close

Вход

Log in using OpenID

Collegamento Pastorale n. 3/2015

embedDownload
Collegamento Pastorale Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia Vicenza, 26 febbraio 2015 ‐ Anno XLVII n. 3 SOMMARIO 2 4 Agenda … IN EVIDENZA Messaggio del Vescovo per la Quaresima “24 ore per il Signore” Provocati dai profughi 8 … PER PREGARE E CELEBRARE Spiritualità Ritiri ministri della comunione Esercizi spirituali per operatori della liturgia Meditazioni bibliche 12 … PER ANNUNCIARE IL VANGELO Pellegrinaggio diocesano delle/i catechiste/i a San Gio‐
vanni Antonio Farina Facilitatori di dialogo L’ora di ascolto “E’ bello con te” Settimana residenziale del Gruppo Sentinelle Giornata di memoria dei missionari martiri Pellegrinaggi Mostra sulla Sindone al Centro Culturale San Paolo 16 … PER UNA CITTADINANZA SPIRITUALE Insegnamento Religione Cattolica Conferenze sul prezioso Piviale dei pappagalli “Le sfide educative di fronte alla riforma della scuola” ASPETTI AMMINISTRATIVI Nomina Consiglio Parrocchiale per gli Affari Economici 17 19 DEPLIANT E MANIFESTI Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia Collegamento Pastorale AGENDA DIOCESANA 1 marzo PREGHIERA “PONTI NON MURI” v. pag. 14 1 marzo GRUPPO SICHEM v. Collegamento Pastorale n. 13/2014 1 marzo PELLEGRINAGGIO DIOCESANO DELLE CATECHISTE/I A S. GIOVANNI ANTONIO FARINA v. pag. 12 1 marzo 3° INCONTRO “FORMAZIONE COPPIE ANIMATRICI DEL BATTESIMO” v. Collegamento Pastorale n. 17/2014 1 marzo 4° INCONTRO DEL CAMMINO DI FORMAZIONE PER COPPIE ANIMATRICI v. Collegamento Pastorale n. 17/2014 1/8/15 marzo CONFERENZE SUL PREZIOSO PIVIALE DEI PAPPAGALLI v. pag. 16 2/9/16 marzo INCONTRI FORMATIVI DEL LUNEDI PER PRESBITERI, LAICI E RELIGIOSI v. Collegamento Pastorale n. 2/2015 3/10/17/24/31 CORSO DIOCESANO PER NONNI E NONNE v. Collegamento Pastorale n. 15/2014 5 marzo RITIRO APOSTOLATO DELLA PREGHIERA v. pag. 8 5 marzo SCUOLA DI PREGHIERA MENSILE A VILLA S. CARLO v. pag. 8 5 marzo PREGHIERA MENSILE PER LE VOCAZIONI v. Collegamento Pastorale n. 15/2014
6/8 marzo ESERCIZI SPIRITUALI PER ADULTI DEL VICARIATO DI CHIAMPO, COLOGNA E NOVEN‐
TA v. pag. 8 6 marzo MEDIO ORIENTE: DIALOGO POSSIBILE? GUARIRE LA MEMORIA, PREPARARE IL FUTURO v. pag. 14 6 marzo INCONTRO DI DIALOGO CRISTIANO‐ISLAMICO v. pag. 16 8 marzo PREGHIERA AL FEMMINILE. OLIO E FARINA PER VITE RICONCILIATE v. pag. 14 8 marzo 5° INCONTRO “CHIAMATI PER NOME “ v. Collegamento Pastorale n. 15/2014 8 marzo 3° INCONTRO “INSIEME È BELLO” v. Collegamento Pastorale n. 15/2014 9/16 marzo CORSO DIOCESANO PER CATECHISTE/I v. Collegamento Pastorale n. 17/2014 11 marzo L’ORA DELL’ASCOLTO. VEGLIA DI PREGHIERA v. pag. 12 12 marzo GIORNATA PENITENZIALE v. pag. 8 14 marzo GINO BARTALI: “CICLISTA E GIUSTO TRA LE NAZIONI” v. pag. 14 Collegamento Pastorale Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia 13/14 marzo “24 ORE PER IL SIGNORE” v. pag. 5 14 marzo RITIRO IN PREPARAZIONE ALLA PASQUA PER MINISTRI DELLA COMUNIONE v. pag. 9 14 marzo FACILITATORI DI DIALOGO (primo incontro) v. pag. 12 15 marzo SCUOLA DELLA PAROLA A VILLA S. CARLO v. pag. 8 15 marzo INCONTRI PER SPOSI ADULTI A VILLA S. CARLO v. pag. 8 15 marzo 15 marzo “ANIMATI DALLA PAROLA” CAMMINO DI FEDE DEI DIVORZIATI RISPOSATI v. Collegamento Pastorale n. 15/2014 5° INCONTRO DEL CAMMINO DI FORMAZIONE PER COPPIE ANIMATRICI v. Collegamento Pastorale n. 17/2014 16 marzo SANTIAGO. CONOSCERE IL SUO CAMMINO, LA SUA ORIGINE …. v. pag. 15 16 marzo INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA SULLA SINDONE AL CENTRO CULTURALE SAN PAOLO v. pag. 15 16/21 marzo SETTIMANA RESIDENZIALE DEL GRUPPO SENTINELLE v. pag. 13 19 marzo RITIRO IN PREPARAZIONE ALLA PASQUA PER MINISTRI DELLA COMUNIONE v. pag. 9 19 marzo INCONTRO DI AGGIORNAMENTO PER IDR DELLA SS 2° v. pag. 16 20/22 marzo ESERCIZI SPIRITUALI PER GENITORI DEI SEMINARISTI v. pag. 8 20/22 marzo ESERCIZI SPIRITUALI PER OPERATORI PASTORALI DELLA LITURGIA v. pag. 9 20 marzo “SENTINELLE DEL MATTINO” VEGLIA DI QUARESIMA PER GRUPPI PARROCCHIALI DI GIOVANISSIMI IN SEMINARIO 20 marzo 6° INCONTRO “VENITE E VEDRETE” v. Collegamento Pastorale n. 15/2014 21 marzo VEGLIA DIOCESANA IN MEMORIA DEI MISSIONARI MARTIRI v. pag. 13 21 marzo RITIRO SPIRITUALE DI QUARESIMA PER IDR v. pag. 16 22 marzo INCONTRO DI SPIRITUALITA’ IN PREPARAZIONE ALLA SANTA PASQUA PER COPPIE SPOSI E FAMIGLIE v. pag. 9 22 marzo 4° INCONTRO “FORMAZIONE COPPIE ANIMATRICI DEL BATTESIMO” v. Collegamento Pastorale n. 17/2014 24 marzo ENIGMA SINDONE. FISICA E MEDICINA A CONFRONTO v. pag. 15 26 marzo S. MESSA PASQUALE DEL VESCOVO CON LE PERSONE DISABILI, ore 10.30, a Dueville (info Caritas 0444 304986) 27/29 marzo ESERCIZI SPIRITUALI PER GENITORI DI PRETI E RELIGIOSI v. pag. 8 27 marzo “LE SFIDE EDUCATIVE DI FRONTE ALLA RIFORMA DELLA SCUOLA” v. pag. 16 29 marzo 6° INCONTRO DEL CAMMINO DI FORMAZIONE PER COPPIE ANIMATRICI v. Collegamento Pastorale n. 17/2014 … IN EVIDENZA
Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia Collegamento Pastorale Beniamino Pizziol
Vescovo di Vicenza
Vicenza, 12 febbraio 2015
QUARANTA GIORNI DI TEMPO PER SCOPRIRE
UN NUOVO ORIZZONTE DI SENSO
Carissimi Fratelli e Sorelle
La Quaresima è un tempo di conversione e rinnovamento spirituale per ogni singolo fedele da
vivere personalmente, in famiglia e nella propria comunità. Si apre con il mercoledì delle Ceneri
che ci ricorda la dinamica di fondo della vita cristiana, il suo continuo rinnovamento nella conversione, il tornare a Dio con tutto noi stessi: con il cuore, la mente e il corpo. Convertirsi vuol
dire cambiare e trasformarsi, scoprire un nuovo orizzonte di senso, ma anche volgersi e tornare. Le frenesie e seduzioni, le cadute e gli errori cui siamo esposti induriscono il cuore, ci deviano dalla strada della vocazione che abbiamo ricevuto e ci allontanano da Dio e dai fratelli. Abbiamo bisogno che il nostro cuore di pietra torni ad essere un cuore di carne.
