close

Enter

Log in using OpenID

Clicca qui

embedDownload
ia
patologìe c h e c o l p i s c o n o i l t u b o d i g e r e n t e . N e l l a p a r t e a l t a
i d i s t u r b i più i n s i d i o s i s o n o i l r e f l u s s o e l ' u l c e r a , m e n t r e n e l t r a t t o i n f e r i o r e
f a c c i a m o i c o n t i c o n la c o l i t e u l c e r o s a , i d i v e r t i c o l i e l a m a l a t t i a
d i C r o h n . S o l o n e i c a s i e s t r e m i si r i c o r r e a l l a c h i r u r g i a . 1 f a r m a c i s o n o
s e m p r e più e f f i c a c i , a p a t t o c h e c i sia u n a c o r r e t t a e t e m p e s t i v a d i a g n o s i .
di M a u r o
7
Miscrcndino
r i Dedicato
*k b e n e s s e r e @ s t p l
all'intestino
il nuovo
dossier d i
i BenEssere
Le medicine
che usiamo
L A
PER CURARE
ULCERA E GASTRITE
Inibitori della p o m p a
protonica: omeprazolo,
lansoprazolo.
Antagonisti dei recettori:
H ranitidina, famotidina,
cimetidina.
Antiacidi: magnesio
idrossido e alluminio
idrossido, carbonato
di calcio e d i magnesio.
Antibiotici: claritromicina
+ amoxicillina, levoxacina
+ bismuto.
PER NON SOFFRIRE
DI INFIAMMAZIONE
Antinfiammatori:
mesalazina (5-ASA) che
agisce d i r e t t a m e n t e sulla
mucosa durante iltransito.
Antibiotici:
fluorochinolonici,
metronidazolo,
rifaximina.
Immunosoppressori:
azatioprina o
6-mercaptopurina che
uccidono iglobuli bianchi.
Cortisonici: sopprimono
l a risposta i m m u n i t a r i a e
abbattono l'infiammazione.
Farmaci biologici:
infliximab
e adalimumab che agiscono
sulle possibili cause
della malattia.
/^k/É/k
el linguaggio c o m u n e con la definizione
M g ME d i " m a l d i p a n c i a " s i i n d i c a t u t t a u n a s e W m W m rie d i d i s t u r b i d e l t u b o d i g e r e n t e , c h e s i
s n o d a p e r 8-9 m e t r i c o m p r e n d e n d o esofago, s t o m a c o e i n t e s t i n o t e n u e e crasso. O c c o r r e
però f a r e u n a n e t t a d i s t i n z i o n e t r a i n f e z i o n i e d i a r r e e
e le m a l a t t i e c r o n i c h e , a n c h e se spesso i s i n t o m i son o simili (dolori, bruciori,meteorismo). I n entrambi
i c a s i u n r u o l o f o n d a m e n t a l e c e l ' h a l a flora b a t t e r i c a
intestinale, che condiziona l'assorbimento del cibo e
ci a i u t a a n o n a m m a l a r c i .
«Nel t u b o d i g e r e n t e c i s o n o b e n 1 . 1 0 0 s p e c i e d i m i c r o b i r a g g r u p p a t e i n o t t o divisioni», s p i e g a G i o v a n n i
Gasbarrini, professore di Clinica medica e president e d e l l a F o n d a z i o n e r i c e r c a i n m e d i c i n a O n l u s . «Un
u o m o di 70 kg ha u n a popolazione di 1 chilo e mezzo di questi g e r m i . Mezzo chilo lo ereditiamo dalla
m a d r e al m o m e n t o del parto e durante l'allattament o . U n c h i l o l o a g g i u n g i a m o c o n ciò c h e m a n g i a m o e
con batteri, virus e funghi con cui "conviviamo". M a
i g e r m i acquisiti all'inizio della vita n o n cambiano e
o f f r o n o al n o s t r o o r g a n i s m o u n a p r o t e z i o n e c h e differisce da quella dei n a t i da p a r t o cesareo o n e i b a m b i n i a l l a t t a t i artificialmente». A v o l t e i g e r m i d i s t o m a c o e intestino si " r i v o l t a n o " e danneggiano le ©
in collaborazione con
Giovanni Gasbarrini,
professore di Clinica medica
e presidente della Fondazione
ricerca in Medicina Onlus
UN SOLLIEVO PER
IL COLON IRRITABILE
Antidiarroici: loperamide
(in farmacia senza bisogno
di ricetta) sotto controllo
medico.
