close

Enter

Log in using OpenID

(Microsoft PowerPoint - Innovazione e analisi_Lab_tablet [modalit

embedDownload
Le nuove piattaforme di distribuzione e i
nuovi formati digitali
Innovazione e analisi dei modelli di giornalismo –
Laboratorio di tecniche e linguaggi del giornalismo
Prof. ssa Elena Valentini
Roma, lezioni di maggio 2014
Obiettivi formativi e competenze del corso di laurea in
Scienze e tecnologie della comunicazione
Il Corso di laurea triennale in Scienze e tecnologie della
comunicazione forma laureati in possesso di un’adeguata
padronanza dei paradigmi disciplinari delle scienze umane e
sociali, dotati di specifiche competenze nell’area delle
tecnologie digitali, dei sistemi di informazione e dei diversi
settori dell’industria culturale (stampa, editoria, cinema,
teatro, radio, televisione, media digitali).
Pagina 2
Obiettivi formativi e competenze del corso di laurea in
Scienze e tecnologie della comunicazione
I laureati in Scienze e tecnologie della comunicazione, in
particolare, devono dimostrare di possedere:
• competenze di base per analizzare i sistemi della
comunicazione e per applicare le principali tecniche di
ricerca sociale e analisi dei dati;
• consapevolezza delle possibili declinazioni dei processi
comunicativi in ambito psicologico, semiotico-linguistico,
antropologico;
Pagina 3
Obiettivi formativi e competenze del corso di laurea in
Scienze e tecnologie della comunicazione
• abilità indispensabili per la scrittura e lo svolgimento di attività
redazionali, acquisite anche in specifici ambiti laboratoriali;
• conoscenze necessarie per operare nel campo delle
tecnologie sia tradizionali che di nuova generazione, con
particolare riferimento alla multimedialità;
• conoscenza di due lingue straniere e proprietà di linguaggio e
di scrittura della lingua italiana, acquisite anche in specifici
ambiti laboratoriali.
Pagina 4
Obiettivi formativi del corso
Il corso intende fornire le basi di
• sociologia del giornalismo
• processi di newsmaking
con specifico riferimento alle diverse piattaforme disponibili
(carta stampata, radio, tv, web, dispositivi mobili).
Pagina 5
Obiettivi formativi del corso
In particolare, il corso ha i seguenti obiettivi:
• conoscere i principali modelli di giornalismo, anche con
riferimento al contesto internazionale
• studiare le specificità del caso italiano, a partire dalle sue origini,
e della sua evoluzione, fino alle tendenze in corso di sviluppo
• fornire conoscenze e competenze per analizzare il linguaggio
giornalistico su diversi media
• fornire conoscenze e competenze sulle caratteristiche e
sulla gestione dell’informazione in ambienti digitali.
Pagina 6
Contenuti e temi
Innovazione e analisi dei modelli di giornalismo
• Il campo giornalistico e le funzioni del giornalismo
• Modelli di giornalismo: liberale, democratico-corporativo,
pluralista polarizzato
• Il caso italiano: evoluzione dei modelli giornalistici in Italia,
evoluzione del quotidiano dalle origini fino alle testate on
line e su tablet, tendenze del mercato (assetti proprietari e
politiche editoriali; i lettori e il consumo di informazione)
• I generi
Pagina 7
Contenuti e temi
Innovazione e analisi dei modelli di giornalismo
• Introduzione al giornalismo digitale
• La ridefinizione del rapporto tra giornalista e pubblici: non
solo citizen journalism
• Focus su giornalismo e social network
• Il mercato dell’informazione e quello dei mobile device
• Analisi dei formati digitali su Ipad
• Strategie di marketing editoriale e modelli di business
on line e su iPad
Pagina 8
Contenuti e temi
Innovazione e analisi dei modelli di giornalismo
• Introduzione al giornalismo digitale
• La ridefinizione del rapporto tra giornalista e pubblici: non
solo citizen journalism
• Focus su giornalismo e social network
• Il mercato dell’informazione e quello dei mobile device
• Analisi dei formati digitali su Ipad
• Strategie di marketing editoriale e modelli di business on
line e su iPad
Pagina 9
Le nuove piattaforme di distribuzione
Il tablet
• “la nuova creatura di un mago che indovina o più
spesso suggerisce tutti i nostri bisogni”
Federico Rampini, 2010
• Quando nasce il tablet?
