close

Enter

Log in using OpenID

Capitolato - Attico.it

embedDownload
Gorgonzola via Lecco
EDIFICIO LARIO
Capitolato speciale dei lavori
1. ONERI E SPESE A CARICO DELLA SOCIETÀ VENDITRICE
Il complesso condominiale in generale e le unità immobiliari in particolare, saranno consegnate
completamente ultimate conformemente al progetto, alle scelte della D.L. ed al presente capitolato
speciale di descrizione dei lavori.
I seguenti oneri sono a carico della Società venditrice:
- Spese di progettazione dell'edificio, calcoli in cemento armato, direzione dei lavori, assistenza
tecnica fino a completa ultimazione dei lavori;
- Oneri di urbanizzazione e spese di lottizzazione.
2. OGGETTO DEL PRESENTE CAPITOLATO
Il Capitolato ha per oggetto tutte le opere e provviste occorrenti per la costruzione in Gorgonzola via
Lecco di un edificio residenziale, denominato LARIO, secondo quanto stabilito dal presente Capitolato
Speciale e dal progetto, sito nel Comparto C6.
3. FONDAZIONI
La Direzione Lavori delle opere in c.a., in relazione alla natura del terreno, fisserà la quota di
profondità dello scavo di esplateamento e degli scavi di fondazione, nonché il dimensionamento dei
travi di fondazione e dei plinti.
4. MURATURE INTERRATE
Tutte le murature interrate a contatto del terreno saranno opportunamente impermeabilizzate,
secondo le direttive della D.L..
5. MURATURE PORTANTI
Tutte le murature portanti in calcestruzzo o blocchi di cemento o in laterizio saranno dello spessore
indicato dalle tavole del progetto esecutivo.
6. SOLAI
Per il piano interrato: Solaio in calcestruzzo a vista del tipo a piastra con polistirolo di
alleggerimento e rete elettrosaldata inserita nella cappa, con sovraccarico
accidentale previsto di 200 kg./mq. per i solai sottostanti al giardino pensile.
Per i piani superiori:
Solaio prefabbricato in cemento armato e laterizio, con sovraccarico
accidentale previsto di 200 kg./mq.
7. OPERE IN CEMENTO ARMATO
Tutte le travi, i pilastri, le solette delle scale e dei balconi, ossia i calcestruzzi per qualsiasi tipo di
opere in c.a., saranno confezionati con dosi e tipo di cemento per mc. di sabbia e pietrisco o ghiaietto
di varia granulometria, secondo le prescrizioni del calcolatore delle opere in c.a.
8. TAMPONAMENTI ESTERNI
I paramenti esterni saranno realizzati con paramento esterno spessore cm 12 in blocchetti forati e
medesimo paramento interno spessore cm 12 o cm 8 con sottostante striscia di materiale
fonoassorbente. L’isolamento, dove previsto dalla relazione tecnica D.Lgs 192/2005, sarà fissato al
paramento esterno, opportunamente intonacato prima dell’esecuzione del paramento interno.
aggiornato al 21 febbraio 2014
Viemme Costruzioni s.r.l.
Il pacchetto della muratura perimetrale verrà poi completato, esternamente, con la posa in opera di
isolante a cappotto, dello spessore di cm 10, come da relazione tecnica D.Lgs 192/2005, rivestito poi
con successiva tinteggiatura colorata di adeguato spessore.
Lo spessore complessivo della muratura perimetrale è di cm 45 circa.
9. DIVISORI INTERNI
Le pareti divisorie nelle abitazione, salvo diversa indicazione nel progetto esecutivo, saranno in
mattoni forati dello spessore di cm. 8 oppure, ove previsto, dello spessore di cm. 12 con malta
bastarda.
I muri divisori fra gli alloggi, saranno costituiti da doppio tavolato spessore cm. 8 con interposto
blocco in cemento o Gasbeton e doppio pannello di lana di lana di roccia ad alta densità o similare.
I muri divisori delle cantine saranno eseguiti con blocchi di cemento spessore cm. 12, stilati sulle due
facce e lasciati a vista.
10. COPERTURA
La copertura del tetto a falde, sarà realizzata in cemento e laterizio adeguata a sopportare un carico
accidentale (neve-vento) di 100 Kg./mq. e un sovraccarico di 100 Kg./mq. oltre al peso proprio.
Il manto di copertura sarà realizzata in pannelli compositi con superficie esterna in lamiera zincata o
in alluminio, entrambi preverniciati, formanti camera d’aria ventilata e fissati su apposita listellatura
di legno e adeguato isolamento.