Ricevendo le ceneri sul capo ci sentiremo dire: “Convertiti e credi al Vangelo”. Il primo augurio
che vi rivolgo è che la Quaresima sia un tempo in cui possiate mettere al centro la Parola di Dio
che "Come la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere irrigato la
terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, perché dia il seme al seminatore e pane da
mangiare, così sarà della parola uscita dalla mia bocca: non ritornerà a me senza effetto, senza
aver operato ciò che desidero e senza aver compiuto ciò per cui l'ho mandata." (Is 55,10-11).
Abbiamo tante occasioni per leggerla e ascoltarla. Anzitutto nell’Eucarestia domenicale:
diamo maggior attenzione all’ascolto della Parola proclamata e impegniamoci a meditarla personalmente con cura. Chi presiede ce la spiega nell’omelia ma noi possiamo andare oltre portandocela a casa e meditandola nella quotidianità, mettendola a confronto con la vita e gli accadimenti quotidiani. Penso anche al sussidio preparato dalla Diocesi e diffuso nelle parrocchie per
la preghiera in famiglia. La Parola, poi, possiamo ascoltarla in qualunque luogo nelle numerose
proposte di Radio Oreb e leggerla nella quiete della sera se mettiamo il Vangelo in vista tanto
quanto lo è il televisore in casa nostra.
Papa Francesco nel suo messaggio per la Quaresima 2015 mette al centro della sua riflessione la “globalizzazione dell’indifferenza”. Affermando che Dio non è indifferente al mondo ma lo ama fino a dare il suo Figlio per la salvezza di ogni uomo, ci ricorda che l’indifferenza
non ci permette di vivere pienamente l’amore verso i fratelli e le sorelle, in particolare verso
coloro che sono nella sofferenza e nel bisogno. La carità è uno strumento possibile a tutti, perché nessuno è così povero da non aver nulla dare agli altri, per cambiarci e per cambiare il
mondo. Sia dunque una carità che ha come misura il bisogno dell’altro e non si limiti a dare il
superfluo. Superiamo l’indifferenza per cogliere le differenze che feriscono perché esprimono
disuguaglianze, ingiustizie, muri di separazione. Un Pane per Amor di Dio è l’iniziativa diocesana che ci viene proposta ogni Quaresima in parrocchia, raccoglie fondi che sostengono le nostre missioni nelle opere di promozione umana e caritativa. Però non sia solo il denaro la nostra
carità, ma anche un agire concreto verso il prossimo: è questo che riempie subito il cuore di
gioia. “Dov’è tuo fratello?” è la domanda che Dio pone a Caino dopo l’omicidio di Abele. Non
rispondiamo con indifferenza “Sono forse io il custode di mio fratello?”: se onestamente consideriamo la nostra esistenza ci accorgiamo che siamo costantemente custoditi dagli altri.
Attendo di entrare con voi in questa Quaresima per scoprire di essere custoditi da Dio,
per sentire la sua misericordia e lasciarci risuscitare ad una novità che innervi efficacemente la
nostra vita personale, familiare, ecclesiale.
Che il Signore benedica questo nostro desiderio.
Beniamino Pizziol
Vescovo Collegamento Pastorale Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia OCCASIONE DI PREGHIERA E DI RICONCILIAZIONE IN UN LUOGO DA RISCOPRIRE E FREQUENTARE PIÙ SPESSO
“Anche come singoli abbiamo la tentazione dell’indifferenza. Siamo saturi di notizie e immagini sconvolgenti che ci narrano la sofferenza umana e sentiamo nel medesimo tempo tutta la no‐
stra incapacità ad intervenire. Che cosa fare per non lasciarci assorbire da questa spirale di spa‐
vento e di impotenza? In primo luogo, possiamo pregare nella comunione della Chiesa terrena e celeste. Non trascu‐
riamo la forza della preghiera di tanti! L’iniziativa 24 ore per il Signore, che auspico si celebri in tutta la Chiesa, anche a livello diocesano, nei giorni 13 e 14 marzo, vuole dare espressione a que‐
sta necessità della preghiera”. Così si esprime Papa Francesco nel suo Messaggio per questa Quaresima… la nostra Dio‐
cesi ha pensato di raccogliere la proposta, valorizzando come “esperienza‐segno” un luo‐
go in cui anche ordinariamente si può vivere la preghiera dell’adorazione eucaristica e tro‐
vare, abbastanza spesso, un prete per celebrare il Sacramento della Penitenza: LA CHIE‐
SETTA DELLA ADORAZIONE PERPETUA, chiamata anche “chiesetta Paradiso”, in Contrà S. Domenico, nel quartiere di S. Pietro in Città. In occasione della notte tra il 13 e il 14 marzo prossimi, la chiesetta resterà aperta senza interruzioni e sarà possibile fermarsi davanti al Signore Gesù presente nel Santissimo Sa‐
cramento; nella adiacente cappellina che custodisce il corpo di Santa Maria Bertilla un presbitero potrà celebrare per chi lo chiede la Riconciliazione sacramentale. Momenti più comunitari saranno: la preghiera dei Vespri, alle ore 18 di venerdì e di sabato; la celebrazione eucaristica alle ore 6,30 di venerdì e di sabato. Sarà una ulteriore occasione per realizzare quanto scriveva anche il Vescovo Beniamino nell’entrare con noi in questo Tempo santo: “La Quaresima è un tempo di conversione e rinno‐
vamento spirituale… le frenesie e seduzioni, le cadute e gli errori cui siamo esposti induriscono il cuore, ci deviano dalla strada della vocazione che abbiamo ricevuto e ci allontanano da Dio e dai fratelli. Abbiamo bisogno che il nostro cuore di pietra torni ad essere un cuore di carne”. … IN EVIDENZA
“24 ORE PER IL SIGNORE” Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia Collegamento Pastorale … IN EVIDENZA
PROVOCATI DAI PROFUGHI Il Vescovo Beniamino, giovedì 19 febbraio rivolgendosi ai presbiteri radunati per il ritiro di inizio Quaresima a Monte Berico, ha detto: «Al termine di questa mattinata di ritiro desidero condividere con voi la mia ap‐
prensione per i nostri fratelli immigrati che come profughi continuano ad arrivare nel no‐
stro Paese e, nonostante tutte le paure e le difficoltà del momento, vi chiedo di interro‐
garvi seriamente con le vostre comunità parrocchiali sulla possibilità di dare ospitalità ad alcuni di loro. Comprendiamo le ragioni di chi pone resistenza all’accoglienza di nuovi profughi nelle nostre terre, ma vi invito a non cedere a quella globalizzazione dell’indiffe‐
renza che – come Papa Francesco spesso ci ricorda – rischia di anestetizzarci e di creare quella cultura dello scarto che rompe la fraternità e da cui scaturiscono poi guerre e divi‐
sioni». L’appello del Vescovo può rappresentare per una parrocchia, una unità pastorale o un vicariato l’occasione per riflettere su temi che caratterizzano il tempo Quaresimale quali il digiuno, la preghiera e la carità, verificati concretamente alla luce di un invito all’accoglienza come quello ascoltato a Monte Berico. Spesso nei nostri incontri diciamo che siamo troppo concentrati su noi stessi, occupati eccessivamente a gestire e organiz‐
zare l’esistente, a curare sempre le stesse persone e che non abbiamo tempo e attenzio‐
ni per i “lontani”. L’appello che ci è stato rivolto è una provocazione a riflettere e anche a realizzare, quella «Chiesa “in uscita” … comunità di discepoli missionari che prendono l’iniziativa, che si coinvolgono, che accompagnano, che fruttificano e festeggiano … La comunità evangelizzatrice sperimenta che il Signore ha preso l’iniziativa, l’ha preceduta nell’amore (cfr. 1 Gv 4,10), e per questo essa sa fare il primo passo, sa prendere l’iniziativa senza paura, andare incontro, cercare i lontani e arrivare agli incroci delle strade per invi‐
tare gli esclusi». 1 Non mancano le perplessità di chi dice che le nostre parrocchie “ridotte ai minimi termini” non sono in grado di affrontare queste sfide. Anche questo può essere oggetto di riflessione. L’importante è non chiudere gli occhi per non vedere. Di seguito alcuni spunti presi da testi che hanno accompagnato il cammino della nostra Chiesa in questi ultimi decenni e che possono contribuire ad un approfondimento che, a quanto sembra, è sempre attuale. Ripartire dagli ultimi.
