close

Enter

Log in using OpenID

CorrierEconomia 17 Febbraio 2014

embedDownload
24
CO RRI E RECONO M I A
LUNEDÌ 17 FEBBRAIO 2014
Osservatorio Risparmio
Bilanci A livello globale il patrimonio supera i 2.600 miliardi di dollari
Hedge fund & Crisi
Il mondo non si è fermato
Così l’Italia prova a ripartire
Buone performance e pochi rischi per i prodotti tricolori. Anche
la raccolta è tornata in attivo. E con la discesa della soglia...
DI PIEREMILIO GADDA
F
ondi hedge alla riscossa. Dopo i crolli
del 2008 e 2009, negli ultimi anni le
masse gestite a livello globale hanno continuano a crescere, con una significativa
accelerazione nel 2013: merito di una generosa raccolta
netta, pari a 63,7 miliardi di
dollari, unita a buone performance (9,2%, miglior risultato dal 2010), capaci di
spingere il patrimonio complessivo a quota 2.628 miliardi di dollari.
Globali
Meno brillanti, invece, secondo i dati diffusi da Hedge
Fund Research, i numeri sui
fondi di fondi hedge: rendimenti positivi hanno permesso di compensare deflussi netti per 20 miliardi,
alimentando una modesta
crescita degli asset a 663 miliardi, più 4% rispetto a dicembre 2012.
Secondo una recente ricerca pubblicata da Barclays, in ogni caso, le prospettive dell’industria restano incoraggianti per il 2014:
dopo aver interpellato un
nutrito gruppo di investitori
istituzionali, riconducibili a
masse gestite di oltre 490
miliardi, gli analisti della
Il 2013 è stato
il secondo
miglior anno
per i
multimanager
MondoAlternative
Stefano Gaspari
banca inglese stimano per
gli hedge fund una raccolta
tra i 60 e 100 miliardi di dollari, a livello globale, in corso d’anno.
Da noi
Intanto anche dall’industria italiana, che è composta per la maggior parte da
fondi di fondi, e che ha sentito particolarmente la crisi,
s’intravede qualche segnale
di ripresa. Nel complesso, il
2013 ha visto una contrazione degli asset degli hedge
fund italiani a 4,4 miliardi di
euro, ma i deflussi sono
molto più contenuti rispetto
a quelli registrati negli anni
passati. Non solo. A partire
dal terzo trimestre, per la
prima volta dal 2007, l’emorragia si è arrestata, facendo
registrare flussi positivi sebbene modesti: +27,7 milioni
di euro tra luglio e settembre e +5,5 milioni di euro tra
ottobre e dicembre. «Questa
inversione di trend coincide
con un ritorno a brillanti
performance da parte dei
fondi di fondi hedge italiani.
Il cui rendimento, se si
escludono alcune eccezioni,
si era invece appannato dopo il 2008», spiega Stefano
Gaspari, amministratore delegato di MondoHedge.
I prodotti multimanager
italiani, infatti, hanno archiviato il 2013 con la seconda
migliore prestazione della
loro storia: l’indice generale
MA-Eurizon FdF ha realizzato una performance dell’
8,20%, a fronte di una volatilità molto bassa (2,86%). A
titolo comparativo, basti
pensare che nello stesso periodo le azioni globali raggruppate nell’Msci World
hanno guadagnato il 18,7%
ma sono state tre volte più
volatili, mente l’indice obbligazionario JpMorgan GBI
global ha ceduto l’8,6%,
schiacciato dal rialzo dei tassi a lungo termine. Tra i fondi di fondi hedge si sono distinti in particolare i prodotti specializzati su specifiche
strategie o aree geografiche,
+11,6%, seguiti dai multistrategy, +7,48%.
Prospettive
Per il 2014, le attese degli
operatori sono ancora per
una raccolta in crescita soprattutto tra le categorie
azionarie. Ma secondo Salvatore Cordaro, fondatore e
Cio di Tages Capital, è in altri segmenti che i fondi hedge potranno marcare la distanza, in termini di performance, rispetto ai prodotti
Ucits alternativi, i prodotti
che possono utilizzare le
stesse tecniche ma con soglie di ingresso per tutti.
