close

Enter

Log in using OpenID

Bonetti trionfa in Austria «Rischio meno e vinco»

embedDownload
L’ECO DI BERGAMO
17 Aprile 2014
Motori 55
L’ECO DI BERGAMO
GIOVEDÌ 17 APRILE 2014
Bonetti trionfa in Austria
«Rischio meno e vinco»
Il bergamasco sugli scudi nonostante l’incidente di Macao
Primo nella Superstock e 4° in Superbike. «Ora Nw200 e TT»
GIOVANNI CORTINOVIS
In una domenica che
nel Mondiale ha riservato solo
delusioni ai colori bergamaschi
(Andrea Locatelli e il team Italtrans fuori dalla zona punti), a
tenere alto il prestigio della
scuola orobica ci ha pensato
Stefano Bonetti nell’Europeo
Velocità in Salita.
Alla Randshaag-St. Martin, in
Austria, il 37enne di Castro ha
messo in fila tutti i rivali nella
600 Superstock ed è giunto 4°
in Superbike. Una duplice impresa, specie ricordando che nel
novembre 2012 è rimasto vittima di un tremendo incidente a
Macao: finito contro un muro di
gomme a 170 km/h il meccanico
bergamasco restò sotto i ferri
per 19 ore. Tornato in sella a
metà della scorsa stagione, Bonetti ha prima vinto una gara
dell’Europeo in Svizzera e poi
conquistato il suo ottavo titolo
italiano.
Nella gara austriaca della
600, Bonny ha ipotecato la vittoria con una ottima prima
manche, l’unica corsa sull’asciutto: con la sua Kawasaki
ha rifilato 4 secondi agli inseguitori, capeggiati dall’autoctono
Harald Jungwirth. Nella seconda, forte del vantaggio accumulato, si è limitato a controllare
chiudendo terzo a un secondo
e 8 decimi da Jungwirth. «Ora
– ammette Bonetti – mi tengo
un margine maggiore rispetto
a prima. Non che prima rischiassi il tutto per tutto, ma
adesso, nel dubbio, oso un po’
meno. Finire per terra non piace
a nessuno, men che meno a me
che ho una placca nella schiena». Né i familiari né gli amici
hanno osteggiato la sua passione: «È quello che mi sento di
fare e purtroppo, nonostante ciò
Matteo Poli in azione: in Australia ha conquistato un 1° e un 2° posto
Australia, Poli rinasce
Vittoria e un 2° posto
nella prova mondiale
Trial
Stefano Bonetti, fuoriclasse bergamasco del motociclismo, corre con una placca nella schiena
Motociclismo
SUPERSTOCK
LA PRIMA AL TEAM BERGAMASCO
Dopo la vittoria nella prima prova del
Civ, 11 giorni fa al Mugello, domenica il
Barni Racing Team è riuscito a vincere
anche la prima gara della Coppa del
Mondo Superstock.
Ad Aragon (Spagna) la Ducati 1199
Panigale allestita dalla squadra bergamasca e guidata da Leandro Mercado
non ha lasciato scampo agli avversari.
Dopo aver fatto segnare la pole,
l’argentino ha completato un weekend
perfetto restando in testa dal primo al
13° e ultimo giro e si è permesso il
lusso di far segnare il giro più veloce
della gara.
Al traguardo ha preceduto di 5’’218 la
Kawasaki di Lorenzo Savadori e di
8’’818 la Honda di Kyle Smith.
Il secondo appuntamento del trofeo è
fra 10 giorni ad Assen (Olanda) (G. C.)
Regolarità d’epoca
Exploit Norelli a Salerno
ed al 2° posto), a seguire Mc Pavia,
Mc Careter Nembro, Norelli A e
Grumello Vintage A. Altra affermazionetargataNorelli nella classe C4 per merito di Marco Bianchi
(Dkw). Tre gli exploit conquistati
dal Grumello Vintage: con il campionissimo Alessandro
Franco Gritti, classe
1947, nel gruppo A4, su
Morini; con l’altro seLa compagine gialloriano Pietro Caccia,
nera si è imposta con
nella C2, su Ancillotti;
52 punti equivalenti
con Luca Murer, nella
ad una vittoria (con
D3, su Swm. Murer è
Giulio Gambarini, nelanche risultato tra i più
la classe D2, su Puch),
veloci dei circa 130 parun 2° posto (con Alfretecipanti all’evento che
do Bottarelli, nella D3,
su Villa), un 3° posto
Giulio Gambarini ha festeggiato i 40 anni
di attività del Mc Saler(con Sergio Gandolfi,
nella D6, su Montesa). Preceduti no. Ha infatti colto il 3° posto assoi cugini del Grumello Vintage (45) luto, alle spalle del camuno Osvale l’altro terzetto Norelli (37), che doArmanniedelfiorentinoMario
aveva quale punta l’ex dakariano Graziani. Il campionato proporrà
umbro Giampiero Findanno la terza e quarta tappa il 3 e 4 maggio in Friuli, a Cividale. 
