close

Enter

Log in using OpenID

BRIDGE e SCHERMA - Scuola Bridge Multimediale

embedDownload
Quello che tutti i bridgisti italiani devono sapere…
Il Seminario EBL di Berlino
Si è svolto a Berlino, dal 30 gennaio al 2
febbraio, il seminario organizzato dalla
European Bridge League (EBL), vi hanno
partecipato numerosi dirigenti federali di
varie nazioni.
Il programma del seminario, della durata di
quattro giorni, comprendeva delle sessioni
plenarie insieme a sessioni di gruppo e
questions time su diversi argomenti quali la
competizione, l'insegnamento, la tecnologia,
Internet, Bridge & TV, ecc ...
Tutte le presentazioni del convegno (alcune
molto interessanti) sono reperibili al
seguente link:
http://www.eurobridge.org/2014-seminarpresentations.aspx
Silenzio assoluto
E’ successo che nessuno dei tre organi
ufficiali della nostra benamata Federazione
ha pubblicato la notizia del seminario EBL. I
motivi possono essere facilmente intuibili.
Come il solito, la compagine italiana, quando
c’è una trasferta all’estero, è sempre la più
numerosa, questo l’elenco degli italiani
inviati dal Tour Operator FIGB:
● Gianni Medugno (Presidente FIGB)
● Claudia Todeschini (impiegata c/o FIGB
moglie di Rona)
● Silvia Valentini (Consigliere Federale FIGB)
● Simon Fellus (amico di Medugno)
+ Filippo Palma (membro EBL)
+ Gianarrigo Rona (Presidente WBF)
…il nostro parere:
C’e stato un congresso europeo sul
bridge? Ebbene, i bridgisti non devono
sapere nulla di nulla, i bridgisti italiani
devono solo pagare (= tipico trattamento
riservato ai fessi).
Costo della spedizione berlinese: viaggio,
vitto e alloggio per 4 persone, tanto poi a
noi raccontano la novella che paga WBF.
Idem per le 20 persone inviate a Bali
(Indonesia) per 20 giorni, poi la Cina, gli
USA, ecc…, paga sempre la World Bridge
Federation.
Se ne deduce che WBF e EBL sono due
enti ricchi, invitano gli italiani e pagano
per tutti: Consiglieri, amici, mogli, figli,
ecc… Bene, a questo punto è altrettanto
A cura dell’istruttore: Michele Leone
evidente quanto siamo rincoglioniti
poiché da anni versiamo loro, oltre le
quote previste per ogni tesserato, anche
il ricavato dei 12 simultanei mondiali, pari
a circa 60.000 euro/anno. Unico paese al
mondo. Come mai così tanta generosità?
Queste le relazioni presentate al seminario
EBL 2014:
Doping in Amateur Sport - a BBC report
Bridge @ Internet - Sevinc Atay
Bridge on Internet - Pim Vaders
Social Media to attract Youth - Jan Kamras
The Czech Bridge Federation - Milan Macura
EBL Championship Format - Jan Kamras
FFB-TV Campaign - Patrick Bogacki
FISU - University Bridge - Geert Magerman
History and publicity of Bridge - Andras Booc
Israel PR Campaign - Oryah Meir
Teaching Bridge @Internet - Gilad Ofir
Teaching Activities (Netherlands), E. Laurant
The Recruit - Teaching & Studente Manual
Tromsoe 2015 - the Norwegian Bridge
Federation, Jan Aasen, President
Youth Bridge – M. Macura, R. Kielbasinski
Youth Bridge Development - A report to the
WBF Executive Council
Tutti argomenti di un certo interesse. E gli
italiani? Questo il titolo della relazione FIGB redatta in lingua inglese - presentata a
Berlino da Gianni Medugno:
___________________________________
CONI-EU-FIGB Teaching Program
(including Annexe) G. Medugno/FIGB and G.
Bianucci/M&C company.
___________________________________
Il titolo trae in inganno, o meglio non
chiarisce il reale contenuto della relazione.
Indovinate cosa descrive la presentazione?
L’affinità tra il…
BRIDGE e SCHERMA
Avete letto bene, qualche genio incompreso
ha riscontrato una certa affinità tra il bridge
e la scherma. Ecco quanto indicato nella
pagina introduttiva della relazione FIGB:
5
Perché Bridge e Scherma insieme?
Entrambe le discipline si sviluppano
attraverso percorsi affini e complementari. E' alquanto riduttivo pensare
solo ad aspetti quali concentrazione,
strategia, tattica, tempo di reazione, la
capacità
di
anticipare
le
mosse
dell'avversario in pochi secondi, resistenza psicologica.
In realtà, le sinergie tra le due discipline
sono molte, e possono essere identifi-cate
nella didattica e nell'approccio della
formazione.
In generale, un atleta, per raggiungere il
suo massimo potenziale, dovrebbe
raggiungere il suo livello di forma fisica
più alto insieme ad una eccellente
condizione mentale.
I percorsi formativi delle due discipline
sono simili e complementari, e mirano a
creare un legame ideale tra le attività
fisiche e cerebrali, attraverso l'analisi
approfondita di temi come il Problem
Solving ed il Team Building.
La relazione FIGB-CONI descrive un progetto
che sarà presentato in occasione del Primo
Erasmus+ con scadenza fissata al 14 marzo
2014.
Cos’è il progetto Erasmus+
E’ un programma dell'UE per l'istruzione, la
formazione, la gioventù e lo sport per il
periodo 2014-2020.
Con il programma Erasmus+ si stanzierà
14,7 miliardi di Euro nell’arco di sette anni
con l’intento di rafforzare l’istruzione, la
formazione, la gioventù e lo sport in Europa.
