close

Enter

Log in using OpenID

Ardea elegge il suo primo Europarlamentare

embedDownload
QUINDICINALE DI ATTUALITÀ - POLITICA - SCIENZA - ECOLOGIA - CULTURA - SPORT - SPETTACOLO
Fondato nel 1984 da Ben Jorillo
Redazione: Via Fermi, 18 - 04011 Aprilia (LT) - Tel. 06.9275019 - 335.8059019 - e-mail: [email protected]
sito - www.giornaledellazio.it Aut. Tribunale di Latina n. 284 del 20/01/1977 - Direttore Bruno Jorillo
DALLA REGIONE
IL
COPIA
OMAGGIO
Anno XXX N.11
6 - 19 GIUGNO 2014
PARTITO DI RENZI PRIMO AD APRILIA
di BRUNO JORILLO a pag.43
NETTUNO
Visita Pastorale al
Vicariato di Nettuno
di Mons. Semeraro
a pag. 43
ANZIO
Bandiera Blu
per Anzio, la 5a
consecutiva
di CONSUELO NOVIELLO
a pag.42
POMEZIA
Ciao Gianni,
Pomezia saluta una
delle sue anime
di FOSCA COLLI a pag.44
CISTERNA
Ballottaggio
Carturan
Della Penna
di FRANCESCO DE ANGELIS a pag.45
ARDEA
Ardea elegge il
suo primo
Europarlamentare
di LUIGI CENTORE a pag. 46-47
servizi a pag.3 e 8
- APRILIA IL CENTRODESTRA
UNITO REPLICA ALLA
CONSIGLIERA CARMEN
PORCELLI
foto Gianfranco Compagno
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 2
6 - 19 Giugno 2014
In occasione della Festa della Repubblica Italiana, lunedì 2 giugno 2014
DOMENICO FUSCO, CLASSE 1920, HA RICEVUTO LA MEDEGLIA D’ONORE
Dal Prefetto di Latina Antonio D’Acunto, alla presenza del sottosegretario Sesa Amici
Per essere stato internato in un campo di concentramento nazista, dopo l’8 settembre 1943
Fu fatto prigioniero in Grecia. Non aderì alla Repubblica di Salò
di Gianfranco Compagno
In occasione della Festa della
Repubblica, lunedì 2 giugno, il
prefetto di Latina Antonio D’Acunto, alla presenza del sottosegretario Sesa Amici, tra le altre
benemerenze ha conferito tre
delle medaglie d’onore a tre cittadini apriliani internati in
campi
di
concentramento
durante la seconda guerra mondiale. Due alla memoria per
Sante Tantari e Guido Vitali, che
sono state ritirate dai rispettivi
figli Franco e Fernando. L’altra
è stata consegnata nelle mani di
Domenico Fusco, classe 1920, 94
anni, che gode di buona salute.
La storia di Domenico Fusco l’avevamo raccontata il 24 ottobre
scorso, su queste pagine. Eravamo stati a casa sua, ci aveva raccontato di fatto la sua vita, i
drammatici giorni della guerra,
ci aveva fatto vedere i documenti, le foto, i cimeli, conservati
gelosamente e soprattutto il suo
diario scritto su un squadernino,
che non aveva mai voluto rendere pubblico. Di seguito l’articolo
del 24 ottobre.
Il diario di guerra di Domenico
Fusco. Classe 1920, Domenico
Fusco è stato marconista, ossia
addetto alle comunicazioni, nella
seconda guerra mondiale in Gre-
Domenico Fusco
cia, precisamente a Rodi. Catturato e fatto prigioniero dai tedeschi
dopo l’armistizio dell’8 settembre
1943, Domenico insieme ad altri
250 soldati rifiutò di aderire al
vessillo di Salò. Tutti i compagni
d’arme furono deportati nei campi
di concentramento della Germania. Marchiato sulla spalla con la
scritta KG e sul ginocchio con un
triangolo rosso, era trattato come
un prigioniero di guerra. Durante
il periodo greco e in Germania
scrisse due diari. Il primo nei giorni del campo di concentramento,
fu sottratto dai tedeschi e aveva in
copertina la foto di Anita, la
moglie sudamericana di Giuseppe
Garibaldi. Il secondo diario, ancora esistente e mai pubblicato, racconta le fasi ultime del periodo in
cui era detenuto nei campi di concentramento e l’odissea del viaggio di ritorno a casa dopo la liberazione americana. Il 24 agosto
1945 ottenne la croce al merito di
guerra dal comandante militare
territoriale di Napoli per l’internamento in Germania. Domenico
tro i tedeschi, ci è arrivato un altro
dispaccio che dovevamo consegnare le armi ai tedeschi e noi
abbiamo ceduto le armi. Avevamo
rotto la radio per non farla prendere in mano ai tedeschi. Il 10 settembre ci hanno fatto prigionieri.
Non abbiamo reagito. Da prigionieri ci hanno imbarcato su due
zattere per le batterie dell’artiglieria, la fanteria su una nave. Dovevamo partire la sera. Siccome,
però, una zattera si era arenata non
Prefettura 2 giugno 2014 - Domenico Fusco e il sottosegretario di Governo Sesa Amici ( foto Comune Aprilia)
Fusco è apriliano. Risiede ad Aprilia dal 1957, lavorò alla Wyeth.
Nato a Cescheto di Sessa Aurunca
allora provincia di Napoli, il 14
marzo 1920 è figlio del carbonaio
Francesco e di Annamaria Decivita. “Facevo il carbonaio anche io.
Facevano i carboni con tutta la
famiglia. Ho iniziato a lavorare a 9
anni, avevo fatto solo la terza elementare. Mi occorreva la quinta
però per partire militare e per questo ho fatto le scuole serali. Avevo
fatto domanda per il marinaio.
Avevo 18 anni. Ci hanno chiamato, eravamo anche partiti per La
Spezia con il treno, ci hanno fatto
la visita e ci hanno scartato. Eravamo tre di Sessa Aurunca, tutti e
tre scartati. Si partiva per fare il
militare a 21 anni. Ma io a 18 anni
già facevo il premilitare”.
Ci racconti dell’8 settembre
1943.
“Avevo 23 anni, ero soldato a
Scarpanto in Egeo. Militare di artiglieria marconista. Eravamo in
Grecia. Quando è arrivato l’armistizio, l’ho ricevuto anche io. Eravamo a Mont’Elia a Rodi. Quella
sera stavamo nella zona della
marina, ci è arrivato il dispaccio
dell’armistizio incondizionato agli
angloamericani. Eravamo vicino
ai tedeschi. Ma all’inizio non
erano in tanti. Era una vedetta,
quindi più o meno cinque. Noi eravamo in 35. I tedeschi ci avevano
detto: “beati a voi che tornate a
casa”. Poi siccome a Cefalonia
hanno combattuto gli italiani con-
D.Fusco - Scarpanto
1.9.1942
siamo potuti partire. La mattina
all’alba sono arrivati cinque aerei
inglesi e ci hanno bombardato. Da
lì andiamo a Creta, quindi in Grecia al Pireo e Atene, alla Tappa 23,
un campo di concentramento loro
sempre ad Atene. Da lì ci siamo
divisi, siamo andati a lavorare
all’aeroporto Elevis. Dalla Grecia
ci hanno portato col treno via
Salonicco in Germania a Zeithain
vicino Dresda. Questo era un
campo di concentramento. Era
gennaio o febbraio 1944. Mi
UNO STRALCIO DEL DIARIO
“Sono nato nell’era fascista a scuola ero balilla finita la scuola avanguardista, fui premilitare fino ai 20
anni poi soldato. Sono partito il 4 gennaio 1941 dopo il distretto a Livorno alla caserma di artiglieria Bettino corpo d’armata assegnato al 203 reggimento lì il corso di marconista dopo sei mesi partiti con altri
cinque marconisti per destinazione ignota era il mese di agosto 1941 prima tappa a Barletta imbarcati a
Brindisi attraversai l’Adriatico di notte al mattino mi trovai di fronte a Patrasso attraversando il canale di
Corinto dopo al porto del Pireo eravamo fermi a lungo nel porto un giorno senza sbarcare dopo tanto si
diceva Rodi, così arrivammo a Rodi. La nave dove eravamo imbarcati si chiamava Aventino eravamo
2000 e fummo divisi alle dodici isole io con i miei compagni fummo destinati a Scarpanto partimmo con
un’altra nave tanto più piccola dell’Aventino di sera e arrivammo di mattina sull’isola. Tutto questo viaggio eravamo scortati da 2 cacciatorpediniere e 5 aerei che facevano la spola sull’isola fummo aggregati
alla 45° batteria da posizione sempre come marconista. Il comando gruppo comandato dal maggiore
Camarda con il capitano Ottolina e il tenente Ruzzante ci consegnarono alla stazione radio…con le bandiere affiancati alla vedetta marina su Monte Elia i viveri erano razionati c’era tanto tanto pericolo alle
navi per attraversare il mare aperto perché il canale di Corinto era stretto per le navi più grandi dell’Aventino. Sull’isola fino all’armistizio dell’8 settembre 1943 arrivò dal comando di Rodi di consegnare le
armi ai tedeschi così fummo tutti prigionieri…
hanno mandato a lavorare nello
stabilimento Mansfeld a Lipsia
che produceva i carrelli per gli
aeroplani. Io facevo i radiatori dell’apparecchio. Siccome questo
stabilimento veniva bombardato,
venne trasferito in un paese vicino
Lipsia. Dopo di che sono arrivati
gli americani, noi da quello stabilimento siamo scappati”.
Cosa vi davano da mangiare?
“Ci davano tre patate al giorno, un
filone di pane da un chilo e 800
per nove persone. Queste patate
Croce di guerra
non si buttavano. Le bucce si
amalgamavano bene e si mettevano sulla stufa. Poi c’erano i crauti”.
Che successe quando vi liberarono gli americani?
“Gli americani ci hanno portato in
una stazione per tornare in Italia.
Quando ci hanno messo sui vagoni, dovevamo partire la sera, è saltato un vagone mentre stavamo lì,
perché c’era una bomba ad orologeria dentro. Ci sono stati due feriti, una donna aveva i capelli bruciati. La mattina gli americani se
ne sono andati, perché quella zona
toccava ai russi. I russi ci hanno
detto di andare in Italia con il
treno, senza scorta e senza cibo.
Ero arrivato a 48 chili da 72. Dalla
Germania siamo partiti e siamo
andati in Bulgaria, attraversammo
la Cecoslovacchia. In ogni stazione ci fermavano e ci facevano
stare tanti giorni. Da lì in Ungheria. Qui i russi ci hanno dato una
pecora per ogni vagone e un po’ di
tabacco. Siamo arrivati in Romania dove abbiamo cambiato treno.
Distintivo fabbrica Lipsia
Qui i rumeni facevano un mercato,
una matita una pagnotta, una
camicia per mezza pagnotta.
Dovetti pregare tanto per avere
una mezza cipolla. Siamo tornati a
Budapest, quando si è attraversato
il Danubio, il ponte di legno si
muoveva. Avevamo la scorta
davanti e dietro il treno per tenere
fermo il ponte. Poi ci hanno fermato in Austria e ci hanno consegnato agli americani. Da qui
abbiamo attraversato il Brennero e
sono arrivato a Pomezia Santa
Palomba. Quindi col camion mi
hanno riportato a Sessa Aurunca.
Sono arrivato a settembre del
1945, avevo 25 anni compiuti”.
Cos’ha fatto dopo la guerra?
“Ho fatto il carbonaio e poi il fioraio a Roma. Sono venuto ad Aprilia nel ’57 perché c’era più lavoro
e avevo un amico paesano che mi
ha portato ad Aprilia e ho lavorato
alla Wyeth. Sono andato in pensione nel 1980”.
IL GIORNALE DEL
LAZIO
Editore D.P.R. di Bruno Iorillo
Iscritto al R.O.C. (Registro degli Operatori della Comunicazione)
Registrazione Tribunale di Latina 20/1/1977 n. 284
REDAZIONE : Via Fermi n. 18 - 04011 Aprilia (Latina)
Tel. e Fax 06.9275019 - 335.8059019
e-mail: [email protected] - [email protected]
sito: www.giornaledellazio.it
DIRETTORE RESPONSABILE: Bruno Jorillo DIRETTORE EDITORIALE: Ben Jorillo
VICE DIRETTORE: Piergiuseppe Jorillo CAPOREDATTORE: Gianfranco Compagno
Impaginazione e grafica a cura della C.S.T.
La riproduzione di testi e immagini deve essere autorizzata dall’editore.
La collaborazione ad articoli o servizi è da considerarsi del tutto gratuita e non
retribuita. Manoscritti e fotografie anche se non pubblicati non si restituiscono.
PUBBLICITA’: Via E. Fermi n. 18 - Aprilia (Latina) - Tel. 06.9275019 - 335.8059019
STAMPA: Pignani Printing s.r.l
ASSOCIATO ALL’UNIONE STAMPA PERIODICA ITALIANA
IL GIORNALE DEL LAZIO
6 - 19 Giugno 2014
pagina 3
Cisterna docet, il Pd passa dal 25% delle europee 2014, all’8% delle comunali
IL
PARTITO DI RENZI PRIMO AD APRILIA
Eccessivo il trionfalismo del PD di Aprilia che deve ripartite dal 6.49% del 2013, minimo storico
Aprilia affissa di manifesti: “PD- PSE - Primi in Italia - Primi ad Aprilia- L’Europa cambia verso”
Parte dell’amministrazione Terra ha portato candidati del Pd
di Gianfranco Compagno
“Pd primi in Italia, primi ad
Aprilia”. Dopo il voto delle
europee, il Partito Democratico
di Aprilia ha pensato di tappezzare la città con dei manifesti
riportando il successo elettorale.
Dai dati analizzati sul voto, possiamo affermare che il Pd ha
poco da esultare e molto ancora
da lavorare per essere il primo
partito della città. Il Pd è il più
votato al centro città, mentre
nella periferia è secondo. Il partito più votato nelle periferie di
Aprilia è il M5S e si avvicina
molto Forza Italia con picchi di
oltre il 25%. Il voto delle preferenze lascia molto a desiderare.
6.338 preferenze a candidati su
un totale 9 mila 226 voti al Pd.
Considerando che si potevano
inserire fino ad un massimo di
tre preferenze, possiamo sostenere che almeno i due terzi dell’elettorato Pd (vogliamo pensare che non tutti gli elettori hanno
scritto tre nomi) non ha espresso
preferenza sul candidato e quindi non è stato raggiunto dalle
intenzioni di voto dei dirigenti
del partito locale. Tra l’altro,
abbiamo saputo che buona parte
dell’amministrazione
Terra,
attualmente composta da liste
civiche, ha appoggiato candidati
del Partito Democratico. Ma il
dato di Cisterna dovrebbe far
riflettere. A Cisterna il Pd alle
europee ha incassato il 25%,
mentre lo stesso giorno alle
comunali hanno votato per il Pd
appena l’8%. La situazione locale è diversa da quella nazionale
o europea. Per avere un paragone dobbiamo rifarci alle regionali del 2005. Nel 2005 si andò a
votare per eleggere il nuovo
governo della Regione e della
città. Le liste
del centrosinistra che portavano Marraz- Aprilia via A. De
zo, arrivarono
ad Aprilia al 44,39% con Uniti
nell’Ulivo al 12,83% mentre il
candidato sindaco per il centro-
Gasperi
sinistra Mario Stradaioli riportò
il 42,78%, 1,73% sopra le liste.
Da allora ci fu un crollo del consenso. Nelle amministrative del
2009 il Pd si arrestò al 10%
mentre nelle scorse del 2013
racimolò appena il 6,49%, quanto una listarella civica. Ricordiamo che appena qualche mese
prima, per l’elezione della
Camera dei Deputati ad Aprilia
votò Pd il 19,34% della città. Né
evidentemente si può paragonare il risultato elettorale della
Lista Tsipras alle europee con
l’attività consiliare di Sel. Altrimenti dovremmo pensare che
l’attività di opposizione sia stata
in questo anno fallimentare.
Emerge un risultato elettorale
che è sganciato sicuramente
dalle vicende locali e che forse
necessiterà di un cambiamento
di rotta del Pd locale per essere
consolidato.
LETTERA AL SEGRETARIO PROVINCIALE
“Caro segretario provinciale,
Mi trovo perfettamente in sintonia con te sia per gioire insieme del bel risultato elettorale del nostro Pd alle europee sia nella necessità di un’analisi di un voto così importante. Mi rammarico che quest’analisi non sia venuta da un dibattito scaturito in direzione provinciale, ma da un insieme ristretto di persone che ha deciso nuovamente di tenere fuori un’area di questo partito. E così, visto che ci è
stata negata la possibilità di esprimere tutti insieme delle valutazioni comuni, sono a rappresentarti le nostre. Caro segretario, ci hai
fatto fare tre direzioni provinciali sulla ricandidatura del sindaco uscente Carla Amici, sulla necessità di fare le primarie a Roccagorga nonostante il sindaco uscente sia Pd. In una di queste, poi, hai tirato fuori la vicenda di Cisterna dove le primarie non erano necessarie e neppure volute. In quella riunione, ti abbiamo detto che la direzione provinciale avrebbe dovuto tracciare una linea politica generale da applicare a tutti i Comuni, compresi Roccagorga e Cisterna. Con forza però, ti abbiamo fatto notare che il metodo utilizzato a
Cisterna non sarebbe stato produttivo per il Pd. Un cumulo di liste dalle più disparate con tra l’altro l’alleanza tra Pd e L’Altra Faccia della Politica che tutto è fuorché una lista civica gravitante nel centrosinistra. Per questo strano assemblaggio abbiamo rinunciato
alle primarie e di conseguenza abbiamo rinunciato soprattutto a costruire il nostro futuro su valori chiari del centrosinistra. Ti avevamo suggerito un partito di opposizione, magari un Pd “solo” in campagna elettorale, che avesse però il programma di costruire nei
prossimi cinque anni un’alternativa al governo della città. Ci è stato risposto che il Pd non ha l’obiettivo di rimanere all’opposizione.
Bene. I risultati di Cisterna (e non dimentichiamoci le alchimie di Roccagorga) sono tra i più fallimentari della linea politica del Pd
provinciale. A Cisterna lo stesso giorno il Pd incassa alle europee un 25% mentre a livello locale si ferma all’8%. Il Pd non riesce neppure ad arrivare al ballottaggio. I risultati di tutto questo sono evidenti: Pd comunque all’opposizione, Pd comunque sotto il 10% ma
purtroppo, Pd poco credibile. Apprezziamo gli sforzi degli amici di Cisterna nel fare risultato ma questi sforzi sarebbero dovuti essere
meglio supportati da una linea politica chiara della direzione provinciale. Caro segretario, ti invito quindi, a riunirci presto per fare il
punto su tutto questo. Sul grande risultato sicuramente delle europee ma anche e soprattutto su ciò che ci compete: la situazione locale che merita una lettura più approfondita e che impone, in vista del grande risultato alle europee, la responsabilità di un cambiamento di rotta”.
Riccardo Toffoli - Componente direzione provinciale Pd “area Civati”
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 4
6 - 19 Giugno 2014
Si è tenuto in due giornate: sabato 24 e domenica 25 maggio 2014
“EMOZIONIAMOCI INSIEME”
Spettacolo di fine anno all’asilo delle suore - San Vincenzo Pallotti
di Veronica Alessandrini
“Emozioniamoci insieme”,
questo il titolo dello spettacolo organizzato dalla scuola
per l’infanzia San Vincenzo
Pallotti a conclusione dell’anno scolastico 2013/14. Il
tema, ovviamente, è stato
quello delle emozioni, argomento centrale del programma didattico svolto dai piccoli alunni. La recita si è svolta
in due giornate, sabato 24 e
domenica 25 maggio, nel
cortile dello storico asilo
delle suore di Piazza Marconi. Come ogni anno i bambini si sono esibiti nel contesto
di una scenografia molto
curata dai colori vivaci che
mettono allegria. L’asilo
ospita bambini dai 3 ai 5 anni
dunque per esigenze di ordine logistico lo spettacolo è
stato suddiviso per fasce
d’età e, per ogni bimbo, è
stata scelta una favola da rappresentare che parlasse di
una particolare emozione o
stato d’animo. Gli alunni dell’asilo Pallotti sono suddivisi
Suor Indumathi, suor Renata,
la superiora suor Speranza, suor Eufemia e suor Rita
SUOR RENATA LA DECANA DELL’ASILO DELLE SUORE
Suor Renata, storica figura dell’ “Asilo delle suore - San Vincenzo Pallotti”, ha compiuto da pochissimo 60 anni di lavoro. Classe 1935 (ha 79 anni), il suo nome è Assunta Veltre originaria di Benevento,
è entrata in convento a Roma nel 1951 e ha iniziato ad insegnare ad Aprilia nel ‘54. La nostra è stata la
prima città in cui ha lavorato da quando ha preso i voti e da allora, tra i vari spostamenti, ci è tornata
altre volte. Nel ‘58 è andata a Formia, è ritornata ad Aprilia nel ‘75 per altri due anni e poi nuovamente dal ‘98 ad oggi. Le destinazioni delle suore sono sempre scelte dai superiori ed esse continuano ad
esercitare con passione il loro mestiere finché riescono, ma soprattutto finché la salute lo permette. Suor
Renata ha insegnato nel periodo in cui il nostro collega Gianfranco Compagno ha frequentato l’Asilo
infantile A.Casati (1954-’56), così si chiamava perché gestito dall’Opera Casati. La madre superiora era
suor Diomira De Angelis, subentrata a suor Flaminia Nave (5.10.1954). Abbiamo incontrato suor Renata in occasione dello spettacolo del 24 maggio, non è mancato un po’ di sano amarcord. Sull’abbigliamento suor Renata ricorda: «Prima comportava più sacrifici, soprattutto l’estate: c’era la gonna molto
lunga, il frontino e il collare. Poi dal ‘67 in poi c’è stato un cambiamento, i vestiti sono diventati un po’
più corti e via dicendo». All’asilo le scodelle e i bicchieri d’alluminio, il sonnellino pomeridiano era
obbligatori: i più fortunati dormivano sulla sdraietta, gli altri sul tavolo. Guai a non dormire!
Suor Renata
in 4 classi miste, ognuna
delle quali ospita bambini di
età differenti. Sabato si sono
esibite le prime due classi,
domenica le altre. Il tutto è
avvenuto sotto la coordinazione del team formato da
suor Indumathi, suor Renata
(la più anziana), la superiora
suor Speranza, suor Eufemia
e suor Rita coadiuvate dalle
maestre Marina, Sabrina e
Annarita e dalla volontaria
Anna Anderlucci. Come da
tradizione, il clou delle due
giornate è stato rappresentato
IL GIORNALE DEL LAZIO
6 - 19 Giugno 2014
dalla consegna finale dei
diplomini ai bambini più
grandi che hanno concluso la
scuola materna e si accingono ad iniziare quella primaria. La superiora Suor Speranza ha consegnato le pergamene ai bimbi trepidanti che,
per l’occasione, hanno indossato tocco e casacchina come
dei piccoli neodottori in stile
college americano. La parte-
cipazione, come ogni anno,
è stata grande: non solo
genitori e parenti dei piccoli
coinvolti nella recita, ma
anche genitori di ex alunni e
bambini/ragazzi che hanno
da tempo terminato l’asilo
ma ogni tanto tornano a trovare con piacere le loro
maestre.
pagina 5
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 6
6 - 19 Giugno 2014
Grazie ad una convenzione tra il Comune di Aprilia e la Comunità Raggio di Sole di via A.Moro
APERTO IL CENTRO DI ACCOGLIENZA NOTTURNA
Al momento è in via sperimentale per un anno. Sei i posti letto disponibili
Il nuovo progetto ci è stato illustrato dall’assessore ai servizi sociali Eva Torselli
di Veronica Alessandrini
Superata l’emergenza freddo,
Aprilia si è dotata di un centro
d’accoglienza notturno fisso, per
persone senza fissa dimora, al
momento in via sperimentale per
un anno. I bruschi cambiamenti
in atto nella società, che è stata
rivoluzionata dalla pesante crisi
economica, hanno reso quello
della casa è un problema sempre
più pressante che non si può e
non si deve ignorare. Quella
degli individui privi di abitazione, di mezzi e di rete famigliare è
una piaga a cui l’Amministrazio-
ne Terra sta cercando di trovare
una soluzione. E lo sta facendo
grazie al contributo di un’associazione di volontari che già lo
scorso inverno (2012-2013) ha
reso disponibile la propria struttura per creare un centro di accoglienza stagionale in cui persone
senza fissa dimora potessero trovare riparo dal freddo. Stiamo
parlando dell’Agpha, che ancora
una volta ha spalancato le porte
della sua Comunità “Raggio di
Sole” sita in via Aldo Moro ai
più bisognosi. Con delibera di
giunta n. 140 del 20 maggio è
stata avviata una convenzione tra
il Comune e l’Agpha, presieduta
da Pasquale Spagnolo, per l’istituzione di un “dormitorio” presso i locali di via Moro (con
ingresso a parte rispetto a quello
della Comunità). Tale convenzione varrà un anno e costituirà
una sorta di esperimento, senza
dubbio una grande ed importante
novità per la nostra città. Il 22
maggio abbiamo incontrato le
due personalità maggiormente
coinvolte nella vicenda, ovvero
l’assessore ai servizi sociali Eva
Torselli e il presidente dell’Agpha Spagnolo per capire come
funzionerà questa nuova iniziativa. «La convenzione- ha detto la
Torselli- prevede massimo 6
posti ed è rivolta al momento
solo alla popolazione maschile
maggiorenne per una questione
di praticità. Ma è chiaro che è un
inizio, se ci dovessero essere
donne in stato di necessità ovviamente provvederemo a risolvere
la situazione». Saranno dunque
messi a disposizione 6 posti
letto, organizzati in 3 camere
diverse con 2 bagni e una sala
ristoro: una sistemazione più che
dignitosa per venire incontro a
chi non sa dove andare. Le persone che verranno accolte nella
struttura saranno tutte indicate
dai Servizi Sociali con una nota
scritta in cui si comunicherà
all’Associazione l’effettivo stato
di bisogno. Ad esse, oltre al
posto letto, sarà servita anche la
cena e la prima colazione. Per
realizzare il progetto l’Amministrazione
ha
stanziato
13mila500euro e il dormitorio
sarà controllato e coordinato da
Gino Federici, membro volontario e vicepresidente dell’Agpha.
I primi responsi positivi sono
arrivati subito e già dal 21 maggio, giorno in cui partiva effettivamente la convenzione, è entrato il primo ospite nella struttura.
«Una brava persona che ha perso
il lavoro, la famiglia, non ha più
risorse per potersi garantire l’affitto e si ritrova senza radici- ha
detto l’Assessore, che poi ha
puntualizzato- La volontà dell’Amministrazione è quella di
andare verso un progetto di centro d’accoglienza fisso per le
persone senzatetto». Senza dub-
MENSA SOCIALE
Con il centro di accoglienza notturna per i senzatetto istituito presso la Comunità “Raggio di
Sole” l’Amministrazione sta dando una prima
risposta alla questione dell’emergenza casa. Resta
da risolvere un altro importante problema: quello
della mensa sociale. Ad Aprilia questo servizio,
per sopperire alla mancanza di una soluzione
forte da parte delle amministrazioni che si sono
succedute, è stato svolto dalla Caritas che a più
riprese ha fornito un pasto agli indigenti. Ora però
questa probabilmente chiuderà per ristrutturazione e non si sa quali saranno le sue sorti future.
Abbiamo affrontato la questione mensa durante il nostro incontro con l’assessore ai Servizi Sociali
Eva Torselli. Ecco la sua risposta: «Nei nuovi piani sociali di zona è previsto un contributo distrettuale che poi verrà suddiviso nei vari comuni del distretto, per il contrasto della povertà. L’idea sarebbe quella di sostenere la popolazione che ha fame. Questi fondi non serviranno per costruire o ristrutturare nulla, serviranno per sfamare materialmente la popolazione, con l’ausilio del terzo settore ovvero il volontariato. Dobbiamo fare rete, le istituzioni col terzo settore e i piani di zona devono collaborare. Bisogna però trovare il luogo fisico da adibire la mensa. Ma è importante sottolineare il raccordo col volontariato, perché altrimenti con i soli fondi non ce la possiamo fare».
bio però è stato compiuto un bel
passo avanti, soprattutto se si
considera anche la posizione
della Comunità Raggio di Sole:
essa è vicina al centro della città,
di modo che gli ospiti della struttura di accoglienza possano
facilmente essere reinseriti nel
tessuto sociale apriliano senza
ritrovarsi isolati. L’Assessore ci
ha poi anticipato che quest’anno
l’emergenza abitativa è stata
messa in primo piano dalla
Regione Lazio: «Nel 2014 i piani
di zona, vista la grande emergenza causata dalla crisi, sono stati
chiamati piani sociali di zona e
comprendono l’emergenza abitativa. È un passo molto importante, tanto che l’Amministrazione
ha formulato un piano di emergenza abitativa che poi (dopo
tutto l’iter previsto, ndr) verrà
attuato in forma di contributi».
Foto di Gianfranco Compagno
6 - 19 Giugno 2014
IL GIORNALE DEL LAZIO
direttore: Bruno Jorillo
pagina 7
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 8
6 - 19 Giugno 2014
I risultati elettorali delle europee avvicinano la città più al meridione d’Italia
APRILIAPd primo
SI partito
STA
MERIDIONALIZZANDO
ma a pochi punti dal M5S che vince nelle periferie
di Riccardo Toffoli
Anche ad Aprilia il Pd si conferma primo partito, ma a
pochi voti dal Movimento 5
Stelle che nella nostra città è
sopra di circa il 10% il dato
nazionale. Le europee del 25
maggio confermano il dato
nazionale tranne poche eccezioni. Ad Aprilia si sono recati
alle urne il 53,16% degli aventi diritto a fronte del 58,68%
della media nazionale. Il dato
dell’affluenza e il dato relativo
alle percentuali di voto dei partiti, colloca Aprilia più nel
meridione d’Italia che nell’Italia centrale. Basti appunto citare il dato affluenza. Nell’Italia
centrale si è recato alle urne il
61,80% mentre nell’Italia
meridionale il 51,70%. Ad
Aprilia continua il grande successo del Movimento 5 Stelle
nonostante alle amministrative
il simbolo non sia stato presentato, e la situazione locale sia
abbastanza complessa. Il Pd
nell’Italia centrale conquista il
46,58% dei votanti, ad Aprilia
si ferma al 33,74%. Un dato
che lo avvicina al sud Italia
dove il Pd raggiunge il 35,04%
a differenza del dato nazionale
che lo porta al 40,81%. Se il
Movimento 5 Stelle in Italia
non sfonda il 21,16% ad Aprilia tocca il 31,57%, ben 10
punti oltre il dato nazionale.
Anche questo dato avvicina
Aprilia al meridione. In Italia
centrale l’M5S non supera il
21% mentre nel sud si attesta al
24%. Forza Italia ad Aprilia
conquista il 19,72%, molto
sopra il dato dell’Italia Centrale (14,75%) e anch’esso più
vicino al dato dell’Italia meridionale (22,21%). Non bene la
lista Tsipras che in Italia centrale si attesta al 4,7% mentre
ad Aprilia si ferma al 2,91%
(dato che neppure riesce ad
avvicinarsi a quello dell’Italia
meridionale dove la lista del
leader greco ottiene il 4,15%).
In linea con il dato dell’Italia
centrale il voto sul Nuovo Centro Destra (3, 59%). Questo
dato non è allineato con l’Italia
meridionale dove il Nuovo
centro Destra riesce a strappare
il 6% dei consensi. I motivi
sono vari. Sicuramente pesa il
fatto che il gruppo consistente
della storica Udc apriliana,
abbia pensato di non fare campagna elettorale o comunque di
riversare i voti su altre liste
(non quelle del Ncd-Udc).
Altrimenti, anche questo dato
sarebbe stato con probabilità in
linea con l’Italia meridionale.
Molto bene il voto su Fratelli
d’Italia che ad Aprilia ottiene il
5,14% delle preferenze a fronte
del 3,66% nazionale e del
4,57% centrale. Al centro città
reggono bene i partiti storici. Il
Pd è di norma sopra il Movimento 5 Stelle. Nelle periferie
la situazione si ribalta. Il Movimento 5 Stelle è spesso il partito più votato e va forte anche
Forza Italia anche con punte di
oltre il 10% sulla media nazionale e comunale. E’ evidente
che il voto delle periferie è un
voto di protesta dovuto ai ritardi nei servizi primari e alle
mancate risposte della politica
tradizionale. I voti sulle preferenze danno anche qui qualche
sorpresa. Nel Pd superano le
mille preferenze la capolista
Simona Bonafè e il giornalista
David Sassoli. Segue Goffredo
Bettini e subito dopo Ilaria
Bonaccorsi portata dal gruppo
dell’area Civati che fa riferimento a Castrillo, Treiani,
Antonelli, Morettini e Natalizia. Ilaria Bonaccorsi conquista 545 preferenze addirittura
sopra un leader storico del centrodestra, ex presidente della
provincia di Latina Armando
Cusani che si ferma a 539 preferenze in Forza Italia. Cusani
è terzo dopo Alessandra
Mussolini (857 voti) e
Antonio Tajani (707).
Ottimo risultato di Giorgia Meloni che ottiene
726 preferenze in Fratelli d’Italia mentre
Enrico Tiero in NcD si
ferma a 498. Sempre in
casa Pd ottimo risultato
di Enrico Gasbarra ex
presidente della provincia di Roma con 542
preferenze e Francesco
De Angelis che era supportato anche da parte
dell’amministrazione
Terra con 534 preferenze.
6 - 19 Giugno 2014
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 9
Patrocinio
Comune di Aprilia
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 10
6 - 19 Giugno 2014
La proposta è stata bocciata con 15 voti. Il gruppo NCD si astiene per il comportamento del centrosinistra
L’OPPOSIZIONE SI SPACCA SULLA MOZIONE “TRASPARENZA APPALTI PUBBLICI”
Carmen Porcelli (Sel) ha sferrato un duro attacco ai colleghi di opposizione di centrodestra, che avevano sottoscritto la richiesta di convocazione di consiglio
comunale, accusandoli di aver fatto trapelare la notizia dell’esposto alla procura della Repubblica sui locali Est-Capital
PER LA RIAPERTURA DEL TEATRO EUROPA SE NE PARLERÀ L’11 GIUGNO IN COMMISSIONE PUBBLICO SPETTACOLO
di Riccardo Toffoli
Il consiglio comunale del 29 maggio si
apre con la spaccatura dell’opposizione.
