close

Enter

Log in using OpenID

CA2 - escussione polizza

embedDownload
CITTÀ DI MANFREDONIA
(Provincia di Foggia )
DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n.1201 del 3-10-2014
OGGETTO: Opere di Urbanizzazione comparto CA2– Inadempimento per mancata ultimazione
nei termini convenzionali. Escussione polizza fideiussoria.
IL DIRIGENTE
Premesso che:
Il Comune di Manfredonia, dotato di PRG approvato dalla Regione Puglia con deliberazione di G.R. n. 8 del
22 gennaio 1998, è suddiviso in comparti edificatori, denominati CA e CB.
Nel vigente PRG le zone di espansione sono suddivise in comparti edificatori,denominati “CA” (destinati
prevalentemente alla residenza) e “CB” (destinati prevalentemente a servizi);
Tra l’anno 2004 e l’anno 2006 si sono convenzionati con il Comune i comparti CB3, CA1, CA2, CA4, CA5 e
CA9 (di seguito: Consorzi - soggetti attuatori - Comparti) sulla base di una convenzione il cui schema è stato
approvato con deliberazioni di C.C. n.110 del 3.12.2002 e n.114 del 14.12.2005 e successive determinazioni
dirigenziali. L’avvio effettivo dei programmi costruttivi è avvenuto con l’approvazione dei piani di
lottizzazione e la successiva stipulazione delle relative convenzioni edilizie, avvenute in tempi diversi.
Per quanto previsto dalle Convenzioni stipulate (art. 38) le”opere di urbanizzazione e gli allacciamenti“
devono essere realizzati nel termine massimo di cinque anni a calcolarsi a partire dalla data di rilascio dei
relativi permessi di costruire, se interamente disponibili le aree su cui devono essere eseguiti, ovvero dal
completamento delle procedure di esproprio delle aree interessate non appartenenti ai "proprietari
consorziati".
Pertanto, (art.37) “A garanzia dell’adempimento degli obblighi riguardanti l’esecuzione delle opere di
urbanizzazione primaria e secondaria e/o degli allacciamenti, i “PROPRIETARI CONSORZIATI” consegnano al
Comune la polizza fidejussoria…”
Con atto di GC. n.336 del 16.07.2008, modificato con atto di G.C. n.531 del 25.11.2008, per quanto
previsto dall’art.42 delle convenzioni stipulate, veniva affidato l’incarico dell’Alta sorveglianza e del
collaudo delle OO.UU. dei comparti a tecnici interni all’Amministrazione.
Successivamente, con atto di C.G. n.20 del 20.01.2011, in relazione al Decreto Sindacale n.9 del 22.04.2010,
di assegnazione della delega per “LL.PP. e servizi Urbani”, e del Decreto Sindacale n. 31 del 5.07.2010, di
attribuzione degli incarichi dirigenziali, veniva stabilito, tra l’altro, di:
- procedere ad una diversa articolazione degli incarichi dell’alta sorveglianza, alla luce
dell’esperienza sin qui maturata, con la costituzione di un “ufficio di coordinamento e alta
sorveglianza infrastrutture“ in grado di monitorare e controllare l’esecuzione delle opere di
urbanizzazione da parte dei soggetti interessati nonché promuovere e/o svolgere ogni
attività di carattere tecnico, amministrativo e legale, necessaria al completamento degli
interventi edilizi e delle opere di Urbanizzazione Primarie e delle infrastrutture (allacciamenti
generali) dei nuovi comparti edificatori del P.R.G.
- procedere in conseguenza alla revoca degli incarichi relativi all’Alta sorveglianza ed al
Collaudo, di cui alle delibere di G.C. nn. 336 del 16/7/2008 e 531 del 25/11/2008.
2014_DETERMINA n.1201 del.3_10_2014 (CA2 - escussione
polizza) V1
CITTÀ DI MANFREDONIA
(Provincia di Foggia )
- attribuire al dirigente del Dirigente 6° settore la competenza ed ogni altro adempimento in
ordine alle infrastrutture ed alle opere di urbanizzazione dei nuovi comparti edificatori;
- attribuire, altresì, al prefato Dirigente del 6° settore, a modifica di ogni altro provvedimento in
contrasto, ovvero incompatibile con il presente provvedimento, la direzione ed il
coordinamento dell’“Ufficio di coordinamento e alta sorveglianza infrastrutture“ nonché la
Responsabilità del procedimento delle infrastrutture generali e delle urbanizzazioni dei nuovi
comparti edificatori del P.R.G. in conformità alla delega Assessorile “LL.PP. e Servizi Urbani“.