Una bella spaghettata all’amatriciana per i
soliti squali.
La successiva pagina della presentazione
FIGB chiarisce i termini del progetto,
denominato CSCS2020
Il progetto CSCS2020
Consiste nell’organizzazione di una
manifestazione sportiva di Bridge e
Scherma, e nella creazione di una
1
Kit di comunicazione
La FFB invia ai propri club un kit di
comunicazione composto da: manifesti,
comunità di giovani basata su valori
quali l'amicizia, l'integrità, la solidarietà,
l'inclusione, indicati nel Libro Bianco
dello Sport.
La manifestazione si svolgerà a Roma,
presso il Centro Sportivo "G. Onesti ",
dal 24 aprile al 3 maggio 2015, e
rappresenterà la fase finale di un
percorso di formazione e qualificazione
sviluppato nel corso dell'intero anno.
Ogni paese partecipante individuerà un
comitato in cui istruttori federali,
debitamente selezionati, presenteranno
moduli teorici e pratici di formazione su
Bridge & Scherma, che permetterà di
organizzare
tornei
locali
per
la
qualificazione finale. Ogni paese invierà
sei atleti a Roma, dove si svolgeranno i
tornei di duathlon (Bridge & Scherma).
volantini,
schede....
magliette,
penne,
regole,
T-SHIRT, PENNE E BANNER
Gianni Medugno presenta la relazione FIGB
“Scherma & Bridge”
La Federazione francese
In allegato, troverete la presentazione
della FIGB (da noi tradotta).
…il nostro parere:
La relazione “Scherma e Bridge”, mai
pubblicata da FIGB e da noi trovata per
puro caso sul sito EBL, è un perfetto
esempio di aria fritta. Una vera e propria
ciofeca… ecco perché andava tenuta
nascosta, comunque vada, è servita a
mandare 4 persone a Berlino.
Diciamo subito che il progetto in
questione pare esclusivamente finalizzato
ad ottenere finanziamenti dall’UE,
sfruttando il programma Erasmus+. Se
andrà in porto, possiamo già immaginare
in quali tasche andranno a finire gli
eventuali esborsi dell’UE. Tranquilli,
nessun beneficio per le ASD, anzi, per
ora i bridgisti italiani stanno sostenendo i
costi dell’operazione.
In definitiva, è il classico esempio di
come operano i “furbetti del quartierino”
in questo malconcio paese.
Azione di marketing
Per i meno attenti, segnaliamo che la
relazione FIGB rientra in una campagna
di marketing a favore del gruppo
Angelini.
Al seminario EBL di Berlino era presente
anche la Federazione Bridge Francese. In
sintesi, questi i principali spunti tratti dalla
loro presentazione, per lo più incentrata
campagna pubblicitaria TV.
PANORAMICA FEDERAZIONE
- 95.316 membri
- 5.129 membri under 16
- 35 impiegati
- 1 183 clubs and 29 comitati
- Budget : 7,9 milioni €
- Età media iscritti: 70,5anni
OBIETTIVI
-Reclutamento
-Immagine
- Migliorare i rapporti relazionali
PUNTI DI FORZA
- 470 clubs coinvolti nello sviluppo del
bridge
- Accordo con enti istruzione nazionali
TARGETS AUDIENCE
- Persone di 45–60 anni
- Target principale: persone di 55-60
- Giovani: 11-14 anni
AZIONI INTERNE
- Stabilire 10 punti chiave per coinvolgere i
club nella campagna TV
- Ad esempio: lezioni di iniziazione gratuite orari di apertura adatti al pubblico –
aumentare la visibilità del club - Incontri tra
Federazione - comitati – club
I presenti a Berlino, nell’ascoltare la
relazione italiana “Scherma & Bridge”,
sono scoppiati dal ridere quasi da
pisciarsi addosso, tant’è che molti hanno
avuto
bisogno
dei
pannolini…
commercializzati da Angelini.
Alla FIGB le sanno proprio tutte!
AZIONI ESTERNE
- Giornate del bridge nei club e negli spazi
pubblici
- Mostre: Kidexpo , Cannes , anziani ....
- Iniziazione Online:
“decouvertdubridge.com” (pagina webscopriamo il bridge)
-1° Giovani Open Bridge a Parigi
Bridgiatevi bene!
NUOVA CAMPAGNA MARKETING
- Basata sul benessere, con un gioco di
parole attorno al bridge
+ Piano sui media con l'acquisto di spazi
televisivi ( 2 mesi)
+ Agenzia di stampa
COSTI
- Pubblicità TV: 292.000 €
- Kit di Comunicazione: 75.000 €
- Formazione: 75.000 €
(come gestire un club e i nuovi utenti)
Totale (IVA escluse): 427.000 €
RISULTATI
- 700 clubs coinvolti
- 1 278 manifestazioni organizzate
- Bridge insieme: 245 tornei con tutore
organizzati da 157 club
GIUDIZIO FINALE
Dai club e comitati: positivo. Qualche critica
sullo spot TV (era troppo breve e ore di
diffusione non adeguate).
Molto probabilmente la Federazione francese
eseguirà una nuova campagna di marketing.
…il nostro parere:
Come visibile, una campagna pubblicitaria a tutto campo che ha coinvolto
media, club, TV, stampa esperti in
2
marketing, ecc…, e massima trasparenza
sui costi dell’intera operazione.
Il bridge è in calo in tutto il mondo,
tuttavia, appare evidente come i dirigenti
della FFB stiano facendo di tutto per
rilanciarlo.
Anni luce!
