close

Enter

Log in using OpenID

continua la lettura - Dottrina Per il Lavoro

embedDownload
Roberto Camera - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l.
Procedure del personale
Limiti e procedure
Il lavoro durante la Cassa
integrazione guadagni
Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro
In quali casi e` possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti?
Si possono cumulare trattamento Cig e retribuzione?
Cosa accade in caso di lavoro irregolare?
Quali obblighi sussistono in capo al lavoratore e quali al
nuovo datore di lavoro?
La crisi che ha investito il mondo del lavoro ha provocato
un aumento esponenziale del ricorso agli ammortizzatori
sociali e di conseguenza e` cresciuto l’interesse circa la
possibilita` dei lavoratori, che fruiscono dei benefici previsti dalla legge, di svolgere contemporaneamente e temporaneamente altre attivita` senza perdere i diritti connessi al rapporto di lavoro in essere. I vantaggi di una rioccupazione durante i periodi di sospensione dal lavoro per
intervento della cassa integrazione possono essere molteplici:
a) si utilizzano in attivita` produttive soggetti che altrimenti rimarrebbero sospesi dal lavoro, in posizione inattiva, senza alcun beneficio e utilita` per la collettivita`;
b) si agevola la possibilita` di una rioccupazione del lavoratore che viene inserito in altro ambiente di lavoro;
c) si consente al lavoratore di incrementare il proprio
reddito in quanto i compensi percepiti saranno probabilmente superiori alle indennita` collegate allo stato di
sospensione;
d) l’Inps risparmia risorse in quanto durante il periodo di
rioccupazione vengono sospesi o ridotti i trattamenti a
sostegno previsti dalla legge;
e) sono previste agevolazioni contributive a favore delle
aziende che assumono lavoratori percettori di cassa
integrazione straordinaria a testimonianza del favore
con cui sono viste tali forme di occupazione.
Non sempre pero` lo stato di occupazione del lavoratore e`
compatibile con la fruizione dei trattamenti di cassa integrazione; solo in alcuni casi infatti, e` ammesso il cumulo
tra reddito da lavoro e benefici derivanti dall’utilizzo dell’ammortizzatore.
Conseguenze in caso di lavoro irregolare
durante la Cig
Lavorare senza regolare contratto di assunzione e senza
effettuare le comunicazioni previste dalla legge durante i
periodi di sospensione dal lavoro per intervento della
cassa integrazione guadagni comporta sanzioni sia a carico dei datori di lavoro, che utilizzano i lavoratori, sia a
carico dei lavoratori medesimi. In particolare le conseguenze a carico dei lavoratori sono previste dalle seguenti disposizioni di legge:
a) art. 8, c. 4, 5 e 6, D.L. n. 86/1988 conv. in legge n. 160/
1988;
b) art. 9, c. 1, legge n. 223/1991;
c) art. 2, c. 1, 15 e 17, legge n. 92/2012.
Tali norme prevedono che il lavoratore che svolga attivita`
di lavoro autonomo o subordinato durante il periodo di
integrazione salariale non ha diritto al trattamento per le
giornate di lavoro effettuate. Inoltre decade dal diritto al
trattamento di integrazione salariale nel caso in cui non
abbia provveduto a dare preventiva comunicazione alla
sede provinciale dell’Inps dello svolgimento della predetta attivita`.
I datori di lavoro che impiegano lavoratori subordinati
senza preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro, oltre alle sanzioni previste in caso di assunzioni irregolari, sono soggetti alla sanzione amministrativa da E 1.950 a E 15.600 per ciascun lavoratore
irregolare, maggiorata di E 195 per ciascuna giornata di
lavoro effettivo (maxi sanzione per lavoro nero).
Nel caso in cui il datore di lavoro occupi un lavoratore
titolare del trattamento di integrazione salariale, di disoccupazione o di mobilita` in violazione delle norme in
materia di collocamento, ferma restando ogni altra sanzione prevista, e` tenuto a versare alla gestione dell’assicurazione obbligatoria per la disoccupazione involontaria una somma pari al 50% del trattamento previdenziale indebitamente percepito dal lavoratore per il periodo durante il quale questi e` stato occupato alle sue
dipendenze.
Tutto cio` puo` essere rilevante anche dal punto di vista
Guida alle Paghe
1/2015
21
Roberto Camera - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l.
Procedure del personale
Limiti e procedure
penale e comportare, a carico degli interessati, il reato di
truffa aggravata previsto dagli artt. 640 e 640 bis c.p.
tali periodi e` limitato al caso di sospensioni a zero ore per
periodi abbastanza lunghi.
Trattamento di cassa integrazione ordinaria,
straordinaria o in deroga
Obblighi dei lavoratori in Cig
La cassa integrazione e` un istituto previsto dalla legge e
consiste in un sostegno al reddito erogato dall’Inps in
favore dei lavoratori sospesi dall’obbligo di lavorare o
che prestano servizio a orario ridotto rispetto a quanto
previsto dal Ccnl. La prestazione riconosciuta dall’Inps e`
erogata nei limiti di un massimale mensile rivalutato ogni
anno e in ogni caso non superiore all’80% della retribuzione globale percepita dal lavoratore. Sono 3 le tipologie
di cassa integrazione previste dal nostro sistema di ammortizzatori sociali: la Cassa integrazione ordinaria (Cigo),
la Cassa integrazione straordinaria (Cigs) e la Cassa integrazione in deroga (Cig in deroga).
La Cigo interviene per difficolta` temporanee e a carattere
transitorio dell’industria (escluso l’artigianato) a prescindere dal numero di dipendenti, del settore edile e dell’agricoltura (per eventi meteorologici). L’ente competente
in materia e` l’Inps. La durata massima e` di 13 settimane,
piu` eventuali proroghe fino a 12 mesi. In determinate
aree territoriali il limite e` elevato a 24 mesi.
La Cigs e` concessa, attraverso decreto del Ministero del
lavoro, nei casi di crisi, ristrutturazione, riorganizzazione,
conversione produttiva, privatizzazioni, fallimento, ecc.,
alle imprese industriali con piu` di 15 dipendenti e del
commercio con piu` di 50, e alle aziende dell’editoria.
Entrambi gli istituti garantiscono ai lavoratori messi in
cassa integrazione, cioe` temporaneamente sospesi dal
lavoro, un sostegno al reddito. Puo` durare al massimo 12
mesi in caso di crisi aziendali, 24 mesi in caso di riorganizzazione, ristrutturazione e riconversione aziendale; 12
mesi per i casi di procedure esecutive concorsuali. Le
istituzioni responsabili sono il Ministero del lavoro e
l’Inps.
