close

Вход

Log in using OpenID

Catalogo mostra - Genzano città Giardino

embedDownload
PALADINO
Disegni omerici
Palazzo Sforza Cesarini, Genzano
20 giugno - 28 settembre 2014
Sotto il patrocinio di
Presidente
Nicola Zingaretti
Mostra a cura di
Flavio Arensi
Iniziativa
Studio Paladino
Pompeo Capitanio
Maurizio Lanzetta
Catalogo e testi di
Flavio Arensi
Coordinamento Istituzionale
Antonella Iuliano
Comunicazione
Marta Paini
Carlo Ghielmetti
Comune di Genzano
Sindaco
Flavio Gabbarini
Assessore alle Sviluppo locale e beni culturali
Virginio Melaranci
Ufficio stampa
Ilaria Proietti
Marta Rossi
Allestimento
Rita Pacetti
Antonella Tittoni
Assicurazioni
Logo Assicurazione
In Più Broker
Ringraziamenti
Un sentito ringraziamento a Mimmo Paladino che
con grande disponibilità e generosità ha reso
possibile questo straordinario viaggio omerico.
A tutti coloro che si sono impegnati per la
realizzazione di questa iniziativa e che credono
nella valorizzazione culturale del nostro paese.
A Imma Paladino, Luca Melloni, Matteo
Liguigli, Giorgia Santoro per il sostegno e agli
amici di Genzano per il grande lavoro fatto, lo
Staff del Sindaco e l’Ufficio Istituzione.
A Pasquale Palmieri e Peppe Avallone.
Ad Adriane de Sellier e alla sua casa editrice.
Questa mostra è dedicata a Franco Piavoli e al suo
cinema emozionante.
Le citazioni tratte dall’Iliade e dall’Odissea sono
nella traduzione di Vincenzo Monti e Ippolito
Pindemonte.
Crediti
© Città di Genzano di Roma
© Mimmo Paladino, by Siae 2014
© Pasquale Palmieri, Benevento
© Peppe Avallone, Napoli
© Flavio Arensi, Milano
www.comune.genzanodiroma.roma.it.
Trasporti
Col sostegno di
Presidente dell’Istituzione per il Servizio delle attività
Culturali, Ricreative e Sportive
Ivano Gianiorio
Liguigli FAS
G
enzano è onorata di ospitare all’interno del Palazzo Sforza Cesarini, il palazzo ducale della città, l’esposizione delle opere di un artista di grande fama qual è Paladino. La mostra si inserisce a pieno nell’ambito del percorso di valorizzazione turistica del territorio e del patrimonio museale e monumentale intrapreso da questa Amministrazione comunale con l’Assessorato ai beni culturali e l’Istituzione per il Servizio delle attività Culturali, Ricreative e Sportive che stanno seguendo da
vicino l’organizzazione di questa iniziativa.
Mimmo Paladino, pittore, incisore e scultore, tra i più affermati rappresentanti del movimento della Transavanguardia, movimento fondato da Achille Bonito Oliva nel 1980 che individua un ritorno alla pittura dopo le varie correnti concettuali sviluppatesi negli anni settanta, è un artista versatile e di grande fama mondiale (le sue opere sono collocate in permanenza in alcuni dei principali musei internazionali tra cui il Metropolitan Museum of Art di New York), e rappresenta per il Comune
di Genzano di Roma e per l’intero comprensorio dei Castelli Romani un’importante opportunità a livello culturale, turistico ed economico. La mostra si terrà all’interno del Palazzo Sforza Cesarini, il monumento più significativo della città, non
soltanto per i valori architettonici di cui è testimone e che presentano non pochi motivi di interesse per la storia dell’architettura del settecento romano, ma anche perché ha giocato un ruolo fondamentale nello sviluppo di questo centro urbano dei Castelli Romani. Ed è proprio sul palazzo storico che l’Amministrazione comunale di Genzano ha operato e sta operando, promuovendo una serie di iniziative di alto livello al fine di costruire un vero e proprio percorso di promozione culturale e di
rilancio complessivo della città.
FLAVIO GABBARINI
Sindaco di Genzano
Sommario
11
Enciclopedia omerica
FLAVIO ARENSI
17
L’Iliade
69
L’Odissea
145
La vita di Mimmo Paladino
151
La bibliografia
157
Le mostre
Enciclopedia omerica
FLAVIO ARENSI
N
ella scena centrale di Nostos - Il ritorno, pellicola del 1989 scritta e diretta da Franco Piavoli, Ulisse si desta sulla terraferma dopo il naufragio infausto dell’equipaggio; unico superstite, prende lentamente coscienza della tragedia attraverso piccoli, poetici, drammatici correlativi oggettivi, montaliani ossi di seppia: le onde riempiono e cancellano gli elmi spiaggiati, spingono la cotta di maglia sulla sabbia, scivolano sopra un bucranio incastonato fra gli scogli come una pietra bianca
chiusa in quelle scure. Spogliato, Ulisse farfuglia tremante e inquieto cercando parole tese, poi, finalmente, urla; intanto, la
macchina da presa inquadra l’orizzonte rannuvolato dove i toni cilestri ammorbidiscono i confini perdendosi nell’abisso. Non
ci sono vocaboli giusti o utili nell’angoscia, rimane il balbettio, suono, smorfia, tuono, qualcosa di animalesco o semplice-
MIMMO PALADINO, «RESPIRO», 1995. INSTALLAZIONE SONORA, DODICI ELEMENTI IN GESSO, 30 (H) X 120 X 20 CM. COLLEZIONE DELL’ARTISTA.
11
mente ancestrale. I dialoghi del film, centellinati in pochi vocaboli incomprensibili, sono ispirati a suoni di antiche lingue mediterranee - e sarebbero comunque inutili per accompagnare un momento di assurdo spaesamento; invece, il grido disegna
una pena assoluta, una profonda sconfitta che oltrepassa qualsivoglia racconto poiché concreta esperienza. Fra il protagonista
e gli oggetti, ancor più i luoghi, si intessono una serie di relazioni esclusive e imprescindibili, lo spazio diviene un teatro che
accompagna e forma la cognizione di una metamorfosi, di un momento che scinde quello che si è stati da quello che si potrà
o dovrà diventare.
Non a caso ho usato il termine «teatro» poiché un suo studioso attento, Nicolò Savarese, da anni conduce un’ampia meditazione sulla dimensione spaziale della figuratività, intendendo con ciò il rapporto che le figure umane intrattengono con la spazialità di riferimento e di azione, e da cui dipende la chiarezza stessa del loro essere o agire all’interno di tale ambito. Egli, di
fatto, non fa che sottolineare l’urgenza di focalizzare oltre il portato estetico dell’immagine per indagare piuttosto il vero rapporto tra quest’ultima - disegnata o dipinta - con la struttura dello spazio costruito, agito oppure anche solo interpretato dall’uomo, indipendentemente da ogni sua eventuale valenza artistica: un concetto che per quanto attuale ha origini antiche, basti pensare che per i greci esisteva una sola parola - ÁÚ·ÊÂÈÓ (grafein) - utile a indicare tanto il disegno quanto la scrittura.
MIMMO PALADINO, «SENZA TITOLO», 2001. LEGNO E CARTA, 316 (H) X 240 X 80 CM.
Entro quest’alveo si pongono dunque i «Disegni omerici» di Mimmo Paladino, elaborati fra il 1999 e l’anno successivo come illustrazione dell’Iliade e dell’Odissea. Non si tratta di un racconto mimetico delle gesta degli eroi, bensì di una rappresentazione che attraverso il codice poetico trova il pretesto per un’epica della memoria che attinge a «significanti» primitivi per
giungere in fine a un «significato» contemporaneo. D’altronde Paladino lavora sulle sedimentazioni della storia, sugli incidenti o accidenti del tempo, fattori che poi caratterizza in un nuovo contesto dove l’architettura dei segni e dei luoghi favorisce più le correlazioni inespresse che quelle espresse. Le illustrazioni letterarie di Paladino, tendenzialmente, prendono spunto dal racconto, subito però muovono lungo binari autonomi tessendo una rete invisibile con l’edificio testuale, senza cadere
in una rigida trasposizione o chiosa. Certo, rispetto ad altri progetti illustrativi, in particolare quelli legati alla scoperta dell’intimità umana o antropologica come l’Ulysses di Joyce o i Tristes Tropiques di Levi-Strauss, gli spunti omerici si avvalgono di
alcuni topoi della linguistica di Paladino, dunque godono una leggibilità ancora più aderente, ma proprio perché alcuni aspetti dell’iconografia classica rientrano nel suo alfabeto, l’autore si orienta verso una raffigurazione che, tenuto conto delle analogie, dei rimandi e delle similitudini, di fatto compone un proprio racconto nel racconto, una sorta di ultimo capitolo delle saga o di bussola da seguire. Si tratta allora di una compartecipazione pratica, esperienziale, che non cede alla descrittività
pleonastica, non serve a rintracciare didascalicamente i nomi dei protagonisti o gli espedienti narrativi, ma diviene una sorta
di mappa con cui attraversare il territorio omerico.
Pochi altri testi come l’Iliade e l’Odissea, d’altra parte, chiedono di essere letti per immagini e proprio per immagini Paladino
sintetizza i due libri. A partire dall’ormai celebre Preface to Plato di Eric Havelock è chiaro come essi siano il passaggio definitivo dalla cultura dell’oralità a quella della scrittura (dall’immagine al segno), avvenuto in Grecia tra la fine del V e l’inizio
del IV secolo a.C., esattamente in coincidenza con l’elaborazione dei Dialoghi socratici, benché tale differimento sia sviluppato ordinatamente lungo un arco temporale di vari secoli, a partire dall’introduzione della scrittura alfabetica nell’Ellade fino
all’epoca di Platone, e cioè all’alfabetizzazione in ambito scolastico ed educativo. Omero, difatti, attorno all’VIII secolo a.C.
formalizza nei suoi poemi il vasto patrimonio di canti epici detenuto dagli aedi, consentendoci così di analizzare la tecnologia della comunicazione orale che Havelock definisce «enciclopedia tribale», inclusiva di nozioni tecniche, etiche e comportamentali al tempo stesso. Le regole di diffusione ruotano intorno a cardini espressivi pratici senza intento estetico, forse sarebbe meglio valutarlo eticamente o almeno come didattica delle immagini e delle suggestioni che cristallizzano attraverso l’azione
mnemonica: non a caso Mnemosine (la Memoria, figlia di Urano - il Cielo - e Gea - la Terra) è considerata la madre delle
nove Muse. Ma questa impresa ha tanto più peso qualora si comprenda come solo l’immedesimazione empatica con i canti
dell’aedo o dell’attore drammatico possa spingerci a recepire le diverse venture quali necessarie e formative della nostra perso-
13
nale vicenda. In realtà, l’insieme valoriale della cultura e della scienza, che è alla base di ogni enciclopedia del sapere, in una
qualsiasi cultura più o meno evoluta, si costruisce e si struttura inconsciamente in forma di sistema, nel senso più rigoroso del
termine, e in questo caso il sistema delle immagini mantiene in piedi tutta la costruzione poetica-sociale, perché così lavora la
nostra mente.
Quando Piavoli scrisse Nostos, il tema della parola sicuramente richiese una profonda riflessione; tutti i suoi lavori mantengono il linguaggio espresso come sottofondo situazionale, non diverso dal canto degli uccelli o dai suoni della natura, tuttavia
qui si è diretto verso un approdo nuovo, in cui la lingua fornisce anche una sorta di ritmo. La scelta, dunque, di manifestare
un idioma inventato, per quanto attinente ai suoni originali delle popolazioni coeve a Omero o Ulisse, fornisce lo strumento
etnolografico per contestualizzare le vicende narrate, ma sono le differenti scene a fungere da vocabolario; ugualmente, Paladino sfrutta il disegno per non cadere nell’errore di parafrasare il tessuto poetico originario mettendo in luce più i difetti che i
pregi di un’ennesima traduzione, per quanto interessante o consolidata possa apparire. Attraverso l’immagine scaturiscono
quelle impressioni visive che la cultura orale poté esercitare sfruttando l’irrazionalità della mente, senza erodere l’accezione profonda del componimento attraverso verbose circonlocuzioni. Paladino non tradisce l’idea originaria dei libri omerici che chiedono di fare esperienza del poema, per quanto nel trascorrere dei secoli questa «esperienza» possa essere diventata in molti casi più intellettuale che effettiva. In una delle sue tavole, egli tratteggia un «dormiente» - da cui erompe un flusso rosso come
fumo di un fuoco sacro - che ricorda gli immortali di Borges ormai intenti nel non-fare come unico gesto antitetico all’impossibilità di morire; se è vero, come diceva lo scrittore, che «in un tempo infinito agli uomini accadono tutte le cose», i testi omerici inscenano la determinatezza del tempo e l’ineluttabilità del destino, la nozione di un viaggio che prima o poi trova la sua
meta. Ma se un uomo non può far tutto nel lasso di tempo che gli è dato, le vicende di tanti uomini straordinari, semidivini o
anonimi, sicuramente offrono un enorme ventaglio di evenienze, sconfitte, leggi e codici da seguire per orientarsi durante la vita. In Paladino il sogno del «dormiente» apre alla possibilità, alla luce della coscienza che sposa ragione ed emozione mettendoci di fronte a molteplici occasioni, che sono occasioni di libertà perché ciascuno può scegliere di aderirvi, semplicemente osservarle, oppure intraprendere un viaggio che alla partenza opporrà sempre un rientro, nostos, appunto, il ritorno.
