close

Enter

Log in using OpenID

come diventare infermiere indipendente: aspetti legali e

embedDownload
COME DIVENTARE INFERMIERE INDIPENDENTE: ASPETTI LEGALI E PROCEDURA
N° 1
prendere visione degli aspetti legali e di procedura per poter esercitare la professione di infermiere indipendente, delle convenzioni amministrative con le casse malati e con l’Ufficio degli Anziani e cure a domicilio, diritti e doveri dell’infermiere indipendente.
CONTENUTI:
O
• aspetti legali: legislazione cantonale e federale
R
• libero esercizio
S
• contratto di prestazione cantonale
• contatti con l’Ufficio del Medico cantonale
I
• Ufficio Anziani e cura a domicilio
METODOLOGIA:
• lezione frontale
Giovanni Marvin
ANIMATORE:
infermiere cantonale
infermiere/i
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
martedì 23 settembre 2014
LUOGO:
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
13.30 – 16.30
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 20 agosto 2014
Chiasso
13
Fr. 35.—
Fr. 50.—
ALZHEIMER: LA MALATTIA, LA COMUNICAZIONE, L’ASSISTENZA AL PAZIENTE
N° 2
conoscere le caratteristiche della malattia ed acquisire la capacità di migliorare l’assistenza al paziente affetto dal Alzheimer
CONTENUTI:
• conoscere i disturbi associati all’Alzheimer: cause, sintomi e stadi evoluzione
O
• individuare le ripercussioni della malattia sulla vita quotidiana
R
• possibili strategie per migliorare la vita quotidiana del paziente affetto da Alzheimer
S
I
METODOLOGIA:
• apporto teorico
• analisi di situazione
• condivisione delle esperienze
Michela Tomasoni-Ortelli,
ANIMATRICE:
infermiera laureata in scienze della formazione
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato
di
partecipazione
rilasciato
dal
Centro
di
Formazione
ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
martedì 30 settembre 2014
LUOGO:
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 27 agosto 2014
Bellinzona
14
Fr. 70.—
Fr. 105.—
CORSO BASE DI ELETTROCARDIOGRAFIA
N° 3
l’elettrocardiogramma, per la sua facilità di esecuzione e per i costi contenuti, è ormai un esame strumentale di routine che viene eseguito ovunque.
Infermieri e OSS, pur non formulando diagnosi mediche, devono essere in grado di distinguere i segni elettrocardiografici delle principali patologie cardiache e devono riconoscere quei cambiamenti che possono mettere a rischio il paziente.
Questo corso vuole porre le basi per comprendere l’elettrocardiogramma normale e nelle principali patologie cardiache. Il tutto senza tralasciare la clinica al fine di acquisire anche una fondamentale capacità critica di interpretazione
O
CONTENUTI:
R
• cenni di elettrofisiologia (formazione e conduzione dell’impulso)
S
• analisi dell’elettrocardiogramma normale (onde e deflessioni)
• il triangolo di Einthoven e le derivazioni
I
• le aritmie (ipocinetiche e ipercinetiche)
• i blocchi atrio-ventricolari
• i blocchi di branca
• l’ECG nelle sindromi coronariche acute
METODOLOGIA:
• lezione frontale
• discussione di vari tracciati elettrocardiografici
• esercitazioni in gruppi
Sergio Calzari,
ANIMATORE:
infermiere
infermiere/i – operatrici/tori sociosanitare/i
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
mercoledì 8 ottobre 2014
oppure
mercoledì 25 febbraio 2015
LUOGO:
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
08.00 – 12.00 / 13.00 – 17.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 8 settembre 2014 (prima data)
mercoledì 21 gennaio 2015 (seconda data)
Lugano
15
Fr. 90.—
Fr. 130.—
REFRESH SULLA GESTIONE DEI SINTOMI MAGGIORI IN CURE PALLIATIVE
N° 4
i sintomi dolore, dispnea e stato confusionale in Cure Palliative sono considerati sintomi maggiori, vengono riportati frequentemente sia nelle malattie oncologiche che in quelle che colpiscono gli organi maggiori e nelle demenze. Spesso una corretta valutazione e presa a carico interdisciplinare possono influire positivamente sulla capacità del paziente e dei suoi famigliari di far fronte a queste problematiche
CONTENUTI:
• conoscenza della definizione e delle cause più frequenti di questi sintomi
O
• valutazione e assessment in ambito infermieristico
R
• definizione degli obiettivi di cura realistici in ambito interdisciplinare
• principi di presa a carico farmacologica e non
S
• dimensione socio-affettiva di ciascun sintomo
I
METODOLOGIA:
• presentazione frontale
• lavoro in piccoli gruppi
• discussione attiva nel plenum
• discussione casi clinici
• Donata Bardelli, medico capo clinica, Servizio Cure Palliative, ANIMATRICI:
IOSI
• Maja Monteverde, infermiera MAS, Unità di Cure Palliative, IOSI infermiere/i
PARTECIPANTI:
minimo 15
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
LUOGO:
lunedì 13 ottobre 2014
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 10 settembre 2014
16
Fr. 70.—
Fr. 105.—
COME DIVENTARE INFERMIERE INDIPENDENTE: ESERCIZIO DELLA FUNZIONE
N° 5
prendere visione dei documenti necessari per l’esercizio della funzione e del metodo di compilazione
CONTENUTI:
O
• convenzione amministrativa ASI-SBK e assicuratori malattia firmatari
R
• presentazione GIITI e Curacasa
S
• presentazione cartella infermieristica elaborata dal GIITI
• prescrizione medica
I
• fatturazione e fatturazione elettronica
• oneri sociali a carico degli infermieri indipendenti
METODOLOGIA:
• lezione frontale
• esercitazioni pratiche
Nadia Ferrari Grandi,
ANIMATRICE:
infermiera
infermiere/i
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
martedì 21 ottobre 2014
LUOGO:
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 17 settembre 2014
Chiasso
17
Fr. 70.—
Fr. 105.—
PROCESSO DELLE CURE: DIFFICOLTÀ DI APPLICAZIONE
N° 6
analizzare le difficoltà di applicazione pratica del processo delle cure nella realtà quotidiana ed elaborare delle strategie di risoluzione
CONTENUTI:
O
• basi teoriche (alcuni concetti chiave)
R
• pratica sulla modulistica – cartella in uso nel proprio istituto
S
• valutazione delle difficoltà riscontrate
• presentazione di alcuni esempi pratici di applicazione del processo delle cure
I
METODOLOGIA:
• apporti teorici
• esercitazioni pratiche
Anna Abbondanza,
ANIMATRICE:
infermiera responsabile cure
infermiere/i - assistenti geriatriche/ci – operatrici/tori sociosanitarie/i PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
lunedì 3 novembre 2014
LUOGO:
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 1 ottobre 2014
Bellinzona
18
Fr. 70.—
Fr. 105.—
NUOVA LEGGE SULLA CURATELA E LA PROTEZIONE DELL’ADULTO
N° 7
aggiornare le conoscenze legislative dovute all’entrata in vigore dal 1° gennaio 2013 della modifica 19 dicembre 2008 del Codice Civile relativa alla protezione degli adulti, al diritto delle persone ed al diritto della filiazione
CONTENUTI:
• confronti tra la nuova e vecchia legge
O
• utilizzo nella pratica giornaliera
R
• cosa é cambiato per il personale
S
I
METODOLOGIA:
• lezione frontale per la parte teorica
• apporti dalla pratica quotidiana
• condivisione delle esperienze
Michela Tomasoni-Ortelli,
ANIMATRICE:
infermiera laureata in scienze della formazione
aperto a tutti gli operatori del ramo sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
LUOGO:
giovedì 6 novembre 2014
Bellinzona
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 6 ottobre 2014
19
Fr. 35.—
Fr. 50.—
IGIENE ORALE NELLE CURE
N° 8
istruire l’igiene orale e la cura dei denti e delle gengive, con particolare attenzione alle problematiche riguardanti le persone malate, disabili o anziane. Esercizi pratici per la cura quotidiana dei denti e del cavo orale
CONTENUTI:
• parte teorica:
O
come preservare la salute dei denti, delle gengive e delle mucose
R
problemi, quadri clinici e relative cause
particolarità dell’igiene orale nelle persone malate, disabili o anziane
S
raccomandazioni specifiche ed impiego di mezzi ausiliari
I
• parte pratica:
pulizia dei denti: tecniche di pulizia, applicazione sui pazienti e breve introduzione al tema “ispezione della bocca”
pulizia delle protesi: mezzi ausiliari, procedura e ispezione della bocca
igiene orale e cura dei denti nei pazienti affetti da demenza
METODOLOGIA:
• parte teorica
• esercizi pratici
Milena Scaroni,
ANIMATRICE:
igienista dentale
aperto a tutti gli operatori del ramo sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 15
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
LUOGO:
martedì 18 novembre 2014
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 15 ottobre 2014
20
Fr. 35.—
Fr. 50.—
LA SESSUALITÀ NELLE VARIE FASI DELLA VITA
N° 9
“sessualità” non é solo un termine, é un concetto e per ogni persona ha significati diversi. Dal concepimento alla morte siamo degli esseri sessuali che si evolvono, rispettivamente cambiano, durante la vita a vari livelli: biologico, piscologico-mentale e socio-culturale. A livello fisiologico lo sviluppo sessuale si articola in diverse fasi che sono accompagnate da cambianti psicologici i quali sono condizionati da aspetti socio-culturali. Questi processi sono delicati e l’individualità complessa é data dai molteplici influssi. Lo scopo é evidenziare questi legami in modo da poter comprendere meglio la complessità della sessualità
CONTENUTI:
• definizione termini e concetti della sessualità
O
• fattori biologici, psicologici e socio-culturali che influenzano la sessualità
R
• le fasi vitali sessuali femminili e maschili
• presentazione di situazioni cliniche
S
I
METODOLOGIA:
• lezione frontale
• filmato
• discussione
Claudia Pesenti-Salzmann,
ANIMATRICE:
counselor sessuologica, infermiera specialista MAS Clinica Generale/Cure Palliative
aperto a tutti gli operatori del ramo sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
LUOGO:
venerdì 21 novembre 2014
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
13.30 – 16.30
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 20 ottobre 2014
21
Fr. 35.—
Fr. 50.—
LA
FRAGILITÀ NELL’ANZIANO: INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLE CADUTE NEGLI
ANZIANI
SCOPO:
N° 10
in collaborazione con l’Associazione PIPA (Prevenzione Incidenti Persone Anziane) fornire ai partecipanti raccomandazioni multidisciplinari aggiornate per ridurre il numero delle cadute nelle persone anziane al loro domicilio ed in istituto
CONTENUTI:
O
• fattori di rischio
R
• frequenza, tipi di lesioni e tipologia degli anziani a rischio caduta
S
• conseguenze: aspetti sociali ed economici
• la contenzione come fattore di rischio
I
• strategie di prevenzione
METODOLOGIA:
• apporto teorico
• analisi di situazione
• condivisione delle esperienze
Morena Generelli,
ANIMATRICE:
infermiera responsabile cure
aperto a tutti gli operatori del ramo sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
C
DATA:
mercoledì 17 dicembre 2014
LUOGO:
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 17 novembre 2014
Bellinzona
22
Fr. 70.—
Fr. 105.—
MALTRATTARE L’ANZIANO:
TRISTE REALTÀ?
UNA FANTASIA IMPRONUNCIABILE O UNA POSSIBILE E
SCOPO:
N° 11
l’obiettivo principale è quello di evidenziare e riconoscere le differenti forme di maltrattamento, che possono avvenire soprattutto a domicilio, da parte di familiari o anche di personale curante, al fine di elaborare delle strategie che possano creare un clima più armonioso tra l’anziano e le sue persone di riferimento
CONTENUTI:
• il significato del termine maltrattamento
O
• i diversi tipi di maltrattamento (fisico, verbale, psichico…)
R
• personalità, emozioni e sentimenti
• lo stress e le sue ripercussioni sull’individuo
S
• cenni sulla sindrome del Burnout
I
• il significato del termine crisi e il concetto di capro espiatorio
• la relazione tra dolore, sofferenza e stima di sé
• Empatia e Ascolto attivo nella relazione con l’anziano
METODOLOGIA:
• apporti teorici con lezione frontale
• analisi generale di alcune possibili situazioni
• condivisione delle esperienze professionali in gruppo
Alfredo Bodeo,
ANIMATORE:
psicologo, indirizzo clinico e di comunità
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
C
DATA:
LUOGO:
venerdì 9 gennaio 2015
Mendrisio
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 17.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
martedì 9 dicembre 2014
23
Fr. 80.—
Fr. 120.—
CURE PALLIATIVE IN PAZIENTI NON ONCOLOGICI
N° 12
illustrare l’importanza dell’approccio palliativo in patologie non oncologiche come ad esempio l’insufficienza cardiaca o la BPCO, in considerazione del riconoscimento del suo ruolo fondamentale nelle malattie ad evoluzione cronica
CONTENUTI:
• patologie non oncologiche più frequenti:
O
cardiache
R
polmonari
geriatriche
S
• comprensione della dimensione Bio-Psico-Socio-Spirituale
I
• criteri di indicazione all’approccio palliativo
METODOLOGIA:
• presentazione frontale
• discussione attiva nel plenum
• lavoro in gruppo
• presentazione di un caso
• Tanja Fusi Schmidhauser, medico capo clinica, Unità e Servizio ANIMATRICI:
Cure Palliative, IOSI
• Silvia Walther Veri, infermiera MSc, Servizio Cure Palliative, IOSI
infermiere/i
assistenti
geriatriche/ci
–
operatrici/tori
sociosanitarie/i
PARTECIPANTI:
minimo 15
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
LUOGO:
lunedì 12 gennaio 2015
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 10 dicembre 2014
24
Fr. 70.—
Fr. 105.—
TRATTAMENTO ULCERA CRURALE VENOSA E/O ARTERIOSA E
CUTANEE – CURA E PREVENZIONE DELLE ULCERE DIABETICHE
CURA DELLE LESIONI
SCOPO:
N° 13
conoscere il corretto approccio infermieristico verso un’ulcera crurale venosa e/o arteriosa.