In relazione al mancato completamento delle opere di “urbanizzazione primaria“ nei tempi previsti in
convenzione ed alle inadempienze,sotto diversi aspetti, agli obblighi indicati nelle convenzioni stipulate con
il Comune, in particolare per le modalità di tenuta della contabilità,con delibera di G.C. n. 103/2012 si
conferiva incarico all’avv. Nino Matassa per la tutela dell’Ente, affinché individuasse le azioni ed il percorso
giuridico-legale e amministrativo-procedimentale idoneo ad assicurare la pronta conclusione dei lavori di
urbanizzazione primaria nei comparti edificatori convenzionati con il Comune.
Con deliberazione n.59 dell’1.03.2013 la G.C. prendeva atto del parere dell’avv.Matassa disponendo di
adottare atto di indirizzo affinché gli Uffici comunali competenti procedessero urgentemente a:
effettuare una specifica ricognizione, comparto per comparto, sul grado di esecuzione dei
lavori e sui tempi necessari per la conclusione dei lavori; nell'ambito di tale ricognizione
provvedere su eventuali istanze di variante in corso d'opera;
notificare formale diffida ad adempiere, assegnando ai consorzi il termine congruo,
strettamente necessario per la fine dei lavori relativi alle opere di urbanizzazione primaria;
scaduto il termine assegnato senza la ultimazione dei lavori, escutere la polizza fideiussoria e
disporre il completamento in danno utilizzando le somme incamerate.
In attuazione di quanto disposto con la succitata delibera,veniva effettuata dall’Ufficio succitato la
ricognizione dei lavori necessari per il completamento delle OO.UU., nonché dei tempi necessari per il loro
completamento, sulla scorta dei Premessi di costruire all’epoca rilasciati ai consorzi, provvedendo altresì
a determinare i tempi necessari per il completamento degli stessi.
Con deliberazione n.85 del 29.03.2013 la Giunta Comunale prendeva atto dei costi necessari per il
completamento delle opere di urbanizzazione e dei tempi necessari per la loro esecuzione, nonché della
necessità di dover far redigere apposito progetto esecutivo di completamento,necessario per
l’espletamento della procedure di gara per l’affidamento dell’esecuzione dei lavori di completamento in
danno dei Consorzi inadempienti.
Dato atto che :
- con convenzione urbanistica del 11.05.2006, rogata dal notaio Domenica Borrelli, rep. n. 4594, il
Comune di Manfredonia autorizzava il Piano Generale di Lottizzazione (PGL) del comparto edificatorio
CA2;
- all’art. 35, lett. B), della citata convenzione,il Comune autorizzava i consorziati, e per essi il Consorzio
CA2, ad eseguire direttamente, a loro cura e spese, ma sotto la sorveglianza dell'Ufficio Tecnico
Comunale, a scomputo della quota di contributo dovuta per oneri di urbanizzazione primaria, tutte le
opere di urbanizzazione, quali e quante necessarie od utili all’intero “PGL”, opere che diverranno senza
alcun corrispettivo, di proprietà del Comune, non appena ultimate e collaudate;
- nel medesimo articolo, al punto 5 della lett. B), si stabiliva che: “I tempi di attuazione delle opere di
urbanizzazione primaria devono precedere o quanto meno coincidere con la realizzazione dei volumi
edilizi, perciò il rilascio dei singoli permessi di costruire dovrà necessariamente avvenire dopo il rilascio del
"permesso di costruire" relativo alle opere di urbanizzazione e dell’inizio dei relativi lavori”, mentre nel
successivo art.38, sopra riportato, si precisava che le dette opere dovevano essere realizzate nel termine
massimo di 5 anni dalla data di rilascio del Permesso di Costruire (P.d.C.);
2014_DETERMINA n.1201 del.3_10_2014 (CA2 - escussione
polizza) V1
CITTÀ DI MANFREDONIA
(Provincia di Foggia )
- con Permesso di Costruire n. 414 del 21 dicembre 2006, rilasciato al sig. Giovanni De Padova in qualità
di presidente del “Consorzio CA2”, venivano autorizzati i lavori di urbanizzazione primaria nel Comparto
CA2, prevedendosi la scadenza nel termine di 3 anni dall’inizio dei lavori, come previsto dall’art.15 del
D.P.R. 380/2001;
- in virtù di quanto previsto dagli artt. 35 e 38 della Convenzione, il termine ultimo per il
completamento delle opere di urbanizzazione (OO.UU.) primaria risulta essere scaduto il 21.12.2011;
- con numerose richieste, in data 18/01/2011 prot. 1705, 30/05/2011 prot. 21480, 23/09/2011 prot.
