close

Enter

Log in using OpenID

16 15/apr/14 - Rotary Club Soresina

embedDownload
Bollettino del Club – Anno XV – N° 16
15 Aprile 2014
SOCI PRESENTI 18 SU 45, SOCI ASSENTI GIUSTIFICATI 27, SOCI ONORARI UNO, AMICI E PARENTI
6
Caminetto del 02 aprile 2014
“IL LABIRINTO MEDIO ORIENTALE”
Il nostro socio onorario Don Luigi PARMIGIANI, accogliendo l’invito del Presidente Maria
Lanfranca REBECCHI, ha catturato l’attenzione dei soci, familiari ed amici, riunitisi alla Fondazione
Robbiani di Soresina, la sera del 2 aprile 2014, nel corso di un Caminetto, parlando della situazione medio
orientale e della Siria in particolare.
“Ciò che avviene in Siria è l’insieme di circostanze che hanno le cause scatenanti un poco più lontane dalla Siria.
La vera battaglia si sta conducendo a Baghdad, come epicentro di un fronte che ha radici religiose e sociopolitiche.
Il tutto s’inquadra nella perenne e storica lotta (che alla fine è di potere) tra sanniti e sciiti. SUNNITI=corrente
formatasi alla morte del profeta Muhammad, che ebbe alla radice la questione tutta araba della nomina del
“califfo” (vicario, successore). I sunniti considerano validi successori del profeta i primi tre (in ordine
cronologico) che furono tra i primi compagni del Muhammad (Abu-Bakr, Omar e Uthman). I sunniti si ispirano
alla “sunna” (che, tradotto, significa: tradizione..da qui l’appellativo); essa è costituita dal Corano e dai racconti
dei compagni del profeta e dagli ahadith (detti e fatti di Muhammad). E’ il ramo ortodosso dell’Islam e
comprende l’80% del mondo islamico.
1
SCIITI=Il nome (Shi at’Ali) vuol dire “partito di Ali) dal nome del cugino e genero di Muhammad che si che si
riteneva califfo nominato dal profeta, e che invece fu scalzato dagli altri tre sopra nominati. Fu sconfitto e ucciso.
Sono il 10/15% dei musulmani. Non esistono grosse differenze teologiche o dottrinali tra le due correnti: tante
sono invece tra i modi di interpretare il Corano e le usanze sociali (ruolo della donna e matrimonio, Jihad,
politica e rapporti con i non credenti, ecc.).
Esistono anche altre correnti religioso-politiche che derivano dal filone musulmano (Drusi, Ismailiti, Alauniti,
ecc.). Non le tengo per ora in considerazione.
Per orientarci nella comprensione degli avvenimenti attuali che si stanno svolgendo in Siria, dobbiamo allungare
gli occhi verso l’Iraq, soprattutto verso i vasti territori occidentali dell’Iraq, confinanti con la Siria, la Giordania
e l’Arabia Saudita. Qui si pone la provincia irachena di che porta il nome di Anbar.
Questa provincia, che annovera un insieme di comunità tribali sunniti, ribelli al governo attuale di Baghdad (a
maggioranza sciita), ha subito un intervento di controllo da parte dell’Isis, che vi ha posto e organizzato la sua
collocazione. Questa struttura politico-militare, con a capo lo sciita Nouri al Maliki, è nuova nel panorama
mediorientale, è formata da ribelli allo stato iracheno, e dunque bene accolti dalle tribù sannite ivi residenti, per
il malcontento nei confronti del governo di Baghdad. L’ISI è formato da un mosaico di clan e di tribù di
orientamento sunnita (dove spicca la confederazione tribale Dulaimi, chiamata Al Nusra Front, che in passato ha
appoggiato il governo di Saddam Hussein in cambio di una relativa autonomia nella gestione delle rotte
commerciali verso l’occidente): esso si propone come uno stato che pretende autonomia politico, militare ed
economica. Gli adepti sono in gran parte fuoriusciti dal movimento di Al- Quaeda, con una forte connatozione
Jiahdista e antioccidentale, che era tipica del movimento nato con Usama Bin Laden, anche se, durante
l’offensiva statunitense (sugli alleati occorre qualche distinguo), queste tribù appoggiarono l’intervento
occidentale (è qui che avvennero gli scontri più cruenti) contro Baghdad: il loro intervento era chiaramente anti
Baghdad. La protesta della cosiddetta “primavera araba”, che arrivò per contagio dal nord Africa e anche nel
Medio Oriente ebbe inizio nel 2012 e fu sostanzialmente pacifica, fatta per ottenere maggior autonomie
amministrative per la tribù a maggioranza sunnite.
In queste contese, che di religioso hanno solo lo sfondo di appartenenza; ma in sostanza sono politiche ed
economiche, registriamo nel 2013 scontri e azioni di rappresaglia da parte dei governativi iracheni contro milizie
sunnite e Jiahdiste.
Nell’evidente caos politico, amministrativo e sociale (tutti contro tutti), l’Isis risulta staccato dal successore di
Bin laden, lo sciita Abu Musab al Zaqawi, pure ostile come le tribù sunnite locali dell’al-AnBar sia al governo
centrale di Baghdad che a tutti gli altri Jiadhisti.
L’ISIS ha avuto un grande sviluppo, riuscendo a mettere alle corde anche al Qaida, formando così una grande
frattura nel mondo estremista medio-orientale.
