close

Enter

Log in using OpenID

Cartella Stampa - Ministero per i Beni e le Attività Culturali

embedDownload
FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA
16 | 25 ottobre 2014
con l’adesione del Presidente della Repubblica
CONFERENZA STAMPA
29 settembre 2014
Ore 11.30 – Sala Petrassi
Auditorium Parco della Musica di Roma
I CONTENUTI DELLA CARTELLA STAMPA
o
o
o
o
o
o
o
Il Sindaco di Roma Capitale, On. Ignazio Marino
Il Presidente della Regione Lazio, On. Nicola Zingaretti
Il Commissario Straordinario della Provincia di Roma, Prefetto Riccardo Carpino
Il Presidente della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Roma,
Giancarlo Cremonesi
Il Presidente della Fondazione Musica per Roma, Aurelio Regina, e l’Amministratore Delegato
della Fondazione Musica per Roma, Carlo Fuortes
Il Presidente della Fondazione Cinema per Roma, Paolo Ferrari
Il Direttore Generale della Fondazione Cinema per Roma, Lamberto Mancini
Il Direttore del Festival Internazionale del Film di Roma, Marco Müller
La nona edizione del Festival Internazionale del Film di Roma
I numeri della nona edizione
I film di apertura e chiusura della nona edizione
I film della nona edizione
- Cinema d’Oggi
- Gala
- Mondo Genere
- Prospettive Italia
- Eventi
I Premi ufficiali e i Premi collaterali
Maverick Director Award a Takashi Miike
Marc’Aurelio del Futuro a Aleksej Fedorčenko
Marc’Aurelio Acting Award a Tomas Milian
Masterclass e incontri
Retrospettive, restauri e riscoperte
Mostre
o
o
Mercato Internazionale del Film: The Business Street (TBS) e New Cinema Network (NCN)
Conferenza Internazionale sull’Audiovisivo
o
Il programma di Alice nella città
o
o
Short Food Movie – Feed Your Mind, Film Your Planet
Wired Next Cinema Powered by Mazda al MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo
o
Informazioni generali
- Come partecipare – Biglietti, prevendite e prezzi
- Come arrivare
- Guida ai luoghi del Festival
Luoghi e servizi per la stampa
o
o
o
o
o
o
o
o
o
o
o
o
o
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
IL SINDACO DI ROMA CAPITALE
ON. IGNAZIO MARINO
L’ottobre romano fa da sfondo al grande cinema. Torna l’atteso appuntamento del Festival
Internazionale del Film di Roma, giunto alla nona edizione, e la città rinnova la sua vocazione
cinematografica più vera.
Dal 16 al 25 ottobre, sugli schermi dell’Auditorium Parco della Musica arrivano da tutto il mondo le
anteprime, sul red carpet sfilano le star, per le strade e nelle piazze i cittadini e i turisti assaporano
l’atmosfera di una kermesse internazionale unica. Da sempre, del resto, Roma ha con il cinema un
rapporto privilegiato: la città ha ispirato grandi registi, da Fellini a Rossellini, da Pasolini a De Sica,
da Visconti a Scola fino a Sorrentino con la sua “Grande bellezza”.
Non c’è da stupirsi, dunque, che Roma abbia voluto il suo Festival/Festa del cinema e lo abbia fatto
crescere nel corso degli anni, attraverso un’offerta variata e ricca di film: dal cinema d’autore a
quello più innovativo, dalle grandi produzioni ai linguaggi sperimentali. Una programmazione di
qualità per venire incontro ai gusti di tutti, proponendo autori sia affermati sia giovani, nuovi grandi
film, diversi generi cinematografici e una finestra sul nuovo cinema italiano.
Accanto ai film, sono previsti poi incontri con registi e attori, mostre, eventi nel segno dello scambio
di storie e culture, che oltrepassano le frontiere. Quest’anno ci sarà, inoltre, un’importante novità:
sarà il pubblico degli spettatori ad assegnare, attraverso la propria preferenza, i principali premi del
Festival, a decretare, insomma, quali saranno i film più belli. Si tratta di una scelta che vuole
sottolineare con ancora maggiore forza il carattere metropolitano e popolare della manifestazione,
mantenendone però la qualità artistica e il carattere internazionale, degno di una grande capitale.
Parallelamente al Festival si svolge il Mercato Internazionale del Film di Roma, l’appuntamento dei
professionisti del settore, anch’esso giunto alla nona edizione, che rappresenta ormai una tappa
fondamentale nel network europeo dell’industria cinematografica.
E allora non ci resta che augurare buona visione a tutti!
(dal catalogo)
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
IL PRESIDENTE DELLA REGIONE LAZIO
ON. NICOLA ZINGARETTI
L’enorme patrimonio di cultura e di saperi che rappresenta il cinema per una città come Roma e per
una regione come il Lazio merita di essere pienamente valorizzato: per questo, la Regione Lazio ha
creduto fin dall’inizio nell’intuizione di costruire nella Capitale un grande evento dedicato al cinema.
Non un concorso sulla falsa riga dei tanti – alcuni di assoluto prestigio – che già esistevano in Italia,
ma un evento innanzitutto dal forte carattere popolare: una festa dedicata a una città con il cinema
nel sangue. Roma è la città italiana al primo posto per spettatori, quella con più schermi, con più
rassegne... Ma non solo: qui abbiamo il meglio delle imprese audiovisive nazionali e lavora la
percentuale più alta di professionisti del cinema.
Insomma, i film e la loro industria sono per noi anche una grandissima occasione di occupazione e
sviluppo. Per questo, il Festival è stato immaginato anche con una forte vocazione verso il mercato,
come un’occasione per far incontrare professionisti, produttori, broadcaster internazionali. Ad
entrambi questi obiettivi – quello più ludico legato allo spettacolo del cinema e quello più strategico
legato alle economie che il cinema è in grado di generare – il Festival di Roma ha lavorato in questi
anni con successo.
Adesso rilanciamo: stiamo lavorando per far crescere ancora il Festival Internazionale del Film di
Roma con due grandi novità, una che riguarderà l’organizzazione, l’altra la concezione stessa di
questo evento. La prima è l’ingresso del MiBACT nel Festival, un risultato importantissimo, che la
Regione Lazio auspica e che rappresenterà una grandissima opportunità per rafforzare questo evento,
sia economicamente che come spessore culturale. L’altra novità è l’inizio di un percorso di
contaminazione con i linguaggi della televisione e, in particolare, con quello delle serie televisive. Un
percorso che dovrà portare in futuro a una maggiore integrazione con il Roma Fiction Fest: non solo
per l’esigenza di armonizzare le risorse, ma anche per dare un’identità ancora più unica e
riconoscibile al Festival. La Regione sarà in prima fila per accompagnare questo processo e per
sfruttare tutte le grandissime potenzialità che una festa dedicata alla “grande bellezza” dei racconti
cinematografici rappresenta per Roma e per il Lazio.
(dal catalogo)
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
IL COMMISSARIO STRAORDINARIO DELLA PROVINCIA DI ROMA
PREFETTO RICCARDO CARPINO
Roma si appresta, per il nono anno consecutivo, a diventare vetrina del cinema internazionale. Il
Festival Internazionale del Film di Roma continua ad essere un appuntamento atteso del panorama
cinematografico italiano, momento per valorizzare il mercato e la tradizione dei cineasti che a Roma
hanno lavorato, per dare corpo alle più importanti produzioni cinematografiche mondiali.
Malgrado la crisi economica, mantenere alto un profilo qualitativo significa consolidare una
circostanza cruciale per il sostegno alla produzione cinematografica nel suo complesso. I giorni del
Festival, rappresenteranno per tutti gli appassionati e per gli operatori del settore, un luogo
particolare dove sarà possibile partecipare a proiezioni, eventi e mostre di alto profilo.
In questa fase di trasformazione verso la Città Metropolitana, la Provincia di Roma continua a
mantenere il suo impegno nella manifestazione e augura i migliori successi.
(dal catalogo)
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
IL PRESIDENTE DELLA CAMERA DI COMMERCIO
INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI ROMA
GIANCARLO CREMONESI
Dal 16 al 25 ottobre la Settima Arte torna protagonista delle scene mondiali con il Festival
Internazionale del Film di Roma.
Giunto alla nona edizione in una veste rinnovata, il Festival mantiene intatta la sua duplice anima:
grande festa popolare, con il pubblico protagonista e, allo stesso tempo, manifestazione di respiro
internazionale perfettamente radicata nella Città Eterna, che nel 1906 ha dato i natali alla Cines,
prima casa di produzione cinematografica italiana e ora sede della maggior parte delle imprese
italiane del settore.
Il prestigio e la credibilità acquisiti negli anni dal Festival trovano solide basi nell’intesa tra mondo
pubblico e mondo produttivo, che si è tradotta in una forte e costante partecipazione di partner
privati a fianco delle Istituzioni pubbliche locali. In particolare, la sezione Mercato Internazionale del
Film di Roma/The Business Street ha svolto un indiscutibile ruolo di impulso per l’industria
cinematografica italiana, registrando ottimi risultati in termini sia di presenze di compratori,
venditori e distributori da tutto il mondo, sia di consistenza delle iniziative di co-produzione avviate
e portate a termine.
La Camera di Commercio di Roma, l’Istituzione economica della Capitale, assicura il suo sostegno al
Festival Internazionale del Film di Roma fin dalla sua prima edizione, investendo rilevanti risorse
economiche e know-how, con il duplice obiettivo di valorizzare l’industria cinematografica e di
promuovere il sistema produttivo culturale della città.
Tale linea di intervento vede la Camera di Commercio promotrice, insieme con le altre istituzioni
locali, di molteplici interventi culturali – basti ricordare la partecipazione alle grandi Fondazioni
culturali della città: oltre a Cinema per Roma, anche Musica per Roma, Accademia Nazionale di Santa
Cecilia e Teatro dell’Opera di Roma.
La recente Riforma della Pubblica Amministrazione ha imposto al Sistema Camerale di ridurre le
risorse destinate alle iniziative culturali; pur nella necessità di razionalizzare le risorse investite, la
nostra Istituzione intende continuare a garantire il proprio impegno, nella convinzione della rilevanza
strategica della cultura quale fondamentale leva di sviluppo economico e sociale.
(dal catalogo)
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
IL PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE MUSICA PER ROMA
AURELIO REGINA
L’AMMINISTRATORE DELEGATO DELLA FONDAZIONE MUSICA PER ROMA
CARLO FUORTES
“Il cinema è la vita, con le parti noiose tagliate”, avrebbe detto una volta il grande Alfred Hitchcock,
che della materia non c’è dubbio se ne intendesse. Si può apprezzare o meno questa definizione, si
può essere più o meno d’accordo con il giudizio dell’indiscusso “maestro del brivido”, una cosa però
è certa: anche quest’anno il Festival Internazionale del Film di Roma, giunto alla sua nona edizione,
sarà quanto di più lontano dalla noia si possa immaginare. Dal 16 al 25 ottobre prossimi, infatti,
ancora una volta l’Auditorium Parco della Musica diventerà, cinematograficamente parlando, il vero
e proprio “ombelico del mondo”. A calpestare il lunghissimo red carpet che dal viale porterà nel
cuore della Cavea disegnata da Renzo Piano saranno alcune delle più importanti star internazionali e
italiane, saranno registi e attori affermati, produttori e critici provenienti da diversi Paesi e
accomunati dall’amore per il cinema, per i film. Quelli prodotti, quelli interpretati, diretti o
distribuiti. Quelli raccontati e giudicati. Ad attenderli, a vivere insieme a loro una fantastica full
immersion nella magia che solo la “settima arte” sa regalare, saranno altri protagonisti: gli
spettatori. Tutte le sale dell’Auditorium, oltre 4.000 posti a sedere, saranno a disposizione del
pubblico, per dieci giorni intensi e appassionanti. Il conto non è certo complicato, e può comunque
spiegare solo in parte il coinvolgimento collettivo che soprattutto quest’anno contrassegnerà il
Festival, pensando solo al fatto che i riconoscimenti più importanti della manifestazione saranno
assegnati anche in base alle preferenze assegnate dagli spettatori all’uscita dalle sale. È il segno,
l’ennesimo, di come questa manifestazione mantenga tra i suoi tratti distintivi la capacità di
abbinare la cultura “alta” e la qualità con la “popolarità” intesa nel senso più ampio del termine,
abbattendo barriere e schemi precostituiti, diventando riferimento “vivo” per l’intera città e per le
migliaia di visitatori che arriveranno da tante parti d’Italia e del mondo non solo per ammirare il
Colosseo, i Fori Imperiali, San Pietro e la Cappella Sistina, ma perché Roma, per dieci giorni,
rinnoverà la sua trasformazione in capitale mondiale del cinema.
(dal catalogo)
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA
PAOLO FERRARI
Anche in questo autunno si rinnova l’appuntamento con il Festival Internazionale del Film di Roma,
giunto alla IX edizione, con l’adesione del Presidente della Repubblica.
La manifestazione, prodotta da Fondazione Cinema per Roma sotto la direzione di Marco Müller, è
promossa da Roma Capitale con il sindaco Marino, dalla Regione Lazio con il presidente Zingaretti,
dalla Provincia di Roma con il commissario Carpino, dalla Camera di Commercio di Roma con il
presidente Cremonesi, dalla Fondazione Musica per Roma con il presidente Regina, con il sostegno
del main partner BNL – Gruppo BNP Paribas.
Un supporto di particolare rilievo è arrivato per questa edizione dal MiBACT (Ministero dei Beni e
delle Attività Culturali e del Turismo): questa scelta prelude ad un ruolo ancora maggiore del
Ministero nei confronti del Festival, con l’ingresso in tempi brevi della prestigiosa istituzione fra i
promotori dell’evento.
Anche nel 2014 Roma sarà “capitale del cinema”, rafforzando il binomio tra la settima arte e la città,
rappresentato dai set che la vedono protagonista (pensiamo a La Grande Bellezza, a cui sarà dedicata
una mostra ospitata dal Festival), dagli autori che a lei si ispirano, dall’industria che qui è
concentrata. Il nostro compito e il nostro impegno consistono nel garantire la realizzazione di una
manifestazione all’altezza della nostra capitale, del suo prestigio internazionale e della sua
dimensione metropolitana: come è stato ribadito dai nostri soci fondatori, un Festival di qualità
artistica e prestigio mondiale che sia anche Festa popolare, aperta alla città e legata al territorio.
Per questo l’edizione 2014 si caratterizza, ancora più che in passato, per l’attenzione rivolta al
pubblico – grande protagonista dei 10 giorni di kermesse – attraverso la proposta di selezione di film,
al tempo stesso popolari e originali, e per il ruolo di primo piano degli spettatori, che con il loro voto
all’uscita della sala determineranno i principali premi assegnati dal Festival.
Riteniamo di aver centrato i nostri ambiziosi obiettivi grazie alla capacità di coniugare le
compatibilità di bilancio e le limitazioni di budget con una programmazione ricca in qualità e
attrattività per pubblico e addetti ai lavori.
E grazie anche alle sinergie positive che abbiamo sviluppato con una molteplicità di altri soggetti
istituzionali e partner culturali, fra cui il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca
Nazionale, la cui collaborazione è garanzia di valorizzazione della memoria del grande cinema,
soprattutto nazionale. Insieme al CSC siamo, inoltre, impegnati in un prestigioso progetto all’interno
di EXPO Milano 2015: la realizzazione di una piattaforma per la raccolta di video da tutto il mondo
dedicati al binomio “nutrizione/vita”, che verrà presentato proprio nel corso del Festival.
È stata, poi, confermata la collaborazione con il MAXXI (Museo nazionale delle arti del XXI secolo),
che ospiterà una parte significativa delle attività.
Accanto al Festival, come ogni anno si svolgerà il Mercato Internazionale del Film di Roma – articolato
in The Business Street e New Cinema Network - giunto anche esso alla IX edizione, che si conferma
piattaforma ideale per distributori e produttori, sia a livello nazionale che internazionale, all’interno
del circuito europeo dedicato alla circolazione e alla compravendita di prodotti audiovisivi.
In questa sede mi preme rivolgere un convinto ringraziamento a tutto lo staff di Fondazione Cinema
per Roma per il lavoro svolto e l’impegno profuso, dal direttore Marco Müller, al direttore generale
Lamberto Mancini, all’intero gruppo di lavoro, che hanno consentito di realizzare un programma di
grande valore.
In questa sede voglio ricordare il nostro impegno con EXPO, attraverso la partnership con il Centro
Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, per realizzare una piattaforma di video,
raccolti in tutto il mondo, dedicati ai temi della nutrizione, che verrà presentata proprio nei giorni
del Festival.
Presidente della Fondazione Cinema per Roma
(dal catalogo)
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
LAMBERTO MANCINI
Roma è anche la Capitale del Cinema: questa convinzione diede origine nel 2006 alla manifestazione
diventata Festival Internazionale del Film di Roma, arrivata alla IX edizione nel segno del
consolidamento e del rafforzamento di questo inscindibile binomio.
Un evento di respiro internazionale e una grande festa per la città
Per Roma, abituata da sempre a gestire eventi di risonanza mondiale, questa combinazione non
rappresenta una contraddizione ma uno straordinario mix che appartiene al migliore DNA della
capitale. Il Festival che giorno per giorno costruiamo vuole rappresentare un evento cinematografico
di caratura internazionale, in grado di attrarre ed interessare un numero crescente di partecipanti,
professional ma anche semplici appassionati, protagonisti dell’oggi e del domani.
Il magico ottobre di Roma con il pubblico protagonista
L’appuntamento di autunno con il grande cinema coinvolge l’intera città e ha il suo cuore
all’Auditorium Parco della Musica, il meraviglioso complesso di Renzo Piano, che vanta uno dei più
bei Red Carpet al mondo. Al Villaggio del Cinema, realizzato per l’occasione, si farà festa per 10
giorni, con presenze e attività di forte richiamo, in collaborazione con i nostri partners commerciali,
essenziali per il successo dell’intera manifestazione.
Il Festival è sempre più aperto al mondo giovanile, come testimonia sia l’attività della sezione
parallela “Alice nella Città” sia i canali privilegiati per il mondo degli studenti universitari. Come
negli anni passati, il prestigioso museo MAXXI sarà un’importante location del Festival, presentando
film, incontri, convegni, mentre la rete delle Biblioteche comunali sparse sul territorio, dal centro
alla periferia, ospiterà proiezioni di documentari e incontri con gli autori.
Il pubblico, ancor più che in passato, sarà protagonista: affollando l’Auditorium e il Villaggio, le sale,
gli stand, i ristoranti ma soprattutto decidendo, con il proprio voto, i film da premiare.