Oltre alla relazione transalpina sopra
descritta, date uno sguardo a quello che
combina la Federazione Francese Bridge
(FFB), vi renderete conto di quanto la
Medugno & Company non stia facendo nulla
per rilanciare il bridge in Italia.
- II sitoweb della FFB
http://www.ffbridge.asso.fr/
Diviene pertanto ovvio puntare sul target
scelto dai francesi, un’età ancora idonea
per acquisire mnemonicamente le
principali nozioni del gioco. E’ questo il
terreno da coltivare. I più ottimisti
parlano di allungamento della vita sino a
120 anni (io ho qualche dubbio, però a
volte basta un pillola per cambiare le
cose).
Questi
quasi-giovani
allievi
giocheranno e manterranno i circoli, e la
stessa FIGB, per i prossimi 50 anni... e
chi se ne frega se non vinceranno nessun
titolo mondiale.
Comunque, fate una cosa semplice,
andate nei circoli e calcolate l’età media
di chi s’iscrive oggi ai corsi di bridge.
- Lo spot TV (circa 7.000 visite)
http://www.youtube.com/watch?v=Sustl_y2
gQ8
- Il Forum della FBB
http://www.ffbridge.asso.fr/communiquer/fo
rums.php?m=2,23
I giovani azzurri ci costano un sacco di
soldi. Tra i progetti fumosi della
Federazione, coach, accompagnatori,
istruttori corsi U-25 , trasferte all’estero,
ecc, ecc.., un giovane azzurro svezzato
dalla FIGB ci costa circa 10.000
euro/anno. Poi, superato il limite di età,
non più sovvenzionato, scompare dalla
scena.
I giovani possono crescere solo nei
circoli, e lasciamo a questi ultimi il
compito di istruirli e allevarli.
http://www.ffbridge.asso.fr/bridge_jeunes/a
ctualites.php...
Marco Catellani
La scelta francese, sostanzialmente, si
contrappone a quanto sta facendo (!) la
Federazione italiana che ha come target
principale i giovani (almeno così fa credere).
…il nostro parere:
E’ giusto puntare sui giovani, ma occorre
tener presente altri fattori che intaccano
la sopravvivenza stessa del bridge.
Qualche domanda:
- i giovani senza i circoli dove vanno a
giocare?
- Chi consente ai circoli di sopravvivere? I
giovani impegnati in altri campi, per lo
più squattrinati e senza lavoro?
Toglietevelo dalla testa.
Mafalda De Matteo
Vorrei sapere dal Vice Presidente Rodolfo
Cerreto e da Voi tutti, cosa pensate della
causa di lavoro contro la FIGB dell'ex
Direttore della Rivista Marco Catellani? Ma
perché la dirigenza FIGB non ci fa conoscere
quali azioni sono state attuate in questa
singolare ed incresciosa vicenda? Mah, forse,
amici o ex amici non si toccano ma si
aiutano?
L’estromissione di Catellani per motivi
tecnici? E’ una palla colossale di Rodolfo
Cerreto. Non dimentichiamo che Marco
Catellani è stato uno dei più assidui
collaboratori dell’ex Presidente FIGB,
Giuseppe Tamburi, in pratica una spina
nel
fianco
nell’attuale
compagine
palmipede-roniana.
- Il corso di bridge interattivo
http://www.decouvertedubridge.com/
L’azione di marketing francese punta a un
target di persone comprese tra 45-60 anni di
età. Questo ovviamente non significa che
trascuri i giovani.
Lo spot TV francese, per quanto breve e
semplice, mostra persone di tre fasce di età.
La FFB ha addirittura un’intera pagina web
dedicata ai giovani “Bridge Juine”, visibile a
questo link:
In data 24 febbraio 2013, su facebook è
apparso il seguente post:
…il nostro parere:
- Archivio riviste (trimestrale)
http://www.ffbridge.asso.fr/communiquer/gc
.php?m=2,27&args=27
La FFB e i giovani
altri. Anche tra i consiglieri ce ne sono stati
alcuni piuttosto critici. I pareri negativi
hanno prevalso. E i pareri sull’attuale FIGB?
In piena estate 2013, Marco Catellani viene
estromesso dalla guida della rivista Bridge
d'Italia.
Il suo amico Consigliere, Rodolfo Cerreto, ha
così motivato il mancato rinnovo del
contratto da parte della FIGB: a quanto
pare, il taglio e l'impostazione di Marco
piacevano ad alcuni lettori e molto meno ad
Come il solito, ha prevalso il noto
metodo: “Usa e Getta”. Catellani è stato
usato per portare qualche voto in più alla
cordata di Medugno… ora non serve più.
Tutto era già programmato dal 7 luglio
2012, il giorno dell’Assemblea Nazionale,
non tutti i “pizzini” elettorali contenevano
il suo nome. La Medugno & Company
non va assolutamente sottovaluta.
La causa di lavoro
Azz! Un’altra causa contro la FIGB? Di
questo passo la Federazione avrà più
cause che iscritti.
Ora incominciamo a capire le dimissionisacrificio di Marina Causa (una causa in
meno!). Questo si che è attaccamento
aziendale. Santa subito!
Catellani si aggiunge alla lunga serie di
ex-collaboratori federali che intentano
una causa di lavoro contro la mucca
FIGB. Evidentemente il ricorso di Gianni
Medugno, ha fatto da apripista.
Il Gianni, da più di un lustro, si kukkava
ben 24.000 euro/anno, per fare cosa?
Con quali risultati?
