close

Enter

Log in using OpenID

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

embedDownload
Comune di Bussolengo
PARERE DELL’ORGANO DI REVISIONE
SULLA PROPOSTA DI
BILANCIO DI PREVISIONE 2014
E DOCUMENTI ALLEGATI
L’ORGANO DI REVISIONE
Venturini Cristiano
Oliviero Emilio
Pigozzi Luca
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
1
VERIFICHE PRELIMINARI
I sottoscritti revisori ai sensi dell’art. 234 e seguenti del Tuel:

ricevuto in data 11/03/2014 lo schema del bilancio di previsione, approvato dalla giunta comunale in data
06/03/2014 con delibera n. 45 e i relativi seguenti allegati obbligatori:
 bilancio pluriennale 2014/2016;
 rendiconto dell’esercizio 2012;
 relazione previsionale e programmatica per gli enti locali;
 prospetto delle entrate di bilancio per titoli, tipologie e categorie;
 prospetto delle spese di bilancio per missioni, programmi e macroaggregati per ciascuno degli anni
considerati nel bilancio pluriennale;
 nota integrativa prevista alle lettara m) del punto 9.3 del principio contabile applicato sperimentale della
programmazione (allegato n. 12 DPCM sperimentazione);
 il prospetto concernente la composizione, per missioni e programmi, del Fondo Pluriennale Vincolato;
 il prospetto concernente la composizione del Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità;
 il prospetto dimostrativo del rispetto dei vincoli di indebitamento;
 il prospetto delle spese previste per l’utilizzo di contributi e trasferimenti da parte di organismi comunitari e
internazionali, per ciascuno degli anni considerati nel bilancio di previsione;
 il prospetto delle spese previste per lo svolgimento delle funzioni delegate dalla Regione per ciascuno degli
anni considerati nel bilancio di previsione;
 il rendiconto di gestione deliberato e relativo al penultimo esercizio antecedente a quello cui si riferisce il
presente bilancio di previsione;
 prospetto esplicativo del presunto risultato di amministrazione (allegato n. 7-c D.P.C.M. 28/12/2011);
 elenco dei programmi per spese di investimento finanziati col ricorso al debito e con le risorse disponibili;
 elenco delle previsioni annuali di competenza e di cassa secondo la struttura del piano dei conti;
 il programma triennale dei lavori pubblici e l’elenco annuale dei lavori pubblici di cui all’articolo 128 del D.lgs.
163/2006;
 la delibera di approvazione della programmazione triennale del fabbisogno di personale (art. 91 D.Lgs.
267/2000, art. 35, comma 4, D.Lgs. 165/2001 e art. 19, comma 8, legge 448/2001) n. 43 del 06/03/2014;
 la delibera della G.C. n. 26 del 04/02/2014 di destinazione della parte vincolata dei proventi per sanzioni alle
norme del codice della strada;
 la delibere della G.C. n. 27 del 04/02/2014 con la quali sono determinati, per l’esercizio 2014, le tariffe, le
aliquote di imposta e le eventuali maggiori detrazioni, le variazioni dei limiti di reddito per i tributi locali e per i
servizi locali, nonché, per i servizi a domanda individuale, i tassi di copertura in percentuale del costo di
gestione dei servizi stessi;
 la tabella relativa ai parametri di riscontro della situazione di deficitarietà strutturale;
 prospetto contenente le previsioni annuali e pluriennali di competenza mista degli aggregati rilevanti ai fini del
patto di stabilità interno;
 piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari (art. 58, comma 1, della legge 133/2008);
 piano triennale di contenimento delle spese di cui all’art. 2, commi 594 e 599, legge 244/2007 (approvato con
deliberazione di Giunta comunale n. 83 del 18/06/2012);
 programma delle collaborazioni autonome contenute nella relazione previsionale e programmatica;
 limite massimo delle spese per personale a tempo determinato, con convenzione e con collaborazioni
coordinate e continuative (art. 9, comma 28, del D.L. 78/2010, come modificato dall’art. 4, comma 102, della
legge 183/2011);
 i limiti i limiti massimi di spesa disposti dagli art. 6 e 9 del D.L. 78/2010;
 massimi di spesa disposti dall’art. 1, commi 138, 141, 143 e 146, della legge 228/2012;
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
3
e i seguenti documenti messi a disposizione:
 i documenti e prospetti previsti dallo statuto e dal regolamento di contabilità;
 elenco delle entrate e delle spese con carattere di eccezionalità;
 quadro analitico delle entrate e delle spese previste relativamente ai servizi con dimostrazione della
percentuale di copertura a domanda;
 prospetto analitico delle spese di personale previste in bilancio come individuate dal comma 557 dell’art. 1
della legge 296/2006 e dall’art. 76 della legge 133/2008;
 prospetto delle spese finanziate con i proventi derivanti dalle sanzioni per violazione del codice della strada;
 dettaglio dei trasferimenti erariali
 prospetto dimostrativo dei mutui e prestiti in ammortamento, con evidenza delle quote capitale e delle quote
interessi;

viste le disposizioni di legge che regolano la finanza locale, in particolare il Tuel;

visto lo statuto dell’ente, con particolare riferimento alle funzioni attribuite all’organo di revisione;

visti i postulati dei principi contabili degli enti locali approvati dell’Osservatorio per la finanza e contabilità presso il
Ministero dell’Interno;

visto il D.P.C.M. 28/12/2011 con cui l’ente ha adottato la contabilità finanziaria adeguando la propria gestione ai
principi contabili generali ivi contenuti, al principio contabile generale della competenza finanziaria ed ai seguenti
principi contabili applicati:
o
della contabilità finanziaria;
o
della contabilità economico-patrimoniale;

in attuazione del principio contabile generale della competenza finanziaria l’ente ha istituito nel proprio bilancio il
fondo pluriennale vincolato costituito da risorse accertate destinate al finanziamento di obbligazioni passive
giuridicamente perfezionate esigibili in esercizi successivi a quello in cui è accertata l’entrata.

visto il regolamento di contabilità;

visti i regolamenti relativi ai tributi comunali;

visto il parere espresso dal responsabile del servizio finanziario in data 14/03/2014 in merito alla veridicità delle
previsioni di entrata e di compatibilità delle previsioni di spesa, avanzate dai vari servizi, iscritte nel bilancio
annuale o pluriennale;