Quest’anno, infatti, per i principali riconoscimenti non ci saranno giurie di esperti ma saranno gli
spettatori all’uscita dalla sala a decretare i migliori titoli nelle diverse sezioni: una scelta che
esprime la forza vitale del Festival di Roma e il suo carattere popolare e metropolitano.
Un appuntamento per l’industry e una spinta per l’economia del territorio
L’appuntamento romano è, anche, un evento strategico per il settore produttivo e un volano per
l’economia del territorio. Anche su questo obiettivo si concentra, del resto, l’impegno dei nostri soci
fondatori: Roma Capitale, Regione Lazio, Provincia di Roma, Camera di Commercio, Fondazione
Musica per Roma e del main partner BNL Gruppo BNP Paribas.
Un ringraziamento particolare al MiBACT, che non solo supporta ogni espressione della
cinematografia italiana, ma organizza - durante il Festival, all’Auditorium Parco della Musica – la
Conferenza Internazionale sull’Audiovisivo, sotto l’egida della Presidenza Italiana del Consiglio
dell’Unione Europea. Oltre al MiBACT, che ha dichiarato la volontà di partecipare in maniera più
marcata alla vita del Festival e di Fondazione Cinema per Roma, voglio qui ringraziare partner come
l’Agenzia ICE, l’Anica, il Centro Sperimentale di Cinematografia e tutto il mondo associativo e
istituzionale che converge sul settore, per l’aiuto concreto e fattivo che anche quest’anno abbiamo
ricevuto nell’organizzare al meglio le attività legate all’Industry, che trovano il loro focus, dal 17 al
21 ottobre, nel Mercato Internazionale del Film di Roma. Il Mercato è diventato con The Business
Street una delle tappe internazionali del circuito di incontri e scambi tra gli operatori specializzati
del settore, e New Cinema Network si è ormai imposto come uno dei più importanti appuntamenti
europei di co-produzione.
Il valore di queste attività è testimoniato dalla rete di partnership consolidata in questi anni con le
principali istituzioni internazionali del settore, da Media a Eurimages, dal Sundance al Film London,
da Cinèfondation a CineMart.
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
Non solo Festival
Le iniziative messe in campo da Fondazione Cinema per Roma non si limitano, però, alla
realizzazione dei due eventi più importanti (il Festival e il Mercato) ma si articolano nel corso di
tutto l’anno. In questa sede voglio ricordare il nostro impegno con EXPO, attraverso la partnership
con il CSC, per realizzare una piattaforma di video, raccolti in tutto il mondo, dedicati ai temi della
nutrizione, progetto che verrà presentato proprio nei giorni del Festival. In conclusione, mi preme
ringraziare sia lo staff di Fondazione sia i collaboratori che, con il sostegno dei nostri partner
istituzionali e commerciali, hanno consentito di realizzare tutti i nostri obiettivi.
Direttore Generale della Fondazione Cinema per Roma
(dal catalogo)
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
MARCO MÜLLER
Non è soltanto il programma di una nuova edizione che deve rispondere alle questioni sollevate da
quella precedente, alla realtà di strutture e infrastrutture, budget e partenariati. Anche il futuro di
un macroevento di cinema scaturisce dalla possibilità di fornire risposte nuove, in un’andata e ritorno
continua con il proprio passato, ripercorso e ragionato. E può dipendere, tra gli altri fattori, dalla
scelta delle date più opportune.
Confrontati ai periodi di disponibilità delle sale dell’Auditorium Parco della Musica, molti produttori
ed esportatori (stranieri e italiani) avevano individuato per noi le date della seconda metà di ottobre:
sembravano a tutti quelle ideali per rilanciare ancora “Festa” e Mercato, riaffermando la centralità
strategica di The Business Street (il mercato romano che potrebbe farsi erede dello storico MIFED),
dell’officina di progetti New Cinema Network e del sistema di convegni dibattiti e incontri dedicati
all’industria cinematografica italiana e alla sua internazionalizzazione. “Festa” e Mercato sono stati
dunque posizionati in quelle date di utile vicinanza con il MIPCOM di Cannes (immediatamente
precedente) e di necessaria distanza dall’American Film Market (successivo di quasi due settimane).
Collocarsi in un momento dell’anno che risultava equidistante tanto dalla fine della Mostra di Venezia
che dall’inizio del Festival di Torino voleva dire anche la possibilità di sperimentare (per davvero)
uno specifico diverso per Roma, contribuendo al consolidamento di un solido e differenziato sistema
dei tre festival italiani di fine estate-autunno: “Mostra d’Arte Cinematografica” a Venezia, con
selezioni competitive di cinema d’autore; priorità ai giovani cineasti a Torino, ma anche
rafforzamento delle tre linee di concorso; a Roma, invece, spazio ancora una volta ai grandi film
“popolari ma singolari” e centralità del pubblico, che diviene protagonista assoluto nel valutare i
film, i contenuti del programma.
Ragionamenti e cambiamenti, quelli che abbiamo fatto, che stanno a dimostrare come sia ancora
possibile per i festival, le feste, i macroeventi di cinema, mettersi in gioco, aprirsi e addirittura
(quando necessario) regalarsi inversioni di rotta. A maggior ragione quando la 'Festa' avviene in una
città come Roma, dove è ancora possibile riproporre la straordinaria vitalità della fruizione collettiva
di un film e favorire nuovi modi di aggregazione.
Per rendere ancor meglio leggibili gli obiettivi di un evento dall’udienza a largo raggio in questa
parte d’Europa, andavano rifiutate le divisioni tra “cultura” e “mercato”, dovevamo affidarci al
rapporto di complicità e fiducia che si crea con il “pubblico” nelle gigantesche sale dell’Auditorium
Parco della Musica. La nostra è una programmazione scaturita da una riflessione su modi e tempi di
assorbimento delle novità da parte del “pubblico”, cui spetta stavolta valutare (il voto popolare ha
fatto saltare le giurie “specialistiche”) tutte le linee del programma. Fermarsi non era possibile:
abbiamo scelto di allargare ulteriormente la frattura fra un'idea-festival divenuta ormai
convenzionale (precocemente invecchiata) e le nuove filosofie dei macroeventi metropolitani - che
devono rimanere sempre in movimento, come le città che li ospitano.
Conquistare i “grandi spettacoli" che garantiscono al tappeto rosso di essere forte della necessaria
dose di divismo quotidiano (i titoli più attesi fanno crescere l’interesse dei media, fanno aumentare
lo spazio che quotidiani e settimanali dedicano alla “Festa” in tutte le sue parti) è, ovviamente, uno
degli assi portanti di un evento costruito sul rapporto di complicità e fiducia con gli spettatori. Se si
accetta di scommettere sui gruppi di spettatori sensibili che affollano le sale dell’Auditorium,
tuttavia, la “Festa” può rivelarsi un ulteriore banco di prova: la curiosità e disponibilità del
“pubblico” serve a dimostrare come siano molti i film che posseggono un valore di mercato ben più
alto della valutazione corrente (sono meno celibi delle previsioni degli esperti di marketing). Ci
spettava di diritto, quindi, non dare per acquisiti i “gusti del pubblico” e considerare, invece, gli
spettatori, i gruppi di spettatori potenziali (da andare in futuro a cercare nei quartieri di tutta la
città) non come una risposta scontata, ma come una domanda sempre rinnovata. A Roma potremo
tutti verificare ancora una volta, grazie al voto degli spettatori, l’esistenza di un ragguardevole
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
bacino di pubblico per i documentari, l’opportunità vincente di regalare alle opere prime e seconde
più sorprendenti una ben più lunga tenuta in sala, la possibilità di recuperare quote di mercato per
quella parte del cinema che ci porta notizie di paesi, popoli e culture lontane.
Il cinema è fatto per tutti. Non c’è ambito del cinema che non si possa alimentare o risvegliare, che
non abbia una sua qualità, un suo valore. La costruzione di un rapporto con gruppi diversi e sempre
rinnovati di spettatori deve poter significare anche comunicare loro una febbre. La rinata “Festa”
vuole essere una dimostrazione di questo, una dimostrazione che passa attraverso il rito collettivo
della scoperta di tanti mondi differenti di cinema: servirà allora a mettere a fuoco come sia tuttora
possibile l’apertura (o la riapertura) di circuiti di diffusione meno consueti.
Direttore del Festival Internazionale del Film di Roma
(dal catalogo)
Comitato di selezione: Laura Buffoni, Marie-Pierre Duhamel, Massimo Galimberti, Manlio Gomarasca,
Sandra Hebron, Giona A. Nazzaro, Mario Sesti.
Ufficio Cinema: Alessandra Fontemaggi, Massimiliano Maltoni, Jacopo Mosca, Samanta Telleri
Consulenti: Chen Zhiheng (mondo cinese), Deepti D’Cunha (India, Pakistan e Sri Lanka), Babak Karimi
(Iran), Diego Lerer (America Centrale e del Sud), Aliona Shumakova (Russia e Comunità degli Stati
Indipendenti), Tomita Mikiko (Giappone).
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
LA NONA EDIZIONE
DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA
La nona edizione del Festival Internazionale del Film di Roma si svolgerà dal 16 al 25 ottobre 2014
all’Auditorium Parco della Musica.
Tutte le sale dell’Auditorium, per un totale di oltre quattromila posti a sedere, saranno a
disposizione del Festival. Per dieci giorni, dunque, la struttura firmata da Renzo Piano sarà il punto
di riferimento per tutti gli appassionati di cinema e non solo, ospitando proiezioni, mostre, eventi,
convegni, dibattiti. I 1300 mq del viale che conduce alla Cavea saranno trasformati in uno dei più
grandi red carpet al mondo.
Il pubblico avrà a disposizione sette sale (Santa Cecilia, Sinopoli, Petrassi, Teatro Studio Gianni
Borgna, Studio 3, Auditorium MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo, cinema Multisala
Barberini) più una sala virtuale su piattaforma digitale. Accanto all’Auditorium sorgerà il Villaggio del
Cinema, costituito da padiglioni e stand in acciaio, vetro e legno, appositamente realizzati per la
manifestazione e i suoi visitatori. La programmazione del Festival coinvolgerà anche l’area di Via
Veneto: la strada simbolo del cinema italiano ospiterà, presso l’Hotel Bernini Bristol, il Mercato
Internazionale del Film. I convegni si terranno presso la Casa del Cinema a Villa Borghese.
AuditoriumArte ospiterà proiezioni e incontri di settore e istituzionali.
La Selezione Ufficiale del Festival è formata da quattro linee di programma: Cinema d’Oggi ospiterà
film di autori sia affermati che giovani, Gala presenterà una selezione di grandi pellicole “popolari
ma originali” della nuova stagione, Mondo Genere accoglierà film appartenenti ai più diversi generi
cinematografici, mentre Prospettive Italia farà il punto sulle nuove linee di tendenza del cinema
nazionale di fiction e documentaristico. Sezione autonoma e parallela, Alice nella città organizzerà,
secondo un proprio regolamento, una rassegna di film per ragazzi.
Gli spettatori saranno i protagonisti della nona edizione del Festival e premieranno i film di tutte le
linee di programma: saranno dunque loro ad assegnare i riconoscimenti in base alle preferenze
espresse all’uscita dalla sala
Il Mercato Internazionale del Film di Roma – articolato in The Business Street e New Cinema Network
– si terrà dal 17 al 21 ottobre 2014. Durante i giorni di Mercato verranno messe a disposizione di
produttori e venditori strutture per proiezioni e Video Library, si organizzeranno incontri, workshop,
eventi. New Cinema Network, mercato di co-produzione del Festival, sarà il luogo dove i talenti
internazionali più interessanti del panorama cinematografico troveranno la piattaforma ideale per
presentare i loro nuovi progetti ed entrare in contatto con i più importanti esponenti dell'industria
cinematografica europea.
La nona edizione del Festival Internazionale del Film di Roma si tiene con l’adesione del Presidente
della Repubblica ed è prodotta dalla Fondazione Cinema per Roma. Paolo Ferrari è il Presidente della
Fondazione, Lamberto Mancini il Direttore Generale. Marco Müller è il Direttore del Festival
Internazionale del Film di Roma.
La manifestazione è promossa da Roma Capitale, Camera di Commercio Industria Artigianato e
Agricoltura di Roma, Regione Lazio, Provincia di Roma e Fondazione Musica per Roma. Il Main Partner
è BNL Gruppo BNP Paribas. I Partner Istituzionali sono Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e
del Turismo, Ministero dello Sviluppo Economico, ICE – Agenzia per la promozione all’estero e
l’internazionalizzazione delle imprese italiane. Il Festival si svolge con il supporto del Programma
Media e in collaborazione con Alice nella città, ANICA, Centro Sperimentale di Cinematografia –
Cineteca Nazionale. Lo Sponsor Ufficiale è Il Gioco del Lotto. Mazda è l’Auto Ufficiale. Pino Chiodo è
il Partner Tecnico per le attrezzature di proiezione (pellicola e digitale). ATAC è Eco Mobility
Partner. I media partner sono Rai Movie, Rai News 24, Rai Radio 2, Getty Images, Erma Production,
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
Infinity, Deezer. Prosegue nel 2014 l’impegno del Festival per il sociale con Telethon e Unicef. Grazie
a Subti e Blindsight Project, anche quest’anno il Festival garantirà su alcuni film i servizi di audio
descrizione e sottotitolazione digitale per le persone con disabilità visive o uditive.
“Il rinnovato coinvolgimento del MiBACT nelle attività della Fondazione Cinema per Roma e del suo
Festival Internazionale del Film sottolinea l’attenzione sempre più ampia che il Ministero sta
dedicando al cinema e alle manifestazioni che lo promuovono di fronte al grande pubblico – ha
sottolineato Nicola Borrelli, Direttore Generale Cinema del Ministero dei Beni, delle Attività Culturali
e del Turismo – Salutiamo l’inizio della nona edizione con la convinzione che il Festival di Roma sia
un evento di punta nel panorama nazionale e internazionale, unico nella sua capacità di unire
elementi tipici dei grandi spettacoli popolari con una ricca, complessa e variegata proposta
culturale”.
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
I NUMERI DELLA NONA EDIZIONE
1463 film visionati, provenienti da 78 Paesi
o
51 LUNGOMETRAGGI NELLA SELEZIONE UFFICIALE
24 prime mondiali, 6 prime internazionali, 11 prime europee, 10 nazionali
CINEMA D’OGGI
16 Film di cui:
8 in prima mondiale, 2 in prima internazionale, 6 in prima europea
3 Film Fuori Concorso di cui:
2 in prima mondiale, 1 in prima internazionale
GALA
15 Film di cui:
6 in prima mondiale, 1 in prima internazionale, 2 in prima europea, 6 in
2
prima nazionale
Film in collaborazione con Alice nella città di cui:
2 in prima europea
MONDO GENERE
7 Film di cui:
2 in prima internazionale, 1 in prima europea, 4 in prima nazionale
PROSPETTIVE ITALIA
8 Film in prima mondiale
o
11
EVENTI di cui:
9 Film in prima mondiale, 2 in prima nazionale
OPERE PRIME
11 Film in Selezione Ufficiale +
8 Film in Alice nella città
PAESI PARTECIPANTI
21 Argentina, Belgio, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, Giappone, India, Italia, Libano,
Marocco, Messico, Perù, Portogallo, Qatar, Regno Unito, Repubblica Dominicana, Russia, Spagna,
Stati Uniti
LUNGOMETRAGGI ITALIANI NELLA SELEZIONE UFFICIALE
16 Film
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
22 RETROSPETTIVE E RESTAURI
SALE CINEMATOGRAFICHE PER IL PUBBLICO DEL FESTIVAL
7 + 1 virtuale
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
I FILM DI APERTURA E CHIUSURA
DELLA NONA EDIZIONE
Due commedie apriranno e chiuderanno la nona edizione del Festival Internazionale del Film di
Roma: si tratta rispettivamente di Soap Opera di Alessandro Genovesi (con Fabio De Luigi, Cristiana
Capotondi, Ricky Memphis, Elisa Sednaoui, Chiara Francini, Ale e Franz, Diego Abatantuono) e
Andiamo a quel paese, scritto, diretto e interpretato da Salvatore Ficarra e Valentino Picone (con
Fatima Trotta, Tiziana Lodato, Nino Frassica).
Soap Opera di Alessandro Genovesi sarà il film d’apertura della nona edizione del Festival. Il regista,
sceneggiatore, attore, autore teatrale e radiofonico milanese, che ha già diretto due film di
successo, La peggior settimana della mia vita e Il peggior Natale della mia vita, porta sul grande
schermo una commedia corale sulle storie, i sentimenti e gli equivoci che coinvolgono gli inquilini di
un condominio nella notte di Capodanno. Il film ospita un cast italiano d’eccezione che vede
protagonisti Fabio De Luigi e Cristiana Capotondi (al loro terzo ciak con Genovesi), Ricky Memphis
(interprete di Immaturi e L’ultima ruota del carro, lo scorso anno al Festival di Roma, candidato al
Nastro d'Argento come miglior attore non protagonista per La mossa del pinguino), Elisa Sednaoui
(attrice di Noi, insieme, adesso - Bus Palladium di Christopher Thompson, candidato a due Premi
César, e modella per alcuni noti brand internazionali), Chiara Francini (vincitrice del Premio
Guglielmo Biraghi come “Attrice rivelazione dell’anno” alla Mostra di Venezia per Maschi contro
femmine, conduttrice televisiva di “Colorado”), Ale e Franz (“Zelig”, “Pippo Chennedy Show”, “Mai
dire gol”). Fra i protagonisti anche Diego Abatantuono, attore, comico, sceneggiatore e conduttore
televisivo, che nel corso della sua lunga carriera ha lavorato per cineasti come Giuseppe Bertolucci,
Gabriele Salvatores, Pupi Avati, Luigi Comencini, Ettore Scola.
Andiamo a quel paese, il nuovo lavoro di Salvatore Ficarra e Valentino Picone (in arte Ficarra e
Picone), sarà invece il film di chiusura. Il duo comico palermitano, protagonista di alcuni dei più
importanti programmi televisivi di intrattenimento dell’ultimo decennio come “Striscia la Notizia”,
“Zelig”, “L’ottavo nano”, torna dietro la macchina da presa dopo i successi ottenuti con Nati stanchi,
Il 7 e l’8, La Matassa e Anche se è amore non si vede. Ficarra e Picone – ancora una volta autori della
sceneggiatura, registi e interpreti principali – ambientano la loro nuova commedia in Sicilia
raccontando le spassose vicende di due disoccupati che, tornati nel loro paese d’origine, immaginano
un’originale soluzione per uscire dalla crisi. Nel cast, Fatima Trotta, attrice e conduttrice televisiva
della trasmissione satirica “Made in Sud”, e Tiziana Lodato interprete per registi come Giuseppe
Tornatore, che la scelse ne L’uomo delle stelle (1995), Emanuele Crialese e Franco Battiato. Con loro
sul set anche Nino Frassica, protagonista di alcuni storici programmi televisivi degli anni ottanta
(“Quelli della notte”, “Indietro tutta!”), oggi interprete di apprezzate fiction per il piccolo schermo
(“Don Matteo”, “Ho sposato uno sbirro”, “L’ispettore Coliandro”).
