,47%
7,29%
104
94
198
5,85%
5,28% 11,13%
Tabella 0.6: Popolazione straniera residente per sesso (anno 2007)
Popolazione Totale residente
(% sul Tot. Res.)
Livello
TOTALE Ab.
Maschi Femmine
Totale
Regione:
Ab. 4.711.487 4.930.919 9.642.406
9.642.406
LOMBARDIA
%
48,86% 51,14%
100%
Provincia:
Ab. 108.136 111.534 219.670
219.670
LODI
%
49,23% 50,77%
100%
Comune:
Ab.
927
920
1.847
1.847
OSPED. LOD.
%
50,19% 49,81%
100%
Popolazione straniera residente
(% sul Tot. Res.)
Maschi Femmine
Totale
425.849 389.486 815.335
4,42%
4,04%
8,46%
9.800
8.987
18.787
4,46%
4,09%
8,55%
127
119
246
6,88%
6,44% 13,32%
L'andamento della struttura della residenza, nella sua forma basilare, vale a dire
nella famiglia, riporta dati che rispecchiano in gran parte l'andamento territoriale
con una diminuzione del numero dei componenti ed un aumento di nuclei familiari
di uno e tre componenti. Questo dato segue ovviamente la diminuzione di natalità
ed un invecchiamento della popolazione che sembra coinvolgere la maggior parte
dei Comuni del territorio.
Molto importante la lettura delle tabelle riguardanti gli addetti per settore in cui
risulta evidente il calo del settore agricolo, ma anche di quello industriale e
commerciale a favore del terziario privato e pubblico.
Tabella 0.7: Popolazione straniera residente per sesso (anno 2008)
Popolazione Totale residente
(% sul Tot. Res.)
Livello
TOTALE Ab.
Maschi Femmine
Totale
Regione:
Ab. 4.762.370 4.980.306 9.742.676
9.742.676
LOMBARDIA
%
48,88% 51,12%
100%
Provincia:
Ab. 110.187 113.443 223.630
223.630
LODI
%
49,27% 50,73%
100%
Comune:
Ab.
938
932
1.870
1.870
OSPED. LOD.
%
50,16% 49,84%
100%
Popolazione straniera residente
(% sul Tot. Res.)
Maschi Femmine
Totale
469.214 435.602 904.816
4,82%
4,47%
9,29%
11.237
10.491
21.728
5,02%
4,69%
9,72%
148
140
288
7,91%
7,49% 15,40%
Tabella 0.8: Popolazione straniera residente per sesso (anno 2009)
Popolazione Totale residente
(% sul Tot. Res.)
Livello
TOTALE Ab.
Maschi Femmine
Totale
Regione:
Ab. 4.802.363 5.023.778 9.826.141
9.826.141
LOMBARDIA
%
48,87% 51,13%
100%
Provincia:
Ab. 111.379 114.446 225.825
225.825
LODI
%
49,32% 50,68%
100%
Comune:
Ab.
945
942
1.887
1.887
OSPED. LOD.
%
50,08% 49,92%
100%
Popolazione straniera residente
(% sul Tot. Res.)
Maschi Femmine
Totale
503.816 478.409 982.225
5,13%
4,87% 10,00%
12.213
11.341
23.554
5,41%
5,02% 10,43%
138
138
276
7,31%
7,31% 14,63%
1.4.1.1.Caratteri demografici e strutturali della popolazione
Nel comune di Ospedaletto L. vi è stata una brusca inversione di tendenza
rispetto alla popolazione residente a partire dall’inizio del XX secolo. Infatti, alla
costituzione nel 1861 del Regno d’Italia, il comune aveva una popolazione
residente di 1.819 abitanti (Censimento 1861); al Censimento del 1871 la
popolazione era salita di poche unità a 1.825 e anche per i successivi censimenti
si registra un andamento nel complesso costante della popolazione. A partire
invece dal censimento del 1931 si assiste ad un netto calo della popolazione, che
scende a 1.406 unità nel 1971 (Tabella 1.1).
Tabella 1.1: Popolazione residente
ANNI
1861
1871
1881
1901
1911
1921
1931
1936
1951
1961
1971
POP.
1.819
1.825
1.854
2.009
1.930
1.821
1.401
1.477
1.642
1.475
1.406
Tabella 0.9: Popolazione straniera residente per sesso (anno 2010)
Popolazione Totale residente
(% sul Tot. Res.)
Livello
TOTALE Ab.
Maschi Femmine
Totale
Regione:
Ab. 4.802.363 5.023.778 9.826.141
9.826.141
LOMBARDIA
%
48,87% 51,13%
100%
Provincia:
Ab. 111.379 114.446 225.825
225.825
LODI
%
49,32% 50,68%
100%
Comune:
Ab.
981
966
1.947
1.947
OSPED. LOD.
%
50,39% 49,61%
100%
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Popolazione straniera residente
(% sul Tot. Res.)
Maschi Femmine
Totale
503.816 478.409 982.225
5,13%
4,87% 10,00%
12.213
11.341
23.554
5,41%
5,02% 10,43%
167
162
329
8,58%
8,32% 16,90%
La popolazione residente nel Comune di Ospedaletto L. alla data del 31/12/2012
era di 1.902 abitanti.
In riferimento alla Tabella 1.2 (superficie territoriale e densità di popolazione
residente per sesso) si può notare, prendendo come valori di riferimento i dati del
censimento 1971, un iniziale decremento percentuale generale dei diversi
parametri nell’arco degli anni, in particolare vi è una diminuzione della
5
popolazione residente che passa dai 1.406 abitanti dell’anno 1971 a 1.266
Nei grafici che seguono vengono riportati i valori di popolazione previsti per l’anno
Nel Grafico 1.4 è rappresentato il confronto tra i dati ottenuti: la previsione di
abitanti del 2002. Nel 2003 assistiamo ad un’inversione di tendenza, confermata
2017, calcolati con due diversi metodi: il metodo della proiezione esponenziale e
popolazione per l’anno 2017 è di 2047 abitanti secondo il metodo della proiezione
anche dai dati del periodo 2004-2010, che porta all’aumento della popolazione
della proiezione lineare. I due diversi metodi tengono conto dell’andamento della
lineare e di 1968 abitanti secondo il metodo della proiezione esponenziale.
residente. Per gli anni 2011-2012 si regista di nuovo un calo della popolazione.
popolazione durante il corso dei decenni e del tasso di variazione medio annuo
Ulteriori proiezioni sono presenti nell’elaborato “Relazione di Piano dei Servizi”, in
Parallelamente all’andamento della popolazione si riscontra una medesima
(Grafico 1.2 e 1.3).
cui il dato di popolazione prevista è incrementato in considerazione della capacità
variazione per quanto riguarda la densità di abitanti per Kmq (Grafico 1.1).
Grafico 1.2: Proiezione esponenziale
insediativa proposta dal presente P.G.T..
Tabella 1.2: Superficie territoriale e densità di popolazione residente per sesso
ANNI
St
Kmq
Densità
ab/Kmq
1971
8,44
167
1981
8,44
169
1991
8,44
169
2001
8,45
187
2002
8,45
193
2003
8,45
196
2004
8,45
200
2005
8,45
204
2006
8,45
211
2007
8,45
219
2008
8,45
220
2009
8,45
223
2010
8,45
230
2011
8,45
229
2012
8,45
225
Grafico 1.4: Confronto proiezione esponenziale e proiezione lineare
POPOLAZIONE RESIDENTE
Maschi
Femmine
2500
TOTALE
704
702
1.406
50,07%
49,93%
100,00%
709
717
1.426
49,72%
50,28%
100,00%
709
680
1.428
49,65%
47,62%
100,00%
780
802
1.582
49,30%
50,70%
100,00%
808
826
1634
49,45%
50,55%
100,00%
827
831
1658
49,88%
50,12%
100,00%
847
847
1694
50,00%
50,00%
100,00%
858
867
1725
49,74%
50,26%
100,00%
893
886
1779
50,20%
49,80%
100,00%
927
920
1.847
50,19%
49,81%
100,00%
930
932
1862
49,95%
50,05%
100,00%
945
942
1887
50,08%
49,92%
100,00%
981
966
1947
50,39%
49,61%
100,00%
982
951
1.933
50,80%
49,20%
100,00%
974
928
1.902
51,21%
48,79%
100,00%
1902
2000
1500
1406
1426
1428
0
1971
1981
1991
2047
1902
1968
2012
2017
1582
1000
500
2001
DATI ANAGRAFICI
PROIEZIONE ESPONENZIALE
PROIEZIONE LINEARE
Nella Tabella 1.3 è segnalato l’andamento della popolazione per stato civile e
Grafico 1.3: Proiezione lineare
sesso dall’anno 1971 al 2012; nella Tabella 1.4 (popolazione per fasce di età)
viene riportato l’andamento della popolazione a partire dal censimento del 1971
fino al 2012, suddivisa per fasce di età.
Tabella 1.3: Popolazione per stato civile e sesso
Grafico 1.1: Densità abitativa
300
250
200
150
167 169 169
230 229 225
211 219 220 223
204
200
196
187 193
100
50
0
1971 1981 1991 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
6
Tabella 1.4: Popolazione per fasce d’età
Grafico 1.6: Confronto classi d’età
La Tabella 1.6 e il Grafico 1.8 riportano invece il quadro rispetto ai nuclei familiari
e al numero di figli per l’anno di censimento 2001: paragonando i dati comunali
con quelli provinciali e regionali si riscontra, per il comune di Ospedaletto L., una
percentuale nella media regionale e provinciale.
Tabella 1.6: Nuclei familiari per numero di figli e tipo di nucleo familiare
Livello Regione: LOMBARDIA
TIPI DI NUCLEO
FAMILIARE
La Tabella 1.5 e il Grafico 1.7 riportano i dati corrispondenti alle famiglie residenti
per ampiezza della famiglia ed evidenziano, nel periodo 1971-2012, l’aumento del
numero di famiglie composte da 1,2 e 3 componenti; contemporaneamente si
registra una diminuzione del numero di famiglie con 5 e 6 e più componenti e un
andamento altalenante delle famiglie composte da 4 componenti.
Tabella 1.5: Famiglie residenti per ampiezza della famiglia
FAMIGLIE CON COMPONENTI
Nel Grafico 1.5 vengono riportati gli andamenti della popolazione totale dal 1971
al 2012, con la visualizzazione dei dati anche per popolazione sotto i 5 anni e
1
ANNI
sopra i 65 anni.
1971
Grafico 1.5: Andamento popolazione
2.000
1.800
1.600
1.9471.933
1.902
1.8471.8701.887
1.779
1.7251.725
1.658
1.6011.634
1.4061.4261.428
2
3
4
5
6
≥7
TOTALE
52
NON IN
COABIT.
-
122
139
96
43
6
7
465
11,2%
-
26,2%
29,9%
20,6%
9,2%
1,3%
1,5%
100%
86
85
139
136
104
33
7
4
509
16,9%
16,7%
27,3%
26,7%
20,4%
6,5%
1,4%
0,8%
100%
127
125
145
146
98
25
7
2
550
23,1%
22,7%
26,4%
26,5%
17,8%
4,5%
1,3%
0,4%
100%
143
143
189
158
100
30
22,8%
22,8%
30,2%
25,2%
16,0%
4,8%
193
NP
219
131
129
26
13
3
714
27,0%
NP
30,7%
18,3%
18,1%
3,6%
1,8%
0,4%
100%
TOTALE
1981
1991
2001
2011
1.400
1.200
1
0
Numero di figli
3
4
2
Coppie senza figli
824.432
Coppie con figli
755.153 579.694 105.761 13.835
Padre con figli
40.022 12.902
2.140
336
Madre con figli
202.095 63.676 10.609 1.639
TOTALE
824.432 997.270 656.272 118.510 15.810
% sul totale dei figli 31,51% 38,12% 25,09% 4,53% 0,60%
6o
più
TOTALE
824.432
2.537 826 1.457.806
68
17
55.485
317
90
278.426
2.922 933 2.616.149
0,11% 0,04%
100%
5
%
31,51%
55,72%
2,12%
10,64%
100%
Livello Provincia: LODI
TIPI DI NUCLEO
FAMILIARE
Coppie senza figli
Coppie con figli
Padre con figli
Madre con figli
TOTALE
% sul totale dei figli
Numero di figli
0
1
2
3
4
5
6 o più TOTALE
%
17.732
17.732 30,62%
17.398 12.829 2.309
311
61
19
32.927 56,86%
845
264
48
10
1
1
1.169 2,02%
4.482 1.322
239
32
7
3
6.085 10,51%
17.732 22.725 14.415 2.596
353
69
23
57.913 100%
30,62% 39,24% 24,89% 4,48% 0,61% 0,12% 0,04%
100%
Livello Comune: OSPEDALETTO LODIGIANO
(≥6) 6
626
1,1%
100%
TIPI DI NUCLEO
FAMILIARE
Coppie senza figli
Coppie con figli
Padre con figli
Madre con figli
TOTALE
% sul totale dei figli
0
1
2
3
Numero di figli
4
5
6 o più TOTALE
%
153 31,81%
265 55,09%
9 1,87%
54 11,23%
481
100%
Grafico 1.8: Nuclei familiari per tipo di nucleo familiare
Grafico 1.7: Famiglie residenti per ampiezza della famiglia
1.000
250
800
600
400
200
0
355 347 350 376
305 311 312 322 344
247 269 274 283
237
204
99 91 101 107 99 105 110 115 127 127 85
97 65
55 94
1971 1981 1991 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012
Popolazione sotto i 5 anni
Popolazione sopra i 65 anni
Totale popolazione
219
189
200
158
143
193
150 139
139
136
146
145
127
96
104
86
98
100
11
25
9
30
9
26
16
1981
1991
2001
2012
122
100
50
52
43
33
13
0
1971
131
129
Il confronto con i dati Provinciali e Regionali riferiti all’anno 2011 (1° gennaio Grafico 1.6) evidenzia che nel comune di Ospedaletto L. la popolazione per ogni
classe d’età è in linea con i dati provinciali e regionali.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
1.4.1.2.Caratteri socio-economici della popolazione
Nella Tabella 1.7 sono riportati i dati relativi alla popolazione attiva e non attiva
riferita ai dati dei censimenti dal 1971 al 2001: risulta evidente l’andamento
altalenante della popolazione attiva.
1 componente
4 componenti
2 componenti
5 componenti
3 componenti
6 e più componenti
Per quanto riguarda il tasso comunale di disoccupazione generale alla data del
7
censimento 2001, il comune di Ospedaletto L. registra un dato di poco inferiore
Tabella 1.10: Popolazione residente attiva in condizione professionale
Grafico 1.10: Tasso di disoccupazione giovanile
per settore di attività economica e posizione nella professione
alla media regionale e provinciale; al contrario, il tasso di disoccupazione
giovanile risulta più elevato di quello registrato nella provincia di Lodi e nella
regione Lombardia (Tabella 1.8, Grafici 1.9 e 1.10).
ANNI
1971
Tabella 1.7: Popolazione residente attiva e non attiva
ANNI
1971
1981
1991
2001
POPOLAZIONE ATTIVA
P. NON ATTIVA
occupatidisoccupati In cerca 1^ occ. TOTALE
528
16
544
598
46%
1%
48%
52%
548
7
30
585
841
38%
0%
2%
41%
59%
538
35
38
611
817
38%
2%
3%
43%
57%
699
30
729
631
51%
2%
54%
46%
1981
TOTALE
1.142
100%
1.426
100%
1.428
100%
1.360
100%
1991
2001
POSIZIONE NELLA PROFESSIONE
Imprenditori Lavoratori Coadiuvanti Dirigenti e Lavoratori
liberi profess. in proprio
impiegati dipendenti
4
0,8%
10
1,8%
22
3,9%
53
7,6%
66
12,5%
83
15,0%
81
14,3%
132
18,9%
18
3,4%
16
2,9%
20
3,5%
18
2,6%
87
16,5%
112
20,2%
150
26,5%
353
66,9%
334
60,2%
294
51,9%
496
71,0%
TOTALE
528
100%
555
100%
567
100%
699
100%
Raffrontando le percentuali comunali con quelle provinciali e regionali
(censimento 2001) si nota una corrispondenza che pone il comune di Ospedaletto
L. nelle media per quanto riguarda gli imprenditori e i liberi professionisti; il
lavoratori in proprio, i soci di cooperativa e i coadiuvanti sono in percentuale
Tabella 1.8: Tasso di disoccupazione generale e giovanile per sesso
Livello
Regione:
LOMBARDIA
Provincia:
LODI
Comune:
OSPEDALET
TO L.
TOTALE Ab.
Tasso di disocc.
generale
M
F
Totale Livello
9.080.242 3,65% 6,26% 4,73%
198.299 3,26% 6,66% 4,63%
Regione:
LOMBARDIA
Provincia:
LODI
Comune:
1.582 1,77% 7,97% 4,12% OSPEDALET
TO L.
minore, al contrario e i dipendenti sono in percentuale maggiore (Tabella 1.11 -
Tasso di disocc.
giovanile
TOTALE Ab. M
F
Totale
Grafico 1.11).
9.080.242 12,81%16,52% 14,50%
Tabella 1.11: Occupati per posizione nella professione
198.299 12,44%18,32% 15,06%
1.582 1,92% 24,24% 10,59%
La Tabella 1.9 riguarda la popolazione attiva in condizione professionale per
ramo di attività economica; i dati sono relativi ai censimenti a partire dal 1971
Grafico 1.9: Tasso di disoccupazione generale
all’anno 2001. A fronte di un andamento altalenante della popolazione attiva,
prendendo in considerazione il dato percentuale, risulta evidente una forte
diminuzione nel caso dell’agricoltura; in aumento il settore del credito e della
pubblica amministrazione; si riscontra un andamento non omogeneo nel caso
Grafico 1.11: Occupati per posizione nella professione
dell’industria, del commercio e dei trasporti.
Tabella 1.9: Popolazione residente attiva in condizione professionale per ramo di
attività economica
AGRICOL
ANNI
TURA
1971
1981
1991
INDU
STRIA
COMMER
CIO
TRAS
PORTI E
COMUNI
CAZIONI
CREDITO E
ASSICURA
ZIONE SERVIZI
IMPRESE
PUBBLICA
AMMINISTRAZIO
NE SER.PUBBL.
E PRIVATI
TOT.
80
308
64
22
2
52
528
15,2%
58,3%
12,1%
4,2%
0,4%
9,8%
100%
57
280
94
42
18
64
555
10,3%
50,5%
16,9%
7,6%
3,2%
11,5%
100%
29
237
111
50
41
105
573
5,1%
41,4%
19,4%
8,7%
7,2%
18,3%
100%
22
325
135
50
56
111
699
Nella Tabella 1.12 e nel Grafico 1.12 vengono riportati i valori dal 1971 al 2001
3,1%
46,5%
19,3%
7,2%
8,0%
15,9%
100%
La Tabella 1.10 riguarda la popolazione attiva in condizione professionale per
della popolazione in età dai 6 anni in poi per sesso e grado di istruzione con un
incremento delle persone che hanno conseguito la laurea, il diploma e la licenza
di scuola media inferiore; da rilevare un decremento di persone con licenza
settore di attività economica e posizione nella professione; i dati sono sempre
elementare, senza titolo e analfabete.
2001
relativi ai censimenti a partire dal 1971 fino al 2001. Appare evidente l’aumento
degli imprenditori e la diminuzione dei lavoratori dipendenti e coadiuvanti; la
percentuale di lavoratori in proprio e dirigenti ha un andamento altalenante.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
8
Tabella 1.12: Popolazione residente in età dai 6 anni in poi per sesso e grado
A fronte di un andamento altalenante della popolazione comunale si registra, per
d’istruzione
quanto riguarda le abitazioni occupate, la crescita del numero di alloggi, stanze,
famiglie e mq; l’andamento del numero di alloggi non occupati è altalenante e si è
attestato a 111 alloggi nel 2001.
La seconda tabella (Tabella 2.2) riporta invece i metri quadrati per occupante in
Grafico 1.13: Residenti di 6 anni e più per grado d’istruzione
abitazioni occupate a livello comunale, provinciale e regionale (Censimento
2001); è evidente come i mq per occupante nel comune di Ospedaletto L. siano
leggermente superiori rispetto a quelli di regione e provincia.
Grafico 1.12: Popolazione residente in età dai sei anni in poi per sesso e grado
Tabella 2.1: Abitazioni in complesso (occupate e non occupate)
d’istruzione
800
700
ABITAZIONI OCCUPATE
ANNI ALLOGGI STANZE
MQ
FAMIGLIE
794
688
628
600
ABIT.NON OCC.
TOTALE
TOTALE ALLOGGI STANZE ALLOGGI STANZE
ABITANTI
1971
460
1.728
34.207
462
1.395
70
229
530
1.957
1981
504
2.079
42.460
509
1.426
109
370
613
2.449
1991
548
2.301
52.161
550
1.428
52
209
600
2.510
2001
626
2.640
-
626
1.601
111
-
737
-
520
500
Tabella 2.2: Metri quadrati per occupante in abitazioni occupate da persone
413
383
400 378
300
268
200 146
164
100 51
21
8
0
1971
residenti
359
Livello
Regione:
LOMBARDIA
Infine la Tabella 1.14 illustra i dati relativi al pendolarismo nell’ultimo censimento
(2001): il totale degli spostamenti è inferiore rispetto ai dati provinciali e regionali.
200
115
13
6
27
8
5
1981
1991
2001
102
82
stesso luogo di residenza, in media con il dato regionale e provinciale, mentre la
provinciale.
38,12
198.299
38,44
1.582
39,09
Comune:
OSPEDALETTO L.
popolazione che lavora fuori dal comune supera di poco il dato regionale e
mq. / occupante
9.080.242
Provincia:
LODI
Si può notare come il 41.04 % della popolazione di Ospedaletto L. lavori nello
100
TOTALE Ab.
La Tabella 2.3 e il Grafico 2.1 riportano il numero degli edifici ad uso abitativo per
Tabella 1.14: Popolazione residente che si sposta giornalmente
epoca di costruzione (Censimento 2001); la maggior parte degli edifici è stata
costruita tra il 1962 e il 1981 e dopo il 1991.
per luogo di lavoro
LAUREA
LICENZA ELEMENTARE
DIPLOMA
SENZA TITOLO
LICENZA MEDIA INFERIORE
ANALFABETI
Tabella 2.3: Edifici ad uso abitativo per epoca di costruzione
Prima del 19191919/1945 1946/1961 1962/1971 1972/1981 1982/1991 Dopo il 1991 TOTALE
86
46
86
152
126
76
168
740
Rispetto alla provincia ed alla regione in Ospedaletto L. (censimento 2001) si
riscontra una percentuale di laureati, diplomati in media con Regione e Provincia
ed un bassa percentuale di persone analfabeti (Tabella 1.13 - Grafico 1.13).
Grafico 2.1: Edifici ad uso abitativo per epoca di costruzione
Tabella 1.13: Residenti di 6 anni e più per grado d’istruzione
1.4.2.
Patrimonio residenziale
Nelle tabelle riportate a seguito sono indicati i dati relativi ai censimenti dal ’71 in
poi completati laddove è stato possibile.
1.4.2.1.Abitazioni per numero di stanze e metri quadrati per
occupante
La prima Tabella 2.1 riporta i dati generali per abitazioni occupate e non, con il
numero di stanze, famiglie ed abitanti nel periodo 1971-2001.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
9
1.4.2.2.Abitazioni per servizio installato
Tabella 3.3: Superficie aziendale secondo l’utilizzazione dei terreni
Secondo i dati del 5° Censimento Generale dell’Agricoltura (2001), sono presenti
Dalla Tabella 2.4 possiamo dedurre un notevole aumento nella qualità abitativa
delle abitazioni occupate che portano il numero di abitazioni con gabinetto fuori
dall’abitazione a 23 nell'anno 1991.
11 aziende agricole delle quali 5 gestite direttamente dalla proprietà, 3 in affitto, 1
in parte di proprietà e in parte in affitto e 1 n parte di proprietà, in parte in affitto e
in parte in uso gratuito (Tabella 3.2 - Grafico 3.1). La superficie totale ad
agricoltura è di 445,53 Ha (SAU Superficie Agricola Utilizzata - Tabella 3.3 Grafico 3.2: Superficie aziendale secondo l’utilizzazione dei terreni
Grafico 3.2).
Tabella 2.4: Abitazioni occupate per servizio installato
Tabella 3.2: Aziende e superficie totale per titolo di possesso dei terreni
PROPRIETA'
1.4.2.3.Abitazioni per titolo di godimento
AFFITTO
PARTE IN
PROPRIETA’
PARTE IN
AFFITTO E PARTE
IN USO
GRATUITO
PARTE IN
PROPRIETA’
PARTE IN
AFFITTO
TOTALE
AZIENDE
SUP.
(Ha)
AZIENDE
SUP.
(Ha)
AZIENDE
SUP.
(Ha)
AZIENDE
SUP.
(Ha)
AZIENDE
SUP.
(Ha)
5
278,76
3
66,13
1
6,40
2
94,24
11
445,53
Nella Tabella 2.5 sono messi in evidenza i dati relativi alle abitazioni occupate per
titolo di godimento confrontate negli anni di censimento a partire dal 1971. Risulta
Grafico 3.1: Aziende e superficie totale per titolo di possesso dei terreni
chiaramente un aumento delle abitazioni in proprietà che arrivano a 443 nel 2001
con una corrispondente diminuzione di alloggi in affitto che scendono a 122 nel
2001.
Tabella 2.5: Abitazioni occupate per titolo di godimento
Delle 11 aziende presenti sui territorio, 6 si dedicano all’allevamento di animali, in
particolare in 2 si allevano bovini per un totale di 929 capi ed esistono anche 4
allevamenti avicoli di 50 capi, come riportato in Tabella 3.4 che include i dati
relativi al censimento del 2001.
Tabella 3.4: Aziende con allevamenti
BOVINI
1.4.3.
AZIENDE
CAPI
AZIENDE
CAPI
2
929
4
50
Insediamenti produttivi
1.4.3.1.Agricoltura
Attualmente le aziende agricole esistenti sul territorio di Ospedaletto sono 7.
Nella tabella seguente (Tabella 3.1) sono riportati i dati che riguardano le aziende
presenti nel territorio ed in centro edificato per l’anno 2011. Il totale di capi bovini
ammonta a 1200.
CASCINA
1
Villafranca di
Sopra
2
Villafranca di
Mezzo
3
Mandella
4
Bonina
SUPERFICIE
AZIENDA
N° ADDETTI
1800 pertiche
Per quanto riguarda le colture presenti alla data del censimento del 2001, nelle
aziende agricole la coltivazione più diffusa è quella a cereali (10 aziende, 236,671
Ha), seguita dalle coltivazioni foraggere avvicendate (2 aziende, 79,17 Ha), e
dalle coltivazioni di frumento (2 aziende, 7,19 Ha), come descritto in Tabella 3.5.
coltivazioni praticate
N° CAPI
CEREALI
3
130 bovini
150 bovini
11
6
Tabella 3.5: Aziende con seminativi e relativa superficie per le principali
Tabella 3.1: Aziende agricole
N° CASCINA
TOTALE
AZIENDE
AVICOLI
TOTALE
AZIENDE
11
TOTALE
aziende
10
sup. (Ha)
236,67
FRUMENTO
aziende
2
sup. (Ha)
7,19
COLTIVAZIONI
ORTIVE
aziende
1
sup. (Ha)
0,20
COLTIVAZIONI
FORAGGERE
AVVICENDATE
aziende sup. (Ha)
2
79,17
1300 bovini
La maggioranza delle aziende agricole sono di dimensioni medio grandi, infatti 5
5
Griona
2
-
aziende hanno una estensione tra i 50 e i 100 Ha, una si estendono per più di 100
6
Malpensata
2
-
Ha ciascuna; le rimanenti aziende hanno una estensione minore di 100 Ha
7
De Livraghi
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
350 bovini
ciascuna (Tabella 3.6 - Grafico 3.3).
10
Tabella 3.6: Aziende e superficie totale per classe di superficie
Tabella 3.8: Aziende che utilizzano mezzi meccanici in complesso
e relativo numero di mezzi di proprietà dell’azienda
CLASSE DI SUPERFICIE TOTALE (Ha)
meno
di 1
19
TOTALE
1-2
2-5
5-10
10-20
20-50
50-100
100 e oltre
20
sup.
sup.
sup.
sup.
sup.
sup.
sup.
sup.
sup.
az.
az.
az.
az.
az.
az.
az.
az.
az.
Ha
Ha
Ha
Ha
Ha
Ha
Ha
Ha
Ha
2 0,79 1 1,57 1 6,40 1 12,62 1 38,12 4 272,46 1 113,57 8 445,53
21
22
23
Grafico 3.3: Aziende e superficie totale per classe di superficie
NOME
Scaroni Group
sas
Società
Autostrade
Spa Egidio
Galbani
VERIM
2000 srl
(Gatti Arredare)
TOTALE
ATTIVITÀ
logistica industriale
INDIRIZZO
SUP. mq
via Fermi 17
1.043,50
via Mantovana 0
270,00
via Marconi 10
21.733,00
verniciature industriali via De Gasperi 22
arredamenti
781,00
via Mantovana 5 7.656,24
134.919,65
Secondo l’ultimo censimento ISTAT 2001 (8° Censimento Generale dell’Industria
1.4.3.2.Attività produttive
e dei Servizi) riportato nella Tabella 3.10 si contano invece: nell’industria
manifatturiera 20 imprese 659 addetti (ovvero il 41,6% sul totale degli addetti nei
Nella tabella seguente vengono illustrati i dati relativi alle aziende presenti nel
vari settori), nelle costruzioni 17 imprese 38 addetti (2,4%),nel commercio 28
territorio di Ospedaletto per l’anno 2010; i dati sono stati forniti dall’ufficio tecnico
imprese 97 addetti (6,1%), alberghi e pubblici esercizi 5 imprese 35 addetti
comunale ove reperibili.
(2,2%), trasporti e comunicazioni 12 imprese 578 addetti (36,5%), credito e
assicurazioni 2 impresa 13 addetti (0,8%) altri servizi 34 imprese 162 addetti
Tabella 3.9: Industria e artigianato
NOME
1
2
3
4
6
7
8
9
10
11
La conduzione delle aziende di proprietà è affidata, nella maggior parte dei casi,
agli stessi proprietari con l’ausilio dei familiari o di manodopera extrafamiliare (7
12
aziende per un totale di 289,62 Ha - Tabella 3.7); la meccanizzazione riguarda la
13
maggioranza delle aziende agricole (Tabella 3.8).
14
Tabella 3.7: Aziende e superficie totale per forma di conduzione
15
16
17
18
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
ATTIVITÀ
INDIRIZZO
Industria componenti e
accessori per veicoli
AJ.Ba srl
viale Marconi 3
industriali, agricoli e
auto
progettazione e
Attrezzeria U.M.F
costruzione di stampi
via Fermi 3
snc
per tranciatura
produzione interruttori
Biticino spa
via Mantovana 34
e commutatori
Carnitalia srl
lavorazione carni
viale Marconi 2
Cerati Emiliano
impresa edile
Via Manzoni 4
C.M.G. snc
costruzioni meccaniche via De Gasperi
Energiambiente
via Fermi 12
spa
Eurocargoitaliana
spedizioni
via De Gasperi
srl
internazionali
16-20-22
riparazione vetture e
GOI Car officina
via Mantovana 20
veicoli industriali
Hobby Garden
macchine e attrezzi per
via Fermi 9
snc
giardinaggio
commercio ingrosso
Idromax srl
via Marconi 8
idrosanitari
Inalca JBS spa
lavorazione carni
viale Europa 10
impianti elettrici e
I.VO.C. Impianti
via Del Cristo 7
industriali
LINE - Servizi per
deposito
via Mantovana 10
la mobilità
attrezzature per
Opus srl
acquedotti, oleodotti, via Mantovana 18
gasdotti
Palladini Fratelli
scavi e demolizioni
via Manzoni 13
snc
recupero e smaltimento
PULI Eco srl
via Fermi 7
rifiuti
SUP. mq
2.723,52
400
22.865
(10,2%) per un totale di 118 imprese e 1584 persone occupate.
I dati provinciali riferiscono di: 33% di addetti nell’industria manifatturiera, 19,4%
di occupati in altri servizi, 19,6% nel commercio, 11% nelle costruzioni, 4,1% in
alberghi e pubblici esercizi, 8,3% in trasporti e comunicazioni (Tabella 3.11).
Tabella 3.10: Imprese, unità locali delle imprese e addetti alle unità locali delle
imprese
per settore di attività economica (comune di Ospedaletto L.)
Alber
Indu Industri
Comme ghi e Trasporti Credito
Agricolt
Energia
stria
a
Costr
rcio e pubbl
e
e
Altri Tota
ura e
, gas,
estra manifatt
uzioni riparazi
ici
comunic assicur servizi le
pesca
acqua
ttiva uriera
oni
eserci azione
azioni
zi
9.500
470
1.000,00
IMPRE
SE
-
-
20
-
-
-
16,9%
-
2.515,00
UNITA’
LOCALI
1
-
24
-
0,7%
-
17,5%
-
632,00
ADDET
TI ALLE
UNITA’
LOCALI
2
-
659
-
38
97
0,1%
-
41,6%
-
2,4%
6,1%
355,00
700,00
5.860,00
48.627,00
5.541,00
18
29
13,1% 21,2%
5
12
2
4,2%
10,2%
-
6
18
4
4,4%
13,1%
2,9%
35
578
13
2,2%
36,5%
0,8%
34
118
28,8% 100%
37
137
27,0% 100%
162
1584
10,2% 100%
Alber
Indust
Traspor
Indust
Commer ghi e
Credit
Agricolt
ria
Energia Cost
ti e
ria
cio e
pubbl
oe
Altri Total
ura e
manifa , gas, ruzio
comuni
estratt
riparazio
ici
assicu servizi
e
pesca
tturier acqua
ni
cazion
iva
ni
eserci
razioni
a
e
zi
833,00
720,00
28
Tabella 3.11: Imprese, unità locali delle imprese e addetti alle unità locali delle
imprese
per settore di attività economica (provincia di Lodi)
198,39
496,00
17
14,4% 23,7%
98
IMPRE
SE
0,7%
UNITA’
LOCALI
0,7%
ADDET
TI ALLE
UNITA’
LOCALI
104
238
0,4%
12
1.674
0,1% 12,7%
18
1.840
0,1% 12,8%
43
17.746
0,1% 33,0%
12
0,1%
31
0,2%
631
1,2%
2.290
3.570
17,3% 27,0%
2.373
3.943
667
566
5,0%
4,3%
311
4.009 13.209
2,4% 30,4% 100%
716
705
16,5% 27,4%
5,0%
4,9%
3,2% 29,3% 100%
457
4.228 14.415
5.911
10.533
2.205
4.453
1.602 10.432 53.794
11,0% 19,6%
4,1%
8,3%
3,0% 19,4% 100%
11
1.4.3.3.Commercio
Nella tabella seguente (Tabella 3.12) vengono illustrati i dati relativi alle attività
commerciali presenti nel territorio di Ospedaletto Lod. (anno 2011).
Tabella 3.12: Attività commerciali e di somministrazione
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
NOME
Trattoria del Cristo
Art Cafè
BAR COOP
Osteria del Popolo
Edicola
Fruttivendolo
I frutti del Grano
Supermercato Di Meglio
Il piccolo girasole
Abbigliamento
ATTIVITÀ
ristorante
bar
bar
bar
bar
ristorante
edicola
vendita frutta e verdura
panetteria
supermercato
erboristeria
vendita abbigliamento e
accessori
TOTALE
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
INDIRIZZO
via Balbi
via del Cristo
via Balbi
via Balbi
via Balbi
via Balbi
via Balbi
via Balbi
via Balbi
via Balbi
via Balbi
via Balbi
12
1.5. ATTI DI PARTECIPAZIONE AL PROCESSO DI
PIANIFICAZIONE
1.5.2.
Coinvolgimento degli attori Socio-economici
La L.R. 12/2005, configura il percorso di formazione del Piano come un processo
1.5.1.
La partecipazione dei Cittadini
Con la pubblicazione dell’Avviso di “Avvio del Procedimento di redazione del
Piano di Governo del Territorio” e la contestuale apertura della fase di “raccolta di
istanze, suggerimenti e proposte” rivolta ai cittadini ed ai portatori di interessi,
Amministrazione Comunale, nel rispetto di quanto richiesto dalla L.R. 12/2005, ha
dato avvio alla fase di confronto ed “ascolto” delle espressioni, delle richieste e
delle proposte della cittadinanza. A partire da maggio 2009, sono pervenute n° 6
istanze (di cui 2 fuori termine) da parte di privati di cui si è tenuto conto nella
stesura del PGT.
Istanza n° 1 – Protocollo 348 del 02 Febbraio 2010
Sig. Emanuello Marco
Il richiedente in qualità di proprietario dei terreni catastalmente distinti al fg.6
mapp.725,727 chiede la trasformazione della destinazione urbanistica attuale da
verde privato a residenziale di completamento, tipo B.
Istanza n° 2 – Protocollo 966 del 15 Marzo 2010
Silvatico Gianfranco,
Il richiedente in qualità di Legale rappresentante della società ZIP S.a.s
proprietaria dei terreni catastalmente distinti al fg.9 mapp.163-166-3 chiede che in
sede di realizzazione del Piano di Governo del Territorio l’Amministrazione
Comunale inserisca dette aree in ambito edificatorio residenziale, in quanto i
terreni in questione sono posizionati sulla via Padullo, dotata di tutte le opere di
urbanizzazione primaria, e per questo hanno vocazione edificatoria.
Istanza n° 3 – Protocollo 440 del 01 Febbraio 2011
Sig.ra Forti Giovanna
Il richiedente in qualità di proprietario dei terreni catastalmente distinti al fg.7
mapp.307 chiede che in sede di realizzazione del Piano di Governo del Territorio
l’Amministrazione Comunale inserisca dette aree in ambito edificatorio
residenziale, in quanto i terreni in questione sono posizionati sulla strada
Cascinetta dotata di tutte le opere di urbanizzazione primaria, e per questo hanno
vocazione edificatoria.
Istanza n° 4 – Protocollo 2966 del 03 Ottobre 2012
Sig.ra Sari Angela
Il richiedente, in qualità di proprietaria dell’appezzamento di terreno sito in via
Padullo e catastalmente distinto al foglio 9 mappale 91, chiede che l’attuale
destinazione urbanistica di “Zona agricola di salvaguardia” E5 sia mutata in “zona
residenziale di completamento”.
ALLEGATI: copia estratto di mappa; copia estratto di PRG vigente
ISTANZE FUORI TERMINE
Istanza n° 5 – Protocollo 3403 del 13 novembre 2012
Geom. Barbieri
Il richiedente, in qualità di tecnico incaricato dalla società “Raimondi sas di Caizzi
Benito & C.”, proprietaria dei terreni distinti dai mappali 268 e 269 del foglio 8 del
comune e precisamente i terreni interposti fra la linea ferroviaria PV-CR e la
vicinale della Mandella, chiede che venga presa in considerazione la variazione
della destinazione di tali terreni, oggi agricoli, in residenziali.
ALLEGATI: estratto di mappa
Istanza n° 6 – Protocollo 1218 del 20 aprile 2013
Sig. Luigi Gallotta (Immobiliare Lazzaretto srl)
Il richiedente, in qualità di di legale rappresentante pro tempore dell’Immobiliare
Lazzaretto srl che ha stipulato la convenzione urbanistica per l’attuazione del
Piano di Lottizzazione Industriale denominato “DP3”, chiede che venga
conservata la potenzialità edificatoria già assentita; che sia assegnata una
pluralità di funzioni, compresa quella commerciale; che il perimetro dell’area
venga esteso ai sedimi adiacenti (foglio 3, mapp 38 del Catasto Terreni).
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
“pubblico”. Seguendo tale indicazione, il metodo utilizzato per la consultazione dei
“portatori di interessi” è stato quello della conduzione di “incontri singoli”, a cura
del Professionista incaricato della formazione del PGT, che prevedessero la
verbalizzare dei contenuti espressi, a garanzia di trasparenza verso il privato e
verso l’amministrazione. Gli incontri sono risultati particolarmente utili, non solo al
fine di raccogliere istanze e considerazioni di tipo territoriale, ma anche al fine di
verificare la possibilità e disponibilità dei conduttori di aziende agricole (in primo
luogo) a poter/voler porre in opera azioni ed iniziative di mitigazione e
valorizzazione paesistico-ambientali.
Incontri tenutisi in data 3 ottobre 2012
H 09:00
Presenti: sig. Malabarba Luigi, arch. Uggetti Sergio, arch. Grassi P.
CASCINA GRIONA
Il sig. Malabarba dichiara di non gradire il tracciato della nuova tangenziale in
quanto rimarrebbero dei reliquati non utilizzabili dal punto di vista agricolo. Si
concorda di ridurre la fascia di rispetto sul lato produttivo e rendere edificabili le
aree tra la tangenziale e la zona produttiva come ambiti di completamento. Si
definisce un ambito di espansione agricolo che tuteli gli aspetti paesaggistici e un
ambito di mitigazione. Viene posta in evidenza la criticità del colatore
Guardalobbino nell’ambito della progettazione della tangenziale prevista.
H 09:40
Presenti: sig. Raimondi e figlia, arch. Uggetti Sergio, arch. Grassi P.
CASCINA MANDELLA
Vengono individuati i terreni di proprietà. Il sig. Raimondi accenna alla possibilità
di eseguire un impianto di biogas. Viene individuata un’area di espansione
agricola in aderenza alla cascina. Si concorda di lasciare la scelta per le
mitigazioni nella ricostruzione di filari arborei. Viene illustrato il tracciato della
nuova tangenziale in previsione che punta a tutelare maggiormente i terreni
agricoli. Il sig. Raimondi accenna anche alla possibilità di costruire un nuovo
magazzino per deposito di formaggio. L’assessore Grassi suggerisce di
localizzare l’ambito per il deposito in aderenza alla rotatoria di progetto sulla SP
234. Il sig. Raimondi concorda con la posizione e si decide di inserirlo in previsioni
di documento di piano.
H 10:20
Presenti: sig.ri Marelli e Lampugnani, arch. Uggetti Sergio, arch. Grassi P.
CASCINA VILLAFRANCA DI SOPRA
Vengono individuati i terreni di proprietà. Si accenna alla possibilità di demolire un
fabbricato fatiscente e ricostruirlo. Si concorda di individuare una piccola fascia di
espansione. Per quanto riguarda le mitigazioni si definisce di localizzarle in sede
e in ricostruzione di filari.
H 10:40
Presenti: sig. Grechi Serafino, arch. Uggetti Sergio, arch. Grassi P.
CASCINA VILLAFRANCA DI MEZZO
Vengono individuati i terreni di proprietà. Il sig, Grechi dichiara di non avere
previsioni di espansioni.
H 11:10
Presenti: sig. Pedrazzini Attilio, arch. Uggetti Sergio, arch. Grassi P.
CASCINA MALPENSATA
Vengono individuati i terreni di proprietà. Non sono previste espansioni
dell’edificato. Viene rettificato il tracciato di linea elettrica sulla planimetria. Viene
illustrato il tracciato della nuova tangenziale su SP 234.
H 11:25
Presenti: sig. Ciserani Mario, arch. Uggetti Sergio, arch. Grassi P.
CASCINA MALPENSATA
Il sig. Ciserani dichiara che eventuali espansioni di cascina Di Livraghi
avverrebbero su territorio di Orio Litta. Su cascina Villafranca di Mezzo non sono
previste a breve espansioni dell’edificato.
H 11:40
Presenti: arch. Uggetti Sergio, arch. Grassi P.
CASCINA BONINA
Non si è presentato.
Incontro tenutosi in data 9 ottobre 2012
H 10:30
Presenti: arch. Uggetti Sergio, arch. Grassi P.
DITTA
C.M.G. COSTR.
MECC.GEN.
INALCA spa
GFR sas
METALIA spa
PROGETTO srl
EGIDIO GALBANI spa
ATTREZZERIA UMF
BTICINO
NOMINATIVO E INCARICO
Ponginibbio Carla
Vaccari Pierluigi (ufficio tecnico)
Andreoli Giuliano (tecnico incaricato)
Avv. Risso Renato (accomandante)
Lazzeri Giampiero (amministratore)
Moroni Enrico (responsabile servizi generali e
impianti)
Mazza Francesco e Filippo
Mascetti (consulente)
Sindaco (responsabile C.E.D.I.)
AREE PRODUTTIVE
C.M.G.: criticità zona produttiva satura. Per ora non ci sono necessità di
espansione. Si prevede un incremento di slp. Si rimanda a un SUAP eventuali
espansioni non previste.
INALCA: si chiede la conferma delle aree non utilizzate. Anche se nell’immediato
non vi sono previsioni immediate di espansione. Si chiede di poter utilizzare le
aree anche per allevamenti zootecnici di bovini. Si concorda di approfondire
l’argomento.
METALIA: si chiedono informazioni sull’area a servizi interna, concessa in diritto di
superficie. L’area nello stato attuale contribuisce al degrado della zona.
GFR - Gatti Arredare: azienda immobiliare sta cercando un nuovo inquilino, non si
sa chi sostituirà l’azienda Gatti. Si chiede la conferma dello stato attuale. L’arch.
Grassi propone di inserirla come area dismessa. Si concorda sulla proposta.
ATTREZZERIA UMF: ci sarebbe l’esigenza di ampliamento edificando a confine.
Si accenna ad un incremento dell’indice da applicarsi a tutta l’area. Si chiedono
nuovamente informazioni sull’area a standard in diritto di superficie. UMF dichiara
di essere interessata alle aree a standard.
GALBANI: si prevedono ampliamenti a breve dopo l’acquisizione Parmalat. Si
chiede di poter aumentare l’altezza massima consentita (15m). Si accenna anche
ad un incremento di slp. Si accenna anche ad un incremento del traffico ed un
eventuale accesso diretto alla nuova viabilità senza cessioni di terreno in
proprietà. L’arch. Grassi accenna a meccanismi di perequazione per la
costruzione della rotatoria. Viene illustrata la criticità data dai camion in attesa che
occupano i parcheggi pubblici; si prevede un ulteriore incremento della criticità
data dagli ampliamenti previsti. Si aggiorna la planimetria con il nuovo magazzino.
BTICINO: si dichiara che il mapp. 134 risulta ceduto al comune. Si accenna alla
cessione della strada di arroccamento. L’arch. Uggetti accenna alla possibilità di
conservare la slp generata dall’area. L’arch. Uggetti illustra il progetto di nuova
tangenziale e mette in evidenza un’area agricola interclusa. La BTicino dichiara il
proprio interessamento per l’area come parcheggi interni. Il sig. Sindaco dichiara
le difficoltà dell’azienda nell’attuale momento storicp e che non vi sono
nell’immediato esigenze di espansione.
1.5.3.
Verbale 1° conferenza di VAS
L’anno duemiladodici il giorno 21 del mese di Novembre alle ore 9,30 , presso la
Sala Consigliare del Comune di Ospedaletto Lodigiano, in Via Minoia, previa
convocazione dell’Autorità Procedente Arch. Pierangelo Grassi, con nota del 5
novembre 2012 prot. com. n.3276, si è tenuta la prima seduta introduttiva della
conferenza di valutazione relativa al procedimento V.A.S. per la formazione del
Piano di Governo di Territorio.
13
La
seduta è presieduta dall’arch. Pierangelo Grassi in qualità di Autorità
procedente; si verbalizza l'assenza giustificata dall’Assessore all’Ambiente Sig.
De Carli Giovanni, in qualità di Autorità competente entrambi nominati con
Delibera Giunta Comunale n.50 dell’ 8 agosto 2012.
Verbalizza la seduta l’Arch. Simonetta Fanfani in qualità di istruttore tecnico del
Comune di Ospedaletto Lodigiano.
Relatori : dott.ssa Fontana Giovanna e arch. Sergio Uggetti del raggruppamento
temporaneo di professionisti,
studio Arch. Sergio Uggetti , incaricati della
predisposizione del P.G.T. con determinazione del Responsabile del Servizio
Gestione e Pianificazione del Territorio n. 80 in data 14-12-2011.
Tra i soggetti individuati dalla Deliberazione sopra citata ed invitati alla conferenza
risultano rappresentati i seguenti:
Provincia di Lodi dipartimento urbanistica: Diego Costantini
Regione Lombardia - Sede Territoriale di Lodi : Croce
A.S.L. della Provincia di Lodi: Laura Monica, Gloria Zeni
G6 RETE GAS spa: Andrea Tagliaferri
La seduta viene aperta dall’introduzione di rito da parte dell’autorità Procedente a
cui segue la Dott.ssa Fontana con l’avvio del confronto con gli Enti istituzionali.
Vengono illustrati brevemente i contenuti dei Pareri pervenuti da ARPA, UFFICIO
D’AMBITO DI LODI, Direzione Regionale Beni culturali e paesaggistici della
Lombardia, che vengono allegati agli atti.
Per quanto concerne i contenuti del Documento di scoping la dott.ssa Fontana
espone considerazioni relative alle maggiori problematiche ambientali evidenziate
in fase preliminare indicando le principali criticità e prime ipotesi di soluzioni:
- sistema di raccolta e depurazione dei reflui con problematiche legate al tratto di
fognatura lungo la via Padullo e la Via Cassinetta e al depuratore
sottodimensionato,
- sistema della viabilità sovralocale, in riferimento alla presenza del casello
autostradale di Casalpusterlengo ed alle previsioni del PTCP
- sistema della viabilità locale relativamente al tratto di ferrovia limitrofo al centro
abitato e n.2 passaggi a livello che creano congestioni di traffico .
In proposito l’autorità procedente precisa che l’autorità competente si è attivata
per l’affidamento di uno studio idraulico specialistico finalizzato all’analisi e
valutazioni del tema raccolta e depurazione reflui.
Relativamente alla viabilità, l’arch. Uggetti espone alcune ipotesi alternative
esaminate in sede di redazione del PGT, che saranno nel processo di VAS, tra cui
la riqualificazione in sede dell’ex s.s. 234.
Per l’aspetto paesaggistico particolare attenzione richiedono le zone interessate
al terrazzo della valle del Po e delle aree basse ed alla Roggia Guardalobbia.
Prende la parola il Geom. Diego Costantini della Provincia di Lodi per precisare
quanto segue:
- di valutare entrambe le alternative sulla viabilità ossia la riqualificazione in sede
della ex 234 e la tangenziale prevista nello schema viabilistico provinciale.
- per quanto concerne il rapporto ambientale indica di effettuare la verifica delle
scelte previste nel pgt con il PTCP.
- conferma la necessità di effettuare la Valutazione d’incidenza all’interno della
VAS.
Prende la parola il Sig. Croce in rappresentanza dello STER di Lodi che in merito
alla realizzazione della rotatoria fronte proprietà BTicino in corso di esecuzione,
chiede se è stata presa in considerazione la possibilità di realizzazione della
stessa in alternativa a quella prevista nel progetto di piano, sopra esposto. Nel
merito l’arch. Grassi risponde che la Provincia , competente in tal senso , ha
negato tale possibilità.
Prende la parola il Geom. Tagliaferri in rappresentanza di G6 rete gas,
dichiarando che non ha da porre nessuna obiezione al documento di scoping e
che non ci sono interferenze con la rete del gas per quanto riguarda il progetto
viabilistico di piano.
Intervengono successivamente le Sigg.re Monica Laura e Zeni Gloria in
rappresentanza dell’Asl dichiarando che non hanno obiezioni al documento di
scoping e chiedendo se sono in previsione nuovi Ambiti di trasformazione.
Nel merito prende la parola l’Arch. Sergio Uggetti rispondendo che in ambito
produttivo sono previste due aree intercluse e di ridotte dimensioni e la
soppressione dell’ambito produttivo fronte “Cremonini”,
mentre in ambito residenziale non sono previsti nuovi ambiti, a parte una fascia
di completamento a bassa densità in zona PAI.
Chiude il dibattito la l'Autorità Procedente concludendo che si provvederà ad
effettuare la Valutazione d’incidenza all’interno della Vas.
Non essendoci ulteriori elementi di discussione , la seduta viene dichiarata sciolta
alle ore 11,00.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
1.5.4.
Verbale 2° conferenza di VAS
L’anno duemilatredici il giorno 18 del mese di Marzo alle ore 10,00 , presso la
Sala Consigliare del Comune di Ospedaletto Lodigiano, in Via Minoia, previa
convocazione dell’Autorità Procedente Arch. Pierangelo Grassi, con nota del 14
gennaio 2013 prot. com. n.113, si è tenuta la II conferenza di valutazione relativa
al procedimento V.A.S. per la formazione del Piano di Governo di Territorio.
La
seduta è presieduta dall’arch. Pierangelo Grassi in qualità di Autorità
procedente e dall’Assessore all’Ambiente Sig. De Carli Giovanni, in qualità di
Autorità competente entrambi nominati con Delibera Giunta Comunale n.50 dell’ 8
agosto 2012.
Sono presenti:
Arch. Simonetta Fanfani in qualità di istruttore tecnico del Comune di Ospedaletto
Lodigiano.
Relatori : dott.ssa Fontana Giovanna e arch. Sergio Uggetti del raggruppamento
temporaneo di professionisti , gruppo di lavoro multidisciplinare incaricato della
predisposizione degli studi propedeutici alla stesura degli atti di PGT e degli
elaborati del relativo processo di valutazione, con determinazione del
Responsabile del Servizio Gestione e Pianificazione del Territorio n. 80 in data
14-12-2011.
Tra i soggetti individuati dalla Deliberazione sopra citata ed invitati alla conferenza
risultano rappresentati i seguenti:
Provincia di Lodi - Dipartimento urbanistica: geom. Diego Costantini
Presenziano in qualità di cittadini privati i Sigg. Lazzarini Giuseppe e Lazzarini
Stefano.
Sono pervenute le osservazioni da parte dei seguenti Enti
ARPA ,ASL ,CONSORZIO MUZZA -BASSA LODIGIANA, AUTOSTRADE PER
L’ITALIA , TERNA RFI , PROVINCIA DI LODI.
La conferenza di Vas viene aperta dalla Dott.ssa Fontana che illustra
brevemente il contenuto degli elaborati di Vas a supporto della stesura del
Documento di Piano del PGT , (messi a disposizione per 60 giorni su Sivas e sul
sito del comune).
Si precisa che la conferenza è un passaggio all’interno del processo di
valutazione, prevista dalla normativa in materia, è un momento di consultazione
dove i soggetti con competenze specifiche territoriali o in materia ambientale sono
invitati a produrre i propri contributi ed indicazioni, al rapporto ambientale. I
soggetti competenti, individuati con atto di giunta comunale, sono stati
precedentemente convocati in una prima conferenza di VAS nella quale sono stati
individuati i temi ambientali di interesse specifico per il territorio comunale, il grado
di approfondimento delle analisi da svolgere all’interno del rapporto ambientale,
ed evidenziati elementi di criticità nella raccolta e gestione dei reflui e in aspetti
viabilistici. Su questo ultimo tema nello specifico il confronto è stato con la
Provincia di Lodi, relativamente alle ipotesi di viabilità sovralocale che
condizionano l’abitato di Ospedaletto e la qualità di vita degli abitanti.
Vengono quindi illustrati brevemente i contenuti di contributi ed osservazioni
pervenute dagli Enti che non hanno potuto presenziare alla conferenza quali
ARPA ,ASL ,CONSORZIO MUZZA -BASSA LODIGIANA, AUTOSTRADE PER
L’ITALIA , TERNA E RFI ,
che vengono allegati al presente verbale;
sostanzialmente non vengono sottolineati particolari aspetti in contrasto con
quanto contenuto negli elaborati di Vas e Documento di Piano
Tali contributi saranno integrati nel Documento di Piano e nel rapporto ambientale
di VAS; di come questi elementi entreranno a far parte del processo di VAS viene
reso conto all’interno del parere motivato a firma dell’ Autorità Competente prima
dell’adozione del PGT .
Di concerto con l’Autorità Competente, l’Autorità procedente decide di prendere in
considerazione in questa sede momento consultativo riservato a soggetti con
competenze specifiche territoriali o in materia ambientale, delle considerazioni
pervenute dal privato cittadino Sig. Lazzarini Stefano.
La Dott.ssa Fontana ne sintetizza i contenuti, precisando comunque che le
stesse saranno inserite nel processo di partecipazione che si svolge, sempre
nell’ambito di VAS, parallelamente al processo di consultazione, secondo le
modalità definite nella delibera di giunta n. 50 del 08/08/2012; contributi ed
osservazioni del pubblico saranno discusse in un momento di partecipazione
pubblica, che l’A. Procedente provvederà a promuovere precedentemente
all’adozione.
Anticipa comunque che all’interno del processo di valutazione si terrà conto del
contributo conoscitivo che il cittadino ha fornito in relazione ad elementi di criticità
del territorio forniti.
Il Sig. Lazzarini Stefano chiede la parola, che gli viene concessa dall’Autorità
procedente di concerto con l’Autorità Competente, richiamando temi legati alla
attuale situazione in Località del Cristo, all’incrocio con la ex s.s. 234 ossia:
variante della viabilità proposta nel doc. di piano , inquinamento atmosferico ,
acustico , sistema di raccolta reflui e la completa incuria della località del cristo
lamentando che le criticità elencate non sono state valutate all’interno del
rapporto ambientale di Vas e del Documento di piano del PGT.
Pertanto chiede:
1 come può entrare in possesso della documentazione;
2 come e quando saranno prese in considerazione le osservazioni sopra esposte;
3 che le stesse vengano pubblicate sul sito del Comune di Ospedaletto Lodigiano.
L’arch. Uggetti interviene specificando che le considerazioni del sig. Lazzarini
rientreranno nel materiale dei contributi del quadro conoscitivo del Documento di
Piano e verranno prese in considerazione nelle valutazioni all’interno del piano dei
servizi del pgt.
La dott.ssa Fontana, precisa che ci sarà la pubblicazione sul siti sivas e del
comune del verbale di conferenza e delle osservazioni pervenute dai soggetti
competenti.
Prende la parola il geom. Costantini elencando
i punti delle osservazioni
pervenute dalla Provincia di Lodi, confermandone il contenuto.
Non essendoci ulteriori elementi di discussione , la conferenza si conclude alle
ore 11,30 circa.
1.5.5.
Osservazioni alla 2° conferenza di VAS
Osservazione n°1
Protocollo: 334 del 28/01/2013
Soggetto proponente: RFI - Rete Ferroviaria Italiana
Oggetto dell’osservazione: Nuovo Piano di Governo del Territorio
In relazione al procedimento di VAS per la formazione del nuovo Piano di
Governo del Territorio, questa società vuole fornire alcune osservazioni utili
relative agli immobili di proprietà ferroviaria, ricadenti nel territorio comunale, che
costituiscono il corpo viario e le sue dipendenze della linea AV/AC Bologna-Milano
e della linea Pavia-Casalpusterlengo devono essere azzonati a impianti ferroviari.
La zona “Impianti Ferroviari” è destinata alla sede delle linee ferroviarie, alle
relative opere d’arte, quali sovrappassi, sottopassi ecc, edifici ed attrezzature
della stazioni, degli scali merci e di servizio, spazi di parcheggio e di viabilità
connessi alle stazioni.
Tali immobili, a norma dell’art. 15 della legge 17/05/1985 n. 210 “Istituzione
dell’Ente Ferrovie dello Stato” , essendo destinati al pubblico servizio non
possono essere sottratti alla loro destinazione senza il consenso di questa
società.
Inoltre è necessario che nelle norme di attuazione dello strumento urbanistico in
oggetto sia espressamente richiamato il rispetto:
a) del DPR 11/07/1980 n. 753 e che nella cartografia siano indicate le fasce di
tutela della linea ferroviaria di m 30 dalla più vicina rotaia, previste dall’art. 49
del decreto stesso a destra e a sinistra della linea medesima;
Accolta : vengono aggiornati gli elaborati nelle parti mancanti.
b) Dell’art. 3, comma 2, del DPR 18/11/1998 n. 459 in merito all’obbligo, per le
aree non ancora edificate, del titolare del permesso di costruire di porre in atto,
a proprio carico tutti quegli interventi per il rispetto dei limiti stabiliti per
l’inquinamento da rumore aventi origine dall’esercizio
dell’infrastrutturaferroviaria e ciò all’interno delle fasce di pertinenza individuate
al comma 1 del citato art. 3.
Infine per evitare errate applicazioni della legislazione vigente, per le opere
ferroviarie sarà anche opportuno richiamare, nelle citate norme di attuazione, l’art.
25 della legge n. 210/1985 sopra citata, che fissa le procedure per gli
accertamenti urbanistici e per le intese riguardanti l’inserimento nel tessuto
urbanistico delle opere stesse.
Accolta : vengono modificate le NTA del PdR all’art. 91 punto b) “Fascia di
rispetto ferroviario”, integrando quanto richiesto ai punti 3 e 4.
Osservazione n°2
Protocollo: 379 del 30/01/2013
Soggetto proponente: Terna Rete Italia
Oggetto dell’osservazione: Procedimento di VAS del PGT
Nel confermare il contenuto della nostra precedente lettera del 24/04/2010, con la
quale vi abbiamo trasmesso supporto digitale editabile, il tracciato delle linee
elettriche aeree di nostra competenza, vi informiamo che non parteciperemo alla
conferenza.
Presa d’atto
14
Osservazione n°3
Protocollo: 413 del 01/02/2013
Soggetto proponente: Consorzio Bonifica Muzza Bassa Lodigiana
Oggetto dell’osservazione: Osservazioni Valutazione Ambientale Strategica
Visionata la documentazione, in particolare quella riguardante l’individuazione del
reticolo idrico minore, nulla si osserva in merito.
Presa d’atto
Osservazione n°4
Protocollo: 475 del 06/02/2013
Soggetto proponente: Provincia di Lodi
Oggetto dell’osservazione: Procedura di VAS del PGT di Ospedaletto
Lodigiano- Procedimento di valutazione di incidenza sui siti Natura 2000
Con riferimento alla procedura di valutazione di incidenza del PGT rispetto a siti di
rete Natura 2000, si chiede di provvedere all’invio dello studio di Incidenza, come
peraltro previsto all’interno del Documento di Scoping (cap. 6) e in premessa al
Rapporto ambientale.
Presa d’atto
Osservazione n°5
Protocollo: 600 del 18/02/2013
Soggetto proponente: ASL Lodi - Dipartimento di prevenzione medica servizio
igiene sanità pubblica
Oggetto dell’osservazione: Parere igienico - sanitario
Relativamente alla Valutazione Ambientale Strategia del PGT del Comune di
Ospedaletto Lodigiano si formulano le seguenti osservazioni:
- per quanto riguarda gli ambiti di trasformazione tecnologica indicati con le sigle
ATT1 e ATT2, inseriti in aree ad alta vulnerabilità degli acquiferi, valutate le
consistenti limitazioni all’utilizzo a scopo edificatorio, l’elevata vulnerabilità degli
acquiferi captati e la pericolosità legata all’acclività dei versanti, si ritiene
necessario che, prima di avviare la fase esecutiva di tali interventi, vengano
maggiormente approfonditi gli aspetti legati alla fattibilità ed alla compatibilità,
oltre che alla gestione dei nuovi interventi ed alle opere di difesa e mitigazione
che dovranno essere realizzate.
Accolta : Pur trattandosi di ampliamenti di strutture esistenti, le schede
degli ambiti in oggetto che già riportano la classe di fattibilità geologica 4d ,
vengono aggiornate con le richieste di approfondimento legate alla fattibilità
e compatibilità nelle prescrizioni progettuali.
Osservazione n°6
Protocollo: 835 del 12/03/2013
Soggetto proponente: ARPA Lodi
Oggetto dell’osservazione: Osservazioni al Rapporto Ambientale ed alla
proposta di Documento di Piano del PGT del Comune di Ospedaletto Lodigiano
(LO), secondo art.4 della L.R. 12/05
Il Rapporto Ambientale e la bozza di Documento di Piano descrivono i contenuti
dei Piani sovraordinati, nonché l’analisi dello stato ambientale a livello provinciale
in modo soddisfacente. Anche a scala comunale sono stati indagati in maniera
soddisfacente aspetti e criticità specifici. Risulta tuttavia assente uno studio
specifico sulla componente agronomica, importante per una corretta
pianificazione di un territorio comunale a forte valenza agricola come il Comune di
Ospedaletto Lodigiano.
Si apprezzano e si condividono gli obiettivi strategici del Comune, in particolare il
contenimento del consumo di suolo, da attuare mediante la riduzione della
superficie per le espansioni endogene.
Si apprezza lo studio effettuato circa il trend di crescita degli ultimi anni della
popolazione del Comune di Ospedaletto Lodigiano, e le previsioni di Piano,
definite correttamente su base quinquennale; si reputa fondamentale tuttavia,
anche in coerenza con gli obiettivi di piano, privilegiare il completamento degli
ambiti di attuazione del PRG vigente, rispetto a nuove costruzioni.
Per gli aspetti di reciprocità tra le attività agricole e le zone residenziali limitrofe, si
rimanda ai contenuti dei regolamenti d’igiene e delle norme urbanistiche vigenti.
Si fa inoltre presente che:
- in data 15 febbraio 2012 è stata emanata la D.G.R. n. IX/3018 avente per
oggetto: “Determinazioni generali in merito alla caratterizzazione delle emissioni
gassose in atmosfera derivanti da attività a forte impatto odorigeno”.
- in data 18/07/2012 è stata emanata la D.G.R. n. IX/3792 avente per oggetto.
“Attività in deroga ai sensi dell’art.272, commi 2 e 3 del d.lgs. n. 152/06 e smi
“Norme in materia ambientale” : aggiornamento della D.G.R.8832/2008 e
approvazione dell’autorizzazione in via generale per le attività zootecniche”;
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Le attività agricole elencate nella tabella di cui alla D.G.R.IX/3792/12, ai sensi
dell’art.272, comma 3, devono sottostare a tali disposizioni.
