close

Enter

Log in using OpenID

Belice Ambiente Ato TP2 una barca alla deriva

embedDownload
n. 13 25-07-2014
PUBBLICITà NON SUPERIORE AL 40%
A
COPI O
GI
G
A
M
O
live 1999
www.teleibs.it
DIRETTO DA PIERA PIPITONE
Periodico quindicinale di Opinione - Politica - Cultura - Sport - Cronaca
APPROFONDIMENTO
Belice Ambiente Ato TP2 una barca alla deriva
di Piera Pipitone
A PAG. 4
Chieste le dimissioni dei
dirigenti del PD Mazarese
La risposta di Marco Campagna,
segretario provinciale PD
Ringrazio i firmatari di questa lettera,
perché questo loro gesto sta a significare che vogliono il bene del Partito
Democratico. È chiaro che noi come
CAMPOBELLO DI MAZARA
MARSALA
SALEMI
Iniziano le manovre in vista
della campagna elettorale
L’On. Giulia Adamo
si è dimessa
“Costruire Visioni:
centri luoghi periferie”
Campobello di Mazara si avvicina
alle amministrative che si aspettano a
novembre 2014 e i vari gruppi politici
e le associazioni hanno iniziato la loro
preparazione elettorale per capire
dirigenti politici dobbiamo fare...
quali siano le esigenze del...
di Piera Pipitone
di Piera Pipitone
A PAG. 5
A PAG. 7
Il Sindaco della Città di Marsala,
Si inserisce anche il cinema nel
on. Giulia Adamo, ha rassegnato
calendario degli eventi estivi
le dimissioni ufficiali dalla carica
salemitani. Parte, infatti, una ricca
di primo cittadino nelle mani del
programmazione cinematografica
segretario generale, dottor Bernardo
fortemente voluta dall’assessore alla
Triolo. Sarà ora lo stesso massimo
cultura, turismo e spettacolo...
burocrate marsalese a...
di Franco Lo Re
A PAG. 8
A PAG. 10
L’
2
n. 13 25-07-2014
SOLO FINO AL 31 AGOSTO
MAZARA DEL VALLO - Via Salemi, 244 - Tel. 0923.931111
TRAPANI - Via Carlo Messina, Zona Industriale - Tel. 0923.501021
MARSALA - Via Mazara, 56 - Tel. 0923.982980
ALCAMO - Via Gammara, 46/C - Tel. 0924.23372
Seguici su
31/08/2014
L’
3
n. 13 25-07-2014
L’editoriale
di Piera Pipitone
www.teleibs.it
I Comuni non pagano l’Airgest:
10% di traffico passeggeri in meno in sei mesi
D
opo un calo del 30-40% registrato dagli operatori turistici
rispetto allo scorso anno a causa dei mancati pagamenti dei comuni
soci all’Airgest, la società che gestisce
l’aeroporto di Birgi, sembra che
finalmente alcuni Comuni abbiano ripreso la strada tracciata dal
Comune di Erice, il quale, dando
il buon esempio aveva stanziato
la seconda trance di 30 mila
euro dei complessivi 120 mila da
stanziare entro fine anno.
Si tratta di un accordo di co-marketing, firmato dalla Camera
di Commercio e dalla società
“Airport Marketing Service Limited” che gestisce il marketing di
Ryanair, e prevede un contributo
di 2 milioni di euro all’anno per
3 anni distribuiti a tutti i comuni
del territorio rispetto alla propria
ricettività e grandezza. Ogni
comune quindi deve versare alla
società una somma suddivisa in 4 rate
ogni anno.
Camera di Commercio e Comuni
di Trapani e Marsala 300 mila euro
ciascuno; Comuni di Castelvetrano,
Favignana, San Vito 160 mila; Comuni
di Castellammare del Golfo, Erice,
Mazara del Vallo 120 mila; Comune di
Valderice 90 mila; Comune di Alcamo
Buseto Palizzolo, Gibellina, Partanna,
Santa Ninfa 20 mila e Comuni di Poggioreale, Salaparuta e Vita 5 mila. Dei
24 comuni della provincia di Trapani
solo Trapani, Buseto Palizzolo, Ca-
60 mila; Comuni di Custonaci e Petrosino 45 mila; Comuni di Calatafimi,
Campobello di Mazara, Paceco, Pantelleria e Salemi 30 mila; Comuni di
stelvetrano, Castellammare del Golfo,
Custonaci, Erice, Favignana, Paceco,
Pantelleria, Salemi, San Vito Lo Capo,
Petrosino e Valderice hanno assicu-
rato al presidente
della Camera di
Commercio, Giuseppe Pace, che
onoreranno l’impegno.
Una provincia che guarda al turismo
come sprint economico e polmone da sviluppare non può
non investire in un aeroporto
che rappresenta il trampolino di
lancio per lo sviluppo turistico
stesso e ne abbiamo avuto prova
negli ultimi anni.
Risulta strano che alla riunione in
cui si è votato il bilancio, di circa
1,5 milioni, la Regione fosse
assente.
Questa situazione ha causato
un trend negativo del traffico
passeggeri di circa il 10% e la
Ryanair ha provveduto già a
diminuire le tratte, garantendo
comunque un minimo di transiti
per circa un milione e mezzo di
passeggeri qualora si onorasse
l’accordo sottoscritto lo scorso gennaio a Roma. La palla passa quindi
ai restanti 11 comuni che non hanno
risposto all’appello.