Riconoscere le fasi di guarigione delle lesioni cutanee e saper applicare le corrette medicazioni.
Conoscere la corretta profilassi e gestione del piede diabetico
CONTENUTI:
• trattamento ulcera crurale venosa e/o arteriosa
O
• cura delle lesioni cutanee tramite casi pratici
R
• fisiopatologia del piede diabetico
• meccanismi che portano al piede diabetico
S
• casi pratici relativi al trattamento di ulcere diabetiche
I
METODOLOGIA:
• apporto teorico
• analisi di situazione
• condivisione delle esperienze
• Fabio Cattaneo, dr. med., FMH in medicina interna, ANIMATORI:
endocrinologia, diabetologia
• Giovanna Elia, specialista cura ferite SafW, Certificate of Advanced Study in Woundcare, stomaterapista e consulente per l’incontinenza WCET
infermiere/i
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
C
DATE:
LUOGO:
venerdì 16 e venerdì 23 gennaio 2015
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
13.30 – 16.30
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 15 dicembre 2014
25
Fr. 70.—
Fr. 105.—
ASPETTI DI INTIMITÀ E SESSUALITÀ NELLE MALATTIE CRONICHE
N° 14
chi é affetto da una malattia cronica é a rischio per un disagio psico-fisico sessuale o una disfunzione sessuale. Lo scopo é mostrare le cause che possono essere la malattia stessa, gli effetti iatrogeni dei vari approcci di cura o aspetti psico-sociali, come anche delle problematiche pre-esistenti
CONTENUTI:
• riflessione su pregiudizi e rappresentazioni legati alla sfera sessuale
• definizioni di termini e concetti della sessualità
O
• disfunzioni sessuali: tipologia e possibili cause
R
• presentazione di situazioni cliniche
S
I
METODOLOGIA:
• lezione frontale
• filmato
• discussione
Claudia Pesenti-Salzmann,
ANIMATRICE:
counselor sessuologica, infermiera specialista MAS Clinica Generale/Cure Palliative
infermiere/i
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
LUOGO:
venerdì 6 febbraio 2015
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
13.30 – 16.30
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 7 gennaio 2015
26
Fr. 35.—
Fr. 50.—
LE DIRETTIVE ANTICIPATE
N° 15
l’evoluzione della bioetica ha permesso il fiorire del concetto dell’autonomia del paziente. Di conseguenza sono stati per tanto elaborati numerosi modelli di Direttive Anticipate. Spesso per l’équipe il momento della compilazione e della messa in atto delle Direttive Anticipate è complesso sotto vari punti di vista e si aprono nuove sfide etiche
CONTENUTI:
• vari modelli di Direttive Anticipate
O
• sperimentazione nella compilazione
R
• nuovi dilemmi etici
• l’aiuto pratico al paziente nella compilazione
S
I
METODOLOGIA:
• presentazione frontale
• lavoro personale
• lavoro in piccoli gruppi
• discussione attiva nel plenum
• Lisa Canevascini, infermiera specializzata, Servizio Cure ANIMATRICI:
Palliative, IOSI
• Cristina Steiger, assistente sociale, Lega Contro il Cancro
infermiere/i - assistenti geriatriche/ci – operatrici/tori sociosanitarie/i PARTECIPANTI:
minimo 15
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
LUOGO:
lunedì 23 febbraio 2015
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 21 gennaio 2015
27
Fr. 70.—
Fr. 105.—
GESTIONE FARMACEUTICA DEI CASI COMPLESSI
N° 16
ottimizzare la terapia farmacologica dei pazienti in situazione complessa
CONTENUTI:
• corretta modalità di sommistrazione
O
• sicurezza terapia
R
• qualità dell’anamnesi e della prescrizione medica
• eventi avversi
S
I
METODOLOGIA:
• lezione frontale
• discussione
Marco Bissig,
ANIMATORE:
Dr. sc. nat. FPH
infermiere/i
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
LUOGO:
mercoledì 4 marzo 2015
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 2 febbraio 2015
28
Fr. 35.—
Fr. 50.—
QUANDO L’ALIMENTAZIONE DIVENTA DECISIVA
N° 17
conoscere le
esigenze alimentari delle persone anziane ed applicare lo Screening di Malnutrizione. Essere in grado di avviare misure appropriate riguardanti la terapia alimentare ed applicare in maniera corretta integratori alimentari, addensanti ed altri prodotti specifici.
In collaborazione con l’Associazione PIPA (Prevenzione Incidenti Persone Anziane)
CONTENUTI:
• carenze alimentari e malnutrizione:
le esigenze alimentari nell’età senile
O
come si riconoscono le carenze alimentari?
un sistema completo per il riconoscimento, rilevamento, monitoraggio e trattamento della R
malnutrizione
S
metodi di screening della malnutrizione
protocolli di assunzione di alimenti e liquidi
I
caso esemplificativo
integratori alimentari: presentazione e degustazione, discussione
• disfagia:
che cos’è la disfagia? Definizione e frequenza
il processo di deglutizione
cause, conseguenze e rischi della disfagia
riconoscere i disturbi della deglutizione e scegliere la terapia adeguata
filmato: problemi di deglutizione, terapia alimentare e logopedico
la corretta consistenza fa la differenza
dimostrazione e degustazione addensante Resurce® Thicken Up Up Clear
• regolazione intestinale:
definizione, cause e conseguenze dei problemi di digestione (stipsi, diarrea, colon irritabile)
soluzione ai problemi tramite l’alimentazione corretta
la risorsa Resource Optifibre®
degustazione, discussione
METODOLOGIA:
• apporto teorico
• analisi di situazione
• condivisione delle esperienze
Barbara Richli,
ANIMATRICE:
dietista diplomata SSS
aperto a tutti gli operatori del ramo sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
lunedì 9 marzo 2015
LUOGO:
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 9 febbraio 2015
Bellinzona
29
Fr. 70.—
Fr. 105.—
APPROCCIO ALL’INCONTINENZA
N° 18
approfondire le conoscenze inerenti l’incontinenza e mettere alla luce un problema ancora considerato tabù. Informazioni sulle varie possibilità oggi esistenti per prendersi cura in modo adeguato del paziente incontinente (fecale – urinaria)
CONTENUTI:
• tecniche infermieristiche adeguate nella presa a carico del paziente incontinente
O
• visione ed informazione dei presidi oggi disponibili sul mercato
R
• dialogo aperto riguardo ad un problema spesso troppo poco contemplato
• approfondire gli approcci di prevenzione dei rischi correlati all’incontinenza
S
• riflettere sulle ripercussioni psico-sociali: isolamento, tabù, immagine corporea
I
METODOLOGIA:
• apporto teorico
• presentazione frontale
• condivisione delle esperienze
• aggiornamento del materiale in uso
Cristina Treter de Lubomierz,
ANIMATRICE:
infermiera, stomaterapista e consulente per l’incontinenza WCET
aperto a tutti gli operatori del ramo sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
LUOGO:
martedì 17 marzo 2015
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
13.30 – 16.30
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 16 febbraio 2015
30
Fr. 35.—
Fr. 50.—
BLS-DAE
 SRC DEFIBRILLAZIONE AUTOMATICA ESTERNA
SCOPO:
N° 19
l’introduzione delle nuove linee guida per la rianimazione di base (BLS) includono l’utilizzo del defibrillatore automatico (DAE) da parte delle prime persone che assistono all’evento. Le tecniche di primo soccorso differiscono a seconda della tipologia di spettatori, infatti per le persone senza una formazione sanitaria di base (definiti laici) le manovre di rianimazione sono diverse da quelle messe in atto da professionisti della salute. Il corso vuole offrire la possibilità di aggiornare le proprie competenze nella rianimazione introducendo anche la defibrillazione come manovra di base per il primo soccorso
CONTENUTI:
O
• conoscere e attivare la catena del salvataggio
R
• padroneggiare la valutazione del paziente
S
• applicare correttamente lo schema ABC
• eseguire correttamente BLS dell’adulto
I
• conoscere il DAE
• algoritmo DAE
METODOLOGIA:
• apporto teorico
• analisi di situazione
• applicazione pratica
insegnante della CRV Lugano
ANIMATORE:
infermiere/i
PARTECIPANTI:
minimo 6
test individuale teorico e scritto alla fine del corso
ATTESTATO:
Certificato dello Swiss Resuscitation Council (SRC)- FCTSA
(durata certificato 2 anni)
C
DATA:
LUOGO:
lunedì 23 marzo 2015
da definire
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
primo corso: 08.00 – 12.00
secondo corso: 13.00 – 17.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 23 febbraio 2015
31
Fr. 90.—
Fr. 150.—
IDENTIFICAZIONE
PRECOCE DEL PAZIENTE IN
CARICO PER QUALE PAZIENTE?
CURE PALLIATIVE,
QUALE PRESA A
SCOPO:
N° 20
le Cure Palliative sono una specialità dell’ambito socio – sanitario, caratterizzate dalla presa a carico interdisciplinare di pazienti affetti da malattie evolutive inguaribili. Tra queste malattie vi sono quelle oncologiche metastatiche e le grandi insufficienze d’organo (ad esempio le cardiopatie, pneumopatie, malattie neurologiche, demenze). Le malattie evolutive sono caratterizzate da un progressivo scadimento delle condizioni generali, un grado di dipendenza in aumento e un ultimo anno di vita caratterizzato da bisogni sempre maggiori. Per questo motivo, é imperativo identificare il più precocemente possibile quando i pazienti affetti da queste patologie entrano in fase palliativa, attuando una presa a carico dei bisogni palliativi precoce e contemporanea ai trattamenti eziologici
O
R
CONTENUTI:
S
• identificare precocemente i pazienti bisognosi di Cure Palliative
I
• distinguere tra situazioni di cura che necessitano un’attidudine palliativa nella presa a carico (pazienti A) e situazioni complesse che necessitano di una presa a carico specialistica (pazienti B)
METODOLOGIA:
• parte teorica
• lavoro di gruppo
• discussione nel plenum
• discussione casi clinici
• Donata Bardelli, medico capo clinica Servizio Cure Palliative, ANIMATRICI:
IOSI
• Del Torso Mara, infermiera specializzata, Servizio Cure Palliative, IOSI
infermiere/i - assistenti geriatriche/ci – operatrici/tori sociosanitarie/i PARTECIPANTI:
minimo 15
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
C
DATA:
LUOGO:
lunedì 13 aprile 2015
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 11 marzo 2015
32
Fr. 70.—
Fr. 105.—
LA FARMACOTERAPIA NEL PAZIENTE ANZIANO
N° 21
approfondire alcuni elementi utili per ottimizzare la terapia farmacologica nel paziente anziano
CONTENUTI:
• cambiamenti fisiologici nell’anziano
O
• farmacocinetica e farmacodinamica
R
• polifarmacoterapie
• effetti indesiderati dei medicamenti
S
• interazioni fra più farmaci
I
• insufficienza renale ed epatica
• compliance
• classi farmacologiche “a rischi”
• consigli pratici
• precauzioni con i farmaci di uso comune
METODOLOGIA:
• lezione frontale interattiva con possibilità di porre domande e discussione durante l’esposizione
Marco Bissig,
ANIMATORE:
Dr. sc. nat. FPH
infermiere/i
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
LUOGO:
mercoledì 15 aprile 2015
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 11 marzo 2015
33
Fr. 35.—
Fr. 50.—
IL PROFILO DI RISCHIO, LA SUA VALUTAZIONE E LA PREVENZIONE
N° 22
sensibilizzare i partecipanti e il personale curante sull’importante problema della prevenzione primaria e secondaria delle cadute dell’ospite “fragile”. Fare emergere gli elementi principali ottenibili con la valutazione multidimensionale e utilizzarli per stabilire un piano di prevenzione individuale
CONTENUTI:
O
• il profilo del rischio e gli elementi principali della fragilità dell’ospite a rischio di caduta
R
• elementi principali della valutazione multidimensionale e dell’intervento preventivo S
multidisciplinare
I
METODOLOGIA:
• introduzione attraverso lezione frontale
• lavori di gruppi su casi (case study)
• Anna Abbondanza, infermiera responsabile cure
ANIMATORI:
• Sabrina Fratantonio, ergoterapista
• Graziano Ruggieri, Dr. Med.
