close

Enter

Log in using OpenID

1H2014 TBM CONSO Definitivo

embedDownload
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
GRUPPO TRIBOO MEDIA
Società Capogruppo
Triboo Media S.p.A.
Sede in Milano (MI) – Viale Sarca, 336
Capitale Sociale euro 16.006.000,00, di cui 15.926.500,00 sottoscritti e versati
Codice fiscale 02387250307
R.E.A. n. MI 1906661
RELAZIONE FINANZIARIA SUL BILANCIO CONSOLIDATO
SEMESTRALE ABBREVIATO AL 30 GIUGNO 2014
1
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
STRUTTURA DEL GRUPPO TRIBOO MEDIA AL 30 GIUGNO 2014
2
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
COMPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO
Consiglio di Amministrazione di Triboo Media S.p.A.
Giulio Corno
Alberto Zilli
Massimiliano Valente
Vittorio Coda
Cinzia Parolini
Presidente del Consiglio di Amministrazione
Amministratore Delegato
Amministratore con delega per il Business Editoriale
Consigliere Indipendente
Consigliere Indipendente
Collegio Sindacale di Triboo Media S.p.A.
Alessandro Savorana
Sebastiano Bolla Pittaluga
Andrea Peresson
Presidente del Collegio Sindacale
Sindaco Effettivo
Sindaco Effettivo
Massimo di Giacomo
Rosanna Lupica Picitto
Sindaco Supplente
Sindaco Supplente
Società di Revisione
Il bilancio consolidato del Gruppo al 30 giugno 2014, è assoggettato a revisione contabile limitata da
parte della società di revisione Ria Grant Thornton S.p.A.
3
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Indice
RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE AL 30 GIUGNO 2014
1. Scenario di mercato e posizionamento del Gruppo........................................................... 10
Analisi dei prodotti pubblicitari digitali .................................................................................................. 10
Analisi del mercato pubblicitario globale .............................................................................................. 13
Analisi del mercato pubblicitario italiano .............................................................................................. 14
Evoluzione del mercato di riferimento................................................................................................... 15
2. Fatti di rilievo del periodo .................................................................................................. 17
3. Andamento della gestione del Gruppo .............................................................................. 20
4. Sintesi dei dati economici .................................................................................................. 20
5. Sintesi dei dati patrimoniali ............................................................................................... 23
6. Sintesi dei dati finanziari.................................................................................................... 24
7. Rapporti con parti correlate .............................................................................................. 25
8. Attività di sviluppo .............................................................................................................. 26
Erogazione dei Prodotti .......................................................................................................................... 27
Co-Reg ..................................................................................................................................................... 30
Nuovi prodotti Advertising ...................................................................................................................... 32
Tool di Leonardo.it .................................................................................................................................. 34
Progetti Editoriali .................................................................................................................................... 35
9. Informazioni attinenti all’ambiente e al personale ........................................................... 37
10. Informazioni sui principali rischi ed incertezze ................................................................. 37
11. Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell’esercizio ..................................................... 41
12. Evoluzione prevedibile della gestione ............................................................................... 43
PROSPETTI CONTABILI DEL BILANCIO CONSOLIDATO AL 30 GIUGNO 2014
Prospetto della posizione patrimoniale finanziaria ................................................................. 44
Prospetto di conto economico complessivo ............................................................................ 45
Rendiconto finanziario consolidato al 30 giugno 2014 ............................................................. 46
Prospetto della movimentazione del patrimonio netto ........................................................... 47
4
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
NOTE ILLUSTRATIVE AL BILANCIO CONSOLIDATO SEMESTRALE ABBREVIATO AL 30
GIUGNO 2014
1. Dichiarazione di conformità ai principi contabili internazionali ........................................ 48
2. Forma e contenuto del bilancio consolidato...................................................................... 48
Uso di stime ............................................................................................................................................. 49
3. Criteri generali di redazione e principi di consolidamento ............................................... 50
Struttura del Gruppo ............................................................................................................................... 50
Principi di consolidamento ..................................................................................................................... 51
4. Sintesi dei principi contabili e dei criteri di valutazione adottati ....................................... 53
A) Immobili, impianti e macchinari ........................................................................................................ 54
B) Attività immateriali ............................................................................................................................. 55
C) Riduzione di valore delle attività ........................................................................................................ 57
D) Strumenti finanziari............................................................................................................................ 59
E) Patrimonio netto ................................................................................................................................. 62
F) Benefici ai dipendenti ......................................................................................................................... 62
G) Trattamento di fine mandato ............................................................................................................. 63
H) Fondi per rischi e oneri ...................................................................................................................... 64
I) Riconoscimento dei ricavi derivanti dalle vendite e dalle prestazioni di servizi .............................. 64
J) Interessi ............................................................................................................................................... 65
K) Dividendi .............................................................................................................................................. 65
M) Riconoscimento dei costi ................................................................................................................... 65
N) Imposte ............................................................................................................................................... 65
Q) Informazione di segmento (“segment information”) - Analisi dei prodotti ..................................... 66
5. Note alla situazione patrimoniale finanziaria .................................................................... 68
1. Attività materiali .................................................................................................................................. 68
2. Avviamento .......................................................................................................................................... 68
3. Attività immateriali a vita utile definita .............................................................................................. 69
4. Attività immateriali a vita utile indefinita ........................................................................................... 71
5. Partecipazioni ...................................................................................................................................... 72
6. Attività finanziarie non correnti .......................................................................................................... 72
7. Altre attività non correnti.................................................................................................................... 73
8. Crediti commerciali............................................................................................................................. 74
9. Attività finanziarie correnti ................................................................................................................. 75
10. Disponibilità liquide ........................................................................................................................... 75
11. Attività per imposte correnti ............................................................................................................. 75
12. Altre attività correnti ......................................................................................................................... 76
13. Patrimonio netto................................................................................................................................ 76
14. Fondi per benefici a dipendenti ........................................................................................................ 77
15. Passività per imposte differite.......................................................................................................... 77
16. Passività finanziarie correnti ............................................................................................................ 77
17. Debiti commerciali ............................................................................................................................ 78
18. Passività per imposte correnti ......................................................................................................... 78
19. Altre passività correnti ..................................................................................................................... 79
5
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
6. Note illustrative al conto economico complessivo ............................................................ 80
20. Ricavi .................................................................................................................................................. 80
21. Altri ricavi operativi ........................................................................................................................... 80
22. Costi capitalizzati per costruzioni interne ....................................................................................... 80
23. Costi per servizi ................................................................................................................................. 81
24. Costi per il personale ........................................................................................................................ 82
25. Altri costi operativi ............................................................................................................................ 83
26. Ammortamenti .................................................................................................................................. 84
27. Svalutazioni ed accantonamenti ....................................................................................................... 84
28. Proventi ed oneri finanziari netti ...................................................................................................... 84
29. Rettifica di valore di attività finanziarie............................................................................................ 85
30. Imposte sul reddito ........................................................................................................................... 85
6
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE AL 30 GIUGNO 2014
Signori Azionisti,
il 7 marzo 2014 la società capogruppo Triboo Media S.p.A. (da adesso anche solo Triboo Media) ha
concluso il processo di quotazione, iniziato nel corso del 2013 sul mercato AIM Italia, diventando
quindi a tutti gli effetti una società quotata. Le contrattazioni del titolo sono iniziate in data 11 marzo
2014. L’operazione è stata voluta da Triboo Media S.p.A., per ottenere le risorse finanziarie necessarie
ad iniziare un piano di sviluppo volto principalmente all’effettuazione di acquisizioni e a rafforzare
ulteriormente il posizionamento del Gruppo sul mercato dell’advertising e dell’editoria on line.
L’operazione si è configurata con un’offerta in sottoscrizione a investitori istituzionali di azioni di
nuova emissione pari a 5.400.000 euro nominali, portando pertanto il capitale sociale, deliberato,
sottoscritto e versato, da euro 10.500.000 a euro 15.900.000. Inoltre, si precisa che, dal 3 marzo 2014,
il Gruppo Triboo Media non è più soggetto all’attività di direzione e coordinamento da parte della
controllante Triboo S.p.A. (ora azionista di maggioranza) e agisce autonomamente per quanto
riguarda la direzione del business societario e delle proprie controllate.
Il programma di acquisizioni previsto dopo la raccolta di capitale è già stato messo in atto con
l’acquisizione del 100% del Gruppo HTML.IT, una delle principali realtà editoriali del web italiano,
effettuato in data 25 giugno 2014, con effetto retroattivo dal 1 gennaio 2014. Il presente bilancio
consolidato, pertanto, tiene conto anche del primo semestre (consolidato integralmente) del gruppo
acquisito. Il controvalore dell’operazione (in termini di equity value) è stato pari a 10,85 milioni di euro,
quasi totalmente versati al momento dell’acquisizione.
Il bilancio consolidato del Vostro Gruppo al 30 giugno 2014 registra un fatturato consolidato di 14,1
milioni di euro (10,8 milioni di euro nel 2013), un risultato ante imposte di 1,6 milioni di euro e un
risultato netto pari a 0,9 milioni di euro (1,5 milioni di euro nel 2013). L’operazione di quotazione, così
come l’acquisizione della gruppo editoriale, hanno comportato costi non ricorrenti aggiuntivi per euro
2,1 milioni, che hanno avuto un effetto a conto economico, di tipo non ricorrente, per euro 0,77 milioni
sul presente bilancio consolidato.
7
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Al 30 giugno 2014, il Gruppo presenta una posizione finanziaria netta consolidata positiva pari a 12
milioni di euro (pari a 0,43 milioni a fine 2013). Le disponibilità liquide sono positive e pari a 12,2
milioni di euro, rispetto ai 0,78 milioni di euro a fine 2013.
Tali risultati sono stati ottenuti operando sul mercato della pubblicità su internet, segmento in cui il
Gruppo Triboo Media svolge l’attività di concessionaria di pubblicità ed editoria on line, concentrandosi
principalmente sul mercato italiano e annoverando tra i propri clienti sia Centri Media che clienti
diretti di primaria importanza.
La configurazione dell’organizzazione del Gruppo ruota attorno alla Triboo Media, società
Capogruppo, che controlla al 100% la Società Leonardo ADV S.r.l. (di seguito anche solo Leonardo
ADV) concessionaria di pubblicità attiva nell’area web advertising, al 100% la società Triboo Editoriale
S.r.l. (società che gestisce il network di editori facenti parte del portale “Leonardo.it”, di seguito anche
solo Triboo Editoriale) e, dal 25 giugno 2014, al 100% la società HTML.IT S.r.l. la quale controlla al
100% le società Codebrain S.r.l. e TAG Advertising S.r.l. (di seguito anche solo HTML o Gruppo HTML).
L’acquisizione di HTML rappresenta l’estensione e il rafforzamento del Gruppo Triboo Media in campo
editoriale: grazie ai siti editoriali proprietari di successo come HTML (http://www.html.it/), motori
(http://www.motori.it/), agrodolce (http://www.agrodolce.it/), PMI (http://www.pmi.it/), gravidanza on
line
(http://www.gravidanzaonline.it),
webnews.it
(http://www.webnews.it/)
e
greenstyle
(http://www.greenstyle.it/), il Gruppo ha potenziato la sua offerta commerciale pubblicitaria nei siti
editoriali verticali dove precedentemente non aveva un forte posizionamento in termini di traffico.
L’esperienza più che decennale di HTML rappresenta oggi una nuova opportunità di crescita,
avvalorata ulteriormente da un management esperto nella creazione e gestione di prodotti editoriali
di successo e nella vendita di prodotti pubblicitari costruiti ad hoc e ad essi correlati.
All’interno del contesto dinamico in cui si trova, il Gruppo si è sempre distinto per l’innovazione e per
l’anticipazione dei cambiamenti di mercato, attraverso uno sviluppo costante del proprio business sia
per linee interne che esterne. E’ stata la prima realtà italiana a lanciare, nel 2005, un circuito
performance dotato di tecnologia proprietaria. Si è distinta nell’anticipare l’esigenza di unire servizi di
branding e performance, intuendo l’evoluzione che si sarebbe verificata nel modo di pianificare le
campagne da parte dei clienti. Avendo introdotto anche nel mondo Brand, algoritmi in grado di ridurre
al minimo la dispersione pubblicitaria, l’offerta pubblicitaria del Gruppo garantisce quindi, a parità di
investimento, risultati e conversioni superiori rispetto ai competitors più tradizionali. L’offerta
8
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
pubblicitaria è in continua evoluzione e il Gruppo HTML oggi è in grado di offrire un mix di prodotti sia
a livello Brand che a livello Performance grazie anche a una continua evoluzione dei prodotti esistenti
e creazione di nuovi e innovativi formati pubblicitari.
Durante il 2013, inoltre, con l’inclusione dell’attività editoriale accanto a quella di concessionaria, il
Gruppo Triboo Media ha ripensato la sua proposta commerciale lanciando una nuova tipologia di
campagna pubblicitaria denominata “Progetto Speciale”. Unendo le competenze tecnologiche, di
marketing e redazionali del Gruppo Triboo Media, il “Progetto Speciale” offre una soluzione integrata
alle esigenze dei clienti, tramite un mix di campagne Brand e Performance arricchito da articoli
redazionali, attività sui social network e creazione di mini-siti web dedicati alla campagna del cliente.
Il fine ultimo del “Progetto Speciale” è dare l’opportunità ai clienti del Gruppo di interagire con i
destinatari della pubblicità sfruttando tutte le possibilità offerte dai nuovi media-trend di internet
come i video, i social network, e la connessione tramite dispositivi mobili. Da un punto di vista
competitivo, grazie anche all’acquisizione di HTML, l’offerta del Gruppo si è resa quindi ancor più
onnicomprensiva, , in particolare per quanto riguarda i progetti speciali dove HTML attraverso siti
verticali leader di settore presenta una quota consistente del fatturato generata attraverso la vendita
di “Progetti Speciali” tailor made
Triboo Media S.p.A. svolge attualmente un ruolo di holding di partecipazioni e in qualità di capogruppo
offre altresì servizi di management, tecnologici e di consulenza strategico-commerciale. I prospetti
che seguono forniscono una rappresentazione della situazione patrimoniale, finanziaria ed economica
del Gruppo Triboo Media al 30 giugno 2014 secondo i criteri di misurazione e valutazione previsti dagli
IFRS adottati dall’Unione Europea.
I dati contenuti nella presente Relazione sulla Gestione sono espressi in migliaia di euro, salvo ove
specificamente indicato.
9
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
1. Scenario di mercato e posizionamento del Gruppo
Il contesto competitivo in cui opera il Gruppo è dato dai principali editori multi mezzo nazionali nonché
dai media player digitali internazionali e locali. Si presenta di seguito una breve analisi delle tipologie
di prodotti offerti in questo mercato e del contesto di mercato pubblicitario internazionale e nazionale.
Analisi dei prodotti pubblicitari digitali
I prodotti pubblicitari on line possono essere classificati come segue:
•
Il display advertising identifica le campagne promozionali che mostrano annunci pubblicitari su
siti o pagine web capaci di attrarre il medesimo target di utenza per il quale è stato concepito
l’annuncio. Il display advertising concepisce l’annuncio pubblicitario in vari formati: banner,
bottoni, moduli, video streaming, ma anche mini-siti sviluppati ad hoc per campagne
particolari. In una campagna di display advertising, l’annuncio viene sempre accompagnato da
un’immagine: un logo, una mappa, una fotografia, un disegno, un video. L’immagine può
mostrarsi statica oppure dinamica. Caratteristica indispensabile di un display ad è
l’immediatezza: l’annuncio deve catturare l’attenzione dell’utente in pochi secondi. Per farlo,
deve necessariamente utilizzare messaggi concisi e diretti, immagini accattivanti o stream
audio/video di durata massima pari a 30 secondi. I messaggi promozionali, oltre che tramite i
vari strumenti sopraelencati, possono anche essere indirizzati al proprio target di utenza
attraverso la posta elettronica. L’email marketing rientra nelle strategie di marketing diretto e
sembra piacere molto alle aziende per i suoi costi contenuti oltre che per l’immediatezza nella
trasmissione dei messaggi. In molti casi, l’email marketing ha sostituito le strategie di
marketing diretto che utilizzano supporti cartacei. L’email marketing è facilmente tracciabile
ovvero consente a chi gestisce la campagna promozionale di conoscere in tempo reale il
numero di utenti che ha visualizzato il messaggio.
•
Il search marketing, invece, comprende tutte le campagne pubblicitarie svolte sui motori di
ricerca come google o yahoo. Comparire nelle prime posizioni dei principali motori di ricerca
ed entrare in contatto con l’utente nel momento in cui egli ha mostrato un interesse
particolare per i prodotti o i servizi dell’inserzionista significa trovarsi già a buon punto nel
processo di vendita on line. E’ evidente, tuttavia, che il posizionamento da solo non basta: una
campagna di search marketing dovrebbe curare anche quella fase del processo di acquisto che
comincia quando il cliente potenziale è approdato sul sito web dell’advertiser stesso.
•
Le classified directories, infine, corrispondono gli annunci promozionali offline che, nel mondo
10
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
di internet, vengono classificati in categorie e pubblicati all’interno di annuari, elenchi e guide
tematizzate fornendo informazioni dettagliate su società, enti, organizzazioni, associazioni,
professionisti, industrie, aziende, servizi, ecc.
Le campagne pubblicitarie del Gruppo Triboo Media sono legate ai prodotti display e possono a loro
volta essere suddivise, a seconda delle modalità con cui vengono remunerate, in campagne brand e
performance.
I prodotti cosiddetti brand sono legati a un modello di remunerazione semplice basato sul numero di
visualizzazioni della pubblicità o “a tempo”. Si tratta di prodotti solitamente utilizzati per creare
consapevolezza intorno al messaggio della campagna, sia questa un’offerta di sconto, un prodotto, un
evento o un marchio (il nome deriva infatti da brand awareness, ossia la notorietà del marchio). Il
relativo sistema di remunerazione viene solitamente misurato in RPM (revenue per mille) ossia ricavi
per ogni mille visualizzazioni del messaggio pubblicitario. In altri casi la remunerazione prevista può
essere legata al tempo di esposizione del messaggio pubblicitario.
I prodotti performance, invece, sono legati a un modello di remunerazione più complesso in base al
quale la remunerazione stessa viene misurata in relazione alla conversione di una semplice visita di
un sito web in un’azione compiuta da parte del destinatario della pubblicità. È un tipo di campagna
pubblicitaria che spesso ha come fine la vendita di un prodotto, la raccolta di informazioni o
semplicemente lo studio su dati raccolti tramite la stessa. I relativi sistemi di remunerazione della
campagna sono revenue per click (RPC), remunerazione basata sull’interazione semplice del cliente
tramite click (ad esempio: la selezione del messaggio pubblicitario) e il revenue per action (RPA),
remunerazione per interazione complessa (c.d. affiliazione) eseguita dal destinatario della pubblicità
(ad esempio l’acquisto di un prodotto o la compilazione di un modulo).
Le campagne DEM, sono realizzate tramite l’invio di posta elettronica, utilizzando tecnologie
proprietarie e di terzi che permettono l’invio massivo di mail, la predizione e la registrazione dei
risultati della campagna pubblicitaria. Il prodotto DEM è incentrato sull’utilizzo della posta elettronica
come strumento di esecuzione della campagna pubblicitaria. All’interno della mail si possono
prevedere un’ampia gamma di messaggi e formati (es. newsletter o immagini). Storicamente il
sistema di remunerazione associato alle DEM è sempre stato il cosiddetto costo per mille (CPM),
11
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
ovvero la visualizzazione/invio della e-mail, tuttavia, seguendo la domanda di mercato, l’offerta del
servizio mail marketing da parte del Gruppo si sta sempre più avvicinando alla vendita a performance,
identificando la mail solamente come uno strumento alternativo al formato display ads.
Come spiegato in precedenza, a partire da fine 2013 il Gruppo ha ampliato la propria proposta
commerciale lanciando una nuova tipologia di campagna pubblicitaria denominata Progetto Speciale.
Unendo le competenze tecnologiche, di marketing e redazionali del Gruppo, il Progetto Speciale offre
una soluzione “su misura” che permette di soddisfare le richieste dei clienti più esigenti. Sfruttando
tutti i prodotti pubblicitari del gruppo in un mix di campagne Brand e Performance, si arriva a proporre
una campagna complessa e specifica supportata da articoli redazionali dedicati, attività sui social
network e creazione di mini-siti web dedicati alle singole campagne del cliente.
Con l’inclusione di HTML, le due anime del Gruppo – Advertising (Pubblicità) e Publishing (Editoria) –
si fondono dando vita a tre diversi profili commerciali ed editoriali:
1. il PERFORMANCE Network, rappresentato da quasi 1.500 siti aggregati, dove i prodotti
pubblicitari vengono venduti soprattutto secondo logiche a performance. Il network, composto
da una serie di editori indipendenti, è in continua espansione e rinnovamento e, grazie alla sua
grande varietà di contenuti organizzati in aree tematiche verticali, permette di sfruttare al
meglio le tecnologie di profiling e targeting del Gruppo, massimizzando la redditività
dell’investimento degli inserzionisti.
2. Il LEONARDO Network, che raggruppa attorno al portale proprietario Leonardo.it alcuni tra i
siti editoriali indipendenti più visualizzati nel panorama italiano. Gli editori sono legati al
Gruppo da contratti di esclusiva pluriennali e rappresentano uno dei bacini più efficaci per le
campagne di tipo brand, potendo contare su volumi di traffico che superano i 250.000.000 di
visualizzazioni al mese.
3. L’HTML Network, che ruota attorno ai prodotti editoriali proprietari del Gruppo Triboo Media,
caratterizzati da una forte specializzazione organizzata in siti verticali divisi per aree
tematiche. Questa realtà, di recente inclusione all’interno del Gruppo, sfruttando al meglio le
sinergie, permetterà l’erogazione di Progetti Speciali di grande impatto, grazie a competenze
editoriali e di vendita focalizzate e specializzate in questa tipologia di prodotti.
12
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Analisi del mercato pubblicitario globale
Secondo l’opinione degli esperti di mercato1, nel corso dei prossimi tre anni il mercato dell’advertising
globale continuerà a rafforzarsi, con previsioni di crescita della spesa pubblicitaria globale pari al
5,5% nel 2014, al 5,8% nel 2015 e al 6,1% nel 2016. L’andamento positivo previsto sarà principalmente
dovuto al miglioramento della situazione macroeconomica globale, alla ripresa dei consumi,
all’evoluzione dei mercati emergenti e al ruolo predominante di internet rispetto agli altri canali
pubblicitari come motore e innovatore del mercato dell’advertising in generale.
La maggior fiducia degli inserzionisti nella zona euro viene confermata da un’evidente ripresa degli
investimenti, da un contesto economico più stabile e da meno probabilità di shock negativi a livello
mondiale. Il periodo negativo, sfociato in una contrazione del mercato di circa il 15% dal momento
dell’inizio della crisi finanziaria nel 2007, sembra quindi essere terminato. Nell'Eurozona la spesa in
pubblicità si è ridotta del 3% nel 2013, scontando un primo semestre particolarmente negativo
contrapposto a una crescita concentrata nella seconda parte dell'anno. La Finlandia, l'Italia e la
Grecia sono ancora in una fase di assestamento della decrescita (principalmente a seguito della
diminuzione degli investimenti nei canali tradizionali), ma la situazione dovrebbe stabilizzarsi entro
l'anno prossimo.
