close

Enter

Log in using OpenID

5E_Doc15Mag_2014 - Liceo Siciliani | Home

embedDownload
LICEO SCIENTIFICO L. SICILIANI
CATANZARO
DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE
(D.L.R. Luglio 1998 n. 323)
CLASSE QUINTA
SEZIONE E
Sperimentale P.N.I. Matematica e Fisica
Raffaello Sanzio, La Scuola di Atene (particolare: Pitagora con un discepolo)
Catanzaro, 15 maggio 2014
Il Dirigente Scolastico
Prof.ssa Silvana Afeltra
1
INDICE
- DOCENTI CHE COMPONGONO IL CONSIGLIO DI CLASSE, p. 3
-ELENCO DEGLI ALUNNI, p. 4
-QUADRO ORARIO DELLE DISCIPLINE (P.N.I.), p. 5 e 6
-PRESENTAZIONE DELLA CLASSE E SUO EXCURSUS FORMATIVO. Composizione.
Continuità didattica. Situazione della classe. Fasce di livello. Attività integrative ed
extracurriculari svolte nel corso del Triennio, p. 7 - 9
-FINALITA’ E OBIETTIVI RAGGIUNTI, p. 9
- ASSI DISCIPLINARI. FINALITA’ E METODOLOGIE ADOTTATE, p. 10 e 11
- VERIFICHE E VALUTAZIONE
Verifiche (criteri, tipologie). Prima prova. Seconda prova. Terza prova.
Valutazione (criteri, modalità), p. 12
- CRITERI GENERALI DI VALUTAZIONE ADOTTATI PER L’INDIVIDUAZIONE DEI
LIVELLI E PER L’ATTRIBUZIONE DEI VOTI (GRIGLIA TRATTA DAL POF), p. 13
- GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA CORREZIONE DELLA PRIMA PROVA
SCRITTA (ITALIANO), p. 14
- GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA CORREZIONE DELLA SECONDA PROVA
SCRITTA (MATEMATICA), p.15
- GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA CORREZIONE DELLA TERZA PROVA
SCRITTA, p. 16
- SIMULAZIONI DI TERZA PROVA SVOLTE (DUE ALLEGATI), p. 17 - 23 e p. 18 - 30
- CONTENUTI SVOLTI NELL’AMBITO DELLE SINGOLE DISCIPLINE ED ESPRESSI
IN MODULI, schede da p. 31 a p. 47
-FIRME DEI DOCENTI E DEL DIRIGENTE SCOLASTICO, p. 48
2
DOCENTI CHE COMPONGONO IL CONSIGLIO
DELLA CLASSE QUINTA E
A. S. 2013 - 2014
Alfieri Anna (Matematica)
Della Porta Alberto (Scienze motorie)
Giuffrida Maria (Geografia generale)
Italia Vincenzo (Fisica)
Sinopoli Rosalia (Inglese)
Pelaggi Dalia (Religione)
Pettinato Vincenza (Storia e Filosofia)
Rossano Angela Maria (Italiano e Latino, docente coordinatrice della classe)
Stirparo Antonio (Disegno e Storia dell'arte).
3
ELENCO DEGLI ALUNNI DELLA CLASSE QUINTA E A.S. 2013 - 2014
1. BISURGI MARCO
2. BOCCUTO FABIOLA
3. BRUTTO BEATRICE
4. CALABRETTA EMANUELA
5. COSTA ANTONIO
6. FRATTO ENRICO
7. GEMELLI GIOVANNI
8. GUALTIERI VINCENZO
9. GUZZO FRANCESCO
10. LAZZARO GIUSEPPE
11. LEONETTI RODOLFO GIULIO
12. MANZO CHIARA
13. MASCARO NOEMI
14. MAZZEI SILVIO
15. MENGANI LUCREZIA
16. ORLANDO MARIAGIULIA
17. PANZINO GIUSEPPE
18. PRISTERA’ DANIELE
19. ROCCA CRISTIANA
20. ROTELLA GIOVANNA
21. SCHININA’ ANDREA
22. TORCHIA MARA
23. VENDITTI BRUNO
24. VOLPENTESTA CAROLA
4
PIANO NAZIONALE INFORMATICA (P.N.I. Matematica e Fisica)
Quadro orario del piano di studi nel Quinquennio
Liceo scientifico PNI
Biennio
Triennio
I
II
Lingua e lettere italiane
4
4
4
3
4
Lingua e lettere latine
4
5
4
4
3
Lingua e letteratura straniera
3
4
3
3
4
Storia
3
2
2
2
3
Geografia
2
-
-
-
-
Filosofia
-
-
2
3
3
Matematica
5
5
5
5
5
Fisica
3
3
3
3
3
Scienze naturali, chimica e geografia
-
2
3
3
2
Disegno e storia dell'arte
2
3
2
2
2
Educazione fisica
2
2
2
2
2
Religione cattolica o attività alternative 1
1
1
1
1
31
31
31
32
Totale delle ore settimanali
29
III IV
V
Carico orario settimanale nel Quinquennio
Materia
I II III IV V
Religione cattolica o attività alternativa 1 1 1
1
1
Italiano
4 4 4
3
4
Latino
4 5 4
4
3
Lingua e letteratura straniera (Inglese) 3 4 3
4
3
Storia
3 2 2
2
3
Geografia
2 -
-
-
-
Filosofia
-
2
3
3
Matematica
5 5 5
5
5
Fisica
3 3 3
3
3
2 3
3
2
Disegno e storia dell'arte
1 3 2
2
2
Educazione fisica
2 2 2
2
2
Totale
28 31 31 31 32
Scienze Naturali, Chimica e Geografia -
-
5
CARICO ORARIO SETTIMANALE QUINTA CLASSE
DISCIPLINA
DISEGNO E STORIA DELL’ARTE
FILOSOFIA
FISICA
INGLESE
ITALIANO
LATINO
MATEMATICA
RELIGIONE
SCIENZE
SCIENZE MOTORIE
STORIA
ORE SETTIMANALI (TOT. 31)
2
3
3
3
4
3
5
1
2
2
3
6
PRESENTAZIONE DELLA CLASSE E SUO EXCURSUS FORMATIVO
Composizione della classe
La classe Quinta E è formata da 24 allievi, 11 femmine e 13 maschi. Tredici alunni risiedono a
Catanzaro centro, otto in quartieri periferici e tre, pendolari, subentrati nell’attuale gruppo classe in
Terza, in Quarta e in Quinta, provengono, rispettivamente, dal Liceo Scientifico di Sersale, dal
Liceo Scientifico di Soverato e dalla precedente classe Quinta E del nostro istituto.
Continuità didattica
Il Consiglio di classe è interamente composto da docenti ordinari a tempo indeterminato.
Per quanto riguarda la continuità didattica, si sottolineano le seguenti variazioni, avvenute soltanto
in Quarta:
INGLESE: la Prof. Sinopoli è subentrata al quarto anno;
ITALIANO: La Prof. Rossano, già docente di Latino in Terza, ha assunto in Quarta anche
l’insegnamento dell’Italiano.
L'azione didattica è stata sempre regolare e anche nelle discipline che hanno fatto registrare
mutamenti dei docenti, stabilizzatasi la reciproca conoscenza e individuate le strategie
didattiche più adeguate, il dialogo educativo si è sviluppato efficacemente.
Situazione della classe
All’inizio del terzo anno, la classe presentava già al suo interno buone e ottime potenzialità ma
anche qualche diversità nel possesso dei prerequisiti, delle conoscenze e delle competenze.
Emergeva, infatti, un gruppo di eccellenze che si distingueva per le spiccate capacità critiche e di
rielaborazione, per la forte motivazione allo studio, l’interesse, la partecipazione attiva e l’impegno
assiduo, le brillanti capacità applicate alla risoluzione di problemi, l’uso appropriato e disinvolto dei
mezzi espressivi. Tale favorevole condizione permane tutt’ora quale caratteristica precipua del
gruppo classe e ha determinato l’instaurarsi di un clima trainante, ricco di stimoli, innescando,
anche nei più fragili, un proficuo processo di maturazione. Tutti hanno partecipato con interesse alle
attività svolte, accogliendo, aiutando e motivando anche gli alunni subentrati in Terza, in Quarta e
in Quinta, che provenivano da esperienze scolastiche profondamente diverse e, per qualcuno,
problematiche.
Un gruppo consistente di alunni si è distinto, nel corso del Triennio, per la partecipazione ad attività
e ad iniziative (promosse dalla nostra scuola o da altre istituzioni) prestigiose e di forte valenza
culturale, in campo umanistico, scientifico e multidisciplinare, discutendo testi alla presenza di
autori di fama nazionale e internazionale, vincendo premi in competizioni di Matematica e nella
produzione di testi letterari, sia poetici che scientifici. (Vedi, nel dettaglio, la voce “Attività
integrative ed extracurriculari”).
Stimolante e continuo è risultato il dialogo educativo anche quest’anno, nonostante l’aggravio
determinato dall’anticipazione dei test per l’ammissione all’università. Pur di mantenere uno
standard elevato, i ragazzi hanno sostenuto la pressione a cui sono stati sottoposti continuando a
frequentare regolarmente le lezioni e senza venir meno al consueto impegno con encomiabile senso
di responsabilità. Alcuni hanno superato brillantemente i test di ammissione alle facoltà di Medicina
e di Ingegneria (Politecnici), nonché di altre facoltà.