RAPPORTO AMBIENTALE
RISORSE IDRICHE
Al paragrafo 2.8 dell’Allegato 1 al Rapporto Ambientale, avente per oggetto “Ciclo
di gestione delle acque”, viene evidenziata la conformità del sistema di
depurazione attuale rispetto agli obiettivi fissati dal P.R.R.A. per il 2016; tuttavia
viene altresì evidenziato che dalle informazioni fornite dall’Ufficio Tecnico del
Comune, allo stato attuale il depuratore comunale risulta essere
sottodimensionato rispetto alla popolazione esistente: si concorda quindi con
l’estensore del Rapporto Ambientale circa la necessità di verificare la capacità
residua dell’impianto di depurazione e del sistema fognario prima dell’attuazione
dei nuovi ambiti, sino al completamento degli interventi di adeguamento
dell’attuale impianto comunale.
Accolta : nelle
PRESCRIZIONI GENERALI del quadro strategico viene
inserita la seguente prescrizione generale :
“Per tutti i nuovi ambiti, in coerenza con le scelte del piano dei servizi e del
PUGSS, si dovrà verificare la capacità residua dell’impianto di depurazione
e del sistema fognario prima dell’attuazione”.
Si ricordano gli adeguamenti previsti dal Regolamento Regionale n.3/2006,
relativamente ai sistemi di trattamento e depurazione degli scarichi degli
insediamenti isolati.
Presa d’atto
ASPETTI AGRONOMICO-AMBIENTALI E DI VALENZA PEDOLOGICA PER
USI RURALI
Come indicato in premessa, risulta assente uno studio specifico sulla componente
agronomica, importante per una corretta pianificazione di un territorio comunale a
forte valenza agricola come il Comune di Ospedaletto Lodigiano.
Respinta: In merito alla assenza degli studi relativi alla componente e
agronomica si precisa che non sussiste l’obbligo di allegare al P.G.T. tale
studio; si precisa che ai sensi del vigente PTCP e in determinati ambiti
territoriali potrà, in fase attuativa, essere richiesto uno studio agronomico di
dettaglio ( cfr: “Articolo 35 - Criteri e procedure per la redazione dello Studio
di valutazione della compatibilità agroforestale delle previsioni di
trasformazione dell’uso del suolo” degli Indirizzi Normativi del PTCP).
Nel rapporto ambientale sono state considerate le potenziali interazioni
delle scelte specifiche di piano con il sistema agricolo, intendendo che le
scelte di trasformazioni indicate nei piani sovraordinati ed assunte nel
DdP siano state valutate in sede propria, anche per gli aspetti agronomici
territoriali.
Al fine di elaborare compiutamente gli aspetti agronomici ed ambientali del
documento di V.A.S., i medesimi devono essere affrontati nell’ottica di risposta
alla congruità degli obiettivi che persegue il PGT. In primo luogo è necessario
basare il lavoro redazionale, sulla base di quanto strutturato per il rapporto
ambientale complessivo, sull’utilizzo e sull’implementazione di indicatori,
approfondendo il modello DPSIR ed il set di indicatori agroecologici pubblicati
dalla Regione Lombardia, capaci di caratterizzare il contesto agricolo territoriale in
rapporto
agli aspetti ambientali così da comunicare in modo strutturato e
leggibile, ai vari livelli degli stakeholder, le caratteristiche specifiche dell’ambiente
agricolo e rurale.
In questo quadro e con queste caratteristiche, l’applicazione degli indicatori
agroecologici ha lo scopo di riassumere variabili altrimenti difficili da determinare,
i cui caratteri principali si riassumono nella loro utilità d’uso, validità analitica e
grado di misurabilità.
Questi strumenti per poter essere utilizzati devono essere selezionati secondo
criteri di robustezza scientifica, chiarezza, semplicità d’uso, cioè non essere
influenzati da eventi estremi o eccezionali, accuratezza, precisione, pertinenza,
ecc. In sintesi, la scelta degli indicatori dovrà tenere in debita considerazione le
esigenze di conoscenza, supporto alla decisione, chiarezza e semplicità.
La conoscenza non può essere disgiunta dalla iniziale valutazione di una serie di
obiettivi e di sottotemi che caratterizzano il tema stesso, cioè il comparto agricolo
e rurale.
Si ricorda che, attraverso le elaborazioni attuate tramite il softwar e “ValorE”,
predisposto dalla Regione Lombardia, è possibile ottenere utili informazioni su
qual è la situazione di un comparto agricolo del territorio in esame, qual è l’effetto
di un determinato carico di azoto prodotto dal comparto agricolo e zootecnico,
quali sono le emissioni in aria o verso le acque di una specifica area, ed è inoltre
utile per supportare i decisori e i pianificatori nelle scelte territoriali relative alla
gestione del comparto agrozootecnico. Il sistema territoriale è dedicato a chi si
occupa di definire e valutare scelte che hanno impatto sulla collettività e quindi
enti amministrativi quali gli Enti Locali.
Respinta: Premesso che, si ritiene che, nel rispetto dello spirito della norma
europea sulla valutazione ambientale, sarebbe più utile al fine di un buon
risultato del processo, che i soggetti con competenze ambientali invitati alla
conferenza di VAS fornissero contributi, suggerimenti come quelli di cui
sopra, in sede di conferenza di scoping, si riportano di seguito alcune
considerazioni controdeduttive.
Relativamente ai suggerimenti dell’ente relativamente alla componente
agronomica si ribadisce che il comune non ha ruolo di controllo sulle
aziende IPPC.
Si richiama il fine della valutazione ambientale strategica del DdP: valutare
gli effetti attesi dalle trasformazioni di piano su matrici ambientali e fattori
di interrelazioni.
Considerate la tipologia delle scelte di piano, in particolare il fatto che le
scelte che maggiormente interagiscono con il sistema agricolo sono
viabilistiche, di carattere sovra locale e che come tali hanno seguito un loro
proprio iter valutativo e le scelte di mitigative proposte dal piano, non si
ritiene significativamente utile l’applicazione di ValorE citato nel parere.
In proposito, si riporta la definizione del sistema dal sito della regione
Lombardia.
Sistema esperto territoriale ambientale: strumento in grado di rappresentare
e analizzare alle diverse scale di riferimento (dalla particella catastale
all’intero territorio regionale) la situazione attuale o scenari futuri,
relativamente a carichi zootecnici, fabbisogni delle colture, strutture
aziendali, impianti di stoccaggio e trattamento degli effluenti di allevamento,
i rilasci di azoto, la vulnerabilità del territorio e i vincoli ambientali ecc.
Il Sistema si appoggia, per i dati aziendali sulle banche dati SIARL e
Procedura Gestione Nitrati, oltre che su altre banche dati pedologiche,
meteorologiche, di uso del suolo.
Il cuore del sistema esperto è costituito da un modello di valutazione che
consente, partendo dai dati delle singole aziende e della loro collocazione
territoriale, di definire le possibili soluzioni alternative per adeguare le
politiche regionali orientate ad ottimizzare la gestione degli effluenti,
coniugandole con attività multifunzionali quali la produzione d’energia o la
manutenzione del territorio ecc.
Si ritiene che le considerazioni sul tema formulate dal servizio agricoltura
provinciale siano strumento più opportuno e sufficiente.
Di seguito si elencano, in termini di quadro sinottico delle priorità da evadere, i
seguenti punti al fine di indirizzare la corretta costruzione del Rapporto
Ambientale:
1) per gli aspetti di qualità ambientale dell’aria riferite al settore agricoltura, come
evidenziato nell’inventario regionale, denominato INEMAR, si consiglia di
monitorare le azioni intraprese per l’applicazione delle MTD e delle disposizioni
contenute nella legge regionale n° 24 del 11 dicembre 2006 “Prevenzione e
riduzione provenienti da attività agricole”. Infatti il macrosettore “agricoltura”
incide, nel panorama locale, per la quasi totalità delle emissioni di metano,
protossido di azoto e ammoniaca. Un aspetto che valorizza la VAS è la verifica di
nuovi modelli agroecologici rivolti all’introduzione di colture energetiche e ad
interventi di incentivazione della trasformazione dei prodotti agricoli per la
produzione di energia pulita che, oltre ad avere riflessi positivi sulla dinamica
economica delle attività agricole e zootecniche, hanno risvolti positivi sulla qualità
dell’aria.
2) Si specifica che INEMAR riporta per ogni singolo Comune le indicazioni relative
ai macro settori previsti nel contesto territoriale d’indagine (e quindi facilmente
utilizzabile anche dal comune stesso al fine di adempiere alle azioni indicate nelle
L.R. 24/06). In particolare il contributo del comparto agricolo al panorama
ambientale del Comune e in particolare al quadro delle emissioni in atmosfera è
particolarmente significativo.
3) L’espansione delle aree residenziali ha reso sempre più complessa la
convivenza tra le attività agricole-zootecniche e i residenti. L’introduzione di
tecnologie rivolte alla produzione di energia da fonti rinnovabili può diventare per
gli allevamenti, in particolare per quelli che hanno problemi di ordine emissivo e di
impatto odorigeno come per gli allevamenti intensivi che rientrano nella Direttiva
CEE 96/61, un vettore per migliorare la gestione economica ed ambientale dei
reflui zootecnici.
4) Si consiglia di sovrapporre la carta dell’attitudine allo spandimento dei reflui
15
zootecnici e dei fanghi biologici alle aree di spandimento (i dati possono essere
richiesti alla D.G. Agricoltura-Direzione U.O. Interventi per la compatibilità e
l’innovazione tecnologica delle aziende – tel.0267652555) e la carta delle
vulnerabilità intrinseca, al fine di implementare un corretto piano di monitoraggio
delle acque sotterranee. Il Comune consideri l’opportunità di applicare elementi
gestionali diretti ed indiretti per limitare il trasferimento nelle acque superficiali di
elementi indesiderati derivanti dall’attività agronomica (composti dell’azoto,
antiparassitari, ecc…), oltre che per aumentare la valenza agroecologica.
Già previsto: In allegato 1 al rapporto ambientale sono state esaminati i dati
INEMAR per il comune di Ospedaletto. Nessuna scelta di piano interferisce
con attività legate alla zootecnia.
5) Si apprezza l’individuazione delle eventuali future ubicazioni di Ambiti di
Trasformazione Agricola. Si suggerisce, al fine del mantenimento della valenza
paesistico-ambientale, di proporre a tutti gli insediamenti produttivi agricoli
esistenti, l’ampliamento della funzione di mitigazione, come ulteriore integrazione
alla valenza paesistico-ambientale già citata. I medesimi Ambiti dovranno essere
meglio integrati nel contesto aziendale.
Gia previsto : il sistema delle mitigazioni previsto dalle NTA del Piano delle
regole è basato sulle slp richieste dai singoli titolo abilitativi (recupero o
nuova edificazione) e si muove all’interno delle indicazioni generali della
tavola ecopaesistica.
6) Sulla base di quanto esposto nel paragrafo “Vulnerabilità degli acquiferi” dello
studio geologico, circa una vulnerabilità intrinseca, essa costituisce un fattore
caratteristico per il Comune di Ospedaletto Lodigiano e parzialmente limitante
nella pianificazione. Dovrà essere necessario valutare puntualmente la
vulnerabilità dell’acquifero medesimo, in quanto le attività agronomiche e
zootecniche (dispersione di fanghi, utilizzazione dei reflui zootecnici, distribuzione
di prodotti fitosanitari, di fertilizzanti organici e inorganici, …) possono determinare
impatti significativi.
Già previsto : La normativa dello studio geologico prevede già per le aree a
vulnerabilità degli acquiferi le limitazioni in oggetto.
COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA:
1) Il Rapporto Ambientale utilizza
informazioni
di carattere geologico ed
idrogeologico
desunte da piani redatti a livello provinciale; sarebbe stato
preferibile utilizzare, per una più corretta valutazione degli impatti previsti a livello
comunale,
le informazioni
a livello locale contenute nello studio sulla
componetene geologica, idrogeologica e sismica redatta a supporto del PGT;
Già previsto : il rapporto ambientale è stato aggiornato in seguito alla
presentazione dello studio geologico comunale
2) in relazione a quanto inserito nelle Norme Geologiche di Attuazione, articolo 3,
in merito alla disciplina delle aree produttive interessate da nuovi interventi
urbanistici e in particolare alle attività di indagine preliminare per il riutilizzo di
un’area produttiva dismessa, risulta auspicabile che tali attività vengano eseguite
in accordo con ARPA, al fine di evitare l’insorgere di contestazioni a posteriori e la
necessità di ulteriori verifiche in contraddittorio, con ritardi nei tempi di
realizzazione delle successive opere edilizie; in relazione a quanto indicato al
comma 6 per le demolizioni, si evidenzia che l’importante è garantire la
protezione nei confronti del suolo/sottosuolo, mantenendo le pavimentazioni in
essere;
Accolta : viene modificato il punto 3 dell’art. 11 delle NTA del piano delle
regole così come segue :
- Per quanto concerne le attività elencate al comma 2, sarà opportuno per
l’Amministrazione comunale avvalersi della supervisione di ARPA per la
verifica dei piani d’indagini e l’esecuzione dei campionamenti e delle analisi
in contraddittorio con il proponente.
3) si ricorda che le norme individuate nello studio geologico devono essere
considerate parte integrante dello strumento urbanistico e dovranno essere
recepite dal Piano delle Regole.
Già previsto: lo studio geologico risulta attualmente parte integrante degli
elaborati del piano delle regole del PGT.
RUMORE:
1) Per le nuove infrastrutture viarie, oltre alle valutazioni di impatto acustico,
devono essere previsti monitoraggi post operam.
Presa d’atto : trattandosi di infrastrutture di scala provinciale, progettazione
e monitoraggio non dipendono dal comune ma i monitoraggi potranno
essere richiesti in sede di conferenza dei servizi alla Provincia di Lodi.
2) Si precisa che la Zonizzazione Acustica Comunale è stata approvata nel 2007,
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
anziché nel 2006, come indicato nel Rapporto Ambientale.
Presa d’atto
QUALITA’ DELL’ARIA
Nulla da segnalare
CAMPI ELETTROMAGNETICI
Elettrodotti
Si ricorda che per gli elettrodotti presenti sul territorio deve essere acquisita la
definizione delle fasce di prima approssimazione dai gestori, al fine di una
migliore pianificazione territoriale. Si ricorda che i limiti per l’esposizione della
popolazione e gli obiettivi di qualità devono essere rispettati in tutti gli edifici e le
aree con presenza significativa di persone (4h/giorno) a prescindere dalla
destinazione d’uso residenziale o produttiva.
Si prende atto
Stazioni radio base
Nulla da segnalare.
Inquinamento luminoso
Si ricorda che il Comune deve definire il Piano Regolatore dell’Illuminazione
Comunale secondo i criteri definiti dalla LR17/2000 e smi.
Si prende atto
MONITORAGGI
Per il monitoraggio delle previsioni del PGT, di seguito vengono suggeriti ulteriori
indicatori, rispetto a quelli già proposti nel Rapporto Ambientale, utili per la
valutazione dell’evoluzione temporale della situazione ambientale nel complesso,
suddivisi per matrici.
Accolta : Saranno inseriti gli indicatori tra quelli suggeriti dall’ente, nel
rispetto dei criteri dichiarati nel documento di scoping e condivisi in sede di
conferenza.
•
•
•
•
Demografia:
Popolazione residente (n. ab. Al 31 dicembre)
Densità abitativa (ab/km2)
inseriti
Comparto economico/produttivo - agricoltura:
Aziende Agricole (n.) per tipologia di coltura prevalente (%)
Aziende Zootecniche (n.) per tipologia di allevamento e n. di capi (%)
inseriti
Mobilità dolce:
Incidenza della rete di piste ciclabili (Km/Km2)
inseriti
Uso del suolo:
Superficie urbanizzata (Km2)
Superficie agricola totale (Km2)
Inseriti (in attesa del dato SIARL dalla Provincia)
•
•
Risorsa idrica sotterranea: si suggerisce l’introduzione di un
monitoraggio con analisi semestrali di dettaglio di alcuni parametri delle
acque sotterranee (nitrati, ammoniaca, alcuni metalli), mediante
l’individuazione di alcuni pozzi, scelti tra quelli presenti nel territorio, oltre
a quelli pubblici, al fine di verificare le azioni di miglioramento ambientale.
Respinta : In riferimento ai criteri condivisi con gli enti competenti in
sede di scoping, relativi alla scelta degli indicatori per il
monitoraggio del piano, non risultano inseribili detti indicatori.
Qualità dell’aria
Dati di qualità dell’aria confrontabili con i valori limite stabiliti dalla vigente
normativa e come rilevati dalle centraline della rete fissa ARPA (scaricabili
anche sotto forma di elaborazioni annuali dal sito www.arpalombardia.it).
Nel dettaglio vanno considerati, oltre ai dati già previsti:
- concentrazione media annuale dei principali inquinanti ( µg/m3);
- concentrazione media mensile di PM10, NO2, CO, SO2, O3, come
rilevata dalle
stazioni di rilevamento della qualità dell’aria, se
presenti”.
Respinta : In riferimento ai criteri condivisi con gli enti competenti in
sede di scoping, relativi alla scelta degli indicatori per il
monitoraggio del piano, si ritiene non necessario l’inserimento dei
•
parametri relativi alle concentrazioni medie mensili e stagionali degli
inquinanti atmosferici.
Rumore:
- Piani di risanamento acustico (n. di presentazioni e stato di
avanzamento dei medesimi )
- “Numero di piani di risanamento acustico previsti dalla L. 447/1995
con la specificazione dello stato di attuazione”, sono da
ricomprendersi i piani di contenimento ed abbattimento del rumore
delle infrastrutture di trasporto, i piani di risanamento acustico delle
imprese e i piani di risanamento comunali, così come definiti nella
L.r. 13/2001, nonché i piani di azione previsti dal D.lgs. 194/2005.
- Popolazione ricadente nelle diverse classi(%)
- “Percentuale della popolazione residente nella varie classi”.
- Esposti (n.)
- “Numero di esposti riguardanti la segnalazione di rumori molesti
effettuati al Comune, per i quali A.R.P.A. abbia riscontrato un
superamento dei limiti di legge”.
Accolta parzialmente : In parte inseriti
Scarichi:
Capacità residua del depuratore (AE)
Potenzialità di progetto dell’impianto pubblico di depurazione, espressa in
abitanti equivalenti (AE)
Copertura del sevizio di fognatura (%)
“percentuale di abitanti residenti e unità locali allacciati al servizio di
fognatura”
Scarichi autorizzati in corpi idrici superficiali e su suolo autorizzati, per
tipologia (n.)
•
•
inseriti
Elettrodotti :
lunghezza delle linee attraversanti il territorio, distinte per tensione.
inseriti
Inoltre:
Si propone la verifica degli indicatori per il monitoraggio con cadenza annuale (ad
esclusione del monitoraggio delle acque sotterranee, semestrale).
Si ricorda inoltre che il Piano deve individuare le responsabilità e la sussistenza
delle risorse necessarie per la realizzazione e gestione del monitoraggio.
Eventuali misurazioni e/o campionamenti richiesti ad A.R.P.A. potranno essere
effettuati, compatibilmente con attività istituzionali e con modalità e ubicazioni da
definire matrice per matrice; si ricorda che tali prestazioni saranno a pagamento,
come da tariffario A.R.P.A.
Parzialmente accolta : Il comune si attiverà per trovare risorse economiche
e di competenze per attuare il piano, secondo criteri e modalità riportate al
capitolo 10 del RA.
In riferimento ai criteri condivisi con gli enti competenti in sede di scoping,
relativi alla scelta degli indicatori per il monitoraggio del piano, si ritiene
non necessaria la misura annuale di tutti gli indicatori suggeriti nel rapporto
ambientale.
PROPOSTA DI DOCUMENTO DI PIANO - AMBITI DI TRASFORMAZIONE
Si ritiene opportuno, per maggior comprensione delle schede d’ambito
l’inserimento delle seguenti prescrizioni:
Oltre alla preliminare verifica della capacità residua dell’impianto di
depurazione, anche la verifica preliminare dell’efficienza della rete di
raccolta delle fognature urbane;
le classi di fattibilità geologica, comprensive degli articoli delle N.T.A. della
componente geologica a cui riferirsi;
per le nuove aree residenziali deve essere effettuata una valutazione
previsionale di clima acustico, ove previsto dall’art.8, L.447/95.
Le schede specifiche di ciascun ambito, ai sensi dell’art. 8, comma 2 della L.R.
12/05 devono contenere anche informazioni relative alla compatibilità con
l’intorno.
Si fa presente che i sistemi di mitigazione tramite barriere a verde non sono a
priori una efficace barriera acustica.
PL1: In considerazione che l’ambito di trasformazione ricade all’interno di fasce
di rispetto di pozzi pubblici, disciplinate dalla Parte Terza del D.lgs 152/06 e s.m.i.
e dalla d.g.r. n. 7/12693 del 10.04.03, ai fini della protezione delle risorse idriche
16
sotterranee destinate al consumo potabile, dovranno essere adottate tutte le
misure previste dalla citata delibera, fermo restando i divieti indicati nel D.lgs
152/06.
Già previsto : la scheda d’ambito attualmente aggiornata in seguito alla
presentazione dello studio geologico già riporta le criticità individuate.
Ambiti di trasformazione denominati ATT1 e ATT2: in considerazione che tali
trasformazioni ricadono in classe di fattibilità geologica con gravi limitazioni –
classe 4D, si richiama quanto già specificato all’interno delle norme geologiche di
attuazione, sulla necessità che preliminarmente alla progettazione debba essere
svolto specifico studio di fattibilità che dimostri la compatibilità delle opere previste
con la struttura idrogeologica locale.
Accolta : si conferma quanto espresso al parere ASL, in quanto pur
trattandosi di ampliamenti di strutture esistenti, le schede degli ambiti in
oggetto che già riportano la classe di fattibilità geologica 4d , vengono
aggiornate con
le richieste di approfondimento nelle prescrizioni
progettuali legate alla fattibilità e compatibilità con la struttura idrogelogica
locale.
ALTRE OSSERVAZIONI
La legge regionale per il governo del territorio (L.R. 12/2005) attribuisce alle
Amministrazioni Comunali un ruolo di grande rilevanza, riconoscendo all’art.10,
comma 5, che le indicazioni contenute nel Piano delle Regole, compresi i requisiti
di efficienza energetica (comma 3, lettera h), hanno carattere vincolante e
producono effetti diretti sul regime giuridico dei suoli.
Si suggerisce l’inserimento delle seguenti diciture nel Piano delle Regole (in parte
già evidenziate all’interno del Rapporto Ambientale e nelle prescrizioni generali
alle Schede degli Ambiti del tessuto consolidato e di trasformazione del
Documento di Piano), in relazione a:
Cascinali/aziende agricole dismesse o in procinto di essere dismesse:
 serbatoi fuori terra o interrati
o adibiti allo stoccaggio di combustibili liquidi (gasolio da riscaldamento o da
autotrazione) si ricorda la necessità di effettuare come minimo operazioni
di pulizia della zona di carico/scarico;
 nel caso di serbatoi adibiti allo stoccaggio di gasolio da riscaldamento
la norma non prevede l’obbligo di presentazione di un piano di
rimozione degli stessi;
o in ogni caso qualora si riscontri la presenza di contaminazioni evidenti del
terreno circostante sussiste l’obbligo di comunicazione e di attivazione
delle procedure di cui al D.Lgs152/06 art.242 (bonifiche);
 vasche liquami interrate o fuori terra, condotte di rilancio liquami, stalle,
pozzi disperdenti o strutture di subirrigazione di acque reflue
domestiche o assimilate: tali strutture, specialmente se vetuste, possono
aver determinato il rilascio nel sottosuolo di sostanze potenzialmente
inquinanti (ammoniaca, metalli). All’atto della dismissione e rimozione di tali
strutture dovranno essere effettuate, ove si riscontrassero alterazioni
organolettiche del terreno, opportune verifiche di tipo analitico, con eventuale
successiva comunicazione e attivazione delle procedure di cui al D.Lgs152/06
art.242 (bonifiche)”.
In generale, per quanto riguarda i serbatoi interrati dismessi (compresi quelli
utilizzati per uso riscaldamento), che rappresentano dei potenziali centri di
pericolo, sarebbe opportuno prevederne la rimozione/messa in sicurezza, nonché
la verifica dello stato qualitativo dei terreni circostanti.
Già previsto : l’art. 58 dele NTA del Piano delle regole TCA1 – Tessuto
consolidato agricolo in contesto agricolo prevede al punto 16 quanto
richiesto.
Si suggerisce di prevedere, a livello generale, per ogni singolo intervento di tipo
edilizio, l’inserimento nel delle prescrizioni di seguito riportate:
 coperture in eternit: il PRAL (Piano Regionale Amianto Lombardia) per
realizzare il censimento e la mappatura dei siti e dei manufatti contenenti
amianto prevede per i soggetti pubblici e privati l’obbligo di notificare all’ASL
competente per il territorio la presenza di amianto o di materiali contenenti
amianto in matrice friabile (es. coibentazioni di tubazioni, guarnizioni di
caldaie, speciali intonaci) e compatta (es. Eternit, canne fumarie, mattonelle in
vinil-amianto, controsoffittature, ecc.) presenti in: edifici, luoghi, impianti,
mezzi di trasporto. Dovrà pertanto essere compilato un questionario
conoscitivo, da trasmettere ad ASL Provincia di Lodi, p.zza Ospitale, 10 –
Lodi (fax n.0371 5872494 – per info: 0371 5872498 – 0371 5872497). Resta
inteso che, in caso siano effettivamente presenti strutture contenenti amianto,
la rimozione è soggetta alla presentazione del piano di rimozione alla
competente ASL;
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
 rifiuti vari: tutti i materiali non riutilizzabili in loco tal quali, dovranno essere
classificati ai sensi della normativa vigente (D.Lgs.152/06 e s.m.i.) e pertanto
avviati a smaltimento o recupero in idonei siti;
 pozzi di prelievo acque sotterranee: nel caso un pozzo privato debba
essere dismesso dovranno essere seguite le procedure previste dalla
circolare 38/SAN/83, dalla d.g.r. 22502/92 e dal RLI;
 terre da scavo la gestione delle terre da scavo dovrà avvenire secondo
quanto previsto dal D.M.161/2012 (in vigore dal 6/10/2012).
Si ritiene inoltre opportuno che il Comune richiami anche gli adempimenti previsti
in materia di gestione delle terre e rocce da scavo, nell’ambito dei procedimenti
edilizi.
Già previsto : l’art. 8 del piano delle regole “Prescrizioni generali finalizzate
alla protezione dell’ambiente” già include quanto richiesto .
Risparmio idrico
In conformità a quanto indicato all’art. 6 del Regolamento Regionale n° 2 del
24/03/2006 “Disciplina dell'uso delle acque superficiali e sotterranee, dell'utilizzo
delle acque a uso domestico, del risparmio idrico e del riutilizzo dell'acqua in
attuazione dell'articolo 52. comma 1, lettera c) della legge regionale 12 dicembre
2003, n. 26”, i progetti di nuova edificazione e gli interventi di recupero del
patrimonio edilizio esistente dovranno prevedere:
a) l’introduzione negli impianti idrico-sanitari di dispositivi idonei ad assicurare
una significativa riduzione del consumo di acqua, quali: frangigetto, erogatori
riduttori di portata, cassetta di scarico a doppiacacciata;
b) come stabilito dall’art. 25, comma 3 del d.lgs. 152/1999, dovranno
prevedere la realizzazione della rete di adduzione in forma duale.
Già previsto : l’art. 93 delle NTA del Piano delle regole Norme speciali per
la tutela delle risorse idriche già recepisce quanto richiesto
Piano cimiteriale
Per quanto prescritto dall’art. 9, comma 2 della Legge Regionale n. 22 del 18
novembre 2003 ”Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e
cimiteriali”:
“…Ogni Comune, nell’ambito della pianificazione urbanistica e territoriale,
prevede aree cimiteriali in grado di rispondere alle necessità di sepoltura
nell’arco dei venti anni successivi all’adozione degli strumenti urbanistici...”; il
successivo Regolamento Regionale n. 6 del 9 novembre 2004 “Regolamento
in materia di attività funebri e cimiteriali”, all’art. 6, comma 1 recita.”…Ogni
Comune è tenuto a predisporre uno o più piani cimiteriali…, al fine di
rispondere alle necessità di sepoltura nell’arco dei venti anni successivi
all’approvazione dei piani stessi…”. Si propone pertanto al Comune la
predisposizione del piano cimiteriale a supporto della documentazione
relativa alla pianificazione del governo del territorio.
Accolta : il Comune ha adottato il piano in oggetto con DCC n° 29 del
16/12/03 non dando seguito alla approvazione; si attiverà per
l’aggiornamento dello stesso alle normative vigenti con nuovo
provvedimento.
Ulteriori eventuali precisazioni/suggerimenti sul Piano delle Regole e sul Piano
dei Servizi verranno inoltrate a seguito del ricevimento di richiesta di osservazioni
sul Documento di Piano adottato (art. 13 L.R. 12/05).
Osservazione n°7
Protocollo: 748 del 06/03/2013
Soggetto proponente: Provincia di Lodi - Dipartimento II Pianificazione
Territoriale
Oggetto dell’osservazione:Valutazione Ambientale Strategica (VAS) attinente al
procedimento di approvazione del Piano di Governo del Territorio del Comune di
Ospedaletto Lodigiano. Trasmissione del parere di competenza.
Con riferimento alla Vs. nota n.113/13, pervenuta in Provincia il 14
Gennaio 2013 (prot. provinciale n.1269), con la quale, conformemente ai disposti
delle DCR VIII/351 del 13/03/2007 e nella DGR 9/761 del 10/11/2010, comunicate
la messa a disposizione del Documento di Piano unitamente al Rapporto
Ambientale e alla Sintesi non Tecnica per la Valutazione Ambientale Strategica
relativa al PGT, comunicando altresì che è convocata per il 18 marzo p.v. la
conferenza conclusiva di VAS, si comunica quanto segue.
Esaminata la documentazione messa a disposizione si è ritenuto di
formulare delle proposte/osservazioni con particolare riferimento alla coerenza
esterna del PGT rispetto ai contenuti di PTCP vigente articolata secondo le
tematiche di seguito enucleate, acquisendo anche il contributo settoriale di altre
Unità Operative per gli altri aspetti in competenza.
1. SP 126
La variante alla SP 126 programmata dal PGT, che sotto-passando la linea
ferroviaria si connette alla SP ex SS 234 in prossimità dello svincolo autostradale,
è in variante alle scelte di PTCP Vigente che, a sua volta, ha recepito le scelte
condivise con le Amministrazioni comunali del c.d. Schema Viabilistico Condiviso
del medio Lodigiano (Casalpusterlengo, Somaglia, Senna Lodigiana, Ospedaletto
Lodigiano, Orio Litta, Livraga, Secugnago e Brembio), approvato con delibera di
GP n.8 del 10 gennaio 2007. Al fine di fornire un adeguato contributo, è stata
sentita la U.O. Strade la quale ha formulato delle valutazioni che di seguito si
riportano.
La variante di Ospedaletto Lodigiano alla SP 126, come inserita nel PGT
comunale, presenta, dal punto di vista tecnico, alcuni elementi di criticità:
- il tracciato di progetto riportato nel PGT presenta numerosi punti di flesso,
concentrati in prevalenza nel tratto di strada compreso tra le intersezioni a raso
con la strada comunale ‘per Cascina Mandella”, dove è programmata la
realizzazione di un nuovo sistema rotatorio e con la SP ex SS 234, a nord del
centro abitato, dove è prevista la realizzazione di una seconda rotatoria.
L’inserimento di più elementi curvilinei di stretto raggio, in rapida successione
uno con l’altro (e orientati alternativamente verso destra e verso sinistra)
determineranno una repentina variazione delle velocità di progetto assunte a
base della progettazione dei singoli tronchi stradali che compongono la nuova
variante, costringendo i veicoli in transito a rallentamenti e/o a brusche frenate,
con ricadute negative sulla fluidità della circolazione veicolare e sulle generali
condizioni di sicurezza. La presenza di curve di stretto raggio determinerà
ulteriori problemi di visibilità, incompatibili con i vincoli imposti dalla vigente
normativa in materia di sicurezza stradale. A fronte delle sopra citate ragioni, la
Scrivente U.O. considera più rispondente alla normativa la variante alla SP
126, secondo un tracciato più lineare, con curve di ampio raggio (non inferiore
a 150 m), tra l’altro maggiormente uniforme al progetto delineato nel PTCP;
- l’eccessiva vicinanza al centro abitato del tracciato di progetto inserito nel
PGT comunale, in variazione al tracciato proposto dal PTCP e dello SVC del
Medio Lodigiano, costringerà tra l’altro alla realizzazione di opere di
risanamento acustico (D.L.vo 194/2005 e DM 29.11.2000), quali per esempio,
posa di barriere antirumore (nei casi di elevato superamento dei limiti di
emissioni rumorose), posa di asfalti fonoassorbenti e/o altre misure mitigative,
(nei casi di limitato superamenti dei limiti). Appare però chiaro che
l’avvicinamento al centro abitato e la presenza di abitazioni all’interno delle
fasce di pertinenza acustica costringerà all’esecuzione di opere di mitigazione,
oggi non previste, con notevole aggravio dei costi di realizzazione e
diminuzione delle condizioni di sostenibilità dell’opera.
Si chiede pertanto alla VAS di valutare attentamente lo scenario proposto rispetto
alla previsione vigente di PTCP e alla valutazione dell’U.O. Strade della Provincia
di Lodi evidenziando, inoltre, qualora si confermasse la proposta di PGT, la
necessità di formulare la richiesta di variante del PTCP ai sensi dell’art. 13.5 della
LR 12/05.
Si riporta di seguito un estratto del PTCP, un estratto dell’SVC del medio lodigiano
e un estratto del proponendo PGT.
Accolta : a seguito di ulteriori incontri con i settori interessati della
Provincia di Lodi( agricoltura, viabilità e urbanistica) si accoglie
modificando il tracciato e adeguandolo al progetto di massima presentato
dalla provincia in sede di incontri verbali.
2. ATA 2
L’ambito di trasformazione agricola n.2 (ATA 2) e le relative mitigazioni che
interessano il possibile ampliamento della Cascina Mandella ricadono e
interferiscono con il tracciato di variante alla SP 126 contenuto nel PTCP Vigente.
Fermo restando quanto richiesto al punto 1 si chiede di valutare e di esplicitare le
motivazioni che hanno condotto a tale scelta proprio in relazione a tale previsione
infrastrutturale, coerenziando anche un adeguato sistema mitigatorio, funzionale a
tali valutazioni e scelte.
Respinta : a seguito dell’inserimento del nuovo tracciato è stato possibile
verificare che l’ambito in oggetto inserito su richiesta della proprietà
Cascina Mandela per futuri ampliamenti, non presenta criticità rispetto al
nuovo tracciato dal quale viene inoltre separato da un ambito di
mitigazione .
3. Passaggio a livello lungo la SP 234.
Il PTCP Vigente, che recepisce il citato Schema viabilistico condiviso, approvato
con delibera di GP n.8 del 10 gennaio 2007, prevede l’adeguamento e la rettifica
delle curve del passaggio a livello c.d. dei due Leoni. All’interno degli atti di PGT
non vi è traccia di tale adeguamento. Al fine di fornire un adeguato contributo, è
17
stata sentita la U.O. Strade la quale ha evidenziato che l’indicazione del tracciato
riportato nel piano comunale non crea le condizioni minime indispensabili per la
realizzazione dell’attraversamento della linea ferroviaria (sottopasso con rampe di
accesso). La U.O. Strade ritiene, inoltre, che la soluzione viabilistica inserita nel
PTCP sia in grado di risolvere in modo più adeguato le criticità infrastrutturali
esistenti e garantire elevati livelli di sicurezza per l’utenza stradale. Si chiede
pertanto di esporre in sede di VAS le motivazioni che hanno condotto a tale
scelta, integrando conseguentemente il capitolo relativo alla coerenza esterna del
PGT con il PTCP e chiedendo variazione al PTCP o, in alternativa di adeguare le
previsioni di PGT alle indicazioni di PTCP.
Accolta : Sebbene non siano state evidenziate chiaramente le coperture
economiche, si adeguano gli elaborati con quanto richiesto.
4. ATP1
Il documento di Piano, relativamente all’implementazione del sistema produttivo
prevede due ambiti: uno a completamento della BTicino, intercluso dalla variante
della SP 234 e l’edificato e l’altro a ridosso dell’intersezione tra la Sp ex SS 234 e
la SP 126.
A questo secondo ambito di trasformazione produttiva, individuato con la sigla
ATP1, si accede dalla SP 126. Tale accesso pare molto prossimo all’intersezione
tra la citata SP 126 e la Sp ex SS 234 e quindi si è acquisito un contributo della
U.O. Strade, la quale ha rilevato che l’accesso all’ambito ATP-1 non è conforme al
DM 19 aprile 2006 e alla DGR n. 7120829 del 16.02.2005, recante il
“Regolamento per la determinazione delle caratteristiche funzionali e geometriche
per la costruzione delle zone di intersezione”, nonchè al vigente Regolamento
provinciale disciplinante l’apertura di nuovi accessi, a causa della sua eccessiva
vicinanza all’intersezione di tipo a “T” esistente, a disciplina dell’incrocio tra la SP
ex SS 234 e la SP 126, all’interno dell’abitato di Ospedaletto Lodigiano. A giudizio
della U.O. Strade, la soluzione viabilistica in grado di assicurare i più elevati livelli
di sicurezza prevede la realizzazione di un breve tronco stradale a N/E della
proprietà, che vada ad immettersi sulla rotatoria di progetto sulla SP ex 55 234, in
prossimità dello svincolo autostradale, costituendone il quinto braccio. Tale
proposta si inserisce nello scenario infrastrutturale delineato nel PTCP e
consentirebbe, tra l’altro, di avere a disposizione lo spazio necessario e sufficiente
a far confluire sulla rotatoria di progetto un quinto ramo (inizialmente non
previsto), garantendo l’assunzione di raggi di raccordo conformi alla normativa sia
per le corsie di entrata, sia per quelle di uscita dalla rotatoria e valori di
deflessione adeguati. Si chiede pertanto una valutazione in merito.
Accolta : in seguito alle modifiche apportate alla rotatoria di raccordo della
SP 126, l’ambito in oggetto viene collegato direttamente alla rotatoria.
5. Variante della SP ex SS 234 e della SP 126
In merito alla viabilità inserita nel PGT si è chiesta una verifica dei punti di
raccordo tra la viabilità esistente e quella in progetto alla U.O. Strade in quanto gli
stessi sono raccordati con innesti a raso. L’U.O. Strade ha comunicato che la
realizzazione della variante alla SP 126, determinerà la chiusura dell’attuale
tracciato, che presenta elementi di criticità (attraversamento centro abitato, alcune
intersezioni pericolose con la viabilità comunale) tali da aver portato a predisporre
il progetto di variante. Si ritiene pertanto opportuno invitare l’Amministrazione
comunale a valutare tale condizione infrastrutturale e a apportare le conseguenti
e necessarie modifiche al Documento di Piano. Si riportano di seguito degli
estratti di PGT con le intersezioni oggetto della presente valutazione. In
particolare, si chiede di coerenziare puntualmente le interferenze fra la viabilità
nuova e cessata, attivando anche nel Piano dei Servizi e nel Piano delle regole le
opportune coperture a disciplina delle suddette criticità e interferenze con
apposita schede di dettaglio.
Accolta : a seguito dell’inserimento del nuovo tracciato di progetto di
massima della SP 126 dette interferenze sono state risolte con modifiche al
raccordo sulla SP 234 e con l’inserimento di una rotatoria sulla SP 126 sul
confine con Senna Lodigiana.
1.5.6.
La partecipazione dei cittadini alla VAS
Osservazione n° 1 – Protocollo 817 del 11/03/2013
Sig. Stefano Lazzarini
Il soggetto proponente osserva:
1) SUL METODO
La prima osservazione è che la valutazione ambientale strategica dovrebbe
essere svolta da un soggetto esterno, diverso da chi propone il piano, in quanto il
controllo che deve essere svolto non può essere fatto dallo stesso soggetto che
realizza l’intervento, questo per mantenere una neutralità nel giudizio e nelle
valutazioni sul piano di governo del territorio.
Commento :
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
La terzietà nella valutazione ambientale, rispetto al proponente il piano ed
al procedente nel percorso di pianificazione, è garantita dalla Autorità
Competente per la VAS.
Proponente il Piano è la Amministrazione Comunale, NON l’urbanista
incaricato.
La direttiva europea supera la logica del controllore/controllato; lo spirito è
di costruzione di un processo integrato pianificazione/valutazione.
L’incarico affidato ad un gruppo multidisciplinare, come previsto da bando,
riguarda aspetti tecnici e metodologico-procedurali; viene richiesta la
predisposizione di documenti ed atti tecnici, ed il supporto nel processo
decisionale.
Nel gruppo sono garantite figure esperte negli aspetti urbanisticoterritoriali, a supporto dell’autorità procedente, degli aspetti di analisi e
valutazioni ambientali, a supporto della autorità competente per la VAS,
aspetti settoriali quali geologico.
La VAS si riduce alla presentazione del Rapporto Ambientale (RA) e nient’altro.
Tutte le procedure,le fasi e i contenuti previsti dalla Direttiva 2001/42/CE sono
inesistenti. Il monitoraggio diviene solo una proposta abbozzata, e non viene
predisposto un vero e proprio dettagliato monitoraggio nel corso degli anni
successivi all’entrata in vigore del PGT. Nella VAS manca inoltre la verifica
dell’effetto totale che il PGT ha sull’intero territorio: non si ha traccia di quali effetti
porterà in termini complessivi, e non solo sull’area oggetto di piano.
Commento :
La VAS NON è un procedimento, ma un processo di valutazione, vale a
dire un percorso, che procede parallelo ed integrato al processo di
pianificazione (ovvero di elaborazione del piano); all’interno del processo
di VAS si svolge la partecipazione, con momenti strumenti e momenti
dedicati, definiti dalla amministrazione procedente con atto deliberatorio.
Alla valutazione sono chiamati, ai sensi della normativa europea,
nazionale e regionale, i soggetti competenti per materia e territorialmente,
che si esprimono nell’ambito della conferenza di VAS. La conferenza
(momento di consultazione) si apre con una prima riunione nella quale i
soggetti competenti condividono i contenuti del rapporto ambientale, i temi
ambientali importanti per la realtà in esame ed il grado di
approfondimento. Per Ospedaletto la conferenza si è svolta in data
21/11/2012
Nell’allegato 1 al Rapporto Ambientale sono riportati i dati ambientali
raccolti per la definizione del quadro ambientale di riferimento. Nel
Rapporto ambientale è riportata la valutazione di sintesi della qualità
ambientale e del grado di attenzione richiesto, standardizzata rispetto
all’unità territoriale di appartenenza (definite nel percorso di VAS del piano
territoriale), nel rispetto delle elementari regole scientifico-metodologiche.
È evidente che la loro lettura ed interpretazione presuppone conoscenze
competenze specifiche; per il pubblico viene predisposta una sintesi in
linguaggio non tecnico.
Il rapporto ambientale raccoglie le considerazioni e valutazioni svolte
nell’intero processo relativamente agli obiettivi di piano, alle scelte
proposte, e fornisce indicazioni per il monitoraggio degli effetti attesi dalla
sua attuazione.
Nello specifico le scelte operate dal piano risultano coerenti con il quadro
definito dalla analisi di cui sopra.
Nel rapporto ambientale, quale quadro complessivo, vengono applicati gli
indicatori suggeriti nella VAS del PTCP adottato. La scelta, l’applicazione e
la lettura dei risultati richiede competenze.
Si chiede quindi un’adeguata integrazione. È innanzitutto necessario che il
Rapporto Ambientale (RA) sia modificato con l’inserimento di dati ambientali
completi e coerenti, e che le previsioni in esso contenute siano rapportate a
scenari futuri credibili, legati al quinquennio di vita del Documento di Piano.
Alla luce di tali modifiche, sarà evidente che gli obiettivi del Piano dovranno
necessariamente essere corretti.
Commento :
La partecipazione del pubblico è indirizzata a fornire, in fase successive
del processo, elementi di conoscenza al quadro conoscitivo, alla
condivisione del quadro definito, alla raccolta dei desiderata.
Contributi e pareri tecnici sulla qualità del processo (e degli elaborati) sono
riservati ai soggetti, chiamati formalmente a contribuire la processo, ai
quali è riconosciuta (anche sulla base degli atti regionali in materia)
precisa competenza in materia o territoriale.
2)
3) NEL MERITO
Per poter garantire la sostenibilità del PGT, la VAS deve quindi essere effettuata
nella sua fase preparatoria.
PGT e VAS sono state avviate in momenti diversi e la stessa individuazione
dell’autorità competente è giunta molto più tardi.
Commento :
Ai due processi è stato dato avvio formale in tempi diversi; operativamente
il processo di pianificazione è partito con il processo di VAS.
Ciò posto, la partecipazione – che dovrebbe essere effettivamente sollecitata con
l’avvio delle suddette procedure – dovrebbe costituire un elemento fondamentale
della VAS, in quanto genera “quel sapere” che è importante per meglio individuare
gli interessi pubblici da perseguire, dando più ampia comunicazione e dedicando
più momenti al dibattito e al confronto con il pubblico.
Commento :
Si condivide il riconoscimento dell’importanza della partecipazione nella
costruzione delle conoscenze alla base del piano; ne è testimonianza lo
stesso contributo del cittadino Lazzarini.
Ciò non è avvenuto anche in considerazione degli orari e delle giornate stabilite
per la partecipazione del pubblico. Anche in considerazione di quanto sopra si
chiede che così, come indicato dal paragrafo 6.3 degli Indirizzi Generali approvati
con la delibera del Consiglio Regionale 13 marzo 2007 n. VIII/351, il contenuto
delle osservazioni che perverranno a codesta Amministrazione in questa fase
consultiva, che terminerà il prossimo 15 marzo ( per le osservazioni) sia reso
pubblico mediante pubblicazione sul sito-web del Comune.
Commento :
Relativamente alla richiesta di rendere pubblico detto contributo, questa è
evasa in sede di assemblea pubblica del 19 aprile 2013, nella quale sono
presentati e discussi i contributi dei cittadini; i contenuti di tutti detti
contributi sono pubblicati sul sito del comune, in apposita cartella relativa
alla partecipazione.
Del percorso di partecipazione si riferisce nei documenti di VAS, in
particolare il parere motivato rende conto di come i risultati siano stati
integrati negli elaborati di piano.
Nel quadro conoscitivo del Documento di Piano, aggiornato per l’adozione,
sono riportati i contributi, osservazioni, pareri raccolti da tutti gli attori
coinvolti nel processo e relative controdeduzioni: soggetti competenti,
soggetti che operano sul territorio, soggetti economici incontrati, pubblico.
Il Rapporto Ambientale esaminato è quasi completamente incentrato sui nuovi
“ambiti di trasformazione”, in modo tale che i problemi ambientali del paese
esistente non sono praticamente oggetto di valutazioni di sostenibilità, né di
proposte.
Nonostante la presenza di problemi ambientali, in nessun passo del rapporto
ambientale esaminato vi é prova che siano state valutate e confrontate diverse
alternative pianificatorie.
Nonostante l’importanza del fattore “acqua”, mancano progetti e politiche volte al
recupero del patrimonio idrico spesso devastato e mal gestito a causa di
tombinature, trascuratezze, inquinamento idrico, oltre che della mancata
definizione del Reticolo Idrico, in violazione della normativa regionale di settore.
CARENZA FOGNATURA: in località Cristo manca una fognatura pubblica per
acque di scarico divise dalle acque meteoriche.
Il tema della mobilità e delle infrastrutture (strade ferrovie) è strettamente
congiunto con il tema dell’inquinamento (atmosferico, acustico) e rappresenta il
principale aspetto di impatto ambientale dell’intero paese [ si vedano allegati].
Nella VAS questi argomenti hanno trovato inadeguata valutazione limitandosi
semplicemente a ribadire soluzioni note da tempo ,ma senza prendere in esame
l’effettiva possibilità di dar corso a queste soluzioni (soprattutto il sistema delle
tangenziali e delle varianti alle strade provinciali (234-107-126).
ZONA A TRAFFICO LIMITATO: non si è pensato a soluzioni intermedie in attesa
di costruire le opere infrastrutturali attese da un decennio (tangenziali e
sopraelevate per il superamento della linea ferroviaria Cremona-Pavia) come ad
18
esempio l’istituzione di una zona a traffico limitato con il pagamento di un
pedaggio per i veicoli di grandi dimensioni ( si veda zona “c” comune di
Milano ,etc.) allo scopo di scoraggiare i passaggi dei veicoli pesanti e, nel
contempo, reperire i fondi per la costruzione delle infrastrutture.
La zonizzazione acustica è datata ed effettuata con metodo criticabile non
foss’altro che per la dislocazione delle postazioni utilizzate per le rilevazioni. La
stessa osservazione vale per il rilevamento degli inquinanti atmosferici.
INQUINAMENTO E PERICOLI DELLE STRADA: gli inquinanti sono presenti
soprattutto lungo l’asta della S.P. 234 in località Cristo e mai alcuna centralina di
rilevamento è stata posta a ridosso dei luoghi interessati ed abitati da numerose
famiglie. Rispetto all’inquinamento ed agli inquinanti nulla di effettivamente
importante è contenuto nella VAS né si delineano soluzioni a breve e medio
termine per ovviare al problema. Anche la valutazione ambientale della stessa
località Cristo non attende ad alcun criterio di rilevanza scientifica soprattutto in
ordine alla sicurezza ed ai rischi per la salute degli abitanti.
La stessa pulizia delle strade, l’incanalamento delle acque piovane, la segnaletica
stradale, i percorsi per i pedoni ed i ciclisti, nello stesso RA /rapporto ambientale,
non trovano considerazione e neppure strumenti urbanistici (come le NTA del
PRG) delineano per una località così attaccata degli inquinanti soluzioni ed
agevolazioni costruttive per i privati, volte alla difesa dallo smog e dal rumore.
Commento :
Relativamente alle osservazioni su temi ambientali quali
CARENZA FOGNATURA
ZONA A TRAFFICO LIMITATO
INQUINAMENTO E PERICOLI DELLE STRADA
Si fa presente che tali temi sono stati affrontati ed indagati con studi
specialistici, allegati al piano, e che dei risultati si è tenuto conto nella
elaborazione del piano dei Servizi e Piano delle Regole – si rammenta che
la VAS valuta il Documento di Piano.
Si apprezza il contributo conoscitivo fornito dagli studi specialistici messi a
disposizione dal cittadino
Assemblea Pubblica
Alle ore 21 del 19/04/2013 presso l’auditorium Grassi della scuola materna del
comune di Ospedaletto Lod. si è tenuta una assemblea pubblica, con
partecipazione di Sindaco, assessori, Consiglieri Comunali e cittadini.
Intervento introduttivo del Sindaco, successivamente l’Arch Uggetti e la
Dott.sa Fontana hanno illustrato la struttura ed i contenuti generali del
PGT e della VAS. Interventi del Consigliere Davide Cerati e dei fratelli
Lazzarini con conseguente dibattito. La riunione si è chiusa intorno alle
23,15.
1.6. ATTI DI PROGRAMMAZIONE SOVRAORDINATA
1.6.1.
Il PTR e il Piano Paesaggistico Regionale
Il Piano Territoriale Regionale (PTR), tramite la sua componente paesistica
(P.P.R.), in applicazione dell’art. 19 della l.r. 12/2005, ha natura ed effetti di piano
territoriale paesaggistico ai sensi della legislazione nazionale (Dlgs. n. 42/2004).
In ciò, il Piano recepisce, consolida e aggiorna il Piano Territoriale Paesistico
Regionale (PTPR) vigente in Lombardia dal 2001, integrandone e adeguandone
contenuti descrittivi e normativi e confermandone impianto generale e finalità di
tutela.
Il Piano Paesaggistico Regionale (P.P.R.) ha natura:
a) di quadro di riferimento per la costruzione del Piano del Paesaggio Lombardo;
b) di strumento di disciplina paesaggistica del territorio.
e rappresenta il Quadro di Riferimento della disciplina paesaggistica estesa
all’intero territorio regionale.
Le indicazioni regionali di tutela dei paesaggi di Lombardia, nel quadro del PTR,
consolidano e rafforzano le scelte già operate dal PTPR pre-vigente in merito
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
all’attenzione paesaggistica estesa a tutto il territorio e all’integrazione delle
politiche per il paesaggio negli strumenti di pianificazione urbanistica e territoriale,
ricercando nuove correlazioni anche con altre pianificazioni di settore, in
particolare con quelle di difesa del suolo, ambientali e infrastrutturali.
Le misure di indirizzo e prescrittività paesaggistica si sviluppano in stretta e
reciproca relazione con le priorità del PTR al fine di salvaguardare e valorizzare
gli ambiti e i sistemi di maggiore rilevanza regionale: laghi, fiumi, navigli, rete
irrigua e di bonifica, montagna, centri e nuclei storici, geositi, siti UNESCO,
percorsi e luoghi di valore panoramico e di fruizione del paesaggio.
Il P.P.R. nei suoi contenuti descrittivi e di indirizzo per la tutela del paesaggio può
essere integrato nel tempo a seguito di ulteriori studi, approfondimenti e
disponibilità di nuovi dati di analisi; le integrazioni e gli aggiornamenti riguardanti
esclusivamente i contenuti descrittivi del Quadro di Riferimento Paesaggistico, gli
Indirizzi di tutela e i Piani di sistema, di cui all'articolo 11, non costituiscono
variante del Piano Paesaggistico Regionale e sono operati dalla Giunta regionale.
L’approccio alla disciplina del paesaggio è condotto in modo integrato e dinamico
e si coniuga con l’attenta lettura dei processi di trasformazione dello stesso e
l’individuazione di strumenti operativi e progettuali per la riqualificazione
paesaggistica e il contenimento dei fenomeni di degrado, anche tramite la
costruzione della rete verde.
Si definiscono “disciplina paesaggistica” le disposizioni di uno strumento
pianificatorio che associ una rappresentazione del territorio condotta secondo
categorie paesaggisticamente rilevanti a prescrizioni circa i comportamenti e gli
interventi incidenti sui caratteri del paesaggio e/o sui modi in cui questo viene
percepito.
Secondo quanto definito dal nuovo Piano Paesistico Regionale, la Competenza in
materia paesistica in capo a ciascun Ente, si fonda sull’applicazione combinata di
due principi: il “principio gerarchico e il “principio di maggiore definizione”, (rif.
Normativa – artt. 4, 5, 6).
In base al principio gerarchico, l’atto sottordinato non può sovvertire gli indirizzi e
le strategie di quelli sovraordinati; in base al principio di maggiore definizione, le
previsioni dell’atto più definito, approvato nel rispetto del principio gerarchico,
sostituiscono a tutti gli effetti quelle degli atti sovraordinati.
Il P.P.R., come uno strumento di salvaguardia e disciplina del territorio, opera fino
a quando non siano vigenti atti a valenza paesaggistica di maggiore definizione.
In presenza di strumenti a specifica valenza paesaggistica di maggiore
definizione, tali strumenti dal momento della loro entrata in vigore definiscono la
disciplina paesaggistica del territorio ivi considerato. In sede di approvazione di
ciascun atto a valenza paesaggistica, il medesimo provvedimento di approvazione
dà atto della coerenza con gli indirizzi del Piano del Paesaggio, come espressi
dagli atti sovraordinati, e ne certifica il livello di definizione, in base alla scala della
cartografia, alla puntualità delle norme nonché all’ampiezza e qualità delle
elaborazioni.
Il riconoscimento di uno strumento quale "atto a maggiore definizione"
presuppone l’espressione, da parte dell’organo preposto all’approvazione, o
all'espressione di parere, di una valutazione positiva circa l’effettiva capacità dello
strumento medesimo di garantire un maggior grado di riconoscimento e tutela dei
valori paesaggistici rispetto alla disciplina paesaggistica previgente.
Per i piani di gestione delle riserve naturali e per i P.T.C. provinciali e di parco la
suddetta valutazione viene effettuata dalla Regione, per i P.G.T. viene effettuata
dalla Provincia che prende conoscenza a tal fine di tutti gli atti del P.G.T.
Per i piani di settore, i P.L.I.S. e i piani forestali la valutazione viene effettuata
dall’Ente che li approva acquisito parere della propria struttura preordinata alla
pianificazione e tutela del paesaggio.
Elaborati costitutivi dello strumento
Il P.P.R. è costituito dai seguenti insiemi di elaborati:
d) Relazione Generale (volume 1)
e) Quadro di Riferimento Paesaggistico (Q.R.P.)
f) Contenuti dispositivi e di indirizzo, che costituiscono la disciplina paesaggistica,
di cui all'articolo 10, comma 1, lett. b).
Sono elaborati del Q.R.P. regionale:
a) I paesaggi della Lombardia: ambiti e caratteri tipologici (Volume 2)
b) L‟immagine della Lombardia (Volume 2)
c) Osservatorio paesaggi lombardi (Volume 2 bis)
d) Principali fenomeni regionali di degrado e compromissione del paesaggio e
situazioni a rischio di degrado (volume 2)
e) Analisi delle trasformazioni recenti (Volume 3)
f) Cartografia di piano (Volume 4):
- Tavola A - Ambiti geografici e unità tipologiche di paesaggio
- Tavola B - Elementi identificativi e percorsi di interesse paesaggistico
- Tavola C - Istituzioni per la tutela della natura
- Tavola D - Quadro di riferimento della disciplina paesaggistica regionale
- Tavola D 1a, Quadro di riferimento delle tutele dei laghi insubrici: Lago
Maggiore e Ceresio
- Tavola D1b - Quadro di riferimento delle tutele dei laghi insubrici: Lago di
Lugano e Lago di Como e Lecco
- Tavola D1c - Quadro di riferimento delle tutele dei laghi insubrici: Lago
d‟Iseo
- Tavola D1d – Quadro di riferimento delle tutele dei laghi insubrici: Lago di
Garda e Lago d’Idro
- Tavola E - Viabilità di rilevanza paesaggistica
- Tavola F – Riqualificazione paesaggistica: ambiti ed aree di attenzione
regionale
- Tavola G – Contenimento dei processi di degrado e qualificazione
paesaggistica: ambiti ed aree di attenzione regionale
- Tavola H – Contenimento dei processi di degrado paesaggistico: tematiche
rilevanti
- Tavole Ia Ib, Ic, Id, Ie, If, Ig – Quadro sinottico tutele paesaggistiche di legge
– articoli 136 e 142 del D. Lgs. 42/04
- Repertori (Volume 2)
g) Abaco delle principali informazioni di carattere paesistico-ambientale articolato
per comuni (Volume 5):
- volume 1 - "Appartenenza ad ambiti di rilievo paesaggistico regionale"
- volume 2 - "Presenza di elementi connotativi rilevanti"
Sono elaborati dei Contenuti dispositivi e di indirizzo:
a) Indirizzi di tutela (Volume 6), articolati per:
19
1. Unità tipologiche di paesaggio, elementi costitutivi e caratteri connotativi;
2. Strutture insediative e valori storico culturali del paesaggio;
3. Ambiti territoriali di successivo approfondimento paesistico;
4. Riqualificazione paesaggistica e contenimento dei potenziali fenomeni di
degrado
e) Piani di sistema (Volume 7):
1. Infrastrutture a rete;
2. Tracciati base paesistici;
c) Normativa (Volume 6).
-
Efficacia del Quadro di riferimento Paesistico
Ai sensi dell’art. 14 delle Norme di attuazione del P.P.R.
“1. I contenuti del Quadro di Riferimento Paesaggistico hanno in generale valore
indicativo ad eccezione di quanto previsto al comma 2, lettera b).
2. Gli ambiti, le strutture e gli elementi individuati nella cartografia contenuta nel
quadro di riferimento paesaggistico regionale hanno:
a) valore indicativo e di indirizzo per le categorie di elementi e gli ambiti che fanno
riferimento agli Indirizzi di tutela e ai Piani di sistema, di cui all'articolo 11,
comma 4, lettere a) e b) e alle Disposizioni relative alla pianificazione
provinciale e comunale , di cui al Parte III;
b) valore prescrittivo per quanto riguarda le voci di legenda che rimandano alle
Disposizioni del P.P.R. immediatamente operative, di cui al Titolo III.
3. Sulla base del Quadro di Riferimento Paesaggistico (Q.R.P.), l‟Ente
competente a valutare la valenza paesaggistica degli atti di pianificazione e degli
atti di programmazione ad incidenza territoriale, in base alle disposizioni dell’art.
6, comma 4, accerta la valenza paesaggistica e l‟idoneità degli atti stessi a far
parte del Piano del Paesaggio Lombardo, determinandone il livello di definizione.”
-
Funzioni e contenuti della disciplina paesaggistica di livello regionale
“I contenuti del Quadro di Riferimento Paesaggistico hanno in generale valore
indicativo ad eccezione di quanto previsto al comma 2, lettera b).
Gli ambiti, le strutture e gli elementi individuati nella cartografia contenuta nel
quadro di riferimento paesaggistico regionale hanno:
a) valore indicativo e di indirizzo per le categorie di elementi e gli ambiti che fanno
riferimento agli Indirizzi di tutela e ai Piani di sistema, di cui all'articolo 11,
comma 4, lettere a) e b) e alle Disposizioni relative alla pianificazione
provinciale e comunale, di cui al Parte III;
b) valore prescrittivo per quanto riguarda le voci di legenda che rimandano alle
Disposizioni del P.P.R. immediatamente operative, di cui al Titolo III.
Sulla base del Quadro di Riferimento Paesaggistico (Q.R.P.), l’Ente competente a
valutare la valenza paesaggistica degli atti di pianificazione e degli atti di
programmazione ad incidenza territoriale, in base alle disposizioni dell’art. 6,
comma 4, accerta la valenza paesaggistica e l’idoneità degli atti stessi a far parte
del Piano del Paesaggio Lombardo, determinandone il livello di definizione.”
Contenuti di immediata prevalenza del P.P.R.
Con l’entrata in vigore del P.P.R, “le norme contenute” nel Titolo III DISPOSIZIONI DEL P.P.R. IMMEDIATAMENTE OPERATIVE - “sono
immediatamente prevalenti sugli altri atti di valenza paesaggistica di maggior
dettaglio che risultino in contrasto con le stesse, ai sensi dell’articolo 145, comma
3, del D. Lgs. 42/2004” .
Compongono il suddetto Titolo:
-
Art. 17 (Tutela paesaggistica degli ambiti di elevata naturalità)
Art. 18 (Tutela paesaggistica dell’ambito di valore storico -ambientale del Barco Certosa)
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
-
Art. 19 (Tutela e valorizzazione dei laghi lombardi)
Art. 20 (Rete idrografica naturale fondamentale)
Art. 21 (Infrastruttura idrografica artificiale della pianura: Principali Navigli storici, canali di bonifica e
rete irrigua)
Art. 22 (Geositi)
Art. 23 (Siti UNESCO)
Art. 24 (Rete verde regionale)
Art. 25 (Individuazione e tutela dei Centri, Nuclei e Insediamenti Storici)
Art. 26 (Riconoscimento e tutela della viabilità storica e d‟interesse paesaggistico)
Art. 27 (Belvedere, visuali sensibili e punti di osservazione del paesaggio lombardo)
Art. 28 (Riqualificazione paesaggistica di aree ed ambiti degradati o compromessi e contenimento
dei processi di degrado)
Art. 29 (Norma di prevalenza)
In relazione alla suddetta normativa, vengono in particolare richiamati i seguenti
“Estratti”, in quanto oggetto di specifico riferimento all’interno dell’Elaborato
“Indirizzi”- Parte Prima, descrittiva delle Unità Tipologiche di paesaggio presenti
sul territorio regionale (rif. Pianura Irrigua).
Articolo 20 - Rete idrografica naturale fondamentale
1. La Regione riconosce il valore paesaggistico dell’idrografia naturale superficiale quale
struttura fondamentale della morfologia del paesaggio lombardo e riferimento
prioritario per la costruzione della rete verde regionale.
2. La tutela e riqualificazione paesaggistica di fiumi, torrenti e corsi d’acqua naturali di
Lombardia è volta a:
a. Salvaguardare e migliorare i caratteri di naturalità degli alvei e degli ambiti dei corsi
d’acqua, anche tramite un’attenta gestione della risorsa idrica e degli interventi di
regimazione idraulica, al fine di garantire un’adeguata presenza d’acqua;
b. Tutelare le specifiche connotazioni vegetazionali e gli specifici caratteri geomorfologici dei singoli torrenti e fiumi, quali, ad esempio, cascate, forre, orridi,
meandri, lanche e golene;
c. Salvaguardare e valorizzare il sistema di beni e opere di carattere storicoinsediativo e testimoniale che connotano i diversi corsi d’acqua, quale espressione
culturale dei rapporti storicamente consolidati tra uomo e fiume;
d. Riqualificare le situazioni di degrado ambientale e paesaggistico in coerenza con le
finalità di salvaguardia e tutela sopraindicate.
3. Al fine di valorizzare e riqualificare in modo organico il paesaggio dei sistemi fluviali, la
pianificazione locale, tramite i P.T.C. di parchi e province e i P.G.T. dei comuni,
recepisce, integra e coordina con le altre politiche di competenza le indicazioni di
scenario paesaggistico fluviale contenute nei contratti di fiume definiti in Accordi
Quadro di Sviluppo Territoriale regionali.
