close

Enter

Log in using OpenID

COMUNE DI GAVARDO (BS)

embedDownload
COMUNE DI GAVARDO (BS)
Progetto Definitivo
IMPIANTO DI COGENERAZIONE
PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E
TERMICA
DA BIOMASSE LEGNOSE
doc. N° 006_2014 DPR01 01
Relazione Tecnica
SETTEMBRE 2014
IL PROGETTISTA
Ing. Sergio Renato Caimi
IL PROGETTISTA ARCHITETTONICO
Arch. Luca Carminati
Studio Raimondi-Carminati
Dentro il Sole s.p.a.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 – 94.435.188 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Cliente: Comune di Gavardo (BS)
Sito di Gavardo (BS) – Via XXV
installazione: Aprile, 8
Oggetto: Relazione Tecnica
Potenza 201 kWe
impianto:
Regime di Tariffa Omnicomprensiva
fornitura:
00
11/09/2014
PRIMA EMISSIONE
PA
REV.
DATA
DESCRIZIONE
COMPILATO
SC
SC
CONTROLLATO APPROVATO
INDICE
1.
PREMESSA .............................................................................................................................. 6
2.
OGGETTO DELLA RELAZIONE ................................................................................................... 7
3.
INDIVIDUAZIONE del complesso edilizio.................................................................................. 8
4.
CRITERI UTILIZZATI PER LE SCELTE PROGETTUALI .................................................................... 9
5.
6.
4.1.
Norme, Decreti, Disposizioni di Legge, Regolamenti ............................................ 9
4.2.
Linee guida........................................................................................................ 11
CARATTERISTICHE PRESTAZIONALI E DESCRITTIVE DEI MATERIALI PRESCELTI ........................ 12
5.1.
Premessa e classificazione degli ambienti.......................................................... 12
5.2.
Prescrizioni tecniche ......................................................................................... 13
Caratteristiche del sistema di alimentazione ......................................................................... 16
6.1.
Parametri elettrici: ............................................................................................ 16
6.2.
Coefficienti di contemporaneità ........................................................................ 16
6.3.
Gradi minimi di protezione................................................................................ 16
6.4.
Sistemi di sicurezza adottati e impianti particolari ............................................. 16
6.4.1.MISURE DI PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI DIRETTI .......................................... 16
6.4.2.MISURE DI PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI ....................................... 17
6.4.3.SEZIONAMENTO E COMANDO ............................................................................... 17
6.4.4.ACCESSIBILITÀ ....................................................................................................... 18
6.4.5.PROTEZIONE CONTRO LE SOVRACORRENTI ........................................................... 18
6.4.6.PROTEZIONE CONTRO GLI INCENDI ....................................................................... 18
6.4.7.PROTEZIONE CONTRO LE USTIONI ......................................................................... 19
6.5.
Impianto di terra ............................................................................................... 19
6.5.1.Dimensionamento conduttori di protezione .......................................................... 20
6.5.2.Dimensionamento conduttori equipotenziali principali ......................................... 20
6.6.
Prescrizioni illuminotecniche ............................................................................. 20
7.
6.7.
Valutazione del rischio dovuto al fulmine .......................................................... 20
6.8.
Descrizione impianto elettrico generale luce e forza motrice............................. 20
Impianto rete dati e telefonico.............................................................................................. 23
7.1.
Premessa .......................................................................................................... 23
7.2.
Descrizione dell’impianto .................................................................................. 23
7.2.1.Cavo per la distribuzione orizzontale ..................................................................... 23
7.2.2.Centralino telefonico............................................................................................. 24
8.
Impianto video / citofonico ................................................................................................... 24
8.1.1.Descrizione del sistema ......................................................................................... 24
8.1.2.Architettura generale di rete ................................................................................. 24
8.1.3.Distribuzione ......................................................................................................... 24
9.
Verifica provvisoria per il collaudo degli impianti .................................................................. 25
Verifica provvisoria e consegna degli impianti ................................................................ 25
Collaudo definitivo degli impianti ................................................................................... 25
Esame a vista ................................................................................................................. 26
Verifica del tipo e dimensionamento dei componenti dell'impianto e dell'apposizione dei
contrassegni di identificazione ....................................................................................... 26
Verifica delle stabilità dei cavi ........................................................................................ 26
Misura della resistenza di isolamento ............................................................................ 27
Misura delle cadute di tensione ..................................................................................... 27
Verifica delle protezioni contro i corto circuiti e i sovraccarichi ...................................... 28
Verifica delle protezioni contro i contatti indiretti. ......................................................... 28
Norme generali comuni per le verifiche in corso d'opera, per la verifica provvisoria e per
il collaudo definitivo degli impianti ................................................................................. 29
10. SPECIFICHE TECNICHE ........................................................................................................... 30
10.1.CAVI, CAVIDOTTI E CASSETTE DI DERIVAZIONE .............................................................. 30
10.1.1.CAVI E CONDUTTORI ........................................................................................... 30
10.1.2.TUBAZIONI .......................................................................................................... 33
Tubo rigido in PVC filettabile .......................................................................................... 33
Tubo flessibile in PVC serie pesante. .............................................................................. 33
Tubo flessibile con spirale rigida in PVC (guaina in PVC) ................................................. 34
Tubo flex con spirale in acciaio zincato (guaina in Ac/Zn con rivestimento in pvc) .......... 34
Tubo in acciaio zincato leggero ...................................................................................... 35
10.1.3.CANALI PORTACAVI ............................................................................................. 35
Canale in acciaio zincato del tipo aperto ........................................................................ 35
Canale in acciaio zincato di tipo chiuso ........................................................................... 36
Canale in PVC di tipo aperto autoportante ..................................................................... 36
Canale in PVC di tipo chiuso autoportante ..................................................................... 37
10.1.4.SCATOLE E CASSETTE DERIVAZIONE..................................................................... 37
10.1.5.CUSTODIA PORTAPPARECCHI DA ESTERNO.......................................................... 38
10.1.6.CUSTODIA PORTAPPARECCHI DA INCASSO .......................................................... 38
10.2.
APPARECCHIATURE DI COMANDO E ACCESSORI DI IMPIANTO........................... 39
10.2.1. APPARECCHIATURE DI PROTEZIONE .................................................................. 39
Fusibili ........................................................................................................................... 39
Interruttori automatici magnetotermici ......................................................................... 40
Interruttori differenziali ................................................................................................. 40
10.3.
QUADRI ELETTRICI ............................................................................................. 41
10.3.1. Quadri elettrici per bassa tensione tipo "Power Center" ................................... 41
10.3.2. Quadri elettrici per bassa tensione di tipo ad armadio....................................... 43
10.3.3. Quadri elettrici per bassa tensione di tipo a cassetta ......................................... 46
10.4.
IMPIANTO DI TERRA E COLLEGAMENTI EQUIPOTENZIALI ................................... 50
10.5.
BARRIERE PER PREVENIRE LA PROPAGAZIONE DEGLI INCENDI........................... 52
10.6.
ESECUZIONE, CONNESSIONE ED ALLACCIAMENTI AGLI IMPIANTI TECNOLOGICI 53
10.7.
IMPIANTO RIVELAZIONE FUMI .......................................................................... 54
Centrale impianto di rilevazione fumo-incendio ............................................................ 54
Rivelatori di fumo ......................................................................................................... 56
Rivelatori di fumo a sicurezza intrinseca (Atex)............................................................. 59
Segnalatori manuali d’incendio .................................................................................... 60
Segnalatori ottici acustici di incendio (pannello ottico acustico) ................................... 60
10.8.
IMPIANTO ANTINTRUSIONE .............................................................................. 62
10.9.
IMPIANTI TELEFONICO E TRASMISSIONE DATI ................................................... 64
10.9.1.Cavo UTP cat. 6 ................................................................................................... 64
10.9.2.Frutti RJ45 Femmina UTP .................................................................................... 64
10.10.
IMPIANTI CITOFONICI E VIDEOCITOFONICI ........................................................ 65
10.10.1.Alimentatore stabilizzato................................................................................... 65
10.10.2.Citofono ............................................................................................................ 65
10.10.3.Posto esterno .................................................................................................... 65
10.10.4.Posto esterno videocitofonico ........................................................................... 65
10.10.5.Posto interno videocitofonico............................................................................ 65
10.10.6.Cavo coassiale ................................................................................................... 65
10.10.7.Telecamere CCD ................................................................................................ 65
10.10.8.Monitors ........................................................................................................... 66
10.11.
MATERIALI DI RISPETTO .................................................................................... 67
10.12.
MAGGIORAZIONI DIMENSIONALI ...................................................................... 67
11. Impianto Cogenerazione ....................................................................................................... 68
11.1.
Elementi costitutivi dell’impianto ...................................................................... 69
11.1.1.SISTEMA DI CARICO CIPPATO .............................................................................. 70
11.1.2.BRUCIATORE E CALDAIA ...................................................................................... 71
11.1.3.CICLONE DEPOLVERATORE .................................................................................. 73
11.1.4.VENTILATORE ESTRAZIONE FUMI ........................................................................ 74
11.1.5.SCAMBIATORE FUMI-FLUIDO E TURBINA ORC ..................................................... 75
11.1.6.CAMINO ESPULSIONE FUMI................................................................................. 76
11.1.7.LOCALI TECNICI (POMPE TELERISCALDAMENTO E PLC) ........................................ 77
11.1.8.PUFFER ENERGETICO ........................................................................................... 83
11.1.9.DRY COOLER ( ORC e CALDAIA)............................................................................ 88
11.1.10.TELERISCALDAMENTO ....................................................................................... 89
11.1.11.RETE DI CONNESSIONE ENERGIA ELETTRICA ...................................................... 90
1. PREMESSA
L’appalto ha per oggetto la fornitura, la posa, la messa in opera ed il collaudo dei materiali e delle
apparecchiature necessarie all’allestimento degli impianti elettrici a servizio del capannone sito nel comune
di GAVARDO (BS).
Sommariamente la ditta incaricata dell’esecuzione dei lavori deve provvedere all’esecuzione dei seguenti
interventi:
A)
B)
C)
D)
E)
F)
G)
I)
J)
K)
L)
Sezione cavidotti interrati e sottotraccia
Sezione cavi per realizzazione impianto
Sezione distribuzione elettrica
Sezione lighting ( lampade a LED) (interna ed esterna)
Sezione impianto di terra e parafulmine
Sezione quadretti di distribuzione T-PLUG (energia, luci, dati)
Sezione impianto civile
Sezione video / citofonia
Sezione impianto dati e telefonia
Sezione quadro generale BT
Sezione quadri elettrici
Nota:
Oltre alla realizzazione di quanto prescritto la ditta assuntrice si dovrà far carico di fornire tutte le istruzioni
e disegni aggiornati riguardanti gli impianti in appalto.
Tutti i materiali e gli apparecchi impiegati negli impianti elettrici devono essere adatti all'ambiente in cui
sono installati e devono avere caratteristiche tali da resistere alle azioni meccaniche, corrosive, termiche o
dovute all'umidità alle quali possono essere esposti durante l'esercizio. Tutti i materiali e gli apparecchi
devono essere rispondenti alle relative norme CEI e alle tabelle di unificazione CEI-UNEL, ove queste
esistano. Per i materiali la cui provenienza è prescritta dalle condizioni del presente Capitolato Speciale,
potranno pure essere richiesti i campioni, sempre che siano materiali di normale produzione.
Nella scelta dei materiali sono indicate le marche previste in stabilimento che sono da ritenersi tassative.
Tutti gli apparecchi devono riportare dati di targa ed eventuali indicazioni d'uso utilizzando la simbologia
CEI.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
2. OGGETTO DELLA RELAZIONE
Il presente progetto definitivo riguarda l'esecuzione di opere e forniture, per la realizzazione degli impianti
elettrici e speciali del complesso di proprietà del comune di Gavardo (BS).
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 7
3. INDIVIDUAZIONE del complesso edilizio
Il complesso oggetto del presente progetto è ubicato in via XXV Aprile a Gavardo (BS).
Il capannone prefabbricato sarà suddiviso in aree che si possono così riassumere:
· Area di Carico Materiale
· Locale Caldaia e Impianto per teleriscaldamento
· Locale Pompe
· Locale PLC / Sistemi di controllo Impianto
· Locale Quadri Elettrici
È presente inoltre un cortile esterno di pertinenza dell’edificio.
Fig. 1 Localizzazione Area Impianto
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 8
4. CRITERI UTILIZZATI PER LE SCELTE PROGETTUALI
4.1. Norme, Decreti, Disposizioni di Legge, Regolamenti
Gli impianti dovranno essere realizzati a regola d'arte, non solo per quanto riguarda le modalità di
installazione, ma anche per la qualità e le caratteristiche delle apparecchiature e dei materiali.
In particolare dovranno essere osservate :
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
DPR n 689 del 26/05/59 “Determinazione delle aziende e lavorazioni soggette, ai fini della prevenzione degli
incendi, al controllo del comando dei vigili del fuoco”
Disposizioni del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco competente in materia di impianti elettrici.
Legge 1.3.1968 n.186 “Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari,
installazioni e impianti elettrici ed elettronici”.
Direttiva 2006/95/CE del 12/12/2006 del Consiglio delle Comunità Europee relativa a materiale elettrico
destinato ad essere adoperato entro taluni limiti di tensione
Direttiva 2004/108/CE del 15/12/2004 “Direttiva Compatibilità Elettromagnetica (EMC)”
DPR n. 462 del 2 ottobre 2001 - “regime di verifica degli impianti di terra” Gazzetta Ufficiale N. 6 del 08
Gennaio 2002 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 22 ottobre 2001, n.462
D.M. 37/08: “Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) DM
10.4.1984: “Eliminazione dei radio disturbi”;
Dl Lgs 09.04.2008 n. 81 “Testo unico sicurezza”, approvato ai sensi della Legge 123/07
CEI 0-2 “Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici”
Norma CEI 0-10 “Guida alla manutenzione degli impianti elettrici”;
Ed altre normative e guide del CT 0.
CEI 11-8: “Impianti di produzione, trasporto e distribuzione di energia elettrica. Impianti di terra”.
CEI 11-17: “Impianti di produzione, trasporto e distribuzione di energia elettrica. Linee in cavo”;
CEI 11-37: “Guida per l'esecuzione degli impianti di terra nei sistemi utilizzatori di energia alimentati a
tensione maggiore di 1 kV”
CEI 11-25 “Calcolo delle correnti di cortocircuito nelle reti trifasi a corrente alternata
Norme CEI del CT 16 “Contrassegni dei terminali ed altre identificazioni”;
CEI 17-5: “Apparecchiature a bassa tensione – parte 2: interruttori automatici”
CEI 17-11: “Apparecchiature a bassa tensione – parte 3: interruttori di manovra, sezionatori, interruttori di
manovra-sezionatori ed unità con fusibili”
CEI 17-113/1: “Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri BT) regole
generali”
CEI 17-116: “Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri BT)
Parte 3: Quadri di distribuzione destinati ad essere utilizzati da persone comuni (DBO)
CEI 17-52: “Determinazione della tenuta al cortocircuito”
CEI 20-11: “Caratteristiche tecniche e requisiti di prova delle mescole per isolanti e guaine dei cavi per
energia”
CEI 20-19 “Cavi isolati in gomma con tensione nominale non superiore a 450/750 V
CEI 20-107 “Cavi elettrici - Cavi energia con tensione nominale non superiore a 450/750 V (U0/U).
CEI 20-21 “Cavi elettrici - Calcolo della portata di corrente”.
CEI 20-22/1-2-3 “Prove d’incendio su cavi elettrici;
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 9
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
·
CEI 20-24 “Giunzioni e terminazioni per cavi energia;
CEI 20-33 “Giunzioni e terminazioni per cavi energia a tensione Uo/U non superiore a 600/1000 V in corrente
alternata e 750V in corrente continua;
CEI 20-34“Metodi di prova per materiali isolanti e di guaina dei cavi elettrici”
CEI 20.35 “Prove sui cavi elettrici sottoposti al fuoco ;
CEI 20.36 “Prova di resistenza al fuoco dei cavi elettrici;
CEI 20.37 “Prove sui gas emessi durante la combustione dei cavi elettrici;
CEI 20.38 “Cavi isolati con gomma non propaganti l’incendio e a basso sviluppo di fumi e gas tossici e
corrosivi;
CEI 20-40: “Guida per l’uso di cavi a bassa tensione”
CEI 31-33 “Atmosfere esplosive Parte 14: Progettazione, scelta e installazione degli impianti elettrici (diversi
dalle miniere);
CEI 31-34 “Atmosfere esplosive Parte 17: Verifica e manutenzione degli impianti elettrici (diversi dalle
miniere);
CEI 31-35 Atmosfere esplosive Guida alla classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione per la presenza
di gas in applicazione della Norma CEI EN 60079-10-1 (CEI 31-87)
CEI 31-87 “Atmosfere esplosive Parte 10-1: Classificazione dei luoghi. Atmosfere esplosive per la presenza di
gas;
CEI 34-21”Apparecchi di illuminazione - parte prima - prescrizioni generali e prove;
CEI 34-22 “Apparecchi di illuminazione - parte seconda - requisiti particolari apparecchi per l'illuminazione di
emergenza;
CEI 34-23 “Apparecchi d’illuminazione - parte seconda - requisiti particolari - apparecchi fissi per uso
generale;
CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in c.a. e 1500 V in c.c.
CEI 70-1 “Gradi di protezione degli involucri - classificazione;
Norme CEI del CT 75 “Classificazione delle condizioni ambientali”;
CEI 81-10/1 “Protezione contro i fulmini Parte 1: Principi generali”
CEI 81-10/2 “Protezioni contro i fulmini Parte 2 valutazione del rischio ”
CEI 81-10/3 “Protezioni contro i fulmini Parte 3 danno materiale alle strutture e pericolo per le persone”
CEI 81-10/4 “Protezioni contro i fulmini Parte 4 impianti elettrici ed elettronici nelle strutture”
CEI 99-3 “impianti elettrici di potenza con tensioni nominali superiori a 1 kv in corrente alternata”
Norme CEI del CT 210 “Compatibilità elettromagnetica”.
Le caratteristiche degli impianti stessi, nonché dei loro componenti, saranno inoltre conformi a:
raccomandazione USSL e ISPESL
norme e prescrizioni Società distributrice dell’energia elettrica
norme e prescrizioni del Comando dei Vigili del Fuoco territorialmente competente;
tabelle di unificazione UNI - CEI -UNEL;
prescrizioni Istituto Italiano per il marchio di Qualità per materiali e apparecchiature ammesse
all’ottenimento del Marchio;
direttive CEE recepite dalla legislazione nazionale con particolare riferimento alle direttive quadro 89/391 e
92/57.
Eventuali vincoli da rispettare, compresi quelli derivanti dal coordinamento con le altre discipline e/o attività
coinvolte
Caratteristiche generali dell’impianto elettrico, quali le condizioni di sicurezza, la disponibilità del servizio, la
flessibilità (es. per futuri ampliamenti), la manutenzione.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 10
Si precisa che per quanto riguarda le norme CEI si fa riferimento all'edizione attualmente in vigore
comprensiva di eventuali varianti.
Il rispetto alle norme sopra indicate è inteso nel senso più restrittivo, cioè non solo la realizzazione
dell'impianto sarà rispondente alle norme, ma altresì ogni singolo componente dell'impianto stesso.