aperto a tutti gli operatori del ramo sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 12
attestato
di
partecipazione
rilasciato
dal
Centro
di
Formazione
ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
giovedì 30 aprile 2015
LUOGO:
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 30 marzo 2015
Bellinzona
34
Fr. 90.—
Fr. 130.—
L’ORALITÀ ALIMENTARE E I SUOI DISTURBI
N° 23
l'infermiera che lavora in ambito pediatrico è spesso confrontata alla difficoltà di svezzamento e di alimentazione, soprattutto nei bambini ex prematuri o con disturbi dello sviluppo dovuti a varie cause. Questo corso si propone di dare delle nozioni sull'oralità alimentare e i suoi disturbi, affinché I'infermiera possa accompagnare i bambini e le famiglie attraverso I'apprendimento dell'alimentazione
CONTENUTI:
• brevi definizioni teoriche sull’oralità e sul suo sviluppo
• i disturbi dell’oralità: quali sono i bambini a rischio, quali le cause
O
• valutare l’oralità: osservazione al pasto, la sensorialità, la motricità, l’ambiente
R
• l’intervento: attività di stimolazione orale, sensoriale e motoria
S
I
METODOLOGIA:
• lezione frontale con una prima parte teorica e una seconda parte pratica, in cui si presenterà il materiale e alcune attività di stimolazione da fare con i bambini
• discussione di casi pratici
Paola Andreazzi,
ANIMATRICE:
BSc HES-SO in ergoterapia
infermiere/i
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato
di
partecipazione
rilasciato
dal
Centro
di
Formazione
ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
LUOGO:
lunedì 4 maggio 2015
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 1 aprile 2015
35
Fr. 70.—
Fr. 105.—
ASSISTENZA SPIRITUALE IN CURE PALLIATIVE – CONCETTI BASE
N° 24
la caratteristica di ogni esistenza è quella di trascendere se stessa nella relazione con l’altro, luogo per eccellenza di ogni divenire e di ogni rinascita, paradossalmente anche nel tempo della malattia o della morte. Le Cure Palliative ci hanno reinsegnato che non possiamo ridurre l’altro ad un sintomo da curare, alla parte dolente del corpo o a ciò che non funziona. Il malato non equivale alla sua sterile diagnosi, ma è possibilità di esistere (ex-sistere), sempre, e di ricevere ciò che egli è da un altro/Altro, anche attraverso i gesti di chi non si limita a curare un corpo anonimo ma a prendersi cura della persona con un suo nome e una storia. Per queste ed altre ragioni, l’intera equipe curante è chiamata a farsi carico anche di quella parte più silenziosa, e che talvolta il malato vive in maniera inconsapevole, che riguarda le cose dello spirito
O
R
CONTENUTI:
• differenze tra spiritualità e religiosità
S
• integrare l’anamnesi spirituale nell’assessment globale del paziente
I
• utilizzare i valori del paziente per integrarli nel piano di cura
METODOLOGIA:
• parte teorica (Power point)
• discussione attiva nel plenum
• lavoro di gruppo
• lavoro personale
• filmati
• Don Giovanni Sala
ANIMATORI:
• Patrick Bommarito, infermiere specializzato, Unità Cure Palliative, IOSI
infermiere/i - assistenti geriatriche/ci – operatrici/tori sociosanitarie/i PARTECIPANTI:
minimo 15
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
LUOGO:
lunedì 11 maggio 2015
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 8 aprile 2015
36
Fr. 70.—
Fr. 105.—
CURA ENTERO – UROSTOMIE
N° 25
conoscere il corretto approccio verso la persona stomizzata
CONTENUTI:
• conoscenza dei vari tipi di entero e urostomie
O
• trattamento nella fase post-operatoria immediata e tardiva e delle eventuali complicazioni
R
• riabilitazione del paziente stomizzato
S
I
METODOLOGIA:
• apporto teorico
• analisi di situazione
• condivisione delle esperienze
Giovanna Elia,
ANIMATRICE:
stomaterapista e consulente per l’incontinenza WCET, specialista cura ferite SafW, Certificate of Advanced Study in Woundcare
infermiere/i - assistenti geriatriche/ci
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato
di
partecipazione
rilasciato
dal
Centro
di
Formazione
ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
SCOPO:
C
DATA:
LUOGO:
giovedì 21 maggio 2015
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 20 aprile 2015
37
Fr. 35.—
Fr. 50.—
UNA RETE CONTRO LA VIOLENZA DOMESTICA
SCOPO:
conoscere il fenomeno della violenza domestica e di genere; informare sui servizi presenti sul
territorio; acquisire strumenti utili per l’accompagnamento alle vittime di violenza
CONTENUTI:
•
•
•
•
•
•
•
•
presentazione consultorio delle donne
la violenza domestica e la casa delle donne
definizione di “Violenza domestica”
intervento della Polizia Cantonale e comunale e presentazione partner di rete
definizione di violenza
tipologie di violenza, ciclo della violenza domestica e i comportamenti della vittima
accompagnamento della vittima di violenza domestica: attitudini, strumenti e risorse
l’importanza di lavorare in rete
METODOLOGIA:
•
•
parte teorica
discussione
ANIMATORI:
•
•
•
•
•
Sonny Buletti, responsabile del Consultorio delle Donne,
Lugano
Ximena Calanchina, consulente di genere, DAISI - Gruppo
Donne Amnesty International
Giorgio Carrara, sgtm, Coordinatore Violenza domestica,
SPCPP (Sezione prevenzione e coordinamento Polizia di
prossimità) della Polizia Cantonale
Vanessa Ghielmetti, consulente di genere, DAISI - Gruppo
Donne Amnesty International
Cornelia Soldati, operatrice sociale Casa Armònia, Tenero
PARTECIPANTI:
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
minimo 10
ATTESTATO:
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione
ASI-SBK Sezione Ticino
N° 26
C
O
R
S
I
DATA:
martedì 26 maggio 2015
LUOGO:
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
08.15 – 13.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 22 aprile 2015
Bellinzona
38
Fr. 45.—
Fr. 70.—
LA POLIFARMACOTERAPIA FATTORE A RISCHIO
L’IMPORTANZA DELL’OSSERVAZIONE COSTANTE
DI
CADUTA
NEGLI
ANZIANI:
SCOPO:
N° 27
sensibilizzare i partecipanti sui fattori di rischio ed evidenziare le possibili strategie nella distribuzione e somministrazione della terapia assegnata al paziente.
Elaborare strategie al fine di garantire un’adesione efficace dell’anziano alla terapia anche a domicilio
CONTENUTI:
O
• le classi terapeutiche maggiormente coinvolte nell’evento caduta
R
• la “cascata” prescrittiva
S
• motivi della mancata aderenza alla terapia
• aderenza alla terapia e politerapia: quali strategie?
I
METODOLOGIA:
• apporto teorico, lezione frontale
• condivisione delle esperienze pratiche dei partecipanti
• strumenti per favorire l’adesione del paziente alla terapia farmacologica
Morena Generelli,
ANIMATRICE:
infermiera responsabile cure
infermiere/i - assistenti geriatriche/ci
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato
di
partecipazione
rilasciato
dal
Centro
di
Formazione
ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
C
DATA:
mercoledì 27 maggio 2015
LUOGO:
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00/13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 27 aprile 2015
Bellinzona
39
Fr. 70.—
Fr. 105.—
INTELLIGENZA EMOTIVA: LA RAZIONALITÀ AL COSPETTO DELL’EMOZIONE. SCONTRO O
SFIDA FRA RAGIONAMENTO LOGICO E GESTIONE DELLE PULSIONI EMOTIVE
la consapevolezza di se – il comprendere noi stessi, i nostri punti di forza, i nostri punti deboli e N° 1
come noi siamo percepiti dagli altri.
L’autoregolazione – la capacità di controllare le nostre reazioni e di pensare prima di agire.
La motivazione – la spinta interiore al lavoro ed al miglioramento psichico.
L’empatia – l’abilità di comprendere i punti di vista e la realtà altrui.
La capacità di socializzazione – l’abilità di comunicare e relazionarsi con gli altri
CONTENUTI:
R
• comprensione interazione di strutture cerebrali responsabili delle nostre emozioni
E
• correlazione fra basi neurologiche e attitudine all’intelligenza emotiva
A
• uso intelligenza emotiva per preservare relazioni preziose
• ambito lavorativo, successo professionale e gestione emozioni
• analisi insegnamenti emozionali del passato (infanzia, adolescenza) e temperamento attuale
R
• esplorazione rischi di carenze di intelligenza emotiva
E
• esame corsi innovativi di alfabetizzazione emotiva
L
A
METODOLOGIA:
Z
• introduzione teorica e didattica interattiva di coinvolgimento con giochi di ruolo e I
partecipazione fattiva del gruppo
O
N
A
L
Vincenzo
Santoro,
ANIMATORE:
E
psicologo clinico
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
A
DATE:
LUOGO:
giovedì 25 e venerdì 26 settembre 2014
Mendrisio
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 25 agosto 2014
40
Fr. 130.—
Fr. 200.—
TRAINING AUTOGENO
N° 2
CONTENUTI:
R
• apprendimento esercizi base:
E
esercizio della pesantezza per rilassamento muscolare
esercizio del calore per vasodilatazione e aumento del flusso sanguigno
A
esercizio del respiro
esercizio del cuore
R
esercizio del plesso solare
esercizio della fronte fresca
E
L
A
METODOLOGIA:
Z
• apporto teorico
I
• apprendimento di gruppo
• condivisione delle esperienze
O
• feedback continuativi settimanali
N
A
L
Vincenzo
Santoro,
ANIMATORE:
E
psicologo clinico
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
metodo di autorilassamento, per un migliore controllo delle proprie capacità psichiche e fisiche e
una più matura consapevolezza di sé.
Applicato a livello preventivo e di gestione dello stress e, pure con finalità di miglioramento delle
proprie prestazioni (scuola, lavoro, sport).
In breve tempo si raggiunge la calma e il benessere interiore con profondo e rapido recupero di
energia e maggiore autodeterminazione e introspezione
A
DATE:
LUOGO:
venerdì 3, venerdì 10, venerdì 17, venerdì 24 ottobre
2014
venerdì 7, venerdì 14, venerdì 21, venerdì 28
novembre 2014
venerdì 5, venerdì 12 dicembre 2014
Mendrisio
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
20.00 – 22.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
lunedì 1 settembre 2014
TERMINE DI ISCRIZIONE:
41
Fr. 230.—
Fr. 350.—
CONOSCENZA DELLE DINAMICHE DI GRUPPO
N° 3
CONTENUTI:
R
• i ruoli ricoperti all’interno del gruppo
E
• valorizzare le diversità
A
• i bisogni del gruppo (ascoltare i bisogni e gestire le emozioni)
• i colloqui: ascolto e regole del feed back
• conflitti e gestione dei conflitti
R
• le dinamiche di potere (il potere e l’autorità)
E
• il clima di lavoro
• come NON lavorare in team
L
A
METODOLOGIA:
Z
• gli insegnamenti impartiti si rifanno alla pedagogia per adulti privilegiando il confronto I
esperienziale fra i partecipanti. Le lezioni si svolgeranno integrando forme seminariali ad atelier pratici, giochi di ruolo, apporti teorici e lavori in piccoli gruppi
O
N
A
L
Mariano
Cavolo,
ANIMATORE:
E
docente in cure infermieristiche
aperto a tutti
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
lavorare con le persone richiede, inevitabilmente, di interagire con loro, a volte con uno scopo in
comune, a volte con obiettivi contrapposti. Queste interazioni possono diventare il vero e proprio
“focus” del lavoro con le persone: la variabile fondamentale per il successo o per l’insuccesso. E’
importante quindi rivolgere attenzione all’insieme delle abilità che influiscono sull’ andamento dei
rapporti interpersonali, nel contesto delle professioni sanitarie
A
DATE:
LUOGO:
lunedì 6 e martedì 7 ottobre 2014
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 3 settembre 2014
42
Fr. 130.—
Fr. 200.—
L’ATTEGGIAMENTO DELL’EQUIPE CURANTE NELL’ACCOGLIENZA E NELL’INSERIMENTO
DEL NUOVO OSPITE IN CASA ANZIANI
l’obiettivo principale dell’equipe consiste nel saper comprendere empaticamente da un lato i N° 4
dubbi, le paure, le perplessità e spesso la non condivisione dell’anziano di entrare in un luogo di cura, e dall’altro lato la mancanza di capacità critica della persona anziana nei confronti del suo stato di salute, specialmente quando è affetta da patologie degenerative
CONTENUTI:
R
• descrizione dei concetti di personalità, carattere e temperamento
E
• significato del termine Crisi
A
• differenza tra eustress e distress
• analisi panoramica delle principali patologie degenerative (demenze, stati confusionali, depressioni…)
R
• caratteristiche dei comportamenti autoaggressivi ed eteroaggressivi
E
• l’importanza di un atteggiamento empatico
• l’arte del saper ascoltare l’altro (ascolto attivo)
L
• cenni sul fenomeno chiamato Resilienza
A
Z
METODOLOGIA:
I
• apporto teorico
O
• condivisione delle esperienze in gruppo
N
A
L
E
Alfredo Bodeo,
ANIMATORE:
psicologo, indirizzo clinico e di comunità
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
A
DATA:
LUOGO:
venerdì 17 ottobre 2014
Mendrisio
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 17.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 15 settembre 2014
43
Fr. 80.—
Fr. 120.—
HO SBAGLIATO: E ADESSO?
il corso intende fornire un’introduzione alla gestione del rischio clinico e sensibilizzare i partecipanti sugli aspetti ed atteggiamenti culturali legati alla gestione del rischio.
