close

Enter

Log in using OpenID

arte: i maestri del paesaggio a bergamo alta. aperitivi e

embedDownload
ARTE: I MAESTRI DEL PAESAGGIO A BERGAMO ALTA.
APERITIVI E...
I MAESTRI DEL PAESAGGIO - INTERNATIONAL MEETING OF THE LANDSCAPE AND GARDEN
2014
Dal 6 al 21 settembre 2014 a Bergamo Alta
Benessere della mente, del corpo, dell'individuo e della collettività. "I Maestri del Paesaggio International Meeting of the Landscape and Garden",
— tra le manifestazioni più significative al mondo in tema di paesaggio, torna ad animare
Bergamo Alta dal 6 al 21 settembre 2014.
Una magia green attraverserà la città con un focus incentrato sul
- potere rilassante e curativo delle piante, vere amiche dell'anima, capaci di guidare ognuno
di noi in un universo nuovo, immerso in una terapeutica follia.
Healing Landascape è il tema dell'edizione 2014 che - come spiega Giulio Senes, docente e
ricercatore presso la Facoltà di Scienze Agrarie e Ambientali dell'Università degli Studi di Milano e
Direttore del Corso di Perfezionamento in Healing Gardens -"vuole approfondire il tema del verde come
fonte di benessere (cioè "healing"). I "benefici" del verde sono molteplici e afferiscono a tutte e tre le
"sfere" della definizione di salute dell'OMS:
-fisico, mentale, e sociale. I motivi per cui il contatto con la natura
-incrementa il benessere e favorisce i processi di guarigione si rifanno all'essenza profonda
dell'uomo come "essere vivente"in perenne stretto rapporto con l'ambiente che lo circonda e con gli
altri esseri viventi. Un healing garden è uno spazio esterno (e talvolta un area verde interna) progettato
per promuovere e migliorare la salute e il benessere delle persone, cioè un'area verde
specificamente progettata per essere "healing". Ciò risulta ancora di più fondamentale importanza
se ci si riferisce a tutti quei luoghi destinati alla cura (ospedali, in primis, ma non solo), cioè ad essere
"healing".
La scelta del tema segue il percorso intrapreso nella passata edizione: "Feel the water", continuando
l'avvicinamento al tema di
-Expo 2015: "Nutrire il pianeta, energia per la vita" con l'intento sinergico di promuovere la cultura
del verde, educare alla sostenibilità ambientale.
— Attraverso la cura di orti e giardini, l'uomo attira a sé il potenziale energetico delle piante,
lasciando fluire liberamente stati d'animo e pensieri, secondo quel bisogno recondito che gli antichi
chiamavano: bio-filia. Si ripartirà, infatti,
-dal giardino dei semplici, ovvero varietà vegetali con virtù medicamentose, nato nel periodo
medioevale e conservato dai monaci nei secoli, per arrivare fino a noi come un vero e proprio dono
della natura.
Per
-due settimane, eventi itineranti, seminari, workshop, appuntamenti culturali e enogastronomici,
mostre, aperitivi del paesaggio e concorsi racconteranno un mondo diverso, più verde, conducendo il
pubblico in un alveo di benessere e architettura green.
Manifesto del paesaggio urbano sarà, anche quest'anno
-l'allestimento temporaneo di Piazza Vecchia, per l'occasione ribattezzata Piazza Verde. Una
passeggiata in parte provocatoria e irriverente, sicuramente onirica, alla scoperta del valore (fisico e
mentale, individuale e collettivo) della natura in città.
La storica Piazza, che quest'anno porta la firma internazionale di Peter Fink in team con Lucia
Nusiner e Maurizio Quargnale, si trasforma nei quindici giorni dell'evento in un
-salotto all'aria aperta, incantevole attrazione per migliaia di persone, capace di far riscoprire
l'unicità di un paesaggio tra i più apprezzati in Italia.
La rosa di relatori dell'edizione 2014 include le più autorevoli firme tra Paesaggisti, Garden Designers,
Landscape Architects selezionati e invitati da Arketipos per questa quarta edizione: da Stig L.
Andresson a Fergus Garrett, da Marco Bay a Peter Fink, progettista del nuovo volto di Piazza
Verde. E ancora: Pablo Georgieff, Mikyoung Kim, Luciano Giubbilei, Ugo Morelli, Ulf Nordfjell e
molti altri ancora per una manifestazione che fa della vocazione internazionale e multidisciplinare il suo
elemento distintivo. E le occasioni per confrontarsi con tali maestri del paesaggio saranno davvero
tantissime,
-grazie ai Workshop, ai Seminari e agli Aperitivi del Paesaggio. Per la prima volta, inoltre, in
occasione della IV edizione dell' International Meeting del 20-21 settembre, Arketipos coinvolgerà il
Best in Show 2014 Luciano Giubbilei per un tète a tète con Fergus Garrett, notissimo capo
giardiniere di Great Dixter. I due verranno intervistati dalla direttrice della rivista britannica Gardens
Illustrateci, Juliet Robertse dal pubblico presente in teatro.
una liberazione e una quiete simile a quella della meditazione"
Herman Hesse
Si alza il velo sulla natura, si schiude l'anima di leggerezza: "/ Maestri del Paesaggio-lnternational
Meeting ofthe Landscape and Garden" 2014 regalano bellezza universale.
-Un benessere gratuitamente offerto da piante e fiori,, vere muse ispiratrici di un'esistenza al
limite dell'atarassia. Tutto è luce, tutto è semplice, tutto, a suo modo, è storia.
Si balza indietro nel tempo, guidati da una manifestazione che più che un appuntamento
architettonico è un incontro con l'essenza della natura e del paesaggio. Si torna ai tempi dei monaci e
delle cure dei semplici, delle piante officinali usate come rimedio sicuro per ogni malanno. "Healing
Landscape", focus del 2014, sta per: capire la natura, curarla, proteggerla per proteggerci. Ecco il
senso di un evento che sceglie Bergamo come luogo in cui rivelarsi. Città verde che diventa ancora
più verde, baricentro di grazia per cultura, arte, musica e territorio.
Il paesaggio diventa serbatorio di energie per psiche e corpi affannati che troveranno pace
dedicandosi a giardinaggio e meditazione. Per due settimane, un vento green attraverserà la Città Alta
portando con sé capacità curative per lo più sconosciute o sottovalutate.
Il giardino come personale anti-stress, luogo di sosta e accoglienza, spazio infinitamente più grande di
una stanza, dove il soffitto è il cielo e le pareti sono le quinte verdi vegetali. Ma anche, giardino come
strumento terapeutico attivo, simbolo di una vita nel verde che, secondo molti studi, aumenta il livello
di serotonina nel corpo umano, influendo positivamente sulla riduzione dei periodi di degenza negli
ospedali e delle quantità di farmaci antidolorifici.
Gli antichi la chiamavano "bio-filia", ergo: il bisogno viscerale di lasciare scorrere pensieri e
preoccupazioni circondandosi di piante, orti e giardini dallo straordinario potere ammaliatore. La cura
folle e banale della semplicità.
Come "semplici" erano gli orti medioevali, protetti dai monaci nel corso dei secoli. L'unicità che ne
scaturiva nasceva proprio da varietà vegetali con virtù benefiche, dono immenso per noi stessi e per il
mondo intero.
