close

Enter

Log in using OpenID

agriculture, trade and development

embedDownload
CENTRO EUROPEO PER LA SALVAGUARDIA, LA DIVULGAZIONE
E LO SVILUPPO DEL SETTORE AGROALIMENTARE
(EUROPEAN CENTRE FOR SAFE GUARDING OF AGRIBUSINESS DEVELOPMENT OF THE AGRO-FOOD SECTOR)
Expo
Albenga®
agriculture, trade
and development
Città di Albenga
CISANO IMMOBILIARE S.R.L.
REGIONE BAGNOLI, 39 - 17031 ALBENGA (SV)
tel. 0182.559.001 - fax 0182.559.043
http://www.EXPOalbenga.com - e-mail [email protected]
Codice Fiscale: 01485600090
Capitale Sociale interamente versato: € 10.000,00
Iscritta al numero: 01485600090 del Registro delle Imprese - Ufficio di SAVONA
Iscritta al numero 150617 del R.E.A.
2
INDICE GENERALE
TABLE OF CONTENTS - SUMMARY
1 - ILLUSTRAZIONE GENERALE DEL PROGETTO ...
.............................................................................. pag. 5
1 - GENERAL PROJECT DESCRIPTION ........... page 5
2 - REALIZZAZIONE DI UN “CENTRO EUROPEO
PER LA SALVAGUARDIA, LA DIVULGAZIONE E LO
SVILUPPO DEL SETTORE AGROALIMENTARE” .....
............................................................................ pag. 16
2 - CREATION OF A “EUROPEAN CENTRE FOR THE
PROTECTION, THE DISSEMINATION AND DEVELOPMENT OF THE FOOD INDUSTRY” ............ page 16
3 - IL PROGETTO ARCHITETTONICO, IN BREVE ......
............................................................................ pag. 33
3 - THE ARCHITECTURAL PROJECT IN BRIEF .........
........................................................................... page 33
4 - PROGRAMMA DELLE ATTIVITA’ PREVISTE NEL
“CENTRO” .......................................................... pag. 41
4 - PROGRAMME OF ACTIVITIES PROVIDED AT
THE “CENTRE” ................................................. page 41
5 - REALIZZAZIONE DI UNA “FATTORIA DIDATTICA”
E DI UN “MUSEO DELLA CIVILTÀ E DELLE TECNOLOGIE CONTADINE” ......................................... pag. 44
5 - IMPLEMENTATION OF A “TEACHING FARM” AND
A “MUSEUM OF FARMING CIVILIZATION AND
TECHNOLOGY” ................................................ page 44
6 - IL FINANZIAMENTO DELL’INTERVENTO .... pag. 46
6 - FINANCING THE WORK .............................. page 46
7 - I VANTAGGI SUL FRONTE OCCUPAZIONALE LOCALE E SULLA RIPRESA ECONOMICA DEI SETTORI
IN CRISI, CONSEGUENTI ALL’ATTUAZIONE DELL’INTERVENTO PROPOSTO ................................... pag. 48
7 - THE BENEFITS FOR LOCAL EMPLOYMENT AND
ECONOMY OF SECTORS IN CRISIS FOLLOWING
IMPLEMENTATION OF THE PROPOSED INTERVENTION .................................................................. page 48
8 - SCHEMI RIASSUNTIVI DELLE ATTIVITA’ SVOLTE
NEL CENTRO .................................................... page 50
8 - SUMMARY SCHEDULES OF ACTIVITIES UNDERTAKEN AT THE CENTRE .................................. page 50
Albenga - Centro Storico
3
4
1.ILLUSTRAZIONE
DEL PROGETTO
GENERALE
1. GENERAL PROJECT DESCRIPTION
L’iniziativa in argomento non vuole
sostituirsi alle strutture del settore già esistenti, bensì, differenziandosi da quest’ultime, ha lo scopo di convogliare in essa tutte le loro esperienze, scoperte, normative,
buone prassi, tecnologie e prodotti innovativi concernenti il comparto agroalimentare per catalogarli, per settori e argomenti, e
quindi mettere il tutto a disposizione degli
operatori istituzionali e privati.
Il progetto nasce con l’intenzione di
creare una vetrina permanente dove esporre tutto ciò che ruota intorno al settore
agroalimentare in Italia ed in ambito UE; il
campo è vastissimo e quindi le possibilità
sono infinite.
Il progetto, molto ambizioso, si propone di realizzare un “Centro Europeo per
la salvaguardia, la divulgazione e lo sviluppo del settore agroalimentare”, lo scopo è
quello di realizzare un Forum permanente
The initiative does not seek to replace existing structures in the sector, but, different from the latter, intends to convey all
their experiences, discoveries, standards,
best practices, innovative technologies and
products relating to the agricultural sector
to catalog them, by sectors and topics, and
then make everything available to institutional and private operators.
The project was born with the intention of creating a permanent showcase exhibit for everything relating to the agri-food
sector in Italy and in the EU; the field is vast
with endless possibilities.
The project is very ambitious, proposing in fact the realization of a “ European
centre for the preservation, dissemination
and development of the agri-food sector”,
the purpose is to create a permanent forum
delegations of the 28 EU countries, in order to actively participate in establishing
5
the Common Agricultural Policy ( CAP)
and help to prepare the Rural Development
Programmes (RDP).
Recently the rural European networks (RRE) came into being with the main
objective of coordinating and promote the
implementing rural development programs
in the various nations, promoting a new
model for the implementation of rural development policy that provides for greater
integration, participation and innovation.
Indeed, the European Rural Networks
(RRE), not only deal with the implementation of the programs, but are in particular
industry spokesman from their respective
Ministries of Agricolture and the Regions,
through the RRE, and thus are the organizations which most contribute to formulating rural policy in accordance with a “bottom-up” process.
It does not seem, therefore, out of
norm to have the ambition to build a permanent home for these organizations as an
important tool for the exchange of experiences and ideas, articulated via the respective
national and European institutions.
The time for project implementation
is propitious, since recently, following recognition of the myriad of agencies and organizations operating in the field, presented
to the Government a draft law with the aim,
among others, to simplify the bureaucracy
in our country in the agri-food sector, so it
will be more effective also on the European
stage.
It is important to note, in this regard,
that some of the points in the cited DDL refer indeed to the promotion, development
and modernization supply chains as well
as the rationalization of institutions supervised by the ministry of “food”, foreseeing
the elimination of unnecessary entities, or
in fact mergers or more bodies or enhanced
cooperation between them, etc…
Therefore, thanks to renewed inte-
di delegazioni, dei 28 Paesi UE, che abbiano
anche il compito di partecipare attivamente
alla formazione della Politica Agricola Comune (PAC) e contribuire alla stesura dei
Programmi di Sviluppo Rurali (PSR).
Recentemente hanno visto la luce
le reti rurali europee (RRE) con l’obiettivo
principale di coordinare e promuovere l’attuazione dei Programmi di Sviluppo Rurale
delle varie nazioni promuovendo un nuovo modello di applicazione della politica
di sviluppo rurale che prevede un livello di
maggiore integrazione, partecipazione ed
innovazione.
Invero, le Reti Rurali Europee (RRE),
non solo si occupano dell’attuazione dei
programmi, ma sono soprattutto portavoce
degli operatori del settore presso i rispettivi Ministeri dell’Agricoltura e le Regioni,
tramite le RRE, e sono quindi le organizzazioni che maggiormente contribuiscono
alla formazione, secondo un processo “bottom-up”, della politica rurale.
Non pare, quindi, un fuor d’opera l’ambizione di realizzare una sede permanente per queste organizzazioni, quale
importante strumento per lo scambio di
esperienze e idee, da veicolare attraverso
le rispettive Istituzioni nazionali ed europee.
Il momento per la realizzazione di
questo progetto è propizio, atteso che recentemente, a seguito della ricognizione
della miriade di Enti e Organizzazioni che
operano nel settore, è stato presentato al
Governo un Disegno di Legge con lo scopo,
tra gli altri, di semplificare la burocrazia che
esiste nel nostro Paese nel settore agroalimentare, per rendere quest’ultima, più efficiente, anche nel panorama europeo.
E’ importante notare, a tal riguardo,
che alcuni punti del citato DDL sono riferiti
proprio alla promozione, sviluppo e ammodernamento delle filiere nonché alla razionalizzazione degli enti vigilati dal Ministero
6
rest in policy, ideal conditions exist today
to build an adequate permanent home for
National and European organizations in the
agri-food sector, or their representatives,
for the efficient and effective implementation of joint community policies for sector development in order to become more
competitive on the international stage.
This can be achieved only via a physical structure, as well as a suitable organizational apparatus so institutional players
can work side by side with field level operators, not to mention the many non-governmental organizations working in the field
and which could take an active part in the
centralization project.
The permanent delegation of each
member country, or region, as member of
the Centre, in addition to institutional duties, will have, among other things, the task
of promoting the place of origin, presenting
their products to visitors, maintaining contact with the producers and the organizations they represent on site.
The centre, in addition to being a
tourist attraction with “ permanent exhibits”, should also be, and especially, a place for
managing rural policy, a database of laws,
best practices, notices, research, nutrition
education, well as promote and organize
training courses in the field of agri-food
and fisheries products, campaigns against
hunger in the world, conventions, exhibitions and meetings of all kinds with industry insiders.
The proposed organizational structure should also be a permanent laboratory
to monitor and raise awareness on crucial
issues related to food and nutrition issues
such as malnutrition, poor eating habits,
the food waste, food availability of food and
the conservation of natural resources.
The organizational capacity of the
delegations at the Centre is thus essential,
stimulated and enhanced by direct com-
delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, quale Ministero “del cibo”, prevedendosi la soppressione di Enti inutili, ovvero
fusioni di più organismi o cooperazione
rafforzata fra gli stessi, etc..
Pertanto, grazie al rinnovato interesse della Politica, oggi sussistono le condizioni ideali per realizzare un’adeguata sede
permanente per le organizzazioni Nazionali ed Europee del settore agroalimentare, o
loro rappresentanti, per l’implementazione
efficiente ed efficace di politiche comunitarie congiunte per lo sviluppo del settore, al
fine di una maggiore competitività nel panorama internazionale.
