close

Enter

Log in using OpenID

11/15NOV2014

embedDownload
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:24 Pagina 1
11/15NOV 2014
AUDITORIUM PALAZZO GIL CAMPOBASSO
VIA MILANO 15
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 2
ideato e organizzato da
con il patrocinio di
con la collaborazione di
REGIONE MOLISE
PROVINCIA DI
CAMPOBASSO
COMUNE DI
CAMPOBASSO
COMUNE DI
TERMOLI
arte contemporanea
MAACK
museo all’aperto d’arte contemporanea Kalenarte
ORDINE DEGLI ARCHITETTI
PIANIFICATORI
PAESAGGISTI E CONSERVATORI
DELLA PROVINCIA
DI CAMPOBASSO
acem
Molise
A.N.C.E. Molise
Associazione Nazionale Costruttori Edili del Molise
workshop in collaborazione con
Scuola di Architettura e Design
Università degli Studi di Camerino
Istituto Italiano dei Castelli
Dipartimento di Architettura
Università degli Studi di Chieti-Pescara
Dipartimento di ingegneria civile, edile e architettura
Università politecnica delle Marche
Dipartimento di Bioscienze e Territorio
Università degli Studi del Molise
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 3
CONFERENZE
WORKSHOP
TAVOLE ROTONDE
LABORATORI
LETTURE
PROIEZIONI
CONCERTI
11/15NOV
2014
n
n
o
a
a
a
e
o
e
AUDITORIUM
PALAZZO GIL
CAMPOBASSO
VIA MILANO 15
revivecb.it
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 4
11nov
15.30 _ APERTURA
16.00 _ CONFERENZA
GEOGRAFI, POETI E ARCHITETTI NELLA
COSTRUZIONE DEI LUOGHI
Giuseppe Dematteis
4 CREDITI
FORMATIVI
“G124 RENZO PIANO _ IL GRUPPO DI LAVORO
DEL SENATORE SULLE PERIFERIE
E LA CITTÀ CHE SARÀ”
Massimo Alvisi
Francesco Lorenzi _ Eloisa Susanna
19.30 _ PROIEZIONI
in collaborazione con Molise Cinema Film Festival
SUL VULCANO di Gianfranco Pannone
intervengono
Federico Pommier Vincelli _ Gianfranco Pannone
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 5
ore 15.30 APERTURA _________________________
apertura dei lavori e saluti
Giancarlo Manzo
Architetto _Presidente Fondazione APPC Campobasso
Guido Puchetti
Architetto_Presidente Ordine APPC Campobasso
Sandro Arco
Direttore_Fondazione Molise Cultura
ore 16.30 CONFERENZA _______________________
"GEOGRAFI, POETI E ARCHITETTI
NELLA COSTRUZIONE DEI LUOGHI"
Giuseppe Dematteis presidente EU_POLIS, Politecnico
di Torino
nell’ambito del Ciclo di Seminari “Molise tra storia e
paesaggio” del Master di II livello in “Progettazione e
promozione del paesaggio culturale” dell’Università
degli Studi del Molise in collaborazione con la Regione
Molise e la direzione regionale per i Beni Culturali e
Paesaggistici del Molise.
“G124 RENZO PIANO _ IL GRUPPO DI LAVORO
DEL SENATORE SULLE PERIFERIE E LA CITTÀ CHE
SARÀ”
intervengono
arch. Massimo Alvisi tutor progetto G 124
arch. Francesco Lorenzi, arch. Eloisa Susanna gruppo
G124
Politica deriva da politikos, che è l’aggettivo di polis e
significa tutto ciò che riguarda la città e il cittadino.
Seguendo questa strada il senatore a vita Renzo Piano,
5
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 6
che di mestiere fa l’architetto, ha deciso di occuparsi
delle periferie che rappresentano la città del futuro o,
se preferite, il futuro della città. Lo sta facendo
attraverso il gruppo di lavoro G124 che prende il nome
dal numero dell’ufficio del senatore a Palazzo
Giustiniani, trasformato in un laboratorio per progettare
la riqualificazione delle periferie delle città italiane. La
parte più popolata ma anche più fragile del tessuto
urbano e, soprattutto, quella che lasceremo in eredità
ai nostri figli. Ovvero la città che sarà. Nel gruppo G124
lavorano con contratto annuale sei giovani architetti
(tre donne e tre uomini) che vengono pagati con lo
stipendio parlamentare di Renzo Piano che è stato
interamente destinato a questo progetto. Ogni anno i
sei architetti verranno sostituiti da altri sei selezionati
attraverso un apposito bando. A coordinare il lavoro,
oltre allo stesso senatore, ci sono i tutor: (MASSIMO
ALVISI, MARIO CUCINELLA E MAURIZIO MILAN)
architetti, ingegneri, sociologi e psicologi scelti
personalmente da Renzo Piano che, volontariamente e
senza percepire alcun stipendio, si occupano di seguire
i progetti sviluppati dai sei giovani. La cui formazione è
un progetto in se stesso. Il gruppo G124 lavora su
diversi temi che riguardano le periferie: l’adeguamento
energetico, il consolidamento e il restauro degli edifici
pubblici, i luoghi d’aggregazione, la funzione del verde,
il trasporto pubblico e i processi partecipativi per
coinvolgere gli abitanti nella riqualificazione del
quartiere dove vivono. Così che ogni cittadino possa
contribuire a rendere più bella la polis che sarà.
a seguire
dibattito
ore 19.30 PROIEZIONI ________________________
in collaborazione con Molise Cinema Film Festival
in anteprima nazionale
SUL VULCANO
di Gianfranco Pannone
introduce
Federico Pommier Vincelli
Direttore artistico di Molise Cinema Film Festival
sarà presente il regista Gianfranco Pannone
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 7
Un viaggio visivo, antropologico, politico e urbanistico
attorno al Vesuvio. Con le voci di Toni Servillo, Donatella
Finocchiaro, Fabrizio Gifuni, Leo Gullotta, Iaia Forte.
Musiche di Daniele Sepe.
Sul vulcano prende le mosse dai racconti di Maria,
Matteo e Yole: tre vite ai piedi del Vesuvio. Un luogo
unico al mondo, ricco di miti, storia ed evocazioni
letterarie. E prende le mosse da una domanda: in
questo luogo di sospesa bellezza, chi è oggi il più
pericoloso? Il Vesuvio, che potrebbe risvegliarsi da un
momento all’altro e minare le esistenze di chi vive nelle
sue vicinanze? O l’uomo, che in meno di cent’anni ha
prodotto danni di ogni genere?
Tra storie di vite vissute, preziosi materiali dell’Archivio
Cinematografico Luce, e testimonianze letterarie che
vanno da Giordano Bruno al Marchese De Sade, da
Giacomo Leopardi a Curzio Malaparte, Sul vulcano
prova a dare un senso a una “terra pazza” che infine
rappresenta tutti noi.
Pannone, uno dei più
apprezzati autori italiani
di cinema del reale,
torna al Festival del
Cinema di Locarno dopo
le polemiche e gli
applausi suscitati da Il
sol dell’avvenire (2008) e
dopo documentari dal
notevole riscontro in
festival internazionali
come Ma che Storia...
(2010) e Ebrei a Roma
(2012). Sul vulcano arriva
nelle sale italiane questo
autunno.