Un dubbio ci assilla, ma tutti questi
personaggi che fanno causa alla FIGB,
indirettamente fanno causa a noi
tesserati, in sostanza, pretendono
indennizzi proprio da noi. Se il giudice
darà loro ragione, saremo quindi sempre
noi a dover pagare. E qui emerge ancora
una volta quanto siamo coglionazzi; uno
intenta una causa contro di noi, ci vuole
ulteriormente dissanguare e così facendo
dimostra tutta la sua passione, tutto il
suo amore e rispetto verso noi bridgisti e
il bridge… e noi che facciamo? Lo
nominiamo Presidente.
Applausi!
3
SELEZIONI
Nazionale Italiana Open
Salsomaggiore, domenica 16 Febbraio 2014.
È terminata la seconda e ultima fase delle
Selezioni per la nazionale a squadre Open.
La classifica finale:
1° ANGELINI
2° GERLI
Aldo Gerli Si, me ne rendo conto e mi
dispiace. Eravamo rimasti in 4 e il mio
compagno ha ricevuto una telefonata da sua
moglie che gli comunicava che suo figlio
stava poco bene. Un padre apprensivo a
meno seimila imp ha deciso di abbandonare
l'agone. È la verità? Ci stiamo inventando
tutto? Credete ciò che preferite, resta il fatto
che essere ricordati come Celestino V e non
per il nostro successo fa parecchio male.
Non voglio aggiungere altro.
Formazioni:
ANGELINI
L. Cima, V. Giubilo, L. Lauria, A. Sementa,
A. Versace
GERLI
A. Gerli, M. Baldi, N. Del Buono, F. Murgia,
P. Parolaro, G. Patelli).
Complimenti a tutti!
In accordo al bando FIGB, il team Angelini
rappresenterà l’Italia ai prossimi europei di
Opatija (Croazia, 21 giugno-2 luglio 2014 )
mentre la squadra Gerli rappresenterà
l’Italia alla Rosenblum Cup di Sanya, Cina
(World Bridge Series, 10-26 ottobre 2014).
Francesco Angelini, sponsor della squadra
vincitrice e della Federazione italiana, in
queste selezioni non ha giocato una mano
che una, tuttavia, sempre in accordo al
sibillino bando congeniato dai vertici federali,
ed in concomitanza con il ritiro anticipato
delle squadre avversarie nella semifinale e
nella finale, ha maturato il diritto a giocare
nella nazionale open di Opatija. Questo gli
ha propinato il bando FIGB, lui non voleva,
ma ora gli toccherà pure giocare. Che sfiga!
Battuta a parte, vediamo un po’ nel dettaglio
che è successo in queste strane selezioni.
(per una quadro completo, vedere rivista del
mese scorso).
Nella finale, la squadra GERLI si è ritirata al
termine del 5° round (di 8) quando il
punteggio era di 272 a 67 IMPs per
ANGELINI. Quella di Gerli una decisione
equivoca che ha creato non poche polemiche
in facebook. Grazie a questo escamotage,
Francesco Angelini viene ripescato e
acquisisce il diritto a rappresentare l’Italia
agli europei. Una pura coincidenza?
Alcuni commenti tratti da facebook
Daniela Barlettai è chiaro che un dubbio
atroce si insinua
Gervaso Giocoso Dopo cinque segmenti degli
otto previsti, il distacco accumulato da
Angelini è stato tale da spingere la sua
avversaria al ritiro, come era avvenuto anche
in semifinale. (scritto nel sito FIGB...)
Telefono casa
Daniela Barlettai non posso non credere a
ciò che dici allora peccato eravamo molti
dalla vostra parte buona domenica
Aldo Gerli È errato quello che scrivono sul
sito FIGB.
Aldo Gerli Voglio che sia chiaro a tutti: non ci
siamo ritirati per il distacco siderale, nè tanto
meno per favorire Angelini.
Minù Tamburelli ma se non ci sei .... non ti
puoi sedere, così invece non si può dire che
non ha giocato il 30% delle smazzate.
Lia Adragna Ritirarsi perché si vuole andare
a comprare un regalo alla moglie all'outlet
mi sembra ALTAMENTE improbabile, a dir
poco ;)
Caterina Burgio Ma no, davvero?? A parte
che io non sono aggiornata sull'ubicazione di
Angelini e a quanto ne so poteva benissimo
essere a salso, cosa che mi sarebbe anche
sembrata normale, la mia era una semplice
congettura. Peraltro uno che ha tanta
smania di andare in nazionale può anche
fare lo sforzo di andare fino a salso a giocare
qualche mano, il fatto che punti sul ritiro
degli avversari non promette affatto bene
avrebbe avuto diritto al posto nella squadra
vincitrice
Caterina Burgio Beh allora Aldo avrebbe
fatto un favore alla federazione più che ad
angelini...
Niccolò Fossi esatto ...infatti io ho chiesto
quanto era la giusta cifra per aldo e chi la
doveva pagare...
Antonio
Cuccorese In
Nazionale,
per
rappresentare il proprio paese, in qualunque
sport, DOVREBBERO ANDARCI I MIGLIORI.
