close

Enter

Log in using OpenID

delibera n.97 del 03/09/2014

embedDownload
COMUNE DI PESCARA
CITTA' DI PESCARA
MRd~gll.fl d'oro
al Melito Civ~e
COPIA
VERBALE DI DELIBERAZIONE
DEL CONSIGLIO COMUNALE
Oggetto: IMPOSTA UNICA COMUNALE - DETERMINAZIONI ALIQUOTE PER
L'ANNO 2014 AI FINI IMU E TASI. ESAME DEGLI EMENDAMENTIAPPROVAZIONE DELIBERA + I.E.
Seduta del 03/09/2014
Deliberazione N.
97
L'anno duemilaquattordici il giorno tre del mese di Settembre alle ore 10.40, previa
convocazione e con l'osservanza delle formalità di legge, si è riunito, nella consueta
sala del Palazzo Municipale, il Consiglio Comunale, in sessIone Straordinaria in
seduta Pubblica sotto la presidenza di Blasioli Antonio con l'assistenza del V.
Segretario Generale Dot1. Macchiarola Cosimo, coadiuvato da Prof. Addario Luigiseg reta rio ve rbalizzante,
RIsultano presenti ed assentI il Sindaco e i Consiglieri come da elenco che segue:
Avv. Alessandrini Marco
Blasioli Antonio
Paçmanelli Francesco
Natarelli Antonio
Gaspari Carlo Silvestro
Presutti Marco
Lonqhi Emilio
Giampietro Piero
Perfetto Fabrizio
Di Carlo Simona
Zuccarini Pierpaolo
Di Giampietro Tiziana
Kechoud Leila
Albore Mascia LuiQi
D'lncecco Vincenzo
Antonelli Marcello
Seccia Eugenio
Consiglieri presenti n. 27
P
P
P
RapDoselii Fabrizio
Sabatini Enrica
Alessandrini Erika
Di Pillo Massimiliano
Testa Guerino
Cremonese Alfredo
Pastore Massimo
Pignoli Massimiliano
Teodoro Piernicola
Masci Carlo
Padovano L. Riccardo
Bruno Giuseppe
Martelli Ivano
Santroni Daniela
Berardi LoJa Gabriella
Scurti Adamo
A
P
P
P
P
P
A
P
A
P
A
P
P
A
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
A
Consiglieri assenti n. 6.
Sono inoltre intervenuti ai lavori della seduta Consiliare
VICE SINDACO: DEL VECCHIO
ASSESSORI:
DIODATI,
SAMMASSIMO, SUlPllIO, DIIACOVO, CUlli, TEODORO
MARCHEGIANI,
Il Presidente accerta che i Consiglieri presenti sono in numero idoneo per deliberare.
Vengono nominati scrutatori Sigg.:
Gaspari Carlo Silvestro
Perfetto Fabrizìo
D'lncecco Vincenzo
Verbale di deliberazione
di Consiglio Comunale
Il.
97 del 03.09.2014 - COMUNE DI PESCARA
Pago 1
Il Presidente, Avv. Blasioli Antonio, dopo aver proceduto all'appello
nominale dei componenti del Consiglio Comunale pone in discussione il primo
argomento posto all'ordine del giorno avente per oggetto: "Imposta unica
comunale - determinazione aliquote per l'anno 2014 ai fini IMU e TASI"
Proposta n. 139/2014, depositata agli atti del Consiglio Comunale.
Il Presidente comunica che in merito alla proposta di deliberazione di
Consiglio Comunale n. 139/2014 sono stati presentati degli emendamenti.
Invita quindi il Consiglio Comunale ad esprimersi sull'emendamento n. 1
a firma del Consigliere Comunale Bruno Giuseppe di seguito riportato:
-Si propone di eliminare dal corpo della delibera il capoverso che
inizia con: " richiamata la deliberazione .." e termina con "IMU; TASI e
TARI";
favorevole;
Parere di regolarità tecnica
favorevole.