7
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 8
12 nov
9.30/13.00 _ LABORATORI
RIGENERAZIONE DELLE COSCIENZE:
IMPARIAMO DA(I) BAMBINI
Gli effetti del buon governo sul paesaggio urbano e
del contado di Campobasso
Elena Musci
destinato ai bambini della scuola secondaria di primo grado
15.30/18.00 _ LABORATORI
STREET ART: I MURI ILLUSTRATI
PER DAR VOCE ALL’ABITARE
Elena Musci
destinato ai bambini dell’ultimo anno delle primarie
16.00 _ WORKSHOP
“(DE)COSTRUIRE IL COSTRUITO”
PROGETTI DI RIGENERAZIONE URBANA PER
CAMPOBASSO
6 COORDINATE POSSIBILI
PER LA RIGENERAZIONE URBANA
Luciano De Bonis _ Antonio Clemente
Marco d’Annuntiis _ Matteo di Venosa
Gianluigi Mondaini _ Stefano Panunzi
19.30 _ PROIEZIONI
in collaborazione con
Circolo del Cinema La Grande Illusione
UNFINISHED ITALY
di Benoit Felici
2 CREDITI
FORMATIVI
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 9
ore 9.00/13.00 LABORATORI ____________________
RIGENERAZIONE DELLE COSCIENZE: IMPARIAMO
DA(I) BAMBINI
laboratori didattici, letture animate, giochi, esplorazioni
in collaborazione con
dott.ssa Elena Musci docente per il laboratorio di
educazione ai patrimoni immateriali e materiali
(Università degli studi della Basilicata)
Gli effetti del buon governo sul paesaggio urbano e del
contado di Campobasso
Laboratorio creativo in cui i giocatori, sulla scia del lavoro
di Lorenzetti, realizzeranno un cartellone in cui sarà
rappresentata la città con gli elementi che possono
definire una buona qualità della vita. (vicinanza rapporto
città/campagna, agricoltori bio a km 0, aree culturali o di
socializzazione, etc.).
destinato ai bambini della scuola secondaria di primo grado
il laboratorio si svolgerà presso le scuole coinvolte
ore 15.30/18.00 LABORATORI _____________________
STREET ART. I MURI ILLUSTRATI PER DAR VOCE
ALL’ABITARE
laboratori didattici, letture animate, giochi, esplorazioni
in collaborazione con
dott.ssa Elena Musci docente per il laboratorio di
educazione ai patrimoni immateriali e materiali
(Università degli studi della Basilicata)
Laboratorio creativo in cui i bambini, dopo aver scoperto
come i murales possano esprimere i desideri di pace e
sviluppo o le paure di una comunità renderanno
graficamente su grandi poster i loro sogni per una città
vivibile.
destinato ai bambini dell’ultimo anno delle primarie
il laboratorio si svolgerà presso l’Edifico Ex-ONMI, via
Muricchio 1, Campobasso
9
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 10
ore 16.00 WORKSHOP ________________________
“(DE)COSTRUIRE IL COSTRUITO”
PROGETTI DI RIGENERAZIONE URBANA PER
CAMPOBASSO
Il workshop ha come obiettivo quello di acquisire idee
progettuali in grado di innescare processi di rigenerazione
urbana all’interno della città di Campobasso. Sono coinvolti
studenti di architettura ed ingegneria di quattro differenti
Università italiane. Ogni gruppo di studenti è guidato da un
docente tutor della propria università a cui sono affiancati
professionisti ed esperti. Durante il workshop sono previste
attività seminariali in cui studenti, tutor e cittadini sono
chiamati ad un dibattito partecipativo rispetto ai temi trattati.
Il tema del workshop è legato al riuso di alcune aree
dismesse e/o spazi residuali del quartiete CEP di
Campobasso.
saluti
arch. Giancarlo Manzo
Presidente Fondazione Architetti PPC di Campobasso
prof. Gianmaria Palmieri
Magnifico Rettore Università degli Studi del Molise
prof. Giovanni Fabbrocino
Presidente Corso di laurea in Ingegneria Civile, Università
degli Studi del Molise
6 COORDINATE POSSIBILI PER LA RIGENERAZIONE
URBANA
interventi
INNOVAZIONE E INTEGRAZIONE NELLA RIGENERAZIONE
URBANA E TERRITORIALE
prof. Luciano De Bonis
Docente di tecnica e pianificazione urbanistica
Università degli Studi del Molise
Presidente del comitato tecnico scientifico
I TERMINI DELLA RIGENERAZIONE
prof. Antonio Clemente
Docente di urbanistica
Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 11
SOVRASTRUTTURE URBANE
prof. Marco d’Annuntiis
Docente in composizione architettonica
Università degli Studi di Camerino
LO SPAZIO PUBBLICO COME INFRASTRUTTURA DI SUOLO
prof. Matteo di Venosa
Docente di urbanistica
Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara
RIGENERARE LA CITTA’ PUBBLICA:
RICERCHE E SPERIMENTAZIONI
prof. Gianluigi Mondaini
Docente in composizione architettonica
Università Politecnica delle Marche
RIGENERARE L’ECOSISTEMA CONDOMINIALE
E LA SCALA INTERMEDIA DEL METABOLISMO URBANO
prof. Stefano Panunzi
Docente di composizione architettonica
Università degli Studi del Molise
ore 19.30 PROIEZIONI _________________________
in collaborazione con Circolo della Grande Illusione
UNFINISHED ITALY
di Benoit Felici
Un viaggio alla scoperta delle rovine moderne d'Italia:
l'architettura dell'incompiuto tra la fine della Seconda
Guerra Mondiale e l’oggi. Stadi senza spettatori, ospedali
senza pazienti, teatri che dopo 50 anni non hanno ancora
visto una prima: edifici abbandonati a metà strada
durante la loro costruzione o prima che fossero mai usati.
Rovine contemporanee, il cui futuro è già passato e la
cui presenza porta il sapore di un’attesa eterna, agiscono
come un invito a meditare sul tempo e sulle azioni.
11
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 12
13 nov
10.00 _ TAVOLA ROTONDA
LA RIGENERAZIONE DELLE AREE URBANE:
2 CREDITI
UN PROGETTO PER IL PAESE
FORMATIVI
Antonio Clemente _ Leopoldo Freyrie
Massimo Pillarella _ Angela Barbanente
16.00 _ PROIEZIONI
presentazione del documentario inedito
K - UN PAESE INFESTATO DALLE ARTI
regia di Michele Porsia e Alessandro Melis
intervengono
Carlo Birrozzi _ Michele Porsia
16.30 _ TAVOLA ROTONDA
IL RUOLO DELL ’ARTE
NELLA RIGENERAZIONE URBANA
Emilio Natarelli _ Paolo Borrelli
Andrea Lanini _ Massimo Palumbo
Nino Carpenito _ Stefano Vavolo
2 CREDITI
FORMATIVI
19.00 _ LETTURE
in collaborazione con
Unione Lettori Italiani Campobasso
PER UN NUOVO UMANESIMO DELLE MONTAGNE
incontro-conferenza con Franco Arminio
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 13
ore 10.00 TAVOLA ROTONDA ___________________
LA RIGENERAZIONE DELLE AREE URBANE:
UN PROGETTO PER IL PAESE
L’incontro sarà volto a sollecitare gli enti locali, regione
e comuni, a riflettere sullo stato di degrado ed abbandono in cui versano le nostre città e sulla necessità di individuare strategie innovative per affrontare le situazioni
di crisi e restituire un ambiente più dignitoso e vivibile.