Direttore Responsabile Piera Pipitone - Direttore Editoriale Antonio Pipitone - Editore IBS s.r.l. - Stampa, grafica e impaginazione IBS s.r.l. - Registrazione al Tribunale di Marsala n.191
Redazione: Corso Umberto I, 108 - Mazara del Vallo Tel./Fax 0923 940690 - e-mail: [email protected] - www.teleibs.it
L’
4
n. 13 25-07-2014
APPROFONDIMENTO
Belice Ambiente Ato TP2 una barca alla deriva
L
a vicenda della Belice Ambiente
Ato TP2 continua a far parlare
di se. Il bilancio 2013 è stato
bocciato il 7 luglio da 10 degli 11 comuni
soci. Sembrerebbe che i conti non tornino, infatti gli stessi revisori dei conti, così
come il Collegio sindacale, non hanno
espresso un parere sul bilancio alla luce
del riscontro di diverse criticità rispetto
alla relazione di gestione, nella quale
si evidenzia un disavanzo di circa
1 milione e 754 mila euro. A pesare
sono soprattutto i costi chiamati “non
caratteristici” della gestione
del servizio, come gli interessi
passivi sul debito verso le
banche e verso la Riscossione Serit Sicilia che arrivano a
quota 1.280.897 euro. Poi ci
sono gli accantonamenti per
rischi e oneri che ammontano
a 1.040.000 euro a cui vanno
aggiunte le spese legali per i
tanti contenziosi in corso con
i fornitori e i dipendenti.
Insomma non una situazione
facile per chi si trova adesso
a gestire una società che dovrebbe chiudere i battenti, si
spera, in pari e non in deficit.
Nella relazione datata 31
dicembre 2013, l’ex amministratore successivamente
nominato liquidatore della società, Nicola Lisma chiedeva
a gran voce il ripianamento
dei debiti da parte dei comuni:
“é urgente un intervento dei
Comuni Soci, od in alterna-
a cura di Piera Pipitone
tiva di un intervento straordinario della
Regione Siciliana, al fine di dotare la
Società dei mezzi finanziari indispensabili a consentire una più serena fase di
gestione della liquidazione. I soci sono
stati più volte sollecitati al ripianamento
delle perdite di esercizio, ma si sono
espressi sempre negativamente”.
In effetti ripianare quel debito è molto
difficile, si parla di una cifra davvero
alta a cui vanno aggiunte le valutazioni
della RSM Italy A&A srl, la società di
revisione dei conti, fatte arrivare ai soci
della Belice Ambiente il 24 giugno in cui
si legge che oltre alla perdita di oltre 1,7
milioni di euro si parla di un patrimonio
netto negativo di 22,7 milioni di euro. La
Belice Ambiente si difende affermando
di vantare crediti dai comuni soci, per il
periodo 2005/2009, di oltre 24,5 milioni
di euro.
È evidente che qualcosa non quadri,
durante la riunione in cui si è votato il
bilancio solo la città di Mazara del Vallo,
rappresentata dal vice Sindaco Silvano
Bonanno, non ha bocciato il bilancio,
Nicola Cristaldi e Nicola Lisma
anzi sembrerebbe che inizialmente
avrebbe espresso la volontà di votare
positivamente lo stesso ma poi avendo
visto l’esito ha preferito astenersi. Fa
riflettere la decisione isolata del comune
di Mazara del Vallo rispetto alla decisione univoca di tutti gli altri comuni soci,
infatti verrebbe da porsi se questa volontà di votare positivamente il bilancio
dell’AtoTP2 non sia da ricondurre alla
grande amicizia che corre fra il Sindaco
di Mazara del Vallo e l’ex Amministratore
e poi liquidatore della società di smaltimento rifiuti Nicola Lisma. E’
stato proprio Nicola Cristaldi
a volere Lisma in quel ruolo e
nella scorsa campagna elettorale era proprio Lisma che
apriva i comizi all’On. Cristaldi
poi riconfermato Sindaco
della città. Un’amicizia che
forse ha interferito nei giudizi
di merito in questa vicenda
tanto complicata e tutta da
chiarire. Altro tassello importante riguarda i compensi che
il liquidatore Lisma avrebbe
intascato dal 2011 a oggi,
verso i quali il Commissario
Straordinario della Provincia
di Trapani Antonio Ingroia ha
sollevato il dubbio di legittimità. Secondo Ingroia, infatti, il
liquidatore Lisma dovrebbe
restituire 95 mila euro pari
alla somma percepita dal
2011 a oggi, che sempre
secondo Ingroia non gli
spettavano per legge.
Operatori senza stipendio, e i dirigenti? La fittizia società virtuosa di Truglio
S
ono 316 lavoratori della Belice
Ambiente, dell’ambito territoriale
Tp2, che effettuano il servizio
di raccolta dei rifiuti negli 11 comuni
soci: Santa Ninfa, Mazara del Vallo,
Salemi, Castelvetrano, Campobello
di Mazara, Poggioreale, Salaparuta,
Partanna, Gibellina, Petrosino, e Vita.
Sono proprio loro,
i lavoratori della
Società d’Ambito
che attendono il
pagamento di alcuni stipendi relativi
al 2013, la 14esima
mensilità dell’anno
in corso e le quote del Tfr che dal
2008 al settembre
del 2013 non sono
state accantonate. Come al solito
sono sempre i lavoratori che pagano il prezzo più alto, coloro che si
alzano alle 4 del mattino anche sotto la
pioggia e puliscono le nostre città dalla
spazzatura e la sporcizia.
Sono loro che rendono belle le nostre
strade e sono loro che aspettano i loro
compensi da molto tempo. Hanno più
volte effettuato proteste davanti la sede
della società d’ambito a Santa Ninfa
proprio per far valere i loro diritti. Al
contempo sarebbe interessante sapere
se i dirigenti incassano ogni mese lo
stipendio nonostante questo ritardo per
i lavoratori. Sarebbe assurdo scoprire
che per pagare i dipendenti mancano i
soldi e invece per i dirigenti i soldi non
mancano. Intanto i sindacati annunciano che in assenza di un intervento
risolutivo da parte della Regione, sono
pronti ad iniziative di lotta con la possibile astensione dal lavoro dei dipendenti.
Di contro vedremo anche come andrà
a finire il contenzioso alzato da Ingroia
verso gli stipendi incassati dal liquidatore Lisma dal 2011 a oggi pari a 95
mila euro, che secondo Ingroia non
avrebbe dovuto riscuotere poiché non
gli spettava per legge.
G
uardare al passato per capire il presente è
d’obbligo in casi come
quello della Belice Ambiente. Un debito così
alto di certo non è ascrivibile ad un solo uomo.
Le beghe della Società
d’Ambito sono da ricercare in quella che
si auto-definiva una
“società virtuosa”,
quando l’Amministratore Unico era Francesco
Truglio, uomo di Giorgio Macaddino allora
Sindaco di Mazara del
Vallo (comune socio di
maggioranza dell’ente).
