close

Enter

Log in using OpenID

articolo del prof. renato macchietto

embedDownload
Anche quest’anno i Sunday Programmers, la squadra del
Liceo Scientifico Statale “E.Fermi” di Padova
vince
la finale europea della prestigiosa gara
ZERO ROBOTICS del MIT
Brillantissimo risultato della squadra di robotica del Liceo E.Fermi di Padova che per il secondo anno
consecutivo vince le finali europee della competizione internazionale di robotica ZeroRobotics organizzata
dal Mit di Boston e supportata dalla Nasa, dopo aver già conquistato il secondo posto nella prima edizione,
due anni fa.
Venerdi 17 gennaio, il team era al centro ESTEC dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) di Noordwijk in
Olanda, vicino ad Amsterdam, ad assistere alla gara di finale europea assieme agli altri finalisti
E’ un risultato eccellente che dimostra, se ancora ce ne fosse bisogno, la qualità dei nostri studenti anche in
campo internazionale.
I Sunday Programmers si sono giocati la terza finale di questa straordinaria gara di programmazione
robotica a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, 400 km sopra la superficie terrestre (la ISS, dove
ha lavorato per 6 mesi anche il nostro astronauta Luca Parmitano). Mica andandoci di persona.... lassù però
c’era il loro programma a condurre i minisatelliti SPHERES ad eseguire le evoluzioni previste dalla
competizione; da Terra le hanno osservate in trasmissione video organizzata dalla NASA. E gli astronauti
hanno fatto da arbitri.
Ogni match consiste nella sfida tra due minisatelliti-robot (Spheres) a compiere determinate evoluzioni (che
garantiscono certi punteggi) in un tempo max di 3 minuti. Il comportamento di queste Spheres è stato
programmato dai ragazzi, simulato e selezionato a terra; una volta installato sui mini satelliti dev'essere in
grado di riconoscere la situazione da solo e guidare la Sphere di conseguenza, ad evitare collisioni con
l'avversario, compiere le azioni previste, rimanere nel campo di gara (che è lo spazio in uno dei moduli della
ISS). Le gare sono condotte e sovrintese da due astronauti. Il movimento degli oggetti spaziali è, come
sempre, molto lento, poichè è assai difficile muoversi nello spazio, ma l'emozione nel sapere che è proprio il
programma che hanno preparato i ragazzi a regolare il comportamento della Sphere è impagabile! Il 17
gennaio alcuni studenti, docenti e genitori dei ragazzi hanno potuto seguire la diretta sul web, con le
spiegazioni di studenti campioni della passata edizione.
Come ricordato sempre da tutti gli scienziati del MIT e dell'ESA, dagli astronauti e dagli esperti di robotica, il
raggiungimento della finale è già di per sè un grandissimo risultato, ma di questa vittoria siamo
particolarmente orgogliosi, sia perchè conferma l’ottimo livello per il terzo anno consecutivo, sia perchè in
Europa ormai siamo il team più titolato, la squadra da battere.
I 6 finalisti europei hanno giocato una semifinale in due gironi eliminatori da 3 squadre ciascuno. Il nostro
team ha vinto entrambe le partite giungendo così in finale per vincere anche contro l’ultimo avversario.
Le prime eliminatorie tra tutti i 165 team iscritti al torneo si sono svolte facendo centinaia di partite in
simulazione in due stadi successivi (tutti contro tutti USA e EU); nella terza selezione, avvenuta per
supergruppi di 3 team ciascuno (team USA e EU, gli Eu obbligatoriamente non della stessa nazione), il
superteam guidato dai Sunday Programmers del Fermi ha coinvolto anche i Nemesis del Colegio Retamar di
Porzuelo de Alarcon, vicino a Madrid e gli Hello World dell’American School of Paris di Parigi. I ragazzi si
sono scelti il nome collettivo di Company Of Fantastic Fighters and Extravagant Experts (COFFEE). In
questa fase, hanno lavorato insieme per due mesi (dal 4 novembre al 21 dicembre, via skype, email, fb e
chat varie), prima per le semifinali, giocate in simulazione in competizione anche con le squadre USA; poi
per preparare il codice da montare sui veri minisatelliti SPHERES sulla ISS. Qui non c'è più simulazione e si
incontrano problemi tecnici di gestione dei robot che hanno messo a dura prova sia i programmatori che gli
strateghi nella scelta dei controlli da eseguire, tanto che il codice è stato spedito esattamente allo scadere
del tempo!
In finale, 6 superteam EU e 9 USA si son dunque giocati la vittoria (separatamente, per l’Europa e per gli
Stati Uniti) con i veri satelliti-robot del Mit, ma questa volta con partite secche. A questo livello sono tutti in
gamba, ma alla fine è stato il codice del nostro team a dimostrarsi il più robusto!.
