close

Вход

Log in using OpenID

Agenzia n 9 novembre 2014

embedDownload
Istruzione Adulti
Ag. interna n. 9
novembre 2014
a cura di Antonio Giacobbi
responsabile FLC CGIL Veneto Istruzione degli Adulti
Troppa inerzia sull'istruzione degli adulti
Non una parola nel piano del governo su “La buona scuola”
Sull'istruzione degli adulti il governo Renzi non spende una parola nel suo progetto sulla “Buona
scuola”. Eppure è una delle novità già avviata per i serali e che andrà a regime con i CPIA in tutto il
paese a partire, come vuole il DPR 263/2012, dal settembre 2015. Nel settembre di quest'anno sono
stati avviati 58 CPIA in Italia, due nel Veneto, ma i codici sono arrivati solo all'inizio di ottobre e
solo dopo una interrogazione parlamentare del PD. E in assenza dei codici è impossibile la gestione
amministrativa (compreso il fondo di istituto, che è stato assegnato agli Istituti comprensivi nei
quali erano incardinati i ctp!). Nella circolare del 21 luglio 2014 che come ogni anno detta le
indicazioni per la elezione dei consigli di Istituto, i CPIA sono semplicemente ignorati. Eppure sia il
dpr 263 sia le linee guida dell'aprile 2014 sono chiari: i CPIA devono avere i loro organi di gestione
ivi compreso il Consiglio di Istituto nel quale i rappresentanti dei genitori sono sostituti dai
rappresentanti degli studenti.
Dice: ma sono appena partiti, non può essere tutto a posto! Il Consiglio di Istituto: è un problema
complesso, gli studenti dei CPIA non sono stabili come quelli dei diurni, è un problema che va
studiato bene....
Ecco: questo è esattamente il punto. Varato il Regolamento, scritte le linee guida, emanate le
circolari. Gli adempimenti burocratici sono completi. La burocrazia è soddisfatta.
C'è un piccolo problema: non è così che funziona. Lo sanno bene - ma parlo per il Veneto che è una
realtà che conosco - i dirigenti, i docenti, il personale ATA che sono alle prese con la nuova
esperienza dei CPIA dove tutto o quasi è da costruire. E dico del Veneto, che con un decisione che
abbiamo condiviso ha avviato prudentemente solo due CPIA nelle due province dove esistevano
alcune delle condizioni necessarie.
Ma nessuno al Miur ha pensato che sarebbe stato necessario effettuare un monitoraggio dei 9
progetti assistiti nazionali dell'anno 2013/2014 in modo da rendere fruibili i risultati da parte di tutti
i ctp che si troveranno nei CPIA tra meno di un anno? E perché il Comitato tecnico nazionale non è
convocato da mesi? Qualcuno sta lavorando sulla composizione del consiglio di istituto dei CPIA o
si continuerà ad affidare la gestione al duo dirigente/commissario? E dove sono le risorse per la
necessaria formazione dei dirigenti e dei docenti? Perché serve la formazione: lavorare per livelli,
riconoscere i crediti, costruire il patto formativo individuale per ogni corsista, richiede formazione.
Se qualcuno al Miur o al MEF, politico o dirigente che sia, pensa che il nuovo sistema di istruzione
degli adulti, sia solo un adeguamento organizzativo e burocratico, si sbaglia: si studi il drp 263, che
ha tanti difetti ma è un riferimento importante per il cambiamento.
Quanto all'assenza dell'istruzione degli adulti nel progetto “Buona Scuola”, suggeriamo al ministro
Giannini di fare una cosa semplice. Si legga il rapporto della commissione De Mauro, voluta dai
precedenti ministri del Lavoro Giovannini e e dell'Istruzione Carrozza per studiare l'indagine
PIAAC/OCSE del 2012 sull'istruzione degli adulti in Europa: troverà dati che, nonostante qualche
