close

Enter

Log in using OpenID

azienda agricola masiero studio impatto

embedDownload
AZIENDA AGRICOLA MASIERO
STUDIO IMPATTO AMBIENTALE
ALLEVAMENTO DI GALLINE OVAIOLE
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Indice generale
1 REDAZIONE DELLO STUDIO IMPATTO AMBIENTALE................................................6
INQUADRAMENTO PROGRAMMATICO.................................................................................7
A. INQUADRAMENTO PROGRAMMATICO........................................................................8
A1. PRESENTAZIONE DEL PROGETTO...........................................................................8
A.1.1 Stato di fatto..........................................................................................................9
A.1.2 Stato di Progetto...................................................................................................9
Dove prevede:..................................................................................................................10
A.1.3 Il proponente : Masiero Giampaolo...................................................................10
A.2 UBICAZIONE DELL'INTERVENTO E INQUADRAMENTO DELLE ZONE
CONSIDERATE......................................................................................................................11
A.3 INQUADRAMENTO TERRITORIALE......................................................................11
A.3.1 Descrizione di inquadramento del PRT per la parte che interessa il sito
d'intervento.....................................................................................................................12
A.3.2 Descrizione di inquadramento del PTPR per la parte che interessa il sito
d'intervento
.............................................................................................................................................12
A.3.3 Descrizione di inquadramento del PRCP di Rovigo per la parte che
interessa il sito d'intervento.......................................................................................13
A.3.4 PRG del Comune di Gavello.................................................................................16
A.3.5 Descrizione di inquadramento dei vincoli naturalistici (anche in relazione
ai Siti d'importanza comunitaria -SIC ed alle Zone di Protezione Speciale –
ZPS individuati per la conservazione degli habitat naturali e seminaturali,
nonché della flora e della fauna selvatica, ai sensi della Direttiva 92/43/CEE
e della Direttiva 7/409/CEE........................................................................................18
Provincia di Rovigo.................................................................................................................18
B.FATTORI ANTROPICI SINERGICI E INDIPENDENTI DAL PROGETTO IN
ESAME.........................................................................................................................................19
B1. PRESENZA DEI CONSUMI DI RISORSE NATURALI O FATTORI
D'IMPATTO...........................................................................................................................19
B.1.1 Descrizione sullo stato geologico ed idrogeologico del territorio.............19
...................................................................................................................................................21
B.1.2 Descrizione dei consumi energetici per usi produttivi presso il sito
d'intervento............................................................................................................................21
C.2 PRESENZA DI SISTEMI DI MONITORAGGIO E CONTROLLO
AMBIENBIENTALI ESISTENTI.....................................................................................21
C.2.1 Descrizione dei sistemi di monitoraggio ambientale esistenti nelle aree
di studio.............................................................................................................................21
C.3. COERENZA DEL PROGETTO CON NORME...........................................................21
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
QUADRO DI RIFERIMENTO PROGETTUALE.....................................................................23
1. INQUADRAMENTO PROGETTUALE..............................................................................24
1.1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DELLE ALTERNATIVE CONSIDERATE. 24
1.1.1 Descrizione della storia del progetto...............................................................24
1.2. Descrizione delle alternative possibili considerate in relazione alla differente
localizzazione del territorio...............................................................................................25
1.3. Descrizione delle alternative considerate in relazione alla diversificazione del
dimensione delle opere........................................................................................................25
1.4 Descrizione delle alternative considerate in relazione alla diversificazione
della accessibilità' alle opere............................................................................................25
1.5 Descrizione della valutazione sull'attualità del progetto e delle tecniche
prescelte, anche con riferimento alle migliori tecnologie disponibili.......................25
1.6 Descrizione e motivazione delle scelte compiute per alternative, tenendo
conto degli impatti ambientali...........................................................................................26
2.AZIONI DI CANTIERE......................................................................................................27
2 SISTEMAZIONE DELLE AREE DI INTERVENTO E STRUTTURE DI
CANTIERE.............................................................................................................................27
3 NORMATIVA IPPC...........................................................................................................36
3,1 BPA:.............................................................................................................................36
3,2 RIDUZIONE CONSUMI IDRICI........................................................................37
3,3 BUONE PRATICHE DELL'USO AGRONOMICO DEGLI EFFLUENTI.......37
3,4 ALIMENTAZIONE PER FASI.............................................................................38
3,5 NORMATIVA DI BIOSICUREZZA....................................................................38
3,6 GESTIONE DELL'ALLEVAMENTO AVICOLO................................................39
QUADRO DI RIFERIMENTO AMBIENTALE........................................................................41
STATO AMBIENTALE DI RIFERIMENTO.......................................................................42
1 STATO DEL CLIMA E DELL'ATMOSFERA................................................................42
1.1 Descrizione di inquadramento del clima locale..................................................42
2. STATO DELLA FLORA E DELLA VEGETAZIONE......................................................47
2.1 Descrizione d'inquadramento sullo stato della vegetazione presente..............47
Fauna........................................................................................................................................50
Lungo il fiume.........................................................................................................................50
Canali, golene fluviali, casse di espansione......................................................................51
Lagune e valli, barene e dossi.............................................................................................51
Sacche e bonelli....................................................................................................................52
Spiagge e scanni....................................................................................................................52
Lagune salmastre ed Adriatico..........................................................................................52
Canali, fiumi e paludi d'acqua dolce..................................................................................53
Valli da pesca.........................................................................................................................53
Acque salmastre....................................................................................................................54
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Boschi litoranei.....................................................................................................................55
Zone adiacenti al fiume.......................................................................................................55
- Mammiferi...........................................................................................................................56
3 STATO AMBIENTALE PER RUMORE E VIBRAZIONI..............................................56
3.1 Descrizione del clima acustico esistente presso le zone d'intervento.............56
3,2 Descrizione delle vibrazioni presenti presso i siti in progetto..........................57
4 STATO DELLA SALUTE E DEL BENESSERE DELL'UOMO......................................58
4.1 Descrizione di inquinamento sullo stato locale di salute e di benessere
dell'uomo.................................................................................................................................58
5 IMPATTI AMBIENTALI DEL PROGETTO.........................................................................58
5.1 SINTESI E SCELTA TRA LE ALTERNATVE PRESE IN CONSIDERAZIONE
..................................................................................................................................................58
5.1.1 Descrizione sintetica dei modelli, riferimenti utilizzati per la valutazione
e la stima degli impatti..................................................................................................58
VALUTAZIONE DELL'OPERA...................................................................................................61
1 RISCHI DA PRODUZIONE DI RIFUTI E RISCHIO IGENICO SANITARIO.....62
2 IMPATTO SUL SUOLO E SULLE COLTIVAZIONI....................................................62
3 RISCHIO DI EMISSIONE DI RUMORI........................................................................63
4 RISCHI PER LA POPOLAZIONE......................................................................................63
5 IMPATTO DA TRAFFICO E IMPATTO SULLA VIABITLIA’...................................63
L’attività di allevamento comporta inevitabilmente un aumento al traffico veicolare
locale attribuibile principalmente alla necessità di movimentazione degli animali, di
rifornimento mangime e di conseguenza delle uova prodotte, oltre allo smaltimento
della pollina:...................................................................................................................................63
6 TEMPI DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO............................................................65
7 EVENTUALE DISMISSIONE DELL’IMPIANTO.........................................................65
8 VALIDITA’ ECONOMICA DELL’IMPIANTO.....................................................................65
PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DELL'ALLEVAMENTO..........................66
1 PREMESSA..............................................................................................................................67
2 STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO: ASPETTI
GENERALI..................................................................................................................................68
3 ATTIVITÀ ANALITICA.....................................................................................................69
4 FONTE E REGISTRAZIONE DEI DATI PREVISTI DA PIANO DI
MONITORAGGIO ECONTROLLO.......................................................................................69
5 QUADRO SINOTTICO.......................................................................................................70
1 – COMPONENTI AMBIENTALI....................................................................................73
Consumo materie prime..........................................................................................................73
Tabella - Materie prime......................................................................................................74
Tabella– Consumo risorse idriche.....................................................................................76
Tabella– Consumo energia...................................................................................................77
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
1.4.1 Tabella– Combustibili..................................................................................................77
1.Tabella - Punti di emissione (emissioni convogliate)..................................................78
2.Tabella - Inquinanti monitorati .....................................................................................78
Tabella 1.6.1 - Punti di emissione .....................................................................................78
Tabella - Inquinanti monitorati .......................................................................................78
Rumore........................................................................................................................................79
Tabella – Rifiuti pericolosi..................................................................................................79
Tabella - Rifiuti non pericolosi..........................................................................................80
– Suolo e sottosuolo..................................................................................................................81
- Tabella– Acque di falda ....................................................................................................81
Tabella– Terreni ...................................................................................................................81
2 - GESTIONE DELL’IMPIANTO.....................................................................................81
3- INDICATORI DI PRESTAZIONE..............................................................................83
CHECK LIST A VERIFICA DELLE VALUTAZIONI FINALI........................................85
CONCLUSIONI........................................................................................................................89
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
1 REDAZIONE DELLO STUDIO IMPATTO AMBIENTALE
Lo Studio di Impatto Ambientale riguarda l'ampliamento di un allevamento di galline
ovaiole alla capacità massima di capi; sito nel comune di Gavello via Scolo Zucca
Superiore nella Provincia di Rovigo. Esso è condotto dall'azienda denominata
“MASIERO GIAMPAOLO”.
Questo studio è stato redatto come previsto dalla normativa vigente, Legge Regionale
n.10 del 23.06.1999 e sucessive modifiche ed integrazioni in materia di Valutazione di
Impatto Ambientale.
COMMITTENTE:
Cognome e Nome: Masiero Giampaolo
Data di Nascita: 10/02/1955
Luogo di nascita:Gavello (RO)
residenza o sede Legale: Scolo Zucca Superiore 3/a
Comune: Gavello (Ro)
Telefono: 3402829948
E-mail: [email protected]
Codice fiscale: MSRGPL55B10D942N
Partita Iva: 00849740295
TECNICO:
Cognome e Nome: Pradella Cinzia
Data di Nascita: 05/12/1980
Luogo di nascita: Mantova
residenza o sede Legale: via Nogarole 6b
Comune: Povegliano Veronese
Telefono: 3931488145
E-mail: [email protected]
Codice fiscale: PRDCNZ80T45E897R
Azienda Rappresentata: ORTOSTUDIO – Per Agr Pradella Cinzia
Con sede Operativa via Piave 14 Povegliano Veronese (Vr)
Partita Iva: 03956710234
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
INQUADRAMENTO PROGRAMMATICO
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
A. INQUADRAMENTO PROGRAMMATICO
A1. PRESENTAZIONE DEL PROGETTO
L'intervento
oggetto
del
presente
studio
di
impatto
ambientale
(SIA)
è
l'ampliamento della capacità recettiva dell'allevamento del Sig. Masiero Giampaolo
ubicata nel comune di Gavello (RO). Tale modifica risulta necessaria in quanto
attualmente l'allevamento è appena stato convertito dal metodo biologico potendo
così
allevare
circa
36.000
Galline
Ovaiole
a
metodo
convenzionale
con
un'autorizzazione di 59,000 galline circa; mentre, con la fine dell'estate l'intenzione
è quella di attuare un nuovo allevamento di tipo convenzionale con una capacità di
allevamento di circa 97.000 Galline Ovaiole e quindi assoggettato alla procedura atta
al rilascio contestuale del giudizio di compatibilità ambientale e dell'autorizzazione
integrata ambientale ai sensi degli art. 23 del dlvo 152 del 3 aprile 2006 e s.m e art 5
del dlvo 18 febbraio 2005 n 59 .
Lo studio è strutturato secondo uno schema che ricalca quanto previsto dalle vigenti
normative a livello regionale, nazionale ed europeo.
Il seguente elaborato è stato articolato sostanzialmente in quadri di riferimento:
− il “Quadro di Riferimento Programmatico” prende in esame la compatibilità
dell'opera con gli strumenti di pianificazione e di programmazione territoriali e
settoriali vigenti, nonché con le legislazioni ambientali di riferimento;
− il “Quadro di Riferimento Progettuale” descrive i rapporto esistente tra il
progetto e il sito interessato dallo stesso, considerando i criteri di scelta delle
tecnologie considerate, fornendo le caratteristiche del progetto di massima e
dei processi principali analizzando le azioni di progetto e le interferenze
prodotte dalle stesse sull'ambiente.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
− Il “Quadro di riferimento Ambientale” fornisce la descrizione generale
dell'area di inserimento. La caratterizzazione dello stato attuale dei
componenti ambientali potenzialmente impattanti su progetto e l'analisi
prevista degli effetti/impatti prodotti su tali comparti della realizzazione del
medesimo con individuazione, qualora necessarie, delle misure di mitigazione
e/o compensazione ambientale e di monitoraggio.
A.1.1 Stato di fatto
L'azienda agricola Masiero Giampaolo è affittuaria di un un fondo ubicato in via Scolo
Zucca 3A a Gavello in provincia di Rovigo, ormai specializzata nell'allevamento di
galline ovaiole attualmente ad indirizzo biologico.
l'allevamento è composto da 3 capannoni ed una serie di attrezzature e macchinari
necessari al corretto svolgimento dell'attività intrapresa.
Attualmente l'attività ha l'Autorizzazione Integrata Ambientale con determina 2885
del 23/10/2013 della Provincia Di Rovigo.
A.1.2 Stato di Progetto
Con la presente proposta si intende convertire l'allevamento esistente di galline
ovaiole Biologiche a galline ovaiole tradizionali secondo la nuova normativa sul
benessere animale :
RIFERIMENTI
Atto
Direttiva
1999/74/CE
Atto(i) modificatore(i)
Regolamento (CE)
Data
di entrata
in vigore
Data limite di
trasposizione negli Stati
membri
Gazzetta ufficiale
3.8.1999
1.1.2002
GU L 203, 3.8.1999
Data
di entrata
in vigore
Data limite di trasposizione
negli Stati membri
Gazzetta ufficiale
5.6.2003
-
GU L 122, 16.5.2003
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Atto
Direttiva
n.
1999/74/CE
Data
di entrata
in vigore
Data limite di
trasposizione negli Stati
membri
Gazzetta ufficiale
3.8.1999
1.1.2002
GU L 203, 3.8.1999
806/2003
Dove prevede:
Che tutte le gabbie attrezzate dovranno rispondere almeno ai seguenti requisiti:
•ogni gallina dispone di:
1.almeno 750 cm² di superficie della gabbia,
2.un nido,
3.una lettiera che consenta di beccare e razzolare,
4.un posatoio adeguato di almeno 15 cm;
•una mangiatoia è prevista per un'utilizzazione senza restrizioni. La sua lunghezza
minima è di 12 cm moltiplicata per il numero delle galline presenti nella gabbia;
•ogni gabbia comporta un sistema adeguato di abbeverata;
•le file delle gabbie devono essere separate da passaggi di larghezza minima pari a
90 cm e uno spazio di almeno 35 cm è previsto fra il pavimento e le gabbie delle file
inferiori;
•le gabbie sono attrezzate con dispositivi adeguati di accorciamento degli artigli.
Termine ultimo per l'adeguamento giugno 2013.
L'Italia è già in fase sanzionatoria a tal riguardo in quanto la normativa è del 1999.
A.1.3 Il proponente : Masiero Giampaolo
L'allevamento in questione è presente sul territorio da circa un decennio con
l'allevamento di galline ovaiole e circa una ventina di ettari a seminativo.
Ad oggi non sono pervenute all'azienda denunce per inquinamento ambientale ne tanto
meno acustico.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Le deiezioni animali vengono attualmente smaltite tramite fatture di vendita a terzi.
A.2 UBICAZIONE DELL'INTERVENTO E INQUADRAMENTO DELLE ZONE
CONSIDERATE
L'allevamento preso in esame è ubicato nella campagna del comune di Gavello in
provincia di Rovigo. I capannoni sono accessibili da una strada bianca mantenuta
agibile e manutentata dallo stesso Masiero.
Il territorio circostante è formato da prevalenti zone agricole nelle quali si trovano i
seguenti centri abitati:
− Ceregnano a circa 5 km nord;
− Gavello centro a 300 mt sud
− Pontecchio Polesine a 10 km ovest
La viabilità principale del territorio è costituita da strade provinciali di cui la
principale è la SP4 Rovigo_Adria
Gavello è un comune di 1.667 abitanti della , situato pressappoco al centro del
territorio comunale, nella parte medio-orientale del Polesine e del quale riprende le
caratteristiche geografiche salienti: terreno pianeggiante ad uso agricolo e ricco di
corsi d'acqua, in gran parte artificiali, necessari per la regolamentazione delle acque
reflue.
A.3 INQUADRAMENTO TERRITORIALE
Viene considerata la compatibilità dell'impianto in progetto ai seguenti strumenti di
piano (pianificazioni territoriali ed urbanistiche) e legislazione ambientale:
− Piano Territoriale Regionale (PTR);
− Piano Territoriale Paesaggistico Regionale (PTPR)
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
− Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP)
− PRG comunale
− Vincoli Naturalistici (DPR n° 357/97 e smi)
− Vincoli paesaggistici e storico -culturali (Dlgs n° 42/2004 e smi)
A.3.1 Descrizione di inquadramento del PRT per la parte che interessa il sito
d'intervento
Il PTRC vigente, approvato nel 1992, risponde all’obbligo- emerso con la legge 8 agosto
1985, n.431- di salvaguardare le zone di particolare interesse ambientale, attraverso
l’individuazione, il rilevamento e la tutela di un’ampia gamma di categorie di beni
culturali e ambientali.
Il PTRC si articola per piani di area, previsti dalla legge 61/85, che ne sviluppano le
tematiche e approfondiscono, su ambiti territoriali definiti, le questioni connesse
all’organizzazione della struttura insediativa ed alla sua compatibilità con la risorsa
ambiente.
Ai sensi della L.R. 27.6.1985, n.61 e della L.R. 30.4.1990, n.40, il P.T.R.C.
gerarchicamente sovraordinato ad ogni altro piano settoriale o particolare.
La collocazione dell'impianto in oggetto appare coerente con le linee guida riportate.
A.3.2 Descrizione di inquadramento del PTPR per la parte che interessa il sito
d'intervento
La Regione del Veneto e il Ministero per i beni e le attività culturali hanno inteso
procedere
congiuntamente
all’elaborazione
del
Piano
paesaggistico
regionale,
sottoscrivendo, il 15 luglio 2009, un protocollo d’intesa. Detto protocollo attribuisce
al Piano Territoriale Regionale di Coordinamento (PTRC), adottato dalla Giunta
regionale il 17 febbraio 2009, la specifica considerazione dei valori paesaggistici
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
prevista dalla legge. Ai sensi di quanto previsto dal Codice, la redazione congiunta del
Piano permetterà di accedere ad alcune semplificazioni di carattere amministrativo,
ottenendo
un
significativo
snellimento
dei
procedimenti
di
autorizzazione
paesaggistica a tutto vantaggio della qualità progettuale degli interventi. Ai sensi di
quanto disposto dall’articolo 135 del Codice, la regione è stata suddivisa in 39 ambiti
di paesaggio, definiti sulla base degli aspetti e dei caratteri peculiari del territorio .
Per completezza si riporta l'immagine e la scheda descrittiva dell'area oggetto d'indagine:
32 Bassa Pianura tra il Brenta e l’Adige
33 Bassa Pianura tra i Colli e l’Adige
34 Bassa Pianura Veronese
35 Valli Grandi
36 Bonifi che del Polesine Occidentale
37 Bonifi che del Polesine Orientale
38 Corridoio Dunale sulla Romea
39 Delta e Lagune del Po
A.3.3 Descrizione di inquadramento del PRCP di Rovigo per la parte che interessa il
sito d'intervento
Con la legge regionale 11/2004 si è avviata una nuova fase nella pianificazione
territoriale, che ha superato la precedente impostazione gerarchica degli strumenti
urbanistici, dando vita ad un sistema fondato sulla co-pianificazione; ovvero sulla
condivisione, sia pure su scale diverse, di una comune visione dell’uso del territorio e
dello sviluppo che in esso può essere promosso e realizzato.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Il territorio provinciale di Rovigo presenta un’agricoltura sviluppata, innovativa, con
un
rilievo nell’economia locale ben superiore alle altre aree del Veneto che esige venga
assunto come obiettivo fondamentale la tutela delle zone agronomiche più produttive
e più qualificate.
In sintesi le parole chiave degli scenari di sviluppo del settore agricolo nei prossimi
anni,che il P.T.C.P. assume in linea con le indicazioni comunitarie, sono: Qualità –
Sostenibilità – Multifunzionalità.
P.T.C.P. della provincia di Rovigo si propone anche obiettivi di tutela e gestione delle
risorse naturali ed ambientali che, come per gli altri sistemi, mirano a:
• individuare le aree ad alto valore ambientale, ad elevata integrità e funzionalità
ecologica;
• valorizzare gli ambienti in funzione della stabilità idrogeologica, della valenza
ecosistemica e della sostenibilità ambientale, anche in funzione degli obiettivi di
Kyoto e di contrasto ai cambiamenti climatici;
• integrarne la continuità ecologica, attraverso il sistema dei nuclei e dei corridoi
ecologici, al fine di promuovere la biodiversità animale e vegetale, ma anche un
sistema di zone umide in diretta continuità con la rete idrografica per
salvaguardare la qualità della risorsa idrica;
• collegare e completare la rete ecologica, attraverso l’individuazione parchi
provinciali, ambienti naturali di rilevanza naturalistica, sia in zone verdi
(boscate, arginali, dunali, paleoalvei e altri elementi del paesaggio), sia in zone
umide integrate al sistema idrografico;
• caratterizzare a livello provinciale ambiti di paesaggio agrario e individuare
strategie di tutela e valorizzazione del verde urbano ed extraurbano funzionali al
perseguimento della salvaguardia della qualità della risorsa idrica, del
miglioramento della qualità dell’aria, della riduzione delle emissioni di anidride
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
carbonica, del contrasto ai cambiamenti climatici;
• caratterizzare gli ambienti naturali in funzione della conservazione della fauna
selvatica e del mantenimento degli elementi del paesaggio, per la qualificazione
del territorio rispetto ad una fruibilità di turismo rurale e fluviale inserita in un
contesto di multifunzionalità agricola e di complementarietà ed integrazione al
sistema produttivo, e per la valorizzazione dei prodotti ed identificazione
territoriale delle produzioni;
• integrare ed infrastruttuturare sotto il profilo ambientale il sistema di mobilità
lenta che si sta sviluppando nel territorio, seguendo le direttrici dei grandi fiumi,
ma che non può prescindere dal contesto agro-ambientale e da una efficace
presentazione dei percorsi ambientali strutturati in itinerari naturalistici, didattici,
di ricerca e conoscenza del territorio, oltre che di promozione dei prodotti tipici;
• valorizzare l’inserimento del sistema ambientale nel contesto del patrimonio
storico ed architettonico e del paesaggio rurale;
• collegare il sistema produttivo agrario attraverso l’identificazione territoriale dei
prodotti tipici.
Si allegano le seguenti tavole:
1)
Elaborato I litologia
2)
Elaborato II
3)
Elaborato V Armatura della Rete Ecologica
4)
Elaborato VII
Rete delle Infrastrutture e Mobilità
5)
Elaborato XI
Potenzialità e Criticità
6)
Elaborato XXI
Rischio Percolazione Azoto
7)
Elaborato XXII
Zone Agronomiche Omogenee
Geomorfologia
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
A.3.4 PRG del Comune di Gavello
Il PRG disciplina gli usi e le trasformazioni del territorio in funzione delle esigenze di
sviluppo economico e sociale della popolazione, della tutela dei valori culturali e
ambientali, della salvaguardia e della valorizzazione delle risorse naturali e
produttive.