Carmen Porcelli (Sel) ha pensato di tuonare contro i colleghi di centrodestra
accusandoli di aver fatto trapelare la notizia dell’esposto alla procura della Repubblica sui locali Est-Capital. Esposto che
sarebbe dovuto rimanere segreto, almeno
fino ad una ipotetica quanto non definita
o definibile (la notizia è uscita dopo un
mese dall’invio degli atti) conferenza
stampa. “Un accordo è un accordo.- ha
detto Porcelli- La notizia di quell’esposto
doveva attendere un determinato momento. Noi come centrosinistra mettiamo in
chiaro una cosa: con il centrodestra ci
divide un margine netto di comportamento, di etica che è molto netto, ripeto. La
correttezza e il nome delle persone non si
vende, se qualcuno l’ha venduto ha sba-
gliato a farlo con noi e con me. La differenza si deve fare qua dentro, mi chiedo
in un anno cosa ha fatto il centrodestra
per fare la differenza. Se la differenza è
vendere il nome di persone per forse
garantirsi una candidatura o mettersi in
mostra, beh è meglio come prima, non
fate la differenza magari facciamo la differenziata così riusciamo a chiudere il
ciclo dei rifiuti”. La risposta del centrodestra non si è fatta attendere. E la discussione si è protratta sotto gli occhi incre-
duli della maggioranza che finalmente
tirava un sospiro di sollievo per non essere stata almeno questa volta il bersaglio
comune. Il primo punto all’ordine del
giorno aveva come discussione le dichiarazioni rilasciate alla stampa dall’ex
assessore alle finanze Antonio Chiusolo.
Il punto è stato successivamente rettificato in “trasparenza negli appalti. Determinazioni”. In più, rispetto al primo ordine
del giorno, è stata aggiunta una mozione
sul teatro Europa. La mozione presentata
dalla minoranza spiegava che: “il comune
nove mesi fa è stato teatro di un grave atto
incendiario ai danni dell’oramai ex assessore agli affari generali e finanze, Antonio Pio Chiusolo. Che lo stesso Chiusolo
è stato vittima il 19 dicembre2013 di un
ennesimo atto intimidatorio avvenuto
sempre presso la sua abitazione. L’ex
amministratore del Comune di Aprilia ha
rilasciato ad alcuni organi di stampa il 3
maggio u.s. dichiarazioni che non possono passare inosservate, considerata anche
l’incarico occupato precedentemente;
tamento del centrosinistra” ci ha detto poi
Boi. La maggioranza Terra ha invece proposto un documento che osservava innanzitutto l’uniformità dei comportamenti
dell’amministrazione comunale alle indicazioni emanate dall’autorità di vigilanza
sui contratti pubblici. La giunta infatti,
con delibera 77 del 26 marzo 2013 ha
approvato il piano triennale di prevenzione della corruzione ratificato con delibera
di consiglio del 4 aprile successivo e successivamente aggiornato e modificato.
Inoltre ha fatto presente che tutta la documentazione dei bandi e delle gare viene
pubblicata nella gazzetta europea e sui
Chiusolo ha affermato tra le altre cose:
“Certo, un’idea su cui sia stato me la sono
fatta. E anche più di un’idea….” “Le
famiglie mafiose qui ci sono da decenni
ma il punto non è più solo questo. Ad
Aprilia oggi c’è la vera cassaforte della
mala, ci sono decine di appartamenti
vuoti nelle zone di espansione. E ogni
volta che sequestrano patrimoni ai mafiosi in ambito nazionale, qualcosa di importante la trovano anche qua”; “non ci possiamo permettere di perdere il treno dei
finanziamenti Plus. E questo deve essere
davvero un monito: vedo un atteggiamento dilatorio da parte delle opposizioni che
tentano di allungare i tempi sui progetti,
quasi a boicottare quegli interventi. Ma
deve essere chiaro a tutti che se apriamo i
cantieri, e questi cantieri ci costano nove
milioni di euro, se poi non facciamo in
tempo a chiudere tutto l’Europa non ci dà
un centesimo e rischiamo anche il
default”. La mozione chiedeva di uniformarsi alle indicazioni emanate dall’autorità per la vigilanza sui contratti pubblici
(Avcp) per la pubblicazione e la trasmissione all’autorità dei dati inerenti l’azione
amministrativa. La mozione è stata
respinta con 15 no (i voti della maggioranza) 7 sì e due astenuti (Boi e Galanti
del Ncd). L’astensione di Boi e Galanti è
dovuta all’attacco del consigliere Carmen
Porcelli sulla fuga di notizie relative
all’invio degli atti di Est-Capital alla procura della Repubblica. “Ci siamo astenuti
perché ci dissociamo con questo compor-
quotidiani nazionali oltre che sul sito del
Comune. Alla fine la maggioranza chiarisce che il Comune di Aprilia è in linea
con gli obblighi sulla trasparenza e quanto disposto dalla “bussola della trasparenza” accessibile dal sito internet comunale.
La mozione sul teatro Europa trattava
invece, della chiusura del teatro di corso
Giovanni XXIII a causa di problematiche
burocratiche. La mozione ha ripercorso
tutta la storia del teatro fino alla recente
chiusura. Quindi è partito dall’ispezione
dei Vigili del Fuoco e dalle richieste effettuate perché il locale fosse adeguato alle
normative vigenti. Ha criticato il comportamento dell’amministrazione comunale
colpevole di “non aver fronteggiato la
situazione intervenendo con misure di
emergenza per agevolare la prosecuzione
delle attività, anzi ne ha di fatto messo in
atto l’interruzione”. Quindi impegnava la
giunta a porre in essere ogni iniziativa per
ripristinare anche una agibilità della struttura. La mozione è stata ritirata perché
veniva convocata per il 3 giugno una
commissione consiliare apposita per trattare del tema. Il sindaco Antonio Terra ha
voluto ricostruire le tappe e gli interventi
effettuati dall’amministrazione per ritardare il più possibile la chiusura del teatro,
attualmente l’unico ad Aprilia e che offre
ai cittadini una programmazione intensa,
ricca e di qualità. L’11 giugno alle ore 15
è stata convocata la commissione pubblico spettacolo sulla vicenda, che sarà decisiva per le sorti del teatro apriliano.
IL GIORNALE DEL LAZIO
6 - 19 Giugno 2014
pagina 11
Aprilia - Approvata la proposta di bilancio preventivo
Maggiori stanziamenti per servizi sociali ed opere pubbliche
L’Amministrazione Comunale, con deliberazione di
Giunta n. 153 del 22 maggio
2014, ha approvato la proposta del bilancio di previsione
per l’anno in corso. Il documento finanziario, elaborato
dagli uffici comunali di competenza, sarà discusso nelle
Commissioni Consiliari e
successivamente in Consiglio Comunale per la definitiva approvazione ed adozione.
Il bilancio annuale, a fronte
di una nuova diminuzione
prevista in entrata per quel
che riguarda il Fondo di Solidarietà Comunale (le rimesse
dello Stato ai Comuni), mantiene inalterati ed anzi incrementa i fondi per l’erogazione di servizi sociali e per
opere pubbliche, tecnologiche e manutentive.
Rispetto ad un bilancio di
complessivi 98 milioni e 401
mila euro, infatti, l’Amministrazione ne destina dieci
milioni e 536 mila per i servizi sociali, pari al 10,08%
dell’intera manovra finanziaria. Nello specifico delle
azioni di contrasto al disagio
e alla povertà, l’esecutivo
sceglie di aumentare ancora
il capitolo di spese istituito
soltanto all’anno scorso.
Per le opere pubbliche l’Amministrazione stanzia 8
milioni e 191 mila euro, pari
a circa l’8% dell’intero bilancio comunale, mentre per i
servizi tecnologici il fondo è
pari a 5 milioni e 60 mila
euro (circa il 5% del bilancio). Gli interventi pubblici
sono distribuiti nelle scuole,
nel tessuto urbano e nelle
periferie di Aprilia. 700 mila
euro complessivi sono stanziati per la manutenzione
degli edifici scolastici, ulteriori 676 mila euro per la
ristrutturazione della scuola
Deledda, 900 mila euro per la
viabilità a servizio del parcheggio ferroviario di Campoleone, un milione di euro
per il depuratore di Campoverde, 135 mila euro per il
completamento della rete di
pubblica illuminazione in via
Cogna, 120 mila per il museo
della civiltà contadina che
sorgerà nell’edificio di Via
Carano prima adibito a scuola, 80 mila euro per la rotatoria da realizzarsi tra le Vie
Tiberio e Aldo Moro, 100
mila euro per la realizzazione
di nuovi passaggi pedonali
rialzati, 150 mila euro per la
manutenzione del cimitero,
180 mila euro per la realizzazione di marciapiedi e pubblica illuminazione in località Casalazzara.
Quanto all’impegno per la
riqualificazione igienicosanitaria delle periferie, il
bilancio prevede un impegno
di spesa di 450 mila per il
depuratore di Genio Civile,
un milione per i primi tre
stralci di intervento per la
rete fognante secondaria
Cogna, 340 mila per il completamento della rete fognante secondaria a Fossignano,
un milione e 150 mila euro
per i primi tre stralci di realizzazione della rete fognante
secondaria a Casalazzara,
300 mila euro per il primo
stralcio di realizzazione della
rete fognante in località Sacida.
foto Gianfranco Compagno
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 12
6 - 19 Giugno 2014
Dopo il duro attacco portato dalla capogruppo di Sel in apertura di consiglio comunale del 29 maggio
APRILIA - IL CENTRODESTRA UNITO REPLICA ALLA CONSIGLIERA CARMEN PORCELLI
Il motivo? La pubblicazione da parte del nostro giornale degli atti inviati in Procura sui fitti
Terzo: “Qualcuno li ha usati strumentalmente per deviare il discorso di oggi”
di Riccardo Toffoli
e Gianfranco Compagno
Schierati. Tutto il centrodestra si difende dalle accuse dei colleghi consiglieri
del centrosinistra. Vincenzo La Pegna
(Aprilia Valore Comune), Giovanni
Bafundi e Nello Romualdi (Lista
Romualdi sindaco – Facciamo la differenza), Roberto Boi (Pdl - Ncd) e
Carmelo Terzo (Pdl-Fi) rispediscono al
mittente le accuse lanciate dai consiglieri Sel-Pd Porcelli, Tomassetti e
Giovannini sui documenti inviati in
procura riguardanti il contratto di affitto e la transazione dei locali di piazza
Bersaglieri. In particolare il consigliere
comunale di Sel Carmen Porcelli
durante l’ultimo Consiglio comunale
del 29 maggio che avrebbe dovuto discutere delle dichiarazioni rilasciate dall’ex assessore Antonio Chiusolo dopo
le intimidazioni ricevute, si è scagliata
contro il centrodestra colpevole di non
aver rispettato i patti. In particolare
Porcelli se la sarebbe presa con qualche
consigliere del centrodestra che avrebbe fatto trapelare al nostro giornale l’esposto alla procura della Repubblica
sul contratto di fitto e la transazione
relativa ai locali di piazza Bersaglieri.
Secondo Porcelli si sarebbe dovuta
tenere una conferenza stampa in merito
e invece, qualcuno ha bruciato tutto. In
aggiunta il nodo politico fu sollevato
dall’area Civati del Pd apriliano. Infatti
il documento inviato alla procura era
firmato da tutti gli esponenti dell’opposizione ad eccezione del capogruppo
Pd Vincenzo Giovannini. L’esposto alla
procura è datato 16 aprile. Tutti sapevano che l’opposizione aveva presentato
l’esposto alla procura. Dopo un mese,
la conferenza stampa non si è tenuta.
Quando si sarebbe dovuta tenere questa
conferenza stampa? Dopo quanti anni?
Le notizie viaggiano per fortuna. E i
comunale nella sala riservata ai consiglieri comunali. Anche il centrodestra
pone la questione del “metodo” e del
“modo di fare”. Evidentemente se pure
internamente ai partiti del centrosinistra si pongono questioni di metodo,
forse bisognerebbe farsi qualche
I Consiglieri La Pegna, Bafundi, Romualdi, Boi e Terzo
lettori hanno il diritto di essere informati. Prendersela con chi ha fatto uscire l’atto è molto singolare specialmente
per chi crede nei valori della trasparenza quale principale criterio di rispetto e
di crescita dell’opinione pubblica.
Tutta l’opposizione del centrodestra ha
voluto condividere delle riflessioni con
Il Giornale del Lazio dopo il consiglio
domanda. “La convocazione del consiglio comunale è stata firmata da otto
consiglieri comunali tranne Giovannini
e questo è un dato di fatto –ha detto La
Pegna- Il centrosinistra farà la sua strada rispetto agli ideali suoi, ma il percorso insieme dell’opposizione sarà del
centrosinistra e del controdestra. Non
prendiamo le distanze dal centrosini-
stra, il percorso proseguirà non certo
uguale ma almeno simile”. “L’opposizione è opposizione sempre –continua
Bafundi- ognuno ha i suoi ideali che
non possono essere cancellati. Poi però,
c’è un minimo punto di riferimento che
è l’opposizione verso una maggioranza
che sta dimostrando arroganza e populismo”. “Questo è un aspetto accidentale e marginale va in secondo piano
rispetto a quello che Porcelli ha detto
sul centrodestra –dice Romualdi- qual è
la gravità del fatto? Che è uscito sui
giornali l’atto inviato alla procura? È
questo che non quadra. La pesantezza
delle dichiarazioni. Ha parlato per terze
persone senza fare nomi e cognomi, è
come se lanciasse il sasso e poi tirasse
indietro la mano. Ha dato l’idea di un
centrodestra inetto. Forse c’è qualche
altra cosa dietro. Forse significa iniziare un nuovo e diverso percorso”. “Prendo le distanze da questo modo di fare
politica –dice Boi- non mi sta bene rapportarmi umanamente non politicamente con questo tipo di persone. L’atteggiamento non è assolutamente chiaro, è
pretestuoso e ha un altro motivo. È il
modo di fare”. “Vorrei precisare una
cosa –continua Terzo- qualcuno li ha
usati strumentalmente per deviare il
discorso di oggi. Abbiamo parlato di
tutto, fuorché delle dichiarazioni di
Chiusolo. Alla fine con quest’atteggiamento strumentale, si è tolta l’attenzione sul vero problema. Credo che ci sia
stato l’intervento di qualcuno che ha
operato per deviare l’argomento. Per
questo penso che sia importante incontrarci con loro”.
6 - 19 Giugno 2014
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 13
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 14
6 - 19 Giugno 2014
26 anni di servizio continuato dal 11 novembre 1988. Era stato assunto in Comune come precario a “tre mesi” il 7 gennaio 1985
BIANCO AMBROSINI VA IN PENSIONE
È STATO LO STORICO AUTISTA DEI SINDACI DI APRILIA
Venerdì 30 maggio i colleghi, i funzionari, i dirigenti, gli assessori e il Sindaco lo hanno festeggiato
Un rammarico, una volta ai dipendenti che andavano in pensione veniva consegnata una medaglia ricordo
di Nicola Gilardi
Molti 50enni di oggi la agognano. I giovani invece se la sognano, ma per qualcuno, la pensione, sembra non essere poi tanto
gradita. Dopo 42 anni di lavoro,
di cui 29 al comune di Aprilia,
Bianco Ambrosini, storico
“Autista di rappresentanza –
Gonfaloniere” (questo il profilo
professionale ufficiale), dei sindaci va in pensione. È stato
assunto in servizio presso il
Comune di Aprilia il 7 gennaio
1985, come autista di pulmini,
precario a “tre mesi”, come si
diceva allora, anche il primo
periodo di assunzione è durato
circa sei mesi. Fino al 1988 le
assunzione erano saltuari, a
volte duravano anche meno di
un mese. Dal 16 novembre 1988
l’assunzione è diventata di
ruolo, così è iniziato il servizio
permanente durato 25 anni, 6
mesi e 15 giorni.
Dal 1 giugno 2014 si è risolto il
contratto che lo legava da quasi
tre decenni agli uffici di Piazza
Roma. Nato a Viterbo il 27 agosto 1947 all’età di due anni si
trasferisce con i genitori ad
Aprilia, dove vive tutt’ora.
Prima di diventare autista ha
lavorato presso alcune aziende
locali. La sua svolta lavorativa è
stata quando inizia a lavorare
proprio come autista, ma di
autobus. Dai pullman all’auto di
rappresentanza dei sindaci il
passo è stato breve. Ha “guidato”, alternandosi con altri colleghi, tutti i sindaci che Aprilia ha
avuto da Pasquale Gallo (19851990) a Luigi Meddi (90-94 2002 2004), poi Rosario Raco
(’94- 95) e Gianni Cosmi (1995
- 2001), Angelo Finocchiaro
(2001- 2002 commissario prefettizio), Paolo Verzili (20042005 ff.), Calogero Santangelo
(2005 - 2009), Cono Federico
(2009 commissario prefettizio)
ed infine Domenico D’Alessio
(2009 - 2012) e Antonio Terra,
attualmente in carica. Ma ha
scarrozzato anche assessori,
segretari comunali e dirigenti.
Chissà quanti segreti porta con
se, per tutto quello che ha ascoltato dal suo posto di guida. Una
vita passata alla guida delle auto
blu apriliane, ma Bianco Ambrosini non dimentica le macchine
che ha guidato: « La
prima auto è stata una
Lancia Thema, poi una
Fiat Tipo. Successivamente una Lancia Kappa
e una Lancia Lybra ». La
sua ultima giornata «è
stata strana», racconta
dopo la festa che i dipen-
denti comunali gli hanno dedicato nella sue ultime ore lavorative. Si sono riuniti nell’aula consiliare e gli hanno tributato un
saluto che lo ha trovato commosso, ma non del tutto contento di aver raggiunto la pensione.
« Potevo andare in pensione già
dal 2009 ed ho allungato di 5
anni. Dispiace lasciare delle abitudini consolidate, ma è anche
giusto godersi la vita». Sebbene
la sua sia un’età da “nonno” i
suoi figli sono ancora piccoli:
«Ho una bambina di 5 anni, una
di 12 e uno di 22» dice, come se
per loro non avesse ancora fatto
abbastanza. Gli anni passati non
hanno lasciato su di lui il solco
del tempo: «Fare questo lavoro
non mi è mai pesato, mi è sempre piaciuto – racconta -. Quando succede questo, si lavora con
amore e passione e non si sente
il peso degli anni». Ancora nessun progetto in cantiere: «Adesso devo avere un momento di
riflessione, capire quello che sto
vivendo e poi deciderò che
fare». Uno spirito d’animo da
prendere come esempio per tutti.
Foto di Gianfranco Compagno
IL GIORNALE DEL LAZIO
6 - 19 Giugno 2014
pagina 15
Il giudizio dei consiglieri di minoranza di centrodestra: Romunaldi, La Pegna, Terzo e Bafundi
UN ANNO DI GOVERNO DEL SINDACO ANTONIO TERRA
“Manca una visione d’insieme compiuta, ma si autocelebra”. Nel complesso un giudizio negativo
I consiglieri di opposizione di centrosinistra hanno ritenuto opportuno non esprimersi
di Riccardo Toffoli
“Buon compleanno amministrazione Terra”! Dopo il comunicato inviato dal sindaco sul suo
primo anno di amministrazione,
anche l’opposizione ha voluto
tirare le somme di un anno di
governo Terra: “Manca una
visione d’insieme compiuta ma
si autocelebra”. Nello Romualdi
ex candidato sindaco per il centrodestra, Vincenzo La Pegna
consigliere di Aprilia Valore
Comune, Giovanni Bafundi consigliere della lista Romualdi Sindaco e Carmelo Terzo capogruppo Pdl-Fi tracciano un anno di
governo Terra partendo proprio
dalle elezioni comunali di un
anno fa, vinte con un grandissimo consenso da Antonio Terra.
Li incontriamo sabato 31 maggio
presso l’Enea Hotel. “Ci stanno
raccontando molti retroscena
della campagna elettorale che
quando avremo l’ufficialità renderemo pubblici –ci dice
Romualdi- Non è stato semplice
leccarsi le ferite di quella sconfitta. Porto con me un’esperienza
bellissima. Aprilia è un territorio
meraviglioso. Quello che non ho
visto in quest’anno di amministrazione, è una visione d’insieme compiuta. Credo che sia un
limite proprio della coalizione
civica. Non c’è uno sguardo a
domani e a dopodomani. Il maggiore responsabile di questa
pochezza è il primo cittadino che
continua a lavorare sull’ordina-
rio. Non stanno facendo al di là
dei piedi”. “Se il sindaco Terra
ha tra i punti qualificanti di quest’anno la visita di Roger Waters
beh, possiamo immaginare cos’è
stato quest’anno di governo
–continua La Pegna- Quest’amministrazione ha un grande senso
di autocelebrazione. In qualsiasi
tipo di provvedimento la mag-
prime pietre. Quante sono state
messe in campagna elettorale!
Facciamo l’esempio della prima
pietra della cittadella dello sport
e tale resterà, le terme di Santo
Stefano, la Naus”. “6 o 8 mesi
prima della campagna elettorale
–continua Carmelo Terzo- abbiamo visto spese nel bilancio
comunale. Abbiamo visto strade
I consiglieri Terzo, La Pegna, Romualdi e Bafundi
gioranza sa lanciare la pietra e
nascondere la mano. Poi sa
affrontare tematiche che non
conoscono. Hanno preso i meriti
della costruzione della scuola
Toscanini nonostante il percorso
non sia iniziato con loro. Hanno
preso il merito del risanamento
igienico delle borgate e poi
abbiamo assistito a nuove colate
di cemento. Per non parlare delle
asfaltate. Nell’anno di governo
dopo la morte di D’Alessio la
lista del sindaco facente funzione
aveva in mano le finanze e l’urbanistica in una città dove il
comune denominatore sembra
essere il metro cubo. Per carità, il
governo centrale ha fatto numerosi tagli ai fondi per i Comuni
che sicuramente hanno indebolito le casse comunali. Ma questo
è avvenuto in tutti i Comuni.
Allora tutti i comuni d’Italia
sarebbero dovuti essere commissariati. La capacità di un’amministrazione è quella di dare
comunque delle risposte primarie, anche con i tagli e la crisi
economica”. “Quando D’Alessio
vinse le elezioni –riprende
Bafundi- erano cinque persone il
perno della maggioranza: D’Alessio, Terra, Di Marcantonio,
Chiusolo e Berna. Adesso sono
rimasti in due: Di Marcantonio e
il sindaco Terra. Berna praticamente l’hanno cacciato, su Chiusolo hanno preso le distanze. E
così ci troviamo il sindaco Terra
a dimenarsi per mantenere la
coalizione dovendo tra l’altro
affidare deleghe a persone che
non sono di Aprilia. Parlo dell’assessorato ai servizi sociali e
dell’assessorato alle finanze. Le
cose stanno cambiando. Le liste
civiche stanno fallendo il loro
obiettivo mentre i cittadini stanno tornando ad avere fiducia nei
partiti”. “Abbiamo assistito a
bandi e gare ritirati –dice
Romualdi- parlo ad esempio
della Progetto Ambiente. Della
Multiservizi praticamente non si
sa più nulla mentre ho preso proprio in questi giorni le carte della
liquidazione delle altre due
aziende speciali Servizi Culturali e Promozione e Sviluppo dove
per ognuna abbiamo pagato 280
mila euro. Il personale è un altro
punto dolente di quest’amministrazione. Parlo della situazione
dei vigili urbani o delle due dirigenze a tempo determinato,
punto di riferimento di questa
città, quali l’urbanistica e le
finanze”. La Pegna continua
sulla vicenda degli attentati, parlando del caso De Maio “non
garantito da questa maggioranza
che tuttavia difende” mentre
Terzo riprende il discorso sulla
natura celebrativa di Terra. “Si
autoincensano
–commentaanche sulla trasparenza, ma la
trasparenza è ben poca cosa.
Molto spesso si tratta di rispetto
di normativa alla quale tutti i
Comuni devono allinearsi.
Abbiamo pagato canoni importanti per dei magazzini e sottoscale, abbiamo richiesto la documentazione su Est Capital. Non
ci è arrivata o è arrivata mancante e non nei tempi”. Bafundi
invece, interviene sull’ambiente.
“Quando ero assessore avevo
avviato tutte le pratiche per le
bonifiche delle discariche –spiega- di questo oggi non c’è più
traccia. Abbiamo una differenziata ferma, nonostante il progetto l’avessi iniziato io con il quartiere Montarelli. Ora ci troviamo
a dover portare i nostri rifiuti
fuori di Aprilia mentre ad Aprilia
arrivano quelli di Roma. Vorrei
ricordare che anche sulla questione turbogas, con la nostra
giunta si era fermata la costruzione. Ora della turbogas si sa
poco, quanto produce, dove sono
i rilevatori. Non si praticamente
nulla”.
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 16
6 - 19 Giugno 2014
Il partito di Berlusconi viaggia ad Aprilia in periferia oltre il 25%
“A FORZA ITALIA SERVE UN COORDINATORE NON UN COMMISSARIO”
Intervista al capogruppo Carmelo Terzo
di Riccardo Toffoli
Nella periferia di Aprilia Forza
Italia supera anche il 25% dell’elettorato. In generale si attesta
sopra la media a dispetto del
Ncd-Udc che non sfonda e si
ferma al 3,59%. In consiglio
comunale dopo la spaccatura del
PdL, Forza Italia ha un solo con-
sigliere mentre Ncd ne ha due.
Abbiamo rivolto qualche domanda al consigliere Carmelo Terzo,
attuale capogruppo del Pdl-Fi.
Insomma spetterà a Forza Italia il compito di riunificare l’area di centrodestra?
“I risultati elettorali ci dicono che
Forza Italia è la maggiore com-
ponente del centrodestra. Tenuto
conto della frattura interna, possiamo sommare i voti di Forza
Italia, Ncd e Fratelli d’Italia e
questa somma ci dà più o meno le
percentuali del Pdl. La linea
guida di un eventuale avvicinamento delle aree appartiene a
Forza Italia e l’obiettivo che ci
poniamo è quello di riunificare le
aree di centrodestra anche pensando a chi ha sostenuto le liste
civiche di questa maggioranza.
Chi è di centrodestra ha votato
una lista civica che nel governo
della città ha una condotta anche
distante dal centrodestra. Oggi
questa frammentazione non ci
consente di fare risultato. Andia-
mo a vedere a Cisterna. Carturan
rappresenta una branca del centrodestra, Merolla anche e Panfili di certo non è un candidato
venuto dal centrosinistra. Anche
noi quando abbiamo sostenuto
Nello Romualdi sindaco, molte
persone hanno remato contro ed
erano dichiaratamente di centrodestra. Oggi tocca trovare un’in-
tesa”.
La situazione nazionale di
Forza Italia certamente non è
stata rosea. Eppure c’è sempre
uno zoccolo duro del 20%
circa. Perché?
“Quello che è successo con il
nostro leader Silvio Berlusconi,
la spaccatura di Alfano non ci ha
aiutato. Siamo andati a braccio in
questo periodo e abbiamo difeso
il territorio. Calvi è stato nominato segretario provinciale. Ora è
suo compito organizzare tutto il
partito. Ho trovato un segretario
provinciale molto attivo e molto
vicino alle realtà locali. Ci ha
chiesto un aiuto. Per quanto
riguarda Rosetta Sartori ex commissario Pdl, posso dire che ha
aiutato Calvi e ora è dirigente di
Forza Italia. Forza Italia ad Aprilia non ha bisogno di un commissario ma di un coordinatore”.
Nonostante l’ottimo risultato,
ad Aprilia il M5S continua ad
essere sopra la media nazionale. E anche di molto.
“E’ sicuramente la protesta del
territorio. Quello che posso dire è
che si critica tutto, ma non ci
sono atti che seguono questa cri-
tica. Ci sono molti operatori politici che hanno costruito liste civiche e che poi non hanno ottenuto
risultato. Spesso questi operatori
non trovano spazio all’interno
dei partiti e quindi passano al
M5S. Ricordiamo anche che il
M5S alle ultime amministrative
non ha presentato il simbolo e la
lista”.
IL GIORNALE DEL LAZIO
6 - 19 Giugno 2014
pagina 17
Ovviamente gli uffici competenti al momento non hanno deciso nulla
IL “SINDACO DI VIA MEUCCI” HA DECISO LA STRADA DIVENTERÀ A SENSO UNICO
Gli operatori economici, commercianti, artigiani e professionisti insorgono. Non sono stati minimamente consultati
Quello che fa pensare come un comune cittadino ostenta tanta sicurezza su decisioni che spettano all’Amministrazione comunale
di Gianfranco Compagno
Il “sindaco di via Antonio Meucci” ha deciso la strada
diventerà a senso unico. Con un atto monocratico lo ha
annunciato con una serie di volantini affissi nelle vetrine
dei negozi delle strade limitrofe alla centralissima via
dedicata all’inventore del telefono, forse per questo
motivo la Telecom ha costruito una centrale con relativa
antenna tanto contestata negli anni passati. Alla vista dei
volantini, ma soprattutto da voci incontrollate che davano per esecutiva l’ordinanza del senso unico i commercianti, i professionisti e alcuni residenti della via sono
insorti. L’autore del volantino che abbiamo definito ironicamente “sindaco di via Antonio Meucci” è Mark
Simeoni, presidente di una associazione denominata
“Comitato di Quartiere Aprilia Centro”, non nuovo a
simili “boutade” o goliardate che dir si voglia. Ma cosa
dice il volantino? “Comitato di quartiere Aprlia Centro –
Avviso – modifica senso di marcia – via Antonio Meucci - nei prossimi giorni verrà modificato il senso di marcia di marcia di Via Antonio Meucci. Le auto potranno
procedere solo a senso unico, in direzione Bar H. questo
consentirà di continuare a parcheggiare in sicurezza in
entrambi i lati della strada e evitare il pericoloso incrocio con le auto che vengono da via Galilei. Per eventuali chiarimenti potete contattare: Mark e Alessio (seguono
numeri telefonici)”. Noi che siamo come Tommaso
abbiamo voluto metterci il naso. Da una verifica sull’Albo on line del Comune di Aprilia non c’è traccia dell’e-
ventuale ordinanza di cambiamento. Ci siamo recati sul
posto a parlare con gli operatori economici di via Meucci, abbiamo rischiato di essere presi a male parole, tanta
è la rabbia, ci hanno scambiato per favorevoli all’iniziativa. È stato un coro unanime di no. “Se lo fanno me faccio arrestà, se arzato il sor Simeoni e gl’ hanno impac-
chettato sta bella cosa”, riferisce uno dei commerciante,
in dialetto aprilian-romanesco. Il 14 aprile è stata protocollata la richiesta oltre al senso unico è stato chiesto di
verniciare parte dell’acquedotto, un taglia erba e dei
locali (?). Ci riferiscono che la procedura stava andando
avanti, il presidente del comitato sarebbe stato chiamato
dalla Polizia Locale per le eventuali determinazioni. I
commercianti, artigiani e professionisti
che operano sulla
strada, contrari all’iniziativa, si sono
immediatamente
attivati con una raccolta di firme, che
hanno protocollato
in Comune e alla
Polizia Locale. Ma
come vengono in
mente certe iniziative, come mai si
ostenta tanta sicurezza evidentemente
a Palazzo qualcuno
ha fornito le necessarie coperture politiche. Recentemente
è capitato con altre iniziative, salvo poi fare clamorose
retromarce. A proposito via Meucci, che è uno degli
ingressi del Parco Manaresi, dove domenica 25 maggio
è stata fatta una giornata ecologica, una pulizia straordinaria da parte di alcune residenti, con tanto di foto finale con il sindaco Antonio Terra. Un paio di giorni dopo
ci siamo recati sul posto, in particolare in quella che era
la base della piramide in mosaico abbiamo trovato un
vero e proprio immondezzaio. Foto G.Compagno
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 18
6 - 19 Giugno 2014
IL CONVEGNO DELL’ASSOCIAZIONE “UN RICORDO PER LA PACE”
AL“ROSSELLI” NEL 70° ANNIVERSARIO DELLA BATTAGLIA DI APRILIA
IL COMUNICATO DELL’AMBASCIATA BRITANNICA E IL MESSAGGIO DI HARRY SHINDLER
GLI STUDENTI E L’ASSOCIAZIONE “UN RICORDO PER LA PACE” HANNO RESO OMAGGIO AL MONUMENTO AI CADUTI SENZA SEPOLTURA
di Elisa Bonacini
unricordoperlapace.blogspot.it
Si è tenuto mercoledì 28 maggio
presso l’I.I.S. “Carlo e Nello
Rosselli” ad Aprilia il 3° convegno annuale organizzato dall’Associazione “Un ricordo per la
pace” nella ricorrenza del
70esimo anniversario della
battaglia e della liberazione di
Aprilia.
La giornata celebrativa del 28
maggio è stata istituita nel gennaio 2013 dal Comune di Aprilia su proposta dell’Associazione “Un ricordo per la pace”
che ottenne l’immediata adesione delle Associazioni d’Arma e
combattentistiche di Aprilia e di
altre Associazioni locali, tra cui
la Croce Rossa Italiana (Comitato di Aprilia).
Il convegno si è sviluppato sul
tema “LA BATTAGLIA DI
APRILIA : LE ORIGINI
DELLA GUERRA” è stato
mento in memoria di Eric Fletcher Waters e dei caduti dispersi
del 1944, sito nel piazzale dell’Istituto Rosselli ed inaugurato lo
scorso 18 febbraio 2014 alla presenza di Roger Waters.
Grande soddisfazione negli organizzatori dell’evento per l’adesione all’iniziativa dell’Amba-
Residenza Ambasciatore Britannico Roma 19 febbraio 2014
Colonnello Venn Duncan Harry Shindler Elisa Bonacini
Prof Galassi una delegazione di Campoleone Gen Coltrinari
Domenico Fusco e famiglia Elisa Bonacini Gen Marsibilio
studenti del Rosselli con il Dirigente Galassi Elisa Bonacini
il Generale Luigi Marsibilio
organizzato da Elisa Bonacini,
Presidente dell’Associazione
“Un ricordo per la pace” con
l’approvazione del Dirigente del
Rosselli Prof. Giovanni Battista Galassi ed ha coinvolto gli
studenti delle quarte classi; è
stato preceduto da un momento
commemorativo nel quale gli
studenti e l’Associazione “Un
ricordo per la pace” hanno deposto una corona d’alloro ed una
composizione floreale al monu-
(usata nelle loro commemorazioni) dedicata agli eroi caduti per
la pace e per la libertà, che sono
stati letti durante il convegno da
Elisa Bonacini, Presidente dell’Associazione “Un ricordo per
la pace”. Alla lettura del comunicato è seguito un caloroso
applauso dei ragazzi dell’Istitu-
sciata Britannica di Roma che,
pur non potendo partecipare con
una propria delegazione per pregressi impegni, ha risposto positivamente all’invito dell’Associazione “Un ricordo per la
pace” e dell’Istituto Rosselli
attraverso un comunicato di
apprezzamento per l’iniziativa
rilasciato dall’Addetto Militare
per la difesa della Gran Bretagna in Italia, Colonnello Duncan Venn ed una breve poesia
www.radiolaziosud.it
direttore Bruno Jorillo
Ascolta la radio anche dal tuo
Smartphone/Tablet
Scarica l’App. gratuita Radio Lazio Sud
su Google Play
to. Anche il veterano Harry
Shindler nato nel 1921 a Londra, rappresentante in Italia della
“Italy Star Association 19431945” (l’Associazione dei reduci che hanno partecipato alla
Campagna d’Italia) , assente per
motivi di salute, ha voluto aderire alla manifestazione con un suo
messaggio.
Harry negli ultimi anni, ha già
partecipato a diverse iniziative
tenutesi al Rosselli, ultima di
queste l’inaugurazione al monumento a Eric Fletcher Waters ed
ai Caduti senza sepoltura di cui è
stato promotore con Elisa Bonacini.