MIMMO PALADINO, «MATER», 2014. TECNICA MISTA 100 X 70 CM (BOZZETTO PER INFIORATA 2014).
15
La vita di Mimmo Paladino
D
omenico Paladino nasce a Paduli, nei pressi di Benevento, il 18 dicembre 1948. Lo zio paterno, Salvatore, è pittore e
lo avvia a interessi artistici, che confluiranno nella frequentazione del Liceo Artistico di Benevento (1964-1968).
Nel 1964 visita per la prima volta la Biennale di Venezia, rimanendo affascinato dai pop artisti americani.
Il 1968 coincide con la sua prima esposizione presso la Galleria Carolina di Portici (Napoli). In quest’occasione viene presentato dal giovane Achille Bonito Oliva, personaggio che lo affiancherà criticamente nel corso di tutta la sua carriera artistica, includendolo nel novero degli artisti della Transavanguardia e che l’anno successivo lo presenterà nuovamente nella personale di Caserta allo Studio Oggetto di Enzo Cannaviello.
Seguendo le indicazioni artistiche del periodo, predominato da un indirizzo soprattutto concettuale, Paladino volge la sua attenzione alla fotografia, atteggiamento che trova ampio riscontro nella personale realizzata alla Galleria Nuovi Strumenti di
Brescia.
Con il trasferimento a Milano, alla fine degli anni settanta, Paladino vive il fervore artistico della città meneghina, meditando su nuovi orizzonti che il suo lavoro potrebbe prendere. Nel 1977 partecipa all’esposizione «Internationale Triennale für
Zeichnung», a Breslavia, dove si avvertono i primi segnali del cambiamento artistico degli anni successivi. È di questo anno
infatti la realizzazione del dipinto «Silenzioso, mi ritiro a dipingere un quadro».
Affascinato dal disegno, l’artista riesce a dare ampio spazio a questo suo interesse realizzando un grande murale a pastelli, sempre nel 1977, per la Galleria Lucio Amelio di Napoli, spazio questo che si rivelerà fondamentale nel contesto artistico contemporaneo italiano. La tecnica delle realizzazioni su muro viene utilizzata spesso in questi anni e, nel 1978, in occasione delle personali presso la Galerie Paul Maenz di Colonia e la Galleria Toselli di Milano, dove realizza «Il Brasile si sa è un pianeta
dipinto sul muro di Franco Toselli». Iniziano a emergere i segni geometrici, maschere e rami, su fondo monocromo, elementi costanti del suo lavoro, e si avverte la riscoperta della figurazione pittorica.
Nel 1978 compie il suo primo viaggio a New York, città che lo vedrà negli anni a venire protagonista di diverse occasioni
espositive.
Dal 1979 prosegue il sodalizio con Bonito Oliva e con gli artisti della Transavanguardia con i quali partecipa alle collettive
«Le stanze», presso il Castello dei Colonna di Gennazzano, «Opere fatte ad arte», nel palazzo della Città di Acireale, connubio che trova realizzazione l’anno seguente con «Aperto ‘80», all’interno della Biennale di Venezia, dove viene ufficialmente presentata la Transavanguardia. Paladino espone le opere «I giardini dei sentieri che si biforcano», «Lampeggiante» e
una porta.
La mostra personale itinerante che tocca le città di Basilea, Essen, Amsterdam, segna l’inizio di un successo internazionale che
si concretizza nella personale al Badischer Kunstverein di Karlsruhe nel 1980, presentata da Bonito Oliva, Faust e Franzke,
dove l’artista espone tele dalle grandi dimensioni, ricche di figure allegoriche, dove la sua iconografia poetica prende forma: la
pittura a olio è invasa di maschere inespressive, animali, teschi, ricchi di evocazioni rituali primitive. Questo è anche l’anno
della prima mostra a New York, dove espone contemporaneamente alle gallerie Marian Goodman e Annina Nosei.
145
Il 1982 è l’anno delle partecipazioni e dei riconoscimenti internazionali. Partecipa alla Biennale di Sidney, allo «Zeitgeist» di
Berlino (dove espone la sua prima scultura in bronzo policromo «Giardino Chiuso», che diventerà evento espositivo da Mazzoli, l’anno seguente), a Documenta 7 di Kassel e realizza le personali presso il Louisiana Museum of Modern Art di Humlebaek, il Museumsverein di Wuppertal, la Städtische Galerie di Erlangen, presentato da A. Polhen; e poi nelle gallerie private di Anversa, Monaco, Napoli, Parigi, Roma, Zurigo.
Inizia nel 1982 a esporre per la Galleria Waddington di Londra, prestigioso spazio espositivo dedicato all’arte contemporanea internazionale, rapporto consolidato negli anni, tuttora esistente.
Sempre al 1982 risalgono i viaggi in Sud America, in Brasile per l’esattezza, dove ha occasione di studiare e di conoscere la
cultura locale, le etnie e le civiltà intrise di animismo primitivo che lo porteranno a riflessioni e a emozioni uniche che inevitabilmente convoglieranno nei simboli, negli oggetti, e nei colori dei lavori di quegli anni (come quello presentato per la Collezione Gori alla Fattoria di Celle a Santomato di Pistoia). Paladino infatti afferma che «l’arte non è cosa di superficie, non è
cosa sociologica, non è tempesta poetica. L’arte è un lento procedere intorno al linguaggio dei segni».
Nel 1980 realizza il suo primo libro-oggetto dal titolo EN DE RE con la Galleria Mazzoli di Modena, anche quest’ultima
punto di riferimento della sua carriera espositiva.
Sempre in quest’anno vanno segnalate le partecipazioni alle mostre «Italiana: nuova immagine», curata da Bonito Oliva, alla Loggetta Lombardesca di Ravenna, ed «Egonavigatio», al Mannheimer Kunstverein di Mannheim.
Il 1981 è un anno molto prolifico dal punto di vista espositivo. Sue personali sono ospitate presso il Kunstmuseum di Basilea
e alla Kestner Gesellschaft di Hannover, presentato da Amman, Wildermuth e Koepplin, dal Mannheimer Kunstverein di
Mannheim, dal Groninger Museum di Groningen, dalla Galleria d’Arte Moderna di Bologna.
È dello stesso anno un’importante partecipazione all’esposizione «A New Spirit in Painting», presso la Royal Academy di Londra, mostra che riflette, a livello internazionale, sull’entità dei nuovi linguaggi pittorici. Partecipa, assieme ad altri artisti, al progetto, coordinato da Alessandro Mendini e Studio Alchimia, dal titolo «Il mobile infinito», per il Politecnico di Milano.
L’inizio degli anni ottanta è costellato di numerosi viaggi, soprattutto negli Stati Uniti dove nel 1983 allestisce la sua prima
personale presso la Galleria Sperone Westwater di New York e dove tiene a Los Angeles presso il New Port Harbour Art
Museum un’importante personale.
Sempre nel 1983 presenta «Giardino Chiuso» a Modena, alla Galleria Mazzoli, nella mostra omonima, presentata da Bonito Oliva. Oltre a personali nelle gallerie di Stoccolma, Monaco, New York, Roma, Toronto, partecipa a importanti collettive, come quella dedicata alla Transavanguardia alla Sala de Exposiciones de la Caja de Pensiones di Madrid e, alla Tate
Gallery di Londra, alla rassegna «New Art at the Tate Gallery 1983», a cura di Compton.
Questo è anche l’anno della realizzazione, assieme all’architetto Roberto Serino, del complesso abitativo di Paduli, dove realizza la sua abitazione e i suoi studi, progetto di grande impatto ambientale, con segni della sua arte sparsi in tutto il vasto territorio collinare a fare da collante alle varie quinte architettoniche.
Il lavoro di Paladino vede l’inserimento costante di un dialogo intenso e privilegiato tra pittura monocromatica e scultura pseudo figurativa, che vede il suo apice nelle installazioni dalle grandi dimensioni, dove sulle tele vengono inseriti oggetti che lo
porteranno a realizzazioni in tre dimensioni.
Nel 1984 allestisce a Lione, presso il Musée Saint Pierre Art Contemporain, una mostra personale, presentata da Raspail, Jopolo, Zdenek.
Espone nelle collettive: «Det Italienska Transavangardet» presso la Lunds Konsthall di Stoccolma, «An Internationali Survey of Recent Painting and Sculpture» al Museum of Modern Art di New York, «Content: a Contemporary Focus,
1974/1984» all’Hirshhorn Museum and Sculpture Garden di Washington, «Contemporary Italian Masters» al Chicago Public Library Cultural Center di Chicago, «Skulptur im 20. Jahrhundert» al Kunstmuseum di Basilea, «The Human Condition: The SFMOMA Biennal III», a San Francisco.
Espone anche da Waddington a Londra, presentato da Rosenthal, e a Monaco alla Galerie Thomas, presentato da Faust e
Franzke.
In questi anni le sue opere vengono acquistate ed esposte dalla Galerie Beyeler di Basilea.
Nel 1985 partecipa a diverse collettive tra cui è utile ricordare «A New Romanticism» all’Hirshhorn Museum and Sculpture Garden di Washington, la Biennale di San Paolo, «Bilder für Frankfurt» al Museum für Moderne Kunst di Francoforte,
«Anniottanta» a Imola, la XIII Biennale alla Grande Halle de la Villette di Parigi.
Di quest’anno sono anche le personali di Oslo presso il Kunstnernes Hus, di Monaco presso la Städtische Galerie im Lenbachhaus, presentata da Friedel, Kuspit e Lehnerer. Segue anche la significativa personale presso la Galleria Sperone Westwater di New York, presentata da Corà.
146
147
La passione per il disegno (che lo porterà negli anni a collezionare carte di diversi artisti, da Balla a Picasso, a Licini) sfocia
dal 1980 in un’altra grande passione: l’incisione, misurandosi con le varie forme dell’acquaforte, dell’acquatinta, della xilografia e della linoleografia (l’incontro nel 1984 con Giorgio Upiglio gli consentirà di ottenere risultati straordinari anche in
questo campo artistico, ampliati anche dalla collaborazione con Alberto Serighelli, con il quale produrrà fogli di grande formato).
Dal 1985 è costante e serrato il profondo dialogo tra pittura e scultura: ai cromatismi essenziali, primari, si aggiungono elementi figurativi.
Il lavoro di Paladino è ufficialmente riconosciuto dalla critica. Numerosi sono i momenti espositivi a cui è invitato e che lo
vedono protagonista dalla metà degli anni ottanta. Si ricordino le collettive, nel 1986, «Mater Dolcissima» presso la Chiesa
dei Cavalieri di Malta a Siracusa, «Beuys zu Ehren» presso la Städtische Galerie im Lenbachhaus di Monaco, la mostra itinerante statunitense «New Art of Italy», a Omaha, Miami, Cincinnati, a cura di Day. E poi le personali di Richmond, «Recent Painting and Sculture 1982-86» al Virginia Museum of Fine Arts, presentato da Crutchfield e Risatti; di Londra, da
Waddington, e a New York, da Sperone Westwater.
Viene pubblicato Canzone per Vincent Van Gogh, una poesia di Ceronetti illustrata da Paladino (Edizioni Giorgio Upiglio,
Milano).
Nel 1987, grazie alla collaborazione con la Galleria Thaddaeus Ropac di Salisburgo, tiene diverse personali a Graz, a Krems
e a Salisburgo.
Altre personali sono quelle di Seattle, presso la Galleria Greg Kucera, e, per la prima volta, a Tokyo, presso la Galleria Fuji.
È di questo anno la realizzazione di un progetto per la chiesa di Gibellina, assieme all’architetto Roberto Serino, nel contesto
di una ricostruzione complessiva della città coordinata da Arnaldo Pomodoro, dopo il devastante terremoto del 1968. Per Paladino l’architettura «può essere considerata una pittura vedente, perché ha la capacità di sintetizzare le caratteristiche spaziali dei luoghi, le necessità di chi le abiterà, le condizioni della luce e tante altre cose: ha la capacità, in sostanza, di vedere oltre
ciò che il semplice disegno o progetto potrebbe far immaginare».
Il sodalizio con l’architetto Serino continua anche in occasione dell’invito che il Comune di Benevento rivolge a Paladino per
la realizzazione di un’opera scultorea per la città, progetto a cui i due lavoreranno congiuntamente per diversi anni e che verrà inaugurato solo nel 1992.
I lavori della fine degli anni ottanta presentano composizioni rigorose e semplificate, come si avverte nelle opere presentate in
occasione delle collettive, nel 1988, «Europa Oggi», al Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato, e «Materialmente», alla Galleria d’Arte Moderna di Bologna.
Nel 1988 Paladino è invitato alla XLIII Biennale di Venezia, dove espone nei giardini e all’ingresso del Padiglione Italia,
con la grande installazione, la porta di bronzo di sette metri (già presentata nella mostra di Basilea dal titolo «Sculture nel parco») e i primi «Testimoni» in pietra.
Partecipa alla mostra «L’autoritratto non ritratto», per Arte Fiera ‘88, poi alla Pinacoteca di Ravenna con «L’albero della vita», opera che entrerà a far parte delle collezioni permanenti del Museo d’Arte della città di Ravenna.
Nel 1989 partecipa alla serie di piccole mostre personali, organizzate dalla Galleria d’Arte Moderna di Bologna e curate da
Castagnoli, dove presenta diversi lavori tra cui «Re uccisi al cadere della forza», appartenente alla Collezione Amelio, ora alla Reggia di Caserta, e «Amici notturni», appartenente, oggi, alla collezione del Kunstmuseum di Berna.
Realizza tredici illustrazioni che accompagnano versi poetici di Lévi-Strauss (Edition Jesse, Bielefeld).
