close

Enter

Log in using OpenID

Capitolato per stampi ad iniezione

embedDownload
Capitolato
per
stampi ad iniezione
Edizione
10/14
1 Generale
1.1.1
Il fornitore si impegna con l’ordine a progettare e costruire lo stampo
secondo le norme Tratter Engineering srl riportate nel seguente capitolato. La ditta
Tratter Engineering deve essere informata per iscritto di ogni differenza rispetto a quanto
prevista dalla specifica.
1.1.2
Il fornitore stampo garantisce una funzionalità ineccepibile dello stampo e
l’estrazione del particolare stampato.
1.1.3
Rispettare i piani macchina del cliente.
1.1.4
Il committente si riserva di visitare periodicamente il fornitore stampo per
verificare lo stato di avanzamento e confrontarlo con il planning redatto dallo
stesso.
1.1.5
Un planning dettagliato deve essere fornito alla ditta Tratter Engineering srl
entro 4 settimane dall’assegnazione dell’ordine. Deve contenere:
 fase progetto
 termine consegna pezzi acquistati
 fase di costruzione
 consegne per subfornitori
 montaggio
 prove stampo
 ottimizzazioni
In caso di ritardo il capoprogetto responsabile deve essere informato
immediatamente.
1.1.6
Lo stampista è responsabile per la qualità dei materiali e per i loro relativi
trattamenti termici. Lo stampista è obbligato a fornire il certificato d’acciaio.
Capitolato stampi_Edizione 10/14
24.10.2014
2/16
2 Progettazione
2.1.1
La progettazione stampo comprende disegni complessivi, disegni progetto
dettagliati, liste materiali, manuale stampo con descrizione dello stesso,
piano di manutenzione e lista dei pezzi di ricambio. La progettazione 3D
deve essere fornita in formato step o Catia V5.
2.1.2
Il fornitore è responsabile per la verifica dei dati e si impegna, in caso di
modifiche necessarie per poter eseguire lo stampo, di modificare i dati 3D e
di ritornarli al comittente per l’approvazione.
2.1.3
L’approvazione del progetto non libera il fornitore stampo dalla garanzia
della progettazzione e l’esecuzione dello stampo.
3
3.1
Definizione stampo
Costruzione
3.1.1 Per lo staffaggio dello stampo devono essere previste a secondo del tipo di
pressa piastre di adattamento o superfici di staffaggio, ovvero scanalature di
staffaggio sul lato operatore ed il lato opposto operatore.
Capitolato stampi_Edizione 10/14
24.10.2014
3/16
Tutti gli spigoli esterni dello stampo devono essere fresati a secondo della
grandezza stampo 3 – 5 x 45°.
3.1.2
Gli spessori delle piastre devono essere dimensionati sufficientemente, in
modo tale che si verifichi una flessione massima di 0.02mm.
3.1.3
Gli elementi guida stampo o centraggio devono essere costruiti sempre con
materiale temprato o alternative. Da stampi più grandi di 800mm sono da
prevedere su metà stampo 4 guide di condotta temprati per il centraggio ed
eventualmente considerare anche il bloccaggio necessario o il centraggio di
precisione.
3.1.4
Le colonne guida devono essere sempre più lunghe rispetto alle spine
oblique della guancia o dei movimenti stampo. Ci deve essere come minimo
un’unità guida da posizionare asimmetricamente ovvero da inserire con
diversi diametri per evitare un assemblaggio della metà stampo con
torsione. Perni guida più lunghi devono essere scaricati sul diametro per
facilitare il montaggio dello stampo.
Capitolato stampi_Edizione 10/14
24.10.2014
4/16
3.1.5
Sui angoli esterni di tutte le piastre inserire scarichi con profondità 10-15mm
per barre di sollevamento.
3.1.6
Filetti per ganci gru per trasporto in fase di lavorazione, montaggiosmontaggio: vanno inseriti nelle piastre di montaggio grandi sui 4 lati. In tutti
gli altri elementi dello stampo a partire da 10 kg, nelle dimensioni a secondo
di quanto richiesto dalle posizioni che si presentano.
3.1.7
Per il trasporto dello stampo sono da aggiungere filetti nel baricentro totale e
nel baricentro di ogni metà stampo. È necessario per la consegna stampo
una traversa di trasporto nella parte superiore dello stampo e 2-4 sicurezze
trasporto.
Contrassegno di coloro rosso:
3.1.8
I golfari di sollevamento devono essere forniti unitamente allo stampo dal
fornitore.