Nella sezione britannica dell’esposizione museale permanente “APRILIA IN GUERRA:
LA BATTAGLIA DI APRILIA” sita nell’auditorium dell’Istituto sono stati collocati qualche tempo la sua foto e i gradi di
soldato semplice nel Reggimento Royal Electrical and Mechanical Engineers.
“Ricordare il passato, mantenere
la memoria – ha ribadito Harry
nel suo comunicato- è di grande
importanza perché se non ci
accorgiamo della strada che
abbiamo intrapreso, potremmo
commettere ancora gli stessi
errori”.
Harry ha rivolto poi il pensiero
alle giovani generazioni :
“...Bisogna spiegare ai giovani
che la guerra che abbiamo combattuto noi con tanta sofferenza
era giusta. Prima che cominciasse tutta l’Europa era coperta da
dittature, c’erano i campi di concentramento e di sterminio.
Dopo la guerra l’Europa è
diventata democratica, i campi
di concentramento non c’erano
più! Se tutto ciò verrà reso chiaro ai giovani, allora ci saranno
meno possibilità di replica e la
morte dei miei compagni di
Anzio, la sofferenza della popolazione di Aprilia non saranno
state invano”.
Toccante la testimonianza di
Armando Fiorini, testimone dei
tragici avvenimenti di guerra del
1944 che causarono la morte di
alcuni famigliari, tra cui la sorella Giuseppina che morì a soli 18
anni il 2 febbraio 1944 sotto i
bombardamenti nella zona di
Carano. La famiglia, nella disperata fuga, fu costretta ad abbandonarne il corpo senza averne
più notizie.
Hanno partecipato alla manifestazione alcuni anziani di Cam-
poleone, testimoni del periodo di
guerra : Varricchio Angelo, Di
Litta Remo, Di Massa Giovanni, Rossi Alfredo, che erano
accompagnati da Franco Tantari. Ha portato il suo saluto ai
ragazzi anche Domenico Fusco
classe 1920, residente ad Aprilia,
ex internato militare in Germania
dopo l’8 settembre 1943 che
riceverà il prossimo 2 giugno a
Latina dal Prefetto D’Acunto la
medaglia d’onore, un riconoscimento del governo Italiano per il
sacrificio dei nostri soldati italiani internati nei campi di concentramento nazisti.
Il Generale Massimo Coltrinari, Docente di Dottrine Strategiche e Storia Militare all’Istituto
Superiore di Stato Maggiore
Interforze e Docente di Geopolitica e Sicurezza Globale alla
Sapienza di Roma, ha analizzato
le motivazioni che portarono l’Italia ad entrare in guerra il 10
giugno 1940 e la criticità della
strategia utilizzata, citando la
regola dello storico britannico
Alan J.P. Taylor “mezzi per piani
per obiettivo”, secondo la quale
tutti i dati dell’equazione devono
essere positivi, altrimenti la strategia è sicuramente fallimentare.
Il dirigente del Rosselli Galassi Elisa Bonacini Il Generale
Massimo Coltrinari e il Generale Luigi Marsibilio
Gradita presenza all’evento quella del Comandante interinale
della Stazione Carabinieri di
Aprilia, il Maresciallo Michele
Piccione.
Nel convegno di quest’anno si è
messo a fuoco il 1940, l’anno
fatidico in cui Italia entrò in
guerra. Illustri relatori il Generale Luigi Marsibilio e il Generale Massimo Coltrinari, che
da diversi anni collaborano con
l’Associazione un ricordo per la
pace, offrendo con generosità la
loro grande competenza storica. Il Generale Luigi Marsibilio Vice-Presidente della “Sezione Studenti e Cultori della materia” ha illustrato il “quadro di
battaglia dell’Esercito Italiano
nel 1940”, l’insieme della situazione del Regio esercito all’entrata in guerra dell’Italia, sottolineando le carenze e le difficoltà
che presentavano in quel periodo
le nostre forze armate. Basti pensare all’inadeguatezza dell’abbigliamento militare del povero
soldato nei vari fronti ed agli
armamenti utilizzati che in gran
parte risalivano alla prima guerra
mondiale 1915-1918.
Il Generale Coltrinari ha evidenziato come l’Italia non avesse in
quel periodo piani, obiettivi e
mezzi. Sulla base di questi elementi la guerra si risolse in 39
mesi di sconfitte e di gravissime
perdite umane.
Nel corso dell’evento è stato
proiettato il video “1944 Aprilia
in guerra : Un ricordo per la
pace”, realizzato dall’Associazione “Un ricordo per la pace”
per la cerimonia del 18 febbraio
con Roger Waters, che aveva poi
rivolto loro parole di elogio per l
“ottimo lavoro”.
Il convegno è stata occasione di
visita all’esposizione “APRILIA IN GUERRA: LA BATTAGLIA DI APRILIA” che
accoglie la collezione di reperti
appartenuta a Ostilio Bonacini
denominata “Un ricordo per la
pace” e curata dalla omonima
Associazione.
Nel pomeriggio del 28 maggio
Elisa Bonacini si poi è recata a
depositare un mazzo di fiori,
anche a nome di Harry Shindler,
al monumento in memoria di
Eric Fletcher Waters e dei caduti
del fosso della Moletta in Via dei
Pontoni.
6 - 19 Giugno 2014
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 19
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 20
6 - 19 Giugno 2014
Non ci sono problemi di arsenico, così come su tutto il territorio comunale di Aprilia
CAMPOLEONE: L’ACQUA SI PUÒ BERE TRANQUILLAMENTE
L’ordinanza del Sindaco numero 160 del 14.5.2014: ”Divieto assoluto dell’utilizzo dell’acqua della rete idrica
per usi potabili ed alimentari”, una semplice cantonata, che ha creato allarmismo nella frazione
A chiarire l’equivoco è stato il dottor Angelo Fracassi dirigente del servizio igiene degli alimenti della nutrizione Asl sede di Aprilia
di Gianfranco Compagno
Tre ordinanze sull’arsenico a
Campoleone suscita un allarmismo inutile. Tutto parte dall’ordinanza 160 del 14 maggio
2014 con la quale il sindaco
Antonio Terra ordinava “a tutta
la popolazione di Campoleone
il divieto assoluto dell’utilizzo
dell’acqua della rete idrica per
usi potabili ed alimentari fino a
quando nuovi accertamenti
effettuati dalla Asl di Latina
non ne confermino la potabilità”. Molti hanno pensato che ci
fosse un nuovo caso arsenico.
Ordinava quindi, al gestore del
servizio idrico Acqualatina di
“provvedere a distribuire a tutti
gli abitanti residenti nella frazione di Campoleone acqua
destinata al consumo umano
con valori dei parametri corrispondenti all’allegato I del D.
Lgs. 31/01 e smi; trasmettere a
questo Comune le modalità di
distribuzione messe in atto per
assolvere a quanto sopra ordinato; di trasmettere il piano di
rientro per riportare il valore
del parametro di arsenico”.
L’ordinanza scaturiva dalla
nota Asl dell’8 maggio nella
quale il dipartimento di prevenzione comunicava al sindaco:
“gli esiti analitici dei campioni
d’acqua prelevati dalla rete
acquedottistica che alimenta la
stazione ferroviaria di Campoleone ed un gruppo di edifici
destinati a civile abitazione”.
La nota evidenziava un superamento del limite di arsenico
presente nell’acqua rispetto a
quanto previsto dalla legge.
Analoga nota veniva inviata il 9
maggio. Una vera e propria
bufala.
Tutta la frazione di Campoleone è fornita dal dearsenificatore
che abbatte la presenza di arse-
vata gestita dall’ente ferroviario, tanto che le fontanelle
all’interno della stazione sono
state chiuse da tempo, perché il
problema è conosciuto da
tempo. Diciamolo a Palazzo
hanno preso una cantonata, che
non vogliamo attribuire affatto
al Sindaco Terra, anche se
materialmente è lui che firma
l’ordinanza ed è responsabile
Acquedotto Campoleone
Campoleone - Piazzale della stazione abitazioni
servite da rete idrica F.S.
nico all’interno dell’acqua di
modo che tutta la frazione
possa godere di acqua potabile.
E allora perché si sono riscontrate presenze di arsenico superiori ai limiti di legge? Semplice. Come più volte abbiamo
scritto, la stazione di Campoleone non è servita dall’acquedotto pubblico dotato di dearsenifitore, ma da conduttura pri-
unico dell’atto, dietro al sindaco c’è uno “Staff”, con tanto di
dirigenti che “leggono e studiano” gli atti. Il sindaco Terra il
giorno successivo, è stato
costretto a fare marcia indietro,
con ordinanza 163 del 15 maggio annulla tutto, di fatto ha
preso atto correttamente dell’errore. La motivazione:
“Preso atto che la rete idrica su
cui è stato rilevato il parametro
di arsenico superiore ai limiti di
legge non è quella gestita da
Acqualatina ma che è invece
una rete idrica circoscritta alla
stazione ferroviaria di Campoleone di proprietà Rete Ferroviaria Italiana”. Quindi viene
emessa una nuova ordinanza, la
164 del 15.5.2014, che limita il
divieto di utilizzo per usi potabili dell’acqua all’interno della
stazione ferroviaria e alle abitazioni limitrofe servite da quella rete. Abbiamo rivolto qualche domanda ad Angelo Fracassi dirigente del servizio igiene degli alimenti della nutrizione Asl sede di Aprilia.
-Abbiamo letto l’ordinanza
su Campoleone. L’arsenico è
un problema che allarma
molto la popolazione. L’ordinanza ci aveva sorpreso perché su Campoleone, recentemente, è stato realizzato un
moderno dearsenificatore.
“Gli abitanti di Campoleone
possono stare tranquilli. I nostri
controlli che sono ripetuti a
cadenza mensile mostrano che
all’interno del sistema acquedottistico di Aprilia composto
da tre sistemi Giannottola,
Carano e Campoleone entrambi
gestiti da Acqualatina, hanno
degli impianti di dearsenificazione e non abbiamo avuto nel
corso dell’anno nessuna variazione significativa dell’arsenico che si è mantenuto sempre al
di sotto dei limiti di legge. Il
caso particolare è relativo a un
piccolo sistema acquedotti
IL GIORNALE DEL LAZIO
6 - 19 Giugno 2014
stico gestito da un ente all’interno della stazione ferroviaria,
serve la stazione e una serie di
palazzine che stanno intorno
alla stazione che un tempo
erano di proprietà dell’ente Ferrovie dello Stato. L’esistenza di
questo acquedotto ha origini
molto remote. Nel corso degli
anni passati, l’ente ferrovie ha
introdotto dei sistemi di abbat-
tore dell’acqua, la qualità del
cibo che eroga. Gli esercenti
devono comunque prevedere
un mezzo di intervento in sostituzione”.
Quindi cos’è successo?
“A parte l’incongruenza dell’ordinanza, per quanto riguarda il locale pubblico il gestore
ha documentato l’intervento in
emergenza sostitutivo dell’ac-
Il dottor Angelo Fracassi dirigente Asl di Aprilia
timento dell’arsenico. Nel qua potabile con acqua minera2012-13 abbiamo fatto dei con- le che può rimanere in essere in
trolli che rientravano nell’am- ambito di stretta emergenza. E’
bito dei limiti previsti dalle necessario però che il gestore,
legge, cosa non avveniva le ferrovie dello stato, adempia
prima. Il problema si è ripre- infatti agli obblighi a fornire
sentato a causa di un mancato acqua”.
funzionamento del sistema di Non è possibile allacciarsi
dearsenificazione che hanno alla condotta pubblica?
loro. Il prelievo è stato fatto “Penso che sia possibile e sia la
al’interno del bar che è un loca- cosa migliore. Il nostro auspile aperto al pubblico. Ci sono cio è che le zone siano servite
due diverse posizioni. Qualsia- da acqua pubblica e amminisi esercente è tenuto a rispetta- strata secondo i criteri del pubre indipendentemente dal forni- blico”.
Parliamo in generale su tutto
il territorio di Aprilia.
“Il nostro standard sull’arsenico è ben stabilizzato. Dal 2011
si è intervenuto sull’arsenico”.
Se il servizio pubblico si è stabilizzato, il problema riguarda i pozzi privati. Come stanno le cose?
“Il problema della popolazione
servita dai pozzi privati è
grave. Dai nostri dati elaborati
in proprio, ci risulta che il 40%
della popolazione di Aprilia
non è servita da acquedotto. La
variabilità dell’arsenico in
falda è estremamente alta.
Quindi non si può generalizzare facilmente sul dire in questa
zona c’è, in quest’altra non c’è.
Dipende dall’altezza della falda
e dall’entità dell’approvvigionamento. Stiamo predisponendo una mappa di pozzi privati
in collaborazione con l’istituto
superiore di sanità per dare
un’indicazione di massima del
contenuto di arsenico delle
falde nelle diverse zone della
pagina 21
popolazione”.
E’ anche vero che la maggior
parte della popolazione usa
acqua minerale in bottiglie.
“Il concetto è di esposizione.
Questo ha una variazione più o
meno forte nel caso in cui
abbiamo realtà esclusivamente
private rispetto a realtà che
fanno anche apertura al pubblico. Il locali aperti al pubblico
rientrano generalmente nel
sistema di controllo dei locali
di somministrazione degli alimenti e debbono in prima battuta come operatori del settore
alimentare e responsabili della
qualità degli alimenti, rispettare
i limiti. Su questo facciamo dei
controlli, devo dire che anche
in quelle realtà che avevamo
calcolato più a rischio, non stiamo trovando delle non conformità. Abbiamo anche trovato
delle realtà che hanno installato
degli impianti di depurazione
ad hoc. Il rischio è in quelle
zone dove naturalmente il valo-
Fontanella chiusa allʼinterno della Stazione
All’interno di un sistema di
acquedotto privato come un
pozzo di una singola abitazione, il rispetto delle norme e dei
valori legali sta al proprietario.
re dell’arsenico è basso ma si
aggira nei limiti massimi. Qui
bisogna fare una valutazione
specifica su cosa è più conveniente”. Foto G.Compagno
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 22
6 - 19 Giugno 2014
Sabato 24 maggio l’inaugurazione a Villa Carla
“IL RICICLAGGIO-MOSTRA INTERGENERAZIONALE”
Incontro tra gli alunni della scuola Arturo Toscanini e gli ospiti della struttura sanitaria di viale Italia
di Noemi Reali
Continuano le iniziative promosse dalla residenza Villa
Carla per i suoi ospiti. L’ultima
si è tenuta sabato 24 maggio alle
ore 10.30, presso la struttura
della casa di riposo, dove è stata
presentata l’ottava edizione
della “Mostra Intergenerazionale” chiamata “Riciclaggio”. È
proprio il riciclaggio il tema
della mostra; i quadri, i portapenne, i bracciali e tutti gli altri
oggetti esposti sono stati lavorati e prodotti utilizzando materiali da riciclo semplici e che
abbiamo tutti noi dentro casa.
“A realizzare i diversi oggetti,
tra cui spiccano il quadro di una
farfalla e di un pappagallo realizzati con i tappi delle bottiglie
colorate, sono stati i bambini
delle classi quarte della scuola
elementare A. Toscanini insieme
ai nonni di Villa Carla.”spiega la
dottoressa Maria Tontaro, educatore e coordinatore dell’equipe di Villa Carla. La mostra si
poneva come scopo principale,
infatti, quello di permettere un
confronto tra due diverse generazioni; in modo che sia il nonno
che il bambino abbiano la possibilità di imparare dall’altro. È
importante che i ragazzi attraverso il contatto con i nonni colgano non solo il semplice valore
della solidarietà, ma il valore
della persona nella sua interezza.
I nonni i bambini hanno dato
sfogo alla loro fantasia realizzando anche bellissimi braccialetti con l’utilizzo di cannucce,
portapenne con i rotoli di carta.
Questo è stato possibile grazie al
sostegno degli educatori di Villa
Carla e delle insegnanti della
scuola A. Toscanini. Un progetto
fondamentale per far avvicinare
due generazione distanti tra loro
con l’utilizzo di una tematica
altrettanto importante come
quella del reciclo. La mostra è
stata poi riaperta in seguito per
le scolaresche il giorno 30 maggio dalle ore 10 alle ore 12, per
permettere alle scolaresche che
non erano potuti andare di prima
di vedere la mostra.
Foto G.Compagno
IL GIORNALE DEL LAZIO
6 - 19 Giugno 2014
pagina 23
La commissione ha rischiato di saltare. Assenti alcuni commissari di maggioranza
“REGOLAMENTO OSSERVATORIO SULLA LEGALITÀ E SICUREZZA”
Il numero legale è stato assicurato dalla minoranza. All’odg anche le consulte comunali
La seduta è stata aggiornata a martedì 10 giugno alle ore 9.30, per approfondire l’argomento
Ne abbiamo parlato con la presidente Luana Caporaso
città, a partire dalle scuole, i sindacati, la Confartigianato» ha
detto. Questo strumento ha lo
scopo di tastare il terreno nei
punti nevralgici della città e con
il coinvolgimento delle forze
dell’ordine può essere in grado
di capire come e dove intervenire per prevenire episodi di criminalità a tutti i livelli. Le consulte, invece, erano strumento
molto utilizzato negli anni passati e che sono previste all’interno del regolamento comunale.
La prima esperienza c’è stata nel
di Nicola Gilardi
Ha rischiato di non raggiungere
il numero legale di presenze la
IV commissione consiliare: Servizi amministrativi, Decentramento e Informatizzazione, Servizi al cittadino, Affari generali,
Affari legali e contenzioso che si
è svolta giovedì 29 maggio presso l’aula consiliare di Piazza
Roma. Solo grazie alla presenza,
fino al termine della seduta dei
consiglieri di opposizione, ha
permesso il procedimento dei
lavori, che comunque non sono
stati conclusi e che proseguiranno il 10 giugno. Al centro del
dibattito due temi importanti:
l’Osservatorio sulla legalità e
sicurezza ed il Regolamento
sulle consulte comunali. Proprio
su quest’ultimo punto l’Amministrazione ha espresso la volontà di ripristinare questi organi,
che sono consultivi e non esprimono pareri vincolanti, ma che
danno una grande possibilità di
partecipazione popolare. Dei
due punti all’ordine del giorno
abbiamo parlato con Luana
Caporaso esponente del gruppo
consiliare Insieme per Aprilia e
vice presidente del consiglio
Comunale, ma anche presidente
della IV commissione: «La finalità dell’Osservatorio sulla legalità è quella di avere un monitoraggio sul territorio. C’è la partecipazione della polizia e si ha
una visuale a 360 gradi sulla
LUANA CAPORASO, VICEPRESIDENTE
VICARIO DEL CONSIGLIO COMUNALE
Una esperienza politica partita a razzo quella di Luana Caporaso, apriliana DOC, che a 22 anni, nel 2009, venne nominata nella giunta D’Alessio andando a ricoprire il complicato ruolo di assessore alle Politiche Giovanili. Un exploit vero e proprio che è arrivato un po’ per caso,
visto che la sua esperienza politica era appena iniziata. «Ho iniziato
con la partecipazione ad una lista civica di Campoleone per una situazione di malcontento generale - dice Luana Caporaso -. Si chiamava
Lista civica Insieme. Eravamo stati abbandonati dalle amministrazioni
precedenti e cercavamo un legame per capire anche il perché di questa situazione». La lista civica non è stata ammessa alla competizione per formalità, ma ha continuato a sostenere
la coalizione D’Alessio. Arrivata l’affermazione elettorale delle liste civiche il neo sindaco D’Alessio l’ha chiamata a ricoprire il delicato incarico di governo cittadino: «È stata un’esperienza molto formativa. Mi ha dato un indirizzo e mi ha fatto capire cosa fare nella vita». Alle ultime elezioni del 2013, nonostante il taglio del numero dei
consiglieri comunali, Caporaso è riuscita ad aggiudicarsi l’ultimo posto disponibile in consiglio comunale tra le fila
della maggioranza della coalizione di Antonio Terra. Sebbene ci sia stato un “declassamento”, si fa per dire, da
assessore a semplice consigliere l’impegno resta alto visto che oggi ricopre anche i ruoli di vicepresidente vicario
del Consiglio comunale, presidente della IV commissione consiliare: affari generali e legali, presidente della II
commissione: istruzione e cultura, vice presidente III commissione lavori pubblici, capogruppo della Lista Insieme per Aprilia e già assessore con delega alla attività giovanili Cilo e Informa Giovani. «Il sindaco ha deciso di
premiare altre liste rispetto alla nostra nell’assegnazione degli assessorati - ha detto -. Per me è comunque un’esperienza importante, mi è stato dato un ruolo importante come vicepresidente vicario del consiglio comunale. Ci
consultiamo spesso con il presidente e l’altro vicepresidente La Pegna, e vorremmo creare un ufficio di presidenza
per lavorare ancora meglio assieme». L’impegno politico e gli incarichi amministrativi le hanno fatto perdere il
passo con il percorso universitario in Scienze Politiche, che però prosegue con molto impegno: «Nei ritagli di
tempo continuo a studiare, sto tornando in carreggiata»
1990 con la giunta Meddi, poi
replicate nel 2002, sempre con la
giunta Meddi, mentre la giunta
D’Alessio non seguì questa tendenza. «Abbiamo deciso di
riproporre le consulte su spinta
delle associazioni - ha detto
Caporaso -. Vogliamo riprovare
con due consulte importanti
come le Pari opportunità e sui
Servizi sociali. Se vediamo una
buona partecipazione possiamo
riattivare le vecchie 4 consulte».
Attraverso questo strumento,
infatti, l’amministrazione avrà la
possibilità di coinvolgere nei
processi decisionali le associazioni e i singoli cittadini su temi
importanti per la vita quotidiana
della città. Sotto la guida di
Luana Caporaso l’assessorato
alle Politiche Giovanili, nella
scorsa consiliatura, diede il via
al Consiglio Giovani, che l’attuale giunta sembra voler riproporre. «Come hanno gestito il
consiglio i giovani, non è stato
esaltante, anzi abbastanza deludente, ma come esperienza personale di coinvolgimento è sicuramente stata positiva - ha detto
-. Questa amministrazione è propensa a riproporla, ma spetta
all’assessore di competenza
prendere delle decisioni in merito».
Foto di Gianfranco Compagno
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 24
6 - 19 Giugno 2014
Emergenza alimentare Italia, mobilitazione del Banco Alimentare
COLLETTA ALIMENTARE STRAORDINARIA NAZIONALE
Anche Aprilia il prossimo 14 giugno sarà pronta alla raccolta
di Luigi Cirillo
Si svolgerà il prossimo sabato 14 giugno presso tutti i supermarket e punti vendita che aderiscono la colletta alimentrare straordinaria organizzata dal Banco Alimentare a livello
nazionale. A farcelo sapere è stato Salvo Saraniti coordinatore del Banco Alimentare di Aprilia che sarà prontamente
anche quest’anno in prima linea con la raccolta presso tutti
i supermercati più consistenti del nostro territorio. Un’edizione straordinaria della popolare “Giornata Nazionale della
Colletta Alimentare” che si è resa necessaria per far fronte
all’emergenza alimentare che affligge il nostro Paese. Sono
oltre 4 milioni le persone in Italia che vivono grazie a pacchi alimentari o pasti gratuiti presso le mense, di questi oltre
400 mila sono bambini che hanno meno di 5 anni. 2 milioni
di persone povere nei prossimi 4 mesi rischiano di non avere
sufficienti aiuti alimentari. Infatti mentre le richieste di aiuto
sono in continuo aumento, nei magazzini della Rete Banco
Alimentare diminuisce la disponibilità di cibo; mentre a
breve si attende da parte del nostro Governo il via all’attuazione del Fondo Nazionale che andrà ad unirsi al nuovo
Fondo di aiuti agli indigenti finanziato dall’Unione Europea. Ma l’emergenza intanto è ora e il 14 giugno nei super-
mercati di tutta Italia che aderiscono all’iniziativa sarà possibile acquistare e donare alimenti a lunga conservazione,
che poi la Rete Banco Alimentare distribuirà alle oltre 8.800
strutture caritative convenzionate, che ogni giorno assistono
circa 2 milioni di poveri. Come di consueto, chi vorrà sarà
invitato a donare prodotti a lunga conservazione: olio, omogeneizzati, prodotti per l’infanzia, tonno e carne in scatola,
pelati e legumi. I risultati della maratona di solidarietà ottenuti lo scorso novembre 2013 in occasione della XVII Giornata Nazionale della Colletta Alimentare su Aprilia, dove vi
sono stati impiegati circa 400 volontari appartenenti a 26
organizzazioni di volontariato appostatisi all’ingresso di
quasi tutti i supermercati della zona con la conseguente raccolta di 16.984kg di prodotti alimentari, fanno ben sperare
in un valido contributo e altrettanti entusiasmanti risultati
che Aprilia può ottenere nella prossima raccolta alimentare
di sabato 14 giugno, confidando in una esperienza umanitaria ben consolidata nel corso degli anni nel nostro interland
pontino dove donarsi e fare squadra in occasioni come questa è diventato una marcia in più per i più bisognosi del
nostro territorio ma soprattutto per chi si prodiga a farlo. I
prodotti imballati poi negli scatoloni converranno nei locali
della ex Claudia diventati quartier generale della raccolta
Salvo Saraniti
alimentare e non solo, ricordiamo come Aprilia sia anche in
prima linea con il Banco Farmaceutico, dove poi grazie
anche alla Croce Rossa verranno distribuiti in maniera equa
a tutte le associazioni radicate sul territorio e particolarmente vicine a chi è più in difficoltà. “Mentre siamo certi” afferma il presidente Andrea Giussani nel comunicato ufficiale
dell’iniziativa del Banco Alimentare “che questa chiamata
straordinaria, rivolta a tutti i cittadini, avrà una generosa e
lieta risposta di piena solidarietà verso chi ha ancora meno,
non possiamo che attenderci una sollecita presa di posizione delle Istituzioni perché sappiano rendere immediatamente operative le azioni, già programmate e finanziate da
Europa ed Italia, per un sostegno sociale sempre più necessario e rispettoso di programmi già deliberati.” La Colletta
Alimentare Straordinaria di sabato 14 giugno gode del
patrocinio di Expo Milano 2015 e seguito sui social con
#STRACOLLETTA.
Foto archivio G.Compagno
6 - 19 Giugno 2014
Salvo Saraniti
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 25
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 26
6 - 19 Giugno 2014
La vittima del tentato furto con scasso ha voluto ringraziare personalmente gli uomini dell’Arma di Via Tiberio
PRONTO INTERVENTO CARABINIERI
Sventato un furto in villa all’estrema periferia di Aprilia ai confini di Ardea. I malviventi ripresi dalle telecamere
I militari arrivati sul posto dopo 17 minuti dalla chiamata
di Nicola Gilardi
Sventato furto in casa di una
funzionaria dell’ambasciata
Argentina in Italia. L’episodio
si è verificato in una zona periferica di Aprilia e grazie all’intervento dei Carabinieri non è
andato in porto. È successo
venerdì mattina, alla luce del
giorno, quando due uomini si
sono introdotti nel giardino
dell’abitazione cercando di
forzare una finestra con un piccone per introdursi all’interno.
Il tutto è stato ripreso dalle
telecamere di sicurezza poste
all’esterno dell’abitazione.
L’arrivo di un vicino ed il
pronto intervento dei Carabinieri ha messo in fuga i due
uomini. A raccontare quei
momenti è stata la proprietaria,
la nostra concittadina, originaria della Patagonia (Argentina), regione alla fine del
mondo, nonni italiani, funzionaria dell’ambasciata Argentina in Italia e rappresentante
dell’Ente di Promozione turi-
Ten.col. Andrea Mommo
stica della Patagonia in Europa. «Eravamo andati a lavoro
sia io che mio marito – dice -,
siamo stati avvertiti da un vicino che c’era una forzatura alle
finestre ed ha
sentito
dei
rumori sospetti. Ci ha avvisato ma eravamo impossibilitati a tornare
a casa. Così ho
avvertito
i
Carabinieri».
Le immagini,
depositate in
caserma
al
momento della
denuncia, mostrano due uomini che si aggirano tranquillamente nel giardino, cercando
di aprire un varco in una finestra utilizzando un piccone.
Sapevano, evidentemente, di
poter agire indisturbati e per
un ora hanno continuato indisturbati. Non avevano fatto i
conti con i vicini, che hanno
sentito dei rumori sospetti,
sono andati a controllare e
vedendo la finestra danneggiata hanno avvisato la proprietaria, che prontamente ha chiamato i carabinieri: «Dal
momento della chiamata l’intervento è avvenuto dopo 17
minuti – dice la signora - . Me
lo ha confermato il vicino di
casa con il quale ero in contatto telefonico». Una prontezza
riconosciuta dalla signora, che
il giorno successivo, sabato 24,
si è recata presso il Reparto
Territoriale per ringraziare per
il pronto intervento: «Ho
incontrato il comandante
tenente colonnello Andrea
Mommo, il tenente Pierluigi
Mascolo comandante del
radiomobile. Ho fatto la
denuncia e ho depositato i
video con il tentativo del furto.
Ho voluto ringraziare simbolicamente una pattuglia in quel
momento in servizio e ho
conosciuto anche di persona
Ten. Pierluigi Mascolo
coloro che sono intervenute,
ma anche chi mi ha risposto
solo telefonicamente». Un
caso che è bene sottolineare,
perché non è sempre vero che
gli interventi arrivano in ritardo, o non arrivano proprio.
«Questo è un messaggio positivo» ci tiene a sottolineare la
signora, di origini italiane,
visto che il nonno era pugliese
e la nonna toscana.
Foto G.Compagno
6 - 19 Giugno 2014
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 27
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 28
6 - 19 Giugno 2014
La mostra è stata inaugurata venerdì 30 maggio, presso l’aula magna della scuola Marconi
“LIBRI IN VIAGGIO”
“Mostra del progetto lettura dell’Istituto Comprensivo Antonio Gramsci”
Una esposizione di un anno di lavoro dei bambini, dalla scuola dell’infanzia fino alle medie. Coinvolti 1300 studenti
Noi l’abbiamo visitata in anteprima con la preside Maria Nostro e con la referente del progetto professoressa Barbara Pedrazzi
di Nicola Gilardi
Leggere è importante, fondamentale. Ancor di più se nella fase della
crescita dei bambini. Con lo scopo
di promuovere proprio la lettura è
nato il progetto “Libri in viaggio”
dell’Istituto Comprensivo Antonio
Gramsci che ha coinvolto i tre ordini scolastici che comprende e che
ha trovato il suo spazio espositivo
presso l’aula magna della scuola
Guglielmo Marconi. L’esposizione
è stata aperta al pubblico venerdì
coinvolge tutti e tre gli ordini di
scuola – ha detto Barbara Pedrazzi
-. Arcobaleno in via dei Mille, la
primaria di Piazza Marconi e la
media Antonio Gramsci. Sono stati
coinvolti 1300 alunni».
La prima parte della mostra riguarda la scuola primaria, dove i bambini dai 3 ai 5 anni hanno affrontato alcune tematiche, come il colore
legato al progetto lettura. In un
banchetto sono stati esposti sia dei
frutti e ortaggi ricreati dai bambini
in laboratorio che dei libri che ne
raccontano la realizzazione. Questo
progetto ha preso il nome di “Progetto alimentare” che ha compreso
anche la piantagione delle patate in
classe. «Abbiamo fatto i biscotti in
classe, veri e i bambini li hanno
mangiati, poi li abbiamo rifatti in
gesso, colorati e confezionati come
quelli del supermercato – racconta
la docente Pedrazzi -. Abbiamo
coinvolto anche le mamme che
hanno dato delle ricette che abbiamo riportato qui». Questa esperienza è stata orientata anche alla corretta alimentazione, con una fila30 maggio dalle 9.00 per proseguire nell’intera giornata. I visitatori
hanno potuto apprezzare il grande
lavoro svolto dai bambini, il cui
impegno traspare dalla qualità e
quantità dei lavori. «Il progetto è
stato il filo conduttore sul quale
programmare le attività durante
l’anno scolastico» ha detto la preside, la professoressa Maria Nuostro.
Nei vari plessi scolastici le referenti del progetto sono state: Barbara
Pedrazzi per la scuola dell’infanzia, Giovanna Orsini per la primaria e Elena Ciriaco per la scuola
media. «È l’unico progetto che
strocca che spinge i bambini ad
assaggiare quegli alimenti che i più
piccoli spesso rifiutano. C’è poi lo
spazio dedicato alla leggenda del
drago e la rosa, che riporta la storia
di San Giorgio e il drago, quello di
Pimpa, storico personaggio animato. Non poteva mancare la casetta
di Winnie Poo, associato all’esperienza del miele e ai libri. La sezione dedicata alla scuola primaria
comprende tematiche differenti,
come il libro delle vocali, ma anche
racconti classici come l’Odissea o
Gli dei dell’Olimpo, nei quali i
L’Istituto Comprensivo Antonio Gramsci
L’Istituto Comprensivo Antonio Gramsci si compone di tre ordini scolastici. La scuola dell’infanzia
Arcobaleno di via dei Mille, la scuola primaria Guglielmo Marconi situata nell’omonima piazza e la
scuola media Antonio Gramsci in via Marco Aurelio. Dei 1300 alunni, più di 500 sono divisi nelle 24
sezioni della scuola media Gramsci. Altrettanti sono nella scuola primaria Marconi, divisi in 23 sezioni. Mentre la scuola dell’infanzia ne conta 250 divisi in 11 sezioni. Gli insegnanti sono 120. «Questo
progetto sull’alimentazione, proposto dalla maestra Maria Tremonte. è nato di fronte alle problematiche della mensa, per abituare i bambini a conoscere tutti gli alimenti» ha detto la preside Maria Nostro.
Infine ci sono stati illustrati i lavori del laboratorio del colore, realizzati da sei bambini guidati da Patrizia Sapri del Sapis, il servizio del Comune di Aprilia per l’integrazione scolastica per alunni diversamenti abili. «Per noi dirigenti c’è il rammarico di non riuscire a vedere tutte le rappresentazioni finali.
C’è un grandissimo lavoro dietro» ha chiosato la preside.
bambini si sono cimentati nella lettura e nella realizzazione di tavole
e disegni relativi a quanto hanno
letto. Per la scuola media l’approccio è stato diverso. Si è partiti proprio dal libro per poi arrivare ad un
lavoro maggiormente manuale. Ai
ragazzi sono state proposte delle
letture ed hanno realizzato successivamente delle tavole relative al
libro vero e proprio. «Avviciniamo
i bambini al libro – dice la preside
Nuostro -. Speriamo che si interessino a questo oggetto. A due anni li
vediamo già con i cellulari in
mano, mentre si trascurano i libri.
Più i bambini sono piccoli più
abbiamo dato importanza al librogioco, alla costruzione del libro in
modo da spingerli alla lettura anche
quando saranno più grandi».
