close

Enter

Log in using OpenID

clicca qui e scarica il testo!

embedDownload
Formula Caisse
Formula Caisse
Il parere di un esperto
Cenni Storici
LA TESTIMONIANZA DI UN NATUROPATA
René Caisse era capo
infermiera del reparto
oncologico di un
ospedale dell’Ontario
in Canada. Fra i malati
della sua corsia, conobbe
una donna che le raccontò
di aver ricevuto da un uomo di
medicina della tribù degli Ojibwa un infuso di
erbe che l’aveva guarita da un tumore al seno.
“Ho scoperto questo prodotto un anno fa e sono rimasto sorpreso. Da tempo lavoro sulle
dinamiche infettive e gli eccessi di microrganismi, sui quali la medicina corrente sorvola,
nonostante gli effetti dannosi che si riscontrano sull’ apparato intestinale, urinario, respiratorio
e altri danni causati da miceti, mycobatteri, parassiti, virus, batteri gram positivi e gram negativi.
E’ difficile trovare un integratore che intervenga su tutte queste classi di possibili agenti
patogeni. Gli antibatterici spesso non sono efficaci sui virus o sui parassiti; gli antimicotici non
funzionano sui batteri di tipo gram positivo, come lo stafilococco o lo streptococco.
Questo tipo di composizione di Formula Caisse, rispetto ad altre in commercio, con piante
originali e integrazione di altre erbe è sorprendente perché riesce ad intervenire su tutta la
gamma delle infezioni citate.
Ho iniziato a vedere l’azione positiva sui virus (herpes zoster oftalmico, virus epatici pesanti, e
anche sui più banali ma noiosi virus intestinali, oggi sempre più diffusi), provando poi ad
estenderla sulle infezioni urinarie, dove è veloce e potente, e via via sulle altre tipologie di
infezioni.
E’ naturalmente efficace su monilia albicans e altri miceti, sui mycobatteri come candida,
clamydia, micoplasma, ecc. Interviene anche sui parassiti come giardia lamblia, hirudo
medicinalis (sui parassiti intestinali in generale rimane utile proseguire con il Mix bilanciato
Clark). Ma è l’azione sui batteri gram positivi che ne completa l’azione e che ne fa un ottimo
prodotto ,di sapore intenso ma gradevole e con alcool delicato.
Io ne consiglio dosi d’attacco tre volte al giorno, diminuendole dopo qualche tempo, a seconda
dei casi e/o delle cronicità.
Credo che siano la freschezza, la completezza e l’ armonia degli specifici componenti (provo a
citare, tra gli altri, l’arctiopicrina antibiotica di bardana, la citisina di baptisia, la clorofilla di
ortica, le proprietà depurative e drenanti di acetosella,… ) a provocare un effetto d’insieme che
rende questa Formula Caisse così potente e utile nei nostri tempi .”
Alberto Frattini
[email protected]
Analista Bioenergetico EAV e Chinesiologia Specializzata - Scuola di Naturopatia CESNAN
Centro Studi Naturopatia e Alimentazione Naturale, affiliato al College of Naturopathy Inglese
Tel 0523/852308
[email protected]
www.ecosalute.it
Si trattava di mix di bardana, acetosella,
rabarbaro e corteccia di olmo rosso in
determinate fisse proporzioni.
René prese nota di questa ricetta e, due anni
dopo, la sperimentò con sua zia, malata di
cancro al fegato e allo stomaco. La zia,
dichiarata allo stato terminale, con l’aiuto di
questo infuso guarì completamente. Nel 1922
René cominciò a dare questo mix di erbe ad
altri malati terminali di cancro con successo.
testimoniare a favore di René, ma
senza alcun successo.
Seguirono anni difficili di
contestazioni e litigi.
Nel 1942 René chiuse la sua
clinica. Nel 1958 la Royal Cancer
Commission le chiese di rivelare gli
ingredienti esatti della formula, ma rifiutò, non
avendo alcuna garanzia che sarebbe stata
realmente utilizzata. All’età di settant’anni
René fu invitata dal Science Research Institute
di New York, a collaborare con il Dott. Brush e
il Dott. McClure nella loro clinica a Cambridge.
Durante la collaborazione, René alterò la
formula aggiungendo altre quattro erbe per
aumentarne l’effetto.
Nel 1978 la Resperin Corporation strinse un
accordo con la Caisse e il Dott. Brush, per
produrre e fornire la Formula da testare su
pazienti terminali. Ben presto nacquero
disaccordi riguardo l’abbinamento con i
trattamenti convenzionali e nel 1982 la Health
Protection Branch interruppe il test.
Sin dall’inizio i medici convenzionali non
vedevano questa terapia di buon occhio e
facevano di tutto per ostacolarla. I pazienti
però continuavano a cercare René e a chiedere Nel 1984, dopo la morte di René Caisse, una
il permesso ai medici e alle commissioni
conduttrice-produttrice radiofonica di
governative di poter usare questo rimedio.
Vancouver intervistò il Dott. Brush, suscitando
Nel 1938 la Royal Cancer Commission, appena un grande interesse da parte degli ascoltatori
fondata e costituita da sei medici esperti, iniziò e numerose richieste di malati interessati alla
a investigare sul lavoro della Caisse, visitando i cura. Si decise di evitare i divieti del Governo,
producendo la Formula Caisse come un tonico
suoi pazienti. Nel marzo del 1939 ci fu
un’audizione pubblica alla quale parteciparono per la salute, senza definirlo una cura per il
cancro.
387 pazienti che speravano di poter
Tel 0523/852308
[email protected]
www.ecosalute.it
Formula Caisse
Formula Caisse
Di cosa di tratta
Proprietà
La nostra proposta consiste in un integratore sorprendenti anche in casi di patologie gravi.
alimentare in Tintura Madre, a base di erbe
Per questo, una volta individuato il motivo
naturali che favoriscono la disintossicazione
di questi eccellenti risultati, abbiamo
dell’organismo.
pensato di realizzare lo stesso prodotto in
La formula originaria ha subito nel tempo
Italia, usando le erbe della formula originale,
molte variazioni. La stessa René Caisse
fresche e di provenienza controllata,
sostituì una delle quattro erbe originarie con con un’integrazione per potenziare
una più facilmente reperibile ma con le
ulteriormente l’effetto disintossicante,
stesse proprietà, confermando che, è
ottenendo così un prodotto sicuro ed
proprio la disintossicazione a ottenere effetti efficace.
INGREDIENTI PRINCIPALI
BARDANA: possiede soprattutto un’azione drenante biliare e diuretica;
favorisce la naturale detossicazione organica attraverso l’attivazione di
meccanismi biologici e l’eliminazione delle scorie metaboliche.
Favorisce inoltre la risposta immunitaria generica, la regressione di sindromi
dismetaboliche, come il diabete, e contiene sostanze ad accertata azione
antibiotica e antimicotica. Protegge dai fenomeni intossicativi, dalle malattie
infettive e degenerative.
ACETOSELLA: importante remineralizzante; è ricca di ferro, calcio e potassio;
è un blando drenante biliare e un eliminatore delle scorie metaboliche per via
renale. Depura il sangue e favorisce la corretta funzionalità epatica.
RABARBARO: previene e ha effetti benefici su molte affezioni degenerative.
E’ un potente drenante, favorisce l’eliminazione delle scorie organiche per via
biliare ed intestinale; è ottimo nei disturbi metabolici e nelle dermatosi ribelli.
Riduce l’irritabilità emotiva, spesso connessa con lievi stati di congestione
biliare. È, inoltre, ricco di ferro e di potassio.
OLMO: favorendo la decongestione delle articolazioni, può essere considerato
un ottimo rimedio per le artrosi. La sua corteccia è altresì indicata per tosse,
faringiti, problemi neurologici, stomaco e intestino. Contiene insulina che
aiuta fegato, milza e pancreas.
Tel 0523/852308
[email protected]
www.ecosalute.it
Tel 0523/852308