Sembrerebbe infatti
che all’epoca in cui Truglio definiva virtuosa la
Società d’Ambito che
amministrava in verità
venivano falsati i registri
e inventati crediti verso persone e aziende
inesistenti per gonfiare
così i bilanci. A lanciare
l’allarma ben cinque anni
fa è stato l’allora candidato Sindaco Nicola
Cristaldi da uno dei suoi
Francesco Truglio
palchi in piazza Mokarta.
I primi di maggio del 2014
la procura di Palermo
ha emesso l’avviso della
conclusione delle indagini preliminari che hanno
portato ad un avviso di
garanzia nei confronti
dell’allora Amministratore
Unico Francesco Truglio
e nei confronti di Francesco Nicosia e Paolo
Basone, rispettivamente
ex dirigente e impiegato
dell’Ato TP2. Questi sono
stati accusati di frode
informatica continuata in
concorso. I tre indagati
avrebbero, secondo l’accusa, falsato i database al
fine di falsare i bilanci per
gli anni 2007- 2008- 2009
per circa 13 milioni di euro
a causa di un buco che si
era cominciato a creare
già nel 2006. Non è tutto
oro quello che luccica
questo è certo. Com’è
certo che l’ultimo Amministratore della Società e
poi liquidatore della stessa si è ritrovato a gestire
un bilancio che faceva
acqua da tutte le parti.
L’
40 milioni di euro a Mazara
per un impianto termodinamico
P
orterà circa 40 milioni di euro il
progetto della centrale termodinamica che verrà realizzata sul
territorio di Mazara del Vallo. La centrale
solare termodinamica sorgerà in località “Carcitella” di Mazara, che si trova
nell’intersezione della strada che congiunge Marsala con Salemi. Occuperà
con gli specchi riflettenti una superficie
di circa 200 ettari, al momento coltivati
a vigneto e uliveto, e la
torre centrale sarà alta
195 metri. L’impianto
produrrebbe fino a 800
posti di lavoro durante
la fase di costruzione
stimata in circa 27 mesi,
con un impiego fisso
nella successiva fase
di esercizio (25 anni) di
50 posti di lavoro, oltre
all’indotto annuale per
altre 150 maestranze.
Da mettere nel conto anche gli eventuali introiti
tramite il versamento
della tassa IMU e dell’aliquota stabilita dalla
Regione attraverso misure di compensazione
di carattere ambientale
e territoriale.
Inoltre sembrerebbe che tale impianto
sarebbe in grado di contribuire concretamente a uno sviluppo industriale
ecosostenibile di tutta la regione tramite
l’utilizzo del sole che verrà impiegato
per surriscaldare l’acqua, come in una
caldaia, e il vapore così prodotto verrà
utilizzato per generare energia elettrica
in una turbina. Tutto questo rientra in
un più vasto progetto europeo che ha
lo scopo di combattere i cambiamenti
climatici e promuovere l’uso delle energie rinnovabili.
Con un miliardo di euro la Commissione
europea finanzierà 19 progetti nell’ambito del programma NER 300. I progetti
a cui è stato aggiudicato il cofinanziamento appartengono a diversi settori:
5
n. 13 25-07-2014
dalla bioenergia all’energia solare a
quella geotermica, ma anche l’energia
fotovoltaica, l’eolica, l’oceanica, le reti
intelligenti e, per la prima volta, la cattura e lo stoccaggio del carbonio. I 19
progetti verranno realizzati in 12 degli
Stati membri dell’UE: Croazia, Cipro,
Danimarca, Estonia, Francia, Irlanda,
Italia, Lettonia, Portogallo, Spagna,
Svezia e Regno Unito. In Italia a benefi-
ciare dei progetti sono la Regione Puglia
e la Sicilia con il sito di Mazara del Vallo.
“Con questa iniziativa, che rappresenta
una novità assoluta, contribuiremo a
proteggere il clima e a rendere l’Europa più indipendente dal punto di
vista energetico – ha dichiarato Connie
Hedegaard, Commissario responsabile
per l’Azione per il clima – il miliardo
di euro assegnato oggi consentirà di
raccogliere altri 900 milioni di euro in
investimenti privati: in Europa verranno
spesi quasi 2 miliardi di euro per le tecnologie rispettose del clima”. Attraverso
questi investimenti si prevede che la
produzione annua di energia rinnovabile
nell’Unione europea aumenti di quasi 8
terawatt/ora.
Viola Rizzo
Chieste le dimissioni dei dirigenti
del PD Mazarese
I
l Partito Democratico a Mazara Del
vocabile alla città, per superare l’attenVallo vive un lungo momento di difdismo metodico, l’autoreferenzialità e
ficoltà che, come ultimo atto, lo ha
il verticismo e ridare speranze a tutti i
visto perdere le elezioni amministrative
cittadini, iscritti e non.
e con esse la possibilità di governare
Sollecitiamo, pertanto, un autorela città e di aprire nell’amministravole e responsabile intervento della
zione comunale
segreteria prouna pagina del
vinciale affinché
tutto nuova, sotto
gli organismi diil profilo socio-erigenti del locale
conomico e cultupartito si assurale. L’amarezza
mano le proprie
è accresciuta dal
responsabilità in
fatto che ciò acmodo da creare
cade in assoluta
le condizioni policontrotendenza
tiche di confronto
nazionale: il partie dialogo, aperti
to democratico di
ed eticamente
Mazara del Vallo
responsabili, con
perde nella coml’elettorato e da
petizione amavviare quel perministrativa nel
corso di reale rinmomento in cui
novamento di cui
nelle contestuali
molti, specie tra i
elezioni europee,
giovani, avvertoa livello nazionano la necessità.
le e regionale,
Se lo merita
esso raggiunge
Mazara, se lo
traguardi mai primeritano i tanti
ma conseguiti.
militanti e simFrancesco De Balsi
E’ necessario
patizzanti delusi
Segretario comunale PD Mazara
dunque riguache assistono da
dagnare la stima e il consenso dei
tempo ad una gestione fallimentare
mazaresi e ciò non può che accadere
che non risponde ai bisogni della città,
sulla base di un autentico e profondo
che non fa crescere il partito e che
rinnovamento all’interno del partito, nei
non riceve consensi, come le recenti
contenuti, nelle strategie e nei metodi.
elezioni hanno ulteriormente sancito.