Le nuove piattaforme di distribuzione. Le origini …
Dynabook, 1972 (presso Xerox Palo Alto Research
Center - Xerox PARC)
Le nuove piattaforme di distribuzione. Le origini …
Una varietà di strumenti e tecnologie attraverso i quali
matura l’idea e la realizzazione dei dispositivi portatili
Legame e sovrapposizione con l’evoluzione degli ereader
Le nuove piattaforme di distribuzione. Le origini …
Fairlight CMI- Computer Music Instrument (1979),
sintetizzatore musicale computerizzato dotato di
stilo per scrivere sullo schermo
HP-150, pc con monitor touchscreen (1983)
Le nuove piattaforme di distribuzione. Le origini …
Pencept (1985), computer desktop basato su MSDOS, con input via tavoletta grafica
GridPad (1989): permetteva di interagire con lo
schermo tramite una stilo, unico dispositivo di input
Le nuove piattaforme di distribuzione. Le origini …
• La famiglia dei palmari. Alcuni esempi
Newton della Apple (1993)
Zaurus della Sharp
(inizi anni ‘90)
NewsPad della Acorn (1996)
Le nuove piattaforme di distribuzione
• Cos’è un e-reader?
• e-paper (electronic paper):
– tecnologia che permette di leggere un testo digitale su uno
schermo senza retroilluminazione
– il testo visualizzato è statico
• e-ink (inchiostro elettronico):
– tecnologia applicata alla carta elettronica che riproduce
l’inchiostro osservabile su un normale foglio di carta
Fonte: V. Eletti, A. Cecconi, 2008
http://en.wikipedia.org/wiki/Comparison_of_ebook_readers
Le nuove piattaforme di distribuzione
Gli e-reader sono usati nel mondo dei giornali?
Software di lettura e formati
• Quali giornali su Kindle?
Software di lettura e formati
• E in Italia?
I dispositivi di lettura
• Di quali dispositivi di lettura abbiamo sentito
parlare?
I dispositivi di lettura
• Di quali dispositivi di lettura abbiamo sentito
parlare?
• Sony?
• Kindle?
• Nook?
• Apple: iPad 1, 2 e iPad Air?
Alcuni competitor dell’iPad
I tablet realizzati dai produttori di e-reader
• Kindle Fire
Alcuni competitor dell’iPad
I tablet realizzati dai produttori di e-reader
• Nook Tablet
Alcuni competitor dell’iPad
Samsung Galaxy
Le modalità di impiego dei tablet
Attività svolte da tablet in Italia, 2014
Attività
Utenti
(val. %)
Navigare in rete
70%
Consultare e-mail
69%
Usare motori di ricerca
64%
Leggere news
48%
Usare Facebook
48%
Altre attività: giochi, musica, Istant messaging
A quali bisogni risponde?
Fonte: International Research Yahoo, 2014
Pagina 25
Le modalità di impiego dei tablet
• Alcune definizioni di tablet e iPad
«tra le versioni (per il momento) più evolute della
tecnica della scrittura, così come della tabula, che ne
è il supporto»
Maurizio Ferraris, 2011
Il tablet riporterà «quasi completamente indietro le
tecnologie del documento facendole tornare ai tempi
della tavolette di argilla di memoria sumera e
mesopotamica»
Roger Fidler, 1997
La diffusione dei tablet in Italia nel 2013
• 4,5 milioni di tablet (+57,8% rispetto al 2012)
Fonte: IDC, 2014
• a 3,4 milioni di tablet (+ 65,7% rispetto al 2012)
Fonte: Assinform, 2014
Contenuti e temi
Innovazione e analisi dei modelli di giornalismo
• Introduzione al giornalismo digitale
• La ridefinizione del rapporto tra giornalista e pubblici: non
solo citizen journalism
• Focus su giornalismo e social network
• Il mercato dell’informazione e quello dei mobile device
• Analisi dei formati digitali su Ipad
• Strategie di marketing editoriale e modelli di business on
line e su iPad
Alcuni esempi di formati digitali per iPad
• Non solo fantascienza
Alcuni esempi di formati digitali per iPad
• Le origini dei giornali per tablet
– Knight Ridder e Roger Fidler
http://www.ildottoredeicomputer.com/2012/04/il-futuro-vistonel-1994-visioni-di.html#.T4q80zZrRC4.twitter
– Mainichi Shimbun e El periodico (1996)
• Vediamo alcuni esempi
Alcuni esempi di formati digitali per iPad
Il fallimento di The Daily
• Problemi di formato?