L'area d'intervento è classificata come zona agricola E2 al fg 9 mn 707.
Sono aree di primaria importanza per la funzione produttiva, anche in relazione
all'estensione, composizione e localizzazione dei terreni.
Interventi ammessi:
- manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro, ristrutturazione, demolizione e
ricostruzione, ampliamento con le modalità di cui all'art. 4 della L.R. N° 24/85,
costruzione di annessi rustici ai sensi dell’art. 6 L.R. 24/85; possibilità di costruire
una nuova abitazione ai sensi art. 3 e 5 della L.R. n° 24/85.
In caso di intervento edilizio mirato al recupero di fabbricati ad uso abitazione
esistenti in zona agricola, anche se ampliati ai sensi della normativa vigente, è
consentita la realizzazione anche di pìu unità abitativa residenziali all’interno del
medesimo edificio, istituendo i vincoli di destinazione e inedificabilità previsti dalla
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
L.R. 24/85.
Gli interventi consentiti saranno di norma compatibili, su conforme parere della C.E.,
con le tipologie tipiche del luogo, nel rispetto degli allineamenti pianoaltimetrici delle
preesistenze e dei materiali tradizionalmente impiegati.
E' opportuno, che nuove strade necessarie al collegamento dei fondi, utilizzino i
tracciati esistenti (capezzagne, sentieri), avendo cura di prevedere modalità
costruttive atte a garantire un corretto inserimento ambientale.
- La creazione di nuovi accessi nella pubblica viabilità è consentita esclusivamente nel
caso di riscontrate necessità al fine di una razionale organizzazione del fondo.
- E' opportuno prevedere la salvaguardia dei filari alberati esistenti, dei fossi di scolo
e dei canali irrigui, evitando tombinature non indispensabili alla funzionalità del fondo.
- Gli ampliamenti debbono armonicamente comporsi con le preesistenze affinché il
nuovo edificio, considerato nella sua globalità, risulti organicamente definito.
Gli ampliamenti debbono armonicamente comporsi con le preesistenze affinché il
nuovo edificio, considerato nella sua globalità, risulti organicamente definito.
- La realizzazione degli annessi rustici è ammessa in adiacenza ad edifici già esistenti
o entro il perimetro degli aggregati abitativi.
- La destinazione d'uso delle costruzioni esistenti non più funzionali alle esigenze del
fondo, dovrà sempre essere finalizzata alla dotazione di attività connesse alla
produzione agricola.
h) Nel caso in cui non sussistano aree contigue ad edifici preesistenti, per garantire
la massima tutela del territorio agricolo, gli ambiti entro i quali si potranno realizzare
le nuove edificazioni, dovranno rispettare il frazionamento del territorio agricolo;
pertanto saranno privilegiate le aree localizzate in prossimità di collegamenti viari di
servizio esistenti.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
A.3.5 Descrizione di inquadramento dei vincoli naturalistici (anche in relazione ai Siti
d'importanza comunitaria -SIC ed alle Zone di Protezione Speciale – ZPS individuati
per la conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonché della flora e della
fauna selvatica, ai sensi della Direttiva 92/43/CEE e della Direttiva 7/409/CEE
La Rete ecologica Natura 2000 è costituita dall'insieme delle aree (siti) individuate
per la conservazione della diversità biologica. Essa trae origine dalla Direttiva
dell'Unione Europea n.43 del 1992 (“Habitat”) finalizzata alla tutela di una serie di
habitat e di specie animali e vegetali particolarmente rari indicati nei relativi
Allegati I II. La Direttiva “Habitat” prevede che gli Stati dell'Unione Europea
contribuiscano alle costituzione della rete ecologica europea Natura 2000 in
funzione della presenza e della rappresentatività sul proprio territorio di questi
ambienti e della specie, individuando aree di particolare pregio ambientale
denominate Siti D'Importanza Comunitaria (SIC), che vanno ad affiancare le Zone
di Protezione Speciale (ZPS), previste dalla Direttiva n 409 del 1979, denominata
“Uccelli”.
Provincia di Rovigo
•Estensione complessiva (in ettari): 28.436
•Percentuale complessiva del territorio provinciale: 16%
•Numero di ZPS (tra parentesi i siti interprovinciali): 4 (1)
•Estensione di ZPS (in ettari): 25.402
•Percentuale di ZPS del territorio provinciale: 14%
•Numero di SIC (tra parentesi i siti interprovinciali): 8 (2)
•Estensione di SIC (in ettari): 25.846
•Percentuale di SIC del territorio provinciale: 14%
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
IT3270003
IT3270003
IT3270023
IT3270017
IT3270023
IT3270003:Dune di Donada e Contarina Il sito SIC IT 3270003ha un’estensione
di 105 ettari ed una estensione di 8 km
IT3270023: Delta del Po: Il sito ZPS IT 3270023 ha un’estensione di 25.011 ettari
di cui 9659 nel distretto
IT3270017: Delta del Po: tratto terminale e delta veneto: Il sito SIC IT
3270017 ha un’estensione di 25.372 ettari ed una lunghezza di 628 km.
B.FATTORI ANTROPICI SINERGICI E INDIPENDENTI DAL
PROGETTO IN ESAME
B1. PRESENZA DEI CONSUMI DI RISORSE NATURALI O FATTORI
D'IMPATTO
B.1.1 Descrizione sullo stato geologico ed idrogeologico del territorio
L’area d'intervento si trova in territorio comunale di Gavello, ca. 1,00 km ad Ovest dal
capoluogo e più precisamente in Via Scolo Zucche Superiore (vedi seguente estratto da
TAVOLETTA
I.G.M. – scala 1:25.000).
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
○ Area di intervento
CARATTERISTICHE TOPOGRAFICHE:
AREA PIANEGGIANTE
I tipi litologici superficiali della zona sono rappresentati da alluvioni quaternarie fini
quali argille e limi; nel substrato si rinvengono sedimenti di analoga natura e
granulometria che si alternano fra loro con giacitura lenticolare; i sedimenti
registrano frequenti variazioni di litologia e potenza degli strati anche in ambiti areali
limitati.
Quanto sopra appare evidente nella cartografia geologica consultata, dove sono
indicati i seguenti depositi:
• CARTA GEOLOGICA DEL VENETO (scala 1:250.000): depositi alluvionali e fluvioglaciali
a limi ed argille prevalenti (QUATERNARIO);
• CARTA GEOLOGICA DELLE TRE VENEZIE – F. 64 ROVIGO (scala 1:100.000): Alluvioni in
prevalenza del Po (OLOCENE).
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
B.1.2 Descrizione dei consumi energetici per usi produttivi presso il sito d'intervento
Si allega modulo specifico pratica IPPC/AIA
C.2 PRESENZA DI SISTEMI DI MONITORAGGIO E CONTROLLO
AMBIENBIENTALI ESISTENTI
C.2.1 Descrizione dei sistemi di monitoraggio ambientale esistenti nelle aree di studio
Si allega piano di monitoraggio ambientale
C.3. COERENZA DEL PROGETTO CON NORME
Con il presente studio di impatto ambientale, predisposto in conformità alle
disposizioni del D.lgs 152/2006 si provvede ad attivare, Presso l'autorità
competente- Provincia di Rovigo, il procedimento di Valutazione Impatto Ambientale
(VIA) relativo all'allevamento di Galline ovaiole.
La richiesta dell'autorizzazione alla gestione dell'allevamento comporta la
presentazione dell'autorizzazione ambientale (AIA), nella cui istruttoria dovranno
essere conseguiti i pareri degli enti competenti coinvolti, nello specifico:
− Parere Comunale di Gavello (RO)
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
− Parere Provinciale di Rovigo (RO)
− Parere ARPA
− Parere ULSS
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
QUADRO DI RIFERIMENTO PROGETTUALE
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
1. INQUADRAMENTO PROGETTUALE
1.1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DELLE ALTERNATIVE CONSIDERATE
1.1.1 Descrizione della storia del progetto
L'allevamento originale nato circa negli anni 2000, prevedeva la realizzazione di 3
capannoni adibiti ad allevamento di galline ovaiole con metodo biologico ed un
quantitativo di capi potenzialmente allevabili inferiore a 40.000 in quanto per
l'allevamento biologico occorre assicurare agli animali uno standard di vita migliore,
rispetto al tradizionale con spazi più ampi.
Ogni capannone possedeva un o spazio esterno recintato ed un “giardino d'inverno"
Giardino D'inverno
Recinzione esterna
Con la presente proposta si intende realizzare un ampliamento del numero di animali
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
mantenendo inalterate le strutture esterne. Ciò risulta possibile in quanto con la
stessa superficie utile è possibile accasare circa 97.000 capi .
1.2. Descrizione delle alternative possibili considerate in relazione alla
differente localizzazione del territorio.
L'impianto in esame è ubicato nell'immediata periferia del comune di Gavello (RO).
Il progetto non ha preso in considerazione ipotesi alternative in merito alla
localizzazione territoriale in quanto la struttura risulta già esistente e strutturata e
risulterebbe quasi impossibile creare un simile impianto nuovo.
1.3. Descrizione delle alternative considerate in relazione alla diversificazione
del dimensione delle opere
Il
progetto
non
ha
considerato
ipotesi
alternative
in
merito
al
diverso
dimensionamento delle opere.
1.4 Descrizione delle alternative considerate in relazione alla diversificazione
della accessibilità' alle opere
Il progetto non ha considerato ipotesi alternative in merito a diverse accessibilità
alle opere in quanto esistenti da più di 10 anni ed ormai collaudate.
1.5 Descrizione della valutazione sull'attualità del progetto e delle tecniche
prescelte, anche con riferimento alle migliori tecnologie disponibili.
Il progetto è stato concepito adottando criteri progettuali improntati al rispetto
dell'impianto esistente , al conseguimento della massima garanzia contro eventuali
inquinamenti, all'ottimizzazione della funzionalità e della logistica ed alla riduzione
dei fattori di impatto ambientale così come richiede la normativa AIA/IPPC D.Lgs
59/05 conseguenti leggi Nazionali e Regionali e s.m.i..
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
1.6 Descrizione e motivazione delle scelte compiute per alternative, tenendo
conto degli impatti ambientali
Il sig. Masiero è affittuario di un'area agricola, ormai attrezzata e specializzata
nell'allevamento di galline ovaiole con sede a Gavello in via Scolo Zucca 3A, all'interno
del quale sono presenti 3 capannoni , silos e tutte le attrezzature/strutture
accessorie all'allevamento. In funzione a queste caratteristiche il sig. Masiero ha
deciso di convertire da Biologico a Convenzionale per una necessità economica.
Le Galline Biologiche necessitano di superfici maggiori all'interno del capannone, di un
paddok esterno per la bella stagione ed un “giardino d'inverno” per i mesi più rigidi.
Ciò provoca per la zona climatica in cui ci troviamo, un notevole incremento della
mortalità degli animali che, nonostante la zona esterna sia protetta, soffrono
enormemente dello sbalzo di temperatura.
La nuova scelta dell'azienda non avrà alcun impatto ambientale se non di tipo positivo
visto il rinnovo delle strutture.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
2.AZIONI DI CANTIERE
2 SISTEMAZIONE DELLE AREE DI INTERVENTO E STRUTTURE DI
CANTIERE
B.2.1 Descrizione dei criteri adottati per il dimensionamento dei cantieri
Le scelte progettuali fanno riferimento alle normative vigenti.
Per quanto riguarda la progettazione, sono stati esaminati tutti gli aspetti
riconducibili al massimo livello di garanzia per la protezione delle acque, sotterranee e
superficiali, e contro le eventuali fughe di percolato delle deiezioni, ed adottati
criteri che tendano al contenimento delle emissioni in atmosfera come odori e/o gas,
rumori ed ogni emissione potenzialmente impattante nei confronti delle matrici
ambientali presenti.
Le scelte adottate per la progettazione dell'opera sono così così riassumibili:
1)
Capannoni in ferro zincato,tamponamento laterale in mattoni, tetto a due acque
con pannello sandwich.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
3
NORMATIVA IPPC
Il riferimento nazionale ufficiale che riporta le Linee Guida pubblicate con Decreto
Ministeriale del 29 gennaio 2007 “Emanazione di linee guida per l'individuazione e
l'utilizzazione delle migliori tecniche Disponibili, in materia di allevamenti, macelli e
trattamento carcasse, per le attività elencate nell'allegato I del Decreto Legislativo
18 febbraio 2005, n.59” riporta:
1) è MTD la tipologia di allevamento
- punto 4.1.3 Gabbie con nastri trasportatori sottostanti per la rimozione frequente
della pollina umida verso uno stoccaggio esterno chiuso
2) sono MTD le buone Pratiche agricole adottate:
3,1
BPA:
-
attuazione di programmi di informazione e formazione del personale aziendale;
-
accurata registrazione dei consumi di energia e di materie con l'acqua, il
mangime, ecc.
− predisposizione di una procedura di emergenza da applicare nel caso di
emissioni non previste e incidenti, come inquinamento delle acque superficiali o
profonde o rischi di incendi;
− messa a punto di un programma di manutenzione ordinaria e straordinaria per
avere la sicurezza che le strutture e le attrezzature siano sempre in buone
condizioni operative;
− interventi sulle strutture di servizio perché siano sempre pulite e asciutte;
Silos, aree di esercizio, aree caricamento animali, ecc.
− pianificazione delle attività nel sito di allevamento nel modo più appropriato:
corretto uso agronomico degli effluenti, acquisto e consegna dei materiali che
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
entrano in allevamento. L'importanza della pianificazione di suddette è pari alla
pianificazione di tutte le materie che escono dall'impianto (prodotti animali,
carcasse, ecc.).
3,2 RIDUZIONE CONSUMI IDRICI
−
pulizia degli ambienti e delle attrezzature con acqua ad alta pressione o con
idropulitrici quando si è a fine ciclo in assenza di animali e deiezioni.
−
Esecuzione periodica dei controlli sulla pressione degli abbeveratoi onde
evitare sprechi;
−
Installazione e mantenimento dei contatori idrici così da avere registrazioni
affidabili dei consumi che dovranno essere riportati per monitorare i consumi ed
evidenziare eventuali perdite.
−
Controllo frequente dei raccordi di rubinetti e abbeveratoi così da provvedere
a tempestive riparazioni.
−
Isolare le tubazioni fuori terra in modo tale d scongiurare il rischio
congelamento e conseguente rottura degli impianti
-
Riduzione dei consumi energetici
−
Controllo e taratura minuzioso delle giunture e delle tubazioni
−
Ottimizzazione dello schema progettuale dei ricoveri ventilati artificialmente,
in modo da fornire un buon controllo termico e ottenere portate di ventilazione
minime nella stagione invernale;
−
Prevenzione di fenomeni di resistenza nei sistemi di ventilazione con frequenti
ispezioni e pulizia dei condotti e dei ventilatori;
−
3,3 BUONE PRATICHE DELL'USO AGRONOMICO DEGLI EFFLUENTI
−
La riduzione al minimo delle emissioni dall'effluente al suolo e alle acque
atteaverso il bilancio dei nutrienti principali qali azoto e fosforo.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
−
Astenersi dallo spargere gli effluenti sui terreni saturi di acqua, inondati,
gelati o ricoperti di neve;
−
lo spargimento degli effluenti il più possibile vicini alla fase di massima crescita
colturale e asportazioni di nutrienti;
−
L'operazione di spargimento, condotta in modo da evitare diffusione di odori,
come non spargere con vento contrario
−
Rispetto della distanz di 5 m dalle sponde dei corsi d'acqua naturali e di quelli
non arginati del reticolo principlae di drenaggio
3) è mTD la Tecnica di Alimentazione:
3,4 ALIMENTAZIONE PER FASI
-Prevede l'adattamento della dieta e dei suoi contenuti in minerali e aminoacidi alle
specifiche esignze dei capi allevati nei vari stadi di sviluppo. Per le galline ovaiole
l'alimentazione per fasi comporta l'aggiustamento dei livelli di calcio e fosforo nei
diversi stadi produttivi, attuando un passaggio graduale ad una dieta suggessiva
divisa per gruppi omogenei di animali.
4)
è MTD lo Stoccaggio di materiale palabile
-
In ricoveri coperti, con pavimento impermeabilizzato e adeguata ventilazione;
-
per accumuli temporanei in campo, il posizionamento del cumulo lontano da
ricettori come corsi d'acqua in cui il percolato potrebbe entrare e lontano da
abitazioni civili.
5) È MTD lo spargimento del Materiale Palabile
-
si è riconosciuto che per lo spargimento dei materiali palabili non è tecnica il
fattore che aiuta a ridurre le emissioni, ma l'intervallo di tempo che intercorre tra lo
spargimento e l'incorporazione del materiale entro le 24 ore avendo così una
riduzione delle emissioni fino al 50%.
6)
è MTD la riduzione delle emissioni dai ricoveri
-
Il sistema adottato è considerato MTD
3,5 NORMATIVA DI BIOSICUREZZA
Requisiti strutturali degli allevamenti avicoli
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
1) I locali di allevamento sono provvisti di:
-
pavimento in cemento per facilitare le operazioni di pulizia e disinfezione;
-
pareti e soffitti lavabili;
-
attrezzature facilmente lavabili e disinfettabili,
-
reti antipassero poste su tutte le aperture;
-
chiusure adeguate e munite di maniglioni antipanico;
2)
L'allevamento è dotato di:
-
concello posto all'ingresso dell'impianto di allevamento idoneo ad evitare
l'ingresso di persone e mezzi non autorizzati;
-
piazzole di carico e sscarico dei materiali d'uso e degli animali delimitate nel
piazzale antistante i capannoni avicoli, realizzate in cemento;
-
zona inerbita superiore ad un metro, mantenuta pulita e rasata, intorno ai
capannoni;
-
locali di stoccaggio dei materiali d'uso;
-
una zona dotata di spogliatoi, lavandini, doccia, wc e detergenti all'entrata
dell'azienda e vietata agli estranei;
-
Locale di deposito degli inndumenti con materiale d'uso a perdere;
-
uno spazio per il deposito temporaneo dei rifiuti.
3,6 GESTIONE DELL'ALLEVAMENTO AVICOLO
-
Tutti gli automezzi, le attrezzature e i macchinari di allevamento, sono
sottoposti ad accurato lavaggio e dinsinfezione ad ogni ingresso ed uscita;
-
Nelle zone attigue ai capannoni non ci deve essere alcun matriale;
-
I locali di allevamento sono dotati di un unico ingresso;
-
Per lo stoccaggio degli animali morti è installata una idonea cella frigo per la
congelazione.
Per quanti riguarda:
UTILIZZO DELLE MATERIE PRIME
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
ALTRI PRODOTTI
APPROVIGIONAMENTO IDRICO
CONSUMO ENERGTICO
si allega la scheda B (IPPC) modficata con i parametri potenziali riferiti alla
nuova capacità per cui si richiede l'autorizzazione.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
QUADRO DI RIFERIMENTO AMBIENTALE
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
STATO AMBIENTALE DI RIFERIMENTO
1 STATO DEL CLIMA E DELL'ATMOSFERA
1.1 Descrizione di inquadramento del clima locale
Il territorio della provincia è interamente pianeggiante e rientra nella regione
geografica dell'attuale Polesine, di cui occupa quasi l'intera superficie (fatta
eccezione per una porzione dell'area delle Valli Grandi Veronesi, all'estremo ovest e
per una parte del Comune di Cavarzere (VE) a centro-est). Essa si estende
longitudinalmente per circa 100 km, dal confine con la provincia di Verona al litorale
adriatico, ove si situano le bocche di Po, nei Comuni di Rosolina, Porto Viro, Porto
Tolle e Ariano
nel
Polesine.
Come
detto,
il territorioprovinciale
coincide
sostanzialmente con il Polesine odierno ovvero ne è interamente compreso; è una
striscia di terra lunga circa 100 km in direzione ovest-est e larga circa 18 km in
direzione nord-sud; ha una superficie di 1.789 km² e un'altitudine compresa tra -2
e 15 m s.l.m.[4].
Il territorio è compreso tra il basso corso dei fiumi Adige e Po, che ne delimitano i
confini rispettivamente a nord da Badia Polesine alla foce (con la sola eccezione del
territorio di Cavarzere in provincia di Venezia) e a sud da Melara alla foce (Po di
Goro). La parte orientale della provincia corrisponde al delta del Po e si espande
costantemente verso est a causa dei sedimenti depositati dal fiume alle sue foci[3].
Il Po e l'Adige sono il primo e il terzo fiume italiano per portata, e inoltre un altro
fiume attraversa la provincia in tutta la sua lunghezza, ilCanal Bianco; questo
significa che la maggior parte delle acque dolci in Italia sfocia in mare lambendo o
attraversando la provincia di Rovigo. A causa dell'ingente quantità di acqua da
gestire, sono presenti un gran numero di canali di scolo su tutto il territorio, tra cui i
principali sono il Collettore Padano Polesano, lo Scolo Ceresolo e lo Scolo Valdentro.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Altri corsi d'acqua, la cui importanza è oggi soprattutto storica, sono l'Adigetto,
corrispondente all'antico corso dell'Adige, che staccandosi dal corso attuale
dell'Adige a Badia polesine attraversa Lendinara ed il capoluogo, il Poazzo,
corrispondente all'antico corso del Po, e la fossa Polesella, interrata in seguito
all'alluvione del 1951, che collegava il Canal Bianco al Po.
Il terreno, di formazione relativamente recente, è stato soggetto al fenomeno
della subsidenza, sia per cause naturali (consolidamento dei sedimenti conseguente ai
lavori di bonifica) sia a causa dell'estrazione di acqua metanifera dal sottosuolo,
avvenuta con particolare consistenza negli anni cinquanta e sessanta (in seguito a
tale attività, proprio per gli effetti della subsidenza, particolarmente gravi per
territori posti anche sotto la quota del medio mare, è stata messa al bando)[5].
Il clima è semicontinentale e condizionato dalla notevole umidità, con estati afose e
inverni nebbiosi; le precipitazioni rientrano nella norma e si concentrano in primavera
e autunno[5].
La provincia è tradizionalmente divisa in tre zone geografiche, da ovest verso est,
seguendo il percorso ideale delle bonifiche del territorio:
−
l'Alto Polesine, il cui capoluogo è Badia Polesine;
−
il Medio Polesine, il cui capoluogo è Rovigo;
−
il Basso Polesine, il cui capoluogo è Adria.
Altri
centri
importanti
della
provincia
sono Porto
Viro, Lendinara, Porto
Tolle e Taglio di Po. Negli ultimi decenni il comune di Occhiobello ha assunto un ruolo
rilevante, anche per via della vicinanza alla città di Ferrara.
D.1.2 Descrizione di inquadramento del clima locale
Il clima è
caratterizzato
da
un'ampia escursione
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
termica annuale
con temperature medie basse in inverno (0º/4 °C) ed alte in estate (le medie
massime estive oscillano dai 25 °C ai 30 °C . Nella stagione fredda, le temperature
minime possono attestarsi anche diversi gradi al di sotto dello zero nelle ore
notturne, e talvolta permanere negative o prossime allo zero anche nelle ore
centrali del giorno (specialmente in caso di nebbia); nella stagione invernale, causa il
ristagno dell'aria le temperature massime si attestano su valori decisamente bassi:
in alcuni casi si possono registrare, anche se di poco, giornate di ghiaccio ossia con
valori termici che restano negativi anche durante il giorno, con fenomeni come
la galaverna. In estate invece le temperature massime possono toccare, in caso
di anticiclone sub-tropicale, punte di 38 °C, talvolta, superiori. Recenti misurazioni
di questi valori estremi: nell'estate 2003, con l'anticiclone subtropicale, sono stati
toccati i 41º/43º; nel gennaio e nel dicembre 2009, grazie all'effetto albedo e
all'inversione termica, si sono toccati i -12º/–14º.