4.2. Linee guida
Le linee guida per la progettazione dell’impianto in oggetto sono state le seguenti:
- individuazione della tipologia d’impianto migliore, per raggiungere l’obbiettivo di cui all’oggetto;
- prevedere apparecchiature e sistemi impiantistici facili da esercire e su cui poter fare manutenzione;
- assicurare un’elevata qualità degli impianti adottando componenti dotati di certificati di qualità.
Sulla base delle esigenze e richieste della Committente nonché, sull’espletamento dei vincoli che la
normativa detta in materia, si è scelto che la modalità di realizzazione dell’impianto sia quella di un
impianto alimentato in Media Tensione (MT) da Ente distributore.
La distribuzione principale avverrà a vista tramite l’utilizzo di canaline in acciaio verniciato e tubazioni in pvc
per la zona di lavorazione e per i locali tecnici e con tubazioni flessibili posate sotto traccia per tutti gli altri
ambienti.
Nei cavidotti di cui sopra saranno posati i cavi di alimentazione dei circuiti luce e fm e impianti speciali che
avranno origine dai rispettivi quadri elettrici di zona e/o di piano. Dovrà essere impedita la promiscuità tra
gli impianti a correnti forti e quelli a correnti deboli con appositi vie cavi e cassette di pertinenza.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 11
5. CARATTERISTICHE PRESTAZIONALI E DESCRITTIVE DEI MATERIALI PRESCELTI
5.1. Premessa e classificazione degli ambienti
Per la scelta delle varie apparecchiature da utilizzare, si è fatto riferimento innanzitutto alla normativa
vigente in materia.
Dai criteri progettuali di cui sopra e dai calcoli tecnici eseguiti ed allegati alla presente relazione, si è giunti
alla seguente tipologia d’impianti:
- Quadri elettrici in armadio da parete con carpenteria metallica per la zona lavorazioni
- Quadri elettrici da incasso a parete in pvc o con carpenteria metallica per gli altri ambienti
- Canaline in acciaio verniciato e tubazioni in pvc posate a parete/soffitto per la distribuzione dei circuiti
-
correnti forti e deboli nella zona lavorazioni e locali tecnici
Tubazioni sottotraccia e/o a vista a soffitto
Gruppi presa T-PLUG tipo industriale (CEE) posati a parete per la zona lavorazioni e locali tecnici
Gruppi presa tipo civile (Unel) posati ad incasso per energia normale e preferenziale per la zona uffici
Apparecchi illuminanti a sospensione con lampada LED per la zona lavorazione e ad incasso nel
controsoffitto o a plafone/parete con lampade LED per la zona uffici
Impianti speciali per la videocitofonia e la rete dati.
L’impianto oggetto della presente relazione tecnica viene considerato installato in ambiente ordinario ad
eccezione del locale centrale termica considerato luogo a maggior rischio in caso di incendio.
Si fa presente che per gli impianti installati all’esterno dovrà essere previsto idoneo grado di protezione agli
agenti atmosferici.
Tutte le apparecchiature e la distribuzione dovrà essere idonea per il luogo d’installazione.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 12
5.2. Prescrizioni tecniche
-
Tutti i materiali forniti e tutti gli impianti che verranno eseguiti, dovranno essere idonei per
l'installazione all’aperto.
-
Le modalità di esecuzione dovranno essere conformi a quanto prescritto dalle norme CEI pertinenti, in
vigore al momento della realizzazione degli impianti.
-
Le opere dovranno essere realizzate in modo che l'impianto richieda una minima manutenzione e
consenta un esercizio tranquillo e sicuro.
-
Tutti i materiali dovranno essere della migliore qualità in commercio ed in particolare dovranno
rispondere alle normative UNI, UNEL e CEI pertinenti.
In particolare dovranno essere adottati esclusivamente:
-
materiali con Marchio dell'Istituto Italiano del Marchio di Qualità - IMQ, per tutti quei componenti che
risulteranno all'atto della fornitura, soggetti al regime del detto Marchio (cavi, apparecchiature, ecc.);
-
materiali con certificato e marchio di omologazione specifici, per quei componenti reperibili con tale
approvazione;
-
materiali con certificazione e marchio di Enti autorizzati italiani od esteri, per quei componenti per i
quali fossero prescritte determinate certificazioni (ad es. apparecchiature e materiali in Classe II).
-
marchiatura CE
-
La buona esecuzione dell'impianto e la scelta di materiali appropriati, saranno essenziali ai fini della
sicurezza di esercizio, che è un obiettivo primario.
-
Gli impianti e le apparecchiature dovranno essere realizzati tenendo conto delle caratteristiche
dell'ambiente in cui dovranno essere installati e delle funzioni cui dovranno adempiere.
In particolare gli apparecchi ed i materiali impiegati dovranno essere idonei a resistere alle azioni
meccaniche, chimiche e termiche alle quali possono essere sottoposti durante l'esercizio.
-
Le parti attive di ogni e qualsiasi componente dovranno essere protette contro il contatto diretto
tramite isolamento inamovibile o involucro protettivo, che assicuri un grado di protezione * IPXXB (CEI
64-8 art. 412.2.1).
Sulle parti a portata di mano, dovrà essere garantito il grado minimo IPXXD (CEI 64-8 art. 412.2.2).
-
I componenti dell'impianto non dovranno costituire origine di innesco e/o di propagazione di incendio,
né creare pericoli di ustione per contatto.
Dovranno a tal fine essere rispettate le prescrizioni relative alla protezione contro gli effetti termici, di
cui al Cap. 42 delle Norma CEI 64-8.
-
Tutti i conduttori dovranno avere sezione e portata sufficiente per l’alimentazione dei carichi previsti.
Salvo diversamente prescritto, la sezione minima dei conduttori dovrà essere assunta pari a:
- 2,5 mm² per la distribuzione luce;
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 13
-
Le giunzioni e le connessioni dovranno essere opportunamente realizzate in modo da garantire
sicurezza dell'allacciamento (sistemi antiallentamento), bassa resistenza elettrica, isolamento
adeguato, robustezza meccanica, protezione da agenti esterni quali muffe, insetti ecc.
Si dovranno evitare giunzioni e connessioni di materiali elettrochimicamente differenti e le giunzioni
dovranno essere realizzate in modo che non diano origine a fenomeni di corrosione.
Questa prescrizione è di fondamentale importanza nell’esecuzione della distribuzione del conduttore di
protezione.
Tutte le giunzioni, comprese quelle delle derivazioni, dovranno essere eseguite mediante adeguate
morsettiere contenute entro cassette; in corrispondenza dei terminali e delle giunzioni, i singoli cavi e
le anime di ciascun cavo dovranno essere contrassegnate in modo che sia riconoscibile la destinazione
e, per le anime, la rispettiva fase o polarità, secondo le colorazioni codificate nelle tabelle UNEL.
La morsettiera dovrà essere rispondente alle norme CEI 23-20 e 23-21.
-
Salvo quanto diversamente prescritto, tutti i cavi dovranno essere di tipo non propagante l'incendio e
dovranno essere contenuti in tubazioni in PVC pesante o in acciaio zincato.
Non è ammessa la posa a vista.
La colorazione dei conduttori dovrà rispettare le Norme CEI pertinenti: "non è ammessa la nastratura".
I colori blu e giallo/verde saranno destinati esclusivamente alle funzioni rispettivamente di neutro e
terra dei sistemi di distribuzione energia.
Non ne sarà ammesso l'impiego nella distribuzione degli altri servizi.
Tutti i conduttori dovranno essere identificati.
L'identificazione dovrà essere realizzata
- in ogni pozzetto/cassetta
- nei pp. di connessione all'utilizzatore
- nei pp. di connessione alla morsettiera del quadro
-
Non è ammesso l'impiego di cavi con tensioni nominali inferiori a 450/750V direttamente posati entro
tubazioni metalliche.
Le linee degli eventuali circuiti di sicurezza dovranno essere posati interamente separati da quelli delle
correnti forti.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 14
-
I circuiti principali e le singole derivazioni dovranno essere protetti contro sovracorrenti dannose, a
mezzo di dispositivi che:
- interverranno automaticamente operando l'interruzione di tutti i poli del circuito protetto;
- abbiano poteri di chiusura e di interruzione adeguati e siano conformi, come caratteristiche e
prestazioni, ai requisiti definiti a schema;
- qualora non installati entro i quadri, saranno convenientemente ubicati, entro appositi involucri,
così da escludere azionamenti accidentali, e, per costruzione ed installazione, siano conformati in modo
da prevenire pericoli per riscaldamento, archi o proiezioni di parti metalliche incandescenti durante il
loro funzionamento, anche in condizioni di guasto.
- Non dovranno essere inseriti dispositivi di interruzione unipolari sui conduttori di neutro.
I dispositivi di interruzione e comando non dovranno mai interrompere il conduttore di protezione.
I dispositivi di comando luce dovranno operare sul conduttore di fase.
-
Dovranno essere collegate a terra le parti metalliche degli impianti elettrici, normalmente non in
tensione, che per difetto di isolamento o per altre cause possano andare in tensione, i morsetti di terra
degli utilizzatori di classe I.
-
I collegamenti di messa a terra (conduttore di protezione ed equipotenziale) dovranno essere realizzati
in conformità alle Norme CEI 64-8, cap. 54 utilizzando conduttori isolati di colore giallo verde.
E' tassativo l'impiego di capicorda e sistemi anti-allentamento in ogni connessione.
Per la protezione contro i contatti indiretti dovranno essere adottate protezioni differenziali protette
contro gli scatti intempestivi (anti-perturbazione) e, la dove richiesto, adatte a funzionare con "correnti
differenziali alternate pulsanti unidirezionali" (tipo A).
Ogni quadro dovrà essere corredato di avvisi monitori relativi a:
-
pericolo per presenza tensione
-
divieto di apertura
Inoltre ogni quadro dovrà essere completo del rispettivo schema unifilare.
Sarà richiesta inoltre la massima diligenza nella esecuzione dell'impianto, in termini di disposizione estetica
e di cura nei dettagli.
Gli impianti elettrici ed affini includono:
-
consegna dell’energia elettrica in B.T. ad Ente Distributore;
-
quadri elettrici generali, di piano e di zona;
-
quadri elettrici centrali tecnologiche;
-
impianto luce e forza motrice;
-
impianto di terra;
-
impianti speciali.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 15
6. Caratteristiche del sistema di alimentazione
Il sistema elettrico di alimentazione è in bassa tensione di tipo TT.
6.1. Parametri elettrici:
-
Tensione B.T.
-
sistema di distribuzione
-
frequenza:
50 Hz
-
tensione concatenata fra le fasi in b.t.:
400 V
400 V
TN-S
- tensione fra fase e neutro o fase e terra in b.t.:
- massima caduta di tensione sul punto più lontano:
- potenza impegnata:
230 V
4%
201 kW
6.2. Coefficienti di contemporaneità
-
circuiti luce:
-
circuiti forza motrice
100%
60%
6.3. Gradi minimi di protezione
Se non espressamente indicato un determinato grado di protezione, nella distribuzione fissa si dovranno
adottare le prescrizioni minime dettate dalla Norma CEI 64-8.
6.4. Sistemi di sicurezza adottati e impianti particolari
6.4.1. MISURE DI PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI DIRETTI
La protezione contro i contatti diretti è realizzata con:
- isolamento delle parti attive, mediante involucri o barriere con le seguenti caratteristiche:
- grado di protezione minimo IPXXB
- involucri/barriere rimovibili a condizione che:
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 16
- sia utilizzata una chiave o un attrezzo, oppure
- se, dopo l'interruzione dell'alimentazione alle parti attive, contro le quali le barriere o gli involucri offrono
protezione, il ripristino dell'alimentazione sia possibile solo dopo la sostituzione o la richiusura delle
barriere o degli involucri stessi.
La protezione mediante interruttori differenziali 0,03 A è da intendersi unicamente come protezione
addizionale da utilizzare congiuntamente a quelle sopraindicate.
6.4.2. MISURE DI PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI
La protezione contro i contatti indiretti è realizzata in uno dei seguenti modi:
- senza interruzione automatica del circuito con l'impiego di componenti di classe seconda (II) o con
isolamento equivalente; oppure con separazione elettrica;
- mediante interruzione automatica del circuito, assicurata dall'impianto di terra coordinato con le
protezione differenziali per i circuiti e le alimentazione secondarie.
6.4.3. SEZIONAMENTO E COMANDO
Ogni circuito può essere sezionato dall'alimentazione (C.E.I. 64-8 art. 462.1).
Il sezionamento dovrà avvenire su tutti i conduttori attivi.
Devono essere adottati mezzi idonei per evitare che qualsiasi componente elettrico possa essere
alimentato intempestivamente.
Tali precauzioni consistono in una delle seguenti misure:
- blocco meccanico sul dispositivo di sezionamento;
- scritte o altre opportune segnalazioni;
- collocazione del dispositivo di sezionamento entro un locale od un involucro chiusi a chiave.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 17
6.4.4. ACCESSIBILITÀ
Tutti i componenti elettrici, comprese le condutture elettriche, devono essere disposti in modo da facilitare
la loro manovra, la loro ispezione, la loro manutenzione e l’accesso alle loro connessioni.
6.4.5. PROTEZIONE CONTRO LE SOVRACORRENTI
I conduttori attivi devono essere protetti da uno o più dispositivi che interrompano automaticamente
l'alimentazione quando si produce un sovraccarico o un cortocircuito.
E' previsto che tale protezione sia assicurata da interruttori magnetotermici posti a monte del circuito da
proteggere, in ottemperanza a quanto previsto, come già esposto ai precedenti paragrafi, per i luoghi a
maggior rischio in caso d’incendio.
La protezione contro i sovraccarichi deve essere assicurata dalla seguente relazione:
Ib <In< Iz e If <1,45 Iz
La protezione contro i cortocircuiti deve essere assicurata dalla seguente relazione:
I² t < K² S²
dove:
Ib = corrente assorbita dall’utilizzatore
In = corrente nominale interruttore di protezione
Iz = corrente di portata del cavo utilizzato
If = corrente che assicura l’effettivo funzionamento del dispositivo di protezione entro il tempo
convenzionale in condizioni definite
I = corrente effettiva di cortocircuito in ampere, espressa in valore efficace
t = durata in secondi
S = sezione in millimetri quadrati
K = coefficiente legato al tipo di conduttore
6.4.6. PROTEZIONE CONTRO GLI INCENDI
I componenti elettrici che possono raggiungere temperature pericolose devono essere installati in uno dei
seguenti modi:
- entro elementi costituiti da materiali che resistano a tali temperature;
- dietro schermi termicamente isolanti;
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 18
- a una distanza sufficiente a permettere un’adeguata dissipazione del calore.
I componenti elettrici che nel loro funzionamento ordinario possono provocare archi o scintille devono:
- essere racchiusi in elementi con adeguato grado di protezione;
- essere schermati con elementi di materiale resistente agli archi.
6.4.7. PROTEZIONE CONTRO LE USTIONI
Le parti accessibili dei componenti elettrici a portata di mano che nel funzionamento ordinario raggiungono
temperature tali che possono causare ustioni alle persone devono essere protette con involucri o barriere
tali da assicurare un grado di protezione almeno IPXXB.
6.5. Impianto di terra
L’impianto di terra sarà costituito da una piattina di acciaio zincato da 30x3mm interrato ad almeno 0,5 mt
dal suolo che coprirà tutto il perimetro dell’edificio e si collegherà al collettore principale di terra.
Saranno inoltre da prevedere dei pozzetti di ispezione/derivazione come indicato in planimetria.
Saranno inoltre da eseguire come indicato in planimetria e comunque dove possibile dei collegamenti ai
ferri di armatura dell’edificio.
Saranno installati n.4 dispersori in acciaio zincato, nei 4 angoli dell’edificio.
Nel suo complesso l’impianto di terra è comunque costituito dalle seguenti componentistiche:
-
collettore principale
-
conduttori di protezione;
-
conduttori equipotenziali principali “Eqp” ;
-
conduttori equipotenziali supplementari “Eqs”;
-
Sarà comunque onere dell’installatore verificare al termine dell’esecuzione dell’impianto in oggetto la
bontà dello stesso e il suo coordinamento con l’impianto in bassa tensione tramite apposita misura di
resistenza di terra (metodo volt-amperometrico).
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 19
6.5.1. Dimensionamento conduttori di protezione
La sezione del conduttore di protezione viene definita in base alla regola di cui all’art. 543.1.2 della norma
CEI 64-8/5 con riferimento alla sezione del conduttore di fase.
6.5.2. Dimensionamento conduttori equipotenziali principali
Questi collegamenti riguardano in linea di massima e non esaustiva:
-
masse estranee eventualmente presenti (resistenza di terra < 1000 ohm).
I conduttori equipotenziali saranno realizzati in corda di rame isolato, sezione 25mm2.
6.6. Prescrizioni illuminotecniche
Le prescrizioni illuminotecniche per l’illuminamento dei vari ambienti sono state determinate con l’ausilio
di puntuali calcoli illuminotecnici con riferimento alla normativa vigente.
6.7. Valutazione del rischio dovuto al fulmine
Nel corso della progettazione si è proceduto al rilievo dei dati necessari per redigere la relazione di calcolo
per la protezione delle strutture contro i fulmini dalla quale risulta che per la struttura in oggetto non sono
necessarie protezioni particolari in quanto la stessa è risultata autoprotetta.
Allegata alla presente relazione tecnica e alla documentazione di progetto è riportata l’analisi della
valutazione del rischio dovuta al fulmine redatta secondo CEI 81-10.
6.8. Descrizione impianto elettrico generale luce e forza motrice
Premessa
Non fa parte del presente progetto il dimensionamento e la descrizione della cabina di trasformazione
MT/BT, in quanto si considera l’allaccio di questa installazione eseguita direttamente in BT alla rete di
distribuzione Nazionale.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 20
Descrizione
A partire dal sottoquadro contatore posto nella nicchia contatori in via xxxxxx, saranno posati in cavidotto
predisposto le linee, come sopra detto, di alimentazione al rispettivo quadro elettrico di distribuzione posto
nel capannone, le stesse saranno realizzate con cavi unipolari tipo FG7R la cui sezione è riportata sullo
schema unifilare dei quadri elettrici e sulla planimetria allegata. Da questi quadro dipartiranno tutte le
alimentazioni per i quadri elettrici dedicati del capannone.
La distribuzione principale sarà prevista per la zona lavorazioni all’interno del capannone, con canali in
acciaio verniciato e relative derivazioni con tubazioni a parete/soffitto in pvc, mentre per gli altri ambienti
con tubazioni in pvc da incasso sottotraccia ad eccezione degli impianti sopra l’eventuale controsoffitto da
eseguirsi con tubi a vista in pvc.
Le condutture dei circuiti principali e secondari saranno di tipo FG7(O)R o N07VK delle sezioni riportate
sullo schema unifilare dei quadri elettrici.
Dal quadro elettrico di distribuzione dipartiranno tutte le linee luce e fm che tramite i cavidotti predisposti
(canalina o tubazione), raggiungeranno tutti gli apparecchi installati nell’edificio.
I quadri elettrici dedicati a Biologia, Caldaia e ORC provvederanno sia all’alimentazione ordinaria che a
quella preferenziale tramite l’installazione di apposito gruppo di continuità (UPS). Quest’ultimo servirà, in
caso di mancanza di energia dall’ente distributore, per un tempo sufficiente a consentire un eventuale
salvataggio dei dati e lo spegnimento in sicurezza dell’impianto.