La Cig in deroga interviene a sostegno di imprese o lavoratori non destinatari della cassa integrazione guadagni
ordinaria. Si tratta di un’estensione di un ammortizzatore
sociale a lavoratori di piccole imprese, aziende artigiane,
del terziario, decisa per fronteggiare la crisi economica
che si e` aperta nel 2008. Anche i dipendenti delle grandi
imprese, una volta esaurite le 52 settimane di cassa ordinaria, possono accedere alla Cig in deroga.
La sospensione dal lavoro con ricorso alla richiesta di
cassa integrazione puo` essere piu` o meno breve e puo`
riguardare l’intero orario di lavoro o una parte dello stesso. Naturalmente la possibilita` di un reimpiego durante
Durante il periodo di cassa integrazione il lavoratore ha
un obbligo di disponibilita` in quanto, anche se sospeso,
resta ugualmente alle dipendenze del datore di lavoro per
cui, se convocato, e` tenuto a riprendere servizio anche
prima della scadenza della sospensione programmata.
Inoltre nel caso di lavoratori sospesi con intervento della Cigs, la legge pone in capo a tali lavoratori una serie
di obblighi, volti a migliorare le competenze professionali, rafforzare la posizione di ‘‘spendibilita`’’ nel mercato del lavoro e favorire la ricerca attiva di nuova occupazione.
La riforma Fornero (legge n. 92/2012) ha abrogato, dal 1º
gennaio 2013, tutta la normativa che subordinava il diritto
a percepire qualsiasi trattamento di sostegno al reddito al
rilascio, da parte del richiedente (ossia il lavoratore), della
dichiarazione di immediata disponibilita` al lavoro o a un
percorso di riqualificazione professionale (Did), (D.L. n.
185/2008 - decreto anti-crisi).
La riforma Fornero, ha pero` previsto la decadenza della
prestazione in costanza di rapporto di lavoro se il beneficiario rifiuta di essere avviato ad un corso di formazione o
riqualificazione o non lo frequenti regolarmente senza
giustificato motivo. La decadenza si verifica quando le
attivita` di formazione o di riqualificazione si svolgono in
un luogo che non dista piu` di 50 chilometri dalla residenza del lavoratore o comunque e` raggiungibile con mezzi
di trasporto pubblici mediamente in 80 minuti.
Attivita` lavorativa durante l’assenza
per intervento di Cig
La legge che ha istituito la Cassa integrazione guadagni
per gli operai dell’industria prevede che l’integrazione
salariale
«non viene corrisposta a quei lavoratori che durante le giornate
di riduzione del lavoro si dedichino ad altre attivita` remunerate»
(art. 3 D.Lgs.Lgt. n. 788/1945).
Anche l’art. 8, D.L. n. 86/1988 convertito nella legge n.
160/1988 stabilisce che
«il lavoratore che svolga attivita` di lavoro autonomo o subordinato durante il periodo di integrazione salariale non ha diritto al
trattamento per le giornate di lavoro effettuate».
Guida alle Paghe
22
1/2015
Roberto Camera - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l.
Procedure del personale
Limiti e procedure
L’Inps, in un primo tempo, aveva interpretato in maniera
restrittiva tali norme ed aveva disposto una totale incompatibilita` del trattamento di cassa integrazione con lo
svolgimento di una nuova attivita` lavorativa autonoma o
subordinata non tenendo in alcuna considerazione il reddito percepito dal lavoratore.
La giurisprudenza, invece, si era pronunciata in diverse
occasioni in modo diverso precisando che
«lo svolgimento di un’attivita` lavorativa remunerata, sia essa
subordinata o autonoma, durante il periodo di sospensione
del lavoro con diritto all’integrazione salariale comporta non la
perdita del diritto all’integrazione per l’intero periodo predetto,
ma unicamente la riduzione dell’integrazione medesima in proporzione ai proventi derivanti dall’altra attivita`» (Cass. n. 12487/
1992).
Tenuto conto del diverso orientamento giurisprudenziale
e delle modifiche normative introdotte dal legislatore con
riferimento agli ammortizzatori sociali, l’Inps ha modificato la propria posizione iniziale fornendo con la circ. n. 130/
2010 un quadro riassuntivo delle possibilita` di lavoro e di
cumulabilita` del trattamento di cassa integrazione con
altre attivita` lavorative durante il periodo di fruizione dei
trattamenti medesimi.
Alla luce della suddetta circolare e delle successive disposizioni e modifiche alla normativa si possono pertanto
stabilire le regole che i lavoratori devono osservare nel
caso di prestazioni di lavoro durante i periodi di fruizione
dei trattamenti di cassa integrazione.
Di seguito vengono esaminate le varie possibilita` offerte
ai lavoratori in cassa integrazione considerando le eventuali prestazioni di lavoro dal punto di vista della:
a) incompatibilita` con i trattamenti assistenziali con conseguente decadenza della prestazione;
b) cumulabilita` del reddito percepito nello svolgimento
della prestazione lavorativa con il trattamento di integrazione salariale (cumulabilita` parziale o totale).
Obbligo della comunicazione preventiva
L’art. 8, D.L. n. 86/1988 stabilisce che «il lavoratore decade dal diritto al trattamento di integrazione salariale nel
caso in cui non abbia provveduto a dare preventiva comunicazione al datore di lavoro ed alla sede Inps dello
svolgimento della nuova attivita`».
Tale disposizione e` stata parzialmente modificata con
l’entrata in vigore del D.L. n. 76/2013 che all’art. 9, c. 5
ha disposto:
«Le previsioni di cui al comma 6 dell’articolo 4-bis del decreto
legislativo 21 aprile 2000, n. 181 si interpretano nel senso che
le comunicazioni di assunzione, cessazione, trasformazione e
proroga ivi previste sono valide ai fini dell’assolvimento di
tutti gli obblighi di comunicazione che, a qualsiasi fine, sono
posti anche a carico dei lavoratori nei confronti delle Direzioni
regionali e territoriali del lavoro, dell’Inps, dell’Inail o di altre
forme previdenziali sostitutive o esclusive, nonche´ nei confronti della Prefettura - Ufficio territoriale del Governo e delle
Province».