«Mentre le strategie azionarie sono più facilmente replicabili, l'assenza di vincoli di
concentrazione e la possibilità di sfruttare al meglio la
leva finanziaria metteranno
i fondi hedge global macro e
quelli specializzati nel credito o nell'arbitraggio su titoli
a reddito fisso, nelle condizioni di fare la differenza».
Il ritorno a risultati in linea con le aspettative degli
investitori non è l’unico fattore che potrebbe consacrare il 2014 come l’anno della
definitiva ripartenza. «Il recepimento della direttiva Aifm, che, tra le altre cose, porta la soglia minima di sottoscrizione da 500 mila euro
rispettivamente a zero per
gli investitori professionali e
a 250 mila euro per i privati,
dovrebbe contribuire a ridare fiato al settore», conclude
Cordaro.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
I migliori hedge fund del 2013...
SUL PODIO
Indice
di Sharpe
Perf.
2013
Fondo di fondi hedge
Hedge Invest Sector Specialist Classe I 16,84%
I vincitori
dei MondoAlternative
Awards 2014
3,54
Fondo di fondi low & medium volatility
13,96%
Single manager
Alkimis Capital Classe C
7,03%
4,36
Hedge Invest Global Fund Classe I
2,10
ti
ontrolla
Rischi c e volatilità nel 20o1n3to
nce
confr
Performa hedge italiani a
dei fondi cipali mercati
ce
Performan
con i prin
à
lit
ti
la
Vo
Migliore piattaforma fondi Ucits 2013
FundLogic Alternatives di Morgan Stanley
24,51% 20,50%
16,56%
8,19%
Il trend della massa gestindtaiale
oluzione
ustry mo
d
L’ev
e fund in
dell’hedg
1.868,4
1.105,3
1.464,5
1.407,1
1.600,2
1.917,4
2.008,1
6,37%
7,98%
11,71%
-8,63%
2,85%
Borse
mondiaorlild
Europa
Italia )
Fondi
i
di fonrizdon
2.628,3
18,73%
)
(EuroStoxx
(Ftse Mib
(Msci W )
in euro
(MA-Eudice
FdF in w)
generale-E
2.252,4
Bond
li
mondoria
gan
(JP M al
GBI Glob)
in euro
ative
ondoAlternative
rn
orazione M
Fonte: elab omberg, MondoAlte
su dati Blo
13
2012 20
0 2011
1
0
2
9
0
2008 20
06 2007
2005 20
i di dollari
in miliard
ati stimati
D
.
FR
H
:
3
Fonte
a fine 201
aggiornati
25,3
ani
i
nti itali ndi hedge italian
e
im
t
s
Inve io gestito dai fo
on
Il patrim
19,9
11,1
2,2
0,8
dic
2004
dic
2003
dic
2002
dic
2005
dic
2006
dic
2008
dic
2007
ro
iliardi di eu
m
ve. Dati in
ati
ndoAltern
Fonte: Mo
Nuovi strumenti I primi emessi in Gran Bretagna
Quei prestiti sono super rischiosi
Ma possono far bene al sociale
Gli «impact bond» finanziano progetti al posto dello Stato
U
11,1
15,1
6,2
dic
2001
14,2
na nuova asset class della finanza social
ha fatto parlare di sé il World Economic
Forum, il G8 e Forbes e ha attirato colossi quali Goldman Sachs e Deutsche Bank. Si
chiama impact investing e comprende investimenti in progetti o aziende che abbiano l’obiettivo di generare un impatto sociale positivo oltre a un ritorno economico. Attualmente il
mercato, che riguarda sia i Paesi in via di sviluppo sia i Paesi occidentali, vale meno di 50
miliardi di dollari e secondo il Monitor Institute potrebbe arrivare a 500 miliardi nel 2020.