Bisogna avviare una profonda riflesAndrea Anselmi – Giacomo Anselsione politica, che per la verità non è
mo – Rosa Balistreri – Antonino Caancora neanche iniziata a distanza di
stelli – Daniela Cavasino – Giacomo
oltre un mese dalla sconfitta subita,
Cuttone – Angela D’Alcantare – Gianon per trovare capri espiatori ma per
como D’Angelo – Michele D’Angelo
liberare il partito dai tanti veleni interni
– Piero Di Giorgi - Alessandro Evola
che lo inquinano, dai personalismi,
- Mario Foderà - Giuseppe Giordadalle scelte ambigue e contraddittorie.
no – Antonina Iemmola – Grazia
Noi chiediamo che si ponga fine a
Iemmola – Pietro Licari – Grazia
tale situazione. Chiediamo con forza
Maria Lisma – Maria Clara Lisma –
le dimissioni del gruppo dirigente, non
Giacomo Mangiaracina – Salvatore
perché sia l’unico responsabile della
Mangiaracina – Vincenzo Marino
gestione fallimentare del partito, ma
– Maria Luisa Presti – Maria Quinci
per dare un segnale chiaro e inequi– Corrado Sansone.
La risposta di Marco Campagna, segretario provinciale PD
R
ingrazio i firmatari di questa lettera, perché questo loro gesto
sta a significare che vogliono il
bene del Partito Democratico. È chiaro
che noi come dirigenti politici dobbiamo fare una riflessione attenta, senza
farci prendere da facile demagogia e
tagliare tutte le teste come si usa dire
in questi casi perché credo che porti
a poco. Credo, invece, che dobbiamo
ricostruire il Partito Democratico a
Mazara del Vallo insieme al gruppo
dirigente che si è speso fin’ora, anche se le amministrative non hanno
portato risultati, dobbiamo quindi fare
un analisi del perché non è andata
bene e ripartire insieme con un Partito
Democratico aperto a loro e a tanti altri
che vogliono avvicinarsi per costruire
un’alternativa a Mazara del Vallo.
clicca per il VIDEO
da sx P. Pipitone Direttore responsabile L’Opinione e M. Campagna segretario provinciale PD
L’
L’Imam di Roma parteciperà a Blue Sea Land 2014 L
6
n. 13 25-07-2014
a prossima edizione di “Blue Sea
Fondazione Orestiadi e che ospita nelle
Land”, Expo dei Distretti Produttivi
sue sale costumi, gioielli, tessuti d’arte,
Italiani, del Mediterraneo,
ceramiche e oggetti d’arte di popoli e
dell’Africa e Medi-Oriente Allargato, che
culture dell’area mediterranea e del
si svolgerà dal 9 al 12 ottobre a Palermo,
Medio Oriente.
Gibellina, Marsala e Mazara del Vallo,
sarà anche un’occasione di incontro e
dialogo fra culture e religioni diverse.
A tal fine il Presidente del Distretto della
Pesca, Giovanni Tumbiolo, ha incontrato nei giorni scorsi, a Roma, l’Imam
della grande moschea della Capitale,
Muhammad Hassan Abdulghaffar.
Tumbiolo, portando un messaggio del
Vescovo della Diocesi di Mazara del
Vallo, S.E. Domenico Mogavero, e
l’Imam hanno parlato di dialogo e svida sx Giovanni Tumbiolo e
luppo condiviso grazie anche i principi l’Imam Muhammad Hassan Abdulghaffar
della “blue economy”, filosofia produttiva che il Distretto propugna da anni, e
A Mazara il 10 ottobre l’Imam inconche ha come valore fondativo il dialogo
trerà il Vescovo della Diocesi Mons.
ed il rispetto e la salvaguardia comune
Mogavero per una preghiera comune
delle risorse fra i Paesi cooperanti. che travalichi le differenze fra i popoli,
L’Imam ed il Presidente del Distretto
culture e religioni diverse.
si sono detti d’accordo sul fatto che
«Il dialogo interreligioso deve far sì che
differenze di culture, valori e religioni
nel nome dell’unico Dio le tre religioni
siano risorse; pur tuttavia è necessario
monoteiste non trovino motivi o pretesti
fare sì che non agiscano come
per combattersi, ma ragioni per mettersi
“valichi identitari” che impediscano la
insieme a servizio dei valori e degli ideali
comunicazione e lo scambio tra i diversi
che esaltano l’uomo, creato a immagine
Paesi.
e somiglianza di Dio, e che consentono
L’Imam Muhammad Hassan Abduldi dare alla terra un volto di speranza,
ghaffar ha mostrato grande interesse
creando le condizioni per vivere nella
al progetto dando la propria disponibilità
giustizia, nella pace, nella solidarietà -ha
a partecipare alla prossima edizione
detto il Vescovo di Mazara del Vallo- Il
di “Blue Sea Land”. In quell’occasione
dialogo interreligioso è uno strumento
l’Imam incontrerà rappresentanti di
necessario, oggi più che in altre epoche
altre religioni presso il Museo delle
storiche, per dare concretezza alle
Trame Mediterranee di Gibellina della
aspirazioni più grandi della persona».
Ell’ammiraglio francesco carpinteri
A
ccolto dal Sindaco di Mazara
del Vallo on. Nicola Cristaldi,
l’Ammiraglio Francesco Carpinteri, direttore marittimo della Sicilia
Occidentale, è stato in visita istituzionale
al Palazzo di Città, accompagnato dal
Comandante della Capitaneria di Porto
di Mazara, C.F. (Cp) Davide Accetta.
Nel cordiale colloquio sono state affrontate alcune problematiche che
concernono le competenze del demanio
marittimo. Il Sindaco Cristaldi ed i vertici
dell’Autorità Marittima hanno constatato
che le recenti misure in materia di competenza del demanio marittimo hanno
acuito alcuni disagi, esprimendo comunque l’unanime volontà di una maggiore
e più proficua collaborazione tra le varie
Istituzioni e tra esse ed i cittadini in maniera tale da potere alleviare al massimo
i disagi per la collettività.