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
I FILM DELLA NONA EDIZIONE
CINEMA D’OGGI
•
Prima mondiale
ANGELY REVOLUCII / ANGELS OF REVOLUTION / ANGELI DELLA RIVOLUZIONE di Aleksej
Fedorčenko, Russia, 2014, 105’
Cast: Darya Ekamasova, Oleg Yagodin, Pavel Basov, Georgy Iobadze, Konstantin Balakirev,
Alexey Solonchov
•
Prima mondiale
BIAGIO di Pasquale Scimeca, Italia, 2014, 90’
Cast: Marcello Mazzarella, Vincenzo Albanese, Renato Lenzi, Omar Noto, Doriana La Fauci,
Silvia Francese
•
Prima europea
DÓLARES DE ARENA / SAND DOLLARS di Laura Amelia Guzman Conde, Israel Cardenas,
Repubblica Dominicana, Argentina, Messico, 2014, 80’
Cast: Geraldine Chaplin, Yanet Mojica, Ricardo Ariel Toribio
•
Prima mondiale
LA FORESTA DI GHIACCIO di Claudio Noce, Italia, 2014, 99’
Cast: Emir Kusturica, Ksenia Rappoport, Adriano Giannini, Domenico Diele
•
•
•
•
•
Prima europea – Opera prima
ITAR EL-LAYL / THE NARROW FRAME OF MIDNIGHT di Tala Hadid, Regno Unito, Francia,
Marocco, 2014, 93’
Cast: Khalid Abdalla, Marie-Josée Croze, Fadwa Boujouane, Hocine Choutri, Majdouline
Idrissi, Zahra Hindi
Prima mondiale
LUCIFER di Gust Van den Berghe, Belgio, Messico, 2014, 110’
Cast: Gabino Rodriguez, Norma Pablo, Toral Acosta, Jerónimo Soto Bravo, Sergio Lazaro
Cortéz
Prima mondiale
DIE LÜGEN DER SIEGER / THE LIES OF THE VICTORS di Christoph Hochhäusler, Germania,
2014, 112’
Cast: Florian David Fitz, Lilith Stangenberg, Horst Kotterba, Ursina Lardi, Arved Birnbaum,
Jakob Diehl, Jean-Paul Cornart
Prima europea
LULU di Luis Ortega, Argentina, 2014, 84’
Cast: Ailín Salas, Nahuel Perez Biscayart, Daniel Melingo, Miguel Angel Castillo
Prima europea
OS MAIAS – (ALGUNS) EPISÓDIOS DA VIDA ROMÂNTICA / THE MAIAS - STORY OF A
PORTUGUESE FAMILY / I MAIA - SCENE DI VITA ROMANTICA di João Botelho, Portogallo, 2014,
135’
Cast: Graciano Dias, Maria Flor, Pedro Inês, Hugo Amaro, João Perry, Maria João Pinho,
Adriano Luz, Marcello Urgeghe
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
•
Prima internazionale – Opera prima
MAURO di Hernán Rosselli, Argentina, 2014, 80’
Cast: Mauro Martinez, Juliana Risso, Victoria Bustamante, Jose Pablo Suarez, Pablo Ramos,
Patricia Fouret, Ricardo Ruiz
•
Prima mondiale
I MILIONARI di Alessandro Piva, Italia, 2014, 104’
Cast: Francesco Scianna, Valentina Lodovini, Francesco Di Leva, Salvatore Striano, Carmine
Recano, Gianfranco Gallo
•
Prima internazionale
NN di Héctor Gálvez, Perù, Francia, Germania, 2014, 95’
Cast: Paul Vega, Isabel Gaona, Antonieta Pari
•
•
•
•
Prima europea – Opera prima
OBRA di Gregorio Graziosi, Brasile, 2014, 80’
Cast: Irandhir Santos, Julio Andrade, Lola Peploe, , Marku Ribas, Luciana Inês Domschke,
Sabrina Greve, Christiana Ubach, Marisol Ribeiro, Turíbio Ruiz, Helena Albergaria, Vinicius
Zinn, Fernando Coimbra, Donizete Mazonas, Ligia Franchini, Ravel Andrade
Prima mondiale – Opera prima
SHIER GONGMIN / 12 CITIZENS di Xu Ang, Cina, 2014, 108’
Cast: He Bing, Han Tongsheng, Mi Tiezeng, Li Guangfu, Zhao Chunyang, Wang Gang, Zhang
Yongqiang, Ban Zan, Qian Bo, Liu Hui, Lei Jia
Prima europea
TIME OUT OF MIND di Oren Moverman, Stati Uniti, 2014, 117’
Cast: Richard Gere, Kyra Sedgwick, Steve Buscemi, Jena Malone, Ben Vereen, Danielle
Brooks, Abigail Savage, Yul Vazquez, Jeremy Strong, Michael Kenneth Williams, Yul Vazquez,
Coleman Domingo, Geraldine Hughes
Prima mondiale
WIR SIND JUNG. WIR SIND STARK. / WE ARE YOUNG. WE ARE STRONG. di Burhan Qurbani,
Germania, 2014, 123’
Cast: Devid Striesow, Jonas Nay,Trang Le Hong, Joel Basman, Saskia Rosendahl, Thorsten
Merten, Paul Gäbler, David Schütter, Jakob Bieber, Gro Swantje Kolhof, Mai Duong Kieu,
Aaron Le, Larissa Füchs, Axel Pape
FUORI CONCORSO
•
Prima internazionale - In collaborazione con WIRED NEXT CINEMA powered by Mazda
JÁ VISTO JAMAIS VISTO di Andrea Tonacci, Brasile, 2013, 50’
•
Prima mondiale - In collaborazione con WIRED NEXT CINEMA powered by Mazda
RAGAZZI di Raul Perrone, Argentina, 2014, 80’
•
Prima mondiale - In collaborazione con WIRED NEXT CINEMA powered by Mazda
ATO, ATALHO E VENTO / WAY ACT AND THE WIND di Marcelo Masagão, Brasile, 2014, 72’
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
GALA
•
Prima mondiale
ANDIAMO A QUEL PAESE di Salvatore Ficarra e Valentino Picone, Italia, 2014, 90’
Cast: Salvatore Ficarra, Valentino Picone, Tiziana Lodato, Lily Tirinnanzi, Fatima Trotta,
Francesco Paolantoni, Nino Frassica
•
Prima europea – In collaborazione con Alice nella città
BLACK AND WHITE di Mike Binder, Stati Uniti, 2014, 121’
Cast: Kevin Costner, Octavia Spencer, Anthony Mackie, Andre Holland, Bill Burr, Mpho Koaho,
Gillian Jacobs, Jennifer Ehle, Jillian Estell
•
Prima mondiale
BUONI A NULLA di Gianni Di Gregorio, Italia, 2014, 87’
Cast: Gianni Di Gregorio, Marco Marzocca, Valentina Lodovini, Daniela Giordano, Gianfelice
Imparato, Marco Messeri, Camilla Filippi e con la partecipazione di Anna Bonaiuto
•
•
•
EDEN di Mia Hansen-Løve, Francia, 2014, 131’
Cast: Felix De Givry, Pauline Etienne, Vincent Macaigne, Greta Gerwig, Golshifteh Farahani,
Laura Smet, Vincent Lacoste
Opera prima
ESCOBAR: PARADISE LOST di Andrea Di Stefano, Francia, Spagna, Belgio, 2014, 120’
Cast: Benicio del Toro, Josh Hutcherson, Claudia Traisac
Prima mondiale
GIULIO CESARE – COMPAGNI DI SCUOLA di Antonello Sarno, Italia, 2014, 87’
•
GONE GIRL di David Fincher, Stati Uniti, 2014, 145’
Cast: Ben Affleck, Rosamund Pike, Neil Patrick Harris, Tyler Perry’s, Carrie Coon, Kim Dickens
•
Prima mondiale
KAMISAMA NO IUTOORI / AS THE GODS WILL di Takashi Miike, Giappone, 2014, 100’
Cast: Sota Fukushi, Hirona Yamazaki, Shota Sometani, Mio Yuki, Nao Omori, Lily Franky
Ryunosuke Kamiki
•
Prima europea – In collaborazione con Alice nella città
KAHLIL GIBRAN'S THE PROPHET di Roger Allers, Gaëtan & Paul Brizzi, Tomm Moore, Nina
Paley, Bill Plympton, Joann Sfar, Michal Socha, Joan C. Gratz & Mohammed Saeed Harib,
Canada, Francia, Libano, Qatar, Stati Uniti, 2014, 85’
Voci di: Liam Neeson, Salma Hayek-Pinault, John Krasinski, Frank Langella, Alfred Molina,
John Rhys-Davies, Quvenzhané Wallis
•
THE KNICK di Steven Soderbergh, Stati Uniti, 2014, 10 episodi da 60’
Cast: Clive Owen, André Holland, Juliet Rylance, Eve Hewson, Michael Angarano
•
Prima internazionale
LOVE, ROSIE / #SCRIVIMIANCORA di Christian Ditter, Regno Unito, Germania, 2014, 102’
Cast: Lily Collins, Sam Claflin, Christian Cooke, Tamsin Egerton, Suki Waterhouse, Jamie
Beamish, Jaime Winstone
•
PHOENIX di Christian Petzold, Germania, 2014, 98’
Cast: Nina Hoss, Ronald Zehrfeld, Nina Kunzendorf
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
•
Opera prima
SOUL BOYS OF THE WESTERN WORLD / SPANDAU BALLET: IL FILM (SOUL BOYS OF THE
WESTERN WORLD) di George Hencken, Regno Unito, 2014, 112’
Cast: Tony Hadley, John Keeble, Gary Kemp, Martin Kemp, Steve Norman
•
Prima mondiale
SOAP OPERA di Alessandro Genovesi, Italia, 2014, 87’
Cast: Fabio De Luigi, Cristiana Capotondi, Ricky Memphis, Elisa Sednaoui, Chiara Francini, Ale
e Franz, Diego Abatantuono
•
Prima europea
STILL ALICE di Richard Glatzer, Wash Westmoreland, Stati Uniti, 2014, 99’
Cast: Julianne Moore, Kristen Stewart, Alec Baldwin, Kate Bosworth, Hunter Parrish
•
Prima europea
TRASH di Stephen Daldry, Regno Unito, 2014, 112’
Cast: Martin Sheen, Rooney Mara, Wagner Moura, Selton Mello
•
Prima mondiale
TRE TOCCHI di Marco Risi, Italia, 2013, 100’
Cast: Massimiliano Benvenuto, Leandro Amato, Emiliano Ragno, Vincenzo De Michele, Antonio
Folletto, Gilles Rocca e con Matteo Branciamore, Francesca Inaudi, Jonis Bascir, Luca
Argentero, Marco Giallini, Claudio Santamaria, Paolo Sorrentino, Maurizio Mattioli
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
MONDO GENERE
•
•
Opera prima
A GIRL WALKS HOME ALONE AT NIGHT di Ana Lily Amirpour, Stati Uniti, 2014, 99’
Cast: Sheila Vand, Arash Marandi, Dominic Rains, Marshall Manesh, Mozhan Marnó, Milad
Eghbali, Rome Shandaloo, Reza Sixo Safai
HAIDER di Vishal Bhardwaj, India, 2014, 159’
Cast: Shahid Kapur, Shraddha Kapoor, Tabu, Kay Kay Menon, Kulbhushan Kharbanda,
Narendra Jha, Lalit Parimoo, Ashish Vidyarthi, Aamir Bashir, Sumit Kaul, Rajat Bhagat, Irrfan
Khan
•
Opera prima
NIGHTCRAWLER di Dan Gilroy, Stati Uniti, 2014, 119’
Cast: Jake Gyllenhaal, Rene Russo, Riz Ahmed, Bill Paxton
•
Prima internazionale
QUANDO EU ERA VIVO / WHEN I WAS ALIVE di Marco Dutra, Brasile, 2014, 108’
Cast: Antonio Fagundes, Marat Descartes, Sandy Leah
•
Prima internazionale
LA PROCHAINE FOIS JE VISERAI LE COEUR / NEXT TIME I'LL AIM FOR THE HEART di Cédric
Anger, Francia, 2014, 111’
Cast: Guillaume Canet, Ana Girardot, Arnaud Henriet, Douglas Attal
•
•
Prima europea
STONEHEARST ASYLUM di Brad Anderson, Stati Uniti, 2014, 109’
Cast: Kate Beckinsale, Jim Sturgess, Ben Kingsley, Michael Caine, Brendan Gleeson, David
Thewlis, Jason Flemyng, Christopher Fulford, Sophie Kennedy-Clark, Sinead Cusack, Edmund
Kingsley
TUSK di Kevin Smith, Stati Uniti, 2014, 102’
Cast: Justin Long, Haley Joel Osment, Genesis Rodriguez, Michael Parks
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
PROSPETTIVE ITALIA
•
Prima mondiale
FINO A QUI TUTTO BENE di Roan Johnson, Italia, 2014, 80’
Cast: Alessio Vassallo, Paolo Cioni, Silvia D’Amico, Guglielmo Favilla, Melissa Anna Bartolini,
Isabella Ragonese
•
Prima mondiale – Opera prima
INDEX ZERO di Lorenzo Sportiello, Italia, 2014, 82’
Cast: Simon Merrells, Ana Ularu, Antonia Liskova, Velislav Pavlov
•
Prima mondiale – Opera prima
LAST SUMMER di Leonardo Guerra Seràgnoli, Italia, 2014, 94’
Cast: Rinko Kikuchi, Yorick Van Wageningen, Lucy Griffiths, Laura Sofia Bach, Daniel Ball, Ken
Brady
•
Prima mondiale - Documentario
DUE VOLTE DELTA di Elisabetta Sgarbi, Italia, 2014, 144’
•
Prima mondiale - Documentario
LARGO BARACCHE di Gaetano Di Vaio, Italia, 2014, 70’
•
Prima mondiale - Documentario
LOOKING FOR KADIJA di Francesco G. Raganato, Italia, 2014, 60’
•
Prima mondiale - Documentario
MENO MALE È LUNEDÌ di Filippo Vendemmiati, Italia, 2014, 80’
•
Prima mondiale – Opera prima - Documentario
ROMA TERMINI di Bartolomeo Pampaloni, Italia, Francia, 2014, 79’
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
EVENTI
•
Prima mondiale – Marc’Aurelio alla Carriera a Walter Salles
JIA ZHANGKE, UN GARS DE FENYANG / JIA ZHANGKE, UN RAGAZZO DI FENYANG di Walter
Salles, Brasile, Francia, 2014, 102’
•
Prima mondiale - Jia Zhangke presenta
CHEN JIALING di Tian Ye, Gu Yugao, Cina, 2014, 65’
•
Prima mondiale
27 APRILE 2014 – RACCONTO DI UN EVENTO di Luca Viotto, Italia, 2014, 50'
•
•
In collaborazione con Alice nella città
IL MIO AMICO NANUK / MIDNIGHT SUN di Brando Quilici, Roger Spottiswoode, Italia, Canada,
Stati Uniti, 2014, 98’
Cast: Dakota Goyo, Goran Visnjic, Bridget Moynahan
A MOST WANTED MAN / LA SPIA – A MOST WANTED MAN di Anton Corbijn, Stati Uniti, 2014,
121'
Cast: Philip Seymour Hoffman, Willem Dafoe, Daniel Brühl, Robin Wright, Rachel McAdams,
Grigoriy Dobrygin
•
Prima mondiale
MY ITALIAN SECRET / THE FORGOTTEN HEROES di Oren Jacoby, Stati Uniti, 2014, 92’
•
Prima mondiale
NE HO FATTE DI TUTTI I COLORI di Marco Spagnoli, Italia, 2014, 70’
•
•
•
•
Prima mondiale
ORE 12 di Toni D'Angelo, Italia, 2014, 16’
Cast: Laura De Rosa, Vincenzo Messina, Valentina Vacca, Conni Celotto, Carmine Paternoster,
Salvatore Striano
Prima mondiale
L'OROLOGIO DI MONACO di Mauro Caputo, Italia, 2014, 62’
Prima mondiale
A ROSE REBORN di Park Chan-Wook, Italia, 2014, 19'
Cast: Jack Huston, Daniel Wu
Prima mondiale
VIAGGIO NELL'ANIMO DEI FIGLI DELLA SHOA di Beppe Tufarulo, Italia, 2014, 60’
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
I PREMI UFFICIALI
I PREMI ASSEGNATI DAL PUBBLICO
Gli spettatori saranno i protagonisti della nona edizione del Festival Internazionale del Film di Roma
e premieranno i film di tutte le linee di programma. I riconoscimenti più importanti saranno dunque
assegnati in base alle preferenze espresse dal pubblico all’uscita dalla sala, attraverso una card di
voto: le preferenze saranno raccolte attraverso le postazioni adibite presso l’Auditorium e, per la
prima volta, grazie a XAOS e Funweek, anche attraverso l’app ufficiale e il sito internet del Festival.
Al termine di ogni proiezione gli spettatori potranno votare per il film visto e assegnare il:
- Premio del Pubblico BNL | Gala (in collaborazione con il Main Partner del Festival BNL Gruppo BNP
Paribas)
- il Premio del Pubblico | Cinema d’Oggi
- il Premio del Pubblico | Mondo Genere
- il Premio del Pubblico BNL | Cinema Italia (Fiction)
- il Premio del Pubblico | Cinema Italia (Documentario)
Il Festival dedicherà l’intera giornata di domenica 26 ottobre alla proiezione in replica dei film
vincitori.
PREMIO TAODUE CAMERA D’ORO ALLA MIGLIORE OPERA PRIMA
Tutte le opere prime di lungometraggio presenti nelle diverse sezioni (Selezione Ufficiale e Sezioni
Autonome e Parallele) concorreranno all’assegnazione di questo riconoscimento.
PREMIO DOC.IT AL MIGLIORE DOCUMENTARIO ITALIANO
Il premio sarà assegnato dall’associazione DOC.IT al Migliore Documentario italiano.
MARC’AURELIO ALLA CARRIERA
Walter Salles, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico brasiliano, Orso d'Oro a Berlino e
Golden Globe per Central do Brasil (1998), premio Oscar® per I diari della motocicletta (2004). In
occasione della cerimonia di premiazione, sarà proiettato in prima mondiale il nuovo lavoro di Walter
Salles, Jia Zhangke, un gars de Fenyang.
