close

Enter

Log in using OpenID

allegato 1c capitolato tecnico lotto 3

embedDownload
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
ALLEGATO 1C
CAPITOLATO TECNICO
LOTTO 3
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 1 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Indice
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
Scopo e organizzazione del documento ................................................................................................................ 3
Generalità della fornitura ......................................................................................................................................... 4
2.1
Oggetto ............................................................................................................................................................. 4
2.2
Perimetro .......................................................................................................................................................... 4
2.2.1 Schede di servizio ....................................................................................................................................... 5
2.2.2 Ambiti di manutenzione ............................................................................................................................ 14
2.2.3 Ambiti di assistenza .................................................................................................................................. 15
2.2.4 Prodotti....................................................................................................................................................... 16
2.3
Durata ............................................................................................................................................................. 30
Lombardia Informatica S.p.A ................................................................................................................................. 31
3.1
Certificazione del SGSI ................................................................................................................................. 35
Gestione della Fornitura ........................................................................................................................................ 36
4.1
Interventi ........................................................................................................................................................ 36
4.2
Modalità contrattuali di gestione degli interventi ....................................................................................... 36
4.3
Pianificazione e controllo.............................................................................................................................. 37
4.4
Subentro ......................................................................................................................................................... 38
4.5
Livelli di servizio ............................................................................................................................................ 38
4.6
Function point ................................................................................................................................................ 38
Descrizione delle Macroclassi di Fornitura .......................................................................................................... 40
5.1
Sviluppo ......................................................................................................................................................... 40
5.1.1 Caratteristiche delle classi ....................................................................................................................... 40
5.1.2 Modalità di esecuzione ............................................................................................................................. 42
5.2
Manutenzione ................................................................................................................................................. 48
5.2.1 Caratteristiche delle classi ....................................................................................................................... 48
5.2.2 Modalità di esecuzione ............................................................................................................................. 50
5.3
Assistenza ...................................................................................................................................................... 55
5.3.1 Caratteristiche delle classi ....................................................................................................................... 55
5.3.2 Modalità di esecuzione ............................................................................................................................. 59
5.3.3 Ambiti di Assistenza oggetto della fornitura .......................................................................................... 63
Strumenti per la Gestione della Fornitura ............................................................................................................ 71
6.1
Gestione Operativa ........................................................................................................................................ 71
6.2
Gestione Documentale .................................................................................................................................. 71
Ambiti Tecnologici ................................................................................................................................................. 72
7.1
Ambiti Tecnologici oggetto della fornitura .................................................................................................. 72
Articolazione della Fornitura ................................................................................................................................. 74
8.1
Forniture con assegnazione immediata ...................................................................................................... 74
8.1.1 Prodotti....................................................................................................................................................... 74
8.1.2 Servizi ......................................................................................................................................................... 89
8.2
Forniture normate da successive richieste di intervento ........................................................................ 131
8.2.1 Livello di flessibilità per la componente di fornitura a consumo ........................................................ 131
Proposte progettuali ............................................................................................................................................ 132
9.1
Scopo del capitolo ....................................................................................................................................... 132
9.2
Struttura dei quesiti ..................................................................................................................................... 132
9.3
HUB della decertificazione della PA Lombarda ........................................................................................ 132
9.4
Innovazione dei processi amministrativi per la Regione Lombardia: dal controllo Amministrativo e di
Gestione al controllo Strategico per favorire un Sistema Integrato di Contabilità Direzionale. ........................ 138
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 2 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
1. Scopo e organizzazione del documento
Il presente documento ha lo scopo di presentare al Fornitore l’oggetto e l’articolazione della
fornitura richiesta da Lombardia Informatica (nel seguito anche indicata con LI) nonché gli elementi
per articolare l’offerta tecnica richiesta per l’aggiudicazione della procedura di gara.
Nel capitolo 2 sono riportate le generalità della fornitura, specificando oggetto, perimetro e durata
dell’appalto.
Nel capitolo 3 sono riportate informazioni riguardanti Lombardia Informatica S.p.A. ed il contesto
organizzativo di interesse per l’esecuzione delle attività.
Nel capitolo 4 è riportata la descrizione degli aspetti relativi alla gestione contrattuale e degli
interventi.
Nel capitolo 5 vengono descritte le caratteristiche delle attività della macroclasse di fornitura
oggetto di gara e la relativa modalità di esecuzione.
Nel capitolo 6 è riportata la descrizione degli strumenti di gestione della fornitura messi a
disposizione da LI.
Nel capitolo 7 vengono indicati gli ambiti tecnologici appliti alla fornitura.
Al capitolo 8 viene descritta l’articolazione della fornitura richiesta. In particolare, nel paragrafo 8.1
viene data evidenza della quota parte di fornitura che, per esigenze operative di LI, si riterrà
immediatamente assegnata al fornitore dal momento della firma del contratto.
Nel capitolo 9 si trova la descrizione delle proposte progettuali e dei relativi quesiti posti al
concorrente ai fini della sua valutazione.
A conclusione del presente capitolo e a premessa di quanto segue, si precisa che le prescrizioni
contenute nel presente Capitolato Tecnico rappresentano i requisiti minimi della fornitura.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 3 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
2. Generalità della fornitura
2.1
Oggetto
Sono oggetto della presente gara le macroclassi di fornitura inerenti il Sistema Informativo
Regionale di Regione Lombardia rientranti nel perimetro definito nel successivo paragrafo:



2.2
Sviluppo;
Manutenzione;
Assistenza e gestione di servizi applicativi.
Perimetro
Il perimetro dell’Appalto definisce l’ambito di attività di LI entro cui il Fornitore sarà chiamato ad
operare.
In generale, al fine di definire i criteri di afferenza di servizi, prodotti, ambiti di assistenza o attività
in genere al presente appalto, si stabilisce che in tale perimetro sono compresi:










i Servizi per la programmazione e la gestione economico-finanziaria;
i Servizi per i procedimenti tributi per la gestione delle entrate;
i Servizi per i procedimenti di erogazione e sostegno a cittadini e imprese;
i Servizi per i procedimenti di concessione patrocini;
i Servizi per i procedimenti autorizzativi;
i Servizi per le attività produttive, l'industria e l'artigianato;
i Servizi per l'istruzione, la formazione e il lavoro;
i Servizi per i procedimenti documentali;
i Servizi per la Giunta e gli affari legali;
tutte le attività esplicitamente richieste dal presente capitolato.
Ciò premesso, al fine di meglio circostanziare il perimetro attuale dell’Appalto in oggetto, è
possibile fare riferimento ad elementi descrittivi di riferimento che vengono forniti da LI ai
concorrenti e che consentono di meglio puntualizzarne i confini di competenza. In particolare, oltre
quanto detto, si stabilisce che al presente appalto appartengono:



le Schede Servizio elencate al successivo paragrafo 2.2.1;
gli Ambiti di Manutenzione e di Assistenza elencati rispettivamente al paragrafo 2.2.2 e
2.2.3;
le Schede Prodotto elencate al paragrafo 2.2.4.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 4 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
2.2.1 Schede di servizio
Nella tabella seguente vengono elencate le Schede Servizio che rientrano nel perimetro del
presente Appalto. Tali schede vengono riportate in allegato nell’ultima versione ad oggi disponibile.
Le Schede comprendono gli obiettivi, la descrizione del servizio e le informazioni indicative delle
evoluzioni previste da Lombardia Informatica S.p.A..
SCHEDA SERVIZIO
TITOLO SERVIZIO
SCH-005_01
ITER PRATICHE AVVOCATURA
SCH-006_01
REGISTRO PERSONE GIURIDICHE PRIVATE
SCH-007_01
GESTIONE SCADENZE CONTRATTI E CONVENZIONI (SCACCO)
SCH-008_01
SISTEMA INFORMATIVO SOCIETÀ, ENTI E FONDAZIONI DI INTERESSE REGIONALE
SCH-010_01
COMUNICAZIONI CITTADINI GOVERNATORE
SCH-012_01
PIANO DELLA COMUNICAZIONE
SCH-027_02
BANCHE DATI DELLA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
(SERVIZIO ISPOLITELGURITEL)
SCH-030_01
CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA
SCH-030_11
CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA PER ARCA
SCH-030_21
CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA PER ARIFL
SCH-030_31
CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA PER ARPA
SCH-033_01
GESTIONE MANDATI ELETTRONICI
SCH-033_02
GESTIONE DEGLI ORDINATIVI INFORMATICI LOCALI (OIL)
SCH-034_01
MONITORAGGIO PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI
SCH-037_01
CONTABILITÀ ECONOMICO PATRIMONIALE (COEP)
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 5 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
SCH-037_11
CONTABILITÀ ECONOMICO PATRIMONIALE PER ARIFL
SCH-039_01
MONITORAGGIO FATTURAZIONE (MPS FATTURE)
SCH-039_03
RACCOLTA E VALUTAZIONE DELLE PROPOSTE DI PROGETTO (RAP)
SCH-039_04
MONITORAGGIO PRODOTTI E SERVIZI (MPS)
SCH-040_01
EDMA PROTOCOLLO INFORMATICO
SCH-040_02
EDMA W ORKFLOW MANAGEMENT INTEGRATO
SCH-040_03
EDMA GESTIONE POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC)
SCH-040_04
EDMA GESTIONE FASCICOLO DOCUMENTALE
SCH-040_05
EDMA GESTIONE FAX
SCH-040_06
EDMA GUI DESKTOP
SCH-040_07
EDMA GESTORE DOCUMENTALE
SCH-040_08
COMUNICAZIONI ELETTRONICHE
SCH-040_11
PROTOCOLLO INFORMATICO PER ARPA
SCH-040_12
WORKFLOW MANAGEMENT INTEGRATO PER ARPA
SCH-040_14
GESTIONE FASCICOLO DOCUMENTALE PER ARPA
SCH-040_15
GESTIONE FAX PER ARPA
SCH-040_16
GUI DESKTOP PER ARPA
SCH-040_17
GESTORE DOCUMENTALE PER ARPA
SCH-040_18
COMUNICAZIONI ELETTRONICHE PER ARPA
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 6 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
SCH-040_21
PROTOCOLLO INFORMATICO PER ERSAF
SCH-040_22
WORKFLOW MANAGEMENT INTEGRATO PER ERSAF
SCH-040_24
GESTIONE FASCICOLO DOCUMENTALE PER ERSAF
SCH-040_25
GESTIONE FAX PER ARIFL
SCH-040_26
GUI DESKTOP PER ERSAF
SCH-040_27
GESTORE DOCUMENTALE PER ERSAF
SCH-040_28
COMUNICAZIONI ELETTRONICHE PER ERSAF
SCH-040_31
PROTOCOLLO INFORMATICO PER EUPOLIS
SCH-040_32
WORKFLOW MANAGEMENT INTEGRATO PER ARCA
SCH-040_33
GESTIONE POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA PER ARCA
SCH-040_34
GESTIONE FASCICOLO DOCUMENTALE PER ARCA
SCH-040_36
GUI DESKTOP PER EUPOLIS
SCH-040_37
GESTORE DOCUMENTALE PER EUPOLIS
SCH-040_38
COMUNICAZIONI ELETTRONICHE PER ARCA
SCH-040_41
PROTOCOLLO INFORMATICO PER ARCA
SCH-040_42
WORKFLOW MANAGEMENT INTEGRATO PER ARIFL
SCH-040_43
GESTIONE POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA PER ARIFL
SCH-040_44
GESTIONE FASCICOLO DOCUMENTALE PER ARIFL
SCH-040_46
GUI DESKTOP PER ARCA
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 7 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
SCH-040_47
GESTORE DOCUMENTALE PER ARCA
SCH-040_48
COMUNICAZIONI ELETTRONICHE PER ARIFL
SCH-040_51
PROTOCOLLO INFORMATICO PER ARIFL
SCH-040_56
GUI DESKTOP PER ARIFL
SCH-040_57
GESTORE DOCUMENTALE PER ARIFL
SCH-041_01
EROGAZIONE E SOSTEGNO (GEFO)
SCH-043_01
AMMINISTRAZIONE APERTA
SCH-051_01
FONDO PER I PROGETTI INFRASTRUTTURALI (FIP)
SCH-052_01
FONDO RICOSTITUZIONE INFRASTRUTTURE SOCIALI LOMBARDIA (FRISL)
SCH-054_01
MONITORAGGIO DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI DELLA LOMBARDIA (MIPL)
SCH-057_01
GESTIONE INVIO DATI PER IGRUE (SENDER)
SCH-058_01
BILANCIO REGIONALE
SCH-058_11
BILANCIO DI GESTIONE PER ARIFL
SCH-058_21
BILANCIO DI PREVISIONE PER ARIFL
SCH-059_01
SERVIZIO CONTABILITÀ REGIONALE
SCH-059_11
SERVIZIO DI CONTABILITÀ PER ARIFL
SCH-061_01
FINANZIAMENTI ALLE COMUNITÀ MONTANE E COMUNI MONTANI
SCH-062_01
SERVIZIO GESTIONE FONDO SOCIO SANITARIO (G3S)
SCH-063_01
ATTI FORMALI CON RILEVANZA CONTABILE
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 8 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
SCH-065_01
SISTEMA GESTIONE PROGETTI (SGP LOCALE)
SCH-066_01
GESTORE CONSULTAZIONE PROGRAMMAZIONE ISTITUZIONALE DELLA VII E VIII
LEGISLATURA (SIPEC)
SCH-066_02
LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE INTEGRATA
SCH-066_03
CRUSCOTTO INDICATORI PER IL MONITORAGGIO DELLA PROGRAMMAZIONE
INTEGRATA
SCH-067_01
DWH ANAGRAFE TRIBUTARIA
SCH-067_02
DWH CARTA SCONTO BENZINA
SCH-068_01
PORTALE DEI TRIBUTI E AREA PERSONALE
SCH-068_02
GESTIONE SOSPENSIONE CONCESSIONARI TA
SCH-068_03
CONTENZIOSO CANONI
SCH-069_01
SCONTO BENZINA
SCH-071_01
GESTIONE SERVIZIO AFFARI TRIBUTARI (GSAT)
SCH-071_03
BOLLO MOBILE
SCH-072_01
GESTIONALE TASSA AUTO (GTA)
SCH-072_02
SISTEMA DI CALCOLO E RENDICONTAZIONE TASSA AUTO (SDICTA)
SCH-075_01
GESTIONE PATRIMONIO INFORMATIVO TRIBUTARIO
SCH-077_01
RATEIZZAZIONE ENTRATE REGIONALI
SCH-079_02
RATING OPERATORI ACCREDITATI DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO
SCH-082_01
GESTORE PATROCINI CULTURA
SCH-089_01
SIARL PORTALE GESTIONE FASCICOLO AZIENDALE E DOMANDE
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 9 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
SCH-089_02
SIARL GIS
SCH-089_03
GESTIONE DEI PAGAMENTI
SCH-097_01
GESTORE PATROCINI EVENTI SPORTIVI
SCH-107_01
MODELLO UNICO TRASMISSIONE ATTI (MUTA)
SCH-107_02
SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA)
SCH-107_03
SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ AGRITURISMO (SCIA
AGRITURISMO)
SCH-107_04
DIA E AGIBILITÀ
SCH-116_01
ALBO COOPERATIVE SOCIALI
SCH-194_01
RETE DI AFFIANCAMENTO DELLE IMPRESE IN DIFFICOLTÀ ECONOMICA (RAID)
SCH-195_01
BORSA LAVORO LOMBARDIA (BLL)
SCH-195_02
COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE (COB)
SCH-195_03
LIBRETTO FORMATIVO DEL CITTADINO
SCH-196_01
GESTIONE ELETTRONICA DELLE FATTURE (GEF)
SCH-197_01
SISTEMA UNIFICATO PATROCINI
SCH-198_01
GESTIONE MAGAZZINO CANCELLERIA
SCH-199_01
FUNZIONARIO DELEGATO (CONTESTO GEF)
SCH-200_01
GESTIONE FSE (MONITORWEB)
SCH-267_01
STATISTICHE MUTA (MUTASTAT)
SCH-277_01
SIARL GPS
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 10 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
SCH-280_01
SISTEMA DI ARCHIVIAZIONE SEGRETERIA DI GIUNTA (GESTIONE)
SCH-281_01
ATTI FORMALI LEGISLATIVO
SCH-282_01
BURL ON-LINE
SCH-283_01
REGISTRO ACCESSO ATTI
SCH-284_01
DOCUMENTO PROGRAMMATICO DELLA SICUREZZA
SCH-286_01
QUADRO REGIONALE STANDARD PROFESSIONALI (QRSP)
SCH-707_01
SPESE ELETTORALI
SCH-710_01
GESTIONE ITER PRATICHE GENERALIZZATO (PATROCINI LEGGE 50)
SCH-711_01
SISTEMA DI RILEVAZIONE REGIONALI DI RACCOLTA INFORMAZIONI DA ENTI
LOCALI (EELL)
SCH-712_01
PLF (PROTOCOLLO LOCALE FEDERATO)
SCH-713_01
GESTIONE SISTEMA INFORMATIVO POSTEL
SCH-714_01
FIRMA DIGITALE SU CRS-CNS
SCH-715_01
GESTIONALE AVVOCATURA (GESTORE PROCESSI DEGLI UFFICI LEGALI)
SCH-716_01
MONITORAGGIO BILANCI CCMM (COMUNITÀ MONTANE)
SCH-721_01
GESTIONI ASSOCIATE
SCH-721_02
PIATTAFORMA RL2
SCH-721_03
CTS FORUM
SCH-721_04
AGENDA DIGITALE
SCH-721_05
COMMUNITY NETWORK LOMBARDA
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 11 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
SCH-722_01
SERVIZIO PER IL CALCOLO DEL DIVIDENDO DELL'EFFICIENZA
SCH-725_01
SISTEMA INFORMATIVO A SUPPORTO DELLE POLITICHE AGRICOLE (SISCO)
SCH-731_01
ANAGRAFE REGIONALE STUDENTI
SCH-733_01
PIATTAFORMA GARANZIA GIOVANI
SCH-734_01
FASCICOLO DIGITALE DEL CITTADINO
SCH-735_01
SISTEMA INFORMATIVO TIROCINI
SCH-747_01
SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO DELLA POLIZIA IDRAULICA E DELLE UTENZE
IDRICHE (SIPIUI)
SCH-750_01
STRUMENTI E SERVIZI A SUPPORTO DELLA ARCHITETTURA ENTERPRISE SIR
SCH-773_01
APP INLOMBARDIA
SCH-778_01
PIATTAFORMA OPENDATA
SCH-779_01
CRUSCOTTO CRS
SCH-784_01
CONTRIBUTI ESONERATIVI (MAV DISABILI)
SCH-788_01
SITI CONVOCA
SCH-789_01
FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI CEL, PAS E
AU
SCH-790_01
FIRMA DIGITALE - FIRMA ELETTRONICA
SCH-790_02
VERIFICA FIRMA DIGITALE
SCH-790_11
FIRMA DIGITALE - FIRMA ELETTRONICA PER ARPA
SCH-790_12
VERIFICA FIRMA DIGITALE PER ARPA
SCH-790_21
FIRMA DIGITALE - FIRMA ELETTRONICA PER ERSAF
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 12 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
SCH-790_22
VERIFICA FIRMA DIGITALE PER ERSAF
SCH-790_31
FIRMA DIGITALE - FIRMA ELETTRONICA PER ARCA
SCH-790_32
VERIFICA FIRMA DIGITALE PER EUPOLIS
SCH-790_41
FIRMA DIGITALE - FIRMA ELETTRONICA PER ARIFL
SCH-790_42
VERIFICA FIRMA DIGITALE PER ARCA
SCH-790_52
VERIFICA FIRMA DIGITALE PER ARIFL
SCH-791_01
MAIL MERGE
SCH-792_01
GESTIONE FILE
SCH-793_01
SCANSIONE DOCUMENTI
SCH-794_01
REGISTRO FIDEJUSSIONI
SCH-795_01
ACCREDITAMENTO OPERATORI
SCH-796_01
GESTIONE DELLE COMPETENZE INFORMALI E NON FORMALI DEL CITTADINO
SCH-798_01
OFFERTA FORMATIVA
SCH-799_01
SISMA DI MANTOVA
Tabella 1 – Schede Servizio
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 13 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
2.2.2 Ambiti di manutenzione
Di seguito è riportato l’elenco relativo agli Ambiti di Manutenzione di riferimento per il presente
Appalto ovvero raggruppamenti omogenei di prodotti funzionali all’erogazione dell’attività di
manutenzione stessa.
COD. AMBITO DI
MANUTENZIONE
DESCRIZIONE AMBITO DI MANUTENZIONE
AM-SRLT-01
SIARL - Sistema Informativo Agricolo Regione Lombardia
AM-SRLT-03
Tributi ed Entrate
AM-SRLT-05
Sistemi Amministrativi
AM-SRLT-07
Atti Formali
AM-SRLT-08
Fatturazione Elettronica
AM-SRLT-09
Tassa Auto
AM-SRLT-10
Programmazione e Controllo
AM-SRLT-11
Modulistica on-line
AM-SRLT-13
Procedimenti di Erogazione
AM-SRLT-14
Procedimenti Documentali
AM-SRLT-18
SISCO - Nuovo SIARL
AM-SRLT-21
FIP-FRISL-MONTAGNA
AM-SRLT-22
Istruzione e Lavoro
AM-SRLT-24
ARCOS - Gestione Associate
AM-SRLT-25
Procedimenti Documentali LISPA
AM-SRLT-26
Piattaforma Documentale
AM-SRLT-27
Sistema Informativo SAP
AM-SRLT-28
Borsa Lavoro e Comunicazioni Obbligatorie
AM-SRLT-37
Sistema Unico Patrimonio Enti e Regione
Tabella 2– Ambiti di Manutenzione
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 14 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
2.2.3 Ambiti di assistenza
Di seguito è riportato l’elenco relativo agli Ambiti di Assistenza di riferimento per il presente Appalto
ovvero raggruppamenti omogenei di attività dal punto di vista dell’organizzazione e delle modalità
di erogazione delle classi di fornitura previste.
COD. AMBITO
ASSISTENZA
DESCRIZIONE
AF-L3-01
Assistenza Funzionale dei servizi Fondi ed Erogazioni
GS-L3-02
Gestione dei servizi Fondi ed Erogazioni
AG-L3-03
Assistenza Funzionale e Gestione del servizio SIARL/SISCO
AF-L3-04
Assistenza Funzionale dei servizi Tributari
GS-L3-05
Gestione dei servizi Tributari
AG-L3-06
Assistenza e Gestione del sistema borsa lavoro
AG-L3-07
Assistenza e Gestione del servizio Anagrafe Regionale Scolastica
AF-L3-08
Assistenza Funzionale dei servizi EDMA, Gestione Atti Formali,G3S
GS-L3-09
Gestione dei servizi EDMA, Gestione Atti Formali,G3S
AG-L3-10
Assistenza e Gestione dei Sistemi Interni LI (Sistema documentale e MPS)
AF-L3-11
Assistenza Funzionale dei servizi AIL e Presidenza
GS-L3-12
Gestione dei servizi AIL e Presidenza
GS-L3-13
Assistenza Segreteria di Giunta – supporto alle Sedute
AF-L3-14
Assistenza Funzionale dei servizi Bilancio e Contabilità
GS-L3-15
Gestione dei servizi Bilancio e Contabilità
AF-L3-16
Assistenza Funzionale del servizio Modulistica on line
GS-L3-17
Gestione del servizio Modulistica on line
AF-L3-18
Assistenza Funzionale dei servizi Documentali e Contabili SIREG
GS-L3-19
Gestione dei servizi Documentali e Contabili SIREG
Tabella 3 – Ambiti di Assistenza
Si rimanda al paragrafo 5.3.3 per la descrizione di tali ambiti.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 15 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
2.2.4 Prodotti
Di seguito è riportato l’elenco, aggiornato alla data di emissione del presente capitolato, dei
Prodotti oggetto di manutenzione, organizzati per Ambito di manutenzione.
A fianco di ciascun Prodotto sono altresì riportati:



l’/gli Ambito/i Tecnologico/i del Prodotto (descritti al successivo capitolo 7);
il servizio (codice scheda servizio e titolo scheda servizio), appartenente al perimetro del
presente appalto, che il prodotto supporta;
le schede relative ai prodotti elencati sono riportate in allegato nell’ultima versione
disponibile.
AMBITO DI
M ANUTENZIONE
NOME PRODOTTO
AMBITO TECNOLOGICO
AM-SRLT-01
ELEPAG: GESTIONE
ELENCHI DI PAGAMENTI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-089_03
GESTIONE DEI PAGAMENTI
AM-SRLT-01
REGISTRO DEBITORI
EDMA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-089_03
GESTIONE DEI PAGAMENTI
AM-SRLT-01
REGISTRO DEBITORI
W EB
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-089_03
GESTIONE DEI PAGAMENTI
SIARL: SISTEMA
INFORMATIVO AGRICOLO
TRANSAZIONALE/BATCH
DELLA REGIONE
LOMBARDIA
SCH-089_01
SIARL PORTALE GESTIONE
FASCICOLO AZIENDALE E
DOMANDE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-089_02
SIARL GIS
AM-SRLT-01
SIPAG: SISTEMA
INFORMATIVO
PAGAMENTI IN
AGRICOLTURA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-089_03
GESTIONE DEI PAGAMENTI
AM-SRLT-03
AREA PERSONALE SUL
PORTALE TRIBUTI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-068_02
GESTIONE SOSPENSIONE
CONCESSIONARI TA
AM-SRLT-03
AREA PERSONALE SUL
PORTALE TRIBUTI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-075_01
GESTIONE PATRIMONIO
INFORMATIVO TRIBUTARIO
AM-SRLT-01
COD. SCHEDA
SERVIZIO
TITOLO SCHEDA SERVIZIO
SIARL_GIS: GESTIONE
AM-SRLT-01
DATI GEOGRAFICI IN
AMBITO AGRICOLO
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 16 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
AM-SRLT-03
AREA PERSONALE SUL
PORTALE TRIBUTI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-068_01
PORTALE DEI TRIBUTI E
AREA PERSONALE
AM-SRLT-03
BOLLO MOBILE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-071_03
BOLLO MOBILE
DSS CARTA SCONTO
TRANSAZIONALE/BATCH
BENZINA / METANO-GPL
SCH-067_02
DWH CARTA SCONTO
BENZINA
AM-SRLT-03
AM-SRLT-03
DSS TRIBUTARIO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-747_01
SISTEMA INFORMATIVO
INTEGRATO DELLA POLIZIA
IDRAULICA E DELLE UTENZE
IDRICHE (SIPIUI)
AM-SRLT-03
DSS TRIBUTARIO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-067_01
DWH ANAGRAFE
TRIBUTARIA
AM-SRLT-03
DSS TRIBUTARIO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-067_01
DWH ANAGRAFE
TRIBUTARIA
AM-SRLT-03
DSS TRIBUTARIO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-067_01
DWH ANAGRAFE
TRIBUTARIA
AM-SRLT-03
DSS TRIBUTARIO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-067_01
DWH ANAGRAFE
TRIBUTARIA
AM-SRLT-03
FORNITURE ORIGINALI
TRIBUTARIE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-067_01
DWH ANAGRAFE
TRIBUTARIA
AM-SRLT-03
GESTIONE SERVIZIO
AFFARI TRIBUTARI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-071_01
GESTIONE SERVIZIO AFFARI
TRIBUTARI (GSAT)
GIS CARTA SCONTO
TRANSAZIONALE/BATCH
BENZINA / METANO-GPL
SCH-069_01
SCONTO BENZINA
AM-SRLT-03
AM-SRLT-03
INFRASTRUTTURA
APPLICATIVA SISTEMA
TRIBUTARIO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-068_01
PORTALE DEI TRIBUTI E
AREA PERSONALE
AM-SRLT-03
S.I. SCONTO BENZINA /
METANO-GPL
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-069_01
SCONTO BENZINA
AM-SRLT-03
SISTEMA INFORMATIVO
RATEIZZAZIONE ENTRATE TRANSAZIONALE/BATCH INTERNO LISPA
REGIONALI
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
INTERNO LISPA
Pagina 17 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
AM-SRLT-05
APPLICAZIONE BILANCIO
DI PREVISIONE ARIFL
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-058_11
BILANCIO DI GESTIONE PER
ARIFL
AM-SRLT-05
APPLICAZIONI CONTABILI TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-059_01
SERVIZIO CONTABILITÀ
REGIONALE
AM-SRLT-05
APPLICAZIONI CONTABILI TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-059_01
SERVIZIO CONTABILITÀ
REGIONALE
AM-SRLT-05
APPLICAZIONI CONTABILI TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-059_01
SERVIZIO CONTABILITÀ
REGIONALE
AM-SRLT-05
APPLICAZIONI CONTABILI TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-059_01
SERVIZIO CONTABILITÀ
REGIONALE
AM-SRLT-05
APPLICAZIONI CONTABILI TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-059_01
SERVIZIO CONTABILITÀ
REGIONALE
AM-SRLT-05
APPLICAZIONI CONTABILI TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-059_01
SERVIZIO CONTABILITÀ
REGIONALE
AM-SRLT-05
APPLICAZIONI CONTABILI TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-059_01
SERVIZIO CONTABILITÀ
REGIONALE
AM-SRLT-05
APPLICAZIONI CONTABILI TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-059_01
SERVIZIO CONTABILITÀ
REGIONALE
AM-SRLT-05
APPLICAZIONI CONTABILI TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-059_01
SERVIZIO CONTABILITÀ
REGIONALE
AM-SRLT-05
BILANCI COMUNITA
MONTANE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-716_01
MONITORAGGIO BILANCI
CCMM (COMUNITÀ
MONTANE)
AM-SRLT-05
BILANCIO DI GESTIONE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-058_01
BILANCIO REGIONALE
AM-SRLT-05
BILANCIO DI GESTIONE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-058_01
BILANCIO REGIONALE
AM-SRLT-05
BILANCIO DI GESTIONE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-058_01
BILANCIO REGIONALE
AM-SRLT-05
BILANCIO DI GESTIONE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-058_01
BILANCIO REGIONALE
AM-SRLT-05
BILANCIO DI GESTIONE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-058_11
BILANCIO DI GESTIONE PER
ARIFL
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 18 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
AM-SRLT-05
BILANCIO DI PREVISIONE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-058_01
BILANCIO REGIONALE
AM-SRLT-05
BILANCIO DI PREVISIONE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-058_01
BILANCIO REGIONALE
AM-SRLT-05
BILANCIO DI PREVISIONE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-058_01
BILANCIO REGIONALE
AM-SRLT-05
GESTIONE
AMMORTAMENTO MUTUI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-059_01
SERVIZIO CONTABILITÀ
REGIONALE
AM-SRLT-05
GESTIONE ATTI FORMALI
TRANSAZIONALE/BATCH
(CLIENT-SERVER)
SCH-063_01
ATTI FORMALI CON
RILEVANZA CONTABILE
AM-SRLT-05
GESTIONE ATTI FORMALI
TRANSAZIONALE/BATCH
(CLIENT-SERVER)
SCH-059_01
SERVIZIO CONTABILITÀ
REGIONALE
AM-SRLT-05
RAGIONERIA E
TESORERIA (CLIENTSERVER)
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-059_01
SERVIZIO CONTABILITÀ
REGIONALE
AM-SRLT-07
ATTI FORMALI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-281_01
ATTI FORMALI LEGISLATIVO
AM-SRLT-07
ATTI FORMALI EDMA
CONTABILE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-063_01
ATTI FORMALI CON
RILEVANZA CONTABILE
AM-SRLT-07
BURL ON LINE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-282_01
BURL ON-LINE
AM-SRLT-07
BURL ON LINE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-282_01
BURL ON-LINE
AM-SRLT-07
CONSULTAZIONE
DELIBERE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-281_01
ATTI FORMALI LEGISLATIVO
AM-SRLT-07
SEDUTA DI GIUNTA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-281_01
ATTI FORMALI LEGISLATIVO
AM-SRLT-08
GESTIONE ELETTRONICA
TRANSAZIONALE/BATCH
DELLE FATTURE
SCH-196_01
GESTIONE ELETTRONICA
DELLE FATTURE (GEF)
AM-SRLT-08
GESTIONE ELETTRONICA
TRANSAZIONALE/BATCH
DELLE FATTURE
SCH-199_01
FUNZIONARIO DELEGATO
(CONTESTO GEF)
SCH-062_01
SERVIZIO GESTIONE
FONDO SOCIO SANITARIO
(G3S)
AM-SRLT-08
GOVERNO PAGAMENTI
DEL SISTEMA SOCIO
SANITARIO
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
TRANSAZIONALE/BATCH
Pagina 19 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
AM-SRLT-08
HUB
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-198_01
GESTIONE MAGAZZINO
CANCELLERIA
AM-SRLT-08
MONITORAGGIO
PRODOTTI E SERVIZI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-039_04
MONITORAGGIO PRODOTTI
E SERVIZI (MPS)
AM-SRLT-08
MONITORAGGIO
PRODOTTI E SERVIZI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-039_01
MONITORAGGIO
FATTURAZIONE (MPS
FATTURE)
AM-SRLT-08
MONITORAGGIO
PRODOTTI E SERVIZI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-039_03
DELLE PROPOSTE DI
PROGETTO (RAP)
AM-SRLT-08
MONITORAGGIO
PRODOTTI E SERVIZI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-039_01
INTERNO LISPA
AM-SRLT-08
PORTALE FORNITORI
G3S
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-062_01
SERVIZIO GESTIONE
FONDO SOCIO SANITARIO
(G3S)
SCADENZE CONTRATTI E
TRANSAZIONALE/BATCH
CONVENZIONI
SCH-007_01
GESTIONE SCADENZE
CONTRATTI E CONVENZIONI
(SCACCO)
AM-SRLT-08
RACCOLTA E VALUTAZIONE
AM-SRLT-09
GESTIONE FLUSSI E
SCHEDULAZIONI SITRE
VIA ORACLE
APPLICATIONS
PIATTAFORMA
ENTERPRISE
SCH-067_01
DWH ANAGRAFE
TRIBUTARIA
AM-SRLT-09
GESTIONE TASSA
AUTOMOBILISTICA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-072_02
SISTEMA DI CALCOLO E
RENDICONTAZIONE TASSA
AUTO (SDICTA)
AM-SRLT-09
GESTIONE TASSA
AUTOMOBILISTICA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-072_01
GESTIONALE TASSA AUTO
(GTA)
AM-SRLT-10
CRUSCOTTO INDICATORI
PROGRAMMAZIONE
INTEGRATA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-066_03
CRUSCOTTO INDICATORI
PER IL MONITORAGGIO
DELLA PROGRAMMAZIONE
INTEGRATA
AM-SRLT-10
LAPIS - LABORATORIO
PROGRAMMAZIONE
INTEGRATA STRATEGICA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-066_02
LABORATORIO DI
PROGRAMMAZIONE
INTEGRATA
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 20 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
LABORATORIO DI
PROGRAMMAZIONE
INTEGRATA
AM-SRLT-10
LAPIS REPORTISTICA
APPLICATIVA
AM-SRLT-10
SISTEMA INFORMATIVO
PROGRAMMAZIONE E
CONTROLLO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-066_01
AM-SRLT-11
ANAGRAFICA W EB PER
SISEL
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-025_02
SISTEMA INFORMATIVO
STATISTICO ENTI LOCALI
(SISEL)
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-105_03
NEGOZI STORICI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-105_05
SISTEMA INFOMATIVO
GESTIONE FIERE (SIGEFI)
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-066_02
GESTORE CONSULTAZIONE
PROGRAMMAZIONE
ISTITUZIONALE DELLA VII E
VIII LEGISLATURA (SIPEC)
APPLICATIVO DEI NEGOZI
AM-SRLT-11
E MERCATI STORICI
LOMBARDI
APPLICAZIONE DI
AM-SRLT-11
GESTIONE DELLE
MANIFESTAZIONI
FIERISTICHE
AM-SRLT-11
ASSOCIAZIONI_GIOV
ANILI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-081_01
ASSOCIAZIONI GIOVANILI
AM-SRLT-11
BANCA DATI
PROCEDIMENTI SUAP
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-107_02
SEGNALAZIONE
CERTIFICATA DI INIZIO
ATTIVITÀ (SCIA)
AM-SRLT-11
CARTA ESERCIZIO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-105_01
CARTA ESERCIZIO PER
COMMERCIO AMBULANTE
SCH-711_01
SISTEMA DI RILEVAZIONE
REGIONALI DI RACCOLTA
INFORMAZIONI DA ENTI
LOCALI (EELL)
AM-SRLT-11
CENSIMENTO CRS
TRANSAZIONALE/BATCH
AM-SRLT-11
CENSIMENTO GA 2010
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-711_01
SISTEMA DI RILEVAZIONE
REGIONALI DI RACCOLTA
INFORMAZIONI DA ENTI
LOCALI (EELL)
AM-SRLT-11
CENSIMENTO RIFUGI
ALPINI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-732_01
CENSIMENTO RIFUGI
AM-SRLT-11
DEMANIO LACUALE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-120_01
MONITORAGGIO DEMANIO
LACUALE
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 21 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
AM-SRLT-11
AM-SRLT-11
AM-SRLT-11
DISTRETTI DEL
COMMERCIO
DIVIDENDO DELL'
EFFICIENZA
DW IPPC REPORTISTICA
DA DATA WAREHOUSE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-105_02
DISTRETTI COMMERCIO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-722_01
SERVIZIO PER IL CALCOLO
DEL DIVIDENDO
DELL'EFFICIENZA
PIATTAFORMA
ENTERPRISE
SCH-744_03
AUTORIZZAZIONE
AMBIENTALE INTEGRATA E
DWH (AIA)
SCH-098_01
GESTORE ANAGRAFICA
CENTRI ED IMPIANTI
SPORTIVI (DA PARTE DEI
COMUNI E CONI)
SCH-789_01
FONTI ENERGETICHE
RINNOVABILI
PROCEDIMENTI
AMMINISTRATIVI CEL, PAS
E AU
SCH-789_01
FONTI ENERGETICHE
RINNOVABILI
PROCEDIMENTI
AMMINISTRATIVI CEL, PAS
E AU
AM-SRLT-11
E CENSIS
AM-SRLT-11
FONTI ENERGETICHE
RINNOVABILI MODELLO
AU
AM-SRLT-11
FONTI ENERGETICHE
RINNOVABILI MODELLO
CEL
AM-SRLT-11
FONTI ENERGETICHE
RINNOVABILI MODELLO
PAS
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-789_01
FONTI ENERGETICHE
RINNOVABILI
PROCEDIMENTI
AMMINISTRATIVI CEL, PAS
E AU
AM-SRLT-11
IPPC
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-744_03
AUTORIZZAZIONE
AMBIENTALE INTEGRATA E
DWH (AIA)
AM-SRLT-11
MODULISTICA
CARBURANTI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-105_06
AUTORIZZAZIONE IMPIANTI
CARBURANTI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-744_13
SISTEMA DI
RICONOSCIMENTO TECNICI
COMPETENTI IN ACUSTICA
AMBIENTALE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-105_04
SIMULAZIONE IMPATTO
GRANDI STRUTTURE DI
VENDITA
AM-SRLT-11
AM-SRLT-11
MODULISTICA TECNICI
ACUSTICI
MONITORAGGIO GRANDI
STRUTTURE DI VENDITA
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
TRANSAZIONALE/BATCH
TRANSAZIONALE/BATCH
TRANSAZIONALE/BATCH
Pagina 22 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
AM-SRLT-11
MUTA DIAP VERSIONE 2
FLEX
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-107_01
MODELLO UNICO
TRASMISSIONE ATTI
(MUTA)
AM-SRLT-11
MUTA VERSIONE FLEX
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-107_01
MODELLO UNICO
TRASMISSIONE ATTI
(MUTA)
AM-SRLT-11
OSSERVATORIO DEL
COMMERCIO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-106_01
DWH DIREZIONE
COMMERCIO
AM-SRLT-11
OSSERVATORIO SPORT
DELLA MONTAGNA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-261_01
AM-SRLT-11
PROGRAMMI PER I
TRANSAZIONALE/BATCH
SISTEMI TURISTICI INTER
SCH-095_01
SISTEMI TURISTICI
AM-SRLT-11
REPORTISTICA SISTEMA
GESTIONE FIERE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-105_05
SISTEMA INFOMATIVO
GESTIONE FIERE (SIGEFI)
AM-SRLT-11
SISMA MANTOVA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-799_01
SISMA DI MANTOVA
AM-SRLT-13
BANDI DI EROGAZIONE E
FINANZIAMENTO E ALTRE
APPLICAZIONI REALIZZATE
SU PIATTAFORMA GEFO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-041_01
EROGAZIONE E SOSTEGNO
(GEFO)
AM-SRLT-13
BANDI DI EROGAZIONE E
FINANZIAMENTO E ALTRE
APPLICAZIONI REALIZZATE
SU PIATTAFORMA GEFO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-052_01
FONDO RICOSTITUZIONE
INFRASTRUTTURE SOCIALI
LOMBARDIA (FRISL)
AM-SRLT-13
BANDI DI EROGAZIONE E
FINANZIAMENTO E ALTRE
APPLICAZIONI REALIZZATE
SU PIATTAFORMA GEFO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-051_01
FONDO PER I PROGETTI
INFRASTRUTTURALI (FIP)
AM-SRLT-13
BANDI DI EROGAZIONE E
FINANZIAMENTO E ALTRE
APPLICAZIONI REALIZZATE
SU PIATTAFORMA GEFO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-200_01
GESTIONE FSE
(MONITORW EB)
AM-SRLT-13
BANDI DI EROGAZIONE E
FINANZIAMENTO E ALTRE
APPLICAZIONI REALIZZATE
SU PIATTAFORMA GEFO
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
OSSERVATORIO SPORT
DELLA MONTAGNA
SERVIZIO PER LA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-726_01
COMUNICAZIONE
TRANSFRONTALIERA ITALIASVIZZERA
Pagina 23 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
AM-SRLT-13
BANDI DI EROGAZIONE E
FINANZIAMENTO E ALTRE
APPLICAZIONI REALIZZATE
SU PIATTAFORMA GEFO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-796_01
GESTIONE DELLE
COMPETENZE INFORMALI E
NON FORMALI DEL
CITTADINO
AM-SRLT-13
BANDI DI EROGAZIONE E
FINANZIAMENTO E ALTRE
APPLICAZIONI REALIZZATE
SU PIATTAFORMA GEFO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-798_01
OFFERTA FORMATIVA
AM-SRLT-13
BANDI DI EROGAZIONE E
FINANZIAMENTO E ALTRE
APPLICAZIONI REALIZZATE
SU PIATTAFORMA GEFO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-795_01
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-041_01
EROGAZIONE E SOSTEGNO
(GEFO)
ED_GEFO - CONTESTO
APPLICATIVO DI EDMA
AM-SRLT-13
SPECIFICO PER LE
FUNZIONALITÀ DEL
SISTEMA GEFO
ACCREDITAMENTO
OPERATORI
AM-SRLT-13
GEFO - GESTIONE
FINANZIAMENTI ONLINE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-041_01
EROGAZIONE E SOSTEGNO
(GEFO)
AM-SRLT-13
SISTEMA ALBO
COOPERATIVE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-116_01
ALBO COOPERATIVE
SOCIALI
AM-SRLT-13
SISTEMA INFORMATIVO
MONITORWEB
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-200_01
GESTIONE FSE
(MONITORW EB)
AM-SRLT-14
BUONO FAMIGLIA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-383
SISTEMA BUONO FAMIGLIA
AM-SRLT-14
COMUNICAZIONI
PRESIDENTE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-010_01
COMUNICAZIONI CITTADINI
GOVERNATORE
AM-SRLT-14
EDMA - PORTALE
SISS
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-321
PORTALI SISS
AM-SRLT-14
FASCICOLO DIGITALE
DELLE LEGGI E DEI
REGOLAMENTI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-027_02
BANCHE DATI DELLA
GAZZETTA UFFICIALE DELLA
REPUBBLICA ITALIANA
(SERVIZIO
ISPOLITELGURITEL)
AM-SRLT-14
ITER PRATICHE
AVVOCATURA
REGIONALE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-005_01
ITER PRATICHE
AVVOCATURA
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 24 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
AM-SRLT-14
AM-SRLT-14
ITER PRATICHE
GENERALIZZATO
PRESIDENZA
MODULO TRASVERSALE
DI GESTIONE FILE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-710_01
GESTIONE ITER PRATICHE
GENERALIZZATO
(PATROCINI LEGGE 50)
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-792_01
GESTIONE FILE
AM-SRLT-14
PIANO DELLA
COMUNICAZIONE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-012_01
INTERNO LISPA
AM-SRLT-14
PIANO DELLE RICERCHE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-012_01
INTERNO LISPA
AM-SRLT-14
PRATICHE PRONTO
INTERVENTO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-157_01
GESTIONE PRONTO
INTERVENTO E POST
EMERGENZA
AM-SRLT-14
PROCEDURE
INTERBANCARIE DI
INCASSO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-784_01
CONTRIBUTI ESONERATIVI
(MAV DISABILI)
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-744_13
SISTEMA DI
RICONOSCIMENTO TECNICI
COMPETENTI IN ACUSTICA
AMBIENTALE
AM-SRLT-14
PROCESSO ABILITATIVO
TECNICI ACUSTICI
AM-SRLT-14
PRONTO INTERVENTO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-157_01
GESTIONE PRONTO
INTERVENTO E POST
EMERGENZA
AM-SRLT-14
PRONTO INTERVENTO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-157_02
PRONTO INTERVENTO SU
LOTUS NOTES
AM-SRLT-14
PUBBLICAZIONE PIANI DI
GESTIONE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-770_01
SISTEMA INFORMATIVO BIO
DIVERSITÀ (SIBIO)
AM-SRLT-14
REGISTRO ACCESSO AGLI
TRANSAZIONALE/BATCH
ATTI
SCH-283_01
REGISTRO ACCESSO ATTI
AM-SRLT-14
REGISTRO FIDEJUSSIONI TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-794_01
REGISTRO FIDEJUSSIONI
AM-SRLT-14
RICHIESTE PATROCINIO
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-197_01
SISTEMA UNIFICATO
PATROCINI
AM-SRLT-14
SISTEMA REGIONALE
ACQUISIZIONE PARERI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-742_03
SISTEMA INFORMATIVO
RILASCIO PARERI (SIRAP)
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 25 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
AM-SRLT-14
SPESE ELETTORALI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-707_01
SPESE ELETTORALI
SISTEMA INFORMATIVO A
AM-SRLT-18
NUOVO SIARL
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-725_01
SUPPORTO DELLE
POLITICHE AGRICOLE
(SISCO)
SISTEMA INFORMATIVO A
AM-SRLT-18
SISTEMA DELLA
CONOSCENZA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-725_01
SUPPORTO DELLE
POLITICHE AGRICOLE
(SISCO)
SISTEMA INFORMATIVO A
AM-SRLT-18
SISTEMA DELLA
CONOSCENZA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-725_01
SUPPORTO DELLE
POLITICHE AGRICOLE
(SISCO)
SISTEMA INFORMATIVO A
AM-SRLT-18
SISTEMA DELLA
CONOSCENZA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-725_01
SUPPORTO DELLE
POLITICHE AGRICOLE
(SISCO)
SISTEMA INFORMATIVO A
AM-SRLT-18
SISTEMA DELLA
CONOSCENZA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-725_01
SUPPORTO DELLE
POLITICHE AGRICOLE
(SISCO)
SISTEMA INFORMATIVO A
AM-SRLT-18
SISTEMA DELLA
CONOSCENZA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-725_01
SUPPORTO DELLE
POLITICHE AGRICOLE
(SISCO)
SISTEMA INFORMATIVO A
AM-SRLT-18
SISTEMA DELLA
CONOSCENZA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-725_01
SUPPORTO DELLE
POLITICHE AGRICOLE
(SISCO)
SISTEMA INFORMATIVO A
AM-SRLT-18
SISTEMA DELLA
CONOSCENZA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-725_01
SUPPORTO DELLE
POLITICHE AGRICOLE
(SISCO)
SISTEMA INFORMATIVO A
AM-SRLT-18
SISTEMA DELLA
CONOSCENZA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-725_01
SUPPORTO DELLE
POLITICHE AGRICOLE
(SISCO)
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 26 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
SISTEMA INFORMATIVO A
AM-SRLT-18
SISTEMA DELLA
CONOSCENZA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-725_01
SUPPORTO DELLE
POLITICHE AGRICOLE
(SISCO)
AM-SRLT-21
FONDO INFRASTRUTTURE
TRANSAZIONALE/BATCH
PROGETTI
SCH-051_01
FONDO PER I PROGETTI
INFRASTRUTTURALI (FIP)
AM-SRLT-21
FONDO PER LA
RICOSTITUZIONE DELLE
INFRASTRUTTURE
SOCIALI IN LOMBARDIA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-052_01
FONDO RICOSTITUZIONE
INFRASTRUTTURE SOCIALI
LOMBARDIA (FRISL)
AM-SRLT-21
MONITORAGGIO
FINANZIARIO FIP FRISL
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-052_01
FONDO RICOSTITUZIONE
INFRASTRUTTURE SOCIALI
LOMBARDIA (FRISL)
AM-SRLT-21
MONITORAGGIO
FINANZIARIO FIP FRISL
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-051_01
FONDO PER I PROGETTI
INFRASTRUTTURALI (FIP)
AM-SRLT-21
MONTAGNA W EB
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-061_01
FINANZIAMENTI ALLE
COMUNITÀ MONTANE E
COMUNI MONTANI
AM-SRLT-22
ANAGRAFE REGIONALE
STUDENTI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-731_01
ANAGRAFE REGIONALE
STUDENTI
AM-SRLT-22
CATALOGO DEGLI
OPERATORI ACCREDITATI
TRANSAZIONALE/BATCH
DELLA REGIONE
LOMBARDIA
SCH-795_01
AM-SRLT-22
CATALOGO OFFERTA
FORMATIVA IN DIRITTOTRANSAZIONALE/BATCH
DOVERE DI ISTRUZIONE E
FORMAZIONE
SCH-798_01
OFFERTA FORMATIVA
AM-SRLT-22
CATALOGO OFFERTA
FORMATIVA ISTRUZIONE E
FORMAZIONE TECNICA
SUPERIORE E ISTITUTI
TECNICI SUPERIORI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-798_01
OFFERTA FORMATIVA
AM-SRLT-22
CATALOGO OFFERTA
FORMATIVA PER
LAVORATORI E
DISOCCUPATI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-798_01
OFFERTA FORMATIVA
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
ACCREDITAMENTO
OPERATORI
Pagina 27 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
AM-SRLT-22
FASCICOLO DIGITALE DEL
TRANSAZIONALE/BATCH
CITTADINO
SCH-734_01
FASCICOLO DIGITALE DEL
CITTADINO
AM-SRLT-22
GARANZIA GIOVANI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-733_01
PIATTAFORMA GARANZIA
GIOVANI
AM-SRLT-22
QUADRO REGIONALE
DEGLI STANDARD
PROFESSIONALI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-286_01
QUADRO REGIONALE
STANDARD PROFESSIONALI
(QRSP)
AM-SRLT-24
GESTIONE ASSOCIATE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-721_01
GESTIONI ASSOCIATE
AM-SRLT-25
AM-SRLT-25
AM-SRLT-25
INTEGRAZIONE FRA
EDMA LISPA E ORACLE TRANSAZIONALE/BATCH INTERNO LISPA
APPLICATIONS
SCHEDA INCENTIVI
(LISPA)
SISTEMA DI PROTOCOLLO
INFORMATICO AZIENDALE
INTERNO LISPA
TRANSAZIONALE/BATCH INTERNO LISPA
INTERNO LISPA
TRANSAZIONALE/BATCH INTERNO LISPA
INTERNO LISPA
AM-SRLT-26
DOCUMENTI GENERICI CONTESTO EDMA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-040_04
AM-SRLT-26
DOCUMENTI GENERICI CONTESTO EDMA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-040_07
AM-SRLT-26
EDMA - FRAMEWORK
PER LA GESTIONE DELLE
INFORMAZIONI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-790_01
FIRMA DIGITALE - FIRMA
ELETTRONICA
AM-SRLT-26
EDMA - FRAMEWORK
PER LA GESTIONE DELLE
INFORMAZIONI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-040_02
EDMA W ORKFLOW
MANAGEMENT INTEGRATO
AM-SRLT-26
EDMA - FRAMEWORK
PER LA GESTIONE DELLE
INFORMAZIONI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-040_06
EDMA GUI DESKTOP
AM-SRLT-26
EDMA - FRAMEWORK
PER LA GESTIONE DELLE
INFORMAZIONI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-040_05
EDMA GESTIONE FAX
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
EDMA GESTIONE
FASCICOLO DOCUMENTALE
EDMA GESTORE
DOCUMENTALE
Pagina 28 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
AM-SRLT-26
EDMA - FRAMEWORK
PER LA GESTIONE DELLE
INFORMAZIONI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-040_03
EDMA GESTIONE POSTA
ELETTRONICA CERTIFICATA
(PEC)
AM-SRLT-26
EDMA - FRAMEWORK
PER LA GESTIONE DELLE
INFORMAZIONI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-040_01
EDMA PROTOCOLLO
INFORMATICO
AM-SRLT-26
EDMA - FRAMEWORK
PER LA GESTIONE DELLE
INFORMAZIONI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-040_08
COMUNICAZIONI
ELETTRONICHE
AM-SRLT-26
EDMA - FRAMEWORK
PER LA GESTIONE DELLE
INFORMAZIONI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-793_01
SCANSIONE DOCUMENTI
AM-SRLT-26
EDMA - FRAMEWORK
PER LA GESTIONE DELLE
INFORMAZIONI
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-043_01
AMMINISTRAZIONE APERTA
AM-SRLT-26
GESTIONE
MONITORAGGIO
PROCEDIMENTI SIREG
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-034_01
MONITORAGGIO
PROCEDIMENTI
AMMINISTRATIVI
AM-SRLT-26
MODULO TRASVERSALE
DI VALIDATION AUTHORITY
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-790_02
VERIFICA FIRMA DIGITALE
MODULO TRASVERSALE
AM-SRLT-26
MAILMERGE E
CONVERSIONE ODT_PDF
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-791_01
MAIL MERGE
AM-SRLT-26
SECURITY
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-042_01
SCAI - SISTEMA
CONTROLLO ACCESSI
INTEGRATO
AM-SRLT-27
SAP MODULO CO COSTING
PIATTAFORMA
ENTERPRISE
SCH-037_01
CONTABILITÀ ECONOMICO
PATRIMONIALE (COEP)
AM-SRLT-27
SAP MODULO FIFINANCIAL ACCOUNTING
PIATTAFORMA
ENTERPRISE
SCH-037_01
CONTABILITÀ ECONOMICO
PATRIMONIALE (COEP)
AM-SRLT-28
BORSA LAVORO
LOMBARDIA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-195_01
BORSA LAVORO
LOMBARDIA (BLL)
AM-SRLT-28
BORSA LAVORO
LOMBARDIA
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-195_03
LIBRETTO FORMATIVO DEL
CITTADINO
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 29 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
AM-SRLT-28
AM-SRLT-37
COMUNICAZIONI
OBBLIGATORIE
SISTEMA UNICO
PATRIMONIO ENTI E
REGIONE
TRANSAZIONALE/BATCH
SCH-195_02
COMUNICAZIONI
OBBLIGATORIE (COB)
PIATTAFORMA
ENTERPRISE
SCH-047_01
SISTEMA UNICO
PATRIMONIO ENTI REGIONE
(SUPER)
Tabella 4 - Prodotti
2.3
Durata
La durata dell’Appalto è fissata in 36 mesi, il tutto come meglio precisato nello Schema di
contratto.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 30 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
3. Lombardia Informatica S.p.A
Lombardia Informatica S.p.A. (LI) è l’Ente strumentale della Regione Lombardia per l’Information &
Communication Technology (ICT). Compito di LI è individuare e realizzare le soluzioni
tecnologiche più idonee per realizzare gli obiettivi del Sistema Regionale nel suo complesso, con
la massima qualità e le migliori prestazioni, e garantire l’efficacia e l’efficienza del Sistema
Informativo Regionale (SIR), fornendo supporto consulenziale per gli indirizzi della strategia ICT
della Regione Lombardia e del Sistema Regionale.
Al fine di mantenere e sviluppare i modelli di e-government (Sistemi Regione) e di e-health (SocioSanità), LI realizza progetti trasversali a supporto dell’operatività dell’Ente Regione, e progetti di
ambito tematico coordinando le esigenze delle diverse Direzioni Generali della Regione.
In particolare, per le Direzioni Generali Sanità e Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà
Sociale, LI è responsabile dell’evoluzione del Sistema Informativo Socio-Sanitario (SISS), che
rappresenta un grande piano di innovazione nell’ambito della sanità elettronica (e-health)
sviluppato negli anni dalla Regione Lombardia.
Progetti ed obiettivi rispondono alla mission aziendale: utilizzare le tecnologie informatiche al fine
di innovare i servizi ed incrementare la produttività del sistema regionale, per migliorare la qualità
della vita dei cittadini, la competitività delle imprese lombarde e l’operatività della Pubblica
Amministrazione in Lombardia.
Viene nel seguito descritta l’organizzazione di LI. Si sottolinea che l’organizzazione di LI e quindi le
Funzioni coinvolte potranno cambiare nel corso della durata della fornitura in seguito a necessità di
revisioni dell’operatività di LI, come conseguenza di esigenze di Regione Lombardia o della stessa
LI.
Riportano al Presidente una struttura per il coordinamento e controllo e una per le operations.
In particolare, alla struttura di Coordinamento e Controllo riportano la Funzione di Staff Supplier e
Contract Management (SCM), le funzioni che hanno la responsabilità dei sistemi tecnologici di
supporto di LI, di gestione della Qualità, della Sicurezza dell’Informazione e della Privacy e di
gestione degli impianti e della sicurezza fisica nonché le funzioni di staff quali le risorse umane,
l’amministrazione, la comunicazione e gli acquisti.
La struttura di operations è composta da direzioni e dipartimenti come di seguito indicato:
Strutture Demand:


Direzione Sistemi Regione;
Direzione SISS (Socio Sanità e CRS-SISS).
Strutture Supply:




Direzione Project Management e Tecnologie Applicative;
Dipartimento Servizi Sire;
Dipartimento Servizi Siss e Servizi Trasversali;
Dipartimento Esercizio;
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 31 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.

Direzione Contact Center Regionale.
La Direzione Sistemi Regione





fornisce supporto strategico alla Regione nel governo dei sistemi ICT;
collabora con Regione nel definire gli indirizzi evolutivi del SIR, garantendo l’architettura
complessiva e l’integrità, la consistenza e la coerenza del patrimonio informativo regionale;
offre supporto consulenziale alle Direzioni di Regione nell’individuare le soluzioni ICT più
innovative e concorrenziali;
rappresenta la società nei rapporti con la Regione, verso la quale garantisce l’erogazione
dei servizi e la realizzazione dei progetti;
nell’ambito di alcuni progetti a valenza strategica e conformemente a quanto previsto dalla
L. R. 30/2006, la Direzione è chiamata a svolgere un ruolo analogo nei confronti degli Enti
facenti parte del Sistema Regionale.
La Direzione si articola nelle seguenti funzioni:







Funzione di staff governo SIR, program management e business consulting, che è
responsabile del governo del SIR nel suo complesso, ovvero sia delle attività correlate
all’organizzazione, programmazione, controllo e coordinamento generale di progetti e
servizi, sia dell’indirizzo degli sviluppi evolutivi e dell’architettura logica dei servizi e del
patrimonio informativo, e si articola nelle seguenti aree:
- Area program management office e controllo economico, che supporta Regione nella
definizione e nel controllo di avanzamento del Programma di sviluppo del SIR e,
internamente, coordina tutte le attività di budgeting, pianificazione e controllo dei
parametri economici della Direzione;
- Area monitoraggio SLA ed esercizio, che supporta Regione e la Direzione nel controllo
e nell’analisi costante dei livelli di servizio, segnalando eventuali degradi delle
performance dei sistemi SIR, e predisponendo la reportistica relativa allo stato dei
servizi (SLA, ticket, incidenti, etc.) e agli indicatori richiesti da Regione;
- Area business consulting, che centralizza le funzioni business consulting per la
Direzione SIRE. In particolare: rileva, in collaborazione con i Service Manager, le
esigenze delle Direzioni di Regione e formalizza i requisiti dei sistemi informativi e i
relativi impatti organizzativi;
- Area governo sistema informativo regionale, cjhe assicura il governo e l’evoluzione del
Sistema Informativo Regionale, sia dal punto di vista dei servizi che delle informazioni,
definendo l’architettura logica di riferimento e curando la sua costante evoluzione nel
tempo sulla base delle esigenze legate ai processi di business sia di Regione
Lombardia che del Sistema Regionale;
Funzione service management servizi trasversali;
Funzione service management programmazione integrata e fiscalità;
Funzione service management area economica;
Funzione service management area territoriale;
Funzione service management SIREG;
Funzione service management sviluppo servizi innovativi e CRS.
Ciascuna Funzione Service Management:
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 32 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.





coordina l’intero ciclo di vita dei servizi di competenza dalla rilevazione delle esigenze del
cliente fino al rilascio degli stessi e alla loro diffusione;
è responsabile della formulazione e dell’approvazione del contratto attivo (aspetti generali,
proposta tecnica), come risultato della collaborazione delle varie strutture competenti della
Direzione e le strutture delle Direzioni di Supply, e ne garantisce la gestione;
gestisce la domanda definendo le esigenze sulla base dei fabbisogni espressi da Regione
e dagli enti del SIREG;
elabora proposte di soluzione, in collaborazione con l’Area Business Consulting e l’Area
Governo SIR fornendo servizi consulenziali a supporto dei clienti per identificare le migliori
soluzioni operative (definizione della strategia evolutiva dei servizi);
monitora, con il supporto dell’Area Monitoraggio SLA ed Esercizio, i livelli di servizio e
garantisce nel tempo l’allineamento fra le esigenze del cliente e l’evoluzione dei servizi
stessi.
I rapporti contrattuali tra Regione e Lombardia Informatica sono regolati da una Convezione
Quadro pluriennale, che ne norma tutti gli aspetti generali.
Ogni anno Regione approva con una delibera il documento di programmazione (Programma
Operativo annuale – PO) che contiene le attività di evoluzione dei sistemi esistenti e di sviluppo di
nuovi sistemi, nonché le attività di gestione dei sistemi del SIR in esercizio e i relativi tetti di spesa.
La realizzazione dei singoli progetti viene affidata a LI con lettere di incarico che prevedono il
dettaglio degli obiettivi e delle attività, i prodotti (rilasci), le date di rilascio e i relativi importi. Le
attività di gestione invece sono contrattualizzate in un incarico unico (IUG Incarico Unico di
Gestione) che prevede, oltre alla gestione infrastrutturale, anche tutte le attività di manutenzione e
di assistenza ai servizi applicativi in esercizio.
Sono presenti anche delle convenzioni specifiche per le attività relative al Sistema dei Tributi
(sviluppo e gestione) e al Sistemi della Protezione Civile Tributi (sviluppo e gestione).
I rapporti contrattuali con gli Enti sono regolamentati da convenzioni bilaterali analoghe a quella
che LI ha con Regione e che vengono poi attuate con l’affidamento di singoli incarichi, con
modalità del tutto analoghe a quelle con Regione.
La Direzione SISS
La Direzione SISS governa la domanda per la socio-sanità definendo che cosa fare e dove
investire le risorse per ottenere i risultati migliori in coerenza con le esigenze indicate dalla DG
Sanità e dalla DG Famiglia. In particolare:



gestisce il rapporto con le DG Sanità e Famiglia recependo esigenze e vincoli e
promuovendo soluzioni innovative, sempre operando in stretta sinergia con i vari
responsabili regionali;
ha il compito di guidare Lombardia Informatica a supporto della Regione per raggiungere gli
obiettivi della Socio-Sanità coordinando i contributi delle varie Direzioni (Direzione Project
Management e Tecnologie Applicative, Dipartimento Esercizio, Dipartimento Servizi, ...);
coordina l’evoluzione dei servizi per la Socio-Sanità nella visione integrata di un unico
Sistema Informativo Socio-Sanitario federato a livello regionale (il SISS), che include tutti i
servizi socio-sanitari, i sistemi informativi di Aziende Sanitarie e gli altri operatori socio-
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 33 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
sanitari; esso è basato sulla piattaforma del Progetto CRS-SISS ed è realizzato tramite un
unico programma (il programma SISS).
La Direzione si articola nelle seguenti tre linee di attività (strutture):



Governo Sistema Informativo Socio Sanitario Regionale: definisce le strategie a governo
del sistema informativo socio sanitario regionale e guida l’evoluzione dei servizi regionali.
Sistemi Informativi del Territorio Sanità: svolge il ruolo di governo per i Sistemi Informativi
interni delle Aziende Sanitarie (SIA) e per i Sistemi Informativi degli altri operatori sociosanitari (medici di base, farmacie, strutture della socio – sanità,..). In particolare, definisce e
attua linee guida, servizi condivisi (shared services) e soluzioni speciali; inoltre promuove il
riuso di soluzioni.
Diffusione Servizi Sul Territorio Sanità: integra e diffonde i servizi regionali, le linee guida e
le soluzioni/servizi condivisi e speciali per i sistemi informativi sul territorio.
La Direzione Project Management e Tecnologie Applicative:











assicura la coerenza dei progetti di sviluppo al modello logico/architetturale dei sistemi
informativi di riferimento SIRE e SISS;
focalizza le unità organizzative su temi omogenei e coerenti con l’organizzazione e i
processi di Regione Lombardia;
razionalizza metodi, tecniche e ambienti tecnologici;
assicura prestazioni di qualità in linea con il mercato;
presta attenzione alle evoluzioni delle tecnologie ICT e alle opportunità di utilizzo per i
servizi erogati;
valorizza le competenze, anche quelle disciplinari, consolidate nel tempo;
prende in carico e garantisce l’evoluzione architetturale ed applicativa del progetto CRSSISS valorizzando al massimo la piattaforma di servizi realizzata;
ottimizza tutte le attività di Project Management per poter garantire il massimo risultato in
termini produttivi da parte dei fornitori ingaggiati per la realizzazione e manutenzione del
software;
garantisce la qualità del prodotto ed il suo miglioramento continuo;
assicura la piena rispondenza dei sistemi alle esigenze di Sicurezza e Privacy;
misura il patrimonio informativo dei servizi gestiti da Lombardia Informatica.
Il Dipartimento Servizi Sire ed il Dipartimento Servizi Siss e Servizi Trasversali hanno la
responsabilità complessiva dei processi di Assistenza e di Gestione dei Servizi e quindi della
definizione dei requisiti funzionali, della progettazione della gestione e assistenza, e - nella fase di
erogazione - del coordinamento funzionale delle attività svolte dalle strutture aziendali che
concorrono attivamente all’erogazione dei Servizi. Hanno in particolare la responsabilità di
verificare che l’erogazione dell’assistenza e della gestione avvengano secondo i processi ed i
modelli aziendalmente riconosciuti, controllando costantemente il rispetto dei Livelli di Servizio, sia
quelli contrattualmente definiti che internamente concordati tra le strutture. Mantengono inoltre la
responsabilità di definizione degli adeguamenti funzionali e della supervisione delle evoluzioni
relative alle piattaforme a supporto dell’assistenza.
Il Dipartimento Esercizio ha la responsabilità del corretto funzionamento delle infrastrutture
informatiche per le quali assicura la progettazione, la gestione e l’evoluzione. Presidia le
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 34 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
performance dei sistemi e degli apparati provvedendo al mantenimento in efficienza dell’operatività
e, in stretta collaborazione il Dipartimento Servizi, garantisce il rispetto dei tempi di attivazione e la
qualità dei servizi erogati.
La Direzione Contact Center Regionale gestisce il servizio di Contact Center. In particolare, al
fine di garantire i LdS contrattuali dei servizi attivati, la Direzione assicura l’organizzazione tecnico
produttiva del Contact Center ed inoltre ha la responsabilità di esercire, manutenere ed evolvere
l’infrastruttura informatica del Contact Center costituita da Sistemi, Applicativi, Fonia e Reti. La
Direzione ha inoltre la responsabilità produttiva delle sedi operative di Paternò, Biancavilla e del
nuovo polo lombardo di Milano.
3.1
Certificazione del SGSI
Lombardia Informatica ha, dal 2006, un Sistema di Gestione per la Sicurezza delle
Informazioni (SGSI) certificato secondo lo standard ISO 27001:2005 con il seguente campo
d’applicazione:
Progettazione, sviluppo ed integrazione di software e sistemi informativi, gestione ed erogazione di
servizi informatici con relativi servizi di assistenza e manutenzione per la Pubblica
Amministrazione per gli ambiti: socio sanitario, gestione autorizzazione finanziamenti Politica
Agricola Comunitaria, esecuzione, controllo e contabilizzazione dei pagamenti, organizzazione e
personale di Regione Lombardia, ragioneria e segreteria di giunta, gestione fondi strutturali
europei e regionali, gestione documentale, protocollo e atti formali di Regione Lombardia e posta
elettronica. Progettazione, gestione ed assistenza del servizio di certificazione e firma digitale e del
servizio di posta elettronica certificata.
Sono inclusi nel perimetro di applicazione anche i processi di staff a supporto del core business
quali ad esempio gli Acquisti, l’Amministrazione, la gestione delle risorse umane, ecc.
L’obiettivo di LI è di estendere progressivamente il campo di applicazione della certificazione ISO
27001:2005, in termini di processi/servizi, arrivando a certificare tutta l’organizzazione.
Il SGSI di LI è integrato con il Sistema di Gestione della Qualità (ISO 9001:2008).
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 35 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
4. Gestione della Fornitura
Le modalità di gestione della fornitura sono dettagliatamente descritte nel Piano di Qualità, allegato
alla documentazione di gara. Nei paragrafi successivi vengono descritti in modo sintetico le
principali modalità di gestione della fornitura nonché vincoli e requisiti richiesti al fornitore in merito
all’oggetto del capitolo.
Le attività oggetto del contratto saranno commissionate al Fornitore nel corso della fornitura,
attraverso formali “richieste di intervento” (RDI), secondo le modalità indicate nel capitolo 5 Piano
di Qualità, e dovranno rispettare i requisiti previsti per ciascuna macroclasse per la quale si
procede. Il contratto indicherà i servizi, le figure professionali, i volumi ed i relativi valori economici
distinti per macro classe di fornitura, per la realizzazione del contratto stesso.
4.1
Interventi
L’intervento rappresenta un'aggregazione di attività coerenti tra di loro e attinenti a prodotti/servizi,
macroclassi di fornitura o raggruppamenti di prodotti/servizi e macroclassi opportunamente
individuati.
L’erogazione degli interventi potrà avvenire in modalità “a corpo”, “a canone”, “a misura di risorse”
o “a misura di prodotto”, secondo le modalità di gestione dettagliate nel successivo paragrafo.
Nelle Richieste di intervento di fornitura verranno specificati i dettagli operativi circa l’obiettivo, i
requisiti dell’intervento richiesto e gli eventuali vincoli temporali e di altra natura ai quali deve
sottostare l’intervento medesimo, i tempi di consegna, le modalità di esecuzione, la metrica di
misura dell’intervento, eventuali dettagli sui livelli di servizio applicabili e la modalità contrattuale.
Ciò si applica anche alle forniture con assegnazione immediata di cui al successivo paragrafo 8.1.
Inoltre, per l’esecuzione degli interventi dovà essere rispettanto anche quanto descritto al
successivo Cap. 5 che definisce, per ciascun lotto, i requisiti per ciascuna macroclasse di fornitura
applicabile.
4.2
Modalità contrattuali di gestione degli interventi
La regolamentazione contrattuale prevede che l’erogazione dei servizi avvenga per interventi
realizzati, su richiesta di LI, con modalità “a corpo”, “a canone”, “a misura di prodotto” o “a misura
di risorse”.
Per interventi “a corpo” si intendono quelli in cui LI, nella richiesta di intervento, descrive il lavoro
da svolgere in termini di risultato da raggiungere e indica gli standard da rispettare. Il Fornitore
propone un progetto e un piano di lavoro dimensionato in Giorni Persona (GG PP) o in Function
Point (FP), il cui corrispettivo è calcolato sulla base di tale dimensionamento e dei corrispettivi
giornalieri. Il corrispettivo, determinato come valore complessivo e concordato tra le parti a
preventivo, è erogato al raggiungimento di obiettivi (fatturazione per Deliverable), a prescindere
dall’intensità di consumo delle risorse.
Per interventi “a canone” si intendono quelli erogati in modalità continuativa. LI, nella richiesta di
intervento, definisce le modalità di esecuzione degli interventi, i risultati da garantire, gli standard
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 36 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
da rispettare e il Fornitore propone un’offerta che garantisca i risultati richiesti in linea con le
esigenze di LI. Il corrispettivo dell’intervento è calcolato sulla base del dimensionamento previsto.
I corrispettivi, determinati come valore complessivo e concordati tra le parti a preventivo, vengono
erogati in funzione di un canone periodico fisso, a prescindere dall’intensità di consumo delle
risorse.
Per interventi “a misura di prodotto” si intendono quelli in cui il Fornitore realizza, sulla base di
specifiche indicazioni di LI, quantità di prodotto variabili in un tempo predeterminato. Il corrispettivo
finale è funzione della quantità di prodotto lavorato e del prezzo contrattuale fissato per unità di
prodotto, a prescindere dall’intensità di consumo delle risorse. Esso è concordato tra le parti a
preventivo e verificato a consuntivo. Si prevede la determinazione periodica del corrispettivo
basata sulle misure a consuntivo effettuate. Caso tipico per sviluppo e manutenzione è quello
relativo alle misure di prodotto legate ai FP.
Per interventi “a misura di risorse” si intendono quelli in cui il Fornitore organizza, coordina e
mette a disposizione il gruppo di lavoro preposto alla collaborazione nella realizzazione
dell’intervento la cui attività sarà consuntivata sulla base delle tariffe giornaliere. Il corrispettivo
viene legato alla quantità di impiego lavorativo erogato e concordato tra le parti a preventivo e a
consuntivo. Si prevede la determinazione del corrispettivo basato sulle misure a consuntivo
effettuate periodicamente.
Le suddette modalità sono applicabili ad ognuna delle macro classi di fornitura.
4.3
Pianificazione e controllo
Oltre al Piano della Qualità, il documento di riferimento per l’esecuzione ed il controllo della
fornitura è il Piano Generale della Fornitura, attraverso il quale il Fornitore potrà prendere visione
e valutare la pianificazione esecutiva per quel che riguarda le attività prese in consegna.
Secondo quanto declinato in modo più approfondito nel Piano di Qualità, il Piano Generale dovrà
essere redatto con cadenza annuale (per anno solare) e prevedere la stima di ripartizione dei tetti
di spese previsti per la realizzazione delle attività.
E’ utile specificare che il contratto, oltre alla definizione dell’oggetto, contiene il “perimetro” di
riferimento entro il quale il Fornitore sarà chiamato ad operare per tutta la durata della fornitura,
ovvero l’insieme di servizi e ambiti di attività che inizialmente confluiscono nell’ambito del contratto.
Nel corso della fornitura si potranno aggiungere altri servizi che rientrano nel perimetro individuato.
Ciò sarà regolato nel Piano Generale della Fornitura.
Per un maggior dettaglio sui contenuti di tali documenti si rimanda al capitolo 5 del Piano di
Qualità.
I momenti di verifica e controllo saranno costanti per tutta la durata della fornitura, e dovranno
garantire una visibilità completa e dettagliata dell’avanzamento delle attività in ogni momento.
Le attività di verifica e controllo della fornitura possono essere così classificate:

verifica dell’andamento operativo della fornitura (SAL Operativo);

verifica dell’andamento economico e generale della fornitura (SAL Economico-Generale);
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 37 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Il dettaglio è riportato all’interno del paragrafo 5.2.2 del Piano di Qualità.
4.4
Subentro
Nel caso in cui per la realizzazione di un intervento, siano previste attività di subentro da parte del
Fornitore, lo stesso dovrà predisporre il Piano di Subentro per il singolo intervento,
coerentemente con le indicazioni espresse nel Piano di Qualità. Il Piano specifica le attività
organizzative e operative richieste e/o messe in atto dal Fornitore per prendere in carico le attività
incluse nella richiesta di intervento. Tale piano dovrà essere predisposto dal Fornitore a proprio
carico e senza oneri in capo a Lombardia Informatica e con espressa osservanza di quanto
previsto dal Capitolo 5 (“Modalità di gestione dell’intervento”). Per queste attività non sarà
corrisposto alcun compenso.
Si specifica che per le forniture ad assegnazione immediata, di cui al paragrafo 8.1 Capitolato
Tecnico, i periodi di subentro stimati sono quelli ivi riportati.
4.5
Livelli di servizio
I Livelli di Servizio sono suddivisi in tre categorie: Livelli di Servizio Generali (LSG) della Fornitura,
Livelli di Servizio Specifici (LSS) per macro classi di Fornitura, e Livelli di Servizio Specifici (LSS)
applicabili alle forniture ad assegnazione immediata.
I Livelli di Servizio applicati alla fornitura sono contenuti nell’Allegato 1 del Piano di Qualità.
4.6
Function point
Nel caso di modalità di erogazione a misura di prodotto, oppure a corpo con l’indicazione del
dimensionamento dell’intervento in FP, e nelle fasi dei progetti evolutivi di questo tipo, si applicano
le prescrizioni previste all’Allegato 1.2, capitolo 4 “Valorizzazione degli Interventi Sviluppo e MEV”,
in riferimento alle tipologie richieste nonché al successivo paragrafo 5.1.
Il fornitore si dovrà attenere alla fornitura delle seguenti stime/misure:



ST1: stima fornita a seguito della fase di Definizione dei requisiti
ST2: stima/misura fornita seguito della attività di Analisi e Definizione delle Specifiche
Funzionali e di Interfaccia
ST3: misura fornita alla chiusura dell’intervento
I partecipanti alla gara dovranno tenere in considerazione che il Prezzo Unitario Nominale (PUN) è
comprensivo anche del costo di sviluppo di tutti i requisiti non funzionali.
In sede esecutiva dei singoli interventi previsti, o di rilasci parziali di essi, il corrispettivo unitario per
FP sarà ricalcolato come Prezzo Unitario Corretto (PUC), in funzione della somma dei pesi delle
fasi/attività effettivamente affidate al fornitore (cfr. paragrafo 4.3 “Correzione sul PUN per Modello
di Produzione (MP)” dell’Allegato 1.2) e dei fattori correttivi appropriati all'intervento (cfr. paragrafo
4.4 Fattore di Correzione Complessivo sul PUN (FCC) dell’Allegato 1.2). La misura su cui il PUC
sarà applicato per ottenere il corrispettivo totale di un intervento è quella descritta in Allegato 1.2
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 38 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
come Misura Funzionale Contrattuale (MFC) (cfr. paragrafo 4.2 “Misura Funzionale Contrattuale”
dell’Allegato 1.2).
Si precisa che:

nel caso in cui la fornitura includa le intere fasi di “Progettazione del software” e
“Realizzazione e Test del software”:
o dovrà essere comunicata a LI dal Fornitore la propria stima (ST1) per la valutazione
iniziale dell’intervento sulla base della documentazione prodotta da LI durante le fase di
“Definizione dei Requisiti”;
o al termine dell’attività di “Analisi e Definizione delle Specifiche Funzionali e di Interfaccia”
dovrà essere comunicata una stima/misura di revisione (ST2), per autorizzare le fasi
successive; qualora il Fornitore, nel corso dell’esecuzione dell’attività di Analisi, rilevasse
che la ST2 si possa discostare dalla ST1 con uno scostamento atteso maggiore del 10%
è tenuto a comunicarlo tempestivamente a LI e dovrà richiedere preventivamente
l’autorizzazione di LI al prosieguo delle attività.

se, invece, la parte conferita al fornitore non includa l’attività di “Analisi e Definizione delle
Specifiche Funzionali e di Interfaccia” :
o dovrà essere comunicata a LI dal Fornitore la propria stima o misura (ST2) per la
valutazione iniziale dell’intervento sulla base della documentazione prodotta da LI
durante l’attività di “Analisi e Definizione delle Specifiche Funzionali e di Interfaccia”;
o al termine della fase di Realizzazione e Test, verrà comunicata una misura finale (ST3)
per il riconoscimento del corrispettivo da fatturare per l’intervento. Qualora il Fornitore,
nel corso dell’esecuzione dell’intervento, rilevasse che tale misura finale si possa
discostare dalla stima/misura contrattuale immediatamente precedente (ST2) con uno
scostamento atteso maggiore del 10% è tenuto a comunicarlo tempestivamente a LI e
dovrà richiedere preventivamente l’autorizzazione di LI al prosieguo delle attività.
Per le modalità di stima e misura dei Function Point, vedasi in particolare il paragrafo 2.1 “Livelli di
misurazione dei Function Point” e il capitolo 3 “Momenti e modi di Utilizzo delle misurazioni”
dell’Allegato 1.2, nonché il capitolo 1 “CICLI DI VITA” dell’Allegato 1.4.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 39 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
5. Descrizione delle Macroclassi di Fornitura
5.1
Sviluppo
5.1.1
Caratteristiche delle classi
La Macroclasse Sviluppo è finalizzata alla realizzazione di nuovi sistemi o di nuove funzionalità
all’interno dei sistemi esistenti, relativamente ai prodotti rientranti nel perimetro di gara e ai prodotti
che saranno realizzati in esecuzione della presente procedura.
La Macroclasse in oggetto comprende le seguenti classi di fornitura:
a)
b)
c)
d)
sviluppo di software ad hoc;
manutenzione evolutiva (MEV);
migrazione e conversione di applicazioni;
parametrizzazione e personalizzazione di software/soluzioni
personalizzazione e riuso di software esistente;
e) test di accettazione, di integrazione e di prestazione.
commerciali
e/o
Per le classi a), b) c) d) sopra indicate sono compresi:





il rilascio del software in ambiente di gestione della configurazione e, all’occorrenza, nell’
ambiente di sviluppo/test LI;
il rilascio della documentazione prevista;
il supporto alle attività di integrazione tecnica, presa in carico del servizio e validazione
formale del rilascio;
il supporto all’esercizio della soluzione prodotta;
la rimozione per il periodo di garanzia delle difettosità residue sul software sviluppato.
Per la classe e) sopra indicata sono compresi:




il rilascio degli script e del software di test negli ambienti di configuration management di LI;
il rilascio degli script e del software di test negli ambienti di test di LI;
il rilascio della documentazione prevista;
il supporto all’esercizio della soluzioni oggetto dell’intervento.
5.1.1.1 Sviluppo Software ad hoc
Lo sviluppo di software ad hoc comprende:


gli sviluppi di interi nuovi sistemi applicativi o parti autonome degli stessi, che risolvono
esigenze specifiche;
il rifacimento completo di sistemi applicativi, le cui funzionalità non sono soddisfatte con le
modalità o le caratteristiche richieste e per i quali non sia conveniente attuare interventi
evolutivi al software esistente.
Lo sviluppo di software ad hoc modifica la consistenza della baseline del sistema misurata in FP. Il
Fornitore è tenuto a fornire tutte le misure necessarie a mantenere aggiornata l’intera baseline al
termine di ogni intervento.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 40 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
5.1.1.2 Manutenzione Evolutiva (MEV)
La MEV consiste nell’insieme di attività svolte su un’applicazione software pre-esistente per
realizzare nuove funzionalità o modificare o cancellare quelle esistenti, sia a seguito di variazioni
normative, sia per migliorare gli aspetti funzionali delle applicazioni o comunque per supportare
modifiche nei sistemi informativi.
La MEV modifica la consistenza della baseline del sistema misurata in FP. Il Fornitore è tenuto a
fornire tutti gli elementi di misurazione necessari a mantenere aggiornata l’intera baseline al
termine di ogni intervento.
Rientrano nella MEV gli interventi di dimensioni superiori o uguali ai 10 GG PP. Per interventi di
dimensioni inferiori si rimanda alla classe di fornitura “piccola MEV”.
5.1.1.3 Migrazione e conversione di applicazioni
La migrazione e conversione di applicazioni consiste nella:


trasformazione di prodotti software completi (costituiti cioè da software applicativo e da tutte
le componenti ad esso correlato, comprese le basi dati) da una piattaforma tecnologica ad
un’altra, basata su una diversa architettura, lasciando inalterate le funzionalità
dell’applicazione di partenza;
nella migrazione di basi dati da una Piattaforma tecnologica/versione di applicazione ad
un’altra.
5.1.1.4 Parametrizzazione e personalizzazione
La parametrizzazione e la personalizzazione di software/soluzioni commerciali
personalizzazione e il riuso di software esistente consistono principalmente in:


e/o la
sviluppo di soluzioni software commerciali (piattaforme di mercato specifiche, packages,
moduli) che riguarda le attività relative alla parametrizzazione, alla personalizzazione e
all’integrazione di applicazioni commerciali esistenti comprese le soluzioni open source;
sviluppo di soluzioni software tramite il riuso di pacchetti software, che riguarda quelle
attività di analisi dei gap e di copertura di nuove funzionalità richieste da LI.
Si sottolinea che la personalizzazione può implicare la scrittura di funzioni aggiuntive
d’integrazione a sistemi applicativi esistenti o parti di funzioni (anche in sostituzione di altre già
esistenti) di dimensione significativa. In pratica, si tratta di implementazioni di uno specifico
sistema informatico, che comunque danno luogo ad una nuova release/baseline del prodotto
iniziale. Il Fornitore è tenuto a fornire tutti gli elementi di misurazione necessari a mantenere
aggiornata l’intera baseline al termine di ogni intervento.
5.1.1.5 Test di accettazione, di integrazione e di prestazione
Questa classe di fornitura è impiegata per l’esecuzione di singole fasi/attività di test del ciclo di vita
dello sviluppo (cfr.5.1.2.2) e comprende:

Progettazione ed esecuzione dei test di accettazione delle soluzioni software, volti a
verificare la rispondenza delle soluzioni sviluppate rispetto ai requisiti espressi da LI;
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 41 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.



