close

Enter

Log in using OpenID

Avviso esplorativo - Comune di San Giorgio Ionico

embedDownload
Allegato “A“
COMUNE DI SAN GIORGIO JONICO
- Provincia di Taranto -
AREA TECNICA
SETTORE URBANISTICA EDILIZIA E PATRIMONIO
Tel. 099.5915241 - Fax 099.5915258
Via Salvo D’Acquisto s.n.c. - 74027 San Giorgio Jonico
Cod. Fiscale 80009010739 – P.IVA 00811120732
e-mail: [email protected]
PEC: [email protected]
AVVISO ESPLORATIVO
per la ricerca di manifestazioni di interesse per l’affidamento dell’incarico
professionale di redazione del Piano Urbanistico Generale (P.U.G.), della
relativa valutazione ambientale strategica (V.A.S.) ed attività connesse
(corrispettivo stimato di importo inferiore ad €. 100.000,00)
Articolo 91, comma 2, del decreto legislativo n. 163 del 2006
Articolo 267, comma 1, del D.P.R. n. 207 del 2010
CIG: 6015329685
Questa stazione committente intende conferire a liberi professionisti, singoli o associati, società di
professionisti o di ingegneria, o raggruppamenti temporanei degli stessi soggetti, l’incarico per lo svolgimento
dei servizi di ingegneria e architettura relativi all’affidamento della progettazione del Piano Urbanistico
Generale (PUG), della relativa valutazione ambientale strategica (VAS) ed attività connesse, ai sensi
dell’articolo 91, comma 2, decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e dell’articolo 267, comma 1, del
regolamento approvato con D.P.R. n. 207 del 2010.
I servizi da affidare consistono nelle attività di redazione del P.U.G. secondo i contenuti e l’articolazione di cui
all’art. 9 della L.R. 27.07.2001 n. 20 e ss.mm.ii. e seguendo le procedure per la sua formazione, di cui all’art.
11 della predetta L.R. n. 20/2001. Inoltre il P.U.G. dovrà essere formato, per il dimensionamento ed i
contenuti, in conformità agli indirizzi, criteri ed orientamenti così come definiti dal Documento Regionale di
Assetto Generale (D.R.A.G.) approvato con D.G.R. 03.08.2007 n. 1328 e all’eventuale Piano Territoriale di
Coordinamento Provinciale (P.T.C.P.).
Infine, il P.U.G. dovrà essere adeguato alla L.R. n. 13 del 10.06.2008 (“Norme per l’abitare sostenibile”), al
P.U.T.T./P, al Piano Assetto idrogeologico (PAI), al P.R.A.E. (Piano Regionale Attività Estrattive), al Piano
Paesaggistico Territoriale Regionale (P.P.T.R.).
Rientra nella prestazione professionale richiesta al professionista incaricato, anche la redazione della
Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.) relativa al P.U.G. di cui trattasi e l’elaborazione del regolamento
Edilizio.
La redazione della V.A.S. dovrà avvenire secondo i contenuti di cui al D.Lgs. 03.04.2006 n. 152 come
integrato dal D.Lgs. 16.01.2008, n. 4, secondo l’articolazione nonché gli indirizzi rivenienti dal Documento
Regionale di Assetto Generale (D.R.A.G.) approvato con D.G.R. 03.08.2007 n. 1328.
La V.A.S. deve avere la finalità di verificare in modo esplicito la coerenza delle scelte del P.U.G. con gli
obiettivi di sostenibilità dello sviluppo del territorio che la Regione Puglia ha definito come prioritari nella L.R.
n. 20/2001, art. 1.
Il soggetto incaricato ha l’obbligo di dare la sua disponibilità a partecipare alle assemblee pubbliche, oltre alle
formali conferenze di copianificazione e alle sedute del Consiglio Comunale necessarie all’approvazione dello
strumento urbanistico, nonchè la disponibiltà a coordinare gli incontri necessari con i vari Enti coinvolti,
insieme al coordinatore dell'Ufficio di Piano che sarà appositamente istituito.
1/3
Sono escluse dalle attività sopra indicate le indagini geologiche e/o agronomiche che saranno oggetto di
specifico e diverso incarico.