L’applicazione di tale disposizione comporta che nelle
ipotesi in cui il beneficiario di indennita` di disoccupazione, mobilita` o integrazione salariale intenda accettare un
regolare lavoro a termine o a tempo parziale presso un
altro datore di lavoro, secondo quanto prevedono le leggi
n. 92/2012, n. 223/1991 e n. 160/1993, non e` piu` obbligato a rendere la personale tempestiva comunicazione
all’Inps di tali prestazioni, perche´ tale adempimento risulta ormai surrogato dalla spettanza a carico dell’Istituto di
procedere alla consultazione della corrispondente comunicazione obbligatoria prodotta dal nuovo datore di lavoro
ai Servizi per l’impiego.
Naturalmente la sanzione prevista dall’art. 8, D.L. n. 86/
1988 (decadenza dal trattamento) rimane in vigore nel
caso di assunzione non regolare e quindi di lavoro ‘‘in
nero’’ presso altro datore di lavoro da parte del lavoratore
in cassa integrazione o di prestazioni di lavoro autonomo
per le quali non e` previsto l’obbligo di comunicazione al
Centro per l’impiego.
L’Inps, con la circolare n. 57/2014, ha fornito importanti
chiarimenti. L’Istituto ha precisato che la normativa prevede la
«validita` delle comunicazioni obbligatorie di assunzione, cessazione, trasformazione e proroga dei rapporti di lavoro autonomo, subordinato, associato, dei tirocini e di altre esperienze
professionali, ai fini dell’assolvimento di tutti gli obblighi di comunicazione nei riguardi delle Direzioni regionali e territoriali del
lavoro, dell’Inps, dell’Inail o di altre forme previdenziali sostitutive o esclusive, della Prefettura - Ufficio territoriale del Governo
e delle Province».
Sulla base di tale considerazione l’Inps ha confermato
che:
«le comunicazioni preventive del datore di lavoro sono ora valide anche ai fini dell’assolvimento degli obblighi di comunicazione posti a carico del lavoratore dall’art. 8, comma 5, legge n.
160 del 1988, per le integrazioni salariali ordinarie, straordinarie
e in deroga per cui i lavoratori non sono piu` obbligati alla comunicazione preventiva di rioccupazione all’Ente previdenziale. Rimane comunque l’obbligo per i lavoratori di informare i datori di
lavoro della nuova occupazione».
Guida alle Paghe
1/2015
23
Roberto Camera - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l.
Procedure del personale
Limiti e procedure
Come sopra specificato la non obbligatorieta` della comunicazione preventiva all’Inps vale in caso di rioccupazione
con rapporti di lavoro per i quali vige l’obbligatorieta` della
comunicazione del rapporto al Centro per l’impiego (rapporti di lavoro subordinato, a progetto, associazione in
partecipazione ecc.) mentre non vale in caso di presta-
zioni di lavoro autonomo (non accessorio) non soggette a
comunicazione. In tali casi vige ancora l’obbligo di comunicare all’Inps lo svolgimento dell’attivita`. Per tale adempimento l’istituto ha predisposto apposita modulistica
scaricabile dal sito www.inps.it.
Fac simile comunicazione attivita` lavorativa alla ditta
Alla Ditta
Oggetto: comunicazione attivita` lavorativa
Il/La sottoscritto/a______________________________________________________________________________________
Nato/a ___________________________________________________________ il ___________________________________
Codice fiscale _________________________________________________________________________________________
Dipendente di codesta ditta:
______________________________________________________________________________________________________
In: Cigs, Cigo, Cig-Deroga, Mobilita` dal __________ al _________________
Ai sensi del Decreto (se conosciuto) ____________________,
Comunica
Che sara` occupato con un nuovo rapporto di lavoro
– a tempo determinato
– indeterminato
– parziale
– autonomo / a progetto / specificare: ______________________________________________________ ______________
Con l’azienda _____________________________________________________________________ ____________________
Per il periodo dal _____________________ al ____________________.
A disposizione per ogni ulteriore chiarimento.
Distinti saluti.
Data, _______________
Firma _______________
Guida alle Paghe
24
1/2015
Roberto Camera - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l.
Procedure del personale
Limiti e procedure
Compatibilita` e cumulabilita` del trattamento Cig
con altre prestazioni lavorative
Alla luce delle suddette precisazioni e con il presupposto
che i rapporti di lavoro instaurati siano regolari, si elencano di seguito le varie ipotesi di occupazione durante il
periodo di cassa integrazione e le conseguenze con riferimento alla compatibilita` e cumulabilita` con i redditi scaturenti da tali prestazioni.
Cig ordinaria/straordinaria/in deroga e contratto
dipendente a tempo pieno e indeterminato
(Totale incompatibilita` e totale non cumulabilita`) - Lo
svolgimento di un’attivita` di lavoro subordinato a tempo
pieno e indeterminato e` incompatibile e non cumulabile
con il trattamento di cassa integrazione. La Corte costituzionale ha disposto che
«il nuovo impiego a tempo pieno e senza prefissione di termine,
alle dipendenze di un diverso datore di lavoro, comporta la risoluzione del rapporto precedente e di conseguenza la perdita del
diritto al trattamento di integrazione salariale» (sent. n. 195/1995).
La disposizione di carattere generale subisce un’eccezione con riguardo al personale, anche navigante dei vettori
aerei e delle societa` da questi derivanti a seguito di processi di riorganizzazione o trasformazioni societarie secondo quanto disposto dall’art. 2, c. 5-quater, D.L. n.
134/2008. Nello specifico la norma prevede che, unicamente in tale ipotesi i lavoratori in Cigs assunti a tempo
indeterminato, licenziati per giustificato motivo oggettivo
ovvero a seguito di procedure di mobilita`, hanno il diritto a
rientrare nel programma di Cigs per il periodo residuo. In
tale ipotesi, va precisato che durante lo svolgimento del
nuovo rapporto di lavoro il trattamento di Cigs non e` cumulabile con il reddito, l’unica eccezione e` la possibilita`
per il lavoratore di rientrare nel programma di Cassa integrazione ma non anche nel rapporto di lavoro precedente.
Sui criteri di cumulabilita` tra prestazione di lavoro autonomo o subordinato nel caso specifico, si veda il messaggio Inps n. 29489/2010.
Cig ordinaria/straordinaria/in deroga e contratto
di lavoro subordinato a tempo determinato
o indeterminato part-time
(Possibile compatibilita` e cumulabilita`) - La compatibilita`
deve sussistere in termini di orario con il rapporto di lavoro
in essere (entrambi part-time o comunque compatibili entro il limite dell’orario massimo settimanale di lavoro).
