close

Enter

Log in using OpenID

Confetra: traffici marittimi, la ripresa è lenta

embedDownload
Avvisatore Marittimo
del Mediterraneo
15 marzo 2015
Euro 2,50
Quindicinale indipendente di informazioni marittime e turistiche, economia mercantile, politiche dei trasporti e dell’ambiente, attività marinare e pesca
NAVIGAZIONE GENERALE ITALIANA
Andamento positivo invece negli altri comparti: quello aereo torna ai livelli pre-crisi, su strada è “boom” dei corrieri
Confetra: traffici marittimi, la ripresa è lenta
La Confederazione rileva per il 2014 perdite nel transhipment e nelle rinfuse liquide, bene le spedizioni
Enzo Bruno
Autorità portuale Palermo
L
’andamento positivo del traffico italiano delle merci rilevato nel primo semestre
2014, secondo i dati diffusi dal centro studi di Confetra, si è rafforzato nel secondo semestre facendo
segnare anno su anno dati positivi
sia in termini di traffico che di fatturato in quasi tutti i settori e modalità, con l’eccellenza del traffico
aereo che ha ormai recuperato i
valori pre-crisi, e con le uniche
eccezioni negative nel traffico
marittimo del transhipment (-4,1%)
e delle rinfuse liquide (-6,4%).
Significativa è la ripresa del traffico nazionale che sembra preludere
finalmente ad una ripresa dei consumi interni delle famiglie e degli
investimenti delle aziende. La Nota
Congiunturale del 2014 è stata elaborata intervistando un panel di
imprese tra le più rappresentative
dei vari settori. L’andamento positivo del traffico merci trova conferma sia dal rapporto traffico/fatturato ora sostanzialmente in equilibrio, sia dal calo dei tempi di incasso e dal calo delle insolvenze sia
infine dal miglioramento delle
aspettative degli operatori tra i
quali solo il 7% prevede un mercato ancora in flessione contro un
41% che prevede una crescita. Nel
comparto delle spedizioni internazionali oltre al traffico aereo crescono anche la strada ed il traffico
marittimo.
Al Dock 7 una mostra
racconta donne e lavoro
l Dock 7 del porto di Palermo si
è inaugurata la mostra e reportage fotografico “Les Filles de
Palerme” di Patrice Terraz e
Damiano Giuliano. Una ricerca fotografica accurata che ha prodotto
immagini intense, attraverso le quali
i due fotografi hanno affrontato con
delicatezza poetica il tema delle
lavoratrici portuali.
A
a pagina 7
Il costo totale delle opere è di circa sette miliardi, la realizzazione entro il 2020
Grimaldi Lines
Infrastrutture portuali, autostradali e ferroviarie:
l’Italia presenta a Bruxelles un elenco di 71 progetti
Un ordine da 300 milioni
per cinque navi “ro-ro”
Jacopo Di Giovanni
l governo ha presentato alla
Commissione europea un piano
organico di interventi infrastrutturali
con richiesta di finanziamento: sono
71 le proposte progettuali inviate a
Bruxelles per un costo totale di
6,822 miliardi che verranno spesi
entro il 2020.
I
Lo sciopero del 6 marzo
Sindacati marittimi:
“Piena adesione contro
la riforma portuale”
pagina 2
a pagina 3
In Commissione al Senato primo sì alla depenalizzazione
a pagina 3
Bianca Longo a pagina 2
LÊassociazione si allea con la francese „Fntr‰ contro il cabotaggio stradale europeo
Pesca sottotaglia, verso un’intesa Concorrenza sleale, Conftrasporto chiede interventi
Porti, sos dragaggi
a pagina 3
Michelangelo Milazzo
pprovato in Commissione agricoltura del Senato il Collegato
agricoltura, con importanti novità
per la pesca: pacchetto normativo
dedicato al comparto e dell’acquacoltura con semplificazioni ad hoc,
mutui a tasso zero estese alle aziende del settore e depenalizzazione
delle sanzioni per pesca sottotaglia.
A
pagina 6
hanno redatto una posizione comune
sulla difesa sociale dell'autotrasporto
in ambito comunitario. Il documento
illustra i principali problemi e avanza
alcune richieste per risolverli. Hanno
ricevuto questo documento Inge
Bernaerts, commissaria europea agli
Affari Sociali, ed Eddy Liégeois,
responsabile dell'ufficio Trasporti
Terrestri della Direzione Generale
della Mobilità e del Trasporto.
Giacomo D’Orsa
Bruxelles una delegazione della
confederazione di autotrasportatori italiana Conftrasporto e della francese Fntr ha incontrato Inge Bernaerts
e Eddy Liégeois, come rappresentanti
della commissione Europea per gli
Affari Sociali e i Trasporti, presentando una serie di richieste comuni per
eliminare la concorrenza sleale causata dal cabotaggio stradale e dal distacco degli autisti. Le due associazioni
A
pagina 5
PortItalia
s.r.l.
Porto di Palermo
via Francesco Crispi
Banchina Puntone
Tel. 091361060/61 - Fax 091361581
Porto di Termini Imerese
CSP
MAGAZZINI
GENERALI
SCARL
IMPRESA PORTUALE
Compagnia Servizi Portuali s.r.l.
CARICATORE TIRRENIA
Porto di Palermo
via Francesco Crispi
Banchina Puntone
Tel. 091361060/61 - Fax 091361581
GESTIONE DEPOSITO FRANCO
DEPOSITO I.V.A.
Imprese portuali
PALERMO - VIA FILIPPO PATTI, 25
TEL 091 587893 - FAX 091 589098
[email protected]
www.magazzinigeneralipalermo.com
Avvisatore Marittimo
2
15 marzo 2015
DEL MEDITERRANEO
La maggior parte delle proposte riguarda il Centro e il Nord del Paese. Per il settore marittimo 15 idee da 130 milioni
L’Italia bussa alle porte dell’Ue con 71 progetti
Il governo ha presentato un piano organico di interventi infrastrutturali per tutti i comparti del trasporto
Jacopo Di Giovanni
LÊad Emanuele Grimaldi „Ordine entro fine mese‰
l ministero delle Infrastrutture e
dei Trasporti ha presentato alla
Commissione europea un piano
organico di interventi infrastrutturali
con richiesta di finanziamento in
base ai bandi Ten-T 2014 nell’ambito dei quali sono stati stanziati circa
12 miliardi di euro (prima tranche
dei 26 miliardi previsti). Dall’Italia
sono 71 le proposte progettuali
inviate a Bruxelles per un costo totale di 6,822 miliardi di euro che verranno spesi entro il 2020 e a fronte di
un contributo comunitario richiesto
di 2,471 milioni di euro. Su 71 progetti presentati ben 32 riguardano il
settore ferroviario, con una richiesta
di contributo di 2,237 milioni di
euro. Al settore marittimo sono
destinate 15 delle 71 proposte presentate alla Commissione (130,2
milioni), 3 al settore aereo (45,3
milioni) e 9 al settore stradale (20,9
milioni). Vanno segnalate, in tema di
innovazione e di sostenibilità
ambientale, la richiesta di contributo
(8,7 milioni) per progetti pilota di
stazioni di rifornimento a ricarica
elettrica e GNL (gas naturale liquefatto), e quella di 20,9 milioni per lo
sviluppo del sistema idroviario padano-veneto. Questi i progetti proposti
per il settore marittimo: realizzazione di banchine, allungamento moli,
piazzali, attività di dragaggio, stazio-
Grimaldi Lines pronta a investire
300 milioni per cinque navi “ro-ro”
I
Bianca Longo
rimaldi Group, il più grande
operatore al mondo nel trasporto oceanico di automobili e dei traghetti per passeggeri (oltre 100 navi
operate attraverso le 5 compagnie
Grimaldi Lines, Atlantic Container
Lines, Minoan Lines, Malta
Motorways of the Sea e Finnlines)
sta per concretizzare l’ordine relativo a 5 nuove navi del tipo Ro-Ro,
cioè roll on-roll-off, che serviranno a
trasportare le auto prodotte da Fiat
Chrysler Automobiles in Europa con
destinazione gli Stati Uniti e viceversa, così come riportato dal sito
dell’Ansa. Il programma comporterà
un investimento complessivo di 300
milioni di dollari e prevede, quando
le fabbriche del vecchio Continente
saranno a regime, il trasporto di
7.000 veicoli per ogni nave, suddivisi su 13 ponti. Il nuovo sistema di
trasporto a bordo di scafi che sembrano giganteschi garage (con le
auto che salgono e scendono guidate
G
ni
marittime,
piattaforme
offshore/onshore, (Ravenna 29
milioni; Trieste 19,7); progettazione/costruzione di piattaforme logistiche e terminal container (Trieste e
Venezia, 22,3 milioni; Vado ligure 5
milioni); opere di accesso ai porti e
collegamenti a interporti, in particolare ferroviari (Livorno 11,5 milioni;
Venezia 11,4); sviluppo di nuovi collegamenti di Autostrade del Mare
(Civitavecchia 6,9 milioni); lavori
per viabilità interna al porto
(Cagliari 2,1 milioni); realizzazione
di una infrastruttura per rete in fibra
ottica promossa dal Comando
Generale
del
Corpo
delle
Istat: „Il Meridione ben oltre la media nazionale‰
Capitanerie di Porto per lo scambio
delle informazioni nave-porto
(Capitanerie/Ram 6,6 milioni).