Anche il team "Newton" del Liceo Newton di Camposampiero e altre 9 squadre italiane hanno fatto parte dei
superteam finalisti, a testimonianza ancora della qualità complessiva degli studenti italiani.
La NASA sviluppa e testa questi robot in previsione di un loro futuro utilizzo per attività automatizzate nello
spazio, come ad es. la riparazione dei veicoli spaziali che richiedono operazioni all’esterno, la rimozione di
vecchi satelliti fuori uso e/o il recupero da essi di materiale che invece può essere riutilizzato, e molte altre
ancora). Info su: http://www.nasa.gov/mission_pages/station/research/experiments/311.html
La gara è gestita, in Italia, oltre che dal Politecnico di Torino, anche dall'Univ di Padova - segnatamente il
prof Enrico Lorenzini, già presidente del corso di laurea in ingegneria aerospaziale.
E grande interesse ha mostrato per le nostre performance anche il Comune di Padova, il cui sostegno
economico alla trasferta del gruppo è stato essenziale, e rappresenta per noi anche un attestato alla serietà
e impegno di studenti e docenti del nostro Liceo.
Nel ritrovarsi tutti assieme al centro dell’ESA gli studenti hanno condiviso i momenti di tensione della gara,
ma anche quelli di svago, come durante la cena d’onore finale e la premiazione. Tavoli obbligatoriamente
misti di studenti provenienti da tutte le squadre da tutta Europa, conversazioni in inglese, nuove amicizie,
qualche suonatina al pianoforte della sala..
Chi sono i Sunday Programmers
del Liceo “E.Fermi” di Padova
name
surname
role
level
Renato
Macchietto mentor Math–Phys. Teacher
Klest
Dedja
mentor Math Student Univ
Giacomo
Barzon
student 4th year
Luca
Castelli
student 3th year
Francesco Cenzato
student 3th year
Tommaso Chemello
student 5th year
Alessandro Finazzi
student 5th year
Stefano
Fogarollo
student 5th year
Francesco Gallinaro
student 5th year
Rodrigo
Golan
student 3th year
Enrico
Lumetti
student 5th year
Gianluca
Tasinato
student 5th year
Ying Jie
Wang
student 4th year
team (main) role
coordinator
straegist /math
strategist/ math
programmer
programmer
strategist/ math
strategist/ math
strategist/ math
strategist/ math
programmer
programmer
strategist/ math
programmer
Dedja Klest ha partecipato alla competizione dello scorso anno (eravamo arrivati primi). Ora è universitario
(Matematica) e ha fatto da mentor, partecipando ai lavori e venendo con noi in Olanda.
responsabile nazionale prof L.Reyneri - [email protected]
responsabile Univ.Padova prof. E.Lorenzini - [email protected]
Il Filmato della gara da MIT + ISS
http://webcast.mit.edu/i/institute/2013-2014/zero_robotics/17jan/index.html
le 2 gare di semifinale Team COFFEE al tempo 1.54.20 – 2.02.30
gara di finale Team COFFEE al tempo 2.06.45 – 2.08.04 (start) – 2.11.20 (finish)
ALTRE INFO _ LINK
Presentazione delle finali
http://www.esa.int/Our_Activities/Human_Spaceflight/Education/Space_droids_battle_to_save_Earth_from_c
omet
team europei
http://www.zerorobotics.org/web/zero-robotics/tournament-details?tournamentId=13
team statunitensi
http://www.zerorobotics.org/web/zero-robotics/tournament-details?tournamentId=12
la loro posizione geografica si trova nella mappa
http://mapalist.com/Public/pm.aspx?mapid=393607
Altri riferimenti e info su http://www.zerorobotics.org e sul sito del Liceo
http://www.liceofermipadova.gov.it/jfrm/index.php?
option=com_content&view=article&id=160&Itemid=200
Foto e filmati delle Spheres
nel sito dedicato della Nasa
http://www.nasa.gov/mission_pages/station/research/experiments/311.html
e in quello del MIT
http://ssl.mit.edu/spheres/ (anche dal menu a tendina a sinistra)
Articoli notizia sul sito dell’Agenzia spaziale Italiana
http://www.asi.it/it/news/il_liceo_fermi_di_padova_si_aggiudica_la_zero_robotics_competition
Altri articoli:
http://www.nextme.it/tecnologia/robotica/7015-zero-robotics-vince-scuola-italiana
http://www.galileonet.it/blog_posts/52de5a0aa5717a0148000018
http://www.wired.it/scienza/spazio/2014/01/21/piloti-robot-padova/
http://www.italia24ore.it/201401191938/tecnologia/liceo-fermi-di-padova-vince-una-competizione-spazialeinternazionale.html
TG1 del 21/1/2014 minuto 30.05
http://www.tg1.rai.it/dl/tg1/2010/edizioni/ContentSet-9b6e0cba-4bef-4aef-8cf0-9f7f665b7dfbtg1.html
A disposizione per tutti gli eventuali chiarimenti
cordiali saluti
Renato Macchietto
Liceo S. "E.Fermi"
C.so V.Emanuele II, 50 35123 - Padova
tel 049 8803444 fax 049 8803510
email [email protected]
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
182 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content