Antispastici: abbattono
dolori, gonfiori e spasmi
intestinali.
Ansiolitici: benzodiazepine,
che rilassano la mucosa
i n t e s t i n a l e s e c'è s t a t o
ansioso.
A n t i d e p r e s s i v i : se s o f f r e
l'umore aumentano
i livelli di serotonina,
neurotrasmettitore
c o i n v o l t o nell'asse
cervello-intestino.
E s s e r e & b e n e s s e r e | In p r u n o p i a n o
© pareti della mucosa del tratto digerente,
r e n d e n d o l a p e r m e a b i l e a sostanze tossic h e . Può a c c a d e r e d o p o l ' i n g e s t i o n e d i u n
cibo, c o n allergie i m m e d i a t e , o manifestazioni a distanza sulla cute (orticarie...), o a
carico delle articolazioni. A l t r e v o l t e i l corp o subisce i n silenzio per poi esplodere: è
il caso d i gastriti, u l c e r e , reflusso esofageo.
A scatenare l arivolta nello stomaco è
YHelicobacter pylori, u ng e r m e a f o r m a
di elica. YHelicobacter s t a s o p r a t t u t t o
nella parte bassa dello stomaco (l'antro),
o i n chiazze di tessuto gastrico che sono
anche nel bulbo del duodeno, i l tratto
d'intestino dove v a i l cibo che si è mescolato ai succhi gastrici.
«UHelicobacter i n c o n d i z i o n i n o r m a l i n o n
dà fastidio», d i c e G a s b a r r i n i , «ma s e l a p a rete dello stomaco è vulnerabile per predisposizione genetica o per abitudine a f u m o
o alcol, d i f r o n t e a u n sovraccarico d i acidità p u ò a v v e n i r e u n p r o c e s s o a c a s c a t a . I
globuli bianchi che proteggono la parete
gastrica s i m o b i l i t a n o ; l e ghiandole sotto
l'azione i n f i a m m a t o r i a sono distrutte, m a
p r i m a alcune cellule d iqueste ghiandole
s t i m o l a t e s e c e r n o n o i n eccesso l'acido cloridrico
che brucia la parete dello stomaco.
Ecco la gastrite c o n i suoi bruciori, d o l o r i frequenti prima di mangiare m a anche d i
18 | B e n e s s e r e | m a r z o 2014
I
n o t t e - e i s u o i d a n n i , cioè s a n g u i n a m e l o
( i n c a s o d i g a s t r i t e a c u t a ) e ulcere».
«Spesso» a m m e t t e G a s b a r r i n i « l e u l c e r e
si r i m a r g i n a n o da sole s e n z a c h e n o i n e con o s c i a m o i m e c c a n i s m i fino i n f o n d o . M a
n o n sempre l aflora batterica si
ricostituisce c o m e p r i m a d e l l ' i n f i a m m a z i o n e , n o n
s e m p r e s i t o r n a indietro».