Questi invece i progetti per il settore
stradale: 2 progettazione preliminari
(Anas) per l'ammodernamento degli
svincoli del GRA del nodo di Roma
e per il by-pass urbano per il nodo di
Palermo; 4 proposte per lo sviluppo
di azioni pilota per servizi di ITS sui
corridoi nazionali stradali proposta
per l'implementazione del servizio
delle chiamate di emergenza E-Call
e; 2 proposte sul tema Eco-Driving e
per l'implementanzione di un sistema di gestione traffico centralizzato
(Arcese).
individualmente) permetterà significativi risparmi sul piano del costo
del lavoro e dei tempi di carico e scarico. Nel dettagliare il progetto per le
cinque navi Ro-Ro, Emanuele
Grimaldi – AD del Gruppo – ha
dichiarato al Wall Street Journal che
”esiste già una lista finale di alcuni
cantieri cinesi e l’ordine sarà finalizzato entro marzo”. Attualmente il
Gruppo italiano opera già nel trasporto di veicoli sulle rotte dagli
Stati Uniti e dal Canada verso
l’Europa e il Sudafrica, dall’Europa
verso il Sudamerica e il Sudafrica e
dal Nord Europa ai porti del
Mediterraneo. Intanto Il Gruppo
Grimaldi potenzia ulteriormente il
servizio Mex: con l’impiego di una
quarta nave, il Gruppo partenopeo
migliora la qualità del servizio offerto tra il Mediterraneo ed il West
Africa. La Grande Ghana si aggiunge alle altre tre navi già presenti sul
servizio, la Repubblica di Argentina,
la Repubblica del Brasile e la
Grande Costa D’Avorio.
LÊutilizzo come carburante riduce comunque di molto le emissioni nocive per lÊambiente
Crisi: il Sud paga un conto salato Ue: “L’uso del Gnl non è conveniente”
In 7 anni persi mezzo milione di posti Uno studio della Commissione analizza gli aspetti economici del gas liquido
Rosaria Falanga
a Commissione europea ha presentato i risultati preliminari di
uno studio sulla percezione dei
rischi e delle opportunità dell’utilizzo del gas naturale liquefatto come
combustibile per il trasporto marittimo, come riportato sul sito amaregaeta.wordpress.com. Il documento
evidenzia che le parti interessate
riconoscono i benefici per ambiente
dell’uso di tale tipologia di combustibile, ma non sono ancora convinte
dell’opportunità del suo impiego dal
punto di vista economico. Lo studio
prende in considerazione la politica
dell’Unione Europea che ha l’obiettivo di ridurre le emissioni prodotte
dal trasporto marittimo e di ricercare
fonti di energia alternative, in previsione di un’ulteriore limitazione dell’uso di combustibili pesanti, e riassume le recenti misure legislative in
materia a partire dalla direttiva europea sul tenore di zolfo dei combustibili per uso marittimo (2012/33), che
autorizza l’uso del GNL come combustibile alternativo per soddisfare
gli standard più severi relativi alle
emissioni, nonché la direttiva sulla
realizzazione di infrastrutture per i
carburanti alternativi (2014/94) che
L
econdo gli ultimi dati diffusi
dall’Istat, nel nostro Paese tra il
2008 e il 2014 gli occupati sono
diminuiti in media annua di 811.000
persone ma con grandi differenze a
livello territoriale: il Sud ha perso
576.000 posti di lavoro, pari al 70%
del calo complessivo mentre il Nord
ne ha persi 284.000. Il Centro ha
guadagnato 48.000 occupati. Il Sud
ha perso l'8,9% dei suoi occupati (3,5% la media in Italia).
L'occupazione complessiva in Italia
in media annua è diminuita tra il
2008 e il 2014 del 3,5% (811.000
posti) ma se al Nord si è perso il
2,38% e al Centro si è registrato un
piccolo incremento (+1%), il
S
Mezzogiorno ha perso quasi l'8,9
degli occupati dell'area (da
6.432.000 a 5.856.000). Anche l'ultimo anno che in media in Italia ha
registrato un aumento di 88.000
occupati ha visto arrancare il
Meridione con 45.000 occupati in
meno. Il tasso di occupazione nell'area è diminuito tra il 2008 e il 2014
dal 46% al 41,8% a fronte del tasso
medio italiano passato dal 58,6% al
55,7% e quello del Nord passato dal
66,9% al 64,3%. Se nel Trentino il
tasso di occupazione è rimasto pressoché stabile (passato dal 68,5% al
68,3%) in Campania è passato dal
42,4% al 39,2% (appena il 27,5% nel
2014 tra le donne).
mira a garantire una copertura minima di stazioni di rifornimento di
GNL nei principali porti marittimi e
fluviali europei, rispettivamente
entro il 2025 e il 2030, e di fornire
norme comuni per la loro progettazione e il loro uso.
Intanto, in occasione della celebrazione
questa
settimana
dell’European Shipping Week, l’associazione degli armatori europei ha
presentato i risultati di un recente
studio di Oxford Economics sul
valore economico dell’industria
dello shipping dell’Unione Europea.
Il documento sottolinea che il contri-
TRASPORTI NAZIONALI
GIORNALIERO PER NAPOLI
E PROVINCIA E VICEVERSA
DEPOSITO E DISTRIBUZIONE
Sede legale: Molo Piave, Porto di Palermo
Tel. 091331867 - Fax 091588059
Sede operativa: Area intermodale porto di Palermo
via Francesco Crispi - Tel. 091583629 - Fax 091332442
Sede operativa Napoli: via Gianturco, 98/A
www.penninotrasporti.com - [email protected]
buto complessivo del settore al prodotto interno lordo dell’UE è stato
pari nel 2013 a 147 miliardi di euro.
Inoltre, ogni milione di euro che l’industria europea del trasporto marittimo apporta al Pil dell’UE genera
altri 1,6 milioni di euro di valore in
altri ambiti dell’economia europea.
Lo studio di Oxford Economics precisa che nell’UE il settore dello shipping dà lavoro a 2,2 milioni di persone nell’intero cluster marittimo e
che tra il 2004 e il 2013 i posti di
lavoro diretti generati dal settore
hanno registrato un incremento del
+25%
Unità Logistica trasporto merci
Coordinamento territoriale merci
SICILIA
NAVIGAZIONE GENERALE ITALIANA
Via dei Mille, 20
98057 - Milazzo (ME)
Tel./Fax 090 9281471
www.ngi-spa.it
Via Roma, 19 - 90133 Palermo
Tel.091/6161731 - Fax 091/6171269
Avvisatore Marittimo
15 marzo 2015
3
DEL MEDITERRANEO
Trend positivi invece per il comparto stradale, aereo e ferroviario: “Preludio ad un aumento dei consumi interni”
Confetra: “Traffici marittimi, annata negativa”
Secondo i dati del centro studi della Confederazione dei trasporti il 2014 si è chiuso con il segno meno
Enzo Bruno
L
a Nota Congiunturale del 2014,
elaborata dal Centro Studi
Confetra
(Confederazione
Generale Italiana dei Trasporti e della
Logistica) intervistando un panel di
imprese tra le più rappresentative dei
vari settori, evidenzia come l’andamento positivo del traffico italiano delle
merci rilevato nel primo semestre 2014
si sia rafforzato nel secondo semestre
facendo segnare anno su anno dati
positivi sia in termini di traffico che di
fatturato in quasi tutti i settori e modalità, con l’eccellenza del traffico aereo
che ha ormai recuperato i valori precrisi, e con le uniche eccezioni negative
nel traffico marittimo del transhipment
e delle rinfuse liquide. Lo si legge in
una nota contenuta all’interno della
nota congiunturale. “L’andamento
positivo del traffico italiano delle merci
rilevato nel primo semestre 2014 – si
legge - si è rafforzato nel secondo
semestre facendo segnare anno su anno
dati positivi sia in termini di traffico
che di fatturato in quasi tutti i settori e
modalità, con l’eccellenza del traffico
aereo (+6,7% in peso, +4,1% in numero di spedizioni e +4,7% in fatturato)
che ha ormai recuperato i valori precrisi, e con le uniche eccezioni negative
nel traffico marittimo del transhipment
(-4,1%) e delle rinfuse liquide (-6,4%).