Perché curare l'ambiente vuol dire rendere ecologicamente sostenibile il Pianeta, contribuendo alla
pulizia dell'aria che respiriamo, dell'acqua che beviamo, plasmando il futuro nostro e delle generazioni
che verranno.
3 - IL PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE
Città Alta gioiello del verde, immersa tra fiori, piante e amanti della natura.
Da sabato 6 a domenica 21 settembre 2014, Bergamo scoprirà di possedere un volto nuovo,
grazie all'allestimento che tingerà di color smeraldo Piazza Vecchia.
Seminari, Aperitivi di Paesaggio e moltissimi eventi dedicati, tra gli altri, al mondo della fotografia, della
musica, del fashion e del design, saranno gli ingredienti delle due settimane più green di tutti i tempi.
6-21 settembre - tutto il giorno
Piazza Verde in Piazza Vecchia
Piazza Vecchia, rivisitata secondo il focus 2014 "Healing Landscape", mostrerà ai visitatori una
bellezza singolare e ammaliatrice grazie all'inedito allestimento realizzato dai maestri paesaggisti Peter
Fink e Lucia Nusinere l'illuminazione di Maurizio Quargnale
Concorso fotografico "Obiettivo sulla Piazza Verde"
Torna, alla sua terza edizione, il concorso fotografico promosso da Cairo Editore con Gardenia e
Bell'Italia che premiere i tre migliori scatti fatti alla Piazza Vecchia durante i giorni della Manifestazione
in collaborazione con Nikon.
Green food e gli Chef del paesaggio
Al via la seconda edizione del contest gastronomico promosso dal Gruppo Editoriale L'Espresso e
diffuso da D Repubblica che premiere la ricetta di un primo piatto che meglio di altre avrà saputo
rivisitare in maniera originale e gustosa l'eccellenza del territorio. Ricetta che potrà essere degustata
nelle Tavole di Bergamo Alta (i 14 ristoranti partner della manifestazione).
Green Fashion
Giovani talenti e imprese d'eccellenza si uniscono per / Maestri del Paesaggio: Casa Suardi, in Piazza
Vecchia, ospiterà i più bei disegni per tessuti ideati dagli studenti dell'Istituto ED. I bozzetti serviranno
a realizzare una borsa "green" con il lino lavorato da Martinelli Ginetto, grazie alla supervisione di
Maliparmi. Progetto promosso dal Gruppo Editoriale L'Espresso, RClub e D Repubblica.
Green Design
Si rinnova il rapporto con Grazia Casa e Interni, riviste di Mondadori dirette da Gilda Bojardi che sarà
presente con l'evento Green Design alla scoperta di Città Alta ambientando in location d'eccellenza
prodotti di outdoor design.
6-21 settembre - orari vari
Il Corner dei Maestri di Paesaggio, Lavatoio di Piazza Angelini
Gli appuntamenti per i 2014 sono:
Tutto il giorno: "Catalogo vivente di erbacee perenni e graminacee", a cura del Vivaio Valfredda;
Lunedì-Venerdì, ore 1 8 . 0 0 - 22.00 + Sabato e Domenica, ore 1 1 . 0 0 - 15.00 e 18.00-22.00: il
Bistrot, degustazioni nel verde a cura di alcuni ristoratori delle Tavole di Bergamo Alta
Venerdì, ore 18.00 - 22.00 + Sabato e Domenica, ore 10.00 - 22.00: "Ortaggi bio a chilometri zero
in vendita", a cura della Coooerativa sociale Biolano.
La cultura attorno alla Piazza Verde - Musei e Mostre
Tantissime le attrazioni che Bergamo offre a turisti e visitatori, per un soggiorno capace di combinare
natura e cultura. Tra queste:
Accademia Carrara, Palazzo della Ragione, Piazza Vecchia
Palazzo del Podestà, Museo storico dell'età veneta, Piazza Vecchia
Campanone, Torre Civica, Piazza Vecchia
Museo e tesoro della Cattedrale, Portico palazzo della Ragione
28 agosto - 21 settembre - orari da definire
Mostra fotografica "Long Chin San-Mario Finazzi. La fotografia di paesaggio tra tecniche
moderne e antica tradizione."
Si inaugura quest'anno la collaborazione con GAMeC, Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea e
Allianz Bank, con una mostra dedicata al fotografo Long Chin - San (Zhejiang 1892-1995). 32 scatti
originali per lasciar parlare la poetica del paesaggio orientale: l'eccezionale qualità tecnica e
interpretativa del padre della fotografia cinese si unisce all'avanguardia tecnologica, stringendo arte e
fotografia in un'alleanza di sublime armonia. La mostra fotografica del suggestivo nucleo di immagini
del fotografo cinese -raccolte dal fotografo e collezionista bergamasco Mario Finazzi- verrà allestita
alla GAMeC in via San Tomaso 53 a Bergamo.
6-21 settembre - giorni da definire
Aperitivi di paesaggio
Brevi conversazioni con paesaggisti, fotografi e scrittori nelle Tavole di Bergamo Alta grazie alla
partecipazione dei ragazzi de\YIstituto iSchool
Mostra Green Fashion
Per tutta la durata della Manifestazione presso Casa Suardi sarà ospitata la mostra Green Fashion
13, 17 e 18 settembre - orari vari
Seminari delle Sale di Città Alta
Incontri gratuiti su giardino e paesaggio dedicati a giardinieri, paesaggisti e tecnici del settore,
organizzati da:
13 settembre: Consorzio SolCo Città Aperta
14 settembre: Proprietà medicinali delle erbe aromatiche - Dott. Francesco Perugini Billi in
collaborazione con Case&Country Gruppo Class Editori
17 settembre: Rivista Acer - Smart City secondo natura
18 settembre: Viviaio Valfredda e Gardens Illustrateci
19 , 20 e 21 settembre
"/Maestri del Paesaggio" entrano nel vivo
19 settembre: Workshop alla presenza dei relatori del Meeting del 2013 e di Marianne Majerus,
fotografa di giardini
20 e 21 settembre: International Meeting con le eccellenze internazionali del Paesaggio al Teatro
Sociale
20 settembre: Light Lunch nel Chiostro di S. Francesco in Città Alta, combine di bellezza
paesaggistica e eccellenza culinaria a cura dell'Istituto iSchool
20 settembre: Green Dinner, incontro tra Paesaggisti sotto i Portici della Ragione, nella suggestiva
atmosfera di Piazza Verde, a cura delle Tavole di Bergamo Alta
20 e 21 settembre: Cicli Verdi al Palazzo della Ragione (Sala dei Giuristi)
Summer School- Centro Internazionale di Studi sul Paesaggio e sul Giardino
Un progetto multidisciplinare e internazionale che coinvolgerà docenti e studenti da tutta Europa
all'insegna dello scambio e della progettualità comune.
11-14 settembre
Spettacolo di video animazione (Portico del Palazzo della Ragione)
ABenergie ritorna a sorprenderci con un nuovo progetto: una video animazione ideata e realizzata dal
videomaker, Rino Stefano Tagliafierro, e con la supervisione di Storyfactor
L PROGETTO DELLA PIAZZA VERDE 2014
Il nuovo concept per l'allestimento 2014
Arte e concetto: le muse ispiratrici dell'allestimento 2014 pensato da Arketipos con focus suW Healing
Landscape, il Paesaggio Curativo. A differenza delle edizioni precedenti, l'ideazione del nuovo
concept è stato affidato a un progettista esterno all'associazione: il londinese Peter Fink, considerato
uno dei protagonisti più originali del panorama internazionale dell'architettura del paesaggio,
innovativo nelle proposte e nel metodo di lavoro.