I rapporti contrattuali sono disciplinati sulla base dello schema del disciplinare.
Gli interessati, in possesso dei necessari requisiti professionali minimi obbligatori (ingegneri, architetti) e
degli eventuali requisiti specifici, possono presentare la domanda di affidamento entro le
ore
12.00
del giorno di
giovedì
18
12
2014
all’Ufficio Protocollo di questa stazione committente, all’indirizzo indicato in epigrafe, in apposito plico chiuso,
contenente la domanda di cui al successivo Capo 1, recante all’esterno la denominazione del servizio per il
quale si presenta la richiesta di affidamento, nonché l’indicazione completa dell’operatore economico
mittente.
1. Presentazione della domanda:
a) la domanda, debitamente sottoscritta, recante l’indicazione completa dei dati personali e di quelli utili
ai fini professionali, compreso il numero e l’anno di iscrizione al relativo Ordine o Collegio
professionale, eventuali qualificazioni o abilitazioni richieste specificatamente per l’incarico;
b) una dichiarazione, a corredo della domanda di cui alla precedente lettera a), che attesti:
- l’inesistenza delle cause di esclusione di cui all’articolo 38 del decreto legislativo n. 163 del 2006 e
ss.mm.ii.;
- l’inesistenza della partecipazione plurima di cui agli articoli 36, comma 5, e 37, comma 7, del
decreto legislativo n. 163 del 2006 e dell’articolo 253, commi 1 e 2, del d.P.R. n. 207 del 2010;
c) è obbligatoriamente, richiesta la presentazione di curriculum con indicazione delle specifiche
esperienze professionali.
Si precisa che, in relazione all’incarico da affidare, ai fini della verifica dell’esperienza e della
capacità professionale, verranno ammessi alla fase successiva, solo gli operatori economici
che, nell’ultimo quinquennio, avranno dimostrato di aver svolto attività di progettazione di
strumenti urbanistici generali con particolare riguardo a PUG/VAS, varianti e strumenti di
pianificazione analoghi secondo la normativa regionale pugliese di riferimento.
2. Importo dei corrispettivi:
a) il corrispettivo (onorari e spese) delle prestazioni pari a presuntivi €. 89.500,00 oltre contributo
CNPAIA (4%) ed IVA (22%) si intende puramente a titolo di stima e potrà essere confermato o
modificato in sede di lettera di invito;
b) il corrispettivo (onorari e spese) contrattuale delle prestazioni sarà negoziato da questa Stazione
committente con l’operatore economico da incaricare, secondo il principio del rispetto della dignità
della professione in relazione all’importanza delle prestazioni (articolo 2233 del codice civile), sulla
base dell’offerta presentata dall’operatore economico invitato e giudicata migliore, sulla base degli
importi determinati dalla Stazione committente nella lettera di invito;
c) in caso di incarichi parziali, non è dovuta alcuna maggiorazione;
d) in caso di incarichi collegiali, a raggruppamenti temporanei o comunque a più operatori economici
autonomi, il corrispettivo è corrisposto una sola volta.
3. Condizioni relative al rapporto contrattuale:
a) l’affidamento dell’incarico avviene sulla base di un contratto disciplinare in conformità allo schema di
disciplinare di incarico predisposto da questa Stazione committente;
b) la Stazione committente non è vincolata all’affidamento di tutte le prestazioni indicate nel presente
avviso o nella successiva lettera di invito;
c) dell’avvenuto affidamento dell’incarico di cui al presente avviso è dato avviso pubblico, con gli stessi
mezzi di pubblicità, entro 30 (trenta) giorni dall’affidamento medesimo.