La piovosità è concentrata principalmente nei mesi primaverili ed autunnali, ma nelle
estati calde e umide sono frequenti i temporali, soprattutto a nord del Po. La
caratteristica conformazione "a conca" della pianura padana fa sì che sia in inverno
che in estate vi sia un notevole ristagno dell'aria (è una delle aree meno ventilate
d'Italia), con effetti diversi nelle due stagioni.
In inverno, quando vi è un accumulo di freddo e scarsità di vento, si forma un
cuscinetto freddo che può perdurare anche diversi giorni, specie nelle giornate
umide e nebbiose, causando giornate molto rigide e gelo. Tuttavia in questa stagione
vi sono anche diverse giornate più secche, ma comunque sempre rigide, poiché entra
direttamente sulla pianura vento freddo dalla "porta della bora" (da nord-est) e dalla
valle del Rodano (da nord-ovest) sotto forma di fohn; ed è proprio la bora ad essere
foriera di perturbazioni fredde provenienti dalle zone polari, che possono portare
forte maltempo con temperature molto basse e neve. In alcune occasioni soffia
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
anche il buran, vento orientale di origine russa che in certe occasioni riesce a
raggiungere la pianura padana sferzandola con intense raffiche gelide. Ed è proprio
in
questi
casi
che
fa
spesso
la
sua
comparsa
la neve,
con
copiose precipitazioni derivanti da perturbazioni provenienti dalle latitudini polari,
rinforzate dal vento freddo già presente sulla pianura. Cessato questo vento però, se
il cielo è sereno, le temperature calano sensibilmente nella notte (anche 10 °C in 3-5
ore). Il bacino della pianura padana, delimitato dalle Alpi a nord e a ovest e dagli
Appennini a sud che la isolano dalla regioni limitrofe, ha quindi un clima a sé, diverso
in particolare dal comune clima mediterraneo a cui di solito viene abbinata l'Italia. Il
mare Adriatico peraltro si limita a mitigare solo le zone costiere poiché troppo basso
e lungo per incidere profondamente .
In estate, invece, l'effetto cuscinetto della pianura padana produce effetti opposti,
favorendo il ristagno di aria calda e molto umida che produce temperature alte,
connesse a tassi di umidità altrettanto alti, che causano frequenti giornate molto
calde ed afose (specialmente in presenza dell'anticiclone africano). Tale umidità,
inoltre, tende spesso a scaricarsi sotto forma di violenti temporali e grandine, che
portano temporaneo refrigerio e permettono di rimescolare le masse d'aria,
causando un rapido ridimensionamento termico. Ma di solito questa situazione dura
poco, con un veloce aumento delle temperature e degli indici di umidità. Tuttavia
questa regione geografica è una zona di "transizione", nel continente europeo, tra il
tipico clima mediterraneo (a sud) e quello oceanico o marittimo temperato (a nord,
nord-ovest). Secondo la classificazione dei climi di Köppen il clima che caratterizza
la pianura del Po è detto " "Cfa - Humid subtropical" (quello mediterraneo è "Csa,
Csb - Mediterranean"). Alla luce delle caratteristiche evidenziate, in linea generale,
si può definire il clima della pianura padana anche come subcontinentale, con
caratteristiche di semi-continentalità molto più marcate rispetto al resto dell'Italia.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Una delle caratteristiche del clima padano, comune a tutta la pianura, è la scarsità
della ventilazione, che in estate rende le giornate ancora più calde e afose e in
generale accresce i livelli d'inquinamento dell'aria, contribuendo a fare della pianura
padana una delle zone più inquinate d'Europa.
Provincia di ROVIGO
Stazioni Agrometeorologiche
Coordinate
Gauss-Boaga fuso Ovest
Quota
m s.l.m.
Anno
attivazione
X
Y
Adria Bellombra
(115)
1737013
4989122
1
1992
Castelnovo Bariano
(113)
1681389
4989028
9
1992
Concadirame
(Rovigo) (98)
1714125
4996919
6
1989
Frassinelle Polesine
(116)
1711195
4985401
4
1992
Lusia (121)
1707268
4996612
6
1995
Pellizzare Bagnolo
di Po (96)
1699431
4984911
6
1989
Pradon Porto Tolle
(101)
1765952
4979306
-3
1989
Rosolina Po di
Tramontana (112)
1756791
4996051
-2
1992
San Bellino (99)
1703023
4989689
6
1989
Sant' Apollinare
(Rovigo) (231)
1722631
4990567
2
1998
Trecenta (221)
1691214
4988242
10
1993
Villadose (114)
1730075
4995054
0
1992
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Stazioni Metereologiche ARPAV
2. STATO DELLA FLORA E DELLA VEGETAZIONE
2.1 Descrizione d'inquadramento sullo stato della vegetazione presente.
Nel profilo indiscutibilmente unico del Delta del Po c'è il territorio creato sia dalla
sedimentazione del fiume, che dall'opera dell'uomo che nei secoli ne ha regimentato
le acque e bonificato i terreni.
Nell'area del Delta, natura, storia, tradizione, cultura ed arte si intrecciano,
offrendo al visitatore un paesaggio inedito e sorprendente.
Nel Delta si distinguono vari ambienti, ognuno con caratteristiche peculiari: la
campagna con i paleoalvei, le dune fossili, gli argini, le golene, le valli da pesca, le
lagune o sacche e gli scanni. Questi elementi del paesaggio si incontrano arrivando da
est, scendendo lungo la corrente del Po e quindi seguiremo quest'ordine per
addentrarci nel Delta.
- Delta attivo e Delta fossile
- Campagna
- Dune fossili
- Argini
- Golene
- Valli da pesca
- Lagune e sacche
− Scanni
Per parlare della flora del Delta del Po seguiamo un percorso che dalla campagna
procede verso le zone più prossime al mare, differenziando la vegetazione a seconda
degli ambienti che si incontrano.
− Formazioni boschive
Oggi
sopravvivono
solo
pochi
lembi
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
di
bosco
autoctono.
Nelle zone asciutte, sulle dune fossili più recenti, domina il leccio (Quercus
ilex), la specie arborea più diffusa. Nelle depressioni interdunali, dove
soprattutto in inverno l'acqua ristagna a lungo, crescono invece frassino
ossifilo (Fraxinus oxycarpa), pioppo bianco (Populus alba) e olmo comune (Ulmus
minor).Nel settore occidentale, sulle dune più antiche e livellate dal tempo,
trova spazio la tipica formazione boschiva di pianura:farnia (Quercus robur) e
carpino comune (Carpinus betulus). Attorno, sulle creste dunali (i cosiddetti
"staggi"), si sviluppa un rigoglioso bosco di pioppo bianco, salice bianco (Salix
alba) e frassino ossifilo, specie arboree legate agli ambienti umidi e ripariali.
-
Pinete
Le pinete che caratterizzano buona parte del paesaggio del litorale (Rosolina,
Porto Viro, ecc.) sono state tutte impiantate artificialmente in tempi più o
meno remoti. Le pinete sono formate soprattutto da pino domestico (Pinus
pinea) e da pino marittimo (Pinus pinaster). Accanto al pino domestico crescono
le piante del bosco spontaneo (leccio, farnia, pioppo bianco, frassini), sotto le
quali prosperano moltissime specie di arbusti e di orchidee
−
Zone umide d'acqua dolce
Le lanche, le mortizze dei fiumi, i canali, le cave abbandonate e le casse diespansione
ospitano
una
ricchissima
vegetazione
palustre.
Su argini, sponde e golene troviamo salici e pioppi. Sui prati si trovano densi
ciuffi di carice spondicola (Carex riparia), i fiori di vilucchio bianco (Calystegia
sepium) o le inflorescenze di giunco (Butomus umbellatus). Legate a questi
ambienti
sono
alcune
specie
di
orchidee
rare.
Le aree perimetrali a primavera si accendono del giallo del giaggiolo acquatico
(Iris pseudarocus). Le aree marginali, dove l'acqua é poco profonda, ospitano il
canneto (Phragmites australis) che si accompagna spesso alle tifa (Typha
angustifolia) e al falasco (Cladium mariscus). Dove la profondità aumenta, si
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
trova la lisca lacustre (Schoenoplectus lacustris). Al centro delle mortizze,
dove l'acqua supera il mezzo metro, si trovano la ninfea bianca (Nymphaea
alba), il nannufaro (Nuphar luteum). Coprono di verde le anse d'acqua ferma e
stagnante le parti vegetative dei generi Myriophyllum, Ceratophyllum e altre
piccole piante natanti come il morso di rana (Hydrocharis morsus-ranae),
la lenticchia d'acqua (Lemna minor), la castagna d'acqua (Trapa natans), il
limnantemo (Nymphoides peltata).
−
Zone umide d'acqua salmastra
Nelle valli da pesca la specie più diffusa è il fieno di mare (Ruppia marittima);
altrettanto prolifica è la lattuga di mare (Ulva lactuga), che può svilupparsi fino
a creare ostacolo al passaggio delle barche. Dove la salinità non è elevata,
prevale la canna di palude (Phragmites australis), associata a ciuffi di giunco
marittimo (Juncus maritimus). Sui bordi delle barene, domina lo spartineto
(Spartina marittima e Spartina juncea), mentre dove la salinità sale troviamo le
salicornie (Arthrocnemum fruticosum, A. perenne, A. glaucum, Salicornia
veneta). Accanto, crescono la Suaeda marittima e la granata irsuta (Bassia
irsuta). Il tamerice (Tamarix gallica) è uno dei pochi arbusti in grado di abitare
questo ambiente. Tra le piante protette merita di essere ricordato, per le sue
belle infiorescenze, il limonio (Limonium sp.). L'enula bacicci (Inula crithmoides)
e l'astro marino (Astro tipolium) ravvivano con macchie di colore i panorami
delle valli.
− Dune, spiagge e scanni
La parte di spiaggia più vicina al mare è colonizzata da cespi erbacei di
ruchetta di mare (Cakile maritima), nappola italiana (Xanthium italicum),
calcatreppola (Eryngium maritimum). In seconda fila cresce la robusta
gramigna delle spiagge (Agropyron junceum), l'eringio di mare (Eryngium
maritimum), l'elicriso (Helichrysum italicum), lo zigolo delle spiagge (Cyperus
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
kalli) e l'erba medica di mare (Medicago marina). Sulla cima delle dune cresce lo
sparto pungente (Ammophila littoralis). La sommità delle dune stabilizzate è
ricoperta di muschio (Tortula ruralis), accompagnato dalla vedovina delle
spiagge (Scabiosa argentea) e dal paleo (Vulpia membranacea). Più all'interno, si
possono trovare i primi arbusti di asparago pungente (Asparagus acutifolius),
fillirea (Phyllirea angustifolia), olivello spinoso (Hippophae rhamnoides), ginepro
comune (Juniperus communis) e incontrare il Cardo asinino (Cirsium vulgare).
− Funghi
Al fine di assicurare l’equilibrio naturale del parco e di garantire le culture
agrarie, la raccolta dei funghi è disciplinata dalle norme del regolamento
regionale per la raccolta dei funghi epigei commestibili all’interno del Parco
Regionale Veneto del Delta del Po.
Fauna
L'ambiente del Delta limita la vita degli animali terricoli, eccetto che nei boschi
e sulle dune costiere.
E' invece un vero paradiso per gli uccelli, sia stanziali che migratori, e per pesci
e molluschi. Per parlare della fauna del Delta del Po seguiamo un percorso che
dalla campagna procede verso le zone più prossime al mare, differenziando gli
ambienti che si incontrano e andandovi a descrivere gli animali che
maggiormente li frequentano.
− Uccelli
Gli uccelli, con oltre 370 specie di nidificanti, migratori e svernanti regolari,
sono la parte più interessante della fauna del delta del Po.
Qui li identifichiamo in base agli ambienti dove è più facile trovarli.
Lungo il fiume
Si
può
osservare
il
lento
volo
dell'airone
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
cinerino
(Ardea
cinerea).
Esiste un buon numero di svassi (Podiceps cristatus) e cormorani (Phalacrocoras
carbo). Tra gli ardeidi vi sono la garzetta (Egretta garzetta), la nitticora
(Nycticorax nycticorax), la sgarza ciuffetto (Ardeola ralloides) e il tarabuso
(Ixobrychus minutus).
Canali, golene fluviali, casse di espansione
Sono in assoluto gli ambienti più ricchi di specie per l'ampia varietà di situazioni
che presentano. Tra i canneti nidificano specie come l'airone rosso e il falco di
palude (Circus aeroginosus), e vi si rifugiano e nutrono aluni passeriformi come il
basettino (Panurus biarmicus), il cannareccione (Acrocephalus arundinaceus), il
migliarino di palude (Emberiza schoeniclus), e l'usignolo di fiume (Cettia cettii).
In alcune zone, il mignattino e il rarissimo mignattino piombato costruiscono il
loro nido di steli sulle ninfee.
Lagune e valli, barene e dossi
Nidificano il fraticello (Sterna albifrons), la sterna comune (Sterna hirundo), la
sterna zampenere (Gelochelidon nilotica), il beccapesci (Sterna sandvicensis), il
gabbiano reale (Larus argentatus), il gabbiano comune (Larus ridibundus), la
pettegola, il cavaliere d'Italia e l'avocetta. Sono da segnalare inoltre l'airone
rosso (Ardea purpurea), la spatola (Platalea leucoridia), l'ibis mignattaio
(Plegadis
falcinellus)
e
la
volpoca
(Tadorna
tadorna).
Per gli uccelli migratori il delta è zona di svernamento e di rifugio, come per il
quattrocchi (Buccephala clangula). Durante le migrazioni e in inverno questi ampi
specchi d'acqua si popolano di migliaia di folaghe (Fulica atra) e di varie specie
di anatre: anatre tuffatrici, come moretta (Aythya fuligula) e moriglione
(Aythya ferina); anatre di superficie, come germano reale (Anas platyrhynchos),
codone (Anas acuta), marzaiola , mestolone (Anas clypeata) e fischione (Anas
penelope).
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Sacche e bonelli
I fondali più bassi ospitano limicoli come l'avocetta (Recurvirostra avosetta), il
cavaliere d'Italia (Himantopus himantopus) e, d'inverno, il beccaccino (Gallinago
gallinago) e la pittima reale (Limosa limosa).
Spiagge e scanni
Nidifica ancora la beccaccia di mare (Haematopus ostralegus), ormai scomparsa
dal resto d'Italia.
− Molluschi
Lagune salmastre ed Adriatico
Vivono diverse specie di mitili: la cozza (Mytilus galloprovincialis), le ostriche
(Ostrea edulis e Crassostrea angulata), i cannolicchi (Ensis ensis) e la vongola
verace (Tapes decussatus).
Il progetto Pesca Amica Miglio Zero
Nato dalla collaborazione di Ente Parco Regionale Veneto dle Delta del Po,
Coldiretti Rovigo e UNCI Pesca, allao scopo di far conoscere, valorizzare e
promuovere pesci e molluschi tipici e tradizionali della pesca polesana del Delta
del Po. Pesci e molluschi di qualità eccellente, allevati e pescati nelle lagune,
sacche, valli e lungo la costa del mare Adriatico, riconosciuti dal Ministero delle
Politiche Agricole e Forestali con D.M. 18 luglio 200: oltre all'anguilla il cefaloe il
pesce azzurro la vonvola verace del Polesine e la Cozza di Scardovari,
importantissimi per la nostra nutrizione, molto digeribili, ricchi di proteine, sali
minerali, vitamina A, acidi grassi buoni omega 3
La Vongola verace del polesine
La vongola verace (Tapes Philippinarum) è stata introdotta nella laguna veneta e
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
nel Delta del Po negli anni 70 e si alleva nelle lagune comprese tra il fiume Adige
e il Po di Goro. E' un mollusco con conchiglia di forma ovale di 4-6 cm,
leggermente tronca nella parte posteriore, valve solcate da striature radiali
incrociate con solchi concentrici. La colorazion esterna della conchiglia è
biancastra o bruna chiara, talvolta giallastra con macchie e striature più scure.
La polpa del mollusco è turgida, apprezzata per il sapore dolce e delicato. Il
consumo è consigliato tutto l'anno.
La cozza di Scardovari
La cozza è un mollusco ricoperto da due valve simmetriche, ovali allungate, di
color nero o nero violaceo all'esterno e madreperlaceo all'interno e lunghezza di
circa 6-8 cm. L'animale racchiuso è turgido di colore giallo intenso nella
femmina, bincastro nel maschio, ha profumo tenue. La cozza di Scardovari si
alleva nell'omonima Sacca d'acqua salmastra tra il po di Gnocca e il Po di tolle,
che conferisce al mollusco qualità superiore e sapore delicato. nel Delta del Po,
sono fiorenti allevamenti in mare aperto, dove si ottiene un eccellente mollusco.
Il consumo è consigliato da aprile a settembre.
−I pesci
Canali, fiumi e paludi d'acqua dolce
Le specie più caratteristiche sono luccio, carpa, tinca, persico sole e pesce
gatto. Sui fondali fangosi vivono triglie, sogliole, passere e rombi. Sono quasi
scomparsi gli storioni ed il gambero d'acqua dolce, mentre si è diffuso molto
rapidamente il pesce siluro.
Valli da pesca
Si allevano soprattutto branzini, orate, cefali ed anguille.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Acque salmastre
Ghiozzo e latterino sono due specie di pesci che trascorrono tutta la loro vita
nelle acque salmastre delle lagune. L'anguilla passa gran parte della vita nelle
acque interne e va a riprodursi in mare. Anche diverse specie marine (cefali,
spigole e orate) spesso penetrano nelle zone umide costiere dove crescono più
rapidamente degli individui rimasti in mare.
L'Anguilla del Delta del Po
L'anguilla ha corpo cilindrico allungato serpentiforme, testa lunga, bocca con
piccoli denti, occhio rotondo, pinna dorsale unita alla pinna codale e pinne
pettorali corte tondeggianti, pelle viscida ricca di muco. Nel periodo delle
migrazioni riproduttive, l'anguilla assume colore bruno-verdastro scuro e ventre
argenteo. le anguille giovani sono pigmentate di giallo-verdastro. le femmine
raggiungono anche l alunghezza di 1,5 m e il peso di 6 kg capitoni; i maschi la
lunghezza massima di 50 cm e peso 150-200 g. L'anguilla si riproduce in mare ma
vive e si alleva nelle acwue salmastre lagunari e fluviali del Delta del Po. Il
consumo è consigliato da gennaio a marzo e da ottobre a dicembre.
Cefalo del Polesine
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Il cefalo è un pesce a corpo cilindrico color grigio con riflessi azzurri e
verdastri, fianchi argentei, capo allargato e appiattito, occhi ricoperti da
membrana trasparente e due pinne sul dorso di colore giallastro. Nelle valli del
Po vivono cinque specie di cefali: bosega (Chelon labrosus) di 30-60 cm, si pesca
in autunno; caostelo o custelo (Liza ramada) di 30 cm, si pesca nella stagione
estiva; lotregan (Liza
aurata)
aprile verzelata (Liza
saliens)
di
di
20
40
cm,
cm,
si
pesca
si
pesca
d'inverno
in
fino
primavera
ad
e
autunnovolpina (Mugil cephalus) di 60 cm, si pesca tutto l'anno. Il consumo è
consigliato tutto l'anno.
− Anfibi e rettili
Boschi litoranei
E' comune la rana agile, mentre assai rara è la più specializzata rana di Lataste.
Ad essi si è di recente affiancata la rana toro, grossa specie di origine
americana.
Nel Giardino Botanico di Caleri sono visibili le testuggini terrestri e l'unica
colonia nel Veneto del raro Pelobate fosco. La vipera comune sopravvive negli
ultimi lembi di foreste e pinete costiere.
Zone adiacenti al fiume
Piuttosto
comuni
sono
i
tritoni
crestato
e
punteggiato.
Tra i rettili la testuggine palustre è senza dubbio il più tipico del parco.
Abbondanti sono le bisce d'acqua: la biscia dal collare, lunga anche 150 cm, e la
biscia tassellata, di minori dimensioni. Si tratta di serpenti timidi e non mordaci
che, se avvicinati, si difendono emettendo sibili e evacuando un liquido di odore
repellente.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Zone umide Ospitano la rana verde, il rospo comune e il piccolo rospo smeraldino,
in grado di riprodursi anche in acque salmastre.
Molto diffusa è anche la raganella.
- Mammiferi
Oltre a ricci, talpe e toporagni, troviamo il toporagno acquaiolo, il topolino delle
risaie, l'arvicola d'acqua, la volpe e la famigerata nutria.
3 STATO AMBIENTALE PER RUMORE E VIBRAZIONI
3.1 Descrizione del clima acustico esistente presso le zone d'intervento
Per la classificazione acustica del sito d'interesse è necessario fare riferimento al
documento comunale del Comune di Gavello.
L'area su cui insiste l'allevamento è definita come Classe III/A – area agricola.
I valori limite espressi in Leq (A) sono riassunti nella tabella sottostante:
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
3,2
Descrizione delle vibrazioni presenti presso i siti in progetto
La zona d'intervento, non risentirà di particolari vibrazioni provenienti dalle
operazioni di allevamento. I rumori che maggior mente potrebbero interessare sono
riferiti ai ventilatori ed alle macchiene/attrezzi accessori all'allevamento stesso.
La matrice rumore è trascurabile nella maggior parte degli allevamenti. In alcuni casi,
come ad esempio la presenza di attività particolarmente rumorose e ripetutamente
segnalate, può essere necessario redigere una valutazione d’impatto acustico al perimetro dell’azienda. Solo in questi rari casi, in istruttoria verrà valutata la necessità di
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
ripetere la valutazione d’impatto acustico ogni tre anni.
4 STATO DELLA SALUTE E DEL BENESSERE DELL'UOMO
4.1 Descrizione di inquinamento sullo stato locale di salute e di benessere
dell'uomo
L'allevamento in esame è entrato in esercizio tra la fine degli anni ' 90 e i primi anni
2000 e, secondo i dati e le informazioni a disposizione degli scriventi, non si sono mai
manifestate situazioni di disagio da parte della popolazione locale provocate dalla
gestione dell'impianto.
5 IMPATTI AMBIENTALI DEL PROGETTO
5.1 SINTESI E SCELTA TRA LE ALTERNATVE PRESE IN CONSIDERAZIONE
5.1.1 Descrizione sintetica dei modelli, riferimenti utilizzati per la valutazione e la
stima degli impatti
Per individuare gli impatti sulle componenti ambientali, è necessario definire una
metodologia di valutazione che consenta di rilevare gli effetti negativi e positivi che
scaturiscono dalla realizzazione all'intervento in oggetto.
Nella presente valutazione si è optato per un approccio valutativo di tipo qualiquantitativo, utilizzando una metodologia finalizzata ad individuare tutti gli impatti
generati dal progetto, ad evidenziare le componenti ambientali per le quali è
necessario adottare misure di mitigazione specifiche in progetto definendoli
sinteticamente .