«Per ogni comunità cristiana la decisione di “ripartire dagli ultimi” comporta una più profonda conformazione alla vita e alla Parola di Gesù. Ne deriva quindi non solo l'im‐
pegno per un intervento puntuale e generoso verso chi è in difficoltà, ma anche l'esigen‐
za di riconsiderare tutte le proprie scelte dal punto di vista dei poveri e di chi non ha po‐
tere. “L'impegno evangelico della nostra comunità non è misurato da altro che non sia la qualità della vita degli ultimi tra noi”».2 Vedere la nuova folla di poveri che attendono l'an‐nuncio e l'impegno di liberazione.
«Per questo è necessario anzitutto avere lo sguardo o andare oltre la facciata di una so‐cietà senza poveri e senza problemi, preoccupata di misurare il proprio benessere sulla base di ciò che sa produrre e consumare. Allora potremo ve‐dere la nuova folla di poveri che attendono l'an‐nuncio e l'impegno di liberazione». 3
_____________________ 1 Evangelii Gaudium, n. 24. A. ONISTO, Fare famiglia con chi non ce l’ha, n.5 (1980). 3
25° SINODO DIOCESANO, Sulla strada del Regno di Dio la Chiesa incontra Dio e l’uomo, Docu‐
mento conclusivo, n.82. 2 Demoliremo, innanzitutto, gli idoli che ci siamo costruiti.
«Con gli ultimi e con gli emarginati, potremo tutti recuperare un genere diverso di vita. Demoliremo, innanzitutto, gli idoli che ci siamo costruiti: denaro, potere, consumo, spreco, tendenza a vivere al di sopra delle nostre possibilità. Riscopriremo poi i valori del bene comune: della tolleranza, della solidarietà, della giustizia sociale, della corresponsabi‐
lità. Ritroveremo ««fiducia nel progettare insieme il domani, sulla linea di una pacifica con‐
vivenza interna e di una aperta cooperazione in Europa e nel mondo. E avremo la forza di affrontare i sacrifici necessari, con un nuovo gusto di vivere». 4 Ma dimentica il Lazzaro seduto davanti alla propria porta chiusa.
«Quanto detto per la Chiesa universale è necessario tradurlo nella vita delle parroc‐
chie e comunità. Si riesce in tali realtà ecclesiali a sperimentare di far parte di un solo cor‐
po? Un corpo che insieme riceve e condivide quanto Dio vuole donare? Un corpo, che co‐
nosce e si prende cura dei suoi membri più deboli, poveri e piccoli? O ci rifugiamo in un amore universale che si impegna lontano nel mondo, ma dimentica il Lazzaro seduto da‐
vanti alla propria porta chiusa? (cfr. Lc 16,19‐31)».5 Come sono belle le città che superano la sfiducia malsana e integrano i differenti.
«È indispensabile prestare attenzione per essere vicini a nuove forme di povertà e di fra‐gilità in cui siamo chiamati a riconoscere Cristo sofferente, anche se questo apparen‐
temente non ci porta vantaggi tangibili e immediati: i senza tetto, i tossicodipendenti, i rifugiati, i popoli in‐digeni, gli anziani sempre più soli e abbandonati, ecc. I migranti mi pon‐
gono una particolare sfida perché sono Pastore di una Chiesa senza fron‐tiere che si sente madre di tutti. Perciò esorto i Paesi ad una generosa apertura, che invece di te‐mere la di‐
struzione dell’identità locale sia capace di creare nuove sintesi culturali. Come sono belle le città che superano la sfiducia malsana e inte‐grano i differenti, e che fanno di tale integra‐
zione un nuovo fattore di sviluppo!» 6 CARITAS DIOCESANA È DISPONIBILE AD OFFRIRE SUPPORTO GESTIONALE E LEGALE ALLE PARROCCHIE DISPONIBILI ALL’ACCOGLIENZA. Contattare: Ufficio Legale e Rapporti Istituzionali Caritas Diocesana Vicentina Contrà Torretti, 38 36100 VICENZA e‐mail: [email protected] telefono 0444 304986 (dalle 9:00 alle 13:00 dal lunedì al sabato). _________________ 4
CEI, La Chiesa italiana e le prospettive del Paese, n.6, C3/758. Messaggio di Papa Francesco per la Quaresima 2015, Rinfrancate i vostri cuori (Gc 5,8), 4 ottobre 2015. 6 Evangelii Gaudium, n. 210. 5
… IN EVIDENZA
Collegamento Pastorale Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia ...PER PREGARE E CELEBRARE
Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia Collegamento Pastorale SPIRITUALITA’ L’Ufficio per la spiritualità assieme alla casa diocesana per gli Esercizi Spirituali Villa San Car‐
lo, propongono alcuni appuntamenti e proposte per la prossima Quaresima: 
Esercizi brevi dal venerdì sera 6 MARZO ALLA DOMENICA 8 MARZO (pranzo) per gli adulti del vicariato di Chiampo, Cologna e Noventa. L’invito è rivolto anche ad altri vicariati. E’ sufficiente prenotarsi presso Villa San Carlo. 
GIOVEDÌ 12 MARZO DALLE 9,00 ALLE 16,00: Giornata penitenziale (preghiera e di‐
giuno) all’interno del cammino quaresimale. L’invito è per tutti coloro che desiderano e possono dedicare una giornata intensa all’ascolto della Parola di Dio, all’adorazione e alla penitenza del digiuno, qualifi‐
cando il cammino verso la Pasqua. 