4. Condizioni regolanti la procedura:
a) la Stazione committente non è in alcun modo vincolata a procedere all’affidamento, che è solo
programmato, fermo restando che, qualora proceda allo stesso affidamento, è obbligata a prendere in
considerazione le manifestazioni di interesse all’assunzione dell’incarico presentate in seguito alla
pubblicazione del presente avviso;
b) con il presente avviso non è posta in essere alcuna procedura concorsuale, paraconcorsuale o di gara
d’appalto di evidenza pubblica, ma esclusivamente la ricerca di operatori economici che manifestino
interesse all’affidamento dell’incarico; tra i candidati che manifestano l’interesse mediante la
presentazione della domanda di cui al Capo 1 non sono previste graduatorie, attribuzione di punteggi
o altre classificazioni di merito, nemmeno con riferimento all'ampiezza, frequenza, numero e tipologia
degli incarichi svolti o all'esperienza maturata;
2/3
c) tutti gli operatori economici che avranno presentato manifestazioni di interesse, ritenute ammissibili in
forza di quanto riportato nel presente avviso, saranno invitati alla procedura negoziata;
d) qualora le manifestazioni di interesse ammissibili siano inferiori a 5 (cinque), la Stazione committente
inviterà alla procedura negoziata ulteriori operatori economici fino al raggiungimento di tale numero
minimo.
5. Modalità di affidamento dell’incarico:
a) l’incarico, qualora si proceda all’affidamento, è conferito con apposita determinazione dirigenziale,
previa negoziazione con l’operatore economico invitato che abbia presentato l’offerta migliore, sulla
base della medesima offerta;
b) l’operatore economico incaricato non potrà assumere altri incarichi per servizi tecnici a favore della
Stazione committente, per i successivi 12 (dodici) mesi dalla data di sottoscrizione del disciplinare di
incarico;
c) il divieto di cui alla lettera b), non trova applicazione per prestazioni di servizi tecnici relativi al
medesimo servizio, successivi e conseguenti ai servizi già conferiti, nei seguenti casi:
1) la somma dei corrispettivi contrattuali originari e dei corrispettivi per i nuovi servizi sia comunque
inferiore all’importo di 100.000,00 euro; tale soglia non costituisce ostacolo qualora il suo
superamento derivi da fatti non imputabili al tecnico incaricato;
2) l’affidamento dei nuovi servizi sia conseguente a nuove condizioni sopravvenute, non previste in
occasione dell’affidamento originario, debitamente dimostrate, e risulti necessario garantire la
continuità nella prestazione dei servizi;
6. Esclusioni delle manifestazioni di interesse
Sono escluse le manifestazioni di interesse:
a) pervenute dopo la scadenza, se sia stato raggiunto il numero minimo di cui al Capo 4, lettera d);
b) incomplete nei dati di individuazione dell’operatore economico, del suo recapito o dei suoi requisiti
professionali, oppure presentate da soggetti carenti dei predetti requisiti professionali;
d) presentate da operatori economici per i quali ricorra una delle cause di esclusione di cui all’articolo 38
del decreto legislativo n. 163 del 2006, accertata in qualsiasi momento e con ogni mezzo;
e) presentate da operatori economici per i quali ricorra una qualunque altra clausola di esclusione dalla
partecipazione alle gare per l’affidamento di servizi pubblici di progettazione o dalla contrattazione con
la pubblica amministrazione, come prevista dall’ordinamento giuridico vigente, accertata in qualsiasi
momento e con ogni mezzo;
f) prive della dimostrazione:
- di aver svolto nell’ultimo quinquennio, attività di progettazione di strumenti urbanistici
generali con particolare riguardo a PUG/VAS, varianti e strumenti di pianificazione
analoghi secondo la normativa regionale pugliese di riferimento.
Gli interessati possono chiedere chiarimenti inerenti l’incarico, al responsabile del procedimento, negli orari di
ufficio, fino alle ore 12 del giorno non festivo antecedente il termine fissato per la presentazione delle
domande.
Il responsabile del procedimento è l’ing. Claudio FERRETTI.
San Giorgio Jonico, 03 dicembre 2014
Allegato: schema di disciplinare di incarico.
Il Responsabile dell’Area Tecnica Urbanistica – RUP
F.to (Dott. Ing. Claudio FERRETTI)
3/3
Allegato “B”
Disciplinare n. __ del __.__.20__
COMUNE DI SAN GIORGIO JONICO
- Provincia di Taranto -
AREA TECNICA
SETTORE URBANISTICA EDILIZIA E PATRIMONIO
Tel. 099.5915241 - Fax 099.5915258
Via Salvo D’Acquisto s.n.c. - 74027 San Giorgio Jonico
Cod. Fiscale 80009010739 – P.IVA 00811120732
e-mail: [email protected]
PEC: [email protected]
OGGETTO: Convenzione incarico professionale per la redazione del Piano Urbanistico Generale
(P.U.G.), della relativa Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.) ed attività connesse.