Si sono quindi descritti gli impatti generati dalle modifiche in progetto realizzati con
l'impiego di varie tecniche basate comunque sulla semplicità e sulla metodica del
principio.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per la valutazione degli impatti complessivi, quindi si è redatta una tabella riassuntiva
(matrice cromatica -metodo R Cossu per la valutazione dell'impatto ambientale)
contenente i dati riepilogativi della significatività degli aspetti ambientali di tutte le
attività in fase di gestione dell'impianto e di post-chiusura, che rappresenta una
proposta di valutazione dell'impatto ambientale prodotto. In sostanza si sono
evidenziati in ordinata l'elenco dei fattori casuali che si ritiene possano indurre degli
impatti ed in ascissa si sono riportati, invece, gli impatti prodotti da tali fattori sia in
fase di gestione, sia in fase di post-chiusura impianto.
Per l'individuazione e valutazione degli impatti si è confrontato un “ante operam”, da
ricondursi alla situazione impiantistica attuale, con lo stato “post operam” che
prevede
la
realizzazione
di
un
allevamento
di
galline
ovaiole
descritto
nell'inquadramento progettuale.
FATTORI CASUALI
− Consumi di risorse energetiche: combustibili fossili, energia elettrica, altre
risorse energetiche;
− Consumi di materie prime: acqua. Legno, ferro e metalli, inerti, altre materie
prime;
− Scarichi idrici: acque reflue;
− Emissioni: emissioni gassose;
− Rifiuti prodotti: non pericolosi, pericolosi;
− Impatti locali: rumore, cattivi odori, polvere, possibilità inquinamento, impatto
visivo, viabilità e traffico locale;
− Impatti generali: impatto su acque superficiali e non, modifica habitat
vegetali/animali, viabilità, traffico, qualità del servizio.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
IMPATTI
− Gestione dell'impianto
x
Occupazione del suolo
x
Trasporti da e verso l'allevamento
x
Movimentazione Rifiuti
x
Gestione pollina ed acque meteoriche;
x
Manutenzione Impianto
− Post-chiusura dell'impianto
x
Chiusura dell'impianto
x
Sistemazione Finale
x
Gestione e Manutenzione sito,
x
Rifiuti
x
Emergenza
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
VALUTAZIONE DELL'OPERA
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
1 RISCHI DA PRODUZIONE DI RIFUTI E RISCHIO IGENICO
SANITARIO
Il rischio legato alla produzione di rifiuti può essere considerato irrilevante a
seguito dell’adozione di una loro corretta gestione. In azienda tra i rifiuti veri e
prorpi possiamo riconoscere gli imballaggi ed i contenitori principalmente in plastica
di disinfettanti e detergenti debitamente risciacquati e le acque di queste operazioni
andranno aggiunte a quelle nelle vasche in cui sono utilizzati i prodotti. Allo stesso
modo i contenitori dei prodotti veterinari, farmaci, saranno stoccati in appositi locali
segnalati all’esterno con adeguato cartello con codice CER.
Dal punto di vista sanitario la gestione degli animali morti avverrà nel rispetto delle
vigenti norme igieniche. Questi animali verranno prelevati dai capannoni, da parte del
personale aziendale addetto e risposti nella cella frigorifera, dopo essere stati
registrati, per essere poi ritirati da una ditta specializzata allo smaltimento.
La gestione della pollina, stoccata in concimaia per un periodo che può variare da tre
a sei mesi, verrò utilizzata agronomicamente parte sui terreni aziendali, parte
venduta a terzi e parte consegnata ad una ditta che la utilizzerà per una centrale a
Biogas.
La nuova comunicazione nitrati verrà presentata alla Provincia di Padova.
La raccolta delle uova, quindi la selezione e l’imballaggio, avviene in un locale apposito
separato dalle aree di deposito dei prodotti non alimentari, con pareti e
pavimentazione lavabile.
2 IMPATTO SUL SUOLO E SULLE COLTIVAZIONI
Questo impatto potrà essere condizionato dall’ uso agronomico della lettiera avicola
che verrò utilizzata in parte nei terreni aziendali sempre nel rispetto dei quantitativi
previsti della normativa vigente in materia e in relazione alle:
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
-
Caratteristiche chimico-fisiche del terreno;
-
Fabbisogno specifico della coltura praticata;
-
Periodi utili, con riferimento alle condizioni climatiche;
-
Rispetto dei limiti di spargimento medio annuo previsto dalla Direttiva Nitrati
3 RISCHIO DI EMISSIONE DI RUMORI
L’allevamento è localizzata, secondo il piano di zonizzazione acustica comunale in
classe III come descritto nei paragrafi precedenti. I normali impianti classificati
come sorgenti sonore non causano rumore tale da ledere la quiete delle case
limitrofe.
4
RISCHI PER LA POPOLAZIONE
Il funzionamento dell’impianto non avrà effetti negativi sulla popolazione viste le
adeguate distanze dal centro abitato e comunque anche per le abitazioni della
vicinanze non sono previsti fenomeni di emissioni pericolose di alcun genere.
5
IMPATTO DA TRAFFICO E IMPATTO SULLA VIABITLIA’
L’attività di allevamento comporta inevitabilmente un aumento al traffico
veicolare locale attribuibile principalmente alla necessità di movimentazione degli
animali, di rifornimento mangime e di conseguenza delle uova prodotte, oltre allo
smaltimento della pollina:
Movimentazione
Accasamento
Stima viaggi/anno
11
Autotreno peso lordo ton
36
90
Autotreno peso lordo ton
45
200
Autotreno peso lordo ton
36
2
Autocarro cisterna peso
Mangime
Consegna uova
GPL
Mezzo di trasporto
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
lordo ton. 14
Visite Veterinarie
40
Autovettura
Trasporto animali al
macello
2
Autotreno peso lordo ton
36
Carcasse
2
Autocarro cisterna peso
lordo ton. 16
Rifiuti
1
Autocarro cisterna peso
lordo ton. 21
Da valutare
Spandiletame del peso
complessivo di ton. 14
trainato da trattrice
agricola
Trasporto pollina
L’area è fornita di una adeguata rete viaria interna che supporta le esigenze di
traffico dei mezzi locali
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
6
TEMPI DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO
L’intervento proposto presenta un tempo di realizzazione pari a circa un mese, esso
rientra nell’attuale attività di cantiere:
STRUTTURE IN FERRO, TAMPONAMENTI, SERRAMENTI
10 GG
IMPIANTISTICA
30/40GG
7
EVENTUALE DISMISSIONE DELL’IMPIANTO
Data la connessione delle opere con il fondo agricolo non si prevede la dismissione
dell’impianto in quanto la tipologia dello stesso è di recente conversione da Biologico a
convenzionale con un notevole esborso economico per l’azienda, pertanto si potrà
ritenere possibike una conversione dell’impianto ad altri usi in ambito agricolo, ma non
la totale dismissione delle strutture.
8 VALIDITA’ ECONOMICA DELL’IMPIANTO
Valutando i beni prodotti l’intervento è sicuramente conveniente
Uva prodotte mediamente
(da 320/330 uova capo anno)
31.040.000
Nella valutazione econimica dell’intervento si prendono a riferimento i dati
merceologici medi per gli allevamenti in soccida degli ultimi 3 anni daando valore €
0,77 ad uovo. Considerando che l’adeguamento strutturale per la tipologia di
allevamento richiede un investimento pari a ,€,1,000,000 ne risulta che il tempo di
rientro dell’investimento sia nell’ordine di:
31.040.000 * 0,0077= 239.008 €
1,000,000€ /239.000 €/anno = 4,18 anni
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO
DELL'ALLEVAMENTO
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
1
PREMESSA
Il Piano di Monitoraggio e Controllo è un documento nato in seguito all’attuazione della
Direttiva IPPC (Direttiva 96/61/CE e Direttiva 2008/1/CE) che ha introdotto il procedimento di rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) per le principali
attività industriali indicate nell’allegato I della Direttiva stessa.
La normativa europea vuole introdurre la necessità di mettere in atto un nuovo atteggiamento nei confronti della tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini sollecitando un’innovazione nella metodologia e nell’operatività rispetto alle questioni ambientali, sia per quanto riguarda i processi industriali sia per le modalità di approccio
dei controlli sull’inquinamento. Il nuovo concetto di controllo integrato, infatti, si pone
l’obiettivo di prevenire, ridurre e, per quanto è possibile, eliminare l’inquinamento intervenendo direttamente sulle fonti delle attività che lo producono.
Il Piano di Monitoraggio e Controllo è di fatto parte integrante della domanda di Autorizzazione Integrata Ambientale. Nella scheda E “Modalità di Gestione degli aspetti ambientali e Piano di Monitoraggio” presente nella modulistica predisposta dalla Regionale Veneto dall’allegato B alla DGR del 20 marzo 2007, n. 668, si richiede infatti
la predisposizione di un piano di autocontrollo delle aziende su tutta una serie di
aspetti ambientali e gestionali dell’azienda.
Il documento deve essere compilato dall’azienda stessa e successivamente valutato
dall’autorità competente, Provincia o Regione ed ARPAV, con scopo di chiarire quali
sono gli aspetti ambientali che devono essere monitorati e controllati dal gestore dell’impianto.
In seguito alla nascita di un Tavolo Tecnico di lavoro con REGIONE-PROVINCE-ARPAV per l’applicazione della direttiva IPPC negli allevamenti zootecnici, il modello generale di Piano di Monitoraggio e Controllo elaborato da ARPA Veneto su un modello
più generale di ISPRA (ex APAT) è stato rivisto e modificato in modo da costituire un
esempio esemplificativo da applicare ad un settore particolare come quello degli allevamenti zootecnici.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
2
STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO: ASPETTI
GENERALI
Il Piano di Monitoraggio dell’impianto comprende due parti principali:
- i controlli a carico del Gestore
- i controlli a carico dell’Autorità pubblica di controllo (ARPA e Amministrazioni Provinciali mediante misurazioni periodiche)
L’autocontrollo delle emissioni è la componente principale del piano di controllo dell’impianto e quindi del più complessivo sistema di gestione ambientale di un’attività
IPPC che, sotto la responsabilità del Gestore dell’impianto, assicura, nelle diverse fasi
di vita di un impianto stesso, un efficace monitoraggio degli aspetti ambientali dell’attività quali le emissioni nell’ambiente (emissioni in atmosfera, scarichi idrici, smaltimento rifiuti e consumo di risorse naturali).
Il monitoraggio delle emissioni di una attività IPPC può essere costituito dalla combinazione di:
- misure in continuo;
- misure discontinue (periodiche ripetute sistematicamente);
- stime basate su calcoli o altri algoritmi basati su parametri operativi del processo
produttivo.
Il documento che segue è strutturato in tre sezioni che rispecchiano le tre principali
tematiche da monitorare all’interno dell’azienda. La sezione 1 permette di descrivere
schematicamente tutte le componenti ambientali che entrano in gioco nei processi gestiti dall’impianto in esame: Il paragrafo 1.1 va ad elencare e quantificare tutte le materie prime che entrano nel ciclo produttivo dell’azienda e i prodotti che ne derivano,
mentre nei paragrafi 1.2, 1.3, 1.4 si vanno ad affrontare gli approvvigionamenti da fonti naturali ed energetiche (acqua, energia e combustibili) che l’azienda deve utilizzare; nei paragrafi 1.5, 1.6, 1.7, 1.8, 1.9 si vanno a identificare qualitativamente e quantitativamente le emissioni di inquinanti in acqua, aria e suolo e l’eventuale produzione di
inquinamento acustico e rifiuti. La sezione 2 invece va a focalizzare l’attenzione su
tutti quei fattori di gestione dell’impianto che di fatto sono inscindibili dal processo
produttivo e dall’ inquinamento prodotto, facendo un’analisi accurata delle fasi critiche dell’impianto, degli interventi di manutenzione ordinaria e sull’esistenza di aree di
stoccaggio presenti nell’ambito aziendale. La sezione 3, infine, elenca gli indicatori di
pressione monitorati (indicatori di performance ambientale). Tali indicatori sono in
grado di fornire le informazioni qualitative e quantitative che consentono di effetPer. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
tuare una valutazione dell’efficienza, dell’efficacia e del consumo delle risorse al fine
di permettere al gestore di adottare le strategie migliori atte a rafforzare il più possibile il perseguimento degli obiettivi ambientali. Gli indicatori di performance ambientale possono essere utilizzati come strumento di controllo indiretto tramite indicatori di impatto (ad esempio emissione di CO dovuta alla combustione) ed indicatori
di consumo delle risorse (ad esempio consumo di energia in un anno).
Quanto sopra descritto è riassunto da un quadro sinottico iniziale dove, oltre alle
frequenze di autocontrollo da parte delle aziende, ARPAV indica la tipologia di controllo (se ispezioni programmate o campionamento/analisi) che può svolgere nell’arco
di validità dell’Autorizzazione Integrata Ambientale così come previsto dall’articolo
11 comma 3 del D. Lgs n. 59/2005.
3
ATTIVITÀ ANALITICA
I metodi di campionamento ed analisi per le varie attività di autocontrollo dovranno
essere concordati con il Dip. Prov. ARPAV competente, comunicando la propria proposta secondo i tempi previsti dall'art.11 c.1 del D.lgs n. 59/05, e comunque prima di
eseguire le analisi di cui all'art.11 c.2 del citato D.lgs n. 59/05.
In caso di silenzio da parte dell’ente, entro 30 giorni, le indicazioni contenute nella
proposta fatta si intendono accettate.
L'azienda è comunque obbligata a comunicare ad ARPAV e Provincia, con almeno 15
giorni naturali e consecutivi di preavviso, le date di esecuzione delle attività di autocontrollo di emissioni, scarichi, rifiuti o rumore.
4
FONTE E REGISTRAZIONE DEI DATI PREVISTI DA PIANO
MONITORAGGIO ECONTROLLO
DI
E’ opportuno evidenziare che, in linea di massima, non si richiede la compilazione di
nuovi registri appositi per la Direttiva IPPC oltre i registri già in possesso dell’azienda
per obbligo di legge. Ove non sia previsto un registro per la raccolta dei dati la modalità di registrazione, a discrezione del gestore, deve essere opportunamente indicata
nel PMC. Il report annuale dei dati raccolti verrà effettuato attraverso un supporto
informatico, fornito dall’ente competente, a cui sarà allegata l’autocertificazione sulla
veridicità dei dati dichiarati.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
5
QUADRO SINOTTICO
FASI
GESTORE
Frequenza
autocontrollo
GESTORE
Reporting
ARPA
Ispezioni
programmate
1
COMPONENTI AMBIENTALI
1.1
Materie prime e prodotti
1.1.1
Materie
prime
Alla ricezione
Annuale
X
1.1.2
Prodotti
Finiti
Fine Ciclo
Annuale
X
1.2
Risorse idriche
1.2.1
Risorse
idriche
Annuale
X
1.3
Risorse energetiche
1.3.1
Energia
Annuale
X
1.4
Consumo Combustibili
1.4.1
Combustib
Annuale
ili
Annuale
X
1.5
Annuale
Annuale
Emissioni in Aria (solo in presenza di emissioni di tipo convogliato)
1.5.1
Punti di
emissioni
(emissioni N.A.
convogliat
e)
--
-
1.5.2
Inquinanti
N.A.
monitorati
--
-
1.6
X
Emissioni in acqua (solo in presenza di impianto di depurazione o scarichi
autorizzati ai sensi della normativa vigente)
1.6.1
Punti di
emissione
N.A.
--
-
1.6.2
Inquinanti
N.A.
monitorati
--
-
1.7
ARPA
Campionamenti
/ analisi (*)
X
Emissioni di Rumore 8solo per casi particolari elencati nelle presenti linee
guida)
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
1.7.1
Rumore
Autocertificazio
sorgenti e
-ne
misure
1.8
Emissioni di Rifiuti
1.8.1
Controllo
Rifiuti
Pericolosi
Annuale
SI
X
1.8.2
Controllo
Rifiuti non Annuale
Pericolosi
SI
X
1.9
X
X (su
segnalazione)
Suolo e sottosuolo (acque di falda monitorate solo per i casi previsti
dall’articolo 8, comma 2 della DGRV 2495/06)
1.9.1
Acque di
falda
N.A.
--
-
X
1.9.2
Terreni(*
***)
N.A.
--
X
X
2
GESTIONE IMPIANTO
2.1
Controllo fasi critiche/manutenzione/stoccaggi
2.1.1
Sistemi di
controllo
delle fasi
N.A.
critiche
del
processo
--
X
2.1.2
Interventi
di
manutenzi Ogni fine ciclo
one
ordinaria
NO (***)
X
2.1.3
Aree di
stoccaggi
o
NO
X
3
INDICATORI PRESTAZIONE
3.1
Monitoraggio degli indicatori di performance
Annuale
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
X
Monitorag
annuale
gio
3.2
--
X
Note: inseriti i controlli ARPAV
(*) Le modalità di controllo analitico verranno specificate in dettaglio (sulla base di quanto
ritenuto rilevante come impatto ambientale) nella lettera che verrà trasmessa da ARPAV
entro il 15 gennaio dello stesso anno in cui verrà eseguita l’ispezione ambientale integrata o
preventivamente alla comunicazione di cui all’art. 29 decies, c. 1 del D.Lgs 152/06.
(**) La Relazione dell’attività di monitoraggio è da inviare all’Autorità
competente e al Dipartimento Provinciale ARPAV competente, una volta conclusa, con
la periodicità stabilita, in concomitanza dell’invio del reporting annuale.
(***) Indicare nel report annuale i controlli con esiti negativi ovvero che hanno
riscontrato criticità ed eventi straordinari. Invece i dati con frequenza di
autocontrollo continua, se richiesti, dovranno essere inviati sempre, su supporto
informatico, in file tipo .xls o altro database compatibile, in allegato al report.
(****) ARPAV si riserva di effettuare il controllo analitico su terreni oggetto
di spandimento dei liquami; tale eventualità verrà specificata nella lettera dell’ avvio
all’ispezione
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
1 – COMPONENTI AMBIENTALI
Consumo materie prime
La tabella del paragrafo 1.1 si propone di elencare tutte le materie prime che entrano nel ciclo produttivo. Nel caso di un allevamento si tratta soprattutto di animali allevati (suini e pollame) e del mangime che viene somministrato agli stessi. La composizione
del mangime somministrato ai capi può avere un importante ruolo sull’ impatto ambientale soprattutto per il contenuto di fosforo e
azoto. A discrezione dell’azienda proponente e dell’Ente competente, nei casi in cui vengono utilizzati mangimi con diverse concentrazioni di P e N può essere utile inserire il dato nella tabella dividendolo in più classi corrispondenti a diversi range di concentrazione dei due elementi.
Non sono richiesti, in quanto non pertinenti in questa sede, il quantitativo di farmaci e additivi utilizzati.
Per quanto riguarda la frequenza di autocontrollo delle materie prime si chiede all’azienda di fare una proposta all’Ente competente in base alla propria organizzazione aziendale: se l’azienda ha l’abitudine di comprare il mangime mensilmente, proporrà nel PMC
una frequenza di autocontrollo “mensile”, se l’acquisto non ha tale regolarità sarà indicato “alla ricezione”.
L’azienda dovrà conservare i dati sul consumo di materie prime e comunicarli unitamente agli altri dati di autocontrollo richiesti
annualmente attraverso un report su supporto informatico che verrà predisposto dalla Regione del Veneto.
I dati richiesti per la comunicazione annuale sono già in possesso dell’azienda (fatture, bollette, contatori) e nella maggior parte
dei casi sono anche già registrati (registri fiscali e/o sanitari). Poiché eventuali registri vidimati non verranno consegnati insieme
al report annuale è indispensabile un’autocertificazione sulla veridicità dei dati dichiarati.
Per i dati indicati nelle tabelle 1.1.1., 1.1.2., 1.1.3 (tonnellate all’anno di mangime o capi all’anno allevati) sirichiede la comunicazione
del dato su base annuale indipendentemente dalla frequenza di autocontrollo indicata nel PMC.
L’azienda conserverà le fatture d’acquisto e i cartellini allegati ai mangimi con relativa composizione.
−
Denominazi Modalità
Fase di
one
stoccaggio
utilizzo
Capi di
bestiame Capannoni Stabulazione
UM
Tabella - Materie prime
Frequenza
autocontrollo
Fonte Dato
Unità
Alla ricezione
Contabilità Aziendale
Galline
Alimenti
Silos
Alimentazione
t/anno
Alla ricezione
Contabilità Aziendale
Lettiera
ZR3
Durante il
ciclo
kge/anno
Fine ciclo
Direttiva Nitrati
Detergenti
ZR1
Fine ciclo
l/anno
Alla ricezione
Contabilità Aziendale
Topicida
ZR1
Durante il
ciclo
Kg/anno
Alla ricezione
Contabilità Aziendale
Nota:
*Per lo stoccaggio vedi Planimetria Allegata
− Tabella – Prodotti Finiti
UM
Frequen
za
autocon
trollo
Fonte del Dato
unità
Unità
Fine
ciclo
Registro del gestore
kg
Kg/anno
Fine
ciclo
Registro del gestore
Processo
Denominazio
ne
Peso
Unitario
Galline
Capi Venduti
Peso
Numeri Cicli
Numero
cicli/anno
annuale
Registro del gestore
Durata Cicli
giorni
Fine ciclo
Registro del gestore
Uova
unità
Numero/an
no
Annuale
Capi
Unità
Unità/anno
Alla morte
Peso
Kg
Kg/anno
Alla morte
mc
Annuale
Capi
Deceduti
Reflui
Palabili
Contabilità
Registro del gestore
Contabilità
Registro del gestore
Contabilità
Registro del gestore
Contabilità
Registro del gestore
1.2 - Consumo risorse idriche
Come già ampiamente descritto nelle Linee Guida è necessario razionalizzare l’utilizzo di risorse idriche da parte dell’azienda. La quantificazione dei consumi può essere fatta grazie alla lettura da contatore o contalitri, se si utilizza acqua di falda. Si propone di applicare una frequenza
di lettura a fine ciclo o minima annuale salvo diversa determinazione della provincia.
I dati verranno inseriti e inviati all’autorità competente attraverso il report annuale riportando tutte le misurazioni effettuate con la frequenza stabilita dal PMC e i supporti, di tipo cartaceo o informatico, su cui vengono apposte volta per volta le letture, saranno a disposizione
dell’autorità competente per eventuali controlli durante il corso di validità dell’autorizzazione.
−
Tabella– Consumo risorse idriche
Tipologia di
approvvigionamento
Acquedotto
Fase di
Utilizzo
Alimentazione
mc/a
Frequenza
autocontrollo
Annuale
Bolletta/Contatore
Acquedotto
Diluizione
Medicinali
mc/a
Annuale
Bolletta/Contatore
Acquedotto
Pulizia
mc/a
Annuale
Bolletta/Contatore
UM
Fonte del dato
Anche per le tabelle 1.3 e 1.4 si ritiene opportuno effettuare una frequenza di autocontrollo a fine ciclo o minima annuale . Come per i consumi
idrici nel report annuale dovranno essere indicate tutte le misurazionie ffettuate secondo la frequenza concordata ed i supporti, di tipo cartaceo o informatico, su cui saranno apposte le letture dovranno essere a disposizione dell’autorità competente per tutta la durata di validità
dell’autorizzazione.