Si ha cumulabilita` totale se il reddito deriva da un nuovo
lavoro comunque compatibile e non sovrapponibile in
termini temporali a quello in essere. Per esempio e` perfettamente compatibile e cumulabile l’integrazione salariale per un rapporto di 40 ore settimanali dal lunedı` al
venerdı` con un rapporto di lavoro a tempo parziale di 8
ore da svolgere nella giornata di sabato.
Quest’ipotesi ricorre anche nel caso:
1) in cui i 2 rapporti di lavoro siano part-time, orizzontale
(con riduzione dell’orario ordinario giornaliero) e verticale
(con prestazione del lavoro per intere giornate in periodi
predeterminati). Del resto, nell’ipotesi di part-time verticale, l’integrazione salariale e` dovuta soltanto nei periodi
in cui sarebbe stata espletata l’attivita` lavorativa;
2) in caso di rapporto di lavoro subordinato a tempo pieno
e part-time, purche´ le 2 attivita` siano tra loro comunque compatibili, nel limite dell’orario massimo settimanale di lavoro (ad esempio, tempo pieno, ora sospeso
per Cig, dalle 8 alle 16 e part-time dalle 18 alle 22).
Nel caso, invece, in cui vi sia sovrapponibilita` dell’orario
di lavoro si ha cumulabilita` parziale se il reddito da lavoro
part-time e` inferiore all’importo totale dell’integrazione
salariale. In questo caso al beneficiario e` dovuta una
quota di integrazione a concorrenza del totale della stessa (Inps, circ. n. 130/2010). Ricorrendo questa ipotesi il
lavoratore dovra` comunicare all’Inps l’importo delle retribuzioni percepite con il contratto part-time al fine di calcolare l’eventuale differenza di Cig da corrispondere.
Cig ordinaria/straordinaria/in deroga e contratto
di lavoro subordinato a tempo determinato
(Compatibilita` e cumulabilita` parziale) - Se il reddito
derivante dalla nuova attivita` lavorativa e` inferiore all’integrazione salariale, sara` possibile il cumulo parziale della
stessa con il reddito, fino a concorrenza dell’importo totale dell’integrazione spettante. In tali casi il lavoratore
percepira` la differenza tra il nuovo reddito e l’integrazione. Per accedere a tale possibilita`, il lavoratore comunica
all’azienda di provenienza la nuova occupazione a tempo
determinato. La comunicazione deve essere spedita prima di iniziare il rapporto di lavoro. L’azienda di origine
rilascera` una dichiarazione che attesti che il lavoratore e`
dipendente della medesima e messo in cassa integrazione. Tale dichiarazione dovra` essere consegnata al nuovo
datore di lavoro. Alla scadenza del termine, il lavoratore
deve farsi rilasciare dall’azienda che lo aveva assunto un
attestato che certifica la cessazione del rapporto. Tale
attestato dovra` essere trasmesso all’Inps e all’azienda
di origine. Le modalita` di invio devono avvenire sempre
per raccomandata a.r. Il lavoratore rientrera` in Cigs/Cigo
presso l’azienda di provenienza e ricomincera` a percepire
il trattamento intero (Inps, circ. n. 107/2010).
Guida alle Paghe
1/2015
25
Roberto Camera - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l.
Procedure del personale
Limiti e procedure
Cig ordinaria/straordinaria/in deroga
e lavoro autonomo con partita Iva
(Compatibilita` e cumulabilita` parziale) - Con riferimento ai redditi da lavoro autonomo e` possibile un cumulo
parziale se il reddito e` inferiore all’importo totale dell’integrazione. Pertanto se un lavoratore in cassa integrazione intraprende una nuova attivita` autonoma non perde il
diritto all’integrazione, ma la stessa verra` ridotta in proporzione ai proventi generati dalla nuova attivita` fino a
concorrenza del valore dell’indennita` cui avrebbe avuto
diritto.
Il lavoratore beneficiario di integrazione salariale che intraprenda attivita` lavorativa autonoma deve dare preventiva comunicazione all’Inps competente per territorio. La
mancata comunicazione comporta la decadenza dal diritto di trattamento dell’integrazione salariale (Inps, circ. n.
107/2010)
Allo stesso modo deve comunicare e documentare tempestivamente all’Inps i redditi percepiti nel periodo di
lavoro specificando la collocazione temporale dell’attivita`
lavorativa al fine del calcolo dell’eventuale quota di prestazione residua dovuta al lavoratore.
Il lavoratore autonomo, nell’attesa dell’obbligatoria presentazione della certificazione fiscale prevista dal Tuir
comprovante il reddito conseguito nell’anno di interesse,
potra` attestare l’ammontare dei proventi conseguiti attraverso una dichiarazione mensile di responsabilita` redatta
ai sensi e per gli effetti degli artt. 46 e 76, D.P.R. n. 445/
2000 che evidenzi, in particolare, le conseguenze penali
previste dal predetto art. 76 del decreto.
Da notare che, se dalla comunicazione preventiva non
risulta agevole quantificare e collocare nel tempo i guadagni della nuova attivita`, l’Istituto sospendera` l’erogazione delle integrazioni salariali al momento della comunicazione preventiva fino al momento in cui sara` in grado di
verificare l’ammontare dei compensi e l’esatto periodo
lavorativo.
La comparazione dei dati non e` facilmente attuabile in
quanto i redditi da lavoro autonomo prescindono da precisi orari di lavoro e devono tener conto anche dei costi
sostenuti dal lavoratore per acquisti di materiali e spese
generali per cui il raffronto e` comunque possibile solo a
posteriori a meno che non si tratti di piccoli lavori occasionali rapportati a precise giornate di lavoro o di lavoro
parasubordinato i cui compensi sono periodicamente determinati dal sostituto di imposta.
Si riporta fac simile di comunicazione periodica dei compensi percepiti.
Fac simile comunicazione periodica dei compensi percepiti
Alla Sede Provinciale Inps di __________________
Oggetto: Dichiarazione di responsabilita` di cui all’art. 47 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445, circa i proventi conseguiti con
attivita` autonoma nel mese di ___________ Anno ________.