La televisione resta ancora il mezzo pubblicitario dominante, attirando il 40% della spesa
pubblicitaria, quasi il doppio di internet (che raggiunge al momento una quota pari al 21% del mercato
pubblicitario globale). Ciononostante, a livello globale Internet è il canale in più rapida ascesa (+ 16,2%
nel 2013) e si prevede una crescita media del 16% annuo tra il 2014 e il 2016, con una conseguente
diminuzione del gap tra i due canali in termini di investimento. Tra i vari prodotti dell’advertising on line
la tipologia che registrerà gli aumenti più significativi sarà il display con risultati in crescita per circa il
21% all’anno fino al 2016. Il display classico (rappresentato dal banner e dagli altri formati standard) è
previsto in crescita del 16% all'anno, spinto dalla rivoluzione dell’acquisto programmatico, che
fornisce alle agenzie e agli inserzionisti un maggiore controllo e un maggiore valore aggiunto. Il
display è inoltre spinto nella sua crescita dal formato video (23% all'anno) e dal formato mobile2 (50%
all’anno). In particolare, si stima che il mobile andrà a sorpassare radio, riviste e outdoor per
diventare, entro il 2016 il quarto più diffuso media al mondo.
1
2
Fonte dati di mercato: ricerche effettuate da ZenithOptimedia Group, eMarketer Inc.
con formato mobile si intendono tutti i formati visualizzabili sugli apparecchi mobili come smartphone o tablet
13
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Analisi del mercato pubblicitario italiano
Nonostante un risultato negativo pari al -2,4% rispetto al 2013, il 2014 rispetta le previsioni e si
conferma un anno di transizione per il mercato degli investimenti pubblicitari. La leggera decrescita
mostra un trend positivo, soprattutto se confrontata al dato del 2013 par al -17,4%. La crisi che ha
colpito il mercato, il peggioramento delle condizioni macroeconomiche, e la conseguente contrazione
dei consumi e della produzione industriale in Italia e in Europa, continuano ad avere l’effetto di ridurre
gli investimenti nel settore pubblicitario. Gli investimenti pubblicitari, infatti, storicamente seguono
l’andamento dei consumi e ne subiscono le fluttuazioni.
Dal punto di vista macroeconomico il primo semestre del 2014 chiude con un prodotto interno lordo
ancora in contrazione (-0,2% rispetto allo stesso periodo nell’anno precedente). Un segnale di
speranza e di inversione di tendenza, soprattutto se paragonato al -2,4% del 2012 e all’-1,6% del 2013.
L’indice di fiducia dei consumatori italiani, un indice che misura le aspettative sulle condizioni attuali e
future dell’economia, è balzato in avanti di ben 6 punti, portandosi a quota 51. Si tratta
dell’incremento più alto nella zona euro, trainato dai segnali di ripresa a livello internazionale. Il
contesto socio economico resta difficile, soprattutto per quanto riguarda gli indici di disoccupazione
giovanile, ma il punto di svolta sembra essere sempre più vicino3.
Stima del mercato pubblicitario
(Dati netti)
(Migliaia di Euro)
TOTALE PUBBLICITA’
QUOTIDIANI ¹
PERIODICI ¹
TV ²
RADIO ³
INTERNET (Fonte: FCPAssointernet)
OUTDOOR (Fonte:AudiOutdoor)
TRANSIT
OUT OF HOME TV
CINEMA
DIRECT MAIL
3
2013
Gen./Giu.
2014
Gen/Giu.
Var.%
3.355.358
462.862
279.852
1.897.337
184.128
3.275.035
414.746
249.024
1.922.055
178.797
-2,4
-10,4
-11
1,3
-2,9
240.198
240.514
-0,1
40.285
47.409
8.144
12.044
183.098
41.999
45.333
7.545
8.275
166.646
4,3
-4,4
-6,1
-31,3
-9
Fonte dati di mercato: Nielseninsight research - The Nielsen Company (Italy) S.r.l
14
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Come rappresentato nella tabella precedente la TV sta approfittando di un semestre particolarmente
positivo, con una crescita del 1,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Questa crescita,
che in valore assoluto si attesta a 36,2 milioni, è in larga parte dovuta agli investimenti legati ai
mondiali di calcio in Brasile. I quotidiani chiudono il semestre con una flessione del 10,4% nonostante
un mese di giugno in crescita di 1,6 milioni. I periodici non sono riusciti a trarre profitto dall’aumento
degli investimenti legati ai mondiali e fanno segnare un -10,4% sul semestre, con un giugno in perdita
di 3,1 milioni di euro. Continuano i trend negativi di radio (-2,9%) e direct mail (-9,0%). Il cinema si
conferma come il media peggiore chiudendo il semestre con un crollo del -31,3%.
Questa prima metà del 2014 si fa manifesto di un momento economico transitorio, da un andamento
di borsa altalenante che riflette le incertezza sul clima socio-politico-economico, ma fa anche sperare
in una ripresa ormai sempre più vicina.
Internet chiude il semestre in sostanziale pareggio, pagando la frenesia legata ai mondiali di calcio in
Brasile, che ha dirottato una grossa fetta dei budget pubblicitari sul mezzo televisivo, che resta il
canale di comunicazione preferito per la comunicazione legata alle manifestazioni sportive. Così come
in altri paesi del mondo, anche in Italia, Internet è ormai parte integrante della quotidianità, ma anche
delle pianificazioni strategiche delle aziende, che investono sempre più in pubblicità on line. A livello di
consumi, inoltre, è in atto uno spostamento dell’audience, dalla televisione al PC e dal PC verso il
mobile, che si spiega con la crescente diffusione di connected device (smartphone e tablet). Anche se i
numeri dell’advertising non sono ancora tornati del tutto in positivo permangono comunque, forti
differenze tra i diversi mezzi e player. I dati relativi alla prima parte dell'anno consentono comunque di
vedere come superata la parte peggiore della crisi, seppur il mercato rimanga ancora in terreno
incerto.
Evoluzione del mercato di riferimento
Nonostante i dati negativi di mercato il Gruppo non ha smesso di crescere neanche in quest’ultimo
semestre. A fronte di una diminuzione del 2,4% dei budget pubblicitari italiani il Gruppo ha comunque
registrato, confermando il trend degli ultimi tre anni e mezzo, una crescita superiore rispetto a quella
registrata dal mercato.
15
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
La pubblicità on line continua ad attirare contemporaneamente gli investimenti pubblicitari delle startup e delle aziende multinazionali, permettendo di raggiungere un pubblico nazionale con un budget
programmabile e variabile.
Il Gruppo in questi ultimi sei mesi ha continuato a consolidare il suo ruolo tra i principali operatori
pubblicitari nel mercato italiano.4.
La base della crescita prevista dei prossimi anni continua a essere costituita dalle componenti più
innovative del mondo pubblicitario on line, definite new media. Il maggiore incremento dei ricavi
pubblicitari all’interno del comparto internet è dovuto alla crescita dei ricavi ottenuti tramite
smartphone, tablet, applicazioni, social network e video.
Con il fine ultimo di continuare a migliorare il solido posizionamento di mercato raggiunto,
mantenendo un trend di crescita paragonabile a quello registrato nei periodi precedenti, il Gruppo
continua ad investire in sviluppo tecnologico e si sta attrezzando, anche tramite una campagna di
future fusioni e acquisizioni, per lo sviluppo dei prodotti connessi ai sopraccitati new media.
4
Fonte dati di mercato: Nielseninsight research - The Nielsen Company (Italy) S.r.l
16
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
2. Fatti di rilievo del periodo
struttura del Gruppo
dicembre 2013
struttura del Gruppo
giugno 2014
17
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Nel corso del primo semestre 2014 sono state effettuate una serie di operazioni collegate alla
razionalizzazione della struttura societaria e organizzativa. Il 1° gennaio 2014 è avvenuto il
trasferimento di 2 dipendenti dalla controllante Triboo S.p.A. alla controllata Leonardo ADV S.r.l.; più
precisamente due impiegati amministrativi cui in precedenza i loro costi venivano ribaltati. Oltre a
questo trasferimento, come si evince dallo schema precedente, sono state effettuate una serie di
operazioni che hanno modificato sostanzialmente la struttura del gruppo:
Trasformazione della forma giuridica e cambiamento denominazione sociale della capogruppo
Il 6 febbraio 2014 si è proceduto alla trasformazione della forma giuridica da società a responsabilità
limitata a società per azioni con i conseguenti cambiamenti di denominazione sociale della
capogruppo JUICEADV S.r.l., divenuta Triboo Media S.p.A., contestualmente all’aumento del capitale
sociale gratuito, attingendo dalle riserve disponibili, da euro 23.529 a euro 10.500.000.
Quotazione di Triboo Media S.p.A.
Si ricorda che Triboo Media S.p.A., ha iniziato nel corso del 2013 il processo di ammissione alla
quotazione sul mercato AIM Italia, conclusosi il 7 marzo 2014 con la quotazione ufficiale su tale
mercato. Le contrattazioni del titolo sono poi cominciate in data 11 marzo 2014. L’operazione ha
portato alla sottoscrizione da parte di investitori istituzionali di 5.400.000 azioni di nuova emissione
con valore nominale pari ad un euro. Il valore delle azioni in sede di IPO è stato fissato a 4 auro. Il
capitale sociale deliberato, sottoscritto e versato è passato quindi da euro 10.500.000 a euro
15.900.000.
Acquisto della quota di Adriano Cotella in Triboo Editoriale
Il 19 marzo 2014 è stato acquistata la rimanente quota dell’1,54% della controllata Triboo Editoriale
S.r.l. dall’ex socio Adriano Cotella, per un valore di Euro 240.000.
Acquisizione del Gruppo HTML.IT
Il 25 giugno 2014, Triboo Media S.p.A. ha acquisito il 100% di HTML, una delle principali realtà
editoriali del web italiano. Il controvalore dell’operazione (in termini di equity value) è stato pari a 10,85
milioni di euro. L'integrazione dei due gruppi, a livello operativo, verrà realizzata nel corso del
secondo semestre del 2014 e si concluderà nei primi mesi del 2015. Come anticipato nei precedenti
paragrafi, HTML.IT è una realtà italiana attiva principalmente nel settore dell’editoria on line,
18
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
attraverso nove siti tematici di proprietà, che propongono contenuti editoriali originali ed eterogenei,
complementari alle aree editoriali già coperte da Triboo Media, che aggiunge con questa operazione
un forte presidio dei settori automotive, tech, food e business attraverso brand editoriali autorevoli e
consolidati. HTML.IT, in aggiunta, svolge attività di concessionaria pubblicitaria on line sui brand di
proprietà attraverso la controllata TAG Advertising S.r.l., contando oltre 200 clienti nel mondo
dell’advertising. Codebrain S.r.l., società specializzata nello sviluppo tecnologico per il web e il
mobile, è la terza realtà del gruppo acquisito.
19
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
3. Andamento della gestione del Gruppo
Nonostante il persistere di una accentuata recessione in molti paesi dell’area Euro, ed in particolare
della difficile situazione economica in Italia, anche nella prima metà dell’esercizio 2014 il Gruppo ha
conseguito importanti risultati, confermando le aspettative di crescita dei ricavi e segnando risultati
positivi a livello di redditività operativa.
I ricavi operativi del semestre si sono attestati a 14,1 milioni di euro, con una crescita di 3,3 milioni di
euro rispetto al dato 2013, pari al 31%. La crescita, in percentuale, è stata maggiore rispetto a quella
fatta registrare dal mercato di riferimento ed è stata resa possibile, oltre che dall’acquisizione di
HTML, dalla continua innovazione tecnologica e di prodotto che caratterizza il Gruppo.
Il risultato operativo lordo (EBITDA) e l’utile netto, sono stati rispettivamente pari a 2,1 e 0,9 milioni di
euro; influenzati dai costi non ricorrenti legati alla quotazione e all’acquisizione di HTML.IT, pari a 0,77
milioni di euro, interamente iscritti a conto economico nel presente esercizio. Senza considerare tali
costi, i risultati del periodo sarebbero pari a 2,8 e 1,6 milioni di euro (rispettivamente per quanto
riguarda l’EBITDA e il Risultato Netto).
4. Sintesi dei dati economici
Euro/000
Principali indicatori economici
Ricavi operativi
EBITDA
Costi di quotazione
EBITDA adjusted
Ammortamenti riv./ sva. , acc.
EBIT
EBIT adjusted
Risultato prima delle imposte
Risultato prima delle imposte adjusted
Risultato netto consolidato adjusted
Risultato netto consolidato
30/06/2014
14.095
2.094
%
30/06/2013
100%
10.755
15%
2.115
%
100%
20%
Variaz.
3.340
(22)
Var. %
31%
-1%
709
2.803
5%
20%
2.115
0%
20%
709
687
32%
(499)
1.595
-4%
11%
(266)
1.849
-2%
17%
(233)
(254)
87%
-14%
2.303
16%
1.849
17%
454
25%
1.566
11%
2.234
21%
(668)
-30%
2.274
1.596
16%
11%
2.234
1.552
21%
14%
41
44
2%
3%
887
6%
1.552
14%
(665)
-43%
I ricavi totali consolidati del Gruppo ammontano a 14,1 milioni di euro nel primo semestre del 2014,
con una crescita significativa del 31% rispetto all’anno precedente. La composizione dei ricavi relativi
ai semestri chiusi al 30 giugno 2014 e al 30 giugno 2013 è di seguito rappresentata solo per categorie
di attività, in quanto la loro suddivisione per area geografica appare scarsamente significativa per la
concentrazione della quasi totalità della clientela sul territorio italiano.
20
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Euro/000
Descrizione ricavi
Brand
Performance
Corsi di Formazione
Ricavi Operativi
Altri ricavi
Totale ricavi
30/06/2014
7.360
6.653
82
14.095
102
14.197
%
51,8
46,9
0,6
99,3
0,7
100,0
30/06/2013
5.687
5.068
10.755
25
10.780
%
52,8
47,0
99,8
0,2
100,0
Variaz.
1.673
1.586
82
3.340
77
3.417
Var. %
29,4
31,3
n.a.
31,1
306,6
31,7
Nel 2014 il Gruppo continua a rafforzare il posizionamento nel segmento brand, entrato nelle attività
del gruppo a seguito dell’acquisizione della concessionaria Leonardo ADV S.r.l. nel 2011. La vendita di
campagne brand ha contribuito alla crescita dei ricavi complessivi per 1,7 milioni di euro. I ricavi di
questa categoria ammontano a 7,3 milioni di euro nel primo semestre dell’esercizio, con un
incremento del 29,4% rispetto allo stesso periodo del 2013, e rappresentano la componente
predominante, pari al 51,8% (52,75 nel H1 2013 e 52,97% nel H1 2012), dei ricavi consolidati al 30
giugno 2014.
Le campagne performance, che comprendono anche le attività di vendita automatizzate in real time
bidding, si confermano come seconda attività del Gruppo, raggiungendo un totale di 6,7 milioni di euro,
con un incremento del 31,3% rispetto al 2013.
Il risultato positivo raggiunto da queste due prime categorie di prodotto riflette la giusta scelta
strategica intrapresa dal Gruppo di focalizzare lo sviluppo sui servizi a maggior potenziale di crescita.
Con l’inclusione di HTML, i ricavi collegati alla email venduta a performance aumentano di 0,8 milioni.
Grazie alle anagrafiche generate tramite i siti proprietari, HTML è da sempre in grado di valorizzare il
prodotto DEM tramite un elevata profilazione dei database email. Il prodotto DEM, infatti, viene
richiesto sempre più in un’ottica performance, venendo remunerato, quindi, non tanto per il numero di
email inviate ma per le interazioni generate in seguito all’invio. Ciononostante, grazie alle competenze
tecnologiche del Gruppo.
La Formazione, infine, è una nuova categoria di prodotto non rappresentate nello studio dei ricavi del
periodo precedente, facente parte di una linea di business storica di HTML consistente nella vera e
propria erogazione di corsi di formazione in ambito di programmazione, manageriale, sicurezza
aziendale e altre tematiche.
21
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
L’EBITDA adjusted del Gruppo del primo semestre dell’esercizio 2014 si attesta a 2,8 milioni di euro, in
forte aumento rispetto al dato 2013 quando lo stesso indicatore misurava 2,1 milioni di euro, con una
variazione positiva del 32%. Il margine operativo lordo rappresenta il 20% dei ricavi consolidati, in
linea con i risultati del precedente esercizio, nonostante i costi del personale in aggiunta che si sono
resi necessari a seguito della quotazione e per supportare la crescita del business.
I costi inerenti gli ammortamenti, le svalutazioni e gli accantonamenti del primo semestre 2014
ammontano a complessivi 499 mila euro, contro i 266 mila euro del primo semestre 2013. Al 30
giugno 2014 gli ammortamenti rappresentano il 2,9% dei ricavi del Gruppo, contro l’1,06% del 2013.
L’aumento degli investimenti e degli ammortamenti influiscono sul risultato netto consolidato,
portando l’incidenza del valore adjusted sui ricavi dal 14% all’11%.
22
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
5. Sintesi dei dati patrimoniali
Euro/000
Principali indicatori patrimoniali
CCN operativo
Attività materiali
Attività immateriali
Avviamenti e partecipazioni
Altre attività/(passività) nette
Altre attività/(passività) nette non correnti
Capitale investito
Posizione finanziaria netta
Patrimonio netto consolidato
30/06/2014
4.558
266
11.945
9.800
(1.277)
150
25.442
12.039
37.481
31/12/2013
3.223
90
11.178
1.926
(996)
358
15.756
426
16.183
Variaz.
1.334
176
767
7.873
(281)
(208)
9.685
11.613
21.298
Var. %
41%
196%
7%
409%
28%
-58%
61%
2725%
132%
Il Capitale investito del primo semestre 2014 è pari a euro 25,4 milioni contro euro 15,7 milioni del
precedente esercizio. Gli investimenti destinati in attività materiali e immateriali a vita utile definita
effettuati nel corso del 2014 si riferiscono principalmente:
a) per 293 mila euro, a costi di sviluppo sostenuti internamente per alcuni progetti legati allo
sviluppo di architetture software, pagine web, prodotti pubblicitari digitali e prodotti editoriali;
b) per 330 mila euro, a costi di acquisto relativi ai database di contenuti editoriali necessari per
poter sviluppare i siti editoriali proprietari;
c) per 135 mila auto, a costi di acquisto relativi alle anagrafiche mail necessarie all’attività di
email marketing;
d) per 46 mila euro, a costi per l’implementazione del sistema amministrativo e gestionale ERP,
entrato in funzione nel gennaio 2012 (Microsoft AX);
La rimanente parte riguarda l’acquisto delle licenze software necessarie all’operatività del Gruppo e
lo sviluppo del sito istituzionale della capogruppo.
La restante quota degli investimenti del periodo è riconducibile all’incremento dell’avviamento dovuto
alla differenza di consolidamento della partecipazione in HTML.it per 7.873.205.
Anche nel 2014 è proseguito lo sviluppo interno di piattaforme software destinate al monitoraggio e
alla reportistica riferita agli utenti dei siti gestiti in concessione pubblicitaria. La struttura
organizzativa e gli investimenti del Gruppo permetteranno di affrontare il 2014 e i prossimi anni
presidiando tutte le linee di business a maggior crescita del mercato pubblicitario.
23
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
6. Sintesi dei dati finanziari
Euro/000
Posizione finanziaria netta
Attività finanziarie correnti
Disponibilità liquide
Crediti finanziari correnti
Liquidità e crediti finanziari
Passività finanziarie correnti
Anticipazioni su conto corrente e debiti finanziari per leasing
Altri debiti finanziari correnti
Quota corrente indebitamento a m/l termine
Indebitamento finanziario corrente
30/06/2014
31/12/2013
12.232
254
12.487
var. 2014/2013
781
208
989
11.451
46
11.498
(37)
(411)
(448)
(563)
(563)
526
(411)
115
Posizione finanziaria netta a breve
12.039
426
11.612
Passività finanziarie non correnti
Indebitamento a m/l termine
Indebitamento finanziario non corrente
Posizione finanziaria netta
12.039
426
11.612
La posizione finanziaria netta del Gruppo al 30 giugno 2014 è pari a 12 milioni di euro, con una
variazione positiva di 11 milioni di euro rispetto al dato di inizio esercizio. Ad attività liquide ed altre
attività finanziarie correnti per circa 12,5 milioni di euro si contrappongono passività per circa 0,5
milioni di euro, rappresentate dal debito attualizzato verso il fondatore di HTML e attuale
amministratore di Triboo Media, Massimiliano Valente per una parte di corrispettivo previsto secondo
i termini del contratto di acquisto di HTML.it. e dal debito della Capogruppo verso gli ex
amministratori per il TFM maturato e non ancora liquidato alla data del 30 giugno 2014.
Euro/000
Rendiconto Finanziario
Risultato Netto dell'esercizio
Poste non monetarie
Cash flow
Variazione CCN Operativo
Cash flow operativo
Cash flow generato (assorbito) da attività d'investimento
Cash flow generato (assorbito) da attività di finanziamento
Cash flow generato (assorbito) nell'esercizio
Disponibilità liquide all'inizio del periodo
Disponibilità liquide alla fine del periodo
Variazione delle disponibilità liquide nel periodo
30/06/2014
887
551
1.438
(719)
719
(9.160)
19.893
11.451
781
12.232
11.451
31/12/2013
2.479
1.011
3.489
1.024
4.514
(10.883)
5.978
(391)
1.172
781
(391)
La variazione negativa del capitale circolante netto si riflette sul cash flow operativo del periodo che è
pari a 0,72 milioni di euro, contro un flusso positivo al 30 giugno 2013 di 4,5 milioni di euro.
L’assorbimento di cassa delle attività d’investimento è connesso principalmente all’acquisizione di
HTML.it mentre la generazione di cassa delle attività di finanziamento al processo di quotazione di
Triboo Media S.p.A.
24
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
7. Rapporti con parti correlate
Nel prospetto seguente, si riportano i dati sintetici al 30 giugno 2014, sia patrimoniali che economici,
che si riferiscono a rapporti intercorsi tra le diverse società che hanno fatto parte del Gruppo nel
corso di tale anno.
RAPPORTI CON PARTI
CORRELATE
al 30/06/2014
(dati in unità di euro)
CREDITI / DEBITI
Triboo Media S.p.A.
Leonardo ADV S.r.l.
Triboo Editoriale S.r.l.
HTML.it S.r.l.
Tag Advertising S.r.l.
Codebrain S.r.l.
MotorMag S.r.l.
R&B Junk S.a.g.l.
Leonardo Telefonia S.r.l.
Nomix S.r.l.
Meteo Italia S.r.l.
Filmup S.r.l.
Triboo S.p.A.
Triboo Digitale S.r.l.
TOTALE Crediti
RAPPORTI CON PARTI
CORRELATE
al 30/06/2014
(dati in unità di euro)
RICAVI/COSTI
Triboo Media S.p.A.
Leonardo ADV S.r.l.
Triboo Editoriale S.r.l.
HTML.it S.r.l.
Tag Advertising S.r.l.
Codebrain S.r.l.
MotorMag S.r.l.
