close

Enter

Log in using OpenID

AGGIORNAMENTO ESECUTIVO__Cartiglio TOMBOTTO tav

embedDownload
DESCRIZIONE
In previsione della futura sistemazione viabilistica prevista tra la loc. Prato Buscante di Barzio e
l’innesto tra la via Roma e la Sp 62 della Valsassina in Pasturo, emerge la necessità di realizzare
un tombotto interrato in attraversamento alla Sp 62 della Valsassina allo scopo di garantire un
collegamento pedonale e ciclopedonale sicuro tra il nucleo abitato di Pasturo e l’area
attrezzata/pista ciclabile nelle vicinanze della Comunità Montana Valsassina, ValVarrone, Val
d’Esino e Riviera.
In capo al presente progetto vi è esclusivamente la realizzazione del manufatto in attraversamento
alla strada provinciale. Le eventuali rampe di accesso, i raccordi con i marciapiedi e le zone
pedonali, la pavimentazione e le opere di finitura, saranno a carico dei Comuni
interessati/Comunità Montana e saranno oggetto di futuri appositi progetti.
Al fine di recare minor disagi possibili al transito veicolare durante l’esecuzione delle opere, si
prevede pertanto la realizzazione di una struttura in cemento armato a conci prefabbricati, di
dimensioni interne pari a mt. 3,00 x 2,50. Tale soluzione, oltre a garantire la possibilità di
percorrenza della Sp 62, ottimizza le tempistiche di realizzazione del manufatto. Di fatto non vi è
più la necessità di lasciar maturare le strutture in calcestruzzo (28 giorni) preventivamente al
riempimento dello scavo, procedendo speditamente alla riapertura completa al transito della
viabilità entro pochi giorni dall’inizio delle lavorazioni. L’esecuzione dell’opera è semplificata dal
fatto che il manufatto non necessita di ulteriori getti integrativi, salvo la sigillatura dei giunti, non
richiede scavi al di sotto dell’incastro.
Per il dimensionamento del manufatto si è ipotizzata una struttura a sezione rettangolare interna in
cemento armato vibrocompresso, con struttura scatolare, armato per supportare carichi stradali di
prima categoria oltre al peso del ricoprimento ed al peso proprio, oltre per resistere a sollecitazioni
sismiche su strutture interrate della massima intensità tra quelle previste dalla legge per il territorio
italiano. Trattandosi di prodotto realizzato tramite processo di prefabbricatura, ogni blocco dovrà
essere certificato e dotato di marcatura CE ed accompagnato, in fase di consegna, di apposita
relazione di calcolo redatta da Ingegnere iscritto all’albo.
I manufatti sono prodotti impiegando i seguenti materiali:
- > Calcestruzzo avente Rck >= 40 N/mmq, confezionato con:
- cemento tipo IV/A 42,5 R, Uni En 197/1, dosaggio min. 340 kg/mc,
- inerti di fiume spaccati lavati selezionati, dosati secondo corretta curva granulometrica,
- rapporto a/c pari a 0,38 ± 0,02 secondo Uni En 206, per classe XA2;
- > Armature in ferro B450C, prodotte da Ditta specializzata secondo disegni esecutivi
Elemento Scatolare: manufatto in cemento armato vibrocompresso a sezione interna
rettangolare, con struttura scatolare, idoneo a supportare carichi stradali di prima categoria ed i
carichi permanenti dovuti al riempimento del terreno sovrastante; la quota tra l'estradosso della
soletta superiore e la sede
stradale è considerata variabile da un minimo di 50 cm ad un massimo di 150 cm. I manufatti sono
prodotti secondo quanto prescritto dalle norme tecniche sulle opere in c.a., D.M. 14/01/2008, ai
sensi della Legge n. 1086 del 5 novembre 1971 e secondo quanto prescritto dalla norma Uni En
14844:2006+A1:2008, assoggettati all’obbligo della Marcatura CE. La sezione interna dei tubi
rettangolari presenta mensole inclinate a 45° disposte all’incrocio fra le pareti verticali ed
orizzontali e di lato cm. 12,5 x 12,5 ad
irrobustimento della struttura.
Incastro: il manufatto è dotato di incastro a bicchiere a piani uniformi di profondità cm. 12, il cui
maschio è sagomato per l'eventuale inserimento di guarnizioni in gomma a sezione cuneiforme, ed
è arrotondato in corrispondenza degli angoli con raggio di curvatura minimo di cm. 20. Le
guarnizioni, confezionate in anelli (0'ring) di sviluppo idoneo al montaggio, verranno montate
direttamente in cantiere a cura dell'impresa.
Posa: per un corretto metodo di posa degli elementi scatolari si prescrive l'utilizzo del bilancino
(Gancio a C) per immettere i manufatti nello scavo ed avvicinarli il più possibile l'uno all'altro sulla
platea in cls “magrone” predisposta: tale platea deve essere realizzata in piano con pendenze
idonee, deve presentare una superficie sprovvista di irregolarità e sconnessioni, il più possibile
liscia al fine di facilitare lo scorrimento dei manufatti in fase di maschiatura. Per un preciso
inserimento degli elementi, soprattutto in caso di utilizzo di guarnizioni, deve essere impiegata una
