close

Enter

Log in using OpenID

bollettini - Arpa Piemonte

embedDownload
Direzione Ambiente
IDROLOGICO MENSILE
BOLLETTINO N°
DATA EMISSIONE
VALIDITA'
AGGIORNAMENTO
01/2015 Pag.1/4
09/01/2015
DICEMBRE 2014
MENSILE
Precipitazioni del mese di
Bacino
SERVIZIO A CURA DI
Regione Piemonte
DICEMBRE
Totale
[mm]
Volume
6
[10 mc]
Scarto
[106mc]
Scarto
[%]
88.5
63.7
77.8
81.2
63.4
62.1
46.7
98.5
32.5
18.3
20.2
37.7
105.4%
41.6%
76.1%
62.0%
396.4
365.9
364.0
376.3
93.5%
70.8%
90.2%
79.1%
60.1
106.8
39.6
58.8%
337.7
88.3%
43.8
74.9
60.5
58.6
66.4
55.2
-6.1
23.3
15.3
-9.4%
54.2%
38.5%
263.3
486.2
525.6
29.9%
104.6%
126.8%
67.4
52.6
22.6
75.4%
440.6
125.5%
41.0
60.9
59.8
161.5
62.0
67.6
-29.3
12.8
9.2
-15.3%
26.0%
15.8%
348.5
713.6
843.7
69.0%
162.6%
199.3%
Precip. anno Scarto anno
idrologico [mm] idrologico[%]
Alto Po
Pellice
Varaita
Maira
Residuo Po
confluenza Dora
Riparia
Dora Riparia
Stura Lanzo
Orco
Residuo Po
confluenza Dora
Baltea
Dora Baltea
Cervo
Sesia
Residuo Po
confluenza Tanaro
Stura Demonte
Tanaro
Bormida
Orba
Residuo Tanaro
Scrivia Curone
Agogna Terdoppio
Toce
Ticino
47.3
95.6
13.1
15.9%
345.7
75.8%
98.1
100.2
76.2
94.4
46.7
57.3
51.3
47.2
60.1
144.4
181.5
132.1
73.3
112.1
78.2
81.9
84.1
285.2
50.4
70.5
41.1
20.3
7.1
-27.1
8.7
-16.1
2.9
53.5%
63.6%
45.2%
38.4%
6.8%
-25.7%
11.9%
-16.1%
1.0%
490.4
523.4
561.6
969.3
349.3
794.7
488.8
839.4
1052.9
83.1%
105.3%
138.4%
230.1%
79.8%
158.9%
104.3%
187.8%
255.7%
Bacino complessivo
62.0
2170.2
367.4
-5.6%
567.7
137.1%
MAPPA PRECIPITAZIONE
Lo scarto viene calcolato come differenza tra il volume di pioggia misurato e la
media storica [1961-90]. Lo scarto [%] è dato dallo scarto diviso la media
storica. Per anno idrologico si intende la precipitazione totale caduta a partire
dal mese di ottobre.
Standard precipitation index calcolato per il mese di
SPI a 3 mesi
AMBITO TERRITORIALE
ARPA - Dipartimento Sistemi Previsionali
Regione Piemonte - Direzione Ambiente
SPI a 6 mesi
DICEMBRE
SPI a 12 mesi
N.B. L'indice SPI è calcolato come
anomalia standard di precipitazione su
differenti scale temporali a seconda del
numero di mesi su cui vengono
cumulate le precipitazioni considerate
(3,6,12 mesi).
Previsione dell'indice SPI a 3 mesi per
GENNAIO
PREVISIONE CON SCENARI: Lo scenario di previsione si riferisce all'indice SPI a 3 mesi calcolato utilizzando la precipitazione climatologica del mese di previsione. Lo scenario "Poco
piovoso" si riferisce al 1° decile di precipitazione mensile attesa, "Normale" si riferisce al 5° decile, mentre "Molto piovoso" al 9° decile. Lo "Scenario atteso" è calcolato utilizzando la
precipitazione media mensile prevista dal modello meteorologico numerico di ECMWF Monthly Forecast, opportunamente ri-scalata a livello di singolo bacino.