Significativa è la ripresa del traffico
nazionale (con il +2,1% dei vettori stradali a carico completo ed il +1,3% del
trasporto a collettame) che sembra preludere finalmente ad una ripresa dei
consumi interni delle famiglie e degli
investimenti delle aziende.
Da sottolineare anche la ripresa del
cargo ferroviario (+600.000 treni/km,
pari ad un +1,4%) grazie ad una significativa crescita dei vettori ferroviari
diversi da Trenitalia che continuano a
rosicchiare quote di mercato. Degna di
nota è anche la continua crescita dei
courier (+3,8% in quantità e +3,5% in
fatturato),
sicuramente
trainata
dall’eCommerce che mantiene percentuali di incremento a due cifre, arrivando a raddoppiare il proprio valore in
soli quattro anni.
L’andamento positivo del traffico merci
trova conferma sia dal rapporto traffico/fatturato ora sostanzialmente in
equilibrio, sia dal calo dei tempi di
incasso (79 giorni contro gli 87 del
2013) e dal calo delle insolvenze (1,2%
contro il 2,4% del 2013) sia infine dal
miglioramento delle aspettative degli
operatori tra i quali solo il 7% prevede
un mercato ancora in flessione contro
un 41% che prevede una crescita. Nel
comparto delle spedizioni internazionali oltre al traffico aereo crescono anche
la strada (+2,5% in quantità e +2,8% in
fatturato) ed il traffico marittimo
(+1,9% in quantità e +1,7% in fatturato). I valori positivi della rilevazione
Confetra trovano conferma dai dati
provenienti dai valichi alpini (dove il
Brennero con un +3,8% si colloca
ormai a ridosso del Monte Bianco) e
dagli aeroporti, dove Malpensa con un
+9,1% rafforza il suo primato su un
Fiumicino stagnante (-0,3%). Anche il
traffico autostradale è finalmente tornato in territorio positivo, dopo un triennio in calo. Degni di nota infine la crescita del traffico container del porto di
Genova (+9,3%) e quella Ro-Ro di
Livorno (+7,8%).
LÊallarme lanciato da Assoporti, Federagenti e Federazione del mare:„Accelerare sui lavori di dragaggio‰
I porti si interrano: “Un’emergenza nazionale”
L'
impossibilità di effettuare regolarmente il dragaggio dei fondali sta provocando l'interramento di
oltre la metà dei grandi porti commerciali italiani. Le conseguenze
minacciano di essere disastrose in
termini di occupazione, di ricchezza
generata e di gettito per lo Stato.
Normative sedimentatesi negli anni,
vincoli ambientali sovradimensionati, equiparazione dei detriti e delle
sabbie sui fondali ai rifiuti nocivi di
terra e inserimento di alcuni fra i
principali porti nella lista dei siti
Sind, interamente da bonificare,
hanno provocato lo stallo delle ope-
razioni di dragaggio che in tutti i
porti del mondo sono routine. Per i
maggiori porti del Paese, le conseguenze sono disastrose specie in un
momento in cui i traffici marittimi
internazionali e non solo nel settore
container vedono affermarsi l'utilizzo intensivo di navi di grandissime
dimensioni che richiedono acque
profonde per entrare e operare in
porto. Federazione del mare (rappresentativa di tutto il cluster marittimo) Assoporti (che riunisce le
Autorità portuali italiane e quindi il
governo della portualità nazionale) e
Federagenti (che rappresenta la cate-
goria che in Italia cura gli interessi
degli armatori) hanno deciso quindi
di mobiiltarsi per accendere i riflettori sull'emergenza nazionale porti,
prima che sia davvero troppo tardi.
In un incontro promosso a Roma,
presso la sede nazionale di
Confcommercio,
sul
tema
"Dragaggio dei porti: requisito
essenziale per la competitività del
sistema marittimo italiano", i vertici
delle tre organizzazioni hanno sottoscritto un protocollo di intesa che
impegna il governo ad affrontare con
provvedimenti di urgenza il problema dei dragaggi mettendo in partico-
lare a punto una normativa uniforme
e trasparente che sia valida e applicabile in tutti i porti del Paese.
Questa dovrebbe tener conto da una
parte degli enormi progressi scientifici nella catalogazione dei detriti,
delle sabbie e dei fanghi sui fondali
marini e dall'altra preveda una riperimetrazione delle aree Sin, i siti di
interesse nazionale, che dovrebbero,
sulla base delle misure amministrative in atto, essere integralmente bonificati quando invece esistono soluzioni pratiche di salvaguardia dell'ambiente che consentano ai porti di
ospitare le navi..
La Ecol Sea srl è un’azienda con
certificazione Qualità (ISO 9001) e
Ambiente (ISO 14001) che da
trent’anni nel porto di Palermo si
occupa dell'attività di prelievo delle
acque di sentina, degli slops, delle
acque nere e dei rifiuti pericolosi e
non pericolosi prodotti dalle navi.
La Ecol Sea srl, con mezzi autorizzati e personale specializzato, offre
soluzioni per il trasporto e invio a
Sciopero dei portuali
I sindacati: “Il 6 marzo
adesione altissima”
ono state altissime le adesioni
allo sciopero nazionale dei
lavoratori dei porti e degli addetti ai
servizi tecnico nautici con punte fino
al 100%”, lo scorso 6 marzo. Lo riferiscono Filt Cgil, Fit Cisl e
Uiltrasporti in merito alla protesta
indetta unitariamente “contro la
volontà del Governo di introdurre
nei porti italiani norme liberiste con
effetti degenerativi sulle tutele e
sulla qualità del lavoro”. “Secondo i
dati raccolti - riferiscono le tre organizzazioni sindacali di categoria adesioni del 100% e presidi e blocchi ai varchi di ingressi dei terminal
nei porti di Venezia, Trieste Palermo
Ancona ed a Ravenna, dove c’è stato
un presidio di 500 lavoratori di fronte alla Prefettura. A Genova, dove il
presidio in Prefettura ha interessato
400 lavoratori, l’adesione si attesta
al 95%, come a Savona ed al porto di
Gioia Tauro. A Napoli fermi il del
90% dei lavoratori con corteo e presidio come nei porti di Salerno e di
Bari. A La Spezia ed a Cagliari stop
al 70% delle attività”. Secondo Filt,
Fit e Uilt “l’adesione dei lavoratori
deve spingere il Governo ad avviare
un confronto vero con le parti sociali per un percorso di riforma dei porti
partecipato e con il coinvolgimento
del Parlamento, in caso contrario la
giornata di oggi è solo l’inizio di un
conflitto che potrebbe anche estendersi ad altri settori connessi ai
porti”. Al porto di Palermo si è tenuto anche un sit in di lavoratori nelle
banchine davanti le navi ormeggiate.
“Vorremmo conoscere – hanno spiegato Amedeo Benigno segretario Fit
Cisl Sicilia e Antonino Napoli segretario Fit Cisl portuali - i contenuti
della bozza di riforma dei porti del
governo nazionale, ci auguriamo che
questo sciopero faccia comprendere
l’importanza del coinvolgimento dei
lavoratori e dei loro rappresentanti
nel processo di cambiamento dei
porti che deve avere come obiettivo
lo sviluppo delle aree e la valorizzazione delle specificità di ogni sito sul
territorio”
“S
smaltimento di qualsiasi tipologia di
rifiuti. La Ecol Sea srl è associata
ad Ansep-Unitam, associazione
nazionale che raggruppa le aziende di Servizi Ecologici Portuali e di
tutela dell’ambiente marino.