Parere di regolarità contabile.
Il Presidente, uditi gli interventi riportati nell'allegato resoconto redatto
dalla ditta incaricata, pone in votazione l'emendamento n. 1.
Con votazione espressa con il sistema elettronico, con il seguente risultato
accertato e proclamato dal Presidente, come da documento allegato, con
l'assistenza degli scrutatori prima designati e presenti in aula:
consiglieri presenti n.30
votanti n.27
voti favorevoli n.21
voti contrari n. 6
Presenti non votanti n. 3 ( Antonelli, D'lncecco e Rapposelli).
Il Presidente proclamata la votazione dichiara l'emendamento n. 1
approvato e pone in discussione l'emendamento n. 2 a firma del Consigliere
D'lncecco Vincenzo ed altri, allegato al presente atto.
parere di regolarità tecnica
parere di regolarità contabile
favorevole;
contrario, in quanto il minor gettito,
derivante
dall'accogli mento
del
presente emendamento, non consente
di garantire la salvaguardia degli
equilibri di bilancio.
Il Presidente, uditi gli interventi riportati nell'allegato resoconto redatto
dalla ditta incaricata, pone in votazione l'emendamento n. 2.
Con votazione espressa con il sistema elettronico, con il seguente risultato
accertato e proclamato dal Presidente, come da documento allegato, con
l'assistenza degli scrutatori prima designati e presenti in aula:
consiglieri presenti n.27
Atto di Consiglio Comunale del COMUNE di PESCARA n. 97 Del 03/09/2014
pagina n. 2
votanti n.24
voti favorevoli n.e
voti contrari n. 18
Presenti non votanti n. 3 (Alessandrini E., Sabatini e di Pillo).
Il Presidente proclamata la votazione dichiara l'emendamento n. 2
respinto e pone in discussione l'emendamento n. 3 a firma del Consigliere
D'lncecco Vincenzo ed altri, allegato al presente atto.
Parere di regolarità tecnica
parere di regolarità contabile
favorevole
contrario, in quanto il minor gettito,
derivante
dallo
accogli mento
del
presente emendamento, non consente
di garantire la salvaguardia degli
equilibri di bilancio.
Il Presidente, uditi gli interventi riportati nell'allegato resoconto redatto
dalla ditta incaricata, pone in votazione l'emendamento n. 3.
Con votazione espressa con il sistema elettronico, con il seguente risultato
accertato e proclamato dal Presidente, come da documento allegato, con
l'assistenza degli scrutatori prima designati e presenti in aula:
consiglieri presenti n.27
votant] n.24
voti favorevoli n.5
voti contrari n. 18
astenuti n. 1(Pastore)
Presenti non votanti n. 3 (Alessandrini E., Sabatini e di Pillo).
Il Presidente proclamata la votazione, dichiara l'emendamento n. 3
respinto.
Uditi gli interventi riportati nell'allegato resoconto, redatto dalla ditta
incaricata, il Presidente comunica che gli emendamenti n. 4 e 5 inizialmente
considerati come soppressivi verranno esaminati come modificativi e
assumeranno rispettivamente i numeri 6 e 7.
Il Presidente alle ore 12,10 sospende fa seduta di Consiglio Comunale e
apre la sessione di Consiglio Comunale a Seduta Aperta.
Uditi gli interventi della Sig.ra Di Nicola Emilia per la Confederazione
Sindacale CGIL ed il Signor Caccia N. della Confederazione Sindacale CISL, il
Presidente alle ore 12,18, chiude la sessione del Consiglio Comunale a Seduta
Aperta ed invita il Vice Segretario Generale, Oot1. Macchiarola Cosimo, a
procedere all'appello per il prosieguo dei lavori consiliari.