Fino a pochi anni fa limitato al microcredito
e all’housing sociale, l’impact investing sta facendo un salto. Da poco è nato uno strumento
innovativo che si chiama Social impact bond
(Sib). Tutto fuorché un’obbligazione tranquilla. Non soltanto il rendimento è legato al raggiungimento dell’obiettivo sociale, ma il capitale stesso è a rischio, tanto che il prodotto è
considerato una sorta di derivato. I Social impact bond servono a finanziare programmi di
utilità sociale con l’obiettivo di ridurre i costi
del welfare. Il primo Sib è stato emesso nel
2010 per fronteggiare l’altissimo tasso di recidiva dal ministero della Giustizia britannico,
che ha raccolto 5 milioni di sterline. Per lo stesso scopo nel 2012 la città di New York ha lanciato il suo primo Social impact bond, a cui
Goldman Sachs ha contribuito con 10 milioni
di dollari. Gli esempi non sono molti.
L’ultimo in ordine di tempo è l’Impact venture UK, lanciato lo scorso dicembre da Lgt
Venture Philanthropy (appartenente alla casa
reale del Liechtenstein) con la banca privata
tedesca Berenberg allo scopo di sostenere imprese sociali. Tra gli investitori figura anche
Deutsche Bank. A Londra si vocifera di rendimenti in doppia cifra, ma in realtà il ritorno
(che non è garantito) non è nemmeno ipotizzabile, perché i Sib sono uno strumento ancora
troppo giovane. In ogni caso, si sa che il capitale deve essere paziente.
In Italia i Social impact bond non esistono,
ma se ne comincia a parlare. Tanto che Fondazione Cariplo ha dedicato ai Sib l’ultima edizione dei Quaderni dell’Osservatorio e il presi-
dente Giuseppe Guzzetti non nasconde l’interesse di esplorare la possibilità che questo
strumento possa finanziare l’innovazione sociale. «Anche in Italia ci sarebbe spazio — dice Elena Casolari, presidente di Opes Impact
Fund — ma qui l’industria non è ancora strutturata e quello che si fa all’estero non è immediatamente replicabile. I Sib in particolare incontrerebbero vincoli normativi (per esempio
la legge sull’impresa sociale vieta la distribuzione degli utili, ndr), ma è indubbio che l’interesse stia crescendo». La discussione è in atto.
Assieme ad altri esperti del settore e a un
rappresentante del governo, Casolari fa parte
del National advisory board italiano presso la
Task force del G8 sull’impact investing. Opes è
4%
Le aspettative di remunerazione media dei
nuovi social impact bond che hanno una durata
decennale. Il rischio riguarda anche il capitale:
vengono considerati dei derivati
una fondazione italiana che opera all’estero.
Finora ha chiuso tre investimenti che prevedono la partecipazione in imprese sociali. «Si
tratta di capitale ad alto rischio — precisa Casolari — con aspettative di remunerazione
dell’ordine del 4% annuo, con attesa di uscire
nell’arco di 10 anni».
Chi fa impact investing direttamente in Italia è Oltre Venture, holding di investitori (tra
questi le famiglie Seragnoli, De Agostini e
Zambon) fondata nel 2006 da Luciano Balbo,
per oltre vent’anni nel private equity. «Oltre
Venture — spiega Balbo — investe in equity di
nuove aziende o aziende neonate che offrano
soluzioni sostenibili sul piano economico e
contemporaneamente creino un impatto sociale positivo. Le nostre principali aree di intervento sono l’accesso al credito, l’housing e il
socio sanitario».
FAUSTA CHIESA
© RIPRODUZIONE RISERVATA
dic
2009
25
LUNEDÌ 17 FEBBRAIO 2014
COR R I ER ECONOM I A
Osservatorio Risparmio
... e i migliori negli ultimi tre anni
Perf.