Ecol Sea S.r.l.
via Quinta Casa n° 8, Palermo
Tel. 0916883130 / Fax 091543468
e-mail: [email protected]
Avvisatore Marittimo
DEL MEDITERRANEO
Quindicinale indipendente di informazioni
marittime e turistiche, economia mercantile, politica dei trasporti e attività marinare
Direttore: Enzo Di Giovanni
Direttore responsabile: Giancarlo Drago
Calata Marinai d’Italia - Edificio Stella Maris - Porto di Palermo
Telefax: +39 091 6121138 / Cell. 3357083540
sito web: www.avvisatore.com
e-mail: [email protected]
Stampa Pittigrafica: via Salvatore Pelligra 6 - 90128 Palermo - tel. 091 481521
Anno 5 Numero 6 - Spedizione in abbonamento postale - La pubblicità non supera il 45%
Iscritto al Roc Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni al numero: 21300
Registrazione al Tribunale di Palermo n. 16/11 - Registro Periodici
Avvisatore Marittimo
4
15 marzo 2015
DEL MEDITERRANEO
ITINERARI COMMERCIALI
LIBIA
02 MARZO SANTA GIORGINA. YE509R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
SUD AMERICA
02 MARZO SANTA GIORGINA. YE509R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
09 MARZO KING JACOB YE510R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
09 MARZO KING JACOB YE510R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
16 MARZO SANTA GIORGINA YE511R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
16 MARZO SANTA GIORGINA YE511R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
23 MARZO KING JACOB YE512R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
23 MARZO KING JACOB YE512R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
30 MARZO SANTA GIORGINA V. YE513R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
30 MARZO SANTA GIORGINA V. YE513R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
N O R D E U R O PA
GIORGINA. YE509R (MSC SICILIA SRL
SUBCONTINENTE INDIANO
02 MARZO SANTA GIORGINA. YE509R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
09 MARZO KING JACOB YE510R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
09 MARZO KING JACOB YE510R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
16 MARZO SANTA GIORGINA YE511R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
16 MARZO SANTA GIORGINA YE511R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
23 MARZO KING JACOB YE512R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
23 MARZO KING JACOB YE512R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
30 MARZO SANTA GIORGINA V. YE513R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
30 MARZO SANTA GIORGINA V. YE513R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
02 MARZO SANTA
091/7812811)
NGI: merci/passeggeri - Milazzo/Eolie
02 MARZO SANTA
091/7812811)
SCALO
lunedì
martedì
mercoledì
venerdì
Milazzo
Vulcano
Lipari
Salina
Lipari
Vulcano
GIORNO
SCALO
lunedì
martedì
mercoledì
venerdì
Vulcano
Lipari
Salina
Lipari
Vulcano
Milazzo
GIORNO
SCALO
Milazzo
Vulcano
Lipari
Salina
Panarea
Ginostra
Stromboli
Lipari
Vulcano
giovedì
GIORNO
TUNISIA
AFRICA ORIENTALE
DA PALERMO PER LA G OULETTE
02 MARZO SANTA GIORGINA. YE509R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
TUTTI I SABATO M/N EXCELLENT (GRANDI NAVI VELOCI)
09 MARZO KING JACOB YE510R (MSC SICILIA SRL
02 MARZO ZEUS PALACE (GRIMALDI GROUP)
091/7812811)
16 MARZO SANTA GIORGINA YE511R (MSC SICILIA SRL 07 MARZO
091/7812811)
09 MARZO
23 MARZO KING JACOB YE512R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
14 MARZO
30 MARZO SANTA GIORGINA V. YE513R (MSC SICILIA SRL
16 MARZO
091/7812811)
GIORNO
Vulcano
Lipari
Salina
Panarea
Ginostra
Stromboli
Lipari
Vulcano
Milazzo
ZEUS PALACE (GRIMALDI GROUP)
ZEUS PALACE (GRIMALDI GROUP)
GIORNO
21 MARZO ZEUS PALACE (GRIMALDI GROUP)
SUD AFRICA
GIORGINA. YE509R (MSC SICILIA SRL 23 MARZO ZEUS PALACE (GRIMALDI GROUP)
09 MARZO KING JACOB YE510R (MSC SICILIA SRL 28 MARZO ZEUS PALACE (GRIMALDI GROUP)
091/7812811)
30 MARZO ZEUS PALACE (GRIMALDI GROUP)
16 MARZO SANTA GIORGINA YE511R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
TURCHIA
P
S ALERNO PER G EMLIK
DA
ALERMO
VIA
23 MARZO KING JACOB YE512R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
01 MARZO GRANDE ANVERSA (GRIMALDI GROUP)
30 MARZO SANTA GIORGINA V. YE513R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
06 MARZO GRANDE ROMA (GRIMALDI GROUP)
GIORNO
SCALO
sabato
Vulcano
Lipari
Salina
Rinella
Filicudi
Alicudi
Milazzo
21.00
23.00
23.35
00.50
01.55
02.30
ARRIVO
08.20
08.55
10.00
12.25
12.50
14.50
22.50
23.25
00.30
01.45
02.20
04.20
PARTENZA
06.30
08.30
09.05
10.10
11.30
12.40
14.30
17.35
18.10
21.00
23.00
23.35
00.50
16.20
15.10
01.55
02.30
ARRIVO
08.20
08.55
10.00
11.20
12.30
13.10
17.25
18.00
20.00
SCALO
Milazzo
Vulcano
Lipari
Salina
Rinella
Filicudi
Alicudi
sabato
ZEUS PALACE (GRIMALDI GROUP)
06.30
08.30
09.05
11.30
12.35
13.00
SCALO
giovedì
ZEUS PALACE (GRIMALDI GROUP)
PARTENZA
22.50
23.25
00.30
16.10
15.00
01.45
02.20
04.20
PARTENZA
06.30
08.30
09.05
10.10
10.45
11.55
14.00
18.40
18.05
17.00
16.25
15.10
ARRIVO
08.20
08.55
10.00
10.35
11.50
12.55
20.30
18.30
17.55
16.50
16.15
15.00
IL PORTO DI PALERMO
NORD AMERICA
08 MARZO GRANDE ROMA (GRIMALDI GROUP)
02 MARZO SANTA GIORGINA. YE509R (MSC SICILIA SRL
13 MARZO GRANDE ROMA (GRIMALDI GROUP)
091/7812811)
GIORNO PER
PART.
SOCIETA’
09 MARZO KING JACOB YE510R (MSC SICILIA SRL 15 MARZO GRANDE NAPOLI (GRIMALDI GROUP)
091/7812811)
20 MARZO GRANDE NAPOLI (GRIMALDI GROUP)
16 MARZO SANTA GIORGINA YE511R (MSC SICILIA SRL
091/7812811)
22 MARZO GRANDE SICILIA (GRIMALDI GROUP)
23 MARZO KING JACOB YE512R (MSC SICILIA SRL
27 MARZO GRANDE SICILIA (GRIMALDI GROUP)
091/7812811)
SAB.
TUNISI
11.00
GNV
DOM.
CIVITAVECCHIA
18.00
GNV
GIORNO PER
MERC
CIVITAVECCHIA
PART.
02.00
SOCIETA’
GNV
30 MARZO SANTA GIORGINA V. YE513R (MSC SICILIA SRL 29 MARZO GRANDE ANVERSA (GRIMALDI GROUP)
091/7812811)
GIOV.
22.00
GNV
IL PORTO DI TERMINI IMERESE
CIVITAVECCHIA
ITINERARI NAVI DI LINEA
GIORNO
DA
ARR.
PER
PART.
SOCIETA’
GIORNO
DA
VENERDI’
Napoli
Tunisi
Genova
Napoli
Ustica
Ustica
06.45
07.00
18.30
06.30
08.25
17.20
Napoli
Salerno
Genova
Napoli
Ustica
Ustica
20.15
09.00
23.00
20.00
15.00
09.00
Tirrenia-Cin
Grimaldi Group
Grandi N. Veloci
Grandi N. Veloci
A.fo Comp. d. Isole
Comp. delle Isole
Napoli
Cagliari
Genova
Napoli
C.Vecchia
Ustica
Ustica
Salerno
06.45
07.30
18.30
06.30
08.00
08.25
17.20
09.30
Napoli
Cagliari
Genova
Napoli
Tunisi
Ustica
Ustica
Tunisi
20.15
19.30
23.59
20.00
10.00
15.00
09.00
11.30
Tirrenia-Cin
Tirrenia-Cin
Grandi N. Veloci
Grandi N. Veloci
Grandi N.Veloci
A.fo Comp. d. Isole
Comp. delle Isole
Grimaldi Group
Napoli
Genova
Tunisi
Ustica
Ustica
Tunisi
Napoli
06.45
18.30
10.30
08.25
17.20
15.00
06.30
Napoli
Genova
C.Vecchia
Ustica
Ustica
Salerno
Napoli
20.15
-------20.00
15.00
08.30
19.00
--------
Tirrenia-Cin
Grandi NaviVeloci
Grandi Navi Veloci
A.fo Comp. d. Isole
Comp. delle Isole
Grimaldi Group
Grandi Navi Veloci
ARR.
PER
PART.
SOCIETA’
Cambi doganali
Validi dall’1 al 31 Marzo 2015
LUNEDI’
MARTEDI’
MERCOLEDI’
GIOVEDI’
Napoli
Genova
Ustica
Ustica
Napoli
Salerno
06.45
-------08.25
17.20
-------22.00
Napoli
20.15
Genova
23.00
Ustica
15.00
Ustica
09.00
Napoli
20.00
Tunisi 01.00 (mart.)