Tutte le scossaline, converse, canali di gronda e pluviali saranno in lamiera di alluminio preverniciata
opportunamente piegate e con giunti a sovrapposizione rivettati e siliconati.
11. ISOLAMENTI TERMO-ACUSTICI
Le intercapedini dei muri perimetrali saranno convenientemente isolate termicamente e
acusticamente con pannelli in lana di vetro, spessore mm. 80 rivestiti con carta craft/velo vetro o
similari.
Tutti gli appartamenti saranno dotati di pavimento desolarizzato, ottenuto mediante posa di isolante
che risvolterà su tutte le pareti dei locali, fino all’altezza del pavimento.
Anche le pareti divisorie, saranno appoggiate sempre su strisce dello stesso tipo di materiale per
evitare il contatto diretto con la soletta.
Le pareti in c.a. delle scale e dei vani ascensori, saranno adeguatamente isolate all’interno delle
abitazioni con pannelli in lana di vetro, opportunamente fissati al c.a.
12. INTONACI INTERNI
Nei locali di abitazione sarà realizzato un intonato premiscelato tipo “PRONTO” con successiva
rasatura a gesso e lo stesso dicasi per le parti comuni, sbarchi ascensori e scale in corrispondenza
delle abitazioni.
Nelle cucine e nei bagni (sui plafoni e sulla parte di parete non piastrellata), intonaco tipo “PRONTO”
a base cementizia con successiva finitura in stabilitura di calce.
Le pareti dei boxes saranno in cls a vista ad impronta di cassero o in blocchetti di cemento stilati.
13. SOGLIE DAVANZALI E COPERTINE
aggiornato al 21 febbraio 2014
Viemme Costruzioni s.r.l.
Le soglie saranno in granito/marmo a scelta della D.L. di spessore cm. 3.
I davanzali saranno in granito/marmo o in lamiera di alluminio con contro davanzale interno in
granito/marmo.
I parapetti dei balconi saranno finiti con copertine del medesimo materiale, dotate di gocciolatoio.
14. MARMI NEL VANO SCALA
Le pedate e le alzate saranno rivestite in granito/marmo a scelta della D.L. di spessore 2/3 cm.; le
scale saranno completate con uno zoccolo di analogo materiale. I piani di riposo, saranno realizzati
con lastre prelucidate del medesimo materiale delle scale.
Corrimani regolamentari in ferro opportunamente sagomato e verniciato.
15. FACCIATE ESTERNE E FINITURE VARIE
Tutte le facciate saranno realizzate con intonato con colori da campionare.
I balconi, come dettagliato nei disegni esecutivi, saranno in cemento intonacato o in alluminio
preverniciato e vetro antisfondamento, come da particolare costruttivo che verrà predisposto dalla
D.L.
16. FINITURE INTERNE
I vani scala e gli atri di ingresso saranno ultimati con pittura acrilica lavabile.
Le zone comuni dei disimpegni cantine e i corridoi di accesso ai boxes, saranno opportunamente
tinteggiate con tempera bianca.
17. ESALATORI E PRESE D’ARIA
Previsto impianto di ventilazione meccanica.
18. SERRAMENTI IN FERRO
- Il cancello carraio motorizzato sarà a doppia anta in ferro di disegno simile alla recinzione.
- Le porte delle cantina saranno in lamiera preverniciata
- Le porte tra corsia boxes e cantine saranno del tipo REI 120 con doppio paramento in acciaio, dotate
di maniglione antipanico, chiusura a molla;
- Le porte dei boxes saranno in acciaio zincato a doghe del tipo basculante a contrappesi, dotate di
chiusura di sicurezza, di griglie areazione, di ampiezza di almeno 1/100 della superficie del box come
da campionatura da sottoporre alla D.L. predisposte per l’eventuale motorizzazione.
- Le porte dei locali caldaia saranno di tipo metallico preverniciato a tenuta secondo le disposizioni
vigenti.
- Griglia areazione box in acciaio zincato.
19. SERRAMENTI ESTERNI
Le impennate degli atri con anta apribile minima mt.0,90 e anta semifissa, saranno eseguite con
estrusi di alluminio e vetrate in cristallo antisfondamento 442, come da indicazioni della D.L.; la porta
d'ingresso, sarà completa di serratura elettrica a pistone e pompa chiudiporta aerea.