Ciò può essere realizzato solo attraverso una struttura fisica, oltre che un
apparato organizzativo idoneo, in cui far
materialmente convivere gli operatori istituzionali con gli operatori del settore sul
campo, senza tralasciare le tantissime Organizzazioni Non Governative che operano
nel settore e che potrebbero prendere parte
attiva al progetto di accentramento.
Le delegazioni permanenti di ciascun
Paese membro, o Regione, presente presso il Centro, oltre ai compiti istituzionali,
avranno, fra l’altro, l’onere di promuovere
il luogo di origine, presentare ai visitatori
i loro prodotti,, mantenere i contatti con i
produttori e con le organizzazioni che esse,
in loco, rappresentano.
Il Centro, quindi, oltre che un’attrattiva turistica da “mostra permanente”, dovrà essere anche, e soprattutto, un luogo di
regia della vita politica rurale, una banca
dati per normative, buone prassi, bandi, ricerca, educazione alimentare, nonché promuovere e organizzare percorsi formativi
nel settore agroalimentare e della pesca,
campagne contro la fame nel mondo, convegni, mostre e incontri di ogni tipo con gli
addetti del settore.
La struttura organizzativa che si intende realizzare vuole essere anche un la7
parison and collaboration arising from coexistence in a single structure, to promote
specific agri-food and wine activities of EU
countries for the political and commercial
context in which are increasingly aggressive
on the international trade chessboard.
Thus we want to create more effective
and more suitable opportunities for economic and institutional traders in the sector.
In this sense, the Centre, through close
cooperation among private and institutional bodies, at national and European level,
aims to provide the public with a high level
of service, involving all areas of interest in
the food industry:
• establish and implement a database
for the industry, from which interested
scholars can extract, compare and develop information, returning the results
of their studies and research to the same
database;
• make available all the information and
service offered by the Centre;
• act as a facilitator and catalyst for ongoing collaboration / cooperation
between EU Member States so as to coordinate development actions and strategies. In this connection, the views of
various delegations will be consulted
directly in contact with scholars, practitioners, manufacturers and retail chains,
up to the end user ;
• disseminate the new technologies arising from research in the various Member States;
• give permanent visibility to all participants and the peculiarities of each member state with a delegation.
boratorio permanente per riflettere e sensibilizzare su temi cruciali legati a cibo e
alimentazione come le problematiche relative alla malnutrizione, alle cattive abitudini alimentari, agli sprechi alimentari, alla
disponibilità degli alimenti ed alla salvaguardia delle risorse naturali.
Fondamentale, quindi, è la capacità
organizzativa delle delegazioni presenti nel
Centro, stimolata e accresciuta dal diretto
confronto e dalla collaborazione derivante dalla coabitazione in un’unica struttura,
per promuovere le peculiari attività agroalimentari ed enogastronomiche dei Paesi UE
nel contesto dello scenario politico e commerciale in cui essi sono chiamati a confrontarsi con le nuove economie, emerse
ed emergenti, sempre più aggressive sullo
scacchiere commerciale internazionale.
Si vuole, cioè, creare le migliori opportunità in termini di efficacia e convenienza per gli operatori economici e istituzionali del settore.
In questo senso, il Centro, attraverso
una stretta cooperazione fra privati ed enti
istituzionali, a rilievo nazionale ed europeo,
si prefigge di fornire al pubblico un servizio
di elevato livello, coinvolgente tutti i campi
d’interesse nel settore agroalimentare:
• costituire e implementare una banca
dati del settore, da cui gli studiosi interessati possano attingere informazioni,
confrontarle e svilupparle, restituendo
alla stessa banca dati i risultati dei loro
studi e ricerche;
• mettere a disposizione di tutti le informazioni e servizi offerti dal Centro;
• fungere da promotore e catalizzatore di
collaborazioni/cooperazioni continuative tra gli Stati membri dell’UE, in modo
da coordinare le azioni e le strategie di
sviluppo.
A questo proposito saranno determinanti le opinioni delle varie delegazioni di8
The Company carrying out the work
is “Cisano Immobilire Srl “ Albenga, together with other operators who believed in
this project, than, following a lengthy and
detailed analysis phase of the geographical,
socioeconomic and industrial context of the
rettamente in contatto con studiosi, operatori, produttori e le catene di distribuzione,
sino all’utente finale;
• diffondere le nuove tecnologie frutto
della ricerca nei vari Paesi membri;
• dare visibilità, in modo permanente, a
tutti i partecipanti e alle peculiarità di
ciascun Paese membro presente con la
propria delegazione.
La Società che realizza l’opera, insieme con altri operatori che hanno creduto in
questo progetto, è la “Cisano Immobiliare
S.r.l.” di Albenga, che, all’esito di una lunga e dettagliata fase di analisi del contesto
geografico, socio-economico e industriale
del territorio albenganese, ha individuato quest’ultimo comprensorio come il posto più appropriato per l’insediamento di
un “Centro europeo per la salvaguardia,
la divulgazione e lo sviluppo del settore
agroalimentare” che, travalicando i confini nazionali, vuole imporsi come struttura
d’interesse comunitario ed internazionale.
Il Gruppo, peraltro, non è alla prima esperienza di realizzazione di grandi
strutture edilizie., è’ sufficiente ricordare
che nello stesso comprensorio albenganese
ha già realizzato, negli ultimi anni, il Centro Commerciale “Le Serre” e il complesso
polifunzionale denominato “Polo 90”, divenuti punti di riferimento importanti per il
comprensorio (insieme raggiungono la dimensione di circa 100.000 mq di superficie
calpestabile).
La Società, pertanto, nella ferma determinazione di portare a conclusione tale
progetto, ha proceduto a successive mirate
acquisizioni di aree contigue ad altre già di
sua proprietà, potendo ora contare su oltre
70.000 mq su cui realizzare questo importante progetto.
Giova evidenziare che gli Enti locali
interessati (Provincia di Savona e Comune
di Cisano sul Neva) hanno già positivamen-
Albenga area, has identified this complex as
the most appropriate place to set up a “European Centre for the preservation, dissemination and development of the agri-food
sector “ which, going beyond national borders, wishes to establish itself a structure of
community and international interest.
For the Guidara group, however, this is not
its first experience in constructing major
building works.
It is enough to remember that in the
same Albenga complex, the Group recently
built the shopping centre “Le Serre” and the
multi-functional complex called “ Pole 90 “,
important reference point for the area, and
together covering about 100,00 square meters of floor space.
Fully committed to finalizing the
project, the Company, therefore, proceeded
with the targeted acquisitions of other adjacent areas and areas already owned, and
now has over 70,000 square metres to build
this important project on.
Moreover, it should be pointed out
that the local authorities concerned (Province of Savona and City of Cisano sul
Neva) have already successfully signed a
“Framework Agreement” for works development and project planning falls within
the parameters already agreed therein.
Cisano Immobiliare Srl has already
begun work related to infrastructure works
(roads, roundabouts, ducts, etc…), particularly important to ensure adequate usability
of the Centre, given its proposed mission.
In other words, as a project which has already obtained all the necessary building
authorizations, it can be built right away
within terms proposed.
Besides the importance of the project,
as mentioned, we must finally consider the
very positive employment fallout obtained
from implementation of the same, as more
fully described in paragraph 7 below.
It does not seem superfluous, finally,
9
to emphasize that the relevant associations,
aware of the initiative from the outset, have
been very enthusiastic and interested in the
project which is the continuation, in years
to come, of MILANO EXPO 2015.
Indeed, it is useful to remember this,
on the eve of the International of Milano,
dedicated specifically to the agri-food industry, nutrition and hunger in the world,
you could feel the excitement unleashed
in every municipality of Italy, to be able to
climb on the stage of this important event
and introduce yourself to the rest of the
world to raise awareness of local products
of excellence, or even to repropose activities from the past that have since disappeared, but restored to identify new avenues
for development to face the economic crisis
and unemployment, combining “pleasure”,
“tradition” and “sustainability”.
The Albenga complex is an exceptional and incomparable resource; in fact,
from the cultural point of view, we should
remember that the ingauna plain features
intense and very advanced farming technology.
The particular technologies used in
conjunction with quite peculiar products
(including, among others: the spiny Artichoke of Albenga, purple asparagus; the
“trumpet” courgette ; the “ox heart” tomato;
“pigato” wine, and almost all Italian production of aromatic plants, etc.), make the
Ingauna complex the idea place to visit.
The project also involves the construction of a large agricultural farm with
farmhouse, on an area of over 20,000 square meters, where you can observe the implementation of specific concrete knowledge and cultivation techniques, breeding
and is, however, equipped and qualified
also an “educational farm” to carry out activities such as hosting and the education
of school groups and other visitors of the
center ( another objective is to popularize
te sottoscritto un “Accordo Quadro” per la
realizzazione dell’opera e la progettualità in
argomento rientra nei parametri già ivi assentiti.
La Cisano Immobiliare S.r.l. ha già
iniziato i lavori afferenti le opere infrastrutturali (strade, rotonde, canalizzazioni,
etc.), particolarmente importanti per assicurare un’adeguata fruibilità del Centro, in
considerazione dei fini che esso si ripropone.
In altre parole, trattandosi di progetto per il quale sono state già ottenute tutte le
autorizzazioni edificatorie necessarie, esso
è quindi, nei termini proposti, immediatamente cantierabile.
Oltre all’importanza del progetto,
per quanto detto, occorre infine considerare gli assai positivi risvolti occupazionali
che conseguirebbero alla realizzazione dello stesso, come meglio indicato al successivo paragrafo 7.
Non pare superfluo, infine, sottolineare che le associazioni di categoria, a
conoscenza dell’iniziativa sin dall’esordio,
si sono mostrate molto entusiaste ed interessate al progetto che costituisce la prosecuzione, negli anni a venire, di MILANO
EXPO 2015.
Invero, giova rammentarlo, nell’imminenza della fiera internazionale di Milano, dedicata proprio al settore agroalimentare, all’alimentazione e alla fame nel
mondo, si è potuto notare il fermento che
si è scatenato in tutti i Comuni d’Italia, per
riuscire a salire sul palcoscenico di tale importante evento e presentarsi al resto del
mondo per far conoscere i prodotti d’eccellenza locale o, addirittura, riproponendo
attività del passato ormai scomparse, ma
recuperate al fine di individuare nuove strade di sviluppo per far fronte alla crisi economica e alla disoccupazione, coniugando,
nel contempo, “piacere”, “tradizione” e “sostenibilità”.