R&B Junk S.a.g.l.
Leonardo Telefonia S.r.l.
Nomix S.r.l.
Meteo Italia S.r.l.
Filmup S.r.l.
Triboo S.p.A.
Triboo Digitale S.r.l.
TOTALE Ricavi
Triboo
Media
S.p.A.
Leonardo
ADV S.r.l.
Triboo
Editoriale
S.r.l.
HTML.it
S.r.l.
Tag
Codebrain
Advertising
S.r.l.
S.r.l.
R&B Junk
Meteo Italia
Nomix S.r.l.
S.a.g.l.
S.r.l.
Filmup
S.r.l.
Triboo
S.p.A.
Triboo
Digitale
S.r.l.
18.536
22.260
2.501
3.532.483
20.382
363
2.562
243.787
2.562
243.787
46.483
100.543
21.126
10.976
123.081
11.451
46.483
100.543
21.126
10.976
134.532
2.145.964
3.674
7.000
24.761
Triboo
Media
S.p.A.
71.421
156.655
257.647
Leonardo
ADV S.r.l.
15.185
3.547.668
2.145.964
Triboo
Editoriale
S.r.l.
HTML.it
S.r.l.
Tag
Codebrain
Advertising
S.r.l.
S.r.l.
20.382
R&B Junk
Meteo Italia
Nomix S.r.l.
S.a.g.l.
S.r.l.
Filmup
S.r.l.
15.000
139.946
6.150
2.971.107
46.718
94.648
43.318
16.046
284.772
102.146
46.718
94.648
43.318
402.964
29.874
7.843
2.100
282.000
2.100
282.000
Triboo
S.p.A.
99.337
12.001
111.338
3.011
124.536
150.390
2.971.107
1.409.202
29.874
18.536
3.698.207
193.442
246.349
2.145.964
3.674
7.000
86.606
156.655
6.556.430
Triboo
Digitale
S.r.l.
1.409.202
146.096
TOTALI
Debiti
TOTALI
Costi
31.046
3.525.036
312.824
284.100
1.409.202
3.011
124.536
5.689.755
Trattasi di:
• rapporti di natura commerciale;
• rapporti di natura finanziaria sottostanti la sottoscrizione di contratti che regolamentano la
gestione del consolidato.
Con le controparti in oggetto sono state effettuate operazioni relative alla normale operatività delle
singole entità componenti il gruppo. Non si evidenziano operazioni di carattere atipico o inusuale. Il
regolamento di tali transazioni avviene normalmente nel breve termine e i rapporti sono regolati da
normali condizioni di mercato.
25
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
8. Attività di sviluppo
Il Gruppo nel corso del primo semestre del 2014 ha svolto attività di R&S a favore di nuove soluzioni
tecnologiche in riferimento a linee di prodotti e metodologie di processo, con l’obiettivo di accrescere
la propria presenza e competitività sul mercato di riferimento.
Per poter garantire l’erogazione dei servizi riassunti precedentemente, il Gruppo si è dotato di una
serie di strumenti tecnologici all’avanguardia che, nonostante la loro comprovata efficienza,
richiedono, al fine di rimanere sempre aggiornati e performanti, continue lavorazioni e
implementazioni perfettive. I costi per la ricerca e sviluppo hanno assunto a partire dall’esercizio 2011
una rilevante importanza, in conseguenza della realizzazione operativa di progetti legati
all’ampliamento della gamma dei prodotti esistente destinati ad incrementare le motivazioni
d’acquisto dei clienti finali.
In particolare gli investimenti del Gruppo in attività di sviluppo hanno riguardato la capitalizzazione di
costi del personale interno delle controllate Leonardo ADV S.r.l. e HTML.IT S.r.l., impiegato nella
realizzazione e l’implementazione di tecnologie per l’erogazione ed il tracciamento delle campagne
pubblicitarie.
Nel corso dell'anno in esame sono state trattate molteplici tematiche, in termini di sviluppo
tecnologico, che hanno coinvolto fortemente le risorse aziendali. I progetti di ricerca e sviluppo sono
divisibili nelle seguenti categorie:
•
Progetti relativi all’EROGAZIONE DEI PRODOTTI
•
Progetti relativi al CoREG
•
Progetti relativi ai NUOVI PRODOTTI ADVERTISING
•
Progetti relativi ai TOOL DI LEONARDO.IT
•
Progetti relativi all’attività EDITORIALE
26
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Erogazione dei Prodotti
Rientrano in questa categoria tutti gli sviluppi effettuati sugli adserver, sia proprietari che in uso, per
migliorare la gestione delle campagne e la profilazione degli utenti.
Progetti Sviluppati
Valore sviluppi
1H2014
Progetto Semantica
Progetto Behavioural
Progetto DART DFP
Progetto Mobile
Progetto Merchant Feed
Progetto Leonardo Manager
Totale
•
1.643
2.797
12.293
7.188
21.225
7.744
52.891
Totale
60.875
16.558
52.565
51.844
21.225
7.744
210.811
Il progetto Semantica
All’interno del Gruppo Triboo Media, dovendo gestire un insieme di più di 2.000 siti verticali sul
circuito performance, con milioni di pagine internet diverse, si sono dovute sviluppare delle tecnologie
che permettessero la trasformazione del network di siti in un ambiente dove i documenti pubblicati
(pagine HTML, file, banner, immagini, e così via) potessero essere associati ad informazioni e dati
(metadati) che ne specificassero il contesto semantico in un formato adatto all'interrogazione e
all'interpretazione. Più in generale, è diventato necessario elaborare automaticamente il contenuto
delle pagine, estraendo come risultato finale le categorie di appartenenza di ogni singolo documento
e le parole chiavi a maggior rilevanza e che meglio descrivono la categoria di appartenenza. Per
organizzare e migliorare l'erogazione della pubblicità, in particolare, poiché il cliente, comprando a
performance, si aspetta elevati risultati di conversione, il Gruppo ha voluto garantirsi di non disperdere
visualizzazioni (impressions), erogando la pubblicità solo sulle pagine dove si prevede che i visitatori
interagiranno con il banner del cliente.
In altre parole, la ricerca semantica utilizza l’intelligenza artificiale per collegare il corretto significato
della ricerca dell’utente, rappresentato dal contenuto della pagina che viene conseguentemente
visualizzata, con l’erogazione di un banner “adatto”, cercando di andare oltre alla semplice analisi dei
singoli termini, basandosi su contenuti affini e cercando di tramutare ogni impression in un’azione
(performance). Volontà aziendale è stata quella di giungere alla realizzazione di un prodotto tecnico e
al contempo efficace; la soluzione studiata e implementata, conseguentemente, presenta un elevato
grado di versatilità venendo applicata su tutte le pagine in gestione alla concessionaria arrivando a
27
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
catalogare, in pochi mesi dal go live, diversi milioni di indirizzi web sui quali ricorrentemente gli utenti
navigano.
Con questo prodotto, sottoposto a un processo di continuo perfezionamento ed evoluzione, il Gruppo
ritiene di poter aumentare il vantaggio competitivo rispetto ai propri concorrenti e rafforzare il proprio
posizionamento di mercato, ottenendo conseguenze positive sia in termini di crescita dei ricavi che di
efficienza nella delivery delle campagne pubblicitarie commissionate dai clienti. L'integrazione di una
piattaforma dotata di algoritmo semantico è stata realizzata con personalizzazioni ad hoc per le
esigenze del mercato pubblicitario in cui il Gruppo opera. Questo processo ha permesso di sviluppare
un servizio in grado di ottimizzare al massimo l’investimento di marketing dei clienti in maniera
personalizzata e indirizzata verso i segmenti di mercato che si desidera vengano raggiunti dalla
campagna pubblicitaria.
•
Il progetto Behavioural
Nel corso del 2012, il Gruppo ha intrapreso una strategia di sviluppo e lancio di prodotti tecnologici
sulla divisione performance associati all’adserver proprietario (nato nel 2005) per poter soddisfare le
esigenze attuali e future dei clienti, nonché anticipare la prossima maggior importanza dei big data,
ovvero la capacità di elaborare dati ed informazioni statistiche per meglio profilare le campagne
pubblicitarie.
Il progetto behavioural consiste nell’utilizzare i dati dell’algoritmo semantico quale input per dedurre il
comportamento di navigazione, in forma anonima, degli utenti che transitano nel network pubblicitario
in gestione alla società. L’obiettivo è di mappare, attraverso un cookie anonimo, i comportamenti di
navigazione degli utenti in un arco temporale definito, estraendo un ranking di interesse per categorie
e keyword alle quali l’utente ha dimostrato maggior interesse nel corso del tempo di osservazione.
Queste informazioni possono poi esser impiegate per pianificare campagne di brand che vogliono
esporre la loro promozione / prodotto ad utenti interessati a particolari categorie merceologiche.
Il progetto permetterà di segmentare, prima di esporre il banner, l’audience corretta, per evitare
dispersioni di impression “a vuoto”, esponendo il banner ad utenza non realmente interessata al
prodotto.
28
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
•
Il progetto DART DFP
Come anticipato, dal 2009 la concessionaria Leonardo ADV S.r.l., utilizza il sistema di Adserving DART
DFP di Google che, nel corso del 2012, ha rilasciato a livello internazionale una nuova versione del
software. Dopo essere stata selezionata da una short list di aziende tecnologiche innovative, nel corso
del 2013, Leonardo ADV ha avviato gli sviluppi che hanno portato, verso la metà dell’anno, al completo
setup del nuovo DART DFP. Il software è da sempre stato il core tecnologico sottostante alla divisione
brand del Gruppo, strumento quindi fondamentale per gestire erogazione e tracciamento delle attività
pubblicitarie. La scelta di virare verso la nuova versione di DFP è dettata da un elenco di funzionalità
aggiuntive disponibili solo nella nuova versione nonché dall’abilitazione di nuove fonti di ricavi con
particolare riferimento al mondo RTB (Real Time Bidding), dati, video e mobile.
•
Il progetto Mobile
Il mercato dell’informazione sta vedendo un continuo incremento delle attività mobile, con navigazione
tramite tablet e smartphone in continua crescita. Con la volontà di intercettare questo trend, che vede
la quota di tempo speso su mobile in continuo incremento grazie alla diffusione di smartphone e tablet,
nel corso del 2013 il Gruppo ha intrapreso: un percorso volto a seguire questa evoluzione nella
consultazione dell’informazione tramite dispositivi mobile, attraverso lo studio e l’implementazione di
sistemi tecnologici in grado di gestirne la pubblicità. La volontà è di anticipare questo trend, che nei
paesi più maturi è già cominciato, creando un’offerta commerciale in linea come target e prezzi a
quanto già attualmente in essere, potendo ora lanciare tale novità in un mercato non ancora
delineato, caratterizzato da pochi concorrenti ed alti tassi di crescita.
Per consentire lo sviluppo delle tecnologie necessarie per trasmettere le campagne pubblicitarie su
ogni tipologia di device, parallelamente mobile e desktop classico, il Gruppo si è occupato di
selezionare i provider tecnologici adatti a gestire l’erogazione della pubblicità in ambito mobile
adattando poi al proprio business model le tecnologie fornite. Questo sviluppo ha garantito il lancio
della nuova business line “Mobile Premium” da parte dell’area Media, portando alla creazione di una
offerta commerciale completa e competitiva.
•
Il progetto Merchant Feed
Il progetto Merchant Feed permette di allargare il panorama di clientela verso i piccoli e medi ecommerce che vogliono promuoversi in modalità cost per click attraverso formati display. Il prodotto si
compone di un sistema di integrazione di cataloghi prodotti da parte di aggregatori di e-commerce,
29
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
shopping comparison e siti di commercio elettronico, per promuovere ai potenziali acquirenti di
prodotti in vendita online le specifiche offerte, attraverso formati misti testuali e grafici. Il sistema si
aggancia alla modalità di pianificazione semantica, fornendo ad ogni specifica pagina internet i
prodotti più in linea rispetto agli argomenti trattati.
Il sistema è completamente integrato con l'adserver proprietario (JUICE ADSERVER) per la
rendicontazione lato cliente e publisher, sfruttando tutte le ottimizzazioni in termini di massima
valorizzazione per publisher ed advertiser già comprese nell'adserver. Sono stati integrati, grazie a
questo progetto, centinaia di piccoli nuovi inserzionisti e-commerce nel corso dell’anno, grazie a
partnership con diversi aggregatori e comparatori di prodotti.
•
Il progetto Leonardo Manager
Il progetto Leonardo Manager permette la gestione del calendario dei formati impattanti e del feed del
listino commerciale, includendo formati e disponibilità. L’obbiettivo è quello di interfacciarsi con i
sistemi gestionali dei centri media per implementare l'automatizzazione dei calendari delle
disponibilità dei formati impattanti per l'area brand (es. skin, campagne sponsor, espandibili ecc...)
necessari a garantire la non sovrapposizione delle vendite giornaliere, per le prenotazioni da parte dei
clienti, e per interfacciare le disponiblità di inventory nei confronti dei centri media, col fine ultimo di
snellire i flussi di richiesta di disponibilità per gli spazi e per la successiva prenotazione degli stessi.
Co-Reg
Il sistema “Co-reg Manager” nasce dall’esigenza aziendale di gestire sempre più fonti di contenuti per
newsletter ed una crescente popolazione di utenti spontaneamente iscritti a tali servizi. Con
l’integrazione di più contenuti e la loro selezione specifica per gli iscritti è inoltre possibile individuare
con maggior precisione i gusti e le preferenze di ciascun utente, migliorando così sempre più l’offerta
e diminuendo la dispersione degli utenti verso servizi concorrenti. Oltre a gestire le newsletter mirate,
il sistema consente agli utenti di suggerire ai propri contatti l’iscrizione alle newsletter coi contenuti
preferiti, espandendo quindi ulteriormente il numero di abbonati al servizio.
30
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Progetti Sviluppati
Valore sviluppi
1H2014
Progetto Oroscopo
Progetto Meteo
Progetto Calcio
Progetto Donne
Totale
•
17.091
3.242
11.394
31.727
Totale
78.640
17.091
3.242
11.394
110.367
l progetti Oroscopo, Meteo, Calcio, Donne
I servizi di Oroscopo, Meteo, Calcio, Donne di Leonardo sono un servizio gratuito, erogato a mezzo email e messo a disposizione degli utenti del portale Leonardo.it.
Il servizio Oroscopo prevede che, agli utenti interessati che desiderano attivarlo, venga recapitata una
newsletter periodica contenente il proprio oroscopo. L’oroscopo ricevuto sarà, ovviamente,
personalizzato, in quanto l’utente riceverà l’oroscopo del proprio segno zodiacale, in base alla propria
data di nascita, dichiarata al momento dell’iscrizione.
Il meccanismo di funzionamento e lo scope of action dei servizi Meteo, Calcio e Donne è lo stesso del
servizio Oroscopo, consistendo in una newsletter personalizzata che tiene conto delle preferenze e
delle abitudini dell’utente per quanto riguarda la tematica trattata.
L’utente iscritto al servizio, riceverà inoltre delle e-mail pubblicitarie, conformemente al consenso a
tali comunicazioni fornito in fase di registrazione. Il progetto è infatti contestualizzato all’interno dei
segmenti di prodotto Direct Email Marketing a performance del Gruppo, con l’obiettivo di dotare il
Gruppo di un ulteriore tecnologia proprietaria.
Seguendo una strategia basata sull’anticipazione del mercato, a fronte di una richiesta sempre
maggiore di servizi performance, il Gruppo si sta dotando di un’ulteriore tecnologia per meglio gestire
le attività di pianificazione e migliorare la marginalità. Volendo inoltre rimanere trasversali
nell’utilizzo di tale tecnologia, si è deciso di realizzare questo progetto rivolgendosi a un target di
interesse allargato, comprendente diverse fasce d’età ed utenti, sia di sesso maschile che femminile.
31
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Nuovi prodotti Advertising
Nella categoria nuovi prodotti advertising vengono inclusi tutti gli sviluppi che vanno ad ampliare o
migliore l’offerta commerciale delle concessionarie del Gruppo.
Progetti Sviluppati
Valore sviluppi
1H2014
Progetto Piattaforma PS
Progetto Skin Mobile
Progetto Masthead Video
Progetto Video Rich Media
Progetto Primi sui Motori
Totale
•
8.962
10.737
9.249
2.155
31.103
Totale
3.630
8.962
10.737
9.249
2.155
34.733
Il progetto Piattaforma PS
Dal 2013, il Gruppo comprende nella propria offerta commerciale il servizio di ideazione, realizzazione
e gestione di progetti speciali e di content integration, avendo come obiettivo la creazione pagine con
contenuti personalizzati e siti web pubbliredazionali costituiti da una o più pagine. Tali progetti,
interamente dedicati alla comunicazione per uno specifico sponsor, coinvolgono i team aziendali
marketing, editoriale ed IT, lavorando a stretto contatto con il Cliente.
L’azienda ha quindi investito nella strutturazione di un nuovo flusso di lavoro e nella dotazione di
strumenti adeguati per la gestione dei progetti speciali, soprattutto nell’ottica di ottimizzazione ed
evoluzione del servizio, permettendo di lavorare su una base già predefinita solo sulle
personalizzazione richieste dai vari clienti.
•
Il progetto Skin Mobile
Il progetto Skin Mobile, riguarda gli sviluppi relativi ad alcuni prodotti brand sviluppati appositamente
per il mercato mobile, mercato che sta facendo segnare i tassi di crescita più elevati dell’online
advertising. La Skin Mobile viene declinata in due versioni Skin Base, con formato scorrevole in pagina,
e Skin Evoluta, con formato sempre fisso allo scorrimento della pagina. Il prodotto è stato sviluppato
internamente ed in partnership con un fornitore esterno, sono in corso le implementazioni ed
adattamenti richiesti dai vari tipi di template per le varie tipologie di applicazione/miste. Il formato
Skin Evoluta, rilasciata in test nei primi mesi successivi al primo semestre, ha permesso di
32
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
incrementare i tassi di ingaggio dell’utente di 5 volte grazie ad un formato impattante personalizzato
per i device mobili.
•
Il progetto Masthead Video
Il Masthead è un formato innovativo di grandi dimensioni, collocato tra la testata del sito e il corpo
della pagina. È la soluzione ideale per veicolare creatività di grande impatto. Il formato Masthead
Video permette di divulgare all'interno dei siti internet i contenuti video e l’advertising Preroll ad essi
associato, ai fini di creare un bacino editoriale video aggiuntivo per aumentare le video impressions.
•
Il progetto Video Rich Media
Mentre gli annunci di testo pubblicizzano tramite parole e quelli di visualizzazione tramite immagini,
gli annunci Rich Media consentono al pubblico di eseguire molti tipi di attività sull'annuncio. Il
pubblico può espandere l'annuncio, renderlo mobile, attivare l'espansione e la compressione e così
via. Inoltre, questo tipo di formato permette di accedere alle metriche aggregate sul comportamento
del pubblico, tra cui il numero di espansioni, le uscite multiple e i completamenti video. Rich Media
consente alle agenzie di creare annunci complessi che possano provocare una risposta decisa da
parte dell'utente e la sua implementazione all’interno di Leonardo ADV permette di continuare a
essere all’avanguardia nella tecnologie dell’online advertising.
•
Il progetto Primi Sui Motori
Lo sviluppo relativo al progetto Primi Sui Motori riguarda l’attivazione della directory
aziende.leonardo.it, dove in partneship con Primi Sui Motori, Leonardo ADV fornisce una vetrina
pubblicitaria alle Piccole Medie Imprese. È inoltre prevista la possibilità di utilizzare servizi di Display
advertising a performance generalmente riservati ai grandi clienti, attraverso una automatizzazione
completa dei processi di caricamento delle campagne, monitoring dei risultati, creazione della scheda
azienda, interfacciandosi direttamente con i sistemi gestionali di PSM e Triboo Media attraverso uno
scambio di flussi informativi.
Il progetto è inoltre supportato dagli sviluppi effettuati per la sezione "City" di Leonardo, la quale
permette di fornire servizi ed informazioni geolocalizzate per tutti i comuni italiani. Questa tecnologia
è stata utilizzata per rendere disponibile nella directory aziende un servizio di informativa aggiuntivo
tale da qualificare il prodotto come distintivo sul mercato.
33
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Tool di Leonardo.it
Rientrano tra gli sviluppi relativi e rilasciati nonché le implementazioni tecniche disponibili per tutto il
network Leonardo.it, al fine di ottenere un’esperienza più user friendly, aumentare il tempo di
permanenza sulle pagine aggregate dal portale stesso e fornire a tutti gli editori del network delle
tecnologie necessarie per seguire l’innovazione del Gruppo in termini di formati.
Progetti Sviluppati
•
Valore sviluppi
1H2014
Totale
Progetto video.leonardo.it
Progetto visibilità Leonardo.it
Progetto fotogallery leonardo.it
15.465
7.256
11.937
84.189
7.256
11.937
Totale
34.658
103.382
Progetto video.leonardo.it
Il progetto ha portato alla creazione di un nuovo sito marketplace per tutti i contenuti video, il quale
recepisce automaticamente tutti i contenuti editoriali video prodotti dalla redazione Leonardo.it e dai
collaboratori esterni. Oltre a questa nuova modalità di fruizione dei contenuti già prodotti, la vera
novità della piattaforma sarà la capacità di aggregare contenuti da terze parti, classificandoli su aree
tematiche e con un modello di remunerazione basato sulla condivisione del profitto pubblicitario
ricavato tra la controllata Triboo Editoriale S.r.l., fornitrice della piattaforma di condivisione e
aggregazione, e il produttore di contenuti, il quale fornisce il contenuto da pubblicare sul canale. Il
Progetto ha portato alla creazione di un sito video contenente il raggruppamento di video provenienti
da terzi e prodotti organizzati in categorie editoriali, già definite e modificabili in futuro, consultabili a
partire dalla categoria editoriale o dal produttore del contenuto video. Incluso nel progetto
video.leonardo.it si trova anche il Widget Video, ovvero un tool di embedding di contenuti video
utilizzabile dal portale Leonardo.it ma soprattutto dai siti associati e terzi, i quali possono a loro volta
usufruire del catalogo video pubblicato sul sito video.leonardo.it per arricchire i contenuti del proprio
sito attraverso video editoriali di qualità. Questa nuova formula estenderà i modelli di business della
controllata Triboo Editoriale, garantendo quindi una nuova formula di distribuzione dei contenuti video
propri e di terzi.
34
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
•
Progetto visibilità
Il progetto visibilità permette al portale leonardo.it di integrare nelle pagine degli articoli un tool che
consente di condividere i contenuti sui più importanti social network, estendendo ulteriormente la
portata dei contenuti editoriali aggregati nel portale.
•
Progetto fotogallery leonardo.it
L’esito positivo del progetto leonardo.video.it ha portato alla creazione di un nuovo sito marketplace
per tutti i contenuti fotografici, seguendo le logiche di quello video, che recepisce automaticamente
tutti i contenuti editoriali fotografici prodotti dalla redazione Leonardo.it e dai collaboratori esterni.
Oltre a questa nuova modalità di fruizione dei contenuti già prodotti, la vera novità della piattaforma
sarà la capacità di aggregare contenuti da terze parti, classificandoli su aree tematiche e con un
modello di remunerazione basato sulla condivisione del profitto pubblicitario ricavato tra la
controllata Triboo Editoriale S.r.l., fornitrice della piattaforma di condivisione e aggregazione, e il
produttore di contenuti, il quale fornisce il contenuto da pubblicare sul canale.