visto il conto del Bilancio 2012 approvato con Delibera commissariale n. 71 del 26/04/2013;
hanno effettuato le seguenti verifiche al fine di esprimere un motivato giudizio di coerenza, attendibilità e congruità
contabile delle previsioni di bilancio e dei programmi e progetti, come richiesto dall’art. 239, comma 1-bis, del TUEL.
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
4
VERIFICA DEGLI EQUILIBRI
GESTIONE DELL’ESERCIZIO 2013
L’organo consiliare ha adottato entro il 30 settembre 2013 la delibera n. 19 del 28/09/2013 di verifica dello stato di
attuazione dei programmi e di verifica degli equilibri di bilancio. In sede di assestamento si è proceduto ad un ulteriore
verifica di mantenimento degli equilibri di bilancio con delibera di Consiglio n. 34 del 26/11/2013.
Dall’esito di tali verifiche e dalla gestione finanziaria successiva risulta che:
-
sono salvaguardati gli equilibri di bilancio;
-
è possibile rispettare gli obiettivi del patto di stabilità;
-
è possibile rispettare le disposizioni sul contenimento delle spese di personale;
-
non sono richiesti finanziamenti straordinari agli organismi partecipati.
La gestione dell’anno 2013 è stata improntata al rispetto dei limiti di saldo finanziario disposti dall’art. 31 della legge
183/2011 e s.m.i. ai fini del patto di stabilità interno.
La gestione dell’anno 2013 è stata improntata al rispetto della riduzione della spesa di personale, rispetto all’esercizio
precedente, attraverso il contenimento della dinamica retributiva ed occupazionale come disposto dal comma 557
dell’art. 1 della legge 296/2006 e dall’art. 76 della legge 133/2008 e sm.i.
Nel corso del 2013 è stato applicato al bilancio l’avanzo risultante dal rendiconto per l’esercizio 2012 per €
952.916,00.
Tale avanzo è stato interamente applicato ai sensi dell’art. 187 del TUEL per spese correnti non ripetitive (Fondo
rischi e passività potenziali).
Non risultano comunicazioni pervenute allo scrivente collegio che evidenzino la manifestazione di debiti fuori bilancio
da riconoscere e finanziare e/o passività potenziali.
La situazione di cassa dell’Ente al 31 dicembre degli ultimi tre esercizi presenta i seguenti risultati:
situazione di cassa
Disponibilità
Tab. 1
Anticipazioni
Anno 2011
5.103.525,38
0,00
Anno 2012
6.721.354,98
0,00
Anno 2013
5.069.057,09
0,00
L’organo di revisione rileva, pertanto, che la gestione finanziaria complessiva dell’ente nel 2013 risulta in equilibrio e
che l’ente potrà rispettare gli obiettivi di finanzia pubblica.
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
5
Fondo Pluriennale Vincolato
Nel bilancio di previsione 2014 - 2016 è stato inserito il Fondo Pluriennale Vincolato così determinato:
STANZIAMENTI IN SPESA
ampliamento scuola materna il fiore
FPV ampliamento scuola materna il fiore
STANZIAMENTI IN ENTRATA
FPV per spese in conto capitale
Previsione 2014
Previsione 2015 Previsione 2016
412.834
412.834
Previsione 2014 Previsione 2015 Previsione 2016
412.834
0
E’ in fase di definizione il riaccertamento straordinario dei residui così come previsto dall’art. 14 del D.P.C.M. 28
dicembre 2011 attraverso il quale si provvederà al ri-accertamento e al re-impegno dei residui attivi e dei residui
passivi non corrispondenti ad obbligazioni giuridicamente perfezionate scadute alla data del 31 dicembre, con re
imputazione all’esercizio del bilancio annuale o ad uno degli esercizi successivi in cui l’obbligazione diviene esigibile
secondo i criteri individuati nel principio applicato della contabilità finanziaria (allegato 2 al suddetto decreto).
La copertura finanziaria delle spese re-impegnate cui non corrispondono entrate ri-accertate nel medesimo esercizio
sarà effettuata attraverso il fondo pluriennale vincolato.
BILANCIO DI PREVISIONE 2014
1. Verifica pareggio finanziario ed equivalenza dei servizi per c/terzi
Il bilancio rispetta, come risulta dal seguente quadro generale riassuntivo delle previsioni di competenza 2014, il
principio della competenza finanziaria (Allegato 1 del D.P.C.M. 28/12/2011) e dell’equivalenza fra entrate e spese per
servizi per conto terzi (art. 168 del Tuel).
Entrate
Quadro generale riassuntivo 2014
Spese
Titolo I:Entrate tributarie
Titolo II:Entrate da contributi e
trasferimenti correnti dello
Stato, della Regione e di
altri enti pubblici
11.253.141,00
Titolo III:Entrate extratributarie
Titolo IV:Entrate da alienazioni, da
trasferimenti di capitale e
da riscossioni di crediti
4.340.500,00
Titolo V:Entrate derivanti da
accensioni di prestiti
Titolo VI:Entrate da servizi per conto
di terzi
Totale
Avanzo di amministrazione 2013
presunto
Totale complessivo entrate
1.652.313,00
Titolo I:Spese correnti
15.950.185,00
Spese in conto
capitale
4.066.680,00
Titolo II:
3.879.855,00
5.000.000,00
Titolo III:Spese per rimborso di
prestiti
6.108.944,00
1.979.500,00
Titolo IV:Spese per servizi per
conto di terzi
1.979.500,00
Totale
Disavanzo di amministrazione
0,00
2013 presunto
28.105.309,00
28.105.309,00
Totale complessivo spese
28.105.309,00
0,00
28.105.309,00
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
6
Il saldo netto da finanziare o da impiegare risulta il seguente:
equilibrio finale
entrate finali (titoli I,II,III e IV)
+
21.125.809,00
spese finali (titoli I e II)
-
20.016.865,00
saldo netto da finanziare
-
0,00
saldo netto da impiegare (Rimborso prestiti)
+
1.108.944,00
Quadro generale riassuntivo 2014
CASSA ANNO COMPETENZA
DI
ANNO DI
RIFERIMENTO RIFERIMENTO
DEL BILANCIO DEL BILANCIO
2014
2014
ENTRATE
Fondo di cassa presunto all'inizio dell'esercizio
2015
2016
5.069.057,09
Utilizzo avanzo presunto di amministrazione
0,00
0,00
0,00
Fondo pluriennale vincolato
0,00
412.834,00
0,00
11.811.881,00
11.253.141,00
11.253.141,00
11.253.141,00
Titolo 2 - Trasferimenti correnti
1.659.163,00
1.652.313,00
1.562.298,00
1.508.836,00
Titolo 3 - Entrate extratributarie
4.316.111,00
4.340.500,00
4.300.500,00
4.260.500,00
Titolo 4 - Entrate in conto capitale
4.395.910,00
3.879.855,00
1.699.166,00
2.180.240,00
0,00
0,00
0,00
0,00
22.183.065,00
21.125.809,00
18.815.105,00
19.202.717,00
48.641,00
0,00
0,00
0,00
Titolo 7 - Anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere
5.000.000,00
5.000.000,00
5.000.000,00
5.000.000,00
Titolo 9 - Entrate per conto di terzi e partite di giro
2.024.500,00
1.979.500,00
1.979.500,00
1.979.500,00
7.073.141,00
6.979.500,00
6.979.500,00
6.979.500,00
29.256.206,00
28.105.309,00
26.207.439,00
26.182.217,00
Titolo 1 - Entrate correnti di natura tributaria,
contributiva e perequativa
Titolo 5 - Entrate da riduzione di attività finanziarie
Totale entrate finali
Titolo 6 - Accensione di prestiti
Totale titoli
TOTALE COMPLESSIVO ENTRATE
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
7
CASSA ANNO COMPETENZA
DI
ANNO DI
RIFERIMENTO RIFERIMENTO
DEL BILANCIO DEL BILANCIO
2014
2014
SPESE
Disavanzo di amministrazione
2015
2016
0,00
0,00
0,00
16.373.089,00
15.950.185,00
15.842.926,00
15.832.134,00
4.544.295,00
4.066.680,00
2.298.825,00
2.367.065,00
Titolo 3 - Spese per incremento di attività finanziarie
0,00
0,00
0,00
0,00
Totale spese finali
20.917.384,00
20.016.865,00
18.141.751,00
18.199.199,00
Titolo 4 - Rimborso di prestiti
1.108.944,00
1.108.944,00
1.086.188,00
1.003.518,00
Titolo 5 - Chiusura anticipazione da istituto
tesoriere/cassiere
5.000.000,00
5.000.000,00
5.000.000,00
5.000.000,00
Titolo 7 - Spese per conto di terzi e partite di giro
1.979.500,00
1.979.500,00
1.979.500,00
1.979.500,00
8.088.444,00
8.088.444,00
8.065.688,00
7.983.018,00
29.005.828,00
28.105.309,00
26.207.439,00
26.182.217,00
Titolo 1 - Spese correnti
-di cui al fondo pluriennale vincolato
Titolo 2 - Spese in conto capitale
-di cui al fondo pluriennale vincolato
Totale titoli
TOTALE COMPLESSIVO SPESE
Fondo di cassa finale presunto
5.319.435,09
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
8
Utilizzo avanzo di amministrazione presunto applicato sul Bilancio di previsione 2014
Non è stato applicato in bilancio il presunto avanzo d’amministrazione dell’esercizio 2013.
Si rileva comunque che l’avanzo presunto, come da prospetto predisposto dal responsabile del servizio finanziario e
allegato al presente bilancio (tabella allegato a) deriva da:
-
variazioni positive nella gestione dei residui
€ 399.735,07
-
da avanzo presunto della gestione di competenza 2013
€ 817.977,10
-
da avanzo di esercizi precedenti non utilizzato
€ 2.176.274,13
Come stabilito dal comma 3bis art. 187 TUEL, l’avanzo d’amministrazione non vincolato non potrà essere utilizzato
nel caso in cui l’ente si trovi in una delle situazioni previste dagli articoli:
 195 – utilizzo di entrate a specifica destinazione;
 222 – anticipazione di tesoreria.
L’avanzo non vincolato può in ogni caso essere utilizzato per i provvedimenti di riequilibrio di cui all’art. 193 del TUEL.
Si ribadisce che alla data di redazione del presente bilancio è ancora in fase il riaccertamento straordinario dei residui
attivi e passivi. Sulla base delle carte di lavoro che il Collegio ha potuto visionare non vengono previsti da parte del
responsabile finanziario squilibri della gestione residui.
2. Verifica equilibrio corrente ed in conto capitale anno 2012 -2014
Entrate titolo I
Entrate titolo II
Entrate titolo III
(A) Totale titoli (I+II+III)
(B) Spese titolo I
(C) Rimborso prestiti parte del titolo III *
15.740.634,97
14.192.863,04
1.162.454,02
17.426.641,00
17.162.588,00
1.070.469,00
17.245.954,00
15.950.185,00
1.108.944,00
385.317,91
-806.416,00
186.825,00
0,00
952.916,00
0,00
Entrate diverse destinate a spese correnti di
cui:
0,00
0,00
0,00
-contributo per permessi di costruire
0,00
0,00
0,00
-plusvalenze da alienazione di beni patrimoniali
0,00
0,00
0,00
Entrate correnti destinate a spese di
investimento di cui:
0,00
146.500,00
186.825,00
-proventi da sanzioni per violazioni al codice
della strada
0,00
146.500,00
186.825,00
385.317,91
0,00
0,00
(D) Differenza di parte corrente (A-B-C)
Utilizzo avanzo di amministrazione applicato
(E)
alla spesa corrente [eventuale]
(F)
Consuntivo 2012 Prev. Ass. 2013 o Preventivo 2014
Consuntivo 2013
10.334.604,43
11.772.975,00
11.253.141,00
638.004,61
1.707.308,00
1.652.313,00
4.768.025,93
3.946.358,00
4.340.500,00
- altre entrate (specificare)
(G)
- altre entrate (specificare)
(H)
Entrate diverse utilizzate per rimborso quote
capitale
Saldo di parte corrente (D+E+F-G+H)
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
9
EQUILIBRIO DI PARTE CAPITALE
Consuntivo 2012 Prev. Ass. 2013 o Preventivo 2014
Consuntivo 2013
938.992,56
8.279.100,00
3.879.855,00
Entrate titolo IV
Entrate titolo V **
(M) Totale titoli (IV+V)
(N) Spese titolo II
(O) Entrate correnti dest.ad.invest. (G)
(P) Utilizzo avanzo di amministrazione applicato
alla spesa in conto capitale [eventuale]
Saldo di parte capitale (M-N+O+P-F+G)
938.992,56
527.132,84
0,00
8.279.100,00
8.425.600,00
146.500,00
3.879.855,00
4.066.680,00
186.825,00
0,00
0,00
0,00
411.859,72
0,00
0,00
(*) il dato da riportare è quello del Titolo III depurato dell’intervento 1 “rimborso per anticipazioni di cassa” e, dove esistente,
della quota di mutui e prestiti estinti anticipatamente con ricorso a nuovo indebitamento o con utilizzo dell’avanzo d’amminis.
(**) categorie 2,3 e 4.
*Il dato riportato è quello del Titolo III. Non ricorre la fattispecie di cui all’intervento 1 “rimborso per anticipazioni di cassa” in quanto
non necessaria.
COMPETENZA
ANNO DI
RIFERIMENTO
DEL BILANCIO
2014
EQULIBRIO ECONOMICO FINANZIARIO
2015
2016
Fondo di cassa presunto all'inizio dell'esercizio 5.069.057,09
(A) Fondo pluriennale vincolato per spese correnti
(+)
0,00
0,00
0,00
(B) Entrate titoli 1.00 . 2.00 - 3.00
(+)
17.245.954,00
17.115.939,00
17.022.477,00
0,00
0,00
0,00
di cui per estinzione anticipata di prestiti
(C) Entrate titolo 4.02.06 - Contributi agli investimenti direttamente
destinati al rimborso dei prestiti da amministrazioni pubbliche
(+)
0,00
0,00
0,00
(D) Spese titolo 1.00 - Spese correnti
(-)
15.950.185,00
15.842.926,00
15.832.134,00
315.000,00
472.500,00
630.000,00
0,00
0,00
0,00
1.108.944,00
1.086.188,00
1.003.518,00
0,00
0,00
186.825,00
186.825,00
di cui:
- fondo pluriennale vincolato
- fondo svalutazione crediti
(E) Spese titolo 2.04 - Trasferimenti in conto capitale
(-)
F) Spese titolo 4.00 - Quote capitale amm.to dei mutui e prestiti
obbligazionari
di cui per estinzione anticipata di prestiti
G) Somma finale (G=A+B+C-D-E-F)
0,00
186.825,00
ALTRE POSTE DIFFERENZIALI, PER ECCEZIONI PREVISTE DA NORME DI LEGGE, CHE HANNO EFFETTO
SULL'EQUILIBRI EX ARTICOLO 162, COMMA 16, TESTO UNICO DELLE LEGGI SULL'ORDINAMENTO DEGLI
ENTI LOCALI
(H) Utilizzo avanzo di amministrazione per spese correnti
(+)
0,00
0,00
0,00
(I) Entrate di parte capitale destinate a spese correnti in base a
specifiche disposizioni di legge
(+)
0,00
0,00
0,00
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
10
di cui per estinzione anticipata di prestiti
(L) Entrate id parte corrente destinata a apese di investimento in
base a specifiche disposizioni di legge
(-)
186.825,00
186.825,00
186.825,00
(M) Entrate da accensione di prestiti destinate a estinzione
anticipata di prestiti
(+)
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
EQUILIBRIO DI PARTE CORRENTE (**) (O=G+H+I-L+M)
COMPETENZA
ANNO DI
RIFERIMENTO
DEL BILANCIO
2014