Progettazione ed esecuzione dei test di integrazione tecnica, volti a verificare la coerenza
delle componenti software sviluppate nel contesto complessivo del Sistema Informativo
Regionale;
Progettazione ed esecuzione dei test di prestazione, di stress e di carico sui sistemi di
elaborazione;
Sviluppo codice per test automatici per gli ambienti di integrazione tecnica, pre-produzione
e produzione.
5.1.2
Modalità di esecuzione
5.1.2.1 Processi e cicli di vita
Le fasi, le attività e i prodotti di fase relativi al ciclo di vita del software (Application Life Cycle) sono
descritte in dettaglio nell’allegato 1.4, cui si rimanda, che presenta il modello di riferimento per lo
sviluppo. LI si riserva di aggiornare il contenuto dei prodotti di fase nonché di modificare o
emettere nuovi standard, anche durante il corso della fornitura, a cui il Fornitore è tenuto ad
adeguarsi tempestivamente.
5.1.2.2 Modelli di erogazione della fornitura
L’intervento, per quanto riguarda lo Sviluppo, sarà richiesto aggregando secondo necessità le
attività del Ciclo di Sviluppo (cfr. Allegato 1.4 del CT – Cicli di vita del Software).
Le attività di sviluppo verranno commissionate da LI secondo le proprie pianificazioni in coerenza
con il Piano Generale dell’Appalto. Le richieste di intervento saranno fatte da LI al Fornitore come
descritto nel capitolo 5.
La tabella che segue sintetizza il modello di erogazione della fornitura e indica le fasi e le relative
attività di sviluppo. Si precisa che le attività di sviluppo vengono attivate a valle della
redazione/aggiornamento di requisiti organizzativi, funzionali e architetturali.
FASE
ATTIVITÀ
Requisiti
Definizione dei requisiti
Architettura
Definizione dell’architettura applicativa e delle basi dati
Analisi e definizione delle specifiche funzionali e di interfaccia
Definizione delle specifiche tecniche del software
Progettazione del software
Progettazione fisica della base dati
Definizione del piano dei test di sviluppo
Realizzazione e Test del
software
Realizzazione del software
Accettazione ed Integrazione
Compilazione artefatti
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Test di sviluppo
Pagina 42 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
FASE
ATTIVITÀ
Tecnica
Accettazione software
Pianificazione dei test di integrazione
Esecuzione dei test di integrazione
Tabella 1 – Fasi Sviluppo
Si precisa in proposito che:







Per tutti gli interventi LI conduce le fasi di Requisiti ed Architettura, analizzando gli impatti e
collocando lo sviluppo nel sistema informativo regionale (SIR e SISS) e conduce le fasi di
Accettazione e di Integrazione Tecnica. Tali fasi possono essere condotte con l’eventuale
supporto del Fornitore. LI svolgerà tali attività comunque interagendo con il Fornitore il
quale è tenuto a garantire il supporto necessario alle fasi/attività previste dal Ciclo di
Sviluppo (cfr. Allegato 1.4 del CT – Cicli di vita del Software);
Per quanto riguarda la definizione dell’architettura, Lombardia Informatica potrà indicare i
vincoli architetturali a partire dai quali il fornitore definirà la progettazione dell’applicazione e
delle basi dati;
Le altre fasi/attività della Tabella 5 possono essere affidate al Fornitore. Si precisa che LI si
riserva di assegnare al Fornitore tutte le attività di una fase o singole attività all’interno di
una fase;
il template dei documenti sarà fornito da LI;
i documenti saranno scambiati tramite Strumenti di Gestione della Fornitura (SGF) (rif.
capitolo 6);
i documenti saranno approvati dal Referente Operativo del Fornitore e validati dal
Referente Operativo di LI, ove non diversamente indicato, tramite SGF (rif. capitolo 6);
le attività saranno tracciate con l’impiego degli Strumenti di Gestione della Fornitura (SGF)
(rif. capitolo 6).
Il Fornitore è tenuto a garantire:








il rilascio in ambiente di gestione della configurazione, secondo le linee guida di
configuration management fornite da LI;
il rilascio della documentazione comprensiva di quella necessaria alla stesura della
manualistica utente e di gestione;
il supporto alle attività di Accettazione, Integrazione tecnica;
il supporto all’avvio in esercizio;
l’eventuale formazione ad un primo guppo di utenti pilota del servizio (massimo 10);
la consegna delle misure secondo quanto definito nell’allegato 1.2 del CT– “Metodologia e
linee guida di misura dei Function Point”;
la rimozione per il periodo di garanzia delle difettosità residue sul software sviluppato;
il supporto per l’avvio della gestione/assistenza del servizio.
Si prevedono due modelli di fornitura:
Modello di erogazione A
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 43 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
In tale modello il fornitore è responsabile dell’attività e il gruppo di lavoro è composto da risorse del
Fornitore, coordinate da un proprio Referente che costituisce l’interfaccia di riferimento verso il
Referente di LI. Il dimensionamento del gruppo di lavoro è di responsabilità del Fornitore che deve
garantire quantità e qualità dell’attività svolta, rispettando le pianificazioni ed i livelli di servizio
richiesti.
Modello di erogazione B
Questo modello prevede che siano fornite risorse con le conoscenze e le competenze indicate nei
profili tipici delle classi di fornitura (si rimanda all’Allegato 1.5) risorse che andranno a realizzare
servizi a integrazione dei gruppi di lavoro di LI. Tale modello sarà erogato nella fornitura “a misura
di risorse”. È responsabilità del Fornitore garantire la qualità e la continuità delle risorse impiegate,
rispettando le pianificazioni ed i livelli di servizio richiesti.
Per le fasi/attività condotte da LI, si applicherà il solo Modello B.
Ogni intervento potrà essere richiesto secondo una qualsiasi modalità contrattuale prevista e
attraverso il modello di erogazione A oppure B.
LI si riserva di variare le combinazioni sopra esposte in funzione di scenari ed opportunità che
possono verificarsi nel corso di validità del contratto.
La gestione della macro classe di Sviluppo è supportata dal sistema di LI SGF. Il sistema traccerà
tutte le attività, dalla richiesta iniziale alla conclusione. Il sistema di SGF è interfacciabile, ove
necessario, con sistemi esterni attraverso e-mail o specifici web-service.
I servizi e le singole attività saranno monitorati con gli strumenti del SGF. Con SGF saranno anche
calcolati i Livelli di Servizio.
5.1.2.3 Figure professionali previste
Per la descrizione delle figure professionali si rimanda all’Allegato 1.5 – Descrizione dei profili
professionali e modello Curricula Vitae.
Il Fornitore dovrà impiegare un mix di figure professionali tale da garantire che, almeno il 40%
dell’impegno sia erogato da Project Manager, Analisti Funzionali e Analisti Progettisti.
Sarà possibile concordare con LI una composizione differente nell’ambito di specifici interventi.
Il Fornitore deve assicurare durante l'intera durata contrattuale l’adeguata consistenza del Gruppo
di Lavoro in relazione al carico di lavoro.
5.1.2.4 Altre caratteristiche della macro classe
Gestione della configurazione
Al Fornitore è richiesta la conoscenza di tutti i prodotti utilizzati da LI per la gestione della
configurazione (cfr. Allegato 1.4) in quanto saranno utilizzati dal Fornitore stesso per le attività di
propria competenza. Resta fermo che il Fornitore dovrà adeguare le proprie conoscenze nel caso
LI decida l’utilizzo di prodotti differenti nel corso della durata contrattuale.
Nel caso di applicazioni che richiedano procedure di compilazione e/o installazione su ambienti
esecutivi (esempi: sistemi su piattaforma Java, sistemi con componenti Java, etc.) il Fornitore
dovrà produrre le procedure di compilazione ed installazione in accordo con i prodotti, i compilatori
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 44 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
e le linee guida forniti dal Configuration Management di LI e garantirne il loro costante
adeguamento.
Modalità di test
Il Fornitore dovrà disporre di una propria test factory e, nell’ambito di essa, della piattaforma di test
management adottata da LI (cfr. capitolo 6 del presente Capitolato Tecnico) o di altri prodotti che
LI adotterà in futuro.
Con tale piattaforma dovrà progettare i test, monitorare il grado di copertura degli stessi, verificare
la completezza e la rispondenza dei test alle specifiche, controllare l’esecuzione e memorizzare i
risultati, fornire tutti i report per le necessarie verifiche e consentire il riutilizzo dei test in successivi
contesti.
L’utilizzo degli standard e degli strumenti indicati è previsto nel caso di nuovi sviluppi e nelle
manutenzioni di software esistenti. Per la progettazione dei test nell’ambito della manutenzione ove fosse già stato impiegato un prodotto di test management - i test dovranno essere aggiornati e
riconsegnati attraverso la piattaforma di test management adottata da LI per l’intervento di
manutenzione evolutiva effettuato.
All’interno di uno specifico intervento può essere richiesto al Fornitore il porting sulla piattaforma di
test management adottata da LI di Basi Dati di test esistenti in LI.
LI può richiedere al Fornitore la base dati e la configurazione su cui ha eseguito i test nell’ambito
della propria test factory.
La test factory del Fornitore, dovrà essere operativa all’avvio della fornitura.
Il Fornitore all’attivazione del primo intervento di tipo progettuale dovrà rendere disponibile a LI
l’accesso alla Test Factory, permettendo al personale LI di verificare lo stato d’avanzamento del
test. L’accesso deve essere garantito per ogni intervento durante tutto il suo ciclo di vita.
Il Fornitore dovrà inoltre garantire a titolo non oneroso per LI che almeno il 20% dei casi di test
progettati siano automatizzati al fine di ottimizzare i tempi di esecuzione dei test e per creare un
“patrimonio” utile alle fasi di test previste anche su altri classi di fornitura (ad esempio
Manutenzione Correttiva).
Si precisa infine che:


tutti i casi di test progettati devono essere eseguiti con esito positivo;
a fronte dell’effettivo utilizzo di strumenti automatici di test, il Fornitore dovrà consegnare ad
LI anche i report prodotti. Tali report dovranno essere consultabili e verificabili da parte di LI
anche senza l’utilizzo dello strumento specifico.
Modalità di consegna dei prodotti
Il software in formato sorgente e la relativa documentazione devono essere consegnati nel sistema
di gestione della configurazione di LI, fermo restando l’obbligo per il Fornitore di mantenere un
proprio strumento di configurazione e versioning.
LI si riserva di chiedere la contestuale consegna di una copia del software anche su supporto
magnetico/ottico.
In caso di indisponibilità del servizio di Gestione della configurazione verranno concordate con LI
le modalità di consegna.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 45 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Vi è comunque l’obbligo del Fornitore di accompagnare la consegna con la Release Notes
completa di tutte le informazioni necessarie a LI per la gestione della configurazione.
Per quanto concerne il software di test ed il software di servizio (ad esempio script di correzione
basi dati, script di inizializzazione, etc.) il Fornitore è tenuto alla loro consegna ed a rilasciare il
software negli ambienti di validazione messi a disposizione da LI, secondo le modalità da definire
con il responsabile operativo dell’intervento.
Tutti i prodotti ed i documenti consegnati dovranno essere esenti da virus.
Licenze d’uso di software terze parti
Nella produzione del software oggetto della fornitura, il fornitore dovrà attenersi alla normativa
vigente nazionale e comunitaria in merito alla tutela dei diritti d’autore delle componenti software
utilizzate, con licenza commerciale o open-source, all’interno dei prodotti consegnati ad LI.
Il fornitore è comunque tenuto a segnalare ad LI l’esigenza in fase di progettazione e documentare
l’utilizzo in fase di rilascio di eventuali componenti software di terze parti.
Le componenti di terze parti coperte da licenze d’uso di tipo commerciale non possono essere
utilizzate all’interno della soluzioni realizzate, a meno di accordo contrattuale preventivo con LI.
LI effettuerà controlli sulla corretta applicazione del licensing per le componenti software di terze
parti di soluzioni in fase di rilascio, in base alla tipologia di utilizzo. In caso di non conformità
rilevate, sarà a carico del fornitore la risoluzione della non conformità sul licensing.
Linee Guida
Durante lo svolgimento delle attività, il fornitore dovrà attenersi alle linee guida definite da LI in
merito a:









Scelte architetturali;
Progettazione basi dati;
Qualità del codice;
Sicurezza applicativa;
Interfaccia Utente;
Accessibilità;
Licenza d’uso;
Configuration Management;
Function Point.
LI effettuerà dei controlli in fase di rilascio in merito alla corretta applicazione delle linee guida di
riferimento per ciascuno prodotto consegnato dal fornitore. Le eventuali non rispondenze alle linee
guida di LI costituiscono non conformità che possono bloccare il rilascio e su cui il fornitore è
tenuto a intervenire a proprio carico per la risoluzione.
Si rimanda al Piano di Qualità del presente Capitolato per ulteriori dettagli in merito alle Linee
Guida ed alla loro applicazione.
Le Linee Guida sono rese disponibili al fornitore in fase di esecuzione dell’Appalto e ad ogni
successivo aggiornamento.
Garanzia
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 46 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
La Garanzia ha durata di 12 mesi a partire dalla data di messa in esercizio. È compresa in
garanzia la correzione, senza oneri, dei difetti riguardanti:



gli oggetti software/test nuovi e/o modificati;
le basi dati deteriorate come ripercussione di malfunzionamenti;
la documentazione.
Si sottolinea che la garanzia deve essere mantenuta anche dopo la scadenza contrattuale.
Orari di lavoro, reperibilità e luogo di lavoro
Per una dettagliata descrizione si rimanda al capitolo 6 del Piano di Qualità.
Dotazione dei gruppi di lavoro
Per una dettagliata descrizione si rimanda al capitolo 6 del Piano di Qualità.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 47 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
5.2
Manutenzione
5.2.1
Caratteristiche delle classi
La macro classe Manutenzione del Software è finalizzata allo svolgimento delle attività necessarie
a conservare l’aderenza tra i requisiti funzionali, prestazionali e qualitativi desiderati dall’utenza in
senso generale per un certo sistema informativo esistente ed i vari elementi o componenti logici e
fisici (programmi elaborativi, base dati e relativa documentazione) che concretizzano e rendono
utilizzabile il sistema informativo stesso, relativamente ai prodotti rientranti nel perimetro di gara e
ai prodotti che saranno realizzati in esecuzione della presente procedura.
La Macroclasse in oggetto comprende le seguenti classi di fornitura:



la Manutenzione Adeguativa o Adattativa;
la Manutenzione Correttiva;
la Manutenzione Evolutiva di dimensioni ridotte (“piccola MEV”).
Per le classi sopra indicate sono compresi:





il rilascio del software in ambiente di gestione della configurazione e, all’occorrenza, nell’
ambiente di sviluppo/test LI;
il rilascio della documentazione prevista;
il supporto alle attività di integrazione tecnica , presa in carico del servizio e validazione
formale del rilascio;
il supporto all’esercizio della soluzione prodotta;
la rimozione per il periodo di garanzia delle difettosità residue sul software sviluppato.
5.2.1.1 Manutenzione Adeguativa o Adattativa
La Manutenzione Adeguativa o Adattativa comprende l’attività volta ad assicurare la costante
aderenza delle procedure e dei programmi alla evoluzione dei sistemi informativi per cambiamenti
che non impattano in modo rilevante su funzionalità e architettura applicativa e basi dati.
In particolare per Manutenzione Adeguativa o Adattativa si intendono:






adeguamenti dovuti a cambiamenti nelle condizioni al contorno (ad esempio per variazioni
al numero utenti, per aumento delle dimensioni delle basi dati, etc.);
adeguamenti necessari per il miglioramento delle prestazioni del software;
adeguamenti necessari per innalzamento di versioni del software di base e di pacchetti
software utilizzati;
adeguamenti causati dall’introduzione di nuovi prodotti o modalità di gestione del sistema;
migrazioni dovute ad esempio all’aggiornamento di versione di software architetturale;
modifiche, anche massive, non a carattere funzionale, alle applicazioni (ad esempio
cambiamento di titoli sulle maschere/pagine web, etc.).
5.2.1.2 Manutenzione Correttiva
La Manutenzione Correttiva è l’insieme di attività volte a indagare e rimuovere le cause e gli effetti
degli eventuali malfunzionamenti delle procedure informatiche e dei programmi software. La
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 48 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Manutenzione Correttiva è normalmente innescata da una segnalazione di malfunzionamento,
dove per “Malfunzionamento” si intende un impedimento all’esecuzione del software o il riscontro
di differenze fra l’effettivo funzionamento del software applicativo e quello atteso, come previsto
dalla relativa documentazione o comunque determinato dai controlli che vengono svolti durante
l’attività dell’utente. I malfunzionementi possono essere classificati:


per “Difetto” si intende un malfunzionamento presente nel software, rilevato durante la fase
di accettazione e integrazione tecnica;
per “Anomalia” si intende un malfunzionamento presente nel software, rilevato in esercizio.
I malfunzionamenti imputabili a difettosità presenti nel codice sorgente, o nelle specifiche di
formato o di base dati, e/o nella relativa documentazione, non rilevati a suo tempo durante il ciclo
di sviluppo o di manutenzione o in test, sono risolti dal servizio di manutenzione correttiva con la
riparazione del codice sorgente e/o della relativa documentazione. Nel caso di software in garanzia
da parte di un precedente fornitore, il servizio di manutenzione correttiva consiste nell’affidare in
nome e per conto di LI a tale fornitore la riparazione, testarla e rilasciarla in ambiente di
configurazione. I malfunzionamenti, le cui cause non sono imputabili a difettosità presenti nel
software applicativo, ma ad errori tecnici/operativi (ad esempio interruzione del collegamento con
un sistema esterno, uso improprio da parte dell’utente delle funzioni applicative, etc.), possono
comportare, da parte del servizio di manutenzione correttiva, il solo supporto all’attività diagnostica
sulla causa del malfunzionamento, a fronte della segnalazione pervenuta, ma sono poi risolti da
altre strutture di competenza.
Sono parte integrante della Manutenzione Correttiva le seguenti attività:






acquisizione dal fornitore precedente del necessario know-how per operare sulla baseline
dell’applicazione;
presa in carico dei prodotti sviluppati e da rilasciare in esercizio, al fine di acquisire il knowhow necessario al corretto svolgimento del servizio;
contributi di competenza sistemistica e specialistica di prodotto necessaria alla corretta
soluzione del malfunzionamento;
ripristino basi dati danneggiate dagli errori;
ripristino software malfunzionanti;
modifica della documentazione di progetto qualora venisse riscontrata un’incoerenza con il
software applicativo rilasciato.
Al fine di regolamentarne i livelli di servizio, i malfunzionamenti sono classificati in quattro categorie
la cui definizione è inserita al paragrafo 5.3.2.1.
La tempestività di ripristino delle applicazioni, a fronte di malfunzionamento, è misurata rispetto a
valori articolati in funzione sia dell’applicazione che della categoria di malfunzionamento. Si
rimanda all’Allegato 1 del PQ - Livelli di servizio, per ulteriori dettagli.
5.2.1.3 Piccola MEV
La “piccola MEV” è l’insieme di interventi che presentano caratteristiche di Manutenzione
Evolutiva ma di limitato impegno (inferiore a 10 GG PP) e che non sono inclusi tra le attività di
Manutenzione Evolutiva di cui al precedente paragrafo.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 49 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Questa classe di fornitura comprende le attività di realizzazione di componenti mirate a scopi
specifici, che non fanno evolvere la baseline dell’applicazione (es: script per estrazione dati unatantum).
5.2.2
Modalità di esecuzione
L’intervento, per quanto riguarda la Manutenzione, sarà relativo ad uno degli ambiti di
manutenzione defininiti nel Capitolato Tecnico, e potrà aggregare secondo necessità le attività del
Ciclo di Manutenzione (cfr. Allegato 1.4 del CT).
5.2.2.1 Processi e cicli di vita
Manutenzione Adeguativa
La Manutenzione Adeguativa viene erogata in modalità continuativa ed è suddivisa in fasi, la cui
esecuzione è suddivisa in attività, secondo un ciclo di sviluppo dipendente dalle dimensioni, dalla
criticità e dalla tipologia di applicazione.
Ogni richiesta di Manutenzione Adeguativa sarà registrata sul Sistema di Gestione e Controllo
della Fornitura (SGF) di LI, al quale il Fornitore dovrà accedere.
Dal momento in cui la richiesta è registrata nel sistema SGF decorrono i tempi relativi ai livelli di
servizio definiti nel Piano della Qualità.
Il Fornitore:


ha la responsabilità della esecuzione dell’attività ed è tenuto ad aggiornare le informazioni
di propria competenza sul sistema, fino al completamento dell’attività;
ha l’obbligo di verificare opportunamente ogni intervento effettuato sul software che potrà
essere consegnato a LI solo dopo l’esito positivo di tutti i test progettati, unitamente agli
script automatici e/o alla documentazione comprovante l’esecuzione positiva dei test stessi.
La fine attività verrà comunicata a LI, che si riserva di procedere alla verifica delle eventuali
modifiche apportate a software, documentazione e base dati. Diverse modalità di accettazione del
servizio verranno congiuntamente concordate.
Manutenzione correttiva
La classe di fornitura di Manutenzione Correttiva viene erogata in modalità continuativa.
Ogni segnalazione di malfunzionamento, normalmente segnalato da assistenza, costituisce
richiesta di manutenzione correttiva e sarà registrata sul Sistema di Gestione e Controllo della
Fornitura (SGF) di LI, al quale il fornitore dovrà accedere, con attribuzione della categoria di
malfunzionamento.
La discriminazione tra malfunzionamento e nuova esigenza e l’assegnazione delle categorie di
malfunzionamento è determinata da LI sulla base della documentazione esistente o, per quanto
non rilevabile dalla documentazione (ad esempio contenuti della base dati), dai controlli effettuati
durante l’attività e dalle procedure aziendali. Nei casi di carenza di documentazione l’attribuzione
verrà fatta secondo regole di correttezza, buona fede e ragionevolezza tecnica, in nessun caso
l’onerosità della soluzione potrà essere valutata quale discriminante.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 50 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Dal momento in cui la richiesta è registrata nel sistema SGF decorrono i tempi relativi ai livelli di
servizio definiti nel Piano della Qualità, il Fornitore ha la responsabilità della esecuzione dell’attività
ed è tenuto ad aggiornare le informazioni di propria competenza sul sistema, fino alla soluzione del
malfunzionamento stesso o, nel caso non seguano attività di manutenzione correttiva, fino alla
registrazione sul sistema SGF delle relative motivazioni.
Il Fornitore ha l’obbligo di eseguire i test opportunamente per ogni attività effettuata sul software
che potrà essere consegnato a LI solo dopo l’esito positivo di tutti i test progettati unitamente agli
script automatici e/o alla documentazione comprovante l’esecuzione positiva dei test stessi.
La fine attività verrà comunicata a LI, che si riserva di procedere alla verifica delle eventuali
modifiche apportate a software, documentazione e base dati. Diverse modalità di accettazione del
servizio verranno congiuntamente concordate. Qualora le correzioni effettuate dal Fornitore
risolvano solo parzialmente il malfunzionamento, non ripristinando il corretto comportamento del
software dal punto di vista utente, LI genererà un “Riciclo correttivo” (Cfr. Allegato 1 al PQ – Livelli
di Servizio) ed i tempi di ripristino, calcolati ai fini della rilevazione dei livelli di servizio del
malfunzionamento, saranno calcolati sommando i tempi di ripristino di entrambe le attività.
Le modalità di esecuzione descritte ed i livelli di servizio previsti dal Piano di Qualità si applicano
anche agli interventi in garanzia.
Piccola MEV
La piccola MEV viene erogata in modalità continuativa ed è suddivisa in attività (ticket), ognuna
delle quali può essere assimilata, dal punto di vista del Fornitore, ad un progetto, la cui esecuzione
è tipicamente concentrata nelle sole fasi di Progettazione, Realizzazione e Test.
Ogni richiesta di piccola MEV sarà registrata sul sistema SGF di LI, al quale il Fornitore dovrà
accedere.
Dal momento in cui la richiesta è registrata nel sistema SGF decorrono i tempi relativi ai livelli di
servizio definiti nel Piano della Qualità.
Il Fornitore:


ha la responsabilità della esecuzione dell’attività ed è tenuto ad aggiornare le informazioni
di propria competenza sul sistema, fino al completamento dell’attività;
ha l’obbligo di testare opportunamente ogni intervento effettuato sul software che potrà
essere consegnato a LI solo dopo l’esito positivo di tutti i test progettati, unitamente agli
script automatici e/o alla documentazione comprovante l’esecuzione positiva dei test stessi.
La variazione introdotta nel numero dei Function Point dalla piccola MEV sarà considerata durante
la revisione periodica della baseline della misura patrimoniale
La fine attività verrà comunicata a LI che si riserva di procedere alla verifica delle eventuali
modifiche apportate a software, documentazione e base dati. Diverse modalità di accettazione del
servizio verranno congiuntamente concordate.
5.2.2.2 Modelli di erogazione della fornitura
Le iniziative e le richieste specifiche di Manutenzione da parte di LI verranno comunicate tramite
richieste di attività (Ticket) da realizzarsi come interventi di servizio continuativo.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 51 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Il ciclo di Manutenzione è di norma applicato per tutti gli interventi la cui macroclasse di fornitura è
“Manutenzione”. Il ciclo di Manutenzione è di tipo “a cascata” ed è specializzato per le seguenti
tipologie di attività:


gestione Difetti ed Anomalie;
gestione manutenzione evolutiva di piccolo taglio (“piccola MEV”) e manutenzione
adeguativa.
Le tabelle seguenti presentano le fasi e le attività del ciclo di Manutenzione. Per gli output
applicabili fare riferimento all’allegato 1.4 - Cicli di Vita del Software. Le attività di verifica e
monitoraggio, e gli output relativi, vengono definiti nell’ambito dei singoli interventi. Inoltre, LI si
riserva la possibilità di richiedere documentazione integrativa.
FASE
ATTIVITÀ
Segnalazione
Presa in carico ed analisi della segnalazione
Realizzazione e test
Accettazione ed
integrazione
Presa in
carico/Validazione
Realizzazione e test del software
Accettazione ed integrazione tecnica
Organizzazione ed accettazione del rilascio
Validazione formale del rilascio.
Tabella 6a: Ciclo di Manutenzione – Gestione Difetti e Anomalie
FASE
ATTIVITÀ
Requisiti
Progettazione del software
Realizzazione e test
Accettazione ed integrazione
Presa in carico/Validazione
Presa in carico ed analisi della segnalazione
Analisi e definizione specifiche funzionali e di interfaccia
Definizione delle specifiche tecniche del software
Definizione del piano dei test e checklist di sviluppo
Realizzazione e test del software
Accettazione ed integrazione tecnica
Organizzazione ed accettazione del rilascio
Validazione formale del rilascio.
Tabella 6b: Ciclo di Manutenzione – Gestione manutenzione evolutiva e adeguativa
Si precisa in proposito che:





la fase di Requisiti è sempre condotta da LI con l’eventuale supporto del Fornitore;
le fasi di Accettazione ed Integrazione Tecnica e di Presa in carico/Validazione sono
sempre condotte da LI con l’eventuale supporto del Fornitore;
Le altre fasi/attività delle Tabelle 6a/6b possono essere affidate al Fornitore. Si precisa che
LI si riserva di assegnare al Fornitore tutte le attività di una fase o singole attività all’interno
di una fase;
il template dei documenti sarà fornito da LI;
i documenti saranno scambiati tramite Strumenti di Gestione della Fornitura (SGF) (rif.
capitolo 6);
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 52 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.


i documenti saranno approvati dal Referente Operativo del Fornitore e validati dal
Referente Operativo di LI, ove non diversamente indicato, tramite SGF (rif. capitolo 6);
le attività saranno tracciate con l’impiego degli Strumenti di Gestione della Fornitura (SGF)
(rif. capitolo 6). I Fornitori dovranno utilizzare gli Strumenti di Gestione della Fornitura e le
loro evoluzioni nelle modalità che verranno definite da LI.
Durante lo svolgimento del servizio di manutenzione il Fornitore è tenuto a garantire:





il rilascio in ambiente di gestione della configurazione, secondo le linee guida di
configuration management fornite da LI;
il rilascio della documentazione comprensiva di quella necessaria alla stesura della
manualistica utente e di gestione;
il supporto alle attività di Accettazione ed Integrazione Tecnica;
il supporto all’avvio in esercizio.
Durante lo svolgimento dell’intervento il Fornitore dovrà garantire:
- la misura di livello C (cfr. paragrafo 2.1 dell’Allegato 1.2 del CT– Metodologia e linee
guida di misura dei FP), entro 6 mesi dalla presa in carico del software oggetto di
manutenzione;
- la misura di livello B (cfr. paragrafo 2.1 dell’Allegato 1.2 del CT– Metodologia e linee
guida di misura dei FP), entro 1 anno dalla presa in carico del software oggetto di
manutenzione;
- la revisione semestrale almeno di livello B del software oggetto di manutenzione;
- la misura finale al termine del contratto almeno di livello B del software oggetto di
manutenzione;
- la rimozione per il periodo di garanzia delle difettosità residue sul software sviluppato;
- il supporto per l’avvio della gestione/assistenza del servizio.
Si prevedono due modelli di fornitura:
Modello A
In tale modello il fornitore è responsabile dell’attività e il gruppo di lavoro è composto da risorse del
Fornitore, coordinate da un proprio Referente che costituisce l’interfaccia di riferimento verso il
Referente di LI. Il dimensionamento del gruppo di lavoro è di responsabilità del Fornitore che deve
garantire quantità e qualità dell’attività svolta rispettando le pianificazioni ed i livelli di servizio
richiesti.
Modello B
Questo modello prevede che siano fornite risorse con le conoscenze e le competenze indicate nei
profili tipici delle classi di fornitura (si rimanda all’Allegato 1.5) risorse che andranno a realizzare
servizi a integrazione dei gruppi di lavoro di LI. È responsabilità del Fornitore garantire la qualità e
la continuità delle risorse impiegate, rispettando le pianificazioni ed i livelli di servizio richiesti.
Per le fasi/attività condotte da LI, si applicherà il solo Modello B.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 53 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Ogni intervento potrà essere richiesto secondo una qualsiasi modalità contrattuale prevista e
attraverso il modello di erogazione A oppure B.
Nel caso di Piccola Mev o Manutenzione Adeguativa possono essere presenti tutte le attività
previste per il processo di sviluppo tradizionale.
LI si riserva di variare le combinazioni sopra esposte in funzione di scenari ed opportunità che
possono verificarsi nel corso di validità del contratto.
In alcuni interventi di manutenzione potrà essere esclusa, ove esplicitamente indicato da LI, la
classe di fornitura Piccola Mev.
La gestione della macro classe di Manutenzione è supportata dal sistema di LI SGF. Il sistema
traccerà tutte le attività (Ticket) di manutenzione, anche richiesti telefonicamente, dalla richiesta
iniziale alla conclusione. Il sistema di SGF è interfacciabile, ove necessario, con sistemi esterni
attraverso e-mail o specifici web-service.
I servizi e le singole attività saranno monitorati con gli strumenti del SGF. Con SGF saranno anche
calcolati i Livelli di Servizio.
5.2.2.3 Figure professionali previste
Si applica quanto previsto al paragrafo 5.1.2.3.
5.2.2.4 Altre caratteristiche della macro classe
Si applica quanto previsto al paragrafo 5.1.2.4.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 54 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
5.3
Assistenza
5.3.1
Caratteristiche delle classi
LI persegue la progressiva aderenza al modello ITIL per la gestione dei processi relativi
all’erogazione ed al supporto dei Servizi.
Questo viene realizzato mediante una uniformità tecnologica ed organizzativa (strumenti e
processi) ed una focalizzazione di risorse dedicate per gruppi omogenei di servizi applicativi che
seguono il ciclo di vita del servizio presa in carico fino alla sua messa in produzione per:


garantire l’erogazione del servizio in termini di disponibilità, affidabilità e prestazioni;
garantire il supporto per una corretta e completa fruibilità da parte dell’utenza.
Coerentemente con questi due obiettivi principali, sono state definite due classi di attività che
fanno parte della macroclasse di fornitura “Assistenza” e cioè:


Gestione del Servizio;
Assistenza Funzionale.
5.3.1.1 Gestione del Servizio
Per gestione del Servizio si intende l’insieme delle attività volte a garantire la corretta erogazione di
un servizio da attuare mediante un monitoraggio continuo dei sistemi applicativi e dei processi
correlati.
Nello specifico è possibile identificare le seguenti macro-attività di competenza:






Gestione rilasci applicativi: in occasione dei passaggi in produzione di nuovi servizi,
evoluzioni funzionali o patch è responsabilità della gestione del servizio la corretta
esecuzione di tutte le attività dalla presa in carico del rilascio (es. pianificazione, test di
accettazione, analisi degli impatti ecc) fino al coordinamento operativo nelle fasi di deploy;
Come specificato nei singoli ambiti, per l’ esecuzione dell’attività di testing, il gestore del
servizio può avvalersi dell’assistenza funzionale;
E’ previsto anche il supporto operativo agli specialisti che gestiscono i sistemi in
produzione, per quanto concerne gli aspetti applicativi e funzionali dell’ambiente di
produzione stesso;
Gestione Incident/Problem : a seguito di anomalie che impattano la fruizione del servizio, il
gestore coordina il processo legato alla risoluzione dell’incident interagendo con gli
specialisti preposti alla gestione dei sistemi in esercizio, oppure con le aree che hanno in
carico lo sviluppo dell’applicativo;
In caso di Problem il gestore del servizio collabora alle fasi di identificazione, analisi e alla
successva verifica della soluzione implementata;
Gestione ordinaria: comprende le attività legate a richieste specifiche o soggette a
periodicità che devono essere eseguite nel rispetto di tempi o calendari predefiniti (es.
verifiche estemporanee, reportistica e altre attività volte al mantenimento della qualità dei
dati ecc);
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 55 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.