10
Il comprensorio albenganese costituisce una risorsa eccezionale e impareggiabile; infatti, dal punto di vista squisitamente culturale, occorre ricordare che la piana
ingauna si caratterizza per una intensa e
assai tecnologicamente avanzata attività
agricola, le particolari tecnologie utilizzate
unitamente a prodotti del tutto peculiari (si
ricordano, fra gli altri: il carciofo spinoso
di Albenga; l’asparago violetto; la zucchina
“trombetta”; il pomodoro “cuore di bue”; il
vino “pigato”, nonché la quasi totalità della
produzione italiana delle piante aromatiche,
etc.), fanno quindi assurgere il comprensorio ingauno a luogo ideale da visitare.
Il progetto, inoltre, prevede la realizzazione di una grande fattoria agricola con
agriturismo, su un’area di oltre 20.000 mq.,
ove poter assistere alla concreta attuazione
delle peculiari conoscenze e tecniche di coltivazione, di allevamento e sarà, peraltro,
attrezzata e qualificata anche come “fattoria
didattica” per lo svolgimento di attività di
accoglienza ed educazione di gruppi scolastici ed altri visitatori del Centro (un altro obbiettivo è quello di divulgare anche il
modello di “fattoria sensoriale” insediandone un esempio dai risvolti terapeutici, per
il trattamento di varie patologie psico-fisiche). Sarà possibile visitare il “Museo della
civiltà e delle tecnologie contadine”, di cui
pure è prevista la realizzazione all’interno
del Centro, nell’ottica del perseguimento di
una innovazione dall’anima antica, cioè con
uno sguardo comunque rivolto ai molteplici aspetti positivi della tradizione del passato con forte valenza culturale.
Infine, particolare attenzione sarà riservata all’organizzazione di viaggi, di visite
guidate presso aziende di produzione, nonché presso quelle di trasformazione e commercializzazione di prodotti agroalimentari ed enogastronomici.
La piana ingauna annovera la pre-
the concept of “ sensory farm “ integrating
an example with therapeutic implications
for the treatment of various psyco-physical
conditions) .
11
You can visit the “Museum of farming
civilization and technology”, to be built within the centre, with the aim of pursuing an
innovation of the old soul, a look nonetheless addressing the many positive aspects of
past tradition with strong cultural value.
Finally, particular attention will be
given to organizing guided tours to production companies, as well as companies
which process and market agricultural and
food products.
The Albenga plain, will strengthen
the presence of numerous accommodation
facilities able to effectively support a large
number of visitors, a brand-new hotel with
75 double rooms and the agritourism farm,
within 20 double bedroom, are located a
few meters from the center, also, in the neighboring towns of Albenga (4 Km), Ceriale (5Km), Alassio (6Km), Borghetto S.S. (7
Km) and Loano (10 Km), there are over 100
accomodations in all categories to meet all
requirements.
It’s important specify the ease with
which it reaches the Albenga plain, in this
regard, we can firstly mention the Albenga
exit, on the highway of “Flowers” A10 Genoa-Ventimiglia, connected to the national
and European motorway network.
From the motorway exits of Milan
and Turin, you only have to travel respectively, about 200 or 150 km to reach the Albenga exit, which is 1 Km away from the
place where the centre will be built.
For the rail network, in Albenga, about 4
km from the centre site, there is a train station that allows you to reach any location at
national and European level.
Moreover the new Albenga railways
station is being planned, which is also only
senza di un elevato numero di strutture ricettive in grado di supportare efficacemente
anche un elevato numero di presenze di visitatori, un nuovissimo albergo da 75 camere doppie e la fattoria didattica, con 20 camere doppie, si trovano a pochissimi metri
dal Centro, inoltre,nelle vicine cittadine di
Albenga (4 Km), Ceriale (5 Km), Alassio
(6 Km), Borghetto S.S. (7 Km) e Loano (10
Km) vi sono oltre 100 strutture ricettive di
tutte le categorie, che possono soddisfare
tutte le esigenze.
E’ importante precisare la facilità
con cui si raggiunge la piana ingauna, a tal
riguardo si ricorda, in primo luogo, l’uscita autostradale di Albenga, sull’autostrada
A10 “dei Fiori”, Genova-Ventimiglia, connessa alla rete autostradale nazionale ed europea.
Dall’ingresso autostradale di Milano
e di Torino occorre percorrere, rispettivamente, solo 200 o 150 km circa per raggiungere il casello autostradale di Albenga, che
dista 1 km dal luogo in cui sorgerà il Centro.
Per quanto riguarda la rete ferroviaria, ad Albenga, a circa 4 km dall’area dove
sorgerà il Centro, è presente una stazione ferroviaria che consente di raggiungere
qualsiasi località nazionale ed europea. Peraltro è in attesa di essere realizzata la nuova stazione ferroviaria di Albenga, anch’essa
alla distanza di solo 1 km dall’area in cui
sarà realizzato il Centro.
Infine, si ricorda la presenza dell’attiguo aeroporto di Villanova d’Albenga (a
soli 8 km dal Centro) e la vicinanza degli
aeroporti internazionali di Genova (93 km)
e Nizza (111 km) che riducono di molto la
distanza dai Paesi oltre confine, senza contare che all’interno del Centro è prevista
una piattaforma per l’atterraggio degli elicotteri, per facilitare gli spostamenti anche
verso gli aeroporti suddetti.
A soli 40 km dall’area ove sorgerà il
about 1 km away from the centre location.
Finally, we should mention the nearby
airport of Villanova d’albenga ( just 8 Km
from the Centre) and the proximity of the
international airports of Genoa ( 93 Km )
and Nice ( 111 Km ), reducing the distance
from bordering countries considerably not
to mention that a helicopter landing pad is
planned within the Centre to facilitate travel to these airports.
Just 40 km from the location, there
is also a commercial port/ Savona, tourist
port of “ Costa Cruises”, while there are numerous and closer touristic ports for recreational craft at Loano ( 10 Km ), Alassio ( 6
Km) and Sanremo ( 55 Km ) .
The vocation, not only agricultural,
of the ingauna plain, but also closely linked
to fishing and tourism, being territory overlooking the sea, means you can also identify similar cultural pathways in fisheries and
aquaculture, as well as offer visitors recreational moments at the numerous bathing
facilities and entertainment venues there.
Remember, in this last respect, the stretch
of sea in front of the Riviera di Ponente Liguria, where the centre will be built downtown, is named “Santuario dei Cetacei”, for
the possibility it offers of observing them.
In short the project, wants to communicate and amplify the made in Italy food, i.e.,
communicate ideas and life styles that already have proven very popular, and thus
winning, thereby promoting forms of tourism that combine agriculture, food, culture,
environment and landscape.
The project, in the sense hitherto
represented, provides for the organization
of real “packages” of visit/stay (inclusive
of package tour, according to the methods
available, stays at the type of structure you
want, visit the center and all of its appliaces,
visit to local business, tastings and even the
purchase of local products, as well as use of
leisure time), modulated according to visi12
Centro è inoltre presente il porto commerciale/turistico di Savona, scalo della «Costa
Crociere», mentre numerosi e ancor più
vicini sono i porti turistici per imbarcazioni da diporto di Loano (10 km), Alassio (6
km) e Sanremo (55 km).
La vocazione, non solo agricola, della
piana ingauna, ma anche quella strettamente legata alla pesca e al turismo, trattandosi
di territorio che si affaccia sul mare, consente, inoltre, l’individuazione di analoghi
percorsi culturali nel settore della pesca e
dell’acquacoltura, oltre che l’offerta, ai visitatori, di momenti ricreativi presso le numerose strutture balneari e di svago ivi presenti.
È bene ricordare, a tal ultimo riguardo, che il tratto di mare di fronte alla riviera
di Ponente della Liguria, dove cioè sorgerà
il Centro, è denominato “Santuario dei Cetacei”, per le possibilità che offre dei loro avvistamenti.
Insomma, il progetto, vuole anche
comunicare e amplificare il made in Italy
agroalimentare, cioè comunicare idee e stili
di vita che già si sono dimostrati assai apprezzati, e quindi vincenti, promuovendo
così forme di turismo che coniughino agricoltura, cibo, cultura, ambiente e paesaggio.
Il progetto, nel senso sinora rappresentato, prevede l’organizzazione di veri
e propri “pacchetti” di visita/soggiorno
(comprensivi di viaggio organizzato, secondo le modalità disponibili, soggiorno presso la tipologia di struttura desiderata, visita
al Centro ed a tutte le sue pertinenze, visite
presso aziende locali e non, degustazioni e
financo l’ordinazione di prodotti, oltre che
fruizione di momenti di svago), modulabili
secondo le esigenze dei visitatori, i quali potranno così scegliere il percorso a ciascuno
più confacente, restando sollevati dall’onere
organizzativo ed a prezzi assai più vantaggiosi di quanto potrebbero ottenere con un
sistema “fai da te”.
tors’ needs, who will be able to choose the
path best suited to each person, relieved
from the burden of organization and at prices far more advantageous than they could
get with a “do it yourself ” system.
Even for those aspects concerning
the activities of the Centre, of particular
note are the positive effects in terms of employment and the effect of speeding up the
economic recovery which would achieve
project goals, as explained in paragraph 7.
13
Anche per gli aspetti che riguarderanno le attività del Centro notevoli sono
i positivi risvolti occupazionali e l’effetto di
accelerazione della ripresa economica che
conseguirebbero alla realizzazione del progetto, come meglio indicato al successivo
paragrafo 7.