Ritiro dell’Apostolato della Preghiera: GIOVEDÌ 5 MARZO DALLE 9,00 ALLE 16,00. E’ l’incontro di spiritualità quaresimale per gli aderenti all’Apostolato della pre‐
ghiera, ma l’invito è rivolto a tutti coloro che desiderano approfondire il tema del‐
la preghiera, sia livello personale che di intercessione ecclesiale. I parroci o gli stessi aderenti al movimento, possono allargare l’invito ad altri. 
Ricordiamo poi i consueti appuntamenti mensili: la scuola della Parola la terza domenica del mese : 15 marzo la scuola di preghiera ogni primo giovedì del mese (dalle 20,45 alle 22,00): 5 marzo gli incontri per sposi adulti ogni terza domenica, al pomeriggio: 15 marzo 
Altri appuntamenti: ‐ gli esercizi brevi per i genitori dei seminaristi dal 20 AL 22 MARZO ‐ esercizi per i genitori dei preti e religiosi dal 27 AL 29 MARZO 
L'Ufficio per la spiritualità in collaborazione con Villa san Carlo propone per il me‐
se di luglio gli esercizi spirituali ignaziani, sotto la guida di don Gianluigi Pigato. Il corso inizia il 6 luglio e termina il 31 di luglio, con una interruzione nel terzo week‐end del mese. Si avvisa inoltre che il corso di esercizi, aperto a tutti, e in programma dal 6 all'11 luglio e diretto da Rocco Quaglia viene sospeso per assenza del relatore, per cau‐
se maggiori. Al suo posto la settimana di esercizi viene integrata nella prima setti‐
mana del mese ignaziano, proposta da don Pigato. Così il corso non viene sospe‐
so ma viene inglobato nella prima settimana degli esercizi ignaziani" Per informazioni e iscrizioni rivolgersi a Villa S. Carlo tel. 0444 971031 e‐mail: [email protected] RITIRI MINISTRI DELLA COMUNIONE Sabato 14 marzo (ore 9‐12) e Giovedì 19 marzo (ore 9‐12) presso la Casa di Spiritualità dioce‐
sana Villa San Carlo (Costabissara) vengono proposti due momenti di ritiro in preparazione alla Pasqua per i Ministri della Comunione. Non si tratta di due momenti autonomi ma della stessa proposta collocata in due date di‐
verse e ravvicinate per poter favorire la partecipazione di più persone. Alcuni Ministri infat‐
ti, lavorando, non possono partecipare al giovedì mattina; per loro (e in ogni caso per colo‐
ro che trovano più favorevole questa data) viene ripetuta la proposta il sabato mattina. Ufficio per la liturgia tel. 334/2857776 ESERCIZI SPIRITUALI PER OPERATORI DELLA LITURGIA Dal venerdì 20 marzo (ore 18) a domenica 22 marzo (pranzo), presso Casa Mater Amabilis Vicenza, viene proposto un corso di esercizi spirituali rivolto a tutti gli operatori pastorali della liturgia. Tema del corso: "Non hanno più vino...Qualsiasi cosa vi dica, fatela" (Gv 2,3.5). Sono particolarmente invitati coloro che in questi hanno condiviso con la comunità delle figlie della Chiesa qualche momento formativo tra i tanti organizzati da Ufficio liturgico e Casa Mater Amabilis per la preparazione ai ministeri liturgici (lettori, cantori, ministri della comunione, fioristi, ministri della consolazione etc). Per informazioni e iscrizioni rivolgersi a Casa Mater Amabilis tel. 0444/545275 e‐mail: [email protected] della chiesa.org INCONTRO DI SPIRITUALITA’ IN PREPARAZIONE ALLA SANTA PASQUA PER COPPIE SPOSI E FAMIGLIE Accogliendo l'invito di papa Francesco a vivere in profondità di spirito il tempo favorevole della Quaresima, ci prepariamo alla festa della Pasqua con un tempo di ritiro e di preghiera. Desideriamo ravvivare la nostra fede ed essere trovati pronti e svegli dallo Sposo che vie‐
ne. L'invito per coppie, sposi e famiglie, è per domenica 22 marzo, dalle ore 15 alle 18.30, pres‐
so la casa dei Missionari Saveriani in Viale Trento 119, a Vicenza. Sarà anche un momento per invocare lo Spirito sul Sinodo che stiamo vivendo. Ufficio per la pastorale del matrimonio e della famiglia tel. 0444 226551 e‐mail: [email protected] ...PER PREGARE E CELEBRARE
Collegamento Pastorale Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia Collegamento Pastorale ...PER PREGARE E CELEBRARE
MEDITAZIONI BIBLICHE Salmo 35: Dio, prendi in carico la violenza che mi abita Signore, accusa chi mi accusa, combatti chi mi combatte. Afferra scudo e corazza e sorgi in mio aiuto. Impugna lancia e scure contro chi mi insegue; dimmi: "Sono io la tua salvezza". (…) Esulti e gioisca chi ama il mio diritto, dica sempre: "Grande è il Signore, che vuole la pace del suo servo". La mia lingua mediterà la tua giustizia, canterà la tua lode per sempre. (Salmo 35,1‐3.27‐28) Le parole sono armi affilate. Chi canta questo salmo ha deciso di usare la lingua per questo scopo. Non per attaccare, ma per difendersi. Egli che non ha altra protezione di fronte ai violenti e ai bugiardi, cerca di ritrovare in Dio quel che i malvagi gli strappano. Quello che gli hanno preso: la possibilità stessa di comunicare. La violenza attacca in noi la nostra ca‐
pacità di tessere legami e uscire dall’isolamento. Testimoniando il falso, accusando a torto, frantumando la reputazione di qualcuno, gli si toglie il proprio fondamento. L’atto violento tocca in noi una verità che il suo autore manipola affinché "la vita diventi sterile" (v. 12). La persona che recita o canta questo salmo vuole allora esprimere a Dio l’assurdità di un tale accanimento: "senza motivo mi hanno teso una rete, mi hanno scavato una fossa" (v. 7); "quelli che, senza motivo, mi odiano" (v. 19). Il desiderio che Dio riconosca l’assurdità della situazione, come anche il suo statuto di vittima è la motivazione prima dell’autore di questo lungo poema di dolore: “Signore, tu hai visto, non tacere” (v. 22), "Déstati, svégliati per il mio giudizio" (v. 23). Il fatto di sapersi riconosciuto ristabilisce la comunicazione, pro‐
cura un sollievo che si manifesta con preghiere di lode che ci stupiamo di incontrare nel mezzo di un tale lamento: "L’anima mia esulterà nel Signore ed gioirà per la sua salvez‐
za" (v. 9). L’altra motivazione è quella di cercare in Dio la certezza che il male si ritorce contro quelli che lo compiono: "li catturi la rete che hanno teso e nella rovina siano travolti" (v . 8). La presenza di Dio è come lo specchio teso al malvagio che diventa vittima di se stesso e cade nella sua stessa trappola. Ma allo stesso tempo Dio protegge il salmista contro il suo desiderio di rendere male per male. Questa è sicuramente la motivazione ultima di questo canto. È ciò che rende questi salmi di imprecazione intramontabili: con essi, osiamo prendere Dio come testimone del nostro bisogno di violenza. Chiedendogli di prendere in carico la giustizia, abbandoniamo ogni tentativo di farlo noi stessi. Detto in termini politici, Dio esercita un "ministero dalle prerogative regie" nell’esercizio della giustizia, ne ha il monopolio. Lui solo ha l’autorità di rendere giustizia. Nessuna milizia privata o regolamento di conti. Chiedendogli di prendere in carico il ristabilimento della giustizia, noi non rischiamo più di cadere nel cerchio così pe‐
ricoloso della vendetta. Anche se l’espressione sembra rasentare pericolosamente con la legge del taglione ("Signore, accusa chi mi accusa" non è così lontano da "occhio per oc‐
chio, dente per dente"), Dio s’interpone e mi impedisce di soccombere alla mia violenza. Verbalizzare, è già temporeggiare, poi rinviare a più tardi e finalmente deporre in Dio ciò che è insopportabile custodire per noi. La fiducia deve saper prendere queste strade. Come frère Roger amava ripetere: "Dio si prende cura delle nostre preoccupazioni". 