L'anno duemila_______, il giorno _________, del mese di __________, presso l'ufficio Urbanistica del
Comune di San Giorgio Jonico (TA), premesso che con determinazione n. ____ del __________, si stabiliva
di affidare all’__. ____________________ l'incarico professionale relativo alla redazione del Piano
Urbanistico Generale (P.U.G.) della relativa valutazione ambientale strategica (V.A.S.) ed attività
connesse e si approvava lo schema del presente disciplinare,
tra
- il Comune di San Giorgio Jonico (TA) (P. Iva: 00811120732), nel prosieguo indicato “ Comune”, con
sede legale in via Salvo D’Acquisto s.n.c., San Giorgio Jonico legalmente rappresentato, ai sensi dell’art.
107, comma 3, lettera c), del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, dall’ing, Claudio FERRETTI
nato a Manduria (TA) il 01 ottobre 1971 e residente per la carica, presso la sede municipale, nella qualità
di Funzionario del Settore Urbanistica, che dichiara di intervenire, in questo atto, esclusivamente in
nome, per conto e nell'interesse della medesima Amministrazione Comunale,
e
- l’____. _________________ nato a ________________ (__) il _______________________ e residente
in ________________ (__), alla via ___________________, n. ___ (C.F.: ______________________e
P.Iva: ____________________), iscritto all’____________ degli __________________________ della
Provincia di __________________ al n. ____,
nel seguito indicato “professionista”,
SI CONVIENE E STIPULA QUANTO SEGUE
Art. 1 – Recepimento premessa
Le parti riconoscono e confermano la premessa narrativa come parte integrante e sostanziale del presente
atto.
Art. 2 – Oggetto dell’incarico
Il Comune di San Giorgio Jonico (così come costituito in epigrafe, d’ora in avanti denominato “Comune”),
affida all’____. _________________ (così come individuato in epigrafe, d’ora in avanti denominato
“Progettista”) l’incarico per la redazione del P.U.G., della relativa Valutazione Ambientale Strategica
(V.A.S.) ed attività connesse, compreso Regolamento Edilizio secondo i contenuti e l’articolazione di cui
all’art. 9 della L.R. 27.07.2001 n. 20 e seguendo le procedure, per la sua formazione, di cui all’art. 11 della
predetta L.R. n. 20/2001.
Il P.U.G. dovrà essere formato, per il dimensionamento ed i contenuti, in conformità agli indirizzi, criteri ed
orientamenti così come definiti dal Documento Regionale di Assetto del Territorio (DRAG) approvato con
D.G.R. 03.08.2007 n. 1328.
Il P.U.G. dovrà, inoltre, essere adeguato alla L.R. n. 13 del 10.06.2008 (“Norme per l’abitare sostenibile”)
ed al Piano Assetto idrogeologico (PAI) della Regione Puglia ed al Piano Urbanistico Tematico Territoriale
per il Paesaggio (P.U.T.T.) e Piano Paesaggistico Territoriale (P.P.T.R.) della Regione Puglia.
Rientra nel presente incarico anche la redazione della Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.) relativa al
P.U.G. di cui trattasi.
La redazione della V.A.S. dovrà avvenire secondo i contenuti di cui al D.Lgs. 03.04.2006 n. 152 come
integrato dal D.Lgs. 16.01.2008, n. 4, secondo l’articolazione nonché gli indirizzi rivenienti dal Documento
Regionale di Assetto Generale (D.R.A.G.) approvato con D.G.R. 03.08.2007 n. 1328.
La V.A.S. deve avere la finalità di verificare in modo esplicito la coerenza delle scelte del P.U.G. con gli
obiettivi di sostenibilità dello sviluppo del territorio che la Regione Puglia ha definito come prioritari nella
L.R. n. 20/2001, art. 1.