In ottemperanza a quanto previsto dalle disposizioni in materia, nonche´ in riferimento e seguito della comunicazione
dell’inizio di attivita` autonoma di ____________, a decorrere dal ________ per un periodo di __________ mesi, rimessa
con Raccomandata A.R n. ___________ del __________, in attesa dell’obbligatoria presentazione della certificazione
fiscale prevista dal Tuir comprovante il reddito conseguito nell’anno d’interesse, il/la sottoscritto/a _________________
nat__ a ___________ il ________, residente a ___________________________ in via __________________ n. __, telefono
n. ______________, titolare del codice fiscale n. __________________________, dipendente in Cigo/Cigs/Cig in deroga
della Societa` ________________________, sotto la personale responsabilita`, ai sensi dell’art. 46 del D.P.R. n. 445/2000,
e consapevole delle sanzioni penali previste in caso di false dichiarazioni dall’art. 76 del predetto D.P.R.,
dichiara
che nel mese di ___________ dell’anno ______ l’ammontare dei proventi conseguiti con l’attivita` dipendente/autonoma di _________________ e` stato pari ad E ___________
In fede.
Data___________________________
Firma leggibile _________________________
Allega:
______________________________________________________________________________________________________
Guida alle Paghe
26
1/2015
Roberto Camera - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l.
Procedure del personale
Limiti e procedure
Cig ordinaria/straordinaria/in deroga
e contratto di collaborazione a progetto
(Compatibilita` e cumulabilita` parziale) - Se il lavoratore beneficiario del trattamento di integrazione salariale
intraprende una nuova attivita` di lavoro parasubordinato
spettera` al lavoratore interessato dimostrare e documentare l’effettivo ammontare dei guadagni e la loro collocazione temporale al fine di consentire all’Istituto l’erogazione dell’eventuale quota differenziale di integrazione
salariale.
Nel caso in cui l’ammontare dei redditi non sia agevolmente quantificabile o collocabile temporalmente, l’Istituto deve comunque sospendere l’erogazione delle integrazioni salariali al momento della comunicazione preventiva (Inps, circ. n. 107/2010) per poi eventualmente
integrare la prestazione in relazione ai compensi percepiti
dal lavoratore.
Cig ordinaria/straordinaria/in deroga
e contratto di lavoro autonomo occasionale
(Compatibilita` e cumulabilita` parziale) - Le prestazioni
occasionali non di tipo accessorio si distinguono in 2
tipologie:
a) prestazioni coordinate e continuative di breve durata
(mini co.co.co);
b) lavoro autonomo occasionale.
a) Si tratta di collaborazioni coordinate e continuative di
‘‘portata limitata’’ che, nello stesso anno solare e con lo
stesso committente, hanno una durata complessiva non
superiore a 30 giorni e prevedono un compenso totale non
superiore a E 5.000 (D.Lgs. n. 276/2003, art. 61, c. 2).
Pur trattandosi giuridicamente di un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, non e` necessario individuare un progetto poiche´ si tratta di una collaborazione
occasionale.
La collaborazione occasionale si differenzia dal lavoro occasionale disciplinato da un punto di vista fiscale dall’art.
67, Tuir (che ne prevede l’assoggettamento alla ritenuta
di acconto del 20%), poiche´ non si tratta di una prestazione isolata ma pur essendo una prestazione di breve
durata necessita, per sua natura, che l’attivita` si svolga in
coordinamento con il committente.
Si tratta, in pratica, di una ‘‘co.co.co. ridotta’’, tant’e` che
se nel corso del rapporto si sfora il requisito temporale
ovvero reddituale, lo stesso dovrebbe essere ricondotto
ad un lavoro a progetto. Trattandosi di collaborazioni
coordinate e continuative, anche se occasionali, ad esse
si applica la stessa disciplina fiscale e previdenziale prevista per i collaboratori a progetto.
Il Ministero del lavoro ha chiarito che sono soggette ad
obbligo di comunicazione al Centro per l’impiego le collaborazioni occasionali di cui al D.Lgs. n. 276/2003, art.
61, c. 2, per le quali e` assente la continuita`, ma sussiste il
coordinamento con il committente mentre non vi e` alcun
obbligo di comunicazione per le collaborazioni di lavoro
autonomo occasionale (lett. circ. prot. n. 13/SEGR/
004746/2007).
b) Lavoratore autonomo occasionale puo` essere definito,
alla luce dell’art. 2222 c.c., chi si obbliga a compiere
un’opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio, senza vincolo di subordinazione e senza alcun coordinamento con il committente; l’esercizio dell’attivita`, peraltro, deve essere del tutto occasionale, senza i requisiti
dell’abitualita` e della professionalita`. Conseguentemente
i caratteri differenziali del lavoro autonomo occasionale
rispetto alla collaborazione coordinata, a progetto od occasionale, vanno individuati, tendenzialmente, nell’assenza del coordinamento con l’attivita` del committente,
nella mancanza dell’inserimento funzionale nell’organizzazione aziendale, nel carattere episodico dell’attivita`,
nella completa autonomia del lavoratore circa il tempo
e il modo della prestazione.
Questa tipologia di attivita` non prevede ne´ il versamento
di contributi previdenziali, ne´ un contratto scritto, ne´ l’obbligo dell’assicurazione contro gli infortuni e le malattie
professionali. Il corrispettivo percepito dal lavoratore
autonomo occasionale va assoggettato a ritenuta d’acconto del 20%.
Per quanto riguarda gli aspetti previdenziali, bisogna tener presente, che l’art. 44, c. 2, D.L. n. 269/2003, convertito nella legge n. 326/2003, ha previsto che dal 1º
gennaio 2004 i soggetti esercenti attivita` di lavoro autonomo occasionale devono essere iscritti alla Gestione
separata istituita presso l’Inps solo qualora il reddito annuo derivante da dette attivita` sia superiore ad E 5.000 e
che, per il versamento dei contributi da parte dei soggetti
esercenti attivita` di lavoro autonomo occasionale, si applicano le modalita` e i termini previsti per i collaboratori
coordinati e continuativi.
Durante il periodo di cassa integrazione il lavoratore puo`
svolgere prestazioni di lavoro occasionale di entrambi i
tipi ma e` necessario darne preventiva comunicazione all’Inps. Il pagamento dell’indennita` sara` sospeso per il
periodo di lavoro e l’eventuale trattamento residuale di
cassa sara` liquidato a consuntivo dopo che il lavoratore
avra` prodotto la certificazione comprovante i redditi conseguiti nel periodo interessato all’integrazione. Se, invece, tale attivita` viene svolta senza darne comunicazione
all’Inps si perdera` il diritto alla cassa integrazione (Inps,
circ. n. 107/2010).