Il Consiglio di classe ritiene di avere, nel complesso, conseguito gli obiettivi prefissati, attuando
interventi mirati a riequilibrare le disparità, a consolidare e a rafforzare competenze
precedentemente acquisite.
7
Fasce di livello
- Alunni che si sono distinti per la forte motivazione allo studio, l’interesse, la partecipazione
propositiva e l’impegno assiduo, consapevole e responsabile, le spiccate capacità critiche e di
rielaborazione personale, la tendenza all’approfondimento; tali alunni hanno conseguito in tutte le
discipline conoscenze complete, organiche, approfondite e criticamente rielaborate, competenze
sicure ed autonome, ottime capacità di analisi e di sintesi, brillantemente applicate alla risoluzione,
anche originale, di problemi.
- Alunni che hanno dimostrato interesse, partecipazione propositiva e impegno consapevole e che,
nel complesso, hanno conseguito conoscenze complete, organiche, rielaborate in modo coerente,
buone abilità e competenze nella comunicazione e nella risoluzione di problemi, capacità di
riflessione e di rielaborazione.
- Alunni che hanno palesato impegno e partecipazione crescenti e hanno conseguito, nella
generalità delle discipline, conoscenze ordinate e / o parzialmente approfondite, competenze e
capacità di analisi e di sintesi discrete o quasi discrete.
- Nella classe rimane qualche alunno che, anche a causa di un curriculum personale non lineare,
presenta una preparazione non omogenea e che, al momento, non ha conseguito in tutte le discipline
i livelli minimi.
Attività integrative ed extra curriculari svolte dalla classe nel corso del Triennio
Nel corso dei tre anni, docenti e allievi hanno aderito a numerose e proficue attività integrative ed
extra curriculari coerenti con l’indirizzo della scuola e con il percorso didattico effettuato, le quali
hanno contribuito in modo significativo ad allargare gli orizzonti e le esperienze formative dei
ragazzi, aprendoli al mondo esterno, consentendo loro di cimentarsi in prima persona con situazioni
nuove di approfondimento e di ricerca, di acquisire e di rendere concretamente applicabili a più
ambiti competenze aggiuntive.
Come si è evidenziato nella presentazione della classe, un gruppo consistente di alunni si è distinto
per la partecipazione a prestigiose iniziative di forte valenza culturale, in campo umanistico,
scientifico e multidisciplinare, discutendo testi alla presenza di autori di fama nazionale e
internazionale, vincendo premi in competizioni di Matematica e nella produzione letteraria di testi
sia poetici che scientifici.
Attività alle quali la classe ha partecipato sono:
Fisica: “Olimpiadi di fisica”; Stage di fisica “International Masterclass Physics in 21st CenturyThird edition” all'INFN di Frascati;
Filosofia, Italiano e Latino, Matematica, Storia: lettura di testi e partecipazione a numerose
iniziative promosse ogni anno nell’ambito del Progetto Gutenberg;
Filosofia, Italiano e Matematica: partecipazione all’iniziativa del Circolo di Lettura Palomar con la
lettura interdisciplinare di parti delle Lezioni americane di Italo Calvino;
Inglese: Certificazione PET; Corso di inglese alla National University of Ireland Maynooth;
Italiano: “Laboratorio di lettura”; Progetto Gutenberg; visita guidata al castello di Rocca Imperiale
per assistere alla rappresentazione itinerante dell’Orlando furioso; Progetto Telecom "Anche io ho
qualcosa da dire". La tutela dei minori e Internet; partecipazione a concorsi di poesia (un alunna è
stata premiata al concorso di poesia “Città di Fabriano”, altri alunni per pubblicazioni di argomento
scientifico).
Latino: Viaggio a Pompei per assistere alla rappresentazione dell’Aulularia di Plauto e per visitare
gli scavi;
8
Matematica: “Matematica & Realtà”; “Giochi matematici della Bocconi”; “Il matematico creatore”;
Pi greco day; XV Convegno “Esperienze a confronto” di Perugia, dove i partecipanti hanno vinto la
menzione speciale con il lavoro “Il meraviglioso disegno del corpo umano da Leonardo da Vinci a
Benoit Mandelbrot”.
Storia dell’Arte: FAI “Torneo del paesaggio”; “Olimpiadi del patrimonio”; “Articolo 9 della
costituzione. Cittadinanza attiva per la cultura, la ricerca, il paesaggio e il patrimonio storico e
artistico"; visita guidata della mostra allestita a Taverna in occasione dei quattrocento anni trascorsi
dalla nascita di Mattia Preti; visite, presso il museo MARCA, della mostra “Book - house” e della
mostra dedicata all’artista Agostino Bonalumi.
Esami ECDL;
Viaggio di istruzione a Londra.
Orientamento universitario: la classe si è recata alla manifestazione “Orienta Calabria”, svoltasi
nell’apposito padiglione allestito a Lamezia Terme; ha partecipato a svariati incontri con i referenti
di facoltà calabresi e non, pubbliche e private; ha partecipato alla simulazione di test universitari
gestita da referenti esterni e interni alla scuola.
FINALITA’ E OBIETTIVI RAGGIUNTI
Il Consiglio di classe, attraverso un’attività programmata e di volta in volta verificata, ha perseguito
finalità e obiettivi comuni, volti alla formazione di personalità autonome, capaci di interagire in
modo consapevole con la realtà.
A tal fine sono stati concordate le seguenti finalità:
- sviluppo delle capacità logico - critiche e dei processi di astrazione e di formalizzazione;
- potenziamento e consolidamento della competenze comunicative ed uso dei linguaggi specifici;
- sviluppo delle capacità di partecipazione attiva e responsabile alla vita ed al lavoro di gruppo;
- consapevolezza e rispetto di sé e degli altri e consapevole confronto ed interazione con la realtà.
Obiettivi raggiunti
Al termine del loro percorso formativo, gli alunni dimostrano di possedere le seguenti
conoscenze, competenze e capacità:
Obiettivi cognitivo – operativi
La maggior parte degli alunni:
-dimostra una conoscenza dei contenuti inerenti alle diverse discipline superiore allo standard
minimo;
-applica un metodo di studio razionale e funzionale ad un apprendimento non mnemonico;
-si esprime in forma corretta e coerente e sa usare in modo pertinente il lessico e i mezzi espressivi
specifici delle diverse discipline;
-utilizza con disinvoltura e consapevolezza gli strumenti propri delle diverse discipline (libri di
testo, testi di approfondimento, dizionari, strumenti multimediali, strumenti per il disegno tecnico,
attrezzi per l’attività sportiva);
-sa svolgere correttamente le svariate tipologie di verifica, scritte, orali, grafiche, pratiche, comprese
quelle previste per l’esame di stato;
-applica le proprie capacità di analisi e di sintesi e quelle logico-intuitive e interpretative alla
risoluzione di problemi;
-possiede le competenze atte a svolgere ricerche e lavori di approfondimento, individuali e di
gruppo;
-è in grado di produrre, analizzare, interpretare e attualizzare testi di vario genere;
9
-è in grado di collegare le conoscenze, rielaborare criticamente i contenuti e le metodologie
acquisiti nell’ambito delle singole discipline, applicando le proprie competenze anche in senso
interdisciplinare;
-utilizza nella risoluzione di situazioni nuove le conoscenze, le competenze, le capacità acquisite,
ancorandole alla realtà del passato e del presente;
-dimostra consapevolezza nell’intendere gli apporti delle diverse discipline come tasselli di una
crescita globale avvenuta grazie al percorso formativo seguito, anche ai fini dell’orientamento e
delle scelte culturali e professionali future.
Alcuni alunni hanno raggiunto i seguenti standard minimi:
-dimostrano una conoscenza sufficiente dei contenuti relativi alle diverse discipline;
-si esprimono in modo logico e sequenziale ;
-utilizzano in modo semplice, ma corretto, i mezzi espressivi e gli strumenti specifici delle diverse
discipline;
-analizzano e producono testi in modo semplice, ma corretto;
-applicano correttamente le modalità richieste per le diverse tipologie di verifica, scritte, orali,
grafiche, pratiche;
Obiettivi socio - affettivi e comportamentali
Tutti gli alunni sono in grado di:
-dialogare, confrontarsi e collaborare con i docenti e con i compagni; contribuire a determinare un
clima di solidarietà e di tolleranza; utilizzare le differenze come strumento di crescita e di
arricchimento individuale e collettivo;
-rispettare le norme del regolamento d’Istituto e dello Statuto degli Studenti e contribuire
all’affermazione della legalità, dello scambio di idee e di valori.
ASSI DISCIPLINARI. FINALITA’ E METODOLOGIE ADOTTATE
La programmazione disciplinare è stata elaborata, in tutto o in parte, in modo modulare, come
indicato nelle schede dei contenuti allegate al presente documento.