MAVERICK DIRECTOR AWARD
Takashi Miike, regista, sceneggiatore, attore e produttore cinematografico giapponese considerato
uno dei più originali geniali e prolifici autori del cinema contemporaneo. Il cineasta ritirerà il
riconoscimento in occasione della proiezione in prima mondiale del suo nuovo film, Kamisama no
iutoori (As the Gods Will).
MARC’AURELIO DEL FUTURO
Aleksej Fedorčenko, cineasta russo, regista di Primi sulla Luna e Ovsjanki / Silent Souls (premiati
entrambi alla Mostra di Venezia) e di Spose celesti dei Mari della pianura (in concorso a Roma nel
2012), produttore di oltre venti film, sceneggiatore e scrittore. In occasione della premiazione, sarà
proiettato in prima mondiale la sua ultima opera, Angeli della Rivoluzione (Angely revolucii).
MARC’AURELIO ACTING AWARD
Tomas Milian, attore di origine cubana, interprete per registi che hanno fatto la storia del cinema
italiano, come Luchino Visconti e Pierpaolo Pasolini, e per cineasti hollywoodiani come Steven
Spielberg, Oliver Stone e Steven Soderbergh, straordinario protagonista della stagione dello spaghetti
western e del poliziesco all’italiana.
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
LA GIURIA DEL PREMIO TAODUE CAMERA D’ORO ALLA MIGLIORE OPERA PRIMA
La Giuria Internazionale, a cura di Taodue, è composta da:
•
Presidente
Jonathan Nossiter (regista)
•
Francesca Calvelli (montatrice)
•
Cristiana Capotondi (attrice)
•
Valerio Mastandrea (regista, attore, produttore)
•
Sydney Sibilia (regista)
La giuria assegnerà, senza possibilità di ex-aequo, il premio a un regista.
Al premio Taodue concorrono tutte le opere prime di lungometraggio (fiction), purché inedite,
presenti nelle diverse sezioni del Festival (Selezione Ufficiale e Sezioni Autonome e Parallele, Alice
nella città).
Ecco le opere che concorreranno al Premio Taodue:
ESCOBAR: PARADISE LOST di Andrea Di Stefano (Gala)
A GIRL WALKS HOME ALONE AT NIGHT di Ana Lily Amirpour (Mondo Genere)
INDEX ZERO di Lorenzo Sportiello (Prospettive Italia)
ITAR EL-LAYL / THE NARROW FRAME OF MIDNIGHT di Tala Hadid (Cinema d’Oggi)
LAST SUMMER di Leonardo Guerra Seràgnoli (Prospettive Italia)
MAURO di Hernán Rosselli (Cinema d’Oggi)
NIGHTCRAWLER di Dan Gilroy, Stati Uniti (Mondo Genere)
OBRA di Gregorio Graziosi (Cinema d’Oggi)
SHIER GONGMIN / 12 CITIZENS di Xu Ang (Cinema d’Oggi)
ABOUT A GIRL di Mark Monheim (Alice nella città)
ALL CATS ARE GREY / TOUS LES CHATS SONT GRIS di Savina Dellicour (Alice nella città)
THE CROW'S EGG / KAAKKAA MUTTAI di M. Manikandan (Alice nella città)
GHADI di Amin Dora (Alice nella città)
GUIDA TASCABILE PER LA FELICITA’ / BIRDER’S GUIDE TO EVERYTHING di Rob Meyer (Alice nella
città)
THE KNIFE THAT KILLED ME di Kit Monkman, Marcus Romer (Alice nella città)
SPARTACUS & CASSANDRA di Ioanis Nuguet (Alice nella città)
X + Y di Morgan Matthews (Alice nella città)
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
I PREMI COLLATERALI
•
Premio Farfalla D'oro Agiscuola
•
The SIGNIS Award – Ente dello Spettacolo (dotato di un premio di cinquemila euro)
•
L.A.R.A. (Libera Associazione Rappresentanza di Artisti) al Miglior Interprete Italiano
•
Premio AIC per la Migliore Fotografia
•
Premio AMC al Miglior Montaggio
•
Premio al Miglior Suono - A.I.T.S.
•
Premio La Chioma di Berenice - al Miglior Truccatore
•
Premio La Chioma di Berenice – al Miglior Acconciatore
•
Premio Akai International Film Fest
•
Green Movie Award
• Premio di critica sociale “Sorriso diverso Roma 2014”
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
MAVERICK DIRECTOR AWARD A TAKASHI MIIKE
Il Festival celebra uno dei più originali e prolifici autori contemporanei
In prima mondiale il suo ultimo film, Kamisama no iutoori
(As the Gods Will)
Il regista, sceneggiatore, attore e produttore cinematografico giapponese Takashi Miike, considerato
uno dei più originali prolifici autori del cinema contemporaneo, riceverà il Maverick Director Award –
il premio dedicato ai cineasti che hanno sempre operato “fuori dagli schemi” – durante la nona
edizione del Festival Internazionale del Film di Roma, in programma dal 16 al 25 ottobre 2014 presso
l’Auditorium Parco della Musica, con la direzione di Marco Müller.
Miike, adorato da milioni di giovani spettatori in tutto il mondo per lo stile innovativo, provocatorio,
estremo, ironico delle sue pellicole e per la straordinaria capacità di sperimentare e contaminare
generi e formati, ritirerà il riconoscimento in occasione della proiezione in prima mondiale del suo
nuovo film, Kamisama no iutoori (As the Gods Will).
Marco Müller ha così commentato la scelta: “Per la potenza sempre rinnovata dell'immaginazione
creativa e il coraggio delle idee, Miike Takashi è un cineasta assolutamente fuori dalla norma. Ogni
suo film è una corsa scatenata dentro un immaginario visionariamente poetico e sorprendentemente
politico. Il senso del cinema e il piacere di filmare erano evidenti già dai suoi primi lavori (opere
straight-to-video e film a piccolo budget); hanno potuto insinuarsi senza sforzo anche dentro la sua
attuale velocità creativa (tre-quattro film all'anno), così che il suo stile si impone ogni volta, anche
negli adattamenti dai manga di successo e nei film di commessa calibrati per diventare blockbuster
(dai quali emergono momenti di straordinaria concentrazione figurativa). Prolifico, nomade,
versatile, ostinato, perturbante (e a volte malinconico), Miike ha attraversato tutti i generi: quando
li ha fatti deflagrare è stato per meglio ricomporli in mix imprevedibili. Sempre spiazzante (anche
quando conosci la fonte o il soggetto, sarai sorpreso dalla direzione che prendono le immagini), Miike
è probabilmente il meno accomodante fra tutti i registi maverick contemporanei”.
TAKASHI MIIKE
Considerato da Quentin Tarantino “uno dei più grandi cineasti viventi”, Miike ha sempre contribuito a
ridefinire i limiti del visibile e a ripensare i confini esistenti fra pratiche “basse”, generi e vocazione
autoriale con alcuni dei film più amati e discussi degli ultimi anni. Discepolo di Imamura Shohei e
Hideo Onchi, dall’esordio del 1991 con Toppuu! Minipato tai - Aikyacchi Jankushon, Miike ha riscritto
le regole del cinema popolare giapponese, dando vita a un universo ricco di emozioni violente e
contraddittorie tutte in grado di cogliere, con sguardo critico e preciso, ossessioni e manie del mondo
nipponico. La sua sterminata filmografia conta quasi un centinaio di titoli: da Audition (1999), film
considerato uno dei “25 film più terrificanti degli anni ’90” e uno dei “20 film horror da vedere prima
di morire”, fino a Il canone del male (2012) presentato in concorso al Festival di Roma, Miike segna la
storia del cinema di genere con il suo inconfondibile approccio brutale, visivamente sempre geniale,
colto e, soprattutto, privo di censure e moralismi. Presente a Venezia in Orizzonti nel 2004 con Izo,
visionaria parabola sulla presenza del male nella storia, torna tre anni dopo a Venezia in concorso
con Sukiyaki Western Django, irriverente versione pop-punk del western all’italiana. Nel 2010 è di
nuovo in concorso con 13 assassini, epopea samurai ambientata nel periodo Edo paragonata dai critici
ai migliori film di Akira Kurosawa. Miike approda nel 2011 e nel 2013 al Festival di Cannes, dove
presenta in concorso Hara-Kiri: Death of a Samurai e Straw Shield. Nel 2012 è al Festival di Roma con
Il canone del male e l’anno successivo con The Mole Song: Undercover Agent Reiji, in competizione,
e Blue Planet Brothers (fuori concorso). I suoi film fanno ormai parte dell’immaginario collettivo del
mondo contemporaneo. Opere come Fudoh: The New Generation (1996), yakuza-movie mutante, la
trilogia D.O.A. – Dead or Alive (1999-2002) o l’ultraviolento Ichi the Killer (2001), senza contare
opere inclassificabili come The Bird People in China (1998), Big Bang Love, Gozu (2003), Juvenile A
(2006) e For Love’s Sake (2012), rientrano a pieno diritto fra i classici del cinema del nostro tempo.
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
MARC’AURELIO DEL FUTURO AD ALEKSEJ FEDORČENKO
Il cineasta russo presenterà in prima mondiale il suo ultimo lavoro, Angeli
della Rivoluzione (Angely revolucii)
Il Festival Internazionale del Film di Roma, su proposta del Direttore Marco Müller, consegnerà il
Marc’Aurelio del Futuro ad Aleksej Fedorčenko, regista di Primi sulla Luna e Ovsjanki / Silent Souls
(premiati entrambi alla Mostra di Venezia) e di Spose celesti dei Mari della pianura (in concorso a
Roma nel 2012), produttore di oltre venti film, sceneggiatore e scrittore. In occasione della
premiazione, il cineasta russo presenterà in prima mondiale il suo ultimo lavoro, Angeli della
Rivoluzione (Angely revolucii), nella linea di programma “Cinema d’Oggi”.
Il nuovo film di Fedorčenko, ambientato in Unione Sovietica, racconta l’incontro e lo scontro fra
differenti culture negli anni Trenta staliniani, attraverso lo sguardo di cinque artisti d’avanguardia,
spediti a fare da agit-prop nelle regioni periferiche. La pellicola è un adattamento dei racconti di
Denis Osokin, vincitore del prestigioso premio letterario russo per giovani autori “Debut Prize”,
scrittore del romanzo che ha ispirato Ovsjanki e sceneggiatore di Spose celesti dei Mari della
pianura. Nel cast di Angeli della Rivoluzione, fra gli altri, Darya Ekamasova (già protagonista di Spose
celesti dei Mari della pianura, interprete di Zhila byla odna baba / Once Upon a Time There Lived a
Simple Woman di Andrey Smirnov e Svobodnoe plavanie / Galleggiare liberi di Boris Khlebnikov
presentato nella sezione Orizzonti a Venezia), Konstantin Balakirev (Stilyagi / Hipsters di Valerij
Todorovsky al Festival di Toronto), Alexey Solonchyov (Un lac di Philippe Grandrieux, menzione
speciale alla Mostra di Venezia).
“Aleksej Fedorčenko è una tra le figure assolutamente più originali nel panorama della produzione
russa del Terzo Millennio – dichiara il Direttore Marco Müller – Perché nel passaggio da un film all'altro
ha saputo ogni volta reinventare genere e stile. Nella sua filmografia, il documentario è contraddetto
dal mockumentary, il film drammatico e paesaggistico è ripensato in chiave di commedia panteista
(Spose celesti dei Mari della pianura appare in questo senso come una risposta a Ovsyanki).
A partire dal primo straordinario lungometraggio (il mockumentary Primi sulla luna), Fedorčenko ha
scardinato la struttura narrativa convenzionale (prosastica). Nei lungometraggi 'narrativi' successivi
ha fatto ben di più che proporre una sua personalissima versione del cinema lirico-pittorico:
esaltando l'aspetto figurativo ha spostato in secondo piano il testo e le sue strutture logiche,
utilizzato le immagini per suggerire analogie, allegorie, metafore, deviazioni a-realiste (solo in pochi
casi, surrealiste). Lo spettatore è costretto a misurarsi con un universo di significati e sentimenti che
deve riuscire a intuire, prima ancora di poter comprendere.
Il rischio di schematismi dei soggetti tratti da opere letterarie, la rigidità della fabula vengono fatte
esplodere dalla potenza delle immagini – sempre concrete, mai astratte anche quando i suoi film
sono fatti di azioni sceniche estreme, dilatate o compresse, sempre illuminate da lampi di poesia.
Anche nel nuovissimo e scatenato Angeli della rivoluzione, dall’andamento di commedia satirica, la
visionarietà delle immagini non è fine a se stessa. Serve a continuare la riflessione sui rapporti tra
uomo e natura, a coniugare il fascino di una cultura tradizionale, vera o inventata che sia, con la
violenza della Storia (del potere). E Fedorčenko si conferma, ancora una volta, come uno tra i pochi
cineasti contemporanei capaci di inventare prospettive sempre rinnovate”.
ALEKSEJ FEDORČENKO
Nasce nel 1966 a Sol-Iletsk, nella regione siberiana di Orenburg e poi si trasferisce a Yekaterinburg
dove vive attualmente. Dopo gli studi di ingegneria, si laurea in drammaturgia al VGIK (Istituto
Statale della Cinematografia). Dal 2004 è fondatore, regista, produttore e supervisore della
“Kinokompanija 29-e Fevralja”. Con il lungometraggio d’esordio, Primi sulla luna, Fedorčenko vince
il Premio Orizzonti Doc alla 62. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, dove torna
nel 2010 con Ovsjanki, racconto riflessivo e poetico i cui personaggi, appartenenti all’etnia ugrofinnica, hanno con la terra e l’acqua una relazione quasi intima. Il film vince il premio Osella per la
miglior fotografia mentre la critica internazionale gli assegna il premio FIPRESCI. Il cinema di
Fedorčenko si fonda sul recupero delle tradizioni fra le popolazioni che ancora resistono al dominio
della cultura prevalente. Ovsjanki vince inoltre premi ai festival di Abu-Dhabi, Mar del Plata e
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
Vladivostok. Nel 2012, al Festival “Vivat kino Rossii!”, Fedorčenko si aggiudica il premio speciale
della giuria con il corto Četvertoe izmerenie. Nello stesso anno, Fedorčenko è al Festival
Internazionale del Film di Roma con Spose celesti dei Mari della pianura, sorta di Decameron sospeso
fra magia e realismo composto da ventitré brevi racconti sulle donne del popolo Mari. L’anno
successivo il film è ospitato nella sezione Vanguard al Festival di Toronto e vince il primo premio al
Festival di Breslavia.
Angeli della Rivoluzione (Angely revolucii)
Anno 1934. La leggendaria combattente comunista, la bellissima Polina-Revoluzja, viene incaricata
dal neonato governo sovietico di mettere ordine nel nord dell’Unione Sovietica. Gli sciamani delle
due popolazioni indigene Khanty e Nenets non vogliono accettare la nuova ideologia. Polina convince
cinque amici a partire con lei, ex-colleghi combattenti divenuti ora artisti metropolitani: un
compositore, uno scultore, un regista di teatro, un architetto costruttivista, un regista di fama.
Dovranno tentare di riconciliare la cultura dell’Avanguardia Russa con quella dell’Antico Paganesimo
tra i popoli che vivono nella foresta vergine attorno al grande fiume siberiano Ob. Il film è basato su
eventi realmente accaduti.
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
MARC’AURELIO ACTING AWARD ALLA CARRIERA
A TOMAS MILIAN
Il Festival Internazionale del Film di Roma assegnerà il Marc’Aurelio Acting Award a Tomas Milian. Il
riconoscimento gli sarà consegnato, nel corso della serata d’apertura, da Sergio Castellitto (che ha
scelto proprio Tomas Milian come interprete del suo nuovo film). L’interprete di origini cubane
incontrerà il pubblico in occasione di una Masterclass che sarà moderata da Giona Nazzaro e Manlio
Gomarasca, membri del comitato di selezione del Festival (Manlio Gomarasca è anche autore della
biografia dell’attore di prossima pubblicazione presso Rizzoli).
“Roma, al contrario, si legge Amor”
Tomas Milian
La decisione di conferire l’Acting Award a Tomas Milian risiede in primo luogo nella considerazione
che l’attore è diventato nel corso del tempo uno dei simboli stessi della romanità al cinema insieme
a figure del calibro di Alberto Sordi e Carlo Verdone.
L’affetto incondizionato del popolo e della città tutta di Roma ne sono la prova inconfutabile.
Si tratta non solo di celebrare un legame vivo e indissolubile di un artista con la sua città d’elezione
ma, soprattutto, di rendere omaggio a un talento impareggiabile del cinema del ventesimo secolo.
Tomas Milian, attore di origini cubane, nato nel 1933, 82 anni, è cittadino statunitense e italiano (ha
ottenuto la cittadinanza italiana nella seconda metà degli anni Settanta).
La sua carriera cinematografica è esemplare. Dalla natia L’Avana, Cuba, si trasferisce a New York
dove entra a far parte del prestigioso Actors’ Studio di Lee Strasberg, la fucina attoriale che ha
prodotto talenti del calibro di Marlon Brando, James Dean, Dennis Hopper e Robert De Niro.
Giunge in Italia come protagonista assoluto della commedia di Jean Cocteau Il poeta e la musa
andata in scena nell’ambito del Festival dei Due Mondi di Spoleto per la regia di Franco Zeffirelli.
Il successo di Milian è immediato e gli permette di essere notato dall’ambiente del cinema italiano
che in quegli anni attraversa un profondo e fertile periodo di rinnovamento politico, estetico e
formale.
Nel corso di tutti gli anni Sessanta lavora con registi di valore assoluto come Mauro Bolognini (La
notte brava, Madamigella di Maupin, Il bell’Antonio), Francesco “Citto” Maselli (I delfini, Gli
indifferenti, Ruba al prossimo tuo), Luchino Visconti (Il lavoro, segmento del classico Boccaccio ’70),
Pier Paolo Pasolini (Ro.Go.Pa.G. – Laviamoci il cervello il segmento La ricotta), Valerio Zurlini (Le
soldatesse), Carlo Lizzani (Banditi a Milano), Florestano Vancini (La banda Casaroli), Franco Brusati
(Il disordine), Nanny Loy (Un giorno da leoni), Renato Castellani (Mare matto), Alberto Lattuada
(L’imprevisto).
Il suo straordinario talento gli permette di diventare uno degli attori più richiesti del cinema italiano
degli anni Sessanta e non solo. Infatti, nel 1965, Milian interpreta Il tormento e l’estasi di Carol Reed
al fianco di Rex Harrison e Charlton Heston.