4. Al fine di promuovere un approccio integrato ai bacini e sottobacini idrografici che
tenga in attenta considerazione lo scenario paesaggistico di riferimento,
individuandone azioni e misure di riqualificazione e valorizzazione, la Giunta regionale
supporta e incentiva azioni e programmi sovraccomunali proposti dagli enti locali,
anche in accordo con l’Autorità di bacino, finalizzati alla valorizzazione paesaggistica
di interi sottobacini o di parti significative degli stessi, tramite iniziative Agenda 21,
protocolli o accordi tra enti, proposte di contratti di fiume.
5. Assumono valore prioritario all’interno delle proposte di promozione di azioni integrate:
a. Il recupero delle situazioni di degrado paesaggistico e la riqualificazione ambientale
e ricomposizione paesaggistica, correlati ad interventi di difesa e gestione idraulica,
con specifico riferimento alla individuazione di nuovi spazi di possibile esondazione
del fiume, coerentemente agli indirizzi del PAI;
b. La tutela e il miglioramento dei paesaggi naturali anche in funzione degli obiettivi
regionali di salvaguardia della biodiversità e di ricostruzione di connessioni
ecologiche;
c. La tutela e valorizzazione del sistema insediativo consolidatosi storicamente intorno
alla valle fluviale e delle rilevanze storico-culturali che la connotano, con attenta
considerazione e valorizzazione delle diverse componenti, dei singoli beni e dei
sistemi di relazione fisica e simbolica che li correlano, compatibilmente con il livello
di rischio idrogeologico presente;
d. La promozione di forme di fruizione sostenibile tramite l’individuazione di itinerari,
percorsi e punti di sosta da valorizzare e potenziare o realizzare.
6. La Giunta regionale, al fine di promuovere un approccio integrato ai bacini e
sottobacini idrografici che tenga in attenta considerazione lo scenario paesaggistico di
riferimento, supporta altresì iniziative e programmi di manutenzione idraulica del
territorio che comprendano misure specifiche per la cura e valorizzazione dei caratteri
connotativi del paesaggio locale.
7. Il fiume Po, che interessa larga parte del territorio meridionale della Lombardia e pone
la stessa in diretta correlazione con le altre regioni rivierasche, rappresenta il
principale riferimento del sistema idrografico regionale e allo stesso tempo elemento
identitario, di rilevanza sovralocale, della bassa pianura. La presenza del grande fiume
e la specifica connotazione che nel tempo è venuto ad assumere l’ambito fluviale,
8.
9.
hanno fortemente condizionato la formazione e conduzione dei paesaggi circostanti.
La Regione persegue la tutela e valorizzazione del Po nella sue diverse
caratterizzazioni tramite:
a. la salvaguardia del fiume quale risorsa idrografica e paesaggio naturale con
particolare attenzione alla preservazione di lanche, meandri e golene e difesa delle
specifiche valenze ecologiche;
b. la tutela e valorizzazione dell’argine maestro, quale elemento di connotazione e
strutturazione morfologica in termini di costruzione del paesaggio agrario e di
percezione del contesto paesaggistico, oltre che di difesa idraulica;
c. la valorizzazione del fiume quale elemento identitario potenzialmente attrattore di
forme di fruizione ambientale e paesaggistica sostenibili;
d. la tutela e valorizzazione del complesso sistema insediativo storico che connota le
diverse tratte fluviali, a partire dalla presenza dei principali centri e nuclei storici,
percorsi e opere d’arte e manufatti idraulici, i sistemi di chiuse per l‟ingresso ai porti
commerciali, per comprendere l’edilizia tradizionale e il sistema di beni culturali
minori che costella l’ambito fluviale, facendo riferimento agli studi sviluppati in
proposito da province e Giunta regionale.
In coerenza con gli obiettivi indicati al precedente comma, nell’ambito di tutela
paesaggistica del Po, come individuato ai sensi della lettera c) dell’articolo 142 del
D.Lgs. 42/2004, e tenendo conto del Piano di Bacino si applicano le seguenti
disposizioni:
a. nelle fasce A e B come individuate dal P.A.I., si applicano le limitazioni
all’edificazione e le indicazioni di ricollocazione degli insediamenti contenute nella
parte seconda delle Nome di attuazione per le fasce fluviali del Piano suddetto;
b. ...nella restante parte dell’ambito di specifica tutela paesaggistica ai sensi
dell’articolo 142 del D.Lgs. 42/2004, vale a dire fino al limite della fascia dei 150
metri oltre il limite superiore dell’argine, al fine di garantire per l’argine maestro e
territori contermini i necessari interventi di tutela e valorizzazione paesaggistica
nonché la corretta manutenzione per la sicurezza delle opere idrauliche esistenti,
all’esterno degli ambiti edificati con continuità, di cui al precedente articolo 17
comma 11 lettera a), e/o del tessuto edificato consolidato, come definito dal P.G.T.,
non sono consentiti nuovi interventi di trasformazione urbanistica e/o edilizia ad
esclusione di quelli di manutenzione ordinaria e straordinaria, ristrutturazione
edilizia, restauro e risanamento conservativo, adeguamento funzionale degli edifici
esistenti, sono altresì ammessi interventi per la realizzazione di opere pubbliche
attentamente verificati in riferimento al corretto inserimento paesaggistico e ai
correlati interventi di riqualificazione e/o valorizzazione del sistema arginale;
c. la valorizzazione in termini fruitivi del sistema fluviale, in coerenza con il Protocollo
d’intesa per la tutela e la valorizzazione del territorio e la promozione della
sicurezza delle popolazioni della Valle del Po tra Province ed Autorità di Bacino, del
27 maggio 2005 e succ. mod. e integ., deve avvenire nel rispetto delle indicazioni di
tutela di cui al precedente comma 7;
d. la promozione di azioni e programmi per la navigazione fluviale e la realizzazione di
itinerari e percorsi di fruizione dovrà essere correlata all’attenta considerazione
delle misure di corretto inserimento paesaggistico di opere e infrastrutture e, ove
possibile, ad azioni di riqualificazione e recupero di aree e manufatti in condizioni di
degrado, privilegiando comunque forme di fruizione a basso impatto;
e. gli interventi e le opere di difesa e regimazione idraulica devono essere
preferibilmente inquadrati in proposte organiche di rinaturazione del fiume e delle
sue sponde, tutelando e ripristinando gli andamenti naturali dello stesso entro il
limite morfologico storicamente definito dall’argine maestro;
f. il recupero e la riqualificazione ambientale degli ambiti di cessate attività di
escavazione e lavorazione inerti, tramite la rimozione di impianti e manufatti in
abbandono e l’individuazione di corrette misure di ricomposizione paesaggistica e
ambientale delle aree, assume carattere prioritario nelle azioni di riqualificazione del
fiume e delle sue sponde;
g. la previsione di nuovi interventi correlati ad attività estrattive come bonifiche o
realizzazione di vasche di raccolta idrica, deve essere attentamente valutata nelle
possibili ricadute paesaggistiche ed essere accompagnata, qualora considerata
assolutamente necessaria, da scenari ex-ante di ricomposizione paesaggistica e
riqualificazione ambientale a cessata attività, che evidenzino le correlazioni tra
interventi di recupero e perseguimento degli obiettivi di tutela di cui al precedente
comma 7;
h. il recupero paesaggistico e ambientale di aree, ambiti e manufatti degradati o in
abbandono assume rilevanza regionale e come tale diviene elemento prioritario
nella valutazione delle proposte di intervento afferenti a piani, programmi o piani di
riparto regionali;
i. la Provincia nell’atto di formulazione del parere di competenza relativo ai Piani di
governo del territorio dei comuni anche solo marginalmente interessati dalla
specifica tutela paesaggistica del fiume Po ai sensi dell’articolo 142 del D. Lgs.
42/2004, deve esplicitamente dichiarare gli esiti del puntuale accertamento in merito
al pieno e corretto recepimento delle indicazioni e disposizioni del presente comma,
con particolare riferimento alla lettera b., e le eventuali prescrizioni che ne derivano
quale condizione necessaria per l’approvazione del PGT.
Fatta salva la facoltà della Giunta regionale di individuare in modo puntuale ambiti di
particolare rilevanza paesaggistica, afferenti a specifiche situazioni locali da
assoggettare a particolari cautele, si assume quale ambito di riferimento per la tutela
paesaggistica del sistema vallivo del fiume Po quello delimitato come fascia C dal
20
P.A.I..
10. Nell’ambito di cui al precedente comma 9, la pianificazione locale tramite i P.T.C.
provinciali e dei parchi e i P.G.T. comunali, anche ai sensi del comma 4 dell’articolo 31
delle Norme di attuazione del P.A.I., persegue le seguenti linee di azione d‟indirizzo
regionale:
- contenimento del consumo di suolo tramite idonee misure per la limitazione dei
fenomeni di dispersione urbana e di sviluppo lineare lungo le arterie della mobilità;
- priorità, nelle scelte di sviluppo, per il recupero urbanistico di aree dismesse in
contesti già urbanizzati;
- azioni di ricomposizione paesaggistica del paesaggio rurale e naturale tramite il
potenziamento della rete verde, con specifica attenzione ai sistemi verdi correlati
all’idrografia superficiale e al trattamento dei territori liberi da edificazione contermini
alla viabilità principale; i comuni possono dedicare a queste azioni quote specifiche
di standard qualitativi, e le province individuare misure di intervento correlate
all’utilizzo di fondi compensativi provinciali;
- tutela e valorizzazione, anche in termini di accessibilità pubblica ed idoneo
equipaggiamento vegetale, della viabilità minore e della rete dei percorsi di fruizione
del territorio, quale sistema di relazione tra i centri e nuclei di antica formazione, gli
insediamenti rurali tradizionali e i beni storico-culturali diffusi sul territorio, nonché
necessario supporto per la loro promozione;
- recupero e valorizzazione dell’ingente patrimonio architettonico storico-tradizionale,
costituito da centri storici, nuclei di antica formazione, edilizia rurale diffusa ed
esempi di archeologia industriale anche tramite la promozione di servizi connessi a
circuiti e percorsi di fruizione culturale ed agro-eno-gastronomica e a forme di
turismo sostenibile correlate al rilancio del sistema turistico del Po;
- recupero paesaggistico e ambientale delle aree degradate e in abbandono con
prioritaria attenzione ai territori contermini alla rete verde provinciale e alla rete
irrigua;
- individuazione di specifiche azioni di mitigazione di insediamenti e infrastrutture a
rilevante impatto paesistico, con particolare attenzione ai detrattori assoluti e relativi
indicati al paragrafo 6 della Parte quarta degli Indirizzi di tutela del presente piano,
tramite schermature verdi coerenti con il disegno e le connotazioni vegetazionali del
contesto paesaggistico locale;
- attenta valutazione, sotto il profilo della compatibilità paesaggistica, di previsioni
relative a nuovi impianti industriali, poli logistici e grandi strutture di vendita,
privilegiando in tal senso aree dismesse o comunque già oggetto di forte
alterazione delle connotazioni paesaggistiche e ambientali.
Articolo 21 - Infrastruttura idrografica artificiale della pianura: principali Navigli storici, canali
di bonifica e rete irrigua.
1. La Regione riconosce quale sistema di specifica connotazione e grande rilevanza
paesaggistica della pianura lombarda l’infrastrutturazione idrografica operata nei secoli
dalle società insediate, per la bonifica e l’irrigazione del territorio e il trasporto su
acqua.
2. La tutela dell’infrastruttura idrografica artificiale persegue l’obiettivo di salvaguardare i
principali elementi e componenti della rete, nelle loro diverse connotazioni e secondo
quanto indicato ai successivi commi, garantendone il funzionamento anche in
riferimento alle potenzialità di risorsa paesaggistica e ambientale. Sono da
promuovere, in tal senso, azioni coordinate per lo sviluppo di circuiti ed itinerari di
fruizione sostenibile del territorio che integrino politiche di valorizzazione dei beni
culturali, del patrimonio e dei prodotti rurali, delle risorse ambientali e idriche, in
scenari di qualificazione paesaggistica di ampio respiro.
3. Il Naviglio Grande e il Naviglio di Pavia: (omesso)
4. Naviglio Martesana. (omesso)
5. Naviglio Sforzesco, Canale Villoresi, Canale Muzza, Naviglio d’Isorella, Naviglio di
Bereguardo, Naviglio di Paderno, Canale Vacchelli, Naviglio Civico di Cremona,
Naviglio Nuovo Pallavicino, Naviglio Grande Pallavicino, Roggia Maggia e Dugale
Delmona: (omesso).
6. La rete irrigua nel suo complesso costituisce un valore paesaggistico regionale, le
province e i parchi individuano, con i consorzi irrigui e i consorzi di bonifica, criteri e
modalità di manutenzione e riorganizzazione della stessa tendo conto del valore
ecologico, del valore storico-testimoniale e del ruolo di strutturazione del disegno del
paesaggio rurale delle diverse componenti.
I P.T.C. di parchi e province definiscono in tal senso misure, azioni, criteri e cautele in
merito a:
- salvaguardia e integrazione vegetazione ripariale, con specifico riferimento al
potenziamento della rete verde provinciale e regionale,
- preservazione fondo naturale, con specifico riferimento ai corsi d’acqua di maggiore
rilevanza dal punto di vista ecologico-ambientale,
- tutela e recupero opere idrauliche e opere d’arte di valore storico e tradizionale,
- salvaguardia e integrazione delle zone alberate e dei filari,
- cautele relative ad interventi di gestione o adeguamento della rete.
7. I fontanili ancora attivi sono da salvaguardare, riqualificare e valorizzare in riferimento
alla loro funzionalità idrica ed ecosistemica, alla particolare connotazione
vegetazionale e al significato simbolico e testimoniale che rivestono nel sistema
1
paesistico rurale, tenendo conto di quanto indicato nella scheda n. 2.1.4 dell’allegato B
alla d.g.r. 2121/2006 “Criteri e procedure per l’esercizio delle funzioni amministrative in
materia di tutela dei beni paesaggistici in attuazione della legge regionale 11 marzo
2005 n. 12”; al fine di valorizzare il ruolo storico e le valenze paesaggistiche e
ambientali di questi luoghi, la pianificazione locale, tramite i P.T.C. di parchi e province
e i P.G.T. dei comuni, impedisce opere di urbanizzazione e nuova edificazione per una
fascia di almeno 10 metri intorno alla testa del fontanile e lungo entrambi i lati dei primi
200 metri dell’asta e ne promuove:
a. il recupero e la riqualificazione, in correlazione con la definizione della rete verde
provinciale e del sistema verde e dei corridoi ecologici comunali, e con riferimento
alla promozione di percorsi di fruizione paesaggistica del territorio e alla
realizzazione di punti di sosta nel verde;
b. la tutela dell’alimentazione idrica, limitando, ove necessario, i prelievi delle acque
sotterranee all’intorno e prevedendo modalità efficaci di corretta e costante
manutenzione impedendo azioni o interventi che possano compromettere le risorse
idriche superficiali e sotterranee, in particolare le alterazioni del capofonte e del
relativo micro-ambiente.
Stralcio Tavola A - Ambiti geografici e unità tipologiche di paesaggio
Articolo 24 - Rete verde regionale
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
Il presente piano riconosce il valore strategico della rete verde regionale, quale
sistema integrato di boschi alberate e spazi verdi, ai fini della qualificazione e
ricomposizione paesaggistica dei contesti urbani e rurali, della tutela dei valori
ecologici e naturali del territorio, del contenimento del consumo di suolo e della
promozione di una migliore fruizione dei paesaggi di Lombardia.
Costituiscono riferimento prioritario per la costruzione della rete verde regionale i
seguenti ambiti:
- Sistema delle aree protette e siti Rete Natura 2000, evidenziati nella tavola C del
presente piano;
- Ambito di tutela paesaggistica del sistema vallivo del fiume Po, ambiti ad elevata
naturalità, ambiti di tutela dello scenario lacuale dei laghi insubrici e ambito
dell’Oltrepò pavese, come individuati nella tavola D del presente piano;
- Fasce fluviali ed altri sistemi verdi lineari di rilevanza regionale individuati dalla
Giunta regionale.
La rete verde regionale si relaziona in modo stretto con lo Schema direttore della rete
ecologica regionale.
La finalità generale di ricomposizione e salvaguardia paesaggistica della rete verde
regionale si attua tenendo conto delle problematiche e priorità di:
- tutela degli ambienti naturali
- salvaguardia della biodiversità regionale e delle continuità della rete ecologica
- salvaguardia e valorizzazione dell’idrografia naturale
- tutela e valorizzazione del sistema idrografico artificiale
- ricomposizione e salvaguardia dei paesaggi colturali rurali e dei boschi
- contenimento dei processi conurbativi e di dispersione urbana
- ricomposizione paesaggistica dei contesti periurbani
- riqualificazione paesaggistica di ambiti compromessi e degradati
(omesso)
(omesso)
Contribuiscono alla costruzione e salvaguardia della rete verde regionale e assumono
in tal senso specifico valore paesaggistico i Piani di indirizzo forestale, i Parchi locali di
interesse sovracomunale, i progetti di Sistemi verdi rurali, i progetti provinciali e
regionali di greenway, i progetti di rete ecologica, i progetti di ricomposizione
paesaggistica ed equipaggiamento verde delle fasce contermini ai principali corridoi
della mobilità e tecnologici.
I comuni partecipano all’attuazione della rete verde regionale con la definizione del
sistema del verde comunale nei propri P.G.T. e, in particolare, tramite l’individuazione
dei corridoi ecologici e di un sistema organico del verde di connessione tra territorio
rurale ed edificato, di cui all’articolo 9 comma 1 della l.r. 12/2005, coerenti con le
priorità, di cui al precedente comma 3, indicate dalla pianificazione regionale e dai
P.T.C. di parchi e province.
In relazione alle caratteristiche dell’Ambito oggetto di approfondimento, sono
vengono richiamati inoltre i contenuti degli artt. 25 (Individuazione e tutela dei
Centri, Nuclei e Insediamenti Storici), 26 (Riconoscimento e tutela della viabilità
storica e d‟interesse paesaggistico), 27 (Belvedere, visuali sensibili e punti di
osservazione del paesaggio lombardo), e 28 (Riqualificazione paesaggistica di
aree ed ambiti degradati o compromessi e contenimento dei processi di degrado).
Quadro Conoscitivo Paesistico - il Comune di Ospedaletto Lodigiano:
ambito territoriale del Lodigiano.
Il Comune di Ospedaletto Lodigiano appartiene all’ambito geografico del
Lodigiano ed è inserito nell’unità di paesaggio definita “fascia della bassa
pianura” caratterizzata prevalentemente da un paesaggio detto “delle fasce
fluviali” che confina con il paesaggio “della pianura cerearicola”.
L’articolo di riferimento degli Indirizzi di Tutela per la parte Prima è il punto 5
LA BASSA PIANURA1
FASCIA DELLA BASSA PIANURA
La bassa pianura si fa iniziare dalla linea delle risorgive che da Magenta-Corbetta,
passando per Milano, Lanzate, Melzo, Caravaggio, Chiari, Montichiari, Goito attraversa
longitudinalmente l’intera Lombardia. Il paesaggio lungo tale linea dall’alta alla bassa
pianura non è percepibile a prima vista: la presenza delle risorgive, con cui inizia
naturalmente la pianura umida, che l’uomo ha attrezzato con un esteso sistema irriguo,
introduce però una maggior presenza di verde, oltre agli elementi che si legano a
un’agricoltura più ricca e diversamente organizzata. Oggi l’irrigazione supera verso l’alta
pianura i confini naturali che vigevano in passato ed anche questo attenua la
discriminazione percepibile tra le due parti.
Gli elementi che tradizionalmente stavano ad indicare la specificità del paesaggio bassolombardo erano diversi un tempo: in primo luogo va posta l’organizzazione agricola basata
sulla grande cascina, la minor densità umana, il senso pieno della campagna, la presenza
delle piantate che animano gli scenari, il carattere geometrico del disegno dei campi, la
rettilineità delle strade, dei filari, dei canali irrigatori, ecc., la regolare distribuzione dei centri
abitati, che si annunciano nel paesaggio con le cuspidi dei campanili. Oggi vi si sono
aggiunti i serbatoi idrici sopraelevati e, in qualche senso, i silos e gli edifici multipiani
intorno ai centri maggiori.
Le riconversioni del paesaggio basso-lombardo degli ultimi decenni riguardano la diversa
organizzazione agricola. Diversamente che nell’alta pianura non è molto diffuso qui il
fenomeno dell’agricoltura part-time, che si lega per solito alla presenza dell’industria. Qui è
ancora agricoltura piana, è attività produttiva specializzata, spesso avanzatissima nelle sue
tecniche, nelle sue forme di meccanizzazione. Può sorprendere tuttavia come questa
trasformazione dei modi di produzione, legata alla riduzione estrema della manodopera,
abbia ancora le sue basi nelle vecchie cascine di un tempo, le grandi corti che in passato
accoglievano decine e decine di famiglie impegnate in aziende di diverse centinaia di ettari.
Oggi quelle infrastrutture, spesso di notevole impegno architettonico, che associavano
casa padronale, chiesa, case dei lavoratori, sono state in parte riconvertite, utilizzate come
magazzini, come depositi per le macchine o in parte abbandonate. Ma i perni dei territori
rurali sono ancora oggi questi grossi insediamenti agricoli acquattati nel verde, resi
malinconici oggi rispetto ad un tempo dalla perdita delle presenze umane, delle loro voci,
sostituite dal rumore insistente dei trattori, e quindi divenuti strettamente centri di
produzione, come indicano le nuove infrastrutture di cui spesso si sono attrezzate (stalle,
porcilaie, silos, magazzini, ecc.).
Nell'elaborato “I paesaggi della Lombardia: ambiti e caratteri tipologici” (Volume 2 del PTPR) sono rinvenibili riferimenti specifici ai seguenti ambiti geografici: Lomellina, Pavese, Milanese, Lodigiano, Cremasco, Cremonese, Bergamasco, Bresciano, Mantovano
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
21
Il paesaggio intorno alle cascine, non di rado raggiungibile attraverso viali alberati (elementi
ricorrenti nel paesaggio basso-lombardo), si dispiega con una presenza di alberi che varia
da zona a zona e, si può dire, da azienda ad azienda. Ciò anche perché oggi si tende ad
ampliare, in funzione della meccanizzazione, le superfici coltivate, e quindi ad eliminare le
piantate che nei secoli passati cingevano fittamente ogni parcella coltivata, ponendosi ai
bordi delle cavedagne o lungo i canali di irrigazione, associando alberi diversi, dal pioppo,
al salice, al frassino, alla farnia, ecc. Oggi l’albero dominante quasi ovunque è il pioppo
d’impianto, talora disposto in macchie geometriche, il cui legno è destinato all’industria dei
compensati. Il pioppo (Populus nigra) spesso persiste isolato in mezzo ai campi e la sua
presenza sopperisce oggi, in modi non di rado maestosi, alla carenza d’alberi nelle
campagne, ormai sempre più diffusamente destinate alla maiscoltura per l’allevamento.
Tranne che nelle aree a risaia, il mais è la coltura più importante e ciò costituisce una
perdita per il paesaggio, che ha perduto le variegature multicolori che un tempo
introduceva la policoltura. Complessivamente molto minori sono comunque le superfici
destinate a nuove colture come il girasole o la soia.
La cellula aziendale, aggregati di corti (spesso semplicemente allineati su strada) oggi
dotati di servizi; in alcune aree la gravitazione si ha nei confronti di centri di antica origine e
oggi di solide basi borghesi (come Vigevano, Mortara, Melegnano, Codogno, Crema,
Soncino, Asola, Casalmaggiore, ecc.), nobilitati spesso da strutture fortificate medioevali, o
da palazzi signorili o chiese monumentali di epoche diverse (romantiche o barocche). Ad
un livello gerarchico superiore stanno i capoluoghi provinciali, come Pavia, Cremona,
Mantova (ora anche Lodi), con le loro eredità storiche, le loro funzioni di centri religiosi,
culturali, finanziari, amministrativi che attraverso i secoli sono riusciti a plasmarsi un proprio
Umland. Il caso di Mantova è poi del tutto unico: la città, per secoli capoluogo del ducato
dei Gonzaga, ha costituito un’entità territoriale a sè, e non ha mutato che in forme
superficiali e marginali l’influsso lombardo.
Nel complesso le polarità urbane della bassa pianura sono meno popolose di quelle che
governano l’alta pianura, e quindi il fenomeno urbano è più discreto e meno pervasivo. La
megalopoli estranea ai loro interessi, benchè ne subiscano da vicino il peso.
L’industrializzazione è stata flebile in tutta la bassa pianura e consiste nella
miniproliferazione intorno ai centri principali di piccole industrie manifatturiere o di industrie
legate all’agricoltura. Anche la crescita edilizia degli ultimi decenni è stata relativamente
contenuta intorno ai centri maggiori e le sue dimensioni esprimono direttamente la vitalità o
meno del polo urbano. Anche qui sono gli assi stradali (soprattutto quelli diretti verso
Milano) che fungono da direttrici di attrazione industriale e residenziale. Essi corrono in
senso longitudinale o trasversalmente lungo le aree interfluviali, cosicchè le fasce
attraversate dai fiumi hanno potuto conservare una loro dimensione naturale che ne fa,
anche qui, delle presenze fondamentali del paesaggio. Formazioni boschive o pioppeti
d’impianto rivestono gli spazi golenali sin dove iniziano le arginature, ormai quasi tutte
artificiali. Ciò vale anche per il corso del Po, che fa da confine meridionale della Lombardia,
svolgendo il suo corso tra alti argini che gli conferiscono un certo grado di pensilità,
caratteristica anche degli affluenti lombardi nel tratto terminale del loro corso. L’argine,
importante elemento funzionale, diventa così un tipico elemento-iconema nel paesaggio
basso-lombardo.
Il regime dei fiumi lombardi è regolato naturalmente dalla presenza dei laghi prealpini; ma
oggi su di esso incidono gli usi delle acque per l’irrigazione, gli sbarramenti, le derivazioni,
ecc.
Il sistema irrigatorio ha come principali fonti di emulazione il Ticino, l’Adda, l’Oglio e anche
il Mincio. I grandi canali di derivazione sono allacciati con i canali di scarico e di drenaggio,
e alimentano tutta una minore rete irrigatoria che capillarmente bagna una superficie di 700
mila ettari; ad essa danno contributo notevole anche le risorgive. Complessivamente la rete
irrigatoria si estende su 40 mila chilometri e contribuisce oggi in misura notevole a
mantenere alta la produzione, che riguarda per lo più il mais, il quale notoriamente ha un
non lungo ciclo vegetativo ma ha bisogno di molta acqua, importante nelle estati siccitose.
Se si considera il paesaggio della bassa pianura si deve tener conto del sistema irrigatorio
non solo come fattore di vitalità e di ricchezza, oltre che di quell’opulenza propria del
paesaggio, ma anche come riferimento storico, in senso cattaneo ricordando le ricerche
dello studio ottocentesco sulla tenacia e l’impegno che sono costati per realizzarlo. In altre
parole il paesaggio della bassa pianura ha la duplice valenza: quella di rivelarsi
esteticamente godibile con le sue prospettive geometriche che talvolta ricalcano la
centuriazione romana, e di raccontare la storia di una conquista umana mirabile. Esso
acquista perciò un valore, oltre a quello che rimanda agli usi territoriali, di immagine
imprescindibile della Lombardia, e che come tale va salvaguardato da usi diversi da quelli
agricoli.
La bassa pianura lombarda non è un insieme territoriale uniforme. Lo rivelano i suoi
paesaggi appena si attraversa da sud a nord come da est a ovest la pianura. Varia la
densità di alberi, il tipo di piantata, la forma delle cascine, la loro densità, la misura dei
campi, il rapporto tra cascine isolate e centri comunali, il richiamo dei campanili, dei
castelli, ecc.
Le due aree più diverse sono quelle che si pongono agli estremi: la Lomellina e il
Mantovano, entrambe con un’agricoltura che comprende la coltivazione del riso, ma con
un’organizzazione agricola diversa, basata su aziende medio-grandi e appoggiate a centri
con un’impronta originale, specie nel Mantovano, la cui storia ha alimentato nei secoli una
cultura che si specchia non solo nei monumenti di cittadine come Sabbioneta, Rivarolo,
Pomponesco, Suzzara, ecc. ma anche nello “stile” del paesaggio agrario, nelle architetture
rurali che lo presiedono.
5.1 PAESAGGI DELLE FASCE FLUVIALI
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Nel punto dove le valli fluviali escavate guadagnano lentamente il piano fondamentale della
pianura il paesaggio muta d’aspetto.
Inizialmente i fiumi vi scorrono solo lievissimamente incavati, poi possono addirittura
portare il loro letto a un livello pensile con il corredo antropico di continue e sinuose opere
di arginatura e di contenimento. Scendono verso il fiume maggiore, il Po, con andamento
sud-sudest; alcuni però, minori, confluiscono direttamente nei maggiori nella parte mediana
della pianura.
La rete di acque che essi formano ha intessuto largamente la pianura, costituendone il
fondamento ordinatore sia in senso naturale che antropico, delimitando ambiti geografici e
insediamenti. Nonostante le loro evoluzioni nel tempo e nello spazio, con alvei abbandonati
e grandi piani di divagazione (per esempio, l’antico lago Gerundio fra Lodi e Crema),
nonostante i successivi interventi antropici di controllo e regimazione, tutte le valli fluviali di
pianura conservano forti e unici caratteri di naturalità (lanche, mortizze, isole fluviali, boschi
ripariali, greti, zone umide…).
I limiti di queste fasce sono netti se si seguono gli andamenti geomorfologici (la
successione delle scarpate, il disporsi delle arginature) ma sono, al tempo stesso,
variamente articolati considerando le sezioni dei vari tratti fluviali, minime in alcuni,
massime in altre.
In questi ambiti sono compresi, ovviamente, i fiumi, con scorrimento più o meno
meandrato, i loro greti ghiaiosi o sabbiosi, le fasce golenali e le zone agricole intercluse,
lievemente terrazzate.
Gli insediamenti nella golena sono evidentemente rarefatti per i rischi che tale
localizzazione comporterebbe. Molti invece si allineano sui bordi dei terrazzi laddove il
fiume si mantiene ancora entro limiti naturali, altri invece sono custoditi da alti e ripetuti
argini. Di solito sono ubicati nei punti che nei secoli hanno costituito un luogo di transito
della valle (ponti, guadi, traghetti) e sono molti i casi di borghi accoppiati, ognuno sulla
propria sponda (Pontevico/Robecco, Canneto/Piadena, Soncino/Orzinuovi, Vaprio/
Canonica). Occorre anche qui aggiungere che, come nel caso delle valli fluviali escavate,
molti di questi ambiti sono ricompresi in parchi naturali regionali soggetti a specifici
strumenti di pianificazione.
Indirizzi di tutela (paesaggi delle fasce fluviali) - Gli elementi geomorfologici.
La tutela degli elementi geomorfologici, solo debolmente avvertibili da un occhio profano,
sono importanti per diversificare una dominante paesaggistica di vasta, altrimenti uniforme
pianura. Tale tutela deve essere riferita all’intero spazio dove il corso d’acqua ha agito, con
terrazzi e meandri, con ramificazioni attive o fossili; oppure fin dove l’uomo è intervenuto
costruendo argini a difesa della pensilità. Delle fasce fluviali vanno protetti innanzitutto i
caratteri di naturalità dei corsi d’acqua, i meandri dei piani golenali, gli argini e i terrazzi di
scorrimento. Particolare attenzione va assegnata al tema del rafforzamento e della
costruzione di nuovi sistemi di arginatura o convogliamento delle acque, constatando la
generale indifferenza degli interventi più recenti al dialogo con i caratteri naturalistici e
ambientali. Va potenziata la diffusione della vegetazione riparia, dei boschi e della flora dei
greti. Si tratta di opere che tendono all’incremento della continuità ‘verde’ lungo le fasce
fluviali, indispensabili per il mantenimento di ‘corridoi ecologici’ attraverso l’intera pianura
padana. Le attività agricole devono rispettare le morfologie evitando la proliferazione di
bonifiche agrarie tendenti all’alienazione delle discontinuità altimetriche.
Gli insediamenti e le percorrenze.
Va rispettata la tendenza a limitare gli insediamenti nelle zone golenali. Vanno controllate e
limitate le strutture turistiche prive di una loro dignità formale (impianti ricettivi domenicali,
lidi fluviali, ritrovi ecc.) o inserite in ambienti di prevalente naturalità. Al contrario si deve
tendere, nel recupero dei centri storici rivieraschi, al rapporto visivo con il fiume e con gli
elementi storici che ne fanno contrappunto (castelli, ville e parchi). Non si devono obliterare
le ragioni morfologiche della loro localizzazione - l’altura, il ripiano terrazzato, l’ansa rilevata
- dirigendo le nuove espansioni edilizie nella retrostante pianura terrazzata. Va
salvaguardata la disposizione lineare dei nuclei a piè d’argine (Cremonese e Mantovano) o
di terrazzo (Pavese e Lomellina), sia nell’orientamento sia nell’altezza delle costruzioni.
Una delle immagini paesistiche più sensibili della fascia golenale del Po è proprio quella
del campanile, unico episodio edilizio svettante al di sopra della linea d’argine.
Vanno ripresi e conservati i manufatti relativi ad antichi guadi, riproposti traghetti e
ricostruiti a uso didattico i celebri mulini fluviali. Va ridefinito l’impatto delle attrezzature
ricettive collocate in vicinanza dei luoghi di maggior fruizione delle aste fluviali
(Bereguardo, Lido di Motta Visconti, Spino d’Adda…) attraverso piani paesistici di dettaglio.
Sono ambiti della pianura determinati dalle antiche divagazioni dei fiumi, il
disegno di queste segue ancor oggi il corso del fiume.
Si tratta, generalmente, di aree poco urbanizzate oggi incluse nei grandi parchi
fluviali lombardi.
INDIRIZZI DI TUTELA
Delle fasce fluviali vanno tutelati, innanzitutto, i caratteri di naturalità dei corsi
d'acqua, i meandri dei piani golenali, gli argini e i terrazzi di scorrimento.
Particolare attenzione va assegnata al tema del rafforzamento e della costruzione
di nuovi sistemi di arginatura o convogliamento delle acque, constatando la
generale indifferenza degli interventi più recenti al dialogo con i caratteri
naturalistici e ambientali.
Valgono in tal senso le disposizioni dell’art. 20 della Normativa del PPR.
ASPETTI PARTICOLARI
INDIRIZZI DI TUTELA
Gli elementi morfologici
Gli elementi morfologici, sono tenuamente
avvertibili ma importanti nella
diversificazione dell'immagine
paesaggistica della pianura lombarda.
La tutela deve essere riferita all'intero
ambito dove il corso d'acqua ha agito con la
costruzione di terrazzi e con la
meandrazione attiva o fossile, oppure fin
dove è intervenuto l'uomo costruendo argini
a difesa della pensilità.
Agricoltura
Le fasce fluviali sono caratterizzate da
coltivazioni
estensive condotte con l'utilizzo di mezzi
meccanici.
Golene
Le aree golenali sono storicamente poco
edificate. I parchi regionali incoraggiano,
inoltre, la tutela naturale del corso dei fiumi
evitando per quanto possibile la costruzione
di argini artificiali.
Gli insediamenti
I confini rivieraschi sono spesso
caratterizzati da sistemi difensivi e da
manufatti di diverse epoche per
l'attraversamento, che caratterizzano il
paesaggio fluviale.
Le lavorazioni agricole devono
salvaguardare le naturali discontinuità del
suolo, vanno in tal senso previste adeguate
forme di informazione e controllo da parte
degli Enti locali in accordo con le
associazioni di categoria.
Le aree golenali devono mantenere i loro
caratteri propri di configurazione
morfologica e scarsa edificazione. A tal fine
gli strumenti urbanistici e quelli di
pianificazione territoriale devono garantire
la salvaguardia del sistema fluviale nella
sua complessa caratterizzazione naturale e
storico-antropica; va, inoltre, garantita la
percorribilità pedonale o ciclabile delle
sponde e degli argini, ove esistenti.
La tutela paesistica deve essere orientata
ad evitare l'inurbamento lungo le fasce
fluviali, anche in prossimità degli antichi
insediamenti, privilegiando, negli strumenti
di pianificazione territoriale e urbanistica,
altre direzioni di sviluppo. Deve essere
inoltre prevista la tutela specifica dei singoli
manufatti che hanno storicamente
caratterizzato il sistema fluviale, attuando, a
tal fine, estese e approfondite ricognizioni
che permettano di costruire un repertorio
relativo alla consistenza e alle
caratteristiche di questo vasto patrimonio
storico e architettonico, attivando, poi,
mirate azioni di conservazione e
valorizzazione.
5.2 PAESAGGI DELLA PIANURA IRRIGUA
Questa tipologia, distinta nella cartografia a seconda degli orientamenti colturali prevalenti
(foraggero nella parte occidentale della bassa pianura, cerealicolo in quella centrale e
orientale), si estende con grande uniformità in quasi tutta la bassa pianura lombarda.
Rappresenta quella grande, secolare conquista agricola che ha fatto della Lombardia una
delle terre più ricche e fertili del continente. Ciò è testimoniato dagli insediamenti, dalla loro
matrice generatrice pre-romana, romana e medievale, dalla dimensione discreta dei centri
basata su una gerarchia che forse risponde a leggi distributive ricorrenti. Il sistema irriguo,
derivato dai fiumi e dai fontanili, è alla base della vocazione agricola, della sua
organizzazione e, dunque, del paesaggio. Vi predomina in larga parte della sua sezione
centrale, la cascina capitalistica, che si configurava fino a qualche anno fa come centro
gestionale di grandi aziende a conduzione salariale. La ‘cassina’ padana assumeva spesso
il carattere di insediamento autosufficiente e popolato.
Nella sezione orientale predomina la corte, anche con esempi di alto pregio formale (per
esempio le corti rurali gonzaghesche del Mantovano) che presidia aziende condotte in
economia e mediamente di minori dimensioni, abitate da una o poche famiglie. In molti casi
questa distinzione è oggi irrilevante a causa delle trasformazioni introdotte nelle pratiche
colturali, specie con la diffusione di quelle cerealicole. L’abbandono del presidio dei campi,
con il degrado delle strutture e delle dimore contadine, ha avuto il suo corrispettivo nella
crescita delle città e dei maggiori centri della pianura. Ma queste strutture sono pur sempre
rimaste, talune malamente riattivate dalle più recenti riconversioni agricole. L’introduzione
di nuove colture e la meccanizzazione dei lavori nei campi ha gravemente impoverito la
tessitura minuta del paesaggio agrario, con l’eliminazione delle alberature, delle partizioni
(il confronto fra una cartografia degli anni ‘50 e una attuale è estremamente indicativo in
questo senso), della trama irrigua e di collegamento viario.
Nel Cremonese, nel Pavese e in altre situazioni l’impianto territoriale ricalca le centuriazioni
e ha un ordine quasi sempre regolare, a striscie o rettangoli; altrove è la tendenza
defluente dei cavi irrigui e dei canali a costruire la geometria ordinatrice del paesaggio (per
esempio nella Bassa Milanese). La rilevanza persistente delle colture foraggere nella
sezione a occidente dell’Adda e in parte di quella cremasca e cremonese accentua ancora
22
il portato d’immagine dei filari, dei pioppeti, delle alberature dei fossi.
Nella parte centrale della pianura lombarda, fra Serio e Chiese, si delinea il paesaggio
delle colture cerealicole, soprattutto maicole, con i seguenti caratteri definitori: distribuzione dell’uso del suolo nella dominanza dei seminativi cerealicoli, ma con
compresenza, per la pratica dell’avvicendamento, anche di altre colture; - forma,
dimensione, orientamento dei campi spesso derivante dalle secolari bonifiche e
sistemazioni irrigue condotte da istituti e enti religiosi; - caratteristiche tipologiche e
gerarchiche nella distribuzione e complessità del reticolo idraulico, ivi comprese ‘teste‘ e
‘aste’ dei fontanili, con relative opere di derivazione e partizione (vedi il caso limite dei
Tredici Ponti di Genivolta); - presenza di filari e alberature, ma anche boscaglie residuali
che assumono forte elemento di contrasto e differenziazione del contesto; - reticolo viario
della maglia poderale e struttura dell’insediamento in genere basato sulla scala
dimensionale della cascina isolata, del piccolo nucleo di strada, del centro ordinatore
principale; - vari elementi diffusivi di significato storico e sacrale quali ville, oratori, cascinali
fortificati ecc. Nella sezione più orientale della pianura lombarda questi elementi sono più
attenuati sconfinando nell’estremo lembo dell’Oltremincio in ambiti anche connotati da
bonifiche relativamente recenti o nell’Oltrepo’ Mantovano in quelli, parcellizzati e ancora
segnati da piantate, del contiguo paesaggio agrario emiliano.
Grande importanza non solo paesistica riveste la ben nota fascia delle risorgive associata
in molti casi, residualmente, ai prati marcitori. Altro ambito distinto, benché più limitato, è
quello delle emergenze collinari (San Colombano, Monte Netto), ‘isole’ asciutte interessate
dalla viticoltura e dalla frutticoltura. Una tipologia a sé stante è stata conferita, come si
vedrà in seguito, alla pianura a orientamento risicolo, soprattutto concentrata nella
Lomellina, in parte del Pavese e della Bassa Milanese. Gli scenari si imperniano anche sui
centri maggiori, spesso dominati da castelli, chiusi entro perimetri murati (per esempio,
Rivarolo Mantovano); o essi stessi fondati come centri strategici nel XIV e XV secolo (i
“borghi franchi” del Cremonese e del Bresciano) o come città modello (Sabbioneta). Una
ricchezza e una diversità di elementi insediativi forse non immediatamente percepibili nella
difficoltà degli orizzonti visuali di pianura, ma in sé consistenti e fortemente strutturati.
Indirizzi di tutela
(Paesaggi della pianura irrigua a orientamento cerealicolo e foraggero).
I paesaggi della bassa pianura irrigua vanno tutelati rispettandone la straordinaria tessitura
storica e la condizione agricola altamente produttiva. Questa condizione presuppone una
libertà di adattamento colturale ai cicli evolutivi propri dell’economia agricola. Ciò va tenuto
presente, ma nel contempo va assicurato il rispetto per l’originalità del paesaggio nel quale
si identifica tanta parte dell’immagine regionale, della tradizionale prosperità padana.
La campagna
I gravi fenomeni di inquinamento della falda impongono innanzitutto una salvaguardia
ecologica della pianura rispetto a moderne tecniche di coltivazione (uso di pesticidi e
concimi chimici) che possono fortemente indebolire i suoli e danneggiare irreversibilmente
la falda freatica. L’uso di fertilizzanti chimici e diserbanti va controllato e ridotto. Come pure
vanno controllati e limitati gli allevamenti fortemente inquinanti che hanno, specie nella
pianura orientale, una notevole diffusione.
La modernizzazione dell’agricoltura ha fortemente penalizzato il paesaggio agrario
tradizionale. L’impressione più netta e desolante è la scomparsa delle differenze, delle
diversità nel paesaggio padano, tutto si amalgama, si uniforma essendo venute a cadere le
fitte alberature che un tempo ripartivano i campi e, essendo ormai votate alla monocoltura
ampie superfici agricole, essendo scomparsa o fortemente ridotta la trama delle acque e
dei canali.
A questa situazione non concorre però soltanto una diversa gestione dell’attività agricola
ma anche l’impropria diffusione di modelli insediativi tipicamente urbani nelle campagne, la
necessità di infrastrutture ed equipaggiamenti tecnologici, i processi di allontanamento dei
presidi umani dalle campagne verso le città. Gli indirizzi normativi possibili, al fine di
invertire queste tendenze, sono di diversa natura. Attraverso una più accurata gestione
della pianificazione urbanistica, bisogna evitare i processi di deruralizzazione o
sottoutilizzazione provocati da attese in merito a previsioni insediative ma anche prevedere
localizzazioni e dimensionamenti delle espansioni urbane che evitino lo spreco di territori
che per loro natura sono preziosi per l’agricoltura.
La bonifica secolare iniziata dagli etruschi e tramandata ai romani e
conseguentemente continuata nell'alto medioevo ha costruito il paesaggio
dell'odierna pianura irrigua che si estende, con caratteristiche diverse, dalla Sesia
al Mincio.
Da sempre perfetto strumento per produzione agricola ad altissimo reddito, reca
sul suo territorio le tracce delle successive tecniche colturali e di appoderamento.
In questa pianura spiccano netti i rilievi delle emergenze collinari.
La pianura irrigua è costituita da tre grandi tipi di paesaggi configurati dai tipi di
coltura: risicola, cerealicola, foraggera.
INDIRIZZI DI TUTELA
I paesaggi della bassa pianura irrigua vanno tutelati rispettandone sia la
straordinaria tessitura storica che la condizione agricola altamente produttiva.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
ASPETTI PARTICOLARI
INDIRIZZI DI TUTELA
La campagna
Soggetta alla meccanizzazione l'agricoltura
ha ridotto le partiture poderali e,
conseguentemente, gli schermi arborei e
talvolta anche il sistema irriguo mediante
l'intubamento.
Anche le colture più pregiate come le
marcite, i prati marcitori e i prati irrigui
scompaiono per la loro scarsa redditività.
Vanno promossi azioni e programmi di
tutela finalizzati al mantenimento delle
partiture poderali e delle quinte verdi che
definiscono la tessitura territoriale. La
Regione valuterà la possibilità di intervenire
in tal senso anche attraverso un corretto
utilizzo dei finanziamenti regionali e
comunitari per il settore agricolo e la
riqualificazione ambientale.
È auspicabile che gli Enti locali attivino
autonomamente forme di incentivazione e
concertazione finalizzate alla tutela delle
trame verdi territoriali, anche in occasione
della ridefinizione del sistema comunale
degli spazi pubblici e del verde in coerenza
con l’art. 24 della Normativa del PPR.
I canali - Sistema irriguo e navigli
Il sistema delle acque irrigue nella pianura
lombarda
comprende 81 canali derivati da fiumi e
centinaia di rogge e colatori. Dodici di
questi canali, in particolare, assumono le
dimensioni, la portata e la lunghezza dei
grandi fiumi lombardi; di questi tre sono
navigli, realizzati anche per il trasporto di
materiali pesanti diretti a Milano e per
l'avvio di merci lavorate al porto di Genova.
La rete idrografica superficiale artificiale è
uno dei principali caratteri connotativi della
pianura irrigua lombarda. Storicamente la
cura nella progettazione e realizzazione di
queste opere ha investito tutte le
componenti, anche quelle minori: chiuse,
livelle, ponti ecc ..
La tutela è rivolta non solo all'integrità della
rete irrigua, ma anche ai manufatti, spesso
di antica origine, che ne permettono ancora
oggi l'uso e che comunque caratterizzano
fortemente i diversi elementi della rete.
Anche in questo caso, assume carattere
prioritario l'attivazione di una campagna
ricognitiva finalizzata alla costruzione di uno
specifico repertorio in materia, che aiuti poi
a guidare la definizione di specifici
programmi di tutela, coinvolgendo tutti i vari
enti o consorzi interessati.
Per ulteriori indirizzi si rimanda alla
successiva parte seconda, punto 2 dei
presenti indirizzi nonché alle disposizioni
dell’art. 21 della Normativa del PPR.
I Paesaggi della Lombardia - IL LODIGIANO
(paragrafo 3.19)
La quintessenza del paesaggio lombardo di pianura è probabilmente identificata nel
Lodigiano, lembo di territorio compreso fra Po, Adda e Lambro. Qui si colgono più che
altrove le plurisecolari linee di organizzazione della campagna, mantenute vive dalla
particolare vocazione foraggera dell’attività agricola che ha consentito una conservazione
dei caratteri paesistici migliore che altrove.
Tali caratteri si sintetizzano facilmente: campi variamente riquadrati o scompartiti di circa
1/3 o 1/4 di ettaro, delimitati da fossi, cavi e rogge irrigue; questi ultimi accompagnati da
filari (sempre più rari) di pioppi o salici; grandi cascine monumentali (mai prive di un’identità
propria) isolate; accoppiata colturale foraggera e cerealicola, con predominanza della
prima; insediamenti organizzati intorno a sistemi di corte o a preesistenze castellane.
L’asta dell’Adda, inserita nel relativo parco regionale, garantisce ancora una sufficiente
presenza di elementi naturali che si dispongono in relazione al mutevole disegno degli alvei
attivi o degli alvei abbandonati con mortizze, lanche, ritagli boschivi, zone umide, greti
aperti.
Ambiti, siti, beni paesaggistici esemplificativi dei caratteri costitutivi del paesaggio
locale.
certosine e cistercensi: cascina San Fedele e cascina Abbadia a Santo Stefano Lodigiano,
Monasterolo, cascina Ognissanti, cascina San Marco…); nuclei organizzati attorno a corti
rurali (Triulza di Casalpusterlengo, Corte Sant’Andrea, Castello de’ Roldi, Marudo,
Mairano…); argini e boschi golenali;
Componenti del paesaggio storico-culturale:
edifici monumentali di rilevanza paesistica (San Bassiano a Lodivecchio, santuario della
Fontana a Camairago, abbazia di Cerreto); archeologia industriale (filande, caseifici…);
ville e residenze nobiliari (Marzano, Comazzo, Cavacurta, Orio Litta); castelli e residenze
fortificate (Castiglione d’Adda, Camairago, Maccastorna, Maleo, Caselle Landi, Somaglia,
Sant’Angelo Lodigiano, San Colombano al Lambro, Caselle Lurani…); antico tracciato della
strada romana Mediolanum-Placentia (Cascina de’ Roldi…); siti archeologici (Lodi
Vecchio…);
Componenti del paesaggio urbano:
centri storici (Lodi, San Colombano al Lambro, Sant’Angelo Lodigiano, Borghetto
Lodigiano, Ospedaletto Lodigiano, Casalpusterlengo, Codogno, Maleo…); episodi
architettonici neomedievalisti (Codogno, Casalpusterlengo…);
Componenti e caratteri percettivi del paesaggio:
orizzonti visuali dalle arginature e dai ponti; luoghi dell’identità locale (piazza della Vittoria a
Lodi, castello di Sant’Angelo Lodigiano…).
Elementi presenti sul territorio del Comune di Ospedaletto Lodigiano:
Abbazia dei SS Pietro e Paolo e monastero; Santuario della Madonna del
Fontanone; Stazione Ferroviaria; Arco della Pace; Cascina Malpensata, Cascina
Mandella, Cascina Villafranca di Mezzo.
Stralcio Tavola B - Elementi identificativi e percorsi panoramici
La tavola non evidenzia la presenza di tracciati guida paesistici.
Stralcio Tavola C - Istituzioni per la tutela della natura
Componenti del paesaggio fisico:
pianura diluviale, lembi nastriformi di pianura alluvionale corrispondente ad alvei antichi o
attivi, scarpate o terrazzi;
Componenti del paesaggio naturale:
fasce golenali del Po e dell’Adda (‘gerre’), fasce depresse dei corsi d’acqua minori
(Lambro), lanche, mortizze (Zerbaglia, Lanca della Rotta, paludi di Meletto, riserva naturale
delle Monticchie, bosco di Graffignana, morta di Soltarico… ); tracce di paesaggio
dell’antico lago Gerundio e dell’Isola Fulcheria (cascina San Cipriano);
Componenti del paesaggio agrario:
rete irrigua del Lodigiano (Canale della Muzza), colatori (Sillaro, Brembiolo, Venere, Canale
Tosi, cavo Marocco); filari, macchie, alberature diffuse; lembi vegetati dei corsi d’acqua
minori; calibratura dei coltivi; prati irrigui e marcitori; paesaggio agrario dei ‘chiosi’ lodigiani;
vigneti e frutteti della collina banina; modello della ‘cassina’ lodigiana a corte chiusa
(cascina Lardera, cascina Griona, cascina Mandella, cascina Paderno, cascina Maiano,
cascina Marescalca, cascina Grande di Villanova del Sillaro…); dimore rurali della collina
banina; mulini (Bertonico, Mulino Magnani a San Fiorano, Ca’ de Mazzi, cascina
Gualdane…); complessi agricoli già dipendenti da enti religiosi (case umiliate, grange
Il Comune di Ospedaletto Lodigiano non è interessato dalla presenza di aree
protette, SIC (Siti di Importanza Comunitaria) e ZPS (Zone di Protezione
Speciale).
23
considerazione e valorizzazione delle diverse componenti, dei singoli beni e dei
Stralcio Tavola D - Quadro di riferimento degli indirizzi di tutela e di
operatività immediata
sistemi di relazione fisica e simbolica che li correlano, compatibilmente con il livello di
rischio idrogeologico presente;
d) La promozione di forme di fruizione sostenibile tramite l‟individuazione di itinerari,
percorsi e punti di sosta da valorizzare e potenziare o realizzare. [...]
9. Fatta salva la facoltà della Giunta regionale di individuare in modo puntuale ambiti di
particolare rilevanza paesaggistica, afferenti a specifiche situazioni locali da
assoggettare a particolari cautele, si assume quale ambito di riferimento per la tutela
paesaggistica del sistema vallivo del fiume Po quello delimitato come fascia C dal P.A.I..
Si riporta di seguito un estratto dell’art. 26 delle norme del PPR relativo al
“riconoscimento e tutela della viabilità storica e d‟interesse paesaggistico”:
9.
E’ considerata viabilità di fruizione panoramica e di rilevanza paesaggistica quella che
domina ampie prospettive e quella che attraversa, per tratti di significativa lunghezza,
zone agricole e boschive, parchi e riserve naturali, o comunque territori ampiamente
dotati di verde, o che costeggia corsi d‟acqua e laghi o che collega mete di interesse
turistico anche minore. [...]
11. Per la viabilità di cui al comma 9, il Piano assume l‟obiettivo di mantenerne il carattere
di strade panoramiche e di percorsi nel verde, conseguibile attraverso la definizione di
fasce di rispetto di adeguata ampiezza, inedificabili o edificabili secondo opportuni
criteri e limitazioni, in relazione allo stato di fatto e al giusto contemperamento delle
esigenze di tutela e di funzionalità; al fine di valorizzare il carattere di panoramicità e
facilitarne la fruizione, su tali strade deve essere favorita la predisposizione di aree di
sosta attrezzate e devono essere attentamente riconsiderati barriere e limitatori di
traffico laterali al fine di contenerne l’impatto, nel rispetto delle normative vigenti,
privilegiando, nelle situazioni di maggiore naturalità, i prodotti ecocompatibili. [...]
15. I comuni in sede di predisposizione o di revisione dei P.G.T., o con provvedimento
specifico, riconoscono la viabilità di cui al presente articolo e inseriscono nei rispettivi
piani urbanistici norme idonee a tutelarne la riconoscibilità e i rapporti con il contesto,
tenuto conto delle funzioni attualmente svolte dalle diverse strade e delle
caratteristiche del territorio attraversato.
16. Ai tracciati di cui ai commi precedenti si applicano gli indirizzi e le raccomandazioni di
tutela contenuti nel Piano di sistema relativo ai tracciati base paesistici. [...]
Per quanto attiene gli Indirizzi di Tutela definiti dal PPR in rapporto alla
componente infrastrutturale (INFRASTRUTTURE DI RETE, STRADE E PUNTI
PANORAMICI), lo strumento pone come presupposto il fatto che le infrastrutture
costituiscono elementi di organizzazione territoriale degli insediamenti antropici.
Formano sistemi “di rete” i tracciati funzionali alla comunicazione tra centri e al
trasferimento di beni e risorse. Tracciati, manufatti e contesti sono riferibili alle
seguenti categorie strutturali:
a) viabilità su strada o sterrato, sia carrabile che pedonale;
b) viabilità su ferro (ferrovie, tranvie, funicolari ecc.);
c) vie d'acqua (laghi, fiumi, navigli e canali).
In particolare, gli Obiettivi di tutela “sono la memoria storica ed il paesaggio”.
La tutela della memoria investe:
a) i tracciati ed i percorsi storici e quelli archeologici (nella loro presenza, traccia o
memoria) e gli elementi ad essi sostanziali o accessori;
b) le direttrici assiali di tali tracciati e l’impronta che determinano nei limiti
amministrativi e negli orientamenti delle colture, dei fabbricati ecc.;
c) i contesti ambientali (morfologici, vegetazionali o insediativi) evocativi o
testimoniali della memoria storica.
Per quanto riguarda il comune di Ospedaletto Lodigiano la tavola indica l’”Ambito
di tutela paesaggistica del sistema vallivo del Fiume Po” per il quale valgono gli
indirizzi di cui all’art. 20 (in particolare il comma 9) della normativa del PPR:
3. Al fine di valorizzare e riqualificare in modo organico il paesaggio dei sistemi fluviali, la
Stralcio Tavola E - Viabilità di rilevanza paesistica
pianificazione locale, tramite i P.T.C. di parchi e province e i P.G.T. dei comuni,
recepisce, integra e coordina con le altre politiche di competenza le indicazioni di
scenario paesaggistico fluviale contenute nei contratti di fiume definiti in Accordi Quadro
La tutela del paesaggio investe:
a) l'orizzonte sensibile ed i singoli elementi e mete ottiche fruibili dal percorso o da
punti di visuale isolati;
b) l'emergenza paesaggistica, in quanto riconoscibile e localizzabile per oggetti,
caratteri, percorsi e/o punti di visuale;
c) l'inserimento di tracciati ed elementi materiali visibili dal loro intorno in un
contesto ambientale consolidato;
d) i punti peculiari di osservazione di determinate emergenze paesaggistiche.
di Sviluppo Territoriale regionali.
4. [...]
5. Assumono valore prioritario all’interno delle proposte di promozione di azioni integrate:
a) Il recupero delle situazioni di degrado paesaggistico e la riqualificazione ambientale e
ricomposizione paesaggistica, correlati ad interventi di difesa e gestione idraulica,
con specifico riferimento alla individuazione di nuovi spazi di possibile esondazione
del fiume, coerentemente agli indirizzi del PAI;
b) La tutela e il miglioramento dei paesaggi naturali anche in funzione degli obiettivi
regionali di salvaguardia della biodiversità e di ricostruzione di connessioni
ecologiche;
c) La tutela e valorizzazione del sistema insediativo consolidatosi storicamente intorno
alla valle fluviale e delle rilevanze storico-culturali che la connotano, con attenta
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Il territorio del Comune di Ospedaletto Lodigiano non è interessato da viabilità di
rilevanza paesistica, tuttavia la SP 234 viene riconosciuta come tale tra Pavia e
San Colombano e tra Maleo e Cremona, lasciando scoperto il tratto nel quale è
compreso il comune in esame.
La disciplina di intervento, cui compete la conservazione e valorizzazione dei beni
ed elementi tutelati, interessa:
a) gli interventi di manutenzione e trasformazione di tracciati, manufatti ed
attrezzature (quali alberature, siepi, separatori, arredi ecc., comunque
preesistenti);
b) la realizzazione di nuovi tracciati e varianti di tracciati preesistenti che
implichino il disassamento delle direttrici storiche tutelate, la formazione di
manufatti attrezzature ed arredi nonché la trasformazione di contesti ambientali
comunque stabilizzati;
c) la predisposizione di fasce di rispetto e protezione visiva della viabilità di
interesse paesaggistico, calibrate e distinte da quelle di pura inedificabilità.
L'utilizzazione di tali aree è condizionata dal mantenimento di un assetto di
decoro ambientale, con esclusione di deposito e accatastamento di materiali
residuati o di scorte, macchinari ecc.; con esclusione di ogni indiscriminato uso
24
espositivo e pubblicitario e non autorizzato in ordine alla compatibilità
ambientale.
Indicazioni più particolari sono contenute nel secondo Piano di Sistema – Tracciati
base paesistici.”
determinando effetti diretti e indiretti la cui efficacia, in relazione al perseguimento
degli obiettivi, è valutata attraverso il sistema di monitoraggio e dall'Osservatorio
permanente della programmazione territoriale previsto dalla l.r. 12/05.
Inoltre, in relazione ai disposti di cui all'art. 20 della l.r. 12/05, il Documento di
IDENTIFICAZIONE
Viabilità storica
Costituiscono beni storici (ed identificano in
prima istanza la rete della viabilità storica) i
tracciati su strada, su sterrato e su ferro di
cui è accertabile la presenza nella prima
cartografia I.G.M. 1:25.000 e dal confronto
con le cartografie preunitarie. La rete di
viabilità storica è verificata ed integrata
dalla consultazione dei catasti e dei
documenti d'archivio.
Tracciati, strutture ed arredi della viabilità
antica, pubblica o successivamente
privatizzata, costituiscono patrimonio e
memoria collettiva.
Navigli e canali storici
Costituiscono beni storici (anche ove non
inclusi negli elenchi delle acque pubbliche
di cui al regio decreto 11 dicembre 1933 n.
1775 “Approvazione del testo unico delle
disposizioni di legge sulle acque e sugli
impianti elettrici”) i navigli, i canali e le
rogge di cui è accertabile la presenza
anteriormente alla prima cartografia I.G.M.
1 :25.000 ed i cui tracciati risultino censiti
nelle mappe dei cessati catasti.
Costituiscono emergenze particolari della
memoria storica quelle di cui può essere
documentata e supposta l'antichità, la
funzione originaria e l'identità del
costruttore.
INDIRIZZI DI TUTELA
Piano evidenzia puntualmente alcuni elementi del PTR che hanno effetti diretti, in
particolare:
- gli obiettivi prioritari di interesse regionale;
- i Piani Territoriali Regionali d'Area
Si rimanda alla normativa specifica del
presente piano (in particolare agli articoli 26
e 27) e alle indicazioni riportate nel Piano di
Sistema - Tracciate base paesistici.
La declinazione degli obiettivi di sviluppo è stata strutturata sia dal punto di vista
Tavola 3 - Infrastrutture prioritarie per la Lombardia
tematico che dal punto di vista territoriale.
In particolare, a livello territoriale è stata effettuata sulla base dell’analisi e
dell'individuazione di sistemi territoriali, che si configurano come chiavi di lettura
del complesso sistema relazionale a geometria variabile ed integrata che
La tutela si esercita sugli elementi propri e
su quelli di connessione ed integrazione al
territorio, in relazione ai valori della
memoria storica e di caratterizzazione e
fruibilità del paesaggio, in coerenza con
l‟art. 21 della Normativa del PPR,
garantendo:
a) la salvaguardia, ovvero recupero o
tutela, dei manufatti originali: conche,
chiuse, incili, alzaie, ponti, molini e opifici
ecc. caratteristiche dei rivestimenti, sistema
dei derivatori ed adduttori ecc.;
b) la salvaguardia, ovvero recupero e
tutela, di quegli aspetti per cui i valori
originari dell' opera possono essere resi
ancora evidenti e fruibili: navigabilità
originaria, percorribilità e caratteri delle
alzaie, connessione diretta con la falda
idrica, protezione dall'inquinamento delle
acque;
c) la libera ed immediata percezione visiva
degli elementi che condensano e
sottolineano i valori dell' opera ed il suo
inserimento attivo nel paesaggio:
vegetazione di margine, ville e parchi
contermini; profondità e caratteri del
paesaggio.
Abaco delle principali informazioni di carattere paesistico-ambientale
articolato per comuni
OSPEDALETTO LODIGIANO
NEWCOD: 98043
PROVINCIA: Lodi
AMBITI DI CRITICITÀ: Golena della Sesia e del Po
FASCIA: Bassa Pianura
rappresenta l’ambito regionale.
Tale sistema è spazialmente riconoscibile a livello territoriale, in cui si rappresenta
secondo la seguente classificazione: Sistema Metropolitano, Sistema della
Montagna, Sistema Pedemontano, Sistema dei Laghi, Sistema della Pianura
Irrigua, Sistema del Fiume Po e Grandi Fiumi di Pianura.
Secondo tale classificazione, il Comune di Ospedaletto Lodigiano costituisce
Trasversalmente a tali indicazioni di assetto generale e strategico, si collocano gli
parte del Sistema della Pianura Irrigua.
obiettivi definiti all’interno dello strumento regionale, che “costituiscono per tutti i
soggetti coinvolti a vario livello nel governo del territorio un riferimento centrale e
Altro elemento di interesse sviluppato dal Documento di Piano è la definizione di
da condividere per la valutazione dei propri strumenti programmatori e operativi.”
linee orientative di assetto del territorio, effettuata identificando gli elementi di
In particolare, il Documento di Piano del PTR individua 3 macro-obiettivi - che
potenziale sviluppo e di fragilità che si ritiene indispensabile governare per il
rappresentano i principi ispiratori dell'azione di Piano e definiscono un diretto
perseguimento degli obiettivi.
riferimento alle strategie individuate a livello europeo - e 24 obiettivi generali di
La definizione degli orientamenti è costruita in riferimento agli obiettivi prioritari di
Piano (segue elencazione degli obiettivi, da cui emerge l’ evidenziazione dei temi
interesse regionale, identificati ai sensi dell'art. 19, comma 2 lett. b della legge
e degli elementi di maggior strategicità per il contesto interessato).
12/2005:
- poli di sviluppo regionale;
Macro-Obiettivi di PTR
- le zone di preservazione e salvaguardia ambientale;
a. rafforzare la competitività dei territori della Lombardia
- infrastrutture prioritarie;
b. riequilibrare il territorio lombardo
che rappresentano anche i principali contenuti delle Tavole del Documento di
c. proteggere e valorizzare le risorse della Regione
Piano, di cui seguono degli estratti.
Gli Obiettivi generali del PTR
1.