Portovenere (SP)
Città di La Spezia
14
Genova - Porto Antico “spirito Ligure”
“Ancient harbour” and “Ligurian spirit”
15
Progetto del Centro per l’Agricoltura - Project of the European Agriculture Centre
2. REALIZZAZIONE DI UN “CENTRO EUROPEO PER LA SALVAGUARDIA, LA DIVULGAZIONE E LO SVILUPPO DEL SETTORE AGROALIMENTARE”
2. CREATION OF A “EUROPEAN
CENTRE FOR THE PRESERVATION,
DISSEMINATION AND DEVELOPMENT
OF THE AGRO-FOOD INDUSTRY”
Questo progetto nasce dall’idea che,
poter concentrare in un’unica struttura tutto ciò che è legato al settore agroalimentare,
in ambito Unione Europea, dalla politica
fino a giungere alle esigenze e aspettative del
consumatore, passando per quelle dei produttori, sarebbe di grande aiuto per svolgere agevolmente le varie attività che, soprattutto in questo periodo di profonda crisi
economica, potrebbero essere implementate e costituire un volano per lo sviluppo
economico dei Paesi membri anche in altri
settori, non tralasciando quello dell’export.
Non può dubitarsi, infatti, che il solo
concentrare materie prime, supporto tecnico, legislativo e finanziario, formazione/
conoscenza e promozione scientifica e culturale in un’unica struttura è senz’altro effi-
This project was born from the idea that you
can focus on a single structure everything
related to the agrifood sector within the European Union, from politics to meeting the
needs and expectations of the consumer,
via those of the manufacturers, would be of
great help to easily carry out various activities which, especially in this time of deep
economic crisis, could be implemented and
be a driving force for the economic development of member countries in other areas, not to mention for export.
Undoubtedly the fact of concentrating materials, technical support, financial
and legislative, training/knowledge and
scientific and cultural promotion in a single
structure is certainly effective and advantageous for all sector operators.
16
cace e vantaggioso per qualsiasi operatore
del settore.
Quindi, la realizzazione di una sede
permanente per le delegazioni delle organizzazioni istituzionali e non (il riferimento è, fra gli altri e in particolare, alle Reti
Rurali Europee) di ciascuno dei 28 Paesi
UE che partecipano, direttamente o indirettamente, alla formazione della PAC e alla
stesura dei PSR, è uno strumento unico per
lo scambio di esperienze e idee, da veicolare
attraverso le rispettive istituzioni nazionali
ed europee.
L’Italia è sicuramente uno dei paesi
più indicati per questo progetto, perché apprezzata in tutto il mondo per i suoi prodotti, le tecnologie agroalimentari, della
zootecnia e della pesca, nonché per la sua
eccellente cucina mediterranea.
In questo senso, Albenga, oltre ad essere conosciuta, anche all’estero, per i suoi
prodotti ortofrutticoli, la tecnologia a essi
legata e il commercio di tali prodotti, occupa una posizione geografica baricentrica
nel contesto europeo e del mediterraneo.
Anche la Regione Liguria ha una
struttura che si occupa di problemi legati
all’agricoltura, la “CeRSAA”, con sede operativa proprio ad Albenga, ma gli obiettivi che il Centro intende realizzare sono di
tutt’altra portata. Invero, il Centro si prefigge di allargare il campo d’interesse e quello
di azione, includendovi gli operatori istituzionali nazionali ed europei, le attività artigianali, la ricerca, l’innovazione, la possibilità di degustare prodotti e aspetto di rilievo
non marginale, la formazione.
Il Centro, attraverso una partnership
pubblico-privato, a livello nazionale ed europeo, vuole realizzare e offrire al pubblico
un servizio di eccellenza, coinvolgente tutti
i campi d’interesse nel settore agroalimen-
Therefore, the creation of a permanent home for the institutional organizations and delegations (the reference is,
among others, and in particular, to European rural Networks) for each of the 28 Countries participating, directly or indirectly,
in formulating the CAP and the drafting
of PSR, is a unique tool for the exchange
of experiences and ideas, communicated
through the respective national and European institutions.
Italy is certainly one of the most suitable countries for this project as it is appreciated worldwide for its products, agri-food
technologies, animal husbandry and fisheries, as well as for its excellent Mediterranean cuisine.
In this sense, Albenga, in addition to
being known, even abroad, for its fruit and
vegetables, associated technology and trade
in these products, enjoys a central location
in the European and Mediterranean context.
Even the Region of Liguria has a
structure dealing with agriculture related
issues, “CeRSAA”, with its headquarters in
Albenga, but the Centre’s mission are of an
entirely different scope.Indeed, the Centre
aims to broaden the field of interest and
action, including the national and European institutional operators, craft activities,
research, innovation, the chance to taste
products and an aspect of interest, training.
The Centre, through a public-private partnership at national and European
level, wants to build and offer the public a
service of excellence, involving all fields of
interest in the agrifood sector, with reference, among others, to the following areas of
action:
• establishment and implementation of
an industry database, from which inte17
Posizione, strategica, di Albenga nel contesto europeo - Strategic location of Albenga in the European context
rested scholars and practitioners in the
field can draw all kinds of information
about the area, including the results of
research, studies and experiments, as
well as compare and further develop
them, while restituting to said database
the fruit of their studies and research to
be translated into productive activities
by sector operators;
• promotion and organization of ongoing
collaboration / cooperation among
EU Member States, so as to coordinate
actions and development strategies;
• promoting and supporting projects for
energy-sustainable agriculture;
• organization and execution of training
and information projects, also with reference to organic production methods
for sustainable agricultural development
to conserve biodiversity and combat de-
tare, con riferimento, fra gli altri, ai seguenti settori d’intervento:
• costituzione e implementazione di una
banca dati del settore, da cui gli studiosi
interessati e gli operatori del settore possano attingere informazioni di ogni genere riguardanti il settore, ivi compresi
i risultati di ricerche, studi e sperimentazioni, nonché confrontarle e ulteriormente svilupparle, restituendo alla stessa banca dati il prodotto dei loro studi
e ricerche da traslare nelle attività produttive propriamente dette a cura degli
operatori del settore;
• promozione e organizzazione di collaborazioni/cooperazioni continuative tra
gli Stati membri dell’UE, in modo da
coordinare le azioni e le strategie di sviluppo;
• promozione e assistenza a progetti per
18
Collocazione del Centro sul territorio albenganese - Location of the Centre in the area of Albenga
un’agricoltura energeticamente sostenibile;
• organizzazione ed esecuzione di progetti formativi ed informativi, anche con
riferimento alle tecniche di produzione
biologica, per uno sviluppo agricolosostenibile per la conservazione delle biodiversità e la lotta alla desertificazione
(con particolare riferimento agli effetti
negativi del sovrasfruttamento delle falde, dell’irrigazione con acque salmastre,
degli smaltimenti abusivi sui terreni abbandonati, delle pratiche agronomiche
irrazionali e degli incendi boschivi, etc.);
• organizzazione ed esecuzione di progetti formativi ed informativi su temi cruciali legati a cibo e alimentazione, come
le problematiche relative alla malnutrizione, alle cattive abitudini alimentari e
agli sprechi alimentari;
sertification (with particular reference
to the negative effects of over-exploitation of groundwater, irrigation with
brackish water, abusive waste disposal
on abandoned land, irrational agricultural practices and forest fires, etc.).;
• organization and execution of educational and informative projects on crucial issues related to food and nutrition,
such as problems related to malnutrition, poor eating habits and food waste;
• make available to the public, in multilingual format, information and services
provided by the Centre;
• provide permanent visibility to participants and the peculiarities of each country with its own delegation.
The idea is to include in the project
everything related to the agri-food indu19
• rendere disponibili al pubblico, in formato multilingue, informazioni e servizi
offerti dal Centro;
• dare visibilità permanente ai partecipanti e alle peculiarità di ciascun Paese
presente con la propria delegazione.
L’idea è quella di comprendere nel
progetto tutto ciò che è legato al settore
agroalimentare, zootecnico e della pesca,
per promuovere un’agricoltura “multifunzionale”, cioè non solo attività produttiva
“di qualità”, ma anche protettiva, di tutela
ambientale e del paesaggio agrario, di turismo sostenibile e di sviluppo rurale, come
previsto dalle misure di eco-condizionalità
della nuova Politica Agricola Comunitaria.
Il Centro intende cioè promuovere
un’agricoltura che svolga anche un ruolo
significativo nel contrasto del cambiamento climatico, nella produzione di energie
da fonti rinnovabili e nella riduzione delle
emissioni in atmosfera, perseguendo nel
contempo i principali obiettivi dell’aumento della disponibilità di alimenti e della conservazione dei suoli a vocazione agricola.
In questo senso, occorre ricordare
che l’agricoltura può contribuire a produrre
energia consumando meno, coltivando a
uso energetico (es.: bioetanolo e biodiesel
ricavato dalle coltivazioni) e utilizzando
i propri sottoprodotti e scarti (es.: paglia,
stocchi di mais, potature degli alberi, gusci
di nocciole, vinacce e graspi di vite, etc.) per
creare nuova energia.
Analogamente, il settore zootecnico,
oltre ad un rinnovo tecnologico degli impianti per consumare meno energia, può
anche contribuire alla produzione della
stessa energia sfruttando le deiezioni e i
reflui degli allevamenti suini e bovini.
I reflui potenzialmente utilizzabili sono infatti assai più consistenti rispetto
stry, animal husbandry and fisheries, to
promote “multifunctional” agriculture, that
is not only productive activity of “quality”,
but also protective of the environment and
the agricultural landscape, sustainable tourism and rural development, as required
by cross-compliance measures of the new
Common Agricultural Policy.
The Centre aims to promote agriculture which also plays a significant role
in combating climate change, in producing
energy from renewable sources and reducing atmospheric emissions, while also
pursuing the main objectives of increasing
food availability and soil conservation for
agriculture.
In this sense, it should be remembered that agriculture can help produce
energy by consuming less, via cultivation
for energy use (eg bioethanol and biodiesel
from crops) and using by-products and waste (eg straw, corn stalks, pruning of trees,
nut shells, vine residues, etc..) to create new
energy. Similarly, the livestock sector, in addition to technology renewal of plants to
consume less energy, can also help produce the same energy using manure and wastewater from pig farms and cattle.
The wastewaters that could be used
are in fact much larger than the woody and
herbaceous biomass and, through the process of anaerobic digestion, could deliver
millions of cubic meters of biogas to supply
power plants.
As shown so far, attention will be
paid to:
• PRODUCTION: Seeds, plants and derivatives: cotton, linen, silk, oil, flour,
pasta, bread, cakes, etc..;
• PROCESSING: organic production
methods, fertilizers, pesticides, agri20
alle biomasse legnose ed erbacee e, grazie
al processo della digestione anaerobica, potrebbero fornire milioni di metri cubi di
biogas con cui alimentare le centrali termoelettriche.