Indice
36 mesi di Sharpe
Fondo di fondi hedge
Global Apha Fund
18,82%
1,13
Fondo di fondi low & medium volatility
O'Connor Multi Strategies Alpha 12,65%
1,28
Single manager
Thema
31,17%
0,86
Migliore piattaforma managed account 2013
s
onio inve
Il patrim gie hedge
in strate stitori italiani
e
dagli inv
18
13,6
4,4
io
Patrimonstito
io
Patrimonnetto netto inve
ts
ci
U
o
in
at
stim fund
i
alternativ
hedge
Fonte: Mon
Premi
Riconoscimenti Le strategie dei campioni
I criteri
per selezionare
i vincitori
Sul podio strumenti impegnati sulle tecniche che sfruttano i movimenti di singole azioni e listini
Vita difficile per i portafogli specializzati negli asset influenzati dall’attivismo delle banche centrali
DI PATRIZIA PULIAFITO
P
Lyxor Managed Account Platform
olore
glio tric
Portafo
tito
Classifiche Dietro ai risultati dei fondi che hanno vinto gli Award di MondoAlternative
Totale
o
investitgi
e
in strateda
hedge iani
al
it
clienti
ive
doAlternat
remiata l’eccellenza nel
mondo dei fondi alternativi
alla undicesima edizione
dei MondoAlternative
Awards 2014. Sono saliti sul podio,
sulla base di una valutazione a 12 e
36 mesi, quattro fondi di fondi hedge di diritto italiano, due fondi hedge single manager, 31 fondi Ucits alternativi e due piattaforme, una di
managed account e una di fondi
Ucits alternativi. Nella categoria degli hedge fund (per rendimento a 12
mesi), l’italiana Hedge Invest, è salita sul podio con due prodotti: HI
Sector Specialist classe I, primo
fondo di fondi in assoluto, e HI Global Fund classe I, primo tra i low
medium volatility.
Idee
9,8
dic
2010
7,6
dic
2011
5,7
dic
2012
4,4
dic
2013
Il segreto del successo? «Per entrambi i fondi, la performance è dipesa dal buon andamento di tutto il
portafoglio, grazie alla scelta di gestori eccellenti — spiega Alessandra Manuli, amministratore delegato di Hedge Invest Sgr —. In particolare per HI Sector Specialist, focalizzato su fondi long/short equity,
il maggior contributo è venuto da
tecnologia, media e telecomunicazioni, mentre per il multistrategy
HI Global Fund è stato determinante il ruolo dei gestori long/short
equity, attivi sul Giappone e della
strategia absolute return, utilizzata
tatticamente nei mesi buoni del
mercato azionario». La diversificazione su un mix di strategie (azionarie, credito, macro, event driven
e relative value) è stato l’asso vincente per il Global Alpha Fund di
Ersel, migliore fondo di fondi hedge
a tre anni. Ma, come ha spiegato
Andrea Nascè, direttore investimenti multimanager di Ersel, per il
successo è stato determinante, il
ruolo dei gestori attivi sulle strategie del credito che hanno saputo
aumentare e alleggerire, al momento giusto, le posizioni lunghe e corte, facendo, così, guadagnare dieci
punti percentuali al portafoglio.
Tre le strategie (Long/Short
Conservative Equity, Opportunistic
e Credit Long/Short) che hanno
consentito a O’Connor Multi Strategies Alpha, di Ubs Global Asset Management Italia sgr, di raggiungere
il miglior rendimento a 36 mesi e
conquistare il primo posto tra i fondi di fondi low medium volatility..
«Nel 2013, infatti — spiega Clelia
Rezzonico, direttore investimenti
della sgr — i mercati azionari, nel
complesso, hanno registrato flussi
per oltre 70 miliardi di euro e le
strategie equity hedged ne hanno
beneficiato con un ritorno dell’8%».
Per i due single manager, Alkimis
Capital Class C e Thema, primi classificati, rispettivamente per migliori
rendimenti a 12 e 36 mesi, le strategie
vincenti sono state rispettivamente
absolute return e «temi».
«Il nostro approccio, — spiega
Massimo Morchio alla guida di Alki-
1
sono quattro
Q uest’anno,
le categorie di premi
Un anno positivo
I rendimenti dei fondi Ucits alternativi
Indici MA-Eurizon
Ucits Alternative 2013
Global Index 3,69%
Active Currency Index -1,50%
Credit Long/Short Index 3,50%
Emerging Markets Index 1,00%
Equity Market Neutral Index 3,06%
Event Driven Index 5,35%
Fixed Income Index 1,89%
Global Macro Index -0,63%
Indici MA-Eurizon
Ucits Alternative
GTAA Index
1,10%
Long/Short Equity Index
12,50%
Managed Futures Index
-0,67%
Multistrategy Index
2,80%
2013
Relative Value Index
3,35%
Volatility Trading Index
-7,53%
Fund of Funds Index
4,85%
Fonte: www.mondoalternativeindex.com / collaborazione Eurizon Capital Sgr
mis sgr — è stato quello di contrapporre posizioni azionarie long e
short, bilanciate per settore, a prescindere dalla direzione dei mercati».