Si dibatterà sulle strategie da attuare per favorire interventi di riqualificazione non solo fisica (edilizia ed urbanistica) ma anche e soprattutto di rinascita
economica e culturale e di inclusione sociale con azioni
che coinvolgano in primo luogo le persone inducendole
a riappropriarsi della città partecipando all’elaborazione e all’attuazione delle politiche di rigenerazione e
promuovendo la nascita di reti di confronto tra i vari
soggetti attivi sul territorio.
Il concetto di rigenerazione urbana sarà quindi declinato come un’opportunità di rinascita delle città in termini di rinnovamento e risveglio di quei processi che
siano capaci di coinvolgere i sistemi urbani in modo più
profondo e durevole rispetto ai più tradizionali interventi
di riqualificazione urbana. Sarà, inoltre, un occasione
di confronto e di valutazione degli strumenti operativi
di tipo normativo, d’indirizzo e finanziario già messi in
atto in altre regioni, evidenziandone la complementarietà con una cornice normativa organica e sistematica
in grado di convogliare tali obbiettivi nel quadro di programmazione finanziaria 2014/2020.
moderatore
prof. Antonio Clemente
Università “G. d’Annunzio Chieti”
introduzione
arch. Giancarlo Manzo
Presidente Fondazione Architetti PPC di Campobasso
arch. Guido Puchetti
Presidente Ordine Architetti PPC di Campobasso
NE
13
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 14
interventi
IL PIANO NAZIONALE PER LA RIGENERAZIONE URBANA
SOSTENIBILE
arch. Leopoldo Freyrie
Presidente CNAPPC
I FINANZIAMENTI EUROPEI E NAZIONALI PER LE POLITICHE URBANE: LA PROGRAMMAZIONE 2014-2020
ing. Massimo Pillarella
Portavoce per le politiche Europee Regione Molise
L’ESPERIENZA PUGLIESE DALL’ASSE CITTÀ
DEL PROGRAMMA FESR 2007/2013 ALLA L.R. 21/2008 “NORME
PER LA RIGENERAZIONE URBANA
prof. Angela Barbanente
Assessore Regione Puglia
Paolo Di Laura Frattura
Presidente Regione Molise
Pier Paolo Nagni
Assessore Urbanistica e Politiche del Territorio Regione Molise
Antonio Battista
Sindaco Comune di Campobasso
Bibiana Chierchia
Assessore Urbanistica Comune di Campobasso
Angelo Sbrocca
Sindaco Comune di Termoli
Giuseppe Gallo
Assessore al Territorio Comune di Termoli
Carlo Birrozzi
Soprintendente Beni Architettonici e Paesaggistici del Molise
Corrado Di Niro
Presidente ACEM
Umberto Uliano
Presidente ANCE
a seguire
dibattito
ORE 16.00 WORKSHOP
I relatori della tavola rotonda incontrano gli studenti del workshop
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 15
ore 16.00 PROIEZIONI _________________________
presentazione del documentario inedito
K - UN PAESE INFESTATO DALLE ARTI
regia di Michele Porsia e Alessandro Melis
intervengono
Carlo Birrozzi architetto - Soprintendente Beni
Architettonici e Paesaggistici del Molise
Michele Porsia architetto - regista
Nell’agosto del 2009, il
borgo di Casacalenda
(CB) è invaso dalle
opere site specific di un
pacifico esercito di artisti. K (iniziale di Kalena,
l’antico nome del luogo)
è un progetto di documentario sperimentale
che raccoglie memoria
di questa invasione, invadendola a sua volta.
Da qui nasce un piccolo ritratto di città, delle sue strade,
del suo cielo, dei suoi abitanti che entrano inaspettatamente nel quadro d’insieme. Intanto gli artisti - come
api operose - impollinano il pensiero degli abitanti, modificano la città e la ridisegnano specchiandosi nella
sua storia. Nella sua vita mai ferma.
Anno di produzione: 2013 - Durata: 15’
ore 16.30 TAVOLA ROTONDA ___________________
IL RUOLO DELL ’ARTE NELLA RIGENERAZIONE
URBANA
In una intervista, Stefano Boeri ha affermato che l’arte
è sempre stata pubblica, ha sempre parlato a molti, pertanto la teorizzazione di un’arte che sia per definizione
pubblica è un tema irrilevante. Forse in questi ultimi
anni l’arte ha intrapreso percorsi complessi, molto interni al suo mondo a volte chiusi. Il numero e la grande
15
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 16
dimensione che hanno caratterizzato lo sviluppo delle
città hanno ancor più accentuato la difficoltà del controllo. Ugualmente l’abitudine così diffusa ad una continua sollecitazione non solo di immagini ma di suoni e
sensazioni ha così notevolmente innalzato il livello del rumore di fondo che è come se l’arte si fosse dovuta ritirare.
Per spezzare questo vortice l’artista deve trovare la
chiave giusta.
moderatore
Carlo Birrozzi
Soprintendente Beni Architettonici e Paesaggistici
del Molise
interventi
Emilio Natarelli
architetto
Paolo Borrelli
artista - Associazione Limiti Inchiusi arte contemporanea
Andrea Lanini
artista
Massimo Palumbo
direttore artistico dl MAACK museo all'aperto arte contemporanea kalenarte
Nino Carpenito
Presidente Associazione Malatesta
Stefano Vavolo
Associazione Malatesta
a seguire
dibattito
ore 19.00 LETTURE ____________________________
PER UN NUOVO UMANESIMO DELLE MONTAGNE
incontro-conferenza con Franco Arminio
in collaborazione con
Unione Lettori Italiani Campobasso
L'appennino come luogo dove costruire un modello diverso da quello imperniato sul dominio dell'economia.
L'idea che con la rivoluzione della rete spazio e tempo
assumono un ruolo relativo. Tornano i luoghi, torna il mito,
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 17
torna l'arcaico, torna il Sud, tornano i paesi. Non siamo
più retroguardia, ma una possibile avanguardia, basata
proprio sull'alleanza tra il computer e il pero selvatico.
Franco Arminio è nato a Bisaccia in Irpinia d’Oriente
nel 1960 e ha sempre vissuto nel suo paese. Ha pubbli-
cato sei raccolte di versi, Cimelio dei profili (Sellino,
1985), Atleti (associazione librai avellinesi, 1993) Homo
timens (Sellino, 1997), Sala degli affreschi (Sellino, 1999),
Poeta con famiglia (D’If, 2009), Stato in Luogo (Transeuropa, 2012).
In prosa ha pubblicato Siamo esseri antichi (Sellino,
1998) Diario civile (Sellino, 1999), L’universo alle undici
del mattino (D’if, 2002), Viaggio nel Cratere (Sironi, 2003),
Circo dell’Ipocondria (Le Lettere, 2007), Vento forte tra
Lacedonia e Candela (Laterza, 2008, Premio Napoli),
Nevica e ho le prove (Laterza, 2009), Cartoline dai morti
(Nottetempo, 2010, Premio Dedalus, recentemente tradotto in Russia), Oratorio Bizantino (Ediesse, 2011), Terracarne (Mondadori, 2011, premio Carlo Levi, premio
Paolo Volponi), Geografia commossa dell'Italia interna
(Bruno Mondadori, 2013), Il topo sognatore e altri animali di paese (Rrose selavy 2013), La punta del cuore
(Mefite, 2013). È anche autore di documentari: Un
giorno in edicola, La terra dei paesi, Scuola di paesologia, Giobbe a Teora, Terramossa. Nel 2010 è stato realizzato un film sul suo impegno dal titolo "Di mestiere
faccio il paesologo". Collabora con “il Manifesto”, e " il
Fatto quotidiano". È animatore di battaglie civili e organizzatore di eventi culturali: Altura, Composita, Cairano
7x, il festival paesologico di Aliano "La luna e i calanchi".