Nel 1990 Paladino espone il ciclo «EN DO RE», opere «Senza titolo», costante questa che caratterizzerà molte opere di questi anni. L’artista afferma, infatti: «Io non ho mai dato titoli che suggeriscono un significato particolare, che potrebbero obbligare a leggere l’opera in termini strettamente simbolici e letterari. Il titolo di un’opera rappresenta sempre per me il lato spiazzante per l’interpretazione dell’opera».
Sue personali si tengono inoltre a Villa delle Rose, Bologna (1990), al Belvedere di Praga, con il titolo di «Bilà Hora» (1991),
al Museu de Arte di San Paolo (1992), al Forte Belvedere di Firenze (1993), al Museo de Arte Contemporaneo di Monterrey (1994).
148
Nel 1994 la sua prima mostra antologica dell’opera grafica, con la pubblicazione del catalogo completo del suo lavoro, è stata allestita, a cura di Enzo Di Martino, al Palacio Revillagigedo di Gijon (Spagna). È il primo artista contemporaneo italiano a tenere una mostra in Cina, alla Galleria Nazionale delle Belle Arti di Pecchino (1994).
Negli anni novanta comincia a realizzare importanti installazioni e interventi sugli spazi urbani come la installazione permanente «Hortus Conclusus» nel chiostro di San Domenico a Benevento (1992). Nel 1995 Napoli gli dedica una mostra alle
Scuderie di Palazzo Reale, a villa Pignatelli Cortes e in Piazza Plebiscito dove installa la «Montagna di Sale». Nel 1999 una
grande mostra alla South London Gallery include «Testimoni», un nuovo gruppo completo di 20 sculture in pietra bianca
di Vicenza e «Zenith», una serie di lavori in tecnica mista su alluminio. Dopo un’installazione di «Dormienti» ideata nel 1998
per la Fonte delle Fate di Poggibonsi, nel 1999, presenta l’installazione «I Dormienti» nel sotterraneo della Roundhouse di
Londra. L’opera si avvale di una musica scritta appositamente per l’occasione da Brian Eno. Lo stesso anno la Royal Academy di Londra lo insignisce del titolo di Membro Onorario.
In questi anni Paladino ha realizzato le scenografie di Veglia (1992) a Benevento, con la regia di Mario Martone, La sposa di
Messina di Schiller (1994) a Gibellina con la regia di Elio De Capitani e ancora Edipo Re (2000) al Teatro Argentina di Roma, nuovamente con la regia di Mario Martone.
Nel 2001 viene pubblicato il catalogo generale della sua opera grafica (Opera Grafica 1974-2001), a cura di Enzo Di Martino,
per Art of this Century - New York - Parigi.
Illustra l’Illiade e l’Odissea di Omero, pubblicato in due volumi dalla casa editrice Le Lettere di Firenze. Lo stesso anno realizza un’installazione per la stazione della metropolitana Salvator Rosa a Napoli.
Il Centro d’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato gli dedica la più completa mostra retrospettiva organizzata da un museo italiano, a cura di Bruno Corà (2002).
Nel 2003 rappresenta insieme a Sandro Chia, Francesco Clemente, Enzo Cucchi e Nicola De Maria «Transavanguardia
1979-1985» al Museo di Arte Contemporanea Castello di Rivoli, a cura di Ida Gianelli. Mostre personali si tengono nella
Reggia di Caserta e Galleria Scognamiglio di Napoli e Valentina Bonomo di Roma (2004). Una sua mostra itinerante su
Pinocchio viene esposta nei musei d’arte moderna di otto città giapponesi e nella settecentesca Scola dei Battioro a Venezia
(Volume e catalogo Papiro Arte Edizioni) e successivamente al Museo civico di Udine, nel museo di Palazzo Pio a Carpi e
a Rotterdam (2004-2006). Nel 2004 realizza le porte per la Chiesa di Padre Pio a San Giovanni Rotondo progettata da Renzo Piano. Lo stesso anno effettua la scenografia di Edipo a Colono e vince il premio UBU per la migliore scenografia teatrale.
Nel 2005 espone al Museo Rupertinum di Salisburgo e la Loggetta Lombardesca di Ravenna dedica una grande mostra ai
suoi lavori teatrali titolata «Paladino in Scena», a cura di Claudio Spadoni. Nel giugno dello stesso anno, in occasione della
Biennale, presenta, a cura di Enzo Di Martino, una mostra di grandi sculture alla Galleria Internazionale d’Arte Moderna
Ca’ Pesaro a Venezia. Alla fine del 2005 allestisce nel Museo Capodimonte di Napoli la grande mostra dedicata al Don Chisciotte di Cervantes con dipinti, sculture, disegni e un film. È un progetto che continua l’anno successivo con l’illustrazione
di una nuova edizione del Chisciotte e la realizzazione di un libro d’artista, con poesie di Giuseppe Conte, anch’esso ispirato al mitico «cavaliere errante» (Editalia). Il film, su invito del direttore Marco Müller, è stato presentato con grande successo
al Festival del Cinema di Venezia del 2006.
Lo stesso anno realizza le porte per la Chiesa di San Giovanni Battista a Lecce (progetto di Franco Purini), porta a termine
l’intervento nella Piazza dei Conti Guidi a Vinci ed espone nelle gallerie Cardi e Christian Stein di Milano e nella Waddington Galleries di Londra.
Nel 2007 realizza due scenografie per lo spettacolo Œdipus Rex e Cavalleria Rusticana per il Teatro Regio di Torino. Sono dello stesso anno la mostra allestita all’interno del Museo Madre al Palazzo Donnaregina di Napoli, sede del Museo di Arte Con-
149
temporanea e l’esposizione Sculptures alla Galerie Thaddaeus Ropac, Parigi, una personale alla Galleria Civica di Modena
e una alla Galleria Pelaires del Centre Cultural Contemporani di Palma di Maiorca e l’installazione permanente per il serbatoio idrico di Monte Pizzuto, Solopaca vicino Benevento.
Del 2008 è la realizzazione di una Mostra all’Ara Pacis di Roma con musiche di Brian Eno e alla Villa Pisani, Stra. Una
mostra antologica itinerante di opere grafiche a cura di Enzo Di Martino è stata presentata a Buenos Aires, Brasilia, Rio de
Janeiro e Lima.
Sempre del 2008 è una mostra all’interno della Chiesa di Donnaregina, Napoli con l’intervento anche dell’Architetto Massimiliano Fuksas e l’installazione di una porta in terracotta e ferro sull’isola di Lampedusa. Dal giugno al novembre dello stesso anno si è svolta presso Villa Pisani a Stra (Venezia) una mostra che prevede anche alcune opere inedite create dall’artista
appositamente per questo spazio. Il 28 giugno 2008, nell’ambito dell’iniziativa «Porta di Lampedusa - Porta d’Europa» promossa da Arnoldo Mosca Mondadori, Amani e Alternativa Giovani, è stato inaugurato sull’isola di Lampedusa un monumento realizzato dall’artista dedicato alla memoria dei migranti deceduti in mare.
La bibliografia
Nel 2009 un gruppo di sue sculture viene esposto en plein air a Orta San Giulio, sul Lago d’Orta, in una mostra curata da Flavio Arensi; fra le varie opere un cavallo che galleggia davanti alla riva di villa Bossi, sede municipale. Allemandi per l’occasione pubblica un volume con quarantotto foto originali e inedite di Gianni Berengo Gardin dedicate a Paladino e alle sue
opere. La celebre scultura «Caduto a ragione» viene collocata sull’isola di San Giulio con l’ausilio di un elicottero. Nello stesso anno, a cura di Enzo di Martino, è pubblicato il catalogo ragionato dell’opera scultorea (1980-2008).
Nel 2010 Mimmo Paladino ha firmato la scenografia di Work in Progress, tour che ha visto riunirsi dopo 30 anni la coppia
Lucio Dalla e Francesco De Gregori. Il 10 aprile dello stesso anno è installato un grande cavallo blu di oltre quattro metri all’Anfiteatro del Vittoriale degli Italiani di Gardone Riviera (Brescia), la casa-museo di Gabriele d’Annunzio.
A fine gennaio 2011 realizza la nuova sala permanente del Museo Nazionale Archeologico di Villa Frigerj a Chieti dedicata al Guerriero di Capestrano e inaugura la mostra di sculture incentrata sul «nuovo Guerriero», allestita presso il Centro espositivo della Fondazione Carichieti a Palazzo De Mayo.
Dal 6 aprile al 10 luglio 2011 la città di Milano dedica al maestro una grande retrospettiva a Palazzo Reale curata da Flavio
Arensi, davanti al quale, in piazzetta Reale, è installata la monumentale «Montagna di sale». Nella stessa occasione è collocato in maniera definitiva un «Dormiente» nella torre poligonale del Museo Archeologico cittadino. Sempre a Milano, sue
opere sono state oggetto della mostra antologica sulla Transavanguardia curata da Achille Bonito Oliva insieme ad altri quattro grandi protagonisti della corrente artistica. È del 2012 l’importante mostra sulle opere in ceramica al Museo MIC di Faenza e l’installazione di una grande croce in marmo in Piazza Santa Croce di Firenze per l’evento Florens. Alla fine dello stesso anno risale la nomina a Membro Ordinario della Pontificia Insigne Accademia di Belle Arti in Vaticano da parte di Papa
Benedetto XVI, mentre sono del 2013 le personali al Museo Ferragamo di Firenze e a Ravello, nell’incantevole scenario della Villa Rufolo e dell’Auditorium durante il consueto Ravello Festival. In occasione del 400° anniversario della morte di Gesualdo da Venosa dirige il cortometraggio Labyrinthus interpretato dall’attore Alessandro Haber con le musiche di Franco
Mussida.
1972
A. TRIMARCO, Struttura a l’oggetto, in «Il Mattino», 11
aprile.
150
1968
A. BONITO OLIVA, Mimmo Paladino, catalogo della
mostra, Galleria Carolina di Portici.
1970
F. MENNA, Mimmo Paladino, in «Il Mattino», 30 ottobre.
1975
L. M. VENTURI, in «Artitudes», n. 21/22.
L. M. VENTURI, Le principe immense de l’etre est double, in
«Artitudes», n. 24/26.
Mimmo Paladino, in «L’Arte Moderna», n. 111.
Mimmo Paladino, in «Art Dimension International
Review of Arts», n. 1, gennaio-febbraio-marzo.
Mimmo Paladino, in «Flash Art», n. 54/55, maggio.
1977
D. PALAZZOLI, Chi c’e nel mio specchio?, in
«L’Europeo», n. 21.
B. RADICE, Mimmo Paladino, in «Data», n. 26, aprile.
V. CORBI, Note d’arte: Mimmo Paladino, in «Il Mattino»,
1° giugno.
F. MENNA, Le immagini sono reflessi bruciati, in «Spazio
Alternativo», ottobre.
M. BANDINI, Fotografia come analisi, catalogo della
mostra, Teatro Gobetti, Torino.
1978
I. MUSSA, Dislivello del reale, in «Interarte», n. 15.
A. ALTAMIRA, Ritorno al disegno, in «Fotografia
Italiana», n. 242.
R. RINALDI, Italian Art etc., in «Laica Journal, Los
Angeles», n. 18, aprile-maggio.
F. VINCITORIO, in «L’Espresso», 28 maggio.
B. RADICE, intervista: L’arte non serve e io sono un antieroe,
in «Modo», n. 14, novembre.
R. BARILLI, Su Quel muro c’e un romanzo, in
«L’Espresso», 17 dicembre.
A. BONITO OLIVA, Tre o quattro artisti secchi, Emilio
Nazzoli Editrice, Modena.
M. VESCOVO, Segno labirinto, in Metafisica del quotidiano,
catalogo della mostra, Galleria d’Arte Moderna,
Bologna.
K. NAPENS, Ci ha pensato un tedesco, in 17 Italian artists,
catalogo della mostra, Galerie Maenz, Colonia.
1979
A. ALTAMIRA, Tra segno ed installazione, in «G7», n. 3.
A. PETRILLI, in «Proposta», n. 41-42.
M. PICONE PETRUSCA, Scommesse sui giovani, in «La
voce della Campania», 28 gennaio.
B. RADICE, Tra avanguardia e sperimentazione, in
«Vogue», n. 337, febbraio.
A. DAVID, Mimmo Paladino, vitalita del colore, in «Il
Mattino», 3 febbraio.
F. VINCITORIO, in «L’Espresso», 4 febbraio.
L. CARLUCCIO, Mimmo Paladino, in «Panorama», 13
febbraio.
J. C. AMMANN, Espansivo Eccessivo, in «Domus», n.
593, aprile.
A. BONITO OLIVA, La Transavanguardia Italiana, in
«Flash Art», n. 92-93, ottobre-novembre.
I. MUSSA, Vero e reale nelle opere fatte ad arte, in
«Avanti!», 11 novembre.
L. CHERUBINI, Mimmo Paladino, All’interno dello spazio
della pittura, in «Avanti!», 18 novembre.
R. GIGLIO, Cinque esempi di nostalgia, in «Il
Messaggero», 19 novembre.
V. BRAMANTE, Opere fatte ad arte, in «L’Unità», 20
novembre.
S. SINISI, in I segni d’oggi nel castello del passato, in
«Avanti!», 9 dicembre.
G. CELANT, Die italienische Erfahrung beruhrt, in
«Jahresbericht 1978», Paul Maenz, Colonia.