E tra quelli che ci hanno fatto vincere tutto e
tutto il resto C'E' UN ABISSO. Sono bastati
Lauria-Versace in una squadra in questa
selezione per scavare una voragine con tutto
il resto. Stimo Cima-Giubilo (migliorati
tantissimo stando vicini e lavorando con i
due fuoriclasse romani), ma Bocchi-Madala
sono un'altra cosa, e ritengo che agli Europei
saremo meno forti che in passato. E da
tifoso dell'Italia mi dispiace. In America le
selezioni hanno un senso perchè ci sono
tantissime coppie di alto livello che più o
meno si equivalgono. Qualunque sestetto
esca da quelle selezioni, USA1 e USA2
saranno sempre squadre forti che possono
vincere. In Italia non è così : dietro i sei che
hanno vinto di recente + Fantoni-Nunes (che
sono italiani), ci sono alcune buone coppie
comunque distanti da loro, e poi l'abisso che
annovera tanti dilettanti entusiasti. Io, da
italiano, voglio essere rappresentato dai
migliori e da chi mi può far vincere, non da
chi va in gita-premio senza nessuna
speranza di arrivare neanche a metà
classifica. Le selezioni in Italia hanno un
senso tra le donne, dove c'è equilibrio (lì
sono doverose e non è democratico che ci
siano ingiustificate raccomandazioni), non
tra gli uomini. La federazione dovrebbe
investire risorse perché sempre più coppie si
avvicino al livello di Lauria-Versace e BocchiMadala (coinvolgendo i nostri campioni in
stages a favore delle coppie giovani). Non
facendo le selezioni open con l'unico scopo
di coprire i buchi in bilancio.
Paolo Pesci Nessuno pensa a complotti; si
parla di proclami al vento salutati da
ovazioni, seguiti dopo poco ore da tutto il
contrario.
Taaaaaaantooooo
per
parlaaaaaaaaaaà: come vulite che lo fàm,
mò
Paolo Pesci La figura è vergognosa,
speriamo che non salti fuori che hanno
meritato qualche indulgenza. Mi aspetto
come minimo le dimissioni IRREVOCABILI
del gerlino dalla Commissione ETICA.
Niccolò Fossi ma se uno scrive un bando ci si
aspetta che venga rispettato.. angelini non è
venuto a fare le selezioni e quindi a norma di
regolamento senza il ritiro di aldo non
Antonio Cuccorese In sei righe di palese
ironia hai detto delle verità. Il bridge sta
drammaticamente morendo in Italia e la
colpa non è certo delle vittorie tricolori di
Bocchi e Lauria oggi e Garozzo e Forquet
ieri. Non è mandando Gerli in Cina al posto
dei nostri campioni, risparmiando qualcosa
sui costi, che si risolvono i problemi. La colpa
è la fuga dai circoli e dai corsi per i costi
4
eccessivi e la maggiore comodità del bridge
online, dei troppi campionati a scapito dei
tornei locali, del proliferare di tante
associazioni cittadine piccole e povere e in
guerra fra loro, con una frantumazione delle
realtà locali voluto dall'alto con l'ingresso nel
Coni, della trasformazione da gioco a sport
che ha allontanato tanti che volevano solo
divertirsi senza dover sottostare a tanti
diktat.
Guido Ferraro
19 febbraio 2014
Il bridge italiano è in lutto per la prematura
scomparsa di Guido Ferraro (55 anni).
Guido, un grande campione del team
Lavazza, ci ha lasciato questa mattina dopo
un improvviso malore che l’ha colto pochi
giorni orsono.
Guido era una figura di rilievo per il bridge
italiano e mondiale, con un palmares
eccezionale: la vittoria alle Olimpiadi di
Maastricht nel 2000, alla Rosenblum nel
2002, al World Open Transnational nel 2003,
agli European Open Teams Championships
nel 1999 e nel 2001, agli European Mixed
Teams Championships nel 2002, alla
European Champions' Cup nel 2002, 2011,
2012 e 2013, alle quali va aggiunta
un'incredibile sfilza di titoli ai Campionati
italiani e a vari eventi di livello
internazionale.
Guido era membro degli Appeals Committees
di WBF ed EBL e del WBF Systems
Committee. Apprezzato e amato in tutte le
parti del mondo, Guido lascia una profonda
tristezza e un ricordo scolpito in tutte le
persone che lo hanno conosciuto e sono
state sue amiche. La WBF si inchina alla sua
memoria e condivide questo dolore con la
sua famiglia e con la Federazione Italiana.
Gianarrigo Rona
Camillo Gaddi mi piace ricordare che era un
commentatore di vugraph richiestissimo....
anche nei campionati internazionali per la
sua competenza, per l'ironia brillantissima e
per quell'inglese fluente ma lievemente
savoiardo....piaceva anche ai nostri algidi
avversari nordeuropei
Luca Marietti Cari amici, Guido era UNO di
NOI. e ora UNO di NOI se ne è andato. E
tutti abbiamo perso qualcosa di noi stessi.
...azzo, la vita a volte è davvero crudele. Un
abbraccio.
Guido Ferraro al Torneo Internazionale di Milano
14/dicembre/2013
Guido Ferrato, giocatore professionista,
commentatore Vugrah in numerosi eventi
internazionali, ha spesso ricoperto incarichi
amministrativi (in ultimo come Consigliere
federale).
Corso Istruttori
ù
In diverse regioni si stanno organizzando
corsi per addetti all’insegnamento del bridge.
A chi è rivolto:
1.
2.
3.
aspiranti PROMOTORI:
costo 70 euro + 30 per l’esame.
PROMOTORI che vogliono divenire
ISTRUTTORI: costo 50 euro + 30 per
esame (si ricorda che un promotore
che non fa più corsi da due anni non ha
più titolo).
ISTRUTTORI che vogliono aggiornarsi
(sarebbe obbligatorio annualmente):
costo 50 euro.
- Prima Fase: da venerdì 7 a domenica 9
marzo 2014.
- Seconda Fase: da giovedì 3 o venerdì 4 a
domenica 6 aprile 2014.
Alla Seconda Fase saranno ammesse 4
squadre. Le squadre in questo momento
iscritte sono 16
Corso Under 35 a Roma
Vi ricordate il Corso dei Campioni della
scorsa estate?