In particolare, per il conseguimento degli obiettivi disciplinari e trasversali, attraverso le
tematiche linguistiche e letterarie - Italiano, Latino, Inglese - si è inteso sviluppare negli alunni
senso critico, interesse per la ricerca, amore per la lettura e di promuovere le abi lità
linguistiche ed espressive. Ampio spazio è stato conferito all'analisi dei testi, intesi come
espressione artistica dell’interiorità umana, ma anche come strumento adeguato a conoscere se
stessi e la realtà del passato e del presente, a suscitare riflessioni e giudizi personali e la
scoperta delle proprie potenzialità creative ed emozionali. La Storia è stata utilizzata come
strumento base per la comprensione dei molteplici e complessi feno meni culturali di ogni
epoca e soprattutto della società contemporanea. La Filosofia ha mirato essenzialmente
all'acquisizione di un metodo logicamente valido, che aiutasse gli alunni a riflettere in termini
razionali e con consapevolezza sui problemi della realtà e dell'esistenza. La Matematica e la
Fisica hanno curato lo sviluppo delle capacità logico-deduttive, la formazione di una
mentalità scientifica che consentisse agli alunni un avvicinamento al sapere senza
approssimazioni. La Matematica, poi, ha dato anche la possibilità di imparare ad utilizzare i
nuovi strumenti informatici. La Geografia generale ha contribuito a sviluppare la capacità di
analizzare i fenomeni naturali, con particolare cura per la discriminazione tra le osservazioni,
i fatti, le ipotesi, le teorie e, infine, ha cercato di fornire agli studenti le basi cognitive
necessarie per poter gestire da cittadini responsabili le risorse della natura. Il Disegno e la
Storia dell'Arte hanno contribuito a sviluppare e ad affinare la sensibilità artistica, il gusto, la
creatività e le conoscenze generali del patrimonio artistico italiano ed europeo. L'Educazione
Fisica ha curato la costituzione di un gruppo collaborativo e lo sviluppo della capacità di
conoscere e saper gestire il proprio corpo. L'insegnamento della Religione ha stimolato gli
10
interessi degli alunni, guidandoli nella riflessione e nell'approfondimento di varie
problematiche.
Metodologie didattiche utilizzate
Coerentemente con la situazione esposta nella presentazione della classe, particolare rilievo è stato
conferito al dibattito guidato, efficace strumento didattico atto a favorire la partecipazione e un
apprendimento attivo, idoneo a stimolare la risoluzione di problemi, a sviluppare capacità critiche e
autonomia di giudizio, a suscitare quel necessario coinvolgimento che evita il rischio di calare le
conoscenze dall’alto.
Proficuo è risultato, a volte, l’utilizzo di “allievi - tutors”, finalizzato a valorizzare le eccellenze e la
tendenza all’approfondimento e, d’altra parte, a favorire il confronto, la socializzazione, il senso di
solidarietà.
Gruppi di docenti hanno intrapreso iniziative multidisciplinari di approfondimento, che hanno
favorito l’interazione interdisciplinare e l’abitudine a lavorare in gruppo. (Vedi nel dettaglio la voce
“Attività extracurriculari”).
In ogni fase dell’attività didattica l’intento è stato quello di rendere l’insegnamento aderente ai
bisogni della classe e alle esigenze di ciascun allievo, attuando, ove risultasse opportuno, interventi
“individualizzati”.
Sono stati utilizzati da docenti e alunni strumenti multimediali e laboratori informatici.
Nella programmazione curriculare e di ogni attività si è tenuto conto dei livelli di partenza degli
allievi e si è cercato quanto possibile di individualizzare l’azione didattica, onde favorire il
conseguimento degli obiettivi concordati in Consiglio di classe.
La programmazione ha tenuto conto della realtà e dei bisogni della classe, delle potenzialità e degli
interessi dei singoli nonché di aggiornate indicazioni metodologiche e didattiche.
Nel quotidiano dialogo educativo sono state perseguite le seguenti finalità e strategie:
- coinvolgere gli alunni, rendendoli protagonisti attivi ed accompagnando alla lezione frontale il
dibattito, spontaneo e/o guidato;
-abituarli all’analisi ed alla decodificazione di diversi linguaggi, attraverso la lettura, l’analisi e
l’esercizio continuo;
- agevolare una consapevole assimilazione ed organizzazione dei contenuti, facendo seguire spesso
alla spiegazione esercizi applicativi ed alternando domande/quesiti a brevi risposte e ad opportune
chiarificazioni/integrazioni;
- guidare all’elaborazione di schemi e mappe concettuali;
- promuovere e supportare la ricerca guidata e/o autonoma e l’approfondimento;
- stimolare il lavoro di gruppo ai fini di un concreto scambio di conoscenze e competenze;
- far acquisire una conoscenza correlata dei contenuti al fine di realizzare una rete concettuale
multidisciplinare.
Sintesi delle principali strategie adottate: dibattito guidato; problem solving; lezione frontale;
esercitazioni sulle diverse tipologie di verifica previste dall’esame di stato; esercitazioni finalizzate
all’acquisizione, al rafforzamento e al potenziamento di competenze e di capacità intellettuali,
grafiche, fisiche, multimediali; produzione di lavori e ricerche individuali e di gruppo; lettura e
analisi di testi di diversa natura; redazione di testi scritti, di appunti, relazioni, schemi, mappe
concettuali, ricerche; laboratori; esercizi ginnici.
11
VERIFICHE E VALUTAZIONE
Verifiche (criteri, tipologie)
Le verifiche sono state considerate parte integrante del dialogo educativo e finalizzate a far
acquisire ai discenti consapevolezza delle proprie conoscenze e competenze e, ove opportuno, a
orientare e a modificare quanto programmato.
La scelta delle diverse tipologie di verifica (adeguata agli obiettivi prefissati, ai bisogni della classe,
alle specifiche strategie utilizzate, ai tempi di svolgimento) ha indirizzato gli alunni verso differenti
modalità, li ha messi in grado di saper svolgere le prove previste per l’esame di stato e ha fornito un
orientamento anche per i test di ammissione all’università.
Sintesi delle tipologie adottate: dibattito guidato, problem solving, interrogazione frontale,
questionari, prove strutturate e semi strutturate, tema argomentativo, analisi del testo, saggio breve,
articolo di giornale, relazione, traduzioni, esercizi, problemi, ricerche e lavori individuali e di
gruppo, prove grafiche, test motori, prove multimediali.
Prima prova:
Nel corso dell’anno scolastico sono state utilizzate le seguenti tipologie: analisi del testo, saggio
breve e articolo di giornale, tema argomentativo di ordine generale e di argomento storico.
Le prove sono state corrette mediante apposite griglie per rendere la valutazione chiara e oggettiva e
per indurre negli alunni un processo di auto valutazione.
Seconda prova:
Le prove di Matematica sono state finalizzate alla risoluzione di problemi, anche secondo la
tipologia degli esami di stato. Gli allievi sono stati abituati a decodificare le tracce, ad acquisire
padronanza di calcolo, a saper ipotizzare e risolvere i problemi con procedimenti corretti.
Terza prova:
Per la Terza prova il Consiglio di classe ha scelto la tipologia B: quesiti a risposta singola di
massimo 10 righe; durata 150 minuti.
Nel corso dell’anno sono state effettuate due simulazioni di Terza prova, rispettivamente l’8 marzo
e il 10 maggio 2014 (allegate al presente documento); discipline coinvolte: Filosofia, Fisica,
Inglese, Scienze, Storia dell’Arte.
Esercitazioni di Latino per la Terza prova sono state svolte dalla docente della disciplina nelle
proprie ore, allo scopo di fornire agli studenti più numerose opportunità per esercitarsi.
Si allegano griglie di valutazione relative alla correzione della Prima, della Seconda e della Terza
prova.
Valutazione (Criteri, modalità)
La valutazione, improntata al criterio della trasparenza ed espressa in voti (elementi di misurazione
del grado di apprendimento in relazione agli obiettivi prefissati), ha tenuto conto del livello di
difficoltà delle prove, dei tempi assegnati per le stesse, dei ritmi e delle modalità di apprendimento,
della partecipazione, dell’interesse, dell’impegno, dei livelli di conoscenza, delle competenze e
delle capacità acquisiti.
Criteri fondamentali di valutazione sono stati anche: la continuità nell’impegno, la partecipazione al
dialogo educativo, il patrimonio di conoscenze acquisito, le competenze inerenti alla
comunicazione, all’organizzazione e all’utilizzazione dei contenuti, le capacità di autonoma
progettazione e di elaborazione.
I parametri di valutazione sono coerenti ai criteri e agli indicatori definiti nel POF (vedi griglia
allegata) e nei documenti prodotti dai dipartimenti delle singole discipline. A tal fine sono state
utilizzate, ove lo si è ritenuto opportuno, apposite griglie. Il Consiglio di classe si è impegnato a
creare un’intesa tra i docenti che ne fanno parte affinché i criteri utilizzati per la valutazione
risultassero quanto più possibile unitari e condivisi.