−
Tabella– Consumo energia
Descrizione
Energia
importata da rete
esterna
Tipologia
Energia
elettrica
Punto
misura
UM
Frequenza
autocontrollo
Contatore
KWh
Mensile
Fonte del dato
Bolletta/Contato
re
1.4.1 Tabella– Combustibili
Tipologia
UM
Metano
M3
Gasolio
litri
Frequenza
autocontrollo
Fonte del dato
NON UTILIZZATI PER L’ALLEVAMENTO E LA
CONFEZIONE UOVA
1.5.– Emissioni in aria
Le emissioni in aria di un allevamento sono sempre da considerare di tipo“diffuso”anche se vi sono camini che convogliano l’aria dalle strutture
di stabulazione. Le emissioni provengono dalle stalle ma anche dalle strutture di stoccaggio e di spandimento dei reflui zootecnici. L’attuale
tecnologia non permette di quantificare analiticamente queste emissioni diffuse di conseguenza è importante stimare almeno le emissioni principali, quali AMMONIACA e METANO. Questa stima può essere fatta attraverso i parametri forniti dal DM 29 gennaio 2007 o attraverso applicativi già disponibili per l’utente (ad es. gli applicativi delCRPA). Nel report annuale si richiede esclusivamente la comunicazione delle emissioni di tipo convogliato che sono soggette ad autorizzazione.
Fase
F1-F2-F3-F4-F5F6F1-F2-F3-F4-F5F6-
Fattore
Unità misura
fattore
0.090
Kg
NH3/posto/anno
Kg
CH4/posto/anno
0.082
Fonte del
dato
LG
Ministeriali
LG
Ministeriali
t/anno
8,7
7,9
1. Tabella - Punti di emissione (emissioni convogliate)
Non ci sono emissioni soggette ad autorizzazione
2. Tabella - Inquinanti monitorati
Non ci sono emissioni soggette ad autorizzazione
−
Tabella 1.6.1 - Punti di emissione
Non ci sono scarichi soggetti ad autorizzazione
−
Parametro
/
inquinante
Pollina
Tabella - Inquinanti monitorati
UM
Kg/anno
Punto di
emissione
Frequenza
autocontroll
o
allevamento Fine Ciclo
Fonte del
dato
Direttiva
Nitrati
Reporting
SI
−
Rumore
Tabella 1.7.1 - Rumore, sorgenti
La matrice rumore è trascurabile nella maggior parte degli allevamenti.
1.8
Rifiuti
1.8 – Rifiuti
L’azienda registra, per obbligo di legge, i rifiuti prodotti e trasportati dal registro di carico e scarico e
formulario. Annualmente il gestore dell'allevamento invierà il quantitativo annuale di rifiuti prodotti
(tonnellate all’anno).
Nelle tabelle in basso, 1.8.1 e 1.8.2, sono indicate le tipologie di rifiuti pericolosie non pericolosi che sono presenti in allevamento.
• Tabella – Rifiuti pericolosi
Descrizione
Rifiuti
Olii esausti
Codice CER
Modalità
stoccaggio
13.02.06
Fusti in un
bacino di
contenimento
Destinazion
e
(R/D)
R
Fonte del dato
Registro carico/scarico*
Batterie
16.06.01
Contenitori
R
Imballaggi
contenenti
15.01.10
Contenitori
R
sostanze
pericolose
• talvolta l’azienda effettua la manutenzione in officina.
Registro carico/scarico*
Registro carico/scarico*
• Tabella - Rifiuti non pericolosi
Descrizione
Rifiuti
Codice CER
Modalità
stoccaggio
Imballaggi in
vetro
15.01.07
Zona Rifiuti*
Imballaggi in
materiali misti
15.01.06
Zona Rifiuti*
Destinazion
e
(R/D)
R
R
Fonte del dato
Formulario rilasciato da
ditta specializzata
Calendario con scadenze
settimanali comunali
Imballaggi
cartone
15.01.01
Zona Rifiuti*
R
Calendario con scadenze
settimanali comunali
Carcasse
02.01.01
Cella Frigo*
R
Formulario rilasciato da
ditta specializzata
•
talvolta l’azienda effettua la manutenzione in officina.
– Suolo e sottosuolo
- Tabella– Acque di falda
NON APPLICABILE
−
Tabella– Terreni
NON APPLICABILE
2 - GESTIONE DELL’IMPIANTO
2.1.1 Tabella - Sistemi di controllo delle fasi critiche del processo
Fase
/attività
Criticità
Parametro
esercizio
UM
Frequenza
autocontroll
o
Fonte del dato
Stabulazion
e
Gestione
pollina
Sostanza secca
Solidi totali
%
Fine Ciclo
Ditta incaricata
N tot
Metalli pesanti
(Rame e Zinco)
Alimentazio
ne
Concentraz
ione di
azoto e
fosfati
Sostanza secca
Proteina Grezza*
Fosforo*
allo smaltimento
%
--
A cura del
soccidante
*il mangime viene preparato e fornito direttamente dal soccidante
−
Tabella -Interventi di manutenzione ordinaria/straordinaria
Macchinario/Impiant
Tipo di intervento
o
Fonte del dato
Frequenza
autocontrollo
Reporting (*)
Controllo
funzionalità
--
Inizio ciclo
REGISTRO AZIENDALE
Manutenzione
--
al bisogno
REGISTRO AZIENDALE
Mangiatoie/dispositiv Controllo
i per distribuzione
funzionalità
Inizio ciclo
REGISTRO AZIENDALE
Ventilatori
Controllo
funzionalità
Inizio ciclo
REGISTRO AZIENDALE
Sensori
termici/lampade
Controllo
funzionalità
Inizio ciclo
REGISTRO AZIENDALE
Abbeveratoi
Centralina controllo
automatismi
capannoni
Dispositivi elettrici
Controllo
funzionalità
Inizio ciclo
REGISTRO AZIENDALE
Finestre
Controllo
funzionalità
Inizio ciclo
REGISTRO AZIENDALE
Mezzi Meccanici
Controllo e
Manutenzione
Al bisogno
SI(x manutenzione)
Inizio ciclo
REGISTRO AZIENDALE
Sonde monitoraggio Controllo
temperatura/umidità Funzionalità
(*) indicare nel report i controlli con esiti negativi
−
Tabella –Aree di Stoccaggio
Strutture di stoccaggio Tipo di controllo
Sebatoio gpl
Silos mangime
Cella morti
Frequenza
NON UTILIZZATI PER L’ALLEVAMENTO E LA
CONFEZIONE UOVA -Temperatura
mensile
3- INDICATORI DI PRESTAZIONE
3.1
Modalità di
Registrazione
Tabella - Monitoraggio degli indicatori di performance
--
Indicatore e sua
descrizione
Descrizione
Modalità di
calcolo
U.M.
Frequenza di
monitoraggio
Consumo
specifico risorsa
idrica*
Quantitativo di acqua
prelevata rispetto al
numero di capi
allevati
Mc/capo
Calcolo
Annuale
Produzione di
reflui specifica*
Quantitativo di reflui
prodotti in relazione
ai capi allevati
Mc/capo
Calcolo
Annuale
Consumo
specifico
mangimi*
Quantitativo di
mangimi consumato
rispetto al numero di
capi allevati
Kg/capo
Calcolo
Annuale
Consumo
specifico
energia*
Quantitativo di
energia consumato
rispetto al numero di
capi allevati
KWh /capo
carne
Calcolo
Annuale
t/capo
Calcolo
Annuale
Quantitativo di
Consumo
gasolio consumato
specifico gasolio* rispetto al numero di
capi allevati
*nella realtà aziendale non viene effettuato un monitoraggio degli indicatori di performance ma attraverso i report annuali derivanti dal
soccidante ed i costi effettuati è possibile dedurli.
CHECK LIST A VERIFICA DELLE VALUTAZIONI FINALI
A verifica della sostenibilità del progetto proposto si ritiene non vi siano significative problematiche legate ai rischi ambientali.
Analizzando i singoli fattori di rischio possiamo sostenere quanto segue:
1.
Per le componenti fisiche del terreno
Non si prevedono volumi di sterro e riporto di terreno all'interno del fondo agricolo;
Non si prevede la realizzazione di nuove strade per il transit dei mezzi;
Non è previsto un aumento significativo del traffico veicolare;
Non vi è necessità di creare nuove infrastrutture di rilievo per l'approvvigionamento di acqua, energia elettrica e combustibile.
2. Habitat, territorio e popolazione
I terreni interessati, ad oggi coltivati, hanno solo valore agricolo;
Non esistono modificazioni all'habitat (flora e fauna), per le limitate superfici interessate dal progetto, visto che già inserito nel
contesto agricolo attuale;
Non può esserci sensibilità, per la popoazione, al rischio di impatto ambientale, inquinanti atmosferici all'attuazione del progetto,
in quanto tale rischio è considerato inesistente:
Non si può ipotizzare un impatto da abbandono dell'opera, trattandosi di un opera economicamente conveniente;
Non verranno modificate le condizioni sanitarie del territorio
3. Paesaggio
Non si ritiene l'intervento una modifica paesaggistico ambientale di tipo sostanziale.
4. Utilizzo delle risorse energetiche
Non si richiedono grandi apporti di energia elettrica;
Non si richiedono particolari apporti di risorsa idrica:
Non si prevede l'impiego di combustibili per il riscaldamento dei capannoni avicoli.
5. Produzione di rifiuti
Non si ha il problema dello smaltimento della pollina in quanto i terreni asserviti all'allevamento sono sufficienti a soddisfare le
necessità;
Non si pratica l'incenerimento dei rifiuti.
6. Inquinamento e disturbi ambientali
Non si manifestao effetti negativi significativi sulla popolazione in termini di emissione di odori molesti in atmosfera e
nell'ambiente, data la tipologia dell'impianto;
Non costituisce rischio di inquinamento delle falde acquifere la pollina depositata in concimaia chiusa costruita con elementi che
ne garantiscono la tenuta;
Non si avranno significative emissioni in atmosfera generate dall'utilizzo di combustibili;
Non si daranno luogo a scarichi idrici di sostanze organiche ed inorganiche o tossiche in corsi d'acqua;
Non si produrranno immissioni nell'ambiente di rumori significativi, di vibrazioni, di luce, di calore;
Non si daranno luogo ad elementi di perturbazione di processi geologici o geotecnici;
Non si avranno alterazioni dei dinamismi spontanei di caratterizzazione del paesaggio sia dal punto di vista visivo, sia con
riferimento agli aspetti storico-monimentali e culturali.
7. Rischio incidenti
Non si Prevede l'uso di sostanze pericolose;
Non si prevede l'uso regolare di diserbanti
Non esiste il rischio di rilascio di sostanze nocive nell'ambiente;
8. Aspetti Programmatici e Giuridici
Non è prevedibile l'infrazione di norme ambientali;
Non sono probabili conflitti con la politica i materia di uso dei terreni/assetto territoriale;
Non sono probabili conflittualità con la politica ambientale;
Non si modificheranno in alcun modo le condizioni sanitarie del territorio;
9. Aspetti della formazione
L'attività manageriale incide notevolmente sul buon esito del funzionamento dell'impianto, pertanto essendo obbligatoria la
formazione professionale, tutti gli operatori dovranno eseguire appositi corsi di aggiornamento in continuo tali da permettere agli
stessi il mantenimento degli standard gestionali;
10.
Consapevolezza pubblica
L'opinione pubblica dovrebbe vedere favorevolmente l'iniziativa perchè:
-
non sono prevedibili impatti ambientali significativi;
-
trattandosi di attività agricola, si può ritenere che la stessa sia compatibile con gli obiettivi programmatici del comune;
-
l'intervento ha contributo ad accrescere l'indotto economico ed occupazionale della zona per la fornitura e l'istallazione dei
manufatti e degli impianti;
-
in fase di esercizio sarà possibile la crescita occupazionale per l'impiego di operatori, per la gestione quotidiana dell'attività
di allevamento e di produzione delle uova;
− L'allevamento di galline ovaiole contribuisce alla produzione nazionale di uova riducendo il fabbisogno di importazioni da
altri paesi, riducendo quelli che sono gli impatti ambientali dovuti al trasporto.
− L'allevamento provvederà inoltre alla fornitura di sostanza organica ad altre aziende agricole sprovviste di allevamento
permettendo una minor impiego di concimi chimici.
CONCLUSIONI
In conclusione, possiamo sostenere che lo Studio d'Impatto Ambientale del progetto porta ad una valutazione complessiva di
inesistenza di significativi rischi ed impatti.
Povegliano Veronese 27/02/2013
Il Tecnic
Per Agr Pradella Cinzia
SCHEMA A BLOCCHI DEL PROCESSO PRODUTTIVO
AUSILIARI
FLUSSI DI PROCESSO
EMISSIONI-SCARICHI
1) CARICO PULCINI
(59950 capi/anno)
FARMACI
(quantità variabile a seconda
delle specifiche prescrizioni
veterinarie)
NH3
(5,3/ANNO)
CH4
(4,9/ANNO)
LETTIERA
(non presente)
ACQUA DI ACQUEDOTTO
(4796 MC/ANNO)
2) PRODUZIONE UOVA
OLII ESAUSTI
(non prodotti)
IMBALLAGGI
(10KG)
MANGIME E INTEGRATORI
(2400 Q.LI)
IMBALLAGGI FARMACI
(10KG/ANNO)
ENERGIA TERMICA
(MWH/ANNO)
CARCASSE ANIMALI
(1900/ANNO)
ENERGIA ELETTRICA
(419kwt/h)
ANIMALI
GASOLIO
(NP)
3) CARICO CAPI PER MACELLO
(MORTALITA’ 3%)
CAPIA FINE CICLO
(58050 CAPI/ANNO)
DISINFETTANTI
4) PULIZIA E DISINFEZIONE
ACQUE DI LAVAGGIO
(10 L/ANNO)
(18 MC/ANNO)
SCHEDA 2B - DATI E NOTIZIE SULL’IMPIANTO ATTUALE
B.1.1 Consumo di materie prime (parte storica) *
2
B.1.2 Consumo di materie prime (alla capacità produttiva)
3
B.2.1 Consumo di risorse idriche (parte storica) *
4
B.2.2 Consumo di risorse idriche (alla capacità produttiva)
5
B.3.1 Produzione di energia (parte storica) *
6
B.3.2 Produzione di energia (alla capacità produttiva)
6
B.4.1 Consumo di energia (parte storica) *
7
B.4.2 Consumo di energia(alla capacità produttiva)
7
B.5.1 Combustibili utilizzati (parte storica) *
8
B.5.2 Combustibili utilizzati (alla capacità produttiva)
8
B.6 Fonti di emissione in atmosfera di tipo convogliato
9
B.7.1 Emissioni in atmosfera di tipo convogliato (parte storica) *
10
B.7.2 Emissioni in atmosfera di tipo convogliato (alla capacità produttiva)
10
B.8.1 Fonti di emissioni in atmosfera di tipo non convogliato (parte storica) *
11
B.8.2 Fonti di emissioni in atmosfera di tipo non convogliato (alla capacità produttiva)
12
B.9.1 Scarichi idrici (parte storica) *
13
B.9.2 Scarichi idrici (alla capacità produttiva)
14
B.10.1 Emissioni in acqua (parte storica) *
15
B.10.2 Emissioni in acqua (alla capacità produttiva)
15
B.11.1 Produzione di rifiuti (parte storica) *
16
B.11.2 Produzione di rifiuti (alla capacità produttiva)
16
B.12 Aree di stoccaggio di rifiuti
17
B.13 Aree di stoccaggio di materie prime, prodotti ed intermedi
18
B.14 Rumore
19
B.15 Odori
20
B.16 Altre tipologie di inquinamento
21
B.17 Linee di impatto ambientale
22
pagina 1 di 24
SCHEDA B - DATI E NOTIZIE SULL’IMPIANTO ATTUALE
Le schede e gli allegati contrassegnati (*) riguardano solo impianti esistenti.
B.1.1 Consumo di materie prime (parte storica)
*
Anno di riferimento: 2012
Fasi di utilizzo
Stato
fisico
Denominazione
Frasi S
Tipo
Frasi R
Produttore e
scheda tecnica
% in peso
Descrizione
N° CAS
Eventuali sostanze pericolose contenute
Classe di
pericolosità
Consumo
annuo
Galline
OVOPEL
MP
F2
Solido
36.000 capi
Mangime
OVOPEL
MP
F2-F3-F4
Solido
1620 t
MP
F1
Solido
Non presente
Lettiera
Medicinali
OVOPEL
MP
ausiliaria
F3 – F4
Liquido
1,5 Kg
Vaccini
OVOPEL
MP
ausiliaria
F2-F3
Liquido
36.000 dosi
Detergente
Da valutare
MP
ausiliaria
F6-F7
Liquido
10 Lt
Disinfettante
Da valutare
MP
ausiliaria
F6-F7
liquido
10 Lt
Topicida
Da valutare
MP
ausiliaria
F1-F2-F3-F4F5-F6-F7
Bustine
da 30gr
50 gr
pagina 2 di 24
B.1.2 Consumo di materie prime (alla capacità produttiva) 2014 (presunta)
Stato
fisico
Denominazione
Frasi S
Fasi di
utilizzo
Tipo
Frasi R
Produttore e
scheda tecnica
% in peso
Descrizione
N° CAS
Eventuali sostanze pericolose contenute
Classe di
pericolosità
Consumo
annuo
Galline
Mangime
EUROVO
EUROVO
MP
MP
F2
F2-F3-F4
Solido
Solido
59950 capi
2400 t
Lettiera
Medicinali
EUROVO
MP
MP ausiliaria
F1
F3 – F4
Solido
Liquido
Non presente
3 Kg
Vaccini
EUROVO
MP ausiliaria
F2-F3
Liquido
59950 dosi
Detergente
EUROVO
MP ausiliaria
F6-F7
Liquido
10 Lt
Disinfettante
EUROVO
MP ausiliaria
F6-F7
liquido
10 Lt
Topicida
EUROVO
MP ausiliaria
F1-F2-F3F4-F5-F6F7
Bustine
da 30gr
50 gr
pagina 3 di 24
n.
Approvvigionamento
Fasi di
utilizzo
Anno di riferimento:2012
*
Volume
totale
annuo,
3
m
Utilizzo
Pozzo
F1-F2-F3F4-F7
Portata
oraria di
3
punta, m /h
Mesi di
punta
no
Fine
ciclo
Diluiz. disinfettanti
7
no
Fine
ciclo
raffreddamento
10
np
industriale
Abbeverata
2.900
igienico sanitario
industriale
altro (esplicitare)............................
pagina 4 di 24
Giorni di
punta
10
igienico sanitario
1
Consumo
3
giornaliero, m
Presenza
contatori
B.2.1 Consumo di risorse idriche (parte storica)
processo
raffreddamento
Ore di
punta
estivi
10-16
estivi
10-16
n.
Approvvigionamento
Fasi di
utilizzo
Volume
totale
3
annuo, m
Utilizzo
Pozzo
F1-F2F3-F4-F7
industriale
Giorni
di
punta
Fine
ciclo
Diluiz.
disinfettanti
15
no
Fine
ciclo
raffreddamento
18
np
Abbeverata
igienico sanitario
industriale
4796
processo
raffreddamento
altro
(esplicitare)............................
pagina 5 di 24
Mesi di
punta
no
Portata
oraria di
3
punta, m /h
18
igienico sanitario
1
Consumo
3
giornaliero m
Presenza
contatori
B.2.2 Consumo di risorse idriche (alla capacità produttiva) 2014 STIMATA
Ore di
punta
estivi
estivi
10-16
B.3.1 Produzione di energia (parte storica)
*
Anno di riferimento: NON PERTINENTE
ENERGIA TERMICA
Fase
Apparecchiatura
Combustibile
utilizzato
Potenza termica
di combustione
(kW)
Energia
prodotta
(MWh)
Quota ceduta a terzi
(MWh)
ENERGIA ELETTRICA
Potenza elettrica
nominale
(kVA)
Energia
prodotta
(MWh)
Quota ceduta a terzi
(MWh)
TOTALE
B.3.2 Produzione di energia (alla capacità produttiva) NON PERTINENTE
ENERGIA TERMICA
Fase
Apparecchiatura
Combustibile
utilizzato
Potenza termica
di combustione
(kW)
TOTALE
pagina 6 di 24
Energia
prodotta
(MWh)
Quota ceduta a terzi
(MWh)
ENERGIA ELETTRICA
Potenza elettrica
nominale
(kVA)
Energia
prodotta
(MWh)
Quota ceduta a terzi
(MWh)
B.4.1 Consumo di energia (parte storica)
Fase o gruppi di fasi
Energia termica
consumata (MWh)
*
Anno di riferimento:2012
Energia elettrica
consumata (MWh)
Prodotto principale
Consumo termico
specifico (kWh/unità)
Consumo elettrico
specifico (kWh/unità)
0
GALLINE
--
-
276 kwt annui
GALLINE/UOVA
0-
0,007
0-
GALLINE/UOVA
--
-
276 kwt
___
--
--
Prodotto principale
Consumo termico
specifico (kWh/unità)
Consumo elettrico
specifico (kWh/unità)
0
0,007
F1 – F2
(Riscaldamento pulcini)
F1 – F2 – F3 – F4
(Controllo ambientale,
illuminazione e
nutrizione)
0
F1 – F5 - F6 – F7
(Movimentazione mezzi)
TOTALE
B.4.2 Consumo di energia (alla capacità produttiva) 2014 STIMATA
Fase o gruppi di fasi
Energia termica
consumata (MWh)
Energia elettrica
consumata (MWh)
F1 – F2
(Riscaldamento pulcini)
GALLINE
F1 – F2 – F3 – F4
(Controllo ambientale,
illuminazione e
nutrizione)
419 kwt annui
F1 – F5 - F6 – F7
(Movimentazione mezzi)
GALLINE/UOVA
GALLINE/UOVA
TOTALE
419
pagina 7 di 24
___
B.5.1 Combustibili utilizzati (parte storica)
Combustibile
*
Anno di riferimento:STIMATA
%S
Consumo
annuo (t)
PCI (kJ/kg)
Energia (MJ)
-
-
-
-
B.5.2 Combustibili utilizzati (alla capacità produttiva)
Combustibile
%S
Consumo
annuo (t)
PCI (kJ/kg)
pagina 8 di 24
Energia (MJ)
B.6 Fonti di emissione in atmosfera di tipo convogliato
N° totale camini_____NESSUNO
n° camino ______
Posizione amministrativa _______
Caratteristiche del camino
Altezza dal
suolo
Area sez. di
uscita
Fasi e dispositivi
tecnici di provenienza
Monitoraggio in continuo delle emissioni:
n° camino ______
si
Sistemi di trattamento
no
Posizione amministrativa _______
Caratteristiche del camino
Altezza dal
suolo
Area sez. di
uscita
asi e dispositiv
tecnici di
proveni nza
Monitoraggio in continuo delle emissioni:
si
pagina 9 di 24
Sistemi di trattamento
no
B.7.1 Emissioni in atmosfera di tipo convogliato (parte storica)
Camino
Portata
3
Nm /h
Inquinanti
Flusso di
massa,
kg/h
Flusso di
massa,
kg/anno
*
Anno di
riferimento:
Concentrazione,
3
mg/Nm
% O2
B.7.2 Emissioni in atmosfera di tipo convogliato (alla capacità produttiva)
Camino
Portata
3
Nm /h
Inquinanti
Flusso di
massa,
kg/h
Flusso di
massa,
kg/anno
pagina 10 di 24
Concentrazione,
3
mg/Nm
% O2
B.8.1 Fonti di emissioni in atmosfera di tipo non convogliato
(parte storica)
Fase
*
Emissioni
fuggitive o
diffuse
Anno di
riferimento:
Inquinanti presenti
Descrizione
Tipologia
Quantità
CO2
irrilevante-
F1-F6
DIF
FUG
Movimentazione mezzi
Polveri
irrilevante-
F1 – F2 – F3
F4 – F5 – F6
F7
NH3, CH4, derivanti dalla
fermentazione della lettiera
Polveri derivanti dalla
ventilazione forzata
NH3
5,3
DIF
FUG
CH4
4,9
Polveri
-irrilevante
DIF
FUG
DIF
FUG
DIF
FUG
Note
pagina 11 di 24
B.8.2 Fonti di emissioni in atmosfera di tipo non convogliato (alla capacità
produttiva)
Fase
Emissioni
fuggitive o
diffuse
Inquinanti presenti
Descrizione
Tipologia
DIF
FUG
DIF
FUG
DIF
FUG
DIF
UG
DIF
FUG
Note
pagina 12 di 24
Quantità
B.9.1 Scarichi idrici (parte storica)
*
Anno di riferimento:
N° totale punti di scarico finale___
n° scarico finale _SF1
Recettore __
Portata media annua_____________________
Caratteristiche dello scarico
Scarico
parziale
Fase o superficie di
provenienza
n° scarico finale _SF2_____
% in volume
Modalità di scarico
Recettore __Pozzetti di Raccolta____
Superficie relativa, m
2
Impianti di
trattamento
Temperatura
pH
-
-
Portata media annua_____________________
Caratteristiche dello scarico
Scarico
parziale
Fase o superficie di
provenienza
n° scarico finale _SF3_____
% in volume
Modalità di scarico
Recettore ___Pozzetto di raccolta____
Superficie relativa, m
2
Impianti di
trattamento
Temperatura
pH
-
-
Portata media annua_____________________
Caratteristiche dello scarico
Scarico
parziale
Fase o superficie di
provenienza
% in volume
Modalità di scarico
pagina 13 di 24
Superficie relativa, m
2
Impianti di
trattamento
Temperatura
pH
B.9.2 Scarichi idrici (alla capacità produttiva)
N° totale punti di scarico finale
n° scarico finale ______
Recettore ________________________________
Portata media annua_____________________
Caratteristiche dello scarico
Scarico
parziale
Fase o superficie di
provenienza
n° scarico finale ______
% in volume
Modalità di scarico
Superficie relativa, m
Recettore ________________________________
2
Impianti di
trattamento
Temperatura
pH
Portata media annua_____________________
Caratteristiche dello scarico
Scarico
parziale
Fase o superficie di
provenienza
% in volume
Modalità di scarico
pagina 14 di 24
Superficie relativa, m
2
Impianti di
trattamento
Temperatura
pH
B.10.1 Emissioni in acqua (parte storica)
Scarichi parziali
Inquinanti
Sostanza
pericolosa
*
Anno di riferimento:
Flusso di massa
g/h
Concentrazione
mg/l
SI, P, PP, NO
B.10.2 Emissioni in acqua (alla capacità produttiva)
Scarichi parziali
Inquinanti
Sostanza
pericolosa
Flusso di massa
g/h
pagina 15 di 24
Concentrazione
mg/l
Anno di riferimento: STIMATA
B.11.1 Produzione di rifiuti (parte storica) *
Codice CER
Descrizione
Stato fisico
Stoccaggio
Quantità annua
prodotta
Fase di
provenienza
N° area
Modalità
Destinazione
15.01.07
Rifiuti in vetro
biomedicali
Solido
20Kg
F2-F3-F4
ZR1
Contenitori
Recupero
15 01 06
Imballaggi misti
Solido
7 Kg
F2 – F3 – F4
F5 – F6 – F7
ZR1
Contenitori
Recupero
15 01 02
Imballaggi in
plastica
Solido
10 Kg
F2 – F3 – F4
F5 – F6 – F7
ZR1
Contenitori
Recupero
13 01 05
Emulsioni non
clorurate
Solido
10 Kg
F7
ZR1
Contenitori
Recupero
Carcasse
Solido
8t
F2-F5
ZR2
Cella Frigo
Campagnola Adriano
(VR)
Pollina
Solido
t
F1-F2-F3-F4-F5F6-F7
capannoni
Smaltimento
PROGEO (RE)
020106
B.11.2 Produzione di rifiuti (alla capacità produttiva)
Codice CER
Descrizione
Stato fisico
Quantità annua
prodotta
pagina 16 di 24
Fase di
provenienza
Stoccaggio
N° area
Modalità
Destinazione
B.12 Aree di stoccaggio di rifiuti
Il complesso intende avvalersi delle disposizioni sul deposito temporaneo previste dall’art. 6 del D.Lgs.
