close

Enter

Log in using OpenID

del 26-11-2014 - Comune di Caorso

embedDownload
Comune di Besenzone
Comune di Caorso
Comune di Cortemaggiore
Comune di San Pietro in
Cerro
Comune di Villanova
sull’Arda
CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DI FUNZIONI COMUNALI
ORIGINALE
DETERMINAZIONE N.69
del 26-11-2014
CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA (C.U.C.)
Il Responsabile
OGGETTO: COMUNE DI CAORSO. SERVIZIO INFERMIERISTICO PERIODO
01/01/2015 - 31/12/2015. CIG:X8E10BD532 Determinazione a contrattare,
approvazione elementi, criteri e procedure. Affidamento.
Vista la lettera del 22/11/2014 con la quale il Responsabile del Servizio Sociale del Comune di Caorso ha chiesto a
questa CUC di procedere all’affidamento del servizio in oggetto specificando quanto segue:
PRESO ATTO che una in data 31/12/2014 è in scadenza il servizio infermieristico affidato alla Ditta
COOPSELIOS di Piacenza e che pertanto si rende necessario procedere ad un nuovo affidamento al fine di
continuare a garantire il servizio medesimo per gli utenti del Comune di Caorso, in ragione anche della
convenzione in essere con “La Madonnina” di Caorso e l’A.Usl Distretto Levante;
CONSIDERATO che non vi sono convenzioni attive per il servizio in oggetto né in CONSIP, né in
INTERCENTER;
TENUTO CONTO della delicatezza del servizio e che si è in attesa della nuova convenzione con l’A.USL
distretto di Levante;
IN RIFERIMENTO alla Determinazione Servizi Sociali n.445 del 06/12/2013 (Reg.nr.141 del
16/11/2013);
VISTO che la Coop. COOPESLIOS si impegna a garantire il servizio infermieristico nelle medesime
modalità e agli stessi costi dell’anno in corso;
VALUTATO pertanto conveniente per l’Ente, al fine di garantire il servizio, affidarlo alla Coop.Soc.
Coopselios di Piacenza al costo orario € 25,32 + IVA di legge;
TENUTO CONTO che il suddetto acquisto corrisponde a tipologie di voci di spesa acquisibili mediante
ricorso a procedure in economia, con riferimento a quanto prevedere il vigente Regolamento comunale
per gli acquisti di beni e servizi mediante procedure in economia ;
RILEVATO CHE:
- l’affidamento del servizio infermieristico per il periodo 01/01/2015-31/12/2015 – ammonta a
circa ad €.3.950,00 oneri fiscali esclusi;
- che il valore presunto del suindicato servizio rientra, per la tipologia di spesa, nella tipologia prevista
dall’art. 125 del D.Lgs. n. 163/2006 per cui è possibile procedere ad affidamento diretto, nei limiti di
valore individuati dal vigente Regolamento comunale per gli acquisti di beni e servizi mediante
procedure in economia;
- che comunque che, trattandosi di servizio contemplato al n.25 dell’Allegato IIB, contratti esclusi in
tutto o in parte dal Codice dei Contratti Pubblici - D.Lgs. n. 163/2006, l’applicazione del Codice stesso
avverrà, a norma dell’art. 20, limitatamente agli articoli 65, 68 e 225 oltre all’art. 27 in quanto norma di
chiusura; l’applicazione di altri articoli del D.Lgs. n. 163/2006 si intende limitata a quelli espressamente
richiamati;
CONSIDERATO CHE:
– che risulta possibile affidare direttamente alla Ditta Coop.Soc. COOPSELIOS sede legale Reggio
Emilia via Gramsci nr.54/S, il servizio infermieristico, per un costo orario di €.25,32 più IVA di
legge come da preventivo fatto pervenire dalla Ditta medesima che si acquisisce agli atti;
– che tale affidamento è escluso, in ragione dell’importo dagli adempimenti previsti dalla delibera di
Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi attuativi dell’art. 1, commi 65 e 67 della
legge n. 266/2005;
PROPONE
- di affidare il Servizio infermieristico per il periodo 01/01/2015-31/12/2015, per un costo orario
di €.25,32 + IVA di legge, stimando un importo complessivo di spesa di €.4.850,00 IVA inclusa per
il suddetto periodo, mediante procedura in economia, per le motivazioni espresse in premessa,
mediante affidamento diretto alla Coop.Soc. COOPSELIOS con sede legale in Reggio-Emilia (RE) via via
Gramsci nr.54/S - P.IVA 01164310359- con riferimento a quanto previsto dell’art. 125 del D.Lgs. n.
163/2006.
Richiamato l’art.33 comma 3 bis del D.Lgs. 163/2006 (Codice degli appalti pubblici), come modificato dall’art. 23 del D.L.