Nel giugno 2013 fu lanciato un corso
itinerante in diverse sedi romane, le lezioni
tenute gratuitamente da diversi noti
Campioni dell’entourage laziale. L’iniziativa,
promossa dal Comitato Regionale Lazio,
ebbe un notevole successo e l’intero ricavato
(circa 8.600 €) destinato alla creazione di
più corsi divulgativi gratuiti per gli Under 35.
Ed ecco che parte il primo corso, così
pubblicizzato:
12 LEZIONI PER
FUTURI CAMPIONI
Il Comitato Regionale Bridge Lazio
organizza
un
corso
gratuito
di
avvicinamento al bridge per Under 35
con cadenza settimanale per la durata di
12 appuntamenti serali.
Il coordinatore del corso è il maestro
federale Mario Guarino che articolerà le
lezioni in una fase teorica ed una pratica
di gioco ai tavoli. AI termine di ogni
lezione saranno distribuite le dispense
relative alla serata.
Posti disponibili: Illimitati.
Il team Lavazza, 4° classificata al Torneo
Internazionale di Milano 14/dicembre/2013 - (in
foto da dx): Ferraro, Madala, Bianchedi, Medugno
Il ricordo del Presidente WBF, G. Rona
Il mondo del bridge è devastato da un'altra
grande perdita. Guido Ferraro ci ha lasciati
improvvisamente, in età ancora giovane,
dopo una breve malattia.
Selezione a squadre SENIOR
La FIGB indice una Selezione per designare
la Nazionale Italiana che disputerà il
Campionato Europeo Senior in programma
ad Opatija (CROAZIA) dal 21 al 28 giugno
2014.
La Selezione si svolgerà a Salsomaggiore in
due distinte fasi:
Alla fine del corso a tutti i partecipanti
riceveranno in omaggio una chiavetta
USB con Il materiale didattico. Gli
studenti potranno partecipare ad una
serie di tornei che premieranno i migliori
con borse di studio.
La serata inaugurale si terrà il 27 marzo
2014 presso Il Bar del Tennis, via dei
Gladiatori 31 alle ore 20.30.
5
La Wild Card
In passato, chi non partecipava alle
qualificazioni preliminari dei vari campionati,
o non superava le fasi locali o regionali,
aveva a disposizione la Wild Card (bastava
una telefonata!). Ed ecco il bridge, in
versione italiana, giocato con 53 carte. Si sa,
in certe occasioni, ai nostri vertici non manca
la fantasia!
In pratica, alcuni bridgisti cacciatori di punti
brodo, grazie alla Wild Card (un Jolly
lasciapassare) aggiravano l’ostacolo, con la
compiacenza della Federazione, e si
ritrovavano giustamente (!!!) alle finali di
Salsomaggiore, questo sempre nell’ottica dei
vertici FIGB di deportare nella città termale
più bridgisti possibile, almeno 17.000 l’anno,
come da accordi con l’amministrazione
comunale (che dà alla FIGB circa 44.000
euro/anno) e gli albergatori. Da gestori
sportivi a pastori.
comprato 3 mesi fa). Frola giustamente
interpellato ce l’ha negata dicendo che la
federazione ora è molto più stretta nel
concederla e non le concede per questi
motivi (infatti aggiungo io che c è da
festeggiare ad essersi sposati? ed aver
tenuto la stessa donna in casa per 50 anni
mi sembra una follia...)
p.s. è evidente che pur essendo d’accordo
con Frola (cosi Pauncz impara a sposarsi)
non apprezzerei uso di 2 pesi e 2 misure in
casi analoghi
12 febbraio
Arcangelo De Leo Io torno sull'argomento
del post di Fossi che mi sembra adeguato al
gruppo a cui partecipiamo. Io ritengo giusto
quanto deciso da Frola e, come Fossi, spero
che ci si comporti sempre così. Ma, a parte
la Wild Card, io soprattutto non vorrei più
vedere giocatori che non hanno fatto le
selezioni, o peggio, le hanno perse,
presentarsi a Salso per i Campionati ed
essere accettati per poter completare un
qualche tavolo o peggio un qualche posto in
albergo. Posso assicurarvi che 2 anni fa, un
giocatore, nel Campionato a Coppie Miste,
ha giocato le selezioni locali non arrivando
mai al 40% e poi si è presentato a Salso ed
è stato accettato alla fase finale. Pensate
che fortuna per chi l'ha incontrato e quanto
possa, al limite, riuscire a falsare un
Campionato.
Margherita Chavarria A ottobre una coppia di
amici romani è venuta a Salso, senza alcuna
pretesa di giocare, per passare il tempo con
un po' di bridgisti (follia?), hanno provato a
chiedere a Frola, nonostante i tavoli zoppi
non sono stati ammessi.
Spesso erano proprio i Comitati Regionali
che, su ordine della casa madre,
richiamavano telefonicamente i bridgisti
eliminati
dalle
precedenti
fasi
di
qualificazione.
Da “eliminato” a “invitato” alla finale. Un
comportamento
sportivo…
degno
di
un’affiliata ai coni dei gelatai.
Ora pare vi sia un’inversione di tendenza da
parte dei responsabili FIGB, al riguardo
riporto il seguente post, tratto da facebook.
Alcuni commenti tratti da facebook
Niccolò Fossi
finalmente le cose cambiano in federazione:
ho chiesto una wild card per le coppie
perche Pauncz non può fare le qualificazioni
perche in giro per Europa per festeggiare 50
anni di matrimonio (biglietto di aereo
Arcangelo De Leo Bene Margherita, allora è
davvero cambiato qualcosa dal 2013.