Presentare alcuni strumenti utilizzabili all’interno delle strutture sanitarie
N° 5
CONTENUTI:
• la sicurezza e la gestione del rischio clinico in ambito sanitario
R
• la gestione del rischio clinico all’interno del team: ruoli e responsabilità
E
• l’approccio all’errore
• il ruolo della comunicazione
A
R
E
L
METODOLOGIA:
A
• lezione frontale
Z
• analisi di casi
I
• lavoro di gruppo
O
N
A
Roberto Guggiari,
ANIMATORE:
L
responsabile servizio infermieristico, Clinica di riabilitazione
Novaggio (EOC)
E
infermiere/i - operatrici/tori sociosanitarie/i
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
A
DATA:
LUOGO:
mercoledì 22 ottobre 2014
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00/13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 22 settembre 2014
44
Fr. 70.—
Fr. 105.—
LA SOLITUDINE E LA DEPRESSIONE DELL’ANZIANO
imparare a cogliere i primi segnali di disagio e la loro potenziale gravità; usare al meglio l’osservazione, l’ascolto e l’empatia come strumenti costanti di lavoro
N° 6
CONTENUTI:
R
• sintomi e segni degli aspetti depressivi:
E
componenti verbali
componenti non verbali
A
• l’approccio con la persona
R
E
L
A
METODOLOGIA:
Z
• parte teorica
I
• simulazioni
O
N
A
L
Marco
Malnati,
ANIMATORE:
E
psicologo e psicoterapeuta
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 12
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
A
DATA:
LUOGO:
venerdì 7 novembre 2014
oppure
venerdì 22 maggio 2015
Mendrisio
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 6 ottobre 2014 (prima data)
lunedì 20 aprile 2015 (seconda data)
45
Fr. 70.—
Fr. 105.—
STALKING
E MOBBING: COME RICONOSCERE I COMPORTAMENTI PERSECUTORI
QUANDO LA VITTIMA È STATA DESIGNATA
l’obiettivo principale è quello di evidenziare e riconoscere queste diverse forme di molestie, che N° 7
possono avvenire sia sul luogo di lavoro, sia nell’ambito della vita privata, al fine di elaborare delle strategie che possano creare un clima più armonioso all’interno e all’esterno di noi stessi
CONTENUTI:
R
• il fenomeno Stalking e Mobbing: caratteristiche, effetti, sintomi
E
• lo stress e le sue ripercussioni sull’individuo
A
• personalità, emozioni e sentimenti
• il significato del termine crisi
• il concetto di capro espiatorio
R
• la relazione tra dolore, sofferenza e stima di sé
E
L
A
METODOLOGIA:
Z
• apporti teorici con lezione frontale
I
• analisi generale di alcune situazioni
• condivisione delle esperienze in gruppo
O
N
A
L
Alfredo
Bodeo,
ANIMATORE:
E
psicologo, indirizzo clinico e di comunità
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
A
DATA:
LUOGO:
venerdì 14 novembre 2014
Mendrisio
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 17.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 13 ottobre 2014
46
Fr. 80.—
Fr. 120.—
COME AFFRONTARE SITUAZIONI E RELAZIONI DIFFICILI IN AMBITO PROFESSIONALE
N° 8
CONTENUTI:
R
• migliorare la qualità relazionale con se e con l’altro per sviluppare ben – essere sul lavoro
E
A
R
E
L
A
METODOLOGIA:
Z
• formazione esperienziale individuale e di gruppo
I
• lezione frontale
O
N
A
L
Patrizia
Gasparetti,
ANIMATRICE:
E
counselor ad approccio integrato iscritto alla SICO
aperto a tutti
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
ogni giorno lavorando a stretto contatto con situazioni di cura, siamo confrontati con difficoltà
oggettive e tutta una serie di disagi soggettivi, legati ai nostri limiti, a dinamiche relazionali che si
creano tra noi e i pazienti, a volte i famigliari e spesso con i colleghi.
Durante il corso rifletteremo sui disagi che quotidianamente dobbiamo affrontare al lavoro ed
apprenderemo nuove competenze per migliorare il nostro ben – essere in ambito professionale
A
DATE:
LUOGO:
lunedì 24, martedì 25, mercoledì 26, giovedì 27
novembre 2014
Bellinzona
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 20 ottobre 2014
47
Fr. 270.—
Fr. 410.—
SAPERSI ESPRIMERE IN GRUPPO
N° 9
CONTENUTI:
R
• tecniche di espressione efficace di fronte a un pubblico
E
• elementi di comunicazione efficace all’interno di un gruppo
A
• pianificare una riunione: tempi, scopi e modalità
• come rendere una riunione efficace
• la comunicazione scritta
R
E
L
A
METODOLOGIA:
Z
• gli insegnamenti impartiti si rifanno alla pedagogia per adulti privilegiando il confronto I
esperienziale fra i partecipanti. Le lezioni si svolgeranno integrando forme seminariali ad atelier pratici, giochi di ruolo, apporti teorici e lavori in piccoli gruppi
O
N
A
L
Mariano
Cavolo,
ANIMATORE:
E
docente in cure infermieristiche
aperto a tutti
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
il parlare di fronte ad un pubblico, sia esso composto da colleghi o collaboratori di svariata natura,
può essere motivo di tensione o particolare stress emotivo.
Per questo sono state ideate delle tecniche di presentazione, ma soprattutto di espressione
verbale, finalizzate a rendere il più efficace possibile l'intervento relazionale o i contenuti che si
intende presentare.
In questo modulo ne sono riassunte alcune, allo scopo di fornire un valido strumento di lavoro che
può essere usato nelle più disparate occasioni, non necessariamente solo professionali
A
DATE:
LUOGO:
lunedì 1 e martedì 2 dicembre 2014
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 29 ottobre 2014
48
Fr. 130.—
Fr. 200.—
COME
COMUNICARE AL
PAZIENTE? COME
SCEGLIERE LE PAROLE ETICAMENTE
GIUSTE?
IL COUNSELLING ETICO – INFERMIERISTICO NELLA REALTÀ CLINICA E NEL CINEMA
addestrare le capacità di cogliere empaticamente i desideri informativi del paziente, di scegliere N° 10
un vocabolario e un tempo idonei per rispondere sulla stessa lunghezza d’onda, di confrontare i casi/situazioni clinici dilemmatici con trame analizzate in dettaglio dalla letteratura e dal cinema
CONTENUTI:
R
• i pazienti si aspettano dall’infermiere che colga i bisogni comunicativi inespressi e vi risponda E
con parole e gesti eticamente coerenti, comprensibili e rispettosi dei valori umani del soggetto A
R
E
L
A
METODOLOGIA:
Z
• introduzione ad un tema di etica (riservatezza, dire la verità, comunicazione di diagnosi gravi, I
difficili rapporti con i familiari)
• esercizi di analisi ed espressione linguistica
O
• critica di spezzoni di film
N
• disegno di strategie comunicative per il lavoro d’equipe
A
L
Paolo
Marino
Cattorini,
ANIMATORE:
E
professore ordinario di bioetica
aperto
a
tutti
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
A
DATA:
LUOGO:
mercoledì 10 dicembre 2014
Chiasso
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
10.00 – 12.30 / 14.00 – 17.30
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 10 novembre 2014
49
Fr. 120.—
Fr. 160.—
COMUNICAZIONE E RELAZIONE STAFF - FAMIGLIARI
N° 11
CONTENUTI:
R
• introduzione alle dinamiche relazionali
E
• la distorsione della comunicazione attraverso la simulazione del “telefono senza fili”
A
• la diversa percezione emotiva sé-familiari attraverso il gioco “ Il palloncino”
• distorsioni e pregiudizi, visti attraverso il gioco “la rinarrazione di un evento significativo”
• saper ascoltare
R
• l’ascolto del familiare
E
• cenni sulla comunicazione assertiva
• simulazioni di situazioni problematiche concrete
L
A
METODOLOGIA:
Z
• parte teorica
I
• simulazioni
O
N
A
L
Marco
Malnati,
ANIMATORE:
E
psicologo e psicoterapeuta
aperto a tutti gli operatori del ramo sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 12
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
il corso si pone l’obiettivo, attraverso attività esperienziali, di favorire la consapevolezza
dell’interazione tra lo staff e l’ospite, passando dalla percezione delle possibili diverse emozioni in
gioco, al fenomeno delle distorsione delle informazioni, per arrivare alla corretta distanza emotiva
verso i familiari .
Le parti costituite da simulazioni o giochi psicologici avranno pertanto degli approfondimenti e
delle discussioni di gruppo
A
DATE:
LUOGO:
giovedì 18 e venerdì 19 dicembre 2014
Mendrisio
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 17 novembre 2014
50
Fr. 130.—
Fr. 200.—
TRAINING ASSERTIVO
N° 12
CONTENUTI:
R
• abilità non verbali: contatto oculare; espressione del viso; gesti; volume e tono della voce; E
postura; distanza e contatto fisico; esercitazioni sulle abilità non verbali; esercizio di entrata in gruppo
A
• abilità verbali: abilità di conversazione; abilità di difesa
• ristrutturazione cognitiva
R
• problem solving
E
L
A
METODOLOGIA:
Z
• apporto teorico
I
• analisi di situazione
• giochi di ruolo
O
• condivisione delle esperienze
N
A
L
Vincenzo
Santoro,
ANIMATORE:
E
psicologo clinico
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
il corso permetterà l’apprendimento di tecniche assertive utilizzando l’approccio psicologico delle
teorie cognitive – comportamentali per arrivare a: conoscere meglio se stessi con l’analisi dei
comportamenti manifesti e nascosti; avere una buona immagine di se professionale e privata;
saper comunicare con gli altri incrementando abilità interpersonali; ottenere un comportamento
equilibrato privo di passività o aggressività
A
DATE:
LUOGO:
giovedì 15 e venerdì 16 gennaio 2015
Mendrisio
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 15 dicembre 2014
51
Fr. 130.—
Fr. 200.—
ESSERE VICINI ED ACCOMPAGNARE LA PERSONA DURANTE IL FINIRE DELLA VITA
saper accettare, per quanto sta nei nostri mezzi, la vita fino all’ultimo momento e la morte che arriva
N° 13
CONTENUTI:
R
• spunti teorici sulla fine vita
E
• approfondire le tematiche legate alla sofferenza ed al fine vita
A
R
E
L
A
METODOLOGIA:
Z
• lezione frontale per la parte teorica
I
• apporti dalla pratica quotidiana
• condivisione delle esperienze
O
N
A
L
Michela
Tomasoni-Ortelli,
ANIMATRICE:
E
infermiera laureata in scienze della formazione
personale ausiliario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
A
DATA:
LUOGO:
lunedì 19 gennaio 2015
Bellinzona
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 17 dicembre 2014
52
Fr. 105.—
LA COMUNICAZIONE NELLE RELAZIONI DI CURA
N° 14
CONTENUTI:
• la comunicazione é la componente principale nella gestione dei pazienti e, nelle patologie R
croniche, talvolta, é anche tutto quanto si possa offrire. Dunque le abilità comunicative E
lasciano un segno indelebile nei pazienti, ma anche nelle loro famiglie e tra i colleghi di lavoro • il concetto di cura e le sue molteplici azioni
A
• le regole di una comunicazione efficace nel lavoro di cura
• ruolo e relazione dell’operatore
R
• la parola – che – cura
E
L
METODOLOGIA:
A
• scrittura e narrazione di sé
Z
• approccio introduttivo – operativo (sperimentazione, condivisione, concettualizzazione)
I
• indicazioni operative per il transfert nella pratica professionale
O
N
A
Barbara
Sangiovanni,
ANIMATRICE:
L
epistemologa e formatrice d’adulti
E
aperto a tutti gli operatori del ramo sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
prendere consapevolezza della dimensione comunicativa nella relazione operatore – paziente con
particolare attenzione alle dinamiche conflittuali.