All’interno dei vari ambienti lavorativi, saranno previste delle prese elettriche di tipo Unel bipasso 10/16A
alimentate direttamente dal quadro elettrico di distribuzione. Le prese Unel bipasso dedicate al servizio di
energia preferenziale saranno contraddistinte da quelle per l’energia normale in quanto dovranno essere di
colore rosso.
Nel magazzino principale e nei locali tecnici saranno invece previsti dei gruppi presa (TPLUG) composti da
prese di tipo industriale (CEE) da 16/32A e da una presa tipo Unel bipasso 10/16A.
L’illuminazione all’interno e all’esterno dell’edificio capannone avverrà tramite la posa di adeguati
apparecchi con lampade LED come indicato in planimetria.
Il comando delle luci sarà affidato ad una serie di interruttori, deviatori e/o pulsanti che agiranno sempre
ed esclusivamente sul conduttore di fase.
Nei locali tecnologici ed in generale nelle centrali saranno realizzati impianti elettrici di tipo industriale con
l’ausilio di tubazioni a vista di diametro adeguato e di tutta la raccorderia necessaria atta a realizzate la
perfetta tenuta dell’impianto in relazione al grado di protezione che non dovrà essere inferiore a IP4X.
All’esterno della nicchia contatori e sull’ingresso principale dell’edificio sarà prevista l’installazione di 2
pulsanti di sgancio d’emergenza dell’energia elettrica che agiranno sull’interruttore posto sul sottoquadro
contatore.
I pulsanti saranno del tipo a rottura di vetro da posare a parete all’esterno (IP55) con circuito di sgancio a
lancio di corrente, per tale motivo dovranno essere provvisti di spia di presenza tensione di colore verde.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 21
Non è stato previsto alcun sistema di rifasamento fisso in quanto dai dati progettuali si ritiene che il fattore
di potenza (cosΦ) sarà superiore a 0,9 infatti sia gli apparecchi illuminanti che i condizionatori del
capannone sono del tipo rifasato.
Nell’eventualità che in fase di esercizio dell’edificio si dovesse riscontrare un cosΦ inferiore a 0,9, si dovrà
prevedere lo studio e l’installazione di un opportuno sistema di rifasamento.
In tutti i punti di attraversamento degli impianti elettrici di solette, pareti REI, o di ambienti
compartimentati la ditta installatrice dovrà farsi carico di provvedere al ripristino del grado REI di
compartimentazione nel punto di passaggio dei propri impianti. La barriera passiva resistente al fuoco
dovrà essere salvo dove diversamente specificato in classe REI 120.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 22
7.
Impianto rete dati e telefonico
7.1. Premessa
Il presente progetto comprenderà esclusivamente la descrizione della fornitura e posa delle prese
dati/telefono tipo RJ45 e di tutti i cavi di collegamento, ivi comprese, tutte le apparecchiature in campo
come permutatori, armadi dati, patch ecc.
7.2. Descrizione dell’impianto
La rete di distribuzione principale collegherà la rete telefonica del gestore esterno con il locale tecnico dove
sarà installato il permutatore.
Dal permutatore avrà origine la distribuzione delle linee dati / telefono dell’intera struttura.
La distribuzione avverrà in tubazioni sottotraccia e cassette di derivazione dedicate e sarà con cavi tipo UTP
cat. 6.
Sarà comunque compito dell’installatore a fronte della quantità delle prese dati/telefono riportate sulla
planimetria, stabilire con esattezza il numero di cavi da posare.
Nell’armadio all’interno del locale, è previsto l’alloggiamento degli apparati attivi di rete e della centrale
telefonica, esclusi dalla presente relazione tecnica di progetto.
Tutti i cavi, le singole prese e i cavi di patch dovranno essere sigillati ed identificati secondo il sistema di
etichettatura TIA/EIA-606.
L’impianto dovrà essere conforme alle seguenti normative di riferimento:
-
ISO/IEC IS 11801;
-
norme europee EN50173;
-
norme riguardanti la compatibilità elettromagnetica EN55022 (IEC 801-4) e direttiva CEE 89/336.
La distribuzione dei cavi telefono e
permutatore/centralino telefonico.
dati avverrà comunque in modo stellare a partire dal
7.2.1. Cavo per la distribuzione orizzontale
Sarà costituito, come sopra già descritto, da un cavo UTP cat. 6. Il cavo è di tipo adatto a supportare tutti i
servizi già citati per i punti di utenza. La distanza massima tra i punti di accesso e l’armadio deve essere
contenuta in circa 150 m.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 23
7.2.2. Centralino telefonico
Il sistema telefonico interno, farà capo ad un centralino telefonico escluso dal progetto.
8. Impianto video / citofonico
8.1.1. Descrizione del sistema
La funzione dell’impianto video/citofonico è quella di controllare visivamente e/o fonicamente chi ha
suonato al posto esterno, decidendo quindi successivamente se aprire oppure no.
La sequenza corrente di utilizzo dell’impianto sarà la seguente:
-
chiamata dai posti esterni alle postazioni interne derivate (portineria);
-
riconoscimento dalla postazione interna del soggetto che ha effettuato la chiamata;
-
conversazione bidirezionale tra posto esterno e postazioni interne derivate;
-
comando elettro serratura della postazione interna e comando apertura cancelli di ingresso.
8.1.2. Architettura generale di rete
L’impianto realizzerà quindi il servizio video/citofonico tra i posti esterni (lato strada) e gli apparecchi
installati all’interno.
L’impianto sarà costituito principalmente da:
-
Pulsantiera esterna incorporante il gruppo fonico e dove indicato anche la telecamera (porter);
-
la distribuzione principale del segnale fonico e video, unitamente alla linea di comando elettroserratura;
-
le derivazioni ai vari ambienti dei segnali fonico e video (dove indicato) e della linea elettroserratura;
-
le postazioni video/citofoniche interne.
L’altezza della pulsantiera esterna dovrà tenere conto della legislazione sul superamento delle barriere
architettoniche e rientra quindi nella fascia 110-130cm.
8.1.3.
Distribuzione
La distribuzione avverrà in linea generale con tubazioni incassate in pvc, dedicate a tale impianto.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 24
9. Verifica provvisoria per il collaudo degli impianti
Verifica provvisoria e consegna degli impianti
Dopo l'ultimazione dei lavori e il rilascio del relativo certificato da parte della Direzione dei lavori, il
Committente ha la facoltà di prendere in consegna gli impianti, anche se il collaudo definitivo degli stessi
non abbia ancora avuto luogo.
In tal caso, però, la presa in consegna degli impianti da parte del Committente dovrà essere preceduta da
una verifica provvisoria degli stessi, che abbia esito favorevole.
Qualora il Committente non intenda avvalersi della facoltà di prendere in consegna gli impianti ultimati
prima del collaudo definitivo, può disporre affinché dopo il rilascio del certificato di ultimazione dei lavori si
proceda alla verifica provvisoria degli impianti.
È pure facoltà della Ditta appaltatrice chiedere che, nelle medesime circostanze, la verifica provvisoria degli
impianti abbia luogo.
La verifica provvisoria accerterà che gli impianti siano in condizione di poter funzionare normalmente, che
siano state rispettate le vigenti norme di legge per la prevenzione degli infortuni e in particolare dovrà
controllare:
– lo stato di isolamento dei circuiti;
– la continuità elettrica dei circuiti;
– il grado di isolamento e le sezioni dei conduttori;
– l'efficienza dei comandi e delle protezioni nelle condizioni del massimo carico previsto;
– l'efficienza delle protezioni contro i contatti indiretti.
La verifica provvisoria ha lo scopo di consentire, in caso di esito favorevole, l'inizio del funzionamento degli
impianti a uso degli utenti ai quali sono destinati.
A ultimazione della verifica provvisoria, il Committente prenderà in consegna gli impianti con regolare
verbale.
Collaudo definitivo degli impianti
Il collaudo definitivo dovrà accertare che gli impianti e i lavori, per quanto riguarda i materiali
impiegati,l'esecuzione e la funzionalità siano in tutto corrispondenti a quanto precisato nel presente
Capitolato Speciale, tenuto conto di eventuali modifiche concordate in sede di aggiudicazione dell'appalto o
nel corso dell'esecuzione dei lavori.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 25
Si dovrà procedere alle seguenti verifiche di collaudo:
– rispondenza alle disposizioni di legge;
– rispondenza alle prescrizioni dei Vigili del Fuoco;
– rispondenza alle prescrizioni particolari concordate in sede di offerta;
– rispondenza alle norme CEI relative al tipo di impianto, come di seguito descritto.
Esame a vista
Deve essere eseguita un'ispezione visiva per accertarsi che gli impianti siano realizzati nel rispetto delle
prescrizioni delle Norme generali, delle Norme degli impianti di terra e delle Norme particolari riferentesi
all'impianto installato. Il controllo deve accertare che il materiale elettrico, che costituisce l'impianto fisso,
sia conforme alle relative Norme, sia stato scelto correttamente e installato in modo conforme alle
prescrizioni normative e non presenti danni visibili che ne possano compromettere la sicurezza.
Tra i controlli a vista devono essere effettuati i controlli relativi a:
– protezioni, misura di distanze nel caso di protezione con barriere;
– presenza di adeguati dispositivi di sezionamento e interruzione, polarità, scelta del tipo di apparecchi e
misure di protezione adeguate alle influenze esterne, identificazione dei conduttori di neutro e protezione,
fornitura di schemi, cartelli ammonitori, identificazione di comandi e protezioni, collegamenti dei
conduttori.
È opportuno che tali esami inizino durante il corso dei lavori.
Verifica del tipo e dimensionamento dei componenti dell'impianto e dell'apposizione dei
contrassegni di identificazione
Si deve verificare che tutti i componenti dei circuiti messi in opera nell'impianto utilizzatore siano del tipo
adatto alle condizioni di posa e alle caratteristiche dell'ambiente, nonché correttamente dimensionati in
relazione ai carichi reali in funzionamento contemporaneo, o, in mancanza di questi, in relazione a quelli
convenzionali.
Per cavi e conduttori si deve controllare che il dimensionamento sia fatto in base alle portate indicate nelle
tabelle CEI-UNEL; inoltre si deve verificare che i componenti siano dotati dei debiti contrassegni di
identificazione, ove prescritti.
Verifica delle stabilità dei cavi
Si deve estrarre uno o più cavi dal tratto di tubo o condotto compreso tra due cassette o scatole successive
e controllare che questa operazione non abbia provocato danneggiamenti agli stessi. La verifica va eseguita
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 26
su tratti di tubo o condotto per una lunghezza pari complessivamente a una percentuale compresa tra l'1%
e il 5% della lunghezza totale. A questa verifica prescritta dalle norme CEI 11-11 (Impianti elettrici degli
edifici civili) si devono aggiungere, per gli impianti elettrici negli edifici prefabbricati e nelle costruzioni
modulari, le verifiche relative al rapporto tra diametro interno del tubo o condotto e quello del cerchio
circoscritto al fascio di cavi in questi contenuto, e al dimensionamento dei tubi o condotti.
Questa ultima verifica si deve effettuare a mezzo di apposita sfera come descritto nelle norme CEI per gli
impianti sopraddetti.
Misura della resistenza di isolamento
Si deve eseguire con l'impiego di un ohmmetro la cui tensione continua sia di circa 125 V, nel caso di
muratura su parti di impianto di categoria 0, oppure su parti di impianto alimentate a bassissima tensione
di sicurezza, e di circa 500 V, nel caso di misura su parti di impianto di 1a categoria.
La misura si deve effettuare tra l'impianto (collegando insieme tutti i conduttori attivi) e il circuito di terra, e
fra ogni coppia di conduttori tra loro e, durante lo svolgimento della stessa, gli apparecchi utilizzatori
devono essere disinseriti. La misura è relativa a ogni circuito, intendendosi per circuito la parte di impianto
elettrico protetto dallo stesso dispositivo di protezione.
I valori minimi ammessi per costruzioni tradizionali sono:
– 400.000 ohm per sistemi a tensione nominale superiore a 50 V;
– 250.000 ohm per sistemi a tensione nominale inferiore o uguale a 50 V.
I valori minimi ammessi per costruzioni prefabbricate sono:
– 250.000 ohm per sistemi a tensione nominale superiore a 50 V;
– 150.000 ohm per sistemi a tensione nominale inferiore o uguale a 50 V.
Misura delle cadute di tensione
La misura delle cadute di tensione deve essere eseguita tra il punto di inizio dell'impianto e il punto scelto
per la prova; si inseriscono un voltmetro nel punto iniziale ed un altro nel secondo punto (i due strumenti
devono avere la stessa classe di precisione).
Devono essere alimentati tutti gli apparecchi utilizzatori che possono funzionare contemporaneamente: nel
caso di apparecchiature con assorbimento di corrente istantaneo si fa riferimento al carico convenzionale
scelto come base per la determinazione delle sezioni delle condutture.
Le letture dei due voltmetri si devono eseguire contemporaneamente e si deve procedere poi alla
determinazione della caduta di tensione percentuale.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 27
Verifica delle protezioni contro i corto circuiti e i sovraccarichi
Si deve controllare che:
– il potere di interruzione degli apparecchi di protezione contro i cortocircuiti sia adeguato alle condizioni
dell'impianto e della sua alimentazione;
– la taratura degli apparecchi di protezione contro i sovraccarichi sia correlata alla portata dei conduttori
protetti dagli stessi.
Verifica delle protezioni contro i contatti indiretti.
Devono essere eseguite le verifiche dell'impianto di terra descritte nelle norme per gli impianti di messa a
terra (norme CEI 64-8).
Si ricorda che per gli impianti soggetti alla disciplina del DPR 547/55 va effettuata la denuncia degli stessi
alle ASL a mezzo dell’apposito modulo, fornendo gli elementi richiesti cioè i risultati delle misure della
resistenza di terra.
Si devono effettuare le seguenti verifiche:
a) esame a vista dei conduttori di terra e di protezione. Si intende che andranno controllate sezioni,
materiali e modalità di posa nonché lo stato di conservazione sia dei conduttori che delle giunzioni. Occorre
inoltre controllare che i conduttori di protezione assicurino il collegamento tra i conduttori di terra e il
morsetto di terra degli utilizzatori fissi e il contatto di terra delle prese a spina;
b) misura del valore di resistenza di terra dell'impianto, che andrà effettuata con appositi strumenti di
misura o con il metodo volt-amperometrico utilizzando un dispersore ausiliario e una sonda di tensione,
che vanno posti a una sufficiente distanza dall'impianto di terra e tra loro. Si possono ritenere ubicati in
modo corretto quando siano sistemati a una distanza dal suo contorno pari a 5 volte la dimensione
massima dell'impianto stesso; questa ultima, nel caso di semplice dispersore a picchetto, può assumersi
pari alla sua lunghezza. Una pari distanza deve essere mantenuta tra la sonda di tensione e il dispositivo
ausiliario;
c) controllo, in base ai valori misurati, del coordinamento degli stessi con l'intervento nei tempi previsti
dei dispositivi di massima corrente o differenziale. Per gli impianti con fornitura in media tensione, detto
valore va controllato in base a quello della corrente convenzionale di terra, da richiedersi al distributore di
energia elettrica;
d) quando occorre, misure delle tensioni di contatto e di passo, che vengono di regola eseguite da
professionisti, ditte o enti specializzati. Le Norme CEI 64-8 forniscono le istruzioni necessarie per effettuare
le suddette misure;
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 28
e) nei locali da bagno, la verifica della continuità del collegamento equipotenziale tra le tubazioni metalliche
di adduzione e di scarico delle acque, tra le tubazioni e gli apparecchi sanitari, tra il collegamento
equipotenziale e il conduttore di protezione. Tale controllo è da eseguirsi prima della muratura degli
apparecchi sanitari.
Norme generali comuni per le verifiche in corso d'opera, per la verifica provvisoria e per il
collaudo definitivo degli impianti
a) Per le prove di funzionamento e di rendimento delle apparecchiature e degli impianti, prima di iniziarle, il
collaudatore dovrà verificare che le caratteristiche della corrente di alimentazione, disponibile al punto di
consegna (specialmente tensione, frequenza e potenza), siano conformi a quelle previste nel presente
Capitolato Speciale d'appalto e cioè a quelle in base alle quali furono progettati ed eseguiti gli impianti.
Qualora le anzidette caratteristiche della corrente di alimentazione (se non prodotta da centrale facente
parte dell'appalto) all'atto delle verifiche o del collaudo non fossero conformi a quelle contrattualmente
previste, le prove dovranno essere rinviate a quando sia possibile disporre di corrente d'alimentazione
avente tali caratteristiche, purché ciò non implichi dilazione della verifica provvisoria o del collaudo
definitivo superiore a un massimo di 15 giorni.
Nel caso vi sia al riguardo impossibilità dell'Azienda elettrica distributrice o qualora l'Committente non
intenda disporre per modifiche atte a garantire un normale funzionamento degli impianti con la corrente di
alimentazione disponibile, potranno egualmente aver luogo sia le verifiche in corso d'opera, sia la verifica
provvisoria a ultimazione dei lavori, sia il collaudo definitivo. Il Collaudatore, tuttavia, dovrà tenere conto,
nelle verifiche di funzionamento e nella determinazione dei rendimenti, delle variazioni delle caratteristiche
della corrente disponibile per l'alimentazione rispetto a quelle contrattualmente previste secondo le quali
gli impianti sono stati progettati ed eseguiti.
b) Per le verifiche in corso d'opera, per quella provvisoria a ultimazione dei lavori e per il collaudo
definitivo, la Ditta appaltatrice è tenuta, a richiesta dell'Committente, a mettere a disposizione normali
apparecchiature e strumenti adatti per le misure necessarie, senza potere per ciò accampare diritti a
maggiori compensi.
c) Se in tutto o in parte gli apparecchi utilizzatori e le sorgenti di energia non sono inclusi nelle forniture
comprese nell'appalto, spetterà all'Committente provvedere a quelli di propria competenza qualora essa
desideri che le verifiche in corso d'opera, quella provvisoria a ultimazione dei lavori e quella di collaudo
definitivo, ne accertino la funzionalità.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 29
10. SPECIFICHE TECNICHE
10.1.
CAVI, CAVIDOTTI E CASSETTE DI DERIVAZIONE
10.1.1. CAVI E CONDUTTORI
- Generalità
I cavi ed i conduttori dovranno essere progettati, costruiti e collaudati in conformità con le norme CEI-UNEL
applicabili in vigore, ed in particolare con le seguenti
Per i cavi non propaganti l'incendio:
Norme CEI 20-14 e successive varianti
Norme CEI 20-20
Norme CEI 20-22
Per i cavi non propaganti la fiamma
Norme CEI 20-35
Per i cavi non propaganti l'incendio ed a bassa emissione di gas tossici e corrosivi
Norme CEI 20-38
Tutte le condutture dovranno essere protette dalle sovracorrenti conformemente a quanto disposto dalle
norme CEI 64-8 (terza edizione).