I serramenti di finestre e porte-finestre a battente di tutti i locali saranno ad anta di gradimento della
D.L., eseguiti con profilati estrusi in di alluminio a taglio termico, trattati con verniciatura a forno e
muniti di controtelai in acciaio zincato da premurare. Il vetro sarà del tipo a camera 44.1-16-33.1 con
aggiornato al 21 febbraio 2014
Viemme Costruzioni s.r.l.
cristallo interno basso emissivo, cerniere in alluminio e maniglie di moderno disegno.
Le portefinestre e i sottoluce delle finestre avranno i vetri di tipo antisfondamento o antinfortunio,
secondo le normative.
Gli avvolgibili saranno in lamiera di alluminio preverniciata e schiumati nella camera, colore e tipo a
scelta della D.L., movimento con cinghia e riduttore (deve necessario); gli avvolgibili dei serramenti
scorrevoli avranno movimento elettrificato.
Gli alloggi posti al Piano Terra, saranno dotati di tapparelle di sicurezza in acciaio.
I cassonetti, con disegno a scelta della D.L., saranno eseguiti in lamiera di acciaio preverniciata e
saranno opportunamente coibentati e insonorizzati.
Ove previsto dai disegni verranno posti in opera serramenti tipo “Velux” o similari.
20. SERRAMENTI INTERNI
I portoncini di ingresso degli appartamenti, delle dimensioni di mt.0,90x2,10, saranno blindati,
disegno e colore a scelta della D.L. Costruiti con telaio in lamiera d’acciaio 25/10 circa, collegato al
controtelaio con bulloni per il fissaggio e la registrazione; l’anta sarà composta da una lastra d’acciaio
pressopiegata e irrigidita da un rinforzo verticale coibentata con materiale fonoassorbente, avrà una
serratura a tre punti di chiusura, un dispositivo di apertura controllata, spioncino e lama parafreddo,
sarà rivestita nella parte interna con pannellatura della stessa essenza e colore delle porte interne.
Le porte interne tamburate saranno a battente o a scorrere come indicato dai disegni, in noce
Tanganika o con finitura bianca, cerniere e maniglie in ottone cromato o in acciaio satinato.
21. RIVESTIMENTI E PAVIMENTI
Tutti i pavimenti saranno posati su sottofondo di sabbia e cemento e verranno consegnati finiti e in
buono stato di pulizia e saranno campionati a cura dell’impresa esecutrice.
Soggiorno e disimpegno:
Pavimento in ceramica monocottura di primaria marca, vari formati, come da
campionario, posato ortogonalmente alle pareti.
Camere:
Pavimento in parquets prefinito ad incastro dimensioni cm. 40/80 x 7 spessore mm. 10
circa in legno iroko, rovere, posato ortogonale a cassero a correre oppure ceramica
monocottura di primaria marca, vari formati, posato ortogonalmente alle pareti.
Bagno:
Pavimento in monocottura e rivestimento (h. 2,00) in ceramica smaltata 1° scelta
Cucine:
Pavimento in ceramica monocottura vari formati 1° scelta
Rivestimento cucina (h. 2,00 solo parete attrezzata) ceramica smaltata 1° scelta
Sottotetto: Pavimento come per le camere.
Cantine:
Pavimento in piastrelle di monocottura 2° scelta posate su massetto in calcestruzzo
spessore cm. 10 con interposta rete elettrosaldata
Box, corsello e rampa carraia:
Il pavimento del corsello sarà in battuto di cemento costituito da sottofondo in cls. a 300
kg/mc di cemento 325 spessore cm. 10, inclusa rete elettrosaldata e cappa di cemento
lisciata, compresa la formazione di giunti a grandi riquadri. Il pavimento della rampa
scivolo sarà in cls. a spina di pesce eseguita in opera, fresco su fresco, e cemento su
massetto in cls. con rete elettrosaldata.
Balcone:
Il pavimento sarà realizzato in piastrelle di grès porcellanato strutturato antigelivo con
superficie superiore antisdrucciolo, posato su massetto in sabbia e cemento
aggiornato al 21 febbraio 2014
Viemme Costruzioni s.r.l.
opportunamente predisposto ed impermeabilizzato , con zoccolino formato dalla
piastrella stessa, eventualmente ridotta, montata in senso orizzontale.
In tutti i locali interni agli appartamenti senza rivestimento, saranno posati zoccolini in legno tinto noce
da mm. 70x10.