Analizzare e sperimentare strumenti pratici per gestire una comunicazione efficace nel lavoro di
cura
A
DATA:
LUOGO:
lunedì 26 e martedì 27 gennaio 2015
Mendrisio
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00/13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 17 dicembre 2014
53
Fr. 130.—
Fr. 200.—
LA DIMENSIONE INCONSCIA DEL LAVORO IN EQUIPE
N° 15
R
CONTENUTI:
E
• ansia, rivalità ed invidia
A
• ansie e difese sociali
• il narcisismo del leader
• le ansie del leader (generiche e specifiche)
R
• il burnout nelle organizzazioni socio sanitarie
E
L
A
Z
METODOLOGIA:
I
• gli insegnamenti impartiti si rifanno alla pedagogia per adulti privilegiando il confronto O
esperienziale fra i partecipanti. Le lezioni si svolgeranno integrando forme seminariali ad N
atelier pratici, giochi di ruolo, apporti teorici e lavori in piccoli gruppi
A
L
E
Mariano Cavolo,
ANIMATORE:
docente in cure infermieristiche
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato
di
partecipazione
rilasciato
dal
Centro
di
Formazione
ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
l’esperienza dimostra che in certe situazioni, nonostante la razionalità del progetto originario,
l’adeguatezza delle risorse investite e l’acquisizione di una sufficiente base di consenso, qualcosa
va storto e la macchina organizzativa inopinatamente si inceppa: succede allora che buone e
tanto decantate politiche aziendali non funzionino come dovrebbero, che procedure e protocolli
chiarissimi vengano applicati in modo errato o confuso, che cambiamenti ed innovazioni necessari
e concordati incontrino resistente impreviste, che regole e disposizioni ragionevoli vengano
disattese, eccetera. E tutto ciò senza un’apparente ragione. Infatti essendo questi fenomeni per lo
più inconsci e quindi “nascosti” ad un’analisi razionale, spesso si finisce col girare a vuoto alla loro
ricerca e può succedere che manchi persino la percezione dell’esistenza di un problema
DATE:
LUOGO:
lunedì 9 e martedì 10 febbraio 2015
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 7 gennaio 2015
54
A
Fr. 130.—
Fr. 200.—
DA INFERMIERA/E A FORMATRICE/TORE: PASSAGGIO AD UN RUOLO PEDAGOGICO
N° 16
R
E
A
CONTENUTI:
• il processo d’insegnamento e di apprendimento, segnatamente nella relazione formativa fra R
adulti
• il rapporto triangolare tra formatore – soggetto in formazione – sapere: caratteristiche, E
potenzialità e possibili derive
L
• alcuni principi pedagogici alla base della formazione degli adulti (andragogia)
• criticità e prospettive metodologiche nelle dinamiche formative nel contesto delle cure
A
Z
I
METODOLOGIA:
O
• nel corso della giornata si alterneranno momenti espositivi ad attività-stimolo e a N
dibattiti/confronti fra tutti i partecipanti
A
L
E
Fulvio Poletti,
ANIMATORE:
professore SUPSI
infermiere/i
PARTECIPANTI:
minimo 12
attestato
di
partecipazione
rilasciato
dal
Centro
di
Formazione
ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
il corso è volto a sviluppare una riflessione critica circa l’assunzione del ruolo formativo da parte di
professionisti delle cure. Esso intende affrontare le questioni e gli interrogativi seguenti:
• che cosa significa trasformarsi da operatrice/tore sanitaria/o esperta/o a formatrice/tore dei
neofiti della professione?
• quali competenze occorre mettere in campo per esercitare tale funzione con cognizione di
causa e con esiti promettenti?
• quali fattori entrano in gioco allorché si confrontano due adulti in un rapporto educativoformativo?
• come riuscire ad esercitare la propria autorevolezza di professionista-docente, senza
assumere atteggiamenti/comportamenti autoritari, oppure senza farsi assorbire in trame di
eccessiva vicinanza emotiva?
DATA:
martedì 24 febbraio 2015
LUOGO:
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 21 gennaio 2015
A
Bellinzona
55
Fr. 70.—
Fr. 105.—
AUTOSTIMA E FIDUCIA IN SE’ STESSI
N° 17
R
CONTENUTI:
E
• analisi della situazione personale
A
• critica patologica e ristrutturazione cognitiva per l’autostima
• autovalutazione e concetto di sé (comprensione, accettazione di sé, affrontare il dolore,
l’empatia, la consapevolezza, integrazione del bambino e dell’adolescente che è in noi)
R
• bisogni e desideri
E
• gestire gli errori
• autenticità
L
A
Z
METODOLOGIA:
I
• apporto teorico
O
• analisi di situazione
• giochi di ruolo
N
• condivisione delle esperienze
A
L
Vincenzo
Santoro,
ANIMATORE:
E
psicologo clinico
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
la capacità dell’individuo di stimare positivamente la propria persona, o di attribuire un adeguato
valore al proprio Sé, dipende da molteplici fattori. Primo fra tutti, dal reale grado di abilità e
dotazioni personali possedute, nonché dal confronto e qualità dei messaggi che la persona riceve
dall’ambiente ed infine, dalla minore distanza possibile riscontrata tra Sé percepito e Sé ideale. Il
corso mira al miglioramento del proprio comportamento e della resa nell’apprendimento e nel
lavoro superando pensieri negativi (non piacersi, non essere soddisfatti di sé stessi, non
considerarsi all’altezza, avere paura, fuggire) con una strategia di esercizi pratici per riappropriarsi
della propria vera dimensione
DATE:
LUOGO:
giovedì 26 e venerdì 27 febbraio 2015
Mendrisio
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 26 gennaio 2015
56
A
Fr. 130.—
Fr. 200.—
LE EMOZIONI NEL LAVORO DI CURA
prendere consapevolezza della vita emotiva che attraversa il lavoro di cura. Analizzare e costruire strumenti pratici per vivere le emozioni sperimentando la “giusta” distanza (o vicinanza)
N° 18
CONTENUTI:
• la relazione di cura é un luogo di incontro dove il prendersi cura non é il prendersi carico, R
sostituendosi all’altro dominando, ma incontro presente ed autentico. Le emozioni, i desideri, E
le necessità non inquinano il rapporto conoscitivo con l’altro, ma anzi lo connotano come unico, complesso, irripetibile e imprevedibile. Come sviluppare la capacità di sintonizzarsi con A
sé e con gli altri costruendo spazi concreti di riflessività nella relazione di cura sarà l’oggetto di questo corso
R
• le emozioni che attraversano il lavoro di cura
• la vita emotiva degli operatori
E
• prendersi cura delle emozioni
L
• emozioni componenti intelligenti
A
Z
METODOLOGIA:
I
• scrittura e narrazione di sé
O
• approccio introduttivo – operativo (sperimentazione, condivisione, concettualizzazione)
• indicazioni operative per il transfert nella pratica professionale
N
A
Barbara
Sangiovanni,
ANIMATRICE:
L
epistemologa e formatrice d’adulti
E
aperto a tutti gli operatori del ramo sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
A
DATA:
LUOGO:
lunedì 2 e martedì 3 marzo 2015
Mendrisio
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00/13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 2 febbraio 2015
57
Fr. 130.—
Fr. 200.—
APPROCCIO AL PAZIENTE
L’OSPEDALIZZAZIONE
ANZIANO
AFFETTO
DA
DEMENZA
DURANTE
come affrontare le ulteriori difficoltà relative all’ospedalizzazione, in una persona con deficit N° 19
cognitivi
CONTENUTI:
R
• il vissuto della persona ricoverata
E
• strategie specifiche per la gestione dell’ospite
A
R
E
L
A
METODOLOGIA:
Z
• parte teorica
I
• simulazioni
O
N
A
L
Marco
Malnati,
ANIMATORE:
E
psicologo e psicoterapeuta
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 12
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
A
DATA:
LUOGO:
venerdì 6 marzo 2015
Mendrisio
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 4 febbraio 2015
58
Fr. 70.—
Fr. 105.—
CONFLITTI INTERPERSONALI E NEGOZIAZIONE
N° 20
CONTENUTI:
R
• trattativa assertiva e funzionale: modalità disfunzionali di confronto; analisi di strategie di E
confronto disfunzionale; confronto funzionale; le norme di un confronto funzionale; metodologia per migliorare
A
• ascolto efficace: ascolto attivo; ascoltare con empatia; ascoltare con spirito aperto; ascoltare con consapevolezza
R
• saper negoziare: conflitti; regole per una negoziazione etica; negoziazioni difficili
• conflitti e mondo del lavoro: cause; risoluzione; assertività
E
• esercitazioni e role-playing
L
A
METODOLOGIA:
Z
• apporto teorico
I
• analisi di situazione
• giochi di ruolo
O
• condivisione delle esperienze
N
A
L
Vincenzo
Santoro,
ANIMATORE:
E
psicologo clinico
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
seppur si cerca di evitarli, i conflitti sono inevitabili, ma possono essere trasformati in opportunità
di miglioramento e di crescita. Il corso mira ad analizzare e comprendere le genesi del conflitto,
valutare le attuali capacità di risoluzione delle controversie, utilizzare le strategie più adeguate alle
diverse situazioni per superare con determinazione i contrasti
A
DATE:
LUOGO:
giovedì 26 e venerdì 27 marzo 2015
Mendrisio
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 25 febbraio 2015
59
Fr. 130.—
Fr. 200.—
COME AFFRONTARE IL RUOLO PEDAGOGICO DELL’INFERMIERA/E?
il corso intende approfondire alcuni aspetti e risvolti inerenti all’assunzione del ruolo formativo da
parte di professionisti delle cure, riflettendo sul processo di insegnamento-apprendimento in
contesti formativi con adulti.
Le questioni e gli interrogativi al centro della riflessione saranno i seguenti:
• quali sono le competenze e le qualità più auspicabili per assumere la veste/compito di
formatore incaricato d’introdurre dei neofiti nella professione infermieristica?
• come riuscire a coniugare al meglio la teoria e la pratica professionale in contesti di
formazione situata?
• come applicare i principi della pedagogia per adulti (andragogia) nelle specifiche realtà di
lavoro dei corsisti investiti della funzione pedagogica?
• quali le prospettive e le modalità per assicurare una valutazione del percorso formativo
credibile, efficace e pertinente?
CONTENUTI:
•
•
•
•
•
•
•
competenze e obiettivi: differenze e complementarità
apprendimento esperienziale: rapporto fra azione e riflessione, fra prassi e teoria
importanza del contesto istituzionale e antropologico
il triangolo pedagogico in azione
rapporto fra neofiti ed esperti nelle professioni sanitarie
valutazione formativa e sommativa
modalità di certificazione
METODOLOGIA:
• nel corso della giornata si alterneranno momenti espositivi ad attività-stimolo e a
discussioni/confronti fra tutti i partecipanti, nell’analisi di casi concreti e situazioni vissute
ANIMATORE:
Fulvio Poletti,
professore SUPSI
PARTECIPANTI:
infermiere/i
minimo 12
CONDIZIONI
D’AMMISSIONE:
aver partecipato al corso ASI-SBK
“Da infermiera/e
formatrice/tore: passaggio ad un ruolo pedagogico”
ATTESTATO:
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione
ASI-SBK Sezione Ticino
a
N° 21
A
R
E
A
R
E
L
A
Z
I
O
N
A
L
E
DATA:
martedì 31 marzo 2015
LUOGO:
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 25 febbraio 2015
Bellinzona
60
Fr. 70.—
Fr. 105.—
I CUSTODI DEL SILENZIO: L’OPERATORE SOCIALE A CONTATTO CON LA MORTE
N° 22
CONTENUTI:
R
• professioni a contatto con la morte
E
• la cultura della morte
A
• l’archetipo del guaritore
• i bambini e l’AIDS
• il suicidio in adolescenza
R
• l’anziano e la fine “naturale”
E
• il paziente tumorale e la morte
• spazi collettivi di riflessione ed elaborazione per l’operatore
L
A
METODOLOGIA:
Z
• apporto teorico
I
• analisi di situazione
• giochi di ruolo
O
• condivisione delle esperienze
N
A
L
Vincenzo
Santoro,
ANIMATORE:
E
psicologo clinico
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
oltre alla riflessione culturale e storica per comprendere le reazioni del nostro tempo al morire si
pone il problema di quali parole e spazi di parole offrire al “testimone” della morte. Chi è incaricato
di tale impegno avverte ed esprime con forza la necessità di occasioni per poter dire, confrontare
le proprie esperienze ed emozioni. In altre parole elaborare i propri vissuti, rileggere le esperienze
comuni, meditare sugli avvenimenti, dare significato a fantasmi e proiezioni. Gli spazi di
rielaborazione sono da concepire come una ricerca collettiva per far emergere parole e narrazioni
di significato personale e sociale che la morte richiama
A
DATE:
LUOGO:
giovedì 16 e venerdì 17 aprile 2015
Mendrisio
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 16 marzo 2015
61
Fr. 130.—
Fr. 200.—
UNO SGUARDO PANORAMICO SULLE PRINCIPALI PSICOPATOLOGIE DEGENERATIVE
DELL’ANZIANO E SULLE POSSIBILI MANIFESTAZIONI AGGRESSIVE
l’obiettivo principale consiste nel considerare in generale alcuni aspetti della psicopatologia N° 23
dell’anziano, evidenziando le possibili manifestazioni aggressive causate anche dalla malattia
CONTENUTI:
R
• descrizione delle principali manifestazioni psicopatologiche nell’anziano quali depressioni, E
stati confusionali, demenze…
A
• caratteristiche dell’aggressività e differenza tra autoaggressività ed eteroaggressività
• caratteristiche della violenza fisica e della violenza verbale
• limiti degli interventi terapeutici a livello farmacologico e psicologico
R
E
L
A
METODOLOGIA:
Z
• apporti teorici con lezione frontale
I
• analisi generale di alcune situazioni
• condivisione
O
N
A
L
Alfredo
Bodeo,
ANIMATORE:
E
psicologo, indirizzo clinico e di comunità
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
A
DATA:
LUOGO:
venerdì 24 aprile 2015
Mendrisio
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 17.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 23 marzo 2015
62
Fr. 80.—
Fr. 120.—
ARTE TERAPIA: QUALE RUOLO NEL PROCESSO DI CURA?
l’arte terapia è un metodo di cura e di sviluppo della persona basato sull’espressione personale e
la creazione artistica. Il lavoro creativo con diversi materiali – matite colorate, tempere e pennelli,
pastelli, argilla, gesso ed altro ancora – diventa supporto per la cura, il rinnovamento, la
ricostruzione, lo scambio e la crescita.