Guida alle Paghe
1/2015
27
Roberto Camera - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l.
Procedure del personale
Limiti e procedure
Cig ordinaria/straordinaria/in deroga e lavoro accessorio
(Compatibilita` e cumulabilita` totale) - Il lavoro accessorio e` stato introdotto nel nostro ordinamento nel 2003
con la finalita` di regolamentare attivita` lavorative che non
diano luogo a compensi superiori a un certo importo previsto dal legislatore retribuite mediante buoni di valore
predefinito. Nel corso degli anni il legislatore ha ampliato
la possibilita` di utilizzo di tale forma di contratto favorendone la diffusione.
Possono svolgere prestazioni di natura occasionale, nei
limiti previsti, anche i lavoratori con contratto di tipo subordinato a tempo pieno (Min. lav., interp. n. 46/2010),
salva la precisazione per cui il lavoro accessorio non e`
compatibile con lo status di lavoratore subordinato se
impiegato presso lo stesso datore di lavoro titolare del
contratto di lavoro dipendente (Inps, circ. n. 49/2013).
La caratteristica principale del lavoro accessorio e` costituita dal fatto che il pagamento delle prestazioni effettuate
avviene tramite dei buoni (voucher). I committenti acquistano i buoni che sono numerati progressivamente e datati presso le banche abilitate, le poste, l’Inps o le tabaccherie ed hanno un valore nominale di E 10 che corrisponde al compenso per ogni ora di lavoro. I lavoratori possono
riscuotere l’importo netto presso gli uffici postali.
Gli importi riconosciuti tramite voucher sono esenti da
imposizione fiscale ed inoltre la percezione degli stessi
non incide sullo stato di disoccupato o inoccupato. La
contribuzione previdenziale versata all’Inps e` utile soltanto ai fini pensionistici e non da` diritto alle prestazioni di
malattia, maternita` e assegno al nucleo familiare.
Prima dell’inizio della prestazione di lavoro (anche il giorno stesso purche´ prima dell’inizio dell’attivita` lavorativa),
il Committente deve effettuare la comunicazione obbligatoria, direttamente all’Inps, esclusivamente in modalita`
telematica, qualunque sia il canale di acquisizione dei
buoni lavoro.
La mancata comunicazione all’Inps prevede l’applicazione della maxisanzione, di cui all’art. 4, c. 1, lett. a), legge
n. 183/2010 (Inps, circ. n. 157/2010).
Inoltre, il committente ha l’obbligo di verificare il non superamento del limite economico da parte del prestatore,
richiedendo una dichiarazione in tal senso, riferita sia ai
voucher riscossi nell’anno solare che a quelli ricevuti dallo
stesso o da altri committenti e non ancora riscossi.
L’acquisizione di tale dichiarazione costituisce elemento
necessario e sufficiente ad evitare, in capo al datore di
lavoro, eventuali conseguenze di carattere sanzionatorio.
A seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs. n. 276/2013,
che ha modificato la precedente normativa riguardante il
lavoro occasionale accessorio, e` oggi possibile utilizzare i
buoni lavoro in tutti i settori di attivita` e per tutte le categorie di prestatori con le limitazioni previste dal decreto
medesimo.
Tale norma prevede che per prestazioni di lavoro accessorio si intendono attivita` lavorative (non piu` di natura
meramente occasionale) che non danno luogo, con riferimento alla totalita` dei committenti, a compensi netti
superiori a E 5.050 (nel 2014) nel corso di un anno solare.
Tali compensi vengono annualmente rivalutati sulla base
della variazione dell’indice Istat dei prezzi al consumo per
le famiglie degli operai e degli impiegati intercorsa nell’anno precedente.
Fermo il limite complessivo di E 5.050 nel corso di un
anno solare, nei confronti dei committenti imprenditori
commerciali o professionisti, le attivita` lavorative accessorie possono essere svolte a favore di ciascun singolo
committente per compensi non superiori a E 2.020, anch’essi rivalutati annualmente.
Come piu` volte chiarito dal Ministero, il lavoro accessorio
e` quindi definito unicamente dal rispetto dei limiti di reddito netti di cui sopra, senza alcun riferimento alla natura
del rapporto di lavoro che puo` essere subordinato o autonoma.
La legge n. 134/2012 aveva reintrodotto la possibilita` per
il 2013, anche per i percettori della cassa integrazione
salariale o delle misure di sostegno del reddito, di svolgere una prestazione lavorativa tramite contratto di lavoro accessorio per un compenso massimo di E 3.000 netti
durante l’intero anno solare. La legge n. 15/2014 ha esteso tale possibilita` fino al 31 dicembre 2014.
L’accredito dei contributi figurativi, ai fini pensionistici,
dei lavoratori in cassa integrazione che prestano attivita`
di lavoro in quota integrativa trova applicazione, per
espressa previsione legislativa, anche in caso di svolgimento di prestazioni di lavoro di tipo accessorio, in quanto, in base al c. 1 bis, art. 70, D.Lgs. n. 276/2003:
l’Inps provvede a sottrarre dalla contribuzione figurativa relativa
alle prestazioni integrative del salario o di sostegno al reddito gli
accrediti contributivi derivanti dalle prestazioni di lavoro accessorio (Inps, circ. n. 107/2010).
I nuovi importi massimi dei compensi che possono essere percepiti dai lavoratori nel corso del 2014 sono stati
resi noti dall’Inps, con la circ. n. 28/2014:
Importo
lordo
Importo
netto
Totalita` dei committenti
E 6.740
E 5.050
Committenti imprenditori commerciali o liberi professionisti
E 2.690
E 2.020
Fattispecie
Guida alle Paghe
28
1/2015
Roberto Camera - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l.
Procedure del personale
Limiti e procedure
Va ricordato che il limite massimo da considerare e`
quello netto, dato che per ogni buono da E 10, il lavoratore percepisce un importo netto di E 7,50. Ne consegue che, con riferimento alla totalita` dei committenti, il
lavoratore puo` ricevere 673 buoni, pari a un netto di
poco piu` di E 5.047. Invece, se chi eroga il buono e` titolare
di partita Iva, al singolo lavoratore possono essere consegnati 269 buoni (o voucher, che dir si voglia), pari a poco piu`
di E 2.017 netti: in questo caso il lavoratore potra` quindi
prestare la propria attivita` a favore di altri committenti
sino a raggiungere il limite massimo sopra precisato.