Se l’editoria va male, in Italia
soprattutto, è anche a causa della
poca familiarità che le persone
hanno con la lettura. La scuola è
portatrice di valori e volano culturale fondamentale. Iniziative come
questa rendono giustizia ad un
paese che ha partorito grandi scrittori e uomini di cultura riconosciuti a livello internazionale. Proseguire su questo cammino è fondamentale per ridare spinta alla cultura e alla lettura.
www.radiolaziosud.it
direttore
Bruno Jorillo
Ascolta la radio anche dal tuo
Smartphone/Tablet. Scarica l’App. gratuita
Radio Lazio Sud su Google Play
IL GIORNALE DEL LAZIO
6 - 19 Giugno 2014
pagina 29
Organizzato dal club algologico “Vita Nuova” di Aprilia
“INSIEME PER LA NOSTRA SALUTE”
“PREVENZIONE DI COMPORTAMENTI A RISCHIO”
Il convegno informativo sugli effetti del consumo dell’alcol si è tenuto venerdì 30 maggio, presso la sala Asl-distretto1
Relatore il dottor Peppino Nicolucci. È intervenuto anche il counselor del club Fabio Zitarelli
i Noemi Reali
Sono 30.000 i morti all’anno,
195.000 le morti premature.
Causa dei decessi? L’alcol. I dati
sono stati mostrati durante il
convegno tenutosi il 30 maggio
alle ore 17.00 presso la sala Asl
di Aprilia dal Club Vita Nuova;
un’associazione della nostra
città che si occupa di anni di
famiglie che hanno problemi
legati all’alcol. “ L’incontro di
questa sera è un modo divulgativo per conoscere i comportamenti inadeguati riguardo l’alcol. Vogliamo informare in
modo corretto i cittadini sul consumo dell’alcol.” spiega il dottor
Peppino Nicolucci, primario di
Neurologia dell’ospedale Santa
Maria Goretti di Latina, responsabile dell’unità di alcologia,
presidente regionale dell’associazione dei club alcologici territoriali (ARCAT) e relatore dell’evento. Con tale convegno non
si vuole mandare il messaggio di
non dover bere, non si tratta di
ostracismo, ma solo di giusta
informazione; per far capire
quali sono i veri rischi in cui si
può incorrere. Molti utilizzano il
termine “bevo con moderazione” tralasciando il fatto che la
stessa “moderazione” è qualcosa
che stiamo decidendo noi stessi,
è un limite molto soggettivo. Il
consumo anche moderato incide
sui tumori alle mammelle come
ci viene detto dal dottor Nicolucci. Noi tolleriamo tutto, il
problema fondamentale è capire
che bere fa correre dei rischi. Il
nostro organismo, infatti, sviluppa un fenomeno di tolleranza e
con l’andare del tempo occorre
aumentare le quantità per prova-
re la sensazione di euforia iniziale. “L’alcol insieme al tabacco è il cancerogeno per eccellenza” continua Nicolucci. Lo Stato
combatte molto di più la lotta
contro le droghe (giustamente in
quanto è un ulteriore problema
sociale), ma sembra meno interessato alla lotta all’alcol. Tra i
tanti effetti che può dare il consumo di bevande alcoliche ne
stato poi proiettato uno spezzone
del film “Giorni perduti”, film
del 1945 che ha per protagonista
uno scrittore, che deluso, vive il
problema dell’alcolismo e, nonostante l’aiuto della fedele
fidanzata, percorre il cammino
della dipendenza fino all’ultimo
stadio della degradazione. Gli
effetti negativi dell’alcol sono
davvero tanti: altera il normale
troviamo uno positivo: contribuisce al bilancio dell’Unione
Europea per 9 miliardi di euro.
Allo stesso tempo, però, contribuisce anche ai costi sociali per
125 miliardi di euro. Oggi si
contano 5.000.000 di bevitori
problematici. Il disagio e il problema collegato all’assunzione
di alcol viene spiegato da Fabio
Zitarelli, counselor presso il
Club Vita Nuova da cinque anni.
È lui stesso a spiegare che molto
spesso l’individuo non affronta i
propri problemi preferendo bere
un bicchiere in più arrivando in
questo modo a quelle che sono
definite aree di dipendenza. È
funzionamento del cervello perché esercita il suo effetto sul
sistema nervoso influenzando le
percezioni della realtà e tra gli
effetti a ungo termine troviamo
danni organici, disturbi della
memoria, problemi sociali,
abuso e dipendenza. Al convegno, molto partecipato, hanno
preso parte tra gli altri il dottor
Francesco Ribatti (ASL Aprilia),
il dottor Vincenzo Cucciardi
(Dirigente III Settore Politiche
Sociali), la dottoressa Stefania
Zanda (Comune di Aprilia), la
dottoressa Ivana Santoro (Psicologa), la dottoressa Cioce
(SERT-Psicologa) e ovviamente
Alessandro Lerro, presidente
club Vita Nuova, Diamante
Foresta (Servitore-Insegnante) e
la dottoressa Brunella Leonessi
(Servitrice-Insegnante). Hanno
partecipato inoltre alcuni docenti del “Rosselli” e alcuni alunni
del gruppo “Volontari” del Ros-
selli. Si ricorda dunque che bere
è una libera scelta individuale,
ma è necessario sapere che l’alcol rappresenta un pericolo per il
tuo benessere e per quello degli
altri.
Foto G.Compagno
Aprilia - Trasporto pubblico su gomma, l’Amministrazione
contraria ai nuovi tagli ipotizzati dalla Regione Lazio
Il 26 maggio, presso gli uffici tecnici competenti della
Regione Lazio, l’atteso tavolo tecnico sul trasporto
pubblico locale chiesto ed ottenuto dagli enti locali
In rappresentanza del Comune di Aprilia ha preso
parte l’Assessore con deleghe di competenza Vittorio
Marchitti.
Dal confronto tra i funzionari della Regione Lazio e
gli Amministratori locali, le notizie emerse in merito
al trasporto locale su gomma non sono apparse rassicuranti, dato il paventato taglio di budget dagli attuali 70 milioni di euro annui a 54 milioni. Ciò comporterà un evidente ulteriore ridimensionamento del servizio a discapito della cittadinanza e del pendolarismo
su trasporto pubblico.
All’uopo, l’Amministrazione Comunale apriliana ha
espresso il proprio dissenso all’eventualità di tagli
verticali, e rilanciato la proposta di riordino ed ottimizzazione del servizio, anche attraverso le ipotesi
pervenute di nuovi bacini territoriali di competenza,
tenendo conto dell’evoluzione demografica dei territori e delle reali esigenze degli stessi.
«Nel corso della riunione – ha commentato l’Assessore Marchitti – ho fatto presente che il Comune di
Aprilia già contribuisce con propri fondi a garantire il
servizio minimo essenziale, viste le incertezze di budget regionale e il regime di proroga di tutti i servizi.
La nostra comunità non potrà accettare tagli verticali
che non tengono conto della crescita della popolazione e soprattutto dell’adozione della variante di recupero, che ha ridisegnato il perimetro di una Città che
oggi deve fare i conti con interi nuclei abitativi che
fanno parte del tessuto urbano ma completamente
Lʼassessore Vittorio Marchitti
privi di trasporto pubblico locale su gomma. D’altro
canto, uno dei temi che principalmente emerge durante le assemblee con i comitati di quartiere è proprio
questo. Abbiamo trenta giorni di tempo per presentare alla Regione Lazio una proposta di riordino, che
discuteremo in una commissione consiliare ad hoc.
Successivamente, di fronte all’interessante ipotesi di
un bacino territoriale, l’Amministrazione si farà promotrice di un incontro con i Comuni limitrofi per
individuare con gli stessi possibili soluzioni alle pro-
blematiche comuni e legate al trasporto pubblico su
gomma».
Relativamente ancora al trasporto pubblico locale, in
data 19 maggio è pervenuta presso l’Assessorato ai
Trasporti la relazione chiesta a Cotral circa i disservizi verificatisi dallo scorso settembre ad oggi. «Dal
report di Cotral – ha detto l’Assessore Marchitti – è
emerso che le soppressioni di corse, a tutto discapito
dei pendolari e in parte degli studenti, sono state causate principalmente da carenze di personale. Anche
questo è stato motivo di discussione in Regione
Lazio, nel corso della riunione in cui abbiamo rappresentato tutte le nostre preoccupazioni».
Nel quartiere Toscanini, infine, di fronte alle istanze
dei cittadini di fermate in Viale Europa nei pressi
delle strutture sanitarie, l’Amministrazione ha concordato con la società Ago srl la modifica del percorso della Linea F167 con transito sulla stessa Viale
Europa. Il nuovo tragitto è stato introdotto, in via sperimentale, dallo scorso 26 maggio.
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 30
Si terrà domenica 15 giugno presso “Il Laghetto di Carano” Via Rosselli 5
21° EDIZIONE FESTA DI SOCIALIZZAZIONE E SOLIDARIETÀ NEI CLUB
Ha annunciato la presenza il Presidente dell’Associazione Italiana Club Alcologici Territoriali Aniello
Baselice. Ospiti di riguardo il dottor Peppino Nicolucci e la dottoressa Anna Maria Cioce
di Noemi Reali
Il club Vita Nuova, nato nel lontano
‘92 con lo scopo di aiutare famiglie
legate a problemi con l’alcol, festeggia la “21° Festa di Socializzazione
e Solidarietà nei club” il giorno 15
giugno 2014 presso “al medesimo
posto” lago di Carano in via Rosselli, 5. In questa occasione sarà pre-
15 giugno. Il
programma della
giornata prevede
di iniziare alle
ore 10,00 con
l’incontro
dei
partecipanti quali
i membri del
club locale con le
altre famiglie di
chia, ma ogni membro contribuisce
alla crescita e alla stabilità del club.
Si distinguono dagli alcolisti anonimi perché questi ultimi hanno sempre lo scopo di portare l’individuo
alla sobrietà, solo che loro tengono
divisi gli alcolisti dai familiari. I
club alcologici invece si basano sul
fatto che la famiglia è fondamentale,
è essa che deve portare il cambiamento: “se in famiglia sta male una
persona, stanno male tutti”.
Foto archivio G.Compagno
sente per la prima volta il presidente
dell’ “Associazione Italiana Club
Alcologici Territoriali”, Aniello
Baselice, insieme alla dottoressa
Anna Maria Cioce e il dottor Peppino Nicolucci. Si tratta di un’occasione in cui ex- alcolisti e alcolisti in
trattamento si ritrovano insieme alle
proprie famiglie per passare una
giornata spensierata all’insegna del
divertimento ma anche della riflessione. Per festa alcologica si intende
una festa senza alcol, un nemico che
riesce ad impadronirsi di noi. Il presidente del Club Vita nuova, Alessandro Lerro, ci fornisce delle informazioni riguardanti la giornata del
altri club e altri partecipanti. Il pranzo, previsto per le 13 sarà offerto dal
Club compreso di penne all’arrabbiata ,salsicce e pancetta alla brace
accompagnato con il pane. Sul posto
si troveranno un’area pic-nic, barbecue e una pineta attrezzata con giochi per bambini e due laghetti sportivi di pesca. La gara di briscola avrà
inizio alle ore 14, mentre l’estrazione della riffa alle ore 18. Oggi, il
club ha come presidente Alessandro
Lerro, il presidente onorario è invece Vito Equizzi, il segretario Brunella Leonessi e il servitore insegnante
e coordinatore Diamante Foresta.
Anche se di fatto non c’è una gerar-
Il programma di domenica 15 giugno 2014 - presso “Il Laghetto di
Carano” Via Rosselli 5-Aprilia
h 10,00 Incontro dei Partecipanti
(Membri del Club Locale con le
altre famiglie di altri Club e altri
partecipanti)
h 13,00 Pranzo offerto dal Club
compreso di Penne all’Arrabbiata
,Salsicce e Pancetta alla brace
(Pane) Sul posto troverete area
pic-nic e barbecue (Ristorante
facoltativo) pineta attrezzata con
giochi per bambini e 2 laghetti
sportivi di Pesca
h 14,00 Gara di Briscola
h 18,00 Estrazione della riffa e
saluto a tutti i partecipanti
6 - 19 Giugno 2014
Le sacche saranno destinate all’Ospedale
Pediatrico Bambin Gesù di Roma
RACCOLTA SANGUE PER I
BAMBINI A CAMPOLEONE
Sabato 14 giugno 2014 dalle 8.30 presso la
parrocchia “San Giovanni Battista”.
Presentarsi a digiuno. Info per le donazioni:
333.4386972 Patrizia Di Marco
“Poche gocce del tuo
sangue aiutano un bambino”: è lo slogan con cui
continua la raccolta sangue da parte dell’Ospedale pediatrico Bambin
Gesù di Roma.
Sabato 14 giugno 2014
dalle ore 8.30 presso i
locali della parrocchia
“San Giovanni Battista”
di Campoleone. i medici
del centro trasfusionale
Dell’ospedale Pediatrico
Bambino Gesù, saranno
presenti per raccogliere le
vostre donazioni. vi aspettiamo numerosi!!! grazie
da tutti i bambini . per
informazioni rivolgersi a
Patrizia Di Marco tel.
3334386972 si ricorda di
venire digiuni
6 - 19 Giugno 2014
IL GIORNALE DEL LAZIO
A cura dell’istituto comprensivo Matteotti
CONCERTO DI FINE ANNO
SCOLASTICO
Si è tenuto sabato 31 maggio presso la sala - teatro dell’istituto Rosselli di
Aprilia per la chiusura delle attività
di Riccardo Toffoli
Una grande festa musicale per festeggiare la
conclusione dell’anno scolastico. Due ore di
musica che lasceranno qualcosa sia ai bambini sia ai genitori. Il lavoro svolto dall’istituto comprensivo Matteotti come al solito, è
stato ottimo visto il concerto che si è tenuto
sabato 31 maggio all’istituto Rosselli di
Aprilia per la chiusura delle attività. Più che
un concerto si è trattato di una vera e propria
festa musicale con i ragazzi protagonisti del
palcoscenico. Una festa coordinata dalle
due insegnanti di musica dell’istituto
Gabriella Vescovi e Giuliana Monforte e dai
docenti delle associazioni Arché E Aprilia
Orchestra presiedute dal maestro Francesco
Capodilupo che operano all’interno dell’istituto facendo vivere ai ragazzi un percorso
musicale fatto di lavoro di squadra e di crescita sociale. Proprio questo ci ha tenuto a
dire la professoressa Giuliana Monforte in
apertura del concerto: “non pretendiamo
che i nostri ragazzi diventino dei musicisti
professionisti. Noi puntiamo a far loro vivere la musica, a comunicare con la musica e
a stare insieme, socializzare attraverso la
musica”. I più piccoli, dei due plessi dell’istituto Matteotti di Campoverde e di Grazia
Deledda hanno suonato a gruppi di classi.
Sul palco quindi i piccoli flautisti, i piccoli
chitarristi, i piccoli violinisti e infine anche
un piccolo violoncellista. I maestri sono:
Sabrina Ingegno (flauto), Massimiliano
Romano (chitarra), Claudio Di Lelio (violino), Simone Sitta (violoncello). Quindi la
classe I A della primaria di Grazia Deledda
diretta dal maestro Alessandra Salciccia
hanno messo su uno spettacolino musicale
in cui hanno cantato e suonato con lo strumentario Orff. Molto il lavoro svolto dal-
l’insegnante di classe Carmen Agostinelli.
Nella seconda parte si sono esibiti gli insiemi musicali diretti dal maestro Gabriella
Vescovi. All’interno degli insiemi hanno
suonato per la prima volta anche i docenti
delle associazioni. Una scelta voluta per
creare quel clima di serenità e di collaborazione, tipica di una famiglia, tra
allievo ed insegnante. Prima si è
esibita l’Aprilia Orchestra composta da allievi ed ex allievi dell’istituto Matteotti che nonostante
abbiano concluso il ciclo degli
studi continuano il percorso musicale pomeridiano nella struttura di
via Respighi. L’Aprilia Orchestra
ha proposto al pubblico molto
numeroso due capolavori come I
Pirati dei Caraibi e Romeo e Giulietta di Nino Rota. A questo insieme si sono aggiunti circa 30 elementi della scuola primaria e
secondaria di primo grado. L’insieme ha suonato musiche del Padrino e lo
Hobbit. I bambini che hanno partecipato
all’insieme, hanno frequentato durante l’anno scolastico lezioni di strumento inserite
nell’ambito del progetto “ritmico-strumentale”. Alla fine si è aggiunto il coro composto dai bambini della scuola primaria Deledda, Campoverde e della scuola secondaria di
primo grado Matteotti che ha cantato con
l’insieme strumentale due omaggi a Renato
Carosone: ‘O Sarracino e Tu vo’ fa’ l’americano. I ragazzi hanno suonato benissimo.
Sono stati molto puliti nel rispettare l’intonazione e le dinamiche degli arrangiamenti
proposti da Francesco Capodilupo. E’ da
diverso tempo che l’istituto Matteotti presieduto dal dirigente scolastico dott.ssa
Monica Piantadosi, porta avanti questo progetto strumentale nei due ordini di scuola. I
ragazzi iniziano lo studio di uno strumento
già da piccoli per poi proseguirlo per tutto il
percorso di studi. E’ una realtà molto avviata che merita di essere incoraggiata. Infatti
quest’anno l’istituto ha richiesto l’istituzione della sezione ad indirizzo musicale per la
secondaria di primo grado che prevede in
una classe, l’insegnamento di quattro strumenti in orario curriculare. Sarebbe la
seconda classe ad indirizzo musicale in
città. Questo riconoscimento permetterebbe
di continuare il lavoro svolto e diventare
una fucina per giovani musicisti. Le attività
si concluderanno a fine giugno con i saggi
delle classi di strumento.
pagina 31
Il progetto dell’istituto comprensivo Pascoli
guidato dal prof. Giorgio Giusfredi
“SUONI E CANTI”
Ha ottenuto due diplomi oro e uno d’argento al XIII concorso
Macchi per cori operanti nelle scuole del Lazio
di Riccardo Toffoli
Due ori e un argento all’istituto
comprensivo
Pascoli guidato da Giorgio
Giusfredi. Quest’anno l’istituto ha avviato un progetto “suoni e canti” da
gennaio a maggio. Il progetto ha avuto come obiettivo il coro a cappella
come base fondamentale
della didattica vocale.
L’insegnante, il maestro
Alessia Calcagni, ha pensato di dedicare la massima cura alla vocalità
legandola ai movimenti corporei. L’attenzione rivolta all’intonazione veniva quindi, legata a coreografie teatrali. L’obiettivo non solo è stato raggiunto ma ha avuto
anche un alto riconoscimento. I bambini
(terze e quarte) hanno partecipato al XIII
concorso Macchi per cori operanti nelle
scuole del Lazio. E’ uno dei più importanti concorsi per cori di voci bianche del
territorio. La Pascoli si è aggiudicata due
ori ed un argento. Nella categoria A2 le
classi IV A e B, coro “primavera” formato da 43 bambini, hanno ottenuto il diploma di oro riportando una votazione di 95
su 100. Nella categoria A il coro “Coccinelle” formato dalle classi I A e B (per un
totale di 65 bambini) ha ottenuto il diploma oro con un punteggio di 91 su 100.
Nella categoria A1 il coro “farfalle” composto dai bambini delle classi III A e B e
composto da 45 bambini ha conquistato il
NONNA VITTORIA
COMPIE CENTO ANNI
Il saluto
dell’Amministrazione Comunale
Il 2 giugno la Città di Aprilia ha
festeggiato una nuova centenaria.
L’importante traguardo è stato
raggiunto dalla Signora Vittoria
Anemone, nata a Gubbio in provincia di Perugia proprio il 2 giugno del 1914. Nonna Vittoria è
stata festeggiata da tutti i suoi
familiari e, in rappresentanza dell’intera comunità apriliana, dal
Sindaco Antonio Terra che gli ha
consegnato una pergamena in
ricordo dell’evento.
diploma d’argento con un punteggio di
84 su 100. I brani eseguiti sono popolari
tedeschi a cappella e alcuni brani di compositori contemporanei che scrivono proprio per cori di voci bianche come “storia
di una nuvola” di Piero Caraba, “A stan
blan”, “Sotto la luna”, “acqua” e “Filastrocca dell’altro ieri” di Tullio Visioli. I
cori, accompagnati al pianoforte dal maestro Rita Nuti, hanno partecipato alla
manifestazione di chiusura dell’anno scolastico del comprensivo Pascoli il 22
maggio. E’ stato un grande lavoro mettere insieme tanti bambini e costruire in
pochissimi mesi un coro che ha ottenuto
un così importante risultato. Un lavoro
che premia sicuramente il tanto impegno
dei ragazzi ma anche il maestro Alessia
Calcagni che ci ha creduto fino in fondo
e ha costruito un bel percorso musicale
pronto a crescere e migliorare negli anni
prossimi.
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 32
6 - 19 Giugno 2014
C’è voluta una sentenza del Consiglio di Stato, resa esecutiva dal commissario ad acta dott.ssa Rosaria Marino, il 7 maggio 2014
AUMENTA L’OFFERTA SANITARIA DI VILLA SILVANA
Aperto un nucleo con 20 posti letto aggiuntivi e 25 nuove attività poliambulatoriali. Riaperte le sale operatorie, il primo intervento
è stato di chirurgia estetica. Presi contatti con il Fatebenefratelli dell’Isola Tiberina (Roma), per una collaborazione
di Veronica Alessandrini
Grandi novità per la casa di cura
Villa Silvana e per la comunità
apriliana. Dopo varie vicissitudini, infatti, la struttura ha aperto
una nuova ala con ben 20 posti
letto (privati) per la residenza
sanitaria assistenziale e ben 25
nuove attività per il poliambula-
torio specialistico che vanno dalla
diagnostica all’oculistica, dalla
neuropsichiatria infantile all’endocrinologia. Si moltiplica quindi
la quantità di servizi offerti ai
pazienti, che da più di un decennio si affidano alla casa di cura
privata apriliana. Villa Silvana è
una struttura dedicata alla riabilitazione neuro-motoria e Residenza
Sanitaria
Assistenziale
(R.S.A.) ad alto livello assistenziale, con specializzazione nelle
aree della senescenza e della disabilità, dotata di un reparto hospice destinato all’erogazione di
cure palliative in regime residenziale e domiciliare. Il 20 maggio
abbiamo incontrato il direttore
amministrativo dott. Nicola Pellegrini e il direttore sanitario dott.
Siro Simeoni che ci hanno comunicato l’apertura del nuovo repar-
to, un’ottima notizia sia per la
struttura che per i cittadini di
Aprilia. «Abbiamo iniziato a realizzare questa struttura nel ‘99 e
fino al 2004 abbiamo continuato
ad ampliarla- spiega PellegriniDal 2004 abbiamo un reparto
chiuso, vuoto, mai stato aperto:
un’ala con 20 posti letto da adibire chiusi da 10 anni. Abbiamo
giocato con questi politici che
andavano e venivano senza mai
ottenere nulla, poi dal 2009
abbiamo impostato una serie di
attività anche legali amministrative. Abbiamo vinto al tar con una
sentenza del 2012 che ci ha dato
parzialmente ragione. Dopodiché
è stato fatto ricorso al Consiglio
di Stato che ha confermato la
piena correttezza del nostro operato e delle nostre richieste». Il
Consiglio di Stato si è espresso
con sentenza n. 550 del 29 gennaio 2013 e a partire da questa
data è stata avvita l’istruttoria. La
struttura è stata sottoposta ai controlli e alle ispezioni di routine
risultando pienamente idonea.
Così il 7 maggio 2014 il commissario ad acta dott.ssa Rosaria
Marino ha reso esecutiva la sentenza e Villa Silvana ha finalmente ottenuto il permesso di aprire il
nuovo nucleo per la RSA e le
nuove attività ambulatoriali,
compresa l’apertura
al pubblico del suo
laboratorio di analisi
(che prima era solo
ad uso interno della
struttura). Ma perché
un cittadino per un
controllo (ad esempio
un’ecografia)
dovrebbe affidarsi ad
una struttura privata
come Villa Silvana
quando
potrebbe
invece rivolgersi ad
una convenzionata? «I
nostri costi sono quasi
Dott. Siro Simeoni in alto a destra
(foto G.Compagno)
assistenza domiciliare per le piccole attività infermieristiche
come medicazioni e via dicendo,
a costi molto contenuti. Pellegrini
ci ha anche anticipato una possibile collaborazione con il Fatebenefratelli dell’Isola Tiberina
(Roma), anche se per ora non c’è
nulla di definito: «Sull’onda di
questo ampliamento e di queste
nuove opportunità per i pazientiparalleli ai ticket, abbiamo delle dice- il Fatebenefratelli ha puntatariffe molto popolari e in più c’è to gli occhi sulla nostra struttura
il vantaggio dei tempi brevissimi per avere una testa di ponte nel
per fissare l’appuntamento» pontino. Di conseguenza c’è la
afferma Pellegrini. Ma le novità, possibilità di stipulare un accordo
per questo polo d’eccellenza apri- con la struttura romana per far sì
liano, non finiscono qui. Infatti la che i pazienti dell’area pontina
struttura ha ricevuto l’autorizza- trovino in noi un punto di riferizione anche per la day surgery, mento. Villa Silvana mette la
ovvero la chirurgia a livello logistica, il Fatebenefratelli il
ambulatoriale. Ha spiegato il know-how con i suoi professioniDirettore
amministrativo: sti». La casa di cura si conferma
«Riapriamo le sale operatorie dunque come una realtà in forte
chiuse dal 2007 a causa della espansione, pronta a fornire semburocrazia. In esse faremo chirur- pre nuovi servizi ai pazienti.
gia generale, ortopedia essenzial- Delle novità introdotte quest’anmente e una serie di piccoli inter- no, il nucleo con i 20 posti letto è
venti di day surgery di varia natu- già stato attivato mentre con le
ra». Inoltre c’è in programma l’a- sale operatorie si partirà dal 4 giupertura di un ambulatorio infer- gno con un intervento di chirurgia
mieristico ed (eventualmente) di estetica.
Ad Aprilia la 10° edizione della Pedalata
per un Raggio di Sole
Più di 500 cicloamatori per una città solidale ed ecosostenibile
Quest’anno, complice una
giornata domenicale veramente splendida, la pedalata ha
visto un numero record di
ciclisti di ogni età quasi a sottolineare l’importanza del progetto di piste ciclabili che quest’anno il Comune ha previsto
di realizzare nei diversi quartieri della città. La lunghissima carovana si è snodata
lungo un percorso di oltre
dieci chilometri che dalle vie
del centro si è concluso a
Carano Garibaldi, quartiere
che da 4 anni ospita il traguardo di questa manifestazione.
Ad attendere i partecipanti gli
organizzatori del Comitato
Carano Garibaldi, ed i tanti
volontari che si sono prodigati
per il ristoro dei ciclisti e del
numeroso pubblico presente.
Sul palco Mario Forconi,
infaticabile anima sportiva e
consigliere comunale, ha volu-
to ringraziare il Presidente del
Comitato Roberto Migliucci ,
l’A.S.D. (Associazione Dilettantistica Sportiva) ed il C.S.I.
(Centro Sportivo Italiano) che
in occasione dei 70 anni dalla
sua fondazione ha fatto maggiormente sentire la propria
vicinanza a questo evento
sportivo. Gino Federici, vice
Presidente dell’Agpha e l’assessore Vittorio Marchetti
hanno rivolto parole di gratitu-
dine per l’ospitalità alla Contessa Costanza Ravizza
Garibaldi, presente in prima
fila con tutta la famiglia e di
ringraziamento ai Vigili Urbani ed ai volontari della Protezione Civile. Lo Sport e la
Solidarietà sono i messaggi ed
i valori che la “Pedalata per un
Raggio di Sole” manda all’intera cittadinanza ed alle istituzioni affinché Aprilia possa
diventare una città ecosostenibile ed accessibile anche ai
meno fortunati.
Presente
anche quest’anno alla manifestazione il famoso giocatore
della gloriosa Lazio di Chinaglia Pino Wilson, sempre sensibile a questo tipo di eventi.
Uno speciale riconoscimento
va ai tanti piccoli sponsor ma
soprattutto ad Acqua & Sapone da sempre vicino all’AGHPA onlus ed ai partecipanti alla
pedalata.
IL GIORNALE DEL LAZIO
6 - 19 Giugno 2014
pagina 33
“APRILIA SI…CURA”
IMMIGRAZIONE - PARI OPPORTUNITÀ E TUTELA DEI DIRITTI
Ad Aprilia la solidarietà viaggia sui piatti tipici del mondo. La Gara del “Couscous”
a cura di Sihem Zrelli
Care lettrici e lettori,
voglio condividere con voi l’esperienza appena conclusasi presso il nostro Centro interculturale di Via
Cattaneo, con le volontarie ed i volontari dell’Associazione La Palma del Sud, dove abbiamo portato
avanti un laboratorio di cucina etnica che ha coinvolto decine di partecipanti di Aprilia, Anzio, Nettuno e
Latina.
La cucina è diventata per queste donne tunisine, italiane, pakistane, eritree, nigeriane, senegalesi, dell’Est Europa – il luogo privilegiato d’incontro, dove
poter ritrovare un contatto con la propria cultura e la
propria identità.
L’idea principale di questo laboratorio di cucina etnica è che il cibo diventa metafora di linguaggio e di
cultura e la sua condivisione introduce le persone
nella stessa comunità, le rende membri della stessa
cultura, le mette in comunicazione.
Il dono del cibo costruisce un ponte tra noi e l’altro ed
acquisisce un peso rilevante nelle dinamiche sociali.
La cucina etnica ci permette di entrare a contatto con
stili di vita, non solo alimentari, diversi dai nostri, nell’ottica di uno scambio culturale con altri Paesi, e con
questo spirito abbiamo inteso portare avanti questa
iniziativa di valorizzazione dell’enogastronomia tipica, soffermandoci in ogni nostro incontro su una
riflessione più ampia sul significato del cibo, in particolare molto intensa è stata la giornata dedicata alla
preparazione del pane nelle diverse forme e sapori del
mondo, simbolo di umiltà e di vita, in alcune parti del
mondo dove rappresenta un alimento fondamentale.
Con la giornata del couscus invece abbiamo vissuto
un momento magico: come d’incanto il Centro interculturale di Via Cattaneo si è trasformato in una sorte
di capitale del dialogo e dell’accoglienza dei migranti, del confronto interculturale ed interetnico, della
pace e della solidarietà tra i popoli.
La sala si è trasformata in uno spazio ricco di partecipazione e di cittadinanza attiva, di colori e di bellezza, di musica e di canti e la festa è continuata fino a
notte tarda nella sede del centro e dell’associazione.
Alla luce del successo di questa manifestazione tra le
partecipanti è nata l’idea di dare continuità a questa
sperimentazione per far diventare la cucina etnica un
fattore culturale di coesione sociale e di educazione
alla pace e alla solidarietà tra i popoli partendo dalle
nuove generazioni.
Il 31 maggio si è concluso il laboratorio di cucina
etnica con la preparazione del “CousCous”, e nella
gara del couscous hanno partecipato numerose donne,
e dopo un lungo divertimento ed assaggi di 12 tipi di
couscous, e stato premiato della parte della una giuria
il miglior couscous del 2014.
Il premio e stato assegnato alla signora Nozha Houita
e di origini tunisina che vive da tanti anni ad Aprilia.
Spero che per il prossimo anno questa esperienza si
allarga e possa continuare con successo e coinvolgere
molte più persone e rappresentare il couscous nel
Lazio
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 34
6 - 19 Giugno 2014
L’endocrinologo: un medico che guarda all’interno
L’endocrinologia è quella parte
della medicina interna che studia
le patologie delle ghiandole a
secrezione interna, ossia quelle
il cui prodotto viene direttamente immesso nel sangue. Gli
Endocrinologi sono medici specialisti che diagnosticano e trattano gli squilibri ed i problemi
degli ormoni contribuendo a
ripristinare il loro bilanciamento
normale nell’organismo. Tra le
malattie comuni ed i disordini
del sistema endocrino sono
ricompresi quelli della tiroide.
Le patologie tiroidee sono particolarmente frequenti nel sesso
femminile ed essendo in parte
legate all’ambiente ormonale
estrogenico non solo l’accompagnano dalla fase puberale alla
senescenza, ma a seconda dell’età possono presentarsi in modo
differente durante le varie fasi
della vita di una donna come la
pubertà, la gravidanza e l’allattamento, la menopausa e la fase
post-menopausale laddove la
familiarità gioca un ruolo
comunque importante.
La tiroide si può ammalare sia
modificando la sua forma e la
sua struttura (ingrandimento
della ghiandola non sempre
associato alla comparsa di noduli), unitamente o meno ad un’alterazione della produzione
ormonale in difetto o in eccesso
(ipotiroidismo, ipertiroidismo).
E’ ormai noto che circa 1 donna
su 8 può manifestare nell’arco
della propria vita una patologia
tiroidea con un incremento
rispetto all’età soprattutto dell’ipotiroidismo che nella sua
forma lieve o subclinica passa
dal 10% fino a 50 anni, per arrivare quasi a raddoppiare (circa il
18%) dai 60 anni in poi. L’ipertiroidismo è invece più frequente nella fascia d’età che va dai 20
ai 40 anni e nei 6 mesi che
seguono una gravidanza il 6-8%
delle donne può manifestare una
patologia tiroidea.
Non dimentichiamo tuttavia che
il 5-10 % della popolazione
generale presenta una patologia
nodulare della tiroide (gozzo o
iperplasia nodulare) che solo in
una ridotta percentuale dei casi
può nascondere una neoplasia
di tipo maligno.
Non esiste organo o tessuto la
cui funzione non sia in qualche
modo influenzata dagli ormoni
tiroidei anche se il cuore, il sistema nervoso centrale, lo scheletro, la ciclicità ovarica rappresentano il bersaglio preferenziale dei disordini ormonali della
tiroide.
Disturbi quali alterazioni del
tono dell’umore, tachicardia ed
insonnia così come stanchezza,
astenia e facile affaticabilità,
alterazioni non giustificate del
peso corporeo possono essere
considerati tra i sintomi e segni
che più spesso caratterizzano le
patologie funzionali tiroidee
così come disordini metabolici
quali le dislipidemie e la stessa
ipertensione possono essere
innescate o in parte accentuate
dall’ipo o dall’iperfunzione
tiroidea.
La mancanza di sintomi o
comunque una loro presentazione così sfumata da non essere
percepita non garantisce tuttavia
l’assenza di alterazioni ormonali
o di una patologia nodulare
spesso silente. Dei periodici
controlli ormonali ed anticorpali
associati all’esecuzione di un’in-
L’IPERTERMIA “SBARCA”
A VILLA SILVANA
Il sempre attivissimo reparto di
fisiokinesiterapia, operante
presso la casa di cura villa silvana e fiore all’occhiello della
struttura, continua con il suo
rinnovo tecnologico acquisendo, dopo l’apparecchiatura per
i trattamenti con le onde d’urto, il macchinario per l’ipertermia della easytech, acquistato
dalla stema sport, anche in
questo caso ci troviamo di
fronte al piu’ moderno ed efficace apparecchio in commercio per tali tipologie di applicazioni.
L’ipertermia e’ un trattamento
al giorno d’oggi comunemente
praticato, con ottimi risultati,
nell’ambito della federazione
italiana gioco calcio, quindi a
livello di tutte la formazioni
nazionali oltre che dalle maggiori societa’ professionistiche
della serie a e d’europa (Roma,
Lazio, Juventus, Milan, Fiorentina, Parma,Chelsea, Barcellona, Real madrid, ecc…).