Tirrenia-Cin
Grandi Navi Veloci
A.fo Comp. d. Isole
Comp. delle Isole
Grandi Navi Veloci
Grimaldi Group
Napoli
Genova
Napoli
Ustica
Ustica
06.45
18.30
06.30
08.25
17.20
Napoli
Genova
Napoli
Ustica
Ustica
20.15
23.00
20.00
15.00
09.00
Tirrenia-Cin
Grandi N. Veloci
Grandi N. Veloci
A.fo Comp. d. Isole
Comp. delle Isole
Napoli
Genova
Napoli
Ustica
Ustica
06.45
18.30
06.30
08.25
17.20
Napoli
Genova
Napoli
Ustica
Ustica
20.15
23.00
20.00
15.00
09.00
Tirrenia-Cin
Grandi N. Veloci
Grandi N. Veloci
A.fo Comp. d. Isole
Comp. delle Isole
Napoli
Genova
Napoli
Ustica
Ustica
06.45
18.30
06.30
08.25
17.20
Napoli
Genova
Napoli
Ustica
Ustica
20.15
23.00
20.00
15.00
09.00
Tirrenia-Cin
Grandi N. Veloci
Grandi N. Veloci
A.fo Comp. d. Isole
Comp. delle Isole
SABATO
DOMENICA
DIVISA
$ Usa
Yen giapponese
Corona danese
Corona svedese
Lira sterlina
Corona norvegese
Corona ceca
Fiorino ungherese
Zloty polacco
Franco svizzero
$ canadese
$ australiano
$ neozelandese
Corona estone
Litas lituano
Lats lettone
Corona slovacca
Leu romeno
Lev bulgaro
EURO
1,13720
135,69000
7,44400
9,54890
0,73720
8,54800
27,58300
307,71000
4,19090
1,07070
1,41580
1,45980
1,51470
15,64660
3,45280
0,70320
30,31100
3,52600
1,95580
Avvisatore Marittimo
15 marzo 2015
5
DEL MEDITERRANEO
Al centro delle richieste la creazione di un’agenzia europea e lo stop alla delocalizzazione delle imprese e al cabotaggio
Autotrasporto, alleanza Italia-Francia sulle regole
Conftrasporto e “Fntr” siglano e presentano all’Ue un documento per il rispetto delle norme comunitarie
Trasportounito: „Provvedimento che non conviene‰
Giacomo D’Orsa
A
fine febbraio a Bruxelles una
delegazione della confederazione di autotrasportatori italiana Conftrasporto e della francese
Fntr ha incontrato Inge Bernaerts e
Eddy Liégeois, come rappresentanti
della commissione Europea per gli
Affari Sociali e i Trasporti, presentando una serie di richieste comuni
per eliminare la concorrenza sleale
causata dal cabotaggio stradale e dal
distacco degli autisti, così come
riportato da TrasportoEuropa.it Le
due associazioni hanno redatto una
posizione comune sulla difesa sociale dell'autotrasporto in ambito comunitario. Il documento illustra i principali problemi e avanza alcune richieste per risolverli. Hanno ricevuto
questo documento ieri a Bruxelles
Inge Bernaerts, commissaria europea agli Affari Sociali, ed Eddy
Liégeois, responsabile dell'ufficio
Trasporti Terrestri della Direzione
Generale della Mobilità e del
Trasporto.
Le richieste principali riguardano l'istituzione di un'Agenzia europea per
il trasporto stradale, che deve verificare l'applicazione e l'interpretazione delle regole comunitarie negli
Stati membri; la creazione di uno
speciale regime per i "lavoratori ad
alta mobilità" (ossia gli autisti internazionali); la realizzazione di un
registro europeo dell'autotrasporto,
che permetta di controllare l'applicazione delle regole sociali, che nel
Il decreto Ilva è diventato legge:
via al sostegno delle aziende creditrici
Alessia Spataro
allo scorso 3 marzo il decreto Ilva
è legge delle Stato. Per le imprese di autotrasporto che vantano crediti
nei confronti del colosso siderurgico
pugliese sono state confermate le
misure di sostegno proposte nei giorni
scorsi dal governo. La prima è la prededucibilità dei crediti accumulati
dalle pmi nei confronti dell’acciaieria,
antecedenti all’ammissione dell’Ilva
alla procedura di amministrazione
straordinaria. La seconda è la sospensione dei termini di versamento dei
tributi erariali (e delle procedure esecutive e cautelari relative agli stessi
tributi), in scadenza tra la data di
entrata in vigore della legge di conversione del decreto Ilva e il 15 settembre 2015. Questo provvedimento
riguarda anche le cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione. I versamenti dovranno essere
effettuati in unica soluzione entro il 21
dicembre 2015. La terza misura permette l'uso del Fondo di garanzia per
le piccole e medie imprese per agevolare l'accesso al credito agli autotrasportatori creditori, fino a un massimo
D
frattempo devono essere armonizzate, in particolare quelle relative alle
assicurazioni sociali e alle pensioni;
introdurre deroghe al regolamento
883/2004 sulla sicurezza sociale che
permettano, in caso di distacco internazionale degli autisti, di pagare i
contributi sociali del Paese di accoglienza del lavoratore.
Inoltre, le due associazioni ritengono
che debbano essere rafforzate le
regole di accesso al mercato e alla
professione e chiarite le norme sul
distacco, specialmente durante le
Nel mese di aprile torna la manifestazione „Una nave di libri‰
attività di cabotaggio stradale. "In
linea di principio, non siamo contrari a un mercato unico del trasporto, a
condizione che siano accompagnate
da una convergenza progressiva dei
costi, dell'imposizione fiscale e della
legislazione sociale all'interno degli
Stati membri", spiega Florence
Berthelot, delegata generale aggiunta della FNTR. "Le nostre imprese
non chiedono una restrizione alla
libera circolazione, bensì vogliono
lavorare su un piano di uguaglianza
con i loro concorrenti".
di 35 milioni di euro. Contro questo
provvedimento si è schierato il sindacato Trasportounito. “L'intesa raggiunta in questi giorni con i
Commissari Straordinari dell'Ilva Spa,
pur comprendendo le difficoltà oggettive della vertenza, è assolutamente
sconveniente per le imprese di autotrasporto che da oltre un mese hanno
dovuto interrompere le loro attività.
Coloro che hanno dato il via libera
alla ripresa del lavoro, con risultati
deludenti (e per molte imprese addirittura catastrofici) si sono assunti una
enorme responsabilità. Nel merito,
l'acconto ipotizzato dell'80%, ancorché non siano chiare le modalità, che
dovrebbe fornire liquidità immediata
alle imprese, sarà utilizzato sostanzialmente per coprire una parte dei
debiti accumulati anziché produrre
servizi e pertanto, l'agonia finanziaria
resta in tutta la sua interezza.
L'impegno di presentare al governo
un piano di rimborso dei crediti pregressi, chiedendo la possibilità di
effettuare pagamenti rateizzati a tutte
le imprese di autotrasporto nei limiti
delle disponibilità finanziarie, non è
credibile”.
Rinnovate le cariche di segretario e tesoriere e nominato anche il consiglio direttivo
Grimaldi Lines, viaggio a Barcellona Propeller Palermo, Blandi presidente
fra letteratura, enogastronomia e arte Avvocato esperto di diritto della navigazione succede a Renato Coroneo
dell'International Propeller
Ipersoci
Club Port of Palermo hanno eletto
il prossimo triennio il Consiglio
direttivo composto da Renato
Coroneo, Massimo Blandi, Guido
Trombetta, Pino Matranga, Vito
Busalacchi, Michele D'Amico e
Paolo Molinelli; segretario Michele
D'Amico, tesoriere Pino Matranga.
Nominato pure il nuovo presidente,
l'avvocato Massimo Blandi (nella
foto, il primo da destra durante un
convegno del Propeller), esperto in
diritto della navigazione, in sostituzione di Renato Coroneo attuale
segretario generale ff. dell'Ap di
Palermo. Coroneo, che ha ricoperto
la carica di presidente per oltre nove
anni, si è dichiarato soddisfatto della
nomina dell'amico Blandi.
nostro servizio
orna anche nel 2015 “Una Nave
di Libri per Barcellona”, il grande evento culturale organizzato dalla
testata “Leggere: tutti” a bordo della
nave Cruise Roma, ammiraglia della
flotta Grimaldi Lines, in programma
dal 21 al 25 aprile. Come ogni anno,
l’iniziativa celebrerà la Giornata
Mondiale del Libro e la ricorrenza di
San
Giorgio,
festeggiata
a
Barcellona con una grande festa
popolare e con l’allestimento di centinaia di bancarelle dove acquistare
libri e rose rosse per il tradizionale
scambio di doni tra uomini e donne.
Il tempo da trascorrere a bordo,
durante
la
navigazione
tra
Civitavecchia e la capitale catalana,
sarà tutto un susseguirsi di reading e
dibattiti, proiezioni di film e spettacoli teatrali, con la partecipazione di
scrittori, giornalisti e registi di fama.