Di seguito si allegano: griglia che riporta i criteri di valutazione stabiliti dal POF e griglie per la
correzione della prima, della seconda e della terza prova:
12
CRITERI GENERALI DI VALUTAZIONE ADOTTATI
PER L’INDIVIDUAZIONE DEI LIVELLI E PER L’ATTRIBUZIONE DEI VOTI
(GRIGLIA TRATTA DAL POF)
Livello
Impegno e
Partecipazione
Livello 1
Voto 1-3
Giudizio:
Scarso
Non rispetta gli
impegni; si distrae
in classe
Livello 2
Voto 4
Giudizio:
Insufficiente
Discontinuo nel
rispetto degli
impegni e nel
livello di
attenzione e
partecipazione
Livello 3
Voto 5
Giudizio:
Mediocre
Impegno non
sempre
responsabile;
partecipazione da
sollecitare
Livello 4
Voto 6
Giudizio:
Sufficiente
Assolve agli
impegni e
partecipa alle
lezioni in modo
ricettivo e non
sempre continuo
Livello 5
Voto 7
Giudizio:
Discreto
Impegno continuo
e partecipazione
attiva
Livello 6
Voto 8
Giudizio:
Buono
Livello 7
Voto 9-10
Giudizio:
OttimoEccellente
Impegno
consapevole e
partecipazione
propositiva
Impegno assiduo,
consapevole e
responsabile.
Partecipazione
propositiva e
stimolante
Conoscenze
Isolate,disorganizzate
Frammentarie,superficiali
Incomplete e superficiali
Essenziali
Ordinate e parzialmente
approfondite
Complete, organiche ed
approfondite
Complete,
organiche,approfondite e
criticamente rielaborate
Competenze
Abilità
Non riesce ad
applicare le
conoscenze; si
esprime in maniera
disorganica e poco
corretta. Non
partecipa al dialogo
Commette gravi
errori
nell’applicazione
delle conoscenze; si
esprime in forma
approssimativa
A volte commette
errori nella
applicazione delle
conoscenze; si
esprime in modo
schematico e non
sempre corretto
Applica le
conoscenze acquisite
ed esegue semplici
compiti senza errori;
espone in modo
semplice ma chiaro
Esegue compiti
complessi e sa
applicare
conoscenze e
procedure senza
gravi errori. Usa i
linguaggi settoriali
Esegue compiti
complessi e sa
applicare con
correttezza
conoscenze e
procedure. Si
esprime in maniera
efficace e pertinente
Non è capace di
effettuare alcuna
analisi né di
sintetizzare le
conoscenze. Non
ha autonomia di
giudizio
Esegue compiti
complessi applica
correttamente
conoscenze e
procedure in contesti
pluridisciplinari. Si
esprime in maniera
efficace ed
appropriata, usando
un lessico ricco e
bene articolato
Anche se guidato
effettua solo
analisi e sintesi
parziali ed
imprecise
Effettua sintesi ed
analisi incomplete
e generiche;
esprime
valutazioni parziali
solo se guidato
Effettua analisi e
sintesi essenziali
ed esprime
valutazioni
semplici ma
adeguate
Effettua analisi e
sintesi coerenti ed
esprime
valutazioni
autonome
Effettua analisi e
sintesi complete ed
approfondite.
Esprime
valutazioni
autonome
pertinenti
Coglie gli elementi
di un insieme,
stabilisce
relazioni,
organizza
autonomamente
conoscenze e
procedure.
Esprime
valutazioni
complete, critiche
ed approfondite
13
GRIGLIA DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA (ITALIANO)
La docente di Italiano e la docente di Storia hanno elaborato prove di verifica che simulassero l’esperienza della
Prima prova dell’Esame di Stato tenendo conto delle seguenti tipologie:
Tipologia A (Analisi del testo)
Tipologia B (Saggio breve e articolo di giornale)
Tipologia C (Tema di Storia)
Tipologia D (Tema di Attualità).
Per ciascuna prova il tempo massimo assegnato è stato di ore 3 (tre). I criteri di valutazione della Prima prova (Prova
di Italiano) sono i seguenti:
Comprensione del testo
(Analisi testuale)
Aderenza alle consegne
(Saggio breve ed articolo di giornale)
Aderenza alla traccia
(Tema)
Completa
5
Ampia
4
Corretta ed articolata
3
Essenziale
2
Incompleta
1
Complete
Ampie
2,5
2
Conoscenze specifiche
Corrette ed articolate
Essenziali
1
Incomplete
0,5
Complete
2,5
Ampie
Argomentazioni
Correttezza sintattico-grammaticale e chiarezza espressiva
1,5
Corrette ed articolate
2
1,5
Essenziali
1
Incomplete
0,5
Completa
5
Ampia
4
Corretta ed articolata
3
Essenziale
2
Incompleta
1
14
GRIGLIA DI VALUTAZIONE SECONDA PROVA
(MATEMATICA)
CANDIDATO _________________________________________
INDICATORI
DESCRITTORI
PUNTI
Conoscenze/abilità
Complete ed esaustive
4
Conoscenza di principi, teorie, concetti,
termini, regole, procedure, metodi e
tecniche
Parziali
3
Superficiali
1-2
Capacità logiche ed
argomentative
Ampia, articolata, efficace
Organizzazione e utilizzazione di
conoscenze e
abilità per analizzare, scomporre,
elaborare.
Proprietà di linguaggio, chiarezza e
correttezza dei riferimenti teorici e delle
procedure scelte, comunicazione e
commento della soluzione puntuali
e logicamente rigorose.
/15
3
Essenziale
1-2
Superficiale e incompleto
3
Parzialmente corretta
2
Errori nei calcoli e nei grafici
0-1
Completezza della risoluzione
Risoluzione completa del problema e dei quesiti
Rispetto della consegna circa il numero
di questioni da risolvere
Risoluzione parziale del problema e dei quesiti
2
0-1
Originalità ed eleganza della
risoluzione
Scelta di procedure ottimali e non standard
Correttezza
nei
calcoli,
nell’applicazione
di
tecniche
e
procedure. Correttezza e precisione
nell’esecuzione delle rappresentazioni
geometriche e dei grafici.
/15
4
Corretta ed esaustiva
Correttezza e chiarezza degli
svolgimenti
PUNTEGGIO
ATTRIBUITO
Scelta di procedure standard
/15
/15
2
0-1
Scelta di procedure ottimali e non
standard
/15
VOTO ASSEGNATO
/15
15
16
LICEO SCIENTIFICO L. SICILIANI
CATANZARO
CLASSE V, SEZIONE E
SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA
(per gli Esami di Stato 2013-2014)
TIPOLOGIA B
(domande a risposta aperta, max 10 righe)
TEMPI DI SVOLGIMENTO: 150 MINUTI
CRITERI DI VALUTAZIONE: si allega griglia
COORDINATRICE: Prof. Angela Maria Rossano
DISCIPLINE INTERESSATE:
FILOSOFIA
FISICA
LINGUA INGLESE
SCIENZE
STORIA DELL’ARTE
Catanzaro, 8 marzo 2014
NOME DEL CANDIDATO: _____________________________________________
17
Quesiti di LINGUA INGLESE
Nome del candidato: ________________________
1) Does the film “Pride and Prejudice” highlight Jane Austen’s sensibility?
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
2) What was the Victorian Compromise?
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
18
Quesiti di FILOSOFIA
Nome del candidato: ___________________________
1) Qual è, in Nietzsche, il legame tra le nozioni di “eterno ritorno” e di “oltreuomo?
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
2) Perché il tempo come durata, secondo Bergson, consente di affermare la libertà umana?
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
19
Quesiti di FISICA
Nome del candidato: ____________________________
1) Conduttori e isolanti; spiega il loro comportamento, a livello microscopico, quando si
avvicina loro un corpo carico.
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
2) Illustra la legge di Coulomb e il principio di sovrapposizione.
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
20
Quesiti di SCIENZE
Nome del candidato: __________________________
1) Quali sono le cause dello schiacciamento della Terra?
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
2) Che cosa sono i fusi orari?
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
21
Quesiti di STORIA DELL’ ARTE
Nome del candidato: _______________________
1) In “Giacobbe lotta con l’angelo” Delacroix oltre a dimostrarsi un fine colorista esprime
anche alcune tematiche romantiche; indaga brevemente su questi due aspetti presenti
nell’opera.
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
2) Secondo tue sintetiche personali considerazioni, cosa esprime “Notte stellata” di Vincent
van Gogh.
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
22
23
LICEO SCIENTIFICO L. SICILIANI
CATANZARO
CLASSE V, SEZIONE E
SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA
(per gli Esami di Stato 2013-2014)
TIPOLOGIA B
(domande a risposta aperta, max 10 righe)
TEMPI DI SVOLGIMENTO: 150 MINUTI
CRITERI DI VALUTAZIONE: si allega griglia
COORDINATRICE: Prof. Angela Maria Rossano
DISCIPLINE INTERESSATE:
FILOSOFIA
FISICA
LINGUA INGLESE
SCIENZE
STORIA DELL’ARTE
Catanzaro, 10 maggio 2014
NOME DEL CANDIDATO: _____________________________________________
24
Quesiti di FILOSOFIA
Nome del candidato: ___________________________
1) Che intende Freud per “disagio della civiltà” e c’è, a suo parere, la possibilità che
l’individuo possa sfuggire a tale condizione?
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
2) Per quali ragioni Husserl critica le scienze moderne e quale sapere oppone al pensiero
scientifico - tecnico?
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
25
Quesiti di FISICA
Nome del candidato: ________________________
1) Descrivi il moto di una carica in un campo magnetico.