Per quanto sinora evidenziato, l’attenzione sarà quindi rivolta a:
• PRODUZIONE: semi, piante e derivati: cotone, lino, seta, olio, farina, pasta,
pane, dolci, etc.;
• LAVORAZIONE: tecniche di produzione biologica, fertilizzanti, antiparassitari, macchine agricole, macchine per
lavorazione dei derivati, impianti, serre,
automatismi per l’irrigazione, sistemi di
riscaldamento, prodotti biodegradabili,
conservazione, etc.;
• TRASPORTI: mezzi di trasporto, tecniche d’imballaggio, etc.;
• ZOOTECNIA: sistemi di riproduzione,
tecniche di allevamento, mangimi, produzione e lavorazione della carne, produzione e lavorazione dei derivati come
lana, formaggio, salumi, etc.;
• ACQUE MINERALI: salvaguardia delle
fonti, tecniche di estrazione delle acque,
macchine e tecniche di imbottigliamento e conservazione, etc.;
• FORESTE: tecniche di riproduzione e
rimboschimento, lavorazione dei derivati, quindi macchine, legnami da lavorare
o da ardere e altre attività prevalentemente montane, tante ormai scomparse;
• PESCA: regolamentazione, tecniche di
pesca, allevamenti, conservazione del
prodotto, etc.;
• ENERGIA: tecniche ed impianti per ricavare elettricità dai canali irrigui, dalla selvicoltura (biomasse), dagli scarti
di coltivazione, dai residui; tecniche ed
impianti per la produzione di biogas e
di biometano (anche dalla zootecnia);
•
•
•
•
•
•
cultural machinery, machines for manufacturing of products, systems, greenhouses, automatic irrigation, heating
systems, biodegradable products, storage, etc..;
TRANSPORT: Transport, packaging
techniques, etc..;
ZOOTECHNICS: systems of breeding,
rearing techniques, feed production and
meat processing, production and processing of derivatives such as wool, cheese, meats, etc..;
MINERAL WATER: Protection of sources, water extraction techniques, machines and bottling techniques and conservation, etc..;
FORESTS: Reproduction techniques
and reforestation, processing of derivatives, so machines, wood or firewood
from work and other mainly mountainous activities, many having already disappeared;
FISHING: Regulatory aspects, fishing
techniques, farming, product preservation, etc..;
ENERGY: Techniques and systems to
derive electricity from irrigation canals,
orestry (biomass), from residues of cultivation residues, techniques and systems for the production of biogas and
biomethane (also from animal husbandry); installation of photovoltaic panels,
techniques and systems for the use of
geothermal energy; use of means for
processing earth and transport of products with biofuel; etc. .
In other words, the purpose of this
project, as above stated, is to create, for all
those working in the agricultural and related industries, a focal point for policy, information, training activities, but also for
21
installazione di pannelli fotovoltaici;
tecniche ed impianti per l’utilizzo della
geotermia; utilizzo di mezzi per la lavorazione della terra e trasporto dei prodotti alimentati con biocombustibile;
etc..
In altre parole, il fine di questo progetto, come sopra più volte evidenziato, è
quello di creare, per tutti coloro che operano nel mondo agricolo e nell’industria legata al settore, un punto di riferimento per
la politica, l’informazione, la formazione
all’attività, ma anche di valorizzazione e divulgazione del proprio prodotto.
Il Centro deve essere un supporto
scientifico-culturale, oltre che tecnico, e
una vetrina permanente di ciò che si produce; questo significa che l’attività di ricerca e
la produzione continueranno a essere svolte
nel proprio luogo di origine per poi convogliare i risultati nella struttura e porli così a
disposizione di tutti i potenziali interessati.
Per meglio realizzare i fini che il progetto si ripropone, esso sarà integrato con
attività afferenti:
• il settore dell’artigianato;
• la degustazione di tutti i prodotti presentati;
• la realizzazione, all’interno del più vasto comprensorio ove insiste il Centro,
di una azienda agricola, che funzionerà,
come già ricordato e meglio spiegato in
prosieguo, anche come “fattoria didattica”, ove saranno messe in pratica letecnologie, i sistemi avanzati di coltivazione e di allevamento, emergenti dalle
esperienze europee convogliate nel Centro stesso;
• l’allestimento di un “Museo della civiltà
e delle tecnologie contadine”.
Il progetto, che si prefigge di avere
sviluppi ulteriori e di più ampia portata di
the use and dissemination of products.
The Centre should be a scientific-cultural and technical support, and a permanent showcase of what is produced; which
means that the research and production
will continue to be carried out at their place
of origin and results sent tot he structure
and made available to all potential stakeholders.
To help achieve project goals, it will
be integrated with related activities:
• the artisanal sector;
• tasting of all the products presented;
• the realization, within the vast area occupied by the centre, of a farming business which will operate, as already
mentioned and explained in greater
detail hereinafter. as a “teaching farm”
to showcase the technologies, advanced cultivation and breeding systems,
arising from European experiences demonstrated at the centre
• the creation of a “Museum of Farming
civilization and technologies.”
The project, which aims to develop
further and with wider scope than mentioned so far, plans do do this through delegations, representing the 28 EU member
states.
Each delegation will have an assigned management office in one of the
towers to carry out “politico-administrative” activities, plus premises of 150/300 sqm
on the ground floor to display the nation’s
products, or from the Italian region, and a
warehouse in the basement for goods waiting for display; in addition, people will be
able to sample and possibly buy products,
also via the Internet, and have them shipped from the production area back home.
Naturally, production and marketing
22
Portofino (GE)
Camporosso (SP) - Il Gigante
23
Genova - San Fruttuoso e le sue vigne - Vineyards
24
Genova - Il Porto - Harbour
25
Genova - Palazzo Carrega Cataldi
Genova - Castello D’Albertis
26
Tellaro (SP)
Cervo (IM)
27
Pianta generale della zona commerciale/direzionale, già consolidata, dove verrà collocato il Centro Europeo per l’agricoltura ( evidenziato in giallo ). Nella stessa zona, a poche decine di metri dal Centro e collegato da un percorso alberato, è presente un albergo a 4
stelle di 75 camere tutte doppie ( evidenziato in colore rosso ).
28
General plan of the shopping / office area, already established, where the European Centre for Agriculture will be located (highlighted
in yellow).In the same area, thirty metres or so from the Centre and linked by a tree-lined path, there is a 4-star hotel with 75 rooms
all double (highlighted in red).
29
Garlenda (SV) - Golf Club
C. Panero - Villanova D’Albenga - International Airport
30
quelli sinora indicati, prevede l’avvio dello
stesso attraverso delegazioni, in rappresentanza dei 28 Paesi membri dell’UE.
Ad ognuna di queste delegazioni
sarà assegnato un ufficio direzionale, in una
delle due torri, dove svolgere le attività di
carattere “politico-amministrativo”, più un
locale di 150/300 mq a piano terra, in cui
saranno esposti tutti i prodotti della nazione, o della regione italiana rappresentata e,
ancora, un magazzino, nel piano interrato,
dove collocare la merce in attesa di essere
esposta; inoltre, si avrà la possibilità di degustare questi prodotti ed eventualmente
acquistarli, anche via internet, facendoli arrivare direttamente dalla zona di produzione al proprio domicilio.
Naturalmente la produzione e la
commercializzazione sono solo due maglie
della catena, prima di queste c’è la ricerca e,
cosa importante, la lavorazione e conservazione.
Nella struttura, naturalmente, saranno anche realizzati tutti i locali accessori
necessari per la formazione, il supporto a
finanziamenti e progetti, l’organizzazione di
congressi e di sale stampa per l’attività di
comunicazione e quant’altro necessario al
normale svolgimento delle funzioni per cui
il Centro è stato concepito.
Il Centro sarà inoltre dotato di un’adeguata e capiente sala congressi per ospitare eventi di rilievo anche internazionale,
oltre a tutti i servizi a supporto dei lavoratori e visitatori. In altre parole, il Centro
fornirà agli operatori del settore tutto il supporto necessario per giungere al “prodotto
finito”.
Per gli operatori del settore i vantaggi
di un Centro di questo genere sono infiniti.
Essi avrebbero un punto di riferimento per tutte le novità e le loro necessità
are only two links of the chain; beforehand
there is research, and importantly processing and storage.
In the structure, of course, all auxiliary rooms will also be built for training,
support and funding projects, holding congresses and press rooms for communication
activities and anything else necessary for
the normal course of duties it is designed
for.
The Centre will also be equipped
with an adequate and spacious conference
room to host major events, including international ones, as well as support services
for workers and visitors.
In other words, the Centre will provide sector operators with all the support
necessary to achieve the “finished product”.
For sector operators, the benefits of
such a centre are endless.
They will have a reference point for
all new developments and their needs and
the chance to disseminate, through their
representative delegations, their own product.
Ultimately, through each delegation’s suitable organizational capacity, the
projected centre will be able to bring together not only all the agrifood raw materials for human consumption, but also
everything relating to this topic inside the
EU.
Finally, from a tourist point of view,
the area of Albenga would have a not inconsiderable incentive since the initiative would bring in many sector operators
as well as passionate visitors from all over
Europe and the world, thanks to the communication facility and availability of accommodation mentioned extensively in
paragraph 2.
31
e avrebbero la possibilità di divulgare, tramite le loro delegazioni che ivi li rappresentano, il proprio prodotto. In definitiva, attraverso adeguate capacità organizzative di
ciascuna delegazione, sarà possibile riunire nel Centro in progetto, non solo tutte le
materie prime agroalimentari e destinate al
consumo umano, ma anche tutto ciò che
ruota intorno all’argomento in ambito UE.
Infine, dal punto di vista turistico, la
zona di Albenga avrebbe un incentivo non
trascurabile poiché l’iniziativa porterebbe
in loco molti operatori del settore nonché
tanti appassionati visitatori da ogni parte
d’Europa e del mondo, grazie alla facilità
delle vie di comunicazione e alla disponibilità di strutture ricettive di cui s’è già detto
ampiamente al precedente paragrafo 2.
Terra & Arte (Carmen Spigno)
Città di Savona - Veduta del porto - Harbour view
32
3.