36397, 23/05/2012 prot. 17521 e 25/09/2012 prot. 32685, si invitava il consorzio CA2 a trasmettere la
documentazione amministrativa, progettuale e contabile al fine consentire gli adempimenti e le verifiche
d’ufficio nonchè l’inoltro della documentazione tecnico-contabile alla Commissione di Collaudo per le
attività di competenza;
- con nota in data 21.12.2012, pervenuta al Comune in data 7.1.2013, la Commissione di Collaudo ha
sospeso le operazioni di collaudo "preso atto che i Direttori dei Lavori e il Presidente del comparto CA2 non
rendono disponibili a questa commissione gli atti già richiesti durante le visite del 23/07/12 e del 24/10/12
per il collaudo delle opere in oggetto";
- nel frattempo, con note del 11.05.2009 prot. 11746, del 16.06.2011 prot. 24208 e del 16.04.2012 prot.
13024, il consorzio CA2 presentava richieste di variante al P.d.C., che non venivano esitate per
l’incompletezza della documentazione scrittografica, nonostante la trasmissione di alcuni computi metrici
parziali inviati con nota acquisita al prot. com.le n. 37906 del 4.11.2013;
- con “Diffida” del 31.05.2013 prot. com.le n. 18597, notificata a mani del Presidente del Consorzio in
data 4.06.2013, si ingiungeva al Consorzio di trasmettere la contabilità delle opere di urbanizzazione ed il
contratto di appalto stipulato con le imprese appaltatrici dei lavori, assegnando il termine di 15 giorni per
dare esecuzione a quanto richiesto;
- le succitate richieste non ricevevano adeguato riscontro.
Pertanto, in attuazione di quanto stabilito con il succitato atto di indirizzo della G.C. n. 59/2013,in data
27.11.2013 prot. 40727 veniva notificata al Presidente del comparto CA2 una seconda “Diffida ad
adempiere”, assegnando al consorzio il termine congruo, strettamente necessario per:
trasmettere l’integrazione della documentazione tecnica necessaria per la conclusione
dell’istruttoria delle richieste di variante nelle premesse richiamate,finalizzata al rilascio del “titolo
abilitativo” nonché per il completamento delle opere di urbanizzazioneper il completamento delle
opere di urbanizzazione
trasmettere la contabilità e la documentazione richiesta con “Diffida del 31/05/2013 – prot.
com.le n.18597” ;
riprendere i lavori, come previsti nel P.d.C. n. 414 per tutte le opere non direttamente interessate
alla richiesta di variante;
trasmettere idonea documentazione in ordine alla tempistica dei lavori di completamento,
allegando il relativo “cronoprogramma“ delle lavorazioni, debitamente sottoscritto dal Presidente
del consorzio, dal D.LL. e dall’impresa esecutrice.
Con tale seconda “Diffida” si avvertiva il Consorzio che, qualora alla scadenza del termine assegnato fosse
stata ancora in essere la situazione di grave inadempimento, il Comune avrebbe disposto la immediata
escussione della polizza fideiussoria.
Con nota del 5.12.2013, assunta al protocollo comunale in pari data al n.41534, il presidente del consorzio
CA2 faceva pervenire delle “osservazioni” alla diffida del 27/11/2013 prot.40727, con la quale, salvo
evidenziare i contrasti sorti tra la D.LL., l’impresa appaltatrice e lo stesso Consorzio, non dava alcuna
assicurazione in ordine alla ripresa dei lavori, come fatto rilevare nella nota di riscontro dell’Ufficio del
28.02.2014 prot. n.7890, riportata nell’allegata relazione del R.P.
2014_DETERMINA n.1201 del.3_10_2014 (CA2 - escussione
polizza) V1
CITTÀ DI MANFREDONIA
(Provincia di Foggia )
Infine, con nota del 3.02.2014, acquisita in pari data al prot. com.le n. 4422, il presidente del Consorzio CA2,
comunicava di opporsi a qualsiasi iniziativa dell’8° Settore che comportasse addebiti in danno dei
consorziati osservando, tra l’altro, che le diffide inoltrategli non erano “procedibili” in quanto il termine di
ultimazione dei lavori era da ritenersi prorogato al 21.12.2014.
Tale comunicazione veniva inoltrata al 7° Settore con nota del 20.02.2014 prot. 6859, allo stato non
riscontrata .
Considerato che:
- i lottizzanti del Comparto CA2, costituitisi in "Consorzio CA2" ai sensi dell’art. 23 L. n.1150/1942 e
art.15 della L.R. n. 6/79, giusta atto del notaio N. Signore in data 3.11.2004 rep. 124036, reg. il 18.11.2004
al n. 100575, sono in ritardo nell'esecuzione delle "opere di urbanizzazione primaria"; nonostante i
solleciti, le urbanizzazioni non sono state completate;
- le diffide del 31.05.2013 prot. com.le n. 18597 e del 27.11.2013 prot. 40727, non hanno prodotto alcun
risultato utile al completamento delle opere;
- i lavori, ad oggi, risultano fermi;
- il Permesso di Costruire n. 414 del 21.12.2006 risulta, ai sensi dell’art. 15 del D.P.R. 380/2001, decaduto
di diritto per la parte non eseguita.