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
2) Legge di Faraday-Neumann-Lenz.
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
26
Quesiti di INGLESE
Nome del candidato: ________________________
1) In which way was Lawrence innovative?
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
2) What were the “Roaring Twenties”?
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
27
Quesiti di SCIENZE
Nome del candidato: __________________________
1) Qual è l’evoluzione di una stella con una massa di partenza di 10-15 volte quella del Sole?
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
2) Come si determina la longitudine?
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
28
Quesiti di STORIA DELL’ ARTE
Nome del candidato: _______________________
1) Delinea brevemente il percorso artistico di Cesanne, personaggio di transizione tra due
grandi movimenti pittorici di fine ‘800 e precursore dell’arte moderna.
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
2) Descrivi, attraverso “L’urlo” di Edvard Munch, il senso di angoscia profonda che pervade
le sue opere.
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
29
30
CONTENUTI SVOLTI
NELL’AMBITO DELLE SINGOLE DISCIPLINE
ED ESPRESSI IN MODULI
Nell’ambito di una educazione alla complessità e alla unitarietà del sapere, lo
svolgimento dei contenuti è stato articolato in moduli, i quali hanno determinato un
campo di lavoro aperto, offrendo agli studenti l’opportunità di spaziare attraverso
percorsi tematici e interdisciplinari e, secondo i diversi interessi e le differenti
attitudini, la possibilità di costruire, autonomamente, una varietà di itinerari
pluridisciplinari, anche in vista del colloquio d’esame.
31
ITALIANO: ORGANIZZAZIONE MODULARE DEI CONTENUTI
CLASSE V E
Disciplina : Italiano
Prof. Angela Maria
Rossano
Libro di testo: BALDI,
GIUSSO, RAZETTI,
ZACCARIA, Testi e storia
della letteratura, Paravia
ALTRI STRUMENTI O
SUSSIDI:
Fotocopie e supporti
multimediali.
Contenuti delle lezioni,
Altre
delle unità didattiche o dei discipline
moduli preparati per
coinvolte
l’esame
Conoscenze e
competenze
acquisite
Criteri di
sufficienza
(livelli minimi
accettabili delle
conoscenze e
delle
competenze)
Condizioni e
strumenti
utilizzati per
la valutazione
(tipologia
delle prove)
-La poesia tra Ottocento e
Novecento
Natura e mistero, senso
simbolico e fonico della parola
poetica: Leopardi,
Decadentismo, Pascoli,
D'Annunzio, Poeti tra le due
guerre, Ungaretti, Montale.
Avanguardie del Novecento:
cenni su Futurismo, Poeti
Crepuscolari, Ermetismo
Conoscenza
diacronica e
organizzazione
modulare di
tematiche e percorsi
inerenti ai testi e ai
diversi autori.
Conoscenza
sufficiente,
diacronica e
modulare, degli
argomenti trattati.
Analisi dei testi,
orale e scritta.
Analisi ed
interpretazione
complessa, metrica,
retorica, polisemica
dei testi letterari.
Applicazione
corretta dei
parametri
fondamentali di
analisi dei testi
letterari.
-Il romanzo dalle origini al
Novecento
Origini del romanzo
“borghese”, il realismo
ottocentesco, Manzoni e il
romanzo storico; Naturalismo,
il Verismo e Verga;
D'Annunzio, Pirandello e il
romanzo psicologico; Svevo e la
psicoanalisi; Calvino e la
“dissoluzione del romanzo”;
Primo Levi: “Se questo è un
uomo”
-Invito alla lettura:
A scelta: Lettura di opere
narrative di Verga e Pirandello.
Primo Levi, Se questo è un
uomo
Partecipazione al Progetto
Gutenberg: lettura di diversi
testi scelti dagli alunni
Filosofia,
Inglese,
Matematica,
Latino,
Religione,
Storia, Storia
dell'Arte
Competenze
Comunicazione
linguistico-espressive. chiara ed
argomentazione
essenziale dei
contenuti
disciplinari appresi.
Capacità di
rielaborazione e di
giudizio critico.
Elaborazione ed
organizzazione
sufficientemente
coerenti.
Saggio breve e
articolo di
giornale.
Tema
argomentativo.
Relazione.
Domande a
risposta aperta.
Prove
semistrutturate.
Dibattito
guidato.
Colloqui
individuali e
collettivi.
Interrogazione
frontale
-Divina Commedia, Paradiso,
canti I, III, VI, VIII, XI, XV,
XXXIII.
32
LATINO: ORGANIZZAZIONE MODULARE DEI CONTENUTI
CLASSE V E
Disciplina :
Latino
Prof. Angela
Maria Rossano
Contenuti delle
lezioni, delle
unità didattiche
o dei moduli
preparati per
l’esame
Libro di testo: A. DIOTTI, S.
DOSSI, F. SIGNORACCI, Libera
lectio, SEI
ALTRI STRUMENTI O SUSSIDI:
Fotocopie e supporti multimediali.
Altre
discipline
coinvolte
Conoscenze e
competenze acquisite
Criteri di
sufficienza
(livelli minimi
accettabili delle
conoscenze e
delle competenze)
Condizioni e
strumenti
utilizzati per la
valutazione
(tipologia delle
prove)
I rapporti tra gli
intellettuali e il
potere imperiale:
Fedro, Seneca,
Lucano, Petronio,
Quintiliano,
Marziale,
Giovenale, Tacito
Filosofia,
Italiano,
Scienze,
Storia,
Storia
dell’Arte
Conoscenza dei caratteri
salienti della Letteratura
latina: poetica degli autori,
contestualizzazione storica,
generi letterari, tematiche
inerenti ai moduli prescelti
Conoscenza
sufficiente,
diacronica e
modulare, degli
argomenti trattati.
Competenze: traduzione,
analisi e contestualizzazione
dei testi latini
Applicazione
corretta dei
parametri
fondamentali di
analisi dei testi
letterari.
Interrogazione frontale,
verifica orale collettiva,
dibattito guidato, traduzioni
e analisi dei testi, scritte e
orali, prove
semistrutturate,
simulazione terza prova
multidisciplinare.
Capacità di giudizio e di
individuazione storico critica dei rapporti tra
mondo latino e cultura
moderna e contemporanea
Comunicazione
chiara ed
argomentazione
essenziale dei
contenuti disciplinari
appresi.
Elaborazione ed
organizzazione
sufficientemente
coerenti.
Il “romanzo” a
Roma: Petronio e
Apuleio
Letteratura e sapere
scientifico: Seneca e
Plinio il Vecchio
33
CONTENUTI di INGLESE
Programma di Inglese
Svolto nella classe V sez. E
Nell’anno scolastico 2013/2014
Prof.ssa Sinopoli Rosalia
Disciplina: Inglese
Contenuti delle
lezioni, delle
unità didattiche,
dei moduli
preparati per
l’esame
Eventuali
altre
discipline
coinvolte
XIX SECOLO
TUTTE
XX SECOLO
Libri di testo: Only Connect_New directions– Vol2/vol3 di Marina
Spiazzi e Marina Tavella
From the Early Romantics to the Victorian Age; The Twentieth Century
and Forward
Conoscenze, abilità,
Criterio di sufficienza
Condizioni e strumenti
prestazioni, competenze
(livello minimo
utilizzati per la
acquisite
accettabile delle abilità,
valutazione (tipologia
conoscenze, competenze) delle prove)
Altri strumenti o
sussidi
Consolidamento ed
ampliamento delle quattro
abilità fondamentali della
lingua, arricchimento del
bagaglio lessicale.
Consolidamento abilità
espositive orali e scritte.
Consolidamento dell’analisi
dei testi letterari per favorire
un metodo di lavoro
autonomo. Attitudine ad
operare collegamenti fra le
varie discipline con
riferimento ai periodi
storico-letterari oggetto di
studio.
Comprensione di un’ampia
gamma di testi complessi e
riconoscimento del
significato implicito.
Esprimersi con scioltezza e
naturalezza. Produzione in
modo autonomo di testi
chiari, ben costruiti,
dettagliati e coerenti,
mostrando adeguato
controllo della struttura
testuale.
Questionari.
Commento ed analisi di
testi letterari.
Componimenti.
Terza prova.
34
DISCIPLINA : STORIA E “CITTADINANZA E COSTITUZIONE”
Classe V sez. E
Anno scolastico 2013-2014
Docente : prof.ssa Vincenza Pettinato
LIBRO DI TESTO : A. Giardina, G. Sabbatucci, V. Vidotto, Il mosaico e gli specchi. Percorsi di
storia dal medioevo a oggi, voll. 5A e 5B, Laterza, 2006.
AA.VV., Stato e Societa’. Dizionario di educazione civica, La Nuova Italia,2003.
ALTRI STRUMENTI O SUSSIDI : Fonti documentarie; Fotocopie ( di manuali di Storia, di critica
storiografica ), materiali tratti da Internet.
CONTENUTI DELLE LEZIONI, DELLE UNITA’ DIDATTICHE O DEI MODULI
PREPARATI PER L’ESAME
MODULO 1: “ dal 1861 al 1915 : processi d’ integrazione nazionale, economia mondiale e rottura
dell’equilibrio europeo. “.