Al termine dell’incontro, il Sindaco
Cristaldi ha fatto dono all’Ammiraglio
Carpinteri ed al Comandante Accetta
di alcune pubblicazioni della Città di
Mazara del Vallo.
da sx Davide Accetta, Francesco Carpinteri e Nicola Cristaldi
L’
7
n. 13 25-07-2014
CAMPOBELLO DI MAZARA
Iniziano le manovre in vista della campagna elettorale
C
ampobello di Mazara si avvicina
alle amministrative che si aspettano a novembre 2014 e i vari
gruppi politici e le associazioni hanno
iniziato la loro preparazione elettorale
per capire quali siano le esigenze
del territorio e per creare un progetto
adatto a coinvolgere la società civile e
soprattutto per far quadrato attorno ad
un nominativo che possa rappresentare
la svolta per Campobello di Mazara.
Nella sera di martedì 22 luglio è stato
il Partito Democratico locale ad organizzare un Forum Cittadino al fine di
“di elaborare un progetto politico atto a
rilanciare l’economia e lo sviluppo del
paese, mettendo al centro del piano
politico la restituzione della dignità alla
nostra comunità locale e che dia al
cittadino campobellese
con un ascolto intenso, in
la sua certezza di diritto”
questi mesi non andremo
in vacanza anzi lavorerecosì si legge nella nota
inviata dal coordinatore
mo per determinare chi
sarà il candidato di una
Vincenzo Accardo del
coalizione che faremo più
Circolo PD di Campobello. Presente alla riunione
ampia possibile.
Dopo questi anni di comil Segretario Provinciale
del PD, Marco Campamissariamento dobbiamo ricominciare con una
gna, per il quale questa
riunione “rappresenta un
nuova classe dirigente
e con un Partito Demoprimo punto di partenza,
attraverso questo Forum clicca per il VIDEO
cratico protagonista”. Il
il Circolo del PD di Camconcetto e il proposiVincenzo Accardo
pobello vuole ascoltare segretario com. PD Campobello to che viene ribadito è
la città – ha affermato il
proprio sulla scia di un
nuovo inizio per rilanciare e tracciare
Segretario Campagna – vogliamo iniziare a progettare un futuro per questa
un volto nuovo della città. “Abbiamo
voluto organizzare un Forum Cittadino –
città. È chiaro che dobbiamo partire
afferma Vincenzo Accardo coordinatore
del circolo di Campobello – aprendoci
alle forze di centro sinistra ma non solo.
L’obiettivo è quello di aprire un dibattito
serio e costruttivo tramite il confronto,
soprattutto vogliamo presentare il nostro
progetto politico.
Quelli appena trascorsi sono stati due
anni e mezzo difficili per la cittadinanza
e sappiamo che le amministrative sono
un’occasione molto importante per
risollevarsi da questi due anni e mezzo
di amministrazione straordinaria.
È importante arrivare alle elezioni con
una squadra e un programma che possano permettere di amministrare con serietà e lungimiranza il nostro territorio”.
Piera Pipitone
L’
8
n. 13 25-07-2014
MARSALA
L’On. Giulia Adamo si è dimessa da sindaco della città di Marsala
si andra alle urne per scegliere solo in Sindaco
Il Sindaco della Città di Marsala, on. Giulia Adamo, ha rassegnato le dimissioni
ufficiali dalla carica di primo cittadino nelle mani del segretario generale, dottor
Bernardo Triolo. Sarà ora lo stesso massimo burocrate marsalese a comunicare
la decisione dell’on. Adamo all’Assessorato Regionale agli Enti Locali che
provvederà alla nomina di un Commissario Straordinario che si sostituirà a
Sindaco e giunta fino alla prossima tornata elettorale. Rimane, invece, pienamente
in carica il Consiglio Comunale sempre fino alle prossime elezioni (aprile-maggio
2015???). L’on. Giulia Adamo, già presidente della provincia regionale di Trapani e
parlamentare regionale, era stata eletta alla carica di Sindaco della città di Marsala
nel maggio del 2012. Al ballottaggio aveva avuto la meglio sull’altro candidato
Salvatore Ombra. Questo il testo della lettera di Giulia Adamo, pubblicato anche
su facebook, che motiva così le sue dimissioni:
“Cari amici,
a seguito della recente sentenza della
prima sez. penale della Corte d’Appello di Palermo, che rispetto ma ritengo
profondamente ingiusta, dopo una profonda riflessione ho deciso di dimettermi dalla carica di Sindaco della città di
Marsala.
E’ davvero singolare che venga considerata illegale la condotta con cui, come
Presidente della Provincia ben 10 anni
fa, ho scoperto e posto fine ...ad un
vero e proprio latrocinio consumato per
anni ai danni della cosa pubblica e che
si tentava di continuare a perpetrare.
Infatti a seguito del mio intervento nella
vicenda é risultato che il convitto, nei
confronti del quale si era temporaneamente sospeso il pagamento delle
rette, aveva indebitamente percepito
dalla Provincia per un solo anno oltre
78 mila euro, che infatti, sono stati dallo stesso successivamente restituiti.
L’attuale condanna , che ricordiamo
non é definitiva e avverso la quale ricorreremo con fiducia alla Suprema
Corte di Cassazione, giunge inaspettata dopo10 anni dai fatti e dopo due
assoluzioni con formula piena .
In questi giorni ho dovuto fare una scelta: dimettermi e accettare che un Commissario esterno si sostituisse all’amministrazione o mantenere il ruolo di
Sindaco anche in regime di sospensione permettendo alla Giunta e alla maggioranza consiliare che avevano lavorato con me in questi anni di portare
avanti il progetto scelto dagli elettori nel
corso di una dura campagna elettorale.