Atteso che:
- il mancato completamento delle opere di urbanizzazione primaria del comparto edificatorio CA2 concreta
grave inadempimento alle obbligazioni assunte con la convenzione del 11.05.2006, rogata dal notaio
Domenica Borrelli, rep. n. 4594, con la quale il Comune di Manfredonia ha autorizzato il Piano Generale di
Lottizzazione (PGL) del comparto edificatorio CA2.
- i costi necessari per il completamento delle urbanizzazioni primarie ammontano presuntivamente ad €
2.137.000,00 , salvo eventuale diversa somma, in più o in meno, quale risulterà dal redigendo progetto di
completamento delle urbanizzazioni primarie,come da ricognizione effettuata dall’Ufficio e riportata
nell’allegata relazione del R.P.
Acclarato che , allo stato , non risultano essere state rilasciate varianti al Permesso di Costruire n.414/2006,
come da richiesta inoltrata al 7° settore in data 11.02.2014 prot. 5687
Dato atto che, ai sensi dell’art. 37 della Convenzione stipulata, a garanzia della realizzazione delle opere di
urbanizzazione primaria, secondaria e/o degli allacciamenti, è stata stipulata dai lottizzanti del comparto
CA2, polizza fideiussoria con la UNIPOL ASSICURAZIONI,presso l’Agenzia di Manfredonia, la quale è stata
prestata senza il godimento del beneficio della preventiva escussione della ditta obbligata e senza bisogno
di preventivo consenso da parte di quest’ultima.
Rilevato che la succitata polizza, sottoscritta in data 5.05.2006 n. 362/96/46047829 con la UNIPOL
ASSICURAZIONI, è pari a complessivi euro 4.062.298,66, di cui euro 3.298.234,46 a garanzia delle
urbanizzazioni primarie ed € 764.064,20 a garanzia delle urbanizzazioni secondarie.
Ritenuto, pertanto, l’intervento del Comune non più procrastinabile ,a tutela degli interessi pubblici allo
stesso affidati, come peraltro chiaramente esposto nel parere del consulente legale allegato alla
deliberazione n.59/2013., dover procedere alla escussione della polizza fideiussoria emessa dalla UNIPOL
Assicurazioni - agenzia di Manfredonia - n. 362/96/46047829 del 5/05/2006, per la somma di € 2.137.000,
salvo eventuale diversa somma risultante dal redigendo progetto di completamento delle urbanizzazioni
primarie, lasciando ferma ed impregiudicata la garanzia di € 764.064,20 per le urbanizzazioni secondarie
che ad oggi sono ancora in via di ricognizione.
2014_DETERMINA n.1201 del.3_10_2014 (CA2 - escussione
polizza) V1
CITTÀ DI MANFREDONIA
(Provincia di Foggia )
Visti:
• il D.P.R.207/2010
• il D.P.R. 380/2001 e ss.mm.ii.
• Il D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii.
• Vista la propria relazione , parte integrante della presente determina .
Visto il regolamento per l’ordinamento degli uffici e dei servizi approvato con delibera di G.C.
n.124 del 6-3-2008 e successiva di modifica;
DETERMINA
Le premesse costituiscono parte integrante del presente provvedimento;
1. di prendere atto del mancato completamento delle opere di ” urbanizzazione primaria” del comparto
edificatorio CA2, nonostante le diffide del 31.05.2013 prot. com.le n. 18597 e del 27.11.2013 prot.
40727, che costituisce grave inadempimento alle obbligazioni assunte con la convenzione del
11.05.2006, come specificato, altresì, nell’allegata relazione del 3.10.2014;
2. di procedere, pertanto, all’escussione della polizza fideiussoria emessa dalla UNIPOL Assicurazioni agenzia di Manfredonia - n. 362/96/46047829 del 5.05.2006, per la somma di €. 2.137.000,00 , importo
stimato, in via cautelativa, per l’ultimazione delle opere di urbanizzazione primaria del Comparto CA2,
salvo eventuale diversa somma, in più o in meno, quale risulterà dal redigendo progetto di
completamento delle urbanizzazioni primarie,restando ferma ed impregiudicata la garanzia di €
764.064,20 per le urbanizzazioni secondarie.
Di dare atto che il presente provvedimento non è ricompreso tra quelli di cui all'art. 23 e successivi
del D. Lgs. n. 33/2013.
.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
.Dott. Ing. Simone LORUSSI
2014_DETERMINA n.1201 del.3_10_2014 (CA2 - escussione
polizza) V1
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
12
File Size
671 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content