Atto di Consiglio Comunale del COMUNE di PESCARA n. 97 Del 03/09/2014
pagina n. 3
Sono presenti il Presidente, Avv. Blasioli Antonio, e n. 23 Consiglieri
Comunali: Gaspari, Presutti, Longhi, Giampietro, Perfetto, Di Carlo, Zuccarini,
D'lncecco, AntonelH, Rapposelli, Sabatini, Alessandrini Erika, Di Pillo,
Cremonese, Pignoli, Teodoro, Masci, Bruno, Martelli, Santroni, Berardi, Scurti.
Il Presidente pone in discussione l'emendamento n. 6 modificativo (ex 4
soppressivo) a firma del Consigliere Sabatini ed altri, allegato al presente atto:
Pareri di regolarità tecnica e contabile allegati al presente atto.
Uditi gli interventi riportati nell'allegato resoconto, redatto dalla ditta
incaricata, il Presidente pone in votazione l'emendamento n. 6.
Con votazione espressa con il sistema elettronico, con il seguente
risultato accertato e proclamato dal Presidente, come da documento allegato,
con l'assistenza degli scrutatori prima designati e presenti in aula:
consiglieri presenti n.29
votanti n.23
voti favorevoli n.3
voti contrari n. 19
astenuti n. 1(Pastore)
Presenti non votanti n. 6 (Masci, Cremonese, Testa, Antonelli, D'lncecco e
Rapposelli)
Il Presidente proclamata la votazione dichiara l'emendamento n. 6
respinto e pone in discussione l'emendamento modificativo n.? (ex 5
soppressivo) a firma del Consigliere Presutti ed altri, che si allega al presente
atto per formarne parte integrante.
Parere di regolarità tecnica
Parere di regolarità contabile
Favorevole
Favorevole
Uditi gli interventi riportati nell'allegato resoconto redatto dalla ditta
incaricata, il Presidente alle ore 13,40 sospende la seduta di Consiglio
Comunale aggiornandola alle ore 18,00 dello stesso giorno.
Il Presidente alle ore 18,30 invita il Segretario Generale, Avv. Langiu
Antonello, a procedere all'appello.
Sono presenti Il Presidente, Avv Blasioli Antonio e n. 26 Consiglieri:
Pagnanelli, Natarelli, Gaspari, Presutti, Longhi, Giampietro, Perfetto, Zuccarini,
Di Giampietro, Kechoud, D'lncecco, Antonelli, Rapposelli, Sabatini ,
Alessandrinì E., Di Pillo, Cremonese, Pastore, Pignoli, Teodoro, Padovano
Lacchè, Bruno, Martelli, Santroni, Berardi, Scurti.
Il Presidente Comunica che gli scrutatori nominati sono gli stessi della
seduta del 2 settembre 2014 (Gaspari, Perfetto,D'lncecco).
Atto di Consiglio Comunale del COMUNE di PESCARA n. 97 Del 03/09/2014
pagina n. 4
Il Presidente pone in votazione l'emendamento n. 7 modificativo.
Con votazione espressa con il sistema elettronico, con il seguente risultato
accertato e proclamato dal Presidente, come da documento allegato, con
l'assistenza degli scrutatori prima designati e presenti in aula:
consiglieri presenti n.23
votanti n.23
voti favorevoli n.18
voti contrari n. 5 (con voto contrario del Consigliere Rapposelli espresso a
mezzo microfono).
Il Presidente proclamata la votazione dichiara approvato l'emendamento
n. 7 modificativo.
Uditi gli interventi, riportati nell'allegato prospetto redatto dalla ditta
incaricata, il Presidente alle ore 18,53 sospende la seduta di Consiglio
Comunale.
Il Presidente alle ore 19,46 invita il Segretario Generale, Avv. Langiu
Antonello, a procedere all'appello, risultano presento il Presidente, Avv. Blasioli
Antonio, il Sindaco, Avv. Alessandrini Marco e n. 21 Consiglieri Comunali:
Pagnanelli, Natarelli, Gaspari, Longhi, Giampietro, Zuccarini, Di Giampietro,
Kechoud, D'lncecco, Antonelli, Rapposelli, Sabatini, Alessandrini E, Di Pillo,
Cremonese, Pastore, Teodoro, Masci, Bruno, Martelli, Berardi.