-Dati tecnici
Cavi elettrici di media tensione
I cavi utilizzati dovranno avere le seguenti caratteristiche tecniche
- tensione massima di riferimento 18/30KV
- grado di isolamento 40KV
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 30
Cavi dimensionati in funzione delle correnti di impiego della caduta di tensione, delle correnti di corto
circuito presunte e delle condizioni di posa (secondo Norme CEI 11-17)
-Cavi elettrici di bassa tensione
I cavi impiegati per l'installazione dovranno avere le seguenti caratteristiche:
1) cavi di potenza ed ausiliari di ogni formazione e sezione senza schermatura:
-non propaganti l'incendio ed a bassa emissione di gas corrosivi (norme CEI 30-37 I)
tipo FG7OR/0,6-1KV formazione con conduttori flessibili
2) cavi di potenza ed ausiliari di ogni formazione e sezione senza schermatura:
-non propaganti l'incendio ed a bassa emissione di acido cloridrico (norme CEI 20-22 II)
tipo N1VV-K formazione con conduttori flessibili
3) conduttori unipolari senza guaina e schermatura, grado di isolamento 2,5KV
-non propaganti l'incendio ed a bassa emissione di acido cloridrico (norme CEI 20-22 II)
tipo N07V-K conduttori di tipo flessibili
-Modalità di posa dei cavi
I cavi dovranno essere posati senza alcuna giunzione intermedia. Nei casi in cui le tratte senza interruzione
superassero le pezzature allestite dai costruttori, le giunzioni e le derivazioni dovranno essere eseguite con
morsetti di sezione adeguata; tali cassette dovranno essere sempre ubicate in luoghi facilmente accessibili.
L'ingresso di cavi nelle cassette di transito e di derivazione dovrà essere sempre eseguito a mezzo di
appositi raccordi pressacavo, oppure passacavo.
In prossimità di ogni ingresso di cavo in una cassetta o all'interno della stessa dovranno essere apposti
anelli di identificazione del cavo coincidenti con le indicazioni dei documenti di progetto per
l'identificazione del circuito e del servizio al quale il cavo appartiene.
Particolari raccomandazioni di posa dettate dal costruttore dovranno essere sempre rispettate (ad
esempio: temperature di posa, raggi di curvatura, tiri di infilaggio, ecc).
I cavi appartenenti a circuiti con tensioni nominali diverse dovranno essere tenuti fisicamente separati
lungo tutto
il percorso. Qualora ciò non fosse materialmente possibile, tutti i cavi in contatto tra loro dovranno avere il
grado di isolamento di quello fra essi a tensione più elevata.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 31
In relazione al tipo di posa dovranno essere inoltre rispettate le seguenti prescrizioni:
a) Posa direttamente interrata
Posa su un letto di sabbia in trincea scavata nel terreno con l'apposizione di una fila di mattoni di
protezione sopra il cavo con interposto uno strato di sabbia; il tutto ricoperto con la stessa terra della
trincea
Per questo tipo di posa i cavi dovranno essere provvisti di armatura. In alternativa, posa entro un
manufatto di cemento aperto da chiudere con coperchio dopo la posa dei cavi.
b) Posa in cunicolo
In relazione alle dimensioni del cunicolo, i cavi potranno essere posati direttamente sul fondo, fissati a
parete con morsetti su guida DIN o posati su passerelle predisposte. In ogni caso la posa dovrà essere
ordinata e consentire la posa di ulteriori cavi e la loro agevole rimozione
c) Posa sospesa alle murature od alle strutture dei fabbricati (solo per cavi bassa tensione)
I cavi dovranno essere sostenuti da apposito collari in materiale plastico. I sostegni dovranno essere
applicati alle murature mediante l'infissione di chiodi a sparo o tasselli ad espansione a corpo
completamente metallico Tali sostegni dovranno inoltre essere sistemati indipendentemente dalle
dimensioni e formazioni dei cavi a distanze tali da non permettere la formazioni di anse.
d) Posa su canali portacavi metallici orizzontali, verticali od inclinati
I cavi posati sui canali in tratti verticali od obliqui, dovranno essere fissati a queste mediante legature che
mantengano fissi i cavi nella loro posizione ed adatte a sostenere il peso dei cavi stessi.
I cavi dovranno essere disposti il più possibile rettilinei evitando accavallamenti non necessari.
I cavi unipolari facenti parte della stessa linea dovranno essere posati ravvicinati, possibilmente a trifoglio,
in modo da ridurre la reattanza.
e) Posa entro tubazioni o cavidotti
I cavi dovranno essere infilati in modo da non danneggiare l'isolamento. Un filo pilota dovrà essere infilato
entro ogni tubazione vuota nella quale si prevede l'infilaggio futuro di altri cavi.
Non è ammessa la posa di conduttori senza guaina protettiva entro tubazioni in acciaio zincato.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 32
10.1.2. TUBAZIONI
-
Tubo rigido in PVC
Sarà della serie pesante conforme alle tabelle CEI-UNEL ed alle norme CEI 23-8 e provvisto di Marchio
Italiano di Qualità IMQ. Potrà essere impiegato per la posa a pavimento (annegati nel massetto e ricoperto
da almeno 15mm di malta di cemento) oppure a vista (a parete, a soffitto e nel controsoffitto). Non è
ammessa la posa interrata (anche se protetta da manto di calcestruzzo) o in vista in posizioni dove possa
essere soggetto a urti o danneggiamenti, ecc.
Le giunzioni ed i cambiamenti di direzione dei tubi potranno essere ottenuti impiegando manicotti e curve
con estremità a bicchiere conformi alle citate norme e tabelle nonché provvisti di marchio IMQ.
Nella posa a vista la distanza fra punti di fissaggio successivi non potrà essere superiore ad 1, in ogni caso i
tubi
devono essere fissati in prossimità di ogni giunzione e sia prima che dopo ogni cambiamento di direzione.
In questo tipo di posa, per il fissaggio saranno impiegati collari in acciaio zincato con serraggio mediante
vite, oppure collari singoli in plastica con fissaggio a scatto.
-
Tubo rigido in PVC filettabile
Sarà in materiale plastico autoestinguente con estremità filettate conforme alle norme CEI 23-8.
Le giunzioni saranno ottenute con appositi manicotti filettati. I cambiamenti di direzione potranno essere
ottenute sia con curve ampie con estremità filettate internamente, sia per piegatura a caldo.
Nella posa in vista la distanza fra due punti di fissaggio successivi non sarà superiore a 1m in ogni caso. I
tubi saranno comunque fissati in prossimità di ogni giunzione e sia prima che dopo ogni cambiamento di
direzione.
Per il fissaggio saranno adottati collari del tipo già prescritto per il tubo in PVC.
Tubo flessibile in PVC serie pesante.
Sarà conforme alle norme CEI 23-14 ed alle tabelle CEI-UNEL, in materiale autoestinguente, provvisto di
Marchio Italiano di Qualità IMQ.
Sarà impiegato esclusivamente per la posa sottotraccia a pavimento, a parete o a soffitto curando che in
tutti i punti risulti ricoperto da almeno 20mm di intonaco, oppure entro pareti prefabbricate del tipo a
sandwich.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 33
Non verrà impiegato nella posa a vista, o interrata (anche se protetto da manto di calcestruzzo) e così non
verranno eseguite giunzioni se non in corrispondenza di scatole o cassette di derivazione.
I cambiamenti di direzione verranno eseguiti con curve ampie (raggio di curvatura compreso tra 2 e 6 volte
il diametro nominale del tubo).
-
Tubo flessibile con spirale rigida in PVC (guaina in PVC)
Sarà in materiale autoestinguente e costituito da un tubo in plastica morbida, esternamente liscio,
rinforzato da una spirale di sostegno in PVC. La spirale avrà caratteristiche (peso, altezza dell'elica,
rigidezza, ecc.) tali da garantire l'inalterabilità della sezione anche per il raggio minimo di curvatura (due
volte il diametro interno) ed il ritorno alla sezione originale in caso di schiacciamento. Il campo di
temperatura di impiego si estende da -10°C a +60°C.
Per il collegamento a tubi di altro tipo, canaline, cassette di derivazione o di morsettiere dei motori
dovranno essere impiegati raccordi previsti allo scopo del costruttore e costituiti da: corpo (del raccordo) in
PVC anello di tenuta, ghiera filettata di serraggio, controdado o manicotto filettato a seconda se il
collegamento è con cassette,
canaline o contenitori oppure con tubi filettati. Non dovranno essere bloccate con raccordi del tipo a clips
serrate con viti.
Non è ammesso l'impiego di questo tipo di tubo all'interno dei locali con pericolo esplosione e incendio.
-
Tubo flex con spirale in acciaio zincato (guaina in Ac/Zn con rivestimento in pvc)
Sarà costituito da un tubo flessibile a spirale in acciaio zincato a doppia aggraffatura con rivestimento
esterno in guaina morbida di PVC autoestinguente con campo di temperatura di impiego da -15°C a +70°C.
La guaina esterna presenterà internamente delle nervature elicoidali in corrispondenza fra le spire del tubo
flessibile e ciò allo scopo di assicurare una perfetta aderenza ed evitare che si abbiano a verificare
scorrimenti reciproci.
Per il collegamento a tubi di altro tipo, canaline, cassette di derivazione o di morsettiere dei motori
dovranno essere impiegati esclusivamente raccordi metallici previsti allo scopo dal costruttore e costituiti
da: corpo (del raccordo), manicotto con filettatura stampata per la protezione delle estremità taglienti e
per la messa a terra, guarnizione conica, ghiera filettata di serraggio, controdado o manicotto filettato a
seconda se il collegamento è con cassette, canaline o contenitori oppure con tubi filettati. In ogni caso non
è ammesso bloccare le estremità con raccordi di tipo a clips serrate con viti
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 34
-
Tubo in acciaio zincato leggero
Sarà in acciaio trafilato con sezione perfettamente circolare zincato a fuoco e filettabile.
Sara impiegato per la sola posa in vista all'interno (a parete, soffitto o in controsoffitto), e nel caso di
impiego per l'esecuzione di impianti stagni (grado di protezione non inferiore a IP55 dovranno essere
impiegati i seguenti accessori in acciaio zincato.
- per le giunzioni: manicotti filettati o ad innesto rapido in grado di garantire la continuità del collegamento
di terra e un grado di protezione minimo IP65 ;
- per i cambiamenti di direzione: curve ampie con estremità filettate o giunti di infilaggio a 90° stagni
(oppure potrà essere adottato il sistema della piegatura diretta evitando però che si abbiano strozzature,
diminuzioni della sezione e danneggiamenti alla zincatura.
- per i collegamenti a canaline o contenitori: ghiera e controghiera
Dovrà in ogni caso essere sempre garantita la continuità elettrica fra le varie parti ed essere effettuata la
messa a terra alle estremità.
10.1.3. CANALI PORTACAVI
-
Canale in acciaio zincato del tipo aperto
Sarà forato (asolato) e ottenuto da lamiera di acciaio protetta con zincatura a fuoco. I fianchi avranno un
altezza di almeno 50mm e lo spessore non sarà inferiore a 1,5mm.
Per le sospensioni saranno impiegate, per quanto possibile, mensole ancorate sia a profilati fissati a
soffitto, sia con tasselli direttamente a parete in modo da avere sempre un lato libero.
La distanza tra due sostegni non sarà superiore a 2m e comunque tale che la freccia di inflessione non risulti
superiore a 5mm. La distanza del canale dal soffitto o da un altro sovrapposto sarà di almeno 20cm.
Il collegamento fra due tratti avverrà mediante giunti di tipo telescopico o ad incastro in modo da ottenere
la perfetta continuità del piano di scorrimento dei cavi ed evitare l'abrasione durante la posa, oppure giunti
ad angolo interni.
Per eseguire i cambiamenti di direzione, variazioni di quota, di larghezza, ecc. dovranno essere impiegati gli
accessori previsti allo scopo dal costruttore in modo da ridurre al minimo, e per dimostrata necessità, gli
interventi quali tagli, piegature, ecc.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 35
In ogni caso gli spigoli che possono danneggiare i cavi dovranno essere protetti con piastre terminali
coprifilo.
Per il collegamento delle varie parti dovranno essere impiegati non meno di quattro bulloni in acciaio
zincato del tipo con testa tonda e larga posta all'interno del canale e muniti di rondella. Nel caso fosse
necessario il coperchio, si farà in modo che sia asportabile per tutta la lunghezza del canale, anche in
corrispondenza degli attraversamenti di pareti (compartimentazioni permettendo).
-
Canale in acciaio zincato di tipo chiuso
Vale in generale quanto descritto per il canale di tipo aperto. Il canale sarà dotato di coperchio fissato o a
scatto,
o mediante moschettoni e asportabile per tutta la lunghezza anche in corrispondenza degli attraversamenti
di pareti. (compartimentazioni permettendo).
Con il coperchio inserito, il canale presenterà un grado di protezione non inferiore a IP40.
Particolare cura dovrà essere posta affinché tale grado di protezione non risulti abbassato in
corrispondenza di giunzioni, collegamenti con tubi eventualmente derivati, cassette di derivazione, ecc.
-
Canale in PVC di tipo aperto autoportante
Sarà in PVC rigido autoestinguente munita di fori sul fondo, l'altezza non dovrà essere inferiore a 40mm e lo
spessore almeno pari a 3mm.
Tutti gli accessori per la composizione del canale e per la sua sospensione (curve, incroci, mensole, staffe,
supporti, riduzioni, separatori, ecc.) saranno dello stesso materiale; le minuterie quali viti, bulloni, ecc,
saranno in
nylon o in acciaio inossidabile.
La distanza fra due sostegni non sarà maggiore di 1,5m; la freccia di inflessione non dovrà superare i 10mm.
In corrispondenza di punti di giunzione fra le varie parti saranno previsti dei giunti di unione.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 36
-
Canale in PVC di tipo chiuso autoportante
Vale in generale quanto detto per il canale di tipo aperto. Sarà completamente chiusa (grado di protezione
non inferiore a IP40) dotata di coperchio asportabile per tutta la sua lunghezza e fissato a scatto oppure
mediante moschettoni, o ganci, o clips, in acciaio inossidabile. Non dovrà essere abbassato il grado di
protezione richiesto
in corrispondenza ai punti di giunzione fra i vari tratti, nei collegamenti con tubazioni, cassette, ecc.
10.1.4. SCATOLE E CASSETTE DERIVAZIONE
Saranno in materiale isolante autoestinguente o metalliche (collegate a terra e con un'adeguata protezione
contro la corrosione). Nei locali AD-FT classificati secondo le norme CEI 64-2 è ammesso solo l'impiego del
tipo in materiale isolante con grado di protezione minimo IP44, mentre nelle altre aree, è ammesso solo
l'impiego del
tipo in materiale isolante con grado di protezione IP40.
Saranno dotate di coperchio fissato con viti, o con il sistema a 1/4 di giro. Le viti saranno in acciaio zincato,
o in ottone, o comunque con trattamento superficiale contro la corrosione.
Saranno posate in opera in posizione tale da essere facilmente apribili ed ispezionabili curando in modo
particolare che risultino allineate fra loro e parallele a pareti, soffitti e spigoli dei locali. Per quanto possibile
si cercherà di unificare i tipi e le dimensioni.
Tutte le tubazioni protettivi entreranno dai fianchi e possibilmente mai dal fondo delle cassette. L'ingresso
avverrà esclusivamente attraverso i fori o gli indebolimenti sfondabili previsti dal costruttore e senza
praticare allargamenti o produrre rotture sulle pareti. Il numero delle tubazioni entranti o uscenti da
ciascuna cassetta non sarà pertanto superiore a quello dei fori o degli indebolimenti previsti.
Nelle cassette stagne il foro dei passatubi sarà eseguito in modo che non risulti abbassato il grado di
protezione minimo previsto.
Le tubazioni dovranno sporgere all'interno della cassetta per circa 5mm; le parti più sporgenti saranno
perciò tagliate prima dell'infilaggio dei conduttori.
Le cassette del tipo da incasso saranno opportunamente protette in modo da non essere riempite durante
la fase di intonacatura delle pareti. Tutte le parti di malta eventualmente entrate verranno asportate con
cura prima dell'infilaggio dei conduttori.
Setti di separazione fissi saranno previsti in quelle cassette cui fanno capo impianti con tensioni nominali
diverse.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 37
In nessun caso le cassette destinate all'impianto telefonico potranno essere utilizzate per qualche altro tipo
di impianto.
Tutte le derivazioni e le giunzioni sui condotti verranno eseguite entro le cassette; non è ammesso pertanto
di eseguirle nelle scatole di contenimento di prese, interruttori, ecc. nei giunti di infilaggio oppure entro le
tubazioni protettive.
10.1.5. CUSTODIA PORTAPPARECCHI DA ESTERNO
Custodia portapparecchi a 1÷3 o più posti, in materiale plastico antiurto, per montaggio sporgente a parete,
adatta per contenimento di apparecchi componibili, entrata a pressacavo e pressatubo, completa di
cestello e supporto portafrutti. Ove richiesto con portellino a molla.
10.1.6. CUSTODIA PORTAPPARECCHI DA INCASSO
Custodia portapparecchi da 1÷3 posti ad incasso in materiale plastico antiurto arancio per montaggio
elettrici di tipo modulare di apparecchi elettrici di tipo modulare, completa di telaio portafrutti e placca.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 38
10.2.
APPARECCHIATURE DI COMANDO E ACCESSORI DI IMPIANTO
Tutti i materiali di questa categoria dovranno essere proporzionati rispetto al carico di esercizio e
rispondere alle esigenze e richieste delle caratteristiche del locale in cui vengono installati.
E' resa obbligatoria l'indicazione a preventivo del tipo di apparecchio previsto (Casa costruttrice, n° di
catalogo). Gli interruttori devono essere onnipolari. E’ tollerato l'uso di interruttori, deviatori, commutatori,
invertitori unipolare solo sui circuiti di illuminazione purché interrompano il conduttore di fase.
E' vietato installare interruttori, sezionatori e valvole sui conduttori di terra e di protezione.
I comandi dei singoli circuiti (diretti o relè) e le prese di derivazione degli apparecchi mobili di utilizzazione
devono essere posati a parete, in posizione idonea. Tali comandi devono avere l' ubicazione suggerita dalla
topografia del locale e precisata comunque all'impresa dal committente prima della posa in opera.
Per le prese l'altezza dal piano di pavimento non deve essere inferiore a 20cm.
Tutte le prese dovranno essere munite di contatto di protezione. Le prese a spina con corrente nominale
superiore a 16A e quelle destinate all'alimentazione di apparecchi utilizzatori fissi o trasportabili di potenza
nominale superiore a 1KW devono essere provviste a monte di organi di interruzione che consentano
l'inserimento e il disinserimento della spina esclusivamente a circuito aperto (prese interbloccate).
Gli eventuali fusibili o interruttori automatici, posati a protezione delle singole derivazioni o di dorsali
secondarie, devono essere proporzionali alla portata dei cavi delle derivazioni stesse.
10.2.1. APPARECCHIATURE DI PROTEZIONE
Fusibili
In caso di installazione di fusibili dovrà essere realizzato il coordinamento delle protezioni secondo quanto
previsto dalle tabelle UNEL e dalle norme CEI.
I fusibili saranno sempre del tipo con fusione in camera chiusa. Per livelli di guasto superiori a 10KA e
portate di entità superiori a 50A verranno impiegati fusibili ad alta capacità di rottura, per tarature inferiori
è consentito impiegare fusibili a "cartuccia"
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 39
Interruttori automatici magnetotermici
Gli interruttori previsti interromperanno tutti i conduttori (fasi e neutro) della linea su cui sono inseriti e
saranno conformi alle norme CEI 64-8 per quanto riguarda la protezione del neutro.