Progetti Editoriali
I progetti editoriali vengono portati avanti da HTML e riguardano una serie di attività svolte sulle varie
proprietà editoriali del Gruppo.
Progetti Sviluppati
Valore sviluppi
1H2014
Auto-usate-Motori.it
PMI.it
Gravidanza Online
Webnews.it
Content Delivery Network
TAG Mailer
Totale
•
45.321
38.695
31.363
7.995
11.485
16.742
151.602
Totale
45.321
38.695
31.363
7.995
11.485
16.742
151.602
Progetto Nuovo CMS e layout di Auto-usate.motori.it
Il progetto ha comportato il restyling grafico del portale auto-usate-motori.it (http://auto-usatemotori.it/), tramite lo sviluppo di una veste grafica resa moderna e minimale in linea con le nuove
tendenze del web, l’ottimizzazione della user experience e la realizzazione della versione responsive
del sito per la fruizione dello stesso su piattaforme mobile. Il processo ha comportato l’identificazione
35
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
e l’implementazione di una nuova strategia di ottimizzazione SEO, la modifica dell’alberatura e della
struttura delle url, la gerarchizzazione dei contenuti, l’ ottimizzazione della paginazione e dei
contenuti, nonché la gestione delle duplicazioni. Reengineering del motore di acquisizione e
indicizzazione degli annunci dei concessionari. Grazie alla realizzazione del motore di ricerca degli
annunci pubblicati e della funzionalità di frontend del portale sono oggi disponibili l’area annunci,
l’area concessionari, le aree marca e modello, le aree provincia e regione e le funzioni di ricerca/filtro
dei contenuti. Sono state inoltre riviste le funzionalità di backend della parte amministrativa del
portale.
•
Progetto nuovo CMS di PMI.it
Sono stati realizzati il frontend e la customizzazione del backend di Word Press per
l’implementazione delle funzionalità del sito www.pmi.it, compiendo anche la migrazione dei dati sul
nuovo Content Management System.
•
Progetto nuovo ambiente di sviluppo di Gravidanze Online
In seguito all’acquisizione del sito, è stato necessario procedere con la reingegnerizzazione della
piattaforma per la gestione dei contenuti di GOL (http://www.gravidanzaonline.it/home/). Si è quindi
realizzato l’ambiente di produzione e l’ambiente di sviluppo per poi compiere la migrazione del sito e
dei suoi contenuti su nuovo ambiente di produzione.
•
Progetto versione Responsive Webnews.it
La realizzazione della versione responsive e adattiva per fruizione ottimale su qualsiasi device del sito
Webnews (http://www.webnews.it/) ha reso perfettamente navigabile il sito, con tutte le funzionalità
previste, su smartphone con sistema operativo Android e iOS, che ad oggi rappresentano la quasi
totalità del traffico mobile.
•
Progetto Content Delivery Network (CDN)
Il progetto ha coinvolto tutto il network di generazione dei contenuti di HTML, partendo dall’analisi
dell’architettura necessaria al sistema di CDN per la fruizione dei file statici e dei video del network e
sviluppandosi poi nelle attività di registrazione dei domini di terzo livello, configurazione server,
sistema di caching e DNS. Si è inoltre realizzato un plugin di Word Press per l’utilizzo e la
configurazione CDN su ogni singolo sito del network. Infine Realizzazione servizio per la pubblicazione
automatica su CDN dei file di download.html.it.
36
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
•
Progetto nuove funzionalità applicative TAG Mailer
Vista l’importanza del prodotto DEM all’interno del contesto di HTML, si è proceduto con il
rinnovamento del servizio di invio mail ed invio newsletter, dividendo i due servizi e organizzando la
gestione delle priorità. Si è realizzata la funzionalità di identificazione del ritardo di apertura per
ciascun iscritto, del filtro su ritardo aperture e di accorpamento e rinomina dei tag di notifica. Tutto ciò
ha permesso di migliorare tutte le funzionalità di reportistica collegate.
9. Informazioni attinenti all’ambiente e al personale
Personale
La composizione del personale del Gruppo al 30 giugno 2014 è di 78 unità ( 45 unità il gruppo Triboo
Media e 33 unità il gruppo HTML) contro le 40 unità dell’esercizio 2013.
Le relazioni con il personale non fanno rilevare alcuna criticità. Anche nel 2014 la società ha
proseguito nel programma di aggiornamento formativo dei lavoratori preposti alle misure di
evacuazione e di contrasto agli incendi, nell’ambito degli adempimenti previsti dalla normativa in
vigore in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Sono state effettuate
altresì le visite mediche a tutto il personale impiegato nella sede e sono stati predisposti i documenti
obbligatori di legge in tema di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Ambiente
In considerazione del settore in cui opera il Gruppo, le tematiche ambientali non sono così cruciali.
Tuttavia il Gruppo svolge la propria attività nel pieno rispetto delle disposizioni in materia di tutela
dell’ambiente e di igiene e sicurezza sul posto di lavoro.
10.
Informazioni sui principali rischi ed incertezze
Di seguito vengono fornite informazioni relativamente agli obiettivi e alle politiche della Società in
materia di gestione del rischio finanziario, all’esposizione della Società alle diverse fattispecie di
rischio, nonché alle principali tecniche di copertura dei rischi stessi.
Nell’ambito delle diverse tipologie di rischio si identificano le seguenti fattispecie:
37
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Fabbisogno finanziario e rischio di tasso di interesse
Il Gruppo sopperisce al proprio fabbisogno finanziario operativo tramite l’utilizzo di linee di credito
concesse dagli Istituti di Credito con i quali lo stesso opera. Non si rilevano rischi di tasso in quanto il
Gruppo non ha in essere finanziamenti a medio lungo termine.
Rischio di liquidità
Per quanto riguarda il rischio di liquidità, il Gruppo non presenta difficoltà nel reperire i fondi
necessari a fronteggiare gli impegni assunti grazie alla buona situazione finanziaria di Gruppo e ai
buoni risultati raggiunti in termini di redditività da parte della controllata Leonardo ADV S.r.l.
Negli ultimi tre esercizi l’attività del Gruppo è stata caratterizzata da un rapido sviluppo e da una
elevata e costante crescita in Italia. In tale contesto il Gruppo dovrà essere in grado di gestire i propri
ritmi di sviluppo e di crescita, adottando un modello organizzativo e procedure interne al fine di
rispondere tempestivamente alle necessità.
Inoltre si segnala che:
• esistono strumenti di indebitamento o altre linee di credito per far fronte alle esigenze di liquidità
e precisamente anticipazioni di fatture e linee di factoring per lo smobilizzo dei crediti;
• il Gruppo dispone di attività finanziarie correnti (depositi in conto corrente e crediti finanziari),
come evidenziato dal prospetto della posizione finanziaria netta, per soddisfare i fabbisogni di
liquidità.
• la capogruppo Triboo Media S.p.A. si è recentemente quotata al mercato AIM Italia, raccogliendo
oltre 20 milioni di euro in aumento di capitale.
Rischio di credito
Si deve ritenere che le attività finanziarie della società abbiano una buona qualità creditizia. Il rischio
che una controparte non adempia alle obbligazioni finanziarie in essere al 30 giugno 2014 risulta
limitato, anche se esistano significative concentrazioni del credito. Tali concentrazioni, tuttavia
riguardano quella parte di clientela composta da primarie realtà industriali italiane e multinazionali
con accesso al credito. Il Gruppo mantiene un’elevata attenzione, mediante controlli su base mensile,
delle esposizioni nei confronti dei propri clienti per individuare le posizioni più critiche. Laddove
necessario si procede ad integrare il fondo svalutazione crediti per approssimare i crediti
commerciali al presumibile valore di realizzo.
38
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Rischio di cambio
I flussi di incassi e pagamenti in valute monetarie diverse dall’Euro sono molto limitati per quanto
concerne i rapporti commerciali con clienti e fornitori terzi in quanto la Società non è caratterizzata da
una significativa operatività internazionale.
Inoltre tra i principali fattori di rischio operativi, che potrebbero influenzare negativamente l’attività
del Gruppo, si identificano i seguenti rischi.
Rischi connessi agli investimenti in pubblicità
La crisi che ha colpito il settore industriale e il mercato e il peggioramento delle condizioni
macroeconomiche, che hanno causato una contrazione dei consumi e della produzione industriale in
Italia e in Europa, hanno avuto l’effetto di ridurre gli investimenti nel settore pubblicitario.
Il settore della pubblicità è storicamente legato all’andamento dei consumi con conseguente crescita
nei periodi di espansione economica e contrazione nei periodi di recessione. Il perdurare dell’attuale
crisi del contesto macroeconomico italiano ed europeo e la contrazione degli investimenti nel settore
pubblicitario potrebbero avere ripercussioni sulla capacità del Gruppo di generare ricavi pubblicitari,
con conseguenti effetti negativi sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria del Gruppo.
Rischi connessi alla concorrenza nel mercato di riferimento
Il Gruppo opera in un settore fortemente caratterizzato da un elevato grado di competitività e
dinamicità. Gli specifici segmenti del mercato in cui è attivo il Gruppo sono caratterizzati dalla
presenza di un elevato numero di operatori nazionali ed internazionali.
Qualora il Gruppo non fosse in grado di affrontare, facendo leva sulle proprie competenze distintive
(rapporti consolidati con i clienti, livello dei servizi offerti, ecc.), l’eventuale rafforzamento degli attuali
concorrenti o l’ingresso nel settore di nuovi operatori, tale situazione potrebbe incidere
negativamente sulla posizione di mercato del Gruppo.
Al fine di arginare il rischio potenziale connesso alla perdita di clienti, il Gruppo sta attuando, oltre
agli sforzi commerciali evidenziati dalla continua crescita, un programma di sviluppo finalizzato al
lancio di nuovi prodotti e servizi allo scopo di migliorare il proprio posizionamento competitivo nel
mercato di riferimento e diversificare la tipologia di clientela. Nonostante la concentrazione
39
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
relativamente alta dei ricavi, la divisione tra i prodotti del Gruppo (brand e performance) è stabile e non
dipende significativamente dal peso dei clienti sul totale dei ricavi. I primi clienti in termini di ricavi
stanno sempre più investendo sia in prodotti brand sia in quelli performance, evidenziando come ci sia
un andamento sempre più comprovato dell’utilizzo di ambedue le categorie di prodotti.
Rischi connessi alla dipendenza da clienti
Nello svolgimento dell’attività di concessionaria pubblicitaria, il Gruppo opera interamente nel settore
digitale specializzandosi nello sviluppo delle tecnologie di comunicazione online e integrando prodotti
Brand e Performance. In particolare, si segnala che l’attività del Gruppo dipende in larga misura dai
ricavi derivanti dalla raccolta pubblicitaria dei Centri Media che svolgono, per conto delle aziende,
l’attività di pianificazione ed acquisto degli spazi pubblicitari.
Rischi connessi al mancato rinnovo dei contratti di concessione di spazi pubblicitari
La maggior parte degli spazi pubblicitari sono affidati in concessione al Gruppo in forza di contratti di
durata annuale e pluriennale. Tali contratti hanno ad oggetto, in particolare, l’attività di vendita,
gestione e distribuzione degli spazi pubblicitari disponibili sui siti internet. Nella maggior parte dei
casi, tali contratti prevedono il rinnovo alla scadenza degli stessi, salvo disdetta da comunicarsi per
iscritto con un congruo preavviso.
Per diminuire il rischio di mancato rinnovo, la relazione con gli editori più importanti è formalizzata
tramite contratti di esclusiva vincolanti e di durata pluriennale accompagnati, in alcuni casi ritenuti
strategici, dalla partecipazione, anche in forma minoritaria, del Gruppo nelle società degli editori
stessi. La strategia risulta quindi quella di rafforzare il network editoriale, garantendo agli editori più
importanti servizi volti a mantenere la crescita e lo sviluppo dei loro siti, anche tramite investimenti
diretti, oltre alla vendita di servizi pubblicitari (e quindi alla generazione di ricavi) sulle loro pagine.
Rischio complessivo
Il Gruppo e le società incluse nel consolidamento hanno adottato e messo in atto tutte le azioni utili a
mantenere un adeguato monitoraggio e mitigazione dei rischi operativi e finanziari sopra menzionati.
Complessivamente non sono individuabili rischi che abbiano il potenziale di impedire la continuazione
dell’attività del Gruppo.
40
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
11.
Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell’esercizio
struttura del Gruppo
giugno 2014
struttura del Gruppo
Settembre 2014
41
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Si riepilogano in seguito i principali accadimenti avvenuti dopo il primo semestre 2014:
Incorporazione di Triboo Editoriale S.r.l. in Leonardo ADV S.r.l.
L’11 luglio 2014 è divenuta efficace la fusione per incorporazione della controllata Triboo Editoriale
S.r.l. in Leonardo ADV S.r.l. Il progetto di fusione, deliberato dalle rispettive assemblee il 26 maggio
2014, è finalizzato al raggiungimento di obiettivi di razionalizzazione e di semplificazione dei rapporti
fra le due società, controllate da Triboo Media S.p.A. al 100%. L’operazione permetterà di raggiungere
una maggiore efficienza a livello di gestione dei flussi economici e finanziari all’interno del area
Media. La fusione ha effetto dal 1° gennaio 2014 e non darà luogo a concambio.
Cooptazione dell’amministratore Massimiliano Valente
Si segnala inoltre che in data 22 luglio 2014 il consigliere dott. Lorenzo Cocco ha rassegnato le
dimissioni per esigenze personali. Nella stessa data il Consiglio di Amministrazione ha proceduto con
la nomina per cooptazione del dott. Massimiliano Valente, Amministratore Delegato del Gruppo
HTML, a membro del Consiglio di Amministrazione in sostituzione del consigliere dimissionario.
In data 23 luglio 2014 l’assemblea dei soci di Triboo Media S.p.A. approva la nomina del consigliere
dott. Massimiliano Valente.
Piani di incentivazione ai dipendenti
Durante l’assemblea del 23 luglio 2014, i soci di Triboo Media S.p.A. hanno deliberato e approvato i
piani di Stock Options/Stock Grant a favore dei dipendenti del Gruppo. Nel mese di agosto 2014 sono
state assegnate n. 26.500 nuove azioni ordinarie, di cui 12.500 azioni (dietro la corresponsione di un
prezzo pari a 1,23 euro per azione), nell’ambito del Piano di Stock Options 2014-2016 e ulteriori 14.000
azioni nell’ambito del Piano di Stock Grant 2014-2016.
Acquisizione di Media Prime S.r.l.
In data 15 settembre Triboo Media S.p.A. annuncia di aver acquisito il 51% della start-up Media Prime
S.r.l., una media company che vanta attività editoriali con un posizionamento di leadership sul target
femminile attraverso la community di Facebook “Roba da Donne”. Media Prime S.r.l. ha conseguito nel
2013 un fatturato consolidato pari a 291 mila euro, in crescita di oltre l’80% rispetto ai 157 mila euro
del 2012.
42
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
12.
Evoluzione prevedibile della gestione
Con la quotazione di Triboo Media S.p.A., oggi il Gruppo sta portando avanti un progetto di espansione
e crescita del business per acquisizioni che si affianca a quello di crescita interna già ampiamente
avviata. La prima acquisizione, oltre a portare evidenti benefici in termini di stabilità e posizionamento
di mercato, porterà a forti sinergie negli esercizi futuri, permettendo di raggiungere più elevati livelli
di efficienza operativa e ottimizzazione dei risultati.
Il network di editori che affidano la gestione dei propri spazi pubblicitari al Gruppo è in continua
crescita, segnale positivo che rafforza il posizionamento di mercato sia come concessionaria che
come aggregatore editoriale e tecnologico.
I risultati positivi di Gruppo, in crescita rispetto a quanto era previsto a budget, unitamente
all’andamento dei primi mesi dell’anno, fanno comunque ritenere che il 2014 possa essere un anno di
ulteriore crescita sia a livello di fatturato che di marginalità. Nonostante l’andamento negativo del
mercato nel 2013, che ha registrato un -12,3% del settore pubblicitario in generale e un -1,8% del
settore internet, i risultati del Gruppo per il 2014 rimangono comunque prospettivamente positivi,
mantenendo il trend storico già ampiamente dimostrato. In seguito alla recente acquisizione si stanno
inoltre ponendo in essere importanti sinergie e operazioni societarie al fine di ottimizzare
ulteriormente la struttura del Gruppo. L’obiettivo per il 2014 è rappresentato dalla potenziale
integrazione di altre strutture di stampo editoriale e pubblicitario prevedendo anche una possibile
espansione verso mercati internazionali.
Inoltre, nel 2014 si prevede un’ulteriore accelerazione della politica degli investimenti, legata al
continuo sviluppo di nuove soluzioni tecnologie in riferimento a specifici progetti e metodologie di
processo. Triboo Media intende perseguire una strategia di rafforzamento e di sviluppo attraverso la
crescita per linee interne ed esterne tramite l’acquisizione di società già operanti nel settore di
riferimento e/o in settori complementari e di società di nuova costituzione e/o start – up.
Il successo di tale strategia di crescita sarà in larga misura condizionato dalla capacità del Gruppo e
del management sia di continuare a individuare società target le cui caratteristiche rispondano ai
requisiti previsti sia di integrare e gestire efficacemente le società che potrebbe acquisire al fine di
conseguire gli obiettivi pianificati.
43
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
PROSPETTI CONTABILI DEL BILANCIO CONSOLIDATO AL 30 GIUGNO 2014
Prospetto della posizione patrimoniale finanziaria
PROSPETTO DELLA POSIZIONE PATRIMONIALE FINANZIARIA
(ATTIVO)
Attività non correnti
Attività materiali
Investimenti immobiliari
Avviamento
Attività immateriali a vita definita
Attività immateriali a vita indefinita
Partecipazioni
Attività finanziarie non correnti
Altre attività non correnti
Attività correnti
Rimanenze
Crediti commerciali
Attività finanziarie correnti
Disponibilità liquide
Attività per imposte correnti
Attività per imposte anticipate
Altre attività correnti
30/06/2014
31/12/2013
22.676.716
265.873
9.776.563
1.313.096
10.631.533
23.100
636.000
30.551
26.898.595
13.533.532
254.483
12.232.371
354.573
523.636
49.575.311
PROSPETTO DELLA POSIZIONE PATRIMONIALE FINANZIARIA
(PASSIVO)
Patrimonio netto
Capitale sociale, con indicazione della parte non versata
Riserva legale
Riserva straordinaria
Altre riserve
Utili esercizi precedenti
30/06/2014
- Riserve di GRUPPO
- Riserve di TERZI
31/12/2013
- Utile di GRUPPO
- Utile di TERZI
44
7.351
15.318.922
3.375.391
46.233
11.451.278
112.643
333.378
24.039.223
Variazione
(16.182.858)
(23.530)
(4.000)
(1.023.507)
(12.653.101)
-
(21.297.789)
(15.876.470)
(4.820)
(6.887.448)
(120.565)
(36.593.441)
(13.529.130)
(23.064.311)
(175.007)
175.007
(887.207)
(2.478.721)
1.591.514
(887.207)
(2.465.474)
1.578.267
-
Passività non correnti
Passività finanziarie non correnti
Fondi per benefici ai dipendenti
Fondi per rischi e oneri
Passività per imposte differite
Altre Passività non correnti
Passività correnti
Passività finanziarie correnti
Quota corrente di passività finanziarie non correnti
Fondi per rischi e oneri
Debiti commerciali
Passività per imposte correnti
Altre passività correnti
8.720.301
176.129
7.873.205
733.391
33.225
103.000
(37.480.647)
(15.900.000)
(8.820)
(1.023.507)
(19.540.549)
(120.565)
-
Utile dell'esercizio
13.956.415
89.744
1.903.358
579.705
10.598.308
23.100
739.000 23.200
11.579.673
10.158.141
208.250
781.093
241.931
190.258
25.536.088
Variazione
Note
informative
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
Note
informative
13
(13.247)
13.247
(1.089.538)
-
(978.648)
-
(110.890)
-
(516.281)
-
(427.349)
-
(88.932)
-
14
(573.258)
-
(551.299)
-
(21.959)
-
15
(11.005.126)
(447.713)
-
(8.374.582)
(562.896)
-
(2.630.544)
115.183
-
(8.975.827)
(544.728)
(1.036.859)
(6.934.901)
(313.550)
(563.235)
(2.040.926)
(231.178)
(473.624)
16
17
18
19
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Prospetto di conto economico complessivo
PROSPETTO DI CONTO ECONOMICO COMPLESSIVO
30/06/2014
Ricavi
Altri Ricavi Operativi
Costi capitalizzati per costruzioni interne
Costi per Servizi
Costi per il personale
Altri costi operativi
Ammortamenti
Svalutazioni e accantonamenti
Risultato operativo
Proventi Finanziari
Oneri Finanziari
Proventi e oneri finanziari netti
Rettifica di valore di attività finanziarie
Proventi da partecipazioni / consolidamento
Utile prima delle imposte
Imposte sul reddito
Utile netto dell'esercizio
- di cui di GRUPPO
- di cui di TERZI
Altre componenti di conto economico complessivo per l'esercizio
Differenze di cambio su conversione di operazioni in valuta
Attività finanziarie disponibili per la vendita
Copertura dei flussi finanziari
Plusvalenze da rivalutazione immobili
Utili (perdite) attuariali da piani pensionistici a benefici definiti
Imposte sul reddito sulle altre componenti di conto economico
complessivo
Altre componenti di conto economico complessivo per l'esercizio
Totale conto economico complessivo per l'esercizio
- di cui di GRUPPO
- di cui di TERZI
45
30/06/2013
Variazione
14.095.050
101.758
301.982
10.754.605
25.027
142.175
3.340.445
76.731
159.807
(9.302.274)
(2.519.700)
(583.041)
(414.168)
(84.975)
1.594.631
80.691
(7.034.770)
(1.471.271)
(300.472)
(114.235)
(152.056)
1.849.003
1.270
(2.267.504)
(1.048.429)
(282.569)
(299.933)
67.081
(6.806)
73.885
(103.000)
1.565.516
(77.713)
(76.443)
(117.000)
578.258
2.233.818
(678.310)
887.207
887.207
-
(697.903)
1.535.915
1.530.138
5.777
-
16.112
-
-
(254.372)
79.421
70.907
150.328
14.000
(578.258)
(668.302)
19.593
(648.708)
(642.931)
(5.777)
(16.112)
-
-
16.112
(16.112)
887.207
887.207
-
1.552.027
1.546.228
5.799
(664.820)
(659.021)
(5.799)
Note
informative
20
21
22
23
24
25
26
27
28
28
29
30
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Rendiconto finanziario consolidato al 30 giugno 2014
Rendiconto Finanziario
Utile dell'esercizio
Ammortamenti immateriali e materiali
Variazione imposte differite
Accantonamenti e svalutazioni
Variazione crediti commerciali
Variazione debiti commerciali
Variazione altri crediti
Variazione altri debiti
Variazione crediti tributari
Variazione debiti tributari
Variazione fondi del personale e altri fondi
A - Flusso netto generato / (assorbito) da attività operative
Investimenti in attività materiali
Investimenti in attività immateriali
Variazione di altre attività immateriali
Variazione delle partecipazioni
Variazione delle attività finanziarie non correnti strategiche
Variazione delle altre attività non correnti
B - Flusso netto generato / (assorbito) da attività d'investimento
Variazione delle attività finanziarie correnti
Variazione dei debiti verso banche e delle passività finanziarie
correnti
Altre variazioni del patrimonio netto
Aumenti di capitale
Dividendi erogati
C - Flusso netto generato / (assorbito) da attività di
finanziamento
D - Flusso di cassa complessivo generato / (assorbito) nel
periodo (A+B+C)
E - Disponibilità liquide all'inizio del periodo
F - Disponibilità liquide alla fine del periodo (D+E)
46
30/06/2014
31/12/2013
Variazione
887.207
414.168
21.959
25.775
(3.375.391)
2.040.926
(333.378)
473.624
(112.643)
587.578
88.932
718.755
(219.578)
(1.163.110)
(7.873.205)
0
103.000
(7.351)
2.478.721
294.372
511.342
131.225
807.300
(387.723)
(125.239)
169.993
412.895
147.186
65.453
4.505.525
(36.360)
(10.831.283)
360.996
(23.100)
(376.080)
2.729
(1.591.514)
119.796
(489.383)
(105.450)
(4.182.691)
2.428.649
(208.140)
303.631
(525.538)
440.392
23.479
(3.786.770)
(183.218)
9.668.173
(8.234.201)
23.100
479.080
(10.080)
(9.160.244)
(46.233)
(10.903.098)
(30.000)
1.742.855
(16.233)
(115.183)
4.177.713
15.876.470
-
(3.821.334)
10.554.307
3.528
(700.000)
3.706.151
(6.376.594)
15.872.942
700.000
19.892.767
6.006.501
13.886.266
11.451.278
781.093
12.232.372
(391.072)
1.172.166
781.094
11.842.350
(391.073)
11.451.277
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Prospetto della movimentazione del patrimonio netto
DATI PATRIMONIALI
(in unità di euro)
Consistenze iniziali al 1.1.2013
A. Incrementi
A.2. Altre variazioni
del risultato di periodo
dell'area di consolidamento
altre
utile/perdite del periodo
B. Decrementi
B.1. Utilizzi
distribuzione
trasferimento di capitale
altre
Consistenze finali al 31.12.2013
Consistenze iniziali al 1.1.2014
A. Incrementi
A.2. Altre variazioni
destinazione del risultato di periodo
dell'area di consolidamento
aumento di capitale
aumento di capitale per IPO
utile/perdite del periodo
B. Decrementi
B.1. Utilizzi
distribuzione
utilizzo per aumento gratuito
Quota di Gruppo
Capitale Sociale
Riserva Legale
Riserva Utili
indivisi
Riserva FTA
Riserva
conferimenti
Utili (perdite)
attuariali
Utili dell'esercizio
Totale
Altre riserve
Utili di terzi
Totale
4.000
4.000
10.519.758
10.519.758
10.519.758
(14.624)
(14.624)
935.729
(213.630)
(213.630)
722.099
325.261
698.246
698.245
1
1.023.507
1.228.384
1.228.384
(2.139)
24.616
24.616
22.477
1.224.014
2.639.705
174.231
2.465.474
(1.398.245)
(700.000)
(698.245)
2.465.474
3.720.625
13.885.855
698.245
10.722.136
2.465.474
(1.611.875)
(700.000)
(698.245)
(213.630)
15.994.605
286.307
9.107
277.200
(111.300)
(111.300)
175.007
13.247
13.247
13.247
299.554
9.107
277.200
13.247
(111.300)
(111.300)
188.254
23.530
15.876.470
-
4.000
4.820
-
10.519.758
16.200.000
-
(14.624)
-
722.099
2.653.728
-
1.023.507
-
1.228.384
-
22.477
-
2.465.474
887.207
-
15.994.605
35.622.224
-
175.007
-
13.247
-
188.254
-
10.476.470
5.400.000
-
4.820
-
16.200.000
(11.416.070)
(10.476.470)
(939.600)
-
-
-
-
-
2.478.721
175.007
-
-
-
-
(249.065)
-
-
-
(5.572)
-
(9.065)
-
-
(5.572)
-
-
887.207
(2.465.474)
(2.465.474)
-
2.483.541
175.007
10.476.470
887.207
(14.136.181)
(12.941.944)
(175.007)
(175.007)
(13.247)
(13.247)
(188.254)
(188.254)
(14.637)
-
-
-
37.480.648
-
-
-
(240.000)
variazione area di consolidamento
Consistenze finali al 30.06.2014
Quota di terzi
Riserva
straordinaria
20.000
3.530
3.530
23.530
costi collocamento IPO
altre
Riserva sovrappr.