Tavola 1 - Polarità e poli di sviluppo regionale
Favorire, come condizione necessaria per la valorizzazione dei territori, l’innovazione,
lo sviluppo della conoscenza e la sua diffusione:
- in campo produttivo (agricoltura, costruzioni e industria) e per ridurre l’impatto della
produzione sull’ambiente;
- nella gestione e nella fornitura dei servizi (dalla mobilità ai servizi);
- nell’uso delle risorse e nella produzione di energia
Fonte: PTPR Lombardia
- e nelle pratiche di governo del territorio, prevedendo processi partecipativi e
diffondendo la cultura della prevenzione del rischio.
1.6.2.
2.
Piano Territoriale Regionale
Favorire le relazioni di lungo e di breve raggio, tra i territori della Lombardia e tra il
territorio regionale e l’esterno, intervenendo sulle reti materiali (infrastrutture di
trasporto e reti tecnologiche) e immateriali (sistema delle fiere, sistema delle università,
Elementi del Piano Territoriale Regionale – Obiettivi e Strategie di Sviluppo
centri di eccellenza, network culturali), con attenzione alla sostenibilità ambientale e
Il Piano Territoriale Regionale, attraverso il proprio Documento di Piano,
definisce gli obiettivi di sviluppo socio economico della Lombardia
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Tavola 2 - Zone di preservazione e salvaguardia ambientale
all’integrazione paesaggistica.
3.
Assicurare, a tutti i territori della Regione e a tutti i cittadini, l’accesso ai servizi pubblici
25
e di pubblica utilità, attraverso una pianificazione integrata delle reti della mobilità,
elementi di ricomposizione paesaggistica, di rinaturalizzazione del territorio, tenendo
specifici indirizzi per gli interventi di riqualificazione, recupero e contenimento
tecnologiche, distributive, culturali, della formazione, sanitarie, energetiche e dei
conto delle potenzialità degli habitat.
del degrado”.
servizi.
4.
5.
Perseguire l’efficienza nella fornitura dei servizi pubblici e di pubblica utilità, agendo
sperimentazione e la qualità programmatica e progettuale, in modo che sia garantito il
sulla pianificazione integrata delle reti, sulla riduzione degli sprechi e sulla gestione
perseguimento della sostenibilità della crescita nella programmazione e nella
ottimale del servizio.
progettazione a tutti i livelli di governo.
Migliorare la qualità e la vitalità dei contesti urbani e dell’abitare nella sua accezione
16. Tutelare le risorse scarse (acqua, suolo e fonti energetiche) indispensabili per il
estensiva di spazio fisico, relazionale, di movimento e identitaria: contesti
perseguimento dello sviluppo attraverso l’ utilizzo razionale e responsabile delle risorse
multifunzionali, accessibili, ambientalmente qualificati e sostenibili, paesaggisticamente
anche in termini di risparmio, l’efficienza nei processi di produzione ed erogazione, il
coerenti e riconoscibili, attraverso:
recupero e il riutilizzo dei territori degradati e delle aree dismesse, il riutilizzo dei rifiuti.
pianificazione territoriale.
A livello strutturale, il Piano definisce “le scelte di metodo e la sintesi delle analisi
reti ecologiche, la riduzione delle emissioni climalteranti ed inquinanti, il contenimento
tavola H che ne restituisce graficamente alcuni tra gli aspetti principali. Vi è poi
- il recupero delle aree degradate
dell’inquinamento delle acque, acustico, dei suoli, elettromagnetico e luminoso, la
una parte legata agli “indirizzi”, comunque da intendersi strettamente correlati a
- la riqualificazione dei quartieri di ERP
gestione idrica integrata.
quanto indicato in relazione e rappresentati all’interno delle tavole F e G della
18. Favorire la graduale trasformazione dei comportamenti, anche individuali, e degli
- il riequilibrio tra aree marginali e centrali,
approcci culturali verso un utilizzo razionale e sostenibile di ogni risorsa, l’attenzione ai
- la promozione di processi partecipativi.
temi ambientali e della biodiversità, paesaggistici e culturali, una fruizione turistica
Porre le condizioni per un’offerta adeguata alla domanda di spazi per la residenza, la
sostenibile, attraverso azioni di educazione nelle scuole, di formazione degli operatori
produzione, il commercio, lo sport e il tempo libero, agendo prioritariamente su contesti
e di sensibilizzazione dell’opinione pubblica.
cartografia del Piano paesaggistico.
Le tavole sono comunque volte ad evidenziare le situazioni di maggiore
attenzione, in termini e su scala regionale, per l'individuazione dei fenomeni di
19. Valorizzare in forma integrata il territorio e le sue risorse, anche attraverso la messa a
degrado paesaggistico in essere e riconosciuto e per la presenza di processi
Tutelare la salute del cittadino, attraverso il miglioramento della qualità dell’ambiente,
sistema dei patrimoni paesaggistico, culturale, ambientale, naturalistico, forestale e
potenzialmente generatori di degrado paesaggistico, lasciando però agli enti
la prevenzione e il contenimento dell’inquinamento delle acque, acustico, dei suoli,
agroalimentare e il riconoscimento del loro valore intrinseco come capitale
locali il compito dell'individuazione puntuale di aree e ambiti che
elettromagnetico, luminoso e atmosferico.
fondamentale per l’identità della Lombardia.
necessitano di politiche di intervento, applicando in tal senso gli indirizzi
Perseguire la sicurezza dei cittadini rispetto ai rischi derivanti dai modi di utilizzo del
20. Promuovere l’integrazione paesistica, ambientale e naturalistica degli interventi
territorio, agendo sulla prevenzione e diffusione della conoscenza del rischio
derivanti dallo sviluppo economico, infrastrutturale ed edilizio, tramite la promozione
(idrogeologico, sismico, industriale, tecnologico, derivante dalla mobilità, dagli usi del
della qualità progettuale, la mitigazione degli impatti ambientali e la migliore
sottosuolo, dalla presenza di manufatti, dalle attività estrattive), sulla pianificazione e
contestualizzazione degli interventi già realizzati.
sull’utilizzo prudente e sostenibile del suolo e delle acque.
9.
lavoro di sintesi e restituzione operato da parte di esperti ed enti deputati alla
- la riduzione del fabbisogno energetico degli edifici
da riqualificare o da recuperare e riducendo il ricorso all’utilizzo di suolo libero.
8.
rischio di degrado paesaggistico; la definizione dei quali è stata il prodotto di un
effettuate”, esplicitate nella relazione illustrativa, opportunamente corredata dalla
- l’integrazione funzionale
7.
Si tratta di temi nuovi e di concetti spesso abusati: degrado, compromissione o
17. Garantire la qualità delle risorse naturali e ambientali, attraverso la progettazione delle
- la promozione della qualità architettonica degli interventi
6.
15. Supportare gli Enti Locali nell’attività di programmazione e promuovere la
21. Realizzare la pianificazione integrata del territorio e degli interventi, con particolare
Assicurare l’equità nella distribuzione sul territorio dei costi e dei benefici economici,
attenzione alla rigorosa mitigazione degli impatti, assumendo l’agricoltura e il
sociali ed ambientali derivanti dallo sviluppo economico infrastrutturale ed edilizio.
paesaggio come fattori di qualificazione progettuale e di valorizzazione del territorio.
10. Promuovere l’offerta integrata di funzioni turistico-ricreative sostenibili, mettendo a
22. Responsabilizzare la collettività e promuovere l’innovazione di prodotto e di processo
sistema le risorse ambientali, culturali, paesaggistiche e agroalimentari della Regione e
al fine di minimizzare l’impatto delle attività antropiche sia legate alla produzione
diffondendo la cultura del turismo non invasivo.
(attività agricola, industriale, commerciale) che alla vita quotidiana (mobilità, residenza,
11. Promuovere un sistema produttivo di eccellenza attraverso:
- il rilancio del sistema agroalimentare come fattore di produzione ma anche come
settore turistico, privilegiando le modalità di coltura a basso impatto e una fruizione
turistica sostenibile;
- il miglioramento della competitività del sistema industriale tramite la concentrazione
turismo).
23. Gestire con modalità istituzionali cooperative le funzioni e le complessità dei sistemi
transregionali attraverso il miglioramento della cooperazione.
specifici.
Nota interessante, in un’ottica di costruzione di sinergie positive tra “governo delle
trasformazioni in direzione di un miglioramento della qualità del paesaggio” e
“dimensione operativa e programmatica di livello comunale”, è costituita dal fatto
che gli indirizzi approvati dalla Giunta, trovano, nel corso della proposta
normativa, alcune indicazioni di priorità in merito agli interventi di
compensazione territoriale ed ambientale.
Fenomeni di degrado/compromissione paesistica rilevati per il
Comune di Ospedaletto Lodigiano
24. Rafforzare il ruolo di “Motore Europeo” della Lombardia, garantendo le condizioni per
la competitività di funzioni e territori forti.
delle risorse su aree e obiettivi strategici, privilegiando i settori a basso impatto
ambientale;
- lo sviluppo del sistema fieristico con attenzione alla sostenibilità.
12. Valorizzare il ruolo di Milano quale punto di forza del sistema economico, culturale e
dell’innovazione e come competitore a livello globale.
13. Realizzare, per il contenimento della diffusione urbana, un sistema policentrico di
centralità urbane compatte ponendo attenzione al rapporto tra centri urbani e aree
meno dense, alla valorizzazione dei piccoli centri come strumenti di presidio del
P.T.R. come strumento per contenere i fenomeni di degrado paesistico e
ambientale
Nell’ambito del nuovo Piano Territoriale Regionale (e del P.P.R.), trova definizione
il concetto di “degrado” del paesaggio e dell’ambiente.
Il tema, che racchiude una forte complessità, fu in un primo momento introdotto,
in forma di “integrazione immediata” al P.T.P.R. con atto di Giunta approvato in
territorio, al miglioramento del sistema infrastrutturale, attraverso azioni che controllino
data 16 Gennaio 20082, tenendo conto e alla luce di quanto richiesto dal Codice
l’utilizzo estensivo di suolo.
per i Beni culturali e il paesaggio, e riguarda “l'individuazione delle aree
14. Riequilibrare ambientalmente e valorizzare paesaggisticamente i territori della
compromesse o degradate dal punto di vista paesaggistico, e la proposizione di
Lombardia, anche attraverso un attento utilizzo dei sistemi agricolo e forestale come
2
In particolare l’atto definì l’approvazione, da parte della Giunta regionale, della Relazione illustrativa su "Principali fenomeni regionali di degrado e compromissione del paesaggio e situazioni a rischio di degrado"; e il documento “Riqualificazione paesaggistica e contenimento dei
potenziali fenomeni di degrado - Parte quarta degli indirizzi di tutela (quadro sinottico)”.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
26
Stralcio Tavola G: Contenimento dei processi di degrado e qualificazione
paesaggistica: ambiti ed aree di attenzione regionale
Stralcio Tavola H: Contenimento dei processi di degrado
paesaggistico: tematiche rilevanti
riferimento come definita nell'Allegato 3 al Titolo II sopra richiamato. Il limite
di tale fascia si estende fino al punto in cui le quote naturali del terreno sono
superiori ai livelli idrici corrispondenti alla piena di riferimento, ovvero sino
alle opere idrauliche esistenti o programmate di controllo delle inondazioni
(argini o altre opere di contenimento). Il Piano indica con apposito segno
grafico, denominato "limite di progetto tra la Fascia B e la Fascia C", le
opere idrauliche programmate per la difesa del territorio. Allorché dette
opere saranno realizzate, i confini della Fascia B si intenderanno definiti in
conformità al tracciato dell'opera idraulica eseguita e la delibera del
Comitato Istituzionale dell'Autorità di bacino di presa d'atto del collaudo
dell'opera varrà come variante automatica del presente Piano per il tracciato
di cui si tratta.
- Area di inondazione per piena catastrofica (Fascia C), costituita dalla
porzione di territorio esterna alla precedente (Fascia B), che può essere
interessata da inondazione al verificarsi di eventi di piena più gravosi di
quella di riferimento, come definita nell'Allegato 3 al Titolo II sopra
richiamato.
stralcio della tavola del PAI inerente il comune di Ospedaletto Lodigiano
Il Comune di Ospedaletto Lodigiano non esprime casi sostanziali di degrado/
compromissione paesaggistica derivati da fenomeni di dissesto idrogeologico
o avvenimenti calamitosi e catastrofici.
L’inclusione di buona parte della porzione meridionale del comune all’interno
Per quanto concerne il Comune di Ospedaletto Lodigiano, si rilevano in
particolare “aree ed ambiti di degrado/compromissione paesistica” provocati
da :
1) dissesti idrogeologici e avvenimenti calamitosi e catastrofici (naturali o
provocati dall’azione dell’uomo)
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
della “fascia fluviale di inondazione per piena catastrofica” (fascia C)
identificata dal Piano Stralcio per l’assetto Idrogeologico (PAI) del Bacino del
Po suggerisce comunque che venga mantenuto un buon livello di attenzione
nell’area.
Fasce definite dal Piano di Assetto idrogeologico (PAI)
Classificazione delle Fasce Fluviali (Art. 28 del PAI)
Interventi urbanistici e indirizzi alla pianificazione urbanistica (Art. 39 del
PAI)
- Fascia di deflusso della piena (Fascia A), costituita dalla porzione di alveo
1. I territori delle Fasce A e B individuati dal presente Piano, sono soggetti ai
che è sede prevalente del deflusso della corrente per la piena di riferimento,
seguenti speciali vincoli e alle limitazioni che seguono, che divengono
come definita nell'Allegato 3 "Metodo di delimitazione delle fasce fluviali" al
contenuto vincolante dell’adeguamento degli strumenti urbanistici comunali,
Titolo II delle presenti Norme, ovvero che è costituita dall'insieme delle
per le ragioni di difesa del suolo e di tutela idrogeologica perseguite dal
forme fluviali riattivabili durante gli stati di piena.
Piano stesso:
- Fascia di esondazione (Fascia B), esterna alla precedente, costituita dalla
a) le aree non edificate ed esterne al perimetro del centro edificato dei comuni, così
porzione di territorio interessata da inondazione al verificarsi della piena di
come definito dalla successiva lett. c), sono destinate a vincolo speciale di tutela
27
fluviale ai sensi dell'art. 5, comma 2, lett. a) della L. 17 agosto 1942, n. 1150;
b) alle aree esterne ai centri edificati, così come definiti alla seguente lettera c), si
applicano le norme delle Fasce A e B, di cui ai successivi commi 3 e 4;
c) per centro edificato, ai fini dell'applicazione delle presenti Norme, si intende quello
di cui all'art. 18 della L. 22 ottobre 1971, n. 865, ovvero le aree che al momento
a) evitare nella Fascia A e contenere, nella Fascia B la localizzazione di opere
pubbliche o di interesse pubblico destinate ad una fruizione collettiva;
b) favorire l'integrazione delle Fasce A e B nel contesto territoriale e ambientale,
ricercando la massima coerenza possibile tra l'assetto delle aree urbanizzate e le
aree comprese nella fascia;
A1).
Sono presenti sul territorio alcune infrastrutture lineari di trasporto che
generano un effetto “barriera”:
- l’autostrada A1;
- la linea ferroviaria ad alta velocità che corre parallelamente all’autostrada;
dell'approvazione del presente Piano siano edificate con continuità, compresi i
c) favorire nelle fasce A e B, aree di primaria funzione idraulica e di tutela
lotti interclusi ed escluse le aree libere di frangia. Laddove sia necessario
naturalistico-ambientale, il recupero, il miglioramento ambientale e naturale delle
procedere alla delimitazione del centro edificato ovvero al suo aggiornamento,
forme fluviali e morfologiche residue, ricercando la massima coerenza tra la
l'Amministrazione comunale procede all'approvazione del relativo perimetro.
destinazione naturalistica e l'assetto agricolo e forestale (ove presente) delle
234 che collega Pavia a Cremona, intersecando anche la viabilità di accesso
stesse.
al casello autostradale, e costituisce un percorso rilevante per i flussi di traffico
2. All’interno dei centri edificati, così come definiti dal precedente comma 1,
lett. c), si applicano le norme degli strumenti urbanistici generali vigenti;
7. Sono fatti salvi gli interventi già abilitati (o per i quali sia già stata presentata
qualora all’interno dei centri edificati ricadano aree comprese nelle Fasce A
denuncia di inizio di attività ai sensi dell'art. 4, comma 7, del D.L. 5 ottobre
e/o B, l’Amministrazione comunale è tenuta a valutare, d’intesa con
1993, n. 398, così come convertito in L. 4 dicembre 1993, n. 493 e
l’autorità regionale o provinciale competente in materia urbanistica, le
successive modifiche) rispetto ai quali i relativi lavori siano già stati iniziati al
condizioni di rischio, provvedendo, qualora necessario, a modificare lo
momento di entrata in vigore del presente Piano e vengano completati entro
strumento urbanistico al fine di minimizzare tali condizioni di rischio.
il termine di tre anni dalla data di inizio.
8. Sono fatte salve in ogni caso le disposizioni e gli atti amministrativi ai sensi
a interventi di demolizione senza ricostruzione, manutenzione ordinaria e
delle leggi 9 luglio 1908, n. 445 e 2 febbraio 1974, n. 64, nonché quelli di cui
straordinaria, restauro, risanamento conservativo, come definiti all’art. 31,
al D.Lgs. 29 ottobre 1999 n. 490 e dell’art. 82 del D.P.R. 24 luglio 1977, n.
lett. a), b), c) della L. 5 agosto 1978, n. 457, senza aumento di superficie o
616 e successive modifiche e integrazioni.
volume, senza cambiamenti di destinazione d’uso che comportino aumento
9. Per le aree inserite all’interno dei territori protetti nazionali o regionali,
del carico insediativo e con interventi volti a mitigare la vulnerabilità
definiti ai sensi della L. 6 dicembre 1991, n. 394 e successive modifiche e
dell’edificio.
integrazioni e/o da specifiche leggi regionali in materia, gli Enti di gestione,
in sede di formazione e adozione di strumenti di pianificazione d'area e
a) opere di nuova edificazione, di ampliamento e di ristrutturazione edilizia,
territoriale o di loro varianti di adeguamento, sono tenuti, nell’ambito di
comportanti anche aumento di superficie o volume, interessanti edifici per attività
un’intesa con l’Autorità di bacino, a conformare le loro previsioni alle
agricole e residenze rurali connesse alla conduzione aziendale, purché le
delimitazioni e alle relative prescrizioni del presente Piano, specificatamente
superfici abitabili siano realizzate a quote compatibili con la piena di riferimento,
finalizzate alla messa in sicurezza dei territori.
previa rinuncia da parte del soggetto interessato al risarcimento in caso di danno
o in presenza di copertura assicurativa;
b) interventi di ristrutturazione edilizia, comportanti anche sopraelevazione degli
Indirizzi di riqualificazione
Indirizzi di contenimento e
prevenzione del rischio
• ripristino/riqualificazione/ricostruzione/
potenziamento degli ambiti di
naturalità dei corsi e degli specchi
d‟acqua
• recupero dei manufatti fondamentali di
valore storico tradizionale delle
strutture storiche insediative collegate
ai corsi d‟acqua, che ne connotano le
specifiche identità, nonché dei beni di
valore storico culturale danneggiati
• realizzazione di opere di messa in
sicurezza e di difesa tenendo in
attenta considerazione le
caratteristiche del contesto paesistico
locale di riferimento
coniugare le attività di programmazione
e progettazione delle opere di difesa
idraulica con:
• la salvaguardia e la difesa del
patrimonio di valore paesaggistico e
ambientale (sistemi ed elementi
naturali e di valore storico)
• la salvaguardia e la difesa dei beni
storici e culturali
• le opportunità di riqualificazione/
recupero delle aree degradate o
sottoutilizzate
• il potenziamento dei sistemi verdi
edifici con aumento di superficie o volume, non superiori a quelli potenzialmente
allagabili, con contestuale dismissione d'uso di queste ultime e a condizione che
gli stessi non aumentino il livello di rischio e non comportino significativo ostacolo
o riduzione apprezzabile della capacità di invaso delle aree stesse, previa
rinuncia da parte del soggetto interessato al risarcimento in caso di danno o in
presenza di copertura assicurativa;
c) interventi di adeguamento igienico - funzionale degli edifici esistenti, ove
necessario, per il rispetto della legislazione in vigore anche in materia di sicurezza
del lavoro connessi ad esigenze delle attività e degli usi in atto;
d) opere attinenti l’esercizio della navigazione e della portualità, commerciale e da
diporto, qualora previsti nell'ambito del piano di settore, anche ai sensi del
precedente art. 20.
5. La realizzazione di opere pubbliche o di interesse pubblico che possano
limitare la capacità di invaso delle fasce fluviali, è soggetta ai procedimenti
di cui all’art. 38 delle norme del PAI.
2) “processi di urbanizzazione, di infrastrutturazione e di diffusione di
pratiche e usi urbani”
6. Fatto salvo quanto specificatamente disciplinato dalle precedenti Norme, i
L’ambito è interessato dalla presenza di fenomeni di degrado, determinati da
Comuni, in sede di adeguamento dei rispettivi strumenti urbanistici per
processi urbanizzativi intensivi registrati tra il 1999 e il 2004, generati dalla
renderli coerenti con le previsioni del presente Piano, nei termini previsti
pressione insediativa derivante dall’espansione del sistema metropolitano
all'art. 27, comma 2, devono rispettare i seguenti indirizzi:
lombardo lungo le principali vie di comunicazione (in questo caso l’Autostrada
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Infine il territorio comunale di Ospedaletto Lodigiano è attraversato dalla SP
con conseguente rischio di possibili pressioni per attuare un’urbanizzazione
lineare.
Indirizzi di riqualificazione
Indirizzi di contenimento e
prevenzione del rischio
AREE DI FRANGIA DESTRUTTURATE
3. Nei territori della Fascia A, sono esclusivamente consentite le opere relative
4. Nei territori della Fascia B, sono inoltre esclusivamente consentite:
- la linea ferroviaria Pavia - Codogno che attraversa il centro abitato
Ridefinizione di un chiaro impianto
morfologico prioritariamente attraverso :
• la conservazione e il ridisegno degli
spazi
aperti,
secondo
un‟organizzazione sistemica e
polifunzionale, come contributo alla
costruzione di una rete verde di livello
locale che sappia dare continuità alla
rete verde di scala superiore; in
particolare:
- conservando, proteggendo e
valorizzando gli elementi del sistema
naturale e assegnando loro un ruolo
strutturante
- riqualificando il sistema delle acque
- attribuendo alle aree destinate a
verde pubblico esistenti e previste
nell’ambito considerato una elevata
qualità ambientale, paesaggistica e
fruitiva
- rafforzando la struttura del paesaggio
agricolo soprattutto nei casi ove
questo sia ancora fortemente
interconnesso con il grande spazio
rurale, conservando e incentivando le
sistemazioni colturali tradizionali,
promuovendo programmi specifici per
l‟agricoltura in aree periurbane, etc.
• la riqualificazione del tessuto
insediativo, in particolare:
- conservando e assegnando valore
strutturante ai sistemi ed elementi
morfologici e architettonici
preesistenti significativi dal punto di
vista paesaggistico
- definendo elementi di relazione tra le
diverse polarità, nuove e preesistenti
- preservando le „vedute lontane‟ come
valori spaziali irrinunciabili e curando
l‟architettura dei fronti urbani verso i
territori aperti
- riconfigurando l'impianto morfologico
ove particolarmente destrutturato
- orientando gli interventi di mitigazione
al raggiungimento degli obiettivi di cui
sopra
• il recupero e la valorizzazione delle
aree degradate, sottoutilizzate e in
abbandono con finalità paesisticofruitive e ambientali
Pianificazione attenta delle nuove
previsioni di sviluppo alla chiara e forte
definizione dell’impianto morfologico in
termini di efficace correlazione con le
tessiture territoriali ed agrarie storiche,
con specifica attenzione agli ambiti di
trasformazione ed alla piena
valorizzazione della qualità
paesaggistica nella pianificazione
attuativa; in particolare:
• conservando e assegnando valore
strutturante ai sistemi ed elementi
morfologici e architettonici preesistenti
significativi dal punto di vista
paesaggistico
• difendendo gli spazi aperti e
attribuendo al loro ridisegno un valore
strutturante
• localizzando in modo mirato le
eventuali nuove necessità in modo tale
da riqualificare i rapporti tra i margini
urbani e i territori aperti
• impedendo la saldatura di nuclei urbani
contigui
• conservando e assegnando valore
strutturante ai sistemi ed elementi
morfologici e architettonici preesistenti
significativi dal punto di vista
paesaggistico
• individuando e promuovendo
prestazioni di elevata qualità per i piani
attuativi e i progetti urbani
28
Indirizzi di riqualificazione
Indirizzi di contenimento e
prevenzione del rischio
Stralcio Tavola H: Contenimento dei processi di degrado
paesaggistico: tematiche rilevanti
Stralcio Tavola H: Contenimento dei processi di degrado
paesaggistico: tematiche rilevanti
CONURBAZIONI
• salvaguardia e potenziamento dei
varchi esistenti e delle relazioni interne
ai sistemi degli spazi aperti per il
r a ff o r z a m e n t o d e l l a r e t e v e r d e
provinciale e del sistema del verde
comunale e per una chiara
individuazione delle relazioni tra gli
elementi costitutivi del paesaggio
• attenta considerazione in tal senso dei
progetti di recupero degli ambiti
degradati e dismessi
• rafforzamento e attenta riqualificazione
della rete idrografica
• sistemazione paesistica degli ambiti
contermini alle infrastrutture con
attenta contestualizzazione
dell'equipaggiamento vegetale
• salvaguardia e potenziamento dei
varchi esistenti e chiara individuazione
delle relazioni tra gli elementi costitutivi
del paesaggio :
- disincentivando l‟occupazione di
nuove aree
- garantendo la massima continuità
degli spazi aperti naturali e agricoli
• potenziamento della fruizione
panoramica delle direttrici di
collegamento territoriale con particolare
riguardo agli elementi morfologici e
storico-culturali che devono mantenere
la leggibilità del ruolo e della funzione
storicamente avuta nell‟organizzazione
territoriale
• accompagnamento dei progetti di
nuova infrastrutturazione con correlati
progetti di contestualizzazione volti alla
ricucitura delle relazioni e alla
riconnessione paesaggistica
dell'intorno, anche tramite la
riqualificazione delle aree degradate
TERRITORI CONTERMINI ALLE RETI INFRASTRUTTURALI DELLA
MOBILITÀ E DI TRASPORTO E PRODUZIONE DELL’ENERGIA
• interventi di mitigazione anche tramite
equipaggiamenti verdi in grado di
relazionarsi con il territorio
• interventi correlati alle infrastrutture
esistenti attenti alle zone marginali e
volti a ridurre la loro estraneità al
contesto e l‟effetto frattura che
generano
• attenta considerazione degli interventi
di servizio alle infrastrutture cercando
di evitare la possibile accentuazione
dell‟effetto di frattura indotto, operando
riconnessioni funzionali tra i territori
separati e recuperando gli ambiti
marginali con la massima riduzione
dell‟impatto intrusivo; in particolare :
- le barriere antirumore dovranno avere
caratteristiche di qualità
paesaggistica, oltreché ambientale,
sia per quanto riguarda il lato interno,
verso l‟infrastruttura stessa, sia per
quanto riguarda il lato esterno, rivolto
verso il territorio circostante
- gli interventi di manutenzione e
adeguamento delle aree di servizio
dovranno porsi obiettivi di
riqualificazione paesaggistica
• progettazione integrata del tracciato,
comprensivo del suo equipaggiamento
verde, attenta ai caratteri paesaggistici
dei contesti
• progettazione unitaria dei manufatti e
delle relative aree di servizio attenta ai
caratteri paesaggistici dei contesti
• eventuale acquisizione delle aree
laterali all’infrastruttura in misura
adeguata allo sviluppo e attuazione di
un progetto di valorizzazione
paesaggistica dei territori attraversati
Indirizzi di riqualificazione
Indirizzi di contenimento e
prevenzione del rischio
3) trasformazioni della produzione agricola e zootecnica
Si rileva la presenza di “aree con forte presenza di allevamenti zootecnici
intensivi”, caratterizzate dalla presenza di strutture di medie dimensioni
ospitanti attività di allevamento sia di bovini che di suini.
AREE CON FORTE PRESENZA DI ALLEVAMENTI ZOOTECNICI INTENSIVI
• interventi di mitigazione con
• definizione di criteri per l'attenta
riqualificazione e reinserimento ove
localizzazione e il corretto inserimento
Si segnala la presenza di “aree a monocoltura” localizzate in tutto il territorio
possibile di elementi arborei o
paesistico degli allevamenti zootecnici
comunale con effetti di “banalizzazione” paesistica e impoverimento del
arbustivi, in coerenza con le trame del
paesaggio.
parcellario agricolo
• promozione di attività di progettazione
per il miglioramento della qualità
In quest’ambito si segnala inoltre l’insorgenza del fenomeno della
• riqualificazione dei manufatti con
“desertificazione agricola”, ovvero di una sensibile diminuzione
maggior attenzione ai caratteri
componenti e soluzioni tecniche,
dell’equipaggiamento arboreo (ancora non diffuso) caratterizzante i bordi dei
percettivi rilevanti, in termini di uso di
tenendo anche conto delle proposte
materiali, colori e tecniche costruttive
innovative sperimentate in alcune
anche in relazione ai caratteri
esperienze europee
coltivi, probabilmente dovuto all’applicazione di tecniche agricole votate a dare
una risposta “produttiva” ad una domanda “di natura Comunitaria”, che
determinano il contestuale impoverimento dell’ecosistema “dei coltivi”.
architettonica e paesistica di
connotativi dei contesti paesaggistici
locali
• promozione di azioni di valorizzazione
per gli insediamenti e le strutture
tradizionali
• incentivi all’utilizzo dei territori
sottoutilizzati o in abbandono in
relazione alla Rete verde provinciale
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
29
Indirizzi di riqualificazione
Indirizzi di contenimento e
Indirizzi di riqualificazione
prevenzione del rischio
prevenzione del rischio
AREE AGRICOLE DISMESSE
AREE A MONOCOLTURA
riqualificazione attraverso interventi
• favorire e supportare iniziative
finalizzati all’arricchimento del mosaico
connesse alla ricostruzione dei sistemi
paesistico (recupero di assetti
verdi regionali anche mediante
• interventi di riqualificazione finalizzati
degli spazi agricoli determinata da
come “minaccia”, nell’accezione in uso secondo il metodo di analisi SWOT,
previsioni urbanistiche e infrastrutturali
ovvero come elemento negativo, anche non necessariamente dipendente da
disaccoppiamento degli aiuti per
comunale e delle reti verdi provinciali
siepi, specialmente quando utili a
progetti concordati volti ad aumentare
ripristinare strutture più complesse, ad
la biodiversità
irrigazione, etc.) con finalità
collegati alla multifunzionalità delle
ecosistemiche (aumento della
aziende
architettonico-formale, scala di intervento inappropriata rispetto al luogo,
propri “focolai” di degrado e compromissione paesistica.», anche classificabili
l’utilizzo di finanziamenti finalizzati al
potenziamento dei contesti rurali
approcci progettuali settoriali, assenza o insufficienza della dimensione
frammentazione e marginalizzazione
multiplo degli spazi agricoli
colture promiscue, formazione di filari,
manutenzione dei sistemi tradizionali di
caratteristiche intrinseche o per essere tradizionalmente caratterizzate da
indifferenza alle regole morfologiche del contesto etc., costituiscono spesso veri e
tradizionali del paesaggio agrario,
• favorire le opportunità di
individuate come “detrattori” della qualità ambientale e paesistica, che, per loro
• attenta valutazione degli effetti di
• promozione di progetti integrati di uso
al potenziamento del sistema verde
es. la “piantata padana”, restauro e
Indirizzi di contenimento e
• promozione di politiche, piani e
• valorizzazione del patrimonio edilizio
programmi connessi alle misure agro-
rurale di valore storico-testimoniale
ambientali di uso multiplo dello spazio
anche in funzione di usi turistici e
rurale valutando gli aspetti
fruitivi sostenibili
paesaggistici, ambientali e di
potenziale fruizione
scelte o situazioni di tipo locale, che comunque è in grado di incide in senso
negativo su un dato contesto territoriale.
Per il Comune di Ospedaletto Lodigiano, facendo riferimento all’allegato tecnico
del DPCM 12 dicembre 2005 (Relazione paesaggistica) è possibile individuare la
presenza delle seguenti “minacce territoriali”:
biodiversità) e di usi multipli dello spazio
rurale, prioritariamente correlati alla
i) potenziali elementi detrattori a carattere puntuale:
formazione della rete verde provinciale
Non si segnala la presenza elementi detrattori puntuali all’interno del territorio
5) criticità ambientali:
4) sotto-utilizzo, abbandono e dismissione:
Viene rilevata la presenza di suoli agricoli abbandonati a causa della pressione
edificatoria, nelle porzioni di territorio comunale attorno all’urbanizzato ed alle
infrastrutture di trasporto principali.
Non si rilevano problematiche di degrado paesaggistico sulle componenti
ambientali
Stralcio Tavola H: Contenimento dei processi di degrado
paesaggistico: tematiche rilevanti
comunale.
ii) potenziale elementi detrattori a rete:
Si segnala la presenza delle reti infrastrutturali che attraversano il territorio
comunale (Autostrada A1, Linea ferroviaria AV, Linea ferroviaria Pavia - Codogno)
“Indirizzi di Tutela: PARTE IV Riqualificazione Paesaggistica e contenimento
dei potenziali fenomeni di degrado” (Quadro sinottico)
Stralcio Tavola H: Contenimento dei processi di degrado paesaggistico:
tematiche rilevanti
Per quanto riguarda le situazioni di degrado e compromissioni in essere,
considerate in relazione alla componente paesistica del Piano di Governo del
Territorio e sulla base di una valutazione del grado di reversibilità /irreversibilità, il
Documento di Piano, definisce alcune modalità di intervento atte ad attuare
azioni di :
- MITIGAZIONE;
- RIPARAZIONE/RIPRISTINO/ RESTAURO dei caratteri originari
- RICOMPOSIZIONE /RICONTESTUALIZZAZIONE paesistica
Gli interventi migliorativi del paesaggio (mitigazioni dirette) dovrebbero essere
prevalentemente concentrati in tali ambiti mediante recupero e riqualificazione
delle aree stesse e di aree contigue.
Oltre alla definizione degli elementi di criticità interessanti il territorio
comunale, il decisore regionale ha inteso introdurre, come ulteriore livello di
approfondimento, l’esplicitazione dei così detti “elementi detrattori”, ovvero
quelle “«categorie di intervento e gli elementi portatori di criticità paesistiche,
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
30
Stralcio Tavola F: Riqualificazione paesaggistica: ambiti ed aree di
attenzione regionale
mobili (corridoi ecologici), o come nodi di interscambio nei flussi di elementi
risposta ad eventuali impatti e pressioni esterni;
chimici, o come fattore di criticità (barriera) o di rischio (varchi residuali
- l’offerta di uno scenario ecosistemico di riferimento e i collegamenti funzionali
potenzialmente oggetto di occlusione) rispetto ai flussi medesimi; in tal senso
per l’inclusione dell’insieme dei SIC e delle ZPS nella Rete Natura 2000
anche le aree urbanizzate concorrono alle reti ecologiche.
(Direttiva Comunitaria 92/43/CE), in modo da poterne garantire la coerenza
Sono inoltre “Servizi ecosistemici” ritenuti come “di interesse per la realtà
lombarda”:
• la produzione di stock per il trattenimento di carbonio, altrimenti concorrente ai
gas-serra ed ai rischi di cambiamenti climatici globali;
• la produzione di biomasse come fonte di energia rinnovabile, all’interno di una
ripartizione equilibrata dei prodotti degli agroecosistemi (alimentari, energia,
valori ecopaesistici);
• l’intervento sui flussi di acque inquinate, comprese quelle alterate dalle stesse
pratiche agricole, in modo da svolgere funzioni di fitodepurazione;
• la concorrenza alla difesa del suolo su versanti potenzialmente soggetti a rischi
idrogeologici;
• il contributo al paesaggio con nuclei ed elementi vegetali concorrenti ad assetti
formali percepibili come positivi sul piano culturale o genericamente estetico;
globale;
- il mantenimento delle funzionalità naturalistiche ed ecologiche del sistema delle
Aree Protette nazionali e regionali, anche attraverso l’individuazione delle
direttrici di connettività ecologica verso il territorio esterno rispetto a queste
ultime;
- la previsione di interventi di deframmentazione mediante opere di mitigazione e
compensazione per gli aspetti ecosistemici, e più in generale l’identificazione
degli elementi di attenzione da considerare nelle diverse procedure di
valutazione ambientale;
- l’articolazione del complesso dei servizi ecosistemici rispetto al territorio,
attraverso il riconoscimento delle reti ecologiche di livello provinciale e locale
(comunali o sovracomunali);
- la limitazione del “disordine territoriale” e il consumo di suolo contribuendo ad
• l’intervento sui flussi di aria contaminata in ambito urbano o periurbano, quali
un’organizzazione del territorio regionale basata su aree funzionali, di cui la
quelli derivanti da strade trafficate o da sorgenti produttive, in modo da svolgere
rete ecologica costituisce asse portante per quanto riguarda le funzioni di
funzione di filtro sul particolato trasportato;
conservazione della biodiversità e di servizi ecosistemici.
• l’offerta di opportunità specifiche di riqualificazione nel recupero di ambienti a
vario titolo degradati (attività estrattive, cantieri, smaltimento rifiuti, bonifica di
Si configurano come elementi costituenti la RER:
suoli contaminati, controllo di specie aliene e comunque indesiderate ecc.);
Elementi di primo livello compresi nelle Aree prioritarie per la biodiversità (e
• l’intervento sulle masse d’aria presenti negli insediamenti abitati in modo da
svolgere funzioni di tamponamento del microclima.
altri elementi caratterizzati dalla presenza di un elevato livello di naturalità ovvero
da un forte valore di connettività).
“Ciascuno dei punti precedenti è in grado di produrre condizionamenti o
Gangli - Si tratta dei nodi prioritari sui quali ‘appoggiare’ i sistemi di relazione
opportunità significative per il governo complessivo del territorio e dell’ambiente.
spaziale all’interno del disegno di rete ecologica. Per quanto riguarda le esigenze
LA RETE ECOLOGICA REGIONALE - RER, come strumento di
Singoli aspetti di squilibrio nell’assetto ecosistemico non solo investono politiche
di conservazione della biodiversità nella rete ecologica, i gangli identificano
valorizzazione territoriale.
specifiche, ma spesso possono condizionare altre politiche in modo non sempre
generalmente i capisaldi in grado di svolgere la funzione di aree sorgente
evidente e riconosciuto. (...) Il rafforzamento della rete ecologica, come anche
(source), ovvero aree che possono ospitare le popolazioni più consistenti delle
La Rete Ecologica Regionale lombarda si propone come rete ecologica
riconosciuto nel Documento di Piano del P.T.R. con il mantenimento o
specie biologiche e fungere così da ‘serbatoi’ di individui per la diffusione delle
polivalente, unendo quindi funzioni di tutela della biodiversità con l’obiettivo di
ricostruzione degli habitat naturali, è uno degli strumenti fondamentali per
specie all’interno di altre aree, incluse quelle non in grado di mantenere
rendere servizi ecosistemici al territorio.
contrastare la diffusione delle specie alloctone anche attraverso il riconoscimento
popolazioni vitali a lungo termine di una data specie (aree sink) da parte delle
Elementi funzionali della rete sono:
delle relazioni critiche tra attività antropiche e processi naturali.”
specie di interesse.
• singole unità ambientali con caratteristiche di naturalità, o comunque capaci di
In tal senso la RER interagisce in un’ottica di polivalenza con le diverse politiche
mantenimento per popolazioni di specie animali e vegetali che concorrono alla
che producono trasformazioni sul territorio, fornendo anche un contributo
Corridoi ambientali primari - costituiscono elementi fondamentali atti a favorire
determinante per il raggiungimento di alcuni obiettivi settoriali del P.T.R.
la connessione ecologica tra aree inserite nella rete ed in particolare per
Per raggiungere tali risultati, alla RER vengono riconosciuti i seguenti obiettivi
consentire la diffusione spaziale di specie animali e vegetali, sovente incapaci di
essenziali per la vita: produttività primaria della vegetazione, ruolo rilevante in
generali:
scambiare individui tra le proprie popolazioni locali in contesti altamente
fasi critiche del ciclo di vita per determinate specie, supporto per flussi
- il consolidamento ed il potenziamento di adeguati livelli di biodiversità
frammentati. E’ da rimarcare che anche aree non necessariamente di grande
essenziali (idrici, energetici, di sostanze chimiche, di organismi viventi); in tal
vegetazionale e faunistica, attraverso la tutela e la riqualificazione di biotopi di
pregio per la biodiversità possono svolgere il ruolo di corridoio di collegamento
senso anche i suoli fertili che consentono la produzione primaria di biomasse
particolare interesse naturalistico;
ecologico.
biodiversità (quindi anche le aree coltivate, almeno a determinate condizioni);
• unità ambientali (comprensive delle precedenti) in grado di svolgere funzioni
- il riconoscimento delle aree prioritarie per la biodiversità;
I corridoi sono stati distinti in corridoi ad alta antropizzazione e corridoi a bassa o
- l’individuazione delle azioni prioritarie per i programmi di riequilibrio
moderata antropizzazione. Dal punto di vista della restituzione cartografica, nelle
richiamati, o come siti di stoccaggio per sostanze particolari (primariamente del
ecosistemico e di ricostruzione naturalistica, attraverso la realizzazione di nuovi
tavole della RER i Corridoi regionali primari classificati a bassa o moderata
carbonio), o come direttrici di scorrimento per gli spostamenti di organismi
ecosistemi o di corridoi ecologici funzionali all’efficienza della Rete, anche in
antropizzazione vengono restituiti in colore arancione, mentre i Corridoi
concorrono alla funzionalità complessiva;
• unità ambientali con specifico ruolo spaziale rispetto ai flussi precedentemente
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
regionali primari ad alta antropizzazione sono indicati in colore rosso.
31
Varchi - rappresentano situazioni particolari in cui la permeabilità ecologica di
compaiono, nella parte centro meridionale, due centri urbani di modeste
Ecologica Regionale: approvazione degli elaborati finali, comprensivi del
aree interne ad elementi della Rete Ecologica Regionale (o ad essi contigue)
dimensioni, Casalpusterlengo e Codogno.
Settore Alpi e Prealpi”;
viene minacciata o compromessa da interventi antropici, quali urbanizzazione,
La parte sud-occidentale è attraversata dall’autostrada A1 (MI-NA), mentre 3
- Documento “Rete Ecologica Regionale e programmazione territoriale degli enti
realizzazione di importanti infrastrutture, creazione di ostacoli allo spostamento
strade statali e 2 linee ferroviarie (MI-PC e PV-PC) solcano l’intera area da nord a
locali”, approvato con deliberazione di Giunta regionale del 26 novembre 2008,
delle specie biologiche. I varchi sono pertanto identificabili con i principali
sud e da seta a ovest. Tutto ciò rende difficoltoso il mantenimento della continuità
n. 8515.
restringimenti interni ad elementi della rete oppure con la presenza di
ecologica.
infrastrutture medie e grandi all’interno degli elementi stessi, dove è necessario
1) Elementi primari
mantenere (evitando ulteriori restringimenti della sezione permeabile presso le
ELEMENTI DI TUTELA
06 Fiume Adda: riqualificazione di alcuni tratti del corso d’acqua; conservazione
‘strozzature’), nel primo caso, o ripristinare (nel caso di barriere antropiche non
SIC - Siti di Importanza Comunitaria: IT2090010 Adda Morta, IT2090009 Morta di
delle vegetazioni perifluviali residue; mantenimento delle fasce per cattura
attraversabili), nel secondo, la permeabilità ecologica.
Bretoni, IT2090011 Bosco Valentino.
inquinanti; conservazione e ripristino delle lanche; mantenimento delle aree di
Di conseguenza, nella cartografia vengono presentati:
ZPS – Zone di Protezione Speciale: -
esondazione; mantenimento e creazione di zone umide perifluviali; mantenimento
4a) Varchi ‘da mantenere’, ovvero aree dove si deve limitare ulteriore consumo
Parchi Regionali: PR Adda Sud.
del letto del fiume in condizioni naturali, evitando la costruzione di difese spondali
di suolo o alterazione dell’habitat perché l’area conservi la sua potenzialità di
Riserve Naturali Regionali/Statali: RNR Adda Morta.
a meno che non si presentino problemi legati alla pubblica sicurezza (ponti,
‘punto di passaggio’ per la biodiversità;
Monumenti Naturali Regionali: -
abitazioni); migliorare la connettività trasversale della rete minore; mantenimento
4b) Varchi ‘da deframmentare’, ovvero dove sono necessari interventi per
Aree di Rilevanza Ambientale: ARA “Colline di San Colombano”, “Sud Milano –
dei prati stabili polifiti; mantenimento delle siepi ad alta copertura e delle siepi di
mitigare gli effetti della presenza di infrastrutture o insediamenti che interrompono
Medio Lambro”, “Po”
rovo; mantenimento delle fasce ecotonali; mantenimento delle piante vetuste e
la continuità ecologica e costituiscono ostacoli non attraversabili;
PLIS: -
della disetaneità del bosco; mantenimento del mosaico agricolo; creazione di siti
4c) Varchi ‘da mantenere e deframmentare’ al tempo stesso, ovvero dove è
Altro: -
idonei per la riproduzione dell'avifauna legata ad ambienti agricoli; gestione delle
necessario preservare l’area da ulteriore consumo del suolo e simultaneamente
specie alloctone, sia terrestri che acquatiche.
intervenire per ripristinare la continuità ecologica presso interruzioni antropiche
ELEMENTI DELLA RETE ECOLOGICA
già esistenti.
Elementi primari:
Fiume Lambro; Ganglio “Confluenza Lambro – Po”: area con una qualità
Gangli primari: Confluenza Lambro - Po; Confluenza Serio - Adda.
dell’acqua in discreto miglioramento rispetto ai tratti a monte, caratterizzata dal
Nell’ambito della Pianura Padana, i fiumi rappresentano il principale elemento di
Corridoi primari: Fiume Lambro e Laghi Briantei ; Corridoio Medio Lodigiano
problema della forte presenza di specie ittiche alloctone. Buona la
connessione tra aree naturali, e in taluni casi l’unico elemento con valenza
Elementi di primo livello compresi nelle Aree prioritarie per la biodiversità (vedi
idrogeomorfologia. grazie alla tipologia di substrato ghiaioso, alla presenza di
naturale (o naturaliforme), in un contesto contraddistinto da un altro grado di
D.G.R. 30 dicembre 2009 – n. 8/10962): 06 Fiume Adda;
raschi e buona diversificazione in alveo; potrebbe consentire in futuro la
urbanizzazione.
riproduzione di specie ittiche importanti ed endemiche, a condizione che si
Elementi di secondo livello:
raggiunga un miglioramento dello stato idroqualitativo e si completi il passaggio
Descrizione della Rete Ecologica Regionale relativa al territorio del Comune di
Aree importanti per la biodiversità esterne alle Aree prioritarie (vedi Bogliani et al.,
artificiale per pesci a Isola Serafini. Intervenire mediante: riqualificazione del corso
Ospedaletto Lodigiano (settori 95 e 96)
2007. Aree prioritarie per la biodiversità nella Pianura Padana lombarda. FLA e
d’acqua; conservazione vegetazioni perifluviali residue; mantenimento fasce per
Regione Lombardia; Bogliani et al., 2009. Aree prioritarie per la biodiversità nelle
cattura inquinanti; mantenimento e creazione di zone umide perifluviali;
Alpi e Prealpi lombarde. FLA e Regione Lombardia): -
mantenimento del letto del fiume in condizioni naturali, evitando la
Codice Settore: 95
Nome Settore: ADDA DI CASTIGLIONE
Province: LO, MI, PV, CR
costruzione di difese spondali a meno che non si presentino problemi legati alla
Altri elementi di secondo livello (con importante ruolo di connettività ecologica):
- Roggia Brembiolo (fascia parallela alla linea ferroviaria MI-PC, da cascina
DESCRIZIONE GENERALE
Bruseda a Zorlesco)
pubblica sicurezza (ponti, abitazioni); mantenimento del mosaico agricolo;
gestione delle specie alloctone, sia terrestri che acquatiche. Necessari interventi
di deframmentazione della rete ferroviaria e della strada statale nel comune di
Area di pianura situata a cavallo tra le Provincie di Lodi, Pavia, Milano (San
- Roggia Vitaliana (Biraga e Rovedara)
Orio Litta, ad est del fiume Lambro, al fine di permettere il collegamento tra il
Colombiano al Lambro) e Cremona, attraversata nella sua parte Nord orientale
- Roggia Morara (tra Reginetta e Sigola)
corridoio di primo livelli fiume Basso Lambro e l’area di secondo livello a matrice
dal fiume Adda (principale area sorgente del settore, insieme al fiume Po,
- Barazzina (area parziale nel settore sud-ovest, poco a nord del fiume
agricola.
localizzato immediatamente a sud del settore stesso), mentre la parte sud-
Lambro)
occidentale è percorsa dal fiume Lambro.
2) Elementi di secondo livello
Il settore settentrionale è solcato invece, da ovest ad est, dal canale della Muzza,
INDICAZIONI PER L’ATTUAZIONE DELLA RETE ECOLOGICA REGIONALE
Aree a matrice agricola sparse sul territorio intervallate da siepi, filari e lembi
importante elemento di connessione ecologica tra la pianura lodigiana e il fiume
Per le indicazioni generali vedi:
boscati: necessario intervenire attraverso la ricostruzione della vegetazione lungo
Adda, caratterizzato da una naturalità residua di pregiato valore e oggetto di
- Piano Territoriale Regionale (PTR) approvato con deliberazione di Giunta
i canali e le rogge, il mantenimento delle siepi, il mantenimento del mosaico
recenti interventi di rinaturalizzazione. In particolare si possono osservare siepi,
regionale del 16 gennaio 2008, n. 6447, e adottato con deliberazione di
agricolo; la creazione di siti idonei per la riproduzione dell'avifauna legata ad
filari e lembi boscati prossimi al canale stesso; il tutto risulta immerso in una
Consiglio regionale del 30 luglio 2009, n. 874, ove la Rete Ecologica Regionale
ambienti agricoli; la gestione delle specie
matrice agricola.
è identificata quale infrastruttura prioritaria di interesse regionale;
alloctone, sia terrestri che acquatiche.
L’area nel suo complesso è caratterizzata da una matrice agricola estesa dove
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
- Deliberazione di Giunta regionale del 30 dicembre 2009 – n. 8/10962 “Rete
Intervenire mediante deframmentazione e mantenimento dei varchi:
32
- nel comune di Borghetto Lodigiano, tra il roggione di Somaglia e Panigada, al
nello specifico del comune di Ospedaletto Lodigiano
fine di permettere il superamento dell’autostrada A1;
Gangli primari: Confluenza Lambro – Po
Corridoi primari: Fiume Po, Fiume Lambro e Laghi Briantei.
CODICE SETTORE: 96
Elementi di primo livello compresi nelle Aree prioritarie per la biodiversità
consentire l’attraversamento della linea ferroviaria e della strada statale che
NOME SETTORE: MONTICCHIE
(vedi D.G.R. 30 dicembre 2009 – n. 8/10962): 25 Fiume Po (comprende anche la
collega Mostiola con cascina Marmora;
Province: LO, PV
RNR di Monticchie)
- tra i comuni di Orio Litta e Livraga, lungo il fiume Lambro meridionale, al fine di
- tra i comuni di Somaglia e Ospedaletto Lodigiano, lungo la roggia
Elementi di secondo livello:
Guardalobbia, al fine di permettere l’attraversamento della linea ferroviaria e
DESCRIZIONE GENERALE
Aree importanti per la biodiversità esterne alle Aree prioritarie biodiversità (vedi
della strada statale che collega cascina Marmora con Casalpusterlengo;
Area di pianura situata tra le Province di Lodi e Pavia, caratterizzata dalla
Bogliani et al., 2007. Aree prioritarie per la biodiversità nella Pianura Padana
presenza, da ovest a est, del fiume Po, del fiume Lambro (settore meridionale) e
lombarda. FLA e Regione Lombardia; Bogliani et al., 2009.
superamento dell’autostrada A1 e permettere il collegamento, verso sud, con
del Rio Mortizza, entrambi affluenti del Po.
Aree prioritarie per la biodiversità nelle Alpi e Prealpi lombarde.FLA e
l’area prioritaria fiume Po;
La parte a sud del fiume Po ricade nella regione Emilia Romagna.
Regione Lombardia): -
- nel comune di Codogno, tra Triuzza e Casalpusterlengo, al fine di permettere
Il Po costituisce l’area naturale più vasta presente nel settore, caratterizzata da
Altri elementi di secondo livello: aree a matrice agricola situate a nord del
l’attraversamento della linea ferroviaria e della strada statale che collega
ambienti fluviali diversificati, in particolare ghiareti, ambienti boschivi ripariali, prati
fiume Po.
Casalpusterlengo con Codogno;
stabili, seminativi, siepi e filari e paleoalvei di elevato pregio naturalistico. È
- nel comune di Senna Lodigiana, all’altezza di Mirabello, al fine di consentire il
- nel comune di Casalpusterlengo, tra Battaglia e San Giacomo, al fine di
circondato da una matrice agricola che presenta anch’essa elementi di pregio in
INDICAZIONI PER L’ATTUAZIONE DELLA RETE ECOLOGICA REGIONALE
permettere il collegamento attraverso la strada provinciale che collega Borasca
termini naturalistici. Particolarmente significativa risulta l’area di confluenza tra il
Per le indicazioni generali vedi:
con Biraga;
Lambro e il Po.
- Piano Territoriale Regionale (PTR) approvato con deliberazione di Giunta
- tra i comuni di Bertonico e Terranova dei Passerini, lungo roggia Cavallera, al
Il Rio Mortizza e il fiume Lambro appaiono caratterizzati da una naturalità residua
regionale del 16 gennaio 2008, n. 6447, e adottato con deliberazione di
fine di mantenere la fascia boscata che collega la roggia Cavallera con il
di discreto valore naturalistico. In particolare si possono osservare siepi, filari e
Consiglio regionale del 30 luglio 2009, n. 874, ove la Rete Ecologica Regionale
Canale della Muzza.
lembi boscati prossimi al canale stesso.
è identificata quale infrastruttura prioritaria di interesse regionale;
Di elevatissimo valore naturalistico, malgrado la limitata superficie, è infine la
- Deliberazione di Giunta regionale del 30 dicembre 2009 – n. 8/10962 “Rete
3) Aree soggette a forte pressione antropica inserite nella rete ecologica
Riserva Naturale di Monticchie, designata quale SIC e ZPS, un quadrilatero
Ecologica Regionale: approvazione degli elaborati finali, comprensivi del
Superfici urbanizzate: favorire interventi di deframmentazione; mantenere i varchi
irregolare ai piedi del gradone naturale scavato dal Po e dal Lambro,
Settore Alpi e Prealpi”;
di connessione attivi; migliorare i varchi in condizioni critiche; evitare la
caratterizzato da boschi igrofili planiziali e da ambienti agricoli ricchi di canali e
- Documento “Rete Ecologica Regionale e programmazione territoriale degli enti
dispersione urbana; Infrastrutture lineari: prevedere, per i progetti di opere che
sorgive e ospitante una colonia di ardeidi (garzaia) di circa 600 coppie (nitticore,
locali”, approvato con deliberazione di Giunta regionale del 26 novembre 2008,
possono incrementare la frammentazione ecologica, opere di mitigazione e di
garzette e aironi cenerini).
n. 8515.
inserimento ambientale. Prevedere opere di deframmentazione in particolare a
L’area nel suo complesso è caratterizzata da una matrice agricola estesa, con
favorire la connettività con aree sorgente (Aree prioritarie) e tra aree sorgente.
una urbanizzazione ancora contenuta, costituita da piccoli centri urbani.
1) Elementi primari e di secondo livello:
La parte orientale è attraversata, da nord a sud, dall’autostrada A1, da una strada
25 Fiume Po: definizione coefficiente naturalistico del DMV, con particolare
CRITICITA’
statale, dalla linea ferroviaria MI-PC e dal cantiere per la realizzazione della linea
attenzione alla regolazione del rilascio delle acque nei periodi di magra;
Vedi D.d.g. 7 maggio 2007 – n. 4517 “Criteri ed indirizzi tecnico progettuali per il
ferroviaria ad alta velocità.
conservazione gli ambienti perifluviali; conservazione dei boschi ripariali; ripristino
miglioramento del rapporto fra infrastrutture stradali ed ambiente naturale” per
delle lanche; mantenimento del letto del fiume in condizioni naturali, evitando la
indicazioni generali sulle infrastrutture lineari:
ELEMENTI DI TUTELA
costruzione di difese spondali a meno che non si presentino problemi legati alla
a) Infrastrutture lineari: la parte sud-orientale è attraversata dall’autostrada A1
SIC - Siti di Importanza Comunitaria: IT2090001 Monticchie.
pubblica sicurezza (ponti, abitazioni); mantenimento delle fasce tampone;
(MI-BO), mentre 3 strade statali e 2 linee ferroviarie (MI-PC e PV-PC) solcano
ZPS – Zone di Protezione Speciale: IT2080702 Po di Monticelli Pavese e
migliorare la connettività trasversale della rete idrica minore; mantenimento dei
l’intera area da nord a sud e da est a ovest. Tutto ciò rende difficoltoso il
Chignolo Po, IT2090702 Po di Corte S. Andrea, IT2090501 Senna Lodigiana,
prati stabili polifiti; mantenimento delle siepi ad alta copertura e delle siepi di rovo;
mantenimento della continuità ecologica. Appare dunque indispensabile
IT2090701 Po di San Rocco al Porto, IT2090001 Monticchie.
capitozzatura dei filari; mantenimento delle piante vetuste, della disetaneità del
intervenire con le opere di deframmentazione sopradescritte.
Parchi Regionali: -
bosco e del mosaico agricolo; creazione di siti idonei per la riproduzione
b) Urbanizzato: espansione urbana a discapito di ambienti aperti.
Riserve Naturali Regionali/Statali: RNR Monticchie.
dell'avifauna legata ad ambienti agricoli; gestione delle specie alloctone;
c) Cave, discariche e altre aree degradate: presenza di cave lungo l’asta del fiume
Monumenti Naturali Regionali: -
mantenimento dei siti riproduttivi dei pesci e degli anfibi; mantenimento dei siti
Adda. Necessario il ripristino della vegetazione naturale al termine del periodo
Aree di Rilevanza Ambientale: -
riproduttivi, nursery e rifugi di chirotteri e uccelli; conservazione degli ambienti
di escavazione. Le ex cave possono svolgere un significativo ruolo di stepping
PLIS: -
perifluviali quali bodri, lanche, sabbioni, ghiareti, isole fluviali, boschi ripariali più o
stone qualora fossero oggetto di oculati interventi di rinaturalizzazione, in
Altro: IBA – Important Bird Area “Fiume Po da Ticino a Isola Boscone”; ARE - Area
meno igrofili tipo saliceti, alnete, ecc; incentivare la gestione naturalistica dei
particolare attraverso la realizzazione di aree umide con ambienti prativi e fasce
di Rilevante interesse Erpetologico “Riserva di Monticchie”
pioppeti industriali;
boscate ripariali.
Viene riportato per continuità territoriale anche il settore 96 sebbene non tratti
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Fiume Lambro; Ganglio “Confluenza Lambro – Po”: area con una qualità
ELEMENTI DELLA RETE ECOLOGICA
dell’acqua in discreto miglioramento rispetto ai tratti a monte, caratterizzata dal
Elementi primari:
problema della forte presenza di specie ittiche alloctone. Buona la
33
idrogeomorfologia. grazie alla tipologia di substrato ghiaioso, alla presenza di
CRITICITÀ
raschi e buona diversificazione in alveo; potrebbe consentire in futuro la
Vedi D.d.g. 7 maggio 2007 – n. 4517 “Criteri ed indirizzi tecnico progettuali per il
riproduzione di specie ittiche importanti ed endemiche, a condizione che si
miglioramento del rapporto fra infrastrutture stradali ed ambiente naturale” per
raggiunga un miglioramento dello stato idroqualitativo e si completi il passaggio
indicazioni generali sulle infrastrutture lineari.
artificiale per pesci a Isola Serafini.
a) Infrastrutture lineari: l’area lombarda orientale è attraversata, da nord a sud,
Intervenire mediante: riqualificazione del corso d’acqua; conservazione
dall’autostrada A1, da una strada statale, dalla linea ferroviaria MI-PC e dal
vegetazioni perifluviali residue; mantenimento fasce per cattura inquinanti;
cantiere per la realizzazione della linea ferroviaria ad alta velocità.
mantenimento e creazione di zone umide perifluviali; mantenimento del letto del
b) Urbanizzato: espansione urbana a discapito di ambienti aperti.
fiume in condizioni naturali, evitando la costruzione di difese spondali a meno che
c) Cave, discariche e altre aree degradate: presenza di cave sparse lungo l’asta
non si presentino problemi legati alla pubblica sicurezza (ponti, abitazioni);
del fiume Po. Necessario il ripristino della vegetazione naturale al termine del
collettare scarichi fognari; controllo scarichi abusivi; mantenimento del mosaico
periodo di escavazione.
agricolo; gestione delle specie alloctone, sia terrestri che acquatiche.
Le ex cave possono svolgere un significativo ruolo di stepping stone qualora
fossero oggetto di oculati interventi di rinaturalizzazione, in particolare
Varchi:
attraverso la realizzazione di aree umide con ambienti prativi e fasce boscate
Necessario intervenire mediante deframmentazione e/o mantenimento dei
ripariali.
seguenti varchi (cfr. cartografia per dettagli):
1) nel comune di Somaglia, a sud dell’abitato, al fine di consentire
Competenze della pianificazione comunale
l’attraversamento dell’autostrada A1, della strada Provinciale che collega
La Rete Ecologica Regionale (e Provinciale), viene puntualizzata, a livello locale,
Somaglia con Guardamiglio;
dalla Rete Ecologica Comunale (REC) trova la sue condizioni di realizzazione nel
2) tra i comuni di Somaglia e Fombio, al fine di permettere l’attraversamento del
cantiere per la realizzazione della rete ferroviaria ad alta velocità;
3) tra i comuni di Fombio e Guardamiglio, all’altezza del colatore Mortizza e
Girala I e II, al fine di consentire il collegamento tra l’area prioritaria fiume Po e
l’area di secondo livello posta lungo lo stesso colatore Mortizza;
Piano di Governo del Territorio (P.G.T.) previsto dalla l.r. 12/2005.
“La realizzazione di un progetto di rete ecologica a livello locale deve prevedere:
- il recepimento delle indicazioni di livello regionale e di quelle, ove presenti,
livello provinciale, nonché il loro adattamento alla scala comunale;
- il riconoscimento degli ambiti e degli habitat di valore (presenti e di progetto)
4) tra i comuni di Fombio e Somaglia, a nord dell’abitato di Fombio e attraverso
che dovrà essere sottoposto a un regime di tutela o comunque ad una
la roggia Brembiolo, al fine di consentire il collegamento tra l’area prioritaria
destinazione d’uso dei suoli specifica al fine di garantirne la sua conservazione
fiume Po e l’area di secondo livello situata tra Fombio e Codogno.
e una corretta trasformazione nel tempo anche sotto il profilo della funzionalità
Il P.T.C.P. della Provincia di Lodi è stato approvato con Delibera di Consiglio
dell’ecosistema;
Provinciale n° 30 del 18 luglio 2005.
5) nel comune di San Rocco al Porto, a sud dell’abitato, a confine con la regione
Emilia Romagna, al fine di permettere il superamento dell’autostrada A1, della
linea ferroviaria MI-PC.
6) nel comune di Senna Lodigiana, al fine di permettere il collegamento tra l’area
do primo livello fiume Po ed il settore posto a nord, attraverso il superamento
dell’autostrada A1 situata a nord dell’abitato di Mirabello;
7) tra i comuni di Fombio e Santo Stefano Lodigiano, ad est del colatore
Mortizza, al fine di permettere il superamento del cantiere per la realizzazione
1.6.3.
Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale
- la definizione delle concrete azioni per attuare del progetto della rete ecologica,
Successivamente, in data 6 aprile 2009 è stata adottata da parte del Consiglio
la loro localizzazione, le soluzioni che ne consentono la realizzazione (ad
Provinciale la variante di adeguamento dello strumento alla L.R. 12/2005 e s.m.i..
esempio attraverso l’acquisizione delle aree, o accordi mirati con i proprietari),
L’avviso di adozione pubblicato sul BURL n. 8 del 6 aprile 2009. La L.R. 12/2005
la quantificandone dei costi necessari per le differenti opzioni;
e s.m.i. non prevede che la suddetta variante produca salvaguardia urbanistica,
- la precisazione degli strumenti per garantirne la sostenibilità economica
pertanto, agli effetti della verifica di compatibilità tra Documento di Piano e PTCP,
(introducendo quindi i meccanismi di perequazione, compensazione, possibili
il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale vigente mantiene appieno la
forme di convenzioni per la realizzazione di interventi).”
propria efficacia.
della rete ferroviaria ad alta velocità;
8) nel comune di San Rocco al Porto, a sud del colatore Mortizza, per consentire
l’attraversamento della linea ferroviaria MI-PC;
Esame del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale vigente
Il PTCP vigente - impostazione mantenuta anche dalla variante di adeguamento si esprime nella forma di indirizzi e di direttive per la scelta tra alternative di
2) Aree soggette a forte pressione antropica inserite nella rete ecologica
intervento e in quella di prescrizioni e di norme per uno sviluppo insediativo
Superfici urbanizzate: favorire interventi di deframmentazione; mantenere i varchi
compatibile e sostenibile dal punto di vista sia fisico - naturale che di quello
di connessione attivi; migliorare i varchi in condizioni critiche; evitare la
economico – sociale; il Piano si costituisce, altresì come un sistema di
dispersione urbana;
conoscenze da aggiornare sistematicamente e a cui riferire la valutazione delle
Infrastrutture lineari: prevedere, per i progetti di opere che possono incrementare
politiche e degli esiti attesi e l’aggiornamento delle stesse politiche e degli stessi
la frammentazione ecologica, opere di mitigazione e di inserimento ambientale.
esiti (piano-processo).