• Sostenibilità economica
• Il progetto editoriale
– Identità
– Brand
– Qualità dei contenuti
Le caratteristiche dei nuovi formati digitali
Le caratteristiche dei nuovi formati digitali
Una tappa intermedia, in parte superata
Pagina 33
Le caratteristiche dei nuovi formati digitali
Pagina 34
Le caratteristiche dei nuovi formati digitali
Pagina 35
Le caratteristiche dei nuovi formati digitali
• Modelli ibridi?
• “rottura della pagina, sostituita da un flusso spaziale
pluridirezionale” (Letizia Bollini)
Valentini, 2012
Le caratteristiche dei nuovi formati digitali
• Quali ragioni alla base della scarsa innovazione di
formato?
Le caratteristiche dei nuovi formati digitali
• Quali sono i fattori che influiranno sul
cambiamento?
Le caratteristiche dei nuovi formati digitali
• Altri esempi di formati digitali per iPad
Contenuti e temi
Innovazione e analisi dei modelli di giornalismo
• Introduzione al giornalismo digitale
• La ridefinizione del rapporto tra giornalista e pubblici: non
solo citizen journalism
• Focus su giornalismo e social network
• Il mercato dell’informazione e quello dei mobile device
• Analisi dei formati digitali su Ipad
• Strategie di marketing editoriale e modelli di business
on line e su iPad
Le strategie di marketing editoriale
• Alcuni prodotti su iPad
– Caratteristiche e finalità
Le strategie di marketing editoriale
• Consideriamo caratteristiche, finalità e contesto
mediale
• Continuità con il passato?
• Il marketing dovrà essere dedicato e non mutuato
da esperienze precedenti
I modelli di business
• Il pagamento delle notizie on line
“At Time Inc., we initially planned to charge a small fee
or subscription, but Madison Avenue ad buyers
were so enthralled by the new medium that they
flocked to our building offering to buy the banner
ads we had developed for our sites. Thus we and
other journalism enterprises decided that it was
best to make our content free and garner as many
eyeballs as we could for eager advertisers,”
Walter Isaacson in “The Innovators: How a Group of
Inventors, Hackers, Geniuses, and Geeks Created the
Digital Revolution”
I modelli di business
• “Finalmente abbiamo trovato un prodotto digitale
che possiamo vendere” (G. Smorto, in Valentini,
2012)
I modelli di business
• Il modello App
«la forza degli App Store non sta tanto nei numeri
attuali, ma nel cambiare paradigma. Si passa da un
mondo dove tutto è gratuito come quello del Web, a
un mondo dove le persone sono molto più disposte a
pagare per i contenuti».
Politecnico di Milano, 2011.
I modelli di business
• Vantaggi e limiti del rapporto con Apple
I modelli di business
• Strategie di business dei giornali su iPad
– pagamento della singola notizia
– pagamento di pacchetti di notizie
– sottoscrizione degli abbonamenti.
• Vantaggi e svantaggi
• Verso offerte complementari?
In quali testi studiare e approfondire questi temi?
Testi d’esame
• Valentini E. (2012), Dalle gazzette all’iPad. Il giornalismo al
tempo dei tablet, Milano, Mondadori
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
2 789 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content