Il Dott. Nicoletti Luca sostituisce, come Segretario Verbalizzante, il Praf.
Addario Luigi.
Uditi gli interventi, riportati nell'allegato prospetto redatto dalla ditta
incaricata, il Presidente pone in votazione la proposta di deliberazione di
seguito riportata come sopra emendata.
IL CONSIGLIO COMUNALE
RICHIAMATO l'art. 54 OLgs. 15 dicembre 1997 n. 446, in materia di
approvazione delle tariffe e dei prezzi pubblici, in base al quale «le Province e i
Comuni approvano le tariffe e i prezzi pubblici ai fini dell'approvazione del
bilancio di previsione»;
RICHIAMATO in tal senso quanto stabilito dall'art. 1, comma 169 L. 27
dicembre 2006 n. 296, il quale dispone che «gli enti locali deliberano le tariffe e
le aliquote relative ai tributi di loro competenza entro la data fissata da norme
statali per la deliberazione del bilancio di previsione. Dette de/iberazioni, anche
se approvate successivamente all'inizio dell'esercizio purché entro il termine
innanzi indicato, hanno effetto dal 1°gennaio dell' anno di riferimento. In caso di
mancata approvazione entro il suddetto termine, te tariffe e le aliquote si
intendono prorogate di anno in anno»;
Atto di Consiglio Comunale del COMUNE di PESCARA n. 97 Del 03/09/2014
pagina
TI.
5
VISTO il Decreto del Ministero dell'interno del 18 luglio 2014, il quale ha
disposto che il termine per la deliberazione del bilancio di previsione degli enti
locali per l'anno 2014 è differito al 30 settembre 2014;
VISTO l'art. 1, comma 639 L. 27 dicembre 2013 n. 147 (Disposizioni per la
formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato - Legge di stabilità
2014), il quale dispone che, a decorrere dal 10 genna io 2014, è istituita
l'imposta unica comunale (IUC), che si basa su due presupposti impositivi, uno
costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore e l'altro
collegato all'erogazione e alla fruizione di servizi comunali;
CONSIDERATO che, in relazione a tali presupposti impositivi, la IUC si
compone dell'Imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta
dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali, e di una componente
riferita ai servizi, che si articola nel Tributo per i servizi indivisibili (TASI), a
carico sia del possessore che dell'utilizzatore dell'immobile, e nella Tassa sui
rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento
dei rifiuti, a carico dell'utilizzatore;
VISTO il D. Lgs. 18 agosto 2000 n. 267 ed in particolare l'art. 42 che attribuisce
al Consiglio Comunale la competenza in merito all'istituzione e all'ordinamento
dei tributi;
CONSIDERATO che occorre provvedere con urgenza all'approvazione delle
aliquote per l'applicazione dei tributi: IMU, TASI;
RITENUTO di procedere ad approvare il Piano Finanziario per il servizio di
raccolta e gestione dei rifiuti solidi urbani con successivo provvedimento;
RITENUTO pertanto opportuno procedere con una sola deliberazione
all'adozione delle aliquote ai singoli tributi:
Cornoonente IMU
VISTO in particolare il comma 703 dell'articolo 1 della legge 27 dicembre 2013,
n. 147, in cui si precisa che l'istituzione della IUC lascia salva la disciplina per
l'applicazione dell'IMU;
CONSIDERATO che, alla luce delle disposizioni dettate dall'art. 1, commi 707 721 L. 27 dicembre 2013 n. 147, l'Imposta municipale propria (IMU) per l'anno
