close

Enter

Log in using OpenID

Cilavegna LUGLIO 2014_Layout 1 - Parrocchia di Cilavegna (PV)

embedDownload
Parrocchia dei Santi
Pietro e Paolo
27024 CILAVEGNA (PV) Tel. e Fax 0381 96.105
www.parrocchiacilavegna.it - e-mail: [email protected]
Radio Amica - Fm 93,60
ORARIO S. MESSE
FERIALE: Ore 8,30 - FESTIVO: Sabato ore 18,00 - Domenica ore 8,30 - 11,00 - 17,00
LUGLIO - AGOSTO 2014
(A cura della Parrocchia)
S. Anna
NONNA DELLA NOSTRA PARROCCHIA
FESTA DI S. ANNA 2014
S. ANNA, NONNA DI CILAVEGNA
Cari cilavegnesi,
nella nostra comunità ʻabitaʼ un tesoro caro a tutti,
anche a quanti sono lontani dalla Chiesa: è il santuario di S. Anna.
Questa chiesetta in mezzo ai campi è nel cuore di
tutti, ma proprio tutti e, anche gli indifferenti, nei
giorni dedicati a S. Anna, vi fanno visita.
Il santuario di S. Anna ha visto ʻnascereʼ tante famiglie, ha visto passare tanti bambini, ha accolto tante persone, tutta una comunità e tutti i giorni è ʻvisitatoʼ
da non pochi cilavegnesi.
S. Anna è la nonna di Gesù,
ed è la nonna di casa nostra, della nostra Cilavegna.
Come vivere questo rapporto:
le vogliamo bene, la sentiamo nostra, accanto al nostro cuore, a lei rivolgiamo
le nostre preghiere, le nostre suppliche; le grazie più
difficili, più grandi passano
attraverso lʼintercessione di
nonna S. Anna.
Non solo, ma tramandiamo
ai nostri figli e alla comunità
tutta il culto, la devozione, la
fede e lʼamore per il suo
santuario.
Questa nonna ʻabitaʼ a Cilavegna da oltre 500 anni e la
sua memoria, il suo culto, la
sua venerazione continua
anche oggi. Abbiamo ricevuto dai nostri padri lʼincarico di venerarla e noi trasmettiamo ai nostri figli
quello che abbiamo ricevuto.
Da parte mia sono 50 anni che mi impegno a rendere sempre più bella e viva la devozione al santuario e alla nostra nonna. Da un poʼ di anni abbiamo dato vita allʼ ʻolio benedettoʼ di S. Anna: esso
serve a ungere ferite, curare malattie, lenire pene.
Deve essere in tutte le case e deve esser usato nei
momenti di malattia e di sofferenza.
Cosa fa S. Anna per la comunità:
ci vuole bene e si prende cura di noi, della nostra
vita spirituale e della nostra vita fisica. Quante persone hanno ricevuto in dono la maternità, la salvezza da certi incidenti, grazie elette e dicono forte
e con gioia: ʻè stata S. Anna!ʼ
S. Anna poi ci ʻportaʼ al suo nipote Gesù e a sua figlia Maria. Molti è nel santuario di S. Anna che ritrovano la voglia del ʻritornoʼ alla preghiera, alla vita
cristiana, a Gesù.
S. Anna si prende cura
soprattutto dei bambini,
dei suoi nipotini, e delle
mamme.
Cosa dobbiamo fare
noi per S. Anna:
continueremo, continueremo a trasmettere
la devozione che abbiamo ricevuto, a diffonderne il culto.
Molte tradizioni religiose sono andate perdute. Ci impegneremo
con tutte le nostre forze
a fare in modo che la
devozione a S. Anna
cresca e viva sempre di
più.
Cureremo il suo santuario, lo faremo sempre più bello e accogliente.
Parteciperemo con gioia e con intensità ai festeggiamenti che tutti
gli anni la parrocchia col suo pastore organizza
perché ogni anno, S. Anna sia un ʻgrande S. Anna:
presenza, entusiasmo e gioia, il resto viene da sè.
S. Anna è sempre lì, ci guarda, ci sorride, ci invita
ad amare Gesù nipote e Maria figlia e ci dice con
amore e tenerezza di nonna: ʻritorna a Gesùʼ!