Cos’e’ l’ipertermia:
La medicina fisica e riabilitativa, chiamata anche fisiokinesiterapia, e’ una branca specialistica di una scienza medica in
continuo progresso e per questo anch’esso vede nascere e
crescere nuove metodiche,
apparecchiature sempre piu’
sofisticate e aggiornate, tecniche de recupero fino ad oggi
impensabili.
Questo si chiama progresso, e
ben venga se serve a migliorere quelle terapie con mezzi
fisici o con esercizi rieducativi
che, nel pieno rispetto dei
tempi fisiologici di guarigione
e senza cozzare con la deontologia e la correttezza terapeutica, restituiscono il paziente
guarito in tempi piu’ brevi e
senza rischio di ricadute. Tra le
novita’, per quello che riguarda i mezzi fisici, dobbiamo
ricordare l’ipertermia, gia’ in
funzione da qualche anno, e
con ampie casistiche di trattamento.
Si tratta di un’apparecchiatura
innovativa basata sull’emissione di microonde a lunghezza
d’onda costante (434 mhz) che
la caratterizzano in confronto a
macchinari simili. infatti e’ l’unica che puo’ imporre uno specifico ciclo termico, a temperatura sempre costante, con
una profondita’ che arriva fino
a 9 cm e va a colpire solo la
parte del corpo da trattare,
senza propagarsi alle zone
sane limitrofe. e, fino ad oggi,
questo e’ l’unico mezzo fisico
con queste importantissime
caratteristiche.
L’ipertermia, percio’, trova
impiego in tutte le patologie
dell’apparato locomotore posttraumatiche, da sovraccarico, o
degenerative sia in fase acuta
che sub-acuta e cronica; un’indicazione specifica sono itraumi da sport, muscolari, tendinei e articolari.
dagine ecografica possono consentirci in modo semplice e preciso la diagnosi di patologie così
frequenti.
L’endocrinologia però non si
occupa solo di tiroide, ma consente di inquadrare, diagnosticare e trattare nel modo migliore il
diabete mellito, l’obesità, l’osteoporosi ed il metabolismo del
calcio, i disordini del ciclo
mestruale in sinergia con lo specialista ginecologo valutando
Per maggiore chiarezza
riportiamo le piu’ frequenti patologie che si
giovano del trattamento
con ipertermia:
- Periartrite scapoloomerale
- Sindrome della “cuffia
dei rotatori” dell spalla
- Algie vertebrali
- Tendiniti e tendinosi
(epicondilite, epitrocleite
del gomito, ginocchio del
saltatore, ecc…)
- Mialgie e fibromialgie
(tunnel carpale, sindrome del tibiale anteriore,
sindrome pubalgica o
pubalgia, ecc…)
Come per ogni terapia
anche l’ipertermia presenta le sue controindicazioni
che sono:
- Cardiopatie gravi
- Portatori di pace-maker
-Gravidanza (specie ai primi
mesi)
-iInfezioni acute della cute
-Ciclo mestruale (se l’applicazione e’ in prossimita’ dell’utero, come sindrome
pubartrosica, lesione dei
muscoli adduttori)
non solo gli ormoni della sfera
sessuale, ma esplorando eventuali disordini dell’ipofisi e delle
ghiandole surrenali.
Presso la Casa di Cura Villa
Silvana è possibile avere un
consulto con la dott.ssa Enrica
Procaccini alla quale è stato
affidato il nuovo ambulatorio di
Endocrinologia. Per informazioni e appuntamenti chiamare
il numero 06 921406510.
I trattamenti con la tecnica dell’ipertermia, a Villa Silvana,
vengono coordinati dal prof.
alicicco colui che piu’ di
chiunque altro ne ha sviluppato le metodologie e i protocolli operativi.
Per ulteriori informazioni
riguardo l’ipertermia e per gli
appuntamenti e’ possibile
contattare la clinica allo
06/921406510.
6 - 19 Giugno 2014
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 35
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 36
6 - 19 Giugno 2014
Un atto di speranza
di Salvatore Lonoce
Un mio caro amico, l’altro
giorno, mi ha posto la domanda:
“Un apriliano può fare a meno
di interessarsi di politica in
questa città?”.
Domanda che mi riporta a
quella trabocchetto che fecero
a Gesù: “E’ lecito o no pagare
il tributo a Cesare?”.
Se diceva di si, sarebbe stato
additato come amico dei romani; ma se diceva di no sarebbe
stato denunciato ai romani
come ribelle alla loro autorità.
Cari amici lettori, oggi gli
apriliani si rendono conto di
questa “malizia”, e apostrofano gli interlocutori politici con
le parole: “Ipocriti, perché mi
tentate?”.
In realtà, la domanda non è “ci
si deve o no interessare di politica”, ma “è lecito o no interessarsi di politica in questa
città?”. Una cosa è l’obbligo e
l’altra la permissione.
Il mondo della politica nostra-
na oggi è distinta, con una
finalità propria, ma, “ il cittadino, l’apriliano può agire politicamente prescindendo dalla
propria condizione sociale e di
credo”.
Il punto è proprio questo: se
ognuno di noi deve essere,
insieme, un apriliano e un cittadino assente, non si pone
alcun problema; ma se l’apriliano-cittadino sente l’esigenza (non è un obbligo) di impegnarsi (l’interesse riguarda
tutti) in politica tutto si ingarbuglia e diventa difficile, il
perché meriterebbe una complessa riflessione.
Ad esempio, questo apriliano,
dovrebbe realizzare o ostacolare tutte quelle azioni pubbliche
che sono contrarie alla morale
ed agli interessi pubblici: non
consentire atti illeciti, mai più
concorsi truccati, perorare l’abolizione delle consulenze ecc,
se non riuscisse a fare tutto ciò
il suo impegno politico sarebbe vano.
Cari amici lettori, se Gesù dice
di dare a Cesare quel che li
compete, egli dice anche che
non si possono servire due
padroni: “Non potete servire la
politica, la Res Pubblica ed i
vostri interessi”.
Si deve dare a Cesare quel che
gli è dovuto, soltanto se Cesare non siamo noi.
La politica non è qualcosa di
personale! Ma il riconoscimento del potere politico e
l’affermazione del dovere che
passa dall’obbedienza alle sue
leggi.
In ogni modo, in questa città, il
problema dei rapporti fra personalismi e politica resta complicato ed aperto.
Cari amici, si potrebbe rispondere semplicemente (si fa per
dire) con l’analogia dell’orologiaio: Se troviamo in terra un
orologio e lo analizziamo, ci
accorgiamo subito che è stato
concepito da un essere intelligente con un’intenzione precisa. Ora, se questo è valido per
una cosa così semplice come
un orologio, perché non
dovrebbe essere valido per una
cosa immensamente più intelligente e complessa come la
politica?
Allora forse sarebbe conveniente porre la domanda di
diritto e di rovescio: e se la
politica (non) esistesse?!
Quando affermiamo “sono un
politico” stiamo, in effetti,
affermando “la politica esiste”.
D’altro canto, se affermiamo
“sono apriliano” stiamo affermando “la politica non esiste”.
Ciascuno di noi, a seconda che
creda o no nella politica, é
capace a portare argomentazioni pro o contro la stessa; ma
Maria Maddalena Buonocore ha presentato il
suo nuovo libro, dal titolo “ ‘A Cafettera”
Il 3 Maggio u.s., in una sala Manzù particolarmente gremita, Maria Maddalena Buonocore ha presentato il suo
nuovo libro, dal titolo “ ‘A Cafettera”,
una raccolta di poesie (in vernacolo e in
italiano). Non è stata però la “solita”
presentazione, ma in modo veramente
singolare e piacevole, si è fatto intrattenimento, spettacolo e soprattutto cultura. La Buonocore, scrittrice e poetessa nota su tutto il territorio nazionale,
ci ha deliziato, non solo con le sue poesie, ma con immagini e filmati che
hanno divertito, emozionato, fatto
riflettere. Abbiamo visto ed apprezzato
in un’insolita veste: il dr. Antonio Iovino, presidente dell’Ass. Aeronautica
(moderatore), e la d.ssa Nicoletta De
Vivo (relatrice), valente avvocata, il suo
intervento sull’importanza della lingua
napoletana e l’etimologia di alcune
parole, è stato veramente di spessore.
Grande ed emozionante l’interpretazione, dell’attore e regista Roberto Becchimanzi (direttore artistico del Teatro
Europa), di alcune poesie della raccolta presentata. Salvo Marzà, figlio dell’indimenticato poeta siciliano Nino,
ha declamato una poesia del conterraneo Ignazio Buttitta (uno dei poeti
dialettali più amati dalla Buonocore).
Bravo anche il giovane attore emergente Gabriele Serpillo, che ha recitato,
sempre tratto dalla raccolta “ ‘A Cafet-
tera”, uno struggente dialogo tra Troisi
e la morte. A concludere la serata, nell’allegria generale, ci ha pensato un
Pulcinella d’eccezione, il maestro
Antonio De Waure dell’ Ass. Arte
Mediterranea, che simpaticamente ha
offerto ai presenti tarallucci e vino.Tra
le tante personalità
intervenute, anche
da altre regioni italiane, per omaggiare la poetessa: il dr.
Gianpaolo Catalucci, segretario
nazionale dell’Ass.
Nazionale Poeti e
Scrittori Italiani;
il dr.Antonio Vaccaro medico condotto, in rappresentanza del sindaco e
dell’assessora alla
Cultura di Atrani;
la dr. Francesca
Barbaliscia, che a
titolo personale e a
nome dell’intera giunta ha manifestato
stima e considerazione.
“Sono veramente felice e soddisfatta,
una partecipazione così massiccia e
calorosa, ha superato, di gran lunga,
tutte le più rosee aspettative” dice la
Buonocore. ”Ringrazio di cuore il
Comune, l’Ass. Turistica Pro-Loco e i
SociUnicoop Tirreno della città di
Aprilia, tutte le altre Ass. anche non
locali, e soprattutto tutti gli intervenuti,
che con la loro presenza hanno voluto
testimoniarmi stima ed affetto, mettendomi così a mio agio.”
Si, in effetti si respirava un clima molto
familiare, anche perché, ancor prima di
iniziare la presentazione, l’autrice, da
buona padrona di casa, con spontaneità
e cortesia, che da sempre la contraddistinguono, ha salutato singolarmente gli
intervenuti, offrendo loro un buon
caffè. E come scrive il professor Domenico De Masi, concludendo la prefazione de “ ‘A Cafettera”
“Sia benedetta mille volte la poesia! Sia
benedetta Maria Maddalena!”
L.S
si tratta sempre solo di argomentazioni e non di prove conclusive: il politico dirà che il
mondo non può fare a meno
della politica, i diffidenti
diranno che con tutto quello
che hanno fatto i politici, come
può esserci la Politica, e così
via, ma nessuna delle due
affermazioni può essere dimostrata.
La ragione qui non può determinare nulla: c’è di mezzo un
caos infinito. All’estremità di
quella distanza infinita si
gioca, ad Aprilia, un gioco in
cui uscirà testa o croce. Su
quale dei due puntare? Secondo ragione, non potete puntare
né sull’una né sull’altra; e
nemmeno escludere nessuna
delle due. Non accusate, dunque, i nostri politici, perché
non ne sapete un bel nulla di
loro”.
Preso atto che la ragione in
questo caos infinito non può
determinare nulla, dobbiamo
puntare tutto sulla politica,
come istinto, perché se il
nostro istinto ci dice che esiste
si è ottenuta la salvezza, se
invece scopriamo che non esiste si è in ogni caso vissuta
un’esperienza rispetto alla
consapevolezza di finire in
mano di qualcuno.
Fare questa scommessa è gia
un atto di speranza, come quel
gallo che percependo la luce
dell’alba canta quando l’alba è
ancora buia.
Cari amici lettori, credere alla
politica ci porta ad andare
incontro a tante difficoltà e
disillusioni, ma che cosa
abbiamo da perdere?!
Invito alla lettura
“Diario di scuola” di Daniel Pennac
Daniel Pennac, figlio di un
militare, ha trascorso la sua
infanzia in Africa, nel sudest asiatico, in Europa e
nella Francia meridionale; è
stato per sua scelta per 28
anni un insegnante, professione che ha voluto esercitare e per dimostrare che si
può far amare la scuola
anche ai ragazzi che sono
sempre stati gli ultimi della
classe per problemi d’inserimento nel contesto scolastico e di apprendimento, ed
ancora perché una professione del genere gli ha permesso di scrivere, la sua
grande passione, durante le
lunghe pause estive. Amante della suo lavoro di
docente ha sempre cercato
di recuperare tutti gli alunni
che pensavano di non
riuscire ad imparare e ad
arrivare al traguardo finale.
Era sempre stato un pessimo allievo, “un somaro” ed
è riuscito a riscattarsi solo
quando un professore,
intuendo le sue potenzialità
di scrittore, al posto dei
temi settimanali gli chiese
di scrivere un romanzo a
puntate, una la settimana.
La sua carriera di scrittore
inizia con un libro sull’esercito “Le service militaire au
service de qui?”- 1973, vi
descrive la vita della caserma che non gli piace; per
non nuocere al padre, militare di carriera, si firma con
uno pseudonimo che poi
conserverà. Ha creato il
personaggio di Benjamin
Malaussène, che svolge nei
suoi romanzi una professio-
ne particolare, quella del
capro espiatorio, sono libri
surreali e per le situazioni
nelle quali vivono i protagonisti e per la trama dei
racconti.
Nel 2013 è stato insignito
della laurea ad honorem per
il suo impegno nella pedagogia presso l’Università di
Bologna.
“ Diario di scuola” è un
libro dove sono riportati i
ricordi che l’autore ha della
sua vita scolastica e come
alunno e come docente e
dovrebbe essere letto da
alunni ed insegnanti perché
i primi possano credere di
più nelle loro possibilità e i
secondi perché possano
comprendere che nessun
ragazzo deve essere lasciato
indietro, la classe deve
andare avanti nel suo insieme, anzi quei ragazzi che
hanno più difficoltà devono
essere sostenuti in modo
più incisivo, tutti, infatti,
hanno il diritto di poter usufruire al meglio di quello
che la scuola può offrire
loro. Nessuno è “somaro” a
priori, stimolare l’interesse
dei ragazzi, comprendere i
loro problemi è compito
degli insegnanti. Dice
Daniel Pennac “Forse è
questo insegnare: fare in
modo che a ogni lezione
scocchi l’ora del risveglio”.
Il libro oltre ad essere un
ottimo manuale di pedagogia, è anche divertente, si
legge con piacere. Alcuni
ricordi della vita scolastica
dell’autore ci fanno sorridere, ma, se andiamo a legge-
re con attenzione evidenziamo un grande desiderio dell’autore di far comprendere
che un insegnante può salvare un ragazzo dalla solitudine e dal senso di vergogna che non capisce, perso
in un mondo in cui gli altri
capiscono. Continua l’autore – Gli insegnanti che mi
hanno salvato- e che hanno
fatto di me un insegnantenon erano formati per questo. Non si sono preoccupati delle origini della mia
infermità scolastica. Non
hanno perso tempo a cercarne le cause e tanto meno
a farmi la predica. Erano
adulti di fronte ad adolescenti in pericolo. ….. Si
sono buttati. Non ce l’hanno fatta. Si sono buttati di
nuovo, giorno, dopo giorno.
Alla fine mi hanno tirato
fuori. E molti altri con me.
…..Dobbiamo loro la vita. –
Il libro dovrebbe essere
letto e commentato in classe, dovrebbe essere letto
anche da tutti i genitori che
pretendono dai figli di essere sempre i primi senza
preoccuparsi che non tutti
crescono nello stesso modo
e non tutti arrivano a risvegliarsi
nello stesso
momento.
Carla Ginanneschi
IL GIORNALE DEL LAZIO
6 - 19 Giugno 2014
LA PSICOLOGA RISPONDE
Dott.ssa Anna De Santis
(Psicologa - Psicoterapeuta)
CHE COS’E’ L’ISTINTO DI
SOPRAVVIVENZA?
Molte volte mi è capitato di sentire per radio o televisione, o di leggere sui giornali, che grazie all’istinto di sopravvivenza molte persone si sono salvate da catastrofi
o da altre disgrazie. Si dice, poi,
che si fanno le cose per istinto e
senza pensarci. A volte va bene,
ma a volte va male. Io sono un
istintivo, e spesso combino guai.
Come diceva mia madre non
penso mai prima di fare, ma mi
butto a capofitto. Non riesco a
mettermi lì a pensare prima di
muovermi, le faccio e basta. A
volte, però, dovrei fermarmi a
pensare bene a cosa fare perché
ho perso delle buone occasioni,
non sono riuscito a trattenermi ad
offendere una persona, che invece
poteva aiutarmi lavorativamente
parlando. Ma è più forte di me, e
mi hanno detto che questo si chiama istinto, quando non riesci a
fermarti e a ragionare. Ok, l’istinto di sopravvivenza, la parola
stesso lo dice, ma quando invece
questo istinto ci fa fare casini?
Cos’è?
GIANLUCA
Nell’istinto di sopravvivenza ci
sono quello di nutrirsi, di attaccare o fuggire, in caso di pericolo,
per il quale l’inconscio decide
autonomamente. Nell’istinto di
riproduzione e continuazione
della specie c’è l’istinto sessuale.
Gli istinti influenzano parecchio
le nostre decisioni, sono l’effetto
di una parte del nostro cervello
molto antica, che può entrare in
conflitto con la coscienza. La
coscienza funge da mediatore fra
noi e l’inconscio, quando riesce a
valutare i dati che l’ambiente
esterno gli presenta. Spesso è l’inconscio che determina le mosse
all’insaputa della coscienza,
quando ci troviamo in uno stato di
sovraffaticamento,
impauriti,
stressati o arrabbiati. In quel
momento emerge con tutte le sue
forze e mette in atto quei programmi passati dalla coscienza
che raccoglie e sperimenta. Non
c’è tempo per pensare, in quei
momenti, per questo si attiva l’inconscio usando quei dati già stabiliti e sperimentati in momenti in
cui era possibile pensare e ponderare. Noi li viviamo come comportamenti istintivi, ma dobbiamo
pensare che in effetti, quei comportamenti sono stati creati in
riferimento all’esperienza di vita
vissuta. Quei programmi innati,
come l’istinto di sopravvivenza,
invece, nascono con noi, per tutelarci dai pericoli di cui non ne
abbiamo mai fatto esperienza.
Eppure, anche in quei casi si può
pensare ad una memoria biologica
ereditata che viene percepita
come istinto, per esempio mangiare per sopravvivere, fuggire o
affrontare. Nel senso che la
sopravvivenza viene trasmessa
Giorni Felici
per mezzo di un cervello arcaico
ricco di esperienze di altri individui. In questo caso si potrebbe
parlare di “apprendimento biologico”. Insomma, La cosa più
importante da fare, sempre, è
quella di riflettere su ogni cosa
anche quando sembra ovvia o
scontata. Per riuscirci bisogna
scrivere su di un foglio, dopo aver
agito, le conseguenze subite e
cosa, invece, si sarebbe dovuto
fare. Allenarsi a fare questo, può
creare una spinta maggiore alla
riflessione. Leggere nero su bianco quelle che sono stati i comportamenti negativi, ma anche positivi, farà indebolire quelli meno
vantaggiosi, mentre rinforzerà
quelli più convenienti.
PERCHE’ CI LAMENTIAMO?
Ho un’amica a me molto cara, ma
a volte non la sopporto per niente.
Si lamenta in continuazione di
tutto e non è mai contenta di niente. Mi hanno detto che le persone
così vanno allontanate, perché
esercitano una specie di disagio e
di inadattabilità in chi le frequenta. Nel senso che tutto quello che
le dico di fare in riferimento ai
suoi lamenti, non ne ascolta uno.
Mi dispiace allontanarla, perché le
sono affezionata, ma non riesco
più a sopportarla. Da qualche
tempo mi sono fidanzata, e i suoi
lamenti sono aumentati accusandomi di non tenere più a lei. Io,
cerco di farle capire che è ora che
anche lei si cerchi un ragazzo, ma
puntualmente si lamenta dicendo
che non la fila nessuno. Forse con
questo suo modo di essere allontana tutti senza rendersene conto, e
poi si lamenta con me. Sono stufa
di farle da baby-sitter. Cosa posso
pagina 37
fare per allontanarla senza ferirla?
A volte mi fa litigare anche con il
mio fidanzato.
LUANA
Il lamento è la comunicazione di
un disagio interno. Fin da neonati
viene usato quale mezzo di
espressione per segnalare un
determinato malessere profondo.
E’ difficile da decifrare quando è
continuativo e privo di significato. Spesso viene identificato ad un
grosso fastidio da evitare per chi
sta vicino a queste persone.
Lamentarsi spesso e troppo può
diventare controproducente, perché alla fine, nessuno ci crede più,
e quando il lamento descrive un
pezzo di realtà vera della vita di
quella persona, spesso viene
abbandonata a se stessa. Il lamento, però, è alla base dell’istinto di
sopravvivenza, che porta l’individuo a reclamare la propria natura
comunicativa. Spesso, il soggetto,
inconsapevolmente, non conosce
altro modo di rapportarsi con gli
altri se non solo e soltanto con il
lamento, fino a quando si accorge
che la maggior parte delle persone
lo evita. Quindi, alcune volte il
lamento è necessario per raggiungere gli obiettivi, ma altre, invece,
è solo un’abitudine che porta allo
sconforto e allo svilimento. Ci
sono persone consapevoli di usare
il lamento a proprio uso e consumo per impietosire ed intenerire
gli altri. Sono molto abili nel
farlo, perché vanno a scuotere i
sensi di colpa nell’altro, se si
ignora il suo bisogno di essere
aiutato. Il lamento sottolinea la
gravità della situazione che il soggetto sta vivendo, e se l’altro lo
ignora percepisce un senso di
negatività interna associabile alla
cattiveria ed al menefreghismo. Il
lamentarsi porta alcuni persone ad
assoggettarsi in maniera subdola e
maligna per ricavarne dei vantaggi secondari. Dunque, per alcuni
versi il lamento è fondamentale
per comunicare stati di disagio e
bisogno di essere aiutati, ma spesso viene confuso con un forte
fastidio da chi lo subisce, perché
sovente la persona che si lamenta,
poi, non si lascia aiutare seguendo
i consigli di chi benevolmente si
presta a questo gioco inutile e fine
a se stesso, se non vengono messi
in atto dal lamentante i relativi
suggerimenti. La sua amica, senza
rendersene conto, mette in atto
una specie di comportamento
involontario, quale mezzo di
comunicazione. Nella sua famiglia, forse, si comunica proprio
così. Forse, questo modo di fare,
apparentemente normale per lei,
la getta in una situazione di
incomprensione che la trasforma
in solitudine e rancore. Allontanarla senza ferirla è impossibile,
visto che, lei, ci sguazza dentro la
sofferenza per poi lamentarsene.
L’unica cosa che può fare è agire
senza preoccuparsi così tanto
della sua sofferenza, in quanto
tutto quello che farebbe non servirebbe a nulla se non solo e soltanto a darle altre occasioni per
lamentarsi.
Per porre domande alla dott.ssa
scrivi a: Dott.ssa Anna De Santis
ad Aprilia in via Mozart1 (di fronte Conforama) tel. 393.6465283 o
inviare una e-mail al seguente
indirizzo di posta elettronica:
a1 [email protected]
Sono attivi gli incontri di
gruppo CODIP
Per informazioni
347.6465458
393.6465283
www.codip.org
e mail:[email protected]
Per festeggiare qualsiasi ricorrenza scrivi o invia un e-mail
al GIORNALE DEL LAZIO Via E. Fermi, 18 - 04011 APRILIA
e-mail: [email protected]
(gli auguri con foto verranno pubblicati gratuitamente)
GIANLUCA CLAZZER
Tantissimi Auguri Gianluca per il tuo compleanno!!!
dalla tua famiglia e da tutti i tuoi amici...
TANTI AUGURI!
CRISTIAN TROBIANI
Tanti Auguri per il tuo compleanno!!!
dalla tua squadra UNITED APRILIA, la tua
famiglia e tutti i tuoi amici...
AUGURI CAPITANO!!!
ALESSANDRO
Un traguardo importante!
I 30 anni rendili unici e indimenticabili
come la tua vita...
Tanti Auguri di
Buon Compleanno dai tuoi amici!!!
Dolcissima Dunia per i tuoi 7 anni
Ti auguriamo che tu possa vivere serena, con
sempre la gioia nel cuore e che ogni anno che
passa sia solo una tappa
verso la felicità.......
Buon Compleanno da Mamma Papà
Omar e Sonia.....
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 38
6 - 19 Giugno 2014
EVENTO MOUNTAIN BIKE
OASI GOLF 2014
Domenica 29 giugno 2014,
presso il Circolo Oasi Golf
Club, si terrà la prima edizione
dell’evento Mountain Bike,
organizzato con la collaborazione delle Associazioni ciclistiche
apriliane, ASD Ciclistica Aprilia, Paco Cicli di Luisanna
Palma e Punto Bici di Alfio
Sciuto e la partecipazione del
CSI di Latina.
I cancelli del prestigioso Circolo golfistico si aprono, dunque,
ad esperienze innovative, mettendo a disposizione un avventuroso percorso, ritagliato nel
campo di gioco, graduato
secondo livelli di difficoltà
diversa, a cui faranno da cornice gli scenari suggestivi della
tenuta.
Il raduno dei bikers è previsto
per le ore 9,30 con l’apertura
del percorso ciclistico, a cui
faranno seguito una serie di attività connesse alla bici. Gli
istruttori di MTB intratterranno
i bambini con dimostrazioni e
lezioni tecniche, attraverso la
predisposizione di mini-percorsi e giochi, che coinvolgeranno
tutti fino all’ora di pranzo.
Alle ore 14,30, la manifestazione riprenderà con la lezione collettiva di golf, tenuta dai Maestri, Carlo D’Anselmo e Cristiano Martino, in forza presso il
Circolo, che daranno a tutti
l’occasione di cimentarsi in
questo sport meraviglioso ma
poco conosciuto.
Per chi si sentisse all’altezza,
nel pomeriggio ci sarà l’ occasione di misurarsi nel gioco –
percorso MTB, veloce ma
anche con tratti tecnici degni di
un semi-professionista.
Le iscrizioni verranno raccolte
in sede a partire dalla mattina
dallo staff sempre a disposizione.
Al termine delle predette attività, inoltre, è stato riservato uno
spazio alle associazioni cittadine ed all’amministrazione
comunale, finalizzato ad illustrare l’impegno rivolto al
potenziamento del territorio con
particolare riguardo ai percorsi
ciclistici e sportivi in genere.
Al fine di permettere una partecipazione massiccia, ed estendere la possibilità anche a chi
fosse sprovvisto di un veicolo
adeguato, l’organizzazione ha
messo a disposizione del personale ed un’ammiraglia in Piazza
Roma a partire dalle ore 8,30
che scorterà i partecipanti fino a
campo di Carne, mentre gli altri
potranno recarsi direttamente al
Circolo per l’apertura della
manifestazione, fissata per le
ore 9,30.
Ad arricchire lo scenario di tratti folkrostici, vi sarà un mercatino dell’artigianato e dei prodotti tipici locali, con spazi riservati agli sponsor e stands informativi sulle attività del circolo.
Il ristorante, inoltre, sarà a disposizione dei partecipanti con
menu competitivi, deliziosi
snack e gelati per tutta la gior-
nata, da gustare nel piazzale
all’aperto o a bordo della piscina semi – olimpionica, aperta al
pubblico.
Una giornata piena di spazi per
i giovani e per le famiglie per
raccogliere tutti gli appassionati di bike e di golf nella stessa
cornice naturalistica.
A chiusura della manifestazione, dopo l’intervento delle associazioni locali, vi sarà l’estrazione della riffa a premi messi
in palio dall’organizzazione e
dagli sponsor ed il ricco buffet
gentilmente offerto dal catering.
Questo gemellaggio sportivo,
che costituisce una novità assoluta nell’ambito golfistico, è
stato reso possibile dalla Presidente, Dott.ssa Marina Lanza,
costantemente impegnata nella
promozione di iniziative sportive tese alla valorizzazione dell’impianto esistente, considerata anche la vasta estensione, ed
a rendere possibile la fruibilità
degli immensi spazi della tenuta in concomitanza con eventi
tali da coinvolgere gli sportivi
in zona e gli amanti della natura.
Si ringraziano per l’organizzazione sportiva le associazioni
ciclistiche apriliane Paco Cicli,
ASD Ciclistica Aprilia e Punto
Bici di Alfio Sciuto, oltre al
Centro Sportivo Italiano, comitato direttivo di Latina.
Si ringraziano inoltre per la collaborazione il Catering di Dario
Iacoangeli presso il Circolo
(aperto al pubblico per congressi, convegni, manifestazioni e
cerimonie), TECNOINFISSI di
Coser Andrea, Agrigarden snc
di Veglia Giuseppe, Autofficina
di Stefano Pigliapoco, ASBike
Ciclomeccanica, PIT STOP
2000 – ricambi auto, Martone
gomme, EYDA Affinatori
Acqua, L’Isoletta Società Agri-
cola srl, Centro Estetico Epic di
Elisa Picone, Fotolandia di
Daniele Cancelli, Gris Computer di Luca Cortese, Bar Rosy di
Paparo Rosina, Ecoacqua s.r.l.
Si ringraziano, inoltre, tutti gli
artigiani ed imprenditori che
parteciperanno al mercatino.
Ilaria Cavallin
1° Memorial Caporal Maggiore Massimo Di Legge
Aprilia celebra un suo eroe
caduto quasi tre anni fa in
Afghanistan. Il 14 giugno
2014 sarà una giornata dedicata al Caporal Maggiore dell'Esercito Italiano Massimo Di
Legge, nato il 22 luglio 1983,
in servizio presso il Raggruppamento Logistico Centrale di
Roma, morto il 23 settembre
2011 a seguito di un incidente
stradale mentre era in missione di pace in Afghanistan.
Il 1° Memorial Massimo Di
Legge, torneo di calcio tra le
squadre delle categorie piccoli amici e pulcini, vuole proprio richiamare l'attenzione su
un giovane apriliano morto
nell'espletamento del suo
dovere verso lo Stato. Ad
organizzare la manifestazione,
presso il Vallelata Village di
via delle Valli ad Aprilia, è
l'Asd Pontina Futsal (che
prenderà a breve il nome di
Sporting Aprilia) con il presidente Stefano Cappelletto e la
preziosa collaborazione del
team manager Nicola Rizzo.
Enti patrocinanti: il Comune
di Aprilia e l'Esercito Italiano.
La famiglia Di Legge ha fortemente voluto che questa
manifestazione fosse un
momento di festa e di gioia
per ricordare il loro figlio che
ha donato alla Patria il bene
più prezioso, la vita.
Parteciperanno, per i “piccoli
amici” le rappresentative di
Sporting Aprilia, Campover-
una partita tra gli amici del
Caporal Maggiore Di Legge
ed un brindisi finali con le
autorità. Hanno dato conferma della loro partecipazione il
sottosegretario alla difesa on.
Domenico Rossi, i Comandanti provinciali e locali di
Carabinieri, Polizia e Guardia
di Finanza, il Sindaco e l'Amministrazione comunale.
Sartoria - Riparazioni
ANNETTE
Sandra Andriolo
de, Ariccia e Lanuvio-Campoleone, mentre per la categoria
pulcini partecipano Sporting
Aprilia, Lanuvio-Campoleone, Virtus Campo di Carne,
Pomezia Laurentium, Albano
Calcio, Campoverde e Albalonga.
La cerimonia conclusiva e le
finali dei tornei sono in programma per sabato 14 giugno.
Alle ore 15.30 ci sarà una
santa messa presso il Vallelata
Village, a seguire le finali dei
tornei delle categorie piccoli
amici e pulcini, poi ancora
Non lasciare i tuoi vestiti
nell’armadio, noi te li
trasformiamo con la nostra
creatività, li modernizziamo,
garantendoti la qualità
e la nostra esperienza
Aprilia - Via dei Lauri, 115 tel. 366.1915347
IL GIORNALE DEL LAZIO
6 - 19 Giugno 2014
L’AVVOCATO RISPONDE
LA RESPONSABILITA’ DELL’ALBERGATORE
IN CASO DI FURTI O DANNEGGIAMENTI
Per porre domande scrivere e-mail: [email protected]
Avv. Margherita Corneli
Con l’approssimarsi delle vacanze
estive, sono giunte in redazione
diverse richieste di chiarimenti
sulla responsabilità che l’albergo
incontra nel caso in cui, durante il
soggiorno, vengano rubati o danneggiati oggetti appartenenti ai
clienti.
Spesso gli alberghi tendono a
negare una loro responsabilità e,
conseguentemente, il risarcimento
del danno subìto per cui, prima di
partire per le ferie, è bene chiarire
quali sono i punti fondamentali in
materia.
Trattando il tema della responsabilità dell’albergatore si deve premettere che il “contratto di albergo” non può considerarsi un contratto tipico, non trovando alcuna
specifica regolamentazione nel
codice civile. Detto contratto è da
ritenersi quale atipico, ovvero
misto, con il quale l’albergatore si
obbliga a prestazioni, molteplici
ed eterogenee, che consistono
nella locazione dell’alloggio, nella
fornitura di servizi e nel deposito.
Il nostro codice civile, se non
disciplina direttamente il contratto
di albergo, puntualmente, però,
individua quali sono le responsabilità per l’albergatore. L’articolo
1783 del codice civile, “Responsabilità per le cose portate in albergo”, al primo comma stabilisce
che l’albergatore è responsabile di
ogni deterioramento, distruzione o
sottrazione delle cose portate dal
cliente in albergo, mentre il
secondo comma dell’articolo 1783
del codice civile, stabilisce inoltre
che sono considerate cose portate
in albergo:
1) le cose che vi si trovano durante il tempo nel quale il cliente dispone dell’alloggio;
2) le cose di cui l’albergatore, un
membro della sua famiglia o un
suo ausiliario assumono la custodia, fuori dell’albergo durante il
periodo di tempo in cui il cliente
dispone dell’alloggio;
3) le cose di cui l’albergatore, un
membro della sua famiglia o un
suo ausiliario assumono la custodia sia nell’albergo, sia fuori dell’albergo, durante un periodo di
tempo ragionevole, precedente o
successivo a quello in cui il cliente dispone dell’alloggio”.
Il terzo comma dell’articolo 1783
del codice civile, infine, stabilisce
che la responsabilità dell’albergatore è limitata al valore di quanto
sia deteriorato, distrutto o sottratto, fino all’equivalente di cento
volte il prezzo di locazione dell’alloggio per giornata.
Il successivo art. Art. 1784 C.C.
prevede una responsabilità dell’albergatore illimitata nei casi in cui:
1) le cose gli siano state consegnate in custodia;
2) quando abbia rifiutato di ricevere in custodia cose che aveva l’obbligo di accettare. L’albergatore ha
l’obbligo di accettare le cartevalori, il danaro contante e gli
oggetti di valore; egli può rifiutarsi di riceverli soltanto se si tratti di
oggetti pericolosi o che, tenuto
conto dell’importanza e delle condizioni digestione dell’albergo,
abbiano valore eccessivo o natura
ingombrante. L’albergatore può
esigere che la cosa consegnatagli
sia contenuta in un involucro chiuso o sigillato.