L’incarico dovrà essere svolto dal Progettista con il proprio personale e mediante la propria organizzazione.
Il Progettista ha l’obbligo di dare la sua disponibilità a partecipare alle assemblee pubbliche, oltre alle
formali sedute del Consiglio Comunale necessarie all’approvazione dello strumento urbanistico, nonchè la
disponibiltà a coordinare gli incontri necessari con i vari Enti.
Il Progettista dichiara di non trovarsi in alcuna condizione di incompatibilità per l’espletamento del presente
incarico ai sensi delle vigenti disposizioni in materia urbanistica e professionale.
Art. 3 – Prestazioni professionali
Il progettista dovrà svolgere:
A) tutte le indagini e le analisi necessarie per la redazione del D.P.P. (documento programmatico
preliminare);
B) tutte le indagini e le analisi urbanistiche, necessarie per la redazione del PUG e della VAS ed in
particolare per la definizione del “sistema delle conoscenze” e dei “quadri interpretativi”. Le analisi dei
sistemi botanico-vegetazionale, idrogeomorfologico e relative ad altri settori specifici eventualmente
necessarie, saranno svolte da ulteriori professionisti appositamente incaricati dall’Amministrazione
Comunale;
C) la redazione degli elaborati grafici e normativi come previsto dalla L.R. 27.07.2001 n. 20 e ss.mm.ii. e
dal D.R.A.G. approvato con D.G.R. 03.08.2007 n. 1328, nonché da tutte le altre disposizioni regionali
in materia;
D) raccolta delle osservazioni e delle repliche;
E) tutte le banche dati utilizzate per la formazione del PUG e della VAS devono essere organizzate dal
Progettista in modo da poter essere utilizzate in un idoneo e specifico S.I.T. (Sistema Informatico
Territoriale) comunale. Il predetto S.I.T. dovrà essere predisposto in maniera tale da poter consentire la
gestione del PUG e delle banche dati che dovranno essere georeferenziate secondo il sistema di
riferimento cartografico WGS 84 UTM 33. Quanto sopra sia al fine di concorrere alla formazione e/o
allo sviluppo di uno specifico Sistema Informativo Territoriale comunale per la formazione e gestione
del PUG da parte del Comune, che al fine di consentire le gestione dei vari “strati informativi” del PUG
e della VAS anche da parte del più generale S.I.T. regionale;
F) istruttoria delle osservazioni e formulazione delle proposte di controdeduzioni;
G) adeguamento degli elaborati del PUG alle osservazioni accolte;
H) si precisa che qualora le osservazioni pervenute siano superiori a 20, l’impegno per la raccolta e le
repliche di cui al punto C), l’istruttoria e la formulazione delle proposte di controdeduzione di cui al
punto E) e l’adeguamento degli elaborati del PUG alle osservazioni di cui al precedente punto F) verrà
calcolato e valutato a parte;
I) l’assistenza tecnica ed organizzativa al Comune nelle procedure di pubblicizzazione, informazione,
formazione e partecipazione;
J) l’assistenza tecnica ed organizzativa al Comune per l’organizzazione delle “conferenze di
copianificazione”.
2
Art. 4 – Impegni del progettista
Il procedimento di formazione del P.U.G. dovrà essere avviato immediatamente dopo la sottoscrizione della
presente convenzione secondo gli atti di indirizzo dell’Amministrazione Comunale.
A partire dalla sottoscrizione della presente convenzione, il Progettista, per l’espletamento dell’incarico avrà
a disposizione un tempo massimo “effettivo” (cioè con esclusione dei tempi necessari all’Amministrazione
per le determinazioni e gli obblighi di sua competenza) di 630 (seicentotrenta) giorni con il seguente
sintetico indicativo cronoprogramma dei lavori:
1) elaborazione bozza documento programmatico preliminare (D.P.P.) - 120 gg.;
2) elaborazione eventuali osservazioni pervenute al D.P.P. - 60 gg.