2014 risulta basata su una disciplina sostanzialmente analoga a quella del
2013, che prevede:
-la non applicabilità dell'imposta all'abitazione principale ed alle relative
pertinenze, con l'esclusione degli immobili ad uso abitativo rientranti nella
Cat. Ali , Al8 ed AJ9;
- la previsione di una serie di agevolazioni riferite ad unità immobiliari
equiparate all'abitazione principale, tra cui in particolare la previsione del
comodato d'uso gratuito a favore di parenti entro il primo grado in linea retta;
Atto di Consiglio Comunale del COMUNE di PESCARA n. 97 Del 03/09/2014
pagina n. 6
- l'esenzione dei fabbricati strumentali all'attività agricola e la riduzione del
moltiplicatore per la determinazione del valore imponibile dei terreni agricoli;
-la spettanza esclusiva allo Stato del gettito derivante dagli immobili ad uso
produttivo classificati nel gruppo catastale D, sulla base dell'aliquota standard
dello 0,76 per cento, con possibilità per il Comune di aumentare sino a 0,3
punti percentuali tale aliquota, introdotta dall'art. 1, comma 380 L. 24
dicembre 2012 n. 228;
TENUTO CONTO che, ai sensi ai sensi dell'art. 13 del D.L. 201/2011 l'aliquota
base dell'imposta municipale propria è pari allo 0,76%, con possibilità per i
Comuni di modificare le aliquote in aumento o diminuzione esclusivamente
secondo le seguenti modalità:
1) aliquota di base 0,76% con aumento o diminuzione sino a 0,3 punti
percentuali
2) aliquota abitazione principale 0,4% con aumento o diminuzione sino a 0,2
punti percentuali;
TENUTO CONTO altresì che dall'imposta dovuta per l'unità immobiliare adibita
ad abitazione principale del soggetto passivo e per le relative pertinenze si
detraggono, fino a concorrenza del suo ammontare, euro 200,00, e, che, i
comuni possono disporre l'aumento della detrazione fino a concorrenza
dell'imposta dovuta, nel rispetto dell'equilibrio di bilancio;
CONSIDERATO tuttavia che, nella determinazione delle aliquote IMU 2014 si
dovrà tenere conto della necessità di affiancare alle aliquote IMU quelle della
TASI, in considerazione della disposizione dettata dall'art. 1, commi 640 e 677
L. 147/2013, in base al quale l'aliquota massima complessiva dell'IMU e della
TASI non può superare l'aliquota massima consentita dalla legge statale per
l'IMU al 31 dicembre 2013, fissata al 10,6 per mille e ad altre minori aliquote, in
relazione alle diverse tipologie di immobile;
RILEVATO che le aliquote deliberate dal Comune per l'anno 2013 risultano
fissate al 10,25 per mille, quale aliquota di base, ed al 4 per mille, quale
aliquota prevista per l'abitazione principale;
TENUTO CONTO del gettito IMU nell'annualità 2013, delle modifiche
applicative introdotte dalla L.n. 147/2013 dal 1 ge nnaio 2014, nonchè delle
specifiche necessità del bilancio di previsione 2014, per effetto delle quali
appare opportuno modificare, per l'anno 2014, l'aliquota base dell'imposta
municipale proprìa "IMU" limitatamente per le tipologie di immobili "altri
fabbricati" diversi dall'abitazione principale;
0
ATTESA l'esigenza di provvedere alla definizione delle aliquote sulle quali
configurare !'imposta dovuta, alla luce di salvaguardare gli equilibri di bilancio;
RITENUTO opportuno, pertanto, procedere a deliberare ai fini IMU,
limitatamente alle tipologie di immobili "abitazioni principali l'aliquota ordinaria al