Il prevo
Padre della comunità
Cilavegna
3
FESTA DI S. ANNA 2014
PROGRAMMA RELIGIOSO
PREPARAZIONE ALLA FESTA
Dal 17 al 22 luglio – ore 21,15
Dal 23 al 25 luglio – ore 17,00
Rosario, Liturgia della Parola, Comunione
GIOVEDIʼ 24 LUGLIO
Ore 21,15: Processione con la Statua di S. Anna: dalla Chiesa Parrocchiale
al Santuario accompagnati dalla Banda Musicale di Robbio,
dalle Confraternite e dalle Associazioni Cilavegnesi
SABATO 26 LUGLIO
SOLENNITÀ DI S. ANNA
Ore 8,00: Santa Messa
Ore 10,00: Santa Messa per anziani e ammalati
allʼaperto
Ore 16,30: Benedizione dei bambini allʼaperto
Ore 21,30: Santa Messa festiva anticipata
DOMENICA 27 LUGLIO
Ore 8,30: Santa Messa
Ore 11,00: Santa Messa allʼaperto: Festa dei 25 e 50 anni di Matrimonio;
Benedizione Centauri, moto e mezzi agricoli
Ore 18,00: Santa Messa Vespertina
Ore 18,30: Benedizione automezzi
Ore 21,30: Santa Messa finale
4
Cilavegna
FESTA DI S. ANNA 2014
PROGRAMMA FOLCLORISTICO
GIOVEDÌ 24 LUGLIO
Ore 22,00: CONCERTO SOTTO LE STELLE della Banda Musicale di Robbio
VENERDÌ
25 LUGLIO
Ore 19.30: PIZZA
GREST - pizza, salamelle, patatine per i
bambini e i loro familiari
Ore 21,30: Spettacolo
di Chiusura Grest 2014
SABATO 26 LUGLIO
SOLENNITÀ DI S. ANNA
Ore 19,30: CENONE DI S. ANNA
preparato dalla
Gastronomia Moro
Ore 22,00: SERATA MAGICA
Spettacolo di magia
con il Mago ETABETA
Cilavegna
5
FESTA DI S. ANNA 2014
DOMENICA 27 LUGLIO
Ore 12,30: PRANZO COMUNITARIO preparato dalla Gastronomia Moro
Ore 14,00: Pomeriggio in allegria
Ore 19,30: Festa della Pizza con la Botteguccia della Pizza
di MAURO PASTORELLO
Ore 22,00: Serata musicale con il gruppo DARK OF HATE E LOVE
Ore 23,00:
Grande
Spettacolo
Pirotecnico
In tutte le giornate della festa: Servizio Bar e Ristorazione (panini, salamelle,
patatine) – Bancarella Oggetti religiosi – Banco di beneficenza con il favoloso
GRAFFIA E VINCI – Gelato artigianale della pasticceria/gelateria “VOGLIA DI…
DOLCI COCCOLE”
6
Cilavegna
FESTA DI S. ANNA 2014
ORARIO CONFESSIONI
Mercoledì 23
Giovedì 24
Venerdì 25
Sabato 26
Domenica 27
Dalle 9,00 alle 12,00 in Chiesa Parrocchiale
Dalle 16,00 alle 18,30 in Santuario
In Santuario tutta la giornata
ORARIO BUS NAVETTA PER/DA S. ANNA
A CURA DELLA CROCE ROSSA DI CILAVEGNA
GIOVEDIʼ 24 LUGLIO - SOLO RITORNO DAL SANTUARIO
DOPO LA PROCESSIONE - DALLE 22,00 ALLE 23,00
SABATO 26 LUGLIO
PARTENZA PIAZZA GARIBALDI
ORARIO CELEBRAZIONE
PARTENZA DAL SANTUARIO
Ore
Ore
Ore
Ore
Ore
7,30
9,30
16,00
20,30
7,45
9,45
16,15
20,45
8,00
10,00
16,30
21,15
9,15
11,15
17,00
22,30
9,30
11,30
17,30
23,00
DOMENICA 27 LUGLIO
PARTENZA PIAZZA GARIBALDI
ORARIO CELEBRAZIONE
PARTENZA DAL SANTUARIO
Ore
Ore
Ore
Ore
Ore
8,00
10,30
17,30
20,50
8,15
10,45
17,45
21,15
8,30
11,00
18,00
21,30
9,30
12,00
18,45
22,30
10,00
12,15
19,00
23,30
BUSTA PER S. ANNA
La busta inserita in questo bollettino serve per le offerte destinate ai festeggiamenti in
occasione di S. Anna.