Attività di schedulazione, automazione e ottimizzazione di procedure informatiche
necessarie per la gestione dei flussi applicativi legati ad un servizio (es . caricamento dati,
ecc) e il controllo del loro corretto funzionamento in fase di esecuzione;
Monitoraggio dell’erogazione: predisposizione monitoraggio funzionale e controllo
quotidiano del
corretto funzionamento dei servizi (procedure batch, backup e
performance);
Verifica e revisione dei livelli di servizio (indicatori di qualità e livelli di soglia associati)
ottenuti sia da archivi strutturati sia da altre fonti non strutturate (log infrastrutturali e
applicativi);
La gestione del Servizio si occupa anche di alcune attività attinenti l’avviamento di un
servizio quali ad esempio:
- verifica, testing e avviamento sui primi gruppi utenti;
- configurazioni degli ambienti applicativi;
- coordinamento di terze parti che contribuiscono all’erogazione del servizio.
5.3.1.2 Assistenza Funzionale
Per servizio di Assistenza Funzionale si intende l’insieme delle attività volte a garantire la fruibilità
del servizio da parte degli utenti:




risolvendo le segnalazioni dell’utenza in merito a problematiche del sistema applicativo nel
rispetto dei livelli di servizio contrattuali;
supportando gli utenti nell’utilizzo dei servizi applicativi;
predisponendo e realizzando tutti gli interventi di supporto nelle fasi di avviamento di un
nuovo servizio;
gestendo le segnalazioni e le comunicazioni verso l’utenza in caso di anomalie/incidenti nel
funzionamento degli applicativi.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 56 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Il fornitore dovrà inserire la propria fornitura nel modello organizzativo di assistenza illustrato in
figura e descritto nel seguito:
Organizzazione dell’Assistenza
Con riferimento a quanto esemplificato in figura l’organizzazione dell’Assistenza prevede un primo
livello di Assistenza che gestisce il contatto con l’utente, l’apertura e la classificazione della
segnalazione ed una Assistenza di tipo specialistico (chiamato anche Assistenza Funzionale)
fornita da una pluralità di gruppi ognuno dei quali è specializzato sull’ambito tecnologico e/o
specialistico applicativo di competenza.
Esiste infine una funzione di tipo trasversale (Supervisione assistenza) che controlla l’intero ciclo di
vita del ticket, esegue il monitoraggio dei servizi di assistenza, verifica il rispetto dei livelli di
servizio e produce la reportistica periodica di sintesi.
Assistenza di I livello
L’assistenza di I livello ha la responsabilità di gestire il contatto con l’utente, tracciare la richiesta di
assistenza, trattare la segnalazione (troubleshooting) effettuando eventualmente l’“escalation”
verso i livelli superiori per la soluzione del problema. Il servizio include:





accettazione e registrazione della richiesta di assistenza fatta dagli utenti tramite chiamata
telefonica e posta elettronica, con assegnazione del livello di urgenza;
analisi del problema, risoluzione diretta dal I livello o smistamento ai gruppi di assistenza
funzionale per la risoluzione dei problemi non risolvibili dal I livello;
comunicazione tempestiva ed efficace con l'utenza;
chiusura della richiesta di assistenza;
report statistici delle chiamate.
Assistenza funzionale
Il servizio di assistenza funzionale ha la responsabilità di affrontare e risolvere i problemi non risolti
al I livello. Le richieste, tramite i sistemi di Trouble Ticketing, sono prese in carico dai gruppi
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 57 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
specializzati che hanno competenze specifiche di tipo funzionale, applicativo, tecnico e
sistemistico. La soluzione dell’anomalia viene poi notificata al primo livello; in caso di problemi che
richiedano modifiche di prodotto (BUG) la segnalazione viene inoltrata ai gruppi di progettazione e
sviluppo.
La soluzione può essere fornita eventualmente mediante interventi (anche on site) di tipo
funzionale/applicativo o sistemistico/infrastrutturale.
L’Assistenza Funzionale ha inoltre in carico le attività di avviamento delle nuove funzionalità che
possono richiedere supporto per l’aggiornamento della manualistica e dell’help in linea delle
applicazioni, l’affiancamento a primi gruppi di utenti ed eventuale partecipazione agli interventi
formativi mirati sull’utilizzo delle applicazioni.
I gruppi di assistenza funzionale si interfacciano con le aree di sviluppo e le supportano nelle fasi
di analisi per la risoluzione delle segnalazioni che richiedono interventi di manutenzione applicativa
(BUG).
L’assistenza funzionale eroga anche il supporto operativo continuativo all’utente finale sulle
applicazioni, mediante piccoli interventi quali: gestione password, profilazione utenti, interrogazioni
estemporanee alle Basi Dati e data entry.
Supervisione assistenza
La funzione di supervisione di assistenza è una funzione trasversale che ha la responsabilità di
supervisionare i processi di assistenza e di controllare la qualità dei servizi nella loro globalità. Lo
strumento a supporto è “la piattaforma di supervisione” vale a dire un Data Base utile alla
predisposizione di reportistica, che raccoglie ed integra le informazioni provenienti dai sistemi di
Trouble Ticketing.
Le funzioni svolte dal livello di supervisione comprendono:


il monitoraggio delle attività svolte dai diversi livelli di assistenza;
il controllo dei livelli di servizio sia verso gli utenti (end to end) sia per ciascun livello di
assistenza.
Il monitoraggio è effettuato mediante la produzione di report che consentono una rappresentazione
sintetica dello stato dei servizi monitorati.
L’aggiornamento dei dati rappresentati è di tipo near real time.
La piattaforma di supervisione:



consente di verificare la numerosità delle richieste di assistenza pervenute in un
determinato intervallo di tempo, suddivise per tipologia (ad esempio per utenza, per gravità,
etc.) e per stato;
permette inoltre di analizzare le richieste ancora inevase (backlog) e di verificare il ciclo di
vita di una richiesta di servizio;
consente di configurare, per ogni servizio, i tempi limite associati ai livelli di urgenza al fine
di permettere il controllo dei livelli di servizio (LdS).
5.3.1.3 Modelli di Assistenza
Si precisa che esistono due principali modelli di assistenza attualmente utilizzati:
Assistenza per Utenti del Territorio:
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 58 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Questo modello di assistenza viene utilizzato in caso di servizi erogati verso Utenti distribuiti sul
Territorio, di numerosità generalmente elevata. Il primo livello di Assistenza è fornito da strutture
specifiche e non rientra nell’ambito di questa gara.
Assistenza per Utenti Specifici:
Questo modello di assistenza viene utilizzato in caso di servizi per gli Utenti Regionali, per gruppi
selezionati di Utenti del Territorio o in una fase di avviamento di un nuovo servizio applicativo, in
fase sperimentale prima di passare ad una diffusione generalizzata.
In questo modello i gruppi di Assistenza Funzionale garantiscono anche il primo livello di
Assistenza e cioè la fase di accoglienza delle chiamate, di classificazione e di tracciatura delle
stesse, come pure la fase di chiusura delle segnalazioni e di eventuale verifica con l’utente finale.
Strumenti a Supporto:
Sia le attività di Assistenza Funzionale sia quelle di Gestione del Servizio vengono tracciate su una
piattaforma di Trouble Ticketing.
Attualmente è utilizzata la piattaforme Siebel.
5.3.2
Modalità di esecuzione
5.3.2.1 Processi e cicli di vita
Gestione del servizio e assistenza funzionale
Le tabella di seguito riportata indica le attività e i prodotti attesi per la classe gestione del servizio:
FASE
PRODOTTO DELL’ATTIVITÀ
DESCRIZIONE
Progettazione
Definizione delle attività
necessarie per la gestione del
servizio
Presa in carico
della Gestione
del Servizio
Verifica della documentazione

predisposta per il servizio
(manuali, piani dei test,

specifiche architetturali e
funzionali, note di rilascio e

strutturazione dei file di log ecc.)

Specifiche di Gestione del servizio
Revisione/integrazione Manuale di
Gestione
Revisione/integrazione dei piani di test
Revisione/integrazione di eventuale
documentazione di supporto
Affiancamento alle strutture
preposte per l’esecuzione dei
test funzionali di pre-produzione
Esiti piani di test funzionali in ambiente di
pre-produzione
Supporto alla predisposizione
del monitoraggio funzionale dei
processi e dei livelli di servizio
Specifiche di Monitoraggio funzionale e LdS
Verifica e affiancamento,ove
necessario, nell’esecuzione di
procedure per la gestione dei
flussi applicativi legati ad un
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3

Revisione/integrazione Manuale di
Gestione per la parte di procedure

Esecuzione completa e positiva delle
Pagina 59 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
FASE
DESCRIZIONE
servizio
PRODOTTO DELL’ATTIVITÀ
procedure
Supporto operativo agli
specialisti che gestiscono i
sistemi durante il rilascio del
servizio
Erogazione della
Gestione del
Servizio
Esecuzione procedure per la
gestione dei flussi operativi e
analisi e funzionamento del
servizio
Tabella 2 – Attività di Gestione del Servizio
Le tabella di seguito riportata indica le attività e i prodotti attesi per la classe Assistenza
Funzionale:
FASE
DESCRIZIONE
PRODOTTO DELL’ATTIVITÀ
Progettazione
Definizione delle attività per
l’assistenza del servizio
Specifiche di Assistenza del servizio
Organizzazione
dell’Assistenza
Funzionale
Supporto alla definizione delle
attività da passare al primo livello
di Assistenza e eventuale
formazione se necessaria
Procedure operative per l’assistenza
Supporto alla predisposizione
degli strumenti di Assistenza
Revisione/Integrazione Manuale Utente
Affiancamento, ove necessario,
alle strutture preposte per
l’esecuzione dei test funzionali di
pre-produzione finalizzati alle
attività di assistenza
Esiti piani di test funzionali in ambiente di
pre-produzione
Erogazione
dell’Assistenza
Funzionale
Erogazione e supervisione
assistenza
Tabella 3 – Attività di Assistenza Funzionale
Si precisa in proposito che:


il template dei documenti sarà fornito da LI;
i documenti saranno scambiati tramite Strumenti di Gestione della Fornitura (SGF) (rif. CT
cap 6);
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 60 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.

i documenti saranno approvati dal Referente Operativo del Fornitore e validati dal
Referente Operativo di LI, ove non diversamente indicato, tramite SGF;le attività saranno
tracciate con l’impiego degli Strumenti di Gestione della Fornitura (SGF). I Fornitori operanti
dovranno utilizzare gli Strumenti di Gestione della Fornitura e le loro evoluzioni nelle
modalità che verranno definite da LI.
Nell’ottica di garantire una corretta erogazione dei servizi e un adeguato supporto all’utenza è stato
messo a punto un processo che descrive le principali fasi del ciclo di vita di un servizio
specificando, per ogni fase, le responsabilità di gestione e assistenza e le modalità di interazione
con gli altri processi aziendali (ad esempio ciclo di sviluppo del software).
Nella fase di progettazione (assistenza e gestione) di un nuovo servizio o di una sostanziale
revisione o miglioramento di un servizio già disponibile, viene definito un piano di massima che
delinea le attività per la presa in carico del servizio stesso. Per strutturare in modo adeguato la
gestione e l’assistenza è necessario in questa fase effettuare anche una prima valutazione degli
impatti generali legati all’erogazione.
Sempre in fase di progettazione viene eseguita l’analisi per la definizione del monitoraggio
funzionale e dei livelli di servizio (indicatori e soglie).
In particolare, per una corretta erogazione dell’Assistenza, è necessario effettuare una
classificazione dei possibili malfunzionamenti in modo che sia possibile attribuire correttamente
l’urgenza da associare ad ogni segnalazione. I problemi segnalati sono catalogabili in quattro
diverse categorie che tengono conto, oltre che della rilevanza del servizio applicativo e dell’impatto
sull’utenza, di altre eventuali variabili di contesto (ad esempio scadenze temporali, visibilità
esterna, vincoli normativi, etc.). Di seguito tale classificazione:




categoria 1 – Urgenza Critica: malfunzionamenti legati a funzionalità critiche per cui è
impedito l'uso dell’applicazione, o di una o più funzioni dell'applicazione, con impatto
significativo per tutti gli utenti che hanno accesso a tale applicazione;
categoria 2: - Urgenza Alta: malfunzionamenti relativi a funzionalità critiche, in grado di
compromettere sensibilmente il normale funzionamento del servizio per diversi utenti;
categoria 3: - Urgenza Media: malfunzionamenti legati a funzionalità non critiche del
servizio o che permettono una fruizione anche se con prestazione degradate;
categoria 4: - Urgenza Bassa: malfunzionamenti per cui è impedito l'uso di una funzione,
ma lo stesso risultato è ottenibile con altra modalità operativa, malfunzionamenti di tipo
marginale, che non impattano l’uso delle varie funzioni, anomalie rilevate sulla
documentazione.
Una volta concluse le attività di sviluppo e test, in concomitanza con il passaggio nell’ambiente di
pre-produzione, vengono avviate le attività di presa in carico da parte della gestione del servizio:




verifica della documentazione predisposta per il servizio (manuali, piani dei test, specifiche
architetturali e funzionali, note di rilascio e strutturazione dei file di log);
affiancamento alle strutture alle strutture preposte nell’esecuzione dei test di preproduzione con particolare attenzione alla verifica delle funzionalità attese (definizione degli
ambienti, piano dei test ed esecuzione);
predisposizione del monitoraggio funzionale dei processi e dei livelli di servizio;
verifica e affiancamento nell’esecuzione di procedure per la gestione dei flussi applicativi
legati ad un servizio.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 61 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Parallelamente vengono avviate le attività di organizzazione dell’assistenza:





definizione degli ambiti di competenza dei vari livelli di assistenza;
predisposizione degli strumenti di supporto (configurazione dei sistemi di Trouble Ticketing,
etc.);
verifica della documentazione a supporto e dei requisiti necessari per fornire l’assistenza;
affiancamento, ove necessario, alle strutture preposte nell’esecuzione dei test funzionali di
pre-produzione finalizzati alle attività di assistenza;
formazione agli operatori che forniscono assistenza di primo livello agli utenti.
Nella fase di rilascio del servizio in ambiente di produzione i gruppi di gestione del servizio
garantiscono il supporto operativo agli specialisti che gestiscono i sistemi per quanto concerne gli
aspetti applicativi e funzionali. L’esposizione del servizio e la conseguente diffusione innescano le
attività di gestione del servizio e di assistenza funzionale descritte nei paragrafi precedenti.
5.3.2.2 Modelli di erogazione della fornitura
Relativamente alle classi di fornitura di Assistenza, LI si riserva la possibilità di richiedere al
Fornitore tutte le attività relative alle varie fasi come pure quella di assegnare al fornitore una sola
fase o singole attività all’interno di una fase. Si possono definire due diversi modelli di erogazione
applicabili alle forniture di Assistenza Funzionale e Gestione del Servizio.
Modello A
In tale modello il fornitore è responsabile dell’attività e il gruppo di lavoro è composto da risorse del
Fornitore, coordinate da un proprio Referente che costituisce l’interfaccia di riferimento verso il
Referente di LI, per tutti gli aspetti di progettazione del servizio, pianificazione, presa in carico
nuove funzionalità, avviamento attività di assistenza, ossia in tutte le fasi “critiche” per il buon
funzionamento dell’attività.
Il dimensionamento del gruppo di lavoro è di responsabilità del Fornitore che deve garantire
quantità e qualità dell’attività svolta rispettando le pianificazioni ed i livelli di servizio richiesti.
Tale modello sarà erogato nelle forniture “a c.orpo” o “a canone”.
Modello B
Questo modello prevede che siano fornite risorse con le conoscenze e le competenze indicate nei
profili tipici delle classi di fornitura (si rimanda all’Allegato 1.5), risorse che andranno a realizzare
servizi a integrazione dei gruppi di lavoro di LI. È responsabilità del Fornitore garantire la qualità e
la continuità delle risorse impiegate, rispettando le pianificazioni ed i livelli di servizio richiesti.
Tale modello sarà erogato nelle forniture “a misura di risorse”.
Da notare che i due modelli di fornitura possono coesistere per lo stesso servizio applicativo
(Modello misto A/B). Può essere ad esempio richiesta al fornitore l’erogazione dell’Assistenza
Funzionale con il Modello A e la Gestione del servizio con il Modello B, come pure possono essere
individuate all’interno delle classi di fornitura (Assistenza Funzionale e Gestione del Servizio)
attività o programmi specifici da erogare “a corpo” con un impegno preciso su obiettivi prefissati.
5.3.2.3 Figure professionali previste
Per la descrizione delle figure professionali, si rimanda all’Allegato 1.5.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 62 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
5.3.2.4 Orari di lavoro, reperibilità e luogo di lavoro
Gli orari di lavoro, la reperibilità e il luogo di lavoro sono specificati per i singoli ambiti (rif. Paragrafi
5.3.3 e 8.1.2). Per ulterioni indicazioni si rimanda anche al capitolo 6 del Piano di Qualità.
5.3.2.5 Dotazione dei gruppi di lavoro
Per una dettagliata descrizione si rimanda al capitolo 6 del Piano di Qualità.
5.3.3
Ambiti di Assistenza oggetto della fornitura
Sono applicabili al presente appalto le seguenti classi di fornitura di Assistenza:


Gestione del servizio;
Assistenza funzionale.
Tali attività saranno richieste per gli attuali servizi (si vedano le schede servizio associate al
presente appalto) e per i nuovi servizi che saranno erogati in esecuzione del presente appalto.
Nel seguito vengono presentati gli ambiti di assistenza rientranti nel perimetro del presente
appalto.
5.3.3.1 Assistenza Funzionale dei servizi Fondi ed Erogazioni (Ambito AF-L3-01)
Per la descrizione dell’ambito oggetto della fornitura si rimanda al paragrafo 8.1.2.1.
5.3.3.2 Gestione dei servizi Fondi ed Erogazioni (Ambito AG-L3-02)
Per la descrizione dell’ambito oggetto della fornitura si rimanda al paragrafo 8.1.2.3.
5.3.3.3 Assistenza Funzionale e Gestione del servizio SIARL/SISCO (Ambito AG-L3-03)
Per la descrizione dell’ambito oggetto della fornitura si rimanda al paragrafo 8.1.2.4.
5.3.3.4 Assistenza Funzionale dei servizi Tributari (Ambito AF-L3-04)
Per la descrizione dell’ambito oggetto della fornitura si rimanda al paragrafo 8.1.2.5.
5.3.3.5 Gestione dei servizi Tributari (Ambito GS-L3-05)
Per la descrizione generale delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.1.
Nel contesto particolare dell’ambito le attività svolte dalla gestione del servizio sono:

presidio e monitoraggio dei flusso di scambio tra LI e gli enti collegati al SITRE Sistema
Regionale Tributario:
- enti esterni che gestiscono in convenzione i tributi regionali (tra cui ACI, SOGEI, PRA,
Agenzia delle Entrate, agenzie di pratiche auto);
- altri enti proprietari di informazioni necessarie al sistema (tra cui il Ministero delle
Finanze, Ministero dei Trasporti, la camera del commercio);
- altri sistemi e banche dati regionali (tra cui il sistema documentale e sistema socio
sanitario);
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 63 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.










- altri Poli telematici e riscossori (Banche, Poste, Lottomatica, ecc.).
verifiche e risoluzione anomalie di caricamento dei flussi delle posizioni Tassa Auto,
Concessioni Regionali e Canoni regionali;
verifiche e risoluzione anomalie di caricamento dei flussi di riscossioni Tassa Auto,
Concessioni Regionali e Canoni regionali;
verifiche, controlli e produzione flussi degli Avvisi bonari e degli Accertamenti e
trasmissione a FinLombarda e BMPlaneta;
verifiche, caricamento, controlli e produzione flussi dei Ruoli coattivi e trasmissione a
Equitalia e BMPlaneta;
verifiche, caricamento, controlli e produzione flussi di ingiunzione;
ricezione e caricamento nell’archivio Regionale Tributario dei flussi delle risosioni di
BancoPosta;
elaborazione trimestrale e pubblicazione nell’archivio Regionale Tributario delle
remunerazione delle Bonifiche effettuati dalle Agenzie pratiche auto;
verifiche e predisposizione settimanale dei flussi RID (Rapporto Interbancario Diretto) di
riversamento delle riscossioni effettuati dalle agenzie della ricosione della Tassa
Automonibilistica;
avvisi di scadenze Tassa Automobilistica: Produzione flussi, monitoraggio delle attività di
controllo e invio flussi a FinLombarda per la postalizzazione (cadenza mensile);
debug e attività di supporto ed indagine su processi applicativi.
Attualmente il gruppo di lavoro è composto da :
-
2 Team Leader Gestore del Servizio;
-
1 Gestore del Servizio.
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano l’ambito (per la
spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Ambito di
Assistenza
GS- L3 -05
Descrizione
Ambito
Giorni di
copertura
Gestione dei servizi
Lun-Ven
Tributari
Nota 1
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
attivazione
Notturni/Festivi
trasferta
del
(annuale)
(annuale)
(annuale)
servizio previsto
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
-
25 GG PP
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
opportuno anticipo
5.3.3.6 Assistenza e Gestione del sistema borsa lavoro (Ambito AG-L3-06)
Per la descrizione dell’ambito oggetto della fornitura si rimanda al paragrafo 8.1.2.6.
5.3.3.7 Assistenza e Gestione del servizio Anagrafe Regionale Scolastica (Ambito AG-L3-07)
Per la descrizione dell’ambito oggetto della fornitura si rimanda al paragrafo 8.1.2.7.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 64 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
5.3.3.8 Assistenza Funzionale dei servizi EDMA, Gest. Atti Formali, G3S (Ambito AF-L3-08)
Per la descrizione dell’ambito oggetto della fornitura si rimanda al paragrafo 8.1.2.8.
5.3.3.9 Gestione dei servizi EDMA, Gestione Atti Formali, G3S (Ambito GS-L3-09)
Per la descrizione generale delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.1.
Le attività definite devono essere erogate da risorse rispondenti al profilo professionale di Gestore
del Servizio, con conoscenze di linguaggio PL/SQL, Application Server e tematiche di Gestione
Documentale.
Attualmente il gruppo di lavoro è composto da :
-
2 Gestori del Servizio
focalizzati sulla piattaforma EDMA e in grado di configurare la piattaforma stessa oltre che seguire
le problematiche relative all’infrastruttura (DB, Application Server, integrazione con sistemi esterni
per la gestione di PEC, FAX, Anagrafiche).
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano l’ambito (per la
spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Ambito di
Assistenza
GS- L3 -09
Descrizione
Ambito
Gestione dei servizi
EDMA, Gestione Lun-Ven
Atti Formali, G3S
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
Notturni/Festivi trasferta
del attivazione
(annuale)
(annuale)
(annuale)
servizio previsto
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
-
25 GG PP
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
opportuno anticipo
Nota 1
5.3.3.10
Giorni di
copertura
Assistenza e Gestione dei Sistemi Interni LI (Sistema documentale e MPS)
(Ambito AG-L3-10)
Per la descrizione dell’ambito oggetto della fornitura si rimanda al paragrafo 8.1.2.9.
5.3.3.11
Assistenza Funzionale dei servizi AIL e Presidenza (Ambito AF-L3-11)
Per la descrizione dell’ambito oggetto della fornitura si rimanda al paragrafo 8.1.2.10.
5.3.3.12
Gestione dei servizi AIL e Presidenza (Ambito GS-L3-12)
Per la descrizione generale delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.1.
Le attività definite devono essere erogate da risorse rispondenti al profilo professionale di Gestore
del Servizio, con conoscenze di linguaggio PL/SQL e tematiche relative alla gestione di applicativi
WEB e client server.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 65 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Attualmente il gruppo di lavoro è composto da :
-
1 Gestore del Servizio
che segue i sistemi in uso presso la Presidenza con particolare attenzione al gestione del sistema
di pubblicazione del BURL oltre che seguire le problematiche relative all’infrastruttura (DB,
Application Server, integrazione con sistemi esterni).
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano l’ambito (per la
spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Ambito di
Assistenza
GS- L3 -12
Descrizione
Ambito
Gestione dei servizi
Lun-Ven
AIL e Presidenza
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
Notturni/Festivi trasferta
del attivazione
(annuale)
(annuale)
(annuale)
previsto
servizio
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
-
10 GG PP
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
opportuno anticipo
Nota 1
5.3.3.13
Giorni di
copertura
Assistenza Segreteria di Giunta – supporto alle Sedute (Ambito AF-L3-13)
Per la descrizione dell’ambito oggetto della fornitura si rimanda al paragrafo 8.1.2.11.
5.3.3.14
Assistenza Funzionale dei servizi Bilancio e Contabilità (AF-L3-14)
Per la descrizione dell’ambito oggetto della fornitura si rimanda al paragrafo 8.1.2.12.
5.3.3.15
Gestione del servizio dei servizi Bilancio e Contabilità (GS-L3-15)
Per la descrizione generale delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.1.
Le attività definite devono essere erogate da risorse rispondenti al profilo professionale di Gestore
del Servizio, con conoscenze di linguaggio PL/SQL e tematiche relative alla gestione di applicativi
client server.
Un secondo filone è invece legato alla gestione sistemistica di SAP ECC6.0 con supporto tecnico sistemistico riferito agli ambienti dedicati all’applicativo. Di seguito alcuni esempi di tipiche attività e
procedure svolte:



Gestione parametri di sistema (profili d’istanza, file di configurazione), gestione,
manutenzione e tuning dei parametri di sistema dell’Application Server ABAP;
Gestione e configurazione sistema di trasporto delle modifiche software tra i diversi
ambienti;
Monitoraggio del sistema con:
- Rilevazione tempi di risposta;
- Rilevazione parametri sistemistici (memoria, cpu e buffer);
- Analisi system log, trace files, eventi, spooling;
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 66 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.




- Corretta esecuzione dei batch standard di mantenimento del sistema;
- Analisi dei dump dipendenti da aspetti di natura sistemistica;
Installazione patching per la risoluzione di problematiche di natura sistemistica e applicativa
negli ambienti di sviluppo e test, preproduzione e produzione;
Gestione SAP Incidents sul SAP Support Portal;
Gestione di trasporto di CR;
Produzione della documentazione di supporto a fronte di disservizi.
Attualmente il gruppo di lavoro è composto da :
-
3 Gestori del Servizio
con competenze suddivise tra il supporto ai sistemy legacy e SAP ECC 6.
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano l’ambito (per la
spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Ambito di
Assistenza
Descrizione
Ambito
GS- L3 -15
Gestione del
servizio Bilancio e
Contabilità
Lun-Ven
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
attivazione
Notturni/Festivi
trasferta
del
(annuale)
(annuale)
(annuale)
servizio previsto
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
-
25 GG PP
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
opportuno anticipo
Nota 1
5.3.3.16
Giorni di
copertura
Assistenza Funzionale del servizio Modulistica online (Ambito AF-L3-16)
Per la descrizione dell’ambito oggetto della fornitura si rimanda al paragrafo 8.1.2.12.
5.3.3.17
Gestione del servizio Modulistica online (Ambito GS-L3-17)
Per la descrizione generale delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.1.
Nel contesto particolare dell’ambito è possibile identificare le seguenti macroattività:

Interoperabilità MUTA vs Enti controllori:
nell'ambito della integrazione fra il sistema Muta e i sistemi di Asl, Arpa, Infocamere e
sistemi privati concorrenti, vengono effettuati dei controlli sulla corretta erogazione dei dati.
L'integrazione con questi sistemi è bidirezionale in quanto Muta invia e riceve dati dai
sistemi esterni, quindi le verifiche vengono effettuate in entrambi gli scenari.
Questo è possibile attraverso attività, non automatizzate, di estrazioni dati da DB, controllo
logs e confronto con i referenti dei sistemi esterni.

Procedura di aggiornamento dei dati SUAP da Infocamere:
periodicamente RL invia, ai responsabili della piattaforma Muta, un aggiornamento dei dati
relativi ai SUAP presenti sul territorio regionale al fine di allineare il database di Muta. I dati
di partenza sono presenti in un foglio excel, proveniente da Infocamere, contenente tutte le
informazioni relative ad ogni Comune e le informazioni relative al SUAP del Comune. Sui
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 67 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
dati di partenza sono eseguiti, dal Gestore del Servizio, degli interventi preliminari per
rendere i dati omogenei (normalizzazione dei dati da Infocamere). In seguito attraverso
delle procedure di importazione e altri interventi "manuali" il database di Muta viene
aggiornato. Infine ci sono dei controlli da effettuare per la verifica della correttezza della
importazione.

Controllo di eventuali pratiche rimaste in 'Compilata':
obiettivo del controllo è verificare che non siano presenti in MUTA pratiche pregresse
rimaste erroneamente in stato 'compilata'.
Il transito delle pratiche dallo stato 'compilata' allo stato 'consegnata' avviene normalmente
dopo pochi minuti dall’invio della PEC all’ente di competenza.
L’applicativo, mediante alcuni job schedulati ogni pochi minuti, verifica la presenza della
ricevuta di consegna della PEC e, se la trova, fa transitare la pratica in 'consegnata'.
Occorre verificare che, a causa di qualche problema nel meccanismo sopra descritto, le
pratiche non rimangano in 'compilata'.
Attualmente il gruppo di lavoro è composto da :
-
1 Gestore del Servizio;
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano l’ambito (per la
spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Ambito di
Assistenza
GS- L3 -17
Descrizione
Ambito
Gestione del
servizio Modulistica Lun-Ven
online
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
Notturni/Festivi trasferta
del attivazione
(annuale)
(annuale)
(annuale)
previsto
servizio
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
-
25 GG PP
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
opportuno anticipo
Nota 1
5.3.3.18
Giorni di
copertura
Assistenza Funzionale dei servizi Documentali e Contabili SIREG (Ambito AFL3-19)
Per la descrizione dell’ambito oggetto della fornitura si rimanda al paragrafo 8.1.2.14.
5.3.3.19
Gestione dei servizi Documentali e Contabili SIREG (Ambito GS-L3-20)
Per la Per la descrizione generale delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.1.
Le attività definite devono essere erogate da risorse rispondenti al profilo professionale di Gestore
del Servizio, con conoscenze di linguaggio PL/SQL, Application Server e tematiche di Gestione
Documentale.
Attualmente il gruppo di lavoro è composto da :
-
1 Gestore del Servizio
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 68 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
focalizzati sulla piattaforma EDMA e in grado di configurare la piattaforma stessa oltre che seguire
le problematiche relative all’infrastruttura (DB, Application Server, integrazione con sistemi esterni
per la gestione di PEC, FAX, Anagrafiche).
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano l’ambito (per la
spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Ambito di
Assistenza
GS- L3 -20
Descrizione
Ambito
Giorni di
copertura
Gestione dei servizi
Documentali e
Lun-Ven
Contabili SIREG
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
Notturni/Festivi trasferta
del attivazione
(annuale)
(annuale)
(annuale)
servizio previsto
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
-
25 GG PP
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
opportuno anticipo
Nota 1
Le attività definite per la gestione degli applicativi contabili devono essere erogate da risorse
rispondenti al profilo professionale di Gestore del Servizio, con conoscenze di linguaggio PL/SQL e
tematiche relative alla gestione di applicativi client server.
Un secondo filone è invece legato alla gestione sistemistica di SAP ECC6.0 con supporto tecnico sistemistico riferito agli ambienti dedicati all’applicativo. Di seguito alcuni esempi di tipiche attività e
procedure svolte:







Gestione parametri di sistema (profili d’istanza, file di configurazione), gestione,
manutenzione e tuning dei parametri di sistema dell’Application Server ABAP;
Gestione e configurazione sistema di trasporto delle modifiche software tra i diversi
ambienti;
Monitoraggio del sistema con:
- Rilevazione tempi di risposta;
- Rilevazione parametri sistemistici (memoria, cpu e buffer);
- Analisi system log, trace files, eventi, spooling;
- Corretta esecuzione dei batch standard di mantenimento del sistema;
- Analisi dei dump dipendenti da aspetti di natura sistemistica.
Installazione patching per la risoluzione di problematiche di natura sistemistica e applicativa
negli ambienti di sviluppo e test, preproduzione e produzione;
Gestione SAP Incidents sul SAP Support Portal;
Gestione di trasporto di CR;
Produzione della documentazione di supporto a fronte di disservizi.
Attualmente il gruppo di lavoro è composto da :
-
3 Gestori del Servizio
con competenze suddivise tra il supporto ai sistemy legacy e SAP ECC 6.
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano l’ambito (per la
spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 69 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Ambito di
Assistenza
Descrizione
Ambito
GS- L3 -13
Gestione del
servizio Bilancio e
Contabilità
Nota 1
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Giorni di
copertura
Lun-Ven
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
attivazione
Notturni/Festivi
trasferta
del
(annuale)
(annuale)
(annuale)
servizio previsto
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
-
25 GG PP
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
opportuno anticipo
Pagina 70 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
6. Strumenti per la Gestione della Fornitura
Gli Strumenti per la Gestione della Fornitura (SGF) hanno lo scopo di supportare il processo di
collaborazione tra LI ed il Fornitore per la pianificazione, l’esecuzione, la rilevazione dello stato ed
il reporting delle attività dell’Appalto, dal punto di vista amministrativo ed operativo.
Gli SGF sono una componente del sistema per la gestione e controllo delle attività di LI, che
prevede cruscotti direzionali per il monitoraggio dei servizi erogati da LI per Regione. Tali cruscotti
forniscono a vari livelli l’andamento dei servizi, raccogliendo i dati dei Livelli di Servizio,
dell’avanzamento degli sviluppi e altri indicatori.
Il Fornitore utilizzerà gli SGF e le loro evoluzioni, che gestiscono i diversi aspetti con diversi
strumenti informatici a supporto. Di seguito il dettaglio.
6.1
Gestione Operativa
La gestione operativa della fornitura avverrà attraverso l’utilizzo di diversi strumenti per
macroclasse di fornitura.

Pianificazione
La Pianificazione verrà effettuata tramite MS Excel e Polarion (per il ciclo di vita software) o
altro strumento indicato da LI.

Sviluppo e Manutenzione
Verranno impiegati gli strumenti elencati di seguito:
-

Gestione delle Direttive (Requisiti, Anomalie): Polarion;
Gestione della Modellazione: Enterprise Architect, Oracle Data Modeler;
Supporto alla Realizzazione: Sonar (suite);
Gestione del Test: HP Quality Center, HP LoadRunner, Polarion o manuale;
Gestione dei Rilasci: Polarion;
Gestione delle Configurazioni: Subversion, Maven, Jenkins, Nexus;
Gestione della Manutenzione: Polarion;
Supporto alle misure FP: Sfera 3 e Sfera Light.
Assistenza
Sia le attività di Assistenza Funzionale sia quelle di Gestione del Servizio vengono tracciate
su una piattaforma di Trouble Ticketing (Siebel).
6.2
Gestione Documentale
Il sistema per la conservazione e la gestione dell’iter di approvazione dei documenti aziendali
previsti dal PQ è EDMA, di LI.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 71 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
7. Ambiti Tecnologici
L’architettura standard di riferimento, per ciascuno degli ambiti tecnologici, è basata sui 3 classici
layer architetturali di presentazione, logica di business e dati, come illustrato in figura.
Utenti
Canali
di accesso
TV
Livello
PC/Laptop
Cellulare Terminali
Tablet
Smart phone
Web services, Portali, etc.
Presentazione
Livello
Business
Livello
Logica di Business (moduli applicativi)
Basi dati
Dati
Architettura logica a 3 Layer
In relazione alle specificità degli ambienti tecnologici e sulla base di razionali tecnico-economici, i
livelli vengono realizzati mediante architetture fisiche e piattaforme tecnologiche differenti.
Di seguito vengono elencati gli attuali ambienti tecnologici riferiti ai diversi ambiti che sono meglio
descritti nell’Allegato 1.6:






7.1
Ambito 1 – Transazionale/Batch/Reportistica;
Ambito 2 – Portali;
Ambito 3 – Piattaforme Applicative Enterprise;
Ambito 4 – GIS;
Servizi a supporto;
Substrato infrastrutturale.
Ambiti Tecnologici oggetto della fornitura
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 72 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Rispetto agli ambiti tecnologici descritti nell’Allegato 1.6, le attività che verranno richieste in questo
Appalto sono riferite agli ambiti:


Ambito 1 – Transazionale/Batch/Reportistica;
Ambito 3 - Piattaforme Applicative Enterprise.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 73 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
8. Articolazione della Fornitura
In questo capitolo è descritta l’articolazione della fornitura distinguendo fra forniture “immediate”
che si intendono richieste ed autorizzate all’aggiudicazione dell’Appalto e la restante parte della
fornitura che verrà “consumata” tramite richieste di intervento durante lo svolgimento del rapporto
contrattuale, denominata “a volume”.
Si precisa che le forniture “immediate”, se non diversamente indicato nel seguito, avranno inizio
dal momento in cui Lombardia Informatica ne richiederà esplicitamente l’attivazione. Per tali
tipologie di forniture nel seguito sono descritti:


i requisiti dei prodotti con indicazione degli obiettivi e del lavoro da svolgere in termini di
risultato, identificando gli standard da rispettare;
i requisiti dei servizi richiesti.
Ogni fornitura immediata viene introdotta da una scheda sintetica che contiene i principali elementi
caratterizzanti, ovvero:








Macroclassi di riferimento;
Classi di riferimento;
Fasi di sviluppo e manutenzione oggetto di attività del fornitore;
Ambiti tecnologici;
Ambiti di assistenza;
Modello di erogazione;
Modalità contrattuali;
Periodo stimato di subentro.
Le restanti forniture da svolgere durante il corso del contratto saranno richieste normate da
successive richieste di intervento a consumo del “volume” previsto per ogni macro classe.
L’insieme delle forniture “immediate” e “a volume” costituisce la fornitura complessiva richiesta.
8.1
Forniture con assegnazione immediata
8.1.1 Prodotti
Nel seguito vengono descritte le forniture immediate relative ai prodotti facendo ricorso alla
seguente struttura descrittiva:


contesto di riferimento: vengono forniti gli elementi necessari a inquadrare il contesto
all’interno del quale viene richiesta la fornitura in oggetto;
caratteristiche e modalità di esecuzione della fornitura: viene descritto cosa (fornitura) è
richiesto dal presente capitolato al fornitore nell’ambito della soluzione finale (prodotto) che
Lombardia Informatica intende realizzare. Vengono inoltre descritte le modalità di
esecuzione richieste per l’esecuzione della fornitura stessa;
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 74 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.

documenti di approfondimento: vengono indicate eventuali fonti documentali per
approfondimenti.
8.1.1.1 Automazione Procedimenti di Erogazione regionali (Bandi)
M ACROCLASSI DI RIFERIMENTO
Sviluppo
Sviluppo di software ad Hoc
CLASSI DI RIFERIMENTO
FASI DI SVILUPPO E MANUTENZIONE
OGGETTO DI ATTIVITÀ DEL FORNITORE
Parametrizzazione e personalizzazione di software/soluzioni
commerciali e/o personalizzazione e riuso di software esistente
Come indicato nelle successive tabelle
AMBITI TECNOLOGICI
Transazionale/ Batch/ Reportistica
AMBITI DI ASSISTENZA
n.a.
MODELLO DI EROGAZIONE
A
MODALITÀ CONTRATTUALI
A corpo
PERIODO STIMATO DI SUBENTRO
2 mesi
I procedimenti di erogazione di contributi e/o finanziamenti da parte di Regione Lombardia sono, in
termini di processo, caratterizzati da un elevato grado di standardizzazione.
Come più approfonditamente descritto nel seguito, per l’automazione di questi procedimenti LI ha
realizzato una piattaforma di erogazione applicativa, denominata GEFO (Gestione Finanziamenti
Online). Sono inoltre impiegati un sistema di monitoraggio e controllo per la reportistica delle
informazioni dei differenti procedimenti denominato Data Warehouse “Erogazione e Sostegno” ed
una piattaforma applicativa di gestione documentale denominata EDMA (Enterprise Document
Management).
L’automazione di un procedimento di erogazione si può considerare come un pacchetto applicativo
costituito dalle automazioni delle singole fasi che lo costituiscono.
L’obiettivo del progetto di seguito introdotto è dunque dato dalla fornitura di una serie di pacchetti
applicativi standardizzati per l’automazione di procedimenti di erogazione (contributi/finanziamenti)
come illustrati nei paragrafi successivi.
Contesto di riferimento
Una delle modalità con cui si esplica l’azione di governo di Regione Lombardia è
l’implementazione, a valere su fondi di finanziamento che possono essere di provenienza
comunitaria, statale e regionale, di procedimenti di erogazione nei confronti di imprese, cittadini ed
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 75 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
enti locali. Come detto, tali procedimenti sono caratterizzati, dal punto di vista del processo, da un
elevato grado di standardizzazione delle loro fasi.

FASE 1: Adesione.
- Programmazione operativa: E’ la fase iniziale in cui vengono raccolte idee ed elementi
utili alla successiva attività di progettazione del procedimento (sottofase “Raccordo con
programmazione strategica economico finanziaria”). Successivamente si procede con il
disegno, la configurazione, l’approvazione e l’emissione dei documenti (bandi, decreti,
altra documentazione) da parte della Unità Organizzativa responsabile del
procedimento (sottofase “Predisposizione emissione Provvedimento”). Questa è la
fase in cui viene effettuata la configurazione del procedimento nel sistema informativo
- Adesione: E’ la fase in cui avviene la raccolta delle domande di adesione al
procedimento dei soggetti attuatori secondo le modalità predefinite nel bando
(Sottofase: “Presentazione Istanze”). In seguito, può intervenire la sottofase
“Perfezionamento Istanze” tramite la consegna di documentazione integrativa utile alla
valutazione di ammissibilità e alla valutazione di merito.
- Recupero da cartaceo: E’ la Fase in cui avviene la raccolta delle domande di adesione
al procedimento dei soggetti attuatori a partire da documentazione cartacea pervenuta
alle strutture competenti;
- Riapertura: E’ la fase in cui avviene la raccolta delle domande di adesione di un
procedimento di erogazione già attivato in anni precedenti e per il quale viene attivata
una nuova annualità;
- Manifestazione di interesse: E’ la fase in cui avviene la raccolta delle domande di
adesione al procedimento di soggetti attuatori utile alla candidatura degli stessi per
futuri procedimenti di adesione;
- Completamento - Atto unico: E’ la fase in cui avviene la raccolta delle domande di
adesione al procedimento di soggetti attuatori utile al completamento di procedimenti
già attivati o specifici per la direzione IFL sul modello DOTE.