Prevedere opere di deframmentazione in particolare a favorire la connettività con
aree sorgente (Aree prioritarie) e tra aree sorgente.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
In ottemperanza alla riforma del Titolo V della Costituzione, che riconosce il
34
principio della leale collaborazione come elemento cardine della costruzione di
anche per il futuro, la tradizionale fisionomia rurale e l’identità culturale del
direttrici dello sviluppo urbano e la percezione degli elementi significativi del
prospettive di sviluppo sostenibili, il modello di piano adottato, propone e sollecita
lodigiano, nonché i collegati benefici ambientali ed i servizi sociali conseguenti,
paesaggio in coerenza con le indicazioni contenute nella Tavola 2.3.;
la condivisione di questo principio anche da parte dei Comuni; infatti, vengono
ponendo in essere tutte le azioni necessarie al fine di sostenere ed indirizzare lo
7. la promozione di forme insediative compatte escludendo la possibilità di forme
sollecitate le iniziative di concertazione tra Comuni, al fine di meglio organizzare e
sviluppo e l’adeguamento del sistema produttivo agricolo alle nuove esigenze di
insediative frammentate e polverizzate, anche al fine del contenimento dei
gestire le attività presenti sul territorio.
mercato e di offerta multifunzionale.
costi di infrastrutturazione primaria e di una migliore accessibilità, anche
L’ambito per la pianificazione concertata cui appartiene il Comune di
Il PTCP, assumendo come riferimento prioritario i caratteri di sensibilità del
pedonale ed ai servizi in coerenza con le indicazioni contenute nella Tavola
Ospedaletto Lodigiano è composto anche dai Comuni di Casalpusterlengo,
territorio provinciale, specifica gli indirizzi di intervento in quattro sistemi di indirizzi
2.4;
Livraga, Orio Litta, Senna Lodigiana e Somaglia (Ambito 6 Sistema centrale
di dettaglio.
8. la priorità, nelle scelte localizzative dello sviluppo insediativo, alla
policentrico).
riqualificazione funzionale e alla ristrutturazione urbanistica dei vuoti con
Indirizzi per l’inquadramento territoriale e urbanistico;
si prescrivono quattro
Il modello di piano adottato si basa su:
verifiche preventive rispetto alla identificazione degli obiettivi e delle scelte e in
• scelte che individuano i progetti di rilevanza provinciale e che interessano
particolare rispetto a:
alcuni corridoi strategici per le relazioni sovra regionali e alcuni nodi locali al
fine di sostenere le ipotesi insediative di portata strategica;
• criteri di copianificazione tra i soggetti coinvolti nel processo, dalle singole
1. la collocazione del singolo comune nell’ordinamento delle polarità provinciali
con riferimento all’Ambito di Pianificazione Concertata, e nel sistema delle
particolare attenzione alle frange urbane in coerenza con le indicazioni
contenute nella Tavola 2.4.;
9. la disincentivazione delle espansioni insediative lineari lungo le arterie stradali
e delle conurbazioni diffuse verificando le indicazioni contenute nella Tavola
2.4.;
relazioni intra e infra provinciali, nonché con il mosaico dei PRG dei Comuni
10. il rispetto delle “economie” fisico-organizzative del territorio, in quanto
limitrofi ai sensi della D.G.R. n. 5/60791 del 13.12.94 e con i necessari
l’orditura dei suoli coltivati, le rogge, i canali, i dugali, le strade poderali, ecc.,
• progetti integrati di intervento (dai Programmi di riqualificazione urbana e
approfondimenti connessi ai piani dei servizi redatti ai sensi della L.R. 1/2001;
oltre ad essere elementi costitutivi del paesaggio, sono componenti rilevanti
territoriale ai Patti territoriali ed ai Programmi integrati di sviluppo locale) che
2. le opportunità d’uso compatibili con le caratteristiche fisico-naturali dei suoli,
dell’economia dei luoghi e pertanto da considerare elementi da salvaguardare
alle diverse scale promuovano la partecipazione di soggetti pubblici e privati
presenti nella Tavola 1.1. – Progetti di rilevanza sovralocale: sistema fisico
evidenziando la convenienza di adottare procedure e scelte condivise,
naturale e paesistico; il Comune potrà verificare ed specificare le indicazioni
complementari e sinergiche.
con studi di maggior dettaglio concertati con la Provincia e con i comuni
Amministrazioni locali agli operatori privati.
limitrofi;
Questa scelta deve altresì coniugarsi con progetti e scelte di compensazione nei
3. il quadro delle conoscenze, messo a disposizione dal PTCP, unitamente alle
confronti delle aree non interessate direttamente dagli interventi promuovendo
indicazioni ed alle prescrizioni, al fine di programmare l’integrazione delle
attraverso i molti nuovi strumenti di programmazione, più tipi di accordo tra
informazioni disponibili presso il Sistema della conoscenza comunale (SIT
Comuni. In sintesi il piano si fonda su un sistema di indirizzi e di scelte che
comunale);
intendono realizzarsi sulla base di una partecipazione responsabile.
4. verifica dell'adeguatezza delle condizioni di accessibilità e contestualmente
assenza di impatti negativi sulle caratteristiche prestazionali e i livelli di
La struttura operativa del Piano
Il P.T.C.P. della Provincia di Lodi ha individuato due livelli operativi distinti ma
fortemente integrati:
• il primo definito Sistema della progettualità provinciale contiene le indicazioni
strategiche e le scelte progettuali di rilevanza e di interesse provinciale;
• il secondo, definito Sistema delle indicazioni per la pianificazione locale,
contiene le indicazioni che la progettazione comunale e di settore dovrà
assumere al fine di assicurare la compatibilità tra le trasformazioni
programmate e progettate a livello provinciale e l’utilizzo del territorio definito
alla scala locale.
Indirizzi e criteri per l’individuazione degli ambiti di sviluppo insediativo
Gli indirizzi e criteri per l’individuazione degli ambiti di sviluppo insediativo sono
definiti all’art. 13 degli indirizzi normativi. Il P.T.C.P. si propone di recepire ed
interpretare la componente territoriale della politica comunitaria dello sviluppo
rurale, quale delineata dall’Unione Europea consistente nell’accompagnamento
dell’agricoltura e della selvicoltura nel loro ruolo importante di gestione del
territorio e riconosce una specifica valenza alla permanenza di un attività agricola
redditizia nell’ambito del territorio provinciale, quale presupposto per assicurare,
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
servizio dell'offerta di trasporto (rete e servizi).
Indirizzi insediativi ambientali, paesistici, morfologici In questo senso i criteri
prioritari da adottare sono:
nella loro funzionalità.
Indirizzi per le aree agricole.
1. il consumo del territorio non urbanizzato e l'espansione dell'urbanizzazione
debbono costituire soluzione estrema cui ricorrere solo ove la
riorganizzazione delle aree già urbanizzate ed il massimo sfruttamento
possibile delle stesse e del patrimonio edilizio esistente siano risultati non
sufficienti, rispetto alle preminenti esigenze della comunità locale;
2. i processi di urbanizzazione e di infrastrutturazione devono assicurare la
massima compatibilità con i valori del territorio rurale e con l’organizzazione
della maglia aziendale, nonché perseguire la salvaguardia
dell'infrastrutturazione agraria del territorio promuovendo opportune iniziative
di compensazione e/o mitigazione;
3. l’edificazione di nuovi impianti o attrezzature destinate alla attività produttiva
1. la valorizzazione delle aree di particolare interesse paesistico-ambientale con
agricola deve avvenire in ambiti territoriali allo scopo individuati, considerando
riferimento alle indicazioni relative alla compatibilità d’uso contenute nella
in via prioritaria le caratteristiche paesaggistiche del territorio, il rapporto con
Tavola 2.1;
l’edificato e la viabilità esistente, la compatibilità ecologico-ambientale del
2. il mantenimento dell’identità del paesaggio rurale e delle valenze paesistiche
degli ampi ambiti non urbanizzati presenti al fine di garantire una sostenibilità
complessiva degli interventi di trasformazione dell’ambiente;
nuovo insediamento con le caratteristiche del sito;
4. il recupero e la valorizzazione dei manufatti di valore storico-artisticoambientale deve prioritariamente essere finalizzata al permanere delle attività
3. la riqualificazione dei paesaggi che hanno subito trasformazioni rilevanti
connesse con la produzione agricola: in via alternativa potranno essere
anche promuovendo lo sviluppo di strategie integrate per la protezione del
considerate destinazioni alternative, che da un lato garantiscano la migliore
patrimonio culturale minacciato e/o a rischio di degrado;
salvaguardia dei manufatti, dall’altro risultino coerenti con gli obiettivi di
4. l’attenzione ai caratteri storici dell’edilizia e delle strutture urbane anche di
valorizzazione paesistica del PTCP;
matrice rurale nella definizione degli interventi di riqualificazione urbanistica e
5. il recupero dell’edificato esistente, privo di valore storico-artistico-ambientale,
nelle scelte di viabilità urbana che devono assicurare il mantenimento
che risulti dismesso o che sia attualmente funzionale ad attività agricole
dell’identità degli itinerari storici;
marginali, può essere finalizzato anche a destinazioni non direttamente
5. la tutela dei valori paesistico-ambientali, considerando gli specifici indirizzi
redatti per gli ambiti a dominanza ambientale di valenza paesistica;
6. il rispetto degli andamenti morfologici dei suoli, porsi in continuità con le linee
connesse all’agricoltura, purché gli interventi proposti risultino coerenti con gli
obiettivi di valorizzazione paesistica del PTCP e con una adeguata
disponibilità di servizi e di infrastrutture.
35
Tutte le previsioni di crescita compatibili con il sistema delle indicazioni di cui alle
non risolvibili su scala comunale, formula alla Provincia una proposta di Piano di
tavole di indirizzo delle trasformazioni territoriali per i progetti previsti dal PTCP e
interesse sovracomunale. La Provincia attiva le procedure di concertazione
per la pianificazione comunale, di cui al precedente articolo 6, devono essere
predispone un Documento di programmazione insediativa d’ambito che,
verificate attraverso uno Studio di compatibilità agroforestale delle previsioni
recependo le istanze espresse dal comune proponente, verifica la compatibilità
di trasformazione dell’uso del suolo redatto ai sensi dell’articolo 35 degli
dell’intervento in modo contestuale con i comuni dell’Ambito di Pianificazione
indirizzi normativi in modo da verificare le interferenze con la struttura produttiva
Concertata e ed altri Enti coinvolti.
insediata, avendo riguardo agli indirizzi delle Attitudini funzionali del territorio
Le disposizioni di cui sopra non si applicano per la previsione di interventi di
rurale rappresentate nella Tavola 2.2. - Indicazioni di piano: sistema rurale.
rilevanza sovralocale definiti dal PTCP, per le quali si sono realizzate schede
Tavola 1.1. Progetti di rilevanza sovralocale: sistema fisico naturale e
paesistico
progettuali di dettaglio (cfr.., Allegato B – Schede dei progetti di rilevanza
sovralocale: sistema infrastrutturale ed insediativo), in quanto le stesse risultano
Indirizzi per la difesa del suolo e per la tutela idrogeologica.
1. evitare nelle aree caratterizzate da rischio idrogeologico la localizzazione di
attività e di opere pubbliche o di interesse pubblico destinate ad una fruizione
collettiva e in modo particolare di attività e di opere anche private che
possano limitare la capacità di invaso delle fasce fluviali e dei corsi d’acqua
minori;
2. prevedere nelle aree di deflusso dei corpi idrici il recupero, il miglioramento
ambientale e naturale delle forme fluviali e morfologiche residue, ricercando la
massima coerenza tra la destinazione naturalistica, l’assetto agricolo e
forestale (ove presente) e la funzionalità idraulica delle stesse;
3. individuare ambiti dove gli studi geologici redatti ai sensi della L.R. 41/97
debbano prevedere specifici approfondimenti da realizzarsi assumendo le
indicazioni di cui agli allegati 2 e 3 della D.G.R. 7/6645.
dimensionamento della componente endogena che esemplifica le modalità per
il calcolo del fabbisogno relativo alla crescita endogena che ciascun comune deve
redigere al fine di verificare l’adeguatezza del proprio dimensionamento
insediativo.
Per il Comune di Ospedaletto Lodigiano la superficie per l’espansione endogena
60.105 Mq con una
popolazione al 31/12/2012 pari a 1910 abitanti.
ANNO
2000
NOME COMUNE
Ospedaletto L.
Comuni dell’Ambito di Pianificazione Concertata e le Amministrazioni che abbiano
con il Comune promotore significative relazioni funzionali o paesistico-ambientali.
Il PTCP individua inoltre alcune tipologie di insediamenti per le quali si riconosce
la valenza sovracomunale in quanto poli attrattori e generatori di utenze
sovralocali o particolari infrastrutture e impianti tecnologici; tali tipologie sono
dettagliate all’art. 14 degli indirizzi normativi.
Progetti di rilevanza sovralocale
Il primo livello operativo riguarda come detto i progetti di rilevanza provinciale;
questi sono stati suddivisi in due categorie, la prima relativa al sistema fisico –
Per ognuna delle due categorie è stata elaborata una cartografia in cui sono stati
individuati i diversi progetti studiati:
• Tavola 1.1. Progetti di rilevanza sovralocale: sistema fisico naturale e paesistico;
• Tavola 1.2. Progetti di rilevanza sovralocale: sistema insediativo ed
infrastrutturale.
Inoltre per ogni progetto è stata realizzata una scheda di dettaglio in cui vengono
segnalati gli enti coinvolti nel progetto e, per quanto riguarda le schede relative ai
progetti del sistema fisico – naturale e paesistico, viene fornita la descrizione dei
temi progettuali, mentre per le schede relative ai progetti del sistema
POP. RESID.
SUP. TERRIT.
DENSITA'
TERRIT.
SUP.
URBANA PRO
I° SUP.
DESTINATA
(ab)
(kmq)
(ab/kmq)
CAPITE (mq/
ab)
ESP.
ENDOGENA )
8,44
185,78
408,16
51.199
1.568
negoziata, alla cui redazione partecipano la Provincia, le Amministrazioni dei
naturale e paesistico, la seconda relativa al sistema infrastrutturale ed insediativo.
Il PTCP ha predisposto l’Allegato D - Schede di lettura relative al
individuata dal PTCP della Provincia e ricalcolata è pari
già soggette a preventiva redazione di uno degli strumenti di programmazione
infrastrutturale ed insediativo, si riporta una descrizione dell’ambito considerato
suddivisa in forze – opportunità e debolezze – criticità.
Principali indicazioni desumibili dalla tavola:
-
2010
Ospedaletto L.
1.947
8,44
230,69
391,92
61.046
La quota di espansione endogena contabilizza per il soddisfacimento della
domanda locale è definita in base alla somma delle superfici destinate ad ospitare
funzioni residenziali, produttive e commerciali di nuova programmazione, o
programmate ma non ancora attuate, misurate al 31 dicembre dell’anno
precedente la data di adozione dello strumento urbanistico.
Laddove il comune ravveda la necessità di prevedere nel proprio strumento
SNC Progetti relativi a sistemi naturali complessi:
•
SNC C7 Guardalobbia
Le ulteriori indicazioni riportate nella tavola sono trattate a maggior dettaglio nelle
tavole riguardanti i singoli tematismi del PTCP.
Per quanto riguarda il progetto relativo ai sistemi naturali complessi individuato
dalla tavola, l’allegato A Schede dei progetti di rilevanza sovralocale: sistema
paesistico naturale contiene la scheda di dettaglio di seguito riportata.
urbanistico quote insediative di espansione eccedenti la soglia di soddisfacimento
della domanda locale, ovvero destinate al soddisfacimento di specifici fabbisogni
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
36
Tavola 1.2. Progetti di rilevanza sovralocale: sistema insediativo
ed infrastrutturale
Tavola 1.2. Progetti di rilevanza sovralocale: sistema insediativo
ed infrastrutturale
ß
Principali indicazioni desumibili dalla tavola:
-
AIR Progetti relativi ad ambiti insediativi rilevanti:
•
-
AIR B2 Ambito di Ospedaletto Lodigiano - Senna Lodigiana
EIR Progetti relativi ad elementi del sistema insediativo provinciale:
•
EIR A4 Attrezzatura di Nodo Asse medio padano e area di rilevanza
provinciale Somaglia
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
•
EIR A5 Attrezzatura funzionale Oasi Monticchie
•
EIR D2 Ospedaletto Lodigiano
SIR Sistemi insediativi rilevanti
37
•
SIR A1 Corridoio multimodale Alta Velocità
•
SIR B1 Autostrada A1/E35 Milano - Bologna
•
SIR C2 SP exSS234 Pavia - Casalpusterlengo - Codogno - Cremona
•
SIR D3 SP 107 Lodi - Livraga
Le ulteriori indicazioni riportate nella tavola sono trattate a maggior dettaglio nelle
tavole riguardanti i singoli tematismi del PTCP.
Per quanto riguarda i progetti relativi ad ambiti insediativi rilevanti
e i progetti
relativi ad elementi del sistema insediativo provinciale l’allegato A Schede dei
progetti di rilevanza sovralocale: sistema infrastrutturale ed insediativo contiene le
schede di dettaglio di seguito riportate.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
38
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
39
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
40
Indicazioni per la progettualità locale
Il secondo livello operativo invece, riguarda le indicazioni per la progettualità
Tavola 2.1 Indicazioni di piano: sistema fisico naturale
locale.
La documentazione è composta dagli Indirizzi Normativi e dalla cartografia di
piano costituita da quattro tavole: due relative al sistema fisico – naturale, una
relativa al sistema paesistico e la rimanente relativa al sistema insediativo ed
infrastrutturale.
Nello specifico:
• Tavola 2.1 Indicazioni di piano: sistema fisico naturale
• Tavola 2.2 Indicazioni di Piano: sistema rurale
• Tavola 2.3 Indicazioni di piano: sistema paesistico e storico culturale
• Tavola 2.4 Indicazioni di piano: sistema insediativo ed infrastrutturale
Negli elaborati cartografici di progetto del PTCP, e nei relativi Indirizzi Normativi
sono riportati i livelli di cogenza normativa previsti per ogni ambito, sistema ed
elemento individuato:
• livello 1 - Indirizzi e direttive che gli strumenti di piano comunale e di settore
debbono articolare e sottoporre a verifica, anche coinvolgendo gli Ambiti di
Pianificazione Concertata laddove l’oggetto di attenzione non si esaurisca nel
territorio di un comune;
•
livello 2 - Indirizzi e direttive che gli strumenti di piano comunale e di settore
debbono verificare in fase di redazione; eventuali scostamenti debbono
essere concertati con la Provincia che verificherà la compatibilità degli stessi
con gli obiettivi definiti dal PTCP;
•
livello 3 - Prescrizioni che gli strumenti di piano comunale e di settore, nonché
gli operatori pubblici e privati, debbono rispettare;
•
livello 4 - Prescrizioni di fonte diversa da quella provinciale che gli strumenti di
piano comunale e di settore, nonché gli operatori pubblici e privati, debbono
rispettare.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
41
Nella prima tavola sono stati evidenziati gli elementi di maggior rilevanza relativi al
sistema fisico naturale. Questa carta rappresenta l’insieme degli elementi
individuati come significativi dalla ricognizione analitica effettuata che ha avuto
come scopo la valutazione del quadro ambientale provinciale per l’individuazione
della Rete dei valori ambientali.
Principali indicazioni per il Comune di Ospedaletto Lodigiano:
AMBITI
Aree di protezione dei valori ambientali (elementi del II livello) (art. 26.3) livello prescrittivo 2
Localizzazione:
lungo il confine orientale del comune in corrispondenza del corso della Roggia
Guardalobbia
Indirizzi:
In base agli Indirizzi Normativi, le attenzioni prioritarie da assumere sono:
- la tutela degli elementi paesaggistici caratteristici con particolare attenzione alla
presenza di coni visuali di rilevante interesse;
- l’attenta gestione delle risorse naturali presenti, che hanno una funzione di
completamento e di salvaguardia delle componenti di primo e secondo livello della
Rete dei valori ambientali;
- la corretta gestione delle risorse ambientali, tra cui la limitazione del carico
inquinante, anche attraverso la protezione della risorsa idrica nelle aree depresse e
la forte limitazione degli usi del suolo incompatibili con la tutela del suolo;
- il contenimento della crescita insediativa e la razionalizzazione del disegno dei centri
abitati, evitando fenomeni di crescita incoerente con la loro matrice storica;
- il favorire la formazione di ambienti interconnessi con un carattere di rilevante
naturalità, seppur di limitata estensione, anche attraverso la tutela dei canali con forte
valenza ambientale e, dove possibile, l’inserimento di elementi di maggiore naturalità
in quelli rettilinei, recuperando e valorizzando le frange boscate e le zone umide,
integrandole con i nuovi ecosistemi;
- il tutelare gli elementi tradizionali della struttura agraria quali le maglie poderali, gli
elementi della rete irrigua e, dove presenti, i fontanili e le zone umide, recuperandoli
e valorizzandoli attraverso il mantenimento delle cortine verdi e la ricostruzione degli
ambienti degradati con riferimento alle indicazioni contenute nel Piano di Indirizzo
Forestale relativamente alle specifiche attitudini funzionali ed in modo coerente con
le tipologie forestali identificate;
- il contenimento dell’azione antropica favorendo ed incentivando le pratiche più
idonee e capaci di meglio caratterizzare l’elevata valenza paesistico-ambientale di
questi ambiti. Questa valorizzazione potrà prevedere il recupero in senso
naturalistico delle aree di risulta limitrofe alle infrastrutture ed ai canali e il
mantenimento, laddove compatibile con le esigenze di deflusso idraulico,
dell’andamento meandriforme dei corsi d’acqua;
- il contenimento dell’azione antropica incentivando il recupero degli ambiti insediativi
al fine di salvaguardare la compromissione del suolo agricolo e prioritariamente
quello di migliore capacità produttiva;
- la valorizzazione di elementi di interesse idraulico di particolare pregio ingegneristico
e paesaggistico. Questa azione costituisce un’occasione per realizzare, attraverso
adeguate politiche di tutela e di valorizzazione dei siti, ambiti di elevato interesse
progettuale e di convergenza tra la rete dei corridoi ecologici, che si appoggia anche
a canali artificiali, e la valorizzazione degli elementi storico-architettonici di matrice
idraulica, presenti nell’area;
- il regolare la crescita insediativa considerando l’orditura storica degli insediamenti e
tutelando la morfologia e l’organizzazione del territorio, la sensibilità dei suoli e la
presenza di elementi di pregio paesaggistico e naturalistico.
Le Aree di protezione dei valori ambientali - Elementi del terzo livello della Rete dei
valori ambientali rappresentano ambiti idonei all’attivazione delle procedure per il
riconoscimento di PLIS ai sensi della D.G.R. n. 6/43150 del 21 maggio 1999 alla luce
delle competenze delegate di cui alla D.G.R. n. 7/6296 del 1 ottobre 2001 e i criteri di
cui all’Allegato 1. La loro istituzione potrà avvenire prevedendo interventi parziali al fine
di arrivare in modo graduale alla implementazione del PLIS nella strumentazione
urbanistica comunale, verificando le peculiarità territoriali e le indicazioni contenute nel
Piano di Indirizzo Forestale relativamente alle specifiche attitudini funzionali. In queste
aree potranno essere previsti interventi di ricongiunzioni di cenosi forestali frammentate
e di rimboschimento compensativo ai sensi del D.Lgs. n. 227 del 18 maggio 2001.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Aree di conservazione e ripristino dei valori di naturalità dei territori
agricoli - quarto livello della rete dei valori ambientali (livello prescrittivo
1) - art. 26.4
Localizzazione:
porzione sud-ovest del territorio comunale a sud del limite esterno della fascia C del PAI
Indirizzi:
Gli indirizzi normativi per tali aree prevedono i seguenti obiettivi:
- la tutela dei fattori produttivi dell’attività agricola, quali il suolo e le infrastrutture
agricole;
- la tutela e la valorizzazione del paesaggio agricolo e comporta una maggiore
attenzione alla localizzazione e realizzazione dei manufatti di supporto all’attività
agricola anche in funzione del contesto ambientale e paesaggistico in cui vengono
insediate.
In particolare, nelle aree di conservazione o ripristino dei valori di naturalità dei territori
agricoli, coerentemente con le differenti sensibilità del territorio, occorre prevedere che
gli interventi risultino finalizzati a:
- favorire la valorizzazione del paesaggio agrario anche usufruendo degli attuali
finanziamenti previsti dal regolamento CE 1257/99, e attivando, in modo coerente
con il Piano Agricolo Triennale Provinciale, politiche locali di finanziamenti, di
erogazione di servizi o di facilitazioni. Queste iniziative saranno orientate al ripristino,
al mantenimento ed al consolidamento dei filari arborei ed arbustivi, alla tutela di prati
stabili e delle marcite, dove la vocazione agronomica o la fragilità del territorio
consentono tali colture, e ad un’edificazione attenta anche alle esigenze di carattere
paesaggistico;
- limitare alle sole necessità dell’attività agricola, e compatibilmente con la morfologia
del territorio e la presenza di elementi di pregio naturale, la realizzazione delle attività
di scavo finalizzate al miglioramento della gestione dei fondi agricoli e la
movimentazione di inerti necessari allo svolgimento delle ordinarie pratiche agricole;
- conservare e valorizzare il patrimonio edilizio di interesse storico, culturale,
architettonico e paesaggistico costituito dalle cascine, soprattutto di quelle a corte
segnalate anche dal PTPR, in un’ottica di massimo e prioritario utilizzo per le
esigenze connesse alle attività agricole e a quelle di funzioni legate al turismo rurale;
- prevedere che gli interventi di recupero e di nuova edificazione nelle aree agricole,
che trovano i loro riferimenti normativi nella L.R. 93/80, devono essere collocati
all’interno di un quadro di riferimento che consideri fattori legati ai caratteri del
contesto paesistico-ambientale, a quelli storico-architettonici degli edifici e alle
esigenze funzionali delle attività agricole
- tutelare i filari arborei ed arbustivi esistenti e favorire la ricostituzione di quelli che
evidenziano i limiti della parcellizzazione poderale o che sottolineano la trama degli
elementi storici (strade, ferrovie, corsi d’acqua);
- tutelare i segni morfologici del territorio, quali gli orli di terrazzo di erosione, le
rilevanze geomorfologiche secondarie e i piccoli dossi, anche attraverso la
valorizzazione paesaggistica e naturale da attuare tramite la formazione di cortine
arbustive e la realizzazione di opere funzionali anche al mantenimento di tali segni;
- favorire il recupero e la valorizzazione dei tracciati storici e la maglia strutturale del
paesaggio, come indicato dal PTPR, anche attraverso l’uso di elementi verticali quali
le piantumazioni;
- recuperare e valorizzare gli spazi di risulta e le strade alzaie al fine di facilitare la
fruizione dei luoghi attraverso la realizzazione di piste ciclabili e di luoghi di sosta;
- tutelare i corsi d’acqua artificiali di valenza storica, che spesso rappresentano
elementi di elevato interesse paesistico e a cui spesso si associa una significativa
valenza ecologica
Aree ad alta vulnerabilità degli acquiferi (art. 23.1.1. lett. C) – livello
prescrittivo 3
Localizzazione:
porzione sud-ovest del territorio comunale in corrispondenza delle aree di
conservazione e ripristino dei valori di naturalità dei territori agricoli
Indirizzi:
Le aree ad alta vulnerabilità degli acquiferi individuano ambiti di maggiore sensibilità
relativamente ai temi della vulnerabilità e che pertanto segnalano una minore
compatibilità alla localizzazione di attività antropiche.
Ai sensi delle direttive attuative della L.R. 41/97 approvate con D.G.R. n. 7/6645 del 29
ottobre 2001 i Comuni sono tenuti, in sede di formazione e adozione degli strumenti
urbanistici generali o loro varianti, a predisporre uno studio geologico che, assumendo
le indicazioni di cui al D.Lgs. 152/99 “Disposizioni sulla tutela delle acque
dall’inquinamento e recepimento della direttiva 91/271/CEE concernente il trattamento
delle acque reflue urbane e della direttiva 91/676/CEE relativa alla protezione delle
acque dall’inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole”, individui
indirizzi normativi specifici da prevedere relativamente alla trasformazione del territorio
agricolo.
Zone umide (art. 20.3 e 22.3) – livello prescrittivo 3
Localizzazione:
lungo la Roggia Guardalobbia in corrispondenza della SP 234
Indirizzi:
Le zone umide - quali paludi, bodri, lanche, bugni e laghetti di cava rinaturalizzati costituiscono biotopi di elevato interesse ecologico e naturalistico e rivestono un ruolo
importante in termini di biodiversità.
Gli indirizzi del PTCP sono la valorizzazione degli elementi esistenti e la creazione di
habitat palustri, eventualmente connessi ad impianti di depurazione, come ultimo stadio
del processo (ecosistemi filtro) e la possibile fruizione a scopo didattico. Gli interventi
ammessi per tali elementi devono risultare funzionali al raggiungimento degli obiettivi
del PTCP specie con le indicazioni di valorizzazione previste dal progetto di Rete dei
valori ambientali.
Per questi elementi non sono consentiti interventi di carattere edificatorio e interventi di
trasformazione o di manomissione diretta ed indiretta sino ad un intorno di 50 m.,
nonché qualsiasi intervento che ne depauperi il grado di naturalità; per il recupero ed il
potenziamento naturalistico di questi ambiti risultano da assumere le indicazione
contenute nel Piano di Indirizzo Forestale che individua riferimenti operativi e definisce
specifiche tipologie di intervento.
Aree funzionali al completamento della Rete dei valori ambientali già
recepite dai PRG (art. 26.7) – livello prescrittivo 3
Localizzazione:
Area compresa tra la SP 126 e la via per Senna comprendente il cimitero ed individuata
dal PRG come parco urbano.
Indirizzi:
I comuni, nella redazione del proprio strumento urbanistico, dovranno prevedere in
questi ambiti la localizzazione di funzioni compatibili con i caratteri di naturalità delle
aree.
In questi ambiti il PTCP prevede che gli interventi risultino finalizzati:
- al recupero ed alla salvaguardia delle caratteristiche naturali degli alvei evitando
l’alterazione degli elementi geomorfologici presenti;
- a recuperare e valorizzare gli spazi liberi al fine di facilitare la fruizione dei luoghi
attraverso la realizzazione di parchi urbani;
- ad insediare attrezzature pubbliche o di interesse pubblico, con particolare riguardo
al verde, gioco e sport;
- a tutelare i filari arborei ed arbustivi esistenti e favorirne la ricostituzione laddove
mancanti
SISTEMI
Limite degli ambiti fluviali dei corpi idrici principali e delle relative aree di
pertinenza idraulica - Fasce definite limite fasce P.A.I.: limite esterno
della fascia C (livello prescrittivo 4) - art. 23.1.1. lettera a)
Il PTCP assume come indicazione quanto contenuto nell’art. 31 - Area di inondazione
per piena catastrofica (Fascia C) delle Norme di Attuazione del PAI.
I Comuni interessati (totalmente o parzialmente) dagli ambiti delle fasce C sono tenuti a
conformare le loro previsioni alle delimitazioni e alle relative disposizioni definite dalla
Regione e a recepire le indicazioni di cui alla D.G.R. n. 7/7365 “Attuazione del Piano
Stralcio per l’Assetto idrogeologico del bacino del fiume Po (PAI) in campo urbanistico”.
I comuni i cui territori rientrano completamente o parzialmente nelle fasce C del PAI,
anche al fine di migliorare l’efficacia dell’azione di prevenzione, all’atto della
elaborazione della documentazione di cui alla L.R. 41/97 come integrata dalla D.G.R. n.
7/6645 del 29 ottobre 2001 “Approvazione direttive per la redazione dello studio
geologico ai sensi dell’art. 3 della LR 41/97”, debbono effettuare una verifica della
compatibilità idraulica e idrogeologica delle previsioni degli strumenti urbanistici vigenti
con le condizioni di rischio, presenti o potenziali, rilevate nella citata cartografia di
Piano, avvalendosi delle analisi di maggior dettaglio eventualmente disponibili in sede
regionale o provinciale.
Il PAI indica inoltre il “limite di progetto tra la fascia B e la fascia C”, ovvero i tratti in cui
sono programmate opere idrauliche per la difesa del territorio. Nei territori della fascia C
immediatamente retrostanti il limiti di progetto tra la fascia B e la fascia C i Comuni
competenti sono tenuti a valutare le condizioni di rischio mediante studi di valutazione
della compatibilità idraulica di cui al successivo articolo 34 e al fine applicare anche
parzialmente, fino all’avvenuta realizzazione delle opere, i disposti dell’articolo 30 delle
Norme Attuative del PAI.
42
Aste della rete dei canali di rilevante valore ambientale (art. 26.9) – livello
prescrittivo 2
Localizzazione:
Tavola 2.2 Indicazioni di Piano: sistema rurale
differenti classi di capacità d’uso agricolo dei suoli è stato la Land Capability
Classification – U.S.D.A. 1961.
Il risultato così ottenuto ha messo in evidenza quelle parti di territorio aventi
Roggia Guardalobbia, confine orientale.
Indirizzi:
un’alta vocazione all’uso agricolo. Tale elemento pare di particolare interesse nel
Per questi corpi idrici le normative, fatte salve le esigenze di sicurezza idraulica stabilite
dai Consorzi di Bonifica e di Irrigazione competenti, specificano le seguenti indicazioni:
- gli interventi di manutenzione devono tendere al recupero ed alla salvaguardia delle
caratteristiche naturali degli alvei;
- la manutenzione ed il ripristino, anche parziale, delle opere in alveo deve prevedere
gli opportuni accorgimenti per assicurare il mantenimento della continuità biologica
del corso d’acqua e deve essere realizzata assumendo in sede progettuale i criteri
dell’ingegneria naturalistica;
- la manutenzione e l’eventuale ripristino delle opere infrastrutturali che attraversano le
aste individuate deve avvenire garantendo il rispetto delle condizioni di naturalità
verificate in sede di progetto, prima dell’intervento, e la contestuale predisposizione
delle opportune misure di sicurezza per scongiurare danni irreversibili all’ambiente
naturale ed in particolare alla vegetazione ripariale;
- la realizzazione di eventuali opere infrastrutturali da realizzare, tangenti o intersecanti
il corso idrico, dovrà essere accompagnata da uno Studio di compatibilità paesisticoambientale di cui all’articolo 33.
momento in cui ci si trova in condizione di dover operare le scelte insediative di
dettaglio, proprie della pianificazione comunale, in quanto la tavola contiene
indicazioni riguardo a quali siano le parti del territorio/risorsa suolo, di particolare
interesse per la conduzione agricola e pertanto “da non intaccare”.
Principali indicazioni per il Comune di Ospedaletto Lodigiano:
Ambito agricolo di filtro (art. 27.3) - livello prescrittivo 3
Localizzazione:
Fascia lungo il confine orientale del comune in corrispondenza del corso della Roggia
Guardalobbia
Indirizzi:
Le azioni da privilegiare in queste zone perseguono l’obiettivo dell’abbattimento degli
inquinanti di natura agricola trasportati dalle acque superficiali.
Per queste zone, in coerenza con le indicazioni di cui al precedente articolo 26 ed in
attuazione del progetto di Rete dei valori ambientali, sono prioritariamente da
prevedere:
- Creazione di fasce tampone;
- Formazione di impianti arborei per la produzione di biomassa;
- Costituzione di ambienti di fitodepurazione.
ELEMENTI DI CRITICITA’ E DEGRADO
Principali impianti per il recupero e lo smaltimento dei rifiuti (art. 30.3) –
livello prescrittivo 3
Localizzazione:
Via Enrico Fermi
Indirizzi:
Per questi siti, fatte salve specifiche indicazioni previste dal Piano per lo smaltimento dei
rifiuti solidi urbani e di quelli assimilabili, il PTCP prevede di:
- verificare la localizzazione degli impianti in funzione finalizzata alla minimizzazione
dell’impatto sull’ambiente, sul paesaggio e sulla viabilità, sia dei possibili recuperi di
elementi critici;
- favorire il recupero delle aree a discarica, subordinando l’autorizzazione della
coltivazione di nuovi lotti al contemporaneo recupero di quelli precedenti;
- incentivare la realizzazione di impianti differenziati per il recupero del materiale di
scavo e di demolizione ad esempio prevedendo discariche di inerti;
- sostenere sistemi di monitoraggio dell’impatto sull’ambiente da parte delle soluzioni
impiantistiche adottate.
Il Comune, in sede di adeguamento dello strumento urbanistico al PTCP individua,
attraverso la relazione geologica redatta ai sensi della L.R. 41/1997, eventuali situazioni
di criticità, in atto o potenziale, con specifico riferimento alle tipologie di attività e/o di
lavorazione presenti.
Ambito agricolo di pianura irrigua (art. 27.7) - livello prescrittivo 3
Localizzazione:
porzione del territorio comunale a nord della SP 234 esterna all’urbanizzato
Indirizzi:
Per queste aree sono prioritariamente da prevedere azioni rivolte al perseguimento dei
seguenti obiettivi:
- Consolidamento e sviluppo della qualità e dell’efficienza del sistema produttivo
agricolo mediante:
• L’insediamento di imprese di trasformazione di materie prime locali;
• Interventi strutturali per l’introduzione della trasformazione aziendale dei prodotti
agricoli;
• Interventi per l’adeguamento strutturale e tecnologico delle aziende agricole rivolti
alla qualità di prodotto e di processo;
• La dismissione degli impianti obsoleti e la riconversione delle strutture dimesse
per funzioni compatibili con il contesto rurale;
• La realizzazione di circuiti enogastronomici ed interventi per la vendita diretta di
prodotti agroalimentari locali;
- Rafforzare gli aspetti multifunzionali dell’agricoltura lodigiana per preservare le realtà
produttive minori e tutelare l’ambiente e il territorio mediante:
• L’incentivazione dell’agriturismo;
• L’introduzione di colture energetiche ed interventi di incentivazione della
trasformazione dei prodotti agricoli per la produzione di energia pulita;
• La tutela idrogeologica e ambientale;
- Favorire lo sviluppo di un sistema ambientale e per l’impresa sostenibile mediante:
• La salvaguardia delle unità produttive e della continuità delle superfici agricole;
• Lo sviluppo delle foreste e delle superfici boscate;
• La gestione razionale delle risorse idriche e la tutela delle acque da inquinanti;
• Interventi per la migliore gestione economica ed ambientale dei reflui zootecnici;
• La produzione di colture agricole secondo tecniche di minore impatto ambientale;
• La manutenzione ed il miglioramento delle infrastrutture e della logistica al servizio
delle imprese agricole.
La seconda tavola è stata realizzata al fine di approfondire la conoscenza sul
valore pedologico dei suoli agricoli. Il riferimento utilizzato per individuare le
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
43
Ambito agricolo di pianura di colo (art. 27.8) – livello prescrittivo 3
Localizzazione:
porzione del territorio comunale a sud della SP 234 esterna all’urbanizzato
Indirizzi:
Per queste aree sono prioritariamente da prevedere azioni rivolte al perseguimento dei
seguenti obiettivi:
- Consolidamento e sviluppo della qualità e dell’efficienza del sistema produttivo
agricolo mediante
• L’insediamento di imprese di trasformazione di materie prime locali;
• Interventi strutturali per l’introduzione della trasformazione aziendale dei prodotti
agricoli;
• Interventi per l’adeguamento strutturale e tecnologico delle aziende agricole rivolti
alla qualità di prodotto e di processo;
• La dismissione degli impianti obsoleti e la riconversione delle strutture dimesse
per funzioni compatibili con il contesto rurale;
• La realizzazione di circuiti enogastronomici ed interventi per la vendita diretta di
prodotti agroalimentari locali;
- Rafforzare gli aspetti multifunzionali dell’agricoltura lodigiana per preservare le realtà
produttive minori e tutelare l’ambiente e il territorio mediante:
• L’incentivazione dell’agriturismo;
• L’introduzione di colture energetiche ed interventi di incentivazione della
trasformazione dei prodotti agricoli per la produzione di energia pulita;
• La tutela idrogeologica e ambientale;
- Favorire lo sviluppo di un sistema ambientale e per l’impresa sostenibile mediante:
• La salvaguardia delle unità produttive e della continuità delle superfici agricole;
• La gestione razionale delle risorse idriche e la tutela delle acque da inquinanti;
• Interventi per la migliore gestione economica ed ambientale dei reflui zootecnici;
• La produzione di colture agricole secondo tecniche di minore impatto ambientale;
• La costituzione di siepi e filari, la conservazione delle formazioni lineari;
• La realizzazione d impianti arborei a rapido accrescimento, per la produzione di
biomassa, con latifoglie di pregio;
• La manutenzione ed il miglioramento delle infrastrutture e della logistica al servizio
delle imprese agricole.
Margini di interazione con i valori del territorio rurale (art. 27.11) – livello
prescrittivo 3
Localizzazione:
Tavola 2.3 Indicazioni di piano: sistema paesistico e storico culturale
- Margine sud dell’urbanizzato
- Margine nord della zona prevista dal PRG vigente a destinazione produttivo commerciale a nord della SP 234 in corrispondenza del nuovo tracciato della SP 234
di raccordo con la viabilità che conduce al casello autostradale della A1
- Percorso della SP 107
- Percorso della variante alla SP 126 individuata nella tavola di PTCP
- Tratto dell’Autostrada A1 compreso tra la SP 234 ed il casello di Ospedaletto
Lodigiano
- Tratto della Roggia Guardalobbia a sud del tracciato ferroviario
- Margine dell’urbanizzato del Comune di Senna Lodigiana al confine con Ospedaletto
Lodigiano
Indirizzi:
I margini di interazione con i valori del territorio rurale rappresentano un elemento
esplicito di separazione tra gli ambiti prioritariamente e/o esclusivamente dedicati
all’attività agricola individuati nella cartografia con riferimento alle specifiche attitudini
funzionali e gli ambiti in diretta relazione con il tessuto urbano, con le aree urbanizzate e
con ambiti, sistemi ed elementi di rilevante valore paesistico - ambientale.
Il PTCP ha proceduto ad una prima individuazione di questi elementi; la progressiva
implementazione potrà avvenire a partire dalla attuazione delle scelte insediative
contenute nei PRG e dalla realizzazione delle progettualità ambientali, paesistiche ed
infrastrutturali previste dal Piano.
Tavola 2.3 Indicazioni di piano: sistema paesistico e storico culturale
Ambiti rurali in diretta relazione con il tessuto urbano e con le aree
urbanizzate (art. 27.10) – livello prescrittivo 3
Localizzazione:
territorio agricolo compreso tra il nucleo urbano e la Cascina Mandella
Indirizzi:
Gli ambiti rurali in diretta relazione con il tessuto urbano e con le aree urbanizzate sono
delle zone rurali che si pongono in diretta relazione con i centri urbani e le aree edificate
esistenti e/o previste dalla pianificazione comunale per le quali, in considerazione del
rapporto di contiguità e/o connessione con l’urbanizzato, la continuità dell’attività
primaria assume particolare rilevanza in relazione agli effetti benefici garantiti dalla
permanenza dell’agricoltura a vantaggio della popolazione urbana insediata, sia in
termini di equilibratore di effetti ambientali nocivi, sia in termini di erogazione di servizi
alla collettività assicurati dallo sviluppo multifunzionale dell’attività agricola.
Per queste zone sono prioritariamente da prevedere:
- Interventi di forestazione urbana;
- Realizzazione di formazioni lineari, siepi e filari;
- Infrastrutture per la fruizione: piste ciclabili ecc.;
- Promozione di forme di agricoltura biologica ed integrata;
- Interventi rivolti all’introduzione dell’agriturismo e di servizi connessi di turismo rurale,
ivi comprese forme di vendita diretta di prodotti agricoli, anche attraverso
l’incentivazione di interventi edilizi per l’adeguamento e la conversione di edificato
rurale preesistente;
- Interventi per la riduzione di disturbi ed effetti nocivi arrecati alla popolazione
residente dalla presenza di allevamenti intensivi e/o altra attività agricole a più
elevato impatto ambientale;
- Interventi rivolti al recupero ed alla valorizzazione dell’edificato agricolo tradizionale
dismesso.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
In questa tavole è stato rappresentato l’insieme degli elementi individuati come
significativi dalla ricognizione analitica effettuata che ha avuto come scopo la
valutazione della rilevanza paesistica provinciale.
44
Principali indicazioni per il Comune di Ospedaletto Lodigiano:
AMBITI
Ambiti caratterizzati dalla presenza di elementi geomorfologici rilevanti
(art. 28.1) – livello prescrittivo 1
Localizzazione:
fascia centrale del territorio comunale, lungo l’orlo di terrazzo, comprendente anche il
tessuto urbanizzato residenziale
Indirizzi:
Per questi ambiti le normative specificano le seguenti indicazioni:
- promuovere la conservazione dello stato di naturalità dei luoghi evitando alterazioni
dirette o indotte dall’edificazione;
- salvaguardarne la presenza in quanto i loro andamenti sinuosi arricchiscono il
paesaggio;
- attivare politiche volte alla rinaturalizzazione delle situazioni di degrado paesistico
ambientali mediante l’utilizzo di criteri dell’ingegneria naturalistica;
- salvaguardarne la presenza in quanto i loro rilievi sono elementi di “rottura” e di
arricchimento paesistico nella distesa del piano campagna;
- subordinare ogni nuovo intervento di tipo infrastrutturale alla redazione di uno Studio
di compatibilità paesistico-ambientale di cui all’articolo 33 degli indirizzi normativi.
Ambiti caratterizzati da rilevante presenza di elementi vegetazionali (art.
28.2) – livello prescrittivo 1
Localizzazione:
porzione del territorio comunale a sud del centro sportivo di via Cascinetta, porzione
nord est del territorio comunale attorno alla roggia Guardalobbia
Indirizzi:
Da una verifica sul territorio è emerso che gli elementi vegetazionali rilevanti
presenti alla data odierna sono coltivazioni arboree (pioppeti razionali) e risultano
ridimensionati rispetto l’indagine di PTCP. Sicuramente non possono essere
Gli indirizzi normativi specificano che una volta verificate le presenze vegetazionali,
assumendo le indicazioni del Piano di Indirizzo Forestale con specifico riferimento alle
tendenze evolutive ed agli indirizzi selvicolturali, sono da promuovere azioni e
programmi di tutela finalizzati:
- all’utilizzo di pratiche selvicolturali improntate a criteri naturalistici, al fine di evitare di
ridurre la superficie delle aree o la sostituzione con altre colture;
- all’incentivazione all’utilizzo di specie arboree, arbustive e erbacee autoctone, al fine
di evitare processi di trasformazioni estranee al profilo vegetazionale;
Ogni nuovo intervento di tipo infrastrutturale dovrà essere accompagnato da uno Studio
di compatibilità paesistico-ambientale di cui all’articolo 33 degli indirizzi normativi.
SISTEMI
considerati boschi.
Aste della rete dei canali e dei corsi d’acqua di valore storico (art. 28.5) –
livello prescrittivo 3
Localizzazione:
Roggia Nuova di Guardalobbia e Roggia Guardalobbia
Indirizzi:
Per questi corpi idrici le normative specificano le seguenti indicazioni:
- per i navigli, i canali e le rogge di cui è accertabile la presenza anteriormente alla
prima cartografia IGM la tutela si esercita sugli elementi propri e su quelli di
connessione ed integrazione al territorio, in relazione ai valori della memoria storica e
di caratterizzazione e fruibilità del paesaggio così come meglio specificato negli
Indirizzi di Tutela del PTPR;
- per i corpi idrici compresi nella Rete dei valori ambientali di primo e di secondo livello,
la normativa del PGT dovrà prevedere una fascia di salvaguardia a tutela dell’identità
dell’elemento idrico e del contesto ambientale circostante come previste per i corsi
d’acqua naturali e artificiali vincolati ai sensi dell’articolo 142, lettera c) del D.Lgs. 22
gennaio 2004, n.42, iscritti nell’elenco di cui alla D.G.R. n. 4/12028 del 25.07.1986
- gli interventi di manutenzione, fatte salve le esigenze di sicurezza idraulica stabilite
dai Consorzi di Bonifica e di Irrigazione competenti, devono tendere al recupero ed
alla salvaguardia delle caratteristiche naturali degli alvei prevedendo la salvaguardia
della configurazione del tracciato e dei manufatti di più antica realizzazione che su di
esso insistono;
- la manutenzione e l’eventuale ripristino delle opere infrastrutturali che attraversano le
aste individuate deve avvenire garantendo il rispetto delle condizioni di naturalità
verificate in sede di progetto, prima dell’intervento, e la contestuale predisposizioni
delle opportune attenzioni alle caratteristiche dei manufatti da realizzare con
particolare attenzione agli aspetti progettuali relativi alla forma degli elementi
progettati ed ai materiali utilizzati specie in relazione ad ambiti paesistici rilevanti;
- la realizzazione di eventuali opere infrastrutturali da realizzare, tangenti o intersecanti
il corso idrico, dovrà essere accompagnata da uno Studio di compatibilità paesistico
ambientale di cui all’art. 33 degli indirizzi normativi.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Aree a forte caratterizzazione morfologica, rete dell’assetto idraulico
agrario (art. 28.4) – livello prescrittivo 2
Il PTCP individua aree che hanno mantenuto una caratterizzazione morfologica
riconducibile alla rete dell’assetto idraulico – agrario del territorio ed una presenza
rilevante di elementi vegetazionali lineari.
La tutela paesistica di questi ambiti deve essere sostenuta da politiche tese ad evitare
una crescita indiscriminata della monocoltura e la perdita di un documento della
memoria storica quale il tracciato delle linee della orditura della rete irrigua e di
organizzazione della rete agricola.
Gli indirizzi normativi prevedono livelli di attenzione diversificati da riservare alle
trasformazioni antropiche. In particolare:
- prevedere che la progettazione delle infrastrutture e delle aree di espansione
insediativa risulti attenta ed orientata al mantenimento del disegno della tessitura,
evitando le interruzioni, l’abbandono o la manomissione dei tracciati delle colture
arboree e arbustive, al contrario da considerare come elementi ordinatori delle nuove
eventuali configurazioni morfologiche;
- la tutela paesistica del PRG deve prevedere azioni e programmi di tutela finalizzati:
• al riconoscimento ed al mantenimento dell’organizzazione della viabilità
interpoderale;
• alla riorganizzazione della rete irrigua orientata secondo le trame esistenti;
• all’incentivazione della difesa della vegetazione di alto fusto e dei sistemi
vegetazionali complessi.
Aste della rete dei canali di supporto all’attività agricola (art. 28.6) – livello
prescrittivo 1
Localizzazione:
Rogge Guardalobbia, Roggione, Somaglia e altre aste minori
Indirizzi:
Vengono identificate dagli indirizzi normativi come l’insieme della rete idrica superficiale,
rispetto cui i P.G.T. devono procedere ad una analisi dettagliata, recependo le
indicazioni relative alla definizione del reticolo idrico principale contenute nella D.G.R.
7/7868 del 25 gennaio 2001.
Percorsi di fruizione paesistica ed ambientale (art. 28.8) – livello
prescrittivo 3
Localizzazione:
via Padullo, via Cascinetta, via per Senna
Indirizzi:
La tutela paesistica deve essere orientata a garantire, accanto alla percorribilità
automobilistica, tratti con percorsi dedicati per la percorribilità ciclabile, pedonale e in
alcuni ambiti di particolare significato anche ippica.
Per questi percorsi il PTCP prevede:
- la valorizzazione e la conservazione dei tracciati e dei caratteri fisici, morfologici,
vegetazionali o insediativi che costituiscono gli elementi di riconoscibilità e di
specificità, anche funzionale, del percorso;
- la verifica delle interferenze paesistiche, all'esterno del perimetro del territorio
urbanizzato, di interventi di trasformazione che limitano le visuali panoramiche
attraverso la redazione di uno studio di compatibilità paesistico-ambientale di cui
all’art. 33 degli indirizzi normativi;
- il divieto, all'esterno del perimetro del territorio urbanizzato, per l'installazione di
cartellonistica pubblicitaria lungo il percorso, ad eccezione delle targhe, dei cartelli e
di tutta la segnaletica direzionale ed informativa prevista dal codice della strada;
- la promozione di azioni e programmi di tutela per garantire la percorribilità ciclabile,
pedonale e, in alcuni ambiti di particolare significato, anche ippica.
- Il Comune, in fase di adeguamento dello strumento urbanistico alle indicazioni del
PTCP identifica e classifica i diversi tipi di percorso e le direttrici visive di maggiore
sensibilità, individuando siti panoramici, cioè luoghi che permettono una visuale di
particolare interesse paesistico o viste di particolare profondità e ampiezza.
45
Rete stradale storica (art. 28.9) – livello prescrittivo 2
Localizzazione:
SP 107, SP 234, SP 126
Indirizzi:
Sono da evitare interventi che eliminino o cancellino la permanenza, la continuità e
quindi la successiva leggibilità del tracciato antico.
Il PTCP prevede inoltre:
- la verifica delle interferenze di interventi di trasformazione che alterino la
conservazione dei tracciati e dei caratteri fisici, morfologici o insediativi che
costituiscono elementi di riconoscibilità;
- il divieto, all'esterno del perimetro del territorio urbanizzato, per l'installazione di
cartellonistica pubblicitaria lungo il percorso, ad eccezione delle targhe, dei cartelli e
di tutta la segnaletica direzionale ed informativa prevista dal codice della strada;
Il Comune, in fase di adeguamento dello strumento urbanistico alle indicazioni del
PTCP identifica e classifica i diversi tipi di percorso e le direttrici visive di maggiore
sensibilità, individuando siti panoramici, cioè luoghi che permettono una visuale di
particolare interesse paesistico o viste di particolare profondità e ampiezza.
ELEMENTI
Orli di terrazzo e dossi fluviali (art. 20.1 - 22.1)
Localizzazione:
aree a nord di via Cascinetta e via per Senna
Indirizzi:
Non è consentito alcun intervento infrastrutturale o di nuova edificazione a partire
dall'orlo della scarpata dei terrazzi per una fascia di larghezza non inferiore all'altezza
della stessa. In presenza di terreni incoerenti tale fascia dovrà essere raddoppiata;
Non sono inoltre consentite nuove edificazioni sulla culminazione dei crinali; sui loro
fianchi l'altezza degli edifici di nuova costruzione non dovrà superare la quota delle
culminazioni suddette; In particolare il PTCP prevede che deve essere tutelata la
struttura morfologica dei luoghi con particolare attenzione al mantenimento
dell'andamento altimetrico dei terreni, individuando gli elementi di maggior rilievo quali
solchi vallivi, paleoalvei, scarpate morfologiche.
In corrispondenza di tali elementi l'uso del suolo è disciplinato al fine di prevenire
situazioni di potenziale rischio idrogeologico.
Il Comune in fase di adeguamento dello strumento urbanistico alle indicazioni del PTCP,
individua gli elementi destinati alla valorizzazione sulla base della relazione geologica di
cui alla L.R. 41/1997. Eventuali interventi sono sottoposti agli specifici regimi
autorizzatori di cui alla L.R. 18/97 e relativa D.G.R. del 25.07.1997.
Beni storico architettonici localizzati in ambito extra-urbano vincolati
dalla pianificazione comunale o altri beni storico architettonici rilevanti
(art. 28.14) – livello prescrittivo 2
Indirizzi:
Tavola 2.4 Indicazioni di piano: sistema insediativo ed infrastrutturale
Gli strumenti urbanistici dovranno prestare attenzione al contesto ambientale in cui
questi elementi si collocano ed alle potenziali connessioni degli stessi con la rete dei
valori ecologico-ambientali.
Laddove se ne riscontri l’opportunità, la strumentazione comunale predisporrà una
specifica normativa finalizzata a tutelare e valorizzare i beni ed il contesto ambientale in
cui gli stessi si situano. In particolare si predisporranno opportune aree di salvaguardia,
finalizzate alla “creazione/conservazione di coni visuali”, per tutti quei beni che per
localizzazione, consistenza e significato storico si configurano come elementi paesistici
rilevanti.
Il PTCP ha predisposto l’Allegato E - Repertorio dei beni storico architettonici dei
comuni della provincia di Lodi, che individua in Comune di Ospedaletto Lodigiano i
seguenti beni:
- Chiesa e Monastero dei Santi Pietro e Paolo
- Casa dell’Abate (PARERE n° 3.1)
- Santuario della Madonna del Fontanone
- Stazione ferroviaria
- Arco della Pace
- Cascina Griona
- Cascina Malpensata
- Cascina Villafranca di mezzo
- Cascina Villafranca di sopra
Il Comune, in fase di adeguamento dello strumento urbanistico alle indicazioni del
PTCP:
- verifica alla scala di maggior dettaglio i dati conoscitivi presenti nel Allegato E
- individua eventuali altre emergenze, singole o complesse, da sottoporre ad azioni di
tutela;
- definisce planimetricamente e catastalmente gli oggetti e le relative aree di
protezione e determina gli interventi ammessi e le destinazioni d'uso compatibili;
- produce e individua, di concerto con la Provincia, una classificazione, coerente con
l’impianto SIRBEC, impostata secondo il valore simbolico-testimoniale che i beni
possiedono;
- crea, di concerto con la Provincia, un chiaro riferimento alle relazioni che questi beni
intrattengono con il contesto immediato e con le atre componenti paesistiche;
- organizza, di concerto con la Provincia ed eventualmente d’intesa con la Regione e/o
con altri soggetti, l’elenco dei beni per categoria, secondo i caratteri connotativi del
paesaggio lodigiano.
Elementi vegetazionali rilevanti (art. 28.12) – livello prescrittivo 1
Localizzazione:
aree ad est e ad ovest dell’asta idrica del Roggione nel tratto a sud di via Cascina
Bonina
Indirizzi:
Una volta verificate le presenze vegetazionali, assumendo le indicazioni del Piano di
Indirizzo Forestale con specifico riferimento alle tendenze evolutive ed agli indirizzi
selvicolturali, sono da promuovere azioni e programmi di tutela finalizzati:
- all’utilizzo di pratiche silvocolturali improntate a criteri naturalistici, al fine di evitare di
ridurre la superficie delle aree o la sostituzione con altre colture;
- all’incentivazione all’utilizzo di specie arboree, arbustive e erbacee autoctone, al fine
di evitare processi di trasformazioni estranee al profilo vegetazionale;
Ogni intervento antropico, di tipo infrastrutturale, da realizzare, dovrà essere
accompagnato da uno Studio di compatibilità paesistico-ambientale di cui all’art. 33
degli indirizzi normativi.
Beni storico-architettonici localizzati in ambito extra-urbano vincolati ai
sensi dell’articolo 136 del D.Lgs. 42/04 e Beni individuati dal Piano
Territoriale Paesistico Regionale (art. 28.13) – livello prescrittivo 4
Localizzazione:
Cascina Mandella
Indirizzi:
Il Comune, in fase di adeguamento dello strumento urbanistico alle indicazioni del
PTCP, di concerto con la Provincia ed eventualmente d’intesa con la Regione e/o con
altri soggetti, organizza l’elenco dei beni per categoria, secondo i caratteri connotativi
del paesaggio lodigiano.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
46
In questa tavola
sono stati raccolti gli interventi progettuali relativi alle reti
SISTEMI
ELEMENTI
Insediamenti produttivi - poli produttivi di livello sovralocale (art. 29.8) –
livello prescrittivo 3
Localizzazione:
Aree per la localizzazione di funzioni di interesse sovralocale (art. 29.10)
livello prescrittivo 3
infrastrutturali ed i diversi elementi riguardanti il sistema insediativo.
Lo scopo della tavola è stato la messa a sistema dei diversi processi di
trasformazione che interessano il suolo, al fine di individuare quelle parti di
territorio in cui risultano più elevate le spinte insediative e quindi poter dare
Area produttiva a nord della SP 234
indicazioni riguardo agli indirizzi di intervento.
I “Poli produttivi di livello sovralocale” rappresentano i nodi di secondo livello della rete
del sistema produttivo provinciale. Il PTCP li segnala come aree di rilevante ed
articolata caratterizzazione “progettuale” riconoscendo tre distinte tipologie:
- poli che hanno raggiunto, attraverso processi localizzativi solo parzialmente
governati, dimensioni insediative rilevanti e che segnalano una necessità di interventi
infrastrutturali in grado di consentire una completa evoluzione/sviluppo dell’intervento
insediativo. Per questi poli sono previste possibilità di incremento dimensionale con
specifico riferimento alla quota riconducibile alla componente esogena in modo
subordinato alla verifica delle infrastrutture programmate;
- poli che singole Amministrazioni Comunali hanno programmato, in modo coerente ad
interventi infrastrutturale (eseguiti o previsti). Il PTCP ha verificato per questi poli la
coerenza di ipotesi di espansioni con riferimento alla quota insediativa riconducibile
alla componente esogena;
- poli di nuova individuazione, dotati di una adeguata infrastrutturazione e localizzati in
ambiti di limitata sensibilità ambientale, che il PTCP propone di concerto con le
Amministrazioni Comunali interessate. Risultano finalizzati all’avvio di procedure di
concertazione da avviare in sede di redazione di progetti insediativi di livello
sovracomunale ed in attuazione della verifica complessiva (residenza, industria,
terziario...) delle disponibilità insediative finalizzate al soddisfacimento della
componente esogena e nell’ambito di definizione del Documento di programmazione
insediativa.
Nei “Poli produttivi di livello sovralocale” sono altresì ammessi interventi di carattere
endogeno del Comune territorialmente interessato dalla polarità produttiva.
Le principali indicazioni per il Comune di Ospedaletto Lodigiano sono:
AMBITI
Nuclei urbani di antica formazione (art. 29.1) – livello prescrittivo 2
Per questi ambiti sono da prevedere analisi di dettaglio finalizzate alla individuazione
delle caratteristiche tipologiche ed alla individuazione di modalità di intervento adeguate
a tutelare e conservare i valori rilevanti del sistema insediato consentendo eventuali
interventi di trasformazione e di sostituzione funzionale specie se collegati ad interventi
di riqualificazione urbanistica e ad interventi di ridefinizione dell’assetto funzionale.
I centri e i nuclei urbani e rurali di antica formazione devono essere identificati
assumendo quale riferimento di base la prima levata delle tavolette dell’Istituto
Geografico Militare, in scala 1:25.000.
La tutela paesistica deve essere orientata ad evitare:
- la mancata conservazione degli edifici e del loro intorno;
- gli ampliamenti che nascondono, mutano o alterano radicalmente la distribuzione
degli spazi, dei percorsi, e delle loro relazioni;
- le trasformazioni o le addizioni che modificano o alterano la percezione delle parti
unitarie delle permanenze dei nuclei urbani di antica formazione di cui la
ricostruzione
- dell’evoluzione del costruito attraverso le mappe storiche, ne è la testimonianza.
Vanno promosse azioni e programmi di tutela finalizzati:
- ad un utilizzo prioritario dell’edilizia esistente, attraverso opportuni interventi di
riqualificazione;
- alla previsione di una adeguata polifunzionalità nel recupero dei manufatti di valore
storico-architettonico;
- a garantire che la localizzazione delle addizioni edilizie consenta di riconoscere le
permanenze dei margini dell’edificato storico.
Indirizzi:
Margini urbani – bassa permeabilità (art. 29.2) - livello prescrittivo 3
Localizzazione:
- Margine nord della zona prevista dal PRG vigente a destinazione produttivo commerciale a nord della SP 234 in corrispondenza del nuovo tracciato della SP 234
di raccordo con la viabilità che conduce al casello autostradale della A1
- Percorso della SP 107
- Percorso della variante alla SP 126 individuata nella tavola di PTCP
- Tratto dell’Autostrada A1 compreso tra la SP 234 ed il casello di Ospedaletto
Lodigiano
- Tratto della Roggia Guardalobbia a sud del tracciato ferroviario
- Margine sud est dell’urbanizzato di Ospedaletto
- Margine dell’urbanizzato del Comune di Senna Lodigiana al confine con Ospedaletto
Lodigiano
Indirizzi:
Si rimanda alle schede descrittive desunte dall’allegato B agli Indirizzi Normativi e
riportate nella parte iniziale del paragrafo.
AMBITI DI POTENZIAMENTO E COMPLETAMENTO DELLA RETE
INFRASTRUTTURALE
Salvaguardie (art. 23.2) – livello prescrittivo 3
Mobilità su gomma:
- Rete infrastrutturale di rilevanza interprovinciale - I livello:
• Nuovo tracciato a nord del polo produttivo di Ospedaletto con connessione alla
viabilità di accesso al casello autostradale
• Potenziamento previsto della SP 234 nel tratto est tra la ferrovia e il confine
comunale
- Rete infrastrutturale di adduzione ai sistemi insiediativi delle polarità principali - II
livello:
• Nuovo tracciato della SP 126 tra via della Chiesa e la SP 234
• Nuovo tracciato di collegamento tra la SP 234 e la SP 168
• Potenziamento programmato della SP 107
• Potenziamento programmato della SP 126 a sud di via della Chiesa
- Rete infrastrutturale di scorrimento e penetrazione nel sistema insediativo provinciale
- III livello:
• Potenziamento programmato del tracciato declassato della SP 126 all’interno
dell’urbanizzato
Mobilità su ferro:
- Potenziamento previsto dell’infrastruttura ferroviaria
Indirizzi:
Il PTCP definisce le salvaguardie relativamente alle opere ed agli interventi di
competenza provinciale ai sensi della L.R. 1/2000 in relazione alle aree in cui è prevista
la localizzazione di grandi funzioni territoriali ed ai corridoi ed ai tracciati in cui sono
previste le nuove infrastrutture di collegamento di interesse sovraprovinciale e
provinciale.