Tra gli altri saranno presenti Roberto
Gervaso, eclettico protagonista del
panorama culturale italiano, il regista teatrale Ennio Coltorti con lo
T
spettacolo Moz.Art che racconta per
la prima volta l’opera e la vita del
grande musicista secondo l’opinione
del suo “storico nemico” Antonio
Salieri – la finalista del Premio
Strega 2013 Simona Sparaco e il
giornalista Giampaolo Sodano. Verrà
dato ampio spazio anche all’enogastronomia, con lo chef Alessandro
Cecere e il sommelier Alessandro
Scorsone.
Ma la Grimaldi ha in serbo un’altra
sorpresa per il mese di aprile
Barcellona è la meta ideale per una
vacanza pasquale all’insegna del
relax e tra mille meraviglie architettoniche e artistiche: Grimaldi Lines
Tour Operator propone qualche giorno di pausa, tra una passeggiata nel
verde del Parc Guell e uno sguardo
anche agli altri capolavori di Gaudì,
a prezzi competitivi. La proposta di
Grimaldi Lines Tour Operator prevede soggiorni da 3 a 6 notti in formula nave + hotel a partire da soli 290
euro a persona, con sistemazione in
cabina doppia sulla nave e camera
doppia in hotel.
LÊazienda ha chiuso il bilancio con +15%, gli utili diminuiscono però di 55 milioni di euro (-35%)
Fincantieri, ricavi in forte crescita nel 2014
Bianca Longo
Fincantieri ha chiuso il 2014
con i ricavi in aumento del 15%
a 4,3 miliardi di euro. L'utile,
secondo quanto riferito dal sito
internet dell’Ansa, è in calo a 55
milioni di euro (-35%), principalmente perché sull'esercizio pesano
le imposte per 51 milioni rispetto ai
19 del 2013, e le dinamiche delle
commesse e delle consegne, tipiche
dell'industria
navalmeccanica.
L’andamento dello scorso anno ha
quindi confermato il trend positivo
di
crescita
dell'attività
di
Fincantieri, con un miglioramento
dei ricavi a 4,399 miliardi, ordini
acquisiti per 5,639 miliardi (+13%)
e un carico di lavoro di 9,814
miliardi. La posizione finanziaria
netta è positiva per 44 milioni di
L
euro. Il segmento Shipbuilding ha
registrato una forte ripresa sia per
le navi da crociera sia per la definizione con la Marina Militare
Italiana della configurazione di
tutte le navi oggetto del piano di
rinnovo della flotta, con prossima
finalizzazione dei contratti. Nel
segmento Offshore c'è stato un rallentamento degli ordinativi e una
riduzione della marginalità soprattutto a causa del contesto di mercato, frenato dal calo del prezzo del
petrolio. Per il 2015 Fincantieri si
attende "un volume di nuovi ordinativi elevato", anche in considerazione del rinnovo della flotta della
Marina Militare Italiana, mentre
"sarà un anno difficile" per il settore energetico e dunque per il segmento Offshore, dove opera la controllata Vard.
Avvisatore Marittimo
6
15 marzo 2015
DEL MEDITERRANEO
L’Alleanza delle cooperative: “Un provvedimento positivo per tutto il comparto, adesso bisogna favorire gli investimenti”
Pesca sottotaglia, primo sì alla depenalizzazione
La commissione Agricoltura al Senato dà l’ok anche a un nuovo pacchetto normativo sulle semplificazioni
Michelangelo Milazzo
I
l Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende
noto che è stato approvato in
Commissione agricoltura del
Senato il Collegato agricoltura, con
importanti novità per il settore
agroalimentare, della pesca e dell’acquacoltura. Per quanto riguarda
la pesca, le principali novità
riguardano un pacchetto normativo
dedicato al comparto e dell’acquacoltura con semplificazioni ad hoc,
mutui a tasso zero estese alle aziende del settore e depenalizzazione
delle sanzioni per pesca sottotaglia.
Ampliate inoltre le possibilità di
intervento da parte della società Isa
anche su pesca e acquacoltura per
favorire gli investimenti nel comparto. “Ringrazio i senatori della
Commissione agricoltura – ha
dichiarato il Ministro Maurizio
Martina – per aver rafforzato gli
strumenti a disposizione del settore
agricolo e della pesca attraverso un
lavoro attento ed approfondito. Il
Collegato
approvato
dalla
Commissione rappresenta un passaggio fondamentale per il sostegno
della competitività di un settore
strategico come quello agroalimentare. Vengono rafforzati gli interventi sul piano delle semplificazioni, della lotta alla burocrazia anche
attraverso il lavoro già iniziato dal
Governo sulla riorganizzazione
degli enti. Bene anche l’intervento
per la pesca e l’acquacoltura, in
particolare con la previsione di
depenalizzare le sanzioni per la
pesca sottotaglia, come avevamo
indicato anche agli operatori del
settore nelle scorse settimane. Ora è
Alletti: „Sempre attenti alle esigenze dei clienti‰
importante che l’iter parlamentare
possa proseguire per poter dare
risposte a un comparto che sta contribuendo in maniera importante
anche a creare nuovi posti di lavoro, come dimostrano i 57 mila
nuovi occupati del 2014”.
Soddisfazione del coordinamento
pesca dell’Alleanza delle cooperati-
ve italiane per il via libera in
Commissione Agricoltura del
Senato al collegato agricolo. “Un
provvedimento che contiene la
depenalizzazione dei reati commessi nell’esercizio dell’attività di
pesca professionale” afferma
l’Alleanza nell’auspicare che venga
così rivisitato un complesso sanzionatorio che penalizza eccessivamente l’attività degli operatori.
Interessante
poi,
secondo
l’Alleanza, la delega per il riordino
della complessa disciplina della
pesca, l'istituzione dello sportello
unico per l'acquacoltura nonché le
norme per favorire gli investimenti
nel settore.
“Poteva essere una buona occasione
anche per dare seguito a quanto
sancito nella Legge europea 2013,
che ha eliminato il divieto di vendita dei prodotti della pesca effettuata
a fini scientifici. Auspichiamo che
il provvedimento venga presto
recuperato perché consente di portare avanti indagini scientifiche su
vasta scala e ottenere dati sullo
stato degli stock sempre più vicini
alla realtà, senza incidere maggiormente sulle risorse destinate alla
ricerca e valorizzando l’attività
degli operatori ittici e il loro contributo agli studi per una pesca più
sostenibile” conclude l’Alleanza.
LÊobiettivo è lo sviluppo del traffico merci in sette scali
Tirrenia-Cin inaugura il “Life Cycle”: Rete Ten-T e porti del Nord Adriatico:
tecnologia al servizio dei passeggeri l’Ue stanzia 3 milioni per i progetti
Alessia Spataro
’ partita in questi giorni “Life
Cycle”, la nuova newsletter di
Tirrenia nata grazie alla collaborazione tra Compagnia Italiana di
navigazione e ContactLab, azienda
italiana da oltre 15 anni leader nel
settore del digital direct marketing.