EQUILIBRIO ECONOMICO FINANZIARIO
2015
2016
(P) Utilizzo avanzo di amministrazione per spese di investimento
(+)
0,00
0,00
0,00
(Q) Fondo pluriennale vincolato per spese conto capitale
(+)
0,00
412.834,00
0,00
(R) Entrate titoli 4.00 - 5.00 - 6.00
(+)
3.879.855,00
1.699.166,00
2.180.240,00
(C) Entrate titolo 4.02.06 - Contributi agli investimenti direttamente
destinati al rimborso dei prestiti da amministrazioni pubbliche
(-)
0,00
0,00
0,00
(I) Entrate di parte capitale destinate a spese correnti in base a
specifiche disposizioni di legge
(-)
0,00
0,00
0,00
(-)
0,00
0,00
0,00
(T) Entrate titolo 5.03 relative ad Altre entrate per riduzioni di attività
(-)
finanziaria
0,00
0,00
0,00
(S) Entrate titolo 5.02 per Riscossione di crediti
(L) Entrate di parte corrente destinata a spese di investimento in
base a specifiche disposizioni di legge
(+)
186.825,00
186.825,00
186.825,00
(U) Spese titolo 2.00 - Spese in conto capitale
(-)
4.066.680,00
2.298.825,00
2.367.065,00
412.834,00
0,00
0,00
di cui fondo pluriennale vincolato
(V) Spese titolo 3.01 per Acquisizioni di attività finanziarie
(-)
0,00
0,00
0,00
(E) Spese titolo 2.04 - Trasferimenti in conto capitale
(+)
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
(+)
0,00
0,00
0,00
(T) Entrate titolo 5.03 relative ad Altre entrate per riduzioni di attività
(+)
finanziaria
0,00
0,00
0,00
(X) Spese titolo 3.02 per Concessione di crediti
(-)
0,00
0,00
0,00
(Y) Spese titolo 3.03 per Altre spese per acquisizioni di attività
finanziarie
(-)
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
EQUILIBRIO DI PARTE CAPITALE (Z=P+Q+R-C-I-S-T+L-U-V+E)
(S) Entrate titolo 5.02 per Riscossione di crediti
EQUILIBRIO FINALE W=O+Z+S+T-X-Y
La differenza positiva di parte corrente da destinare al finanziamento di spese nel titolo II deriva da sanzioni
amministrative per violazioni al Codice delle Strada art. 208 D.Lgs 285*1992.
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
11
Verifica correlazione tra entrate a destinazione specifica o vincolata per legge e spese con esse finanziate
La correlazione fra previsione di entrate a destinazione specifica o vincolata per legge e spese con esse finanziate è
cosi evidenziata nel bilancio:
Entrate previste
Per trasferimenti correnti da amministrazioni locali
Per fondi comunitari ed internazionali
Per contributi in c/capitale dalla Regione
Per altri contributi straordinari UE
Per sanzioni amministrative codice della strada
Totale
Spese previste
465.000
465.000
70.000
70.000
229.400
229.400
50.000
50.000
359.625
359.625
1.224.025,00
1.224.025,00
Il Collegio rileva però che nel bilancio è presente l’entrata per € 50.000,00 da escavazione e cave a cui non
corrisponde una specifica spesa vincolata a recupero ambientale o a riduzione della tassa di raccolta rifiuti. Si
raccomanda pertanto un vincolo di pari importo da iscrivere tempestivamente a seguito dell’accertamento della
relativa entrata.
Verifiche dell’attivo di parte corrente
Non vengono previste entrate e/o spese aventi carattere di eccezionalità e di non ripetitività tali da influenzare gli
equlibri di parte corrente.
Verifica dell’equilibrio di parte straordinaria
Il titolo II della spesa è finanziato con la seguente previsione di risorse distinta in mezzi propri e mezzi di terzi:
Mezzi propri
- avanzo di amministrazione 2013 presunto
- avanzo del bilancio corrente
186.825
- alienazione di beni
3.100.455
- contributo permesso di costruire
500.000
- altre risorse
Totale mezzi propri
3.787.280
Mezzi di terzi
- mutui
- prestiti obbligazionari
- aperture di credito
- contributi comunitari
- contributi statali
- contributi regionali
- contributi da altri enti
- altri mezzi di terzi
Totale mezzi di terzi
50.000
229.400
TOTALE RISORSE
TOTALE IMPIEGHI AL TITOLO II DELLA SPESA
279.400
4.066.680
4.066.680
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
12
La tabella seguente conferma l’avanzo d’amministrazione presunto come determinato prudentemente dal
responsabile dei servizi finanziari, registrando un dato positivo pari ad euro 3.393.986,30.
Dimostrazione del risultato di amministrazione presunto
TABELLA DIMOSTRATIVA DEL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE PRESUNTO
(ALL'INIZIO DELL'ESERCIZIO 2014)
Fondo cassa iniziale dell'esercizio 2013
6.721.354,98
(+)
Residui attivi iniziali dell'esercizio 2013
3.018.411,64
(-)
Residui passivi iniziali dell'esercizio 2013
7.563.492,49
(=)
Avanzo/Disavanzo di amministrazione iniziale dell'esercizio
2013
2.176.274,13
(+)
Entrate già accertate nell'esercizio 2013
1.9458.627,11
(-)
Uscite già impegnate nell'esercizio 2013
18.640.650,01
+/-
Variazioni dei residui attivi già verificatesi nell'esercizio 2013
13.015,50
-/+
Variazioni dei residui passivi già verificatesi nell'esercizio 2013
412.750,57
=
Avanzo/Disavanzo di amministrazione dell'esercizio 2013 alla data
di redazione del bilancio dell'anno 2014
+
Entrate presunte per il restante periodo dell'esercizio 2013
0,00
-
Uscite presunte per il restante periodo dell'esercizio 2013
Variazioni dei residui attivi, presunte per il restante periodo
dell'esercizio 2013
Variazioni dei residui passivi, presunte per il restante periodo
dell'esercizio 2013
0,00
-
Fondo pluriennale vincolato dell'esercizio 2013
0,00
=
Avanzo/Disavanzo di amministrazione presunto al 31/12/2013
+/-/+
3.393.986,30
0,00
0,00
3.393.986,30
L'utilizzazione dell'avanzo di amministrazione presunto al 31/12/2013
Parte accantonata
Fondo svalutazione crediti al 31/12/2013
570
Fondo rischi e passività potenziali
750.000
Totale parte accantonata
750.570
Parte vincolata
Vincoli derivanti da leggi e principi contabili di cui
all'allegata nota integrativa
Vincoli derivanti dalla contrazione di mutui di cui
all'allegata nota integrativa
67.410,20
86.858,40
Totale parte
vincolata
154.268,60
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
13
Parte destinata ad investimenti
2.376.912,21
Parte di cui non si prevede l'utilizzazione
nell'esercizio 2014
112.235,49
Totale parte
disponibile
112.235,49
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
14
BILANCIO PLURIENNALE
7. Verifica dell’equilibrio corrente nel bilancio pluriennale
EQUILIBRIO DI PARTE CORRENTE PLURIENNALE
Previsioni 2015
Entrate titolo I
11.253.141,00
11.253.141,00
Entrate titolo II
1.562.298,00
1.508.836,00
Entrate titolo III
4.300.500,00
4.260.500,00
17.115.939,00
15.842.926,00
17.022.477,00
15.832.134,00
1.086.188,00
1.003.518,00
186.825,00
186.825,00
0,00
0,00
Entrate correnti destinate a spese di investimento di cui:
186.825,00
186.825,00
-proventi da sanzioni per violazioni al codice della strada
186.825,00
186.825,00
0,00
0,00
(B)
Totale titoli (I+II+III)
Spese titolo I
(C)
Rimborso prestiti parte del titolo III *
(D)
Differenza di parte corrente (A-B-C)
Utilizzo avanzo di amministrazione applicato alla spesa corrente
[eventuale]
(A)
(E)
(F)
Previsioni 2016
Entrate diverse destinate a spese correnti di cui:
- altre entrate (specificare)
(G)
- altre entrate (specificare)
(H)
Entrate diverse utilizzate per rimborso quote capitale
Saldo di parte corrente (D+E+F-G+H)
EQUILIBRIO DI PARTE CAPITALE
Previsioni 2015
Entrate titolo IV
Previsioni 2016
1.699.166,00
2.180.240,00
1.699.166,00
2.298.826,00
2.180.240,00
2.367.065,00
186.825,00
186.825,00
-412.835,00
0,00
Entrate titolo V **
(M)
(N)
Totale titoli (IV+V)
Spese titolo II
(O)
Entrate correnti dest.ad.invest. (G)
(P)
Utilizzo avanzo di amministrazione applicato alla spesa in conto capitale
[eventuale]
Saldo di parte capitale (M-N+O+P-F+G)
(*) il dato da riportare è quello del Titolo III depurato dell’intervento 1 “rimborso per anticipazioni di cassa” e, dove esistente,
della quota di mutui e prestiti estinti anticipatamente con ricorso a nuovo indebitamento o con utilizzo dell’avanzo d’amminis.
(**) categorie 2,3 e 4.
Lo sbilancio del saldo di parte capitale è finanziato con il Fondo pluriennale vincolato
*Il dato riportato del Titolo III non ricomprende la fattispecie di cui all’intervento 1 “Rimborso per anticipazioni di
cassa”, in quanto non necessaria, e ricomprende invece la volontà dell’ente di estinguere anticipatamente il debito.
Questo comporterà il suo azzeramento alla fine del 2015.
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
15
BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE - RIEPILOGO GENERALE DELLE ENTRATE PER TITOLI
BILANCIO DI PREVISIONE
RIEPILOGO GENERALE ENTRATE PER TITOLI
TITOLO
TIPOLOGIA
10000
20000
30000
40000
TITOLO 1
TITOLO 2
TITOLO 3
TITOLO 4
RESIDUI
PRESUNTI AL
TERMINE
DELL'ESERCIZIO
DENOMINAZIONE
PRECEDENTE
QUELLO CUI SI
RIFERISCE IL
BILANCIO
PREVISIONI
DEFINITIVE
DELL'ANNO
PRECEDENTE
QUELLO CUI PREVISIONI
SI RIFERISCE ANNO 2014
IL BILANCIO
PREVISIONI
DELL'ANNO
2015
PREVISIONI
DELL'ANNO
2016
Fondo pluriennale
vincolato per
spese correnti
previsioni di
competenza
0,00
0,00
0,00
Fondo pluriennale
vincolato per
spese in conto
capitale
previsioni di
competenza
0,00
412.834,00
0,00
Utilizzo avanzo di
Amministrazione
previsioni di
competenza
- di cui avanzo
vincolato utilizzato
anticipatamente
previsioni di
competenza
Fondo di Cassa
all'1/1/esercizio di
riferimento
previsioni di
cassa
Entrate correnti di
natura tributaria,
contributiva e
perequativa
Trasferimenti
correnti
Entrate
extratributarie
Entrate in conto
capitale
4.302.525,98
6.850,00
1.217.612,90
759.861,70
952.916,00
0,00
0,00
6.721.354,98
5.069.057,09
previsione di
competenza 11.772.975,00 11.253.141,00 11.253.141,00 11.253.141,00
previsione di
cassa
0,00
11.811.881,00
previsione di
competenza
1.707.308,00
1.652.313,00
previsione di
cassa
0,00
1.659.163,00
previsione di
competenza
3.946.358,00
4.340.500,00
previsione di
cassa
0,00
4.316.111,00
previsione di
competenza
8.129.100,00
3.879.855,00
previsione di
cassa
0,00
4.395.910,00
1.562.298,00
1.508.836,00
4.300.500,00
4.260.500,00
1.699.166,00
2.180.240,00
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
16
50000
60000
70000
90000
Entrate da
riduzione di attività
finanziarie
TITOLO 5
Accensione prestiti
TITOLO 6
0,00
202.924,40
Anticipazioni da
istituto
tesoriere/cassiere
TITOLO 7
Entrate per conto
terzi e partite di giro
TITOLO 9
TOTALE TITOLI
0,00
169.218,95
6.658.993,93
previsione di
competenza
150.000,00
0,00
previsione di
cassa
0,00
0,00
previsione di
competenza
0,00
0,00
previsione di
cassa
0,00
48.641,00
previsione di
competenza
5.000.000,00
5.000.000,00
previsione di
cassa
0,00
5.000.000,00
previsione di
competenza
3.217.000,00
1.979.500,00
previsione di
cassa
0,00
2.024.500,00
6.658.993,93
0,00
0,00
0,00
5.000.000,00
5.000.000,00
1.979.500,00
1.979.500,00
previsione di
competenza 33.922.741,00 28.105.309,00 25.794.605,00 26.182.217,00
previsione di
cassa
TOTALE GENERALE DELLE ENTRATE
0,00
0,00
29.256.206,00
previsione di
competenza 34.875.657,00 28.105.309,00 26.207.439,00 26.182.217,00
previsione di
cassa
6.721.354,98 34.325.263,09
BILANCIO DI PREVISIONE
RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE PER TITOLI
TITOLO
DENOMINAZIONE
RESIDUI
PRESUNTI AL
TERMINE
DELL'ESERCIZIO
PRECEDENTE
QUELLO CUI SI
RIFERISCE IL
BILANCIO
PREVISIONI
DEFINITIVE
DELL'ANNO
PRECEDENTE
QUELLO CUI SI
RIFERISCE IL
BILANCIO
DISAVANZO DI AMMINISTRAZIONE
TITOLO 1
SPESE CORRENTI
4.320.001,72
previsione di competenza
17.162.588,00
di cui già impegnato*
di cui fondo pluriennale vincolato
previsione di cassa
TITOLO 2
SPESE IN CONTO CAPITALE
3.810.251,39
previsione di competenza
previsione di cassa
PREVISIONI
DELL'ANNO 2015
PREVISIONI
DELL'ANNO 2016
0,00
0,00
0,00
15.950.185,00
15.842.926,00
15.832.134,00
1.628.059,23
1.000.195,98
98.421,82
(0,00)
0,00
(0,00)
(0,00)
0,00
16.373.089,00
8.425.600,00
4.066.680,00
2.298.825,00
2.367.065,00
0,00
0,00
0,00
(0,00)
412.834,00
(0,00)
(0,00)
0,00
4.544.295,00
di cui già impegnato*
di cui fondo pluriennale vincolato
PREVISIONI
ANNO 2014
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
17
TITOLO 3
SPESE PER INCREMENTO DI ATTIVITA'
FINANZIARIE
0,00
previsione di competenza
0,00
di cui già impegnato*
di cui fondo pluriennale vincolato
previsione di cassa
TITOLO 4
RIMBORSO DI PRESTITI
0,00
previsione di competenza
previsione di cassa
TITOLO 5
CHIUSURA ANTICIPAZIONI DA ISTITUTO
TESORIERE/CASSIERE
0,00
previsione di competenza
previsione di cassa
TITOLO 7
SPESE PER CONTO TERZI E PARTITE DI
GIRO
203.811,61
previsione di competenza
0,00
0,00
0,00
(0,00)
(0,00)
0,00
0,00
1.070.469,00
1.108.944,00
1.086.188,00
1.003.518,00
0,00
0,00
0,00
(0,00)
0,00
(0,00)
(0,00)
0,00
1.108.944,00
5.000.000,00
5.000.000,00
5.000.000,00
5.000.000,00
0,00
0,00
0,00
(0,00)
0,00
(0,00)
(0,00)
0,00
0,00
3.217.000,00
1.979.500,00
1.979.500,00
1.979.500,00
di cui già impegnato*
0,00
0,00
0,00
(0,00)
0,00
(0,00)
(0,00)
0,00
1.979.500,00
34.875.657,00
28.105.309,00
26.207.439,00
26.182.217,00
1.628.059,23
1.000.195,98
98.421,82
di cui fondo pluriennale vincolato
0,00
412.834,00
0,00
0,00
previsione di cassa
0,00
29.005.828,00
34.875.657,00
28.105.309,00
26.207.439,00
26.182.217,00
1.628.059,23
1.000.195,98
98.421,82
0,00
0,00
di cui fondo pluriennale vincolato
previsione di cassa
TOTALE TITOLI
8.334.064,72
previsione di competenza
di cui già impegnato*
TOTALE GENERALE DELLE SPESE
8.334.064,72
0,00
0,00
di cui già impegnato*
di cui fondo pluriennale vincolato
0,00
(0,00)
di cui già impegnato*
di cui fondo pluriennale vincolato
0,00
previsione di competenza