La materia è notevolmente diversa
e più complessa per le cose consegnate dal cliente all’albergatore,
ponendo in capo all’albergatore un
indennizzo illimitato, ma come
previsto nel successivo articolo
1785, solo in caso di effettiva
responsabilità.
Vediamo dunque che, per quanto
riguarda la responsabilità dell’albergatore per il fatto dell’introduzione delle cose in albergo, questa
è una diretta conseguenza del
contenuto del contratto alberghiero in cui è compreso l’obbligo
accessorio di garantire il cliente da
eventuali danni alle cose. Tale
responsabilità, come detto poc’anzi, è però limitata al valore dell’oggetto, fino all’equivalente di
cento volte il prezzo di locazione
dell’alloggio per giornata.
La limitazione di responsabilità
incontra però dei limiti e, principalmente per quanto previsto dall’art. 1785-bis C.C. che prevede
una responsabilità per colpa dell’albergatore, senza che egli possa
invocare il limite previsto dall’ultimo comma dell’art. 1783, quando il deterioramento, la distruzione o la sottrazione delle cose portate dal cliente in albergo sono
dovuti a colpa sua, dei membri
della sua famiglia o dei suoi ausiliari.
pagina 39
L’accertamento della colpa in
capo all’albergatore può anche
non basarsi su un’azione o
un’omissione (ad. es., la mancata custodia del quadro chiavi
della portineria), ma sulla constatazione di una mancanza
strutturale attinente alla organizzazione stessa dell’impresa
alberghiera (ad es., il fatto che
le serrature delle camere fossero uguali e pertanto apribili con
una qualunque delle chiavi a
disposizione dei clienti).
Trova quindi conferma il principio
secondo il quale la colpa dell’albergatore può derivare dalla stessa
organizzazione dell’impresa, per
imprudente omissione degli accorgimenti idonei a salvaguardare i
beni recati dal cliente.
Certo, il cliente deve provare che
il furto sia stato commesso e anche
fornire prova del valore di quel
che gli è stato rubato. E soprattutto non denunciare il fatto con ritardo ingiustificato. In caso contrario
infatti egli potrà avvalersi dei
diritti che la legge gli garantisce
per il risarcimento del danno; un
ritardo nella denuncia può essere
accettato solo se supportato da
valide motivazioni; il clienti infatti ha il dovere di non disinteressarsi delle proprie cose e di prendere
le opportune cautele.
La responsabilità dell’albergatore
diventa invece illimitata (art. 1784
del Codice civile) quando le cose
gli siano state consegnate in custodia o abbia rifiutato di ricevere in
custodia determinati beni che
aveva l’obbligo di accettare (cartevalori, denaro contante, oggetti
preziosi). In quest’ultimo caso può
rifiutare di riceverli solo nel caso
si tratti di oggetti pericolosi o che,
tenuto conto dell’importanza e
delle condizioni di gestione dell’albergo, abbiano un valore
eccessivo o una natura ingombrante.Il cliente, sul quale non grava
l’obbligo di affidare le cose portate in albergo all’albergatore, ha
diritto ad ottenere il risarcimento
del danno nel caso di sottrazione
delle stesse.Si tratta di un’obbliga-
zione di valore e non di valuta.
Difatti, come ha precisato la
Suprema Corte: “in tema di deposito, venuta a mancare per fatto
imputabile al depositario, la restituzione della cosa, sorge, a carico
di quest’ultimo, l’obbligazione del
risarcimento del danno, intesa a
rimettere il depositante nella stessa condizione economica in cui si
sarebbe trovato se la restituzione
in natura fosse stata eseguita”
(Cass. Civ. 07/03/1966 n. 656).
Le parti, però, possono sin dal
momento della conclusione del
contratto, convenire la misura del
risarcimento spettante al depositante, indicando nella ricevuta di
custodia, o in altro documento, il
valore delle cose depositate a
momento della consegna.
Tale indicazione di valore non
opera quale limite all’obbligo al
risarcimento gravante sul depositario, costituendo una delimitazione dell’oggetto del contratto
(Cass. Civ. 01/08/1995 n. 8389).
Quando, invece, la cosa depositata
in albergo sia costituita da una
somma di denaro, l’obbligo che
grava sull’albergatore è quello di
custodire e restituire la stessa
somma di denaro.
Limiti di responsabilità e responsabilità per colpa.
Ai sensi dell’art. 1785 c.c., l’albergatore non è responsabile quanto il
deterioramento, la distruzione o la
sottrazione sono dovuti:
-al cliente, alle persone che l’accompagnano, che sono al suo servizio o che gli rendono visita;
-a forza maggiore;
-alla natura della cosa.
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 40
6 - 19 Giugno 2014
Intervista a BEPPE LEONCINI,
batterista storico della Steve Rogers Band
La Steve Rogers Band: una band
storica, in Italia. Raccontaci le
tappe piu’ importanti, dagli esordi
fino ad oggi. Quando nasce e quali
sono le tappe piu’ importanti da
ricordare?
ll nome Steve Rogers Band nasce per
caso da Guido Elmi ( produttore sia
di Vasco che della Steve) che rispondendo ad una telefonata disse “ Pronto , sono Steve Rogers...”, e da quel
momento diventò il nome della band
che accompagnava Vasco e che era
composta da Maurizio Solieri, Massimo Riva , Mimmo Camporeale,
Andrea Righi al basso e Roberto
Casini alla batteria .Solo in un secondo tempo entrano Claudio Gallo
Golinelli al basso, Daniele Tedeschi
alla batteria e Andrea Innesto al sax.
La Steve accompagna Vasco sul palco
nei vari concerti e pian piano si fa
spazio nel panorama musicale pubblicando alcuni brani , ma più a livello di immagine che come band autonoma , e difatti alle registrazioni partecipano diversi turnisti e l’immagine
del gruppo è limitata a quattro elementi , Innesto , Riva , Solieri , e
Golinelli. Esce anche un album dal
titolo “ I Duri non ballano “ ( sempre
con la partecipazione di alcuni turnisti ) che riscuote un discreto successo
. È solo nel 1988 che la band esce con
l’album “Alzati la gonna “ ed in quell’occasione entro io alla batteria e
visto il successo dell’album , la band
assume una sua immagine autonoma
. Poi per vari motivi la band decide di
lasciare Vasco e di camminare da sola
. Si sono susseguiti quattro anni
molto intensi , divisi tra concerti,
televisioni , interviste e uscite di altri
due album....anni in cui la nostra vita
era veramente sex and drugs and R
‘n’R. Ogni nostro concerto e dopo
concerto era una festa che continuava
anche in hotel dove si faceva casino
fino al mattino .Poi dopo il tour del
1991 per dissapori tra Riva e Solieri
la band si è sciolta ma in un modo o
nell’altro abbiamo continuato a colla-
borare tra di noi ...Riva con i suoi
progetti da solista , io Gallo e Maurizio con i Class ,poi con Proce-Solieri . Io nel frattempo ho suonato nei
dischi dei Vernice e partecipato al
loro tour e promozioni televisive , ho
suonato nei due primi album di Clara
and The Black Cars , Marco Conidi e
altri artisti ancora .
Che ricordo hai oggi di Massimo
Riva? Quando e’ morto, esattamente, a che punto della sua carriera si trovava la Steve Rogers
Band? E del “dopo” Massimo
Riva, che cosa esattamente vuoi
raccontarci? Come e’ cambiata la
band, sia dal punto di vista professionale ma anche umano tra di voi?
Purtroppo la morte di Massimo è
stata un duro colpo , perché oltre che
un amico e un grande uomo da palcoscenico , Massimo era lo spirito della
Steve e proprio in quel periodo si parlava di una Reunion che purtroppo
c’e stata solo dopo ma con una formazione diversa . Da questa Reunion
é uscito un cd live che si chiama Questa sera R’n’R al quale è seguita una
serie di concerti con vari elementi
aggiunti , ma diciamo che l’anima
della Steve è sempre stata quella di
Solieri, Gallo, Camporeale e Leoncini....e Massimo è sempre stato ben
presente con noi sul palco ....pur non
fisicamente . per un certo periodo è
rientrato anche Andrea Innesto che
aveva lasciato la band fin dall’inizio .
Con Vasco Rossi che rapporti avete
oggi? Quando l’hai visto l’ultima
volta?
Io con Vasco non ho mai avuto rapporti stretti , ma essendomi trovato in
alcune occasioni a parlare a lungo
con lui , posso dire che lo ritengo un
artista estremamente sensibile ed
intelligente ...non gli sfugge niente e
non fa mai niente a caso ...sa aspettare sulla sponda del fiume .
I tuoi imminenti, impegni quali
sono? Dove possiamo venire ad
ascoltarti?
Progetti attuali ? Beh , per quanto
riguarda la Steve richieste ce ne sono
ma il problema è trovarci tutti liberi
da altri impegni ...diciamo che la
porta è sempre aperta . Io personalmente dopo aver collaborato anche al
primo disco da solista di Maurizio
Solieri ed aver suonato in vari concerti della Solieri band , sto suonando
un po’ di tutto e con tutti , che siano
cover di Vasco o rock band . Ultimamente ho partecipato alla Lunga notte
della batteria che ha visto la partecipazione di grandi musicisti nazionali
, da Tullio de Piscopo , a Ellade Bandini, Maxx Furian, Paolo Pellegatti ,
Christian Meyer , Giuseppe Cacciola
e tanti altri top drummers.
Lisa Bernardini
IL GIORNALE DEL LAZIO
6 - 19 Giugno 2014
pagina 41
dalla
Regione
di Bruno Jorillo
DUE IMMOBILI DI PREGIO IN PROVINCIA
DI LATINA TRA LE PROPRIETÀ
DELLA REGIONE LAZIO
Ci sono due immobili di pregio in provincia di Latina
tra le proprietà della Regione Lazio che verranno vendute o valorizzate nei prossimi anni dall'amministrazione di Nicola Zingaretti. Per la prima volta sono stati
raggruppati per tipologia: è il primo effetto dell'accordo
tra Regione Lazio e Agenzia del Demanio dello scorsonovembre, che oggi conclude la sua prima fase.
Sono state prese in considerazione 6280 unità, che sono
Albergo al lago Sabaudia
state classificate in 662 compendì. Il valore del patrimonio riclassificato è di circa 1,4 miliardi di euro, ma
si tratta, ha spiegato l'assessore al Bilancio Alessandra
Sartore, di un valoredi inventario, che potrebbe essere e molto probabilmente sarà - ben diverso dal valore di
vendita a mercato. «Bisogna essere realistici - ha detto
- Ma nel documento di programmazione economica
2014-16 abbiamo immaginato 100 milioni l'anno per
dieci anni da questo lavoro».
A Sabaudia la Regione metterà in vendita l'Albergo al
Lago, lo storico edificio che era di proprietà dell'Apt ed
è passato alla Regione dopo lo sciogliemnto delle
Aziende di promozione turistica. Mentre a Ponza la
Regione intende valorizzare Villa Le Tortore, comprata
nel 2004 e mai utilizzata.
CULTURA: DUE NUOVI BANDI PER IL
SOSTEGNO A PROGETTI INNOVATIVI
Due nuove opportunità dalla Regione per sviluppare
nuovi prodotti tecnologici e per la promozione della
cultura e di eventi culturali
Ecco i due nuovi bandi per finanziare i progetti innovativi nell’ambito della cultura. Si può partecipare ai
bandi fino al 15 luglio 2014 e ogni progetto può ricevere un contributo massimo di 40mila euro.
“New book”, per realizzare nuovi eBook e applicazioni
digitali. Grazie a questi prodotti all’avanguardia, sosteniamo in modo concreto l’innovazione nell’editoria
digitale e anche valorizzare i cataloghi delle case editrici. Grazie alle potenzialità degli strumenti interattivi e
multimediali, possiamo favorire esperimenti, scambi e
diffusione di contenuti liberi dal diritto di autore. Scarica il bando
“Cultura Futura”, per promuovere la progettazione e lo
sviluppo di applicazioni e piattaforme per computer,
smartphone e tablet. L’obiettivo è far conoscere e valorizzare il territorio, i beni culturali e paesistici, gli spettacoli dal vivo e i servizi culturali. Grazie a dei programmi innovativi, infatti, possiamo sostenere la distribuzione e la realizzazione di contenuti ed eventi culturali, come mostre, esposizioni ed eventi dal teatro, alla
musica, alla danza. Scarica il bando
AGRICOLTURA: 33 MLN DI EURO. NUOVI
BANDI PER INNOVAZIONE DELLE AZIENDE E
TURISMO RURALE
“La Regione Lazio ha attivato tre nuovi bandi del Programma di Sviluppo Rurale finanziandoli con 33 milioni di euro di contributo pubblico per la realizzazione di
interventi di ammodernamento delle aziende agricole
(10 milioni), per l’insediamento di giovani agricoltori
(10 milioni) e per lo sviluppo delle attività turistiche
nelle aree rurali (13 milioni)”.
Lo dichiara l’assessore all’Agricoltura della Regione
Lazio, Sonia Ricci.
“Con la delibera approvata dalla Giunta Zingaretti – ha
aggiunto l’assessore Ricci – sosteniamo gli interventi
per l’acquisto di nuove macchine e di attrezzature agricole (misura 121), per il primo insediamento agricolo
con un premio pari a 40.000 euro, il massimo oggi consentito dalla regolamentazione comunitaria (misura
112), e per la realizzazione di servizi e di infrastrutture
innovative a favore del turismo nelle aree rurali (misura 313). Obiettivo di tutte le misure vogliono essere i
giovani, aiutandoli nella gestione delle imprese e stimolando la diffusione delle innovazioni e delle attività
multifunzionali dell’agricoltura”.
“Con l’apertura di questi nuovi bandi, inoltre – ha concluso la Ricci - la nostra amministrazione garantisce il
regolare avanzamento del PSR 2007/2013 e il pieno
utilizzo delle risorse comunitarie ancora disponibili”.
Le domande di accesso agli aiuti dovranno essere presentate entro 60 giorni dalla pubblicazione della delibera di Giunta sul Bollettino Ufficiale della Regione.
PRESTO IL PRIMO HOSPICE
PEDIATRICO DEL LAZIO
La Regione garantisce la continuità delle cure e dell’assistenza specialistica per i pazienti tra 0 e 18 anni e dà
una risposta ai bambini e alle famiglie che affrontano la
fatica e l’ansia di una malattia oncologica
ll primo hospice pediatrico del Lazio. A realizzarlo sarà
l’ospedale Bambino Gesù, una struttura d’eccellenza
riconosciuta a livello nazionale per l’assistenza da 0 a
18 anni.
L’obiettivo della Regione è proprio quello di garantire
la continuità delle cure e dell’assistenza specialistica
per i pazienti tra 0 e 18 anni. Il nuovo hospice avrà 10
posti letto e 40 domiciliari.
Sarà un centro di riferimento per le cure palliative e la
terapia del dolore pediatrico, non solo dal punto di vista
clinico e organizzativo ma anche per quanto riguarda la
formazione e la ricerca.
La realizzazione. Il piano attuativo dovrà essere presentato entro 90 giorni. Sarà la struttura ospedaliera a
sostenere i costi per la costruzione della struttura, per
gli impianti, la strumentazione, la dotazione alberghiera e il pagamento personale. Successivamente sarà
adottato anche il sistema di tariffazione per le prestazioni in regime residenziale.
“La decisione di affidare la realizzazione di un hospice
pediatrico ad una struttura d’eccellenza riconosciuta a
livello nazionale per l’assistenza da 0 a 18 anni – ha
detto il presidente, Nicola Zingaretti – colma un vuoto
nel sistema sanitario regionale e fornisce una risposta ai
bambini alle prese con la fatica e l’ansia derivate da una
patologia oncologica e alle loro famiglie nel Lazio e nel
resto del Paese. La scelta di fare della nuova struttura
un centro di riferimento regionale- ha detto ancora Zingaretti- significa mettere a disposizione del nostro sistema un modello assistenziale e un patrimonio di esperienze e conoscenze che in questo modo diventa bene
comune”.
L’IMPEGNO DELLA REGIONE PER LA NASCITA
DEL POLO EUROPEO DELL’INDUSTRIA DELLO
SPETTACOLO E DELLA COMUNICAZIONE
Dal sostegno alla nascita e allo sviluppo di nuove
imprese, alle sinergie con le strutture esistenti e con le
università. Ecco le iniziative della Regione per favorire la nascita del Polo Europeo dell’Industria dello Spettacolo e della Comunicazione
La Regione al lavoro per il Polo Europeo dell’Industria
dello Spettacolo e della Comunicazione che aprirà a
Formello, in provincia di Roma. È stato firmato un
accordo insieme alla Provincia di Roma e al comune di
Formello.La Regione contribuirà in diversi modi alla
realizzazione del Polo e in particolare per:
Favorire la nascita e lo sviluppo di nuove imprese e di
insediamenti produttivi moderni e innovativi. Diversi
gli strumenti messi in campo: l’internazionalizzazione,
il sostegno delle start up, le reti di impresa, le facilitazioni per l’accesso al credito. La Regione lavorerà
anche nell’ambito della prossima programmazione Por
2014/2020.
Creare sinergie con le strutture esistenti per potenziare
il sistema produttivo locale dell’audiovisivo. La Regione intende farlo anche collaborando, ad esempio, con
gli insediamenti radiotelevisivi di Saxa Rubra.
L’impegno per la formazione. Insieme alle Università
del Lazio la Regione sostiene anche i cittadini e i giovani che vogliono specializzarsi in questo settore. E poi
sarà avviato il percorso per aprire un Istituto Tecnico
Superiore specifico per chi vuole intraprendere questa
strada.
“Un segnale concreto con cui intendiamo sostenere il
territorio della provincia. L’obiettivo dell’intesa – ha
detto il presidente, Nicola Zingaretti - è quello di creare le condizioni affinché sia possibile la concentrazione
di servizi e funzioni altamente specializzate in seno a
una nuova area produttiva, a specialistica vocazione nel
settore delle tecnologie della medialità e della comunicazione”.
“La sottoscrizione di questo protocollo è pienamente in
linea con la politica regionale tesa all’attivazione di
ogni strumento utile a favorire la nascita e lo sviluppo
di nuovi insediamenti produttivi – è il commento di
Guido Fabiani, assessore allo sviluppo economico e
attività produttive, che ha aggiunto: a questo fine garantiremo il massimo accesso possibile alle opportunità
presenti nei piani regionali di crescita, formazione, sviluppo e finanziamento e agli strumenti finanziari europei, in particolare quelli in via di definizione nel quadro
della prossima programmazione Por 2014/2020”.
DALLA REGIONE UN NUOVO AIUTO ALLE
IMPRESE CHE VOGLIONO PUNTARE SUL
RISPETTO DELL’AMBIENTE
Ecco le novità dell'accordo che la Regione ha stretto
con Gse, la società ‘'Gestore dei servizi energetici'
La Regione firma una convenzione con Gse’, la società ‘'Gestore dei servizi energetici'.
Un call center dedicato all’energia pulita, per dare un
servizio in più alle imprese che potranno ottenere tutte
le informazioni su incentivi, fonti rinnovabili ed efficienza energetica. È uno dei primi risultati della convenzione.
Iniziative e progetti. L’obiettivo è sempre lo stesso:
favorire la diffusione delle energie pulite e dell'efficientamento energetico nel Lazio. Tra le altre cose
saranno coinvolte, ad esempio, anche le strutture sanitarie e gli enti che gestiscono l'edilizia residenziale pubblica.
Assistenza alle imprese su progettazioni, bandi europei,
analisi dei mercati e possibili partnership. È un altro
punto fondamentale della convenzione: Gse, con la sua
esperienza, sarà vicina alle imprese in tanti modi.
"Il Gse è una struttura pubblica al 100 per cento e questo protocollo, che non ci costa nulla, è un servizio in
più per chi crede nello sviluppo sostenibile: non solo
negli incentivi ma anche nel cambiare in meglio il
modo di vivere – lo ha detto il presidente, Nicola Zingaretti".
"La Regione ha bisogno di accelerare alcuni processi di
connessione – è il parere di Fabio Refrigeri, assessore
all’ambiente, che ha aggiunto: Siccome non abbiamo
l'ambizione di fare tutto noi, facciamo fare bene a chi sa
fare. Su questo il Gse e' un grandissimo partner, può
aiutare non solo nell'immediatezza con consulenze e
pratiche, ma anche in prospettiva sulla costruzione di
bandi europei, quindi anche in un processo di internazionalizzazione delle nostre imprese".
Ascolta la radio anche dal tuo
Smartphone/Tablet. Scarica l’App.
gratuita Radio Lazio Sud su Google Play
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 42
ANZIO
La Città di Anzio, anche per il
2014, è l’unica Bandiera Blu
della Provincia di Roma!
A ritirare l’ambito riconoscimento, assegnato dalla Fee
(Foundation for Environmental Education), presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’Assessore alle Politiche
Ambientali, Patrizio Placidi ed
il Consigliere Comunale delegato alle iniziative turistiche,
Luciano Bruschini.
“Si tratta di un riconoscimento
importantissimo - dichiara
l’Assessore alle Politiche
Ambientali, Patrizio Placidi che certifica l’ottimo lavoro
dell’Amministrazione rispetto
alla raccolta differenziata, alla
tutela della aree verdi ed a tutta
una serie di servizi alla cittadinanza. Nei prossimi giorni,
con la consegna dei kit, estenderemo la raccolta porta a
porta ad altre 2000 utenze ed
adotteremo, in vista dell’arrivo
della stagione estiva, i dovuti
accorgimenti per migliorare il
servizio al centro storico.
Inoltre – conclude l’Assessore
Placidi - realizzeremo quattro
isole ecologiche sorvegliate,
per il conferimento dei rifiuti
differenziati, in località Padiglione, a Lido dei Pini, a Villa
Claudia ed alle porte del centro
cittadino nell’area parcheggio
La Piccola”.
L’obiettivo principale del programma Bandiera Blu è pro-
6 - 19 Giugno 2014
Bandiera Blu per Anzio, la 5a consecutiva
per l’Amministrazione Bruschini
muovere nei Comuni rivieraschi una conduzione sostenibile del territorio, attraverso una
serie di indicazioni che mettono alla base delle scelte politiche l’attenzione e la cura per
l’ambiente. Ai fini della valutazione, la qualità delle acque
di balneazione e considerata
un criterio imperativo, solo le
località le cui acque sono risultate eccellenti, possono presentare la propria candidatura.
Tra gli altri criteri presi in
esame si trovano anche: la
depurazione delle acque
reflue, la gestione dei rifiuti, la
regolamentazione del traffico
veicolare, la sicurezza ed i servizi in spiaggia.
“Ringrazio gli Uffici del
IMU, TARI, TASI:
informazioni dal Comune
Il Comune di Anzio comunica ai cittadini contribuenti le scadenze e modalità di pagamento dei tributi. Per quanto riguarda l’IMU
riferito ad immobili diversi dall’abitazione principale, l’acconto
deve essere versato per gli immobili non esenti entro il 15 giugno
2014, nelle misura del 50% dell’ imposta calcolata applicando l’
aliquota del 10.60 per mille utilizzando il modello F24 con i
medesimi codici tributo dell’ anno precedente. Per la tassa sui
nostro Ente, in particolare
l’Ufficio Ambiente nella persona dell’Ing. Dell’Accio, per
la conquista della Bandiera
Blu 2014 - ha detto il Sindaco
di Anzio, Luciano Bruschini resa possibile anche grazie alla
fondamentale collaborazione
dei Cittadini che rispettano
l’ambiente”.
I criteri del Programma Bandiera Blu vengono aggiornati
periodicamente in modo tale
da spingere le amministrazioni
locali partecipanti ad impegnarsi per risolvere, e migliorare nel tempo, le problematiche relative alla gestione del
territorio al fine di una scrupolosa salvaguardia ambientale.
“La Bandiera Blu 2014 – affer-
ma il Consigliere Comunale
delegato alle iniziative turistiche, Luciano Bruschini – è un
riconoscimento di primaria
importanza che, insieme al
patrimonio storico, archeologico e naturalistico del nostro
territorio, sarà utilizzato dall’Amministrazione per la promozione turistica di Anzio”.
La Bandiera Blu è assegnata
dalla FEE, Foundation for
Environmental
Education
(Fondazione per l'Educazione
Ambientale) fondata nel 1981,
un'organizzazione internazionale non governativa e nonprofit con sede in Danimarca.
La FEE agisce a livello mondiale attraverso le proprie
organizzazioni ed è presente in
più di 60 paesi nel mondo (in
Europa, Nord e Sud America,
Africa, Asia e Oceania). L'obiettivo principale dei programmi FEE è la diffusione
delle buone pratiche ambientali, attraverso molteplici attività
di educazione, formazione e
informazione per la sostenibilità. I programmi internazionali FEE hanno il supporto e la
partecipazione delle due agenzie dell'ONU: UNEP (Programma delle Nazioni Unite
per l’ambiente) e UNWTO
(Organizzazione Mondiale del
Turismo) con cui la FEE ha
sottoscritto un Protocollo di
partnership globale. Le attività
della FEE Italia sono certificate secondo la norma ISO 90012008.
Psicologia a merenda:
incontri alla Mediateca di Anzio
Interessante iniziativa a cura
della dottoressa Tiziana Franceschini, psicologa dell’età evolutiva, psicoterapeuta clinica, che
si è tenuta nella Mediateca di
Anzio, incontri tematici con
ingresso libero. Al centro dell’attenzione il tema della rabbia
nei bambini. “ La rabbia, una di
quelle emozioni che può metterci più a dura prova nelle relazioni familiari, educative e
sociali. Parliamo del perché la
rabbia si esprima in modo così
dirompente nell’infanzia, collegandola allo sviluppo cognitivo
e affettivo del minore, così da
conoscere meglio il funzionamento della sua psiche. Come
sempre, cerchiamo di approfittare di queste riflessioni per
portare maggiore consapevolezza a noi stessi ed al nostro comportamento non verbale. Cosa
facciamo quando ci arrabbiamo? Quale esempio diamo ai
nostri figli ed alle nostre figlie?
Quali strategie gli stiamo suggerendo per trasformare le emozioni negative? In che modo è
possibile utilizzare l’energia
che la rabbia racchiude per convertirla in qualcosa di costruttivo? Parliamo del significato
relazionale della rabbia e dell’importanza di imparare a leggere questo livello sottile di
comunicazione, per rispondere
ai bisogni del bambino, per
contenere amorevolmente la
sua così detta Ombra”. Negli
incontri pomeridiani è stato
appofondito anche il tema dei
disturbi psicosomatici, che possono indurre nei genitori molta
preoccupazione e un senso di
impotenza. Sono disturbi spesso
correlati ad una bassa autostima
e a specifiche modalità familiari di gestire le emozioni negative. Parlando di corpo tocchiamo il tema della nostra identità
e del rapporto tra il corpo e la
mente, che codifica segnali e
sensazioni fisiche. La ricerca di
una consapevolezza, tema centrale in psicologia, in questo
caso riguarda non solo il la
mente, ma anche il corpomente,
inteso come un’unità inseparabile.
Consuelo Noviello
Il sindaco Bruschini rassicura i cittadini
Rifiuti, la TARI, ai cittadini saranno inviati avvisi di pagamento
con scadenza 30 giugno, sulla base delle tariffe del 2013, in attesa dell’approvazione del Piano Finanziario per l’anno 2014. Le
altre due scadenze della TARI saranno 30 settembre e 30 dicembre 2014. Si ricorda ai contribuenti che è stato realizzato un cassetto tributario sul sito www.comune.anzio.roma.it dove, con una
semplice iscrizione, sarà possibile consultare la propria posizione tributaria e stampare l’avviso di pagamento, eliminando qualunque ed eventuale disguido di recapito. Per la TASI, la Tassa
servizi indivisibili istituita dallo Stato, l’Amministrazione comunale, per andare incontro alla cittadinanza e vista la proroga del
Governo, ha rinviato l’approvazione della delibera riferita alle
aliquote TASI e quindi i contribuenti interessati non sono tenuti
ad effettuare il versamento in acconto di giugno.
Consuelo Noviello
Il sindaco di Anzio, Luciano Bruschini,
tranquillizza i cittadini, in merito al suo
stato di salute dicendo: “In questi ultimi mesi ho attraversato un periodo di
salute non semplice dal quale mi sto
riprendendo ma, allo stesso tempo,
vorrei tranquillizzare tutti che godo di
ottima salute e che resterò alla guida
dell’Amministrazione, per attuare il
programma scelto dai cittadini, fino
all’ultimo giorno del mandato che scadrà nel 2018. L’Italia attraversa un delicato periodo economico che si riflette
sui Comuni e quindi anche su Anzio
ma, ne sono certo, riusciremo a mettere in campo le azioni necessarie per
avviare, nonostante le difficoltà, una
fase di sviluppo economico ed occupazionale che sarà anche collegata alla realizzazione del nuovo Porto
ed al prossimo inizio dei lavori. Siamo tranquilli e sereni, andiamo avanti per dare risposte alla cittadinanza”.
Consuelo Noviello
IL GIORNALE DEL LAZIO
6 - 19 Giugno 2014
pagina 43
NETTUNO Visita Pastorale al Vicariato di Nettuno, Mons. Semeraro ha visitato
la comunità parrocchiale di Santa Barbara Vergine e Martire
Dal 16 al 18 maggio, il Vescovo della Diocesi di Albano,
Monsignor Marcello Semeraro, ha visitato la Parrocchia
Santa Barbara Vergine e Martire di Nettuno. Accolto venerdì
mattina dal Parroco Don Luca
De Donatis, ha visitato brevemente la Chiesa parrocchiale
di via San Benedetto Menni, le
aule della Catechesi e l’attiguo
oratorio parrocchiale. Subito
dopo, il Vescovo si è recato
nella vicina scuola dell’infanzia “Santa Paola Elisabetta
Cerioli”, gestita dalle Suore
della Sacra Famiglia: qui, è
stato accolto dalle religiose,
dalle insegnanti, dal personale
scolastico e da un centinaio di
bambini festanti. La Visita
pastorale è proseguita nell’Istituto per Ispettori di Polizia di
via Santa Barbara dove il
Vescovo era atteso dal Direttore della struttura, dai Poliziotti
che qui prestano servizio, da
quelli in congedo e dal gruppo
delle “Fiamme Oro”. Dopo
essersi recato a visitare due
ammalate della Parrocchia
nelle loro abitazioni, il Vescovo è stato accolto dagli alunni
della scuola dell’infanzia e primaria “Santa Barbara” dove
gli alunni hanno intonato tre
canti in suo onore.
Nel pomeriggio, Monsignor
Semeraro ha raggiunto la casa
di cura “Villa Miramare”,
gestita dalle Suore Ospitaliere
del Sacro Cuore di Gesù, ha
incontrato una delegazione
dell’Associazione Nazionale
Finanzieri d’Italia e ha visitato
il centro sociale per anziani
“Franco Romani”. La giornata
si è conclusa con la celebrazione eucaristica vespertina e l’incontro dei Consigli pastorale e
quello per gli affari economici
della parrocchia.
Domenica mattina, alle ore 11,
accompagnato dai convisitatori Monsignor Carlino Panzeri,
Monsignor Gualtiero Isacchi e
Don Jourdan Pinheiro e affiancato da Don Luca De Donatis e
Don Giovanni Vidoni, il
Vescovo ha presieduto la concelebrazione
Eucaristica
comunitaria nel parco dell’ora-
torio. In chiusura, prima della
benedizione e dopo i ringraziamenti del Parroco, Monsignor
Semeraro ha annunciato, tra
scroscianti applausi, l’impegno della Diocesi nell’acquisire dalla Santa Sede la proprietà del parco dell’oratorio, al
fine di programmare concrete
iniziative future per lo sviluppo della Parrocchia più giovane della Diocesi albanense.
Bambini e adulti protagonisti della quinta edizione della Festa dello Sport:
presenti gli atleti Francesco D’Aniello, Luca Fusi e Silvio Branco
Un grande successo di pubblico ha
caratterizzato la Festa dello Sport arrivata quest’anno alla sua quinta edizione.
Tantissimi stand hanno colorato per due
giorni una parte della Marina di Nettuno, area dove per la prima volta si è
svolta la manifestazione. Bambini delle
scuole elementari, ma anche ragazzi e
famiglie hanno preso parte a questo
evento con entusiasmo, visitando tutti
ni come la Festa dello Sport, – ha
dichiarato il Presidente Viola – servono
non soltanto a diffondere il valore del
messaggio legato allo sport, rafforzato
dalla partecipazione di molti studenti
della scuola primaria, ma consolidano
il legame che le istituzioni stringono con
il proprio territorio. Il risultato è la consapevolezza che un sano e corretto stile
di vita possa sposarsi perfettamente con
gli stand presenti e facendo prove pratiche delle varie discipline presentate
dalle associazioni territoriali sportive
che hanno aderito.
Campioni olimpici come il nettunese
Francesco D’Aniello, il pluridecorato
nel nuoto gran fondo Luca Fusi e l’atleta di fama mondiale Silvio Branco sono
arrivati alla Festa dando la loro testimonianza di grandi sportivi e appassionati,
rispondendo anche alle domande che gli
sono state poste da alcuni bambini. Una
presenza importante è stata poi quella
del Presidente Regionale del C.O.N.I.
Riccardo Viola che ha tenuto a battesimo la Festa dello Sport di Nettuno,
seguendola sino ad oggi: “Manifestazio-
il divertimento e la condivisione di un
momento sereno, senza limitazione
d’età e di ceto sociale”.
Il Sindaco Alessio Chiavetta ha dichiarato: “E’ un piacere vedere come ogni
anno aumenti il numero di persone,
soprattutto fra i giovani, che aspettano
l’arrivo di questo evento per condividere tutti insieme un momento di svago
dedicato all’attività fisica, al tempo
libero e alla conoscenza dell’offerta
sportiva presente sul territorio. Questa
manifestazione, voluta con forza da questa Amministrazione e curata sempre in
maniera impeccabile dall’Assessorato
allo Sport dell’Assessore Luigi Visalli, è
la celebrazione dello sport nella sua
forma più bella, quella praticata con
passione da adulti e ragazzi, ma soprattutto dai bambini che, divertendosi,
imparano l’importanza di coltivare una
passione con disciplina e forza di volontà, caratteristiche che li aiutano nella
crescita”.
Red.
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 44
6 - 19 Giugno 2014
Il Presidente della Tyrrhenum scomparso prematuramente
POMEZIA Ciao Gianni, Pomezia saluta una delle sue anime
Quando, quel 22 maggio, ho aperto la mia posta elettronica davanti
a me sono apparse due semplici
parole: “Ciao Gianni”. Di comunicati me ne arrivano tutti i giorni
e di tutti i tipi, quindi, lì per lì ho
pensato ad una battuta. Ma quando
l’ho letto sono rimasta senza parole.
Quel “Ciao Gianni” era l’annuncio
di un addio avvenuto pochi giorni
prima. A lasciarci, a lasciare la sua
Pomezia, dove si era stabilito da
tantissimi anni, era stato Gianni
di Spirito, appena 56 primavere
sulle spalle. Il sovrapporre istintivamente nella mia mente la sua
immagine dinamica, briosa, vulcanica con l’oblio sulla sua persona
è stato strano, stridente, sconvolgente. Pomezia deve tantissimo a
lui per tutto quello che ha fatto per
dare un’anima ad una città tutto
sommato ancora giovane ma che
venne edificata su un territorio
dove la Storia ha palpitato.