Aiuta il fegato nel suo compito di disintossicazione,
trasformando le tossine grasse in sostanze solubili nell’acqua ed
eliminabili attraverso i reni.

Utile nella produzione della lecitina, che fa parte della copertura
della mielina, una sostanza che ricopre le fibre dei nervi.

Agisce contro l’effetto nocivo dell’avvelenamento da alluminio,
piombo e mercurio.

Protegge il corpo contro le radiazioni, compresi i raggi x.

Riduce i depositi di metalli pesanti nei tessuti, specialmente
quelli intorno alle giunture, lenendo infiammazioni e rigidità.

Purifica e rinfresca il sangue. Rinforza i muscoli, gli organi e i
tessuti.

Nutre e stimola il sistema nervoso.

Abbassa l’accumulo di tossine nella linfa, nel midollo osseo, nel
grasso, nella vescica e nell’apparato digestivo.

Aumenta la produzione dei globuli rossi e previene il loro
decadimento, nonché la capacità del corpo di utilizzare
l’ossigeno, aumentandone il livello nelle cellule.

Rinforza il sistema immunitario, aumentando la produzione di
anticorpi come linfociti e cellule T nella ghiandola del timo.

Mantiene l’equilibrio tra potassio e sodio nel corpo, in questo
modo le cellule vengono nutrite e purificate.

Lenisce i dolori, aumenta l’appetito e produce più energia,
donando una sensazione di benessere generale.
[email protected]
www.ecosalute.it
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
364 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content