di cui già impegnato*
di cui fondo pluriennale vincolato
0,00
412.834,00
previsione di cassa
0,00
29.005.828,00
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
18
VERIFICA COERENZA DELLE PREVISIONI
8. Verifica della coerenza interna
8.1. Verifica adozione strumenti obbligatori di programmazione di settore e loro coerenza con le previsioni
8.1.1. PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI
Il programma triennale ed elenco annuale dei lavori pubblici di cui all’art. 128 del D.Lgs. 163/2006, è stato redatto
conformemente alle indicazioni e agli schemi di cui al decreto del Ministero delle infrastrutture e trasporti del 9/6/2005,
ed adottato dall’organo esecutivo entro il 15 ottobre dell’anno 2013 ovvero con delibera n. 37 del 14/10/2013 e
aggiornato con delibera n.9 del 21/01/2014 e n. 29 del 11/02/2014.
Lo schema di programma è stato pubblicato per 60 giorni consecutivi dalla data di adozione avvenuta in data
14/10/2013.
Nello stesso sono indicati:
a) i lavori di singolo importo superiore a € 100.000,00;
b) le priorità e le azioni da intraprendere come richiesto dall’art. 128 del D.Lgs. 163/2006, considerando comunque
prioritari i lavori di manutenzione, recupero patrimonio, completamento lavori, progetti esecutivi approvati,
interventi con possibilità di finanziamento privato maggioritario;
c) la stima, nell’elenco annuale, dei tempi di esecuzione;
Nell’importo dei lavori sono compresi e riportati:
a)
-
gli accantonamenti, per:
accordi bonari che sono da intendersi ricompresi nei quadri economici delle opere;
esecuzioni indagini e spese tecniche.
Nell’elenco annuale non sono previsti interventi d’importo superiore a 1.000.000 di euro.
Per i lavori inclusi nell’elenco annuale è stata perfezionata a cura degli uffici tecnici la conformità urbanistica ed
ambientale.
Gli importi inclusi nello schema relativi ad interventi con onere a carico dell’ente trovano riferimento nel bilancio di
previsione annuale e pluriennale.
I corrispettivi da trasferimenti d’immobili di cui all’art. 53, comma 6, del D.Lgs. 163/2006, previsti nelle schede n. 1 e
2b del programma, trovano riferimento nella relazione previsionale e programmatica.
Il programma, dopo la sua approvazione consiliare, dovrà essere trasmesso all’Osservatorio dei lavori pubblici a cura
delle strutture tecniche dell’ente.
8.1.2. PROGRAMMAZIONE DEL FABBISOGNO DEL PERSONALE
La programmazione del fabbisogno di personale prevista dall’art. 39, comma 1, della legge 449/1997 e dall’art. 6 del
D.Lgs. 165/2001 è stata approvata con specifico atto n. 43 del 06/03/2014 ed è allegata alla relazione previsionale e
programmatica. Su tale atto l’organo di revisione ha formulato il parere in data 06/03/2014, ai sensi dell’art. 19 della
legge 448/2001.
Il fabbisogno di personale nel triennio 2014/2016 tiene conto dei vincoli disposti per le assunzioni di personale, pur
prevedendo, per il 2014, l’inserimento di una unità agente di polizia locale, categoria C a tempo peino, da coprire
mediante procedura di mobilità
La previsione annuale e pluriennale è coerente con le esigenze finanziarie espresse nell’atto di programmazione del
fabbisogno.
8.2. Verifica contenuto informativo ed illustrativo della relazione previsionale e programmatica e della
coerenza con le previsioni
Il Collegio prende atto che la l’organo esecutivo ha predisposto la Relazione Previsionale Programmatica suddivisa in
relazione al nuovo schema di missioni e programmi previsti dal DPCM 28 dicembre 2011.
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
19
La relazione previsionale e programmatica predisposta dall’organo esecutivo è stata redatta sullo schema approvato
con D.P.R. 326/1998, in assenza di altri, nuovi, modelli approvati, e contiene l'illustrazione della previsione delle
risorse e degli impieghi contenute nel bilancio annuale e pluriennale conformemente a quanto contenuto nell'art. 170
del TUEL, nello statuto e nel regolamento di contabilità dell'ente.
In particolare la relazione:
a) è stata redatta secondo fasi strategiche caratterizzate da:
- ricognizione delle caratteristiche generali;
- individuazione degli obiettivi;
- valutazione delle risorse;
- scelta delle opzioni;
- individuazione e redazione dei programmi e progetti;
b) per l'entrata comprende una valutazione generale sulle risorse più significative ed individua le fonti di
finanziamento della programmazione annuale e pluriennale;
c) per la spesa è redatta per programmi, per progetti rilevando distintamente la spesa corrente consolidata,
quella di sviluppo e quella di investimento;
d) per ciascun programma contiene:
- le scelte adottate e le finalità da conseguire,
- le risorse umane da utilizzare,
- le risorse strumentali da utilizzare;
e) individua i responsabili dei programmi e degli eventuali progetti attribuendo loro gli obiettivi generali e le
necessarie risorse;
f)
motiva e spiega in modo trasparente e leggibile le scelte, gli obiettivi, le finalità che s’intende conseguire e
fornisce adeguati elementi dimostranti la coerenza delle stesse con le previsioni annuali e pluriennali, con gli
obiettivi di finanza pubblica, nonché con :
- le linee programmatiche di mandato (art. 46, comma 3, TUEL);
- il piano generale di sviluppo dell’ente (art. 165, comma 7, TUEL);
- gli strumenti urbanistici e relativi piani d’attuazione;
- il programma triennale e l’elenco annuale dei lavori pubblici;
- la programmazione del fabbisogno di personale;
g) elenca analiticamente i progetti di opere pubbliche finanziate negli anni precedenti e non ancora, in tutto o in
parte realizzati;
h) fornisce la conoscenza generale dei contenuti significativi e caratteristici del bilancio annuale, dei suoi allegati
e del futuro andamento dell’ente.
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
20
9. Verifica della coerenza esterna
9.1. Principi fondamentali di coordinamento della finanza pubblica: Patto di stabilità
Come disposto dall’art. 31 della legge 183/2011, gli enti sottoposti al patto di stabilità devono iscrivere in bilancio le
entrate e le spese correnti in termini di competenza in misura tale che, unitamente alle previsioni dei flussi di cassa di
entrate e spese in conto capitale, al netto della riscossione e concessione di crediti, consenta il raggiungimento
dell’obiettivo programmatico del patto per gli anni 2014-2015 e 2016. Pertanto, la previsione di bilancio annuale e
pluriennale e le successive variazioni devono garantire il rispetto del saldo obiettivo.
Dalla verifica della coerenza delle previsioni annuali e pluriennali con il patto di stabilità interno risulta:
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
21
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
22
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
23
Dal prospetto seguente si evidenzia che gli obiettivi risultano così conseguibili:
PATTO DI STABILITA' INTERNO
Prospetto della concordanza tra bilancio di previsione e obiettivo programmatico
2014
2015
2016
TOTALE TITOLO 1°
Accertamenti
11.253.141,00
11.253.141,00
11.253.141,00
TOTALE TITOLO 2°
Accertamenti
1.652.313,00
1.562.298,00
1.508.836,00
TOTALE TITOLO 3°
Accertamenti
4.340.500,00
4.300.500,00
4.260.500,00
Accertamenti
17.245.954,00
17.115.939,00
17.022.477,00
(2)
4.395.910,00
1.752.131,00
2.233.205,00
4.395.910,00
1.752.131,00
2.233.205,00
21.641.864,00
18.868.070,00
19.255.682,00
Totale entrate correnti nette
TOTALE TITOLO 4°
Riscossioni
Totale entrate in conto capitale nette
Riscossioni
(2)
ENTRATE FINALI NETTE
2014
TOTALE TITOLO 1°
Totale spese correnti nette
2015
2016
Impegni
15.950.185,00
15.842.926,00
15.832.134,00
Impegni
15.950.185,00
15.842.926,00
15.832.134,00
Pagamenti
(2)
4.544.295,00
1.533.600,00
1.896.585,00
Pagamenti
(2)
4.544.295,00
1.533.600,00
1.896.585,00
SPESE FINALI NETTE
20.494.480,00
17.376.526,00
17.728.719,00
SALDO FINANZIARIO
1.147.384,00
1.491.544,00
1.526.963,00
OBIETTIVO PROGRAMMATICO ANNUALE SALDO FINANZIARIO 2014
698.000,00
1.438.000,00
1.514.000,00
DIFFERENZA TRA IL RISULTATO NETTO E OBIETTIVO ANNUALE SALDO
(3)
FINANZIARIO
449.384,00
53.544,00
12.963,00
TOTALE TITOLO 2°
Totale spese in conto capitale nette
(1) Determinato al netto delle entrate escluse dal patto di stabilità interno.
(2) Gestione di competenza + gestione residui.
(3) Con riferimento alla sola situazione annuale, in caso di differenza positiva, o pari a 0, il patto è stato rispettato. In caso di differenza
negativa, il patto non è stato rispettato.
Il Collegio rileva che l’allegato l) al bilancio approvato dalla Giunta riporta valori al titolo 1° dell’entrata e delle uscite
diversi rispetto ai dati del medesimo bilancio la cui differenza tuttavia non incide sul saldo finanziario rilevante ai fini
della verifica del patto di stabilità:
Entrata titolo 1°
Dato riportato nell’allegato l)
Dato corretto di bilancio
Differenza
Spesa titolo 1°
Dato riportato nell’allegato l)
Dato corretto di bilancio
Differenza
Saldo
2014
11.354.654,00
11.253.141,00
101.513,00
2015
11.354.654,00
11.253.141,00
101.513,00
2016
11.354.654,00
11.253.141,00
101.513,00
16.051.698,00
15.950.185,00
101.513,00
0,00
15.944.439,00
15.842.926,00
101.513,00
0,00
15.933.647,00
15.832.134,00
101.513,00
0,00
Salvo quanto sopra evidenziato, l'apposito prospetto allegato al bilancio di previsione, per la parte relativa ai flussi di
cassa, è stato elaborato dal settore finanziario in stretta collaborazione con il settore tecnico che ha indicato la
tempistica dei pagamenti in base alla programmazione delle spese del titolo II, in quanto sono stati analizzati, per
quanto riguarda la spesa, i pagamenti degli stati d’avanzamento di lavori già autorizzati nonché i pagamenti prevedibili
sulle opere da realizzare negli anni 2014/2016, avendo riguardo al cronoprogramma del programma triennale dei
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
24
lavori pubblici, nonché alle opere programmate in conto capitale e stanziate nel bilancio, ancorché non inserite nel
programma opere pubbliche in quanto inferiori a €. 100.000 di valore.
Le previsioni di incasso delle entrate del titolo IV e di pagamento delle spese del titolo II, dovranno essere monitorate
durante la gestione al fine di mantenere l’obiettivo di rispetto del patto di stabilità interno.
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
25
VERIFICA ATTENDIBILITA’ E CONGRUITA’ DELLE PREVISIONI ANNO 2014
Ai fini della verifica dell’attendibilità delle entrate e congruità delle spese previste per l’esercizio 2014, alla luce della
manovra disposta dall’ente, sono state analizzate in particolare le voci di bilancio appresso riportate.
Entrate tributarie
Le previsioni di entrate tributarie, alla luce del fatto che l’ente non ha ancora provveduto ad approvare le aliquote base
dell’IMU, TASU e TARI, sono state effettuate secondo i seguenti criteri:
IMU: la previsione è basata sulla stima dell’ufficio tributi rapportata e rimodulata rispetto ai dati 2013;
TASI: la previsione è basata sul gettito stimato della addizionale di € 0,30 al metro della TARES 2013;
TARI: la previsione è basata sull’ipotesi di piano finanziario predispoto dagli uffici competenti.
Le previsionei di entrate tributarie presentano le seguenti variazioni rispetto alle previsioni definitive 2013 ed al
rendiconto 2012:
Entrate Tributarie
Rendiconto 2012
Previsioni assest.
2013
Previsione
2014
4.196.169,44
4.543.746,00
4.551.046,00
0,00
140.000,00
405.000,00
388.502,83
355.000,00
345.000,00
15.824,76
6.000,00
5.500,00
1.473.000,00
2.016.000,00
1.436.000,00
Categoria I - Imposte
I.M.U.
I.C.I.
I.C.I. recupero evasione
Imposta comunale sulla pubblicità
Addizionale com.consumo energia elettrica
Addizionale I.R.P.E.F.
Compartecipazione I.R.P.E.F.
Compartecipazione Iva
Imposta di soggiorno
Altre imposte
Totale categoria I
80.000,00
73,48
300,00
100,00
6.073.570,51
7.061.046,00
6.822.646,00
Categoria II - Tasse
Tassa per l'occupazione degli spazi
ed aree pubbliche
Tributo sui rifiuti e servizi
Tassa rifiuti solidi urbani
2.709.911,00
2.350.000,00
2.842.684,00
51.180,00
55.000,00
542.000,00
2.401.180,00
2.897.684,00
3.251.911,00
17.333,15
17.000,00
12.000,00
1.797.245,00
1.166.584,00
1.814.245,00
1.178.584,00
Addizionale erariale sulla tassa smalt.rifiuti
TARES
Altre tasse
Totale categoria II
Categoria III - Tributi speciali
Diritti sulle pubbliche affissioni
Fondo sperimentale di riequilibrio
1.842.520,77
Fondo solidarietà comunale
Altri tributi propri
Totale categoria III
Totale entrate tributarie
1.859.853,92
10.334.604,43 11.772.975,00 11.253.141,00
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
26
Imposta municipale propria
Il gettito, determinato sulla base:
- dell’art. 1, comma 380, della legge 228/2012;
- delle aliquote da deliberare per l’anno 2014 in aumento o diminuzione rispetto all’aliquota base e delle riduzioni da
deliberare in aumento rispetto alla misura base ai sensi dei commi da 6 a 10 dell’art. 13 D.L. 201/2011 e sulla base
del regolamento del tributo è stato previsto in € 4.551.046,00, con una variazione di:
- euro 354.876,56 rispetto alla somma accertata per IMU nel rendiconto 2012;
- euro 1.551.046,00 rispetto alla somma accertata per IMU nel rendiconto provvisorio 2013. Tale differenza è da
ascrivere per € 1.433.638 quale differente modalità di contabilizzazione della quota comnale che alimenta il Fondo