Comunque nel campionato a Coppie Miste
del 2012 ti assicuro che è andata come ho
scritto. Nella fase regionale, si giocavano tre
simultanei regionali e il giocatore in
questione aveva ottenuto queste tre
meravigliose percentuali: 34,90%, 36,05%,
36,15% che corrisponde a una media del
35,70. Si è presentato a Salso ed è stato
ammesso a giocare, seppure con un'altra
compagna.
Margherita Chavarria Si si nel 2012 ricordo
anch'io che era così
Dal Regolamento Campionati abbiamo
estratto i seguenti paragrafi:
Nel caso in cui il Campionato Regionale si
disputi su più Fasi, nel caso vi fossero ritiri di
formazioni qualificate a Fasi successive alla
Prima, il Comitato Regionale organizzatore
provvederà, nei limiti del possibile, al
subentro con la formazioni prima esclusa
dello stesso raggruppamento/gironi di
provenienza. Il Direttore Generale dei
Campionati, direttamente o tramite il suo
delegato, può, in accordo al Regolamento
Campionati concedere la wild card, cioè
ammettere concorrenti a Fasi successive alla
Prima del Campionato Regionale.
Dal Consiglio Federale N. 5 14/2/013:
Delibera C.F. n. 21/2013 Variazione
Regolamento Campionati relativamente ai
criteri per le assegnazioni delle wild cards.
…il nostro parere:
Quali siano i nuovi criteri di assegnazione
delle Wild Card non ci è dato sapere, mai
resi noti da FIGB. Il Regolamento
Campionati, tuttora in vigore, non ha
subito modifiche dal lontano 2010..
A nostro parere, per uscire in modo
trasparente,
da
questa
manfrina
antisportiva, la FIGB dovrebbe pubblicare
l’elenco di tutti quelli che hanno ottenuto
la Wild Card, con le relative motivazioni.
Chi s’iscrive ai Campionati federali ha il
diritto di sapere chi è stato ammesso a
parteciparvi grazie alla Wild Card. In caso
contrario sarà opportuno porre reclamo
agli organi competenti e richiedere
l’annullamento della gara.
Occorre porre fine alle competizioni
taroccate da favoritismi e da altre
nefandezze
del
passato.
Come
giustamente afferma il Presidente del
Coni, Giovanni Malagò, bisogna dire
basta ai mandarini dello sport, riferito
chiaramente
agli
pseudo
dirigenti
sportivi.
Festival di Montegrotto
Si svolgerà dal 17 al 23 marzo 2014. Questo
il programma:
Torneo a Coppie
100 IN DUE
18/19 marzo
Torneo a Coppie
MISTE
19/20 marzo
Torneo a Coppie
OPEN
20/21 marzo
Torneo Internazionale
a SQUADRE
21/23 marzo
Per altri dettagli vedere locandina nel nostro
sito (sezione: news varie).
6
IL BRIDGE NON È UNO SPORT
parola di tribunale britannico
La Federazione inglese aveva chiesto il
rimborso Iva
Londra, 25 feb. (TMNews – da LA STAMPA)
Giocare a bridge richiede un certo
allenamento, nervi saldi e qualche sudore
freddo ma non è uno sport: queste le
conclusioni di un tribunale britannico. Una
cattiva notizia per la Federazione inglese di
bridge (English Bridge Union, Ebu) che
aveva chiesto al fisco il rimborso dell'Iva
prelevata
sui
ricavi
dei
campionati
organizzati fra giugno 2008 e fine dicembre
2011.
L'Ebu sperava di far valere le sue ragioni
sostenendo che lo stesso Comitato
internazionale olimpico riconosce il bridge
come uno sport e che il fisco britannico
considera sport il croquet, le freccette o
ancora il bigliardo. "Giocare a bridge richiede
competenze mentali di alto livello", ha
spiegato il tesoriere di Ebu, John Petrie. "Fa
bene alla salute mentale e fisica, studi hanno
dimostrato che riduce i rischi di Alzheimer",
ha affermato ancora. Tutte cose che non
hanno convinto Charles Hellier, della Corte
dei conti. "L'attività fisica non è l'obiettivo
delle gare di bridge", ha spiegato per
giustificare il suo verdetto. Secondo l'Ebu, le
entrate alle competizioni di bridge nel 20122013 hanno fruttato 631.000 sterline
(765.000 euro).
…il nostro parere:
Siamo sempre meno…
Tesseramento al 28 febbraio
AGONISTI
ORDINARI
AMATORIALI
Totale
2013
3875
13.382
1.149
18.406
2014
3.631
12.500
1.174
17.305
Consiglio di Presidenza
del 13 febbraio 2014
28/02/2014
Il Consiglio di Presidenza della Figb si e’
riunito a Milano il 13 febbraio us, in attesa di
apposite e specifiche comunicazioni in
merito, si informa sulle principali decisioni
prese:
Il Consigliere Federale Federigo Ferrari
Castellani e’ il nuovo referente del settore
insegnamento.
Sono state modificate, su sua proposta, le
seguenti
Commissioni
:
settore
Insegnamento, Scuola Bridge e Bridge a
scuola, queste le nuove Commissioni:
Settore Insegnamento:
Ferrari Castellani, Arrigoni, Bruni, Rinaldi e
Venier.
Scuola Bridge:
Bruni, Domini e Rinaldi
Bridge a Scuola:
Domini, De Longhi e Bertotto
Il bridge non è sport? Noi siamo speciali,
ci richiedono pure la visita medica per
un gioco di carte. Paese di citrulli.