Per l'allestimento di Piazza Vecchia, Fink ha proposto un dialogo di contrasto con lo scenario
monumentale. Egli conosce bene Bergamo, avendo partecipato alle due ultime manifestazioni
dell'lnternational Meeting di Bergamo ed essendosi occupato della progettazione del parco della
Malpensata. Affascinato dal dinamismo creativo della cultura italiana, ha però ammesso dispiacere per
le energie spesso dissipate nella contrapposizione politica e nella mancanza di un chiaro consenso
nella comunità. Per questo, ha pensato a un'installazione che, pur tenendo sempre presente il tema
del verde e gli obiettivi di aggregazione, avesse uno spiccato accento concettuale e artistico
contemporaneo. Collaborare con un progettista la cui competenza è riconosciuta a livello mondiale
risponde alla voglia di spingere Bergamo ad aprirsi alla creatività e allo spirito internazionale per
valorizzare al meglio i propri luoghi.
Questa una sintesi del progetto di Peter Fink per Piazza Vecchia 2014:
La proposta progettuale della Piazza Vecchia Verde vuole rinnovare il rapporto tra arte e
progettazione del paesaggio attraverso una esplorazione creativa dei nostri sensi. Il tutto facendo
ricorso a un uso audace del colore, delle forme, dei profumi, e della consistenza e qualità tattile del
verde. La natura narrativa della Piazza Verde passa gradualmente da un healing garden, in cui si
utilizzeranno piante aromatiche e prevalentemente verdi, a piante più colorate, creando una scala
crescente di forte impatto. Lo stesso approccio sarà applicato agli alberi e agli arbusti che si
moduleranno da un verde naturale tradizionale a un impatto più ornamentale. Le aiuole avranno
tonalità desunte dalla superficie su cui insistono, fondendosi con l'erba artificiale in forme triangolari
svasate e inclinate. Le persone saranno parte integrante dell'allestimento, diventando come un flusso
di acqua tra ciottoli di un ruscello. Questo nuovo modello di movimento contribuirà a creare non solo
spazi più informali per il relax e la socializzazione, ma aumenterà anche il dialogo con il tessuto urbano
circostante. L'illuminazione utilizzerà prevalentemente luce bianca da terra per creare l'aspetto di isole
colorate galleggianti, cercando l'armonizzazione con l'illuminazione architettonica degli edifici storici
circostanti.
Il tutto deriva dalla convinzione che un giardino possa avere mille usi: luogo di meditazione, di sosta e
accoglienza, di ritrovo intellettuale e di sollazzo, ma anche strumento terapeutico, medicina di anima e
cuori, priva di controindicazioni. Sono molti, infatti, gli studi che provano che una vita immersa nel
verde aumenti il livello di serotonina nel corpo umano, riducendo periodi di degenza negli ospedali e
uso di farmaci antidolorifici. Per questo, prendersi cura della terra vuol dire prendersi cura di noi stessi
e delle future generazioni.
La scacchiera di alberi
Le essenze arboree a scacchiera ripareranno, ombreggiando, i tavolini per la sosta. L'ingresso sarà
costruito con la stessa tipologia e disegno, per ricreare la sensazione di un'entrata in un bosco. Le
piante lasceranno man mano posto ai contenimenti con le specie perenni e graminacee. Le essenze
arboree scelte saranno di un'unica specie il Fraxinus excelsa con una chioma leggera che si muoverà
al primo soffio di vento.
Piante nei contenimenti triangolari
Gli spazi di contenimento, nove in tutto, conterranno diverse essenze benefiche: dalle piante che
curano i raffreddamenti, alle digestive alle espettoranti. Lo stesso ragionamento sarà utilizzato per le
essenze arboree o arbustive. Si prenderanno a modello le medicine dei semplici, le piante e gli
alimenti curativi che inscenano una sintonia tra benessere personale e piccole gocce di antica
saggezza. Ogni essenza sarà cartellinata e in un libretto apposito saranno indicati i benefici delle
singole specie.
Il colore nella Piazza Verde
Il colore non si sceglie ma si progetta. Questa è la prima certezza da cui iniziare a leggere
l'allestimento della nuova Piazza Verde.
Insieme a piante, fiori, luci e incanto storico, sarà il colore il protagonista della versione 2014 di Piazza
Vecchia.
Presente in natura, in arte, in architettura e nella vita di tutti i giorni, il colore è l'elemento immateriale
(in quanto luce riflessa da un corpo, e non materia in sé) in grado di condizionare psiche e corpo:
affermava Kandinskij a tal proposito che la forza fisica diventa la via attraverso la quale il colore
raggiunge l'anima.
Il suo uso in qualsivoglia progetto ha quindi un valore di fondamentale importanza che conferisce
poetica visiva a ciò che stiamo osservando.
Nel nuovo progetto di Piazza Verde, l'artista e paesaggista polacco-d'adozione britannica - Peter Fink,
ha scelto di accostare l'identità storica di Città Alta e la presenza temporanea del verde con il fucsia,
colore che deve il suo nome all'omologa pianta montana originaria dell'America centrale e meridionale,
introdotta in Europa alla fine del 1600 (Fuchsia magellanica).
Colore dal carattere forte e certamente scenografico, il fucsia cattura da subito l'attenzione
manifestando apertamente il suo essere altro dal contesto ospitante. Proprio questo contrasto tra
tradizionale-storico e irriverente-nuovo all'interno di un allestimento temporaneo, guida ancor più alla
ri-scoperta del patrimonio identitario locale con un atteggiamento che ibrida la natura con l'arte.
Colore dai confini imprecisati, il fucsia rientra nella categoria delle porpore e quindi di quelle cromie
non presenti nello spettro dei colori di Newton (nell'arcobaleno, per intenderci) ma ben presente in
natura nei colori del tramonto, nel mare carico di tempesta, nei fiori che intessono uno spettacolare
dialogo con il verde degli alberi come inaspettati spot di luce. La magia di tale colore sta proprio in
questa ambiguità che deriva dal contenere in sé porzioni di rosso e di blu, colori complementari che
inducono l'occhio e il nostro cervello a captare ora impulsi cromatici a onda lunga, ora a onda corta
con un effetto estraniante che provoca forte carica visiva e un energico coinvolgimento emotivo
esaltato ancor più dall'accostamento al verde.
Il colore di questa IV edizione non solo porta in Piazza l'arte con un deciso gesto progettuale, ma
riporta anche alla mente certe essenze floreali delle nostre montagne e traduce in progetto cromatico
l'energia terapeutica della natura.
UN PASSO INDIETRO
Dalle esperienze precedenti al percorso di intenti verso il nuovo concept per il 2014
L'allestimento di Piazza Vecchia pensato da Arketipos per la manifestazione del 2014 rende il cuore di
Bergamo simbolo del panorama paesaggistico mondiale. Da ciò deriva la decisione di affidare la
progettazione di Piazza Verde a paesaggisti di caratura internazionale.