E’
indubbio
che
in
questi
due anni sono stati raggiunti importanti e significativi risultati:
La rinascita del nostro bellissimo centro
storico tornato ad essere un “salotto”
apprezzato dai cittadini e da moltissimi
turisti , con l’apertura di decine di nuovi
esercizi commerciali i cui gestori si sono
impegnati ad abbellire con eleganza
le nostre strade e le nostre piazza.
Le numerose iniziative culturali che
hanno contribuito al significativo au-
anni vivono in una inaccettabile situazione di estrema incertezza e precarietà. Tant’è che tra poche settimane è previsto l’inizio dei citati lavori.
Aver attivato a Bruxelles la procedura
per contestare la ripartizione, estremamente penalizzante ed iniqua, delle
quote tonno per la marineria siciliana,
che ha decimato la flotta peschereccia
marsalese passata in pochi anni da
100 imbarcazione a circa 18. Recupero
mento del turismo ufficialmente certificato dagli appositi organi provinciali.
La riorganizzazione del servizio rifiuti
con la reintroduzione del servizio porta
a porta e l’apertura di molteplici isole
ecologiche che ha portato in poco tempo al raddoppio della percentuale della
differenziata con un conseguente considerevole risparmio economico.
Aver espletato con successo l’iter amministrativo per rendere cantierabile il
progetto di messa in sicurezza del porto di Marsala
ed aver attivato con successo le procedure per il suo
finanziamento, sostituendoci al sistema burocratico regionale che lo aveva
bloccato per più di un anno.
Aver raggiunto un accordo
con la Myr nell’ambito del
quale la stessa si è dovuta
impegnare ad adeguare il
suo progetto alle esigenze
del porto pubblico accettando di invasare le fondazioni
per permettere il dragaggio
a 7 metri, rinunciando a più di 30 mila
metri cubi di cementificazione nel rispetto inoltre di tutte le esigenze degli
operatori portuali .
Ottenuto 5 milioni di euro per il rifacimento della rete idrica della città.
Sbloccato il finanziamento di 24 milioni
di euro per il completamento delle fognature della città con la firma del primo dei tre contratti previsti.
Riconquistato
la
bandiera
blu
di cui solo 5 comuni Siciliani possono vantare il possesso.
Ottenuto, grazie alla serietà del nostro
progetto, l’accesso ai fondi Jessica
per ricostituire un efficiente e moderno
parco autobus che consenta ai nostri
alunni e ai cittadini che risiedono nelle
contrade di muoversi con dignità e sicurezza sul territorio.
Sbloccato il finanziamento per la realizzazione delle case popolari di via
Mazzara dando finalmente dignità a
decine e decine di famiglie che da
On. Giulia Adamo
di svariati milioni di euro di mutui contratti dalle precedenti amministrazioni
per opere mai realizzate e per le quali
in questi anni abbiamo pagati cospicui
interessi che sarebbero stati impiegati
per la riqualificazioni delle strade della
nostra città.
Impossibile relazionare in queste poche righe tutto il lavoro svolto (riqualificazione dei quartieri popolari, riapertura dei teatri Impero e Sollima, avere
portato in Europa la città di Marsala
come punta di eccellenza per la produzione del vino, portato a termine i
lavori di ristrutturazione che consentiranno l’imminente apertura del Palazzetto dello sport e dello Stadio comunale, riqualificazione di Porta Nuova
ecc.......).
Certo, in questi anni abbiamo dovuto prendere anche decisioni difficili
a seguito delle quali sono sorti contrasti, anche molto accesi, che ci
hanno resi estremamente scomodi.
Rifarei tutto, con la stessa passione e
lo stesso coraggio che dal primo giorno hanno caratterizzato il mio modo di
fare politica.
La forza con cui in questi anni ho portato avanti la mia azione politico-amministrativa è sempre venuta dal grande
consenso popolare e dell’affetto che i
cittadini mi hanno costantemente dimostrato ed è per questo che prima di
dimettermi ho voluto valutare la possibilità di proseguire il nostro
progetto di rinascita della
città, anche senza la mia
attiva partecipazione, nelle
more che si pronunciasse
la Suprema Corte di Cassazione.
Tuttavia, a fronte delle
numerosissime
testimonianze di affetto e di stima
ricevute in questi giorni e
degli inviti a resistere, non
ritengo che ci sia stato lo
stesso senso di responsabilità da parte delle forze
politiche e di alcuni assessori della giunta che, con la loro
condotta ambigua hanno deluso e
tradito, non tanto me, quanto coloro
che credevano nel nostro progetto.
Non posso non ringraziare gli assessori Benny Musillami, Antonio Provenzano e Patrizia Montalto che hanno
condiviso gli sforzi fatti in questi giorni
per evitare il commissariamento della
nostra città e per essermi stati vicini
con lealtà e coraggio.
Con profonda e sincera commozione
ringrazio i cittadini che hanno condiviso, sostenuto e collaborato al progetto di rinascita della nostra città
con l’invito a vigilare perché gli sforzi
fatti non vengano vanificati e le legittime aspirazioni non vengano tradite.
Dobbiamo essere orgogliosi di vivere
in una grande città, la quinta della Sicilia, la cui storia deve spingerci a batterci tutti per il suo futuro.
Giulia Adamo”
Antonio Vinci in merito alle dimissioni di Giulia Adamo
Apprendo dal Segretario generale del
Comune che Giulia Adamo ha rassegnato le dimissioni dalla carica di
Sindaco. La decisione giunge in un
momento in cui personalmente e con
il contributo di alcune forze politiche,
che avevano consentito l’elezione della stessa Adamo e della maggioranza,
si stava cercando di trovare un intesa
in favore della Città. Sono convinto,
infatti, che chi fa della buona politica
deve guardare non al bene personale ma a quello della collettività. Ecco
perché ho scelto, assieme alla collega
Antonella Genna, di chiedere al nostro
partito una riflessione considerato che
vi sono degli atti necessari e impellenti da predisporre e esitare per il bene
della nostra comunità che non potevano essere accantonati: il bilancio, il
piano triennale delle opere pubbliche,
ecc. A tal riguardo
sono profondamente amareggiato delle
odierne dichiarazioni
riportate dalla stampa dalle quali ho appreso che per l’attuale segretario del Pd
Alberto Di Girolamo
l’approvazione
del
bilancio non sarebbe
altro che una scusa e
che invece, sia io che
la Genna, avremmo
deciso di continuare
per interessi personali, per lo stipendio
e per la poltrona.