FASE 2: Istruttoria.
- Valutazione di ammissibilità (gestione richieste di integrazione): verifica la completezza
della documentazione ricevuta in modo da ammettere o non ammettere la domanda di
finanziamento, con riferimento a parametri sostanziali;
- Valutazione di merito delle istanze ammissibili: in questa fase avviene il riscontro degli
elementi e dei contenuti in grado di determinare una classificazione di merito definita
con un punteggio attribuito alla domanda;
- Valutazione economica: in questa fase avviene il riscontro del preventivo e l’eventuale
rivisitazione degli importi.

FASE 3: Avvio.
- Negoziazione e ripianificazione: attività svolta nei procedimenti che richiedono un
elevato livello di progettualità. Regione Lombardia interviene direttamente o tramite altri
soggetti nella definizione di dettaglio del progetto negoziando con il richiedente le
migliori condizioni per garantire il buon funzionamento dell’intervento;
- Accettazione/avvio: il soggetto attuatore conferma l’adesione al bando a fronte della
quale vengono effettuate le attività di avvio di progetto e di completamento della
documentazione;
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 76 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
-
Liquidazione anticipo: ad avvio progetto può essere prevista l’erogazione dell’anticipo di
finanziamento;
Modulo CUP: E’ la fase in cui vengono rilevate le informazioni utili al rilascio del codice
CUP (Codice Unico di Progetto) propedeutico alla pagabilità dell'intervento;
Modulo DURC: E’ la fase in cui vengono rilevate le informazioni utili al rilascio del
documento durc (Documento Unico Regolarità Contributiva);
Atti: E’ la fase in cui vengono predisposte le bozze di decreto e/o altro documento
contabile propedeutico alla gestione della decretazione su piattaforma EDMA.

FASE 4: Rendicontazione e verifiche di attuazione.
- Rendicontazioni intermedie e finale: fase relativa alle rendicontazioni intermedie, agli
stati di avanzamento del progetto, anche tramite autocertificazioni/certificazioni di spesa
o di avanzamento; a progetto completato può essere effettuata una attività di auditing. Il
soggetto attuatore effettua la rendicontazione finale secondo quanto richiesto dal
bando, al seguito della quale viene erogata la liquidazione finale. Verifica la coerenza,
la correttezza e la completezza della documentazione rilasciata;
- Diario di bordo: in questa fase viene gestita la rendicontazione dei servizi erogati in
adesione, specifico di procedimenti di erogazione sul modello DOTE;
- Pagabiità: in questa fase viene gestita la pagabilità dei servizi erogati sul diario di
bordo, specifico di procedimenti di erogazione sul modello DOTE;
- Monitoraggio: nei bandi comunitari è previsto il monitoraggio periodico
dell’avanzamento della spesa;
- Liquidazione acconti: in corrispondenza degli stati di avanzamento può essere prevista
l’erogazione di liquidazioni intermedie.

FASE 5: Chiusura.
- Chiusura / Conclusione / Scheda attività: Al termine del progetto il richiedente ne
dichiara la chiusura ai fini della richiesta del saldo finale;
- Scheda attività: in questa fase viene gestite le informazioni di dettaglio delle
anagrafiche e delle spese specifico per il mondo DOTE.
- Liquidazione a saldo: in questa fase viene effettuata la quadratura contabile del
progetto erogando gli importi residui o effettuando l’eventuale riscossione delle somme
non spese
- Customer Satisfaction: in questa fase viene rilevato con apposito questionario il livello
di soddisfazione dell’utenza relativa alla linea di finanziamento.

FASE 6: Revoca
- Rinuncia: nel caso in cui il soggetto richiedente dichiara di non poter procedere col
progetto finanziato;
- Revoca: Regione prende atto della rinuncia oppure, in seguito a controlli, verifica
l’inadempienza del soggetto.
Per l’automazione dei procedimenti, LI ha realizzato una piattaforma di erogazione applicativa,
denominata GEFO (Gestione Finanziamenti Online), consentendo così a Regione Lombardia di
ottenere
il trattamento informatico di tutto il ciclo di vita dei processi di erogazione,
dematerializzando il più possibile ogni bando di finanziamento.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 77 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
A valle dei processi di raccolta dei dati nelle varie fasi vi è un sistema di monitoraggio e controllo
(DWH Erogazione e Sostegno), che raccoglie le informazioni dei vari procedimenti e le rende
disponibili in cruscotti direzionali e reportistica.
Inoltre GEFO utilizza la piattaforma di gestione documentale denominata EDMA (Enterprise
Document MAnagement) per servizi di protocollazione, archiviazione, accesso a banche dati
certificate (es. Registro Imprese della Camera di Commercio, Anagrafe Assistiti, etc.), generazione
atti formali.
I progetti relativi ai procedimenti di erogazione sono riferiti a tematiche differenti, e prevedono una
serie di interventi finalizzati che si inseriscono all’interno di un organico percorso di sviluppo delle
Direzioni Generali (DG) e Centrali (DC) regionali che si occupano di erogazioni e finanziamenti a
sostegno di imprese, cittadini ed enti territoriali.
Attualmente tutte le attività relative all’automazione di procedimenti di erogazione vengono decise
di concerto tra la Presidenza di Regione Lombardia (UO Sistemi Informativi e ICT) e le Direzioni
Generali tramite la pianificazione contenuta in un documento denominato Piano Operativo Bandi
(POB) che impone le scadenze di realizzazione e disponibilità dei servizi. Tale Pianificazione è
oggetto di periodico aggiornamento con orizzonte medio di riprogrammazione quadrimestrale.
Il calendario contenuto in tale strumento, supportato dalla piattaforma Polarion rappresenterà il
principale metodo di pianificazione condivisa con il fornitore, ed esprimerà sia il fabbisogno dei
committenti finali (Regione Lombardia) sia la disponibilità di specifiche per l’implementazione di
ciascuna delle fasi sopra illustrate, in relazione alle date di disponibilità dei servizi correlate alle fasi
(es. pagine web di adesione, di rendicontazione, etc.). In relazione a ciò, diventa elemento
fondamentale la disponibilità da parte del fornitore ad aderire ad una ripianificazione maggiormente
dinamica rispetto a progetti di tipo tradizionale, di fatto molto più vicina ad una fornitura di tipo “on
demand” caratterizzata dalla tempestività nel far fronte sia a cambiamenti indotti dalla
ripianificazione stessa1 che a picchi di lavorazione, cioè all’assegnazione di un numero di Bandi, in
un determinato arco temporale, superiore a quello che risulterebbe dal semplice rapporto tra la
quantità totale della fornitura ed il numero dei mesi totali di durata della stessa.
In sintesi, l’automazione di un procedimento di erogazione si può considerare un insieme delle
singole fasi che lo costituiscono.
Di seguito per semplicità tale insieme verrà denominato Bando.
Un Bando, a sua volta è segmentato in differenti deliverables correlabili alle fasi di un
procedimento, come introdotte in precedenza.
Di seguito per comodità ogni deliverables corrispondente ad una fase verrà denominato Slot.
Ciascun Bando è individuato nel Piano Operativo Bandi dal Task relativo alla fase di adesione,
che originerà così lo Slot corrispondente (primo deliverable di un Bando).
Ciascuno Slot è correlato ad un Task del Piano Operativo Bandi e ad un workitem presente sulla
piattaforma Polarion ed è caratterizzato da una data prevista di rilascio.
1
Ad esempio, Bandi già pianificati, per cui magari è già iniziata la realizzazione, che vengono sostituiti da altri ritenuti in un dato istante
più rilevanti da parte di Regione Lombardia.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 78 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Ciascuna fase è articolata in uno o più Slot, a seconda delle esigenze proprie del Bando.
Di seguito una tabella esemplificativa di come ciascuna fase possa dare origine a deliverable,
quindi slot, differenti.
FASI
SLOT
Programmazione operativa e adesione
Recupero da cartaceo
Adesione
Riapertura
Manifestazione di interesse
Completamento - Atto unico
Istruttoria
Istruttoria formale, tecnica, economica e riassuntiva
Negoziazione/Ripianificazione
Accettazione/Avvio
Liquidazione Anticipi
Avvio
CUP
DURC
Atti
Rendicontazione
Diario di bordo
Rendicontazioni e verifica
attuazione
Pagabilità
Monitoraggio
Liquidazione Acconti
Chiusura / Scheda attività
Scheda Attività
Chiusura
Liquidazione Saldo
Customer Satisfaction
Rinuncia
Revoca
Revoca
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 79 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
In aggiunta alla necessità dell’implementazione del bando on line, sono indispensabili altre attività
a supporto del Data Warehouse “Erogazione e Sostegno” (DWH ErSo).
Architettura Logica del sistema
Tutte le tipologie di servizi sono erogati tramite la configurazione e la personalizzazione di una
piattaforma applicativa denominata GEFO (Gestione Finanziamenti OnLine) basata su un sistema
di librerie sviluppate in linguaggio PHP.
La piattaforma condivide tra i vari servizi un modulo unico di registrazione, autenticazione e
profilazione. anche tramite utilizzo di CRS (Carta Regionale dei Servizi), che consente di registrarsi
una sola volta come soggetto fisico, ed accedere volta per volta ai servizi a cui si ha facoltà di
accesso, in funzione della propria appartenenza ad una organizzazione con un determinato ruolo.
Tale piattaforma offre inoltre servizi di interoperabilità tramite Web Services con vari soggetti
coinvolti nei processi, sia per la fornitura e la ricezione di flussi massivi di dati, sia per la attuazione
di una o più fasi di un singolo processo.
Il sistema, infine, utilizza servizi della piattaforma documentale EDMA per la completa gestione
digitale dei documenti gestiti nel processo e per la parte contabile inerente la decretazione
regionale.
Il sistema è quindi idealmente rappresentabile in due macro componenti: Front-end, comprensivo
delle funzionalità di back-office fornite ai gestori; Back-end tramite servizi di base erogati da
EDMA.
Per la descrizione dell’architettura logica si rimanda all’allegato contenente le Schede Prodotto,
ove reperire le descrizioni delle piattaforme GEFO ed EDMA.
Ambiente tecnologico bandi on line
Si faccia riferimento alle schede Prodotto, citate al paragrafo 2.2.4 e riportate in allegato al
presente capitolato.



EDMA - Framework per la gestione delle informazioni;
GEFO - Gestione finanziamenti Online;
GEFO_PB Bandi di erogazione e finanziamento realizzati su piattaforma GEFO.
L’ambiente di DWH
Attualmente il DWH “Erogazione e Sostegno” contiene tutte le informazioni relative erogazioni
regionali. Un ambito specifico riguarda i bandi oggetto dell’invio ad IGRUE (Ispettorato Generale
della Ragioneria dello Stato). Il Quadro Strategico Nazionale (QSN), previsto dal Regolamento
generale sui Fondi strutturali dell'Unione Europea, definisce gli interventi e le strategie di politica
regionale da attuarsi in Italia nel periodo 2007-2013 e ha tra i suoi scopi fondamentali quello di
definire le linee guida del processo di programmazione delle politiche di intervento nonché le
condizioni e le capacità istituzionali per arrivare all’attuazione dei programmi comunitari.
Relativamente a quest’ultimo aspetto (attuazione), il QSN stabilisce i meccanismi di gestione,
sorveglianza, monitoraggio, esecuzione finanziaria e controllo delle iniziative progettuali finanziate.
In particolare i fondi che vengono monitorati dall’IGRUE sono:
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 80 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.




il Fondo Sviluppo Europeo (FSE);
il Fondo Europeo Sviluppo Regionale (FESR);
il Fondo cooperazione internazionale Italia-Svizzera (Interreg);
il Programma Attuativo Regionale di Sviluppo e Coesione (PAR-FSC), ulteriore strumento
di finanziamento per la realizzazione degli obiettivi di coesione comunitaria, includendolo
quindi tra i Fondi sottoposti a controllo da parte delle Autorità Centrali, nazionali e
comunitarie.
L’architettura del DWH “Erogazione e Sostegno” vede come suoi obiettivi non solo la generazione
di un’unica fonte di invio dei dati di monitoraggio ad IGRUE, ma anche:


la standardizzazione dei modelli di gestione dei progetti di investimento regionale (PRSQSN);
la definizione di regole volte alla certificazione e all’aumento generale della qualità del dato.
IGRUE
Fornisce non solo un tracciato di informazioni obbligatorie (protocollo) su cui dovrà effettuare il
monitoraggio, ma anche delle “tabelle di contesto” contenenti l’elenco delle codifiche per i campi
del protocollo per i quali sono necessarie. Fornisce inoltre un Manuale dei Controlli che IGRUE
applica in fase di pre-validazione dei dati.
Nella figura che segue è rappresentato lo schema dell’architettura implementata, di cui viene
richiesta nell’attuale capitolato la sola alimentazione dall’origine dati verso l’area di staging di primo
livello.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 81 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Schema Architetturale Implementato
Per quanto riguarda le procedure di caricamento dati da GeFO verso il DWH ErSo, è necessario
individuare in fase di analisi dei requisiti le informazioni dei Procedimenti che sono obbligatorie per
le attività di monitoraggio e che specificano le seguenti aree tematiche:







anagrafica progetti;
anagrafica beneficiari;
pianificazione finanziaria;
contabilità (impegni e pagamenti);
indicatori procedurali;
indicatori fisici;
indicatori di monitoraggio.
Inoltre alcune delle informazioni opportunamente mappate mediante il protocollo di colloquio e le
tabelle di contesto del QSN, forniscono al DWH ErSo le codifiche necessarie al trasferimento dati
verso IGRUE e verso il cruscotto direzionale.
Per gli approfondimenti si faccia riferimento ai seguenti documenti disponibili in allegato al
presente capitolato:




Protocollo di Colloquio IGRUE
(Bandi_05_ MON_QSN_Appl; Bandi_06_
MON_QSN_Collq);
Protocollo Applicativo IGRUE (Bandi_05_ MON_QSN_Appl);
Glossario dei dati da trasmettere al Sistema Nazionale di Monitoraggio
(Bandi_07_MON_QSN_GLOSS);
Manuale dei controlli di validazione dei programmi del Q.S.N. (Bandi_08_
MON_QSN_Control).
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 82 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
In generale, il set di informazioni identificate per gli interventi oggetto di monitoraggio per il QSN, è
necessario anche per quelli a finanziamento totalmente regionale oggetto di programmazione
PRS.
Lo schema concettuale del DWH ErSo è schematizzato nella seguente figura:
Schema concettuale del DWH ErSo
Nell’ETL di primo livello vengono svolte le seguenti funzioni:
IGRUE:




Implementazione e verifica viste di estrazione dati: le viste trasformeranno le informazioni
dei progetti del bando Gefo nelle informazioni necessarie all’invio del progetto ad IGRUE, in
tutte le sue fasi procedurali, secondo specifiche del protocollo Ministero (IGRUE);
Caricamento progetti nel Socket IGRUE secondo le specifiche del protocollo ristretto;
Caricamento progetti nel Framework GEFO_DWH (ulteriore area di staging del DWH).
Elaborazione di tutti i controlli di coerenza e validità secondo le specifiche IGRUE;
Elaborazione del documento errori.
PRS:


Implementazione e verifica viste di estrazione dati: le viste trasformeranno le informazioni
necessarie all’alimentazione del DWH ERSO;
Caricamento progetti nel Framework GEFO_DWH (ulteriore area di staging del DWH).
Oggetto della fornitura è l’implementazione dei punti IGRUE-1, PRS-1 e l’analisi degli errori esposti
dal documento prodotto nel punto IGRUE-4; il ciclo verrà iterato fino a quando il punto IGRUE-4
produrrà zero errori. Le viste dovranno essere verificate durante l’intero ciclo di vita del bando, cioè
per ogni fase e slot che caratterizzano i procedimenti di erogazione.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 83 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Con il termine “Socket” abbiamo indicato l’insieme di viste/tabelle che in modo standardizzato,
alimentano uno strato informativo nel quale sono già state normalizzate e omogeneizzate le
informazioni che dovranno arrivare al DWH, e dal quale partono le procedure ETL di primo e
secondo livello.
Caratteristiche e modalità di esecuzione della fornitura
L’oggetto della fornitura riguarda le seguenti attività:






supporto a LI nell’individuazione delle esigenze di Regione Lombardia e definizione dei
requisiti utente;
definizione delle specifiche funzionali e di interfaccia (Macroclasse Sviluppo);
progettazione tecnica, comprensiva della modellazione logica e fisica della base dati
(Macroclasse Sviluppo);
realizzazione, comprensiva dell’evidenza dei test effettuati (Macroclasse Sviluppo);
rilascio nell’ambiente di Integrazione Tecnica o in altro ambiente di validazione che LI
metterà a disposizione (Macroclasse Sviluppo);
supporto a LI per assicurare la coerenza tra requisiti e implementazione.
L’obiettivo è dato dalla fornitura di un numero di slot per l’automazione di procedimenti di
erogazione (contributi/finanziamenti) come illustrato in precedenza.
Tale numero è stimato in 30 Bandi, da fornirsi nell’arco della validità della fornitura, in funzione del
Piano Operativo Bandi e dei suoi periodici aggiornamenti.
La fornitura di ciascuno Slot è caratterizzata da una opportuna configurazione di un modulo
parametrico della piattaforma GEFO, oppure da uno sviluppo ad hoc che, per le caratteristiche
intrinseche della piattaforma stessa, ha comunque una variabilità limitata tra Slot analoghi (riferiti
quindi alla medesima fase) di Bandi differenti. Si precisa che nel perimetro della fornitura è inclusa
l’alimentazione, per ogni slot e per ogni pacchetto applicativo, dei socket relativi al Dwh ErSo così
come specificato nel paragrafo: “L’ambiente di DWH”.
Non tutti i Task del Piano Operativo Bandi riguarderanno Bandi da realizzare nell’ambito della
presente fornitura immediata; tali Task saranno quindi oggetto di specifiche Richieste di Intervento
da attivarsi secondo le modalità descritte nel PQ.
Si richiede che, nel corso della fornitura, il fornitore determinerà e attuerà, previa autorizzazione di
Lombardia Informatica e senza oneri economici aggiuntivi, un piano di interventi volti
all’ottimizzazione della piattaforma esistente mediante l’individuazione e conseguente riduzione
delle ridondanze funzionali, di componentistica, di base dati a vantaggio dell’efficienza e scalabilità
del sistema e della correttezza del dato.
Definizione delle specifiche funzionali
Le principali attività previste in questa fase sono:

supporto alla produzione dei documenti di definizione dei requisiti per ogni singolo slot di un
bando;
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 84 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.



redazione e successiva revisione, entro i tempi di volta in volta stabiliti, del documento di
analisi funzionale qualora LI, dopo averlo esaminato, indichi la necessità di apportarvi
modifiche, aggiunte o correzioni.
condivisione del documento di specifiche funzionali con i referenti di Regione Lombardia;
verifica di coerenza tra requisiti e implementazione.
Oltre agli incontri con i referenti di Regione, esistono alcuni documenti fondamentali (forniti sempre
da Regione) su cui si deve basare la raccolta dei requisiti e la stesura delle specifiche funzionali.
Questi documenti sono:



Decreto Regionale di approvazione del Bando;
Testo del bando;
Modulo di adesione.
Mentre il Decreto formalizza l’approvazione del bando da parte di Regione, il testo del bando
contiene, fra l’altro, le indicazioni relative ai “vincoli” imposti dal bando stesso come ad esempio i
soggetti beneficiari ammessi, le caratteristiche dell’intervento finanziario, le tempistiche, le tipologie
di spesa ammissibili, gli allegati obbligatori. Uno degli obiettivi dell’analisi dei requisiti è quello di
tradurre questi “vincoli” in controlli sui dati che il sistema informatico dovrà implementare. Il testo
del bando generalmente descrive tutte le fasi previste dal bando, dall’adesione, all’istruttoria fino
alla rendicontazione finale.
Il modulo di adesione fornisce invece molte indicazioni sui “dati” che sono richiesti al soggetto
richiedente in fase di adesione, che rappresenta una delle fasi più critiche del bando.
Validazione dei requisiti
Al termine del ciclo di sviluppo è prevista una fase di validazione dei requisiti da effettuare con i
referenti di Regione. L’obiettivo principale di questa fase è quello di “vedere” assieme ai referenti
Regionali quanto è stato implementato, per verificarne assieme la corrispondenza con le esigenze
raccolte all’inizio del processo. Tipicamente questa fase si svolge effettuando una navigazione del
sistema che ripercorre tutti i punti principali che caratterizzano il bando (dati richiesti, vincoli,
controlli, etc.). In questa fase deve essere garantito il massimo supporto consulenziale a Regione
al fine di spiegare il funzionamento del sistema e le logiche che questo implementa, traducendole
dal linguaggio “informatico” a quello più formale tipicamente utilizzato nel testo del bando.
Vincoli
Si precisa che all’interno delle attività di subentro sarà responsabilità del fornitore attivarsi per
acquisire la conoscenza dei seguenti prodotti:




EDMA - Framework per la gestione delle informazioni;
GEFO - Gestione finanziamenti ONLINE;
GEFO_PB Bandi di erogazione e finanziamento;
DWH Erogazione e Sostegno.
Piano attivita’ di sviluppo
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 85 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
All’attivazione della fornitura verrà condivisa l’edizione del Piano Operativo Bandi oppure quanto
pianificato in Polarion in vigore in quella data. Ciò costituirà il primo set di pianificazione della
fornitura, in quanto all’interno del POB/Polarion saranno fornite, per ogni Slot, le date di rilascio
condivise con Regione. Fissate tali date, che in quanto imposte da Regione non potranno essere
modificate se non attraverso una nuova versione del POB/Polarion, l’inizio lavori deve
necessariamente avvenire con un anticipo minimo rispetto alla “data di rilascio condivisa nel
POB/Polarion”, al fine di svolgere correttamente tutte le fasi previste dal processo di
implementazione.
Le attività sotto descritte si intendono da erogare per ciascuno Slot che costituisce un bando. Le
attività affidate al fornitore, per ciascuno Slot, sono esplicitate nella tabella sottostante.
FASE
Requisiti
Progettazione
Realizzazione e
Test del software
ATTIVITÀ
RESPONSABILITÀ
Definizione dei requisiti
Lombardia Informatica
Analisi e definizione delle specifiche funzionali e di
interfaccia
Fornitore
Definizione delle specifiche tecniche del software
Fornitore
Progettazione fisica della base dati
Fornitore
Definizione del piano dei test di sviluppo
Fornitore
Progettazione e Realizzazione test di carico
Fornitore
Realizzazione del software
Fornitore
Test di Sviluppo
Fornitore
Rilascio in ambiente di validazione
Fornitore
Test di preintegrazione con cliente
Lombardia Informatica
Compilazione artefatti
Lombardia Informatica
Accettazione ed
Verifica di conformità agli standard e linee guida di Sviluppo
Integrazione tecnica
Lombardia Informatica
Accettazione software
Lombardia Informatica
Pianificazione Test di Integrazione
Lombardia Informatica
Esecuzione Test di Integrazione
Lombardia Informatica
Per ciascun Slot potranno essere applicabili le Milestone riportate nella tabella seguente. In tale
tabella la colonna di destra riporta il numero di giorni solari massimo che può trascorrere tra la data
di consegna del documento di definizione dei requisiti relativi ad uno Slot e la data di effettiva
validazione interna in coerenza con la pianificazione del POB/Polarion.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 86 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Le attività da svolgere congiuntamente con LI dovranno essere pianificate di volta in volta,
garantendo la necessaria flessibilità al fine di garantire comunque il rispetto della data di rilascio
POB/Polarion.
MILESTONE
MLS-SVI-a
DESCRIZIONE
Programmazione operativa e adesione

Adesione
20 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot

Recupero da cartaceo
15 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot

Riapertura
15 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot

Completamento - Atto unico
10 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot
MLS-SVI-b
Istruttoria formale, tecnica ed economica
MLS-SVI -c
Avvio
MLS-SVI -d
TEMPISTICA (GG)
20 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot

Negoziazione/Ripianificazione
15 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot

Accettazione/Avvio
10 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot

Liquidazione Anticipi
10 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot

CUP
10 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot

DURC
10 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot

Atti
10 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot
Rendicontazione e verifica attuazione

Rendicontazione
15 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot

Diario di bordo
10 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot

Pagabilità
10 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 87 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
MILESTONE
MLS-SVI -e
MLS-SVI –f
DESCRIZIONE
TEMPISTICA (GG)

Monitoraggio
10 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot

Liquidazione Acconti
15 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot
Chiusura

Chiusura/Conclusione/Scheda Attività
10 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot

Liquidazione Saldo
15 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot

Customer Satisfaction
10 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot
Revoca

Rinuncia
10 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot

Revoca
10 giorni dalla consegna dei
requisiti dello slot
Proprio per la particolarità della lavorazione da parte di Regione Lombardia dei procedimenti di
erogazione, LI non è in grado di stabilire a priori la tempistica che può intercorrere tra la
realizzazione di uno Slot e l’altro relativamente ad un singolo Bando.
In relazione a questo fenomeno l’accettazione della consegna e la conclusione con esito positivo
della attività di Integrazione Tecnica di ciascuno Slot rilasciato darà origine ad una
consuntivazione ai fini della fatturazione.
Ambienti di sviluppo
Per lo sviluppo gli ambienti sono a carico del fornitore.
Composizione del team di lavoro
Per la Macro Classe Sviluppo, come già indicato nel paragrafo 5.1.2.3 il fornitore:


dovrà impiegare un mix di figure professionali tale da garantire che, almeno il 40%
dell’impegno sia erogato da project manager, analisti funzionali e analisti progettisti;
dovrà assicurare, durante l’intera durata contrattuale, l’adeguata consistenza del gruppo di
lavoro in relazione al carico di lavoro.
Si richiede, inoltre, che del team di sviluppo sia costantemente parte la seguente figura:

n.1 analista progettista con approfondite competenze DB Oracle 11g e successive e di
programmazione PL/SQL.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 88 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Altre caratteristiche della fornitura
Per quanto riguarda:





procedure di coordinamento con i referenti LI;
sede di riferimento;
orari di lavoro;
dotazioni;
livelli di servizio;
si rimanda al PQ e a quanto già previsto nel presente CT.
Durata della fornitura
Le attività sopra esposte dovranno svolgersi nel rispetto dei vincoli precedentemente indicati e a
partire dalla data di attivazione che verrà comunicata successivamente alla stipula del contratto
con LI, e per tutta la durata dello stesso, e comunque fino alla chiusura di tutti gli interventi attivati
nel corso del contratto, secondo le modalità indicate al paragrafo 5.3 e nel PQ.
Documenti di approfondimento







Bandi_01: Bandi_01_Testo Bando: Esempio di bando da informatizzare;
Bandi_03: Bandi_03_Esempi_moduli: Esempi di modulistiche da pubblicare on-line;
Bandi_04: Bandi_04_Doc_Req: Esempio di documenti per la raccolta dei requisiti;
Bandi_05: Bandi_05_ MON_QSN_Appl: Monitoraggio QSN - Protocollo applicativo;
Bandi_06: Bandi_06_ MON_QSN_Collq: Protocollo di colloquio;
Bandi_07: Bandi_07_MON_QSN_GLOSS: Monitoraggio QSN – Glossario;
Bandi_08: Bandi_08_ MON_QSN_Control: Monitoraggio QSN - Controlli di pre-validazione.
8.1.2 Servizi
Nel seguito vengono descritte le forniture immediate relative ai servizi facendo ricorso alla
seguente struttura descrittiva:



Contesto di riferimento: vengono forniti gli elementi necessari a inquadrare il contesto
all’interno del quale viene richiesta la fornitura in oggetto.
Caratteristiche e modalità di esecuzione della fornitura: viene descritto cosa è richiesto dal
presente capitolato al fornitore nell’ambito della soluzione finale (servizio) che Lombardia
Informatica intende realizzare. Vengono inoltre descritte le modalità di esecuzione richieste
per l’esecuzione della fornitura stessa.
Documenti di approfondimento: vengono indicati eventuali fonti documentali per
approfondimenti.
8.1.2.1 Manutenzione
Macroclassi di riferimento
Classi di riferimento
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Manutenzione
Manutenzione adeguativa
Manutenzione correttiva
Pagina 89 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Piccola MEV
Fasi di sviluppo e manutenzione
oggetto di attività del fornitore
Come evidenziato nelle successive tabelle
Ambiti tecnologici
Transazionale/Batch/reportistica
Enterprise
Ambiti di assistenza
n.a.
Modello di erogazione
A
Modalità contrattuali
A canone
Periodo stimato di subentro
2 mesi
e
Piattaforme
Specialistiche
Nel presente paragrafo sono fornite le informazioni necessarie alla formulazione dell’offerta per gli
ambiti di manutenzione per i quali è prevista la modalità di fornitura “a canone”.
Contesto di riferimento
In generale, il contesto di riferimento è descritto nel paragrafo 5.2 del presente documento.
Al fine di fornire ulteriori indicazioni sull’attività di manutenzione necessaria per ambiti di
manutenzione oggetto del servizio, vengono nel seguito forniti il numero di giornate di
manutenzione erogate annualmente per ambito di manutenzione rispetto al mix di risorse
professionali indicato di seguito e il valore patrimoniale espresso in Function Point (FP) delle
applicazioni che rientrano nell’ambito di manutenzione.
Cod.
Ambito
AM-SRLT-01
AM-SRLT-03
AM-SRLT-11
AM-SRLT-13
AM-SRLT-18
Descrizione Ambito
Data avvio
Tran
s. /
batc
h/
repo
rt.
SIARL - Sistema
Informativo Agricolo
Regione Lombardia
1° Trimestre
da stipula
contratto
X
Tributi ed Entrate
1° Trimestre
da stipula
contratto
X
1° Trimestre
da stipula
contratto
X
Procedimenti di
Erogazione
1° Trimestre
da stipula
contratto
X
SISCO - Nuovo SIARL
1° Trimestre
da stipula
contratto
X
Modulistica on-line
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Piattaf.
Special.
Ent.
gg. di
manutenzione
erogate nel
2013
Valore
Patrimon. In
FP
2013
820
5.930
940
3.932
425
5.303
1.000
332
840
3.075
X
Pagina 90 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Cod.
Ambito
Descrizione Ambito
AM-SRLT-22
AM-SRLT-28
Istruzione e Lavoro
Borsa Lavoro e
Comunicazioni
Obbligatorie
Data avvio
Tran
s. /
batc
h/
repo
rt.
1° Trimestre
da stipula
contratto
X
1° Trimestre
da stipula
contratto
X
Piattaf.
Special.
Ent.
gg. di
manutenzione
erogate nel
2013
Valore
Patrimon. In
FP
2013
540
1.324
270
1.281
Si precisa inoltre che storicamente per l’attività è stato impiegato il seguente mix di risorse
professionali:





Project Manager:
Analista Funzionale:
Analista Progettista:
Progettista di Data Base:
Analista Programmatore:
5%;
10%;
30%;
10%;
45%.
Caratteristiche e modalità di esecuzione della fornitura
Si richiede un servizio continuativo in modalità “a canone” per le classi di riferimento suindicate e
relativamente agli ambiti indicati nella tabella seguente. Nella tabella sono indicate, per ogni
ambito, le caratteristiche del servizio richieste.
Ambito di
Manutenzion
e
AM-SRLT-01
AM-SRLT-03
Giorni di
copertur
a
Descrizione
Ambito
Orario del
servizio
Periodo
Straordinari
Reperibilit
% gg in
attivazione
Notturni/Fes
1
à
trasferta
1
previsto
tivi
(annuale)
(annuale)
(annuale)
SIARL - Sistema Lun-Ven
Informativo Agricolo
Regione Lombardia
8.30-18.00
1° Trim. Da
stipula
contratto
12 GG PP
Lun-Ven
8.30-18.00
1° Trim. Da
stipula
contratto
12 GG PP
Lun-Ven
8.30-18.00
1° Trim. Da
stipula
contratto
12 GG PP
di Lun-Ven
8.30-18.00
1° Trim. Da
stipula
24 GG PP
Tributi ed Entrate
AM-SRLT-11
Modulistica on-line
AM-SRLT-13
Procedimenti
Erogazione
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 91 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Ambito di
Manutenzion
e
Descrizione
Ambito
Giorni di
copertur
a
Orario del
servizio
Periodo
Straordinari
Reperibilit
% gg in
attivazione
Notturni/Fes
1
à
trasferta
1
previsto
tivi
(annuale)
(annuale)
(annuale)
contratto
AM-SRLT-14
Procedimenti
Documentali
AM-SRLT-18
SISCO
SIARL
-
Nuovo
AM-SRLT-22
Istruzione e Lavoro
AM-SRLT-28
Borsa Lavoro e
Comunicazioni
Obbligatorie
Nota 1
Lun-Ven
8.30-18.00
1° Trim. Da
stipula
contratto
12 GG PP
Lun-Ven
8.30-18.00
1° Trim. Da
stipula
contratto
12 GG PP
Lun-Ven
8.30-18.00
1° Trim. Da
stipula
contratto
12 GG PP
Lun-Ven
8.30-18.00
1° Trim. Da
stipula
contratto
12 GG PP
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con opportuno
anticipo
La fornitura richiesta deve rispettare in particolare le modalità di esecuzione riportate al paragrafo
5.2.2 del presente documento. Nel seguito vengono fornite alcune precisazioni utili ai fini della
presentazione dell’offerta.
La fornitura dovrà inoltre garantire il rispetto di tutti i requisiti applicabili (di prodotto, di processo e
organizzativi, di sicurezza e privacy,…) tenendo conto anche di quanto specificatamente previsto
nel presente documento.
Attività
Nella seguente tabella sono indicate le attività previste e le relative competenze per ognuno degli
ambiti di manutenzione definiti.
Ambito di
Descrizione Ambito
Manutenzione
Progettazione
Realizzazione Test
Analisi e
definizione
specifiche
funzionali e
di interfaccia
Definizione
Definizione
delle
del piano
specifiche
Realizzazione
dei test e
tecniche
e Test
checklist di
del
sviluppo
software
AM-SRLT-01
SIARL - Sistema Informativo
Agricolo Regione Lombardia
Fornitore
Fornitore
Fornitore
Fornitore
AM-SRLT-03
Tributi ed Entrate
Fornitore
Fornitore
Fornitore
Fornitore
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 92 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Ambito di
Descrizione Ambito
Manutenzione
Progettazione
Realizzazione Test
Analisi e
definizione
specifiche
funzionali e
di interfaccia
Definizione
Definizione
delle
del piano
specifiche
Realizzazione
dei test e
tecniche
e Test
checklist di
del
sviluppo
software
AM-SRLT-11
Modulistica on-line
Fornitore
Fornitore
Fornitore
Fornitore
AM-SRLT-13
Procedimenti di Erogazione
Fornitore
Fornitore
Fornitore
Fornitore
AM-SRLT-14
Procedimenti Documentali
Fornitore
Fornitore
Fornitore
Fornitore
AM-SRLT-18
SISCO - Nuovo SIARL
Fornitore
Fornitore
Fornitore
Fornitore
AM-SRLT-22
Istruzione e Lavoro
Fornitore
Fornitore
Fornitore
Fornitore
AM-SRLT-28
Borsa
Lavoro
e
Comunicazioni Obbligatorie
Fornitore
Fornitore
Fornitore
Fornitore
Composizione del gruppo di lavoro
Come indicato al paragrafo 5.1.2.3 del presente documento, il fornitore:


dovrà impiegare un mix di figure professionali tale da garantire che, almeno il 40%
dell’impegno sia erogato da project manager, analisti funzionali e analisti progettisti;
dovrà assicurare, durante l’intera durata contrattuale, l’adeguata consistenza del gruppo di
lavoro in relazione al carico di lavoro.
Altre caratteristiche della fornitura
Per quanto riguarda:




procedure di coordinamento con i referenti LI;
sede di riferimento;
dotazioni;
livelli di servizio;
si rimanda al Piano di Qualità.
Si precisa che l’attività ordinaria sarà svolta presso la sede del Fornitore. Sono previsti frequenti
allineamenti ed attività di verifica dello stato avanzamento lavori: per queste attività sarà richiesta
la presenza del Referente del Fornitore presso la sede di LI, con il supporto del personale del
Fornitore coinvolto nell’esecuzione delle attività.
Durata della fornitura
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 93 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Le attività sopra esposte dovranno svolgersi a partire dalla data di attivazione che verrà
comunicata successivamente alla stipula del contratto con LI, e per tutta la durata dello stesso,
secondo le modalità indicate al paragrafo 5.2 del presente documento e nel PQ.
Documenti di approfondimento
Allegato Prodotti.
8.1.2.2 Assistenza Funzionale dei servizi Fondi ed Erogazioni (Ambito AF-L3-01)
Macroclassi di riferimento
Assistenza
Classi di riferimento
Assistenza Funzionale
Fasi di sviluppo e manutenzione
oggetto di attività del fornitore
n.a.
Ambiti tecnologici
n.a.
Ambiti di assistenza
AF-L3-01
Modello di erogazione
A
Modalità contrattuali
A canone
Periodo stimato di subentro
2 mesi
Contesto di riferimento
Questo ambito comprende tutte le attività a supporto del processo di erogazione e sostegno rivolto
ad imprese, cittadini ed enti locali e sostenute attraverso fondi regionali, statali e comunitari.
L’attività riguarda trasversalmente varie Direzioni Generali Regionali.
I bandi sono gestiti principalmente utilizzando il sistema informativo GEFO, una parte residuale
viene ancora gestita tramite la piattaforma SGIA.
Viene innanzitutto gestita la fase di adesione al bando da parte dell’impresa, dell’ente o della
persona fisica, tramite la compilazione di pagine on-line che contengono già a monte gran parte
dei controlli di ammissibilità dei progetti stessi. Ogni progetto viene presentato e protocollato
direttamente dal sistema.
Successivamente alla fase di adesione, il sistema viene utilizzato da diversi enti gestori per
l’istruttoria (Regione Lombardia, Finlombarda, ARIFL, amministrazioni provinciali, etc.) a seconda
della tipologia di bando.
Per ottenere i finanziamenti, i soggetti richiedenti sono tenuti a dichiarare le spese sostenute,
utilizzando opportuni formulari del sistema. Dall’apposito strumento di back-office, Regione
Lombardia è in grado di controllare le richieste e dare il nulla osta al pagamento dei beneficiari.
Nell’ambito rientrano i sistemi:


FIP: strumento finanziario regionale diretto a sostenere la realizzazione dei progetti
infrastrutturali a carattere intersettoriale e sono quelli coerenti con gli obiettivi del P.R.S;
FRISL: strumento finanziario regionale integrato diretto a promuovere e sostenere le
iniziative di sviluppo e di ammodernamento delle infrastrutture sociali della Lombardia.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 94 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.