Rimane invariata la composizione della
Commissione
Settore
Giovanile
ed
Università. Sono stati nominati i nuovi
Responsabili di Macroarea del settore
Arbitrale, un’apposita comunicazione ufficiale
verrà fatta al riguardo per definire compiti e
rapporti con i Comitati/Delegati Regionali ed
componenti la Commissione di Disciplina:
Presidente Riccardo De Lodi, componenti
Paolo Sgroi, Giagio Rinaldi e supplente
Gianni Bertotto e della Commissione di
Disciplina d’appello Presidente: Eleonora
Carfagna, componenti Valerio Giubilo, Enrico
Basta e supplente Pietro Lignola.
Comitato Redazione Rivista Federale:
Giovanni Medugno, Rodolfo Cerreto e
Federigo Ferrari Castellani oltre a coloro che
per le carte federali ci partecipano di diritto.
Composizione Comitato delle Credenziali:
Presidente Federale Giovanni Medugno,
Consigliere
Federale
Federigo
Ferrari
Castellani e Segretario Generale Francesco
Conforti. Segretario della Commissione
Gianluca Frola.
Approvazione Modifica del Regolamento
“categoria giocatori” introducendo la quarta
categoria suddivisa in quattro fascie di
prestigio crescenti, al pari delle categorie già
esistenti: fiori, quadri, cuori e picche.
…il nostro parere:
La FIGB si rinnova ed inaugura la 4°
Categoria giocatori. Tranquilli, vi anticipo
una nuova inchiappettata in vista per i
bridgisti italiani. Vi terremo informati.
Visitate il sito:
www.scuolabridgemultimediale.it
7
La presentazione FIGB
al Seminario EBL di Berlino
Titolo:
CONI-EU-FIGB Teaching Program
G. Medugno/FIGB and G. Bianucci/M&C company
“Cerebrum Sanum in Corpore Sano”
Relatore: Gianni Medugno (Presidente FIGB)
8
"Cervello Sanum in corpore sano" è un progetto sportivo no-profit supportato
dalla costruzione di una Comunità europea dei giovani volta alla promozione
del Bridge e della Scherma e dei valori di queste discipline sportive. Il
progetto prevede la creazione di una Comunità basata sull''amicizia, il
rispetto delle regole, l'integrità, l'inclusione.
Il progetto sarà presentato in occasione del Primo Erasmus+ con
scadenza fissata al 14 marzo 2014. Sono al vaglio anche altri progetti:
Horizon2020, Europe for citizens e Creative Europe.
Entrambe le discipline si sviluppano attraverso percorsi affini e complementari.
E' alquanto riduttivo pensare solo ad aspetti quali concentrazione, strategia,
tattica, tempo di reazione, la capacità di anticipare le mosse dell'avversario in
pochi secondi, resistenza psicologica.
In realtà, le sinergie tra le due discipline sono molte, e possono essere identificate
nella didattica e nell'approccio della formazione. In generale, un atleta, per
raggiungere il suo massimo potenziale, dovrebbe raggiungere il suo livello di
forma fisica più alto insieme ad una eccellente condizione mentale.
I percorsi formativi delle due discipline sono simili e complementari, e mirano a
creare un legame ideale tra le attività fisiche e cerebrali, attraverso l'analisi
approfondita di temi come il Problem Solving ed il Team Building.
Il progetto CSCS2020 consiste nell'organizzazione di una manifestazione
sportiva di Bridge e Scherma, e nella creazione di una comunità di giovani
basata su valori quali l'amicizia, l'integrità, la solidarietà, l'inclusione, indicati
nel Libro Bianco dello Sport.
La manifestazione si svolgerà a Roma, presso il Centro Sportivo "G. Onesti ",
dal 24 aprile al 3 maggio 2015, e rappresenterà la fase finale di un percorso di
formazione e qualificazione sviluppato nel corso dell'intero anno.
Ogni paese partecipante individuerà un comitato in cui istruttori federali,
debitamente selezionati, presenteranno moduli teorici e pratici di formazione
su Bridge & Scherma, che permetterà di organizzare tornei locali per la
qualificazione finale. Ogni paese invierà sei atleti a Roma, dove si svolgeranno
i tornei di duathlon (Bridge & Scherma).
Organizzazioni Leader - FIS (Federazione Italiana Scherma), FIGB (Federazione Italiana
Gioco Bridge), in collaborazione con il CONI e le federazioni internazionali di scherma e
bridge (COMES, EBL).
Patrocinio - CIO, World Bridge Federation
Partner del progetto - Federazioni nazionali di bridge e scherma di almeno 16 paesi
Altri partner - Tutte le associazioni e le organizzazioni interessate alla promozione dei
valori fondamentali del progetto e che siano in grado di diffonderli attraverso le loro
comunità. Almeno 16 scuole superiori (uno per ciascun paese partner) coinvolte nella
"dual carrier" (bridge e scherma).
Il vostro contributo è necessario
per l'identificazione della Scuola impegnata
nella "dual carrier" e per la realizzazione di
attività di formazione per gli studenti e di
supporto all'organizzazione dei tornei
locali per la selezione degli studenti che
partecipano alla manifestazione finale.
Se siete interessati a collaborare al Progetto, vi chiediamo di:
1. firmare l'accordo (Consortium Agreement)
2. Indicare un referente che gestirà i rapporti con tutte le parti e
completare la registrazione sul sito predisposto entro il 20
FEBBRAIO 2014 *
3. per ulteriori informazioni rivolgersi al Presidente della
Federazione Italiana Gioco Bridge, Gianni Medugno
*
http://ec.europa.eu/research/participants/portal/desktop/en/organisations/register.html
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 897 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content