Secondo quanto chiarito dal Ministero del lavoro, con
esclusivo riferimento al committente avente natura di
impresa, nel caso di superamento del limite economico
si potra` verificare se la prestazione svolta sia riconducibile a un rapporto di tipo autonomo o subordinato, con
eventuali conseguenze sul piano lavoristico e contributivo. A tale proposito, poiche´ l’unico vincolo e` il rispetto del
limite economico, lo stesso Ministero ha previsto che il
committente possa (o meglio, debba) farsi rilasciare dal
prestatore una dichiarazione nella quale si attesti il non
superamento degli importi massimi previsti.
Lo stesso Ministero, nella nota del 12 luglio 2013, ha
inoltre precisato quanto segue:
1) per le tipologie di rapporto di lavoro per le quali non e`
richiesta la comunicazione al Centro per l’impiego, tra le
quali e` annoverabile anche il lavoro accessorio, la cd.
maxi sanzione per lavoro ‘‘nero’’ trova applicazione, in
virtu` del disposto di cui all’art. 4, legge n. 183/2010, nella
misura in cui non siano stati effettuati i prescritti adempimenti formali nei confronti della P.A., e quindi ove l’utilizzatore non abbia effettuato la comunicazione preventiva all’Inps, connessa all’attivazione delle prestazioni;
2) invece, nel caso di utilizzo di prestazioni di lavoro accessorio comunicate preventivamente all’Inps, ma in assenza di corresponsione di voucher per alcune giornate,
la mancata remunerazione non potra` dare luogo all’irrogazione della maxi sanzione ma operera` la ‘‘trasformazione’’ in quella che costituisce la forma comune di rapporto
di lavoro, ossia il rapporto subordinato a tempo indeterminato, con applicazione delle relative sanzioni civili e
amministrative, nel solo caso delle prestazioni rese nei
confronti di una impresa o di un lavoratore autonomo
secondo i canoni della subordinazione.
Il Ministero del lavoro ha precisato che, fino a quando
non sara` disponibile il sistema informatizzato che consentira` una piena verifica circa l’osservanza del tetto
massimo di compenso annuo da parte del lavoratore, il
committente potra` richiedere allo stesso una dichiarazione sostitutiva, ex D.P.R. n. 445/2000, in ordine al non
superamento del suddetto tetto; cio` costituira` «elemento
necessario e sufficiente» ad evitare conseguenze di carattere sanzionatorio in capo al committente che abbia
provveduto alle comunicazioni di inizio attivita` dovute all’Inps (lett. circ. prot. n. 37/3439/2013).
Si riporta alla pagina successiva l’autodichiarazione che il
committente puo` richiedere al lavoratore accessorio.
Cig ordinaria/straordinaria/in deroga e lavoro a chiamata
Il contratto di lavoro a chiamata o intermittente e` stato
introdotto in Italia con la Legge Biagi (D.Lgs. n. 276/2003)
ed e` disciplinato dagli articoli da 33 a 40. Questa tipologia
di contratto di lavoro subordinato - a tempo determinato
o indeterminato - puo` essere stipulata per tutte le attivita`
che necessitino il ricorso a prestazioni lavorative a carattere discontinuo, purche´ il lavoratore abbia un’eta` inferiore ai 25 anni oppure superiore ai 55 anni (legge n. 92/
2012).
Rimangono le ipotesi oggettive, per le prestazioni di carattere discontinuo o intermittente, individuate dai Ccnl,
o comprese tra le attivita` elencate nella tabella approvata
con il R.D. n. 2657/1923 per le quali non sono previsti
limiti di eta`.
Il contratto puo` essere concluso anche con lavoratori gia`
occupati, purche´ siano rispettati i limiti imposti dal D.Lgs.
n. 66/2003 in merito al riposo settimanale obbligatorio.
Non solo, uno stesso lavoratore puo` concludere piu` contratti a chiamata, purche´ non ci sia un’incompatibilita` tra
gli stessi.
Sono previste 2 forme di contratto:
. lavoro a chiamata (o intermittente o job on call) con
obbligo di corrispondere un’indennita` di disponibilita`
se il lavoratore ha scelto di essere vincolato alla chiamata del datore di lavoro;
. lavoro a chiamata (o intermittente o job on call) senza
obbligo di corrispondere una indennita` di disponibilita`
se il lavoratore ha scelto di non essere vincolato alla
chiamata del datore di lavoro.
Il datore di lavoro dal 18 giugno 2012 deve inviare una
comunicazione prima dell’inizio dell’attivita` lavorativa. La
comunicazione della chiamata non sostituisce la comunicazione di assunzione (Min. lav., circ. n. 27/2013).
Con riferimento alla compatibilita` e cumulabilita` del contratto intermittente con la sospensione per cassa integrazione si premette che qualora il lavoratore venga chiamato a svolgere prestazioni di lavoro intermittente in orari o
giorni che non coincidono con le fasce di orario di lavoro
previste dal contratto che ha dato origine alla cassa integrazione non vi e` incompatibilita` e i relativi compensi
Guida alle Paghe
1/2015
29
Roberto Camera - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l.
Procedure del personale
Limiti e procedure
percepiti sono cumulabili con il trattamento di cassa integrazione senza alcuna riduzione.
Nel caso, invece, la chiamata preveda di lavorare in orari
coincidenti con quelli della cassa integrazione si deve
distinguere se il contratto a chiamata preveda un’indennita` di disponibilita` o meno. Nel primo caso il trattamento
di cassa andra` sospeso per tutto il periodo del contratto
mentre nel caso di chiamata senza indennizzo di disponibilita` dovrebbe essere riconosciuta una parziale incumulabilita` in quanto il lavoratore perderebbe il trattamento di cassa per le giornate in cui e` chiamato al lavoro,
indipendentemente dalle ore lavorate, ma conserverebbe l’indennita` per i giorni di intervallo tra una chiamata e
un’altra. Si puo` richiamare il messaggio Inps n. 24865/
2008, in cui si precisa che in caso di contratto di lavoro
intermittente che non preveda obbligo di risposta, quindi
senza la corresponsione dell’indennita` di disponibilita`,
puo` essere riconosciuto al lavoratore, limitatamente ai
periodi di non lavoro, lo stato di disoccupazione con la
relativa indennita`. Considerata tale posizione dell’Istituto,
appare ragionevole sostenere che, anche in materia di
ammortizzatori sociali, le norme relative al cumulo con
il lavoro dipendente devono essere applicate limitatamente ai giorni di effettiva attivita` lavorativa, considerando come periodi di non lavoro quelli intercorrenti, anche
all’interno del contratto, tra una chiamata e la successiva.