L'intervento finanziario del FRISL consiste nell'erogazione di contributi in capitale da
rimborsare in 20 anni senza interessi;
MONTAGNA: strumento finanziario regionale diretto a sostenere la realizzazione di
interventi per lo sviluppo della montagna in favore della popolazione dei territori montani.
Elementi dimensionali
Si forniscono le seguenti informazioni:


Nel 2013 sono stati gestiti circa 2500/3000 ticket al mese;
Attualmente il servizio è erogato da un gruppo di lavoro così composto:
-
11 Assistenti Funzionali;
-
2 Team Leader Assistenza Funzionale operativi.
Caratteristiche e modalità di esecuzione della fornitura
Si richiede un servizio continuativo in modalità “a canone”.
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano il servizio richiesto
(per la spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Ambito di
Assistenza
Descrizione
Ambito
Giorni di
copertura
AF- L3 -01
Assistenza
Funzionale dei
servizi Fondi ed
Erogazioni
Lun-Ven
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
Notturni/Festivi trasferta
del attivazione
(annuale)
(annuale)
(annuale)
previsto
servizio
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
-
10 GG PP
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
opportuno anticipo
Nota 1
La fornitura richiesta deve rispettare le caratteristiche generali previste ed in particolare le modalità
di esecuzione riportate al paragrafo 5.3.2. Nel seguito vengono fornite alcune precisazioni utili ai
fini della presentazione dell’offerta.
Attività
Per la descrizione delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.2 .
Nel contesto particolare dell’ambito le attività svolte dall’Assistenza sono:





supporto al I livello di Assistenza per la gestione delle segnalazioni da parte di cittadini,
Imprese, Enti e utenti regionali;
supporto agli utenti regionali per quanto riguarda l’utilizzo del sistema;
attivazione della tracciatura del nuovo bando negli strumenti a supporto dell’Assistenza;
supporto alla predisposizione della manualistica utente, per il gruppo stesso di Assistenza e
per il I livello;
abilitazioni di utenze e gestione della base dati in termini di aggiornamenti puntuali;
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 95 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.

test funzionali antecedenti al rilascio in produzione di nuove funzioni.
Sono inoltre compresi nell’ambito le attività di assistenza relative ai sistemi FIP, FRISL e
Montagna.
Composizione del team di lavoro
Le attività definite devono essere erogate da risorse rispondenti ai profili professionali di Assistente
Funzionale e Team Leader Assistente Funzionale.
Il fornitore dovrà assicurare un numero di risorse adeguato ai fini dell’erogazione del servizio sulla
base agli elementi forniti nel presente capitolato e tenendo conto dei requisiti in tal senso forniti nel
CT e nel PQ.
Altre caratteristiche della fornitura
Per quanto riguarda:


procedure di coordinamento con i referenti LI;
livelli di servizio;
si rimanda al PQ e a quanto già previsto in precedenza.
Durata della fornitura
Le attività sopra esposte dovranno svolgersi a partire dalla data di attivazione che verrà
comunicata successivamente alla stipula del contratto con LI, e per tutta la durata dello stesso,
secondo le modalità indicate al paragrafo 5.3 del CT e nel PQ.
Documenti di approfondimento
N.A.
8.1.2.3 Gestione dei servizi Fondi ed Erogazioni (Ambito GS-L3-02)
Macroclassi di riferimento
Assistenza
Classi di riferimento
Gestione del Servizio
Fasi di sviluppo e manutenzione
oggetto di attività del fornitore
n.a.
Ambiti tecnologici
n.a.
Ambiti di assistenza
GS-L3-02
Modello di erogazione
A
Modalità contrattuali
A canone
Periodo stimato di subentro
2 mesi
Contesto di riferimento
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 96 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Questo ambito comprende tutte le attività a supporto del processo di erogazione e sostegno rivolto
ad imprese, cittadini ed enti locali e sostenute attraverso fondi regionali, statali e comunitari.
L’attività riguarda trasversalmente varie Direzioni Generali Regionali.
I bandi sono gestiti principalmente utilizzando il sistema informativo GEFO, una parte residuale
viene ancora gestita tramite la piattaforma SGIA.
Viene innanzitutto gestita la fase di adesione al bando da parte dell’impresa, dell’ente o della
persona fisica, tramite la compilazione di pagine on-line che contengono già a monte gran parte
dei controlli di ammissibilità dei progetti stessi. Ogni progetto viene presentato e protocollato
direttamente dal sistema.
Successivamente alla fase di adesione, il sistema viene utilizzato da diversi enti gestori per
l’istruttoria (Regione Lombardia, Finlombarda, ARIFL, amministrazioni provinciali, etc.) a seconda
della tipologia di bando.
Per ottenere i finanziamenti, i soggetti richiedenti sono tenuti a dichiarare le spese sostenute,
utilizzando opportuni formulari del sistema. Dall’apposito strumento di back-office, Regione
Lombardia è in grado di controllare le richieste e dare il nulla osta al pagamento dei beneficiari.
Nell’ambito rientrano i sistemi:



FIP: strumento finanziario regionale diretto a sostenere la realizzazione dei progetti
infrastrutturali a carattere intersettoriale e sono quelli coerenti con gli obiettivi del P.R.S;
FRISL: strumento finanziario regionale integrato diretto a promuovere e sostenere le
iniziative di sviluppo e di ammodernamento delle infrastrutture sociali della Lombardia.
L'intervento finanziario del FRISL consiste nell'erogazione di contributi in capitale da
rimborsare in 20 anni senza interessi;
MONTAGNA: strumento finanziario regionale diretto a sostenere la realizzazione di
interventi per lo sviluppo della montagna in favore della popolazione dei territori montani.
Elementi dimensionali
Si forniscono le seguenti informazioni:

Attualmente il servizio è erogato da un gruppo di lavoro così composto:
-
2 Gestori del Servizio (tra cui un esperto di Business Object e un esperto SQL
per reportistica );
-
1 Team Leader di Gestione del Servizio.
Caratteristiche e modalità di esecuzione della fornitura
Si richiede un servizio continuativo in modalità “a canone”.
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano il servizio richiesto
(per la spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 97 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Ambito di
Assistenza
GS- L3 -02
Descrizione
Ambito
Giorni di
copertura
Gestione dei servizi
Fondi ed
Lun-Ven
Erogazioni
Nota 1
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
attivazione
Notturni/Festivi
trasferta
del
(annuale)
(annuale)
(annuale)
servizio previsto
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
-
25 GG PP
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
opportuno anticipo
La fornitura richiesta deve rispettare le caratteristiche generali previste ed in particolare le modalità
di esecuzione riportate al paragrafo 5.3.2. Nel seguito vengono fornite alcune precisazioni utili ai
fini della presentazione dell’offerta.
Attività
Per la descrizione delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.1 .
Nel contesto particolare dell’ambito le attività svolte dalla Gestione sono:



creazione della reportistica per i dati di consuntivo sulle segnalazioni ricevute a chiusura del
bando;
monitoraggio della disponibilità delle varie componenti dei servizi;
validazione funzionale delle componenti applicative;
Sono inoltre compresi nell’ambito le attività di gestione relative ai sistemi FIP, FRISL e Montagna.
Composizione del team di lavoro
Le attività definite devono essere erogate da risorse rispondenti ai profili professionali di Gestore
del Servizio e Team Leader Gestore del Servizio tra queste dovrà essere previsto un gruppo di
risorse con specifiche conoscenze di Business Object e di SQL per la parte di reportistica.
Il fornitore dovrà assicurare un numero di risorse adeguato ai fini dell’erogazione del servizio sulla
base agli elementi forniti nel presente capitolato e tenendo conto dei requisiti in tal senso forniti nel
CT e nel PQ.
Altre caratteristiche della fornitura
Per quanto riguarda:


procedure di coordinamento con i referenti LI;
livelli di servizio;
si rimanda al PQ e a quanto già previsto in precedenza.
Durata della fornitura
Le attività sopra esposte dovranno svolgersi a partire dalla data di attivazione che verrà
comunicata successivamente alla stipula del contratto con LI, e per tutta la durata dello stesso,
secondo le modalità indicate al paragrafo 5.3 del CT e nel PQ.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 98 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Documenti di approfondimento
N.A.
8.1.2.4 Assistenza Funzionale e Gestione del servizio SIARL/SISCO (Ambito AG-L3-03)
Macroclassi di riferimento
Assistenza
Classi di riferimento
Assistenza Funzionale e Gestione del Servizio
Fasi di sviluppo e manutenzione
oggetto di attività del fornitore
n.a.
Ambiti tecnologici
n.a.
Ambiti di assistenza
AG-L3-03
Modello di erogazione
A
Modalità contrattuali
A canone
Periodo stimato di subentro
2 mesi
Contesto di riferimento
Il Sistema Informativo dell’Agricoltura della Regione Lombardia – SIARL svolge un ruolo
fondamentale per l’Amministrazione Regionale, supportando i procedimenti di erogazione per le
varie domande di finanziamento a favore delle imprese del settore agricolo, sulla base degli
strumenti comunitari, nazionali e regionali a disposizione per sostenere le aziende agricole del
territorio lombardo.
Il Sistema Informativo dell’ Agricoltura della Regione Lombardia si configura come un sistema
informativo di stampo gestionale composto dai seguenti principali servizi:





SIARL – Portale e servizi applicativi del Sistema Informativo Agricolo di Regione Lombardia
(presentazione delle domande, istruttoria, liquidabilità domanda);
ELEPAG – Sistemi di gestione elenchi di pagamento;
SIPAG – Sistema di autorizzazione, esecuzione e contabilizzazione dei pagamenti;
GIS – Sistema di gestione delle mappe catastali e delle ortofoto;
SISCO – Sistema di gestione Siti Contaminati
Obiettivo del sistema è garantire un’adeguata erogazione dei finanziamenti comunitari, nazionali e
regionali in materia agricola, nel rispetto delle specifiche esigenze espresse dalla Direzione
Generale dell’Agricoltura e dall’Organismo Pagatore Regionale - OPR, che riguardano:




il fondo comunitario FEASR previsto dai reg. CE 1698/2005, 1974/2006 e 1978/2006;
il fondo comunitario FEAGA previsto dal reg. CE 1782/2003;
gli aiuti di stato gestiti dalla Direzione Generale dell’Agricoltura.
supporto agli utenti Regionali per l’estrazione ed elaborazione dei dati necessari al
completamento degli iter burocratici, alla produzione delle diverse tipologie di
rendicontazione verso AGEA e la CEE e a supporto delle attività di Audit dell'OPR;
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 99 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Elementi dimensionali
Si forniscono le seguenti informazioni:



Nel 2013 sono stati gestiti circa 3249 ticket; dei quali più dell’ 80% sono relativi a richieste
di “gestione del servizio” che comportano accesso ai dati di produzione (es. estrazione
dati);
Si prevede una crescita annua delle attività pari di circa il 20%;
Attualmente il servizio è erogato da un gruppo di lavoro così composto:
-
2 Assistenti Funzionali;
-
2 Gestori del Servizio;
coordinati da un referente LI.
Caratteristiche e modalità di esecuzione della fornitura
Si richiede un servizio continuativo in modalità “a canone”.
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano il servizio richiesto
(per la spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
AMBITO DI
ASSISTENZA
AG-L3-03
DESCRIZIONE GIORNI DI
AMBITO
COPERTURA
Assistenza
Funzionale e
Gestione del Lun-Ven
servizio
SIARL/SISCO
Nota 1
ORARIO
PERIODO
DEL
ATTIVAZIONE
SERVIZIO
PREVISTO
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
REPERIBILITÀ
(ANNUALE)
-
STRAORDINARI
% GG IN
NOTTURNI/FESTIVI TRASFERTA
(ANNUALE)
(ANNUALE)
25 GG PP
-
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con 4
giorni lavorativi di anticipo
La fornitura richiesta deve rispettare le caratteristiche generali previste nella documentazione di
gara ed in particolare le modalità di esecuzione riportate al paragrafo 5.3.2. Nel seguito vengono
fornite alcune precisazioni utili ai fini della presentazione dell’offerta.
Attività
Per la descrizione delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.1. e al paragrafo 5.3.1.2.
Nel contesto particolare dell’ ambito le attività svolte dall’Assistenza e dalla Gestione sono:



supporto agli utenti Regionali per l’estrazione ed elaborazione dei dati necessari al
completamento degli iter burocratici, alla produzione delle diverse tipologie di
rendicontazione verso AGEA e la CEE e a supporto delle attività di Audit dell'OPR;
monitoraggio della disponibilità delle varie componenti dei servizi;
test funzionali antecedenti al rilascio in produzione di nuove funzioni.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 100 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Inoltre viene allegata a titolo di esempio, non esaustivo, una tabella che riporta le macroattività
suddivise per progetto nell’ ambito del Servizio SIARL/SISCO:
PROGETTO
AMBITO MACROATTIVITÀ
Gestione Accessi
Gestione certificato antimafia
Gestione elenchi
Gestione certificato antimafia
ELEPAG
Gestione elenchi
Predisposizione elenchi
Servizi
Visualizzazione elenchi
Gestione analisi
FITOSANITARIO
Gestione documenti
Gestione accessi
Caricamento dati
Gestione cataloghi
Estrazione dati
Gestione dati GPS
Lancio scripts vari
GIS
Lavorazione backoffice
Gestione particelle
Gestione richieste reportistica
Siticlient
varie
Web server
Gestione accessi
Gestione posizioni debitorie
Gestione recuperi
Gestione utenti
REGDEB
Gestione provvedimenti di decadenza
Gestione Rateizzazione
Gestione registro nazionale debitori
Gestione reportistica
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 101 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
PROGETTO
AMBITO MACROATTIVITÀ
Reports
Gestione scheda olaf
Gestione accessi
Gestione dati catasto
Gestione azienda
Gestione procedimenti
SIARL
Lancio scripts
Gestione reportistica
Gestione scarico dati
Gestione stampe
Web server
Gestione autorizzazioni
Gestione contabilizzazione
Gestione esecuzione pagamenti
Gestione bilancio
Gestione elenchi
SIPAG
Gestione garanzia
Lancio scripts su richieste
Gestione reportistica
Gestione reports
Gestione remissione pagamenti
Gestione servizi
Gestione accessi
Gestione fascicolo aziendale
Gestione informazioni
SISCO
Gestione nitrati
Gestione reportistica
Gestione sisco-knowledge
Gestione siti-farmer - vitivinicolo
SISTEMA
RURALE
Gestione applicativo
SITI CONVOCA
Gestione esecuzione passaggi in produzione
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 102 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
PROGETTO
AMBITO MACROATTIVITÀ
Lancio scripts
Gestione reportistica
Lancio scripts
SITI FARMER
Gestione reportistica
Composizione del team di lavoro
Le attività definite devono essere erogate da risorse rispondenti ai profili professionali di Assistente
Funzionale e Gestore del Servizio.
Il fornitore dovrà assicurare un numero di risorse adeguato ai fini dell’erogazione del servizio sulla
base agli elementi forniti nel presente capitolato e tenendo conto dei requisiti in tal senso forniti nel
CT e nel PQ.
Altre caratteristiche della fornitura
Per quanto riguarda:


procedure di coordinamento con i referenti LI;
livelli di servizio;
si rimanda al PQ e a quanto già previsto in precedenza.
Durata della fornitura
Le attività sopra esposte dovranno svolgersi a partire dalla data di attivazione che verrà
comunicata successivamente alla stipula del contratto con LI, e per tutta la durata dello stesso,
secondo le modalità indicate al paragrafo 5.3 del CT e nel PQ.
Documenti di approfondimento
N.A.
8.1.2.5 Assistenza Funzionale dei servizi Tributari (Ambito AF-L3-04)
Macroclassi di riferimento
Assistenza
Classi di riferimento
Assistenza Funzionale
Fasi di sviluppo e manutenzione
oggetto di attività del fornitore
n.a.
Ambiti tecnologici
n.a.
Ambiti di assistenza
AF-L3-04
Modello di erogazione
A
Modalità contrattuali
A canone
Periodo stimato di subentro
2 mesi
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 103 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Contesto di riferimento
Il servizio consiste in tutte le attività effettuate a supporto degli utenti per problematiche che
richiedono competenze specialistiche, in particolare su aspetti sistemistici e infrastrutturali.
L’anagrafe Tributaria mette a disposizione una base dati tributaria centralizzata contenente le
informazioni atomiche dell’anagrafe contribuenti, dei ruoli tributari e dei versamenti relativi a tutti i
tributi di competenza regionale.
Il servizio comprende principalmente, il sistema “Forniture Originali” di alimentazione della base
dati che è in grado di scambiare informazioni con:



gli enti esterni che gestiscono in convenzione i tributi regionali (ACI, Agenzia delle Entrate,
PRA, etc.)
gli altri enti proprietari di informazioni necessarie al sistema sulle quali la Regione ha titolo e
competenza (Ministero delle Finanze, InfoCamere, Motorizzazione, etc.)
gli applicativi regionali (GSAT, Atti Formali, SISS, PARIX).
Inoltre, il servizio mette a disposizione un sistema denominato “Area Personale” di presentazione
in modalità web delle informazioni contenute nella base dati tributaria regionale, creato per rendere
trasparente la propria posizione tributaria al contribuente e per supportare le attività di sportello
della Pubblica Amministrazione locale.
Il servizio può essere suddiviso in quattro filoni principali:




Sistema Di Calcolo Tassa Auto - mette a disposizione degli enti riscossori della tassa
automobilistica, una porta applicativa mediante la quale possono effettuare la ricerca ed il
calcolo della posizione debitoria del contribuente in collegamento on-line con l’archivio
regionale. Il servizio si avvale del sistema “Forniture Originali” per la ricezione e
archiviazione delle rendicontazioni contabili dei pagamenti riscossi.
Gestione Concessionari - fornisce supporto ai Concessionari Auto che utilizzano
l’applicativo “Gestione Sospensioni” per la comunicazione dei dati relativi alle
movimentazioni dei veicoli che entrano o escono dal regime di sospensione del pagamento
del bollo auto a seguito di acquisizioni per rivendita, vendita o radiazione.
GSAT – Gestione Servizio Affari tributari – supporta gli utenti regionali per la gestione
operativa dei tributi (canoni e concessioni regionali) e di alcuni procedimenti sulla Tassa
Auto compresa la riscossione terzializzata tramite agenti (delegazioni ACI, Tabaccai e
agenzie pratiche auto).
Sistema Informativo Sconto Benzina - fornisce supporto agli utenti regionali e alla Pubblica
Amministrazione Locale (comuni) per la gestione operativa delle carte sconto carburanti.
Il servizio è erogato per tutti gli utenti del servizio modulistica online : Cittadini, Aziende,
Associazioni, Enti pubblici, Comuni e Regione).
Elementi dimensionali
Attualmente il servizio è organizzato secondo le seguenti linee di attività:
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 104 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.




Supporto Specialistico per i concessionari della Tassa Auto: nel 2013 sono stati gestiti circa
3000 ticket;
Supporto Specialistico Area personale del Portale dei Tributi e Bollo Mobile: nell’ultimo
trimestre del 2013 sono stati gestiti circa 1000 ticket che rapresentano principalmente
contatti di utenti del portale tributi;
Supporto Specialistico Sconto benzina: nel 2013 sono stati gestiti circa 500 ticket;
Supporto Specialistico Tassa Auto per gli utenti non partennenti ai Poli telematici: nel 2013
sono stati gestiti circa 500 ticket.
Attualmente il servizio è erogato da un gruppo di lavoro così composto:
-
2 Team Leader Assistente Funzionale;
-
1 Assistente Funzionale.
Caratteristiche e modalità di esecuzione della fornitura
Si richiede un servizio continuativo in modalità “a canone”.
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano il servizio richiesto
(per la spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Ambito di
Assistenza
Descrizione
Ambito
AF- L3 -04
Assistenza
Funzionale dei
servizi Tributari
Nota 1
Giorni di
copertura
Lun-Ven
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
Notturni/Festivi trasferta
del attivazione
(annuale)
(annuale)
(annuale)
previsto
servizio
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
-
25 GG PP
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
opportuno anticipo
La fornitura richiesta deve rispettare le caratteristiche generali previste nella documentazione di
gara ed in particolare le modalità di esecuzione riportate al paragrafo 5.3.2. Nel seguito vengono
fornite alcune precisazioni utili ai fini della presentazione dell’offerta.
Attività
Per la descrizione delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.2.
Nel contesto particolare dell’ambito le attività svolte dall’Assistenza sono:




assistenza e supporto di primo e secondo livello per le differenti tipologie di utenza
(concessionari auto, utenti regionali, utenti comunali, utenti dei Poli telematici, etc.);
test funzionali antecedenti al rilascio in produzione di nuove funzioni e troubleshooting per
gli applicativi utilizzati;
gestione delle priorità e monitoraggio della risoluzione dei ticket;
controllo, analisi e produzione flussi dati (avvisi di scadenza, avvisi bonari, avvisi di
accertamento e ruoli coattivi);
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 105 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.



ricezione, controllo e analisi delle forniture dati;
interfacciamento con i fornitori dati interni ed esterni;
estrazione dati e reportistica periodiche ed on demand;
Composizione del team di lavoro
Le attività definite devono essere erogate da risorse rispondenti ai profili professionali di Assistente
Funzionale e Team Leader di Assistenza Funzionale.
Il fornitore dovrà assicurare un numero di risorse adeguato ai fini dell’erogazione del servizio sulla
base agli elementi forniti nel presente capitolato e tenendo conto dei requisiti in tal senso forniti nel
CT e nel PQ.
Altre caratteristiche della fornitura
Per quanto riguarda:


procedure di coordinamento con i referenti LI;
livelli di servizio;
si rimanda al PQ e a quanto già previsto in precedenza.
Durata della fornitura
Le attività sopra esposte dovranno svolgersi a partire dalla data di attivazione che verrà
comunicata successivamente alla stipula del contratto con LI, e per tutta la durata dello stesso,
secondo le modalità indicate al paragrafo 5.3 del CT e nel PQ.
Documenti di approfondimento
N.A.
8.1.2.6 Assistenza Funzionale e Gestione del sistema borsa lavoro (Ambito AG-L3-06)
Macroclassi di riferimento
Assistenza
Classi di riferimento
Assistenza Funzionale e Gestione del Servizio
Fasi di sviluppo e manutenzione
oggetto di attività del fornitore
n.a.
Ambiti tecnologici
n.a.
Ambiti di assistenza
AG-L3-06
Modello di erogazione
A
Modalità contrattuali
A canone
Periodo stimato di subentro
2 mesi
Contesto di riferimento
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 106 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Il servizio ha lo scopo di offrire alle imprese e ai cittadini, attraverso il portale
BorsaLavoroLombardia (BLL), uno strumento che favorisca l’incrocio della domanda e dell’offerta
nel mercato del lavoro.
Garantire attraverso uno strumento informatico i flussi verso il ministero dei dati gestiti attraverso il
portale BLL in adempimento a quanto previsto dalla legge.
Garantire attraverso uno strumento informatico i flussi dati tra il sistema “Sintesi” e il ministero
(Comunicazioni obbligatorie).
Elementi dimensionali
Organizzazioni coinvolte: il servizio è erogato per gli utenti (Cittadini, Aziende, Ente pubblici e
Regione).
Supporto Specialistico per il servizio Borsa Lavoro Lombardia e il Servizio Comunicazione
Obligatoria.
Attualmente il servizio è erogato da un gruppo di lavoro così composto:
-
0,5 Assistente Funzionale;
-
0,5 Gestore del Servizio;
con una ripartizione percentuale delle attività pari al 20% di Assistenza e al 80% di Gestione.
Caratteristiche e modalità di esecuzione della fornitura
Si richiede un servizio continuativo in modalità “a canone”.
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano il servizio richiesto
(per la spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Ambito di
Assistenza
Descrizione
Ambito
AG-L3-06
Assistenza
Funzionale e
Gestione del
sistema borsa
lavoro
Nota 1
Giorni di
copertura
Lun-Ven
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
Notturni/Festivi trasferta
del attivazione
(annuale)
(annuale)
(annuale)
servizio previsto
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
-
25 GG PP
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
opportuno anticipo
La fornitura richiesta deve rispettare le caratteristiche generali previste nella documentazione di
gara ed in particolare le modalità di esecuzione riportate al paragrafo 5.3.2. Nel seguito vengono
fornite alcune precisazioni utili ai fini della presentazione dell’offerta.
Attività
Per la descrizione delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.1 e al paragrafo 5.3.1.2.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 107 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Nel contesto particolare dell’ambito le attività svolte dalla Gestione o dalla’Assistenza Funzionale
sono:




Estrazione paylod COB (xml delle comunicazione obbligatorie) di un determinato periodo
temporale;
Monitoraggio dell’interoperabilità e verifiche delle Comunicazione Obbligatorie fra il sistema
Regionale COB e Ministero del Lavoro;
Reinoltro manuale delle Comunicazione Obbligatorie alle province e al Ministero del Lavoro
Test funzionali antecedenti al rilascio in produzione di nuove funzioni.
Composizione del team di lavoro
Le attività definite devono essere erogate da risorse rispondenti ai profili professionali di Assistente
Funzionale e Gestore del Servizio. Il fornitore dovrà assicurare un numero di risorse adeguato ai
fini dell’erogazione del servizio sulla base agli elementi forniti nel presente capitolato e tenendo
conto dei requisiti in tal senso forniti nel CT e nel PQ.
Altre caratteristiche della fornitura
Per quanto riguarda:


procedure di coordinamento con i referenti LI;
livelli di servizio;
si rimanda al PQ e a quanto già previsto in precedenza.
Durata della fornitura
Le attività sopra esposte dovranno svolgersi a partire dalla data di attivazione che verrà
comunicata successivamente alla stipula del contratto con LI, e per tutta la durata dello stesso,
secondo le modalità indicate al paragrafo 5.3 del CT e nel PQ.
Documenti di approfondimento
N.A.
8.1.2.7 Assistenza Funzionale e Gestione del servizio Anagrafe Regionale Scolastica
(Ambito AG-L3-07)
Macroclassi di riferimento
Assistenza
Classi di riferimento
Assistenza Funzionale e Gestione del Servizio
Fasi di sviluppo e manutenzione
oggetto di attività del fornitore
n.a.
Ambiti tecnologici
n.a.
Ambiti di assistenza
AG-L3-07
Modello di erogazione
A
Modalità contrattuali
A canone
Periodo stimato di subentro
2 mesi
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 108 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Contesto di riferimento
Regione Lombardia, in stretta collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale e con il supporto di
ANCI e UPL, ha realizzato il sistema per l’Anagrafe Regionale degli studenti frequentanti le scuole
primarie, gli istituti secondari di I e di II grado e i percorsi di formazione professionale della
Lombardia.
L’anagrafe è finalizzata alla raccolta, analisi e gestione dei dati di tutti gli studenti e costituisce un
punto di riferimento univoco per tutti i soggetti istituzionali territorialmente interessati e uno
strumento gestionale per tutte le Istituzioni scolastiche e formative della Lombardia.
Proprio per favorire la semplificazione, armonizzazione e unificazione delle procedure anche le
iscrizioni degli studenti avverranno esclusivamente tramite il sistema informativo regionale.
L’obiettivo del progetto è quello di promuovere una raccolta cooperativa, unitaria e integrata dei
dati sulla scolarità e sulla formazione degli studenti in obbligo formativo attraverso il quale offrire
sui diversi livelli territoriali - Comuni, Province, Regione – strumenti di monitoraggio della
popolazione scolastica che possano permettere analisi quantitative e qualitative dei dati e
l’attuazione di efficaci interventi di programmazione dell’offerta formativa sul territorio.
Elementi dimensionali
Organizzazioni coinvolte: il servizio è erogato per gli utenti (Cittadini, Aziende e Regione).
Supporto Specialistico per il servizio Anagrafe Regionale Studenti e il Servizio Quadro Regionale
Standard Professionale.
Attualmente il servizio è erogato da un gruppo di lavoro così composto:
-
1 Assistente Funzionale;
-
1 Gestore del Servizio;
con una ripartizione percentuale delle attività pari al 30% di Assistenza e al 70% di Gestione.
Caratteristiche e modalità di esecuzione della fornitura
Si richiede un servizio continuativo in modalità “a canone”.
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano il servizio richiesto
(per la spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Ambito di
Assistenza
Descrizione
Ambito
AG-L3-07
Assistenza
Funzionale e
Gestione del
servizio Anagrafe
Regionale
Scolastica
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Giorni di
copertura
Lun-Ven
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
Notturni/Festivi
trasferta
del attivazione
(annuale)
(annuale)
(annuale)
servizio previsto
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
-
25 GG PP
Pagina 109 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Ambito di
Assistenza
Descrizione
Ambito
Giorni di
copertura
Nota 1
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
attivazione
Notturni/Festivi
trasferta
del
(annuale)
(annuale)
(annuale)
servizio previsto
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
opportuno anticipo
La fornitura richiesta deve rispettare le caratteristiche generali previste nella documentazione di
gara ed in particolare le modalità di esecuzione riportate al paragrafo 5.3.2. Nel seguito vengono
fornite alcune precisazioni utili ai fini della presentazione dell’offerta.
Attività
Per la descrizione delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.1 e al paragrafo 5.3.1.2.
Nel contesto dell’ambito le attività si ripetono ciclicamente in corrispondenza delle varie scadenze
che l’anagrafe degli studenti impone alle istituzioni scolastiche, agli enti coinvolti ed al personale
della Direzione IFL di Regione Lombardia.
In particolare consistono in:





assistenza telefonica e via e-mail al personale di Regione Lombardia;
interventi di archiviazione, allineamento e verifica dei dati;
iInterventi per la soluzione di casi specifici segnalati dalle istituzioni scolastiche, dagli Enti
coinvolti e Regione Lombardia (richiesta di informazioni, assistenza all’utilizzo del software,
blocco/sblocco studenti etc.);
configurazione di specifiche funzionalità all’occorrenza (estrazioni statistiche, modifica “just
in time” delle procedure in base all’evoluzione delle normative e dei rapporti istituzionali con
gli Enti coinvolti etc.);
test funzionali antecedenti al rilascio in produzione di nuove funzioni.
E’ possibile evidenziare le seguenti macroattività di competenza:
Caricamento frequentanti inizio anno:




archiviazione frequenze anno scolastico precedente;
configurazione frequenze anno scolastico in corso;
aggiornamento anagrafe dirigenti scolastici e rilascio nuove credenziali d’accesso;
aggiornamento codici meccanografici Istituzioni scolastiche.
Caricamento offerta formativa:



apertura del sistema alle Province;
archiviazione offerta formativa anno precedente;
aggiornamento Anagrafe operatori provinciali e rilascio credenziali.
Gestione iscrizioni dal I al II ciclo:



apertura del sistema alle Istituzioni scolastiche;
archiviazione iscrizioni anno precedente;
importazione da Ge.Fo dell’offerta formativa dei CFP e relative anagrafiche Ente;
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 110 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.






verifica allineamento Dimensionamento/Offerta Formativa/Anagrafe studenti con particolare
attenzione agli studenti di terza media;
attivazione di controlli e blocchi;
gestione sincronizzazione sistema con e-scuola Provincia di Brescia;
trasferimento delle iscrizioni a Ge.Fo per la gestione della Dote;
aggiornamento reportistica su andamento caricamento anagrafiche studenti e iscrizioni II
ciclo;
aggiornamento reportistica per le Province per controllo andamento iscrizioni.
Gestione degli studenti ritirati e relative iscrizioni





riapertura del sistema alle istituzioni scolastiche per la segnalazione dei ritiri e la relativa reiscrizione per l’anno successivo;
attivazione di procedure di blocco/sblocco studenti;
trasmissione dei dati a Ge.Fo. per la gestione della Dote;
trasmissione dei dati alle Province (compatibilità Sintesi);
trasmissione dei dati al Comune di Milano.
Caricamento esiti/voti studenti





aggiornamento della base dati mediante caricamento dati da parte delle istituzioni
scolastiche;
controllo ed Estrazione studenti non scrutinati;
controllo ed Estrazione studenti ritirati;
estrazione informazioni aggregate sugli esiti per offerta formativa e confronto con consigli
d’orientamento;
approfondimento statistico sui voti in Italiano/Matematica e prima lingua straniera.
Composizione del team di lavoro
Le attività definite devono essere erogate da risorse rispondenti ai profili professionali di Assistente
Funzionale e Gestore del Servizio.
Il fornitore dovrà assicurare un numero di risorse adeguato ai fini dell’erogazione del servizio sulla
base agli elementi forniti nel presente capitolato e tenendo conto dei requisiti in tal senso forniti nel
CT e nel PQ.
Altre caratteristiche della fornitura
Per quanto riguarda:


procedure di coordinamento con i referenti LI;
livelli di servizio;
si rimanda al PQ e a quanto già previsto in precedenza.
Durata della fornitura
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 111 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Le attività sopra esposte dovranno svolgersi a partire dalla data di attivazione che verrà
comunicata successivamente alla stipula del contratto con LI, e per tutta la durata dello stesso,
secondo le modalità indicate al paragrafo 5.3 del CT e nel PQ.
Documenti di approfondimento
N.A.
8.1.2.8 Assistenza Funzionale dei servizi EDMA, Gestione Atti Formali, G3S (Ambito AF-L308)
Macroclassi di riferimento
Assistenza
Classi di riferimento
Assistenza Funzionale
Fasi di sviluppo e manutenzione
oggetto di attività del fornitore
n.a.
Ambiti tecnologici
n.a.
Ambiti di assistenza
AF-L3-08
Modello di erogazione
A
Modalità contrattuali
A canone
Periodo stimato di subentro
2 mesi
Contesto di riferimento
EDMA (Enterprise Document MAnagement) è la Piattaforma Documentale in esercizio presso
Regione Lombardia che assolve ed eroga servizi alle applicazioni che coprono i principali processi
di business di Regione Lombardia quali:



Legiferare: EDMA gestisce e governa l’intero ciclo di gestione degli Atti Formali (Decreti,
Delibere, Atti Amministrativi);
Comunicare/Informare: EDMA gestisce alcuni dei processi di comunicazione di Regione
Lombardia verso il Cittadino (Piano della comunicazione, Risposte del Presidente ai
cittadini);
Fornire servizi trasversali quali il sistema di protocollo unificato e la gestione documentale
anche verso applicazioni esterne.
La struttura modulare della piattaforma permette di attivare contesti autonomi con specificità
funzionali e allo stesso tempo di utilizzare agevolmente i servizi già presenti. Alcune dei
procedimenti presenti sono: invio di comunicazioni verso l’esterno tramite Posta Elettronica
Certificata o Fax (integrati), gestione degli iter d’urgenza della protezione civile, gestione del ciclo
passivo, in particolare della fatturazione elettronica, concessione di patronati e patrocini.
Tra i contesti maggiormente utilizzati vi è la gestione degli Atti Formali, ovvero del sistema che
gestisce gli atti amministrativi della Regione Lombardia. Consente la composizione di un atto
(decreto, delibera, nota di liquidazione, comunicazione di economia, ordinanza, proposte di legge
regionali) e la gestione del suo iter procedurale.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 112 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
In questo ambito sono inoltre compresi i sistemi gestionali della programmazione (LAPIS): che
consentono la definizione e la formalizzazione degli obiettivi di Regione Lombardia spesso in
condivisione con enti del Sistema Regionale Allargato, delle risorse assegnate e delle relative
responsabilità. L’utilizzo degli strumenti a supporto segue un calendario di attività ripianificato anno
per anno in cui sono scandite le fasi della programmazione e della consuntivazione degli obiettivi.
EDMA ha la caratteristica di essere predisposto per una gestione multi-ente, per cui vi sono già
altre realtà del Sistema Regionale Allargato che ne sfruttano i servizi di protocollazione e
comunicazione verso il pubblico.
Sempre basato su piattaforma EDMA è il servizio G3S - Soluzione per il Governo del Sistema
Socio Sanitario – che gestisce tutti gli scambi di informazioni tra i diversi attori del processo di
pagamento diretto dei beni e servizi da parte di Finlombarda S.p.A. (Aziende Sanitarie,
Finlombarda, Direzioni Generali Sanità e Famiglia).
In questo contesto le aziende inviano le proprie fatture e le proposte di pagamento al sistema G3S
dopo averle predisposte tramite i propri sistemi gestionali. Le informazioni così ricevute vengono
analizzate da Finlombarda che gestisce il Fondo per conto di Regione Lombardia e provvede ad
autorizzare i pagamenti.
I beneficiari dei pagamenti e le Aziende Ospedaliere e ASL possono verificare l’andamento dei
pagamenti tramite un apposito portale.
Elementi dimensionali
Si forniscono le seguenti informazioni:



Nel 2013 sono stati gestiti circa 4000 ticket;
Si prevede una crescita annua delle attività pari di circa il 20%;
Attualmente il servizio è erogato da un gruppo di lavoro così composto:
-
12 Assistenti Funzionali;
-
2 Team Leader Assistenza Funzionale.
I team leader sono i referenti per le principali tematiche dell’assistenza e si coordinano con i
gestori dei servizi LI per affrontare le problematiche o l’introduzione di nuovi ambiti applicativi legati
ai servizi.
Caratteristiche e modalità di esecuzione della fornitura
Si richiede un servizio continuativo in modalità “a canone”.
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano il servizio richiesto
(per la spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Ambito di
Assistenza
Descrizione
Ambito
Giorni di
copertura
AF- L3 -08
Assistenza
Funzionale dei
Lun-Ven
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
attivazione
Notturni/Festivi
trasferta
del
(annuale)
(annuale)
(annuale)
servizio previsto
08:00
18:00
1°
Trimestre
-
25 GG PP
Pagina 113 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Ambito di
Assistenza
Descrizione
Ambito
Giorni di
copertura
servizio EDMA,
Gestione Atti
formali, G3S
Nota 1
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
attivazione
Notturni/Festivi
trasferta
del
(annuale)
(annuale)
(annuale)
servizio previsto
da stipula
contratto
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
opportuno anticipo
La fornitura richiesta deve rispettare le caratteristiche generali previste nella documentazione ed in
particolare le modalità di esecuzione riportate al paragrafo 5.3.2 del presente Capitolato. Nel
seguito vengono fornite alcune precisazioni utili ai fini della presentazione dell’offerta.
Attività
Per la descrizione generale delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.2.
Nel contesto particolare dell’ambito le attività svolte dall’Assistenza sono:









supporto agli utenti Regionali ed interventi di verifica nel caso di problemi relativi alla
congruità dei dati inseriti a sistema (presuppone conoscenze delle procedure interne di
gestione del Protocollo Generale e della gestione contabile);
gestione delle abilitazioni al sistema e monitoraggio dell’integrazione con l’anagrafica
regionale;
configurazione delle regole del sistema di programmazione, configurazione dei workflow
presenti a sistema e dei modelli documentali a supporto;
inizializzazione e configurazione degli ambienti di programmazione di una nuova
legislatura, anno o fase di programmazione;
supporto all’utilizzo dei sistemi nelle fasi critiche di redazione e approvazione della
programmazione;
monitoraggio dell’integrazione con i servizi di ricezione ed invio di PEC e Fax;
supporto di primo livello all’utilizzo della Firma Digitale;
supporto alla formazione in aula all’uso delle procedure e verifica della manualistica;
test funzionali antecedenti al rilascio in produzione di nuove funzioni.
Alcuni contesti specifici quali i servizi G3S e Patrocini prevedono la presenza dell’Assistenza di I
Livello con cui gli Assistenti Funzionali dovranno interagire direttamente. In tutti gli altri casi
l’assistenza funzionale svolge anche funzioni di assistenza di I Livello.
Composizione del gruppo di lavoro
Le attività definite devono essere erogate da risorse rispondenti al profilo professionale di
Assistente Funzionale e Team Leader di Assistenza, questi ultimi devono avere esperienza nella
coordinazione di gruppi.
Il fornitore dovrà assicurare un numero di risorse adeguato ai fini dell’erogazione del servizio sulla
base agli elementi forniti nel presente capitolato e tenendo conto dei requisiti in tal senso forniti nel
CT e nel PQ.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 114 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Altre caratteristiche della fornitura
Per quanto riguarda:


procedure di coordinamento con i referenti LI;
livelli di servizio.
si rimanda al PQ e a quanto già previsto in precedenza.
Durata della fornitura
Le attività sopra esposte dovranno svolgersi a partire dalla data di attivazione che verrà
comunicata successivamente alla stipula del contratto con LI, e per tutta la durata dello stesso,
secondo le modalità indicate al paragrafo 5.3 del presente documento e nel PQ.
Documenti di approfondimento
N.A.
8.1.2.9 Assistenza e Gestione dei Sistemi Interni LI (Sistema documentale e MPS) (Ambito
AG-L3-10)
Macroclassi di riferimento
Classi di riferimento
Assistenza
Assistenza Funzionale
Gestione del Servizio
Fasi di sviluppo e manutenzione
oggetto di attività del fornitore
n.a.
Ambiti tecnologici
n.a.
Ambiti di assistenza
AG-L3-10
Modello di erogazione
B
Modalità contrattuali
A misura di risorse
Periodo stimato di subentro
2 mesi
Contesto di riferimento
Il servizio fornisce supporto informativo ed informatico per il processo di programmazione
operativa relativa agli sviluppi di applicazioni / servizi informatici e al loro monitoraggio. In
particolare si fa riferimento alla seguente famiglia di prodotti:

RAP - Raccolta e valutazione delle proposte di Progetto
Strumento che viene utilizzato in contemporanea da RL e LI per effettuare proposte e
valutazioni rispetto ai progetti informatici da inserire nel Piano Operativo per l’anno
successivo;

MPS- Monitoraggio Prodotti e Servizi
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 115 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Strumento che viene utilizzato in contemporanea da RL ed LI per effettuare la gestione ed il
monitoraggio dei contratti di sviluppo, gestione e misti stipulati fra Regione Lombardia e
Lombardia Informatica;

MPS - Fatturazione
Strumento che viene utilizzato in contemporanea da RL ed LI per effettuare la gestione ed il
monitoraggio della fatturazione dei contratti di sviluppo, gestione e misti stipulati fra
Regione Lombardia e Lombardia Informatica;

MPS – DWH
Strumento che viene utilizzato in contemporanea da RL ed LI per effettuare analisi e report
sugli universi sia di MPS che della fatturazione.
Elementi dimensionali
I ticket attualmente gestiti sono circa 400 l’anno e solitamente raggruppati in specifici momenti di
picco che corrispondono alle scadenze amministrative interne. Si tenga conto che la tipologia di
interazione prevista tra i sistemi oggetto della presente ambito e gli altri applicativi interni richiede
fequenti interventi di verifica delle problematiche on site nella sede LI in collaborazione con gli altri
gruppi di assistenza LI.
Attualmente il servizio è erogato da un gruppo di lavoro così composto:


1 Gestore del Servizio;
1 Assistente Funzionale.
Caratteristiche e modalità di esecuzione della fornitura
Si richiede un servizio continuativo in modalità “a canone”.
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano il servizio richiesto
(per la spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Ambito di
Assistenza
Descrizione
Ambito
AG-L3-10
Assistenza
Funzionale e
Gestione dei
Sistemi Interni LI
(Sistema
documentale e
MPS)
Nota 1
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Giorni di
copertura
Lun-Ven
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
Notturni/Festivi trasferta
del attivazione
(annuale)
(annuale)
(annuale)
previsto
servizio
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
-
10 GG PP
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
opportuno anticipo
Pagina 116 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
La fornitura richiesta deve rispettare le caratteristiche generali previste nella documentazione ed in
particolare le modalità di esecuzione riportate al paragrafo 5.3.2 del presente Capitolato. Nel
seguito vengono fornite alcune precisazioni utili ai fini della presentazione dell’offerta.
Attività
Per la descrizione delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.1. e al paragrafo 5.3.1.2.
Nel contesto particolare dell’ ambito l’attività prevede il supporto e la gestione dell’applicativo sia
verso l’utenza Regionale (per il solo sistema MPS) che verso gli utenti interni LI (Amministrazione
e Demand) per il Gestore documentale e MPS. Inoltre, il supporto a quest’ultimo sistema richiede
una forte interazione con il gruppo Interno LI che segue il sistema gestionale e i gestori delle PDL
aziendali.
Composizione del team di lavoro
Le attività definite devono essere erogate da risorse rispondenti al profilo professionale di
Assistente Funzionale e Gestore del servizio.
Il fornitore dovrà assicurare un numero di risorse adeguato ai fini dell’erogazione del servizio sulla
base agli elementi forniti nel presente capitolato e tenendo conto dei requisiti in tal senso forniti nel
CT e nel PQ.
Altre caratteristiche della fornitura
Per quanto riguarda:


procedure di coordinamento con i referenti LI;
livelli di servizio;
si rimanda al PQ e a quanto già previsto in precedenza.
Durata della fornitura
Le attività sopra esposte dovranno svolgersi a partire dalla data di attivazione che verrà
comunicata successivamente alla stipula del contratto con LI, e per tutta la durata dello stesso,
secondo le modalità indicate al paragrafo 5.3 del CT e nel PQ.
Documenti di approfondimento
N.A.
8.1.2.10
Assistenza Funzionale dei Servizi AIL e Presidenza (Ambito AF-L3-11)
Macroclassi di riferimento
Assistenza
Classi di riferimento
Assistenza Funzionale
Fasi di sviluppo e manutenzione
oggetto di attività del fornitore
n.a.
Ambiti tecnologici
n.a.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 117 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Ambiti di assistenza
AF-L3-11
Modello di erogazione
A
Modalità contrattuali
A canone
Periodo stimato di subentro
2 mesi
Contesto di riferimento
La Direzione Centrale AIL utilizza, al fianco delle piattaforme che caratterizzano il SIR, anche un
insieme di servizi verticali dedicati alla copertura di attività core delle direzioni.
Di seguito si riportano i principali sistemi interessati:





Iter Pratiche Avvocatura gestisce le attività riferite ai ricorsi legali, con scadenziario e
assegnazione pratiche.
Registro Persone Giuridiche Private: gestisce le informazioni generali sulla Persone
Giuridiche Private condivisibili con le informazioni relative al Registro Imprese presso le
Camere di Commercio.
Sistema Informativo Società Regionali: supporta l’operatività della Direzione Generale Affari
Istituzionali e Legali nella gestione:
- delle attività connesse alla partecipazione di Regione Lombardia in Società, Enti e
Fondazioni;
- dei rapporti con il Consiglio Regionale per quanto attiene le nomine degli amministratori
indicati da Regione Lombardia negli enti stessi, consentendo, oltre alla gestione
documentale legata alle singole Società o Enti, il controllo di tutti gli aspetti relativi
all’attività della Struttura (nomine, variazioni di statuti, ecc.) fornendo un quadro
complessivo e aggiornato delle partecipazioni di Regione Lombardia.
Banca Dati Normative – Gestione GURITEL: prevede l'erogazione di due diversi tipi di
Servizi di Banche Dati, di cui uno (Guritel) gestito da un ente terzo (Ist.Poligrafico Zecca
dello Stato) viene erogato a tutte le Direzioni Generali di Regione Lombardia mettendo a
disposizione le Banche Dati contenenti le Deliberazioni della Giunta Regionale e gli Atti
Formali del Consiglio Regionale dalla I Legislatura alla V Legislatura.
DPS – Applicativo PSQ. Il sistema permette agli utenti abilitati di conoscere, applicare e
controllare le informazioni relative ai processi di trattamento dei dati personali a fronte delle
incombenze introdotte dalle disposizioni di legge relative alla protezione dei dati personali
(D.Lgs. 196/2003).
Per i sistemi descritti di seguito la Direzione si avvale della piattaforma documentale EDMA
integrata con altre applicazioni:


Sistema di Archiviazione Segreteria di Giunta è un sistema di scannerizzazione dello
storico delle delibere non ancora digitalizzato.
BURL online, il servizio prevede la gestione dei documenti inseriti nei bollettini tramite
EDMA, il sito di consultazione Burl in formato digitale, il sito per l’invio di inserzioni (up-load
delle inserzioni in formato digitale), il sito per la consultazione dello storico (bollettini fino
alla data del 31.12.2010), lo strumento per la gestione della Redazione BURL regionale e
composizione editoriale integrato con la gestione documentale di RL (EDMA).
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 118 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Dal 2011 tutte le delibere della Giunta Regionale sono gestite unicamente in forma digitale: questo
comporta che il documento elettronico firmato e marcato digitalmente sia l’unico con validità legale
e vada conservato secondo i dettami della normativa sulla Conservazione Sostitutiva.
Le delibere sono messe a disposizione della Giunta e del Consiglio tramite una serie di sistemi di
cui il gruppo di Assistenza e Gestione si occupa per l’assegnazione delle utenze, la verifica e il
caricamento dei contenuti, la disponibilità:


siti Internet riservati al Consiglio e alla Giunta;
registro accesso agli atti per le richieste di consultazione di copie conformi cartacee.
Elementi dimensionali
Si forniscono le seguenti informazioni:


Nel 2013 sono stati gestiti circa 200 ticket (per la parte Bollettino Ufficiale Regione
Lombardia);
Attualmente il servizio è erogato da un gruppo di lavoro così composto:
-
1 Team Leader Assistente Funzionale;
-
2 Assistenti Funzionali;
coordinati da un referente LI.
Caratteristiche e modalità di esecuzione della fornitura
Si richiede un servizio continuativo in modalità “a canone”.
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano il servizio richiesto
(per la spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Ambito di
Assistenza
Descrizione
Ambito
AF-L3-11
Assistenza
Funzionale dei
Servizi AIL e
Presidenza
Nota 1
Giorni di
copertura
Lun-Ven
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
Notturni/Festivi trasferta
del attivazione
(annuale)
(annuale)
(annuale)
previsto
servizio
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
-
10 GG PP
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
opportuno anticipo
La fornitura richiesta deve rispettare le caratteristiche generali previste nella documentazione ed in
particolare le modalità di esecuzione riportate al paragrafo 5.3.2 del presente Capitolato. Nel
seguito vengono fornite alcune precisazioni utili ai fini della presentazione dell’offerta.
Attività
Per la descrizione generale delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.2.
Nel contesto particolare dell’ ambito le attività svolte dall’Assistenza sono:
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 119 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.




supporto agli utenti Regionali ed interventi di verifica nel caso di problemi relativi agli
applicativi e ai sistemi in gestione;
supporto agli utenti Regionali per la redazione e la pubblicazione degli atti sul bollettino
ufficiale;
supporto agli inserzionisti per l’invio delle richieste di pubblicazione sul BURL (il servizio in
questione prevede l’intervento dell’Assistenza di I livello);
formazione in aula all’uso delle procedure e redazione di manualistica.
Composizione del team di lavoro
Le attività definite devono essere erogate da risorse rispondenti al profilo professionale di
Assistente Funzionale e Team Leader di assistenza funzionale, tra queste dovrà essere prevista
una risorsa con specifiche conoscenze del sistema editoriale Woodwing in uso per la
pubblicazione del Bollettino.
Il fornitore dovrà assicurare un numero di risorse adeguato ai fini dell’erogazione del servizio sulla
base agli elementi forniti nel presente capitolato e tenendo conto dei requisiti in tal senso forniti nel
CT e nel PQ.
Altre caratteristiche della fornitura
Per quanto riguarda:


procedure di coordinamento con i referenti LI;
livelli di servizio;
si rimanda al PQ e a quanto già previsto in precedenza.
Durata della fornitura
Le attività sopra esposte dovranno svolgersi a partire dalla data di attivazione che verrà
comunicata successivamente alla stipula del contratto con LI, e per tutta la durata dello stesso,
secondo le modalità indicate al paragrafo 5.3 del CT e nel PQ.
Documenti di approfondimento
N.A.
8.1.2.11
Assistenza Funzionale Segreteria di Giunta – supporto alle Sedute (Ambito
AF-L3-13)
Macroclassi di riferimento
Assistenza
Classi di riferimento
Assistenza Funzionale
Fasi di sviluppo e manutenzione
oggetto di attività del fornitore
n.a.
Ambiti tecnologici
n.a.
Ambiti di assistenza
AF-L3-13
Modello di erogazione
A
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 120 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Modalità contrattuali
A canone
Periodo stimato di subentro
2 mesi
Contesto di riferimento
L’attività legislativa di Regione Lombardia ha il suo momento più importante nelle sedute della
Giunta. Dal 2011 tutte la preparazione e l’iter approvativo di delibere, leggi, regolamenti e
comunicazioni è totalmente digitalizzato tramite la piattaforma EDMA che permette alle Direzioni di
predisporre la documentazione e alla Presidenza di preparare l’Ordine del Giorno e approvare e
firmare digitalmente gli Atti.
La natura e delicatezza delle informazioni trattate dalla Segreteria di Giunta durante queste
operazioni prevede una tipologia di Assistenza specifica con orari differenti da quelli normalmente
previsti per alcune sere a settimana.
Tipicamente le attività preparatorie si svolgono per due sere precedenti alla Seduta e il momento di
maggiore criticità risulta essere la chiusura delle attività che avviene dopo la Seduta stessa.
In queste serate il supporto viene garantito a soggetti specifici come Segreterie degli Assessorati e
la Segreteria di Giunta stessa che hanno punti di contatto dedicati e senza limitazioni di orario.
Elementi dimensionali
Si sottolinea che l’attività prevede il supporto ai lavori di chiusura e perfezionamento dei documenti
risultato delle deliberazioni della Giunta Regionale. Si tratta di dare supporto ad una utenza
specifica (uffici di segreteria degli Assessorati, segreteria di Giunta) in situazioni di alta criticità per
tempistiche e urgenze, sempre al di fuori degli orari di lavoro standard previsti dal capitolato.
L’attività è svolto attualmente da un gruppo di lavoro di 4 persone con turnazione per garantire il
supporto in tutte le serate richieste.
Caratteristiche e modalità di esecuzione della fornitura
Si richiede un servizio continuativo in modalità “a canone”.
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano il servizio richiesto
(per la spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Ambito di
Assistenza
Descrizione
Ambito
AF-L3-13
Assistenza
Funzionale
Segreteria di
Giunta – supporto
alle Sedute
Nota 1
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Giorni di
copertura
Lun-Ven
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
Notturni/Festivi
trasferta
del attivazione
(annuale)
(annuale)
(annuale)
servizio previsto
18:00
24:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
-
25 GG PP
Le giornate di attivazione vengono decise di settimana in settimana
Pagina 121 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
La fornitura richiesta deve rispettare le caratteristiche generali previste nella documentazione ed in
particolare le modalità di esecuzione riportate al paragrafo 5.3.2 del presente Capitolato. Nel
seguito vengono fornite alcune precisazioni utili ai fini della presentazione dell’offerta.
Attività
Per la descrizione generale delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.2
Nel contesto particolare dell’ ambito l’attività prevede di norma l’impegno in tre serate a settimana:



mercoledì dalle 17 alle 20;
giovedì dalle 17 alle 20;
venerdì dalle 17 alle 24 (attività di chiusura della seduta).
Viene contemplata la possibilità di un’attivazione straordinaria del Servizio anche in altre giornate
della settimana, in aggiunta o sostituzione di quelle indicate in precedenza come standard.
L’avviso di tale attività può avere un preavviso di una sola giornata.
Composizione del team di lavoro
Le attività definite devono essere erogate da risorse rispondenti al profilo professionale di Team
Leder di Assistente Funzionale con esperienza nella gestione di situazioni critiche in urgenza.
Il fornitore dovrà assicurare un numero di risorse adeguato ai fini dell’erogazione del servizio sulla
base agli elementi forniti nel presente capitolato e tenendo conto dei requisiti in tal senso forniti nel
CT e nel PQ.
Altre caratteristiche della fornitura
Per quanto riguarda:


procedure di coordinamento con i referenti LI;
livelli di servizio;
si rimanda al PQ e a quanto già previsto in precedenza.
Durata della fornitura
Le attività sopra esposte dovranno svolgersi a partire dalla data di attivazione che verrà
comunicata successivamente alla stipula del contratto con LI, e per tutta la durata dello stesso,
secondo le modalità indicate al paragrafo 5.3 del CT e nel PQ.
Documenti di approfondimento
N.A.
8.1.2.12
Assistenza Funzionale dei servizi Bilancio e Contabilità (AF-L3-16)
Macroclassi di riferimento
Assistenza
Classi di riferimento
Assistenza Funzionale
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 122 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Fasi di sviluppo e manutenzione
oggetto di attività del fornitore
n.a.
Ambiti tecnologici
n.a.
Ambiti di assistenza
AF-L3-16
Modello di erogazione
A
Modalità contrattuali
A canone
Periodo stimato di subentro
2 mesi
Contesto di riferimento
Il bilancio si articola in un insieme di moduli verticali che condividono un’unica banca dati assieme
ai sistemi di contabilità e tesoreria.
In questo ambito è da prevedere anche il servizio di Bilancio delle Comunità Montane, l’applicativo
WEB tramite cui le Comunità Montane inseriscono ed inviano a Regione i propri dati di Bilancio.
Sono facilmente individuabili tre macro aree di riferimento:



Bilancio di previsione;
Bilancio di gestione;
Assestamento del bilancio.
Il Sistema Informativo è caratterizzato dai seguenti obiettivi generali:




condividere con le Direzioni, centralizzando il controllo sulla DC Programmazione integrata,
i processi di negoziazione delle risorse alla base dei momenti di definizione della
previsione, delle variazioni e dell’assestamento di bilancio;
supportare la previsione delle spese e la stima delle entrate formalizzate nel bilancio di
previsione, nell'ambito della fase di istruttoria della legge finanziaria e di bilancio regionale;
consentire la consultazione del bilancio di gestione (e le relazioni con la contabilità) e la
redazione delle variazioni del bilancio regionale;
supportare le attività connesse alla legge di assestamento del bilancio.
Regione Lombardia si avvale, per la materialità degli incassi e dei pagamenti, della collaborazione
della Tesoreria Regionale, servizio che ad oggi è appaltato ad un istituto bancario.
Il sistema applicativo consente a Regione Lombardia, tra le altre funzioni, di svolgere tutte le
attività necessarie per monitorare la situazione contabile interna e la relativa riconciliazione con le
operazioni svolte dalla Tesoreria.
In particolare:



la fase di acquisizione di tutte le operazioni contabili effettuate dalla Tesoreria sui conti
regionali;
la fase di reportistica di tutte le operazioni effettuate dalla Tesoreria con diversi parametri e
livelli di aggregazione;
la fase di riconciliazione degli incassi e pagamenti, con la possibilità di generare in modalità
semi-automatica i movimenti contabili per la regolazione dei relativi provvisori di entrata /
uscita (Giornale di Cassa);
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 123 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.



la fase di invio alla Tesoreria degli Ordinativi Elettronici di incasso e pagamento;
le varie fasi "una tantum" di invio alla Tesoreria dei dati contabili riferiti ai Capitoli di bilancio
e delle relative variazioni e delibere;
ulteriori funzionalità atte a monitorare la situazione contabile tra le due entità coinvolte,
(Regione / Tesoreria), saldo contabile, facility per la gestione delle classificazioni e
codifiche.
Le tecnologie impiegate sono SAP ECC6 e alcuni applicativi sviluppati internamente a LI in Visual
Basic.
Per la reportistica sono inoltre necessarie competenze specifiche sulla piattaforma BI4 di SAP.
Elementi dimensionali
Si sottolinea che l’attività preponderante è legata alla gestione delle fasi contabili e di bilancio
secondo il calendario delle scadenze amministrative degli enti coinvolti. Il lavoro è svolto
attualmente da risorse LI all’interno di una collaborazione stretta tra gruppi di sviluppo e gestione
del servizio, data l’alta specializzazione richiesta nelle problematiche contabili per gli applicativi
che sono stati sviluppati internamente a LI e che verranno dismessi nel corso del 2015 a favore del
nuovo gestionale SAP.
Non è attualmente possibile fornire un indicazione quantitativa precisa del numero di ticket da
trattare, perché i sistemi contabili sono in via di sostituzione ed entreranno a regime nel primo
trimestre 2015.
Il bacino di utenza previsto è di circa 100 utenti suddivisi tra Regione e gli altri Enti Regionali.
L’ambito prevede anche una fase di supporto all’utenza dedicato all’uso della piattaforma di
Business Intelligence di SAP.
Attualmente il servizio è erogato da un gruppo di lavoro così composto:


3 Team Leader Assistente Funzionale;
2 Assistenti Funzionali.
Caratteristiche e modalità di esecuzione della fornitura
Si richiede un servizio continuativo in modalità “a canone”.
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano il servizio richiesto
(per la spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Ambito di
Assistenza
Descrizione
Ambito
AF-L3-16
Assistenza
Funzionale dei
servizi Bilancio e
Contabilità
Nota 1
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Giorni di
copertura
Lun-Ven
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
attivazione
Notturni/Festivi
trasferta
del
(annuale)
(annuale)
(annuale)
servizio previsto
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
-
25 GG PP
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
Pagina 124 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Ambito di
Assistenza
Descrizione
Ambito
Giorni di
copertura
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
attivazione
Notturni/Festivi
trasferta
del
(annuale)
(annuale)
(annuale)
servizio previsto
opportuno anticipo
La fornitura richiesta deve rispettare le caratteristiche generali previste nella documentazione ed in
particolare le modalità di esecuzione riportate al paragrafo 5.3.2 del presente Capitolato. Nel
seguito vengono fornite alcune precisazioni utili ai fini della presentazione dell’offerta.
Attività
Per la descrizione generale delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.2
Nel contesto particolare dell’ ambito le attività svolte dall’Assistenza sono:










gestione delle attività di apertura e chiusura del bilancio e degli archivi collegati;
gestione delle problematiche legate a quadrature di bilancio;
identificazione delle problematiche negli invii di tesoreria e nelle interazioni con i sistemi
bancari;
produzione di reportistica on demand;
gestione delle abilitazioni ai sistemi (utenze e ruoli);
formazione all’utilizzo delle procedure e redazione di manualistica;
test funzionali antecedenti al rilascio in produzione di nuove funzioni;
coordinamento delle procedure di rilascio di nuove funzionalità;
verifica del rispetto dei Livelli di servizio previsti nella convenzione Regionale;
supporto verso gli utenti BI4 nella creazione della reportistica e delle query.
Composizione del team di lavoro
Le attività definite devono essere erogate da risorse rispondenti al profilo professionale di
Assistente Funzionale tra queste dovrà essere previsto un gruppo di risorse con specifiche
conoscenze di Business Intelligence e un gruppo con specifiche conoscenze orientate alla suite
SAP ECC 6.0, in particolare ai moduli:




FI
CO
AA
FM
Il fornitore dovrà assicurare un numero di risorse adeguato ai fini dell’erogazione del servizio sulla
base agli elementi forniti nel presente capitolato e tenendo conto dei requisiti in tal senso forniti nel
CT e nel PQ.
Altre caratteristiche della fornitura
Per quanto riguarda:


procedure di coordinamento con i referenti LI;
livelli di servizio;
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 125 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
si rimanda al PQ e a quanto già previsto in precedenza.
Durata della fornitura
Le attività sopra esposte dovranno svolgersi a partire dalla data di attivazione che verrà
comunicata successivamente alla stipula del contratto con LI, e per tutta la durata dello stesso,
secondo le modalità indicate al paragrafo 5.3 del CT e nel PQ.
Documenti di approfondimento
N.A.
8.1.2.13
Assistenza Funzionale del Servizio Modulistica online (Ambito AF-L3-16)
Macroclassi di riferimento
Assistenza
Classi di riferimento
Assistenza Funzionale
Fasi di sviluppo e manutenzione
oggetto di attività del fornitore
n.a.
Ambiti tecnologici
n.a.
Ambiti di assistenza
AF-L3-16
Modello di erogazione
A
Modalità contrattuali
A canone
Periodo stimato di subentro
2 mesi
Contesto di riferimento
La modulistica on-line nasce dalla necessità di Regione Lombardia di recuperare informazioni online in sostituzione di flussi documentali esistenti tra:



Cittadino e Ente Regione;
Cittadino e Ente;
Ente ed Ente.
Alcune delle esigenze soddisfatte dalle modulistiche on-line sono le seguenti:





semplificare e regolamentare i procedimenti e i flussi documentali tra Cittadino-ComuneRegione relativi alle attività economiche e produttive;
monitorare lo sviluppo delle attività economiche e produttive attraverso la raccolta
sistematica e strutturata delle informazioni;
recepire le richieste di autorizzazione di emissione in aria acqua e suolo degli agenti
inquinanti;
censire le realtà di comuni ed Enti che gestiscono in condivisione alcuni servizi per il
Cittadino;
promuovere la cooperazione tra enti attraverso lo scambio controllato delle informazioni e
l’integrazione tra sistemi.
Come ulteriore contesto di riferimento indirizzato dal servizio si forniscono le seguenti informazioni:
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 126 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Organizzazioni coinvolte: il servizio è erogato per tutti gli utenti del servizio modulistica online
(Cittadini, Aziende, Associazioni, Enti pubblici, Comuni e Regione).
Attualmente il servizio è organizzato secondo le seguenti linee di attività:
Supporto Specialistico MUTA, Supporto Specialistico Gestioni Associate Comunali; Supporto
Specialistico DIAP (Dichiarazione Inizio Attività Produttiva), Supporto Specialistico SCIA
(Segnalazione Certificata di Attività Produttiva), Supporto Specialistico DIA-DAA, Supporto
Specialistico SCIA AGRITURISMO e Supporto Specialistico FER (Autorizzazioni di impianti da
fonti di energia rinnovabile).
Elementi dimensionali
Nel 2013 sono stati gestiti circa 4000 ticket; si prevede una crescita annua di circa il 20%.
Attualmente il servizio è erogato da un gruppo di lavoro così composto:

2 Assistenti Funzionali.
Caratteristiche e modalità di esecuzione della fornitura
Si richiede un servizio continuativo in modalità “a canone”.
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano il servizio richiesto
(per la spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Ambito di
Assistenza
Descrizione
Ambito
AF-L3-16
Assistenza
Funzionale del
Servizio
Modulistica online
Nota 1
Giorni di
copertura
Lun-Ven
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
attivazione
Notturni/Festivi
trasferta
del
(annuale)
(annuale)
(annuale)
servizio previsto
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
contratto
-
25 GG PP
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
opportuno anticipo
La fornitura richiesta deve rispettare le caratteristiche generali previste nella documentazione di
gara ed in particolare le modalità di esecuzione riportate al paragrafo 5.3.2. Nel seguito vengono
fornite alcune precisazioni utili ai fini della presentazione dell’offerta.
Attività
Per la descrizione delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.2 .
Nel contesto particolare dell’ ambito le attività svolte dall’Assistenza sono:




supporto al primo livello di Assistenza per le segnalazioni riportate dagli enti;
autenticazione utenti;
reportistica on-demand sui dati di sistema.
test funzionali antecedenti al rilascio in produzione di nuove funzioni.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 127 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Composizione del team di lavoro
Le attività definite devono essere erogate da risorse rispondenti ai profili professionali di Assistente
Funzionale. Il fornitore dovrà assicurare un numero di risorse adeguato ai fini dell’erogazione del
servizio sulla base agli elementi forniti nel presente capitolato e tenendo conto dei requisiti in tal
senso forniti nel CT e nel PQ.
Altre caratteristiche della fornitura
Per quanto riguarda:


procedure di coordinamento con i referenti LI;
livelli di servizio;
si rimanda al PQ e a quanto già previsto in precedenza.
Durata della fornitura
Le attività sopra esposte dovranno svolgersi a partire dalla data di attivazione che verrà
comunicata successivamente alla stipula del contratto con LI, e per tutta la durata dello stesso,
secondo le modalità indicate al paragrafo 5.3 del CT e nel PQ.
Documenti di approfondimento
N.A.
8.1.2.14
Assistenza Funzionale dei servizi Documentali e Contabili SIREG (Ambito AFL3-18)
Macroclassi di riferimento
Assistenza
Classi di riferimento
Assistenza Funzionale
Fasi di sviluppo e manutenzione
oggetto di attività del fornitore
n.a.
Ambiti tecnologici
n.a.
Ambiti di assistenza
AF-L3-18
Modello di erogazione
A
Modalità contrattuali
A canone
Periodo stimato di subentro
2 mesi
Contesto di riferimento
La piattaforma EDMA è diffusa per la gestione documentale e di alcuni iter procedurali all’interno
dei seguenti Enti del SIREG: ARPA, ERSAF, EUPOLIS, ARIFL.
Ogni ente utilizza un nucleo standard di funzionalità della piattaforma EDMA per:

La gestione della protocollazione (sia cartacea che digitale – PEC e FAX Server);
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 128 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.



La gestione della corrispondenza in uscita ed in entrata (con la distribuzione della stessa ai
soggetti interessati);
La gestione della documentazione (accesso ai documenti sulla base di profili, ricerche,
archiviazione);
La gestione di pratiche e fascicoli procedurali.
Si segnalano inoltre alcune specificità relative a due Enti: Arpa e ARIFL.
Arpa Lombardia ha richiesto una serie di personalizzazioni su EDMA per cui la documentazione di
ogni procedimento aperto viene raccolto in fascicoli con tutta la documentazione ricevuta e
prodotta accessibile dal sistema solo ad uffici specifici e con monitoraggio delle tempistiche di
evasione delle pratiche (p.e VAS, VIA, procedura di verifiche sul territorio, etc).
ARIFL affianca all’uso del documentale anche la gestione del Bilancio e della Ragioneria interna
per cui si avvale dei medesimi strumenti in uso presso la Presidenza di Regione Lombardia
(sistemi custom in Visual Basic, SAP ECC 6.0 e BI4).
Il medesimo percorso di standardizzazione delle procedure contabili e di bilancio è previsto nel
corso del 2015 anche per ARPA.
Elementi dimensionali
Il supporto prevede l’assistenza all’uso del sistema documentale sviluppato su Piattaforma EDMA
che gestisce i procedimenti e la corrispondenza all’interno degli enti ARIFL, ARPA, ARCA,
EUPOLIS, ERSAF.
Il bacino di utenze è di circa 2000 utenti.
Attualmente il servizio è erogato da un gruppo di lavoro così composto:

3 Assistenti Funzionali.
Non è possibile stimare in maniera precisa il gruppo di lavoro che andrà dedicato al supporto per
l’implementazione dei nuovi sistemi contabili basati su SAP ECC.
Attualmente un team di 2 assistenti funzionali segue la parte dedicata alla gestione contabile per il
solo Ente ARIFL, basato su applicativi legacy sviluppati da LI.
Caratteristiche e modalità di esecuzione della fornitura
Si richiede un servizio continuativo in modalità “a canone”.
Nella tabella che segue sono fornite le principali informazioni che caratterizzano il servizio richiesto
(per la spiegazione del significato da attribuire alle colonne della tabella si rimanda al PQ).
Ambito di
Assistenza
AF-L3-18
Descrizione
Ambito
Giorni di
copertura
Assistenza
Lun-Ven
Funzionale dei
servizi Documentali
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
attivazione
Notturni/Festivi
trasferta
del
(annuale)
(annuale)
(annuale)
servizio previsto
08:00
18:00
1°
Trimestre
da stipula
-
10 GG PP
Pagina 129 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Ambito di
Assistenza
Descrizione
Ambito
Giorni di
copertura
e Contabili SIREG
Nota 1
Straordinari
% gg in
Orario Periodo
1
Reperibilità
1
attivazione
Notturni/Festivi
trasferta
del
(annuale)
(annuale)
(annuale)
servizio previsto
contratto
I giorni annuali di reperibilità o straordinario saranno richiesti con
opportuno anticipo
La fornitura richiesta deve rispettare le caratteristiche generali previste nella documentazione di
gara ed in particolare le modalità di esecuzione riportate al paragrafo 5.3.2. Nel seguito vengono
fornite alcune precisazioni utili ai fini della presentazione dell’offerta.
Attività
Per la descrizione delle attività si faccia riferimento al paragrafo 5.3.1.2 .
Nel contesto particolare dell’ ambito le attività svolte dall’Assistenza sono:










gestione del Protocollo Generale e della gestione contabile);
gestione delle abilitazioni al sistema e monitoraggio dell’integrazione con l’anagrafica
regionale;
configurazione delle regole del sistema di programmazione, configurazione dei workflow
presenti a sistema e dei modelli documentali a supporto;
inizializzazione e configurazione degli ambienti contabili ad inizio esercizio;
supporto all’utilizzo dei sistemi nelle fasi critiche di redazione e approvazione dell’esercizio
contabile;
monitoraggio dell’integrazione con i servizi di ricezione ed invio di PEC e Fax;
supporto di primo livello all’utilizzo della Firma Digitale;
supporto alla formazione in aula per l’utilizzo delle procedure e verifica della manualistica;
assistenza o on-site nelle fasi di avvio del Sistema o di nuovi contesti applicativi basati sullo
stesso;
test funzionali antecedenti al rilascio in produzione di nuove funzioni.
Composizione del team di lavoro
Le attività definite devono essere erogate da risorse rispondenti ai profili professionali di Assistente
Funzionale. Il fornitore dovrà assicurare un numero di risorse adeguato ai fini dell’erogazione del
servizio sulla base agli elementi forniti nel presente capitolato e tenendo conto dei requisiti in tal
senso forniti nel CT e nel PQ.
Le attività legati agli ambiti contabili devono essere erogate da risorse rispondenti al profilo
professionale di Assistente Funzionale: tra queste dovrà essere previsto un gruppo di risorse con
specifiche conoscenze di Business Intelligence e un gruppo con specifiche conoscenze orientate
alla suite SAP ECC 6.0, in particolare ai moduli:




FI;
CO;
AA;
FM.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 130 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Altre caratteristiche della fornitura
Per quanto riguarda:


procedure di coordinamento con i referenti LI;
livelli di servizio;
si rimanda al PQ e a quanto già previsto in precedenza.
Durata della fornitura
Le attività sopra esposte dovranno svolgersi a partire dalla data di attivazione che verrà
comunicata successivamente alla stipula del contratto con LI, e per tutta la durata dello stesso,
secondo le modalità indicate al paragrafo 5.3 del CT e nel PQ.
Documenti di approfondimento
N.A.
8.2
Forniture normate da successive richieste di intervento
8.2.1 Livello di flessibilità per la componente di fornitura a consumo
Nel disciplinare di gara sono indicati i valori massimi stimati per ogni macro classe di fornitura.
Viene richiesto al Fornitore, in sede di offerta tecnica di indicare la percentuale di convertibilità (C)
che intende offrire per garantire a LI un grado di flessibilità nello scostamento rispetto alle stime
previste.
La percentuale di “convertibilità” (C) determinerà un ammontare in euro (F) che LI potrà richiedere,
in corso di contratto e a seconda delle necessità emergenti, utilizzandola per lo svolgimento di
attività per qualsiasi macroclasse, senza nessun vincolo.
I valori stimati per macro classe saranno rideterminati riproporzionando i valori inizialmente
previsti.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 131 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
9. Proposte progettuali
9.1
Scopo del capitolo
Il presente capitolo riporta gli elementi utili a definire una proposta progettuale la cui elaborazione
costituisce solo un elemento per la valutazione dell’offerta tecnica del concorrente.
LI si riserva di considerare le proposte per una possibile adozione.
Attenzione: le proposte progettuali non devono contenere alcun riferimento ad elementi economici,
ma devono contenere solo considerazioni qualitative.
9.2
Struttura dei quesiti
Vengono esaminate nel seguito le tematiche da approfondire al fine di contribuire alla definizione
delle evoluzioni funzionali ed architetturali del SIR. Il presente paragrafo è suddiviso nelle seguenti
sezioni:




Continuous Integration nel ciclo di rilascio;
Proposta tecnica e organizzativa misurazione della dimensione funzionale del software
HUB della decertificazione della PA Lombarda;
Innovazione dei processi amministrativi per la Regione Lombardia: dal controllo
Amministrativo e di Gestione al controllo Strategico per favorire un Sistema Integrato di
Contabilità Direzionale.
Per ciascuna tematica vengono riportate le seguenti informazioni:


9.3
Contesto;
Quesito.
HUB della decertificazione della PA Lombarda
Contesto di riferimento
A seguito dell’entrata in vigore della legge n.183 del 12 novembre 2011 e la successiva direttiva
del Ministero della Pubblica Amministrazione e della Semplificazione n.14 del 22 dicembre 2011
(“Adempimenti urgenti per l’applicazione delle nuove disposizioni in materia di certificati e
dichiarazioni sostitutive di cui all’articolo 15, della legge 12 novembre 2011, n. 183”), secondo cui i
certificati hanno validità solo nei rapporti tra i privati e le amministrazioni non possono più chiedere
ai cittadini certificati o informazioni già in possesso di altre pubbliche amministrazioni, le PA
devono procurarsi autonomamente i certificati o i documenti comprovanti situazioni, qualità ecc.,
necessari allo svolgimento delle proprie attività. In altre parole, una PA che ha bisogno di acquisire
un dato certo deve chiederlo direttamente alla PA deputata a certificarlo, anziché lasciare che sia il
privato a farlo.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 132 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Nel caso di rapporti con la PA e i gestori di pubblico servizio, l’utente potrà pertanto limitarsi a
fornire indicazioni di massima per consentire all’amministrazione procedente di individuare
l'amministrazione certificante che detiene il dato da acquisire per i procedimenti che lo riguardano.
Ne deriva, dunque, la cosiddetta “decertificazione”: la pubblica amministrazione “decertifica”
quando riduce la quantità di certificati richiesti a cittadini e imprese, affinché il loro rapporto con la
PA sia più semplice e veloce. La decertificazione quindi è uno strumento di semplificazione
amministrativa.
L’acquisizione del dato da parte dell’amministrazione procedente nei confronti dell’amministrazione
certificante può avvenire secondo diversi canali:






collegamento telematico diretto verso la banca dati dell’amministrazione certificante;
posta elettronica certificata (PEC);
posta elettronica limitatamente alle caselle di posta elettronica;
richiesta per mezzo di un portale messo a disposizione dall’amministrazione certificante;
fax;
a mezzo servizio postale.
Occorre quindi sistematizzare i flussi informativi e documentali tra Regione Lombardia e altri
soggetti della PA, al fine di realizzare un “hub della decertificazione”, ossia un servizio
centralizzato d'interscambio ed accesso che renda disponibili documenti ed informazioni certificate
relative a cittadini ed imprese ai servizi regionali che ne hanno necessità.
Gli obiettivi che si pone questo servizio di gestione della decertificazione sono:



evitare la duplicazione dei certificati degli utenti nelle sorgenti di dati interne al singolo
servizio;
semplificare la gestione del ciclo di vita dei certificati interna al singolo servizio;
adottare regole e modalità di gestione dei certificati uniformi per ciascun servizio.
L’iniziativa è volta alla creazione di un unico repository condiviso dei certificati dei cittadini e dei
soggetti terzi che interagiscono con le applicazioni del Sistema Informativo Regionale (SIR), alla
creazione di servizi applicativi a supporto dei processi d'acquisizione dei dati presso le
amministrazioni certificanti e all’esposizione di servizi applicativi utilizzabili dalle altre applicazioni
del SIR.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 133 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
A titolo esemplificativo dell’esigenza di attivare l’Hub della decertificazione per adeguarsi alla
nuova normativa, riportiamo il caso dei servizi regionali preposti alla gestione dell’erogazione di
fondi sul territorio tramite procedure di selezione a bando. Questi sono tra i servizi maggiormente
impattati dalla nuova normativa. Infatti, nelle diverse fasi dell’iter procedurale che le pratiche di
richiesta del contributo economico attraversano dal momento della loro presentazione da parte di
cittadini, enti e imprese fino al momento della liquidazione finale, è necessario che la PA che ne ha
in carico la gestione si accerti dell’effettivo diritto dei soggetti richiedenti di ricevere il contributo
previsto.
Alcune delle informazioni da verificare sono certificate da altre PA, quali le Camere di Commercio,
l’INPS o le prefetture. Tra queste, alcune possono essere già oggi recuperate automaticamente
attraverso collegamento telematico diretto verso la banca dati dell’amministrazione certificante,
ossia attraverso il primo dei canali di acquisizione previsti. Ad esempio il possesso di un codice
ATECO da parte di un’impresa può essere acquisito automaticamente dai servizi di erogazione,
interrogando direttamente la banca dati del Registro delle Camere di Commercio (PARIX).
Nel caso in cui, invece, non siano disponibili servizi utili ad automatizzare il processo di verifica,
Regione Lombardia si è attrezzata per procurarsi autonomamente le informazioni utilizzando, caso
per caso, gli altri canali disponibili.
Ad esempio il Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) che attesta che un’impresa
negli ultimi 3 mesi sia stata regolare nel pagamento dei contributi INPS dei lavoratori, è spesso
condizione necessaria perchè un soggetto possa ricevere un contributo da parte di una PA, ma, ad
oggi, non può essere acquisito automaticamente via servizi di interoperabilità. Deve essere infatti
richiesto “fuori linea” dal funzionario che gestisce la pratica su un’apposito sito INPS sul quale,
dopo alcuni giorni, viene messo a disposizione il documento del DURC.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 134 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Analogamente il Certificato Antimafia rilasciato dalla Prefettura che certifica l’assenza in
un’impresa di figure di responsabilità di cui sia stata accertata connivenza con associazioni
mafiose, viene richiesto e ricevuto via PEC dal funzionario.
La gestione dei documenti relativi al DURC e all’Antimafia risulta estremamente onerosa per i
seguenti motivi:
1. i documenti non vengono messi in un unico repository e questo fa sì che sia necessario
richiederli per ogni pratica anche quando la validità dei documenti ne permetterebbe l’utilizzo
parallelo per più pratiche di erogazione di una stessa impresa e, più in generale per più
pratiche della stessa impresa relative a servizi che lo richiedano
(es. i servizi di
Autorizzazione);
2. l’acquisizione dei documenti richiede l’intervento manuale del funzionario e questo non
permette di accelerare e semplificare le procedure di verifica.
Le problematiche sopra riportate evidenziano come, nel quesito proposto, occorre prevedere e
strutturare un’attività propedeutica alla realizzazione tecnica della base dati centralizzata delle
informazioni utili ai servizi regionali e certificate da altre PA.
Quesito
Al concorrente è richiesto un elaborato tecnico/organizzativo che rispetti i requisiti di seguito
indicati per la realizzazione del sistema a supporto della decertificazione.
Caratteristiche
Come specificato nel paragrafo precedente, il sistema informativo da realizzare deve gestire il
repository dei certificati, gestire e supportare i processi, uno per ogni tipologia di certificato, di
richiesta e acquisizione dall’ente certificante, automatici e con intervento umano, utilizzando i vari
canali possibili ed esporre servizi alle applicazioni del SIR.
La soluzione proposta si colloca nello strato di servizi di back-office, cioè non si interfaccia
direttamente con gli i cittadini ma ha l’obiettivo di fornire servizi alle applicazioni verticali esposte
da Regione Lombardia. Gli utenti diretti della soluzione sono pertanto servizi applicativi ed
operatori del sistema di decertificazione che operano dall’intranel di Regione Lombardia.
L’integrazione con i sistemi di identificazione dell’utente finale, ad esempio il sistema IdPC (Identity
Provider Cittadini), è in carico ai servizi applicativi verticali che fruiranno della soluzione di
decertificazione tramite interfacce programmatiche a servizi; tali interfacce verranno alimentate con
i dati identificativi del soggetto identificato (in generale il codice fiscale) oltre ai dati necessari per il
reperimento del certificato richiesto.
Ogni richiesta effettuata dai servizi verticali deve essere tracciata in uno o più log al fine di
mantenere lo storico delle richieste sia con finalità di tracciamento degli esiti sia per finalità di
auditing. Per ogni richiesta devono essere identificati almeno il servizio richiedente, il soggetto
della richiesta ed i dati identificativi del certificato.
La soluzione deve tracciare l’esito dei passi del processo realizzati per soddisfare la singola
richiesta ed, in particolare, deve mantenere riferimenti storici a tutti i certificati ottenuti. L’archivio
storico è necessario in quanto i servizi applicativi possono richiedere di recuperare il certificato
ottenuto dal sistema ad una specifica data.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 135 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Per ogni tipologia di certificati gestiti dalla soluzione deve essere possibile definire lo specifico
processo per il suo reperimento dalle amministrazioni certificanti, tenendo conto dei diversi canali e
modalità di acquisizione.
Tra i criteri del processo deve essere possibile specificare il tempo di validità di un certificato;
all’interno di tale periodo la soluzione deve restituire l’ultimo certificato reperito, invece di
interfacciare nuovamente l’ente certificatore per ottenerne una copia “aggiornata”. Anche questa
attività è oggetto delle attività di tracciamento e storicizzazione. La definizione del processo di
reperimento dei certificati deve essere preferibilmente effettuata tramite interfacce visuali web.
I criteri di accesso ai certificati deve poter essere vincolata a criteri di compartimentazione dei dati,
cioè per ogni tipologia di certificati deve essere possibile definire se possono averne libero
accesso tutti i servizi applicativi verticali o se ne deve essere consentito l’accesso ad un
sottoinsieme preconfigurato.
Le funzionalità del sistema che richiedono un’attività manuale, dove applicabili, devono essere
esposte preferibilmente tramite un’interfaccia web e, in ogni caso, l’accesso di tali operatori
(personale che opera dall’interno di Regione Lombardia) deve essere assoggettato all’integrazione
di uno dei sistemi di gestione dell’Identità Digitale in uso. Soluzioni che introducano ulteriori
sistemi/modalità di identificazione degli utenti alle funzioni applicative, fatta eccezione per gli
accessi sistemistici, è da considerarsi non in linea con lo spirito di questa proposta progettuale.
Scenari di acquisizione dei certificati
La soluzione deve prevedere una attività di censimento delle informazioni e delle modalità con cui
oggi possono essere acquisite e di una proposta di semplificazione delle modalità di recupero. Ciò
al fine di promuovere, verso le PA coinvolte, un processo di semplificazione nella modalità di
scambio delle informazioni certificate. Il censimento deve essere previsto sia per i dati certificati da
altre PA che per quelli certificati da Regione Lombardia.
A tipolo esemplificativo sono riportati processi e modalità di acquisizione di alcune tipologie di
certificato:
DURC (Documento unico di regolarità contributiva):