Per correnti nominali fino a 63A saranno normalmente del tipo modulare (compatibilmente alle correnti di
corto circuito previste) in scatola isolante modulare (conformi alle norme CEI 23-3). Avranno caratteristiche
di intervento scelte fra quelle previste in modo tale da copiare in ogni occasione la caratteristica termica dei
cavi e dei circuiti nei quali saranno inseriti.
Avranno inoltre un potere di interruzione minimo di 6KA e comunque compatibile con il valore di corrente
di corto circuito massima prevista nel punto di installazione.
Gli interruttori con corrente nominale superiore a 63A saranno di tipo scatolato non modulare. I dispositivi
garantiranno l'intervento selettivo fra gli interruttori posti in arrivo e sulle partenze delle linee. Il comando
avverrà con manovra manuale in apertura ed in chiusura.
Altre caratteristiche degli apparecchi non espressamente descritte, saranno conformi a quanto stabilito
dalle norme CEI 17-5 per quanto riguarda la parte costruttiva, ed alle norme CEI 64-8 (terza edizione) per
quanto riguarda il potere di interruzione e le caratteristiche per la protezione delle linee in cavo.
Interruttori differenziali
Gli interruttori differenziali sono dispositivi amperometrici di protezione che intervengono solo quando
l'impianto ha avuto un guasto di corrente verso terra.
Questi dispositivi, sensibili alla corrente omopolare eseguono in continuazione la somma vettoriale delle
correnti di linea del sistema monofase o trifase con neutro a terra, e finche questa somma è uguale a zero
consente l'alimentazione elettrica dell'utenza, mentre la interrompe rapidamente quando la risultante
supera il valore nominale di sensibilità dell'apparecchio.
Gli interruttori differenziali possono essere del tipo modulare in scatola isolante abbinati ad un interruttore
magnetotermico, per realizzare contemporaneamente sia la protezione per i guasti verso terra, che la
protezione contro i sovraccarichi ed i corto circuiti; cioè sensibili solo alla corrente di guasto verso terra.
Per gli interruttori di tipo scatolato invece, verranno utilizzati dei relè differenziali che vengono installati
separatamente sui quadri e che consentono la regolazione sia della soglia che del ritardo di intervento.
Gli interruttori differenziali saranno scelti in modo da realizzare una efficace protezione contro i contatti
indiretti seguendo le prescrizioni delle norme CEI 64/8-4.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 40
10.3.
QUADRI ELETTRICI
10.3.1. Quadri elettrici per bassa tensione tipo "Power Center"
I quadri di distribuzione generale in bassa tensione saranno del tipo Power Center per installazione
all'interno appoggiato a pavimento e posti in opera nella posizione sulle piante.
Tali quadri saranno rispondenti alle prescrizioni di legge, nonché conformi alla norma CEI 17-13/1 (norma
europea EN 60439-1).
Ogni quadro sarà costituto da scomparti modulari componibili divisi in più colonne modulari, saldamente
collegate tra loro in modo da formare delle unità trasportabili. I golfari di sollevamento dovranno essere di
quantità sufficiente a garantire il sollevamento e il trasporto delle unità a mezzo di gru o sistemi
equivalenti.
Ciascun scomparto avrà larghezza non superiore a 0,9m e sarà costituito da una robusta intelaiatura
metallica in
profilati di acciaio con spessore minimo di 2mm, o in lamiera metallica piegata ed irrigidita con spessore di
almeno 2mm.
I quadri saranno dotati di uno zoccolo di sostegno ottenuto con profilato a U di altezza 100mm.
I pannelli saranno fissati all'intelaiatura con viti, quelli anteriori e posteriori saranno asportabili a cerniera
su un lato verticale e dotati di sistema di chiusura a chiave e maniglie isolante o con viti. Adeguati
irrigidimenti dovranno essere previsti per evitare deformazioni dei pannelli apribili.
Tutte le parti in acciaio dovranno essere accuratamente verniciate con polveri termoindurenti a base di
resina epossidica essiccate in forno a 180C°, previo trattamento protettivo realizzato da lavaggio con agenti
fosfosgrassanti in base acquosa e passivazione con cromati in base acquosa. Le parti non verniciate, ed in
particolare la bulloneria, dovranno viceversa essere state sottoposte a trattamenti di protezione
superficiale (zincatura, zincocromatura, ecc.).
La struttura del quadro dovrà avere quattro zone completamente segregate tra loro e precisamente:
1) Zona sistema sbarre principale e secondario.
2) Zona apparecchiature
3) Zona uscita connessioni di potenza
4) Zona ausiliari
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 41
Tutti i materiali isolanti impiegati nell'esecuzione dei quadri saranno del tipo incombustibile o non
propagante la fiamma.
Oltre che di tutti gli apparecchi riportati dai disegni di progetto e/o dal computo metrico, il quadro dovrà
essere dotato di ogni accessorio, anche se non esplicitamente indicato, necessario ad assicurarne il perfetto
funzionamento.
L'esecuzione dovrà essere conforme alle seguenti prescrizioni:
• I cablaggi dei circuiti ausiliari dovranno essere eseguiti con conduttori flessibili isolati in PVC (cavo NO7VK) aventi sezioni non inferiori a 1,5mmq, dotati di capicorda a compressione isolati e di collari di
identificazione.
Essi verranno disposti in maniera ordinata e per quanto possibile, simmetrica entro canaline in PVC munite
di coperchio e ampiamente dimensionate.
Le canaline dovranno essere fissate al pannello di fondo mediante viti autofilettanti, o con dado, o rivetti.
Non è ammesso l'impiego di canaline autoadesive o incollate.
• Tutti i conduttori di neutro e di protezione di terra saranno chiaramente contraddistinti fra loro e dagli
altri conduttori per mezzo di colorazioni diverse (blu chiaro per il neutro e giallo-verde per i conduttori di
terra).
• Il quadro dovrà essere dotato di una sbarra di terra in rame sezione 250mmq da collegare al circuito
esterno. Ogni struttura dovrà essere collegata direttamente alla sbarra di terra. I conduttori dovranno
essere collegati singolarmente mediante viti con dado e capicorda ad occhiello. Nella cella di collegamento
dei cavi di potenza sarà montata una sbarra per l'allacciamento degli eventuali conduttori di protezione
incorporati nei cavi.
• Tutte le parti metalliche del quadro dovranno essere collegate a terra. Il collegamento di quelle mobili o
asportabili sarà eseguito con cavo flessibili (cavo NO7V-K) di colore giallo verde o con treccia di rame
stagnato di sezione non inferiore a 16mmq muniti alle estremità di capicorda a compressione di tipo ad
occhiello .
• Le uscite dei cavi dei circuiti ausiliari dovranno essere previste sulla parte bassa dello scomparto.
Opportune staffe sulle fiancate permetteranno il sostegno ed il fissaggio dei cavi stessi.
• Il tipo di segregazione standard dovrà essere forma 3 secondo le norme CEI17-13/1(EN 60439-1) salvo
diverse indicazioni contenute nei disegni di progetto
Dovranno essere riportate su targhette in trafolite o in plexiglas, tutte le scritte necessarie ad individuare
chiaramente i vari apparecchi di comando, manovra, segnalazione, ecc. Tali indicazioni saranno fissate sul
fronte del quadro o in prossimità dell'apparecchiatura stessa.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 42
Nella zona di uscita dei cavi in partenza, le targhette dovranno essere fissate in corrispondenza degli
interruttori relativi.
Il quadro dovrà essere predisposto per essere ampliato in fasi successive, su entrambi i lati.
Per quanto possibile tutte le apparecchiature installate nei quadri dovranno essere prodotte dalla stessa
casa costruttrice.
A completamento della fornitura l'installatore dovrà fornire la seguente documentazione:
- disegno del fronte quadro e foratura solette (eventuale);
- schemi unifilari;
- schemi funzionali;
- elenco delle apparecchiature
- certificato di collaudo ai sensi della norma CEI 17-13/2.
N.B.: salvo diversa indicazione riportata su altri elaborati di progetto, il grado di protezione dei quadri dovrà
essere, con tutte le apparecchiature inserite e le porte chiuse, non inferiore a 31; particolare cura sarà
posta nell'adottare adeguati sistemi di tenuta nei punti di ingresso e di uscita affinché tale grado di
protezione non risulti abbassato.
10.3.2. Quadri elettrici per bassa tensione di tipo ad armadio
I quadri saranno del tipo ad armadio per installazione all'interno appoggiati a pavimento e posti in opera
nella posizione indicata sulle piante.
Tali quadri saranno rispondenti alle prescrizioni di legge, nonché conformi alla norma CEI 17-13(EN 604391). Ogni quadro sarà costituito da scomparti modulari componibili divisi in più colonne modulari,
saldamente collegate tra loro in modo da formare delle unità trasportabili. Golfari in numero adeguato
dovranno consentire il sollevamento e il trasporto dell'unità con gru o mezzi equivalenti.
Ciascun scomparto avrà larghezza non superiore a 0,9m e sarà costituito da una robusta intelaiatura
metallica in profilati di acciaio con spessore minimo di 2mm, o in lamiera metallica piegata ed irrigidita con
spessore di almeno 2mm.
I quadri saranno dotati di uno zoccolo di sostegno ottenuto con profilato a U di altezza 100mm.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 43
I pannelli saranno fissati all'intelaiatura con viti, quelli anteriori e posteriori saranno apribili a cerniera su un
lato verticale e dotati di sistema di chiusura a chiave e maniglie isolante o con viti. Adeguati irrigidimenti
dovranno essere previsti per evitare deformazioni dei pannelli apribili.
Sui panelli di chiusura costituenti l'involucro potranno essere montati solo apparecchi di comando e
segnalazione (selettori, commutatori indicatori luminosi ecc.) appartenenti a circuiti ausiliari o strumenti di
misura, apparecchi per il cui collegamento non siano necessari conduttori di sezione superiore a 1,5mmq.
Tutte la parti in acciaio dovranno essere accuratamente verniciate a forno con smalti a base di resine
epossidiche, previo trattamento protettivo (sgrassatura, fosfatazione e due mani di antiruggine). Le parti
non verniciate, ed in particolare la bulloneria, dovranno essere state sottoposte a trattamenti di protezione
superficiali (zincatura, zincocromatura, ecc).
Tutti i materiali isolanti impiegati nell'esecuzione dei quadri saranno si tipo incombustibile e non
propagante la fiamma.
Tutti gli interruttori (sia quelli posti sulle linee in arrivo che quelli posti sulle linee in partenza) dovranno
essere collegati ai sistemi di sbarre del quadro.
Le sbarre saranno in rame elettrolitico ricotto (secondo tabelle CEI-UNEL 01417). Le sezioni del sistema
principale dovranno garantire una portata non inferiore alla corrente nominale dell'interruttore da cui sono
derivate con una sovratemperature massima di esercizio non superiore a 20 °C rispetto alle temperature
ambiente di 40 °C.
I supporti di sostegno e di ancoraggio delle sbarre saranno del tipo a pettine in resine poliesteri rinforzate;
essi avranno dimensioni ed interdistanze tali da sopportare le massime correnti di cortocircuito previste e
comunque non inferiori a quelle indicate sugli schemi elettrici allegati.
Sui disegni di progetto sono indicati il numero, il tipo e le caratteristiche necessarie per definire gli
interruttori previsti. Essi dovranno interrompere tutti i conduttori (sia le fasi che il neutro) della linea su cui
sono inseriti, e dovranno essere conformi alla tabella di cui l'articolo 473.3.2 delle norme CEI 64-8/4 per
quanto riguarda la protezione del neutro.
Gli interruttori installati saranno del tipo scatolato (conformi alle norme CEI 17-5) per posa fissa con
attacchi anteriori, per realizzare una completa segregazione tra il vano interruttore ed il vano sbarre,
potranno essere dotati di contatti ausiliari, bobine di sgancio ed altri accessori a secondo della necessita
impiantistiche.
Per quanto possibile dovrà essere realizzata una protezione selettiva che limiti l'intervento agli interruttori
più prossimi al punto di guasto.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 44
Nella parte alta dei quadri saranno montati se indicati nei disegni di progetto, gli strumenti di misura. La
larghezza di installazione sempre riferita all'asse dello strumento ed al piano di calpestio non dovrà essere
superiore ai 2,2 metri. I pannelli di supporto degli strumenti dovranno essere apribili a cerniera
lateralmente.
Gli strumenti indicatori, salvo diversa indicazione, potranno essere sia del tipo digitale che del tipo
analogico di classe 1,5 a seconda delle prescrizioni di progetto.
Gli amperometri saranno ad inserzione diretta con TA (un amperometro per ogni fase), mentre i voltmetri
saranno da inserzione diretta con commutatore sia per le tensioni di fase che per le tensioni concatenate.
Oltre che di tutti gli apparecchi sui disegni di progetto e/o descritti nel computo metrico, il quadro dovrà
essere completo di ogni accessorio, anche non espressamente indicato, necessario ad assicurare il perfetto
funzionamento.
L'esecuzione dovrà essere conforme alle seguenti prescrizioni:
• I cablaggi dei circuiti ausiliari dovranno essere eseguiti con conduttori flessibili isolati in PVC (cavo NO7VK) aventi sezioni non inferiori a 1,5mmq, dotati di capicorda a compressione isolati e di collari di
identificazione.
Essi verranno disposti in maniera ordinata e per quanto possibile, simmetrica entro canaline in PVC munite
di coperchio e ampiamente dimensionate.
Le canaline dovranno essere fissate al pannello di fondo mediante viti autofilettanti, o con dado, o rivetti.
Non è ammesso l'impiego di canaline autoadesive.
• I conduttori per il collegamento degli eventuali apparecchi montati sui pannelli di chiusura frontali
dovranno essere raccolti in fasci, protetti con guaina o spirale in plastica ad avere lunghezza sufficiente ad
evitare sollecitazioni di trazioni o strappi a pannello completamente aperto.
• Tutti i conduttori di neutro e di protezione di terra saranno chiaramente contraddistinti fra loro e dagli
altri conduttori per mezzo di colorazioni diverse (blu chiaro per il neutro e giallo-verde per i conduttori di
terra).
• Tutti i conduttori in arrivo e/o in partenza dal quadro di sezione minore uguale a 16mmq dovranno essere
attestati su morsetti di adeguata sezione di tipo isolato, componibili, montati su guida profilata unificata
tipo din e numerati o contrassegnati: quelli aventi sezioni superiore a 16mmq saranno provvisti di adatto
capicorda a compressione e collegati direttamente agli interruttori ed ancorati all'intelaiatura per non
sollecitare gli interruttori stessi.
• Tutti i conduttori di terra o di protezione e/o in partenza dovranno essere attestati su una sbarra di terra
in rame. I conduttori dovranno essere collegati singolarmente mediante viti con dado e capicorda ad
occhiello.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 45
• Tutte le parti metalliche del quadro dovranno essere collegate a terra. Il collegamento di quelle mobili o
asportabili sarà eseguito con cavo flessibile (cavo N07V-K ) di colore giallo verde o con treccia di rame
stagnato di sezione non inferiore a 16mmq muniti alle estremità di capicorda a compressione di tipo ad
occhiello .
Sui pannelli frontali verranno riportate, incise con pantografo su targhette in trafolite, tutte le scritte
necessarie ad individuare chiaramente i vari apparecchi di comando, manovra, segnalazione ecc.
Per quanto possibile tutte le apparecchiature installate nei quadri dovranno essere prodotte dalla stessa
casa costruttrice.
A completamento della fornitura l'installatore dovrà fornire la seguente documentazione:
- disegno del fronte quadro e foratura solette (eventuale);
- schemi unifilari;
- schemi funzionali;
- elenco delle apparecchiature
- certificato di collaudo ai sensi della norma CEI 17-13/2.
N.B.: salvo diversa indicazione riportata su altri elaborati di progetto, il grado di protezione dei quadri dovrà
essere, con tutte le apparecchiature inserite e le porte chiuse, non inferiore a 31; particolare cura sarà
posta nell'adottare adeguati sistemi di tenuta nei punti di ingresso e di uscita affinché tale grado di
protezione non risulti abbassato.
10.3.3. Quadri elettrici per bassa tensione di tipo a cassetta
I quadri saranno del tipo sporgente o ad incasso. adatti per l'installazione a parete, o a pavimento a
seconda delle dimensioni, nella posizione indicata sulle piante.
Essi saranno rispondenti alle prescrizioni di legge, nonché conformi alla norma CEI 17-13/1 (EN60439-1) e
saranno costituiti da:
- Un contenitore (o eventualmente più contenitori accostati e collegati fra loro) in resina autoestinguente o
in lamiera d'acciaio con spessore non inferiore a 1,2mm saldata ed accuratamente verniciata a forno
internamente ed esternamente con smalti a base di resine epossidiche, previo trattamento antiruggine. Per
consentire l'ingresso dei cavi, il contenitore sarà dotato sui lati inferiore e superiore, di aperture chiuse con
un coperchio fissato con viti o di fori pretranciati. Contenitori di tipo diverso da quanto sopra descritto
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 46
potranno essere dotati solo se esplicitamente indicato sui disegni o nel computo metrico o se approvati
dalla Direzione Lavori.
- Pannelli di fondo oppure intelaiatura per consentire il fissaggio degli apparecchi o delle guide profilate di
tipo unificato. Il pannello di fondo sarà in lamiera di acciaio verniciata a forno o zincata e passivata, e dovrà
essere regolabile in profondità. L'intelaiatura sarà invece in lamiera zincata e passivata o i alluminio
anodizzato, ed oltre alla regolazione in profondità dovrà consentire anche di variare in senso verticale la
posizione di apparecchi e/o guide profilate.
-Pannelli di chiusura frontali in materiale plastico autoestinguente o in lamiera di acciaio di spessore
minimo 1,2mm, ribordata e verniciata internamente ed esternamente come descritto per i contenitori. I
pannelli saranno modulari in modi da costituire una chiusura a settori del quadro. Saranno ciechi destinati a
chiudere settori utilizzato del quadro, o settori contenenti morsettiere, o altri apparecchi su cui non sia
normalmente necessario agire; oppure dotati di finestrature che consentono di affiancare la parte
anteriore degli apparecchi fissati sulle guide o sui pannelli di fondo. Le finestrature per gli apparecchi
modulari avranno tutte la medesima lunghezza, e le parti non occupate dovranno essere chiuse con placche
copri foro in materiale plastico inserite a scatto.
Le dimensioni dei quadri dovranno essere tali da consentire l'installazione di un numero di eventuali
apparecchi futuri pari ad almeno il 20% di quelli previsti. Sui pannelli di chiusura potranno essere fissati solo
strumenti di misura o apparecchi di comando e segnalazione (selettori, commutatori, indicatori luminosi
ecc.) appartenenti a circuiti ausiliari.
I pannelli dovranno essere apribili dovranno essere apribili a cerniera su un lato verticale e fissati con viti
sull'altro.
Con tutti i pannelli inseriti, non dovrà essere possibile il contatto con le parti in tensione; il fronte del
quadro dovrà presentare un grado di protezione non inferiore a IP20.
- Porte anteriori in resina autoestinguente o in lamiera di acciaio saldate ribordate, irrigidite e protette con
lo stesso trattamento superficiale sopra descritto per i contenitori.