MODULO 2: “ La Grande Guerra e il secolo breve “.
MODULO 3 : “ L’ emergenza totalitaria “.
MODULO 4 : “ La crisi del 1929 e la politica del New Deal. Aspetti del Welfare State”.
MODULO 5: “ La Seconda Guerra Mondiale.”
MODULO 6: “ Il bipolarismo e la guerra fredda “.
MODULO 7 : ” Verso il Nuovo Ordine Mondiale “ (1).
MODULO 8 : “L’Italia Repubblicana” (1).
Nota 1 :Si presume di completare dopo il 15 maggio la trattazione degli argomenti previsti dal
Modulo 7 e dal Modulo 8 .
EVENTUALI ALTRE DISCIPLINE COINVOLTE:
Filosofia e le altre discipline curriculari.
CONOSCENZE, ABILITA’, PRESTAZIONI, COMPETENZE ACQUISITE
Le conoscenze, competenze, capacità acquisite risultano differenziate, in relazione ai diversi livelli
di partenza e al diverso grado d’impegno, interesse, partecipazione dimostrati.
Nel complesso risultano realizzati i seguenti obiettivi in termini di :
CONOSCENZE : gli allievi dimostrano di possedere conoscenze di :
- Fatti, problemi, lineamenti generali del periodo trattato;
- Categorie ,concetti generali, termini propri della storiografia.
35
COMPETENZE : dimostrano di :
- saper analizzare i fatti;
- saper individuare nessi di interdipendenza tra fatti/ relazioni tra i diversi soggetti storici,
riconoscere tendenze, linee di sviluppo, persistenze ,
- saper spiegare, argomentare, esporre, sintetizzare,
- saper utilizzare concetti generali e termini storici per analizzare specifici contesti storici
CAPACITA’ : dimostrano capacità :
- di problematizzare, di porre domande, di riferirsi a tempi e spazi diversi, di storicizzare le
conoscenze ;
- .di comprensione critica del presente;
- di valutazione ed orientamento nel presente.
Più in particolare i suddetti livelli di conoscenza e competenza sono così diversificati all’interno
della classe:
LIVELLO OTTIMO : studio scrupoloso e continuo. Conoscenze approfondite e capacità di
elaborazione.
LIVELLO BUONO : studio razionale. Conoscenza assimilata dei contenuti.
LIVELLO DISCRETO : conoscenza organica dei contenuti. Partecipazione attenta.
LIVELLO SUFFICIENTE : conoscenza essenziale dei contenuti. Esposizione semplice e ordinata.
LIVELLO MEDIOCRE : preparazione incompleta e poco approfondita. Esposizione mnemonica..
CRITERIO DI SUFFICIENZA (livello minimo accettabile delle abilità, conoscenze,
competenze)
- Possedere conoscenze essenziali di fatti, problemi, temi del periodo studiato .
- Saper effettuare analisi e sintesi essenziali di fatti e problemi .
- Saper ricostruire l’itinerario storico essenziale,esporre in forma semplice ma chiara, con
l’utilizzazione dei termini essenziali della disciplina.
- Saper esprimere valutazioni semplici ma adeguate.
CONDIZIONI E STRUMENTI UTILIZZATI PER LA VALUTAZIONE ( Tipologia delle
prove )
Le VERIFICHE ORALI, puntuali e sistematiche, sono state realizzate mediante interrogazioni
individuali, dibattiti guidati, colloqui.
Le VERIFICHE SCRITTE sono state realizzate secondo la tipologia B e corrette con specifiche
Griglie di valutazione.
Per la Valutazione sommativa si è tenuto conto dei risultati accertati con le singole verifiche,
dell’impegno, partecipazione, interesse dimostrati nel corso dell’anno scolastico, della crescita dei
Livelli di conoscenze, competenze, capacità rispetto a quelli iniziali.
36
DISCIPLINA : FILOSOFIA
Classe V sez. E
Anno scolastico 2013-2014
Docente: prof.ssa Vincenza Pettinato
LIBRO DI TESTO : N. Abbagnano, G. Fornero, Protagonisti e testi della Filosofia, nuova
edizione , Paravia, Volumi C e D.
ALTRI STRUMENTI O SUSSIDI : testi degli autori trattati, “ Storie “ della filosofia,
monografie, saggi .
CONTENUTI DELLE LEZIONI, DELLE UNITA’ DIDATTICHE O DEI MODULI
PREPARATI PER L’ESAME
MODULO 1 : “ Le critiche a Kant e l’affermarsi dell’idealismo”.
MODULO 2: “L’assolutizzazione della Ragione : i grandi sistemi “:
Fichte, Schelling, Hegel, Schopenhauer, Feuerbach, Marx, Comte, Spencer.
MODULO 3: “ La revisione critica della ragione “ :
Kierkegaard, Nietzsche, Bergson.
MODULO 4: “Le nuove forme di razionalità” :
Freud, Husserl , Heidegger, Sartre.
MODULO 5: “ Teorie della conoscenza e dottrine politiche nel Novecento“:
Dewey, ( Popper ) (1).
Nota 1 : si presume di completare dopo il 15 maggio gli argomenti riportati in parentesi.
EVENTUALI ALTRE DISCIPLINE COINVOLTE:
Storia e le altre discipline curriculari.
CONOSCENZE, ABILITA’, PRESTAZIONI, COMPETENZE ACQUISITE
Le conoscenze, competenze, capacità acquisite risultano differenziate, in relazione ai diversi
livelli di partenza e al diverso grado d’impegno, interesse, partecipazione dimostrati.
Nel complesso risultano realizzati i seguenti obiettivi in termini di:
CONOSCENZE : gli alunni dimostrano di conoscere:
- concetti, teorie, metodi, testi significativi di autori del 1800 e 1900 ;
- il lessico e le categorie generali della disciplina.
COMPETENZE : sanno riconoscere e utilizzare il lessico specifico ; analizzare testi ; esporre,
discutere, argomentare ; confrontare concetti e metodi.
CAPACITA’ : sanno riconoscere i diversi criteri interpretativi ; esercitare la riflessione sui
contenuti ; rielaborare le conoscenze acquisite ; individuare e organizzare percorsi di
approfondimento ; ricondurre le problematiche filosofiche alle esperienze del reale.
37
Più in particolare i suddetti livelli di conoscenza e competenza sono così diversificati all’interno
della classe:
LIVELLO OTTIMO : studio scrupoloso e continuo. Conoscenze approfondite e capacità di
elaborazione.
LIVELLO BUONO : studio razionale. Conoscenza assimilata dei contenuti.
LIVELLO DISCRETO : conoscenza organica dei contenuti. Partecipazione attenta.
LIVELLO SUFFICIENTE : conoscenza essenziale dei contenuti. Esposizione semplice e ordinata.
LIVELLO MEDIOCRE : preparazione incompleta e poco approfondita. Esposizione mnemonica.
CRITERIO DI SUFFICIENZA (LIVELLO MINIMO ACCETTABILE DELLE ABILITA’,
CONOSCENZE, COMPETENZE)
- Possedere conoscenze essenziali di concetti, teorie, metodi, problemi, testi.
- Saper riconoscere e utilizzare correttamente lessico e categorie essenziali della disciplina.
- Saper effettuare analisi e sintesi essenziali di testi e questioni non complessi.
- Saper esporre e discutere in forma semplice, ma chiara, lineare, sostanzialmente corretta.
- Saper esprimere valutazioni semplici ma adeguate.
CONDIZIONI E STRUMENTI UTILIZZATI PER LA VALUTAZIONE (TIPOLOGIE
DELLE PROVE)
Le verifiche, puntuali e sistematiche, in numero congruo per ciascun periodo, sono state finalizzate
ad accertare i prefissati obiettivi di apprendimento ( conoscenze ,competenze, capacità ). Le
VERIFICHE ORALI sono state condotte sotto forma d’interrogazione, colloqui individuali,
discussioni collettive.
Le VERIFICHE SCRITTE sono state realizzate secondo la tipologia B e corrette con specifiche
griglie di valutazione.
Per la valutazione sommativa si è tenuto conto : dei risultati delle singole verifiche , dell’impegno,
partecipazione , interesse dimostrati nel corso dell’anno scolastico ; della crescita dei livelli di
conoscenze, competenze, capacità rispetto a quelli iniziali.