L’inquietudine artistica lo spinge agli inizi degli anni Settanta verso l’anti-Hollywood che stava
rivoluzionando il cinema americano. Tant’è vero che Dennis Hopper, regista di Easy Rider, lo vuole
come interprete del suo film più controverso The Last Movie – Fuga da Hollywood al fianco di
leggende del calibro di Peter Fonda, Kris Kristofferson, Samuel Fuller e John Phillip Law.
Contemporaneamente Tomas partecipa da protagonista assoluto alla straordinaria stagione dello
Spaghetti Western interpretando i capolavori di Sergio Sollima (Faccia a faccia, Corri uomo corri),
Sergio Corbucci (Vamos a matar, compañeros), Giulio Petroni (Tepepa, al fianco di Orson Welles),
Giulio Questi (Se sei vivo spara) film che sono stati sottratti all’oblio, nonostante l’amore degli
esperti e dei cinefili, solo grazie a Quentin Tarantino che li ha celebrati nel suo Django Unchained.
Grazie alla presenza picaresca e antieroica di Milian il western italiano assume coloriture politiche
che fanno risuonare nei film di quegli anni le urgenze delle lotte terzomondiste e anti-imperialiste.
Attore duttilissimo in grado di alternare cinema popolare e impegnative sortite nel cinema d’autore
più esigente, Milian interpreta nel 1970 L’amore coniugale, l’unico lungometraggio di finzione diretto
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
dalla scrittrice Dacia Maraini. Sempre nel 1970 interpreta I cannibali di Liliana Cavani, opera che
anticipa la grande stagione dei conflitti sociali e studenteschi.
Quando l’epoca del western declina, Milian diventa la star indiscussa della grande stagione del
cinema poliziesco italiano rappresentando sempre un eroe popolare e popolano che lo porterà infine
a costruire l’ultima grande maschera della commedia di costume italiana, il personaggio di Nico
Giraldi, campione d’incassi indiscusso dei decenni Settanta e Ottanta.
Lontanissimo dalla figura del giustiziere solitario che andava per la maggiore nel coevo cinema
statunitense, Milian porta in dote ai suoi tutori della legge (e lestofanti) una comprensione istintiva e
un affetto genuino nei confronti dei tormenti e dei problemi degli ultimi. E anche in questo è in
sintonia assoluta con la grande stagione della contestazione studentesca.
Nonostante lo straordinario successo che accoglie sempre il suo lavoro, Milian non dimentica il
cinema d’autore impegnandosi con maestri del calibro di Michelangelo Antonioni, interpretando
Identificazione di una donna, e di Bernardo Bertolucci (La luna).
Torna negli Stati Uniti al termine degli anni Ottanta dove riprende a lavorare all’interno dello star
system hollywoodiano collaborando con registi di fama internazionale come Steven Spielberg
(Amistad), Oliver Stone (J.F.K. – Un caso ancora aperto), Steven Soderbergh (Traffic, film vincitore
del premio Oscar®), Robert Redford (Havana), Abel Ferrara (Oltre ogni rischio) e James Gray (The
Yards), presidente della Giuria dell’ottava edizione del Festival Internazionale del Film di Roma.
Partecipa anche a serie televisive di rilievo indiscutibile come Miami Vice prodotta da Michael Mann,
Law & Order, U.C. Undercover e Oz, prodotta dalla HBO.
PERCHÈ UN PREMIO A MILIAN NELLA CITTÀ DI ROMA
Tomas Milian e Roma sono sinonimo l’uno dell’altra. Milian ha costruito a Roma, intorno a una figura
che reca in sé i tratti di quella cultura popolare romana ancora non completamente assorbita dalla
società dei consumi di cui Pier Paolo Pasolini in poesia è stato il cantore più alto e Luigi Magni lo
storiografo più attendibile, il maggiore successo della sua carriera, quello più duraturo, che gli ha
permesso di assurgere alle dimensioni di autentica icona dell’immaginario collettivo.
Milian ha offerto un ritratto unico di una città e dei suoi abitanti alle soglie di un sofferto e
complesso processo di trasformazione sociale ed economica che la cultura ufficiale non è riuscita, se
non altro non in tempo reale, a raccontare in forme altrettanto efficaci e di eguale diffusione di
massa.
L’umanità celebrata da Gianfranco Rosi con Sacro GRA vive già nei film delle serie incentrate sul
personaggio di Nico Giraldi, esemplare irripetibile di poliziotto dalla parte degli ultimi e degli umili,
in lotta contro i potenti e i corrotti, burocrati e colletti bianchi, in grado di rivolgersi ai suoi superiori
e colleghi con la voce schietta e pungente di una romanità nella quale il vernacolo assume la
coloritura delle pasquinate più irriverenti già celebrate nella migliore tradizione del Belli.
Milian, corpo multi-etnico, cubano, statunitense e soprattutto italiano ha dichiarato: «Roma è la
città in cui mi sento a casa. La città che mi ha accolto come un figlio e che mi ha insegnato la vita.
Se c’è un posto dove voglio trascorrere gli ultimi anni della mia esistenza è Roma che, al contrario, si
legge Amor».
Nello spirito della grande festa popolare di cui il Festival Internazionale del Film di Roma si è fatto
portatore sin dagli esordi, un riconoscimento alla persona di Tomas Milian ci sembra un omaggio
dovuto per esprimergli l’affetto imperituro che la Capitale (e l’Italia tutta) non ha mai cessato di
tributargli.
Siamo convinti che la presenza di Tomas Milian al Festival Internazionale del Film di Roma sia un
momento altamente qualificante e popolare al tempo stesso. Una festa vera, schietta, genuina.
Milian è un punto di congiunzione fra due mondi e concezioni del cinema che nella sua persona si
saldano miracolosamente. Siamo convinti che si tratti di un evento atteso spasmodicamente dagli
ammiratori dell’attore. Lo attestano le cifre delle vendite sempre altissime dei film di Milian in dvd e
blu-ray, nonostante la crisi dell’editoria elettronica, i continui passaggi televisivi dei suoi film e i
numerosi forum e fan club a lui dedicati su internet.
Roma premiando Milian omaggia l’ultimo cantore della città, un artista incomparabile, unico, che ha
toccato il cuore di milioni di romani e italiani sparsi in tutto il mondo.
Giona Nazzaro
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
MASTERCLASS E INCONTRI
BRAD ANDERSON
Il regista cult di Session 9, L'uomo senza sonno, Transsiberian, Vanishing on the 7th
Street e The Call, al Festival con il suo nuovo film, Stonehearst Asylum, sarà
protagonista di una masterclass.
ASIA ARGENTO
In occasione della mostra Asia Argento: la strega rossa e della presentazione
dell’omonimo volume fotografico pubblicato dal Centro Sperimentale di Cinematografia
e Edizioni Sabinae, l’artista sarà protagonista di un incontro con il pubblico.
VISHAL BHARDWAJ
Il regista e scrittore indiano, celebre per i suoi adattamenti cinematografici (Maqbool e
Omkara) dei testi shakespeariani, porta a Roma Haider, ultimo capitolo della trilogia
dedicata al drammaturgo e poeta inglese. In quest’occasione, incontrerà il pubblico al
Teatro Argentina.
JOÃO BOTELHO
Il cineasta portoghese, premiato nei maggiori festival internazionali, da Berlino a
Venezia e Roma, incontrerà il pubblico del Festival in occasione della presentazione del
suo nuovo film Os maias – (Alguns) Episódios da vida romântica.
PARK CHAN-WOOK
L’acclamato autore della “Trilogia della Vendetta”, Thirst e Stoker incontrerà il
pubblico del Festival in occasione della proiezione di A Rose Reborn, nato dalla
collaborazione fra il grande cineasta sudcoreano e Ermenegildo Zegna.
GERALDINE CHAPLIN
Figlia del grande Charlie Chaplin, l’attrice de Il dottor Zivago e Rapina al Sole,
interprete per registi come Robert Altman, James Ivory, Martin Scorsese, sarà a Roma
per presentare agli spettatori l’ultimo film che la vede protagonista, Dólares de Arena,
e per una masterclass.
KEVIN COSTNER
L’attore, regista, produttore cinematografico statunitense (premio Oscar® per Balla coi
lupi, interprete di film come Guardia del corpo, JFK - Un caso ancora aperto) mostrerà
le sequenze dei suoi film più amati e risponderà alle domande degli appassionati.
TAKASHI MIIKE
Il regista, sceneggiatore, attore e produttore cinematografico giapponese adorato da
milioni di giovani spettatori in tutto il mondo, riceverà il Maverick Director. In questa
occasione presenterà il suo nuovo film e incontrerà il pubblico.
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
TOMAS MILIAN
L’attore di origini cubane, talento impareggiabile in grado di alternare cinema popolare
e impegnative sortite nel cinema d’autore più esigente, riceverà il Marc’Aurelio Acting
Award e sarà protagonista di una Masterclass con il pubblico dell’Auditorium.
CLIVE OWEN
L’attore britannico (Golden Globe per Closer, interprete di film come King Arthur, Sin
City, Inside Man) incontrerà il pubblico del Festival nell’ambito di una serata-evento in
cui sarà proiettata la serie The Knick di Steven Soderbergh, che andrà in onda in
esclusiva assoluta su Sky Atlantic HD in autunno.
WALTER SALLES E JIA ZHANGKE
Il Golden Globe Walter Salles, premiato quest’anno al Festival con il
Marc’Aurelio alla Carriera, e il regista, scrittore, sceneggiatore e
produttore Jia Zhangke, Leone d’Oro a Venezia, saranno protagonisti di un
dialogo pubblico in occasione della proiezione di Jia Zhangke, Un Gars de
Fenyang, documentario di Salles sulla vita e l’opera del cineasta cinese.
WIM WENDERS
Al Festival per presentare il nuovo film documentario firmato insieme a Juliano Ribeiro
Salgado, Il Sale della Terra, inserito nel programma “Wired Next Cinema”, il cineasta
cult de Il cielo sopra Berlino incontrerà il pubblico dell’Auditorium.
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
RETROSPETTIVE, RESTAURI E RISCOPERTE
DANZE MACABRE. IL CINEMA GOTICO ITALIANO
Fu una breve stagione, quella del gotico, come spesso accade nel cinema italiano. Tanti – forse troppi
– titoli racchiusi in una manciata di anni. Dal 1957 al 1966, in un crocevia di generi, peplum,
spionistico e western all’italiana, sorti l’uno dalle ceneri dell’altro per reagire all’ennesima crisi. Il
solito modello anglosassone (costituito questa volta dai film della Hammer) e la consueta spinta
all’emulazione si fondono con la capacità, tipicamente italica, di adattare storie e atmosfere alle
esigenze produttive. E l’Italia dei castelli e dei manieri si trasforma in un fantastico set, ove
rispolverare antiche leggende di streghe e vampiri, l’immaginario infantile popolato di incubi e
demoni. Come sosteneva Riccardo Freda, artefice, con Mario Bava, della nascita del genere, «l’orrore
vero è quello radicato dentro di noi fin dalla nascita. […] È questo il vero terrore, l’angoscia di ciò
che non si vede, il rumore che scatena il terrore fino allora represso. In tutti i miei film vi sono porte
che si aprono nel buio senza rumore, scricchiolii e fruscii raggelanti, il picchiettare di un ramo contro
un vetro che sembra la mano scheletrica di un fantasma». Gli spettri sono tornati…
Il Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale presenta una breve retrospettiva con
alcuni dei film più significativi dei maestri del gotico, Freda, Margheriti, Pupillo, Mastrocinque, con
le incursioni nel genere di Damiani e Vernuccio e un lavoro giovanile di Corrado Farina, Il figlio di
Dracula. Parallelamente si rende omaggio, nel centenario della nascita, a Mario Bava con un ciclo di
cinque film, scelti tra il gotico e il successivo thriller all’italiana. E per chiudere il cerchio, al Cinema
Trevi, la sala della Cineteca Nazionale, verrà ricordato con una lunga retrospettiva, dal 16 al 26
ottobre, un altro maestro del fantastico, Lucio Fulci.
Retrospettiva a cura di Domenico Monetti, Emiliano Morreale, Luca Pallanch.
•
I VAMPIRI di Riccardo Freda, Italia, 1957, 85’
Cast: Gianna Maria Canale, Antoine Balpétré, Paul Müler, Carlo D’Angelo, Wandisa Guida,
Riccardo Freda
•
LO SPETTRO di Riccardo Freda, Italia, 1963, 100’
Cast: Barbara Steele, Peter Baldwin, Leonard G. Elliot (Elio Jotta), Harriet Medin White,
Raoul H. Newman (Umberto Raho), Carol Bennet
•
IL FIGLIO DI DRACULA di Corrado Farina, Italia, 1960, 20’
Cast: Lella Berti, Antonio Rossi, Giampaolo Zancan, Elena Albert
•
DANZA MACABRA di Antonio Margheriti, Italia, Francia, 1963, 90’
Cast: Barbara Steele, Georges Rivière, Margaret Robsham, Montgomery Glenn (Silvano
Tranquilli), Henri Kruger (Arturo Dominici), Raoul H. Newman (Umberto Raho)
•
5 TOMBE PER UN MEDIUM di Massimo Pupillo, Italia, Stati Uniti, 1965, 89’
Cast: Barbara Steele, Walter Brandt (Walter Brandi), Edward Bell (Ennio Balbo), Marilyn
Mitchell (Mirella Maravidi), Alfred Rice (Alfredo Rizzo), Richard Garret (Riccardo Garrone)
•
LA CRIPTA E L’INCUBO di Camillo Mastrocinque, Italia, Spagna, 1964, 85’
Cast: Christopher Lee, José Campos, Audry Amber (Adriana Ambesi), Cicely Clayton (Carla
Calò), Vera Valmont, Ursula Davis (Pier Anna Quaia)
•
TOBY DAMMIT (ep. da TRE PASSI NEL DELIRIO) di Federico Fellini, Italia, Francia, 1968, 44’
Cast: Terence Stamp, Salvo Randone, Antonia Pietrosi, Marisa Traversi, Mimmo Poli, Anne
Tonietti
•
IL MULINO DELLE DONNE DI PIETRA di Giorgio Ferroni, Italia, Francia, 1960, 100’
Cast: Pierre Brice, Scilla Gabel, Dany Carrel, Wolfgang Preiss, Liana Orfei, Olga Solbelli
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
•
LA STREGA IN AMORE di Damiano Damiani, Italia, 1966, 109’
Cast: Rosanna Schiaffino, Richard Johnson, Sarah Ferrati, Gian Maria Volonté, Margherita
Guzzinati, Ivan Rassimov
•
LA LUNGA NOTTE DI VERONIQUE di Gianni Vernuccio, Italia, 1966, 90’
Cast: Alex Morrison (Sandro Luporini), Alba Rigazzi, Walter Pozzi, Tony Bellani, Cristina
Gajoni, Lia Rainer
FOCUS MARIO BAVA
•
5 BAMBOLE PER LA LUNA D’AGOSTO di Mario Bava, Italia, 1969, 87’
Cast: William Berger, Ira Fürstenberg, Maurice Poli, Edwige Fenech, Howard Ross (Renato
Rossini), Teodoro Corrà
•
LA FRUSTA E IL CORPO di Mario Bava, Italia, Francia, 1963, 87’
Cast: Christopher Lee, Daliah Lavi, Adriana Ambesi, Ursula Davis (Pier Anna Quaglia), Tony
Kendall (Luciano Stella), Isli Oberon (Ida Galli)
•
LA MASCHERA DEL DEMONIO di Mario Bava, Italia, 1960, 88’
Cast: Barbara Steele, John Richardson, Andrea Checchi, Ivo Garrani, Arturo Dominici, Enrico
Olivieri
•
OPERAZIONE PAURA di Mario Bava, Italia, 1966, 85’ (restauro digitale)
Cast: Giacomo Rossi Stuart, Erika Blanc (Enrica Bianchi), Piero Lulli, Fabienne Dali, Max
Lawrence (Luciano Catenacci), Micaela Esdra
•
LA RAGAZZA CHE SAPEVA TROPPO di Mario Bava, Italia, 1963, 82’
Cast: Valentina Cortese, Leticia Roman, John Saxon, Dante Di Paolo, Robert Buchanan, Gigi
Bonos
RESTAURI E RISCOPERTE
Anche quest’anno il CSC-Cineteca Nazionale è presente al Festival Internazionale del Film di Roma
con importanti restauri e riscoperte. All’interno della retrospettiva sul gotico italiano, è presente il
restauro di uno dei capolavori di Mario Bava, Operazione paura, mentre Boccaccio ‘70 completa un
percorso cominciato idealmente la scorsa edizione con la proiezione dell’episodio Le tentazioni del
dottor Antonio di Federico Fellini, a cui si aggiungono ora quelli di Visconti, Monicelli e De Sica
(quest’ultimo con una splendente Sophia Loren, che ha appena compiuto ottant’anni).
Il restauro digitale di Ricomincio da tre è un modo per celebrare Massimo Troisi nel ventennale della
scomparsa, riproponendo il suo primo grande successo cinematografico; mentre è una vera e propria
riscoperta di un film e di un regista misconosciuti, L’occhio selvaggio di Paolo Cavara. Insieme al
restauro di quest’ultimo film, verrà presentato il ricco volume edito da Bompiani, che contiene il
soggetto e la sceneggiatura, cui collaborarono Alberto Moravia, Fabio Carpi e Ugo Pirro.
Un eccezionale ritrovamento è il cortometraggio Partire è un po’ morire, “spot” per un’Europa senza
frontiere, interpretato nel ’50 da Peppino De Filippo. Il breve film introdurrà anche l’incontro
internazionale sul mercato dell’audiovisivo organizzata dal MiBACT in occasione del semestre di
Presidenza italiana dell’Unione Europea.
Grazie alle copie della Cineteca Nazionale e di Cinecittà-Luce, infine, verrà reso un doveroso
omaggio a Pietro Germi, il cui centenario della nascita quest’anno non ha avuto l’eco che avrebbe
meritato. La proiezione di Il cammino della speranza, in particolare, è pensata anche come ricordo
dell’attrice Elena Varzi, recentemente scomparsa.