Di tutti i materiali, sarà presentata opportuna campionatura alla D.L. per la scelta dei tipi e colori da
inserire nel campionario, che sarà approntato presso il fornitore di facile raggiungibilità per le definitive
scelte particolareggiate, appartamento per appartamento, da parte dei singoli acquirenti.
Sotto ogni porta di comunicazione tra due locali sarà posata una battuta di separazione in ottone da
mm. 25x8 posata di coltello, ovvero, battuta a T sempre in ottone con piano superiore bombato a scelta
della D.L.
22. IMPIANTO DI RISCALDAMENTO
L'impianto farà capo ad una unica caldaia a condensazione, alimentata a gas metano, munita di
termoregolazione a compensazione climatica e precedenza di produzione all’acqua calda sanitaria.
Produzione e stoccaggio di acqua calda con sistema a medio accumulo con l’utilizzo di collettori solari
da porsi in copertura in dimensioni sufficienti a far fronte al fabbisogno di almeno il 50% di acqua
calda sanitaria.
CONTABILIZZAZIONE:
Posizionamento a ogni piano abitabile in zona comune di alloggiamenti per contabilizzatori di energia
termica, acqua calda e acqua fredda potabile per ogni unità immobiliare (per gli appartamenti
bipiano verranno posti in opera due contabilizzatori).
IMPIANTI DI RISCALDAMENTO:
Il riscaldamento sarà del tipo a pannelli radianti a pavimento, comandato da cronotermostato,
collegato al collettore di distribuzione. Questo sistema sarà costituito con serpentine di tubi in
polietilene reticolato posate su lastre polistirene espanso preformate provviste di sagomatura
superiore in rilievo per un sicuro e stabile ancoraggio del tubo. Nei locali bagno verrà posato un
radiatore integrativo del tipo scaldasalviette con serpentina elettrica. Le tubazioni di collegamento
tra alloggiamenti di contabilizzazione e collettori di distribuzione, saranno del tipo multistrato
adeguatamente protetto e coibentato.
23. IMPIANTO IDROSANITARIO
La distribuzione all’interno delle unità immobiliari delle acque avverrà tramite tubo multistrato tipo
TeceFlex o similari. Apparecchi sanitari Ideal Standard colore bianco modello sospeso serie Duravit DCode, rubinetterie monoforo con miscelatore Nobili Mistral Junior Cromo.
Le vasche da bagno in metacrilato, miscelatore, doccia a telefono, scarico a saltarello saranno disponibili
nelle seguenti misure:
-
Vasca Teuco da incasso 105x70 bco europa
-
Vasca Teuco da incasso 120x70 bco europa
-
Vasca Teuco da incasso 140x70 bco europa
-
Vasca Teuco da incasso 150x70 bco europa
-
Vasca Teuco da incasso 160x70 bco europa
aggiornato al 21 febbraio 2014
Viemme Costruzioni s.r.l.
-
Vasca Teuco da incasso 170x70 bco europa
I piatti doccia saranno in porcellana bianca completi di miscelatore con misure variabili:
-
Piatto d. Duravit Dune 65x65 bco
-
Piatto d. Duravit Dune 72x72 bco
-
Piatto d. Duravit Dune 80x80 bco
-
Piatto d. Duravit Dune 90x90 bco
-
Piatto d. Duravit Dune 90x72 bco
-
Piatto d. Duravit Dune 85x70 bco
-
Piatto d. Duravit Dune 100x70 bco
-
Piatto d. Duravit Dune 75x75 curvo bco
-
Piatto d. Duravit Dune 80x80 curvo bco
-
Piatto d. Duravit Dune 90x90 curvo bco
-
Piatto d. Dolomite Swim curvo Dx 90x70 b
-
Piatto d. Dolomite Swim curvo Sx 90x70 b
Attacchi lavello con rubinetti di fermo cromati, lavello e rubinetteria esclusi, solo attacco lavastoviglie
con scarico da prevedere sul sifone lavello. Attacco lavatrice solo acqua fredda con rubinetto cromato
filettato e scarico a sifone incassato a filo parete (previsto in un bagno o in cucina).
La dotazione di sanitari è prevista nel seguente modo: vasca o doccia, lavabo, vaso w.c., bidet e attacco
lavatrice.
24. PREDISPOSIZIONE IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO(TIPO SPLIT SISTEM)
Predisposizione di impianto di raffrescamento estivo del tipo a SPLIT.
La predisposizione consiste nel collocamento in opera di tubazioni in rame, del tipo isolato, per la
mandata e per il ritorno, e di uno scarico in pvc, od altro materiale idoneo, per l’evacuazione della
condensa nella rete fognaria, del futuro apparecchio SPLIT (questo posto a carico dei futuri
Acquirenti).