Da molti anni partecipa a innumerevoli manifestazioni
sulle problematiche dei territori. Recentemente ha avviato le scuole di paesologia (ne ha già svolto una decina in ogni parte d’Italia). In rete è animatore del blog
Comunità provvisorie.
17
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 18
14 nov
PIANOFORTE
16.00 _ CONFERENZA
ESPERIENZE EUROPEE
DI RIGENERAZIONE URBANA
Domenico Potenza _ Miha Desman
Milena De Matteis
4 CREDITI
FORMATIVI
19.30 _ CONCERTO
in collaborazione con Associazione Amici della
Musica “W. De Angelis” Campobasso
TRIO MIELE
Angelo Miele fisarmonica bayan
Alessandro Miele violino _ Maria Miele violoncello
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 19
ore 16.00 CONFERENZA _______________________
ESPERIENZE EUROPEE DI RIGENERAZIONE URBANA
Le recenti esperienze europee dagli ecoquartieri al
remodelage urbano e architettonico, multidisciplinari e
a più voci, hanno confermato che è possibile realizzare
parti di città secondo criteri differenti - perché nati
come risposte puntuali e immaginifiche a problemi
concreti di volta in volta di ordine economico, sociale,
d'integrazione - ma legati dall'idea fondante di
considerare il tessuto urbano come un innesco per lo
sviluppo.
L'analisi delle buone pratiche da un lato, consente
l'avvio di un percorso di approfondimento complesso
che possa portare ad adottare un nuovo atteggiamento
nei confronti del ri-disegno della città contemporanea
italiana, dall'altro, offre una raccolta critica di strategie
e tecniche che hanno già prodotto in tante parti
d'Europa riusciti progetti urbani, dalle quali imparare,
delle quali servirsi per proporre strumenti e metodi
innovativi.
Senza nascondersi la difficoltà di operare nella
congiuntura economica contemporanea, difficoltà che
rappresenta spesso un ostacolo, a volte un alibi, la
rigenerazione urbana sostenibile può essere - ed è
stato in più casi, in varie nazioni - il viatico per iniziare
a costruire una società diversa.
Lubiana
La via alla sostenibilità di Lubiana si vede dalle biciclette
presenti nelle strade della città. E’ questa una delle
principali innovazioni nella mobilità introdotte dai
processi partecipati che la capitale slovena ha attivato
negli ultimi lustri.
Proprio l’organizzazione dei trasporti è stata modificata
grazie all’ascolto e alle proposte arrivate dai forum ai
quali hanno partecipato gli abitanti. La bicicletta è stata
introdotta nel sistema della mobilità grazie alla
realizzazione di itinerari ciclabili che passano nello
storico e affascinante centro città pedonale.
L’amministrazione comunale ha pure realizzato una
serie di parcheggi coperti per le due ruote e ha
introdotto il servizio di bike sharing.
Sempre grazie ai forum con i cittadini sono stati
19
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 20
modificati i percorsi delle linee del trasporto pubblico, e
sono stati adottati combustibili a ridotto impatto
ambientale come il biodiesel.
Anche la raccolta differenziata dei rifiuti è presente, a
Lubiana c’è un sistema di cassonetti sotterranei ma
visibili in superficie per poter conferire le diverse frazioni
degli scarti domestici o commerciali. Ovviamente per lo
sviluppo sostenibile non può mancare il recupero delle
aree industriali dismesse, al centro di un’apposita
progettazione da dieci anni, che è resa pubblica in una
mostra permanente dei nuovi insediamenti nella capitale
slovena.
Malmö
C’è un quartiere nel Nord Europa dove i residenti vivono
in perfetto equilibrio con la natura. E’ a Malmö dove il
progetto di riqualificazione ambientale del porto si è
trasformato in un esempio di sostenibilità al 100%,
riconosciuto dall’unione Europea e difeso dai suoi
residenti “sentinella”.
Vento, sole e acqua producono tanta energia quanto se
ne consuma e i cittadini, tramite mobile, possono
controllare che i propri consumi e quelli del quartiere
siano “a norma”. Ecco una human smart city, anzi
neighborhood.
moderatore
prof. Domenico Potenza
Docente di composizione architettonica
Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara
interventi
LUBIANA CAPITALE VERDE EUROPEA 2016
Arch. Miha Desman Lubiana
PARADIGMI POSSIBILI PER LA RIGENERAZIONE URBANA:
LA LEZIONE EUROPEA NEI QUARTIERI RESIDENZIALI
Arch. Milena De Matteis
ricerca living urban scape
Università IUAV di Venezia
a seguire
dibattito
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 21
ore 19.30 CONCERTO _________________________
in collaborazione con
Associazione Amici della Musica “W. De Angelis”
Campobasso
TRIO MIELE
Angelo Miele
fisarmonica bayan
Alessandro Miele
violino
Maria Miele
violoncello
Il Trio Miele, costitutitosi
ufficialmente nel 2005, è una
formazione poliedrica e versatile,
capace di spaziare attraverso tutta
la musica, dal barocco al
contemporaneo. I componenti sono
vincitori di importanti concorsi
nazionali ed internazionali e vantano collaborazioni con artisti,
orchestre e direttori di chiara fama. Le numerose esperienze
in Italia e all' estero sia solistiche che cameristiche, hanno
rafforzato e stimolato l' impegno nella ricerca di nuove
sonorità, create dall' alchimia e dall' intesa dei tre fratelli.
A. VIVALDI Concerto “La Primavera”
R. GRESS Silcher Trio op. 123
- Tänzerisch beschwingt
- Thema mit variationen
- Alla breve
A. WILLSCHER Sei Bagatelle
A. PIAZZOLLA Fuga y Misterio
A. PIAZZOLLA Escualo
N. SANVIDO Vivaldi / Bach, eine Berliner Fassung
F. ANGELIS Moscou – Paris
G. SOLLIMA Hell I (Songs From The Divine Commedy)
J. WOJTAROWICZ Heart
21
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 22
15 nov
9.00 _ WORKSHOP
“(de)costruire il costruito”
Progetti di rigenerazione urbana per
Campobasso
presentazione lavori
Giancarlo Manzo _ Stefano Panunzi
Luciano De Bonis _ Domenico Potenza
Miha Desman _ Milena De Matteis
Antonio Clemente _ Marco d’Annuntiis
Matteo di Venosa _ Gianluigi Mondaini
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 23
ore 16.00 WORKSHOP __________________________
“(DE)COSTRUIRE IL COSTRUITO”
PROGETTI DI RIGENERAZIONE URBANA PER
CAMPOBASSO
Presentazione lavori
intervengono
arch. Giancarlo Manzo
Presidente Fondazione Architetti PPC di Campobasso
prof. Luciano De Bonis
Docente di tecnica e pianificazione urbanistica
Università degli Studi del Molise
Presidente del comitato tecnico scientifico
prof. Antonio Clemente
Docente di urbanistica
Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara
prof. Marco d’Annuntiis
Docente in composizione architettonica
Università degli Studi di Camerino
prof. Matteo di Venosa
Docente di urbanistica
Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara
prof. Gianluigi Mondaini
Docente in composizione architettonica
Università Politecnica delle Marche
prof. Stefano Panunzi
Docente di composizione architettonica
Università degli Studi del Molise
prof. Domenico Potenza
Docente di composizione architettonica
Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara
arch. Miha Desman Lubiana
arch. Milena De Matteis
ricerca living urban scape
Università IUAV di Venezia
23
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 24
GIUSEPPE DEMATTEIS
Ha insegnato geografia economica dal 1968 al 1985 presso la Facoltà di
Economia dell’Università di Torino e geografia urbana e regionale dal 1985
al 2007 presso la Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino, dove è
ora professore fuori ruolo. Direttore del Dipartimento Interateneo Territorio del Politecnico e dell'Università di Torino nei periodi 1987-'89 e 1992'95. E' attualmente presidente di EU-POLIS. Presiede il Comitato scientifico
di SiTI (Sistemi territoriali per l’innovazione, Torino). E’ membro del Comitato direttivo del Consiglio italiano per le scienze sociali (Roma). Dal 2006
coordina le ricerche per il Piano territoriale della Regione Piemonte. E’
autore di circa 400 pubblicazioni scientifiche, relative alla teoria e ai metodi delle scienze geografiche e territoriali, alla geografia economica generale, alla geografia urbana generale, ai sistemi urbani italiani ed
europei, alla pianificazione e alle politiche di sviluppo dei sistemi territoriali.