Come non lasciare troppo spazio ai i sentimenti di ingiustizia in noi? 
Dio può prendere in carico la mia collera, la mie arrabbiature? 
Posso dire tutto a Dio? 1 DOM (Mc 9,2‐10) Gesù si trasfigurò davanti ai suoi discepoli. Ed una nube li avvolse nell'ombra, e uscì una voce dalla nube: «Questi è il figlio mio predilet‐
to; ascoltatelo». 2 lu (Dn 3,41‐43 (B,18‐20) Ora, o Signore, ti seguiamo con tutto il cuore e cerchiamo il tuo volto. Salvaci con la grandezza della tua misericordia. 3 ma (Ef 3,7‐13) Paolo scrive: Per mezzo della Chiesa si manifesta la multiforme saggezza di Dio secondo il disegno eterno che ha concepito in Cristo Gesù. 4 me (1 Pt 1,22‐25) Pietro scrisse: La Parola del Signore rimane in eterno. E questa è la paro‐
la del vangelo che vi è stato annun‐
ziato. 5 gi (Rm 14,7‐15) Sia che moriamo, sia che viviamo, siamo del Signore. Per questo infatti Cristo è morto ed è ritornato alla vita: per essere il Signore dei morti e dei vivi. 6 ve (Mt 19,27‐29) Gesù disse: Chiunque avrà lasciato tutto per il mio nome, riceverà cen‐
to volte tanto e avrà in eredità la vita eterna. 7 sa (Fil 2,12‐18) Paolo scrisse: Dio opera in voi per‐
ché siate irreprensibili, figli di Dio in mezzo a un mondo nel quale dovete splendere come 15 DOM (Gv 3,14‐21) Gesù disse: Chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio. 16 lu (Sal 33) L'occhio del Signore veglia sui suoi fede‐
li, su chi spera nella sua grazia, per libe‐
rarli dalla morte e nutrirli in tempo di fame. 17 ma (Lc 11,33‐36) Gesù disse: Nessuno accende una lucer‐
na e la mette in luogo nascosto o sotto il moggio, ma sopra il lucerniere, perché quanti entrano vedano la luce. 18 me (Tt 2,11‐14) Gesù Cristo ha dato la vita per il perdo‐
no dei nostri peccati e per formarsi un popolo che gli appartenga. 19 gi (Lc 2,41‐52) Quando Maria e Giuseppe trovarono il fanciullo Gesù nel tempio, disse loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?» E sua madre serbava tutte queste cose nel suo cuore. 20 ve (Lc 18,18‐23) Gesù disse a un giovane: Una cosa ti manca: vendi tutto quello che hai, distri‐
buiscilo ai poveri e avrai un tesoro nei cieli; poi vieni e seguimi. 21 sa (Is 57,14‐19) Così parla il Signore: «Ho visto la con‐
dotta ribelle del mio popolo, ma lo gua‐
rirò, gli offrirò la consolazione.» 22 DOM (Gv 12,23‐26) Gesù disse: Chi si aggrappa alla sua vita la perde e chi non si attacca alla sua vita in questo mondo la conserve‐
rà per la vita eterna. 23 lu (Ger 33,1‐3) Il Signore disse: Invocami e io ti rispon‐
derò; ti annuncerò cose grandi e na‐
scoste di cui non conosci nulla. 24 ma (Gv 12,37‐50) Gesù disse: Chi vede me, vede colui che mi ha mandato. 25 me (Lc 1,26‐38) Maria disse all'angelo: «Eccomi, sono la serva del Signore; avvenga di me quello che hai detto». 26 gi (Mc 1,16‐20) Passando lungo il mare di Galilea, Gesù vide Simone e Andrea, fratello di Simo‐
ne, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse lo‐
ro:«venite dietro a me, vi farò diventa‐
re pescatori di uomini» 27 ve (Rm 13,8‐10) Paolo scrisse:«L'amore non fa nessun male al prossimo: pieno compimento della legge è l'amore». 28 sa (Lc 6,36‐38) Gesù disse: Siate misericordiosi, come è misericordioso il Padre vostro. Non giudicate e non sarete giudicati. 29 DOM PALME (Is 50,4‐9) Il Signore mi fa essere attento ogni mattina, fa attento il mio orecchio perché ascolti come un discepolo. 30 lu (Mc 14,32‐42) Al Getsemani, Gesù pregava: Padre, tutto è possibile a te, allontana da me questo calice; però non ciò che io vo‐
glio, ma ciò che vuoi tu. 31 ma (Lc 22,39‐46) Giunto al monte degli Ulivi, Gesù disse ai suoi discepoli: Pregate, per non entrare in tentazione. Proposta per la preghiera quotidiana
Queste brevi letture sono quelle che utilizzano i giovani del gruppo “Scuola della Parola” che si ritrovano la terza Domenica di ogni mese a Villa San Carlo e sono prese dalla liturgia della preghie‐
ra di mezzogiorno a Taizé. Consigliamo di leggere la frase ogni mattina cercando di ricordarla e ripeter‐
la più volte durante la giornata. il riferi‐
mento indica da dove è tratto il passo biblico: a volte rimanda ad una lettura più lunga per chi vuole conoscere il contesto. MARZO 2015 ‐ LETTURE PER OGNI GIORNO ...PER PREGARE E CELEBRARE
8 DOM (1 Cor 1,22‐25) Noi proclamiamo Cristo crocifisso: stoltezza per le nazioni, ma per noi è il Cristo, potenza di Dio e sapienza di Dio 9 lu (Gv 1,1‐18) Il Verbo era la luce vera, quella che illumina ogni uomo; egli è venuto nel mondo. 10 ma (1 Cor 2,1‐5) Paolo scrisse: Io non sono venuto ad annunciare la testimonianza di Dio con sublimità di parola o di sapienza. Io ritenni infatti di non saper altro in mezzo a voi se non Gesù Cristo, e questi crocifisso, perché la vostra fede non fosse fondata sulla sapienza umana, ma sulla potenza di Dio. 11 me (Col 2,16‐23) Paolo scrisse: Le regole esteriori non sono che ombra delle cose future; ma la realtà invece è Cristo. 12 gi (Ef 1,3‐14) Nel Cristo avete ascoltato la parola di verità,il vangelo della vostra salvezza e avendo in essa creduto avete ricevuto il suggello dello Spirito Santo. 13 ve (Rm 6,4‐11) Paolo scrive: Ma se siamo morti con Cristo, crediamo che anche vivremo con lui. 14 sa (Is 51,12‐16) Il Signore disse: Io sono il tuo conso‐
latore; chi sei tu per temere l'uomo mortale. Collegamento Pastorale Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia ...PER ANNUNCIARE IL VANGELO
Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia Collegamento Pastorale PELLEGRINAGGIO DIOCESANO DELLE/I CATECHISTE/I A SAN GIOVANNI ANTONIO FARINA L’Ufficio diocesano per l’evangelizzazione e la catechesi di Vicenza in collaborazione con la Congregazione delle Suore Dorotee, organizza per DOMENICA 1 MARZO 2015 IL PELLE‐