3) elaborazione bozza documento di “scoping” (VAS) - 90 gg.;
4) elaborazione prima bozza di PUG e di Rapporto Ambientale della VAS - max 180 gg.;
5) elaborazione definitiva del PUG e del Rapporto Ambientale della VAS per l’adozione e consegna - 80
gg.;
6) elaborazione proposta di controdeduzioni alle eventuali osservazioni pervenute e consegna per le
determinazioni del Consiglio Comunale - 100 gg.; per un totale di 630 gg..
Il ritardo nella consegna della documentazione completa relativa alle prestazioni del presente incarico (sia in
formato cartaceo, in triplice copia, che in formato digitale) comporta una penale giornaliera pari all’1 per
mille dell’ammontare netto contrattuale per ogni giorno di ritardo, ai sensi dell’articolo 145 del D.Lgs.
163/2006 e ss.mm.ii.
Il Progettista dovrà relazionare sullo stato dei lavori ad ogni richiesta formale del Comune.
Il Progettista si impegna a introdurre nel progetto, anche se già elaborato e presentato, tutte le modifiche che
siano ritenute necessarie dall’Amministrazione Comunale per l’adozione del P.U.G., a giudizio insindacabile
della stessa, purché condivise in linea tecnica e procedurale dal Progettista, senza che ciò dia diritto a
maggiori compensi.
Il Progettista è obbligato ad elaborare la proposta di controdeduzioni alle osservazioni pervenute dopo
l’adozione del P.U.G. senza che ciò dia diritto a maggiori compensi, qualora il numero di osservazioni
pervenute, non sia superiore a 20. Nel caso contrario l’impegno richiesto sarà calcolato e valutato a parte.
Il Progettista è obbligato ad adeguare gli elaborati progettuali del P.U.G. a quanto deciso dal Consiglio
Comunale in sede di esame delle eventuali osservazioni pervenute dopo l’adozione del P.U.G., senza che ciò
dia diritto a maggiori compensi, qualora il numero di osservazioni pervenute, non sia superiore a 20. Nel
caso contrario l’impegno richiesto sarà calcolato e valutato a parte.
Il Progettista è obbligato ad adeguare gli elaborati progettuali del P.U.G. a tutte le modifiche che dovessero
derivare dalle verifiche di compatibilità da parte della Regione, Provincia e Autorità Competente
Ambientale e da qualsiasi altro ente a cui è necessario richiedere un parere, fino all’approvazione definitiva
del P.U.G., senza che ciò dia diritto a maggiori compensi. Tale impegno del progettista è da intendersi
valido solo se le modifiche dipendono da errori o omissioni progettuali.
Art. 5 – Impegni dell’Amministrazione Comunale
L’Amministrazione Comunale dovrà fornire al Progettista i principale orientamenti di indirizzo, affinché lo
stesso ne tenga conto durante lo svolgimento della prestazione professionale.
L’Amministrazione Comunale dovrà fornire al Progettista l’aerofotogrammetria più aggiornata in suo
possesso dell’intero territorio comunale in formato digitale.
L’Amministrazione Comunale dovrà fornire al Progettista copia del P.R.G. vigente in formato digitale con le
relative norme tecniche attuative nonché del regolamento edilizio vigente.
L’Amministrazione Comunale dovrà fornire al Progettista copia di ogni piano, progetto o programma
territorialmente significativo, completo degli elaborati grafici, sia in corso di realizzazione che in itinere.
Art. 6 – Competenze professionali e tempistica dei pagamenti
Le competenze professionali per le attività oggetto della presente Convenzione sono pari complessivamente
ad €. ____________, oltre il 4% CNPAIA ed il 22% per I.V.A., per un totale pari ad €. __________. Tale
importo comprende, l’onere di adeguamento del P.U.G. alle prescrizioni del Consiglio Comunale e/o degli
altri organi sovracomunali competenti (Regione, Provincia, Enti vari, ecc.).
3
In caso di incarichi collegiali, ad associazioni, raggruppamenti, consorzi e comunque a più professionisti, il
suindicato compenso è da intendersi unico ed omnicomprensivo.