Fonte di ispirazione è stato il saggio della Prof.ssa Anna Maria Testaverde dell'Università di Bergamo
sulla spettacolarizzazione dello spazio urbano, pubblicato su "Iconemi" nel 2012. Il saggio parte
esaminando l'occupazione fisica degli spazi da parte delle masse che, pian piano, ne divengono
protagoniste, imprimendo il segno del loro passaggio. Molti gli esempi che, solo nel panorama italiano,
testimoniano di piazze simbolo di città intere: pensiamo a Piazza del Campo a Siena in occasione del
Palio o a Piazza san Pietro a Roma in occasione degli eventi religiosi.
Bergamo si inserisce in questo filone, divenendo progressivamente il luogo in cui si celebra il
paesaggio. Questo accade specie se, considerando il "paesaggio" un connubio di "natura" e "azione
umana", si volgono gli occhi alla città murata di Bergamo Alta, le cui pietre cavate dalla stessa collina
si sono ricomposte in un nuovo disegno di architettura, creando appunto il luogo del paesaggio. Ecco,
dunque, il perché di una scelta che vede Piazza Vecchia come spazio prediletto per l'allestimento
verde.
La stessa Prof.ssa Testaverde, ripete con forza come l'unico modo per aggregare, creare il senso
della comunità e rinnovare/rilanciare aree periferiche, giardini, parchi, piazze, paesi sia tornare a
teatralizzarli. Creare nuovi spazi comunitari, ecco il dovere. Per consentire il pieno "recupero del
centro" la gente deve tornare in centro, per condividere esperienze sociali, eventi civili e sentimenti.
Materiali
Se un tempo cartone, legno e pittura erano gli strumenti scelti per trasformare temporaneamente il
paesaggio durante una festa, le arti visive, l'architettura e l'urbanistica inventano nuovi ambienti che
ricreano suggestioni ed evasioni oniriche volte a produrre un intenso coinvolgimento emotivo.
Piazza Vecchia, nei giorni dell'allestimento green, diventa un luogo altro con un dialogo d'incanto tra le
fronde degli alberi, i colori dei fiori, la geometria delle aiuole e una scenografia monumentale.
Il tappeto verde sintetico, elemento questo sì irriverente, rimanda all'essenza stessa dell'arte: sfacciata
e anticonformista. Chi non ricorda l'indecente bambolone gonfiabile di colore dell'artista inglese Marc
Quinn piazzato davanti alla chiesa di San Giorgio in occasione dell'ultima Biennale d'arte di Venezia?
Eppure mai tanti visitatori hanno desiderato visitare il capolavoro di Palladio come in quella occasione.
La stessa cosa accade con Piazza Vecchia in versione green, fonte attrattiva di turisti e visitatori che
hanno potuto toccare con mano la meraviglia di un'architettura che ha commosso perfino Le
Corbusier.
Nascita di un'idea. La prima manifestazione del 2011
L'idea di un'istallazione green in Piazza Vecchia nasce nel 2011, in occasione della prima edizione
dell'lnternational Meeting of Landscape and Garden. L'amministrazione comunale chiese ad
Arketipos, associazione culturale organizzatrice del forum internazionale, di creare un richiamo in Città
Alta della manifestazione in corso al Teatro Sociale.
Gli organizzatori pensarono a una sovrapposizione di verde sulla scenografia di Piazza Vecchia. Per
supportare questa iniziativa, venne individuato come partner privilegiato un noto brand enologico della
Franciacorta, scelta intervenuta sia per continuità territorialità che per il forte coinvolgimento
paesaggistico. La Franciacorta infatti, grazie alla reintroduzione della vite negli anni '60 ha dato un
nuovo volto al paesaggio locale. Dopotutto, coltivare vuol dire sottrarre il territorio alla
cementificazione.
Ricordiamo che il primo allestimento verde nello spazio monumentale di Piazza Vecchia venne
progettato da Lucia Nusiner.
Manifestazione 2012
Il successo scaturito dalle decine di migliaia di visitatori, con una forte attenzione dei media nazionali e
internazionali ("Garden Illustrateci" dedicò un'apertura al progetto, pochi mesi dopo "Bell'Italia"
confezionò un articolo di 12 pagine in cui invitava i lettori a visitare Bergamo durante il Meeting),
posero le basi per riproporre un nuovo allestimento per l'edizione 2012, sempre progettato da Lucia
Nusiner. In quell'occasione fu scelto come focus ispiratore il tema degli orti urbani.
Con una discussione partita dalle pagine del Corriere della Sera, il tema della spettacolarizzazione
degli spazi urbani prese piede e si rinnovò con moto spontaneo sui blog online. Ci si chiese quanto
fosse lecito snaturare anche solo temporaneamente uno spazio pubblico monumentale e quanto
viceversa questo favorisse la valorizzazione del territorio.
Manifestazione 2013
Il dibattito si acuì con la manifestazione del 2013, il cui focus era imperniato sulle tematiche dell'acqua.
"Feel the water", concept tratto dalla Biennale di Venezia 2012, in linea con EXPO 2015 "Nutrire il
Pianeta. Energia per la vita", fu la linea guida sia dei relatori del Meeting, sia dell'ornamento di Piazza
Vecchia.
L'allestimento fu caratterizzato, oltre che dalla presenza del verde, da un segno grafico a pavimento
con andamento sinuoso di oltre cento metri e da un tappeto verde sintetico su tutta la piazza. Il tutto
corredato da una lunga vasca d'acqua naturale, alberi, arbusti, fiori, arredi, luci, sedute, ecc.. La foto
della Piazza dall'alto, pubblicata in rete, fece il giro del mondo in poche ore. Si aprì così un confronto
acceso che coinvolse internauti, esperti e istituzioni divisi tra chi avanzava interrogativi sulla
manipolazione in chiave folk di uno spazio storico e chi invece difendeva la libertà intellettuale
dell'allestimento, ponendo l'attenzione sul forte riscontro sociale e aggregativo dell'iniziativa.
Due contributi hanno primeggiato in quei giorni dalle pagine del Corriere della Sera:
Il primo del regista Davide Ferrano che rifletteva sul tema del "tradimento" dell'allestimento: "Perché,
nella sempiterna battaglia tra «conservare» e «innovare», l'esempio di Piazza Vecchia ci fornisce un
suggerimento positivo: considerare gli spazi della città come qualcosa di mutante e provvisorio (...)
interpretare gli spazi urbani come scenografie provvisorie è un modo ragionevole e opportuno di
«cambiare» la città senza toccarne l'identità profonda".
Il secondo, dello scrittore e storico della letteratura Franco Brevini che argomentava su quanto sia
apparentemente inconciliabile il dilemma tra natura e cultura in un'antica piazza. ".../ tappeti d'erba
artificiale, le corsie rosse, le fioriere piantumate e le vasche d'acqua ottengono uno straniante effetto
Disneyland, introducendo una nota di spaesamento postmoderno nel nobile assetto degli antichi
edifici. Semplice provocazione Kitsch, dunque? Estetica del non-luogo in un luogo dalla profonda
sedimentazione storica? Non lo credo (...) Piazza Vecchia verde può essere letta come una
performance teatrale, uno happening progettuale, un sogno impossibile, attraverso cui rivendicare la
parte di natura (...) Una straniante provocazione che vuole aiutarci a non scordare che, fino
all'apparizione di una nuova specie, quella cui apparteniamo non sembra potere fare a meno del
confronto con la natura".