22/97?
no
si
3
Indicare la capacità di stoccaggio complessiva (m ):
- rifiuti pericolosi destinati allo smaltimento
- rifiuti non pericolosi destinati allo smaltimento
- rifiuti pericolosi destinati al recupero
- rifiuti non pericolosi destinati al recupero
rifiuti pericolosi e non pericolosi destinati al recupero interno
N°
area
Identificazione
area
Capacità di
stoccaggio
Superficie
1
ZR
-
6m
2
pagina 17 di 24
________________________
________________________
________________________
2
______6 m _______
________________________
Caratteristiche
Tipologia rifiuti
stoccati
Area esterna,
adibita allo
stoccaggio dei rifiuti
Contenitori in
plastica e vetro,
elencati in B.11.1
B.13 Aree di stoccaggio di materie prime, prodotti ed intermedi<
Caratteristiche
N°
area
Identificazione
area
Capacità di
stoccaggio
Sup.
1
S1-6
760 q.li
-
2
SA
12 m
3
6m
2
Modalità
Capacità
Materiale
stoccato
Silos
760 q.li
Mangime
Cella congelatore
12 m
pagina 18 di 24
3
Spoglie animali
B.14 Rumore
IIIA (agricola/forestale)
Classe acustica identificativa della zona interessata dall’impianto: _
Limiti di emissione stabiliti dalla classificazione acustica per la zona interessata dall’impianto:
_55-60 dB(A)__(giorno) /__45-50 dB(A)_(notte)
Impianto a ciclo produttivo continuo: Sorgenti di
rumore
Localizzazione
si
no
Pressione sonora
massima (dBA) ad 1 m
dalla sorgente
giorno
notte
pagina 19 di 24
Sistemi di
contenimento
nella sorgente
Capacità di
abbattimento
(dBA)
B.15 Odori
Sorgenti note di odori
SI
NO
Segnalazioni di fas idi da odo i nell’area circ stante l’impianto
SI
NO
Descrizione delle sorgenti
Sorgente
Lettiera
F3 – F4
F5 – F6
Loclizzazione
C1 – C2
Tipologia
Persistenz
a
Intensità
Estensione della zona di
percet ibilità
Sistemi di contenimento
Decomposizione
sostanze
organiche
Ridotta
(Maggiore
in periodo
estivo)
Poco
Percettibile
Immediati dintorni
Utilizzo di una tecnologia di
stabulazione BAT
pagina 20 di 24
B.16 Altre tipologie di inquinamento
Riportare in questa sezione le informazioni relative ad altre forme di inquinamento non contemplate nelle
sezioni precedenti, quali per esempio inquinamento luminoso, elettromagnetismo, vibrazioni, amianto, PCB
L’allevamento riporta alcune carenze per la parte della gestione delle deiezioni nel momento in cui
verranno inserite le galline con la nuova capacità ben superiore a quella attuale..
pagina 21 di 24
B.17 Linee di impatto ambientale
ARIA
Contributi potenziali all'inquinamento atmosferico locale di macro-inquinanti
emessi da sorgenti puntuali
Contributi potenziali all'inquinamento atmosferico locale da micro-inquinanti
emessi da sorgenti puntuali
SI
NO
SI
NO
SI
Contributi potenziali ad inquinamenti atmosferici transfrontalieri
NO
SI
Rischi di inquinamento atmosferico da sorgenti diffuse
NO
SI
Rischio di produzione di cattivi odori
NO
SI
Rischio di produzione di aerosol potenzialmente pericolosi
NO
SI
Rischi di incidenti con fuoriuscita di nubi tossiche
NO
CLIMA
SI
Potenziali modifiche indesiderate al microclima locale
NO
SI
Rischi legati all’emissione di vapor acqueo
NO
SI
Potenziali contributi all’emissione di gas-serra
NO
SI
ACQUE SUPERFICIALI
Consumi di risorse idriche
NO
pagina 22 di 24
SI
Deviazioni permanenti di corsi d’acqua ed impatti conseguenti
Rischi di interferenze negative con l’esistente sistema di distribuzione delle
acque
NO
SI
NO
SI
Rischio di inquinamento di acque superficiali da scarichi diretti
Rischio di inquinamento di corpi idrici superficiali per dilavamento meteorico
di superfici inquinate
NO
SI
NO
SI
Rischi di inquinamenti acuti di acque superficiali da scarichi occasionali
Rischi di inquinamento di corpi idrici a causa di sversamenti incidentali di
sostanze pericolose da automezzi
NO
SI
NO
ACQUE SOTTERRANEE
SI
Riduzione della disponibilità di risorse idriche sotterranee
NO
SI
Consumi di risorse idriche sotterranee
NO
Interferenze dei flussi idrici sotterranei (prime falde) da parte di opere
sotterranee
Rischio di inquinamento delle acque di falda da percolazione di sostanze
pericolose conseguente ad accumuli temporanei di materiali di processo o a
deposito di rifiuti
Rischio di inquinamento delle acque di falda da percolazione di sostanze
pericolose attraverso la movimentazione di suoli contaminati
SI
NO
SI
NO
SI
NO
SUOLO, SOTTOSUOLO, ASSETTO IDRO GEOMORFOLOGICO
Potenziale incremento di rischi idrogeologici conseguenti all’alterazione
(diretta o indiretta) dell’assetto idraulico di corsi d’acqua e/o di aree di
pertinenza fluviale
Potenziale erosione indiretta di litorali in seguito alle riduzioni del trasporto
solido di corsi d’acqua
pagina 23 di 24
SI
NO
SI
NO
SI
Consumi di risorse del sottosuolo (materiali di cava, minerali)
NO
SI
Potenziali alterazioni dell’assetto esistente dei suoli
NO
SI
Induzione (o rischi di induzione) di subsidenza
Rischio di Inquinamento di suoli da parte di depositi di materiali con
sostanze pericolose
NO
SI
NO
RUMORE
SI
Potenziali impatti diretti da rumore su ricettori sensibili in fase di esercizio
Potenziali impatti da rumore su ricettori sensibili in fase di esercizio da
traffico indotto
NO
SI
NO
VIBRAZIONI
Possibili danni a edifici e/o infrastrutture derivanti da vibrazioni in fase di
esercizio
Possibili danni a edifici e/o infrastrutture derivanti da vibrazioni in fase di
esercizio prodotte dal traffico indotto
SI
NO
SI
NO
RADIAZIONI NON IONIZZANTI
Introduzione sul territorio di sorgenti di radiazioni elettromagnetiche, con
potenziali rischi conseguenti
SI
Rischio di modifica dell’attuale distribuzione delle sorgenti di onde
elettromagnetiche, con potenziali rischi conseguenti
SI
Potenziale produzione di luce notturna in ambienti sensibili
NO
SI
pagina 24 di 24
NO
NO
SCHEDA C - DATI E NOTIZIE SULL’IMPIANTO DA AUTORIZZARE
Indicare se l’impianto da autorizzare:.................................................................................................................2
 Coincide con l’assetto attuale
x
Nuovo assetto
non compilare la scheda C.......................................................................2
compilare tutte le sezioni seguenti ..................................................................................2
Riportare sinteticamente le tecniche proposte...................................................................................................2
Nuova tecnica proposta......................................................................................................................................2
Sigla....................................................................................................................................................................2
Fase....................................................................................................................................................................2
Linea d’impatto...................................................................................................................................................2
Sistema a gabbie arricchite................................................................................................................................2
Tutta la linea produttiva......................................................................................................................................2
tutta.....................................................................................................................................................................2
Variazioni............................................................................................................................................................3
Variazioni............................................................................................................................................................4
Descrizione delle variazioni................................................................................................................................4
B.1.1...................................................................................................................................................................4
B.10.2.................................................................................................................................................................4
Linee di impatto..................................................................................................................................................5
Aria ....................................................................................................................................................................5
Clima .................................................................................................................................................................5
Acque superficiali...............................................................................................................................................5
Acque sotterranee..............................................................................................................................................5
Suolo, sottosuolo................................................................................................................................................5
Rumore...............................................................................................................................................................5
Vibrazioni............................................................................................................................................................5
Radiazioni non ionizzanti...................................................................................................................................5
ARRICCHIMENTO GABBIE..............................................................................................................................5
Tecnica 2............................................................................................................................................................5
Tecnica 3............................................................................................................................................................5
Tecnica 4............................................................................................................................................................5
…........................................................................................................................................................................5
Intervento............................................................................................................................................................6
pagina 1 di 6
SCHEDA C - DATI E NOTIZIE SULL’IMPIANTO DA AUTORIZZARE
Le schede e gli allegati contrassegnati (*) riguardano solo impianti esistenti.
C.1 Impianto da autorizzare *
Indicare se l’impianto da autorizzare:
 Coincide con l’assetto attuale
x Nuovo assetto
non compilare la scheda C
compilare tutte le sezioni seguenti
Riportare sinteticamente le tecniche proposte
Nuova tecnica proposta
Sigla
Sistema a gabbie arricchite
pagina 2 di 6
Fase
Linea d’impatto
Tutta la linea produttiva
tutta
C.2 Sintesi delle variazioni*
Temi ambientali
Variazioni
Consumo di materie prime
SI
Consumo di risorse idriche
SI
Produzione di energia
NO
Consumo di energia
SI
Combustibili utilizzati
SI
Fonti di emissioni in atmosfera di tipo convogliato
NO
Emissioni in atmosfera di tipo convogliato
NO
Fonti di emissioni in atmosfera di tipo non convogliato
NO
Scarichi idrici
NO
Emissioni in acqua
NO
Produzione di rifiuti
SI
Aree di stoccaggio di rifiuti
NO
Aree di stoccaggio di materie prime, prodotti ed intermedi
SI
Rumore
NO
Odori
NO
Altre tipologie di inquinamento
NO
pagina 3 di 6
C.3 Consumi ed emissioni (alla capacità produttiva) dell’impianto da autorizzare*
Riferimento alla
scheda B
Variazioni
Descrizione delle variazioni
B.1.1
SI
Dal momento che il numero di animali verrà incrementato di più del
doppio ovviamente tutte le materie prime saranno incrementate
B.2.1
SI
B.3.1
NO
B.4.2
NO
B.5.2
NO
B.6
NO
B.7.2
NO
B.8.2
NO
B.9.2
NO
B.10.2
NO
B.11.1
SI
B.12
NO
B.13
NO
B.14
NO
B.15
NO
B.16
NO
L’acqua utilizzata per i processi di abbeverata subirà un incremento
mentre quella di refrigerazione e per la pulizia rimarrà invariata visto che
non subiranno variazioni i capannoni
La corrente utilizzata dovrebbe rimanere invariata dal momento che il
suo utilizzo non è collegato al riscaldamento ma ad una serie di altre
fasi relazionabili alla dimensione dei capannoni e pertanto invariate
Sicuramente avremmo un incremento di rifiuti
pagina 4 di 6
C.4 Benefici ambientali attesi*
Linee di impatto
Aria
Clima
Acque superficiali Acque sotterranee
Suolo, sottosuolo
Rumore
Vibrazioni
Radiazioni non ionizzanti
ARRICCHIMENTO
GABBIE
NO
NO
NO
NO
NO
NO
NO
NO
Tecnica 2
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
Tecnica 3
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
Tecnica 4
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
…
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
SI /NO
pagina 5 di 6
C.5 Programma degli interventi di adeguamento*
Intervento
1
DISMISSIONE CAPANNONE 1
E SUO SUCCESSIVO
ADEGUAMENTO A
CONCIMAIA
2
ARRICCHIMENTO GABBIE
DEI RIMANENTI DUE
CAPNANNONI CON
RIFACIMENTO COMPLETO
DELL’IMPIANTO IDRICO ED
ELETTRICO
Inizio lavori
Fine lavori
2014
30/06/14
2014
30/06/14
Note
Tempo di adeguamento complessivo
1 ANNO
Data conclusione
30/06/14
pagina 6 di 6
Piano di Monitoraggio e Controllo
AZIENDA AGRICOLA MASIERO GIAMPAOLO
CAT IPPC 6.6
6.6 A
GAVELLO (RO)
STATO FUTURO
(da agosto 2013)
Marzo 2013
Pagina 3 di 12
1 PREMESSA
Il Piano di Monitoraggio e Controllo è un documento nato in seguito all’attuazione della Direttiva IPPC (Direttiva
96/61/CE e Direttiva 2008/1/CE) che ha introdotto il procedimento di rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale
(AIA) per le principali attività industriali indicate nell’allegato I della Direttiva stessa.
La normativa europea vuole introdurre la necessità di mettere in atto un nuovo atteggiamento nei confronti della tutela
dell’ambiente e della salute dei cittadini sollecitando un’innovazione nella metodologia e nell’operatività rispetto alle
questioni ambientali, sia per quanto riguarda i processi industriali sia per le modalità di approccio dei controlli
sull’inquinamento. Il nuovo concetto di controllo integrato, infatti, si pone l’obiettivo di prevenire, ridurre e, per quanto è
possibile, eliminare l’inquinamento intervenendo direttamente sulle fonti delle attività che lo producono.
Il Piano di Monitoraggio e Controllo è di fatto parte integrante della domanda di Autorizzazione Integrata Ambientale.
Nella scheda E “Modalità di Gestione degli aspetti ambientali e Piano di Monitoraggio” presente nella modulistica
predisposta dalla Regionale Veneto dall’allegato B alla DGR del 20 marzo 2007, n. 668, si richiede infatti la
predisposizione di un piano di autocontrollo delle aziende su tutta una serie di aspetti ambientali e gestionali
dell’azienda.
Il documento deve essere compilato dall’azienda stessa e successivamente valutato dall’autorità competente, Provincia o
Regione ed ARPAV, con scopo di chiarire quali sono gli aspetti ambientali che devono essere monitorati e controllati dal
gestore dell’impianto.
In seguito alla nascita di un Tavolo Tecnico di lavoro con REGIONE-PROVINCE-ARPAV per l’applicazione della direttiva
IPPC negli allevamenti zootecnici, il modello generale di Piano di Monitoraggio e Controllo elaborato da ARPA Veneto su
un modello più generale di ISPRA (ex APAT) è stato rivisto e modificato in modo da costituire un esempio
esemplificativo da applicare ad un settore particolare come quello degli allevamenti zootecnici.
2 STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO
MONITORAGGIO E CONTROLLO: ASPETTI GENERALI
Il Piano di Monitoraggio dell’impianto comprende due parti principali:
- i controlli a carico del Gestore
- i controlli a carico dell’Autorità pubblica di controllo (ARPA e Amministrazioni Provinciali mediante misurazioni
periodiche)
L’autocontrollo delle emissioni è la componente principale del piano di controllo dell’impianto e quindi del più complessivo
sistema di gestione ambientale di un’attività IPPC che, sotto la responsabilità del Gestore dell’impianto, assicura, nelle
diverse fasi di vita di un impianto stesso, un efficace monitoraggio degli aspetti ambientali dell’attività quali le emissioni
nell’ambiente (emissioni in atmosfera, scarichi idrici, smaltimento rifiuti e consumo di risorse naturali).
Il monitoraggio delle emissioni di una attività IPPC può essere costituito dalla combinazione di:
- misure in continuo;
- misure discontinue (periodiche ripetute sistematicamente);
- stime basate su calcoli o altri algoritmi basati su parametri operativi del processo produttivo.
Il documento che segue è strutturato in tre sezioni che rispecchiano le tre principali tematiche da monitorare all’interno
dell’azienda. La sezione 1 permette di descrivere schematicamente tutte le componenti ambientali che entrano in gioco
nei processi gestiti dall’impianto in esame: Il paragrafo 1.1 va ad elencare e quantificare tutte le materie prime che
Pagina 3 di 12
entrano nel ciclo produttivo dell’azienda e i prodotti che ne derivano, mentre nei paragrafi 1.2, 1.3, 1.4 si vanno ad
affrontare gli approvvigionamenti da fonti naturali ed energetiche (acqua, energia e combustibili) che l’azienda deve
utilizzare; nei paragrafi 1.5, 1.6, 1.7, 1.8, 1.9 si vanno a identificare qualitativamente e quantitativamente le emissioni di
inquinanti in acqua, aria e suolo e l’eventuale produzione di inquinamento acustico e rifiuti. La sezione 2 invece va a
focalizzare l’attenzione su tutti quei fattori di gestione dell’impianto che di fatto sono inscindibili dal processo
produttivo e dall’ inquinamento prodotto, facendo un’analisi accurata delle fasi critiche dell’impianto, degli interventi di
manutenzione ordinaria e sull’esistenza di aree di stoccaggio presenti nell’ambito aziendale. La sezione 3, infine, elenca
gli indicatori di pressione monitorati (indicatori di performance ambientale). Tali indicatori sono in grado di fornire le
informazioni qualitative e quantitative che consentono di effettuare una valutazione dell’efficienza, dell’efficacia e del
consumo delle risorse al fine di permettere al gestore di adottare le strategie migliori atte a rafforzare il più possibile il
perseguimento degli obiettivi ambientali. Gli indicatori di performance ambientale possono essere utilizzati come
strumento di controllo indiretto tramite indicatori di impatto (ad esempio emissione di CO dovuta alla combustione) ed
indicatori di consumo delle risorse (ad esempio consumo di energia in un anno).
Quanto sopra descritto è riassunto da un quadro sinottico iniziale dove, oltre alle frequenze di autocontrollo da parte
delle aziende, ARPAV indica la tipologia di controllo (se ispezioni programmate o campionamento/analisi) che può
svolgere nell’arco di validità dell’Autorizzazione Integrata Ambientale così come previsto dall’articolo 11 comma 3 del D.
Lgs n. 59/2005.
3 ATTIVITÀ ANALITICA
I metodi di campionamento ed analisi per le varie attività di autocontrollo dovranno essere concordati con il Dip. Prov.
ARPAV competente, comunicando la propria proposta secondo i tempi previsti dall'art.11 c.1 del D.lgs n. 59/05, e
comunque prima di eseguire le analisi di cui all'art.11 c.2 del citato D.lgs n. 59/05.
In caso di silenzio da parte dell’ente, entro 30 giorni, le indicazioni contenute nella proposta fatta si intendono
accettate.
L'azienda è comunque obbligata a comunicare ad ARPAV e Provincia, con almeno 15 giorni naturali e consecutivi di
preavviso, le date di esecuzione delle attività di autocontrollo di emissioni, scarichi, rifiuti o rumore.
4 FONTE E REGISTRAZIONE DEI DATI PREVISTI DA PIANO DI MONITORAGGIO ECONTROLLO
E’ opportuno evidenziare che, in linea di massima, non si richiede la compilazione di nuovi registri appositi per la
Direttiva IPPC oltre i registri già in possesso dell’azienda per obbligo di legge. Ove non sia previsto un registro per la
raccolta dei dati la modalità di registrazione, a discrezione del gestore, deve essere opportunamente indicata nel PMC. Il
report annuale dei dati raccolti verrà effettuato attraverso un supporto informatico, fornito dall’ente competente, a cui
sarà allegata l’autocertificazione sulla veridicità dei dati dichiarati.