miglioramento, denunciano una situazione drammatica dell'istruzione degli adulti nel nostro paese.
Ma vi troverà anche una serie di proposte concrete e praticabili, con una visione ampia del terreno
su cui lavorare.
1
Incontro Organizzazioni Sindacali-USR sui CPIA
Si è tenuto giovedì 23 ottobre l'incontro chiesto dalle OO.SS. che ai primi di agosto avevano
presentato due documenti rispettivamente sulle scuole in carcere e sui CPIA (vedi agenzia FLC n.
8).
Era presente anche il nuovo direttore generale dr.ssa Giuliana Beltrame, oltre al dr. Quaglia e ai
dirigenti dei cpia di Treviso, il dr. Colosio e Verona, il dr. Passante.
Sulle carceri, il dr. Quaglia ha preso l'impegno di far avere alle organizzazioni sindacali i dati
richiesti (organici, corsisti, problemi...) e di costituire un gruppo di lavoro tecnico che consenta,
come avevamo richiesto, di “affrontare in modo organico i problemi di queste scuole e di supportare
il prezioso lavoro svolto dai docenti”. FLC, come le altre OO.SS., ha espresso soddisfazione: un
gruppo di lavoro regionale, con la presenza di chi in carcere lavora ogni giorno, dovrebbe
consentire alle scuole negli istituti di pena di uscire dalla situazione di marginalità in cui si trovano
mentre svolgono un lavoro particolarmente significativo e complesso, che contribuisce in modo
fondamentale alle finalità della detenzione così come voluta dall'art. 27 della Costituzione. E'
importante che in questo gruppo siano presenti i docenti, almeno uno per provincia. Secondo il dr.
Quaglia, il gruppo di lavoro potrebbe essere formato da 7 docenti, 2 dirigenti scolastici, 1 dirigente
tecnico e due funzionari dell'USR.
Ora sollecitiamo l'USR a procedere.
La seconda parte dell'incontro è stata dedicata ai CPIA di Verona e Treviso.
L'Amministrazione ha sottolineato il carattere di transitorietà della fase che stanno vivendo i due
CPIA, trattandosi di una esperienza nuova.
Come già richiesto dalle OO.SS., l'Amministrazione avrebbe dovuto presentare proprie proposte per
affrontare in sede contrattuale i prevedibili problemi. Non è stato fatto. I dirigenti dei due CPIA
hanno tuttavia assunto l'impegno di predisporre un'articolato sul quale convocare in tempi brevi le
segreterie provinciali delle OO.SS. Provinciali.
FLC ha chiesto quali iniziative, soprattutto di formazione, l'Amministrazione stava adottando non
solo per il personale di VR e TV, ma anche in preparazione dei nuovi CPIA che dovranno partire a
settembre 2015. Non ci è stata data notizia di nessun piano di formazione, nemmeno a livello
nazionale. L'ispettore Quaglia ha detto che per la formazione dovrebbero essere coinvolgere le
Associazioni Professionali. Ci sembra una buona idea: ma non può significare che
l'Amministrazione non si impegna per la formazione, che costituisce un suo preciso dovere.
Abbiamo chiesto unitariamente che l'USR predisponga un bando al quale le Associazioni
professionali potranno concorrere.
Assemblea per i serali
FLC CGIL di Vicenza ha organizzato una assemblea per il personale dirigente docente e ATA dei
corsi serali. Si terrà il giorno martedì 11 novembre dalle ore 10.45 alle ore 13 presso l'IIS “A. Da
Schio” in via Baden Powell 33.
All' odg: problemi dei serali.
L'idea è quella di raccogliere problemi ed idee anche per una piattaforma dei serali in Veneto e per
contribuire alla piattaforma contrattuale nazionale.
Interviene Anna Fedeli, segretaria nazionale FLC.
2
Author
Документ
Category
Без категории
Views
0
File Size
238 Кб
Tags
1/--pages
Пожаловаться на содержимое документа