1980
W. M. FAUST, Arte cifra? Neue Subjektivitat? TransAvantgarde?, in «Kunstforum International», n. 3.
J. C. AMMANN, Was die siebziger Jahre von den sechzigern
unterscheidet: Der Weg in die achtziger Jahre, in
«Kunstforum International», n. 3.
A. PETRILLI, Alla vigilia della biennale di Venezia, in
«Proposta», n. 47-48.
G. OOSTERHAF, Un’altra arte?, in «Museum Journal»
(Rotterdam), n. 80.
S. BORGOGELLI, Mimmo Paladino, in «Flash Art»,
gennaio.
Parigi o cara, in «Flash Art», n. 94-95, gennaio/febbraio.
L. CABUTTI, Opere fatte ad arte, in «Bolaffi Arte», n.
95, febbraio.
L. CHERUBINI, Le Stanze, in «Flash Art», n. 94-95,
febbraio.
L. CHERUBINI, Labirinto, in «Flash Art», n. 94-95,
febbraio.
M. BANDINI, 15 artisti nel labirinto tra ordine e caos, in
«Avanti!», 24 febbraio.
151
C. HEYBROOK, Einschiffung zu den Inseln der Sehnsuchte,
in «Kunstforum International», marzo.
F. ALINOVI, in «Bolaffi Arte», n. 96, marzo.
C. FERRARI, Le stanze del castello, in «Domus», n. 604,
marzo.
F. VINCITORIO, in «L’Espresso», 30 marzo.
F. TOSELLI, La febbre del quadro, in «Domus», n. 605,
aprile.
A. BONITO OLIVA, Gli anni 80 ci portano l’arte casual
(l’arte intercambiabile), in «Bolaffi Arte», n. 97, aprile.
W. BOUJARD, In Germania gli italiani faranno «cifra», in
«Bolaffi Arte», n. 97, aprile.
M. PILLER, Mimmo Paladino, in «Artforum», New
York, aprile.
H. MARX, Eine Mischung aus Naivitat und Persiflage, in
«Die Rheinpfalz», 2 aprile.
P. G. CASTAGNOLI, Caccia al Giovane, in «La
Repubblica», 9 aprile.
C. HEYBROOK, Einschiffung zu den Inseln der Sehnsuchte,
in «Mannheimer Morgen», 31 aprile.
G. CELANT, Une Histoire de l’art contemporain en Italie, in
«Art Press», n. 37, maggio.
F. TOSELLI, Le impurità, in «Domus», n. 606, maggio.
A. IZZO, intervista Ger Van Elk a Napoli, in «Domus»,
n. 606, maggio.
A. B. OLIVA, The Bewildered Image, in «Flash Art», n.
97, maggio.
I. MUSSA, Italiana Nuova Imagine, in «Flash Art», n. 97,
maggio.
G. C. ARGAN, Computer il giovane maestro del sec. XX, in
«L’Espresso», 4 maggio.
V. RIVA, Biennale contro Triennale, in «L’Europeo», 6
maggio.
L. CABUTTI, Mannheim, Egonavigatio, in «Bolaffi Arte»,
estate.
L. CABUTTI, Basilea, Arte dall’Italia, in «Bolaffi Arte»,
giugno.
B. RADICE, L’avanguardia inseguita (intervista con Franco
Toselli), in «Modo», n. 30, giugno.
I. MUSSA, 39 Biennale di Venezia, in «Avanti!», 1°
giugno.
R. BARILLI,: Avanti!, 1° giugno.
L. M. AGNESE e R. ENRIQUEZ, La guerra dei pennelli, in
«Panorama», 2 giugno.
K.V., Gemalte Korperlichkeit, in «Die Weltwoche», 11
giugno.
A. BONITO OLIVA, Transavanguardia, in «Flash Art»,
n. 98/99, luglio.
M. VESCOVO, Expo Arte, in «Flash Art», n. 98-99,
luglio.
G. CELANT, Biennale 80: sonni e risvegli, in «Domus», n.
608, agosto.
P. FREY, Sudliche Geheimnisse, in «Tagesanzeiger», 8
agosto.
Mimmo Paladino, in «New Art», estate-autunno.
7 artisti italiani in Basle, Essen, Amsterdam, in «Domus», n.
609, settembre.
T. TRINI, Venezia, La Biennale ‘80, in «Gran Bazaar»,
settembre-ottobre.
M. P. QUARZO CERINA, Die Neuen Italiener, Die
Kunstzeitschrift, Zurigo, ottobre.
A. BONITO OLIVA, Anche Parigi ha la sua Biennale, in
«Avanti!», 5 ottobre.
K. LARSON, And Four’s a Movement, in «Village
Voice», 15-21 ottobre.
D.V.G, Art World, n. 2, 17 ottobre - 14 novembre.
P. G. CASTAGNOLI, Attenzione! Pittura sporca, in «La
Repubblica», 22 ottobre.
A. BONITO OLIVA, New York, o cara, in «Avanti!», 2
novembre.
W. M. FAUST, intervista Alla Ricerca del..., in
«Domus», n. 611, novembre.
C. RICKLEY, New York: Mimmo Paladino, Marian
Goodman Gallery, in «Artforum», vol. XIX,
dicembre.
C., I 100 Guttoso di domani, in «Capital», n. 10,
dicembre.
Mimmo Paladino, in «Spazio Umano», dicembre.
Mimmo Paladino, in «Artforum», dicembre.
L. VAN GINNEKEN, Italiaanse schilders op snelle
zegetocht, in «Volkskrant», 13 dicembre.
F. VINCITORIO, Interview with Luca Amelio, in
«L’Espresso», 21 dicembre.
B. TOSI, La giovane pittura nel mirino della cultura
internazionale, in «Avanti!», 21 dicembre.
J. ZUMBRINK, Italiaanse avant-garde in Stedelijk, in
«Kunst» (Amsterdam), 24 dicembre.
A. BONITO OLIVA, Positivo bilancio del 1980 per l’arte, in
«Avanti!», 28 dicembre.
L. CABUTTI, Parigi XI Biennale, in «Bolaffi Arte»,
inverno.
A. BONITO OLIVA, L’artista dell’80 corre sul filo senza
paura di cadere, in «Avanti!», 30 dicembre.
A. BONITO OLIVA, La Transavanguardia italiana,
Giancarlo Politi Editore, Milano.
J. C. AMMANN, Skira Annuel, Ginevra.
A. BONITO OLIVA, EN DE RE, Emilio Mazzoli
Editore, Modena.
Mimmo Paladino, in «Report 1980», Rotterdam Arts
Council.
Report 1979, Galerie t’Venster, Rotterdam Arts
Council.
A. BONITO OLIVA, Le Stanze, catalogo della mostra,
Castello del Colonna, Gennazzano.
A. BONITO OLIVA, Opere fatte ad arte, catalogo della
mostra, Palazzo di Città, Acireale.
W. M. FAUST, Arte Cifra, catalogo della mostra, Paul
Maenz, Colonia.
Egonavigatio, catalogo della mostra, Mannheimer
Kunstverein, Mannheim.
A. BONITO OLIVA, F. TOSELLI e J. C. AMMANN:
Chia, Clemente, Cucchi, De Maria, Ontani, Paladino,
Tatafiore, catalogo della mostra, Kunsthalle Basel.
M. JACHISEN, Sprungbrett ins Metaphysische, in Die
enthauptete Hand, 100 drawings by Italians, catalogo della
mostra, Bonner Kunstverein, Bonn.
A. BONITO OLIVA, NUOVA SOGETTIVIT e W. M.
FAUST, Die enthauptete Hand, 100 drawings by Italians,
catalogo della mostra, Bonner Kunstverein, Bonn.
F. TOSELLI, Mimmo Paladino, catalogo della mostra,
Kunsthalle Basel, Museum Folkwang, Essen and
Stedelijk Museum, Amsterdam.
A. FRANZKE E W. M. FAUST, Mimmo Paladino,
catalogo della mostra, Badischer Kunstverein,
Karlsruhe.
The Chase Manhattan Bank Art Collection: Acquisitions,
catalogo della mostra, Chase Manhattan Bank, Usa.
1981
I. MUSSA, Vediamo che cos’è la Transavanguardia, in
«Avanti!», gennaio.
A. BONITO OLIVA, Occorre portare l’arte d’oggi nella
scuola, in «Cultura», gennaio.
M. SCHENKE, Jonge Italianen in niemandsland, in
«Algemeen Dagblad» (Amsterdam), 2 gennaio.
W. BORTEN, De Jonge Italianen en de internazionale avantgarde, in «Het Financiede Vrig Dagblad», 2 gennaio.
R. BARILLI, Prodotti made in Italy che adesso tirano forte, in
«Avanti!», 4 gennaio.
F. ZDENEK, Italiani ad Essen, in «Domus», n. 614,
febbraio.
L. AMANTE, Open Art, febbraio.
A. BONITO OLIVA, Il nuovo spirito della pittura visto da
Londra, in «Avanti!», 1° febbraio.
Mimmo Paladino, in Stedelijk Museum Bulletin, 1° febbraio.
L. CABUTTI, Amsterdam, Giovani Italiani, in «Bolaffi
Arte», marzo.
H. MARTIN, Henry: The Italian Art Scene, in
«ARTnews», marzo.
T. TRINI, Mimmo Paladino - The Mozart Tongue, in
«Domus», n. 615, marzo (poi in «Art Press», n. 55,
gennaio 1982).
M. BONUOMO, Mostra fra parentisi, in «Il Mattino»,
marzo.
A. BONITO OLIVA, Panorama dell’arte nell’ultimo
ventennio, in «Avanti!», 1° marzo.
B. MAESTRI, Young Italians, in «Flash Art», n. 102,
marzo-aprile.
Mimmo Paladino, in «Print Collector’s Newsletter», New
York, aprile.
A. BONITO OLIVA, Manierismo e Nomadismo, in «Flash
Art», n. 103, maggio.
F. VINCITORIO, in «L’Espresso», 10 maggio.
F. VINCITORIO, in «L’Espresso», (intervista con
Giuglio Turcato), 17 maggio.
A. BONITO OLIVA, La Transavanguardia, in
«Interarte», 20 maggio.
A. BONITO OLIVA, Adesso a Napoli non e piu accettabile
la prassi dell’attesa, in «Avanti!», 24 maggio.
I. MUSSA, Mimmo Paladino alla diacono, in «Flash Art»,
n. 104, estate.
M. PALADINO, in «Basle Museums Bulletin», n. 239,
giugno.
A. BONITO OLIVA, Conquista New York. L’ultima
generazione della Transavanguardia, in «Cultura», 7
giugno.
152
P. ZECCHINI, I poeti dell’arte, in «Il Settimanale», n. 23,
9 giugno.
W. VON BESSERICH, Der Zeichner und Maler Mimmo
Paladino, in «Basler Zeitung», 12 giugno.
Mimmo Paladino in Kunstmuseum, in «Zurcher Zeitung»,
15 giugno.
M. NETTER, Basler Zeitung, 17 giugno.
R. BARILLI, Ma dove sono i nuovi-nuovi?, in
«L’Espresso», 21 giugno.
A. BONITO OLIVA, Prospettive della fiera di Basilea
dedicata all’arte, in «Avanti!», 28 giugno.
A. BONITO OLIVA, L’Immagine a frammenti, in
«Cultura arte Il Giorno», 11 luglio.
F. VICITORIO, Intervista con Mimmo Paladino, L’Espresso,
12 luglio.
E. BARGIACCHI, Il grande test dell’arte contemporanea, in
«La Città», 18 luglio.
C. STRUWE, O Caminho do scidente, in «Veja» (San
Paolo), 29 luglio.
Z. FELIX, Westkunst a Colonia, in «Domus», n. 619,
luglio-agosto.
Mimmo Paladino, in «Neue Kunst in Munchen», agosto.
I. PULIAFITO, in «Domus», n. 619, agosto.
T. TRINI, in «Flash Art», n. 103, ottobre.
P. BODE, M. PETER e I. R. VITALES VON
PALADINOS, Abendzeitung (Monaco), 21 ottobre.
S. KOLSTEREN, Mimmo Paladino en de Jonge Italianen, in
Groninger Museum Bulletin, novembre.
A. BONITO OLIVA, La transavanguardia internazionale,
in «Flash Art», n. 105, novembre.
D.V.B, Mimmo Paladino, New York, in Art World,
novembre.
L. SOMAINI, I diamanti della transavanguardia, in «La
Repubblica», 8-9 novembre.
M. P. QUARZO CERINA, Mobile infinito, in «Journal»,
dicembre.
A. C. QUINTAVALLE, in «Panorama», 21 dicembre.
R. PAYANT, From language to language, in «Parachute»
(Amsterdam).
E. BUSCHE, Kunstkalender, Hannover.
A. BONITO OLIVA, Tesoro, Emilio Mazzoli Editore,
Modena.
Mimmo Paladino, Bilder und Zeichnungen 1980/8, Verlag
Schellman & Klüser, Monaco.
F. WINKLER e M. KINDLER: Mimmo Paladino, catalogo
della mostra, Kunstmuseum Basel.
C. M. JOACHIMIDES, A New Spirit in Painting, catalogo
della mostra, Royal Academy of Arts, Londra.
J. C. AMMANN, A. WILDERMUTH e D. KOEPPLIN,
Mimmo Paladino, Zeichnungen 1976-1981, catalogo della
mostra, Kunstmuseum Basel, Kestner-Gesellschaft
Hannover.
A. BONITO OLIVA, Paladino di Pittura, in Esercizi di
lettura, Mimmo Paladino, catalogo della mostra,
Galleria d’Arte Moderna, Bologna.
1982
G. TADDEO, Mimmo Paladino, in «Lapis/Arte», n. 8,
pp. 9-12.