azioni
15.900.000
8.820
15.303.687
(14.624)
3.126.762
1.023.507
47
1.228.384
16.905
887.207
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
NOTE ILLUSTRATIVE AL BILANCIO CONSOLIDATO SEMESTRALE ABBREVIATO AL 30
GIUGNO 2014
1. Dichiarazione di conformità ai principi contabili internazionali
Il bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014 è stato redatto secondo lo IAS 34 –
Bilanci intermedi – sono stati applicati gli stessi principi contabili ed i medesimi criteri di valutazione
adottati nella redazione del Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013, ai quali si rimanda, fatta
eccezione per l’adozione dei nuovi principi, modifiche ed interpretazioni in vigore dal 1 gennaio 2014.
Il presente Bilancio consolidato semestrale abbreviato non contiene tutte le informazioni e le note
illustrative richieste per il bilancio annuale e deve, quindi, essere letto congiuntamente al Bilancio
Consolidato al 31 dicembre 2013.
Il bilancio consolidato semestrale abbreviato sono stati redatti in euro..
2. Forma e contenuto del bilancio consolidato
Il bilancio consolidato semestrale abbreviato del Gruppo Triboo Media (il “Gruppo”), redatto in
conformità agli IFRS e corredato dalla Relazione degli amministratori sull’andamento della gestione,
si compone dei seguenti documenti:
1. la situazione patrimoniale-finanziaria consolidata al 30 giugno 2014, comparata con la situazione
patrimoniale-finanziaria consolidata al 31 dicembre 2013. In particolare, la situazione patrimoniale
finanziaria è redatta secondo una schema, conforme a quanto previsto dallo IAS 1, in cui sono esposte
separatamente le attività correnti e non correnti e le passività correnti e non correnti, in relazione ad
un ciclo operativo di 6 mesi;
2. il Conto Economico Complessivo Consolidato per l’esercizio 2014, comparato con il Conto
Economico Complessivo Consolidato del semestre chiuso al 30 giugno 2013.
In particolare, si rileva che lo schema di conto economico adottato, conforme a quanto consentito
dallo IAS 1, evidenzia i seguenti risultati intermedi, non definiti come misura contabile nell’ambito dei
Principi Contabili IFRS (pertanto i criteri di definizione di tali risultati intermedi potrebbero non essere
omogenei con quelli adottati da altre società), in quanto gli Amministratori ritengono che
costituiscano un’informazione significativa ai fini della comprensione dei risultati economici del
Gruppo:
48
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
a. Risultato operativo (EBIT): è costituito dall’utile netto dell’esercizio, al lordo delle imposte,
dei proventi/oneri derivanti dalle attività destinate alla vendita, dei proventi/oneri derivanti
dalle attività delle partecipate e dei proventi/oneri derivanti dalla gestione finanziaria;
b. Risultato prima delle imposte: è costituito dall’utile netto dell’esercizio, al lordo delle
imposte.
c. Imposte dell’esercizio
d. Utile/perdita dell’esercizio
e. Utile/perdita complessivo
3. il Rendiconto finanziario consolidato per l’esercizio 2014, comparato con il Rendiconto finanziario
consolidato dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2013. Per la redazione del rendiconto finanziario, è
stato utilizzato il metodo indiretto conforme a quanto previsto dallo IAS 7, per mezzo del quale l’utile o
la perdita d’esercizio sono rettificati dagli effetti delle operazioni di natura non monetaria, da qualsiasi
differimento o accantonamento di precedenti o futuri incassi o pagamenti operativi, e da elementi di
ricavi o costi connessi con flussi finanziari derivanti dall’attività di investimento o finanziaria;
4. il Prospetto delle variazioni del patrimonio netto per gli esercizi chiusi al 30 giugno 2014 e 31
dicembre 2013;
5. le note illustrative.
Il bilancio consolidato semestrale abbreviato comprende le situazioni contabili intermedie della
capogruppo e delle sue controllate, alla cui individuazione è dedicato il successivo paragrafo “Area di
consolidamento”. Tali dati sono stati opportunamente modificati e riclassificati, ove necessario, per
uniformarli a principi contabili internazionali e ai criteri di classificazione omogenei nell’ambito del
Gruppo. Tutte le situazioni contabili intermedie di ciascuna impresa rientrante nell’area di
consolidamento vengono preparati nella valuta dell’ambiente economico primario in cui esso opera
(valuta funzionale), ossia in euro: alla data del 30 giugno 2014 non sono presenti nell’area di
consolidamento società che redigono i propri bilanci in una valuta diversa dall’euro.
Uso di stime
La redazione del bilancio e delle relative note in applicazione degli IFRS richiede l’effettuazione di
stime e di assunzioni che hanno effetto sui valori delle attività e delle passività di bilancio e
sull’informativa relativa ad attività e passività potenziali alla data del bilancio. I risultati che si
49
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
consuntiveranno potrebbero differire da tali stime. Le stime sono utilizzate per rilevare gli
accantonamenti per rischi su crediti, gli ammortamenti, i benefici ai dipendenti, le imposte e gli altri
accantonamenti e fondi, nonché le eventuali rettifiche di valore di attività. Le stime e le assunzioni
sono riviste periodicamente e gli effetti di ogni variazione sono riflessi immediatamente a conto
economico.
3. Criteri generali di redazione e principi di consolidamento
Struttura del Gruppo
L’elenco delle società rientranti nell’area di consolidamento viene esposto nella tabella seguente:
Ragione sociale
Sede legale
Triboo Media S.p.A.
Leonardo ADV S.r.l.
Triboo Editoriale S.r.L.
HTML.it S.r.l.
TAG Advertising S.r.l.
Codebrain S.r.l.
Motornag S.r.l.
Viale Sarca, 336 - Milano
Viale Sarca, 336 - Milano
Viale Sarca, 336 - Milano
Via Dei Berio 97 - Roma
Via Dei Berio 97 - Roma
Via Dei Berio 97 - Roma
Viale Sarca, 336 - Milano
Via provinciale san michele,
12 - NIELLA TANARO (CN)
Nomix S.r.L.
R&B Junk Sagl
Meteo Italia S.r.l.
Leonardo Telefonia S.r.l.
Mendrisio
Via Negroli, 24 - Milano
Viale Sarca, 336 - Milano
Nazione
Valuta
Valore
partecipazione
Capitale
Sociale
AREA DI CONSOLIDAMENTO
Italia
Euro
15.926.500
Italia
Euro
1.925.000
1.250.000
Italia
Euro
10.655.787 10.800.487
Italia
Euro
10.850.000
97.800
Italia
Euro
50.000
50.000
Italia
Euro
10.000
10.000
Italia
Euro
23.100
33.000
ALTRE SOCIETA' DEL GRUPPO E PARTECIPATE
Quota di
Gruppo
Partecipante
Partecipazione
sul capitale
sociale
100,00%
100,00% Triboo Media S.p.A.
100,00% Triboo Media S.p.A.
100,00% Triboo Media S.p.A.
100,00%
HTML.it S.r.l.
100,00%
HTML.it S.r.l.
70,00% Triboo Editoriale S.r.L.
100,00%
100,00%
100,00%
100,00%
100,00%
70,00%
Italia
Euro
240.000
10.000
30,00% Triboo Editoriale S.r.L.
30,00%
Svizzera
Italia
Italia
Euro
Euro
Euro
35.000
76.000
5.000
chf 30.000
40.000
10.000
33,00% Triboo Editoriale S.r.L.
15,00% Leonardo ADV S.r.l.
50,00% Leonardo ADV S.r.l.
33,00%
15,00%
50,00%
Area di
consolidamento
La società Motormag S.r.l. non è stata inclusa nel
perimetro di consolidamento in quanto irrilevante
50
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Principi di consolidamento
I principi che governano la predisposizione del bilancio del Gruppo attengono alla:
a) definizione dell’area di consolidamento;
b) definizione della data di consolidamento;
c) metodologia di consolidamento.
a) Definizione dell’area di consolidamento
•
Imprese controllate. Nell’area di consolidamento sono ricomprese la Capogruppo Triboo
Media S.p.A. (ex JUICEADV S.r.l., “ La Capogruppo”) e le altre società sulle quali la stessa
esercita, direttamente o indirettamente, il controllo, determinandone le scelte finanziarie e
gestionali ed ottenendone i relativi benefici economici.
•
Imprese collegate. Le imprese collegate sono le imprese nelle quali il Gruppo esercita
un’influenza notevole, così come definita dallo IAS28 – Partecipazioni in collegate – ma non il
controllo od il controllo congiunto sulle politiche finanziarie ed operative. Le partecipazioni in
imprese collegate sono contabilizzate con il metodo del patrimonio netto, a partire dalla data
in cui inizia l’influenza notevole fino al momento in cui tale influenza notevole cessa di
esistere. Qualora l’eventuale quota di pertinenza del Gruppo delle perdite della collegata
ecceda il valore contabile della partecipazione in bilancio, si procede ad azzerare il valore
della partecipazione e la quota delle ulteriori perdite non rilevate si iscrive in un apposito
fondo rischi, nella misura in cui il Gruppo abbia l’obbligo di risponderne.
•
Partecipazioni in altre imprese. Le partecipazioni in altre imprese costituenti attività
finanziarie disponibili per la vendita sono valutate al fair value, se determinabile, e gli utili e le
perdite derivanti dal fair value sono imputabili direttamente agli utili/perdite complessive
fintantoché esse sono cedute o abbiano subito una perdita di valore. In quel momento gli
utili/perdite complessivi precedentemente rilevati a Patrimonio Netto sono imputati a conto
economico. Le partecipazioni in altre imprese per le quali non è disponibile il fair value, sono
iscritte al costo eventualmente svalutato per perdite di valore. Le società controllate sono
consolidate a partire dalla data in cui il controllo è stato effettivamente acquisito dal Gruppo e
cessano di essere consolidate dalla data in cui tale controllo è trasferito al di fuori del Gruppo,
ad eccezione di eventuali accordi parasociali e di operazioni eseguite “under common control”
ai sensi dell’IFRS3.
Conformemente allo IAS 27 la capogruppo ha provveduto a consolidare i bilanci delle società nelle
quali esercita il controllo secondo il metodo integrale.
51
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Alla luce di quanto fin qui detto, il perimetro dell’area di consolidamento integrale del bilancio relativo
al 30 giugno 2014 comprende, oltre alla Capogruppo le società controllate Triboo Editoriale S.r.l,
Leonardo ADV S.r.l., HTML S.r.l., TAG Advertising S.r.l., Codebrain S.r.l. Tutte le società controllate
direttamente od indirettamente sono state incluse nell’area di consolidamento. La società Leonardo
Telefonia S.r.l. partecipata al 50% da Leonardo ADV S.r.l. e quindi indirettamente al 50% anche dalla
Capogruppo è ad oggi inattiva. Inoltre in virtù di accordi presi tra le parti il controllo è esercitato da
altra Società (che ne detiene il restante 50%). Per tale società pertanto si è optato per l’iscrizione al
costo, non ritenendo l’applicazione del metodo del Patrimonio Netto idonea a rappresentare la reale
posizione della società partecipata. La società Motormag S.r.l. è rimasta inattiva fino a settembre
2013, non riportando risultati significativi al 30 giugno 2014 e non venendo conseguentemente
consolidata.
Rispetto all’esercizio precedente, l’area di consolidamento nel 2014 comprende la società HTML S.r.l.
e le sue controllate TAG Advertising S.r.l. e Codebrain S.r.l, come meglio specificato nella relazione
finanziaria.
Le partecipazioni nelle società R&B Junk Sagl, Nomix S.r.l., FilmUp.com S.r.l. e Meteo Italia S.r.l.,
classificate tra le partecipazioni in altre imprese immobilizzate (held to maturity), vengono valutate a
fair value.
b) Data di consolidamento
La data di redazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato coincide con la data di chiusura
dell’esercizio della Capogruppo , vale a dire il 30 giugno 2014.
c) Metodologia di consolidamento
Con riferimento alle imprese controllate si è provveduto a consolidare i relativi bilanci secondo il
metodo integrale previsto e disciplinato dallo IAS 27. Tale principio prescrive che la capogruppo:
- aggreghi, linea per linea, ai valori risultanti dal proprio bilancio separato l’intero importo delle
attività, delle passività, dei costi e dei ricavi delle singole società ricadenti nell’area di
consolidamento;
- elimini il valore contabile delle partecipazioni consolidate detenute dalla Società a fronte del relativo
Patrimonio Netto.
Nella preparazione del bilancio consolidato, in particolare, si è seguita la seguente metodologia:
52
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
•
le attività e le passività, gli oneri e i proventi sono assunti linea per linea attribuendo, ove
applicabile, ai soci di minoranza la quota di Patrimonio netto e del risultato netto del periodo di
loro spettanza;
•
il valore contabile delle partecipazioni acquisite in un’operazione di aggregazione di imprese è
eliminato, in ossequio al metodo dell’acquisto (c.d. “purchase method”), a fronte della
corrispondente quota di patrimonio netto di ciascuna delle controllate comprensiva degli
eventuali adeguamenti al fair value, alla data di acquisizione, delle relative attività e passività.
L‘eventuale differenza residuale tra il valore contabile delle partecipazioni ed il valore corrente
delle attività e passività acquistate, se positiva, è allocata alla voce dell’attivo Avviamento e se
negativa é contabilizzata a conto economico;
•
gli utili e le perdite significativi derivanti da operazioni realizzate tra società consolidate
integralmente, non ancora realizzati nei confronti di terzi, sono eliminati;
•
i rapporti di debito e credito, i costi e i ricavi, nonché gli oneri e i proventi finanziari tra società
consolidate integralmente sono eliminati;
•
gli utili o le perdite derivanti dalla cessione di quote di partecipazione in società consolidate sono
imputati a conto economico per l’ammontare corrispondente alla differenza fra il prezzo di
vendita e la corrispondente frazione di attività e passività cedute;
•
gli utili e le perdite realizzate con società collegate consolidate sono eliminati per la parte di
pertinenza del Gruppo;
•
le perdite infragruppo sono eliminate ad eccezione del caso in cui esse siano rappresentative di
perdite durevoli.
La quota di interessenza degli azionisti di minoranza nelle attività nette delle controllate consolidate è
identificata separatamente rispetto al Patrimonio Netto del Gruppo. Tale interessenza viene
determinata in base alla percentuale da essi detenuta nel fair value delle attività e passività iscritte
alla data di acquisizione originaria e nelle variazioni di Patrimonio Netto dopo tale data.
4. Sintesi dei principi contabili e dei criteri di valutazione adottati
Il bilancio consolidato semestrale abbreviato del Gruppo Triboo Media al 30 giugno 2014 è stato
redatto facendo riferimento ai criteri generali della prudenza e della competenza e nel presupposto
del funzionamento e della continuità aziendale, avendo verificato la sussistenza dei requisiti previsti
dagli IAS/IFRS per procedere in tal senso, in considerazione anche di quanto esposto nella Relazione
sulla Gestione.
53
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Di seguito sono descritti i principi contabili che sono stati adottati per la redazione del bilancio
consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014 con riferimento alle principali voci patrimoniali
ed economiche presenti negli schemi.
A) Immobili, impianti e macchinari
Le attività materiali sono inizialmente rilevate al costo di acquisto o di produzione, comprensivo dei
costi accessori direttamente imputabili. Gli eventuali interessi passivi relativi alla costruzione di
immobilizzazioni materiali sono capitalizzati. I costi sostenuti successivamente all’acquisto dei beni
ed il costo di sostituzione di alcune parti dei beni iscritti in questa categoria sono capitalizzati solo se
incrementano i benefici economici futuri insiti nel bene cui si riferiscono. Tutti gli altri costi sono
rilevati a conto economico quando sostenuti. Quando il costo di sostituzione di alcune parti dei beni è
capitalizzato, il valore residuo delle parti sostituite è imputato a conto economico. Qualora parti
significative di tali attività materiali abbiano differenti vite utili, tali componenti sono contabilizzate
separatamente. I terreni, sia liberi da costruzione sia pertinenziali a fabbricati, sono rilevati
separatamente e non sono ammortizzati in quanto elementi a vita utile illimitata. Le attività materiali
sono esposte al netto dei relativi ammortamenti accumulati e di eventuali perdite di valore
determinate. L’ammortamento è calcolato in quote costanti in base alla vita utile stimata del bene per
l’impresa, che è riesaminata con periodicità annuale ed eventuali cambiamenti, laddove necessari,
sono apportati con applicazione prospettica. Le principali aliquote economico tecniche utilizzate sono
le seguenti:
Categoria – Aliquote di ammortamento
Autovetture
- 25%
Macchine e strumenti elettronici d’ufficio
- 20%
Mobili e macchine d’ufficio
- 15%
L’aliquota annua è stata opportunamente dimezzata in proporzione alla durata del periodo di
riferimento.
I beni posseduti in virtù di contratti di leasing finanziario, che si contraddistinguono dal punto di vista
sostanziale per il trasferimento al Gruppo di tutti i rischi ed i benefici derivanti dalla proprietà del
bene locato, sono capitalizzati fra le attività materiali dalla data di inizio del leasing al valore equo del
bene locato o, se minore, al valore attuale dei pagamenti minimi dovuti per il leasing (minimum lease
54
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
payment), compreso il prezzo dell’opzione di riscatto. La relativa passività è iscritta in bilancio fra i
debiti finanziari. I beni sono ammortizzati applicando il criterio e le aliquote sopra indicate.
Le locazioni nelle quali il locatore mantiene sostanzialmente i rischi e benefici legati alla proprietà dei
beni sono classificati come leasing operativi. I costi riferiti a leasing operativi sono rilevati
linearmente a conto economico lungo la durata del contratto di leasing.
B) Attività immateriali
Tali elementi sono rilevati inizialmente al costo di acquisto e/o di produzione, comprensivo delle spese
direttamente attribuibili per predisporre l’attività al suo utilizzo nel luogo e nella condizione
necessaria affinché essi siano in grado di funzionare nel modo inteso dalla direzione aziendale. Gli
eventuali interessi passivi maturati durante e per lo sviluppo delle immobilizzazioni immateriali sono
rilevati direttamente a conto economico.
Nel costo di produzione non sono compresi i costi di ricerca i quali sono rilevati direttamente a conto
economico nel periodo in cui vengono sostenuti. Viceversa, possono essere capitalizzati i costi di
sviluppo sempreché rispettino tutte le seguenti condizioni:
a) il progetto è chiaramente identificato ed i costi ad esso riferiti sono identificabili e misurabili in
maniera attendibile;
b) è dimostrata la fattibilità tecnica del progetto;
c) è dimostrata l'intenzione di completare il progetto e di vendere i beni immateriali generati dal
progetto;
d) esiste
un mercato potenziale o, in caso
di uso interno, è dimostrata l’utilità
dell’immobilizzazione immateriale per la produzione dei beni immateriali generati dal progetto;
e) sono disponibili le risorse tecniche e finanziarie necessarie per il completamento del progetto.