A seconda della necessità di installazione, le porte saranno del tipo cieco o con vetro temprato. Esse
dovranno comunque essere dotate di maniglie in materiali isolante e di serrature.
In generale, oltre a quanto sopra specificato, tutte le parti in acciaio dovranno essere accuratamente
verniciate a forno con smalti a base di resine epossidiche, previo trattamento protettivo (sgrassatura,
fosfatazione, e due mani di antiruggine). Le parti non verniciate, ed in particolare la bulloneria dovranno
essere state sottoposte a trattamenti di protezione superficiali (zincatura, zincocromatura, ecc.). Tutti i
materiali isolanti impiegati nell'esecuzione dei quadri saranno di tipo incombustibile o non propagante la
fiamma. Sui disegni di progetto sono indicati il numero, il tipo e le caratteristiche necessarie per definire gli
interruttori previsti. Essi provvederanno ad interrompere tutti i conduttori (sia le fasi che il neutro) della
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 47
linea su cui sono inseriti, e saranno conformi alla tabella di cui all'articolo 473.3.2 della norma CEI 64-8/4
per quanto riguarda la protezione del neutro.
Oltre che di tutti gli apparecchi sui disegni di progetto e/o descritti nel computo metrico, il quadro dovrà
essere completo di ogni accessorio, anche non espressamente indicato, necessario ad assicurare il perfetto
funzionamento.
L'esecuzione dovrà essere conforme alle seguenti prescrizioni:
• I cablaggi dei circuiti ausiliari dovranno essere eseguiti con conduttori flessibili isolati in PVC (cavo NO7VK) aventi sezioni non inferiori a 1,5mmq, dotati di capicorda a compressione isolati e di collari di
identificazione.
Essi verranno disposti in maniera ordinata e per quanto possibile, simmetrica entro canaline in PVC munite
di coperchio e ampiamente dimensionate.
Le canaline dovranno essere fissate al pannello di fondo mediante viti autofilettanti, o con dado, o rivetti.
Non è ammesso l'impiego di canaline autoadesive.
• I conduttori per il collegamento degli eventuali apparecchi montati sui pannelli di chiusura frontali
dovranno essere raccolti in fasci, protetti con guaina o spirale in plastica ad avere lunghezza sufficiente ad
evitare sollecitazioni di trazioni o strappi a pannello completamente aperto.
• Tutti i conduttori di neutro e di protezione di terra saranno chiaramente contraddistinti fra loro e dagli
altri conduttori per mezzo di colorazioni diverse (blu chiaro per il neutro e giallo-verde per i conduttori di
terra).
• Tutti i conduttori in arrivo e/o in partenza dal quadro di sezione minore uguale a 16mmq dovranno essere
attestati su morsetti di adeguata sezione di tipo isolato, componibili, montati su guida profilata unificata
tipo din e numerati o contrassegnati; quelli aventi sezioni superiore a 16mmq saranno provvisti di adatto
capicorda a compressione e collegati direttamente agli interruttori ed ancorati all'intelaiatura per non
sollecitare gli interruttori stessi.
• Tutti i conduttori di terra o di protezione e/o in partenza dovranno essere attestati su una sbarra di terra
in rame. I conduttori dovranno essere collegati singolarmente mediante viti con dado e capicorda ad
occhiello.
• Tutte le parti metalliche del quadro dovranno essere collegate a terra. Il collegamento di quelle mobili o
asportabili sarà eseguito con cavo flessibile (cavo NO7V-K) di colore giallo verde o con treccia di rame
stagnato di sezione non inferiore a 16mmq muniti alle estremità di capicorda a compressione di tipo ad
occhiello .
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 48
Sui pannelli frontali verranno riportate, incise con pantografo su targhette in trafolite, tutte le scritte
necessarie ad individuare chiaramente i vari apparecchi di comando, manovra, segnalazione ecc.
Per quanto possibile tutte le apparecchiature installate nei quadri dovranno essere prodotte dalla stessa
casa costruttrice.
A completamento della fornitura l'installatore dovrà fornire la seguente documentazione:
- disegno del fronte quadro e foratura solette (eventuale);
- schemi unifilari;
- schemi funzionali;
- elenco delle apparecchiature
- certificato di collaudo ai sensi della norma CEI 17-13/2.
N.B.: salvo diversa indicazione riportata su altri elaborati di progetto, il grado di protezione dei quadri dovrà
essere, con tutte le apparecchiature inserite e le porte chiuse, non inferiore a 31; particolare cura sarà
posta nell'adottare adeguati sistemi di tenuta nei punti di ingresso e di uscita affinché tale grado di
protezione non risulti abbassato.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 49
10.4.
IMPIANTO DI TERRA E COLLEGAMENTI EQUIPOTENZIALI
Tale impianto deve essere realizzato in modo da permettere le previste visite periodiche di efficienza e
comprende:
a) I dispersori di terra costituiti da elementi metallici posti in intimo contatto elettrico con il terreno e
distribuiti su tutta l'area occupata dall'edificio o qualora non fosse possibile occupare tutta l'area edificio
saranno distribuiti nel migliore dei modi nell'area libera rimanente; le dimensione minime dei dispersori di
terra sono riportate nella seguente tabella:
b) Il conduttore o collettore di terra (colore giallo-verde) che serve a collegare i dispersori tra di loro, con le
tubazioni metalliche accessibili destinate ad adduzione, distribuzione e scarico delle acque e con le masse
metalliche, accessibili e non, di notevole estensione (quali ad esempio, l'armatura del cemento armato).
La sezione del conduttore di terra è quella prevista per il montante collettivo di terra, quando il conduttore
di terra venga posato nudo ed interrato dovrà avere le stesse dimensioni minime previste per i dispersori.
c) Il conduttore di protezione (colore giallo verde) che partendo dal conduttore di terra arriva in ogni locale
e deve essere collegato a tutti i poli di terra delle prese di corrente o delle morsettiere delle
apparecchiature elettriche o direttamente alla carcassa metallica di tutti gli apparecchi.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 50
In particolare è vietato usare come conduttore di terra il conduttore neutro, anche se messo a terra e le
tubazioni metalliche.
Il valore della resistenza di terra per i sistemi di I categoria , (fermo restando il limite di 20 Ohm), dovrà
essere coordinato con la soglia di intervento dei dispositivi di massima corrente e differenziali in modo da
garantire in qualsiasi parete dell'impianto, in caso di guasto, che la tensione verso terra non superi i 50V per
tempi superiori a 5sec.
Per i sistemi di II e III categoria il valore di terra dovrà essere tale da soddisfare quanto indicato dall’articolo
2.2.04 della norma CEI 11-8
All'impianto di terra devono essere collegate:
- tutte le parti accessibili dell'impianto elettrico e degli apparecchi utilizzatori normalmente non in tensione,
ma che per difetto di isolamento o per altre cause potrebbero esser causa di tensioni pericolose
- le strutture metalliche dei quadri elettrici
- gli apparecchi di illuminazione ed i poli centrali delle prese a spina
- tutte le tubazioni montanti (acqua, gas, riscaldamento, ecc.)
- i nodi equipotenziali dei servizi igienici, bagni e docce
- canali di distribuzione dell'aria e tubazioni impianti tecnologici
Per i collegamenti equipotenziali verranno impiegati i seguenti organi di connessione
a) Morsetti in lega pressofusa per tubi fino a circa 2" costituiti da due parti apribili e serrate sulla tubazione
con due bulloni in acciaio zincato, provvisto di morsetto a vite per il conduttore equipotenziale:
b) Morsetti in acciaio zincato o cadmiato per tubazioni fino a circa 6" serrate mediante fascetta in nastro di
acciaio zincato, provvisti di morsetto a vite per il conduttore equipotenziale:
c) altri tipi di morsetti purché approvati dalla direzione lavori
I morsetti saranno posti in opera in modo che staccando il rosone che di norma copre l'entrata del tubo nel
muro,sia possibile ispezionare la connessione conduttore equipotenziale - morsetto oppure in altro modo
equivalente.
Le zone sottostanti i morsetti o i bulloni dovranno essere accuratamente pulite al fine di garantire la
migliore continuità possibile.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 51
10.5.
BARRIERE PER PREVENIRE LA PROPAGAZIONE DEGLI INCENDI
In tutti i punti di attraversamento degli impianti elettrici di solette, pareti REI, o di ambienti
compartimentati la ditta installatrice dovrà farsi carico di provvedere al ripristino del grado REI di
compartimentazione nel punto di passaggio dei propri impianti.
La barriera passiva resistente al fuoco dovrà essere salvo dove diversamente specificato in classe REI 120 e
si realizzerà chiudendo il vano di attraversamento con pannelli in lana minerale già pretrattati su di un lato
con almeno 2 mm di materiale resistente al fuoco e con la superficie trattata rivolta verso l’esterno.
Inoltre si dovrà provvedere all’interposizione fra cavi e canalina di spugna resistente al fuoco di tipo
intumescente ed alla sigillatura finale con stucco resistente al fuoco lungo i bordi perimetrali del vano e
intorno ai cavi.
I materiali utilizzati per la formazione delle barriere dovranno essere conformi alle seguenti descrizioni :
· Pannelli in lana minerale ad elevata densità (152 kg/mc) trattato su di un lato con 2 mm uniformi di
materiale resistente al fuoco a base fibrosa di colore giallo/verde, dimensioni commerciali 1000x600x62
mm.
· Spugna resistente al fuoco di tipo intumescente di colore giallo, dimensioni commerciali 1000x150x30 mm
· Stucco resistente al fuoco a base fibrosa di tipo speciale idrorepellente di colore giallo, in cartucce da 310
ml
- saranno poste barriere taglia fiamma in tutti i passaggi di solette e travature che identifichino i vari piani e
le zone di compartimentazione al fuoco.
- saranno poste barriere taglia fiamma all'entrata del fascio di cavi nel locale cabina di trasformazione
MT/BT
- saranno poste barriere taglia fiamma nei passaggi attraverso le pareti taglia fuoco della centrale termica,
delle centrali di condizionamento od altri locali impianti tecnologici, ove esistano le pareti stesse
Le barriere taglia fiamma nelle canaline dovranno avere spessore minimo 0,20 m. ed ottenute con lana di
roccia o con materiale fortemente coibente ed incombustibile interposta tra i cavi e tra questi e le pareti
delle canaline.
Multi-Cable Transito, Flanematic, Fire Barrier 3M o similari, comunque corredati di certificato di
omologazione CESI o equivalenti.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 52
10.6.
ESECUZIONE, CONNESSIONE ED ALLACCIAMENTI AGLI IMPIANTI TECNOLOGICI
Qualora la ditta installatrice degli impianti elettrici fosse incaricata anche dell'esecuzione degli impianti
elettrici relativi agli impianti tecnologici dovrà provvedersi in maniera conforme alle seguenti specifiche.
Le apparecchiature di manovra, controllo e protezione di tutti i motori saranno concentrate su quadri di
distribuzione installati all'interno delle centrali.
Ogni motore sarà comandato da un teleruttore (nel caso di avviamento in corto circuito) o da un gruppo di
teleruttori (nel caso di azionamento a due velocità o avviamento stella/triangolo).
Il teleruttore sarà dimensionato per la corrente nominale del motore e per la classe di azionamento.
La bobina sarà sempre alimentata, attraverso un trasformatore, da un circuito ausiliario separato dal
circuito di potenza del motore.
La protezione contro le sovracorrenti e contro i contatti indiretti sarà assicurata da un interruttore
magnetotermico differenziale di calibro adatto, la protezione contro i sovraccarichi sarà assicurata da relè
termici regolabili agenti sul circuito della bobina.
I relè termici saranno sempre dotati di contatto per la segnalazione luminosa di scattato-relè, mentre per i
teleruttori sarà prevista la segnalazione luminosa di aperto-chiuso.
Le linee di collegamento fra i quadri di distribuzione ed i motori saranno realizzati con cavi multipolari con
conduttori in rame isolati in materiale termoplastico non propagante l'incendio per 4KV di prova. Le sezioni
saranno proporzionate alle correnti nominali dei motori.
I cavi saranno posati su passerelle metalliche con discese in tubazioni di acciaio zincato.
Accanto ad ogni motore sulle strutture o su apposita colonnina, sarà posto un interruttore di sezionamento
che interrompa tutte le fasi attive, eccetto il conduttore di terra.
L'interruttore sarà collegato alla morsettiera del motore con un tratto di cavo entro guaina metallica
flessibile munita di raccordi filettati.
Sul quadro sarà pure prevista l'installazione delle centraline elettroniche di regolazione; i cavi di
collegamento agli organi in campo delle regolazione saranno di tipo multipolare posati con le stesse
modalità descritte per i cavi di energia.
Per i fan-coils ed i termostati ambiente dovrà essere prevista una doppia rete di tubazioni (una per forza
motrice ed una per regolazioni), comprensive di conduttori, con partenza dalla centrale di
condizionamento. L'impianto dovrò essere completo del collegamento dei motori dei ventilconvettori, delle
valvole motorizzate con relative centraline e sonde, nonché dei termostati ambiente.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 53
10.7.
IMPIANTO RIVELAZIONE FUMI
Centrale impianto di rilevazione fumo-incendio
La centrale dovrà essere alloggiata in un armadio progettato per essere montato direttamente sul muro o
su di una superficie verticale.
Il fondo dell'armadio e lo sportello dovranno essere d'acciaio ed avere lo spazio necessario per i
collegamenti elettrici nei lati e sulla sommità.
Lo sportello dell'armadio dovrà avere una serratura con chiave ed un vetro o un'apertura trasparente per
poter
vedere dall'esterno tutte le segnalazioni ottiche.
La centrale dovrà fornire o potrà espandersi fino alle seguenti capacità:
Loop Intelligenti/Indirizzabili 16
Rivelatori Intelligenti per ogni loop 127
Moduli Indirizzabili per ogni loop 127
Totale Rivelatori Intelligenti 2032
Totale Moduli Indirizzabili o di Controllo 2032
Tot. Dispositivi Intelligenti/Indirizzabili per sistema: 2032
Quando viene segnalata una condizione d'allarme incendio da uno dei dispositivi di rivelazione del sistema,
si verificherà quanto segue:
- Lampeggerà il LED d'allarme generale.
- Sarà attivato un dispositivo acustico sulla centrale.
- Il display a cristalli liquidi visualizzerà tutte le informazioni associate all'allarme e necessarie alla sua
localizzazione.
I messaggi di allarme avranno la priorità su eventuali messaggi di guasto visualizzati sul display.
Sarà inviato al monitor CRT-1 ed alla stampante il messaggio relativo all'evento, che dovrà contenere
almeno:
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 54
Indirizzo del punto in allarme/guasto, Scritta in chiaro programmata dall'utente per individuare il punto in
allarme/guasto, data ed ora dell'evento, eventuale Zona attivata dall'evento, Stato del l'evento (da
riconoscere, Riconosciuto, Tacitato, Resettato).
- Saranno effettuate automaticamente tutte le attivazioni dei dispositivi di segnalazione o attuazione
programmate per quel evento.
L'attivazione del tasto di riconoscimento sulla centrale, in risposta ad una nuova condizione di guasto o
allarme, taciterà il dispositivo acustico della centrale e cambierà la condizione dei LED d'allarme o guasto di
sistema da lampeggianti a fissi.
Nel caso in cui si verificassero altre nuove condizioni d'allarme o guasto nel sistema, l'attivazione di questo
tasto farà avanzare il display alla condizione successiva di guasto o allarme, e non taciterà il dispositivo
acustico locale ne' cambierà la condizione dei LED da lampeggianti a fissi finché tutte le nuove condizioni
non sono state riconosciute.
Le nuove condizioni d'allarme saranno sempre visualizzate prima delle nuove condizioni di guasto.
L'attivazione del tasto di riconoscimento permetterà anche di visualizzare sui monitor CRT del sistema e
sulle stampanti il messaggio corrispondente (con l'indicazione dell'ora).
In caso si verificassero nuove condizioni d'allarme o guasto, risuonerà il segnale acustico e si ripeteranno le
sequenze già descritte
La centrale dovrà essere dotata dei seguenti tasti :
Tasto di tacitazione allarmi acustici
Tasto di reset del sistema
Tasto di test del sistema
Tasto di teste lampade
tastiera alfanumerica per inserzione codice di accesso personale che abiliti i tasti di cui sopra al
funzionamento. Il sistema dovrà includere uno speciale test automatico dei rivelatori che permetta
all'operatore di testare tutti i rivelatori intelligenti dalla centrale principale.
Il sistema dovrà includere temporizzatori di controllo indipendenti almeno per:
Tempo di Verifica Allarme (tempo in cui deve persistere la condizione perché si generi l'allarme)
Tempo Inibizione Tacitazione (tempo che deve trascorrere prima di poter tacitare l'evento)
Tempo di Durata Attivazioni (tempo dopo il quale le uscite si autotacitano)
Tempo di Ritardo Attivazioni (tempo dopo il quale le uscite si attivano)
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 55
Queste temporizzazioni devono poter essere abilitate o no per ogni singolo punto del sistema.
La centrale deve rivelare e segnalare automaticamente i guasti di qualsiasi circuito a microprocessore,
memoria o software. Oltre a questi, saranno rivelati tutti i guasti sui collegamenti verso tutti i periferici,
distinguendo almeno:
Taglio, Corto Circuito, Collegamento a Terra di almeno uno dei 2 conduttori, Collegamento a Terra del
Negativo di Alimentazione Centrale, Collegamento a Terra Terminale remoto.
Il sistema dovrà avere la capacità di visualizzare oltre che sul display LCD ed il terminale remoto, anche
tramite la stampante di sistema, la sensibilità programmata ed il valore Analogico presente al momento per
tutti i rivelatori intelligenti analogici del sistema.
Sulla stampa della sensibilità sarà indicata la percentuale rispetto alla soglia di allarme programmata per
quel Tutti i fili di collegamento dei vari dispositivi in campo dovranno essere completamente supervisionati
dalla centrale.
In caso di mancanza rete, batteria di riserva scollegata o circuiti aperti nel sistema sarà attivato un segnale
ottico/acustico di guasto, finché il sistema non verrà riportato alla normalità.
- un display a cristalli liquidi (LCD) da 2 linee di 40 caratteri
- una tastiera alfanumerica con 25 tasti a membrana
- le segnalazioni ottiche ed acustiche dettate dalle normative
per cui e' omologata.
Rivelatori di fumo
Rivelatore ottico di fumo
In generale viene prevista l’adozione di rivelatori ottici di fumo a diffusione in grado si reagire a tutti i fumi
visibili e quindi particolarmente adatto per rilevare fuochi covanti e fuochi a lento sviluppo che
normalmente si manifestano nella fase precedente all’incendio con sviluppo di fiamma; in questa fase
quindi il fumo prodotto dal focolaio è chiaro ed estremamente riflettente.
Il rivelatore ottico di fumo interviene tempestivamente a segnalare il principio di incendio prima che siano
prodotti
danni ingenti.
I rivelatori dovranno ottemperare alla seguenti caratteristiche generali :
- grande affidabilità di funzionamento;
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 56
- insensibilità ai disturbi elettromagnetici;
- comportamento di risposta costante nel tempo
- predisposto per il test di funzionamento ed il controllo di inserzione;
- indicazione di funzionamento e di allarme tramite LED;
- design compatto ed elegante;
Ogni rivelatore disporrà di due LED che lampeggiano in stand-by e presentano luce fissa in condizione di
allarme per permettere una facile identificazione.