Capitolato stampi_Edizione 10/14
24.10.2014
5/16
3.1.9
Per quanto riguarda gli elementi sporgenti sulla parte basso stampo sono da
inserire distanziali di posizionamento. Si deve avere la possibilità di poter
depositare ogni metà stampo separatamente.
3.1.10
Lo stampo deve essere dotato di anelli di centraggio su entrambi lati. Il
diametro dell’anello di centraggio deve essere conforme ai piani macchina
forniti dalla Tratter Engineering srl.
3.1.11
In fase di stampaggio del particolare verificare che tale resti nel lato di
estrazione e che sia facilmente estraibile.
3.1.12
Tasselli grandi dello stampo devono essere posizionati con 2 pareti coniche
sui lati esterni per facilitare il montaggio stampo. Non dimenticare i filetti per
l’estrazione tasselli.
3.1.13
L’estrazione del particolare deve essere adeguata alla geometria del
prodotto per garantire l’estrazione e la qualità del pezzo (es. espulsore
lamellare, espulsore sagomato, espulsore rotondo…).
3.1.14
Se la materozza e il particolare vengono prelevati con la mano di presa,
sulla materozza bisogna inserire il triangolo di tenuta. => vedi schizzo sotto
Capitolato stampi_Edizione 10/14
24.10.2014
6/16
Capitolato stampi_Edizione 10/14
24.10.2014
7/16
3.1.15
Interventi di saldatura in geometrie parziali dello stampo lucidato o fotoinciso
non sono concessi. Se la saldatura non può essere evitata, si dovrà prende
insieme al comittente le dovute misure correttive.
3.1.16
La fotoincisione della superficie può essere inserita solo dopo
l’approvazione stampo ed autorizzazione del committente.
3.1.17
Le incisioni del particolare devono essere concordate con il capoprogetto
responsabile. Inclusi sono: n° impronta, reciclaggio, datario, n° particolare,
livello tecnico, logo del cliente.
3.2 Impianto idraulico
3.2.1
I collegamenti idraulici devono passare nelle piastre di montaggio/smontaggio.
Tutti i
collegamenti esterni devono essere eseguiti con tubi ad alta pressione o
intubamento “Ermeto”.
3.2.2
Tutti i martinetti e piastre azionate idraulicamente devono essere dotati di fine
corsa.
3.2.3
I collegamenti idraulici devono essere spostati sul lato opposto operatore o in
caso di necessità sul lato sotto stampo.
Capitolato stampi_Edizione 10/14
24.10.2014
8/16
3.3
Sistema iniezione
3.3.1
Le posizioni attaco iniezione devono essere scelte e concordate con il cliente
in modo tale da permettere che il particolare venga riempito regolarmente
utilizzando la minor pressione stampaggio possibile, evitando danneggiamenti
materiale.
3.3.2
Su parti in vista del pezzo non devono essere riconoscibili segni dell’iniezione
o segni di giunzione materiale.
3.4
Regolazione temperatura
3.4.1
La temperatura stampo è regolata con acqua, olio o resistenze adeguata alla
materia prima e estetica. Deve essere più intensa possibile, dove necessario
con raffreddamento a pozzetto, movimenti raffreddati e tasselli raffreddati. Su
perni con poco materiale o perni piccoli usare un materiale con conducibilità
alta (Moldmax, Ampco). Usare attacchi rapidi Hasco o DME N9 ¼ gas.
3.4.2
Il circuito di raffreddamento deve essere collaudato prima della consegna
stampo a 10 bar per un’ora.
4 Installazione elettrica
4.1
Generale
4.1.1
I raccordi di tutti gli elementi stampo elettrici (camera calda, rilevatore termico,
fine corsa) devono essere condotti con spine corrispondenti su prese
bloccaggio sul alto stampo.
4.1.2
I cavi devono essere installati su canali fresati sulle piastre stampo e coperti
all’esterno con lamiera. Tutti gli spigoli vivi dei canali devono essere
notevolmente arrotondati.
Capitolato stampi_Edizione 10/14
24.10.2014
9/16
4.2
Camera calda
4.2.1
Circuiti di riscaldamento e regolazione devono essere condotti separatamente
con spine a 24 poli, da montare su pressa bloccaggio sul alto stampo.