Incaricati della Parrocchia raccoglieranno le vostre offerte. Si chiede, anche in caso di
rifiuto, rispetto per chi bussa alla porta della vostra generosità.
Grazie anticipatamente.
Cilavegna
7
CRONACA FESTEGGIAMENTI
Cilavegna
9
CRONACA FESTEGGIAMENTI
10
Cilavegna
CRONACA FESTEGGIAMENTI
APERTURA DEL GIUBILEO:
le “calde” parole del dott. Ugazio
Signor Prevosto
Sono passati 50 anni dalla sua prima messa, 50 anni da quella messa che sicuramente le è rimastra
nel cuore come ricordo indelebile,
50 anni sono un giubileo. Come lei
ben sa il giubileo presso il popolo
ebraico era una ricorrenza festeggiata ogni 50 anni, era un anno sacro che veniva annunciato dal
grande sacerdote con il suono del
corno chiamato giobbe,, da qui il
nome di giubileo.
Fare la verifica del suo operato sarebbe lunghissimo, cercherò di
stringere in poche parole.
Lei è stato lʼuomo capace di cambiare la faccia della Chiesa di Cilavegna e di trasformarla da fredda
istituzione a elemento lievitante
dellʼintera comunità.
Lei è stato il primo a raccogliere attorno a se laici di buona volontà e
con questi porre le basi della pastorale e della amministrazione
della parrocchia, basi su cui lʼandamento della parrocchia si basa
ancora oggi.
Lei è stato tra i primi della diocesi
a costituire il consiglio pastorale
parrocchiale e il consiglio per gli affari economici nellʼambito dei quali
centinaia di persone si sono susseguite negli anni.
Lei ha messo in atto decine di decine di iniziative pastorali sempre rinnovate e aggiornate sino ai giorni
nostri.
Lei ha affrontato tutte quelle grandi
opere per la pastorale e per la salvaguardia del patrimonio artistico e
architettonico della nostra Cilavegna.
Lei dona a questa comunità la sua
vita e la sua salute, come il padre
che ama e che vive solo pei i suoi figli, indipendentemente dal fatto di
essere riamato oppure no.
Lei è stato il nostro dottore delle
anime, è stato e lo è ancora.
Lei è stato il nostro maestro della
fede, è stato il pastore amorevole
che vuole portare il suo popolo a
costruire lʼeternità qui a Cilavegna.
Il tutto condito da poche gioie, poche soddisfazioni, ma viceversa
per la intelligenza per la sua capacità di comprendere i segni del tempo, grazie per essere stato vicino ai
poveri, agli emarginati, agli umili, ai
sofferenti, vicini e lontani della
Chiesa.
Grazie per tutto quello che ci ha dato in contrapposizione al poco con
cui abbiamo dato noi.
Signor Prevosto non creda però
che il giubileo sia una forma i pre-
segnato da grandi momenti di tristezza, di dolore che hanno creato
ferite profonde vissute nel silenzio
con grande umiltà e con grande
senso del perdono.
Ringraziare, non sapremmo cosa
altro fare, tanto è stato grande il
suo dono e tanto è stato il piccolo il
nostro dare a lei.
Grazie per essere stato lʼumile servo di tutta la comunità
Grazie per avere saputo comprendere e capire il nostro passato come un vero cilavegnese sa fare.
Grazie per il silenzio in cui ha consumato le sue sofferenze, grazie
pensionamento. Ci sono ancora
mille cose da fare e molte sfide da
affrontare qui a Cilavegna. Lei ricordi che alcuni faraoni dellʼantico
Egitto hanno avuto la fortuna come
lei di festeggiare il giubileo, dopo incominciavano a contare gli anni
con una nuova numerazione, lʼanno uno dopo il giubileo, lʼanno due
dopo il giubileo.
Tante sfide ci sono ancora da affrontare, per affrontare queste sfide
è necessario che la prima rigenerazione le possa venire dalla preghiera unanime del popolo di Cilavegna, una preghiera solo per lei.
Cilavegna
11
CRONACA FESTEGGIAMENTI
LA CRONACA DEI FESTEGGIAMENTI
I
n questo mese di giugno la
nostra Parrocchia ha vissuto
giorni di intensa commozione
che rimarranno impressi a lungo
nel cuore della comunità tutta .