L'ulcera s i cura i nprevalenza c o n l e
medicine. U n a volta accertata l a presenz a d e l l ' H e l i c o b a t e r c o n i l b r e a t h test s i
p a r t e c o n 15 g i o r n i d i t e r a p i a g a s t r o p r o tettiva e con u n a combinazione d i due
antibiotici (claritromicina o metronidazolo e amoxicillina) d a usare p e r otto
giorni la p r i m a settimana. Per scoprire se
il m i c r o b o è sopravvissuto, s ' i n t e r r o m p e i l g a s t r o p r o t e t t o r e e p e r 10-15 g i o r n i si
mitigano i sintomi con u n antiacido semp l i c e ; p o i s i rifa i l b r e a t h test. I l s e c o n d o
t e n t a t i v o s i b a s a s u a n t i b i o t i c i più e f f i c a c i
(levoxacina, m e g l i o se associata a l "vecchio" bismuto). Nelle f o r m e resistentisi
ricorre a biopsia con antibiogramma per
i d e n t i f i c a r e i l f a r m a c o più efficace».
L a c h i r u r g i a ? «Solo s e l a t e r a p i a m e d i c a
è fallita, e l'ulcera, detta perforante, h a b u cato la parete del t u b o digerente. I n genere
l ' i n t e r v e n t o si fa i n e n d o s c o p i a p e r c h i u d e re ilbuco, tranne quando n o n v i siano fon-
Glossario
FISTOLA
Quando un'ulcera arriva a perforare
la p a r e t e d e l l ' i n t e s t i n o si p a r l a
d i fistola e d è i n q u e i c a s i c h e v i e n e
indicata l'operazione chirurgica
in associazione ai farmaci biologici.
AFTA
Lesione rotondeggiante; nel nostro
caso è un'ulcera da 4 m m a 1 c m
o più d i d i a m e t r o c h e p r e n d e l a f o r m a
delle afte tipiche della s t o m a t i t e ,
l'infiammazione comune di bocca
e g e n g i v e c h e , c o m e i l C r o h n , può
essere originata da globuli bianchi
che attaccano u n tessuto sano
in assenza di batteri.
ULCERA
Lesione del tessuto intestinale;
a s e c o n d a d e l l a profondità e d e l l a
prossimità a v a s i può s a n g u i n a r e
o m e n o , e a v e r e o m e n o facilità
a r i m a r g i n a r s i ; d i s o l i t o se s o s t e n u t a
da malattie i n f i a m m a t o r i e
n o n tende a regredire.
*
A l l ' o r i g i n e d e l l ' u l c e r a c'è
anche u n a predisposizione
e r e d i t a r i a ; più c o l p i t e
le p e r s o n e c o n il g r u p p o
sanguigno di tipoA
2$
«Ho i m p a r a t o a c o n v i v e r e
c o n l a m a l a t t i a d i Crohn»
Curiosità
I A DIETA MEDITERRANEA
«Anche i g e r m i d e l
"microbiota intestinale"
mangiano», a f f e r m a
il p r o f e s s o r G i o v a n n i
G a s b a r r i n i . «Vanno q u i n d i
nutriti per evitare che
si i m p i g r i s c a n o o p e g g i o
assorbano eccessivamente
gli z u c c h e r i che a n d r a n n o
nel sangue e nei tessuti, e
in p r i m o luogo al fegato.
L'ideale sarebbe u n a dieta
mediterranea tradizionale,
c o n c a r b o i d r a t i n o n raffinati».
I numeri
12
d a t i s o s p e t t i d i t u m o r e . A l l o r a si fa u n a gas t r o r e s e z i o n e , e cioè s i t a g l i a u n a p o r z i o n e
d i s t o m a c o e s i ricuce». P e r l a d i e t a n o n c i
sono restrizioni,m a normali precauzioni.
«Carne r o s s a , c e r t i l a t t i c i n i , g l i i n s a c c a t i e
p u r e i l caffè p o s s o n o a g g r a v a r e i s i n t o m i ;
n o all'abuso di f u m o e alcol. Il latte è ancor a a l c e n t r o d i indagini».
A n c h e all'origine delle patologie dell'ult i m o t r a t t o d ' i n t e s t i n o c'è u n ' a l t e r a z i o n e
della f l o r a batterica; sia p e r la diffusa Sind r o m e d e l c o l o n i r r i t a b i l e , s i a p e r l e più r a re egravi m a l a t t i e i n f i a m m a t o r i e , c o m e colite ulcerosa e malattia di C r o h n .