GRINAGGIO DIOCESANO DELLE/I CATECHISTE/I A SAN GIOVANNI ANTONIO FARINA Programma ore 15.00: arrivi e accoglienza da parte delle Suore Dorotee e preghiera d’inizio. ore 15.30: San Giovanni Antonio Farina e la catechesi Sr. Albarosa Bassani, Postulatrice per la causa del Santo ore 16.15: Concelebrazione eucaristica presieduta da Mons. Lodovico Furian, Vicario Generale, e animata dal Coro di Zermeghedo. ore 17.00: Momento conviviale di fraternità a pag. 19 il dépliant fotocopiabile Ufficio per l’Evangelizzazione e la Catechesi tel. 0444/226571 e‐mail: [email protected] FACILITATORI DI DIALOGO Sabato 14 marzo prossimo, inizierà un nuovo percorso formativo per “facilitatori di dialogo”, vale a dire per coppie che desiderano collocarsi a servizio di altre coppie in difficoltà di dialogo e comunicazione. Gli incontri si svolgeranno nella Sala Gaia, presso la Parrocchia San Marco ‐ Vicenza, (parcheggio del Teatro), dalle 9 alle 12.30. Il servizio nasce dalla convinzione che, in questo contesto sociale spesso connotato da isolamento e forti tensioni, molte cri‐
si possono trovare una felice conclusione se incontriamo qualcuno che ci offre un ascolto e un appoggio amichevole e, nello stesso tempo, saggio. Contiamo con numerose presenze di volontari, per dare continuità ai quattro “Spazi di ascolto” per coppie in difficoltà già presenti a Vicenza, Arzignano, Bassa‐
no del Grappa e Piazzola sul Brenta e, se possibile, per iniziare l’attendimento in altre sedi. Il percorso si articolerà in sei incontri, di circa quattro ore ciascuno (dalle ore 9 alle 13 circa), nelle seguenti date: Sabato 14 e 28 marzo 2015, Sabato 11 e 18 aprile 2015, Sabato 9 e 23 maggio 2015. a pag. 27 del Collegamento Pastorale n.2/2015 il dépliant fotocopiabile Ufficio per la pastorale del matrimonio e della famiglia tel. 0444 226551 e‐mail: [email protected] L’ORA DELL’ASCOLTO: La Parola illumina la vita e la vita illumina la Parola. Mercoledì 11 marzo alle ore 20,45, presso il Centro Vocazionale Ora Decima. Un’ora di ve‐
glia sulla Parola aperta ai gruppi giovanili, giovani e a tutti coloro che desiderano prendersi una sosta per confrontarsi con la Scrittura. . Ufficio per le vocazioni tel. 0444 525008 e‐mail: [email protected] Collegamento Pastorale Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia È presente presso il Centro Vocazionale Ora Decima e l’Ufficio di Pastorale il nuovo CD vocazionale “È bello con te”, Storie e luoghi di Vocazioni, regia di Giovanni Panozzo. Il regista scledense, utilizzando il linguaggio multimediale propo‐
ne una serie di narrazioni legate a personaggi che si mettono in discussione per essere cristiani significativi nell’oggi della vita. Il DVD si presenta come uno strumento particolarmente utile nella catechesi, negli incontri di preghiera, nel contesto di una proposta di itinerario vocazionale o di un campo scuola, anche per gruppi fidanzati e sposi. In questo nuovo lavoro si raccontano tre storie:  Accompagnare i giovani al coraggio delle scelte Accompagnamento spirituale e ricerca vocazionale nell’esperienza e riflessione di al‐
cuni direttori degli Uffici Diocesani di Pastorale Vocazionale.  Tre storie d’amore. Tre racconti che narrano la vita di coppia, tra scelte, difficoltà e affidamento a Dio.  La ricerca dell’essenziale. Un lungo viaggio tra la vita consacrata attiva e contemplati‐
va. Ufficio per le vocazioni tel. 0444 525008 e‐mail: [email protected] SETTIMANA RESIDENZIALE DEL GRUPPO SENTINELLE Da lunedì 16 a sabato 21 marzo ci sarà la settimana residenziale del Gruppo Sentinelle, for‐
mato da quei giovani che stanno facendo un cammino di ricerca vocazionale negli incontri mensili che si svolgono in Seminario. L'opportunità di vivere una settimana intera in Seminario Minore, condividendo la vita quotidiana dei giovani delle superiori, diventa così l'occasione per scoprire il ritmo feriale fatto di gioco e studio, di relazioni con gli altri e di servizio, di preghiera e riflessione su al‐
cune tematiche. In questa settimana verrà proposta anche una veglia di preghiera sull'itinerario della Qua‐
resima: le porte sono aperte in particolare per i gruppi giovanissimi e per gli animatori. Don Marco Sterchele ‐ Seminario Vescovile tel. 0444 501177 GIORNATA DI MEMORIA DEI MISSIONARI MARTIRI: “NEL SEGNO DELLA CROCE” Nel cuore della Quaresima si colloca la Giornata di preghiera e di digiuno in memoria dei Missionari Martiri. E' un invito a tutte le Chiese locali, agli Istituti e Congregazioni religiose, alle Comunità e a tutti i fedeli a ricordare nella preghiera gli operatori pastorali che hanno “pagato con la vita” la loro fede in Gesù (sono stati 26 nel 2014, tra i quali 17 sacerdoti) e tutte le comunità cristiane che vivono oggi discriminazioni e non di rado persecuzioni vere e proprie. “Nel segno della Croce” è lo slogan di quest'anno. La Veglia diocesana sarà celebrata SABATO 21 MARZO, ALLE ORE 20.30 nella Basilica di Mon‐
te Berico. Insieme con tutti gli operatori pastorali nel corso del 2014, saranno ricordate in modo par‐
ticolare le tre sorelle saveriane ‐ Olga, Lucia e Bernardetta ‐ uccise in Burundi lo scorso me‐
se di settembre. Olga Raschietti si aggiunge come tredicesima al lungo elenco dei missio‐
nari martiri vicentini. Ci uniremo anche alla preghiera di tutta la Chiesa per i cristiani perse‐
guitati e uccisi in queste ultime settimane "per il solo fatto di essere cristiani", come ha affermato papa Francesco Ufficio per la pastorale missionaria tel. 0444 226546 e‐mail: [email protected] ...PER ANNUNCIARE IL VANGELO
“E’ BELLO CON TE” Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia Collegamento Pastorale ...PER ANNUNCIARE IL VANGELO