E questo Gianni lo avvertiva profondamente e si è sempre gettato
con entusiasmo alla scoperta di
queste sue radici così importanti.
Lui non solo fatto di tutto per dare
un’anima a Pomezia, ma ne è stata
un’anima che ha fatto sì che il territorio sia stato valorizzato evitando, con la sua abnegazione, che
fosse noto solo per essere un polo
industriale.
La notizia per la sua dipartita ha
colto tutti alla sprovvista. Facile
immaginare che lui, combattente
nel suo cuore, non volesse turbare
chi gli voleva bene e lo stimava e
continuava a portare – e a far portare – tenacemente ed entusiasticamente le tante iniziative che era
riuscito a mettere in cantiere. Lui
che stava portando avanti la sua
battaglia per la vita continuava a
trasmettere la sua energia. La sua
fiamma forte è vigorosa si è giorno dopo giorno affievolita. Si è
spenta… ma si è spenta solo per il
tempo del battito di ali di farfalla.
Lui ci ha lasciato, ma la sia anima
brilla più che mai e la sua eredità è
forte. Dedichiamogli una strada o
una via importante, perché no?
Piazza Indipendenza potrebbe
portare il nome. Lui se lo merita
come tutti i pometini se lo meritano.
L’ULTIMA INIZIATIVA DI
GIANNI DI SPIRITO
Mentre lottava contro il male che
inesorabilmente lo stava consumando, lui, tenacemente, ha fatto
proseguire le tante iniziative della
sua creatura, l’Associazione
Tyrrhenum. Amava riscoprire le
radici di Pomezia e farle conoscere al mondo (suoi i meriti anche
per il gemellaggio con l’Antica
Troia), così come amava organizzare, assieme ai tantissimi e altrettanto entusiasti associati, manifestazioni per ricostruire atmosfere
di epoche lontane con ricostruzioni di cerimonie e cene a tema.
Un elenco troppo lungo da fare.
Qui si ricordano solo Gemellaggi
con Troia e Itaca sulle orme di
Enea, le battaglie per la salvaguardia del Sughereto, di Torre Maggiore, di Petronella, del Pigneto, la
partecipazione, con il Gruppo Storico Lavinium, ai principali Festival di Cultura in giro per il mondo,
i premi di Poesia, Letteratura e Pittura, le conferenze di Archeologia,
la richiesta di istituzione dell’area
archeologica di Lavinium e di
apertura del Museo, etc.
La sua passione era anche quella
di scrivere commedie. Uno dei sui
ultimi desideri era proprio quella
di veder rappresentata l’ultima sua
“creatura”. Forse, in cuor suo,
avrebbe voluto potervi assistere,
ma questo non è stato possibile
perché era volato in cielo. Ma i
tanti della Tyrrhenum hanno voluto portare avanti questo suo desiderio e sicuramente condurranno
anche negli anni a venire tutta l’attività anche se con una profonda
tristezza dentro.
Anche quest’anno, infatti, superando non pochi ostacoli e difficoltà comprensibili, la Compagnia Teatrale “Talia” della
Tyrrhenum ha portato in scena la
22° commedia autoprodotta in 20
anni di attività, scritta dal presidente Di Spirito e diretta dalla
socia Ondina Cera. “Artù & Cì” è
un viaggio alla scoperta della storia di Re Artù e dei Cavalieri della
Tavola Rotonda, in chiave ironica.
Cambiano le culture e le epoche
trattate, non l’intento di far ridere
riflettendo sulla situazione attuale
(cosa che ha sempre caratterizzato
le opere scritte da Gianni Di Spirito) e promuovendo una speranza
di coesistenza e di convivenza
pacifica tra tradizioni e religioni
diverse.
Com’è nello spirito dell’Associazione anche quest’anno il numero
dei soci-attori era molto nutrito.
Infatti, ben 19 sono state le persone che si sono avvicendate sul
palco per interpretare i vari ruoli
delle 12 scene: Rita Andrenacci,
Giada Brencio (che si è trovata letteralmente da un giorno all’altro a
dover sostituire Paola Cangini,
colpita, proprio alla vigilia della
rappresentazione, da un lutto),
Francesca Romana Caponecchi,
Ugo Caponecchi, Ondina Cera, la
piccola Giorgia Colasante, la ballerina e coreografa Annamaria Di
Spirito, Annamaria Fabbrica,
Maria Pia Giorgio, Catia Giovannini, Enzo Iodice, Natale Luperi,
Francesco Mancini, Leonardo
Petrucci, Maria Ragni, Bianca Stefanelli, Danny Szlama, Giuseppe
Vargiu, Marica Vertechy e, seppure abbiano dovuto interrompere il
corso senza poter partecipare alla
rappresentazione finale, Oriana
Palmigiani e Angela Pisanu.
Il pubblico, come ogni anno
numerosissimo, ha risposto positivamente. Gli attori, “vecchi” e
“nuovi”, tutti non professionisti
ma animati dalla passione per il
teatro e, perché no, dalla voglia di
mettersi in gioco, hanno affrontato
con comprensibile emozione ma
anche determinazione, dopo mesi
di tormentate prove, un pubblico
che ha risposto con simpatia, tra
risate, applausi, complimenti e
curiosità, decretando ancora una
volta il successo della commedia,
e salutando i protagonisti con una
commovente standing ovation. Ma
l’ultimo saluto è stato per lo scomparso presidente: Ciao Gianni!
Fosca Colli
[email protected]
Il Comune dichiara guerra agli ecomostri
CRONACHE POMETINE
Che Pomezia sia stata sommersa dal cemento per anni e
che il suo litorale sia indicato sui libri di testo di Architettura come uno dei peggiori esempi al mondo di urbanizzazione è cosa risaputa. Ora le cose potrebbero cambiare, anche se minimamente. Preso atto delle brutture
presenti a ridosso della spiaggia (ma a dire il vero ce ne
sarebbero anche tante altre sparse per il territorio) finalmente il Comune ha deciso di usare il pugno di ferro. O
meglio, la ruspa in acciaio. Infatti, l’amministrazione guidata dal Sindaco Fabio Fucci ha dichiarato guerra agli
ecomostri e agli edifici abbandonati, simbolo di degrado
oltre a rappresentare un potenziale pericolo per la popolazione.
“Abbiamo intensificato i controlli della Sezione di Polizia
Ambientale del Comando Locale. Tra Pomezia e Torvaianica – ha spiegato il Primo Cittadino – esistono numerosi edifici abbandonati che versano in uno stato
di assoluto degrado e che, non solo restituiscono un’immagine negativa. La Polizia Locale ha già eseguito due importanti operazioni di controllo e verifica sull’ecomostro di piazza Ungheria a Torvaianica e sull’edificio abbandonato di via dei Castelli Romani 42 – ex Aiazzone/Unieuro – attualmente in
stato di fallimento”.
Dal sopralluogo, avvenuto il 20 maggio scorso, sul manufatto di piazza Ungheria è stato accertato che
l’area demaniale marittima oggetto di ordinanza del settore Tutela dell’Ambiente del 6 agosto 2009
per la demolizione delle opere abusivamente realizzate, previa delimitazione dell’area di cantiere al
fine della salvaguardia della pubblica incolumità. Analoga situazione riscontrata nell’edificio di via
Castelli Romani, dove sorgevano i punti vendita Aiazzone-Unieuro, durante il sopralluogo di ieri 26
maggio. In entrambi i casi è stato contestato un verbale di accertamento e violazione che prevede una
sanzione di 500 euro.
Fosca Colli
IV BIENNALE D’ARTE DI POMEZIA, AL VIA IL 15 GIUGNO
Dal 15 – 22 giugno, va di scena la IV Biennale d’Arte di Pomezia, la vetrina creativa
aperta alle arti visive organizzata dall’AssoPleiadiArte presieduta dal Maestro Surrealista Paolo Sommaripa. Saranno 8 giorni all’insegna della grande creatività e performances, musica d’autore, cultura. Il vernissage ci sarà domenica 15 giugno alle 18.00,
con la musica di Riff di basso elettrico di DinoKappa, autore creativo della musica italiana contemporanea. Il nome “Biennale” deriva dalla cadenza biennale della kermesse,
ha tuttora il fine di promuovere le nuove tendenze artistiche nelle arti contemporanee.
Scenario saranno la Torre Civica comunale e la Palestra di Via Pier Crescenzi, dove verranno esposti oltre ottanta dipinti e sculture di 34vartisti. Il tema guida scelto è “punto,
linea, superficie… colore”. L’esposizione intende così raccontare l’arte contemporanea
a 360°, attraverso il dialogo fra i dipinti e le sculture moderne, ma in special modo uno
stimolo all’avvicinamento tra artisti, in una sana e proficua collaborazione e confronto.
Il 18 e 19 giugno alle 18.00, conferenze e dibattiti su: “La pittura e l’arte contemporanea”.
(a cura di Fosca Colli)
CAMPUS SELVA DEI PINI, ATTIVATO IL PATTUGLIAMENTO
E’ partito il 28 maggio il nuovo servizio di vigilanza della Polizia Locale all’interno
Campus Selva dei Pini. Compito della municipale è quello di assicurare la tutela e salvaguardia del patrimonio pubblico. La postazione è dotata di telecamere di sorveglianza tese ad avere una completa visione delle zone sensibili dell’area verde circostante.
SOS - CUCCIOLI (MA ANCHE ADULTI) DA SALVARE
L’estate sta arrivando e torna la piaga dell’abbandono degli animali. Non sono pochi
quelli che si trovano poi a vivere una vita randagia oppure rinchiusi in un box. Quest’ultimo il triste destino di tanti cani rinchiusi nel canile pometino. I volontari dell’Associazione La Voce del Cane fa appello a chi ha buon cuore affinché li adotti. Ci sono
centinaia di splendidi cani di tutte le età, taglie e tipologie che attendono fiduciosi di
poter avere una famiglia “umana” in tutti i sensi. Ci sono perfino cagnolini di piccola
taglia e varie cucciolate abbandonate da gente senza cuore. Per adozioni tel. 3474956667 - 347-8768160 - [email protected] - www.lavocedelcane.org
IL GIORNALE DEL LAZIO
6 - 19 Giugno 2014
CISTERNA
Si prospetta come una partita
interna al centro destra il ballottaggio tra Mauro Carturan ed
Eleonora Della Penna: questo
l’esito del voto del 25 maggio
per le elezioni amministrative.
I dati delle europee hanno fatto
sperare altro, vale a dire il ballottaggio tra l’ex sindaco Antonello Merolla e Paolo Panfili
dal momento che il primo è
stato supporto dal partito vincente (Forza Italia) mentre il
secondo è stato sostenuto dal
Ballottaggio Carturan – Della Penna: chi vincerà?
Ma dopo il primo turno, a
Cisterna si persa ora al ballottaggio (l’8 giugno) e ad eventuali alleanze. Mauro Carturan,
staccando di 10 punti percentuali la seconda candidata sindaco, Eleonora Della Penna, sa
che la partita del ballottaggio è
una sfida a parte e del tutto
nuova. Con questa consapevolezza si stanno valutando i risultati e le possibili strategie da
mettere in campo, per affrontare al meglio il ballottaggio tra
Mauro Carturan
Partito democratico classificatosi al secondo posto… Ma
niente da fare. L’esito delle urne
ha completamente ribaltato il
risultato: 7028 voti per Carturan, 5026 per Eleonora Della
Penna.
Di seguito le posizioni degli
altri candidati sindaco: 3763 per
Paolo Francesco Panfili, 2874
per Antonello Merolla, 1970
per Maria Innamorato, 508 per
Riccardo Carletti.
due settimane. Le due coalizioni di liste civiche, che facevano
capo a Maria Innamorato e Riccardo Carletti, è possibile che
entrambi restino lontani da ogni
sostegno al ballottaggio. La
sfida è tutta interna al centrodestra, considerando anche il fatto
che la coalizione intorno a
Paolo Panfili, in corsa per il Pd,
vede liste civiche di centrodestra, o comunque gravitanti
intorno all’area politica dei
Prove tecniche per
il bus elettrico
Un giro lungo i percorsi tracciati dal PLUS a bordo di un
bus a zero emissioni. Nei giorni scorsi è stata effettuata una
prova tecnica finalizzata all’assegnazione dell’appalto per la
fornitura di due moderni bus a
trazione elettrica. Si tratta dello
stesso modello utilizzato a
Madrid, Barcellona, Firenze,
Roma; ospita 20 posti all’interno ed è dotato di una pedana
elettroidraulica per consentire
l’accesso ai disabili in carrozzella.
La verifica è stata effettuata sul
percorso di massima che i
mezzi dovranno effettuare una
volta entrati in servizio, vale a
dire quello che collega la piazza centrale al Municipio, ai servizi ASL, alla Farmacia comunale, alla stazione ferroviaria,
al cimitero, al Pronto Soccorso,
ai due parcheggi con copertura
fotovoltaica che proprio in questi giorni stanno per aprire i
cantieri. “Stiamo iniziando a
pagina 45
raccogliere i frutti di una programmazione – ha commentato
l’ormai ex sindaco Antonello
Merolla – iniziata quasi due
anni fa. Tutte le gare per i vari
progetti PLUS sono state indette e molte sono giunte o sono
prossime alla conclusione con
l’avvio dei lavori o delle forniture. Come nel
caso dei bus elettrici e prossimamente del bike
sharing. Stanno,
dunque, in questi
giorni e nelle
prossime settimane aprendo i
cantieri di opere
concrete (parcheggi fotovoltaici, piste ciclabili, ristrutturazione esterna di
Palazzo Caetani, ecc.) che verranno realizzate ed ultimate
entro agosto 2015, in linea con
quanto previsto dalla programmazione regionale e dai
PLUS”. “La prova tecnica del
bus elettrico - aggiunge - è perfettamente riuscita e questo ci
consente di proseguire con
celerità nell’espletamento finale della gara con la fornitura e
dotazione dei mezzi ad impatto
zero che andranno a costituire
una rete di comunicazione tra i
servizi di pubblica utilità così
da rendere più agevole, economica e rispettosa dell’ambiente
la loro fruizione per i cittadini
di Cisterna”.
Eleonora Della Penna
moderati. Per questo il sistema
delle alleanze è tutto da immaginare. Possibile un avvicinamento tra Carturan e il sindaco
uscente, Antonello Merolla,
sconfitto dalle urne. Dal versante di Della Penna un accordo
con Panfili non è escluso ma
nemmeno così probabile, vista
la difficoltà incontrata dal partito democratico sul nome del
proprio candidato. Sul fronte
delle preferenze sulle liste,
Forza Italia, in linea con il dato
delle europee, si conferma
primo partito a Cisterna, con il
9,38% di preferenze,
seguito a strettissima
ruota da Fratelli d’Italia, al 9,30% e più
indietro dal Pd, all’
8,06% e tutti gli altri
partiti.
Intanto, per gli
amanti dei conti si
può provare a stilare
gli elenchi dei consiglieri eletti nel caso
di vittoria di Carturan o Della Penna.
Conta il premio di
maggioranza, ovviamente, e il metodo di
calcolo è piuttosto
complicato per cui
non è - va sottolineato - ufficiale: per
quello
bisognerà
aspettare la proclamazione degli eletti.
Secondo i calcoli
queste potrebbero
essere le composizioni del Consiglio
comunale in caso di vittoria di
uno o l’altro candidato sindaco.
In caso di vittoria di Mauro
Carturan entrerebbero per la
maggioranza: Gianluca Del
Prete (Realtà Nuova), Martina
Poli (Realtà Nuova), Marco
Squicquaro (Realtà Nuova),
Marisa Di Lelio (Rinascere
Insieme), Gildo Di Candilo
(Rinascere Insieme), Carmelina
Iannotta (Rinascere Insieme),
Andrea Lauri (Fratelli d’Italia),
Vittorio Sambucci (Fratelli d’Italia), Dario Di Camillo (Fratelli d’Italia), Massimo Chiarucci
(Fratelli d’Italia), Jessica Vel-
lucci (Nuovi Orizzonti), Renio
Monti (Adesso Noi), Pio Claudio Massaroni (Adesso Noi),
Francesco Maggiacomo (Per
Cisterna), Fabrizio Trombelli
(Per Cisterna). Per l’opposizione entrerebbero: Maria Innamorato, Eleonora Della Penna,
Antonio Lucarelli (Udc), Pierluigi Ianiri (Progetto Cisterna),
Danilo Martelli (Ncd), Antonello Merolla, Marco Mazzoli
(Forza Italia), Paolo Panfili,
Elisa Giorgi (Pd). In caso di vittoria di Eleonora Della Penna
entrerebbero per la maggioranza: Antonio Lucarelli (Udc),
Alberto Filippi (Udc), Alfredo
Cassetti (Udc), Pierluigi Ianiri
(Progetto Cisterna), Pierlougi
Di cori (Progetto Cisterna),
Fabiola Ferraiuolo (Progetto
Cisterna), Danilo Martelli
(Ncd), Alvaro Mastrantoni
(Ncd), Gianni Giarola (Ncd),
Filippo Frezza (Msi), Luigi
Ganelli (Della Penna sindaco),
Michela Ruzzini (Della Penna
sindaco), Claudio Chinatti
(Della Penna sindaco), Francesca Ianiri (Idea Lista), Marco
Barone (Idea Lista). Per l’opposizione: Maria Innamorato,
Mauro Carturan, Gianluca Del
Prete (Realtà Nuova), Marisa
Di Lelio (Rinascere Insieme),
Andrea Lauri (Fratelli d’Italia),
Antonello Merolla, Marco
Mazzoli (Forza Italia), Paolo
Panfili, Elisa Giorgi (Pd).
Non resta quindi che attendere
il risultato del ballottaggio di
domenica 8 giugno: Carturan o
Della Penna?
Francesco De Angelis
Le Castella, il centro anziani verso il voto
In clima di ballottaggio, la notizia calza a pennello: ai sensi dell’art. 12 del regolamento dei centri anziani, si rende noto che martedì 1 Luglio si terranno le elezioni del comitato di gestione e del collegio di
garanzia del Centro Anziani “Le Castella”. Le operazioni di voto si terranno presso la sede del centro
sito in Via Giovanni XXIII, 62 dalle 10 alle 18. Ai sensi dell’art. 13 comma 1 del Regolamento, hanno
diritto di voto gli anziani iscritti al centro. Ai sensi dell’art. 13 comma 3 del Regolamento, gli anziani
che intendono candidarsi alla carica di membro del comitato di gestione e di membro del collegio di
garanzia, possono presentare la propria disponibilità presso pua/segretariato sociale - Corso della
Repubblica n. 186, compilando l’apposito modello nei giorni di lunedì – mercoledì - venerdì dalle ore
9 alle ore 12.30, il giovedì, dalle 15 alle ore 17, ed il martedì dalle 15 alle 17 presso la sede distaccata
di San Valentino. Gli anziani al momento della presentazione della propria candidatura di membro del
Comitato di Gestione, dovranno possedere i requisiti previsti dall’Art. 13 del Regolamento, in visione
presso PUA/Segretariato Sociale o sul sito internet istituzionale www.comune.cisterna.latina.it alla
sezione “Statuto e Regolamenti”. Ai sensi dell’Art. 19, comma 1 e comma 4 del Regolamento, gli anziani che presentano la propria candidatura per il Collegio di Garanzia devono essere iscritti al Centro e
non possono presentare altre candidature negli organismi di Gestione del Centro Anziani. L’elenco dei
candidati sarà affisso presso il Centro Sociale di Via Giovanni XXIII, 62 e presso PUA/Segretariato
Sociale – Corsoso della Repubblica 186, almeno 12 giorni prima delle elezioni.
Sciolta la Stu
Nata nel 2007, doveva “dare
impulso all’implementazione
degli strumenti urbanistici e
alla realizzazione degli interventi pubblici previsti sul territorio, stimolando l’attuazione
di interventi strategicamente
rilevanti nel quadro della riorganizzazione e riqualificazione
urbana”. La Società di Trasformazione Urbana, S.T.U., però
non è mai stata operativa ed i
suoi progetti non hanno mai
visto la luce. Ciò nonostante ha
costituito un costo per l’Ente,
che l’ha prima messa in liquidazione e questa mattina, infine, ne ha sancito ufficialmente
lo scioglimento. “Oggi, finalmente, abbiamo concluso un
importante iter in favore degli
spazi fruibili dalla città e del
risparmio
per le casse
comunali –
riferisce
l’amministrazione
comunale –.
Con la firma
dinanzi al
notaio e al
liquidatore
sono stati
sottoscritti tutti gli atti necessari per la cancellazione della
S.T.U., Società di Trasformazione Urbana. Una società nata
con grandi intenzioni e progetti
che però non ha mai operato se
non pagando stipendi e fantomatiche progettazioni. Con il
suo scioglimento ci siamo riappropriati anche di un bene della
collettività, Piazza Vittorio
Emanuele nel cuore del centro
storico di Cisterna. Lì è intenzione di questa amministrazione attivare le necessarie procedure per far sì che quell’area
sia destinata ad uso pubblico,
soprattutto per i nostri ragazzi,
anziché deturpato dalle previste cubature private”.
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 46
ARDEA
È Fabio Massimo Castaldo
(nella foto) il primo, ed unico,
europarlamentare di Ardea. “Per
la prima volta nella sua storia,
Ardea elegge un suo europarlamentare – ha dichiarato il sindaco Luca Di Fiori nel fare i complimenti al suo giovane concittadino – E’ Fabio Massimo Castaldo, a cui vanno tutti i migliori
auguri da parte della città. Sono
convinto che non mancherà il
suo impegno e la sua attenzione
nei confronti di Ardea”. Il neo
Eurodeputato appartiene ad una
nota famiglia di Ardea: il padre,
Roberto Ettore, ha ricoperto –
nell’epoca della “Prima Repubblica” – il ruolo di vice sindaco,
di consigliere comunale e di
assessore per un ventennio quale
esponente del PSDI, distinguendosi sempre per capacità ed onestà. Fabio Massimo, pur non
seguendo l’attività politica
paterna, da qualche anno ha
deciso di militare nel Movimento 5 Stelle, nelle cui liste è stato
oggi eletto Eurodeputato: una
sorpresa piacevole per tutti i cittadini di Ardea, al di là delle
convinzioni politiche, soprattutto per l’ottima preparazione cul-
ARDEA ELEGGE IL SUO PRIMO EUROPARLAMENTARE
turale e politica a dispetto della
giovane età. Questa la presentazione dello stesso Fabio Massimo, fatta sulle pagine del Movi-
mento prima delle elezioni:
“Ciao a tutti, mi chiamo Fabio
Massimo Castaldo, ho 28 anni e
una doppia laurea in giurispru-
Volante consigliere di maggioranza si vota contro l’approvazione
del rendiconto 2013, mentre Fanco con una interrogazione porta
alla luce l’incapace gestione del presidente e del comitato di
gestione del centro anziani della Nuova Florida
Nel corso dell’assise il consigliere
Luca Fanco ha presentato un’interrogazione in merito a presunti
comportamenti anomali al Centro
Anziani della Nuova Florida,
accompagnandola da una denuncia – inoltrata ai carabinieri, alla
Corte dei Conti ed alla Procura di
Roma – basata sulla relazione stilata da un socio del centro anziani,
nonché consigliere del direttivo.
“I fatti denunciati – scriva Fanco –
sono di una gravità inaudita e si
possono identificare nei seguenti
comportamenti fraudolenti: Lavori privati all’interno della struttura
comunale usando attrezzature
pagate dall’ente; comportamenti
minacciosi con ricerca di contatto
fisico da parte di persona all’interno del Centro anziani a chi evidenzia comportamenti contro
regolamento e/o leggi: questa persona risulta più volte denunciata ai
carabinieri dai Presidenti precedenti del Centro; richieste a terzi
di soldi e/o cibo per le manifestazioni varie; utilizzazione del Centro per dimostrazioni pubblicitarie
in cambio di denaro; utilizzazione
dei soldi del fondo cassa per
ristrutturazione della struttura di
proprietà comunale; mancata
restituzione di somme di denaro al
Comune di Ardea, mancanza di
inventario della struttura, sparizione di un computer pagato dal Centro con finanziamento regionale,
frequentazione del centro di persone sconosciute e uso frequente
6 - 19 Giugno 2014
del Centro per pranzi e cene con
bevande alcoliche e cucinate con
attrezzature della protezione civile”.
Nel punto precedente il consiglio
comunale di Ardea ha approvato a
maggioranza,il rendiconto del
2013. “Nel 2013 abbiamo operato
in dodicesimi e siamo stati costretti a farlo perché fino all’ultimo
non abbiamo avuto dallo Stato
indicazioni precise su quali tasse
applicare – ha spiegato l’assessore
al Bilancio Nicola Petricca – Oltre
a ciò c’è stato il quasi totale azzeramento dei trasferimenti e il contributo al fondo di solidarietà
comunale a cui Ardea ha partecipato per circa 7 milioni di euro.
Ecco perché è diventato complesso affrontare le attività quotidiane,
ma nonostante questo siamo
riusciti a non tagliare i servizi a
domanda individuale e spendiamo
circa 5 milioni di euro per le attività sociali. Abbiamo fatto pagamenti per undici milioni di euro
che hanno consentito di ridurre il
volume dei residui passivi mettendo liquidità nell’economia reale. Il
rendiconto finanziario per il 2013
si è chiuso con un avanzo di competenza di circa 2.300.000 euro e
un disavanzo di amministrazione
di circa 400.000 euro in riduzione
rispetto all’anno 2012 quando il
disavanzo ammontava a circa
1.900.000”.
Luigi Centore
denza italiana e francese. Ho
vissuto due anni in Francia, toccando con mano la distanza che
ci separa dal resto d’Europa. Per
questo sono parte di questa grande famiglia che si chiama MoVimento 5 Stelle e mi sono dedicato in questi anni all’attivismo
con tutte le mie energie e il mio
entusiasmo: perché voglio come
tutti noi un’Italia diVersa. Persino i nostri critici riconoscono
che la nostra più grande qualità è
la coerenza. In nome della
coerenza non ci siamo mai candidati alle elezioni provinciali
perché non crediamo nell’utilità
delle province. In nome della
coerenza, come potremmo candidarci alle elezioni europee se
non credessimo nell’Europa
unita? La verità è un’altra: non
crediamo in quella che la troika
vorrebbe spacciarci per Europa.
La nostra è infatti un’Europa
diVersa: una Comunità in cui il
Mediterraneo tornerà un ponte
tra civiltà e un fulcro di sviluppo. Una Comunità in cui sarà il
lavoro e non la finanza il valore
fondante: perciò proporremo un
reddito di cittadinanza e un salario minimo garantito europei.
Una Comunità in cui la cultura
sarà la vera economia, in cui gli
individui saranno considerati
come cittadini e non come consumatori. In una parola: un’Europa 2.0! Questo fa di noi il
Movimento più europeista d’Italia e forse dell’intero continente.
Chiunque lo nega mistifica la
realtà per fingere di cambiare
tutto affinché nulla cambi. Come
attivisti e soprattutto come cittadini abbiamo imparato la lezione
più importante: il modo per realizzare il nostro sogno è percorrere tutti insieme questa strada,
riannodando quei fili della rete
di cui i portavoce sono soltanto i
nodi. #Vinciamonoi! P.d. qualora eletto, decido liberamente di
destinare TUTTA la diaria ad un
fondo sociale che sarà scelto a
maggioranza dai Cittadini, attraverso i MeetUp del territorio
dove insiste il mio collegio elettorale”.Ora Ardea spera di essere degnamente rappresentata da
un concittadino che ha sicuramente a cuore un futuro migliore per il suo territorio.
Luigi Centore
ARDEA IN VISTA DEL GEMELLAGGIO CON
LA CRIMEA ENTUSIASTA LA CITTADINANZA
Probabile prossimo gemellaggio tra Ardea e
Kerch, una città
della Crimea di
circa 160.000
abitanti, situata
tra il Mar d’Azov e il Mar
Nero. A portare
ad Ardea alcuni
imprenditori e
politici
della
Crimea, Stato
membro della
confederazione
Russa, è stato
l’ex assessore e
vicesindaco
Giancarlo De
Angelis, che ha
accompagnato la
delegazione
russa – in Italia
per una visita a
Roma e presso alcune primarie aziende di Pomezia. Da
qui De Angelis ha pensato
bene di portare la delegazione Russa anche ad Ardea, per
fargli ammirare qualcosa di
originale come la rocca di
Ardea, la Torre di Tor San
Lorenzo, l’antico porto rutulo, il lungomare, oltre a
diverse aziende locali tra cui
lo stabilimento della Fiamma
2000, dove gli ospiti russi
sono rimasti impressionati
per l’alta tecnologia impiega-
ta per la lavorazione del gas,
proveniente proprio dal loro
paese, un paese che ha molte
similitudini con Ardea: dal
mare alla lavorazione dei
vitigni, fino alla coltivazione
di ortaggi. Di qui l’idea dell’ex assessore di portare la
delegazione in Municipio per
essere ricevuta dal sindaco Di
Fiori, che ha subito fatta sua
la proposta di De Angelis. Al
seguito della comitiva una
TV inglese che ha fatto tante
riprese del paese, il sindaco
in inglese ha rilasciato un’in-
tervista. Dalle prime impressioni, probabilmente molto
presto Ardea dopo il gemellaggio con Rielasingen-Worlbligen (Germania) e con
Argos (Grecia), avrà il suo
gemellaggio anche con la
Crimea, un gemellaggio che
porterà scambi commerciali e
culturali, oltre che sancire
una fratellanza che settanta
anni fa sarebbe stata impensabile immaginare tra questi
paesi.
Luigi Centore
"Informalibera"
il giornale online - l'informazione in un click
www.informalibera.com
IL GIORNALE DEL LAZIO
6 - 19 Giugno 2014
ARDEA
pagina 47
La nuova scuola di volo a Pratica di Mare è realtà
Inaugurata alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare Generale S.A. Pasquale Preziosa
Inaugurata venerdì 30 maggio,
presso l’aeroporto militare di
Pratica di Mare con il taglio del
nastro tricolore da parte del
Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare Generale S.A.
Pasquale Preziosa e la benedizione del cappellano militare
della base aerea pometina. Il
Generale S.A. giunto alla base
aerea scortato dai due motociclisti dell’Arma e da blindo della
V.A.M. con militari armati. Il
Generale, è stato ricevuto da
prima dal comandante della base
aerea e da un picchetto d’onore
che gli ha reso il saluto come si
conviene ad un capo di Stato
Maggiore. Il Generale ha salutato tutti gli alti ufficiali e generali delle varie armi presenti, da
quelli dell’esercito a quelli della
polizia di Stato, della Guardia di
Finanza, dei Carabinieri.
Il Centro Addestramento Equipaggi Multi Crew di Pratica di
Mare che diventa la scuola di
volo avanzato dell’Aeronautica
Militare. Una scuola come ha
avuto modo di dire il Capo di
Stato Maggiore che non
sarà seconda neppure a quella di
Lecce. Alla cerimonia hanno
presenziato autorità civili come
il sindaco di Pomezia Fabio
Fucci, associazioni combattentistiche e d’arma, ed ovviamente
tutti i comandanti dei vari reparti di base nell’aeroporto militare
di Pratica di Mare. Il nuovo
reparto quale la scuola di volo
per piloti destinati alle linee di
supporto dell’Aeronautica Militare degli altri dicasteri nazionali e internazionali.
La scuola svolge corsi per l’addestramento avanzato su velivoli plurimotore al fine del conseguimento del brevetto di pilota
militare (BPM), cura l’addestra-
che escono da questa scuola possano operare al massimo delle
conoscenze tecnico professionali approvate anche dalle istituzioni
/EASA/ENAC).
I
varie forze armate e dicasteri italiani e internazionali, ivi compresi i voli a favore della protezione civile. E proprio questi
moderni velivoli di supporto e
mento basico del personale neo
assegnato reimpiegato alle linee
multi Crew, la scuola, effettua
corsi per il conseguimento delle
qualifiche riconosciute dall’autorità
civile
competente
(ENAVC), affinché tutti i piloti
piloti dopo il corso saranno in
grado di operare con sicurezza e
professionalità, impiegati su
moderni velivoli di supporto e di
trasporto sanitario d’urgenza, di
trasporto delle più alte cariche
dello Stato e del personale delle
trasporto necessitano infatti di
una perfetta sinergia dei singoli
componenti. Non a caso, l’equipaggio che si ottiene mediante
l’insegnamento
dimoderne
metodologie di Multi Crew
Coordination, di Crew resource
management e di conoscenze
tecniche e normative in modo da
congiurare le esigenze del volo
militare con la necessità di muoversi in uno spazio aereo eterogeneo per tipologia di volo
popolato da velivoli e normative
civili.
La scuola comandata dal colonnello Massimiliano Macioce,
opera attualmente sui velivoli
P180 Avanti 1 ed è dotata di un
avanzato sistema di simulazione
tipo “Alsim ALX” in grado di
simulare sia velivoli plurimotori
Generic Twin Pistone Engine e
Generic Twin Turbofan jet, scenari realistici nonché problematiche tecnico operative, tutte
le condizioni metereologi e le
particolari operazioni di avvicinamento ai più importanti scali
mondiali riprodotti fedelmente
con aggiornamento continui del
database.
A simulare il volo nella carlinga
del “Alsim ALX” lo stesso
Generale S.A. Preziosa. In una
breve intervista ha ricordato
come la scuola già operante
a Lecce e quella più ambita dai
paesi stranieri, quali quelli del
Golfo, con molte richieste addirittura da parte di paesi emergenti dell’aria asiatica. Verso le
undici il Capo di Stato Maggiore
ha fatto rientro a Roma
non prima di aver salutato i
familiari dei militari ivi in servizio per la pazienza ed il sacrificio che con loro familiari fanno
per la sicurezza della Nazione.
Luigi Centore
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 48
SPORT
Calma piatta. Dopo il comunicato ufficiale di una decina
di giorni fa quando a nome
del presidente Umberto Lazzarini, la compagine societaria composta, oltre che dal
suddetto massimo dirigente,
da Fernando Cavicchioli, da
Ivano Tassinari e da Antonio
Lorello, spiegava:<<<….di
una gestione diventata insostenibile e …..che non c’è
più la possibilità di sostenere
una responsabilità cosi grande…>> la situazione del
club di via Bardi non è cambiata di un millimetro. Il
clima non si è modificato e la
situazione di stand by in cui
versa il sodalizio inizia a
preoccupare. Quale futuro
attende l’Aprilia?<< Di proposte serie per rilevare la
società non sono arrivate sia
a livello locale che a livello
esterno- risponde il presidente onorario dell’Aprilia
Mario Cavicchioli- quello
che amareggia è il fatto che a
livello locale non sia registrato nessun movimento da
parte di qualcuno che concorra a prendere questa
società. Questa situazione
6 - 19 Giugno 2014
Per il futuro dell’Aprilia calma piatta
può cambiare da un giorno
all’altro ma il fatto è che fino
ad oggi non si è mosso
nulla>>. Intanto è trapelato
nell’ambiente sportivo cittadino l’arrivo di una lettera da
parte della Lupa Roma
società, che avendo vinto il
proprio girone nel campionato di serie D, la prossima stagione agonistica disputerà il
torneo unico di Lega Pro.