«L'intestino è f o r m a t o d a d u e t r a t t i , i l t e n u e d i 6-7 m e t r i , d e p u t a t o a l l ' a s s o r b i m e n to di p r o t e i n e e grassi, e i l c o l o n , l a parte
finale,
di 150-170 c e n t i m e t r i , che assorbe
a c q u a e s a l i minerali», s p i e g a S i l v i o D a n e s e , r e s p o n s a b i l e Unità m a l a t t i e i n f i a m m a torie croniche intestinali all'Humanitas d i
R o z z a n o ( M i l a n o ) . «Se però n e l t e n u e c i s o n o 100 mila colonie di batteri, nel colon ce
n e s o n o u n m i l i a r d o . E c c o perché i p r o b l e m i è più f r e q u e n t i i n q u e s t ' u l t i m o tratto».
L a S i n d r o m e d e l l ' i n t e s t i n o i r r i t a b i l e «è
u n a malattia funzionale, scatenata a n c h e
d a s t r e s s e i n t o l l e r a n z e , t r a c u i l e più d i f fuse al lattosio e ai carboidrati. Alla sua orig i n e c'è s e m p r e u n ' a l t e r a t a f u n z i o n e v i - ©
[email protected]
O/
o
diffusione nella
popolazione sotto
i 50 anni
dell'infezione d a
Helicobacter pylori
»
.
•+2
ma
a-10%
percentuale nella
popolazione di
ulcera peptica nei
Paesi industrializzati
9%
popolazione che
soffre d i reflusso
gastro-esofageo
27%
persone sopra
i 65 a n n i affette da
diverticoli del colon
FI
ri
1 0 - 2 0 %
persone che
l a m e n t a n o la
Sindrome del colon
irritabile (il 7 0 %
sono donne)
f j | 1s u 2m i0l l e a bci taa nst i iè
la d i f f u s i o n e d e l l a
malattia di Crohn
«Soffro d e l l a m a l a t t i a d i C r o h n d a q u a n d o
a v e v o 15 a n n i e o r a n e h o 43», d i c e T e r e s a D i
Benedetto, volontaria dell'associazione A m i c i
Onlus, 3 . 0 0 0 associati affetti da malattie
i n f i a m m a t o r i e c r o n i c h e i n t e s t i n a l i . «Per i l l a v o r o
che svolgo viaggio m o l t o , h o u n a vita dinamica.
S i può c o n v i v e r e c o n l a m a l a t t i a e f a r e t u t t o ciò
che f a n n o le altre persone; con la consapevolezza
che u n a malattia cronica intestinale implica: n o n
trascurare m a i i controlli periodici, l'assunzione
della terapia prescritta, portare sempre
c o n sé u n k i t d ' e m e r g e n z a ( f e r m e n t i l a t t i c i ,
antidiarroici), evitare a l i m e n t i che ci p r o v o c a n o
disturbi intestinali,informarci dove possiamo
t r o v a r e l e t o i l e t t e più v i c i n e . S ' i m p a r a p e r g r a d i
a convivere con una malattia infiammatoria
c r o n i c a i n t e s t i n a l e e d è più f a c i l e a c c e t t a r l a ,
grazie anche all'aiuto e al confronto con chi,
c o m e n o i , c o n o s c e i sintomi». «Abitavo a p o c h i
p a s s i d a l l a s e d e d i A m i c i a Milano», c o n t i n u a
D i B e n e d e t t o , «ed e n t r a i a f a r n e p a r t e n e g l i a n n i
Ottanta. E r a v a m o agli inizi: n o n c'era I n t e r n e t
e ci a i u t a v a m o c o n i l passaparola. O r a s i a m o
l'unica associazione nazionale di pazienti
Mici (malattie croniche intestinali),che offre
i n f o r m a z i o n i sulle terapie, sui centri (oltre
6 0 i n t u t t a I t a l i a , ndr) s p e c i a l i z z a t i s i a p e r i l C r o h n
sia p e r la colite ulcerosa. A b b i a m o lanciato
u n censimento delle strutture ospedaliere
che si o c c u p a n o delle terapie sul sito
www.amiciitalia.net/index.php/per-i-medici/274censimento-centri-con-interesse-nelle-micì.