Un servizio creato per assistere i
clienti in tutte le fasi del loro viaggio, informarli e ringraziarli della
loro scelta. Il cliente, dopo aver
acquistato il biglietto sul sito
www.tirrenia.it, riceverà prima e
dopo il viaggio tre differenti comunicazioni al suo indirizzo di posta elettronica. All’interno delle mail ci
saranno informazioni utili e pertinenti per la clientela: indicazioni più
precise sull'orario di partenza, sulla
nave nella quale viaggerà, sui servizi
a disposizione a bordo e sulle procedure di imbarco previste. “Le nuove
tecnologie permettono oggi alle
aziende di essere più vicine e attente
E
alle esigenze del cliente e di intercettare più agevolmente la sua opinione
sui servizi offerti e migliorarli in
modo opportuno – dichiara Lorenzo
Aletti, Responsabile Marketing di
Tirrenia Compagnia Italiana di
Navigazione -. Tirrenia ha iniziato
questo percorso due anni fa ponendo
la soddisfazione della propria clientela al centro delle sue strategie commerciali. Per questo abbiamo scelto
di collaborare con ContactLab, l’azienda leader del settore che garantisce un concreto coinvolgimento dei
nostri ospiti, attraverso uno strumento efficace e puntuale come Life
Cycle, fondamentale per il processo
di innovazione intrapreso da
Tirrenia”. Un’iniziativa rivolta oggi
al mercato italiano, e che in futuro
verrà implementata anche per la
clientela internazionale, resa possibile grazie al lavoro congiunto di
due grandi aziende, e con la quale
Tirrenia riconferma la centralità
della clientela nelle sue strategi
Rosaria Falanga
ell’ambito del programma TenT dell’Unione europea, quasi 3
milioni di euro saranno stanziati a
sostegno di studi su un migliore collegamento fra i porti dell’Adriaco
settentrionale e le principali reti ferroviarie e delle vie navigabili interne
nella regione. L’intento del progetto
è contribuire allo sviluppo di questi
porti quali punti di interconnessione
tra i modi di trasporto marittimo e di
altro tipo. Gli studi saranno incentrati sul miglioramento dell’accesso,
nell’entroterra, dei porti marittimi di
Trieste
e
Venezia
(Italia),
Capodistria (Slovenia) e Fiume
(Croazia) e dei porti interni di
Chioggia, Porto Levante e Mantova
(Italia) alle principali reti di trasporto europee attraverso collegamenti
ferroviari e alle vie navigabili interne. Nello specifico il progetto: preparerà un’analisi avanzata per gli
investimenti futuri in questi porti;
N
promuoverà la cooperazione e gli
accordi tra i porti, gli operatori del
trasporto merci e i terminali terrestri
per migliorare i servizi; promuoverà
soluzioni intermodali marittime-ferroviarie di trasporto merci per integrare i porti nei principali corridoi di
trasporto
che
attraversano
l’Adriatico settentrionale; promuoverà i servizi co-modali mare-fiume
e l’integrazione dei porti marittimi di
Venezia e Chioggia nel sistema fluviale del Po; promuoverà gli investimenti nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC)
per migliorare l’efficienza dei trasporti marittimi a corto raggio e la
loro interconnessione con altri modi
di trasporto. Il progetto è stato selezionato per essere finanziato dall’UE
con l’assistenza di esperti esterni
nell’ambito dell’invito pluriennale a
presentare proposte Ten-T 2013,
“Autostrade del mare”. La sua attuazione sarà monitorata dall’Inea, deve
essere ultimato entro dicembre 2015.
Guardia Costiera
Operazione “Phoenix”:
sequestri e multe in Sicilia
Si è conclusa l’operazione complessa
“Phoenix”, disposta e coordinata
dalla Direzione Marittima di
Palermo, sulla base delle direttive
emanate dal Comando Generale del
Corpo delle Capitanerie di Porto. I
nuclei ispettivi pesca della Guardia
Costiera di Palermo, Trapani, Mazara
del Vallo, Porto Empedocle e Gela e
gli uffici marittimi da esse dipendenti hanno effettuato, nel mese di febbraio, controlli a 360 gradi sull’intera
catena della filiera della pesca: 61 i
controlli degli ambulanti per strada,
20 nelle pescherie, 76 nei ristoranti,
115 a mare e 213 nei porti e nei punti
dì sbarco. Ben 15 soggetti sono stati
deferiti all’autorità giudiziaria per
detenzione di prodotto ittico allo
stato giovanile procedendo al sequestro di oltre 100 Kg di novellame di
sarda (neonata). Sono stati inoltre
elevati 59 verbali per violazione delle
norme di tracciabilità ed etichettatura
dei prodotti ittici per un importo
complessivo pari a 95.000 euro.
Confitarma
Imbarco degli allievi:
intesa con i sindacati
Il 26 febbraio a Roma, presso la sede
della Confederazione Italiana
Armatori, è stato sottoscritto un protocollo d’intesa volto a favorire l’imbarco degli allievi italiani a bordo di
navi di bandiera italiana ed estera.
Con questo atto, le parti sociali
hanno inteso proporre una soluzione
condivisa in merito ad uno dei temi
più scottanti riguardanti il settore del
lavoro marittimo, favorendo l’ingresso dei giovani italiani nelle professioni del mare. Il protocollo è
stato sottoscritto da Confitarma,
Fedarlinea, e dalle organizzazioni
sindacali Filt-Cgil, Fit Cisl e
Ulitrasporti. Ulteriore elemento qualificante del protocollo è l’introduzione della figura del terzo ufficiale
junior, volta a favorire l’inserimento
nel mercato del lavoro marittimo
degli Allievi ufficiali abilitati. Il
Ministero delle Infrastrutture e dei
Trasporti dovrà ora esprimersi sulla
validità del percorso formativo delineato nel protocollo.
LÊente di formazione siciliano menzionato nel libro-inchiesta di Daniele Fano sullÊoccupazione: „Una scuola specializzata nella subacquea industriale‰
“Garanzia giovani”, il Cedifop citato in uno studio
Manos Kouvakis
I
n un brutto momento come quello
che sta attraversando la formazione
professionale in Sicilia, un ente di formazione, il Cedifop, si sta distinguendo per un percorso di eccellenza.
L’Ente è citato nel libro di Daniele
Fano, che fino al febbraio 2014 è stato
capo della segreteria tecnica del ministro del Lavoro. Il libro è dedicato alle
sfide di “Garanzia Giovani” (Youth
Guarantee),
edito
dall'editore
Brioschi, dove Cedifop è menzionata
per le attività formative svolte. Il centro studi Cedifop, si presenta come
una scuola specializzata nel settore
della subacquea industriale, membro
IMCA
(International
Marine
Contractors Association) nella divisione diving per l’Europa ed Africa
(www.imca-int.com ), full member
IDSA insieme ad altre 14 scuole al
mondo di cui 13 in Europa, unica
realtà
in
Italia
(www.idsaworldwide.org ), membro
dell’American Welding Society, per la
saldatura subacquea, (www.aws.org)
e membro UNI (Ente Italiano di normazione) con partecipazione attiva in
diversi
gruppi
di
lavoro
(www.uni.com). Cedifop negli anni si
è specializzata alla realizzazione di
corsi per “Sommozzatori e lavoratori
subacquei” definiti dalla nomenclatu-
ra e classificazione delle Unità
Professionali Istat 62160, nella categoria dei metalmeccanici, cioè addestra coloro che eseguono, in immersione, attività lavorative subacquee a
titolo professionale, nei vari livelli di
addestramento e qualifica, a partire
dai corsi base per Ots (harbour diver),
specializzando successivamente chi
vuole continuare la formazione nei
vari livelli di addestramento come
l’Inshore Air Diver, Offshore Air
Diver e Offshore Sat Diver. I nostri
allievi arrivano da tutte le regioni
d’Italia e dall'estero, prenotando
diversi mesi prima dell’inizio dei
corsi. Attualmente abbiamo completa-
to le iscrizioni fino a giugno 2015 e
accettiamo prenotazioni per settembre
2015 e per il 2016. Il disegno di legge
n.698 all’Ars siciliana ha recepito la
necessità di regolamentare il settore
extra portuale, per la prima volta in
Italia, riportandolo nell'articolo 3
(Qualifiche professionali), mentre nell’articolo 5 (Obblighi formativi per lo
svolgimento delle attività) sottolinea
che i titoli rilasciati “devono risultare
conseguiti, previa frequenza alle attività formative e prova finale ai sensi
della vigente disciplina statale e regionale, e devono essere opportunamente
vidimati dai competenti uffici della
Regione. Potrebbe essere una soluzione per valorizzare i titoli italiani in
ambito internazionale, dove i “riconoscimenti IMCA” sono importantissimi.
Avvisatore Marittimo
15 marzo 2015
7
DEL MEDITERRANEO
~ “Porti e Navi”: le immagini ~
Area Operativa
- Riepilogativo del traffico gennaio 2015 (in tonn.)
Totali Imb./Sbar.
di Palermo
e Termini Imerese
TONNELLAGGIO
MERCI
TOTALE
/
TOTAL TONNAGE
ALLA RINFUSA LIQUIDE DI CUI:
Petrolio grezzo
517.904
66.678
----------
Prodotti raffinati
66.678
Gas
----------
Altre rinfuse liquide
----------
MERCI
ALLA RINFUSA SOLIDE DI CUI:
Cereali
20.708
8.998
Messina, 1959 (foto archivio prof. Giovanni Lo Coco)
Mangimi
----------
Carbone
----------
Il presidente dellÊAp Cannatella: „Un bel racconto poetico sulle nostre donne di mare‰
Minerali
----------
Fertilizzanti
----------
Palermo, il lato “rosa” del suo porto
Altre rinfuse solide
11.710
Altre rinfuse
----------
Totale rinfuse
87.386
MERCI
VARIE IN COLLI DI CUI:
Al Dock 7 una mostra fotografica con suggestive immagini sul lavoro femminile
430.518
Contenitori
16.905
Ro/ro
413.613
Altri
----------
NAVI
422
ARRIVI + PARTENZE: ----------
PASSEGGERI
77.924
LOCALI - PASSAGGIO
(< 50
STRETTO
MIGLIA):
TRAGHETTI:
CROCIERISTI
21.964
HOME PORT:
79
TRANSITI:
N°
2.242
53.718
21.885
CONTENITORI IN
T.E.U. (TOTALE)
T.E.U.