Il nostro prevo ha festeggiato il suo
giubileo dʼoro sacerdotale e ha voluto ringraziare il Signore per i tanti
anni spesi a servizio del Vangelo e
di tutti i cilavegnesi.
La vita è in sé un bene di valore infinito ,se poi la si vive ogni giorno
accettandola cosi comʼè e come
la si è scelta, essa diventa fonte di
gioia sia per chi la vive che per coloro che vengono a trovarsi sul
suo cammino!
Nella lettera indirizzata alla comunità sul numero speciale del Bollettino parrocchiale, il Prevo ha affermato di essere un prete “contento” e non pentito di aver detto il
suo sì al Signore, un prete consapevole dei propri difetti e delle proprie mancanze di uomo ma felice
di essere stato e di essere ancora
servo docile di quellʼAmore che
12
tutto comprende e perdona.
Queste parole, oltre a suscitare
commozione in chi le ha lette, hanno dato il via ad alcuni importanti
momenti di riflessione e di ringraziamento che tanti fedeli cilavegnesi hanno vissuto insieme al loro pastore in questa importante ricorrenza .
Giovedì 12 giugno in chiesa Parrocchiale il dott. Pier Angelo Ugazio, che da tanti anni è accanto al
prevosto mettendo al servizio della parrocchia le sue qualità umane
e professionali, ha espresso con
un discorso toccante e accorato il
grazie della comunità intera per
tutto ciò che Don Mario ha rappresentato e ha realizzato per la parrocchia di Cilavegna da quel lontano 1967, data del suo arrivo, ad
oggi. Ha rivolto un ringraziamento
sentito e sincero al prevosto anche don Paolo Nagari, che ha ricordato la sua fermezza e la sua
saggezza di padre insieme ai preziosi momenti vissuti insieme.
Cilavegna
La serata è poi continuata con il
concerto tenuto dalla corale di
Gambolò che ha elevato canti di
lode al Signore rendendo i presenti ancora più consapevoli della
bellezza e della magnificenza della propria chiesa e di come la bellezza e la musica insieme possano far vivere allʼanima un anticipo
di paradiso.
Eʼ stato proiettato nel corso di questo incontro un video memorial diretto con maestria da Mario Lino e
montato con altrettanta professionalità da Gianluigi Giorgiola in cui
si è percorsa, grazie alle domande
rivolte al Prevo da due bambini della comunità, Samuele e Andrea,
anche loro bravissimi, tutta la sua
vita di uomo e di sacerdote.
I presenti hanno potuto rivivere, insieme al prevosto, la sua fanciullezza segnata dal tenero e profondo rapporto con la madre Angela, i
primi anni del seminario con la malinconia per la lontananza dagli affetti famigliari e la determinazione a
CRONACA FESTEGGIAMENTI
voler diventare sacerdote, gli anni
trascorsi come pastore, prima nella
parrocchia di Ferrera e poi in quella
tanto amata di Cilavegna .Il video si
è chiuso con un ʻinquadratura del
tabernacolo, la casa di Gesù Che
rappresenta il senso della vocazione sacerdotale di Don Mario e di
ogni prete “contento”.
Sabato al polifunzionale grande
ʻrecitalʼ sul tema del sacerdote. Mirabilmente scritto da Mariangela
con la grande regi del nostro Mario
riuscito a nascondere la commozione, sia guardando le immagini
di tanti volti cari che hanno dedicato la loro vita ai giovani oratoriani, sia ascoltando le parole commosse e affettuose di don Mario
che ha espresso a tutti il suo bene, chiedendo con umiltà di perdonarlo per gli errori commessi (in
realtà non molti considerando le
più numerose umiliazioni che ha
dovuto subire negli anni per mantenere vivo lʼoratorio).
le vie del paese, è sembrato di tornare indietro nel tempo! Il prevosto ha infine abbracciato e ringraziato don Piergiorgio facendo notare lʼaffetto che li ha legati e che
ancora li lega.
Domenica 22 giugno è stato sicuramente il giorno più significativo
di tutti i festeggiamenti. La Messa
è iniziata alle 10,30 e ha visto la
partecipazione di tutta la comunità
civile e parrocchiale. Erano presenti le autorità, le associazioni lo-
Lino iragazzi dellʼOratorio hanno
offerto un momento di alta spiritualità sacerdotale. Canti, video,
recitato, sono stati i momenti in cui
tra tanta commozione dei presenti
ci si è soffermati sul ʻmistero del
preteʼ. Tutto ha aiutato a creare il
clima del 50°.