Il PTCP individua due differenti modalità di esplicazione delle salvaguardie individuate in
funzione della strategicità del progetto insediativo e/o infrastrutturale e della definizione
progettuale raggiunta dallo stesso:
- la salvaguardia diretta riguarda le indicazioni contenute nella documentazione del
PTCP che da subito definiscono un regime di utilizzazione condizionato per le aree
interessate. Sono previsioni del PTCP immediatamente operanti ed interessano le
previsioni infrastrutturali individuate nella cartografia con apposito simbolo grafico,
ovvero quelle aree che si ritiene necessario salvaguardare al fine di garantire il
mantenimento delle condizioni di realizzabilità delle opere. Nella tabella di seguito
riportata si evidenziano i differenti ambiti di salvaguardia definiti in funzione delle
tipologie di opere previste dal PTCP.
Devono essere sostanzialmente mantenuti nella loro configurazione, evitando interventi
di espansione insediativa che ne alterino il valore storico o ne occultino la riconoscibilità.
I P.G.T. debbono quindi prevedere la redazione di progetti di riqualificazione organici,
mirati alla valorizzazione degli elementi di carattere paesaggistico, di natura ambientale
o infrastrutturale, presenti.
Margini di interazione con i valori ambientali (art. 29.5) – livello
prescrittivo 3
Localizzazione:
- Margine sud dell’urbanizzato di Ospedaletto
- Tratto della Roggia Guardalobbia a sud del tracciato ferroviario
Indirizzi:
Questi margini devono essere considerati come limiti rispetto cui attestare i tessuti
edificati, anche attraverso eventuali completamenti e ricuciture dei tessuti esistenti. In
questo caso le indicazioni normative fanno riferimento alle attenzioni da prevedere per
la progettazione degli ambiti dei margini urbani a media densità. La natura
dell’interferenza (di compatibilità con i caratteri fisico-naturali del territorio) evidenzia la
necessità di prevedere verifiche puntuali relativamente alla compatibilità delle differenti
funzioni insediate.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Queste distanze sono da intendersi, salvo differente indicazione all’uopo prevista da
provvedimenti normativi statali o regionali, distanze minime che rendono le relative
aree intercluse come indisponibili alla trasformazione al fine di evitare di
compromettere le condizioni di realizzabilità delle infrastrutture previste. In fase di
definizione del progetto, attraverso la sottoscrizione di specifici accordi con gli Enti
coinvolti, la Provincia potrà prevedere per le singole opere una ridefinizione delle
distanze di salvaguardia con specifico riferimento al contesto territoriale ed
infrastrutturale del progetto con le modalità di cui al successivo art. 31. In tutte queste
aree, fatta salva la possibilità di deroga concessa dai soggetti istituzionali competenti,
non sono consentite la realizzazione o l’ampliamento di alcun fabbricato o di altra
opera permanente e di strutture temporanee che possano ostacolare la tempestiva
realizzazione delle opere previste;
47
- la salvaguardia indiretta riguarda le indicazioni contenute nella documentazione del
PTCP che non esplicano da subito la loro azione e che prevedono un regime di
utilizzazione condizionato per le aree interessate solo dopo che le stesse siano state
recepite negli strumenti urbanistici comunali secondo le modalità contenute negli
articoli 12 e 16 o in occasione della redazione della variante di recepimento delle
indicazioni del PTCP da adottarsi nei termini di cui al comma 38 dell’articolo 3 della
L.R. 1/2000. Il recepimento delle indicazioni del PTCP nello strumento comunale
potrà essere preceduto da un approfondimento analitico-progettuale, da effettuarsi
con l’Ufficio di Piano, finalizzato a valutare l’esigenza della salvaguardia e/o a
ridefinirne la consistenza planimetrica.
AMBITI URBANI
scelte locali anche di competenza comunale.
A scopo cautelativo si procederà di seguito all’analisi del PTCP adottato
prioritariamente per i contenuti aventi valore prescrittivo e prevalente.
Il PTCP si articola rispetto a quattro sottosistemi di analisi e di valutazione per
Il PTCP ha ad oggetto l’intero territorio provinciale e individua le proprie scelte
l’orientamento delle scelte e delle decisioni:
tenendo conto degli indirizzi e dei progetti di livello regionale e comunale; inoltre,
• il sistema fisico-naturale,
assume le prescrizioni della pianificazione idrica del bacino-distretto del fiume Po
• il sistema paesistico,
ed i contenuti dei Piani Territoriali di Coordinamento dei Parchi Regionali e dei
• il sistema dell’agricoltura,
Piani di Gestione delle Riserve naturali, integrandone taluni contenuti.
• il sistema sociale, economico, insediativo e/o delle polarità urbane e della
mobilità e delle relazioni.
Ambiti in cui sono consentiti unicamente interventi di razionalizzazione
(art. 29)
Localizzazione:
Area compresa tra la SP 234 a nord, il confine comunale a sud e l’Autostrada A1 ad
ovest.
Indirizzi:
Il PTCP individua nella Tavola 2.4. - Indicazioni di piano: sistema insediativo ed
infrastrutturale elementi insediativi genericamente indicati come “aree produttive” dai
PRG. Questi elementi non sono riconoscibili come parte della rete dei poli del sistema
produttivo provinciale ma al contrario spesso appaiono episodi insediativi solo
parzialmente “governati”. Per questi elementi insediativi sono da prevedere, in coerenza
con le indicazioni normative del PTCP, unicamente interventi finalizzati al
soddisfacimento di esigenze insediative manifestate dalle imprese insediate. La quota di
incremento insediativo dovrà essere computata nel totale previsto per il soddisfacimento
della componente endogena.
Il PTCP, in conformità ai compiti ed alle funzioni attribuite alla Provincia, orienta le
scelte di assetto e di sviluppo del territorio promuovendo:
Gli articoli
• lo sviluppo delle polarità urbane integrato con quello delle infrastrutture per la
• Articolo 15 - I Piani di Governo del Territorio comunali e intercomunali
mobilità, dei grandi centri di servizio, delle strutture di alto livello formativo ed
informativo e delle aree produttive di livello sovracomunale e/o di competenza
provinciale e, più in generale, delle problematiche connesse all’integrazione
delle polarità urbane con i servizi a rete;
• Articolo 16 - Contenuti minimi del Piano di Governo del Territorio:Il Documento
di piano
• Articolo 17 – Contenuti minimi del Piano di Governo del Territorio: Il Piano dei
servizi ed il Piano delle regole
• la definizione di criteri per la trasformazione e per l’uso del territorio nei limiti
• Articolo 18 - Coordinamento della pianificazione comunale
della compatibilità con i valori paesistico-ambientali, i valori delle risorse non
• Articolo 19 - Valutazione di compatibilità dei Piani comunali
rinnovabili, nonché nei limiti della tutela delle risorse antropiche e fisiche
dell’apparato normativo del PTCP definiscono e disciplinano i rapporti tra PTCP e
rispetto al rischio idrogeologico e tecnologico e agli effetti dell’inquinamento e
PGT.
del degrado ambientale;
• il riconoscimento ed il rafforzamento del ruolo primario dell’agricoltura come
In particolare, definendo come gli obiettivi del PGT debbano coerenziarsi con
settore che produce materie prime per l’alimentazione, al fine di incrementare e
quelli di scala provinciale, l’apparato normativo riporta l’elenco degli obiettivi di
migliorare la qualità dei prodotti agricoli, anche in ragione delle funzioni che la
sviluppo socio-economico rispetto ai quali
Il Consiglio Provinciale, con deliberazione n. 8 del 06.04.2009 ha adottato il Piano
stessa può svolgere a tutela e presidio dell’ambiente, del paesaggio, delle
evidenziare il raccordo delle politiche del PGT con quelle del PTCP:
Territoriale di Coordinamento Provinciale, ai sensi della L.R. 12/2005 e s.m.i..
risorse naturali e dell’identità locale;
• localizzazione delle strutture di interesse sovra-comunale;
1.6.4.
Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Adottato
• la valorizzazione del paesaggio, individuando le zone di particolare interesse
La L.R. 12/05 nella disciplina di approvazione del PTCP non prevede
provinciale da proteggere, incluse le aree vincolate ai sensi del D.lgs. 22
l’applicazione della salvaguardia per le previsioni contenute nel PTCP adottato,
gennaio 2004, n. 42 e quelle rilevanti in ragione della loro attitudine a costruire
tra l’adozione del piano e la sua approvazione.
l’identità locale ed a garantire prestazioni ecosistemiche ai cittadini;
La salvaguardia degli strumenti urbanistici è disciplinata dal D.P.R. 380/2001 che
all’art. 12 indica “In
• la salvaguardia e l’uso responsabile delle risorse ambientali.
il Documento di piano deve
• attuazione della rete ecologica;
• individuazione delle aree agricole, in coerenza con gli ambiti agricoli definiti dal
PTCP;
• attuazione dei criteri di inserimento ambientale, paesaggistico e territoriale delle
infrastrutture per la mobilità e di rete;
• attuazione ed articolazione degli indirizzi di sostenibilità e tutela paesaggistica;
caso di contrasto dell’intervento oggetto di domanda di
permesso di costruire con le previsioni di strumenti urbanistici adottati, è sospesa
Gli obiettivi del PTCP e le priorità d’intervento di livello provinciale, descritte e
ogni determinazione in ordine alla domanda.”
motivate negli elaborati del PTCP, sono distinguibili in due ordini:
propri del PGT nonché quelli rilevabili nel PTCP, da relazionarsi alle procedure
L’art 18 (Effetti del piano territoriale di coordinamento provinciale) della L.R. 12/05
• di scenario, che individuano e valutano gli interventi congruenti con una
valutative (VAS) dei due citati strumenti di pianificazione, anche con riferimento
indica i contenuti del PTCP che hanno efficacia prescrittiva e prevalente sul PGT
strategia di sviluppo competitiva tesa ad inserire il territorio provinciale nel
ai fattori di rischio idrogeologico ed alla effettiva disponibilità delle risorse
che sono:
sistema dei mercati e delle relazioni interregionali ed europee, compatibilmente
idriche;
• le previsioni in materia di tutela dei beni ambientali e paesaggistici;
con gli interventi di riqualificazione del sistema economico e sociale locale e di
•
valorizzazione delle risorse paesistico-ambientali;
l’indicazione della localizzazione delle infrastrutture riguardanti il sistema della
mobilità;
• di sistema, che - rispetto alle singole priorità di settore - individuano come
• la individuazione degli ambiti agricoli strategici;
prioritari l’insieme di interventi intersettoriali tra loro coordinati ed interagenti a
• l’indicazione, per le aree soggette a tutela o classificate a rischio idrogeologico
livello territoriale.
e sismico, delle opere prioritarie di sistemazione e consolidamento, nei soli casi
Gli obiettivi e le strategie che costituiscono il riferimento per gli interventi del
in cui la normativa e la programmazione di settore attribuiscano alla provincia la
PTCP si articolano su due livelli:
competenza in materia con efficacia prevalente.
• il primo livello è costituito da scelte riconducibili al sistema dei progetti di
Per questi contenuti il PTCP si configura quale strumento conformativo della
proprietà dei suoli.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
rilevanza provinciale;
• il secondo livello è costituito da indicazioni settoriali o d’ambito riconducibili a
• quantificazione dello sviluppo comunale in relazione ai criteri di sostenibilità
• misure di perequazione (diffusa, con circolazione di diritti edificatori, ed
endoambito), e di compensazione (con attribuzione di crediti compensativi o di
aree edificabili), ed incentivazione;
• indirizzi per le aree di trasformazione urbanistica così come definite dell'art. 8,
comma 2, lett. e), della L.R.12/2005, dai quali evincere la coerenza rispetto ai
temi di interesse sovra-comunali di competenza del PTCP.
Il PTCP identifica cinque ambiti da assumere come riferimento per la
pianificazione concertata.
Gli Ambiti di Pianificazione Concertata rappresentano sedi di co-pianificazione
48
a carattere permanente per la formazione, l'attuazione, la gestione, la modifica e
di dettaglio.
l'aggiornamento del PTCP, per la costruzione di un quadro conoscitivo condiviso
paesistico e storico culturale;
• il mantenimento dell’identità ed integrità del paesaggio rurale e delle valenze
del territorio provinciale e per l'indicazione delle condizioni per il suo sviluppo;
Indirizzi per l’inquadramento territoriale e urbanistico. Al fine di rendere
paesistiche degli ampi ambiti non urbanizzati ancora presenti e la
negli ambiti le amministrazioni comunali esprimono valutazioni in merito agli
sinergica, anche dal punto di vista dei tempi e della programmazione delle risorse
riqualificazione dei paesaggi che hanno subito trasformazioni rilevanti anche
obiettivi e alle scelte di pianificazione di rilevanza sovralocale in fase di
finanziarie, l’individuazione degli obiettivi e la formazione degli strumenti
promuovendo lo sviluppo di strategie integrate per la protezione del patrimonio
formazione e revisione dei singoli piani urbanistici comunali.
urbanistici comunali con gli indirizzi e le indicazioni del PTCP, si prescrivono
culturale minacciato e/o a rischio di degrado al fine di garantire una sostenibilità
Gli Ambiti di Pianificazione Concertata possono ri-articolarsi per ambiti diversi, di
verifiche preventive rispetto alla identificazione degli obiettivi e delle scelte e in
complessiva degli interventi di trasformazione dell’ambiente;
maggiore o minore dimensione territoriale, in funzione di temi e di progetti
particolare rispetto a:
specifici.
• la collocazione del singolo comune nell’ordinamento delle polarità provinciali
insediative frammentate e polverizzate disincentivando le espansioni
La Provincia garantisce il coordinamento delle attività di concertazione e fornisce
con riferimento all’Ambito di Pianificazione Concertata, e nel sistema delle
insediative lineari lungo le arterie stradali e le conurbazioni diffuse, anche al
adeguata comunicazione alla Conferenza dei Comuni laddove si provveda ad una
relazioni intra e infra provinciali, nonché coi Comuni limitrofi e coi connessi
fine del contenimento dei costi di infrastrutturazione primaria e di una migliore
ri-configuarazione degli ambiti stessi, la cui ri-configurazione non comporta
piani dei servizi redatti ai sensi della L.R.12/05;
accessibilità, anche pedonale ed ai servizi in coerenza con le indicazioni
variante al PTCP.
• il sistema della conoscenza del PTCP, unitamente alle indicazioni ed alle
prescrizioni, al fine di programmare l’integrazione delle informazioni disponibili
Il Comune di Ospedaletto Lodigiano appartiene al seguente ambito di
presso il Sistema della conoscenza comunale (SIT comunale);
pianificazione concertata:
Ambito 4 Sistema del Medio Lodigiano:
• la promozione di forme insediative compatte escludendo la possibilità di forme
contenute nella Tavola 2.4. - Indicazioni di piano: sistema insediativo ed
infrastrutturale;
• la priorità, nelle scelte localizzative dello sviluppo insediativo, alla
riqualificazione funzionale e alla ristrutturazione urbanistica dei vuoti con
Bertonico, Brembio, Camairago,
Indirizzi insediativi, ambientali, paesistici, morfologici, per la difesa del
Casalpusterlengo, Castiglione d’Adda, Cavacurta, Codogno, Fombio,
suolo e per la tutela idrogeologica. Il PTCP recepisce le indicazioni del Piano
• l’attenzione ai caratteri storici dell’edilizia e delle strutture urbane anche di
Guardamiglio, Livraga, Maleo, Orio Litta, Ospedaletto Lodigiano, San Rocco al
Territoriale Paesistico Regionale (PTPR) che individua la forma insediativa urbana
matrice rurale nella definizione degli interventi di riqualificazione urbanistica e
Porto, Secugnago, Senna Lodigiana, San Fiorano, Senna Lodigiana, Somaglia,
come l’elemento fondamentale dell’identità dei luoghi, sulla quale il PTCP deve
nelle scelte di viabilità urbana che devono assicurare il mantenimento
Terranova de’ Passerini, Turano Lodigiano.
esercitare azioni di tutela e di indirizzo; pertanto anche nella localizzazione e nel
dell’identità degli itinerari storici;
L’articolo 27 dell’apparato normativo del PTCP fornisce gli indirizzi e i criteri per
dimensionamento dello sviluppo insediativo si dovrà tenere conto del livello della
• il rispetto delle “economie” fisico-organizzative del territorio, in quanto l’orditura
la pianificazione comunale.
compatibilità paesistico-ambientale. Per l’edificazione esistente e/o di nuova
dei suoli coltivati, le rogge, i canali, i dugali, le strade poderali, ecc., oltre ad
Il PTCP definisce, in coerenza con i disposti di carattere generale, gli indirizzi di
realizzazione l’Amministrazione comunale è tenuta inoltre a valutare, d’intesa con
essere elementi costitutivi del paesaggio, sono componenti rilevanti
intervento finalizzati alla massimizzazione dell’efficacia territoriale e urbanistica,
le autorità competenti, le condizioni di rischio, provvedendo, se necessario, a
dell’economia dei luoghi e pertanto da considerare elementi da salvaguardare
alla minimizzazione delle pressioni e degli impatti sull’ambiente, sul paesaggio e
modificare lo strumento urbanistico, al fine di minimizzare l’esposizione al rischio
nella loro funzionalità.
sulle aree agricole, alla prevenzione del rischio idrogeologico e alla difesa del
degli insediamenti e la vulnerabilità territoriale. Il PTCP fissa i criteri da utilizzare,
suolo in generale.
in sinergia con le politiche regionali e con i Piani Stralcio approvati dall’Autorità di
Indirizzi per le aree agricole. Il PTCP, in coerenza con le indicazioni della D.G.R.
Il PTCP individua più livelli di tutela per il sistema rurale, paesistico, ambientale e
Bacino-Distretto del fiume Po.
19.9.2008, n. 8/8059, garantisce il massimo sviluppo dell’attività produttiva
di salvaguardia per il sistema urbanistico-territoriale. Le tutele e le salvaguardie,
I criteri prioritari da adottare sono:
agricola, il recupero e la valorizzazione del patrimonio edilizio esistente, il
finalizzate a consentire uno sviluppo economico e sociale sostenibile, riguardano:
• la valorizzazione delle aree di particolare interesse paesistico-ambientale con
miglioramento dei livelli oggi presenti di sostenibilità ambientale, anche attraverso
• gli ambiti e gli elementi con caratteri di elevata qualità paesistico-ambientale,
riferimento alle indicazioni contenute nella Tavola 2.1 - Indicazioni di piano:
il massimo contenimento di ulteriori espansioni dell’edificato. Il PTCP fissa
già vincolate dalla legislazione vigente Europea, Nazionale, Regionale e
sistema fisico naturale, che riportano gli ambiti di maggiore sensibilità
pertanto i seguenti criteri da utilizzare come prioritari anche per le trasformazioni
recepite dal PTCP, allo stato attuale della conoscenza, come risorse;
relativamente ai temi della capacità d’uso del suolo, della vulnerabilità e della
del territorio da parte dei Progetti provinciali e nell’espressione dei pareri e delle
rilevanza naturalistica e che pertanto segnalano una minore compatibilità alla
verifiche di coerenza degli interventi proposti dai Comuni, in sinergia con le
localizzazione di attività antropiche;
politiche comunitarie e con il Piano di Sviluppo Regionale:
• altri ambiti o elementi con caratteri di elevata qualità paesistico-ambientale
individuati dal PTCP come risorse.
Le salvaguardie riguardano:
particolare attenzione alle frange urbane;
• evitare nelle aree caratterizzate da rischio idrogeologico la localizzazione di
• il consumo del territorio non urbanizzato e l'espansione dell'urbanizzazione
• gli ambiti per la localizzazione delle funzioni di rilevanza sovralocale e/o di
attività e di opere pubbliche o di interesse pubblico destinate ad una fruizione
debbono costituire soluzione estrema cui ricorrere solo ove la riorganizzazione
particolare rilevanza economica e sociale in rapporto all’ordinamento delle
collettiva e in modo particolare di attività e di opere anche private che possano
delle aree già urbanizzate - anche attraverso programmi complessi e PII - ed il
polarità urbane ed in funzione della dotazione infrastrutturale e della
limitare la capacità di invaso delle fasce fluviali e dei corsi d’acqua minori;
massimo sfruttamento possibile delle stesse e del patrimonio edilizio esistente
accessibilità, anche ai sensi della D.G.R. 3 dicembre 2008, n. 8/8579;
• prevedere nelle aree golenali e di deflusso dei corpi idrici il recupero, il
• le priorità di scelta e i criteri di realizzazione dei tracciati infrastrutturali e delle
miglioramento ambientale e naturale delle forme fluviali e morfologiche residue,
modalità e intermodalità di trasporto, anche in funzione del completamento/
ricercando la massima coerenza tra la destinazione naturalistica, l’assetto
integrazione con gli itinerari viabilistici individuati dal PTCP.
agricolo e forestale (ove presente) e la funzionalità idraulica delle stesse;
siano risultati comprovatamente non sufficienti, rispetto alle oggettive esigenze
della comunità locale;
• i processi di urbanizzazione e di infrastrutturazione devono assicurare la
massima compatibilità con i valori del territorio rurale e con l’organizzazione
• la tutela dei valori paesistico-ambientali, considerando gli specifici indirizzi
della maglia aziendale, nonché perseguire la salvaguardia
Il PTCP, assumendo come riferimento prioritario i caratteri di sensibilità del
redatti per gli ambiti a dominanza ambientale di valenza paesistica di cui al
dell'infrastrutturazione agraria del territorio promuovendo opportune iniziative di
territorio provinciale, specifica gli indirizzi di intervento in quattro sistemi di indirizzi
successivo articolo 28 e riportati nella Tavola 2.3. - Indicazioni di piano: sistema
compensazione, che fanno seguito alla inderogabile previsione di interventi di
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
49
mitigazione ambientale e percettiva;
• l’edificazione di nuovi impianti o attrezzature destinate alla attività produttiva
Si riporta di seguito l’analisi degli elaborati di PTCP riferita al Comune di
Tavola 2.1c Sistema fisico naturale
Ospedaletto Lodigiano.
agricola deve avvenire in ambiti territoriali allo scopo individuati, considerando
in via prioritaria le caratteristiche paesaggistiche del territorio, il rapporto con
l’edificato e la viabilità esistente, la compatibilità ecologico-ambientale del
Tavola 2.1c Sistema fisico naturale
nuovo insediamento con le caratteristiche del sito;
• il recupero e la valorizzazione dei manufatti di valore storico-artisticoambientale deve essere prioritariamente finalizzata al mantenimento delle
attività connesse con la produzione agricola: in via alternativa, potranno essere
considerate destinazioni alternative, che da un lato garantiscano la migliore
salvaguardia dei manufatti, dall’altro risultino coerenti con gli obiettivi di
valorizzazione paesistica del PTCP;
• il recupero dell’edificato esistente, privo di valore storico-artistico-ambientale,
che risulti comprovatamente dismesso da un triennio e di cui risulti
dimostratamente impossibile riproporre l’uso agricolo, può essere finalizzato
anche a destinazioni non direttamente connesse all’agricoltura, purché gli
interventi proposti risultino coerenti con gli obiettivi di valorizzazione paesistica
del PTCP e con una adeguata disponibilità di servizi e di infrastrutture e non si
ingenerino esternalità e riduzione anche indiretta delle potenzialità agricole dei
suoli.
Sono definiti dal PTCP ambiti agricoli strategici gli ambiti che risultano in attualità
di conduzione agricola sulla base di quanto certificato dal Sistema Informativo
Agricolo della Regione Lombardia di cui alla L.R.11/98, e gli ambiti già destinate
dagli strumenti urbanistici comunali a destinazione agricola.
L’insieme degli indirizzi e delle direttive costituisce il quadro di riferimento per gli
interventi di ogni strumento urbanistico settoriale, generale e attuativo, nonché per
le scelte dei soggetti pubblici e privati.
Negli elaborati cartografici di progetto del PTCP, e nei prossimi articoli, sono
riportati i livelli di precettività di ogni ambito, sistema ed elemento individuato.
Sono così strutturati:
• livello 1 - Indirizzi e direttive che gli strumenti di piano comunale e di settore
debbono articolare e sottoporre a verifica, anche coinvolgendo gli Ambiti di
Pianificazione Concertata laddove gli effetti indotti non si esauriscano nel
territorio di un comune;
• livello 2 - Indirizzi e direttive che gli strumenti di piano comunale e di settore
debbono verificare in fase di redazione; eventuali scostamenti debbono essere
concertati con la Provincia che ne verificherà la compatibilità con gli obiettivi
definiti dal PTCP;
• livello 3 - Prescrizioni provinciali che gli strumenti di piano comunale e di
settore, nonché gli operatori pubblici e privati, debbono rispettare, in quanto
riconosciuti prevalenti dalla legislazione vigente;
• livello 4 - Prescrizioni normative e pianificatorie imperative sovra-provinciali,
Rispetto alla corrispondente tavola del PTCP vigente si evidenzia:
- accorpamento delle “Aree di protezione dei valori ambientali” e delle “Aree di
conservazione e ripristino dei valori di naturalità dei territori agricoli” confluite
all’interno dei “Corridoi ambientali sovrasistemici di importanza provinciale” che
hanno un’estensione maggiore includendo anche la porzione di territorio
comunale compresa tra la SP 107 e il confine occidentale e l’area compresa tra
la roggia Guardalobbia e la via d’accesso alla cascina Villafranca.
- mantenimento in essere degli indirizzi relativi alle “Aree ad alta vulnerabilità degli
acquiferi”, alle “Zone umide” e ai limiti delle fasce PAI.
- individuazione di un maggior numero di impianti per il recupero e lo smaltimento
dei rifiuti.
- ridenominazione delle “Aste della rete dei canali di rilevante valore ambientale”
in “Canali e corsi d’acqua di rilevante valore naturalistico - ambientale.
- eliminazione della voce “Aree funzionali al completamento della Rete dei valori
ambientali già recepite dai PRG” in quanto rientrante negli “Ambiti urbani già
classificati da Piani Urbanistici vigenti”.
che gli strumenti di piano comunale e di settore, nonché gli operatori pubblici e
privati, debbono inderogabilmente rispettare.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
50
Tavola 2.2c Sistema rurale
infrastrutture, lineari o puntuali, di interesse provinciale, regionale o nazionale; b)
attuazione delle previsioni localizzative di cui ai piani di settore della Provincia; c)
attuazione di piani, programmi e strumenti inerenti la pianificazione e
programmazione negoziata di valenza sovra-comunale, i programmi di azione
paesistica ai sensi dell’art. 23 del PTPR, gli accordi territoriali previsti dal presente
d’acqua di valore storico
- individuazione della Roggia Guardalobbia quale canale di supporto alle attività
agricole di valore paesistico
Tavola 2.4c Sistema insediativo infrastrutturale
PTCP o gli accordi ai sensi dell’art. 15 della legge 241/1990.
In tutti i casi di proposta di trasformazione in ambiti agricoli, la VAS diviene
occasione per una ulteriore e rigorosa verifica della compatibilità ambientale e
paesaggistica degli interventi, aggiuntiva ed autonoma rispetto alla verifica della
compatibilità agro-forestale.
Tavola 2.3c Sistema paesistico e storico culturale
Rispetto all’impostazione del PTCP vigente viene meno la partizione orizzontale
tra ambiti agricoli di pianura irrigua e ambiti agricoli di pianura di colo, in favore di
una suddivisione che distingue gli ambiti agricoli di valorizzazione ambientale
(coincidenti con i corridoi sovrasistemici di importanza provinciale di cui alla tavola
precedente) e quelli di pianura irrigua che coprono la maggior parte del restante
territorio comunale.
A questi si aggiungono gli ambiti agricoli periurbani identificati come fasce dalle
dimensioni variabili attorno ai nuclei urbanizzati.
Proprio relativamente a questi ultimi gli indirizzi normativi proposti contengono le
seguenti indicazioni:
Sono i segmenti del territorio rurale prossime ai centri abitati, in cui le esigenze
dell’interazione devono essere colte nella doppia direzione: dalle funzioni urbane
verso le funzioni agricole, e dalle funzioni agricole in direzione delle differenti
funzioni urbane.
In queste zone le attenzioni prioritarie perseguono l’obbiettivo di rigenerazione
ambientale e di riequilibrio del carico antropico generato dall’urbanizzazione e
devono garantire il mantenimento di adeguati livelli di fruibilità dell’ambiente rurale
anche in funzione di un utilizzo ricreativo delle aree. In tali zone sono previsti:
• il mantenimento della produzione agricola
• interventi di forestazione urbana;
• infrastrutture per la fruizione collettiva (ad esempio, piste ciclabili etc.).
L'individuazione degli ambiti agricoli non vincola la: a) localizzazione di
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Rispetto alla corrispondente tavola del PTCP vigente le voci di legenda e gli
elementi individuati sono per la maggior parte i medesimi. Si evidenziano le
seguenti differenze:
- individuazione dei nuclei di antica fondazione
- riconoscimento degli “Ambiti caratterizzati dalla presenza di elementi
geomorfologici rilevanti” escludendo dalla retinatura il nucleo urbanizzato
- riduzione dell’estensione degli “Ambiti caratterizzati da rilevante presenza di
elementi vegetazionali”
- eliminazione dell’individuazione delle rogge Frattina e Filippessa quali corsi
51
Rispetto alla corrispondente tavola del PTCP vigente le voci di legenda e gli
locali e delle disponibilità di superfici utili alla creazione di nuovi boschi e sistemi
elementi individuati sono per la maggior parte i medesimi. Si evidenziano le
verdi, anche al fine dell’accesso ai finanziamenti messi a disposizione dalla DG
seguenti differenze:
Agricoltura della Regione per la creazione di 10.000 ettari di nuovi boschi.
- eliminazione delle indicazioni presenti lungo la SP 107
La ricognizione delle aree disponibili per la costituzione di nuove superfici
- eliminazione dell’individuazione dell’insediamento produttivo di livello
boscate, pur non avendo dato esito ad importanti riscontri (le aree segnalate dai
sovralocale
Comuni sono state cartografate e costituiscono allegato al PIF, unitamente alle
- modifica dell’indicazione del tracciato della nuova SP 126 a nord della SP 234
rappresentazioni grafiche riguardanti i progetti pilota adottati dalla Giunta
- mutamento della definizione del margine nord dell’urbanizzato del comune di
provinciale) è comunque da interpretarsi quale primo e propedeutico passo per
Senna Lodigiana da “Margini urbani a bassa permeabilità” a “Margini di
l’istituzione dell’Albo delle superfici forestabili.
interazione con i valori ambientali”.
- individuazione di un collegamento diretto di III livello tra Ospedaletto e Orio Litta
Il Piano di Indirizzo Forestale della Provincia di Lodi è stato redatto sulla base dei
alternativo alla SP 234
criteri tecnico-amministrativi sanciti dal testo coordinato della DGR 1° agosto 2003
- introduzione dell’indicazione riguardante i “Nuclei urbani caratterizzati da
– n. 7/13899 “Approvazione di «Criteri per la redazione dei piani di indirizzo
processi di conurbazione arteriale” individuata lungo la SP 234 e la SP 126.
forestale» - Allegato 1”. Nello specifico esso si compone delle seguenti parti:
1)
In particolare si sottolinea la conferma del progetto di scala provinciale EIR A4
Una sezione introduttiva in cui sono esplicitati gli obiettivi del PIF, l’iter procedurale che
ha portato all’elaborazione del documento e la metodologia adottata.
che racchiude in sé quanto previsto per il precedente progetto EIR A4 e per il
2)
progetto EIR D2.
Una successiva sezione dedicata all’analisi del territorio forestale. In detta parte, in
ossequio alle linee guida della già richiamata DGR 13899/03, vengono innanzitutto
Infine per quanto riguarda il dimensionamento della capacità insediativa
enucleate le caratteristiche e le problematiche del settore forestale, del contesto
endogena mentre il PTCP vigente prevede una superficie massima, calcolata con
ambientale e di quello economico e sociale, attraverso una pluralità di inquadramenti
la popolazione al 31/12/11, pari a 60.690 mq il PTCP adottato riduce tale
tematici. Successivamente, la focalizzazione si sposta sulle tipologie forestali presenti
in ambito provinciale e sulla definizione delle attitudini potenziali/funzionali dei
superficie a 35.409 mq.
1.6.5.
comprensori boscati. Una particolare attenzione viene inoltre rivolta in questa sezione
Pianificazioni di Settore correlate al PTCP: Piano di
Indirizzo Forestale – PIF
alla valutazione delle presenze arboree che non possono essere ricondotte alla
definizione classica di bosco, quali ad esempio gli impianti forestali costituiti ai sensi
della misura h del PSR 2006 – 2006, le fasce tampone, le formazioni lineari, gli alberi
Il Piano di Indirizzo Forestale vigente è stato approvato con Deliberazione del
monumentali. Un’approfondita disamina sulle caratteristiche della filiera bosco-legno e
Consiglio Provinciale n.13 del 28-12-2011.
della multifunzionalità rurale costruita intorno alla presenza boschiva arricchisce lo
L’elaborazione del Piano di Indirizzo Forestale (PIF) è stata programmata dalla
sviluppo narrativo della sezione, che si conclude con l’esposizione sistematica delle
Giunta provinciale sulla base della consapevolezza che, a seguito dell’entrata in
vigore della L.R. 27/04, che introduce la nuova disciplina regionale in materia
più comuni patologie che possono interessare la popolazione boschiva locale.
3)
forestale, le previsioni del Piano vigente del 2003 (ma elaborato a partire dal
Essa è sostanziata da una propedeutica parte destinata alla definizione dei
1999) dovessero essere aggiornate, conformandole al nuovo regime giuridico.
comprensori territoriali, classificati secondo il criterio delle “Unità di Piano”, intendendo
A questa necessità si aggiunge l’opportunità di procedere ad un aggiornamento
come tali delle porzioni omogenee di area provinciale sotto il profilo della presenza o
del quadro conoscitivo, integrando tale contributo con la definizione di un
della potenzialità boschiva. Segue la declaratoria argomentata degli indirizzi
raccordo con gli altri strumenti di programmazione generale e settoriale realizzati
selvicolturali strategici a cui si connette l’analisi dei raccordi del PIF con gli altri
nel frattempo dalla Provincia di Lodi, incidenti sulle previsioni del Piano Forestale.
strumenti di pianificazione territoriale d’espressione provinciale già adottati o di
prossima adozione da parte della Provincia di Lodi. Il nucleo centrale della sezione è
Il Piano approvato si pone nei termini di un aggiornamento del precedente PIF,
dedicato all’esposizione delle proposte d’intervento ed alle azioni specifiche a
approvato dall’Amministrazione provinciale con atto consigliare n. 32/03, che
sostegno del settore forestale. Uno specifico riferimento riguarda, inoltre, la codifica
mantiene una sua sostanziale validità sotto un profilo dei contenuti tecnici e
delle condizione che rendono possibile la trasformazione del bosco e gli interventi
pianificatori, tanto da essere interamente ripreso e anzi consolidato nello sviluppo
compensativi connessi. La sezione si chiude con l’esplicitazione di un piano finanziario
narrativo del nuovo documento.
volto a dare la dimensione economica di un ipotetico sviluppo della presenza forestale
Al fine di assicurare trasparenza e linearità nella programmazione dell’attività di
nelle dimensioni che potrebbero conseguire all’adozione del presente Piano.
pianificazione forestale provinciale, la Giunta ha formalizzato, con propria
deliberazione del gennaio 2006, i criteri di elaborazione del PIF che fanno parte
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
La terza sezione del Piano è dedicata nella sua interezza all’attività di pianificazione.
4)
Una quarta ed ultima sezione del Piano tratta le norme di attuazione, ovvero gli
indirizzi, le direttive e le prescrizioni per l’attuazione del PIF.
integrante del documento approvato.
Il documento di pianificazione è inoltre integrato da una serie di allegati
La partecipazione dei Comuni del Lodigiano alle fasi di definizione del PIF è stata
distintamente riguardanti l’elenco degli alberi monumentali, l’elenco degli alberi e
assicurata attraverso momenti specifici di consultazione e di coinvolgimento nella
degli arbusti consigliati ed uno schema di regolamento comunale tipo per il verde
raccolta di dati ed informazioni utili all’identificazione, in particolare, delle iniziative
urbano pubblico e privato.
52
Obiettivi del Piano
superficiale e/o affiorante (riserva naturale delle Monticchie) si riscontra una significativa
provincia di Lodi) in qualità di elemento caratterizzante la tipologia del querco carpineto,
Il Piano di Indirizzo Forestale della Provincia di Lodi si pone quali obiettivi
presenza di salice bianco e ontano nero. Da sottolineare l’assenza del carpino bianco, che
mediante sottopiantagione che, per la spiccata sciafilia del carpino, può dare ottimi risultati
strategici lo sviluppo, il consolidamento, la tutela e la valorizzazione delle risorse
dovrebbe invece partecipare al consorzio in modo significativo.
senza particolari apporti di cure successive all’impianto.
forestali del territorio.
La presenza dell’olmo campestre, piante adulte accompagnate da una ricca rinnovazione
Auspicabili sono anche arricchimenti sia dello strato arboreo che dello strato arbustivo
naturale, fa prevedere una sua partecipazione significativa al consorzio forestale a breve
mediante l’introduzione di Prunus avium, Fraxinus ossifillo, Tilia cordata.
scadenza.
PIOPPETO PURO (P)
In qualità di specie accessorie compaiono l’acero campestre, il Prunus avium e il Populus
INDIRIZZI GESTIONALI
alba. Lo strato arbustivo è costituito da nocciolo, sanguinello, biancospino, ligustro,
• Tutela boschi esistenti;
Il pioppo è da considerarsi una coltura agraria di tipo intensivo e conseguentemente con un
evonimo e sambuco nelle aree più degradate.
• Sviluppo filiera bosco-legno;
impatto ambientale non trascurabile.
Si tratta di formazioni relittuali superstiti all’espansione della coltivazione del pioppo e
La coltivazione dei pioppeti si concentra nell’ambito della provincia di Lodi principalmente
• Protezione risorse idriche;
dell’agricoltura in genere.
nell’area golenale del Po.
• Valorizzazione turistico-ricreativa delle aree verdi;
Attualmente il regime di tutela, cui alcune di queste formazioni sono sottoposte in ragione
Il pioppeto rappresenta una forma d’uso del suolo particolarmente indicata per le aree
• Promozione cinture verdi periurbane;
della loro collocazione territoriale, ha di fatto impedito ogni intervento selvicolturale,
golenali, perché favorisce il rapido deflusso delle acque in caso di esondazione (Benini
• Valorizzazione funzione faunistica;
consegnando queste formazioni all’evoluzione naturale.
1979), mentre le aree non coltivate risulterebbero di ostacolo al deflusso.
• Rilancio del settore agricolo come multifunzionale;
Dal punto di vista evolutivo si sottolinea il rischio rappresentato dalla possibile penetrazione
Circa la modalità di gestione dei pioppi, l’adozione dell’inerbimento e dello sfalcio in
della robinia e dell’ailanto nel consorzio, con gravi ripercussioni sulla stabilità ecologica del
alternativa alle lavorazioni del terreno (a partire dal 4° o 5° anno) garantisce una migliore
popolamento e sulla sua conservazione.
protezione del suolo dall’erosione in caso di esondazione. Inoltre durante i primi anni, in
Si assiste di fatto ad un progressivo impoverimento delle specie accessorie, ma anche
assenza di operazioni di sarchiatura e sfalcio, si sviluppa nei pioppeti una rigogliosa
della farnia che non riesce a rinnovarsi, e del sottobosco soprattutto per il progressivo
vegetazione spontanea che rappresenta una valida risorsa trofica e di rifugio per fagiani e
espandersi delle specie esotiche.
provincia di Lodi il PIF si riferisce al sistema di classificazione dei boschi su basi
lepri.
Questo tipo di querceto risulta relegato nella maggior parte dei casi in fasce boscate di
Da valutare è la possibilità di consociare al pioppo altre colture agrarie. Durante i primi anni
tipologiche predisposto dalla Regione Lombardia.
ampiezza piuttosto ridotta lungo strutture lineari (rogge e canali).
è infatti possibile consociare al pioppeto la coltivazione del mais, della soia e di piante
Le tipologie forestali individuate sul territorio e cartografate sono le seguenti:
TENDENZE EVOLUTIVE
foraggere. In questi casi i sesti di impianto dovranno essere più ampi per garantire una
1. Querco carpineto della pianura alluvionale
Boschi estremamente frammentati, talora in fase di avanzata sostituzione da parte della
buona illuminazione del terreno (7x5, 9x4) almeno fino al 3°- 4° anno.
2. Querceto di farnia dei greti ciottolosi
robinia. A causa delle difficoltà di affermazione della rinnovazione di farnia è probabile una
Nelle aziende faunistiche e in ambiti territoriali protetti è opportuno ridurre il più possibile
3. Querco carpineto collinare di rovere e/o farnia
regressione a favore di specie più frugali ed in particolare della robinia.
l’impatto ambientale della coltivazione, alcune possibilità sono:
4. Querceto di farnia in golena
La farnia mantiene comunque buone potenzialità nelle situazione edafiche più favorevoli
• Scelta di cloni resistenti alle avversità biotiche e abiotiche in modo da contenere i
Sono stati definiti e individuati i seguenti obiettivi del Piano:
• Potenziamento boscosità;
• Incremento biodiversità e rete ecologica;
• Partecipazione delle amministrazioni locali;
• Promozione dei Piani comunali del Verde.
Nell’affrontare il problema di descrivere e cartografare le formazioni forestali della
5. Alneto di Ontano nero di bassa pianura
6. Saliceto di ripa
7. Saliceto a Salix cinerea
(aree marginali lungo le sponde dei fossi e dei canali e alla base del terrazzo morfologico)
dove, ad esempio nei pioppeti abbandonati e in fase di rinaturalizzazione, si comporta
trattamenti fitosanitari e le concimazioni del terreno;
• Evitare o limitare le lavorazioni del terreno, e dopo i primi anni sospenderle
come specie colonizzatrice.
completamente, favorire l’inerbimento del terreno, procedendo quindi al solo sfalcio/
Sembra quasi che sia più facile la diffusione ex novo della farnia che non la conservazione
trinciatura dell’erba (a partire dal 3°- 4° anno);
8. Castagneto dei substrati carbonatici dei suoli mesici
degli attuali popolamenti per i quali si innescano con estrema facilità processi di
A queste si devono aggiungere le formazioni di origine antropica:
regressione.
9. Robinieto puro
INDIRIZZI SELVICOLTURALI
10. Robinieto misto
La funzione prevalentemente naturalistica di queste formazioni impone di intervenire per
Il PIF definisce le attitudini funzionali dei comprensori boscati distinguendo:
11. Formazioni ad Amorpha fruticosa
favorire, anche attraverso la rinnovazione artificiale, la conservazione della farnia e il
1. Funzione produttiva: In questo caso il principale prodotto del bosco è il legname
12. Pioppeto
ripristino di una situazione di normalità selvicolturale (composizione e densità).
(legname da opera, paleria, legna da ardere, biomassa per la produzione di energia). Il
13. Pioppeto in fase di rinaturalizzazione
Bisogna evitare interventi che comportino ulteriori impoverimenti della partecipazione della
popolamento forestale deve produrre una grande quantità di massa legnosa, di buona
farnia e delle altre specie autoctone al popolamento (si può prendere in considerazione un
qualità e in tempi relativamente brevi. La gestione selvicolturale non può in questo
eventuale provvedimento autorizzativo per i tagli anche di limitata entità all’interno di
caso non tenere conto delle esigenze economiche e deve consentire utilizzazioni
queste formazioni).
concentrate nel tempo e nello spazio. Come indicazione generale la funzione
È sempre opportuno un allargamento delle fasce boscate per aumentare la stabilità
produttiva è massima in formazioni forestali costituite da specie a rapido
ecologica attraverso nuovi impianti introducendo semenzali provenienti da altre formazioni
comunale lungo il confine) e boschi non classificati a sud della SP 126. Inoltre
accrescimento o di elevata qualità tecnologica del legname, a densità e condizioni
vicine per ristabilire il flusso genico ed evitare la concentrazione di caratteri in aree ristrette.
sono presenti numerose formazioni lineari.
vegetative ottimali e in stazioni con buona fertilità facilmente accessibili.
Contenere l’espansione dei popolamenti di robinia limitrofi e intervenire per favorire la
In comune di Ospedaletto Lodigiano sono presenti per la maggior parte pioppeti,
cui si aggiungono, come formazioni boschive vere e proprie, una piccola porzione
di querco carpineto della pianura alluvionale (porzione nord est del territorio
• Consociare ai pioppeti altre coltivazioni agricole, anche a perdere, in modo da favorire
l’insediamento della fauna selvatica.
2. Funzione naturalistica: Rappresenta una delle “nuove funzioni” espresse
progressiva sostituzione della robinia con le specie autoctone.
dall’ecosistema bosco e si manifesta attraverso un insieme di azioni aventi sia effetti
QUERCO CARPINETO DELLA PIANURA ALLUVIONALE (QCP)
Sostenere la rinnovazione della farnia sia attraverso una rinnovazione artificiale e sia
localizzati che su ambiti territoriali ad ampio raggio. I boschi che meglio esplicano tale
DESCRIZIONE DEL POPOLAMENTO
attraverso cure colturali alle giovani piante.
funzione sono quelli costituiti da specie autoctone in equilibrio con le condizioni pedo-
La specie più rappresentativa è la farnia (Quercus robur), che caratterizza ed individua la
Rilasciare le farnie anche in età avanzata con funzione di portasemi. Eventuali tagli a
climatiche della stazione, caratterizzati da una elevata complessità specifica e
tipologia: la sua partecipazione al consorzio non è tuttavia sempre dominante.
carico delle specie alloctone presenti e l’apertura di piccole buche di 300-400 mq dovranno
strutturale, una scarsa pressione antropica con presenza di piante morte in piedi e
Alla farnia di volta in volta si accompagnano la robinia, il pioppo nero, talvolta il platano
sempre essere accompagnati dalla rinnovazione artificiale.
(come per certe fasce boscate lungo il canale Muzza), nelle situazioni con falda freatica
Reintroduzione del carpino bianco (praticamente scomparso da tutto il territorio della
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
schiantate.
3. Funzione faunistico venatoria: I boschi che meglio assolvono a questa funzione
53
sono quelli che presentano un numero elevato di situazioni ecotonali e quindi un
per la loro particolare collocazione altimetrica, svolgono funzione di recettori delle colature
alternarsi di radure e bosco denso. Il bosco dovrà presentarsi senza potenziali barriere
reflue.
per la fauna ed essere scarsamente frequentata dall’uomo. Tuttavia per questa
Proprio per questa ragione detta unità trova allocazione principalmente nella parte
particolare funzione non si può prescindere dalla localizzazione specifica del singolo
meridionale della provincia, dove a seguito di bonifica è stato creato un reticolo canalizio
popolamento forestale, in particolare i boschi che si trovano all’interno di aziende
che, oltre ad espletare una fondamentale funzione irrigua, svolge una contemporanea
faunistico venatorie non possono che avere una funzione prevalente di tipo faunistico,
funzione di raccolta delle colature superficiali. Ne consegue che simili corsi d’acqua sono a
se non altro dal punto di vista delle aspettative, e pertanto devono essere gestiti in
rischio di forte inquinamento, poiché unitamente alle acque superficiali raccolgono una
questa ottica.
4. Funzione ricreativa-turistica: Si prestano alla frequentazione antropica per scopi
turistico-ricreativi i boschi “puliti”, quasi privi di sottobosco e quindi facilmente
percorribili, senza piante morte in piedi e schiantate, caratterizzati dalla presenza di
Per quanto concerne le siepi e i filari, il PIF rileva che dagli anni ’90 si è registrata
una svolta passando da una visione del solo campo coltivato come unità
produttiva e di gestione, a qualcosa di più armonioso ed esteso: l’agro-
molteplicità di agenti inquinanti tra cui, in
particolare, l’azoto ed il fosforo. La definizione di una zona di filtro lungo le sponde dei
canali di colo è motivata dalla necessità di porre una particolare attenzione verso i rischi
connessi con l’azione di dilavamento delle acque superficiali a cui si connettono i sopra
piante maestose. Devono inoltre essere facilmente accessibili e percorribili grazie ad
ecosistema, dove la componente agraria e quella pseudo-naturale, costituita da
menzionati rischi di inquinamento.
una rete sentieristica in buone condizioni. La vicinanza ai centri urbani è un fattore
siepi e boschetti, convivono. Ciò ha in parte contribuito a rallentare e, talvolta, ad
L’unita di piano in trattazione rappresenta per elezione l’ambito ove allocare impianti
preferenziale.
invertire il processo di distruzione delle formazioni arboree ed arbustive lineari.
vegetali capaci di svolgere una funzione di filtro, ossia sequestrare gli elementi minerali
5. Funzione paesistica: Tale funzione si esplica attraverso la percezione visiva del
Il PIF ipotizza che una densità ottimale di siepi e filari, che comunque non
disciolti nelle acque percolanti, ed in particolare l’azoto, fissandoli nel proprio processo di
paesaggio di cui il bosco è uno dei componenti. Risulta pertanto difficile individuare
pregiudichi l’attività agricola, sia rappresentata da 150-200 metri lineari di siepi
crescita.
delle caratteristiche del popolamento forestale che ne aumentino il valore
per ettaro di superficie (SAT), che presumibilmente era la densità di siepi presente
INDIRIZZO STRATEGICO
sul territorio nei primi decenni del 1900.
Indirizzo Strategico 2: protezione delle acque
Dalla cartografia realizzata sulla base delle ortofotocarte (volo 2007) è stato
Interventi prioritari:
paesaggistico senza considerare il paesaggio nel suo complesso.
Nel territorio in esame alla totalità delle formazioni vegetazionali individuate è
attribuita attitudine funzionale “produttiva”.
Tra le attività programmate per aggiornare il Piano di Indirizzo Forestale della
Provincia di Lodi, è stato previsto l’aggiornamento del contenuto cartografico
includendo le nuove superfici forestali costituite con finanziamento pubblico.
Per questo scopo è stato costruito un archivio informatizzato delle domande
presentate ai sensi della misura h, riferita al PSR 2000-2006 (e rinconfermata
nella sostanza anche nella programmazione successiva) e inerente domande di
possibile evidenziare una situazione che si discosta profondamente da quella
ideale. Lo sviluppo complessivo delle formazioni lineari cartografate in provincia di
Lodi non raggiunge i 1.400 chilometri, determinando una dotazione media di siepi
e filari su ogni ettaro di SAT provinciale di poco superiore ai 23 metri.
Viene proposta la comparazione tra lo sviluppo delle formazioni lineari nel 2007 e
a. fasce tampone boscate
b. impianti a biomassa
8 – UNITÀ DI PIANO “DI PIANURA” (territorio comunale non ricompreso nella
categoria precedente)
L’unità in esame circoscrive la frazione maggioritaria del territorio provinciale, estendendosi
nel 2000 rilevando la variazione percentuale. Per il comune di Ospedaletto
su circa il 60% dell’intera provincia. Alla sua definizione si è giunti attraverso un processo di
Lodigiano la situazione è la seguente:
esclusione. Stante l’intero territorio provinciale, infatti, a detta categoria territoriale sono
state ricondotte tutte le aree che non sono state assegnate alle unità di piano in
cofinanziamento per l’imboschimento delle superfici agricole, con particolare
precedenza rappresentate.
riferimento alle pratiche istruite con parere favorevole, ammesse a finanziamento
Sotto un profilo ambientale l’unità di pianura mostra forti compromissioni dovute alla
e liquidate.
presenza di importanti strutture viabilistiche ed industriali. Per questi motivi e, non di meno,
La tabella che segue mostra le ripartizioni percentuali tra domande di
per la forte presenza antropica che connota alcune sue parti, l’area della pianura
finanziamento pervenute e relative alle varie linee di intervento ammissibili nella
Il PIF afferma che aumentare la dotazione di siepi e filari del sistema agricolo è
misura h:
uno degli obiettivi prioritari per la riqualificazione del paesaggio agrario a
cominciare dai comuni con la minore dotazione di formazioni lineari, ma
soprattutto dai comuni collocati nella così detta Unità di Piano “di filtro”.
rappresenta il contesto ove si realizza la maggiore competizione tra l’uso agricolo e non
agricolo del suolo. L’agricoltura trova attuazione in questo ambito territoriale attraverso
procedure fortemente intensive, con particolare riferimento alla pratica zootecnica. Una
simile vocazione produttiva non è priva di conseguenze anche in relazione alla presenza
boschiva. L’unità di pianura si connota per un coefficiente di boscosità che supera di poco
l’unità percentuale. La scarsità di bosco naturale è parzialmente mitigata dalla presenza di
Per quanto concerne gli alberi monumentali il PIF ha effettuato un censimento le
parecchie coltivazioni legnose (di pregio o destinate a produrre biomassa a scopo
cui risultanze sono riportate sia in cartografia, sia nell’Allegato “Elenco Alberi
energetico) che hanno movimentato il paesaggio rurale connotato da una massiccia
Monumentali”, e sono oggetto di tutela come previsto nelle Norme di Attuazione.
presenza della coltivazione di mais. Sotto il profilo della biodivesità, si deve inoltre annotare
Nel comune di Ospedaletto Lodigiano non risultano interventi di rimboschimento
legati alla misura h.
che l’unità di pianura, soprattutto nella sua porzione centro-settentrionale, conserva una
La parte del PIF destinata alla Pianificazione vera e propria si apre con
discreta presenza di prati permanenti, spesso perimetrati da filari alberati che,
l’individuazione delle “unità di piano” per le quali valgono gli obiettivi generali
contrariamente alle aspettative, conservano un’estensione lineare per unità di superficie
Il PIF considera anche i risultati inerenti l’attuazione della misura f del PSR
enunciati in apertura di paragrafo e che alludono ad una “mosaicatura” del
2000-2006 (anch’essa riconfermata nella programmazione attuale) inerente
territorio provinciale che non si discosta in misura significativa da quella già
l’equilibrio tra il mantenimento dell’attività agricola e la tutela dell’ambiente con la
definita in sede di approvazione del PIF 2003.
contemporanea conservazione del paesaggio agricolo e salvaguardia del
Il comune di Ospedaletto Lodigiano ricade nelle seguenti unità di piano:
territorio. In particolare la misura interviene sul mantenimento di siepi e filari e la
leggermente superiore alla media provinciale.
Si rileva inoltre che l’area in esame include anche una frazione importante di terreno
classificato come vulnerabile sul quale insistono importanti aziende zootecniche. Questa
circostanza, che costituisce un elemento di forte criticità per molte delle imprese
zootecniche che vi operano, rende improbabile la destinazione a bosco di estese superfici.
Le necessità connesse con l’intensa produzione zootecnica condizionano più che altrove
costituzione di nuove formazioni, oltre alla costituzione di fasce tampone boscate.
3 - UNITÀ DI PIANO “DI FILTRO” (lungo il confine orientale del comune)
La tabella che segue mostra la situazione inerente l’attuazione della misura f:
gli ordinamenti produttivi agronomici, che sono genericamente orientati verso la
L’unità in esame circoscrive delle strette strisce di territorio lungo alcuni corsi d’acqua che,
coltivazione di essenze vegetali a forte impiego d’azoto, quale giustappunto il mais.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
54
Per quanto riguarda il coordinamento dei PGT al PIF si richiama l’art. 48 comma 3
in particolare, il coinvolgimento delle imprese agricole, anche mediante la stipula di
della L.R. 31/08, secondo cui le previsioni del PIF sono recepite negli strumenti
convenzioni e l’assegnazioni di idonei servizi di formazione e gestione del verde,
urbanistici comunali, con particolare riferimento alla delimitazione delle superfici a
secondo le forme previste dal D.Lgs 228/01;
bosco ed alle relative prescrizioni inerenti la trasformazione delle stesse. Dette
previsioni costituiscono automatica variante ai piani comunali e comunque sono
immediatamente esecutive.
Lo stesso rapporto di prevalenza è ribadito all’art. 10 della L.R. 12/05 ove si
• prevede idonee dotazioni di verde boschivo e/o sistemi verdi interconnessi nell’ambito
dei servizi relativi agli ambiti di trasformazione di cui all’art. 8, comma 2, lett. e) della
L.R. 12/05, conformandone le caratteristiche ai criteri ed alle tipologie descritte dal PIF;
• identifica, nell’ambito della dotazione minima delle aree per attrezzature pubbliche o di
interesse pubblico o generale di cui al 3° comma dell’art. 9 della L.R. 12/05, la quota da
stabilisce che il piano delle regole del PGT “recepisce i contenuti dei piani di
destinarsi a verde fruibile e/o ecologico, in misura adeguata al soddisfacimento dei
assestamento, di indirizzo forestale e di bonifica, ove esistenti” (art. 10, comma 4,
fabbisogni sociali ed ecologici di cui al primo punto del presente paragrafo, nonché
lett a, punto 2).
quella relativa ai piani attuativi di cui all’art. 46, comma 1, lett. a) della L.R. 12/05;
Viene sottolineato inoltre che la natura cogente del PIF nei confronti del PGT non
deve, tuttavia, spingere a considerare come univoca la relazione tra i due
• Definisce gli ambiti e gli interventi da attuare attraverso l’impiego dei contributi di cui al
comma 2-bis dell’art. 43 della L.R. 12/05.
strumenti di pianificazione territoriale.
IL PIANO DELLE REGOLE (PdR)
Già in fase di analisi, l’aggiornamento del PIF ha previsto una specifica
Il Piano delle Regole, recepisce i contenuti del presente PIF ai sensi dell’art. 10, comma 4,
ricognizione sugli strumenti urbanistici locali. Da questa verifica sono emerse le
lett. a) della L.R. 12/05, provvedendo, in particolare:
molteplici incoerenze di lettura ed interpretazione degli azzonamenti della
pianificazione urbanistica comunale, che richiedono, pertanto una riformulazione
più aderente allo stato dei luoghi ed alle effettive opzioni di destinazione
• ad individuare le aree a bosco, i sistemi verdi e le presenze arboree significative rilevate
dal PIF, eventualmente integrate e meglio precisate, ove necessario, definendole e
classificandole in coerenza con i relativi elaborati del PIF e con le relative disposizioni
del Titolo IV della L.R. 31/08;
funzionale delle superfici ora genericamente classificate come “bosco”, sia in
• ad attribuire i vincoli ed i limiti di trasformazione delle aree a bosco così identificate in
termini di rilettura del paesaggio che di assegnazione delle specifiche scelte di
conformità a quanto previsto al successivo articolo 12 ed in applicazione dell’art. 143 del
governo del territorio.
• a dettare la specifica disciplina di tutela delle aree boschive e degli elementi di
superfici a bosco identificate nella Carta delle tipologie forestali e dei sistemi verdi
particolare pregio arboreo di cui sopra in aderenza alle disposizioni della vigente
e le prescrizioni sulla trasformazione del bosco stabilite al successivo art 12 sono
normativa forestale ed in conformità alle disposizioni del PIF;
urbanistici vigenti.
In particolare:
IL DOCUMENTO DI PIANO
• recepisce, approfondisce ed integra, ove necessario, il sistema delle informazioni
contenute nel PIF, riproducendo e specificando, in particolare, le delimitazioni delle aree
a bosco individuate dal PIF, le altre componenti vegetazionali significative e gli eventuali
aggiornamenti, mediante rappresentazioni cartografiche in scala adeguata;
• descrive, sia in termini quantitativi che qualitativi la componente forestale e di sistemi
vegetazionali di interesse ambientale e paesaggistico, definendone la funzione e
l’interesse specifico nell’ambito dell’assetto socio-economico, culturale, rurale ed
ecosistemico, in coerenza con le indicazioni del PIF e del PTCP;
• dimostra la compatibilità delle politiche di intervento del PGT con le preesistenze di cui
sopra e le relative qualificazioni;
• a stabilire apposite norme di salvaguardia e di gestione del verde arboreo ed arbustivo
fuori foresta, non specificamente tutelate dal PIF e dal Titolo IV della L.R. 31/08, sia per
le aree urbane che extra urbane, adottando a tal fine apposito regolamento del verde
redatto sulla base del modello di regolamento allegato al presente piano;
• a delimitare le aree destinate a bosco, identificate come superfici di potenziale
imboschimento, ai fini dell’individuazione cartografica e dell’inserimento dell’area
nell’albo delle superfici forestabili provinciali, anche per l’applicazione delle perequazioni
ambientali di cui al successivo comma.
Per le aree interessate da previsioni di trasformazione dell’uso del suolo di cui
all’art. 35 degli Indirizzi normativi del PTCP, il relativo Studio di valutazione della
compatibilità agroforestale dovrà comunque prevedere, in funzione delle
interferenze generate, che la relativa attuazione sia subordinata alla realizzazione
di misure di compensazione e/o mitigazione destinate prioritariamente alla
creazione di nuove superfici a bosco e/o sistemi verdi interconnessi. A tal fine il
• definisce la quota di interventi di imboschimento e/o di potenziamento del verde
Piano delle Regole regolamenta la cessione gratuita delle relative aree di
ecologico da realizzare al fine di eventuali compensazioni, perequazioni e incentivazioni.
compensazione, individuate nell’ambito delle superfici di potenziale
IL PIANO DEI SERVIZI (PdS)
imboschimento di cui al precedente comma e le modalità di attuazione degli
• definisce prioritariamente le azioni e gli ambiti di intervento relativi al potenziamento ed
interventi compensazione e mitigazione, in coerenza con le previsioni del PIF e
alla valorizzazione dei boschi e dei sistemi verdi, in quanto funzionali al benessere della
TAV 2 - Carta delle tipologie forestali e dei sistemi verdi
d.lgs 42/04;
Il riferimento delle NTA è l’art.6 dove viene specificato che “la delimitazione delle
immediatamente esecutive e costituiscono automatica variante agli strumenti
TAV 1 - Carta dell’uso dei suoli
agli obiettivi del Docup.
popolazione ed alla sue esigenze di fruibilità, sia in ambito urbano che extra-urbano, in
relazione alla determinazione degli utenti calcolata secondo le modalità di cui al comma
2, art. 9 della L.R. 12/05, in coerenza con le previsione del PIF e del PTCP ed in
proporzione, tra l’altro, agli obiettivi di sviluppo individuati dal Documento di Piano;
• concorre all’attuazione della rete ecologica provinciale, esplicitandone le modalità di
intervento, prevedendo anche l’intervento di altri soggetti pubblici o privati, e favorendo,
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
55
TAV 3 - Carta delle attitudini funzionali
1.6.6.
Pianificazioni di Settore correlate al PTCP: PAT
2007-2009
Il Piano Agricolo Triennale Provinciale (di seguito denominato PAT), si è
coordinato con il Piano di Indirizzo Forestale, sia recependone i contenuti
conoscitivi, sia prendendo atto dei contenuti programmatori espressi dallo
strumento e contribuendo, in questo modo, a dotare l’Ente provinciale di un
sistema di pianificazione integrata territoriale, agricola, forestale e paesaggistica
di notevole efficacia descrittiva e progettuale.
Lo stesso PTCP vigente, recependo formalmente i contenuti espressi dal PAT
All’interno del PAT non sono stati rilevati riferimenti progettuali diretti al territorio
comunale di Ospedaletto Lodigiano, tuttavia si segnala una forte potenzialità e
propensione d’uso/utilizzabilità dei luoghi legata allo sviluppo del tema della
Multifunzionalità dello spazio agricolo, riconducibile sia ad una progettualità legata
all’implementazione dei “Sistemi verdi”, sia ad un discorso marketing di “filiera
corta” legate allo sviluppo del “marchio” di qualità “Lodigiano Terra Buona” e alla
valorizzazione del rapporto tra pianificazione territoriale ed agricoltura.
1.6.7.
Pianificazioni di Settore correlate al PTCP: Piano Ittico
e Carta Ittica provinciale
2004-2006 (di fatto confermati dal PAT 2007-2009), e riconoscendo lo strumento
PAT - così come il PIF - come “piani di settore” utili sia alla formazione che
all’applicazione dello strumento urbanistico provinciale, ha provveduto ad
effettuare una “classificazione” del territorio rurale provinciale attraverso l’articolo
27 - “Domini rurali” degli Indirizzi Normativi dello strumento.
La suddetta classificazione, di diretta derivazione dall’azzonamento operato dal
PIF - di cui al paragrafo precedente della presente trattazione - è stata arricchita
TAV 5 - Carta delle unità di piano
dall’assegnazione di specifiche definizioni ed indirizzi funzionali volti alla tutela ed
alla valorizzazione del ruolo riconosciuto a ciascun ambito sulla base di
un’interpretazione di tipo socio-economico e fisico-strutturale, in coerenza con gli
obiettivi assegnati dal PAT integrati alla luce delle nuove “Linee di attenzione e di
indirizzo” definite in seno al Programma Regionale di Sviluppo (PRS), ovvero in
relazione ai 4 Assi per gli interventi a favore del Sistema Agro-alimentare e
Forestale, individuati a scala regionale e definiti come segue:
1. Governance del sistema agroalimentare e forestale;
2. Competitività, innovazione del sistema agroalimentare e politiche a favore del
consumatore;
3. Sostenibilità delle produzioni e contributo dei sistemi agricoli e forestali alle
politiche territoriali, ambientali ed energetiche regionali;
4. Politiche agricole per la diversificazione dell’economia rurale e a favore della
montagna, della collina e del pianalto.