L’investimento per temi, che ha fatto
guadagnare la vittoria a Thema, per
migliore performance a tre anni, è
una strategia che prevede la ripartizione del portafoglio tra tematiche e
tendenze economiche di lungo termine, non correlate tra loro. «Questa
strategia — spiega Francesco Marini
Clarelli, amministratore delegato e
responsabile della gestione di Astor
Sim — consente una concentrazione
su forti tendenze macroeconomiche
con gli strumenti più efficienti».
Piattaforme
Secondo l’Osservatorio di MondoHedge, la maggior parte delle strategie ha beneficiato del rally delle
Borse, avvantaggiando la Long/short
equity e la Event driven. Bene anche
le strategie a basso beta o neutrali al
mercato azionario, grazie ai fondamentali delle aziende che hanno favorito la scelta dei singoli titoli vincenti.
Rendimenti solidi anche dalle strategie legate al credito, per effetto della
riduzione degli spread. Hanno invece
sofferto le strategie Macro, per il
massiccio intervento delle banche
centrali, che hanno ridotto la volatilità sul mercato.
Premiate anche due piattaforme:
la FundLogic Alternatives Ucits Platform di Morgan Stanley, prima tra i
fondi Ucits. «Abbiamo beneficiato
della buona performance dei fondi
azionari long/short e delle strategie
non correlate», spiega Stephane Berthet, responsabile della piattaforma.
Per la categoria Managed Account il
premio è andato a Lyxor.
previsti per i MondoAlternative Awards: fondi hedge
di diritto italiano (fondi di
fondi e single manager); fondi Ucits Alternativi e due categorie di piattaforme: una
di managed account e una di
fondi Ucits Alternativi.
I criteri per determinare i
migliori di entrambe le categorie dei fondi sono di tipo
quantitativo. Dal database
di MondoAlternative, vengono censiti i prodotti con
un track record di 12 e 36
mesi e una massa gestita stimata di almeno 30 milioni di
euro. Entrano in nomination
tre fondi per categoria. Vince il fondo con il miglior rendimento a 12 o 36 mesi e un
indice di Sharpe (calcolato
con un tasso risk free dell’1%) non inferiore al 25%,
rispetto al miglior risultato
di categoria. Se nessuno dei
tre indici di Sharpe dei fondi
in nomination rispetta tale
caratteristica, vince quello
con l’indice migliore. Per le
piattaforme si valutano diversi aspetti: numero e liquidità dei prodotti offerti, costi, servizi agli investitori e
numero delle persone dedicate alla gestione.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA
$
$
!
#
"$
$
"
!
"#
"!
"$
#$
#
#" !$
$
!$
# $
!#
#
# ! $
#
"$
!#
#"
"$
!
"# !
/6
0
0
5$
5/6652
1
)
5,
4
!5/ ,
4
)
*
1
.34$
6
2
6
%5,
516
//6,
4
)
*
6
36
2
#
66
5)
5'
/54
.5
*
.4
%6
0
0
54
2
50
355
6
2
6
.1
/5"2
(
6
0
3)
6
2
30
+
.4
*
6*
6
.*
4
36
..1
,
,
4
'
/56
.6/656
6
552
(
6
0
35)
6
2
34*
5,
4
2
(
52
,
6
2
35523+
336/6,
/1
0
0
551
335(
46/6*
552
36
.6
0
0
1
2
35
4
*
*
4
.3+
2
535)
6
.,
1
34)
1
2
36
2
6
2
4+
2*
.4
%5/45.50
,
54*
.+
6
2
36
&
6
2
6
.1
/5"2
(
6
0
3)
6
2
30
+
.4
*
650
3.5$
+
34
.6'
/4
$
1
/652"31
/515
6
2
6
.1
/5"2
(
6
0
3)
6
2
30
5,
1
(60
4
,
56
352
,
1
.5,
1
316
//1'
6
0
354
2
66
/,
4
)
*
1
.340
4
*
.1,
531
34
&
+
1
2
34,
4
2
36
2
+
3452 +
6
0
344
,
+
)
6
2
34*
+
$
$
/5,
1
341
-+
0
46
0
,
/+
0
5(
1
)
6
2
3652
%4
.)