Pagina 3 di 12
INDICE
1
PREMESSA ............................................................................................................................................. 2
2 STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO: ASPETTI GENERALI .............................................. 2
3 ATTIVITÀ ANALITICA ............................................................................................................................... 3
4 FONTE E REGISTRAZIONE DEI DATI PREVISTI DA PIANO DI MONITORAGGIO ECONTROLLO ............................... 3
5 QUADRO SINOTTICO ................................................................................................................................ 5
1 – COMPONENTI AMBIENTALI .......................................................................................................................... 7
1.1 Consumo materie prime ......................................................................................................................... 7
1.1.1 Tabella - Materie prime .................................................................................................................. 7
1.1.2 Tabella – Prodotti Finiti................................................................................................................. 8
1.2.1 Tabella– Consumo risorse idriche..................................................................................................... 8
1.3.1 Tabella– Consumo energia............................................................................................................... 9
1.4.1 Tabella– Combustibili......................................................................................................................... 9
1.5.1 Tabella - Punti di emissione (emissioni convogliate) ........................................................................... 9
1.5.2
Tabella - Inquinanti monitorati ..................................................................................................... 9
1.6.1 Tabella 1.6.1 - Punti di emissione ..................................................................................................... 9
1.6.2
Tabella - Inquinanti monitorati ..................................................................................................... 9
1.7
Rumore.......................................................................................................................................... 10
1.8.1 Tabella – Rifiuti pericolosi ............................................................................................................ 10
1.8.2
Tabella - Rifiuti non pericolosi ................................................................................................... 10
1.2
– Suolo e sottosuolo ........................................................................................................................ 11
1.9.1 Tabella– Acque di falda ................................................................................................................ 11
1.9.2
Tabella– Terreni ...................................................................................................................... 11
2 - GESTIONE DELL’IMPIANTO ........................................................................................................................ 11
2.1.1 Tabella - Sistemi di controllo delle fasi critiche del processo................................................................. 11
2.1.2
Tabella -Interventi di manutenzione ordinaria/straordinaria ........................................................... 11
2.1.3
Tabella –Aree di Stoccaggio ...................................................................................................... 12
3- INDICATORI DI PRESTAZIONE ..................................................................................................................... 12
3.1
Tabella - Monitoraggio degli indicatori di performance ......................................................................... 12
Pagina 3 di 12
PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO (P.M.C.)
5 QUADRO SINOTTICO
FASI
GESTORE
Frequenza
autocontrollo
1
1.1
GESTORE
Reporting
ARPA
Ispezioni programmate
COMPONENTI AMBIENTALI
Materie prime e prodotti
1.1.1
Materie prime
Alla ricezione
Annuale
X
1.1.2
Prodotti Finiti
Fine Ciclo
Annuale
X
Annuale
Risorse idriche
Annuale
X
Annuale
Risorse energetiche
Annuale
X
Annuale
Consumo Combustibili
Annuale
X
1.2
1.2.1
1.3
1.3.1
1.4
1.4.1
Risorse idriche
Energia
Combustibili
1.5
1.5.1
ARPA
Campionamenti/
analisi (*)
Emissioni in Aria (solo in presenza di emissioni di tipo convogliato)
Punti di emissioni
(emissioni
convogliate)
N.A.
--
-
1.5.2
1.6
Inquinanti monitorati
X
N.A.
-Emissioni in acqua (solo in presenza di impianto di depurazione o scarichi autorizzati ai sensi della normativa
vigente)
1.6.1
Punti di emissione
N.A.
--
-
1.6.2
Inquinanti monitorati
N.A.
--
-
1.7
1.7.1
Emissioni di Rumore 8solo per casi particolari elencati nelle presenti linee guida)
Rumore sorgenti e
Autocertificazione
-X
X (su segnalazione)
misure
1.8
Emissioni di Rifiuti
1.8.1
Controllo Rifiuti
Pericolosi
Annuale
SI
X
1.8.2
Controllo Rifiuti non
Pericolosi
Annuale
SI
X
1.9
1.9.1
X
Suolo e sottosuolo (acque di falda monitorate solo per i casi previsti dall’articolo 8, comma 2 della DGRV
2495/06)
Acque di falda
N.A.
--
-
X
Pagina 3 di 12
1.9.2
Terreni(****)
2
2.1
N.A.
--
X
X
GESTIONE IMPIANTO
IMPIANTO
Controllo fasi critiche/manutenzione/stoccaggi
2.1.1
Sistemi di controllo
delle fasi critiche
del processo
2.1.2
Interventi di
manutenzione
ordinaria
2.1.3
Aree di stoccaggio
3
3.1
Monitoraggio
3.2
Note: inseriti i controlli ARPAV
N.A.
--
X
Ogni fine ciclo
NO (***)
X
Annuale
NO
X
X
INDICATORI PRESTAZIONE
Monitoraggio degli indicatori di performance
annuale
--
X
(*) Le modalità di controllo analitico verranno specificate in dettaglio (sulla base di quanto ritenuto rilevante
come impatto ambientale) nella lettera che verrà trasmessa da ARPAV entro il 15 gennaio dello stesso anno in cui verrà
eseguita l’ispezione ambientale integrata o preventivamente alla comunicazione di cui all’art. 29 decies, c. 1 del D.Lgs
152/06.
(**) La Relazione dell’attività di monitoraggio è da inviare all’Autorità competente e al Dipartimento Provinciale
ARPAV competente, una volta conclusa, con la periodicità stabilita, in concomitanza dell’invio del reporting annuale.
(***) Indicare nel report annuale i controlli con esiti negativi ovvero che hanno riscontrato criticità ed eventi
straordinari. Invece i dati con frequenza di autocontrollo continua, se richiesti, dovranno essere inviati sempre, su
supporto informatico, in file tipo .xls o altro database compatibile, in allegato al report.
(****) ARPAV si riserva di effettuare il controllo analitico su terreni oggetto di spandimento dei liquami; tale
eventualità verrà specificata nella lettera dell’ avvio all’ispezione
Pagina 3 di 12
1 – COMPONENTI AMBIENTALI
1.1
Consumo
Consumo materie prime
La tabella del paragrafo 1.1 si propone di elencare tutte le materie prime che entrano nel ciclo produttivo. Nel caso
di un allevamento si tratta soprattutto di animali allevati (suini e pollame) e del mangime che viene somministrato
agli stessi. La composizione del mangime somministrato ai capi può avere un importante ruolo sull’ impatto
ambientale soprattutto per il contenuto di fosforo e azoto. A discrezione dell’azienda proponente e dell’Ente
competente, nei casi in cui vengono utilizzati mangimi con diverse concentrazioni di P e N può essere utile inserire
il dato nella tabella dividendolo in più classi corrispondenti a diversi range di concentrazione dei due elementi.
Non sono richiesti, in quanto non pertinenti in questa sede, il quantitativo di farmaci e additivi utilizzati.
Per quanto riguarda la frequenza di autocontrollo delle materie prime si chiede all’azienda di fare una proposta
all’Ente competente in base alla propria organizzazione aziendale: se l’azienda ha l’abitudine di comprare il mangime
mensilmente, proporrà nel PMC una frequenza di autocontrollo “mensile”, se l’acquisto non ha tale regolarità sarà
indicato “alla ricezione”.
L’azienda dovrà conservare i dati sul consumo di materie prime e comunicarli unitamente agli altri dati di
autocontrollo richiesti annualmente attraverso un report su supporto informatico che verrà predisposto dalla
Regione del Veneto.
I dati richiesti per la comunicazione annuale sono già in possesso dell’azienda (fatture, bollette, contatori) e nella
maggior parte dei casi sono anche già registrati (registri fiscali e/o sanitari). Poiché eventuali registri vidimati non
verranno consegnati insieme al report annuale è indispensabile un’autocertificazione sulla veridicità dei dati
dichiarati.
Per i dati indicati nelle tabelle 1.1.1., 1.1.2., 1.1.3 (tonnellate all’anno di mangime o capi all’anno allevati) sirichiede la
comunicazione del dato su base annuale indipendentemente dalla frequenza di autocontrollo indicata nel PMC.
L’azienda conserverà le fatture d’acquisto e i cartellini allegati ai mangimi con relativa composizione.
Tabella - Materie prime
Modalità
Denominazione
Fase di utilizzo
stoccaggio
Capi di bestiame
Capannoni
Stabulazione
Galline
1.1.1
UM
Frequenza autocontrollo
Fonte Dato
Unità
Alla ricezione
Contabilità Aziendale
Alimenti
Silos
Alimentazione
t/anno
Alla ricezione
Contabilità Aziendale
Lettiera
ZR3
Durante il ciclo
kge/anno
Fine ciclo
Direttiva Nitrati
Detergenti
ZR1
Fine ciclo
l/anno
Alla ricezione
Contabilità Aziendale
Topicida
ZR1
Durante il ciclo
Kg/anno
Alla ricezione
Contabilità Aziendale
Nota:
*Per lo stoccaggio vedi Planimetria Allegata
Pagina 7 di 12
1.1.2
Tabella – Prodotti Finiti
Unità
Frequenza
autocontrollo
Fine ciclo
Registro del gestore
Kg/anno
Fine ciclo
Registro del gestore
Numeri Cicli
Numero
cicli/anno
annuale
Registro del gestore
Durata Cicli
giorni
Fine ciclo
Registro del gestore
unità
Numero/anno
Annuale
Contabilità
Registro del gestore
Capi
Unità
Unità/anno
Alla morte
Contabilità
Registro del gestore
Peso
Kg
Kg/anno
Alla morte
Contabilità
Registro del gestore
mc
Annuale
Contabilità
Registro del gestore
Processo
Galline
Denominazione
Peso Unitario
UM
unità
kg
Capi Venduti
Peso
Uova
Capi Deceduti
Reflui
Palabili
Fonte del Dato
1.2 - Consumo risorse idriche
Come già ampiamente descritto nelle Linee Guida è necessario razionalizzare l’utilizzo di risorse idriche da parte
dell’azienda. La quantificazione dei consumi può essere fatta grazie alla lettura da contatore o contalitri, se si
utilizza acqua di falda. Si propone di applicare una frequenza di lettura a fine ciclo o minima annuale salvo diversa
determinazione della provincia.
I dati verranno inseriti e inviati all’autorità competente attraverso il report annuale riportando tutte le misurazioni
effettuate con la frequenza stabilita dal PMC e i supporti, di tipo cartaceo o informatico, su cui vengono apposte
volta per volta le letture, saranno a disposizione dell’autorità competente per eventuali controlli durante il corso di
validità dell’autorizzazione.
1.2.1
Tabella
Tabella–
la– Consumo risorse idriche
Tipologia di
Fase di Utilizzo
approvvigionamento
Acquedotto
Alimentazione
mc/a
Frequenza
autocontrollo
Annuale
Bolletta/Contatore
UM
Fonte del dato
Acquedotto
Diluizione
Medicinali
mc/a
Annuale
Bolletta/Contatore
Acquedotto
Pulizia
mc/a
Annuale
Bolletta/Contatore
Anche per le tabelle 1.3 e 1.4 si ritiene opportuno effettuare una frequenza di autocontrollo a fine ciclo o minima
annuale . Come per i consumi idrici nel report annuale dovranno essere indicate tutte le misurazionie ffettuate
secondo la frequenza concordata ed i supporti, di tipo cartaceo o informatico, su cui saranno apposte le letture
dovranno essere a disposizione dell’autorità competente per tutta la durata di validità dell’autorizzazione.
Pagina 8 di 12
1.3.1
Tabella–
Tabella– Consumo energia
energia
Tipologia
Descrizione
Energia
importata da rete esterna
Punto misura
UM
Frequenza
autocontrollo
Fonte del dato
Contatore
KWh
Mensile
Bolletta/Contatore
Energia
elettrica
1.4.1 Tabella–
Tabella– Combustibili
Tipologia
UM
Metano
Gasolio
Frequenza
autocontrollo
M3
litri
Fonte del dato
NON UTILIZZATI PER L’ALLEVAMENTO E LA
CONFEZIONE UOVA
1.5.–
1.5.– Emissioni in aria
Le emissioni in aria di un allevamento sono sempre da considerare di tipo“diffuso”anche se vi sono camini che
convogliano l’aria dalle strutture di stabulazione. Le emissioni provengono dalle stalle ma anche dalle strutture di
stoccaggio e di spandimento dei reflui zootecnici. L’attuale tecnologia non permette di quantificare analiticamente
queste emissioni diffuse di conseguenza è importante stimare almeno le emissioni principali, quali AMMONIACA e
METANO. Questa stima può essere fatta attraverso i parametri forniti dal DM 29 gennaio 2007 o attraverso
applicativi già disponibili per l’utente (ad es. gli applicativi delCRPA). Nel report annuale si richiede esclusivamente
la comunicazione delle emissioni di tipo convogliato che sono soggette ad autorizzazione.
Fase
F1-F2-F3-F4-F5-F6-
Fattore
0.090
Unità misura fattore Fonte del dato
Kg NH3/posto/anno LG Ministeriali
t/anno
7,50
F1-F2-F3-F4-F5-F6-
0.082
Kg CH4/posto/anno
6,80
LG Ministeriali
1.5.1
Tabella - Punti di emissione (emissioni convogliate)
Non ci sono emissioni soggette ad autorizzazione
1.5.2 Tabella - Inquinanti monitorati
Non ci sono emissioni soggette ad autorizzazione
1.6.1 Tabella 1.6.1 - Punti di emissione
Non ci sono scarichi soggetti ad autorizzazione
1.6.2
Tabella - Inquinanti monitorati
Parametro/
inquinante
Pollina
UM
Kg/anno
Punto di
emissione
allevamento
Frequenza
autocontrollo
Fine Ciclo
Fonte del dato
Direttiva
Nitrati
Reporting
SI
Pagina 9 di 12
1.7 Rumore
Tabella 1.7.1 - Rumore, sorgenti
La matrice rumore è trascurabile nella maggior parte degli allevamenti.
1.8
Rifiuti
1.8 – Rifiuti
L’azienda registra, per obbligo di legge, i rifiuti prodotti e trasportati dal registro di carico e scarico e
formulario. Annualmente il gestore dell'allevamento invierà il quantitativo annuale di rifiuti prodotti
(tonnellate all’anno).
Nelle tabelle in basso, 1.8.1 e 1.8.2, sono indicate le tipologie di rifiuti pericolosie non pericolosi che sono presenti
in allevamento.
1.8.1
Tabella – Rifiuti pericolosi
Descrizione Rifiuti
Codice CER
Modalità
stoccaggio
Olii esausti
13.02.06
Fusti in un bacino
di contenimento
Batterie
16.06.01
Imballaggi
contenenti
sostanze
pericolose
15.01.10
Contenitori
Contenitori
Destinazione
(R/D)
R
Fonte del dato
Registro carico/scarico*
R
Registro carico/scarico*
R
Registro carico/scarico*
Destinazione
Destinazione
(R/D)
Fonte del dato
* talvolta l’azienda effettua la manutenzione in officina.
1.8.2
Tabella - Rifiuti non pericolosi
Descrizione Rifiuti
Codice CER
Modalità
stoccaggio
Imballaggi in vetro
15.01.07
Zona Rifiuti*
Imballaggi in
materiali misti
15.01.06
Zona Rifiuti*
R
R
Formulario rilasciato da ditta
specializzata
Calendario con scadenze
settimanali comunali
Pagina 10 di 12
Imballaggi cartone
15.01.01
Zona Rifiuti*
R
Calendario con scadenze
settimanali comunali
Carcasse
02.01.01
Cella Frigo*
R
Formulario rilasciato da ditta
specializzata
* talvolta l’azienda effettua la manutenzione in officina.
1.2 – Suolo e sottosuolo
1.9.1
Tabella–
Tabella– Acque di falda
NON APPLICABILE
APPLICABILE
1.9.2
Tabella–
Tabella– Terreni
NON APPLICABILE
2 - GESTIONE DELL’IMPIANTO
2.1.1 Tabella - Sistemi di controllo delle fasi critiche del processo
Fase /attività
Stabulazione
Alimentazione
Criticità
Parametro esercizio
Sostanza secca
Solidi totali
Gestione pollina
N tot
Metalli pesanti (Rame
e Zinco)
Concentrazione
Sostanza secca
di azoto e
Proteina Grezza*
fosfati
Fosforo*
UM
Frequenza
autocontrollo
Fonte del dato
%
Fine Ciclo
Ditta incaricata allo
smaltimento
%
--
A cura del soccidante
*il mangime viene preparato e fornito direttamente dal soccidante
2.1.2
Tabella -Interventi di manutenzione ordinaria/straordinaria
ordinaria/straordinaria
Macchinario/Impianto
Tipo di intervento
Fonte del dato
Frequenza
autocontrollo
Abbeveratoi
Controllo funzionalità
--
Inizio ciclo
--
al bisogno
Centralina controllo
Manutenzione
automatismi capannoni
Mangiatoie/dispositivi per
Controllo funzionalità
distribuzione
Inizio ciclo
Ventilatori
Controllo funzionalità
Inizio ciclo
Sensori termici/lampade
Controllo funzionalità
Inizio ciclo
Dispositivi elettrici
Controllo funzionalità
Inizio ciclo
Reporting (*)
REGISTRO
AZIENDALE
REGISTRO
AZIENDALE
REGISTRO
AZIENDALE
REGISTRO
AZIENDALE
REGISTRO
AZIENDALE
REGISTRO
AZIENDALE
Pagina 11 di 12
Finestre
Controllo funzionalità
Inizio ciclo
Mezzi Meccanici
Controllo e Manutenzione
Al bisogno
Sonde monitoraggio
Controllo Funzionalità
temperatura/umidità
(*) indicare nel report i controlli con esiti negativi
2.1.3
Tabella –Aree di Stoccaggio
Strutture di stoccaggio
Sebatoio gpl
Silos mangime
Cella morti
3.1
Inizio ciclo
REGISTRO
AZIENDALE
SI(x
manutenzione)
REGISTRO
AZIENDALE
Tipo di controllo
Frequenza
Modalità di
Registrazione
NON UTILIZZATI PER L’ALLEVAMENTO E LA CONFEZIONE UOVA -Temperatura
mensile
--
3- INDICATORI DI PRESTAZIONE
PRESTAZIONE
Tabella - Monitoraggio degli indicatori di performance
Indicatore e sua
descrizione
Descrizione
Modalità di
calcolo
U.M.
Frequenza di
monitoraggio
Quantitativo di acqua
prelevata rispetto al
Mc/capo
Calcolo
Annuale
numero di capi allevati
Quantitativo di reflui
Produzione di reflui
prodotti in relazione ai
Mc/capo
Calcolo
Annuale
specifica*
capi allevati
Quantitativo di mangimi
Consumo specifico
consumato rispetto al
Kg/capo
Calcolo
Annuale
mangimi*
numero di capi allevati
Quantitativo di energia
Consumo specifico
KWh /capo
consumato rispetto al
Calcolo
Annuale
energia*
carne
numero di capi allevati
Quantitativo di gasolio
Consumo specifico
consumato rispetto al
t/capo
Calcolo
Annuale
gasolio*
numero di capi allevati
*nella realtà aziendale non viene effettuato un monitoraggio degli indicatori di performance ma attraverso i report
annuali derivanti dal soccidante ed i costi effettuati è possibile dedurli.
Consumo specifico
risorsa idrica*
Pagina 12 di 12
AZIENDA AGRICOLA MASIERO
STUDIO IMPATTO AMBIENTALE
ALLEVAMENTO DI GALLINE OVAIOLE
SINTESI NON TECNICA
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Indice generale
1 REDAZIONE DELLO STUDIO IMPATTO AMBIENTALE................................................2
2. INQUADRAMENTO AZIENDALE.........................................................................................3
3 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...................................................................................5
4.DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DELL'INTERVENTO................................................11
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
1 REDAZIONE DELLO STUDIO IMPATTO AMBIENTALE
Lo Studio di Impatto Ambientale riguarda l'ampliamento di un allevamento di galline
ovaiole alla capacità massima di capi; sito nel comune di Gavello via Scolo Zucca
Superiore nella Provincia di Rovigo. Esso è condotto dall'azienda denominata
“MASIERO GIAMPAOLO”.
Questo studio è stato redatto come previsto dalla normativa vigente, Legge Regionale
n.10 del 23.06.1999 e successive modifiche ed integrazioni in materia di Valutazione
di Impatto Ambientale.
COMMITTENTE:
Cognome e Nome: Masiero Giampaolo
Data di Nascita: 10/02/1955
Luogo di nascita:Gavello (RO)
residenza o sede Legale: Scolo Zucca Superiore 3/a
Comune: Gavello (Ro)
Telefono: 3402829948
E-mail: [email protected]
Codice fiscale: MSRGPL55B10D942N
Partita Iva: 00849740295
TECNICO:
Cognome e Nome: Pradella Cinzia
Data di Nascita: 05/12/1980
Luogo di nascita: Mantova
residenza o sede Legale: via Nogarole 6b
Comune: Povegliano Veronese
Telefono: 3931488145
E-mail: [email protected]
Codice fiscale: PRDCNZ80T45E897R
Azienda Rappresentata: ORTOSTUDIO – Per Agr Pradella Cinzia
Con sede Operativa via Piave 14 Povegliano Veronese (Vr)
Partita Iva: 03956710234
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
2. INQUADRAMENTO AZIENDALE
L'intervento
oggetto
del
presente
studio
di
impatto
ambientale
(SIA)
è
l'ampliamento della capacità recettiva dell'allevamento del Sig. Masiero Giampaolo
ubicata nel comune di Gavello (RO). Tale modifica risulta necessaria in quanto
attualmente l'allevamento è appena stato convertito dal metodo biologico potendo
così
allevare
circa
36.000
Galline
Ovaiole
a
metodo
convenzionale
con
un'autorizzazione di 59,000 galline circa; mentre, con la fine dell'estate l'intenzione
è quella di attuare un nuovo allevamento di tipo convenzionale con una capacità di
allevamento di circa 97.000 Galline Ovaiole e quindi assoggettato alla procedura atta
al rilascio contestuale del giudizio di compatibilità ambientale e dell'autorizzazione
integrata ambientale ai sensi degli art. 23 del dlvo 152 del 3 aprile 2006 e s.m e art 5
del dlvo 18 febbraio 2005 n 59 .
L'azienda agricola Masiero Giampaolo è affittuaria di un un fondo ubicato in via Scolo
Zucca 3A a Gavello in provincia di Rovigo, ormai specializzata nell'allevamento di
galline ovaiole attualmente ad indirizzo biologico.
l'allevamento è composto da 3 capannoni ed una serie di attrezzature e macchinari
necessari al corretto svolgimento dell'attività intrapresa.
Attualmente l'attività ha l'Autorizzazione Integrata Ambientale con determina 2885
del 23/10/2013 della Provincia Di Rovigo.
L'allevamento in questione è presente sul territorio da circa un decennio con
l'allevamento di galline ovaiole e circa una ventina di ettari a seminativo.
Ad oggi non sono pervenute all'azienda denunce per inquinamento ambientale ne tanto
meno acustico.
Le deiezioni animali vengono attualmente smaltite tramite fatture di vendita a terzi.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
L'allevamento preso in esame è ubicato nella campagna del comune di Gavello in
provincia di Rovigo. I capannoni sono accessibili da una strada bianca mantenuta
agibile e manutentata dallo stesso Masiero.
Il territorio circostante è formato da prevalenti zone agricole nelle quali si trovano i
seguenti centri abitati:
− Ceregnano a circa 5 km nord;
− Gavello centro a 300 mt sud
− Pontecchio Polesine a 10 km ovest
La viabilità principale del territorio è costituita da strade provinciali di cui la
principale è la SP4 Rovigo_Adria
L'allevamento originale nato circa negli anni 2000, prevedeva la realizzazione di 3
capannoni adibiti ad allevamento di galline ovaiole con metodo biologico ed un
quantitativo di capi potenzialmente allevabili inferiore a 40.000 in quanto per
l'allevamento biologico occorre assicurare agli animali uno standard di vita migliore,
rispetto al tradizionale con spazi più ampi.