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
•
PARTIRE È UN PO’ MORIRE di Giacinto Mondaini, Italia, 1951, 11’
Cast: Peppino De Filippo, Margit Seeber
•
BOCCACCIO ‘70 di Vittorio De Sica, Federico Fellini, Mario Monicelli, Luchino Visconti, Italia,
Francia, 1962, 203’ (Versione Integrale)
Cast: Sophia Loren, Peppino De Filippo, Romy Schneider, Anita Ekberg, Tomas Milian, Marisa
Solinas, Luigi Giuliani, Germano Gilioli
•
RICOMINCIO DA TRE di Massimo Troisi, Italia, 1981, 110’
Cast: Massimo Troisi, Lello Arena, Fiorenza Marchegiani, Michele Mirabella, Renato Scarpa
•
L’OCCHIO SELVAGGIO di Paolo Cavara, Italia, 1967, 98’
Cast: Philippe Leroy, Delia Boccardo, Gabriele Tinti, Luciana Angelillo, Giorgio Gargiullo
•
•
•
Centenario della nascita di Pietro Germi (14 settembre 1914 – 5 dicembre 1974)
Ricordo di Elena Varzi
IL CAMMINO DELLA SPERANZA di Pietro Germi, Italia, 1950, 105’
Cast: Raf Vallone, Elena Varzi, Saro Urzì, Franco Navarra, Liliana Lattanzi, Mirella Ciotti
Centenario della nascita di Pietro Germi (14 settembre 1914 – 5 dicembre 1974)
UN MALEDETTO IMBROGLIO di Pietro Germi, Italia, 1959, 110’
Cast: Claudio Gora, Franco Fabrizi, Eleonora Rossi Drago, Cristina Gaioni, Pietro Germi,
Claudia Cardinale, Nino Castelnuovo, Lilia Landi, Saro Urzì
Centenario della nascita di Pietro Germi (14 settembre 1914 – 5 dicembre 1974)
Ricordo di Luciano Vincenzoni
SIGNORE & SIGNORI di Pietro Germi, Italia, 1965, 118’
Cast: Gastone Moschin, Virna Lisi, Alberto Lionello
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
MOSTRE
ACTRICES. OMAGGIO A KATE BARRY
16-25 ottobre 2014, Foyer Sala Petrassi
Star del cinema che affascinano e abbagliano. Non sorprende
che il Festival del Film di Roma abbia voluto accogliere questa
esposizione fotografica, al suo lancio internazionale. Sono
ritratti che portano la firma di Kate Barry. Donne soprattutto
francesi, alcune delle quali hanno un forte legame con l’Italia,
come Catherine Deneuve e Isabelle Adjani. Altre sono italiane
d’origine, come Monica Bellucci o Sofia Coppola. Grazie al
talento dell’artista, si sono lasciate andare a una sorta di
abbandono non comune. Da cui nascono alcuni clichés, privi di
artificio, sobri e potenti. Nata nel 1967, figlia di John Barry e
di Jane Birkin, Kate Barry è morta nel dicembre 2013. La
mostra, dedicata alla sua memoria, è un omaggio alla sua
opera. Curata da Aline Arlettaz, giornalista e fotografa, la
mostra è prodotta dall’Institut français in partenariato con Roman de Kermadec, il figlio dell’artista.
L’Institut français, che riceve il sostegno di Axa, si occupa anche della diffusione internazionale della
mostra.
ASIA ARGENTO: LA STREGA ROSSA
16-25 ottobre 2014, sala stampa (riservata accreditati) e Foyer
Sala Santa Cecilia (fino al 21 ottobre)
Asia Argento: la strega rossa è un volume fotografico
pubblicato dal Centro Sperimentale di Cinematografia e
Edizioni Sabinae. Il libro racconta il talento poliedrico di Asia
Argento, disegnando un ritratto completo del suo mondo
artistico, professionale e spirituale, non solo attraverso
immagini dei suoi film, ma anche con disegni, racconti e scatti
fotografici privati dell’artista. Una sezione del volume è
dedicata al reportage di Stefano Iachetti, autore del libro, sui
set di Era di marzo e Incompresa. Le fotografie ritraggono
l’artista in azione e mostrano il suo lato meno glamour e più
vero, lontano dall’icona pop e trasgressiva a cui siamo abituati,
e sono anche protagoniste della mostra allestita nel foyer della
sala Santa Cecilia e nella sala stampa – Spazio Risonanze. Il volume sarà presentato in occasione
dell’incontro dell’artista con il pubblico. (di Stefano Iachetti)
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
MERCATO INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA
The Business Street e New Cinema Network
17|21 ottobre 2014
Dal 17 al 21 ottobre torna il Mercato Internazionale del Film di Roma (The Business Street e New
Cinema Network), lo spazio che il Festival Internazionale del Film di Roma dedica ai professionisti
dell’industria cinematografica.
La nona edizione di The Business Street (TBS), coordinata da Massimo Saidel con Francesca Palleschi
e Markus Duffner, e New Cinema Network (NCN), coordinata da Alexia De Vito con Annalisa
Donnarumma e Camilla Donghi, si presenta come un appuntamento di mercato ormai fortemente
consolidato e fisso nell’agenda di produttori e distributori di tutto il mondo: a iscrizioni ancora
aperte, la partecipazione internazionale (tra compratori, world sales agents e produttori) registra già
un incremento record del +25% con una media in crescita di 750 accreditati industry. I dati 2014 –
seppure ancora incompleti - confermano la fidelizzazione ed il crescente coinvolgimento dei maggiori
protagonisti del settore come anche l’interesse e l’adesione di nuovi distributori e produttori
provenienti da circa 50 Paesi.
Il forte respiro internazionale è stato un obiettivo raggiunto grazie al sostegno e alla collaborazione
dell’ICE - Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane - su
cui il Mercato ha potuto contare fin dalle prime edizioni, alla preziosa partnership con ANICA Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Multimediali - e alla cooperazione
con il MiBACT – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Anche per la sua nona
edizione, inoltre, il Mercato ha potuto contare sul sostegno dello schema Access to Market di Europa
Creativa (2014-2020).
“ICE-Agenzia è anche quest’anno al fianco della Fondazione Cinema per Roma per contribuire ad
accrescere il respiro internazionale della sezione Industry del Festival – ha detto il presidente di ICEAgenzia Riccardo Monti – Oltre 50 professionisti, provenienti da tutto il mondo, sono stati invitati
dagli uffici della nostra rete estera a partecipare a The Business Street e New Cinema Network. ICEAgenzia ha sempre creduto nel Cinema non solo come industria che produce contenuti da esportare
ma anche, e sempre di più, perché rappresenta quella capacità, tutta italiana, di sapere realizzare
prodotti belli, immagini ed emozioni che hanno lasciato un segno indelebile nella percezione che il
mondo ha del nostro Paese. Un settore strategicamente importante, quindi, proprio per questa sua
capacità - al contempo industriale e artigianale, culturale ed estetica - di promuovere il Made in Italy
e lo stile di vita italiano”.
Il Mercato si svolgerà nella parte centrale del Festival, dal 17 al 21 ottobre 2014 e, anche per questa
edizione, Via Veneto si trasformerà nella ‘casa’ dell’industria cinematografica: sede ormai storica di
TBS, l’Hotel Bernini Bristol ospiterà per il secondo anno consecutivo anche il mercato di coproduzione dei progetti, New Cinema Network. Le proiezioni di Mercato si concentreranno nel
Multisala Barberini e la Video library digitale - collocata al primo piano dell’Hotel Bernini Bristol e
realizzata in collaborazione con RAI COM e WCPMedia Services – offrirà ai distributori visioni ondemand dei titoli selezionati al Festival e di quelli proiettati al Mercato. Sarà inoltre fruibile una
selezione di film ad alto potenziale ‘Remake’ e dei lavori degli autori selezionati a NCN (più di 600
titoli sono stati digitalizzati e presentati in videolibrary nel corso delle passate edizioni). La Casa del
Cinema accoglierà la tradizionale sessione di dibattiti, incontri e conferenze dedicati all’Industria.
Luigi De Siervo, Amministratore Delegato di RAI COM ha dichiarato: “Siamo felici di essere partner
del Mercato di Roma TBS sul progetto video library, ideato insieme sette anni fa e sviluppato con
ottimi risultati. La video library resta un validissimo strumento per favorire la compravendita
internazionale dei film”.
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
In un’economia sempre più globale, il mercato inoltre risponde all’esigenza di produttori e
distributori di ampliare la propria conoscenza dei più recenti modelli economici e di cercare nuove
possibilità di cooperazione internazionale. In quest’ottica, The Business Street rivolge particolare
attenzione alla cinematografia e all’industria dell’Argentina e del Brasile, Paesi ospiti di un Focus
Industry che porterà a Roma una prestigiosa delegazione di autori, produttori, distributori e
rappresentanti istituzionali dei due Paesi, professionisti che presenteranno a Roma le loro più recenti
produzioni alle proiezioni di Mercato del Cinema.
Con il supporto di ANCINE (Agência Nacional do Cinema – Brasile), APEX (Brazilian Trade and
Investment Promotion Agency) e Cinema do Brasil per il Brasile, con INCAA (Instituto Nacional de Cine
y Artes Audiovisuales) per l’Argentina e in collaborazione con il MiBACT e lCE-Agenzia, il Focus offrirà
una preziosa occasione di networking che si concluderà domenica 19 ottobre alla Casa del Cinema
con un incontro ‘trilaterale’ Argentina/Italia/Brasile che darà spazio ad un confronto sulle nuove
opportunità di cooperazione artistica e commerciale tra l’industria audiovisiva italiana e le due
sudamericane. “L’incontro tra Argentina, Brasile e Italia giunge in un momento particolarmente
interessante – ha dichiarato Nicola Borrelli, Direttore Generale Cinema del Ministero per i Beni e le
Attività Culturali – la nostra industria sta attraversando una fase estremamente favorevole grazie al
prestigioso riconoscimento agli Academy Awards, e le cinematografie ospiti del Focus sono sempre
più presenti nelle selezioni dei festival di tutto il mondo. In questo quadro ci auguriamo che
un’iniziativa come quella del Focus possa ulteriormente incoraggiare le opportunità di sinergia e
cooperazione fra le tre industrie”.
Dopo il successo del 2013, continua il dialogo con la Cina: China Day atto secondo, una delle attività
del “Progetto Cina” realizzato da ANICA per MiBACT e MiSE, nell’ambito del “Progetto di
internazionalizzazione ANICA – ICE-Agenzia”, in collaborazione con The Business Street e con il
prezioso contributo di iQIYI (principale portale di video on demand in Cina), porta a Roma una
qualificata delegazione di produttori, content provider e investitori cinesi. Il China Day si articola in
una giornata di incontri e di analisi ravvicinata su ben 18 progetti di coproduzione tra Italia e Cina.
Grazie a un’attenta selezione dei partecipanti e attraverso agende di incontri B2B preorganizzate, i
produttori italiani avranno opportunità concrete ed efficaci di networking con produttori e investitori
cinesi. Nella seconda giornata dell'iniziativa, la Casa del Cinema ospiterà una tavola rotonda che si
concentrerà su un’esplorazione del Pianeta Cina pensata dal punto di vista della produzione dei
contenuti, dei modelli distributivi e delle possibilità di investimento.
“Per l’Italia – ha affermato il presidente dell’ANICA, Riccardo Tozzi – trovare la via di un confronto
produttivo e creativo paritario con la Cina rappresenta una vera sfida per i prossimi anni. Per questo
riteniamo che il secondo appuntamento al Festival Internazionale del Film di Roma con il China Day
possa considerarsi in primo luogo un momento di consolidamento delle tante cose già fatte in questi
ultimi anni nella costruzione del rapporto tra l’industria cinematografica e audiovisiva italiana e
quella cinese. Ma nello stesso tempo dobbiamo fare di questo nuovo appuntamento un elemento di
sviluppo e di rafforzamento della nostra azione verso quel mercato strategico”.
Il Progetto Cina è promosso di concerto con Istituto Luce Cinecittà, ICE-Agenzia, Unefa, 100Autori,
Coordinamento Film Commission, Scuola Nazionale di Cinema e si avvale della partnership con la
Fondazione Italia Cina.
Tra le novità della nona edizione anche la partnership con Ass.For.SEO sulla prima edizione di ‘Italian
Film Boutique by Movie UP – Roma/Lazio Cinema Days for International Buyers’, un’iniziativa
finanziata dalla Regione Lazio – Assessorato alla formazione, Università Scuola e Ricerca – POR FSE
2007-2013, in collaborazione con Roma Lazio Film Commission. Da sempre piattaforma strategica per
il lancio commerciale di nuovi film e per la circolazione del cinema italiano all’estero, The Business
Street rappresenta il luogo ideale per ospitare proiezioni specificamente dedicate del cinema italiano
più recente aperte esclusivamente ai buyer internazionali.
Introdotto per la prima volta nel 2013, il progetto “Remake it!” è stato accolto con interesse e
soddisfazione dagli operatori partecipanti. Nel contesto del Mercato di Roma è sembrato naturale
volgere l’attenzione su una fetta di mercato in crescita: la commercializzazione dei diritti di remake,
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
storie dall’appeal forte, già consacrate dal successo nel paese di origine ma in grado di comunicare
globalmente con il pubblico di tutto il mondo. Nel 2014 il format dell’iniziativa sarà rafforzato per
offrire maggiori opportunità di promozione dei titoli e per rendere più efficace il networking tra gli
addetti ai lavori. In collaborazione con WCPMedia Services, verrà organizzata una breve
presentazione alla Casa del Cinema in cui relatori di prestigio saranno chiamati a condividere il
proprio know-how sul tema della negoziazione dei diritti di remake sia dal punto di vista legale, sia
da quello commerciale. I titoli selezionati per l’edizione 2014 di “Remake it!” verranno inclusi in una
specifica sezione della videolibrary, nell’app per gli accreditati di mercato e, allo stesso tempo,
saranno oggetto di un pitch destinato ai buyer internazionali.
In collaborazione con Casa del Cinema|Zètema Progetto Cultura, la Casa del Cinema ospiterà tutti i
momenti di approfondimento e dibattito che il Mercato dedica all’Industria. Il 17 ottobre si aprirà
con il tradizionale European Day: una preziosa occasione per presentare, dati alla mano, il primo
anno di attività a pieno regime dei nuovi schemi di sostegno all’audiovisivo di Europa Creativa (20142020). L’Info Day Europeo si concentrerà su approfondimenti dedicati al sostegno e allo sviluppo con
una sessione sul marketing e sulla distribuzione. L’evento è organizzato dal Creative Europe Desk
Italy/MEDIA e The Business Street, con il sostegno di MiBACT – DG Cinema, Regione Lazio e Istituto
Luce Cinecittà.
Le nuove strategie di marketing e modelli di uscita Theatrical saranno anche tema protagonista nel
convegno organizzato da The Business Street in collaborazione con Europa Distribution (Associazione
di Distributori Europei) che si terrà sabato 18 ottobre alla Casa del Cinema. Per la prima volta
quest’anno, l’associazione paneuropea Europa Distribution ha scelto Roma per tenere la sua
assemblea generale a porte chiuse.
New Cinema Network (NCN), il mercato di co-produzione del Festival, presenterà ai maggiori
esponenti dell’industria cinematografica internazionale una rosa di 27 progetti, selezionati dal
comitato composto da Marco Müller, Marie-Pierre Duhamel e Laura Buffoni insieme allo staff di New
Cinema Network. Oltre a presentare un maggior numero di progetti rispetto allo scorso anno,
l’edizione 2014 di NCN si arricchisce anche dal punto di vista dei premi che verranno assegnati.
Si conferma l’importante presenza di Eurimages - il Fondo per il Cinema del Consiglio d’Europa – che,
riconoscendo NCN come uno dei più importanti ed efficaci mercati di co-produzione europei, affiderà
alla giuria il compito di assegnare l’Eurimages Co-production Development Award, un premio in
denaro di 30.000 euro destinato allo sviluppo del progetto che meglio risponda ai criteri di
collaborazione e co-produzione che ispirano Eurimages.
Tra le novità più rilevanti dell’edizione 2014, New Cinema Network è orgoglioso di presentare la
Menzione Speciale dell’UNICEF Italia in occasione del 25° anniversario della Convenzione sui diritti
dell’infanzia e dell’adolescenza. La Menzione sarà assegnata al progetto italiano che meglio
rappresenta con efficacia e delicatezza le storie, i sogni e la vita dei bambini dando voce e volto ai
loro diritti ovunque nel mondo.
La sinergia tra New Cinema Network, incubatore di talenti del domani, e UNICEF Italia, da sempre
attento al legame tra cinema, cultura, creatività e diritti dei bambini e dei ragazzi, intende
sostenere quelle iniziative che sappiano promuovere la conoscenza e l’incontro come chiavi
d’ingresso alla libertà, all’inclusione e a una crescita serena per lo sviluppo individuale e dell’intera
società.
Al miglior produttore europeo emergente verrà invece assegnato il Cubix Award, un premio in denaro
di 5.000 euro, stanziato dalla società Cubix International per sostenere una produzione di qualità
nella delicata fase dello sviluppo del progetto. Per quanto riguarda la selezione, anche quest’anno
NCN presenterà un parterre di autori tra i più interessanti e originali nel panorama internazionale. Si
va da Haile Gerima (Child of the Breast), regista etiope vincitore del Leone d’Argento alla Mostra
Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia 2008 con l’applaudito Teza, al poeta e cineasta
francese F.J. Ossang (9 Fingers), la cui opera ha ricevuto riconoscimenti nei festival di tutto il mondo
(Cannes, Buenos Aires, Rotterdam tra gli altri) ed è stata oggetto di numerose e prestigiose
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
retrospettive nelle cinemateche e negli Istituti culturali più importanti; da Markus Schleinzer
(Angelo), autore austriaco che ha già firmato l’acclamato Michael, presentato in competizione a
Cannes nel 2011, a Toomas Hussar (The spy and the poet), regista, sceneggiatore e attore che con la
sua opera prima Mushrooming ha conquistato il box office nazionale e numerosi riconoscimenti
internazionali (tra cui a Karlovy Vary e Toronto); dal giovanissimo regista ucraino Roman Bondarchuk
(Volcano) a Montasser Hegazy e Marianne Khoury presenti con Ghosts of the City, un musical di
ispirazione politica nella vena del miglior cinema del maestro Youssef Chahine, che infatti produce
con la sua MISR International Films. Dal team che ha già firmato la produzione di Quod Erat
Demonstrandum, vincitore del Premio Speciale della Giuria al Festival di Roma 2013, arriva Charlton
Heston, progetto con cui il produttore rumeno Andrei Cretulescu passa dietro la macchina da presa.