A. BONITO OLIVA, Ottimismo infine, in «Pagina», n. 2.
H. A. BUCH, Mimmo Paladino, Tegninger 1976/81, in
«Louisiana Revy», n. 2, gennaio.
D. KOEPPLIN, Beskrivelse of nogle af Paladinos Tegninger,
in «Louisiana Revy», n. 2, gennaio.
L. PONTI e F. TOSELLI, in «Domus», n. 624, gennaio.
Dieses neueste Bild von Mimmo Paladino, Abendzeitung, 12
gennaio.
C. HEYBROCK e R. BONBONMASSE, Bilder aus
Draculas Schloss, in «Mannheimer Morgen», 19
gennaio.
S. FEESER, Zwischen Traum und Kitsch, in «Die
Rheinpfalz», 21 gennaio.
I. REIN, Geheimnisvolle Botschaften, in «Suddeutsche
Zeitung», 22-23 gennaio.
R. MELE, in «Modo», n. 46, gennaio-febbraio.
B. D. KVARTIC, Neue Ausstellungen in Kunstmuseum und
Kornschutte Luzern, in «Luzerner Neueste
Nachrichten», n. 31, 8 febbraio.
A. DE FELICE, The Italian Moderns, in «Attenzione»,
n. 3, marzo.
P. O. KRUCKMANN, Frage und Antwort, in Badische
Zeitung Freiburg im Brisgan, 5 marzo.
F. EDWARDS, Art is anything you can get away with!, in
«Paletten», aprile.
S. KENT, Mimmo Paladino, in «Time Out», 16 aprile.
J. SPURLING, Doing versus being, in «The Listener», 16
aprile.
H. EINZIG, Anselm Kiefer, Mimmo Paladino, in «Art
Monthly», maggio.
L. CARAMEL, Neo-expressionismo all’attacco,
in «Il Giornale», 7 maggio.
N. WEINSTOCK, Mimmo Paladino, in «Basler
Magazin», n. 18, 8 maggio.
C. MULLER, Kunst im Kopf, Paolini und Paladino in
Wuppertal, in «Generalanzeiger», 12 maggio.
A. POHLEN, Ein Blick zuruck und nach vorne, in
«Generalanzeiger fur Bonn», 14 maggio.
F. MORAIS, in «O Globo» (Rio de Janeiro), 18
maggio.
A. WILDERMUTH, Mimmo Paladino, in «Flash Art», n.
109, estate, pp. 36-40.
C. TITTERINGTON, Mimmo Paladino at Waddington, in
«Artscribe», n. 35, giugno, pp. 63-64.
E. R. COMI e M. PALADINO, Sul nichilismo dell’uomo
contemporaneo, in «Lo Spazio Umano», n. 4, lugliosettembre, pp. 75-87.
M.S, L’ultima moda e la trans-avanguardia, pero, in «Lei», n.
22, settembre.
Mimmo Paladino, in «Lei», n. 22, settembre.
L. V. MASINI, Spazi Arte 82 a Celle Santomato di Pistoia,
in «Gran Bazaar», settembre-ottobre.
P. H. VON GOPFERT, Berliner Morgenpost, 16 ottobre.
J. C. AMMANN, Paladino: Diamonds and Secret Cards, in
«Flash Art», novembre, n. 109, pp. 22-23.
A. WILDERMUTH, Mimmo Paladino, in «Flash Art», n.
109, novembre, pp. 18-21.
P. M. BODE, Odysee im Weltraum, in «Abendzeitung»,
4 dicembre.
A. C. QUINTAVALLE, Panorama, 13 dicembre.
A. BONITO OLIVA e A. WILDERMUTH: Mimmo
Paladino, catalogo della mostra, Galerie Buchmann,
San Gallo.
A. POHLEN, Das Abenteuer und der Widerspruch,
Schellmann & Klüser, Monaco,
Mimmo Paladino, Neue Mappenwerke der Edition
Schellmann & Klüser, Monaco.
A. POHLEN, Mimmo Paladino, Bilder und Zeichnungen
1981-1982, catalogo della mostra, Kunst- und
Museumsverein, Wuppertal and Stadtische Galerie
Erlangen, Erlangen.
New figuration from Europe, catalogo della mostra,
Milwaukee Art Museum.
1983
«Bijutsutecho» (Giappone), vol. 35, n. 505, gennaio.
Mimmo Paladino, in «El Pais», (Madrid), 19 gennaio.
J. NICKLES, Trembles in Naples art, in «Daily
American», 29 gennaio.
M. Paladino, in «ABC», Madrid, 30 gennaio.
F. VINCITORIO, La parte dell’occhio, in «L’Espresso», 30
gennaio.
F. MORAIS, Com avanguardia ativa e uma revisao do passado,
este ano promete ser bom para a arte no Rio, in «O
Globo», (Rio de Janeiro), 31 gennaio.
M. P. QUARZO CERINA, Der Garten ist geheimnisvoller
als der Wald, in «Die Kunstzeitschrift», n. 504,
febbraio.
J. CUETO, El Nombre de la sopa, in «El Pais», (Madrid),
1° febbraio.
C. FUENTES, La Transavanguardia italiana o el ultimo
movimiento pictorico, in «ABC», (Madrid), 1°
febbraio.
F. HUICI, La Transavanguardia italiana presenta en Madrid
un balance significativo de su aportacion estetica, in «El
Pais», (Madrid), 1° febbraio.
M. LOGRONO, Llego la Transavanguardia, in «Diario
16», (Madrid), 2 febbraio.
P. DEL ROMERO, La Transavanguardia, ni mitos ni puntoo
de referencia unico, in «Cinco dias», (Madrid), 3
febbraio.
R. VIDALI, Mimmo Paladino: la pittura riposa nel
nascondiglio ghiaccio della magia, in «Juliet Art
Magazine», 10 febbraio-marzo.
F. C. SERRALER, Balance provisional de la
Transavanguardia, in «El Pais» (Madrid), 12 febbraio.
C. JIMENEZ, Transavanguardia, oltra vez, in «Cambio»,
Madrid, 14 febbraio.
V. COMBALIA, El voraz movimiento de la
Transavanguardia, El Pais, 24 febbraio.
J. TRENAS, La transavanguardia como arte de la transicion, in
«Jano Critica», marzo.
B. LAMARCHE-VADEL, La Transavanguardia, in «El
Socialista», n. 300, 9-15 marzo.
Mimmo Paladino, in «Diario de Barcelona», 13 marzo.
M. GARCIA, Transavanguardia italiana, in «Tiempo de
Vivir», (Madrid), 14 marzo.
A. WILDERMUTH, Der Opfertisch M. Paladino, in «St
Gallen Tagblatt», 31 marzo.
Kanslig finess, moget Maleri, in «Stoccolma Tidningen», 2
aprile.
L. NITTVE, En ny medeltid, in «Svenska Dagbladet»,
Stoccolma, 2 aprile.
F. VINCITORIO, Mimmo Paladino, in «L’Espresso», 10
aprile.
R. PICCICHE, La lezione di Morandi, in «L’Ordine», 18
maggio.
F. VINCITORIO, La parte dell’occhio, in «L’Espresso», 29
maggio.
D. BERGER, Mimmo Paladino, in Print Collector’s
153
Newsletter, n. 2, maggio-giugno.
L. HENICHELLI, Mimmo Paladino, in «Flash Art», n.
115, giugno, n. 3, pp. 2-7.
P. FOGLIANI, Piera, in «Amica» (Milano), giugno.
J. GUINLE, Expressionismo vs. neo-expressionismo, in
«Modulo», n. 74.
C. BERNARDEZ, La vanguardia y lo imaginario, in Guia del
ocio.
A. BONITO OLIVA, Trans Avant Garde International,
Giancarlo Politi Editore, Milano.
A. BONITO OLIVA, Mimmo Paladino: Giardino Chiuso,
Emilio Mazzoli Editore, Modena.
Mimmo Paladino, catalogo della mostra, Sperone
Westwater, New York.
1984
D. KUSPIT, Mimmo Paladino at Sperone Westwater, in
Art in America.
N. P. SUNDGREN, in «Journalen» (Stoccolma).
D. PAPARONI, La diseccda caverna, in «Tema Celeste».
L. SOMANINI, in «La Repubblica» (Milano), 21
gennaio.
S. C. LARSEN, Mimmo Paladino, Newport Harbor
Museum, in «Artforum International», estate, p. 97.
T. TRINI, Mimmo Paladino, in «Vogue» (Italia), luglioagosto, n. 413, pp. 396-401.
F. PASINI, L’Atelier aux yeux innombrables, in
«Décoration» (Francia), luglio-agosto, n. 73,
pp. 56-63.
Mimmo Paladino, in «Vogue» (Germania), agosto.
R. ASSUNTO, L’imagines et il tiempo, in «Tema Celeste»,
n. 4, ottobre, pp. 17-19.
W. JANUSZCZAK, Waddington’s Gallery: Mimmo
Paladino, in «The Guardian», 9 ottobre.
C. LYTTELTON, intervista Painting Shadows in Imaginary
Lines, in «Ritz», novembre.
N. ROSENTHAL, intervista Mimmo Paladino, in
«Artscribe», n. 49, novembre-dicembre, pp. 40-43.
G. DORFLES, Mimmo Paladino, Veglia, Mazzotta,
Milano.
M. PALADINO, Sud, Schellman & Klüser, Monaco.
N. ROSENTHAL: Mimmo Paladino, catalogo della
mostra, Waddington Galleries, Londra.
T. RASPAIL, F. ZDENEK e G. JOPOLO, Mimmo
Paladino, catalogo della mostra, Musée St Pierre Art
Contemporain, Lione.
W. M. FAUST e A. FRANZKE, Paladino bei Thomas,
catalogo della mostra, Galerie Thomas, Monaco.
T. ZAUNSCHIRM, Mimmo Paladino: Hundert Tage für
Salzburg, Edition Galerie Thaddaeus Ropac,
Salisburgo.
1985
B. ROSTAD, Paladino endelig i Norge, in «Tique», n. 4,
p. 150.
N. ROSENTHAL, Guardando New York, Mimmo
Paladino, in «Tema Celeste», n. 6, pp. 28-34.
Mimmo Paladino I Kunstnernes Hus, in «Kunst», n. 3,
pp. 28-33.
E. J. SOZANSKI, Works alluding to faith, in
«Philadelphia Enquirer», 13 giugno.
J. SILVERTHORNE, Mimmo Paladino, in «Artforum»,
settembre, p. 123.
A. SJURSEN, Mimmo Paladino: I samtale med fjerne krefter,
in «Morgenbladet», 5 novembre.
E. MOESTUE BUGGE, Endelig i Munchs hjemland, in
«Aftenposten» (Oslo), 5 novembre, p. 6.
H. FLOR, Poeten Paladino, in «Dagbladet», 6 novembre,
p. 23.
E. EGELAND, Med Paladino hinsides Kulturkrisen, in
«Aftenposten» (Oslo), 12 novembre.
E. H. JOHNSRUD, Vilje til a overleve sensasjonen?, in
«Aftenposten» (Oslo), 12 novembre.
L. MANNILA, Paladinos orfiske sanger, in
«Arbeiderbladet», 13 novembre.
P. GROTVEDT, Mimmo Paladino - meningstomhet og
spontan intesitet, in «Morgenbladet», 15 novembre.
P. GROTVEDT, Novembre Kunst, in «City» (Oslo),
n. 5, dicembre, pp. 70-71.
B. CORÀ, Mimmo Paladino, catalogo della mostra,
Sperone Westwater, New York.
T. LEHNERER, H. FRIEDEL e D. KUSPIT: Mimmo
Paladino, catalogo della mostra, Stadtische Galerie im
Lenbachhaus, Monaco.
Mimmo Paladino, catalogo della mostra, Galerie Michael
Haas, Berlino.
D. KOEPPLIN e D. KUSPIT, Mimmo Paladino: Skulptur
og Tegning, catalogo della mostra, Kunstnernes Hus,
Oslo.
1986
A. WILDERMUTH: Das Erscheinen des Myths bei Mimmo
Paladino, Mario Merz, Enzo Cucchi and Francesco
Clemente, in «Kunst und Kirche», n. 1.
S. BOND, Waddington Galleries Ltd, in «Tableau», estate.
C. HARRISON, Sculpture, Design and Three-Dimensional
work, in «Artscribe», n. 58, giugno-luglio, pp. 60.
S. SCHUTZ, Mimmo Paladino, in «Kunstforum», vol.
86, novembre-dicembre.
Mimmo Paladino, catalogo della mostra, Galerie Delta,
Rotterdam.
M. A. CRUTCHFIELD e D. H. RISATTI, Mimmo
Paladino, in Recent Painting and Sculpture 1982-86,
catalogo della mostra, Virginia Museum of Fine
Arts, Richmond.
G. FRANCHETTI, Mimmo Paladino, catalogo della
mostra, Sperone Westwater, New York.
R. E. CAVES, Mimmo Paladino: Recent prints in context,
catalogo della mostra, Waddington Graphics,
Londra.
M. PALADINO, Tane, Gian Enzo Sperone, Roma.
1987
E. HEARTNEY, Mimmo Paladino, in «ARTnews», vol.
86, n. 2, febbraio.
A. VETTESE, Mimmo Paladino, in «Flash Art», n. 134,
maggio, pp. 75-76, 98-99.
T. MINEMURA, Occhi tattili, Mimmo Paladino a Tokyo, in
«Tema Celeste», n. 14, dicembre-febbraio, pp. 4654, 75-76.