La predisposizione di cui sopra sarà eseguita in ogni camera da letto ed in ogni soggiorno.
Tutte le tubazioni di mandata e di ritorno confluiranno sul balcone nella posizione indicata dalla D.L.
dove potrà essere installato il futuro gruppo motocondensante da esterno (questo posto a carico dei
futuri Acquirenti.)
Per ogni punto previsto per l’installazione degli apparecchi SPLIT e per il punto dove potrà essere
installato il gruppo motocondensante da esterno sarà pure predisposta idonea tubazione vuota per il
collegamento elettrico delle future apparecchiature.
25. IMPIANTO ELETTRICO
L'impianto elettrico di ogni appartamento, sarà di tipo promiscuo e farà capo ad un proprio
centralino di protezione differenziale contro i contatti verso terra.
Gli interruttori e le prese saranno della marca TICINO, serie Living o similare, placche in resina colore
aggiornato al 21 febbraio 2014
Viemme Costruzioni s.r.l.
a scelta della D.L.
Il centralino e le sezioni di conduttori saranno dimensionati per la potenza prevista dal capitolato
(Kw. 4,5).
ELENCO DEGLI UTILIZZI PREVISTI IN OGNI APPARTAMENTO:
Soggiorno: due punti luce deviati e quattro prese luce
Cucine:
un punto luce interrotto, quattro prese luce e quattro prese forza protette, un punto
luce a parete
Camere matrimoniale:
un punto luce invertito e quattro prese luce
Camera singola-doppia:
un punto luce deviato e tre prese luce
Bagno principale:
un punto luce interrotto a plafone ed un altro sopra il lavabo, due prese luce,
derivazione per campanello a bassa tensione sopra la vasca o il piatto doccia con tirante;
una presa per scaldasalviette
Bagno di servizio:
2 punti luce interrotti più una presa luce, una presa forza motrice protetta da
interruttore per lavatrice; una presa per scaldasalviette, una derivazione per campanello
a bassa tensione
Ripostigli: un punto luce interrotto
Corridoi:
un punto luce o due a seconda della necessità deviato e una presa luce
Mansarde: come per le stanze dell’appartamento
Balconi:
un punto luce interrotto con diffusori a scelta della D.L. e una presa luce da esterno
Giardino: punto luce interrotto
L’impresa assuntrice dei lavori dovrà eseguire tutto l’impianto in conformità delle norme UNI-CIG e
sua revisione
IMPIANTI DI SEGNALAZIONE E ALLARMI
In ogni appartamento, a partire dal trasformatore posto nel quadretto di protezione, si deriverà
l'impianto di segnalazione dell'alloggio composto da:
- pulsante da incasso posto alla porta di ingresso con suoneria da incasso;
- tiranti di allarme nei bagni, con suoneria differenziata rispetto all'ingresso.
PREDISPOSIZIONE ANTIFURTO
In ogni alloggio, saranno previste delle canalizzazioni vuote per l'impianto antifurto composte da 1
punto per ogni serramento, 1 punto Radar all’ingresso, centralina, sirena esterna sul balcone, n. 1
inseritore.
IMPIANTO VIDEOCITOFONICO E PORTIERE ELETTRICO
Gli impianti dovranno consentire comunicazioni degli utenti con la pulsantiera posta all’ingresso alla
base della propria scala di accesso. Ogni alloggio sarà dotato di un televisore da 6’’ in bianco e nero.
IMPIANTI TELEFONICI
La rete telefonica di ogni appartamento farà capo alla cassetta di derivazione di piano posta nel vano
scala. In ogni alloggio saranno previste le sole canalizzazioni con scatole vuote per una presa
telefonica nel soggiorno, cucina e una in ogni camera da letto.
IMPIANTO DI RICEZIONE TV
Le prese TV in ogni appartamento, saranno poste in soggiorno, in cucina se separata dal soggiorno e
aggiornato al 21 febbraio 2014
Viemme Costruzioni s.r.l.
nelle camere da letto; riceveranno le trasmissioni via etere primo, secondo, terzo canale e principali
TV private. Sarà predisposto l’impianto TV Sat con antenna parabolica.
IMPIANTO CAMPANELLI DI CHIAMATA
A lato del portoncino di ogni appartamento sarà installato un pulsante con porta targhetta dal quale
si possa effettuare le chiamate tramite una suoneria posta all’interno dei singoli alloggi.