Dalla Colombia arriva il progetto Oscuro Animal di Felipe Guerrero, autore che ha conquistato i
festival internazionali con il suo film d’esordio Paraíso, mentre l’Argentina è rappresentata da
Hernan Guerschuny, talento emergente che presenterà il progetto Break. Grazie alle partnership
ormai consolidate e alle nuove, NCN accoglierà 6 progetti provenienti da alcune delle piattaforme più
prestigiose del mercato internazionale. Dal Sundance Institute arrivano il peruviano Alvaro Delgado
Aparicio con il progetto Retablo e Logan Kibens (Operator), artista, regista e sceneggiatrice di
successo che ha ricevuto, tra i tanti riconoscimenti, l’HBO/DGA Directing Fellowship. Selezionato in
collaborazione con il London Production & Finance Market è Driftwood Valentine di Giovanni
Maderna, una delle voci più interessanti nel panorama dei giovani autori italiani (premiato a Venezia
e molto apprezzato nel circuito dei festival internazionali, da Locarno a New York). Dalla nuova
partnership con il Durban FilmMart arriva il progetto Alex on Seventh di Engelbert Phiri, promessa del
cinema sudafricano, mentre grazie alla storica collaborazione con L’Atelier – Cinéfondation di Cannes
NCN presenta Oil on Water di Newton Ifeanyi Aduaka, nominato dall’Independent tra i 50 migliori
artisti africani viventi e vincitore del Prize for Peace and Tolerance delle Nazioni Unite; Jenneke
Boeijink sarà presente con il progetto Porcelain, in rappresentanza della preziosa partnership con il
CineMart di Rotterdam.
La risposta di autori e produttori nazionali al bando NCN è stata quest’anno incredibilmente positiva:
alla rosa dei progetti internazionali si aggiunge quindi una vasta rappresentanza di talenti italiani.
Fabio Mollo ritorna a NCN con Ombre Bianche dopo avervi presentato nel 2010 Il Sud è Niente, con
cui ha conquistato pubblico e critica internazionali; il vincitore del Marc’Aurelio d’Oro 2013, Alberto
Fasulo, presenta il nuovo progetto Menocchio; Marco Simon Puccioni, apprezzato regista già
candidato al David di Donatello per la miglior opera prima, dopo il suo ultimo e acclamato lavoro
Come il vento presenta a NCN Il Metodo Amleto; il collettivo di film maker Zapruder, già pioniere
nella produzione di film stereoscopici, porta avanti il proprio lavoro sulla linea di confine fra arti
figurative, performative e cinematografiche con il progetto Sosia.
Nella selezione ufficiale 2014, New Cinema Network presenta per la prima volta Le Grandi Bellezze:
una sezione dedicata a progetti che promuovono l’Italia come partner ideale nella realizzazione di
film provenienti da tutto il mondo, rafforzando la centralità e il valore del nostro Paese sia come
territorio ideale per l’ambientazione dei progetti sia come supporto produttivo e finanziario. Con
l’obiettivo di implementare e promuovere le opportunità finanziarie e di co-produzione con il nostro
Paese, Le Grandi Bellezze raccoglie 8 progetti. Tra questi, NCN è orgoglioso di presentare Ombra
Amore, il nuovo progetto di Joe Dante, che con la sua consueta dose di humour, cinefilia e amore per
l’horror propone la storia d’amore tra un vampiro e un licantropo in una Roma sotterranea popolata
di strane creature. Queste le altre Grandi Bellezze selezionate da NCN: In Which Land You Die,
progetto ambientato a Roma dell’egiziano Ahmed Maher, artista poliedrico vincitore del Gran Premio
di Roma per la creatività artistica cinematografica; 1313 – Dante’s Emperor - che immagina un
incontro ai nostri giorni tra Enrico VII e Dante tra i villaggi della Toscana - di Bady Minck, artista e
regista lussemburghese pluripremiata sia per il suo lavoro cinematografico che per le sue visionarie
opere d’arte; Nessun Dorma (il racconto della tormentata storia di Puccini tra i luoghi più suggestivi
d’Italia) di Yim Ho, uno dei leader della Hong Kong New Wave, che ha ottenuto riconoscimenti ai
maggiori festival internazionali, tra cui l’Orso d’Argento a Berlino nel 1996. I Manetti Bros., reduci
dal successo di Song ’e Napule, saranno presenti con il progetto The Bizzare Journey of the Soul
Traveler, avventurosa vicenda a cavallo tra spy story e arti marziali frutto della collaborazione con il
produttore cinese Du Yuling; Paolo Benvenuti, sceneggiatore, regista e produttore da sempre vicino
al mondo dell’arte, presenta Il segreto di Caravaggio; Sheng Zhimin, talento emergente del cinema
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
cinese, premiato a Locarno con il suo film di debutto Bliss, a NCN porta Il fu Mattia Pascal, primo
adattamento cinese mai realizzato da Pirandello. Bruno Barreto, tra i più celebri registi brasiliani,
con Duetto racconta l’incontro immaginario, durante il Festival di Sanremo del 1967, tra una giovane
brasiliana e Luigi Tenco a poche ore dalla sua morte.
NEW CINEMA NETWORK – LA SELEZIONE DEL 2014
BREAK di Hernan Guerschuny (Argentina)
Prodotto da Pablo Udeño
ANGELO di Markus Schleinzer (Austria)
Prodotto da Alexander Glehr
DUETTO di Bruno Barreto (Brasile)
Prodotto da Rita Buzzar
NESSUN DORMA di Yim Ho (Cina)
Prodotto da Ting Liang
IL FU MATTIA PASCAL di Sheng Zhimin (Cina)
Prodotto da Dong Yang
OBSCURE ANIMAL di Felipe Guerrero
(Colombia)
Prodotto da Gema Juárez Allen
GHOSTS OF THE CITY di Montasser Hegazy e
Marianne Khoury (Egitto)
Prodotto da Marianne Khoury
IN WHICH LAND YOU DIE di Ahmed Maher
(Egitto)
Prodotto da Ahmed Maher
THE SPY AND THE POET di Toomas Hussar
(Estonia)
Prodotto da Ivo Felt
CHILD OF THE BREAST di Haile Gerima
(Etiopia)
Prodotto da Haile Gerima
9 FINGERS di F.J. Ossang (Francia)
Prodotto da Catherine Dussart
THE BIZZARE JOURNEY OF THE SOUL
TRAVELER di Manetti Bros (Italia)
Prodotto da Du Yuling
WHITE SHADOWS di Fabio Mollo (Italia)
Prodotto da Andrea Paris
IL METODO AMLETO di Marco Simon Puccioni
(Italia)
Prodotto da Giovanni Alessandro Cassinelli
SOSIA di Zapruder (Italia)
Prodotto da Luca Legnani
1313 – DANTE’S EMPEROR di Bady Minck
(Lussemburgo)
Prodotto da Alexander Dumreicher-Ivanceanu
PORCELAIN di Jenneke Boeijink (Paesi Bassi)
Prodotto da Sander Verdonk
RETABLO di Alvaro Delgado Aparicio (Perù)
Prodotto da Enid Campos
CHARLTON HESTON di Andrei Cretulescu
(Romania)
Prodotto da Codruta Cretulescu
ALEX ON SEVENTH di Engelbert Phiri (Sud
Africa)
Prodotto da Guy Bragge
VOLCANO di Roman Bondarchuk (Ucraina)
Prodotto da Olena Yershova
OIL ON WATER di Newton Ifeanyi Aduaka
(Regno Unito/Nigeria)
Prodotto da Valérie Osouf
IL SEGRETO DI CARAVAGGIO di Paolo Benvenuti
(Italia)
Prodotto da Francesco Paolo Montini
OMBRA AMORE di Joe Dante (Stati Uniti)
Prodotto da Elizabeth Stanley
MENOCCHIO di Alberto Fasulo (Italia)
Prodotto da Nadia Trevisan
OPERATOR di Logan Kibens (Stati Uniti)
Prodotto da Felipe Dieppa
DRIFTWOOD VALENTINE di Giovanni Maderna
(Italia/Regno Unito)
Prodotto da Christine Alderson
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
PRESIDENCY AUDIOVISUAL CONFERENCE
“AUDIOVISUAL MARKET AND REGULATION: AN INDUSTRY AT A CROSSROADS”
23 e 24 ottobre, sala Teatro Studio Gianni Borgna, Auditorium Parco della Musica
La Conferenza Internazionale sull’Audiovisivo è organizzata dal MiBACT – DG Cinema nell’ambito
delle iniziative della Presidenza Italiana del Consiglio dell’Unione Europea: oltre ai principali
stakeholders internazionali del mercato e delle istituzioni, vi parteciperanno i delegati degli Stati
Membri dell’UE.
Il dibattito verterà sui temi di maggiore rilevanza in cui è attualmente coinvolto il settore audiovisivo
a livello europeo e internazionale. L’obiettivo è confrontare le posizioni degli Stati Membri, in
un’ottica di aggiornamento del quadro regolatorio comunitario.
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
IL PROGRAMMA DI ALICE NELLA CITTÀ
Alice nella città, curata da Gianluca Giannelli e Fabia Bettini, torna ad affiancare il Festival
Internazionale del Film di Roma, in modo autonomo e parallelo, per proseguire il percorso di
promozione, divulgazione e sostegno del cinema rivolto alle nuove generazioni.
CONCORSO
•
Opera prima
ABOUT A GIRL di Mark Monheim, Germania, 2014, 104’
Cast: Jasna Fritzi Bauer, Heike Makatsch, Aurel Manthei, Simon Schwarz
•
Opera prima
ALL CATS ARE GREY / TOUS LES CHATS SONT GRIS di Savina Dellicour, Belgio, 2014, 85’
Cast: Manon Capelle, Bouli Lanners, Anne Coesens, Benoit Verhaert, Vincent Lecuyer, Aisleen
McLaffert, Dune de Braconier
•
Opera prima
THE CROW'S EGG / KAAKKAA MUTTAI di M. Manikandan, India, 2014, 99’
Cast: Ramesh, Ramesh Thilaganathan, Vignesh, Aishwarya Rajesh
•
Opera prima
GHADI di Amin Dora, Libano, Qatar, 2014, 100’
Cast: Georges Khabbaz, Lara Rain, Emmanuel Khairallah, Camille Salameh, Rodrigue Sleiman,
Samir Youssef, Caroline Labaki, Giselle Boueiz
•
•
•
•
•
•
Opera prima
GUIDA TASCABILE PER LA FELICITA’ / BIRDER’S GUIDE TO EVERYTHING di Rob Meyer, Stati
Uniti, 2013, 86’
Cast: Kodi Smit-McPhee, Ben Kingsley, James Le Gross, Katie Chang, Alex Wolff, Daniela
Lavender, Michael Chen
Opera prima
THE KNIFE THAT KILLED ME di Kit Monkman, Marcus Romer, Regno Unito, 2014, 101’
Cast: Jack McMullen, Reece Dinsdale, Jamie Shelton, Oliver Lee, Charles Mnene, Rosie
Goddard, Andrew Ellis, Reece Douglas
SONG OF THE SEA di Tomm Moore, Irlanda, Lussemburgo, Belgio, Francia, Danimarca, 2014,
93’
Voci di: Brendan Gleeson, Fionnula Flanagan, Pat Shortt, Jon Kenny, Liam Hourican, Colm
Ó’Snodaigh, Lucy O’Connell, Kevin Swierszcz
Opera prima
SPARTACUS & CASSANDRA di Ioanis Nuguet, Francia, 2014, 81’
Cast: Cassandra Dumitru, Spartacus Ursu, Camille Brisson
TOKYO FIANCÉE / NI D’EVE, NI D’ADAM di Stefan Liberski, Belgio, Canada, Francia, 2014, 100’
Cast: Pauline Etienne, Taichi Inoue, Julie Lebreton, Alice De Lencquesaing, Akimi Ota,
Hiroki Kageyama
In collaborazione con il Festival Internazionale del Film di Roma
TRASH / TRASH – A ESPERANÇA VEM DO LIXO di Stephen Daldry, Brasile, Regno Unito, 2014,
112’
Cast: Martin Sheen, Rooney Mara, Wagner Moura, Selton Mello
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
•
Opera prima
X + Y di Morgan Matthews, Regno Unito, 2014, 111’
Cast: Asa Butterfield, Rafe Spall, Sally Hawkins, Eddie Marsan, Jo Yang, Martin McCann
+ film sorpresa
FUORI CONCORSO
•
Prima europea - In collaborazione con il Festival Internazionale del Film di Roma
BLACK AND WHITE di Mike Binder, Stati Uniti, 2014, 121’
Cast: Kevin Costner, Octavia Spencer, Anthony Mackie, Andre Holland, Bill Burr, Mpho Koaho,
Gillian Jacobs, Jennifer Ehle, Jillian Estell
•
Prima internazionale
DORAEMON 3D /STAND BY ME DORAEMON di Takashi Yamazachi, Ryûichi Yagi, Giappone,
2014, 95’
•
GUARDIANI DELLA GALASSIA/GUARDIANS OF THE GALAXY di James Gunn, Stati Uniti, 2014,
121’
Cast: Chris Pratt, Zoë Saldaña, Dave Bautista, Lee Pace, Benicio del Toro, Karen Gillan, Michael
Rooker, Djimon Hounsou, John C. Reilly, Glenn Close
•
Prima europea - In collaborazione con il Festival Internazionale del Film di Roma
KAHLIL GIBRAN'S THE PROPHET di Roger Allers, Gaëtan & Paul Brizzi, Tomm Moore, Nina
Paley, Bill Plympton, Joann Sfar, Michal Socha, Joan C. Gratz & Mohammed Saeed Harib,
Canada, Francia, Libano, Qatar, Stati Uniti, 2014, 84’
•
Prima mondiale
MIO PAPÀ di Giulio Base, Italia, 2014, 92’
Cast: Giorgio Pasotti, Donatella Finocchiaro,Fabio Troiano, Ninetto Davoli, Emanuela Rossi,
Niccolò Calvagna, Valerio Base
•
LO STRAORDINARIO VIAGGIO DI T.S. SPIVET 3D / THE YOUNG AND PRODIGIOUS T.S. SPIVET di
Jean-Pierre Jeunet, Canada, Francia, 2014, 105’
Cast: Helena Bonham Carter, Judy Davis,Callum Keith Rennie, Kyle Catlett, Niamh Wilson,
Jakob Davies, Rick Mercer, Dominique Pinon, Julian Richings, Richard Jutras
EVENTI SPECIALI
•
ELEMENTARE appunti di un percorso educativo di Franco Lorenzoni, Italia, 2014, 53’
•
In collaborazione con il Festival Internazionale del Film di Roma
IL MIO AMICO NANUK / MIDNIGHT SUN di Brando Quilici, Roger Spottiswoode, Italia, Canada,
Stati Uniti, 2014, 98’
Cast: Dakota Goyo, Goran Visnjic,Bridget Moynahan
•
PADDINGTON - Incontro sul libro L’orso Paddington di Michael Bond (Mondadori) a seguire
proiezione footage di Paddington di Paul King, Regno Unito, 2014, 75’
Cast: Nicole Kidman, Peter Capaldi, Sally Hawkins, Julie Walters, Jim Broadbent
•
A TUTTO TONDO di Andrea Bosca, Italia, 2014, 15’
Cast: Andrea Bosca, Benjamin Vasquez Barcellano JR., Giorgio Colangeli, Paola Minaccioni,
Davide Iacopini, Salvatore Striano
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
SHORT FOOD MOVIE - FEED YOUR MIND, FILM YOUR PLANET
Al Festival proiezioni, dibattiti e tavole rotonde sui temi dell’Expo Milano
2015
Progetto prodotto da
Nell’ambito del Festival Internazionale del Film di Roma si terrà un evento dedicato al progetto Short
Food Movie - Feed your Mind, Film your Planet, promosso dalla Fondazione Cinema per Roma e dal
Centro Sperimentale di Cinematografia per Expo Milano 2015, nato con l’intento di raccogliere,
attraverso il sito www.shortfoodmovie.expo2015.org, contributi video della durata di trenta-sessanta
secondi, provenienti da tutto il mondo e ispirati al tema dell’Esposizione Universale: “Nutrire il
Pianeta, Energia per la Vita”. Da maggio a ottobre 2015, il materiale caricato su questa piattaforma
diventerà parte di una videoinstallazione esposta nel Padiglione Zero di Expo Milano 2015 curato da
Davide Rampello: un inedito mosaico globale che costituirà il più grande video wall multiculturale
mai realizzato.
Nei primi tre mesi dell’iniziativa, il progetto Short Food Movie - Feed your Mind, Film your Planet ha
indetto un concorso – legato al Festival Internazionale del Film di Roma e concluso lo scorso dieci
settembre – che ha coinvolto tutti gli utenti del sito www.shortfoodmovie.expo2015.org, invitati a
votare il loro video preferito: il vincitore del contest è Planet-Life-Save di Andrio Robert (Brasile),
che sarà ospite del Festival per l’intera durata della manifestazione. La proiezione di Planet-LifeSave si svolgerà nell’ambito di un evento che si terrà venerdì 17 ottobre all’Auditorium Parco della
Musica durante il quale saranno mostrati i video più interessanti e presentate le novità del progetto
Short Food Movie, tra cui un nuovo contest. Ci sarà inoltre spazio per una tavola rotonda che
approfondirà i temi che guidano l’Esposizione Universale e in particolare il rapporto tra “Cinema e
cibo” moderata da Laura Delli Colli.
Grazie alla collaborazione con l’ONU nel progetto di sensibilizzazione sugli obiettivi dell’iniziativa
“The Zero Hunger Challenge”, lanciata dal Segretario Generale dell’ONU Ban Ki-moon, l’autore del
video della categoria “Sfida Fame Zero” più votato dagli utenti, Lybomir Petrov (Bulgaria),
parteciperà come ospite della 34esima Giornata Mondiale dell’Alimentazione il 16 ottobre nel
quartier generale della FAO a Roma.
COME PARTECIPARE A SHORT FOOD MOVIE
Short Food Movie è aperto a tutti, dai videomaker ai non professionisti. Per realizzare il proprio
video è possibile utilizzare qualsiasi dispositivo di ripresa (telecamere, tablet, smartphone); i formati
ammessi sono i più noti: AVI, MPG, MPEG, MOV, MP4, WMV. Le uniche indicazioni a cui il regista deve
attenersi riguardano il tema, “Nutrizione-Vita”, e la durata, compresa fra i trenta e i sessanta
secondi.
Il
materiale
dovrà
essere
caricato,
entro
marzo
2015,
su
www.shortfoodmovie.expo2015.org, sito web consultabile in sette lingue (italiano, inglese, francese,
spagnolo, portoghese, tedesco, cinese) allo scopo di accogliere video provenienti da tutto il mondo.
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
WIRED NEXT CINEMA powered by Mazda
Al MAXXI incontri con il pubblico, web series, pilot, lungometraggi,
anteprime, documentari, video arte e cinema di sperimentazione
Internet, la condivisione, il tempo della connessione permanente e dell'attenzione parziale hanno già
trasformato il modo in cui si fa e si guarda il cinema. Non si tratta di tecnologia, ma di cultura. Da
sempre i nuovi strumenti abilitano e modificano l'espressione artistica. "WIRED NEXT CINEMA powered
by Mazda", prolungando un percorso che prima la sezione Extra e poi CineMAXXI hanno tracciato al
Festival Internazionale del Film di Roma, è oggi il luogo in cui il grande schermo incrocia
l'innovazione: laboratori, incontri e proiezioni per capire come digitale e web hanno cambiato il
racconto per immagini e suoni.