Le su indicate competenze professionali saranno accreditate dal Comune entro 30 giorni dalla presentazione
delle fatture da parte del Progettista come segue:
1) 10% all’atto di sottoscrizione della presente convenzione;
2) 20% all’atto della consegna da parte del Progettista al Comune degli elaborati relativi al D.P.P.
definitivo per l’adozione da parte del C.C.;
3) 25% all’atto della consegna da parte del Progettista al Comune degli elaborati relativi alla prima bozza
del P.U.G. e del Rapporto Ambientale della V.A.S.;
4) 20% all’atto della consegna da parte del Progettista al Comune degli elaborati definitivi relativi al P.U.G.
e Rapporto Ambientale della V.A.S. per l’adozione da parte del C.C.;
5) 15% all’atto della consegna da parte del Progettista al Comune delle proposte di controdeduzioni alle
eventuali osservazioni pervenute da sottoporre al C.C.;
6) 10% all’atto dell’approvazione definitiva del P.U.G. da parte della Regione.
Art. 7 – Inadempienze contrattuali
Nel caso in cui il Progettista non consegni gli elaborati finali nei tempi previsti dal precedente art. 4 (e salvo
eventuali proroghe per motivi indipendenti dalle responsabilità del Progettista, accordate espressamente
dall’Amministrazione Comunale), verrà applicata una penale giornaliera pari all’1 per mille dell’ammontare
netto contrattuale per ogni giorno di ritardo, ai sensi dell’articolo 145 del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.;
Nel caso in cui il ritardo superi la durata di 6 (sei) mesi l’Amministrazione Comunale potrà deliberare la
revoca dell’incarico: in tal caso al progettista compete il compenso per la sola prestazione parziale, solo ed
esclusivamente se il Comune può trarre utilità da tale prestazione parziale, decurtata della penale maturata
secondo i disposti del precedente comma e senza alcuna maggiorazione per incarico parziale. Il compenso
per la prestazione parziale (che dovrà essere poi decurtato della penale) sarà valutato sulla base delle
percentuali previste dal precedente art. 6.
Art. 8 – Risoluzione controversie
Per ogni controversia che dovesse derivare dall’applicazione della presente convenzione è competente il foro
di Taranto.
Art. 9 – Spese contrattuali
Tutte le spese relative alla presente Convenzione sono a carico del progettista senza diritto di rivalsa nei
confronti del Comune;
La presente convenzione d’incarico sarà sottoposta a registrazione solo in caso d’uso.
Art. 10 – Regolarità contributiva e documenti di riferimento
Si dà atto che sono stati prodotti i certificati di regolarità contributiva dell’__. __________________ e che il
soggetto affidatario risulta regolare.
Art. 11 – Responsabilità verso terzi ed assicurazione
E’ onere del Progettista provvedere a tutti gli adempimenti assicurativi e contributivi che, in forza della
vigente legislazione, sono previsti per l’espletamento dell’incarico.
Il Progettista solleva espressamente il Comune da qualunque rivalsa per eventuali incidenti che potessero
occorrere ai soggetti appartenenti alla sua organizzazione durante il loro lavoro nelle aree interessate.
Il Progettista si assume espressamente la responsabilità per i danni che dovesse arrecare a terzi in
conseguenza dello svolgimento dell’incarico, sollevando l’ente appaltante da ogni responsabilità al riguardo.
Il progettista all’atto di sottoscrizione della presente convenzione ha presentato polizza di assicurazione
professionale che tenga indenne l’Ente per i danni che l’affidatario dovesse arrecare a terzi durante lo
svolgimento dell’incarico per un massimale minimo di €. 400.000,00.
La mancata presentazione della polizza determina la decadenza dell’incarico ed autorizza la sostituzione del
soggetto affidatario.
4
Art. 12 – Polizza assicurativa per la copertura dei rischi di natura professionale
Ai sensi dell’art. 111 del D.Lgs. 163/2006 il progettista incaricato deve essere munito, di una polizza di
responsabilità civile professionale per i rischi derivanti dallo svolgimento dell’attività di propria
competenza oggetto dell’incarico.
L’__. _____________ è dotato di polizza assicurativa per i danni derivanti dall’esercizio dell’attività
professionale. Gli estremi della polizza assicurativa e il massimale assicurato, con l’eventuale franchigia,
sono i seguenti: numero polizza: ___/___/_______, rilasciata da ______________, il __/__/20__.