Le attività immateriali acquisite attraverso operazioni di aggregazione di imprese sono iscritte al
valore equo definito alla data di acquisizione, se tale valore corrente può essere determinato in modo
attendibile. Le licenze acquistate e relative a software vengono capitalizzate sulla base dei costi
sostenuti per il loro acquisto e per portarle in uso. L’ammortamento è calcolato col metodo lineare
sulla loro stimata vita utile. Le attività immateriali a vita utile definita sono esposte al netto dei relativi
ammortamenti accumulati e di eventuali perdite di valore determinate secondo le modalità descritte
nella successiva Sezione C). Le attività immateriali a vita utile definita vengono ammortizzate in
relazione alla loro vita utile. Le principali aliquote economico tecniche utilizzate sono le seguenti:
55
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Categoria – Aliquote di ammortamento
Costi di sviluppo
- 20%
Anagrafiche web
- 33%
Database contenuti editoriali
- 50%
Software
- 33%
Altri Oneri Pluriennali
- 33%
L’aliquota annua è stata opportunamente dimezzata in proporzione alla durata del periodo di
riferimento.
Le attività immateriali a vita utile indefinita non sono ammortizzate, ma sono sottoposte annualmente,
o più frequentemente se specifici eventi o modificate circostanze indicano la possibilità di aver subito
una perdita di valore, a verifiche per identificare eventuali riduzioni di valore, secondo quanto previsto
dallo IAS 36 – Riduzioni di valore delle attività (“impairment test”). Le perdite di valore sono iscritte
immediatamente a conto economico.
Domini Web
Tra le attività immateriali a vita utile indefinita sono iscritti i domini acquisiti da soggetti terzi al
Gruppo e propedeutici all’attività di business. Ogni singolo dominio iscritto viene sottoposto
obbligatoriamente ad un’analisi di recuperabilità (“impairment test”) con cadenza annuale ovvero
anche più breve nel caso in cui si verifichino eventi o cambiamenti di circostanze che possano far
emergere eventuali perdite di valore. Dal test di impairment emerge una perdita di valore tutte le volte
che il valore recuperabile da parte dell’unità generatrice di cassa, coincidente con il singolo dominio,
risulti inferiore al suo valore di iscrizione in bilancio.
Avviamento
L’avviamento derivante dall’acquisizione di società controllate o collegate è inizialmente iscritto al
costo, e rappresenta l’eccedenza del costo d’acquisto rispetto alla quota di pertinenza dell’acquirente
del fair value netto riferito ai valori identificabili delle attività, delle passività e delle passività potenziali
delle società acquisite. L’eventuale differenza negativa (“avviamento negativo”) è invece rilevata a
conto economico al momento dell’acquisizione. Dopo l’iniziale iscrizione, l’avviamento non è soggetto
ad ammortamento sistematico bensì ad un test periodico di verifica sull’adeguatezza del relativo
valore di iscrizione in bilancio (“impairment test”). Di conseguenza il suo valore contabile iniziale è
rettificato dalle eventuali perdite di valore accumulate, determinate con le modalità descritte nel
seguito. L’avviamento relativo a partecipazioni in società collegate è incluso nel loro valore di carico.
56
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
L’avviamento viene sottoposto obbligatoriamente ad un’analisi di recuperabilità (“impairment test”)
con cadenza annuale ovvero anche più breve nel caso in cui si verifichino eventi o cambiamenti di
circostanze che possano far emergere eventuali perdite di valore.
Alla data di acquisizione, l’eventuale avviamento emergente viene attribuito a ciascuna delle unità
generatrici di flussi finanziari (“cash generating unit”) che ci si attende beneficeranno degli effetti
sinergici derivanti dall’acquisizione. L’eventuale perdita di valore è identificata attraverso valutazioni
che prendono a riferimento la capacità di ciascuna unità di produrre flussi finanziari atti a recuperare
la parte di avviamento ad essa allocata, con le modalità indicate nella successiva sezione denominata
“Riduzione di valore delle attività”. Dal test di impairment emerge una perdita di valore
dell’avviamento tutte le volte che il valore recuperabile da parte dell’unità generatrice di cassa a cui è
attribuito l’avviamento risulti inferiore al suo valore di iscrizione in bilancio. Tale perdita di valore non
è ripristinata nel caso in cui vengano meno i motivi che l’hanno generata.
C) Riduzione di valore delle attività
Ad ogni data di bilancio, il Gruppo rivede il valore contabile delle proprie attività materiali e
immateriali per determinare se vi siano indicazioni che queste attività abbiano subìto riduzioni di
valore. Qualora queste indicazioni esistano, viene stimato l’ammontare recuperabile di tali attività per
determinare l’eventuale importo della svalutazione. Dove non è possibile stimare il valore
recuperabile di una attività individualmente, il Gruppo effettua la stima del valore recuperabile della
unità generatrice di flussi finanziari a cui l’attività appartiene. Le attività immateriali a vita utile
indefinita, riferibili esclusivamente all’avviamento, vengono assoggettate al test di impairment
annualmente e ogniqualvolta vi è l’indicazione di una possibile perdita di valore. L’ammontare
recuperabile è il maggiore fra il fair value al netto dei costi di vendita e il valore d’uso. Nella
determinazione del valore d’uso, i flussi di cassa futuri stimati sono scontati al loro valore attuale
utilizzando un tasso al netto delle imposte che riflette le valutazioni correnti di mercato del valore del
denaro e dei rischi specifici dell’attività.
Se l’ammontare recuperabile di un’attività (o di una unità generatrice di flussi finanziari) è stimato
essere inferiore rispetto al relativo valore contabile, esso è ridotto al minor valore recuperabile. Una
perdita di valore è rilevata nel conto economico immediatamente, a meno che l’attività sia
rappresentata da immobilizzazioni iscritte in sede di transizione agli IFRS al costo rivalutato come
sostituto del costo, nel qual caso la perdita è imputata alla rispettiva riserva di rivalutazione.
57
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Quando una svalutazione non ha più ragione di essere mantenuta, il valore contabile dell’attività (o
della unità generatrice di flussi finanziari), ad eccezione dell’avviamento, è incrementato al nuovo
valore derivante dalla stima del suo valore recuperabile, ma non oltre il valore netto di carico che
l’attività avrebbe avuto se non fosse stata effettuata la svalutazione per perdita di valore. Il ripristino
del valore è imputato al conto economico immediatamente, a meno che l’attività sia rappresentata da
immobilizzazioni iscritte in sede di transizione agli IFRS al costo rivalutato come sostituto del costo,
nel qual caso il ripristino di valore è imputato alla rispettiva riserva di rivalutazione.
Impairment test
Gli impairment effettuati sugli Asset di volta in volta individuati, hanno come orizzonte temporale e
come riferimento i dati contenuti dal piano di sviluppo (Business Plan) predisposto dagli
Amministratori, che copre un arco temporale che va dall’esercizio 2013 al 2017. I flussi ottenuti
nell’effettuazione del test di impairment vengono attualizzati utilizzando il medesimo WACC applicato
ai flussi di cassa per il periodo 2014-2017 considerato nel Business Plan; gli eventuali anni successivi
al 2017 necessari per la stima vengono stimati uguali a quelli del 2017.
La stima del tasso di attualizzazione viene pertanto fatta con riferimento al concetto di costo medio
ponderato del capitale (WACC) che viene determinato come segue:
Wacc=Ke x E/(E+D)+Kd x (1-t) x D/(E+D)
dove:
-
Ke è il costo del capitale proprio
-
E è il valore economico del capitale
-
D è il valore economico dei debiti di finanziamento
-
Kd è il costo del capitale di terzi (costo dei debiti finanziari)
-
T è l’aliquota fiscale applicata agli oneri finanziari.
Nella sostanza il costo medio ponderato del capitale è calcolato quale media ponderata dei costi della
varie fonti di finanziamento (costo del capitale proprio e costo del capitale di terzi) pesata in funzione
dell’incidenza delle stesse nel finanziamento aziendale. Il costo del capitale proprio si identifica nel
rendimento atteso da impieghi alternativi confrontabili sul piano del rischio secondo la seguente
relazione:
Costo del capitale proprio=rendimento di investimenti a rischio nullo + premio per il rischio.
58
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
La stima del capitale proprio viene effettuata facendo riferimento alla metodologia del Capital Asset
Pricing Model (CAPM), applicando la seguente formula:
Ke=rf + β x (rm – rf)
Dove:
rf è il rendimento di una attività con rischio nullo (free risk rate)
β è l’indice di volatilità dell’investimento
rm è il rendimento atteso di mercato
(rm-rf) è il premio di rischio dell’azionista.
D) Strumenti finanziari
Attività finanziarie
Le attività finanziarie sono, al momento della prima iscrizione, classificate in una delle seguenti
categorie e valutate come segue.
Attività finanziarie disponibili per la vendita
Sono accolte in tale categoria le partecipazioni diverse da quelle di controllo e di collegamento e dagli
altri strumenti finanziari diversi dalle partecipazioni e dai contratti derivati esplicitamente designati
all’atto dell’acquisto. L’iscrizione iniziale delle attività finanziarie avviene alla data di regolamento. Le
attività finanziarie disponibili per la vendita sono inizialmente iscritte al costo, inteso come il fair value
dello strumento, comprensivo dei costi o proventi di transizione direttamente attribuibili. Le attività
finanziarie disponibili per la vendita sono valutate al fair value, rilevando:
- a conto economico, gli interessi calcolati con il metodo del tasso di interesse effettivo, che
tiene conto sia dei costi di transizione sia delle differenze tra il costo ed il valore di rimborso;
- a patrimonio netto, in una specifica riserva, al netto dell’imposizione fiscale, i proventi ed
oneri derivanti dalla variazione del fair value. Tale riserva di patrimonio netto viene riversata a
conto economico solo nel momento in cui l’attività finanziaria viene effettivamente ceduta o,
nel caso di variazioni cumulate negative, quando si evidenzia che la riduzione di valore già
rilevata a patrimonio netto non potrà essere recuperata.
59
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Le attività finanziarie rappresentate da partecipazioni in società non quotate in un mercato attivo sono
valutate, successivamente alla prima iscrizione, al costo, qualora non esista una misura attendibile
del fair value.
Per la determinazione attendibile del fair value di eventuali strumenti finanziari quotati su mercati
attivi viene utilizzata la relativa quotazione di mercato alla data di chiusura del periodo oggetto di
rilevazione. In assenza di un mercato attivo, il fair value è determinato utilizzando modelli di
valutazione (option pricing model; modelli di discount cash flow) che si basano prevalentemente su
variabili finanziarie oggettive, nonché tenendo conto, ove possibile, dei prezzi rilevati in transazioni
recenti e delle quotazioni di strumenti finanziari assimilabili. La verifica dell’esistenza di obiettive
riduzioni di valore viene effettuata ad ogni chiusura di esercizio. Le variazioni di valore delle
partecipazioni classificate come disponibili per la vendita sono iscritte in una riserva di patrimonio
netto che sarà riversata a conto economico al momento della vendita ovvero in presenza di una
riduzione di valore. Le variazioni di valore delle partecipazioni classificate come attività valutate al fair
value attraverso il conto economico sono iscritte direttamente a conto economico.
Finanziamenti e crediti
I finanziamenti ed i crediti sono strumenti finanziari, non-derivati e non quotati in un mercato attivo
dai quali sono attesi pagamenti fissi o determinabili. In tale voce sono accolti i crediti verso clienti, i
titoli obbligazionari eventualmente sottoscritti o acquistati sul mercato secondario.
L’iscrizione dei crediti verso clienti rivenienti in via esclusiva dalla prestazione di servizi è connessa
con il momento in cui la prestazione del servizio è ultimata, cioè con il momento in cui sorge il diritto
alla ricezione del corrispettivo. Le attività finanziarie diverse dai crediti verso clienti sono iscritte alla
data di regolamento. All’atto della rilevazione iniziale le attività finanziarie accolte in tale categoria
sono valutate al costo, inteso come il fair value dello strumento, comprensivo dei costi o proventi di
transizione direttamente attribuibili. I crediti con scadenza superiore ad un anno, infruttiferi o sui
quali maturano interessi inferiori al mercato, sono attualizzati utilizzando i tassi di remunerazione
offerti da strumenti che per caratteristiche tecniche e per profilo rischio/rendimento sono
comparabili. Le attività finanziarie accolte in tale voce sono valutate successivamente alla prima
iscrizione secondo il metodo del costo ammortizzato. Il valore di iscrizione iniziale è, pertanto,
rettificato per tener conto dei rimborsi in quota capitale, delle eventuali svalutazioni e
dell’ammortamento della differenza tra il valore di rimborso e il valore di iscrizione iniziale;
l’ammortamento è effettuato sulla base del tasso di interesse interno effettivo rappresentato dal
tasso che rende uguali, al momento della rilevazione iniziale, il valore attuale dei flussi di cassa attesi
60
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
e il valore di iscrizione iniziale (metodo del costo ammortizzato). I crediti commerciali, viceversa, sono
valutati al costo storico e non sono soggetti al processo di ammortamento vista la loro breve
scadenza. Qualora vi sia una obiettiva evidenza di indicatori di riduzioni di valore, l’attività viene ridotta
in misura tale da risultare pari al valore scontato dei flussi ottenibili in futuro. Le perdite di valore
sono rilevate a conto economico. Se nei periodi successivi vengono meno le motivazioni delle
precedenti svalutazioni, il valore delle attività viene ripristinato fino a concorrenza del valore che
sarebbe derivato dall’applicazione del costo ammortizzato qualora non fosse stata effettuata la
svalutazione.
Passività finanziarie
Le passività finanziarie sono relative a finanziamenti, debiti commerciali ed altre obbligazioni a
pagare.
L’iscrizione dei debiti verso fornitori rivenienti:
- dalla prestazione di servizi è connessa con il momento in cui la prestazione del servizio è ultimata,
cioè con il momento in cui sorge l’obbligo al pagamento del corrispettivo;
- dalla cessione di beni è connessa con il momento in cui l’impresa ha acquisito i rischi significativi ed
i benefici derivanti dalla proprietà dei beni e l’entità del costo può essere determinata
attendibilmente.
Le passività finanziarie diverse dai debiti commerciali sono iscritte quando l’impresa diviene parte
delle clausole contrattuali della passività stessa. All’atto della rilevazione iniziale le passività
finanziarie accolte in tale categoria sono valutate al costo, inteso come il fair value dello strumento,
comprensivo dei costi o proventi di transizione direttamente attribuibili.
Le passività finanziarie accolte in tale voce sono valutate successivamente alla prima iscrizione
secondo il metodo del costo ammortizzato. Il valore di iscrizione iniziale è, pertanto, rettificato per
tener conto dei rimborsi in quota capitale e dell’ammortamento della differenza tra il valore di
rimborso e il valore di iscrizione iniziale; l’ammortamento è effettuato sulla base del tasso di
interesse interno effettivo rappresentato dal tasso che rende uguali, al momento della rilevazione
iniziale, il valore attuale dei flussi di cassa attesi e il valore di iscrizione iniziale (metodo del costo
ammortizzato). I debiti commerciali, viceversa, sono valutati al costo storico e non sono soggetti al
processo di ammortamento vista la loro breve scadenza.
61
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Con riferimento alle voci relative alle attività e passività finanziarie del Gruppo, si rimanda al
contenuto della Relazione sulla Gestione relativamente alla gestione dei vari rischi finanziari (rischio
di tasso, rischio di cambio, rischio di liquidità, rischio di credito).
E) Patrimonio netto
Capitale sociale
Il capitale sociale è rappresentato dal capitale sottoscritto e versato della Capogruppo. I costi
strettamente correlati alla emissione di nuove quote sono classificati a riduzione del capitale sociale,
al netto dell’eventuale effetto fiscale differito.
Riserve
Sono costituite da riserve di capitale a destinazione specifica relative alla Capogruppo. In particolare
include la riserva legale movimentata attraverso accantonamenti rilevati ai sensi dell’articolo 2430
del codice civile, ovvero con incrementi in misura pari alla ventesima parte degli Utili netti realizzati
dalla Capogruppo, fino a che la riserva in oggetto non abbia raggiunto il quinto del suo capitale
sociale. Una volta raggiunto il quinto del capitale, qualora la riserva, per qualsiasi ragione, venga
diminuita, la stessa è reintegrata con accantonamenti annuali nella misura minima pari a quella
sopra indicata.
Riserve e utili indivisi
Includono i risultati economici dei precedenti esercizi per la parte non distribuita né accantonata a
riserva (in caso di utili) o ripianata (in caso di perdite) e la riserva creata in occasione della prima
applicazione dei principi contabili internazionali.
F) Benefici ai dipendenti
Fondi per benefici ai dipendenti
Le società appartenenti al Gruppo riconoscono ai propri dipendenti benefici che saranno erogati in
coincidenza o successivamente alla cessazione del rapporto di lavoro attraverso programmi
pensionistici a benefici definiti.
I piani pensionistici a benefici definiti, tra i quali rientra anche il trattamento di fine rapporto dovuto ai
dipendenti delle società italiane ai sensi dell’articolo 2120 del codice civile, sono basati sulla vita
lavorativa dei dipendenti e sulla remunerazione percepita dal dipendente nel corso di un
predeterminato periodo di servizio. In particolare, la passività relativa al trattamento di fine rapporto
62
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
del personale è iscritta in bilancio in base al valore attuariale della stessa, in quanto qualificabile
quale beneficio ai dipendenti dovuto in base ad un piano a prestazioni definite. L’iscrizione in bilancio
dei piani a prestazioni definite richiede la stima con tecniche attuariali dell’ammontare delle
prestazioni maturate dai dipendenti in cambio dell’attività lavorativa prestata nell’esercizio corrente e
in quelli precedenti e l’attualizzazione di tali prestazioni al fine di determinare il valore attuale degli
impegni del Gruppo. La determinazione del valore attuale di tali impegni è effettuata con il “metodo
della proiezione unitaria” (“Projected Unit Credit Method”). Tale metodo, che rientra nell’ambito più
generale delle tecniche relative ai cosiddetti “benefici maturati”, considera ogni periodo di servizio
prestato dai lavoratori presso l’azienda come una unità di diritto addizionale: la passività attuariale
deve quindi essere quantificata sulla base delle sole anzianità maturate alla data di valutazione;
pertanto, la passività totale viene di norma riproporzionata in base al rapporto tra gli anni di servizio
maturati alla data di riferimento delle valutazioni e l’anzianità complessivamente raggiunta all’epoca
prevista per la liquidazione del beneficio. Inoltre, il predetto metodo prevede di considerare i futuri
incrementi retributivi, a qualsiasi causa dovuti (inflazione, carriera, rinnovi contrattuali ecc.), fino
all’epoca di cessazione del rapporto di lavoro.
Le componenti del costo dei benefici definiti sono rilevate come segue:
-
i costi relativi alle prestazioni di servizio sono rilevati a Conto economico nel costo del
personale;
-
gli oneri finanziari netti sulla passività o attività a benefici definiti sono rilevati a Conto
economico come Proventi/(oneri) finanziari, e sono determinati moltiplicando il valore della
passività/(attività) netta per il tasso utilizzato per attualizzare le obbligazioni, tenendo conto
dei pagamenti dei contributi e dei benefici avvenuti durante il periodo;
-
le componenti di rimisurazione della passività netta, che comprendono gli utili e le perdite
attuariali, il rendimento delle attività e qualsiasi variazione nel limite dell’attività, sono rilevati
immediatamente negli Altri utili (perdite) complessivi.
Il tasso annuo di attualizzazione adottato per le elaborazioni è assunto pari al 2,18% data di
valutazione con scadenza correlata alla durata media residua della permanenza in azienda del
collettivo oggetto di valutazione.
G) Trattamento di fine mandato
Il trattamento di fine mandato dell’Amministratore è una retribuzione differita da corrispondersi al
termine del mandato professionale riservata agli amministratori, assimilabile al TFR per dipendenti.
Differisce dal TFR per il fatto di non avere una disciplina specifica all’interno del codice civile: ciò
63
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
comporta che l’ammontare del TFM spettante all’organo amministrativo, per effetto del comma 1
dell’art. 2389 codice civile, viene deciso in sede statutaria o in sede assembleare. Il TFM rientra nelle
fattispecie regolate dallo IAS 19 Employee Benefits, che disciplina i compensi ai dipendenti da
intendersi anche come Amministratori. In particolare si tratta di un Post Employment Benefit, cioè un
beneficio pagabile al lavoratore dopo il termine del rapporto di lavoro, ed in particolare di un Defined
Benefit Plans, vale a dire un Piano a Benefici Definiti.
Per il metodo attuariale adottato per la quantificazione della posta in esame e per il metodo di
contabilizzazione adottato dalla società, vale quanto esplicitato al paragrafo precedente, con
riferimento al TFR. Il tasso di attualizzazione utilizzato per il computo del TFM è confermato in 2,18%.
H) Fondi per rischi e oneri
I fondi per rischi e oneri riguardano costi e oneri di natura determinata e di esistenza certa o
probabile che alla data di chiusura del periodo di riferimento sono indeterminati nell’ammontare o
nella data di sopravvenienza. Gli accantonamenti sono rilevati quando si è in presenza di una
obbligazione attuale (legale o implicita) che deriva da un evento passato, qualora sia probabile un
esborso di risorse per soddisfare l’obbligazione e possa essere effettuata una stima attendibile
sull’ammontare dell’obbligazione. Gli accantonamenti sono iscritti al valore rappresentativo della
migliore stima dell’ammontare che l’impresa pagherebbe per estinguere l’obbligazione ovvero per
trasferirla a terzi alla data di chiusura del periodo. Se l’effetto di attualizzazione del valore del denaro
è significativo, gli accantonamenti sono determinati attualizzando i flussi finanziari futuri attesi ad un
tasso di sconto ante imposte che riflette la valutazione corrente del mercato del costo del denaro in
relazione al tempo. Quando viene effettuata l’attualizzazione, l’incremento dell’accantonamento
dovuto al trascorrere del tempo è rilevato come onere finanziario.
I rischi per i quali il manifestarsi di una passività è soltanto possibile vengono indicati nell’apposita
sezione informativa su impegni e rischi e non si procede ad alcuno stanziamento.
I) Riconoscimento dei ricavi derivanti dalle vendite e dalle prestazioni di servizi
I ricavi delle vendite di beni sono rilevati quando:
1. i rischi ed i benefici significativi della proprietà dei beni sono trasferiti all’acquirente e ciò
normalmente coincide con il momento di spedizione della merce;
2. il valore dei ricavi è attendibilmente determinabile.
I ricavi relativi alle prestazioni di servizi vengono rilevati in base allo stato di effettivo completamento
del servizio alla data di riferimento del bilancio e sono rappresentati al netto di sconti, abbuoni e resi.
64
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
I ricavi relativi alle prestazioni di servizi, che rappresentano la totalità dei ricavi del Gruppo, vengono
rilevati in linea generale in base allo stato di effettivo completamento del servizio alla data di
riferimento del bilancio e sono rappresentati al netto di sconti, abbuoni.