tiratubi (tirfor) necessaria per l’inserimento in asse del manufatto mosso in quello precedentemente
posato. Qualora la dimensione della superficie d'appoggio dell’elemento scatolare ed il peso dello
stesso siano tali da determinare un forte attrito sulla platea, è possibile sollevare leggermente il
manufatto utilizzando il bilancino, mentre, contemporaneamente, viene impiegata la tiratubi.
Sigillatura dei giunti: La distanza fra gli elementi maschiati, misurabile internamente fra la fine del
maschio di un manufatto e l'inizio del piano di scorrimento dell'acqua di quello seguente, qualora
posati senza guarnizioni, non deve essere superiore a mm. 10: tale distanza deve essere poi
sigillata con malte apposite (malte per ripristini strutturali, malte sigillanti per giunti rigidi, malte
tixotropiche, schiume poliuretaniche) per uniformare il piano di scorrimento dell'acqua. In caso di
utilizzo di guarnizioni, la distanza fra gli elementi maschiati, misurata sempre internamente, non
dovrà essere inferiore a mm. 25; anche in questo caso si provvede alla sigillatura interna del giunto
per uniformare il piano di scorrimento dell'acqua.
Reinterro: Il reinterro dovrà essere eseguito con materiale naturale previsto dal Capitolato, in vari
strati opportunamente costipati.
RIFERIMENTI NORMATIVI
Per il progetto strutturale, la determinazione delle azioni, delle sollecitazioni e la procedura di
verifica, si dovrà far riferimento alla normativa italiana vigente e alla letteratura tecnica in materia.
In particolare:
D.M. 09.01.96 : “Norme tecniche per il calcolo, l’esecuzione ed il collaudo delle strutture in
cemento armato normale e precompresso e per le strutture metalliche”
D.M. 16.01.96 : “Criteri generali per le verifiche della sicurezza delle costruzioni e dei carichi e
dei sovraccarichi”
D.M. 09.01.96 : “ Norme tecniche per le zone sismiche”
D.M. 11.03.88 : “Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e sulle rocce, la stabilità dei
pendii naturali e delle scarpate, i criteri generali e le prescrizioni per la progettazione, l’esecuzione
e il collaudo di opere di sostegno delle terre e delle opere di fondazione”
D.M. 04.05.90 : “Aggiornamento delle norme tecniche per la progettazione, l’esecuzione e il
collaudo dei Ponti stradali”
UNI EN 1916-1917:2004 : “Tubi, raccordi, pozzetti e camere di ispezione in calcestruzzo non
armato o rinforzato con fibre d’acciaio e rinforzato con armature tradizionali”
UNI EN 13369:2004 : “Regole comuni per prodotti prefabbricati di calcestruzzo”
UNI EN 14844:2006+A1:2008 : “Prodotti prefabbricati di calcestruzzo: Elementi Scatolari”
PARTICOLARE COSTRUTTIVO
Fig. 1 – Schema tipo scatolare prefabbricato
Fig. 2 – Immagina esemplificativa del manufatto
ESEMPIO DI POSA
Fig. 3 – Immagine esemplificativa di posa manufatto
DIMENSIONAMENTO
DEI SINGOLI BLOCCHI SCATOLARI
DIMENSIONE INTERNA
impiego
impiego
orizzontale
verticale
cm
cm
70 x 40
80 x 80
100 x 50
100 x 60
100 x 80
120 x 80
120 x 100
120 x 120
150 x 125
150 x 150
155 x 105
160 x 80
160 x 100
160 x 160
180 x 100
180 x 120
180 x 180
200 x 100
200 x 125
200 x 150
200 x 200
210 x 110
220 x 170
225 x 175
240 x 220
250 x 100
250 x 125
250 x 150
250 x 200
250 x 210
250 x 250
300 x 125
300 x 150
300 x 200
300 x 250
320 x 270
350 x 150
350 x 200
350 x 300
360 x 220
360 x 220
400 x 200
400 x 220
400 x 220
400 x 225
400 x 300
450 x 250
450 x 300
500 x 200
500 x 250
40 x 70
80 x 80
50 x 100
60 x 100
80 x 100
80 x 120
100 x 120
120 x 120
125 x 150
150 x 150
105 x 155
80 x 160
100 x 160
160 x 160
100 x 180
120 x 180
180 x 180
100 x 200
125 x 200
150 x 200
200 x 200
110 x 210
170 x 220
175 x 225
220 x 240
100 x 250
125 x 250
150 x 250
200 x 250
210 x 250
250 x 250
125 x 300
150 x 300
200 x 300
250 x 300
270 x 320
150 x 350
200 x 350
300 x 350
220 x 360
220 x 360
200 x 400
220 x 400
220 x 400
225 x 400
300 x 400
250 x 450
300 x 450
200 x 500
250 x 500
spessore
lunghezza
peso
parete
cm
elemento
cm
elemento
kg
12
12
12
12
15
15
15
15
15
15
15
16
16
18
16
18
18
18
18
18
18
18
18
18
18
18
18
18
18
18
18
22
22
22
22
18
22
22
21
25
25
22
25
25
22
22
25
28
29
29
200
100
200
200
200
200
200
200
200
200
200
200
200
200
200
200
200
200
200
150
200
200
100
200
175
200
200
200
175
200
200
110
110
110
110
200
110
110
200
110
200
200
110
175
190
180
170
120
140
120
1600
1050
1800
2200
3100
3400
3500
4100
4700
5000
4400
4400
4800
6400
5250
5700
7100
6000
6300
5100
8000
6400
3900
7500
7400
7000
7600
8000
7700
9100
9300
5800
6000
6700
7300
12500
6250
7400
15000
8700
15400
14500
9400
14800
14500
15000
15800
14000
15800
15000
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
712 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content