201/2011 convertito nella Legge 214/2011, in forza del quale i Comuni con popolazione non superiore a 5.000 devono
affidare obbligatoriamente ad una unica Centrale di committenza l’acquisizione di lavori, servizi e forniture, per le gare da
bandirsi successivamente al 31/3/2012 (termine poi prorogato di 12 mesi dall’art. 29 comma 11-ter del D.L. 216/2011);
Visto l’art.9 del D.L. 24.4.2014 N.66 convertito in Legge 23.6.2014 n.89 il quale, nel sostituire il c. 3 bis dell’art.33 del D.Lgs.
N.163/2006 (codice degli appalti) ha disposto che i Comuni non Capoluogo di Provincia procedono all’acquisizione di
lavori, beni e servizi nell’ambito delle Unioni dei Comuni, ove esistenti, ovvero costituendo un apposito accordo consortile
tra i Comuni medesimi e avvalendosi dei competenti uffici anche della Provincia, ovvero ricorrendo ad un soggetto
aggregatore o alle Province, e che, in alternativa, gli stessi comuni possono acquisire beni e servizi attraverso gli strumenti
elettronici di acquisto gestiti da Consip o da altro soggetto aggregatore di riferimento;
Dato atto che i Comuni di Besenzone, Caorso, Cortemaggiore, San Pietro in Cerro e Villanova sull’Arda, al fine di adempiere a
quanto stabilito dalla normativa statale introdotta dal D.L. n. 78/2010, così come da ultimo modificata ed integrata
dall’articolo 19 del D.L. n. 95/2012, convertito in legge n. 135/2012, in materia di condizioni e termini relativi all’obbligo
di svolgimento in forma associata delle funzioni fondamentali da parte dei Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti,
hanno provveduto a sottoscrivere una Convenzione in data 21.12.2013 (previa approvazione con Deliberazione di C.C. n.
49 del 30.11.2012 dello schema di convenzione) concernente, in particolare, le funzioni di Polizia Municipale e Polizia
Amministrativa locale, l’attività, di Protezione Civile ed il Catasto;
Visto l’art. 10 della sopracitata convenzione, che prevede la costituzione, ad opera dell’Ufficio Comune della Convenzione,
della Centrale Unica di Committenza (C.U.C.) dei Comuni associati;
Richiamata la Deliberazione n. 2 del 31.01.2013 dell’Assemblea dei Sindaci della Gestione associata delle funzioni comunali,
con la quale si provvede:
• ad approvare le norme di organizzazione e funzionamento dell’Ufficio Comune;
• ad approvare l’assetto organizzativo dell’Ufficio Comune;
Vista la Deliberazione n. 3 del 28.5.2013 dell’Assemblea dei Sindaci della Gestione associata delle funzioni comunali, con la
quale si provvede:
• ad approvare le Norme per l’organizzazione ed il funzionamento della Centrale Unica di Committenza;
• a nominare il Responsabile della C.U.C., individuandolo nell’arch. Franco Cavalli, Responsabile del Servizio Lavori
Pubblici del Comune di Caorso;
Considerato che l’obbligatorietà di affidamento tramite Centrale di committenza è stato ulteriormente prorogato al 31/12/2013
con emendamento in fase di conversione del DL 43/2013 avvenuto il 25/06/2013;
Visto che l’Assemblea dei Sindaci con deliberazione del 01/07/2013 ha stabilito che, in questo periodo transitorio, ogni
Comune convenzionato abbia la facoltà di decidere se procedere autonomamente allo svolgimento delle gare oppure, se lo
ritiene, di fare ricorso alla C.U.C.
Considerato che, nonostante l’ulteriore proroga approvata dal Parlamento per cui l’attivazione della C.U.C. potrebbe scattare in
giugno 2014, l’Ufficio Comune della Convenzione ha deciso di non prorogare l’obbligatorietà e che quindi l’utilizzo della
C.U.C. è obbligatorio per le gare indette partire dal 01/01/2014;
Sottolineato che sarà necessario definire alcuni aspetti delle procedure della C.U.C. soprattutto per quanto riguarda la gestione
del profilo per la trasmissione dei dati all’Autorità di Vigilanza di Contratti e i pagamenti dei contributi all’Autorità stessa
e delle spese di gara in generale;
Dato atto che le “Norme per l’organizzazione ed il funzionamento della Centrale Unica di Committenza” stabiliscono quanto
segue:
La gestione associata delle procedure di gara non opera sulla qualifica di Stazione Appaltante che rimane, pertanto, in
capo a ciascun Ente aderente (art.3);
La Centrale unica di committenza è priva di autonoma personalità giuridica, ma si configura dotato di autonomia
operativa - funzionale come meglio specificato ai successivi articoli (art.3);
La C.U.C. costituisce il referente unico per le amministrazioni aderenti nei confronti dell’Autorità di Vigilanza sui
contratti pubblici e degli organismi da questa dipendenti nonché nei confronti delle imprese partecipanti alle procedure di
affidamento dal momento dell’indizione della procedura di gara a quello immediatamente precedente alla stipulazione del