38
MATEMATICA
Altri strumenti o sussidi:
Prof.ssa Anna Alfieri
Contenuti dei moduli e delle unità
didattiche preparati per l’esame
Eventuali
altre
discipline
coinvolte
ANALISI MATEMATICA
MODULO 1 FUNZIONI E LIMITI
U. D. A 1 Nozioni di topologia su R
- Intervalli
- Intorno di un punto
U: D.A 2 Funzione reale di variabile reale
- Concetto di funzione reale di variabile reale
- Grafico di una funzione
- Funzioni monotone, periodiche, pari, dispari
- Trasformazioni elementari di un grafico
della funzione
- Funzioni composte e funzioni inverse
- Funzioni
inverse
delle
funzioni
trigonometriche
U. D.A 3 Limiti delle funzioni di una variabile
- Concetto intuitivo di limite
- Limite finito per una funzione nel punto
- Limite infinito per una funzione nel punto
- Limite destro e sinistro per una funzione nel
punto
- Limite infinito per una funzione all'infinito
- Teoremi fondamentali sui limiti: unicità del
limite, permanenza del segno, teorema degli
zeri, teorema di Weirstrass ( senza
dimostrazione)
- Operazioni sui limiti
- Forme indeterminate
- Limiti di funzione monotone
U. D. A4 Funzioni continue
- Continuità delle funzioni elementari
- Limiti fondamentali
- Funzioni continue su intervalli
- Invertibilità , monotonia,e continuità
- Punti di discontinuità:classificazione
- Grafico di una funzione: primo approccio
MODULO
2
CALCOLO
DIFFERENZIALE
U. DA.1 Derivate delle funzioni di una variabile
- Concetto di derivata: rapporto incrementale
di una funzione e significato geometrico
- Continuità e derivabilità di una funzione
(teorema con dimostrazione)
- Significato geometrico di una derivata
- Derivate di alcune funzioni elementari
attraverso il rapporto incrementale
- Derivata di una somma di un prodotto e di
un quoziente
- Derivata di una funzione composta
- Derivata delle funzioni inverse
- Derivate di ordine superiore
- Applicazioni delle derivate
Tutte le
discipline
.
Libri di testo: Mauale blu 2.0
Matematica UVW
Conoscenze,
abilità,
prestazioni,
competenze
acquisite
Criteri di
sufficienza
Comprension
e del
linguaggio
specifico
della
matematica e
suo uso
corretto per
una
esposizione
rigorosa.
Sviluppo di
capacità
logico
intuitive,
Organizzazio
ne
comunicazion
e ed
argomentazio
ne essenziale
dei contenuti
disciplinari
Analisi e
risoluzione di
problemi di
base
Elaborazione
dei contenuti
disciplinari
interpretazion
e del
problema
matematico
dal punto di
vista
algebrico e
geometrico
Condizioni e
strumenti utilizzati
per la valutazione
(tipologia delle
prove)
Esercizi e problemi
sugli argomenti svolti
Risoluzione di quesiti
assegnati agli esami di
stato.
Le verifiche scritte sono
state costruite come
simulazione del compito
degli esami di stato.
Lavori in gruppo con
tutor
Colloqui Orali
Inquadrare
storicamente
gli eventi
matematici
rilevanti.
Effettuare lo
studio di una
funzione reale
Di variabile
reale
Calcolare
aree e volumi
Effettuare una
modellizzazio
ne della
Realtà usando
gli strumenti
dell’analisi
matematica
Attitudine ed
esaminare
criticamente e
39
U. D .A2 Teoremi fondamentali del calcolo
differenziale
- Teorema di Rolle
- Teorema di Lagrange o del valor medio
Conseguenze del teorema di Lagrange
- Teorema di De L'Hospital
- Approssimazioni delle funzioni tramite
polinomi
- Formula di Taylor
- Punti di non derivabilità:classificazione
U. D. 3 Massimi e minimi relativi. Studio del
grafico di una funzione
- Massimi e minimi assoluti e relativi
- Condizione necessaria per l'esistenza di
massimi e di minimi : teorema di Fermat
- Studio del massimo e minimo delle funzioni
a mezzo della derivata prima
- Problemi di massimo e di minimo
- Concavità convessità
- Punti di flesso a tangente obliqua
- Studio di una funzione
MODULO 3:CALCOLO INTEGRALE
U: D:A 1 Integrali indefiniti
- Primitiva di una funzione. Integrale
indefinito
- Integrali indefiniti immediati
- Integrazione per scomposizione
- Integrazione per cambiamento di variabile
- Integrazione per parti
- Integrazioni delle funzioni razionali fratte
U. D.A 2 Integrale definito
- Problema delle aree
- Definizione di integrale definito: definizione
secondo Riemann
- Proprietà dell'integrale definito
- Funzioni integrali
- Teorema fondamentale dl calcolo integrale
Significato
geometrico
dell'integrale
definito. Calcolo di aree
- Applicazione del calcolo integrale al calcolo
di volumi di rotazione
MODULO 4 ELEMENTI DI ANALISI
NUMERICA
U.DA.1 Risoluzione approssimata di equazioni
- Separazione delle radici
- Metodo di bisezione
- Metodo delle tangenti o di Newton
U. D.A 2 Integrazione numerica
- Formule dei rettangoli
- Formule dei trapezi
MODULO
4
IL
PENSIERO
MATEMATICO
U. D.A 1 Il metodo assiomatico
- I termini primitivi
- Gli assiomi
- L'assioma di Euclide e la geometria euclidea
U. D.A 2 Le geometrie non euclidee
- La geometrie non euclidee
- Modelli di geometrie non euclidee
- Il modello di Klein
Geometrie non euclidee e il problema della
coerenza
a sistemare
logicamente
le conoscenze
via via
acquisite
40
LICEO SCIENTIFICO “Luigi Siciliani” Catanzaro
Classe V sezione E
Corso di FISICA
A. S. 2013-2014
Docente Vincenzo Italia
Testo ufficiale : FISICA volume 3 di John D. Cutnell e Kenneth W. Johnson
Zanichelli Editore
Contenuti svolti
Moduli
Contenuti
Obiettivi
Nozioni propedeutiche
Forze elettriche e
L’origine dell’elettricità.
Basandosi sul modello
Modello atomico
campi elettrici.
Oggetti carichi e forza elettrica.
atomico elementare,
elementare-molecole-forzaConduttori ed isolanti.
struttura elettrico dalle
costruzione di un modello
Elettrizzazione per contatto e per
materia e differenze dal
matematico
induzione. Polarizzazione. Le
punto di vista elettrico tra
legge di Coulomb. Il campo
elementi metallici e non
elettrico- Linee di
metallici
Energia potenziale
Energia potenziale nel campo
Concetto di potenzialeCarica elettrica-campo di
elettrica e potenziale
elettrico-Potenziale elettricoconcetto di capacità
forze
elettrico
D.d.p.- superfici equipotenziali elettrica
Ciucuitazione del campo
elettrico- Condensatori e
dielettriciCircuiti elettrici
Forza elettromotrice e corrente
Concetto di corrente
Intensità di corrente
elettrica- leggi di Ohm- Potenza
elettricaelettrica- struttura
elettrica- Connessioni in serie ed
dell’atomo-legge di
in parallelo- circuiti con resistori
Coulomb- ioni
in serie ed in parallelo- resistenza
interna- Kirchhoff- condensatori
in serie ed in paralleloInterazioni
Campo magnetico. Forza di
Concetto di magnetismoCarica elettrica- campo
magnetiche e campi
Lorentz – moto di una carica in
Concetto di dipolo
elettrico- campo
magnetici
un campo magnetico-forza
magnetico
gravitazionale- vettori e
magnetica su un filo percorso da
calcolo vettorialecorrente- momento torcente su
una spira percorsa da corrente.
Campi magnetici prodotti da
corrente- Gauss e teorema di
Ampere. Materiali magneticiInduzione
Forza elettromagnetica indotta e
Descrivere le esperienze
Campo elettrico- campo
elettromagnetica
correnti magnetiche- legge
dalle quali si evince che a
magnetico- forza agente su
dell’induzione magnetica di
una corrente elettrica è
un filo percorso da corrente Faraday-Neumann- legge di
associato un campo
Lenz- Mutua induzione ed
magneticoautoinduzione- trasformatore-
Equazioni di
Maxwell
La relatività ristretta
Particella ed onde
Equazione dei campi
elettrostatico ed elettromagneticocampi che variano nel tempoequazioni di Maxwell
Postulati della relatività ristrettala relatività nel tempo: dilatazione
temporale-relatività delle
distanze: contrazione delle
lunghezze-quantità di moto
relativistica- equivalenza tra
massa ed energiaIl dualismo onda corpuscolo-
La dipendenza dal tempo
Dalla fisica classica
Newtoniana macroscopica
alla fisica associata alle
velocità che si avvicinano
a quelle della luce
Leggi di Newton
Dalla meccanica classica
Grandezze misurabili con
41
ipotesi di Plank-effetto
alla meccanica quantistica
precisione grande a piacerefotoelettrico
ESPERIENZE SVOLTE IN LABORATORIO TRADIZIONALE DI FISICA
Esperienza 1
Cariche elettriche – elettrizzazione per contatto ed induzione- Elettroscopio di Kolbe
Esperienza 2
Resistenza elettrica- Prima legge di Ohm
Esperienza 3
Resistenza elettrica- Seconda legge di Ohm
Esperienza 4
Collegamenti di resistori in serie
Esperienza 5
Collegamenti di resistori in parallelo
LABORATORIO MULTIMEDIALE visione ed elaborazione di file integrativi derivati da altri testi e sussidi
didattici – Materiale fornito ai propri allievi tramite un personale Dropbox
File 05
Potenziale elettrico
File 06
Fulmini e saette
File 07
Tuoni fulmini e ricordanze
File 08
Resistenza elettrica e scaldiglie
File 09
Elettricità lo scambio del tram
File 11
Sirf in Calabria
File 12
Ioni ed il nostro stile di vita – selettore di velocità in medicina
File 13
L’affascinante teoria della relatività
File 14
La Fisica dei Quanti
Le tematiche trattate sono sempre state coordinate con altre discipline nell’ambito della interdisciplinarità e
multidisciplinarità ogniqualvolta la trattazione ne richiedesse il ricorso ed ogniqualvolta tale richiamo servisse ad
arricchire e approfondire culturalmente l’esposizione e l’illustrazione scientifica.
