close

Enter

Log in using OpenID

0 zdit - Comune di Fiesole

embedDownload
 22/01/2014
INDICE RASSEGNA STAMPA
22/01/2014
Fiesole
Nazione Firenze
22/01/2014
p. 3
Linea fuori gara «A rischio 216 dipendenti»
1
Nazione Firenze
22/01/2014
p. 10
Fuga per la movida notturna Polizia ritrova due minorenni
2
Nazione Firenze
22/01/2014
p. 12
San Marco, il convento non può chiudere Firme da tutto il
mondo. Ecco le soluzioni
Pino Miglino
3
Nazione Firenze
22/01/2014
p. 19
Auditorium, nuova ditta per i lavori
Daniela
Giovannetti
5
Nazione Firenze
22/01/2014
p. 21
Ultimo saluto a Ivo Becattini Attribuì a Masaccio il Trittico
Paolo Fabiani
6
Indice Rassegna Stampa
Pagina I
lr
,
T
A rischio
216 dipendenti»
SONO preoccupati i
lavoratori di Linea spa,
pronti a iniziative di
protesta. L'azienda, che
conta 216 dipendenti e
gestisce 45 linee di
trasporto urbane e
suburbane tra Firenze,
Bagno a Ripoli, Fiesole,
Scandicci, la Piana e
Montelupo Fiorentino, non
parteciperà infatti alla gara
regionale per l'affidamento
del trasporto pubblico su
gomma. Nel capitolato si
vieta infatti la
partecipazione a società di
proprietà di aziende
concorrenti. Come Linea,
appunto, proprietà di Cap,
Ataf e Autolinee Toscane,
queste ultime
rispettivamente delle due
concorrenti Busitalia e
Ratp. Ad oggi non è certo
nemmeno che l'azienda
possa partecipare ai lotti
deboli" della gara, come
servizi per studenti e
disabili. Da qui la denuncia
di Filt-Cgil, Fit-Cisl,
Uiltrasporti e Faisa-Cisal,
che chiedono a istituzioni e
azienda di fare chiarezza
sul futuro di Linea e dei
suoi lavoratori. «Cosa sarà
- si chiedono i sindacati - di
Linea, azienda con bilanci
in attivo? Continuerà a
esistere dopo la gara
regionale, oppure
sparirà?».
mo.pi.
Fiesole
Pagina 1
SONO OSPITI Di UNA
IT ' TERAPEUTI CA
0
suga er la rii: vada nc0 `
olizïa ritrova
.
L
Una era
.®
L
DUE MINORENNI, di 15 e di
17 anni, si sono allontanate di sera dal centro di riabilitazione funzionale «Anna Torrigiani», struttura sanitaria pubblica che ha sede in via di Camerata 10, a Fiesole, per andare a tuffarsi e divertirsi nella movida notturna fiorentina, lunedì sera, ma sono state rintracciate prontamente dalla polizia, dopo l' 1. Stanno bene entrambe, e dopo alcuni controlli medici
sono già state riaffidate al personale del centro.
A dare l'allarme al 113 sono state
gli operatori del presidio sanita-
«V li o a ndare nei locali
a divertirci». Elusi i controlli
forse hanno p reso il bus
rio i quali hanno informato la questura che le due ragazzine, elusa
la sorveglianza, se ne erano andate, probabilmente in centro. Sembra che la 17enne e la 15enne avessero manifestata l'intenzione e la
volontà di andare a trascorrere
una serata in qualche locale notturno, discoteca e pub. Hanno infatti raggiunto Santa Croce, allon-
Fiesole
.
acata'
tanandosi dal presidio, forse, nella maniera più semplice, e cioè salendo a bordo di autobus della linea 7 che fa servizio in zona. Ricevuta la segnalazione pattuglie volanti si sono messe alla ricerca delle due minorenni, girando soprattutto per i locali in San Lorenzo e
Santa Croce e chiedendo ai rispettivi gestori di dare informazioni
immediate qualora si fossero presentate ragazze che potevano corrispondere alle descrizioni fornite.
.
p
0
dove
col, accertare in quali locali, o minimarket, sono stati serviti cocktail o comunque superalcolici.
LE RAGAZZE fino a questo momento non hanno chiarito in modo preciso come e dove hanno trascorso la serata prima di approdare allo Yab, e anche come come sono riuscite ad allontanarsi dal presidio sanitario e a raggiungere Firenze.
g.sp.
POCO DOPO l'una le due minorenni si sono presentate all'ingresso dello Yab Yum in via dei Sassetti. Una, la più piccola, era già
ubriaca: stentava a tenersi in piedi e infatti è stata poi trasportata
al pronto soccorso di Santa Maria