Nella missiva indirizzata alla
Fc Aprilia e per conoscenza
al comune di Aprilia, la Lupa
Roma, chiede l’eventuale
disponibilità a poter disputare allo stadio comunale
Quinto Ricci le partite interne della propria formazione.
L’arrivo della missiva ha
fatto nascere spontaneamente tra i tifosi diverse ipotesi. I
supporter più sognatori (?)
accreditavano una possibile
fusione tra Aprilia e Lupa
Roma con la categoria che
sarebbe rimasta ad Aprilia e
le gare da svolgersi al Quinto Ricci. Può essere questo
uno dei possibili futuri della
formazione delle cinque rondini?<<La Lupa Roma è
esclusivamente interessata a
giocare le proprie partite
interne del torneo di Lega
Pro ad Aprilia. Il loro baricentro di attività è Ostia con
relativo comprensorio- spiega Mario Cavicchioli- in un
incontro avvenuto tra le due
proprietà è stato chiarito che
alla Lupa Roma interessa
solo l’uso dell’impianto
comunale Quinto Ricci>>.
Aspettando ulteriori novità,
anche l’eventuale storica
salita del Latina in serie A
potrebbe aprire nuovi scenari, per il momento tutto è
immobile. Per l’iscrizione al
campionato nazionale dilettanti di serie D c’è tempo
fino ai primi giorni di luglio
ma la composizione del
gruppo squadra, la scelta del
tecnico e dei quadri dirigenziali dovrebbe essere fatta
con largo anticipo. <<Speriamo e auguriamoci che degli
apriliani si facciano avanti
per subentrare a noi della
vecchia dirigenza- conclude
il presidente onorario Mario
Cavicchioli- chiunque venga
con proposte serie sarà ben
accettato>>.
Dario Battisti
Mario Cavicchioli
SENSAZIONALI GLI ATLETI DELLA KICK BOXING
DELLA PALESTRA SENSAZIONE
ANCORA DUE PODI PER LORO A CATANIA
È andata via in un lampo anche
la terza gara nazionale di questo
2014 ricco di emozioni, record
battuti, ed incontri epici che
resteranno nella nostra memoria
per parecchio tempo. Dopo la
bellezza di ventotto anni ci ritroviamo a disputare per la seconda
volta i Campionati Italiani di
sport da tatami a Catania, la
meravigliosa città barocca della
costa orientale siciliana. Ci ospitava per l’occasione il mastodontico Palacatania, palazzetto
aperto nel 1997 in occasione
delle Universiadi con una
capienza di 4500-5000 spettatori. Fantastica l’accoglienza da
parte della città Catanese. Da
vera gente del sud, i siciliani cercano di non far mai mancare
niente ai loro ospiti…posso con-
fermarlo personalmente! Sotto il
sole di Catania e ai piedi del
“Mungibeddu”, oltre 900 atleti
provenienti da tutta Italia si sono
scontrati sugli otto tatami allesti-
ti per l’evento organizzato dalla società Okinawa del M^ Carmelo
Strano con il sostegno
di Giorgio Lico e Nicola Traina, responsabili
degli eventi nazionali.
Quaranta gli arbitri
coinvolti, diretti dai
commissari di riunione
Alfredo Zica e Angelo
De Razza, arbitravano il
primo giorno 495 atleti
per il contatto continuato, e il secondo giorno i
restanti 406 del Point
Fighting. Uno staff efficiente si prendeva cura
dell’ordine, conducendo
un egregio lavoro nel
mantenere le aree sgombre. Inoltre la gara si è
conclusa in tempi fino
qualche
tempo
fa
impensabili: otto ore il
primo giorno e sei ore il
secondo, sintomo di
un’efficienza organizzativa da elogiare, frutto
di programmazione ed
esperienza nella gestione. E se pensiamo che
questo è già il secondo
campionato italiano che
si svolge in assenza del
nostro Presidente Ennio Falsoni,
possiamo scommettere che ciò
che si delinea all’orizzonte sia
una Federazione che guarda con
ottimismo ad un futuro ormai
veramente prossimo. La manifestazione si apre con il classico
intervento del Vice-Presidente
Vicario Giorgio Lico, che, ricordando i suoi fasti da atleta,
dichiara di aver vinto proprio a
Catania uno dei suoi titoli Italiani! Dopo il doveroso Inno di
Mameli, la gara ha inizio. La
spedizione Kbft parte con due
atleti, il maestro Fino Giovanni e
due gli accompagnatori parte del
team: Russo Mauro e Iorizzo
Gelsomino. Dopo 2 giorni di
competizioni la kbft conquista 2
podi: Point Fighting juniorsenior gialle-arancio-verdi categoria +80 kg 2° classificato
Iorizzo Lorenzo Light Contact
junior-senior
gialle-arancioverdi categoria -55 kg 1° classificata Spirito Sara
6 - 19 Giugno 2014
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 49
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 50
APRILIA ZONA VIA DIANA VENDESI TERRENO EDIFICABILE
MQ. 2.500 EURO 90.000,00 Tel.
339/2906327
DONNA DELLE PULIZIE cerca
lavoro zona Aprilia, prezzi modici.
Tel. 347/9076718
APRILIA VIA PIEMONTE VENDESI
APPARTAMENTO al 1° piano mq.
80 composto da: 2 camere da
letto, bagno, sala + cucina, 2 balconi + Box auto mq. 18 EURO
240.000,00
trattabili.
Tel.
348/6557827
AFFITTASI O VENDESI CAPANNONE mq. 500 con ampio piazzale
in via del Campo n°6 – Aprilia (LT)
Tel. 06/92727018
PIZZAIOLO ITALIANO esperto
forno a legna o elettrico cerca lavoro anche part time o stagionale..
Nino 3391813174
APRILIA – CASALAZZARA vicino
Ardea: Vendesi casa indipendente
composta da appartamento rifinito
120 mq., mansarda di rifinire 100
mq., rustico 50 mq. + Garage, terreno 1800 mq. CEG Euro 360.000,00
Trattabili Tel. 345/0581325
VENDO 5 PORTE complete di tutto:
color noce chiaro, liscie a 90,00
euro l’una. Tel. 320/0715786
VENDO 2 SCIABICHE lunghezza
mt.80 prezzo 120,00 euro non trattabili. Tel. 366/4037420
AFFITTASI MAGAZZINO in via
Carlo Porta n°84 (Aprilia) di mq. 40
Euro 100,00 + Spese. Tel.
331/2311090
WORKING
PROGRESS SCARL
consorzio operante nel
settore del trasporto,
logistica e pulizie
industriali e civili ricerca
Cooperative per
affidamenti incarichi.
Per presentare Vs
credenziali societarie si
prega inviare mail
a:wlmailhtml:
[email protected]
VENDESI TV COLOR 37 pollici
completo di mobiletto (incorporato)
marca Toshiba a tubo catodico in
perfette condizioni euro 100,00 Rel.
327.9589141
RAGAZZA CON QUALIFICA DI
PULIZIE E CUCINA, ed esperienza
presso ospedale Anzio-Nettuno
cerca lavoro presso cooperative,
imprese di pulizie, mense, e ristoranti scale e uffici, scuole e palestre,
massima serietà non numeri anonimi. Tel. 3894276433
BILANCIA DIGITALE GIORDANI
pesa neonati come nuova E.30
zona Aprilia tel.328/8340953
CARRELLO in legno con 4 ripiani
37x37 di cui uno per bottiglie ed
altezza 83 come nuovo E.10 zona
Aprilia tel.328/8340953
RICEVITORE SATELLITARE TMX
7021-CI porta per collegamento
PC;2 prese scart; Euro 20 zona
Aprilia tel. 393/0521115
2 CESTI PORTAOGGETTI/PORTAGIOCATTOLI in vimini uno lungo
cm.60 largo 40 alto 35 l'altro lungo
cm.50 largo 35 alto 25 E.15 zona
Aprilia tel.393/0521115
AFFITTASI: VILLINO DI CIRCA 90
MQ. giardino 1000 mq con piccolo
magazzino e di nuova costruzione,
3471868332
VENDO MACCHINETTA PER
RICARICA ARIA CONDIZIONATA
portatile piu bombola per gas ferron
134 Mauro 3471868332
CONTABILE CON ESPERIENZA
IN STUDI FISCALI, PER MANTENERSI SEMPRE AGGIORNATOSULLE DISPOSIZIONI FISCALI E
CONTABILI IN VIGORE, E' DISPOSTO A LAVORARE, CONUN MINI-
6 - 19 Giugno 2014
AD UN FURGONE CITROEN BERLINGOO. SI PREGA CONTATTARE IL NUMERO: 0692746070
OPPURE
IL
NUMERO
0773691180.
FIAT BRAVA 1,4 BENZINA 5P.
ANNO 1996 REVISIONE FINO
APRILE 2015MECCANICA EFFICIENTE, ARIA CONDIZIONATA,
AUTORADIO ESTRAIBILE,
EURO 700,00 APRILIA CENTRO
TEL.069282184 / 330568007
VENDO STAZIONE TOTALE ELETTRONICA SOKKIASET3 in ottimo
stato completo treppiede, stadia in
alluminio, prisma otticobatteria e
caricabatteria - ottimo per principianti geometri/topografi. € 1000,00
(mille) - tel. 3475824340 -.
AFFITTASI CAMERA MATRIMONIALE cucina bagno euro 300 aprilia 3453520796
NETTUNO ZONA QUASI CENTRALE AFFITASI APPARTAMEN-
BURGMAN 125
Aprile 2008 solo 3500 km causa inutilizzo!!!
VENDO € 1.500,00 (tratt.) TEL. 320/8583017
in zona residenziale colle di mare,
Campoverde Aprilia a 7 km da Nettuno mare. Euro 700/00 Trattabili.
telef. 3928507571-0040765625237
MECCANICO ITALIANO 46 anni
con esperienza nel settore anche
veicoli commerciali leggeri blindati
zona lavoro aprilia e limitrofe Mauro
3471868332
VENDO GABBIA PER CONIGLI
nuova con beverini 25 euro aprilia
MO DI RIMBORSO SPESE E
SENZA
CONTRIBUTI,PRESSO
STUDI FISCALI O AZIENDE DI
POMEZIA E ZONE LIMITROFE.
TELEFONO: TEL.340 2710995
SI CERCANO TESTIMONI CHE
HANNO ASSISTITO ALL'INCIDENTE OCCORSO IN DATA
10.02.2014 ALLE ORE 13.30
CIRCA PRESSO LA ROTONDA DI
VIA PICCARELLO A LATINA (LT)
VENDESI BANCO COMPONIBILE
metri 1.70 x metri 1,40 + curva + piano per computers
il tutto in ottimo stato euro 400,00 tel. 347.6632121
✂
ANNUNCI ECONOMICI GRATUITI - per privati
a pagamento per ditte o società tel. 06.9275019
Cedola da ritagliare e spedire
Lʼannuncio sarà ripetuto per 3 uscite, salvo diversa decisione della redazione
TO soleggiato piano 2 ampia scala.
metri lineari di balcone 20, senza
condominio, cantina box, parcheggio due camere, cucina e bagno tel.
329.4076560
NETTUNO AFFITTASI BOX di varie
metrature
prezzo
modesto
tel.329.4076560
APRILIA NUOVA COSTRUZIONE
PRIVATO VENDE splendido appartamento monolocale di 40 mq di
nuova costruzione vicino al centro di
Aprilia e alla stazione ferroviaria ottimamente collegato col centro di
Roma rifiniture di lusso parquet gres
porcellanato portone blindato con
cilindro Europeo porte in noce tanganika infissi in Pino di Svezia con
coibentazione termico acustica pannelli solari per il risparmio energetico vasca idromassaggio impianto Tv
satellitare ampio Terrazzo con
splendida vista sui Castelli Romani
ascensore posto auto coperto zona
Compilate qui il vs. ANNUNCIO GRATUITO e speditelo in busta chiusa
a: Il Giornale del Lazio via E. Fermi, 18 - 04011 Aprilia (LT)
oppure invia una e-mail al: [email protected]
OGNI PERSONA PUOʼ INVIARE UN SOLO ANNUNCIO
TESTO (scrivere in stampatello e senza abbreviazioni) .......................................................................................................................................................................................................................
.................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................
.................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................
.................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................
Gli ANNUNCI GRATUITI, sono esclusivamente riservati ai privati.Il Giornale del Lazio, non è responsabile per qualità e veridicità delle inserzioni. A garanzia
dei lettori il Giornale del Lazio si riserva il diritto di NON PUBBLICARE annunci non conformi al presente regolamento o che, a suo insindacabile giudizio risultino non chiari o che possono prestarsi a ad interpretazioni equivoche. Gli inserzionisti prendono atto che, a richiesta dell’Autorità Giudiziaria, Il Giornale del
Lazio fornirà tutte le notizie riportate nella presente cedola.
COMMITTENTE: Nome .....................................................................................................................Cognome ...............................................................................................................
Via ....................................................................................................................................................Città ..........................................................................Tel. ...........................................................
Firma.............................................................................................................................
6 - 19 Giugno 2014
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 51
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 52
wi fi libero Euro 88.000 Classe
Energetica B Tel 3661757285 Ottimo Affare
MALAGUTI MADISON RS 250
colore grigio metallizzato Anno
2005 km. 14.000. Scooter in ottimo
stato, usato pochissimo e solo in
città nei mesi estivi. Vendo compreso di parabrezza bauletto e bollo
pagato fino al 2015. Visionabile ad
Aprilia. Qualsiasi prova. Ottimo Affare e prezzo di mercato! Mario 3400510986
ZAINO PORTA BAMBINO Decathlon superleggero Dorso ergonomico
Spallacci e cintura giro-vita regolabilicome nuovo E 50 zona Aprilia
tel. 393/0521115
VENDESI N.11 BARRE DI FERRO
usate profilo ad H lunghezza mt 4
misura h 100 l 50 prezzo EURO
130,00 Committente Marco Tel.
3338903438 Aprilia.
STUDENTE UNIVERSITARIO DI
LETTERE CLASSICHE con maturata e pluriennaleesperienza in ripetizioni, impartisce lezioni di recupero e consolidamento di GRECO ,
LATINO E ITALIANOagli studenti
del liceo classico e del liceo scientifico.Anche altruidomicilio.Per info
contattare il numero 3453224828.
DA
CAMERA
OCCASIONE!
RAGAZZI in ottime condizioni, lac-
giri 3000;
50HZ – 950W - 380;
200 max; dimensioni
mola
L60xP18xH28 € 200,00TRONCATRICE CROPPER (usata) completa di disco a widia e morsa girevole,
trazione a doppia cinghia; cavalli
2,5; trifase 220-380; giri 2800; disco
250 max; € 130,00TRONCATRICE
PER FERRO (usata) completa di
morsa graduata; HP5; trifase 220disco 300 max;
380; giri 2800;
corredata di banco + 6 dischi abrasivi 300x4; € 130,00 SALDATRICE
A FILO CONTINUO ad elettrodo,
professionale, carrellata; trifase
220/380; usata pochissimo, corredata di pinze, maschera, un pacco
di elettrodi; € 100 INCUDINE DA
FABBRO vendesi su tronco in
legno Kg 300 13x13, altezza 47; €
200MORSA DA BANCO mm 100;
€ 50LAME PER TRONCATRICE
dischi dentati per taglio profilati. 200
275 mm
mm € 5 225 mm € 62
300 mm € 115DISCO
€ 105
DIAMANTATO per troncatrice
€
ferro/acciaio/cemento 400 mm
199ELETTROD 1,6 € 15 a paccogommato
CERCHIO IN LEGA
seminuovo per Mercedes classe A +
un pneumatico nuovo 195/50 R15 –
82 T € 100 Tel. 3332715888
VENDO PER INUTILIZZO FREELENDER 2000 Tedesco mot BMW
Ottobre 2005 – 1.9 Diesel 105 cv.
Unico proprietario, parcheggio in
ditta di giorno, in garage di proprietà
di notte. Cerchi in lega, condizionatore automatico, ruota di scorta normale, volante in pelle, radio cd,
Cruis Control, Antinebbia, ampio
bagagliaio pulito come nuovo, non
fumatore, tagliandi regolari, mai
incidentata, carrozzeria ottima,
motore perfetto Km. 160.000. Qual-
6 - 19 Giugno 2014
7
VENDO STOCK ABBIGLIAMENTO
da donna usato ma buonissime condizioni tra cui: 6 maglioncini e 2
vestitini in lana taglia unica vari
colori, 1 paio di jeans verdi taglia
XL, 4 paia di jeans veri colori taglia
44, 1 felpa nera con disegno taglia
S, 2 giubbotti corti invernali uno
nero e uno grigio taglia M, 1 giubbotto di mezza stagione nero taglia
Vendesi
SSANGYONG KYRON
2.0 XDI 4x4
ANNO 10/2009
UNICO PROPRIETARIO
KM. 60.684 originali
Omologata Autocarro.
Euro 46,00 di bollo
€ 11.000,00
VENDESI BAR IN ZONA CENTRALE
APRILIA GESTIONE VENTENNALE
MQ.110 (Cucina e Sala Slot) + Ampio
spazio ristoro interno ed esterno.
Trattativa in sede (No Agenzie)
TEL. 331.3628417
cata bianca con rifiniture stondate
blu, armadio a tre ante con cassetti
+ ripiani interni ed esterni, letto con
rete a doghe, comodini con 2 cassetti e scrivania con ripiani componibili per libri e poltroncina. Altre due
reti in metallo disponibili e comprese nel prezzo.€350 Tel.069257554 3403242918
VERO AFFARE TV SONY A
COLORI 44 pollici su mobile color
silver, stereo, con tubo catodico e
decoder.Usato poco.Adatto anche a
centro anziani, comunità e sala giochi per ragazzi.€150 Tel 069257554
- 3403242918
BETONIERA USATA REGENBOGEN, CAPACITA' 140 LITRI, 375 W,
62 KG VENDO AD EURO 140,00.
TEL 3397933847
del 2006 km 130.000 unico proprietario roolbar ,tetto apribile +tettino in
tela, vetri post oscurati pedane sottoporta cerchi 18 lega E 10.000
Michele 3924949169
APRILIA zona Coop piazza Aldo
Moro 1/c vendo box auto ottimo
anche come investimento16 mq. ,
1050 euro/mq. disponibile subito. No
commissioni
No
agenzie.
tel.338/8846349
SIGNORA ITALIANA referenziata
cerca lavoro come pulizie, badante,
ottima stiratrice, zona Aprilia, Campoverde,Latina.Tel. 320/2693352
CERCASI FABBRO età massima
anni 29 sede di lavoro Aprilia tel.
06.92012031-fax06.92014415
email:[email protected]
VENDESI APPARTAMENTO rifini-
Cerchiamo
collaboratori par-time
da inserire nel settore
del giornalismo
e agenti pubblicitari
Cell. 335.8059019
Tel.06.9275019
PIANISTA-CANTANTE OFFRESI
locali o domicilio per allietare feste
cerimonie, opzione intrattenimento
standard con ballo o in alternativa
spettacolo tributo cover Claudio
Baglioni, compenso moderato 3473852005 - [email protected]
CAUSA TRASFERIMENTO lavoro
vendo appartamento in centro ad
Aprilia, ristrutturato, finiture
lusso, 60 mq calpestabili. Possibilità garage. Foto e planimetria
su fb vedi Appartamento apriliano. Cl. En F. 130.000 euro tratt. NO
AGENZIE Tel 3665295244
37 ENNE DIPLOMATA, ottima
conoscenza pacchetto office, navigazione internet e posta elettronica,
buona dialettica, conoscenza inglese scritto e parlato, esperienza pluriennale in segreteria generica (
centralino, gestione agenda, smistamento posta elettronica, invii e conferme d’ordine, fatturazione attiva e
passivacon excell , utilizzo scanner,
fotocopiatrice ecc ecc )Cerca lavoro
nella zona di Aprilia o Anzio Astenersi call center e agente di vendita
Max serieta’Tel 3493001921
VENDO SINGOLARMENTE MOLA DA BANCO (usata) smerigliatrice/spazzola in cotone; 400V –
to, bilocale cucinotto – bagno –
semiristrutturato – completo di arredamento – senza balconi – tende da
sole – in condominio – senza box –
Aprilia, via Francia Euro 60.000,00
(Zona Toscanini)
Tel. 340/4182723
CERCO LAVORO come mulettista,
retrattilista, portiere, ricevi-scarica
merce età 54 anni, italiano Zona
Pomezia/Aprilia/Latina.
Tel. 380/1221117
HAI BISOGNO DI AIUTO CON
LʼINGLESE?, devi recuperare un
debito?. Laureanda in mediazione linguistica impartisce ripetizioni di inglese per scuole medie
superiori (biennio e triennio) euro
10,00 h tel. 347.5155656
VENDESI CUCCIOLI DI PINCHER
taglia piccola genitori visibili .non
perdere tempo ottimo prezzo 250
euro Claudia 3405313649 chiamare
dalle 16:00 in poi
VENDO ABBIGLIAMENTO MILITARE nuovo: 2 maglioni in lana
taglia 52; 10 camicie taglia L e XL; 3
tute mimetiche taglia 52/54/56; vari
berretti militari e distintivi e calendari. Anfibi nuovi misura 43. Prezzi da
concordare! Giuseppe (Anzio) Tel.
349/8094903
VENDO SKODA OCTAVIA 2°serie
TEL.3297945276
VENDESI CUCCIOLI di pincher
taglia piccola genitori visibili .non
perdere tempo ottimo prezzo 250
euro Claudia 3405313649 chiamare dalle 16:00 in poi
VENDO CUCCIOLI DI PASTORE
TEDESCO nero focati, disponibili a
60 giorni con primo vaccino, doppia
sverminazione, svezzati e con
pedegree...i genitori sono lastrati ed
Tel. 335.8059019
siasi prova Euro 4.900,00 (Anzio)
Tel. 349/8094903
VENDO 1 PIATTO di fine porcellana
tedesca da arredo solo euro 25,00.
Vendo vari oggetti e vasi in cerami-
L, 1 giubbotto in felpa pesante nero
con rifiniture fuxia taglia S, 2 gonne
invernali in lana una nera e l’altra
nera e viola taglia S, 1 cappottino
corto nero taglia M, 5 camice in raso
Carrello
portavivande
in puro legno
euro 100,00
Tel.06.92012394
ca e/o vetro degli anni 60 a pochi
euro il pezzo. Vendo un set di 16
candele profumate e colorate, e 12
candelotti quadrati profumati e colorati solo euro 19,00 in blocco. Giuseppe (Anzio) Tel. 349/8094903
VENDO 3 BORSE nuove per viaggio e 3 borselli: Borse 15,00 euro –
Borselli 8,00 euro. Vendo tuta nuova
acetata color azzurro con bordi
colori bandiera Italia, taglia 50/52
Euro 25,00. Vendo costumi da
uomo/ragazzo taglia 48/50/52 port
cross euro 10,00 cadauno. Vendo 2
grembiuli nuovi da lavoro taglia 48,
euro 5,00 - 10,00 cadauno. Giuseppe (Anzio) Tel. 349/8094903
CUCINA GAS Lofra acc.Inox – 4
fuochi + 1 girarrosto – Grill – buone
condizioni + altra Ariston Inox 4 fuochi. Prezzo conveniente
Tel. 32/5418239
VENDO BICICLETTA da corsa in
alluminio marca Giant, sostituito
manubrio con quello della Mountain
Bike più regalo completi invernali e
diversi colori taglia M, 1 pantaloncino invernale in velluto giallo ocra
taglia XL il tutto a 120€. Tutto visibile, preferisco vendere in blocco, ma
se siete interessati a pezzi divisi va
bene lo stesso! Per Info ore Serali
3409598618. Aprilia
VENDESI BMW 530 TD SW PERNUOVA
MECCANICA
FETTA
GOMME NUOVE REV COLORE
AZZURRO METALLIZZATO DA
VERI APPASSIONATI MACCHINA
GARANTITA VELOCISSIMA CONSUMI TRA I 12 14 AL LITROI INVITO A VEDERLA ED A PROVARLA
PREZZO 3700 E INTERNI BUONISSIMO STATO VI INVITO A
VEDERLA E A PROVARLA PROPRIETARIO PAPASIDERO GIANCARLO VIA DEI LAURI 192 PAT B
N 2969662K
TEL 3332720539 EMAIL [email protected] CHIAMARE ORE SERALI
VENDESI PEUGEOT 106, anno
1992 possibilita di iscrizione
VENDO CASCHI
taglia L e XL per Motorino,
Scooter e Moto.
Euro 100,00
entrambi.
Tel. 320.8583017
estivi di marca. Usata per un mese
la vendo perché o problemi fisici.
Pagata nuova euro 750,00 la vendo
a Euro 250,00. No Perditempo!
Gianni Tel. 380/2696001
CAUSA INUTILIZZO DOVUTO A
MALATTIA vendo Tapies Roulant
elettrico con motore 2.25 HP/4HP –
inclinazione elettrica 10% - Pagato
7 mesi fa Euro 990,00 cedo a Euro
500,00 (Trattabili) Tel. 338/7971329
RAGAZZA CERCA LAVORO come
pulizie(prezzi modici),assistenza
anziani,baby sitter,commessa,max
s e r i e t a ’ , z o n e
Aprilia,Anzio,Nettuno,tel.06.980331
ASI.Buono stato, revisionata ad
Aprile 2014, 3 porte, tettuccio apribile, alzacristalli elettrici, stereo ed
interni in ottimo stato.Carrozzeria
con qualche graffio dell’eta, tenuta
sempre garage.Visionabile ad Anzio
Rm, euro 450, tel. solo se interessati! Tel.3470789886
RAGAZZA ITALIANA,LAUREANDA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA,IMPARTISCE
RIPETIZIONI ,IN OGNI MATERIA,
A BAMBINI DI SCUOLA PRIMARIA.DISPONIBILITà ANCHE A
DOMICILIO.ZONA APRILIA E DINSERIETA’.
TORNI.MASSIMA
esenti da displasia, alta genealogia...tel.3201119048,emiliano.
STO VENDENDO UNA CUCCIOLA
DI PASTORE tedesco nero focata,
svezzata, sverminata,con vaccino...chiedo rimborso spesa, grazie.
tel.3892861369 Luca.
VENDO OGGETTI BAMBINO: seggiolone brevi 3 in 1, lettino con
materasso piumone e paracolpi, trio
gemellare cam, triciclo,marsupio
prenatal,paraspigoli e protezioni
prese,thermos pappa jane e chicco,
2 scaldabiberon chicco con 2 biberon chicco, 2 tendine auto, 2 scaldabiberon auto, 2 stuoiette portatili x il
cambio, 1 tappeto x giocare a terra,
CERCO LAVORO
Montatore
specializzato infissi
in alluminio e Pvc
30 anni
di esperienza
Tel. 349.8326467
due coprimaterassi navicelle, 2
cuscini a cuore zero mesi. prezzi
ragionevoli x dettagli chiamare
3495583853.
POMEZIA CENTRO - Via Roma,
affittasi appartamento non arredato,
salone, cucina, 2 camere, bagno e
balconi, termoautonomo, Euro
650,00. Cell. 339-7268959.
LAVINIO GIORNALISTI VILLA
LUMINOSA E TRANQUILLA NEL
VERDE 1 LIVELLO SALONE CUCINA BAGNO E GRANDE PORTICO
2 LIVELLO 3 CAMERE BAGNO E
TERRAZZO CON TENDE DA SOLE
GIARDINO 350 MQ + CASETTA
CON FORNO E BARBEQUE
RIPOSTIGLI POSTO AUTO OTTIME CONDIZIONI EURO 195.000
TEL. 333 8617479 333 4972596
APRILIA VIA GERMANIA VENDIAPPARTAMENTO sito al
TA
3°piano con ascensore molto luminoso. L'immobile si compone di
salone, cucina abitabile, disimpegno, 3 grandi camere da letto e 2
bagni oltre a 2 balconi, cantina e
posto auto recintato.L'appartamento
si presenta in ottimo stato, porte
nuove e bagni ristrutturati, in zona
semi centrale raggiungibile a piedi
ogni genere di servizio primario,
oltre a scuola, centri sportivi, Ufficio
Postale e Chiesa. E' ben collegato
con Roma tramite SS Pontina, stazione ferroviaria e linea Cotral.Inoltre l'appartamento gode di un parco
condominiale.Euro 127.000,00 per
informazioni o visite contattare
3280307465
VENDO ELLETICA € 50. Tel.
3389141179
VENDESI FIAT PUNTO 188 del
2000 tre porte 12.8v verde aria condizionata ideale per neopatentati
aprilia 3471868332
6 - 19 Giugno 2014
IL GIORNALE DEL LAZIO
pagina 53
pagina 54
IL GIORNALE DEL LAZIO
6 - 19 Giugno 2014
IL GIORNALE DEL LAZIO
6 - 19 Giugno 2014
VENDO MTV 26 da uomo 26 funzionante aprilia 50 3471868332
mauro
VENDO OBBIETTIVO MACRO
zoom vivitar 75/205mm x minolta
reflex + duplicatore tamron teleconverter 2xfor m/md buoni stato 80 e
trat 3471868332 mauro aprilia
DONNA DELLE PULIZIE italiana
offresi massima serietà automunita
cell. 349 8123072.
lenti condizioni, visibile ad ANZIO
.prezzo solo 260 euro ,quasi un
regalo Giuseppe 3498094903 .
Occasione vendo oggetti in Ceramica e/o Porcellana quali piatti da
arredo ,tazzine,centri tavola , vasi
per fiori o centro tavola,servizi per
salse,bicchieri da birra da collezione,antiche misure da litro per
vino,pentole in terracotta e altro
ancora a pochi euro .Materiale visi-
VENDESI DUCATI MONSTER
Anno 2000, carburatore in ottime
condizioni, bollo appena pagato, pronta
per la strada euro 1.200,00 tel. 331.8571471
RAGIONIERA CON ESPERIENZA
IN CONTABILITÀ e conoscenze
informatiche cerca lavoro full/parttime automunitaTel. 06 9257882
cell. 349 8123072.
ADDETTA ALLE PULIZIE OFFRESI SOLO PER UFFICI e attività
comm.li max serietà automunita
cell. 331 1117456.
LOCALI AFFITTO POMEZIA BOX
FRONTE PRATICA DI MARE VIA
ODISSEO 2 SERRANDE 2 POSTI
+ SPAZIO, ENEL, SPAZIOSO,ALTO
EURO 200. TEL.3771604762
OTTIMA OCCASIONE (causa cambio casa) vendo mobili per cucina
costituiti da : mobile base lungo 165
cm con 4 ampi cassetti e nr 4 ampi
sportelli, con ripiano antigraffio e
antimacchia e in legno ( no truciolato ) piu' nr 7 pensili e una ampia e
comoda angoliera pensile,molto
capace . tutto il materiale e' in eccel-
bile ad Anzio da Giuseppe
3498094903
VENDESI
ANFIBI MILITARI
NUOVI misura 43 completi di lacci e
solette di riserva,in morbido cuoio
trattato e con carro armato in vera
gomma Vera occasione a solo 59
euro (VALORE 105 EURO) GIUSEPPE 3498094903
VENDESI TUTE MIMETICHE MILITARI taglia nr 52 ;54 ;56 a un prezzo molto favorevole solo 49 euro.
Vendesi camicie militari taglia XL
nuove a solo 6 euro cadauna. Giuseppe 3498094903
BILANCIA DIGITALE GIORDANI
pesa neonati come nuova E.30
zona Aprilia tel.328/8340953
CARRELLO in legno con 4 ripiani
37x37 di cui uno per bottiglie ed
altezza 83 come nuovo E.10 zona
Aprilia tel.328/8340953
RICEVITORE SATELLITARE TMX
7021-CI porta per collegamento
PC;2 prese scart; Euro 20 zona
Aprilia tel. 393/0521115
CELLULARE Glamour rosa dualsim fotocamera lettore mp3/mp4
radio bluetooth ancora in garanzia
mai usato perchè acquistato per
sbaglio Euro 25 zona Aprilia tel.
393/0521115
CANCELLETTI n.2 allungabili fino
a 1 metro per protezione bimbi dalle
scale o da altro E.30 zona Aprilia
tel. 393/0521115
PRIVATO
VENDE APPARTAMENTO , affittato ottimo redditopomezia nord, via carlo pisacane,in
costruzione in cortina,di soli 2
pagina 55
piani, angolare e panoramico,su 2
livelli, tot 100 mq1 livello: soggiorno, camera, cucina abit, bagno, 2
terrazzi2 livello: camera matrim,
bagno, terrazzo.box auto Tel. doppio.149000
vero affare 335/
5269298 - 338/1022260
PRIVATO VENDE, Aprilia,appartamento di recentissima costruzione e
rifinitissimo,in via toscanini angolo
via inghilterra.75 mq calpestabili +
30 mq terrazzo.Trilocale + 2
bagni.Posto auto.129.000 cell.
3381022260
BETONIERA USATA REGENBOGEN, CAPACITA' 140 LITRI, 375 W,
62 KG VENDO AD EURO 140,00.
TEL 3397933847
VENDESI ATTIVITAʼ COMMERCIALE alimentari, macelleria. Ben
avviata cedesi per motivi familiari.
Zona quartiere Toscanini, prezzo da
trattare in sede. Tel. 327/0812381
DONNA ITALIANA CERCA LAVORO come collaboratrice domestica
– stiratrice – ad ore – aiuto nelle
menze, piccolo aiuto agli anziani –
senza perditempo ore pasti.
Tel. 333/4086881
DONNA BULGARA SERIA E
AFFIDABILE
AUTOMUNITA,
OFFRESI PER ASSISTENZA
ANZIANI IN OSPEDALI, CASE,
DIURNO E NOTTURNO. INOLTRE
EFFETTUA PULIZIE, STIRO,
COLF, SPESA AD ORE ANCHE
GIORNI FESTEVI. NON VITTO E
ALLOGGIO. PER APRILIA, E
TUTTA LA PROVINCIA DI LATINA
E PROVINCIA DI ROMA
TEL. 328.6873566
N.2 RUOTE 145/80/R13 usate solo
15 giorni vendo a euro 70,00
Tel. 06/92855025
SIGNORA ITALIANA seria affidabile con esperienza automunita, offresi per assistenza anziani, in casa,
ospedali diurno e notturno, inoltre
effettuo pulizie, spesa ad ore anche
giorni festivi. Accompagno signore
per spesa, terapie e disbrigo pratiche. Tel. 338/3051542
PIASTRA PER CAPELLI tipo professionale, ottimo stato vendesi
euro 20,00 Tel. 06/92855025
AFFITTASI CAMERA matrimoniale
ben arredata, sita in un appartamento con uso cucina e bagno, al
centro di Aprilia. Tel. 338/3051542
VENDO SEGGIOLONE CHICCO
praticamente nuovo Euro 80,00.
Vendo Seggiolino auto Euro 50,00.
Vendo Girello Chicco Euro 50,00.
Vendo Box grande Chicco Euro
80,00. Vendo Passeggino Inglesina
colore arancio e grigio nuovo Euro
90,00. Tel. 392/1586832
2 PLAFONIERE DI MURANO
forma triangolare, grandi e stupende inutilizzate x problemi di spazio
pagate 600,00 euro ciascuna;
vendo la coppia a euro 250,00 Tel.
392/1586832
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
4 923 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content