MASSIMO ALVISI
Si laurea a Firenze con lode nel 1994 con una tesi di laurea internazionale
dal tema “Seine Rive Gauche: la Gare d’Austerlitz” in collaborazione con
l’ecole d’Architecure de La villette. Riceve una borsa di studio e lavoro di
un anno in Germania a Darmstadt e Berlino. Lavora per RPBW per 8 anni
fino al completamento dell’Auditorium di Roma. Nel 2002 fonda insieme
a Junko Kirimoto lo studio Alvisi Kirimoto + Partners. Si occupa di architettura e urbanistica e ha realizzato un teatro a Corato (Puglia), uno a Napoli e uno a San Pietroburgo. Ha vinto premi e concorsi internazionali, tra
cui l’AIT Award 2012, è stato in mostra alla Biennale di Architettura di Venezia 2012, Casabella ha pubblicato il suo ultimo lavoro in Toscana: una
cantina per la produzione di Vino. È impegnato in vari progetto di recupero
e risanamento urbano in Italia e all’estero, tra cui la riqualificazione del
centro storico di Hanoi.
ELOISA SUSANNA
Nasce nel 1981 a Cosenza. Si è laureata in Architettura a La Sapienza di
Roma con una tesi di progettazione ambientale e bioarchitettura: “Housing nell’Ijburg. Unità abitative nelle isole artificiali dell’Ijburg, Olanda”.
Ha collaborato per tre anni con lo studio di Massimiliano Fuksas occupandosi, tra le altre cose, dello sviluppo di concorsi internazionali come
il Polytechnical Museum di Mosca e il centro culturale Chengdu Tianfu
Cultural Center.
LUCIANO DE BONIS
PhD, è professore di Tecnica e pianificazione urbanistica presso il Dipartimento di Bioscienze e Territorio dell'Università del Molise, dove è responsabile del Laboratorio per la pianificazione spaziale interattiva (LISP).
E' inoltre co-direttore del master di II livello in "Progettazione e promozione
del paesaggio culturale" e membro del collegio di dottorato in Bioscienze
e Territorio dell'ateneo molisano, nonché membro del dottorato in Ingegneria dell'architettura e urbanistica della Sapienza di Roma. E' autore
di numerose pubblicazioni scientifiche sui temi della pianificazione fisica
come processo "mentale", come mezzo di comunicazione, come ambiente "virtuale" e come attività costruttrice di "immagini". Attualmente è
infine responsabile del nodo molisano della rete di ricerca internazionale
sulla co-creatività territoriale e dei connessi rapporti con la Banca Europea di Investimento (BEI).
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 25
ANTONIO CLEMENTE
Dottore di ricerca, ricercatore e docente di Urbanistica presso l’Università degli Studi G. d’Annunzio di Pescara-Chieti (Dipartimento di Architettura). La sua attività didattica e di ricerca si sviluppa lungo tre
direttrici principali: il rapporto tra infrastrutture e territorio, le teorie dell’urbanistica e l’interdipendenza tra piano, progetto e normativa. Ha
svolto numerose ricerche tra le quali Re-cycle Italy (2013/14), Pianificare in condizioni di rischio. Sperimentazioni ed innovazioni nella ricostruzione post-sisma in Abruzzo (2012/13), Progettazione sostenibile
della città e del territorio (2010/11), Linee guida per la progettazione
paesaggistica integrata degli attraversamenti delle reti nazionali in ambito urbano (2007/09). È stato consulente per il Piano di Ricostruzione
di San Demetrio ne’ Vestini (2013), esperto in infrastrutture nell’ambito
del Comitato per la Valutazione di Impatto Ambientale della Regione
Puglia (2012), coordinatore scientifico per il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale di Taranto (con F. Karrer, 2010). È autore di Riletture. Città e teorie dell’urbanistica (Kaleidon, 2012). Ha pubblicato Reti
e infrastrutture, in Temi di architettura e urbanistica (LIStLab, 2012), Il
termine città. Una rilettura della Teoria Generale dell’Urbanizzazione,
in Urbanistica (2010), Città con fine in Apocalisse. Modernità e fine del
mondo da Liguori (2008), Ritrovarsi smarriti in Finisterrae (2007) e La
città inumana in L’età dell’inumano (2005) da Carocci, Tra gli svincoli in
Infraspazi, Meltemi (2006), Frontiere e confini autostradali in L’Architettura Cronache e Storia (2004).
MARCO D’ANNUNTIIS
Architetto, svolge attività di didattica e ricerca scientifica nella città
adriatica. Dottore di ricerca in composizione architettonica, è Professore Associato in Composizione Architettonica e Urbana presso la
Scuola di Architettura e Design di Ascoli Piceno, per la quale è responsabile dell’editoria. E’ componente del collegio dei docenti del Dottorato
Internazionale Villard D'Honencourt e coordinatore nazionale del seminario internazionale itinerante di progettazione Villard. Con i suoi lavori ha partecipato, in diverse formazioni, a numerosi concorsi di
architettura, nazionali ed internazionali, risultando più volte vincitore.
La sua attività progettuale è documentata su libri, riviste e cataloghi di
architettura ed è stata presentata in diverse mostre ed università fra
le quali l’Istituto di Architettura di Tallin (Estonia), la Waterloo University
(Canada), il C.C.A.C. di S.Francisco, l’UBA di Buenos Aires, l’UNL e la
UCSF di Santa Fé, l’ENSA di Parigi Malaquais, la EHochschule Munchen Fakultat fur Architektur, Monaco. Ha esposto in EUROPAN, Venezia/Madrid/Praga/Liegi; Biennale Giovani Artisti, Roma/Praga;
Biennale di Architettura di Venezia (2000, 2002 e 2006); Biennale Arti Visive di Venezia 2001; Triennale di Milano (2003), Galerija DESSA, Lubiana (2013). La sua attività di ricerca è testimoniata da pubblicazioni
disciplinari e numerosi articoli su riviste e libri. E’ direttore della collana
Arquitectura y Paisajes per la dgb.books di Santa Fé.