6 per mlille, precedentemente stabilita al 4 mille e limitatamente alle tipologie di
immobili "altri fabbricati" diversi dall'abitazione principale, l'aliquota ordinaria al
10,6 per mille, precedentemente stabilita al 10,25 per mille';
Atto di Consiglio Comunale del COMUNE di PESCARA n. 97 Del 03/09/2014
paginan.7
DATO ATTO che le aliquote e le detrazioni ai fini IMU sono state determinate
in
applicazione dei criteri di cui sopra e del relativo regolamento, come riportate
nell'allegato A, che forma parte integrante e sostanziale del presente atto;
Comoonente
T ASI
CONSIDERATO che il Consiglio Comunale deve approvare, entro il termine
fissato da norme statali per l'approvazione del bilancio di previsione, le aliquote
della TASI, in conformità con i servizi e i costi individuati ai sensi della lettera b),
numero 2), del comma 682 alla cui copertura la TASI è diretta,
TENUTO CONTO che per servizi indivisibili
comunali s'intendono, in linea
generale, i servizi, prestazioni, attività, opere, forniti dai comuni alla collettività
per i quali non è attivo alcun tributo o
tariffa, come da seguente elenco dettagliato,
con indicati i relativi costi
complessivi di riferimento:
Illuminazione
€ 4.189.407,00
pubblica
€ 1.940.170,14
Verde pubblico
Gestione rete stradale
comunale (viabilità,
segnaletica,
€ 5.142.566,10
circolazione
stradale, manutenzione)
€ 7.284.473,37
Servizi di polizia locale
Servizio di protezione
civile
€
12.300,00
Servizi socio assistenziali
€ 6.193.539,32
Servizi relativi alla giustizia
€
TOTALE GENERALE
COSTI
TOTALE GENERALE
ENTRATA TASI
TASSO DI COPERTURA
845.328,00
€ 25.607.783,93
€ 1040000000
..,
41 %
CONSIDERATO che è opportuno che la determinazione delle aliquote relative
al Tributo comunale
sui servizi indivisi bili (TASI), non venga effettuata
disgiuntamente da quella relativa alle aliquote dell'Imposta Municipale Propria
(IMU), stante l'obbligo di rispettare i vincoli posti dai commi 640 e 677 della
L.147/2014;
della misura delle aliquote è strettamente
legata alla previsione generale delle entrate per l'anno corrente finalizzata al
costante rispetto degli equilibri di bilancio di cui all'art. 193, del D.Lgs. 18
agosto 2000, n. 267, per cui la relativa deliberazione è opportuno che sia
contestuale all'approvazione del Bilancio di previsione per il 2014;
VALUTATO che la determinazione
Atto di Consiglio Comunale del COMUNE di PESCARA n. 97 Del 03/09/2014
pagina n. 8
RILEVATO che il gettito, di cui sopra, può essere ottenuto applicando l'aliquota
del 2,5 per mille sulle abitazioni principali non soggette ad Imu e dell'1 per mille
sui fabbricati rurali strumentali, in modo da garantire la contribuzione di tutti i
contribuenti al pagamento dei servizi indivisibili del Comune, attraverso il
pagamento delI'IMU, della TASI e dell'addizionale comunale all'lrpef;
RITENUTO opportuno, al fine di coordinare le misure delle aliquote IMU e
quelle TASI per l'anno 2014, procedere a deliberare per le tipologie di immobili
"altri fabbricati" diversi dall'abitazione principale, l'azzeramento dell'aliquota del
tributo TASI, diversamente per gli immobili adibiti ad abitazione principale per i
quali viene fissata l'aliquota TASI del 3 per mille;
che occorre prevedere un gettlto dell'imposta TASI non
inferiore a Euro 1OAOO.OOO,OO, allo scopo di far fronte alle necessità di Bilancio