Massimale assicurato: 2.000.000,00 euro. Franchigia: 7.500,00 euro.
La mancata presentazione da parte del progettista della polizza di garanzia esonera il responsabile unico del
procedimento dal pagamento della parcella professionale.
Art. 13 – Riservatezza
Tutti i documenti prodotti dal professionista saranno di proprietà del Committente.
Il professionista dovrà mantenere riservata e non dovrà divulgare a terzi, ovvero impiegare in modo diverso
da quello occorrente per realizzare l’oggetto dell'incarico, qualsiasi informazione relativa al progetto che non
fosse resa nota direttamente o indirettamente dal Committente o che derivasse dall'esecuzione delle opere di
progettazione per il Committente. Detto impegno si estende a qualsiasi cambiamento o proposta di
cambiamento, sempre inerente all'incarico, o a qualsiasi dato o elaborato, oppure a qualsiasi disegno o
mappa o piano o schema, forniti dal Committente o che siano stati preparati dal professionista per essere
impiegati dal Committente. Quanto sopra, salvo la preventiva approvazione alla divulgazione da parte del
Committente, avrà validità fino a quando tali informazioni non siano di dominio pubblico.
Il professionista potrà citare, nelle proprie referenze e nel proprio curriculum, il servizio svolto per il
Committente, eventualmente illustrandolo con disegni, purché tale citazione non violi l'obbligo di
riservatezza del presente articolo. Nel caso particolare di comunicati stampa, annunci pubblicitari,
partecipazione a simposi, seminari e conferenze con propri elaborati, il professionista, sino a che la
documentazione progettuale non sia divenuta di dominio pubblico, dovrà ottenere il previo benestare del
Committente sul materiale scritto e grafico, inerente alle opere di progettazione rese al Committente
nell'ambito dell'incarico, che intendesse esporre o produrre.
Art. 14 –Tracciabilità dei flussi finanziari
Il professionista assume, a pena di nullità della presente convenzione, gli obblighi di tracciabilità dei flussi
finanziari introdotti dalla legge 13 agosto 2010, n. 136.
La stessa risoluzione si applicherà nei casi in cui lo stesso professionista effettuerà transazioni senza
avvalersi di banca o della società Poste Italiane S.p.A.
Il professionista si obbliga inoltre:
a) ad assumere tutti gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui all’art. 3 della legge 13.08.2010,
n. 136 e successive modificazioni anche nei confronti di subappaltatori o subcontraenti;
b) a comunicare alla stazione appaltante gli estremi identificativi dei conti correnti dedicati ai flussi
finanziari di cui all’art. 3 della legge 13.08.2010, n. 136 e successive modificazioni, nonché le generalità
e il codice fiscale delle persone delegate ad operare su di essi;
c) a dare immediata comunicazione alla stazione appaltante ed alla Prefettura – Ufficio Territoriale del
Governo della Provincia di Brindisi - della notizia dell’inadempimento della propria controparte
(eventuale subappaltatori/subcontraenti) agli obblighi di tracciabilità finanziaria.
Art. 15 – Dichiarazione finale
Con la firma della presente Convenzione il Progettista dichiara sotto la propria responsabilità di non trovarsi
in condizioni di incompatibilità, temporanea o definitiva, con l’espletamento dell’incarico, a norma delle
vigenti disposizioni di legge, e di non essere interdetto, neppure in via provvisoria, all’esercizio della
professione.
La presente scrittura privata, da far valere ad ogni effetto di legge, che si compone di n. 4 pagine
dattiloscritte per intero oltre quanto della presente, senza firme, viene firmata dalle parti previa lettura,
conferma ed approvazione.
5
Art. 16 – Norma finale
Ai sensi e per gli effetti dell'art. 1419 del Codice Civile, gli articoli 2, 3, 4, 5, 6, 7, 10, 11, 12, 13,
14, sono dichiarate clausole essenziali.
San Giorgio Jonico, ______________.
Il Progettista:
___. ______________________
Il Responsabile dell’Area Tecnica Urbanistica:
Dott. Ing. Claudio FERRETTI
6
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
381 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content