T. NIBUYA, Nocturnal Song (Canto notturno), in Mimmo
Paladino, catalogo della mostra, Fuji Television
Gallery, Tokyo.
Mimmo Paladino: Works on Paper 1973-1987, catalogo
della mostra, Edition Galerie Thaddaeus Ropac,
Salisburgo.
1988
T. GODFREY, Classicism in Painting Today, in «Art &
Design», vol. 4, n. 5-6, pp. 48-52.
N. BOURRIAUD, Mimmo Paladino, in «Galeries
Magazine», febbraio-marzo, pp. 80-83.
M. VAIZEY, How to turn the humdrum into art, in «The
Sunday Times», 1° maggio.
A. MAMMI, Mimmo Paladino - Galleria Gian Enzo
Sperone, in «Artforum», estate.
M. DI CASTELLO, La tirannia dell’informazione.
Editoriale, in «Tema Celeste», n. 16, giugnosettembre, pp. 20-21.
D. PAPARONI, L’origine della ferita, in «Tema Celeste»,
settembre, n. 16, pp. 22-29.
M. CARBONI, Il luogo dell’arte, Tema Celeste, ottobredicembre, pp. 46-50.
B. TOLZMANN, Art Cologne 88, in «Contemporanea»,
novembre-dicembre.
C. FINCH, Twentieth Century Watercolours, Abbeville
Press, New York.
Mimmo Paladino, Opere su carta, catalogo della mostra,
Galleria In Arco, Torino.
1989
M. R. BEAUMONT, Italian Art in the 20th Century, in
«Arts Review», 27 gennaio, vol. IXL, n. 2, pp. 7071.
S. MORLEY, Italians at the Academy, in «Art Line
International», vol. 4, n. 6, aprile-maggio, pp. 50.
W. FEAVER, Chauvanism and Chic, in «Art News», vol.
88, n. 5, maggio, pp. 138-145.
A. CARNIE, A World of Possibilities, in «Art &
Design», vol. 5, n. 3-4.
W. FEAVER, Chauvinism and Chic, in «Art News»,
maggio, vol. 88, n. 5, pp. 142-145.
J. TURNER, Trash and Treasure: The Essence of Alchemy,
in «ARTnews», settembre, pp. 143-147.
V. BARADEL, Ad usum Dimorae, in «Tema Celeste»,
ottobre-dicembre, p. 68.
K. JOHNSON, Mimmo Paladino, Sperone Westwater, in
«Art in America», novembre, p. 189.
C. FELVER, Artists in Close-Up, in «Art International»,
inverno, pp. 44-49.
S. BANN, The True Vine: On Visual Representation and
Western Tradition, Cambridge Unversity Press.
M. PALADINO, Veroniche, con testi di Giovanni
Testori, ed. Zaira Mis, Artiscope, Bruxelles.
Michele Bonuomo per Mimmo Paladino: Il Silenzio e il Pane,
in Paladino, Lucio Amelio, Napoli.
G. FRANCHETTI, Giorgio: Meditation about Mimmo
Paladino, in Mimmo Paladino, catalogo della mostra,
Sperone Westwater, New York.
1990
E. SEVERINO, The Nihilism of Making, in «Tema
Celeste», gennaio-marzo, n. 24, p. 56.
T. BRANDT, Second outdoor exhibition in Monte Carlo, in
«Journal of Art», aprile, p. 18.
D. AUREGLI, Mimmo Paladino, in «Tema Celeste»,
luglio-ottobre, p. 61.
Mimmo Paladino, Giancarlo Politi Editore, Milano.
Mimmo Paladino: Pintures, Sculptures, Aquarelles, Galerie
Daniel Gervis, Cannes.
154
E. LUCIE-SMITH, Art in the Eighties, Phaidon Press,
Oxford.
D. PAPARONI e M. CASTELLO, Specchi Ustroi, Tema
Celeste Edizioni, Siracusa.
The 20th Anniversary Fuji Television Gallery 1970-1990,
Fuji Television Gallery, Tokyo.
Mimmo Paladino: En Do Re, Tema Celeste Edizioni,
Siracusa.
H. FRIEDEL, Paladino: Sud, Galerie Bernd Klüser,
Monaco.
P. G. CASTAGNOLI, Paladino, Galleria d’Arte
Moderna Villa della Rose, Bologna.
For the Collector: Important 20th Century Sculpture,
catalogo della mostra, Meredith Long & Co, Texas.
C. SCHWARTZ, Long Island Collects: The Figure &
Landscape, 1870’s-1980’s, catalogo della mostra,
Nassau County Museum of Art, Roslyn Harbor,
New York.
1991
B. MERCURI, Thirty Horses for a Strong Vision, in
«Tema Celeste», gennaio-febbraio, n. 29, pp. 69-73.
D. PAPARONI, Thirty Horses for «The Bride of Messina»,
Tema Celeste, gennaio-febbraio, n. 29, pp. 74-75.
G. VALLESE, Ottanta: ritorno all’opera, in «Arte»,
maggio, n. 218, p. 77.
S. ZECCHI, Paladino at Sperone Westwater and Waddington
Galleries, in «Flash Art», estate, vol. XXIV, n. 159,
p. 165.
A. SEARLE, Mimmo Paladino: Waddingtons, in «Time
Out», 3-10 luglio.
R. SAGAR, Mimmo Paladino: Waddington Gallery, in
«What’s On in Londra», 3-10 luglio.
C. HALL, Mimmo Paladino at Waddington Galleries, in
«Arts Review», 12 luglio, vol. XLIII, n. 14, p. 355.
M. HUBERT, Mimmo Paladino at Sperone Westwater, in
«Flash Art», vol. XXIV n. 160, ottobre p. 138.
M. LIVINGSTONE, Pop Art, Royal Academy of Arts,
Londra.
D. PAPARONI, La Metafisica della luce, catalogo della
mostra, John Good Gallery, New York.
R. GUIDIERI, Mimmo Paladino: EN DO RE, Galerie
Daniel Templon, Parigi.
Mimmo Paladino, Ana Gallery and Duson Gallery,
Seoul.
IIIeme Biennale de Sculpture Montecarlo 1991, catalogo
della mostra, illus. p. 86.
T. TIDHOLM, Mimmo Paladino: Drawings, catalogo della
mostra, Galleri Lars Bohman, Stoccolma.
H. KONTOVÁ, A. BONITO OLIVA e I.
RAIMANOVÁ, Mimmo Paladino: Bílá Hora, La
Montagna Bianca, Belvedere del Castello di Praga,
Praga.
1991-1992
F. GALLO, Parallele Linee della scultura contemporanea,
catalogo della mostra, Galleria Gian Ferrari Arte
Contemporanea, Milano.
1992
J. TURNER, Mimmo Paladino: 30 Horses, a Watch and a
White Mountain, in «ARTnews», marzo, vol. 91, n.
3, pp. 108-111.
J. SALLIS, Very Ancient Memories, in «Tema Celeste», n.
40, primavera, p. 53.
D. PAPARONI, Paladino at Waddington Galleries, in
«Flash Art», maggio-giugno, vol. XXV, n. 164, p.
146.
A. TECCE, Hortus conclusus, opera aperta, in
«Vernissage», ottobre, n. 104.
Sculpture, catalogo della mostra, Waddington Galleries,
Londra.
M. STEVENS, Mimmo Paladino: Paladino’s Voyage,
catalogo della mostra, Galeria Ramis F Barquet, in
collaborazione con Sperone Westwater.
Mimmo Paladino: L’opera su carta 1970-1992, catalogo della
mostra, Galleria Civica di Arte Contemporanea,
Trento.
1993
Maler-Star und stiller Magier, in «Art» (Germania),
gennaio, pp. 14-27.
J. SALLIS, Very Ancient Memories, in «Tema Celeste»,
primavera, n. 40, pp. 53-55.
D. PAPARONI, Whereward?, in «Tema Celeste»,
primavera, n. 40, p. 5.
J. TURNER, Charging Ahead, in «Art News», vol. 92, n.
10, dicembre, p. 92.
A. BONITO OLIVA e N. ROSENTHAL, Mimmo
Paladino - Forte Belvedere, catalogo della mostra,
Fabbri Editori, Firenze.
1994
M. LORES, Mimmo Paladino, in «El Guia» (Spagna),
febbraio.
Eye Openers, in «The Londra Magazine», vol. 2, n. 20,
febbraio, p. 123.
Mimmo Paladino, in «The Guardian», 19 febbraio.
Waddington Galleries: Mimmo Paladino, in «The
Independent», 22 febbraio.
Waddington Galleries: Mimmo Paladino, «What’s On in
Londra», 23 febbraio.
Mimmo Paladino, in «Art Review», vol. XLV, marzo,
p. 76.
R. BEVAN, Around the galleries: Mimmo Paladino, in «The
Art Newspaper», n. 36, marzo, p. 35.
G. NORMAN, Sculpture spectacular fails to tempt buyers, in
«The Independent», 20 marzo.
O. LOWE, Mimmo Paladino: Waddingtons, in «What’s
On in Londra», 23-30 Marzo.
G. DI PIETRANTONIO, Mimmo Paladino at Emilio
Mazzoli, in «Flash Art», vol. XXVII, n. 178,
ottobre, p. 107.
A. THORNCROFT, Mimmo Paladino at Waddington, in
«Art and Auction», vol. XVI, n. 7, p. 46.
D. PAPARONI, Piagnoni e flagellanti folgorati sulla via di
Venezia, in «Tema Celeste», n. 44, inverno, p. 5.
N. ROSENTHAL, Mimmo Paladino, catalogo della
mostra, Waddington Galleries, Londra.
E. BRAUN e N. ROSENTHAL, Mimmo Paladino,
catalogo della mostra, Museo de Arte
Contemporáneo de Monterrey, Edizioni Charta,
Milano.
K. OBERHUBER e V. MARTINO Mimmo Paladino:
Bilder für Salzburg, catalogo della mostra, Galerie
Thaddaeus Ropac, Salisburgo.
R. CASTLEMAN, A Century of Artists Books, catalogo
della mostra, The Museum of Modern Art, New
York.
1995
K. SHULMAN, The Uffizi Goes Contemporary, in
«ARTnews», aprile, p. 69.
S. HUBBARD, Mimmo Paladino: Waddington, in «Time
Out», 26 luglio.
Storia e post-storia, Mimmo Paladino in conversation with
Arthur C. Danto and Demetrio Paparoni, in «Tema
Celeste», n. 52, estate, pp. 32-39.
W. PACKER, Sculpture happy in a landscape, in «The
Financial Times», 8 agosto.
E. FABIANI, Mimmo Paladino: Segreto, in «Arte»,
ottobre, pp. 94-97.
P. MARINO, L’arte sa di sale mediterraneo,
in «La Gazzetta del Mezzogiorno», 6 dicembre.
B. DE FAZIO, Il Paladino della discordia,
in «La Repubblica» (Napoli), 14 dicembre.
E. CICELYN, Scuderie metropolitane, in «Il Mattino»,
16 dicembre.
E. BATTARRA, Camere italiane con vista sul mondo,
in «Il Giornale di Napoli», 16 dicembre.
T.P., Sculture, dipinti e la «montagna di sale»: a Napoli una
super mostra rende omaggio a Mimmo Paladino,
in «Il Messaggero», 16 dicembre.
B. DE FAZIO, Napoli apre le porte all’arte contemporanea,
in «La Repubblica» (Napoli), 17 dicembre.
M. MORETTI, Una montagna d’arte, in «L’Indipendente»,
17 dicembre.
R. RODRIGUEZ, Una «montagna di sale» dall’effimero
Nicolini, in «Napoli Notte», 17 dicembre.
M. BIGNARDI, Figure arcaiche attraversano il
contemporaneo, in «Il Denaro», 18 dicembre.
Napoli attrazione di Natale, in «La Repubblica», 24
dicembre.
A. IACCARINO, Folla in piazza, la «provocazione» di
Paladino incuriosisce, in «Il Mattino», 27 dicembre.
A. IACCARINO, Presidiata la Montagna, in «Il Mattino»,
28 dicembre.
T. MARRONE, Paladino di arte nuova, in «Il Mattino»,
30 dicembre.
L. TURCHETTA, Magìa del sale: Ritratto di un eclettico,
in «Il Manifesto», 30 dicembre.
N. PAGLIARA, Quella verità in maschera, in «Il Giornale
di Napoli», 31 dicembre.
Mimmo Paladino: Cities 14 Works, catalogo della mostra,
Waddington Galleries, Londra.
Of the Human Form, catalogo della mostra, Waddington
Galleries, Londra.
N. SPINOSA, G. ZAMPINO e R. NICOLINI, Paladino,
catalogo della mostra, Edizioni Charta, Milano.
J. PUTNAM, Time Machine: Ancient Egypt and
Contemporary Art, catalogo della mostra, Museo
Egizio, Torino.
N. ROSENTHAL, Mimmo Paladino, Gana Art Gallery,
Seoul.
P. DE PEUTER, Swinging Sixties-Sparkling Nineties,
catalogo della mostra, Bank Brussels Lambert and
Crédit Européen Luxembourg, pp. 216-217.
155
1996
V. DEL TUFO, Vandali all’assalto della Montagna del sale
Gravi i danni. Da domani la ricostruzione,
in «Il Mattino», 2 gennaio.
U. CARUGHI, Quotidiani passi d’uomo. Nello spazio
urbano, in «Il Giornale di Napoli», 3 gennaio.
F. BUTTURINI, Una liturgia dell’immagine, in «L’Arena»,
21 gennaio.
V. SGARBI, Nell’universo primordiale di Mimmo Paladino,
in «Grazia», 26 gennaio.