Niente di più falso.
Forse è lui che spera
di andare al più pre-
Antonio Vinci vice Sindaco di Marsala
sto alle elezioni
per mire egemoniche. Riguardo
all’attività amministrativa, voglio
precisare
che
non ho mai fatto ostruzionismo
alla Adamo e alla
maggioranza di
cui ho fatto parte
fin dal 2012. Anzi,
al contrario, ne ho
sempre supportato le iniziative anche quando non
le
condividevo
pienamente e ciò
non per eventuali
ritorsioni ma solo
per senso di ap-
partenenza alla maggioranza. Piena
lealtà dunque a un progetto politico
che ho scelto, assieme al Pd, nel 2012.
Ambiguità e tradimento sono due accuse che rigetto al mittente e che non
hanno mai fatto parte della mia storia
politica personale. Qualcuno al contrario farebbe bene a fare un esame di
coscienza. Non nascondo che quando
venerdì scorso la Adamo ha rimodulato
la Giunta ci sono rimasto male, molto
male tanto che avevo già pensato alle
dimissioni. Poi l’intervento della Prefettura e il mio dovere di dover amministrare in questi travagliati giorni la città,
cosa che continuerò a fare – per l’ordinaria amministrazione - fino all’arrivo
del Commissario Straordinario, così
come prevede la legge.
Antonio Vinci
L’
n. 13 25-07-2014
9
IBS
S.R.L.
Concessionaria pubblicitaria
Per la tua pubblicità chiama
Cell. 377 2083911 e-mail: [email protected]
Quando la libera informazione chiama
la Tv del futuro sul tuo PC
L’
10
n. 13 25-07-2014
SALEMI
Fino al 20 settembre l’estate salemitana voluta dall’ assessore Maiorana intitolata:
“Costruire Visioni: centri luoghi periferie”
E’ prevista anche una ricca programmazione cinematografica con due diverse rassegne
di Franco Lo Re
S
i inserisce anche il cinema nel
calendario degli eventi estivi
salemitani. Parte, infatti, una
ricca programmazione
cinematografica
fortemente voluta
dall’assessore alla
cultura, turismo e
spettacolo Giuseppe
Maiorana secondo il
quale “il cinema costituisce un tassello
importante della cultura di un paese e
dei suoi cittadini ed
è un mezzo semplice
di divulgazione e di
coinvolgimento, che
arriva facilmente ed
efficacemente. Le due
rassegne immaginate
ci permettono nel contempo di far conoscere
ai nostri salemitani e non solo, alcune
rarità provenienti dalla collezione
del nostro Centro Kim”. Si afferma
dunque il progetto della nuova amministrazione Venuti di sviluppare il
turismo e la cultura a Salemi, anche
attraverso una programmazione che
ha già nel titolo l’idea stessa della
Giuseppe Maiorana assessore
condivisione di idee ed esperienza:
“COSTRUIRE VISIONI_centri luoghi
periferie”.
In cartellone è inserita, dunque, una
rassegna di CINEMA D’ANIMAZIO-
NE – Collezione Kim dal titolo “La
città incantata tra Walt Disney e
Hayao Miyazaki” e una rassegna di
CINEMA D’AUTORE
– Collezione Kim il cui
tema sarà “10 anni
di Fellini 1953-1963”.
Tutti gli spettacoli saranno rappresentati
nell’affascinante atrio
del Castello normanno-svevo, nel cuore
del centro storico di
Salemi.
Le due rassegna sono
state curata da Lostraniero.
Nello specifico, ecco
l’elenco delle date e
i titoli delle proiezioni
della prima rassegna
di CINEMA D’ANIMAZIONE “La città
incantata tra Walt Disney e Hayao
Miyazaki”:
il 21 luglio «Mickey’s Choo Choo”
di W. Disney (1929), a seguire “Il
castello nel cielo” di H. Miyazaki
Franco Lo Re
(1986). Il 28 luglio «The plow boy”
di W. Disney (1929) e a seguire “Il
mio vicino Totoro” di H. Miyazaki
(1988). Il 4 agosto “The opry house”
di W. Disney (1929) e a seguire “Kiki,
consegne a domicilio” di H. Miyazaki
(1989). Il 18 agosto «The barnyard
battle” di W. Disney (1929) e a seguire “Porco Rosso” di H. Miyazaki
(1992). Infine il 1 settembre «Jungle
rhythm” di W. Disney (1929) con a
seguire “Principessa Mononoke” di
H. Miyazaki (1997)
La prima rassegna di CINEMA D’AUTORE è dedicata al grande cineasta
di “Otto Mezzo” con il tuitolo: “10
anni di Fellini 1953-1963”. Le opere
proiettate saranno: il 22 luglio «I
vitelloni”, (1953); Il 29 luglio “La
strada” (1954); Il 5 agosto «Le notti
di Cabiria” (1956); il 19 agosto «La
dolce vita” (1960) e per finire il 2 settembre con “Otto e mezzo” del 1963.
Tutti gli spettacoli, le cui pellicole
appartengono alla collezione Kim,
saranno proiettati alle ore 21,00 e
l’ingresso all’atrio del Castello è
gratuito.
L’
11
n. 13 25-07-2014
Conferenza di servizio nella Casa di reclusione di Favignana
Ottimo risultato della collaborazione tra penitenziario, Amministrazione e volontariato
S
i è tenuta nei giorni scorsi nella
Casa di reclusione di Favignana, a cura dell’Area trattamentale, una Conferenza di servizio per
verificare, in itinere, il percorso formativo-lavorativo, avviato all’inizio del
nuovo anno. Tra i partecipanti la Dott.
ssa Chiara Vicini, Magistrato di Sorveglianza, il sindaco Giuseppe Pagoto, il
Direttore del carcere, Renato Persico e
il Comandante di P.G. Gesuela Pullara,
oltre agli operatori interni e ai numerosi
volontari.