MATTEO DI VENOSA
Dottore di ricerca, ricercatore e docente di Urbanistica presso il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi G. d’Annunzio di
Chieti-Pescara. Nella sua attività didattica e di ricerca si occupa dei
temi che riguardano il rapporto tra infrastrutture e territorio, la pianificazione delle aree costiere e portuali, la pianificazione in condizioni di
rischio. Tali tematiche sono al centro di una intensa attività di ricerca e
25
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 26
di sperimentazione progettuale. Vince i concorsi internazionali per: l’edifico polivalente sul Molo San Cataldo del porto di Taranto (2009), la riqualificazione del waterfront monumentale di Napoli (2006); la
riorganizzazione del waterfront di Corigliano (2006); l’interfaccia portocittà di Marina di Carrara (2004). Sui temi della pianificazione delle infrastrutture di trasporto è consulente per le regioni Abruzzo (2006) ed
Emilia-Romagna (2006), i comuni di Pescara e Taranto (2008), la Società
Interporto di Puglia (2012). Nel campo della Pianificazione del rischio, coordina i Piani di Ricostruzione di sette Comuni dell’Area Omogenea 5. E’,
inoltre, consulente per il Piano di ricostruzione del Comune di Castelli (TE).
E’ nella redazione delle riviste Adriatico (2001-2003) e Piano Progetto Città
(2009-14).
GIANLUIGI MONDAINI
Architetto dal 1989. Ha collaborato e insegnato presso le Facoltà di Architettura di Pescara, Roma “La Sapienza”, l’Environmental Faculty della
Waterloo University, la Facoltà di Ingegneria di Ancona e la Facoltà di
Scienze della Formazione dell’UniMacerata. Dal 1999 insegna all’Università Politecnica delle Marche, dove è Professore Associato di Composizione Architettonica ed Urbana e dal 2012 Presidente del Corso di Laurea
in Ingegneria Edile-Architettura. Ha conseguito nel 2014 l’idoneità di prima
fascia. Ha realizzato diverse architetture ottenendo premi e segnalazioni
per concorsi nazionali e internazionali. Ha pubblicato diversi saggi e volumi tra i quali: Abitare dopo il Moderno, Pescara 2000; Forme e Tecniche
Bioclimatiche, Pescara 2001, 2002 (II° edizione); Luoghi comuni, Roma
2002; Figure Urbane, Firenze 2004; Ipotesi Urbane, Ancona 2004; Ri-Composizioni, Roma 2008; Links, Ancona 2009; Microcities, Firenze 2011; Tierra
y Agua, Santa Fe, Argentina 2012; Behnisch Architekten, Roma 2012; Soglie, Roma 2013; ABDR Architetti Associati, Roma 2014.
STEFANO PANUNZI
Professore associato di progettazione architettonica e urbana. Cofondatore della Facoltà di Ingegneria dell'Università degli Studi del Molise
(2005), già ricercatore della Facoltà di Architettura di Roma Sapienza. Inventore del sistema di telecontiguità (Progetto di Ricerca di Interesse Nazionale 2006) attualmente è impegnato nello sviluppo di metodologie per
Smart City e Green Economy (Web Aided Design e Urban Reverse Engineering), nella progettazione di esoscheletri per l'adeguamento e la rigenerazione dell'edilizia residenziale esistente, nella promozione delle
funivie urbane come mobilità intermodale ecosostenibile. Coordina dal
2011 Eco Cluster Cooperations (Mediterranean Waterfront, United Roofs)
finalizzate alla bonifica della crosta urbana attraverso il riuso strategico
dei tetti nelle periferie urbane ultradense. E' membro del consiglio direttivo
dell'Associazione Italiana Verde Pensile che ha promosso la Legge
10/2013 - Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani. Coordina insieme
ad ATER Roma in un partenariato interistituzionale (MIBACT, Regione
Lazio, Roma Capitale, ATER Roma, Università e Associazioni), il progetto
Corviale EXPO' 2015 (presentato alle Biennali Internazionali di Architettura
di Venezia 2012 e 2014) per la realizzazione a Roma del Roof Top Lab più
grande del mondo.
LEOPOLDO FREYRIE
Presidente Consiglio Nazionale Architetti.
Milanese, 52 anni, nel 1993 fonda con Marco Pestalozza la "Freyrie & Pestalozza Architetti Associati", realizzando in Italia e nel mondo edifici complessi e sedi di società e di attività commerciali. Consigliere del CNAPPC
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 27
dal 1997, nel 2000 è tra i fondatori del Forum Europeo per le Politiche
Architettoniche. Nel 2001 è rappresentante del Governo italiano al Comitato Consultivo per la Formazione di Architetto presso l'Ue. Nel 2004
è Presidente del Consiglio degli Architetti d'Europa ed è insignito della
American Institute of Architects Presidential Medal. Nel 2007 è designato dal Ministro dei Beni Culturali membro del Consiglio Italiano del
Design. È stato Relatore Generale del XXIII Congresso Mondiale degli
Architetti a Torino nel 2008 ed è Amministratore dell'Istituto di Cultura
Architettonica che lo ha organizzato
MASSIMO PILLARELLA
Laureato in Ingegneria ha i seguenti incarichi in Regione Molise: dal
2011 Direttore di Servizio Supplente di Valutazione degli investimenti
pubblici; dal 2011 Direttore di Servizio Coordinamento e gestione Fondo
Europeo Sviluppo Regionale; dal 2009 al 2011 Responsabile Servizio
Fondi Strutturali; dal 2008 al 2011 incarico di Responsabile di Servizio
per la Gestione del Programma Regionale Finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007-13 (F.E.S.R.) e dei Programmi Attuativi.
ANGELA BARBANENTE
Nata a Bari il 7 gennaio 1956, nel 1979 ha conseguito la laurea in urbanistica all’Istituto Universitario di Architettura di Venezia (IUAV).
E’ stata consulente dell’assessorato alla Pianificazione e gestione urbanistica della Regione Piemonte per una ricerca sulla pianificazione
e gestione urbanistica e consulente della Provincia di Bari per gli studi
sul piano di sviluppo socio-economico e di assetto del territorio. Ricercatrice del Consiglio Nazionale delle Ricerche e poi del Politecnico di
Bari, dal 2005 è professore di prima fascia del settore scientifico-disciplinare ICAR 20 - Tecnica urbanistica e pianificazione territoriale – al
Politecnico di Bari.La sua attività scientifica va dalle iniziali ricerche
sulla pianificazione del recupero urbano a quelle sui sistemi informativi
territoriali e sulla valutazione nella pianificazione, fino agli studi più recenti sui metodi di supporto alla pianificazione territoriale. Tematiche
approfondite anche attraverso soggiorni all’estero, in particolare negli
Stati Uniti (Department of Urban Studies and Planning, MIT – Cambridge, Mass.), in Gran Bretagna (Essex University, Colchester, London
School of Economics, Londra) e Olanda (Free University, Amsterdam).
Ha lavorato come redattrice e coordinatrice regionale per Urbanistica
e Urbanistica Informazioni ed è stata editorial assistant della rivista
“Plurimondi. An International Journal for Research and Debate on
Human Settlement”. Nell’ottava legislatura è stata assessore all’assetto
del territorio della giunta Vendola.
CARLO BIRROZZI
Nato a Sarnano (MC) il 26/01/1966, si laurea in architettura presso l'Università La Sapienza di Roma. Si specializza in Pianificazione Territoriale
e Urbanistica dell'Università degli studi di Roma " La Sapienza".