In particolare, per quanto riguarda la prestazione delle attività pubblicitarie, nella fattispecie vendita
di campagne a performance, la fatturazione avviene sulla base dei “click” generati al cliente ovvero
sulla base della cosiddetta “response” ossia la visita successiva al sito collegato al banner, che viene
aperta tramite un “click”, a cui può seguire anche l’iscrizione al sito o l’acquisto di prodotti/servizi sul
sito stesso (azione). Per quanto concerne le campagne brand, il riconoscimento del ricavo avviene
sulla base del periodo di erogazione della pubblicità o sul numero di visualizzazioni del messaggio
pubblicitario, determinato attraverso un software dedicato.
J) Interessi
I proventi e gli oneri sono rilevati per competenza sulla base degli interessi maturati sul valore netto
delle relative attività e passività finanziarie utilizzando il tasso di interesse effettivo.
K) Dividendi
I dividendi sono accolti nel conto economico quando è maturato il diritto degli azionisti a riceverne il
pagamento che normalmente corrisponde alla delibera assembleare di distribuzione dei dividendi.
M) Riconoscimento dei costi
I costi sono riconosciuti quando sono relativi a beni e servizi venduti o consumati nell’esercizio o per
ripartizione sistematica ovvero quando non si possa identificare l’utilità futura degli stessi.
N) Imposte
Le imposte dell’esercizio rappresentano la somma delle imposte correnti e anticipate/differite.
Fiscalità corrente
Le imposte sul reddito di competenza del periodo sono state determinate sulla base della miglior
stima dell’aliquota media ponderata prevista per l’intero esercizio.
Fiscalità differita
Le imposte differite sono calcolate a fronte di tutte le differenze temporanee che emergono tra la
base imponibile di una attività o passività ed il relativo valore contabile, ad eccezione di quelle relative
a differenze temporanee rivenienti dalle partecipazioni in società controllate, quando la tempistica di
65
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
rigiro di tali differenze è soggetta al controllo del Gruppo e risulta probabile che non si riverseranno in
un lasso di tempo ragionevolmente prevedibile.
Le passività per imposte differite sono rilevate per tutte le differenze temporanee imponibili.
Le attività per imposte anticipate sono rilevate per tutte le differenze temporanee deducibili se è
probabile che sarà realizzato un reddito imponibile a fronte del quale potranno essere utilizzate le
differenze temporanee deducibili. Le attività e le passività fiscali correnti e differite sono compensate
quando le imposte sul reddito sono applicate dalla medesima autorità fiscale e quando vi è un diritto
legale di compensazione ed è attesa una liquidazione del saldo netto. Nella situazione patrimoniale finanziaria separatamente viene esposto il saldo netto dei crediti per imposte anticipate e quello delle
passività per imposte differite. Le attività e le passività fiscali differite sono determinate con le
aliquote fiscali che si prevede saranno applicabili, negli esercizi nei quali le differenze temporanee
saranno realizzate o estinte.
Q) Informazione di segmento (“segment information”) - Analisi dei prodotti
Il Gruppo, come esposto precedentemente, è in grado di sviluppare campagne pubblicitarie che si
differenziano per metodi di remunerazione e per strumenti utilizzati.
Volendo riassumere i diversi prodotti, che il Gruppo, ad oggi è in grado di offrire, si può procedere a
una prima classificazione tra prodotti per modello di remunerazione delle campagne e tecnologia
utilizzata per svilupparle:
•
Brand. Collegati a un modello di remunerazione semplice calcolato in base numero di
visualizzazioni della campagna pubblicitaria o al tempo in cui rimane online. È un tipo di prodotto
solitamente utilizzato per creare la consapevolezza intorno al messaggio della campagna, sia
questa un’offerta di sconto, un prodotto, un evento o un marchio (il nome deriva infatti da brand
awareness, notorietà del marchio). Il relativo sistema di remunerazione viene solitamente
riassunto in RPM (revenue per mille), numero di visualizzazioni del messaggio pubblicitario diviso
per mille.
•
Performance. Collegati a un modello di remunerazione più complesso e legato alla conversione di
una semplice visita in un’azione compiuta da parte del destinatario della pubblicità. È un tipo di
campagna pubblicitaria che spesso ha come fine la vendita di un prodotto, la raccolta di
informazioni o semplicemente lo studio dei dati raccolti tramite la stessa. I relativi sistemi di
remunerazione della campagna sono RPA (revenue per action), remunerazione per azione
eseguita dal destinatario della pubblicità (ad esempio l’acquisto di un prodotto o la compilazione
di un contratto), e RPC (revenue per click), remunerazione basata sul click (interazione con il
66
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
messaggio pubblicitario tramite utilizzo del mouse). La differente complessità nel portare il
destinatario ad effettuare un Click o una Action è ovviamente riflessa da una differenza di prezzo
tra le due modalità. Rientrano nel perimetro delle attività performance anche la monetizzazione
degli spazi in modalità real time bidding, tecnologia sulla quale il Gruppo negli ultimi anni ha
investito per seguire i nuovi trend di mercato.
•
Corsi di Formazione. Vendita di corsi a calendario, su misura o percorsi e certificazioni in
discipline legate alla tecnologia, al management e alla sicurezza sul lavoro.
La suddivisione integrale del bilancio per tipologia di prodotto deriverebbe da classificazioni
all’interno di singoli segmenti non del tutto rappresentative, pertanto non si ritiene di presentare
situazioni di bilancio per i singoli settori/categorie di prodotto.
67
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
5. Note informative alla situazione patrimoniale finanziaria
1. Attività materiali
La voce “Attività materiali”, e la relativa comparazione con i saldi dell’esercizio precedente, sono
dettagliate nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Autovetture
Altre immobilizzazioni materiali
IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI
31/12/2013
195.263
70.610
265.873
Variazione
79.996
9.748
89.744
115.267
60.862
176.129
La voce “Autovetture” è costituita da un totale di sette autovetture aziendali, di cui tre acquisite in
leasing nel corso dell’esercizio 2012 e di quattro autovetture di proprietà.
Le movimentazioni del costo storico e del fondo ammortamento relativamente al 30 giugno 2014 sono
esposte nella seguente tabella:
Descrizione
Autovetture
Autovetture
Attrezzature e Impianti
Macchine elettroniche
Mobili e arredi
Macchine elettroniche
val. < 516 euro
Attrezzature val. < 516
euro
Altri beni valore < 516
euro
Altri beni
Totale Attività Materiali
Costo
Storico
31/12/13
Incrementi
Variazione area
consolidamento
Costo
Storico
30/06/14
F.do
Amm.to
31/12/13
306.046
306.046
16.034
166.058
41.708
(64.375)
(64.375)
(32.752)
(675)
(21.062)
(21.062)
(2.218)
(288)
144.371
144.371
42.501
675
32.302
32.302
3.356
-
129.373
129.373
16.034
120.201
41.033
6.729
288
-
7.017
(6.729)
10.391
-
-
10.391
(10.391)
Incrementi
Variazione area
consolidamento
-
(25.346)
(25.346)
(11.723)
(85.490)
(20.331)
F.do
Amm.to
30/06/14
(110.783)
(110.783)
(11.723)
(120.461)
(21.006)
Saldo
31/12/13
Saldo
30/06/14
79.996
79.996
9.748
-
195.263
195.263
4.311
45.597
20.702
-
(7.017)
-
-
-
(10.391)
-
-
9.114
1.441
-
10.556
(9.114)
(1.441)
(10.556)
-
-
69.409
182.354
177.268
251.763
(59.661)
(3.948)
(117.544)
(181.153)
9.748
70.610
557.809 (124.036)
(25.011)
(142.890)
(291.936)
89.744
265.873
213.780
214.656
306.641,14
-
2. Avviamento
La voce “Avviamento”, e la relativa comparazione con i saldi dell’esercizio precedente, sono
dettagliate nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Avviamento da conferimento ramo ADV in Leonardo ADV
Differenza di consolidamento partecipazione in Leonardo ADV
Differenza di consolidamento partecipazione in HTML.it
AVVIAMENTO
68
1.228.384
674.974
7.873.205
9.776.563
31/12/2013
1.228.384
674.974
1.903.358
Variazione
7.873.205
7.873.205
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
La voce è così composta:
-
L’avviamento iscritto in bilancio al 31 dicembre 2013 è sorto in relazione all’operazione di
conferimento del ramo d’azienda di web advertising effettuata dalla controllante Juice ADV
S.r.l. (ora Triboo Media S.p.A.) in favore della concessionaria Leonardo ADV s.r.l.,
nell’esercizio 2011.
-
L’avviamento relativo all’iscrizione della differenza di consolidamento della società controllata
al 100% Leonardo ADV S.r.l. a partire dal 31 dicembre 2011. Tale differenza non viene
ammortizzata ai sensi dei principi contabili internazionali IAS/IFRS.
-
L’avviamento relativo all’iscrizione della differenza di consolidamento della società controllata
al 100% HTML.it S.r.l., acquisita nel corso del semestre, a partire dal 25 giugno 2014. Tale
differenza non viene ammortizzata ai sensi dei principi contabili internazionali IAS/IFRS.
Ai fini della predisposizione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014 del
Gruppo, gli Amministratori hanno sottoposto tali avviamenti a verifica tramite impairment test (svolto
ai sensi dello IAS 36), all’esito del quale non sono state individuate perdite durevoli di valore di tali
elementi.
L’incremento della voce Avviamento pari a 7,9 milioni di euro si riferisce all’allocazione provvisoria di
parte del corrispettivo riconosciuto per l’acquisizione pari a 10,8 milioni di euro da parte della
capogruppo del 100% del Gruppo HTML.it. Come previsto dall’IFRS 3, entro dodici mesi dalla data di
acquisizione sarà effettuata l’allocazione definitiva del corrispettivo pagato al fine di determinare il
fair value di attività e passività acquisite. Se al termine del periodo di valutazione verranno identificate
attività materiali ed immateriali, si effettuerà la rettifica degli importi provvisori rilevati in sede di
acquisizione con effetto retroattivo alla data di acquisizione.
3. Attività immateriali a vita utile definita
La voce “Attività immateriali a vita utile definita”, e la relativa comparazione con i saldi dell’esercizio
precedente, sono dettagliate nella seguente tabella:
69
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Descrizione
30/06/2014
Costi di sviluppo sostenuti internamente
Anagrafiche generate tramite sponsoring - customer list
Database contenuti editoriali
Sviluppo software e sistemi informativi
Licenze software
31/12/2013
476.975
251.370
329.649
124.914
93.093
12.500
7.995
16.600
1.313.096
Spese creazione sito
Immobilizzazioni immateriali in corso
Altri oneri pluriennali
ATTIVITA' IMMATERIALI A VITA UTILE DEFINITA
255.147
200.600
103.595
5.363
15.000
579.705
Variazione
221.829
50.770
329.649
21.318
87.729
12.500
(7.005)
16.600
733.391
La variazione netta è riconducibile, oltre agli incrementi effettuati nel periodo, all’incremento
derivante dall’inclusione nell’area di consolidamento di HTML.
Gli investimenti in attività immateriali a vita utile definita nel primo semestre 2014 sono
principalmente riferiti a:
• costi di sviluppo sostenuti internamente per un valore netto contabile pari ad euro 476.975, riferiti
ai progetti di sviluppo di architetture software, pagine web, progetti editoriali e progetti speciali per
la cui spiegazione si rimanda alla relazione sulla gestione. La vita utile di tali progetti è stata
determinata in cinque anni dalla data di inizio di ogni progetto;
• anagrafiche generate tramite sponsoring per un valore netto contabile pari ad euro 251.370, tali
costi capitalizzati sono relativi agli acquisti di database di indirizzi web (customer lists) necessari
per poter svolgere l’attività di pubblicità on-line. La vita utile di tali database è stata determinata in
tre anni, periodo che tiene conto della ciclicità delle integrazioni dei database e della durata media
degli indirizzi web acquistati;
• database di contenuti editoriali per un valore netto contabile pari ad euro 329.649, tali costi
capitalizzati sono relativi agli acquisti di articoli editoriali utilizzati poi nei vari siti appartenenti al
network HTML. La vita utile di tali database è stata determinata in due anni;
• la voce “sviluppo software e sistemi informativi” che accoglie principalmente i costi relativi
all’implementazione di nuovi software gestionali e contabili: il processo di trasformazione dei
software gestionali aziendali è iniziato nel corso del 2012 e si concluderà presumibilmente entro
l’esercizio 2015;
• le immobilizzazioni in corso si riferiscono all’implementazione di parte dei progetti di sviluppo
editoriale portati avanti da HTML.
Le movimentazioni del costo storico e del fondo ammortamento relative al 30 giugno 2014, sono
esposte nella seguente tabella:
70
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Descrizione
Costi di sviluppo
sostenuti internamente
Anagrafiche generate
tramite sponsoring
Database contenuti
editoriali
Sviluppo software e
sistemi informativi
Licenze software
Spese creazione sito
Immobilizzazioni in
corso
Altri oneri pluriennali
Totale Attività
immateriali a vita
definita
Costo
Storico
31/12/13
Incrementi
357.293
150.380
545.636
135.204
-
Variazione area
consolidamento
-
Costo
Storico
30/06/14
143.606
658.936
F.do
Amm.to
31/12/13
Incrementi
Variazione area
consolidamento
F.do
Amm.to
30/06/14
Saldo
31/12/13
Saldo
30/06/14
651.279 (102.146)
(57.797)
(14.361)
(174.304)
255.147
476.975
680.840 (345.036)
(84.435)
-
(429.471)
200.600
251.370
(329.286)
(329.286)
-
(78.303)
103.595
124.914
-
(47.440)
(2.500)
5.363
-
93.093
12.500
15.000
7.995
-
16.600
658.936
-
-
157.149
46.068
-
203.217
(53.554)
(24.749)
32.850
-
95.850
15.000
11.833
-
140.533
15.000
(27.486)
-
(17.316)
(2.500)
15.000
1.107.927
(15.000)
427.502
7.995
7.995
-
-
42.018
42.018
-
-
864.388
2.399.817 (528.222)
(186.797)
(2.638)
(25.418)
(371.702)
-
(25.418)
(1.086.721) 579.705
329.649
1.313.096
Gli incrementi del periodo sono relativi principalmente ai costi del personale interno capitalizzati per
lo sviluppo dei progetti per euro, alla rigenerazione dei database delle anagrafiche generate tramite
sponsoring per euro, ai costi di implementazione dei nuovi sistemi informativi aziendali per euro e
all’inclusione nel perimetro di consolidamento di HTML.
4. Attività immateriali a vita utile indefinita
La voce “Attività immateriali a vita utile indefinita” viene dettagliata nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Portale "Leonardo.it"
Domini web
Software
ATTIVITA' IMMATERIALI A VITA UTILE INDEFINITA
10.233.533
328.000
70.000
10.631.533
31/12/2013
Variazione
10.233.533
294.775
70.000
10.598.308
33.225
33.225,00
Le attività a vita utile indefinita si incrementano per euro 33.225 a seguito dell’ingresso nel perimetro
di consolidamento della società controllata HTML.it S.r.l., la quale iscrive tra le proprie attività
immateriali un valore per domini web pari a 59.000 euro.
Il valore dei domini già posseduti al 31 dicembre 2013, pari ad euro 294.000, è stato sottoposto a test
di impairment ai sensi del principio contabile IAS 36 al fine di valutare l’esistenza di eventuali perdite
durevoli di valore. Tale test di impairment hanno generato una riduzione del loro valore al 30 giugno
2014 per euro 25.775, iscritta a conto economico nella voce “Svalutazioni e accantonamenti”.
La principale voce tra le attività immateriali a vita utile indefinita rimane il “portale” Leonardo.it. Tale
valore non viene ammortizzato ma è stato sottoposto a test di impairment, dal quale è risultato un
valore dei flussi attualizzati superiore al valore iscritto a bilancio. Si tratta di un sito internet
71
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
(http://www.leonardo.it/ è il suo dominio) che funge da mediatore di informazione a favore degli utenti
della rete, che consente all’utilizzatore di accedere a una grande quantità di contenuti e di
informazioni on-line mediante un unico punto di accesso alla rete web e l’aggregazione di un network
di editori affiliati. Il portale genera ricavi per mezzo della concessione degli spazi pubblicitari presenti
sul sito Leonardo.it e sui siti ad esso collegati. Alcuni di essi sono di proprietà e gestiti direttamente
dalla Triboo Editoriale S.r.l., mentre la maggior parte sono gestiti da altri soggetti, legati per mezzo di
contratti di esclusiva con il Gruppo. Triboo Editoriale S.r.l. gestisce il rapporto con i propri editori
affiliati tramite contratti che garantiscono l’esclusiva per la cessione della pubblicità posizionata sui
loro siti.
La voce “software” è costituita da una licenza software di durata perpetua acquisita dalla società
controllata Leonardo ADV nel corso dell’esercizio 2012 ad un controvalore di euro 70.000; ad oggi si
escludono perdite di valore relative a tale voce.
5. Partecipazioni
La voce “Partecipazioni”, viene dettagliata nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Motormag s.r.l.
PARTECIPAZIONI DI CONTROLLO
31/12/2013
23.100
23.100
Variazione
23.100
23.100
-
6. Attività finanziarie non correnti
La voce “Attività finanziarie non correnti”, è dettagliata nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Partecipazione 15% in Meteo Italia
Partecipazione 50% in Leonardo Telefonia
Partecipazione 30% in Nomix
Partecipazione 40% in Filmup
Partecipazione 33% in R&B Junk
ATTIVITA' FINANZIARIE NON CORRENTI
76.000
5.000
240.000
280.000
35.000
636.000
31/12/2013
76.000
5.000
240.000
383.000
35.000
739.000
Variazione
(103.000)
(103.000)
Gli investimenti in attività finanziarie alla data del 30 giugno 2014 ammontano ad euro 636.000 e
includono principalmente le seguenti partecipazioni di minoranza, valutate con il criterio del costo,
svalutato in caso di perdite durevoli di valore.
•
partecipazione pari al 15% di Meteo Italia S.r.l. (detenuta da Leonardo ADV S.r.l.) iscritta al
costo di acquisto pari ad euro 76.000, valore confermato dalla perizia di stima effettuata da un
esperto valutatore indipendente, di cui si è avvalso l’organo amministrativo per la redazione
72
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
del bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 e riconfermato dal test di impairment eseguito
internamente;
•
partecipazione pari al 50% di Leonardo Telefonia S.r.l. (detenuta da Leonardo ADV S.r.l.)
iscritta al costo di costituzione pari ad euro 5.000. Tale partecipazione non risulta essere di
controllo in quanto alla data del 30 giugno 2014 il Gruppo non esercitava su di essa influenza
notevole. La società è iscritta in bilancio al valore corrispondente alla quota di capitale sociale
detenuto dalla Leonardo ADV e non ha ancora iniziato la propria attività;
•
partecipazione pari al 30% di Nomix S.r.l. (detenuta da Triboo Editoriale S.r.l.) iscritta al costo
di acquisto pari ad euro 240.000, confermato dalla perizia di stima effettuata da un esperto
valutatore indipendente al momento dell’acquisto nel 2012 e in sede di bilancio consolidato al
31 dicembre 2013 e riconfermato dal test di impairment eseguito internamente;
•
partecipazione pari al 40% di FilmUp.com S.r.l. (detenuta da Triboo Editoriale S.r.l.), iscritta la
valore di euro 280 mila, sottoposta a impairment test a supporto del costo di acquisto. L’esito
del test ha portato alla contabilizzazione di una perdita prudenziale a conto economico di euro
103.000 portando il suo valore da euro 383 mila al valore attuale;
•
partecipazione pari al 33% di R&B Junk S.r.l. (detenuta da Triboo Editoriale S.r.l.) iscritta al
costo di acquisto pari ad euro 35.000, sottoposta a impairment test da parte dell’organo
amministrativo senza rilevare perdite di valore.
7. Altre attività non correnti
La voce “Altre attività non correnti”, e la relativa comparazione con i saldi dell’esercizio precedente,
sono dettagliate nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Crediti tributari oltre l'esercizio
Altri crediti a lungo termine
ALTRE ATTIVITA' NON CORRENTI
19.167
11.384
30.551
31/12/2013
19.167
4.033
23.200
Variazione
7.351
7.351
I crediti tributari oltre l’esercizio pari ad euro 19.167 sono relativi alla domanda di rimborso
presentata nel corso dell’esercizio 2013 per il recupero IRES relativo alla mancata deduzione
dell’IRAP sui costi del personale mentre gli altri crediti a lungo termine sono riferiti a depositi
cauzionali versati per euro 11.384.
73
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
8. Crediti commerciali
La voce “Crediti commerciali”, e la relativa comparazione con i saldi dell’esercizio precedente, sono
dettagliate nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Crediti verso clienti
- Fondo svalutazione crediti
Crediti commerciali verso clienti netti (a)
Crediti commerciali verso società correlate (b)
CREDITI COMMERCIALI (a + b)
31/12/2013
13.576.495
(377.004)
13.199.490
334.042
13.533.532
10.095.141
(266.863)
9.828.278
329.863
10.158.141
Variazione
3.481.353
(110.141)
3.371.212
4.178
3.375.391
L’ingresso nell’area di consolidamento di HTML ha comportato un incremento dei crediti in linea con
il giro d’affari del gruppo di aziende acquisito. I crediti commerciali verso le società correlate si
riferiscono principalmente alle posizioni sorte nei confronti della holding Triboo S.p.A. e delle relative
controllate e nei confronti delle società partecipate da Leonardo ADV S.r.l. e Triboo Editoriale S.r.l.
Tali crediti non presentano importi esigibili oltre l’esercizio e sono ritenuti interamente recuperabili.
Pertanto su di essi non sono state effettuate rettifiche di valore.
Considerata l’attività svolta e l’ambito di svolgimento della stessa, la ripartizione dei crediti verso
clienti per aree geografiche appare poco significativa in quanto sorti prevalentemente nell’ambito del
territorio nazionale e dell’Unione Europea, come di seguito dettagliato, già al netto del fondo
svalutazione crediti:
Descrizione
30/06/2014
Crediti verso clienti nazionali
Crediti verso clienti UE
Crediti verso clienti extra UE
TOTALE CREDITI COMMERCIALI
31/12/2013
12.826.187
560.851
146.494
13.533.532
9.734.181
284.135
139.826
10.158.141
Variazione
3.092.006
276.717
6.668
3.375.391
Non ci sono crediti commerciali con durata residua superiore a cinque anni.
Si ritiene che il valore contabile dei crediti commerciali approssimi il loro valore equo. La massima
esposizione al rischio di credito alla data di bilancio è rappresentata dal saldo contabile della stessa
voce. Nella tabella a seguire la movimentazione del fondo svalutazione crediti:
74
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Descrizione
Importo
Fondo svalutazione al 01/01/2014
Utilizzo
Incremento per variazione area di consolidamento
Accantonamento
Fondo Svalutazione al 30/06/2014
266.863
50.941
59.200
377.004
9. Attività finanziarie correnti
La voce “Attività finanziarie correnti”, e la relativa comparazione con i saldi dell’esercizio precedente,
sono dettagliate nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Crediti verso controllante per acquisizioni societarie
Titoli azionari e altri titoli
Crediti finanziari verso controllante
ATTIVITA' FINANZIARIE CORRENTI
237.250
17.233
254.483
31/12/2013
130.000
37.250
41.000
208.250
Variazione
(130.000)
200.000,00
(23.767)
46.233
L’importo di euro 237.250 al 30 giugno 2014 si riferisce all’ investimento pari ad euro 37.250, relativo
al prestito obbligazionario della società Digital Magics, sottoscritto dalla Leonardo ADV e
successivamente convertito in azioni e all’investimento per 200.000 euro di HTML in altri titoli.