854
N°
CONTENITORI VUOTI IN
N°
CONTENITORI PIENI IN
N°
CONTENITORI
N°
CONTENITORI VUOTI
---------
N°
CONTENITORI PIENI
---------
T.E.U.
(TOTALE)
0
854
---------
L
o scorso 8 marzo al Dock 7 del
porto di Palermo si è inaugurata
la mostra e reportage fotografico “Les Filles de Palerme” di Patrice
Terraz e Damiano Giuliano (in alto
uno
degli
scatti
esposti).
L’allestimento è nato da un reportage
che gli artisti Patrice Terraz e Damiano
Giuliano hanno creato a quattro mani,
con passione. Una ricerca fotografica
accurata, la loro, che ha prodotto
immagini intense, attraverso le quali i
due fotografi hanno affrontato con
delicatezza poetica il tema delle lavo-
ratrici portuali, della loro vita nel contesto lavorativo - il porto, appunto – ed
extra-lavorativo. Attraverso un percorso espositivo e un allestimento
legati alla memoria del luogo, saranno
33 le fotografie esposte, in vari formati: dalle opere più piccole, cm.60x40
ca, alle misure grandi (cm. 75x50),
sino alle dimensioni ancora più ampie
(mt 1,50x1). Commenta il presidente
dell’Autorità portuale di Palermo,
Vincenzo Cannatella: “E’ un vero piacere per l’Autorità portuale di Palermo
ospitare la mostra “Les filles de
Palerme”, in un sito come Dock 7, bell’esempio di archeologia industriale da
promuovere
e
valorizzare.
L’esposizione racconta poeticamente
un aspetto del lavoro portuale, quello
portato avanti dalla prima generazione
di “scaricatrici portuali”. Donne di
mare, con le mani curate e i corpi resistenti alla fatica, ognuna con la propria
storia, ognuna ormai capace di non
avvertire più il freddo, il caldo, il buio.
E di dimostrare che il lavoro, qualsiasi
lavoro, non è più una questione di
genere”.
Due bandiere, due compagnie si sono unite in un nuovo marchio FANTUZZI REGGIANE
che sintetizza spirito di creatività e innovazione. Il logo della bandiera esprime
dinamicità, forza e solidità e sarà presente sempre di più in ogni porto intorno al mondo.
L’edizione a colori on line
dell’Avvisatore Marittimo
I S i s t e m i d i P r o d u z i o n e FA N T U Z Z I & R E G G I A N E s o n o C e r t i f i c a t i I S O 9 0 0 1
all’indirizzo internet:
www.avvisatore.com
Avvisatore Marittimo
8
15 marzo 2015
DEL MEDITERRANEO
Avvisatore Giuridico
1
I diritti del rifugiato vengono applicati anche a chi è esposto a pericolo di tortura o pena di morte nel Paese d’origine
Accoglienza dei migranti, la normativa Frontex
L’agenzia europea per la cooperazione internazionale vieta di respingere il “richiedente asilo politico”
Ambra Drago
S
i parla di diritti di ciascuna persona e, non solo, anche di vigilare affinché il codice di condotta e la strategia per i diritti fondamentali, già adottati nel 2010, siano
applicati, il regolamento prevede
ormai una sensibilizzazione per gli
operatori di FRONTEX circa il
rispetto dei diritto dell’uomo, il vincolo di presentare rapporti su incidenti relativi a questa questione o, inoltre, l’istituzione di
un forum consultivo
di organizzazioni
internazionali come
la creazione di una
sede incaricata dei
diritti fondamentali.
Solo il tempo potrà
dare delle risposte
sulla corretta utilità
di questo organismo.
Ma adesso soffermiamoci
sull’espressione rifugiato
che viene enunciato
nella Convenzione
di Ginevra del 1951
relativo allo status
dei rifugiati e ratificati sin ad oggi da
144 nazioni. È una
persona che temendo a ragione di
essere perseguitato per motivi di
razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo
sociale o per le sue opinioni politiche, si trova fuori del Paese di cui è
cittadino e non può o non vuole, a
causa di questo timore, avvalersi
della protezione di questo Paese;
oppure che, non avendo cittadinanza
e trovandosi fuori del Paese in cui
aveva residenza abituale a seguito di
tali avvenimenti, non può o non
vuole tornarvi per il timore di cui
sopra . Una procedura d’asilo deve
stabilire se l’individuo, richiedente
lo status di rifugiato, risponde bene a
tali condizioni. Sebbene lo status di
rifugiato non viene accordato, ovvero rigettato, tale individuo un richiedente asilo. nel caso in cui tale
domanda sia respinta, sono possibili
i ricorsi ma questi rimedi esauriti se
la risposta continui a essere negativa,
il richiedente asilo ha alcuni giorni a
disposizione per abbandonare il territorio dello Stato in cui si trova.
Dopo questo periodo se dovesse trovarsi ancora sul territorio,egli diviene un illegale, in altre parole un vero
e proprio clandestino. Il diritto internazionale interdice di respingere il
richiedente asilo e a fortiori i rifugiati verso i Paesi da dove sono fuggiti.
Che definizione dare all’espressione
non-refoulement se non quello di
divieto di respingere forzatamente
un richiedente asilo o un rifugiato
verso la frontiera di uno Stato, in cui
la sua vita e/o la sua libertà siano
minacciate. Viene lo stesso applicato
a individui che non hanno tale status,
ma sono esposti, in caso di ritorno
nel loro Paese d’origine, a gravi violazioni dei diritti umani come la tortura o la pena capitale
Il diritto d’asilo è
enunciato,
dal
canto suo, dall’articolo 13° della
Dichiarazione
Universale
dei
Diritti dell’Uomo,
come pure dal 14°
rendendo evidente
che dinanzi alla
persecuzione,La
tattica
usata
dall’Europa è l’esternalizzazione
dei propri confini.
Si menziona così
come trasferisca la
gestione dell’immigrazione agli Stati
da dove partono i
migranti o dai loro
Paesi di transito.
Per fare ciò, gli
Stati membri dell’UE hanno siglato
accordi di cooperazione nell’ambito
dell’immigrazione e della sicurezza
con altri Stati in base ai quali – a
volte in cambio di favori finanziari o
politiche, come il sostegno a un regime in loco – divengono guardie ogni
individuo ha diritto di cercare e di
godere in altri Paesi asilo.
2 -segue
Traddo da www.diritto.it
Giurisprudenza
Trasporto degli animali e danni causati
Responsabilità civile del proprietario
Corte di Cassazione
Sez. 3, Sentenza n. 22632 del
11/12/2012
Presidente: Finocchiaro M.
Estensore: Lanzillo R. Relatore:
Lanzillo R. P.M. Golia A. (Conf.)
Campi (Coli) contro Unipeg
Societa' Coop. Agricola ed altri
(Rigetta,
App.
Bologna,
16/03/2010)
Responsabilità Civile - Proprietà
di Animali - in Genere Trasportatore di animali altrui Responsabilità del proprietario
per i danni causati dall'animale
alla persona del vettore Esclusione - Limiti.
Trasporti - Contratto di Trasporto
(Diritto Civile) - di Cose Trasporto Cumulativo Di Cose Trasporto
Di
Animali
Trasportatore di animali altrui Responsabilità del proprietario
per i danni causati dall'animale
alla persona del vettore Esclusione - Limiti.
Cod. Civ. art. 2052
Il proprietario di un animale, ai
sensi dell'art. 2052 cod. civ., non
risponde dei danni da questo causati
a chi lo deteneva temporaneamente
in vista del perseguimento di un interesse proprio, onde il trasportatore
di animali non può pretendere dal
proprietario di essi il risarcimento
del danno causatogli dalle bestie
durante le operazioni di carico o scarico, dal medesimo espletate in piena
autonomia.
da www.fog.it
Avvisatore Marittimo
DEL MEDITERRANEO
ON LINE
C.L.P. soc. coop. arl
CLICCA SU
WWW.AVVISATORE.COM
Porto di Palermo
Piazza della Pace, 3 - Banchina Puntone
Tel. 091.361060/61 - Fax 091.361581
Porto di Termini Imerese: Via Cristoforo Colombo
PortItalia s.r.l.
Impresa portuale
Porto di Palermo
via Francesco Crispi Banchina Puntone
Tel. 091361060/61 - Fax 091361581
Porto di Termini Imerese
Regione siciliana
Centro Studi
C.E.DI FO.P.
Corsi di formazione O.T.S.
Operatore tecnico subacqueo
Assessorato
regionale al Lavoro
Attestato valido per iscrizione
al registro dei sommozzatori presso la
Capitaneria di porto
Porto di Palermo - Molo Sammuzzo
www.cedifop.it - [email protected]
Telefoni
3383756051
3387386977
091426935
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
924 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content