IL PROGETTO ARCHITETTONICO, IN BREVE
3.
THE ARCHITECTURA PROJECT
IN BRIEF
L’area su cui sorgerà il Centro ha una
dimensione di oltre 70.000 mq.
Una porzione di circa 20.000 mq è
destinata alla realizzazione della fattoria
agrituristica di cui al successivo paragrafo
6. La struttura destinata ad ospitare le delegazioni e le altre attività del Centro potrà
invece contare su una S.L.A. di circa 70.000
mq (incrementabile in momenti successivi,
secondo le necessità e lo sviluppo del Centro stesso), di cui circa 24.000 destinati a
depositi e magazzini.
All’interno del Centro saranno inoltre realizzati due edifici a “torre”, destinati
ad uffici per le delegazioni e, a seconda delle
necessità, ad alloggi residenziali per il personale delle delegazioni.
Il Centro sarà, ovviamente, dotato di
ulteriori strutture di servizio, quali ristoranti, bar, etc.. Tutte le strutture saranno
interamente realizzate con materiali ecosostenibili. Inoltre, il complessivo fabbisogno energetico del Centro, stimato in circa
2.500.000 kw/h di potenza annua, sarà soddisfatto con energia prodotta integralmente
con l’installazione di pannelli fotovoltaici,
per circa 15.000 mq, collocati sopra i parcheggi, sia in copertura, che a raso.
In tal modo, l’intera struttura sarà
energeticamente autosufficiente, oltre che
perfettamente ecocompatibile. (ciò è particolarmente importante per comunicare
a tutti i fruitori della struttura, ed in particolar modo ai visitatori, il messaggio che il
futuro dell’alimentazione nel mondo passa
anche attraverso un rigoroso e consapevole
rispetto dell’ambiente, che è una responsabilità di tutti, perché tutti hanno il dovere di
preservarlo per le future generazioni).
The area, where the centre will be built, covers over 70,000 square meters.
A segment of about 20,000 square
meters is devoted to the implementation of
the tourist farm referred to in paragraph 6
below.
The structure for housing delegations and other centre activities will instead
rely on a S.L.A. of approximately 70,000 m2
(can be increased afterwards, according to
centre needs and development), including
about 24,000 for depots and warehouses.
Within the Centre, there will also be
two “tower” buildings for use as offices and
for delegations and, as needed, for residential accommodation for delegation staff.
The Centre will, of course, comes
with additional service facilities, such as restaurants, bars, etc. ..
All facilities will be made entirely from
eco-friendly materials.
In addition, overall energy requirements, estimated at approximately
2,500,000 kw/h of power annually,will be
provided from energy produced completely
from installing photovoltaic panels, over
about 15,000 square metres, placed over the
car parks, both on the cover and flat on.
Thus, the entire structure will be
energy self-sufficient, as well as perfectly
environmentally friendly.(it is particularly
important to communicate this message to
all users of the structure, especially visitors,
that the future of world nutrition is also rigorously and environmentally conscious,
which is everyone’s responsibility as we
must all preserve it for future generations).
33
Rendering completo della struttura in progetto - Complete rendering of the projected structure
Prospetto principale del Centro per l’Agricoltura - The main façade of the Center for Agriculture
34
• The area marked in gray, 9,020 sqm., Is
for warehouses to be assigned to centre delegations. Each of these is directly
connected, via a lift / elevator, with the
exhibition hall upstairs also belonging
to the same delegation. The warehouses
are also accessible by truck and trailer
truck.
• The area marked in yellow is for the
conference room and the services connected with it (warehouses, emergency
exits, common areas, lounges, etc.).
• The white areas are for basements, for
dwellings of the towers, and car parks,
the total surface area of the basement is
24,000 square meters with a total of 360
parking spaces.
• L'area contrassegnata in grigio, 9.020
mq., è destinata a magazzini da assegnare alle Delegazioni presenti nel Centro.
Ognuno di essi è direttamente collegato,
tramite ascensore/montacarichi, con il
padiglione espositivo al piano di sopra
appartenente alla stessa delegazione. I
magazzini sono accessibili anche da tir
e camion a rimorchio.
• L'area contrassegnata in giallo è destinata alla sala conferenze ed ai servizi ad
essa connessi ( magazzini, uscite di sicurezza, aree comuni, salette, ecc. ).
• Le aree bianche sono destinate a cantine, per gli alloggi delle torri, e parcheggi
pertinenziali, l'area complessiva del piano interrato è di 24.000 mq. con un totale di 360 posti auto.
35
Il piano terra ( A+B+C ) misura complessivamente 19.335 mq..
I lotti B e C hanno destinazione commerciale mentre il lotto A è riservato alle
attività svolte dalle Delegazioni Europee ed
ai servizi annessi.
• Le aree campite in giallo sono i padiglioni espositivi che affacciano direttamente
sulla galleria, hanno, mediamente, una
superficie di circa 350 mq. su due livelli collegati direttamente con scala ed
ascensore interni al locale.
• Le aree in rosso sono destinate a servizi
e più precisamente:
1. un’area di 2.560 mq. destinata ad
esposizioni temporanee di generi anche diversi dal settore agro-alimenta-
The ground floor (A B C) measuring
a total of 19,335 square meters.
Lots B and C are for shopping while
Lot A is reserved for activities of the European delegations and related services.
• Yellow areas are the pavilions that overlook the gallery, and cover, on average,
an area of about 350 square meters. on
two levels connected directly with staircase and elevator inside the premises.
• The red areas are for services, more precisely:
1. an area of 2,560 square meters. intended for temporary exhibitions of
various kinds also from the agri-food
sector;
36
re;
2. un’area di 761 mq. destinata al museo
delle civiltà contadine europee;
3. un’area di 730 mq. destinata a sala
conferenze.
• Le aree campite in verde sono riservate
agli uffici delle Delegazioni.
Le aree esterne sono destinate a verde e a parcheggio pubblico.
2. an area of 761 square metres for the
museum of European farming civilization;
3. an area of 730 square meters for conference facilities.
• The areas in green are reserved for delegation offices.
The outdoor areas are designed for
green areas and public parking.
Prodotti esclusivi di Albenga - Albenga Exclusive products
Carciofo spinoso d’Albenga - Spiny artichoke of Albenga
Asparago violetto d’Albenga - Purple Asparagus of Albenga
Campo di basilico e pesto Genovese - Basil field and Genovese pesto
37
Il piano primo misura complessivamente ( A+B+C) 13.891 mq. dei quali
11.788 mq., nel lotto A, destinati alle attività strettamente collegate al Centro Europeo.
• Le aree campite in giallo, 7.975 mq.,
sono i primi piani dei padiglioni espositivi delle Delegazioni Europee.
• Le aree campite in verde, 2.903 mq.,
sono riservate agli uffici delle Delegazioni Europee e alle sedi delle Reti Rurali
Europee.
• Le aree campite in blu, 910 mq., sono
spazi destinate ad ospitare aule per corsi di formazione, corsi di aggiornamento, sale stampa, salette per trasmissioni
radio/tv, uffici visioni progetti, uffici finanziari, ecc.
The first floor measures a total of (A
B C) 13,891 sqm. of which 11,788 square
meters., in Lot A, is for activities closely linked to the European Centre.
• The areas in yellow, 7,975 sqm., are the
first floor of the exhibition halls of the
European delegations.
• The areas in green are reserved for delegation offices European and venue of
the European Rural Networks.
• The areas in blue, 910 sq.m., are designed
to accommodate classrooms for training
courses, refresher courses, press rooms,
halls for radio/tv broadcasts, project
screeing offices, financial offices, etc.
38
Il secondo piano del lotto A misura
3.943 mq., il lotto B e C si fermano al primo
piano.
• Le aree con campitura in verde sono gli
uffici delle Delegazioni e le sedi delle
Reti Rurali Europee, hanno una superficie complessiva di 2.093 mq.
• Le aree campite in blu, 910 mq., sono
spazi destinate ad ospitare aule per corsi di formazione, corsi di aggiornamento, sale stampa, salette per trasmissioni
radio/tv, uffici visioni progetti, uffici finanziari, ecc.
• Le aree con campitura viola sono riservate ad alloggi, da abbinare all’occorrenza al Centro Europeo per l’agricoltura ( a
superficie complessiva degli alloggi è di
7.455 mq. distribuita su otto piani delle
The second floor of Lot A measures
3,943 square meters., Lot B and C stop at
the Floor first.
• The patterned areas in green are the offices of delegations and European Rural
Network offices occupying a total area of
2,093 square meters.
• The areas in blue, 910 sq.m., are designed
to accommodate classrooms for training
courses, refresher courses, press rooms,
halls for radio/tv broadcasts, project
screening offices, financial offices, etc.
39
• Purple crosshatched areas are reserved
for accommodation, if necessary, with
the European Centre for agriculture
(the total area of housing is of 7,455 deployed on eight floors of the two Central
due torri centrali al complesso edilizio).
• A questo piano abbiamo superficie a
parcheggio per 12.230 mq. con 467 posti auto, di cui 6.950 mq. coperti con 301
posti auto.
Towers building complex).
• On this floor we have a parking area for
12,230 square meters. with 467 parking
spaces, with 6,950 square meters. covered with 301 parking spaces.
Dal terzo al nono piano abbiamo le
torri destinate alla residenza, evidenziate in
viola, per un totale di 6.958 mq. e 84 alloggi
(complessivamente nelle due torri ci sono
90 alloggi in quanto al secondo piano una
delle due è residenziale).
From the third to the ninth floor we
have the residential towers, highlighted in
purple, for a total of 6,958 sq.m. and 84 accommodation units (altogether in the two
towers there are 90 rooms because on the
second floor one of the two is residential).
40
4. IL “PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ” PREVISTE NEL CENTRO
4. THE “PROGRAM OF ACTIVITIES” PROVIDED AT THE CENTRE
A. Strumenti e Centri servizi
• Centro servizi web multilingue che mette in rete tutto ciò che si muove in campo agroalimentare e interagisce con tutti
gli interessati che vi accedono;
• centro agrometeorologia applicata, che
fornisce tutte le indicazioni sulle condizioni meteorologiche applicate alle coltivazioni e servizio previsioni incendio;
• centro raccolta sperimentazione e diffusione d’informazioni sulle innovazioni
tecnologiche, dati utili per gli orientamenti produttivi delle imprese agrarie;
• divulgazione tecnica;
• attività per il miglioramento e lo sviluppo del comparto zootecnico;
• organizzazione di seminari e/o corsi di
aggiornamento, attraverso percorsi formativi per gli operatori del settore agroalimentare.