LE NOVITÀ DELL'EDIZIONE 2014
Nuovi relatori all'lnternational Meeting e Workshop
Bergamo si conferma palcoscenico d'eccellenza per le più autorevoli firme internazionali in tema di
Paesaggio.
I Maestri del Paesaggio - International Meeting of the Landscape and Garden è la manifestazione che
più di ogni altra dà voce a progettisti del verde, urbanisti, fotografi, architetti, naturalisti, ingegneri,
designer e scrittori che per due settimane, dal 6 al 21 settembre, raggiungeranno il capoluogo orobico
da tutto il mondo con due giornate di conferenze al Teatro Sociale (il 20 e 21 settembre).
II primo Talk all'lnternational Meeting
Per la prima volta, in occasione della IV edizione dell'lnternational Meeting del 20-21 settembre,
Arketipos coinvolgerà il best in show 2014 Luciano Giubbilai per un tète a tète con Fergus Garrett,
notissimo capo giardiniere di Great Dixter. I due verranno intervistati dalla direttrice della rivista
britannica Gardens Illustrateci Juliet Robertse dal pubblico presente in teatro. Inoltre Arketipos offrirà
3.000 sterline per finanziare una borsa di studio per un giovane studente a Great Dixter, rimarcando
il respiro internazionale della Manifestazione e creando un rapporto sempre più stretto con la Gran
Bretagna.
Il nuovo progetto della Piazza Verde e scenari futuri
Piazza Verde è divenuta presto simbolo della Manifestazione, salotto all'aria aperta e occasione di
confronto e dibattito sul valore del verde in città. Un'operazione scenografica di forte impatto visivo e
fruitivo che invita cittadini e turisti a scoprire con occhi nuovi il paesaggio urbano e gli spazi collettivi.
Proprio dal contrasto antico-nuovo, permanente-temporaneo, la città si re-inventa sfruttando questa
trasformazione temporanea come occasione per valorizzare i tratti distintivi e le presenze storiche della
città. Il progetto scenografico per Piazza Vecchia varia di anno in anno, ponendo l'attenzione su temi
quali l'orto in città, il valore dell'acqua e quest'anno il potere curativo del paesaggio con il focus The
Healing Landscape.
Tra le novità 2014, apripista per gli scenari futuri della Manifestazione, vi è il taglio artistico-culturale
del nuovo allestimento curato per la prima volta dalla firma londinese Peter Fink, in collaborazione con
Lucia Nusiner, autrice esclusiva delle precedenti edizioni con lo studio GPT e Maurizio Quargnale.
Fink propone un dialogo di contrasto con lo scenario monumentale a partire da una esplorazione
creativa dei nostri sensi coinvolgendo colori, forme, profumi e qualità tattili. Cittadini e turisti diverranno
parte integrante della nuova scenografia urbana e della sua effimera, ma significativa, trasformazione.
L'evoluzione del Corner dei Maestri del Paesaggio al Lavatoio
Torna e si rinnova il Catalogo vivente di graminacee a cura del Vivaio Valfredda al Lavatoio di Via
Lupo in Città Alta. Nelle due settimane di eventi, questa suggestiva testimonianza ottocentesca
guiderà i visitatori alla scoperta dei prodotti della terra bergamasca grazie al Bistrot dei ristoratori di
Città Alta e alla vendita dei prodotti biologici a chilometro zero con la Cooperativa Biplano.
Centro Internazionale di Studi sul Paesaggio e sul Giardino
Novità significativa di questa IV edizione è il riconoscimento di Bergamo quale polo di riferimento per la
cultura del paesaggio con la creazione del Centro Internazionale di Studi sul Paesaggio e sul
Giardino, iniziativa promossa dall'Associazione Culturale Arketipos, Regione Lombardia, Comune di
Bergamo, Università di Bergamo, GAMeC - Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo,
Accademia Carrara di Belle Arti di Bergamo.
Attraverso la Summer School, con studenti, paesaggisti e artisti nazionali ed esteri coordinati dalla
prof.ssa phD Elisabetta Bianchessi con Arketipos, si affronterà la progettazione dello spazio pubblico
in ambito urbano, intrecciando la cultura sociale con quella artistica, storica e ambientale. Da ciò
deriverà la nuova proposta di allestimento temporaneo di una piazza storica di Bergamo Alta.
Sostegno di Regione Lombardia
Cresce il sostegno di Regione Lombardia per YInternational Meeting ofthe Landscape and Garden,
con il pieno appoggio per la Manifestazione e i valori di cui si fa portavoce da parte dell'Assessorato
all'Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile rappresentato dall'Assessore Claudia Terzi.
Coinvolgimento Gruppo Editoriale L'Espresso
Si rafforza la collaborazione con il Gruppo Editoriale L'Espresso e D Repubblica, con gli eventi: Green
Food e Green Fashion.
La selezione "Green Food e gli Chef del Paesaggio", alla sua seconda edizione, premiere quest'anno
la ricetta del primo piatto che meglio tradurrà le eccellenze territoriali, aggiudicandosi il titolo di Ricetta
Madrina della Manifestazione. Il piatto vincitore avrà l'onore di essere servito nei ristoranti partner di
città Alta dal 6 al 21 settembre.
La selezione Green Fashion debutta in collaborazione con l'Istituto Europeo del Design (IED) e le
aziende del settore fashion/textile Maliparmi e Martinelli Ginetto per la realizzazione di una concept bag
in lino a tema Nature.
Il mantenimento dell'impegno di Cairo Editore
Con il concorso per i lettori di Gardenia, del concorso "Obiettivo sulla Piazza Verde", la collaborazione
nella mostra fotografica alla GAMeC e infine il workshop con Marianne Majerus dal quale scaturirà un
servizio fotografico di in recente giardino in Città Alta, si conferma l'impegno dell'editore nel settore
della fotografia.
Arketipos coinvolge le Scuole
Proseguendo un percorso già intrapreso con l'edizione del 2013, si rafforza il coinvolgimento delle
realtà scolastiche all'interno della Manifestazione. All'Istituto di Studi Superiori Mario Rigoni Stern si
aggiunge l'Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale "Vittorio Emanuele II' di Bergamo presenti con 60 stagisti impegnati per il montaggio e smontaggio della Piazza Verde e per l'assistenza
all'lnternational Meeting, Workshop, Seminari e gestione dell'infopoint- e gli studenti di iSchool,
coinvolti dai servizi di ristorazione a quelli culturali con l'organizzazione degli Aperitivi di Paesaggio.
Arketipos e GAMeC
Si inaugura la collaborazione con GAMeC, Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea e AllianzBank,
con la mostra dedicata al fotografo Long Chin - San (Zhejiang 1892-1995) dal titolo "Long Chin SanMario Finazzi. La fotografia di paesaggio tra tecniche moderne e antica tradizione.". Il suggestivo
nucleo di immagini raccolte dal fotografo e collezionista bergamasco Mario Finazzi e conservato da
GAMeC costituisce lo spunto per una riflessione sul raffinato modo di guardare al paesaggio da parte
del padre della fotografia cinese. Long Chin San è allo stesso tempo erede di una sensibilità
iconografica orientale e attento sperimentatore delle nuove tecnologie fotografiche. Alle immagini del
maestro cinese vengono affiancati anche alcuni scatti di paesaggio del Finazzi, che testimoniano di un
dialogo aperto tra due diverse culture.