PELLEGRINAGGI La Via di Dio: Terre Bibliche Terra del Santo (8gg) 26 lug – 2 ago 2015 Terra del Santo: speciale giovani (15gg) 6 – 20 ago 2015 Giordania: esercizi spirituali (9gg) 2 – 10 ott 2015 La Via della Chiesa Primitiva: Terre di Apostoli e Discepoli Turchia dell’Est (9gg) 3 – 10 giu 2015 Armenia (8gg) 16 ‐ 24 giu 2015 Turchia sui passi di S.Paolo (8 gg) 26 giu ‐ 3 lug 2015 Turchia: speciale TPM (8gg) 3 ‐ 10 lug 2015 Turchia: Sessione Biblica (8 gg) 11 ‐ 18 lug 2015 Le vie dell’Ambra: Terre di mezzo Capitali Baltiche (8gg) 4 – 11 set 2015 Le Vie di pellegrinaggio: Terre di ricerca Camargue, Francia (8gg) 17 ‐ 24 apr 2015 Lourdes (4gg) 1 ‐ 4 mag 2015 Germania (6gg) 12 – 17 giu 2015 Irlanda (8gg) 29 giu – 6 lug 2015 Bosnia (8gg) 25 lug – 1 ago 2015 Santiago de Compostela (13gg) 1 ‐ 14 ago 2015 Madrid e Andalusia (8gg) 16 – 23 ago 2015 La Via della Seta: Terre di confronto Iran (10gg) 12 ‐ 21 apr 2015 Uzbekistan (8gg) 14 – 21 ott 2015 Iran (10 gg) 9 ‐ 18 nov 2015 SPECIALE OSTENSIONE SINDONE Dal 19 aprile al 24 giugno 2015 riapre la speciale ostensione della Sindone. Vieni con noi a Torino! Mer 6 maggio 2015: Mini pellegrinaggio in collaborazione con l'Ufficio per la Vita Consacrata 15 ‐ 17 maggio 2015: Pellegrinaggio in collaborazione con l'Uff. Insegn. Rel. Cattolica (3 gg) Mar 26 maggio 2015: Mini pellegrinaggio (1 gg) Mar 16 giugno 2015: Mini pellegrinaggio (1 gg) MINI PELLEGRINAGGI 24 ‐ 25 marzo MONTEBELLO (PU), URBINO E DINTORNI (2 gg) Mer 27 maggio VISITA ALL'EXPO: COSA NUTRE LA VITA? (1 gg) 26 ‐ 28 giugno SOLDATI ROMANI DIVENUTI CRISTIANI SULLA FRANCIGENA (2gg) INCONTRI Domenica 1 marzo, ore 20.30, Chiesa di San Giuseppe Mercato Nuovo Preghiera “Ponti non muri” Venerdì 6 marzo, ore 20.45, Centro Studi Presenza Donna – Vicenza Medio Oriente: dialogo possibile? Guarire la memoria, preparare il futuro Incontro con sr. Carol Cooke, della Comunità siriana di Deir Mar Mousa Domenica 8 marzo, ore 20.30, Chiesa di San Carlo (Villaggio del Sole) – Vicenza Preghiera al femminile. Olio e farina per vite riconciliate Sabato 14 marzo, ore 15,00 Ritrovo iniziale presso il piazzale antistante la chiesetta di Santa Maria del ciclista a Marostica Gino Bartali: "ciclista e giusto tra le nazioni". Tra memoria e speranze future Sarà presente il figlio di Gino, Andrea Bartali
Lunedì 16 marzo, ore 20.30 ‐ Parrocchia di San Giuseppe – Via del Mercato Nuovo, Vicenza SANTIAGO. Conoscere il cammino, la sua origine, lo sviluppo nei secoli, il significato Sabato 21 marzo, Monastero di Montebello a Isola Del Piano (Pesaro‐Urbino) GIORNATA SERGIO QUINZIO. Attesa del Regno e trasformazione della società PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI: www.fondazionegirolomoni.com LINFA DELL’ULIVO Giovedì 21 maggio, ore 16.30 – 19.00 ‐ Palazzo delle Opere Sociali, Vicenza CREAZIONE E NUOVA CREAZIONE Venerdì 22 maggio 2015, ore 9.45 – 12.30 / 15.0018.30 ‐ Palazzo delle Opere Sociali, Vicenza “IO SONO L’ALFA E L’OMEGA, IL PRIMO E L’ULTIMO, IL PRINCIPIO E LA FINE” Venerdì 22 maggio 2015, ore 20.30 ‐ Partenza dal Pensionato studenti Madonna di Monte Berico SERATA SPETTACOLO: “FAMMI VIVERE NELLA TUA VIA” Per la partecipazione ritirare l’invito in Ufficio (Credenziale del pellegrino) Sabato 23 maggio 2015, ore 9.45 – 12.30 ‐ Palazzo delle Opere Sociali, Vicenza «QUANTE SONO LE TUE OPERE, SIGNORE, TUTTE LE HAI FATTE CON SAGGEZZA…» PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI: www.linfadellulivo.it Ufficio Pellegrinaggi Vicenza ‐ Contrà Vescovado 3 ‐ Vicenza tel.0444 327146 fax 0444 230896 ‐ e‐mail: [email protected] www.pellegrininellaterradelsanto.it MOSTRA SULLA SINDONE AL CENTRO CULTURALE SAN PAOLO In occasione dell’ostensione straordinaria che si terrà a Torino dal 19 aprile al 24 giugno 2015, il Centro Culturale San Paolo, in collaborazione con il Coordinamento pastorale dioce‐
sano e l’Ufficio Pellegrinaggi Diocesano, desidera promuovere alcuni eventi che favorisca‐
no la conoscenza e l’approfondimento del telo sindonico. Grazie alla disponibilità del prof. Emilio Lazzarin, delegato del Centro Internazionale di Sin‐
donologia per il triveneto, saranno esposti, presso il Centro Culturale San Paolo, 41 pannelli illustrativi. L’Itinerario fotografico ripercorre i principali dettagli storici e le più rilevanti scoperte scientifiche attorno alla Sindone. La mostra sarà corredata da sussidi esplicativi e da una riproduzione fedele in scala 1:1 del sudario stesso. L’inaugurazione si terrà il prossimo lunedì 16 marzo alle 20.30 presso il presso il Centro Culturale San Paolo in Viale Ferrarin 30. In quell’occasione il prof. Lazzarin guiderà i visita‐
tori ad una lettura attenta e circostanziata di quegli incredibili dettagli che la Sindone na‐
sconde. Grazie alla disponibilità di due ricercatori e professori di Padova il percorso di approfondi‐
mento si arricchisce della presenza del prof. Giulio Fanti, docente al dipartimento di Inge‐
gneria Industriale di Padova e celebre sindonologo, e del prof. Matteo Bevilacqua, docente di fisiopatologia respiratoria dell’Università di Padova. Entrambi hanno condotto recenti studi su materiale sindonico e ci offriranno i loro contributi martedì 24 marzo sempre al Centro Culturale San Paolo alle 20.30. Il percorso appena indicato desidera favorire l’approfondimento e la conoscenza di un telo che ancora oggi affascina storici e ricercatori di tutto il mondo. Grazie al contributo dell’Ufficio Pellegrinaggi avremo più occasioni di visitare la cattedrale in cui è custodito il telo sindonico. Le date dei pellegrinaggi si trovano nel sito www.pellegrininellaterradelsanto.it. a pag. 20 la locandina fotocopiabile ...PER ANNUNCIARE IL VANGELO
Collegamento Pastorale Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia Collegamento Pastorale ...PER UNA CITTADINANZA SPIRITUALE
INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA INCONTRO DI DIALOGO CRISTIANO‐ISLAMICO Come da tradizione consolidata l’Ufficio per l’IRC organizza anche per l’a.s. 2014/15 un in‐
contro di dialogo cristiano‐islamico. Esso si terrà il 6 marzo 2015, dalle ore 15.30 alle ore 17.30, presso il Coro delle Monache – Chiara di Araceli Vecchia in Vicenza e avrà come tema: “La preghiera interreligiosa… a scuola?”. L’incontro, in forma laboratoriale, è rivolto agli IdR di ogni ordine e grado, ai Colleghi di altre discipline, a quanti sono interessati al tema. INCONTRO DI AGGIORNAMENTO PER IDR DELLA SS 2° A conclusione degli incontri di agg.to per gli IdR della SS 2° è in programma un incontro conclusivo di verifica il 19/03/2015, dalle ore 15.00 alle ore 18.00, presso il Liceo Scientifico “GB. Quadri” in Vicenza con la presenza del dott. Aladino Tognon. Il tema dell’incontro sa‐
rà: “La certificazione delle competenze nell’IRC”. All’incontro sono vivamente invitati tutti gli IdR della SS 2°. RITIRO SPIRITUALE DI QUARESIMA Come da tradizione l’Ufficio diocesano organizza per sabato 21 marzo 2015, dalle ore 15.00 alle ore 18.30 presso Villa San Carlo in Costabissara (VI), il ritiro spirituale di quaresima per gli IdR e il mondo della scuola. La riflessione sarà guidata dalla prof.ssa Giacomini sr. Marti‐
