close

Enter

Log in using OpenID

Adamello, Ivo Zulian vince nella bufera

embedDownload
lunedi 24 marzo 2014
pag. 48
SCI ALPINISMO
Secondo Davide Pierantoni del Cai Schio, sul terzo
gradino del podio il trentino Daniele Cappelletti
e ai piedi Ivan Antiga, campione di regolarità
In campo femminile Maria Luisa Moraschinelli si lascia
alle spalle Corinne Girardi; Matteo Eydallin e Damiano
Lenzi vincono la Pierra Menta e sono secondi alla pari
Adamello, Ivo Zulian vince nella bufera
Il fassano del «Bogn da Nia» balza in testa alla Coppa delle Dolomiti
UGO MERLO
PASSO DEL TONALE - Nella bufera e nella nebbia, il fassano
del Bogn da Nia Ivo Zulian ha
vinto la 54ª Sci alpinistica dell’Adamello, gara che date le abbondanti nevicate di sabato e
ieri si è disputata su di un percorso alternativo con una settantina di iscritti.
Dietro il fassano, che ha vinto
col tempo di 1h16’10’’, si è piazzato il veneto del Cai Schio Davide Pierantoni, guarito dall’influenza che lo ha messo in difficoltà domenica scorsa nel
Trofeo Kreuzspitze, al traguardo del Passo del Tonale in
1h16’31’’. Sul terzo gradino del
podio il trentino di Ronzo Chienes, tesserato con l’Adamello
Ski Daniele Cappelletti, staccato dal vincitore di 1’10’’. Ai piedi del podio, da premiare per
la sua regolarità il noneso del
Brenta Team Ivan Antiga in
1h17’52’’: non più tanto giovane, lascia ancora il segno. In
quinta posizione altro atleta
dotato di grande regolarità,
Alex Salvadori dell’Alpin Go,
con il tempo di 1h18’2’’, dietro
di lui il veneto Andrea Mattiato,
settimo Filippo Bianchi, ottavo
Wiliam Bonelli, nono Paolo Poli,
decimo Eros Pini.
La gara ha preso il via nonostante il maltempo, che ha
creato qualche difficoltà agli
atleti ad arrivare, sia dal versante bresciano, che da quello trentino, al passo del Tonale. In campo femminile, ha vinto la lombarda Maria Lucia Moraschinelli della Polisportiva Albosaggia in1h34’30’’. Seconda
con 1h38’23’’ Corinne Girardi
dell’Adamello Ski, terza Bianca
Balzarini in1h52’58’’. Con la vittoria di ieri il portacolori del
«Bogn da Nia» Zulian passa in
testa alla Coppa delle Dolomiti con 290 punti, un buon margine che lo mette al sicuro, se
arriverà almeno quinto nella
prova finale del circuito, in calendario il 5 aprile sulle nevi
delle Dolomiti Brenta nell’omonima Ski Alp. Secondi alla pa-
Ivo Zulian
festeggia sul
gradino più alto
del podio; sotto
Matteo Eydallin
(foto ALICE
RUSSOLO)
Le classifiche
UOMINI
1. Ivo Zulian
2. Davide PIerantoni
3. Cappelletti Daniel
4. Ivan Antiga
5. Alex Salvadori
6. Mattiato Andrea
7. Filippo Bianchi
8. William Boffelli
9. Paolo Poli
10. Eros Pini
Bogn da Nia
Sci cai Schio
Adamello Ski Team
Brenta Team
Alpin Go
Sci Club Valdobbiadene
Brenta Team
Sc Rncobello
Sci Club Val Gandiono
Sci Club Sondalo
1h16’10”
1h16’31”
1h17’20”
1h17’52”
1h18’2”
1h19’12”
1h19’46”
1h32’28”
1h22’28”
1h 22’52”
Polisportiva Albosaggia
Adamello Ski
1h34’30”
1h38’23”
1h52’58’’
2h04’09’’
2h06’
DONNE
1. Maria Lucia Moraschinelli
2. Corinne Girardi
3. Bianca Balzarini
4. Federica Jachelini
5. Germana Pedrazzoli
ri della graduatoria del circuito dolomitico sono Davide Pierantoni e il piemontese dell’Esercito Matteo Eydallin, che
Brenta Team
Brenta Team
hanno 232 punti. Il piemontese era assente perché è andato a vincere, in coppia con l’ossolano Damiano Lenzi, l’impor-