Le immagini in mostra, oltre che da Cristina Rodeschini - Direttore d'Istituto della Gamec- sono
state commentate da Gabriele Rinaldi, Direttore dell'Orto Botanico di Bergamo e da Lello Piazza,
fotografo naturalista e photo editor per riviste specializzate.
Arketipos a San Pietroburgo
L'International Meeting ofthe Landscape and Garden arriva in Russia: in occasione del 7th
International Festival "Imperiai Gardens of Russia", appuntamento annuale che celebra la tradizione
dei giardini di San Pietroburgo congiuntamente alle nuove tendenze della progettazione del verde,
Arketipos è stata invitata a presentare il 6 giugno la Manifestazione quale occasione d'eccellenza per il
confronto diretto con le star del paesaggio. Allargando le prospettive di questa settima edizione, volta
a una cross-culture tra Gran Bretagna e Russia, si sono create le basi per un ponte diretto anche con
il Bel Paese intercettando Bergamo quale punto di riferimento per uno scambio culturale d'eccellenza
in tema di Landscaping.
8 - L'INIZIATIVA GASTRONOMICA
GREEN FOOD E GLI CHEF DEL PAESAGGIO
Natura ai fornelli! Dopo l'esperienza della prima edizione, torna il contest gastronomico "Green Food
e gli Chef del Paesaggio" realizzato in collaborazione con il Gruppo Editoriale l'Espresso, D
Repubblica e Le Tavole di Bergamo Alta.
Per un mese, a partire dal 30 maggio, appassionati di cucina e cuochi amatoriali avranno la possibilità
di inviare le proprie ricette al sito D Ricette del settimanale D Repubblica (HYPERLINK
"http://la.repubblica.it/cucina/partecipa-iniziativa/"http://la.repubblica.it/cucina/partecipa-iniziativa/). Le
migliori 5 creazioni culinarie si sfideranno il 17 luglio durante la Cena degli Chef del paesaggio (cena
aperta a tutti su prenotazione: HYPERLINK "http://www.arketipos.org/green-food-e-gli-chef-delpaesaggio/"http://www.arketipos.org/green-food-e-gli-chef-del-paesaggio/) presso il ristorante II
Gourmet di Bergamo Alta alla presenza di una Giuria d'Eccellenza e una Giuria Popolare. Occasione
in cui verrà premiata la ricetta più apprezzata, quella che meglio delle altre è riuscita a integrare
fascino della tradizione e sapori genuini. Un primo piatto i cui ingredienti principali dovranno essere:
paesaggio, sostenibilità, salute e territorio. Alla migliore andrà il riconoscimento ufficiale di ricetta
madrina e "Patrimonio" de I Maestri del Paesaggio 2014 e l'esclusiva possibilità di diventare
protagonista dei menù dei ristoranti partner della manifestazione che dal 6 al 21 settembre la
offriranno a condizioni vantaggiose. Inoltre, durante la Green Dinner del 20 settembre, sotto lo
splendido scorcio dei portici del Palazzo della Regione, in Città Alta, verrà proposta come piatto
principale e l'autore sarà invitato a intervenire vestendo i panni di un vero e proprio "chef d'onore".
I ristoratori di Bergamo Alta partner dell'evento (Le Tavole di Bergamo Alta) presso i quali sarà
possibile degustare la ricetta vincitrice dal 6 al 21 settembre 2014 sono:
HYPERLINK "http://www.trattorialacolombina.it/"Antica Trattoria La Colombina - Via Borgo Canale,
12Tel. 035-261402 - HYPERLINK "mailto:[email protected]"[email protected]
HYPERLINK "http://www.baretto.it/"Baretto di San Vigilio - V i a al Castello di San Vigilio, 1Tel. 035-
253191 - HYPERLINK "mailto:[email protected]"[email protected]
Caffè della Funicolare - Via Porta Dipinta, 1 (piazza Mercato delle Scarpe)Tel. 035-210091
- HYPERLINK "mailto:[email protected]"[email protected]
Caffè del Tasso - Piazza Vecchia, 3Tel. 035 237966
HYPERLINK "http://www.tanaristorante.it/"La Tana Ristorante - Via San Lorenzo, 25Tel. 333-2581493
- HYPERLINK "mailto:[email protected]"[email protected]
HYPERLINK "http://www.dafrancobergamo.it/"Ristorante da Franco - Via Colleoni, 8Tel. 035-238565
- HYPERLINK "mailto:[email protected]"[email protected]
HYPERLINK "http://www.gourmet-bg.com/"Ristorante II Gourmet -Via S. Vigilio, 1Tel. 035-4373004
- HYPERLINK "mailto:[email protected]@tiscali.it
HYPERLINK "http://www.arketipos.org/green-food-e-gli-chef-delpaesaggio/www.relaisanlorenzo.com"Ristorante Hostaria, Relais San Lorenzo - Piazza Lorenzo
Mascheroni, 9ATel. 035 237383 - HYPERLINK
"mailto:[email protected] com" [email protected]
HYPERLINK "http://www.lalimentari.it/"Ristorante Lalimentari -Via Tassis, 3 Tel. 035-233043
- HYPERLINK "mailto:[email protected]"[email protected]
HYPERLINK "http://www.ristorantemimmo.com/"Ristorante Pizzeria da Mimmo - Via Colleoni, 17Tel.
035-218535 - HYPERLINK "mailto:[email protected]"[email protected]
Ristorante San Michele - Piazza Vecchia, 12Tel. 035-225335 - HYPERLINK
"http://www.ristorantesanmichelebg.com/" www.ristorantesanmichelebg.com
HYPERLINK "http://www.trattoriasantambroeus.it/"Ristorante Sant' Ambroeus - Piazza Vecchia, 2Tel.
035-237494 - HYPERLINK "maito:[email protected]"[email protected]
HYPERLINK "http://www.colleonidellangelo.com/"Taverna del Colleoni - Piazza Vecchia, 7Tel. 035232596 - HYPERLINK "mailto:[email protected]"[email protected]
HYPERLINK "http://www.vineriacozzi.it/"Vineria Cozzi - Via Colleoni, 22Tel. 035-238836 - HYPERLINK
"mailto:[email protected]"[email protected]
9 - L'INIZIATIVA GREEN FASHION
La quarta edizione de "/ Maestri del Paesaggio - International Meeting ofthe Landscape and Garden"
sposa il mondo della moda. L'inedito duetto promosso dal Gruppo Editoriale L'Espresso tra il tema
della manifestazione, Landscape/Garden/Nature, e il Fashion sarà realizzato grazie alla collaborazione
con l'Istituto Europeo del Design, Maliparmi e Martinelli Ginetto spa, realtà significative del settore
tessile-abbigliamento e della relativa filiera formativa.