Al ritmo dell’opera, immagini, desideri, sensazioni, emozioni, pensieri, anche inconsci, prendono
forma e possono in qualche modo venire elaborati, permettendo alla persona di ripartire da
un’impronta più soggettiva (esprimendoli).
La giornata di formazione ha lo scopo di presentare la professione da un punto di vista teorico ed
esperienziale e di promuovere una riflessione circa il ruolo dell’arte terapia all’interno di un
progetto di cura in seno ad un’équipe pluridisciplinare. Particolare attenzione verrà data alla
collaborazione con il ruolo del personale infermieristico
CONTENUTI:
•
•
parte teorica:
origini e storia dell’arte terapia
la situazione in Svizzera: una nuova professione
principi teorici: l’arte terapia perché? Per chi? Come? Quando?
quale ruolo nelle istituzioni oggi? Limiti e prospettive
parte pratica:
momento pratico- esperienziale dove si lavorerà con tempere e pennelli
METODOLOGIA:
•
momenti teorici si alterneranno a momenti esperienziali. Non servono conoscenze tecniche o
artistiche particolari
ANIMATRICE:
Roberta Pedrinis,
Arte Terapeuta e formatrice per adulti, laureata in discipline delle
arti, della musica e dello spettacolo
PARTECIPANTI:
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
minimo 10
ATTESTATO:
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione
ASI-SBK Sezione Ticino
N° 24
A
R
E
A
R
E
L
A
Z
I
O
N
A
L
E
DATA:
LUOGO:
lunedì 27 aprile 2015
Bellinzona
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 25 marzo 2015
63
Fr. 70.—
Fr. 105.—
IL
DISAGIO, L’IMBARAZZO E LA SOFFERENZA DEL PROFESSIONISTA DELLA SALUTE
NELLA RELAZIONE D’AIUTO CON I FAMIGLIARI DEL PAZIENTE
l’obiettivo principale consiste nell’offrire una panoramica inerente la capacità del professionista N° 25
della salute di affrontare la sfide che la vita professionale riserva, servendosi sia delle eventuali risorse ( fiducia, ottimismo, autostima, empatia…), sia nella capacità di costruire nuove strategie, al fine di gestire con maggior efficacia le difficoltà che la vita ci pone quotidianamente
CONTENUTI:
R
• analisi del concetto di personalità , temperamento e carattere
E
• analogie e differenze individuali nella capacità di affrontare le sfide della vita
A
• caratteristiche della relazione d’aiuto
• lo stress e le conseguenze psicofisiche sull’individuo
• cenni sulla sindrome del Burnout
R
• caratteristiche dei comportamenti autoaggressivi ed eteroaggressivi
E
• la costruzione della relazione empatica nell’ascolto sia dell’altro, sia di noi stessi
• caratteristiche principali dell’ascolto attivo
L
A
METODOLOGIA:
Z
• apporto teorico
I
• condivisione delle esperienze in gruppo
O
N
A
L
Alfredo
Bodeo,
ANIMATORE:
E
psicologo, indirizzo clinico e di comunità
aperto
a
tutti
gli
operatori
del
ramo
socio
–
sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
A
DATA:
LUOGO:
venerdì 8 maggio 2015
Mendrisio
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 17.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 8 aprile 2015
64
Fr. 80.—
Fr. 120.—
LA COMUNICAZIONE IN CAMPO PROFESSIONALE
acquisire le conoscenze necessarie per una comunicazione professionale efficace sia verso il paziente e la sua famiglia che nei riguardi dell’équipe di cura
N° 26
CONTENUTI:
R
• meccanismi comunicativi in ambito professionale e sociale
E
• comunicazione e cultura professionale
A
• comunicazione e cultura aziendale
R
E
L
A
METODOLOGIA:
Z
• apporto teorico
I
• analisi di situazione
• condivisione delle esperienze
O
N
A
L
Michela
Tomasoni-Ortelli,
ANIMATRICE:
E
infermiera laureata in scienze della formazione
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato
di
partecipazione
rilasciato
dal
Centro
di
Formazione
ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
A
DATA:
martedì 19 maggio 2015
LUOGO:
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 15 aprile 2015
Bellinzona
65
Fr. 70.—
Fr. 105.—
LA GESTIONE DELLO STRESS
N° 27
CONTENUTI:
R
• analisi dei processi mentali disfunzionali causa di stress
E
• gestione del tempo
A
• cura di se
• insegnamento pratico di procedure psico – distensive:
rilassamento progressivo di Jacobson
R
training autogeno
desensibilizzazione sistematica
E
cenni di ipnosi
L
A
METODOLOGIA:
Z
• apporto teorico
I
• analisi di situazione
• giochi di ruolo
O
• condivisione delle esperienze
N
A
L
Vincenzo
Santoro,
ANIMATORE:
E
psicologo clinico
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
PARTECIPANTI:
minimo 10
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
modelli teorici a confronto ed implementazione di strategie e tecniche di scuola cognitiva –
comportamentale al fine di: comprendere le sorgenti di stress e gli effetti biofisici, psicosociali e
psicologici individuali; apprendere una strumentazione di riduzione dell’ansia ed eliminazione delle
fonti di stress; controllare le proprie reazioni emotive ed adattarsi a nuove situazioni
A
DATE:
LUOGO:
giovedì 28 e venerdì 29 maggio 2015
Bellinzona
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 12.00 / 13.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 27 aprile 2015
66
Fr. 130.—
Fr. 200.—
IMPACCHI E COMPRESSE
SCOPO:
riscoprire ed imparare un metodo di cura dolce applicato nel passato e tutt’oggi di nuovo
importante per riprendere a carico la propria salute e quella degli altri. Valutare le applicazioni per
il proprio istituto e scambio di esperienze
CONTENUTI:
•
•
parte teorica:
capire il ruolo curativo e preventivo degli impacchi e delle compresse
come agiscono
regole fondamentali per una applicazione pratica
indicazioni e controindicazioni degli impacchi e delle compresse
conoscere materiali, prodotti e tecniche riguardanti l’argomento
visione ampia rispetto alle piante medicinali
parte pratica:
applicare alcuni impacchi/compresse
fare delle esperienze personali
riflettere sulle possibili applicazioni sul posto di lavoro
METODOLOGIA:
•
•
•
apporto teorico
applicazione pratica
condivisione delle esperienze
ANIMATRICE:
Lilia Nodari Cereda,
infermiera indipendente, terapista complementare
PARTECIPANTI:
aperto a tutti gli operatori del ramo sanitario
minimo 10
ATTESTATO:
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di
ASI-SBK Sezione Ticino
Formazione
N° 1
M
E
D
I
C
I
N
A
C
O
M
P
L
E
M
E
N
T
A
R
E
DATE:
LUOGO:
giovedì 9 e giovedì 16 ottobre 2014
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
13.30 – 16.30
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 8 settembre 2014
67
Fr. 70.—
Fr. 105.—
FITOTERAPIA
N° 2
CONTENUTI:
• prendere conoscenza della materia mediante la visione diretta della materia prima e di come E
vengono ottenuti i preparati
D
• mediante riflessioni sulle principali erbe in uso capire e vedere come poterle al meglio utilizzare
I
• integrare nelle cure tradizionali una cura fitoterapica adeguata
C
I
N
A
METODOLOGIA:
• apporto teorico
• applicazione pratica
O
• condivisione delle esperienze
M
P
L
Lilia
Nodari
Cereda,
ANIMATRICE:
E
infermiera indipendente, terapista complementare
M
E
aperto a tutti gli operatori del ramo sanitario
PARTECIPANTI:
N
minimo 10
T
A
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
R
E
capire cosa si intende per fitoterapia/definizione. Prendere conoscenza di vari tipi di preparati e
come vengono ottenuti.
Riflettere sulle possibilità di abbinare una cura fitoterapica alle cure tradizionali somministrate nel
luogo di lavoro
M
C
DATE:
LUOGO:
giovedì 23 e giovedì 30 aprile 2015
Lugano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
13.30 – 16.30
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 23 marzo 2015
68
Fr. 70.—
Fr. 105.—
LA RIFLESSOLOGIA DEL PIEDE COME MEZZO COMUNICATIVO: INTERPRETAZIONE E
COMPORTAMENTO
dal massaggio riflesso del piede ed attraverso la posa del piede, sapere leggere ciò che ci N° 1
vogliono comunicare. Comunicazione, dal latino comunico, significa condivisione. Va intesa come un atto sociale e reciproco di partecipazione, atto mediato dall’uso di simboli espressivi tra individui e gruppi diversi. Questo seminario ha lo scopo di comprendere attraverso i piedi, lo sguardo e le gestualità, la tipologia della persona. Ogni comportamento è comunicazione. Si fa il confronto tra i diversi stili comunicativi.
Si comunica a livello verbale, para verbale e non verbale. L’aspetto di contenuto è rappresentato principalmente dal livello verbale. L’aspetto di relazione è veicolato principalmente dai livelli para verbali e non verbali
I
CONTENUTI:
F
• confronto tra stili comunicativi: passivo, aggressivo e assertivo
L
• pensieri - emozioni - comportamenti
E
• come si comporta la persona passiva, perché si adotta lo stile passivo, come ottiene il suo obiettivo. Come dal piede lo posso vedere e come cammina, come gesticola, come comunica
S
verbalmente, che respirazione ha…
S
• come si comporta la persona aggressiva, perché si adotta lo stile aggressivo, come ottiene il O
suo obiettivo. Come dal piede lo posso vedere e come cammina, come gesticola, come comunica verbalmente, che respirazione ha…
L
• come si comporta la persona assertiva, perché si adotta lo stile assertivo, come ottiene il suo O
obiettivo. Come dal piede lo posso vedere e come cammina, come gesticola, come comunica verbalmente, che respirazione ha…
G
I
METODOLOGIA:
A
• l’insegnante mediante l’uso di videoproiezione mette in confronto le diverse tipologie. Attraverso l’osservazione diretta dei partecipanti all’evento pone il confronto con gli stili comunicativi
Antonio Maglio,
ANIMATORE:
riflessologo
operatori del ramo sanitario con formazione di base in riflessologia PARTECIPANTI:
minimo 15
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
R
DATA:
LUOGO:
lunedì 29 settembre 2014
Bellinzona
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 17.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
lunedì 25 agosto 2014
69
Fr. 70.—
Fr. 105.—
MASSAGGIO RIFLESSO ZONALE PIEDE SECONDO LA TRADIZIONE CINESE
N° 2
I
F
L
E
S
S
O
CONTENUTI:
L
•
storia
O
•
la pratica: apertura trattamento, il riscaldamento, il massaggio con la crema, la stimolazione, il rilassamento
G
•
è una forma di massaggio terapeutico che consente ,attraverso una serie di stimolazioni e compressioni I
effettuate sulle zone dei piedi e/o mano di esercitare un’azione di prevenzione e di intervenire su eventuali disturbi. Indicazioni e controindicazioni
A
•
trattamento sui piedi, sulle mani. La parte sinistra e la parte destra. Durata e frequenza
•
suggerimenti e consigli pratici
• si analizzano e si imparano molteplici mappe nuove che rafforzano le conoscenze del riflessologo del piede
METODOLOGIA:
•
l’insegnante mediante l’uso di videoproiezione mette in relazione il luogo anatomico con le zone specifiche riflesse. In seguito mostra sul piede le zone di riferimento e introduce il tutto in un massaggio riflesso che verrà eseguito dai partecipanti con la successiva verifica individuale della giusta applicazione
Antonio
Maglio,
ANIMATORE:
riflessologo
operatori del ramo sanitario con formazione di base in riflessologia PARTECIPANTI:
minimo 15
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
il corso è fondato sul massaggio zonale del piede secondo la tradizione cinese.
Consiste in una sequenza di manualità da eseguirsi con un ordine preciso. Si interviene su entrambi i piedi.