PRESA PER THERMOCOPPIE (MASCHIO)
Allacciamento nr.1
=
sonda termica nr.1+
Allacciamento nr.13 =
sonda termica nr.1-
Allacciamento nr.2
=
sonda termica nr.2+
Allacciamento nr.14 =
sonda termica nr.2-
CODICI HARTING:
Supporto esterno:
09300240301
Innesto maschio:
09330242601
Innesto femmina:
09330242701
PRESA PER RESISTENZA (FEMMINA)
Allacciamento nr.1
=
elem. riscald. 1+
Allacciamento nr.13 =
elem. riscald. 1-
Allacciamento nr.2
=
elem. riscald. 2+
Allacciamento nr.14 =
elem. riscald. 2-
Ecc.
4.2.2
Le zone del collettore camera calda devono essere numerate iniziando
dall’adattatore iniezione verso l’alto in senso orario.
Capitolato stampi_Edizione 10/14
24.10.2014
10/16
4.2.3
I circuiti di riscaldamento con 220V non
possono superare la potenza massima di
3.000W e devono essere regolabili con
una sonda automatica.
4.3
Fine corsa
4.3.1
Ogni stampo con movimenti idraulici deve essere dotato di fine corsa.
4.3.2
Il cablaggio per i fine corsa deve essere eseguito con spine
16 poli sul alto stampo.
CODICI HARTING:
Supporto esterno:
09300160301
Innesto maschio:
09330162601
Innesto femmina:
09330162701
5 Targhette stampo e scritte
5.1.1 Nella parte superiore dello stampo va inserita la scritta “TOP” con lettere
stampigliate di grandi dimensioni. Per motivi di spazio i fornitori sono pregati di
non applicare le loro targhette.
Capitolato stampi_Edizione 10/14
24.10.2014
11/16
5.1.2 Scritte sullo stampo:
a) Indicazioni attacchi raffreddamento: sono da incidere di fresa “E” per
“entrata” e “A” per “uscita” e anche il nr. di circuito
b) Indicazioni attacchi idraulici: sono da incidere di fresa “OIL IN” per “entrata”
e “OIL OUT” per “uscita” e anche il nr. di circuito
5.1.3 Sul lato operatore, nella metà fissa, sono da inserire i seguenti schemi (esempi):
Schema camera calda, fornito dal fornitore
TOP MOULD
OPERATOR SIDE
Capitolato stampi_Edizione 10/14
24.10.2014
12/16
Schema di raffreddamento:
Schema idraulico:
Capitolato stampi_Edizione 10/14
24.10.2014
13/16
Nella parte mobile (SS) vanno inseriti:
Piano funzionalità
Targhetta stampo grande
Targhetta stampo piccolo
Tool no.
Year Build
Tot. Weight
Property
Capitolato stampi_Edizione 10/14
24.10.2014
14/16
6 Fornitura
Tutti gli stampi devono essere spediti nella nostra sede o al nostro cliente completi
con:
1. Progetto stampo 2D (dxf) complessivo
2. Progetto stampo 3D complessivo
3. Certificati d’acciaio
4. Manuale stampo completo, che va inserito nel programma Mould.Net, che
fa interfaccia col ns. sistema. La distinta, la lista dei normalizzati e la lista
dei ricambi vanno eseguiti in lingua inglese.
5. Una copia di tutti i disegni su carta
6. Cd con tutti i file 2D e 3D dello stampo
7. Tutti gli elettrodi dello stampo
8. Se specificamente richiesto dal cliente é da compilare il modulo per la
conformitá CE.
Capitolato stampi_Edizione 10/14
24.10.2014
15/16
7 Fabbricati
Fabbricati
Sistemi camera
calda
Thermoplay
Synventive
Attacchi elettrici
Harting
Cilindri idraulici
HEB
Roemheld
Collegamenti
raffreddamento
Hasco
DME
Stäubli
http://www.hasco.com/
http://www.dmeeu.com/de/kontakt/kontaktadressen
http://www.staubli.it/
Ermeto
http://www.zyltec.ch
Fine corsa
Euchner
Balluff
http://www.tritecnica.it/
http://www.balluff.com/Balluff/it/HomeChannel/it/
Altri normalizzati
Hasco
DME
Pedrotti
http://www.hasco.com/
http://www.dmeeu.com/de/kontakt/kontaktadressen
http://www.pedrotti.it/
Collegamenti
idraulici
Capitolato stampi_Edizione 10/14
Fornitore
Contatto
http://www.thermoplay.it
http://www.synventive.com
http://www.harting.it/
http://www.heb-zyl.com/it
http://www.camarspa.it/
24.10.2014
16/16
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
731 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content