"Green Fashion" è un'iniziativa che guarda ai giovani creativi, intercettando aspirazioni e
professionalità dei diplomandi al terzo anno di ED. A loro è destinato un concorso diviso in due
sezioni:
Textile design: materiali naturali come il lino saranno reinterpretati attraverso l'ideazione di texture e
grafiche da stampare in digitale, con la supervisione di Martinelli Ginetto spa;
Fashion/accessories Design: Maliparmi supporterà i ragazzi nell'ideazione di una concept bag da
donna, realizzata con il tessuto vincitore della Drima sezione e Dresentata/venduta in anteDrima in
occasione de / Maestri del Paesaggio 2014.
Entro il 1 luglio saranno comunicati i nomi dei vincitori delle due sezioni (selezionati da una Giuria
composta da rappresentanti IED; Maliparmi; Martinelli Ginetto e / Maestri del Paesaggio). Toccherà a
loro presentare entro l'8 luglio il progetto congiunto esecutivo della shopper che farà il suo debutto
nell'arco della Manifestazione (6-21 settembre).
Grazie al supporto di ArredoStil, inoltre, i tessuti finalisti saranno esposti in tele 1,40x1,40 durante i
giorni della Manifestazione in Città Alta.
1 0 - L'INIZIATIVA GREEN DESIGN
Si rinnova il rapporto con Mondadori e le testate Grazia Casa e Interni con l'evento Green Design in
location d'eccellenza (quali l'Orto Botanico e il Giardino privato di Palazzo Tresoldi) alla scoperta di
Città Alta nei quali saranno presenti allestimenti di prodotti dell'outdoor design affiancati da momenti di
animazione e intrattenimento
11 - GLI APERITIVI DEL PAESAGGIO
Nella splendida Città Alta, in scorci suggestivi dell'antico borgo dal proverbiale fascino antico e l'allure
green donatole dalla manifestazione I Maestri del Paesaggio-lnternational Meeting of the
Lansdcape and Garden, iSchool organizza gli Aperitivi del Paesaggio. Quattro incontri dedicati al
mix cibo e natura, accompagnati da deliziose degustazioni curate dai ragazzi dell'Istituto alberghiero
iSchool.
Scienza, architettura, alimentazione e fotografia i temi trattati di volta in volta negli incontri che
partiranno da un unico filo conduttore: il benessere che discende dal vivere nel paesaggio, a contatto
con arte e natura, in sincronia con il mondo che cambia. Il percorso di conoscenza, cultura e filosofico
si incontrerà con quello gastronomico alla scoperta del valore eccezionale del paesaggio e
dell'ambiente che ci circondano nella cura del corpo e della mente. Per questo, al termine di ogni
momento di approfondimento dedicato a una delle quattro discipline, seguirà un aperitivo a base di
alimenti a KmO, piante officinali e ingredienti d'orto.
Si inizia l'8 settembre con il cibo, dalla filosofia alla tavola. Partendo dalla massima del pensatore
tedesco Ludwig Andreas Feuerbach, "Noi siamo quello che mangiamo per proseguire
Giovedì 11 settembre, con "Scoprire il paesaggio", un team building fotografico lungo viottoli e
stradine di Città Alta.
Martedì 15 settembre sarà la volta delle straordinarie creazioni "Case, Casine, Casette, Casone"
dell'architetto milanese di fama internazionale: Michele De Lucchi. "I miei progetti nascono
dall'osservazione, lascio che il tempo scorra e che mille cambiamenti attraversino il legno, simbolo di
vita e territorio, di alternanza ed evoluzione. Perché nulla è irrimediabile né precostituito in natura e
ogni scelta conduce sempre a nuove scoperte"- spiega l'architetto la cui lectio magistralis si terrà
presso la Taverna del Colleoni in Piazza Vecchia, 7. Al termine, dopo il consueto aperitivo in Piazza
Verde, curato dai ragazzi di iSchool, si proseguirà con la cena in via Masone 15.
Infine, giovedì 18 settembre per chiudere la riflessioni, un focus dall'afflato dantesco: "E quindi
uscimmo a rivedere le stelle".
12 - UNA PIAZZA CHE FA SCUOLA
Cos'è la SUMMER SCHOOL?
Immaginate un luogo in cui studenti provenienti da tutto il mondo e appassionati di diverse discipline
(architetti, designer, artisti, paesaggisti, agronomi, botanici, fotografi, videomaker) possano
confrontarsi, seguendo un sistema di apprendimento learning by doing, per progettare il paesaggio
urbano contemporaneo. Tutto questo è la Summer School organizzata da "/ Maestri del Paesaggio International Meeting ofthe Landscape and Garden".
L'obietto è trattare il tema della complessità del progetto dello spazio pubblico avvalendosi della
docenza di autori internazionali, "Visiting Professor" che si alterneranno ogni anno, in modo da
rispondere pienamente all'idea di un approccio multidisciplinare e internazionale. Ospiti dell'edizione
2014 saranno: il maestro paesaggista Andy Sturgeon e l'artista Gianni Pettena.
Summer School 2014: il nuovo volto di Piazza Verde a Bergamo e del Green Lounge
Lombardo a Milano
Per inaugurare il suo primo anno di attività, la Summer School si avvale di un compito speciale,
accompagnare Bergamo e Milano all'incontro con l'Esposizione Universale. Due gli allestimenti che
Regione Lombardia e Comune di Bergamo (partners dell'iniziativa) hanno commissionato alla Summer
School, sono:
Una piazza storica di Bergamo
Piazza Città di Lombardia a Milano, ingresso al grattacielo sede della Regione Lombardia
Due piazze diversissime, due luoghi opposti per storia, tradizione, spazialità, materie: una la Piazza
Vecchia, centro della cultura di Bergamo Alta, luogo storico e ricco di memoria; l'altra la Piazza Città di
Lombardia, cuore pulsante del grattacelo della Regione Lombardia, composto da tessiture artificiali
ultra-contemporanee. Sarà la genialità creativa di sedici studenti a progettare il nuovo volto di
entrambe le aree, confrontandosi dall'8 al 21 settembre a Bergamo nel corso della Summer School
2014 e realizzandolo praticamente nell'estate del 2015, entrando di tutto diritto a far parte della
programmazione degli eventi di Expo 2015.
13 - ARKETIPOS, CHI SIAMO
Arketipos è un'associazione senza fini di lucro che lavora per promuovere la cultura del paesaggio
naturale e antropizzato con l'obiettivo di favorire uno sviluppo sostenibile e la valorizzazione delle
potenzialità di ogni territorio, attraverso il coinvolgimento delle discipline dell'architettura del
paesaggio, della tutela ambientale, della creatività e dell'arte e la formazione di professionisti e
cittadini mediante convegni, seminari, corsi e incontri formativi.
L'associazione promuove borse di studio e stages in Italia e all'estero e la pubblicazione e diffusione di
studi ed aggiornamenti sui temi dell'ambiente e del paesaggio. È ideatrice di "/ Maestri del Paesaggio International Meeting ofthe Landscape and Garden", con l'intento di favorire una riflessione sullo
sviluppo sostenibile, valorizzando le potenzialità di ogni territorio. Tante le discipline coinvolte:
dall'architettura del paesaggio alla tutela ambientale, per un dialogo aperto tra la popolazione, i
professionisti del settore, gli appassionati e i bambini.