La casa di reclusione è uno fra i migliori della Sicilia, con una struttura muraria moderna. Ospita circa 100 ristretti,
tra persone a lunga detenzione e internati (circa la metà). Il responsabile
dell’area educativa, Eugenio De Martino, nel presentare le attività svolte,
ha salutato con successo il corso di
potatura della vite, tenuto dall’Istituto
Regionale del vino e dell’olio, il laboratorio teatrale, finanziato dal Ministero,
e il corso d’artigianato artistico, come
anche il potenziamento della biblioteca, attraverso un corso di lettura, tenuto da Cristina Mostacci.
È in corso il progetto con l’associazione “Vela latina” che ha visto la costru-
zione di una triremi romana da parte di
alcuni ristretti e vedrà, nella seconda
metà di luglio, la partecipazione a una
gara velica, il cui equipaggio è formato esclusivamente da quattro detenuti. Anche lo sportello per gli immigrati
continua ad avere da anni un notevole
successo. Stanno, inoltre, per ripren-
dere le attività con il Comune e con la
scuola e vedranno impegnati otto detenuti in articolo 21. Sta ripartendo il progetto estivo con la mostra del piccolo
mercato dell’artigianato (oggetti preparati dai ristretti).
Per il futuro si prevede di far partire il
laboratorio di lavanderia e sartoria, per
La pace è sempre possibile
All’ Ettore Majorana le coordinate per un dialogo costruttivo
S
i sono conclusi i “Dialoghi di pace” che hanper il coinvolgimento internazionale, dell’Europa in
no visto nei due giorni d’incontri a Erice, al
particolare. Anche Luca Parmitano ha voluto dare il
Centro di cultura Ettore Majorana, alternarsi
suo apporto e dipingere, attraverso foto scattate daluomini diversi per cultura, religione, origini. Organizlo spazio, la pace così come viene vista dal cielo. Il
zato dal Comitato fly for peace (volare per la pace),
richiamo al cuore dell’uomo, il sottotitolo era trust in
promotore i Frati Cappuccini dell’Umbria, collaborathe human heart (fiducia nel cuore umano), artefice
to dai vescovi delle Diocesi di Trapani e Mazara del
di tutte le operazioni che portano l’uomo a sposare
Vallo e dai Sindaci dei Comuni di Assisi, Erice e Trala pace e a lottare per il benessere dei popoli, è stato
pani, «ha lo scopo di diffondere nel mondo il concetuna costante di tutti gli incontri. «Nel cuore di ogni
to di giustizia e pace e
uomo – dice Papa Francesco
di promuovere i diritti
- e di ogni donna alberga il deumani». I numerosi residerio di una vita piena, alla
latori si sono confrontati
quale appartiene un anelito innelle quattro sessioni
sopprimibile alla fraternità, che
su temi specifici: Abrasospinge verso la comunione
mo padre dei credenti,
con gli altri, nei quali troviamo
il dono della pace, il
non nemici o concorrenti, ma
Mediterraneo mare delfratelli da accogliere ed abbracla pace e ai confini della
ciare». Gli appuntamenti sono
pace. Le parole chiave
proseguiti a Trapani nel Villagche sono risuonate nelgio della Pace con “Tutti insiele relazioni sono state:
me per la pace”: incontri con
incontro, lingua, dialointerviste da parte di Carmen
go, condivisione, comuLasorella e dibattiti culturali e
nicazione, libertà, diritti,
artistici. La manifestazione avrà
economia, pedagogia,
una visibilità conclusiva oggi
immigrazione. È stato
alle ore 11,00 con la S. Messa
interessante soprattutto Mons. D. Mogavero Vescovo della Diocesi di Mazara celebrata in Piazza Vittorio, nel
sentire dialogare i due rappresentanti della Palestina
villaggio della pace, dai due vescovi delle rispettive
e d’Israele Ashraf al-Ajrami e Benjamin Rutland ma
diocesi e nel pomeriggio con l’air show che vedrà le
anche Shady Amadi, di origine siriana, che di fronte
frecce tricolori-PAN del reparto sperimentale di volo,
alla situazione mediorientale hanno proposto dialoghi
sfrecciare sul cielo trapanese.
di pace che portino a concrete soluzioni, passando
Salvatore Agueci
un servizio agli hotels e ai ristoranti
dell’Isola egadina, come anche rendere efficiente un terreno, sequestrato
alla mafia, e assegnato a Legambiente, per un progetto di orti sociali. L’avvio di un progetto interculturale (circa
40 sono gli stranieri) è stato proposto
per l’avvenire.
Il sindaco si è detto soddisfatto degli
eccellenti risultati raggiunti in questa
collaborazione tra Istituto e Amministrazione Comunale per i lavori di
pubblica utilità ed ha rilevato l’importanza del concorso stretto tra ambedue le parti al fine di rendere efficienti
le attività sociali e la valorizzazione
dei detenuti. Dal canto suo, il direttore
Persico si è soffermato sull’efficienza
dell’organizzazione, grazie alle sinergie sviluppate, soprattutto con il volontariato. Il Magistrato Dott.ssa Vicini,
nell’esprimere soddisfazione per gli
obiettivi raggiunti finora, ha spronato a
sviluppare attività, oltre quelle interne
(calcetto, ping pong, bocce, palestra),
anche esterne che possano incrementare e favorire maggiormente il recupero dei ristretti, considerando anche che
i rischi sull’Isola sono minimi.
Salvatore Agueci
L’angolo della Poesia
Gaspare Stassi
Viaggiare
In auto
Come in moto,
spingendo
al massimo
senza rimorso ed
odio.
Libero e
Spericolato,
non rimpiango
il passato.
Metto le ali e
prendo il volo,
come un delfino
che fa un salto
nel vuoto.
Non è la morte
e nemmeno
la sorte, bensì
la pazienza e
la temperanza.
con equilibrio
mi muovo
non dando
alla rabbia
scampo.
Buon umore
ho nel cuore,
allontanando
l’orgoglio e
l’onore.
La saggezza
sprigiona
tanta tenerezza,
segno della freschezza.
Se un giorno
mica mi vanto,
non illudendo
chi mi sta’ affianco.
L’
n. 13 25-07-2014
12
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
4
File Size
3 567 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content