Saranno installati pulsanti di chiamata a tirante nei bagni per mezzo dei quali sarà possibile
effettuare una segnalazione di chiamata tramite una suoneria.
26. IMPIANTO DI VENTILAZIONE MECCANICA
L’ impianto di ventilazione meccanica controllata sarà di tipo a doppio flusso con recupero del calore
sensibile a mezzo di scambiatori statici con rendimenti maggiori o uguali al 90%.
Il sistema di contabilizzazione dei consumi sarà di tipo diretto, costituito da apparecchiature di
calcolo con possibilità di lettura dati a mezzo di interfaccia ottica, dialogo m-bus o lettura diretta.
27. IMPIANTO GAS
Non previsto
28. IMPIANTO FOTOVOLTAICO
Verrà realizzato un impianto fotovoltaico per ridurre i costi elettrici delle parti condominiali.
L’impianto non è richiesto dalle vigenti normative.
29. IMPIANTO ANTINCENDIO
Impianto antincendio alimentato da apposita tubazione in corsia box, munito di idranti e tubazione
tessile del tipo omologato a parete secondo le indicazioni dei V.V.F.F.
30. IMPIANTI DI ASCENSORE
Gli impianti dovranno essere realizzati secondo le norme vigenti.
In particolare:
- porte automatiche di cabina e di piano adatte anche ad uso di persone handicappate;
- portata n.6 persone;
- finitura cabina e porte di piano in laminato plastico secondo scelte della D.L.
31. SISTEMAZIONI ESTERNE
- L’ingresso pedonale sarà realizzato in autobloccanti, piastrelle o lastre di granito a scelta della D.L.
come pure il marciapiede e le altre zone esterne pavimentate.
- Le recinzioni su strada saranno realizzate con blocchetti di cemento splittato colore a scelta, con
copertina prefabbricata in cemento portante, sormontati da cancellata in ferro, colore e disegno a
scelta del Progettista.
- I divisori tra i giardini saranno realizzati con una recinzione in pannelli elettrosaldati a maglie
rettangolari e nervature di rinforzo tipo “Lario”
- Per garantire l’illuminazione esterna saranno messi in opera corpi luminosi nelle quantità e posizioni
fissate nel progetto illuminotecnico; saranno comandati sia a mano sia con cellula fotoelettrica,
allacciati al contatore servizi generali e protetti con interruttore magnetotermico-differenziale.
aggiornato al 21 febbraio 2014
Viemme Costruzioni s.r.l.
- Per quanto riguarda l’impianto di annaffiamento, giardini in uso esclusivo degli appartamenti sarà
collocata in opera una presa d’acqua.
- Sarà messo in opera manto erboso nei giardini; il tutto come da indicazioni della D.L. per quanto
riguarda i tempi della semina e delle piantumazioni.
32. OPERE VARIE
- Nel luogo previsto dalla D.L. (comunque su pareti esterne), sarà collocata in opera la parte da murare
di una cassaforte da incasso del tipo Cisa, delle dimensioni esterne di circa cm.41x33x19 (Lx Hx Prof).
- Gli atrii degli edifici saranno così rifiniti:
- corpi illuminanti a soffitto o a parete;
- pavimento in marmo o piastrelle ad alta resistenza;
- in corrispondenza dei cancelletti pedonali saranno collocate batterie di caselle postali.
- Ogni cantina sarà dotata di un punto luce con plafoniera stagna e di una presa da 10 A+T e sarà
allacciata direttamente all’impianto dell’unità corrispondente.
- L’illuminazione dei corridoi cantine sarà del tipo a tempo, con pulsanti luminosi, completo di
apparecchiature illuminanti tipo stagno. Mentre i vani scala saranno illuminati con impianti a tempo
oltre illuminazione fissa comandata da sensore crepuscolare esterno con corpi illuminati scelti dalla
D.L.
L’illuminazione dei corridoi e locali comuni e dei boxes, sarà allacciata al contatore servizi generali.
- La rete fognaria, sia per le acque bianche sia per le acque nere, potrà essere appesa al solaio di
copertura del piano interrato e quindi potrà attraversare anche cantine e autorimesse. La Società
venditrice, secondo le necessità tecniche derivanti dalla distribuzione delle varie reti, si riserva la
facoltà di ubicare i relativi condotti sia verticali sia orizzontali nelle posizioni che riterrà più idonee.
aggiornato al 21 febbraio 2014
Viemme Costruzioni s.r.l.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
431 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content