Nuova, da dove è stata dimessa alcune ore più tardi. Pur tuttavia le
due hanno chiesto ancora da bere. Il personale della discoteca,
sembra già a conoscenza della nota di rintraccio delle due, le ha fatte accomodare, ha preso un po' di
tempo con la scusa di preparare i
cocktail e ha avvisato la polizia.
Le due ragazzine sono state così
raggiunte da personale delle Volanti. La questura vuole accertare
chi ha somministrato loro dell'al-
Pagina 2
Fiesole
Pagina 3
Fiesole
Pagina 4
A
0
zdit i
f r
:iava ditta
Ganwnnoss i.- «A ccordo ragg iunto,
A
IT
I
, arriva il nuovo
direttore dei lavori. Alla fine della
trafila burocratica prevista in questi casi, e salvo colpi di scena, sarà
uno studio di architettura di Vicenza a gestire l'ultima "patata bollente", urbanisticamente parlando,
che chiuderà la partita del centro
polifunzionale in costruzione dal
lontano 2003 in piazza del Mercato, a Fiesole. Estata infatti la Aeditecne S.S. di Fasolato e Fochesato,
con sede appunto nella città delle
ville del Palladio, a presentare l'offerta migliore, mettendo la propria
professionalità a disposizione del
Comune di Fiesole per 23mila 500
euro, pari ad un ribasso del 69 per
cento sul bando di gara. «L'accordo è in via di definizione - confer-
ma il vicesindaco e assessore ai lavori pubblici Giancarlo Gamannossi - e trascorsi i 35 giorni previsti
per la validazione, l'assegnazione
«La struttura è funzionante
e nella piena disponi bilità
l Com une»
diverrà effettiva. Intanto i nostri uffici tecnici stanno predisponendo
anche il bando per il cosiddetto secondo lotto, ovvero per gli arredi e
il completamento degli interni».
Dopo la chiusura dei rapporti con
faccio
visi
»
la ditta che ha realizzato il primo
lotto di lavori e che ha dato il via
alla lunga trafila burocratica fatta
di varianti, arbitrati e accordi, si
spera dunque di essere davvero in
dirittura di arrivo.
«Ci tengo a sottolineare che l'Auditorium è oggi nella piena disponibilità del Comune e che, come accertato con il collaudo, tutti gli impianti sono perfettamente funzionanti - ha ricordato il Gamannossi - Visto quanto successo in passato non faccio previsioni sui tempi per l'inaugurazione che, chiaramente, avverrà con il prossimo sindaco». Il secondo e ultimo appalto
prevede infatti almeno sei mesi di
cantiere.
Daniela Giovannetti
G iancarlo Garnannossi
Fiesole
Pagina 5
IERI I FU N ERALI A LECCI O
Ultimo saluto a Ivo Becattini
Attribuì a Masaccio il Trittico
Lo storico Ivo Becattini
risali alle origini del Trittico
di San G iovenale
Fiesole
SI SONO SVOLTI ieri a Leccio, a Reggello, i funerali di Ivo
Becattini, aveva 74 anni molti dei quali dedicati alla ricerca
storica del territorio, un uomo di grande cultura: «Uno studioso
attento - come lo ha ricordato il sin daco Cristiano B enucci
che ci lascia tanti scritti e approfondimenti di valore, di cui
l'intera comunità rimarrà per sempre grata». Ivo era un punto di
riferimento per tanta gente, autore di molti articoli pubblicati
sulla rivista "Corrispondenze" della Diocesi di Fiesole, inoltre è
stato lui a risalire alle origini del Trittico di San Giovenale,
dipinto a Masacelo su commissione della famiglia Castellani
di San Giovanni, appunto luogo di nascita del pittore. Becattini
è stato molto impegnato anche nella ricerca storica del Castello
di Sammezzano, del quale ha ricostruito le varie fasi con le quali
Ximenes di Aragaona è riuscito a tramandarlo ai giorni nostri:
«Purtroppo ha commentato Massimo Sottani, del Comitato
per il rilanc i o d el C as t ello - non è riusc ito a scrivere que l lib ro
su Leccio e Sammezzano cui teneva tanto », Ivo è stato molto
attivo anche nel campo del volontariato a Leccio.
Paolo Fabiani
Pagina 6
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 145 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content