La durata totale è al massimo di un’ora circa. La sequenza delle manualità è stata concepita affinché tutti i
punti riflessi zonali siano stimolati più volte e in modo diverso, con l’obiettivo di eseguire un intervento
“olistico”: in altre parole un lavoro completo sull’intero apparato energetico del corpo umano. Si da un grande
risalto alla sensibilità che l’operatore acquisisce con la pratica piuttosto che all’apprendimento di nozioni
accademiche. E’ un prezioso “strumento” di cui servirsi immediatamente. In ultima analisi, imparando questo
massaggio, il riflessologo del piede può usufruire di un valido metodo di benessere che possiede il dono
della semplicità e che esalta le capacità manuali individuali.
Gli effetti del massaggio sui piedi si riflettono su tutto il corpo. Quindi, se è ben eseguito, può apportare
numerosissimi benefici fra cui sensazione di benessere e di rilassamento. Gli effetti rilassanti di questa antica
terapia sono sorprendenti. L’azione di distensione di tutte le tensioni del corpo genera uno stato di profondo
abbandono che, frequentemente, dà luogo a brevi e ristoratori “pisolin”’ durante il trattamento. Inoltre, al
termine del massaggio, il paziente avvertirà una sensazione di straordinaria leggerezza alle estremità
inferiori del corpo. Ci sono vantaggi estetici. L’azione “intensa” delle manualità svolge un profondo drenaggio
dei liquidi in eccesso e riattiva la circolazione.
Di conseguenza, fin dal primo trattamento, sarà possibile notare una rilevante riduzione del gonfiore di piedi,
caviglie, polpacci e ginocchia. Inoltre, è possibile che sia migliorato lo stato fisico generale e di conseguenza
anche l’aspetto fisico
DATE:
LUOGO:
lunedì 13, martedì 14, mercoledì 15 ottobre 2014
Bellinzona
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 17.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 10 settembre 2014
70
R
Fr. 210.—
Fr. 315.—
RIFLESSOLOGIA DEL PIEDE
N° 3
CONTENUTI:
I
• la riflessologia plantare è una forma di massaggio terapeutico che consente , attraverso una F
serie di stimolazioni e compressioni effettuate sulle zone dei piedi, di accertare lo stato di salute, di esercitare un’azione di prevenzione e di intervenire su eventuali disturbi
L
• massaggiando un punto riflesso si inviano impulsi all’organo corrispondente allo scopo di E
armonizzare le funzioni dell’organismo e trattare nel suo insieme l’essere umano
S
• la riflessologia è un approccio globale della persona: stimola tutti gli organi del corpo, riarmonizza i circuiti di energia dell’organismo, distende ed allevia il dolore, sostiene le difese S
naturali ed attiva la circolazione sanguinea
O
L
METODOLOGIA:
O
• apporto teorico
G
• applicazione pratica
I
A
Antonio Maglio,
ANIMATORE:
riflessologo
aperto a tutti gli operatori del ramo sanitario che abbiano una PARTECIPANTI:
formazione minima di 150 ore in anatomia e fisiologia
minimo 15
diploma
rilasciato
dal
Centro
di
Formazione
ASI-SBK
Sezione
ATTESTATO:
Ticino
il corso è incentrato sulla tecnica di base in riflessologia del piede che permetterà ai partecipanti di
acquisire la conoscenza dei punti riflessi e la capacità di esercitare un massaggio completo di
tutta la pianta del piede
R
DATE:
LUOGO:
lunedì 10, martedì 11, mercoledì 12, giovedì 13
novembre 2014
mercoledì 21, giovedì 22, venerdì 23 gennaio 2015
martedì 10, mercoledì 11, giovedì 12 marzo 2015
lunedì 4, martedì 5, mercoledì 6 maggio 2015
lunedì 8 giugno 2015 (esame)
Bellinzona
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 17.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
Fr.
Fr.
910.—
1’365.—
+ esame
mercoledì 8 ottobre 2014
Fr.
120.—
TERMINE DI ISCRIZIONE:
71
LE ALGIE DELL’ARTO SUPERIORE
N° 4
I
CONTENUTI:
F
• struttura ossea e muscolare dell’arto superiore. Le articolazioni. I nervi e il plesso cervicale. I L
nervi e il plesso brachiale. Sindrome della sesta, della settima, dell’ottava radice cervicale. Sindrome dello scaleno anteriore, ottava cervicale - prima toracica
E
• massaggi sul collo e sulla nuca. Torcicollo e cefalea. Massaggio “del ragno”. Massaggi sulla S
spalla e sull’arto superiore ecc.
S
• massaggi riflessi sul piede e mano per dolore al rachide superiore o cervicale: cefalea occipitale; ” colpo di frusta”; torcicollo; cervicoartrosi; sindrome di Neri-Barre-Lieou; ecc.
O
L
O
METODOLOGIA:
G
• l’insegnante mediante l’uso di videoproiezione mette in relazione il luogo anatomico con le I
zone specifiche riflesse. In seguito mostra sul piede le zone di riferimento e introduce il tutto in un massaggio riflesso che verrà eseguito dai partecipanti con la successiva verifica A
individuale della giusta applicazione
Antonio Maglio,
ANIMATORE:
riflessologo
operatori del ramo sanitario con formazione di base in riflessologia PARTECIPANTI:
minimo 15
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
il corso è fondato sulla tecnica di base della riflessologia zonale del piede e della mano che
permette ai partecipanti di interagire con le algie che colpiscono l’arto superiore.
Obiettivo: come eliminare il dolore con la semplice pressione delle dita utilizzando la riflessologia
piede, mano ed elementi di digitopressione.
In questo insegnamento si sono equilibrati i principi teorici con la tecnica, quest’ultima è esposta
con una spiegazione pratica di una semplicità e chiarezza tale da permettere a chiunque di
apprendere in breve tempo i segreti del metodo e ripeterli durante l’esercitazione comunitaria e
individuale. Al termine l’allievo è in grado di applicarla proficuamente
DATE:
LUOGO:
martedì 2 e mercoledì 3 dicembre 2014
Bellinzona
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 17.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 29 ottobre 2014
72
R
Fr. 140.—
Fr. 210.—
LE ALGIE DELL’ARTO INFERIORE
N° 5
CONTENUTI:
I
• struttura ossea e muscolare dell’arto inferiore. Le articolazioni. I nervi e il plesso lombare. I F
nervi e il plesso sacrale. Sindrome radicolare L4, sindrome radicolare L5, sindrome radicolare S1, sindrome radicolare S2
L
• massaggi sull’arto inferiore. Edema sopramalleolare. Edema sottomalleolare. Massaggio del E
ginocchio,regione anteriore e posteriore. Gambe pesanti. Artrosi dell’anca ecc
S
• massaggi riflessi sul piede e mano per dolore al rachide inferiore o lombare – sacrale – coccigeo; lombalgia acuta; lombalgia cronica; lombosciatalgia; sciatalgia; coccigodinia ; ecc.
S
O
L
METODOLOGIA:
O
• l’insegnante mediante l’uso di videoproiezione mette in relazione il luogo anatomico con le G
zone specifiche riflesse. In seguito mostra sul piede le zone di riferimento e introduce il tutto in un massaggio riflesso che verrà eseguito dai partecipanti con la successiva verifica I
individuale della giusta applicazione
A
Antonio Maglio,
ANIMATORE:
riflessologo
operatori del ramo sanitario con formazione di base in riflessologia PARTECIPANTI:
minimo 15
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
il corso è fondato sulla tecnica di base della riflessologia zonale del piede e della mano che
permette, ai partecipanti di interagire con le algie che colpiscono l’arto inferiore.
Obiettivo:come eliminare il dolore con la semplice pressione della dita utilizzando la riflessologia
piede, mano ed elementi di digitopressione
In questo insegnamento si sono equilibrati i principi teorici con la tecnica,quest’ultima è esposta
con una spiegazione pratica di una semplicità e chiarezza tale da permettere ad ognuno di
apprendere in breve tempo i segreti del metodo e ripeterli durante l’esercitazione comunitaria ed
individuale. Al termine l’allievo è in grado di applicarla vantaggiosamente
R
DATE:
LUOGO:
mercoledì 11 e giovedì 12 febbraio 2015
Bellinzona
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 17.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 7 gennaio 2015
73
Fr. 140.—
Fr. 210.—
RIFLESSOLOGIA E DOLORE CRONICO
N° 6
CONTENUTI:
I
• tutto quanto riguarda il dolore cronico nella riflessologia piede, riflessologia mani, metamorfica F
e digitopressione
L
• dolore cronico e visione taoistica
• dolore cronico e uso del colore, argilla, idroterapia, magneti e pile
E
S
S
O
L
METODOLOGIA:
O
• l’insegnante mediante l’uso di videoproiezione mette in relazione il luogo anatomico con le G
zone specifiche riflesse. In seguito mostra sul piede le zone di riferimento e introduce il tutto in un massaggio riflesso che verrà eseguito dai partecipanti con la successiva verifica I
individuale della giusta applicazione
A
Antonio Maglio,
ANIMATORE:
riflessologo
operatori del ramo sanitario con formazione di base in riflessologia PARTECIPANTI:
minimo 15
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
il corso è basato sulla tecnica di riflessologia del piede che permetterà ai partecipanti di acquisire
la conoscenza dei punti riflessi e la capacità di esercitare un massaggio completo di tutta la pianta
del piede per i dolori cronici
R
DATE:
LUOGO:
martedì 21 e mercoledì 22 aprile 2015
Bellinzona
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 17.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 18 marzo 2015
74
Fr. 140.—
Fr. 210.—
LA RIFLESSOLOGIA DEL PIEDE ED I PROBLEMI GENITO - URINARI
orientarsi tra le diverse scuole di riflessologia del piede sui problemi legati all’apparato genitale e urinario
N° 7
CONTENUTI:
I
• come trattano i seguenti problemi genitali le diverse scuole del massaggio riflesso del piede: F
impotenza, eiaculazione, ipertrofia prostatica, orchite, frigidità, turbe del ciclo mestruale come dismenorrea, algomenorrea, amenorrea, ipermenorrea, leucorea, menopausa, sindrome L
premestruale, allattamento ecc.
E
• come trattano i seguenti problemi urinari le diverse scuole del massaggio riflesso del piede: S
colica renale, calcoli renali, vescica urinaria, cistite, incontinenza notturna d’urina, edemi, ecc. S
O
L
METODOLOGIA:
O
• l’insegnante mediante l’uso di videoproiezione mette in relazione il luogo anatomico con le G
zone specifiche riflesse. In seguito mostra sul piede le zone di riferimento e introduce il tutto in un massaggio riflesso che verrà eseguito dai partecipanti con la successiva verifica I
individuale della giusta applicazione
A
Antonio Maglio,
ANIMATORE:
riflessologo
operatori del ramo sanitario con formazione di base in riflessologia PARTECIPANTI:
minimo 15
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ATTESTATO:
ASI-SBK Sezione Ticino
R
DATE:
LUOGO:
lunedì 1 e martedì 2 giugno 2015
Bellinzona
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
09.00 – 17.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
mercoledì 29 aprile 2015
75
Fr. 140.—
Fr. 210.—
Dipartimento sanità
SCEF 034
STRUMENTI DI CONTRATTUALIZZAZIONE PER GLI INFERMIERI INDIPENDENTI
CORSO
DI FORMAZIONE ORGANIZZATO IN COLLABORAZIONE CON L’UFFICIO DEGLI ANZIANI E
DELLE CURE A DOMICILIO E L’ASI-SBK SEZIONE TICINO
PRESENTAZIONE
In Ticino operano oltre 100 infermiere/i indipendenti. La loro diffusione capillare su tutto il territorio li rende un
elemento importante dell’offerta di prestazioni sanitarie per l’intera popolazione.
Le caratteristiche stesse del lavoro indipendente rendono utili misure che promuovano il loro pieno
inserimento nella rete di offerta sanitaria, così da perseguire una presa in carico integrata dei bisogni di cura.
A partire dal 1° gennaio 2011 gli infermieri indipe ndenti possono stipulare con il Cantone un contratto di
prestazione per avere diritto al finanziamento residuo delle cure (art. 25a LAMal).
In questo contesto l’Ufficio degli anziani e delle cure a domicilio e l’Associazione Svizzera Infermiere/i
Sezione Ticino hanno richiesto alla SUPSI un’offerta formativa al fine di avere dei partner contrattuali
informati.
OBIETTIVI
• comprendere le principali evoluzioni del sistema socio-sanitario ticinese e le sue caratteristiche
istituzionali e organizzative, così da promuovere l’integrazione tra i diversi attori che erogano prestazioni
e il continuum of care;
• promuovere la conoscenza della legislazione socio-sanitaria, negli elementi che hanno diretta rilevanza
per la pratica professionale degli infermieri indipendenti;
• conoscere e discutere ruolo e contenuti del contratto di prestazioni che il Cantone sottoscrive con tali
professionisti;
• sviluppare o rafforzare competenze tecniche relative all’utilizzo dei sistemi informatici, così da migliorare i
flussi informativi tra infermieri indipendenti e Amministrazione cantonale.