La manifestazione del 2013 ha richiamato da ogni parte d'Italia e del mondo centinaia di migliaia di
visitatori, grazie soprattutto al fascino esercitato dai 17 paesaggisti di fama internazionale protagonisti
della passata edizione e ai 2.200 metri quadri di allestimento a verde realizzati in Piazza Vecchia,
decorata con piante, polli ornamentali, fontane, tavolini e puff. Più di mille sono stati i partecipanti a
workshop, seminari e Cicli Verdi, 350 quelli che hanno assistito ai lavori del Meeting nella splendida
cornice del Teatro Sociale di Bergamo Alta e 370 gli ospiti della Serata di Gala. Un successo enorme
in termini di pubblico e di critica, che ha generato un profondo dibattito nell'opinione pubblica e sulla
stampa sul significativo della manifestazione, sul suo profilo tecnico, sulle ripercussioni turistiche
generate e i valori richiamati da un evento unico al mondo.
CONSIGLIO DI GESTIONE
Maurizio Ve gin i - Presidente Renzo Crescini - Vice-presidente Paolo Bellini - Tesoriere Lucia
Nusiner- Segretario Mario Bonicelli - Consigliere Vittorio Rodeschini - Consigliere Daniele
Simone Ili- Consigliere
GRUPPO OPERATIVO
Maurizio Vegini (Studio GPT) - Coordinatore
Peter Fink (Studio Fink), Lucia Nusiner (Studio GPT), Maurizio Quargnale (Illuminazione)Progettazione Piazza Verde
Paolo Perugini (Informa ADV), Paola Suardi (Alterego), Valeria Moliterno - Comunicazione e
Pubbliche relazioni
Claudia Rota (Informa ADV) - Ufficio Stampa
Alberto Lanfranchi (Roncalli Viaggi) - Logistica convegni, accoglienza e sviluppo turistico
Dario Fusaro - Fotografo per gli allestimenti verdi
Leonardo Tagliabue - Fotografo per gli eventi
Cristina Andre ini (Scay Service) coordinamento hostess, steward e traduzione simultanea.
Prof. ssa Maria Rita Villa (US Mario Rigoni Stern, Bergamo), Prof. ssa Francesca Frigeni (ITCTS
Vittorio Emanuele, Bergamo), Valentina Fibbi (titolare iSchool) coordinatrici interni agli istituti
scolastici
Marco Teli (Studio GPT) - Logistica lavori, allestimenti, autorizzazioni e sicurezza
Paolo Bellini (Studio Bellini e Codoni)
-Amministrazione
Katuscia Ratto, Alice Zanchi (Studio GPT) e Anu Vincent - Gestione sito web, segreterìa e
traduzione testi
EVENTI E MOSTRE
Maria Cristina Rodeschini (direttore istituto GAMeC), Vittorio Rodeschini (Studio legale associato
De Lucia e Rodeschini), Paola Suardi (Alterego) - Responsabile coordinamento con GAMeC
Lello Piazza - Responsabile fotografia
Paolo Bellini (Studio Bellini e Codoni) - Responsabile Food&Beverage
Paolo Perugini (Informa ADV) - Responsabile Green Fashion
CENTRO INTERNAZIONALE DI STUDI SUL PAESAGGIO E SUL GIARDINO
Domenico Piazzini - Coordinatore
Elisabetta Bianchessi - Direttrice didattica (Polidesign)
Fulvio Adobati (Università di Bergamo - Centro Studi sul Territorio)
Giacinto di Pietrantonio (GAMeC)
Alessandra Pioselli (Accademia Carrara di Belle Arti)
1 4 - C H I CI SOSTIENE
La manifestazione vive soprattutto del volontariato o del semivolontariato dei soci e di alcune società
che si occupano dell'organizzazione e dal sostegno economico con aziende nazionali e locali, dal
contributo di istituzioni locali, regionali e di fondazioni. Dall'anno scorso abbiamo anche un sostegno
degli esercizi commerciali di Città Alta e della Camera di Commercio di Bergamo.
MAIN PARTNER
PARTNER
LOCAL PARTNER
SUPPORTER
GARDENER SUPPORTER
SOSTENITORI
Ufficio stampa - Informa adv Via Zelasco, 18 -
24122 Bergamo -
Claudia Rota Celi. 348 5100463 - [email protected]
Arketipos (associazione culturale)
Tel. 035 19910405
via A. Cifrondi, 1 - Bergamo, 24128 - Tel. 035 259355
HYPERLINK
"http://www.arketipos.org"www.arketipos.org - HYPERLINK
"mailto:[email protected]"[email protected]
MALIPARMI
GREEN FASHION- I Maestri del Paesaggio
Maliparmi partecipa all'edizione 2014 de "I Maestri del Paesaggio" a conferma della volontà di
sostenere l'arte, il talento dei giovani e i progetti green.
Il brand nato nel 1976 trova nell'artigianalità, nello stile, nella creatività, nel colore e nell'ironia i propri
valori, che ha saputo mantenere integri nelle varie tappe della propria crescita. L'evoluzione iniziata
con i bijouxè continuata con le borse, le calzature per poi completare la silhouette con l'abbigliamento.
La distribuzione conta oggi un numero crescente di boutique multimarca e monomarca in Italia e
all'estero. Dopo l'apertura nel 2003 della prima boutique nella città natale, Padova, l'espansione è
proseguita in diverse città tra cui Milano, Venezia, Bologna, Firenze, Roma e Napoli. Nel 2012 le prime
aperture all'estero Lione, Anversa, Los Cabos, in Messico, Biarritz, e Melbourne. Nel 2014 la nuova
boutique a Parigi, cuore della moda europea.
La ricerca legata al prodotto rimane cruciale per l'azienda e la sinergia con l'arte e la cultura è da
Naturale quindi il legame tra il brand e I Maestri del Paesaggio, un evento d'eccellenza che si colloca a
pieno titolo tra le più significative manifestazioni nazionali e internazionali legate alle tematiche del
paesaggio, creando un ponte tra natura, arte e cultura e che per il primo anno propone una sezione
Green Fashion.
Green infatti la capsule collection Tessuto della Memoria, il progetto ideato da Silvia Bisconti insieme
ad Annalisa Paresi, che fa del riuso creativo la sua essenza. Riutilizza e reinterpreta il patrimonio
vintage Maliparmi fondandosi sulla ricerca, il rispetto per l'ambiente e la volontà di non farsi fagocitare
dai meccanismi di una moda usa e getta, che tanto spreca e poco dura.
La selezione che il brand effettuerà, sarà sulla base del concept di borsa shopping, che tra tutti gli
elaborati pervenuti meglio interpreterà i valori aziendali e di lavorazione del prodotto.
Un nuovo progetto quindi ancora una volta legato ai giovani, in cui l'azienda crede molto e ai quali
riconosce un importante contributo in termini di energia, vitalità ed entusiasmo.
Presidente di Maliparmi è Annalisa Paresi. Sua prerogativa nello sviluppo aziendale è il saper
mantenere vivi la creatività, l'innovazione e l'artigianalità propri del marchio e della sua storia.
Silvia Bisconti è l'ideatrice insieme ad Annalisa Paresi del progetto Tessuto della Memoria, al quale
offre il suo prezioso apporto creativo
Per aprire una finestra sul mondo Maliparmi visitate HYPERLINK "http://www.maliparmi.it/it"
www.maliparmi.it/it
Press Office: FBR - +39 02 58328454 - [email protected]
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
6 587 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content