Domenica 15 giugno allʼOratorio
Divina Provvidenza, i giovani di
ieri e di oggi si sono incontrati e
hanno assistito con il prevo alla
proiezione di alcune diapositive
sui giorni felici vissuti insieme ai
propri educatori e a tanti amici.
Erano presenti anche rappresentanti dei vari gruppi che dagli anni
Ottanta ad oggi hanno animato e
animano lʼOratorio e nessuno è
Il momento di incontro si è concluso con un happy hour a cui hanno
partecipato tutti i presenti.
Un altro appuntamento significativo e toccante di questi giorni di festa è stata la processione del Corpus Domini di giovedì 19 giugno in
cui Don Piergiorgio ha accompagnato con il prevosto il Santissimo
per le vie del paese.
Don Piergiorgio ha rivolto a don
Mario il suo grazie per essere stato per lui una guida nei dodici anni
trascorsi insieme a Cilavegna e gli
ha espresso lʼaugurio di continuare a portare Gesù tra la sua gente .
Ha fatto uno strano effetto a chi ha
vissuto quegli anni vedere i due
sacerdoti uno accanto allʼaltro per
cali e i rappresentanti della Croce
Rossa di Cilavegna. Il prevosto
era visibilmente commosso e il
suo volto esprimeva la gioia e
lʼemozione che esprimono gli sposi nel giorno del matrimonio. Del
resto si sa che lʼamore che lega un
sacerdote a Cristo e alla sua Chiesa non è un sentimento tanto diverso da quello che lega uno sposo alla sua sposa.
Hanno concelebrato la messa
Don Paolo Nagari e Don Giorgio
Amiotti della parrocchia di Cassolnovo. Erano presenti anche i cavalieri del Santo sepolcro.
La liturgia è stata curata nei minimi
particolari e al momento della consacrazione il prevosto ha voluto ri-
Cilavegna
13
CRONACA FESTEGGIAMENTI
vivere la sua prima messa rifacendosi al rito liturgico di allora e utilizzando per la consacrazione del
sangue di Gesù, il calice ricevuto
in dono dai suoi genitori per la prima celebrazione eucaristica. Durante la messa sono stati ricordati
tutti i defunti che il prevosto ha accompagnato con il rito funebre alla
Casa del Padre, la mamma ,il papà, i Vescovi e i sacerdoti che hanno segnato la sua vita.
NellʼOmelia don Mario ha sottolineato lʼimportanza della comprensione tra sacerdote e fedeli e la
necessità di perdonarsi e di superare le divisioni, mantenendo lʼunità. Ha poi evidenziato come nella
vita di un sacerdote la preghiera,
come adesione umile e fiduciosa
alla volontà di Dio Padre, sia fondamentale, e come tra pastore e
parrocchiani non debbano mai venir meno la misericordia e il perdono perché come dice Papa Francesco “la misericordia è più grande del pregiudizio”.
Ultimo ma non meno importante
pensiero è stato tratto da un altro
14
importante ammonimento del nostro amato Papa: la necessità di
bandire la chiacchiera facile e il
pettegolezzo dalla vita della parrocchia! Le chiacchiere seminano
solo discordia e zizzania nella comunità e distruggono lʼunità dei fedeli e lo spirito di comunione!
Papa Francesco è stato presenza
viva di questa emozionante liturgia sia nei pensieri dellʼOmelia da
lui ispirati sia nella speciale benedizione, letta da Guido al termine
della celebrazione, che il Santo
Padre ha impartito a Don Mario
per i suoi cinquantʼanni di sacerdozio e a tutta la comunità da lui
guidata.
Prima della conclusione della celebrazione i bambini hanno intonato un bel canto offrendo testimonianza del loro affetto innocente e puro e del grande lavoro che
con pazienza e dedizione Suor
Piera e Suor Nadia e ad altri collaboratori stanno svolgendo con i
bambini allʼinterno della comunità.
Anche alcuni rappresentanti della
parrocchia di Ferrera Erbognone
Cilavegna
hanno voluto esprimere i propri
auguri al prevo e il proprio grazie
per il tempo trascorso in mezzo a
loro.
Sono stati infine offerti dei doni.