Questo gruppo, che di fatto risulta terrorista, guidato da al-Baghdadi, ha però rotto (e qui entra in gioco l’eterno
scontro tra sunniti e sciiti) con l’esponente di al-Qaida al Zawahiri: il movimento al-Quaeda rimane tuttavia un
punto di riferimento per tutti gli jihadisti del medio-oriente.
L’ISIS, come finalità politica, aspira alla formazione di stati islamici in tutto il medio-oriente e la sua spinta
parte dall’Iraq. La Siria garantisce al momento un retrovia strategico con il corridio della provincia di al-an Bar.
Scopo dell’ISIS è colpire i centri di potere di Baghdad e della comunità sciita.
Tutto questo sta favorendo il sorgere o l’emergere di gruppi tribali o religiosi (sia sunniti che sciiti, a seconda se
si trovano all’opposizione) che fomentano moti insurrezionali. L’Iran gioca una carta decisiva, a causa del suo
fattivo appoggio agli hezbollah, ai mujaheddin, ad Hamas e alle brigate rivoluzionarie, contro l’Isi, ritenuto la
più seria minaccia contro la sua stabilità e la sua influenza nel mondo islamico.
Le forze di sicurezza internazionali se la cavano, appoggiando sia i sunniti che gli sciiti a seconda delle
opportunità.
D. Luigi Parmigiani.
2
NOTIZIE DAL CLUB
DONAZIONE DI MATERIALE LOGOPEDICO RIABILITATIVO
Il pomeriggio di lunedì 7 aprile 2014, presso il nuovo Polo Sanitario Robbiani di Soresina, una
delegazione del Rotary Club Soresina, composta dal Presidente Maria Lanfranca REBECCHI, dal Segretario
Aurelio Gugliandolo e dai soci Marco FERRARI e Tino TELLI, ha incontrato il dott. PICCINI Giacomo,
neuropsichiatria infantile, le logopediste dottoresse Luisella GRANATA e Monica BUSCEMA, la psico
logopedista dott.ssa Nicoletta LORENZINI e la coordinatrice infermieristica Nunziella CAMMI. Ai predetti, il
Presidente Maria Lanfranca REBECCHI ha consegnato il materiale logopedico, cartaceo ed informatico, donato
dal Club, che sarà utilizzato nella riabilitazione dei bambini ed adolescenti affetti da dislessia e disturbi
dell’apprendimento.
Il dottor PICCINI Giacomo ha ringraziato il Rotary Club Soresina per il prezioso dono ed ha auspicato il
proseguimento della collaborazione a favore della struttura sanitaria. Il Presidente Maria Lanfranca
REBECCHI ha accolto l’invito affermando che il R.C. Soresina, anche in avvenire, sarà vicino ai bambini
bisognosi di cure ed al Nuovo Polo Sanitario Robbiani.
A.G.
DONAZIONE DI LIBRI DI LETTURA PER ADULTI E RAGAZZI ALLA BIBLIOTECA
COMUNALE DI SORESINA
3
Continua, con immutato impegno, l’attività di service del Rotary Club Soresina e del Rotaract, a favore
della nostra comunità.
Il 2 Aprile 2014, alle ore 17,30, i presidenti dei due Club, Maria Lanfranca REBECCHI e Giorgio RACCAGNI,
assistiti dai rispettivi segretari Aurelio GUGLIANDOLO e Stefania FILIPPI, hanno incontrato la Presidente
della Biblioteca del Comune di Soresina Daniela ROSSI TRIBOLDI alla quale hanno consegnato venti libri di
lettura per adulti e ragazzi. Con questo gesto, Maria Lanfranca REBECCHI ha dato seguito all’iniziativa del
2013, donazione di altri testi da parte del Club, ed ha auspicato che ciò avvenga anche in avvenire. Ha ricordato
che il Rotary Club Soresina è vicino ai bisogni della biblioteca ed a breve sarà installato il deumificatore nella
sala ove sono custoditi dei testi antichi. Giorgio RACCAGNI si è detto onorato di partecipare all’iniziativa,
particolarmente sentita dal suo club di giovani.
Il Presidente della Biblioteca, Daniela ROSSI TRIBOLDI, commossa, ha ringraziato i Presidenti dei Club per la
gradita iniziativa, rilevando che i libri donati saranno subito prenotati dagli utenti.
A.G.
PROSSIMI APPUNTAMENTI
16 aprile 2014 – ore 20:00 -
ristorante VILLA ZACCARIA. FESTA DI PRIMAVERA. Lotteria per raccolta
fondi
30 aprile 2014 – ore 21:00 - FONDAZIONE ROBBIANI SORESINA, Via Robbiani, 4 – Relatrice signorina
Bianca GALLI, studentessa universitaria. Argomento: ESPERIENZA RYLA
2014.
07 maggio 2014 - ore 20:15
ristorante VILLA ZACCARIA, relatore Signora Paola ACERBI – gioielleria
Acerbi Cremona - serata dedicata alle PERLE.
10 maggio 2014 – sabato
- ASSEMBLEA DISTRETTUALE
17 – 18 maggio 2014
- GITA SOCIALE ALLE CINQUE TERRE.
21 maggio 2014 – ore 20:15 - ristorante VILLA ZACCARIA, Relatore Dott. Cesare BALDRIGHI. Argomento:
PARLIAMO DI AGRICOLTURA
27 maggio 2014
AMICO CAMPUS SALICE TERME
4 giugno 2014 – ore 20:15 ristorante VILLA ZACCARIA – relatore Dott. PAMPARANA. L’INDIGNATO
SPECIALE.
18 giugno 2014 – ore 20:15
ristorante VILLA ZACCARIA, passaggio di consegne tra il Presidente uscente
Maria Lanfranca REBECCHI e quello entrante Nicola BANDERA
21 – 22 GIUGNO 2014 – CONGRESSO 2050
Rotary Club Soresina
Presidente: Maria Lanfranca Rebecchi cell. 335-5623267 E- Mail: [email protected]
Segretario: Aurelio Gugliandolo cell. 334-6921567 E-Mail: [email protected]
4
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
283 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content