Poco piovoso
Normale
Diffusione: www.arpa.piemonte.it o www.regione.piemonte.it/acqua
Molto piovoso
Scenario atteso
Direzione Ambiente
IDROLOGICO MENSILE
BOLLETTINO N°
DATA EMISSIONE
VALIDITA'
AGGIORNAMENTO
01/2014 Pag.2/4
09/01/2015
DICEMBRE 2014
MENSILE
Monitoraggio temperature medie mese di
SERVIZIO A CURA DI
Anomalia mensile delle temperature massime (°C)
I dati di temperatura sul territorio regionale
sono stati ricavati attraverso un processo di
omogeneizzazione di un numero elevato e
variabile di termometri presenti sul territorio
regionale a partire dalla fine degli anni '50 fino
ad oggi e successivamente spazializzati con il
metodo dell'Optimal Interpolation su un
grigliato regolare di passo circa 15 km.
Le mappe qui rappresentate, mostrano le
anomalie di temperatura massima e minima
mensili registrate nell'ultimo mese, rispetto
alla media climatica del corrispondente mese
calcolata nel periodo 1961-1990.
-1
Indice di siccità SPI a 1 mese calcolato a DICEMBRE
Indice di siccità Palmer a 1 mese calcolato a
L'indice SPI ad 1 mese misura,
confrontandola con la climatologia,
la quantità di precipitazione (liquida
ed equivalente) registrata negli
ultimi 30 giorni. A differenza delle
scale temporali più estese (3, 6, 12
mesi), l'SPI ad 1 mese non ha
memoria
delle
condizioni
precedenti, possiede una elevata
variabilità e descrive una sola
componente dell'intero bilancio
idrico.
Pennine
Modello idrologico dell'equivalente idrico della neve
Riferimento
storico [cm]
Ticino
168.9
801.7
(2180 m)
Toce
243.1
433.6
56.8
606.4
Formazza
Ponte
Sesia
102.6
116.1
20.1
231.6
137
0
1° decile 9° decile
38
5
172
80
SWE [106mc]
14.8
844.5
Cervo
10.2
10.4
1.1
18.2
Dora Baltea
122.4
482.3
82.0
851.6
Orco
118.9
108.5
4.1
192.6
2
4
69
3
4
51
155
15
140
(1500 m)
Macugnaga
Capoluogo
Stura Lanzo
80.6
71.4
5.5
169.8
Dora Riparia
40.2
53.7
10.2
165.1
Pellice
39.0
38.0
7.9
175.6
(2296 m)
Alto Po
7.0
5.0
1.8
34.6
Usseglio
Malciaussia
Varaita
53.8
32.3
4.4
61.0
(1820 m)
Maira
30.3
36.8
5.7
104.4
Bardonecchia
Rochemolles
Stura Demonte
87.7
129.1
23.3
317.8
Tanaro
18.7
33.9
2.5
114.3
Bacino complessivo
62.2
2357.5
238.9
3882
9
20
0
3
52
78
(1975 m)
Pontechianale
L. Castello
0
0
60
75
6
155
0
0
63
(1589 m)
(2010 m)
Vinadio
Riofreddo
Mappa della distribuzione dell'SWE
1° decile 9° decile
Antrona A.
Cavalli
Entracque
Chiotas
Marittime
Bacino
(1300 m)
Ceresole
L. Serrù
Cozie
Riferimento storico
SWE
[106mc]
Hs
[cm]
(1300 m)
Graie
PDSI (Palmer Drought Severity Index) è una
misura di quanto un suolo si discosti dalle sue
disponibilità idriche ed è un indice basato sul
concetto di domanda-offerta nell’equazione
del bilancio idrico, che tiene in considerazione
non solo la carenza di precipitazione in una
certa regione, ma anche le condizioni
d'umidità della regione stessa. L’indice
richiede per il suo calcolo i valori di
temperatura e precipitazione, nonché la
capacità idrica del suolo.
Heq
[mm]
Stazione
Formazza
L.Vannino
Lepontine
DICEMBRE
31-12-2014
Nivometri
Settore
Regione Piemonte
DICEMBRE
Anomalia mensile delle temperature minime (°C)
Neve al
AMBITO TERRITORIALE
ARPA - Dipartimento Sistemi Previsionali
Regione Piemonte - Direzione Ambiente
Nella tabella Nivometri il riferimento storico è dato dal 1° e 9° decile della distribuzione dei valori storici di altezza di neve al
suolo considerando i dati degli ultimi 10 giorni del mese. I valori che ricadono nell'intervallo compreso tra il 1° e il 9° decile
possono essere considerati rientranti nella variabilità media dell'innevamento.
Nella tabella Modello idrologico dell'equivalente idrico della neve il valore Heq. si riferisce all'altezza media di precipitazione
equivalente: viene calcolato dividendo l'SWE (snow water equivalent) su tutto il bacino per l'area. Il riferimento storico è
calcolato a partire da dati decennali di SWE sui bacini. N.s. significa valori non significativi.