I l c e n t r o v a s c e l t o c o n a t t e n z i o n e perché q u e s t e
malattie richiedono medici specializzati i n grado
di m o n i t o r a r e i l paziente i n m a n i e r a completa.
Oggi si c o n v i v e p e r d e c e n n i c o n u n a m a l a t t i a
che h a u n i m p a t t o difficile, con fasi acute
alternate a m i g l i o r a m e n t i . Il volontariato consiste
nell'orientare tutti i pazienti su diritti, esenzioni,
accesso alle cure, ricerca (che t a n t o h a fatto
e fa grazie al 5 p e r mille), m a a n c h e n e l seguire
i n u o v i p a z i e n t i , s p i e g a n d o c h e c'è u n a v i t a
d a v i v e r e , s i p o s s o n o c o n c e p i r e e c r e s c e r e figli,
s i può c o n t i n u a r e a lavorare».
VISTO DA VICINO
A fianco: c o m e a p p a r e
la m a l a t t i a d i C r o h n
da un'immagine
al m i c r o s c o p i o .
Il m o r b o prende
il n o m e dal
gastroenterologo
statunitense Burrill
B e r n a r d C r o h n , che
I o individuò n e l 1 9 3 2 .
m a r z o 2014 | B e n E s s e r e j 19
Essere & benessere | In primo piano
Una colonscopia virtuale permette
d i v i s u a l i z z a r e i n 3D l ' i n t e r n o d e l l e p a r e t i
del coloncon immagini computerizzate
it [email protected]
Reflusso: q u a n d o
l'acido t o r n a s u
^ A n c h e i l reflusso gastro-esofageo
è originato dall'ipersecrezione
gastrica. Si verifica q u a n d o
c'è i n c o n t i n e n z a d e l l a v a l v o l a
che collega l'esofago allo stomaco,
u n ' i n c o n t i n e n z a c h e può a v v e n i r e
a u n certo p u n t o della vita
o essere ereditaria (anche anatomica,
più f r e q u e n t e i n s o g g e t t i c o n
lo sterno rientratonella parte
i n f e r i o r e ) : s e l'acidità è e l e v a t a
e la p o r t a del cardias si apre, l'esofago
n o n è i n g r a d o d i d i f e n d e r s i perché
la sua parete n o n h a u n a struttura
adeguata. Si g e n e r a n o b r u c i o r i ,
d o l o r i , difficoltà d i d e g l u t i z i o n e ;
s i n t o m i che peggiorano quando, oltre
all'acido, nell'esofago defluisce a n c h e
la bile che proviene dal d u o d e n o ,
poiché l a m u c o s a d e l t r a t t o d i g e s t i v o
superiore n o n è pronta a difendersi
dai sali biliari, t r a cui quelli litogeni
che causano i calcoli della colecisti.
© scerale: l'intestino (anche il t e n u e ) o n o n
" s p i n g e " o spinge t r o p p o p r o v o c a n d o stitichezza, diarrea o e n t r a m b e le situazioni,
nonché s p a s m i e c r a m p i . I n p a r t i c o l a r e ,
all'origine d im e t e o r i s m o e gonfiore, due
s i n t o m i c l a s s i c i , può e s s e r c i u n ' a l t e r a t a a t tività d e l l a f l o r a intestinale».