La richiesta del DURC avviene per via telematica attraverso il portale dedicato dello
Sportello unico previdenziale, previa registrazione dell'ente richiedente. L'utente compila il
modulo inserendo i dati richiesti dalla procedura. Ad attestazione dell'inoltro della richiesta
del DURC e viene assegnato e comunicato il CIP (codice identificativo pratica) e il numero
di protocollo della richiesta. Il CIP vale come "ricevuta" e deve essere conservato come
prova del corretto invio della richiesta.
L'utente, attraverso il CIP, può verificare in qualunque momento lo stato di avanzamento
della propria pratica accedendo in modalità di consultazione alla procedura.
Se necessario, durante l'istruttoria, l'Inail chiede chiarimenti e documentazione integrativa,
che deve essere presentata entro 15 giorni.
Il DURC viene spedito tramite posta raccomandata all'indirizzo del richiedente.
Tutti i DURC riportano, in calce al certificato, un contrassegno che è stato generato
elettronicamente dal sistema al momento dell'emissione del certificato. Tale contrassegno
consente di verificare la provenienza e la conformità del documento cartaceo (analogico) in
possesso degli utenti con il documento informatico presente nella banca dati DURC.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 136 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Comunicazione antimafia
 La comunicazione antimafia è rilasciata dal prefetto della provincia in cui hanno sede gli
Enti pubblici/Stazioni Appaltanti. Nel caso della provincia di Milano, la richiesta di
comunicazione antimafia deve essere all’ indirizzo PEC della Prefettura di Milano
utilizzando il modulo disponibile sul sito della stessa.
 Alla richiesta vanno allegati documenti soltanto nel caso in cui
il rilascio della
comunicazione antimafia riguardi una persona giuridica (società), come la dichiarazione
sostitutiva di iscrizione alla CCIAA della società interessata.
 La comunicazione antimafia viene spedita tramite PEC all'indirizzo del richiedente.
 La comunicazione antimafia può essere utilizzata per un periodo di 6 mesi dalla data
dell’acquisizione.
Codice ATECO


I codici ATECO sono combinazioni di lettere e numeri, che la Camera di Commercio
assegna alle aziende al momento della loro apertura. Tali codici servono ad effettuare una
classificazione delle attività economiche, individuando il tipo di lavoro svolto dall’azienda;
ad ogni codice ATECO corrisponde un’attività lavorativa diversa. Il possesso di un codice
ATECO da parte di un’impresa viene riportato sulla visura camerale della Camera di
Commercio.
Tale informazione viene acquisita interrogando direttamente il sistema PARIX (Piattaforma
di Accesso al Registro Imprese in formato XML) di InfoCamere utilizzando il web service
erogato dal modulo PARIX GATE.
Scenari d’integrazione
Gli enti certificatori devono essere acceduti conformemente alle interfacce ed ai vincoli da questi
imposti, poiché non è possibile individuarli tutti a priori è necessario che il sistema sia quanto più
aperto possibile per quanto riguarda le interfacce, i protocolli ed i processi d’integrazione fornendo
anche delle modalità tecniche per la sua “estensione” al fine di supportare integrazioni ulteriori a
quelle nativamente previste.
Le modalità di integrazione degli enti certificatori possono essere le più variegate, quali ad
esempio:





Porte di Dominio SPCoop (Sistema Pubblico di Cooperazione Applicativa);
Web services (SOAP, REST, …);
PEC (Posta Elettronica Certificata);
Fax;
Trasmissione cartacea di richieste / ottenimento di documenti cartacei.
Le modalità di integrazione possono essere utilizzate nell’ambito sia di processi sincroni che
asincroni e, in particolare per quelli asincroni, con elementi di processo automatici o manuali. In
particolare per questi aspetti il concorrente deve specificare dettagliatamente il funzionamento e le
caratteristiche del sistema nonché le soluzioni tecniche per realizzarlo.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 137 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Per la gestione dei processi che coinvolgono lo scambio di documentazione cartacea e/o FAX
devono essere specificate le modalità tecnico/organizzative per la dematerializzazione di tali
documenti prevedendo, se necessario, l’integrazione di un sistema di conservazione sostitutiva.
Vincoli
Trattandosi di una proposta progettuale è naturalmente facoltà del concorrente proporre soluzioni
che differiscano da quanto specificato nelle linee guida ma, dove questo dovesse accadere,
devono essere portate chiare e convincenti motivazioni che giustifichino tale scelta.
Non sono diversamente derogabili le parti delle linee guida che vincolano aspetti inerenti la
sicurezza, in tutte le sue accezioni, o la qualità del software; giusto a titolo d’esempio se ne citano
alcuni:



Rispetto della normativa sull’accessibilità;
Misure per la sicurezza del software;
Misure per la qualità del software;
Tra i servizi applicativi “trasversali” di Lombardia Informatica che non devono essere previsti come
parte della soluzione ma, anzi, che devono essere integrati senza alcuna forma di duplicazione si
evidenziano nel seguito quelli che hanno maggiore possibilità di sovrapposizione con la soluzione
oggetto di questa proposta progettuale:




9.4
Sistemi per la gestione dell’Identità Digitale (IdPC, Single Sign On del SISS, Identity &
Access Management dell’intranet di RL);
Sistema documentale di Regione Lombardia (EDMA) per la protocollazione, l’eventuale
scansione e per l’archiviazione dei file costituenti i certificati (integrazione con il sistema
EDMA tramite web services REST);
Caselle PEC “istituzionali” per l’interfacciamento degli enti certificatori;
Eventuale sistema di archiviazione sostitutiva.
Innovazione dei processi amministrativi per la Regione Lombardia:
dal controllo Amministrativo e di Gestione al controllo Strategico
per favorire un Sistema Integrato di Contabilità Direzionale.
Contesto di riferimento
Regione Lombardia da diverse Legislature ha dato vita ad un Sistema di Programmazione e
Controllo, con l’intenzione di monitorare gli obiettivi di programmazione in attuazione presso tutte
le Direzioni Generali e Centrali; il progetto in questione si pone come obiettivo principale la
progressiva creazione e manutenzione a regime di un Sistema Integrato per la gestione del Piano
Regionale di Sviluppo (PRS) e per il controllo degli obiettivi di programmazione in Regione
Lombardia.
Il modello a cui tendere consiste nel portare a sistema, relativamente alle fasi di programmazione,
realizzazione, e controllo e in termini di movimenti di entrata e di spesa le varie modalità attraverso
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 138 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
le quali Regione Lombardia programma, finanzia e controlla interventi/progetti attuati sul proprio
territorio da soggetti interni ed esterni di qualsiasi tipologia essi siano: infrastrutturali, aiuti,
formativi, di investimento, ecc.
La pressione sul contenimento della spesa e la competizione tra sistemi territoriali rappresentano
le due motivazioni principali alla base della crescente importanza che stanno assumendo i sistemi
di programmazione e controllo per le Amministrazioni Pubbliche. La raccolta, la gestione e
l’elaborazione dell’informazione diventano momenti fondamentali per le Amministrazioni Pubbliche
e soprattutto per quelle Regionali, che sono l’ente di Governo del territorio, per supportare
un‘attività di programmazione coerente con i fabbisogni dei cittadini, delle imprese e del territorio, e
con le risorse finanziarie disponibili.
In termini generali, il Sistema di Programmazione e Controllo (rappresentato in figura) è costituito
da processi che portano a correlare esplicitamente tre variabili:



le unità organizzative responsabili;
gli obiettivi da raggiungere;
le risorse allocate.
Il Sistema di programmazione regionale
Questo Sistema non può prescindere dai sistemi informativi dell’organizzazione e dalla loro
struttura e rilevanza percepita all’interno dell’organizzazione stessa. In senso lato, i sistemi
informativi sono costituiti:


dall’insieme dei processi di rilevazione, trattamento dei dati, produzione delle informazioni e
misurazione;
dall’insieme degli output di tali processi, costituiti dalla “struttura e dai flussi di dati e
informazioni destinati alle decisioni”.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 139 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
L’attività di Programmazione e Controllo dell’Ente Regione assume progressivamente dei connotati
di complessità considerate le sue funzioni e i flussi di cassa ad esse correlate: la Regione infatti è
chiamata a programmare le sue risorse di bilancio, le risorse trasferite dai livelli di governo
superiore (Stato e Unione Europea) e le risorse che deve trasferire ai soggetti sul territorio (altre
Amministrazioni Pubbliche, imprese private e associazioni e altre organizzazioni del terzo settore).
In relazione alle risorse ricevute essa è chiamata a espletare un’attenta attività di rendicontazione
di tipo economico e finanziario nei confronti dei soggetti che erogano le risorse.
In relazione all’utilizzo delle risorse da parte delle Direzioni della Regione o all’erogazione ai
soggetti esterni, la Regione è chiamata a raccogliere (in base a un processo di rendicontazione)
informazioni di tipo economico e finanziario e a monitorare e valutare lo stato di avanzamento dei
progetti, la loro efficienza ed efficacia, e quindi a programmare nuove attività o a riprogrammare
quelle in corso.
In questo contesto diventa necessario porre particolare rilevanza al passaggio dei flussi informativi
da una fase alla successiva (rappresentati in figura). Lo scambio efficiente di informazioni
costituisce infatti il cuore di un sistema di programmazione. Dal punto di vista dell’Ente Regione in
particolare, la possibilità di avvalersi di un numero di informazioni ampio – per quantità e natura rappresenta la possibilità di riprogrammare la distribuzione delle risorse dove necessario da un
lato, e di garantire il proprio ruolo di Ente di Governo e di supporto alla progettualità del proprio
territorio dall’altro.
I flussi informativi nel ciclo di programmazione e controllo
La programmazione è quindi quel processo che, sulla base di indirizzi politici strategici, individua
possibili alternative di azione da attuare in un periodo di tempo, stabilendo le risorse da assegnare
e le unità organizzative responsabili.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 140 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Oggi quando si parla di programmazione degli enti locali bisogna riconoscere che le Regioni, più
ancora degli altri enti locali, hanno assunto un ruolo determinante in questo processo,
partecipando come soggetto autonomo, sia a livello nazionale che a livello europeo, con la finalità
di raggiungere all’interno del proprio territorio regionale uno sviluppo equilibrato utilizzando tutte le
risorse necessarie.
La programmazione principale di Regione Lombardia può essere definita programmazione
istituzionale ed è composta da tre livelli: strategico, direzionale e operativo, più un livello
trasversale che consiste nella programmazione finanziaria.
In particolare, attraverso la propria azione di project manager secondo l’approccio della
progettazione integrata, la Regione Lombardia, attraverso le sue Direzioni Generali e Centrali, può
innescare un processo di supporto al proprio territorio, che sia più efficiente in fase di elaborazione
delle azioni (programmazione operativa), tramite l’utilizzo integrato di tutte le risorse disponibili
(attuazione/implementazione dei progetti), che verranno monitorate per un’eventuale
riprogrammazione/riorientamento della gestione (monitoraggio e valutazione).
Alla luce di queste considerazioni, l’esigenza alla base del sistema e della sua evoluzione è quella
di disporre di uno strumento informativo utile a creare e gestire una visione complessiva sulla
programmazione degli investimenti pubblici in Regione Lombardia. Questa esigenza traduce la
necessità di governare la complessità derivante dalla pluralità degli strumenti disponibili data
dall’elevato numero di programmi tramite cui vengono finanziati i progetti; diventa così
fondamentale supportare l’attività di coordinamento e integrazione dei diversi strumenti per
innalzare, nuovamente, il livello di unitarietà dell’azione e della gestione dei flussi informativi della
Regione.
Completa l’impostazione del disegno l’introduzione di componenti finalizzate al Monitoraggio
sull’attuazione del Programma, con l’elaborazione del Piano degli Indicatori di Bilancio,
esplicitando obiettivi, risorse, indicatori e target per ogni programma per il quale sono previste
risorse nel bilancio di previsione. Il Piano, ridefinito annualmente, conterrà indicatori a valenza
pluriennale consentendo di costruire serie storiche significative, utili alla valutazione delle politiche
e dei risultati conseguiti.
Il Piano Indicatori e risultati di Bilancio, strutturato su base triennale, rappresenta uno strumento di
trasparenza e chiarezza rispetto a risultati conseguiti e utilizzo delle risorse e offre un importante
contributo al potenziamento e alla diffusione della cultura della misurazione in Regione Lombardia.
Il contesto evolutivo del Sistema Contabile Integrato
Regione Lombardia (RL) in qualità di Ente sperimentante è chiamata ad attuare le disposizioni
previste dal D. Lgs. 118/2011 (Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e
degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi) per l’armonizzazione
dei bilanci delle Regioni e degli Enti Locali.
Lombardia Informatica (LI) per conto di Regione ha avviato un insieme di attività relative alla
revisione dell’intero processo di bilancio e contabilità alla luce dei principi contabili generali definiti
nel decreto, alla adozione obbligatoria di un piano dei conti integrato (finanziario ed economico)
unico per tutte le amministrazioni e degli schemi di bilancio unificati basati sulla riclassificazione
delle spese in programmi e missioni, comprensivi di un sistema di indicatori di risultato, alla
definizione delle modalità di registrazione degli eventi contabili (“transazione elementare”) e
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 141 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
elaborazione obbligatoria di un bilancio consolidato della amministrazione con quello dei suoi enti
strumentali ed aziende controllate.
Entro il 31 dicembre 2013 sia RL sia gli altri Enti in sperimentazione, tra cui ARIFL, dovevano
adeguare la propria Contabilità Finanziaria (di seguito COFI) ai dettami del titolo I del D. Lgs.
118/2011, nonché dotarsi di un sistema di Contabilità Economico Patrimoniale (di seguito COEP).
A luglio 2013 è stato firmato il Protocollo di Intesa per il Riuso in Lombardia della soluzione
SIBAR/SIBEAR basata su SAP ECC della Regione Autonoma della Sardegna (di seguito RAS). In
base a tale intesa LI, su mandato di RL, ha dato il via al progetto di adattamento del sistema
contabile di RAS alla realtà lombarda con il preciso obiettivo di attivare la COEP interfacciandola
con il sistema esistente di COFI (oggetto di adeguamenti per il D.lgs.118) e di costruire un “kernel”
sul quale fosse poi possibile accogliere progressivamente anche gli altri Enti che ne facessero
richiesta.
Poco dopo ARIFL, che possiede il medesimo sistema di COFI di RL, ha concordato con RL la
decisione di volersi avvalere del nuovo sistema sopra descritto per avviare in produzione entro la
fine del 2013 la gestione della COEP.
Il progetto condotto nel 2013 è culminato con l’avvio della COEP in ambiente SAP ECC integrata
con la COFI Legacy sia in RL sia in ARIFL.
A inizio febbraio 2014, dopo una fase di rivalutazione delle possibili strade, RL ha comunicato a LI
la decisione di voler proseguire il progetto di adozione della piattaforma in riuso SIBAR/SIBEAR
per la realizzazione di un Sistema di Contabilità Integrata (di seguito SCI), superando l’attuale
sistema legacy di COFI basato su piattaforme tecnologiche obsolete e migrandone le funzionalità
adeguate ai dettami e agli ultimi aggiornamenti del D. Lgs. 118/2011 sulla nuova piattaforma.
Un tale progetto presenta le seguenti caratteristiche di complessità:


complessità dell’adeguamento degli altri sistemi SIRE/SISS che oggi interagiscono con la
COFI, causata dalla loro numerosità ed eterogeneità nel modo di colloquiare
complessità dell’adeguamento di SIBAR/SIBEAR ai dettami del D.lgs.118/2011.
Descrizione della piattaforma tecnologica in cui si innesta il progetto
Attualmente è in produzione il nuovo sistema basato sul riuso di SIBAR/SIBEAR in ambiente SAP
ECC che supporta RL ed ARIFL nella gestione della COEP derivata dalla COFI. Infatti, il sistema
di COEP così avviato, essendo basato su SIBAR/SIBEAR in realtà contiene già il modulo di COFI
e anche altri moduli di interesse del progetto SCI.
Tale sistema è composto dagli elementi riportati di seguito:
Cod_ASM
SIGLA
Prodotto
SAPFI
SAPFI
SAPCO
SAPCO
Nome prodotto
SAP Mudulo FI (Financial Accounting) in riuso dal sistema SIBAR/SIBEAR di
Regione Autonoma Sardegna
SAP Mudulo CO (Costing) in riuso dal sistema SIBAR/SIBEAR di Regione
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 142 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Cod_ASM
SIGLA
Prodotto
Nome prodotto
Autonoma Sardegna
SIGLA del
PRODOTTO o
ARCHITETTU
RA
APPLICATIVA
SAPFI
SAPFI
SIGLA
DEL
MODUL
O
GL
GL
SAPFI
GL
SAPFI
SAPFI
GL
GL
SAPFI
GL
SAPFI
SAPFI
SAPFI
SAPFI
SAPFI
SAPFI
GL
AP
AP
AP
AP
AP
SAPFI
AR
SAPFI
SAPFI
SAPFI
SAPFI
SAPFI
AR
AR
AR
AA
AA
SAPFI
AA
SAPFI
AA
SAPFI
AA
SAPFI
FM
SAPFI
SAPFI
SAPFI
FM
FM
FM
SAPFI
FM
SAPFI
FM
SAPCO
SAPCO
CO
CO
SAPCO
CO
SIGLA DELLA
Funzionalità
DESCRIZIONE
Sottomodulo GL (General Ledger - Contabilità generale)
Anagrafica Piano dei conti COEP
Mappatura piano dei conti finanziario, piano dei conti
COEP MEF, piano dei conti COEP codifica interna SAP
Gestione periodi contabili
Regsitrazioni varie di COEP: giroconti, riclassifiche
Registrazioni di fine periodo: ratei e risconti, chiusura e
REG_CHIUSURA
apertura fine/inizio anno
REP_BILANCIO
Reporting: Bilancio di verifica e strutture di bilancio
Sottomodulo AP (Account Payables - Contabilità Fornitori)
ANAG_FORN
Anagrafica Fornitori
ANAG_RITE
Anagrafica codici ritenuta d'acconto
REG_VARIE_FORN Regsitrazioni varie: giroconti, riclassifiche
REP_FORN
Reporting: estratto conto, partitari, aging
Sottomodulo AR (Account Receivables - Contabilità
Clienti)
ANAG_CLI
Anagrafica Clienti
REG_VARIE_CLI
Regsitrazioni varie: giroconti, riclassifiche
REP_CLI
Reporting: estratto conto, partitari, aging
Sottomodulo AA (Asset Accounting - Contabilità Cespiti)
ANAG_CESPITI
Anagrafica principale e secondaria
Operazioni giornaliere: acquisizioni, giroconti, riclassifiche,
REG_GG_CESPITI
vendita, rottamazione.
REG_PER_CESPIT
Operazioni periodiche: registrazioni ammortamenti
I
REP_CESPITI
Reporting: simulazione ammortamenti e libro cespiti
Sottomodulo FM (Funds Management - Contabilità
Finanziaria con riuso SIBAR/SIBEAR)
ANAG_CAPITOLI
Anagrafica capitoli
ANAG_PDC_FI
Anagrafica piano dei conti finanziario
ANAG_CDR
Anagrafica centri di responsabilità (direzioni)
Flusso spesa: impegni, liquidazioni, mandati pagamento,
FLUSSO_SPESE
quietanziamenti, residui passivi
FLUSSO_ENTRAT Flusso entrate: accertamenti, reversali, quietanziamenti,
E
residui attivi
Sottomodulo fittizio CO (Contabilità analitica)
COAN_CDC
Contabilità per centri di costo
Contabilità per Ordini interni (commesse statistiche):
COAN_ORDINI
tracciatura destinazione dei costi
ANAG_PDC
MAPPA_PDC_FI_E
P
GEST_PERIODI
REG_VARIE_GL
Per una descrizione non esaustiva ma sufficiente delle funzionalità di cui si compongono i moduli
attualmente in produzione, si allegano alla presente i documenti di Analisi e Disegno, deliverable
del progetto che ha portato al rilascio in produzione del sistema:


(1) analisi e disegno del Nucleo Contabile;
(2) analisi e disegno delle Interfacce COFI-COEP;
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 143 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.


(2) analisi e disegno del Sistema Specifico RL;
(4) analisi e disegno del Sistema Specifico ARIFL.
Il progetto di migrazione della Contabilità Finanziaria sulla piattaforma SAP
Rispetto ai documenti di cui sopra vanno considerate le integrazioni che risulteranno dal
completamento della nuova fase di migrazione della Contabilità Finanziaria sulla piattaforma SAP,
attualmente in corso.
Tale progetto si inquadra nell’iniziativa di riuso attivato tramite sottoscrizione del protocollo d’Intesa
firmato tra la Regione Sardegna (cedente) e la Regione Lombardia (richiedente), i cui elementi
caratterizzanti sono:








Un modello di realizzazione del sistema di COFI basato sulla creazione di un KERNEL che
dovrà essere facilmente replicabile, minimizzandone gli impatti implementativi, su eventuali
ulteriori strutture/enti regionali interessate al riutilizzo di tali strumenti;
Un modello di realizzazione del sistema COFI che dal modello kernel snodi le specificità di
Regione Lombardia;
Integrazione dei processi di contabilità finanziaria con l’attuale contabilità economicopatrimoniale già in essere su piattaforma SAP ERP;
Integrazione della piattaforma contabile finanziaria con sistemi terzi tramite la realizzazione
di un package di interfacce standardizzabili;
Standardizzazione dei tool di ripresa dati;
Configurazione dell’ambiente di Produzione, Quality, Test e Sviluppo in Alta Affidabilità e in
ottica di compatibilità con le più comuni piattaforme di virtualizzazione;
La piattaforma tecnologica individuata SAP ECC / BW, garantirà la possibilità di attivare
ulteriori ambiti contabili e non, in un’ottica di sempre maggiore integrazione dei processi di
Regione Lombardia;
La soluzione individuata prevederà l’attivazione delle funzionalità standard della piattaforma
selezionata: SAP ECC / BW (ultima release in commercio).
I requisiti di processo, funzionali e norativi
L’evoluzione dei processi e dei sistemi da considerare nell’ambito della Regione Lombardia sono
determinati da quanto sotto riportato.
Aspetti normativi: vengono annoverati in questa categoria tutti i provvedimenti di legge che
intervengono in un quadro di riforme generale sulla contabilità di stato. La base normativa sulla
quale si articola una serie di riforme risale alle leggi delega del 2009 numero 42 e 196. Basandosi
sulle basi stabiliti dalle leggi sopra definite, il Governo ha in seguito stabilito le linee guida per
l’applicazione della riforma per i seguenti argomenti:




Armonizzazione degli schemi di bilancio e dei sistemi contabili e Federalismo fiscale:
Con riferimento al d. lgs. 118/2011 “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi
contabilie degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi”;
Fatturazione elettronica con riferimento al d. lgs. 55/2013;
Pagamenti elettronici: Con riferimento all'articolo 15 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n.
179, emanato ad integrazione dell’art. 5 del Codice dell’Amministrazione Digitale;
Trasparenza: con il d.lgs. n. 33/2013;
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 144 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.

Gestione tributi regionali: si impone una revisione dei processi di gestione dei tributi
regionali in relazione alla normativa inerente all’armonizzazione, che prevede la necessità
di una razionalizzazione dei processi di gestione delle entrate derivanti dai tributi regionali.
Riorganizzazione processi aziendali: Occorrerà provvedere ad una ridefinizione dei processi
aziendali appresso sommariamente delineati





pianificazione e formazione delle risorse in base alle del bilancio di previsione annuale e
pluriennale;
ridefinizione dei processi di gestione contabili in relazione ai nuovi accadimenti di impresa
aggiornamento dei work-flow autorizzativi;
integrazione tra le varie aree aziendali Programmazione ed il Bilancio Gestione Contabile;
necessità di interazione con tutti gli enti regionali a supporto dei processi di predisposizione
del Bilancio Consolidato (raccolta dati di bilancio dei singoli Enti, rettifiche delle operazioni
infragruppo, gestione delle operazioni di consolidamento, ecc).
Macrorequisiti normativi e di Business
In ossequio al Decreto Legislativo n. 118 del 23 giugno 2011 recante ‘Disposizioni in materia di
armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei
loro organismi’ sono stati introdotti significativi cambiamenti nel modello amministrativo-contabile
in modo da generare un processo virtuoso di efficienza delle prestazioni della P.A.nel rapporto con
il cittadino.
Le amministrazioni pubbliche, quindi, dovranno conformarsi ai seguenti principi contabili:




Principio della programmazione: il processo di programmazione prevede la
predisposizione dei documenti in modo che le terze parti possano conoscere i risultati
concernenti missioni e programmi di bilancio nonché gli obiettivi di risultato che l’ente si
prefige di raggiungere. Ulteriormente deve essere possibile verificare il risultato in fase di
rendicontazione;
Principio della contabilità finanziaria: le risorse finanziarie si imputano all’esercizio nel
quale si è verificata la manifestazione finanziaria eccezion fatta per i traferimenti con
vincolo di destinazione. Ulteriore garanzia per coprire gli impegni pluriennali derivanti da
obbligazioni sorte negli esercizi precedenti è il fondo pluriennale;
Principio della contabilità economico-patrimoniale: In base al quale rileva non il
momento in cui si realizzano incassi e pagamenti ma all’esercizio contabile in cui le
operazioni contabili si rifericono;
Consolidamento di bilancio: Vengono enunciati i principi che consentano di realizzare
rettifiche tali al fine di produrre il bilancio consolidato della Regione con i propri enti e
società controllate.
Nell’ambito dei processi gestiti dalla Regione emerge la necessità di dover soddisfare i requisiti
funzionali tipici della contabilità così come richiesto dalle vigenti disposizioni legislative.
In particolare oltre all’applicazione del principio della programmazione, del bilancio di previsione
finanziario almeno triennale vi è la necessità di:
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 145 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.






introdurre nuovi schemi di bilancio in grado di fornire un dettaglio puntuale su missioni
programmi e macro-aggregati; con redazione del bilancio per cassa e per competenza ed
un opportuno consolidamento di bilancio;
Rilevazione dei fatti unitari di gestione sotto l’aspetto finanziario ed economico tramite la
elaborazione della contabilità finanziaria affiancata, a fini conoscitivi, da un sistema di
contabilità economico-patrimoniale;
Applicazione del principio della competenza per periodi superiori all’anno tramite il “fondo
pluriennale vincolato”;
Elaborazione di un Piano dei conti integrato, sia finanziario sia economico-patrimoniale in
ossequio ai parametri definiti dal Ministero dell’Economia e Finanze nel rispetto delle
codifiche SIOPE;
Come strumento di gestione aziendale al fine di avere un corretto monitoraggio degli
obiettivi dovrà essere elaborato un Piano indicatori di bilancio costruiti secondo criteri e
metodologie comuni, diretto a consentire l’analisi e la comparazione del bilanci delle
amministrazioni territoriali;
I crediti di dubbia esigibilità dovranno trovare adeguata collocazione nel fondo crediti di
dubbia esigibilità in contabilità finanziaria (precedentemente denominato fondo
svalutazione crediti) Anche le entrate di dubbia e difficile esazione, la cui riscossione
integrale non è certa dovranno essere imputate a questo fondo. Il fondo è istituito in fase di
previsone.
Si prevede di seguito l’utilizzo delle seguenti componenti a copertura dei sottostanti processi
indicati nell’apposito paragrafo:



Contabilità Finanziaria (FM - Fund Management), per la gestione dei processi di
finanziaria;
Contabilità Economico Patrimoniale (FI – Finance), per la gestione della contabilità
generale e delle sezionali Cespiti, Clienti e Fornitori;
Datawarehouse (BW – Business Warehouse), per la gestione reportistica.
I macro processi di riferimento sono di seguito proposti per aree di riferimento:





Bilancio
- Bilancio di previsione;
- Bilancio di gestione;
- Bilancio di assestamento;
- Bilancio consolidato (da pianificare);
Contabilità finanziaria
- Gestione delle entrate;
- Gestione delle spese;
Contabilità economico patrimoniale;
Rendicontazione e Reportistica;
Funzionalità Accessorie.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 146 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Tali processi rientrano in un respiro più ampio di una soluzione volta all’introduzione di un Sistema
Contabile Integrato su piattaforma SAP che possa abbracciare anche i processi riguardanti la
gestione del personale, la gestione del patrimonio, il ciclo attivo, il ciclo passivo etc.
Processi
Lo schema seguente articola meglio le aree e i macro processi aziendali che rientrano nell’ambito
dell’analisi attuale del progetto.
Del dettaglio ne viene data rappresentazione per macro processi.
In ultimo viene schematizzato quanto raccolto come requisiti da approfondire
Process AREA
MACRO Process
BUSINESS Requirements
Bilancio
Anagrafiche
Piano dei Capitoli di Bilancio
Bilancio
Anagrafiche
Bilancio
Previsione
Bilancio
Previsione
Bilancio
Previsione
Bilancio
Previsione
Bilancio
Previsione
Classificazioni funzionali dei Capitoli
Gestione Bilancio annuale e triennale
di competenza e di cassa
Gestione Bilancio Provvisorio
Gestione
delle
proposte
di
stanziamento
Gestione aggiornamento automatico
"rolling"
Gestione fondi speciali
Bilancio
Previsione
Bilancio
Previsione
Bilancio
Previsione
Gestione dei periodi oltre il triennio
Controlli di disponibilità attivi sull'intero
arco temporale del bilancio di
previsione
Gestione del patto di stabilità
Bilancio
Previsione
Gestione disavanzo
Bilancio
Previsione
Gestione del versioning
Bilancio
Previsione
Assegnazione risorse ai CdR
Bilancio
Previsione
Gestione investimenti
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 147 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Process AREA
Bilancio
Gestione
Bilancio
Gestione
Bilancio
Gestione
Bilancio
Gestione
Bilancio
Gestione
Bilancio
Assestamento
BUSINESS Requirements
Gestione delle differenti tipologie di
variazione
Controlli bloccanti sull'intero arco
temporale del bilancio di previsione
Tracciabilità a sistema dei capitoli
"mittenti" e dei capitoli"destinatari"
Possibilità di ripristinare in automatico
le variazioni dai capitoli "destinatari" ai
capitoli "mittenti"
Gestione dei workflow autorizzativi
della tipologia di variazione
Gestione assestamenti
Bilancio
Assestamento
Gestione fondi speciali
Bilancio
Assestamento
Gestione del versioning
Bilancio
Consolidato
Contabilità Finanziaria
Gestione Entrate
Gestione transazione elementare
Contabilità Finanziaria
Gestione Entrate
Gestione accertamenti
Contabilità Finanziaria
Gestione Entrate
Gestione riscossioni
Contabilità Finanziaria
Gestione Entrate
Gestione versamenti
Contabilità Finanziaria
Gestione Entrate
Gestione fondi vincolati
Contabilità Finanziaria
Gestione Entrate
Contabilità Finanziaria
Gestione Entrate
Contabilità Finanziaria
Gestione Uscite
Gestione della tesoreria
Gestione economale e contabilità
speciali
Gestione transazione elementare
Contabilità Finanziaria
Gestione Uscite
Contabilità Finanziaria
Gestione Uscite
Contabilità Finanziaria
Gestione Uscite
Gestione impegni
Gestione
impegni
(prenotazioni di spesa)
Gestione Liquidazioni
Contabilità Finanziaria
Gestione Uscite
Gestione ordinazioni e pagamenti
Contabilità Finanziaria
Gestione Uscite
Contabilità Finanziaria
Gestione Uscite
Gestione della tesoreria
Gestione economale e
speciali
Contabilità Finanziaria
Chiusura
Esercizio
Contabilità
Patrimoniale
Contabilità
Patrimoniale
Contabilità
Patrimoniale
Contabilità
Patrimoniale
Contabilità
Patrimoniale
Contabilità
Patrimoniale
Contabilità
Patrimoniale
Economico
Economico
Economico
Economico
Economico
Economico
Economico
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
MACRO Process
e
provvisori
contabilità
Apertura
Angrafiche
Piano dei conti Integrato
Angrafiche
Classificazione funzionali del Piano dei
Conti
Anagrafiche
Matrice di Raccordo Co.Fi Co.EP
Anagrafiche
Beneficiari / Versanti
Gestione Co.Ep / Co.Fi.
Integrazione eventi Co.Fi in Co.EP
Contabilità Generale
Contabilità Clienti / Fornitori
Gestione scritture esclusive della
Co.Ep
Gestione
selezionale
Beneficiari/Debitori Clienti/Fornitori
Pagina 148 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Process AREA
Contabilità
Economico
Patrimoniale
Contabilità
Economico
Patrimoniale
Patrimonio
BUSINESS Requirements
Predisposizione ed esecuzione delle
Gestione chiusure contabili
scritture di chiusura mensile e annuale
Predisposizione
Bilancio Predisposizione e generazione CE e
Economico Patrimoniale
SP
Anagrafiche
Gestione anagrafica cespiti
Patrimonio
Gestione acquisto cespiti
Patrimonio
Patrimonio
Patrimonio
Rendicontazione e Reportistica
Rendicontazione e Reportistica
Rendicontazione e Reportistica
Rendicontazione e Reportistica
Funzionalità Accessorie
Funzionalità Accessorie
Funzionalità Accessorie
Funzionalità Accessorie
Funzionalità Accessorie
MACRO Process
Gestione acquisto cespiti
Gestione
vendita
cespiti
con
Gestione vendita cespiti
Plusvalenza, Dismissione
Gestione
processo
manutenzione
Gestione
processo
straordinaria del bene: Giroconto,
manutenzione
Svalutazione, Rivalutazione
Operazioni di Chiusura esercizio:
Operazioni di Chiusura
scarico costi, ammortamento, chiusura
Data Modeling&Architecture Modellazione della soluzione DWH
Gestione estrazione, trasformazione e
ETL
caricamento dati DWH
Gestione rendiconto e allegati e
Gestione Reports Istituzionali
reportistica istituzionale
Gestione
reportistica
finanziaria
Gestione Reports Operativi
strategica e operativa
Gestione delle funzionalità in essere
Contabilità Regionale WEB
dell'applicativo di Contabilità Regionale
Web
Gestione delle funzionalità in essere
Pay Online
dell'applicativo Pay Online
Gestione
ammortamento
Gestione del processo mutui
Mutui
Flusso modello 770
Predisposizione modello 770
Predisposizione
della
profilazione
Gestione profilazione utente autorizzativa per gli utenti della nuova
soluzione
Quesito
Da un’amministrazione per atti ad un’amministrazione per obiettivi, da una cultura del
procedimento a una cultura del servizio, da una gestione amministrativo-contabile a una gestione
manageriale basata su un’azione di Programmazione, Direzione e Controllo. Da tempo la
normativa nazionale ha introdotto anche per gli enti pubblici i modelli e i principi di contabilità
economica e di controllo di gestione, necessari ad un’azione amministrativa cui si chiede sempre
più di coniugare la qualità dei servizi alla collettività con il controllo della spesa.
L’obiettivo principale dello studio è quello di sviluppare un progetto di realizzazione del
sistema di programmazione che faciliti una cooperazione amministrativa e strategica; il
sistema assume che sia consolidato il nucleo SAP della contabilità e del bilancio, dovrà
integrare nuove aree e amplificare le funzionalità permettendo l’implementazione di nuovi
scenari, per fornire ai manager tutti gli strumenti per un vero controllo di gestione e per un
monitoraggio continuo, sia sull’impiego delle risorse che sul raggiungimento degli
obiettivi.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 149 di 150
Gara 3/2014/LI - Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per l’affidamento dei
servizi di supporto al demand management, sviluppo, manutenzione, assistenza per la
realizzazione dei modelli di e-government della Regione Lombardia.
Riveste altrettanta importanza l’integrazione nel sistema delle informazioni del Programma
Regionale di Sviluppo (PRS) utilizzato per declinare gli obiettivi, le strategie e le politiche che la
Regione si propone di realizzare nell’arco della Legislatura.
La piattaforma SAP, in fase di espansione e continua evoluzione, dovrà permettere di analizzare i
collegamenti possibili fra tutti gli ambiti citati, in modo da far emergere il valore aggiunto che un
sistema Integrato di Contabilità Direzionale di questo tipo possa fornire con gli strumenti per
supportare una Pubblica Amministrazione organizzata e manageriale; dovrà essere predisposto
in modo tale da consentire agli stakeholder, interni o esterni all’ente, di conoscere gli obiettivi e
valutare il conseguimento dei risultati.
Per ogni obiettivo sarà necessario gestire i seguenti aspetti principali:




studio e valutazione del suo impatto organizzativo;
analisi dell’impiego delle risorse umane, finanziarie e materiali assegnate per il
raggiungimento degli obiettivi operativ;
processo di programmazione e pianificazione
strategica, prevedendo anche il
monitoraggio della effettiva attuazione delle scelte operative contenute nei documenti di
indirizzo politico (DSA, PRS;
individuazione dei principali KPI per il Controllo Strategico.
Partendo dalla mappatura dei giacimenti informativi già disponibili, la proposta progettuale dovrà
individuare anche gli asset per valorizzare il patrimonio Informativo gestionale, consentendo agli
utenti finali, sia decisionali che operativi, di effettuare analisi ed indagini esplorative sui dati,
contribuendo a generare una visione complessiva degli ambiti di business.
La proposta dovrà contenere il macropiano di dispiegamento, anche proponendo un approccio
prototipale che evidenzi macroscopicamente le modalità operative negli ambiti di intervento
previsti.
Allegato 1C– Capitolato Tecnico – Lotto 3
Pagina 150 di 150
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
2
File Size
2 004 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content