Specifiche tecniche rivelatori ottici
Corrente di riposo 120 microampere
Temperatura di funzionamento 0 C.+ 49 C
Umidità relativa (senza condensa) 10 - 93%
Diametro indicativo 103 mm
Altezza indicativa 43 mm
Peso 277 gr.
Costruzione Materiali ignifugo
Rivelatori termovelocimetrici e di massima temperatura
Il rivelatore termovelocimetrico e di massima temperatura verrà utilizzato in particolare per la protezione
di locali ed installazioni nei quali un principio d’incendio sia accompagnato da un repentino aumento della
temperatura o in altri dove differenti rivelatori d’incendio non possano essere applicati a causa di presenza
di fumo, vapore, ecc.
Il rivelatore reagisce quindi al veloce incremento di temperatura ed anche al superamento della
temperatura massima prestabilita.
I rivelatori saranno montati su una base facilmente installabile ed il loro posizionamento dipenderà
dall’oggetto da sorvegliare e dalle condizioni ambientali.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 57
Caratteristiche generali prescritte per i rivelatori di termovelocimetrici e di massima temperatura
- Largo spettro di applicazione;
- elevata sensibilità di risposta;
- protezione contro l`umidita` e la corrosione;
- circuito elettronico protetto contro i disturbi elettrici;
- misura elettronica della temperatura, nessuna necessita di manutenzione, assenza di parti meccaniche
mobili.
Specifiche tecniche
Corrente di riposo 100 microampere
Temperatura di funzionamento 0 C + 50 C
Umidità relativa (senza condensa) 10 - 93%
Diametro 103 mm
Altezza 52 mm
Peso 277 gr.
Costruzione Materiale ignifugo
Rivelatori per condotte d’aria
I rivelatori per condotte campionano le correnti d'aria circolanti nelle condotte per rivelare l'eventuale
presenza di
particelle di fumo provenienti da un incendio. Dovranno essere adatti per l'installazione sia su canali
rotondi che rettangolari.
Dovranno essere realizzati in modo tale da rendere il più semplice possibile le operazioni di manutenzione e
pulizia periodiche.
La camera di analisi dei rilevatori dovrà prelevare costantemente, per mezzo di un apposito tubo inserito
all'interno della condotta, in modo che l'aria fatta passare attraverso il rivelatore qualora vi fosse presenza
di fumo invii una segnalazione d'allarme alla centrale, in modo da attuare le misure necessarie per
fronteggiare l'evento (arresto della ventilazione, chiusura di serrande, ecc.). Il funzionamento ottimale del
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 58
sistema si realizza con un flusso costante ed unidirezionale dell'aria, ad una velocità compresa tra i 2 ed i 20
m/sec.
caratteristiche tecniche
tensione di alimentazione 24 V
consumo di corrente in stand-by 15 microampere
consumo di corrente in allarme 30 mA
contatti d’allarme N.O. libero da tensione (10 A - 30 VCC)
contatti ausiliari contatto di scambio libero da tensione (10 A- 30 VCC)
temperatura 0 - 50 C
umidità relativa da 10% a 93% senza condensa
Velocità dell'aria della condotta
di ventilazione 2 - 20 m/sec
dimensioni cm 37x13x18
peso Kg 3,2
L’elenco delle condotte da tenere sotto controllo e le apparecchiature da bloccare in caso d’allarme dovrà
essere fornito dalla committente e/o dal tecnico incaricato responsabile degli impianti di climatizzazione.
Rivelatori di fumo a sicurezza intrinseca (Atex)
Questi rivelatori avranno le medesime caratteristiche di cui sopra ma saranno di tipo a sicurezza intrinseca
e cioè adatti all’installazione all’interno di ambienti con pericolo di esplosione.
Devono essere in conformità con le norme:
EN 50 014 e EN 50 020 per appararecchiature a sicurezza intrinseca.
e certificati :
ATEX : Ex II 1G
Cenelec: EEx ia IIC T5
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 59
Segnalatori manuali d’incendio
La segnalazione manuale d’incendio sarà effettuata attraverso pulsanti di allarme manuale a rottura vetro
dotato di Led di segnalazione avvenuto azionamento adatto al montaggio a giorno in ambienti chiusi non a
rischio.
Il pulsante sarà adatto per impianti analogici e quindi completo di circuito di identificazione il quale assegna
l'indirizzo dell'elemento per mezzo di due interruttori decimali.
Assieme al pulsante dovrà essere fornita una chiave per effettuare il test una volta installato il pulsante.
La chiave servirà per la simulazione della condizione di allarme.
Caratteristiche tecniche:
- Minima tensione di funzionamento 15V
- Massima tensione di funzionamento 30V
- Intensità di corrente 200 microampere a riposo 5 milliampere in allarme (LED: 30mA max.)
- Grado di protezione IP44
Segnalatori ottici acustici di incendio (pannello ottico acustico)
I pannelli luminosi saranno interamente costruiti con materiali non combustibili o non propagatori di
fiamma.
Schermi e diciture saranno in PVC autoestinguente, le parti laterali e frontali in ABS autoestinguente, il
corpo centrale in alluminio estruso verniciato con smalti di particolare durezza e resistenza nel tempo.
Le diciture, su sfondo rosso, sono visibili esclusivamente a cassonetto attivo.
Per i pannelli luminosi a seconda del punto di installazione e del servizio realizzato sono previste le seguenti
diciture
- evacuare il locale, spegnimento automatico imminente;
- vietato entrare, spegnimento automatico imminente;
- spegnimento in corso;
- abbandonare il locale;
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 60
- allarme antincendio;
- impianto antincendio intervenuto non entrare;
- non entrare spegnimento in corso;
- allarme gas.
Specifiche tecniche
- Modello con 4 lampade ad incandescenza da 3W a luce fissa funzionante indifferentemente a 12 e 24
V.c.c./c.a.
- Corredato da un avvisatore acustico piezoelettrico.
- Assorbimento A 24 V. 500 mA; 1 A a 12 V
- Dimensione 300 x 120 x 60 mm.
- Peso 900 gr.
Sirena elettronica d’allarme
dove necessario realizzare l’allarme acustico si prevede l’installazione di sirena elettroniche di allarme per
applicazione in impianti antincendio e di sicurezza con un controllo di volume incorporato.
Caratteristiche principali
- basso profilo
- controllo di volume incorporato
- ingresso cavi laterale e posteriore
- basso consumo di corrente
- funzionamento senza manutenzione
Specifiche tecniche
- tensione di alimentazione 24Vcc polarizzata
- uscita SPL
(potenza di emissione acustica) 83/103 dBA nominale ad 1 metro
- suoni disponibili cicalino, suono veloce, lento o continuo
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 61
- consumo di corrente 17 mA
- temperatura di funzionamento -40 ö +70 gradi C
- grado di protezione IP45
- collegamenti morsettiera a 3 posizioni con selezione per suono continuo o bitonale
10.8.
IMPIANTO ANTINTRUSIONE
Centrale 8 zone
Permette l’autoapprendimento dell’impianto e la visualizzazione della configurazione sul display.
E’ comandabile tramite telecomando IR, transponder e tastiera.
Caratteristiche fondamentali sono:
gestione indipendente di ogni sensore, programmabile anche da PC, memoria eventi dettagliata e memoria
solo allarmi, associazione di un nome a scelta a zone e sensori, personalizzabile dei messaggi di allarme,
rubrica telefonica per invio allarmi. Consente la comunicazione bidirezionale tra utente e impianti tramite
comunicatore telefonico PSTN - predisposto per invio messaggi vocali tramite collegamento all’impianto
diffusione sonora.
Rivelatore di presenza
Rilevatore di presenza volumetrico a doppia tecnologia costituito da due sensori:
uno ad infrarossi per la rivelazione di corpi caldi (IR) e uno a microonde per la rilevazione del movimento
(MW).
L’allarme si genera solo quando entrambe le tecnologie di rilevazione si attivano.
Inseritore
Ricevitore per l’inserimento ed il disinserimento dell’impianto tramite il telecomando - segnalazione stato
impianto tramite led – possibilità di disabilitazione delle segnalazioni luminose ed acustiche – possibilità di
impostare l’attivazione di zone fisse dell’impianto - canale ausiliario disponibile per attuazioni su controlli di
accesso (elettroserrature).
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 62
Disinseritore a chiave
Modulo per disinserimento e blocco dell’impianto mediante chiave meccanica - segnalazione stato impianto
tramite led - dotato di portellino di occultamento - chiave con 10.000 combinazioni
Sirena
Sirena da esterno che contiene la batteria di autoalimentazione di tutto il sistema - segnalazione acustica
regolabile da 0 a 10 minuti tramite la centrale - da equipaggiare con batteria 12V 12Ah art. 3505/12 - intensità
sonora 105dB(A) a 3 metri - segnalatore ottico con lampada allo xenon - griglia antischiuma - protetta contro
strappo ed apertura - da abbinare all’alimentatore.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 63
10.9.
IMPIANTI TELEFONICO E TRASMISSIONE DATI
10.9.1. Cavo UTP cat. 6
Caratteristiche
• Ottimizzato per applicazioni full duplex sulle 4 coppie
• Larghezza di banda utilizzabile fino a 350 MHz
• Caratteristiche di bilanciamento (LCL/TCL, EL, TCTL)
• Attenuazione ridotta (insertion loss)
• Standard TIA/EIA 568-B.2-1 per la Categoria 6
• ISO/IEC-11801 (2ª edizione) Classe E
• Guaina PVC
• NVP (velocità nominale di propagazione): 70%
Specifiche materiali
·
·
·
Filo di rame nudo da 0,56 mm (23 AWG) isolato con polietilene
Due conduttori isolati ritorti a formare una coppia.
Quattro coppie a formare l’unità di base con guaina di PVC a propagazione ritardata della fiamma.
10.9.2. Frutti RJ45 Femmina UTP
• Compatibili EIA/TIA 568 A/B
• Da utilizzare con placche a muro o adattatori per frutti
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 64
10.10.
IMPIANTI CITOFONICI E VIDEOCITOFONICI
10.10.1.
Alimentatore stabilizzato
Alimentatore stabilizzato da parete, per impianto citofonico, base metallica e calotta in materiale
termoplastico. Potenza circa 20VA tensione di alimentazione primaria 230V secondaria 12V.
10.10.2.
Citofono
Citofono unificato da parete in materiale termoplastico di colore grigio in esecuzione con ronzatore
elettrico e apriporta elettrico.
10.10.3.
Posto esterno
Posto esterno per impianto citofonico parla-ascolta, costituito da piastra frontale in alluminio anodizzato da
montare su scatola ad incasso. Piastra equipaggiata di pulsanti muniti di targhetta portanome e completa di
tettuccio in alluminio anodizzato.
10.10.4.
Posto esterno videocitofonico
Posto esterno videocitofonico, costituito da scatola da incasso, piastra frontale in alluminio anodizzato
completa di bottoniera e telecamera di ripresa con illuminazione incorporata dell'aria di ripresa. Tettuccio
paraspruzzi in alluminio, illuminazione interna delle targhette portanome.
Numero di pulsanti di chiamata come da relazione tecnica.
10.10.5.
Posto interno videocitofonico
Posto interno videocitofonico da parete/tavolo, costituito da parla-ascolta completo di visore, ronzatore di
chiamata incorporato e pulsante di comando serratura elettrica.
10.10.6.
Cavo coassiale
Cavo coassiale da 75Ohm con schermo in calza di rame e guaina di protezione.
10.10.7.
Telecamere CCD
·
Tipo di tubo di ripresa: elemento sensibile allo stato solido tipo CCD a trasferimento di trama
(FRAME TRANSFER CCD)
·
Livello di sensibilità luminosa: inferiore o uguale a 0,3lux
·
Definizione: dovrà essere previsto un numero reale di pixels di almeno 576 x 384
·
Degrado: non dovrà esistere degrado nel tempo (per almeno 10 anni) dell'elemento sensibile
·
MTBF dell'elemento CCDD: dovrà essere maggiore o uguale a 100.000 ore
·
Meccanica: dovrà essere di solida realizzazione e non risentire di vibrazioni e/o campi magnetici
·
Dimensioni: abbastanza contenute e comunque minori di mm 180x80x80 senza obiettivo
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 65
·
Peso: dovrà essere contenuto al netto di 1 Kg
·
Alimentazione: dovrà funzionare in bassissima tensione a 24Vcc
·
Temperatura di esercizio: dovrà funzionare all'interno del range -20°C/+50°C
·
Umidità: dovrà funzionare all'interno del range 10% - 90%
·
Attacco obiettivo: standard internazione passo "C"
·
Connettore video: standard internazione BNC
·
Uscita segnale video: dovrà essere regolabile manualmente compreso tra 1 e 2 V.PP su 75 ohm
·
Max distanza di lavoro: dovrà essere superiore a 500 m con cavo RG 59 e senza amplificatori di
linea
·
Dinamica: dovrà essere sufficientemente elevata per escludere l'effetto di trascinamento delle
immagini e ombre
·
Esperienze: si richiede che vengano impiegati apparecchi ampiamente collaudati e venduti in molti
esemplari almeno in Italia
·
Dovrà essere prevista la possibilità di installazione su alcune telecamere di una gemma luminosa di
colore arancione, come segnalazione di telecamera in funzione.
10.10.8.
Monitors
·
Meccanica: esecuzione da tavolo o da incasso rack standard da definire in corso d'opera
·
Cinescopio: autoprotetto da 9" ad alta definizione in BN
·
Alimentazione: in bassissima tensione a 24Vcc
·
Segnale video in ingresso : da 0,5 a 2,5 V.PP
·
Banda passante: superiore a MHZ a-3dB
·
Distorsione geometrica inferiore o uguale al 3%
·
Temperatura di esercizio: compresa tra 0°C e +50°C
·
Dimensioni: standard rack 19” / o versione da tavolo
·
Peso: inferiore a 8 Kg.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 66
10.11.
MATERIALI DI RISPETTO
Dovrà essere prevista la fornitura, insieme ai materiali installati, che sono oggetto del presente progetto, di
una certa quantità di materiali di rispetto che permetta di affrontare un primo periodo di esercizio degli
impianti.
Il costo di questi materiali si deve intendere compreso nel prezzo dell'offerta.
Alla fine dei lavori di installazione a completamento degli impianti dovrà essere consegnato al personale
della Committente, preposto alla manutenzione, la seguente entità di apparecchiature:
·
fusibili una quantità pari al 20% di ogni tipo quelli in opera con un minimo di tre per tipo
·
bobine per teleruttori una quantità pari al 10% di ogni tipo quelli in opera con un minimo di uno per
tipo
·
lampade di segnalazione una quantità pari al 20% di ogni tipo quelle in opera con un minimo di uno
per tipo
·
chiavi per quadri una copia per ogni quadro installato e per ogni attrezzo per l'apertura di
contenitori di apparecchiature elettriche
·
lampade per illuminazione una quantità pari al 5% di quelli installati con un minimo di uno per tipo
L'offerta degli impianti dovrà essere corredata per ogni tipo di impianto di un elenco dettagliato dei
materiali di rispetto (parti di ricambio) di cui si prevede la fornitura per un anno di manutenzione e
conduzione impianti.
10.12.
MAGGIORAZIONI DIMENSIONALI
Ad ogni effetto, si precisa che maggiorazioni dimensionali, in qualunque caso fissate dal presente capitolato
rispetto ai valori minimi consentiti dalle norme CEI o di Legge, sono adottate per consentire possibili futuri
limitati incrementi delle utilizzazioni, non implicanti tuttavia veri e propri ampliamenti degli impianti.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 67
11. Impianto Cogenerazione
Oggetto dell’intervento è la realizzazione di un Impianto alimentato a Fonti Rinnovabili (BIOMASSE
LEGNOSE ) .
Il progetto prevede la costruzione e l’esercizio di un impianto di produzione di energia elettrica mediante
l’utilizzo di un turbogeneratore ORC (Organic Rankine Cycle) costituito da una caldaia alimentata a
biomassa (cippato) di potenza termica pari a 999 KWth ed una potenza termica lorda pari a 165 KWel.
La tecnologia per produrre energia da biomasse prescelta consente un processo di combustione abbinato a
turbina ORC. Il processo di combustione avverrà in apposita caldaia per biomassa la quale genera calore
utile ad essere utilizzato su generatori a ciclo Organic Rankine Cycle.
La soluzione proposta, innovativa e adatta ad impianti che hanno una rete di teleriscaldamento da servire,
considera l’utilizzo di uno speciale ORC che viene azionato direttamente dai fumi di combustione della
caldaia.
In particolare la caldaia a biomassa avrà una potenza termica del combustibile pari a 999 KW (circa 350
Kg/h di cippato con p.c. medio pari a 2,85 KWh/Kg)
L’alimentazione avverrà a mezzo sistema di carico a rastrelli automatico.
La turbina ORC proposta, alimentata direttamente dai fumi della caldaia opportunamente depolverati, avrà
potenza elettrica nominale pari a 153 kW.
La potenza termica utile, pari a 267 kW, sarà distribuita tramite rete di teleriscaldamento.
Questa scelta permette di avere elevati rendimenti, lavorando con un delta termico elevato, e una
temperatura in uscita dell’acqua di raffreddamento alta.
La biomassa può essere processata con un tenore di umidità fino al 50% e in forma di cippato.
L’utilizzo di questa tecnologia, a differenza della pirogassificazione proposta al bando Kyoto, risulta essere
fortemente robusta, economicamente più vantaggiosa e con maggiori rese nel comparto della produzione
di energia termica disponibile per gli utenti tramite rete di teleriscaldamento.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 68
11.1.
Elementi costitutivi dell’impianto
L’impianto di cogenerazione è costituito dai seguenti elementi principali:
1) EDIFICIO PREFABRICATO;
2) PIAZZALE DI CARICO E MANOVRA;
3) BUNKER STOCCAGGIO CIPPATO;
4) SISTEMA DI CARICO CIPPATO;
5) BRUCIATORE E CALDAIA;
6) CICLONE DEPOLVERATORE;
7) SCAMBIATORE FUMI-FLUIDO E TURBINA ORC;
8) FILTRO A MANICHE;
9) VENTILATORE ESTRAZIONE FUMI;
10) CAMINO ESPULSIONE FUMI (E01);
11) LOCALE POMPE TELERISCALDAMENTO;
12) PUFFER ENERGETICO;
13) LOCALE DI CONTROLLO (PLC);
14) SERVIZI IGIENICI;
15) LOCALE ELETTRICO;
16) DRY COOLER ORC;
17) DRY COOLER ACQUA RAFFREDDAMENTO CALDAIA;
18) RETE TELERISCALDAMENTO
19) RETE DI CONNESSIONE ENERGIA ELETTRICA
Nel presente progetto analizzeremo i componenti dell’impianto che richiedono l’impiego di strumenti
elettrici per il loro funzionamento (quelli evidenziati in giallo).