contratto, svolgendo tutte le funzioni puntualmente riepilogate nell’allegato 1 alle predette norme (art.5);
Il Responsabile del procedimento nominato dal Comune associato per le procedure di propria competenza costituisce il
referente per la C.U.C. con funzioni di collegamento fra quest’ultima e la struttura interna del Comune di cui costituisce
l'interlocutore e dovrà mettere a disposizione i materiali di fonte comunale necessari all’attività della C.U.C. nonché
comunicare tempestivamente qualunque variazione occorsa (art.7) svolgendo altresì le funzioni indicate nell’art. 11;
Richiamato l’art. 11 c. 2 del D.Lgs. 163/2003 (Codice dei Contratti), il quale prevede che prima dell’avvio delle procedure di
affidamento dei contratti pubblici, le amministrazioni aggiudicatrici determinano di contrarre individuando gli elementi
essenziali del contratto e i criteri di selezione degli operatori economici e delle offerte;
Richiamato altresì l’art. 192 del D.Lgs. 267/2000, ai sensi del quale la stipulazione dei contratti deve essere preceduta da
apposita determinazione a contrattare indicante il fine che si intende perseguire con il contratto, l’oggetto, la forma, le
clausole ritenute essenziali, le modalità di scelta del contraente ai sensi della vigente normativa in materia;
Tutto ciò premesso il Sottoscritto Dot. Arch. Franco Cavalli in qualità di Responsabile della Centrale Unica di Committenza
DETERMINA
di provvedere ad avviare la procedura per l’affidamento del SERVIZIO INFERMIERISTICO PERIODO
01/01/2015 - 31/12/2015. CIG:X8E10BD532 come descritto in premessa e secondo le indicazioni avute
dall’ente committente;
di approvare, ai sensi dell’art. 192 del D.Lgs 267/2000 e del Regolamento Comunale, la documentazione
necessaria all’espletamento della suddetta gara informale: il foglio patti e condizioni, le regole di
partecipazione alla gara e l’elenco delle quattro ditte da invitarsi, che si acquisiscono agli atti;
di stabilire ed individuare gli elementi e le procedure per l'affidamento del contratto, ai sensi dell’art.11 c.2
del D.Lgs. 163/2006, come di seguito specificato:
- il fine che si intende perseguire con il contratto è garantire lo svolgimento del servizio secondo gli scopi
voluti dall’Amministrazione Comunale;
- l’oggetto è costituito dall’effettuazione del servizio suddetto come descritto in premessa;
- la forma del contratto sarà la scrittura privata e verrà stipulato, ai sensi del Regolamento comunale
vigente, mediante scambio di lettere secondo l’uso del Commercio, oppure mediante semplice nota di
accettazione offerta, oppure con la sottoscrizione della determina di affidamento o di impegno;
- le clausole essenziali sono l’osservanza delle norme vigenti, dei patti contrattuali concordati e delle
prescrizioni impartite dal personale comunale;
- la modalità di scelta del contraente è quella dell’affidamento diretto da parte del responsabile del
procedimento, ai sensi dell’art.57 e dell’art.125, comma 11 del D.Lgs n.163/2006 “Codice dei
Contratti….”, e del Regolamento Comunale; servizio contemplato al n.25 dell’Allegato IIB, contratti
esclusi in tutto o in parte dal Codice dei Contratti Pubblici - D.Lgs. n. 163/2006, l’applicazione del
Codice stesso avverrà, a norma dell’art. 20, limitatamente agli articoli 65, 68 e 225 oltre all’art. 27 in
quanto norma di chiusura; l’applicazione di altri articoli del D.Lgs. n. 163/2006 si intende limitata a quelli
espressamente richiamati;
di affidare il Servizio infermieristico per il periodo 01/01/2015-31/12/2015, per un costo orario di €.25,32
+ IVA di legge, stimando un importo complessivo di spesa di €.4.850,00 IVA inclusa alla Coop.Soc.
COOPSELIOS con sede legale in Reggio-Emilia (RE) via via Gramsci nr.54/S - P.IVA 01164310359;
di quantificare la spesa complessiva dell’affidamento per un totale complessivo di €.4.850,00 IVA inclusa;
di indicare, a norma di quanto previsto dall’art. 3 della Legge 13.08.2010 n. 136 “Tracciabilità dei flussi
finanziari” il seguente codice identificativo CIG:X8E10BD532;
di precisare che il Comune, in qualità di Ente committente, dovrà provvedere con propri specifici atti a tutti
gli impegni di spesa ed a tutti i relativi pagamenti inerenti e conseguenti l’affidamento in oggetto secondo le
norme vigenti e con le modalità previste nella Convenzione e/o stabilite dai relativi organi (Assemblea dei
Sindaci, Ufficio Comune, C.U.C.) secondo le rispettive competenze.
IL RESPONSABILE
CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA
(C.U.C.)
FRANCO CAVALLI
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
269 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content