solidarietà nazionale.
Nel bilancio è prevista la quota da versare allo Stato per il finanziamento del fondo di solidarietà comunale.
Il gettito derivante dall’attività di controllo delle dichiarazioni ICI/IMU di anni precedenti è previsto in € 405.000,00
L’ente dovrà provvedere a norma dell’art. 31, comma 19, della legge 289/2002 a comunicare ai proprietari la natura di
area fabbricabile del terreno posseduto.
Nella spesa è prevista la somma di € 45.000,00 per eventuali rimborsi di ICI/IMU di anni precedenti.
Addizionale comunale Irpef
Il Commissario straordinario dell’ente con regolamento approvato con delibera n. 2 del 29/11/2012, ha disposto
l’adozione delle addizionali Irpef da applicare nella seguente misura, non modificate nel presente bilancio dall’organo
consiliare:
- aliquote progressive sulla base degli scaglioni Irpef come segue
a)
b)
c)
d)
fino a euro 15.000,00
oltre euro 15.000,00 fino a euro 28.000,00
oltre euro 28.000,00 fino a euro 55.000,00
oltre euro 55.000,00 fino a euro 75.000,00
oltre euro 75.000,00
0,50%
0,60%
0,70%
0,79%
0,80%
Il gettito è previsto in € 1.436.000,00 tenendo conto del saldo 2012 e dell’acconto 2013 introitati nel 2013 già a regime
con le stesse aliquote previste per il 2014.
______________
Fondo di solidarietà comunale
Il fondo di solidarietà comunale di cui al comma 380 dell’art. 1 della legge 228/2012 è stato previsto in € 1.166.584,00
tenendo conto:
- quota base accertata nel 2013
1.760.097,00
- stima riduzione trasferimenti per il 2014 (art. 16 c. 6 DL 95/2013
-75.574,00
- stima riduzione trasferimenti per il 2014 (art. 1 c. 203 L. 147/2013) -8.663,00
- stima riduzione trasferimenti per il 2014 (art. 1 c. 730 L. 147/2013) -17.326,00
- stima diminuzione a compensazione del maggior gettito TASI
-492.000,00
Le entrate per IMU e fondo sperimentale di riequilibrio e fondo di solidarietà comunale hanno subito la seguente
evoluzione:
Imu
fondo sperimentale di riequilibrio
fondo di solidarietà comunale
totale
prev.def.2013
Previsione 2014
4.543.746,00
4.551.046,00
0,00
0,00
1.797.245,00
6.340.991,00
1.166.584,00
5.717.630,00
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
27
Imposta di scopo
Il Consiglio non ha istituito l’imposta di scopo.
Imposta di soggiorno
Il Comune, ai sensi dell’art. 4 del D.Lgs. 23/2011, ha istituito con delibera Consiliare n. 40 del 19/12/2013 l’imposta di
soggiorno. Con deliberazione di Giunta comunale n. 7 del 21/01/2014 sono stati stabiliti ei seguenti parametri:
Strutture ricettive alberghiere
Una stella
Due stelle
Tre stelle
Quattro stelle
Cinque stelle
Altre Strutture Ricettive
Altre Strutture Ricettive
Imposta per persona e per ogni pernottamento
fino ad un massimo di cinque per mese
€ 0,50
€ 0,60
€ 0,80
€ 1,00
Imposta per persona e per ogni pernottamento
fino ad un massimo di cinque per mese
€ 0,50
La previsione per l’anno 2014 è di € 80.000,00 basata sulla presenza media degli ultimi due anni.
Il gettito è destinato a finanziare interventi in materia di turismo, manutenzione, fruizione e recupero beni culturali e
ambientali locali e dei relativi servizi pubblici locali.
TARI
L’ente ha previsto nel bilancio 2014, tra le entrate tributarie la somma di euro 2.530.514,00 per la tassa sui rifiuti
istituita con i commi da 641 a 668 dell’art.1 della legge 147/2013 (legge di stabilità 2014) e 179.397,00 per ricasvi da
evndita materiali di recupero per complessivo € 2.709.911
La previsione comprende il tributo provinciale nella misura deliberata dalla provincia ai sensi del comma 666 dell’art.
1 della legge 147/2013.
La tariffa, tenuto conto degli introiti di cui sopra, è determinata sulla base della copertura integrale dei costi di
investimento e di esercizio del servizio rifiuti compresi quelli relativi alla realizzazione ed esercizio della discarica ad
esclusione dei costi relativi ai rifiuti speciali al cui smaltimento provvedono a proprie spese i relativi produttori
comprovandone il trattamento.
La disciplina dell´applicazione del tributo sarà approvata con regolamento dal Consiglio comunale.
Il Consiglio Comunale approverà le tariffe entro il termine fissato per l´approvazione del bilancio di previsione.
TASI
L’ente ha previsto nel bilancio 2014, tra le entrate tributarie la somma di euro 492.000,00 per il tributo sui servizi
indivisibili (TASI) istituito con i commi da 669 a 681 dell’art.1 della legge 147/2013.
La disciplina dell´applicazione del tributo sarà approvata con regolamento dal Consiglio comunale.
L’aliquota massima complessiva dell’IMU e della TASI non supera i limiti prefissati dalla sola IMU per ciascuna
tipologia di immobile come disposto dal comma 677 dell’art.1 della legge 147/2013.
L’aliquota massima stabilita per l’anno 2014 non supera il 2,5 per mille.
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
28
Proventi da partecipazione all’attività di accertamento tributario e contributivo
La previsione per complessivi euro 405.000,00 è così suddivisa:
€ 280.000,00 da accertamenti previsti nella’anno 2014 relativi all’anno di imposta 2010;
€ 125.000,00 per introiti su ruoli.
Rispetto ai precedenti esercizi, in aderenza i nuovi principi contabili concernenti la contabilità finanziaria, per l’importo
di € 280.000 viene previsto un fondo crediti di dubbia esigibilità pari ad € 106.000 e calcolato come previsto dalla
nomativa sul 50% della percentuale media di mancati introiti rispetto agli accertamenti degli anni dal 2008 al 2012.
Risorse relative al recupero dell’evasione tributaria
Le entrate relative all’attività di controllo delle dichiarazioni subiscono le seguenti variazioni:
Prev. Def. 2013
ICI/IMU
Prev.2014
140.000.00
405.000,00
Prev.2015
405.000,00
Prev.2016
405.000,00
Trasferimenti correnti dallo Stato
Il gettito dei trasferimenti erariali è così suddiviso:
-
Fondo sviluppo investimenti € 94.313,00 sulla base dei mutui con contributo statale in essere al 01/01/2014
Fondo di solidarietà comunale € 1.166.534 sulla base del 2013 decurtato di tagli ai traferimenti stimati.
Altri trasferimenti € 1.023.000 sulla base dei trasferimenti 2013 (libri di testo, visite fiscali, compensazioni per
minori introiti addizionale comunale irpef, 5 per mille, esenzione IMU abitazione principale in attesa di definizione
dell’imposta TASI)
Contributi per funzioni delegate dalla regione
I contributi per funzioni delegate dalla Regione sono previsti in euro 286.500,00 e sono specificatamente destinati per
uguale importo nella spesa.
Il Collegio rileva che dalla tabella prevista dal D.P.R. 194/1996 allegata la bilancio riportante il quadro analitico per
funzioni, servizi ed interventi delle spese per funzioni delegate dalla regione predisposta secondo le norme regionali ai
sensi dell’articolo 165, punto 12, del TUEL risulta un importo complessivo di € 179.500. La differenza di € 107.000 è
da attribuirsi all’assistenza domicilare non indicata nella tabella pur essendo prevista nel bilancio sia come entrata che
come spesa.
Contributi da parte di organismi comunitari e internazionali
I contributi di organismi comunitari ed internazionali sono previsti in euro 70.000,00 e sono specificatamente destinati
per uguale importo nella spesa, come risulta dalla tabella prevista dal D.P.R. 194/1996 riportante il quadro analitico
per funzioni, servizi ed interventi delle spese finanziate con fondi comunitari e internazionali.
Proventi dei servizi pubblici
Il dettaglio delle previsioni di entrata e spesa dei servizi dell’ente suddivisi tra servizi a domanda individuale, servizi
indispensabili e servizi diversi è il seguente:
Servizi a domanda individuale
Entrate/prov.
prev. 2014
Asilo nido
185.000,00
Spese/costi
prev. 2014
%
copertura 2014
%
copertura 2013
196.120,00
94,33%
103,41%
47,71%
21,37%
CER
49.000,00
106.980,00
45,80%
Impianti sportivi
61.567,00
264.419,00
23,28%
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
29
Mense scolastiche
530.000,00
Trasporto scolastico
70.000,00
697.469,00
75,99%
397.611,00
17,61%
74,26%
19,40%
19.996,00
202,54%
228,65%
Illuminazioni votive
40.500,00
Altri servizi
78.283,00
64.153,00
122,03%
138,96%
1.014.350,00
1.746.748,00
58,07%
58,48%
Totale
L’organo esecutivo con deliberazione n. 27 del 04/02/2014 allegata al bilancio, ha determinato la percentuale
complessiva di copertura dei servizi a domanda individuale nella misura del 58,07%.
Sanzioni amministrative da codice della strada
I proventi da sanzioni amministrative sono previsti per il 2014 in € 650.000,00 di cui 600.000 relativi al violazioni del
CDS. Con atto G.C. n. 26 del 04/02/2014 le entrate da violazioni al CDS sono state destinate alle finalità di cui agli
articoli 142 e 208, comma 4, del codice della strada, come modificato dalla legge 120/2010.
Con la stessa deliberazione la somma vincolata risultante è stata così destinata:
-
€ 165.375,00 (50% della stima degli introiti da altre violazioni del CDS) alle finalità del comma 4 dell’art. 208 del
CDS.
-
€ 194.250,00 (100% della stima degli introiti da violazioni dell’art. 142 del CDS) alle finalità del comma 12 dell’art.
142 del CDS.
La quota vincolata pari ad € 359.625,00 è destinata a:
Titolo I spesa per euro 172.800,00.
Titolo II spesa per euro 186.825,00.
L’entrata presenta il seguente andamento:
Accertamento 2011
518.778,61
Accertamento 2012
Accertamento
provv. 2013
500.485,00
455.795,00
La seguente tabella dimostra che la parte vincolata dell’entrata è stata correttamente destinata agli usi
stabiliti dalla legge:
Accertamento 2011 Accertamento 2012
Sanzioni
CdS
a Spesa Corrente e per
investimenti
Perc. di spesa
accertamenti
Prev. ass. 2013
259.389,00
250.242,00
310.784,00
50,00%
50,00%
68,18%
sugli
Rispetto ai precedenti esercizi, in aderenza i nuovi principi contabili concernenti la contabilità finanziaria, per l’importo
di € 600.000 viene previsto un fondo crediti di dubbia esigibilità pari ad € 75.000 e calcolato come previsto dalla
nomativa sul 50% della percentuale media di mancati introiti rispetto agli accertamenti degli anni dal 2008 al 2012.
Cosap (Canone occupazione spazi ed aree pubbliche)
L’ente ha istituito, ai sensi dell’art. 63 del D.Lgs. 446/1997, con regolamento approvato con atto del Consiglio n. 71 del
01/10/1998, il canone per l’occupazione di spazi e aree pubbliche.
Il gettito del canone per il 2014 è previsto in € 90.000,00 sulla base degli atti di concessione in essere e di quelli
programmati per il 2014.
Utili netti delle aziende speciali e partecipate, dividendi di società
Non sono previsti utili e dividendi da parte di organismi partecipati.
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
30
SPESE CORRENTI
Il dettaglio delle previsioni delle spese correnti classificate per intervento, confrontate con i dati del rendiconto 2012 e
con le previsioni dell’esercizio 2013 definitive e le previsioni 2014, è il seguente tenuto conto che la previsione 2014
viene di seguito evidenziata secondo la precedente classificazione:
Classificazione delle spese correnti per intervento
Rendiconto
2012
Prev. Def. 2013/
Rendic. 2013
Previsione
2014
Var. ass.
2014 - 2013
Var. %
2014 - 2013
4.325.676,11
4.311.189,00
4.312.825,00
1.636,00
0,04%
302.349,42
345.697,00
380.058,00
34.361,00
9,94%
6.988.314,94
7.493.744,00
7.399.471,00
-94.273,00
-1,26%
27.790,75
26.528,00
20.000,00
-6.528,00
-24,61%
1.219.016,54
2.514.556,00
2.287.048,00
-227.508,00
-9,05%
06 - Interessi passivi e oneri finanziari diversi
765.705,78
712.608,00
661.683,00
-50.925,00
-7,15%
07 - Imposte e tasse
479.093,58
526.800,00
460.600,00
-66.200,00
-12,57%
84.915,92
1.230.896,00
64.000,00
-1.166.896,00
-94,80%
01 - Personale
02 - Acquisto beni di consumo e/o materie prime
03 - Prestazioni di servizi
04 - Utilizzo di beni di terzi
05 - Trasferimenti
08 - Oneri straordinari della gestione corrente
09 - Ammortamenti di esercizio
0,00
0,00
0,00
10 - Fondo svalutazione crediti
0,00
570,00
315.000,00
11 - Fondo di riserva
0,00
0,00
49.500,00
49.500,00
14.107.947,12
17.162.588,00
15.950.185,00
-1.212.403,00
Totale spese correnti
0,00
0.00
314.430,00 55163,16%
0.00
Le seguenti due tabelle riportano la differente ripartizione delle spese correnti previste per l’esercizio 2014 secondo il
vecchio ed il nuovo schema di bilancio
Spesa corrente per Interventi
(Vecchio bilancio)
Previsione 2014
4.312.825,00
01 -personale:
380.058,00
02-acquisto beni:
03-prestazioni servizi:
7.399.471,00
20.000,00
04-utilizzo beni di terzi:
05-trasferimenti a terzi:
06-interessi passivi:
07-imposte, tasse:
2.287.048,00
661.683,00
460.600,00
64.000,00
08-Oneri straordinari
11- Fondo Svalutazione Crediti
12-Fondo di riserva
Totale
0,00
315.000,00
49.500,00
15.950.185,00
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
31
Spesa corrente per
Macroaggregati (Bilancio
armonizzato)
Previsione 2014
101 - Redditi da lavoro dipendente
4.312.825,00
102 - Imposte e tasse a carico
dell'ente
103 - Acquisto di beni e servizi
460.600,00
7.799.529,00
104 - Trasferimenti correnti
108 - Interessi passivi
109 - Altre spese correnti
Totale
2.287.048,00
661.183,00
429.000,00
15.950.185,00
Spese di personale
La spesa del personale prevista per l’esercizio 2014 in € 4.312.825,00 riferita a n. 117 dipendenti, pari a € 36.861 per
dipendente, tiene conto della programmazione del fabbisogno, del piano delle assunzioni e:

Dei vincoli disposti dall’art. 76 del D.L. 112/2008 sulle assunzioni di personale a tempo indeterminato;

Dei vincoli disposti dall’1/1/2013 dall’art. 9, comma 28, del D.L. 78/2010 sulla spesa per personale a tempo
determinato, con convenzioni o con contratti di collaborazione coordinata e continuativa;

Dell’obbligo di riduzione della spesa di personale disposto dall’art. 1, comma 557, della legge 296/2006;

degli oneri relativi alla contrattazione decentrata previsti per euro 637.690,00 pari al 14,78% delle spese
dell’intervento 01.
L’incidenza percentuale delle spese di personale rispetto alle spese correnti ai sensi del comma 7 dell’art. 76 del D.L.
112/2008 risulta del 26,55%; (Spese personale 4.234.742,00 / Spese correnti 15.950.185,00)
L’organo di revisione ha provveduto, ai sensi dell’articolo 19, punto 8, della legge 448/2001, ad accertare che i
documenti di programmazione del fabbisogno di personale siano improntati al rispetto del principio di riduzione
complessiva della spesa, previsto dall’articolo 39 della legge 449/1997.
Gli oneri della contrattazione decentrata previsti per gli anni dal 2014 al 2016, non superano il corrispondente importo
impegnato per l’anno 2010 e sono automaticamente ridotti in misura proporzionale alla riduzione del personale in
servizio, come disposto dall’art. 9 del D.L. 78/2010.
Il trattamento economico complessivo previsto per gli anni dal 2014 al 2016 per i singoli dipendenti, ivi compreso il
trattamento economico accessorio, non supera il trattamento economico spettante per l’anno 2010, come disposto
dall’art. 9, comma 1, del D.L. 78/2010.
L’ente, nell’anno 2013, non ha esternalizzato nessun servizio e non ha acquisito sul mercato servizi originariamente
prodotti al proprio interno
Limitazione spese di personale
Le spese di personale, come definite dall’art. 1, comma 557, della Legge 296/2006, subiscono la seguente variazione:
anno
Importo
2012
4.288.808
2013
4.080.806
2014
4.234.746
2015
4.234.742
2016
4.167.080
Con riferimento all'esercizio 2014, per gli enti in sperimentazione, la verifica del limite riguardante la spesa del
personale di cui all'articolo 1, comma 557, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modificazioni è stata
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
32
effettuata con riferimento all'esercizio 2012, in assenza di specifica indicazione ma in analogia con quanto previsto dal
DL 102/2013.
Tali spese sono così distinte ed hanno la seguente incidenza:
spesa intervento 01
spese incluse nell'int.03
irap
altre spese incluse
Totale spese di personale
spese escluse
Spese soggette al limite (c. 557 o 562)
Spese correnti
Incidenza % su spese correnti
Rendiconto 2012
4.325.676,11
0,00
272.595,82
23.892,52
4.622.164,45
333.546,29
4.288.618,16
17.162.588,00
24,99%
Previsione
2014
4.312.825,00
0,00
245.000,00
20.671,00
4.578.496,00
341.750,00
4.236.746,00
15.950.185,00
26,56%
Limitazione trattamento accessorio
L’ammontare delle somme destinate al trattamento accessorio previste in bilancio non superano il corrispondente
ammontare dell’esercizio 2010 ridotto annualmente in misura proporzionale all’eventuale riduzione del personale in
servizio come disposto dal comma 2 bis dell’art. 9 del D.L. 78/2010.
Spese per incarichi di collaborazione autonoma (art. 46 D.L. 112/2008 convertito nella legge 133/2008)
Il limite massimo previsto in bilancio per incarichi di collaborazione autonoma è di euro 11.728,00.
I contratti di collaborazione potranno essere stipulati con riferimento alle attività istituzionali stabilite dalla Legge o con
riferimento al programma approvato dal Consiglio.
L’ente pubblica regolarmente nel sito istituzionale i provvedimenti di incarico con l’indicazione dei soggetti percettori,
della ragione dell’incarico e del compenso.
Spese per acquisto beni, prestazione di servizi e utilizzo di beni di terzi
In relazione ai vincoli posti dal patto di stabilità interno, dal piano triennale di contenimento delle spese di cui all’art. 2,
commi da 594 a 599, della Legge 244/2007, delle riduzioni di spesa disposte dall’art. 6 del D.L. 78/2010 e di quelle
dell’art. 1, comma 146, della legge 228/2012.
In particolare le previsioni per l’anno 2014 rispettano i seguenti limiti:
Tipologia della spesa
Spese per studi e incarichi di consulenza
Spese per relazioni pubbliche, convegni,
mostre, pubblicità e rappresentanza
Spese per sponsorizzazioni
Rendiconto Riduzione
2009
disposta %
Limite
Ulteriore
riduzione
20,00%
Nuovo
limite
10.425,32
Previsione
2014
65.158,27
80,00%
13.031,65
8.000,00
131.924,50
80,00%
26.384,90
21.000,00
0,00 100,00%
0,00
0,00
Spese per missioni
11.597,39
50,00%
5.798,70
5.749,00
Spese per attività di formazione
18.012,24
50,00%
9.006,12
6.671,00
Spese per acquisto, manutenzione,
noleggio ed esercizio di autovetture ed
acquisto buoni taxi
32.176,03
50,00%
16.088,02
27.000,00
70.309,38
68.420,00
258.868,43
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
33
Si evidenzia che con regolamento per il conferimento degli incarichi di collaborazione ad esperti esterni con contratto
di lavoro autonomo approvato con delibera commissariale n. 52 del 12/04/2013 vengono trattate in maniera unitaria le
spese per incarichi di collaborazione autonoma art. 46 DL 112/2008 e le spese per studi, ricerche e consulenze cos’
come previsto dall’art. 2, commi da 594 a 599, delle legge 244/2007.
Oneri straordinari della gestione corrente
A tal fine è stata prevista nel bilancio 2014 la somma di euro 64.000,00 destinata alle seguenti tipologia di spesa:
45.000 sgravi di imposte e tasse
15.000 rimborsi diversi
4.000 altri oneri
Fondo svalutazione crediti
Per il bilancio di previsione 2014 si è provveduto a destinare risorse a fondo svalutazione crediti, a fronte delle entrate
di dubbia esigibilità, così come previsto dal principio contabile applicato della contabilità finanziaria, vigente per gli Enti
in sperimentazione del nuovo sistema contabile per gli Enti locali. Il principio recita:
“Per i crediti di dubbia e difficile esazione accertati nell’esercizio è effettuato un accantonamento al fondo di
svalutazione crediti, vincolando a tal fine una quota dell’avanzo di amministrazione. A tal fine è stanziata nel bilancio
di previsione una apposita posta contabile, denominata “Accantonamento al fondo svalutazione crediti” il cui
ammontare è determinato in considerazione della dimensione degli stanziamenti relativi ai crediti che si prevede si
formeranno nell’esercizio, della loro natura e dell’andamento del fenomeno negli ultimi cinque esercizi precedenti (la
media del rapporto tra incassi e accertamenti per ciascuna tipologia di entrata). L’accantonamento al fondo
svalutazione crediti non è oggetto di impegno e genera un’economia di bilancio che confluisce nell’avanzo di
amministrazione come quota vincolata.”
Lo stanziamento iniziale del Fondo svalutazione crediti è pari a € 315.000,00.
Tabella riepilogativa della modalità di costruzione del fondo (Bilancio Armonizzato):
COMPOSIZIONE FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA’
Imposte, tasse e proventi assimilati
TARIFFA RIFIUTI E SERVIZI TARES
Importo accertabile
periodo
a competenza
2008
2009
2010
2011
2012
totali
A
2.070.568,28
2.128.300,72
2.218.028,07
2.359.376,56
2.431.466,54
7.008.871,17
stanziato *
fondo svalutazione calcolato
fondo svalutazione applicato
Incassi
% riscosso
competenza +
(incassi/acc.to)
residui
B
C=B/A
1.952.714,22
94,31%
1.996.193,11
93,79%
2.046.418,72
92,26%
2.164.412,58
91,74%
2.202.089,10
90,57%
6.412.920,40
462,67%
%
riscosso
%
non riscosso
D=C/5
E=100-D
92,53%
7,47
2.530.514
189.029
200.000
* voce al netto del contributo CONAI di €. 179.397
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
34
IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA’
periodo
2008
2009
2010
2011
2012
totali
Importo accertabile
a competenza
A
305.165,67
284.668,49
279.584,00
308.728,00
298.798,00
1.476.944,16
stanziato
fondo svalutazione calcolato
fondo svalutazione applicato
Incassi
% riscosso
competenza +
(incassi/acc.to)
residui
B
C=B/A
296.933,96
97,30%
283.560,64
99,61%
213.458,48
76,35%
279.465,00
90,52%
280.497,00
93,88%
1.353.915,08
457,66%
%
riscosso
%
non riscosso
D=C/5
E=100-D
91,53%
8,47
320.000
27.104
30.000
IMPOSTA COMUNALE IMMOBILI – ACCERTAMENTI (riscossa attraverso altri mezzi)
periodo
2008
2009
2010
2011
2012
totali
Importo accertabile
a competenza
A
219.224,20
216.935,76
364.597,52
354.715,99
335.256,95
1.490.730,42
stanziato
fondo svalutazione calcolato
fondo svalutazione applicato
Incassi
% riscosso
competenza +
(incassi/acc.to)
residui
B
C=B/A
84.435,25
38,52%
81.754,33
37,69%
65.629,87
18,00%
76.322,66
21,52%
23.590,60
7,04%
331.732,71
122,76%
%
riscosso
%
non riscosso
D=C/5
E=100-D
24,55%
75,45
280.000
211.260
212.000
Lo stanziamento del capitolo “IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' (RISCOSSA ATTRAVERSO ALTRE
FORME)” è previsto per €. 320.000. Il fondo crediti di dubbia esigibilità viene calcolato solamente su 280.000 €
relativi ad avvisi di accertamento che si prevede di emettere nell’anno. I restanti 40.000 € sono incassi che si
prevedono di introitare da avvisi di accertamento emessi negli anni scorsi. Come da punto 3.3 del principio contabile
concernente la contabilità finanziaria (allegato n. 2 al Dpcm 28/12/2011), le entrate che negli esercizi precedenti a
quello di entrata in vigore del presente principio applicato sono state accertate “per cassa” devono continuare ad
essere accertate per cassa fino al loro esaurimento.
Totale fondo crediti di dubbia esigibilità su “imposte, tasse e proventi assimilati”: 442.000€
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
35
Entrate extra-tributarie
REFEZIONE SCOLASTICA
periodo
2008/2009
2009/2010
2010/2011
2011/2012
2012/2013
totali
Importo accertabile
a competenza
A
382.681,78
392.162,30
395.418,42
412.430,31
453.648,60
2.036.341,41
Stanziato *
fondo svalutazione calcolato
fondo svalutazione applicato
Incassi
% riscosso
competenza +
(incassi/acc.to)
residui
B
C=B/A
366.528,89
95,78%
385.940,48
98,41%
353.061,82
89,29%
394.782,98
95,72%
389.473,73
85,85%
1.889.787,90
465,06%
%
riscosso
%
non riscosso
D=C/5
E=100-D
93,01%
6,99
455.000
31.804
32.000
* Il dato non contiene gli introiti dalla fondazione bacilieri (€. 75.000) , in quanto non presentano crediti di dubbia
esigibilità.
TRASPORTO SCOLASTICO
periodo
2008/2009
2009/2010
2010/2011
2011/2012
2012/2013
totali
Importo accertabile
a competenza
A
57.720,00
66.366,50
70.897,50
66.056,00
79.845,00
340.885,00
stanziato
fondo svalutazione calcolato
fondo svalutazione applicato
Incassi
% riscosso
competenza +
(incassi/acc.to)
residui
B
C=B/A
53.870,22
93,33%
63.280,45
95,35%
63.853,48
90,06%
62.445,40
94,53%
67.544,90
84,60%
310.994,45
457,87%
%
riscosso
%
non riscosso
D=C/5
E=100-D
91,57%
8,43
70.000
5.901
6.000
Totale fondo fondo crediti di dubbia esigibilità su entrate extratributarie derivanti vendita di beni e servizi e proventi
derivanti dalla gestione dei beni €. 38.000
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
36
Tipologia 200: proventi derivanti dall’attività di controllo e repressione delle irregolarità e degli illeciti
SANZIONI AMMINISTRATIVE AL CODICE DELLA STRADA
Importo accertabile
a competenza
periodo
2008
2009
2010
2011
2012
totali
A
318.620,27
435.003,60
412.623,92
595.260,48
612.141,27
2.373.649,54
stanziato
fondo svalutazione calcolato
fondo svalutazione applicato
Incassi
% riscosso
competenza +
(incassi/acc.to)
residui
B
C=B/A
165.697,69
52,00%
343.198,36
78,90%
391.898,56
94,98%
449.324,12
75,48%
472.458,43
77,18%
1.822.577,16
378,54%
%
riscosso
%
non riscosso
D=C/5
E=100-D
75,71%
24,29
600.000
145.740
150.000
Totale fondo crediti di dubbia esigibilità su “proventi derivanti dall’attività di controllo e repressione delle irregolarità e
degli illeciti” €. 150.000
TABELLA RIASSUNTIVA FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA’ 2014 (al 50 %)
tipologia
denominazione
Stanziamento
e 10.086.557,00
Accantonamento
obbligatori
accantonamento
al fondo %
Accantonamento
effettivo bilancio
220.896
2,19 %
221.000
1010100
Imposte,
tasse
proventi assimilati
3010000
Vendita beni e servizi 3.000.940,00
proventi derivanti dalla
gestione beni
18.852
0,63 %
19.000
3020000
Proventi
derivanti
dall’attività controllo
72.875
11,53 %
75.000
TOTALE
650.000,00
312.623
315.000
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
37
TABELLA RIASSUNTIVA FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA’ 2015 (al 75 %)
denominazione
Stanziamento
Accantonamento
obbligatori
accantonamento al
fondo %
Accantonamento
effettivo bilancio
10101
Imposte, tasse e
proventi assimilati
10.086.557,00
320.545
3,29 %
331.500
3010000
Vendita beni e 2.960.940,00
servizi
proventi
derivanti
dalla
gestione beni
28.279
0,96 %
28.500
3020000
Proventi derivanti
dall’attività
controllo
109.305
17,31 %
112.500
tipologia
650.000,00
TOTALE
458.129
472.500
TABELLA RIASSUNTIVA FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA’ 2016 (al 100 %)
denominazione
Stanziamento
Accantonamento
obbligatori
accantonamento al
fondo %
Accantonamento
effettivo bilancio
10101
Imposte, tasse e
proventi assimilati
10.086.557,00
427.393
4,38 %
442.000
3010000
Vendita beni e 2.920.940,00
servizi
proventi
derivanti
dalla
gestione beni
37.705
1,30 %
38.000
3020000
Proventi derivanti
dall’attività
controllo
145.740
23,08 %
150.000
tipologia
TOTALE
650.000,00
610.838
630.000
Fondo di riserva
La consistenza del fondo di riserva ordinario rientra nei limiti previsti dall’articolo 166 del TUEL ed in quelli previsti dal
regolamento di contabilità ed è pari al 0,31% delle spese correnti.
ORGANISMI PARTECIPATI
Nel corso del 2013 l’ente non ha esternalizzato nessun servizio.
Per l’anno 2014, l’ente non prevede nessuna esternalizzazione.
Nelle previsioni si è tenuto conto del divieto disposto dall’art. 6, comma 19, del D.L. 78/2010, di apporti finanziari a
favore di società partecipate che abbiano registrato per tre esercizi consecutivi perdite di esercizio o che abbiano
utilizzato riserve disponibili per il ripiano di perdite anche infrannuali.
Nessuna società ha registrato perdite nei tre esercizi consecutivi 2010-2011Tutti gli organismi partecipati hanno approvato il bilancio d’esercizio al 31/12/2012 e tale documento è allegato al
bilancio di previsione.
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
38
SPESE IN CONTO CAPITALE
L’ammontare della spesa in conto capitale secondo i “vecchi” modelli, pari a € 4.066.680,00, è pareggiata dalle
entrate ad essa destinate nel rispetto delle specifiche destinazioni di legge, come dimostrato nel punto 5 delle
verifiche degli equilibri. Nel bilancio armonizzato la spesa complessiva in conto capitale ammonta ad € 4.066.680,00
di cui € 412.834,00 per Fondo Pluriennale Vincolato e € 0,00 di spese per incremento attività finanziarie (Titolo 3).
Indebitamento
Le spese d’investimento previste nel 2014 non vengono finanziate con indebitamento.
Investimenti senza esborsi finanziari
Oltre agli investimenti previsti nel bilancio, non sono previsti per l’anno 2014 altri investimenti senza esborso
finanziario.
Proventi da alienazioni immobiliari
L’ente non ha previsto di destinare il il 10% dei proventi netti da alienazione al fondo ammortamento dei titoli di Stato
ne di impegnare il medesimo inporto al titolo 2° della spesa o vincolare una parte dell’avanzo di amministrazione.
INDEBITAMENTO
L’ammontare dei prestiti previsti per il finanziamento di spese in conto capitale risulta compatibile per l’anno 2014 con
il limite della capacità di indebitamento previsto dall’articolo 204 del TUEL come dimostrato dal calcolo riportato nel
seguente prospetto.
Verifica della capacità di indebitamento
Entrate correnti (Titoli I, II, III) Rendiconto 2012
Limite di impegno di spesa per interessi passivi
8,00%
Interessi passivi sui mutui in ammortamento e altri
debiti
Incidenza percentuale sulle entrate correnti
Euro
15.740.634,97
Euro
1.259.250,80
Euro
650.443
%
Importo impegnabile per interessi su nuovi mutui
Euro
4,13%
608.807,80
Gli interessi passivi relativi alle operazioni di indebitamento garantite con fidejussione rilasciata dall’ente ai sensi
dell’art. 207 del TUEL ammontano ad euro 4.600,33.
L’incidenza degli interessi passivi compresi quelli derivanti da garanzie fideiussorie prestate al netto sei contributi
statali e regionali in conto interessi, sulle entrate correnti del penultimo rendiconto precedente o su quelle previste è
così prevista in relazione anche ai limiti di cui al citato art. 204 del TUEL.
Interessi passivi
entrate correnti
% su entrate correnti
Limite art.204 TUEL
2014
2015
2016
650.443,00
601.985,00
555.549,00
17.245.954,00 17.115.939,00 17.022.477,00
3,77%
3,52%
3,26%
8,00%
8,00%
8,00%
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
39
Interessi passivi e oneri finanziari diversi
La previsione di spesa per interessi passivi e oneri finanziari diversi, pari a € 661.683,00, è congrua sulla base del
riepilogo predisposto dal responsabile del servizio finanziario dei mutui e degli altri prestiti contratti a tutt’oggi e rientra
nel limite di indebitamento previsto dall’articolo 204 del TUEL come modificato dall’art. 8 della legge 183/2011.
L’indebitamento dell’ente subisce la seguente evoluzione:
Anno
Residuo debito (+)
2011
2012
2013
2014
2015
2016
19.739.420,00
18.338.734,00
17.176.279,98
16.105.817,76
14.996.873,76
13.910.685,76
-1.400.686,00
-1.162.454,02
-1.070.462,22
-1.108.944,00
-1.086.188,00
-1.003.518,00
18.338.734,00
17.176.279,98
16.105.817,76
14.996.873,76
13.910.685,76
12.907.167,76
19.897,00
19.810,00
19.868,00
19.868,00
19.868,00
19.868,00
921,68
867,05
810,64
754,82
700,15
649,64
Nuovi prestiti (+)
Prestiti rimborsati (-)
Estinzioni anticipate (-)
Altre variazioni +/- (da specificare)
Totale fine anno
Nr. Abitanti al 31/12
Debito medio per abitante
Gli oneri finanziari per ammortamento prestiti ed il rimborso degli stessi in conto capitale registra la seguente
evoluzione:
Anno
Oneri finanziari
Quota capitale
Totale fine anno
2011
2012
2013
2014
2015
2016
822.305,00
765.378,00
711.503,00
661.183,00
609.901,00
562.270,00
1.400.686,00
1.162.454,02
1.070.469,00
1.108.944,00
1.086.188,00
1.003.518,00
2.222.991,00 1.927.832,02 1.781.972,00
1.770.127,00 1.696.089,00 1.565.788,00
Anticipazioni di cassa
Il seguente prospetto evidenzia il limite per aticipazioni di cassa che deve essere non oltre il 25% delle entrate correnti
previsto dalle norme vigenti:
Entrate correnti (Titolo I, II, III)
Euro
15.740.634,97
Anticipazione di cassa
Euro
3.935.158,74
Percentuale
25,00%
STRUMENTI FINANZIARI ANCHE DERIVATI
L’ente non ha in corso strumenti di finanza derivata
CONTRATTI DI LEASING
L’ente non ha in corso contratti di locazione finanziaria.
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
40
VERIFICA ATTENDIBILITA’ E CONGRUITA’ BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016
Il bilancio pluriennale è redatto in conformità a quanto previsto dall’art. 171 del TUEL e secondo lo schema approvato
con il D.P.R. 194/1996.
Il documento, per la parte relativa alla spesa, è articolato in missioni, programmi e titoli.
Le spese correnti sono ripartite tra consolidate e di sviluppo.
Gli stanziamenti previsti nel bilancio pluriennale, che per il primo anno coincidono con quelli del bilancio annuale di
competenza, hanno carattere autorizzatorio costituendo limiti agli impegni di spesa.
Le previsioni di entrata e di spesa iscritte nel bilancio pluriennale tengono conto:

dell’osservanza dei principi del bilancio previsti dall’articolo 162 del Tuel e dei postulati dei principi contabili degli
enti locali e del principio contabile n. 1;

DEI NUOVI PRINCIPI E SCHEMI CONTABILI DI CUI AL DLGS 118/2011

DEL PRINCIPIO DI COMPETENZA POTENZIATA

DEL FONDO SVALUTAZIONE CREDITI

DEL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO

dei mezzi finanziari destinati alla copertura delle spese correnti e al finanziamento delle spese di investimento;

della dimostrazione della capacità di ricorso alle fonti di finanziamento ai sensi dell’articolo 204 del Tuel;

degli impegni di spesa già assunti ai sensi dell’articolo 183, commi 6 e 7, dell’articolo 200 e dell’articolo 201,
comma 2, del TUEL;

delle linee programmatiche relative alle azioni e ai progetti da realizzare presentate all’organo consiliare ai sensi
dell’articolo 46, comma 3, del TUEL;

delle previsioni contenute nel programma triennale ed elenco annuale dei lavori pubblici;

delle previsioni contenute negli strumenti urbanistici;

dei piani economici-finanziari approvati e della loro ricaduta nel triennio;

della manovra tributaria e tariffaria deliberata o attuabile in rapporto alla normativa vigente;

della programmazione triennale del fabbisogno di personale di cui all’art. 91 del TUEL;

del rispetto del patto di stabilità interno;

del piano delle alienazioni e valorizzazione del patrimonio immobiliare;