Nello scenario del MAXXI, per una settimana autori, registi, sceneggiatori, attori, si confronteranno
con il pubblico e presenteranno web series, pilot, lungometraggi, anteprime, documentari, video
arte, cinema di sperimentazione.
Non solo cinema ma anche installazioni di arte visiva, scienza, nuove forme di comicità, le nuove
forme delle clip musicali. Tra gli altri, sfileranno al MAXXI autori affermati quali Marco Bellocchio,
Ettore Scola, Paolo Virzì, che si confronteranno con emergenti come Maccio Capatonda, Salvatore
Esposito, The Pills, The Jackal. E ancora, i fratelli Vanzina, Zoro e lo sguardo critico e mai ordinario
di Enrico Ghezzi e Sabina Guzzanti. Su tutto, una serata con Wim Wenders e il suo film documentario
Il sale della terra, omaggio e ritratto del fotografo Sebastião Salgado.
Dai lungometraggi, ai racconti folgoranti di un istante appena, nella settimana di “Wired Next
Cinema powered by Mazda” saranno anche attribuiti due premi: miglior video musicale per il
concorso legato al singolo dei Subsonica “Lazzaro” e miglior lavoro presentato per "L'invasione degli
ultracorti", il primo contest italiano per i video sotto i 15 secondi, costruiti a misura degli
smartphone e delle piattaforme digitali come Vine e Instagram.
Massimo Russo (Direttore di Wired)
ANTEPRIME, INCONTRI, PROIEZIONI E WORKSHOP
•
Il magico mondo di Olimpia. Istagram e Vine, istruzioni per l’uso: workshop con Olimpia
Zagnoli
•
L’invasione degli Ultracorti: i migliori corti in 15 secondi. Partecipano Enrico Ghezzi e Sabina
Guzzanti
•
L'italiano medio: incontro con Maccio Capatonda
•
Videoclip: le nuove tendenze delle immagini che raccontano la musica. Conversazione con il
discografico Emiliano Colasanti e il frontman de I Cani, Niccolò Contessa
•
The Pills incontrano Enrico Vanzina
•
The Jackal incontrano Salvatore Esposito della seria “Gomorra”
•
Proiezione de Il grande Mazinga contro Goldrake
•
Proiezione de Il sale della terra di Juliano Salgado e Wim Wenders (introduce il regista)
•
Proiezione di Non so perché ti odio di Filippo Soldi
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
•
Proiezione di Esercizi elementari di Giuseppe Piccioni. Segue incontro con l’autore e gli
allievi dell’Accademia Silvio D’Amico
•
Proiezione di A te sola di Paolo Magris. Segue Le avventure di Zoro: raccontate da lui
•
Tutti i segreti dell’animazione e 3D: a scuola con BigRock
•
Proiezione di Prima del film di Marco Chiarini e Mario Sesti. Segue incontro con Marco
Bellocchio, Paolo Virzì, Ettore Scola. Proiezione di My Sister is a Painter di Virginia Eleuteri
Serpieri e incontro con Virginia, Lisa e Paolo Eleuteri Serpieri
•
Premiazione e proiezione degli episodi delle web serie selezionate dal Roma Web Festival
•
Proiezione di Funny Puppets Pals di Denis Malagnino, Dylan Dog – Vittima degli eventi di
Claudio Di Biagio. Segue incontro con Claudio di Biagio, Luca Vecchi, Valerio Di Benedetto e
tutto il cast
•
Proiezione de Il candidato - Zucca Presidente, incontro con Lunetta Savino e Bebo Storti. E
Concorso corti sul diritto d’asilo
•
Proiezione di Io Arlecchino. Segue incontro con Giorgio Pasotti e Roberto Herlitzka
•
Incontro-duetto con Isabella Ferrari e Riccardo Scamarcio
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
INFORMAZIONI GENERALI
Come partecipare
Biglietti, prevendite e prezzi
L’acquisto dei biglietti in prevendita per la nona edizione del Festival Internazionale del Film di
Roma può essere effettuato:
• presso la biglietteria Centrale dell’Auditorium Parco della Musica (Viale P. de Coubertin, 30) il 9
ottobre con orario 9 – 20, e dal 10 al 15 ottobre 2014 con orario 11 - 20.
• i Punti vendita autorizzati. L’elenco è disponibile su www.listicket.com;
• la biglietteria telefonica (servizio a pagamento): per chiamate nazionali 892 982, per le chiamate
dall’estero +39 -2- 60060900 (orario: dal lunedì al sabato dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 14 alle
ore 18);
• on-line attraverso i siti www.romacinemafest.org e www.listicket.com dal 9 ottobre al giorno
precedente l’evento che si intende acquistare.
Il 9 ottobre sarà possibile acquistare i biglietti su tutti i canali di vendita a partire dalle ore 9.00.
Nel periodo del Festival, la vendita dei biglietti si effettua inoltre:
• presso la biglietteria Centrale dell’Auditorium Parco della Musica (Viale P. de Coubertin, 30) dal 16
al 25 ottobre con orario 10 – 23.
e presso:
• la biglietteria Villaggio del Cinema (Viale P. de Coubertin) dal 16 al 26 ottobre con orario 10 – 23;
• la biglietteria del Cinema Barberini (Piazza Barberini 24) il 17 ottobre con orario 17 – 21, dal 18 al
26 ottobre con orario 10 – 23;
• i Punti vendita autorizzati (elenco disponibile su www.listicket.com);
• la Biglietteria telefonica LIS (servizio a pagamento): per chiamate nazionali 892 982, per le
chiamate dall’estero +39 -2- 60060900 (orario: dal lunedì al sabato dalle ore 10 alle ore 13 e dalle
ore 14 alle ore 18);
• on-line attraverso i siti www.romacinemafest.org e www.listicket.com dal 9 ottobre al giorno
precedente l’evento che si intende acquistare.
Si ricorda che i biglietti per le proiezioni in programma al Museo MAXXI sono acquistabili presso tutte
le biglietterie del Festival, il ritiro dei biglietti acquistati online potrà essere effettuato presso la
biglietteria del Villaggio del Cinema.
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
BIGLIETTI
La prevendita dei biglietti inizierà su tutti i canali di vendita, giovedì 9 ottobre alle ore 9.
PREZZO DEI BIGLIETTI
Sala S.Cecilia
Pomeridiana
Prima serata
Seconda serata
€8
€ 25
€ 15
Sala Sinopoli
Pomeridiana
Prima serata
Seconda serata
€ 10
€ 15
€ 10
Sala Petrassi
Pomeridiana
Serali
€8
€ 10
Teatro Studio Gianni Borgna
Teatro Studio Gianni Borgna
Matinée
Pomeridiane e Serali
€5
€8
Cinema Barberini
Matinée
Pomeridiane e Serali
€5
€9
Museo MAXXI
Tutto il giorno
€5
Retrospettiva
€5
Repliche
€8
Tutta la programmazione di Alice nella città aperta al pubblico, all’interno delle sale messe a
disposizione dal Festival Internazionale del Film di Roma, sarà in vendita a 5 euro per le proiezioni
con inizio entro le ore 15, e a 8 euro per le proiezioni con inizio dopo le ore 15 (sono escluse da
questa tariffa eventuali coproduzioni realizzate in collaborazione con il Festival Internazionale del
Film di Roma).
RIDUZIONI E CONVENZIONI
Non sono previste riduzioni per le proiezioni con tariffa uguale e/o inferiore a € 5. Per coloro che
hanno dai 18 ai 26 anni o per chi ha più di 65 anni è previsto uno sconto del 10% sul prezzo intero del
biglietto. Sono previste forme di pacchetti promozionali acquistabili presso la biglietteria
dell’Auditorium. Si ricorda che le riduzioni per enti o associazioni convenzionate sono applicabili
soltanto presso le biglietterie ufficiali del Festival. In caso di smarrimento, i biglietti non sono né
duplicabili né rimborsabili. Tutte le proiezioni sono sprovviste dei visti di censura quindi vietate ai
minori di 18 anni. Tutte le proiezioni sono in lingua originale con sottotitoli in inglese e in italiano
per i film stranieri o con i sottotitoli solo in inglese per i film italiani.
LE INFORMAZIONI POTREBBERO SUBIRE MODIFICHE, SI PREGA DI VERIFICARE PER CONFERMA SUL SITO
DEL FESTIVAL NEI GIORNI PRECEDENTI L’INIZIO DELLA PREVENDITA
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
BIGLIETTERIE
la Biglietteria Centrale dell’Auditorium Parco della Musica (Viale P. de Coubertin, 30),
aperta il 9 ottobre con orario 9 - 20, dal 10 al 15 ottobre con orario 11 - 20 e dal 16 al 25
ottobre con orario 10 - 23;
la Biglietteria del Villaggio (Viale P. de Coubertin) aperta dal 16 al 26 ottobre con orario
10 - 23;
la Biglietteria del Cinema Barberini (Piazza Barberini, 24) aperta il 17 ottobre con orario
17 - 21 e dal 18 al 26 ottobre con orario 10 – 23;
i punti vendita autorizzati LIS - Lottomatica Italia Servizi (elenco disponibile su
www.listicket.it);
la Biglietteria telefonica LIS (servizio a pagamento): per chiamate nazionali 892 982, per
le chiamate dall’estero +39 -2- 60060900 (orario: dal lunedì al sabato dalle ore 10 alle
ore 13 e dalle ore 14 alle ore 18);
on-line attraverso i siti www.romacinemafest.org e www.listicket.it dal 9 ottobre al
giorno precedente l’evento che si intende acquistare.
I biglietti prepagati delle sale dell’Auditorium saranno disponibili presso la biglietteria del Villaggio
del Cinema. I biglietti prepagati delle proiezioni in programma al cinema Barberini potranno essere
ritirati presso la biglietteria del cinema Barberini. L’accesso all’interno degli spazi del Villaggio del
Cinema è sempre libero. Si ricorda che in Cavea sarà allestito il red carpet che ospiterà stampa e
fotografi in area a loro riservata.
Disabili sensoriali al Festival Internazionale del Film di Roma 2014
Grazie a Subti e Blindsight Project, anche quest’anno il Festival si mostra attento nel garantire i
servizi di audio descrizione e sottotitolazione digitale per le persone con disabilità visive o uditive.
Nel 2014, gli utenti potranno usufruire di un innovativo servizio, basato su una tecnologia di ultima
generazione, che consentirà di seguire la proiezione attraverso un’applicazione dedicata per tablet e
smartphone.
ACCREDITI
Gli accrediti per le categorie Festival e Stampa potranno essere ritirati presso i desk accrediti degli
uffici della Fondazione Cinema per Roma (presso Auditorium Parco della Musica, Viale P. de
Coubertin). Gli accreditati riceveranno un pass di colore corrispondente alla categoria di
appartenenza.
L’accredito potrà essere ritirato presso i desk accrediti del Festival Internazionale del Film di Roma
(Auditorium Parco della Musica, Viale P. de Coubertin), dal 14 al 25 ottobre 2014, secondo i seguenti
orari:
-
il 14 ottobre dalle 10 alle 17
dal 15 al 20 ottobre dalle 9 alle 19
dal 21 al 24 ottobre dalle 10 alle 17
il 25 ottobre dalle 10 alle 12
L’accredito per il Mercato potrà essere ritirato dal 14 al 16 ottobre presso il Desk Accrediti del
Festival Internazionale del Film di Roma (Auditorium – Parco della Musica - Viale P. de Coubertin),
secondo i seguenti orari:
Il 14 ottobre dalle 10 alle 17
Il 15 e 16 ottobre dalle 9 alle 19
Dal 17 al 21 Ottobre potrà essere ritirato presso il Desk Accrediti dell’Hotel Bernini Bristol (Piazza
Barberini, 23 – Roma, Hall) nei seguenti giorni e orari:
dal 17 al 20 ottobre dalle 9 alle 19
il 21 ottobre dalle 9 alle 13
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
COME ARRIVARE
Linea Cinema
L’ATAC offre a tutto il pubblico del Festival un servizio di collegamenti giornalieri con l’Auditorium
Parco della Musica, Via Veneto, Piazza Barberini e Museo MAXXI con un servizio effettuato con gli
autobus di nuova dotazione.
L’Auditorium Parco della Musica è raggiungibile con i seguenti mezzi pubblici:
Autobus
910 - Capolinea Termini/piazza Mancini (feriale e festivo)
53 - Capolinea piazza Mancini/porta San Giovanni (feriale)
53 F – Circolare piazza Mancini (festivo)
233 – Capolinea Largo Maresciallo Diaz/Via Bressanone (feriale)
Tram
2 - Capolinea piazzale Flaminio/piazza Mancini, fermata per l’Auditorium: via Flaminia/piazza
Apollodoro (feriale e festivo).
Metropolitana
Metro A fermata Flaminio, poi tram 2.
Ferrovia
Roma-Nord, fermata piazza Euclide.
Parcheggi
Nell’area circostante l’Auditorium Parco della Musica, ATAC S.p.A. gestisce due parcheggi (con
entrata su Viale Maresciallo Pilsudski) e un parcheggio a raso (con entrata da Viale Pietro De
Coubertin) per un totale di 1.005 posti auto, di cui 26 riservati ai portatori di handicap.
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
GUIDA AI LUOGHI DEL FESTIVAL
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA
Cuore del Festival Internazionale del Film di Roma sarà l’Auditorium Parco della Musica con le sue
sale di proiezione:
• Sala Santa Cecilia
• Sala Sinopoli
• Sala Petrassi
• Teatro Studio Gianni Borgna
• Studio Tre
Tutti gli spazi dell’Auditorium sono accessibili ai disabili.
AuditoriumArte (aperto al pubblico durante le proiezioni organizzate da RAI Movie)
•
Area accoglienza Soci Fondatori – RAI Movie (Redazione/saletta proiezioni)
VILLAGGIO DEL CINEMA
Dal 16 al 25 ottobre, su tutta l’area pedonale di fronte all’Auditorium, si estenderà il Villaggio del
Cinema, progettato per offrire informazioni e servizi al pubblico del Festival.
Nel villaggio saranno presenti:
• 1 Info-point (per informazioni dettagliate sul Festival e informazioni generali al cittadino)
• 1 biglietteria box office (accreditati e non)
• 1 bancomat BNL (presso area food)
• Spazi partner del Festival, destinati anche ad incontri e approfondimenti sul cinema per il
pubblico del Villaggio
• Welcome Area nei pressi dell’Info-point destinata alle necessità logistiche degli Sponsor e
delle Delegazioni.
SERVIZI DI RISTORAZIONE
Roma Food Story (presso area food del Villaggio del Cinema), ristorante ReD, Kiosko del Kebab, Bar’t.
LOCATION IN CITTÀ
• Museo MAXXI (ospita la programmazione di WIRED NEXT CINEMA powered by Mazda e quella
del Festival)
• Hotel Bernini Bristol (Mercato Internazionale del Film di Roma)
• Cinema Barberini (per proiezioni The Business Street e repliche film Festival)
• Casa del Cinema (convegni The Business Street)
SALA CINEMATOGRAFICA VIRTUALE
Nei giorni della manifestazione, sul sito infinitytv.it, aprirà i battenti una sala cinematografica
virtuale, nata dalla collaborazione tecnologica fra Accenture e Infinity. Nella sala, gli abbonati
potranno vedere in contemporanea con la proiezione del Festival, una selezione dei migliori film in
gara, utilizzando tutti i canali abitualmente disponibili per accedere a Infinity (sito web, app mobile,
smart tv, Xbox, Playstation, Set Top Box, Chromecast).
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
LUOGHI E SERVIZI PER LA STAMPA
SALA STAMPA
Nello Spazio Risonanze sarà allestita la sala stampa a disposizione dei giornalisti, fornita di
collegamenti internet e arredata da Natuzzi.
SALA STAMPA FOTOGRAFI
Nel guardaroba della Sala Sinopoli sarà allestita la sala stampa a disposizione dei fotografi, fornita di
collegamenti internet.
CASELLARIO STAMPA
All’ingresso della sala stampa per i fotografi, situata nel guardaroba della Sala Sinopoli.
CONFERENZE STAMPA UFFICIALI
La sala delle Conferenze Stampa Ufficiali sarà la Sala Petrassi dell’Auditorium Parco della Musica.
PHOTO CALL INTERNI
I photo call con le delegazioni si terranno presso la Sala Ospiti – a destra dell’ingresso alla Sala
Sinopoli - quindici minuti prima degli incontri stampa.
RED CARPET ED EVENTI SPECIALI
Le televisioni accreditate che desiderano riprendere i red carpet, che si terranno circa quaranta
minuti prima delle proiezioni ufficiali, dovranno richiedere la conferma della postazione all’Ufficio
Stampa.
CASELLARIO ON LINE
Il servizio mette a disposizione dei giornalisti pressbook, comunicati, materiali video e immagini in
alta risoluzione del Festival, in formato digitale; i giornalisti accreditati potranno accedere all’area
riservata stampa dal sito www.romacinemafest.org. Username e password saranno forniti via e-mail
nella lettera di conferma dell’accredito.
Le immagini saranno fornite da Getty Images che sarà fra i media partner come agenzia fotografica
ufficiale della nona edizione del Festival Internazionale del Film di Roma. L’accordo tra Getty Images
e la Fondazione Cinema per Roma è giunto all’ottavo anno consecutivo.
GLI ACCREDITI
È possibile richiedere un accredito Stampa/Media al Festival Internazionale del Film di Roma fino
all’8 ottobre 2014. Si noti che le richieste di accredito pervenute dopo questa data non saranno prese
in considerazione. L'accredito consente l'accesso alle proiezioni ufficiali del Festival, nel limite dei
posti disponibili, e secondo le modalità stabilite dall’organizzazione del Festival. L’accredito
stampa/media è riservato esclusivamente ai professionisti di stampa scritta e online, multimedia,
radio, televisione, agenzie di stampa, fotografi, agenzie di pubbliche relazioni, uffici stampa, etc.
L’accredito può essere ritirato, previa esibizione di un documento di identità valido, presso i Desk
Accrediti degli uffici del Festival. L’indirizzo, le date e gli orari di apertura verranno comunicati nella
lettera di conferma dell’accredito.
V.le Pietro De Coubertin, 10 00196 Roma | ph. +39 06 40401900 | [email protected] | www.romacinemafest.org
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 212 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content