(mattatore nella D2 su Puch).
Nel Trofeo sono stati i condut- D. S.
tori della Marca Trevigiana (al 1°
©RIPRODUZIONE RISERVATA
che si dice sulla sicurezza dei
circuiti permanenti, anche domenica a Misano un povero ragazzo è morto in pista».
L’unica preoccupazione di
Bonetti è il versante economico,
nella fattispecie la cronica mancanza di sponsor. Di promesse
ne ha avute tante, ma alla prova
dei fatti molti si sono volatilizzati: «L’unica grande eccezione
è un’azienda modenese di noleggio camper che ho conosciuto a gennaio. Hanno comprato
uno Zxr 600 che ho in uso gratuito per un anno. Per la preparazione del motore, invece, mi
sono affidato a un centro importante di Leffe. La moto è andata
benissimo, è una bomba». Grazie alla somma dei tempi domenica Bonetti ha vinto la gara, ma
nella classifica dell’Europeo
(che tiene conto dei piazzamenti) è solo secondo: Jungwirth ha
45 punti, Bonetti 41. Ma quello
austriaco era solo il primo dei 5
appuntamenti dell’Europeo, 2
dei quali si disputeranno in Italia: uno a Imperia, l’altro in Val
del Riso.
A cavallo delle due manche,
Bonetti è salito in sella a una
Yamaha R1 prestatagli dall’amico Luca: con questa moto del
2009 si è classificato quarto su
26 partenti, raccogliendo punti
prezioso per l’Europeo dove vede la vetta. «Sarebbe bello vincere l’Europeo con il Mille, ma
i miei obiettivi principali restano la Nw200 e il TT, le due gare
più belle al mondo». 
©RIPRODUZIONE RISERVATA
Super Trofeo 2014
Conquistando una vittoria ed un secondo posto nella categoria World Cup
(classe 250) il pilota seriano Matteo
Poli ha brillantemente superato il momento no passato nella prova d’apertura del tricolore di trial a Tolmezzo,
in Friuli, nel precedente fine settimana. A rigenerare l’alfiere della Ossa e
del Mc Lazzate è stata l’aria australiana di Mount Tarrengower, dove è stata
disputata la prima tappa del campionato mondiale.
Sabato Matteo ha concluso secondo, a 4 punti dal tedesco
Kadlec, domenica l’atleta di
Fiorano lo ha battuto, grazie a
tre punti in meno, guadagnando l’ambito gradino più alto del
podio. A questo punto i due sono, ovviamente, appaiati nella
generale provvisoria. Secondo
degli azzurri è risultato Filippo
Locca, decimo e settimo.
«È stato un risultato decisamente più soddisfacente del
previsto - ha dichiarato Poli appena rientrato dalla lunga trasferta - pensavo di potermi inserire tra i primi cinque invece
ho conquistato uno dei più bei
successi in carriera. Ci voleva
proprio perché a Tolmezzo era
stato un vero disastro, ero partito male e per tentare di recuperare avevo inanellato errori
INTERNATIONAL RALLY CUP La prima
tappa di un Irc senza Capelli, il Rally
dell’Isola d’Elba, vede il quattordicesimo posto di gruppo N (quarantaquattresimo assoluto) dei bergamaschi Luca
Crippa e Giada Pecis. Ma la scuderia
selvinese Giesse Promotion si gode
soprattutto il successo tra le Super
2000 (e sesto posto assoluto) del
comasco Alessandro Re.
Team Bonaldi, debutto vincente
Partenza sprint per il Team Bonaldi Motorsport. La scuderia bergamasca inaugura il Super Trofeo 2014 con una
vittoria: a Monza, il monomarca Lamborghini offre un
primo posto in gara2 a Edoardo Piscopo e Milos Pavlovic,
dopo il secondo in gara1. Per Mirko Bortolotti e Aristotele
Varvaroussis, invece, un terzo e un quarto posto assoluti,
con due successi di classe. (M. S.)