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 69
11.1.1. SISTEMA DI CARICO CIPPATO
La parte meccanica del sistema di carico del cippato per silos di stoccaggio combustibile sarà completa di
estrattore a letto flottante per l’immagazzinamento e l’estrazione della segatura, truciolo, cippato, secco
e umido della capacità di MC 160. L’estrattore sarà del tipo orizzontale composto da nr 2 rastrelliere e
bracci della larghezza di mt 1,80. cad. installata a pavimento su guide di scorrimento e collegate a nr 2
cilindri oleodinamici alimentato da una centralina di pompaggio olio. Il tutto fissato ad una struttura in
cemento armato con contropiastre. La programmazione del funzionamento avverrà a mezzo di un quadro
elettrico generale composto da organi di protezione elettrica, interruttori di comando, spie di
funzionamento.
Il trasporto in orizzontale dal silo di stoccaggio al bruciatore avverrà a mezzo coclea di trasporto
combustibile completa di motovariatore, struttura autoportante in acciaio con porte di ispezione e
accessori per il funzionamento.
Il tutto fissato ad una struttura prefabbricata in cemento armato con contro piastre.
Il trasporto in verticale dal bunker di stoccaggio al bruciatore avverrà con N°1 coclea inclinata atta a far
raggiungere la quota di carico.
Possiamo così riassumere i carichi elettrici del sistema di carico:
·
Nr. 2 rastrelliere : 11 kW
·
Coclea orizzontale: 4 kW
·
Coclea inclinata:
4 kW
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 70
11.1.2. BRUCIATORE E CALDAIA
Il sistema di combustione sarà costituito dai seguenti sub-sistemi:
· GENERATORE DI EFFLUENTE GASSOSO
Generatore di effluente gassoso con potenza
resa di 990 kW
con tecnologia a GRIGLIA
MOBILE completa di camera di post combustione
adiabatica rivestita in refrattario aventi le
seguenti caratteristiche di progetto: temperatura
dei fumi alla temperatura di 850-950°C .La
camera di combustione è stata studiata e
realizzata per utilizzare combustibili solidi legnosi
ed in alternativa anche combustibili liquidi e
gassosi. La struttura auto portante a sviluppo orizzontale costruita in acciaio speciale dello spessore di mm
10÷12 atta a sopportare le sollecitazioni termiche con camera di combustione ad ampia sezione
completamente secca a più giri di fumo per la decantazione ottimale delle polveri contenute nei fumi, con
temperature in camera di combustione variabili da 800÷1.000°C provvista di sportelli per la periodica
pulizia, camera di post-combustione con ingresso dei gas ad alta velocità turbolenta per effetto del
particolare sistema di iniezione dell’aria di combustione secondaria. Rivestimento refrattario ad alto
contenuto di allumina in mattoni refrattari opportunamente fissati con appositi ancoranti e gettate
refrattarie ad alta densità isolante. Rivestimento isolante in materiale antiradiante ad alta densità con
pannellature di tamponamento in acciaio verniciate con vernici speciali.
· CAMERA DI COMBUSTIONE ADIABATICA
Camera di combustione adiabatica alimentata con sistema a coclea per caldaia a griglia mobile modulante a
gradini, con elementi in acciaio al nickel per combustibili con umidità dal 10÷100% base secco con
funzionamento orizzontale alternato a mezzo di spintore meccanico per l’avanzamento controllato del
combustibile sulla griglia. Ventilatori aria primaria, secondaria, terziaria completi di serrande manuali e
motorizzate per la regolazione e chiusura dell’aria di combustione. Struttura di supporto griglia con
raffreddamento ad acqua. La camera di combustione dove risiede il braciere a griglia mobile è rivestita con
3 livelli di refrattario, 2 isolanti verso l’esterno, ed uno di ottima qualità all’interno, a diretto contatto con
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 71
la fiamma; la gestione del funzionamento del braciere a griglia mobile è divisa in zone indipendenti. Un
accumulo iniziale per compensare la variazione di potenza e favorire l’essiccazione del combustibile. Due
zone indipendenti nella griglia mobile dove avviene la gassificazione e la combustione primaria del
combustibile, aventi aria di combustione gestita in forma autonoma e movimento delle 2 zone griglia
completamente indipendenti. Nella zona successiva, costituita da una camera adiabatica completamente
rivestita in materiale refrattario di altissima qualità si riceve in contro corrente la massa di gas e fumi
generati nella camera di combustione, dove si miscela ulteriormente all’ossigeno e si bruciano i rimanenti
gas incombusti, ottenendo una temperatura al riverbero di circa 900°c. Successivamente, il flusso gassoso
attraverserà la zona di decantazione, costituita da una camera, sempre adiabatica, dove un aumento della
sezione di passaggio, provoca a parità di portata una notevole diminuzione della velocità nell’effluente ed
ha il doppio scopo di aumentare i tempi di permanenza dei fumi in camera di combustione e di favorire la
decantazione delle polveri grazie alla particolare geometria della camera e all’immissione turbolenta
dell’aria.
· BRUCIATORE
Bruciatore meccanico a coclea completo di braciere costruito in acciaio di forte spessore min.6 - max. 8
m/m con elementi in ghisa al cromo per la diffusione dell’aria primaria di combustione estraibili per la
periodica pulizia e manutenzione, motovariatore di portata trucioli completo di comando manuale di
regolazione, ventilatore aria primaria, secondaria, terziaria e quartaria completi di serrande manuale e
motorizzata per la regolazione e chiusura dell’aria di combustione, dispositivo di antincendio ad azione
positiva completo di sonda di rilevazione e regolatore. Tramoggia di alimentazione combustibile con
granulometria da O÷25 M/M completa di stella rompiponte, sportelli d’ispezione.
· SISTEMA DI MISCELAZIONE
Costruito a sviluppo verticale con struttura autoportante in lamiera di acciaio 4 m/m, isolamento in
materiale refrattario ad alto contenuto di allumina, opportunamente dimensionato completo di piedistalli,
contenitore ceneri carrellato, elettroventilatori di adduzione aria fresca
· SISTEMA DI ESTRAZIONE CENERI
Sistema di estrazione ceneri dalla caldaia con estrattore a rastrello, posizionato a un livello inferiore
rispetto al piano centrale termica, completo di sezionatore automatico a cassetto. Il sistema a rastrello è in
grado, congiuntamente ai residui di combustione, di gestire la movimentazione, estrazione e scarico sui
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 72
dispositivi di adduzione incombusti all’esterno della centrale termica, di tali residui ingombranti, evitando
in tal modo situazioni di anomalia e fermo impianto. Il sistema è completo di serranda taglia fuoco azionata
da cilindro per la compartimentazione rispetto al trasportatore a catena.
Il sistema di estrazione raccoglie le ceneri che vengono estratte e scaricate tramite opportune tramogge in
2 punti:
-Sottogriglia;
-Sopragriglia;
La movimentazione dei componenti del sistema è di tipo olio dinamico, direttamente gestita dal sistema
PLC della caldaia.
· SISTEMA DI RICEZIONE E CONVOGLIAMENTO CENERE
Sistema di ricezione e convogliamento residui dalla caldaia ,costituito da un trasportatore pesante tipo
REDDLER a doppia catena di trazione, completamente metallico e assemblato con sigillatura anti polvere
(sviluppo complessivo 8 metri), in grado di recepire i residui in scarico dal sistema Fenice. Scarico su bidone
cenere dotato di coperchio e ruote di trasporto. Il sistema di estrazione cenere sarà istallato a fianco della
caldaia all’interno della centrale termica.
11.1.3. CICLONE DEPOLVERATORE
Ciclone depolveratore fumi ad inversione di velocità inerziale per la captazione a
bassa velocità di aeriformi residui di combustione costruito a sviluppo verticale ,
con struttura autoportante in lamiera di acciaio di forte spessore min.2.5 - max.4
m/m opportunamente dimensionato completo di sportelli per la periodica pulizia e
manutenzione, piedistalli, serbatoio di raccolta ceneri, elettroventilatore estrattore
fumi completo di motore potenza. La funzione del ciclone è quella di immettere
fumi più “puliti” nello scambiatore dell’ORC e conseguentemente eseguire un
primo abbattimento delle polveri in uscita al camino.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 73
11.1.4. VENTILATORE ESTRAZIONE FUMI
Dimensionato per vincere le perdite di carico generate dalle tubazioni e dai diversi impianti posto la linea
fumi. Sarà realizzato come segue:
· Costruzione chiocciola ;
· Profilati di rinforzo di adeguata sezione;
· Sedia portamotore ;
· Tappo di scarico su chiocciola;
· Controsedia con vibrostop;
· Girante in corten a pale rovesce;
Il
ventilatore
sarà
costruito
in
modo
che
il
gruppo
sedia/motore/girante si possa smontare in blocco, lasciando
posizionata la chiocciola e le relative tubazioni collegate.
I tre sistemi sopradescritti vengono comandati dal Quadro Elettrico Caldaia, i carichi di questi sistemi sono
di:
·
Quadro Caldaia : 35 kW
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 74
11.1.5. SCAMBIATORE FUMI-FLUIDO E TURBINA ORC
La Fornitura comprende:
A.
La camera di processo ORC.
B.
Il quadro elettrico principale (MCC).
C.
Evaporatore standard per biomasse con tramoggia
D.
Pulizia automatica: le spazzole in acciaio inox, pulitore acustico o altro.
E.
Cablaggio tra camera di processo e quadro elettrico principale (10 m standard), esclusi i cavi di
potenza del generatore.
F.
Controllo dell’integrazione dell'impianto per quanto riguarda sicurezza, aspetti tecnici e funzionali.
Il dispositivo è conforme alla Direttiva apparecchi a Pressione (Pressure Equipment Directive, PED).
I tubi dell'evaporatore Triogen sono in acciaio inossidabile 309 e 316. La struttura e l’involucro
dell'evaporatore sono realizzati in acciaio inossidabile 304.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 75
Il processo della tecnologia ORC è meglio raffigurato dello schema grafico di seguito riportato.
Tutto il sistema ORC sarà comandato dal quadro dedicato che ha una potenza di :
·
ORC : 201 kW
11.1.6. CAMINO ESPULSIONE FUMI
Collegato al sistema ORC e alle rispettive utenze elettriche è compreso anche il camino di espulsione fumi.
La bocca del camino in progetto sarà ad altezza pari a 10,00 mt. Quindi 1 mt più in alto rispetto al colmo
della centrale. Nel raggio di 10 mt dal camino non sono presenti colmi di tetti, parapetti e/o altri ostacoli,
con esclusione del tetto della centrale stessa.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 76
La normativa di riferimento (DGR n. VII/6501) non tratta nello specifico casi di centrali alimentate a
biomasse legnose.
11.1.7. LOCALI TECNICI (POMPE, PLC e ELETTRICO)
LOCALE POMPE TELERISCALDAMENTO
Locale adibito all’alloggiamento delle pompe dedicate alla mandata alla rete teleriscaldamento e ai 3
scambiatori principali di Impianto realizzato in struttura in CA in opera con solaio prefabbricato e
tamponamenti in blocchi di cls REI 120. L’elettropompa di circolazione sarà dimensionata per vincere le
perdite di carico dell’intera rete di teleriscaldamento.
Il numero totale di pompe alloggiate nella sala pompe è 4.
Qui sotto una breve descrizione delle 4 pompe con i loro carichi elettrici:
Pompa KSB ETL 040-040-160 GG AA11D200222 BKSBIE2M o similare per Caldaia da 2,20 kW (SC01 P2)
Pompa KSB ETL 080-080-160 GG AA11D200752 BKSBIE2M o similare per ORC da 7,50 kW (SC02 P2)
Pompa KSB ETL 040-040-160 GG AA11D200222 BKSBIE2M o similare per BioSmoke da 2,20 kW (SC03 P2)
Pompa KSB ETL 065-065-250 GG AA11D203002 BKSBIE2M o similare per Teleriscaldamento da 30 kW (RIS
PM 01)
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 77
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 78
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 79
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 80
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 81
LOCALE PLC ed ELETTRICO
Locale adibito all’alloggiamento del PLC di controllo di tutte le dotazioni impiantistiche realizzato in
struttura in CA in opera con solaio prefabbricato e tamponamenti in blocchi di cls REI 120.
Il P.L.C. per il controllo programmato e automatico della combustione con microprocessore consentirà il
controllo di:
-
alimentazione combustibile in relazione all’energia richiesta con funzionamento modulante su livelli
differenziali in relazione ai parametri di set.
-
aria di combustione , tramite sistema INVERTER
-
aria primaria, regolata in funzione del livello di esercizio ( carico termico) con l’ottimizzazione dei
parametri di regolazione tramite l’uso di un convertitore trifasico di frequenza sull’aria primaria di
profondità.
-
aria secondaria e terziaria tramite comparazione e mantenimento del valore di riferimento nel
sovraccarico ossigeno nell’effluente gassoso con l’ottimizzazione dei parametri di regolazione tramite
l’uso di un convertitore trifasico di frequenza sull’aria secondaria e terzana;
-
depressione in camera di combustione con sistema elettro meccanico;
-
depressione costante all’interno della camera di combustione, attraverso la misurazione in continuo
effettuata dal trasmettitore di pressione e regolazione tramite la variazione della velocità di rotazione
dell’aspiratore fumi con l’utilizzo di un convertitore trifasico di frequenza (Inverter).
-
sicurezza di minima e massima depressione in camera di combustione con arresto in caso di valori
limite.
-
combustione con unità di misurazione, supervisione e analisi in continuo del sovraccarico di ossigeno
sull’effluente gassoso (sensore Lambda) e con retro regolazione della combustione per rispettare i
parametri settati;
-
avvenuta accensione del combustibile e mantenimento automatico della combustione in regime di
stand-by;
-
sicurezza di minima e massima temperatura al camino con arresto in caso di valori limite
Nella sala saranno posizionati anche i vari quadri elettrici di controllo.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 82
I carichi elettrici del locale tecnico si possono così riassumere:
·
Luci : 6,9 kW + 2,5 kW
·
Prese: 3 kW
·
Climatizzatore: 3 kW
11.1.8. PUFFER ENERGETICO
L’accumulatore di calore inerziale è indispensabile in quanto consente di immagazzinare il calore al
momento non necessario e rende più agevole la gestione dell’impianto ed inoltre consente di assorbire i
picchi di richiesta termica.
Sarà realizzato con un serbatoio in acciaio termicamente isolato entro il quale avverrà la circolazione del
vettore termico (acqua) durante le fasi di caricamento e prelievo del calore.
Il volume dell’accumulatore è dimensionato in 20 m3 ma potrà subire modifiche in fase esecutiva in
funzione dei seguenti fattori:
-
Campo di potenza della caldaia;
-
Aspettativa di confort nella gestione.
Il controllo del PUFFER ENERGETICO verrà effettuato attraverso l’utilizzo di:
· Trasmettitori di pressione ( mod. SIEMENS SITRANS P220 o similare)
· Indicatori di pressione ( mod. OMET MX1 o similare)
· Trasmettitori di Temperatura ( mod. SIEMENS SITRANS TS500 o similare)
Qui di seguito si riportano le schede tecniche dei componenti:
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 83
SIEMENS SITRANS P220
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 84
OMET MX1
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 85
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 86
SIEMENS SITRANS TS500
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 87
11.1.9. DRY COOLER ( ORC e CALDAIA)
I raffreddatori di liquido sono utilizzati nei processi
industriali (raffreddamento dell’acqua o di altri
fluidi), per il condizionamento e la refrigerazione
(raffreddamento dell’acqua e free cooling).
Gli elementi principali di un DRY COOLER sono:
· Scambiatore di Calore
· Elettroventilatori + quadro elettrico
· Convogliatore
· Struttura portante
Le parti elettriche da controllare sono gli elettroventilatori con il loro quadro elettrico.
I DRY COOLER utilizzano l'aria invece di acqua per raffreddare il vapore in uscita da una turbina. Questi
Sistemi a secco raffreddato non utilizzano acqua e possono ridurre il consumo totale di acqua dell’impianto
in una percentuale che arriva oltre il 90 per cento.
I compromessi a questi risparmi d'acqua sono costi più elevati e rendimenti più bassi.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 88
11.1.10.
TELERISCALDAMENTO
Il teleriscaldamento è una forma di riscaldamento che consiste essenzialmente
nella distribuzione, attraverso una rete di tubazioni isolate e interrate, di acqua
calda, acqua surriscaldata o vapore (detti fluidi termovettori), proveniente da una
grossa centrale di produzione, alle abitazioni/centri con successivo ritorno dei
suddetti alla stessa centrale. A questo punto la rete di tubazioni primaria incontra
quella secondaria degli utenti e avviene lo scambio di calore attraverso le
sottocentrali installate presso i diversi edifici. Il calore viene trasferito nell’acqua
delle tubazioni secondarie degli utenti e può essere utilizzato per riscaldare gli
ambienti o per costituire acqua calda sanitaria. Infine il fluido termovettore, che ha
ormai perso il suo calore, torna verso la centrale di teleriscaldamento, pronto ad essere nuovamente
riscaldato e ridistribuito.
Nel caso di specie l’acqua che viene riscaldata nel Puffer Energetico viene convogliata attraverso l’impiego
di una pompa nel sistema di teleriscaldamento che serve 6 scambiatori dislocati sulla rete di
teleriscaldamento, questi scambiatori andranno a interagire con le reti locali delle utenze collegate.
Il calore è solitamente prodotto in una centrale di cogenerazione termoelettrica a gas naturale /
combustibili fossili o biomasse, oppure utilizzando il calore proveniente dalla termovalorizzazione dei rifiuti
solidi urbani.
Oltre alle biomasse, le altre fonti di energia rinnovabile utilizzate per il teleriscaldamento sono la geotermia
e il solare termico. Un'altra fonte di energia "a costo zero" è l'uso di calore di scarto da processi industriali.
Nelle centrali di cogenerazione a combustibili fossili o biomasse, generalmente, l'impianto di cogenerazione
è dimensionato per produrre metà della potenza massima di picco e, in assenza di guasti, durante l'anno
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 89
produce circa il 90% del calore totale prodotto. Ad essa è affiancata una centrale termica di supporto, in
grado di coprire da sola l'intero carico di picco, che interviene quando la centrale di cogenerazione è guasta
o non riesce a coprire da sola la domanda. In questo modo, si riesce a raggiungere elevate efficienze di
sfruttamento dell'energia primaria, fino all'80%.
11.1.11.
RETE DI CONNESSIONE ENERGIA ELETTRICA
La rete di connessione verrà definita dal preventivo emesso da A2A dopo richiesta di Domanda di
Connessione e loro relativo sopralluogo in sito.
Il sottoquadro Contatore inserito nel presente progetto verrà posto nelle vicinanze della cabina elettrica
A2A già presente in sito e distante 50m dal Capannone dove verrà realizzato l’impianto di cogenerazione e
teleriscaldamento.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 90
Il collegamento tra il sottoquadro Contatore e il quadro di Distribuzione all’interno del capannone verrà
effettuato attraverso l’utilizzo di cavi interrati FG7(O)M1, nel caso di specie verranno utilizzate tre corde da
120 mmq per ogni fase + due corde da 120 mmq per il neutro e due da 120 mmq per la terra.
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 91
Dentro il Sole S.p.A.
via Parini 96, 20064, Gorgonzola, Milano
tel. 0039 02 - 95.11.419 / 0039 02 - 95.11.568
fax. 02- 95.30.18.08
C.F. e P.I. 06165480960 - Iscr. C.C.I.A.A. MI n° 1874577
www.energiedelsole.com
C.S. int. vers. 500.000,00 €
Pagina 92
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
5 821 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content