In senso generale il Piano Agricolo Triennale 2007-2009 è stato redatto seguendo
TAV 6 - Carta dinamica delle superfici forestabili e dei progetti strategici
una metodologia
decisamente partecipativa. Ad integrazione delle linee
d’indirizzo del Piano sono infatti stati indicati quei temi per cui, nel corso delle
analisi e delle valutazioni sviluppate nelle diverse fasi del lavoro, sono emersi con
più evidenza elementi di interesse e di condivisione con gli stakeholders, e per i
quali si riscontrano condizioni di maggiore opportunità e/o di più avanzata
elaborazione a cui associare, conseguentemente, lo sviluppo di appositi progetti.
Tra le ipotesi progettuali più direttamente connesse alle priorità strategiche del
Piano di Sviluppo Rurale si richiamano:
- Filiera Agroalimentare e Distretto del latte;
- Marchio di qualità “Lodigiano Terra Buona”,
- Strategie di marketing e filiera corta;
- Agroenergia;
- Sistemi verdi;
- Agricoltura e pianificazione territoriale: area periurbana;
- Gestione nitrati.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Per quanto riguarda la pianificazione del territorio del Comune di Ospedaletto
Lodigiano, le informazioni che possono essere ricavate dal Piano Ittico Provinciale
(e dalla Carta Ittica provinciale) sono diverse.
In particolare il Piano Ittico, definisce e descrive, nel paragrafo 4.1.3 le “Acque di
Interesse Piscatorio”, che sono costituite preferibilmente da corpi idrici naturali o
paranaturali, anche artificializzati, e dagli eventuali sistemi funzionalmente
connessi o da loro tratti omogenei; la tutela e l'incremento del loro popolamento
ittico attuale o potenziale sono prevalentemente finalizzati al soddisfacimento di
interessi settoriali legati all'esercizio della pesca dilettantistica e professionale ed
alIa valorizzazione del relativo indotto. Su tali acque, da individuarsi anche sulla
base delle richieste delle categorie interessate, la pianificazione ittica prevede
forme di tutela strettamente funzionali al perseguimento degli specifici obiettivi: gli
interventi diretti sull'ittiofauna e la disciplina della pesca dovranno prioritariamente
tendere al miglior soddisfacimento delle esigenze espresse dal mondo piscatorio
ed alIa valorizzazione delle eventuali vocazioni turistiche e fruitive dei territori
interessati.
Rispetto al Comune di Ospedaletto Lodigiano, ricade nella suddetta disciplina la
Roggia Guardalobbia, per la quale il piano prevede come obiettivo specifico di
tutela il mantenimento di condizioni di idoneità ad un soddisfacente esercizio della
pesca dilettantistica.
Viene inoltre richiesta una particolare attenzione al fine di evitare l’alterazione
della funzione di filtro della vegetazione riparia e l’inquinamento delle acque. In
particolare l’indirizzo è quello di prevedere tra le azioni di salvaguardia, oltre alla
riduzione delle eventuali immissioni dirette di sostanze inquinanti, una
riqualificazione spondale di ampio respiro con piantumazione di essenze arboree
e arbustive riparie che possano svolgere un’adeguata funzione di filtro.
Altri elementi particolarmente rilevanti per il Piano Ittico sono i così detti “Istituti di
Tutela”.
“Gli Istituti di Tutela (cfr. art. 9 L.R. 12/01) [...] vengono introdotti al fine di tutelare
la fauna ittica autoctona, in particolare quella di maggior interesse naturalistico,
mediante una regolamentazione mirata a conciliare le esigenze alieutiche (ovvero
che sono proprie della pesca) con la protezione delle specie più vulnerabili. [...]
Nella pianificazione dei vincoli si è tenuto inoltre conto di quanto previsto da altre
normative e/o degli strumenti pianificatori di soggetti terzi (in primis i Parchi
Regionali), ferme restando le funzioni amministrative attribuite alle province dalla
L.R. n.12/01 anche per quanto riguarda la disciplina della pesca entro le aree
regionali protette (art. 9 comma 8). In particolare, il [...] Piano ha recepito le
esigenze espresse dagli atti programmatori del Parco Adda Sud, in coerenza con
56
le finalità di protezione, conservazione e valorizzazione del patrimonio ittico
autoctono e di riqualificazione degli ambiti acquatici.”
A livello azzonativo, il Comune di Ospedaletto Lodigiano non è interessato da
particolari indicazioni.
Per quanto concerne la Carte Ittica Provinciale, dal Capitolo “Pressioni e
Opportunità”, che struttura e propone un’analisi rivolta a tutto il territorio
provinciale, pare di interesse porre l’accento in particolare su tre elementi che,
secondo modalità opposte, pongono un’attenzione importante rispetto al sistema
delle acque superficiali (e non solo).
In relazione al tema della “Zootecnia” - da leggere in funzione delle disposizioni in
materia di “gestione dei nitrati” - si rileva come per il Comune di Ospedaletto
Lodigiano - che non risulta essere incluso in area classificata come “vulnerabile ai
sensi della DGR VIII/3297 dell’11 Ottobre 2006” - il livello di pressione zootecnica
(definito in termini di Abitanti Equivalenti e calcolato in base al numero di capi, in
relazione all’estensione territoriale del Comune), si attesti su valori bassi.
Dal punto di vista del trattamento delle acque reflue si riporta la condizione di
estrema delicatezza degli impianti di depurazione per gli scarichi civili nella
Provincia di Lodi che risultano avere per la maggior parte una capacità inferiore ai
2.000 AE.
Dal punto di vista delle opportunità viene ricordata la presenza di aree ad elevata
naturalità e i progetti di rete ecologica regionale e provinciale che contribuiscono
al rafforzamento degli ecosistemi locali del lodigiano.
bacini lentici, sia naturali che artificiali, indagati nel triennio 2003-2006 per la
stesura della Carta Ittica Provinciale.
Oltre ai corpi idrici di interesse ittico (pregio ittico, pregio ittico potenziale e
interesse piscatorio), vengono riportate anche le schede dei corsi che non
rivestono particolare interesse ittico ma per i quali si è comunque in possesso di
dati sulla qualità biologica o sul popolamento ittico.
Il criterio di ordinamento nella presentazione delle schede è il seguente:
1. bacino (Adda, Lambro, Po);
2. per ogni bacino: reticolo principale (fiume), reticolo minore (corsi secondari,
acque lentiche), con i vari corpi ordinati per unità ecologica funzionale;
3. per ogni tipologia di reticolo: acque di interesse ittico (pregio ittico, pregio ittico
potenziale, interesse piscatorio), acque che non rivestono particolare interesse
ittico;
Ogni scheda è strutturata nel seguente modo:
1. nome del corpo idrico e localizzazione nel territorio provinciale;
2. tabella con caratterizzazione sintetica (come indicato nel Documento Tecnico
Regionale per la Gestione Ittica);
3. descrizione generale;
4. ove possibile: qualità biologica e qualità chimico-fisica;
5. stato delle comunità ittiche, con indicazione puntuale della/e località di
campionamento, foto, scheda di censimento, risultati, elaborazione dell’Indice
Ittico, grafici con caratterizzazione in specie e distribuzione della biomassa;
6. (per alcuni corsi): ulteriori informazioni.
La roggia Nuova Guardalobbia è caratterizzata da un’elevata diversificazione del
percorso, penalizzata da una situazione idroqualitativa compromessa.
La corrente è lenta, il fondo è costituito da sabbia e fango. La vegetazione lungo
le sponde è costituita da strette e discontinue fasce di arbusti alloctoni che
favoriscono una moderata ombreggiatura. Il territorio circostante è caratterizzato
da coltivazioni intensive.
Di seguito si riportano i dati relativi al censimento della roggia effettuato presso il
cimitero del comune di Somaglia.
ELENCO DEI CORPI IDRICI INDAGATI interessanti il Comune di Ospedaletto
Lodigiano: Bacino del Po
Unità ecologica funzionale - Roggia Nuova Guardalobbia.
1.6.8.
Pianificazioni di Settore correlate al PTCP: Piano di
Gestione dei Rifiuti
Impianti di recupero/smaltimento esistenti nel Comune di Ospedaletto Lodigiano:
Potenzialità
Titolare
Tipologia impianto
autorizzata (t/a o
mc)
PULI-ECO srl
Stoccaggio e selezione
LODIGIANA AMBIENTE (1)
Stoccaggio e riparazione pallets
METALIA spa
Stoccaggio e selezione
LODIGIANA AMBIENTE (2)
EUROCARGO ITALIANA srl
Stoccaggio, selezione e
produzione di CDR
Stoccaggio e selezione
200.000 t/a
400 t/a
6.000 t/a
36.000 t/a
5.400 t/a
(Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti, Allegato A - Dati aggiornati al Ottobre
2009)
In ultimo si ritiene utile ricordare come l’ Allegato A alla Carta Ittica Provinciale,
costituito dalle “Schede dei corpi idrici indagati”, costituisca un elemento
conoscitivo di particolare interesse in funzione del completamento del quadro
conoscitivo afferente lo stato di salute e di popolamento dei corsi d’acqua
costituenti il reticolo idrico provinciale.
All’interno delle Schede vengono singolarmente descritti “tutti i corsi d’acqua ed i
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
57
Immagine (stralcio): Tavola “1c” - Ubicazione degli impianti di recupero/
smaltimento e delle aree attrezzate per la raccolta differenziata esistenti
Immagine (stralcio): Tavola “2c” - Criteri localizzativi definiti dal
Programma Regionale di gestione dei Rifiuti
Immagine (stralcio): Tavola “2c” - Criteri localizzativi definiti dal
Programma Regionale di gestione dei Rifiuti
Immagine (stralcio): Tavola “3c” - Criteri localizzativi integrativi definiti
dal Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti
In relazione alle attenzioni contenute dal Programma Regionale di Gestione dei
Rifiuti, per il Comune di Ospedaletto Lodigiano in merito ai criteri localizzativi si
riscontra l’impossibilità di inserire impianti per il trattamento internamente ai nuclei
residenziali, all’esterno dei quali vigono criteri penalizzanti soprattutto presso le
aree boscate, l’area di rispetto per i beni culturali e l’area compresa all’interno
della fascia C del PAI.
A livello di potenzialità localizzativa per nuovi impianti, il Piano provinciale
riprende (in parte) i criteri previsti a livello regionale, contestualizzandoli ed
andando a definire nuove sufficienti distanze (di salvaguardia) dai corsi d’acqua e
beni di natura ambientale, storico e culturale.
In relazione alle attenzioni contenute dal Programma Regionale di Gestione dei
Rifiuti, per il Comune di Ospedaletto Lodigiano si riscontra un criterio escludente
presso la zona umida, la roggia Guardalobbia, l’orlo di terrazzo, i beni culturali
locali (che si identificano per lo più nei nuclei cascinali) e l’albero monumentale;
persistendo un criterio penalizzante su tutto il territorio comunale riconosciuto
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
58
come a rischio idraulico elevato.
Definito il quadro di riferimento, il Piano provinciale dei Rifiuti, in applicazione dei
suddetti criteri, esplicita:
a) una Carta di “idoneità
localizzativa per nuove
discariche” che evidenzia come il
territorio del Comune di
Ospedaletto Lodigiano, ad
eccezione delle aree residenziali
e della zona umida lungo la
roggia Guardalobbia, presenti
elementi penalizzanti alla
localizzazione, ma che non la
escludono.
in rosso: Area non idonea
in giallo: Area con fattori
penalizzanti
c) una Carta di “idoneità
localizzativa di altri impianti di
recupero/smaltimento” che, per il
territorio del Comune di
Ospedaletto Lodigiano e del suo
intorno, mostra le medesime
caratteristiche delle carte
precedenti, oltre a riportare gli
impianti già localizzati ed attivi
nell’ambito.
in rosso: Area non idonea
in giallo: Area con fattori
penalizzanti
Immagine (stralcio): Tavola “6c” - Carta di idoneità alla localizzazione di altri
impianti di recupero/smaltimento”
1.6.9.
Immagine (stralcio): Tavola “4c” - Carta di idoneità alla localizzazione di nuove
discariche
b) una Carta di “idoneità
localizzativa di altri impianti di
termovalorizzatori” che, per il
territorio del Comune di
Ospedaletto Lodigiano e del
suo intorno, mostra le
medesime caratteristiche della
carta precedente.
Immagine (stralcio): Cartografia d’ambito - Individuazione dei giacimenti
sfruttabili
Pianificazioni di Settore correlate al PTCP: Piano Cave
provinciale
Stante al Piano cave della Provincia di Lodi – L.r. n. 14/1998, approvato con
D.G.R. n. 7/1131 del 15 dicembre 2004 e pubblicato sul BURL n. 7, 1°
Supplemento Straordinario, in data 15 febbraio 2005, il Comune di Ospedaletto
Lodigiano non è interessato dall’individuazione:
- di cave di recupero;
- di cave “di riserva per opere pubbliche”;
- di ambiti territoriali estrattivi.
mentre risulta interessato dalla presenza:
- di giacimenti;
di cui di seguito si riporta la scheda specifica e i dati relativi alla consistenza del
giacimento e alle quantità di materiale cavabile:
in rosso: Area non idonea
in giallo: Area con fattori
penalizzanti
Immagine (stralcio): Tavola “5c” - Carta di idoneità alla localizzazione di
termovalorizzatori
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
59
Immagine (stralcio):
Tavola “11” - Carta dei giacimenti
Immobili vincolati ai sensi dell'art. 128 del D.Lgs. n. 42/2004
- la Strada Provinciale n° 107 Lodi-Ospedaletto
In base a nota trasmessa dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e
- la Strada Provinciale n° 126 Ospedaletto-Codogno
Paesaggistici di Milano in data 27/03/2012 prot. 978 risultano consistenti i
- L’Autostrada A1 Milano-Napoli
seguenti provvedimenti di tutela sulla scorta di quanto disposto dall’art. 128 del
D.lgs. 42/2004:
-
Le strade SP n° 234, SP n° 107 e SP n° 126 sono classificate nel Nuovo Codice
Villa del Sec. XVI - portico in terracotta del cortile, sale (ex Abbazia
della Strada D.Lgs. 285/92 come strada extraurbana secondaria di tipo C. La
Gerolomini)
fascia di rispetto definita ai sensi del DPR n° 495 del 1992 per gli ambiti
Chiesa parrocchiale (dei S.S. Pietro e Paolo)
extraurbani viene quantificata in 30 m riducibili a 10 m all’interno del perimetro del
centro abitato.
Immobili vincolati ai sensi dell'art. 10 - 12 del D.Lgs. n. 42/2004 (ex art.5 del
La A1 è da classificarsi ai sensi del Nuovo Codice della Strada D.Lgs. 285/92
D. Lgs. n° 490/99): trattasi di “cose immobili e mobili appartenenti allo Stato, alle
come Autostrada (A). La fascia di rispetto definita ai sensi del DPR n° 495 del
regioni, agli enti pubblici territoriali nonché ad ogni altro ente o istituto pubblico e a
1992 per gli ambiti extraurbani viene quantificata in 60 m riducibili a 30 m
persone giuridiche private senza fini di lucro, ivi compresi gli enti ecclesiastici
all’interno del perimetro del centro abitato.
civilmente riconosciuti, che presentano un interesse artistico, storico, archeologico
o etnoantropologico.”. ed in particolare:
Il territorio comunale è attraversato, in direzione OVEST-EST, dalla linea
-
Santuario della Madonna del Fontanone
ferroviaria “Pavia-Cremona“ delle Ferrovie dello Stato. La sua fascia di rispetto
-
Stazione ferroviaria
viene definita ai sensi del D.P.R. n° 753 del 11/07/1980 e risulta essere di 30 m.
-
Arco della Pace
Rispetto cimiteriale
Immobili vincolati ai sensi del P.T.R. della Regione Lombardia
Il giacimento si colloca nella porzione di territorio comunale che si estende a sud
della fascia C del PAI proseguendo anche in comune di Senna Lodigiana.
1.7. VINCOLI
1.7.1.
-
Abbazia dei SS Pietro e Paolo
-
Monastero
-
Santuario della Madonna del Fontanone
-
Stazione Ferroviaria; Arco della Pace
-
Cascina Malpensata
-
Cascina Mandella
-
Cascina Villafranca di Mezzo.
Il cimitero attuale è posizionato lungo la SP n° 126 nella parte sud del territorio
comunale, a regolare distanza dall’edificato. Non sono previsti futuri ampliamenti.
Vincoli paesaggistici e culturali
Immobili vincolati ai sensi del P.T.C.P. della Provincia di Lodi (D.C.P. n° 30
Vincoli archeologici
del 18 luglio 2005) allegato E (Repertorio dei beni storico-architettonici dei
Il Comune di Ospedaletto L., secondo quanto indicato nella nota scritta inviata
Comuni della Provincia di Lodi)
dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia (prot. 1499 del
-
Chiesa dei Santi Pietro e Paolo
20/05/2013), non è interessato da vincoli archeologici, tuttavia la documentazione
-
Monastero dei Santi Pietro e Paolo
d’archivio e la bibliografia specialistica segnalano le seguenti località a rischio
-
Casa dell’Abate (PARERE n° 3.1)
archeologico.
-
Santuario della Madonna del Fontanone
-
Stazione ferroviaria
-
Arco della Pace
-
Cascina Griona
-
Cascina Malpensata
-
Cascina Mandella
Fascia di rispetto del depuratore (Delib. C.I.A. del 04/02/1977)
-
Cascina Villafranca di mezzo
Nel territorio di Ospedaletto L. attualmente è presente un depuratore posizionato
-
Cascina Villafranca di sopra
a sud dell’edificato e dimensionato per una popolazione di 1500 abitanti
Località
OSL1 - Cascina
Villafranca di Mezzo
OSL 2 - Cascina
Mandella
OSL 3 - Roggia
Guardalobbia
OSL 4 - Cascina
Mandella “campo dei
sassi”
OSL 5 - cascina
Griona
Tipo di ritrovamento
Affioramento di frammenti laterizi e ceramici
Affioramento di frammenti laterizi e ceramici
Anomalia da fotointerpretazione possibile
indizio di un sito archeologico sepolto
Ritrovamento di frammenti ceramici di età
romana e tracce di viabilità antica
Resti di età romana
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Bibliografia
Archivio
Soprintendenza
Archivio
Soprintendenza
Archivio
Soprintendenza
G. Agnelli, Lodi e il
suo territorio, Milano
1917, p.110
Agnelli 1917, p. 110;
Archivio
Soprintendenza
equivalenti. Il depuratore è gestito dall’ente SAL.
1.7.2.
Vincoli amministrativi
Rispetto viabilistico (strade e ferrovia)
Il territorio comunale è attraversato da quattro assi viari principali:
- la Strada Provinciale n° 234 Codognese
60
Allevamenti suini 400 m.
Allevamenti bovini per vitelli a carne bianca 400 m.
In particolare i metanodotti presenti a Ospedaletto L. sono:
Allevamenti bovini di altro tipo, equini, ovini 200 m.
Allevamenti avicunicoli e assimilabili (animali da pelliccia, ecc.) 400 m.
CASE ISOLATE
fascia di rispetto/sicurezza m 11,00 per parte dalla condotta
Per tutte le tipologie sopra descritte 100 m.”
devono essere conformi a quanto previsto dai citati D.M. 24/11/1984 e D.M.
Perimetrazione del centro abitato
Il "centro abitato" è stato perimetrato sulle planimetrie di Piano ai sensi dell’art. 3
del (D.Lgs. 285/1992) “insieme di edifici, delimitato lungo le vie di accesso dagli
appositi segnali di inizio e fine. Per insieme di edifici si intende un
raggruppamento continuo, ancorché intervallato da strade, piazze, giardini o
simili, costituito da non meno di venticinque fabbricati e da aree di uso pubblico
con accessi veicolari o pedonali sulla strada.”
1) Gasdotto “Allacciamento al comune di Livraga” (cod. 4100378)
Tali metanodotti impongono fasce di rispetto/sicurezza variabili in funzione della
pressione di esercizio, del diametro della condotta e delle condizioni di posa che
17/04/2008.
Elettrodotti
Il territorio del comune di Ospedaletto L. risulta attraversato da tracciati che pur
non passando nel centro abitato, lo lambiscono con linee di alta e media tensione.
Sulle aree su cui insistono elettrodotti generanti campi elettrici e magnetici alla
frequenza di rete (50Hz), i limiti di esposizione ed i valori di attenzione, per la
protezione della popolazione, sono fissati dal D.P.C.M. dell’ 08/07/2003, così
Metanodotto - Gasdotto
Nei confronti del metanodotto valgono le fasce di rispetto di cui al D.M del
come integrati dal D. Dirett. del 29/5/2008.
24/11/1984 “ Norme di sicurezza antincendio per il trasporto, la distribuzione,
Fascia di tutela assoluta e di rispetto dei pozzi idrici (D.Lgs. 152/1999)
l'accumulo e l'utilizzazione del gas naturale con densità non superiore a 0,8” e del
All’interno del territorio comunale sono presenti due pozzi, nelle vicinanze
successivo D.M. 17.04.2008 “Regola tecnica per la progettazione, costruzione,
dell’acquedotto di via Trieste. I pozzi sono gestiti dall’Ente SAL.
collaudo, esercizio e sorveglianza delle opere e degli impianti di trasporto di gas
naturale con densità non superiore a 0,8” il quale prevede che gli Enti locali
preposti alla gestione del territorio debbano tenere in debito conto la presenza e
l’ubicazione delle condotte di trasporto di gas naturale nella predisposizioni e/o
nella variazione dei propri strumenti urbanistici e prescrivere il rispetto della citata
normativa tecnica di sicurezza in occasione del rilascio di autorizzazioni,
concessioni e nulla osta.
Limite distanza allevamenti zootecnici
Rispetto agli allevamenti zootecnici valgono le distanze prescritte dall’articolo
3.10.7. Distanze degli allevamenti, stalle, concimaie e vasche di raccolta deiezioni
Pozzi metano
dalle zone residenziali del Regolamento Locali d’Igiene ai sensi del quale:
Nel territorio di Ospedaletto L. è presente 1 pozzo di gas metano:
“ E' consentito costruire stalle, porcilaie, capannoni per allevamento vitelli,
allevamenti avicoli o di altri animali, e relative concimaie e vasche di raccolta
deiezioni, purché siano ubicate in zona agricola almeno alle seguenti distanze
minime dal limite esterno delle zone di espansione del capoluogo e frazioni, così
NOME POZZO
LONGITUDINE (*)
LATITUDINE (*)
CASALPUSTERLENGO 006
02°51'37,50'' W
45°09'55,50''
POSIZIONE
Vicinanze
cascina
Mandella
(*) Le coordinate geografiche sono espresse in longitudine Monte Mario
come previsto nel vigente P.R.G., nonché dalle case isolate.
CENTRI EDIFICATI
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
61
La localizzazione puntuale dei pozzi di gas metano deve essere verificata con
Aree vulnerabili ai sensi della DGR VII/003297 dell’11 ottobre 2006
l’ente gestore (Eni).
L’intero territorio di Ospedaletto Lodigiano NON rientra nelle “Aree vulnerabili ai
sensi del DGR VII/003297 del 11 ottobre 2006”.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
62
Stralcio immagine tratta dal Geoportale della Provincia di Lodi - MISURC
2.
QUADRO CONOSCITIVO COMUNALE
2.2. QUADRO TERRITORIALE
2.2.1.
Sistema territoriale
2.1. COORDINAMENTO CON LE PREVISIONI DEI COMUNI
CONTERMINI
Il quadro conoscitivo del Comune di Ospedaletto Lodigiano non può prescindere
dalla conoscenza degli strumenti urbanistici dei Comuni contermini.
Tale analisi risulta necessaria e consente di inquadrare la realtà del contesto
territoriale rispetto all’assetto insediativo e infrastrutturale dei comuni confinanti
anche in relazione alle indicazioni provenienti dalla pianificazione sovracomunale.
Gli elementi di maggior rilievo sono quelli di seguito riportati:
- Per quanto riguarda la viabilità, la strada provinciale S.P. 234 che attraversa a
nord il tessuto edificato collega Casalpusterlengo e le aree produttive attigue e
tutto il territorio ad est di Ospedaletto con il Comune di Oriolitta e le province di
Milano e Pavia ad ovest.
- A nord, in Comune di Livraga troviamo un’area produttiva di espansione che
attualmente si appoggia alla SP 107 ma per la quale
il PTCP prevede una
bretella dedicata di ingresso in casello autostradale.
- A sud, nell’immediato confine comunale troviamo l’edificato di Senna Lodigiana
connesso alla SP 126.
Il comune di Ospedaletto Lodigiano è situato a sud ovest di Lodi e dista 17 km da
Lodi e 50 km da Milano. I comuni confinanti sono a nord Brembio e Livraga, a est
Casalpusterlengo e Somaglia, a sud Senna Lodigiana e a ovest Orio Litta.
L’estensione del comune è di 8,44 Kmq e la sua altezza sul livello del mare è di
Stralcio immagine tratta dal Geoportale della Provincia di Lodi - MISURC
64 m per la maggior parte del territorio comunale, mentre la zona
immediatamente a sud del centro abitato, delimitata dalla strada provinciale 126 e
dai confini con Senna e Orio Litta, è posta a 49 m circa sul livello del mare.
Il nucleo abitativo che sorge al centro del territorio comunale e si presenta di
forma triangolare è delimitato a sud da via Padullo, a est dalla SP 126 e a nord
dalla SP 234; qui si trovano i principali servizi pubblici (municipio, posta, scuola
materna ed elementare) ed è concentrata la maggior parte dell’edilizia di antica e
recente costruzione. In prossimità del municipio sorge il complesso dei santi
Pietro e Paolo, costituito dalla chiesa parrocchiale e dall’ex monastero (composto
da noviziato, chiostro e casa dell’abate) attualmente non abitato. Notevole
interesse storico rivestono anche le Cascine Malpensata, Mandella, Villafranca di
Sopra e Villafranca di Sotto.
Il territorio comunale si presenta ancora prevalentemente agricolo e il paesaggio
dominante è costituito da campi coltivati attraversati da un sistema di rogge. di
notevole portata sono: la roggia Guardalobbina che scorre in direzione nord sud
del territorio e in prossimità del confine est con i comuni di Casalbusterlengo e
Somaglia, la roggia Frattina che scorre a nord sul confine comunale con Brembio,
la roggia Nuova che scorre a sud con il confine comunale di Senna, la roggia
Fratta che scorre in direzione nord sud del territorio comunale costeggiando il
centro abitato a est, la roggia Somaglia e infine il colatore Spartizzone che scorre
a sud ovest lungo il confine comunale con Senna e Orio Litta.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
63
2.2.2.
Sistema delle infrastrutture e della mobilità
Il capoluogo municipale sorge all’incrocio della Strada Statale 234, detta
Mantovana, che da Pavia conduce a Cremona e Mantova, e della Provinciale
Lodigiana 107 che collega Lodi a Codogno. E’ sfiorato dall’autostrada del Sole
(A1 Milano-Bologna, uscita Casalpusterlengo-Ospedaletto Lodigiano); il territorio
viene inoltre attraversato dalla strada Provinciale 126 che conduce a Senna e
Somaglia. Il comune è servito anche dalla linea ferroviaria Pavia-CremonaMantova, che correndo parallela alla S.S. 234, sosta nella stazione di Ospedaletto
per innestrasi, a Casalpusterlengo, nella linea Milano-Lodi-Piacenza. Si sottolinea
inoltre la presenza del tracciato TAV a fianco dell’Autostrada.
Da un punto di vista dei trasporti pubblici su gomma il territorio comunale è
collegato a Milano e a Lodi da un servizio giornaliero di autobus ed è servito da 3
linee:
- la linea Codogno-Piacenza
- la linea Codogno - San Colombano
- la linea San Rocco - Milano MM3
con fermate lungo la via principale Balbi che attraversa il centro abitato: due
all’altezza dell’ufficio postale, nei due sensi di marcia; una all’altezza della
farmacia, individuata all’interno dell’ampliamento della carreggiata; una all’altezza
della Trattoria Il Cristo, con apposita pensilina.
Vi è inoltre una fermata in prossimità dell’accesso dello stabilimento INALCA a
servizio dei dipendenti.
Grazie ad una scrupolosa amministrazione dei fondi già nel Cinquecento la chiesa
In anni più recenti la popolazione è calata, infatti nel 1996 risultano 1453 residenti,
possedeva numerose e floride aziende agrarie sparse sul territorio e facenti capo
ma la tradizione agricola è ancora presente: numerose sono le cascine attive nel
all’abbazia dei Santi Pietro e Paolo che nel corso del secolo subisce ulteriori
territorio comunale in cui si coltivano cereali e foraggi, oltre ad allevamenti
interventi architettonici e pittorici, unitamente alla decorazione pittorica del
zootecnici.
noviziato e del palazzo abbaziale; alcune cascine tra le quali Villafranca di Sopra,
Con la creazione nei pressi dell’ingresso dell’autostrada A1 di una zona
Villafranca di Sotto, Malpensata e Mandella, rappresentavano la maggior
industriale e artigianale, negli ultimi anni si sono insediate molte industrie e
possessione agricola dei Gerolomini.
imprese artigianali, ed in particolare hanno deciso di insediarsi su questo territorio
Agli inizi del Settecento il nucleo abitato del comune, posto al centro del territorio
tre industrie internazionali: la Galbani, la B.Ticino e nel 1999 il gruppo Cremonini,
leggermente a sud ovest e di forma stretta e allungata, risultava costituito da una
leader nella macellazione e trasformazione delle carni bovine.
sessantina di edifici e delimitato a sud est dalla chiesa dei Santi Pietro e Paolo.
Il centro storico di Ospedaletto risulta ben conservato, l’eccezione è costituita dal
Ancora una volta va sottolineato come il proprietario di tutti i terreni e degli edifici
monastero dei Santi Pietro e Paolo che è in stato di abbandono. Nella seconda
fosse il monastero. Nel 1748 la Lombardia passò all’Austria; l’imperatrice Maria
metà degli anni 9 del Novecento la cascina noviziato annessa al monastero è
Teresa fece stendere un piano di riammodernamento della viabilità modificando,
stata completamente demolita e al suo posto sorgono ora nuove abitazioni e un
ad esempio, il percorso della Strada Regina, il cui tracciato fu spostato più a
campo giochi per bambini.
monte: è l’odierna strada provinciale 234 (allora detta strada postale mantovana),
che provenendo da Pavia e dirigendosi a Cremona e Mantova passava per
L’elenco delle frazioni e cascine che segue è compilato seguendo lo schema
Ospedaletto, dove oggi si incrocia con l’autostrada del Sole.
dell’Agnelli e riporta il numero degli abitanti, indicato per ogni frazione, riferito al
Nel 1757, sempre sotto
censimento 1881.
la dominazione austriaca e con la costituzione della
Provincia di Lodi, il territorio fu suddiviso in “Vescovati” comprendenti più
“delegazioni”: il comune di Ospedaletto rientrava nel Distretto V di Lodi,
Delegazione XX, Vescovato Inferiore”. Dalle carte redatte in seguito a questa
- GRIONA: a 1 km nord (Ab. 59); Nei pressi della zona passava la strada Romea
Piacenza - Laus Pompeia, proveniente da Senna per Livraga. Qui vennero
ritrovati oggetti di epoca romana.
suddivisione territoriale si apprende che a Ospedaletto ci sono 65 case e un unico
proprietario che era ecclesiastico.
Dieci anni dopo, nel 1768 il comune contava 1300 abitanti.
Con la soppressione dell’ordine gerolomino, nel 1797, al monastero subentrarono
2.2.3.
Sistema urbano
CENNI STORICI E FASI DELLO SVILUPPO URBANO
nuovi proprietari, sia per quel che riguarda i terreni che gli edifici, solo la chiesa
non fu soggetta alla vendita, e fu accorpata alla diocesi di Lodi.
Ospedaletto L. deriva il suo nome dall’antico ospedale di Senna Lodigiana,
Alla proclamazione del Regno d’Italia, nel 1861, risiedevano ad Ospedaletto 1.819
documentato fin dal XII secolo, una struttura atta ad offrire ricovero ai pellegrini e
persone.
viandanti che percorrevano la vicina strada Romea per recarsi a Roma e nei
Nel 1866 venne realizzata la linea ferroviaria Pavia-Cremona-Mantova e a
luoghi santi. Infatti nel 1153 è segnalato l’Hospitale de Senna, dove rsiedevano
Ospedaletto fu collocata la stazione, ancora in esercizio e attualmente sede della
dodici frati e dal 1196 compare a capo dell’ospedale un minister. L’appellativo
Croce Rossa. Dall’elenco stradale redatto nel 1871 il comune era attraversato
“lodigiano” venne attribuito alla località molto più tradi, in seguito al Regio Decreto
dalla strada provinciale mantovana che collegava Casalbusterlengo a Pavia, da
del 1863.
quattro strade comunali interne, sei comunali esterne e sette strade consorziali.
Sfruttando la sua posizione sull’importante via di comunicazione Pavia-Cremona
Nello stesso anno risultano presenti 1.825 cittadini. Dall’Unità di Italia al 1901 la
l’ospedale, fondato e costruito sui possedimenti della famiglia Balbi di Milano,
popolazione di Ospedaletto crebbe raggiungendo 2.009 abitanti, massima densità
costituì un nucleo di aggregazione per gli abitanti della zona. Intorno alla metà del
raggiunta.
XV secolo l’ospedale fu trasformato in monastero e dal 1439 gestito dai frati
Negli anni 30 del Novecento venne costruito un nuovo asilo infantile; nel 1931 si
dell’ordine Gerolomino; l’abbazia diventò sede dell’ordine e dedicata ai santi
attuò l’automazione del servizio telefonico nel territorio di Ospedaletto e la
Pietro e Paolo. Nel 1455 papa Callisto III autorizzò la costruzione ex novo della
costruzione della cabina per il telefono autonomo.
chiesa e del monastero, costruzione avviata probabilmente intorno al decennio
Alla vigilia del secondo conflitto mondiale i servizi esistenti erano il mulino, il forno
1460-70.
pubblico, lo spaccio di commestibili, la rivendita di sale e tabacchi, lo spaccio di
Nel 1535, alla morte di Francesco II Sforza, con la fine dell’indipendenza dello
carne macellata, l’illuminazione pubblica e la farmacia.
Stato di Milano, il Lodigiano venne distinto in “Città” e “Contado”, quest’ultimo
Nel 1951 gli abitanti erano 1642; negli anni seguenti furono realizzate la
diviso a sua volta in “Vescovati”. Nel compartimento territoriale del Lodigiano del
fognatura, l’acquedotto e la bitumazione delle vie principali, oltre alla costruzione
Ducato di Milano, nel XVI secolo, Ospedaletto fece parte del “Vescovato di sotto
dell’edificio della scuola elementare.
la strada piacentina”.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Casa padronale: edificio a pianta rettangolare con pareti in muratura intonacata
e parzialmente a vista; tetto a 2 falde simmetriche con coppi in laterizio. Stalla:
edificio a pianta a ferro di cavallo, con pareti in muratura a corsi regolari e forata
a blocco e pilastri in muratura a corsi regolari; tetto a 4 falde a pianta poligonale
regolare con marsigliesi in laterizio. Fienile: edificio a pianta rettangolare con
pareti e pilastri in muratura a corsi regolari; tetto a 2 falde asimmetriche; capriate
lignee a 1 monaco e saettoni; l'edificio presenta sui lati corti 3 archi a sesto
acuto che corrispondevano a finestre ora murate; il manto di copertura è a
marsigliesi in laterizio. Fienile: edificio a pianta poligonale regolare con pareti e
pilastri in muratura a corsi regolari; tetto a 2 falde asimmetriche; capriate lignee a
1 monaco e saettoni; l'edificio presenta sui lati corti 3 archi a sesto acuto che
corrispondevano a finestre ora murate; il manto è a marsigliesi.
- MALPENSATA (CAROLA): a1 km nord ovest sulla strada di Livraga (Ab. 70). É
stata proprietà dei Gerolomini di Ospedaletto.
Casa padronale: edificio a pianta rettangolare, con pareti in muratura intonacata:
la parte centrale è coperta da un tetto a padiglione a pianta rettangolare a 4
64
falde, mentre le ali laterali hanno un tetto a padiglione a pianta quadrata a 3
falde; il manto di copertura è a coppi in laterizio. Case coloniche: edifici a pianta
rettangolare, posti simmetrici rispetto alla casa padronale e dalle forme
identiche, con pareti intonacate; tetto a 2 falde simmetriche coperto da coppi in
laterizi. Casa colonica: edificio a pianta rettangolare, con pareti in muratura
intonacata; tetto a 2 falde simmetriche coperto da coppi in laterizi. Fienile:
edificio a pianta rettangolare con pilastri in muratura a corsi regolari; tetto a 3
falde con 1 testa a padiglione, coperto da coppi in laterizi. Fienile: edificio a
pianta rettangolare con pareti e pilastri in muratura a corsi regolari; tetto a 3
falde con 1 testa a padiglione, coperto in parte da coppi in laterizio e in parte da
lastre.
- VILLAFRANCA DI SOPRA: a 1,8 km nord est (Ab. 122). Era di proprietà dei
Gerolomini.
Casa padronale A: Edificio a pianta rettangolare in muratura di laterizi, con
ingesso centrale oggi murato, sormontato da una torretta a pianta quadrata; sul
lato rivolto verso l'aia si apre a p. t. un portico a 9 archi a sesto ribassato su
pilastri coperto da voltini; tetto a 2 falde simmetriche coperto da coppi in laterizi.
Magazzino: edificio a pianta rettangolare con piccolo portico nella zona centrale
sul lato rivolto verso l'aia e pareti e pilastri in muratura a corsi regolari; tetto a 2
falde simmetriche con coppi in laterizio. Fienile: edificio a pianta rettangolare con
al centro l'androne di passaggio e con pareti e pilastri in muratura a corsi
regolari; tetto a 2 falde simmetriche con coppi in laterizio. Fienile: edificio a
pianta poligonale regolare con portico nella zona centrale sul lato rivolto verso
l'aia e con pareti e pilastri in muratura a corsi regolari; tetto a 2 falde simmetriche
con coppi in laterizio. Fienile: edificio a pianta rettangolare.
Al centro del territorio, con posizione leggermente sud-ovest, si articola il nucleo
abitato, di forma stretta e allungata, quasi trapezioidale, costituito da una
sessantina di edifici prospicienti su strada, a corpo semplice e forma rettangolare.
Tale nucleo è delimitato a sud-est dalla chiesa dei Santi Pietro e Paolo ; nel centro
del paese, in particolare, si segnala la presenza di una “casa d’affitto ad uso
d’osteria” e di una “Casa per mulino”. A sud est del centro abitato è presente
un’altra “Casa con mulino d’una ruota” che nei successivi catasti verrà indicata
- MOLINAZZO: a 1 km ovest (Ab. 8).
- MANDELLA: a 1 km est (Ab. 139). Grande cascinale, era condotto direttamente
dall’economo dei Gerolomini. Ora di proprietà De Rosat, eredi dell’acquirente De
Chevilly.
Martino Pizzolano e Mirabello, a sud con Senna e ad ovest con Orio e Livraga.
con il nome di “Torchio”. Il nucleo abitato è delimitato a sud-est dalla chiesa dei
Casa padronale: edificio a pianta rettangolare, in muratura di laterizi a vista, con
ingresso centrale ad arco ribassato, sormontato da una torretta; sul lato rivolto
verso l'aia si apre al piano terra un portico di 7 campate su pilastri binati, coperto
da volte a vela ad archi ribassati, alternati a coppie di archi in rilievo, in
corrispondenza dei pilastri; tetto a due falde su struttura a travi lignee. Casa
colonica: edificio a pianta rettangolare in muratura di laterizi intonacata; tetto a
due falde su struttura a travi lignee. Rimessa: edificio a pianta rettangolare in
muratura, utilizzato come deposito; tetto a due falde su struttura a travi lignee,
parzialmente demolito. Stalla/Fienile: edificio a pianta rettangolare in muratura di
laterizi, diviso in due longitudinalmente, di cui la parte verso l'aia destinata a
fienile, l'altra adibita a stalla; tetto a due falde su struttura a travi lignee.
Santi Pietro e Paolo. Oltre al centro urbano, a nord est del territorio, gli unici edifici
evidenziati sulla mappa sono le cascine Villafranca di Sopra e Villafranca di Sotto
costituite entrambe da diversi corpi di fabbrica rettangolari. Dai “registri dei
proprietari” del Catasto Carlo VI risultano esistenti due “case da massaro” in
corrispondenza degli attuali complessi delle cascine Mandella e Malpensata. Il
proprietario di tutti i terreni e di tutti gli edifici, sia le abitazioni che costituivano il
nucleo abitato di Ospedaletto, sia delle cascine presenti sul territorio, era il il
Supremo Monastero dei Santi Pietro e Paolo della ven. Congregazione dei
- CRISTO: era sulla strada provinciale Pavia - Casalpusterlengo, a breve distanza
dal paese; all’interno era presente un oratorio.
Monaci di S.Gerolamo il Lombardia.
- MADONNA DEL FONTANONE: dista 1 km sulla strada che porta al comune di
Senna. E’ una piccola chiesa in cui viene venerata la Madonna delle Grazie;
l’appellativo “del Fontanone” deriva dalla presenza di una fonte miracolosa sotto
la cappella.
è la “strada pubblica” l’odierna strada provinciale 234 che divide orizzontalmente il
Ospedaletto appare ben collegato ai comuni limitrofi da arterie viarie, la principale
comune in due parti. Si raccorda a tale arteria con direzione nord-ovest/sud-est,
giungendo fino al nucleo abitato, la strada che collega Ospedaletto a Livraga. Una
terza arteria viaria unisce il comune a nord con Brembio. Una strada
dall’andamento curvilineo costeggia a sud tutto il nucleo abitato , collegandoo a
ovest con Orio Litta e a sud con Senna Lodigiana; proprio lungo questa strada, in
prossimità del confine con Senna, è individuabile il santuario della Madonna del
Fontanone. Un’altra strada rettilinea collega Ospedaletto con Orio Litta con
direzione sud-ovest/nord est, lungo la quale si pone un edificio rettangolare
- TORCHIO: a 250 m. sud (Ab. 6).
denominato “Casa da massaro, detto il Belvedere”.
- VILLAFRANCA DI MEZZO: a 1,2 km nord est (Ab. 135). Era di proprietà dei
Gerolomini.
A sud-est (al confine con Orio Litta e Senna Lodigiana) si segnala la presenza di
Edificio ad aula unica rettangolare con volta a padiglione a sesto ribassato, il
presbiterio è coperto da volta a vela quadrata affrescata. E' preceduto da un
protiro coperto da volta a crociera e posteriormente presenta una sagrestia ad
aula quadrata. L'edificio ha il pavimento in cotto ed è coperto da un tetto a 4
falde collegate con coppi in laterizio.
un vasto appezzamento destinato ad “aratorio vitato”, mentre nella zona limitrofa
al santuario della Madonna del Fontanone si nota un “bosco dolce”.
Il territorio è attraversato da numerose rogge, di cui però non si specifica il nome,
che servivano per l’irrigazione.
Nomi perduti:
- Padullo: era a 500 m. ad ovest del paese ai piedi dell’antica costiera del Po.
Mappa Catasto Lombardo-Veneto (1867)
- Noviziato
All’epoca della redazione del catasto lombardo-veneto la mappa del comune di
Ospedaletto è composto da 14 foglie 2 allegati del nucleo abitato in scala 1:1000;
Edificio d'ingresso: edificio a pianta rettangolare in muratura di laterizi intonacati,
con ingresso al centro ad arco ribassato, sormontato da una torretta; il bugnato
evidenzia il portale a sesto ribassato e gli elementi angolari; la torretta è coperta
da tetto a padiglione a pianta quadrata a 4 falde, mentre le due ali laterali da
tetto a 2 falde simmetriche; il manto di copertura è a coppi in laterizio. Casa
padronale: edificio a pianta poligonale regolare, in muratura di laterizi intonacati,
con tetto a padiglione a pianta poligonale falde; il lato posto a nord presenta al
piano terra un portico su pilastri; il manto di copertura è a coppi in laterizio.
Fienile: edificio a pianta rettangolare in muratura di laterizi intonacati, sul lato
rivolto verso l'aia si apre al piano terra un portico su pilastri; il tetto è a due falde
simmetriche su struttura a travi lignee con orditura primaria e secondaria; il
manto di copertura è a coppi in laterizio. Stalle: edificio a pianta rettangolare.
Bibliografia:
la situazione rappresentata non è molto diversa da quella della precedente mappa
G. Agnelli - Lodi ed il suo territorio
del 1723. Sono mutati i nomi di tre comuni confinanti a est con Ospedaletto,
ISAL, a cura di - Rilevazione e catalogazione dei Beni Architettonici e Ambientali della
rispettivamente Zorlesco, Pizzolano, Mirabel San Bernardino.
Provincia di Lodi
A livello stradario non si rilevano novità, se non la denominazione della strada che
CENNI SULLA CARTOGRAFIA
il catasto precedente definiva “strada pubblica” e che in quello del 1867 è riportata
Tratto da: ISAL, a cura di - Rilevazione e catalogazione dei Beni Architettonici e Ambientali
come “strada provinciale detta Mantovana che da Casalpusterlengo mette a
della Provincia di Lodi
Mappa Catasto Carlo VI (1722-23)
L’attuale territorio del comune di Ospedaletto risulta composto nel 1723 da 19
fogli. Il comune confina a nord con Livraga e Brembio, a est con Zurlesca, San
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Pavia”. L’elemento nuovo rispetto alla precedente versione è la presenza della
ferrovia detta “strada ferrata da Pavia a Cremona e Brescia” che corre parallela
sotto la “strada provinciale”, e della stazione ferroviaria di Ospedaletto, che
65
corrisponde esattamente a quella attuale.
La realizzazione dell’autostrada ha apportato delle modifiche anche alle vie
Oltre al nucleo storico del tessuto urbano sono stati individuati anche quelli delle
Il centro urbano appare immutato nella morfologia: le abitazioni sono disposte a
comunali, in particolare nella strada carreggiabile che portava alla cascina
cascine storiche sparse sul territorio che riportano esempi classici di architettura
cortina lungo il viale principale che lo attraversa diagonalmente da nord-ovest a
Villafranca di Sopra, posta a nord est di Ospedaletto, e all’interruzione della strada
rurale del territorio.
sud-est, detto “Contrada del Corso” (attuale via Balbi) e lungo le tre vie che si
carreggiabile che dalla cascina Griona portava alla cascina Villafranca di Mezzo:
Il nucleo storico di Ospedaletto si sviluppa intorno alla emergenza architettonica
immettono in tale viale.
si rileva invece la presenza di una nuova strada campestre a U che passando
dell’ex monastero dei Gerolamini e sull’asse principale direttore attualmente via
Si rileva un lieve aumento dell’edificazione a sud-ovest, verso il confine con Orio
sotto l’autostrada si ricollega alla cascina Villafranca di Mezzo.
Balbi dove possiamo ritrovare ancora alcuni palazzi storici con tipologie
Litta. Ben visibile a est del nucleo abitato è il complesso della chiesa parrocchiale
Infine dell’aggiornamento del 1970/74 a livello urbanistico si rileva in prossimità
architettoniche maggiormente intattte ed altri edifici storici di minore importanza
dei santi Pietro e Paolo, davanti alla quale c’è una piazzetta quadrata, e
dell’innesto dell’uscita dell’autostrada con la SP 234 la presenza degli edifici della
con livelli di stratificazione storica più pesanti . Le cortine edilizie sulla via
dell’annesso monastero, mentre a nord-ovest , collegato alla “strada comunale del
Seritecnica, l’ampliamento delle cascine Villafranca di Sopra e Villafranca di
principale risultano intatte anche se alcuni interventi recenti di sostituzione edilizia
cimitero” è individuabile in cimitero.
Mezzo. Risulta aumentata la presenza di edifici nel centro di Ospedaletto, nella
hanno alterato la continuità dei fronti sia nei prospetti architettonici che nei
Rispetto al catasto di Carlo VI, le due cascine Villafranca di Sopra e Villafranca di
zona limitrofa alla stazione (attuale via del Cristo). A sud del centro urbano,
materiali costruttivi. Da segnalare alcuni elementi architettonici storici rimasti
Sotto presentano ora una struttura a corte chiusa; sono inoltre segnalate a nord
congiunto con una strada sterrata alla via che porta al Santuario del Fontanone,si
come testimonianze del tessuto storico quali archi, androni o facciate edilizie
ovest le cascine Malpensata e Griona, a sud est la cascina Mandella, e in
segnala un nuovo complesso di edifici (la cascina Bonina).
intatte e alcuni giardini storici. Tra questi elementi è ricorrente ritrovare nei vecchi
prossimità del centro abitato la cascina Molinazzo, il mulino detto “torchio” e
cortili manufatti per l’estrazione dell’acqua con pompe a braccio.
l’oratorio privato dedicato al Crocifisso, detto il “Cristo”. Il santuario della
TESSUTO URBANO CONSOLIDATO
Madonnna del Fontatone è indicato come “Oratorio privato sotto il titolo della
Le coperture mantengono in gran parte i materiali originali con tegole curve in
cotto, ma spesso le gronde manifestano rifacimenti con materiali moderni che non
Natività della B.V aperto al culto pubblico”, mentre risulta scomparso l’edificio
Ai sensi dell’art. 10 bis comma 7 della L.R. 12/2005 il tessuto urbano consolidato
hanno rispettato gli assetti architettonici originali.
denominato “Belvedere” presente nella mappa del 1723.
è l’“insieme delle parti del territorio già edificato comprese le aree intercluse o di
I cortili interni spesso denotano una frammentazione edilizia elevata con interventi
Le numerose rogge che attraversano il territorio sono ora identificate con i loro
completamento destinate alla futura trasformazione insediativa nonché le aree
totalmente avulsi e recinzioni che si sovrappongono alla spazialità originale dei
nomi: si segnalano le rogge Carreggia, che scorre a fianco delle cascine
libere destinate ad usi diversi ascrivibili tuttavia all’ambito urbano”
cortili e giardini.
Villafranca di Sopra e Villafranca di Sotto, Molina, che costeggia a sud il centro
Il tessuto urbano consolidato trova tre diverse tipologie insediative che
La demolizione del nucleo cascinale posto in aderenza al complesso dei
abitato, Fratta e Somaglia, che affiancano rispettivamente a destra e a sinistra la
corrispondono a specifiche aree urbanizzate: quella piu antica che corrisponde al
gerolamini e l’edificazione di bassa qualità che ha sostituito l’edificato agricolo
strada che corre a nord ovest e collega Ospedaletto a Livraga e infine le roggie
tessuto residenziale strorico e stratificato posizionata tra la scarpata morfologiga e
storico ha lasciato una grossa ferita al nucleo di antica formazione, accentuata
Guardalobbia e Nuova che delimitano il confine est.
la SP 234 che si sviluppa ad arco con prevalenza di tessuto residenziale ma con
dallo stato di abbandono di alcuni edifici non terminati che non trovano alcuna
episodi produttivi e commerciali posizionati verso la strada provinciale alcuni dei
coerenza con l’ambito storico in cui sono collocati.
Mappa Catasto Cessato (1897)
quali nei lotti interclusi tra la provinciale e la ferrovia . Il tessuto residenziale è
Le variazioni del territorio leggibili sulla mappa del Cessato Catasto sono piuttosto
composto essenzialmente da villette o palazzine con un massimo di 3 piani tranne
limitate. Per il centro abitato si segnala solo la modifica di alcuni corpi di fabbrica
rare eccezzioni e racchiude in alcuni casi ancora alcune aree verdi a carattere
del monastero antistante la chiesa dei Santi Pietro e Paolo. Si evidenzia, oltre al
privato. Le aree produttive o miste contengono piccoli capannoni che
Per quanto riguarda il sistema agricolo si rimanda al capitolo specifico contenuto
già segnalato cimitero, la presenza di un secondo e nuovo cimitero posto a sud
originariamente affiancavano le residenze di proprietà.
nel presente documento.
est del nucleo urbano, lungo la S.P 126 Lodigiana, quasi al confine con Senna. La
Il tessuto produttivo più recente posizionato a nord della SP 234 in adiacenza al
situazione delle cascine, invece, risulta immutata fatta eccezione per la cascina
casello autostradale è composto da un tessuto edilizio in gran parte prefabbricato
Griona che è stata ampliata con l’aggiunta di alcuni corpi di fabbrica.
con grosse superfici coperte e altezze che in alcuni casi superano i 10 m.Alcuni di
2.2.4.
2.2.5.
Sistema agricolo
Sistema dei servizi
questi interventi risultano catalogati come aree produttive dismesse.
Per quanto riguarda il sistema dei servizi dello stato attuale, si rimanda all’allegato
Carte dell’Istituto Geografico Militare
Le aree produttive del comparto Cremonini ad est dell’edificato posizionate
specifico.
La carta in scala 1:25000 rilevata dall’Istituto Geografico Militare nell’anno 1889
sempre in aderenza alla SP 234 rientrano sempre in una tipologia industriale
evidenzia una situazione analoga a quella rilevata nelle due soglie catastali del
pesante con grandi capannoni e altezze importanti.
1867 e 1897.
Il tessuto consolidato agricolo invece mantiene le classiche caratteristiche del
Nell’aggiornamento del 1921/35 a livello viario la situazione è immutata, mentre a
territorio affiancando l’edificato strorico a edifici prefabbricati di recente
livello urbanistico si rileva la costruzione di nuovi edifici in prossimità della
costruzione.
NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE
Nell’aggiornamento del 1921/59 a livello viario l’elemento principale è la presenza
dell’autostrada del Sole che taglia il comune diagonalmente da nord ovest a sud
Il nucleo di antica formazione è stato identificato assumendo quale riferimento di
est, e scavalca per mezzo di un ponte la ferrovia e la strada provinciale 234;
base la prima levata delle tavolette dell’Istituto Geografico Militare, in scala
l’autostrada con l’uscita 3 (Casalpusterlengo-Ospedaletto) si collega 700 m più a
1:25.000 integrate e attraverso l’analisi della cartografia storica rinvenuta e
sud con la S.P. 234.
l’analisi dell’edificato esistente.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Aree e beni di particolare rilevanza
PREMESSA
Ai sensi dell’art. 10 bis comma 3” il Documento di Piano “ definisce, in relazione
stazione, nello spazio compreso tra la ferrovia, la strada provinciale 234 e la
Cappella del Cristo.
2.2.6.
alle peculiarità delle singole realtà territoriali e avvalendosi in via prioritaria di dati
ed elaborazioni reperibili nei sistemi informativi di livello sovracomunale, il quadro
conoscitivo del territorio comunale, considerando.... le presenze di interesse
paesaggistico, storico monumentale e archeologico. “
Il quadro conoscitivo del territorio comunale deve pertanto rilevare i beni immobili
e aree che rivestono particolare rilevanza sotto il profilo archeologico, storico
monumentale, naturalistico e paesaggistico e situazioni di specifica vulnerabilità e
66
rischio.
Il reticolo idrico di valore storico, così come rilevabile dalla cartografia IGM di
Il quadro conoscitivo del paesaggio è in continua evoluzione e aggiornamento, i
prima levatura, è identificabile nel territorio del Comune di Ospedaletto Lodigiano
documenti costituenti il PGT (Documento di piano, Piano dei Servizi, Piano delle
nei seguenti corsi d’acqua:
regole), fanno riferimento ad esso per verificare le scelte di piano o definire meglio
- Roggia Guardalobbia
l’impostazione della disciplina degli interventi, ne integrano nel tempo i contenuti e
- Roggia Nuova di Guardalobbia
BF004
TR130B
TR130A
Spartizzone Ospedaletto
Vistarina (dx)
Vistarina (sx)
Elenco 3
RETICOLO MINORE
di COMPETENZA DEL COMUNE DI OSPEDALETTO LODIGIANO
lo assumono quale riferimento per la gestione del piano e degli interventi sul
territorio.
Per tali corsi d’acqua si procederà pertanto, all’interno del Piano delle Regole,
Codice
Denominazione
L’approccio integrato e complessivo del paesaggio richiede che vengano presi in
all’individuazione di una fascia di rispetto che riconosca e salvaguardi le
OSP01
Colo di Cascina Bonina
considerazione in diversi aspetti che connotano un paesaggio dal punto di vista
peculiarità costitutive della roggia.
della sua costruzione storica, della funzionalità ecologica, della coerenza
All’interno di tale fascia la normativa del PdR dovrà prevedere il divieto di
morfologica e della percezione sociale.
alterazione delle caratteristiche morfologiche della roggia, la salvaguardia e
Le informazioni raccolte e gli elementi significativi rilevati sono riportati in un unico
l’eventuale implementazione della vegetazione e l’obbligo di sottoporre a parere
elaborato denominato “CARTA DEL PAESAGGIO”, il cui compito è raccogliere in
della commissione paesaggio qualsiasi intervento, anche temporaneo, di
forma organica tutte le indicazioni, acquisite nella fase conoscitiva, attinenti alla
trasformazione.
La Carta del paesaggio composta dalla Carta delle componenti del paesaggio,
Reticolo idrico di valore ambientale Il P.T.C.P. della Provincia di Lodi riconosce a
dalla Carta della sensibilità paesaggistica (che individua sul territorio le classi di
questi corsi d’acqua la presenza di elementi di naturalità rilevante e/o per cui
sensibilità) è accompagnata, nel Piano delle regole, dalla Normativa di tutela del
prevedere opportuni interventi di rinaturazione. Nel territorio comunale è presente
paesaggio.
un corso d’acqua individuato come ricadente in tale tipologia, la roggia
Guardalobbia.
Il metodo analitico utilizzato per l’analisi del paesaggio si basa sulla suddivisione
Il reticolo idrico presente sul territorio comunale è sinteticamente definito (in
dello stesso nelle sue componenti e nell’individuazione di alcune criticità
funzione della relativa competenza) nei seguenti elenchi:
le componenti del paesaggio naturale e dell’antropizzazione culturale
•
le componenti del paesaggio antropico (storico, culturale,urbano)
•
le componenti del paesaggio percepito
Inoltre sono state individuate alcune criticità paesaggistiche.
Le componenti del paesaggio naturale e dell’antropizzazione culturale
Le componenti del paesaggio naturale e dell’antropizzazione culturale individuate
nel territorio del Comune di Ospedaletto Lodigiano sono quelle di seguito indicate.
Reticolo idrico di valore storico
Il PTC della Provincia di Lodi prevede per la rete irrigua di valore storico quanto di
seguito riportato “ per i corpi idrici compresi nella Rete dei valori ambientali di
primo e di secondo livello, la normativa del PGT dovrà prevedere una fascia di
salvaguardia a tutela dell’identità dell’elemento idrico e del contesto ambientale
circostante come previste per i corsi d’acqua naturali e artificiali vincolati ai sensi
dell’articolo 142, lettera c) del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n.42, iscritti nell’elenco di
cui alla D.G.R. n. 4/12028 del 25.07.1986;.”
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Lodigiano.
di equipaggiamento arboreo presenti sul territorio.
Boschi ai sensi dell’art. 142 del D.Lgs. 42/2004 e art. 42 della L.R. 31/2008
Zone arboree naturalizzate
Ambiti a coltivazione arborea (Pioppeti razionali)
Filari di rilevanza paesistica
Alberi sparsi
Il reticolo idrico
•
quantitativo nella costituzione del paesaggio del Comune di Ospedaletto
Filari arborei
Analisi del paesaggio e individuazione delle sue componenti
Elenco 1
RETICOLO PRINCIPALE
di COMPETENZA DELLA REGIONE LOMBARDIA
(allegato A della DGRL 22.12.2011 n. 9/2762)
paesaggio:
Le aree agricole rappresentano l’elemento preponderante dal punto di vista
Sono stati poi riconosciuti quali elementi costitutivi del paesaggio tutte le tipologie
qualità e alle condizioni del paesaggio nelle sue diverse componenti.
paesaggistiche. In particolare sono state individuate le seguenti componenti del
Aree agricole e prato
Alberi monumentali
Alberi di rilevanza paesistica (gruppi)
E’ stato inoltre riconosciuto quale elemento costitutivo del paesaggio la scarpata
morfologica.
Gli alberi monumentali e di rilevanza paesistica presenti nel territorio del Comune
Codice
LO007
LO017
Denominazione
Roggia Guardalobbia
Colatore Guardalobbino
Elenco 2
RETICOLO IDRICO
di COMPETENZA DEL CONSORZIO MUZZA BASSA LODIGIANA
(allegato D della DGRL 22.12.2011 n. 9/2762)
di Ospedaletto Lodigiano, così come censiti dalla Provincia di Lodi, sono quelli
riportati nella seguente tabella.
Codice
Nome
Località
Distribuzione
comune
284C
Ginkgo
Foglio
coord CTR
CTR
Ospedaletto
cascina
Lodigiano
Malpensata
gruppo
C7a4
filare
C7a4
1544,61-5002,54
(giardino
patronale)
Codice
SE155
Denominazione
Coriggio
TR137D
SE128
TR143C
TR143B
Dottora
Filippessa
Irrigatore Aziendale Senna
Mirabello
TR143D
TR143A
SE100
CB004
SE143
Molina irriguo
Morgana Fratta
Nuova di Guardalobbia
Roggione di Senna
Roggione Somaglia irriguo
SC053
Scaricatore del Cristo
251
P i o p p o Ospedaletto
strada
cipressino
d'accesso
Lodigiano
cascina villa
Franca di
Mezzo
Alberi monumentali
Codice
284B*
Genere
N°
Distribu
specie
esempla
zione
sottospecie
ri
Ginkgo
biloba L.
1
singolo
Località
Ospedal
cascina
e t t o
Malpen
Lod.
sata
Foglio
Coord
Coord
CTR
X
Y
C7a4
2E+06
5E+06
67
Zone umide
del D. Lgs. n° 490/99): trattasi di “cose immobili e mobili appartenenti allo Stato,
Viene individuata una zona umida in prossimità del confine con il Comune di
alle regioni, agli enti pubblici territoriali nonché ad ogni altro ente o istituto
Somaglia posizionata tra la roggia Nuova e la Roggia Guardalobbia.
pubblico e a persone giuridiche private senza fini di lucro, ivi compresi gli enti
-
Monastero dei Santi Pietro e Paolo
-
Casa Dell’Abate (PARERE n° 3.1)
ecclesiastici civilmente riconosciuti, che presentano un interesse artistico, storico,
archeologico o etnoantropologico.”. ed in particolare:
- Chiesa dei Santi Pietro e Paolo; (OSSERVAZIONE UT n° 3)
- Santuario della Madonna del Fontanone;
- Stazione ferroviaria;
- Arco della Pace.
Edifici e manufatti vincolati ai sensi del P.T.P.R. della Regione Lombardia (D.C.R.
6 marzo 2001, n. 7/197)
Ambiti, siti, beni paesaggistici costitutivi del paesaggio locale - componenti del
paesaggio storico culturale:
- Chiesa dei Santi Pietro e Paolo;
- Monastero dei Santi Pietro e Paolo;
- Santuario della Madonna del Fontanone;
- Stazione ferroviaria;
Aree ad alta vulnerabilità degli acquiferi
- Arco della Pace;
Viene individuate come area ad alta vulnerabilità degli acquferi tutta la vasta area
- Cascina Mandella;
agricola posta a sud del territorio e delimitata dalla scarpata morfologica.
- Cascina Villafranca di Mezzo.
Edifici e manufatti vincolati ai sensi del P.T.C.P. della Provincia di Lodi (D.C.P. n°
30 del 18 luglio 2005)
-
Chiesa dei Santi Pietro e Paolo
Le componenti del paesaggio antropico (storico, culturale,urbano)
Nel paesaggio antropico è stato individuato il perimetro del nucleo di antica
formazione all’interno del quale sono stati individuati alcune emergenze:
Immobili vincolati ai sensi dell'art. 128 del D.Lgs. n. 42/2004 :
- Chiesa dei Santi Pietro e Paolo; (OSSERVAZIONE UT n° 3)
- Monastero dei Santi Pietro e Paolo (OSSERVAZIONE UT n° 3)
- Villa del sec. XVI - Portico in terracotta del cortile, sale (ex Abbazia
Gerolomini) (OSSERVAZIONE UT n° 3)
Edifici e manufatti vincolati ai sensi dell'art. 10 - 12 del D.Lgs. n. 42/2004 (ex art.5
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
68
-
Santuario della Madonna del Fontanone
-
Stazione ferroviaria
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
-
Arco della Pace
-
Cascina Malpensata
-
Cascina Griona
-
Cascina Mandella
69
-
Cascina VIllafranca di Mezzo
L’analisi del nucleo di antica formazione e dell’edificato rurale ha evidenziato
Infine si sono riconosciuti alcuni punti di vista panoramici: in prossimità del
inoltre la presenza di elementi ritenuti meritevoli di tutela e classificati nel modo di
Cimitero e lungo il percorso rurale in prossimità della cascina Bonina,
cui di seguito:
• Immobili interesse storico architettonica: sono edifici dotati di prospetti
con valenza architettonica e/o storico-architettonico e quindi meritevoli di
tutela.
•
Immobili con valore ambientale: sono edifici che, presi singolarmente,
sono privi di una vera e propria valenza architettonica ma dotati di
prospetti che per il loro carattere tipico, in connessione con altri edifici
adiacenti, formano insieme di una certa valenza ambientale.
•
Immobili senza valore ambientale in contesto con valore ambientale:
Sono edifici che pur non possedendo valenza storico architettonica ne
ambientale sono inseriti in un contesto di stratificazione storica.