42
GEOGRAFIA generale
Prof. Maria
Giuffrida
Libro di testo: Accordi Lupia
Parotto - La Terra nello spazio e
nel tempo - Zanichelli
Altri strumenti e sussidi didattici:
sussidi audiovisivi
Contenuti delle
lezioni, delle unità
didattiche o dei
moduli preparati per
l'esame
MODULO 0:
Introduzione
Compiti e limiti della
Geografia Astronomica
Eventuali altre
discipline coinvolte
Criterio di sufficienza
Condizioni e
(livello minimo delle
strumenti
utilizzati
per la valutazione
Abilità)
MODULO 1:
L'Universo e il
Sistema Solare
Strumenti e raccolta dei
dati
Le Stelle - Riferimenti
per individuare le stelle:
Costellazione e Sfera
Celeste - Unità di
misura astronomiche Magnitudine, massa,
dimensioni - Spettri,
temperature e
composizione Diagramma H-R ed
evoluzione dei corpi
celesti - Galassie e
struttura dell'Universo Via Lattea - Ipotesi
sull'origine
dell'Universo.
Il Sole e il Sistema
Solare
La stella Sole: Struttura
e attività - I Pianeti Leggi di Keplero e
Newton - Ipotesi
sull'origine ed
evoluzione del Sistema
Solare.
MODULO 2: La
Terra nell'Universo
La Terra nel Sistema
Solare Forma e
dimensione - Prova di
Eratostene - Reticolato
e coordinate
geografiche Movimenti:
rotazione,rivoluzione e
di lungo periodo.
L'orientamento e la
misura del tempo
Determinazione della
FISICA, CHIMICA
MATEMATICA
FISICA, CHIMICA
MATEMATICA
FISICA, CHIMICA
LIVELLI
LIVELLO OTTIMO
ECCELLENTE
Conoscenza
approfondita e
consolidata, acquisita
per riflessione e
rielaborazione
personale.
Argomentazione
precisa e determinata.
Senso critico.
LIVELLO BUONO
Conoscenza completa
e ben assimilata dei
contenuti; esposizione
ordinata e sicura; uso
corretto della
terminologia
specifica.
LIVELLO
DISCRETO
Conoscenza completa
e approfondita dei
contenuti; esposizione
corretta.
LIVELLO
SUFFICIENTE
Conoscenza dei
termini e degli
argomenti studiati;
esposizione semplice
ma corretta;
applicazione corretta e
autonoma nella
risoluzione di semplici
problemi.
LIVELLO
MEDIOCRE
Conoscenza
incompleta e poco
approfondita;
esposizione
mnemonica dei
contenuti.
LIVELLO
INSUFFICIENTE
Conoscenza
frammentaria e
superficiale;
esposizione
La sufficienza
corrisponde al terzo
livello della tassonomia di Bloom:
Conoscenza dei
termini e degli
argomenti studiati;
esposizione semplice
ma corretta;
applicazione corretta e
autonoma nella
risoluzione di semplici
problemi; capacità di
cogliere il significato,
dando
un'esatta
interpretazione
di semplici
informazioni.
Sono stati presi in
considerazione gli
esiti delle
prove scritte e orali.
La predeterminazione
delle corrispondenze
tra voti e livelli di
conoscenza,
competenza e abilità è
stata effettuata
tenendo conto dei
seguenti parametri:
l'impegno e la
partercipazione;
l'acquisizione di
conoscenze,
competenze e abilità;
l'acquisizione della
terminologia
scientifica specifica.
La tipologia delle
prove concordata è di
tipo B.
Per la valutazione si è
seguita la tassonomia
di
Bloom.
43
posizione assoluta e
relativa- Giorno sidereo
e giorno solare - Ora
convenzionale e fusi
orari - Strumenti per la
misura del tempo Anno sidereo e anno
solare. Campo geomagnetico.
La Luna
Caratteristiche chimicofisiche - Paesaggio
lunare – Movimenti Fasi lunari ed eclissi Origine ed evoluzione Maree.
Il Sole e il Sistema
Solare
La stella Sole: Struttura
e attività - I Pianeti Leggi di Keplero e
Newton - Ipotesi
sull'origine ed
evoluzione del Sistema
Solare.
MODULO 3: La
crosta terrestre
Le rocce:
classificazione e
caratteristiche.
MODULO 4: I
fenomeni endogeni
La struttura interna
della Terra - I vulcani –
I terremoti.
disorganica dei
contenuti.
MATEMATICA
FISICA, CHIMICA
MATEMATICA
FISICA, CHIMICA
44
DISEGNO E STORIA DELL’ ARTE: PROGRAMMAZIONE MODULARE 2013 – 2014
CLASSE: V E
DISCIPLINA: Disegno e storia dell’arte
Prof. Antonio Stirparo
Contenuti delle lezioni, dei moduli e delle
unità didattiche
STRUMENTI O SUSSIDI: Monografie, Libri scolastici ed
extrascolastici, Attrezzature per la grafica
Altre
discipline
coinvolte
Premessa: Ampio spazio è stato dedicato
allo studio della storia dell’arte in modo da
consentire allo studente di individuare le
coordinate storico-culturali e artistiche
entro le quali si forma l’opera d’arte.
- Modulo 0 : Movimento neoclassico e
periodo illuminista. Ideali estetici ed etici :
Winckelman, Canova, David.
-Modulo I : Romanticismo - aspetti
socio-culturali e artistici. Il colore dei
sentimenti : Géricault- Delacroix.
Realismo: Courbet . Hayez in Italia; i
Macchiaioli , Scapigliati
Eclettismo e Storicismo. L'architettura del
ferro in Europa
-Modulo II: Arte pre-moderna
Impressionismo: Luci e colori in
movimento in Monet, Manet,Degas,Renoir;
la struttura essenziale della realtà in
Cezanne Post-impressionismo: colori e
forme interiori in Van Gogh; il fascino del
primitivo in Gauguin.
Morris e la “Arts and Crafts”
Art Nouveau in Europa; Secessione a
Vienna: Klimt.
I Fauves: Matisse; Espressionismo: gruppo
Die Brucke Munch..
- Modulo III : Arte moderna - aspetti
socio-culturali-artistici
Avanguardie
storiche:Cubismo,Futurismo,
Dada,Surrealismo, Metafisica. Artisti:
Picasso, Boccioni, Duchamp, Mirò,
Magritte, Dalì, , De Chirico.
-Modulo IV : Arte contemporanea linguaggi e caratteri delle
Avanguardie contemporanee e delle
Transavanguardie (Letture e
approfondimenti)
Informale, Pop Art, e altre tendenze.
Artisti: Burri e Fontana, Warhol,
Storia
Filosofia
Italiano
Storia
Inglese
Inglese
Filosofia
Disegno
Conoscenze,
abilità,
competenze
acquisite
Criteri di
sufficienza
Condizioni e
strumenti
utilizzati per
la
valutazione
La
partecipazione e
l’interesse al
dialogo
educativo sono
stati
apprezzabili.
Livello minimo
accettabile delle
abilità,conoscenze,
competenze:
Elaborati
grafici
Diversi i livelli
raggiunti a
seconda delle
competenze ed
attitudini.
Acquisizione dei
contenuti essenziali
della disciplina .
Esposizione corretta
Discussioni
Quesiti a
risposta
singola nei
limiti di otto
righe
(tipologia
delle prove)
Livello
buono/ottimo:
Conoscenze
articolate,
esposizione
critica ed
autonoma dei
contenuti.
Livello discreto:
Conoscenze
complete,
capacità di
organizzare ed
esporre
sinteticamente
gli argomenti.
Livello
sufficiente :
Conoscenze
essenziali di
autori ed opere.
Livello
mediocre/non
sufficiente :
Conoscenze
sommarie ed a
volte lacunose.
* Parte degli argomenti del III e IV
Modulo saranno presumibilmente trattati
45
nell’ultima parte dell’ anno
46
47
LICEO SCIENTIFICO L. SICILIANI
CATANZARO
A.S. 2013-2014
IL PRESENTE DOCUMENTO E’ STATO APPROVATO E SOTTOSCRITTO DA TUTTI I
DOCENTI DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE QUINTA E IN DATA 12 MAGGIO 2014:
Prof. Alfieri Anna (Matematica)
Prof. Della Porta Alberto (Ed.Fisica)
Prof. Giuffrida Maria (Geografia generale)
Prof. Italia Vincenzo (Fisica)
Prof. Sinopoli Rosalia (Inglese)
Prof. Pelaggi Dalia (Religione)
Prof. Pettinato Vincenza (Storia e Filosofia)
Prof. Rossano Angela Maria (Italiano e Latino)
Prof. Stirparo Antonio (Disegno e Storia dell'arte)
La coordinatrice di classe
Prof.ssa Angela Maria Rossano
Il Dirigente scolastico
Prof.ssa Silvana Afeltra
48
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
993 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content