Autodichiarazione per lavoro accessorio (voucher)
(Art. 46, D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445)
Il/la sottoscritto/a ______________________________________________________________________________________
(cognome) (nome)
nato/a a ____________________________________________________________________ (_____) il___________________
(luogo) (prov.)
residente a __________________________________________ (_____) in via ________________________________ n.____
(luogo) (prov.) (indirizzo)
Consapevole
delle sanzioni penali, nel caso di dichiarazioni non veritiere, di formazione o uso di atti falsi, richiamate dall’art. 76 del
D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000
Dichiara
di non avere ancora superato, per l’anno in corso, il limite complessivo di E 5.000,00 in riferimento al totale dei
compensi percepiti per lavoro accessorio (Voucher)
Oppure
di non avere ancora superato, per l’anno in corso, il limite complessivo di E 3.000,00 in riferimento al totale dei compensi
percepiti per lavoro accessorio (Voucher) cumulabili con le prestazioni a sostegno di reddito o integrative al salario.
Dichiara
che provvedera` a comunicare tempestivamente e senza indugio alcuno qualsiasi variazione alla situazione sopra
rappresentata.
In base alle indicazioni fornite dall’Inps (circ. n. 88/2009) i limiti si intendono al netto delle ritenute previdenziali ed
assistenziali, nonche´ a titolo di gestione del servizio. L’importo netto di E 5.000,00 corrisponde a un importo lordo pari
a E 6.660,00.
Dichiaro di essere informato, ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 18 del D.Lgs n. 196/2003 che i dati personali raccolti
saranno trattati, anche con strumenti informatici, esclusivamente nell’ambito del procedimento per il quale la presente dichiarazione viene resa.
_______________________________________________________
(luogo e data) Il/la Dichiarante
N.B. allegare copia di un documento d’identita`, in corso di validita`, del/la dichiarante
Guida alle Paghe
30
1/2015
Roberto Camera - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l.
Procedure del personale
Limiti e procedure
Accredito di contributi figurativi durante la Cig
L’accredito della contribuzione figurativa e` previsto dalla
legge a tutela di determinati eventi (a titolo esemplificativo: gravidanza e puerperio, malattia, disoccupazione indennizzata, Cassa integrazione, Tbc etc.) durante i quali
l’assicurato rimarrebbe altrimenti scoperto di contributi. I
contributi figurativi sono utili per il raggiungimento del
diritto alla pensione; generalmente vengono accreditati
d’ufficio dall’Inps nei casi di disoccupazione indennizzata,
Tbc, Cassa integrazione e indennita` di mobilita` mentre
solo su domanda negli altri casi.
Nel caso di compatibilita` e cumulabilita` totale tra reddito
da nuova occupazione e integrazione salariale, non si presentano particolari problemi con riferimento all’accredito
dei contributi figurativi. I 2 rapporti di lavoro in essere sono
compatibili in quanto non sovrapponibili (avrebbero potuto
essere svolti parallelamente in assenza della sospensione
lavorativa), percio` accanto alla contribuzione obbligatoria
per l’attivita` effettivamente svolta viene accreditata la contribuzione figurativa per i periodi di sospensione.
Nel caso di cumulo parziale tra il reddito e l’integrazione,
quando percio` il trattamento integrativo viene proporzionalmente ridotto a seguito dello svolgimento di una nuova attivita` di lavoro subordinata o autonoma l’accreditamento dei contributi figurativi va eseguito in quota integrativa pari alla differenza tra la retribuzione presa a base
per il calcolo dell’integrazione salariale e la retribuzione
percepita in relazione alla nuova attivita` lavorativa svolta.
Anche nel caso di lavoro accessorio l’Inps provvedera` a
sottrarre dalla contribuzione figurativa relativa alle prestazioni integrative del salario o di sostegno al reddito gli
accrediti contributivi derivanti dalle prestazioni di lavoro
accessorio.
(o associano, nel caso di cooperative) lavoratori che abbiano fruito del trattamento Cigs per almeno 3 mesi (anche non continuativi) e che ne usufruiscano al momento
dell’assunzione, dipendenti da imprese beneficiarie da
almeno 6 mesi continuativi dall’intervento, hanno diritto
ai seguenti benefici:
. per ogni mensilita` di retribuzione corrisposta al lavoratore, un contributo mensile pari al 50% dell’indennita`
di mobilita` che sarebbe spettata al lavoratore se fosse
rimasto disoccupato. Tale contributo spetta per un
periodo di 9 mesi (elevato a 21 se il lavoratore ha
piu` di 50 anni ed ulteriormente a 33 se il lavoratore
e` ultracinquantenne e residente nel Mezzogiorno oppure in circoscrizioni territoriali con un tasso di disoccupazione superiore alla media nazionale e l’azienda
opera nei suddetti territori);
. alla riduzione per 12 mesi della contribuzione nella
misura prevista per gli apprendisti dipendenti da aziende con piu` di 9 dipendenti, ferma restando la contribuzione in misura normale a carico del lavoratore.
Lavoratori in Cigs da almeno 24 mesi
Le aziende che assumono con contratto a tempo indeterminato (anche part-time) lavoratori sospesi in Cigs da
almeno 24 mesi hanno diritto per un periodo di 36 mesi:
. se operanti in aree del Centro-Nord, al versamento del
50% dei contributi a loro carico;
. se ubicate nel Mezzogiorno, all’esenzione totale dal
pagamento dei contributi;
. se artigiane, all’esenzione totale dal pagamento dei
contributi.
Agevolazioni per assunzione lavoratori in Cig
Nel vigente ordinamento non sono previste agevolazioni
per assunzione di lavoratori in cassa integrazione ordinaria o in deroga. Solo nel caso di assunzione di lavoratori
che usufruiscono di cassa integrazione straordinaria sono
previsti dei benefici contributivi ma a condizione che le
assunzioni siano a tempo indeterminato per cui il lavoratore perde il diritto alla cassa integrazione al momento
dell’assunzione. Per poter fruire delle agevolazioni devono sussistere le condizioni indicate di seguito.
Lavoratori in Cigs da almeno 3 mesi
I datori di lavoro (comprese le cooperative di produzione
e lavoro) che assumono a tempo pieno e indeterminato
Guida alle Paghe
1/2015
31
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
208 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content