Tra questi ricodiamo: un breviario,
un clergyman, una casula e una
targa ricordo.
Dopo la messa tanti fedeli hanno
partecipato presso il parco Baden
Powell al buffet freddo offerto da
don Mario a tutta la comunità e
hanno condiviso con lui altri bei
momenti di festa.
Complessivamente la festa del
cinquantesimo è stata non solo
lʼoccasione per ricordare il giubileo sacerdotale del nostro prevo
ma anche lʼoccasione per riflettere sulla storia di una comunità,
quella di Cilavegna che da tanti
anni cammina con il proprio pastore e cerca in lui una guida.
La speranza è che questo percorso non si interrompa ma continui
ancora a lungo perché tanto cʼè
ancora da fare!
Katia Carnevale
Corso Roma, 200 - CILAVEGNA (PV)
Tel. 0381.96167 - 0381.96138 - Fax 0381.660054
E-mail: [email protected] - www.editico.it
PROGETTAZIONE e GRAFICA
LIBRI - RIVISTE - GIORNALI - MAILING
STAMPA DIGITALE
BIGLIETTI DA VISITA - VOLANTINI - BROCHURE
CRONACA PARROCCHIALE
16
Cilavegna
CRONACA PARROCCHIALE
SANTA CRESIMA -
25 maggio 2014
Aimo Anastasia – Alba Erika – Amanti Giorgia – Callegari Gianluca – Candiani Marco – Codecasa Stefany – Covelli Mattia – De Nunzio Laura – Faccendini Irene – Falzoni Andrea – Fargione Giulia – Fenu Paolo – Giambarresi Micol –Grasso Alessio – Lo Giuoco Luca – Lumia Francesco – Magni Matteo – Manara Martina – Mannoia
Riccardo – Maretti Marta – Masiero Alicee – Mischiatti Marco – Pavesi Samuele – Pisani Arianna – Rondina Irene – Scarano Luigi – Seminara Alicya – Stillo Leonardo – Stringelli Fabiana – Tacchini Alessandro – Valenziano
Alessio – Volpi Giulia – Zago Davide
Cilavegna
17
CRONACA PARROCCHIALE
ORATORIO ESTIVO 2014
I
l GREST è il grande viaggio che si compie ogni estate e che ci fa sempre sentire veramente a casa.
LʼABITARE è il tema scelto che ci suggerisce il bisogno irrinunciabile di stare con i ragazzi, ci invita ad
aprire la porta per andare incontro allʼaltro : nessuno su questa terra deve sentirsi straniero ma destinatario di una CASA attenta e amorevole.
Proprio con questo spirito il 9 giugno abbiamo aperto le porte del nostro oratorio per accogliere i ben 200
bambini iscritti che ci terranno compagnia per sette settimane !!!
Grazie allʼ aiuto dei nostri 40 ragazzi tra animatori e aiuto, alle 7.45 inizia il pre-grest con i primi 30 bambini,
gli altri arrivano alle 9.00.
Ci rechiamo in chiesa per lʼappello, facciamo la nostra preghiera mettendo in scena dei piccoli brani di Vangelo inerenti al tema.
Alle 10,00 iniziano le attività:
- lunedì, mercoledì e venerdì grandi giochi organizzati;
- martedì e giovedì ci rechiamo al maneggio e al pool dove i bambini si divertono facendo basket, tennis,
tiro con lʼarco e volley.
Dalle 12,00 alle 14,00 pausa pranzo: alcuni vanno a casa mentre una cinquantina di bambini si fermano
alla mensa del grest.
Alle 14.00 siamo già pronti per ricominciare; subito dopo lʼappello il lunedì, mercoledì, venerdì si parte per
la piscina mentre gli altri giorni ci sono i laboratori di cucina, sportivo, pittorico-manuale, grandi balli e canto
(gestito dalla scuola di canto “Voice and Art” di Cilavegna).
Il nostro Prevo non ci lascia mai soli; tutti i giorni viene a trovare i bambini del grest e con la sua scuola di
vita li aiuta a crescere sia dal punto di vista umano che cristiano.
Ringraziamo i numerosi genitori che anche questʼanno hanno scelto il grest come luogo dove i loro figli
possono trascorrere unʼestate ricca di giochi, divertimento ma anche momenti educativi e di preghiera.