Recinzioni murarie con valenza paesaggistica
•
Edifici religiosi, cappelle e immagini votive
•
Corti con valenza ambientale: sono spazi non edificati con edificato a
•
contorno con valenza ambientale, nella maggior parte dei casi si tratta di
corti di cascina
•
Manufatti idraulici e ponti: trattasi di manufatti idraulici o ponti di
particolare pregio e meritevoli di tutela:
-
lungo la strada per cascina Villafranca di Mezzo (6 manufatti)
-
lungo la SP n° 107 (vicinanze cascina de Livraghi)
-
lungo via Padullo nel centro edificato (a confine con il comune
di Orio Litta)
-
Cascina VIllafranca di Sopra
•
Sculture
•
Verde privato di particolare pregio: si tratta di ambiti a verde privato di
particolare pregio sia per la collocazione (di pertinenza di edifici di valore
ambientale o storico architettonico) che per la qualità delle essenze
presenti.
•
Criticità paesaggistiche
Sono state individuate differenti tipologie di criticità paesaggistiche:
- Criticità lineari quali gli elettrodotti, autostrada e ferrovia.
- alcuni edifici o manufatti contrastanti con il contesto (edifici o prefabbricati
agricoli o tecnologici)
un tracciato viario storico: trattasi della viabilità comunale (SP 107, SP
234, SP 126) che, dall’analisi della cartografia storica risulta essere
immutata nel tempo.
- aree di degrado: trattasi di aree agricole prive di equipaggiamento arboreo
- un giacimento
- un impianto per il recupero e lo smaltimento dei rifiuti
Componenti del paesaggio percepito
2.2.7.
Lo studio paesistico di Ospedaletto Lodigiano ha esaminato anche quale
percezione visiva si ha del territorio.
Metodo
Percorsi di fruizione paesistica ambientale: in recepimento dei contenuti
La definizione delle classi di sensibilità dei siti deriva principalmente dalle
paesaggistici del P.T.C.P. della Provincia di Lodi sono stati individuati alcuni
riflessioni emerse in sede di sopralluogo e dall’analisi analitica delle componenti
percorsi di fruizione paesistica-ambientale:
del paesaggio che ne è emersa.
-
lungo la via per Senna
Per definire la classi di sensibilità del territorio si sono valutate le emergenze
-
lungo la via Cascinetta
esistenti sia per quanto attiene alle singole componenti sia per quanto attiene la
-
lungo la via Padullo
percezione del territorio.
E’ emersa la presenza , all’interno del nucleo di antica formazione di allineamenti
L’approccio proposto è di tipo tecnico disciplinare e si basa sulle Linee guida per
storici delle cortine edilizie.
l’esame paesistico dei progetti (BURL – 2° supplemento straordinario al n. 47 del
Si è inoltre verificata una particolare percezione del paesaggio denominata veduta
21 novembre 2002). Secondo tale metodo il giudizio complessivo circa la
panoramica, individuata lungo il percorso ciclopedonale che va al cimitero e
sensibilità di un paesaggio tiene conto di tre metodi di valutazione:
prosegue per il territorio di Senna Lodigiana.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Classi di sensibilità
-
Morfologico – strutturale
70
-
Vedutistico
-
Simbolico
-
Sensibilità paesistica media = 3
Trattasi di aree prevalentemente agricole e le parti di tessuto consolidato
Il metodo morfologico strutturale considera la sensibilità di un sito in quanto
residenziale ed agricolo non storiche
appartenente a uno o più sistemi che strutturano l’organizzazione di quel territorio
e di quel luogo, assumendo che tale condizione implichi determinate regole o
-
Sensibilità paesistica alta = 4
cautele per gli interventi di trasformazione. La valutazione considera se quel sito
appartenga a un ambito la cui qualità paesistica e definita della leggibilità e
Trattasi delle aree incluse nei perimetri dei nuclei storici corrispondenti al tessuto
riconoscibilità di uno o più di questi sistemi.
di vecchia formazione ed alle fasce filtro delle rogge storiche
Il metodo di valutazione vedutistico si basa sul rapporto di significativa fruizione
che si stabilisce tra osservatore e territorio.
-
Sensibilità paesistica molto alta = 5
Il metodo di valutazione simbolico prende in considerazione il valore simbolico
che le comunità locali e sovra locali attribuiscono al luogo e quindi se la capacità
Trattasi di aree rientranti nella fascia di territorio agricolo a sud dell’edificato che
del luogo di esprimere e rievocare i valori simbolici associati possa essere
includono terreni ad elevata vulnerabilità.
compromessa da interventi di trasformazione
I tre metodi di valutazione si articolano poi in chiavi di lettura di due livelli: sovra
Il giudizio complessivo sul sito ha tenuto conto delle valutazioni effettuate in
locale e locale
riferimento ai tre modi e alle due chiavi di lettura esprimendo in modo sintetico il
Di seguito viene riporta una tabella contenuta nelle “Linee guida per l’esame
risultato di una valutazione generale sulla sensibilità paesistica complessiva del
paesistico dei progetti” che elenca gli aspetti rilevanti che sono stati considerati
sito.
nelle chiavi di lettura ai due livelli.
L’attribuzione della classe di sensibilità
La valutazione qualitativa sintetica della classe di sensibilità paesistica del sito
rispetto ai diversi modi di valutazione (morfologico strutturale, vedutistico,
simbolico) e alle diverse chiavi di lettura (locale e sovralocale) è stato espresso
utilizzando la seguente classificazione:
-
Sensibilità paesistica molto bassa = 1
Trattasi dell’area occupata dalla autostrada A1, la ferrovia ad alta velocità e le
fasce intercluse
-
Sensibilità paesistica bassa = 2
Trattasi delle aree produttive di recente costruzione edificate lungo la SP 234 e di
quelle intercluse tra la SP 234 e la linea ferroviaria Pavia- Cremona
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
71
3.
ASSETTO GEOLOGICO,
IDROGEOLOGICO E SISMICO
3.1. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-STRUTTURALE
Il territorio in questione si inserisce nelle ampie strutture regionali della pianura:
nel raggio di alcuni chilometri affiorano solo depositi continentali di origine fluviale
e fluvioglaciale che, in questa zona, sono caratterizzati da condizioni di giacitura
decisamente uniformi.
Al di sotto dei depositi continentali affioranti nell’ambito di indagine (che
presentano spessori di alcune centinaia di metri), si sviluppa un basamento di
origine marina per il quale le prospezioni geofisiche, eseguite a scopo di ricerca
petrolifera, hanno permesso di rilevare una situazione strutturale complessa e non
priva di significato neotettonico.
In linea generale, l’evoluzione geologica del substrato della Pianura Padana
deriva dalla convergenza della placca Africana e di quella Europea: sin dal tardo
Cretacico, la Pianura Padana ha rappresentato la parte frontale di due catene di
opposta convergenza, l’Appennino settentrionale (N-vergente) e le Alpi
meridionali (S-vergenti).
Studi sulla base della sequenza plio-quaternaria nella porzione centrale e
meridionale della Pianura Padana (Pieri e Groppi, 1981) rivelano lo sviluppo di tre
grandi archi costituiti da thrust ciechi
N-vergenti che costituiscono il fronte più
avanzato della struttura appenninica settentrionale: l’Arco del Monferrato (Elter e
settentrionale del territorio) con chiara vergenza settentrionale. L’asse della
Geomorfologia. Con la simbologia sono stati rappresentati sia le forme e i depositi
struttura (già nota in letteratura come “Struttura di Casalpusterlengo-San
più significativi, distinti in base all’agente morfogenetico che li ha generati, sia il
Colombano”) coincide con l’affioramento dei depositi pre-wurmiani terrazzati
loro stato di attività.
sopra il Livello Fondamentale della Pianura in aree limitrofe a Ospedaletto
L’analisi territoriale ha grande rilevanza per la valutazione dei fenomeni
Lodigiano (Casalpusterlengo, Somaglia e, verso W, San Colombano al Lambro):
caratterizzanti un’area di pianura, in quanto gli elementi geomorfologici
tale associazione di elementi tettonici e morfologici conferma come la
costituiscono la testimonianza diretta dell’evoluzione che ha interessato la zona
sedimentazione e la morfogenesi quaternaria, almeno localmente, siano state
nell’ultimo periodo geologico.
influenzate dalla tettogenesi delle unità sepolte del substrato.
In questo contesto e date le finalità applicative della cartografia da produrre,
Nonostante ciò, non si rilevano concrete situazioni di rischio derivanti da sismi di
invece, gli elementi geologico-strutturali sono stati considerati unicamente come
superficie; l’ambito comunale, infatti, risulta classificato, secondo la recente
base su cui si sono modellate le forme superficiali.
normativa (Ordinanza del Pres. Cons. Ministri n. 3274 del 20.03.2003), come
Il territorio di Ospedaletto Lodigiano è interamente compreso fra le quote di 66 e
zona 4. A tal proposito va considerato come anche nelle aree sismicamente più
49 m s.l.m. (quote dedotte dalla C.T.R.) e si presenta come una superficie sub-
attive della penisola italiana, i tempi di ritorno per i grandi terremoti siano superiori
pianeggiante, sviluppata su due ripiani altimetricamente sfalsati: la continuità
a 1000 anni, mentre l’attuale catalogo storico dei terremoti (considerato completo
morfologica, infatti, è interrotta dalla scarpata che, con direzione media E-W,
per eventi di magnitudo superiore a 5.5 solo dopo il 17° secolo) potrebbe non
terrazza i depositi tardo-pleistocenici (Wurm) sulle alluvioni oloceniche del Po.
coprire adeguatamente il ciclo sismico della maggior parte delle aree
Durante la fase di rilevamento e di stesura della cartografia sono stati distinti i
sismogenetiche padane. Tuttavia, il confronto tra le deformazioni verticali a lungo
seguenti sistemi morfologici (dal più basso e più recente):
termine (a partire dal Pleistocene superiore) e quelle a breve termine, calcolato
utilizzando correlazioni geomorfologiche e misure geodetiche (De Martini et al.,
1998), dimostra come per molti dei thrust attivi buona parte dell’energia venga
Alpina presenta una serie di thrust embriciati sviluppati nella monoclinale pedealpina immergente verso S.
Sebbene la definitiva strutturazione del substrato sepolto venga tradizionalmente
associata a una fase tettonica pliocenica media-inferiore (databile dalla
discordanza esistente tra i sedimenti plio-pleistocenici marini ed il substrato più
antico), è opinione sempre più diffusa che i depositi alluvionali quaternari siano
stati coinvolti in fasi neotettoniche, condizionando così anche la morfogenesi più
recente (Braga et al., 1976; Pieri e Groppi, 1981; Burrato et. al., 2003).
A sostegno di questo fatto, molti Autori indicano gli affioramenti di sedimenti prewürmiani che emergono sul “Livello Fondamentale della Pianura” in prossimità
degli assi di alcune strutture positive del substrato: in accordo con le geometrie
delle strutture tettoniche sopra menzionate, infatti, nel lodigiano, si determina
localmente un brusco assottigliamento del materasso alluvionale a causa della
culminazione di un sistema di piegamenti antiformi del substrato sepolto (struttura
di Pizzighettone-Secugnago, struttura di Casalpusterlengo-San Colombano) che,
neotettonica e il condizionamento della sedimentazione e dei lineamenti
morfologici di superficie (Burrato et al., 2003), pur riducendo il rischio sismico a
cui è esposta la Pianura Padana.
Anche in Comune di Ospedaletto Lodigiano, la Carta Geologica d’Italia (Foglio 60
2 - il “Livello Fondamentale della Pianura”;
3.3.1.
Il “Sistema dei terrazzi alluvionali inclusi nella fascia
di meandreggiamento del F. Po”
Il sistema interessa solo marginalmente il territorio di Ospedaletto L.no,
3.2. INQUADRAMENTO STRATIGRAFICO
Come evidenziato dalla cartografia geologica ufficiale (Carta Geologica della
Lombardia scala 1:250.000 e Carta Geologica d’Italia alla scala 1:100.000, Foglio
n. 60 “Piacenza”), tutte le unità affioranti in un intorno significativo dell’area di
analisi sono di origine continentale.
Tali unità, caratteristiche di ambienti deposizionali fluviali e di età compresa tra il
Pleistocene inferiore e l’Olocene, sono:
- Alluvioni medio-recenti (Olocene medio- superiore): si tratta di depositi affioranti
con continuità nella piana alluvionale del Po e sono costituiti da depositi di
granulometria variabile tra la ghiaia e l’argilla. Sono depositi talora terrazzati,
fissati e coltivati, di poco sospesi sull’alveo del Po, anche inondabili ove non
adeguatamente protetti da rilevati arginali.
- Fluviale Wurm (Pleistocene superiore): è costituito da depositi prevalentemente
sabbiosi, con lenti limose e sottili livelli ghiaiosi e con strato di alterazione
superficiale di debole spessore, generalmente brunastro, affioranti nel substrato
del Livello Fondamentale della Pianura (o Piano Generale Terrazzato).
nel margine S-occidentale del territorio lodigiano, porta addirittura a giorno le
strutture pre-Quaternarie (Colle di S. Colombano).
meandreggiamento del F. Po”;
rilasciata in modo asismico: tale fattore giustificherebbe comunque l’attività
Pertusati, 1973), l’Arco Emiliano e l’Arco Ferrarese-Romagnolo. Nella porzione
centro-settentrionale della pianura, invece, il fronte esterno della catena Sud-
1 - il “Sistema dei terrazzi alluvionali inclusi nella fascia di
3.3. CARATTERI GEOMORFOLOGICI DEL TERRITORIO
COMUNALE
limitatamente al settore a S della scarpata morfologica principale ove si sviluppa il
ripiano alluvionale modellato nei depositi medio-recenti del Po, separato da un
sistema di rilevati arginali (esterni al territorio comunale).
Ai fini di una corretta interpretazione riguardo alla genesi di questo settore di
territorio, va rammentato come la piana olocenica sviluppata a valle del terrazzo
wurmiano sia il prodotto morfogenetico e sedimentario del Po e di un ramo del
fiume Lambro che anticamente sfociava nel Po nei pressi del territorio comunale
di S. Stefano L.no.
In epoca olocenica, infatti, il percorso del Po, nel tratto che lambisce il margine
Sud-lodigiano, ha subito l’influenza dei torrenti appenninici affluenti di destra
(principalmente Trebbia e Nure) che, trasportando ingenti quantità di sedimenti,
ne hanno sovente spinto l’alveo verso N.
Fino ad epoche relativamente recenti (XVI sec.), le divagazioni del Po arrivavano
ad interessare quasi la scarpata principale; soltanto il progressivo consolidamento
di un efficiente sistema di arginature artificiali ne ha stabilizzato definitivamente il
percorso, con la messa a coltura di vaste superfici precedentemente inondabili.
Il corso del Lambro, invece, da Melegnano raggiungeva Ospedaletto, Senna,
Mirabello (allora Monte Ilderaldo) dividendosi poi in due rami: un primo ramo
proseguiva per Camatta ed un secondo ramo navigabile, detto anche Lambrello,
formava il Lago Barili o Barisi della bassura tra Somaglia, Guardamiglio, Fombio,
“Piacenza”) evidenzia l’asse di un sistema compressivo ad andamento prevalente
La carta geomorfologica di Tavola 1 costituisce il primo elaborato della fase di
San Fiorano e Santo Stefano ed andava a gettarsi nel Po nella località di Cogullo,
W-E sviluppato nelle unità del substrato, costituito da una struttura anticlinalica (in
analisi ed è stata redatta adottando come base di lavoro i criteri geomorfologici ad
presso Roncarolo, di fronte a Caselle Landi. Questo ramo aveva una funzione
corrispondenza del capoluogo comunale) e da una faglia inversa (al confine
indirizzo applicativo proposti dal Gruppo Nazionale Geografia Fisica e
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
72
commerciale per le città lombarde interessate, comprese principalmente Lodi,
sposta verso la parte esterna del meandro e corre in vicinanza della sponda
attribuibile a più eventi. La superficie continua ed arealmente estesa del Livello
Melegnano e Milano.
concava, contrariamente a quanto avviene su quella convessa. In una
Fondamentale della Pianura testimonia l’arresto di ogni fase di aggradazione
Al Lambro si sostituì la Mortizza, quando una forte alluvione (avvenuta secondo lo
successione di meandri, quindi, la corrente lambisce successivamente la riva
fluviale su di essa, verificatosi un momento prima dell’instaurarsi di condizioni
storico Donati Borso verso il 1239) troncò il ramo per Roncarolo lasciando in vita
destra e la sinistra, descrivendo sinuosità maggiori di quelle mostrate dall’alveo: la
fortemente erosive del Po e dei suoi affluenti di sinistra: i fiumi, infatti, scorrono
quello di Camatta. In alcune pergamene del Fondo Famiglia Landi, è però
capacità erosiva del filone principale della corrente, perciò, tende ad aumentare la
entro larghe valli incassate, occupandone spesso una porzione estremamente
attestato che il ramo di Roncarolo del Lambro esisteva ancora nel 1358; alcuni
sinuosità del fiume in ogni ansa, sottoponendo la riva concava ad una erosione
ridotta.
ritengono che il definitivo abbandono del ramo di Roncarolo risalga in effetti
progressiva; sulla sponda convessa, invece, la corrente, più lenta rispetto alla riva
La scarpata morfologica che terrazza il piano tardo-pleistocenico sulle alluvioni
soltanto al 1426. Oggi il territorio, rimaneggiato dalle acque del Po, non reca
concava, abbandona una parte del carico trasportato e deposita la cosiddetta
oloceniche recenti del Po rappresenta il lineamento più evidente di questa
evidenze di questo antico percorso del Lambro. Il Colatore Mortizza, che si può
“barra di meandro o lobo” (di natura prevalentemente sabbiosa). Il risultato
porzione di pianura: di altezza anche prossima a 8-10 m, si presenta spesso
supporre ne occupi ancora sommariamente la posizione, percorre nel suo tratto
morfometrico è pertanto quello di una riva concava generalmente più ripida di
rimaneggiata dai ripetuti interventi antropici.
distale, tra Guardamiglio e Santo Stefano, un avvallamento di morfologia
quella convessa.
complessa che richiama una successione di tre tratti di ansa fluviale del Po,
3.3.3.
mentre più a monte, nei territori di Orio Litta, Ospedaletto Lodigiano e Senna
Forme dovute allʼattività antropica
Lodigiana (anticamente attraversati dal Lambro di Roncarolo) è ora presente un
Pur non avendo ricostruito cronologicamente le azioni di bonifica che hanno
grande meandro abbandonato del Po, risalente ad epoche successive (tratto da
modificato negli ultimi secoli l’assetto planoaltimetrico del territorio, si ritiene
“Ersal, I suoli del Codognese, 2002”).
doveroso riconoscere l’importanza delle opere che hanno interessato il Comune
di Ospedaletto Lodigiano a valle della scarpata morfologica principale, la quale,
sovrapponendosi alla naturale tendenza evolutiva, hanno reso vivibili zone
altrimenti paludose o soggette alla dinamica evolutiva del Po.
Fra le forme di natura antropica è stato cartografato il tratto orientale della
Terminologia ed elementi morfologici dei meandri fluviali
(da “Geomorfologia, 1989 – G.B. Castiglioni)
scarpata morfologica principale, in corrispondenza del quale è avvenuto un
arretramento di terrazzo a seguito di attività estrattiva.
La progressiva tendenza all’accentuazione di un meandro porta al fenomeno
indicato come “salto di meandro”, la cui forma relitta è un ramo del corso d’acqua
indicato con il nome di lanca o mortizza che, nel tempo, è soggetto ad un
progressivo impaludamento ed interramento con depositi fini (argilla e limo),
caratterizzati da una frequente ed elevata componente organica.
Ne consegue che, sulla stessa verticale, all’interno di un meandro abbandonato è
frequente rinvenire terreni fini (argilla organica, torba, argilla sartumosa, ecc.), noti
anche come “clay-plug” e caratteristici di ambienti deposizionali a bassa energia
(quali le lanche), a copertura di depositi granulari (sabbia e ghiaia) caratteristici di
ambienti fluviali ad elevata energia (quale l’alveo attivo).
A scala locale si riconosce ancora chiaramente la traccia di paleoalveo
Percorso del Po e del Lambro fino al 1400
(da Ersal, I suoli del Codognese, 1992)
Secondo lo schema introdotto da Trevisan (1968), il F. Po presenta un alveo
riconducibile all’antico percorso del Po al piede del terrazzo wurmiano a S del
capoluogo: la scarpata morfologica che terrazza il Livello Fondamentale della
Pianura rappresenta la riva concava e sul lobo dell’antico meandro si sviluppa
C.na Bonina.
fluviale di tipo “E”, cioè il caratteristico alveo a meandri di pianura alluvionale
soggetta a inondazione durante le piene maggiori. I meandri sono forme fluviali in
rapida evoluzione a causa della facile erodibilità delle sponde sabbiose. La
3.3.2.
Il “Livello Fondamentale della Pianura”
pianura circostante, per effetto dei depositi abbondanti durante le inondazioni,
I depositi terrazzati tardo pleistocenici costituiscono un piano debolmente
tende ad innalzarsi, aumentando nel tempo il dislivello tra il fondo dell’alveo ed il
immergente verso S, caratterizzato da una marcata omogeneità planoaltimetrica,
piano di inondazione. L’innalzamento degli argini naturali limita a sua volta le
noto in letteratura con il nome di “Livello Fondamentale della Pianura (L.F.d.P.)” o
esondazioni, cosicchè i materiali solidi, deposti in alveo durante le fasi di
“Piano Generale Terrazzato (P.G.T.)”. Non più interessato dall’idrografia principale
decrescita delle piene, determinano la pensilità del fiume sulla pianura circostante
e caratterizzato da tracce di idrografia abbandonata, il Livello Fondamentale della
e ne favoriscono l’esondabilità in caso di piena.
Pianura costituisce una forma non più attiva (fatta eccezione per fenomeni
In relazione alla morfogenesi fluviale, è noto come il meandro di pianura mostri
geomorfologici di minor entità attivi solo localmente): i processi che formarono
una spiccata tendenza ad accentuarsi. Il filone centrale della corrente, infatti, si
questa superficie sono indubbiamente polifasici e il corpo sedimentario è
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Tav. 1 - Carta geologica e geomorfologica
73
aspetti puramente litologici, anche indicazioni relative allo sviluppo e alle
1 - La prima unità morfologica (Livello Fondamentale della Pianura) si presenta
caratteristiche dei suoli presenti nel territorio comunale.
come una superficie sub-pianeggiante, modestamente immergente verso
Una prima classificazione è stata compiuta alla scala delle unità di paesaggio (o
quadranti meridionali e caratterizzata da una significativa monotonia planare. Nel
morfologiche), operando una distinzione tra:
sottosuolo la falda idrica si sviluppa a profondità variabile (fortemente influenzata
La natura litologica dei terreni affioranti è stata definita attraverso informazioni di
1 - Il Sistema del Livello Fondamentale della Pianura, ove si sviluppano suoli da
dall’effetto drenante esercitato dal Po a valle delle alte scarpate morfologiche) e il
tipo stratigrafico, geotecnico e pedologico disponibili nell’archivio comunale, in
moderatamente profondi a molto profondi, con substrato da limo-argilloso a
reticolo presenta due modalità di alimentazione:
quello dello scrivente e in letteratura.
sabbioso, a tessitura da media a moderatamente fine e capacità di drenaggio da
da N attraverso derivazioni di acqua utilizzata a scopi irrigui;
La finalità dell’indagine è stata anche quella di classificare i depositi più
buono a mediocre.
dalla raccolta delle colature sia di natura irrigua che meteorica.
superficiali secondo intervalli di permeabilità, necessari per le successive
2 - Il Sistema della Valle alluvionale del Po, ove i suoli si presentano da sottili a
2 - La seconda Unità (valle del Po) si articola a S di una importante scarpata
valutazioni sulla vulnerabilità intrinseca dell’acquifero superficiale.
molto profondi, con substrato caratterizzato da varia granulometria, tessitura da
morfologica (localmente rimaneggiata a scopi estrattivi), occupa la depressione
Le informazioni così acquisite hanno consentito una prima caratterizzazione
moderatamente fine a grossolana e capacità di drenaggio da molto lenta a
olocenica del corso d’acqua ed è caratterizzata da un reticolo alimentato:
litotecnica dei depositi naturali, derivate da una prima e fondamentale distinzione
moderatamente rapida.
dalle colature provenienti dal sovrastante terrazzo;
3.4. INDAGINE DI PRIMA CARATTERIZZAZIONE LITOTECNICA E
PEDOLOGICA
3.4.1.
Caratterizzazione litologica
da fenomeni di affioramento della falda idrica sotterranea.
fra terreni granulari incoerenti (resistenza al taglio caratterizzata dal solo angolo di
attrito) e terreni fini (resistenza al taglio caratterizzata soprattutto dall’esistenza di
legami coesivi).
Per quanto riguarda il fiume Po, principale agente morfogenetico e deposizionale
In questo modo sono state definite le seguenti unità:
dell’area a valle del terrazzo pleistocenico, esso non giunge mai a lambire
UNITA’ 1 – Depositi sabbiosi con coperture limose e limo-argillose superficiali (2-4
direttamente il territorio comunale.
m di spessore), in parte derivanti da fenomeni di alterazione pedogenetica Classificazione U.S.C.S.: SW, SP con coperture ML, SM – Area di affioramento:
Livello Fondamentale della Pianura.
UNITA’ 2 – Terreni alluvionali di natura prevalentemente sabbiosa, caratteristici dei
lobi di meandro, con locali coperture di natura limosa - Classificazione U.S.C.S.:
SW, SP con coperture ML, SM – Area di affioramento: ripiano alluvionale del Po.
UNITA’ 3 – Terreni frequentemente caratterizzati da termini coesivi (limo e argilla),
talora associati a una componente organica (“clay-plug” degli alvei abbandonati),
seguiti in profondità da depositi granulari generalmente selezionati Classificazione U.S.C.S.: ML, CL, OH, Pt, a copertura di SP, SW - Aree di
affioramento: paleomeandro del Po al piede della scarpata morfologica principale.
Tav. 2 - Carta pedologica e di prima caratterizzazione itotecnica
3.5. RETICOLO IDRICO
Per effetto dell’art. 1 della L. 36/94 e del successivo regolamento di applicazione
Sulla base dell’indagine eseguita si riconoscono significative limitazioni di natura
(DPR 238/99), il concetto di acqua pubblica è stato modificato rispetto al vecchio
geotecnica per l’unità 3, derivanti dalla presenza di depositi coesivi associati a
T.U. n. 1775/1933, introducendo nell’ordinamento il principio di pubblicità di tutte
una frequente componente organica e a una falda sub-affiorante.
le acque superficiali e sotterranee. La L.R. 1/2000, in attuazione del D.Lgs. n.
Va comunque precisato che lo studio di prima caratterizzazione ha solo una
112/98, ha previsto l’obbligo per la Regione di individuare il reticolo principale sul
funzione di supporto alla pianificazione generale, il cui scopo è quello di definire le
quale la Regione stessa continuerà a svolgere le funzioni di polizia idraulica (ex
linee fondamentali dell'assetto territoriale: come tali, le informazioni sopra esposte
R.D. n. 523/1904), trasferendo ai comuni o ai consorzi le competenze sul reticolo
non possono essere considerate esaustive di tutte le problematiche geologico-
idrico minore e su quello di bonifica.
tecniche e, soprattutto, non possono essere utilizzate per la soluzione di problemi
Nel corso del presente lavoro, sulla base della D.G.R. n. 7/7868 del 25.01.2002 e
progettuali a carattere puntuale (ove potrebbero verificarsi anomalie rispetto ai
dell’ultima modifica di cui alla D.G.R. n. 9/2762/2011, il Comune di Ospedaletto
modelli proposti). Nella progettazione di qualsiasi struttura (opere di fondazione,
Lodigiano ha affidato allo scrivente il compito di predisporre gli elaborati tecnici e
infrastrutture ecc.), pertanto, sarà necessario eseguire specifiche indagini volte a
cartografici richiesti dalla normativa della Regione Lombardia.
definire il quadro geologico e geotecnico locale, così come previsto dalla
Nella Carta del Reticolo Idrografico di Tavola 3, estratta dallo specifico studio, è
normativa vigente.
stato individuato l’intero reticolato idrografico definito sulla base dei criteri disposti
dalla D.G.R. n. 9/2762/2011.
3.4.2.
Caratterizzazione pedologica
Nella cartografia di Tavola 2 è stata rappresentata la distribuzione areale delle
L’analisi morfologica del territorio comunale di Ospedaletto Lodigiano ha condotto
classi pedologiche tratte dal “Progetto Carta Pedologica – I SUOLI DEL
all’individuazione di due unità morfologicamente e idraulicamente distinte: il
CODOGNESE (ERSAL, 2002)”: in questo modo è stato possibile associare, ad
Livello Fondamentale della Pianura e la Valle del fiume Po.
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Tav. 3 - Carta del reticolo idrico
3.6. IDROGEOLOGIA
3.6.1.
Caratteristiche idrogeologiche generali
Come accennato in precedenza, la geologia del sottosuolo comprende notevoli
variazioni laterali e verticali in funzione degli eventi neotettonici e sedimentari che
hanno coinvolto l’area nel Quaternario.
La successione idrogeologica a scala regionale è definita, sulla base dei dati di
cui si dispone, da tre unità ben distinte anche se non sempre individuabili
altrettanto chiaramente.
Dalla più superficiale alla più profonda le unità affioranti sono le seguenti:
74
 Unità ghiaioso-sabbiosa: è costituita nella parte più settentrionale del
3.6.2.
Caratteristiche idrogeologiche del territorio comunale
limite di separazione tra la falda superficiale e la falda confinata dell’acquifero
territorio padano dalle formazioni moreniche, sfumanti verso sud alle
Nell’ambito di tutto il territorio lodigiano si rinviene un complesso idrogeologico
tradizionale è posto alla quota media di circa 50 m s.l.m., confermando nelle linee
coltri fluvio-glaciali e fluviali recenti. Questa unità è costituita da depositi
sotterraneo la cui porzione più superficiale è in stretta relazione con il sistema
più generali i dati stratigrafici disponibili e il modello innanzi esposto.
alluvionali (recenti ed antichi) e da quelli fluvioglaciali wurmiani, in cui le
idrografico.
Il Programma di Tutela e Uso delle Acque (P.T.U.A.) della Regione Lombardia,
frazioni limose e argillose risultano più limitate. Essa rappresenta la
L’idrogeologia del territorio comunale di Ospedaletto Lodigiano è legata ad aspetti
inoltre, definisce per il settore 24 il seguente bilancio idrico:
litozona più superficiale con ambiente di sedimentazione tipicamente
climatici ed antropici, nonché a caratteristiche strutture stratigrafiche e
continentale, fluviale e fluvio-glaciale. E’ costituita da granulometrie
deposizionali che governano l’accumulo ed il transito delle acque sotterranee.
progressivamente più fini da N a S; il colore dei sedimenti fini denota
Nel tentativo di ricostruire le geometrie del complesso acquifero sotterraneo è
condizioni ossidanti tipiche di un ambiente di sedimentazione sub-aereo.
stata realizzata una sezione litostratigrafiche orientate circa NW-SE (figura
L’Unità ghiaioso-sabbiosa è la sede della struttura idrica più importante
seguente), ottenuta correlando le stratigrafie disponibili dei pozzi presenti sul
e tradizionalmente utilizzata in quanto caratterizzata da valori di
territorio comunale e sulle aree ad esso limitrofe.
trasmissività molto elevati. L’elevata permeabilità consente la ricarica
Dall’esame delle stratigrafie e delle sezioni litostratigrafiche realizzate si evince
dell’acquifero da parte delle acque meteoriche e di quelle di infiltrazione
come l’assetto geometrico-strutturale del sottosuolo sia assimilabile ad un
da corsi d’acqua o canali artificiali; la conducibilità idraulica che
materasso alluvionale in cui i corpi acquiferi, di natura sabbioso-ghiaiosa, sono
Per lo stesso settore viene definita una Classe Quantitativa “A” (rapporto prelievi-
intervallati a orizzonti impermeabili progressivamente più potenti e meglio
ricarica = 0.1), corrispondente a una situazione di compatibilità fra disponibilità e
correlabili con la profondità. A scala sovracomunale si sviluppa un complesso
uso della risorsa sotterranea, ovvero un uso sostenibile delle acque sotterranee
acquifero di tipo “multifalda”, all’interno del quale sono riconoscibili due circuiti
senza prevedibili sostanziali conseguenze negative nel breve-medio periodo.
caratterizza questa unità è compresa tra valori di
la trasmissività è, in linea generale, superiore a
10-3
10-2
e
10-4
m/s mentre
m2/s.
 Unità sabbioso-argillosa: sottostante alla litozona ghiaioso-sabbiosa, è
da questa separata da un contatto graduale e di difficile ubicazione. E’
chiaramente separati:
suddivisibile in due sub-unità, la prima costituita da argille, limi e sabbie
1 - Un circuito superficiale, che nel sottosuolo di Ospedaletto Lodigiano assume
con frequenti livelli torbosi o lignitosi e caratteristica di ambienti fluvio-
caratteristiche da freatiche a localmente confinate (in presenza di terreni fini di
palustri, la seconda indica invece condizioni marine costiere ed è
copertura) e viene alimentato sia da monte (secondo la direzione di deflusso
costituita da alternanze di ghiaie e sabbie con argille e limi. Ovviamente
idrogeologico), sia per infiltrazione diretta (a seguito di precipitazioni meteoriche o
la permeabilità è molto variabile nelle due sub-unità in funzione delle
durante la pratica irrigua).
differenze granulometriche.
Trattandosi di litotipi a granulometria
2 - Un circuito profondo (o confinato-artesiano), ospitato in orizzonti permeabili
estremamente fine, i valori di conducibilità idraulica sono piuttosto bassi
protetti al tetto da depositi impermeabili di significativo spessore ed estensione
e dell’ordine di 10-5 – 10-6 m/s nei livelli più produttivi; anche la
laterale; contrariamente a quello di superficie, nel circuito profondo il deflusso
trasmissività risulta mediocre ed in genere inferiore a 10-3 m2/s. Per
avviene solo in senso laterale con alimentazione da aree poste
quanto riguarda le acque sotterranee, questa unità rappresenta il
idrogeologicamente a monte (riguardo a quest’ultimo non esistono dati stratigrafici
substrato dell’acquifero tradizionale; l’acqua è contenuta in livelli
profondi sulla verticale del Comune).
sabbiosi o sabbioso-ghiaiosi; si tratta principalmente di falde confinate
Secondo i dati disponibili, il circuito superficiale sembra svilupparsi fino alla quota
con presenza talora di sostanze tipiche di ambiente riducente.
di 40 m s.l.m., profondità alla quale compaiono i primi orizzonti di spessore
3.6.3.
Censimento e catalogazione dei pozzi
Considerato che in un’area di pianura la principale fonte di approvvigionamento
idrico è costituita da pozzi, in Tavola 4 sono state evidenziate le opere di
captazione censite nel Sistema
Informativo Falda della Provincia di Lodi con
relativa numerazione, ubicazione e profondità (Allegato 2).
3.6.4.
Indagine piezometrica
 Unità argillosa: è l’unità più profonda e più antica nell’ambito dei
ragguardevole: il circuito idrogeologico superficiale, ospitato in prevalenza entro
Le informazioni idrogeologiche disponibili dalla letteratura specifica evidenziano
sedimenti quaternari e corrisponde a condizioni di sedimentazione
depositi sabbiosi, raggiunge sulla verticale del Livello Fondamentale della Pianura
come i grandi fiumi (Lambro, Adda e Po) costituiscano gli assi di drenaggio
tipicamente marine. Presenta permeabilità scarsa o nulla con rari livelli
uno spessore di circa 30 m.
principali della pianura lodigiana, condizionando in modo sostanziale le linee di
acquiferi; viene generalmente considerata il substrato idrogeologico
La sezione litostratigrafica, inoltre, evidenzia schematicamente alcune superfici
flusso sotterraneo.
delle unità soggette ad eventuali captazioni.
d’erosione in corrispondenza dei contatti tra i depositi wurmiani (fW) e quelli
A scala locale, la Carta Idrogeologica (Tav. 4, derivata dalla Carta idrogeologica
L’intera successione quaternaria, dunque, viene interpretata come fase terminale
olocenici del Po (a2). In mancanza di informazioni stratigrafiche di maggior
delle direzioni di deflusso del Piano Cave della Provincia di Lodi, aggiornata
del progressivo riempimento del bacino padano, con condizioni di sedimentazione
dettaglio, tuttavia, le geometrie delle superfici di discontinuità sono accennate
attraverso una serie di misure piezometriche effettuate sul territorio) indica per la
da marine a continentali.
solamente in modo schematico.
falda superficiale una generale direzione di flusso orientata verso quadranti
Sulla scorta di tale osservazione ed applicando i criteri della “Sequence
Per quanto concerne il P.T.U.A. della Regione Lombardia, esso assume il modello
meridionali, evidenziando, a scala locale, l’effetto drenante esercitato dal Po nei
Stratigraphy”, la Regione Lombardia, in collaborazione con ENI (Geologia degli
interpretativo già proposto da vari Autori (Martinis & Mazzarella, 1971; Francani &
confronti del circuito idrogeologico più superficiale.
Acquiferi Padani della Regione Lombardia, 2002), ha recentemente classificato le
Pozzi, 1981), secondo il quale la struttura acquifera viene suddivisa in acquifero
Il particolare assetto piezometrico si traduce anche in termini di gradienti e di
unità acquifere del sottosuolo sotto forma di “Sequenze Deposizionali” (sensu
tradizionale (litozona ghiaioso-sabbiosa) e in acquifero profondo (litozona
soggiacenza della superficie piezometrica: le soggiacenze maggiori si rilevano in
Mitchum et Al., 1977).
sabbioso-argillosa). Nell’acquifero tradizionale si riconosce una struttura
corrispondenza del Livello Fondamentale della Pianura, mentre quelle minori
In corrispondenza del Comune di Ospedaletto Lodigiano, lo studio sopra citato
superficiale (o primo acquifero) separata da una sottostante (o “secondo
(generalmente inferiori a 2 m), si misurano a valle della scarpata morfologica
indica, per la base del Gruppo Acquifero A, una quota media di - 50 m. s.l.m., con
acquifero”, anch’esso appartenente all’acquifero tradizionale). Per il bacino 3
principale e sono testimoniate dalla presenza di diffusi fenomeni sorgentizi a
una marcata immersione verso SE.
“Adda-Ticino”, settore 24 (a cui appartiene il Comune di Ospedaletto Lodigiano), il
(secondo il classico meccanismo delle sorgenti di terrazzo).
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
75
Quanto sopra conferma come il sistema idrografico di superficie, centrato sul
un'adeguata protezione dell'acquifero e mantengono generalmente alto
fiume Po, e il complesso delle acque sotterranee siano fra loro interconnessi
In relazione alla permeabilità verticale e orizzontale dell’acquifero superficiale e
secondo un delicato equilibrio. Nonostante in tutto il territorio comunale non siano
del mezzo insaturo sovrastante, non sono disponibili dati differenti rispetto alle
note registrazioni sistematiche delle oscillazioni piezometriche che consentano di
semplici osservazioni granulometriche: ai depositi superficiali sono associabili
Sulla base di quanto esposto, quindi, la vulnerabilità intrinseca costituisce un
effettuare considerazioni idrogeologiche in merito a possibili variazioni delle linee
valori di permeabilità secondo i criteri stabiliti in bibliografia.
fattore caratteristico per il Comune di Ospedaletto Lodigiano e parzialmente
di deflusso nel breve periodo (periodi di minima e massima escursione annuale) e
La pratica geotecnica, infatti, insegna come nei terreni sciolti la permeabilità sia
limitante nella pianificazione: sarà pertanto necessario valutare puntualmente la
nel lungo periodo, considerato il particolare contesto morfologico ed idrogeologico
controllata, oltre che dall’uniformità del terreno e dal suo stato di addensamento
vulnerabilità dell’acquifero ogni volta che ci si appresta alla progettazione di
si esclude che la pratica irrigua o le precipitazioni meteoriche, anche se intense o
(Prugh, 1959), soprattutto dalla granulometria della frazione più fine (Hazen,
attività potenzialmente impattanti sulle acque sotterranee (depuratori, stoccaggi di
concentrate in taluni periodi dell’anno, siano in grado di modificare in modo
1911). Nella Tavola 4 sono state cartografate le aree per classi di permeabilità.
sostanze inquinanti, dispersione di fanghi, attività estrattive, attività agronomiche
sostanziale le linee di deflusso sotterraneo.
In questo modo sono state definite le seguenti classi:
e zootecniche ecc.).
1. da BASSA a DISCRETA: depositi sabbiosi con coperture limose e limo3.6.5.
argillose (generalmente sviluppate fino a 2-4 m di spessore);
Vulnerabilità degli acquiferi
il grado di esposizione della falda, spesso sub-affiorante.
Con il termine di “vulnerabilità intrinseca”, infatti, viene generalmente indicata la
suscettività specifica dell’acquifero nei confronti di agenti inquinanti liquidi o
La vulnerabilità degli acquiferi è definita dalla possibilità di infiltrazione e
2. da DISCRETA a BUONA: terreni alluvionali di natura prevalentemente
idroveicolabili, i quali possono venire dispersi a campagna o immessi nelle acque
propagazione degli agenti inquinanti provenienti dalla superficie o da altre falde
sabbiosa, caratteristici di lobi di meandro, con locali coperture di natura
superficiali. Associando al grado di vulnerabilità la presenza di potenziali fonti di
più superficiali già compromesse.
limosa;
inquinamento, presenti nonostante la naturale vocazione agricola del territorio,
Questo concetto implica uno stato di potenziale minaccia della qualità originaria
3. da MOLTO BASSA a BUONA: depositi di alveo abbandonato, in cui la
delle acque sotterranee, determinato unicamente dalle condizioni ambientali, sia
variabilità tessiturale e granulometrica (compresa tra i terreni fini
naturali che antropiche, esistenti e indipendenti dalle sorgenti inquinanti.
caratteristici di ambienti a bassa energia deposizionale e quelli
Considerando la possibilità di accesso verso le falde profonde di potenziali agenti
granulari) è responsabile di un'altrettanta variabilità degli indici di
inquinanti, appare evidente come i sedimenti permeabili offrano scarse difese
permeabilità.
sarà possibile determinare il livello di rischio idrogeologico degli acquiferi presenti
in una certa area.
mentre per gli acquiferi più profondi si riscontrano buone condizioni di isolamento
e protezione. Hanno infatti un peso preponderante i seguenti fattori geologici e
Inquadrando i parametri rilevati (idro-litologia, tipo di copertura dell’acquifero e
idrogeologici:
soggiacenza della superficie piezometrica), l’acquifero più superficiale è stato
- la idro-litologia (ovvero il tipo e il grado di permeabilità verticale e orizzontale,
valutato anche in termini di vulnerabilità intrinseca attraverso il metodo GOD
che determina la velocità di percolazione dell’inquinante e l’azione di attenuazione
(messo a punto dal British Geological Survey - Foster, 1987) che rappresenta,
insita nei diversi terreni);
secondo le indicazioni del C.N.R., uno dei più importanti ed utili nel settore (Civita,
- il tipo e lo spessore di un’eventuale copertura fine a bassa permeabilità,
1994).
elemento di protezione per l’acquifero soggiacente;
Il metodo GOD utilizza come dati d’ingresso tre proprietà dell’acquifero
- la soggiacenza della superficie piezometrica media dell’acquifero, la quale
(indicizzate), il cui prodotto ne rappresenta la vulnerabilità; ovviamente la
definisce lo spessore della zona insatura (direttamente proporzionale all’azione di
valutazione è solamente di tipo puntuale ma, stimando le condizioni medie,
autodepurazione);
restituisce con affidabilità la vulnerabilità idrogeologica del territorio.
- le condizioni di interscambio da parte di corsi d’acqua naturali e di canali
Le tre proprietà indici utilizzate dal metodo GOD sono: il tipo di acquifero, la
artificiali, veicoli di inquinanti.
litologia dell’insaturo e la profondità della superficie piezometrica.
Allo scopo di quantificare i fattori sopra citati, e conseguentemente la vulnerabilità
Il metodo è stato applicato integrando le informazioni disponibili in letteratura,
degli acquiferi, sono stati integrati i dati a disposizione.
giungendo a definire le seguenti classi di vulnerabilità:
Una prima valutazione trova riscontro nelle misure della soggiacenza del tetto
1. MODERATA/ALTA sul Livello Fondamentale della Pianura, ove è
della falda dal piano campagna; al proposito si rammenta come la campagna di
presente un acquifero da semi-libero a semi-confinato i cui indici di
misure piezometriche abbia evidenziato delle aree a soggiacenza caratteristica,
vulnerabilità sono mitigati dalla soggiacenza della superficie
come illustrato nel paragrafo precedente e rappresentato in Tavola 4.
piezometrica (progressivamente maggiore avvicinandosi al margine
Sulla base dei rilievi eseguiti, il territorio è stato suddiviso per classi di
terrazzato) e dalle presenza di coperture limose superficiali;
soggiacenza della superficie piezometrica, ovvero:
1. soggiacenza inferiore a 2 m (valle del Po);
2. soggiacenza compresa fra 2 e 5 m (porzione settentrionale di territorio
libero a semi-libero (in presenza di esili coperture limose);
3. ALTA nella zona di paleomeandro, in cui è presente un acquifero da
libero a confinato-artesiano (locali coperture con una frequente
comunale);
3. soggiacenza superiore a 5 m
2. ALTA sul ripiano alluvionale del Po, in cui è presente un acquifero da
(porzione meridionale del Livello
componente organica). Nonostante i ricorrenti depositi fini superficiali,
Fondamentale della Pianura con massimi anche superiori a 10 m in
le caratteristiche dei terreni e la loro disomogeneità non garantiscono
corrispondenza del margine terrazzato).
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Tav. 4 - Carta idrogeologica
3.7. PERICOLOSITAʼ SISMICA LOCALE
3.7.1.
Zonazione sismica nazionale ed inquadramento del
territorio di Ospedaletto Lodigiano
L’Ordinanza 3274 e s.m.i. stabilisce una nuova classificazione sismica del
territorio italiano, in risposta sia alle nuove conoscenze scientifiche in materia
sismica (acquisite dopo la precedente legge di indirizzo sismico del ’74), sia al
ripetersi di eventi calamitosi che hanno interessato anche zone precedentemente
non classificate come sismiche (sempre facendo riferimento alla Legge 64/74). La
76
nuova classificazione, che in parte utilizza e aggiorna la classificazione sismica
Secondo la classificazione vigente, il territorio comunale di Ospedaletto Lodigiano
problematiche insiste nella distribuzione dei vertici della griglia di riferimento
proposta nel 1998 dal Gruppo di Lavoro istituito dal Servizio Sismico Nazionale, è
appartiene alla zona sismica 4 e risulta identificato da un valore di accelerazione
dei valori di accelerazione e l’ubicazione dell’area d’indagine.
articolata in 4 zone: le prime tre corrispondono, dal punto di vista della relazione
massima orizzontale su suolo di riferimento con la probabilità del 10% di essere
Un’ulteriore novità, sempre introdotta dal D.M. 14.01.2008, è la formulazione
con gli adempimenti previsti dalla Legge 64/74, alle zone di sismicità alta (S=12),
superato almeno una volta nei prossimi 50 anni (periodo di ritorno uguale a 475
dello spettro di risposta differente per ciascuna categoria di suolo di
media (S=9) e bassa (S=6), mentre la zona 4 è di nuova introduzione.
anni) pari a 0.05g.
fondazione non accorpando più, come in precedenza, la categoria di suolo di
In linea generale, la valutazione del rischio sismico deriva da una stima delle
Zona
Valori di ag
conseguenze al sistema socio-economico locale potenzialmente derivanti dal
1
0,35 g
terremoto considerato “probabile” nell’area di riferimento. Nella valutazione del
2
0,25 g
rischio sismico, pertanto, l’aspetto principale consiste nella definizione della
3
0,15 g
L’analisi della sismicità, intesa come distribuzione spazio-temporale dei terremoti
pericolosità sismica, ovvero la descrizione della possibile attività sismica ottenuta
4
0,05 g
in una determinata area, costituisce il primo tassello per gli studi di valutazione
assegnando, in ogni area, le grandezze rappresentative del moto del suolo.
Come innanzi premesso, una prima classificazione della pericolosità sismica è
stata ottenuta a scala nazionale suddividendo il territorio in zone sismiche: tale
semplificazione, sebbene riduttiva, è risultata necessaria per l’applicazione di
norme tecniche aventi come obiettivo un adeguato livello di protezione sismica.
In ottemperanza all’art. 2 della OPCM 3274 e s.m.i. e secondo quanto disposto
dal D.Lgs n. 112/1988 che attribuiva alle Regioni la competenza di classificare il
territorio secondo criteri generali, la Regione Lombardia, con D.G.R. n. 14964 del
Tabella 1: valori di accelerazione orizzontale massima in funzione della zona
sismica (D.M. 14.09.2005).
Sebbene la nuova classificazione preveda che ogni area del territorio nazionale
sia classificata e identificata da una valore soglia di pericolosità sismica, si
delineano alcune criticità:
•
sismica (sopratutto quelli prodotti nell’ambito del gruppo di lavoro
del 1998) e hanno inserito i comuni non classificati in zona 4 senza
L’O.P.C.M. 3274 e s.m.i. è entrata in vigore il 23 ottobre 2005 in coincidenza con
nazionale; per la Regione Lombardia la classificazione sismica è mostrata in
figura 8.1:
le Regioni sollecitate dalla O.P.C.M. 3274 hanno classificato il
proprio territorio basandosi su precedenti studi di pericolosità
sismiche.
A far tempo da tale data è quindi vigente la classificazione sismica del territorio
valutare i livelli di accelerazione attesi;
•
come disposto dalla O.P.C.M. 3274 e s.m.i. e dal D.M. 14.09.2005,
stata aggiornata sulla base di nuovi dati utilizzando approcci
leggermente differenti rispetto a quelli utilizzati per la redazione
questo ha determinato, per alcune aree, la presenza di valori di ag
diversi rispetto a quelli previsti dalla classe sismica di
appartenenza.
Sulla base di quanto sopra riportato, è chiaro come la classificazione sismica del
territorio nazionale derivi da una semplificazione nella valutazione dei livelli di
pericolosità che, seppur necessaria per l’applicazione di una normativa di primo
riferimento, deve essere considerata come punto di partenza per la realizzazione
di studi sismici a maggior dettaglio e a minor scala (microzonazione sismica),
sopratutto in fase di pianificazione urbanistica. In questo modo si può indirizzare
lo sviluppo edificatorio e, in determinate situazioni, aumentare i livelli di protezione
sismica previsti dalla normativa (livello minimo).
Le “Norme tecniche per le costruzioni” di cui al D.M. 14.01.2008 hanno
introdotto un nuovo elemento metodologico nella stima della pericolosità
sismica di base, la quale non risulta più associata alla zona sismica di
appartenenza (criterio zona dipendente ex D.M. 14.09.2005) ma al valore di
accelerazione massima orizzontale attesa su base probabilistica ad uno
specifico sito (criterio sito dipendente).
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
Descrizione della sismicità
Trattandosi di modelli probabilistici, infatti, le caratteristiche sismotettoniche e le
modalità di rilascio dell’energia sismica pregressa consentono la messa a punto di
modelli previsionali dell’attività sismica attraverso una quantificazione dei livelli di
accelerazione attesi.
Il territorio di Ospedaletto Lodigiano e un suo ragionevole intorno non rientrano in
alcuna delle zone sismogenetiche (zonazione ZS9, figura 8.2), sottolineando
l’assenza di strutture geologiche in grado di generare terremoti (le cosiddette
“faglie capaci”).
Dalla consultazione dei cataloghi sismici redatti dall’Istituto di Geofisica e
Vulcanologia per gli studi di pericolosità risulta che:
•
Ciò ha permesso di superare la differenza tra valori di accelerazione previsti
dagli studi di pericolosità sismica a scala nazionale e valori previsti dalla
l’area comunale e quella lodigiana, nel loro complesso, sono
caratterizzate da eventi sismici piuttosto sporadici e di intensità
la mappa di pericolosità sismica di riferimento a scala nazionale è
della mappa elaborata nel 1998 (INGV, 2006 – OPCM 351/06);
Figura 8.1: Classificazione sismica dei comuni della Lombardia in seguito
all’Ordinanza 3274/2003
(D.G.R. n. 7/14964 del 7 novembre 2003).
3.7.2.
della pericolosità sismica di base.
7 novembre 2003, ha provveduto ad aggiornare i propri elenchi delle zone
quella delle nuove “Norme Tecniche per le Costruzioni” (D.M. 14 settembre 2005).
fondazione B e C.
massima rilevata dell’ordine del VI-VII grado della scala Mercalli;
•
le località epicentrali per gli eventi che hanno prodotto i maggiori
risentimenti/danni (osservazioni macrosismiche) provengono da zone
appartenenti alle province vicine, corrispondenti al Veronese, al
Bresciano, al Bergamasco, al Cremasco e, soprattutto, all’Appennino
Emiliano-Romagnolo.
Tale fatto è compatibile con la storia sismica locale così come deducibile dal
catalogo DBMI11, il database utilizzato per la compilazione del Catalogo
Parametrico dei Terremoti Italiani (CPTI11) aggiornato al dicembre 2011 (a cura di
M. Stucchi et al.), nel quale sono riportate le osservazioni macrosismiche relative
a Codogno, il centro più importante fra quelli vicini catalogati.
Dal catalogo si nota come nessun evento risulti localizzato entro il territorio del
Comune di Ospedaletto Lodigiano o di quelli limitrofi.
A completamento delle osservazioni macrosismiche, nella figura 8.4 si mostra la
distribuzione della sismicità “recente” rispetto al territorio in esame, riportando le
localizzazioni epicentrali degli eventi registrati dalla rete Sismica Nazionale
nell’intervallo di tempo compreso tra il 1981 ed il 2006 (Catalogo della sismicità
italiana C.S. 1.0).
Anche in questo caso si evidenzia l’assenza di terremoti di una certa entità
localizzati in prossimità del territorio di Ospedaletto Lodigiano, dimostrando come
l’area sia caratterizzata da una bassa potenzialità sismica il cui aspetto principale
risulta legato agli effetti risentiti e prodotti da terremoti di energia elevata (ML>4)
normativa antisismica per un suolo di riferimento. Esistono tuttavia alcune
77
avvenuti in aree epicentrali esterne e lontane dall’area in esame (soprattutto
degli strati di terreno sovrastanti il bedrock, a causa dell’interazione delle onde
Sismica Locale “Z4a - Zona di fondovalle con presenza di depositi alluvionali e/o
provenienti dalla zona del margine dell’Appennino emiliano-romagnolo).
sismiche con le strutture locali.
fluvio-glaciali granulari e/o coesivi”, esteso all’intero ambito comunale: l’effetto
Gli effetti di sito si distinguono in due gruppi che possono essere
atteso nei confronti delle onde sismiche è quindi quello di una amplificazione
contemporaneamente presenti nella stessa area:
litologica.
Come accennato nel capitolo precedente, in seguito all’emanazione della
-
gli effetti di amplificazione topografica: si verificano quando le condizioni
Solo localmente, a margine della valle alluvionale del Po, la scarpata morfologica
O.P.C.M. 3274/2003 e del D.M. 14.09.2005, è stata prodotta una nuova versione
locali sono rappresentate da morfologie superficiali più o meno articolate e da
raggiunge altezze insidiose, delineando uno scenario di pericolosità sismica
della Carta della Pericolosità Sismica del territorio nazionale (INGV anno 2004 e
irregolarità topografiche in generale; tali condizioni favoriscono la focalizzazione
locale Z3a per il quale è atteso un effetto di amplificazione topografica.
2006).
delle onde sismiche in prossimità della cresta del rilievo a seguito di fenomeni di
La mappa riporta il valore dell’accelerazione orizzontale massima ag che ha la
riflessione sulla superficie libera e di interazione fra il campo d’onda incidente e
probabilità di essere superato almeno una volta nei prossimi 50 anni; tale valore
quello difratto. Se l’irregolarità topografica è rappresentata da substrato roccioso
di probabilità, che corrisponde ad un periodo di ritorno di 475 anni, è assunto
(bedrock) si verifica un puro effetto di amplificazione topografica mentre nel caso
come riferimento dalla normativa sismica vigente.
di rilievi costituiti da materiali non rocciosi, l’effetto amplificatorio è la risultante
Dalla mappa di pericolosità sismica relativa alla Regione Lombardia, si ricava che
dell’interazione (difficilmente separabile) tra l’effetto topografico e quello litologico
per il territorio di Ospedaletto Lodigiano il valore di ag atteso può raggiungere
di seguito descritto;
valori prossimi 0.050 - 0.075 g, ovvero leggermente superiore rispetto a quello
-
previsto dalla normativa per la zona sismica 4.
locali sono rappresentate da morfologie sepolte (bacini sedimentari, chiusure
Tuttavia, i soli valori di ag non sono sufficienti a descrivere le caratteristiche del
laterali, corpi lenticolari, eteropie ed interdigitazioni, gradini di faglia ecc.) e da
moto atteso in un sito: esso viene identificato dallo spettro a probabilità uniforme
particolari profili stratigrafici costituiti da litologie con determinate proprietà
(UHRS), che risulta costituito, per un intervallo di periodi, dai valori di
meccaniche. Tali condizioni possono generare esaltazione locale delle azioni
accelerazione che hanno la stessa probabilità del 10% di essere superati nei
sismiche trasmesse dal terreno, fenomeni di risonanza fra onda sismica incidente
prossimi 50 anni. Lo spettro UHRS deriva dagli studi di pericolosità sismica
e modi di vibrare del terreno e fenomeni di doppia risonanza fra periodo
condotti a livello nazionale dall’Istituto di geofisica e vulcanologia secondo una
fondamentale del moto sismico incidente e modi di vibrare del terreno e della
metodologia di tipo probabilistico (approccio Cornell).
sovrastruttura.
3.7.3.
Pericolosità sismica
gli effetti di amplificazione litologica: si verificano quando le condizioni
Lo spettro UHRS individua la pericolosità sismica di base dell’area, ovvero
La carta della pericolosità sismica locale di Tavola 5 costituisce il riferimento per
l’applicazione dei successivi livelli di approfondimento, come mostrato nella
identifica su base probabilistica le caratteristiche dello scuotimento del suolo
Al fine di individuare gli effetti di sito locali, la D.G.R. 2616/2011 prevede che, in
(macrozonazione sismica) senza considerare alcuna modificazione che può
fase di pianificazione urbanistica, venga affrontata una analisi della pericolosità
subire il moto del suolo causata dal contesto geologico e geomorfologico
sismica del territorio secondo livelli di approfondimento successivi.
dell’area, cioè senza modificazioni dovute a effetti locali.
Tale metodologia prevede tre livelli di approfondimento con grado di dettaglio
Va tuttavia fatto osservare come le locali condizioni geologiche e geomorfologiche
crescente: i primi due livelli sono obbligatori in fase di pianificazione (con le
possano influenzare, in occasione di eventi sismici, la pericolosità sismica di base
opportune differenze in funzione della zona sismica di appartenenza), mentre il
producendo effetti diversi da considerare nella valutazione generale della
terzo è obbligatorio in fase di progettazione; nella tabella seguente si riportano gli
pericolosità sismica dell’area.
adempimenti in funzione della zona sismica di appartenenza:
tabella seguente:
Tali effetti vengono distinti in funzione del comportamento dinamico dei terreni e
dei materiali coinvolti; pertanto, gli studi finalizzati al riconoscimento delle aree
potenzialmente pericolose dal punto di vista sismico sono basati, in primo luogo,
sull’identificazione dei possibili effetti locali, distinguibili in due grandi gruppi: quelli
di sito o di amplificazione sismica locale e quelli dovuti ad instabilità (o effetti
cosismici).
Considerati gli scenari di pericolosità sismica locale individuati sul territorio di
Mentre gli effetti di instabilità interessano tutti i terreni che mostrano un
Ospedaletto Lodigiano, in caso di pianificazione o progettazione di strutture
comportamento instabile o potenzialmente tale nei confronti delle sollecitazioni
strategiche e rilevanti (classificate dal D.d.u.o. n. 19904/03 della Regione
sismiche (esempio i versanti, le frane quiescenti, ecc.), gli effetti di sito o di
Lombardia) si dovranno affrontare successivi livelli di approfondimento, così come
amplificazione sismica locale interessano tutti i terreni che mostrano un
previsto dalla D.G.R. n. 2616/2011.
comportamento stabile nei confronti delle sollecitazioni sismiche attese.
Quest’ultimi sono rappresentati dall’insieme di modifiche in ampiezza, durata e
contenuto in frequenza che un moto sismico (terremoto di riferimento), relativo ad
una formazione rocciosa di base (bedrock), può subire, durante l’attraversamento
Nel caso specifico del Comune di Ospedaletto Lodigiano, l’analisi territoriale
(basata sui dati innanzi acquisiti) ha definito un generale scenario di Pericolosità
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
78
qualsiasi intervento che possa rappresentare un potenziale centro di pericolo
 Il reticolato idrografico (definito sulla base della D.G.R. n. 9/2767/2011); le
per la risorsa idrica sotterranea debba richiedere un puntuale studio dei terreni
attività consentite e quelle vietate, così come le fasce di rispetto, sono normate
in relazione alla locale vulnerabilità dei corpi acquiferi e al loro potenziale uso.
da specifico regolamento di polizia idraulica (R.D. 523/1904 e s.m.i.).
 La zona di tutela dei pozzi ad uso potabile-acquedottistico per le quali la
Tra le tematiche morfologiche, idrogeologiche e idrografiche sono stati
normativa vigente (D.Lgs. 152/06) fissa, secondo criteri geometrici, una fascia di
rappresentati:
tutela assoluta di 10 m e una di rispetto di 200 m.
 tutti i corpi idrici superficiali già assoggettati a specifico regolamento di polizia
idraulica;
 La fascia C del Piano Stralcio per l’Assetto Idrogelogico (P.A.I.) adottato
dall’Autorità di Bacino del fiume Po con Deliberazione n. 18 del 26.04.2001 e
 le scarpate morfologiche di rilevanza paesistica (parte delle quali sono già
approvato con D.P.C.M. del 24 maggio 2001. Tale fascia viene definita come
sottoposte a tutela del PTCP), considerate elementi costitutivi del paesaggio. Le
“Fascia C di inondazione per piena catastrofica: è costituita dalla porzione di
scarpate evidenziate nella sintesi, successivamente assoggettate a tutela e
territorio esterna alla precedente, può essere interessata da inondazione al
limitazioni d’uso nella carta di fattibilità geologica delle azioni di piano, sono
verificarsi di eventi di piena più gravosi di quelli di riferimento”.
quelle individuate fisicamente sul territorio previo un confronto con gli specifici
elaborati del PTCP, correggendo e parzialmente modificando eventuali
Nello specifico elaborato cartografico, inoltre, sono stati cartografati anche i vincoli
difformità che derivano da scale di lavoro con grado di dettaglio differente;
normativi di natura fisico-ambientale e geologica derivanti dal P.T.C.P.; in
 la fascia con emergenze idriche diffuse a valle della scarpata morfologica
principale;
particolare:

 le depressioni morfologiche con acqua di falda affiorante o sub affiorante;
 i pozzi acquedottistici e le relative fasce di tutela assoluta e di rispetto.
gli orli di terrazzo, già assoggettati a specifica tutela da parte del
P.T.C.P. (art. 20.1);

il giacimento individuato dal Piano Cave provinciale e dal PTCP della
Provincia di Lodi.
Tav. 5 - Carta degli scenari di pericolosità sismica locale
3.8. CARTA DI SINTESI
La Carta di Sintesi (Tavola 6) costituisce il documento nel quale vengono riassunti
tutti i fenomeni naturali ed antropici che costituiscono una limitazione geologica
alle scelte urbanistiche: realizzata alla scala 1:10.000, l’elaborato contiene gli
elementi più significativi emersi nella fase di analisi.
Nella cartografia di sintesi di Tavola 6 sono stati rappresentati i lineamenti
principali dopo aver classificato l’intero territorio comunale per aree omogenee; in
quest’ultima operazione, sono stati presi in considerazione le seguenti
componenti:
1.LITOLOGIA DEI TERRENI SUPERFICIALI - Per quanto riguarda l’aspetto
litologico e geotecnico dei terreni (trattato in specifico capitolo), si ritiene che
esso non costituisca un fattore particolarmente limitante dal punto di vista
urbanistico, tranne che per la zona di paleo-meandro a valle della scarpata
morfologica principale caratterizzata da coperture coesive con una diffusa
componente organica.
2.SOGGIACENZA MEDIA DELLA PRIMA FALDA - E’ stata evidenziata la
presenza di una falda a profondità ridotta (S < 2 m) per la porzione di territorio
corrispondente alla valle del Po con diffusi fenomeni sorgentizi (sorgenti di
Tav. 6 - Carta di sintesi
Tav. 7 - Carta dei vincoli geologici
terrazzo) immediatamente a valle della scarpata morfologica principale,
determinando una condizione limitante nella fattibilità geologica delle azioni di
piano.
3.VULNERABILITA’ DELL’ACQUIFERO SUPERFICIALE - Tale fattore
3.9.
CARTA DEI VINCOLI GEOLOGICI
Nella Tavola 7 sono stati cartografati i vincoli normativi di natura fisico-ambientale
e geologica, limitanti nella fattibilità geologica delle azioni di piano.
costituisce un elemento distintivo, emerso nella fase di analisi e parzialmente
vincolante nella fattibilità geologica delle azioni di piano. Si ribadisce come
DdP - Relazione del quadro conoscitivo e ricognitivo
In particolare, nella Tavola dei Vincoli sono stati cartografati:
79
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
20 236 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content