close

Enter

Log in using OpenID

Avviso [file] - Regione Autonoma della Sardegna

embedDownload
ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA
ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA
Direzione generale enti locali e finanze
Servizio territoriale demanio e patrimonio di Tempio - Olbia
Il Direttore del Servizio Territoriale Demanio e Patrimonio di Tempio – Olbia formula e dispone
la pubblicazione del seguente:
Avviso relativo all’istanza di nuova concessione demaniale marittima della durata di sei anni da
rilasciarsi in Comune di Palau, località Cala Capra, presentata dalla società S.I.T.C.O. s.p.a. allo
scopo di posizionare due boe per l’ormeggio di imbarcazioni fino a 100 metri.
Ai sensi dell’art. 18 del regolamento per l’esecuzione del codice della navigazione (navigazione
marittima), si rende noto che il sig. Francesco Giovanni Muntoni nato ad Aggius (SS) il 04.07.1948 ed
ivi residente in via Monti Assadu n° 23, c.f. MNT FNC 48L04 A069A, legale rappresentante della
società S.I.T.C.O. s.p.a., c.f. 01037660907 con sede legale in via Capo d’Orso n° 35, Palau, con
istanza pervenuta in data 31/03/2014, prot. n° 12685, ha richiesto il rilascio di una concessione
demaniale marittima di mq 90.432 di specchio acqueo allo scopo di posizionare due boe per
l’ormeggio di imbarcazioni fino a 100 metri, in località Cala Capra del Comune di Palau.
La predetta richiesta prevede il posizionamento di uno o vari corpi morti di adeguato peso poggiati sul
fondale marino atti a contrastare il tiro causato all’imbarcazione dall’intensità dal vento e del moto
ondoso; un primo spezzone di catena in acciaio zincato, che collega il corpo morto ad una boa
sommersa (jumper), che ha il compito di tenere questo spezzone in tensione perché la catena non
strisci sul fondale ed eviti danni allo stesso; un secondo spezzone di catena blanda che collega il
jumper alla boa superficiale; una boa galleggiante con abbondante spinta idrostatica provvista di
apposito maniglione da cui si dipartono le cime ad alta tenacità in poliestere che collegano la boa alla
prua dell’imbarcaazione.
Gli atti relativi alla predetta istanza sono depositati, per la consultazione, presso il Servizio Territoriale
Demanio e Patrimonio di Tempio – Olbia come sotto individuato.
Si invitano tutti coloro che abbiano interesse a presentare entro il 15/052014 le osservazioni che
ritengano opportune.
Si invitano, inoltre, i soggetti di cui all’art. 34 del D.Lgs. n. 163/2006 che siano iscritti alla Camera di
Commercio per attività assimilabile a quella cui deve essere destinata la concessione di cui trattasi, o,
Via Demartis s.n. 07029 Tempio - tel +39 079 679210 fax +39 079 679226 – [email protected]
1/4
ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA
ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA
Direzione generale enti locali e finanze
Servizio territoriale demanio e patrimonio di Tempio - Olbia
se trattasi di concorrenti stabiliti in altri Stati membri dell’Unione europea, che siano iscritti in un
registro professionale o commerciale di cui all’art. 39, commi 2 e 3 del D.Lgs. n. 163/2006 e che siano
in possesso dei requisiti di ordine generale all’art. 38, comma 1, lett. a), b), c), f), g), i), m), m quater)
del D.Lgs. n. 163 del 12 aprile 2006 a presentare eventuali domande concorrenti con l’istanza
sopraemarginata entro il termine sopra indicato.
Le istanze concorrenti devono essere redatte utilizzando il Modello D1 versione 7.0, scaricabile dal
sito https://www.mit.gov.it, approvato con decreto del Direttore Generale per le Infrastrutture e
Navigazione Marittima e Interna pubblicato in G.U. del 05/08/2009, n. 180, debitamente compilato in
tutte le sue parti e devono essere accompagnate dall’attestazione del pagamento di € 155,00, dovuto
ai sensi dell’art. 11 del regolamento per l’esecuzione del codice della navigazione (navigazione
marittima) per spese d’istruttoria, da versare sul c/c postale n. 60747748, ovvero sul c/c bancario
acceso presso Unicredit Banca s.p.a. coordinate bancarie: IT/15/W/02008/04810/000010951778,
entrambi intestati alla Regione Autonoma della Sardegna, tesoreria regionale, con la causale
“Capitolo EC372.064, UPB E372.006, centro di responsabilità 00.04.01.32 spese istruttoria
concessione demaniale marittima”.
All’istanza, presentata con le modalità di cui sopra deve essere allegata:
a) dichiarazione attestante il possesso dei requisiti di ordine generale di cui all’art. 38, comma 1 lett.
a), b), c), f), g), i), m), m quater) del D.Lgs. n. 163 del 12 aprile 2006 e l’iscrizione alla Camera di
Commercio per attività assimilabile a quella cui è destinata la concessione (se trattasi di istanze
presentate da soggetti stabiliti in altri Stati membri dell’Unione europea, dichiarazione attestante
l’iscrizione in un registro professionale o commerciale di cui all’art. 39, commi 2 e 3 del D.Lgs. n.
163/2006) resa dal rappresentante legale ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000,
n. 445, eventualmente sulla base dello schema predisposto dall’Amministrazione procedente