Suor Piera, Suor Nadia e Morena
18
Cilavegna
LUGLIOPARROCCHIALE
- AGOSTO 2013
CRONACA
GRUPPO SCOUT AGESCI A CILAVEGNA
L
o scoutismo a Cilavegna ha
una lunga e variegata storia, a
partire dalla fine degli anni ʼ70.
Per chi ha percorso buona parte di
questa storia non è facile riassumere così tanti anni in poche righe, rispetto alla cronaca sarebbe
infatti più facile parlare dei volti,
degli incontri, delle esperienze e
delle emozioni vissute.
Tornando però indietro nel tempo,
si deve andare fino al 1978, anno
in cui, in seno alla Parrocchia nacque lʼintuizione di fondare il gruppo scout.
Furono anni pionieristici, dove i
ragazzi, erano accompagnati
dallʼentusiasmo di molti capi, due
nomi per tutti: Don Piergiorgio e
Nerino.
Cʼerano ancora i due oratori, maschile e femminile (presso lʼallora
Asilo).
Piano piano, il seme dello scoutismo metteva radici ed ecco le prime promesse e le attività divennero sempre più varie e tipiche del
metodo: i giochi e le attività natura
dei lupetti e coccinelle, gli esploratori e le guide sempre più abili nelle costruzioni fatte da loro, le preghiere in chiesa, le varie attività
con e per il nuovo oratorio che stava nascendo con il quale si era
tuttʼuno.
Un evento speciale di quel periodofu ad esempio un San Giorgio,
un grande campo nella natura realizzato dagli di EG e LC della zona
con la partecipazione anche di
scout dalla svizzera e dalla visita
Monsignor Andrea Ghetti detto
Baden, una delle colonne dello
scoutismo italiano.
Dopo qualche anno il gruppo però
sospende le attività, per riprenderle poi nel 1988, con i capi gruppo
Annamaria e Antonio, insieme agli
altri capi della comunità capi.
Il nucleo fondante fu quello dei giovani (15-17 anni) che frequentavano assiduamente lʼoratorio e che,
praticamente al completo, hanno
costituito il nuovo clan del ri-na-
Cilavegna
scente Cilavegna1°.
Dopo il Clan vennero riaperti anche il reparto ed il numerosissimo
branco dei lupetti.
Molte furono le persone che si avvicendarono nel gruppo negli anni
a seguire.
Furono gli anni in cui si iniziò a vivere uno scoutismo sempre più
consapevole della forte valenza
educativa, umana e cristiana del
metodo che ne è alla base.
E allora come non ricordare i campi estivi di lupetti ed EG ad Emarese (AO), nostra seconda “casa”,
con il Prevosto che ci guidava nella preghiera, i lupetti che nel 1995
sono andati fino a Roma per “Dare
una mano al Papa”.
Gli EG con le uscite in tenda in
mezzo alla natura, e le imprese da
progettare e realizzare insieme alla propria squadriglia, il clan con le
route in montagna, attività di servizio, in parrocchia, a Casa Serena,
con altre associazioni, intensi momenti di spiritualità vissuti anche in
19
CRONACA PARROCCHIALE
luoghi speciali come Lourdes e
Taizè ed i moltissimi momenti di riflessione e confronto.
Dal 1992/93, per alcuni anni, alle
tre branche si affiancò la colonia
dei castorini, attività scout dedicata ai bambini dai 5 ai 7 anni che fu
vissuta con impegno e continuità
da un gran numero di partecipanti,
avvicinando così anche numerose
famiglie con le quali si sono condivisi molti momenti di confronto ed
anche delle bellissime gite.
Un altro evento speciale che ha
coinvolto in quel periodo la comunità capi è stata la route nazionale
ai piani di Verteglia (AV) del 1997,
durante la quale ci si è ritrovati con
altri 1200 capi per fare unʼanalisi e
progettare il futuro dellʼassociazione (AGESCI).
Nel 1998 un nuovo cambiamento:
sia il nostro gruppo che quello del
Cassolnovo 1° stanno affrontando
un periodo di crisi numerica, di capi e ragazzi, si decide così di unire
le forze efondare un nuovo gruppo, il Lomellina1°, e così, non senza qualche difficoltà nel gestire
lʼappartenenza a due territori, siamo arrivati ai nostri giorni vivendo
moltissime attività, quotidiane o
singolari, come ad esempio la
route estiva del clan nel 2012 in
Terra Santa.