A. Tools and service centres
• Multilingual web services centre which
puts on the network everything related
to the agrifood sector and interacts with
all stakeholders who access it.
• the Applied Agrometeorology center, which provides all the information
about the weather conditions applied to
crops and weather fire service;
• centre for trial collection and dissemination of information on technological
innovations, useful data for commercial
agricultural production guidelines;
• technical disclosure;
• activities for the improvement and development of the livestock sector;
• organization of seminars and / or training courses, through training courses
for operators in the agri-food sector.
B. Attività
• Comunicati stampa;
• convegni e seminari;
• difesa dei boschi;
• pubblicazioni;
• pubblicità per progetti integrati;
• sostegno economico;
• supporto alla produzione;
• tutela acque e ambiente agrario;
• diffusione della normativa;
• valorizzazione prodotti e territorio.
B. Activity
• Press releases;
• conferences and seminars;
• forest protection;
• publications;
• advertising for integrated projects;
• economic support;
• production support;
• water protection and agricultural environment;
• dissemination of norms;
• product and territorial development.
C. Settori produttivi
• Acquacoltura;
• agriturismo;
• apicoltura;
• biologico;
C. Productive sectors
• Aquaculture;
• agritourism;
• beekeeping
• biological;
41
•
•
•
•
•
•
•
economia forestale;
floricoltura;
olivicoltura;
orticoltura e frutticoltura;
pesca marittima;
viticoltura;
zootecnia.
•
•
•
•
•
•
•
foresty economy;
floriculture;
olives;
horticulture and fruit growing;
maritime fishing;
wine cultivation;
zootechnics.
D. Vivere verde
• Agriturismo;
• boschi e foreste;
• caccia;
• cucina regionale ed europea;
• attorie didattiche;
• fiere e mercati;
• orti scolastici;
• pesca sportiva;
• prodotti tipici;
• strade del gusto.
D. Green Living
• Agritourism;
• woods and forests;
• hunting;
• regional and European cuisine;
• educational farms;
• fairs and markets;
• school gardens;
• recreational fishing;
• traditional products;
• tasting pathways.
Il turismo verde, o turismo rurale,
sta suscitando un sempre maggiore interesse per chi sceglie di passare le vacanze, o comunque il proprio tempo libero, a
contatto con la natura. Nel Centro ci sarà
la possibilità di seguire, all’interno, itinerari
“virtuali” del gusto alla ricerca di prodotti
tipici delle varie culture culinarie europee,
dei mercatini biologici, dell’artigianato, delle macchine per le lavorazioni, etc., scoprire
così i luoghi dove nascono e/o sono trasformati i prodotti che si mangiano.
Nell’adiacente fattoria agrituristica
che, come ricordato, fungerà anche da “fattoria didattica”, sarà quindi possibile mettere in pratica tutte le conoscenze e le tecniche di coltivazione e di allevamento. Visitare e far conoscere, soprattutto
ai giovani, ma non solo, questo mondo a
tanti completamente sconosciuto, arricchisce di significato, cultura e gusto una piccola vacanza in qualsiasi periodo dell’anno.
Green tourism or rural tourism, is
attracting increasing interest from people
who choose to spend their holidays, or at
least their free time, in contact with nature.
Inside the Centre, you will be able to undertake “virtual” tasing tours in the serach
for typical products of various European
culinary traditions, organic markets, crafts,
processing machines, etc., discover the places where the products you eat are born
and/or processed.
In the adjacent tourist farm which, as
mentioned, will also be a “teaching farm”,
you can then put into practice all the cultivation and breeding knowledge and techniques.
Visiting and raising awareness of this
completely unknown world, in particular to
young people, but not only, will make any
small vacation at any time of year richer in
meaning, culture and taste.
These activities relating to “green li42
Le predette attività connesse al “vivere verde” saranno infine integrate da una
mirata promozione del territorio d’origine
di ciascun Paese o Regione partecipante
al Centro, con indicazione/suggerimenti
dei luoghi da visitare e l’offerta di pacchetti
agrituristici ed enogastronomici già organizzati e modulabili secondo le specifiche
esigenze di ciascun interessato.
ving” will be finally supplemented by a targeted promotion of the territory of origin of
each participating country or region at the
centre, with indications/suggestions on places to visit and the agritouristic and wine
packages on offer that are already organized
and scalable according to each person’s specific needs.
Toirano (SV) - Le grotte - Caves
Veduta della “Colletta” di Castelbianco (SV)
43
5. REALIZZAZIONE DI UNA “FATTORIA DIDATTICA” E DI UN “MUSEO
DELLA CIVILTÀ E DELLE TECNOLOGIE CONTADINE”
5. IMPLEMENTATION OF A “TEACHING FARM” AND A “MUSEUM OF
FARMING CIVILIZATION AND TECHNOLOGIES”
Come già accennato in precedenza,
il progetto prevede la realizzazione di una
grande fattoria agricola, con agriturismo
con possibilità di soggiorno, su un’area di
oltre 20.000 mq, ove poter assistere alla concreta attuazione delle peculiari conoscenze
e tecniche di coltivazione e di allevamento.
L’azienda agrituristica sarà attrezzata nel pieno rispetto degli standard definiti
dalla “carta della qualità” della Regione Liguria e, quindi, sarà chiesto di qualificarla
anche come “fattoria didattica”, per lo svolgimento di attività di accoglienza ed educazione di gruppi scolastici ed offrire anche
agli altri visitatori l’opportunità di conoscere le attività del Centro, nonché per esercitazioni pratiche e/o dimostrative nell’ambito dei percorsi formativi ed educativi che
saranno organizzati ed erogati dal Centro
stesso.
Strettamente connessa alle attività della fattoria didattica, e del Centro più
in generale, sarà la possibilità di visitare il
“Museo della civiltà e delle tecnologie contadine”, di cui è pure prevista la realizzazione all’interno del Centro.
Il Museo, oltre a preservare la memoria legata alla società rurale tramite attrezzi,
immagini, filmati, libri, etc., conservando
e rendendo fruibili al pubblico le testimonianze “materiali” e “immateriali” del mondo contadino, vuol rivolgere la sua attenzione all’ambito didattico e laboratoriale, con
iniziative appositamente studiate per rendere disponibile ai visitatori e agli studenti
un’offerta culturale che vada incontro alle
loro esigenze formative.
As mentioned earlier, the project
involves building a large agricultural farm
with an agritourist farmhouse and chance
to stay in an area of more than 20,000 square meters, where you can experience the
actual implementation of specific knowledge and cultivation and livestock techniques.
The farm will be equipped in full
compliance with the standards defined by
the”Quality charter” of the Liguria Region
and, therefore, will be required to qualify as
a “teaching farm” to perform initiation and
education activities for school groups and
also offer other visitors the opportunity to
learn about the Centre’s activities, as well as
practical and/or demonsration exercises for
the training and education circuits organized and paid by the Centre.
Closely related to the activities of the
educational farm, and more generally to the
centre, you can visit the “Museum of Farming Civilisation and Technologies”, which
is also planned within the Centre.
The Museum, in addition to preserving memory linked to rural society through tools, images, movies, books, etc., preserving and making available to the public
the “material” and “intangible” evidence
of the farming world, wants to turn its attention to teaching and Laboratories, with
initiatives designed to provide visitors and
students with a cultural offer that pairs up
with their training needs.
It intends to direct its activities, in
particular, to protect, recover, enhance, revitalize and communicate farming culture,
Italian and European, putting into circu44
Esso intende orientare la propria attività, in particolare, a tutelare, recuperare, valorizzare, rivitalizzare e comunicare
la cultura contadina, italiana ed europea,
rimettendo in circolo il ricco patrimonio
tradizionale per contribuire a ricostruire
e rinsaldare reti di rapporti attraverso la
fruizione della propria memoria collettiva e svolgere un ruolo epicentrico, a livello
europeo, nelle attività culturali del settore
agroalimentare e dell’alimentazione, nonché nella promozione agrituristica di qualità.
lation the rich traditional heritage to help
rebuild and strengthen networks of relationships through the use of its own memory and play a collective epicentric role,
at European level, in cultural activities of
the food industry and food, as well as in
promoting quality agritourism.
Prodotti dell’autunno
Autumn products
Prodotti dell’estate
Summer products
Funghi “Porcini” e castagne
“Porcini” Mushrooms and chestnuts
Pomodori “cuore di bue”, melanzane, peperoni, cetrioli
“Cuore di bue” tomatoes, aubergines, peppers, cucumbers
Zucche - Pumpkin
Zucchine “Trombetta” di Alassio - “Trombetta” courgettes
45
6. IL FINANZIAMENTO DELL’INTERVENTO
6. THE FINANCING OF INTERVENTION
In merito alle risorse finanziarie occorrenti per la realizzazione del Centro
e per la sua gestione, occorre rilevare che
la Cisano Immobiliare S.r.l., proponente il
progetto, costituita ad hoc per l’acquisto e
la valorizzazione delle aree, è una società finanziariamente solida, senza indebitamento alcuno.
L’anzidetta società ha già acquisito
l’intera esclusiva proprietà delle aree oggetto dell’intervento realizzativo, di cui in gran
parte già di proprietà della ASL 2 Savonese
ed altri importanti lotti limitrofi di operatori privati.
L’onere finanziario è stato interamente assolto ed in oggi le aree sono franche e
libere da ogni vincolo. L’acquisizione delle
suddette aree e la loro valorizzazione, in
oggi stimata in 25 milioni di Euro circa,
costituisce già un importante apporto finanziario del privato nel finanziamento del
progetto.
In questo senso e nella considerazione che il progetto, promuovendo l’attuazione e l’implementazione delle politiche
regionali, nazionali ed europee in materia,
persegue fini sostanzialmente pubblicistici
di rilievo anche sovranazionale, saranno attuate e/o perseguite tutte le iniziative volte all’accesso ai fondi regionali ed europei
eventualmente disponibili, nel rispetto del
quadro giuridico-regolamentare vigente.