relative alla parziale copertura dei servizi indivisibìH sopra indicati;
CONSIDERATO
DATO ATTO che l'azzeramento dell'aliquota TASI prevista per le tipologie di
immobili "altri fabbricati", diversi dall'abitazione principale, a cui viene fissata
l'aliquota IMU al 10,60 per mille, non comporta riflessi negativi in termini di
cassa;
DATO ATTO altresì che le aliquote TASI, riportate nell'allegato "B", che forma
parte integrante e sostanziale del presente atto, sono state determinate in
applicazione dei criteri di cui sopra e del relativo regolamento;
PRECISATO che per il combinato disposto dell'art. 52 comma 2 del D. Lgs. 15
dicembre 1997, n. 446 e dell'art. 13 commi 13-bis e 15 del D.L. 6 dicembre
2011 n. 201, convertito dalla L. 22 dicembre 2011, n. 214, a decorrere dall'anno
d'imposta 2012, tutte le deliberazioni regolamentari e tariffarie relative alle
entrate tributarie degli enti locali devono essere inviate al Ministero
dell'economia e delle finanze, Dipartimento delle finanze, entro il termine di cui
all'articolo 52, comma 2, del decreto legislativo n. 446 del 1997, e comunque
entro trenta giorni dalla data di scadenza del termine previsto per
l'approvazione del bilancio di previsione" e che a decorrere dall'anno d'imposta
2013, tutte le deliberazioni regolamentari e tariffarie relative alle entrate
tributarie degli enti locali devono essere inviati esclusivamente per via
telematica, mediante inserimento del testo degli stessi nell'apposita sezione del
Portale del federalismo fiscale, per la pubblicazione nel sito informatico di cui
all'articolo 1, comma 3, del decreto legislativo 28 settembre 1998, n. 360, e
successive modificazioni;
i pareri favorevoli in ordine alla regolarità tecnica e contabile del
Responsabile del servizio Ragioneria Economato e Tributi, espresso ai sensi
dell'art. 49 e 147 bis comma 1 del D. Lgs. 18 agosto 2000, n. 267;
ACQUISITI
procedere all'approvazione della presente deliberazione trattandosi
di atto urgente ed improrogabile, considerate le scadenze imminenti riguardanti
i versamenti dei tributi: lMU, e TASI; costituenti la "IUC"
RITENUTO
VISTO l'art. 42 del Testo Unico 18 agosto 2000 n. 267;
Atto di Consiglio Comunale del COMUNE di PESCARA n. 97 Del 03/09/2014
pagina n. 9
Con votazione espressa con il sistema elettronico, con il seguente risultato
accertato e proclamato dal Presidente, come da documento allegato, con
l'assistenza degli scrutatori prima designati e presenti in aula:
consiglieri presenti n.27
votanti n.27
voti favorevoli n.18
voti contrari n. 9
Sulla base delle risultanze di voto sopra espresso, il Consiglio Comunale
DELIBERA
1. Di DARE ATTO delle premesse che costituiscono parte integrante e
sostanziale della presente deliberazione;
2. di DETERMINARE le aliquote e detrazioni per l'applicazione dell'Imposta
Municipale Propria, come emendate da allegato "A", per fare parte
integrante e sostanziale della presente deliberazione;
3. di DARE ATTO che, sulla base delle aliquote così stabilite, il gettito
dell'imposta IMU è previsto nel redigendo Bilancio di previsione 2014 in
€ 30.172.000,00, al netto dell'importo destinato all'alimentazione del
fondo di solidarietà comunale,- al TIT 1- CAT. 1 - Risorsa 35 - capitolo
100650, nonché in base al nuovo ordinamento contabile di cui al d.lgs.