(1206 m)
Diffusione: www.arpa.piemonte.it o www.regione.piemonte.it/acqua
Direzione Ambiente
IDROLOGICO MENSILE
BOLLETTINO N°
DATA EMISSIONE
VALIDITA'
AGGIORNAMENTO
01/2015 Pag.3/4
09/01/2015
DICEMBRE 2014
MENSILE
Livello lago Maggiore al
SERVIZIO A CURA DI
AMBITO TERRITORIALE
ARPA - Dipartimento Sistemi Previsionali
Regione Piemonte - Direzione Ambiente
Regione Piemonte
31-12-2014
[m]
Lago Maggiore
7.0
Valori medi mensili
6.5
Osservazioni
6.0
5.5
5.0
4.5
4.0
3.5
Riserve disponibili al
Capacità di
invaso
31-12-2014
dic
nov
ott
Volume invasato
Volume invasato
medio (2008-13)
[106 mc]
[106 mc]
[%]
[106 mc]
[%]
[106 mc]
[%]
386.5
284.8
73.7%
234.7
60.7%
50.0
21.3%
Scarto
100%
75%
Capacità d'invaso
386,5
100%
50%
La Capacità di invaso è relativa a 31 bacini di capacità massima di invaso superiore a 1 milione
di mc. Il volume complessivamente invasato è stimabile in circa 285 milioni di mc, pari al 74%
circa della capacità massima teorica complessiva. Una frazione di tale volume è da considerarsi
indisponibile a causa di vincoli ambientali e funzionali. Il volume mediamente disponibile nel
mese di dicembre è di circa 235 milioni di mc, pari al 61% circa della capacità massima teorica
complessiva. Lo scarto viene calcolato come differenza tra il Volume invasato alla fine del
mese considerato e il Volume invasato medio. Lo scarto [%] è dato dallo scarto diviso il Volume
invasato medio.
Deflussi in alcune sezioni significative:
set
ago
lug
giu
mag
apr
mar
feb
gen
3.0
Volume invasato medio
25%
234,7
60,7%
Volume invasato
284,8
73,7%
DICEMBRE
Deflusso
mensile
[106mc]
Portata media
mensile
storica [mc/s]
Deflusso
mensile
storico
[106mc]
Scarto
[106mc]
Scarto [%]
SEZIONE
Codice
Portata
media
mensile
[mc/s]
Po a Isola S.
Antonio
POIS
875.0
2343.5
425.4
1139.4
1204.1
105.7
Stura di Lanzo a
Lanzo
SLALA
22.1
59.2
9.3
24.9
34.3
138.0
Maira a Racconigi MAIRC
27.3
73.2
12.3
33.1
40.1
121.2
Dora Baltea a
Tavagnasco
DBATA
64.0
171.4
41.8
111.9
59.6
53.3
Tanaro ad
Alba
TANAB
165.8
444.1
65.6
175.6
268.5
152.9
Stura di Demonte
SDEGA
a Gaiola
27.2
73.0
10.0
26.9
46.1
171.7
Bormida di
Millesimo a
Camerana
BOMCA
9.0
24.1
3.9
10.5
13.6
128.9
Sesia a
Campertogno
SESCA
4.3
11.5
2.1
5.8
5.8
100.6
Diffusione: www.arpa.piemonte.it o www.regione.piemonte.it/acqua
MAPPA DELLE STAZIONI
Direzione Ambiente
IDROLOGICO MENSILE
BOLLETTINO N°
DATA EMISSIONE
VALIDITA'
AGGIORNAMENTO
01/2015 Pag.4/4
09/01/2015
DICEMBRE 2014
MENSILE
SERVIZIO A CURA DI
ARPA - Dipartimento Sistemi Previsionali
Regione Piemonte - Direzione Ambiente
Andamento delle portate medie giornaliere in alcune sezioni significative:
DICEMBRE
La guida alla lettura del bollettino è disponibile ai seguenti indirizzi:
http://www.arpa.piemonte.it/upload/dl/Bollettini/guida_bollettino_idrologico_modificato.pdf
http://www.regione.piemonte.it/acqua/download/dwd/guida_boll.pdf
Per informazioni scrivere a: [email protected] o [email protected]
Diffusione: www.arpa.piemonte.it o www.regione.piemonte.it/acqua
AMBITO TERRITORIALE
Regione Piemonte
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
2 106 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content