10. Disponibilità liquide
La voce “Disponibilità liquide” è dettagliata nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Depositi bancari
Denaro e valori in cassa
DISPONIBILITA' LIQUIDE
12.225.635
6.736
12.232.371
31/12/2013
778.066
3.027
781.093
Variazione
11.447.569
3.709
11.451.278
Si rimanda, per i commenti a tale voce, al paragrafo sulla posizione finanziaria netta di periodo, nella
relazione sulla gestione.
11. Attività per imposte correnti
La voce “Attività per imposte correnti” comprende principalmente crediti IVA per euro 109.481 iscritti
nel bilancio della Capogruppo e crediti per imposte pari complessivamente ad euro 235.784, relativi
ai versamenti degli acconti di imposta.
Il dettaglio della voce è di seguito riportato:
75
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Descrizione
30/06/2014
Credito IVA
Crediti verso Erario per IRES
Crediti verso Erario per IRAP
Altri crediti tributari
ATTIVITA' PER IMPOSTE CORRENTI
109.481
163.576
72.208
9.308
354.573
31/12/2013
176.324
41.989
22.170
1.449
241.931
Variazione
(66.843)
121.588
50.039
7.859
112.643
12. Altre attività correnti
La voce “Altre attività correnti”, è dettagliata nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Crediti diversi
Risconti attivi
Ratei attivi
Crediti assicurativi
ALTRE ATTIVITA' CORRENTI
26.603
469.639
26.835
559
523.636
31/12/2013
8.891
180.802
564
190.258
Variazione
17.712
288.836
26.835
(5)
333.378
Si ritiene che il valore contabile delle Altre attività correnti approssimi il fair value.
13. Patrimonio netto
Il patrimonio netto consolidato al 30 giugno 2014 e la relativa comparazione con i saldi dell’esercizio
precedente, sono dettagliati nella seguente tabella:
Descrizione
Capitale sociale, con indicazione della parte non versata
Riserva legale
Riserva da sovrapprezzo azioni
Riserva FTA
Riserva da utili indivisi
Riserva straordinaria
Riserva da conferimenti
Utili (perdite) attuariali
Altre riserve
Utile d'esercizio
CAPITALE E RISERVE
30/06/2014
15.900.000
8.820
15.303.687
(14.624)
3.126.762
1.023.507
1.228.384
16.905
2.478.721
36.593.441
36.593.441
887.207
887.207
37.480.647
37.480.647
-
- di cui Riserve di gruppo
- di cui Riserve di Terzi
UTILE DELL'ESERCIZIO
- di cui Utile di Gruppo
- di cui Utile di Terzi
TOTALE PATRIMONIO NETTO
- di cui di Gruppo
- di cui di Terzi
31/12/2013
23.530
4.000
10.519.758
(14.624)
722.099
1.023.507
1.228.384
22.477
175.007
2.478.721
13.704.137
13.529.130
175.007
2.478.721
2.465.474
13.247
16.182.858
15.994.604
188.254
Variazione
15.876.470
4.820
4.783.929
2.404.663
(5.572)
(175.007)
0
22.889.303
23.064.311
(175.007)
(1.591.514)
(1.578.267)
(13.247)
21.297.789
21.486.043
(188.254)
La variazione del Capitale Sociale è conseguente alla conversione delle riserve disponibili in capitale
sociale al momento della trasformazione della capogruppo da JUICEADV S.r.l. a Triboo media S.p.A.
per complessivi Euro 10.476.470 e, successivamente all’operazione di quotazione sul mercato AIM
76
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Italia della capogruppo Triboo Media, che ha comportato un incremento del capitale sociale per Euro
5.400.000 e della riserva sovrapprezzo azioni per Euro 15.260.400.
La riserva sovraprezzo è iscritta al netto dei costi sostenuti per l’IPO pari ad Euro 1.296 mila al netto
dell’effetto fiscale pari ad Euro 356.400.
14. Fondi per benefici a dipendenti
I “Fondi per benefici ai dipendenti ed amministratori” sono composti per euro 457.858 dal fondo TFR e
per i restanti euro 58.423 dal fondo TFM. Gli utili attuariali dell’esercizio sono stati appostati a
specifica riserva di Patrimonio Netto, al netto dell’effetto fiscale, così come previsto dallo IAS19
revised.
Descrizione
30/06/2014
Fondo Trattamento di Fine Rapporto
Fondo Trattamento di Fine Mandato
FONDI PER BENEFICI AI DIPENDENTI
457.858
58.423
516.281
31/12/2013
198.893
228.456
427.349
Variazione
258.965
(170.033)
88.931
La diminuzione del TFM è dovuta al mancato rinnovo di due consiglieri di JUICEADV S.r.l. all’interno
del consiglio eletto il 7 febbraio 2014, al momento della trasformazione e denominazione della
capogruppo, e alla conseguente trasformazione del fondo in debito finanziario verso i beneficiari.
15. Passività per imposte differite
La voce “Passività per imposte differite”, e la relativa comparazione con i saldi dell’esercizio
precedente, sono dettagliate nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Imposte anticipate
Imposte differite
PASSIVITA' PER IMPOSTE DIFFERITE
(285.677)
858.935
573.258
31/12/2013
(70.603)
621.902
551.299
Variazione
(215.074)
237.033
21.959
16. Passività finanziarie correnti
La voce “Passività finanziarie correnti” è dettagliata nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Debiti verso banche per anticipazioni
Debiti verso società di leasing
Debiti verso altri finanziatori
Altri debiti finanziari
PASSIVITA' FINANZIARIE CORRENTI
37.108
25.512
385.093
447.713
77
31/12/2013
477.697
49.571
28.662
6.965
562.896
Variazione
(477.697)
(12.463)
(3.151)
378.128
(115.183)
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
La voce più consistente pari a 385.093 corrisponde al debito del Gruppo verso gli ex amministratori
della capogruppo per il TFM da loro maturato e al debito attualizzato verso il fondatore e attuale
amministratore di HTML e Triboo Media Massimiliano Valente per una parte di corrispettivo previsto
secondo i termini del contratto di acquisto di HTML.it., ma non ancora pagato alla fine del semestre.
17. Debiti commerciali
La voce “Debiti commerciali”, e la relativa comparazione con i saldi dell’esercizio precedente, sono
dettagliate nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Debiti commerciali
Debiti commerciali verso società correlate
DEBITI COMMERCIALI
8.721.893
253.934
8.975.827
31/12/2013
6.649.555
285.346
6.934.901
Variazione
2.072.338
(31.413)
2.040.925
I “debiti commerciali” sono iscritti al netto degli sconti commerciali e delle eventuali rettifiche di
fatturazione, nella misura corrispondente all'ammontare definito con la controparte.
Considerata l’attività svolta e l’ambito di svolgimento della stessa, la ripartizione dei debiti verso
fornitori per aree geografiche appare poco significativa in quanto sorti prevalentemente nell’ambito
dell’Unione Europea. I debiti verso imprese correlate si riferiscono alle posizioni aperte nei confronti
della società Triboo S.p.A. e le relative controllate.
18. Passività per imposte correnti
La voce “Passività per imposte correnti”, e la relativa comparazione con i saldi dell’esercizio
precedente, sono dettagliate nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Debiti per imposte correnti
Debiti per IVA
Debiti per ritenute fiscali lavoratori
Debiti tributari diversi
PASSIVITA' PER IMPOSTE CORRENTI
365.572
178.908
247
544.728
31/12/2013
28.238
156.266
124.453
4.592
313.550
Variazione
337.334
(156.266)
54.456
(4.345)
231.178
I debiti per imposte correnti si riferisco principalmente alle imposte IRES ed IRAP delle tre società
operative e delle loro controllate. I debiti per le ritenute fiscali ai dipendenti e ai lavoratori autonomi
accolgono i debiti per le trattenute operate quale sostituto di imposta relative al mese di giugno che
sono state poi versate nel mese di luglio 2014.
78
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
19. Altre passività correnti
La voce “Altre passività correnti”, e la relativa comparazione con i saldi dell’esercizio precedente,
sono dettagliate nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Debiti verso il personale
Debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale
Risconti passivi
Ratei passivi
Altri debiti
ALTRE PASSIVITA' CORRENTI
653.201
228.529
105.030
19.317
30.781
1.036.859
31/12/2013
272.407
150.403
135.000
5.425
563.235
Variazione
380.794
78.126
(29.970)
19.317
25.356
473.624
I debiti verso il personale si riferiscono a competenze maturate alla data del 30 giugno e liquidate nel
mese di luglio. L’aumento di tale voce è ascrivibile all’inclusione di HTML nel perimetro di
consolidamento, al trend positivo di business che ha permesso l’assunzione di nuovi dipendenti nel
corso dell’esercizio, nonché infine alla necessaria strutturazione di alcuni reparti, in particolare
quello amministrativo e finanziario, a seguito della quotazione.
La voce “debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale” è costituita dagli impegni verso gli
istituti di previdenza connessi alla gestione del personale.
I “Risconti passivi” accolgono quota parte di proventi con manifestazione finanziaria nel presente
esercizio ma di competenza del periodo successivo.
79
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
6. Note informative al conto economico complessivo
20. Ricavi
Come indicato precedentemente, i ricavi derivanti dall’attività caratteristica sono inerenti alle tre
tipologie di prodotti offerti sul mercato: brand, performance e Corsi di formazione.
Descrizione
Ricavi BRAND
Ricavi PERFORMANCE
Ricavi CORSI DI FORMAZIONE
RICAVI
30/06/2014
%
30/06/2013
%
Variazione
7.359.780
52,5%
5.686.778
52,9%
1.673.002
6.653.352
47,5%
5.067.827
47,1%
1.585.525
81.918
n.a.
n.a.
81.918
14.095.050 100,0% 10.754.605 100,0%
3.340.445
Var. %
29,4%
31,3%
n.a.
31,1%
Tutte e tre le tipologie di prodotti presenti nell’analisi del periodo precedente seguono il loro trend
positivo. Per maggiori dettagli in merito alla composizione della voce in esame si rimanda alla
Relazione sulla Gestione.
21. Altri ricavi operativi
La voce “Altri ricavi operativi” è dettagliata nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Sopravvenienze attive
Ricavi per consulenza e assistenza
Recuperi e rimborsi assicurativi vari
Altri ricavi
ALTRI RICAVI OPERATIVI
1.811
2.821
97.126
101.758
30/06/2013
22.092
2.488
447
25.027
Variazione
(20.281)
333
96.679
76.731
La voce “Altri Ricavi” pari ad euro 97.126 include alcune prestazioni di servizi specifiche non relative
all’attività caratteristica, svolte dalla società HTML S.r.l.
22. Costi capitalizzati per costruzioni interne
I costi interni capitalizzati sui progetti di sviluppo sono rappresentati dai costi del personale dedicato
ai vari progetti menzionati nella Relazione sulla Gestione, a cui si rimanda per maggiori dettagli.
Le attività di sviluppo, considerate innovative, comprendono quelle finalizzate alla ricerca di base,
svolta cioè per acquisire le conoscenze generiche sulle tecnologie a base semantica, e alla ricerca
“industriale” che ha avuto come obiettivo l’applicazione di conoscenze a prodotti o processi specifici.
Sono stati considerati anche i costi relativi alla progettazione ed implementazione dei nuovi processi
produttivi e di erogazione del servizio connesso e al miglioramento rispetto a quanto
precedentemente utilizzato.
80
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
L’importo, pari ad euro 301.982, riguarda sia sviluppi inerenti alla tecnologia già esistente, che a
sviluppi collegati alla creazione di nuovi formati pubblicitari o nuovi strumenti di ottimizzazione del
business del Gruppo.
La durata utile viene identificata in 5 anni e, conseguentemente, il valore verrà ammortizzato nello
stesso periodo di tempo dal momento di utilizzo dell’oggetto sviluppato.
23. Costi per servizi
La voce “Costi per servizi” e la relativa comparazione con i saldi dell’esercizio precedente, sono
dettagliate nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
30/06/2013
Variazione
Costi editori e partner commerciali
Consulenze professionali
Consulenze amministrative e fiscali
Costi di marketing e pubblicità
Canoni housing - hosting e servizi telematici
Costi assistenza tecnica
Noleggi e costi utilizzo beni di terzi
Compensi ai sindaci
Revisione di Bilancio
Sopravvenienze Passive
Consulenze tecniche
Consulenze legali
Gestione autovetture
Altri costi per servizi
Costi per servizi operativi
7.249.258
316.466
229.639
160.800
157.296
148.036
128.935
43.350
27.775
22.844
16.472
12.832
10.788
4.048
8.528.540
6.031.698
197.351
107.457
232.909
101.641
146.056
10.015
13.000
35.309
128.430
22.625
7.280
1.000
7.034.771
1.217.560
119.115
122.182
(72.109)
55.655
1.980
118.920
30.350
(7.534)
(105.586)
(6.153)
5.552
10.788
3.048
1.493.769
Costi per acquisizione HTML
Costi per quotazione
COSTI PER SERVIZI TOTALI
64.900
708.835
9.302.274
7.034.771
64.900
708.835
2.267.503
I costi per servizi sono passati da euro nel 7.034.771 nel primo semestre 2013 ad euro 9.302.274 nel
primo semestre 2014 con un incremento del 32%, in linea con l’aumento dei ricavi. Tuttavia bisogna
evidenziare come 773.735 euro siano riferiti a costi certamente non ricorrenti, ovvero alle consulenze
di cui si è usufruito in sede di quotazione e per l’assistenza nel processo di acquisizione di HTML. Non
considerando queste due voci, l’aumento dei costi per servizi sarebbe stato solamente del 21%.
L’85% dei costi per servizi sono costi variabili verso gli editori. Tali costi vengono sostenuti per
l’ottenimento di contenuti editoriali da pubblicare sul portale Leonardo.it, sul network proprietario, e
sul network editoriale affiliato, utilizzato dalla concessionaria per le attività di advertising
81
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Gli incrementi significativi del periodo si riferiscono alle consulenze professionali e a quelle
amministrative fiscali. I primi si riferiscono essenzialmente ai costi sostenuti per l’ottimizzazione e
l’implementazione di contenuti editoriali sui siti internet di proprietà al fine di aumentare le
performance e rendere più appetibili i contenuti, in modo da aumentare i volumi di erogazione dei
contenuti pubblicitari. I secondi includono una serie di servizi “core” prestati dalla società Triboo
S.p.A. e da alcuni consulenti esterni, regolamentati da appositi contratti di erogazione di servizi a
condizioni economiche coerenti con quelle presenti sul mercato.
24. Costi per il personale
La voce “Costi per il personale” è dettagliata nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Compensi agli amministratori
Oneri sociali su compensi amministratori
Accantonamento fondo Tfm
Altri costi amministratori
Salari e stipendi
Oneri sociali su salari e stipendi
Accantonamento fondo TFR
Altri costi del personale
Provvigioni agenti
Collaborazioni a progetto
Prestazioni occasionali
COSTI PER IL PERSONALE
543.932
57.903
21.500
12.538
1.265.410
347.963
77.720
49.700
117.872
25.162
2.519.700
30/06/2013
313.300
45.558
17.000
25.075
627.459
201.227
42.667
108.719
72.159
8.301
9.807
1.471.272
Variazione
230.632
12.345
4.500
(12.537)
637.951
146.736
35.053
(59.019)
45.713
16.861
(9.807)
1.048.427
La voce “Salari e stipendi” e conseguentemente i relativi oneri sociali e l’accantonamento al fondo
TFR, così come tutti gli altri costi per il personale, aumentano in ragione dell’incremento del numero
di dipendenti assunti nel corso dell’esercizio 2014 e dell’inclusione di HTML nel perimetro di
consolidamento.
82
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
25. Altri costi operativi
La voce “Altri costi operativi” e la relativa comparazione con i saldi dell’esercizio precedente, sono
dettagliate nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Spese varie commerciali
Costi per postazioni
Consulenze tecniche IT e canoni per utilizzo licenze
Quote associative e utilizzo piattaforme web
Affitti passivi
Spese varie amministrative
Oneri e commissioni bancarie
Costi utilizzo autovetture
Spese per affrancatura e notarili
Spese telefoniche
Selezione del personale
Spese di rappresentanza
Altri costi di gestione
Altri costi operativi
Acquisti materiali di consumo
ALTRI COSTI OPERATIVI
167.214
87.499
77.404
57.678
55.229
33.010
21.871
25.990
18.260
17.119
8.088
5.684
3.952
3.331
713
583.041
30/06/2013
Variazione
22.662
105.750
37.296
73.425
7.638
4.763
7.565
16.920
2.449
8.703
3.000
1.909
6.892
1.500
300.472
144.552
(18.251)
40.108
(15.747)
47.591
28.247
14.306
9.070
15.811
8.416
5.088
3.775
(2.940)
1.831
713
282.569
La voce “Altri costi operativi” registra un incremento di euro 282.569 rispetto all’esercizio precedente.
La voce è composta principalmente da:
•
le spese varie commerciali rappresentate principalmente da attività riconducibili alla
redazione del portale Leonardo.it e dai costi per la realizzazione di brochure interne e altre
attività di pubbliche relazioni;
•
costi per postazioni: tali costi si riferiscono a servizi generali ed amministrativi riaddebitati
dalla società Triboo S.p.A, in particolare riguardano l’affitto delle postazioni, i costi per
l’utilizzo da parte dei dipendenti delle facilites ed in generale della quota parte delle spese
generali sostenute dalla Triboo S.p.A. per il mantenimento della struttura e ribaltate alle
società del Gruppo;
•
le consulenze tecniche IT e i canoni per utilizzo delle licenze, si riferiscono a costi riaddebitati
dalla società Triboo S.p.A. A differenza dei costi relativi all’utilizzo di server e prestazioni di
personale IT, i costi in esame si riferiscono all’implementazione della piattaforma ERP per la
quale la Triboo S.p.A. ha gestito la parte contrattuale con consulenti esterni in favore di tutte
le sue controllate e partecipate. Tale rapporto è regolamentato da apposito contratto di
erogazione di servizi a condizioni economiche coerenti con quelle presenti sul mercato.
•
le quote associative e l’utilizzo delle piattaforme web si riferiscono ai costi sostenuti verso le
associazioni e gli enti a cui le società del Gruppo sono iscritte (es. Audiweb, FCP, IAB);
83
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
26. Ammortamenti
La voce “Ammortamenti” e la relativa comparazione con i saldi dell’esercizio precedente, sono
dettagliate nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Ammortamento autovetture
Ammortamento altre attività materiali
Ammortamento attività materiali
Ammortamento costi di sviluppo
Ammortamento anagrafiche generate tramite sponsoring
Ammortamento database contenuti editoriali
Ammortamento sviluppo software e sistemi informativi
Ammortamento software
Ammortamento sito web
Ammortamento altri oneri pluriennali
Ammortamento attività immateriali a vita definita
AMMORTAMENTI
31.614
11.835
43.448
72.157
84.435
164.734
24.749
19.177
2.500
2.968
370.719
414.168
30/06/2013
13.897
1.569
15.466
29.364
47.831
16.217
5.357
98.769
114.235
Variazione
17.717
10.266
27.983
42.793
36.604
164.734
8.532
13.820
2.500
2.968
268.983
296.965
27. Svalutazioni ed accantonamenti
La voce “Svalutazioni e accantonamenti” e la relativa comparazione con i saldi dell’esercizio
precedente, sono dettagliate nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
Riduzione di valore attività immateriali a vita utile indefinita
Accantonamento svalutazione crediti
SVALUTAZIONI E ACCANTONAMENTI
25.775
59.200
84.975,00
30/06/2013
152.056
152.056
Variazione
25.775,00
(92.856)
(67.081)
La voce “Riduzione di valore di attività immateriali a vita utile indefinita” è relativa all’adeguamento
del valore dei domini web in occorrenza dell’emergere, dal test di impairment effettuato, di una
perdita di valore di euro 25.775.
Gli accantonamenti dell’esercizio sono riferiti all’adeguamento del fondo svalutazione crediti della
controllata Leonardo ADV S.r.l. al fine di riflettere al meglio il presumibile valore di realizzo dei crediti
commerciali iscritti in bilancio.
28. Proventi ed oneri finanziari netti
La voce “Proventi ed oneri finanziari netti” e la relativa comparazione con i saldi dell’esercizio
precedente, sono dettagliate nella seguente tabella:
84
Fascicolo di bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30/06/2014 – TRIBOO MEDIA S.P.A
Descrizione
30/06/2014
Interessi attivi su depositi bancari
Dividendi da società collegate
Altri proventi finanziari
Proventi finanziari
Interessi passivi su anticipazioni di conto corrente e factoring
Interessi passivi su contratti di leasing
Interessi passivi per attualizzazione fondi benefici ai dipendenti
Altri oneri finanziari
Oneri finanziari
PROVENTI E ONERI FINANZIARI NETTI
56.693
6.000
17.998
80.691
(4.281)
(1.680)
(845)
(6.806)
73.886
31/12/2012
2.025
200
2.225
(158.700)
(5.699)
(10.425)
(174.824)
(172.599)
Variazione
54.668
6.000
17.798
78.466
154.419
4.019
10.425
(845)
168.018
246.485
La voce Oneri finanziari comprende principalmente gli interessi passivi sulle anticipazioni di conto
corrente relative alle cessioni di crediti pro-soluto a breve termine a società di factoring e ai conti
anticipi fatture. Gli interessi passivi sui contratti di leasing sono riferiti alla componente finanziaria dei
contratti di leasing per le autovetture iscritte nell’attivo patrimoniale.
29. Rettifica di valore di attività finanziarie
Il saldo di tale voce, pari ad euro 103.000 è relativo alla svalutazione della partecipazione nella
FilmUp.com S.r.l., detenuta al 40% da Triboo Editoriale S.r.l. La rettifica è relativa alla riduzione di
valore della partecipazione FilmUp, a seguito di impairment test.
30. Imposte sul reddito
La voce “Imposte sul reddito” è dettagliata nella seguente tabella:
Descrizione
30/06/2014
IRES
IRAP
Imposte differite
IMPOSTE SUL REDDITO
148.529
151.422
378.359
678.310
30/06/2013
404.702
106.218
186.983
697.903
Variazione
(256.173)
45.204
191.376
(19.593)
Le imposte differite si riferiscono principalmente allo storno della fee applicata dal Nomad sul valore
della raccolta in sede di quotazione che ha generato imposte differite per il corrispondente valore.
Passività potenziali
Nel corso del semestre non sono emerse passività potenziali che possano aver un impatto sfavorevole
rilevante sulla condizione finanziaria del Gruppo.
Il Gruppo non ha iscritto nel passivo alcun importo a titolo di fondi rischi alla data di riferimento del
presente bilancio.
85
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
2
File Size
4 191 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content