Abbiamo festeggiato nel 2007 il
centenario dello scoutismo, intitolando al nostro fondatore un parco
in ciascuno dei due paesi.
Abbiamo cercato di camminare al
fianco e insieme a queste due comunità, sempre con lʼobiettivo di
La comunità capi.
20
Cilavegna
educare buoni cittadini e buoni cristiani, o almeno tentando di gettare un piccolo seme in questa direzione.
Quanti passi sono stati percorsi da
quel lontano 1978, quante persone
hanno camminato con noi, anche
solo per un piccolo tratto, ricordando anche chi ci ha preceduto nella
casa del Padre,altri continuano a
credere a questo sogno, nato da
una intraprendente intuizione della
parrocchia e che continua oggi
pensando alle strade che ancora
vorremo percorrere, con coraggio
e determinazione, cercando di portare ai ragazzi non noi ma “Lui”
che, citando un canto che ci è caro:
“...traccia percorsi impossibili, strade e pensieri per domani...”.
Buona Caccia e Buona strada
LUGLIOPARROCCHIALE
- AGOSTO 2013
CRONACA
Anagrafe Parrocchiale - Maggio/Giugno
Battezzati in Cristo
Sepe Erin di Daniele e Giannì Giuliana – Resente Diego di Marco e Crepaldi Jill – Belcredi Lavinia di Umberto e Cerreti Elena – Morosini Riccardo di Aronne e Gasparetto Nicoletta – Baldi Giulia di Luca e Fava
Erica – Bolognesi Eleonora di Stefano e Alfarè Manuela – Pagani Ludovica di Luca e Massara Silvia – De
Andreis Fiammetta di Gabriele e Meloni Simona – Spaltini Ludovica di Andrea e Filippi Alessia – Saladino
Cloe di Vito e Guglielmo Valentina
Uniti in matrimonio
Bartolucci Cesare con Pavesi Stefania
Zibelli Marco con Guida Maria Grazia
Sala Davide con Cavigiolo Valentina
Chiamati alla casa del Padre
Croci Rita
Anni 92
Platti Maria
Anni 88
Colombini Angelo
Anni 68
Suor Giovanna
Anni 81
Furnari Calogero
anni 77
Bastianello Vittorio
Anni 81
Grassi Rino
anni 79
Cilavegna
21
LUGLIOPARROCCHIALE
- AGOSTO 2013
CRONACA
LO SPAZIO DELLA DIVINA PROVVIDENZA - Maggio/Giugno
IN SUFFRAGIO DI: Famiglia Ugazio € 50 – Colombini Angelo, i condomini € 80
FUNERALE DI: Bastianello Vittorio € 170 – Rita Croci € 150 – Colombini Angelo € 150 – Platti Maria
€ 300
MATRIMONIO DI: Pavesi Stefania e Bartolucci Cesare € 500 – Cavigiolo Valentina e Sala Davide €
500 – Guida Maria Grazia e Zibelli Marco € 200
BATTESIMO DI: Sepe Erin € 50 – Resente Diego € 50 – De Andreis Fiammetta € 100 – Morosini Riccardo € 50 – Giulia Baldi € 50 – Bolognesi Eleonora € 30
VARIE: Fiori Bambini 1^ Comunione € 170 – 50° matrimonio Giuseppino e Lucia € 300 – Ragazzi Cresima € 235 – Piccolo Gruppo Preghiera Casa Accoglienza € 105 – Fiori Ragazzi Cresima € 170 –
Classe 1939 € 225 – Classe 1944 € 50 – Festa di S. Antonio € 370 – Classe 1954 € 205 – per S. Anna
€ 100 – AVIS per 30° fondazione € 200 – per Grazia Ricevuta € 50
Agli offerenti un grazie di cuore
Allʼofferta fatta in occasione dei funerali vanno aggiunte € 30 quali spese che la Parrocchia deve sostenere per gli stessi
22
Cilavegna
CILAVEGNA
Via Milano - Tel. 0381.96117
RIFACIMENTO
DIVANI
POLTRONE
SEDIE
TENDE DA SOLE
ZANZARIERE
TENDE
CLASSICHE
E
MODERNE
RIFACIMENTO MATERASSI LANA
MATERASSI e RETI
Poltrone
Relax
Agevolazioni fiscali
VIGEVANO - Viale Montegrappa, 50 - Tel. 0381.82209
www.mattiuzzoarreda.com
[email protected]
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
3 321 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content