tante gara a tappe francese
Pierra Menta. Nella Dolomiti
femminile assenti Francesca
Martinelli, che guida, inarriva-
bile, la classifica con 345 punti e Roberta Pedranzini, seconda con 212, si porta in terza posizione con 165 punti Bianca
Balzarini.
Sulle nevi della Val Gardena,
l’altoatesino del G.S. Esercito
Manfred Reichegger, ha vinto la
prima edizione del Memorial
Karl Unterkircher, disputatosi
come la gara dell’Adamello su
di un tracciato alternativo, per
via delle nevicate, ma che ha
mantenuto la lunghezza di 20
chilometri ed un dislivello
complessivo di 3400 metri. Reichegger si è imposto nettamente in 2h3’14’’. In seconda posizione a ben 14’50’’ dall’atleta
della nazionale il badiota Michael Moling, terzo in 2h23’10’’
il suo compagno di colori Lios
Craffonara, che ha preceduto il
tedesco Magnus Doll. Tra le
donne ha vinto Birgit Stuffer in
2h43’14’’, seconda Catherine Senoner, terza Marta Scalet.
In terra di Francia si è conclusa la ieri la ventinovesima edizione della Pierra Menta, gara
sci alpinistica a coppie di quattro tappe, per i senior e di due
tappe per le categorie junior e
cadetti. Nella categoria junior
i due trentini Chicco Nicolini e
Davide Magnini hanno ottenuto il secondo posto. La vittoria è andata alla formazione
con lo spagnolo Oriol Cardona
Coll con lo svizzero Remi Bonnet, che hanno vinto la prima
tappa di sabato e quella di ieri. La coppia dei due trentini
nella giornata di sabato si è
piazzata seconda, ma ieri i due
hanno dovuto accontentarsi
del quarto posto, ma hanno
mantenuto, grazie al vantaggio
sugli avversari la seconda piazza nella classifica generale. Il
fiemmese Gian Luca Vanzetta,
ha ottenuto il nono posto in
coppia con Simone Puricelli. La
Pierra Menta maschile è stata
dominata dalla coppia italiana
Eydallin e Lenzi, davanti ai
francesi Bon Mardion Jaquemoud, nono Filippo Beccari con
lo soloveno Nejc Kuhar, tra le
donne vittoria della francese
Roux con la svizzera Moude.
FIOCCHI DI NEVE
SALTO
L’ultima è di Prevc
PLANICA (Slovenia) Peter
Prevc vince la gara di voli
dal trampolino grande di
Planica. L’atleta di casa
stacca uno splendido salto
da 142 metri e termina la
gara con il punteggio di
283,7 davanti al tedesco
Severin Freund con 280,8 e
al norvegese Anders Bardal
con 278,5. Gli italiani sono
rimasti esclusi dal round
finale e hanno concluso
oltre la quarantesima
posizione: Sebastian
Colloredo al 44° posto
(109,5 punti), il solandro
Davide Bresadola 2ì46°
(108) e il fiemmese Roberto
Dellasega 48° (105,3).
L’ultima gara della stagione
assegna formalmente la
Coppa del mondo che era
già stata aritmeticamente
vinta dal polacco Kamil
Stoch con 1420 punti,
davanti proprio a Peter
prevc con 1312 e al tedesco
Severin Freund con 1303.
BIATHLON
Coppa a Fourcade
OSLO (Norvegia) - Martin
Fourcade chiude nel
migliore dei modi la
stagione che lo vede
mettere in bacheca la
Coppa del mondo assoluta
di biathlon vincendo la gara
finale di Oslo in 40’59’’9.
Alle sue spallel’austriaco
Dominik Landertinger a 7
secondi e lo sloveno Jacov
fak a 32’’9; 11° l’azzurro
Lukas Hofer autore di due
errori e attardato di
1’03’’5. In generale il
miglior azzurro Hofer, 14°
con 465 punti.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
163 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content