With regard to the financial resources ecessary to build and manage the Centre, it should be noted that the real estate
S.r.l. Cisano, the project proponent, formed
ad hoc for the purchase and redevelopment
of the areas, is a financially solid company
with no debt.
The above-mentioned company
has already acquired full ownership of the
project area, already largely owned by ASL
2 Savona and other important neighbouring lots of private operators.
The financial burden has been entirely fulfilled and today the areas are free
of any constraint. The acquisition and development of these areas, today estimated
at about 25 million Euro, is an important
financial contribution from the private sector to project financing.
In this sense and as the project promotes the introduction and implementation of regional, national and European policies in this area, pursuing substantial high
profile goals even supranationally, all initiatives to access potentially available regional
and European funds will be initiated and/or
pursued in accordance with the applicable
regulatory and legal framework.
46
Albenga (SV) - La spiaggia - The beach
Alassio (SV) - La spiaggia - The beach
47
7. I VANTAGGI SUL FRONTE OCCUPAZIONALE
SULLA
RIPRESA
ECONOMICA DEI SETTORI IN CRISI, CONSEGUENTI ALL’ATTUAZIONE
DELL’INTERVENTO PROPOSTO
7. BENEFITS FOR EMPLOYMENT
AND ECONOMIC RECOVERY IN SECTORS IN CRISIS, FOLLOWING IMPLEMENTATION OF THE PROPOSED INTERVENTION
I positivi e consistenti risvolti occupazionali che conseguirebbero alla realizzazione del progetto costituiscono un vantaggio dal rilievo certamente non marginale.
In primo luogo, occorre ricordare
che la realizzazione dell’intervento costituirebbe un volano di ripresa fondamentale per l’imprenditoria locale nel settore
edilizio, oramai fiaccata dalla lunga crisi e
dalla mancanza di liquidità nel settore, conseguente al progressivo e generalizzato disimpegno degli istituti di credito dal settore
immobiliare tradizionale.
Pertanto, la possibilità offerta dal
progetto di sviluppare attività edilizie diverse da quelle, tipicamente residenziali, particolarmente in crisi nell’area interessata,
costituisce un’occasione unica di diversificazione delle attività e sviluppo delle stesse,
quale volano per una duratura ripresa economica.
A tali considerazioni, va aggiunta
l’ulteriore constatazione dei benefici occupazionali diretti che saranno generati dalle
attività espletate presso il Centro una volta
terminata la sua realizzazione.
Si stima, infatti, che potrebbero trovare impiego fisso, all'interno della struttura, oltre 500 addetti ed inoltre sarà un importante volano per tutto l’indotto.
The positive and significant employment implications of project implementation represent benefits which are far from
marginal.
First, we must take into account that
the work constitutes a fundamental recovery driver for local entrepreneurship in
the construction sector, currently weary
from the long crisis and lack of liquidity in
the sector, leading to generalized progressive lender withdrawel from the traditional
real estate industry.
Therefore, the possibility the project
offers to develop building activity other
than regular activity, typically residential
(in particular criss in the area in question)
represents a unique opportunity to diversify and develop activity, making for a sustainable economic recovery.
To these considerations we should
add the direct employment benefits generated by activities carried out at the Centre
once built.
It is estimated, in fact, that more than
500 people could find steady employment
within the structure, and it will be an important driving force for related sectors.
Finally, special consideration should
be given to employment benefits arising
from centre activities.
48
Imperia - Villa Grock
Città di Imperia - Particolari -View
49
8.
SCHEMI RIASSUNTIVI: LE ATTIVITA’ SVOLTE NEL CENTRO
SUMMARY OF SCHEDULES OF ACTIVITIES UNDERTAKEN AT THE CENTRE
SEMI
COTONE, LINO, SETA
PRODUZIONE
PIANTE E DERIVATI
VINO, OLIO, FARINA, PASTA, PANE, ECC.
FERTILIZZANTI
AGRICOLTURA
LAVORAZIONE
ANTIPARASSITARI
SERRE, VASI, IRRIGAZIONE
MACCHINE AGRICOLE E IMPIANTI
RISCALDAMENTO, AUTOMATIZZAZ., ECC.
IMBALLAGGI
TRASPORTI
MEZZI DI TRASPORTO
TECNICHE DI RIPRODUZIONE
ALBENGA
TECNICHE DI ALLEVAMENTO
ZOOTECNIA
MANGIMI E LORO PRODUZIONE
PRODUZIONE E LAVORAZIONE DELLA CARNE
PRODUZIONE E LAVORAZIONE DEI DERIVATI: FORMAGGI, SALUMI, CONCIMI, MANGIMI, LANA, FONTI DI ENERGIA RINNOVABILI, ECC.
RIPRODUZIONE FORESTE
MACCHINE DI LAVORAZIONE
FORESTE
LAVORAZIONE E DERIVATI
LEGNAMI PER MOBILI
LEGNAMI E DERIVATI DA ARDERE
ACQUE
MINERALI
SALVAGUARDIA
ESTRAZIONE
LAVORAZIONE
CONSERVAZIONE
SEEDS
PRODUCTION
PLANTS AND THEIR
DERIVATIVES
COTTON, LINEN, SILK
WINE, OIL, FLOUR, PASTA, BREAD, ETC.
FERTILIZERS
FARMING
MANUFACTORING
ANTI-PARASITES
GREENHOUSES, VASES, IRRIGATION
FARMING MACHINERY AND IMPLANTS
HEATING COMPUTERIZATION, ETC.
PACKAGING
TRASNPORT
TRANSPORTATION
REPRODUCTION TECHNIQUES
ALBENGA
REARING TECHNIQUES
ANIMALS
FEED AND ITS PRODUCTION
MEAT PRODUCTION AND PROCESSING
PRODUCTION OF ANIMAL PRODUCTS: CHEESE, WOOL, CURED MEATS, FEED, RENEWABLE ENERGY SOURCES
REGROWT OF FORESTS
FOREST
FRESH
WATERS
PRODUCTION USING DERIVING
PRODUCTS
MACHINERY
WOOD FOR FURNITURE
WOOD AND DERIVING PRODUCTS FOR FUEL
SAFEGUARD
EXTRACTION
PROCESSING
CONSERVATION
50
CONTROLLA E COORDINA IL CENTRO
TIENE I RAPPORTI E COORDINA LE DELEGAZIONI
DIREZIONE
ORGANIZZA EVENTI ALL’INTERNO DEL CENTRO
PROMUOVE IL CENTRO VIA INTERNET E MEDIA
GALLERIA
DELLE
DELEGAZIONI
CONFORMAZIONE
DEL CENTRO
UFFICIO
FINANZIARIO
28 DELEGAZIONI CHE RAPPRESENTINO GLI STATI MEMBRI DELL’UN. EUROPEA
SPORTELLO BANCARIO
FINANZIA I PROGETTI
GALLERIA COMMERCIALE CENTRALE
SPAZI COMUNI
BAR RISTORANTE
SERVIZI IGIENICI
TORRE UFFICI
LOGISTICA
LOCALI ESPOSITIVI
MAGAZZINI INTERRATI
20 MILA MQ. DI TERRENO AGRICOLO ANNESSO COME SUPPORTO
CONTROL AND COORDINATES THE CENTRE
MANAGES RELATIONSHIPS AND COORDINATES DELEGATIONS
MANAGEMENT
ORGANIZES EVENTS AT THE CENTRE
PROMOTES THE CENTRE IN THE MEDIA
REPRESENTATIVES
STRUCTURE OF
THE CENTRE
REPRESENTATIVES IN 28 EUROPEAN UNION STATE MEMBER COUNTIES
BANK
FINANCE
PLANS OF FINANCES
THE CENTRAL GALLERY
COMMON AREAS
BAR RESTAURANT
REST ROOMS
OFFICE
LOGISTICS
PROMOTIONAL
WAREHOUSES
20 SQUARE Kilometers OF ANNEXED FARMING GROUND FOR SUPPORT
51
E’ IN CONTATTO DIRETTO CON IL MINISTERO DELL’AGRICOLTURA DEL PROPRIO PAESE
AGGIORNA QUOTIDIANAMENTE IL PROPRIO SITO INTERNET PUBBLICANDO BANDI,
LEGGI E CONCORSI
DIREZIONE
TIENE I RAPPORTI CON I PROPRI ASSOCIATI (CAMERE DI COMMERCIO)
DA UN SUPPORTO TEORICO AGLI INTERESSATI
DELEGAZIONE
RICEVE I VISITATORI ED ILLUSTRA I PRODOTTI
ADDETTO ALLE
PUBBLICHE RELAZIONI
CURA I RAPPORTI CON I PROPRI FORNITORI
PRENDE E TRASMETTE GLI ORDINATIVI
PROMUOVE IL PROPRIO LUOGO DI ORIGINE
PREPARA E SERVE LE DEGUSTAZIONI IN NEGOZIO
ESPERTO
ENOGASTRONOMICO
CURA IL NEGOZIO E L’INVENTARIO
IN DIRECT CONTACT WITH THE MINISTRY OF AGRICULTURE FOR THEIR COUNTRY
UPDATE THEIR WEB SITE DAILY, PUBLISHING TENDERS, LAWS AND CONTESTS
MANAGEMENT
MANTAIN RELATIONSHIPS WITH THEIR ASSOCIATES (CHAMBER OF COMMERCE)
PROVIDES TECHNICAL SUPPORT TO ALL THOSE INVOLVED
REPRESENTATIVES
RECEIVES VISITORS AND PRESENTS RODUCTS
PUBLIC RELATIONS
MANAGES RELATIONSHIPS WITH V PROVIDORS
TAKES AND SHIPS
PROMOTES THEIR OWN BACKGROUND
FOOD AND WINE EXPERTS
SERVE AND PREPARE TASTING IN THE STORE
TAKES CARE OF THE SHOP AND ITS STOCK
52
Albenga - Processione dei Cristi
53
54
55
GUIDARA & PARTNERS
Regione Bagnoli 39/18 - 17031 Albenga (SV) - Italy
Tel.: 0039 0182.559.001 - Fax: 0039 0182.559.043
http://www.expoalbenga.com - [email protected]
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
13 332 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content