Danilo Sechi
©RIPRODUZIONE RISERVATA
Tuttomotori
AUTOMOBILISMO
La più impegnativa trasferta
del campionato italiano di regolarità
d’epoca, che ha portato la carovana di
piloti nel Salernitano, a Giffoni Sei Casali,
ha prodotto sette affermazioni per i colori orobici, sei successi di classe e la vittoria, tra le squadre del Vaso, della scuderia
Norelli del Moto Club Bergamo (al secondo exploit
dopo quello di Galliate).
dopo errori. Ora il morale è tornato alto e so di avere i mezzi
per puntare a questo titolo anche se Kadlec è decisamente un
avversario difficile. Penso di
aver avuto benefici dal correre
lontano da casa, senza particolari pressioni e potendo preparare la gara al meglio, con la
giusta calma e concentrazione».
La prossima sfida del mondiale sarà ospitata in Giappone,
a Motegi, il 26 e 27 aprile. Poli
sarà della partita ancora con i
compagni supportati dalla Federmoto, Locca e Giarba, in più
ci sarà anche l’altro forte trialista bergamasco, Francesco Cabrini, assente in Australia.
Nella gara dei top driver il
torneo iridato si è aperto con
una sorpresa, il successo del
giapponese Fujinami, per un
punto davanti al favoritissimo
campione in carica Toni Bou.
L’asso spagnolo della Montesa
si è prontamente rifatto il giorno dopo e Fujinami è finito lontano dal podio, solo sesto, battuto anche dagli altri tre iberici
Raga, Fajardo e Cabestany e
dall’inglese Dabill. Non c’era il
numero uno azzurro Grattarola. 
MAX TROPHY A tutto Max. Nel nome
del trofeo (di kart endurance), del team
(Vado al Max) e in quello del concorrente di punta (Max Colombo): la prima
tappa del campionato, a Pomposa, ha
visto un terzo e un sesto posto nelle
due gare per la scuderia formata, oltre
che da Colombo, anche dall’altro
bergamasco Federico Pagnoncelli e da
Luca Cislaghi, Emilio Pecci, Denis e Alex
Zebri. Inoltre, Max Colombo si è distinto vincendo la «Superfinale» secca, in
cui si scontravano i piloti più veloci di
ogni team.
MOTOCROSS
NOCERA QUINTA A TRENTO Accanto
alla splendida affermazione di Chiara
Fontanesi il Gran premio d’Italia corso
sulla pista di Arco di Trento ha offerto nella sfida femminile - un buon risultato anche per l’atleta di Fara Olivara con
Sola Francesca Nocera. È infatti arrivata vicino al podio piazzandosi al quinto
posto assoluto grazie ad un settimo ed
un quarto posto nelle due manche.
Nella generale ora è settima.
ANDRESSI NEL TROFEO BARZAGHI
Domenica il crossdromo «Bordone» di
Bosisio Parini ha ospitato la prova di
apertura del Trofeo Memorial Barzaghi,
interregionale di motocross giunto
ormai alla sua 20a edizione. I successi
assoluti sono andati a Stefano Bonacina nella MX2 e a Stefano Andressi nella
MX1, una doppietta per i piloti del
Team Green Lancini. Andressi si è
aggiudicato anche la manche «Supercampione» a classi miste.
SCAMBIO DI PISTA PER LA POLINI CUP
Cambio di piste per la Polini Italian Cup,
la serie di gare per scooter e minibike
organizzata dalla società seriana e dal
Moto Club Bergamo. La seconda prova
dell’11 maggio si svolgerà a Viterbo
(invece che a Latina) e la quarta prova
del 6 luglio di disputerà a Latina
(invece che a Viterbo).
VENTI ANNI FA L’ADDIO A MAFFETTINI
La messa per ricordare i venti anni
della morte di Fulvio Maffettini, il
mitico tecnico del Moto Club Bergamo
organizzatore di tante Valli Bergamasche di regolarità ed inventore della
Cavalcata delle Valli Orobiche, si
celebrerà mercoledì 30 aprile 2014 alle
ore 17,30 presso il Santuario Madonna
della Neve del Buon Consiglio, a
Bergamo, via Camozzi 130.
a cura di
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
454 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content