na; seguiranno la Via Crucis nel parco e la Santa Messa animata dall’équipe liturgica dell’Ufficio, coordinata dalla prof. Mariangela Gazzetta. Sono invitati gli IdR, le loro famiglie, i colleghi di altre discipline, i membri dell’AIMC e dell’UCIIM. Per informazioni e iscrizioni rivolgersi a Ufficio IRC tel. 0444/226456 fax 0444/540235 e‐mail: [email protected] CONFERENZE SUL PREZIOSO PIVIALE DEI PAPPAGALLI Dal 22 febbraio, per quattro domeniche, parte un ciclo di incontri organizzati a margine del‐
la mostra “Il Piviale dei pappagalli: dal trono all’altare” promossa dal Museo Diocesano. Si inizia domenica 22 febbraio alle ore 16 con la conferenza sul tema “Il pappagallo e la pioggia” con la partecipazione di Fernando Rigon. A seguire, domenica 1 marzo, sempre alle 16, Maria Elisa Avagnina interverrà su “Il Piviale dei pappagalli”. L’8 marzo toccherà a Chiara Rigoni relazionare su un argomento suggestivo: “I tessuti del XIII secolo”. L’incontro conclusivo del ciclo, domenica 15 marzo alle ore 16, sarà affidato a Marco Ciatti, direttore dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, con “Il Frammento del Piviale dei pappagalli e altri capolavori restaurati dall’OPD”. Gli incontri saranno presso la Sala dell’Arco di Palazzo Opere Sociali –piazza Duomo 2‐. Ingresso libero. Museo diocesano tel. 0444/226400 e‐mail: [email protected] “LE SFIDE EDUCATIVE DI FRONTE ALLA RIFORMA DELLA SCUOLA” L’Ufficio Diocesano per la Pastorale della Scuola organizza per Venerdì 27 marzo 2015 dalle ore 10.00 alle ore 12.30 , presso il CENTRO DIOCESANO MONS.ONISTO un incontro di tutti i Dirigenti Scolastici delle scuole statali e paritarie della Diocesi e Provincia di Vicenza con la presenza del Vescovo Beniamino. Il tema sarà: “LE SFIDE EDUCATIVE DI FRONTE ALLA RIFORMA DELLA SCUOLA” Relatore: Prof. Italo Fiorin, già Dirigente Tecnico presso Ministero, Ispettore Scolastico e Docente di Pedagogia e Didattica presso l’Università LUMSA di Roma. Ufficio per la pastorale della scuola tel. 0444 226566 e‐mail: [email protected] DIOCESI DI VICENZA – NOMINA DEL CONSIGLIO PARROC‐
CHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI 01/01/2015 – 31/12/2019 VICARIATO DI _____________________________________________
PARROCCHIA DI ___________________________________________
Il sottoscritto Parroco, visto lo statuto promulgato dal Vescovo in data 08/09/1999, propo‐
ne per la nomina dei membri del Consiglio Affari Economici di questa Parrocchia: 1. Il M.R. _________________________________________ vicario parrocchiale. 2. Il (la) sig.__________________________________ nato il ___________________ professione ________________________ indirizzo __________________________ ____________________________________________________ (proposta Cons. Pastorale) 3. Il (la) sig. _________________________________ nato il ____________________ professione_________________________ indirizzo _________________________ ____________________________________________________ (proposta Cons. Pastorale) 4. Il (la) sig. _________________________________ nato il ___________________ professione ________________________ indirizzo __________________________ ____________________________________________________ (proposta del Parroco) 5. Il (la) sig. _________________________________ nato il ___________________ professione ________________________ indirizzo __________________________ ____________________________________________________ (proposta del Parroco) ed assicura la loro sensibilità ecclesiale e capacità, dichiara che sono attivamente inseriti nella comunità, non hanno rapporti economici con la Parrocchia né sono legati da parentela o affinità col parroco. Lì ____________________________ IL PARROCO __________________________________________________________(girare il foglio)____ DIOCESI DI VICENZA A norma dello Statuto per i C.P.A.E. nominiamo "ad quinquennium" le suddette persone MEMBRI DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI della Parrocchia di ____________________________ con i compiti specificati nello stesso Statuto. VICENZA______________________ L'ORDINARIO DIOCESANO ASPETTI AMMINISTRATIVI
Collegamento Pastorale Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia Collegamento Pastorale ASPETTI AMMINISTRATIVI
PARROCCHIA DI ___________________________________ Presa visione dello Statuto, emanato dal Vescovo, i sottoscritti dichiarano di accet‐
tare il mandato di membri del C.P.A.E. (01/01/2005 – 31/12/2009): _____________________ _____________________ ____________________ _____________________ _____________________ ************************* MOTIVAZIONI NEL CASO IN CUI UNA O PIU’ PERSONE VENISSERO PROPOSTE PER UN TERZO LUSTRO (SCRIVERE IL NOME DELLA PERSONA E, ACCANTO, LE MOTIVAZIONI)
___________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________ ************************* SI PREGA DI DARE LE SEGUENTI INFORMAZIONI NECESSARIE: Indicare la persona del C.P.A.E. a cui inviare preferibilmente note tecniche
e informazioni riguardo l’amministrazione parrocchiale
COGNOME
NOME
INDIRIZZO
Indicare la persona del C.P.A.E. a cui inviare periodicamente informazioni su
offerte deducibili e otto per mille
COGNOME
NOME
INDIRIZZO
Indirizzo del professionista (o studio) che cura la Denuncia dei redditi
dell’ente, della TASI – IMU - ritenute d’acconto e gestioni separate commerciali della Parrocchia
COGNOME
NOME
INDIRIZZO
Indicare la persona del C.A.E.P. che potrà essere contattata per informazioni e iniziative nel settore dell’etica ambientale (bio-edilizia - risparmio
energetico – energie rinnovabili …COGNOME
NOME
INDIRIZZO
Collegamento Pastorale pag. 19 Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia Collegamento Pastorale Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia Collegamento Pastorale Collegamento Pastorale pag. 20 Anno 2014/2015: Testimoni della Gioia 
Author
Документ
Category
Без категории
Views
0
File Size
786 Кб
Tags
1/--pages
Пожаловаться на содержимое документа