1
35(
4
&
4
2,
4
0
353+
50
,
662
4
2*
+
6
0
0
6
.6,
4
2
0
56
.1
344
%%6
.315(
6
2
531
!50
4
334
0
,
.5#
54
2
6450
4
//6
,
531
#
54
2
65
+
1
/0
51
0
52
1
3+
.1*
6
.0
4
334
0
,
.5(
6
.6 +
4
36
1
#
54
2
554
.'
1
2
50
)
5552
(
6
0
35)
6
2
34,
4
//6
335(
452(
1
/4
.5)
4
$
5/51
.541
6
0
54
2
61
-+
2
4
%%6
.3150
6
.(
5#
5552
(
6
0
35)
6
2
34
&
4
2,
4
//6
'
1
34,
4
2
!42
4
2,
4
0
353+
50
,
6
/1$
1
0
65! +
1
/+
2+
6,
4
2
3.1
33445)
*
6
'
2
4
&"/0
+
4,
4
2
36
2
+
342
4
26
(
66
0
0
6
.6,
4
2
0
56
.1
34+
2,
4
2
0
5'
/54*
6
./52
(
6
0
35)
6
2
34
&
.5)
16
//1
6
0
54
2
61
-+
2*
.4
4
334552
(
6
0
35)
6
2
34
!5/*
.4
*
4
2
6
2
36
/52
(
6
0
35)
6
2
346
(
6,
4
2
0
6
'
2
1
.61
/*
4
36
2
#
51
/6,
/56
2
364
'
2
54
,
+
)
6
2
34*
.6
(
50
341
//12
4
.)
1
35(
1536
)
*
45236
)
*
4(
5'
6
2
36
!4
,
+
)
6
2
35 +
6
0
35,
65/*
4
36
2
#
51
/6,
/56
2
366
(
6/6
'
'
6
.6,
4
26
0
3.6
)
1
1
336
2
#
54
2
6*
.5)
156
%%6
33+
1
.6+
2
1+
1
/0
5(
4
'
/510
,
6
/31552
(
6
0
35)
6
2
34
&".6
2
5)
6
2
35*
1
0
0
1
352
4
20
4
2
452
5,
1
35(
55 +
6
//5%+
3+
.5&
2
1'
.1
+
1
34
.51
!+
2.1
352
'4+
2*
.6
)
544
336
2
+
352
4
20
4
2
452
5,
1
35(
5
6
//1
2
1
)
6
2
346
5.6
2
5)
6
2
35%+
3+
.560
4
2
40
4
'
'
6
3351(
1
.51
#
54
2
52
6
/36
)
*
4
&
50
+
'
'
6
.50
,
65,
4
2
0
+
/31
.6/6
/6
2
,
46
50
4
'
'
6
335,
4
//4
,
1
34
.552"31
/51*
.6
0
6
2
360
+
/2
4
0
3.40
53452
36
.2
6
3
&'
6
2
6
.1
/552
(
6
0
3)
6
2
30
6
+
.4
*
6
&
6
2
6
.1
/5"2
(
6
0
3)
6
2
30
+
.4
*
6
4
2
4
/36
.2
1
35(
6
1
.0
!%6
$
$
.1
54
&
2
2
+
2
,
54*
+
$
$
/5,
531
.546
0
352
1
341
/,
/56
2
361
/6
331
'
/5461
/*
4
36
2
#
51
/6,
/56
2
361
/6
331
'
/54
&
.5)
16
//1
6
0
54
2
6
!/6
'
'
6
.65/
""
6
-5/
.4
0
*
6
33450
*
4
2
5$
5/5*
.6
0
0
450
4
'
'
6
335,
4
//4
,
1
34
.5&
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 182 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content