Ogni capannone possedeva un o spazio esterno recintato ed un “giardino d'inverno"
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
3 INQUADRAMENTO TERRITORIALE
Viene considerata la compatibilità dell'impianto in progetto ai seguenti strumenti di
piano (pianificazioni territoriali ed urbanistiche) e legislazione ambientale:
− Piano Territoriale Regionale (PTR);
− Piano Territoriale Paesaggistico Regionale (PTPR)
− Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP)
− PRG comunale
− Vincoli Naturalistici (DPR n° 357/97 e smi)
− Vincoli paesaggistici e storico -culturali (Dlgs n° 42/2004 e smi)
Il PTRC vigente, approvato nel 1992, risponde all’obbligo- emerso con la legge 8 agosto
1985, n.431- di salvaguardare le zone di particolare interesse ambientale, attraverso
l’individuazione, il rilevamento e la tutela di un’ampia gamma di categorie di beni
culturali e ambientali.
La collocazione dell'impianto in oggetto appare coerente con le linee guida riportate.
La Regione del Veneto e il Ministero per i beni e le attività culturali hanno inteso
procedere
congiuntamente
all’elaborazione
del
Piano
paesaggistico
regionale,
sottoscrivendo, il 15 luglio 2009, un protocollo d’intesa. Detto protocollo attribuisce
al Piano Territoriale Regionale di Coordinamento (PTRC), adottato dalla Giunta
regionale il 17 febbraio 2009, la specifica considerazione dei valori paesaggistici
prevista dalla legge. Ai sensi di quanto previsto dal Codice, la redazione congiunta del
Piano permetterà di accedere ad alcune semplificazioni di carattere amministrativo,
ottenendo
un
significativo
snellimento
dei
procedimenti
di
autorizzazione
paesaggistica a tutto vantaggio della qualità progettuale degli interventi. Ai sensi di
quanto disposto dall’articolo 135 del Codice, la regione è stata suddivisa in 39 ambiti
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
di paesaggio, definiti sulla base degli aspetti e dei caratteri peculiari del territorio .
Con la legge regionale 11/2004 si è avviata una nuova fase nella pianificazione
territoriale, che ha superato la precedente impostazione gerarchica degli strumenti
urbanistici, dando vita ad un sistema fondato sulla co-pianificazione; ovvero sulla
condivisione, sia pure su scale diverse, di una comune visione dell’uso del territorio e
dello sviluppo che in esso può essere promosso e realizzato.
Il territorio provinciale di Rovigo presenta un’agricoltura sviluppata, innovativa, con
un rilievo nell’economia locale ben superiore alle altre aree del Veneto che esige venga
assunto come obiettivo fondamentale la tutela delle zone agronomiche più produttive
e più qualificate.
In sintesi le parole chiave degli scenari di sviluppo del settore agricolo nei prossimi
anni,che il P.T.C.P. assume in linea con le indicazioni comunitarie, sono: Qualità –
Sostenibilità – Multifunzionalità.
P.T.C.P. della provincia di Rovigo si propone anche obiettivi di tutela e gestione delle
risorse naturali ed ambientali che, come per gli altri sistemi, mirano a:
• individuare le aree ad alto valore ambientale, ad elevata integrità e funzionalità
ecologica;
• valorizzare gli ambienti in funzione della stabilità idrogeologica, della valenza
ecosistemica e della sostenibilità ambientale, anche in funzione degli obiettivi di
Kyoto e di contrasto ai cambiamenti climatici;
• integrarne la continuità ecologica, attraverso il sistema dei nuclei e dei corridoi
ecologici, al fine di promuovere la biodiversità animale e vegetale, ma anche un
sistema di zone umide in diretta continuità con la rete idrografica per
salvaguardare la qualità della risorsa idrica;
• collegare e completare la rete ecologica, attraverso l’individuazione parchi
provinciali, ambienti naturali di rilevanza naturalistica, sia in zone verdi
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
(boscate, arginali, dunali, paleoalvei e altri elementi del paesaggio), sia in zone
umide integrate al sistema idrografico;
• caratterizzare a livello provinciale ambiti di paesaggio agrario e individuare
strategie di tutela e valorizzazione del verde urbano ed extraurbano funzionali al
perseguimento della salvaguardia della qualità della risorsa idrica, del
miglioramento della qualità dell’aria, della riduzione delle emissioni di anidride
carbonica, del contrasto ai cambiamenti climatici;
• caratterizzare gli ambienti naturali in funzione della conservazione della fauna
selvatica e del mantenimento degli elementi del paesaggio, per la qualificazione
del territorio rispetto ad una fruibilità di turismo rurale e fluviale inserita in un
contesto di multifunzionalità agricola e di complementarietà ed integrazione al
sistema produttivo, e per la valorizzazione dei prodotti ed identificazione
territoriale delle produzioni;
• integrare ed infrastruttuture sotto il profilo ambientale il sistema di mobilità lenta
che si sta sviluppando nel territorio, seguendo le direttrici dei grandi fiumi, ma che
non può prescindere dal contesto agro-ambientale e da una efficace
presentazione dei percorsi ambientali strutturati in itinerari naturalistici, didattici,
di ricerca e conoscenza del territorio, oltre che di promozione dei prodotti tipici;
• valorizzare l’inserimento del sistema ambientale nel contesto del patrimonio
storico ed architettonico e del paesaggio rurale;
• collegare il sistema produttivo agrario attraverso l’identificazione territoriale dei
prodotti tipici.
Si allegano le seguenti tavole:
1)
Elaborato I litologia
2)
Elaborato II
3)
Elaborato V Armatura della Rete Ecologica
4)
Elaborato VII
Geomorfologia
Rete delle Infrastrutture e Mobilità
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
5)
Elaborato XI
Potenzialità e Criticità
6)
Elaborato XXI
Rischio Percolazione Azoto
7)
Elaborato XXII
Zone Agronomiche Omogenee
PRG del Comune di Gavello
L'area d'intervento è classificata come zona agricola E2 al fg 9 mn 707.
Sono aree di primaria importanza per la funzione produttiva, anche in relazione
all'estensione, composizione e localizzazione dei terreni.
Gli interventi consentiti saranno di norma compatibili, su conforme parere della C.E.,
con le tipologie tipiche del luogo, nel rispetto degli allineamenti pianoaltimetrici delle
preesistenze e dei materiali tradizionalmente impiegati.
E' opportuno, che nuove strade necessarie al collegamento dei fondi, utilizzino i
tracciati esistenti (capezzagne, sentieri), avendo cura di prevedere modalità
costruttive atte a garantire un corretto inserimento ambientale.
- La creazione di nuovi accessi nella pubblica viabilità è consentita esclusivamente nel
caso di riscontrate necessità al fine di una razionale organizzazione del fondo.
- E' opportuno prevedere la salvaguardia dei filari alberati esistenti, dei fossi di scolo
e dei canali irrigui, evitando tombinature non indispensabili alla funzionalità del fondo.
- Gli ampliamenti debbono armonicamente comporsi con le preesistenze affinché il
nuovo edificio, considerato nella sua globalità, risulti organicamente definito.
Gli ampliamenti debbono armonicamente comporsi con le preesistenze affinché il
nuovo edificio, considerato nella sua globalità, risulti organicamente definito.
- La realizzazione degli annessi rustici è ammessa in adiacenza ad edifici già esistenti
o entro il perimetro degli aggregati abitativi.
- La destinazione d'uso delle costruzioni esistenti non più funzionali alle esigenze del
fondo, dovrà sempre essere finalizzata alla dotazione di attività connesse alla
produzione agricola.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
La Rete ecologica Natura 2000 è costituita dall'insieme delle aree (siti) individuate
per la conservazione della diversità biologica. Essa trae origine dalla Direttiva
dell'Unione Europea n.43 del 1992 (“Habitat”) finalizzata alla tutela di una serie di
habitat e di specie animali e vegetali particolarmente rari indicati nei relativi
Allegati I II. La Direttiva “Habitat” prevede che gli Stati dell'Unione Europea
contribuiscano alle costituzione della rete ecologica europea Natura 2000 in
funzione della presenza e della rappresentatività sul proprio territorio di questi
ambienti e della specie, individuando aree di particolare pregio ambientale
denominate Siti D'Importanza Comunitaria (SIC), che vanno ad affiancare le Zone
di Protezione Speciale (ZPS), previste dalla Direttiva n 409 del 1979, denominata
“Uccelli”.
Provincia di Rovigo
IT3270003:Dune di Donada e Contarina Il sito SIC IT 3270003ha un’estensione
di 105 ettari ed una estensione di 8 km
IT3270023: Delta del Po: Il sito ZPS IT 3270023 ha un’estensione di 25.011 ettari
di cui 9659 nel distretto
IT3270017: Delta del Po: tratto terminale e delta veneto: Il sito SIC IT
3270017 ha un’estensione di 25.372 ettari ed una lunghezza di 628 km.
Descrizione sullo stato geologico ed idrogeologico del territorio
L’area d'intervento si trova in territorio comunale di Gavello, ca. 1,00 km ad Ovest dal
capoluogo e più precisamente in Via Scolo Zucche Superiore
I tipi litologici superficiali della zona sono rappresentati da alluvioni quaternarie fini
quali argille e limi; nel substrato si rinvengono sedimenti di analoga natura e
granulometria che si alternano fra loro con giacitura lenticolare; i sedimenti
registrano frequenti variazioni di litologia e potenza degli strati anche in ambiti areali
limitati.
Quanto sopra appare evidente nella cartografia geologica consultata, dove sono
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
indicati i seguenti depositi:
• CARTA GEOLOGICA DEL VENETO (scala 1:250.000): depositi alluvionali e fluvioglaciali
a limi ed argille prevalenti (QUATERNARIO);
• CARTA GEOLOGICA DELLE TRE VENEZIE – F. 64 ROVIGO (scala 1:100.000): Alluvioni in
prevalenza del Po (OLOCENE).
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
4.DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DELL'INTERVENTO
Con la presente proposta si intende realizzare un ampliamento del numero di animali
mantenendo inalterate le strutture esterne. Ciò risulta possibile in quanto con la
stessa superficie utile è possibile accasare circa 97.000 capi .
Il progetto è stato concepito adottando criteri progettuali improntati al rispetto
dell'impianto esistente , al conseguimento della massima garanzia contro eventuali
inquinamenti, all'ottimizzazione della funzionalità e della logistica ed alla riduzione
dei fattori di impatto ambientale così come richiede la normativa AIA/IPPC D.Lgs
59/05 conseguenti leggi Nazionali e Regionali e s.m.i..
La nuova scelta dell'azienda non avrà alcun impatto ambientale se non di tipo positivo
visto il rinnovo delle strutture.
Le scelte progettuali fanno riferimento alle normative vigenti.
Per quanto riguarda la progettazione, sono stati esaminati tutti gli aspetti
riconducibili al massimo livello di garanzia per la protezione delle acque, sotterranee e
superficiali, e contro le eventuali fughe di percolato delle deiezioni, ed adottati
criteri che tendano al contenimento delle emissioni in atmosfera come odori e/o gas,
rumori ed ogni emissione potenzialmente impattante nei confronti delle matrici
ambientali presenti.
Le scelte adottate per la progettazione dell'opera sono così così riassumibili:
1)
Capannoni in ferro zincato,tamponamento laterale in mattoni, tetto a due acque
con pannello sandwich.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Il riferimento nazionale ufficiale che riporta le Linee Guida pubblicate con Decreto
Ministeriale del 29 gennaio 2007 “Emanazione di linee guida per l'individuazione e
l'utilizzazione delle migliori tecniche Disponibili, in materia di allevamenti, macelli e
trattamento carcasse, per le attività elencate nell'allegato I del Decreto Legislativo
18 febbraio 2005, n.59” riporta:
1) è MTD la tipologia di allevamento
- punto 4.1.3 Gabbie con nastri trasportatori sottostanti per la rimozione frequente
della pollina umida verso uno stoccaggio esterno chiuso
2) sono MTD le buone Pratiche agricole adottate:
BPA:
-
attuazione di programmi di informazione e formazione del personale aziendale;
accurata registrazione dei consumi di energia e di materie con l'acqua, il
mangime, ecc.
− predisposizione di una procedura di emergenza da applicare nel caso di
emissioni non previste e incidenti, come inquinamento delle acque superficiali o
profonde o rischi di incendi;
− messa a punto di un programma di manutenzione ordinaria e straordinaria per
avere la sicurezza che le strutture e le attrezzature siano sempre in buone
condizioni operative;
− interventi sulle strutture di servizio perché siano sempre pulite e asciutte;
Silos, aree di esercizio, aree caricamento animali, ecc.
− pianificazione delle attività nel sito di allevamento nel modo più appropriato:
corretto uso agronomico degli effluenti, acquisto e consegna dei materiali che
entrano in allevamento. L'importanza della pianificazione di suddette è pari alla
pianificazione di tutte le materie che escono dall'impianto (prodotti animali,
carcasse, ecc.).
RIDUZIONE CONSUMI IDRICI
−
pulizia degli ambienti e delle attrezzature con acqua ad alta pressione o con
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
idropulitrici quando si è a fine ciclo in assenza di animali e deiezioni.
−
Esecuzione periodica dei controlli sulla pressione degli abbeveratoi onde
evitare sprechi;
−
Installazione e mantenimento dei contatori idrici così da avere registrazioni
affidabili dei consumi che dovranno essere riportati per monitorare i consumi ed
evidenziare eventuali perdite.
−
Controllo frequente dei raccordi di rubinetti e abbeveratoi così da provvedere
a tempestive riparazioni.
−
Isolare le tubazioni fuori terra in modo tale d scongiurare il rischio
congelamento e conseguente rottura degli impianti
-
Riduzione dei consumi energetici
−
Controllo e taratura minuzioso delle giunture e delle tubazioni
−
Ottimizzazione dello schema progettuale dei ricoveri ventilati artificialmente,
in modo da fornire un buon controllo termico e ottenere portate di ventilazione
minime nella stagione invernale;
−
Prevenzione di fenomeni di resistenza nei sistemi di ventilazione con frequenti
ispezioni e pulizia dei condotti e dei ventilatori;
BUONE PRATICHE DELL'USO AGRONOMICO DEGLI EFFLUENTI
−
La riduzione al minimo delle emissioni dall'effluente al suolo e alle acque
attraverso il bilancio dei nutrienti principali qali azoto e fosforo.
−
Astenersi dallo spargere gli effluenti sui terreni saturi di acqua, inondati,
gelati o ricoperti di neve;
−
lo spargimento degli effluenti il più possibile vicini alla fase di massima crescita
colturale e asportazioni di nutrienti;
−
L'operazione di spargimento, condotta in modo da evitare diffusione di odori,
come non spargere con vento contrario
−
Rispetto della distanz di 5 m dalle sponde dei corsi d'acqua naturali e di quelli
non arginati del reticolo principlae di drenaggio
3) è mTD la Tecnica di Alimentazione:
ALIMENTAZIONE PER FASI
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
-Prevede l'adattamento della dieta e dei suoi contenuti in minerali e aminoacidi alle
specifiche esignze dei capi allevati nei vari stadi di sviluppo. Per le galline ovaiole
l'alimentazione per fasi comporta l'aggiustamento dei livelli di calcio e fosforo nei
diversi stadi produttivi, attuando un passaggio graduale ad una dieta suggessiva
divisa per gruppi omogenei di animali.
4)
è MTD lo Stoccaggio di materiale palabile
-
In ricoveri coperti, con pavimento impermeabilizzato e adeguata ventilazione;
-
per accumuli temporanei in campo, il posizionamento del cumulo lontano da
ricettori come corsi d'acqua in cui il percolato potrebbe entrare e lontano da
abitazioni civili.
5) È MTD lo spargimento del Materiale Palabile
-
si è riconosciuto che per lo spargimento dei materiali palabili non è tecnica il
fattore che aiuta a ridurre le emissioni, ma l'intervallo di tempo che intercorre tra lo
spargimento e l'incorporazione del materiale entro le 24 ore avendo così una
riduzione delle emissioni fino al 50%.
6)
è MTD la riduzione delle emissioni dai ricoveri
-
Il sistema adottato è considerato MTD
NORMATIVA DI BIOSICUREZZA
Requisiti strutturali degli allevamenti avicoli
1) I locali di allevamento sono provvisti di:
-
pavimento in cemento per facilitare le operazioni di pulizia e disinfezione;
-
pareti e soffitti lavabili;
-
attrezzature facilmente lavabili e disinfettabili,
-
reti antipassero poste su tutte le aperture;
-
chiusure adeguate e munite di maniglioni antipanico;
2)
L'allevamento è dotato di:
-
cancello posto all'ingresso dell'impianto di allevamento idoneo ad evitare
l'ingresso di persone e mezzi non autorizzati;
-
piazzole di carico e scarico dei materiali d'uso e degli animali delimitate nel
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
piazzale antistante i capannoni avicoli, realizzate in cemento;
-
zona inerbita superiore ad un metro, mantenuta pulita e rasata, intorno ai
capannoni;
-
locali di stoccaggio dei materiali d'uso;
-
una zona dotata di spogliatoi, lavandini, doccia, wc e detergenti all'entrata
dell'azienda e vietata agli estranei;
-
Locale di deposito degli indumenti con materiale d'uso a perdere;
-
uno spazio per il deposito temporaneo dei rifiuti.
GESTIONE DELL'ALLEVAMENTO AVICOLO
-
Tutti gli automezzi, le attrezzature e i macchinari di allevamento, sono
sottoposti ad accurato lavaggio e disinfezione ad ogni ingresso ed uscita;
-
Nelle zone attigue ai capannoni non ci deve essere alcun materiale;
-
I locali di allevamento sono dotati di un unico ingresso;
-
Per lo stoccaggio degli animali morti è installata una idonea cella frigo per la
congelazione.
Per quanti riguarda:
UTILIZZO DELLE MATERIE PRIME
ALTRI PRODOTTI
APPROVIGIONAMENTO IDRICO
CONSUMO ENERGTICO
RIFUTI E RISCHIO IGENICO SANITARIO
Il rischio legato alla produzione di rifiuti può essere considerato irrilevante a
seguito dell’adozione di una loro corretta gestione. In azienda tra i rifiuti veri e
prorpi possiamo riconoscere gli imballaggi ed i contenitori principalmente in plastica
di disinfettanti e detergenti debitamente risciacquati e le acque di queste operazioni
andranno aggiunte a quelle nelle vasche in cui sono utilizzati i prodotti. Allo stesso
modo i contenitori dei prodotti veterinari, farmaci, saranno stoccati in appositi locali
segnalati all’esterno con adeguato cartello con codice CER.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Dal punto di vista sanitario la gestione degli animali morti avverrà nel rispetto delle
vigenti norme igieniche. Questi animali verranno prelevati dai capannoni, da parte del
personale aziendale addetto e risposti nella cella frigorifera, dopo essere stati
registrati, per essere poi ritirati da una ditta specializzata allo smaltimento.
La gestione della pollina, stoccata in concimaia per un periodo che può variare da tre
a sei mesi, verrò utilizzata agronomicamente parte sui terreni aziendali, parte
venduta a terzi e parte consegnata ad una ditta che la utilizzerà per una centrale a
Biogas.
La nuova comunicazione nitrati verrà presentata alla Provincia di Padova.
La raccolta delle uova, quindi la selezione e l’imballaggio, avviene in un locale apposito
separato dalle aree di deposito dei prodotti non alimentari, con pareti e
pavimentazione lavabile.
IMPATTO SUL SUOLO E SULLE COLTIVAZIONI
Questo impatto potrà essere condizionato dall’ uso agronomico della lettiera avicola
che verrò utilizzata in parte nei terreni aziendali sempre nel rispetto dei quantitativi
previsti della normativa vigente in materia e in relazione alle:
-
Caratteristiche chimico-fisiche del terreno;
-
Fabbisogno specifico della coltura praticata;
-
Periodi utili, con riferimento alle condizioni climatiche;
-
Rispetto dei limiti di spargimento medio annuo previsto dalla Direttiva Nitrati
RISCHIO DI EMISSIONE DI RUMORI
L’allevamento è localizzata, secondo il piano di zonizzazione acustica comunale in
classe III come descritto nei paragrafi precedenti. I normali impianti classificati
come sorgenti sonore non causano rumore tale da ledere la quiete delle case
limitrofe.
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
RISCHI PER LA POPOLAZIONE
Il funzionamento dell’impianto non avrà effetti negativi sulla popolazione viste le
adeguate distanze dal centro abitato e comunque anche per le abitazioni della
vicinanze non sono previsti fenomeni di emissioni pericolose di alcun genere.
IMPATTO DA TRAFFICO E IMPATTO SULLA VIABITLIA’
L’attività di allevamento comporta inevitabilmente un aumento al traffico veicolare
locale attribuibile principalmente alla necessità di movimentazione degli animali, di
rifornimento mangime e di conseguenza delle uova prodotte, oltre allo smaltimento
della pollina:
Movimentazione
Accasamento
Stima viaggi/anno
Mezzo di trasporto
11
Autotreno peso lordo ton
36
90
Autotreno peso lordo ton
45
200
Autotreno peso lordo ton
36
2
Autocarro cisterna peso
lordo ton. 14
40
Autovettura
Trasporto animali al
macello
2
Autotreno peso lordo ton
36
Carcasse
2
Autocarro cisterna peso
lordo ton. 16
Rifiuti
1
Autocarro cisterna peso
lordo ton. 21
Da valutare
Spandiletame del peso
complessivo di ton. 14
trainato da trattrice
agricola
Mangime
Consegna uova
GPL
Visite Veterinarie
Trasporto pollina
L’area è fornita di una adeguata rete viaria interna che supporta le esigenze di
traffico dei mezzi locali
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
TEMPI DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO
L’intervento proposto presenta un tempo di realizzazione pari a circa un mese, esso
rientra nell’attuale attività di cantiere:
STRUTTURE IN FERRO, TAMPONAMENTI, SERRAMENTI
10 GG
IMPIANTISTICA
30/40GG
EVENTUALE DISMISSIONE DELL’IMPIANTO
Data la connessione delle opere con il fondo agricolo non si prevede la dismissione
dell’impianto in quanto la tipologia dello stesso è di recente conversione da Biologico a
convenzionale con un notevole esborso economico per l’azienda, pertanto si potrà
ritenere possibike una conversione dell’impianto ad altri usi in ambito agricolo, ma non
la totale dismissione delle strutture.
VALIDITA’ ECONOMICA DELL’IMPIANTO
Valutando i beni prodotti l’intervento è sicuramente conveniente
Uva prodotte mediamente
(da 320/330 uova capo anno)
31.040.000
Nella valutazione econimica dell’intervento si prendono a riferimento i dati
merceologici medi per gli allevamenti in soccida degli ultimi 3 anni daando valore €
0,77 ad uovo. Considerando che l’adeguamento strutturale per la tipologia di
allevamento richiede un investimento pari a ,€,1,000,000 ne risulta che il tempo di
rientro dell’investimento sia nell’ordine di:
31.040.000 * 0,0077= 239.008 €
1,000,000€ /239.000 €/anno = 4,18 anni
Povegliano Veronese 27/02/2013
Il Tecnico
Per Agr Pradella Cinzia
Per. Agr. Pradella Cinzia –
Via Piave 14 – Povegliano V.se (VR) tel.045.6350249 cell 393.1488145
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
7 013 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content