Dopo diverse collaborazioni ed esperienze professionali maturate tra
il 1987 ed il 2001, è in servizio presso la Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Milano, responsabile della tutela per
la Provincia di Sondrio. Da settembre 2009 a giugno 2012 è in servizio
presso l'Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro nel servizio architettura. È incaricato del restauro della tomba di P. Matteo
Ricci a Pechino, del cantiere di studio per il restauro del Cimitero Monumentale di Pisa, del restauro delle superfici esterne di Qusayr ' Amra
27
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 28
in Giordania, del Ponte di Gesher sul fiume Giordano ed è responsabile
dell'Ufficio Tecnico dell'Istituto e di una serie di progetti finalizzati alla revisione degli impianti, dell’accessibilità e sicurezza del la sede. Cura la
completa revisione del sito istituzionale del I.S.C.R. Autore e curatore di
pubblicazioni scientifiche, supervisore di diversi siti web istituzionali, ha
svolto attività didattica, dedicandosi anche all’allestimento di mostre.
Dal 26 agosto 2012 ha assunto l’incarico di Soprintendente per i Beni Architettonici e Paesaggistici del Molise.
PAOLO BORRELLI
Gorizia, 1959. Vive a Campobasso – Nel 1994 fonda l’Associazione culturale
Limiti inchiusi arte contemporanea.
SELEZIONE MOSTRE [Solo]: Egemonia della lotta, ARATRO – Università
degli Studi del Molise, Campobasso; Messaggi Minatori, Studio Arte Fuori
Centro, Roma; Invasori invasi, Galleria AOCF, Roma; Il tempo inferiore, Limiti
inchiusi arte contemporanea, Campobasso; Intime Barbarie, BencivArt
Gallery, Pesaro; Silenzio, Galleria Limiti inchiusi, Campobasso; Corsi di
vuoto, Studio Toni De Rossi, Verona; Limiti inchiusi, Galleria dè Serpenti,
Roma; [Group]: XIV QUADRIENNALE d’Arte di Roma, Palazzo Reale, Napoli; REGIONI E TESTIMONIANZE D’ITALIA - 1861/2011, Complesso Monumentale del Vittoriano, Roma; 54. BIENNALE DI VENEZIA - Padiglione
Italia - Molise, MACI - Isernia; Ma fin est mon commincement, ARATRO,
Università degli Studi del Molise, Campobasso. Viaggio-Viagem, Museo
Historico Municipal, Itatiba (San Paolo); Fuoriluogo 11 DUECENTOANNI
(Molise 1806-2006), Galleria Limiti inchiusi, Campobasso; Persistenze sul
confine dell’immagine – Omaggio ad Andrea Pazienza, MAT, San Severo
(FG); ISART, MACI, Isernia; 48° e 50° PREMIO TERMOLI - Fuoriluogo 8, Galleria Sala 1, Roma; La Città Ideale – artisti italiani e artisti africani (Fiumara
d’Arte), Chiesa S. Nicola, Pettineo (ME); You Get What You See, Galleria
dè Serpenti, Roma - Palazzo Ràcani Arroni, Spoleto (PG) - Chiesa San Bartolomeo, Campobasso; Controcanto in Progress, Galleria L’Ariete, Bologna.
ARTE URBANA: Il Museo Sospeso - l’arresto/l’eccitante, Museo all’Aperto
Kalenarte, Casacalenda (CB); Vuoto immanente - Moneta unica, Parco
San Giovanni, Campobasso; La Testa, Palazzo Mascia, Campobasso, Caserma Vigili del Fuoco, Isernia.
BOOKS (selection): La pittura contemporanea in Italia meridionale (1990 –
1994), Edizioni Electa, Napoli, 2003; Atlante - Geografia e Storia della Giovane Arte Italiana, Giancarlo Politi Editore, Milano, 1999; Contemporanea
– Appunti per una storia delle arti in Molise dal 1945 al 1992, Ed. Vitmar,
Venafro, 1997; Di cronaca e critica, Ed. AxA, Roma, 1995; Itinerari Eccentrici,
Ed. Enne, Campobasso, 1992. Molise GLO/CAL Identity, Ed. Il Bene Comune,
Campobasso. Ha pubblicato: Underground - Avvistamenti fuoriluogo, Ed.
Limiti inchiusi, Campobasso, 2003; Gli spifferi del sentire - Quattro artisti
nel disincanto, Ed. Joyce & Co., Roma, 1996.
ANDREA LANINI
Ha una formazione di architetto, si è dedicato allo studio della storia dell’arte ed a partire dai primi anni ’80 ha iniziato l’attività artistica indagando
con particolare interesse e perspicacia le problematiche legate allo spazio urbano creando installazioni e realizzando interventi nel tessuto urbano, che andava a posizionare in luoghi nascosti e poco visibili oppure
in spazi molto frequentati e quindi di più facile percezione, come l’artista
stesso ha affermato. Queste operazioni artistiche, fatte di frammenti di
memoria lasciati qua e là, quasi dettagli di vita smarriti da passanti distratti, erano sempre basate sull’immediatezza ed a seconda dei casi,
potevano essere degli effimeri con una brevissima durata oppure avere
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 29
un carattere di maggiore persistenza, dipendendo da fattori prevedibili
o legati alla pura casualità. Dell’evento transitorio e limitato resta la documentazione che l’artista ha sempre attuato attraverso la produzione
di diapositive. L’ironia sottile e colta che contraddistingue quel tipo di
azione artistica è sempre molto presente anche nelle opere più recenti
nelle quali l’artista indirizza la propria ricerca verso una scelta di materiali semplici e di “riciclo” come il cartone.
Ha svolto l’attività di docente di storia dell’arte presso il liceo artistico
Giorgio De Chirico di Roma. Ha preso parte a mostre collettive ed ha
tenuto numerose personali in varie gallerie italiane, come la Galleria
Zona di Firenze, Lascala, Zoe Spazio Arte e la galleria Stefania Miscetti
di Roma, Le Cafè di Latina e la libreria Incontro sempre a Latina in occasione della manifestazione Olympalus nel 1999.
Nel 1997 ha partecipato alla Rassegna di Arte contemporanea “Arte a
Roma” presso l’Ex Mattatoio, nel 2003 ha partecipato alla collettiva
“Kalenarte 2003…tra arte e solidarietà” a cura di M.Palumbo, nel 2007
era presente alla collettiva “Fuori dalla Gabbia” a Sermoneta, a cura
di M.Palumbo e nel 2009 alla rassegna di Kalenarte “Arte ContempoRane” a cura di E.Bellini.
MASSIMO PALUMBO
Architetto e artista, indiscusso protagonista della scena artistica di Casacalenda, in qualità di promotore culturale della rassegna Kalenarte,
della cura artistica del Museo all’Aperto e delle attività della Galleria
Civica. Il lavoro di Palumbo si dirama in molteplici direzioni, è un affermato architetto, un artista innovativo e uno ricercatore attento che si
è occupato della divulgazione dell’opera dello scultore Franco Libertucci e, ultimamente, ha collaborato alla pubblicazione di Littoria poi
Latina – Contemporanea 1945-2003. La sua ricerca artistica è caratterizzata da diverse tipologie di opere: installazioni, opere d’arte ambientale e pittoriche. In Galleria è esposto Il vecchio, il nuovo, il vecchio del
1994, lavoro compreso nella serie I Bianchi, a cui l’artista si dedica da
vent’anni. Un impianto costruttivo armonico ed equilibrato caratterizza
questa produzione dell’artista, alla quale conferisce una spazialità certa
e definita. La superficie monocroma dell’opera è alterata e drammatizzata dall’assemblaggio di materiali eterogenei, solitamente di scarto,
stracci, corde, garze, che conferiscono tridimensionalità e plasticità
alla tela. Sono opere intense, che si caricano di un vissuto che scardina
il candore iniziale e lo proietta nella realtà, senza mai perdere il carattere poetico ed emozionale risultato della calibrata costruzione plastica.