P. VAGHEGGI, Il mercato dell’arte? Mi ha proprio stufato,
in «La Repubblica», 29 gennaio.
A. RUBBINI, Mimmo Paladino a Napoli, in «Segno»,
n. 145, gennaio-febbraio, pp. 28-33.
A. C. QUINTAVALLE, In viaggio con l’artista,
in «Panorama», 1° febbraio.
N. SERVIZIO, Immagini di mistero di un popolo,
«Il Gazzettino», 16 febbraio.
A. FIZ, Il tempo arcano di Mimmo Paladino rivive a Napoli,
in «Italia Oggi», 17 febbraio.
M. CORGNATI, Mimmo Paladino sotto il Vesuvio,
in «Chi», 23 febbraio.
L. ATTIAS, The Muse: Thaddaeus Ropac, Parigi,
in «ARTnews», febbraio, p. 144.
S. CASCIANI, La Montagna Incantata, Abitare, 1° marzo.
J. PUTNAM, Mimmo Paladino, in «Tema Celeste»,
1° marzo.
B. DE FAZIO, Furto a Palazzo Reale sono sparite tre opere,
in «La Repubblica» (Napoli), 16 marzo.
E. CICELYN, Palazzo Reale, rubati 4 Paladino,
in «Il Mattino», 16 marzo.
E. CICELYN, Paladino accusa Palazzo Reale,
in «Il Mattino», 17 marzo.
G. PERRETTA, Mimmo Paladino, in «Flash Art»,
1° aprile.
A. TRIMARCO, Paladino: tracing a path in art, Modo,
1° aprile.
A. IZZO, Paladino e Napoli, in «Quadri & Sculture»,
1° aprile.
M. ANGIOINO, S’inaugura l’elmo di Paladino,
in «Il Mattino», 26 aprile.
D. KUSPIT, Mimmo Paladino: Sperone Westwater,
in «Artforum International», ottobre, vol. XXXV,
n. 2, pp. 115-116.
L. WEI, Mimmo Paladino at Sperone Westwater,
in «Art in America», n. 11, novembre, p. 107.
V. WIESINGER e A. SCHWARZ, Mimmo Paladino,
catalogo della mostra, Musées de Strasbourg.
E. CICELYN, Neapolitan Shadows, Mimmo Paladino,
Sperone Westwater, New York.
F. CAPELO, The Berardo Collection, Sintra Museum of
Modern Art, Portogallo.
1997
R. HARADA, Mimmo Paladino, in «Eikoku News
Digest», n. 620, 18 dicembre.
Paladino, catalogo della mostra, Scognamiglio & Teano
Agenzia d’Arte Moderna, Napoli.
J. PUTNAM, Mimmo Paladino: Extemporisation, catalogo
della mostra, Alan Cristea Gallery, Londra.
R. GRANDI, L’anima e le forme: scultori in fonderia,
catalogo della mostra, Editrice Compositori,
Bologna.
Mimmo Paladino: Dipinti Semplici, Waddington
Galleries, Londra.
1998
M. GLOVER, Mimmo Paladino: Waddington,
in «ARTnews», marzo, p. 182.
Y. TSCHERWITSCHKE, Der Witz der
«Transavantguardia», in «Hohenloher Zeitung»,
Künzelsau, 26 febbraio.
R. MENIKHEIM, Grosse Gestik und Pathos in Szene
gesetzt, in «Fränkische Nachrichten»,
Tauberbischofsheim, 27 febbraio.
B. MEIER-GROLMAN, Die Antike als Fundgrube,
in «Südwest Presse», Ulm, 4 marzo.
G. HOFFMANN, Die Bergkette habt ihren Zeigefinger,
in «Stuttgarter Zeitung», Stoccarda, 17 aprile.
R. HÄNDLER, Schrille Putti auf dem Surfbrett, in «art»,
Amburgo, maggio.
P. AMIEL, Transavantguardia, in «noema», Vienna,
luglio.
A. PHILP, Paladino. Bilder des Ubergangs, in
Transavanguardia: Chia, Cucchi, Clemente, Paladino,
catalogo della mostra, Museum Würth, Künzelsau
and Thorbecke Verlag, Germania.
1999
M. BENJAMIN, Nice and eerie does it, in «Evening
Standard», 8 settembre, p. 37.
C. DARWENT, Land of the living dead,
in «The Independent on Sunday», 12 settembre.
H. SMITHSON, Terror cotta, in «Ham & High», 17
settembre.
J. MCEWEN, Harmony from chaos, in «The Sunday
Telegraph», 26 settembre.
G. HAVARD, Mimmo Paladino, in «Londraart.co.uk
magazine», 1° ottobre.
M. COOMER, Mimmo Paladino-Brian Eno,
in «Time Out», ottobre.
R. WITHERS, Mimmo Paladino, in «Artforum»,
novembre, p. 152.
S. SPADA, Arte all’arte, in «Tema Celeste», ottobredicembre, p. 73.
H. STODDART, Eno-Paladino: Installation at the
Roundhouse, in «contemporary visual art», n. 26,
p. 62.
G. R. MANZONI, Mimmo Paladino: Le Maesta, catalogo
della mostra, Galerie Thaddaeus Ropac, SalisburgoParigi.
2000
H. D. HENN, Plastik und Skulptur aus der Sammlung
Würth, catalogo della mostra, Kunst im Kurpark
von Bad Mergentheim, Germania.
2001
A. FIZ, Mimmo Paladino: Zenith, catalogo della mostra,
Santuario di Oropa, Biella - Edizioni Charta,
Milano.
J. SALLIS, e D. ECCHER, Paladino: una monografia-a
monograph, catalogo della mostra, Charta, Milano.
E. DI MARTINO, Paladino: Graphic Work 1974-2001,
Art of this Century, New York-Parigi.
2003
L. TANSINI, Simplicity of the Gesture: A Conversation
with Mimmo Paladino, Sculpture, vol. 22, n. 3, aprile,
pp. 36-41.
M. CARBONI, Mimmo Paladino: Centro per l’arte
contemporanea Luigi Pecci, in «Artforum», XLI, n. 10,
estate, 2003, pp. 196-197.
B. CORÀ, Paladino, catalogo della mostra, Centro per
l’arte contemporanea Luigi Pecci, Prato.
2004
Illustrazioni per La nuova Bibbia, Salani, Milano.
Illustrazioni per Il Pinocchio, Ed. Papiro Arte, Venezia.
B. CORÀ, LeWitt / Paladino, Gli Ori, Prato.
2005
B. CORÀ, Paladino, Centro per l’arte contemporanea
Luigi Pecci, Prato.
Mimmo Paladino - Quijote, catalogo della mostra, Electa,
Napoli.
E. DI MARTINO, Mimmo Paladino, catalogo della
mostra, Galleria d’Arte Moderna - Cà Pesaro,
Venezia, Papiro Arte, Venezia.
2006
Paladino - Fotogrammi / Dipinti Armati, catalogo della
mostra, Galleria Cardi-Galleria Stein, Milano.
Black and White, Waddington Galleries, Londra.
Vinci. Una piazza per Leonardo, Skira, Milano.
2007
Short Stories, Gli Ori, Prato.
Mimmo Paladino, Centre Cultural Contemporani,
Palma di Maiorca.
Mimmo Paladino al Museo dei Materiali Minimi, MMMAC,
Paestum.
2008
Opera Grafica, L’Arte a Stampa, Milano.
Quijote, Gli Ori, Pistoia.
Don Chisciotte a Palermo, Editalia.
Mimmo Paladino a Villa Pisani, Marsilio, Venezia.
Paladino / Ara Pacis, Barbieri Selvaggi, Manduria.
Mimmo Paladino per Modena, Skira, Milano.
Opera per l’Ara Pacis, Gli Ori, Prato.
2009
Mimmo Paladino, Papiro Arte, Venezia.
La Scultura 1980-2008, Skira, Milano.
Mimmo Paladino / Gianni Berengo - Ortissima, Gardin,
Allemandi, Torino.
2010
Mimmo Paladino alla Galleria Marlborough, Monaco, Paolo
Gribaudo, Torino.
Mimmo Paladino - Ottobre 2010 alla Galleria Valentina
Bonomo, Roma.
2011
Mimmo Paladino - Il destino dell’uomo, Credito Artigiano
Mimmo Paladino a Palazzo Reale, Giunti, Firenze.
Mimmo Paladino e il nuovo guerriero, Allemandi, Torino.
Il rabdomante e le sorgenti nascoste, Allemandi, Torino.
156
La Transavanguardia italiana, Skira, Milano.
Lo Splendore della Verità. La Bellezza della Carità,
Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano.
Le mostre
2012
Mimmo Paladino, Galleria Mazzoli, Modena.
Le Strade di Roma, Alan Cristea Gallery, Londra.
Paladino - Ceramiche, Gli Ori, Prato.
Paladino - La Scultura, Marsilio, Venezia.
2013
Mimmo Paladino e la filosofia, in «Rivista di estetica»,
Rosenberg & Sellier, Torino.
Don Quixote, Skira, Milano.
Il calzolaio prodigioso, Skira, Milano.
Paladino - Ravello, Prismi, Napoli.
Mimmo Paladino - Vari&azioni, Maretti, San Marino.
Mimmo Paladino - Xilografia 1983-2013... un elmo e 8 filosofi,
Papiro Art, Torino.
PRINCIPALI PERSONALI
1968
Galleria Carolina di Portici, Napoli.
1970
Studio di Arti Visive «Oggetto», Caserta.
1976
Nuovi Strumenti, Brescia.
Galleria d’Arte Duemila, Bologna.
1977
Galleria Deambrogi Cavellini, Milano.
Galleria Lucio Amelio, Napoli.
Galleria dell’Ariete, Milano.
1978
Galleria Giorgio Persano, Torino.
Galerie Paul Maenz, Colonia.
Galleria Franco Toselli, Milano.
Galerie Tanit, Monaco.
1979
Centre d’Art Contemporain, Ginevra.
Galleria Lucio Amelio, Napoli.
Galerie ‘t Venster, Rotterdam.
Galleria Emilio Mazzoli, Modena.
Art and Project, Amsterdam.
1980
Galerie Paul Maenz, Colonia.
Galleria Giorgio Persano, Torino.
Ariete Grafica, Milano.
Galerie Annemarie Verna, Zurigo.
Badischer Kunstverein, Karlsruhe.
Marian Goodman Gallery, New York.
Annina Nosei Gallery, New York.
1981
Galleria Lucio Amelio, Napoli.
Galleria Mario Diacono, Roma.
Galleria d’Arte Moderna, Bologna.
Galerie Schellmann & Klüser, Monaco
Galleria Franco Toselli, Milano.
Galerie Bruno Bischofberger, Zurigo.
Galerie «121», Anversa.
Galerie Tanit Naila Kuningk und Walter Mollier,
Monaco.
1981-1982
Kunstmuseum, Basel; Kestner-Gesellschaft, Hannover,
Mannheimer Kunstverein, Mannheim; Groninger
Museum, Groningen, Louisiana Museum of
Modern Art, Humlebaek (itinerante).
1982
Galerie Buchmann, San Gallo.
Munro Galerie, Amburgo.
Waddington Galleries, Londra.
Kunst und Museumsverein Von der Heydt-Museum,
Wuppertal; Städtische Galerie, Erlangen
(itinerante).
Marian Goodman Gallery, New York.
1983
Schellmann & Klüser, Monaco.
Galerie Buchmann, San Gallo (con A.R. Penck).
Galleri Engström, Stoccolma.
Galerija Meduza, Capodistria.
Galleria Emilio Mazzoli, Modena.
Sperone Westwater, New York.
Gian Enzo Sperone, Roma.
1984
Galleria Franco Toselli, Milano.
Newport Harbor Art Museum, Newport Beach, Los
Angeles.
Galerie Thomas, Monaco.
Waddington Graphics, Londra.
Galerie Thaddaeus Ropac, Salisburgo.
Waddington Galleries, Londra.
Musée Saint Pierre Art Contemporain, Lione.
1985
Galleria Lucio Amelio, Napoli.
Deweer Art Gallery, Zwevegem-Otegem.
Sperone Westwater, New York.
Richard Gray Gallery, Chicago.
Galerie Bernd Klüser, Monaco.
Städtische Galerie im Lenbachhaus, Monaco.
Galerie Michael Haas, Berlino.
Galerie Jesse, Bielefeld.
Kunstnernes Hus, Oslo.
157
1986
Galleria Gian Enzo Sperone, Roma.
Galerie Bernd Klüser, Monaco.
Galerie Heinz Holtmann, Colonia
Virginia Museum of Fine Arts, Richmond.
Sperone Westwater, New York.
Waddington Graphics, Londra.
1987
Richard Gray Gallery, Chicago.
Galleria Franco Toselli, Milano.
Galerie Thaddaeus Ropac-Villa Arenberg, Salisburgo.
Moderne Galerie / Graphische Sammlungen
Rupertinum, Salisburgo; Niederösterreichisches
Landesmuseum in der Minoritenkirche, KremsStein; Kulturhaus der Stadt, Graz (itinerante)
Galerie Jesse, Bielefeld.
National Gallery, Wellington.
Fuji Television Gallery-Sagacho Exhibit Space,
Tokyo.
Galleria Lucio Amelio, Napoli.
Salone Villa Romana, Firenze.
1988
Galleria Gian Enzo Sperone, Roma.
Galleria In Arco, Torino.
Waddington Galleries, Londra.
Waddington Graphics, Londra.
Richard Gray Gallery, Chicago.
Galleri Wallner Fersens, Malmö.