«Poiché a n c h e n e l l a S i n d r o m e d e l c o l o n irritabile c ipossono essere n u m e r o s e
scariche i n u n giorno, è i m p o r t a n t e distinguere questa patologia benigna dalla m a l a t t i a d i C r o h n e d a l l a c o l i t e u l c e r o s a , più
r a r e m a g r a v i e s u b d o l e . S e m a n c a n o i seg n i d'allarme (sangue nelle feci e febbricola) queste d u e patologie
si s c o p r o n o i n
ritardo,
all'insorgere di compli-
LATTE MATERNO
Durante
l'allattamento
il b a m b i n o eredita
dalla m a d r e mezzo
chilo di germi
del tubo digerente,
la cosiddetta
flora b a t t e r i c a .
c a n z e c o m e l e fistole e g l i a s c e s s i perianali».
L'incidenza delle i n f i a m m a z i o n i dell'intestino, c o m e d i t u t t e le malattie r e u m a t o logiche dove i globuli bianchi attaccano il
tessuto sano, è i n crescita del 3 0 0 % negli
ultimi 30 anni.
Nella colite ulcerosa, oltre alle scariche
di diarrea (anche 10 al g i o r n o ) , s i evidenziano ulcere a partire dal retto, con sangue
n e l l e f e c i . N e l l a m a l a t t i a d i C r o h n può e s s e r e c o l p i t o t u t t o i l t r a t t o d i g e r e n t e . «La d i a g n o s i p r e c o c e è essenziale», d i c e D a n e s e .
«Non c'è u n t e s t d i a g n o s t i c o s p e c i f i c o . L a
colonscopia c o nesame istologico
rivela
u l c e r e e f i s t o l e d e l C r o h n e i l g r a d o e i l tipo di aggressione nel tessuto. Una visione
dell'intestino dall'esterno è possibile c o n
risonanza
magnetica e Tac.
E l e c u r e ? «A c o r t i s o n i c i e i m m u n o s o p pressori ora si affiancano i farmaci biolog i c i , c h e b l o c c a n o i l t u m o r necrosis
factor,
proteina c h eaumenta nell'infiammazion e . N o n s o l o se n e v a la s i n t o m a t o l o g i a m a
s i a l l o n t a n a l a probabilità d i r i c a d u t a e p e r
questo è i m p o r t a n t e s o m m i n i s t r a r l i all'iniz i o d e l l a m a l a t t i a e n o n c o m e u l t i m a scelta: s o n o costosi, m a c a m b i a n o i n meglio la
v i t a d e l paziente». L ' a t t e s a d i v i t a ? «Uguale
a quella di chi sta bene, a patto di n o n m o l l a r e l e cure». O
2 0 | B e n e s s e r e | m a r z o 2014
!
Diverticoli: u n a tasca
molto insidiosa
•* I d i v e r t i c o l i d e l c o l o n s o n o
c o m e tasche che si creano p e r u n o
scollamento della parete interna
dell'intestino dalla fascia muscolare
sottostante. Si s c o p r o n o spesso
per caso con la colonscopia, specie
nel tratto discendente a sinistra, detto
s i g m a , d o v e l e f e c i già f o r m a t e e i g a s
e s e r c i t a n o più p r e s s i o n e . S o n o d i f f u s i
nel 4 % della popolazione p r i m a dei
4 0 a n n i , m a la percentuale sale al 2 5 %
tra gli anziani. Quando i l diverticolo
dà s i n t o m i s i p a r l a d i m a l a t t i a
diverticolare e va differenziata
d a l c o l o n i r r i t a b i l e . Se i l d o l o r e
verso l'inguine sinistro è molto forte
e compare u n sanguinamento
o più s p e s s o f e b b r i c o l a s e r v e
l'antibiotico. Un'infezione n o n curata
può d e g e n e r a r e i n a s c e s s i d a r i s o l v e r e
chirurgicamente. Indicata u n a dieta
r i c c a d i fibre: c r u s c a , f r u t t a , a n c h e
c o t t a ( m a n o n q u e l l a secca) e v e r d u r a .
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
5 237 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content