accompagnata da copia del documento d’identità del dichiarante;
b)
relazione tecnico – illustrativa e/o progetto preliminare sottoscritti da un tecnico abilitato e
documentazione fotografica dell’area e/o dello specchio acqueo oggetto dell’istanza, con indicazione
delle superfici, della tipologia delle strutture e delle opere in progetto, nonchè delle attività che si
intendono esercitare. Nella relazione deve essere specificata l’eventuale esistenza di vincoli di ogni
tipo ed indicati i dati necessari ad effettuare la valutazione inerente all’ammissibilità dell’istanza ai
Via Demartis s.n. 07029 Tempio - tel +39 079 679210 fax +39 079 679226 – [email protected]
2/4
ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA
ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA
Direzione generale enti locali e finanze
Servizio territoriale demanio e patrimonio di Tempio - Olbia
sensi dell’articolo seguente, quali: c1) esigenze di ormeggio; c2) mappatura del fondale, con
inquadramento delle praterie di posidonia eventualmente esistenti, sostenibilità massima del fondale
con indicazione delle modalità di ancoraggio e ormeggio in funzione della tipologia del fondale
rilevato; c3) eventuale ricollocazione, riorganizzazione o eliminazione di corpi morti esistenti allo
scopo di razionalizzare l’uso del mare territoriale;
Qualora risultino ammissibili più domande concorrenti il Servizio demanio e patrimonio, accertata la
completezza e l’ammissibilità delle stesse, inviterà tutti i concorrenti a presentare, entro il termine
perentorio e con le modalità che verranno indicate nella lettera d’invito:
- relazione e documentazione che consenta di valutare la sostenibilità economico – finanziaria del
progetto rapportata alla durata della concessione, con indicazione dettagliata delle modalità di
organizzazione e gestione dell’attività e con l’eventuale impegno a gestire direttamente l’attività di
impresa;
- piano economico – finanziario che specifichi le risorse da investire, i costi di gestione, i servizi resi
all’utenza, con le relative le tariffe e la forza lavoro da impiegare.
Il Servizio demanio e patrimonio procederà alla valutazione comparativa delle istanze ed alla
predisposizione di una graduatoria sulla base dei criteri sotto elencati:
a)
qualità e fattibilità economica del progetto, da valutare in base alle risorse da investire in
rapporto ai costi di gestione ed alla durata sessennale delle concessione;
b)
tariffe e qualità dei servizi resi all’utenza, da valutare anche in base alla forza lavoro da
impiegare;
c)
impegno a gestire direttamente l’attività oggetto della concessione (in caso di assunzione di
tale impegno non verranno rilasciate autorizzazioni ex art. 45 bis ed ex art. 46 cod.nav.).
Le istanze risultanti utilmente collocate nella graduatoria verranno trasmesse, con la documentazione
ad esse allegata, agli uffici e alle amministrazioni competenti (a seconda della tipologia della
concessione: Comune, Capitaneria di Porto, Ente gestore dell’Area Marina Protette, Ente Parco,
Assessorato regionale dei Lavori Pubblici - Servizio Genio Civile, Agenzia delle Dogane, Assessorato
regionale degli Enti Locali – Servizio Tutela Paesaggistica) ad esprimere pareri o rilasciare nulla osta
e autorizzazioni e vengono sottoposte, in ordine di graduatoria, all'esame della conferenza di servizi
convocata dal Servizio demanio e patrimonio di Tempio Olbia con le modalità previste dall'art. 14 ter
della L. 241/1990.
Via Demartis s.n. 07029 Tempio - tel +39 079 679210 fax +39 079 679226 – [email protected]
3/4
ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA
ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA
Direzione generale enti locali e finanze
Servizio territoriale demanio e patrimonio di Tempio - Olbia
Si indicano, infine, ai sensi dell’art. 8, comma 2, della legge 7 agosto 1990, n° 241 e ss.mm.ii., i dati
relativi al procedimento:
a)
AMMINISTRAZIONE COMPETENTE: Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato degli
Enti Locali, Finanze e Urbanistica, Servizio Territoriale Demanio e Patrimonio di Tempio –
Olbia.
b)
UFFICIO E PERSONA RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Servizio Territoriale
Demanio e Patrimonio di Tempio – Olbia, via Demartis s.n.c., 07029 Tempio Pausania, dott.
Giovanni A. Carta.
c)
UFFICIO IN CUI SI PUO’ PRENDERE VISIONE DEGLI ATTI: Servizio Territoriale Demanio e
Patrimonio di Tempio – Olbia, via Demartis s.n.c., 07029 Tempio Pausania.
Orario di ricevimento del pubblico: dal lunedì al venerdì, dalle ore 11,00 alle 13,00.
Il presente avviso viene pubblicato nell’Albo Pretorio del Comune di Palau, nell’Albo degli Uffici
Marittimi competenti per territorio e nel sito internet ufficiale della Regione Autonoma della Sardegna
per un periodo di quindici giorni consecutivi.
Il Direttore del Servizio
Dott. Giovanni A. Carta
Via Demartis s.n. 07029 Tempio - tel +39 079 679210 fax +39 079 679226 – [email protected]
4/4
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
564 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content