delle riduzioni dei trasferimenti e dei vincoli sulle spese di personale.
Le previsioni pluriennali 2014-2016, suddivise per titoli, presentano la seguente evoluzione secondo il vecchio
schema:
Entrate
Previsione
Previsione
Previsione
2014
2015
2016
Totale triennio
Titolo I
Titolo II
11.253.141,00
1.652.313,00
11.253.141,00
1.562.298,00
11.253.141,00
1.508.836,00
33.759.423,00
4.723.447,00
Titolo III
Titolo IV
Titolo V
Titolo VI
4.340.500,00
3.879.855,00
5.000.000,00
1.979.500,00
4.300.500,00
1.699.166,00
5.000.000,00
1.979.500,00
4.260.500,00
2.180.240,00
5.000.000,00
1.979.500,00
12.901.500,00
7.759.261,00
15.000.000,00
5.938.500,00
28.105.309,00
0
28.105.309,00
25.794.605,00
0
25.794.605,00
26.182.217,00
0
26.182.217,00
80.694.965,00
0
80.694.965,00
15.950.185,00
15.842.926,00
15.832.134,00
47.625.245,00
Somma
Avanzo presunto
Totale
Titolo I
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
41
Titolo II
Titolo III
4.066.680,00
6.108.944,00
2.298.825,00
6.086.188,00
2.367.065,00
6.003.518,00
8.732.570,00
18.198.650,00
Titolo IV
1.979.500,00
28.105.309,00
0
28.105.309,00
1.979.500,00
26.207.439,00
0
26.207.439,00
1.979.500,00
26.182.217,00
0
26.182.217,00
5.938.500,00
80.494.965,00
0
80.494.965,00
Somma
Disavanzo presunto
Totale
La differenza di € 412.834,00 tra il totale delle entrate e delle spese previsione 2015 è dovuta al Fondo Pluriennale
Vincolato.
Per il raffronto della precedente tabella (Previsioni pluriennali - “Vecchio” Bilancio) con il Bilancio Armonizzato, si
riporta nuovamente il Quadro Riassuntivo Generale.
Quadro generale riassuntivo 2014
CASSA ANNO COMPETENZA
DI
ANNO DI
RIFERIMENTO RIFERIMENTO
DEL BILANCIO DEL BILANCIO
2014
2014
ENTRATE
Fondo di cassa presunto all'inizio dell'esercizio
2015
2016
5.069.057,09
Utilizzo avanzo presunto di amministrazione
0,00
0,00
0,00
Fondo pluriennale vincolato
0,00
412.834,00
0,00
Titolo 1 - Entrate correnti di natura tributaria, contributiva
e perequativa
11.811.881,00
11.253.141,00 11.253.141,00 11.253.141,00
Titolo 2 - Trasferimenti correnti
1.659.163,00
1.652.313,00
1.562.298,00
1.508.836,00
Titolo 3 - Entrate extratributarie
4.316.111,00
4.340.500,00
4.300.500,00
4.260.500,00
Titolo 4 - Entrate in conto capitale
4.395.910,00
3.879.855,00
1.699.166,00
2.180.240,00
0,00
0,00
0,00
0,00
Titolo 5 - Entrate da riduzione di attività finanziarie
Totale entrate finali
Titolo 6 - Accensione di prestiti
22.183.065,00
21.125.809,00 18.815.105,00 19.202.717,00
48.641,00
0,00
0,00
0,00
Titolo 7 - Anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere
5.000.000,00
5.000.000,00
5.000.000,00
5.000.000,00
Titolo 9 - Entrate per conto di terzi e partite di giro
2.024.500,00
1.979.500,00
1.979.500,00
1.979.500,00
7.073.141,00
6.979.500,00
6.979.500,00
6.979.500,00
Totale titoli
TOTALE COMPLESSIVO ENTRATE
29.256.206,00
28.105.309,00 26.207.439,00 26.182.217,00
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
42
CASSA ANNO COMPETENZA
DI
ANNO DI
RIFERIMENTO RIFERIMENTO
DEL BILANCIO DEL BILANCIO
2014
2014
SPESE
Disavanzo di amministrazione
0,00
Titolo 1 - Spese correnti
16.373.089,00
2015
2016
0,00
0,00
15.950.185,00 15.842.926,00 15.832.134,00
-di cui al fondo pluriennale vincolato
Titolo 2 - Spese in conto capitale
4.544.295,00
-di cui al fondo pluriennale vincolato
4.066.680,00
2.298.825,00
2.367.065,00
0,00
0,00
412.834,00
Titolo 3 - Spese per incremento di attività finanziarie
Totale spese finali
0,00
20.917.384,00
0,00
20.016.865,00 18.141.751,00 18.199.199,00
Titolo 4 - Rimborso di prestiti
1.108.944,00
1.108.944,00
1.086.188,00
1.003.518,00
Titolo 5 - Chiusura anticipazione da istituto
tesoriere/cassiere
5.000.000,00
5.000.000,00
5.000.000,00
5.000.000,00
Titolo 7 - Spese per conto di terzi e partite di giro
1.979.500,00
1.979.500,00
1.979.500,00
1.979.500,00
8.088.444,00
8.088.444,00
8.065.688,00
7.983.018,00
Totale titoli
TOTALE COMPLESSIVO SPESE
Fondo di cassa finale presunto
29.005.828,00
28.105.309,00 26.207.439,00 26.182.217,00
5.319.435,09
Spesa corrente per
Macroaggregati (Bilancio
armonizzato)
101 - Redditi da lavoro dipendente
102 - Imposte e tasse a carico
dell'ente
103 - Acquisto di beni e servizi
104 - Trasferimenti correnti
105 - Trasferimenti di tributi
106 - Fondi perequativi
107 - Interessi passivi
108 - Altre spese per redditi da
capitale
109 - Altre spese correnti
Totale
Previsione 2014 Previsione 2015 Previsione 2016
4.312.825,00
4.312.825,00
4.245.163,00
460.600,00
7.799.529,00
2.287.048,00
460.600,00
7.601.252,00
2.286.848,00
460.600,00
7.548.253,00
2.286.848,00
661.183,00
609.901,00
562.270,00
429.000,00
571.500,00
729.000,00
15.950.185,00
15.842.926,00
15.832.134,00
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
43
La spesa in conto capitale prevista nel bilancio pluriennale risulta così finanziata:
Previsione
2014
Fondo pluriennale vincolato
Previsione
2015
412.834,00
Previsione
2016
Titolo 4 Tip. 200 Contributi agli investimenti
279.400,00 1.199.166,00 900.240,00
Tip. 400 Entrata da alienazione da beni materiali e immateriali 3.100.455,00
0,00 780.000,00
Tip. 500 Altre entrate in conto capitale
500.000,00 500.000,00 500.000,00
Totale titolo 4 3.879.855,00 2.112.000,00 2.180.240,00
Titolo 6
Accensione di prestiti
Avanzo Economico
Av. di Amm.ne presunto "da avanzo"
Av. di Amm.ne presunto "da competenza"
Av. di Amm.ne presunto "da residui" economie mutui
BEI/MPS
0,00
186.825,00
0,00
0,00
186.825,00 186.825,00
Av. di Amm.ne presunto "da residui" economie Titolo 2
Totale Avanzo di Amministrazione 186.825,00
186.825,00 186.825,00
4.066.680,00 2.298.825,00 2.367.065,00
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
44
OSSERVAZIONI E SUGGERIMENTI
L’organo di revisione a conclusione delle verifiche esposte nei punti precedenti considera:
a) Riguardo alle previsioni parte corrente anno 2014
1) Congrue le previsioni di spesa ed attendibili le entrate previste sulla base:
- delle previsioni definitive 2013;
- della ricognizione dello stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri effettuata ai sensi dell'art.
193 del TUEL;
- del bilancio delle aziende speciali, consorzi, istituzioni e società partecipate;
- della valutazione del gettito effettivamente accertabile per i diversi cespiti d’entrata;
- degli effetti derivanti da spese disposte da leggi, contratti ed atti che obbligano giuridicamente l’ente;
- degli effetti derivanti dalla manovra finanziaria che l’ente ha attuato sulle entrate e sulle spese;
- dei vincoli sulle spese e riduzioni dei trasferimenti erariali;
- dei vincoli disposti per il rispetto del patto di stabilità interno e delle norme relative al concorso degli enti locali alla
realizzazione degli obiettivi di finanza pubblica.
b) Riguardo alle previsioni parte corrente pluriennali
Attendibili e congrue le previsioni contenute nel bilancio pluriennale in quanto rilevano:
-
i riflessi delle decisioni già prese e di quelle da effettuare descritte nella relazione previsionale e programmatica e
nel programma triennale del fabbisogno di personale;
-
gli oneri indotti delle spese in conto capitale;
-
gli oneri derivanti dalle assunzioni di prestiti pregressi.
c) Riguardo alle previsioni per investimenti
Conforme la previsione dei mezzi di copertura finanziaria e delle spese per investimenti, all’elenco annuale degli
interventi ed al programma triennale dei lavori pubblici, allegati al bilancio.
Il Collegio osserva che a seguito dell’adozione del nuovi principi contabili della competenza finanziaria potenziata vi è
una diversa rappresentazione fra il bilancio e il priano triennale delle opere. Per questo motivo suggerisce l’adozione
di un cronoprogramma che descriva con chiarezza il raccordo fra le previsioni di bilancio il piano triennale dei lavori
pubblici (Esempio: ampliamento scuola materna Il Fiore spesa prevista 870.000,00 da piano triennale delle opere e €
100.000 come stanziamento e € 412.834 come Fondo Pluriennale Vincolato).
Riguardo agli obiettivi di finanza pubblica (patto di stabilità)
Con le previsioni contenute nello schema di bilancio, l’ente può conseguire negli anni 2014, 2015 e 2016, gli obiettivi
di finanza pubblica.
e) Riguardo agli organismi partecipati
L’ente deve dotarsi di un idoneo sistema informativo finalizzato a rilevare i rapporti finanziari tra l’ente e le società
partecipate ed atto a monitorare la situazione contabile, gestionale e organizzativa ed il rispetto delle norme di legge
sui vincoli di finanza pubblica delle società partecipate direttamente ed indirettamente e degli altri organismi a cui
sono stati affidati servizi e funzioni.
f) Riguardo al sistema informativo contabile
L’organo di revisione, al fine di consentire il controllo delle limitazioni disposte, ritiene necessario che il sistema
informativo – contabile sia organizzato per la rilevazione contestuale delle seguenti spese:
- spese di personale come individuate dall’art.1 comma 557 della legge 296/2006,
- spese per incarichi di collaborazione autonoma (art. 46 legge 133/2008);
- spese sottoposte ai limiti di cui all’art. 6 del D.L. 78/2010;
- spese sottoposte ai limiti dell’art. 1, commi 138, 141 e 143, della legge 228/2012.
g) Salvaguardia equilibri
In sede di salvaguardia degli equilibri, sarà possibile modificare le tariffe ed aliquote dei tributi di propria competenza
in deroga all’art. 1, comma 169, della legge 296/2006.
In sede di salvaguardia degli equilibri, i proventi di alienazione potranno essere utilizzati solo per ripristinare gli
equilibri di parte capitale.
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
45
SUGGERIMENTI E RACCOMANDAZIONI
Il Collegio, in calce alla presente relazione, formula i seguenti suggerimenti e raccomandazioni:
Documenti obbligatori
Il Collegio, verificata la documentazione allegata al bilancio, raccomanda:
- l’adozione della deliberazione, entro l’approvazione del bilancio, con cui viene verificata la quantità, la qualità,
di aree e fabbricati da destinarsi alla residenza, alle attività produttive e terziarie che potranno essere ceduti in
diritto di proprietà o superficie stabilendone il prezzo di cessione per ciascun tipo di area o fabbricato;
- l’adozione delle deliberazioni. entro l’approvazione del bilancio, di determinazione di aliquote, tariffe, canoni,
che permettano da riportare a ragionevole certezza la previsione (IMU, TASI, TARI).
Fondo crediti di dubbia esigibilità
Il Collegio raccomanda un costante monitoraggio dei responsabili dei singoli servizi sull’andamento degli incassi
relativi alle entrate di loro competenza per adeguare tempestivamente il relativo fondo crediti di dubbia esigibilità.
Fondo contrattazione decentrata
Il Collegio, come già evidenziato negli anni precedenti, raccomanda che gli obiettivi siano definiti prima dell’inizio
dell’esercizio ed in coerenza con quelli di bilancio ed il loro conseguimento costituisca condizione per l’erogazione
degli incentivi previsti dalla contrattazione integrativa. (art. 5 comma 1 del D.Lgs. 150/2009. A tal fine richiede altresì
di essere preventivamente coinvolto sia in sede di costituzione del fondo che della sua successiva distribuzione a
consuntivo.
Lotta all’evasione
Relativamente agli accertamenti ICI, il Collegio sulla base delle disposizioni normative che prevedono un fondo crediti
di dubbia esigibilità pari al 50% della media della mancata riscossione degli accertamenti degli ultimi cinque anni,
considerato che tale accantonamento prevederebbe quindi un incasso di gran lunga superiore alla media degli anni
2008-2012, raccomanda attenzione e puntualità nell’operazione di recupero anche attraverso periodici e sistematici
riscontri.
Contabilità dell’ente
Il Collegio, al fine di una miglior controllo di merito suggerisce che gli introiti derivanti dalle violazioni al CDS siano
distinte rispetto alle altre.
Altre osservazioni
- Il Collegio, in merito alle spese per incarichi di collaborazione autonoma e alle spese per incarichi di studi,
ricerche e consulenze osserva che sono regolamentati unitariamente nonostante la normativa preveda vincoli
e limitazioni differenti.
Pertanto si suggerisce l’adozione di due regolamenti distinti che stabiliscano in maniera chiara e precisa le
fattispecie, il limiti e i centri di responsabilità.
- Il Collegio ricorda che l’articolo 56 bis. comma 11 del DL 69/2013 obbliga gli enti a destinare il 10% dei
proventi netti da alienazione al fondo ammortamento dei titoli di Stato. Le modalità attuative saranno disposte
con decreto. Nel frattempo occorre destinare il 10% dell’entrata ad impegno nel titolo 2° della spesa o
vincolare una parte dell’avanzo di amministrazione.
- Il Collegio raccomanda l’adozione tempestiva del piano di contenimento delle spese per il triennio 2015-2017
ex art. 2 commi 594 e 599 legge 244/2007.
- Nell’ipotesi in cui le delibere di attuazione delle aliquote base IMU. TASI e TARI 2014 comportassero una
variazione delle stime delle entrate, il Collegio raccomanda di apportare le opportune variazioni in bilancio
- Il Collegio, considerato che non vengono utilizzate in sede di approvazione del bilancio di previsione quote
vincolate e accantonate del risultato di amministrazione presunto 2013, si riserva di formalizzare le proprie
osservazioni e considerazioni nella propria relazione al consuntivo 2013.
Parere dell’Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 del Comune di Bussolengo
46
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
798 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content