1988-1989
Kulturhistorischen Museum, Bielefeld; Detmoltder
Schloss, Lippische Gesellschaft für Kunst, Detmold;
Orangerie Schloss Rheda, Rheda-Wiedenbrück;
Lüneburg, Museum für das Fürstentum Lüneburg
(itinerante).
1989
Galerie Daniel Templon, Parigi.
Galleria Lucio Amelio, Napoli.
Sperone Westwater, New York.
Galerie Jesse, Bielefeld.
Galleria In Arco, Torino.
Piramide Arte Contemporanea, Firenze.
Eglise Saint Augustin, Bruxelles.
1990
Galleri Lars Bohman, Stoccolma.
Galleria Comunale d’Arte Moderna, Villa delle Rose,
Bologna.
Galerie Bernd Klüser, Monaco.
Austrialian National Gallery, The Drill Hall Gallery,
Canberra.
Galerie Hadrien Thomas, Parigi.
Palais des Beaux-Arts, Charleroi.
1995
Gana Art Gallery, Seoul.
Museo Barracco-Galleria Francese, Roma.
Galerie Bernd Klüser, Monaco.
Waddington Galleries, Londra.
1991
Waddington Graphics, Londra.
Galerie Daniel Templon, Parigi.
Sperone Westwater, Seventh Regiment Armory, The
Art Show, New York.
Duson Gallery & Ana Gallery, Seoul Art Center,
Seoul.
Marian Locks Gallery, Philadelphia.
Galleri Lars Bohman, Stoccolma.
AmelioBrachot Pièce Unique, Parigi.
Waddington Galleries, Londra - Sperone Westwater,
New York.
Musées Royaux des Beaux-Arts de Belgique Art
Moderne, Bruxelles.
Belvedere, Praga.
Galerie Bernd Klüser, Monaco.
1996
Sperone Westwater, New York.
Les Musées de la Ville de Strasbourg, Strasburgo.
1992
Museu de Arte, San Paolo; Museu de Gravura,
Curitiba; Museu de Arte Moderna, Belo Horizonte;
Museu de Arte Moderna, Brasilia; Museu de Arte
Moderna, Rio de Janeiro (itinerante).
Galleria Civica di Arte Contemporanea, Trento.
Galeria Ramis F. Barquet, Monterrey.
Galleria Gian Enzo Sperone, Roma.
Galleria Emilio Mazzoli, Modena (con Alighiero
Boetti).
Galerie Daniel Templon, Parigi.
Palazzina Liberty, Torino.
Convento San Domenico, Benevento (installazione
permanente).
1993
Musée Paul Valery, Sète.
Forte Belvedere, Firenze.
1994
Waddington Graphics, Londra.
Galerie Thaddaeus Ropac, Salisburgo.
Museo de Arte Contemporáneo de Monterrey.
Waddington Galleries-The Economist Plaza, Londra.
National Gallery of Fine Arts, Pechino.
Galleria Emilio Mazzoli, Modena.
Galerie Daniel Templon, Parigi.
Overbeck-Gesellschaft, Lubecca.
Galleria Arte 92, Milano.
Caja de Asturias, Oviedo.
Mario Diacono Gallery, Boston.
1995-1996
Scuderie di Palazzo Reale, Piazza del Plebiscito e
Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes, Napoli.
1996-1997
Galleria Gianluca Collica, Catania (con Domenico
Bianchi).
1997
Scognamiglio & Teano Agenzia d’Arte Moderna,
Napoli.
Fondazione Stelline, Milano.
Galerie Thaddaeus Ropac, Salisburgo.
Alan Cristea Gallery, Londra.
Waddington Galleries, Londra.
1998
Galerie Thaddaeus Ropac, Salisburgo.
Stadtgalerie Clanforte.
Galleria Cesarea, Genova.
Istituto Italiano di Cultura, Toronto.
DuMont Kunsthalle, Colonia.
1999
Galerie Thaddaeus Ropac, Salisburgo.
Studio d’Arte Cannaviello, Milano (con Stefano
Zecchi).
Venice Design Art Gallery, Venezia.
Galerie Thaddaeus Ropac, Parigi.
Galerie Bernd Klüser, Monaco.
South Londra Gallery-Roundhouse, Londra.
Alan Cristea Gallery, Londra.
Museu de Arte Moderna, Rio de Janeiro.
Museo Pinacoteca, San Paolo.
2000
Sala Quadri del Comune, Poggibonsi.
Castello di Brunenburg, Merano.
Mimmo Scognamiglio Arte Contemporanea, Napoli.
Casa di Cultura della Città, Cˇeské Bude˘jovice; Istituto
Italiano di Cultura, Praga (itinerante).
Beck & Eggelin Fine Art, Düsseldorf.
Artiscope II, Bruxelles.
Galerie Depelmann, Langenhagen.
2001
Galleria Christian Stein, Milano.
Santuario di Oropa, Biella.
Galerie Thaddaeus Ropac, Parigi.
Mercati Traianei, Roma.
Galerie Depelmann, Lagenhagen.
Premio Michetti, Francavilla al Mare.
Boca Raton Museum of Art, Florida.
158
2002
Galerie Vidal - Saint Phalle, Parigi.
Forum Kultur. Hannover.
Foyer del Teatro di San Carlo, Napoli.
Valentina Bonomo Arte Contemporanea, Roma.
Fondazione Volume!, Roma.
Centro Arti Visive Pescheria, Pesaro (con Domenico
Bianchi).
Kunstmuseum Kloster Unser Lieben Frauen,
Magdeburgo.
Museo José Guadalupe Posada, Aguascalientes.
Museo Diocesiano, Bressanone.
2002-2003
Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato.
2003
Waddington Galleries, Londra.
Galleria Christian Stein, Milano.
Sala Murat, Fortino Sant’Antonio, Bari (con Sol
LeWitt).
Rizziero Arte, Pescara.
2004
Galerie Thaddaeus Ropac, Parigi.
Estorick Collection of Modern Italian Art, Londra;
Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma
(itinerante, con Sol Lewitt).
Reggia di Caserta (per «I Maestri di Terræ Motus»).
Mimmo Scognamiglio Arte Contemporanea, Napoli.
Teatro India, Roma (installazione per Edipo a Colono).
2004-2005
Takamatsu City Museum of Art, Takamatsu City;
Kure Municipal Museum of Art, Kure City; The
Museum of Modern Art, Wakayama City; The
World Children’s Art Museum in Okazaki,
Okazaki City; Hokkaido Obihiro Museum of Art,
Obihiro City; Shizuoka Art Gallery, Shizuoka Art
City (itinerante).
Valentina Bonomo Arte Contemporanea, Roma.
Palazzo Margherita,Galleria Civica, Modena.
2005
MAR Museo d’Arte della Città di Ravenna, Loggetta
lombardesca, Santa Maria delle Croci, Ravenna.
San Stae, Venezia.
Galleria Internazionale D’Arte Moderna, Ca’ Pesaro,
Venezia.
Museum der Moderne Salzburg RupertinumUniversität, Sala Terrena, Salisburgo.
Banca di Romagna, Faenza.
Galleria S. Lorenzo al Ducale, Genova.
2005-2006
Museo di Capodimonte, Napoli.
2006
Alan Cristea Gallery, Londra.
Piazza Guidi, Vinci (installazione permanente «Una
piazza per Leonardo»).
Palazzo della Triennale, Milano (con Doriana e
Massimiliano Fuksas).
Waddington Galleries, Londra.
Galleria Christian Stein-Galleria Cardi, Milano.
XXI Siecle Editions, Parigi.
63ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di
Venezia, sezione Orizzonti (con il film Quijote).
Istituto Cervantes, Milano.
Galleria L’Ariete, Bologna.
2007
MADRE Museo d’Arte Contemporanea Donnaregina,
Napoli.
Galerie Thaddaeus Ropac, Parigi.
Peilares Centre Cultural Contemporani, Palma di
Maiorca.
Danese, Milano.
Galerie Alice Pauli, Losanna.
2007-2008
Galleria Civica, Modena.
2008
Palazzo Sant’Elia, Palermo.
Museo dell’Ara Pacis, Roma.
Museo Nazionale di Villa Pisani, Stra.
Palazzo Pepoli, Bologna.
Mimmo Scognamiglio Arte Contemporanea, Napoli.
Villa Sauber, NMNM Nouveau Musee National de
Monaco, Principato di Monaco.
Centro Recoleta, Buenos Aires; Centro Cultural
Banco do Brasil, Brasilia; Museo de Arte Moderna,
Rio de Janeiro; Sala de la Municipalitad de
Miraflores, Lima (itinerante).
Palacio Sastago, Saragozza.
2009
Galerie Bernd Klüser, Monaco («Traurige Tropen»).
Palazzo Trinci, Foligno.
Orta San Giulio, Lago d’Orta.
Antico Seminario Piazza del Duomo, Lecce.
Mozarteum, Salisburgo.
Cripta della Chiesa dell’Assunta, Positano.
Galleria In Arco, Torino.
Galerie Bernd Klüser 2, Monaco («Ferbruar 1917»).
Centro Saint-Bénin, Aosta.
2011
Museo Archeologico Nazionale D’Abruzzo, Villa
Frigerj, Chieti.
Palazzo De Mayo, Chieti.
Galleria San Fedele, Milano.
Palazzo Reale, Milano.
Galerija TR3, Ljubljana.
Zane Bennett Contemporary Art, Santa Fe.
2012
Galleria Mazzoli, Modena.
Alan Cristea Gallery, Londra.
Centro Espositivo Sloveno A + A, Venezia.
Drogheria delle Arti, Ex Mercato Comunale, Novoli.
MIC Museo Internazionale delle Ceramiche, Faenza.
Villa Fiorentino, Sorrento.
Pinacoteca Provinciale, Bari.
Biennale Internazionale dei Beni Culturali e
Ambientali, Piazza Santa Croce, Firenze.
Galleria Comunale d’Arte, Cagliari.
2013
Galleria Christian Stein, Milano.
Sala Rossa del Rettorato, Università degli Studi di
Torino.
Art Forum Würth Capena, Roma.
Villa Rufolo-Piazzale Auditorium Niemeyer, Ravello.
Palazzo Clemente e Palazzo De Sanctis, Castelasso.
Casamadre Arte Contemporanea, Palazzo Partanna,
Napoli.
Chiesa di San Barnaba in Bondo, Trento.
Musei di Palazzo dei Pio, XVI Biennale di Xilografia
Contemporanea, Carpi.
Galerie Bordas, Venezia.
Spazio Amira, Nola.
2013-2014
Villa Manin di Passarano, Codroipo.
2009-2010
Obaine galerije, Piran; Muzej savremene umetnosti
Vojvodine, Novi Sad; Muzej suvremene umejtnosti
Istre, Pula (itinerante).
2010
Galerie Marlborough, Principato di Monaco.
Galleria Cardi, Pietrasanta.
Galleria Christian Stein, Milano.
Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo, Santo Stefano
Belbo.
Galleria Valentina Bonomo, Roma.
Galleria Givon, Tel Aviv.
159
PRINCIPALI COLLEZIONI PUBBLICHE
Art Gallery of Ontario, Toronto.
Art Gallery of New South Wales, Sydney.
Bayerische Staatsgemäldesammlungen, Monaco.
Berardo Collection, Sintra Museum of Modern Art,
Portogallo.
City of Beijing Collection, Pechino.
Civiche Raccolte d’Arte, Milano.
Collezione del Ministero degli Esteri, Roma.
Fogg Art Museum, Cambridge, Massachusetts.
Fondazione Europea del Disegno, Meina.
Fonds National d’Art Contemporain, Francia.
Fonds Regional d’Art Contemporain Midi-Pyrenees,
Tolosa.
Fukuyama Museum, Okayama, Giappone.
Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma.
Galleria d’Arte Moderna, Bologna.
Istituto degli Innocenti, Firenze.
Kaisma Museum of Contemporary Art, Helsinki.
Kunstmuseum, Basilea.
Kunstmuseum, Berna.
Kunstmuseum, Düsseldorf.
Lenbachhaus, Monaco.
Louisiana Museum of Modern Art, Humlebaek
Los Angeles County Museum of Art, Los Angeles.
Ludwig Museum, Budapest.
Metropolitan Museum of Art, New York.
Monchehaus Museum für Moderne Kunst, Goslar.
Musée d’Art Contemporain, Lione.
Musée d’Art Contemporain, Nîmes.
Musée d’Art Moderne et Contemporain, Strasburgo.
Museo di Capodimonte, Napoli.
Museo MADRE, Napoli.
Museum Boijmans Van Beuningen, Rotterdam.
Museum of Modern Art, New York.
Museum Würth, Künzelsau.
Nationalgalerie, Berlino.
Neue Galerie, Kassel
Nouveau Musee National, Monaco.
Queensland Art Gallery, Brisbane.
Scottish National Gallery of Modern Art, Edinburgo.
Setagaya Art Museum, Tokyo.
Solomon R. Guggenheim Museum, New York.
Stedelijk Museum, Amsterdam.
Tate, Londra.
Virginia Museum of Fine Arts, Richmond.
Haus des Geschichte der Bundesrepublik, Bonn.
© MIMMO PALADINO, BY SIAE 2014
© 2014 UMBERTO ALLEMANDI & C. SPA, TORINO
FINITO DI STAMPARE IN TORINO NEL MESE DI GIUGNO 2014
PER I TIPI DELLA SOCIETÀ EDITRICE UMBERTO ALLEMANDI & C.
Author
Документ
Category
Без категории
Views
0
File Size
995 Кб
Tags
1/--pages
Пожаловаться на содержимое документа