118/2011, al TIT I. - Tipologia 101 - CAT 6 - capitolo 100650;
4. di DETERMINARE le aliquote per l'applicazione della TASI come
emendate da allegato "8", per fare parte integrante e sostanziale della
presente deliberazione;
5. di PRENDERE ATTO dell'indicazione analitica dei costi dei servizI
indivisibili, riportati nelle premesse, alla cui copertura la TASI è diretta;
6. di PRECISARE che viene rispettato il vincolo in base al quale la somma
delle aliquote della TASI e dell'1MU per ciascuna tipologia di immobile
non è superiore all'aliquota massima consentita dalla legge statale per
l'IMU in relazione alle diverse tipologie di immobile;
7. di DARE ATTO altresì che, sulla base delle aliquote così stabilite, il
gettito della TASI è previsto nel redigendo Bilancio di previsione 2014 in
€. 10.400.000,00, al TIT I - CAT. 3 - Risorsa 130 - capitolo 103150,
nonché in base al nuovo ordinamento contabile di cui al d.lgs. 118/2011
al TIT I. - Tipologia 101 - CAT 61 - capitolo 103150;
t
8. di SPECIFICARE che tali aliquote e detrazioni decorrono dal 1 genna io
2014 e saranno valide per gli anni successivi, anche in assenza di
specifica deliberazione, ai sensi dell'art. 1, comma 169 L. 296/2006;
0
9. di RISERVARSI, per quanto di competenza, di apportare le variazioni
che risulteranno necessarie, per effetto di norme statali in merito;
Atto dì Consiglìo Comunale del COMUNE di PESCARA n. 97 Del 03/09/2014
pagina n. lO
] O.di TRASMETTERE
la presente deliberazione per via telematica al
Ministero dell'Economia e delle Finanze - Dipartimento delle finanze entro il termine del 10 settembre, mediante inserimento del testo
nell'apposita sezione del Portale del federalismo fiscale, per la
pubblicazione nel sito informatico di cui all'articolo 1, comma 3, del
decreto legislativo 28 settembre 1998, n. 360, e successive
modificazioni;
Il. di DARE la più ampia diffusione alla presente deliberazione, mediante
avvisi pubblici, comunicati stampa e la pubblicazione sul proprio sito web
istituzionale nella sezione dedicata
Il Presidente ravvisata l'urgenza, pone in votazione la delibera per la sua
immediata eseguibilità.
Con votazione espressa con il sistema elettronico, con il seguente risultato
accertato e proclamato dal Presidente, come da documento allegato, con
l'assistenza degli scrutatori prima designati e presenti in aula:
consiglieri presenti n.27
votanti n.27
voti favorevoli n.18
voti contrari n. 9
Il Presidente proclamata la votazione dichiara l'immediata eseguibilità della
deliberazione.
Atto di Consiglio Comunale del COMUNE di PESCARA n. 97 Del 03/09/2014
pagina n. ] t
Allegato “A” - Imposta municipale propria (IMU)
Aliquota ridotta per abitazione principale di Cat.
A/1, A/8 e A/9 e relative pertinenze, così come
definite dall’art. 13, comma 2 D.L. 201/2011,
convertito in L. 214/2011
6 per mille
Aliquota per tutti gli altri fabbricati, terreni
agricoli ed aree edificabili
10,6 per mille
la detrazione per abitazione principale,
applicabile esclusivamente alle abitazioni di Cat.
A/1, A/8 e A/9 ed agli immobili di edilizia
residenziale pubblica
Euro 200
Aliquota ridotta per unità immobiliari destinate
ad abitazione principale concesse in locazione
con contratto a canone concordato ai sensi della
legge n. 431/98, art. 2, comma 4
9 per mille
Aliquota agevolata per le abitazioni e relative
pertinenze, nella misura massima di una per
immobile, classificate nelle categoria da A/2 ad
A/7 (*), concesse in uso gratuito dal proprietario
ai suoi parenti in linea retta di 1° grado (genitorefiglio, figlio-genitore), a condizione che il
comodatario vi acquisisca la dimora abituale e la
residenza anagrafica.
9 per mille
(*) parole da A/2 ad A/7 in sostituzione delle parole A/,A/6,A/7, inserite con emendamento n. 4 approvato
con delibera CC n.110 del 25.9.2014
Allegato “B” - Tassa sui servizi indivisibili (TASI)
Aliquota per abitazione principale da A2 3 per mille
ad A7 e relative pertinenze così come
definite dall’art. 13, comma 2 D.L.
201/2011, convertito in L. 214/2011
Detrazioni per tutte le abitazioni principali
Euro 100
Aliquota per fabbricati costruiti e destinati 2,5 per mille
dall’impresa costruttrice alla vendita
fintanto che permanga tale destinazione e
non siano in ogni caso locati
Aliquota per tutti gli altri fabbricati,
compreso le aree edificabili
0,0 per mille
Aliquota per i fabbricati rurali strumentali
1 per mille
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 441 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content