REQUISITI
Possono partecipare alla formazione tutti gli infermieri che erogano prestazioni in Ticino.
DURATA E PROGRAMMA
Il percorso formativo prevede 6 moduli (di ½ giornata) con un impegno complessivo di 18 ore. I temi trattati
sono:
• caratteri, attività e risultati del sistema sanitario ticinese – prima parte;
• caratteri, attività e risultati del sistema sanitario ticinese – seconda parte;
• legislazione sanitaria;
• contratto di prestazione;
• contabilità e flussi informativi di natura economica – prima parte;
• contabilità e flussi informativi di natura economica – seconda parte.
76
EDIZIONE 4
DATE
12 settembre 2014;
23 settembre 2014;
3 ottobre 2014;
13 ottobre 2014;
21 ottobre 2014;
4 novembre 2014
ORARI
15.00-16.30 / 16.45-18.15
RELATORI
Docenti SUPSI ed esperti del Cantone.
COSTO
CHF 600.—
ISCRIZIONE
Entro il 11 Agosto 2014
CERTIFICATO
Attestato di frequenza con specifica dei moduli frequentati.
ISCRIZIONI ED INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE
Segretariato ASI-SBK Sezione Ticino
via Simen 8 - 6830 Chiasso
Tel 091 682 29 31
Fax 091 682 29 32
e-mail [email protected]
77
LUOGO
Dipartimento Sanità SUPSI
Stabile Piazzetta
via Violino
Manno
Dipartimento sanità
Centro competenze anziani
SCEF 034
MODULO DI SENSIBILIZZAZIONE AL TEMA DEL MALTRATTAMENTO NEI CONFRONTI
DEGLI ANZIANI
SCOPO
sensibilizzare il personale curante alla problematica del maltrattamento ed ai relativi fattori di rischio e di
protezione; offrire spunti di riflessione per acquisire maggiore consapevolezza sul tema e sul proprio vissuto
in relazione ad esso; fornire indicazioni su come agire qualora l’operatore si confrontasse con un sospetto
abuso nei confronti della persona anziana
PROGRAMMA
09.00 - 12.00
definizione di maltrattamento e analisi dei fattori rilevanti che influenzano il fenomeno:
• il benessere dell’anziano: da cosa viene determinato e cosa lo impedisce
• le tipologie di maltrattamento: fisico e sessuale; finanziario e materiale; psicologico e
morale; la negligenza; la violazione dei diritti
• le dinamiche del maltrattamento: i fattori di rischio e di protezione; i luoghi dell’abuso; il
silenzio
• come agire in caso di maltrattamento: cosa fare, con chi parlare, a chi chiedere aiuto
Sabrina Alippi, assistente sociale e Lia Wächter, psicologa FSP
12.00 – 12.45
Prevenzione del maltrattamento e promozione della bientraitance in un campione di case
per anziani del Canton Ticino
Luisa Lomazzi, Professoressa SUPSI, Centro Competenze Anziani
12.45 – 14.00
PAUSA PRANZO
14.00 – 16.00
Teatro Forum “Prego ... si sedia!”
Gruppo Teatrale UHT
16.00 – 17.00
Confronto e discussione di gruppo
PARTECIPANTI
aperto a tutti gli operatori del ramo socio – sanitario
minimo 20 – massimo 40
ATTESTATO
attestato di partecipazione rilasciato dal Centro di Formazione ASI-SBK Sezione Ticino
DATA
LUOGO
martedì 9 giugno 2015
Manno
TERMINE DI ISCRIZIONE
mercoledì 6 maggio 2015
QUOTA DI ISCRIZIONE
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
78
Fr. 70.—
Fr. 105.—
IL GRUPPO TEATRALE UHT
in
Prego...si sedia!
con
Alessandra Ardia
Antonello Cecchinato
Prisca Mornaghini
Daniele Stanga
e il supporto del Servizio Prevenzione Maltrattamenti
persone anziane di
Con questo teatro, la compagnia UHT offre una modalità didattica interattiva per
affacciarsi in modo diverso e ludico ad un tema che coinvolge molte persone: il
maltrattamento delle persone anziane. La pièce “Prego… si sedia!” è un teatroforum,
creato in collaborazione con la Compagnie théâtrale Le Caméléon, che si affianca ai
principi della scuola di Augusto Boal.
È uno spettacolo divertente e acutamente sensibile che mette in scena situazioni comuni,
potenzialmente rischiose, in cui il pubblico è sollecitato ad intervenire per proporre nuove
soluzioni e nuovi stili relazionali che limitino le interazioni che possono degenerare in
abuso.
“Siamo tutti degli attori: essere un cittadino non significa
solo vivere in società, significa cambiarla.”
Augusto Boal
COMPAGNIA UHT, ARTISTI A “LUNGA CONSERVAZIONE”.
La Compagnia UHT (Ultra High Temperature, come il latte a lunga conservazione) è nata
nel 2009 ed è composta da quattro attori professionisti e da un “mediatore / joker” che
conduce le scene. Due degli attori hanno lavorato nel contesto socio-sanitario e gli altri
due in quello socio-educativo, il “mediatore” è invece attivo come infermiere in ambito
geriatrico.
Gli amici della Compagnia UHT fanno parte dell’ Associazione Giullari di Gulliver.
Per maggiori informazioni: www.giullari.ch.
79
Dipartimento sanità
SCEF 034
GIORNATA DI STUDIO
LA SFIDA DELLA CONTINUITÀ
CONTINUITÀ
ASSISTENZIALE NEL SISTEMA
SISTEMA SANITARIO
CHE CAMBIA
organizzata dall’Associazione Svizzera Infermiere/i Sezione
Ticino e dalla Scuola Universitaria Professionale della Svizzera
Italiana – Dipartimento Sanità
GIOVEDÌ 11 DICEMBRE 2014
2014
AULA MAGNA SUPSI
TREVANO
80
LA PRESA A CARICO INTERDISCIPLINARE DI PERSONE ANZIANE CON DISFAGIA
Il Dipartimento sanità della SUPSI e l’Associazione Svizzera degli Ergoterapisti (Sezione Ticino) organizzano un corso di Formazione breve sulla tematica della presa a carico del paziente anziano disfagico.
Mangiare, bere e stare insieme è spesso un aspetto fondamentale della qualità di vita e del benessere. Per la persona anziana il pasto può diventare un momento di angoscia e di rinuncia, o rimanere fonte di benessere e condivisione. Persone anziane con difficoltà di deglutizione necessitano di una presa a carico specifica che permetta loro di godere del pasto, di essere nutriti in modo corretto e di non rischiare delle complicazioni.
Lo screening, la valutazione, l’assistenza durante i pasti, l’adattamento ambientale e la consistenza dei pasti sono strumenti fondamentali nel management di questi utenti.
CONTENUTI:
• Il cibo in una visione sociale/antropologica
• L’invecchiamento fisiologico e le patologie che causano problemi di deglutizione
• L’anatomia e la fisiologia delle strutture corporee legate all’assunzione di cibo e liquidi
• La nutrizione – malnutrizione nella persona anziana
• L’ambiente in cui vengono consumati i pasti.
• La presa a carico: prevenzione, valutazione, screening, facilitazione, consistenza dei cibi e
assistenza nell’assunzione dei pasti
• Gli aspetti etici
•
Vincenzo D’Angelo, infermiere e sociologo, docente-ricercatore presso il RELATORI:
Dipartimento sanità SUPSI
•
Ruth Hersche, ergoterapista, docente-ricercatrice presso il Dipartimento sanità SUPSI
• Ulrike Keil, specialista in deglutologia e fisioterapista libera professionista a Locarno. Formatrice per adulti (SVEB)
•
Nicola Ossola, Dr. med., medico specializzato in nutrizione clinica presso l’Ambulatorio di nutrizione clinica, Ospedale Beata Vergine di Mendrisio
• Graziano Ruggieri, Dr. med., medico geriatra, Primario alla Clinica Hildebrand di Brissago
Ruth Hersche
RESPONSABILE:
Questa formazione si rivolge a tutti i professionisti (ergoterapisti, infermieri, DESTINATARI:
fisioterapisti) che quotidianamente lavorano per mantenere la qualità di vita e il benessere di utenti anziani con problemi legati all’assunzione del pasto e della deglutizione.
Il corso si svolge con un minimo di 15 iscritti (max 24 partecipanti).
La partecipazione alle 5 giornate di corso e il superamento della CERTIFICATO:
valutazione finale danno diritto all’acquisizione dell’attestato di frequenza e di 2 ECTS.
DATE E ORARI:
Venerdì 3 ottobre 2014
Venerdì 10 ottobre 2014
Lunedì 13 ottobre 2014
Venerdì 24 ottobre 2014
Lunedì 24 novembre 2014
LUOGO:
8.30-12.00
8.30-12.00
8.30-12.00, 13.30-17.00
8.30-12.00, 13.30-17.00
8.30-12.00, 13.30-17.00
SUPSI, Dipartimento sanità, Manno
INFORMAZIONI:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
SUPSI, Dipartimento sanità
T +41 (0)58 666 64 51
F +41 (0)58 666 64 59
[email protected]
www.supsi.ch/fc
CHF 900.–
È previsto uno sconto del 10% per i membri delle
associazioni professionali di riferimento (ASE, ASISBK o Physioswiss)
MODALITÀ E TERMINI DI ISCRIZIONE:
L’iscrizione può essere effettuata online su
www.supsi.ch/fc, entro il 5 settembre 2014
81
LA CURA TERAPEUTICA DEGLI ADULTI AFFETTI DA MALATTIE NEUROLOGICHE/CONCETTO
BOBATH
FOCUS: PAZIENTI COLPITI DA ICTUS CEREBRALE CON EMIPARESI
Corso di base di 6 giorni riconosciuto dall’IBITA Swiss per gli infermieri professionali, che lavorano con pazienti neurologici oppure per coloro che hanno un ruolo formativo del personale curante.
Il corso è suddiviso in due parti di 3 giorni ciascuna.
Tra la prima e la seconda parte del corso è preferibile che i partecipanti abbiano la possibilità di lavorare con pazienti neurologici al fine di poter mettere in pratica quanto appreso ed inoltre verrà richiesto di elaborare un piccolo lavoro che verrà presentato a tutto il gruppo nella seconda parte del corso.
Durante il corso si lavorerà a contatto con pazienti adulti con un emiparesi sotto la supervisione dell’istruttrice, con lo scopo di apprendere abilità pratiche.
OBIETTIVI DELLA FORMAZIONE:
I partecipanti:
• conoscono i principi teorici del concetto Bobath e sono in grado di integrarli nell’attività della vita quotidiana;
• conoscono e analizzano gli schemi dei movimenti normali per la cura quotidiana della persona;
• riconoscono i movimenti e gli atteggiamenti patologici del paziente colpito da ictus cerebrale e sono in grado di
sostenere in modo specifico il paziente con un emiparesi nelle varie attività durante il percorso riabilitativo;
• conoscono gli aspetti fondamentali dell’attività di cura all’ interno del team interdisciplinare e sono in grado di
sostenerli;
• acquisiscono le istruzioni all’utilizzo corretto del proprio corpo e sono in grado di metterle in pratica nell’attività
lavorativa.
CONTENUTI:
Teoria
•
il concetto Bobath
•
il movimento normale
•
la percezione
•
la neurofisiologia del sistema nervoso
•
la patologia dell’ictus cerebrale
•
i problemi possibili dei pazienti colpiti da ictus cerebrale ed in particolare i problemi dell’alterazione del tono muscolare, della spalla, dell’afasia, dei disturbi neuropsicologici e dell’incontinenza
Pratica
La messa in pratica degli aspetti terapeutici riabilitativi nelle varie attività della vita quotidiana come:
•
posizionamenti e mobilizzazioni a letto
•
posizionamenti in carrozzina/sedia, al tavolo e al lavandino
•
transfer
•
cura del corpo e vestire/svestire (auto-training)
•
alimentazione e igiene del cavo orale
Sig.ra Claudia Evers, Centro di riabilitazione Clinica Hildebrand Brissago, RELATRICE:
infermiera diplomata e istruttrice di neuroriabilitazione nelle cure (IBITA
Swiss riconosciuta)
Infermiere/i diplomate/i, massimo 10 partecipanti
PARTECIPANTI:
Si consiglia ai partecipanti di indossare indumenti e calzature comode
attestato di partecipazione rilasciato dalla Clinica Hildebrand e dal Centro ATTESTATO:
di Formazione ASI-SBK Sezione Ticino
DATE:
LUOGO:
1° parte: 15 – 16 – 17 ottobre 2014
2° parte: 26 – 27 – 28 novembre 2014
Clinica Hildebrand, Brissago
Sala di formazione 4° piano
ORARIO:
QUOTA DI ISCRIZIONE:
1° parte: 08.00 – 17.00
2° parte: 07.00 – 16.00
membri ASI-SBK
non membri ASI-SBK
TERMINE DI ISCRIZIONE:
5 settembre 2014
82
Fr. 700.—
Fr. 800.—
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
457 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content