Palumbo è autore di opere d’arte ambientale: al Parco di Fogliano a Latina presenta nel 1996 La sedia di Polifemo e nel 1998 L’ago di Fogliano;
nel 2003 partecipa con il mosaico Presenza alla “Scalinata della pace”
di Lenola; La fiamma del carabiniere del 2004 è un monumento dedicato ai carabinieri caduti a Nassyria, in Iraq, collocato a Piazza della
Libertà a Latina, egli preferisce definirlo “ segno urbano”, la sua essenzialità è data da due sagome in acciaio inox e corten, la cui forma
allude alla fiamma dell’Arma dei Carabinieri, alla quale rende omaggio.
Nel 2005 realizza Tsunami per l’Arena Museo Cambellotti a Latina.
Ha partecipato a numerose mostre collettive e personali in Italia e all’estero, sia in veste di artista che di organizzatore. È stato curatore
della I e della II edizione del “Premio Nazionale d’Architettura Ernesto
Lusana” e di “Sermoneta Progetto Aperto”. Recentemente ha partecipato alla XXV Biennale di Scultura di Gubbio nel 2008 e, l’anno suc29
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 30
cessivo, ad “Artisti con bagaglio al seguito” presso la Stazione Ferroviaria
Roma Ostiense.
ASSOCIAZIONE MALATESTA
Dal 2004, un gruppo di amici, con le idee comuni e con un bagaglio individuale di esperienze di vario genere, decidono di cimentarsi in attività
che lascino un segno all’interno del tessuto urbano e sociale della città
e del territorio molisano. I Malatesta cercano sempre dal basso di divulgare le bellezze del territorio che troppo spesso non vengono valorizzate
proprio da chi, vivendoci, potrebbe trarne beneficio quotidiano. L'outdoor
molisano rappresenta la nostra cornice.
DOMENICO POTENZA
Ha conseguito la Laurea ed il Dottorato di Ricerca in Composizione Architettonica a Pescara dove svolge attività didattica e di ricerca, presso
il Dipartimento di Architettura.
Visiting professor presso l'USA Institute di New York, è stato docente
nelle Summer School del New Jersey Institute of Technology di Newark
e della Scuola di Architettura di Montreal in Canada.
Si occupa prevalentemente di composizione architettonica, alternando
al progetto la promozione di attività culturali, unitamente a studi e ricerche
sull'applicazione delle pietre in architettura, con particolare attenzione
al comparto lapideo della Regione Puglia.
E’ responsabile per la Puglia dell’Osservatorio sull’Artigianato Artistico
Italiano ed è consulente della Regione per le attività di promozione del
settore lapideo pugliese in Italia ed all’estero.
E’ membro della commissione per il Premio “Umanesimo di Pietra per la
Storia”.
E’ socio fondatore e responsabile scientifico dell’AAA (Agenzia per l’Architettura d’Abruzzo) per la sensibilizzazione dell’architettonica sul territorio, con la quale cura e coordina attività di promozione scientifica e
culturale, mostre e premi per progetti e realizzazioni.
Ha partecipato a numerosi concorsi nazionali ed internazionali di Architettura con riconoscimenti e pubblicazioni ed ha preso parte, in qualità
di docente, ad importanti Seminari Internazionali di Progettazione Architettonica e Urbana.
E’ selezionatore, dei progetti degli studenti, per il Premio Internazionale
di Architettura a Pirano (Slovenia).
Giornalista professionista dal 1998, collabora con alcune riviste nazionali
ed estere, per la pubblicazione di articoli e saggi sull'architettura e l’arte
contemporanea. Ha pubblicato alcuni scritti e coordinato lavori per mostre e conferenze in Italia e all’estero, di cui ha curato cataloghi e pubblicazioni. Il suo lavoro è pubblicato in alcune importanti riviste del settore,
ed è stato esposto in Italia e all’estero.
MIHA DESMAN
Miha Desman è nato nel 1956 a Gornji Grad , Slovenia . Laureati da Lubiana Facoltà di architettura nel 1981 e continua gli studi post-laurea allo
IUAV di Venezia, Italia . Architetto libero professionista e membro del
Dessa dal 1981. Membro del comitato di redazione e membro di riferimento tecnico e grafico del libri editore Krt , che ha ricevuto il premio
Plecnik nel 1988 per il loro lavoro sul campo della teoria dell'architettura
. Membro della redazione della rivista AB per la teoria dell'architettura e
suo direttore esecutivo dal 1995. Autore di oltre 150 articoli e saggi , ha
pubblicato in libri , riviste e altri mezzi di comunicazione professionali e
popolari . Presidente della Società degli Architetti di Lubiana tra il 2003 -
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 31
2006 e presidente del consiglio esecutivo del premio Plecnik . Ha ricevuto numerosi riconoscimenti per le sue opere : il premio Piranesi nel
1990 e la nomina per la medaglia Plecnik nel 2004 , tra gli altri . I suoi lavori sono stati presentati in oltre 30 mostre internazionali e in numerosi
media internazionali stampata architettonico . Membro di architetti
DANS dal 2004 .
MILENA DE MATTEIS
nasce a Lecce nel 1977, ha conseguito nel 2002 la laurea in architettura cum laude, Presso l’Università degli Studi Roma Tre,e nel 2007 il
dottorato di ricerca in Progetto urbano sostenibile con una tesi sulle
teorie di Christopher Alexander e sui metodi di progettazione partecipata applicati alle periferie romane. Nel 2008 è stata assegnista di ricerca in “Housing e qualità dell’abitare” presso l’Università Iuav di
Venezia.
E’, inoltre, ricercatore presso l’Università Iuav di Venezia, è attualmente
coordinatrice e responsabile scientifico del progetto di ricerca triennale
Firb 2008, finanziato su concorso nazionale dal MIUR: Living Urban
Scape, “La riconfigurazione degli spazi aperti, la densificazione e i sistemi naturali come strumenti per la riqualificazione delle periferie residenziali”. All’interno dello Iuav, è stata titolare di diversi corsi didattici,
tra cui i corsi di “Istituzioni di Urbanistica”, “Progetti per il recupero urbano”, i Workshop d’Architettura Wave 2011 “Residenzializing Forgotten Spaces”, Wave 2012 “Taking Care”, e Workshop di idoneità finale.
Nel 2007 ha frequentato il corso di formazione superiore “Business
Creation - Programma di sviluppo dell’autoimprenditorialità” presso
l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Facoltà di economia, con
una tesi riguardante il terzo settore. Nel 2006 ha collaborato con il Comune di Roma - XIX Dipartimento per lo Sviluppo locale sostenibile partecipato, come facilitatore e progettista per la partecipazione nei
Laboratori territoriali.
Sin dal 2003 collabora con l’Università Roma Tre e Università Iuav di
Venezia per numerose attività di ricerca, congressuali e di didattica.
È visiting professor presso università italiane ed europee, con seminari
eworkshop su argomenti specifici, tra cui A Pattern Language, il principio della diagnosi e dell’unfolding, la configurazione e le proprietà
degli spazi aperti, la progettazione partecipata.
31
REVIVE PROGRAMMA GENERALE 2014-15_Layout 1 07/11/14 13:25 Pagina 32
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
2
File Size
1 617 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content